Una faccia da zio

Stampa questo copione

­Commedia

Comica

in un ATTO

 “UNA FACCIA DA ZIO”

di

Domenico Borsella

SINOSSI: Questo atto unico è,  nel suo svolgimento, un paradosso del paradosso. La sostituzione di un attore con un ipotetico spettatore, che in realtà è un attore che sale dalla platea sul palco, fa si che la commedia esprima la sua comicità nell’assurdità che la presenza di uno “spettatore” senza copione, stravolga tutto il supposto impianto teatrale, creando egli stesso la commedia, con la sua furba spontaneità, facendola proseguire fino alla fine con piccoli colpi di scena al limite del grottesco. Il finale è come si conviene lieto nonostante alla fine qualche malumore serpeggi ancora nel regista. Scritta per un atto unico, dura teatralmente circa un’ora. Si potrebbe portare a due atti qualora chi la dirige voglia creare due tempi di 40 minuti con qualche classico accorgimento teatrale .

Terminata di scrivere il 18 gennaio 2014.

TRADUZIONE IN LINGUA NAPOLETANA

DI

ANTONIO COVINO

Napoli 12 febbraio 2014

Nulla è dovuto in caso di rappresentazione radiofonica o teatrale

purché si citi l’autore in voce o in cartellone

e venga avvisato in caso di rappresentazione

---------------------------------------

dom.borse777@gmail.com

UNA FACCIA DA ZIO

di Domenico Borsella

Commedia comica in un atto versione napoletana

Personaggi in scena:

 UN ANZIANO REGISTA - (che si appresta a fare le prove della sua commedia)

UNO ZIO…(uno “spettatore”(attore) seduto in platea che accetta di fare la parte dello zio)

IL NIPOTE FILIPPO(un giovane avvocato che vuole sposarsi e vuole una casa promessa)

LA NIPOTE REBECCA: (la fidanzata del nipote semplice e ingenua)

UNA “MOGLIE” GUENDALINA(un’anziana attrice che si adatta a tutto)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ATTO UNICO

Si spengono le luci in sala - la commedia comincia con un suono di squillo dietro il sipario chiuso -  si sente la voce del regista che parla al cellulare.

Quando si apre il sipario la scena sarà rappresentata da una scarna scenografia teatrale, con un tavolo, una credenza, delle sedie e arredamento vario. L’ attempato regista ha un trespolo a lato del palco da dove dirige la commedia  - La telefonata è dell’attore che interpreta lo zio, uno dei protagonisti della commedia, costui avverte telefonicamente che non potrà venire perché ammalato

Il REGISTA: (a sipario chiuso parla forte per farsi sentire dal pubblico, è piuttosto agitato e deve farla sembrare una telefonata più vera possibile) (a voce alta) …PRONTO?Comme?…Site caduto malato? Ma comme ? Si fino a jere stiveve accusì bbuono!/ /..Vuje tenite ‘a parte cchiù importante…, stamme nguajate/ /nun tengo a nisciuno ato ‘o posto vuosto /…è accussì !… ‘o cupione ‘o sapite sulo vuje…//Mannaggia, nun eva succedere…come faccio mò?/stammo tutte ccà…//(si sente il regista  che sbatte il copione con violenza) Va bbuò/va bbuò, mò veco che se po’ ffà’ pe’ chesta  sera.../ nun fa niente, m’’o veco io…stateve bbuono e vedite ‘e ve riguardà// Ma che mmarina ?!....accussì…a ll’urdemo a tutto! (il regista apre leggermente il sipario e da una sbirciatina in sala, poi la lascia un po’ aperta)….Mannaggia /’a sala è già chiena, stu fatto nun ce vuleva proprio//…puteva pure avvisà primma, chillu ddio ‘e strunzo, mannaggia, ma comme, se va a scetà dduje minute primma ‘e accummincià ? (Riguarda il pubblico da una fessura della tenda) E mò che faccio, che faccio ? Nun me rummane ca cercà aiuto ô pubblico …Si me ponno dà ‘na mana…nun ce sta cchiù tiempo…ce vò ‘na perzona ca facesse ‘a parte d’’o zio (scosta la tenda semiaperta esce fuori dalla tenda, si piazza al centro del palco saluta il pubblico poi, spiegando il contrattempo comincia a chiedere a diversi spettatori se vogliono fare la parte dello zio…)/  Innanzi tutto vi ringrazio della vostra presenza. /Grazie davvero/… vi devo chiedere scusa per un contrattempo… purtroppo un attore si ammalato proprio poco fa…succede…e cosìquesta sera mi manca un attore,//capisco che per molti sia inusuale sentire questa richiesta ma  ho bisogno di qualcuno che faccia la parte dello zio… c’è qualcuno di voi che se la sente?...(aspetta risposte, gesticola per invitare qualcuno a salire sul palco, indica col dito delle persone) Su forza…nessuno che alza la  mano?

...Dunque vediamo…vediamo un po’… (ad un certo punto individua uno spettatore che è l’attore che salirà sul palco)…ecco…Voi per esempio/ Voi avete proprio una interessante faccia da zio/…ve la sentite di fare la parte?

(un attore che finge di essere uno spettatore vicino a una donna compiacente)

LO ZIO:…dicite a mme?

REGISTA: Sì/proprio a vuje…vuje, con la giacca scura (o cosa indossa)e con quest’inflessione…

LO ZIO: Che ?

REGISTA: L’accento, ottimo per una commedia come questa,  potrete parlare come volete, anzi...voi parlerete in napoletano, che poi…è comme parlo pure io… ‘o zio è napulitano per antonomasia…

LO ZIO: Antonio…che ?

REGISTA: ma quale Antonio…nun fa niente, nun ve facite pregà, venite, saglite ccà…

LO ZIO: (alzandosi in piedi) ma…io veramente/nun aggio mai fatto ‘o zio/Stongo ccà cu’ muglierema…

REGISTA: Beh…’a mugliera vosta nun ha ddà fa ‘a zia/vuje invece site perfetto… ‘na bella faccia ‘e zio/ venite/nun ve mettite paura/venite! //forze penzate ca pe’ fa’ ‘o zio ci ce vonno ‘e ccapacità?/ Jamme, ja…venite…venite…saglite…ve dico io comme v’avita movere…prego, ‘a  chesta parte…

(lo spettatore esce dalle poltrone della platea, confabulando brevemente con la “moglie” che cerca di trattenerlo e dopo vari strattoni scenici si divincola e sale sul palco piuttosto preoccupato mentre il regista sposta sedie e sistema alcuni oggetti sul palco)

SI APRE TUTTO IL SIPARIO

LO ZIO: io/però//ce ‘o dico subbito, / ca nun saccio ‘a dò aggi’ accummincià…

REGISTA: …nun ve preoccupate, sarrà cchiù facile ‘e quanno ve penzate/in teatro se ‘nventa tutte cose…avite mai sentuto ‘e parlà d’’a  recitazione a suggetto ?

LO ZIO: Io, aggia fa ‘o suggetto?

 

REGISTA: Ma no ‘o tipo suggetto, ‘a recitazione a soggetto, a chello ca vene.Nun ve mancarrà ‘a parlantina spero…/venite…mettiteve ccà, ô centro d’’o parcuscenico…

(il regista lo accompagna e lo sistema al centro del palco – lo zio si pettina i capelli si tira su i calzoni e guardala moglie in sala, e poi il regista che lo squadra compiaciuto, poi dice:)

LO ZIO:scusate si insisto signor regista/ma…credo ca pe’ ffà’ ‘nu zio/  ce vo’ …per lo meno ‘nu cupione…

REGISTA: (mentre sistema la scena) No…no…no…niente cupione…me dispiace /nun v’’o pozzo dà ‘o cupione/ pe’ cuntratto appartene a ll’attore malato/vuje avit’’a fa’ sulo ‘a parte ‘e ‘nu zio/… che ce vò?//avesse chiammato a ‘n ato si nun avesse visto ca vuje tenite ‘a tipica faccia d’’o zio…(poi si ferma e lo guarda) che state penzanno ?… Che vulite cchiù ?

LO ZIO: (molto impacciato) Mah/pe’ ‘nu zio senza ‘nu cupione… ce vulesse almeno/… ‘nu nipote…

REGISTA: Ah si è pe’chesto nun ce stanno probbleme, int’’a cummedia ne tenimmo addirittura duje//nuje ce stammo attiente a ‘sti ccose, dint’’e ffatiche d’’o triato nun ce facimmo mancà niente/ ‘a ‘n atu ppoco ve faccio trasì ‘nu nipote vuosto e…/ vedimmo comme jate …allora accumminciammo//…vuje guardate quanno vene ‘o nipote vuosto  e accuglitelo tiatralmente …pruvammo..(guarda le quinte e fa un cenno come dire avanti, poi chiama un nipote) …FILIPPO!

(il regista sale sul trespolo ed entra Filippo, un damerino tutto vestito a scacchi che con le braccia aperte si dirige verso lo zio come se volesse abbracciarlo)

FILIPPO: Ziooooo…carissimo zio!…come stai? /Provo un immenso piacere nel vederti,/ ti trovo in splendida forma/…(pausa mentre lo squadra) magari un po’ più basso/… un po’ più curvo/… leggermente più canuto e con un po’ di pancetta eheheheh…ma in sostanza molto bene//…santo cielo caro zio…è da così tanto tempo che non ci vediamo!

(lo zio è ancora incerto e impacciato e guarda il nipote che lo rimira sorridente e compiaciuto mentre il regista segue dal trespolo il copione)

LO ZIO: Emmm…io….veramente, aggio capito poco nun ‘o saccio/penzo… /’a tantu tempo ?

REGISTA: STOP!/ Vuje nun avit’’a penzà/si facite ‘o zio /’nu zio sape sempe ‘a quantu tiempo nun vede ‘nu nipote// Stateve tranquillo, naturale, site pariente vuje dduje…jamme ! …pruvammo ‘n ata vota/rilassateve… //….Filippo torni dietro le quinte che riproviamo, senta, per mettere a suo agio il principiante provi all’impronta a parlare in napoletano …m’ arraccumanno…..naturale (Filippo torna dietro le quinte – trascorrono pochi minuti e il regista lo richiama) …Filippo! (che rientra e ripete la parte)

FILIPPO: ‘ O Ziiiii…’o  zio bello!…comme staje? /Che piacere a te vedé,/ staje tantu bello/…(pausa mentre lo squadra) forze ‘nu poco cchiù curto/… ‘nu poco cchiù chïato/… appena appena  cchiù gghianco ‘e capille e cu’’o ppoco ‘e panzella eheheheh…ma tutto sommato, te trovo bbuono…p’’a marina, caro zio…è assaje tiempo ca nun ce vedimmo!

 (l’incertezza dello zio continua)

LO ZIO:…già…sì…credo ch’è ‘a tantu tiempo/…dicimmo ‘a ‘n anno?

FILIPPO; ‘O zì../ma qua’ ‘n anno…’e cchiù!…guardame bbuono e io comme sto’? Me so’ fatto viecchio o cchiù giovane? …sfuorzete ‘nu poco poco…jà, ‘o zì…(poi molto lentamente) ‘a …quantu ….tiempo …è …che….nun …ce ….vedimmo?….

LO ZIO:(con una leggera sicurezza)…mah…beh…a sicondo ‘e chello ca se sente in giro,  tra zie e nepute/ se putesse dicere…ca so’..duje anne?

FILIPPO; Uh…Per carità…zio, pienzece bbuono, /me pare strano che tu nun saje ca so’ per lo meno cinche anne ca nun ce vedimmo? (battendo il piede sul pavimento)

LO ZIO: Ah!...cinche anne…/e// diciteme Filì…// diciteme …

REGISTA: STOP! Ma noooo…Vuje nun avit’’a essere accussì ceremuniuso/Vuje site l’unicu zio che tene/parlatece cu’’o tu!  spontaneo, ve l’aggio già ditto /….’O tiatro è ‘a rappresentazione d’’a vita vera ncopp’’o parcuscenico./ Cchiù addiventate vuje ‘o personaggio e cchiù ‘a commedia vene bbona, naturale…insomma/facite ‘nu zio ch’è ‘n amico, confidenziale, ‘nu zio che è padrone d’’a situazione, proprio pecchè tene a che ffà cu’’nu nipote giovane e nu poco capallerta..…jamme…ja…rispunnite!

(lo zio si schiarisce la voce, si tira su i pantaloni, si atteggia ad “attore consumato” e guardando Filippo risponde con voce più sicura)

LO ZIO:…Ah!..sì/accussì ha ddà essere ?/Oh/allora /caro Filippo/te veco ‘nu poco sciupato//stai studianno accussì assaje?

FILIPPO:..’O zì…studiare? …sì rimasto a ll’epoca d’’o liceo? (ride di gusto)…che dice?/ staje arretrato?/(ridacchia)… sono avvocato già ‘a cinche anne! Zio! …Avvocato!/Te si scurdate o staje nu poco nzallanuto??

(lo zio preso alla sprovvista comincia a prendere un atteggiamento un po’ più contrastante, e guarda il regista che gli fa cenno di continuare…continuare)

LO ZIO: ..Ah..beh…carissimo Filippo /’n avvocato nun fernesce maje ‘e studià/e nun  cunosco avvocati che  nun leggeno libbri e libbri primma ‘e dà ‘nu parere avvocatesco/ ate ca senza ‘o codice nmano nun sanno risponnere ne sì e ne no…insomma ce stanno avvocati e avvocati… (i due lo guardano come aspettando qualche intervento supplementare, lui invogliato continua)….e  diceme,  Filì/ he tenuto almeno ‘e ccapacità ‘e te mettere ‘nu studio pe’ cunto tuojo?

FILIPPO: ‘O zì ! /me pare ca me staje piglianno pe’ fesso…/ e m’aggio pigliato ‘a Lauria con il massimo dei voti con un sacco di summa e un sacco di lodi/ e poi…poi ziariello mio… (con fare malizioso) … si venuto nel mio studio pe’ ‘na pratica ‘e divorzio! /Nun t’arricuorde ‘e  guaje ch’he passato cu’ mugliereta, la tua ex mogliera?                                 

                                                                                                                                                        

LO ZIO: Ah!//….io, quanno avesse divurziato? …E/….quando è succieso tutto chesto?

REGISTA: STOP!//Vuje nun avita dà l’impressione ‘e nun tenè cchiù ‘a memoria/ Vuje site ‘nu zio importante/ forse,  ‘o zio …cchiù ‘e ‘nu zio… ca Filippo ha avuto dint’’a vita soja…e si isso v’ arricorda ch’avite divorziato jatelo appriesso …

LO ZIO: (spazientito interrompe il regista)..Uhee,  insomma…nu poco ‘e pacienza tutt’ ‘e dduje/io so’ venuto p’assistere ô spettaculo/ stevo llà dint’’a poltrona  cu’ muglierema/ sto facenno ‘o possibbile/….insomma… m’avita fa fa’ a mme  e ve faccio ‘o zio comme si deve…e che mmanere, uno nun nasce zio accusì, …zio s’ addeventa!

REGISTA: E…no..no..no…no caro signore/ vuje site uno d’’o pubblico/si fusseve ‘o zio overo/ sapisseve tutte cose ‘e Filippo/ma nun è accussì/ site ‘nu zio appusticcio/quindi… finto, zio solo nella finzione teatrale / v’avita/…comme se dice…/arrampicà ncopp’’e spiecchie pe’capì comme avit’’a fa ‘a parta vosta,/ e cu’ chella  faccia nun v’avess’’a essere cumplicato//ccà se recita… caro zio…./ allora!,/ ‘n ata vota, jamme//(fa cenno a Filippo che spazientito prima esce e poi rientra) ….Filippo!

FILIPPO: Ziooooo…carissimo zio!…come stai? /Provo un immenso piacere nel vederti,…..

REGISTA: No, no ! Ti ho detto, in napoletano…napulitano !!!

FILIPPO: ‘O zio mio bello, ‘o zì !…comme staje? /Che piacere a tte vedè…../ te trovo bbuono /…(pausa mentre lo squadra) forze cchiù curto/(lo zio piega le ginocchia) … ‘nu po’ cchiù chïato /(lo zio s’ingobbìsce) … cu’’e capille janche (lo zio fa vedere la nuca) e cu’’nu poco ‘e panzella ‘e cchiù (lo zio sporge la pancia ) …ma, benedico, te trovo in salute…p’’a marina, ‘o zì…’a paricchiu tiempo nun ce vedimmo!

LO ZIO: (squadra Filippo per qualche secondo, poi con un cipiglio inusuale comincia con una certa sicurezza a camminare sul palco guardando prima il pubblico poi Filippo, poi facendo persino un cenno alla moglie in sala)  Felì!...Filippo…ti prego, statte ô posto tuojo/è ‘a nu sacco ‘e tiempo ca nun ce vedimmo/ ‘a quanno aggio divorziato/…forze te sì pure spusato/ e/nun m’ he ditto niente/…niente invite/ niente partecipazioni /(facendo segno di mangiare con le dita chiuse).. e manco nu bellu pranzo ‘e matrimmonio/ (muovendo la testa tipico di chi bacia)…’o vaso â sposa…/ ‘e ritratte/ ‘o taglio d’’a cravatta/ (sempre più concitato) / ‘o brinneso finale/ ‘a torta cu’’e cannele…e senza tutto chesto…pe’ tte io avess’’a essere cuntento ‘e te vedè?

(Filippo incerto e preso alla sprovvista guarda il regista che lo incita a gesti a proseguire)

FILIPPO: (imbarazzato) ma…’o zì…io nun me songo ancora spusato, anzi…/si so’ venuto ccà è proprio pe’ te presentà ‘a nnammurata mia /Rebecca/’na guagliona ca sicuramente te piaciarrà, si me daje ‘o permesso mò ‘a faccio trasì, è giovane e bellella, nu  gingillo e…e vulevo// (rallentando il suo impeto) …vulevo pure (pausa sospesa) …e cchiù ‘e ogni ccosa! ….te vulevo parlà d’’a casa che m’avive prummiso…t’arricuorde? (poi con un cenno dietro alle quinte) Rebecca vieni pure avanti che ti faccio conoscere il mio meraviglioso zio…

(nello stesso momento entra una giovane ragazza, piuttosto timorosa, che fa un delicato inchino allo zio)

REBECCA: Buongiorno signor zio/ mi chiamo Rebecca, sono la fidanzata di Filippo, piacere di conoscerla/…lei è proprio come la immaginavo…Filippo mi ha parlato tanto di lei …incontrarla per me è un vero onore...la trovo in ottima forma…

(Filippo approva poi i due si avvicinano tra loro e si coccolano a vicenda mentre lo zio prende coraggio e il regista fa cenno di continuare…continuare)

LO ZIO: (entra nella parte con cipiglio, facendo pause misurate tra una frase e l’altra e si rivolge al pubblico, a Filippo, a Rebecca e al regista compiaciuto)) …Fidanzata? Casa?/’A Prumessa?//Ma vuje vedite!// poco fa stevo assettato llà in platea /ca me vulevo gudè ‘o spettacolo  e aggio accettato ‘e fa ‘o zio//…senza cupione/…m’ arritrovo divorziato//cu’ ‘nu nipote ca s’appresenta doppo cinche anne cu ‘a nnammurata/ e me cerca ‘na casa ca ll’avesse prummiso// (poi rivolgendosi a Filippo in modo duro) ..Quala casa? Quala prumessa?  (indignato) ‘E prumesse s’hann’’a mantenè, caro nipote Filippo!/ Prummettere è quase ‘na cambiale in bianco/ chi te l’ha ditto ca io pozzo mantenè chesta pruomessa?...

FILIPPO: Ma zioooooo…

REBECCA: questa è nuova!

LO ZIO: Pe’ favore vuje! (poi tra il serio e la recita si rivolge un po’ alterato al regista) …Scusate signor regista, ma sapite…  regalà ‘na casa a ‘nu nepote è ‘na cosa assaje costosa, /e putesse pure//…tanto pe’ dicere//… nun ‘o putè fa’!/... (lunga pausa meditativa) Io a chistu punto …si nun ve dispiace esco di scena!//nun aggio maje rialato case a nisciuno… e soprattutto (toccando la pancia a Filippo che si ritrae) a cierti niputi… /mi dispiace caro regista/ …ccà  ve vulite apprufittà troppo ‘e nu povero zio!

(e s’incammina lento verso le quinte, poi si ferma a pochi passi dalla tenda ascoltando quello che dice il regista e fa cenno alla moglie in sala di aspettare)

REGISTA: STOP!/ma cosa sta dicendo? Addò state jenno?/’Nu zio nun fa accussì… dint’a ‘na scena senza cupione/ addò ‘o nipote s’acala nterra ê piede suoje p’’o fa mantenè ‘na  prumessa …vuje accussì  facite???/ (il regista s’infervora) Ma qualsiasi zio desse ll’anema pe’vedè ‘a felicità ‘e ll’unico nipote!.../ (poi con voce più suadente) Insomma…avit’’a essere comprensivo…sapite  che ve dico? /ve dongo//…ecco/aggio truvato// pe’ v’aiutà a sta meglio ‘ncopp’o parcuscenico  /… ve dongo ‘n ata mugliera/ ccà/ mò//’na brava mugliera /ca fosse pure ottima cuoca, pulita e ordinata/  pe’ v’ aiutà a sustenè ‘a parte d’’o zio/ che ne dicite?.... (gridando senza aspettare risposta) GUENDALINA! venite avanti!!

(Lo zio non si volta nemmeno…con sussiego risponde calmo ma deciso)

LO ZIO: Uhe, eh…regista…’na mugliera…no…no…no …no…nun se ne parla neppure!/ io/ ‘e mugliera ne tengo già una (la addita in sala) … ce mancasse…

(intanto entra una attrice piuttosto anziana che allarga le braccia e rimane in questa posizione)

GUENDALINA: Eccomi qua!/..buongiorno caro…sono tua moglie!

(lo zio si volta, fa uno scatto di sorpresa e alza le mani al cielo)

LO ZIO: Mah pe’ carità, pe’ carità!…signora! /Nun me vulisseve fa’ passà ‘e guaje  cu’ mia moglie,  ca sta llà, assettata in sala!//ma faciteme ‘o piacere/ jatevenne, ascite subbeto d’’a scena!

(l’anziana signora si porta le mani alla bocca, poi lentamente si siede su una sedia rimanendo con le mani sulle guance in attesa degli eventi)

REGISTA: STOP! Ma site asciuto pazzo? / Nun ‘o putite fà//vuje nun facite parte d’’a cummedia, site nu zio acquisito…appusticcio//e s’ io voglio fa trasì ‘na zia/’na mugliera nova/ ‘o pozzo fà// il regista ha dei poteri illimitati sul palco/cumanna isso !(sempre più concitato)  nisciuno ‘o po’ cuntrarì /…ll’ attore fanno ll’ attore e ‘o reggista ‘e dirigge! / vedite/ vuje nun avite ancora capito!/…ccà, ncopp’’o  palco ognuno ‘e nuje è ‘nu personaggio/ io nun songo io/ vuje nun site vuje/(indicando Filippo, Rebecca e Guendalina) nisciuno ‘e lloro è proprio isso /...è chiaro, avite capito ?

LO ZIO: (più conciliante ma deciso e risoluto)…si, aggio capito/ma tuttu quante vuje tenite ‘nu cupione/ io no//pirciò/ si Filippo, se vo’ spusà dint’’a sta cummedia e/ vo’ ‘a casa ca ce avesse prummiso/io/ secondo qualsiasi legge fosse libero ‘e nun ce ‘a dà//…niente casa niente cummedia/ …nun tengo ‘o cupione//eheheheh…s’ha ddà cagnà ‘a cummedia./Io stevo assettato llà, in platea, me vulevo vedè ‘o spettaculo/… cu’ muglierema, chella vera /e mò avess’’a piglià ‘na decisione senza putè turnà arreta ?/…Ma che state dicenno ?//  Chisto è  ‘n atteggiamento pericoloso, !

REGISTA: Cooooosa??? /Pericoloso?...Ma pericoloso ‘e che?! Comme ve permettite ?

LO ZIO: Uheee…caro regista…vuje me cercate cose importanti/ ‘e me fa piglià decisioni irrevocabbili /è ‘na cummedia/è overo/se po’ ffà tutte cose/però/ (dandosi un contegno altezzoso) …però, cierti ddecisione// in somma//…’nu matrimonio, ‘a promessa…’a casa…teneno ‘nu prezzo/…costano caro!

 

REGISTA: Mi state ricattando per caso?                                                                                      5

LO ZIO: Pe’ carità…io nun metto a nisciuno ‘a funa nganna…

REGISTA: Sì, vuje me state ricattando, ‘a funa nganna, comme dicite vuje//quando v’aggio visto  in sala/nun l’avvesse mai ditto ca iveve ‘nu ricattatore/teniveve ‘a faccia d’’o zio…Nun vedite comme stammo annanze cu’ ‘a  cummedia? /..’O pubblico sta seguenno ‘a storia/…vuje… mò, nun ve putite tirà cchiù arreta!

LO ZIO: (con molto sussiego) Sicuro ca ‘o pozzo fà!... io ero venuto sulo a me vedè ‘o spettacolo, stevo assettato llà, in platea /songo stato invitato ncopp’’o palcuscenico pecché  tengo ‘a faccia d’’o zio // e accussì, npruvvisamente me  trovo a regalà pe’ fforza ‘na casa a ‘nu nipote che nun veco ‘a cinche anne/…justo ‘o tempo ‘a quanno aggio divorziato!/ e allora sapite che ve dico  caro signor regista/ ca chesta cummedia /si ha ddà cuntinuà/ cuntinuarrà comme piace a mme! /(roteando il dito in alto) …Nun tenite nisciuna possibilità ‘e cagnà chello ca dico/ ve putiveve cercà ‘n ata faccia ‘e zio/avite truvato a mme/ ..e io voglio ca vuje  (rivolgendosi ai nipoti e alzando la voce)….caro nipote Filippo e futura nipote Rebecca/nun v’avit’’a spusà! (poi abbassando la voce con aria di sfida e raggiungendo il regista esterrefatto)//…A meno che/….vuje, caro regista nun me pavate /….’a trasfurmazione da spettatore a zio

Il regista si avvicina allo zio e prendendolo sottobraccio lo porta lontano dai nipoti

REGISTA: Coooosaaaa???? Venite cu’ mme…avimm’’a parlà a quatt’uocchie !

FILIPPO: Santo cielo!...Nella mia vita di nipote non ho mai visto uno zio così… così ambiguo/…Rebecca, lo sai che rischiamo di non sposarci e di non avere la casa?/ E’ davvero una iattura che si sia ammalato il vero zio,/ lui non avrebbe fatto storie,/ era già tutto scritto sul copione!/ ….(poi guardando lo zio da lontano e alzando la voce) …Ma come avvocato sono capace di citarlo in giudizio …sono capace…

 REBECCA: Calmati Filippo…, /sono certa che il regista saprà come ammansirlo,/ e pensare che appena l’ho visto mi sono chiesta come si potesse avere una faccia da zio come quella, /una faccia straordinaria…anche se la sua faccia tosta dimostra il contrario…

FILIPPO: Ma se se l’è persino presa perché gli ho detto che aveva la pancetta!/…, andiamo…è uno zio indegno di questo nome, mi auguro che la commedia prosegua altrimenti io e te…addio matrimonio…(facendo roteare il pollice e l’indice come dire niente di niente)…

REBECCA: Non lo posso credere…mi viene da piangere…(e fa qualche cenno di singhiozzo)…

Il regista parla con lo zio. I nipoti stanno confabulando con Guendalina che è seduta sulla sedia e ogni tanto spolvera il mobile con un piumino intanto il regista inizia la sua requisitoria sulla richiesta di soldi dello zio

REGISTA: Aggio capito bbuono?…M’avite cercato ‘e sorde p’’a trasfurmazione da spettatore a zio/…sentite…egregio signore/…ma ve rendite conto?/Vuje me state arruvinanno ‘a cummedia! /Dint’’a storia d’’e cummedie serie nun è mai succieso ca uno d’’o pubblico ca accetta ‘e fa ‘o zio cerca ‘e se fa pavà senza nemmeno tenè ‘o cupione!/…tutto chesto è assurdo/arraggiunate… /nun me putite fa chesto/è ‘na cummedia seria/cheste so’ richieste assurde!...

LO ZIO: Dice assurde? //Ma…caro regista// addò state ‘e casa?/… ‘a quanno munno è munno / in commedia o fuori  commedia/ ogni trasformazione da o per…tene diritto a nu rimborso…                                      

REGISTA: ‘Nu rimborso? /ah! /chest’è bella//In tutta la mia carriera di regista nun aggio mai sentuta ‘na strunzata accussì grossa, / ca nu spettatore, volontario, ha ddà avè nu rimborso …(dopo aver dimostrato tutta la sua impazienza si calma) e sentimmo egregio signor zio/ quanto costerebbe questo  suo impegno, lo scomodo?

(Lo zio…dondola gigionando e limandosi le unghie)

LO ZIO:… Eh…beh…dicimmo ca/..visto ca stongo senza cupione/ ca invece ‘e sta assettato sto allerta/ ca senza ‘e me nun se va in scena …e soprattutto ca songo ll’unica faccia decente ‘e zio truvato in platea….io m’ accuntentasse ….pure sulo/’e/…dicimmo mille euro?

REGISTA: Coooomme???? Mille euro? Ma site pazzo/ nemmeno l’incasso ‘e chesta serata ammonta a sta cifra!/Site nu strozzino/nun penzavo ch’ arrivasseve a tanto/… vuje site//vuje site/…nu zio mariuolo !

LO ZIO: Ah sì ?/…io fosse ‘nu mariuolo?!/Ma ‘o ssapite vuje, egregio regista.. seh,  ca si ‘a cummedia s’interrompe ccà, vuje avit’’a restituì tutt’’e sorde ê spettatore? / (pausa perfida)  pecchè se io me ne vaco mò, caro mio/ ‘a commedia fernesce ccà!// …E non solo! …

REGISTA: Non soloooo? E che ate vulisseve?

LO ZIO: Ve ll’aggia dicere propeto annanze a tuttu quante ?/…Vuje/…vuje site ‘nu regista senza core/ nu regista scorretto!

REGISTA: …Lei che si permette di parlare di scorrettezza!? Chesta è bella!

LO ZIO: È accussì ! /Nun ve facite manco capace d’’a tragedia ‘e chisti duje nipute/ nun tenite nemmeno pietà pe’ chisti duje bravi giuvene ca/ per colpa d’’a perucchiamma vosta/ nun se putarranno spusà// (alzando la voce e guardando gli allibiti nipoti) …povero Filippo, povera Rebecca!

REGISTA: Povero Filippo!?? Povera Rebecca?? /No, ma vuje nun state bbuono cu’’a capa, site vuje cu’ chistu ricatto assurdo/ ca nun ‘e facite spusà!/e state addirittura, vergognosamente rinneganno ‘a prumessa d’’a casa…che schifo!/….avite sentuto, Filippo… Rebecca?

FILIPPO: Eccome, abbiamo sentito!/ (recandosi vicino allo zio con eccitazione)…Ziooooo…ti prego/… ‘o reggista tene raggione… fa ‘o bbravo/ aggio parlato accussì bbuono ‘e te â  nnammurata mia,   chella puverella sta scioccata! Guarda!... ‘o rimborso ca he cercato nun sta ncielo ne nterra / scuseme ma…si tu ziariello mio… ca nun ce permiette ‘e ce spusà cu’ ‘sti pretese a ccazzimma/….diglielo pure tu Rebecca, magari nella sua lingua !

REBECCA: Sì…è vero…Signor Zio….(cambiando tono) ‘O zì,  cu’tutt’’o rispetto /ma si propeto fetente…/ chesta pretesa  toja  è na porta chiusa nfaccia ô matrimonio nuosto/(piagnucolando)  accussì, ‘e sta manèra...nun ce spusarrammo maje cchiù…! Vi prego…ti prego/…nun fa ‘a capa tosta!/Nu poco ‘e pietà pe’ nuje.... ‘e ghiamme, fallo pe’ nuje…

LO ZIO: (con molto sussiego)Guagliù!..., nipoti amati e carissimi /…pe’favore!/... nun dateme colpe ca nun so’ ‘e meje/( poi,  percorrendo tutto il tragitto fatto con il regista all’inizio) ..io stevo assettato llà, aspettanno ‘o spettaculo/cu’ muglierema, chella overa/songo stato chiammato pecchè tengo ‘a faccia d’’o zio/ e aggio accettato / putevo rummanè assettato, invece so rimasto allerta pe’ tutt’’a cummedia/… nisciuno! E dico nisciuno… ha avuto pietà ‘e me che nun tenevo ‘o cupione/ songo stato cazziato e richiammato/ nun aggio  avuto nemmeno ‘na sbattuta ‘e mane d’’o pubblico c’ha pavato, me so’ sacrificato pecché tenevo ‘a faccia ‘e zio …e adoppo tutto chesto…dico, adoppo tutto chesto… il vostro regista nun me vo’ dà niente p’’o scommodo mio  ?/(Pausa solenne)…Insomma…Filippo,/ si tu vuò ca io te dongo ‘a casa pe’ te fa spusà /…i’’a dicere almeno quacche cosa pe’ mme, a mia difesa/…e sustenè  ‘e raggione mie sacrosante !... mparete caro nipote a curà ll’ interesse tuoje! Ch’ avvocato sì , si nun difiende ‘a causa d’’o zio tuojo?

(Filippo si consulta con Rebecca, guarda il regista che sbalordito aspetta, e dopo un attimo di smarrimento…)

FILIPPO: (si reca con umiltà verso lo zio) Ehhhh…sì in effetti a ce penzà bbuono,/ si aggia vedè  ‘a cosa d’’a parte d’’a legge,/ chello ca  he ditto tu, carissimo zio,  nun songo cose  accussì esaggerate,/ anzi…/si proprio vulimme vedè ‘o pilo dint’a ll’uovo songo abbastanza d’accordo cu’ tte / (poi parlando come un avvocato in tribunale) Poiché …per esempio se si presta una casa uso capione esso non è pari alla donazione pura e semplice poiché c’è di mezzo la gratuità… e non solo si fai un gesto grandioso e generosissimo/… che ogni nipote apprezzerebbe senza riserve/… ma il dono diventa definitivo anche in base ai tanti articoli del codice civile, di cui agli articoli 769-809 Capo I -Titolo V -comma 21! (poi dirigendosi verso lo zio con fare mellifuo) Carissimo zio… penzo proprio che tieni raggione e si !/(poi andando verso il regista in modo solenne) …Signor regista la invito ad essere generoso con …nostro zio!... Questa è la mia richiesta ufficiale/…Dillo anche tu Rebecca!

REBECCA: Signor regista /…scusate ma Filippo e lo zio non hanno tutti i torti/ m’inginocchio davanti a voi/concedete a nostro zio quello che vi chiede /il nostro futuro è nelle vostre mani/ nel vostro buon cuore/ (piagnucolando)…la nostra felicità dipende da una sua parola...la prego, (piagnucolando)…non mandi a monte questo matrimonio d’amore!          

REGISTA: (disorientato)…Mah…mah…questo è troppo! //Ma vuje site asciute pazze appriesso a chisto!! Filippo!/ Rebecca!

LO ZIO: Ma signor registaaaa?Nun ve fanno pena?/a me me fanno overamente pena!/… signor regista/chisti duje nnammuratielle me stanno facennno chiagnere ‘o core/ sentite voglio essere generuse/e pecchè pure vuje addiveniate fesso ‘e core// (abbassando la voce e prendendo un tono solenne) e vedite ca state avendo a che ffà  cu’ ‘na perzona dignitosa, aperta ,  leale, justa e onesta/…ve voglio venì incontro terra terra, comme  a n’elemosina /(pausa)…na bazzecola, una pinzillacchera, comme dicesse Totò/ ..…e umiliànneme io ve dicesse…faciammo  sulo mille euro!//(poi subito concitato) mille euro o me n’aggia ì’ pe’forza a m’assettà ô posto mio /mille miserabbili euro, faccio tutto chello ca vulite vuje e ‘a cummedia fernesce/’a gente ce sbattarrà ‘e mmane/ vuje sarrite cuntento e fernarrà tutte cose…/mille euro/ manco ‘na lira mancante, cioè…euro…

REGISTA: Mille euro? Ma io piuttosto ripeto ca site pazzo!!….Comme putite avè organizzato ‘nu furto, accussì,  ê  spalle ‘e ‘nu povero reggista? V’’o dico ‘n ata vota! ..vuje site nu mariuolo, laureato e patentato! /e mò basta/facciamola finita con questa commedia/veco ch’’a gente   in platea se sta abbianno a scuccià/site ‘nu zio scustumato /senza ritegno/ ‘nu  farabutto pecunaro !              

(il regista sbatte il copione sul trespolo, poi lo riprende, va su e giù sul palco guarda il pubblico, poi alzando le mani al cielo va dritto e filato verso lo zio che continua a limarsi le unghie)

 …Sentite /pecchè nun voglio ca ‘o nomme mio ‘n avessa perdere/vuje ‘o ssapite bbuono ca……(abbassando la voce e contando dei soldi presi dalla tasca) so’ costretto a m’acalà ‘o cazone… a  cedere a questo sporco ricatto… e siccomme nun voglio ca ‘o pubblico abbiasse a prutestà/ me faccio scennere abbascio ‘o ffele  ca s’annuzzarrà nganna fino â  fernetura d’’e juorne mieje/ / (pausa mentre prende i soldi dalla tasca) …nun facimmo capì, però, niente ô  pubblico, nun s’ha ddà vedè ‘sta cosa schifosa// …ecco//mannaggia a vuje, farabutto ‘e ‘nu zio/…tenite ‘sti maleritti… cinquecento euro!

(lo zio ritrae al mano)

LO ZIO…noveciento!

REGISTA: cinquecento!

LO ZIO: ottuciento!

REGISTA cinquecento non un euro di più…

(un breve silenzio)

LO ZIO: …affare fatto, va bbuono accussì! (lo zio stende la mano e aspetta…)

REGISTA: …Oh…maledizione site ‘na sanguetta/ cinquecento euro, ‘nu tesoro!/ fernuta ‘sta cummedia vaco pe’ ‘llemmosia! (abbassando la voce) insomma…eccoli/mettitaville dint’’a sacca… nun ‘e facite vedè a nisciuno/mò putite fa ‘a parta vosta/ ncopp’a ‘stu palco nun s’è mai vista ‘na commedia che gghiev’a fernì accussì/vuje site…/ site… ‘nu sporcu ricattatore…( con voce più decisa) …jamme…ja,  traditore… jamme, facite ‘a parta vosta.!…

(lo zio sorridente e soddisfatto si volta verso i nipoti e lentamente va loro incontro atteggiandosi a grande magnanime e rivolge loro una allocuzione con esagerata e ostentata declamazione)

LO ZIO: Cari nipoti…miei carissimi nipoti…ll’ammore d’’e zie, guagliù/a vvote nun se po’ capì/ma se sape ca ce sta sempe ‘na possibbilità /ca uno dice ‘na cosa e po’ cagna idea//nu zio se po’ ffa capace e sustene ‘na cosa diversa d’’a primma//’e zie so’ fatte accussì/

Primma diceno ‘na cosa po’ ne diceno ‘n ata/ diceno di fare così e po’ fanno accullì…mah!//

(si spolvera compiaciuto la giacca e si batte due volte la tasca con i soldi, poi riprende)

E po’ ‘e prumesse vanno e vengono//a vvote si mantengono /a vvote nun se sa’/ spisso quanno se prumette, ‘a prumessa nun se mantene e/ si ‘na prumessa è sincera se mantenarrà, si nun è sincera no!// (pausa meditata) Ma, cari nipoti/ furtunatamente pe’ vuje / nun è ‘o caso vuosto / aggio dato ‘na parola e ‘a mantengo… cu tutto ca tu/ FELÌ/ sì ‘nu grande approfittatore…                             

IL REGISTA: STOP! /eee no! ‘O troppo è troppo!/ nun tenite ‘o cupione… chi v’ha autorizzato a chiammà approfittatore ô nipote vuosto?!

LO ZIO: (molto seccato) reggista… e pe’ ffavore!,… io nun tengo ‘o cupione,! Nun me putite

fermà  pe’ tramente ca  sto parlando, vuje ‘o cupione ‘o tenite?

IL REGISTA: Ma certo!/eccolo!

LO ZIO: (sempre più concitato) Buono,  allora parlate quanno ce sta scritto ca tocca a vuje / me ll’avite ditto vuje stesso ca nun site ‘o stesso / io nun so’ io stesso/nisciuno è isso stesso… mamma d’’o Carmine, che fatica !!!(poi pago della “lezione di regia” al regista si rivolge a Filippo) //Pirciò/ caro Filippo/ cu’tutto ca tu  sì ‘nu scellerato approfittatore/te rialo ‘a casa e ‘a mano ‘e Rebecca//site felice?

(e mentre il regista sfoglia nervosamente il copione per leggere la sua parte)                                  

FILIPPO: Ah… finalmente!./Grazie zio! Si proprio ‘nu zio gruosso, gruosso assaje! Grazie! Che zio! Che zio! E pe’cumbinazione tengo già il rogito pronto, e ‘o vaco  a piglià quanno tu decide ‘e firmà…

(Filippo va verso Rebecca e l’abbraccia mentre lei ringrazia lo zio)

REBECCA Ooooo… Grazie zio! Lei è un tesoro!

FILIPPO: Nella sua lingua…

 

REBECCA: Ah, già…  (cambiando tono) Vuje site ‘o zio…cchiù zio ca se putesse desiderà int’a chesta cummedia! Che cummedia fantastica…quanno me sposo m’avit’’a fa ‘o cumpare!

LO ZIO: Beh…era chello ca vuliveve /e pe’ cincuciento eure….emm…si…/Però ce sta ‘nu però… pure ca io ve dongo ‘o cunsenso p’’a  casa prumessa ce sta ancora ‘nu probblema… //eeeeh sì cari e amatissimi nipoti…ce sta ancora ‘nu probblema…//vedite Guendalina, assettata llà ? // ‘a mugliera ca m’ ha dato o‘ reggista? Si/ chesta santa donna, poche parole/ottima cuoca e donna ordinata/ …avessa venì a vivere cu’vuje dint’’a casa nova ! //Insomma m’avite capito//nun pozzo tenè ddoje mugliere…

REGISTA: STOP! Ma che dicite! Adoppo a tutto chello ch’avite  cumbinato mo venite fora cu’’n ata strunzata? V’arricordo ca state recitanno ‘na cummedia nun site cchiù uno d’’o pubblico!

(sbatte il copione e va vicino allo zio con cipiglio feroce) Mò che d’è ‘sta storia d’’e ddoje mugliere?

LO ZIO: Signor regista pe’ favore…’o ssapite benissimo che vo’ dicere tenè ddoje mugliere  e dint’’a stessa casa addirittura!/ e po’ ‘a vedite, pur essa /muglierema, int’’a sala, ca me fa chilli gesti minacciuse/  comme a dicere nun t’ azzardà a purtà a Guendalina â casa!/ (una donna si alza dalla platea facendo segno di no)…Pirciò o se ne va a vivere cu’’e  nepute o va fuori scena

FILIPPO: Fuori scena? …ma chi ..Guendalina?...

REBECCA: Ma zio caro, Guendalina è ‘a meglia femmena ca se po’ spusa ‘n ommo…

(Guendalina spolverando i mobili sempre più forte)

GUENDALINA: (da lontano) Ah questi uomini…non basta solo cucinare, spolverare, lavare stirare, tenere tutto in ordine…bisogna saper fare altro…altro!….anche alla mia età…

LO ZIO:Ccà v’’o ddico e po’ v’’o rripeto…o va a vivere cu’’e nepute o va fuori scena…io nun pozzo avè ddoje mugliere…

REGISTA: Ma che state diceno?/vuje nun v’’a purtate â casa// chesta è na mugliera appusticcia, è finta!/ Una finta zia! E po’ vuje egregio signor zio nun tenite nemmanco ‘o cupione!

LO ZIO: AH!...è una finta zia!...e allora/ caro regista si me vulite convincere/ p’’a fa restà in scena m’avit’’a dà ati denare. (abbassando la voce) altro argent… caro mio/ (alzando poi leggermente la voce) pecchè ‘a parola vosta contro chella d’’a legge nun vale niente…rischio di essere un bigamo! E chest’è !/…Rischio ‘e me fa ‘a galera pe’ tenè ddoje mugliere/guaje signor regista/ solo guai giudiziari ! Filippo lo può confermare…

FILIPPO: (un po’ impacciato)emmm…..sì…confermo…

REGISTA: Ma vuje state jenno pe’ quaglie, tutte fesserie,  egregio signore ….ccà è tutto finto comme ve l’aggia dicere/vuje po’ nun tenite manco ‘o cupione /putite dicere e fa’chello ca vulite/ avimma fa fernì chesta benedetta cummedia…arragiunate pe’ ‘nu mumento, pe’ carità…a vuje nun ve putarrà succedere niente di niente/ nun avenn’’o cupione nisciuno

Ve putarrà dicere niente/ putite sta tranquillo/’a legge sta cu’vuje…Filippo lo può confermare…   

FILIPPO: (un po’ impacciato)..sì…sì…confermo…

LO ZIO: (lanciandosi in una filippica piuttosto concitata) ‘A legge/ ‘a legge/…’a legge nun dà mai ‘a tranquillità mio caro regista…e po’ tranquillo nun ‘o dicesse proprio/…è ‘na parola, tranquillo/manco p’’a capa, tranquillo // e po’/(abbassando la voce) /pure ‘a tranquillità tene ‘nu prezzo, sapite?// (rialzando la voce) tranquillo nun è ‘nu stato d’animo/ ‘a tranquillità  è… è nu stato fisico//(abbassando nuovamente la voce)… e  pe’chesto,  nun ve pigliate collera, che  dicite si facessemo ati.. (con fare disinvolto) …cincuciento euro?

REGISTA: Cosaaaaaa? Ma vuje site pazzo,  pazzo!/cinquecento euro pe’ se  purtà a casa ‘a mugliera??? Ma state pazzianno??

LO ZIO: ma signor regista …nun è muglierema/comme ve l’aggia dicere/e…e/io nun voglio tenè ddoje mugliere.

REGISTA: Ma insomma! signor zio!… ‘o vvulite capì ca nun passate niente? Comme se fa a penzà ca Guendalina comme mugliera ccà…mò…ve fa ì’ ‘ngalera?…è assurdo…facite funzionà ‘e ccervelle ! Vuje avit’’a recità fin’a ll’urdemo, ..E’ un ordine!

LO ZIO: E allora… luvate a Guendalina d’’a cummedia!

GUENDALINA: (da lontano) …Bisogna saper fare altro…altro!….anche alla mia età…

                                                                                                                                

REGISTA: Ma nun ‘o pozzo fa’!/Guendalina tene ‘o cupione e po’ cu’ issa aggio fatto ‘nu cuntratto!

       

LO ZIO: ‘Nu cuntratto, ‘nu cupione?…ma bene!… e allora …siccomme tengo ‘na dignità… (breve pausa e a voce più bassa) e nun me piace ‘e ascì fora d’’a parola data,  dica…faccio ‘nu sforzo p’essere disponibile…(poi seccamente) che ne dicite signor regista?….(subdolamente) .. facimmo sulo treciento?

REGISTA: Ma è ‘na schifezza!//…vuje site ‘o zio cchiù mariuolo ch’aggio maje cunusciuto!.. //Treciento euro pe’ levà ‘na moglie-zia d’’a commedia cu’tutt’’o  cuntratto e ‘o cupione! /Nun s’era mai visto! //Povero a meeee/…accussì  chesta cummedia nun vedarrà maje ‘a fine/e tutto pe’ colpa vosta!//mannaggia! / me sta luvanno tutt’’e sorde ‘a cuollo!...

Avit’’a ringrazià ca ‘o pubblico nun ce ‘a fa chhiù,/ è nervuso/…sta facendo rummore , sentite !... Si ‘o spettaculo fallisce fallisco pur’io…e nun m’’o pozzo permettere!...(va sue giù, cercando comprensione dai nipoti che girano al testa) Aggio capito…m’aggia sta p’’o bene d’’o teatro …(pausa mentre tira fuori i soldi) Eccoli!/…(e glieli sbatte in mano) filibustiere ‘e ‘nu zio…/ (grande sospiro)…tenite… tenite chisti ciento euro, facimmela fernuta e….teniteve a Guendalina!

(lo zio si mostra schifato allunga la mano e poi la ritira)

LO ZIO: …centocinquanta e nun se ne parla cchiù!

REGISTA: piuttosto morto!

(lo zio intasca veloce i cento euro mentre il regista lo guarda esterrefatto alzando gli occhi al cielo – poi riprende il suo modo di fare malizioso e altezzoso e risponde con mal celato piacere contando e ricontando gli euro)

LO ZIO: Beh, beh…. Sapite che ve dico, caro il mio regista? /Ch’avite truvato ‘o zio cchiù bbuono e generuso ca putiveve truvà.//

REGISTA: ‘nfamone….

LO ZIO: …Vuje site ‘n ommo affurtunato / …e pe’ v’’o fa vedè /fernuta sta cummedia faccio venì a Guendalina a faticà addu me/ pecchè ‘sta povera femmena senza putè fa ne’ ‘a mugliera e manco ‘a zia/ma sapenno fa’ ‘e servizie dint’’a casa/ putarrà  fà ‘a colf a casa mia e/ ‘e chisti tiempe truvà ‘nu lavoro sicuro nun è facile, ‘o ssanno tuttu quante… GUENDALINA! Venite a ffaticà addu me  …. Sarrite ‘a benvenuta dint’’a casa mia (poi sottovoce, guardando il pubblico e la moglie) tanto/ nun tenenno ‘o  cupione /nun avarraggio manco prubbleme cu tte…overo, cara?..…?

GUENDALINA:(con voce stridula)OOOOooo…grazie, grazie…che il cielo ti benedica!

… spero di non dover fare anche altro però….

FILIPPO: OOoooo…Che zio meraviglioso!

REBECCA: Ooooo…Che zio fantastico! Sono felice per Guendalina (e l’abbraccia)

REGISTA: Meraviglioso? Fantastico? Ma voi siete tutti impazziti!...(rivolto ai nipoti e Guendalina) Mi meraviglio di voi tre che adesso siete tutto miele con questo bell’imbusto.. //lui era lì seduto in platea che si godeva lo spettacolo e grazie a me è stato introdotto nel mondo dell’arte!/.. Che miserabile! .. (rivolto allo zio)…vuje site ‘nu mariuolo fetente!/ecco cos’è!/è un farabutto/ / ‘nu delinquente apprufittatore// vuje  m’avite jettato nmiez’’a via, m’ avit’ arruvinato ‘a commedia miaaaaaa!!!! (disperandosi senza pace prima di disperarsi sul trespolo)…(poi girandosi verso il pubblico come per giustificarsi) …e pensare che aveva la faccia da ziooooo

(piagnucolando sul trespolo e sbattendo il copione di qua e di la)

(lo zio, soddisfatto, si piazza al centro del palco, il regista ha le mani sul volto, mentre i nipoti si abbracciano felici e si scambiano effusioni, e Guendalina, asciugandosi le lacrime con un fazzoletto, va a consolare il regista.

Lo zio allora si rivolge verso al pubblico e con uno smagliante sorriso fa una dichiarazione…)

LO ZIO: Signore e signori del pubblico/ vuje /avite assistito  a chesta cummedia assettate llà int’’a platea, belle belle…mentre io ca tenevo ‘a faccia ‘e ‘nu zio m’aggio avuto degnere ‘e penziere, ‘e responsabbilità/…e sì…putisseve essere d’accordo cu mme oppure in disaccordo, site libbere ‘e penzà chello ca vulite/ ma ve vulesse fa capì ca chesta cummedia è fernuta benissimo… pecché si ce penzate bbuono site ‘e testimonie ca tuttu quante avite avuto ‘a soddisfaziona vosta /nisciuno s’avess’’a dispiacè ‘e chello ca è succieso,/nisciuno.// (intanto che parla va a prendere il regista sotto braccio e lo porta al centro della scena) /… Venite…venite cu’ mme…(il regista lo segue come inebetito) ‘O reggista pure si, nun saccio pecchè,  amariggiato /ha fernuto ‘a fatica soja e a ‘n atu ppoco /sbattendo ‘e mmane /’o facito assaje cuntento…’a commedia in tutt’’e mode c’è stata,/ me sto sbagliando signor regista?

REGISTA: beh…in effetti.,.. ha ragione/ …(Stupito e convinto) …v’avess’’a ringrazià!…

LO ZIO: ( poi prendendo sotto braccio i nipoti) ‘e nepute se spusarranno/ sarranno felice e farranno tanti figli dint’’a casa prumessa/  Guendalina (mettendole un braccio sul collo) che sape fa  tutte cose…ha truvato ‘nu lavoro pavato meglio /…muglierema (indicandola) nun tenarrà niente ‘e dicere pecchè io nun tenevo ‘o cupione …anzi, avarrà ‘n aiuto int’’a casa./  (tutti lo stanno contornando sorridenti)…Pirciò/ ‘a cummedia fernesce ccà!…Si ‘o finale v’è piaciuto sbattite ‘e mmane/ si nun v’ è piaciuto/ chi se ne fotte/io (e tira fuori lentamente la mazzetta dei soldi) …aggio guadagnato seicento euro… e// (il regista ha un gesto di stizza, ma poi si adegua) …. P’ uno ca tene ‘a faccia ‘e ‘nu zio/ cari spettatori /…meglio ‘e chesto nun puteva proprio fernì…..!                                                     

(A questo punto se si vuole, lo zio scende dal palco e va verso la moglie seduta in sala che lo abbraccia e si congratula. Poi torna sul palco per i ringraziamenti).

Domenico Borsella

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno