Un giorno, per caso, al feudo Vallelieta

Stampa questo copione

            UN GIORNO, PER CASO, AL FEUDO VALLELIETA

                                                        -SCENA 1

(Il ragazzo è seduto al tavolino e sta leggendo un libro)

RAGAZZO (legge) “…. Il prode cavaliere indossò un’armatura di ferro, ma non volle portare l’elmo, in modo che tutti vedessero il suo volto; salì a cavallo, impugnò la spada, l’alzò e gridò: ”compagni, seguitemi, perché io vado a battermi!

Ah, che forza i cavalieri, altro che Rambo o Terminator li mettevano tutti in fila, loro!|

(ENTRA LA MAMMA)

MAMMA   Stai ancora leggendo! Sono già le dieci! E’ tardi ed è ora di dormire!

RAGAZZO Uffa mamma! Proprio sul più bello!Dai, solo poche righe ancora.

MAMMA Le poche righe le leggerai domani…dopo aver studiato italiano e matematica, però!|

RAGAZZO Ma mamma….

MAMMA Niente ma! Ieri ho parlato con le tue maestre.Hanno detto che hai sempre la testa tra le nuvole, non studi le lezioni, e hai sempre le dita nel naso!

RAGAZZO A parte il fatto che io la testa l’ho ben salda sul collo, sono le maestre che dicono sempre (cambia voce per imitare le maestre): ragazzi dovete leggere molto e non avere grilli per la testa!

Allora io mio metto le dita nel naso per controllare se ho dei grilli nella testa!

MAMMA Ma cosa mi tocca sentire!E poi tu leggi troppo i libri d’avventura e poco il sussidiario.

RAGAZZO Il sussidiario, il sussidiario! A volte è così noioso!

MAMMA Noioso o no, ormai sei in quarta elementare e devi studiare; ora vai a letto, che domattina ti devi alzare presto.

(IL RAGAZZO FINGE D’ANDARE A LETTO-LA MAMMA ESCE, -IL RAGAZZO RIPRENDE A LEGGERE).

RAGAZZO”…Il prode cavaliere spronò il suo cavallo seguito dai suoi compagni, raggiunti i nemici sguainò la spada e ….”aaaah (sbadiglia) che sonno!

“…sguainò la spada e con un balzo…con un balzo…”

 

(IL RAGAZZO S’ADDORMENTA SUL TAVOLINO)

                                                                                              Pag 1

-SCENA 2 –

(Entra in scena SER KEY, tocca con la sua spada i libri sul tavolo, ne sfoglia uno, scuote il ragazzo)

  SER KAY Per tutti i cavalieri, per tutte le nobili battaglie! Sveglia baldo giovane, sveglia,

                         al feudo VALLELIETA c’e bisogno del tuo aiuto!

(IL RAGAZZO ALZA LA TESTA E SI STROPICCIA GLI OCCHI)

RAGAZZO cavalieri…feudo……ma….

(SI VOLTA E VEDE SER KEY -URLA DALLO SPAVENTO.)

RAGAZZO Aaah!E voi chi siete? Cosa fate nella mia cameretta?Chi vi ha dato il permesso di

                       entrare?

SER KAY Sono Ser Key, un armiere del feudo Vallelieta.

                  IL mio signore, lo Conte di Roccaforte  ha disperatamente bisogno di aiuto,        

                 ha bisogno  di ragazzi coraggiosi come voi!Presto, andiamo o sarà troppo tardi!

RAGAZZO (si alza in piedi) Che cosa?

SER KAY…? Su poche storie svegliatevi e seguitemi!

(I DUE SI DIRIGONO VIA INSIEME)

                                                                                                                   Pag. 2

                                                          SCENA 3

(entrano gli armigeri)

ARMIGERO 1 Sono giorni di triste sventura allo feudo di Vallelieta

ARMIGERO 2 La figlia delli nostri sovrani è stata rapita e nessuno sa dove sia

ARMIGERO 1  Fate largo ai nostri sovrani!

ARMIGERO 2 Entrano il Conte di Roccaforte e la Castellana di Chiaromonte!

CASTELLANA  Povera figlia mia! Sei stata rapita ieri dai briganti e non sappiamo dove sei  (piange)

CONTE Non disperare, mia cara, ho già mandato parecchie guardie a cercarla.

CASTELLANA Ieri era una bellissima giornata e Arabella ha voluto fare un giro nel bosco senza scorta…la nostra unica figlia (piange)

CONTE Dannazione!Essere raggirati proprio adesso.I nostri cavalieri sono tutti impegnati alla  crociata e non è facile trovare gente tanto ardita disposta a rischiare la propria vita per la nostra Arabella.

CASTELLANA Triste sventura!Chi potrà alleviare la nostra sofferenza?

ARMIGERO 2 Maestà, vedo accorrere delle donzelle!Forse loro sapranno darci delle notizie

(entrano le donzelle)

CONTE Diteci, donzelle, avete delle buone nuove?

DONZELLA 1 Ahimè, conte!Purtroppo non c’è da rallegrarsi…

DONZELLA 2 sono tornate al castello le guardie che avete mandato a cercare vostra figlia… 

DONZELLA 3 hanno riferito di non aver trovato nessuno….

DONZELLA 4 sembra che i briganti abbiano lasciato il bosco facendo sparire le loro tracce.

CASTELLANA Oh, perché questa disgrazia? (le donzelle la consolano)

DONZELLA 1 Castellana, non siate così triste…

DONZELLA 2 è passato solo un giorno dalla scomparsa della contessina Arabella

DONZELLA 3 sono convinta che non tutto sia perduto…

DONZELLA 4 dobbiamo pregare tutti insieme il Signore Onnipotente affinché la contessina torni     

                          presto sana e salva!

                                                                     Pag.3

CONTE  Non posso aspettare che rientrino i nostri prodi cavalieri dalla crociata (pensa)

                Ho trovato! Emanerò un bando per la ricerca di scudieri che siano disposti a lanciarsi in     

                questa nobile impresa.Li ordinerò cavalieri e partiranno subito alla ricerca di Arabella!

                (scrive su un foglio, poi entra l’araldo) ARALDO!

ARALDO Sono al vostro servizio, conte.Cosa v’abbisogna?

CONTE  Devi leggere questo bando a tutto lo popolo dello feudo! (glielo consegna) poi avviserai

               il vescovo che ci sarà l’investitura di nuovi cavalieri.

ARALDO (si inchina) Sarà presto fatto! (apre il bando e parla al pubblico)

                  UDITE POPOLO, UDITE!

                 Lo nostro sovrano, lo Conte di Roccaforte, chiama a raccolta li scudiero dello feudo per      

                 liberare la sua nobile figlia Arabella, rapita ieri mattina dai briganti.

                 Li scudieri che si presenteranno saranno nominati cavalieri e se riusciranno nell’impresa

                 avranno una lauta ricompensa!

(L’araldo esce, seguito dagli armigeri.Entrano gli scudieri e il vescovo.)

                                                                                                                Pag.4

                                                                  SCENA 4

VESCOVO  S’avvicinino gli scudieri!(si avvicina lo scudiero 1)Qual è il tuo nome e cosa ti ha

                      spinto a rispondere all’appello?

SCUDIERO 1 ARRIGO è il mio nome.Ho prestato servizio per diversi anni ad un cavaliere che è 

                        partito per la crociata.Sono pronto a mettere la mia vita al servizio dello feudo.

CONTE  E sai qual è lo giuramento che accetti diventando cavaliere?

SCUDIERO 1  Sì! Giuro fedeltà allo mio Sovrano e alla Santa Madre Chiesa. Difenderò con la mia                                                      

                         spada quanto mi sarà da loro richiesto.

CONTE  Bene! Ora inginocchiati scudiero.Io, Conte di Roccaforte, ti nomino cavaliere e da questo

                momento tu sarai lo cavaliere ARRIGO! (lo batte di piatto con la spada).

VESCOVO   Io, Gregorio,  vescovo dello feudo, ti benedico in nome di Dio Padre Onnipotente.

                      La tua vita sia piena di valorose imprese e il tuo sangue sia versato per nobili cause.                                    

                      (Segno di croce.Lo scudiero si alza e riceve la spada)Adesso si avvicini l’altro

                      scudiero.(si avvicina)Come ti chiami e perché ti sei presentato?

CAVALIERE  2 Lo mio nome è Filippo.Lo mio cavaliere è morto da poco tempo, ma  ho

                            imparato bene i suoi modi di agire, sia in tempo di guerra sia in tempo di pace.

                            Sono disposto a mettere la mia spada al servizio dello mio Sovrano fino alla

                            morte!

CONTE  Sai già che partirai subito per una nobile impresa, non temi il pericolo?

CAVALIERE 2  No!Partirò con piacere alla ricerca di vostra figlia perché, in verità, è da parecchio

                           tempo che sono innamorato di lei e sono pronto a morire per questo.

                           Giuro davanti allo Conte e allo Vescovo che la mia spada combatterà sempre

                           contro l’ingiustizia, mi comporterò in modo leale e cortese e darò la vita per

                           per difendere le nobili cause!

CONTE  Le tue parole mi rallegrano.Se tornerai con mia figlia, ti prometto che sarà la tua sposa.

               Adesso inginocchiati. Io, Conte di Roccaforte, ti nomino cavaliere e ti auguro di riuscire

               nelle tue imprese.(lo batte di piatto con la spada)

VESCOVO  Io, Gregorio, vescovo dello feudo, ti benedico.(segno di croce)Padre Onnipotente

                      proteggi questo cavaliere e fa che porti amore dove c’è sofferenza e giustizia dove c’è

                      oppressione.

CONTE  (si gira e vede e il ragazzo, si avvicina, lo guarda )E voi chi siete, da dove venite e perché  

                 siete vestito in un modo così strano?

RAGAZZO Ecco, io sono….mi chiamo…..vengo da….

SER KAY Mio signore, questo è un baldo giovane che viene da molto lontano; egli avendo sentito

                   la triste sventura accaduta a lor signori, si è offerto di mettere la sua vita al vostro

                   servizio

                                                           Pag.5

RAGAZZO Beh insomma proprio offerto…ecco….

SER KAY Non siate timido…a lungo ho sentito parlare della vostra audacia e soprattutto

                   della vostra passione per le imprese avventurose!

RAGAZZO Questo è vero, amo l’avventura sopra ogni cosa ma…

CONTE Orsù, non bisogna perdere altro tempo!

               Mio baldo giovane accetto il vostro aiuto e fin d’ora vi ringrazio, avvicinatevi e

               inginocchiatevi!

               Io, Conte di Roccaforte, vi nomino scudiero di questi due cavalieri e vi auguro di

               riuscire nelle vostre imprese

DONZELLE(tutte insieme) Evviva li cavalieri, evviva lo scudiero!(applausi)

CASTELLANA Io, Castellana di Chiaromonte, vi do il benvenuto tra i cavalieri dello feudo.

                            Comportatevi sempre con onore e con coraggio. Ite, miei prodi, e tornate vincitori.

                            Fate che riabbracci la mia unica e adorata figlia.(si commuove)

CONTE  Non c’è altro tempo da perdere. Cavalieri, armatevi e partite!Il cielo sia con voi!(Musica.

                 I cavalieri escono seguiti da tutti gli altri)

                                                                  Pag.6

.

                                                              SCENA 5

(Entrano i briganti con Arabella legata alle mani)

BRIGANTE 1 Avanti, contessina, abbiamo ancora un bel po’ di strada da fare

BRIGANTE 2 Ormai dovremmo essere abbastanza tranquilli, la strada per raggiungerci è irta e

                         tortuosa e i cavalli dei nostri inseguitori non potranno arrivare fin quassù!

ARABELLA  Perché mi avete presa con voi? Lasciatemi tornare indietro!

BRIGANTE 3 Non fate altro che lagnarvi, risparmiate il fiato…

BRIGANTE 4 E soprattutto fate riposare un po’ le nostre povere orecchie!

BRIGANTE 5(si guarda intorno)Bene!Possiamo fermarci qui a fare una sosta.Siamo quasi arrivati

                          al nostro nascondiglio

ARABELLA Vi prego, voglio tornare al castello.Lasciatemi andare.

BRIGANTE 1 Al castello? Il castello ve lo potete scordare…

BRIGANTE 2 Già d’ora in poi sarà solo un bel ricordo per voi

ARABELLA  Se volete un riscatto per la mia liberazione, non avete che da dirlo.Mio padre, il        

                         Conte vi darà tutto quello che chiederete

BRIGANTE 3 Questa non è una faccenda di soldi, niente può riscattarvi

BRIGANTE 4 Abbiamo eseguito gli ordini del nostro capo …dovete sapere che lui è

                         perdutamente innamorato di voi e ora ha deciso di sposarvi

BRIGANTE 5 Starete nascosta con noi per un po’, poi verrà il capo e penserà lui a voi

ARABELLA E voi credete che io possa vivere con una persona che non amo e che, per di più,

                       mi fa rapire per un suo capriccio? No! Piuttosto morirò(rivolta al pubblico)AIUTO,

                       AIUTATEMI!

BRIGANTE 1  E’ inutile urlare, nessuno può sentirvi

BRIGANTE 2 Questa zona non è molto frequentata…

BRIGANTE 3  Rassegnatevi, col tempo vi adatterete all’idea

BRIGANTE 4 E magari alla fine ci troverete anche simpatici…

BRIGANTE 5 Ora basta con le chiacchiere! La sosta è finita.Forza andiamo!

(I briganti vanno via con Arabella che piange disperata. Entrano le bambine distanti tra loro)

                                                                                  

                                                                                                      Pag.7

BAMBINA 1 Presto venite, entriamo nel bosco!(le altre bambine restano ferme)Che aspettate?

BAMBINA 2 Io non voglio entrare nel bosco…ho paura!

BAMBINA 3 Già ha ragione, non vorrai farci fare la fine di Arabella

BAMBINA 4 E poi non abbiamo avvisato nessuno, non vorrai farci prendere una bella sgridata!

BAMBINA 1 Ma dai, non entriamo nel bosco….andiamo avanti solo un pochino

BAMBINA 2 Dici così solo per convincerci

BAMBINA 3 E se poi incontriamo i briganti?

BAMBINA 4 Come faremo a difenderci?

BAMBINA 1 Guardate che la contessina era a cavallo e si è persa in mezzo al bosco

BAMBINA 2 E va bene, però facciamo solo due passi

BAMBINA 3 E poi torniamo subito indietro

BAMBINA 4 Su andiamo e soprattutto torniamo in fretta!

BAMBINA 1 Brave!Così siete proprio delle principessine coraggiose

BAMBINE 2 3 4 E voi siete la nostra damigella (si danno la mano, sorridono ed escono.)

(ENTRA L’ARALDO)

ARALDO Passano li giorni, ma delli cavalieri partiti per liberare la contessina Arabella non si sa

                   nulla.Nessuno li ha più visti e al castello sono tutti tristi(esce)

                                                                

   

                                                                      Pag.8

                                                         SCENA 6

(ENTRANO I CAVALIERI)

CAVALIERE 1 Sono parecchi giorni che siamo alla ricerca della contessina, ma nessuno ha saputo

                            darci più notizie

CAVALIERE 2 Certo che questi posti non facilitano le nostre ricerche.Ci sono così tanti sentieri e

                            anfratti che è facile perdersi(si avvicina un pastore che, vedendo i cavalieri,

                            si spaventa)

CAVALIERE 1 Tu chi sei? Sei un brigante?

CAVALIERE 2 Ci stavi spiando, vero? Dov’è la figlia del Conte? (il pastore si inginocchia)

PASTORE Pietà cavalieri! Io non c’entro.Sono solo un pastore.Stavo rincorrendo una capretta

                    smarrita quando ho sentito le vostre voci e mi sono spaventato.Lasciatemi stare!

CAVALIERE 1 Sembri sincero.Scusaci per i nostri modi.E’ da tanti giorni che siamo alla ricerca

                           della contessina Arabella e non riusciamo a trovarla.

CAVALIERE 2 Noi non conosciamo questi luoghi, ma dobbiamo scovare quei briganti.

PASTORE Io conosco questi posti come le mie tasche.Ci porto al pascolo i miei animali.Di

                    solito di briganti non ne vedo, però ci sono diversi posti che si prestano come

                     nascondigli segreti.

CAVALIERE 1 Ti saremmo grati se ci potessi fare da guida per un po’.

PASTORE  Lo farò volentieri, quando c’è da aiutare qualcuno io non mi tiro indietro.

                     Prima vi porterò alla mia capanna, vi offrirò qualcosa e vi riposerete.Vi vedo molto

                     stanchi…

CAVALIERE 2 Ti ringraziamo già da ora, buon pastore! Siamo molto stanchi e abbiamo davvero    

                            bisogno di riposarci un po’

PASTORE   Vi offrirò anche qualcosa da mangiare e un bicchiere di buon vino così vi rimetterete

                      in forze

RAGAZZO  bere….vino…. mi è venuta un’idea…..

CAVALIERE 2  Quale idea?

RAGAZZO   Ve la spiegherò strada facendo

PASTORE     Spero tanto di incontrare la mia capretta.Cocchina!Dove sei, Cocchina?(escono)

                                                                 Pag.9

                                                    SCENA 7

(ENTRANO I PRIMI TRE BRIGANTI CON ARABELLA; SEGUITI DAL BRIGANTE 4)

BRIGANTE 4 Attenzione! Ho visto una persona avvicinarsi nella nostra direzione.Due di voi

                          Si nascondano, pronti ad ogni evenienza.(briganti 1 e 2 eseguono, poi entra il

                           cavaliere 1)

CAVALIERE 1 La contessina! In nome dello Conte di Roccaforte liberate la contessina e

                           arrendetevi!|

(il cavaliere è catturato)

BRIGANTE  1 Leghiamogli subito le mani e portiamolo vicino alla contessina

BRIGANTE 2 Per un po’ non ci darà fastidio

BRIGANTE 3 Sarà meglio dare un’occhiata in giro. Non vorrei che ci fosse qualcun altro(esce)

BRIGANTE 4 Non vedo l’ora di concludere quest’affare e riposarmi un po’….

BRIGANTE 5 ….e per goderti i soldini della ricompensa!(rientra il brigante 2 con il cavaliere

                            travestito da donna)

BRIGANTE 1 Ehi! E quella chi è?

BRIGANTE 2 E’ la moglie di un pastore. L’ho incontrata qui vicino.

CAVALIERE 2Stavo portando del vino a mio marito

BRIGANTE 3 Del vino? Mmm…e non ce ne offriresti un goccio? Dev’essere buono

CAVALIERE 2 Beh, se proprio volete.(posa la brocca)Ma lasciatene un po’ per mio marito.

                           Gli piace così tanto!

BRIGANTE 4 Certo! Non ti preoccupare(beve a lungo)

BRIGANTE 5 Lasciatene un goccio pure a noi! (beve, poi lo passa agli altri)E’ proprio buono!

                        (I briganti bevono ancora fino ad ubriacarsi)

BRIGANTE 1 Com’è buono questo vino….

BRIGANTE 2 ha un sapore così dolce…..

BRIGANTE 3  evviva il dolce vinello…l’allegria….

(tutti insieme la la la…..  si muovono da ubriachi finchè, uno dopo l’altro, cascano a terra e russano.Il cavaliere si toglie il travestimento e libera i prigionieri)

 ARABELLA Ma voi siete un cavaliere!

CAVALIERE 2 Sì, sono il cavaliere Filippo, al vostro servizio, contessina(inchino).Ho affrontato

                           questa impresa perché il mio cuore vi appartiene da tempo

                                                              

                                                                                                     Pag.10

CAVALIERE 1 Il piano per liberarvi è riuscito perfettamente.Adesso andiamo, prima che i

                            briganti si sveglino e capiscano tutto.

ARABELLA Vi ringrazio, prodi cavalieri!Senza il vostro aiuto mi sarebbe toccata una brutta sorte.

                        E questo giovane chi è?

RAGAZZO Il mio nome è Andrea, sono qui per servirvi contessina!

ARABELLA Mi spiegherete ogni cosa strada facendo, presto andiamo prima che i briganti si

                       Sveglino

(Escono subito.Poi si alzano anche i briganti ed escono velocemente)

       

                                                                  Pag.11

                                                               SCENA 8

ARMIGERO 1 I nostri sovrani sono disperati e non si danno pace per quanto è successo

ARMIGERO 2 Gran brutta storia, non c’è da stare allegri qui nel feudo

ARMIGERO 1 Sono stati proprio furbi i briganti a scegliere il momento più adatto per il

                          Rapimento

ARMIGERO 2 Già, ma sarà stata un’idea loro o di qualcuno di più importante?

ARMIGERO 1 Lasciamo stare, per noi son cose tropo difficili da capire, pensiamo a far bene la

                          Guardia che è nostro dovere, andiamo a dare il cambio agli altri

(Escono, Entra l’araldo seguito da: Ser Key, conte, castellana, donzelle e vescovo.Sono tutti tristi.)

SER KEY Accidenti, sono così preoccupato, forse non dovevo insistere con quel ragazzo:

                  certo è molto ardito ma è così giovane…..

ARALDO(scruta l’orizzonte)Conte, sta arrivando qualcuno da lontano…..sembrano i cavalieri!

                                                Sì sono loro…e ci sono anche lo scudiero e la contessina!

       

(Entrano di corsa i due cavalieri, il ragazzo e la contessina)

ARABELLA Madre, padre!Eccomi di ritorno!(si abbracciano)

CASTELLANA Figlia mia!Ah, che felicità riabbracciarti!

CONTE  Siete stati abili cavalieri.Avrete una lauta ricompensa per avere portato a termine 

                felicemente la vostra missione

VESCOVO (braccia al cielo) Grazie Padre onnipotente per aver protetto i nostri cavalieri!

CAVALIERE 2 In verità signor conte oltre che il Padre Onnipotente dobbiamo ringraziare

                           Anche il nostro valoroso scudiero !senza il suo aiuto  Arabella sarebbe ancora

                           Prigioniera dei briganti.

CONTE Avvicinatevi scudiero!

               Per la vostra audacia e per il vostro aiuto io, conte di Roccaforte vi nomino cavaliere

               dello nostro feudo(lo batte di piatto con la spada)

VESCOVO Io, Gregorio, vescovo dello feudo, ti benedico (segno croce)

                    Padre onnipotente proteggi questo cavaliere e fa che porti onore dove c’è sofferenza e              

                    giustizia dove c’è oppressione

DONZELLE (tutte insieme)Evviva i cavalieri, evviva lo scudiero(Applausi)

CONTE Araldo, vieni qui!(gli parla sottovoce)

ARALDOLo Conte di Roccaforte e la Castellana di Chiaromonte danno inizio alli festeggiamenti

                  Per la liberazione della loro figlia Arabella.Cavalieri avvicinatevi alle donzelle.

                  Comincino le danze!

                                                                                              Pag.12

(si formano le coppie)

conte(Mattia)-contessa(Elisa)

cavaliere 2(Marco)-Arabella

cavaliere 1(Nicolò B.)- Ilaria

armigero1(Stiven) –Letizia

armigero2(Riccardo)-Laura

( la donzella Virginia è sola)

DONZELLA Virginia Ma io sono senza cavaliere!

(conte guarda il ragazzo e gli fa un cenno d’intesa)

RAGAZZO Eccomi, o donzella, permettete che guidi i vostri passi

DONZELLA 2 Acconsento.Avvicinatevi pure, mio prode cavaliere

(ballano)

                          Ballate in modo divino

RAGAZZO Il merito è tutto vostro, ma ditemi come vi chiamate?

DONZELLA Il mio nome è Virginia, e il vostro?

RAGAZZO (sta per rispondere, alla donzella cade un fazzoletto di pizzo, lui lo raccoglie, sta per darglielo quando arriva Ser Kay)

SER KAY I miei omaggi baldo cavaliere

RAGAZZO I miei omaggi a voi

SER KAY Ditemi, come vi sentite?

RAGAZZO Onorato ma esausto, vorrei riposarmi un po’….

SER KAY Fate pure se madamigella mi permette prenderò io il vostro posto, così voi potrete

                   riposarvi un poco…

                  (guarda Virginia che gli fa un cenno d’assenso)

(I due continuano a ballare, il ragazzo si siede su una sedia, tutti pian piano ballando escono, si abbassano le luci e il ragazzo si addormenta)

                                                              Pag.13

                                                                     SCENA 9

(Il ragazzo si sveglia, si stira, e dice…..)

RAGAZZO Ma guarda mi devo essere appisolato, ho fatto anche un sogno strano!

                     Deve essere già tardi, leggerò ancora una pagina e poi andrò a dormire…

                     “Nello stesso tempo in Inghilterra regnava il re Riccardo detto cuor di leone

                        per il suo coraggio e per la sua audacia….

PARTE IN INGLESE(questa parte rappresenta Robin Hood)

                                                       ULTIMA SCENA

(Ragazzo si riaddormenta ,Robin Hood lascia sul tavolo alcune monete d’oro)

MAMMA Sveglia pigrone,sono le sette e mezza!Ma guarda un po’,si è addormentato sulla sedia

(LA MAMMA SCUOTE IL RAGAZZO)

MAMMA Su,è ora di andare a scuola.

(IL RAGAZZO PARLA NEL DORMIVEGLIA)

RAGAZZOAttento Robin , Madamigella Virginia il vostro fazzolettino….

MAMMAMa cosa dici? Sveglia dormiglione

RAGAZZO Robin Hood….Madamigella Virginia….Mamma ,ma sei tu?

MAMMA Certo,e chi pensavi di trovare,E:T l’extraterrestre? E’ troppo impegnato a telefonare lui!

RAGAZZO Ma io ero al feudo Vallelieta,e poi  ho combattuto al fianco di Robin Hood….

MAMMA Feudo? Robin Hood? Tu leggi troppi libri di avventura e viaggi con la fantasia

                 Anche quando dovresti stare con i piedi per terra!Forza a lavarsi!Vado a preparare la

                 Colazione.

RAGAZZO E’ stato un sogno.Che peccato! Ero diventato cavaliere,e il mio amico Robin!

                     Fantasia,solo fantasia!Forse ha ragione la mamma,dovrei leggere un po’ meno

                     I libri d’avventura

(MENTRE SI ALZA VEDE  ALCUNE MONETE D’ORO SUL TAVOLO E SI ACCORGE

DI STRINGERE NELLA MANO IL FAZZOLETTO DI PIZZO CADUTO A VIRGINIA)

RAGAZZO E queste cose cosa sono? Le monete d’oro di Robin e il fazzolettino di Virginia

                     Ma……….ma allora non è stato solo un sogno!!!!

                                                              FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno