Un marito per mia figlia

Stampa questo copione

UN MARITO

UN MARITO

       PER MIA FIGLIA

     

        DI  NUCCIO VASSALLO

         DA “I MANEGGI PER MARITARE UNA FIGLIA”       DI N. BACIGALUPO

                                                                PERSONAGGI

                                                                                                                             

                                                                             STEFANO

                                                                             GIGIA           sua moglie

                                                                             MATILDE    sua figlia

                                                                             CARMELA   la cameriera

                                                                             CARLOTTA la nipote

                                                                             RICCARDO

                                                                             PIPPO

                                                                             CESARE

                                                                             VENANZIO

           

                   ATTO PRIMO

La  scena rappresenta un soggiorno borghese.In fondo ci sarà la comune dalla quale si accede alle scale;alla destra una  porta immette nelle stanze;un balcone alla sinistra.Siamo in casa di Stefano.La scena è vuota.All’aprirsi del sipario si udrà forte il campanello d’ingresso.

                               _____________________________

Carmela -(venendo dalla destra)Vegnu...Vegnu...(Il campanello continua a suonare)vegnu...su dicu ca vegnu...vegnu.(rimanendo dietro la comune)Cu è?

Stefano -(da fuori)Iù.

Carmela -Iù cui?

Stefano -Iù...u patruni.

Carmela -Apro...(va ad aprire)

Stefano -(entrando)Finalmente...ma è mai possibile ca tutti i voti ca vegnu a casa,m’ha fari stari mezz’ura arreri a porta...è sempri a stissa storia.

Carmela -Ma vossia m’hava dittu..

Stefano -Chi t’hava dittu?Iù t’hava dittu di non aprire ccu troppa facilità...di dumannari sempri cu è..pichì non si sapi mai...di sti tempi....ma quannu senti a mè vuci...E’ tardu e haiu fami...è prontu?

Carmela -Cosa?

Stefano -Ho detto ca è tardu e haiu fami...è prontu?

Carmela -Ma che cosa?

Stefano -Comu cosa?Ppi unu ca hai fami chi è c’avissa essiri prontu?U trammi?

Carmela -Ma le signore ancora non hannu vinutu.

Stefano -Non hannu vinutu?Ma comu:mi dici ca haiu tunari prestu ca s’ha iri in campagna...ma a chi ura niscenu?

Carmela -Non erunu macu i novi...

Stefano -Ma sunnu quasi cinc’uri ca sunnu fori di casa...Vai...Vai...Vai in cucina...vai a priparari...

Carmela -Sì va bene...Ma le signore...

Stefano -Ma chi m’importa!U sai chi enu a fari in giru finu a st’ura?

Carmela -Ma chi nni sacciu!(Sgarbata)Comu su non mi bastassi tuttu u cchi fari ddo iornu:mi levu a vita ppi mettiri in ordini a casa,fari i letti,lavari i robbi, nesciri e fari a spisa... tornu e a signura mi manna ‘nta sarta...poi cc’è di cucinari.. mi chiama a signurina ppi aiutarla a farisi i capiddi... quannu pari ca putissi stari tranquilla haia priparari i valiggi ppi iri in villa in campagna... Iù ‘sta vita nun la pozzu fari cchiù.Su vuliti ca mi nni vaiu,mi nni vaiu ca non mi faciti mancu ‘nbaffu...

Stefano -(che ha cercato senza riuscirci di interromperla più volte)Calicci a pasta e poi ti nni vai!

Carmela -Mi sono spiegata?

Stefano -Ma vattinni ‘ncucina,dai...Ca mi vinissi di fari cosi di pazzi...( Carmela esce per la cucina)Si nni veni stamatina, mancu erunu i cincu, me muggheri:”Mi raccumannu Stefano,cerca di turnari prestu a casa oggi, picchì ni nni emu a villa ‘ncampagna. ”Villa... insomma, ragni, muschi, zanzari... Chi cc’è ddocu di zanzari...Dici ca è l’acqua ca porta i zanzari... L’annu scorso stesumu 25 giorni senza acqua...s’hava iri a pigghiarla ‘nta paisi vicinu...acqua non cci nn’era...ma i zanzari sì...i zanzari c’erunu... erunu ddà ca aspittavunu l’acqua...Non fazzu colazione stamatina,arrivu ccu ‘na fami di moriri...le signore non cci sono...stannu quattru o cinc’uri peri peri e poi quannu tornunu...

Carmela -(entra dalla cucina e lo interrompe)Signor Stefano ... l’ha portato?

Stefano -Cosa?

Carmela -Dico se l’ha portato.

Stefano -Ma chi è ca hava purtari?

Carmela -U pisci.

Stefano -U pisci?Pirchì iù hava purtari u pisci?

Carmela -Sì.La signora mi ha detto che il pesce lo portava lei.

Stefano -Pirchì iù mi l’hava sugnari di purtari u pisci?

Carmela -La signora non ci lu dissi?

Stefano -No.Non m’ha dittu nenti.

Carmela -Chista è bella...Iù non haiu accattatu nenti e in casa non c’è nenti.

Stefano -’Ncasa non c’è nenti?Ma itivi a fari sparari tutti i fimmini dò munnu. (suona il campanello. Carmela va ad aprire)Me muggheri on mi dici nenti e iù m’haia ‘nsunnari di purtari u pisci.Mi vinissi di fari cosi...Non po' durari... comu finisci non si sapi...ma ha finiri..(si siede su una poltrona che si troverà nella zona anteriore della scena per cui non sarà notato entrando)

Gigia -(entra con Matilde )Si fici tardu... Stefano è già in casa?Il padrone è in casa?

Carmela -Sì,vinni.

Gigia Oh,santo Diu...è propriu tardu. Matilde vai ‘nta tò stanza a mittiriti ‘npocu in ordini...

Matilde -Lasciami un po' sedere che non ce la faccio più a stare in piedi...

Gigia -Sono stanca pure io...ma tanto stanca che non ne posso più.Arrivare prima dalla zia,ca poi mancu c’era...

Matilde -A me non è sembrato vero.

Gigia -Poi arrivare dalla sarta...

Matilde -Giusto!Tutta quella strada per arrivare dalla sarta...Iù vulissi sapiri...

Stefano -(alzandosi)No,iù vulissi sapiri finu a unni arriva a vostra faccia tosta...

Matilde -Oh,ciao paparino!

Stefano -Ca quali paparino?Haiu fami...ciao paparino...Ciao paparino.

Gigia -Oh, Stefano sei già in casa?Come mai sei già in casa?

Stefano -Ah?

Gigia -Dico:sei già in casa?

Stefano -Non sapeva uddi iri!Dissi:ora vaiu ‘npocu ‘ncasa.

Matilde -Io non sò...quei due bisticciano sempre.

Gigia -Ma scusami...

Stefano -No,scusami tu.Stamatina m’hai svegliato alle cinque...alle cinque...ppi dirimi ca si doveva andare in villa..e non basta...m’hai detto di veniri prestu... e non basta,eh!!(alla cameriera per significare che vuole che esca) e non basta..per ricordarmelo ancora,mi mannasti anfina ‘nte scali ‘stu pagghiazzu di ‘na serva...mi mannasti..

Carmela -(che ha sentito)Ohè!...Ohè!...Chi significa pagghiazzu?

Stefano -(notandola)Hai sentito?..T’hava dittu di iri in cucina,no?E allura... Beh,insomma,mi mannasti anfina ‘nte scali,...mi mannasti anfina ‘nte scali... stu pagghiazzu di ‘na serva..non si po' diri diversamente;su canciu dico ‘sta serva di ‘npagghiazzu...e a mia non mi cummeni.E va bene,iù cercu di spurigghiarimi,alto la colazione,arrivo a casa morto di fami:le signore non ci sono...sono a fare compere,le signore...Stannu fora i casa quattru, cinc’uri e unu cca aspetta ccu ‘na dibulizza ca non si po' diri..Ma chi faciti ogni iorno peri peri tuttu ‘stu tempu,dicu iù?Ma chi fa si mangia o non si mangia,oggi?

Gigia -E va bene,ora facemu apparecchiari.(fa segno a Carmela )

Stefano -Ancora s’apparecchiari?Ma su mi sbattissi a testa mura mura...ancora s’apparecchiari...vergogna!

Carmela -Oh!Signora,mi l’hava scurdatu.Nò purtau!

Gigia -Cosa?

Carmela -Il pesce.Non m’hava ittu ca u pisci u purtava sò maritu?

Gigia -E comu mai nò purtasti?

Stefano -Tu i purtasti i banani?

Gigia -Picchì,iù hava purtari i banani?

Stefano-E iù hava purtari u pisci?Pirchì?

Gigia -Ma pirchì ppò pisci ti lu dissi stamatina.

Stefano -E iù ppe banani ti lu dissi stanotti.

Gigia -Ma sì,dai...prima di nesciri...

Stefano - Gigia non m’ha dittu nenti...nenti.

Gigia -Non ti lu dissi?

Stefano -No,assolutamente.

Gigia -E va bene,veni a diri ca mi lu scurdai.

Stefano -Certu,accussì è facili.Vuatri cumminati i cosi e poi cu cci và ‘nto menzu sugnu iù...ca fussi cosa...

Gigia -Basta,ora...basta...basta...(alla cameriera)E tu chi sta facennu ddocu? Arristati ‘ncantata?Avanti forza,vai ad apparecchiari...via.

Carmela -Va beni...iù a tavola l’apparecchiu, ma poi supra a tavola che cci mettu?

Gigia -Non mi diri ora ca ‘ncasa non c’è nenti..

Carmela -Non c’è nenti!

Gigia -’Nta cridenza ci hanu a essiri delle uova...

Carmela -Ma cci nni sunnu dui,signora...

Gigia -E va bene,dui.Non nni mangiamu certu vintiquattru.(via Carmela )

Stefano -Due uova?

Gigia -Due uova...poi c’è macari ‘na buatta di pumadoru...

Stefano -Ddu ova..Ma chi haiu a fari cu du ova?Sa quant’havi ca su ‘nficcati ‘nta cridenza...a ‘stura cci sarà u sò beddu puddicinu dda intra...poi tu si capaci di diri ca mi mangiai ddu puddastri...ddu ova...cca fami ca haiu è comu su cci dassi ‘nzuccherinu a ‘ncavaddu...

Gigia -Hai finito?

Stefano -Ho finito!

Gigia -E allura senti a mia ora.Vidi ca davanti a cammarera non vogghiu ca fai ‘sti scenati.Quannu semu suli hai vogghia di fari vuci,di smaniari picchì tantu a mia non m’interessa nenti...nenti!Ma dimmi ‘na cosa,ti pari ca esisti tu sulu cca intra?Cridi ca ‘ncasa non cc’è nenti chi fari?( Stefano vorrebbe rispondere ma la moglie non gliene  dà il tempo)Varda ca tuttu u pisu da casa è supra i mè spaddi...tuttu iù haia fari ccà...ccu ddu pagghiazzu di ‘na serva ca comu dici tu,non è capaci di fari nenti.Appoi arrivi tu e chistu non ti piaci e chistu ‘u pritenni...tuttu a essiri a puntinu... tu chi nni sai?Tu a matina nesci...nesci u signurinu...Si nni va un pocu in giro banche banche,chiacchera un pocu ccu chistu e chiddu, poi s’arritira cu l‘aria eroica e si lamenta di tuttu e di tutti...Ma chi ti cridi?...Ci nn’è ‘nsaccu di cosi da fari.Senti:s’hanna pulizziari i stanzi,rifari i letti,lavari, ogni matina si cci deve fare a riga ‘nte pantaluni(scena di Stefano )picchì si non havi a riga ‘nte pantaluni u sapi Diu chi succedi...e poi...poi cucinari, stirari a biancheria...

Stefano -(riesce finalmente a interromperla)Ma non dicu di no.’Nta na casa ci sunnu milli cosi di fari:i pulizzii,cucire, stirare, cucinare;ah,dici ca mi faia riga ‘nte causi...si non m’ha fazzu iù cco labbisi a riga ‘nte causi... Gigia l’ultima vota ca mi facisti a riga ‘nta stì causi...me lo ricordo benissimo,fu quannu nostra figghia si fici a prima cumunioni...

Gigia -Accuminciasti a diri cretinati?

Stefano -Capisciu ca ‘nta ‘na casa c’è sempri tani cosi di fari...ma,porca miseria, iù sugnu ccà ca paru u figghiu di nessuno...unu di chiddi ca non hannu casa,ca dormunu sutta l’archi dà marina, ca addumannunu ‘mpiattu di minestra dè frati...Si certi voti,mentri caminu,mi capita di specchiarimi ‘nta na vitrina,dicu:”Cu è ddu povuru disgraziatu?”,sugnu iù!Non sunnu fissarii.Varda i pusa da cammisa (glieli mostra)Tutti scusuti,filu di tutti i parti...Guarda i lazza di stì scarpi...videmu su non haiu ragiuni;u sai ca a matina mi cci voli mezzura a scarpa ppi allacciarammilli,ccu tutti sti gruppa? Mezz’ura!Fazzu ‘ngruppu,si sciogghi stautru, fazzu chistu,si sciogghi chistu...ma non sunnu cchiù lazzi di scarpi chisti, sunnu curuncini di rusariu...E’ una vergogna...una vergogna.Ah!Varda,varda cca! (Mostra le tasche della giacca scucite)non mi trovu mai soldi spicci...i perdu strati,strati.

Gigia -Certu cci ‘nficchi tuttu chiddu ca ti capita ‘nte sacchetti...

Stefano -Ci mettu chiddu ca è giustu mittiricci.E non sunnu storii:l’autru iornu stava caminannu supra a banchina,quannu sentu a unu ca mi fà:”Senta bell’uomo..guardi...”

Gigia -Ti dissunu “bell’uomo”..?

Stefano -Dunque sentu a unu ca mi fa:”Senta bell’uomo...veda...”

Gigia -Ma ti dissunu proprio “bell’uomo”.??

Stefano -Sì!

Gigia -Ti dissunu “bell’uomo”...

Stefano -Beh,era unu ca vineva d’arreri...non m’hava vistu ‘nfaccia...

Gigia -Ah!!

Stefano -Dunque,mi fa...”Stia attento che sta perdendo la camicia”(Mostra il fazzoletto che esce dalla tasca scucita della giacca)E’ una vergogna... una vergogna...Mi nni capitunu tutti i iorna.L’autra vota vaiu o viali a visitari ‘nclienti...Quannu staiu acchianannu i scali,u purtinaru mi fa: ”Ehi! Psss... psss...indietro..”-”Ma,dicu iù,haiu iri o primu piano.””Indietro,mi dici, indietro,perchè in questo palazzo è vietata l’elemosina”.

Gigia -Daveru?Ti pigghiau ppi ‘nmendicanti?

Stefano -Ma ppi forza,ppi forza. Gigia ...ti l’haia cuntatu mai chidda ‘dè raggi?

Gigia -Quali raggi?

Stefano -Non ti l’haia cuntatu chidda dè raggi?Daveru non ti l’haia cuntatu? Senti... senti chista...Sarà ‘na simana...

Gigia -Chi ti successi?

Stefano -Sarà ‘na simana...mi trovava ‘nta ‘na banca al centro...c’era ‘ncauru di moriri...non c’era tantu cchi fari...c’era ‘nsuli accussì forti...Mi dissuru ca cci sunnu certi raggi d’ò suli ca fannu tantu beni...i raggi ultraviolan... violenti...

Gigia -I raggi ultravioletti.

Stefano -Violenti...ecco.Pinsai:”Non c’ tantu cchi fari...ora mi pigghiu dui o tri raggi ”Mi livai u cappeddu(fa la scena)e dissi: ora mi pigghiu dui o tri raggi. ”Mentri era dda ca mi pigghiava i mè raggi, passa unu,,pari ca l’haiu davanti a l’occhi, si ferma e mi talia.Pinsai:”Veni a diri ca mi canusci” e cci fici accussì cca testa.(Un cenno come per saluto) Gigia pigghiau vinti liri i ‘bbiau ‘nto cappeddu e si nni ivu.

Gigia -Oh!

Stefano -E’ una vergogna...E’ una vergogna.No,ma hannu ragiuni... Gigia ... Gigia varda ti dicu chista sula e non ti dicu cchiù nenti.Talia ‘sta giacca.

Gigia -Beh!Chi c’è?Si tratta di ‘na giacca marrò.

Stefano -Lassa stari u marrò.Si tratta di ‘nmarrò cangian, macari ogni tantu cc’è ‘npocu di marrò, chistu sì, c’è.Comunque lassa stari ca non parru di chistu. Varda ccà(glieli mostra)cci sunnu tri asole, tri occhielli.Varda di stu latu. Non cc’è mancu ‘mbuttuni.Ma mancu unu.Prima ci nn’erunu tri, poi dui,poi unu,unu sulu,chistu ccà sutta;u fici durari cchiù ca potti,poi basta. Chi mi l’haia attaccari ccu ‘mpezzu di spagu a giacca ora?Ora iù non dicu ca ‘nta ‘na famigghia non cc’è nenti di fari,ma santu Diu,fatti aiutari di tò figghia ca non fa autru ca  leggiri, oppuri eccola là(la vede al balcone)Affacciata o balcuni.Tutti l’uri e tutti i mumenti non a viri autru ca affacciata o balcuni.Chidda non è cchiù ‘na signurina,è ‘na grasta.E’ una vergogna.

Gigia -Ma chi vulissi ca facissi a cammarera?

Stefano -Ma chi c’entra.Iù dicu ca su ssi voli u tempu si trova.Le signorine bene educate fannu prima chiddu ca cc’è di fari: lavunu, stirunu,cucinunu e poi trovunu macari u tempu ppi fari conversazione,ppi leggiri..chistu è u veru sistema ppi educare una ragazza e farne una buona madre di famiglia. Invece cca non si fa autru ca passiari ppi mittirisi in mostra da matina a sira comu ppi diri:Guardate cca cc’è la figlia e qui cc’è la madre... qua cc’è la madre ,qua cc’è la figlia e viremu chi se la piglia”E’ una vergogna.

Gigia -E va bene.Non usciremo più quannu avemu d’accattari qualche cosa.

Stefano -No!No!Non ha caputu nenti.Si capisci ca p’accattari qualche cosa s’ha nesciri,ma vuatri stati fora ogni iornu quattru cinc’uri p’accattari mintemu ‘nroccheddu di filu. Quattru cinc’uri ppi ‘nruccheddu di filu...allura unu ca s’accattari ‘nvistitu a stari ddu misi fora di casa.E’ una vergogna.E’ una vergogna... U fattu è c’aviti l’ambizione di farivi vidiri in giro.

Gigia -(con tono crescente)A virità è ca si fussi ppi tia,povira Matilde ,si maritassi fra cent’anni.Chista è a virità.E va bene:niscemu.Ma tu chi cridi di fari u beni dè signurini a tinilli sempri chiusi in casa,chiusi sutta chiavi? Cu si l’avissa pigghiari a tò figghia su non la vidi nuddu?

Stefano -E va bene,veni a diri ca ora n’affittamu ‘na bottega al centro,a mittemu ‘nvetrina e tutti chiddi ca passunu:oh...oh..oh..Ma fammi u piaciri.

Gigia -Ppi tia è u stissu ca si marita o ca non si marita...Anzi accussì ti piacissi megghiu,ca non avissa nesciri a doti.

Stefano -Ma chi dici?Veramenti sa gran doti ca avemu a nesciri...

Gigia -Varda,ti dicu ‘na cosa sula.Vuatri masculi,sentimi bonu, vuatri masculi non capiti nenti...nenti...nenti!

Stefano -E ppi chistu ni maritamu!

Gigia -Quantu si spiritusu! Vai,vai a travagghiari...vai a guadagnare...

Stefano -Di chistu ni capemu.

Gigia -Ma dè cosi dà casa non ti nni ‘nteressari...dè cosi da casa famminni ‘nteressari a mia.Questo è il mio regno..il mio regno, e nel mio regno impero sulu iù!

Stefano -U regnu...A regina dà casa...

Carmela -(Viene dalla cucina)Signora...

Stefano -Quali signora..Regina l’ha chiamari!

Carmela -Signora le posate dove sono?Iù non i trovu.

Stefano -’U regno arristavu senza furchetti e senza cucchiari...a regina dà casa... a regina di coppi...

Gigia -(a Carmela )Comu i posati?Ah!Aspetta mi pari ca i misi ‘nto bauli.

Stefano -Ora emu a mangiari intra u bauli...

Carmela -Va beni,signora.Ora i pigghiu.

Gigia -Aspetta,aspetta ca mi pari ca i misi propriu ‘nfunnu.Ora ti vegnu a ari ‘na manu iù.(al marito)’Mmumentu di pacienza, Stefano ,ora sistemamu tutti cosi.

Stefano -Certu,ca sistimamu tutti cosi.Iù i me cosi mi sistemu subitu,picchì mi nni staiu ennu a mangiari ‘nta ‘n trattoria.

Gigia -Unni vai?

Stefano -Havi dè cincu ca sugnu susutu e non haiu assaggiatu mancu l’acqua: haiu fami...haiu fami...iù a vidu a fami...a vidu...staiu cascannu ‘nterra dà fami e mi dumanna unni vaiu!Mi vaiu a fari ddu passi videmu su mi veni ‘npocu d’appetitu.(via)

Gigia -(Gli va dietro)Aspetta Stefano ... Stefano ..Nenti è andato.(a Carmela )Ma dicu di unni ti vinni a tia di mettiri i posati ‘nto bauli?

Carmela -A mia?Ma su cci misi lei...

Gigia -Ca quali iù!A virità è ca a testa no cci l’hai cchiù supra i spaddi...Sei innamorata dimmi a virità:Ti pari a non l’haiu vistu passari di cca sutta, o spissu,a ‘nfinanzeri?

Carmela -Ca quali...Chiddu è mè cucinu.

Gigia -Tò cucinu! E l’autru iornu ca passava e spassava,inveci, ‘mpumperi?

Carmela -Chiddu...è sò frati.

Gigia -Va beni...Vai ‘ncucina...vai...

Matilde -(dalla stanza) Carmela ... Carmela ...

Carmela -(resta indecisa a metà strada)

Gigia -Allora!Non senti a mè figghia ca ti chiama?

Carmela -A sentu.Ma chi haiu fari? Vaiu ‘ncucina o ‘nta signurina?

Gigia -Suddu a signurina chiama si va ‘nta signurina.E’ tanto chiaro...

Matilde -(entrando) Carmela ,ma che sei diventata sorda?Mamma,dato che la signorina non si degna,vieni un po' tu di là.

Carmela -Non si degna...non si degna...Ma iù non è ca mi pozzu spattiri ‘ndui.

Gigia -Va bene,va bene,vai.Ah! E le posate lassili perdiri per ora, tantu iù fami non nn’haiu e poi stamu iennu ‘ncampagna... Tu Matilde ,hai fami?

Matilde -No,mamma,asolutamente.

Gigia -Io se mi credi ho ancora qua,sullo stomaco,le paste che abbiamo mangiato...

Matilde -Per forza,mamma,dodici ne abbiamo mangiate.

Gigia -Ma erano buone,però,eh?

Matilde -Buone,certo.

Carmela -(fra sè)Dudici pasti,si pistianu.Ppi forza ora fannu u sacrificiu di non mangiari.(Forte)Insomma ‘sti posati i pigghiu o non li pigghiu?

Gigia -No,no lassili stari...veni a diri ca mangiamu ‘ncampagna... vai,vai.

Carmela -(mentre esce,fra sè)Su non volunu mangiari iddi,mangiu iù.Qualche cucchiaru di lignu sempri u trovu ‘nucina.(via)

Gigia -(alla figlia)Ma chi facisti,arristasti vistuta?Ti putevi mettiri qualche cosa di cchiù praticu ppi iri ‘ncampagna.(si sente suonare alla porta)

Matilde -Ma chi può essere a quest’ora?

Gigia -(a bassa voce)Ma non lo sò.(chiama in sordina) Carmela ...

Carmela -(Viene dalla cucina)Che c’è?

Gigia -Hanno suonato.

Carmela -Cosa?

Gigia -A chitarra...Ca a porta chi putissunu sunari?Aspetta ‘nmumentu...viri ca non cci semu ppi nuddu...Chiunque sia cci dici ca semu in giro per compere picchì avemu a iri ‘ncampagna.Mi raccumannu...mi raccumannu …Non ci siamo per nessuno...non cci siamo per nessuno.

Carmela -Non cci siamo per nessuno..( Gigia esce con Matilde )

Carlotta -(dalla porta,dopo che  Carmela ha aperto.Stà parlando con il fratello Cesare) Allora siamo d’accordo, aspetto che tu venga a prendermi. (entra) Cia Carmela ,come va?Ci sono?

Carmela -Non cci siamo per nessuno!

Carlotta -Cosa?

Carmela -Le signore sono fuori.

Carlotta -Fuori a quest’ora?

Carmela -E sì.Stavunu sistimannu i cosi ppi iri ‘ncampagna,poi si vidi ca s’arricurdanu ca cci mancava qualche cosa e niscenu.

Carlotta -E ora come faccio che devo aspettare Cesare ?

Matilde -(esce dalla sua stanza)Ma guarda chi c’è?La cara Carlotta ... come và?

Carlotta -(si abbracciano)Ma come mai? Carmela mi aveva detto che eravate uscite.

Matilde -Uscite?Ma che ti salta in testa Carmela ?

Carmela -Ca quali Carmela !!!A mia mi l’hava dittu sò mamma di diri accussì.

Matilde -Hai capito male.

Carmela -No!Ho capito benissimo.

Matilde -Basta,smettila..Ti ho detto che  hai capito male.

Carmela -(mentre esce)E si capisci...tutti s’appoggiunu ‘nto muru vasciu...

Matilde -(a Carlotta )Figurati se la mamma poteva dire una cosa del genere.

Carlotta -E andate in campagna senza dire niente?

Matilde -Ma cosa vuoi.Veramente io e la mamma non ci pensavamo nemmeno, anche perchè in campagna mi annoio tanto...ma lo sai com’è papà...”e andiamo.. e andiamo..”Insomma ha tanto insistito che,alla fine,...Oh, Carlotta s’intende che devi venire a trovarci...Stai qualche giorno con noi...

Carlotta -Certo.

Matilde -Alla domenica,sai,vi sono tanti di quei bei giovanotti... vedrai che ci divertiremo.

Gigia -Oh,guarda chi si vede.Come mai,Carlottina, da queste parti?

Carlotta -(abbracciandola)Buongiorno,zia.

Gigia -Brava!Brava!Ti trovo tanto bene.(a Matilde )Come mai non mi hai avvisato che c’era qua Carlotta ?

Carlotta -Ma non fa niente.

Matilde -Ah,mamma,dicevo a Carlotta che ci deve venire a trovare in campagna.

Gigia -Certo! Certo,vieni,cara,che ci farai tanto piacere.(suonano alla porta) Suonano di nuovo.Chi sarà?(chiama) Carmela !

Carlotta -Mi dispiace di essre qui a disturbare,ma adesso non sò come fare.Ho detto a Cesare che passi a prendermi.

Carmela -(entra)Che c’è?

Gigia -Suonano ancora.

Carmela -Ancora?(fa per andare ad aprire)

Gigia -Aspetta,vieni qua.(Se la porta in proscenio)Sentimi bene.Vacci a dari ‘na taliata ‘nto puttusu da sirratura e mi veni a diri cu è.Ma prestu però... (Carmela va alla porta)

Carlotta -Sono proprio mortificata di darvi tanto fastidio. Posso almeno darvi una mano a sistemare le cose?

Gigia -Oh,grazie Carlottina.Ci sono tante di quelle cose da sistemare ca non sacciu di uni haia ‘ncuminciari.Vai,cara,vai dda banna ccu tò cucina. (Carlotta e Matilde escono)

Carmela -(rientra dalla sala d’ingresso)Signora,cci sono degli uomini.Sembrano due.

Gigia -Due uomini?(Improvvisamente si ravviva)E non hai visto chi sono?

Carmela -No! Erunu troppu vicini a porta.I potti vidiri di ccà ‘nfina ccà(fa segno con le mani)

Gigia -Va bene...va bene!Vai ad aprire e falli accomodare nel salotto Luigi quindici.

Carmela -Unni?

Gigia -Nel salotto Luigi quindici.

Carmela -E qual’è?

Gigia -’Nto salotto!

Carmela -Ah,va beni.’Nta chiddu ca non cci nn’è autri.

Gigia -Non cci nn’è autri,ma è sempri Luigi quindici,no?Non capisci nenti tu.(Alla figlia che entra in quel momento,mentre Carmela va ad aprire)Ti avevo detto di metterti qualcosa d’altro addosso...non stà così una signorina per casa...

Carmela -(entra)Signora,ci sono il signor Pippo e il signor Riccardo e li ho fatti accomodare ‘nto salotto di san Luigi...

Gigia -..quindici,ignorante.(alla nipote che arriva in quel momento) Carlotta , Carlottina... di là c’è un centrino di pizzo di Venezia...tu che te ne intendi, vai a dargli un’occhiata...vai...

Carlotta -E lo porto qua?

Gigia -No!no! Lascialo là,che poi vengo io.( Carlotta esce.Rivolta alla figlia) Matilde, Matilde vieni qua.C’è il signor Riccardo.

Matilde -Oh,il signor Riccardo ?

Gigia -Si! Carmela, Carmela vai a prendere il tuo grembiule ed il bastone per lavare in terra.

Carmela -Ma signora...il mio germbiule...

Gigia -Non ti preoccupare,non ti lu mangiu.( Carmela esce)Matilde, stai qua.Ora tu ti metti qua a lavare per terra...

Matilde -Ma mammina...

Gigia -(a Carmela che entra in quel momento con un grembiule,un bastone ed uno straccio)Tu vai di là e non ti muovere se io non ti chiamo.(alla figlia) Ora ti metti a lavare per terra... u sacciu ca non l’ha fattu mai,ma u sai comu si fa...Iù ora vaiu dda banna e poi torno ccu ddi dui giovanotti. (esce)

Matilde -(Si dà da fare nella stanza. Carmela che è rimasta sulla porta della cucina la guarda sbalordita)

Carmela -Signurina,ma chi fa?

Matilde -Niente.niente,aspetto gente.

Carmela -Aspetta gente e lava ‘nterra?E senza acqua,poi?Mi dassi a mai. (Cerca di levarle il bastone di mano)

Matilde -Ma no,no, che rovini tutto.

Carmela -Iù rovino tutto?Ma suddu u fazzu ogni iornu!

Matilde -Insomma,non puoi capire.Vattene in cucina...Oh...

Carmela -E va beni.Iù vaiu ‘ncucina...ma ccà qualcunu si nni va o manicomiu.

Gigia -(da fuori venendo con i due giovanotti)Prego,prego accomodatevi.

Pippo e Riccardo -(entrando)Prego,signora...Dopo di lei...

Pippo -(vedendo Matilde )Oh!Ma che brava...bravissima quella ragazza.Chi l’avrebbe detto.

Gigia -(alla figlia con finta meraviglia)Ma Matilde cosa fai?Oh,benedetta figliola... Ma sei sempre lì a lavare?Cosa possono pensare questi signori? Si accomodino di là...

Pippo -Ma nò,signora.Ci dispiace solo aver sorpreso una così bella signorina, diciamo così,in negligè;ma sono lieto di aver potuto così conoscere la sua buona educazione.

Gigia - Matilde ,cara,hai sentito cosa ti ha detto il signore?E non si dice nulla?Si dice “grazie,signore”.

Matilde -Grazie,signore.

Riccardo -E tutto questo fa onore alla mamma.

Gigia -Oh,troppo gentile...(a Matilde )Ti ho detto tante volte, Matilde ,che certi lavori si fanno al mattino.E poi certe cose così bisogna farle fare alla donna di servizio...Se facciamo tutto noi...

Matilde -Lo sò,mamma.Ma se nelle famiglie non ci diamo da fare anche noi.Le donne di servizio sono una disperazione.

Pippo -Ha ragione!Non lo dica a me che ne ho tre...A villa Bellini..(tutti ridono)

Matilde -Se mi permettono io...(fa segno di voler posare straccio e bastone)

Pippo -Ma sì,vada,vada...Se vuol dare a mè il bastone...

Gigia -Vai cara,vai.Vai di là;ti metti ‘npocu in ordine e noi ti aspettiamo.Vai tesoro,vai...

Matilde -Permesso.

Riccardo -Prego,prego.( Matilde esce.I due amici commentano a bassa voce con riferimento a Matilde . Gigia finge di non accorgersene anche se si sforza di capire l’effetto ottenuto)

Gigia -Vogliamo accomodarci, prego?(offre dei cioccolattini mostrando evidente preferenza per Riccardo )Oh,mi dispiace che sono capitati proprio male... Ma se loro sanno cosa vuol dire famiglia,devono compatire... Poi, vede (tende a rivolgersi a Riccardo) nel pomeriggio andiamo in campagna e quindi vedranno un po' di disordine.

Riccardo -Ma che dice,signora Gigia :Dirò,anzi,che questa è una famiglia esemplare.La signorina Matilde,poi,non ha limiti...

Gigia Prego,troppo gentile.(stessa scena dei cioccolattini) Oh!Dio,vede,non perchè è la mia bambina ma sa:dove mette le mani lei...

Pippo -Hai sentito?Dove mette le mani...

Riccardo -(per farlo tacere)Sì,sì certo.

Gigia -Hanno visto,vero,che era qua che lavava per terra...

Pippo -Magnifica!E senza acqua,per giunta.A secco.Trovane un’altra.

Gigia -(Capisce e cerca di mascherare la battuta)Quella bambina lì sa fare di tutto.Non per dire...ma oltre a fare le faccende di casa,tiene i conti... l’amministrazione della famiglia...e poi...poi è una bambina che sà stare anche in salotto(commenti esagerati dei due)..sì,perchè lei suona il pianoforte... dipinge...conosce le lingue...sì,sì...oh!fa mille cose...e poi, che strano,...che strano,...a sentire lei,non sà fare niente...non è capace di niente...(scena cioccolattini)

Pippo -Tutta modestia.(a Riccardo )Ti l’hava dittu.Mi pari ca non ti dissi fissarii. Signorine così ve ne sono proprio poche.

Riccardo -Certo,è vero.

Gigia -(sente arrivare la figlia)Mi pare che sta tornando.Mi raccomando di non farle capire niente di quanto ho detto.Per piacere...

Matilde -Eccomi.Mi scusino tanto se mi hanno travata in quello stato.

Riccardo -Ma no,signorina,che dice?Anzi abbiamo potuto apprezzare che, anche se in salotto a lei non manca lo spirito per tenere viva una conversazione,lei possiede ciò che è più importante in una signorina bene educata:cioè la virtù per diventare un giorno,che le auguro vicino, una buona madre di famiglia.

Pippo -Ahu! E comu s’abbia.

Gigia -(a Matilde )Hai sentito cosa ha detto il signore?E non si dice niente?Si dice...

Matilde -Grazie,signore.

Gigia -Prego...Oh!M’è scappato.è stato un lapis lingua.(Il cerimoniale dei giovani sarà improntato alla massima naturalezza)Allora se mi consentono devo andare un po' di là a dare gli ultimi avvertimenti.Torno subito.Vado di là,ma... lascio qui,a fare gli onori di casa,la mia bambina. Ritorno subito...

Riccardo -Prego, signora.

Pippo -Signora,se mi permette le faccio da cavaliere.(le offre il braccio fino alla porta)

Gigia -Lei è un perfetto cavaliere.(via)

Pippo -(Torna indietro e rimane in piedi con gli altri due imbarazzati.Dà un colpo di tosse per darsi un contegno.)

Matilde -Prego,si accomodi.

Riccardo -Grazie...dopo di lei.

Matilde -Ma no,prego.(due o tre volte fanno per sedersi ma aspettano di farlo dopo gli altri.Soggetto.)

Riccardo -(Dopo essersi seduto.Lunga pausa imbarazzata)Beh!...

Matilde -(pausa)Mah!...

Pippo -(pausa)Ehhhhh!!!!...Sì!!!!!!!!!!

Matilde -(pausa.A Riccardo)Eh...diceva?

Riccardo -Io?Niente,signorina...io...

Matilde -No,dico:cosa diceva lei qui prima con la mamma.

Riccardo -Ah,sì.Dicevo che se avessi idea di sposarmi vorrei fare la mia scelta fra le signorine come lei...di casa...

Matilde -Ah,ecco.Se avesse idea...perchè vuol dire che per ora non...

Riccardo -Oh,no.Per ora...

Matilde -Ma voi giovanotti dite tutti così e poi...

Pippo -Brava!Glielo dica...

Riccardo -No,scusi.Non capisco.

Matilde -Sì,insomma,per tutti i giovanotti,in generale,non c’è cosa peggiore del matrimonio...ma, poi,appena vedono una signorina...ah,...(fa segno che si arrendono)

Pippo -(Calcando di più il gesto)Ah!!!...(ridono)Dice bene,signorina.Ma a questo qui non deve credere.Questo è un poco di buono che l’ha data ad intendere a tante.Lei deve ascoltare solo me.

Matilde -(riendo)Per l’amor di Dio!Lei è peggio degli altri.

Riccardo -Ti conosce bene!

Matilde -Piuttosto verranno a trovarci in campagna?

Pippo -Siamo qua per questo.Per sapere cosa si combina.Io ho trovato un sacco di giovanotti,tutti di buona volontà.Ma manca la cosa più essenziale.

Matilde -Cosa?

Pippo -Ma le signorine,no?

Matilde -Oh,ma a quelle penso io.

Pippo -Perfetto!

Matilde -(con tono più ufficiale)E lei,signor Riccardo ,ci onorerà?

Pippo -Ma invita anche lui?Se viene lui in campagna se le becca tutte lui.

Matilde -Davvero?Ma è così terribile lei?

Pippo -Terribilissimo,glielo dico io.

Riccardo -Mo no, Pippo ha sempre voglia di scherzare.Vede,io si può dire che qui in Sicilia conosco una sola signorina:lei!

Carlotta-(dall’interno,mentre viene con Gigia )Allora, grazie, grazie tante zia...

Pippo -Oh,ma guarda chi c’è qui!(a Carlotta )Signorina,lei?Sempre più bella...venga,venga che capita a proposito.

Matilde -Scusa Carlotta ,vieni che ti presento il signor Riccardo Del Bello.Mia cugina Carlotta .

Carlotta -Ma, Matilde ,veramente avevo già il piacere...

Riccardo -Sì,anch’io avevo il piacere...

Matilde -Ma come?Proprio adesso ha finito di dirmi che conosce una sola signorina...

Riccardo -Beh,allora diciamo due.(stringe la mano a Carlotta )

Carlotta -Scusate,io scappo.(salutando)Signor Pippo ,signor Riccardo ...ciao Matilde

Matilde -Ciao.Allora è inteso:ti aspettiamo in campagna.(Si baciano)

Pippo -Ah,su cci fussi iù dda ‘nmezzu!

Riccardo -(ridendo)Calma!...Calma!

Gigia -Scusino.(Accompagna la nipote alla porta.Rientra subito) Matilde ,c’è papà che sta salendo.

Pippo -Oh,se c’è papà noi togliamo il disturbo.

Gigia -Oh,ma vi aspettiamo in campagna.

Riccardo -Senz’altro,signora...arrivederla,

Matilde -(saluta)Arrivederci...

Pippo -Arrivederci.(Li accompagnano alla porta e si sentono ancora dall’esterno voci di saluti)

Gigia -(rientrando con Matilde )Non vedevo l’ora che se ne andassero.C’è papà.

Matilde -(riferendosi a Riccardo )Ma che giovanotto distinto...

Gigia -Ti piace,eh?Ma mi piaci macari a mia(escono per l’interno.Da fuori si sentono le voci di Pippo e Riccardo che salutano Stefano )

Stefano -(da fuori)Arrivederci...arrivederci...(alla porta)Ma raramente arrivederci. (Entra)Arrivederci...a mia sti giovanotti casa casa...si cc’è ‘na cosa ca non mi piaci è chista...unu arriva intra e trova ddu giovanotti...cci nn’era unu tuttu spiritusu...non mi piaci...non mi piaci....macari ppè vicini...non è bello....sì non mi piaci,non mi piaci... macari ppè vicini di casa...non è bello...unu trasi intra e trova ddu giovanotti....non mi piaci...ora cci lu dicu iù a mè muggheri...(chiama ) Gigia , Gigia ...

Gigia (entrando)Oh,bravu.Arrivasti?

Stefano -Senti unu arriva intra...

Gigia -Ti potevi cunnuciri nautru tannicchia.Cci sunnu ancora tanti cosi di fari.

Stefano -Si!Si!Senti,unu arriva intra...

Gigia -(Non lo lascerà parlare fino alla fine)S’hanna chiudiri i finestri..

Stefano -Sì!Unu arriva...macari ppè vicini...(si creerà un accavallamento di voci ed una crescente confusione)

Gigia -Bellu,ah?Tu ti nni vai a mangiari in trattoria...e pinsavi di truvari tutti cosi pronti...

Stefano -Macari ppè vicini...non è bello...inu trasi intra e trova ddu giovanotti...

Gigia -S’hanna cominciari a purtari i valigi.(Comincia  ad andare e venire portando pacchi,valige ,cappeliere...)

Stefano -Cci nn’era unu... non mi piaci...

Carmela -(entrando con grande agitazione)Cc’è l’autobus...

Gigia -Presto,presto ca cc’è l’autobus...

Stefano -Non è bello...non mi piace...macari ppè vicini...

Gigia -Forza accumincia a pigghiari ‘sti valigi...stai attentu.

Stefano -(Viene caricato di bagagli,mentre continua nel suo pensiero)Non è bello..unu trasi intra...cci sunnu ddu giovanotti...(nessuno gli dà retta)Cci nn’era unu... Gigia , Gigia senti...

Gigia -Non vi scurdati nenti,ppi favuri...Ma chi voi tu?Forza non mi fari perdiri tempu...cci nn’era unu...cci nn’erunu dui...

Stefano -Anche per i vicini...non è bello...e poi non mi piaci...

Gigia - Stefano stai attento.(gli porge un’altra borsa)’Sta borsa non a mettiri assemi all’autri pacchi.Ti la teni ammenzu ‘e iammi.

Stefano -Sì,chista ammenzu ‘e iammi.Dunque senti...unu trasi intra...c’erunu ddu giovanotti...macari ppè vicini...

Matilde -(entra con altri pacchi)Papà,senti, mi tieni questi,per favore?Mi raccomando. (ritorna dentro)

Stefano -(E’ carico al massimo)Sì chisti...va bene...

Gigia -(porta ancora pacchi)Chisti si ponnu mettiri macari ‘ntò portabagagli.

Stefano -Chisti ‘nto portabagagli.C’erunu ddu giovanotti...non è bello...non mi piaci...

Gigia -Vidi ca ddocu cc’è roba fragile...

Stefano -Cc’è roba fragili...va bene...cci nn’era unu...macari ppè vicini...

Gigia -Chista stai attentu,ta teni vicinu...Non fari rumpiri nenti,mi raccumannu.

Stefano -Chista m’ha tegnu ccà...unu arriva intra...c’erunu ddu giovanotti...

Gigia -(chiamando) Matilde , Matilde ... Carmela...forza ca pirdemu l’autobus...i finestri chiuriti...u gas...a luci...

Matilde -Io sono pronta mamma,andiamo...

Carmela -L’autobus sta partendo,signora.

Gigia -Andiamo Stefano !

Stefano -(carico da non poter nemmeno guardare dove mette i piedi) Andiamo...amuninni...

                    FINE PRIMO ATTO

            ATTO SECONDO

          Il soggiorno della villa in campagna.Sulla destra una porta che dà nella stanza da letto;sulla sinistra si andrà per la cucina;in fondo si noterà il giardino.Il tutto dovrà dare l’impressione di una casa abitata solo saltuariamente e per pochi mesi l’anno.All’apertura del sipario,scena vuota.

                    ­­­­­­­­­­­______________________________________________

Gigia -(viene dal giardino) Carmela , Carmela .Ma unni si ivi a finiri ‘sta carusa? Carmela ..(si affaccia in cucina)

Carmela -(viene fuori con la crestina bianca da cameriera messa sulla fronte a mò di benda) Eccomi!

Gigia -Oh,finalmente.Ma comu ti cumminasti?Veni ccà...a cresta non si metti accussì. (gliela sistema)

Carmela -E chi nni sacciu iù.Non haiu pratica.

Gigia -Va beni.Va beni.Dunca,dimmi ‘na cosa:dda banna cci sunnu tutti cosi pronti?

Carmela -Tutto pronto!

Gigia -Vassoi,bicchieri per la limonata...tutto pronto,sicuro?

Carmela -Tutto!

Gigia -Va bene,vai...vai.

Carmela -(si avvia in cucina.Ha appena varcato la soglia che si volta) Ah, signora, u zuccuru ppa limonata?

Gigia -Non cc’è zuccuru?E va bene...va bene,ora cci pensu iù.vai...vai.

Carmela -Ah,bene...(si avvia c.s.)Ah,signora.E i limoni?

Gigia -Ma allura chi cc’è di prontu?

Carmela -L’acqua.

Gigia -Vai,vai ca cci pensu iù.( Carmela fa per uscire)Ah,senti...senti ‘nmumentu. Vidi ca iù stai ennu dda banna,’nta stanza di lettu.Suddu avissa veniri qualche invitatu e iù ancora non haiu passatu,tu i fai trasiri e i fai accomodare ‘nto saluni...u capisti?

Carmela -Sì,certu...’nta sala!

Gigia -’Nto saluni...Avanti vai.( Carmela via)

Matilde -(Dall’interno)Mammina...mammina...

Gigia -Chi cc’è?

Matilde -Sei sola?

Gigia -Sì.

Matilde -(esce)Ecco.

Gigia -Ah,brava.Sei pronta?

Matilde -Sì,sono pronta.Vedi se và bene così.

Gigia -Come mai ti sei messa questo vestito?

Matilde -L’altro giorno avevo questo vestito e il signor Riccardo mi ha detto...

Gigia -Che ti ha detto?

Matilde -”Signorina come sta bene con questo vestito”!

Gigia -(gongolante)Il signor Riccardo ?

Matilde -Ma sì.

Gigia -Non cridu ca ti lu dissi ppì complimentu?

Matilde -Altro che complimento.Me lo sono fatto dire due volte.Mi ha detto “Signorina vesta sempre così,perchè sta proprio bene”.

Gigia -Havi gustu ‘stu giovanottu.

Matilde -E poi...con quello che mi ha detto...(pausa)

Gigia -E comu?A mia non mi dici nenti?Ma chi ti dissi?

Matilde -Mi ha detto...Beh,proprio detto, non mi ha detto niente.

Gigia -Ma allura?

Matilde -Ma queste cose si capiscono con poco.(vedendo la faccia delusa della madre) E poi al signor Pippo gli è scappato di bocca,discorrendo,che vuol prendere moglie.

Gigia -I signor Pippo vuol prendere moglie?Ah,bene,bene!Picchì ccà su non si cummina nenti con il signor Riccardo avemu sempri u signor Pippo di riserva.

Matilde -Ma no! E’ il signor Riccardo che si vuole sposare.

Gigia -(si accende) Ah,è il signor Riccardo ?

Matilde -Ma sì.Anzi pare che abbia scritto a suo padre a Roma per chiedergli il permesso.

Gigia -Davvero ha scritto?Ma senti...non ti ha,per caso,fatto capire chi potrebbe essere...

Matilde -No!No!Non me l’ha detto!

Gigia -E allora...

Matilde -..Ma io l’ho capito.L’altra sera mentre ballava con me...

Gigia -Il signor Riccardo ?

Matilde -Si.Era un po' nervoso ed io gli ho domandato cosa avesse.

Gigia -E’ naturale.E lui?

Matilde -Ha detto che era preoccupato perchè aspettava una risposta da suo padre e che questa risposta non arrivava mai...e poi...sai...mi guardava con due occhi...

Gigia -Ti taliava ccu ddu occhi?Ma mi lu dici sul serio?Ma allura...

Matilde -Mammina io dico che è...che è...

Gigia -...è cotto...è cotto...è chiaro.

Matilde -Oh,mammina!Saresti contenta?

Gigia - Matilde ...e u dumanni?(Cambiando tono)Ma dimmi ‘na cosa:ccu Cesare comu s’ha fari?

Matilde -Ma,mamma...vuoi mettere..

Gigia -No,no figghia mia...ma,sai,non vulissi poi ca all’ultimu arristassumu senza nenti.

Matilde -Mammina,mi sembra di essere già la signora Del Bello...

Carlotta -(entrando dal salotto)Zia,zia scusami.Guarda è arrivato Cesare ... (entra Cesare dietro la sorella)

Cesare -Ciao zia...ciao Matilde vi trovo molto bene...

Gigia -Oh, Cesarino,come và?

Cesare -Tanti saluti da papà,zia,e tanti ringraziamenti.(rivolto a Matilde )Uh!Che lusso!..Non mi dai la mano?

Gigia -Oh!Cesarino,scusami.Mentre sei qua con tua sorella,mi perdonerai se vado un po' di là.Sai com’è.Cci sunnu sempri cosi di fari.

Cesare -Prego,zia.

Gigia - Matilde,tu cara vai in camera tua a finire di metterti in ordine.Sai che tra poco devi essere pronta.(Esce con la figlia)Con permesso ragazzi.(via)

Carlotta -Ma Cesare come mai sei arrivato così tardi?Ti aspettavamo stamani! Stasera stessa torni in città?

Cesare -Certamente!

Carlotta -Oh,allora,prima che mi dimentichi,ho preparato un foglietto da dare a papà, perchè mi deve dare...

Cesare -(interrompendola)Sì,sì poi me lo dai.

Carlotta _No,no che poi mi dimentico.Vado a prenderlo.(Esce,mentre da sinistra entra Matilde )

Matilde -E bravo il signor Cesare :”Vengo...vengo” e si fa aspettare un giorno intero.

Cesare - Matilde sai bene che non è colpa mia.’U sai com’è mè patri:E chistu s’ha fari...e chistu macari...

Matilde -Sì...sì...

Cesare -Ma è la verità.Figurati!Su dipinnissi di mia...Su non fazzu autru ca ammuttari i iorna ppi arrivari a duminica e curriri ccà.Anzi,senti...senti...Ti vuleva fari ‘na  ‘mprovvisata,ma tantu...(solenne)Ho parlato a papà!Gli ho detto come stanno le cose.Lui è contento e ha promesso di parlare allo zio.

Matilde -Cosa hai fatto?Hai parlato a papà?

Cesare -Sì,l’altro ieri.

Matilde -E che cosa gli hai detto?

Cesare -Ma che ci vogliamo bene e che le nostre intenzioni sono...

Matilde -(insorgendo)Oh,povera me!Ma io non capisco;tu fai le cose che ti passano per la testa e poi chi ci va di mezzo sono io...

Cesare -Ma...

Matilde -Ma sì,per due o tre cose che ti ho detto l’anno scorso qui in campagna.Cose dette macari così per scherzo...

Cesare -Come per scherzo?

Matilde -Ma sì per scherzo.Ma tanto chi fa di sua testa paga di tasca.Io non ti ho detto niente...non ti ho detto niente...non ti ho detto niente!

Carlotta -(entra)Ma che c’è?

Matilde -Che c’è?Lo so io che c’è.(Avviandosi a destra)Va e parra a papa’...Ma già quannu cc’è di fari con gli scemi finisci sempri accussì...(via)

Carlotta -Ma Cesare ,cosa è successo?

Cesare -Ma io mi domando su staiu durmennu...Cci dissi ca parrai a papà ppi diricci a ni vulemu beni...A sintisti?

Carlotta -Eh,sì.

Cesare -Mi dissi ca sugnu scemu.

Carlotta -Ed è la prima volta che ti parla così?

Cesare -Sì,la prima.

Carlotta -Allora forse capisco io che cosa bolle in pentola.

Cesare -E dimmi,allora,spiegati...

Carlotta -No,aspetta.

Cesare -Ti prego Carlotta .Allora divento scema veramente.(Si sente la voce di Stefano che si avvicina)

Carlotta -Ma non posso ora.Non senti che arriva lo zio?Non posso parlare ora.

Stefano -(da fuori parla con Gigia )Ma sì,ma sì,che ci vuole a cambiarmi...

Gigia -(da fuori)Havi n’ura ca ti dicu di priparariti..ma già ca a tia i cosi ti l’hannu a diri centu voti.

Stefano -(mentre entra)Ma mi tocca a mia di farimi ‘mpisolino...(vede Cesare ) Oh,ciao Cesarino...

Cesare -Ciao zio..che c’è?Mi sembri un pò nervoso.

Gigia -(entra anche lei)E si capisce che è nervoso.Dormi tuttu u pomeriggio e poi si capisce ca si susi cca luna storta...

Stefano -(Alla moglie)Vidi chi c’è Gigia .Quannu dormu è l’unico tempo ca pozzu stari tranquillu...picchì quannu dormu non ti vidu.Anzi mi raccumannu sempri:facitimi sugnari qualunque cosa,ma non mi faciti sugnari di me muggheri...Scusa... scusa Cesarino...

Gigia -A ppi mia guarda:da oggi in poi,ti vesti o non ti vesti...dormi o non dormi... ppi mia poi fari chiddu ca voi.Non ti dicu cchiù nenti... nenti... nenti... Avissa moriri su parru cchiù.

Stefano -Accontentatela!Accontentatela!!(rivolto a Cesare )Scusa Cesarino, scusa.

Cesare -Ma ti pare,zio.

Stefano -No,è ca t’ama fari assistera a ‘sti scene familiari...Ma tutto serve nella vita...tutto serve...macari sti scene familiari...A proposito di scene familiari... Cesarino,senti:aieri visti a tò patri, a mè frati Michele.Tu sai benissimo ca tò patri è mè frati Michele.Dunque,aieri visti a tò papà...e mi dissi...

Gigia -(Interrompe subitamente) Cesare , Cesarino...scusa...

Stefano -...e mi ha detto...eh?

Gigia -Mi fai il piacere Stefano ,di andare un minuto di là?Scusa Cesare .

Cesare -Sì,zia,prego.

Stefano -Sì...sì,aspetta...ora cci vaiu...Dunque aieri visti a tò papà,mè frati Michele...

Gigia -No..no... Stefano... Stefano ...

Stefano -No..no..chi no?Aspetta quantu cci dicu ca aieri visti a sò papà, a mè frati Michele, ca mi dissi...

Gigia -Ti dicu di iri di là a metterti in ordine...Avanti e com’è possibile ca havi n’ura ca non dici autru “Aieri visti...aieri visti..e non visti” Vai dda banna a cangiariti,forza!

Stefano -Va bene,’nminutu e cci vaiu.U tempu ca cci dicu ca aieri...

Gigia -Cci lu dici ‘nta nautru mumentu..forza.Ppi ora non po' essiri.

Stefano -Oh,ma chista è bella...Chista è propriu bella.Ora iù cci haiu diri ‘na cosa...

Cesare -E allora?

Stefano -E allura...veni a diri ca ti mannu ‘na cartulina...Ma cosi di pazzi.(Si avvia per la sua stanza)Mi vinissi di fari cosi...(Giunto davanti alla porta,si volta)Tu aspettimi ccà, Cesarino,ca comu tornu t’haia diri ca visti a tò papà, a mè frati Michele...

Gigia -E va beni...cci lu dici dopu.Dopu!

Stefano -Sì,va bene,dopu.E ‘na cosa di menzu minutu.Ora mi cangiu e poi vegnu e ti cuntu ca visti a tò papà,a mè frati Michele..

Gigia -Oh,basta.Ti nni voi iri ora?( Stefano via)Oh,scusa Cesarino  ti dispiace andare di là nel salone?Adesso ci sbrighiamo subito.

Cesare -Ma ti pare,zia.Vado subito.(Via Cesare . Gigia lo segue con lo sguardo, poi si avvicina alla porta della stanza di Stefano )

Gigia - Stefano ... Stefano ...

Stefano -(dall’interno)Chi cc’è?

Gigia -Mi lu dici chi avevi di diri ccu tanta primura a Cesare?

Stefano - Ah,beh!Comu mi spurugghiu ti lu dicu.Ah! Gigia...

Gigia -Chi c’è?

Stefano -I mè causi unni su?

Gigia -E l’haia sapiri iù unni i mittisti i tò causi?Stai attento Stefano ,ca tra tia e tò frati,’ntra vuatri vecchi ,mi cumminati qualche pastizzu.

Stefano -Ma no, Gigia .Anzi ti nn’avissa volutu parrari da stamatina.Ma cu tuttu ‘stu traficu ppi ‘sta biniditta festa,iù...alè!!!!!!!!!!!!

Gigia -Alè,chi?

Stefano -Alè!!!!!!

Gigia -Ma chi fu?

Stefano -Sautau nautru buttuni...

Gigia -E si capisci.Si capisci.Sì daccussì dilicatu ‘nte tò cosi.

Stefano - Gigia ! Gigia !

Gigia -Chi c’è ancora?

Stefano -Unn’è u gilè?

Gigia -Ma chi nni sacciu unn’è u tò gilè!A mia mi pari ca u visti supira u lettu.

Stefano -Non c’è...non c’è,supra u lettu.Alluvoti ivu a finiri sutta u lettu?

Gigia -Chi c’entra u gilè sutta u lettu?

Stefano -Alluvoti...non si sa mai..ora vardu sutta u lettu...vardu sutta u lettu...

Gigia -Ma chi c’entra?

Stefano -(si sente un rumore di urto)Ahi!Ahi!’Ntappai a testa. Hai! Oh! Euchera! Euchera!

Gigia -Ma chi sta dicennu?

Stefano -Euchera!U truvai.

Gigia -Ma sì ignoranti.Eureka!Eureka,si dici!

Stefano -Euchera!U truvai.(Esce)U truvai.(fa per metterlo ma,colpito da cattivo odore, fa le smorfie)

Gigia -Ma chi c’è?Chi hai?( Stefano continua a fare smorfie)Ma chi è?Unn’era?

Stefano -(con un filo di voce)Era ‘nto comodino.

Gigia -Chi dici?Ma parra.Parra forti.

Stefano -(si decide)Era ‘nto comodino...da notte.

Gigia -’Nto comodino?U gilè?

Stefano -U gilè!’Nto comodino da notte!

Gigia -U gilè?

Stefano -U gilè!

Gigia -Ma dimmi ‘na cosa:cu cci lu misi?

Stefano -Iù cci lu livai.

Gigia -Va beni,mettiti ‘npocu di acqua di colonia.

Stefano -Ca chi ccià fari ccu l’acqua di colonia.Mah!Semu ‘ncampagna...Veni ccà,varda su mi poi fari stu gruppu ‘nta sta cravatta...ca non m’arrinesci mai.

Gigia -Veni ccà.(comincia a fargli il nodo)Dimmi ‘na cosa:lassamu perdiri a cammisa...picchì c’a vissa misu troppu tempu a canciaratilla...Ma almenu u cullettu ti lu putevi canciari.Chi ci voli a canciarisi ‘ncullettu?

Stefano -Nautru cullettu!

Gigia -Embè?

Stefano -Embè,vai a cuntrullari.’Nta tutti i casciola non cc’è autru ca ‘mpolsinu e ‘na cosetta e basta.

Gigia -Ma dai...

Stefano -Ah,sì...in fondo...propriu ‘nta l’ultimu casciolu,’nfunnu,’nfunnu cc’è macari ‘ntirastuppagghi.

Gigia -E casu mai,si parra!Si dici!Scusa!(Stringe la cravatta)E statti fermu.

Stefano -Mi manca u ciatu.Vulissi arristari viduva,dimmi a virità.

Gigia -Avanti dai ca finii.Cca cc’è u gruppu fattu.E non ti lu tuccari!

Stefano -Va bene!Non mi lu toccu.

Gigia -Dunque,ora mi lu voi diri chi ti dissi tò frati Michele?

Stefano -Ah,sì.Aieri ‘ncuntrai a me frati Michele e...

Gigia -(lo incalza)va beni,va beni chistu u capii.E chi ti dissi?

Stefano -Mi dissi ca Cesarino...

Gigia -U sacciu, u sacciu...( Stefano fa per avviarsi in camera sua)Unni vai?

Gigia -Ca mi finisciu di vestiri.Su mi dici ca u sai?U sai o nun lu sai?

Gigia -U sacciu.Ma u vogghiu sentiri u stissu di tia.

Stefano -(Torna indietro mentre si abbottona il gilè)E va bene,annunca statti ‘mpocu muta e ascuta.Dunque aeri visti a mè frati Michele...

Gigia -vai avanti...vai avanti..

Stefano -...e mi dissi...Olè!...Olè!...(si guarda il gilè che è rimasto con un’asola in alto senza il corrispettivo bottone)

Gigia -Chi fu?

Stefano -Semu o solitu.Manca ‘mbuttuni...Varda ccà...manca ‘mbuttuni.

Gigia -(osservando il gilè che è stato in effetti abbottonato male)Oh.povera me.A tia ti manca ‘npocu di ciriveddu.(Gli mostra il bottone che è rimasto in basso senza usato)Cca cc’è u buttuni...ccà è...

Stefano -(Guarda il bottone e rimane perplesso.Soggetto.)Ma chi comminasti? (ride)Ma chi mi cusisti u buttuni cca,mentri u puttusu è cca supira?Ma Gigia ,chi mi nn’haia fari di stu buttuni?Non u viri ca non cci arriva?( Gigia ride)No,no non cc’è nenti da ridire:cci voli ‘mputtusu e ‘mbuttuni, ’mputtusu e ‘mbuttuni,’mputtusu e ‘mbuttuni...e non ‘mputtusu ccà e ‘mbuttuni ccà.

Gigia -(continua a ridere)Ma Stefano ,duni i nummira?Veni ccà.. (comincia a sistemarlo) Aspetta...

Stefano -Nenti...nenti.Cci voli ‘mputtusu e ‘mbuttuni,’mputtusu e ‘mbuttuni...

Gigia -(finisce di abbottonarlo giusto)Avanti taliiti.U vidi ca ti manca tannicchia di ciriveddu?

Stefano -(Dopo breve pausa)Ah!U capii.Tuttu è a partenza ‘mprincipiu. (Riprende il discorso interrotto)Dunca aeri visti a mè frati Michele...

Gigia -U dicisti.Avanti seguita.

Stefano -...e mi disii ca a Cesarino cci piaci Matilde .

Gigia -Ah!U dicisti finalmenti.

Stefano -Dici ca si volunu beni.

Gigia -A vistu ca u sapeva!Oh!Benissimo.E ti lu disi aieri?

Stefano -Sìsì aeri.

Gigia -E dimmi na cosa:tu chi cci arrispunnisti?

Stefano -(la guarda perplesso.Dopo una pausa)Dunca aeri visti a me frati Michele...

Gigia -No!No!Iù vogghiu sapiri chi cosa tu avisti a facci d’arrispunniricci.

Stefano -A facci?

Gigia -A facci!

Stefano -Beh!Iù cci arrispunnii ca...cci arrispunnii ca...anzi...

Gigia -Anzi?Ah,tu cci arrispunnisti ca “anzi”.Ma “anzi” chi?

Stefano -(Breve pausa timorosa)Anzi!Iù cci dissi”Anzi”! Ma scusa Gigia ,chi avissi ‘ncuntrariu? Cesarino è un bravo ragazzo, si volunu beni ddi ddu carusi...

Gigia -Ma cu ti lu dissi ca si volunu beni?

Stefano -Ma si vidi,si vidi ca si volunu beni.

Gigia -Ma se Matilde a Cesarino non ci ha pinsatu mai.E poi,sì è veru: Cesarino è ‘mbravu giovanottu,ma non basta. Non è vero?

Stefano -A mia mi pari ca è tutto chiddu ca cci voli.Su ssi volunu beni...

Gigia -E torna ccu ‘stu beni.E dimmi ‘na cosa:quannu tu a maritatu a tò figghia ccu sta galantomu,ca non havi nenti,nenti ppi mettiri sù casa,ha essiri tu obbligato a pinsari a tuttu chiddu ca cci voli...

Stefano -Va beni...a poco a poco...

Gigia -A! A poco a poco?(Va su con la voce)Tu a sti cosi non cci pensi.Tu stai sempri cca testa ‘nte nuvuli...

Stefano -(timido)Ma a poco a poco...

Gigia -Iù inveci,sacciu ca cc’è...ma di sicuru,ah!Cc’è...un giovanotto caru mio... varda: bravu,ricco,educato,signore e menzu nobili ca si la maritassi.U capisci?

Stefano -Menzu nobili?

Gigia -Sissignori,menzu nobili!

Stefano -Menzu..l’autru menzu non si sapi chi è.

Gigia -E iù sacciu ca Matilde è già innamurata.Ora dicu iù:si non ti dumannava, tu eri capaci di ruvinari ppi sempri a tò figghia e ni scappava ‘n’occasioni di chiddi ca fannu a furtuna di ‘na famigghia.No!No!

Stefano -Ma dimmi ‘na cosa, Gigia ...

Gigia -No!No!

Stefano -Dicu iù sugnu u patri...

Gigia -(continua a parlare fra sè)No!No!

Stefano -Comu no? Gigia !Tu non m’ha dittu nenti mai!

Gigia -Ma chi?

Stefano -Iù non sugnu u patri?

Gigia -Ma chi sta dicennu?Non diri cretinati.

Stefano -Ma scusa:iù ti dicu ca sugnu u patri e tu dici:No,no!

Gigia -Ma chi c’entra iù parrava sula.

Stefano -E i scemi parrunu suli.Dunca iù comu patri non haia sapiri nenti?

Gigia -Non t’haia dittu nenti ancora picchì era sicura ca avissa fattu tanta confusioni. E poi ti vuleva fari vidiri a tia,ca si bonu sulu a parrari,a tia ,ca dici ca iù ccu l’educazioni ca cci dugnu a mè figghia alluntanu i boni partiti, a tia, ti vuleva fari vidiri ca iù sugnu capaci di fari i fatti megghiu di tia.

Stefano -Sarà.Non dicu di no.Ma dimmi ‘na cosa,accussì tantu ppi sapillu.mi lu voi diri cu è stu giovanottu?Chistu menzu nobili e menzu ignobili..

Gigia -Aspetta.Aspetta ‘nminutu(Va a chiudere la porta,poi parla a bassa voce)E’ u signor Riccardo.

Stefano -(con la stessa aria misteriosa)Sì scema!

Gigia -Ah?

Stefano -Sì scema.Ti lu giuru,ti lu mettu ppi scrittu ca sì scema.Ma dai,finiscila. U signor Riccardo ...(Ride)

Gigia -E i ti dicissi ca già parravu ccu ‘n’amicu sò?

Stefano -Ccu n’amicu?

Gigia -Ma su parru,vuol diri ca sugnu sicura.Si ti dicissi ca già cci scrissi a sò patri?A sò patri!

Stefano -A sò patri?Oh,ma sò patri sì ca è daveru menzo nobili,anzi chiddu è tri quarti di nobili.Mi dissunu ca è ‘nsanat...’nsenat...’nsanatoriu..

Gigia -Senatore.

Stefano -Senatore.E tu dici ca stu sanatori...senatori si putissi ‘mparentari ccu ‘nsinsali di droghe...ma finiscila.

Gigia -Chi significa?Sò figghiu non si marita a figghia di ‘n’omu qualunqui.

Stefano -E stu sanat...stu signori...

Gigia -Senatore.

Stefano -Arrispunnivu?

Gigia -No.Finu a stu mumentu pari di no.

Stefano -E allura...

Gigia -’Nmumentu...’nmumentu.Tu Stefano ,sai ca iddu,stu senatori sta a Roma.Naturalmente,è logico ca prima vorrà prender informazioni dà famigghia...

Stefano -Ahi..ahi...ahi...

Gigia -Iddu non nni canusci...

Stefano -Ahi...ahi...informazioni dà famigghia...ahi...

Gigia -Comu,ahi?E’ logicu ,scusa.Poi dopu l’informazioni,vorrà sapiri che cosa nuatri cci damu di doti a nostra figghia.

Stefano -Ahi...Ahi...Ahi...

Gigia -Chi veni a diri :ahi...ahi?

Stefano -Ma chi cci vulissi dari di doti?Dui o tricentu mila liri.

Gigia -Comu dui o tricentu mila liri?Ccu tutti i soldi ca varagni...

Stefano -E cu tutti chiddi ca spenni?...Semu pari,varda.

Gigia -Non fa nenti. Stefano .Comunque,sentimi bonu:si dici ca è figghia ereditiera...

Stefano -Chi è?

Gigia -E’ figghia ereditiera.

Stefano -Ma ereditiera di chi?Sarà ereditiera di pigghiati e cazzalori... ereditiera...

Gigia -Si dice!Si dice!

Stefano -Ma non è bello,scusa.

Matilde -(entrando)Mamma,papà venite un po' di là che è già pieno di gente.

Stefano -Cca cc’è l’ereditiera!

Gigia -(alla figlia)Va bene,veniamo subito.( Matilde via)Allora Stefano ,ora ca u sai,mi raccumannu.Intantu a Cesarino non ci pinsari cchiù.(ad un gesto di Stefano) No,non nni parramu cchiù.

Stefano -Ma è u figghiu di mè frati Michele, Gigia .

Gigia -Senti Stefano ,iù haiu un sesto senso.Varda iù sentu,ma sentu daveru,ca nuatri semu destinati ad andare su...

Stefano -Chi?

Gigia -Ad andare sù,sù!Capisti?Noi andremo sù sempre più sù.Siamo destinati a salire.

Stefano -Emu a finiri a barrera.

Gigia -Allura semu daccordu.Di Cesarino non nni parramu cchiù.

Stefano -Ma è u figghiu di mè frati Michele... Gigia parramini nautru pocu... Gigia (Gigia sce dal salone) Gigia ...ma comu è possibile...Oh,santu Diu,e comu si fà ora?E a mè frati Michele cu cci lu dici?... Oh... Oh... Chista è bella...iù cci aveva datu già menza..oh...oh...macari ppi Cesarino... oh... (man mano cambia atteggiamento)Però,ah?Certu ca su chistu avissi daveru boni intenzioni...Che partito..Senatore!Me figghia senatore....

Cesare -(entrando)Zio!Zio io sono qua.

Stefano -(Scena)Dopo breve pausa)Ah,sì ccà?Bravu!Bravo a Cesarino...bravu a Cesarino ca si nni vinni ‘npocu ‘ncampagna.

Cesare -E’ domenica.

Stefano -E tu a duminica ti nni veni ‘npocu ‘ncampagna.E bravu.E bravu a Cesarino ca a duminica si nni veni ‘npocu ‘ncampagna..

Cesare -Dunque,zio,ieri hai visto a papà,vero?

Stefano -Sì,sì ieri visti a tò papà.Come sta?Bene!Sta bene.Ah,e bravu a Cesarino ca si nni veni ‘npocu ‘ncampagna...bravu... N’asittamu ‘npocu? ’Nassittamu?

Cesare -Sì,certo.(siedono)

Stefano -Oh,ma chi belli causi ca hai!Chi bellu paru di causi ca hai!

Cesare -Ma no,zio.Sunnu di l’anno scorso.

Stefano -Sunnu di l’annu passatu sti causi?Ma bravu.Bravo a Cesarino..

Bravu a Cesarino ca si nni veni ‘npocu ‘ncampagna cche causi di l’annu passatu...

Cesare -Zio,ma non mi avevi detto che mi dovevi parlare?

Stefano -Sì,sì è vero.(Quasi tragico)Iù t’haia parrari Cesarino...ma non sacciu...

Cesare -Ma successi qualche cosa?

Stefano -(Tornando subito gioviale)No!No!ma vidi..’nta vita quannu unu ha diri qualche cosa...quannu unu ha diri qualche cosa è inutili staricci a girari e rigirari... tantu poi sempri l’ha diri...tantu poi sempri l’ha diri...è inutili allura, furiaricci attornu...almenu quannu poi unu l’ha dittu...almenu dopu...

Cesare -Dopu,non cc’è cchiù nenti di diri.

Stefano -Bravu.Non cc’è cchiù nenti di diri.(si alza)Ciao.

Cesare -Ma no.Ancora non m’ha dittu nenti.

Stefano -(Non sa dove appigliarsi)Già.Già.Oh,santu Diu, Cesarino,vidi,appoi diciunu ca unu è capu di casa.Ca quali capu di casa.E’ ‘mpagghiazzu qualunque...

Cesare -Ma iù non staiu capennu nenti...

Stefano E mancu iù.Senti...chi voi ca ti dicu, Cesarino...fatti curaggiu...

Cesare -Ma llura successi qualche cosa!

Stefano -No!No,snti.Stai tranquillo.Ma fatti curaggiu...unu nella vita è sempri beni ca si facissi curaggiu.Almenu suddu avissa succediri qualche cosa, unu dici:tantu iù mi fici curaggiu!

Cesare -Ma...

Stefano -Non capisci?Eh,già!Varda iù ti lu dicu...sunu cosi ca succedunu... Vidi, ‘nta na famigghia c’è il padre,la madre e la figlia...vidi ca ti lu cuntu?’Nta ‘sta famigghia arriva unu...comu su fussi tu.E allura ‘sta famigghia,e ddocu cci sugnu macari iù...dici:picchì no?E’ ‘mbravu carusu...fussi bonu... Poi ‘sta stissa famigghia...,e iù ddocu non c’entru cchiù,arriva nautru. E allura a famigghia,ca iù sempri non c’entru cchiù,dici:Eh,forsi è megghiu...menzu nobili...forsi è megghiu.U capisti chi cosi?

Cesare -Iù no.

Stefano -Non l’ha caputu?Non ha caputu nenti?Mi vaiu a mettiri a giacca.(Si avvia verso la sua camera)Mi vaiu a mettiri a giacca.Non cci voli nenti cu ‘sta currenti.E poi,macari trasi qualcunu,mi vidi senza giacca e macari pensa ca non cci nn’haiu giacchi.Inveci i giacchi l’haiu.Macari senza buttuni ma ll’haiu.(E’ davanti alla porta)Ora tornu.Tu m’aspetti ca poi ti dicu...ma non ti preoccupari, è ‘na cosa di nenti... (via)

Pippo -(Entra dopo un momento) Cesare, Cesare sì ccà?E com’è ca stai tuttu sulu, mentri dda banna si balla?

Cesare -No,stava parrannu cco ziu.

Pippo -Ah! Iù,inveci,mi vinni a ripusari ‘mpocu.Caru miu mi fici ‘mballu cca figghia do signor Venanzio .Idda,mischina,non cci cuppa,ma havi na iamma cchiù curta di l’autra.Ballannu pareva di esiri ‘nta l’otto volante. (mima la scena)

Cesare -E con Matilde non hai ballato?

Pippo -Ca quali.Chidda oramai s’attaccau ccu Riccardo e...

Cesare -Comu ccu Riccardo?Ma picchì,forsi...

Pippo -Forsi?Oh! Havi ‘mpezzu.

Cesare -Ma chi dici?Non è possibile.

Pippo -Non è possibili?E veni a vidiri.Varda quanti smorfie cci fa tò cucina.. (Fanno per avviarsi,ma,accorgendosi che Riccardo e Matilde vengono verso la sala,si nascondono in proscenio,dietro la quinta fissa)

Riccardo -(entra con Matilde )Oh,è proprio una bella festa... grazie.

Matilde -Adesso,signor Riccardo ,me lo deve proprio dire.

Riccardo -Cosa,signorina?

Matilde -Perchè l’altra sera era così nervoso!

Riccardo -Ma quando mai io sono stato nervoso?

Matilde -L’altra sera era nervoso perchè pare che aspettasse...una lettera.

Riccardo -Ah!già.E’ proprio gentile a ricordarsene.( Pippo e Cesare faranno scene a soggetto dal proscenio)

Matilde -E poi...è arrivata quella lettera?

Riccardo -No!Non ho ricevuto più nulla,signorina.

Matilde -(Con un sospiro)Cosa pagherei perchè arrivasse!

Riccardo -Oh,bella!E perchè?

Matilde -Per non vederla ancora così di cattivo umore.

Riccardo -Grazie.

Matilde -Deve trattarsi di cosa di molta importanza.Vero?

Riccardo -Si,si.

Matilde -Credo di sapere di cosa si tratta.

Riccardo -No.Questo è proprio impossibile.

Matilde -E se indovino?

Riccardo -Beh,allora sentiamo.

Matilde -Non si arrabbia?

Riccardo -Ma no.

Matilde -Allora: quella lettera dovrebbe trattare di...di un matrimonio.Ho indovinato?

Cesare e Pippo -(Ridono forte ed escono fuori)

Riccardo -Ma chi è?

Pippo -Erumu nuatri ca ni facevumu quattru risati.

Cesare -Già.Ca ni facevumo quattru risati.

Matilde -E perchè?Perchè queste risate?

Cesare -Ma perchè...Perchè certe scemate fanno ridere.

Matilde -Scemate?Ma come ti permetti?...

Pippo -(prende Cesare a braccio)Ma dai Cesare ...chi c’entra?

Gigia -(entrando)Ma come,qua vi sono dei giovanotti?Ma di là vi sono delle signorine che vogliono ballare;forza ragazzi...

Cesare -Grazie zia,ma io non ballo.

Pippo -Beh,se non balla lui,ballo io.

Gigia -Bravo,signor Pippo .Anzi,giacchè c’è,mi fa un piacere?

Pippo -Certamente,signora.

Gigia -Senta,di là vi è la figlia del signor Venanzio ...

Pippo -Oh,no.N’autru giro ‘nta l’otto volante...

Gigia -Che significa?

Pippo -Niente.Niente,dicevo per dire.

Gigia -Ma non le ho detto,certo, di sposarla.

Pippo -Ci macherebbe altro.

Gigia -Le faccia fare mezzo giro.Sia buono.

Pippo -Guardi che lo faccio solo perchè a lei non si può dire di no.

Gigia -Grazie.

Pippo -(mentre esce)Speriamo ca u discu u trovu accuminciatu.(via)

Gigia -Grazie.(Rivolta a Riccardo e Matilde mielosa)E voi non ballate?

Matilde -Abbiamo ballato fino adesso.Ci si riposava un poco.Ma ora...

Cesare -(a Riccardo improvvisamente)Mi permette un ballo con la signorina?

Matilde -(a Riccardo )Dica di no.

Riccardo -Vorrà dire che il prossimo sarà il mio.

Matilde -(a Cesare )Va bene ma solo un giro.Io con te non volevo ballare.

Cesare -(la prende per un braccio e la porta via quasi di forza)Ti faccio ballare fino a domani mattina)

Gigia -(Per darsi un contegno)Oh,ma che maniere!Scusi tanto sa,signor Riccardo, ma sono cugini e allora,lei capisce...

Riccardo -Ma sì,sì certo...

Venanzio -(entrando)Oh.signora Gigia ,come và?(le bacia la mano)Caro signor Riccardo ,è proprio lei che cercavo.Ho delle notizie.Ho ricevuto proprio ora una lettera da papà.Anzi mi dice che non gli scrive da un bel pò,ed era un po' preoccupato.

Riccardo -Adesso provvederò.Stia tranquillo.

Venanzio -Ah,bene.

Riccardo -Adesso,se permettono vado a fare due salti pure io.

Venanzio -Certo,certo vada pure a divertirsi.(via Riccardo )

Stefano -(Entrando dal salone) Gigia , Gigia .Ah,ccà cc’è u signor Venanzio .Mi stava dannu ‘na notizia poco fa...

Venanzio -Oh,no,no!Ancora si tratta di una cosa in fase di embrione.Ancora non c’è niente.

Gigia -(Subito interessata)Va bene,ma di che si tratta?

Stefano -Pare...pare Gigia ,ca si tratta di ‘nmatrimonio.

Venanzio -Oh!Oh! Le ho detto questo?

Stefano -Sì,l’ha detto.

Venanzio -Allora sono stato scemo a lasciarmi scappare una parola di più...su queste cose, che sono cose delicate...io non intendevo...

Gigia -Signor Venanzio ,stia tranquillo.

Venanzio -Cosa?

Gigia -Con noi lei non mancherà di sicuro.Glielo garantisco io.

Venanzio -Sì,sì.

Stefano -E diceva,scusi vero?Scusi signor...

Venanzio -.. Venanzio ..

Stefano -Ah,si.Signor Venanzio! Diceva che questo matrimonio ci riguarderebbe da vicino.

Venanzio -Ho detto così?

Stefano -Sì,l’ha detto a me.

Venanzio -Proprio così?

Stefano -Già,già,così...da vicino.

Venanzio -Ma come mi sono potute scappare queste parole?Sono indiscrezioni.

Gigia -Ma signor Venanzio ,di che cosa ha paura?

Venanzio -Ma non è per paura,signora...

Gigia -Ma noi non lo andremo a dire certamente in giro...Si accomodi,signor Venanzio ,si accomodi.(Siedono)

Venanzio -Grazie.Vede,signora,io sono stato incaricato da parte del papà del giovanotto...

Gigia -E’ stato incaricato dal papà...

Venanzio -...a fornirgli certe informazioni...attraverso...oh,ma basta.Adesso stavo dicendo troppo.Allora è inutile.

Stefano -Va bene.Ma visto ca già accuminciavu...

Venanzio -No!No! Non posso.

Stefano -’Na paruledda.Menza parola.Accussì.Chi cci voli?

Venanzio -No! No...

Gigia -Ma Stefano ,basta.

Venanzio -Ah,sì ecco.Basta!

Gigia -Cosa vuoi?Ha già detto fin troppo.

Venanzio -E’ vero.E’ vero!(Esce la scatolina del tabacco)Permette signora?

Gigia -Ma sì,certo,faccia.

Venanzio -Signor Stefano ,accetta una presa?

Stefano -Ma no,no,grazie.

Gigia - Stefano accetta.

Stefano -No!no,io non sò...

Gigia -Accetta,dai!

Venanzio -Ma sì,la prenda.Le farà bene.

Stefano -No,a mia mi fa mali.Non nn’haiu pigghiatu mai.

Gigia -Ti fa beni.Dai forza ca ti libera il cervello.

Venanzio -Certo,certo.

Stefano -Libera il cervello?

Gigia -Sì,certo.Dai!

Venanzio -Ne prenda un bel po' tra ‘indice ed il pollice e poi aspiri con forza. (Stefano prende)Ecco guardi adesso come faccio io.(Prende anhe lui del tabacco. Stefano lo osserva con il tabacco ancora tra le dita.Poi,quando Venanzio inizierà la conversazione con Gigia ,farà scena per conto suo) Guardi, signora Gigia ,a lei lo voglio dire.Il ragazzo è cotto come non potrebbe di più.La ragazza...è già a mezza cottura.Ma vede,non vorrei che dessero nell’occhio.E’ vero che l‘amore non si può nascondere,ma non vorrei che la cosa diventasse di dominio pubblico prima di...lei mi capisce. E’ necessario, quindi,controllare bene la situazione.

Gigia -Caro,signor Venanzio ,quando si sà come le cose vanno a finire... dica, signor Venanzio ,è ormai questione di giorni...

Venanzio -Sì, sì,certo.

Gigia -(Esultante)Signor Venanzio ,prende qualche cosa?

Stefano -(Comincia a starnutire violentemente sotto l’efftto del tabacco) Ehtcccciiii...

Venanzio -Che c’è,signor Stefano ?Cosa le succede?

Stefano -(cerca di parlare,ma non vi riesce)Ehtcciii.Accupu...

Venanzio -Adesso le passa.E’ il primo effetto,che passa presto...

Gigia - Stefano vai più là...Spostati.

Stefano -(E’ in preda a vere convulsioni)

Venanzio -E’ che non è abituato.

Gigia -Scusi,signo Venanzio ,scusi.E allora,caro signor Venanzio prende qualche cosa?(chiama) Carmela ... Carmela ..

Venanzio -Ma no,signora,grazie.Non si disturbi.Non è il caso.

Gigia -Guardi,signor Venanzio,lasci fare a me.Io adesso vado di là e le mando Carmela con un bel bichiere di limonata.

Venanzio -Ma non si disturbi...

Stefano -Ma che limonata.Ti pare che il signor Venanzio è tipo di limonate? Adesso,invece, si nni veni ccu mia dda banna e ni pigghiamu un bel bicchierotto di chiddu a chinnici gradi...

Venanzio -Beh,questo macari glielo accetto.Mentre che mi tenta!Permette signora Gigia .

Gigia -Andate,andate pure.(Via Stefano e Venanzio )Signore ti ringrazio.La cosa è combinata...è combinata.

Matilde -(entra)Mamma.

Gigia - Matilde ,come mai sei qua?E il signor Riccardo ?

Matilde -E’ di là che fa un ballo con Carlotta ,stai tranquilla.Sai,mamma,che gli ho chiesto della lettera?

Gigia –Si? E lui?

Matilde -Era proprio come dicevo io.Si tratta di un matrimonio.

Gigia -Bella scoperta.Sai che io sò molto più di te?

Matilde -Che cosa?

Gigia -Che cosa?Il signor Venanzio !Il signor Venanzio è qui per prendere informazioni della famiglia.

Matilde -Chi l’ha detto?

Gigia -Il signor Venanzio .

Matilde -(abbracciandola)Oh,mamma,che gioia.

Pippo -(Entrando dal salone)Signorina Matilde ,di là vorrebbero un po' sentirla.

Matilde -Come sentirmi?

Pippo -Ma a cantare.Tutti dicono che canta così bene.

Matilde -Io canto?Ma se non ho mai cantato.Dillo tu,mamma.

Pippo -Ma se il signor Riccardo ha detto che l’ha saputo da sua mamma.

Gigia -Appunto.

Matilde -(Quasi con paura)Io canto?

Gigia -Ma com’è,caschi dalle nuvole?Certo che canti.E canti anche molto bene. Macari non sei pronta...non sei in esercizio.Ma che non canti non lo puoi dire. (Entrano Carlotta e Riccardo )

Carlotta -Cosa sento?Tu Matilde canti?

Pippo -Sono qui che la prego,ma non vuole cantare.

Riccardo -Suvvia,signorina,sia buona.Ci faccia sentire qualche cosa.

Carlotta -Ma io non ‘ho mai sentita cantare.

Gigia -Non l‘hai mai sentita cantare perchè non ha mai cantato in società.Ma canta. E canta anche molto bene.

Tutti-(Insistono per farla cantare ma lei rifiuta)

Gigia -E’ che il maestro non vuole,vedete.No,no.

Pippo -No?

Gigia -No!Perchè dice che sforzandosi le corde potrebbero guastare l’impostazione. (Tutti insistono c.s.)

Stefano -(Entrando dal salone,ridendo)Chi risati,chi risati ca m’haia fattu.Chi risati. Gigia , Gigia ora ti lu cuntu.(Polarizza l’attenzione di tutti)Mi truvava dda banna e c’era Spampinato.U sai Spampinato chiddu da fabbrica dò ghiacciu.A un certo punto mi fa:Complimenti!Complimenti!Ho sentito che la sua figliola canta!(Tutti ridono)Canta,ah,ah...ma di unni cci vinni...

Gigia -(Sottovoce,tirandolo a parte)Mutu!Mutu!

Stefano -Mi dissi ca idda can...

Gigia -Sssss....mutu...

Stefano -(Rimane interdetto e guarda gli altri che fanno sforzi per mantenersi seri)

Gigia -Chi c’è da ridere?Io non capisco.Paga un sacco di soldi al mese per le lezioni canto,e lui non sà che sua figlia canta.Ma lo paghi il maestro? (Piano) E dici di sì!(forte)Lo aghi il maestro?( Stefano assentisce confuso) E allora?Ti fa meraviglia che tua figlia canti?

Stefano -Ma...siccomu u pavu a rati...allura ...non cci pinsava...

Gigia -(ai giovani che ,intanto commentano la cosa fra loro)Non ci fate caso perchè è stato di là a bere.E’ un poco allegro.Ma andate a ballare di là.

Pippo -Bene,andiamo.Si riaprono le danze.(Escono tutti ridendo  scherzando fra loro)

Stefano -(Rimasto solo con Gigia ) Gigia ,senti...senti..non mi piace.Su unu canta, canta;su unu non canta,non canta.

Gigia -(Autoritaria)Su non ti piaci a tia,mi piaci a mia.

Stefano -Non è bello Gigia ...non è bello.

Gigia -Basta!Basta!Basta!Senti a mia,invece.Dunque di là c’è il signor Riccardo. Tu ora u chiam cca banna,fai ‘npocu di chiacchiri e poi...

Stefano -Iù chiacchiri?No,no u sai ca iù non sacciu mai chi diri...

Gigia -Avanti,dai,chi cci voli:parri di chiddu cavoi.Cc’è bel tempo...cc’è brutto tempo...

Stefano -Ma u vidi macari iddu com’è u tempu...

Gigia -Basta,senti:fai ddu chiacchiri e poi lo inviti a pranzo da noi per domani.

Stefano -A pranzo?

Gigia -A pranzo!

Stefano -A magiari?

Gigia -A mangiari!

Stefano -Ccu nuatri?No,non po' essiri. Gigia non sunu cosi me.Iù haiu stari a pinsari a chiddu ca haia diri...no...no...mi fa veniri u duluri di testa...E poi Gigia ,facemumala cumparsa.

Gigia -Picchì?

Stefano -Gigia avemu sei bicchieri.Sarannu di setti qualità...

Gigia -Non fa nenti,semu ‘ncampagna...semu ‘ncampagna.

Stefano - Gigia,ppi favuri...facemu ‘na cosa.Iù cci arrialu ddu mila liri e si ni va a mangiari unni voli.

Gigia -Non capisci nenti.Sentimi bonu.Tu ora u chiami cca,chiacchiri ‘npocu e poi l’inviti a pranzo ppi dumani.

Stefano - Gigia facemu dopudumani.

Gigia -No.

Stefano -Facemu dopudumani.

Gigia -No,dumani!
Stefano -Facemu dopudumani,accussì haiu u tempu di pinsari a chiddu ca haia diri.

Gigia -Dumani!Dumani!Dumani!

Stefano -E va bene.Dumani.

Gigia -Iù intantu vaiu dda banna a dari ‘mpocu di versu.

Stefano -Ah, Gigia ,senti.

Gigia -Chi c’è?

Stefano -Tantu ppi sapirimi regolare.Chi fai,ppi cau canti macari tu?( Gigia lo guarda fulminandolo)Non si sà mai...

Gigia -Ebbene sì.Sì! Cantu macari iù!

Stefano -E iù dumani m’accattu ‘na chitarra.

Gigia -Iù cantu.

Stefano -E iù sonu.

Gigia -(si volta nervosa e si avvia per il salone.Alla porta trova il signor Riccardo che passa)Signor Riccardo ,signor Riccardo scusi.Scusi,sa,ma cc’è mio marito qua,che le deve dire non sò che cosa.La prego.(al marito) Stefano, Stefano è qui.(Esce)

Stefano -U staiu virennu.

Riccardo -(entrando)Signor Stefano ,eccomi a lei.

Stefano -Dica !Dica pure.

Riccardo -Ma veramente mi ha chiamato lei.

Stefano -Dica...se vuole dire...io...e bravo...bravo il signor Riccardo .E’ venuto ‘npocu ‘ncampagna,ah?

Riccardo -E già.Sono stato invitato e...

Stefano -E bravo u signor Riccardo ...è venuto ‘npocu ‘ncampagna...cche causi di l’annu passat..ehhh...( Riccardo ride)Schizzamu...semu schizzevuli... aha... Dunque io quanto l’ho visto...quanto l’ho visto per la prima volta... sa,tanto per fare quattro chiacchiere...bel tempo,cattivo tempo... poi... vero? Dunque,quando l’ho visto per la prima volta,iù non l’hava vistu mai...( Riccardo ride)Quando l’ho visto ho detto:Quel giovanotto è proprio un giovanotto,come si dice,a posto...

Riccardo -Oh,lei è troppo buono,signo Stefano .

Stefano -Sinn’accurgivu macari lei?

Riccardo -No,signor Stefano ,volevo dire:troppo gentile.

Stefano -Beh,cosa vuole;il cuore siciliano.Il siciliano parra picca,ma si spiega chiaru...No ppi diri, ma u sicilianu è un uomo ca pila supra a lingua non cci nn’havi.U siciliano è uno ca quannu ha diri na cosa ...macari pigghia e ni dici nautra.(ride)Ahhh..Ahhh.Schizzamu..schizzamu.Mi dicissi ‘na cosa: sò papà...sò papà...quando l’ho visto...nn’havi notizii di sò papà?

Riccardo -No!Veramente non ne ho da un po'.

Stefano -Mancu iù.Nemmeno io.Io veramente scrivo poco...E bravo o signor Riccardo ...si nni vinni ‘npocu ‘ncampagna.E mi dicissi ‘na cosa :sò papà è sempri dda...ddà...

Riccardo -Si,è sempre là.

Stefano -Già,sempre laggiù a...

Riccardo -A Roma.

Stefano -Già a Roma.Roma,bella cittadina.

Riccardo -(ride)Beh,veramente,cittadina...

Stefano -E si capisce,suo papà è là che lavora.Perbacco come lavora.S’ha fattu ‘na bella posizione.Chi l’avrebbe mai detto!Ora suo papà è al coso... comu si dici...

Riccardo -Mio padre è al Ministero, alla Camera.

Stefano -Già alla camera.La mia è chidda.(la indica)

Riccardo -Ah,ah che simpatico.

Stefano -Schirzamu!Semu schirzevuli!(ridendo)Suo papà ce l’avrà pure lui una camera.Non è ca dormi ‘nto pianerottolo...Schirzamu...A prima vota ca visti a sò papà...era accussì simpatico...accussì alto...havi ‘na bella statura sò papà!

Riccardo -Beh!Veramente alto proprio non si può dire.

Stefano -Ah,no?Beh,veramente ho confuso.Anche perchè quando l’ho visto il suo papà,l’ho visto seduto...

Riccardo -Ah,allora capisco.

Stefano -L’ho visto seduto.Però ho pensato:quell’uomo lì,quando si alza,chissà quanto è alto,e invece no.Invece no,havi ragiuni lei.Poi l’ho rivisto un’altra volta e non era alto.M’è sembrato un po' così,un pò...mezzo..mezzo alticcio...

Riccardo -Mo no,è impossibile.

Stefano -Eh?

Riccardo -Ma sì,è impossibile.Mio padre è astemio.

Stefano -Ah,è astem...mi pareva ca era siciliano.(Ridono)Dica un pò,domani... domani lei è libero?

Riccardo -Domani?

Stefano -Sì,domani.

Riccardo -Sì,domani sono libero.

Stefano -E’ libero?

Riccardo -Sì,sì. Liberissimo.

Stefano -E dopudumani avissa statu libero?

Riccardo -No,dopodomani no.Ho già un impegno.

Stefano -Iù l’hava dittu! Ma Gigia ...no,ppi forza dumani.Beh,fussi disposto a veniri qua a mangiari qualche cosa con noi?Così,sa?Una cosa alla buona... alla sanvasò..comu diciunu in Spagna...una cosa ala casarin... alla casaliera,va.

Riccardo -Mi dispiace che loro si disturbino.

Stefano -Sì,lo so. Ma Gigia insistivu...

Riccardo -Io comunque,accetto senz’altro!

Stefano -Accetta?Accetta?

Riccardo -Sì,certo.

Stefano -(deluso)Beh!Su cci voli pinsare qualche autru iornu...

Riccardo -Sarebbe scortesia da parte mia,signor Stefano.Loro sono così gentili.

Stefano -E va beni.Allura...tanti ringraziamenti...

Riccardo -No,signor Stefano ,sono io che devo ringraziare.

Stefano -Lo so.Noi invitiamo e lei ringrazia.

Riccardo -(si alza)Beh,adesso,se permette,signor Stefano!(Indica di là)

Stefano -Sì,sì vada.Mia figlia è di là.Vada.E di nuovo tanti ringraziamenti da parte di tutta la famiglia.( Riccardo fa per uscire)Ah,e dumani,quannu veni per mangiare da noi...non si disturbi.

Riccardo -Non capisco.

Stefano -Dico,non si disturbi.Non è il caso che lei si distubi.Sì,perchè,di solito,quannu unu è invitato,macari porta qualche cosa.Lei non si disturbi...Non è il caso...

Riccardo -(ridendo)Come vuole lei...

              FINE 2° ATTO

          ATTO   III°

                           La stessa scena del 2° atto.In scena Stefano e Gigia.

                          ______________________________________

Stefano- U ‘ntisi iù.Gigia,u ‘ntisi cu st’aricchi.U ‘ntisi chiaru e nettu.C’era u signor Pippo ca parrava e diceva ca u signor Riccardo a nostra fighhia non cci ha pinsatu mai e nuatri ni stamu ‘mmagginannu chiddu ca non è mai esistutu.Mi pigghiai scantu...mi pigghiai scantu quannu ‘ntisi accussì! Stava iucannu a chiama tri ccu ddu amici e fu tantu u scantu ca senza vulillu dissi: ”Chiamu!”:Inveci aveva diri “passu”.Persi,cara mia,cosa di pocu ma..insomma...

Gigia-Mi sta dicennu ca sintevi...

Stefano -Si...

Gigia -E iucavi! Non ha caputu nenti!

Stefano -Chi?

Gigia -Non ha caputu nenti!Nenti!

Stefano -Comu non capii nenti?

Gigia -Nenti!

Stefano -Ma no Gigia .Iù ‘ntisi bonu.Autru ca non capii nenti.Vidi ca sta cosa sta nascennu storta.E poi, dimmi na cosa.Finu a stu mumentu u signor Riccardo non s’ha spiegatu...U signor Venanzio tantu menu.Picchì praticamenti ha detto, ma non ha detto niente.

Gigia Comu sarebbe ca u signor Venanzio non ha parratu?

Stefano- Ma chi ha dittu?

Gigia -U signor Venanzio non ha parratu?Ma su dissi ca si trattava        di un matrimonio nella nostra famiglia.Cchiù chiaru u vulevi?

Stefano -No,no aspetta Gigia ,non dissi nella nostra famiglia...

Gigia Non u dissi?Ah,nò dissi?Ma su era ddà(indica)era dda...

Stefano -Va beni era dda, ma non u dissi.Ti lu dicu iù chiddu ca dissi.Dissi ca si trattava di un matrimonio che ci riguarderebbe da vicino.

Gigia -E’ u stissu, u stissu.Scusa cchiù vicinu di tò figghia cu cc’è?

Stefano -Don Girolumu ‘u putiaru.Aspetta...

Gigia -A tia ti piaci diri sempri stupidaggini.

Stefano -Aspetta Gigia .Na cosa è diri nella nostra famiglia e nà cosa è diri che ci riguarderebbe da vicino.

Gigia -Ma è u stissu.

Stefano-Non è u stissu “nella” e da “vicino”.”Vicino” veni a diri vicino.”Nella” significa dentro.

Gigia -Ma unn’è a differenza?

Stefano -Aspetta,varda,immaginiamo ca cc’è ‘na cosa vicinu o casciolu da cridenza,mittemu ‘sta mela.Suddu a ‘nficcamu ‘nto casciolu è dentro. ”Vicino” e ”Nella” u capisti?Cc’è ‘na bella differenza.

Gigia -Ma chi vai circannu u pilu ‘nta l’ovu?

Stefano -Ma no,senti:su unu dici:Iù staiu di casa vicinu o carciri. Nautru ti dici ca cci sta intra...oh!Mi pari ca...

Gigia -Va beni,va beni.Suddu aviri sempri ragiuni tu...Ma dimmi ‘na cosa,tu pensi ca u signor Riccardo avissa veniri a spiegarisi senza prima sapiri comu l’avissa pinsatu sò patri? Ma scusa,cc’è ccà u signor Venanzio. Iddu scrivi o patri,u ‘nforma e poi si capisci ca u carusu si spiega. Videmu, videmu su hai ragiuni tu o haiu ragiuni iù.

Stefano -Ma no, Gigia ...

Gigia -Ora basta.Basta!Non è cchiù tempu di chiaccherari.Ora ni putemu cominciari a moviri.Tantu ppi cuminciari ora tu chiami a Cesarino e cci spieghi a situazioni.Si ccià diri ca si leva stu pinseri da testa...

Stefano - Gigia , Gigia .Ma è u fighhiu di mè frati Michele...

Carmela -(entrando)Signora cci sunnu sò niputi e u signor Pippo .

Gigia -Benissimo,pari ca i chiamamu.(a Carmela )Vai a chiamari a mè figghia...

Carmela -E’ dda banna ccù sò niputi Carlotta ca havi tutta a matina ca chianci.

Gigia (Allarmata)Mè figghia chianci?

Carmela -No,sò niputi Carlotta .

Gigia -(indifferente)Ah,nenti.Addiventa cchiù bedda. Dunque,senti a mia: Vai a chiamari a mè figghia e cci dici ca cci vada a teniri cumpagnia al signor Pippo .Poi cci dici a Cesarino ca veni ccà ca cc’è sò ziu ca cci voli parrari.

Stefano (Terrorizzato)No...no...

Gigia -Subito!

Stefano -No,senti Carmela ,varda chi fai:vai ‘nti Cesarino e cci dici ca dumani quannu passa u pustinu cci dumanna:”cc’è nenti ppi mia?”.Iù cci scrivu.

Gigia -No,no!(a Carmela )Vai e fai chiddu ca ti dissi.

Stefano -Ma Gigia ,iù cchi cci dicu?Cchi haia fari?Facissi cosi dè pazzi.

Gigia -Ma dimmi ‘na cosa:u patruni di casa ccà cu è?

Stefano -(piccola pausa)Iù no!

Gigia -Comu no?Non sei tu u patruni di casa?Tu,caru miu,si capaci sulu di fari “bau,bau”, ma poi o mumentu opportuno non si capaci mancu d’abbuttunariti i causi.

Stefano -E ppi forza.Cci mancunu i buttuni.

Gigia -Affruntiti!Affruntiti!Sentimi bonu: su iù fussi a postu tò...iù m’affruntassi di mè muggheri...

Stefano -Chistu mi succeri...autru ca mi succeri...

Gigia -Mutu...mutu, ca ccà cc’è Cesare .

Cesare _(entrando)Permesso?

Gigia -Oh, Cesarino,si tu.Bravu,bravu trasi,trasi.

Cesare - Carmela mi dissi ca...

Gigia -Sì,sì assettiti Cesarino.Cc’è ccà tò ziu ca t’ha parrari (Cesare si siede a destra di Stefano che evita di guardarlo. Gigia si piazza a sinistra.Piano a Stefano )Parra,ora.Cerca di parrari e non fari cridiri ca fui iù,ah?

Stefano -(a Gigia )Cci scrivu.

Gigia -No,parra.Fallu assittari e parra.

Stefano -Ah,sì.Assettiti Cesarino,assettiti.(si accorge che è già seduto)Già s’assittavu.

Gigia -Benissimo.Ora calmati e parra.

Stefano - Gigia iù cci scrivu.

Gigia -Ti lu dicu iù chiddu ca a diri.Ripeti chiddu ca dicu iù.Dunque..

Stefano -Dunque...

Gigia -Mi pare, se non mi sbaglio...

Stefano -mi pare se non mi sbaglio...

Gigia -...che tuo papà...

Stefano -...che tuo papà...

Gigia -...ti abbia detto...

Stefano -...ti abbia detto...

Gigia -Ma che stupido...

Stefano -Ma che stupido...

Gigia -Ma no,aspetta.Staiu dicennu a tia.

Stefano -Ma su iù staiu ripitennu chiddu ca dici tu.

Gigia -(continua)Ca tu avissi qualche intenzione sulla nostra Matilde ...

Stefano -Ca tu avissi qualche intenzione sulla nostra Matilde ...

Cesare -(Interviene)Zio,se non ti dispiace,fai parlare la zia.Mi pari ca ni spurigghiamu prima.

Stefano -(Come se si fosse liberato da un peso.Si alza bacia in fronte il nipote e poi passa alla sinistra di Gigia ,dicendole sottovoce)Stai attenta,oh,mi raccumannu.Vidi ca chistu non è tò maritu.

Gigia -Ti stà piacennu ca parru iù,veru?Ppi forza, si tu non sì capaci.(A Cesare) Non è capaci.Iù non capisciu com’è ca ‘nta sta casa cu fa tuttu è iddu.’Nta sta casa,non si movi fogghia senza ca u sapi iddu...

Stefano -Fogghia...fogghia.E’ veru.Su però ‘nta stà fogghia cc’è attaccatu tantu di ramiceddu accussì...allura cci voli tuttu nautru pirmissu.

Gigia -Dunque,ecco quà, Cesarino.Vedi,tanto io,quanto mio marito siamo felice che tu ti sei affezionato a tua cugina,nostra figlia,tanto da volerne fare la compagna della tua vita.Ma vedi,tanto io,quanto mio marito siamo spiacenti di doverti dire di no.Non che tu, Cesarino, non sei un bravo giovane. Anzi...

Stefano-Anzi..anzi...

Gigia -Anzi.O che tu, Cesarino, non potresti fare la gioia e la felicità della nostra figliola...Anzi...

Stefano -Anzi...anzi...anzi...

Gigia -Anzi..anzi.Va bene,ma...è figlia sola...(a Stefano )Vero?

Stefano -Chi è?

Gigia -Dicu ca è sula.

Stefano -Sì,veru,è sula.Poi quannu si marita non sarà cchiù sula.

Gigia -Ma nò,non capisci.Vogghiu diri ca è figghia unica.

Stefano -Ah.sì,è figghia unica...per ora...appoi videmu.

Gigia (Gli dà un’occhiataccia)Dunque è figlia unica e...con 5oo mila lire di dote che ha...

Stefano -Chi havi?

Gigia -500 mila lire di dote.

Stefano -E ccu cci li duna?

Gigia -Tu!

Stefano-E a mia cu mi li duna?

Gigia -(senza dargli retta)Poi,quannu sarà,diventa sò tuttu chiddu ca avemu.

Stefano -(fra sè)Havi vogghia di fari vamparigghi.

Gigia -E allura,tantu iù, quantu mè maritu,per la verità, avevumu pinsatu di sistemarla diversamente.

Cesare -(Che ha seguito sostenuto la discussione)Sì,sì capisco.Io no sono degno,vero?La famiglia aspira...

Gigia -No,no...(a Stefano sottovoce)Dicci qualche cosa...

Stefano -No,no...chi c’entra non spira...

Gigia -(c.s.)Dai parra.

Stefano -Veni a diri..ca poi...nautra vota...se mai...

Gigia -Ma chi dici?

Stefano -Dicu, se mai...

Gigia -Ma è mai possibile ca ogni vota ca grapi a vucca u fai ppi diri cretinati.

Cesare -Ma sì,picchì mi l’avissa pigghiari a mali.Allura veni a diri che presto sapremo il nome di questo fortunato, picchì sicuramente non m’avissuvu dittu chistu si non c’era nautru pretendente.

Stefano -No,no,no.

Gigia -Comu no?Comu no?C’è!c’è!E anzi Cesarino,m’avissa fari ‘mpiaciri,finu a che non si fa stu matrimonio,ormai è questione di iorna,sai,m’ha fari u favuri di veniti cchiù raramenti.Chi voi,a genti chiacchera.E su sti chiacchiri cci arrivassuru ‘nt’aricchi o sposu, potrebbe...

Cesare -Ho capitu.Ho capitu.D’altra parte se oggi sono venuto, u fici sulu ppi ripigghiarimi a me soru e purtarla a casa.

Gigia -Ah! Carlotta ,mischina.Sai ca havi da ieri ca chianci, puvuredda.

Cesare -Niente zia,è un po' il mio setsso caso.

Gigia -E cioè?

Cesare -A mia mi si nega chidda ca m’avissa fattu felice.E a lei cci levunu tutti i spiranzi...s’ha compatiri.

Gigia -Ah,picchì...picchì idda crideva...(ride)Ah,ah...

Stefano - Gigia ,no.Accussì dai l’impressione ca stai ridennu.Non sta bene, Gigia .

Gigia -Ah,ah...e lassimi ridiri.Non ni pozzu fari a menu.Scusa Cesare, ma Carlotta havi ‘ncaratteri romanticu, sentimentale.. ma è macari ‘npocu scema...

Cesare -Zia ti prego.

Gigia -No,dicu.Non havi mancu ‘nsoldu di doti,sta carusa...

Cesare -Già,perchè semmai è cosa da ridere,vero?Ppi mia non cci pensu,ma speru ca me soru possa rassegnarsi presto e trovare anche lei un buon partito.Anche se non ha le 500 mila lire da sbattere in faccia agli scemi. Comodi,comodi..conosco la strada.

Stefano- (ride forte,mentre Gigia rimane di sasso)Ah,ah,ah...comu cci la dissi bona... ah,ah...ah..

Gigia -Ma u sintisti?

Stefano -U ‘ntisi.

Gigia -E tu arresti ‘mpalatu,senza diri nenti?

Stefano -Su dicu qualche cosa cci dugnu ragiuni.Cci dugnu ragiuni.

Gigia -Cci duni ragiuni.E va bene.Comunque vidi ca a stu carusu ‘nta sta casa non u vogghiu vidiri mancu ppi ‘nminutu. Stu pezzu di maladucatu, insolente e mortu di fami.Capisti? 500 milalire da sbattere in faccia agli scemi.Comu su nuatri non cci l’avissumu 500 mila liri.

Stefano -Non cci l’avemu!

Gigia -Comu non cci l’avemu?

Stefano -Non cci l’avemu.Mettatillu bonu ‘nta sta cucuzza:non l’avemu!Macari poi tu si capaci di diri:ahu,nesci fora i 500 mila liri.Non l’avemu.

Gigia -Ma chi non l’avemu...

Matilde -(entra piangendo)Oh.mammina...mammina non l’avrei mai pensato.

Gigia -E chi successi ora?

Matilde -Il signor Pippo mi ha detto che...(Scoppia a piangere forte)

Gigia -Ma parra.Chi ti dissi u signor Pippo ?

Matilde -Il signor Pippo mi ha detto che il signor Riccardo a me non ha mai pensato...(piange forte)

Stefano -Cci semu Gigia ,ci semu...ah, ah...cci semu Gigia ...

Gigia -Ma unni semu?(Cercando di calmare la figlia)Non capite niente.Ma chi nni po' sapiri u signor Pippo ?U signor Pippo è ‘nchiaccheruni.Chiddu ca sapi tuttu è u signor Venanzio .

Venanzio -(come chiamato,compare davanti alla porta)Signora... signora...

Gigia -Oh,signor Venanzio ...signor Venanzio capita proprio a proposito.Quà, signor Venanzio ,c’è mia figlia che piange e si dispera, c’è mio marito che urla, che fa cose da pazzi...

Stefano -Sì è veru.Già haia fattu tri sauti mortali...ma ora mi staiu arripusannu.

Gigia -Signor Venanzio ,lei deve dire come stanno le cose.Lei deve togliere questi due poveretti da queste pene...deve parlare chiaro.

Venanzio -Ma cosa vuole che le dica signora?Cosa vuole da me?

Gigia -Signor Venanzio ,questo benedetto matrimonio si fa o non si fa?

Venanzio -Ah,è per questo,signora?Ma sì,stia tranquilla,si fa.Si fa.

Gigia -Ah!

Stefano-Un momento.Un momento.Cca s’ha stabilutu sulu ca si fa ‘nmatrimonio. Ora però videmu cu su i matrimoniandi...

Venanzio -Oh,bella questa.Perchè non lo sanno?

Stefano -No,no.

Venanzio -Oh,ma non è possibile.

Gigia -Signor Venanzio non u sapemu.

Matilde -Signor Venanzio ,questo matrimonio è con mia cugina Carlotta ?

Venanzio -Ma sì,certo.E’ con la signorina Carlotta ,Possibile non l’avevate capito? ( Matilde scoppia a piangere nelle braccia della madre)

Stefano -Olè...olè...ah...ah...

Gigia -(Che è rimasta di sasso)E’ cca figghia di mè cugnato Michele?

Venanzio -Sì,sì.

Gigia -(con furia crescente)E havi u curaggiu di diri ca l’avissumu duvutu capiri? (Venanzio cerca di parlare ma è sopraffatto)Signor Venanzio lei ni fici capiri chiddu ca non era...Signor Venanzio lei ni fici capiri...Ma allura picchì lei ni vinni a diri ca si trattava di ‘nmatrimonio nella nostra famiglia. (Scena di Stefano con la mela ed il cassetto)

Venanzio -Io ho detto questo?

Gigia -Lei,lei!Ma ,signor Venanzio ,parramini chiaru:chi mi poteva interessari a mia di ‘nmatrimoniu ppi mè niputi?Chi mi poteva interessari di ‘nmatrimonio su non era ppi nostra figghia?...

Venanzio -Ma che vuole da me,signora?Vuole che chieda scusa?

Gigia -Ma signor Venanzio ,lei deve chiedere scusa adesso.

Venanzio -Ma perchè?

Gigia -Ma perchè lei ci ha compromesso.Lei doveva parlare chiaro.. chiaro.Lei signor Venanzio o è uno scemo,o è un intricante,o è un poco di buono.

Venanzio -Signora Gigia ,la prego di moderare i termini perchè allora glielo insegno io come si parla ai galantuomini... gliela insegno io l’educazione...

Stefano -No,no un momento.Un momento,fermi tutti.Cca mi pari ca stamu sbagghiannu a parrari signor Venanzio; tuttu chiddu ca ha dittu va beni, havi ragiuni.Ma in quantu all’educazione... chistu on l’hava diri...chi c’insigna? Lei è capaci di ‘nsignaricci l’educazioni?

Venanzio -Certo,certo si capisce.

Stefano -E allura facissi.Videmu comu fa.Iù havi cchiù di vint’anni ca cercu di ‘nsignaraccilla e non cci ll’haia fattu.

Venanzio -Havi ragiuni...

Stefano -No,no ‘nmumentu,staiu schirzannu.Signor Venanzio .Vogghiu diri ca cc’è tutta ‘na famigghia:cc’è matri, patri e figghia. Lei ha circari di aviri chiù rispettu.

Venanzio -Ma cosa vuole che rispetti.Ce ne sarebbe da aggiungere invece. Dovrei dire che lei,caro signore, è un marito di pezza, una vera e propria marionetta...e lei signora, si veste da signora ma è...è una vera lavandaia... una lavandaia.(esce di furia)

Stefano -No,no un momento.Sta facennu confusione.La lavandaia era sua sorella.

Gigia -Una lavandaia.. Stefano ...

Stefano -Ah!

Gigia - Stefano, u sintisti chi dissi?

Stefano -U ‘ntisi.

Gigia -E oddiu ca fusti capaci di diri qualche cosa.

Stefano -Ma su dicu qualche cosa cci dugnu ragiuni.

Matilde -(che è rimasta in un angolo accasciata)Gli dà ragione.E si capisce, gli uomini sono tutti uguali,tutti cattivi,tutti bugliardi...

Stefano -Gli uomini!E le donne?Le donne sono tutte senza ciriveddu. Ma comu fannu dicu iù,ad aviri ‘st’abilità ‘nto ‘mbrugghiari,’nto traficari...Comunque ora mi nni lavu i manu.Faciti chiddu ca vuliti...(esce)

Gigia -(Abbattuta)Mi pari di divintari scema.Varda ca ora sparti e curpa mia.E va beni,a curpa è a mia.Ma dicu iù, chiddu si nni veni ccà...mi fa capiri ‘na cosa ppi nautra...e poi dici ca a curpa è a mia... picchì nuatri l’avissumu duvutu capiri.(quasi piange)Mi veni a pigghiari in giro e poi a curpa è a mia...

Matilde -Sì, ma chi cci va di mezzo sono io.(Piange)

Carlotta -(Si affaccia,con Cesare e Pippo sulla porta che dà all’ingresso) Zia, scusa, ma noi volevamo salutare,perchè andiamo via.

Gigia -Ah,tu sì ccà.Vieni a gioire della tua vittoria.

Carlotta -Ma,zia, cosa dici?

Gigia -Esci subito da quella porta,tu e questi signori.Di questi affronti in casa mia non ne accetto e non ne ricevo.(esce per l’interno)

Carlotta -(E’ rimasta di sasso)Ma Matilde cosa c’è?

Matilde -E me lo domandi, me lo?Dopo tutto quello che hai fatto?E mi piange e si dispera.Sei più bugiarda di Giuda.(Esce dietro alla madre)

Carlotta -Ma che succede?

Pippo -Chi mi tocca sentiri!

Carlotta -Ma Cesare ,signor Pippo cosa è successo?

Pippo -Lo immagino io,quello che è successo.(Suonano alla porta)

Carlotta -Ma ditemelo,o io divento pazza.

Riccardo-(Entra dalla comune,accompagnato da Carmela )Meglio che vi siano tutti. ( Carmela esce,va a chiamare la signora)Bene, voi restate qua. Pretendo che mi vengano fatte le scuse davanti a tutti.

Carlotta -Ma signor Riccardo ...( Riccardo le va vicino,mentre entra Gigia )

Gigia -Signor Riccardo ,no...no, non dica niente.Ha ragione...ha mille parti di ragione (Piagnucolosa)Oh, signor Riccardo siamo qui che non abbiamo il coraggio di guardarla in faccia.(entra Stefano)Dopo quello che è successo... Io ce l’avevo detto...ce l’avevo detto..”guarda che non è così... guarda che ce ne pentiremo”...ma niente, signor Riccardo ,quello è un benedetto uomo che quando si mette una cosa in testa (scena di Stefano,mentre entra pure Matilde )Galantuomo sà?onesto che come lui non ce nè un’altro...ma testardo...Io non capisco come quel benedetto uomo si sia messo in testa che lei facesse la corte alla nostra Matilde ... Ma cosa vuole...io glielo dico e iddu non mi senti...io parlo,parlo...e lui grida...e fa tanto...combina tanto ca cci duna ‘na colira a mè niputi... Cesarino puvureddu...( Carlotta guarda Riccardo a chiedere che succede e lui le parla sottovoce,spiegando) ... fa piangere la mia Matilde .. innamorata sì...innamorata di suo cugino...non vuole sentire parlare di altro. ( Stefano smania e Gigia si avvicina)Testardo...

Stefano -Ma Gigia ...

Gigia -(a bassa voce)Fammi parrari.. non interrompere...non ti basta u dannu ca facisti.(forte)Comunque sì ccà a proposito...Vidi ca cc’è u signor Riccardo ca ti dumanna soddisfazione per tutte le chiacchere che si sono fatte sul suo conto.( Riccardo si schermisce)Qua c’è Carlottina,una ragazza che è una perla e Cesare ... Cesarino,un giovanotto che è una perla   e iù ti l’haiu dittu sempri:”Daccilla a tò figghia a tò niputi...daccilla...”ma nenti... tu duro ,deciso (ad un gesto di reazione di Stefano,a bassa voce) Non parrari...mutu...(forte)E tua figlia che piange e si dispera (piano a Matilde) Piangi..piangi...Guarda come piange..

Stefano -Iù mi dumannu su sugnu iù o su sugnu me frati Michele...

Carlotta - Cesare ... Matilde vi prego mentre io sono tanto felice,non posso vedere gente che soffre.

Gigia (piano a Matilde )E tu piangi...piangi.

Cesare -Mi pare che ora è un po' tardi.

Pippo -Dai che non vedi l’ora!

Riccardo -Sù Cesare ...

Gigia -Ma non ci dite niente...no.no...ha ragione... Cesarino ha ragione(a Stefano) E’ tutto per te...(scena di Stefano ) Matilde ..andiamo...andiamo di là.

Stefano -Andatevi a nascondere...

Gigia -Andiamo di là, in camera...

Carlotta - Cesare ...

Riccardo -Ma dai Cesare che non vedi l’ora...

Pippo -E buttati salame...

Cesare - Matilde se potessi credere che sei veramente pentita...

Pippo -E pigghiatilla ‘nprova.

Cesare -Non dovrei...ma ti voglio troppo bene.(si abbracciano).

Tutti-Bravi!Bene!...

Gigia (Va ad accarezzare Cesare .Commossa)Ho sempre voluto tanto di quel bene a questo ragazzo.( Stefano fa scena con un cuscino)Sei un gran bravo giovane...ed io l’ho sempre detto....

 Stefano -Ma che faccia...che faccia... Gigia iù non ti canusceva ancora...non ti canusceva... Gigia hai ‘na faccia...ca su sbatti ‘nterra rumpi u marmuru... hai ‘na faccia ca non senti chiù mancu a carta vetrata...

Gigia -( Accosta Matilde a Cesare) Cesarino...ti consegno una perla...

Pippo -(fra sè)Già,e su assumigghia a matri.(Forte)Bene e la commedia è finita.

Stefano -Un momento mi pari opportuno chiudere con un minimo di morale:(si avvicina Cesare e Matilde )viniti ccà tutti dui...e macari a tutti dui (Riccardo e Carlotta ) Che cosa ci insegna la commedia?Mi raccomando: quando avrete dei bambini...

Gigia -(in tono di rimprovero)ah,ah,ah Stefano ...

Gigia -Che c’è? Senti: a commedia finivu...Veru Pippo? E allura ppi ‘na vota: muta!!

Gigia -Non si dice quando avrete dei bambini.

Stefano -Ah,sì! Allura dicemu quannu avrete delle bambine...

Gigia - Stefano! Nè bambini nè bambine!

Stefano -E chi volissunu fari?Fasceddi di ricotta?E lassimi parrari,almeno ‘na vota. Dunque:quannu avrete fascetti di ...vuleva diri dei bambini, ricordatevi sempre che devono essere educati nel rispetto della sincerità e della responsabilità e solo così sarete sicuri di farne dei veri uomini.

      FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno