Un ingarbugliato sequestro di persona a scopo di estorsione

Stampa questo copione

Un complicato sequestro di persona a scopo di estorsione di Domenico Platania

  

                UN        

   INGARBUGLIATO          

         SEQUESTRO

      DI    PERSONA

        A    SCOPO

   DI    ESTORSIONE

    di Domenico Platania

E’ una commedia (molto) liberamente tratta da “Un napoletano al di sopra di ogni sospetto” di Gaetano e Olimpia Di Maio, con la rielaborazione del testo in vernacolo siciliano e l’adattamento di alcuni personaggi.            

                                             

        

Personaggi in ordine di apparizione:

Francesca Schisò in Nipitella     

Nicola, amico di Pasquale                       

Giovanni, altro amico di Pasquale 

Pasquale Mozzichella, il capo banda      

Anna, sua moglie     

Tommaso, ufficiale giudiziario     

Michele, suo aiutante   

Lisuccia, figlia di Pasquale e di Anna   

Agata  Misericordia, una vicina di casa                          

Gaetano Nipitella, marito di Francesca  

                                              ATTO PRIMO

Stanza disadorna di una casa di campagna.  La comune si trova in fondo, al centro e a destra una porta interna. Gli unici mobili sono un vecchio tavolo e delle sedie malridotte. Alle pareti è mancata da tempo la normale imbiancatura, e perciò si presentano in più parti crostate e invase dall’umidità. A terra, in un angolo, a destra, due sacchetti pieni e una coperta. A sipario alzato, Francesca è seduta davanti al tavolo, con le orecchie tappate, imbavagliata e con i piedi e le mani legati. Seduto a destra, c’è Nicola che tiene un fazzoletto sulla guancia. Davanti alla comune, su di uno sgabello, si trova Giovanni, con un fucile da caccia fra le gambe che gli fa da sostegno. 

                                               SCENA PRIMA

(Nicola, Giovanni e Francesca)

NICOLA (mentre Francesca si agita sulla sedia) Ah, Mamma mia! Chista accuminciau a agitarisi n’autra vota! (con tono preoccupato e premuroso si accosta alla donna) Signura, si senti qualche cosa? Chi avi bisognu? U sacciu ca non sta comoda na sta posizioni, ma chi ci pari ca nuatri stamu megghiu? Taliassi a mia, cu tutta l’umidità ca m’haiu assuppatu na  sti cincu jorna na sta catapecchia… mi sta vinennu macari u duluri di denti. (Francesca si agita ancora.Nicola,quasi implorante) Signura, n’’a pozzu strogghiri senza ordini. Circassi di capiri, non mi mittissi n-cruci. (e poiché Francesca insiste) Aspittassi, ora chiamu u cullega ca è di vardia, forsi iddu rinesci a capiri chiddu ca voli diri: faceva u bidellu all’istituto d’’i minorati. (chiamando a bassa voce) Giovanni… Giovanni… (si avvicina a Giovanni che si è assopito producendo qualche russo e gli batte una mano sulla spalla) Giovanni!

GIOVANNI (si sveglia di soprassalto e  raggiunge Nicola a destra)  Chi fu? Ci sunu i carrabbineri?

NICOLA No, no, sugnu ju…

GIOVANNI  Mannaggia! C’era bisognu di gridari accussì forti! Mi facisti sautari i vermi! E’ possibili ca unu non po’ pinsari tannicchèdda n-santa paci? Chi voi?

NICOLA   Ah, stavi pinsannu? Certu ca hai pinseri ca fanu sgrusciu! A scusari su ti scuncintrai, c’è a signura ca si sta agitannu troppu.

GIOVANNI Ah, sì? Aspetta ca ci pensu ju. (spostandosi alla destra di Francesca) Signura ma lei chi si cridi, ca a nvitamu a farisi na villeggiatura? Chistu è n-sequestru di persona, è ra-pi-men-tu! E su so maritu non pava subitu i centu miliuni d’’u riscattu, nuatri…

NICOLA  Cu st’umidità ca c’è cca intra, ni pigghiamu na bella brunchiti!

GIOVANNI   Nicò, ma chi fai, mi sfutti?

NICOLA     A signura non ti po’ sentiri: avi i tappi n’aricchi!

GIOVANNI     Ah, già…

NICOLA      N’autra fissazioni di Pasquali: “Mittemuci i tappi accussì non senti!”. Ma a cu’ ha sentiri, su avi na para di seculi ca di stu postu non passa nuddu.

GIOVANNI  C’è n-silenziu!

NICOLA       Giuvà, ju sugnu cunvintu ca sta storia finisci a cuda di suggi.

GIOVANNI  Chi voi diri? (assieme a Nicola, si sposta davanti a Francesca)

NICOLA  Secunnu mia, o maritu ci ficimu ciauru di fissa e non ni duna nenti.

GIOVANNI   Ma su accittau i nostri condizioni!

NICOLA    Sì, ma n’ha datu già du appuntamenti e nuddu s’ha fattu vidiri.

GIOVANNI    E ppi forza! A prima vota l’appuntamentu era o giardinu zoologicu, scappau n-liuni e successi u fui fui ginirali; u secunnu appuntamentu ci u desimu vicinu a Chiesa di Sant’Eusebiu, unni di solitu non c’è mai n’anima viva…

NICOLA  E inveci dda sira, giustu giustu, capitau a festa d’’u santu, e  fra prucissioni, banna, tricchi tracchi e muschittaria, fallenu tutti cosi.

GIOVANNI       Nenti, ama statu sfurtunati.

NICOLA    (guardando perplesso Giovanni)  U sapeva ca fineva a fetu! Pari ca mi parrava u cori!

GIOVANNI   E chi schifiu si! A vo’ finiri di fari spitali? Semu n’abballu e ballamu! E ricorditi ca i veri omini non si scantunu mai di nenti! Oh! (Francesca, tocca Giovanni con i piedi e questi fa un salto, spaventato) Cu è?

NICOLA        E’ a signura, non ti scantari.

GIOVANNI   Ma chi faceva a contorsionista?

NICOLA    Forsi ha fari qualchi bisognu urgenti. Chi dici, a strugghemu tannicchia?

GIOVANNI      Ju sta responsabilità non m’’a pigghiu, chiama a Pasquali.

NICOLA     U chiamu? Chiddu è tuttu cuncintratu a scriviri…

GIOVANNI  Forsi a littra pp’’u maritu d’’a signura?

NICOLA      No sacciu!

GIOVANNI  Ancora n’ha caputo ca i littri amonimi si scrivunu che lettiri d’’u giurnali ritagghiati a una a una.

NICOLA (chiamando verso la porta a destra) Pasquali… Pasquali …

GIOVANNI    Su non ci dici a palora d’ordini non t’arrispunni.

NICOLA Ah, già! (come sopra)  A birra è fridda, po’ veniri. (chiamando ancora) Pasquale, a birra è fridda…

                                               SCENA SECONDA

(Pasquale e detti)

PASQUALE (entra con un foglietto in mano) N-mumentu…! Ti scanti ca si quaria?

GIOVANNI  Stavi durmennu?

PASQUALE   Stava scrivennu na poesia.

GIOVANNI    Ccu giustu, ah! Semu n-manu a nuddu!

NICOLA   Pasquà, tu ti metti a fari poesii e i problemi ni stanu mangiannu vivi. A signura ti vulissi parrari.

PASQUALE (ironico) Ah, a signura mi vulissi parrari? (alla donna) Vuatri fimmini no pirditi mai u viziu di ciuciuliàri inutilmenti!

GIOVANNI  Bravu! (a Nicola) Ha’ vistu, i sequestrati s’hanu a fari trimari, bisogna essiri feroci …

PASQUALE (rafforzando) Torvi!

NICOLA  Mih, macari corvi?

PASQUALE  Torvi! A mia sta palora m’ha sempri piaciutu, m’ha fattu mprissioni! Ora ca finalmenti pozzu essiri torvu non sapiti quantu ci staiu gudennu!

NICOLA Oh! Chi billizza di palora!

PASQUALE  E picchì, chi ci voi diri e palori spietatu e bieco?

NICOLA  Certu becco è u megghiu nsultu! Unni i trova  sti belli palori s’’a vidi iddu!

GIOVANNI (dando un suo contributo) Cinicu, rimpognanti.

PASQUALE (con immenso piacere) Abbrominevoli!

NICOLA  Fitusu!

GIOVANNI  Intantu a signora sta aspettannu…

PASQUALE  (con falsa gentilezza) Oh, daveru? Ora ci portu n-bellu fasciu di rosi! (a Francesca) Ma chi si cridi ca nuatri stamu assittati comodi comu a lei? Fastidio non n’ha dari, l’ha caputo, miliardaria dei miei stivali? M’arrispunnisi di sì ca testa. M’arrispunnissi, perbaccolinda! Ahu, chista n’arrispunni!

NICOLA  Ma forsi non ti senti… Ci misumu i tappi n’aricchi.

PASQUALE     E cu fu ssu ntilligenti ca ci misi?

GIOVANNI – Tu!

PASQUALE – Ah, si?

NICOLA   Chi fazzu, a stuppu?

GIOVANNI   Ma picchì a birra è fridda?

NICOLA    Avi ca è fridda!

PASQUALE    E stuppila.

NICOLA     A birra?

PASQUALE   Ma quali birra? A signura!

NICOLA (toglie i tappi alle orecchie a Francesca) Ecco fatto. Forse è megghiu ca ci stuppu macari a vucca…

PASQUALE    No, sulu aricchi! A vucca ha stari chiusa. E ha ringraziari u Signuri ca non haiu u cimentu, annunca cci a muravu ppi sempri!

GIOVANNI     Esageratu!       

NICOLA   Ma cca, macari ca grida cu a po’ sentiri?

PASQUALE    Gnuranti! Varda ca non fu ppi non falla gridari ca ci fici mettiri u bavagliu, ma  pp’’u mutivu ca ogni vota ca mi ci avvicinava mi sputava nta facci.

NICOLA  Però bisogna capiri ca po’ aviri i so bisogni. Chi sacciu… na musca na facci, n-pocu di pruritu… Ma v’’u mmaginati chi voli diri aviri mangiaciumi e non putirisi arraspari?

PASQUALE Videmu chi voli. Signura scusassi, lei forse ci ha un prorito che ci fa prorito? (Francesca annuisce. Poi, si rivolge a Nicola) Avevi ragiuni, avi prorito.

GIOVANNI      E allura, chi facemu?

NICOLA (come se fosse una cosa naturale da fare) E c’ama a fari? A raspamu!

PASQUALE (a Francesca, che ad ogni domanda farà cenno di no) Signora, il prorito ce l’ave sulla mano? Sul piete? Arreto la carìna? Nel vollico? No? E dove caddu ce l’ha questo  manciamento?

NICOLA  Pasquali, oramai a signura u capiu ca semu tri gentilomini e non sputa cchiù. È vero, signora, che non lo fa più di buttare sputazza? (Francesca annuisce)

PASQUALE   E va bene. (a Giovanni) Tu assettiti vicinu a porta e sorveglia. (Giovanni esegue)  E non fare o solitu to ca appena senti tannicchia di sgrusciu jetti u fucili all’aria!

GIOVANNI    Ma su venunu i carrabbineri e mi vidunu cc’’u ficili a manu mi sparunu!

PASQUALE E allura chi fai, quannu non servi u teni a manu, quannu inveci po’ serviri u jetti? (a Francesca) Signura, stassi attenta ca lei po’ usare a vucca sulu a scopo di parlamento, senza carcariare troppu o borbottiare. (Francesca annuisce) In poche palore, ci permettu di diri sulu frasi cunchiodiboli e appropriati; per esempio: man-gi-are, (Nicola, lo imita sillabando le parole) dor-mi-re, ra-spa-re, bè-ve-re…

NICOLA (facendo il verso col quale si sollecitano i bambini a fare la pipì) Pscc… pscc…

PASQUALE   Chi voi? (Nicola lo raggiunge, gli sussurra qualcosa all’orecchio e poi ritorna a sinistra) Ma si capisci ca pò diri macari “pipì”! A pattu ca i palori hanu a essiri comu ne’ telegrammi, scocchiate. Ha capito? (Francesca annuisce) Una, na sula palora! (Francesca dice di si con la testa. Pasquale a Nicola) Stuppila.

FRANCESCA (appena sbavagliata urla con forza, facendo scappare Pasquale e Nicola)  Stuppagghiari!

PASQUALE    Ci l’aveva ccu tia?

NICOLA    No, a mia mi parsi n’offesa collettiva.

GIOVANNI    (alzandosi) Facemuci vidiri cu semu!

PASQUALE  Assettiti, ora ci pensu ju. (a Nicola) Ci l’avemu na lima, na rattarola o n-pocu di carta vitrata ppi raspari a signura? (a Francesca) Avanti parrassi, unni ci mancia: arreri aricchia? Sul varvarozzo? Nell’ascilla? Parrassi, m’’u facissi sentiri!

FRANCESCA   Sul sedere!

NICOLA  (non facendoci caso)Ah, è sul… ? (poi, afferrando con ritardo) Chi dissi?

FRANCESCA  Sul sedere.

NICOLA (imbarazzato) Beh… ju pensu ca macari sul sedere… chi dici?

PASQUALE (trovandosi d’accordo) Eh!  (a Francesca, determinato) Si susissi!

FRANCESCA Sì, quannu mi crisciunu l’ali!

PASQUALE Non faccissi a spiritusa, ci dissi: “In piedi!”

FRANCESCA E comu mi susu, su haiu i peri attaccati?

PASQUALE Bisogna ammettiri ca na vota tantu avi macari ragiuni. E’ chiaru ca non è ppi pietà ca a fazzu strogghiri, ma sulu picchì ni cummeni. Saziu a nuddu! Nicola…

NICOLA Sì?

PASQUALE  Strogghici i peri a signura.

NICOLA Subitu! (esegue)

PASQUALE  Allura, è… a natica destra?

FRANCESCA (indisponente) No!

PASQUALE A sinistra?

FRANCESCA (c.s.) No!

NICOLA   Ma allura… (sorpreso) Ma varda varda! Chista è na cosa ca n’aumu pinsatu: u manciamentu centrali!

PASQUALE        E va bene. M’arrennu alla bona educazioni… Nicola…

NICOLA   Sì?  

PASQUALE Strogghici i manu a signura. (Nicola esegue)

FRANCESCA (alzandosi) Evviva a libertà!

PASQUALE  Ppi favuri, non facissi discursi comiziali! (gli uomini, per non guardare, volgono le spalle a Francesca) Avanti, si raspassi.

FRANCESCA (rimettendosi a sedere) Grazi, mi passau.

PASQUALE  Allura u faceva apposta! Ma chista è na provocazioni! Ah, accussì ragiuna? Giovanni! (batte una mano sulla spalla di Giovanni) Giovanni!

GIOVANNI (svegliato di soprassalto, comincia a gridare ) Cu è? Chi fu?

PASQUALE (la reazione di Giovanni lo fa sobbalzare) Pruitimi na seggia, facitimi assittari! (si accomoda sulla sedia che gli porge Giovanni)

GIOVANNI  Ha vistu chi riflessi ca haiu?

PASQUALE Ma quali riflessi? Tu durmevi! Ah, mi vinni n-duluri, cca, sutta u cori.

FRANCESCA Su vuliti n-pocu di coramina a putiti pigghiari na me borsa.

PASQUALE (saltando in piedi) Lei si stassi muta, non haiu bisognu di nenti! E ora attenta a chiddu ca fa, ci dugnu sulu tri minuti ppi sgranchirisi, pp’’a circolazioni.

FRANCESCA  E su non circolo bene chi fa, mi ritira a patenti?

PASQUALE   E chi è sta cunfidenza ca si sta pigghiannu?  Ora fazzu succediri cosi terribili. (a Giovanni) Tu è megghiu ca chiudi a porta e ti voti di cca banna.

GIOVANNI       Ma su a sirratura è rutta, chi cosa ha chiudiri.

PASQUALE   Abbota a porta, mettici na seggia d’arreri e ti cci assetti. Ma chi ci pozzu fari su vinnunu i latri e scassanu a firmatura?

GIOVANNI (sedendosi) E va beni, ora addivintai n-palettu!

PASQUALE  Chi vuliti, chista haiu. Me nannu, sta casa, m’’a lassau in eredità, cumprinsiva di luci, acqua e gas tagghiati e m’ha sirvutu sulu comu indirizzu ppi farimi arrivari i cambiali ca n’ha pavatu mai. (prendendo dei sacchetti posti a destra) Chisti, sunu chini d’avvisi di cambiali.

FRANCESCA Per favore…

PASQUALE   Dica.

FRANCESCA   U putissi aviri  n-fazzulettu?

GIOVANNI  S’arrifriddau?

FRANCESCA No, haiu disideriu di chianciri.

NICOLA (premuroso, porgendole un fazzoletto) Chistu è pulitu.

FRANCESCA Grazie. (indicando Pasquale) Mi pari “Don Cola carogna.”

PASQUALE Ah, finalmente si n’accurgiu ca sugnu na persona cinica? Avanti, mi chiamassi torvu e biecu, ca mi fa filici. Anzi, su ci voli aggiungiri macari spietatu, sugnu cchiù filici ancora! Signura, davanti a lei c’è il bruto Pasquale Mozzichella! Ah, chi soddisfazioni! 

FRANCESCA Perciò, lei mi sequestrau sulu pp’’a soddisfazioni di sintirisi cinico e spietatu?

PASQUALE  Si!

GIOVANNI   E macari pp’’i sordi…

PASQUALE  Si capisci! Ci pari bellu ca lei avi armadi chini di vistiti e me muggheri, ppi nesciri, si l’ha fari pristari? Ci pari bellu ca lei avi quattru machini e ju non pussedu mancu n-carriolu a pallini? Ci pari bellu…

NICOLA  Pasquali, a signura u capiu …

PASQUALE  E allura, ppi circari di equilibrari tannicchia i cosi, pinsamu di farici sta bella sorpresa. Ma chi sunu centu miliuni ppi ddu riccu sfunnatu di so maritu? Signura, mi cridissi, menu di tantu non ci puteumu dumannari. Dicemu ca è n-prezzu di liquidazioni, di svendita, n’affare, vah. (Francesca comincia a piangere)  E circassi di non chianciri ca ni finenu macari i fazzuletti!

FRANCESCA Ma ju pensu a famigghia, i parenti, l’amici…    

GIOVANNI   Ni voli fari cummoviri?

FRANCESCA  No, è a virità!

PASQUALE   Non ci dati cuntu, sta recitannu!

FRANCESCA  Ah, staiu recitannu? Sintiti, speci di scassapagghiari, siti accussì trunzi ca… non vi fazzu aviri mancu na lira!

PASQUALE-NICOLA-GIOVANNI    Signura!

FRANCESCASu aspittati ca me maritu pava, putiti stari frischi.Chiddu non mi sumporta e perciò na lira ppi mia n’’a nesci.   

GIOVANNI – Ju non ci cridu.

FRANCESCA   Vi finisci cu na manu davanti e una d’arreri.

NICOLA (perplesso)  U sapeva ca fineva a fetu! Pari ca mi parrava u cori!

GIOVANNI  Semu scalognati macari a fari i dilinquenti!

PASQUALE Ah, sì? Ora vi dimustru comu ci fazzu cangiari opinioni a signura!

FRANCESCA  A mia? Pazzi siti!

PASQUALE  E allura cara signura, siccomu nuatri semu omini di palora,  su i cosi stanu comu dici lei, semu custritti a fari chiddu ca ci scrissimu a so maritu!

FRANCESCA    Oh, S.Pancraziu!

PASQUALE  È inutile ca si rivolgi ai piani jàuti, arrivati a stu puntu, non putemu fari autru ca usari la forza! Nicola…

NICOLA Eh?

PASQUALE  Vadda chi fai, spogghia a signura!

NICOLA  Ju?

PASQUALE  Tu, tu!

NICOLA  Ma ppi forza ju l’ha’ fari?

PASQUALE Sì, moviti! Accumincia a luvarici…a luvarici…i scarpi, mancu? A sta fimmina ci dobbiamo dimustrari chi cosa semu capaci! Deve calare la testa come un picorello, ci deve vasare le piedi… Forza Nicolino! (Nicola non si muove) Nicola!

FRANCESCA (si alza con aria di sfida) E allura?

PASQUALE  Taliati, comu sta trimannu… Hai vistu comu si sta scantannu, eh?

FRANCESCA Mi faciti schifu!

NICOLA    U pensa ancora ca riscattu so maritu non ni pava?

FRANCESCA    No, no pensu…  

NICOLA            (quasi a giustificarla) Ah, u stati vidennu...

FRANCESCA   No, non è sulu n-pinseri, sugnu sicurissima ca non vi duna nenti!

PASQUALE      Nicola vo’ cuminciari a luvarici sti biniditti scarpi, si o no?

NICOLA              Ma picchì propriu i scarpi?

PASQUALE    Di qualche banna ama a cuminciari! (volgendo le spalle a Francesca che, intanto, si toglie le scarpe, restando scalza) Bisogna dimostrare a sta pupa di lussu ca nuatri… (ciò dicendo, si volta e vede Francesca con le scarpe in mano) Oh, buttigghia di cristallu!

NICOLA  Ahu, si luvau sula!

PASQUALE   Calma, calma, è na tattica ppi farini sautari i nervi. Veru?… A signura voli fari a curaggiusa? Ora ci a facemu vidiri nuatri chi sapemu fari. Giovanni!

GIOVANNI (balzando in piedi) Presente!

PASQUALE   Facci vidiri a signura chi si capaci di fari!

GIOVANNI   Ju?

PASQUALE   Sì, avanti, chi sta’ aspittannu?

GIOVANNI   Varda, ca na stu mumentu non è cosa, avi quattru notti ca non dormu… sugnu n-cadaviri.

PASQUALE Va bene, va bene, assettiti. (a Francesca che sorride) n’arririssi ca ancora n’ha vistu nenti! Nicola!

NICOLA Ahi, a mola, a mola! E comu fazzu! Uh, comu mi fa mali a mola!

PASQUALE      Ahu, a beddi m’arrisuttastuvu! Perciò, aviti u curaggiu di lassarimi sulu na sta situazioni accussì sdifficili e ingrabugliata?

FRANCESCA   Staiu ancora aspittannu…  

PASQUALE   E avi macari primura… E va bene, voli diri ca sugnu custrittu a fari u me duviri. (si avvicina lentamente a Francesca mentre Nicola volge il volto contro il muro e Giovanni si leva in piedi emozionato) Signura…

FRANCESCA  Prego…

PASQUALE  (muovendo molto le mani senza toccarla) Ju… ju…

GIOVANNI          (incitando Pasquale) Facci vidiri cu si! Biecu… truce!

PASQUALE   (si ferma e di scatto si rivolge a Giovanni) Tu finu a mumentu fa runfavi, chi fu t’arrusbigghiasti? Chi talii cu st’occhi di fora?

GIOVANNI Pasquà, ju mi ni pozzu macari jiri, ma appoi, a porta resta senza vardiano…

PASQUALE  Ma unni vo’ jiri? Statti ddocu ca ti dimostru chi sacciu fari… (mentre si sposta verso il proscenio, quasi a prendere la rincorsa, Francesca starnutisce di nuovo; si gira di scatto, sorpreso) Chi fu?

NICOLA   Nenti, s’arrifriddau!

PASQUALE (rifà la stessa manovra di prima,sta per saltarle addosso, ma poi si ferma perché Francesca starnutisce di nuovo) Signura, u sapi chi ci dicu?

FRANCESCA   Chi cosa?

PASQUALE  Si mittissi i scarpi ca è megghiu, cca intra c’è troppa umidità! (bussano alla porta: scompiglio generale) Chi successi?

NICOLA      Tuppuliunu!

PASQUALE (facendo segno a tutti di non parlare) Shhhh… n’ha vulari mancu na musca!

FRANCESCA (urla a pieni polmoni) Aaaaaahhh! (Nicola scappa a destra)

PASQUALE (cerca di tappare la bocca alla donna. Ma Francesca gli morde la mano) Ah! Si mangiau menza manu! (Giovanni punta il fucile al petto di Francesca, che si calma.) Unni èNicola? (chiamando) Nicola!

NICOLA (rientrando) A birra fa schifo, a birra è caura!

PASQUALE   (c.s.) Shhh… shhh… (a Giovanni) Porta sta fimmina ddà banna e mbavagliala.

GIOVANNI   Camina, camina… (esce a sinistra con Francesca)

PASQUALE (avvicinandosi cautamente alla porta) Cu è?

                                              SCENA TERZA

(Anna e detti)

ANNA (da dentro) Chiamami Meloni, sarò la tua birra!

PASQUALE   E’ me muggheri! (dalla comune appare Anna, indossa una vistosa parrucca e porta una borsa che poggia sul tavolo)

ANNA (entrando) E tantu ci voleva ppi ràpiri? Ma chi stauvu facennu? (cercando la sequestrata) Unni è a signura?

PASQUALE   E’ na l’autra stanza. Parra, ci isti o Puzzu Vecchiu?

ANNA (mentre si toglie la parrucca) Sissignore.

PASQUALE  E i picciuli?

ANNA Nenti! (Giovanni rientra) Aspittai n-quartu d’ura e non si visti nuddu.   

GIOVANNI  Ma allura stu Nipitella oltri a essiri n-truffaturi è macari n-munzignaru trapuleri!

NICOLA  U sapeva ca fineva a fetu! Pari ca mi parrava u cori! (siede)

GIOVANNI        Ma non ci telefonasti n’autra vota?

PASQUALE      (sollecitando con insistenza) Chi ti dissi?

ANNA      Ahu! Aspittati, facitimi assittari.(si accomoda sulla sedia occupata prima da Francesca) Haiu tutti i peri rutti… Ccu stu fattu ca ogni vota s’ha canciari cabina telefonica, oggi, m’ha sciruppatu na dicina di chilomitri!

GIOVANNI   L’ava a minazzari, terrorizzari! (siede a sinistra)

ANNA       E u fici! “Badate, Gaetano Nipitella… sogno stanca…”

NICOLA  Haiu i peri rutti … (Anna gli lancia un’occhiataccia e lui alza le mani come a volersi arrendere)

ANNA “Sogno stanca di questa farsa che ci fate andare avanti e anche indietro. È scaduto l’ultimatùmm: se voi non niscite i soldi del riscatto, e senza una lira di sconto, io ci farò violenza a vostra moglie!”

PASQUALE (disperandosi siede a sinistra) Uh, mamma mia!

ANNA   Chi successi?

PASQUALE    Ma comu, ci dicisti: “Ci farò violenza a vostra moglie”, cc’’a vuci di fimmina?

ANNA    E chi faceva, ava divintari masculu?

PASQUALE     Ma no, cci ava a diri: “Mio marito ci farà violenza alla sua signora”!

ANNA     Ah, si? T’ ava a fari macari u cummogghiu? E comu muggheri chi fiura ci faceva?

PASQUALE (alzandosi, infuriato) Luvatammilla davanti! Ma a stati capennu? Nta sta situazioni di piriculu gravi, idda pinsava o sulu fattu ca è me muggheri!

ANNA  (anch’essa infuriata)  Pasquà, scrivitillu na ssa testa di minnulinu: ju pozzu sumpurtari tutti cosi, ma non pozzu accittari mai di essiri na muggheri… adulterata!

PASQUALE ( sconfortato) Chi vi pozzu diri? E’ accussì, paparacotta naturali, no fa apposta!

ANNA   Pasquà…

PASQUALE Statti muta! Amici, la qui presente Anna,  a me futura viduva, appizzau tutti cosi: non passa assai ca mi veni n-corpu pilettico e me la quaglio. Insumma, è finita, i sordi ni putemu scurdari. (siede)

NICOLA      U sapeva ca fineva a fetu!

PASQUALE-GIOVANNI-ANNA     Pari ca mi parrava u cori!

ANNA – Nicola, ca finisciaccilla cu stu triulu!

GIOVANNI  Ma insomma, si po’ sapiri chi ti dissi u maritu? (Anna gli lancia la solita occhiataccia e tace di proposito)

PASQUALE-NICOLA-GIOVANNI  Chi ti dissi u maritu?

ANNA    Quannu m’accurdati u dirittu di vanniarivi parru!

PASQUALE   Cuncessu, parra!

ANNA   Maccarruni ca non siti autru, siccomu u maritu d’’a  signura non è piliddusu comu a vuatri, iddu, non ci stesi accura al sesso d’’a  me vuci, e difatti mi dissi: “Ppi carità signora, non lo facesse! In giornata ci dò i soldi.”

GIOVANNI    A sintistuvu? I sordi ni duna!

NICOLA  Sta storia a mia non mi cunvinci.

GIOVANNI   Ahu, Nicola! A tia a camula ti mancia vivu! Si peggiu di na virrina!

PASQUALE    (ad Anna) Parra, parra, fanni sentiri chiaramenti chi dissi!

ANNA      E a scema, appoi, sugnu ju… Sapiti chi dissi?   

PASQUALE-NICOLA-GIOVANNI     Chi dissi?   

ANNA  Dissi: “Signora, questa volta non mancherò. Mi dassi l’indirizzo preciso e io ci porto i soldi fino a casa”. E ju ci u desi!

PASQUALE   (si alza) Tinitimi! Tinitimi! (Giovanni cerca di bloccarlo) picchì ammazzu… ammazzu! Parra… parra, ci dasti l’indirizzo d’’a nostra casa?

ANNA   Ma ppi cu’ mi pigghiasti?

PASQUALE Ah, no?

ANNA  No!

GIOVANNI  Ah, menu mali!

ANNA – Ci desi l’indirizzu di cca!

PASQUALE   (andando avanti e indietro) Popolo di sfasulati, cu si vardò, si sarvò! Strugghiti di cursa a signura e scappamanninni!

ANNA Ma chi capistuvu? Vuleva diri l’indirizzu di cca, d’’u paisi!

PASQUALE-GIOVANNI-NICOLA   Aaaah!!!!

ANNA     Ci dissi: “A menzongiorno portate una valigia con i sghei alla seconda fermata dell’autobusso Passopisciaro-Mongiuffi. Doppo un poco aggiungerà una bella signora…”

NICOLA     E cu è ssa bella signora?

ANNA   Cu po’ essiri, ca ju!

PASQUALE-GIOVANNI-NICOLA   Aaaah!!!!

PASQUALE   Stamu attenti però, picchì po’ sbagghiari e cci a cunsigna a n’autra!

ANNA No, ci u spiegai chiaru: “Una bella signora vestita così e così. Posate la valigia a tre passi da ella e jitavinni. In pochi minuti vostra moglie sarà… disciolta.”

NICOLA      E chi era, n’aspirina effervescente?

GIOVANNI   Ora spicciamini ca è quasi menzujornu.

ANNA Prima vi lassu u mangiari, poi mi nni vaju a pigghiari a valigia. (prende la borsa e la apre, mentre tutti si accostano al tavolo)

GIOVANNI     Chi c’è  na ssa borsa? Nesci na puzza!

ANNA   È a borsa cc’’u mangiari.

GIOVANNI   E accussì puzza?

ANNA  E ppi forza, avi sei jorna ca è priparata.  A frutta astùra nfracitiu, e poi c’è qualche arenga, anciovi, bellu pezzu di picurinu cc’’u spezzi…

PASQUALE      Ma quantu ni pigghiasti?

ANNA  Ppi favuri, n’accuminciari a fari u sufisticu, annunca mi mettu a fari vuci finu a quannu non venunu carrabbineri, vardia campestri e pumperi! Tu dicisti: “Pigghia manciari ca non scadi, ca non s’ha cucinari e ca non avi bisognu di frigorifiru”…

PASQUALE  Ma è tutta roba salata! Ora a siti ni mangia vivi! Unni a pigghiamu l’acqua su n’arristau l’ultima buttigghia?

ANNA  E chi voi di mia! Non è ca vi puteva cucinari na pignata di pasta! Appoi, chi ci diceva a nostra figghia ca sapi ca semu ni me soru? “Ora priparu ddu spaghetti e ci portu a zia a Palermu?”(dalla borsa estrae un timballo) Tiniti, arrangiativi cu stu timballu di maccarruni!  

GIOVANNI  (costatandone la durezza) Ah, chista sì ca è bona, sulu ca ni mancunu i pusati giusti.

ANNA      Chi vulevi macari a furchetta?

GIOVANNI   No, ci vulissunu na serra, n-marteddu e n-scarpeddu.

ANNA   Esageratu!

GIOVANNI (battendo la frittata sul tavolo) Chista è bona ppi spaccarici a testa a qualchidunu! (la passa a Nicola)

NICOLA   È na palora! Ci voli u sirraccu! (si sente abbaiare)

NICOLA  Sunu  cani?

GIOVANNI   No! Aceddi!

NICOLA    Oh, Mamma mia!

PASQUALE   Shhhh! Stativi muti!  (ad Anna) Tu passa ddà banna! Anna esce a destra portando via la borsa con le vettovaglie) Giovanni!

GIOVANNI ( poggia sul tavolo il fucile) Sì!

PASQUALE     Rapi alleggiu alleggiu na ncagghia e vidi cu è.

NICOLA  Aspittati!

PASQUALE Chi voi?

NICOLA  Ma i cani puliziotti u sanu ca non n’hanu a muzzicari? 

PASQUALE  Certu ca u sanu! Diciunu sulu: “Ti dichiaro in arresto e in nome della legge ti muzzicu!” (a Giovanni) Rapi ssa porta!

GIOVANNI (guarda fuori) Nenti paura, sunu du cacciaturi.

PASQUALE     Si sicuru?

GIOVANNI      Sì! Si nni jienu!

PASQUALE  (verso la porta di destra) Anna, po’ veniri: a birra è fridda!

                                              SCENA QUARTA

(Anna e detti)

ANNA (rientrando) Sugnu già in ritardu all’appuntamento. Pozzu nesciri?

PASQUALE          Vai, vai…

ANNA (indossa una nuova  parrucca stravagante e inforca dei grossi occhiali da sole) Vi raccumannu, su non mi viditi turnari… avvisati a pulizia. (via dalla comune)

GIOVANNI  Spiriamo ca n’’a pigghiunu ppi n-travistitu.

NICOLA  Videmu chi dici a signura (apre la porta a destra e dopo aver guardato dentro) Oh Dio!

PASQUALE Chi successi?

NICOLA Viniti… Viniti!

PASQUALE  Si nni scappau?

NICOLA     Dui sunu i cosi: o è morta, o dormi o sviniu.

GIOVANNI  Allura sunu tri, cretinu!

NICOLA      Avi sangu sutta u nasu…

PASQUALE   Chissa fu Anna, ca ci sunau! (esce a destra con Nicola e Giovanni)

                                              SCENA QUINTA

(Tommaso e Michele, poi Pasquale)

TOMMASO (entrando dalla comune con Michele) Permesso? Putemu trasiri? Ma si sicuru ca non sbagghiamu indirizzu?

MICHELE  No! Via Sperduta nummuru 4. Ufficiali, inveci, haiu l’impressioni ca non c’è nuddu.

TOMMASO (ispezionando la stanza) E macari su c’è qualcunu, chi putemu pignurari su non c’è nenti?

MICHELE    Ci sunu seggi rutti e n-tavulinu ca fa schifu. L’unica cosa ca putissi aviri  n-certu valuri è stu fucili. Saranu morti di fami!

TOMMASO  E certu, su erunu ricchi chi si facevunu fari u sequestru ppi dirittissima? Si capisci ca è genti sfasulata. Ma dicu ju, su sanu ca ne ponu pavari, picchì firmunu na muntagna di cambiali?

MICHELE  Nuatri, intantu, ama a fari u nostru duviri. Ora, però, lei n’accuminciassi o solito so: ca ci fanu pena, ca i voli aiutari ….ci cunsigghiu di non parrari …si mittissi u bavagliu …e, specialmenti, non si cummuvissi!

TOMMASO Eh sì, hai ragiuni, ma non ci pozzu fari nenti, è cchiù forti di mia.

MICHELE     U nostru è n-bruttu misteri!

PASQUALE (rientrando e parlando fra sè) Ma è mai possibili… (si accorge dei nuovi arrivati) E chisti cu sunu?

TOMMASO    Bongiorno.

PASQUALE  Bongiorno.

TOMMASO   A nostra visita, purtroppamante, non ci farà piaciri.

MICHELE   Ma a liggi è liggi!

PASQUALE (sconvolto) A liggi?

MICHELE  L’ama avvisari ca, in casu di risistenza, semu custritti a chiamari i carrabineri.

TOMMASO   Sunu fora. Ne fici trasiri ppi delicatezza. U sapi com’è, in casa ci po’ essiri na fimmina incinta, n-malatu di cori… Ma non ci ni sarà bisognu. Si vidi ca lei non è dilinquenti, ma unu ca ha fattu chiddu ca ha fattu na mumentu di estremu bisognu.

PASQUALE  (come per confermare) Eh!…

TOMMASO   Semu cca pp’’u sequestru.

PASQUALE (quasi perdendo l’equilibrio) Ah!

MICHELE   Chi c’è, si senti male? Si voli assittari?

PASQUALE (mettendosi a sedere) No, no! Additta mi sentu megghiu.

TOMMASO        Mi fa piaciri.

PASQUALE     Sugnu sulu n-pocu frasturnatu…

MICHELE      Lei, però, stavota esagerau n-pocu assai!   

PASQUALE       U sacciu, u sacciu…

TOMMASO    (col tono di una paternale bonaria) E non l’ava a fari. Ppi chissu, appoi, a genti perdi a pacienza… Lei a dda povira signora a misi n-cruci! U putemu diri ca cci ttaccau i manu e macari i peri?

PASQUALE  (con assenso stentato) Eh!…

MICHELE   E finiu ca ni chiamau u maritu e  appumu a nterveniri nuatri d’autorità.

PASQUALE   Cuminciu a sintirimi mali…

TOMMASO  (rivolto a Michele, con tono afflitto) U vidi? Quannu fanu accussì, a mia mi stringi u cori.

MICHELE  Ufficiali, non si commovissi, non parrassi, si mittissi u bavagliu!

TOMMASO  (guardando Pasquale) E sì, u bavagliu!

PASQUALE  U sacciu, ma certi cosi senza bavagliu non si ponu fari.

TOMMASO  Non sapi comu u capisciu.

MICHELE     Ppi non parrari d’’i lamenti, i prutesti, i vuci d’’a signura!

PASQUALE  Chidda è na vipira, m’ha sputatu macari nta facci!

TOMMASO  Addirittura?

MICHELE   Però bisogna procedere. A signura è nfuriata e so marito peggiu di peggiu.

TOMMASO   Certu, bisogna capiri ca… su unu non pava oggi, non pava dumani, non pava dopodumani… chi voli diri?

MICHELE   Ca ntinzioni di pavari non n’avi!

TOMMASO   Bravu!

PASQUALE   ( si alza) E n-povuru cristianu ca oramai si trova na sti centu missi, e non po’ turnari arreri, chi ni fa d’’a signura? Ammazza o s’’a mangia?

MICHELE     E chi è na jaddina?

TOMMASO  C’è da diri ca lei, amicu miu, i cosi l’ha saputu organizzari benissimu: a casa leggia, na n-postu disabitatu…(con ironia) Tuttu precisu ppi n-sequestru!

MICHELE  Nuddu vidi, nuddu s’intrica. Ma, mi dispiaci diraccillu, sbagghiu, u fici.

PASQUALE – Unu sulu? E quali?

MICHELE -  Lassau u fucili peri peri!

PASQUALE  Ma ju… Chi ni sapeva d’’a vostra vinuta…

TOMMASO   E, inveci, si l’ava immaginari! Faceva scumpariri macari u fucili, ju non trovava nenti e bonanotti.

PASQUALE (quasi inebetito,gli stringe la mano) Si, si, bonanotti, bonanotti, grazi…

TOMMASO Ma chi sta dicennu?

MICHELE  Scusassi, ma lei in quali statu si trova?

PASQUALE  Ma picchì non semu cchiù in Italia?

MICHELE  Vuleva diri, in quali condizioni?

PASQUALE  (con forte commozione) Di miseria eterna, criditimi, di miseria niura e senza fini, sugnu n-miserabili di sicuru avvinire…. (porgendo i polsi) Arristatimi!   

MICHELE  Arristalla? Ma cca non si tratta di arrestu…

PASQUALE Ah, no?

TOMMASO  (imbracciando il fucile) Purtroppamente, ju ha fari u me duviri!

PASQUALE (arretrando terrorizzato) Ma… Ma chi vuliti fari… a fucilazioni?

TOMMASO       A fucilazioni?

PASQUALE   Chi vi mannau u maritu pp’ammazzarimi?

MICHELE      Ma ppi cu’ ni pigghiau?

TOMMASO  Semu cca ppi fari a stima de’ mobili e u sequestru.

PASQUALE  Ah picchì, vuatri… U sequestru… I mobili…

TOMMASO   Pp’’i cambiali ca non ci pavau a signura Pascarelli.

PASQUALE    Certu, a signora Pascarelli, si capisci!

                                              SCENA SESTA

(Giovanni, Nicola e detti, poi, da dentro, Francesca)

GIOVANNI (entrando da destra con Nicola) È viva! È viva!

PASQUALE (per non fare capire) Sì, evviva, evviva! (a Tommaso) Sunu vecchi amici ca mi volunu beni e cercunu di farimi curaggiu. Cu tutti sti debiti n’haiu bisognu… (a Giovanni e Nicola) I signori vinnunu ppi sequestrarimi i mobili. (indicando la porta a destra) Chiuditi dda  porta ca c’è currenti.

MICHELE (a Tommaso) U ntisi? Ci dissi di chiudiri a porta…

TOMMASO     Ci saranu i mobili.

MICHELE        Certu!

TOMMASO      Ju, purtroppamenti, haiu a trasiri na dda stanza.

PASQUALE    No, no, aspittati! Ddà intra…

FRANCESCA (gridando da dentro) Ah!

TOMMASO   Ntisi gridari!

PASQUALE   C’è me muggheri ca …sta parturennu…

MICHELE     E picchì no dissi prima?

FRANCESCA (c.s.) Aiuto!

PASQUALE  U senti comu sta gridannu!

                                              SCENA SETTIMA

(Anna e detti, poi Francesca)

ANNA (entra dalla comune con una valigia) La birra è finita!

MICHELE A birra?

GIOVANNI   Ah, menu mali ca vinni a levatrici: to muggheri è salva!

ANNA   (guardando stupita Tommaso) Ah, stu signori è ostetrico? (mentre Pasquale le fa dei cenni) Sì, sì, capisciu, ma… (portando le mani sul ventre) Vi ringraziu, non c’è bisognu, è stato n-falsu allarmi: vi nni putiti jiri. (poggia la valigia sul tavolo)

TOMMASO  Signura, ma ju sugnu un ufficiali giudiziario!

PASQUALE  Donna Pippina, ma chi sta dicennu? Chi ni sapi lei su me muggheri avi bisognu o no di l’ostetrico? (a Giovanni) E tu, su mancu a canusci, chi dici: “È a levatrici”? Donna Pippina non è levatrici: a mannai a ccattari na birra. E’ veru?

ANNA      (subito)  Si! Non n’avevunu cchiù, ci finenu.

PASQUALE  Non fa nenti. (ad Anna)  Lei, si nni pò jiri.

ANNA   Sì, sì, mi nni vajiu… Cca c’è a vostra valigia, v’’a lassu.

MICHELE    (a Pasquale) Ah, a valigia è a so?

ANNA     Mi raccumannnu, tinitila d’occhio, è priziusa!

TOMMASO  Priziusa?

ANNA    (mentre Pasquale,  le fa cenno di tacere) Insumma… priziusa, ppi modu di diri … Ci sunu … furchetti, cucchiari…qualche cuteddu… 

MICHELE  Ah sì? Facitimi vidiri…

ANNA       Ahu, stati fermu chi manu!

TOMMASO  Signura, mi dassi a valigia. Haiu u duviri di cuntrullari!

MICHELE  O chiamamu i carabbineri!

ANNA   (lascia la valigia) No, i carabbineri no!

TOMMASO  (a Michele) Com’è pisanti fari stu misteri!

NICOLA (sottovoce a Giovanni) E ora chi succedi?

GIOVANNI  Ni dununu a midagghia.

PASQUALE (mentre si sposta sul proscenio, a destra) Muti, stativi muti!

TOMMASO (aprendo la valigia, con esclamazione di grande stupore) Ah!

MICHELE (guardando a sua volta nella valigia) Eh!

GIOVANNI (va a guardare nella valigia, poi si rivolge ad Anna, come mandandola al diavolo) Ih!

NICOLA (va a guardare a sua volta, porta le mani al viso ed esclama) Oh!

ANNA (va a guardare, ha un sussulto) Uh!

PASQUALE   Ma chi vi stati ripassannu i vucali?

TOMMASO    E’ china di giurnali!

PASQUALE    No, non pò esseri! (corre a vedere anche lui)

TOMMASO       Taliassi!.

PASQUALE   U biduni!

MICHELE    Comu?

PASQUALE   Sì, ni ficiunu u biduni. (ad Anna, con tono da rimprovero volutamente caricato) Ma unni si nni jiu a ccattari i pusati d’argentu, a fera?   

ANNA     (con tono esageratamente patetico) Sì, sì, a fera.

PASQUALE   (c.s.) Ma comu si fa a ccattari l’argenteria a fera?  E non mi taliassi ccu sta faccia di ntontira! Almenu chiancissi!

ANNA  (c.s.) Avi ragiuni! (piangendo) Ma chi vuliti di mia? Ju sugnu na povira fimminedda, vuatri mi mannati a ccattari l’argenteria… (siede di schianto)

TOMMASO   Forza signura … Non chiancissi accussì: sunu cosi ca ponu succediri!

FRANCESCA (di dentro) Ah!

PASQUALE E’ me muggheri ca si cuntinua a lamintari! Ma quannu arriva sta levatrice… quannu?! (a Tommaso, abbracciandolo) Sugnu n’omu dispiratu, non cci a fazzu cchiù!

TOMMASO (A Michele) Chi facemu?

MICHELE  Eh, chi putemu fari?

TOMMASO (a  Pasquale) Sintissi, macari nuatri semu umani e capemu u mumentu ca sta attravissannu. Ora ni nni jiemu e scrivemu ca u sequestru no pottumu fari picchì truvamu a porta chiusa e intra non c’era nuddu.

PASQUALE (baciandogli la mano) Grazi, grazi, lei è n-santu… n-santissimu!

TOMMASO  Ma quali santu, lassassi perdiri! Su fussi santu.. ci facissi u miraculu di fari divintari centu miliuni sti giurnali!

NICOLA   Bellu fussi!

TOMMASO  Voli diri ca ppi pavari ci dugnu n’autri vintiquattruri.

MICHELE  E perciò, dumani turnamu n’autra vota!

PASQUALE  Certu, certu… (poi, fra sé) E videmu a ccu’ truvati…

TOMMASO  (a Michele, avviandosi verso la comune) Nenti, ju non sugnu tagghiatu ppi fari stu misteri, non è cosa ppi mia! (via con Michele)  

NICOLA   Giuvà…

GIOVANNI   (a Nicola) U sacciu, u sapevi ca fineva a fetu!

NICOLA   E sì! N’’a me vita non m’ha jiutu mai na cosa ritta!             

GIOVANNI  E ora d’’a signura chi ni facemu?

PASQUALE   (a Nicola) Vai ddà banna, a libiri e a manni a casa. (Nicola esce a destra. A Giovanni) Tu vai a pigghiari u furgoncinu e portulu cca. (Giovanni esce dalla comune. Poi, Pasquale va a guardare nella valigia e tira fuori alcuni giornali e legge)  “Pagati seicento milioni per la figlia del re dei peperoni”… (prendendo un altro giornale) “Pagati ottocento milioni per l’industriale Scapulavoi”… (tirando fuori, uno dopo l’altro, vari giornali) “Pagati… pagato… pagato!” Ci nn’è unu o jornu e i misi tutti na sta valigia! U fici apposta. Chi figghiu di nchiappatuna!

ANNA    Calmiti, non t’agitari…

PASQUALE  Ma a stu gran fitintuni na dinunzia ppi truffa ci a vogghiu fari!

ANNA  No, aspetta. Ti vuleva diri ca i sordi…

NICOLA (rientrando) A signura si sta sistimannu.

(dall’esterno si sente un fischio)

NICOLA    È Giovanni. (parlando verso l’esterno) Chi voi?

GIOVANNI (da fuori scena.) A machina non parti!

NICOLA (a Pasquale) Dici ca a machina non parti.

PASQUALE  Ci mancava macari st’autra! (esce dalla comune con Nicola)

                                              SCENA OTTAVA

(Francesca e detta, poi Pasquale)

FRANCESCA (entra da destra) E i giovani leoni unni sunu?

ANNA Stanu riparannu a macchina ca non parti.

FRANCESCA Ah, sì? Allura semu suli suliddi?

ANNA (spaventata) Ma picchì, chi voli fari?

FRANCESCA  Chi vogghiu fari? Aspetta. (guarda fuori dalla comune, poi rientra e prende un bastone e si avvicina ad Anna) Grandissima dilinquenti, tu prima, apprufittannu ca aveva i manu attaccati, mi dasti mmustacciuni ca mi facisti curriru sangu d’’u nasu…

ANNA (comincia a girare attorno al tavolo inseguita da Francesca) Ma signura…

FRANCESCA   Quali signura? Ju sugnu figghia di lavannara… Ora t’aggiustu ppi festi! (mentre sta per raggiungerla, si sente la voce di Pasquale)

PASQUALE  (da fuori scena) Anna!

FRANCESCA  - Nenti, i vastunati ti dugnu n’autra vota, ora inveci dammi u cappottu ca mi servi. (Francesca le strappa il cappotto di dosso e, mentre lo indossa, si accorge che Anna ha il vestito tapezzato di banconote. Poi, esce di corsa dalla destra, mentre Anna  comincia ad andare su e giù per la stanza) Oh mamma mia… Oh mamma mia, e ora comu fazzu?

                                              SCENA NONA

(Pasquale e detta, poi Nicola e Giovanni)

PASQUALE Ma chi successi?

ANNA  A signura scappau!

PASQUALE  (nota i soldi attaccati sul vestito di Anna) Ma allura ti desi? Semu ricchi! (sentendo le voci di Giovanni e Nicola che si avvicinano) Stanu arrivannu! (afferrando rapidamente una coperta vi avvolge Anna mentre Giovanni e Nicola entrano in scena) Non taliati a me muggheri, mpinciu e si ci strazzau u vistitu! Girativi di dda banna! (a soggetto)

FINE DEL PRIMO ATTO

                                          ATTO SECONDO

Siamo in casa di Pasquale Mozzichella. Al centro, sul fondo, si trova la comune, oltre la quale c’è un corridoio che porta all’ingresso. A destra e a sinistra le altre due uscite. Un tavolo, delle sedie e un paio di mobili con un telefono, una cornice con la foto di Anna e, alle pareti, uno specchio e dei quadri, compongono l’arredamento della stanza. Su di una sedia c’è la giacca di Nicola. Pasquale va su e giù nervosamente, apostrofando Anna che è seduta sulla sinistra occupata a rammendare dei calzini.

                                          SCENA PRIMA

(Pasquale ed Anna)

PASQUALE  Ma insomma, tu u cervellu ci l’hai ancora o tu vinnisti o mercatu d’’i cosi vecchi? Avemu na bumma sutta i peri e idda chi fa? Ci abballa a tarantella di supra! Pazza… Pazza!

ANNA (continuando a rammendare) Scemu… Scemu!

PASQUALE  Ma ti fai cunvinta? Su Giovanni e Nicola capisciunu qualche cosa, nto munnu non esisti n-postu unni ni putemu mpurtusari!

ANNA E allura cumincia a non gridari, ca Nicola ti po’ sentiri.

PASQUALE A parti a malacumpassa d’arrisultari du voti latri…finisci ca ni dununu na fraccata di vastunati, currunu i genti, venunu i carrabbineri e… vidi chi vergogna!

ANNA Ma insomma, tuttu chissu picchì mi vogghiu accattari na buccittina di (pronuncia come scritto) Soir de Paris?

PASQUALE (correggendola) Suor,  Suor de Parì!

ANNA    Ma è n-profumu ca si mettunu i monichi di Parigi?

PASQUALE  Si! (con ironia) E’ na speci di decottu di ncensu mmiscatu cc’’a cira, a sculatura d’’i cannili. I monichi s’’u mettunu n’’i sirati di ballu, quannu u viscuvu i nvita.      

ANNA     Pasquà, mettila a moddu, capita a tutti ca parrannu parrannu una si spara qualche fissaria.

PASQUALE  Qualche? Tu ni spari accussì assai ca pari na muschittaria! E poi diciunu ca perdu u cuntrollu… Ma si capisci!

ANNA  Na sta casa finiu ca putemu accattari sulu candiggina e carta igienica!

PASQUALE   Hai ragiuni! E allora u sai chi fai? Vai nto pillicciaiu, no gioiellieri, na (pronuncia come scritto) boutique…

ANNA  No, ju vulissi jiri sulu a fera o, al massimu, a Standa a ccattari qualchi abitinu ppi mia e ppi Lisuccia!

PASQUALE   Nenti fari ca nenti si sapi! Anna, nuatri ama a dimustrari sulu miseria: niura comu a pici e grigia comu a cinniri!

ANNA  Ahu, ci truvau macari a gradazioni di culuri a miseria!

PASQUALE  U capisti o no ca n’ama a dari all’occhiu? Per esempiu, fammi vidiri a jamma…

ANNA Ma picchì?

PASQUALE Fammi vidiri a jamma!

ANNA (si alza, protende la gamba e pronuncia come scritto ) Et voilà!

PASQUALE  Talìa.

ANNA Chi c’è?

PASQUALE  Na cinquant’anni ca ti canusciu tu ha purtatu sempri cosetti smagliati, comu mai ora pari a riclami d’’a Omsa? Rispunni! (si fronteggiano dai due lati del tavolo).

ANNA  Su avemu centu miliuni, picchì ama a fari i pizzenti cchiù di prima? Quannu è ca potemu tuccari qualche lira? Rispunnimi tu, ora!

PASQUALE  Tu dissi: ama spittari ca succedi qualche cosa. Chi sacciu… na vincita omonima o totocalcio, n-parenti ca mori e ni lassa l’eredità… È culpa mia su avemu parenti ca non volunu moriri?

ANNA Ma allura nvintamanninni unu, facemu moriri a qualchiduno… U zu Casimiro, per esempiu, ca a stura avrà quasi novant’anni o è già mortu..

PASQUALE   Ma su avi trent’anni ca n’avemu nutizii…

ANNA Appuntu ppi chissu! Non c’è nuddu ca si nteressa, ca si nforma. Ascutimi. Ora nesciu a fari a spisa, quannu tornu ti fai truvari ca chianci e mi duni ca arrivau a nutizia d’’a morti d’’u zu Casimiro ca ni lassau centu miliuni. Ju, prima mi fazzu veniri n-svinimentu, appoi, mi mettu a chianciri, a ridiri a sautari…

PASQUALE   Brava, e accussì ti fazzu purtari o manicomiu. (siede vicino al tavolo, a destra, Anna a sinistra e riprende a rammendare)

ANNA        Ma allura si propriu duru!  

                                          SCENA SECONDA

(Nicola e detti, poi Lisuccia)

NICOLA (entra dalla sinistra) Ecco fatto, a funtanella v’aggiustai.

ANNA Grazi, Nicò.

PASQUALE  Menu mali ca a sistimasti…quantu costa n’idraulicu….

NICOLA (indossa la giacca poggiata sulla sedia e mostra il giornale che ha in tasca) Ma i giurnali i stati liggennu?

ANNA  E cu n’avi tempu di liggilli! (mostrando i calzini) No vidi? Ju ripezzu cosetti di longu a longu, ripezzu, ripezzu…

NICOLA Stu pagliacciu cuntinua a diri ca pavau n-saccu di sordi pp’’u riscattu d’’a muggheri.

PASQUALE  Iddu po’ diri tutti i fissarii ca voli, tantu, non è ca i siquistraturi ci ponu rispunniri: “Non è veru, n’ama avutu nenti”…

LISUCCIA (entra dalla sinistra con due recipienti d’acqua) Su non ci pensassi ju a ddi poviri pianti, putissunu siccari. (andando verso destra) Mammà, m’’a  duni na manu?

ANNA Sì megghiu è, annunca  finisci ca ci fai a doccia a l’inquilinu di cca sutta!

LISUCCIA Ti pari ca ci facissi mali? (fuori a destra)

PASQUALE  Nicò’, ascuta a mia, non ci pinsamu cchiù. Alla fin fine i sordi na vita non sunu tuttu, filicità non n’hanu datu mai.

ANNA Sì, ma ju non canusciu a nuddu ca è filici senza sordi! (ripone le calze nel cestino da lavoro, sul tavolo, e raggiunge Lisuccia)

NICOLA Pasquà, u voi sapiri? Chiamami fissa, ma a mia d’’i sordi non mi nteressa propriu nenti.

PASQUALE  Bravu, fai bene. Assettiti. (Nicola si accomoda a sinistra)

NICOLA   Però, di quant’avi ca ni nni jiemu di dda maliditta casa, n’arrinesciu cchiù a dormiri. Pasquà, ju a chidda ci l’haiu sempri davanti l’occhi!

PASQUALE  A cui? A signura?

NICOLA   Sì! Ppi mia addivintau na fissazioni. Non m’’a pozzu scurdari!

PASQUALE  Ma non è ca ti nnamurasti d’’a signura?

NICOLA    Dda  vota ca erumu suli m’addumannau su ci puteva luvari u bavagliu ppi tannicchia, appoi mi dissi su mi puteva avvicinari e…. chiddu ca successi non tu poi immagginari!...

PASQUALE    U sacciu, non m’’u diri: ti sputau nta facci!

NICOLA  No, mi vasau!

PASQUALE     Comu?

NICOLA      Si, mi vasau! (indicando la fronte) Cca!

PASQUALE           E brava a signura!

NICOLA        Pasquà, t’’u ripetu: a mia d’’i sordi non mi nteressa nenti!

PASQUALE          Chista si chiama saggizza.

NICOLA        A mia i sordi mi fanu schifu!

PASQUALE         E chistu si chiama bon sensu.

NICOLA       Ma ju a dda signura l’haiu a vidiri ancora!

PASQUALE     Chista, inveci, si chiama pazzia!

NICOLA         Pasquali…

PASQUALE    Chidda u fici apposta, ppi farisi libirari. Ma no capisci ca u to è sdilliriu arrapatoriu passeggeru?

NICOLA (vedendo Anna e Lisuccia che rientrano, si alza, imitato da Pasquale) Basta Pasquà, ju mi nni vaju: tornu cchiù tardu ccu Giovanni pp’u solitu scupuni.

LISUCCIA Sì, però sulu no pomeriggiu. (a Pasquale) Stasira a televisioni fanu “Amore incantato”. (intanto, Anna, si siede a sinistra e riprende il rammendo)

PASQUALE A mia a televisioni mi fa antipatia. Nesci chidda e dici: “Fra poco trasmettiamo a colori…”. Ju a culuri non ci l’haiu e m’addannu. (a Nicola) Ccu stu paccariamentu, m’’a pozzu accattari mai a televisioni a culuri?

LISUCCIA  A mia inveci a televisioni mi rilassa. Speci quannu a mamma mi porta dda bella tazza di tè friddu cc’’a granita di limone e i viscotta.

ANNA Eh, figghia mia, chisti sunu vizi ca n’ama a luvari. U supecchiu è comu u mancanti!

LISUCCIA Ma su è ppi chissu, a mia mi basta na fedda di pani e n-Milione.

PASQUALE (immerso nei propri pensieri, sobbalza) Milione? Cu dissi n-miliuni?

LISUCCIA    U formagginu papà, u formagginu Milione!

ANNA Ma dicu ju, propriu u Milione t’ava scegliri? Ci nni sunu tanti formaggini cchiù morti di fami…

LISUCCIA Ma chi mi nteressa d’’i miliuni! Ju sugnu ricca, ricchissima… Cca ci sunu i me’ gioielli! (Pasquale ed Anna si guardano sorpresi) N-patri e na matri onesti a diciotto carati!

ANNA (preoccupata a sentire la figlia, si punge) Ahi! Mi  ho puntuto macari u jitu!

PASQUALE  Pungiutu!

ANNA (al marito) Lei non si preoccupassi, u sacciu ca non si dici puntutu ma pungito…

PASQUALE          Puntu!

ANNA          (ribattendo    E basta!

PASQUALE    No, ju dicu, punto!

ANNA           E ju dicu basta!

LISUCCIA  Avaia, non v’acchiappati. (prendendo a braccetto Nicola) Amuninni Nicola, lassamuli suli in questa attimusfera amorosa. (a Pasquale) Vajiu a fari du chiacchiri cu Carmela. (esce dalla comune con Nicola)

PASQUALE Ma picchì fai accussi davanti a genti? E su Lisuccia capisci qualche cosa?

ANNA   Ma su si tu ca mi tiri di l’ugna! C’era bisognu di fari u prufissuri?

                                          SCENA TERZA

(Lisuccia e detti)

ANNA     Non c’è Carmela? 

LISUCCIA   Ci fa mali a testa. (ad Anna) Anzi, so mamma mi dissi su ci po’ avvicinari picchì t’ha parrari.

ANNA  A signura Agata? E chi voli di mia?

LISUCCIA   E chi sacciu? Dissi ca quannu hai n-mumentu libiru ti voli parrari di na cosa seria.

ANNA     Videmu chi voli. (posa i calzini nel cestino da lavoro, si sistema i capelli davanti allo specchio e  si avvia verso la comune).  

PASQUALE (riprende i calzini dal cestino e li da ad Anna) Aspetta, portiti sti cosetti, accussì chiacchiariannu chiacchiariannu i ripezzi e non perdi tempu. (sottovoce) Mettili in vista, faccìnni accorgiri ca sunu spurtusati!

ANNA    (alzando gli occhi ala cielo) Ah, zu Casimiro! (esce dalla comune)

LISUCCIA  Ju u sacciu chi voli a signura Agata.   

PASQUALE (siede vicino al tavolo, a destra)  U sai?   

LISUCCIA Si! Anzi, sugnu sicura ca cc’’a mamma cumincia accussì: (imitando la voce della signora Agata) ‘“Donn’Anna, ju u sacciu ca lei avi n-patrimoniu.”

PASQUALE (preoccupato) Oh, mamma mia!

LISUCCIA (continuando) “Sì, n-tesoru, ca l’ha fattu assemi a so maritu e l’ha tinutu ammucciatu sutta a vesti…”

PASQUALE (c.s.) E ccu ci u dissi?

LISUCCIA (c.s.) “Ma è n-tesoru ca non si pò spenniri…U  tesoru ca ci staiu dicennu è so figghia Lisuccia!”

PASQUALE Ah, è so fi…? E parra chiara!

LISUCCIA  (siede a sinistra) Ha parrari chiaramenti? E va bene. A signura Agata voli nsinuari ca ju, cc’’a scusa ca sugnu amica di Carmela, vajiu a so casa ppi ncuntrari a so figghiu Pippu.

PASQUALE          E picchì?                               

LISUCCIA  Ma comu, no capisci? Significa ca ci fazzu u filu! Anzi, è cunvinta ca semu ziti ammucciuni e Carmela ni fa u cummogghiu.

PASQUALE    Comu si permetti chissa? Allora a stu puntu mi tocca fari u patri! Ora vaju ddà banna e parru cu tutta a famigghia: Pippu, pippetta e pippa matri!

LISUCCIA Papà, aspetta…

PASQUALE   E tu, grannissima figghia di to matri, picchì davanti a ssa mpannavanèddi arristasti muta?

LISUCCIA  Picchì? (piangendo) Picchì è veru!

PASQUALE      Comu?

LISUCCIA    È veru!

PASQUALE   E brava! E hai a facci tosta di diri ca a signura voli nsinuari?

LISUCCIA Ma sì, picchì idda u dici ccu malizia… Nuatri, inveci, ni vulemu beni all’antica,  cc’’u baciu na frunti e a sirinata. E chidda, inveci, u sai chi si metti a diri?

PASQUALE    No!

LISUCCIA Si metti a diri ca ju ci vogghiu rubari u figghiu dutturi. Picchì, no sacciu su u sai… Pippu sta divintannu dutturi.

PASQUALE Ma a signura Agata è cunvinta o no ca tu si n-tesoru?

LISUCCIA Sì papà, ma n-tesoru ca non vali nenti, mentri u figghiu avi bisognu di una ca ci porta na doti sustanziusa. Papà, voli nsinuari ca nuatri semu na famigghia di morti di fami!

PASQUALE    E nsinua giustu!     

LISUCCIA  U sai comu ni sapi sentiri a signura Agata? A famigghia nfrasciamata, cc’’u patri ripizzatu e a matri strazzata!

PASQUALE (arrabbiato, si alza) Ah, accussì ni chiama?

LISUCCIA Sissignore! E u sai chi dici macari? (imitando la voce c.s.) “Avi du anni ca u maritu non s’accatta na maglia intima. N’avi sulu dui: una leva e una metti”.

PASQUALE  E chi ni sapi idda?

LISUCCIA  Talia a mamma quannu stenni a biancheria.

PASQUALE   Chi lingua pizzuta!

LISUCCIA   Dici ca semu pallidi comu tanti murticigni picchì non mangiamu mai né carni né pisci.

PASQUALE  Cuntrolla a mamma quannu fa a spisa?

LISUCCIA   No, talia l’avanzi ca ci jittamu e jatti d’’u curtigghiu.

PASQUALE  Chissa è capaci di taliari cc’’u binoculu su na pasta cc’’a salsa ci mittemu u piacintinu o u cosicavaddu! Ma taliati chi curtigghiara! (accarezza la testa della figlia) Ma a nuatri non ni interessa, è veru?

LISUCCIA Si! Ni basta na fedda di pani e n-Milione.

PASQUALE   U formagginu?

LISUCCIA  Certu, ppi fari stari muta a panza.

PASQUALE E siccomu a panza ci l’avemu nica nica, na fidduzza macari n’assupecchia!

LISUCCIA     Chiddu ca inveci avemu ranni ranni è u cori, unni ci capi… tantu duluri.

PASQUALE (singhiozzando) E’ veru…

LISUCCIA  Ma quannu t’accorgi ca a valanca di l’umiliazioni ti sta subbissànnu, a rabbia pigghia u sopravventu e ti veni a tintazioni di darici n-cauci all’onestà. Chi vali aviri n-patri galantomu? Era megghiu su faceva u banditu e aveva  i miliuni!

PASQUALE      I formaggini?                             

LISUCCIA       No, i sordi papà, i sordi!

PASQUALE   Ma tu dissi to matri di farimi stu discursu?

LISUCCIA   A mamma? E chi c’entra?

PASQUALE  No, nenti, nenti… Avaia, ora non chianciri cchiù, annunca mi cummovu … (si sposta a destra) Anzi, appena torna a mamma, mi vaiu a fari na bella chiacchiariata cc’’a signura Agata, accussì chiaremu ssa storia.

                                          SCENA QUARTA

(Agata, Anna e detti)

AGATA (entra dalla comune seguendo Anna. Parla con tono agitato) Signuruzza bedda, lei non si l’ha pigghiari a mali.Ccaognuno difenni u so. Su appoi sbagghiai a parrari m’’u dicissi, e voli diri ca mi ni tornu n’autra vota a scola ppi mparari comu m’ha cumpurtari. (a Lisuccia che nel frattempo ha tentato di  porgerle una sedia) No, no, grazi bedda, non mi vogghiu assittari.

PASQUALE Signura sintissi… (Lisuccia siede in fondo a sinistra)

AGATA   No, picchì  so muggheri,  mentri ju parrava mi vutau i spaddi, ppi non diri u tafanario, e mi lassau fora d’’a porta comu na trunza qualsiasi.

ANNA Non è veru! Ci dissi: “Scusassi, sta sunannu a campana e mi n’ha’ a jiri a diri u Rusariu”.

AGATA   Sì,  u Rusariu, va beni!… Chidda era na scusa ppi mannarimi a ddu paisi!

ANNA        E ci jiu?

AGATA      Unni?

PASQUALE      Anna ppi favuri, statti muta e lassa parrari a mia.

ANNA         E parra… (siede a sinistra e prende in mano la corona del Rosario)

PASQUALE (si schiarisce la voce e inizia con tono da discorso importante) Dunca, signora Misericordia …

ANNA (ad alta voce, come se ripetesse la litania) Ora pro nobis…

PASQUALE (riprendendo) Signora Agata Misericordia…

ANNA (c.s.) Miserere nobis…(Pasquale la guarda con insistenza) Chi cc’è?

PASQUALE  (facendo segno alla moglie di andarsene) Ite, missa est!

AGATA Don Pasquà, è inutili ca so muggheri cuntinua a diri Missa, ju sugnu na santa ca certi miracoli ne pò fari. E ccu chistu chiudu e stativi bene! (sta per andarsene)

PASQUALE Ma signura…

AGATA (si ferma e tira fuori dalla tasca un calzino bucato. Ad Anna con feroce sarcasmo) A proposito, prima ci cascau n-terra stu capu pregiatu di biancheria.

ANNA  (si alza e strappa il calzino dalle mani di Agata) Chissu non è n-capu e mancu n-peri di biancheria…

AGATA   U parrari chiaru e nta facci è ppi l’amici. A rugna non c’è rimediu, cu l’avi s’arraspa; cu, inveci, avi a saluti s’’a godi. (cambiando tono)Perciò, haiu fattu tantu pp’accilirari a carrera di me figghiu, picchì ora avissi a fari canciari il corso del destino?

ANNA  Si, corsu Umberto!

PASQUALE  (alla moglie) Statti muta! Signura Misericordia, il corso del destino è ne’ manu d’’u Signuri e né ju né lei u putemu canciari.

ANNA (guardando con insistenza il marito) Ma siccomu semu tutti sutta questa coppola di cielo e nuddu po’ diri ca di st’acqua non ni vivu, i cosi ponu canciari di mumentu a n’autru. Nuatri, per esempiu, avemu ziu ca ni scrissi ca non stava tantu bonu…

PASQUALE  Non ti preoccupari, u ziu sta benissimu. Lassulu stari e fammi parrari.

ANNA   (fissando Agata) Non sempri si po’ aviri na saluti di ferru…

AGATA Signura, ma chi mi sta augurannu n-capustornu?

LISUCCIA  Ma no, chi c’entra!    

AGATA (con rabbia) Ma picchì,  non po’ jittari sangu unu di vuatri, accussì vi fazzu bellu fiori ca non marcisci?

PASQUALE Ma signura…

AGATA Ma chi signura e signura! Mi dispiace sulu ppi sta povira disgraziata  e svinturata  carusa  nnuccenti ca avi na sula curpa: chidda di essiri figghia vostra (si avvia verso la comune) Bonasira!

PASQUALE Signura…

AGATA (mandandolo al diavolo) Uh! (esce dalla comune. Lisuccia si avvicina, mentre Anna siede)

PASQUALE (facendo atto di pigliarsi a schiaffi) Mi pigghiassi a timpulati ju stissu!

ANNA   Eh, forza, dai apprufittini!

LISUCCIA Papà, u sbagghiu u fici ju!

PASQUALE  No, u fici to matri, siccomu non si voli cunvinciri ca i mustazzi  l’ha purtari sulu u jattu, si misi a parrari cc’’a signura comu na sampugna e non mi fici diri mancu na palora. E sì, picchì a idda non ci piaci essiri a me mità. No! Ccu priputenza voli fari sempri a so parti ppi tri quarti e a mia mi lassa sulu n-quartu!

ANNA (furibonda)  Parri accussì picchì non sai chiddu ca mi dissi nta facci dda malalingua: “Signura Anna, haiu n-niputi ca avi bellu postu sicuru di operatore ecologico. Cci u vulissi fari canusciri a so figghia Lisuccia. È n-bravu carusu. Non si pò mai sapiri, di cosa po’ nasciri cosa. A sorti è orva!” Ha’ caputo? E’ cunvinta ca u distinu di me figghia è n-munizzaru! (Lisuccia scoppia in pianto)

PASQUALE  Ah, accussì dissi?   

LISUCCIA Papà, non ti scuraggiari. A signura avi ragioni, ju sbagghiai... A filicità pp’’i  puvureddi non esisti, è comu n-miraggiu, (come se indicasse qualcosa all’infinito) u vidi, pensi di putillu abbracciari, teniri strittu, ma s’alluntana sempri di cchiù! (abbraccia la madre)

PASQUALE     Nenti, chista pigghiau tutta di mia, avi a stissa  espropiazioni poetica.

ANNA        Ma non hai nenti di diri?

PASQUALE   Nenti, lassimi stari. Stamatina haiu tanti di ddi problemi pp’’a testa, fuuriti su pozzu pinsari i scucchjarii ca cunta a signura Agata…

ANNA (con tono acceso) Uh, mamma mia! Ma allura sangu ne’ vini non n’hai? Ma non ti senti umiliatu?  Veru, mi l’ava scurdatu, tu ppi non dari saziu a morti, murissi cu l’occhi aperti! (a Lisuccia) Chi ti cridi? E’ capaci ca cu tutti sti frastorni c’avemu, s’assetta e scrivi na poesia.

PASQUALE  Ma quali poesia? Ju… ju v’ha diri na cosa ca ppi mia è comu na spina nficcata nto cori! Anna, stamatina mi telefunanu di Trieste…

LISUCCIA E cu telefonau?

PASQUALE  Anna, fatti forza e coraggio…

ANNA      Ma chi successi?

PASQUALE   Na stu munnu semu tutti di passaggiu e bisogna  fari a volontà di Dio.

ANNA  Certu, capisciu… (comincia a capire) Prima o poi qualche morto ci po’ sempri scappari…

PASQUALE (con gravità, alla moglie)  E’ morto u zu Casimiro!

ANNA (raggiante in volto) Daveru? (ridendo e battendo le mani) Aaaaah! Morsi u zu Casimiro! (siede)

PASQUALE (con tono allusivo, di rimprovero) Anna! Non ti fari pigghiari di sta crisi sterica… Chianci, disgraziata, sfoviti! Quannu unu mori s’ha chianciri!

ANNA Sì, sì…(piangendo esageratamente) Lisuccia, u sintisti? Finalmenti morsi u zu Casimiro!

PASQUALE (cercando di coprire) Sì, finalmenti, picchì u poviru vecchiu suffreva… Suffreva assai ccu tutti ddi piaghi!

ANNA (piangendo) Eh, suffreva, è  veru! Era u megghiu ziu miu!

PASQUALE   U capisciu ca si troppu sconvolta, ma u ziu era u miu, no u to!

ANNA Sì, ma quannu mai ama fattu diffirenzi tra chiddu to e chiddu miu? U zu Casimiro vuleva beni a tutti e dui.

PASQUALE  (con solennità) Iddu mi crisciu… Mi fici di patri! Era n-vecchiu liuni! N-cristianazzu.  E era macari riccuni… n-magnate!

ANNA Ah, è vero, si faceva certi magnati! Quantu era beddu a tavola! Chi simpaticuni (a Pasquale) Ni vuleva tantu, tantu beni! (si alza) E ora ni lassau…

PASQUALE  In questa valle di lacrime!

ANNA   Sì, sì, ni lassau nta valli. Ma ni vuleva tantu, tantu beni. (si alza) E ni lassau…

PASQUALE    L’amaro cordoglio!

ANNA     Sì, va beni, ma ju dicu: chi ni lassau?

PASQUALE    Nenti, nenti autru ca n’inconsolabile dolore!

ANNA     Ma chi fa, non capisci?

PASQUALE   No, no, ti capii, ti capii…  Ma chi mureva, ccu tistamentu a manu e i sordi sutta u cuscinu? Basta!Ora bisogna telefunari a Trieste ppi sapiri comu successi, ppi farini presenti…

LISUCCIA  Ma non è megghiu su ci scrivi na littra?

PASQUALE  Certu! Accussì ni rispunni e ni manna i saluti!

ANNA   U canusci u prefisso di Trento?   

PASQUALE          Di Trieste!

ANNA   Trento, Trieste, sempri ddà semu! Aspetta, ora cci u dumannu o centralinu.

LISUCCIA     Stamatina  u telefunu non funzionava, forsi ni tagghianu a linia!

PASQUALE  Auh! Menu mali ca u tagghianu dopo ca sappumu a nutizia d’’u ziu. (ad Anna) E  ora comu facemu? Chi dici, ci voi dumannari u favuri a signura Agata?    

ANNA  A cui? Oramai u nostru pianerottulu è comu u muru di Berlinu! Nuatri stamu di cca e iddi di ddà, chi mitra spianati, u filu spinatu e i cani lupu strugghiuti.

LISUCCIA   E poi chi cumparsa ci facissumu? Su chidda veni a sapiri ca ni tagghianu u telefunu, ju… ju pp’’a vergogna mi jiettu d’’u balcuni!

PASQUALE   (ad Anna)  E allura, cchiù tardu scinni e telefuni d’’a cabina.  

ANNA  Povuru zu Casimiro, ni lassau suli.

LISUCCIA (confortandola) Mamma, non t’abbattiri, prima o poi o zu Casimiro lo riabbraccerai nell’aldilà.

ANNA  (facendo scongiuri) Si ma senza primura!

                                          SCENA QUINTA

(Nicola, Giovanni e detti)

NICOLA (entrando dalla comune con Giovanni) Permessu?

GIOVANNI       Arrivanu i grandi campioni di scupa!

PASQUALE  Giovanni… Nicola… fratuzzi mei, ju oggi… (piangendo in modo esagerato)

GIOVANNI  Chi successi?

NICOLA    Na disgrazia?

ANNA             E’ morto u zu Casimiro, ca stava a Trento e Trieste.

NICOLA          Mih! Trento e Trieste?

ANNA              Sì, aveva du casi, una a Trieste e una a Trento… Jieva e vineva.

GIOVANNI     Uh, quantu mi dispiaci!

PASQUALE  Non ni parramu … Anna sta jiennu a telefunari,  ju non haiu a forza!

GIOVANNI    Ma picchì, u telefunu non funziona? 

ANNA      No, n’’u tagghianu.

PASQUALE    E ppi forza! Cu ci l’avi i sordi ppi pavari a bulletta? A propositu, ci l’aviti qualche gettoni?

GIOVANNI L’avissi aviri…

NICOLA   Ju n’haiu dui.

PASQUALE (porge ad Anna i gettoni ricevuti e,poi, con enfasi) Va’, fai prestu

NICOLA         (ad Anna) T’accompagnu.

ANNA    (con tono melodrammatico)  No, no, ristati ccu iddu. Ju sugnu fimmina e i fimmini, na sti cosi, semu cchiù masculi d’’i masculi. È Pasquali ca avi bisognu di cumpagnia!

PASQUALE     (quasi implorante) Torna, torna…

NICOLA    (cantando) Sta casa aspetta a te, torna, torna, torna…

GIOVANNI   (c.s.) Ca si ce tuorne tu…

NICOLA    (c.s.)  Nun ce lassamme cchiù.

NICOLA-GIOVANNI-ANNA-LISUCCIA       Zum, zum!

PASQUALE   Ahu, carusi, e comu finiu? Cc’’u mortu n-casa vi mittiti a cantari? (pausa) Unni era arrivatu?

NICOLA-GIOVANNI-ANNA-LISUCCIA       A torna!

PASQUALE     (quasi implorante) Torna, (fulmina i presenti con lo sguardo) torna prestu! Non mi lassari sulu!

ANNA  Ma chi ti pari ca è cca arreri? Trento e Trieste (protendendo le braccia in avanti) è luntanuluntanu! (via dalla comune)

PASQUALE  Ma quantu è ngenua… quantu è nnuccenti… chi fimmina all’antica!

NICOLA    Ma spiegami ‘na cosa, Pasquà: ma com’è  ca di  ssu ziu non nn’ha’ parratu mai?

PASQUALE (toccandosi la testa) Ahi, a testa! (siede) Non m’addumannari nenti, Nicò! Mi sentu a testa comu n-palluni!

                                          SCENA SESTA

(Agata e detti)

AGATA (da dentro) È permessu?

LISUCCIA Avanti, prego. (presentandola) È a signura Agata.

AGATA Don Pasquà, condoglianze. Sugnu murtificata ca stu fattu successi proprio ora ca ci fonu ddi du’ chiacchiri...

PASQUALE       Grazi signura, grazi. Ma a lei cu cci u dissi?

AGATA  M’’u dissi so muggheri mentri passava. Era tutta agitata…

PASQUALE Eh, u sacciu, u sacciu… Chidda è sensibili, ci stava vinennu n-corpu  apolipettico!

AGATA (fra sé) Vo’ vidiri ca sta disgraziata mori propriu ora ca ficiumu dda custioni? (poi a Pasquale) Don Pasquà, senza cerimonie, ju sugnu a disposizioni ppi qualsiasi cosa.

PASQUALE  Nenti signura, grazi, non mi servi nenti. (singhiozzando) Vulissi vidiri ppi l’ultima vota o zu Casimiro, sulu chissu vulissi! Ma cu m’’u po’ dari cchiù o zu Casimiro?

GIOVANNI (preoccupato, indicando Pasquale) Alleggiu alleggiu sta divintannu sempri cchiù russu!

NICOLA  Jancu!

AGATA     Insumma diciditivi, jancu o russu? (poi fra sé) U voi vidiri ca su mori a curpa ma dununu a mia? (poi ad alta voce) Don Pasquà, ma picchì non veni nni mia e vi mittiti i manu ammoddu intra l’acqua caura?

NICOLA  Ma picchì, lei avi l’acqua miraculusa? C’arriva mbottigliata di Lourdes?

GIOVANNI (toccando il polso di Pasquale) A mia mi pari n-pocu musciu.

NICOLA Non pirdemu tempu, ci vulissi n-liquorinu.

LISUCCIA (si avvia verso sinistra) Eh, liquorinu? (poi, si ferma) E non n’avemu!

AGATA E chi ci voli?! Basta chiamari u bar e u facemu purtari! (si avvicina al telefono) Ci telefunu ju…

PASQUALE (scattando in piedi) No!

AGATA Chi successi?

PASQUALE Mi passau, staiu beni!

AGATA     A mia, inveci, non mi piacìu a signura Anna. (a Nicola) A putevuru accumpagnari!

NICOLA    Ju ci u dissi, ma idda non vosi.

AGATA  Ah, ma allura si sinteva bona? Lisuccia, fai na cosa, vai a me casa, accussì almenu stai n-cumpagnia, ccu me figghia Carmela. Ju u sacciu, quannu una non rinesci a sfuvarisi cc’’u chiantu è bruttu!

LISUCCIA      Ju veramenti a stu ziu mancu u canusceva.

NICOLA    A propositu, ma stu ziu Casimiro…

PASQUALE (c.s.) Ahi, a testa, a testa! (siede) Staiu mali n’autra vota!

AGATA (fra sé)  Santa Genoveffa, non ci fari jittari sangu propriu ora!

NICOLA  Ju u dissi: ci voli n-liquorinu, n-vermùt…

AGATA (andando verso il telefono) Ora telefunu o bar!

PASQUALE (scattando in piedi) No!

AGATA (sorpresa)  Don Pasquali!

PASQUALE Basta, basta, mi passau, ora mi sentu megghiu. Chiuttostu sugnu preoccupatu ppi me muggheri ca non torna…

NICOLA  (a Giovanni) U sai chi facemu? Scinnemu e a jiemu a ncuntrari.

GIOVANNI      Sì, sì. Amuninni,

NICOLA      Ju vajiu a destra e tu a sinistra. (via dalla comune con Giovanni)

AGATA (fra sé) Forsi è megghiu ca mi nni vajiu, annunca mi finisci ca restu cc’’u chistu ca è cchiù ddà banna ca cca banna! (ad alta voce) Don Pasquà,  ju intantu vajiu a casa e priparu n-cafè beddu forti, ca fa bene o cori! Lisuccia, ppi tutti i cumminazioni chiamimi, u capisti? Non fari cirimoni, mi raccumannu. Ama a essiri comu i frati e i soru. Anzi, vadda chi fai, prima chiama u purtunaru e poi a mia. (via dalla comune)

PASQUALE  Finalmente n-pocu di paci! Non ti preoccupari, s’aggiustunu tutti cosi.

LISUCCIA   Ma comu s’aggiustunu?

PASQUALE   Ora u vidi,  ju sugnu n’omu di fede, m’arrivulgii a S.Prospiru.

                                          SCENA SETTIMA

(Francesca e detti)

FRANCESCA (da fuori scena) Permessu?

LISUCCIA Cu è?

PASQUALE E chi sacciu? Vai a vidiri!

LISUCCIA (esce dalla comune per ritornare dopo con Francesca. A Pasquale) È na signura. (a Francesca) Prego, s’accomodassi.

FRANCESCA  (È tutta vestita di nero, con un cappellino e la veletta calata sul viso) Bongiornu.

PASQUALE    Bongiornu.

FRANCESCA (sollevando la veletta)  Mi ricanusci?

PASQUALE (alzando le mani al cielo) Ah, S.Prospiru!

FRANCESCA Sì, sugnu a dama di carità di S.Prospiru. Vinni ppi ddi sordi… dd’offerta ca mi prumisi…

PASQUALE Sì, sì u capii. Ma ora…

FRANCESCA     Ju u sapeva ca a me visita ci avissi fattu piaciri, tantu ca pinsai: “A vogghiu vidiri a facci di don Pasquale quannu mi presentu”…

PASQUALE Certu, è na bella sorpresa! (poi, alla figlia) Lisuccia vai, vai tannicchia n’’a signura Agata… (Lisuccia esce dalla comune)

FRANCESCA (apre la borsetta) Ju tempu di perdiri non n’haiu, haiu primura!

PASQUALE (preoccupato) Chi sta pigghiannu na borsa?

FRANCESCA L’accendino! Vogghiu fumari! (estrae l’accendino e assieme alla borsa lo poggia sul tavolo).

PASQUALE Ah, pinsava… (inginocchiandosi) Signura…

FRANCESCA (subito) Susiti, statti mutu! Dilinquenti!

PASQUALE Non facissi vuci, ppi favuri!

FRANCESCA Non ti preoccupari, tu dicu n’aricchi chiddu ca si.

PASQUALE  Non si scumudassi, u sacciu.

FRANCESCA U voi sapiri comu arriniscii a truvariti?

PASQUALE    Fu Nicola. U cchiù fissa d’’i tri.

FRANCESCA U cchiù fissa di tri, inveci, si tu, ca mi dicisti u to nomu: “Signura, davanti a lei c’è il bruto Pasquale Mozzichella!”

PASQUALE  Sbagghiai, vuleva diri u cchiù bruttu mbicilli d’’u munnu!

FRANCESCA Taliai na l’elencu telefonicu: ci n’eranu quattru Mozzichella; scarta unu e scarta n’autru, finalmente truvai u “muzzichellu” miu!

PASQUALE Signora, non pirdemu tempu, avi a pistola na borsa?

FRANCESCA No.

PASQUALE  Qualche autra arma?

FRANCESCA No!

PASQUALE (porgendo il petto come a volersi sacrificare)  Allura, mi sparassi!

FRANCESCA  Ti piacissi su mi ni jissi n-galera, veru? E inveci no, n-galera ci ha jiri tu, assemi e to cumpari, Nicola e Giovanni.

PASQUALE  No, ppi favuri! È capaci ca ni mettunu na stissa cella! (cambiando tono) Signura, i centu miliuni di so maritu sunu ancora intatti.

FRANCESCA Intatti?

PASQUALE Sì, nuatri semu genti onesta. Ni vinni na crisi di cuscenza e n’ama spinnutu nenti.

FRANCESCA (dubbiosa) Ah, sì? E mi voi fari cridiri ca …

PASQUALE      Ci u giuru, i me amici i sordi non l’hanu mancu vistu!

FRANCESCA        Non ci cridu!

PASQUALE     E inveci è accussì!

FRANCESCA   Ah, megghiu! A pozzu fari na telefunata?

PASQUALE  A cu ha chiamari?

FRANCESCA (sollevando la cornetta del telefono) A pulizia.

PASQUALE (implorante) No, a pulizia, no! (pausa, poi beffardo)  Chiamassi…

FRANCESCA (posando la cornetta) E invece no, ti fazzu na proposta.

PASQUALE Signura, taliassi ca sta turnannu me muggheri…

FRANCESCA  Tu mi duni i centu miliuni d’’u riscattu e non ti dinunziu, me maritu non veni a sapiri nenti e non si nni parra cchiù.

PASQUALE (prendendosi la testa fra le mani) Chi duluri di testa! Chi voli diri ca so maritu non veni a sapiri nenti?                  

FRANCESCA  Voli diri ca mi pigghiu i sordi e u lassu! Voli diri ca sugnu stanca di essiri trattata comu na serva. Voli diri ca non ci a fazzu cchiù a sumpurtari sta vita di silenzi e di indifferenza. Voli diri ca haiu bisognu di n-pocu di cumprisioni e di affettu. Me maritu tempu non n’avi, iddu è troppu impignatu a ccucchiari sordi e a famigghia ci duna quasi fastidiu. No, ora basta! Forsi u nostru fu n-matrimoniu sbagghiatu: iddu troppu riccu e ju troppu povira. Ma picchì ti sta cuntannu sti cosi no sacciu!      

PASQUALE   Signora, ppi favuri, non mi cuntassi chiacchiri ca mi fici cunfunniri…

FRANCESCA  Forsi non mi spiegai bona. Chistu si chiama ricattu: o mi duni i sordi o ti mannu n-galera. A mia i sordi e a tia a libirtà!

PASQUALE E ccu zu Casimiro comu facemu?

FRANCESCA   Cu è, u capu banda?

PASQUALE (dalla comune si sente un vociare) Uh, a signura Agata e me figghia! (spinge Francesca verso la porta a destra)

FRANCESCA Ma unni mi sta’ purtannu?

PASQUALE  S’ammucciassi, ppi favuri, mi dassi cincu minuti! (la spinge dentro e chiude la porta) E non niscissi su n’’a chiamu!

FRANCESCA (riaprendo la porta) A borsa. (prende la borsa dal tavolo, fa per uscire, poi torna indietro) L’accendinu… l’accendinu è d’oro! (lo prende) E non t’’u scurdari: sulu cincu minuti!  (esce a destra)

                                          SCENA OTTAVA

(Agata, Lisuccia e detto)

AGATA (entra dalla comune con Lisuccia; porta un vassoio con una tazzina che poggia sul tavolo) Ecco fatto: na bella cichira di cafè…

PASQUALE (prendendo la tazzina, siede a destra) Grazi, grazi.

AGATA    Comu si senti?

PASQUALE  Male!

LISUCCIA Ancora?

AGATA  Lisuccia, cca bisogna pigghiari na dicisioni. (andando verso la porta a destra) Don Pasquale, vinissi ccu mia.

PASQUALE (si alza di scatto) Unni sta jiennu?

AGATA  Eh, calma! U vuleva fari ripusari no lettu…

PASQUALE No, no, u lettu, m’avvilisci. Staiu megghiu cca, assittatu, assemi a vuatri. (si siede)

AGATA Allura ci pigghiu n-cuscinu pp’appuggiarisi a testa. (accenna di nuovo di andare a destra)

PASQUALE (c.s.) No, no, aspittassi! Forsi staiu megghiu additta, sentu u bisognu di muvirimi.

LISUCCIA      Ma a mamma n’ha turnatu?

PASQUALE No.

AGATA      E mancu Giovanni e Nicola?

PASQUALE      A postu semu! Ora venunu macari iddi! (si sente un vociare)

LISUCCIA  Sentu vuci, forsi stanu vinennu.

                                          SCENA NONA

(Tommaso, Michele e detti)

TOMMASO   (entra dalla comune con Michele) Permesso?

PASQUALE    Ah!

TOMMASO      Caro don Pasquale Mozzichella, finalmenti u truvamu!

LISUCCIA     (a Paquale) Ma cu sunu?

PASQUALE  Sunu… sunu esperti di mobili antichi. Siccomu vogghiu canciari i mobili, vinnunu ppi stimari chiddi vecchi.

LISUCCIA   I mobili nostri? E chi sunu, “Luigi quattordicesimo”?

AGATA       Però u mumentu non mi pari chiddu giustu. U povuru don Pasquale appi n-gravi luttu friscu friscu.

MICHELE        N-luttu?

PASQUALE  Ppi vuatri ca siti omini di munnu, non sarà difficili capiri a situazioni.

MICHELE     Nuatri a situazioni a capemu, ma u fattu è ca na vota c’è n-lietu eventu, n’autra vota n-tristi eventu…

PASQUALE  Certu, c’è sempri ventu e pirditi tempu.

TOMMASO     Sulu tempu? No, ju perdu a pacenzia e macari u postu. Caro signore, macari ju, comu a lei, haiu du figghi ca ci ha dari a manciari.

AGATA  (a Pasquale) Du figghi?

PASQUALE  Ma chi dui? Haiu una figghia sula!

TOMMASO     Chistu mi fa piaciri, cumplimenti.

AGATA   Cumplimenti, picchì avi na figghia sula?

TOMMASO  No, picchì ora ci nasciu u masculu.

AGATA  U masculu?

MICHELE    Ah, no? (a Pasquale) Ma allura chi cosa appi, scusassi?

PASQUALE  Ju? Nenti!

TOMMASO    Ma nsumma, so muggheri era…

PASQUALE Ah, sì, me muggheri era… ma no ju.

TOMMASO  Ju parru del lieto evento d’’a signura…

PASQUALE   Comu putiti parrari di lietu eventu na mumentu ca sugnu adduluratu ppi n-gravi eventu?

MICHELE  Ah, ora u capii! (accostandosi a Tommaso) Ci morsi u picciriddu!

TOMMASO   Certu!  (a Pasquale) Signor Mozzichella, nuatri ci rendiamo conto che perdere un essere caro appena agli àlbori della vita, è na cosa dolorosa…

AGATA  Ma quali alberi, su aveva cchiù di uttant’anni!

TOMMASO     U picciriddu?

PASQUALE         Ma quali picciriddu?

TOMMASO      Insomma, chiddu ca era. M’arricordu benissimu ca so muggheri era ncinta. Intisi macari i lamenti d’’u partu!

LISUCCIA  Ma forsi si sbagghia. (prende una fotografia) Me matri è chista.

MICHELE  Ma allura lei è a figghia di donna Pippina?

LISUCCIA  Ma chi sta ncucchiariannu?

MICHELE Ma chista non è donna Pippina?

LISUCCIA  Ma no, quali Pippina?

AGATA  Don Pasquà, non s’agitassi, ca appoi si senti mali.

PASQUALE     Chista è me muggheri Anna. Forsi ci sarà na certa rassumigghianza, ma non sunu comu du gocci d’acqua, al massimu ponu essiri comu na goccia d’ogghiu e una di vinu… Chiaru?

TOMMASO    Mozzichella, lei arrinesci sempri a spiegarimi i cosi accussì chiaramenti ca non mi fa capiri u restu di nenti!

PASQUALE   È na soddisfazioni!

TOMMASO  Mi voli spiegari na quali pastizzu mi voli mpastizzari?

PASQUALE Ma circassi di capiri, lei è n’omu di munnu…

MICHELE Sì, ma chisti sunu cosi di l’autru munnu!

PASQUALE  E allura, Ci l’ha diri daveru daveru?

TOMMASO   U dicissi!

PASQUALE A fimmina ncinta di dda casa era a me illiggittima muggheri!

LISUCCIA  Ma a mamma u sapi?

TOMMASO (piano a Michele) E so muggheri era ddà prisenti!

MICHELE  E c’erunu macari l’amici… Mamma mia chi schifezza!

TOMMASO  Don Pasquà,  putemu parrari tannicchia a quattr’occhi. Trasemu cca intra? (indicando la porta a destra)

PASQUALE   No, ddà intra no, aspittati. Signura Agata, lei forsi si nni voli jiri? Non si preoccupassi ppi mia, staiu beni. Mi servunu sulu riposu, paci e tranquillità.

                                       SCENA DECIMA

(Anna e detti)                   

ANNA (da fuori scena) Pasquale, Pasquale…

AGATA       (a Pasquale) Stassi calmu,  non s’agitassi.

PASQUALE   Oramai sulu n’infartu mi manca e poi staiu benissimu!

ANNA (agitata, entra dalla comune) Cu s’’a spittava a nutizia ca t’ha dari?

PASQUALE  E picchì, chidda ca t’ha dari ju unni a metti?

ANNA (constatando la presenza di Tommaso e Michele) Ah, ci sunu i signori? Non avi mpurtanza. Pasquà, u zu Casimiro…

PASQUALE   Muta!

ANNA    Comu?

PASQUALE  Muta, non parrari. Non mi diri nenti d’’a morti di ddu santu omu. D’’i supplizi e d’’i suffirenzi ca ha patutu. Ne pozzu sentiri, cerca di capirimi..

ANNA Ma no, ti vuleva diri ca u zu Casimiro…

PASQUALE   Morsi povuru e pazzu, u sacciu. Si mangiau tutti cosi. E certu, cc’’u viziu d’’u jocu c’aveva, ppi forza accussì ci ava a finiri.

AGATA       Jucava?

PASQUALE  Sì. Ma no accussì! E ora, siccomu non ci arristau mancu n-centesimu, sarà vurricatu a spisi d’’u Cumuni. S’era ridduttu a dumannari l’elemosina!

ANNA  E chi voli diri. Chi è u primu ca dumannannu dumannannu arrinesci a ccuchiari i milioni.

PASQUALE  Ma a iddu ci piaceva fari  u mendicanti povuru.

ANNA       Ma no, tu no sai…

PASQUALE   No, tu no sai…

ANNA         Pasquà, u zu Casimiro…

PASQUALE      No diri, no diri!

ANNA           No, Pasquà, io l’ha diri. (si sposta al centro del palco e parla con forza) U ziu morsi riccu e ni lassau centu miliuni!

TUTTI         Centu miliuni?

PASQUALE     (sprofonda su una sedia, sconfortato)     È fatta!

ANNA     Ma non si cuntentu? Lisuccia, u sintisti? Macari ppi nuatri, finalmenti, si rapenu i porti d’’a furtuna.

PASQUALE (mentre si apre la porta di destra) E ora u vidi chi furtuna nesci di dda porta.

                                        SCENA UNDICESIMA

(Francesca e detti)

FRANCESCA (rntrando da destra) Bongiornu.

ANNA (non capendo) Cu è, a figghia d’’u zu’ Casimiro?

PASQUALE (Francesca solleva la veletta) No, è una ca voli i sordi.

ANNA E cu cci a porta ccà a chista? (cade affranta su di una sedia mentre tutti si precipitano verso di lei)

FINE DEL SECONDO ATTO

                                            ATTO TERZO

Stessa scena del secondo atto.

                                            SCENA PRIMA

(Pasquale ed Anna, poi Lisuccia)

PASQUALE  (entra da destra, assieme ad Anna) Diciunu ca a notti porta cunsigghiu. A mia mi portau sulu n-duluri di testa. Ni finiu senza sordi e che mobili sequestrati!

ANNA (spolverando i mobili) E si! Ristamu ccu l’occhi chini e i manu vacanti! A signura veni e novi?

PASQUALE Ju ci u dissi ca siccomu dipusitai cincu milioni ppi ogni banca, haiu bisognu di n-jornu di tempu ppi prilivalli tutti.

ANNA E ju non ci a fici. Stamatina haiu a jiri o Monte dei Pascoli di Siena.

PASQUALE  E quannu vai ne pascoli non ti scurdari i pecuri.

ANNA      Quali pecuri?

PASQUALE Forza, apprufittamu ca Lisuccia sta durmennu.(da un mobile prende una borsa) Accummincia a pigghiari i sordi c’avemu intra e i mittemu na sta borsa.

LISUCCIA (entra da sinistra, porta un vassoio con due tazzine, che poggia sul tavolo) Buongiorno papà, buongiorno mamma.

ANNA  Ah, tu si già pronta ppi nesciri? (Pasquale rimette la borsa nel mobile, poi siede a destra)

LISUCCIA     Mamma siccomu ha  jiri  o mercatu cc’’a signura Agata e Carmela ppi fari certe spesucce, avissi bisognu …

ANNA   U  pirmissu? Vai, vai tranquilla.

LISUCCIA    Sì, u pirmissu, va beni. Ma ju diceva su mi putevuru dari qualche cosa.

ANNA  Ah, vulissi n-pocu di sordi?

LISUCCIA  Oramai macari nuatri semu sporchi capitalisti, veru?

ANNA  Forsi semu cchiù sporchi ca capitalisti. Chi voi ca sunu centu miliuni…

LISUCCIA       Eh, ma almenu i patimenti passànu!

PASQUALE Sì, ppi modu di diri. Arrivanu e non si nni volunu jiri cchiù.

LISUCCIA Papà, u sacciu ca avissi a essiri addulurata pp’’a  morti d’’u zu Casimiro, ma non ci a fazzu!  Sugnu troppu filici! Certu, alleggiu alleggiu o benessiri ni ci ama abituari. (ad Anna) Non è veru?

ANNA   (non sapendo cosa rispondere) Certu, u forti è abituarisi.

LISUCCIA Mi sentu comu su fussi n-cunvaliscenza d’’a miseria.

ANNA    E bisogna stari attenti picchì i ricaduti sunu peggiu d’’i malatii.

LISUCCIA Oramai semu a postu!

PASQUALE   E va bene! Anna, dacci na bella carta di milli liri a sta carusa, accussì si nni va!

LISUCCIA  Milli liri? Ma i sordi d’’u zu Casimiro? (Pasquale porge la tazzina del caffè ad Anna e seggono).

ANNA    Prima facemuli  arrivari.

LISUCCIA  E va bene, non fa nenti. Qualche cosa m’’a fazzu prestari di Carmela.

ANNA    E so matri u sapi?

LISUCCIA  Sì, ma si tratta di fissarii… Massimu centumila liri.

PASQUALE-ANNA  (il caffè gli va di traverso e tossiscono) Centu…

LISUCCIA  Sugnu accussì filici ca mi scantu d’arrusbigghiarimi e scupriri ca ha statu sulu n-sognu!

ANNA   Ma chi vai dicennu!

LISUCCIA  E quannu pensu a chissu, è comu su ne spaddi mi calassi na balata di ghiacciu. Brrr… (Anna, piangendo, si alza e abbraccia la figlia) Mamma, avaja! Basta chianciri. U zu Casimiro ora è assemi all’ancileddi.

ANNA  E ddà ha stari! Ddà!

LISUCCIA   O chianci ppi dda signura di jeri? Ma u papà  t’’u spiegau ca a dama di carità si truvava na stanza di lettu picchì s’ava ntisu mali.

PASQUALE  (ad Anna) Siccomu ti facisti scappari a storia di centu milioni, a signura, n’apprufittau pp’addumannarimi cchiù assai.

LISUCCIA   Ju mi nn’haiu a jiri picchì si fici tardu. Grazi. Grazii a tutti e dui ppi sti mumenti di gioia. A vita è bella, u munnu è tuttu u miu. Chi pozzu vuliri di cchiù? (mandando un bacio verso il cielo) Grazi zu Casimiro. (esce dalla comune)

ANNA E ora avemu n’autru debitu di centomila lire cc’’a signura Agata!

PASQUALE  Chista è a punizioni ca mi meritu. U piccatu cchiù grossu e chiddu ca mbrugghiai i me cumpagni. Ma San Prospiru abbessa tutti cosi, iddu vidi tuttu, san Prospiru è vigili…

ANNA  E sapennu comu semu cumminati, picchì ssu vigili n’accullau st’autra multa di centumila liri?

PASQUALE  Pigghia i sordi, spicciti. (Anna esce a sinistra portandosi il vassoio, mentre Pasquale volge gli occhi al cielo) San Prospiru, haiu tortu, u sacciu! Ma fammi vinciri o totocalcio e ti giuru ca ci levu tutti i debiti a Giuvanni e a Nicola.(riprende la borsa di prima).

ANNA (rientra con due orinali pieni di soldi) Eccoli!

PASQUALE   Ah! I cosi priziusi d’’a famigghia Mozzichella.

ANNA  M’’u dicisti tu di mittilli nto ripostigliu assemi e cosi ca lassau u nannu.

PASQUALE E ju chi sacciu ca no menzu c’erunu macari sti cimeli? Dammi cca, mittemuli n’’a borsa. (mettono i soldi nella borsa).

ANNA Ma comu ci u dicemu a Lisuccia ca zu Casimiro cascau na dda cosa ca dicisti tu? Comu si chiama?

PASQUALE    Catalessi!

ANNA (non capendo bene) Calatessi…

PASQUALE  Anna, morti apparenti.

ANNA    U capii ca è  morti di parenti, u capii! Ti pari ca sugnu scema?

PASQUALE   Insumma, unu pari ca è mortu e inveci è vivu. (suonano alla porta) Sarà a signura! Ci rapu ju. (esce)

ANNA   Catalessi! Ma varda chi cosi!Unu cala a testa e non mori!

                                               SCENA SECONDA

(Pasquale, Francesca e detta)

PASQUALE (a Francesca) Trasissi, trasissi. Lei è in anticipu.

FRANCESCA   U pozzu aviri n-cafè?.

ANNA (con gli orinali in mano) U pigghiu subitu. (si avvia verso sinistra)

FRANCESCA  (indicando gli orinali) M’’u voi mettiri ddocu?

ANNA   Chi c’entra? Cca ci ha chiantari du rosi.(esce a sinistra portando gli orinali).

FRANCESCA  Stava spittannu nto bar cca nfacci, a n-certu puntu visti ca stava trasennu Nicola e allura vinni cca di cursa.

PASQUALE        Avisti?

FRANCESCA          No. 

PASQUALE  (indicando la borsa) Cca ci sunu i sordi. Mancunu sulu cincu miliuni ca me muggheri sta jennu a prilivari.

FRANCESCA  Va beni. (rientra Anna portando il caffè)

PASQUALE   S’arricurdassi ca macari su l’apparenza nganna, sugnu n’omu di palora, n-latru onestu. Ora trasissi na ddà stanza (indica la porta a destra) e aspittassi. S’avissi a veniri qualcunu…

FRANCESCA  U sai ca Nicola mi telefonau a casa?

PASQUALE  Forsi si nnamurau di lei!

FRANCESCA  Mi dicissi a virità, mi cunsiddira na tappinara, è veru?

ANNA Me maritu non avi troppa pratica di ssu geniri di fimmini.

PASQUALE Ora si nni jissi, signura, si nni jissi…

FRANCESCA (prima di uscire a destra) Non è ca mi faciti qualchi bruttu scherzu.

PASQUALE  Signura, taliassi ca ppi mia  a palora è sacra.

FRANCESCA E allura ricorditi ca su tu si n-latru onestu ju sugnu na tappinara onorata e n-galera non ti cci mannu. (esce a destra, portando via la borsa con i soldi)

ANNA   Pasquà, mi raccomannu. Ora ca ju nesciu e resti sulu ccu chissa, stai attentu…

PASQUALE  Non ti scantari ca mi sacciu difenniri. Tu cerca di spicciariti. (suonano alla porta)

ANNA   E cu è?

PASQUALE Forsi Nicola?

ANNA          Sarà u lattaru. (esce dalla comune)

PASQUALE       S.Prospiru aiutami tu!

ANNA (fuori scena) Ma unni vuliti jiri? Aspittati, ma cu siti? (entrando, al marito) È n-rapprisintanti di non sacciu chi e avi a testa dura.

                                               SCENA TERZA

(Gaetano e detti)

GAETANO (entrando dalla comune) Di mobili, signura, rappresentante di mobili e arredamento. (a Pasquale) Permette? Ditta Passalacqua.

PASQUALE  Molto lieto, Passaguai. Vai, Anna, vai a fari a spisa. M’’u spurugghiu ju a stu signuri.

ANNA (sottovoce, a Pasquale) Stai attentu su è dilinquenti!   

GAETANO Comu?                                                            

ANNA (rimediando)  I denti…Ci diceva a me maritu ca mi dolunu i denti. Lassu a porta aperta, (sottovoce) casu mai gridi. (esce dalla comune)

PASQUALE Avanti Passalacqua, mi dassi fastidiu cchiù veloci possibili e si nni jissi.

GAETANO Mi facissi pigghiari ciatu. Vinnumu a sapiri ca lei cangiau posizioni grazi a na bella eredità.

PASQUALE Sì, è vero, cangiai posizioni: prima stava na na seggia sfunnata, ora inveci… staiu ccu sedere n-terra.

GAETANO Lei è daveru spiritusu, (indicando verso destra) su mi lassa girari l’appartamentu…

PASQUALE (con tono deciso) Amicu miu, cca intra mi stanu girannu troppi cosi… Mi facissi u piaciri di jirasinni.

GAETANO  Ma signor…

PASQUALE  No! Si nn’ha jiri, e basta!

GAETANO  N-mumentu, si calmassi. Ju non sugnu n-rappresentanti.

PASQUALE      (con sospetto) E cu è?

GAETANO   (si avvicina lentamente a Pasquale costringendolo ad arretrare) Ju…

PASQUALE   Tinissi a cura ca non sugnu sulu. Ddà banna c’è me niputi carrabbineri, si chiama Eustacchio.

GAETANO   Ma ju…

 PASQUALE  Non s’avvicinassi, ristassi unni è! (con lvoce strozzata) Eustorgio…

GAETANO (dal portafogli estrae un biglietto da visita che porge a Paquale) Non si scantassi, e stassi calmu. Sugnu Gaetano Nipitella.

PASQUALE Ah!

GAETANO  Assittamini n-mumentu.

PASQUALE (sedendo con Gaetano attorno al tavolo) Ancora n’haiu caputu nenti…

GAETANO  Sugnu u maritu di dda signora ca n-misi fa fu sequestrata.

PASQUALE Ah, u misi scorsu? Ju stesi tuttu u misi malatu. Sì, prima mi vinni na frevi aeromatica infettiva, appoi, u “focu di Sant’Antoniu”. N-pruritu ca non ci dicu.

GAETANO     E Lei chi c’entra, galantomu è! Già m’infurmai.

PASQUALE (continuando a grattarsi) Non ci dicu, appoi, i disturbi ca mi lassau a malatia … i cunsiguenzi d’’u focu!

GAETANO   A facci tosta di ssi dilinquenti non avi limiti. Non ci bastanu i sordi ca ci desi. Anzi, unu di chissi appi a facci tosta di telefunarimi macari a casa. Nicola si chiama.

PASQUALE    Figghiu di scapulavoi!

GAETANO  Certu, lei è n-galantomu e certi cosi mancu s’immaggina. S’ha fuurari ca vuleva parrari cu me muggheri!

PASQUALE  Vadda chi vastasu!

GAETANO   E perciò pinsai: “U vogghiu ncuntrari a sta speci di don Giovanni…

PASQUALE   Telefunau macari Giuvanni?

GAETANO     E cu è ssu Giuvanni? Lei u canusci?

PASQUALE     Ju? Mai canusciutu n-vita mia unu ca si chiama Giuvanni!

GAETANO   E’ sicuru? Jemu avanti. Allura, ppi ncuntrallu, ci desi n’appuntamentu.

PASQUALE    A Nicola?

GAETANO   Sì! Fici a vuci di fimmina e ci dissi: (imitando la voce femminile) “Sì, sì, sono Francesca Nipitella. Mi dica, mi dica”.

PASQUALE Sempri pp’aviri l’incontru?

GAETANO  Si! Ci dissi ca u spittava a piazza Municipio e ci ji.

PASQUALE Vistutu di fimmina?

GAETANO  No! Chi c’entra. All’appuntamentu u taliai di luntanu comu n-ragnu c’aspetta a vittima ca trasi na ragnatela. Mentri mi stava muvennu pp’affruntallu, di luntanu visti arrivari a tarantula cunfusa.

PASQUALE   Cu è chissa?

GAETANO   Me muggheri! Ju a chiamu accussì picchì a vogghiu troppu beni.

PASQUALE   Certu, pp’ammizzigghialla!

GAETANO A vogghiu accussì beni, ca ppi idda mi facissi rumpiri tutti e dui i jammi!

PASQUALE (verso il pubblico)   Chistu avrà di sicuru i jammi di lignu.

GAETANO  E u sapi comu vinni me muggheri?

PASQUALE   Cc’’a machina?

GAETANO    No!

PASQUALE   Cc’’u motorinu?

GAETANO    No!

PASQUALE   Ccu l’aereo, l’elicottero… Insomma, comu vinni?

GAETANO  Vinni vistuta di niuru, ccu na veletta ca ci cummigghiava a facci.

PASQUALE   Ma forsi si  nni jieva a Missa, chi sacciu…a n-funerali…

GAETANO (con ironia) Picchì, na stu palazzo c’è na chiesa?

PASQUALE     No. Ma Nicola a visti a so muggheri?

GAETANO  N’’a puteva vidiri, era giratu di l’autru latu. (perentorio) Sintissi, me muggheri è cca intra!

PASQUALE    Oh Mamma mia! Taliassi ca la sua gentili tarantula… (rettificando) La sua gentile signora…

GAETANO   A pidinai, e trasiu cca intra. E giuru ca non nesciu di cca su prima n’’a trovu!

PASQUALE Ma no… aspittassi…

GAETANO (alzandosi di scatto)  No, haiu primura di parrari cu idda!

PASQUALE (scattando)  Mi facissi u favuri di jirasinni fora di sta casa anurata e di fari u pazzu a n’autra banna. Cca non vinni nuddu. U capiu? Nuddu!

GAETANO ((si avvicina a Pasquale costringendolo ad arretrare) Mi taliassi nta l’occhii. (lentamente) E’ sicuru ca cca non ha vinutu nuddu?

PASQUALE   Beh… u lattaru… u tubista ca sistimau a funtana…(velocemnete) anzi no u tubista non vinni…

GAETANO E allora mi pirmittissi di jiri dda banna! (indicando a sinistra)

PASQUALE  Ah, dda banna?

GAETANO  Lei, non voli capiri. Staiu usannu n-modu gentili ppi non dirici a virità.

PASQUALE Ma quali virità?

GAETANO  Ca a lei no staiu cridennu! Vogghiu cuntrullari tutta a casa!

PASQUALE Ah, lei voli cuntrullari…? Va bene. (avviandosi verso sinistra) Vinissi, vinissi a taliari di persona.

GAETANO  Cuminciamu a ragiunari.

PASQUALE    Grazi.  (esce a sinistra con Gaetano)

                                               SCENA QUARTA

(Anna, poi Pasquale)

ANNA  (entrando dalla comune) Ma chi successi? A porta è aperta e non c’è nuddu? (chiamando) Pasquale!

PASQUALE (da fuori scena) Aspittassi, mi chiamanu… (entra da sinistra, vedendo la moglie) Ah, tu si? Ascutimi picchì a situazioni è gravi. I pigghiasti i sordi?

ANNA Signorsì.

PASQUALE (indicando la porta a destra) Portaccilli subitu a signura e dicci di scumpariri subitu mentri ju trattegnu u maritu ddà intra.

ANNA (si avvia verso la comune per scappare) U maritu?

PASQUALE Aspetta, unni vai? Chistu è u mumentu cchiù difficili. Ha caputu?

ANNA            No.

PASQUALE          E ti pareva.

                                               SCENA QUINTA

(Gaetano e detti)

GAETANO (rientra e si avvia verso la porta posta a destra) Lei è n-galantomu. Non truvai a nuddu. (impugna la maniglia della porta) Su  permetti…

ANNA   Mamma mia!

GAETANO (rinunciando ad aprire la porta) Non fa nenti. Certi cosi si capisciunu a volo: a lei u cridu.

PASQUALE  Cci u dissi, di sta storia non ni sacciu nenti. Ha statu n-misi curcatu cc’’u focu di Sant’Antoniu.

ANNA   E ju vicinu a iddu a ciusciarici u focu ccu muscaloru.

GAETANO Ma a me muggheri, a visti trasiri na stu palazzu!

PASQUALE  Ma forsi si nni jiu na n’autru pianu. (ad Anna) Ha’ vistu ppi casu na signura vistuta di niuru, ccu na veletta na testa? (sforzandosi di farle capire di dire no)

ANNA      Sì. Si nni jiu all’ultimu pianu.

PASQUALE  (c.s.) Ma comu, vidisti na signura vistuta di niuru?

ANNA                  Sì! È a viduva d’’u cavaleri Battistella.

PASQUALE (a Gaetano) Ah, è a viduva d’’u cavaleri Battistella.

GAETANO  Me muggheri è cunvinta ca ju n’’a vogghiu beni e perciò voli scappari luntanu. Siccomu non avi i mezzi ppi campari, sta ricattannu i siquistraturi ppi farisi turnari i sordi.

PASQUALE  (alla moglie) Ahu, sapi tutti cosi!

ANNA    Cosi di pazzi! (siede a destra)

GAETANO  (a Pasquale, con tono quasi supplicante)  M’aiutassi, ju ha circari di non farici aviri i sordi, annunca si nni va. Purtroppu, cu me muggheri haiu sbagghiatu sempri e ora vogghiu rimediari. Ci vogghiu dimustrari ca senza di idda non pozzu campari. Mi cuntentu perdiri i sordi ma no a idda.

ANNA         Lei voli a so muggheri, e i sordi no?

GAETANO          Sì, sì!

PASQUALE  N-mumentu, ca mi cunfunnii. Allura, videmu su capii bonu, lei sta dicennu ca su rinesci a firmari a so muggheri, non va a fari a dinunzia?

GAETANO Mozzichella, ora basta, scummigghiamu l’altarini, ju sacciu perfettamenti cu sequestrau a me muggheri.

PASQUALE   U sapi?

GAETANO  Sissignore: Pasquale, Giovanni e Nicola, unu, dui e tri. E u capu raisi ci l’haiu davanti i me’ occhi!

PASQUALE    E cu è?

GAETANO  Lei. In carne e ossa.

PASQUALE  Unu, dui e tri e lei fici ternu. (a Gaetano) Aspettassi ca ora ci fazzu fari macari tombola. (apre la porta a destra) Signura, niscissi fora! (Anna si alza)

                                          SCENA SESTA

(Francesca e detti)

FRANCESCA (entra in scena con la borsa con i soldi, vedendo il marito)  Gaetano!

GAETANO  Signura Schisò in Nipitella, mi voli spiegari chi faceva ammucciata ddà banna?

FRANCESCA Nenti di mali!

ANNA   Chidda è a cchiù santa d’’i santi!

FRANCESCA  N-fazzulettu ppi favuri, vogghiu chianciri…

GAETANO (mettendo la mano in tasca come per prendere qualcosa) Ora basta!

PASQUALE     Nipitella a lassassi perdiri a pistola…

GAETANO (tirando fuori un fazzoletto e porgendolo a Francesca) Sciuchiti l’occhi.

PASQUALE  Signura, ju non ci a fazzu cchiù. U dicissi lei ca a fici veniri cca ppi turnarici i sordi d’’u riscattu. (a Gaetano) I cuntrullassi, sunu n’’a  borsa.

FRANCESCA (dando la borsa a Gaetano) E’ veru.

PASQUALE  Certu sbagghiai! Ma fu curpa di… debiti, d’’i camurrii d’’a vita, d’’a miseria,  d’’i preoccupazioni pp’’i figghi… E i sbagghi si pavunu! Ora, ca mi sentu c’’a cuscenza a postu mi nni pozzu jiri n-galera!

ANNA  Chi fai?                 

PASQUALE Vajiu a custituirimi. Na cosa sula vi ddumannu, ca ne’ giurnali ha essiri scrittu  beddu chiaru ca Pasquale Mozzichella ci turnau finu all’ultimu centesimu.

GAETANO    Ma chi sta dicennu? Lei ha avutu na nobili crisi di cuscenza e merita n-premiu: si tinissi i sordi e lassassi perdiri a storia di custituirisi.

FRANCESCA     Me maritu avi ragiuni.

GAETANO  Ha vistu, macari me muggheri è d’accordu. Accittassi  a me offerta e  scurdamini ppi sempre tutta sta storia.

PASQUALE   Non pozzu accittari rialu ca non meritu.

GAETANO   U dici lei ca non su merita.

PASQUALE  No, è rialu troppu grossu!

GAETANO  Su ci u staiu facennu voli diri ca m’’u pozzu pirmettiri!

PASQUALE  Mi sintissi n-vermi ne’ so confronti.

GAETANO   E allura ci u dassi a ccu voli, a Nicola, a Giovanni, o primu ca passa...

ANNA     Pasquali, avaia, ca finisciaccilla ccu tutti sti bullittini!

GAETANO   Ma comu ci l’ha fari capiri ca ppi mia è cchiù mpurtanti me muggheri ca i sordi. Idda vali ppi milli voti! Dicemu ca è u prezzu ca pavu ppi turnari a essiri filici.

FRANCESCA         Oh!  (abbraccia il marito)

GAETANO  Si! T’haiu trascurata troppu e t’addumannu perdono. Arrivau u mumentu di ricuminciari d’accapu a nostra vita.

ANNA   I torti v’hanu divisi sempri a mità.

GAETANO  E’ bene chiddu ca finisci bene! Pasquale Mozzichella, ora basta, goditi i centu miliuni n-santa paci e non ci pinsari cchiù.

PASQUALE    E va bene, accettu! E u ringraziu macari a nomu di Giovanni e Nicola. Ora, assemi a st’amici ni spartemu u so rialu.

GAETANO   Amuninni, Francesca. (stringendo la mano a Pasquale) Lei n-galantomu.

PASQUALE  Ma lei è cchiù galantomu di mia! (mentre Anna accompagna Francesca e Gaetano alla comune, suona il campanello) S.Prospiru, ora che è tuttu a postu  ti po’ ripusari. Ti richiamo o prossimu guaiu.

ANNA   (entrando dalla comune tutta agitata e sconvolta)   Pasquà…

PASQUALE  Chi successi?

ANNA (indicando verswo la comune) Arrivau …u zu Casimiro!

PASQUALE  U zu Casimiro?  S.Prospiru, sbagghiai, sugnu custrittu a richiamariti! Nasciu n’autru guaiu e menzu!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno