Un marid e do valis

Stampa questo copione

UN MARID E DO VALIS

UN MARID E DO VALIS

di Luigi Antonio Mazzoni

personaggi

BAS‑CIAN MARAMOTTI

CARLETTO

PALMIRA

CICCI

MARIA

PINELLA

NERINA

FILIPPO

CARLA

In casa Maramotti. Oggi.

ATTO PRIMO

Salotto in casa Maramotti. Sono le otto del mattino. Carletto, un dipendente della ditta Maramotti, chiede con insistenza alla ca­meriera di essere annunciato.

CICCI Ma se le dico che sta dormendo.

CARLETTO E io ti dico di svegliarlo.

CICCI E così dopo lui si arrabbia.

CARLETTO E te t'at avej. Am arano pu me. Dai donca.

CICCI Io ci vado, ma si ricordi che l'ha voluto lei.

Carletto attende comportandosi da padrone. Rientra Cicci.

CICCI Ecco, è contento? E' tutto suo.

CARLETTO Cicci, ven acvè! L'arà pu incera da fè clazion, e padron?

CICCI Us capess. Se on e dorma un pò miga magné.

CARLETTO Ecco, brava. Alora porta la clazion nenca par me.

Cicci esce. Entra Bas‑cian. Si è svegliato male. E' di cattivo umore.

BAS‑CIAN Cus el suzest? Osa j el la fen de mond?

CARLETTO Signor Maramotti, i miei omaggi. (gli stringe la mano)

BAS‑CIAN A si vo? Cus al ciapp fugh la Fabrica pr'avnim a rompar al scatul agl'ott dla matena?

CARLETTO No no.

BAS‑CIAN E alora? An putiva aspité?

CARLETTO U j è di lavur che bsogna fej la matena prest.

BAS‑CIAN Sè, durmì.

CARLETTO No. (cambio tono) Signor Maramotti, voglio un aumento di stipendio.

BAS‑CIAN Cosa?!

CARLETTO Un moment. No stasim arapondar sobit. Apinsii ben. La mia vita dipende dalla vostra risposta.

Entra Cicci con la colazione.

BAS‑CIAN Vo a si matt.

CARLETTO Eh, caro signor Maramotti, l'amore a volte gioca brutti scherzi.

BAS‑CIAN L'amore?

CARLETTO (servendo il caffè e servendosi) Quanto zucchero?

BAS‑CIAN Due ma osa fasiv?

CARLETTO An e vli brisul? Alora a me begh me. (beve) Sì, mi sono innamorato.

BAS‑CIAN E me osa j entri?

CARLETTO Vo? Vo am putì ajuter, no una volta ma do volt.

BAS‑CIAN Me an capess...

CARLETTO Lasciatemi spiegare, vi prego. E' una ragazza adorabile. Le ho chiesto se vuole sposarmi. Mi ha detto di sì! Ma io non posso garantirle un tenore di vita come le garantiscono i suoi genitori. Perchè i suoi genitori sono veramente molto ricchi. Io, voi mi capite, nonposso accettare il suo denaro. Lei, mi sposerebbe ugualmente... ma... as putral ma mai des che una ragaza sonora la Vega a fer la pureta? Lo a srebal cuntent se su fiola l'andess a fer la pureta?

BAS‑CIAN Ah ben, ovest pu no!

CARLETTO A vedal l'e d'acord nenca lo. E s'la fos finida a le... invece, cosa succederebbe se ci sposassimo così: lei ricca e io povero? La mancanza di quella agiatezza a cui è abituata la farebbe diventare fredda cominceremmo a litigare per le piccole cose e il nostro grande amore ben presto si trasformerebbe in un infer­no. E voi, spero non vorrete che la mia vita diventi un inferno!

BAS‑CIAN Me?

CARLETTO Non solo! Passeremmo presto dalle parole, alle minacce, dalle minacce ai fatti e dai fatti ai delitti. Io la ucciderei o lei ucciderebbe me e... voi, voi... sareste complice di un assassinio.

BAS‑CIAN Meee??!

CARLETTO E' per evitare tutto questo che vi chiedo un aumento di stipendio. No stasim di d'no, no stasim di d'no!

BAS‑CIAN Fasila finida! Cvant a ciapiv adess?

CARLETTO Come capo ufficio vendite: du milion e ottzentmela trench e mes.

BAS‑CIAN Un'è a basta? Cvant a vresuv ciapé?

CARLETTO Set miglion' e mes.

BAS‑CIAN (il caffè gli va di traverso)

CARLETTO Alzi al braza! Al braza!

BAS‑CIAN (appena si è riavuto) Vo a si mat! Vo a si mat da purter a Imola. I arebb d'arvir un manicomi sol par vo. Caviv de capar d'acvè!

CARLETTO (con decisione) Eh no! Adess vo av miti in sdé e pu a stasi a sintì.

BAS‑CIAN Me an voj sinti gnit!

CARLETTO Seduto!... E va bene. Sono pronto a riconoscere che una richiesta, fatta così a bruciapelo può avervi legger­mente sorpreso.

BAS‑CIAN Se, leggermente, jost leggermernte.

CARLETTO Cvatrten fa, cvand ch'am tulesum so a lavorò, la ditta Maramotti l'andeva sghinghend.

BAS‑CIAN Ovest pu al gì vo.

CARLETTO Am arcod ben, me. Uns vindeva cvesi gnit. A fasivi in­cora sol de savon da bughé!

BAS‑CIAN Mo cvell al vindemi benesum.

CARLETTO Eh, tri scatlon e dà. Chi el sté invezi ch'l'ha ave l'idea di fare un bagno schiuma con l'olio di baobab? Me! E chi è stato a lanciare una campagna pubblicitaria centuplicando nel giro di un anno le vendite? Sempar me! E chi ha inventato lo slogan " Rilassatevi col baobab, baobassatevi per relax" che ha fatto conoscere la Ditta Maramotti in tutta Europa? Sempar e pu sempar me!

BAS‑CIAN Mo sicura, a j avì fat nicosa vo. E í miglion chi el ch'u j a tirett fura?

CARLETTO Vo. Mo me a ví ho fat fruté. D'astora, sa ni sera me, vo a sívi incora a vendar ran e savon! E pu l'an e in­cora finida. Chi ha promosso il concorso "Usa il deter­sivo Maramotti e diventa diva del cinema?" Sempar me. A1 savì pu nenca vo ch'a ni stasen piò dri a fer e de­tersiv ch'is cmanda?

BAS‑CIAN E va ben. Una cvica idea am l'avì deda. An uv pegh za a basta par cvell ca fasì?

CARLETTO Fen'ajr?

BAS‑CIAN E parchè an mi avì cmandé prema tot sti bajocch?

CARLETTO Parchè an m'aveva brisul da maridé. La vita per una giovane coppia, oggi, e molto cara. U1 geva nenca du de fa Catenaccí

BAS‑CIAN Catenacci?! Duv a l'aviv vest?

CARLETTO L'era a ca mi.

BAS‑CIAN A ca vostra? A fer che?

CARLETTO Mo gnit. E vleva ch'andess a lavuré da lo "Le offro dieci milioni al mese se viene a vendere per me. La Ditta Pellesana ha bisogno di uomini svegli come lei. Ma perché vuol rimanere con Maramotti, scommetto che le dà uno stipendio da fame"!

BAS‑CIAN L'ha det acsè? Brota faza da maranzana ingiarida! S'a degh impett me...

CARLETTO A l'ho mess a post sobit me! Ma come si permette lei, venire a offendere un uomo che è come un padre per me!

BAS‑CIAN U j a dett acsè?

CARLETTO Sicura.

BAS‑CIAN Bravo!

CARLETTO E pu a j o dett Me ne faccio un baffo dei suoi díeci milioni al mese, Maramotti me ne dà il doppio.

BAS‑CIAN Bravo, bravo! U l'ha propi mess a post ben! Parb... il doppio. . u n'ha esagerè un po'?

CARLETTO Beh, se adess um da dis miglion e mes a sen za par la stre!

BAS‑CIAN Come dis? Un um n'aveva cmandé set?

CARLETTO Prema! Za,... mo dopp e fatt ad Catenacci!... U i gva­dagna incora dis miglion e mes.

BAS‑CIAN Ciò, parà dis miglion... no no no, vo a si mat!

CARLETTO Mo che pensa sol a la faza d'Catenacci cvand che me a j girò ch'in ciapp trenta!

BAS‑CIAN Cio, farmes pu sobit. Si no acvè la va a finì che vent a mi cmandì da bon. Va ben, avdírò d'acuntintev. Pio­tost, cum'ela la ragaza, una bela basterda?

CARLETTO Un spetacul.

BAS‑CIAN E la fameja?

CARLETTO Cvii j è propi di sgnur! Zent a post! E' per questo che ho tanto insistito per l'aumento di stipendio Senza bajocch cum a fasevi ander da sù pé?

BAS‑CIAN Alora av voj propi acuntinté! Av darò sí miglin e mes! E1 cuntent?

CARLETTO Mej d'acsè! A cardeva ch'um in dasess sul cvatar! Avevo sottovalutato la sua generosità.

BAS‑CIAN Mo s'um n'aveva cmandè dis!

CARLETTO A s'el scord ca so e su capo ufficío vendite? Grazie!

Carletto esce. Maramotti solo.

BAS‑CIAN A j o l'impresion ch'u m'epa freghé!... L'è listess! A so cuntent sol par Catenacci: un j a da s‑ciuper e fegat!... Cvesi cvesi a ciapp int e telefono par dìì dla brota faza! U m'avleva purté veja... parò, e sa fer a vendar!

Carletto rientra. Ha i guanti bianchi e un enorme mazzo di fiori

BAS‑CIAN Beh? Csa fasiv incoraacv6?

CARLETTO Signor Maramotti, ho l'onore e il piacere di chiedere la mano di sua figlia.

BAS‑CIAN E che?

CARLETTO (gli dà i fiori) Per la sua signora.

BAS‑CIAN Ciccii!

CICCI (entrando) Mi ha chiamato?

BAS‑CIAN Porta veja sti fiur.

CICCI E dove li metto?

BAS‑CIAN Sa me cmandta cun me? Tej int al man!

CICCI Agli ordini. (esce con i fiori)

BAS‑CIAN Acsè la vostra ambrosa...

CARLETTO L'è vostra fiola.

BAS‑CIAN E dov a l'aviv cnusuda? Cum aviv fat...

CARLETTO Non è molto importante il come, il dove, il quando... L'importante è che noi ci amiamo e ci sposeremo.

BAS‑CIAN Eh, bumba! Mi fiola pu l'as marida cun un pez gros. Mi dispiace, ma un capo ufficio vendite non fa per lei!

CARLETTO L'è giosta. E par cvest me a j cmand e post di diret­tore generale dei suoi stabilimenti!

BAS‑CIAN No, u n' è pusebil!

CARLETTO Naturalmente mi aumenterà anche lo stipendio!

BAS‑CIAN Lo stipendio?... Ma se gliel'ho aumentato adesso.

CARLETTO Certo, come capo ufficio vendite, mica come direttore generale. Come direttore generale non abbiamo ancora parlato di stipendio!

BAS‑CIAN Me a gvent mat!

CARLETTO An avri miga che vostra fiola la vega a ster cun on ch'un la posa mantni! Am maravej d'vo, a cardeva chta j avlesuv ben a vostra fiola!

BAS‑CIAN Me a gvent mat... um prela la testa!

CARLETTO A vol un'aspirina? Cicci?

BAS‑CIAN Me an voj gnit!

CICCI (rientra con i fiori) Avliv i fiur? Am so stofa d'tnii int al man!

CARLETTO Porta un' aspirina pr'e padron ch'la e mel d' testa.

BAS‑CIAN An voj gnit! Chevta de capar nenca te. E posa chi fiur!

CICCI (li da a Bas‑cian) Pronti. (fa per uscire)

BAS‑CIAN Ciccii! Ciapa sti fiur!

CICCI Ciò, ch'us dezida: prema ciapa sti fiur e pu posa sti fiur e pu ciapa sti fiur, csal voja d'fem gvinté zempla! (esce brontolando)

BAS‑CIAN Mo me, cs'oja fat stamatena ad mel! Fasim mo e piasè nenca vo: caviv de capar!

CARLETTO (siede) C'è ancora qualche piccolo dettaglio per il matrimonio.

BAS‑CIAN Ach dettaglio?

CARLETTO Vostra fiola la m'ha dett acsè che come regalo di nozze a j avlì der tarsent miglion...

BAS‑CIAN Tarsent miglion?

CARLETTO L'am l'ha dett lì. Adess me an voj miga ca pinsiva che me a voi dè la caza a chi tarsent miglion ca lè! Me an fegh una cus‑cion d'intaress. Tanto è vero che a sua figlia io regalerò tutti i miei averi.

BAS‑CIAN Sè, du bulen fels.

CARLETTO Dzerta che cun e stipendi ch'am dasivi vo... E invece sono un bel gruzzolo.

BAS‑CIAN Alora sinten, cvent ej?

CARLETTO Un milierdeettzentzincvanta miglion.

BAS‑CIAN Vigliaca galera! Mo cus aviv vent e totocalcio par tre stman a fila?

CARLETTO Sè, e totocalcio. Pio fazil...

BAS‑CIAN A j avì ardité.

CARLETTO Sè, ardité. Piò fazil incora...

BAS‑CIAN Pio fazil, piò fazil! Csa j ell ad piò fazil?

CARLETTO A l'avlìv propi savé? A j o rnbé!

BAS‑CIAN Rubè? Una rapina?

CARLETTO Tch tch... A j o propiì rubé!

BAS‑CIAN E chi el che pataca ch'us è fat purtè veja tott chi bajocch?

CARLETTO A si vo.

BAS‑CIAN Me!?

CARLETTO Vo, propi vo!

BAS‑CIAN Ciiiiccii!

CICCI (rientrando con i fiori) A1 dezis duv ch'a j o da metar i fiur?

BAS‑CIAN Fam una curona da mort!

CICCI A stal poch ben?

CARLETTO No no, e sta benesum! Porta sol do aspirin!

CICCI Mo alora parchè a vol ch'aj fega una curona stun sta par murì!

CARLETTO Dai, speciat par pias4!

CICCI A me am parì du mett! (esce)

BAS‑CIAN Me at denonzi! At denonzi!

CARLETTO Beh, mo csa zuzedal, am dasì de te! Oh, bab, tanta cunfidenza acsè a n'um la srebb mai aspiteda!

BAS‑CIAN Brot dilinquent! Mo cum et fat?

CARLETTO Agli o pu dett. Piò fazil d'acsè. A ciapp vent scud ogni pez d'savon, zent scud ogni bagno schiuma, e mell french ogni fustino di detersivo. A j o alzè i prezi e e pu am fegh pagher a pert la difarenza. Du enn fa par sbali a mandè veja una partida cun e prezi più bas. Am n'adasè sobit e a dess cun e client ch'aj arebb mandè un'etra fatura par la difarenza. Aj mandè una fatura felsa e a mitè i bajocch ins e mi cont curent. Vest che e zugh e vneva ben, a tirè drett e a j o mess insen...

BAS‑CIAN Un milierdsettzontzincantamiglion!

CARLETTO Mo pu adess a j o cnusù su fiola. E ho deciso di cambiare vita. Sua figlia non sa niente di tutta questa storia e non lo deve mai sapere...

CICCI Ecco l'aspirina.

BAS‑CIAN A sivti andeda in piaza a tola?

CICCI Am so mesa dri a fer la curona.

BAS‑CIAN Ach curona?

CICCI La ni ven miga. U i ven sol un cuscen.

BAS‑CIAN Mo chi el che disum ch'u t'ha dett d'fer una curona?

CICCI Vo.

BAS‑CIAN Me? Me a j o fet che te t'seja disma!

CICCI Me a sro anca disma, mo e cuscen ormai a l'ho finì e a ne sfeggh piò. (esce)

BAS‑CIAN Ah, a sì incora acvè vo. Bene, acsè a ciamen sobit i carabinieri e a la fasen finida.

CARLETTO Mo com, prema am dasivi de te e adess am dasì nenca de vo?

BAS‑CIAN Fasì manch e spiritos! Adess vo, s'an avlì ander in galera da bon, am dasì indri i bajocch chta m'avì rubé, av stasì a cà sobit da lavuré e av cavì d'int tla testa mi fiola! Am soja spiaghé?

CARLETTO Av si spieghè benesum. Un s'ispis sol par che povar basterd...

BAS‑CIAN Ach basterd?

CARLETTO Cvell ch'l'ha da nessar. Vostra fiola l'è incinta.

BAS‑CIAN Ah! Brota faza... (si accascia sul divano)

CARLETTO Ciiiccii!

CICCI Ariv! (entra con il cuscino)

CARLETTO Presto, la coramina, svelta!

CICCI E questo dove lo metto?

CARLETTO Dam acvà! Speciat! (Cicci esce) Stavolta l'è la volta ch'us mor da bon! (cerca un posto dove mettere il cuscino e poi le mette in mano a Bas‑cian)

BAS‑CIAN (vede il cuscino) Aaash, a so mort! (sviene)

CICCI (rientra) Ecco la coramina!

CARLETTO Su su, fatevi coraggio. Presto sarete nonno. Va tutto bene, va tutto bene.

BAS‑CIAN Me s'a n'um mor stamatena a n'um mor piò. Porta veja ste cuscen!

CICCI E csa m'n'oja da fer?

BAS‑CIAN Magntal!

CICCI Mo vo a si matt! Me an me magn brisul! E aj deggh nencache in sta ca me a ni steggh un dè d'piò!

BAS‑CIAN Fa cvell ch'ut pé! basta che adess t'at cheva de capar. (Cicci esce) Alora aspatì un babin.

CARLETTO Sè.

BAS‑CIAN E parchè mi fiola l'an m'ha dett gnit?

CARLETTO L'aveva pavura d'vo.

BAS‑CIAN L'aveva pavura?La duveva avé pavura prema, miga adess!Mo meE va ben: av maridarì!

CARLETTO Ciccii!

CICCI (da fuori) Arrivo.

BAS‑CIAN (allarmato) Csa j ell? Un arà miga cvell etar da dim?

CARLETTO No no, a so me ch'a j o absogn d' un' aspirina.

CICCI Ecco la farmacia di casa Maramotti. Aspirina, coramina, bende, analgesici e cerotti! Prego signori, servitevi da soli (Carletto si serve. Cicci esce)

BAS‑CIAN E adess a ciem mi fiola e pu

CARLETTO No no.

BAS‑CIAN Com no. Un arà miga cvell etar da dim?

CARLETTO No no. A j o una surpresa.

BAS‑CIAN Incora un'etra?

CARLETTO Una bela surpresa. Tra un cvert d'ora a sro nenca acvè.(esce in fretta)

BAS‑CIAN (solo) Omba d'svetla, la matena prest. U m'è casché la cà adoss!birichin, dilinquent e ledar!Sicura che s'im l'avess dett ajr serabrott boja! U m'ha sgranfignè un miglierd e settzentzincvanta miglion. . u m'hala fiola e pu e vrebb gvinté diretor generel!Parò, in gamba l'è in gamba d'che poch: a j o propi fed che sra un bon diretor generel!

Entra Maria e abbraccia alle spalle Bas‑cian.

MARIA Buon giorno. Ha dormito bene il mio papà passerottone?

BAS‑CIAN Ecco, propi te.

MARIA Cosa vuole il mio passerottone?

BAS‑CIAN Cvanti volt at l'oja da dì ch'an voj t'am ciama passerottone!

MARIA E perché?

BAS‑CIAN Parchè un sta brisul ben ciamer e bab: passerottone! E pu a proposito di passerotti!

MARIA Sì?

BAS‑CIAN Perché non mi hai detto niente del tuo fringuello.

MARIA Fringuello? Di quale fringuello parli!

BAS‑CIAN Non fare l'allocco!

MARIA Io non capisco.

BAS‑CIAN Potevi fare a meno di fare la civetta. Non è mica un merlo quello!

MARIA Ma babbo? Hai comprato una voliera?

BAS‑CIAN Fa poch spirit d'pateta. A so nicosa!

MARIA Sai tutto che cosa?

BAS‑CIAN Ed esigo una spiegazione.

MARIA Una spiegazione? Su che cosa?

BAS‑CIAN Sul tuo amante! (Maria sí mette a piangere) U n'è miga e mument d'sgniflè ovest! (Maria piange più forte) E'venuto a chiedere la tua mano.

MARIA E' venuto a chiedere la mia mano?

BAS‑CIAN Sè, u s'è avié adess adess. A j o za sistemò nicosa me.

MARIA Papàààà... (si rimette a piangere)

BAS‑CIAN Ciò, sera che rubinet, dai ma.

MARIA Non si era più fatto vivo da quindici giorni. Credevo che mi avesse abbandonati. Anche la mamma voleva par­lartene...

BAS‑CIAN Ah, parche mama la sa nicosa?

MARIA Sì.

BAS‑CIAN Mo bene! Alora a so propi me l'ultra roda de carr.

MARIA (ricomincia a piangere)

BAS‑CIAN Uhi, dai un taj, ch'am so staff d'sintì sta lulera!

MARIA Ecco. An pianz pio.

BAS‑CIAN Oh, l'era ora.

MARIA Potrò sposarlo, vero?

BAS‑CIAN Ovest pu al dazid me. Piotost scuren d'un etar cvell me e te.

MARIA Papàààà... (ricomincia a piangere)

BAS‑CIAN E te dalla! (uscendo) Oh! Ch'fata fameja!

MARIA Ciiiccii!

Cicci entra con il vassoio delle medicine

CICCI Pronto! Un'aspirina anche per la signorina!

MARIA Grazie, ci vuole proprio. Mio babbo ha scoperto tutto.

CICCI Di te e di Pinella?

MARIA L'ha imparato proprio stamattina. Pinella è venuto a chiedere la mia mano.

CICCI (tra sì) Pinela? Mo se stamatena u s'è vest sol Carletto.

MARIA No, lui è venuto e adesso il babbo non vuole che lo sposi. Oh, povera me!

CICCI Su su, non piangere, C'è un modo sicuro che un tipo come Sebastiano Maramotti acconsenta al matrimonio.

MARIA E quale?

CICCI Basterà dirgli che tu e Pinella vi amate moltissimo, che siete una cosa sola e che... insomma... tanto va la gatta al lardo... (indica la pancia grossa)

MARIA Noooo!

CICCI Siii !

MARIANo. Mio babbo mi ucciderà dalle botte.

CICCI Io non ci credo e poi............................... chi non risica

MARIA Hai ragione. Glielo dirà domani.

CICCI No, subito, glielo devi dire subito, battere il ferro intanto che è caldo.

MARIA Ma gli prenderà un colpo.

CICCI Non ti preoccupare. Io starò di là pronta con aspirina e coramina.

MARIA No no, io non ho il coraggio.

CICCI Lo sai che me ne vado oggi, vero?

MARIA Sì, e mi dispiace.

CICCI E sai il perché?

MARIA No.

CICCI Mi sposo.

MARIA Davvero? Complimenti. E con chi?

CICCI Non l'ho detto con nessuno, ma vedo che te lo devo proprio dire: con Marco Catenacci.

MARIA Catenacci?! Il più grande nemico di papà?

CICCI Proprio lui. Suo figlio.

MARIA Ma come hai fatto?

CICCI E' qui che ti volevo! Come devi fare tu per sposare Pinella. Il signor Catenacci è un uomo all'antica, gli ho raccontato cosa mi ha fatto il suo caro figliolo... (segno di pancia)

MARIA Nooo! Sei incinta?

CICCI Gliel'ho solo raccontato! E lui ha acconsentito al matrimonio. Anche tuo padre è così

MARIA Vuoi dire che..................... (segno di pancia)

CICCI Ne sono sicurissima. Dai, vieni di là che ti insegno io cosa devi fare.

Cicci e Maria escono. Rientra Bas‑cian mentre rientra sua moglie Palmira.

BAS‑CIAN Propi te Palmira. A j bsogn ad dscorar cun te. A so che tu fiôla l'ha e mbros!

PALMIRA Nenca me.

BAS‑CIAN Cooosa? Te e mbros neca te?

PALMIRA Mo cus'et capi. Nenca me al so e nenca me a j o bsogn d'scorar cun te.

BAS‑CIAN Ah se? Bene, alora spada Tura.

PALMIRA Tu fiala l'ha e mbros.

BAS‑CIAN Mo stat l'ho dett me adess?

PALMIRA Ah se? An n'j aveva fat ches!

BAS‑CIAN Am n'in fegh poca maraveja. E al set nenca ch'l'è (indica la pancia)

PALMIRA Ecco. E te duv a sivta?

BAS‑CIAN Me?

PALMIRA At l'ho sempar dett ch'stega atent, l'ara fat indigestion nenca. Mo bedi un po' nenca te, l'è tu fiôla veh! (esce rapida lasciando Bas‑cian basito)

CICCI (da fuori) Non si può il signor Maramotti è occupato.

NERINA (da fuori) Mi lasci entrare! E' una cosa gravissima!

CICCI (da fuori) Al massimo le posso dare un'aspirina.

NERINA (da fuori) Mi lasci entrare!

BAS‑CIAN Osa j ell nenca?

NERINA (entrando si getta ai piedi di Bas‑cian) Mi perdoni, mi perdoni, mi perdoni

BAS‑CIAN Un mument, un mument. Nenz ad pardunela a j arò immanca da savé cvell ch'la m'ha fat!

NERINA Lei è il signor Maramotti, vero?

BAS‑CIAN Ohi, s'in m'ha cambiò stanott int e lett... e a cmenz a meti di dobi chi l'epa fat!

NERINA Mi chiamo Nerina Casadio e mi trovo in una situazione disperata.

BAS‑CIAN Se ovest u la pò cunsulè: nenca me! Mo avanti ala dega sa, osa posi fer me par li.

NERINA Sono innamorata di un giovane...

BAS‑CIAN Sin'adess a so amasè Pez me che lì...

NERINA ... e si chiama Carletto Tiravanti!

BAS‑CIAN Parola torna indrì! Ciiicciii! (entra Cicci con la farmacia. Bas‑cian si serve) A in vola? Donca: nenca li l'è inamureda d'Carletto.

NERINA Perchè anch'io?

BAS‑CIAN Parchè l'è avnù adess adess a cmandem la man d'mi fio­la.

NERINA Accidenti, lo sapevo. E io che speravo di arrivare pri­ma e di avvisarla.

BAS‑CIAN Ciò, a sala chtan capess un azident?

NERINA Ha ragione, mi spiego subito. Ho conosciuto Carletto in discoteca. Mi è piaciuto subito. Volevo fare colpo su di lui, tanto più che mi aveva detto di essere diretto­re generale di una grossa azienda... non potevo dirgli che ero una dattilografa... sul tavolino c'era una ri­vista con la vostra pubblicità... e allora gli ho detto che ero... ero la figlia di Maramotti!

BAS‑CIAN Ah questa ma nenca!

NERINA "Oh, ma guarda che combinazione, io sono il direttore generale proprio della fabbrica di suo padre!"... mi èpreso un colpo! Ma ormai non potevo tornare più indie­tro e gli ho detto che lui non mi poteva conoscere per­ché ero stata in collegio ed ero uscita da pochi giorni... mi capisce adesso, non volevo perderlo...

BAS‑CIAN Capisco, capisco. Cvindi lo stamatena...

NERINA La domanda di matrimonio è venuto a farla per me. Ma adesso non posso più continuare a mentire. Ho fatto di tutto perché non venisse a parlare con lei...

BAS‑CIAN Un mument, un mument! Scuren a pal fermi. Donca lì l'è mi fiola... avleva dì, no, li l'an è mi fiola... mo èla incinta immanca?

NERINA Sì.

BAS‑CIAN Bene. Cioè, avleva dì, che se l'è incinta lì, mi fiola... Bene. Bene! Adess al sistem me.

NERINA No, la prego. Lui non ha colpa. E' tutta colpa mia. La scongiuro non gli faccia del male.

BAS‑CIAN Non si preoccupi, non si preoccupi. Non gli faccio niente. Ma a j o bsogn d' scori prema me. Sa come vanno questi affari: una volta e corr e can e una volta e corr la levar! Am fegh der indrì sol una sciucheza che                 um a portò veda e pu dop l'e tot e su! Cicci.

CICCI     Eccomi.

NERINA Acumpagna la sgnurena d'là, nello studio, e di cum mi moj ch'la vegna acvè sobit.

CICCI Agli ordini. (esce seguita da Nerina)

BAS‑CIAN Oho! A vit mo che cmenza a s‑ciares pianen pianen...

PALMIRA A so acvè. Csa j ell?

BAS‑CIAN Duv'ela Mariull.

PALMIRA Tu fiola Maria, la stè sreda int la su cambra e l'an vo scorar cun incion! E l'e tota colpa tova, t'an vo bri­ch'l'as toja...

BAS‑CIAN Un mument! Mo ne e mbros d'nostra fiola u n'è brisul Carletto, mo alora, chi el?

PALMIRA Mo com chi el? L'è Pinela, chi al da resar.

BAS‑CIAN Pinela?! Cla brota faza de mi ex autesta?

PALMIRA Adess pu brota faza an girebb, 1' acsè un piò bel ba­sterd.

BAS‑CIAN E sra nenc un bel basterd mo mi fiola, a cl 'imbazel che là, an agli a degh brisul!

PALMIRA E parchè? Tu fiola l'ha s'è inamureda!

BAS‑CIAN No no, gnaca a scoran! Gverda, piotost che dela a cla brota faza d'Pinela a la degh a che cucugian de mi masagiador!

PALMIRA Eh, sol parchè l'ha avù e cor d'mandet a che paes... L'ha de caratar. Me sa foss in te aj darebb un bel post da diretor generel e pu al maridarebb con mi fiola! Eh? La n'è una bona idea?

BAS‑CIAN No no e pu no! Ciiccii!

CICCI (entra con le aspirine) Pronti.

BAS‑CIAN An voj gnit. Va a ciamè Mariuli e dii acsè cla vegna sobit ch'a j o una bona nutezia da dej.

CICCI Signorsì.

PALMIRA Ach bona nutezia?

BAS‑CIAN A j o fat aposta par fela avnì zo! E adess cvand cl 'ariva a scorr e me te zerca d'dem rason.

PALMIRA Sta trancvell. I genitori j a sempar da resar d'acord dnenz a i fiul!

BAS‑CIAN Oh, meno male.

MARIA (entra) Oh babbo come sono contenta! (lo abbraccia e lo bacia) Allora potro sposare il mio amore!

PALMIRA Mo sicura purena, mo sicura.

BAS‑CIAN No. Che dilinquent un mitrà mai piò pè in cà mi!

MARIA Ma allora... sei un orso!(piange dalla mamma)

PALMIRA Mo tu bab e dis par ridar.

BAS‑CIAN No no a degh da bon.

PALMIRA Mo rasona.

BAS‑CIAN Te sta zeta! Bel ajut t'am d6! T'a n'è det che i geni­tori j a sempar da resar d'acord?

PALMIRA Basta che on di du un seja matt!

BAS‑CIAN Mat o no mat, ormai ho deciso. ( Maria piange dalla Cicci che la incita a mettere in pratica il piano) Pianz pu. Neanche fossero le cascate del Niagara! Ho deciso!

MARIA   Va bene. Allora sappi che io scapperò di casa, rag giungerò il mio Pinella, ci sposeremo e lo chiameremo Riccardo.

BAS‑CIAN Riccardo? Riccardo chi?

MARIA Il nostro bambino.

BAS‑CIAN Ah, no! (non fa in tempo a chiamare Cicci che lei gli fa il verso)

CICCI Ciiicciii! Eccomi pronta: analgesico, rinforzante, cal­mante, flocculante.

BAS‑CIAN E flocculante pu me a ne voj, e flocculante t’se migne ‘d d'tol te!... Riccardo chi?

MARIA Non vorrai mica lasciare il tuo nipotino senza babbo. Non vorrai che dicano figlio di N.N. e nipote di Mara­motti!

BAS‑CIAN Riccardo eh?

MARIA Dai papà, acconsenti al matrimonio e Riccardo ti sarà riconoscente per tutta la vita.

BAS‑CIAN Ehi, pinsendi ben che Pinela che l'è un'è miga e gevul e pu l'ha de caratar...

MARIA Oh, grazie papà! (lo bacia) Sei un angelo! Sei un angelo!

Maria esce seguita da Cicci proprio mentre rientra Carletto con

una valigia in mano.

CARLETTO Signora Palmira. (la bacia) Anzi mamma. Permette che la chiami mamma?

PALMIRA Mamma? E perché?

CARLETTO Ma come Sebastiano, non le avete ancora detto che spo­serò sua figlia?

PALMIRA Maria?!

CARLETTO No, la Nerina. Quella che era in collegio.

PALMIRA In collegio? Mo chi?

BAS‑CIAN La Nerina.

PALMIRA Di sa Bas‑cian a sit gvintè mat da bon?

BAS‑CIAN Sè sè, a so mat. Parò te adess va d'là ca te spiegh pu dopp. A j o un aferi a mez cun ste sgnor...

PALMIRA Ciò, am so stola d'saver i cvell a rate.

BAS‑CIAN (spingendola via) Sta bunena va là, t'an um lega ciaper e narvos nenca te.

CARLETTO Arrivederci mamma. Palmira esce inebetita.

BAS‑CIAN Dunque giovanotto. Parliamo un po' dei nostri affari.

CARLETTO Lasim scorar prema me. Dentro questa valigia c'è un miliardo e settecentocinquanta milioni.

BAS‑CIAN In cla valisa?

CARLETTO E' piena di dollari: tutti pezzi da cento. Man mano che i soldi entravano nelle mie casse... per non destare sospetti...

BAS‑CIAN Si capisce...

CARLETTO Me aj trasformava in dollari e li depositavo in una cassetta di sicurezza.

BAS‑CIAN E adess j è acvè dentar... (vuole aprire la valigia)

CARLETTO Eh no! (mostra la chiave) L'apriremo solo il giorno delle nozze.

BAS‑CIAN Come desiderate, caro genero.

CARLETTO Sono la mia dote per Nerina.

BAS‑CIAN Benissimo. Te sè t'sè un galantoman.

CARLETTO A1 putì dì pian e fort. An so miga come Pinela.

BAS‑CIAN Pinela? Parchè cs'al fat Pinela?

CARLETTO Dopp ch'a l'avì lasè a cà, l'a abandunè l'ambos e l'è scapp.

BAS‑CIAN Scapp?! E duv'el andà?

CARLETTO Nella Legione Straniera. Una ferma di cinque anni... se arriva alla fine.

BAS‑CIAN A cmenz a ster mel nenca! Mo a sit sicur?

CARLETTO Sa so sicur? A l'ho acumpagnè me a la stazion a Bulo­gna. D'astora e sra za in divisa. Chi cal ved piò cvell!

BAS‑CIAN Ciiicciii! (sviene)

ATTO SECONDO

Stessa scena pochi momenti dopo. Bas‑cian ha avuto un collasso ed

è stato portato nella sua camera da letto. La valigia di Carletto è in bella evidenza.

MARIA Povero babbo. E' bianco come un cadavere.

CARLETTO A sfid me cun tott cla mindgena ch'l'ha tolt.

MARIA Eh gia, si è dimenticato di prendere anche quella con­tro il collasso.

PALMIRA (entrando) E dutor un n'j è. Cicci!

MARIA Sta preparando le valigie, oggi se ne va.

PALMIRA E' la nova l'a n'è incora ariveda! E mi signor! Me a gvent mata da bon!

Entra Filippo il massaggiatore e fisioterapista con la sua attrezzatura.

PALMIRA Filippo! Meno mano ch'a immanca vo a si acvè. Andi dlà, andi dlà, prest! A fer un masag a Bas‑cian!

MARIA Mamma! Cosa vuoi che conti un massaggio! E' un collasso nervoso.

PALMIRA E sra pu sempar mej che gnit.

FILIPPO La signora ha ragione, signorina. I1 massaggio è una delle terapie più indicate in ogni tipo di malattia.

CARLETTO Pr'al muroj pu l'è mej de sass d'Sassol!

FILIPPO Giovanotto! Stia attento a come parla! Altrimenti le farò prima assaggiare la punta dei miei bicipiti e poi quella dei miei tricipiti!

CARLETTO Mi scusi, mi scusi! A faseva par dej rason a lo!

PALMIRA Che vegna donca!

FILIPPO Sono pronto signora. Lo rimetteremo a nuovo! (a Car­letto) Con lei poi faccio una seduta dopo!

MARIA Vengo anch'io.

Filippo, Palmira e Maria escono. Entra Nerina.

NERINA Mi scusi, ma è ormai un'ora che aspetto... Carletto?!

CARLETTO Nerina! (si abbracciano) Finalmente la mia signora fi­danzata si è degnata di farsi vedere.

NERINA Non scherzare. Devo dirti una cosa.

CARLETTO Nenca me.

NERINA Non è una bella cosa. Quando te l'avrò detta forse non mi vorrai più bene. Ma non posso più tacere.

CARLETTO Anch'io devo farti una confessione, senti amore...

NERINA No. Prima parlo io...

CARLETTO No no. Prima io.

NERINA Ti prego...

CARLETTO Va bene. Però prima voglio darti una bellissima noti­zia: tuo padre ha acconsentito alle nostre nozze.

NERINA E' impossibile.

CARLETTO Come impossibile? Ho parlato con lui stamattina.

NERINA Mio padre è morto prima che io nascessi. E' questo che volevo dirti per prima...

CARLETTO E' morto... alora Bas‑cian?

NERINA Non è mio padre.

CARLETTO No?

NERINA No.

CARLETTO A j o fed d'avè capì. Tombola!

NERINA Perdonami. Ti ho mentito. Sono qui solo perchè ho parlato con il commendator Maramotti: gli ho detto tutto. Gli ho detto anche che ti ho mentito e che tu saresti venuto a chiedergli la mia mano. Volevo prevenirti... poi ti avrei detto tutto... ma tu gli avevi già parlato...

CARLETTO Alora l'è par cvest che Bas‑cian prema l'era acsè sicur... e saveva gnicosa! E me ch’a m’cardeva d'resar me e furb!

NERINA Carletto, mi ami ancora?

CARLETTO Mo gverda d'fatt bidon ch'u m'ha fatt! A vut scumetar che nenca tota la malateja l'è una cumegia?

NERINA Rispondimi. Mi ami ancora?

CARLETTO E me a j o purté acvè la valisa par... Ch'fat pataca!

NERINA Mi ascolti?

CARLETTO Nerina, a so fraghé. Adesso sì che non potremo più sposarci.

NERINA Ma cosa dici? Allora non mi vuoi più bene.

CARLETTO Ma sì, ma sì che ti voglio bene... ma quando penso al mio lavoro, al mio stipendio, ai soldi che mi aveva promesso!...

NERINA Ah, tu pensi ai soldi...

CARLETTO Ci penso sì.

NERINA E ti dispiace di averli persi.

CARLETTO S'um s'ispis? Te purena t'a n'è gnaca un'idea.

NERINA E di me non ti interessa niente.

CARLETTO Mo csa vet a tirè fora nenc' adess! T'e t'an j entar.

NERINA Lo so che non c'entro. Io ti parlo e tu pensi ai tuoi soldi. Ti chiedo se mi vuoi bene e tu pensi alla tua valigia! (gli getta l'anello) Tieni! Vendi questo! Così almeno potrai rifarti un po' dei soldi persi per colpa mia!

CARLETTO Nerina, Nerina...

NERINA Lasciami! (fugge piangendo)

CARLETTO Ascoltum! Ven acvè! (la insegue) Ti voglio bene...

Entrano Filippo, Bas‑cian, Palmira e Maria.

FILIPPO Vede, signorina, che abbiamo risolto la situazione? (a Bas‑cian) E lei signor Sebastiano dovrebbe far lavorare di più i suoi addominali (gli dà un pugno nello stomaco) Vede come sono deboli?

PALMIRA Ciò, che vega pianè! U me sfa nenca.

FILIPPO Signora, per favore, mi lasci lavorare. L'an ved che su marid se dura acsè e met insen una pell murbia cume cvela d'un ranocc?

BAS‑CIAN Adess ch’a n’pasema dlà.

PALMIRA Sora a cvest l'ha rason. T'am fe za un po' impresíon!

MARIA Mamma!

PALMIRA Te pasa s‑ciora a fer i lett che la Cicci la s'aveja.

MARIA Uffa! E va bene. (esce)

PALMIRA E cs'arebal da fer par no fè la pel d'ranocc?

FILIPPO Signora, solo tre cose: ginnastica, ginnastica, ginna­stica!

BAS‑CIAN Me a j o fed che vujetar du a siva zempal! Ginastica, ginastica... an so miga piò un bastardin. E pu a j o etar da pinsé!

FILIPPO Prima si rimette in sesto il motore e poi si cammina. Adesso dobbiamo fare un bel massaggio.

BAS‑CIAN Adess? No no, adess an ho temp! Dman.

FILIPPO Sel mat? Bisogna aggredire il male ancora nello stadio di incubazione. Lo un ha bsogn adess.

BAS‑CIAN A posi ander a pisé! Va mo là, va mo a fer una spasi­gieda ch'a stavden pu dopp!

FILIPPO E va bene. Ma si ricordi che io non la lascio senza prima averle fatto un bel massaggio ristoratore e vivificatore. E soprattutto si ricordi: ginnastica, ginnastica, ginnastica (esce)

BAS‑CIAN Par me cvel l'ha d'avè sbatù la testa da znì. Ginastica ginastica!

PALMIRA Parò l'è un bel bastardaz! L'è tott moscul!

BAS‑CIAN Sè, nenca int e zarvell! Alora, csa fasegna?

PALMIRA Sora de che?

BAS‑CIAN Aho! S'et pers la testa nenca te par la ginastica? A degh: Pinela l'è int la legione straniera e tu fiola l'è incinta.

PALMIRA E alora?

BAS‑CIAN Se nes un basterd senza che li la seja marideda, me a so sputané! No a sen in vesta e i giurnel i n'aspeta etar!

PALMIRA Sè, i giurnel! Un n'j è tanti incodè dal basterdi ama­sedi come tu fiola, j arebb un bel da fer...

BAS‑CIAN Sicura che t'aj si steda nenca te.

PALMIRA Csa vresta dir?

BAS‑CIAN Che te t' aj ne mess poch temp a ingambarlem! Ta m’mandess tu pé cun la s‑ciopa.

PALMIRA Fa acsè nenca te.

BAS‑CIAN Sè, pr'avdè s'im to so nenca me int la legion stranie­ra. Acvè e bsogna truvé sobit un marid par nostra fio­la.

PALMIRA U j è pu Pinela.

BAS‑CIAN No, ch'un j è brisul: l'è int la legion straniera!

PALMIRA Fal avnir a cà!

BAS‑CIAN Lo è sta ben alà in dov ch'l'è! (vede la valigia) Carletto!

PALMIRA Carletto?

BAS‑CIAN (cerca di aprire la valigia ma è chiusa) Certo, il mio capufficio vendite: mej d'acsè! E pu l'è avnù lo stamatena d'cmandem d'maridess cun mi fiola! Bene, aj mariden!

PALMIRA Csa ttel avnù un etar zabaj?

BAS‑CIAN E l'an s'arvess miga! Beh beh, su la vor indrì l'ar­turnarà a tola. E me a gli a darò!

PALMIRA Me an capess piò gnit!

BAS‑CIAN Ecco, brava, ttse in te tu nurmel! Adess va a zarchè tu fiola e pu t'aj cont nicosa. T' hai dì acsè che me a j o za pinsè a nicosa e che l'as turrà Carletto. Che pu un è gnaca da buté veja. Alto, va mo là!

PALMIRA (uscendo) A vegh, a vegh...me an capess piò gnit.

Bas‑cian tenta ancora una volta di aprire la valigia. Entra Cicci con una valigia identica alla prima in mano.

CICCI Ecco, sono pronta.

BAS‑CIAN Par fè mo che?

CICCI Per andare via.

BAS‑CIAN Alora bon viaz.

CICCI E va ben ca stegh par gvinter una sgnora, mo la mi pega a la voj listess.

BAS‑CIAN Ah, e cvant et d'avè?

CICCI Ottzontmelafrench piò i schembi il mese in corso, più le ferie maturate e non godute, più le festività, più l'indennità di licenziamento, più...

BAS‑CIAN cia ciò ciò ciù! Ferm'e treno!

CICCI Me a so ferma. I fa cvatarmiglion novzentetantamela.

BAS‑CIAN Me at degh cvatarmiglion novezentstantamela chilz int e cul!

CICCI E me al denonzi par sfruttamento, vilipendio e percosse!

BAS‑CIAN Sta d'avdè chi darà rason a una sgrazieda cume te!

CICCI Forsi a me no mo al mio futuro marito sè!

BAS‑CIAN E chi el e tu futuro marito, sinten donca!

CICCI Marco Catenacci.

BAS‑CIAN Catenacci?!

CICCI Catenacci!

BAS‑CIAN Catenacci Catenacci?

CICCI Catenacci Catenacci!

BAS‑CIAN Ciiicciii!

CICCI Ecco, al saveva me! (posa la valigia vicino a quella di Carletto e prende le aspirine) Ecco le aspirine!

BAS‑CIAN (riavendosi) Allora te eri una spia. Una spia in casa mia! L'era par cvell t'snaslivta d'impartot...

CICCI Non le permetto...

BAS‑CIAN Via! Via sobit d'in ca mi! At denonzi! At denonzi me! Altro che stipendio!

CICCI Me ne vado. Me ne vado. Ma avrete mie notizie. (nella fretta prende la valigia di Carletto)

BAS‑CIAN Mo gverda un po' nench cvesta! A m'al suzed propi toti a me veh!

Prende la valigia e la porta via. Rientra Carletto, cerca la va­ligia e torna anche Bas‑cian.

BAS‑CIAN Oh, a sit arturnè par la valisa. No avè pavura: è al sicuro. A j o un cvilin da dit me a te.

CARLETTO A putì fè manch spirit. La Nerina la m'ha za cuntè gnicôsa!

BAS‑CIAN Alora t'al sè ch'at pos laser a cà nenca adess.

CARLETTO A1 so.

BAS‑CIAN E ttse nenca chta poss ciamer i carabinieri

CARLETTO Sè, i carabinieri

BAS‑CIAN Ta ni cred?

CARLETTO Fasì mo cvell ch'uv pé! Par cvell ch'u m'intaresa.

BAS‑CIAN Prema t'an givta miga acsè.

CARLETTO Prema l'era prema.

BAS‑CIAN E adess l'è adess.

CARLETTO E za. Chi sbaglia è giusto che paghi. Se la Nerina l'era su fiola am seva sistemè, acsè

BAS‑CIAN T'at se sistemé listess!

CARLETTO Sè, in galera.

BAS‑CIAN Beh, adess, an so miga acsè cativ. Me una strè a l'arebb par spianè nicosa.

CARLETTO Dgì pu so.

BAS‑CIAN Doncame una fiola a l'ho. L'è basta che te t'at la toja te

CARLETTO E che? Mo csa giv?

BAS‑CIAN Cvell chta j o dett! Te t'at spos Mariulì e me at degh indrì la tu valisa e at fogh diretor generel! U n'era cvell t'avlivta stmatena?

CARLETTO E parchè pu me am duvrebb to vostra fiola?

BAS‑CIAN T'an um dirè miga che l'an t'pis brisul.

CARLETTO L'è ben alè. E fat l'è ch'l'è nenca bela. Sl'avess avù un piccolo difetto a j arebb capì l'uferta, mo acsè

BAS‑CIAN U j è, u j è

CARLETTO E che?

BAS‑CIAN E piccolo difetto.

CARLETTO Mo indov?

BAS‑CIAN (fa segno che è incinta)

CARLETTO Capar! ( a sè) Nenca lì. Adess a j o capì! E parchè an la dasì a e babb d'su fiol?

BAS‑CIAN Parchè l'è scap.

CARLETTO E induv'el andé?

BAS‑CIAN Nella legione straniera.

CARLETTO Pinela.

BAS‑CIAN Propi lo.

CARLETTO Ah, cvesta mo nenca. E un m'ha miga dett gnit

BAS‑CIAN Alora oja da telefuner ai carabinieri o a e paruch?

CARLETTO E se Maria l'a n'um vo brisul.

BAS‑CIAN Mi fiola la fa cvell ch'um per a me! A so me cvell che cmanda in sta ca! Alora?

CARLETTO E va ben. Fasen pu nench cvesta.

BAS‑CIAN Palmíra! Mariulì!... Palmiraaa...

Entrano Palmira e Maria. Maria è scurissima.

PALMIRA Csa rugta! A sen acvè, a sen acvè!

BAS‑CIAN A j et scort cun tu fiola?

PALMIRA A j o scort.

BAS‑CIAN E cst ala arspost?

MARIA A ne voj, a ne voj, a ne voj! Me a voj Pinela!

BAS‑CIAN Pinela un n'j è brisul. Ut ha abanduné.

MARIA Me a voj Pinela!

BAS‑CIAN E te dajla!

MARIA Me a voj Pinela!

BAS‑CIAN Te t'at turrè Carletto, e basta!

MARIA Mama! (piange)

PALMIRA So so te purena.

BAS‑CIAN Am seva dscord d'dit che mi fiola l'ha nenca un'etar difet: l'è sempar dri a smargulé. Coctla mo te! Dai Palmira, aj lasen insen. I futuri sposini dovranno mettersi d'accordo su una infinità di dettagli per le loro nozze! Ven donca, tincona! Andiamo a preparare lo champagne per festeggiare.

Carletto e Maria soli.

CARLETTO Maria me...

MARIA Ant voj, ant voj, ant voj!

CARLETTO S'l'è par cvest gnanca me.

MARIA Sul serio?

CARLETTO Si.

MARIA (lo abbraccia e lo bacia) Oh, grazie, grazie, grazie!

CARLETTO Ciò, sta chelma! Par furtona t'a n'um vo brisul. Un etar po e pu t'am sman acvè!

MARIA Perché mi prendi in giro?

CARLETTO No, me a scherz. Mo l'è tu pé ch'un scherza brisul.

MARIA Se anche tu sei d'accordo a non sposarmi glielo diciamo e...

CARLETTO a m'atrov cun e cul partera e senza un lavor!

MARIA Perchè senza lavoro?

CARLETTO Parchè tu pé um lasa a cà! L'è una storia longa. Anca se in galera a j andrò listess parchè an ho e cor d'lasè la Nerina int e mez d'na stré cun un basterd ch'l'a da nessar.

MARIA Nerina?

CARLETTO L'è e vera che te t'an la cnoss. E' la mia ragazza. Mi aveva raccontato di essere tua sorella me a j o cardù, sono venuto a chiedere la sua mano e tu pè, invezi u s'è cardù ch'am avless maridé cun te.

MARIA Anche questa. E poi?

CARLETTO E poi l'ha scvert nicosa e sicom che me a j aveva spalé un po' in t'al richiest e a j aveva nenca cunté beh insoma lo u s'è fat a pera.

MARIA Come pari?

CARLETTO Ha fatto il cambio di figlia e per levarti dai guai mi ha costretto a sposarti.

MARIA Levarmi dai guai?

CARLETTO Per dare un babbo a tuo figlio. Al figlio di Pinella. Mo parche a creata che tu pé e vola L'al marida cun me?

MARIA (non trattiene una risata) Questa è bella. E' bellissima.

CARLETTO Guarda che non vedo mica cosa ci sia da ridere. Asughé la bughé d'un etar l'è proni un cvell ch'an arebb mai avlù fer. E li la rid ciò. Si può sapere perchè ridi tanto?

MARIA Io non sono incinta.

CARLETTO E che?

MARIA No. Ho inventato tutto perchè mio babbo mi lasciasse sposare Pinella.

CARLETTO Oh, puret me! Adess se chta so arviné. Va bene, io me ne vado. Non voglio dare nessun'altra soddisfazione a tuo padre.

MARIA E mi lasci così?

CARLETTO Perché, cosa dovrei fare.

MARIA Non vorrai mica che mio padre scopra che non sono incinta.

CARLETTO Se non ci sei...

MARIA E no! Ho fatto tanto per esserci. Se adesso mio padre viene a scoprire che non sono incinta mi ammazza.

CARLETTO Guarda che succede sempre il contrario.

MARIA Beh, è lo stesso. Io voglio sposare Pinella.

CARLETTO Ma Pinella è nella Legione Straniera.

MARIA Allora scappo di casa e vado da lui.

CARLETTO Buon viaggio!

MARIA No no, aspetta. Dobbiamo trovare una soluzione. Qualcosa che vada bene per tutti due.

CARLETTO Non è mica facile.

MARIA Hai ragione. Cosa possiamo fare?

CARLETTO Ecco. Ci sono: dobbiamo guadagnare tempo.

MARIA E allora? Per guadagnare tempo...

CARLETTO ...potremmo sposarci!... Eh no, non posso mica andare a dire alla Nerina che mi sposo con te per guadagnare tempo...

MARIA Eh già. E allora...

CARLETTO Ti devi trovare un altro marito.

MARIA Eh?

CARLETTO Per finta, si capisce...

MARIA E poi?

CARLETTO Poi fissile nozze fra sei mesi, ti fai anticipare da tuo padre la dote...

MARIA La dote?

CARLETTO Sì. Io con qual soldi pago il riscatto di Pinella, lui torna a casa in tempo e ti sposa.

MARIA Va bene. Ci sto.

CARLETTO Brava. Allora adesso dobbiamo trovarti solo un altro marito, magari un salame...

Entra Filippo.

FILIPPO Allora signor Sebastiano, vogliamo farli questi massaggi? Oh, scusate

CARLETTO (guardando Maria) Filippo!

MARIA (guardando Carletto) Filippo?

CARLETTO Eh!

MARIA Filippo!

CARLETTO (a Maria) Vai a parlarne a tuo padre. ( a Filippo) Venga, venga stavamo parlando proprio di lei.

MARIA (vergognosa) Io vado via.

FILIPPO Ma no, resti la prego.

MARIA Oh, mi scusi (esce rapida).

CARLETTO Lo sa che lei è un uomo fortunato?

FILIPPO Io e lei abbiamo un conto in sospeso. Non vorrà mica aumentare il debito.

CARLETTO No no. Non voglio certo fare i conti con i suoi bicipiti e i suoi tricipiti. Dico davvero. Lo l'è un oman furtuné e al sal e parchè?

FILIPPO Parchè?

CARLETTO Cum dega un po': cvant el che zira par ca?

FILIPPO Tri mis.

CARLETTO E un s'n'è mai adè d'gnit?

FILIPPO No, de che?

CARLETTO E za, un s'n'è adé gnaca adess! (Filippo non capisce) La Maria lo. (non capisce ancora) A mo alora ch'um scusa mo l'è propi un ciù! La s'è inamureda d'lò.

FILIPPO Va là, me a ni cred.

CARLETTO Mo u n'ha vest adess ach fata ch'l'ha fat?

FILIPPO Infati la m'è persa un po sturbeda.

CARLETTO L'è cota cum' una pera.

FILIPPO Mo stl'an m'ha mai dett una parola.

CARLETTO E' timida. L'as vergogna.

FILIPPO Mo s'um pé ch'l'an m'epa mai s‑ciusé gnit.

CARLETTO Eh, caro mio. Chi disprezza vuoi comprare.

FILIPPO No no. A ni cred. E pu lo cum a fai a savel?

CARLETTO L'am l'ha dett adess adess.

FILIPPO E parche la l'ha dett cun lo e no cun me.

CARLETTO Parchè?

FILIPPO Za, parchè?

CARLETTO Parchèparchè l'as vergogna. Agli ho pu dett. Me a la cnoss da cvand ch'l'è neda. A j aven fat i babin insen. L'ha m'ha ciamè e pu l'a m'ha dett: "Ho impegnato il mio cuore" E me: "Ti sei innamorata? E di chi?" "Di un ragazzo bello come il sole, forte come la roccia, limpido come l'acqua

FILIPPO L'ha dett propi acsè?

CARLETTO L'ha dett propi acsè. E alora me a j ò cmandè "Chi è quel fortunato mortale?" e li ‑ rossa cum un pavaron ‑ la m'ha dett: "Filippo"!

FILIPPO No.

CARLETTO Sì. L'ha propi dett: "Filippo!". Mo un ha vest cum l'e scapa veia vargugnosa cvand che lo l'è avnù in cà? Ah, sa foss me int e su post.

Entra Bas‑cian.

BAS‑CIAN Csa fet incora acvè. Tse sempar int e mez. Avejta ch'a j o da scorar cun e mi amigh Filippo. A fasen pu i cont dop me e te. (Carletto esce) Caro Filippo cum a vala, eh? Mo al set t’si un oman furtunè.

FILIPPO Nenca lo?

BAS‑CIAN T'am se propri simpatich. A vut un wisky?

FILIPPO No. Alcool mai. E pu adess aj aven...

BAS‑CIAN Un cafè?

FILIPPO E1 mat? C'è la caffeina.

BAS‑CIAN T'am se propi simpatich.

FILIPPO Cvest um l'ha za det.

BAS‑CIAN Ah se? Alora, al fasegna ste masag?

FILIPPO Prima le venti flessioni.

BAS‑CIAN Osta mo l'è e vera! Un s'pò fe d'manch?

FILIPPO Non si può, servono per la circolazione! Ginnastica...

BAS‑CIAN Alt! Aspeta ch'a so cum cla finess: ginastica e gina­stica! Mett'in sdè.

FILIPPO E le flessioni?

BAS‑CIAN Dopo, dopo. Prima dobbiamo parlare di cose più impor­tanti. Te t'avres arvir una palestra, vera?

FILIPPO Sarebbe il mio sogno. Una bella palestra con tutti gli attrezzi: pesistica, culturismo, aerobica... ma costa troppo...

BAS‑CIAN E t'an n'je mai pinsè d'maridet?

FILIPPO S'am marid alora ben ch'an la poss piò arvì la pa­lestra.

BAS‑CIAN E invece io ti dimostro il contrario. E' solo sposan­doti che potrai aprire una palestra. Ma cosa dico una palestra: due, tre, una catena di palestre e alora etar che ginastica!

FILIPPO Ah, lo um tor in zir.

BAS‑CIAN An so mai ste piò seri d'adess. Filippo te ttse l'oman adat par mi fiola.

FILIPPO Alora l'è e vera.

BAS‑CIAN E che?

FILIPPO Che la Maria la stè inamureda d'me. A ni vleva credar cvand ch'im l'ha dett.

BAS‑CIAN Ah, t'al se za? Etar che inamureda: l'è ismida.

FILIPPO Par me?

BAS‑CIAN Par te. L'am l'ha dett adess adess! La ne steda piò bona d'tnila streta. Alora a sen a post! Av maridì e s‑ciao bona not!

FILIPPO Ciò, e dis nicosa lo. Mo me...

BAS‑CIAN A la vut arvì o an la vut arvì la palestra?

FILIPPO Signor Bergamotti, lei mi ha convinto. Troverà in me un marito per sua figlia e un massaggiatore per le sue artriti, e...

BAS‑CIAN Ginastica, Dinastica, Dinastica! Palmira, porta lo champagne, dobbiamo festeggiare. Maria!

MARIA Eccomi papa.

BAS‑CIAN Abbraccia il tuo fidanzato.

MARIA Mi vergogno.

FILIPPO L'as vargogna da bon. Su, su Maria, non avere paura, chiunque oserà guardarti dovrà fare i conti con me.

MARIA Ma io mi vergogno.

PALMIRA (entrando con lo champagne) Evviva Carletto, evviva i fidan... addio, ma u n'è miga la.

BAS‑CIAN Par forza, tu fiala l'as marida con Filippo.

PALMIRA Cun Filippo? Mo alora...

BAS‑CIAN T'sè avanzada indrì d'una punteda. A t'la spiegh pu dop. Adesso facciamo festa!

PALMIRA Ah, va pu là. Evviva Filippo! Parò, Filippo... l'è un bel non... etar che Carletto! Filippo di Edimburgo!

BAS‑CIAN E pu l'è un basterà inteligent, ciò.

PALMIRA Mo se prema t'è dett cla di moscul nenca int e zarvell?

BAS‑CIAN A faseva par dì che ha il cervello allenato.

MARIA (che si è sempre schermita) Però il matrimonio lo facciamo solo tra quattro mesi...

BAS‑CIAN No no, prema, prema si no us ved tropp...

FILIPPO Cosa si vede?

BAS‑CIAN Si vede un'ottima vista dalla villa che ho intenzione di comprare per i novelli sposi! Su, su adesso Maria ritirati che devo parlare d'affari con il mio futuro genero. (Maria e Palmira escono)

PALMIRA Andiano di là, lasciamoli soli fra uomini.

MARIA Vengo subito mamma. (a Filippo) Ciao...

FILIPPO Ciao... Me sgnor Bas‑cian a so sbadzé.

BAS‑CIAN E pu ovest l'è gnit! (prende la valigia) Arves sta valisa te t'è dia forza. A j o pers la ciev.

FILIPPO Parchè a j o d'arvì?

BAS‑CIAN Dentr'a ala valisa u j è un milierd e settzant zincvanta miglion e l'è la dota d'mi fiôla!

FILIPPO (apre la valigia ed estrae un reggiseno) Osta parò, i sosta cher adess i regipet.

BAS‑CIAN E che? Oh boja de sendich! L'è la valisa dia Cicci! A vut avdé che li l'ha tolt sa la mi. Tot i mi bajocch a ca d' Catenacci!

FILIPPO A j zur ch'an capess un azident!

BAS‑CIAN E me at zur che stan mor incò an mor pio! (va al tele­fono) Pronto? Con chi parlo? Osa voi dì ch'a j o da resar me e prem a dì chi ca sa?... E va bene! Sono il commendator Maramotti!... Se, propi me... e adesso posso avere l'onere di sapere con chi sto parlando?... Ah, Catenacci padre... benesum: alora a voi indrì la mi valisa... quale valigia? Quella che la futura moglie di suo figlio ha... preso su da casa mia! Un m'intaresa se lo adesso sono usciti assieme! Mandimla indrì sobit!... Sicura chtam la vegn a tor da par me e pu sobit!...

FILIPPO Ma il suo massaggio!

BAS‑CIAN Caro genero, adesso non ho tempo.

FILIPPO Eh no! Adesso lei viene di là e facciamo il massaggio!

BAS‑CIAN Mo an posa adess!

FILIPPO Poche storie e si ricordi il mio motto: ginnastica, ginnastica, ginnastica!

Bas‑cian e Filippo escono mentre entra Cicci con la valigia.

CICCI Siete morti tutti in questa casa?

MARIA Cicci? Cosa fai ancora qui?

CICCI Ho riportato indietro la vostra valigia. Questa è la mia. (la apre, controlla e la richiude a chiave)

MARIA Adesso sono fidanzata con Filippo.

CICCI Con Filippo? (indica i muscoli)

MARIA Proprio lui.

CICCI Beh, contenta te. E Pinella?

MARIA Ma cosa hai capito. E' per sposare Pinella che mi sono fidanzata con Filippo.

CICCI Ah!

MARIA Pensa invece che mio babbo voleva che io sposassi Carletto.

CICCI Però, sei diventata esperta in poco tempo.

MARIA Io spero solo che tutto vada a finire bene.

CICCI Te lo auguro. Adesso scappo. Da la valigia all'autista che la porti a casa e vado subito con il mio ciccino a fare spese. Ciao e auguri.

MARIA Auguri a te.

Entrano Filippo e Bas‑cian. Maria si nasconde.

FILIPPO Non abbiamo ancora finito!

BAS‑CIAN Finiamo dopo! Mo cum at l'oda da dir che devo recupera­re una valigia piena di milioni! Vat a fer una bela spasigieda...

FILIPPO Un'etra?

BAS‑CIAN L'at farà sol ben. Dai, amolta...

Bas‑cian esce in fretta con la valigia, Filippo ritorna a fare i suoi bagagli. Maria esce dal nascondiglio ed entra Pinella.

PINELLA Maria!

MARIA Pinella! (si abbracciano) Il mio Pinella.

PINELLA La mia stellina.

MARIA Alloranon è vero che mi hai abbandonato. Non sei andato nella Legione Straniera.

PINELLA Non potevo abbandonarti. Avevo sempre te davanti agli agli occhi. Sono arrivato a Genova e poi sono tornato indietro e ho deciso di affrontare tuo padre.

MARIA L'affronteremo insieme! E poi, adesso non può mica dirmi di no.

PINELLA Perché?

MARIA Gli ho detto che aspetto un figlio, tuo.

PINELLA Oh pureta me! Allora è meglio che vada proprio nella Legione Straniera. Tuo padre mi ammazza di sicuro.

MARIA Macché, si è un po' arrabbiato. Ma adesso siamo a posto. Mi ha fidanzato con Filippo.

PINELLA Filippo? (fa segno ai muscoli)

MARIA Proprio lui. Ma prima voleva darmi Carletto.

PINELLA Carletto? Ma perché?

MARIA Per via della... (fa segno di pancia) Ti racconterò, ti racconterò... adesso dammi un bacio.

PINELLA Povera la mia stella, per colpa mia quante ne hai passate.

MARIA Ma adesso tu sei qui.

PINELLA E rimedieremo a tutto. Ho sentito tanto la tua mancanza.

MARIA Sì?

PINELLA Sì. Mi vuoi ancora bene?

MARIA Ma sono domande da farsi?

PINELLA (l'abbraccia, poi scherzando mentre entra Filippo) Di chi è questo bel nasino?

MARIA Il tuo amore.

PINELLA Bacino. E questa tenera boccuccia?

MARIA La tua tesoro.

FILIPPO Ah no! Questo è troppo!

PINELLA Filippo?!

FILIPPO Brota faza, at sistem me! (scaraventa a terra Pinella) Tu sei la mia fidanzata!

MARIA Lasciami, bruto! (gli molla un calcio in uno stinco) Vai via orsaccio! (lo caccia via) Pinella, Pinellino mio, come stai!

PINELLA A so tot un murlon!

Entra Bas‑cian con la valigia.

BAS‑CIAN E finalment am so purtè a cà la valisa cun i miglion. Par furtona ch' l'an l'aveva incora averta. L'ha portata l'autista proprio adesso adesso. La signorina è data fuori con il signorino Marco" che gig de su' mbros "a fare compere" l'ha det la camarira!

MARIA Babbo.

BAS‑CIAN Csa j ell nenca?

MARIA Io non voglio Filippo. Voglio Pinella!

BAS‑CIAN Incooora!!

ATTO TERZO

Stessa scena. Entrano Maria e Pinella. Pinella è incerottato.

PINELLA Ahi! Um fa mel nench la gamba.

MARIA Su, appoggiati a me.

PINELLA Quell'elefante! Un altro po' e poi mi mandava dritto all'ospedale. Ahi! E' stata la mia prima battaglia e a sa andè ben sa j o purtè a ca la pell!

MARIA Su, siediti.

PINELLA Par furtona t'a j sivta te. A ne saveva mina t'foss una dona da cumbatiment. Ta l'é mess a k.o..

MARIA Io difendo fino alla morte chi mi ama.

PINELLA Ma io non ti amo mica.

MARIA Cos 'hai detto?!

PINELLA Ferma, ferma. A scarzava. U j amanca sol t'am pasa te d'adoss e pu a so a post pr’un pëz. Oh, un sra miga incora acvè?

MARIA Sì, è di là. Ma non aver paura. Si sta massaggiando gli stinchi...

CARLETTO (entrando) A soia gnit sgrazie?! A soda gnit sgraziè!?

PINELLA Carletto?

CARLETTO Beh, Pinela? Mo osa fet acvè? E l'Africa?

PINELLA L'Africa la sta ben... ala in dov ch'l'è.

CARLETTO Mo cus'et fat? Ti hanno mandato in licenza dopo il primo combattimento?

PINELLA Magari. An srebb miga ardot acsè mel.

CARLETTO Ciò, e pe ch'it seda pasè d'adoss cun un cararmé.

MARIA E' stato Filippo. Ormai si era convinto di potermi spo­sare... quando ha visto che baciavo Pinella...

CARLETTO A j o capì. Almeno voi due vi siete ritrovati. E invece io sono disperato.

MARIA Perchè il babbo ti vuole licenziare? Non ti preoccupare ci penso io. Parleremo con mio padre e vedrai che riu­sciremo a convincerlo a dimenticare tutto.

CARLETTO Ti ringrazio, ma non è solo per quello. Non riesco più a trovare Nerina. A casa sua non c'è, nessuno l'ha vista. E' sparita e io sto impazzendo.

PINELLA Calma, calma. T'avdirè ch'u amasarà nicosa. Pensi ben, da cvica pert l'ha da resar...

CARLETTO E s'l'avess fat una dismitè... e mi Signor a ni Pass gnanca pinsé.

MARIA Su su, vedrai che è solo da qualche parte a piangere. Continua a cercarla.

CARLETTO Mi farò venire una qualche idea. Bisogna che mi faccia venire una qualche idea.

Carletto esce. Entra Palmira.

PALMIRA Alora e nostar Pinela cum a stai?

PINELA Cume on ch'l'è caschè da e terz pian.

PALMIRA Beh mo Maria, parche ta ni parper una bela limuneda chelda. (suonano alla porta Palmira esce)

PINELA A so tot un murlon, a j arò mo bsogn d'una limuneda chelda.

MARIA E invezi mama l'ha rason. Una bela limuneda chelda l'è cvela ch'u j vo. Ven, ven cun me.

Escono mentre entrano Palmira e Carla.

PALMIRA Meno male che è arrivata. La Cicci se n'è andata solo questa mattina ma c'è una confusione per casa. Oggi poi è un giorno tutto particolare. Il fidanzato di mia figlia ha avuto un incidente... ma venga, venga con me. Le mostro la sua camera e le faccio vedere la casa. Come ha detto di chiamarsi?

CARLA Carla, Carla Casadio.

Carla e Palmira escono. Entrano Bas‑cian e Filippo.

FILIPPO E io esigo delle spiegazioni.

BAS‑CIAN Quali spiegazioni?

FILIPPO Stia attento a come parla. Non sono mica abituato a farmi menare per il naso.

BAS‑CIAN Cio, ten zo cal man!

FILIPPO Am avì dett che vostra fiala l'era inamureda d'me. Li la faseva la spagogna e l'è steda d'acord a fidanzes cun me e pu tot int na volt a l'ho traveda ch'la s’abrazeva cun un'etar? Mi vuole spiegare il perchè?

BAS‑CIAN E parchè e parche...

FILIPPO Alora?

BAS‑CIAN Non c'è niente da spiegare. E' ritornato il fidanzato di mia figlia...

FILIPPO Ma non ero io il suo fidanzato?

BAS‑CIAN Dopo. Ma prima, prima lei aveva un'altro fidanzato...

FILIPPO E allora se ne aveva un'altro perchè lei è venuto da me?

BAS‑CIAN Perchè vede... l'altro era partito improvvisamente e mia figlia dal dispiacere...

FILIPPO Adesso sua figlia è fidanzata con me!

BAS‑CIAN E za, ma cl 'etar l'è e babb de babin ch'l'ha da nessar...

FILIPPO Cosa?

BAS‑CIAN Ormai a l'ho deta.

FILIPPO Sua figlia aspetta un bambino.

BAS‑CIAN Mi dispiace mo è arrivato prima Pinella.

FILIPPO Benesum! Quindi doppio inganno. Adess a capes tota la freza ch'a j avivi. Se non si trovava subito il tipo...

BAS‑CIAN Adesso poi, caro Filippo...

FILIPPO Caro, sicura, caro. Questo scherzetto le verrà a costare molto caro. Perché lei mi risarcisce i danni morali e materiali.

BAS‑CIAN Quali danni?

FILIPPO E tot cvel ch'um aveva prumess? Chi ch'mi da a me adess i cvatern par metar so una palestra.

BAS‑CIAN Eh no! Niente matrimonio, niente palestra.

FILIPPO E va ben. Allora guerra sia! Primo: vado dal mio avvocato; secondo: spedisco a sua moglie un promemoria dei suoi incontri galanti...

BAS‑CIAN Che incontri galanti?

FILIPPO Ch'un fega e smarl. A gli ho purté piò d'una volta da la Marcella, da la Viky, da la Susanna...

BAS‑CIAN Ma questo è un ricatto!

FILIPPO E e su un'era un bel bidon?

BAS‑CIAN E va ben. Arves la valisa e impinesta al bisac...

FILIPPO E no, a ni chesch miga. I reggiseni non mi interessano.

BAS‑CIAN Mo che reggiseni. Dollari amico mio, dollari! Arvesla.

FILIPPO Stia attento che la mia pazienza ha un limite.

BAS‑CIAN Arvesla e impinesta al bisacch cun tott cvell ch'u j sta. An voj gnanca gvardé. Um ven mel e cor sol a pinsé a tot cvel t'am purtaré veja.

FILIPPO (apre la valigia e ne estrae un reggiseno che mette davanti agli occhi di Bas‑cian) Ecco, adess a putì arvì j occ!

BAS‑CIAN Mo no!! Incora i regipet dla Cicci! Ma questa è una congiura.

FILIPPO Le consiglio di pensare bene a quello che le ho detto. Non voglio rubare altro tempo ai miei clienti, ma quando ripasso voglio una risposta chiara e sonante. Altrimenti per sua sfortuna faremo: ginnastica, ginnastica, ginnastica.

BAS‑CIAN Oh, purett me. A so arviné, a so arviné. Oh no! Cvesta l'è sempàr la su valisa... "l'ha portata adesso adesso l'autista"... a vut avdè... l'am l'aveva arpurteda indrì! E me pataca... Corr Bas‑cian, forsi sono ancora a fare compere!

Bas‑cian esce. Entrano Palmira e Carla, vestita da lavoro.

PALMIRA Allora ha visto la casa. E' grande ma non usiamo tutte le stanze. Se vuole può cominciare a mettere in ordine qui, in salotto. C'è un po' di polvere

CARLA Non si preoccupi, conosco il mio mestiere. Ci vorrà un po' di tempo, ma vedrà che la casa splenderà come non l'aveva mai vista.

Palmira esce. Carla fa entrare rapidamente Nerina.

NERINA Mama, par piasè, aviens d'acvè. A so steda una mata cvand a t'ho de ment a te.

CARLA Te sparesta e lasum fer a me. T'an e dett che t'at vu maridè cun Carletto?

NERINA Se mo dopp a cvell chtaj o fat. E cumendator u l'ha licenzié... e me a n'ho piò e cor d'andej impet.

CARLA A t' ho dett ch'a j apens me.

NERINA E se Carletto un um vo piò ben?

CARLA Oh insoma, Nerina. Smetla mo. S't'vu der un babb a tu fiol, e s't'aj vu dé su pé... e bsogna t'an faga miga tanti mosi! E pu Carletto l'è un bon basterd, ch'u t'avleva ben e ch'u t'vor incora ben... simben che t'a j epa cuntè una masa d'busej.

NERINA T'é rason, mama. Adess al vegh a zarchè e pu a j dscorr franca e senza pavura!

CARLA O‑oh! Acsè t'am pis! Va mo là che acvè ames nicosa me.

Nerina esce. Entra Cicci con la valigia. Agitatissima.

CICCI Oh, insomma! Avreb savè cvell ch'u s'in fa Bas‑cian dla mi biancareja. L'è avnù insina a cà... mo gverda cum ch'l'ha ardott la mi valisa... a vut che?... Ah, brot ciuson! E' un maniaco! An m'in seva miga mai adeda d'gnit... (vede Carla) Oh, mi scusi. Lei è la nuova cameriera?

CARLA Si.

CICCI Io ero la vecchia. Si fa per dire. Sono venuta a prendere la mia valigia scambiata per errore.

CARLA Faccia pure con comodo.

CICCI L'a s'nedarà prest ach manicomi ch'l'è sta ca: manicomio farmaceutico!

CARLA Cosa dice? Manicomio farmaceutico? Non esiste.

CICCI Lo dice lei. Le dò un consiglio. Tenga sempre pronta la farmacia di casa.

CARLA La farmacia di casa?

CICCI Aspirina, coramina, calmanti vari. Se ne fa largo uso.

CARLA Visto che lei era la vecchia pardon, la precedente cameriera, saprebbe mica dirmi dove posso trovare un po'di aspirapolvere?

CICCI Nello sgabuzzino dopo il tinello.

CARLA Grazie. E faccia pure con comodo.

Carla esce mentre entra come un fulmine Bas‑cian.

BAS‑CIAN Csa sit avnuda a fer acvè?!

CICCI A so avnuda a tor la mi valisa. O i mi regipet iv pis acsè tant ch'an puti piò fe senza! Spurcacion!

BAS‑CIAN Oj, beda cum t’scorr! E la mi valisa duv'ela?

CICCI L'è alè, a siv s‑ciorbal?

BAS‑CIAN (si riappropria della valigia) A l'et averta?

CICCI Cun e che? Cun "apriti sesamo"? An avdì ch'l'è inciaveda e un n'j è brisul la ciev!?

BAS‑CIAN A vegh, a vegh, an so miga zigh!

CICCI Csa j aviv dentr'a cla valisa: un tesor?

BAS‑CIAN Te bedta i tu fasul che me abed i mi.

CICCI A j arì la grezia. Signor Maramotti: a mai più riveder­ci!

BAS‑CIAN Sè, a mai più rivederci. (sente le voci di Maria e Pinella) Ecco chi ariva i du'mbrus. Me, cvel che 1' aj atrova in Pinela, me an so maj ste bon d'capil. Am avej parchè um fa sens sol a gvardel. S'un foss parchè lì l'è... a n'aglia darebbb gnanca...

Esce Bas‑cian. Entrano Pinella, Maria e Palmira. Stanno ridendo.

PALMIRA Mo da bon?

MARIA Da bon, mama. U m'ha insigné la Cicci.

PALMIRA La mi babina, t'a m'é fatt pasè acsè una pavura.

MARIA E me? Urmai um tucheva d'maridem cun Filippo.

PALMIRA Ginastica, ginastica, ginastica. Cvell l'è una palestra miga un 'oman.

PINELLA E me chtavleva andé int la Legione Straniera. Cvant a seri disum.

MARIA Se mo t'a j stess ste poch. Perché avevo già studiato un piano con Carletto. Carletto! L'è e vera. Bab u l'ha lasè a ca da lavuré. Mama, e bsogna fer cvicvell...

PALMIRA Par Carletto am arang me. E par te invezi...

MARIA Par me?

PALMIRA Cun bab e bsognarà cuntej nicosa...

MARIA Eh no! An so miga mata. Adess prema as mariden e pu dop a j e gen.

PINELLA E pu un s'sa mai... se incù l'an j è... dman e po des..

MARIA Ehi? Cus'ej sti scurs?

PINELLA Parchè?

MARIA At sit scord la prumesa ch'as sen fet? Solo dopo il ma­trimonio.

PINELLAAlora basta chtas maridema prest.

PALMIRA T'é rason, puren. E te t'an e se che l'oman e padess?

MARIA E parchè la dona no? As mariden prest, sta sicur.

Entra Bas‑cian.

BAS‑CIAN Eh no! A j avì fat mel i vostar cont. Adesso la cosa cambia totalmente aspetto.

MARIA Babbo?!

PALMIRA Bas‑cian!

BAS‑CIAN Pinela e ciapa l'oss e a la svelta! E te t'at marid cun Filippo.

A TRE Filippo?

BAS‑CIAN Certo. I1 commendator Sebastiano Maramotti ha una sola parola. Ho promesso a Filippo che lo sposerai e te lo sposerai.

PALMIRA Mo rasona...

BAS‑CIAN Te sta zeta! Che sì no un j è dla bagneda nenca par te. Cs'av cardiv ch'a seja e ragajon de car?

MARIA Io, Filippo, non lo voglio.

PINELLA Signor commendatore...

BAS‑CIAN Te sta zet!

PINELLANo, me a scorr! Lo e fa mel...

BAS‑CIAN Sicura chta fagh mel! (gli da un manrovescio e lo fa cadere a terra).

MARIA Pinella! (a Bas‑cian) Bruto!

BAS‑CIAN Me a sarò brot, mo te t'at marid cun Filippo. An voj miga ch'um dinonzia o che...

PALMIRA O che?

BAS‑CIAN Cvest al so pu me! Caviv de capar d'acvè tottcvent!

MARIA Io, Filippo, non lo sposerò mai, mai e poi mai!

BAS‑CIAN Ah brota... (fa per afferrarla, Maria gli sfugge e tutti e tre escono. Bas‑cian solo) Oo‑ooh! A vit mo che tutti i nodi vengono al pettine. Propi tot no. Sta valisa an so incora ste padron d'arvila e ad der una sbarluceda a i mi cvatren....

Entra Filippo.

FILIPPO Commedator Maramotti! Attendo una risposta.

BAS‑CIAN La risposta è pronta. Ti sposerai con Maria.

FILIPPO A me non interessa sua figlia, mi interessa la mia palestra.

BAS‑CIAN Si, mo la palestra ormai è legata alla figlia. E pu, mi fiola l'è verament inamureda int te...

FILIPPO E l'è par cvest ch'l'è incinta d'un etar.

BAS‑CIAN L'era cvell chtam cardeva nenca me. La purena, è tanto timida...

FILIPPO A me, cvand ch'a l'ho vesta abrazeda a cletar l'am pa­reva poco timida.

BAS‑CIAN Par forza! Era sta plagiata.

FILIPPO Plagiata? E e chilz cla m'ha dé?

BAS‑CIAN I1 plagio, il plagio. Sè, che sgrazié, u l'aveva imbar­fat credar nenca a lì ch'l'era incinta..

FILIPPO E lì...

BAS‑CIAN E lì l'a j a cardù e l'è avnuda da me a pianzar...

FILIPPO A pianzar?

BAS‑CIAN Sa te deggh me. La geva: "Sono innamorata di Filippo e adesso non avrò neanche più il coraggio di dir­glielo... Babbo ajutami tu!"... E me csa vut ca putess fer...

FILIPPO Me an so bon d' credi.

BAS‑CIAN Ta ni cred? A te dimostar sobit! (chiama) Maria! T'av­dirè cum ch'l'è ardota. La purena, l'as stroz! E l'an stè incora arfata d'posta...

Entra Maria mogia mogia.

BAS‑CIAN Maria, ecco il tuo sposo. (Maria piange) A vit cum ch'l'è cuntenta? La pianz insina.

MARIA Me lo an e voj!

FILIPPO Mo alora...

BAS‑CIAN Mo cs'at gevi me ch'l'an stera incora arfata...

Entra Nerina.

NERINA Commendatore, la supplico...

BAS‑CIAN E vo, csa fasiv incora acvè?

NERINA La scongiuro! Perdoni a Carletto... lui non ha nessuna colpa.

BAS‑CIAN Non ha nessuna colpa? E vo cum al ciamiv on ch'u m'ha graté unmilierd e settzencincvanta miglion? Eh?

Entra Pinella.

PINELLA Signor Commendatore!

BAS‑CIAN Ah, mo alora agli avì cun me! Chevta de capar d'avè!

PINELLA (indicando Filippo) L'è lo ch'u s'ha da cavé de capar!

FILIPPO Ehi! A vut un etar masagg fat ben?

MARIA Lascia stare il mio Pinella!

NERINA Signor commendatore, la prego...

BAS‑CIAN Basta! Silenzio. Adesso ho una cosa più importante da fare.

Entra Carla.

CARLA Più importante della felicità dei tuoi figli?

BAS‑CIAN E vo chi a siv?

CARLA Ta n’ u m’cnoss piò?

BAS‑CIAN Carla?!

CARLA Sì, sono proprio io.

BAS‑CIAN E csa fet, te, acvè? A saveva t'sivta in Arzintena.

CARLA A seva in Arzintena, a j so steda par vent enn, adess invezi sono la tua nuova governante, ma soprattutto a so avnuda par fet rasuné.

BAS‑CIAN Rasuné? An capess.

CARLA L'è nurmel. T'se sempar ste un gran tiston e t'an se cambié una gran masa.

BAS‑CIAN Csa sit avnuda acvé par ufendar? Hai traversato l'o­ceano solo per insultarmi.

CARLA Fa poch e pulpeta t' an m' impresion pio. A so avnuda par la felizité di tu fiul.

BAS‑CIAN E te dajla. Me a j o sol una fiola, te t'an j entar! E ad mi fiola, me, a fegh cvell ch'um per!

CARLA Me a fegh cvell ch'um per! T'am sress la boca acsè nen­ca venttenn fa. E me pora cvajona a stasè zeta... at lasè maridé cun tu moj... e am aviè. E pu am n'adasè chtaspiteva un basterd... (prende la Nerina) tu fiola.

BAS‑CIAN Eh no! A ni chesch miga.

CARLA An voj miga t'chesca invell!

BAS‑CIAN S'l'è mi fiola parchè l'an l'ha dett sobit?

CARLA Parchè la l'ha imparè nenca lì sol adess cum t'a l'imper te!

BAS‑CIAN Me a ni cred! Sol parchè vent enn fa...

CARLA La Nerina l'è tu fiola.

BAS‑CIAN Me a ni cred e st'an t'avej sobit a ciem i carabinieri.

NERINA Mama, lasa perdar.

CARLA Sta bunina te. La Nerina l'è tu fiola. Ciama pu i carabinieri. Andren in tribunel... a j o al tu letar, i tu asegn, al futografej fati insen, al vacano a Cortina, propi cvand avanzè incinta... e s'un basta...

BAS‑CIAN Basta! Basta! A j cred. A j cred.

CARLA Ecco, bravo. Par vent enn a nostra fiala a j o pinsé me, mo adess l'a s'è fata Branda e l'ha bsogn nenca de bab. Te, t'è nench un'etra fiôla... tot do al s'vo, maridé. I cvatren in t'amanca brisul... alora cerca mo                             d'fer e babb in se seri. Lasa che al tu fiati al s'ma  rida cun chi ch'al vo lo. La Nerina cun Carletto e la Maria cun Pinela.

MARIA Grazie, signora.

PINELLA Grazie.

BAS‑CIAN E va ben, parò...

CARLA E no stat preocupè par me. Me artoran in Arzintena.

NERINA Mamma! (l'abbraccia. Momento di commozione, tutti si abbracciano)

BAS‑CIAN Beh, aviv da durer una masa? Al dezid pu ma cvell ch'u j è da fer. Te Maria t'at maridaré cun Pinela. E te Nerina cun Carletto, ch’a ne licenzi brisul. E acsè a sen a Post.

FILIPPO Un momento. E io?

Entra Carletto.

FILIPPO Allora lei mi ha beffato due volte!

CARLETTO Nessuna beffa, nessuna beffa. Il Commendatore era già da tempo che voleva entrare nel mondo della ginnastica. Anzi, le confesserò, aveva pensato a lei per dirigere una catena di palestre in tutta la penisola. Vero, commendatore?

BAS‑CIAN Mo sent ali ch'fata faza!

FILIPPO E lo osa j entrai?

CARLETTO Io? Io sono il suo direttore delle vendite e quindi devo stipulare il contratto con lei. Insomma, le interessa o no aprire una palestra?

FILIPPO E' la cosa a cui tengo di più.

CARLETTO Benissimo. Allora ci penso io. Intanto mi riprendo la mia valigia...

BAS‑CIAN Eh no, t'a n'um fregh miga. No! La valisa l'è la mi. Giù le mani. Molla l'osso.

CARLETTO Me agli a degh e a j degh nenca la ciev, parò lo e prumett, acvè, dnenz a tot, ch'l'imprestarà, a tasso di favore, a Filippo i cvatren par metar so una bela palestra.

MARIA Sì, dai babbo.

PINELLA Avanti, signor commendatore.

CARLA Alora, Bas‑cian?

BAS‑CIAN Vujetar Stasi zet! Al sa pu me cvell chta j o da fer! E va ben: ti presterò i soldi.

CARLETTO Ecco a vo la valisa, alora.

FILIPPO Grazie Bas‑cian! Vo a sì un amigh. Arvirò la pio bela palestra ch'la s'seja mai vesta e ins la porta a j mitrò sol tre parol...

TUTTI Ginastica, ginastica, ginastica.

Entra Palmira.

PALMIRA.Beh, mo csa zuzedal acvè?

BAS‑CIAN Gnit gnit. A te spiegh pu dopp, cun chelma. E' solo una riunione di famiglia. Ma e tutto a posto. U j è nenca la valisa cun i cvatren! (apre la valigia ed estrae un paio di mutande da uomo) E csa vol dir?

FILIPPO E va pu ben. L'è la valisa d'Carletto. Csa vleval truvé di regipet nencaa lè?

BAS‑CIAN Ma i dollari?

CARLETTO Non sono ami esistiti. Non le ho mai rnbato niente. Le ho fatto solo uno scherzo.

BAS‑CIAN Uno scherzo?

CARLETTO Sì, papà!

BAS‑CIAN Ciiiiccii!!! (sviene)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno