Un nonno per marito

Stampa questo copione

ARTURO

UN NONNO PER MARITO……..

ovvero

IL NONNO SUPERSEXY

Tre atti  di Emilio Caglieri adattamento e rielaborazione di Gabriele Verzucoli

PERSONAGGI

CESARE BARZANI

LA SORA MARIANNA

ANNINA

BRESEIDE cameriera

ARDUINO

CESARINO

Prof.ssa AMELIA GALLI

ARTURO

L’azione si svolge in un  quartiere popolare di Firenze agli inizi del 1900

ARTURO

CESARE

(Cinquant’anni suonati da un pezzo. Si alza da tavola, vuota il bicchiere, ripiega il tovagliolo

(più che ottantenne ,sta rammendando un paio di calzini) Lascia stare Arturo, ci penso io…..

 

ARTURO

Un ti par d’aver da fare abbastanza?……(esce portando il resto dell’apparecchiatura)

 

 

CESARE

Ce n’ho tanto di tempo….…

 

 

ARTURO

(rientrando) O perché tu m’hai apparecchiato qui…o un potevo mangiare in cucina?

 

 

CESARE

O un tu n’hai sentico che puzzo che c’è.. quando va di fori i’latte s’appesta ogni cosa!

 

 

ARTURO

Sicchè stamattina un v’avete fatto colazione babbo…

 

 

CESARE

L’ho fatta senza latte…tanto l’è da un po’ che son divezzo

 

 

ARTURO

L’è un be’ discorso coresto…..(va in camera)

 

 

CESARE

(va in cucina portando tovaglia e tovaglioli, rientra subito,fa per prendere il giornale,ma riprende invece ago ,filo e calzino)

 

 

CAMPANELLO

 

 

CESARE

(va ad aprire) Oh sora Marianna bongiorno…la s’accomodi (rientra con Marianna) Ma perché la s’è voluta disturbare anche stamani…..

 

 

MARIANNA

(E’ una donna che ha passato la cinquantina ,ma ancora piacente)Macchè disturbo so’ Cesare…quando mi devo condurre in casa mia…icchè vole che sia….. si sta sullo stesso pianerottolo….(posa sulla tavola dei sacchetti)Cavolo,du’ be’ porri e  quattro capi d’aglio..un mi pare che la m’aesse ordinato artro…

 

 

CESARE

Veramente un mi parea d’avegli ordinato nulla..

 

 

MARIANNA

Come no? Vu’ dicesti ieri….i cavolo lo piglierò domani e anche i porri e gl’agli…

 

 

CESARE

Va bene, ma la unn’era un’ordinazione….

 

 

MARIANNA

La unn’ha di bisogno?

 

 

CESARE

Eccome…ma sare’ sceso io…

 

 

MARIANNA

E invece son salita io e la un faccia tante storia…Oddio che strillo troppo…i’ vostro figliolo che è a letto?

 

 

CESARE

Machè letto….oggi è martedì…e da quando l’è morta la su’ poera moglie..tutti i martedì , giovedì e naturalmente i’ sabato e la domenica,di mattina e va’ a i’ cimitero..Ormai sono più di diec’anni, dodici pe’ essere esatti…pe’ questo s’è fatto mettere ni’ turno di notte a lavorare…così c’ha tutti i giorni liberi pe’ andare a trovalla…lassù tra e cipressi(riprendere a rammendare il calzino che ha in mano)

 

 

MARIANNA

Ma guardache icchè si dove vedere..un omo che rammenda i calzini (glielo prende di  mano e comincia rammendare)

 

 

CESARE

No, sora Marianna un posso permettere….

 

 

MARIANNA

Son pulichi eh?

 

 

CESARE

(Infilando il dito in un buco dell’altro calzino che gli è rimasto in mano) Di bucato!

 

 

ARTURO

(entra)Sora Marianna….

 

 

MARIANNA

Bongiorno sor Arturo…stavo dicendo a vostro padre che lavare, fa’ da mangiare, rigovernare…un son lavori da omo….

 

 

ARTURO

E lui invece li vol far tutti…..

 

 

CESARE

Così ingannare i’ tempo……

 

 

MARIANNA

I’ tempo la lo pole anche ingannare,ma mene no….lo vedo lontan le mille miglia che tutto questo daffare gliè di peso….In questa casa e ci vorrebbe una donna…

 

 

ARTURO

La unn’ha bisogno di dimmelo..ma una donna di servizio fisso…un basterebbe la mi’ paga e que’ pochi risparmiucci di’ babbo pe’ pagalla…

 

 

CESARE

Ma ci basta la  Breseide…..la va un po’ pianino….ma qualchecosina la fa…

 

 

MARIANNA

Ma io unn’intendevo una donna di servizio…qui e ci vorrebbe una donna che la s’affezioni alla casa, che la pensi a mandalla avanti, che la custodisca chi ci sta dentro…..un so se son stata chiara……

 

 

ARTURO

Eccome,chiarissima……la  Breseide la basta e l’avanza……Arrivederci babbo..sora Marianna…..(esce)

 

 

MARIANNA

Arrivedello…..

 

 

CESARE

Gliè inutile, un c’è peggior sordo di chi un vo’ sentire…..

 

 

MARIANNA

Però che dopo dodic’anni un se ne sia fatto una ragione…..

 

 

CESARE

Cara la m’ sora Marianna pe’ i’ mi’ Arturo i’ proverbio “Chi more giace e chi vive si dà pace” e un vale….

 

 

MARIANNA

E ho capito….Anch’io qundo morì i’ mi’ Michelangelo,credeo d’andagli dietro,ma mi’ son dovuta fa’ forza prima di tutto pe’ quelle du’ creature..l’era piccine sa’…… la mi’ Annina l’avea quattr’anni e mi’ Franceso sei …la si pole immaginare….poi co’ i’ tempo…..i’ tempo l’è un gran dottore…..unn’è giusto pensare che siccome s’è perso una persona cara, che la vita la sia finita anche pe’ noi…..

 

 

CESARE

Gliel’ho detto tante vorte anch’io a quello zucchettone……

 

 

MARIANNA

I’ Sor Arturo l’è un omo ancora abbastanza giovane, l’è giusto che si rifaccia una vita….un gli pare?

 

 

CESARE

A me si, ma gl’ha parere a lui……

 

 

MARIANNA

Sentite so’ Cesare, io mi giocherei la testa che anche se un lo dice, a i’ sor Arturo un gli parrebbe i’ vero la mattina, quando gli smonta dalla ronda, trovare in casa a aspettallo una brava moglie…

 

 

CESARE

Invece di trova’ me…

 

 

MARIANNA

Icchè c’entra coresto…Voi vu’ fate anche troppo,ma quello che gli potrebbe dare una moglie…..

 

 

CESARE

Io un glielo posso dare di certo……

 

 

MARIANNA

Io penso che farebbe piacere anche a i’ su’ nipote sapere che su’ padre s’è risistemato e che qui un vu’ siete più soli come cani…..

 

 

CESARE

Perché lei la crede che se ne ricordi che io e su’ padre siamo ancora a i’ mondo….

 

 

MARIANNA

Se ne ricorderà e anche spesso……

 

 

CESARE

Ogni morte di Papa.da qundo gli ito a Roma e son quasi du’ anni…l’è venuto a trovacci una vorta sola..qualche mese fa……

 

 

MARIANNA

Ma vi scrive però……

 

 

CESARE

Mai.l’è un ragazzo di carattere…s’impegno a smette di leggere e di scrivere quando gl’andava ancora alle scole comunali e l’ha mantenuto l’impegno….

 

 

MARIANNA

O perché si comporta  a qui’ modo benedetto figliolo….

 

 

CESARE

Perché un gli s’interessa,gli sta bene, un gli manca nulla……

 

 

MARIANNA

Ho sentito dire che s’è l’ha fatto un be’ matrimonio…..eppoi s’è rimesso a studiare……un’andette a Roma pe’ istruissi sull’arte?

 

 

CESARE

Sul’arte d’un fa nulla…Quando partì da Firenze pe’ andare a Roma da de’ lontani parenti della su poera mamma,la scusa la fu quella d’andare a studiare l’arte…come se qui a Firenze un ce ne fosse abbastanza da studiare…..e fra una statua e un  dipinto all’olio  incontrò la figliola della ditta “Magheri stoffe e tessuti” e in quattro e quattr’otto gli riescì di sposassi….poi i’ futuro socero lo prese in negozio…cinquina e tombola in un corpo solo……sicchè icche vole che gl’interessi di me e di’ su’ padre…..

 

 

MARIANNA

(ha finito di rammendare il calzino che ha in mano) Vu un e n’avete più….

 

 

CESARE

Ma icchè la dice?Qui c’è la miniera de’ carzini rotti..Però mi dispiace….

 

 

MARIANNA

Allora smetto…

 

 

CESARE

Icchè c’entra…dico così perché son educato,mica perché lo penso…

 

 

MARIANNA

Pe’ tornare a i’ discorso che si faceva innanzi, proprio perché c’ha un figliolo poco affettuoso, i’ sor Arturo si deve sentire parecchio solo…..Gli ci vole propio una donna….ma voi, benedett’omo, un dite come dianzi che le faccende di casa le vi servan da passatempo…

 

 

CESARE

Lo fo perché un s’amareggi troppo….

 

 

MARIANNA

Si deve amareggiare, sennò un si smove….Gli ci vorrebbe una donna press’a poco della su’ età,sana,piacente……

 

 

CESARE

Magari vedova come lui…..

 

 

MARIANNA

Magari…. Una donna di casa, che la c’abbia quarchecosina di suo….

 

 

CESARE

Magari una bottega di frutta e ortaggi…

 

 

MARIANNA

Magari……

 

 

CESARE

Lei la un ci crederà, ma mi sto lambiccando i’ cervello per cercare di capire a chi l’allude…..

 

 

MARIANNA

Voi vu’ la mettete in burletta…ma i vantaggi potrebbero essere più d’uno….

 

 

CESARE

Per esempio Arturo,potrebbe  prendere le redini della bottega…..

 

 

MARIANNA

E ci si potrebbe anche ingrandire….l’è tanto che mi struggo dalla voglia di aprire una drogheria, accanto c’è qui sfondo sfitto….ma da sola un ce la posso fare……(si alza)Ora abbiate pazienza ma bisogna che mi conduca dabbasso….(alludendo ai calzini) Vol dire che quegl’altri….

 

 

CESARE

Glieli serbo la un dubiti…..

 

 

CAMPANELLO

 

 

CESARE

La scusi eh…..(esce per aprire la porta) entra insieme a Arduino, suo coetaneo,ha un aspetto serio e preoccupato)

 

 

ARDUINO

Sora Marianna….

 

 

MARIANNA

Bongiorno so’ Cecchini,icche v’aete,o che siete serio anche voi….serio i’ sor Arturo,seria la mi’ figliola….

 

 

CESARE

Anche l’Annina….

 

 

MARIANNA

Dice che la un si sente tanto pe’ la quale….ma unn’è mica vero…lo sento dire da tanti mi’ clienti che i giovani d’oggi gl’hanno sempre la paturnie….

 

 

CESARE

Un son solamente i giovani…c’è un monte di gente che la unn’ha più voglia di ridere….

 

 

ARDUINO

Se vu’ fossi nei mi’ piedi v’avresti poco da ridere anco voi…..

 

 

MARIANNA

Ma icchè vi succede so’ Cecchini…..

 

 

ARDUINO

Unne parliamo sora Marianna….unne parliamo……

 

 

CESARE

Quanto spendo?

 

 

MARIANNA

Si fa tutt’un conto domani….ma icchè v’avete sor Arduino….Che sta male la su’ signora?

 

 

ARDUINO

No! La sta bene…la sta benone lei…..

 

 

MARIANNA

(a Cesare)Allora gliè malato lui….

 

 

CESARE

L’è una storia un po’…….magari gnene racconto domani… Arrivedella e grazie sora Marianna

 

 

MARIANNA

Arrivederci a tutti….(esce)

 

 

CESARE

Allora Arduino un’antra notte agitata…..

 

 

ARDUINO

Unne parliamo Cesare…unne parliamo….

 

 

CESARE

Senti bellina questa storiellina che m’ha raccontato ieri sera Otello i’ vinaio….l’è da sbellicassi da i’ ridere..

 

 

ARDUINO

E c’ha le storielline….ma icchè tu ti sei messo in testa di fammi ridere..Eppure tu lo sai icchè mi sta capitando….

 

 

CESARE

Ma di quello un tu voi che se ne parli…..

 

 

ARDUINO

Come un voglio…vengo qui apposta pe’ sfogammi…

 

 

CESARE

E allora perché tu dici: unne parliamo ,unne parliamo…..

 

 

ARDUINO

Ma pe’ modo di dire….Quella donna ,Cesare, finchè la un m’ha visto crepare la unn’è contenta……

 

 

CESARE

Sempre..le solite cose….

 

 

ARDUINO

Sempre peggio….La notte ogni pochino l’è all’attacco…E siccome io e un rispondo….giuè graffi,cazzotti,nocchini…..stanotte la m’ha tirato du’ spintoni che mi son ritrovaco su i’ pavimento….

 

 

CESARE

Ti converrebbe di rispondere….

 

 

ARDUINO

Un mi fa stizzire più d’icchè un sono Cesare…..E almeno la si contentasse di riempimmi di lividi…..la mi piglia anche in giro….”Un tu ti vergogni no?” Io a quasi ottant’anni mi dovrei vergognare d’ave’ tiraco i remi in barca…..

 

 

CESARE

Poeraccia…anche lei però la unn’ha corpa…..

 

 

ARDUINO

Come la un ce l’ha….

 

 

CESARE

Ma un tu mi dicesti che l’è in queste condizioni perché l’ha fatto quella cura d’erbe che la gli dette quella vostra parente che la sta  a i’ pian di san Bartolo….

 

 

ARDUINO

Eh sì quella maledetta cura pe  i’ sangue,perché la ce l’avea grosso…..invece che d’alleggeriglielo quell’erbacce le gliel’hanno messo in ebollizione….Accidenta a ugni cosa….Ma i’ bello l’è che non solo la un mi fa’ fa vita la notte……L’ha cominciato a pitturassi i’ viso perché la dice che la c’ha l’incarnato troppo chiaro……..eppoi la legge de’ libri scandalosi….Prima i’ più più la leggeva i romanzi d’appendicite sulle riviste di’ Nerbini….ma ora……

 

 

CESARE

(ridendo) Ora?

 

 

ARDUINO

La mi manda a comprare certi libri che appena dico i’ titolo i’libraio fa i’ viso rosso…..dice che son libri che la Chiese l’ha messo a i’…….pollice…un so nemmeno icchè voglia dire….

 

 

CESARE

Ma che pollice…all’indice….son libri scandalosi…….

 

 

ARDUINO

L’altro giorno venne in caso don Orvelio e ne vide uno……qui’ demonio della mi’ moglie la disse che li leggevo io……m’è toccato anche confessare le corpe che unn’avevo per un falla passare troppo male……..Senti Cesare che vieni a fa’ du’ passi…..

 

 

CESARE

Si…vo’ in camera a prendere la giacca e vengo……(rientra subito)Scusa un minuto Arduino,mi sono accorto che c’ho una bella patacca (prende da un mobile il necessario per smacchiare)

 

 

CAMPANELLO

 

 

CESARE

E ora chi c’è….

 

 

ARDUINO

Se l’è la mi moglie digli che un ci sono….

 

 

CESARE

(andando ad aprire)Va bene..mi sagrificherò io…….

 

 

ANNINA

(da dentro)Bongiorno….

 

 

CESARE

Vieni Annina…..

 

 

ANNINA

(entrando) Bongiorno so’Cesare…..

 

 

CESARE

Icchè tu mi racconti di bello….

 

 

ANNINA

Nulla..ero venuta  a veder se v’avevi bisogno di quarchecosa,ma c’è i’ so’ Cecchini….allora…..

 

 

ARDUINO

Io vo via Cesare….

 

 

CESARE

Un si dovea sortire insieme……

 

 

ARDUINO

Ho pensato che l’è meglio che vadia a comprare uno di que’ libretti…che ti diceo prima…..

 

 

ANNINA

Che libretti?

 

 

CESARE

Romanzi di cappa e spada…..

 

 

ARDUINO

Sie…più spada però……

 

 

CESARE

Pe’ su nipoti……..

 

 

ANNINA

Ah ho capito….n’ho letti diverso anch’io quando andavo a scola……

 

 

ARDUINO

Allora vo’,te intanto  tu fai du’ chiacchiere con l’Annina e appena torno….s’esce…

 

 

CESARE

Bene.

 

 

ARDUINO

Addio Annina…(esce)

 

 

ANNINA

Arrivedello so’ Cecchini…

 

 

CESARE

Icchè   l’aspetta a mettisi  a sedere?

 

 

ANNINA

Grazie so’ Cesare…(gli toglie di mano il panno e si mette lei a smacchiare) Scusate eh…ma mettetevi voi a sedere…….

 

 

CESARE

Questa l’è bellina davvero….La su’ mamma l’ha appena finito di rammendammi i carzini,ora l’arriva lei e la si smette a smacchiare…..

 

 

ANNINA

O questo icchè vor dire….

 

 

CESARE

Vol dire che un c’è ragione che la venga qui a sfaccendare…

 

 

ANNINA

Ce n’è diverse di frittelline…..

 

 

CESARE

Son devoto a S.Giuseppe….ma che ha capito quello che gli ho detto….

 

 

ANNINA

Si,l’ho capito…ma può esse’ giusto pe la mamma che l’ha da fare in bottega,ma io c’ho tanto tempo…..un so se vu’ lo sapete ma io in bottega un ci vo’ punto volentieri…….

 

 

CESARE

A proposito come la si sente’…la su mamma la m’ha detto che un la un si sentiva pe la quale……

 

 

ANNINA

Ah sì,sì Ma ora sto meglio(senza guardarlo continuando a strofinare) E tra poco spero di stare meglio che mai……Perché un vu’ vi sedete?

 

 

CESARE

Visto che s’è invertito le parti…grazie!

 

 

ANNINA

Perché invertito le parti?

 

 

CESARE

Pare che sia io in casa sua e non lei in casa mia…

 

 

ANNINA

Ci vole una smacchiatina anche a i’ collo…..

 

 

CESARE

Ma diamine…E quando l’ha finito costì gli posso dare anche i vestiti da inverno,i cappotti…

 

 

ANNINA

Invece di pigliammi in giro…ditemi….da mangiare che l’avete bell’e fatto?

 

 

CESARE

Lo fo appena m’arzo…quando e torna a casa ,i’ mi’ figliolo l’ha diritto di cenare.

 

 

ANNINA

Cenare?

 

 

CESARE

Eh…Quando uno la sera torna a casa da lavorare icchè fa? Cena! Lui lavora di notte:l’è giusto che ceni la mattina.

 

 

ANNINA

E’ i’ povero so’ Cesare si deve mettere davanti a fornelli innanzi giorno….

 

 

CESARE

Icchè la ci vol fare….Se n’è parlato anche poco fa colla su’ mamma..qui ci vorrebbe una donna…

 

 

ANNINA

Ma i’ so’ Pietro di risposassi un ne vol sentir nemmen parlare….lo capisco….quando uno l’ha voluto tanto bene a una persona   l’è difficile,anche se questa persona purtroppo la un c’è più, innnamorasssi d’un antra……e io penso che sia meglio che nessuno lo forzi..un lo forzate so’ Cesare,un lo forzate…

 

 

CESARE

E chi lo forza?

 

 

ANNINA

I’ matrimonio l’è una cosa troppo seria, troppo importante.Ci si deve arrivare con entusiasmo,se uno ci vole arrivare..pe’ forza no, pe’ forza un si fa nemmen l’aceto…

 

 

CESARE

(guardandola incuriosito)Eh, come no…

 

 

ANNINA

Certo qui una donna la ci vole…

 

 

CESARE

E questo se unne sbaglio,s’è bell’e detto…

 

 

ANNINA

Dillo solamente un basta….bisogna trovare i’ bandolo di questa matassa…

 

 

CESARE

E un  si trova…Pietro e un si risposerà mai….

 

 

ANNINA

E io v’ho detto che lo capisco …lui…ma voi….

 

 

CESARE

Io icchè?

 

 

ANNINA

Voi vu’ siete vedovo ormai da tanti anni….un dico che v’abbiate dimenticato la poera sora Gisella…ma insomma vu’ mi sembrate più pronto per compiere i’ grande passo…

 

 

CESARE

Ho capito…siccome un si risposa i’ mi’ figliolo….

 

 

ANNINA

Vu’ vi risposate voi…sennò i’ problema un si risolve…..

 

 

CESARE

Ma lo sa quant’anni c’ho io….

 

 

ANNINA

Ma l’età la un conta…..c’è tanti omini che  c’hanno mogli dimorto,ma dimorto più giovani di loro…..

 

 

CESARE

M aquella l’è gente pieno di grana…..in que’ casi la donna ,anche giovane,la sceglie l’emme pe’ avere  i’ pi…..

 

 

ANNINA

Icchene?

 

 

CESARE

I’ matrimonio, pe’ avere i’ patrimonio….

 

 

ANNINA

Sicchè voi un vu’ credete che una donna giovane la si possa innamorare d’un omo d’una certa età……

 

 

CESARE

Secondo icchè s’intende per “certa età”  ,un carretto come me…ammesso che mi venissero certe idee,chi la pensa che lo vrebbe sposare…..

 

 

ANNINA

(con un filo di voce) Io…per esempio…..

 

 

CESARE

Icchè l’ha detto?

 

 

ANNINA

(rimettendosi a strofinare) La verità so’ cesare, ma un mi costringete a di’ di’ più…..Mi costa tanta fatica….

 

 

CESARE

Eh lo credo….

 

 

ANNINA

No, no come vu’ pensate voi….mi costa fatica perché vu’ mi date soggezione…di’ resto che vu’ mi siete sempre stato simpatico ,un mi dite che un vu’ ve ne siete mai accorto….

 

 

CESARE

Quello sì….

 

 

ANNINA

Gliel’ho dimostrato un buggerio di vorte……

 

 

CESARE

Ma sì……

 

 

ANNINA

E dimorta simpatia v’avete sempre dimostrato voi ne’ mi confronti….Tutte le vorte che ci s’incontrava qui, pe’ le scale, in bottega:”Annina bella, Annina in fiore…”Vu’ m’avete sempre fatto un monte di complimenti….un dite di no…

 

 

CESARE

Un lo dico…

 

 

ANNINA

Ora certe parole,certe attenzioni,dai dai,a una donna  le gli fanno impressione…un po’ alla volta la si convince che chi gli dice queste cose prova dell’affetto ,gli vol bene insomma..e siccome l’è un galant’omo c’ha in mente di sicuro di dimostrallo onestamente questo bene…..Quella donna la gli piace, lui piace a lei…Dunque perché unsi dovrebbero sposare…Perché c’è un po’ di differenza d’età…ma un vor di’ nulla..l’età la un conta,la un conta….so’ Cesare…la un conta….

 

 

CESARE

E quando dovrebbe nascere?

 

 

ANNINA

Eh…?

 

 

CESARE

Domando quando nascerà i’ bambino…..

 

 

ANNINA

Ma io……Come vu’ fate a sapello…un lo sa nissuno…..

 

 

CESARE

La me ha detto lei ora…..rimbambito va bene…ma non a i’ punto di credere che una ragazza giovane la si sia innamorata di me……

 

 

ANNINA

Ma io vi voglio bene davvero…..

 

 

CESARE

Unne dubito mica…Come io ne voglio a lei….ma l’amore, la unn’ha bisogno che gnene dica io….l’è unn’antra cosa….

 

 

ANNINA

Però un pensate che v’avessi voluto imbrogliare…V’avrei detto tutto, ve lo giuro…..

 

 

CESARE

E lo so…e siccome  l’ho capito prima che la fosse costretta a affrontare l’argonmento..gli son venuto incontro……La un pianga,gnamo….

 

 

ANNINA

Vu’ sapessi come mi vergogno….

 

 

CESARE

D’ave chiesto la mi’ mano….eh ci credo…

 

 

ANNINA

Ma no..mi vergogno d’essimi ridotta così…..un mi resta che buttammi in Arno…..

 

 

CESARE

Ma icchè la dice….

 

 

ANNINA

Tanto se un m’ammazzo io…e ci pensan la mi’ mamma e i’ mi fratello….

 

 

CESARE

La un ci pensi..l’aiuto io a  dignene…piuttosti di quanti mesi l’è….

 

 

ANNINA

Di tre

 

 

CESARE

Allora un c’è da stare sull’arbero a cantare, c’è i’ caso che tra un poco si cominci a vedere qualcosa..

 

 

ANNINA

Si vede già un pochino…quando sono in sottoveste….

 

 

CESARE

Ma lui, i’babbo…gli ha fatto proprio capire….

 

 

ANNINA

“Tutto quello che posso fare”-mi disse- “l’è vedere di datti un po’di soldi…..”

 

 

ARTURO

(entrando) Oh Annina….

 

 

ANNINA

Bongiorno sor Arturo…..

 

 

CESARE

Tu m’hai lasciato colla mamma e ora tu mi ritrovi colla figliola…e i’ bello l’è che tutte e due le son venute con lo stesso scopo…..

 

 

ARTURO

La vorrebbe sposammi anche lei?

 

 

CESARE

No, mi dispiace,ma lei la vorrebbe sposa’ me…Icchè fo Arturo? Ho da accettare?

 

 

ARTURO

E perché no….un foss’altro vu’ faresti un piacere a parecchi di’ rione…..spesso e sono a corto d’argomenti  quando vanno a veglia…..Addio  Annina….

 

 

ANNINA

Bon riposo….Sembra che un c’abbia nulla in contrario…..Sposatemi so’ Cesare…..

 

 

CESARE

Però….la un l’ha mica pensaca male….”Questo-la s’è detta- gliè l’ha più anni che capelli in testa,in quattro e quattr’otto si leva di torno…e io invece che una ragazza madre,dovento una giovane vedova con pargolo…

 

 

ANNINA

(si alza,avviandosi verso l’uscita)Arrivederci so’ Cesare…scusatemi tanto…

 

 

CESARE

(trattendendola) Icchè c’è? la s’è offesa?

 

 

ANNINA

A ragione! Vu’ m’attribuite certi pensieri che un mi son mai sognata d’avere…

 

 

CESARE

Lo credo,lo credo.Gli giuro che ci credo..ma se anche qui’ pensiero la l’avesse avuto, un ci sarebbe da fargnene una carico…Vole che un mi renda conto d’icchè la deve provare una poera creatura che la viene a trovassi nelle su’ condizioni…

 

 

ANNINA

Allora vu’ mi sposate…

 

 

CESARE

Ma sare’ pronto a fa’ qualunque cosa pe’ aiutalla….

 

 

ANNINA

M a a sposammi no….

 

 

CESARE

Perché rifletto..perché penso a tante cose….E anche lei la ci deve pensare….Un matrimonio tra noi due la sarebbe una buggerata talmente grossa…

 

 

ANNINA

Perché scusate…v’avete fatto i’ male..l’è giusto che vu’ fate la penitenza…

 

 

CESARE

Ma l’è proprio codesto che un persuaderebbe nessuno…..che sarei stato io…..

 

 

ANNINA

Codesto vu’ lo dite voi…a poco a poco lo crederanno tutti..Un dipende che da noi convincere la mamma,i’ mi’ fratello….

 

 

CESARE

Ma un la un ci pensa a icchè sarebbe la  su’ vita qui…a i’ lavoro che l’avrebbe….

 

 

ANNINA

A me mi piace fa le faccende….eppoi un pochino vu’ m’aiuteresti….

 

 

CESARE

Che discorsi…eppoi si potrebbe fa’ veni’ la Breseide quattro vorte la settimana invece di due

 

 

ANNINA

No,so’ Cesare…un ce n’è di bisogno..si basta noi…..

 

 

CESARE

Chi gliè i’ babbo di’ bambino?

 

 

ANNINA

Vu siete voi so’ Cesare….

 

 

CESARE

No , Annina, ora fo’ su i’ serio…chi gliè i babbo vero….

 

 

CAMPANELLO

 

 

CESARE

(esce e rientra subito con Arduino)Allora Arduino…ha comprato icchè tu dovei comprare…..

 

 

ARDUINO

Tutto fatto…..

 

 

ANNINA

Ora che l’è venuto a dammi i’ cambio posso andare so’ Cesare…Arrivedello so’ Cecchini….so Cesare…..

 

 

CESARE

(l’accompagna)

 

 

ARDUINO

(è seduto,si sporge per guardare cosa succede nell’anticamera)Questa poi…..

 

 

CESARE

(rientra)

 

 

ARDUINO

Che mi sbaglio…o tu stavi tubando con l’Annina…

 

 

CESARE

Tu sbagli!

 

 

ARDUINO

Ma se ho visto co’ i’ mi’ occhi……

 

 

 

CESARE

T’avrai anche visto…ma t’unn’hai capito.Io e l’Annina,un si tuba…ci s’ama!

 

 

ARDUINO

Icchene?

 

 

CESARE

Ci amiamo….

 

 

ARDUINO

Ho icchè t’ha’ fatto una cura d’erbe anche tene come la mi’ moglie….

 

 

CESARE

Macchè cure…..tutto naturale…..

 

 

ARDUINO

Allora poca vela….l’amore  unn’è ciccia pe’ le nostre gengive….

 

 

CESARE

Parla pe’ te…Io sono un fori-crasse….

 

 

ARDUINO

Icchene?

 

 

CESARE

Un fori-crasse…

 

 

ARDUINO

O da quande?

 

 

CESARE

Da sempre, fin da giovinotto!

 

 

ARDUINO

Ah…..allora ero anch’io…

 

 

CESARE

Te tu eri un fori-crasse  solamente quando t’andavi a scola…quando la maestra la ti ci buttava….

 

 

CAMPANELLO

 

 

ARDUINO

Sonano….che devo andar io?

 

 

CESARE

No,no lascia perdere…la sarà di certo la mi’ socera…..

 

 

ARDUINO

La tu’ socera?

 

 

MARIANNA

(entrando) Voglio domandavvi come la sta questa storia so’ Cesare.

 

 

CESARE

L’Annina la gl’ha detto…?

 

 

MARIANNA

Guià,ma la s’è rifiutata di dimmi la cosa più importante..chi l’è lui!

 

 

CESARE

Come chi gliè lui…son io!

 

 

MARIANNA

Pe’ piacere.. vi sto parlando seriamente..so’Cesare!

 

 

CESARE

Ma anch’io! La s’accomodi…

 

 

MARIANNA

Son troppo agitata pe’ potemmi mettere a sedere….

 

 

CESARE

Ma la scusi…se mi rifiutassi di riparare…l’avrebbe anche ragione…ma un mi tiro indietro.Son pronto a sposare l’Annina anche domani.

 

 

MARIANNA

Naturale…l’Annina l’è stata la vostra amante…

 

 

CESARE

Che parolona: amante!….Diciamo fidanzata……

 

 

MARIANNA

Un scherzate….ve lo chiede pe’ piacere la mi dica tutto quello che la v’ha detto quella….

 

 

CESARE

No, no sora Marianna, niente offese…l’Annina la unn’è corpevole…. De’ due chi doveva avere un po’ più do giudizio doveo essere io….Ma sa come succede……

 

 

MARIANNA

No, so’ Cesare….un lo so ,la me lo spieghi!

 

 

CESARE

Possibile che la un se ne ricordi?

 

 

MARIANNA

Voglio sapere chi l’ha messo in quello stato la mi’ figliola…voglio i’ nome di qui’ signorino,voglio andare  a facci du’ chiacchiere,,,e siccome a voi  So’ Cesare v’è stato detto di certo….vu me lo dovete dire…..

 

 

CESARE

Ma son’io sora Marianna..i’ corpevole son’io Cesare Barzani…

 

 

MARIANNA

Gliè lui, so’ Cecchini….Ditemi voi se posso credere a una cosa simile?

 

 

ARDUINO

Certo la cosa l’è…..sì insomma…. La mi giunge nova anche a me… prima d’oggi in tant’anni che ci si conosce un me l’avea mai detto….

 

 

MARIANNA

Icchene?

 

 

ARDUINO

Che gliè un fori-crasse…uno che c’ha di verde….un vurcano in eruzione….

 

 

MARIANNA

E voi vu’ ci credeche?

 

 

ARDUINO

Dopo quello che succede in casa mia…io un mi meraviglio più di nulla….

 

 

MARIANNA

In casa sua?

 

 

ARDUINO

Unne parliamo sora Marianna,unne parliamo,unne parliamo….

 

 

CESARE

I’ babbo di’ bambino son’io la si convinca…..

 

 

MARIANNA

Allora datechemi la vostra parola d’onore…

 

 

CESARE

Un posso!

 

 

MARIANNA

Vedeche…

 

 

CESARE

Un posso perché un ce l’ho più…l’ho dovuta dare alla su’ figliola quando l’ha preteso che gl’assicurassi che l’avrei sposata…

 

MARIANNA

Ve la dico io la verità vera….Quella sciagurata l’è venuta a raccontavvi icchè l’ha combinato..voi vu’ vi siete intenerico….

 

 

CESARE

La un mi conosce sora Marianna..io la paternità d’un figliolo che unn’è mio un me la piglierei nemmeno me l’ordinasse…tenerezze io ce n’ho poche… i’ dottore….sa icchè gl’ho detto all’Annina? “ Io la sposo,però la stia bene attenta a non far mai la scema con un antro…perché io ci metto poco a doventa’ vedova unn’antra vorta” (fa l’atto di strozzare una persona)

 

 

MARIANNA

Ma perché dianzi un vu m’avete detto nulla? S’è parlato pe’ mezz’ora..e nemmeno i più piccolo accenno a quello che bolliva in pentola…..

 

 

CESARE

Ma la scusi…Una la viene gentilmente in casa a portatti la spesa, perdipiù la ti rammenda anche i carzini….O come fo a digli: “Sa io gl’ho sedoto la figliola..”

 

 

MARIANNA

Sentite so’ Cesare…Io seguito a non credere…ma se le cose le stanno come vu dite voi….la mi’ figliola l’è quello che l’è….ma anche voi l’è un bello sporcaccione…..

 

 

CESARE

Giusto sora Marianna…giustissimo…..i’ re degli sporcaccioni…ma perbene: riparo!!

 

 

                                            FINE  PRIMO ATTO

 

 

 

ATTO SECONDO

 

 

BRESEIDE

(donna anziana,trasandata nell’aspetto,ha modi spicci,con una cencio sta svogliatamente spolverando)

 

 

CESARE

Breseide ,io scendo a comprar lo zucchero….

 

 

BRESEIDE

(senza nemmeno guardarlo)Bene…

 

 

CESARE

Po c’è i’ caso che faccia anche i’ resto della spesa….Così poi unn’ho da riscendere

 

 

BRESEIDE

Bene…

 

 

CESARE

Appena  l’ha finito qui la faccia subito pe’ piacere la camera di’ mi’ figliolo…La un badi se i’ letto sembra rifatto..L’ho tirato su stamani…Un mi ricordavo che oggi la veniva lei…

 

 

BRESEIDE

Succede….

 

 

CESARE

Mi raccomando:la metta in ordine per benino…

 

 

BRESEIDE

Diamine

 

 

CESARE

I’ mi’ figliolo tornerà tra una mezz’oretta.Voleva andare a letto subito,appena smontato di servizio,ma gl’ho detto che,ogni tanto,una bella pulita bisogna dagliela anche alla su’ camera e allora l’è andato a fa’ du’ passi….

 

 

BRESEIDE

Bene….

 

 

CESARE

Ma tra mezz’ora gliè qui….bisogna  che la mi faccia i’ piacere…

 

 

BRESEIDE

Ma sì,sì…ho capito un son mica tardiva…..

 

 

CESARE

Grazie Breseide….e la scusi eh….(esce)

 

 

BRESEIDE

(smette di spolverare e si mette a sedere) Ma che vita ch’è questa…. Stracannassi dalla mattina alla sera di fatica…..(andando ad aprire un mobile) Guardiamo che trovo qualcosa da mettere sotto i denti..Sie l’è come dilla…. I’ voto completo…..che mi facesse mai trovare un cioccolatino……un po’ di marzapane…du’ confetti di Pistoia……vecchio spilorcio……

 

 

CAMPANELLATA INSISTENTE

 

 

BRESEIDE

(richiude gli sportelli del mobile) Vengo….o che avete furia..se v’aete furia..v’aete a anda’ via…..

 

 

MARIANNA

(da dentro) Che gli posso parlare un minuto?

 

 

BRESEIDE

(rientrando con Marianna)La venga….ma alla svelta….perchè c’ho un monte da fare…un mi sono fermata un minuto da quando son arrivata…paio una trottola…..

 

 

MARIANNA

Che c’è i’ so’ Pietro di là?

 

 

BRESEIDE

No.

 

 

MARIANNA

Quell’altro ho visto che l’è sortito….Così si po’ parlare con tutta tranquillità…..Sora Breseide……

 

 

BRESEIDE

Son signorina ma fa lo stesso. La mi dica.

 

 

MARIANNA

Unn’è mica facile…In fondo un ci si conosce che di vista…..Forse lei la un la nemmeno che mi chiamo Marianna…..

 

 

BRESEIDE

Lo sapevo di sicuro…..In ogni modo ora la me l’ha rammentato….La mi dica..

 

 

MARIANNA

E volevo quarche notizia su i’ conto di’ su’ padrone……

 

 

BRESEIDE

Macchè padrone…..datore di lavoro… e basta .E perché la vorrebbe notizie si i’ conto di’ Barzani?

 

 

MARIANNA

Perché c’è in ponte un matrimonio.

 

 

BRESEIDE

Si risposa ..con lei,rallegramenti!

 

 

MARIANNA

Un si tratta di me…

 

 

BRESEIDE

Peccato ..vu’ faresti proprio una bella coppia lei e i’ sor Arturo

 

 

MARIANNA

Un si tratta di’ sor Arturo….

 

 

BRESEIDE

Ma  allora scusi,chi si sposa……

 

 

MARIANNA

Ora la fo trasecolare.I’ so’ Cesare e la mi’ figliola dovrebbero sposarsi….

 

 

BRESEIDE

(senza scomporsi) Ah!

 

 

MARIANNA

La un dice artro…la mi’ figliola l’è parecchio giovane…..

 

 

BRESEIDE

Sa…a galli vecchi…gli piacciano le gallinelle giovani….Ma poi unn’è quistione d’età…c’è certi giovani che che son de’ pappamolla e degl’anziani che paian che l’abbian mangiato l’argento vivo…….lei la fa l’ortolana vero?

 

 

MARIANNA

Sì….

 

 

BRESEIDE

E allora la saprà meglio di me,quando sia difficile giudicare i’ popone da i’ di fori….

 

 

MARIANNA

Icchè c’entra i’ popone?

 

 

BRESEIDE

C’entra eccome…Lo stesso succede cogli omini.Guai a fidarsi dell’apparenze:Pe’ sape’ se c’è di’ bono,un c’è che assaggialli, e spesso prima di trovanne uno a modo…bisogna scartanne tanti….

 

 

MARIANNA

Senti Civitavecchia……

 

 

BRESEIDE

Icchè la dice?

 

 

MARIANNA

No….dicevo pe’ quanto la ne sappia lei…i’ sor Cesare che s’è dato da fare anche …prima d’ora….

 

 

BRESEIDE

Sa io vengo qui du’ vorte alle settimana,poi sono una donna che la pensa a su’ casi…un chiedo nulla,un m’interessa di sape’ nulla…(cambiando tono) Casomai si porebbe sentire  la Gesuina la fioraia dell’arco di S.Pierino…la mi disse l’attro giorno che la l’avea visto spesso con l’Ermenegilda la moglie di’ vinaio di via Ghibellina…eppoi potrei chiedere lumi alla Pancrazia ,sa la friggitora di via S.Antonino….l’era tanto amica della su’ poera moglie….quarcosa la sa di certo…Ma lo fo proprio perché lei la m’è simpatica…..perché gliel’ho detto sono una donna che pensa dimorto per sé…..Ma perché la mi fa questa domanda..perché lei la sa qualcosa…

 

 

MARIANNA

Ma no….per me lui un s’è mai dato da fare nemmen con la mi’ figliola….I’ babbo di’ bambino un pol essere lui,un pol’essere..

 

 

BRESEIDE

(interessatissima) Ah, la su’ figliola l’ha partorito?

 

 

MARIANNA

Ancora no…..Son tre giorni che la interrogo,che cerco di scoprire chi l’è i’ vero Pandolfo…Ma sì…quella la s’è impuntata a dire che l’è questo vecchio bacucco

 

 

BRESEIDE

Se la glielo dice….

 

 

MARIANNA

Certo ora,dopo quello che la m’ha detto lei…la faccenda di’ popone…..

 

 

BRESEIDE

Su quello un si discute…

 

 

ARTURO

(entrando) Bongiorno.

 

 

BRESEIDE

Bongiorno

 

 

ARTURO

Che è belle a posto la mi’ camera?

 

 

BRESEIDE

Eccome no….mi son scapicollata pe’ rifagliela…

 

 

MARIANNA

Sor Arturo ..quarche vorta si dovrà discorrere un pochino ancge tra me e lei

 

 

ARTURO

A proposito d’icché sora Marianna?

 

 

MARIANNA

La me lo domanda? A proposito d’icchè gli sta succedendo .Io se un gli dispiace son la mamma….

 

 

ARTURO

Lo so..ma io un sono i’ babbo…

 

 

BRESEIDE

E siccome pe’ sposassi i’ permesso di’ figliolo un ci vole….

 

 

ARTURO

In ogni modo,i’ mi’ babbo c’ha la  testa sulle spalle….

 

 

MARIANNA

Si capisce, tutto regolare,secondo lei..un vecchio d’ottantacinqu’anni gli sposa una ragazza giovane e lei la un trova nulla da ridire…

 

 

ARTURO

Benedett’Iddio..La mi lasci andare a letto…

 

 

MARIANNA

Ma sì,sì la vada…La un sa far altro che dormire……

 

 

ARTURO

I’ giorno pe’ forza, se la notte devo lavorare……

 

 

MARIANNA

Ma un’occhiatina ogni tanto la la potrebbe dare anche in casa sua..Invece nulla! Qui qualunque cosa succeda,per lei va sempre bene.L’importante,per lei l’è che un si pretenda che la sia lei a risposassi.Solamente questo…..

 

 

ARTURO

Giusto,sora Marianna,giustissimo.Ma pe’ quell’altro affare, icchè la vole che abbia da ridire? Unn’è solamente i’ mi’ babbo a essere contento, l’è contenta anche l’Annina…Un gli resta che fassene una ragione anche a lei..la scusi..Arrivederci..(va in camera)

 

 

MARIANNA

Per me quello dorme anche in servizio,appoggiato a quarche lampione…..

 

 

BRESEIDE

Ma  a noi  unn’è i’ bell’addormentato ni’ bosco che c’interessa….a noi c’interessa i’ lupo cattivo…..

 

 

MARIANNA

Pe’ vedecci più chiaro….pe’ sape’ se devo smettere di cercare qualcun altro…..O icchè gl’avrà fatto qui’ vecchio alla mi’ Annina…..Un gl’avrà dato una  malìa….

 

 

BRESEIDE

Essa…un c’è da scherzacci….La mi racccontava la sora Arduina  sa la sorella della  Gesuina che gli diceo dianzi…. che l’avea preso un dozzinante,un coso brutto,brutto come’ demonio….con un occhio che guaradva a destra e uno a sinistra….oh..le donne l’era tutte sua anche parecchio giovani….….dice che c’avea i’ fruido magico nello sguardo, se una donna la lo guardava un po’ fisso..l’era belle fritta….Misericordia…..

 

 

CESARE

(entra  portando una borsa con la spesa) Sora Marianna bongiorno….Che gli posso essere utile in quarcosa….

 

 

MARIANNA

No, no unn’ho bisogno di nulla…..Son venuta pe’ davvi i’ bongiorno, siete contento?

 

 

CESARE

Se la me lo da così no:Codesto unn’è un bongiorno l’è una zampata…(a Breseide)Pe’ piacere,che me la porta in cucina….

 

 

BRESEIDE

(cambiando totalmente atteggiamento, con una gentilezza mai dimostrata)Ma certo sor Arturo…..volentieri…(esce)

 

 

CESARE

Grazie

 

 

BRESEIDE

(Prima di uscire si volta a guardarlo sorridendogli)

 

 

CESARE

Ma perché sora Marianna l’è così dura con me’

 

 

MARIANNA

Vu’ me lo domandate anche?

 

 

CESARE

Sì,perché un me lo merito,scusi.Ho mancato, siamo d’accordo,ma pago.

 

 

MARIANNA

Ma come la paga?

 

 

CESARE

Ni’ solo modo possibile,i’ più corretto..i’ più pulito….

 

 

BRESEIDE

(rientra,si è rassettata )

 

 

CESARE

I mi’figliolo che è belle tornato?

 

 

BRESEIDE

Sì so Cesare,gliè digià a nanna…

 

 

CESARE

Che ha fatto in tempo a riordinagli la camera?

 

 

BRESEIDE

Sì diamine…so’ Cesare….appena la me l’ha detto unn’ho messo tempo in mezzo…

 

 

CESARE

(cercando di riprender il discorso) Capisce sora Marianna….

 

 

MARIANNA

No, un capisco,né capirò mai….lei la c’ha una gran voglia di discorrere e io unn’ho punta…..

 

 

CESARE

Io vorrei che i tornasse a essere quelli che s’era fino a tre giorni fa sora Marianna e soprattutto un  vorrei che la tormentasse quella poera creatura….

 

 

MARIANNA

Un deo rendere conto a voi d’icchè fo!

 

 

CESARE

In questo caso sì…scusi…si tratta della mi fidanzata…

 

 

MARIANNA

Quando vi sento dire quella parola,mi va tutto i’ sangue a i’ cervello…

 

 

CESARE

Io la capisco la s’era preparata a doventare la mi’ nora…e invece la doventerà la mi’ socera…Ma ci vol pazienza….

 

 

MARIANNA

Pe’ vostra norma e regola,un ci tengo punto a sposare un mangia e dormi come quello di là!

 

 

CESARE

E allora ?

 

 

MARIANNA

Ma un mi sta bene a mano nemmeno un genero come voi!

 

 

CESARE

Ho capito le regole vanno rispettate e fra un po’ di tempo troverò normale che la socera la tiri fori gli artigli…ma domani non oggi.. Oggi son solamente i’ promesso sposo…la su’ parte l’è quella di Agnese,non quella di Don Rodrigo.questo matrimonio s’ha da fare…

 

 

CAMPANELLO

 

 

MARIANNA

……se prima unn’avrò strozzato la mi’ figliola…(esce seguita da Breseide)

CESARE

(si mette seduto per rilassarsi un po’)

ARDUINO

(entra seguito da Breseide)Ciao!

CESARE

Ciao vecchio!

ARDUINO

E l’era nera a caso la sora Marianna ,la unn’ha risposto nemmeno a i’ mi’ saluto.

BRESEIDE

Per me..la vorrebbe essere a i’ posto della figliola…

CESARE

(dandosi delle arie) No, questo, no!

BRESEIDE

Un si sa mai….Di’ resto un ci sarebbe nulla di straordinario….Senta so’ Cesare..io avrei un desiderio…ma la un mi dica di no…

ARDUINO

(fra sé) Dopo la giovane..mi seduce anche i’ pezzo d’antiquariato…

CESARE

Ma se un so d’icchè si tratta…..

BRESEIDE

Oggi vi’ vorrei preparare i’ desinare io…

CESARE

Ma l’è belle pronto,come la sa,la mattina preparo la cena pe’ i’ mi’ figliolo che poi l’è i’ desinare per me…..

BRESEIDE

Allora preparo la cena….

CESARE

Che sarebbe i’ desinare pe’ i’ mi figliolo…ma perché Breseide? Fa’ da mangiare un rientra nelle su’ incombenze….

BERENICE

Ichè vol dire so’ Cesare….Mi fa piacere di fallo……(esce sculettante)

ARDUINO

Icchè l’è successo, un mi parea che la fosse così morbidina….

CESARE

Eh caro mio..i’ fascino e unn’è acqua……A proposito perché ieri un tu ti sei fatto vivo?

ARDUINO

Ho riunito i’ consiglio di famiglia, un c’era un minuto da perdere…..

CESARE

E allora?

ARDUINO

Allora e ho riunito i’ mi’figlioli e gl’ho deto: “ Sentite bambini che vi fa piacere che i’ vostro babbo campi ancora un poco”

CESARE

Icchè t’hanno risposto?

ARDUINO

Icchè tu voi che m’abian risposto…sono i’ mi figlioli no? Gl’ho detto “se vi  fa piacere che campi un antro pochino,bisogna che la vostra mamma la si’ carmi…”L’ho messi a i’ corrente di tutto,e s’è conclusa di portalla da i’ dottore.La s’è lacsiata convincere….Siamo andachi gli s’è spiegato di quell’intruglio che la gliel’avea datto quella vecchiaccia maledetta…..e lui gl’ha dato una cura  e c’ha detto che si rimette tutto in sesto..speriamo bene…

CAMPANELLO

 

CESARE

(alzandosi) Apro io Breseide.

BRESEIDE

(irrompendo nella stanza,passandogli vicino come a sfiorarlo,con sguardo languido)Ma icchè vu’ dite..so’ Cesare….(va ad aprire)

ARDUINO

A me un tu me la conti giusta..tu gl’ha fatto quarcosa anche a questa…..

CESARE

Ma no…L’è lei che la mi vole concupire ,perché l’è una che d’omini la se n’entende….

ANNINA

(entrando con Breseide)Bongiorno so ’Cecchini…bongiorno so’ Cesare….io volevo…volevo….

CESARE

Un c’è bisogno che tu faccia querimonie,che siamo fidanzati Arduino lo sa già da tre giorni..la Breseide la un lo sapeva, ma la c’ha pensato la su’ mamma a informalla….

BRESEIDE

Rallegramenti sora Annina…l’ha scerto dimorto,ma dimorto bene…..

ARDUINO

Attenta Annina…i’ rudere la ti vo’ portare via i’ tu’ damo…...

ARTURO

I’damo l’è tutto della su’ Annina….

ANNINA

Come io son tutta di sor Arturo…

ARDUINO

(si avvia verso l’uscita)

ANNINA

O che va via so’ Cecchini…

ARDUINO

I colombi l’hanno bisogno d’esse soli pe’ tubare…

ANNINA

Ma io son salita per aiutare a far qualcosa.

CESARE

Oggi la pensa a tutto la Breseide.Anche i’ mangiare pe’ stasera la mi vol preparare…..

CAMPANELLO

ARDUINO

(sottovoce) La  gielo sta acchitando sor Annina

BRESEIDE

Arrivo……..Uh se un ci fossi io in questa casa…(va ad aprire)

ANNINA

Unn’aveo giudicata così dinamica…..

ARDUINO

(sottovoce) E gliel’ho detto…qui gatta ci cova…..

CESARE

(si è avvicinato all’ingresso)O signora,venite,venite (ai due) Una seccatura me ne libero indieci minuti…(Breseide rientra seguita da Amelia, un’ elegante signora ultracinquantenne) Buongiorno..

AMELIA

Buongiorno!

CESARE

(sottovoce ad Arduino e Annina) Scusachemi eh…ci si rivede più tardi….

ARDUINO

Ma si fai ,fai….( a Cesare sottovoce)Ma icchè tu se doventato…in confronto di te  i’ Casanova…gliè uno scolare di’ giardino dell’infanzia…mah….

ANNINA

A dopo….

ARDUINO

(ironico) Addio Cesare!

ANN e ARD

Signora….

AMELIA

(risponde col cenno della testa)

CESARE

Accomodatevi sora….Vi posso offrire qualcosa?

AMELIA

No, grazie non si disturbi.

CESARE

Chè..chè..mi fa piacere…Breseide….Breseide….Giusto che sono ancora a digiuno……

BRESEIDE

Davvero so’ Cesare….uh….(corre in cucina)

CESARE

V’avete avuto l’occasione di venire a Firenze e vu’ ci portate i saluti di qui ragazzaccio eh?

AMELIA

Sono venuta a Firenze espressamente signor Barzani,ho bisogno di parlare con vostro figlio.

CESARE

Dorme, sapete,lui di giorno…..

AMELIA

Converrete che non potevo venire di notte.

CESARE

Sarebbe stato l’istesso..la notte lui l’è in servizio…

AMELIA

In ogni modo suo nipote non sa di questa mia visita….

CESARE

Ah no?

AMELIA

E non lo sa ovviamente mia figlia…..

CESARE

Ah…!

AMELIA

E chiaramente non se sa niente neanche mio marito…..

CESARE

Voi almeno che lo sapete perchè vu’ siete venuta?….

AMELIA

Non è il momento di scherzare questo…..lo so benissimo perché mi trovo qui….Andiamo male signor Barzani, molto male…E’ una situazione che viene aggravata ogni giorno di più dal comportamento di  vostro nipote.Sono molto dispiaciuta di non poterne parlare con il padre…

CESARE

O i’ babbo o i’ nonno….

AMELIA

Eh no! Non è la stessa cosa.I nonni sono sempre molto più indulgenti con i nipoti.Lei poi col suo,porta persino il suo nome…

CESARE

No vede sora….L’è stato  pe’ una questione d’economia…festeggiare du’ onomastici co’ una pappata sola….

AMELIA

Vedi signor Barzani, a Roma siamo una famiglia molto stimata….

CESARE

Anche fori Roma penso…..

AMELIA

Naturalmente….Ma pongo l’accento sul fatto di essere una famiglia stimata nella propria città,in quanto è lì come ben saprà io svolgo una professione di grande responsabilità e di rilievo…..

CESARE

Maestra..mi sembra…

AMELIA

Eh no…eh no….eh no….Senza nulla togliere alla professione di maestra,le ricordo che sono Direttrice del pio Liceo S.Zina uno dei più prestigiosi della città….Ebbene ho il vanto di godere della stima , della fiducia e della massima considerazione di tutti allievi e  insegnanti ed autorità e questo sa perché?

CESARE

Già curioso perché?

AMELIA

Perché la nostra è una famiglia strutturata nel quadro di una serietà che non esito a definire emblematica.A monte di ogni  decisione,di ogni nostra azione,di ogni nostro pensiero,c’è l’onestà,la correttezza,il rispetto ,l’amore per il prossimo…..

CESARE

Amen! (vedendo Breseide entrare con un vassoio dove sono disposti una tazzina,una tazza più grande e la zuccheriera)E per fortuna c’è anche i’ caffè, grazie Breseide!

BRESEIDE

Ma icchè vu’ dite so’ Cesare…..(sottovoce) A voi vi c’ho messo anche un po’ di latte….

CESARE

Ma no…

BRESEIDE

Ma come no,scusate? Vu’ siete a digiuno….tre cucchiaini va bene?

CESARE

Benissimo.

BRESEIDE

Mi fa tanti piacere di contentallo..(esce)

AMELIA

Vi è molto affezionata…

CESARE

Sì,godo anch’io di una certa considerazione.

AMELIA

Torniamo a noi.Ritengo non sia necessario che vi ricordi ciò che io e mio marito abbiamo fatto per vostro nipote…

CESARE

Ma no,no unn’è necessario sora…

AMELIA

Non gli abbiamo dato soltanto la nostra Dorotea,ma anche un’occupazione tutt’altro che modesta.

CESARE

Un s’è dimenticato sora….

AMELIA

Ma lui in cambio di tutto quello che aha ricevuto da noi,che cosa ci ha dato? Niente.

CESARE

A  voi  e a i’ vostro marito..ma alla su’ figliola…..

AMELIA

Niente signor Barzani,niente!

CESARE

Eh no sora…..Ma come vu’ vi chiamate che un mi vol venire in mente…

AMELIA

Professoressa Galli Magheri. Sono laureate in lettere antiche,filosofia e storia…e dirigo come vi ho detto il Pio Liceo S.Zina….dove hanno studiato le più grandi personalità della scienza della cultura della politica……Anche mio marito e mia figlia hanno un titolo di studio,seppur più modesto del mio….Cesarino invece…..

CESARE

Unn’ha titolo ,ma c’ha altre cose…..

AMELIA

Quando l’abbiamo conosciuto non aveva che un violino e scordato per l’appunto….

CESARE

Eh no…! I’ violino e tutto i’ resto…Scilinguagnolo sciorto,”savoiraffarire” come dicano i’ francesi,discreta presenza,gusto ni’ vestire….Ecco d’icchè la s’è innamorata l’allora signorina Dorotea…Gl’importava dimorto di’ titolo di studio…

AMELIA

E le sembra una buon motivo che vostro  nipote riceva biglietti di questo tenore?

CESARE

(mettendosi gli occhiali) Gli ha scritto un tenore? “ Caro Cesare, ci vediamo stasera ai giardinetti davanti a casa mia….Ho voglia di morderti.Contessina Dracula”

AMELIA

Eh…? Che ve ne pare?

CESARE

Vedete ,professoressa Polli Secchi….

AMELIA

Galli Magheri.

CESARE

Già scusate…Io un dico che la vostra figliola la sia brutta…

AMELIA

Brutta la mia Dorotea?!

CESARE

Un lo dico più che digli che un lo dico……Però la c’ha quarche annetto più di’ mi’ nipote…..

AMELIA

Neanche quattro…tre e dieci mesi.Ma poi lo sapeva anche quando l’ha sposata l’età che aveva….

CESARE

Quando ci si sposa da giovani s’ha sempre i’cervello un po’ annebbiato…Dopo no,quando ci si sposa in età matura,come sto per fare..anzi per rifare io….

AMELIA

Voi? Vi risposate?

CESARE

Sì con quella ragazza che l’era qui quando vu’ siete arrivata.L’è la figliola dell’ortolana che la c’ha la bottega qui sotto.

AMELIA

Ma…..è molto giovane….

CESARE

Quello appunto che gli stavo dicendo.quando ci si sposa o risposa  a una certa età,l’errore di pigliare una donna più attempata di noi un si commette.

AMELIA

Signor Barzani,io no sono qui per conoscere i suoi punti di vista sull’età ottimale o meno dei coniugi,tanto più che lei intende strumentalizzarli per giustificare suo nipote……

CESARE

Giustificarlo? Io?(alludendo al biglietto)Lo posso  tenere….(lo mette in tasca)

AMELIA

E perché?

CESARE

Mi serve:devo farlo vedere a i’ mi’ figliolo,no? Un vu’ m’avete detto come l’è finito in mano vostra….

AMELIA

L’ho trovato in una tasca dei pantaloni che vostro nipote portava in estate. Era lì a dir poco dal Settembre, capite? Cinque o sei mesi dopo le nozze il signorino tradiva già sua moglie e la tradisce ancora. Ne è prova il fatto che assai carente nei confronti di lei

CESARE

Come l’è scusate?

AMELIA

Carente. La trascura .La sera non si decide mai a coricarsi. Si va a chiudere in una stanzina e lì fa le ore piccole strimpellando il violino. La mia Dorotea è sull’orlo di un esaurimento nervoso. Voi dovete dirlo al padre del ragazzo, è necessario intervenire subito. Anche perché non sia costretta a mettere al corrente di tutto mio marito..verrebbe ad essree informata anche la mia bambina,signor Barzani! E’ soprattutto questo che intendo evitare.Soltanto vostro figlio può salvare questo matrimonio.Diteglielo a vostro figlio,diteglielo,diteglielo….

CESARE

Glielo dico…..unn’abbiate paura..scusatemi se mi permetto di dare un consiglio a tanta po’ po’ di scienza.Bisogna che vu’ vi rassegnate…Cesarino l’è nato storto e un s’addirizzerà mai…..

AMELIA

(si avvia) Mai?

CESARE

Mai vu’ mi potete credere…..Mai…Mai……(esce con lei)

BRESEIDE

(si affaccia e subito entra per riprendere il vassoio)Ho pensato che l’era meglio portavvi i caffellatte da solo,senza pane,dato che c’era quella signora….

CESARE

V’avete fatto bene…..

BRESEIDE

Però so’ Cesare ancora un vu’ m’avete detto prima che vu’ eri a digiuno?Volete che vela prepari ora una colanzioncina a modo?

CESARE

No,Breseide grazie…Voglio un’antra cosa da voi….

BRESEIDE

(fraintendendo) So’ Cesare……un vu’ fate che dimmelo…..

CESARE

Mi piacerebbe di sapere perché stamani vu’ siete così pimpante con me?

BRESEIDE

Bah…un vu’ penserete di piacere sortanto all’Annina…

CESARE

Voi però v’avete cominciato a trovammi piacentino solamente quando vu’ siete venuta a sapere d’icchè l’era successo……

BRESEIDE

La volete sape’ tutta? A mi i’ tipo maturo ma tutt’un foco e m’è sempre garbato parecchio…

CESARE

Nulla da fare Breseide..vu’ mi dovete scusare, ma ni’ momento son troopo innamorato della mi’ Annina…….Vi terrò presente magari pe’ momenti di stanca….

BRESEIDE

Aspetto la mi’ ora so’ Cesare….

CESARE

Fatemi questo piacere :andate giù dalla sora Gina e dategli questo(gli mette in mano il biglietto)Guardiamo se la si mette l’animo in pace e la l’abbozza di mettere in dubbio la mi’ paternità…..

BRESEIDE

(legge il biglietto)Vi piace d’esser morso?

CESARE

Non sempre…solo quando la situazione lo richiede……Andate giù e lasciate pure l’uscio accostato…..

BRESEIDE

(accennando alla propria dentatura) Ma che gli avete visti? Aguzzi come lance….

CESARE

(rilassandosi)Ah..che gioia poter fare un po’ i’ vecchio!

ANNINA

(di dentro) Caro c’è l’uscio aperto….

CESARE

Sì.sì…la lo lasci così…l’entri Annina…

ANNINA

Icchè  vu’ c’avete che vi sentite male?

CESARE

E sono un po’ stanco…La sapessi che fatica esse’ costretto a atteggiammi sempre a dongiovanni…….Un basta per apparire più giovane mi levo anche gli occhiali…batto certe capocciate….

ANNINA

E tutto questo pe’ colpa mia…..

CESARE

Semmai della su’ mamma.Ma ora spero che la si convinca….Ho mandato giù la Breseide a portagli un biglietto in do’ mi si fissa un appuntamento…                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

ANNINA

Chi  ve lo fissa?

CESARE

I’ cappuccino di Trespiano……L’è uno stratagemma pe’ veder se la su’ mamma la si calma,se la finisce di tormentarla…..

BRESEIDE

(rientrando)So’ Cesare.., la voluto che glielo lasciassi,la c’aveva gente,la gl’ha dato appena un’occhiata…..

CESARE

Va bene,va bene…Oh Breseide potrebbe succedere che dovessi dire che vi licenzio…Unn’è vero,un ci penso nemmeno…..

ANNINA

Ma icchè v’avete combinato ?

CESARE

Di tutto Annina…di tutto…prima di fidanzammi con  lei s’intende…..

BRESEIDE

La gli pol credere sa! Ora per lei un c’è che lei….

CESARE

Lo so, lo so….A che punto l’è Breseide co’ i’ mangiarino che la gli sta preparando?

BRESEIDE

Belle finito!

ANNINA

E icchè l’ha fatto di bono?

CAMPANELLO

BRESEIDE

(lo annuncia come qualcosa di eccezionale)Ho messo i’ lesso….(esce)

CESARE

Ha sentito!?L’ha messo i’ lesso così di scienza sua..l’avrà consurtato quarche encicropedia….

MARIANNA

(entra  vivacemente con Breseide) Te sempre qui eh?

CESARE

Mai abbastanza sora Marianna!

MARIANNA

Certo tu fa’ bene a stagli vicino, a proteggilo..Te lo potrebbero dissanguare.

ANNINA

Dissanguare?

MARIANNA

I’ Conte Dracula unn’è quello che succhiava i’ sangue..lo stesso la farà la contessa Draculina…Vero so’ Cesare?

CESARE

Io un so’ proprio d’cchè la sta parlando…

MARIANNA

(sventolando il biglietto)Di questa cialtrona che la vi dà appuntamento,che l’ha voglia di mordilo,che la si firma Contessa Draculina….

CESARE

Chi gl’ha dato qui’ biglietto….

BRESEIDE

Sono stata io so’ Cesare…..

CESARE

Voi?!? Vi licenzio, solo moralmente ma vi licenzio…

MARIANNA

Io voglio,ho i’ diritto di sapere chi gliè questa disgraziata….

CESARE

La mi dica perbene icchè c’è scritto  su’ i’ biglietto,sennò prima che me le sia fatte tornare a mente tutte…..

BRESEIDE

Che sparviero…!!!!

MARIANNA

Ha’ capito di che bell’arnese tu ti sei innamorata?D’uno che oltretutto l’è sempre stato rinvoltato di donnacce….

CESARE

Ma che “acce”..l’eran tutte dimorto  bone…..

MARIANNA

Ma per te questo un conta,un vol dire nulla…

ANNINA

Ma ora vol bene  a me  e basta.

CESARE

Diglielo che da quando mi son dedicatao a lei,quell’altre l’ho cancellate tutte….Ma poi tutte..Par che n’abbi avute a migliaia….

BRESEIDE

I’ su’ fabbisogno…..

CESARE

Brava!Son vedovo da tant’anni sora Mariana..e lei la lo sa icchè vor dire esser vedovi..(gli toglie di mano i’ biglietto) Permette? (fingendo di leggere) “ai giardinetti……davanti a casa mia…”Boh,buio più completo Annina,come s un l’avessi mai conosciuta….Glielo posso giurare…

ANNINA

Vi credo caro,vi credo…

MARIANNA

E se vu’ fossi ancora pieno di Contessine Draculine vi amerei lo stesso caro….Sora Breseide…..

BRESEIDE

Son signorina…gliel’ho belle detto…

MARIANNA

Signorina Breseide….le la un sa quanti partiti la s’è lasciata scappare questa sciagurata…Uno gliera troppo alto, un altro troppo basso, un altro un apeva discorrere,o camminava male, o gliera stempiato…Du’ anni fa l’ha detto di no a un pezzo di  figliolo ,bono, lavoratore, che gl’avrebe perfino lasciato i’ su’ impiego pe’ venire a aiutammi in bottega. .Ha capito che roba?

CESARE

Sora Gina quando a una ragazza un gli piace nessuno…gliè segno che gnene piace dimorto uno…

MARIANNA

O un lo so…voi?

CESARE

Unn’è bello quel che è bello,sora Gina….

ANNINA

Appunto …e se a me mi piace i’ so’ Cesare?

MARIANNA

I’ meglio deve ancora venire….I’ mi’ figliolo unn’ho ancora avuto i’ coraggio d’informallo…

CESARE

E l’ha fatto bene!

MARIANA

Un si sa come la piglierà lui…un si sa….!

CESARE

E siccome un c’interessa nemmeno di sapello…..

MARIANNA

Ma prima o poi,gliele dovrò pur raccontare le belle prodezze della su’ sorella?

CESARE

Poi..poi..a esequie…a matrimonio avvenuto….Eppio sora Marianna la un pensi sempre a icchè l’è stato.La pensi a icchè sarà.Domani la potrà stringere tra le braccia un bambolottino che doman l’altro la chiamerà nonna…

MARIANNA

Si capisce! Son la nonna ….io!

CESARE

O chi?

MARIANNA

Io la nonna  e voi i’ babbo!

CESARE

Eh no? La un  mi dica che la lo mette ancora in dubbio…

MARIANNA

No, un posso…un posso più dubitare…..son costretta a crederci…..

BRESEIDE

Prima la s’arrabbiava perché la un ci credeva….

CESARE

…E ora perché la ci crede.Chi ce la farà a accontentalla….

MARIANNA

Ho più veleno che mai proprio perché ci devo credere. Ve lo volete mettere in testa o no che questo l’è un matrimonio balordo!?!

ANNINA

Perché mamma…Se io e Cesare ci si vol bene…

MARIANNA

Se la un  si cheta?(fa per schiffeggiarla)

CESARE

Questo poi no! La dovrà passare su i’ cadavere di’ su’ genero prima di colpire la su’ prole…..

MARIANNA

Bel genere di genero..uno che potrebbe essere comodamente i’ mi’ babbo…

CESARE

Aaaah Ma allora l’è questo che la fa sta male….

MARIANNA

Anche questo,sicuro! Domando e dico quando mai s’è visto una cosa simile….:un genero che c’ha trentacinquanni più della socera…

CESARE

Facciamo trenta……

MARIANNA

Trenta…..

CESARE

Sì perché quando si tratta della su’ età la fa come a Capodanno i’ conto alla rovescia!

TERZO ATTO

Un mese dopo.Sera.Luce accesa.

CESARE

(entra insieme ad Arduino,ha in mano un libro,gli occhiali sul naso) Icchè l’è successo,che t’hanno buttato fori di casa?

ARDUINO

Perché?

CESARE

Tu mi capiti a quest’ora bruciata….Mettiti a sedere…..

ARDUINO

C’ho da domandarti solo una cosa…..

CESARE

O che mi rivien fori co’ i muso a dolor di corpo? T’avevi ripreso un po’ i’ vivo in quest’urtimi  giorni….Icchè ti succede?

ARDUINO

Unne parliamo…unne parliamo…unne parliamo….

ARDUINO

Ti volevo domandare se la Breseide la sarebbe disposta a venire un par di vorte la settimana anche da noi.

CESARE

Perché la Luisa?

ARDUINO

La c’ha piantato.

CESARE

Ma come? Dopo tant’anni..così..tutt’a un tratto?…

ARDUINO

Tu ti ricorderai che circa un mese fa,d’accordo co’ mi’ figlioli,portai la mi’ moglie da i’ dottore…

CESARE

Che gl’ordinò una cura….pe’ contrastre gl’effeti di quella che la gl’avea dato quella vecchia dell’erbe….Che ha sortito un bon effetto?

ARDUINO

Peggio che andar di notte….Gli sta spuntando la barba,gli s’ingrossa la voce…

ARTURO

(entra in divisa)Bona sera sor Arduino

ARDUINO

O sor Arturo….Belle pronto per anadre a pigliare un po’ di fresco,eh…

ARTURO

C’è l’aria meno inquinata la notte…(a Cesare)Tutti fermi?

CESARE

(stringendosi nelle spalle)Per ora

ARTURO

Un ti scordare comunque icchè t’ho detto( batte la mano sulla fondina della rivoltella)

CESARE

Un me ne scordo no….

ARTURO

Bona notte.

CESARE

A domattina.

ARDUINO

Bon lavoro sor Arturo!

ARTURO

Grazie,bonanotte(esce)

ARDUINO

Icchè tu dici che accetterà…

CESARE

(sta pensando ad altro)Ma…..

ARDUINO

La Breseide che accetterà di veni’ da noi?

CESARE

Che io sappia la c’ha tutte le mattine occupate..in ogni modo gli si doamnda….Però  alla breseide,annche se l’è vecchiotta gli piaccian gl’omini…..

CAMPANELLO

CESARE

Di già?

ARDUINO

Che aspetti qualcuno?

CESARE

Si ma un credevo così presto.(va ad aprire ,di dentro)O sora Marianna ,la venga(rientra con lei)

MARIANNA

Oh c’è anche i’ so’ Cecchini…. Sentite so’ cesare io un posso più aspettare bisogna che informi i’ mi’ figliolo..

ARDUINO

Informarlo d’icchè?

MARIANNA

Ma di’ fidanzamento e di’ prossimo matrimonio..L’è la terza sera che comincioa  buttar giù questa lettera e che m’areno…Durante i’ giorno unn’ho tempo davvero..Ora poi con quell’arzigogolo che c’ho fra le mani…

CESARE

I’ commesso? Icchè fa,icchè fa?

MARIANNA

Sbaglierò….,ma mi par che gratti…..

CESARE

(battendo le mani)Beneee!!!

MARIANNA

Bene?

CESARE

Eh,sì…così tu te lo poi levar di torno….

MARIANNA

Lasciate che abbia la prova sicura…..Allora che m’aiutate….vu’ siete tanto più istruiti di me:du’ impiegati.

CESARE

E che po’ po’ d’impiegatoni…

CAMPANELLO

CESARE

(va ad aprire,rientra con Annina ) L’è qui la su’ mamma….

ANNINA

Son arrivati gli zii….t’aspettano pe’ cominciare a cenare….

MARIANNA

Uh me n’ero scordata…i’ mi’ cervello va proprio in ciampanelle….che ci pensatre voi alla lettera…..

ARDUINO

La unn’abbia paura….quand’ero giovane mi chiamavano i’ piccolo scrivano fiorentino…piccino son rimasto,fiorentino lo stesso..guardiamo se son sempre capace di buttar giù du’ righe….

MARIANNA

Grazie so’ Cecchini….A proposito icchè l’ha fatto?

ARDUINO

Io?

MARIANNA

No,la vostra moglie.L’ho trovata così cambiata….Cambiata di viso e anche ni’ modo di fare….L’è sempre stata un tipo dimolto sulle sua……stamani invece..tutta moine,sorrisi,buffettini sulle gote..e cara sora Marianna di qui, sora Marianna di là….Proprio così..(sul viso di Cesare)Caara!

CESARE

L’alludeva vero Arduino? L’alludeva a prezzi troppo alti….

ARDUINO

L’alludeva…..

MARIANNA

Che i prezzi son alti me lo dicano anche gli altri clienti..ma mica in qui modo….Bonanotte e grazie….

ANNINA

Bonanotte  caro…..bonanotte so’ Cecchini…(esce con Marianna)

ARDUINO

Bonanotte Annina… (a Cesare) Ha sentito a che punto siamo digià? Fino a ora un gli parea i’ vero manda’ me a fa’ la spesa…..Ora la ci vole anda’ lei….Qui si dovento la barzelletta di tutto i’ rione……

CESARE

Io un son dottore…ma farei sospendere subito la cura…

ARDUINO

La l’ha sospesa diamine……(si  alza) Vo’ via anch’io,bona notte.

(SI SENTE UN FISCHIO DALLA FINESTRA CHE E’  SEMIAPERTA)

CESARE

(precipitandosi alla finestra e la spalanca) O te?Icchè l’è successo….No l’è belle andato via tu po’ venire…..Subito…t’aspetto…(richiude la finestra)Scusa Arduino eh…..

ARDUINO

Un c’è bisogno che tu mi dica artro…Ho sentico tutto…..Però Cesare…io un sono un moralista,ma abbi pazienza..in casa tua colla fidanzata  sullo stesso pianerottolo

CESARE

Felice notte Arduino….

ARDUINO

Salute  e perseveranza Cesare….Tra le tu’ imprese e quelle della mi’ moglie..icchè doventerà questo casamento…icchè doventerà….Mah!?!(esce)

CESARE

(si siede ,ma si rialza subito…è molto agitato)

CAMPANELLO

CESARE

(va ad aprire e rientra insieme al nipote) Ciao prima di tutto,dimmi:che ha’ fame? In cucina l’è belle tutto pronto……

CESARINO

( è  vestito con eleganza,porta occhiali da sole)No nonno grazie,unn’ho fame!

CESARE

I’ tu’ bagaglio…sì dico t’un c’ha nulla, neanche una valigetta?

CESARINO

L’è grassa se qui’ bandito m’ha buttato fori come mamma la m’ha fatto!

CESARE

Che avete letto  voi i’ telegramma o mi’ padre…

CESARE

L’ho letto io…ti dico la verità Cesarino ,un so quanto tempo l’era che un mi divertivo così…..

CESARINO

Che ci fosse proprio tanto da divertissi…..

CESARE

Ma come no scusa? Mi son raffigurato la scena.Quelli tornano dalle funzioni religiose e icchè trovano…i’genero in pieno pomicio con la cameriera….

CESARINO

Tutta colpa di quella stupidella…..L’ha fatto un monte di storie…..

CESARE

Quella l’è una benemerita!

CESARINO

Benemerita un accidente…s’è perso un monte di tempo,così c’hanno pescati caldi,caldi….

CESARE

Proprio per questo l’è benemerita.perché l’ha permesso che succedesse finalmente quello che doveva succedere..

CESARINO

Doveva?

CESARE

Si capisce. Un tu mi dirai mica che in qui’ matrimonio t’avevi trovato la felicità?

CESARINO

Codesta ,nonno,l’è una parola che nella mi’ vita unn’ho mai conosciuto….

CESARE

Qualche vorta quando t’hai starnutito te l’avranno detta…..

CESARINO

Poco anche allora…..

CESARE

Perché tu porti gli occhiali da sole anche la sera?

CESARE

Perché…..(se li toglie mostrando un occhio tumefatto) Eccolo i’ perché!

CESARE

Ooooh!?! Chi gliè stato i’ tu socero?

CESARINO

O chi? M’ha preso alla sprovvista..m’è piombato addosso senza nemmeno dammi i’ tempo di reagire….e s’era appena confessato e comunicato,capisci?

CESARE

Bella carità cristiana!

CESARINO

Ma la un finisce qui…..

CESARE

Che te ne vole dare dell’altre?

CESARINO

Essai scherzaci..ma io gli rendo quelle che m’ha dato con tanto d’interessi…..

CESARE

Davvero un tu vo’mangiare qualcosa?

CESARINO

No,nonno..almeno per ora….

CESARE

Vo’ bere?Un goccetto di vino?

CESARINO

Sto bene così..grazie….I’ guaio mio,nonno,l’è che unn’ho mai avuto un briciolo di fortuna…..A scuola vu’ ricorderete mi bocciavan sempre…..

CESARE

T’eri tanto ciuco…..

CESARINO

Se avevo fortuna passavo anche se ero ciuco…..

CESARE

Giusto.

CESARINO

Sotto le armi ero sempre consegnato..sempre….

CESARE

Tu battevi la fiacca…

CESARINO

Son sempre stato contrario all’armi…

CESARE

Giusto

CESARINO

Metto su’ i’ quartetto d’archi e un si fa un soldo…

CESARE

Vu’  sonavi tanto male….

CESARINO

Un giorno decido di sposarmi…Nulla! M’accorgo subito dopo i’ matrimonio che la moglie la un mi piace…..

CESARE

Più che giusto,racchietta e più vecchia di e…la vera donna olio di ricino…

CESARINO

Olio di ricino?

CESARE

Quando si piglia l’olio di ricino,icchè si fa? Si chiude gli occhi.E così pe’ pigliare una donna brutta.

CESARINO

Voi vu mi direte che avrei potuto capirlo prima di sposarla che la un mi piaceva?

CESARE

No, perchè te prima di’ matrimonio tu vedesti solamente i’ proprietario della ditta “Magheri stoffe e tessuti” t’ha sempre dato nell’occhio lui…allora e ieri….

CESARINO

Nonno che sbaglio o vu’ state prendendo pe’……

CESARE

Io? Ma io l’approvo in pieno quello che t’hai fatto,non solo ti riconosco anche i’ merito d’esserti dato parecchio da fare durante i’ tu’ matrimonio per buttallo all’aria alla svelta…..

CESARINO

Chi ve l’ha detti i’ Magheri?

CESARE

No, questo lo seppi dalla professorona un mese…..la fu la tu’ socera che la venne a informacci che cinque o sei mesi dopo i’ matrimonio t’avei digià da fare fori casa…Pensavo che la te l’avesse detto d’esse venuta a Firenze,tant’e vero che gli dissi..(si interrompe)

CESARINO

Icchè?

CESARE

Nulla..una cosa mia….te un t’unn’hai l’idea della’aiuto che ti detti in occasione di quella visita?

CESARINO

Aiuto di che genere?

CESARE

Dissi chiaro e tondo alla professoressa che c’avevano a che fare con un lazzerone che un sarebbe migliorato mai….

CESARINO

Un c’è male,bell’aiuto….

CESARE

I’ solo che ti poteva dare…senza nemmeno dire una bugia…

CESARINO

Perché anche voi come mi’ padre vu’ lo pensate..sono un lazzerone?

CESARE

Se ti pare d’avecci dimostrato,almeno fino a oggi che ti s’è giudicato male…..

CESARINO

Chissà quanto l’avrà fatto lunga mi’ padre quando vu’ gl’avete raccontato quello che l’è successo…

CESARE

Ma allora tu te lo se’ proprio dimenticato?

CESARINO

Icchè?

CESARE

Come l’è i’ tu’ babbo…se tu pensi che possa averla fatta lunga….e parla co’ i’ contagocce.

CESARINO

Qualcosa l’avrà detto.

CESARE

Questo.”Ora basta davvero-l’ha detto-o si decide a diventare un omo oppure….” E gli ha battuto la mano sulla fondina della rivoltella…

CESARINO

Un ci credo….

CESARE

Me l’ha ripetuto anche poco a,quando gliè andato via…C’era anche i’ mi’ amico Arduino…gliè testimonio…..

CESARINO

Ma sì,sì….un dico che unn’abbia detto….ma un credo che lo farebbe….

CESARE

E lo fa Cesarino lo fa…Essai perché…?perché l’è un omo che un dà pià importanza alla vita….Pensa che la unn’abbia più scopo..Cè poco da scherzare con chi crede di unn’avere più nulla da perdere…..

CESARINO

Tanto domattina a bruzzico…levo i’ disturbo..

CESARE

Indò tu vai?

CESARINO

Un lo so…cercherò di rimettere insieme i’ quartetto…..

CESARE

Però bisogna che t’avverta:in passato,quando tu ti sei trovato a secco un aiuto te lo sempre dato…..ma d’ora in poi….

CESARINO

La banca l’ha chiuso gli sportelli…..

CESARE

Un potrei più farlo..Sto per risposarmi!

CESARINO

Icchè vu’ fate?

CESARE

Mi risposo.L’è questa la “cosa mia” che dissi alla tu’ socera..Io pensavo che la l’avesse recepita e che la te l’istrinsecasse…..senti come parlo bene….

CESARINO

No,la un me n’h mai parlato…e chi la sarebbe quella disgraziata che la vi sposa?

CESARE

T’ha detto bene:una disgraziata,o se tu preferisci una scema…Figuarati che fin da quando l’era poco più d’una bambina l’è sempre stata innamorata d’uno che un l’ha mai considerata..ma lei ,testona,per lui l’ha rifiutato diversi partiti che gli s’eran presentati….

CESARINO

(ascolta senza guardarlo,batte nervosamente gli occhiali)

CESARE

Qualche mese fa…venendo a Firenze..perché lui l’è sposat fori…gliè preso l’uzzolo di fasi dare la prova d’amore,che pare che la l’abbia tanto soddisfatto che pe’ gratitudine,gli ha lasciato anche un ricordino….

CESARINO

Nonno! Che avete intenzione di seguitare dimolto!

CESARE

Rispondo ala tu’ domanda.T’ha voluto sapere chi l’è quella “disgraziata”

CESARINO

Disgraziata sicuro e disgraziato anch’io,come sempre…Che vu’ credte nonno, che ci goda a ave’ messo ne’ pasticci una ragazza che conosco  da quando s’era bambini….

CESARE

In ogni modo,la sistemazione la s’è trovata….

CESARINO

Bella sistemazione…..Un ve n’offendete,ma una ragazza come l’Annina, anche se l’è incinta ,che la s’adatta a sposare…..

CESARE

Che adatta e adatta! Icchè tu credi: che gliel’abbai proposto io? L’è lei che l’ha chiesto la mi’ mano! E sai perché la l’ha fatto? Mi sembra ancora di sentilla quando la me lo confessò…la sulla porta….”Lei la c’ha lo stesso nome,  così i’ mi’ bambino risulterà come l’è giusto figlio di Cesare Barzani…..” Ha capito icchè l’è andata a pensare? L’è proprio scema via….

CESARINO

Che gliel’avete raccontato anche a lei icchè m’è successo?

CESARE

Sie,perché gliel’avrei dovuto raccontare? Lei la un deve sapere nulla di nulla.nemmeno che stanotte tu sei stato qui.

CESARINO

Diamine sennò…

CESARE

Appunto…a icchè ti sarebbe servito sennò venire a i’ buio quando la bottega l’era chiusa e tutti ormai gl’erano in casa…..

CESARINO

Sì nonn lo confesso.unn’ho voluto incontrarmi né con mi’ padre,né con l’Annina e la su’ mamma.A che scopo incontrarci..discutere,..tanto un si po’ fa’ più nulla…I’ mi’ socero m’ha detto che si rivorgerà subito alla Sacra Rota per ottenere l’annullamento di’ matrimonio….

CESARE

E la professorona la metterà di mezzo deputati, ministri, cardinali…fra poco anche i’ Papa pe’ stringere i tempi…

CESARINO

O come vu fate a sapello?

CESARE

Me l’immagino conoscendo i’ tipo….

CESARINO

Si faranno tutto questo..ma io son pessimista…

CESARE

Tuti quelli che gl’hanno dimorte pretese e pochi meriti son pessimisti.Perché un tu provi a arrovesciare…

CESARINO

Arrovesciare icchè?

CESARE

A chiedere di meno e dare di più!

CESARINO

Ma icchè  vu’ volete che dia se unn’ho nulla? Anche se fossi libero,come potrei sposare l'Annina senza avere né un lavoro, né un titolo di studio,né la capita di fa’ qualcosa…

CESARE

L’appetito che ce l’hai? Ora ti sarà venuto……

CESARINO

No….piuttosto mi vorrei dare una sciacquata…sai i’ viaggio l’è stato lungo….

CESARE

I’ gabinetto l’è a tua disposizione……Cesarino…quando tu parli i’ tu’ babbo,un dire “mi padre” di’ “i mi’ babbo”

CESARINO

O unn’è lo stesso?

CESARE

No…Prova .Delle volte basta un nonnulla per farci vedere i’ mondo in un altro modo.Prova,prova!

CESARINO

Proverò…(esce)

CESARE

(va nel corridoio)Annina…..che c’avete ancora gli zii?…..Allora fatemi i’piacere di venir subito….Anche la mamma si capisce…venite e vu’ saprete…ma subito eh…..(rientra )

ANNINA

(entrando) Icchè c’è so’ Cesare?

MARIANNA

Icchè succede?

CESARE

Calme,calme…vi devo dare solamente una notizia…mettetevi a sedere…..(a Marianna) Poco fa,stavo cercando di buttar giù la lettere pe’ i’ su’ figliolo…..

ANNINA

Ma un c’è furia…

MARIANNA

La c’è, la c’è…lascialo dire……

CESARE

Insomma ero di là che cercavo di scrivere…..e pensavo e ripensavo a i’ contenuto della lettera…….e ni’ pensare mi son reso conto di una cosa……

ANNINA

D’icchè?

CESARE

Mi son reso conto che son troppo vecchio per sposarla,Annina…

ANNINA

Ma icchè  vu’ dite?

CESARE

Dico che se ci si sposassi si farebbe ridere tutta Firenze….

MARIANNA

Sentite so’ Cesare…mi c’è voluto tre settimane per ingoiare questo rospo.Ora che bene o male ce l’ho fatta,pe’ piacere un ci torniamo più sopra…età o non età bisogna che vu’ vi sposiate e alla sverta……

ANNINA

Ma icchè v’è preso scusate…..Io un capisco..Vu’ siete stato sempre così comprensivo fin da i’ primo momento…e ora…..

CESARE

Ma se la un mi lascia finire….Un la sposo io…ma c’è chi la sposa Annina….

MARIANNA

Ma icchè l’è doventata la mi’ figliola,un cesto d’insalata che  se la piglia quello o quell’altro per me l’è l’istesso….

CESARE

Fiadatevi di me.la ci guadagna Annina e dimolto ni’ cambio..L’è vero che li un la potrà sposare subito…..

MARIANNA

Intanto…..

CESARE

..gli sta aspettando l’annullamento della Sacra Rota…ma l’avrà..l’avrà dimorto presto….

ANNINA

Io un voltafaccia così da parte vostra proprio un me l’aspetavo….

CESARE

La metto bene ,Annina….la mi pol credere.l’è vero che lui unn’ha un lavoro…..

MARIANNA

Anche…..

CESARE

Ma pe’ fortuna l’omo di bottega ruba……

MARIANNA

Ecco! E io lo butto fori e piglio “lui”…Ha capito Annina ,questo so’ lui l’è disposto a sposarti….come tu sei…perché l’ha bisogno d’una occupazione

CESARINO

(compare sulla porta di fondo)

CESARE

No sora Marianna…La sistemazione ce l’aveva digià e dimorto bono,ma c’ha rinunziato..l’ha perfino fatto a cazzotti co i’ socero per buttare all’aria i’ matrimonio e tornare dalla su’ Annina

ANNINA

Tornare?

MARIANNA

La su’ Annina? Ma si può sapere chi l’è questo signorino?

CESARINO

Son io!

ANNINA

(andondogli incontro)Cesarino…….(ci ripensa e gli dà uno schiaffo)

MARIANNA

Mascalzone!!!! (schiaffeggiandolo anche lei) E questo l’è pe’ quello che l’ha fatto svergognato!!!

CESARE

Giuè….!!Pe’ un po’ gli dovrebbero bastare…

CESARINO

Ma io son tornato perché ti voglio bene  ho sbagliato lo so…ma unn’ho intenzione di ripartire,tu mi poi credere Annina e anche lei sora Marianna….

CESARE

Ce l’ho fatta Marianna,ce l’ho fatta……

CESARINO

Eppoi anche i’ mi babbo l’ha bisogno di me……

CESARE

Ha sentito Marianna….l’ha detti i’ mi babbo……Si scioglie…..e se si sciglie lui,chissà che un lo faccia anche i’ mi’ figliolo…

MARIANNA

Vu’ dite che  mi sposa?

CESARE

Vai lo sapevo..Un gli conviene di sposallo Marianna…oltre che mamma la diventerebbe anche socera dell’Annina…E siccome mamma e socera un vanno d’accordo, la passerebbe la vita a pigliassi a ceffoni!

MARIANNA

Vu m’avete imbrogliata…(ad Annina)Anche te t’hai avuto anche i’ coraggio di giurammelo che i’ babbo di’ bambino l’era questo…..

ANNINA

No ,mamma…Se la si ricorda bene…gli dissi: “I’ babbo di’ bambino l’è Cesare Barzani…Giuro!”

CESARE

La verità….Vede,la gl’ha sempre detto la verità!

                                FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno