Una mano dal cielo

Stampa questo copione

UNA MANO DAL CIELO

     S.I.A.E.

                                                                        

             Teatro Comico Napoletano

UNA MANO DAL CIELO

Commedia in due atti

di

Colomba Rosaria ANDOLFI

(2001)

Per quest’opera non sono consentiti adattamenti, modifiche del testo e variazioni del titolo. Non è altresì consentita la traduzione in altre lingue o dialetti.

Il testo di questa commedia, depositato alla SIAE il 15/4/2001, è stata attualizzato dopo l’introduzione dell’euro per essere portato in scena a gennaio 2003 dalla Compagnia Il Guazzabuglio, che per anni ne ha avuto l’esclusiva SIAE per la rappresentazione.

“Una mano dal cielo” è una commedia originale e articolata che propone in chiave comica le tante peripezie che quasi tutte le Compagnie amatoriali devono affrontare, quando per amore del Teatro, per velleità o per diletto decidono di calcare le scene.

Una commedia densa di denunce sociali che riflette la realtà del momento, dove il teatro diventa sinonimo di verità e la politica diventa sinonimo di messa in scena.

UNA MANO DAL CIELO

Commedia in due atti

di

 Colomba Rosaria ANDOLFI

(2001)

Personaggi

Armando Acampora       Capo famiglia

Amelia                              Moglie di Armando

Alfonsino                        Figlio

Rosetta                             Sorella di Amelia

Melina                             Ragazza, vicina di casa

Ersilia                              Cugina di Amelia e di Rosetta

Signora Elena                  Moglie dell’assessore

Simona                             Figlia dell’assessore

Ragazzo                          Scugnizzo

Assuntina                        Amica di famiglia

Tonino                             Marito di Assuntina

Sofia                                Aspirante attrice

Signora Lucia                   Mamma di Sofia

Umberto                          Aspirante attore                   

Gennaro                          Aspirante attore

La divisione in scene con i vari personaggi è inserita a pag. 80.

La commedia si compone di due atti e due quadri, ma non richiede cambio di scena.

Per agevolare gli attori, alcune battute del testo sono state scritte in corsivo; per evidenziare le didascalie è stato utilizzato il grassetto.

Il dettagliato bozzetto di scena può essere richiesto all’autrice (indirizzo e-mail: corandolfi@libero.it).

ATTO PRIMO

Scena Prima

 FUORI SIPARIO (proscenio)

        Amelia (donna sulla cinquantina) esce, seguita da Rosetta, dalla quinta di boccascena (lato destro, guardando il palcoscenico) che funge da ripostiglio sul tetto della casa. Amelia regge con una mano un secchio d’acqua da cui fuoriesce il lembo dello strofinaccio usato sul pavimento; sull’altro braccio ha una federa, due lenzuola spiegazzate e un blue-jeans scambiato; nella mano stringe un panno per la polvere. Rosetta, la sorella maggiore, regge con una mano un sacco pieno d’immondizia; con l’altra mano porta la mazza lava-pavimenti, la scopa e la paletta.

AMELIA (in gonna e blusa a maniche lunghe, scarpe comode e foulard annodato in testa per riparare i capelli dalla polvere): Rosè, jammo, scennìmmencenno!

ROSETTA (con pantaloni di una tuta e maglioncino, pantofole, calzini e un grembiule con pettorina): E che ce scioscia ncopp’a stu terrazzo!…Però, Amè, chella sfrattata int’ ’o suppigno ce vuleva propio… Che faticata!

AMELIA (poggia il secchio di plastica a terra): E fosse almeno fernuta!  Guarda ccà, sti panne (spiega il jeans) Io vulesse sapé che ’e llavammo a fà.

ROSETTA (sorride): E chella è ’a moda d’ ’e giuvene ’e mò… Robba scagnata, cazune stracciate e pieghe scusute.

AMELIA: Chillu figlio mio, quanno se veste, pare nu vrenzuluso (rimette il jeans sul braccio).

ROSETTA (poggia il sacco con l’immondizia a terra): Amè, t’arricuorde?… Na vota si ’a sarcitura vicino a nu cappotto nun era fatta bona ce mettevemo scuorno ’e ce ’o mettere… Preferévemo ’e ce puzzà ’e friddo… Mò s’accattano nu cazone nuovo e nun s’ ’o metteno, si primma nun ’o spertosano sano sano.

AMELIA: Chi ’e capisce!… Pe’ me nun stanno buono cu ’a capa.

ROSETTA: Però Alfonsino nuosto nun è esagerato comm’ a ll’ate!

AMELIA: E chillo s’avess’ ’a permettere ’e spurtusà nu cazone nuovo!… Si se vò scosere ’a piega, e va buo’… Po’ doppo s’ ’o cchiagne isso si cade e se scasse na coscia (prende il secchio da terra e avanza di qualche passo verso l’altra quinta di boccascena che funge da scala interna).

ROSETTA (prende il sacchetto con l’immondizia - tono accattivante): Amè, ’o ssaje, a me Sofia ncopp’ a chella parte nun me piace tanto…. Nun ’a putesse fà io ’a parta soja?…

AMELIA (si gira a guardarla): E comme no!… Si tenisse trent’anne mancante…

ROSETTA (seguendola): ’O ssapevo!… Io però ll’anne ca tengo nun l’addimostro propio e tu ’o ssaje.

AMELIA: Seh, seh… (Entra nella quinta di boccascena - voce fuori campo) Rosè, statte accorta ’e scaline!… Scinne chiano chiano. 

ROSETTA (entra, dietro ad Amelia, nella quinta di boccascena - voce fuori campo): Amè, pienze a te!

LENTAMENTE SI APRE IL SIPARIO

Scena Seconda

 

  Inizi di marzo.  Primo pomeriggio. La scena si ambienta nel soggiorno di casa Acampora. Sul fondo (guardando il palcoscenico) a destra c’è la comune; a sinistra c’è  un mobile a giorno con ninnoli e libri sui ripiani;  sul ripiano centrale, verso destra,  è poggiato un casco da motorino con la parte aperta rivolta verso l’alto.  Sulla parete destra (sempre guardando il palcoscenico): una sedia con sopra un cuscino sottile, un balcone praticabile dal quale si intravedono le piante fuori e, verso la comune, una lunga console con sopra un telefono fisso, un vaso con fiori artificiali e un campanello con batacchio. Sulla parete sinistra: un divanetto a favore del pubblico, una porta praticabile che si apre verso l’interno (da destra a sinistra) e un mobile basso con cassetti. Il tavolo quadrato con tre sedie è in avanti un po’ spostato sulla  destra. Quadri senza pretese alle pareti, un centrotavola, qualche soprammobile e eventualmente un abat-jour sul mobiletto completano l’arredamento.

ARMANDO (in pantaloni e maglioncino, entra dal balcone con un innaffiatoio vuoto in mano): Chisto nun è cchiù nu balcone, me pare ’a succursale d’ ’o bosco ’e Capodimonte!

  Amelia entra dalla comune e poggia il secchio d’acqua sporca sul pavimento. Rosetta, con capelli fermati da spadini, la segue con il sacco d’immondizia, la scopa, la mazza lava-pavimenti e la paletta.

ROSETTA (poggia le mazze vicino alla parete e il sacco con l’immondizia sul pavimento accanto al secchio): Aah! (Si tocca la schiena con le due mani) ’E rine nun m’ ’e ssento cchiù.

AMELIA (con i panni sul braccio e lo strofinaccio della polvere in mano, indicando Armando): Biato a isso ca se spassa cu ’e ppiante!

ARMANDO (socchiudendo il balcone): Me spasso!?… Io p’ arracquà tutt’ ’e ppiante so’ ghiuto già cinche vote a piglià l’acqua int’ ’a cucina! (poggia l’innaffiatoio sul pavimento).

ROSETTA (nervosa, avvicinandosi al tavolo): E chisà che hé cumbinato!... Mò ce starrà nu lago d’acqua ’nterra!

ARMANDO (risentito): Qua’ lago!… So’ cadute appena ddoje gocce e l’aggio asciuttate subbeto subbeto pe’ nun te sentì.

ROSETTA: Voglio propio jì a vedé… (fa per uscire di scena).

ARMANDO (per distrarla, guarda il sacchetto della spazzatura): Rosè, d’ addó è asciuta sta munnezza!?…  Nun avive già scupato stammatina?

ROSETTA: Sì, ma nuje ’ncoppa tenimmo nu terrazzo e chillo pure s’ha da pulezzà, si nun vulimmo tené ll’animale pe’ cumpagnia.

AMELIA: Truvannece avimmo fatto pure na bella arricettata int’ ’o suppigno (poggia i panni e lo strofinaccio sulla spalliera della sedia centrale).

ARMANDO: Eh già, chillo mò ’o suppigno è addeventato ’a siconda casa p’ Alfonsino. Oramai se pò dicere ca llà ’ncoppa isso ce campa, quanno nun perde tiempo mmiez’ ’a via cu ’a scusa che va all’Università…  E chi ’o vede mai! … ’A sera, quanno s’arretira, se porta pure ’a cena ncopp’ ’o terrazzo… (Ironico) ’O terrazzo!…  Dicimmo chiuttosto la base spaziale, l’osservatorio astronomico addó isso studia ’o cielo pe’ vedé l’arrivo de’ marziane!… (Scrolla la testa) M’addimanno comme aggio fatto a fà nu figlio accussì scemo.

AMELIA (ironica): E sicuramente avrà pigliato ’e me (si siede vicino al tavolo sulla sedia a sinistra). 

ARMANDO: E chillo è ’o guajo.

AMELIA: Ma saje che te dico… Songo cuntenta… Meglio nu figlio scenziato ca nu figlio drogato! (si massaggia un polpaccio).

ROSETTA: Amelia ave ragione… Comm’è bello chillu nepote mio!… Stammatina, steva tutto cuntento… M’ha dato nu vaso e  ha ditto “Azì, guarda che cielo pulito, nun ce stà nemmanco na nuvola… Stasera è cchiù facile ca ponno venì”… (Contenta) Che bellezza!… Ce penzate, putesse arrivà nu bellu marziano pe’ me!

ARMANDO (a parte): Nu marziano cecato…  (Rivolto ad Amelia) Io a chillu deficiente d’Alfonsino l’aggio visto stanotte…. Me steva piglianno n’accidente quanno m’ ’o so’ truvato ’nnanze dint’ ’o scuro… Teneva ’o casco d’ ’o motorino ’ncapo e na torcia appicciata ’mmano… Era sciso a se piglià na cuperta…. Ma che fà?…  Mò ce  dorme pure ncopp’ ’o terrazzo?!

AMELIA (minimizza): No, sulo quacche notte… Pe’ nun piglià l’umido, s’arrangia a durmì dint’ ’o suppigno, ncopp’a  brandina d’ ’a bonanema ’e  mammà toja.

ROSETTA: Pe’ chesto avimmo fatto na bella sfrattata ’e rroba vecchia… Avimmo accunciato tantu bello!… Peccato ca ce manca ’a luce!… Alfonsino int’ all’angolo ha miso nu trespolo cu nu piezzo ’e cannucchiale… È nuovo; mò se l’è accattato.

        Amelia lancia un’occhiataccia a Rosetta       

ARMANDO: Overo!?… E quanto ha spiso?

ROSETTA (imbarazzata): Nun ’o ssaccio… Nun ce l’aggio spiato (prende lo strofinaccio dalla sedia e lo passa sulla console).

ARMANDO: Ma sti sorde d’ ’o cannucchiale addó l’ha truvate?…  Amè, tu nun ne saje niente?…  Che d’è, nun parle?!

AMELIA (risentita, si alza): Pecchè t’aggio forse cercato quaccosa ’e sorde a te?… Aggio sulo sparagnato nu poco ’ncopp’ ’a spesa.

ARMANDO: Nu poco!… Nu poco troppo!… Ma comme aggio fatto a nun capì?!… Arance piccerelle piccerelle ca parevano mandarine, ’a muzzarella ca nun sapeva ’e niente e ’a dummeneca na fella ’e carne tantella. E tutto stu sparagno pecché?.. P’ accattà ’o cannucchiale ’o scenziato (si siede a destra)

AMELIA: Pecchè fosse colpa d’ ’o guaglione si ’e sorde nun abbastano?!… Tu, doppo trentacinche  anne ’e servizio  piglie na penzione ’e famme… Quanno te sento ’e dì “Io aggio faticato!” me vene overo ’a ridere… Hé faticato!   Faticato tanto pe’ dicere… Nun si’ stato capace nemmanco ’e fà nu poco ’e carriera… All’INPS cummesso si’ trasuto, cummesso si’ rimasto e cummesso te ne si’ asciuto!

ARMANDO: Eh già… Tu però si’ rimasta ’a casa….  T’è piaciuto, è ovè (?), ’e fà ’a casalinga; ’e nun tené padrune... (Si alza) Tu, Amè, hé fatto sempe ’a signora… Io nun t’aggio mai ditto ’e no, pure quanno tua sorella (indica Rosetta) se ne venette a stà cu nnuje… Te dicette “E vabbuó, si te fa piacere, Rosetta se pò sistemà int’ ’a stanza d’ ’a bonanema ’e mammà (indica la porta che è in scena); p’ ’o riesto ce arrangiammo”. E so’ quinnece anne ca ce arrangiammo.

ROSETTA (mortificata): Ma io, doppo ’a morte ’e papà, nun me putevo permettere na pigione… Papà teneva ’a pensione… Armà, tu però ’o ssaje ca io nun me tiro mai arèto ’nnanze ’a fatica… Mò na nuttata vicino a na vicchiarella, mò na piega a na gonna… (Tira su col naso e va verso la console) Insomma, me dongo da fà, pe’ nun pesà ’ncuollo a vvuje.

ARMANDO (cerca di correre ai ripari): No, Rosè, che hé capito?!

ROSETTA: E allora che vulive dicere?

ARMANDO: Vulevo dicere ca Amelia, cu te dint’ ’a casa, s’è truvata pure na cumpagnia … Tu lle vuo’ bbene… Te l’hé crisciuta… Si’ ’a sora grossa. 

ROSETTA: E dalle cu ’a sora grossa!

AMELIA (adirata, verso Armando): Pe’ te cagnà sta capa, overo pe’ te ce vulesseno ’e marziane!

ARMANDO: Invece pe’ tuo figlio ce vulesse na guagliona, una ca ’o scetasse nu poco… ’E marziane!..  E fernitela cu sti fessarie! (si siede di nuovo con le spalle al balcone).

ROSETTA: Fessarie!… Chillo Alfonsino ha visto l’Uffo… ’O ssape pe’ certo ca stanno pe’ venì….Dice ca oramai è quistione ’e ore. (Si sistema i capelli con le mani - a parte) L’amore non ha età… Sia fatta ’a vuluntà ’e Dio!

AMELIA (siede di fronte ad Armando): Tu a chillu guaglione nun l’hé mai creduto!

ARMANDO: E avisse fatto buono a nun ’o credere nemmanco tu!… Puteva essere ca nun se scemuneva accussì!… Ufo, marziane, dischi volanti…

AMELIA: Comme si fosse sul’isso a nce credere!…  Ajere pe’ televisione ce steva uno ca ha cuntato pe’ filo e pe’ segno chello ca ll’era succieso.   

ROSETTA (si avvicina): Propio ’a stessa cosa ca è capitata a Alfonsino nuosto. Ha visto ’ncielo na cosa tonna ca luceva mò rossa, mò verde, mò gialla e po’ s’è truvato ’nnanze dduje uommene cu na tuta argiento e nu scafandro ’ncapo. Doppo nemmanco isso s’ arricorda cchiù niente.

ARMANDO: E mò accumminciammo n’ata vota!... Alfonsino nun ha visto nisciunu marziano… L’ata sera, ncopp’ ’o terrazzo, l’avrà pigliato na botta ’e suonno e quanno s’è scetato, stunato ca steva, ha scagnato chello ca s’era  sunnato p’ ’a verità… (Rivolto a Amelia) Ma, mentr’io cercavo d’ ’o cunvincere ca s’era trattato ’e nu suonno, tu, pe’ me cuntraddicere comm’ ’o ssolito, “Cunte a mammà, cunte comm’è ghiuta!… ’O ssaje ca io te credo”.

ROSETTA (a parte): Si è pe’ chesto, ’o credo pur’io.

ARMANDO: E ’o vì ccanno ’o risultato… Mò chillu babbasone s’è propio trasferito ’ncopp’ ’o terrazzo…  Ma te pare normale?!... Invece ’e perdere tiempo cu ’e dische volante, facesse meglio a studià nu poco.

AMELIA (si alza): Rosè, nun perdimmo cchiù tiempo, facimmo ampressa… (Indicando le mazze e il secchio) Luvammo sta robba ’a miezo… Vulesse  pruvà nu poco ’a parte, primma c’arrivano ll’ate.

ROSETTA (inizia a raccogliere le mazze - si gira): Ah, mò me scurdavo!… Carmilina ha telefonato… Nun pò venì…Tene ’a freva.

ARMANDO (alzandosi): E Gennaro, già l’ha ditto ll’ata sera, ca nun sape si lle riesce ’e venì.

ROSETTA: Per lo meno Sofia è sicuro ca vene a pruvà.

AMELIA: E sempe accumpagnata d’ ’a  mamma…  Che bella figura che faccio!…  Propio io ca songo ’a regista, nun me so’ ’mparata ancora ’a parte !

ARMANDO: Si te pò cunzulà, nun ’a saccio nemmanco io.

ROSETTA (con la scopa in mano): A me so’ sulamente ddoje battute… Voglio propio vedé quann’è c’aggio na parte cchiù longa!… (Si avvicina) Amè, t’ ’o ddico n’ata vota, si nun truove l’attore ca ha da fà ’a parte d’ ’o nnammurato  mio, io ’ncopp’ ’o palcoscenico nun esco.

ARMANDO: Rosè, nuje tenimmo ’o spettacolo fra nu mese… Si nun truvammo l’attore, chella parte l’avimm’ ’a  taglià… Facimmo capì ca isso è partuto pecché è ghìuto a truvà a na zia malata (prende l’innaffiatoio di plastica).

 ROSETTA: Ma che vuo’ taglià?… Si’ pazzo!

AMELIA: Rosè, nun ’o dà retta!… L’attore ce stà… ’A signora Lucia m’ha ditto ca cunosce a uno ca ha fatto na recita ’a scola, quann’era piccerillo.

ARMANDO (a parte): Sarrà n’ata scarda ’e lignammo.

ROSETTA: Sperammo che l’ha chiammato!… Stasera ce l’arricordo io.

AMELIA: E faje buono….Jammo, Rosè, luvammo stu sicchio e  sti mmazze ’a miezo (le porge le mazze). 

        Rosetta prende le mazze e il secchio con l’acqua e esce di scena.

ARMANDO (con l’innaffiatoio in mano): A pruposito d’ ’a signora Lucia, quanti bigliette s’è pigliata?   

AMELIA: Io ce n’aggio dato, pe’ tramente, diece a essa e diece ’a figlia… Essa ha ditto ca l’accummencia a vennere a ll’amiche soje e ca sicuramente veneno tutt’ ’e pariente… Sofia, invece,  ha ditto ca essa ’e ppiazza ’ncopp’a sartoria addó fatica.

ARMANDO: Ah, menumale!… Chillo ’o teatro d’ ’a parrocchia  tene  treciento poste… Io ce aggio prummiso a Don Gabriele na bella offerta pe’ pittà ’o canciello d’ ’a  chiesa (riapre il balcone che aveva socchiuso e ripone l’innaffiatoio fuori a sinistra).

AMELIA: Na bella offerta… È na parola!

 

ROSETTA (torna in scena a prendere il sacco con l’immondizia e i panni che sono sulla sedia): Uffà, ccà nun se fernesce mai! (Prende lo strofinaccio della polvere dalla console) Chisto pure s’ ha da lavà (esce di scena).

ARMANDO (rientra e richiude balcone): ’O sacrestano ha ditto ca ’a scena ce ’a po’ fà isso… Tène n’amico ca lle dà sicuramente na mano… Certo l’avimm’ ’a pavà. 

AMELIA: Sperammo ca ’e bigliette se venneno!

ARMANDO: Sperammo!

Scena Terza

       

        Bussata di porta (campanello)

AMELIA: E chi sarrà?… Armà, va’ tu…. Guarda comme stò cumbinata… Me vaco a mettere nu poco in ordine (esce frettolosamente di scena, sempre dalla comune).

        2.a Bussata di porta (campanello)

ARMANDO (esce dietro ad Amelia, ma va a destra): Vengo, vengo!… (Voce fuori campo) Ma che piacere!… Prego, trasite… (Rientra in scena preceduto da due donne - a voce alta, affacciandosi verso l’interno della casa) Amè, è venuta ’a Signora Elena cu ’a figlia… (Rivolto alla signora Elena e a Simona) Penzo c’ ha ’ntiso… Ma accomodatevi (indica il divano).

SIGNORA ELENA: Ah, finalmente m’assetto nu poco! (si siede e si sbottona la bella giacca).

ARMANDO (in piedi): E il nostro Don Carmine che fa?… Se presenta pure stavota alle elezioni?

SIGNORA ELENA: E chillo ’o partito ha insistito tanto! (tira fuori il ventaglio dalla borsa).

ARMANDO: Simó, ’o ssaje,  te sì fatta ancora cchiù bella.

SIMONA (con indosso un tailleur pantalone, si siede sul divano accanto alla mamma): Grazie… Ma Rosetta nun ce stà?

ARMANDO: Sì, ma forse se starrà lavanno pecché essa e Amelia hanno fatto na bella pulizia ’ncopp’ ’o terrazzo… Mò ’e vvaco a chiammà… Permettete nu mumento (esce di scena).

SIGNORA ELENA: Facite cu comodo… (Si soffia nervosamente col ventaglio e rivolta alla figlia) Chillu scansafatiche ’e patete vò fà ’a politica, però pretenne ca ’a campagna elettorale ce ’a faccio io. Ma io me songo scucciata… Dio sulo ’o ssape quanta scale aggio fatto ’a stammatina… Sto tutta sudata.

SIMONA: Si è pe’ chesto, me so’ scucciata pur’io… Io pe’ t’accumpagnà corro ’o rischio d’ammaccà ’a machina. ’A patente ’a tengo sulo ’a tre mmise e nun saccio ancora parchiggià buono… (Guarda verso la comune, si ravvia i capelli con la mano) Chisà si Alfonsino ce stà?

SIGNORA ELENA: Sperammo ’e no… Io a chillu deficiente nun ’o supporto propio.

SIMONA: Invece a me m’è simpatico propio pecché nun è comm’ all’ate.

SIGNORA ELENA: Chillo è ’nzipeto pure quanno parla… Ma addó ’e ttrova chelli pparole?… Aspè, comme dicette quanno ’o ’ncuntrajemo l’ atu giorno?

SIMONA: Dicette… “Donna Elena, è d’auspicio quest’incontro assai felice!”… Te facette nu cumplimento… Chillo è nu poeta, perciò parla accussì.

SIGNORA ELENA: Qua’ cumplimento!… Chillu doppo me dicette troia e si tu nun me fermave a tiempo, nu pacchero nun ce ’o luvava nisciuno (si soffia nervosamente col ventaglio).

SIMONA: Mammà tu nun capisce niente… Io m’arricordo buono… Chillo, Alfonsino, dicette:  “La bellezza sta nel nome; più vi guardo e la memoria corre all’ Elena di Troia”… Comme se vede ca nun hé studiato!… Troia è na città cunusciuta propio pe’ chesta Elena ca era spusata e facette scuppià na piezza ’e guerra pecché se teneva a n’ato.

SIGNORA ELENA: Embè, m’aiute a dicere… Era na troiana di  Troia… Si vide a chillu scemo, dincello ca nun se permettesse cchiù.

SIMONA (si alza): A parlà cu te se perde sulo tiempo.

ALFONSINO (giovane con folta capigliatura, entra in scena): Gué, Simó!… (Avanza sorridente e rivolto alla signora Elena) Che sorpresa sta pariglia! So’ venute ’a mamma e ’a figlia. Io me sento nu scunciglio ’nnanze a tanta meraviglia!… Donna Elena bella, il tempo non vi segna, anzi cancella!  

SIMONA (in piedi accanto ad Alfonsino): Mammà, hé sentito che cumplimento!… Ha ditto ca tu te faje sempe cchiù giovane.

SIGNORA ELENA (lo guarda con sufficienza): E grazie… Ma comme te veneno sti pparole?

ALFONSINO (sorride): E io  me l’appriparo primma… M’ ’e scrivo ’ncopp’ a nu quaderno e quanno me servono e votto fore.

SIGNORA ELENA (ironica): Simò, hé ntiso?… Se l’appripara primma.

SIMONA: E pe’ forza!… Si no comme facesse a se l’arricurdà.

AMELIA (entra in scena, pettinata e con una blusa diversa): Scusate tanto, ma me stevo lavanno… (Abbraccia Simona che le va incontro) Che piacere!… (Va verso il divano) Che bella sorpresa!… (Bacia la Signora Elena che si è alzata).

SIGNORA ELENA: Ce simmo truvate ’a chesti pparte e avimmo penzato ’e saglì pe’ nu saluto (si siede di nuovo).

AMELIA (le siede accanto): Quantu tiempo è passato!… L’urdema vota ce simmo viste ’o  matrimonio ’e Serena.

        

        Armando rientra in scena e avvicina la sedia laterale del tavolo al divano.

 

SIMONA: Quatto anne fa…  Serena,  mò tene già dduje  figli.

ARMANDO (si siede): Overo?!… Comme passa ’o tiempo!

        Alfonsino legge dei messaggini sul telefonino.

SIGNORA ELENA: So’ ddoje peste… Ivan ha fatto ’a poco tre anne e Marco tene undice mise…

AMELIA: E Don Carmine comme stà?… Che fa ’e bello?

SIMONA: Papà s’arreposa, tanto ce stanno ll’ate che faticano pe’ isso.

SIGNORA ELENA: Chillo tene ’e seguace suoje.

ARMANDO (a parte): Comm’a Gesù Cristo.

ROSETTA (entra in scena pettinata e senza grembiule - guarda Simona): Gesù, nun ce pozzo credere! 

SIMONA: Ciao Rosé  (si baciano).

ROSETTA: Simó, te faje sempe cchiù bella.

SIMONA: Grazie (guarda Alfonsino).

        Alfonsino apre il balcone e fa segno a Simona di raggiungerlo.  Simona lo segue fuori al balcone (entrambi vanno a destra per non essere visibili).

ROSETTA (andando verso il divano): Che surpresa! (si china sulla spalliera a baciare la signora Elena che rimane seduta). Comme mai?!

SIGNORA ELENA: Ce simmo truvate ’a chesti parte e avimmo penzato ’e saglì pe’ nu saluto.

AMELIA: Lo gradite un caffè?

ARMANDO: Eh, sì.

SIGNORA ELENA: No, pe’ carità!  N’aggio pigliate già assaje.

AMELIA: Allora na bella orzata fredda fredda?

 

ARMANDO: Eh, sì.

ROSETTA: Fredda fredda, propio no… Chillo ’o frigorifero stà danno l’anima a Dio.

SIGNORA ELENA (rivolta ad Amelia): Invece ’o mio, pecché è nuovo, gela troppo assaje… (Si gira verso Rosetta) Rosè, forse è meglio nu poco d’acqua sulamente.

ARMANDO: Pe’ me…

ROSETTA (lo interrompe): Acqua pe’ tutte quante (esce di scena).

ARMANDO (a parte): Ce sciacquammo. 

SIGNORA ELENA (fingendo interesse): E Alfonsìno che sta facenno ’e bello?

ARMANDO: Perde tiempo… Mò s’è mmiso ’ncapo ca ha da scrivere nu libro. (Scuote la testa) Nu libro… Niente ce vò!? 

        Simona rientra in scena (dal balcone).

SIGNORA ELENA (sorride, ironica): Nu libro!

AMELIA: Se vede ca sape a isso… (Rivolta alla Signora Elena) Chillo Alfonsino cu ’e pparole ce sape fà.

SIMONA: È overo. 

ARMANDO: E tu, Simó, che me dice?

SIMONA: Io stò all’Università ma mò voglio cagnà facoltà… Voglio fà Astronomia.

SIGNORA ELENA: Séh, séh, accussì studia ’e stelle…  I’ vulesse sapé chi ce ha miso st’idea ’ncapo!?

ARMANDO (a parte): Chisà?

SIGNORA ELENA: ’A sera se ne va p’ ore e ore fore ’o balcone a guardà ’o cielo… (Rivolta alla figlia) Simó, ma pecché te puorte ’o telefonino?… A che te serve?

SIMONA: Me serve… Me serve a te chiammà si rimango chiusa fore ’o balcone.

AMELIA: Ave ragione.

ROSETTA (entra in scena e pone il vassoio con quattro bicchieri d’acqua sul tavolo): Ecco qua.

AMELIA: E Don Carmine che fa?… Se presenta all’elezioni?

SIGNORA ELENA: E chillo ’o partito ha insistito tanto.

SIMONA: Pure pecché papà mò tene a Pietruccio, nu giovane laureato ca lle scrive ’e discorse… (Guarda intenzionalmente la mamma) Ce l’appripara primma.

ARMANDO: E si lle capita c’ha da fà nu discorso all’improvviso, comme fà?

SIMONA: Pietruccio ce l’ha cupiato tutte quante ’ncopp’ ’o computer, accussì si nun  ce sta tiempo, ne sceglie uno che va meglio,  ce cagna quacche parola e ce ’o stampa… Chillo è scemo… Fatica comm’ a nu cane (esce fuori al balcone per raggiungere Alfonsino).

        Rosetta dallo schienale del divano porge il bicchiere d’acqua alla Signora Elena.

SIGNORA ELENA: Sì, ma mio marito nun s’ ’o ttène…  Mò lle passa ’e bigliette d’ ’o cinema, mò ’e bigliette d’ ’o teatro… 

        Rosetta continua a porgere il bicchiere d’acqua alla Signora Elena.

ARMANDO (a parte): Tanto isso ll’ave regalate.

SIGNORA ELENA: Pietruccio spera sempe ca mio marito lle trova na bella sistemazione, che saccio ’ncopp’ ’o comune, int’ ’a regione, int’ a na banca…

 

        Rosetta continua a porgere il bicchiere d’acqua.  

AMELIA: Ah, Don Carmine tene sta putenza!  Allora putesse…

SIGNORA ELENA (la interrompe): Qua’ putenza!… Carmine lle pò fà sulo na referenzia…Pò dicere ca se tratta ’e nu bravo giovane onesto e faticatore. Chest’ è tutto.

AMELIA (delusa e poco convinta): Ah, aggio capito.

ROSETTA: Ccà sta l’acqua.

SIGNORA ELENA (prende il bicchiere): Ah, grazie! (Sorseggia appena po’ d’acqua e restituisce il bicchiere a Rosetta) Scusa, Rosè!… Penzavo ’e tené cchiù sete.

ROSETTA: Io penzavo ’e tené cchiù ciorta (va a riporre il bicchiere nel vassoio che è sul tavolo e si siede).

        Simona e Alfonsino rientrano ridendo dal balcone. Alfonsino lo richiude.

SIMONA (vede l’acqua sul tavolo): Ah, ce vuleva propio! (beve).

ARMANDO: Ma Don Carmine sta a Napule?

SIGNORA ELENA: Noo… Chillo stà sempe in giro. 

       

SIMONA (rivolta ad Alfonsino): Pe’ sta campagna elettorale, Pietruccio l’ha scritto cinche pagine longhe longhe… (Sorride, avvicinandosi agli altri) Papà nun ne sarrìa mai stato capace … Sperammo ca s’ ’e ’mpara a leggere, si no se capisce ca nun l’ha scritte isso.

SIGNORA ELENA: Si nun te staje zitta, ’o vvène a sapé tutta Napule ca ’o discorso nun l’ha scritto isso.

SIMONA: Ma io l’aggio cuntato sulamente a lloro… (Guarda Alfonsino che le sta accanto) E po’ io e Alfonsino ce cunuscimmo ’a piccerille.  

ALFONSINO (le accarezza i capelli):’A quanno tu purtave ’e ttrezzelle.

SIGNORA ELENA (guarda Simona e sospira): Pietruccio! Comm’è bravo chillu giovane! Putesse fà ’a felicità ’e ogni guagliona … Invece cu ’e ffemmene è propio sfurtunato… Comme vulesse!…  

SIMONA (la interrompe): Pur’io vulesse… Chillo papà ce tene assaje a addeventà assessore.

SIGNORA ELENA: Pecché mò nun è già assessore?

SIMONA: Sì, ma è assessore ’o Comune… Invece, si saglie, addeventa assessore ’a Regione.

SIGNORA ELENA: Ah, aggio capito… È cchiù importante… (Tira fuori il cellulare dalla borsa) Permettete?… Aggi’ ’a fà na telefonata (si alza).

AMELIA: Ah, ve site fatto ’o cellulare?

SIGNORA ELENA: E pe’ forza! (si sposta verso il proscenio, cerca sul display e chiama un numero memorizzato, poi un altro e un altro ancora).

SIMONA (rivolta ad Armando - tono confidenziale): Chillo è ’o cellulare viecchio ’e papà… Papà n’ha avuto n’ato cchiù nuovo d’ ’o partito e s’è tenuto chisto pe’ mammà, (sorride) accussì pure ’e ttelefonate ’e mammà nun ’e ppavammo.

ARMANDO (guarda Amelia): Hé capito, Amè?

SIMONA: Si è pe’ chesto, nuje nun pavammo nemmanco ’a benzina p’ ’a machina e ’o parcheggio…  So’ tutte spese che pava ’o partito.

ALFONSINO: Overo!?… Quase quase me metto in politica pur’io.

ARMANDO (ironico): Sì, p’azzeccà ’e manifeste.

SIGNORA ELENA: Pronto?… Sono la signora Pirazzo… (Sorride compiaciuta) Sì, ’a  moglie ’e ll’onorevole… (fa spallucce a Simona che la guarda con disappunto) quanno po’ sarrà… No, stavota tiene il numero ottantotto.

ROSETTA (a parte): Uttantotto, ’e casecavalle.

SIGNORA ELENA: No, nun ce stanno probleme… ’E bigliettine v’ ’e porto io a Casoria… Qua’ fastidio! I’ me trovo a passà… Allora ce vedimmo fra poco. Arrivederci (chiude il telefonino).

SIMONA: Uffà, mammà, avimm’ ’a jì fino a Casoria!?

SIGNORA ELENA: Pe’ vencere st’elezione, tuo padre ave bisogno ’e propaganda… (Rivolta ad Amelia) Se sape ca, si ll’amice lle danno na mano, isso doppo nun s’ ’o scurdarrà.

ARMANDO (si alza - a parte):Ce darrà quacche biglietto p’ ’o cinema (riavvicina la sedia al tavolo).

SIGNORA ELENA (prende la borsa dal divano): Mò avimm’ ’a propio scappà.

 

  Rosetta si alza e resta vicino al tavolo.

AMELIA (si alza dal divano e la precede): M’ ha fatto assaje piacere ’e ve vedé. 

SIGNORA ELENA (rimette il cellulare in borsa): Pure a me.Mò me scurdavo  (tira fuori dei bigliettini stampati). Ve lascio sti bigliettine ’e propaganda… Numero ottantotto; arricurdateve stu nummero (poggia i bigliettini sul tavolo).Chisà a quanta gente cunuscite!… Vuje facite teatro.

 

 ROSETTA: Propio fra nu mese tenimmo nu spettacolo… Si vulite venì, ’e poste ce stanno… ’O teatro è gruosso.

SIGNORA ELENA: È gruosso?!… E allora putesse jì buono pe’ fà nu discorso elettorale chella sera.

AMELIA: A nnuje ce pò fà sulo piacere… Cchiù gente ce stà, meglio è.  

SIGNORA ELENA: Ma addó se trova stu teatro?

ARMANDO: Sta ccà vicino… È ’o teatro d’ ’a parrocchia nosta.

SIGNORA ELENA (delusa): Ah, è ’o teatro d’ ’a parrocchia.

ROSETTA: Sì, ma tene treciento poste… Avite voglia ’e l’arregnere… ’O biglietto costa sulo cinche euro.

SIMONA (sorride): Chella è gente ca nun spenne nu centesimo pe’ ghì ’o San Carlo, figurammece si…

SIGNORA ELENA (la interrompe): No, nun è chesto.  So’ politici… Nun teneno ’a capa p’ ’o teatro… Mò hann’ ’a penzà all’elezioni… Carmine putesse fà ’o discorso primma d’ ’o spettacolo, tanto ’o pubblico ’o purtate vuje… Stasera ce ne parlo e po’ semmai ce sentimmo… (Tende la mano ad Armando) Arrivederci… Jammo, Simó, facimmo ampressa c’ avimm’ arrivà fino a Casoria… (Saluta da lontano, uscendo dalla comune con Amelia) Ciao, Rosè!... Ciao, Alfonsì!…. 

SIMONA (saluta Armando, bacia Rosetta e stringe il braccio ad Alfonsino): Ciao, Alfonsì!…

SIGNORA ELENA (voce fuori campo): Simó! 

SIMONA (uscendo dalla comune): Vengo!  

ALFONSINO: Aspè, scengo pur’io (esce di scena dietro a Simona).

AMELIA (voce fuori campo): Ciao, Simó!… Alfonsì, nun fa tarde!

ROSETTA: Comm’ è bellella chella guagliona!

AMELIA (rientra in scena, scimmiottando la signora Elena):Tanto ’o pubblico ’o purtate vuje…. Io nun ce pozzo credere!

ARMANDO: I politici, te l’arraccumanno, sanno sulo piglià.

ROSETTA: Si sapevo, me stevo zitta.

AMELIA: Vide quanto tiempo ce hanno fatto perdere. (Prende i bigliettini dipropaganda elettorale dal tavolo e porgendoli a Rosetta) Tie’, Rosè! Vuttele int’ ’a munnezza!

ROSETTA (con aria disgustata, butta i bigliettini nel vassoio): ’E straccio pure.  

Scena Quarta

AMELIA: Armà, primma c’ arrivano ll’ate, vulesse pruvà meglio ’a primma scena d’ ’o sicondo atto (prende due copioni dal primo cassetto del mobiletto).

ARMANDO (guarda l’orologio): E va buo’ nu poco ’e tiempo ce stà… Sofia nun arriva mai primma de ll’otto… Amè, m’arraccumanno, stasera dance ll’ati bigliette ’a signora Lucia… ’E bigliette s’ hann’ ’a vennere, si no ’o teatro comme s’ arregne.

AMELIA: ’O ssaccio. (Rivolta a Rosetta che sta uscendo di scena con i bicchieri nel vassoio) Rosè, mò che vaje ’int’ ’a cucina, fa na butteglia d’acqua d’idrolitina.

ROSETTA: Si va be’ (esce di scena).

ARMANDO: Amè, ma tu ce l’hé ditto d’ ’o spettacolo ’a tabaccara?… Chella ’o vvuleva sapé pe’ tiempo… L’anno passato nun putette venì, però giuraje ca ’a prossima vota veneva sicuro.

AMELIA: Sicuro!!!… Chella  nun appena aggio accumminciato  a parlà,  senza nemmanco sentì ’a data d’ ’o spettacolo “Che peccato! Tengo nu matrimonio” e m’ha liquidata ampressa ampressa…  ’Mmaculata ha fatto ancora peggio… Nun appena ha visto ca io cacciavo ’e bigliette ’a dint’ ’a borza, ha risposto ’o telefono  senza ca nemmanco chillo sunasse e ha fatto finta ’e parlà.

ARMANDO: Che piezze ’e bbona femmena!… E tu?

AMELIA: E io, pe’ dispietto, me so’ trattenuta llà quase diece minute; po’ doppo me songo scucciata e me ne so’ ghiuta. Avev’ ’a ancora fernì ’e fà ’a spesa… Totonno, ’o salumiere, ha ditto ca isso vulesse venì, ma ’a mugliera nun supporta ’e stà ’o cchiuso. So’ trasuta pure addu Rafilina cu ’a scusa ’e m’accattà ’o cuttone e chella cu nu suspiro “Biate a vvuje ca facite ’o teatro!… Se vede ca tenite ’a capa fresca… Io ’a sera stongo accussì stanca che m’addormo’ ncopp’a seggia”.

ARMANDO: Vedite che risposta!… Facesse buono cu ’o ccuttone a se cosere ’a vocca… (Tono dolce) Amè, nun te prioccupà!… Te faccio vedé ca ’e bigliette se venneno.

ROSETTA (torna in scena con bicchieri di carta impilati e un vassoio che poggia sulla console): Armà, si avimm’ ’a spustà ’o tavolo, damme na mano.

ARMANDO: Aspettammo ca vene Sofia.

ROSETTA: Aje raggione, accussì fatica nu poco pur’essa.

 

AMELIA (rivolta ad Armando): Armà, ma tu quacche biglietto l’hé vennuto?… Ll’amice tuoje, chille ca ce hé faticato ’nzieme tant’anne, te veneno a vedé?

ARMANDO (ironico, appoggiandosi allo schienale della sedia centrale): Tutte quante… Ce può scummettere.

ROSETTA (non coglie l’ironia): Me fa piacere (sistema meglio i fiori nel vaso).

ARMANDO: Quanno so’ arrivato ’o terzo piano, aggio tuzzuliato e so’ trasuto int’ ’a primma stanza. Nun te dico che feste m’hanno fatto! Ma po’, nun appena aggio ditto d’ ’o spettacolo e aggio tirato fore ’e bigliette, uno s’è mmiso cu ’a capa dint’e ccarte, n’ato ’nfaccia ’o compiùter e Gisella ha fatto finta ca ll’è venuto male ’e panza e se n’è curruta fore.

AMELIA: E tu?

ARMANDO: E io allora me ne so’ asciuto e so’ ghiuto ’a stanza appriesso… Tutte quante “Guè, Armà, comme staje?… Che ce faje ’a chesti pparte?”. Allora io aggio accumminciato a parlà d’ ’o spettacolo… E subbeto chi se n’è ghiuto ’a ccà e chi se n’è ghiuto ’a llà cu na scusa… Int’ ’a chell’ata stanza nun ce so’ nemmanco trasuto… Steveno parlanno ’e sport… Chille ’a dummeneca se vedeno ’a partita… Che se ne ’mportano d’ ’o teatro!

AMELIA (delusa): Pacienza! (si siede alla destra di Armando).

ROSETTA: Chella ’a gente è fetente… Io però me songo ’mparata e, quanno pe’ me sfottere m’addimannano d’ ’o spettacolo, rispongo “Che v’ ’o ddico a fà?... Chillo ’o biglietto costa cinche euro e ’o ssaccio ca pe’ vvuje è caro”… (Sorride) Accussì facenno, n’aggio vennuto già nove.

AMELIA (ad Armando): Hé capito!?

ARMANDO: E brava a Rosetta! (esce di scena dalla comune e va a sinistra).

ROSETTA: Amé, doppo damminne n’ati diece, però dammille quanno ce stanno tutte quante.

AMELIA: Sì, accussì pò essere ca se smoveno pure lloro (sfoglia il suo copione).

Scena Quinta

        Bussata di porta (campanello)

ROSETTA (va ad aprire - voce fuori campo): Trase, trase! (entra in scena seguita da un ragazzo che si guarda intorno con aria impacciata).

AMELIA: Rosè, chi è?…

ROSETTA (le si avvicina): Ha da essere ’o figlio ’e n’amica mia… (Rivolta al ragazzo) Si’ venuto pe’ bigliette; è ovè?

RAGAZZO: Pecché vennite ’e bigliette?

AMELIA: Vennimmo!?… Nuje nun ce guadagnammo niente… ’O ffacimmo  sulamente pe’ fà n’offerta ’a Chiesa…  Rosè, valle a piglià… Stanno dint’ ’o primmo tiretto d’ ’o cummò.

ROSETTA (fa per uscire di scena, poi si gira verso il ragazzo): Ma tu quante ne vuò?

RAGAZZO: Io veramente ’o biglietto nun ’o faccio mai… (Sorride, beffardo) Io me ne scengo nun appena veco ’e saglì ’o cuntrullore.

AMELIA: E che ce azzecca ’o pulmànno?!

ROSETTA: Nuje parlammo d’ ’o Teatro… ’O biglietto costa sulamente cinche euro… Propio niente… ’A cummedia è bella assaje!

AMELIA (tono deciso): Guaglió, mamma toja t’ha ditto quanta bigliette vò?

RAGAZZO: Ma chella, mammà, stà ’o spitale.

ROSETTA: Uh, Gesù!… E che tene!

RAGAZZO (si tocca lo stomaco): Tene nu mattuoglio ccà… ’E miedece diceno ca so’ ’e calcule.

ROSETTA: Puverella!… Comme me dispiace!… E penzà ca io a Nunziatina l’aggio vista appena na settimana fa.

RAGAZZO: Nunziatina!… Chella mammà se chiamma Filumena.

ROSETTA: Ah, allora tu si’ ’o nepote ’e  Graziella?

RAGAZZO: Noo!… (Pensoso) Na nonna mia se chiamma Michelina, chell’ata se chiamma Maria… Na zia mia se chiamma Furtuna, n’ata se chiamma ’Ntunetta e ’a mugliera ’e zì Gaetano se chiamma Nannina.

AMELIA: Nèh, ma allora che si’ venuto a fà?

RAGAZZO: So’ venuto p’ ’o pallone.

AMELIA: ’O pallone!

ROSETTA: Qua’ pallone?

RAGAZZO: Nuje stevemo pazzianno a pallone fore ’o terrazzo ’e rimpetto… ’O pallone è zumpato e è fernuto int’ ’o balcone vuosto, llà addó tenite ’e panne stise.

ROSETTA: ’O balcone d’ ’a cucina.

RAGAZZO (timidamente): Stà ’ncastrato int’ ’a na pianta.

AMELIA: ’A pianta ’e lauro.

RAGAZZO: M’ ’o pozzo jì a piglià?… Avimm’ ’a fernì ’a partita.

ROSETTA (nervosa): Aspiette ccà!… T’ ’o vaco a piglià io (esce di scena).

AMELIA (si alza e inizia a scrutare il ragazzo): Fatte guardà nu poco… (Gli si avvicina, gli solleva il mento) Fatte vedé meglio (lo osserva attentamente).

RAGAZZO (timoroso): ’E cumpagne mieje me stanno aspettanno (guarda verso la comune nella speranza di vedere tornare Rosetta con il pallone).

AMELIA:Levete ’e llente!

RAGAZZO: ’E llente ’e pporto ’a piccerillo (si toglie gli occhiali, mentre Amelia gli sta di fronte e osserva da vicino gli occhi)… Na visita a ll’uocche me ce vuleva propio… (Con gli occhi aperti) Doppo me facite pure leggere ’e nummarielle ’a luntano?

AMELIA (pensosa): Ma tu hé mai penzato ’e fà l’attore?

RAGAZZO (si allontana): No, qua’ attore!… Chi ’e suppurtasse ’e llente a cuntatto! (rimette subito gli occhiali).

ROSETTA (torna in scena col pallone fra le mani - nervosa, si avvicina al ragazzo): Â pianta  s’è spezzato nu ramo… Pe’ poco nun avite scassato ’e llastre… ’A prossima vota ’o pallone v’ ’o schiatto… Dincello ’e cumpagne tuoje. (A parte) ’O pallone! Quanno so’ guagliune passano ’o tiempo a pazzià a pallone e quanno so’ gruosse passano ’o tiempo a cuntà palle!

AMELIA (sorride): Aje ragione (si siede).

ROSETTA: Guagliune e uommene so’ tutte fissate p’ ’o pallone (Si accarezza un  fianco e sospira) E p’ ’o pallone se perdono ’e piacere d’ ’a vita!… (Consegna il pallone al ragazzo) Tié! Vattenne!

RAGAZZO (abbraccia il pallone): Grazie, grazie assaje (esce di scena, seguito da Rosetta).

Scena Sesta

ROSETTA (voce fuori campo): Ah, Melì!

MELINA (voce fuori campo): Ce stà ’a signora?

AMELIA: Chisà sta vota che lle manca (scorre una pagina del copione).

ROSETTA (voce fuori campo): Sì, trase! (va a sinistra verso l’interno della casa, senza entrare in scena).    

MELINA (con jeans e maglioncino, entra in scena): Permesso? (Guarda i due copioni sul tavolo) Stasera tenite ’e pprove d’ ’o spettacolo?

AMELIA: Sì.

ARMANDO (entra in scena): Ciao, Melì.

AMELIA: Melì, vulive quaccosa?

 

MELINA: Mammà stà cucenanno ’e puparuole e s’è accorta ca nun tene l’aglio… L’abbastano dduje spicchie.

AMELIA (si alza): Si’ furtunata; l’aggio accattate propio stammatina. (Si affaccia alla comune verso sinistra e chiama a voce alta) Rosè!

ARMANDO: Comme so’ buone ’e puparuole!

AMELIA: Ma costano tiempo e fatica… Nuje stasera ce arrangiammo cu na bella ’nzalata ’e pummarole (si siede di nuovo).

ARMANDO (a parte): Tanto pe’ cagnà.

MELINA: Alfonsino nun ce stà?

ARMANDO: E chillo nun ce stà mai!…  (Guarda il casco) Però si nun s’è purtato ’o casco significa ca sarrà sciso pe’ ccà attuorno… Chillo ce dorme pure c’  ’o casco.

MELINA(sorride): Overamente?!

ARMANDO (ironico): Sì pe’ l’umidità d’ ’a notte (esce di scena).

 

MELINA: Se guadagna assaje facenno teatro?

AMELIA:Comme no!… (Si alza) È meglio ca l’aglio t’ ’o vaco a piglià io (esce di scena).

 

MELINA (rimasta sola, si guarda intorno con fare circospetto; prende il casco dal mobile e lo poggia sul tavolo): Santa Vergine ’e Pumpei,sulo tu me puo’ aiutà! (Apre la mano sinistra in cui nasconde una medaglina della Madonna) I’ lle voglio bene, ma isso a me nun me penza propio… (Prende la medaglina con due dita dell’altra mano) Ah, me se steva ’ncullanno mmiez’a mano! (La poggia all’interno del casco, proprio al centro, premendo forte per fare aderire la colla) Madonna mia, pienzece tu! (Rimette il casco dov’era) Ecco fatto (si allontana di là).

AMELIA (torna in scena e le porge l’aglio): Tie’, Melì; è na capa sana.

MELINA: Grazie, ma abbastavano duje spicchie sulamente.

AMELIA: P’ ’e pupauole duje spicchie so’ poche.

MELINA: E grazie assaje… Arrivederci (esce di scena).

 

AMELIA: Ciao e tirete ’a porta…. Vide si chillo vene… (A voce alta) Armà!

ARMANDO (entra in scena): Eccomi qua!

Scena Settima

ROSETTA (porta una bottiglia d’acqua, chiusa con tappo ermetico): Ecco qua l’idrolitina (poggia la bottiglia nel vassoio, sopra la console).

AMELIA (ad Armando, porgendogli l’altro copione): Tié e assettete! (Guarda il numero della pagina sul suo copione aperto) Arape a pagina ventiquattro… M’arraccumanno, vide ’e nun te ’mpapinà (Tono professionale) Tu, l’Ingegnere Gustavo Tarallo, staje assettato vicino ’a scrivania cu cierti ccarte ’nnanze… Io, la tua mogliettina, Renée Briosce, di padre francese, arrivo zitto zitto e te bacio ’ncopp’ ’o cuollo… È chiaro?

ARMANDO (seduto, col copione aperto davanti): Sì, aggio capito. Io Gustavo Tarallo sto faticanno ’a scrivania e tu, Renè Briosce, arrive zitto zitto e me daje nu vaso ncopp’ ’o cuollo.

ROSETTA: A me ogni vota ca sento taralle e briosce, me vene na famme!

ARMANDO: A chi ’o ddice!… Però, chisà pecchè, quanno sento briosce, penzo subbeto a…

AMELIA (lo guarda severamente): A che?

ARMANDO (mentendo): Â zuppa ’e latte.

AMELIA: E va be’, jammo ’nnanze… Chesta scena è importante pecché fa capì comme chella coppia se vò bene… Allora (si sposta dietro di lui) io traso ’a chesta parte e te faccio ’a surpresa… S’intende ca parlo nu poco struppiato, cu ’a erre moscia, pecché songo meza francese… (Si avvicina in punta di piedi ad Armando) “Cucù?…Sorpresa! (si china e gli dà un bacio sul collo). Ma cosa sta facendo il mio maritino che si è scordato la sua Pussy?… Pussy è dipiaciuta; senti come  si lamenta… Miao!… Miao!”E ccà faccio ’a mano a zampetella… Allora tu… (Lo scuote) Armà!

ARMANDO: Ah, sì!  (Legge frettolosamente la battuta sul copione) “Il mio tesoro ha ragione, la sto trascurando. Eppure, se nascessi dieci volte, dieci volte coglierei questo fiore, il fiore più bello, il fiore più profumato, il fiore più pregiato della terra, ma anche la gattina più selvaggia, più capricciosa e più graziosa del mondo. Miao! Miao!”

   Rosetta assiste con scarso interesse, sorridendo di tanto in tanto.

AMELIA: Noo!   Nun va propio!… Che d’è  sta corsa?… Tu, ogni vota ca dice fiore, hé ’a  tirà ’ncoppo c’ ’o naso,  comme si m’addurasse,  e ogni vota ca dice gattina hé ’a addeventà smurfiusiello… Accussì pure quanno dice miao… Hé capito?

ARMANDO: Sì, sì; aggio capito (prende la matita dal tavolo e fa in tutta fretta due disegnini sul copione).

AMELIA (guarda quei due scarabocchi): E che so’?

 

ARMANDO: So’ ’o naso e ’a zampetella, accussì nun me scordo.

AMELIA (sorride): Voglio proprio vedé… Armà, nun correre! Quanno sta ’o punto t’hé ’a fermà.

ARMANDO (gli occhi al copione, ripete la battuta con i toni giusti): Il mio tesoro ha ragione, la sto trascurando… Eppure, se nascessi dieci volte, dieci volte coglierei questo fiore…il fiore più bello, il fiore più profumato, il fiore più pregiato della terra… ma anche la gattina più selvaggia, più capricciosa e più graziosa del mondo… Miao!… Miao!

ROSETTA (a parte): Seh, seh… Miao, miao… (Varca la porta che è dietro al divano ed esce di scena).

AMELIA (sbirciando il copione): Cherì, cherì, tu ti stanchi troppo! Fatti aiutare dalla tua mogliettina… E ccà, Armà, tu te suse e dice ’a battuta, piglianneme  ’e mane pe’ m’ ’e vvasà.

ARMANDO (gli occhi al copione, si alza e prende le  mani di Amelia):  Tesoro,  dolce tesoro, le tue mani così candide, così delicate sono mani fatte per ricevere baci (fa per baciarle le mani e si allontana disgustato) Mamma mia, comme fiete d’aglio!

AMELIA (si odora le mani): Aje ragione… Forse pecché, quann’ aggio pigliato ’a capa d’aglio pe’ Melina, aggio luvate duje spicchie mieze fracete… Allora ’e  mmane pe’ mò nun m’ ’e vvasà… Pruvammo n’ata vota sta battuta.

ARMANDO (rilegge mentalmente la battuta per memorizzarla e prende i polsi di Amelia): Tesoro, dolce tesoro, le tue mani così candide, così delicate sono mani fatte per ricevere baci; mani morbide, mani vellutate che vorrei mi accarezzassero sempre.

AMELIA (facendolo): Po’ te miette ’e mmane mie ’ncoppp’ ’o cuollo e m’abbracce.

ARMANDO (provando la scena, ne approfitta per stringere Amelia a sé): Accussì?… Me piace, me piace… Pruvammo ancora, pruvammo!

ROSETTA (entra in scena dalla sua stanza - nervosa): Seh, pruvamo… pruvammo… Ma si nun truvammo a chi fa ’a parte d’ ’o spasimante mio, io comme faccio?

AMELIA: Rosè, ma ’e pprove hann’ ’a jì ’nnanze… Che colpa ne tengo, si chillu fesso ’e Ciccillo nun ha accettato ’a parte?!… Io l’attore ’o sto cercanno.

ROSETTA: Voglio proprio vedé (rientra nella sua stanza e richiude la porta).

ARMANDO: Amè, ma addó ’o truvammo st’attore?!… Nuje chella parte l’avimm’ ’a taglià.

AMELIA: Si’ pazzo!… E chi ce ’o ddice a Rosetta!

ARMANDO: Ce ’o ddico io.

AMELIA: Tu invece te staje zitto… ’A regista songh’io.

ARMANDO: E già, ’a regista si’ tu (si siede).

ROSETTA (rientra in scena, indossando una maglietta diversa): Amè, secondo te, sta maglietta va bona ncopp’ ’a scena?

AMELIA (la guarda appena): Sì, va bona.

Scena Ottava

        Bussata di porta (campanello)

ROSETTA: Sarranno già Sofia e ’a mamma (va ad aprire uscendo dalla comune a destra).

ARMANDO (guarda l’orologio sul polso): No, è ancora ampressa.

        Amelia continua a scorrere il copione.

ROSETTA (rientra in scena  - sottovoce): Aggio guardato ’a dint’ ’o buco… È chella lagnosa d’Assuntina cu chillu cataplasemo d’ ’o marito… Che faccio?… Arapo?

ARMANDO: E che ’e vvulisse lassà fore ’a porta?!

ROSETTA: Facimmo vedé ca nun ce stammo.

AMELIA: E pecché?... Armà, vedimmo ’e pruvà ’o stesso.

ARMANDO (si alza): Sì, me voglio propio divertì. Tu però lavete ’e mmane  e llèva ’o ffrancese ’a miezo.

        Altra bussata di porta (campanello)

ROSETTA (va ad aprire, ridendo): Vengo!… Vengo!  (Voce fuori campo): E chi v’aspettava! 

        Amelia conserva in fretta i copioni nel primo cassetto mentre Armando accosta le sedie al tavolo.

ROSETTA (entra in scena, precedendo gli ospiti): Guardate che surpresa!

        Assuntina e Tonino, accuratamente vestiti, entrano in scena.

ARMANDO (stringe la mano ad Assuntina): E chi se l’aspettava!

AMELIA (abbracciando Assuntina): Overamente na surpresa! 

ARMANDO (stringe la mano a Tonino): Che piacere!

AMELIA (dà la mano a Tonino): Comme mai ’a chesti pparte?!

TONINO: ’A tantu tiempo vulevemo venì.

ROSETTA (ammirando Assuntina): Assuntì, te trovo na bellezza.

ASSUNTINA (incredula): Seh, seh!

ARMANDO (indica il divano e le sedie): Ma prego, accomodatevi!

 

ROSETTA: Luvateve primma ’a giacca! (aiuta Assuntina a togliersi la giacca).Assuntì, assettete! (le indica il divano).  

  

        Assuntina si siede sul divano (lato interno), mentre Tonino si sfila il soprabito. Rosetta esce dalla comune per appendere giacca e soprabito.

TONINO (siede vicino al tavolo sulla sedia centrale): Assuntina ’a stammatina steva ’nguttosa assaje e allora aggio penzato d’ ’a fà distraere nu poco.

ASSUNTINA (girandosi sul divano - voce lamentosa): Io nun ce pozzo fà niente… Nun è colpa mia… Chillo è ’o sistema nervoso.

TONINO: Proprio accussì… Piccea sempe, pure pe’ na sciucchezza… Se preoccupa mò ’e chesto, mò ’e chello… D’ogni pilo ne fa nu travo… E accussì se rende ’a vita impossibile.

        Rosetta rientra in scena.

         

AMELIA: Ma tu guarda che fa ’a depressione!

ARMANDO: ’A depressione è brutta assaje (siede alla destra di Tonino).

TONINO: Pur’io me ne stò scennenno appriesso a essa….  Pe’ chesto aggio ditto “Ogge ce n’ascimmo. Accussì, mentre i’ me faccio na partita a scopa cu Armando, tu te faje ddoje chiacchiere cu Amelia e Rosetta”… E eccoci qua.

ROSETTA (ironica): Propio na bella penzata!

AMELIA (tira fuori dal secondo cassetto del mobiletto le carte da gioco napoletane): Ccà stanno ’e ccarte… Accumminciate a giucà… Tu, Rosè, fa cumpagnia a  Assuntina… io vengo subbeto (a gesti fa capire al marito che va a lavarsi le mani ed esce di scena).

ROSETTA: Sì, va bè (siede sul divano alla sinistra di Assuntina). Assuntì, doppo ce pigliammo nu bellu bicchiere d’orzata… Uh, comme me piace stu vestito!… E comm’è bella sta borza! (accarezza la borsa).

ASSUNTINA: Sì, so’ belle… ma che me ne faccio?

ARMANDO (dopo aver mischiato velocemente le carte): Jammo, Tonì, spacca!    

        Armando distribuisce tre carte ciascuno e ne mette quattro aperte sul tavolo. 

TONINO: Armà, ma ll’hé ammiscate buono! (apre il gioco)

ARMANDO: E comme no!  (prende due carte da terra).

ASSUNTINA (a Rosetta - voce lamentosa): Biate a ll’uommene!… L’abbasta nu mazzo ’e carte pe’ ’e  fà distraere e  nu pallone pe’ ’e fà felice!

ROSETTA: È propio overo… Pe’ lloro esiste sulo ’o pallone… (Sospira) ’O pallone!… Se l’abbracciano e s’ ’o vasano pure.

AMELIA (rientra in scena, stropicciandosi le mani come per asciugarsele e si abbassa sulla spalla di Armando): “Cucù?… Sorpresa! Ma cosa sta facendo il mio maritino che si è scordato la sua Pussy?…Pussy è dipiaciuta… Senti, come  si lamenta…  Miao!… Miao!”

        Assuntina li guarda strabiliata, mentre Rosetta si sforza di non ridere.

ARMANDO (si gira verso Amelia, tenendo le carte in una mano e si alza): Il mio tesoro ha ragione… Ma se nascessi dieci volte, dieci volte  coglierei questo fiore…(La odora sul collo) Il fiore più bello, il fiore più profumato, il fiore più pregiato del mondo; ma anche la gattina più selvaggia, più smorfiosa  e più capricciosa del mondo…  Miao. (Si siede e riprende a giocare) Scopa!

ASSUNTINA (meravigliata): Gesù, doppo tant’anne ’e matrimonio se vonno ancora accussì bbene!?

ROSETTA (divertita): Fanno proprio venì ’a voglia ’e se mmaretà… Ma pecché Tonino tujo?…

ARMANDO (grida di nuovo): Scopa!

TONINO (nervoso ad Armando): No, nun vale! (abbassa un'altra carta).

        Amelia apre il primo cassetto del mobiletto e sbircia il copione per memorizzare la battuta successiva.

ARMANDO (contento): Scopa! 

ROSETTA (per distrarla): Assuntì, comme so’ belle sti scarpe che tiene!

 

ASSUNTINA: Sì, so’ belle, ma a me nun me ’mporta cchiù ’e niente… Nun ’o ssaccio nemmanch’io che vulesse (prende il fazzolettino dalla borsa e si tampona il naso).

ARMANDO: Scopa!... E cu chesta so’ sette punte… Tonì, nun t’ ’a  piglià! (Si alza e prendendo la bottiglia d’acqua dalla console) Bìvece ’a coppa.

TONINO: No, grazie; nun tengo sete… Armà, ’a toja è furtuna; nun è bravura.

 

ARMANDO (con la bottiglia d’acqua in mano): Io ’a furtuna ’a voglio pe’ ll’ ati ccose, no p’ ’e ccarte! 

AMELIA (premurosa, si avvicina a Armando, togliendogli la bottiglia di mano): Cherì, cherì, non ti stancare!… Fatti autare dalla tua mogliettina (poggia la bottiglia sulla console).

              Rosetta per nascondere una risata si alza e finge di cercare qualcosa in un cassetto del mobiletto.

        Assuntina rimane girata sul divano a guardare Amelia e Armando.

ARMANDO (prende le mani di Amelia): Tesoro, dolce tesoro, le tue mani così candide, così delicate, sono mani fatte per ricevere baci; mani morbide (le bacia una mano), mani vellutate (le bacia l’altra mano) che vorrei mi accarezzassero sempre (l’abbraccia).

ASSUNTINA (si alza - voce lamentosa): Io me ne voglio jì!… Tonì, tu a me sti pparole nun me l’hé mai ditte!

TONINO: E comme facevo!… Tu saje piccià sulamente.

ASSUNTINA: Busciardo!… Quanno ero giovane, nun picciavo… E tu?… Tu stive sempe stanco… ’A sera, dint’ ’o lietto, te girave ’a chell’ata parte e t’addurmive… Chelli ppoche vote ca me venive vicino, ’o ffacive senza genio… Tu, Tonì, si’ stato arruvina d’ ’a vita mia!… L’aggio capito mò, mò sulamente.

ROSETTA: Assuntì, calmete! Nun fà accussì!

AMELIA (imbarazzata): Forse è stato pe’ colpa nosta?

ARMANDO: Me dispiace. 

TONINO (adirato, si alza): ’E che!?… È overo; io a Assuntina tanta vuommeche nun ce l’aggio mai fatte, ma so’ sicuro ca nemmanco a essa lle fosseno piaciute… Però nun ll’aggio fatto mancà maje niente: vestite, machina, pellicce, gioielle, viagge, ristorante, cinema, teatro … senza cuntà na bella casa e ’a femmena ’e servizio… Pe’ me, chesto  significa vulé bene.

ASSUNTINA (tira su col naso): È overo!… È overo! (si avvicina a  Tonino).

TONINO (risoluto): È overo sì!… Aggio sempe faticato; aggio studiato ’e notte pe’ me piglià nu diploma… (Ad Assuntina) Si aggio fatto tanta sacrifice pe’ fà carriera, è stato pe’ nun te fà desiderà niente, pe’ t’arregnere ’e regale… A saperlo me ’mparavo a fà dduje cicereannammuollo, accussì sparagnavo… (Prende la moglie per un braccio) E mò jammo!… Luvammo ’o disturbo!… Buonasera e scusate tanto! (esce di scena con Assuntina).

ARMANDO: Tonì!

  

AMELIA: E chi puteva immaginà!

TONINO (voce fuori campo): Tie’, ’nfilete ’a giacca!

ROSETTA: Assuntì, aspetta! (Esce di scena - voce fuori campo) Arrivederci.

ARMANDO (si siede): Tonino ha passato ’o guajo cu Assuntina.

Rosetta rientra in scena.

AMELIA (ripone le carte da gioco nel secondo cassetto): Chella è furtunata e nun ’o ssape… Vestite, pellicce, gioielle, viagge…

ROSETTA (continua): e ’a femmena ’e servizio.

AMELIA: E chi l’ha visto mai tutto chesto!

ROSETTA: Biata a essa!… E po’ Tonino è ancora nu bell’ommo.

ARMANDO: Però tene ’a capa tosta.

 

AMELIA: Meglio ’a capa tosta ca ’a sacca moscia.

       

        Armando si finge distratto per non raccogliere la provocazione.

ROSETTA: Scummetto ca, si Assuntina faceva l’attrice, chillo ll’accattava addirittura nu teatro!

AMELIA (tono incalzante): E dì ca no!

ARMANDO (ironico): Si faceva ’a sacrestana, l’accattava ’o Vaticano.

AMELIA: Nuje invece ce arrangiammo… Ce arrangiammo cu ’e llenzóle arrinacciate, cu ’o frigorifero scassato, cu nu bagnetiello a Marechiaro… Tonino nun ha capito ca ’a nosta era sulo na finzione.

ARMANDO: Io invece aggio capito subbeto chello ca me steva astipato, nun appena isso ha parlato d’ ’a carriera (si alza).        

Scena Nona

             Bussata di porta (campanello)

AMELIA: Sarrà Sofia… Rosè, va tu! (apre il primo cassetto del mobiletto e tira fuori quattro copioni).

 

ROSETTA (uscendo di scena dalla comune): ’O ssapevo!... (Voce fuori campo) Buonasera… Ve stevemo aspettanno… Ma luvateve ’a giacca. 

SIGNORA LUCIA (voce fuori campo): Grazie… Sofì, ’a giacca toja appiennela ccà, ’ncopp’ ’a mia…... Permesso? (entra in scena con la borsa, seguita da Sofia e da Rosetta) Buonasera!

ARMANDO (tende la mano alla Signora Lucia): La nostra cara Signora Lucia!….Prego, accomodatevi!… Ciao, Sofì! (dà un pizzicotto sulla guancia a Sofia).   

AMELIA: Buonasera! (saluta la signora Lucia e Sofia).Rosè, tu e Armando spustate nu poco ’o tavolo, mentre io cerco ’a matita (guarda nel cassetto).

        Rosetta e Armando, tolgono la sedia frontale e spostano leggermente il tavolo più indietro. Sofia, ancora con la borsa a tracolla,  prende quella sedia e la sistema sul lato anteriore del tavolo con la spalliera al balcone, prende la sedia a sinistra del tavolo e ve l’affianca). 

SIGNORA LUCIA: Io m’assetto ccà, accussì nun dongo fastidio (siede sulla sedia esterna).

ROSETTA: L’importante è che state comoda.

             Alfonsino con indosso un giubbotto, entra furtivamente dalla comune, prende il casco e esce subito di scena, andando a sinistra.

ARMANDO (lo vede e si affaccia alla comune): Alfonsì, vaje ncopp’ ’o terrazzo?

ALFONSINO (voce fuori campo): Sì.

  Sofia siede accanto alla mamma e poggia la borsa a terra fra le due sedie.

AMELIA (dà un copione ad Armando): Tié, Armà, chisto è ’o tujo. (Dà un copione a Rosetta) Tié, Rosè! (Rivolta a Sofia) Sofì, addó stà ’o cupione tujo?

 

SOFIA: ’O tengo dint’ ’a borza (prende il copione dalla borsa)

SIGNORA LUCIA (un po’ mortificata ad Amelia): Sapite, aggio vennuto sette bigliette sulamente: uno a mammà, uno a me, tre ’e ssore mie e dduje a na cummarella… Me dispiace assaje!

AMELIA (mascherando la delusione): E va buo’ nun ’mporta (apre il suo copione e vi inserisce la matita; l’altro copione resta chiuso sul tavolo).

 

SIGNORA LUCIA: Che peccato ca ’o spettacolo se fa ’e dummeneca!… ’A dummeneca  ce stà ’a partita.

ARMANDO: Già!…M’ ’a vulesse vedé pur’io!… ’O  Napule sta jenno forte. 

ROSETTA: Amè, ma tu ’o siente!?… Chillo penza ’a partita.

AMELIA: Pe’ ll’uommene esiste sulo ’o pallone…(Rivolta alla signora Lucia) Nisciuno riesce a  immaginà  quanta fatica ce stà areto a nu spettacolo!...

ROSETTA: Amelia p’ ’o teatro ce stà appezanno ’a salute… E si ’e bigliette  nun se venneno, ce appizza pure ’e sorde.

SOFIA (arrotola nervosamente il copione): Io ’e bigliette n’aggio vennuto sulo duje a na cliente d’ ’a sarturia… Chella se l’è accattate pe’ me fà cuntenta…  Chisà pure si vene!… ’E ccumpagne mie nun saccio c’hanno passato; nemmanco me parlano cchiù.

SIGNORA LUCIA: È l’invidia, bella ’e mammà… Io già te veco ’ncopp’ ’o manifesto… Sofia Canesta nella parte di… nella parte di?  

AMELIA: Mirelle Tarallo.

ROSETTA: Taralle ’nzogna e pepe.

SIGNORA LUCIA: A proposito ’e taralle (tira fuori dalla borsa un sacchetto di carta). Stammatina me so’ truvata add’ ’o panettiere propio mentre ’e sfurnava.  

ROSETTA (le prende il sacchetto di mano): Che bellezza!... Ma pecchè ve site misa in cerimonie?

ARMANDO: Grazie! (Tende una mano verso i taralli) Ce vulevano proprio!

AMELIA (si appropria del sacchetto e lo va a poggiare sul ripiano del mobile a giorno dove era il casco) : Mò no… mò avimm’ ’a pruvà… (Con tono gentile alla Signora Lucia)  Ce ’e mangiammo doppo. 

SIGNORA LUCIA: Ma ce manca ancora Carmilina.

ROSETTA: Carmilina nun vene…Tene ’a freva.

SIGNORA LUCIA: E Gennaro?

ARMANDO: Vene cchiù tarde… Ha da cunzignà nu lavoro.

SIGNORA LUCIA: Uh, me dispiace!… E mò?

AMELIA: Pruvammo ’o stesso… Pruvammo ’e scene addó lloro nun ce stanno.

SIGNORA LUCIA: Sofì, pruove buono a mammà, m’arraccumanno!  ’O ssaje ca doppodimane nun può venì… (Rivolta ad Amelia) Tène appuntamento cu ’o dentista… Ha chiesto pure nu permesso ’o principale p’ ascì primma.

AMELIA (sforzandosi di conservare la calma): E allora nun perdimmo tiempo… (Rivolta a Sofia) Sofì, te l’hé studiata ’a parte?

SOFIA (tentenna): Sì, ma si sapesse tutt’ ’a storia, forse… 

AMELIA: Sofì tu hé ’a fà ’a parte ’e na figlia vinciuta pecché io e tuo padre t’ammo sempe accuntentata… Io so’ meza francese…  Tu te si’ vuluta spusà troppo giovane e mò tiene pure nu criaturo. Però già te sì pentita d’ ’o matrimonio e viene a te sfugà cu me...

ARMANDO (ironico, sottolinea): Mammà Briosce

AMELIA (continua, indicando Armando): e cu isso.

ROSETTA (ironica, sottolinea): Papà Tarallo.

AMELIA (zittisce Rosetta con un’ occhiataccia e si sistema vicino al divano, guardando la comune): Allora… Bussata di porta… Rosè, nun siente?… Bussata di porta.   

ROSETTA: Overo?… Nun aggio ’ntiso propio (fa per uscire dalla comune).

AMELIA: Ma addó vaje?… Liegge ’o cupione!...  Hé ’a sunà  o campaniello.

        Rosetta prende il campanello dalla console, lo scuote due volte e lo poggia di nuovo sulla console.

  Amelia impugna la matita a mo’ di bacchetta e, come un direttore d’orchestra,  la punta verso Armando.

ARMANDO (in piedi, scorre un attimo il copione): Vado io, cara… (Finge di aprire una porta e si gira verso Sofia) Oh, la mia piccola Mirelle!… Che sorpresa!

AMELIA (col copione in una mano, rivolta ad Armando): Armà, hé ’a dicere Mirèl, pecché ’o nomme è francese… Accummience d’ ’o capo.

ARMANDO: Vado io, cara… (Si avvicina alla comune, fingendo di aprire una porta e si gira verso Sofia che è rimasta seduta) Oh, la mia piccola Mirèl!… Che sorpresa!

SOFIA (legge il copione che ha poggiato sul tavolo e rivolta ad Armando): Oh, papà, papà, papà mio! (si alza e singhiozzando lo abbraccia).

AMELIA: Sofì, ma che trase d’ ’a porta assettata!… E po’ ’a porta stà  llà... Va!

SOFIA (mortificata, si sposta dove le è stato indicato): Scusate!

AMELIA: Sofì, stamme a sentì: quanno dice ’o primmo papà è comme si dicisse “bongiorno”… Quanno dice ’o sicondo papà è comme si dicisse  “Chi me l’ha fatto fà ’e  me spusà? … Quanno dice  ’o terzo papà è comme si dicisse “E mò, aiutame tu!”…  È chiaro? 

SIGNORA LUCIA: Statte accorta, bella ’e mammà!… Cirche ’e nun sbaglià.

AMELIA: Rosè, statte accorta pure tu… Accumminciammo d’ ’o capo (punta la matita verso Rosetta).

Rosetta scuote due volte il campanello.

Amelia punta la matita verso Armando.

ARMANDO (con il copione in mano): Vado io, cara… (Finge di aprire una porta) Oh, la mia piccola  Mirèl!… Che sorpresa!

SOFIA (aspetta il segnale di Amelia e rivolta ad Armando): Oh, papà!… Papà!… Papà mio! (lo abbraccia, singhiozzando).

AMELIA: Già va meglio… (Vede che l’abbraccio si protrae e richiama Armando) Papà!!!… (Rivolta a Sofia) A chistu punto papà t’addimanna ch’è succieso… Allora tu trase dint’ ’a stanza e te piazze ccà …  Ccà, accussì areto a te po’ trasì Rosetta, ’a  baby sitter c’ ’o criaturo ’mbraccio… E mò, forza, leggìte buono ’o cupione!

ARMANDO (legge): Ma che cosa è caduto, piccola mia?

AMELIA (nervosa): È caduta na tegola e t’ha cugliuto’ncapo. (Gli porge la matita) Curriegge “accaduto”… Pure si stà scritto sbagliato ce putive arrivà ’o stesso.

ARMANDO (corregge): Che pacienza!

        Rosetta prende il cuscino dalla sedia, lo avvolge e, stringendolo al petto, si piazza dietro a Sofia.

AMELIA (riprende la matita): Sofì, doppo ca si’ trasuta d’ ’a porta, fa ’a voce  lagnosa quanno dice ’a battuta.

SOFIA (col copione in mano, legge con voce lagnosa): Guardami, papà, ero un figurino e adesso per colpa di quel ranocchio ho perso il mio vitino.

AMELIA: Sofì, quanno dice ranocchio, hé ’a guardà ’o criaturo che stà ’mbraccio a Rosetta.

ROSETTA (precisa): Io dint’ ’a parte me chiammo Renny.

AMELIA: ’O ssaccio… Sofì, liegge… Va’ ’nnanze!

SOFIA: Per colpa di quell’ezzerino, non riesco più a guardarmi allo specchio.

AMELIA: Ma quale ezzerino!?… (Scandisce) Esserino.

SOFIA (mortificata): Scusate, nun aggio letto buono.

AMELIA (pazientemente): Liegge n’ata vota.

SOFIA (rilegge): Per colpa di quell’esserino, non riesco più a guardarmi allo specchio.

ROSETTA (vede la matita di Amelia puntata su di lei e legge dal copione): Signora, io portare babi sul letto… sì?

AMELIA: Ma qua’ babi?! … Se legge bebi... bebi… È inglese.

ROSETTA (ripete per memorizzare): Bebi… Allora ’a filippina parla inglese?… Nun ’o ssapevo.

AMELIA (nervosa, punta la matita verso Armando): Liegge tu!

ARMANDO: Sì, Renny, vai di là (le indica il lato verso il balcone).

  Amelia punta la matita verso Rosetta.

ROSETTA (stringendo il cuscino e nascondendo la bocca, imita il pianto di un neonato): Nguèee… nguèee... nguèee…(si allontana verso il balcone e ripone il cuscino sulla sedia).  

SOFIA (legge): Lo senti?… Piange così tutta la notte… Guarda, papà!… Guarda che occhiaie ho fatto.

AMELIA (suggerisce): Piglia ’o cellulare! 

SOFIA (mortificata): Io nun ’o tengo.

AMELIA (apre il secondo cassetto del mobile): E va buo’ ce arrangiammo. (Porgendo un cellulare-giocattolo a Sofia) Chisto è finto, ma nun se vede… Sofì, quanno rispunne a telefono, primma hé ’a fà ’a voce normale e po’ ’a voce cuntenta… Rosè, nun te distraere; fà ’o suono d’ ’o cellulare.

ROSETTA: ’O suono d’ ’o cellulare!?… E comm’ ’o faccio? 

AMELIA: Canta na musichetta… Sofì, liegge n’ata vota ’a battuta.  

SOFIA (col copione in mano): Lo senti?… Piange così tutta la notte… Guarda, papà!… Guarda che occhiaie ho fatto.

ROSETTA (vede la bacchetta di Amelia puntata su di lei e intona una musichetta): Lalla là, lalla là, lalla lalla, lalla lalla là…

SOFIA (risponde al cellulare, seguendo i suggerimenti di Amelia): Sì, sono io… Chi parla?... (Contenta) Ah, per il massaggio?… Sì, va benissimo… Avrei bisogno anche  di una ritoccata alle unghie… Cinzia è disponibile?… Allora vengo subito. (Bacia Armando) Ciao, papà,  devo andare.

 

ARMANDO: Vai, piccola mia, altrimenti farai tardi... Non preoccuparti del bambino…  A lui badiamo noi.  

AMELIA: Armà, quanno dice  Non preoccuparti, Sofia già ha da stà quase fore ’a porta, pecchè essa va ’e pressa e d’ ’o criaturo nun se ne ’mporta. (Prende il cellulare giocattolo dalle mani di Sofia) Sofì, tu però t’ hé ’a arricurdà ’e spremmere stu tasto pe’ risponnere e chist’ato quanno fernisce ’e parlà.

SOFIA (impacciata): Sì, sì, nun ve preoccupate… (Contenta, va a sedersi accanto alla madre) Ma comme me piace sta parte!

Scena Decima

SIGNORA LUCIA: Chella è bella propio ’a cummedia!… Ma chi l’ha scritta?

ARMANDO: E chi ’o ssape… Io truvaje sti fogli addu nu sapunaro… Steveno dint’ ’o tiretto ’e nu cummò… Quanno leggette ’ncoppo “Figlia ingrata” e cchiù sotto “ Commedia”, me l’arravugliaje dint’ ’o giurnale e m’ ’e ppurtaje ’a casa… ’O nomme ’e ll’autore nun ce steva… Chisà pecché?...  Amè, pecché ’ncopp’ ’a locandina nun ce miette ’o nomme tujo?... Ogge tutte quante fanno vedé che scriveno. 

AMELIA: Si ll’ate so’ mariuole, io no (ripone il cellulare giocattolo nel secondo cassetto del mobile).

SIGNORA LUCIA: ’A signora Amelia ave ragione.

ARMANDO (rivolto alla signora Lucia): ’A cosa bella ’e sta cummedia è ca nun ’a sape nisciuno… Perciò, pure si cagnammo quaccosa…

AMELIA (severa): E pecché aviss’ ’a cagnà?

ARMANDO: Pe’ ghì ’nnanze… Pò pure capità ca uno se scorda na battuta.

AMELIA: E tu cirche ’e nun t’ ’a scurdà! (raccoglie i loro tre copioni e li poggia sul tavolo assieme alla matita) Pe’ stasera avimmo fernuto.

        Rosetta esce di scena dalla comune, andando a sinistra verso la cucina.

SOFIA (col copione in mano, rivolta alla madre): ’A parte è bella, ma è difficile.

SIGNORA LUCIA: E tu studiatella. 

VOCE FEMMINILE (fuori campo - gridando): Mò basta, me so’ scucciata!… Me ne vaco cu  ’o primmo che ’ncontro!

SIGNORA LUCIA (sobbalza): Chi è?

ARMANDO: No, nun ve ’mpressiunate… È na pazza che stà ’e casa ô piano ’e sotto… (Sorride) Pure Rosetta nosta, quanno s’arraggia, dice accussì e po’ rimane sempe ccà …  Se vede ca nun ’ncontra mai a nisciuno.

AMELIA (ironica): Io invece a te te ’ncuntraje ’int’ a na stradulella, vicino ’o Cimitero… Via del pianto…  quase n’avvertimento. Peccato ca nun capette! 

ROSETTA (rientra in scena dalla comune e rivolta ad Amelia): Aggio lavato ’e ppummarole e ’a lattuga … Mò ce mangiammo dduje taralle (prende dal mobile a giorno la busta con i taralli e la poggia sul tavolo).

SIGNORA LUCIA: Pe’ nnuje no, si no io nun ceno e a Sofia mia se ’mpasta  ’a voce.

ARMANDO: E pecché ha da cantà?

SIGNORA LUCIA: Sì... insomma… Sofia tene propio na bella voce e io avevo penzato ca forse, primma d’ ’a cummedia, mentre ’a gente s’assetta, essa putesse cantà na canzone… (Commossa) Che suddisfazione sarrìa pe’ me!

AMELIA (prende un tarallo e conservando la calma): Na canzone!?  E va buo’, po’ vedimmo… Ce aggi’ ’a penzà.

SIGNORA LUCIA (rivolta a Sofia): Sofì, pecché nun ce faje sentì Lazzarella?

SOFIA (si schiarisce la voce e intona la canzone): Ah, lazzarella…

AMELIA (quasi le tappa la bocca con il tarallo): Tie’, Sofì, mangete nu tarallo… ’A canzone ce ’a faje sentì n’ata vota.

ARMANDO (per riparare): Accussì ce ’a sentimmo tutta quanta.

ROSETTA (prende un tarallo e poggia di nuovo la busta sul ripiano del mobile a giorno - Rivolta alla Signora Lucia): Signó, avite  parlato cu chill’attore?

SIGNORA LUCIA: Attore, po’… Chillo ha fatto sulo na recita ’a scola quanno era guaglione… Però quanno ce l’ aggio ditto, è stato assaje cuntento… S’è pigliato pure l’indirizzo… Ha ditto che faceva ’o possibile pe’ venì stasera stessa… Se vede ca nun ha pututo… Se chiamma Umberto Panzanella.

Scena Undicesima

  Bussata di porta (campanello)

ROSETTA (agitata): Uh, Madonna, sarrà isso!… Io me vaco a accuncià nu poco (col tarallo in mano varca precipitosamente la porta che è in scena e sparisce).

ARMANDO: E va buo’, aggio capito… Vado io (esce di scena).

UMBERTO (voce fuori campo): Mi sono Umberto Panzanella.

ARMANDO (voce fuori campo): Piacere!... Prego, accomodatevi!

UMBERTO (uomo piacente sulla cinquantina con indosso un trench, entra  timidamente in scena, seguito da Armando): Buonasera.

AMELIA: Buonasera (lo studia).

 

SIGNORA LUCIA: Buonasera… Io nun v’aspettavo propio cchiù.

UMBERTO (impacciato): Mi dovete perdonar… Mi ho fatto tardi per il traffico e perché mi non conossevo la strada.

SIGNORA LUCIA (indicando Amelia ad Umberto): Questa è la signora Amelia. È ’a regista e pure ’a primma attrice.

UMBERTO (accosta il piede destro al sinistro e china leggermente il capo verso Amelia): Fortunato!

SIGNORA LUCIA (indica Armando): Don Armando, è ’o primo attore. È ’o marito d’ ’a regista. 

UMBERTO (ripete quel saluto un po’ militare): Ancora fortunato!

SIGNORA LUCIA (accarezza la spalla di Sofia): Sofia è l’attrice cchiù giovane d’ ’a cumpagnia.

UMBERTO (sorride): Sofia, ll’è sertamente una brava attrise.

AMELIA: Ma Umbè, nun stà allerto!…Vide addó te vuo’ assettà… L’unica cosa  ca nun ce manca int’ a sta casa so’ ’e seggie… Io te chiammo Umberto pecchè nuje attori ce dammo ’o tu, pure si Sofìa nun s’è abituata ancora a me chiammà pe’ nomme… Pigliete stu cupione, accussì te l’accummience a leggere. Me pare ca tu trase a pagina trentatré (gli porge il copione in più che è sul tavolo).

UMBERTO (prende il copione): Grassie… (Va verso il divano) Allora mi, me seggo qui (si siede e si sbottona il giaccone).

AMELIA: È na parte piccerella… Tu ’int’ ’a cummedia te chiamme Enrico.

UMBERTO: Enrico… il nome me piase.

        Umberto, seduto sul divano, comincia a sfogliare il copione.

  Sofia finisce di mangiare il tarallo.

AMELIA (fa il giro del tavolo e sottovoce alla Signora Lucia): Chisà si pò venì a pruvà tre ssere ’a settimana?

  

SIGNORA LUCIA: Io penzo che sì… Chillo nun è nemmanco spusato… Campa cu na sora e cu ’a mamma vecchia.

        Rosetta entra in scena dalla sua stanza, ridicolmente truccata con una fascia e un fiore tra i capelli, gonna con spacco e calze a rete. Armando sobbalza e si gira; la signora Lucia e Sofia frenano una risata; Amelia finge indifferenza.

ROSETTA (rivolta a Umberto): Buonasera! (fa il giro del divano).

UMBERTO (la vede e sobbalza):Buonasera.

ROSETTA: Io so’ la sorella della regista e faccio l’attrice io pure… (Gli tende la mano) Piacere!

UMBERTO (le stringe la mano - mentendo): Ll’è un piasere anco per mi.

ROSETTA (gli siede accanto sul divano - tono civettuolo): Nuje attori ce dammo ’o tu… Io mi chiammo Rosetta e tu? (accavalla una gamba).

UMBERTO (si scosta un po’): Mi… Mi me chiamo Umberto, per servirvi…

ROSETTA: Umberto che?

SIGNORA LUCIA: Se chiamma Umberto Panzanella.

UMBERTO (a Rosetta): Umberto Panzanella, per servirvi.

        Frattanto, Sofia e la mamma leggono insieme alcune pagine del copione, mentre Amelia e Armando prendono i loro copioni dal tavolo e li sfogliano, soffermandosi di tanto in tanto su qualche battuta.

ROSETTA: Panzanella Perservirvi… Allora tiene dduje cugnomme?

UMBERTO (sorride): No!...  “Per servirvi” ll’ è  un modo zentile per rispondere con garbo… Il mio papà s’era veneto.

 

ROSETTA (per intavolare una conversazione): Mamma mia era d’Afragola.

UMBERTO: Veramente?

ROSETTA: E pecché sta meraviglia?!

UMBERTO: Così per spinzere il discorso… La mia mamma è…

ROSETTA (interrompendolo): È furastèra pur’ essa?

 

UMBERTO: No, la mia mamma ll’è di qui, di Secondiiano… Ella dise sempre che bisogna dar soddisfassione agli altri… E poi, ostregheta, non costa niente!

ROSETTA (un po’ frastornata da quel modo di parlare): Umbè, io penzo ca vaje buono ’ncopp’a parte, pure si parle nu poco strèvuzo… Ma tu ’o ccapisce ’o nnapulitano?

UMBERTO: Sertamente… Mi lo parlo anche… Se adesso se sente l’assento venessian (controscena di Rosetta) è perché mi vegno da Iésolo... Mi son stato lì un mese, perché lì ho ancor dei parenti.

ROSETTA (tono indagatore):Ma tua moglie nun dice niente si quacche sera, pe’ pruvà, t’arretire cchiù tarde?

UMBERTO (sorride): Si dà il caso che mi non son sposato.

ROSETTA (contenta): Ah, nun si’ spusato!… (Scopre la gamba accavallata per mettere in risalto le calze a rete) Overamente?

UMBERTO: Sì veramente… Mi non ho ancora trovato l’anima zemella.

ROSETTA: Io so’ Acquario e tu?

UMBERTO: Mi son Vergine.

ROSETTA: Ah, si’ vergine?!

             Amelia tira fuori da un cassetto una locandina su carta gialla.

UMBERTO: Papà ll’era del Toro.

ROSETTA: Papà mio era nu Scurpione.

AMELIA (si avvicina a Sofia e alla Signora Lucia): Aggio fatto ’a locandina… V’ ’a voglio fà vedé… Rosè, viene pure tu… Viene a vedé si te piace.

SIGNORA LUCIA (la guarda): È overamente bella.

UMBERTO: Mammina l’è Bilancia

ROSETTA: Mammina mia ’a bilancia ’a rumpette.

UMBERTO: Còmo? 

ROSETTA: No a Napule… Chella mammà era chiatta assaje.

Umberto sfoglia il copione e Rosetta gli si accosta più vicino.

ARMANDO: Stu culore ’e giallo va propio buono… Rosè, viene a vedé!

SIGNORA LUCIA: Me piace pure ’o nomme d’ ’o teatro “Settimo Cielo”.

AMELIA: Rosè, e vvuo’ venì!

ROSETTA (a malincuore si alza - rivolta a Umberto): Permesso nu momento... Mi vegno subeto… (Si avvicina a Amelia) Uffà!…Che vuo’?!…  (Guarda la locandina)  Eh, ma nun é giusto! ’O nomme mio ce stà sulo na vota.

ARMANDO: E pecché?... Quanta vote ce avess’ ’a stà?

ROSETTA: Doje vote… Te si’ scurdato ca io faccio pure ’a voce d’ ’o criaturo?

AMELIA (ironica): Seh, seh, e pure ’a musica d’ ’o cellulare.

ROSETTA: Guè, nun sfottere! (Va a sedersi di nuovo accanto a Umberto - Tono dolce)  Umbè, che mi disevi prima?

UMBERTO: Mi non disevo niente (presta orecchio alla conversazione degli altri).

ROSETTA: A mi, m’era paruto ca stive parlanno  (gli si accosta).

UMBERTO (si scosta): Mi vorrei lèzzere il copione.   

ROSETTA: Tu dint’ ’a cummedia tiene na parte bella assaje.

Teatro SETTIMO CIELO

Parrocchia della Consolazione

Via della Consolazione - Napoli

Domenica 5 Aprile - Ore 18,00

La Compagnia

I Mestieranti

presenta

FIGLIA INGRATA

Commedia in due atti

PERSONAGGI E INTERPRETI :

Renèe Briosce                           Amelia Esposito

Renny                                      Rosetta Esposito


Ing. Gustavo Tarallo               Armando Acampora

Mirelle Tarallo                             Sofia Canesta

Rosalia                                   Carmelina  Cuomo                           

Vittorio                                         Gennaro Altamura

Enrico                                 ?   Franco Scognamiglio

Regia di Amelia Esposito

SIGNORA LUCIA (osserva attentamente la locandina): Però ’o nomme ’e Sofia non se legge bello comm’all’ate.

AMELIA: Sì, è overo; è venuto scritto nu poco cchiù piccerillo… Ma tanto ’a locandina l’aggi’ ’a rifà pecché è cagnato n’attore… Mò ce stà Umberto ’o posto ’e Ciccillo.

ARMANDO (con gli occhi alla locandina): Ma pecché io stongo ’o  terzo posto?

AMELIA: Pecchè tu trase doppo ca simmo trasute io e Rosetta.

UMBERTO (dal divano): E mi quando dovrei entrare in issena?

AMELIA: All’inizio d’ ’a cummedia e po’ ’a fine d’ ’o sicondo atto, sempe si te piace ’a parte.

UMBERTO: Ma mi non ho ancora capìo di che parte si tratta.

ARMANDO (a parte): E ccà te voglio! 

AMELIA (col copione in mano, rivolta a Umberto): Pe’ te fa capì, tu dint’ ’a cummedia faje ’a parte d’ ’o nnammurato ’e Renny, ’a tata filippina d’ ’o criaturo ’e Mirelle.

ARMANDO (a bassa voce): Na tata attempatella.

ROSETTA (a parte): Vide si se stà zitto. 

AMELIA (continua): Tu si’ assaje geluso; nun saje ca Renny fatica pe’ te mantené ’a quanno tu hé perzo ’o posto… Na matina lle vaje appriesso e ’a vide ’e trasì dint’ a na villa… Quanno tuzzulìe a chella porta…

ROSETTA (interrompe per spiegare): Toc, toc. 

AMELIA (infastidita, riprende): Quanno tuzzulìe a chella porta, te vene a arapì Gustavo Tarallo, ’o pate ’e Mirelle… Io faccio ’a mamma francese… Tu allora pienze subbeto a male, vutte pe’ ll’aria a Tarallo e chiamme, alluccanno Renny!… Renny!… Essa sta c ’o  criaturo che chiagne pecché ha pigliato na ’nziria.

UMBERTO (ripete senza capire): N’ansiria?

ROSETTA (per spiegare, imita il pianto del neonato): Nguèe.. nguèe.

AMELIA (continua a raccontare la trama della commedia, senza mai indicare Rosetta): Renny sente ’a voce toja e esce fore cu ’o cammese bianco… Allora tu capisce ca essa stà llà pe’ faticà… Lle chiede scusa, lle dice ca ’a vuo’ bene, te l’ abbracce e t’ ’a vase.

  Controscena di Rosetta che già pregusta quel bacio.

SIGNORA LUCIA (commossa, si asciuga una lacrima): Comm’è bella sta cummedia!…  Che peccato ca nun se sape chi é l’autore!

SOFIA: E menumale, pecché ’ncopp’ ’a locandina nun ce stesse spazio pe’ ce mettere pure ’o nomme sujo!

ARMANDO: Forse pe’ chesto ’o nomme ’e ll’autore stà scritto sempe piccerillo piccerillo.

SIGNORA LUCIA: Però, che ingiustizia!

AMELIA: Allora Umbè, hé capito?… Tu aviss’ ’a fà ’a parte d’ ’o ’nnammurato ’e Renny. 

UMBERTO: Mi ho capìo, ma chi farìa la parte di Renny ?

ARMANDO (a parte): Mò siente!

AMELIA (tentenna): Ah, è overo; nun te l’aggio ditto ancora… Allora, pe’ te fà capì, ’a parte d’ ’o cameriere ’a fa Gennaro, n’amico d’Armando. ’A parte ’e Mirelle ’a fa Sofia (la indica). P’ ’o criaturo ausammo nu bambulotto… E ’a parte ’e Renny, ’a tata filippina,’a fa mia sorella Rosetta.

ROSETTA (sorride): Che songh’io… Si’ cuntento?

UMBERTO (cerca di mascherare la delusione): Sì. (Rivolto ad Amelia) Ora l’è tutto chiaro… E quando sarìa la data de lo spettacolo?

SIGNORA LUCIA: Fra nu mese, ’a primma dummeneca d’aprile. Te l’aggio ditto.

UMBERTO: Ostregheta!… Mi non posso… (Guarda la signora Lucia e Amelia) Mi son dolente… La mia mamma la si deve operar proprio fra un mese… Mi la dovrò accompagnar su a Milano… (Guarda Rosetta) Me dispiase… Me dispiase tanto.

ARMANDO (ironico, con la stessa cadenza ad Amelia):  Mi lo sapevo… mi lo sapevo. (Corre subito ai ripari) ’O ssapevo… È difficile truvà n’attore all’urdemo mumento. 

UMBERTO (si alza): Scusate… Mi tolgo il disturbo (restituisce il copione ad Amelia).

ROSETTA: Umbè, ce vedimmo quando tuorne?

UMBERTO: Mi non so…Vedremo… Buonasera.

AMELIA: Buonasera.   

ROSETTA (si alza): Aspè, t’accumpagno.

UMBERTO: No grassie, la stia comoda... Mi conosco la strada… Di nuovo buonasera (esce dalla comune senza voltarsi e va a destra, mentre gli altri rispondono al saluto).

ROSETTA (a voce alta): Auguri pe’ l’operazione ’e mammà!

UMBERTO (voce fuori campo): Grassie.

Rosetta, delusa, varca la porta della sua stanza ed esce di scena  

SIGNORA LUCIA: Me dispiace… Nun putevo immaginà d’ ’a mamma…(Si alza)  Jammo, Sofì, s’è fatto tarde…(Rivolta ad Amelia e ad Armando) ’O rione nuosto ’e sera fa paura… Io me prioccupo, perciò l’accumpagno.

        Rosetta torna in scena senza rossetto sulle labbra e senza la fascia e il fiore fra i capelli.

ARMANDO: E a nnuje ce fa piacere ca venite.

SIGNORA LUCIA: Grazie… Doppodimane però nun ce vedimmo… Sofia ha da jì add’ ’o dentista.

AMELIA: Ah, già!... Sofì, studiete ’a parte! (ripone i copioni nel primo cassetto).

SOFIA (mette il suo copione in borsa): Non dubitate!…Ciao, Rosè… Buonasera…  (esce di scena).

ROSETTA (mesta): Ciao, Sofì…  (Si siede) Buonasera.

SIGNORA LUCIA:  Buonasera. (esce di scena, accompagnata da Armando).

AMELIA: Buonasera.

ARMANDO (voce fuori campo):Buonasera e grazie ancora p’ ’e taralle.

AMELIA: Rosè, aiutame a spustà stu tavolo!

ROSETTA (pazientemente): E spustammo ’o tavolo.

        Amelia e Rosetta riportano il tavolo più avanti e sistemano le sedie.

AMELIA: E nun stà accussì!… Si ’o vvuo’ sapè, io a chillo ’ncopp’ ’a parte nun nce ’o vedevo propio… Me pareva nu chiochiaro… Nemmanco ’o capevo quanno parlava… Pe’ chella parte ce vò n’ ommo carnale, uno ca t’ ’o dà.

ROSETTA (sorride): Sì, aje ragione; overo pareva nu chiochiaro.

ARMANDO (entra in scena, imitando la voce di un venditore ambulante): ’E taralle… ’E taralle….

ROSETTA (sorride): ’Nzogna e pepe… (prende la busta con i taralli dal ripiano del mobile a giorno).

Scena Dodicesima

              

         Bussata di porta (campanello)

AMELIA: E mò chi sarrà?

ROSETTA (ancora un po’ truccata, va ad aprire con la busta di taralli in mano): Sarrà Alfonsino ca s’è scurdato ’e cchiave …Vengo! vengo!… (Voce fuori campo) Gué, Genna’, trase!

GENNARO (con indosso un giubbotto, entra in scena, seguito da Rosetta): Buonasera!

ARMANDO: Gennà, dice chiuttosto bonanotte.  

GENNARO: Io penzavo ’e me spiccià primma… Nnun avevo fatto ’e cunte c’ ’o traffico… Ma Rosè, fatte guardà… Comme staje bellella!…. (Rivolto ad Amelia) Me dispiace c’aggio fatto accussì tarde.

ROSETTA: E va buo’, mangete nu tarallo cu nnuje (gli porge il sacchetto aperto con i taralli).

GENNARO: No grazie, si no nun ceno cchiù e chi ’a sente a muglierema.

        Tonfo fortissimo

AMELIA (spaventata): Ma  ch’è stato!?

ROSETTA (guardando il soffitto): Veneva ’a coppa (poggia la busta di taralli sul tavolo).  

GENNARO: Accussì m’è parzo.

ALFONSINO (voce lamentosa, in lontananza): Aiutateme!… Aiutateme!… Mammà!… Mammà! 

AMELIA (si porta le mani fra i capelli): Alfonsìno!

ARMANDO (seguito da Gennaro, esce precipitosamente di scena dalla comune, andando a sinistra): Alfonsì!... (Voce fuori campo) Alfonsì, stó venenno… Gennà fa attenzione ’e scaline!

AMELIA (seguendoli verso la comune, chiama): Alfonsì!… Alfonsì, bello ’e mammà!

ROSETTA (guarda il soffitto): Allora ’e marziane so’ venute!… (Affranta, si appoggia al tavolo) Che l’hanno fatto ’o nepote mio?!

AMELIA (affacciata alla comune): Alfonsì, comme staje?    

ARMANDO (voce fuori campo): Alfonsì, scinne chiano chiano!  

GENNARO (voce fuori campo): Cirche ’e nun sfurzà ’a coscia!

AMELIA (affacciata alla comune):Alfonsì, nun te stanca!

ALFONSINO (con indosso il giubbotto e col casco in testa, entra in scena, sorretto da Gennaro e da Armando e seguito da Amelia): Che dulore!

GENNARO: Jammo, dduje passe ancora e t’assiette.

ARMANDO: Menumale ca tenive ’o casco ’ncapo!

ROSETTA: Alfonsì, parla!... (porgendogli la sedia): Alfonsì, addó te fa male?

ALFONSINO: ’A coscia, ’a capa… Stò tutto ’ntrunato (si siede e si toglie il casco).

  Rosetta poggia il casco sul solito ripiano del mobile a giorno.

AMELIA: Ma comm’è stato?

ALFONSINO: E che ne saccio?… Io nun m’arricordo niente...  M’arricordo sulo chella luce forte ’nfaccia mentre stevo stiso luongo luongo ’nterra.

ARMANDO: E chella era ’a torcia ca t’è caduta ’a mano… Steva int’ a n’angolo ancora appicciata.

GENNARO: Si ’o vulite purtà ’o Pronto Soccorso, ve dongo nu passaggio cu ’a machina… Stà parchiggiata propio ccà abbascio… Forse è  meglio si ’o facite visità subbeto. 

ARMANDO: Io l’avev’ ’a fà visità già ’a tiempo.

GENNARO: Jammo, Alfonsì, mò te purtammo ’o spitale (lo aiuta a rialzalsi).   

ARMANDO (lo solleva dall’altro lato): Comme pise!… Miettete sott’ ’o braccio.

        Gennaro e Armando escono lentamente di scena, sorreggendo Alfonsino che si lamenta.

ROSETTA: Povero Alfonsino!

AMELIA: Vengo pur’io! (esce di scena).

ROSETTA (si affaccia alla comune): Mettiteve na giacca!… (Si fa il segno della croce - occhi al cielo) Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria, v’arraccumanno ’o nepote mio! (Si siede con i gomiti poggiati sul tavolo e la testa fra le mani).

BUIO - Luce azzurra - Musica di sottofondo - Luci psichedeliche

(per creare quasi l’illusione dell’atterraggio di un’astronave)

LUCI

Scena Tredicesima

  Stessa scena - Qualche ora dopo. La busta di taralli è sempre sul tavolo.

  Rosetta è ancora seduta con la testa fra le mani.  

        Bussata di porta

ROSETTA (sobbalza):Vengo! (esce do scena - Voce fuori campo) Amè, allora?

AMELIA (voce fuori campo): Che t’ ’aggi’ ’a dì? (con indosso una giacca, entra in scena, seguita da Rosetta e si siede sfinita su una sedia).

GENNARO (voce fuori campo): Jammo, Alfonsì, ca simmo arrivate.

ROSETTA: Amè, parla!… Comme stà Alfonsino?… Che s’è fatto ’a coscia?

AMELIA: ’A coscia niente; è sciucchezza… È ’a capa ca nun va… (Scrolla la testa) Propio nun se capisce che tene.

        Gennaro e Armando entrano in scena sorreggendo Alfonsino.

        Alfonsino ha sul capo una cuffia di rete bianca elasticizzata dalla quale traspare una medicazione al centro della testa.

ARMANDO (con indosso una giacca a vento): Ancora duje passe.

GENNARO: Alfonsì, assettate ccà!

ROSETTA: Alfonsì, bello d’ ’a zia, comme te siente?

ALFONSINO (sedendosi): Nun ’o ssaccio.

 

ARMANDO: Doppo te mettimmo dint’o lietto… Vuo’ bere nu poco?

ALFONSINO: No, nun tengo sete.

ROSETTA (si asciuga una lacrima): Stu guajo nun ce vuleva.

AMELIA (si alza): Aggio deciso… ’O spettacolo nun se fa cchiù… (Risoluta) Mò avimm’ ’a penzà ’o guaglione… (Tira su col naso) Mò conta sul’isso (Prende dalla tasca una medaglina e la mostra a Rosetta, mentre Gennaro e Armando sistemano meglio Alfonsino sulla sedia) Sta medagliella l’aggio truvata ’nterra, ’ncopp’o spitale, propio doppo ca Alfonsino s’era fatto ’e llastre… È ’a Madonna ’e Pumpei. (Bacia la medaglina - voce rotta) Essa m’ ha da fà ’a grazia.  (Guardando Alfonsino) L’ha da fà stà buono (rimette la medaglina in tasca).

GENNARO: Io ancora nun ce pozzo credere… ’E llastre parlano chiaro… Chillo Alfonsino tene ccà, propio ’mmiez’ ’a capa (indica la medicazione sulla testa di Alfonsino), na macchia nera tonna tonna… Na cosa ca ’e miedece  nun se spiegano… (Rivolto ad Armando) Hé ntiso pure tu ’o duttore.

ARMANDO: E comme, nun aggio ’ntiso!… Io avesse vuluto trasì, quanno Alfonsino s’è fatto ’e llastre, ma Amelia s’è ’nfilata  primma ’e me.

AMELIA: E che trasive a fà? 

ROSETTA: Amè, ma tu, quanno si’ trasuta, ce hé parlato cu ’o duttore?

AMELIA: Sì… Ce aggio ditto ca Alfonsino aveva visto ’e marziane, però doppo nun s’arricurdava cchiù niente.

ALFONSINO (voce lamentosa): Sulo chella luce forte ’nfaccia mentre stevo luongo luongo ’nterra. 

GENNARO: ’E marziane!… (Rivolto a Armando) Overo ha visto ’e marziane?!  

ARMANDO: Noo… nun ’e stà a sentì.

ALFONSINO: Chisà pecché ’o duttore ha vuluto ’o nummero ’e telefono nuosto?

ROSETTA (pensosa): E si ’e marziane ’ncap’ a Alfonsino ce avesseno miso na capsola?!

ARMANDO: Rosè, qua’ capsula! 

ROSETTA: Chella c’ausano ’e spie dint’ ’e film.

ARMANDO: E ferniscela cu sti fessarie!

AMELIA: Fessarie!!!… Chillo ’o duttore ha penzato propio ’a stessa cosa… Secondo isso, chesta è l’unica spiegazione possibile… Ha ditto propio chesti parole: “I marziani devono avere inserito una microspia nella testa del ragazzo per studiare il cervello umano… Un caso veramente interessante!”…  Po’ s’è mmiso a telefono e ce ha pregato ’e l’aspettà fore.

GENNARO: Embè, si ’o ddice ’o duttore, sarrà sicuramente accussì.

ROSETTA: Sicuramente.

AMELIA: Ce ha fatto ’a medicazione pecché ha ditto ca llà nun s’ha da propio tuccà.

ARMANDO: Cu tanta miedece ca ce stanno ’ncopp’ ’o spitale, a nnuje c’è ghiuto a capità ’o cchiù fesso.

        Squilla il telefono

AMELIA: E chi sarrà a chest’ora?

 

ROSETTA (andando a rispondere): Boh? (Alza il ricevitore) Pronto?........Sì, ma chi parla?……. Il Mattino!! (A bassa voce) È nu giurnalista  d’ ’o Mattino.

ARMANDO: Avrà sbagliato nummero.

ROSETTA (tono civettuolo): Alfonsino?… Sì, sta abbastantemente bene… Certamente ca lo trovate…… Io so’ Rosetta; songo la zia… … Arrivederci. (Abbassa il ricevitore) Che bella voce ca teneva!… (Sospira) Faceva ’ncantà, quanno parlava!

                Squilla di nuovo il telefono

ARMANDO: È meglio ca risponn’io, si no m’avoto ’o stommaco… (Solleva il ricevitore) Pronto!…  Sì, casa Acampora… … Come?!...  Tigi tre!!… … No, io sono il padre……. Un’intervista?... … Sì, per lui andrà sicuramente bene … … Arrivederci. (Imbambolato, abbassa il ricevitore) Era ’a televisione.

ROSETTA - AMELIA - GENNARO e ALFONSINO (in coro): ’A televisione!!!     

SIPARIO
Fine Atto Primo

N.B. - Rosetta, sin dall’inizio del primo atto, indosserà il pantalone di una tuta (con elastico in vita) sotto il quale porterà già le calze a rete, che saranno nascoste anche dai calzini. Ciò le consentirà di cambiarsi più velocemente all’arrivo di Umberto (scena undicesima).

ATTO SECONDO

Scena Prima

  Stessa scena. Due giorni dopo - tardo pomeriggio.

  Il casco da motorino è di nuovo al solito posto. Sulla console c’è soltanto il vaso con i fiori e il campanello con batacchio. Sul tavolo non c’è più la busta con i taralli. Le tre sedie sono sistemate intorno al tavolo; la quarta sedia è di nuovo vicino alla parete destra.

 

  I personaggi sono vestiti diversamente.

AMELIA (vestita elegantemente, è seduta sul  lato interno del divano): Che stanchezza! M’aggio misa tutta ’mpupazzata, finanche sti scarpe ca me fanno male, e chille nun m’hanno propio penzata… (Si sfila un po’ una scarpa) Nu giurnalista m’ha spiato “Voi siete la mamma di Alfonsino? ”… Aggio risposto “Sì”.  E ccà è fernuta l’intervista… Nun m’ha dato nemmanco ’o tiempo ’e dicere “Me chiammo Amelia Esposito”.

ARMANDO (in giacca e cravatta è seduto sulla sedia col cuscino che è  verso il proscenio): E pe’ forza… Chille vulevano parlà cu Alfonsino.

ROSETTA (in pantalone e maglietta): Lloro stéveno a parlà e nnuje parévemo ’e mmummie egiziane (riavvicina le tre sedie al tavolo).

ARMANDO: Io vulevo dicere d’ ’o teatro… Puteva essere na bona occasione, ma m’è capitato nu fesso ’e giurnalista ca teneva na pepìtola… Parlava semp’isso.

ROSETTA: Io nun songo riuscita nemmanco a fà capì ca ero ’a zia d’Alfonsino pecché, nun appena m’avvicinavo, ce steva sempe quaccheduno ca me cumannava “Scusate, si potrebbe avere un bicchiere d’acqua?” e n’ato “A me un portacenere e, se è possibile, un goccio di caffè ”. Uno m’ha pure spiato addó steva ’o bagno… E mentre io jevo ’nnanze e areto, Sofia faceva tutta ’a smurfiosa cu nu giurnalista e ’a mamma lle teneva mano.

ARMANDO (sorride):’A signora Lucia, puverella, nun lle pareva overo ca nu giurnalista d’ ’a televisione s’interessava â figlia.

  Bussata di porta (campanello)

ROSETTA: Si è n’ato giurnalista, sta vota me ne veco bene (esce di scena).

AMELIA: E va, va.

ROSETTA (voce fuori campo): Signó, ch’è stato?

SIGNORA LUCIA (voce fuori campo): Posso?

ROSETTA (voce fuori campo): Prego, trasite.  

SIGNORA LUCIA: Permesso? (entra in scena, con un guanto di pelle in mano, seguita da Rosetta). Scusate, forse aggio lasciato nu guanto ccà.

 

ROSETTA: Ma io ’e guante ’mmano nun ve l’aggio propio viste.

AMELIA (rimettendo il piede nella scarpa): Nemmeno io.

SIGNORA LUCIA: Overo?… Allora forse… (Apre la borsa e vi guarda appena) E come infatti stà ccà… Chisà addó tengo ’a capa!

ROSETTA:  Chisà?… E  Sofia è rimasta abbascio?

SIGNORA LUCIA: Penzo ca se sarrà avviata ’a casa… Nu giurnalista d’ ’a televisione ce ha offerto nu passaggio cu ’a machina pecché aveva passà propio p’ ’a strada nosta… Si nun era p’ ’o guanto ne putevo apprufittà pur’io.

ROSETTA (ironica): E già… Ma ogge Sofia nun teneva appuntamento c’ ’o dentista?

SIGNORA LUCIA: E chi ce ha penzato cchiù ’o dentista!… Quanno aggio’ntiso ’a nutizia pe’ televisione… “Incontro ra… ra vicino con i marziani per il ventiquattrenne napoletano Alfonso Acampora”, aggio subbeto capito ca se trattava d’Alfonsino vuosto e, invece ’e jì add’ ’o dentista,  simmo venute ccà.

ROSETTA: E ve site truvate propio ’o mumento ’e l’intervista.

SIGNORA LUCIA: Mamma mia, quanta giurnaliste!

ARMANDO: Pareva ca s’erano date appuntamento… radio, televisione, giurnale…

SIGNORA LUCIA: Tutte vulevano parlà cu Alfonsino.

ROSETTA (acida): Veramente a me m’è parzo ca ’a cchiù intervistata è stata Sofia vosta.

ARMANDO (interviene): E chille ll’uommene, se sape, quanno vedono a na bella guagliona… ’E giurnaliste po’ ce sanno fà.

SIGNORA LUCIA: Tèneno na chiacchiera… Ma Alfonsino nun ce stà?

AMELIA: Sì, se sta mangianno nu poco ’e frutta int’ ’a cucina.

SIGNORA LUCIA: Io e Sofia mia se pò dicere ca l’ammo visto appena.

ARMANDO: E chi l’ha visto!… Chillo, doppo l’intervista, se n’è sagliuto cu ’o fotografo ’ncopp’ ’o terrazzo.

SIGNORA LUCIA: Pecché  ce steva pure ’o fotografo?… A saperlo.

ROSETTA: E già. 

AMELIA: Alfonsino è sciso ’a coppa, quanno se ne erano jute tutte quante, e se n’è ghiuto ’int’ ’a cucina.

SIGNORA LUCIA:  Allora m’ ’o salutate vuje… Nuje ce vedimmo dimane p’ ’e pprove.

AMELIA: No, no… E chi ’a tene ’a capa pe’ pruvà… Io penzo propio ca ’o spettacolo nun se fa cchiù.

SIGNORA LUCIA: Uh, che peccato!… A me chella cummedia me piace assaje… E va be’… Allora arrivederci.

AMELIA (restando seduta): Arrivederci (si sfila entrambe le scarpe e tira un sospiro di sollievo).

ARMANDO (restando seduto): Arrivederci… Faciteve sentì!

SIGNORA LUCIA (uscendo di scena): Certamente.

ROSETTA: V’accumpagno. (Esce di scena - Voce fuori campo) Arrivederci.

SIGNORA LUCIA (voce fuori campo): Arrivederci.

ARMANDO: Nun te pare ca Rosetta ha esagerato?

AMELIA: ’O ssaje comm’è fatta.

ROSETTA (rientra in scena): Ah, me songo sfugata! … (Portando l’indice e il pollice alla gola) ’O ttenevo ccà… Chillo ’o guanto è stata na scusa pe’ lassà ’a figlia sola cu ’o giurnalista.

AMELIA (sorride): L’aggio capito pur’io.

ROSETTA: Mò nun stà cchiù c’ ’o penziero, no?…  A Sofia ’a manna addirittura dint’ ’a machina cu n’estraneo.

ARMANDO: E Rosè, ferniscela!

ROSETTA: E pecché l’avess’ ’a fernì?… Io songo ’a zia d’Alfonsino, me l’aggio crisciuto… Nun me pare giusto ca a me nisciuno nemmanco m’ha spiato i’ chi ero.

ARMANDO: E va bè… Però tutte quante so’ venute addu te, chi pe’ nu bicchiere d’acqua, chi p’ ’o cafè…               

ROSETTA (nervosa, continua): chi p’ ’o cesso.

AMELIA: Rosè, arape nu poco ’o balcone… Cu ’e ssigarette hanno affummechiato tutt’ ’a casa.

ARMANDO: Steva na cennerera chiena ’e muzzune. 

ROSETTA (apre il balcone e si ferma a guardare i fiori artificiali che stanno sulla console): Aieressera aggio lavato sti sciure… Chi me l’ha fatto fà?… Se so’ ’mprignate ’e fummo.

AMELIA: Io stanotte nun aggio propio durmuto.

ROSETTA: A chi ’o ddice!… Io m’aggio fatto si e no tre ore ’e suonno (si siede sul divano accanto a Amelia).

ARMANDO (sbadiglia): L’unico c’ha durmuto è stato Alfonsino.

 

Scena Seconda

  Bussata di porta (campanello)

AMELIA (infilando i piedi nelle scarpe): E mò chi ato sarrà?…  Rosè!

 

ROSETTA: Nun parlà, aggio capito già… (Si alza) Ma a chi aspiette a te cagnà sti scarpe!?  (Esce di scena)  Vengo!… Vengo! (Voce fuori campo): Guè, Ersì!

ERSILIA (voce fuori campo): Ciao Rosè.

ROSETTA (precedendola in scena - tono palesemente falso): Guardate che surpresa!

ERSILIA (con giacca e borsa, entra in scena, tutta sorridente): Veramente ’a surpresa è stata ’a mia…. (Si siede sul divano accanto a Amelia) Io me truvavo a passà ’a chesti pparte, quanno aggio visto ’o furgone d’ ’a televisione ccà abbascio… P’ ’a curiosità me so’ fermata vicino a chilli tre ca steveno ’a dinto e aggio ’ntiso che facevano propio ’o nomme vuosto “Acampora”… (Tono ironico) Ma allora c’ ’o teatro site addeventate famose?…  Peccato ca nun so’ mai venuta a ve vedé.

ARMANDO: Già.

ERSILIA: Mò pe’ na cumbinazione, mò pe’ n’ata, nun è mai capitato… E po’, vuje ’o ssapite, a me me piace ’o cinema.

AMELIA: Ah?… Io m’arricurdave ca a te piaceva ’a lirica… L’ata vota accussì me diciste.

ERSILIA: Sì, quacche vota vaco ’o San Carlo … A pruposito ’e teatro, ’o ssapite, Stefanella mia ha fatto na recita ’a scola… Ha ditto ’a poesia “La vispa Teresa”, ma l’ha ditto accussì bella ca ha avuto nu sacco d’applause.

ROSETTA: Overo?… E tu ce si’ ghiuta?

ERSILIA: E comme no!… Me songo addecriata… Chella tene ott’anni, ma pare n’attrice cunsumata.

ARMANDO: Hé sentuto, Amè?

ERSILIA (tono confidenziale): M’aggio carriato appriesso na trentina ’e perzone.

             Rosetta, alle spalle di Ersilia, mima una stretta al collo.

ARMANDO: Cu salute! 

ERSILIA: È venuta pure ’a gente d’ ’o palazzo… E chelle ’e mmonache so’ state chiare… Ogni criatura avev’ ’a vennere almeno vinte bigliette.... ’O teatro d’ ’a scola è gruosso… Tene quattuciento poste.

 

AMELIA: Overo è gruosso.

ROSETTA: E ’o biglietto custava caro?

ERSILIA: Noo, sulo diece euro… Diece euro overamente beneditte… Stefanella mia è stata ’a meglio… Ll’ati ccriature, chi ha ditto ’a poesia ’e Natale, chi ’a poesia ’e Pasca; però spisso se so’ ’mbrugliate.

ROSETTA: Nuje ascimmo ’o teatro d’ ’a parrocchia ccà vicino… ’O biglietto ’o facimmo pavà cinche euro. 

ERSILIA: Cinche euro!!

ROSETTA: Pecché te pare caro?…  Nuje mettimmo pure ’e scene.

ARMANDO: Rosè, che parle a fà?

AMELIA: Tanto ’o spettacolo nun ’o facimmo cchiù.

ERSILIA: E allora ’a televisione pecché è venuta?

ROSETTA: Pe’ mò ’a televisione  è venuta p’ Alfonsino.

ERSILIA (meravigliata, guarda Armando): P’Alfonsino!… E pecché?

ARMANDO (tentenna): E pecché…

ROSETTA: Pecché ha visto ’e marziane.

ERSILIA (scoppia in una risata): ’E marziane!!… (Altra risata) ’E marziane!! Scusate, ma a me sta cosa me fa ridere.

 

ROSETTA: Chillo ’o fatto è serio… N’ ha parlato pure ’o telegiornale.

AMELIA: Pe’ ll’interviste sicuramente ’o pavano pure.

ERSILIA: Overo! … Ma allora…

AMELIA: Allora ’o ppuò leggere dimane ’ncopp’ ’o giurnale.

ROSETTA: ’A televisione chisà quant’ ati vvote ne parlarrà!

ERSILIA (sorride): ’E marziane!!!… Gesù, io ancora nun ce pozzo credere!

ARMANDO (a parte): A chi ’o ddice!

ERSILIA: Mò me n’aggi’ ’a jì… Stefanella  me starrà aspettanno…  (Si alza) Mia figlia le sta facenno fà  nu corso ’e nuoto â piscina che sta propio ccà vicino… Essa l’accumpagna e io ’a vaco a piglià.

AMELIA: E va!… Nun ’a fà aspettà.

ERSILIA: Allora ce vedimmo… Ciao, Amè…. Ciao, Armà (saluta, agitando la mano).

 

Armando e Amelia ricambiano il saluto senza alzarsi.

ROSETTA (tono ironico): Amè, statte comoda… L’accumpagno io (precede Ersilia fuori scena).

ERSILIA (uscendo di scena): Salutateme a Alfonsino.

AMELIA: Certamente (si sfila di nuovo una scarpa).

ERSILIA (voce fuori campo): Ciao, Rosè. 

ROSETTA (voce fuori campo): Ciao Ersì… Saluteme a Stefanella.

Scena Terza

AMELIA: Ah, finalmente se n’è ghiuta!… Nun ’a suppurtavo cchiù!… Nun saccio a me chi m’ha dato ’a pacienza.

ARMANDO: Però, Amè, che schifo ’e pariente che ttiene!

ROSETTA (rientra in scena sulla battuta - tono risentito): Gué!

ARMANDO: Chesta me pare “petrusino ogni menesta”.

AMELIA: Rosè, chillo ce l’aveva cu Ersilia.

ROSETTA: Ah, va buó… (Nervosa) A me me prurevano ’e mmane, mentre chella parlava… L’avesse strafucata.

ARMANDO (sospira): ’E pariente… Meglio si nun ’e vvide!… T’arricuorde a mia cugina Sisina?

AMELIA: E chi s’ ’a scorda!… Chella ce ’ntussecaje nu spettacolo.

ROSETTA: Ma comme, dico io, tu viene a teatro pe’ durmì e te piazze propio in prima fila!

ARMANDO (nervoso): E russava pure.

AMELIA: Se vede ca ’a figlia, pe’ s’ ’a luvà ’a nanze,  ce ’a mannaje a nnuje.

ROSETTA: Chella ’a figlia ha da essere na funa fraceta comm’ a essa. Ll’ata matina aggio ’ncuntrato ’e suocere ca jeveno a mangià ’a casa soja. Chilli dduje vicchiarielle steveno chine ’e pacche: ’o gattò ’e  patane, ’a parmigiana ’e mulignane e pure ’a torta (si siede sul divano accanto a Amelia).

AMELIA: Che brava gente!

  Squilla il telefono

ROSETTA: Che vuo’ fà?… ’O Pateterno manna ’e biscotte a chi nun tene ’e diente.

 

ARMANDO (si alza e va a rispondere): Pronto?…… No, io sono il padre… Ma chi parla? …… (Tappa il microfono del ricevitore) È Milano!

ROSETTA: Amè, hé ’ntiso?… È Milano! 

AMELIA: Forse vonno invità Alfonsino a quacche trasmissione.

ARMANDO (tappa di nuovo il microfono del ricevitore): Zitte, ca nun sento! (Riprende la  conversazione) Come?…..  Un accertamento presso il vostro ospedale!…….. No, l’ambulanza non serve… Mio figlio sta bene… A Milano lo posso accompagnare io

AMELIA (allarmata): È nu spitale ’e Milano!...  E c’ ’o vonno fà?

ROSETTA: Povero Alfonsino!

ARMANDO (a telefono): Sì, ora mi segno il numero… Un momento… Rosè damme carta e penna! (Tappa di nuovo il microfono - a voce alta) Rosè, carta e penna… Spiccete! 

ROSETTA (si alza): Sì, sì (Apre il secondo cassetto e porge un foglietto di carta e una penna biro a scatto ad Armando) Tie’!

        Amelia si alza e si appoggia al tavolo per seguire meglio la conversazione telefonica.

ARMANDO (riprende a parlare a telefono): Sì, dite… (Prende nota) 02… 48… 76… 240…. Sì, l’ho segnato …. Va bene, ne parlo con mio figlio e poi vi chiamo… Buonasera, buonasera (Abbassa il ricevitore e rivolto a Amelia). Era nu spitale ’e Milano… Vonno ca Alfonsino va llà.

AMELIA: A Milano!!!

ARMANDO (mettendo il foglietto in tasca): Amè, a Milano, no in Siberia!… Chillo ’o vonno studià… Vonno capì che tene ’ncapo…  (Tono sarcastico) Io ’o ssaccio buono che ttène, ma nun  ce ’o ppozzo dicere.

        Amelia, affranta, si accascia sulla sedia a sinistra del tavolo.

Scena Quarta

  Bussata di porta (campanello)

ROSETTA: Uffà, sta porta va a vviento! (Uscendo di scena) Vengo, vengo… (Voce fuori campo) Sì, ce stanno… Trasite!

        La signora Elena indossa un altro elegante completo; idem Simona.

SIGNORA ELENA (sorridente, entra in scena, seguita da Simona e da Rosetta):  Permesso?  (Tende la mano ad Armando) Salve!

ARMANDO (stringendo la mano a entrambe): Prego, accomodatevi!

AMELIA (si alza per salutare): Che piacere! (bacia la signora Elena e Simona)

SIGNORA ELENA (in piedi vicino al tavolo ad Amelia): Cara!... Quando Simona m’ha fatto sentì ’o telegiornale, io nun ce putevo credere ca se trattava propio d’Alfonsino nuosto!… È overo ca ll’hanno fatto n’intervista?

ROSETTA: Una sola!… Chille ce steveno radio, giurnale, televisione…

SIGNORA ELENA: Mamma mia, che emozione! (si siede sulla sedia centrale alla sinistra di Amelia)

SIMONA (raggiante): Ma Alfonsino addó stà?

AMELIA (sedendosi di nuovo) : Stà ’int’a cucina, ’nnanz’ â televisione.  

SIMONA: Allora, se permettete, ’o vaco a salutà (appende la borsa alla spalliera della sedia della madre).

ARMANDO (con un sorriso): Va’, va’!

        Simona esce di scena.

SIGNORA ELENA: Chella figlia mia nun stà ’int’ ’e panne… Dice ca sta nutizia faciarrà epoca… Essa l’ha sempe saputo ca Alfonsino era speciale. (Tono confidenziale) Chille so’ fidanzate ’a quase tre mmise… Io nun ne sapevo niente… Me l’ha cunfessato mò.

ARMANDO (siede vicino al tavolo, alla sinistra della Signora Elena): Overamente!  Ah, me fa piacere… Simona è na guagliona a posto.

SIGNORA ELENA: Pur’io ne so’ felice… Alfonsino m’è sempe piaciuto…. È nu giovane scetato e simpatico… Comme me piace quanno parla!

ARMANDO: Chi, mio figlio?!… A me me pare che state esageranno.

ROSETTA (risentita): Qua’ esageranno! … Chillo è nu tesoro… Tene piso, qualità e mesura…E po’ è ddoce.

ARMANDO (a parte): Séh, comm’a nu cachìsso ’nzuvarato! 

ROSETTA: ’A femmena ca s’ ’o piglia è furtunata.

AMELIA: Io nun m’ero accorta ’e niente… ’O vedevo cchiù cuntento, ma nun avevo capito ’o ppecché.

ROSETTA (a parte): Nemmanch’ io.

 

ARMANDO (sospira): Ah, l’ammore che fa fà.… ’O ddice pure ’a canzone.

AMELIA (sorride): È propio overo… (Rivolta alla signora Elena) Sarrà stato accussì pure pe’ vvuje.

SIGNORA ELENA: Ma mò simmo consuocere… Luvammo stu vvuje ’a miezo!… I’ me chiammo Elena, nu nomme ca a Alfonsino lle piace assaje.

ARMANDO: Elena, come la famosa Elena di Troia.

SIGNORA ELENA (fa buon viso): E già… Pure vostra… vulevo dicere… pure tua moglie tene nu bello nomme.

ARMANDO (sorride): E certamente, si no nun m’  ’a spusavo.

AMELIA: Eh già, chillo ’o nomme è importante dint’ a na coppia….Uno s’ha da chiammà  tutt’ ’a vita (si sfila una scarpa).

SIGNORA ELENA (sorride): È overo.

ROSETTA: Io tengo ’o nomme d’ ’o fiore cchiù bello “Rosa”, pure si tutte quante me chiammano Rosetta.

ARMANDO (ironico): E propio pecché tiene nu nomme accussì bello, nuje te chiammanno sempe.

ROSETTA: Che bella pezza a culore.

Bussata di porta (campanello)

AMELIA: Rosè…

ROSETTA: Aggio capito (esce di scena - Voce fuori campo) Vengo!

SIGNORA ELENA (rivolta ad Armando): Ma mò Rosetta quant’anne tene?

ARMANDO (pensoso): E tenarrà sicuramente…

AMELIA (lo interrompe): Ll’anne so’ chille ca uno se sente… E Rosetta, pe’ comm’è svelta, pare  assaje cchiù giovane ’e me.

 

ARMANDO: Aje ragione…  Io me sento comme si tenesse trent’anne.  

SIGNORA ELENA: Mò me scurdavo!… P’ ’o teatro Carmine ha ditto ca ’a primma dummeneca d’aprile pe’ lloro va buono.

AMELIA: Me fa piacere ca ’o teatro s’ ’o piglia ’o partito… Ce ponno stà pure tutt’ ’a serata, tanto nuje ’o spettacolo nun ’o facimmo cchiù… Cu chello ch’è capitato, ’a capa nun ce stà propio.

ARMANDO: Poco fà è arrivata na telefonata ’a nu spitale ’e Milano… Cierti specialiste vonno visità a Alfonsino pe’ chella macchia tonna ca è asciuta ’a dint’ ’e llastre (indica il centro della testa).

SIGNORA ELENA: Overo!… E chillo stu fatto sta facennno nutizia.

  Rosetta entra in scena con quattro telegrammi in mano.

AMELIA: Chille ancora nun se spiegano comme hanno fatto ’e marziane a lle mettere na microspia ’ncapo, senza lle fà nemmanco nu scippetiello.

SIGNORA ELENA: Gesù! Gesù!… Io tengo ancora ’o segno ’e ll’appendicite, eppure me so’ operata cchiù ’e trent’ anne fa.

ROSETTA: Ma chille so’ marziane!

ARMANDO: Rosè, chi era ’a porta? 

ROSETTA (poggiando i telegrammi sulla console): Era ’o pustino… Ha purtato sti telegramme p’ Alfonsino.

SIGNORA ELENA: Cert’è ca vuje cu sta storia state perdenno ’a pace.

ROSETTA (avvicinandosi al tavolo): ’A pace  e ’a libertà… Quanno Alfonsino stà ccà, perdimmo tutt’ ’a privatezza.

SIGNORA ELENA: E pecché?

ROSETTA (tono confidenziale) Pe’ colpa d’ ’a microspia (indica il centro della testa). Chille ’e marziane sentono tutto chello ca dicimmo.

SIGNORA ELENA: Eh già!

ROSETTA: Io me metto paura ’e parlà.

 

ARMANDO: È buono, accussì te staje nu poco zitta.

AMELIA: Rosè, chille si ce sentono, sicuramente ce pònno aiutà.

ROSETTA: Tu dice?

AMELIA: E certamente!... Pe’ lloro niente è impossibile.

SIGNORA ELENA (pensosa): Putesse essere na mano d’ ’o cielo.  

ARMANDO (rivolto alla Signora Elena) Pe’ quanto riguarda ’o teatro, Amelia s’è scurdata ’e ve dicere che s’ avess’ ’a dà n’offerta ’o parroco.

 

AMELIA: Sì, pecché Don Gabriele ha da fà pittà ’o canciello d’ ’a chiesa che stà arruvinato.

SIGNORA ELENA: E si se tratta ’e chesto, nun ce stanno probleme… Carmine lle pò mannà duje operai ca lle fanno ’o lavoro buono e gratìsse… Chillo cunosce a tanta gente!

ARMANDO: Allora, quanno veco a  Don  Gabriele, ce ’o ddico.

ALFONSINO (con la medicazione sulla testa, entra in scena abbracciato con Simona e stringendo la mano alla Signora Elena): La vostra presenza, Donna Elena cara, …  come un raggio di sole, questa casa rischiara!

SIMONA (compiaciuta): Mammà ’o siente comme parla bello?

SIGNORA ELENA (abbozza un sorriso): E comme no!… Ma forse è pure  pe’ chella cosa (portandosi la mano al centro della testa) ca tene ’nca….

ROSETTA (le fa segno che i marziani possono sentire e continua): È sicuramente p’ ’e scole c’ha fatto.

SIMONA (sorride, divertita): Io penzo ca è nu dono ’e natura.

ARMANDO (ironico):  Sì, chillo è nato propio accussì.

        Simona va a sedersi sul divano. Alfonsino le si siede accanto.

ROSETTA (contenta, prende i telegrammi e li consegna a Alfonsino): Tie’, Alfonsì, l’ha purtate ’o pustino… So’ tutte telegramme pe’ te..

ALFONSINO (felice, sventola i telegrammi): Simò, telegrammi! (Con delicatezza ne apre uno) Chisto vene ’a Ginevra (ne scorre mentalmente il testo, lo passa a Simona e ne apre un altro) Chist’ato vene ’a Pisa… Comm’è lluongo! (si immerge nella lettura).

SIGNORA ELENA (si alza, poggia la borsa sulla sedia e fa uno sguardo d’intesa ad Amelia e a Rosetta, poi in punta di piedi si porta dietro al divano, si schiarisce la voce e si china sul capo di Alfonsino): Mio marito, Carmine Pirazzo, è uno che fa politica per il bene d’ ’a nazione, p’ ’o munno sano, compreso Marte… Stà int’ ’a lista de’ Verdi, nu partito ca se preoccupa d’ ’a salute d’ ’a gente, d’ ’o mare pulito e ’e ll’aria  ca respirammo… Sta vota all’elezioni tene ’o nummero ottantotto, ma pe’ saglì servono vute assaje… Ce vulesse propio na mano d’ ’o cielo!… M’arraccumanno a vvuje. (Compiaciuta, incrocia lo sguardo di Simona) T’è piaciuto?

        Simona, seduta sul divano, sorride divertita e le lancia un bacio.

        La signora Elena, soddisfatta,  va a sedersi di nuovo, mentre Armando la guarda ancora incredulo.

ALFONSINO (apre un altro telegramma): Chisto vene da Roma… Simó, m’invitano a nu congresso di ufologia (si immerge nella lettura).

ROSETTA (imitando la signora Elena, si avvicina in punta di piedi al divano, fa uno sguardo d’intesa a Simona, si schiarisce la voce e si china a parlare sulla testa di Alfonsino): Io, Rosetta Esposito, songo ’a zia d’Alfonsino. ’A sola cosa ca me manca è nu bell’ommo ca me vò bene… Pure si è de n’ata razza, nun ’mporta… Aspetto con fiducia, Rosetta… (Solleva la testa, si gira e esce precipitosamente di scena dalla comune, verso sinistra) Uh, mò me scurdavo!…Tengo ’a pentola ’ncopp’ ’o ffuoco.

ALFONSINO (porge il terzo telegramma a Simona): Liegge,Simó! (apre l’ultimo telegramma e inizia a scorrerlo).

ARMANDO (ironico): Amè, pecché nun apprufitte pure tu!… Po’ essere ca ’e marziane te stanno a sentì.

AMELIA (trattenendo la rabbia): A me me servesseno ’e sòrde.

ALFONSINO (si alza, agitando l’ultimo telegramma): ’E sorde mò arrivano!  (Si avvicina al tavolo) È n’invito a nu programma… Me pavano ’o viaggio e pure l’albergo.

AMELIA: Bello ’e mammà, comme so’ cuntenta!

        Simona si alza con gli altri telegrammi in mano e va verso il tavolo.

ROSETTA (entra in scena): Sott’ ’a pentola aggio stutato.

SIMONA (alla madre): ’O ssaje, nu giurnale vò ca Alfonsino scrive  ’a storia d’ ’a vita soja ’a quann’ era piccerillo fino a quanno ha ’ncuntrato ’e marziane… Lle desseno tremila euro.

ROSETTA (contenta): Overo!?

SIGNORA ELENA (non troppo convinta): Eh, bravo, Alfonsino! … S’è scetata ’a sciorta toja!

ARMANDO (ironico, rivolto a Alfonsino): E quanno accumience a scrivere?

ALFONSINO (flemmatico): Nun appena trovo ’o tiempo (prende gli altri telegrammi dalle mani di Simona e li poggi tutti insieme sulla console).

ARMANDO (preoccupato): Sperammo ca tutto chesto nun fernesce comm’ a na bolla ’e sapone!

SIMONA: E no, si no fernesse pure ’a storia nosta… (Rivolta a Armando) Io a Alfonsino ’o voglio bene  propio pecché è speciale… Si m’accurgesse ca è comm’ all’ate nun ’o guardasse nemmanco… Alfonsino mio fernarrà int’ ’e libri ’e scola… È  nu  caso scientifico.

ARMANDO: Ce può giurà.

ROSETTA: Io l’aggio sempe saputo.

SIGNORA ELENA: Simò, stu fatto ch’è capitato a Alfonsino tu ll’hé ’a cuntà a Pietruccio…Chillo ’o pò mettere int’ a nu discorso p’ ’a campagna elettorale… Alfonsino mò fà parte d’ ’a famiglia…Si chesto pò servì a fà guadagnà quacche voto ’e cchiù a papà, è meglio pure pe’ isso … Lle  farrà commodo tené nu suocero Assessore ’a Regione… Simò aggio ditto buono? 

SIMONA (sorride): Sì, mammà hé ditto buono… (Guarda l’orologio) Però mò è meglio si ce spicciammo (prende la borsa dalla spalliera della sedia).

SIGNORA ELENA (si alza): Eh già, tenimmo appuntamento c’ ’o massaggiatore! (Sentendo la stretta di Simona) È pe’ me… pe’ nu dulore ca tengo aret’ ’o cuollo… Ciao, Amè, ce vedimmo (si baciano)… Ciao, Armà (gli stringe la mano) … Ciao,  Alfonsì (gli sorride).

ALFONSINO: Ce salutammo abbascio, v’accumpagno…’A coscia nun me fà cchiù male.

SIGNORA ELENA (rivolta a Amelia): Se vede ca era  cosa ’e niente. 

SIMONA: Arrivederci… Ciao, Rosè (esce di scena con Alfonsino).

SIGNORA ELENA (rivolta ad Armando): Sperammo che s’acconcia pur’ ’a capa!

ARMANDO: È difficile.

SIMONA (voce fuori campo): Mammà, e vviene!

SIGNORA ELENA: Sì, vengo (Saluta Rosetta da lontano): Ciao, Rosè  (esce frettolosamente di scena).

ROSETTA (tono amaro): ’A gente cu mme nun ce spreca nemmanco nu saluto comme si deve.… A stu munno ’o rispetto l’ave sulo chi è mmaretata.

ARMANDO (minimizza): Ma chelle jeveno ’e pressa.

AMELIA: Teneveno ’o massaggiatore che l’aspettava… (Ironica) Nuje ’o massaggiatore nun ’o tenimmo. 

ARMANDO: E se vede ca nun n’ avite bisogno (esce di scena).

 

ROSETTA: Trova sempe ’a pezza a culore.

AMELIA (si alza pigramente dalla sedia): È meglio ca me vaco a luvà sti scarpe (esce di scena, zoppicando).

ROSETTA: E fosse ora! Accussì te muove nu poco pure tu… Io fra ’a porta e ’o telefono nun saccio cchiù addó m’aggi’ ’a spartere.

Scena Quinta

  Bussata di porta (campanello)

AMELIA (voce fuori campo): Rosè….

ROSETTA: ’O ssapevo… Vengo! (Esce di scena, canticchiando) È l’uomo per me… (Voce fuori campo) Ah, Melì, si’ tu?… Trase (rientra in scena,  preceduta da Melina).

MELINA: Aggio saputo ca Alfonsino è ghiuto ’o spitale… Ma è overo ch’è fernuto ’ncopp’o giurnale?

ROSETTA: Si è pe’ chesto n’ha parlato pure ’a televisione.

MELINA: Ma ch’è succieso precisamente?

ROSETTA: Precisamente nun l’ha capito nisciuno… L’unica cosa certa è ca Alfonsino s’è fidanzato… (Soddisfatta) È ’a figlia ’e nu politico… (Le volge le spalle per sistemare le sedie) Se chiamma Simona… Che bella guagliona! Comme se vonno bene! (Chiude il balcone).

MELINA (cerca invano la medaglina all’interno del casco di Alfonsino): Ah, sì?…Me fà piacere pe’ isso… (si inginocchia per cercarla sul pavimento) e pe’ vvuje.

AMELIA (entra in scena, seguita da Armando): Gué, Melì, che staje facenno?

MELINA: Stongo cercanno na cosa ca m’è caduta.

AMELIA: E si t’è caduta ccà, ccà ha da stà…(Apre la mano e mostra una medaglina a Armando) Guarda, Armà!… Guarda comm’ è bella!… Che devuzione ce teneva mammà!

ARMANDO: Io nun veco niente… Sta medagliella è accussì piccerella.

AMELIA: È ’a Madonna ’e Pumpei. 

MELINA (si alza di scatto): ’A Madonna ’e Pumpei!… Sicuramente è ’a medagliella mia… L’aggio perza ll’ata sera, quanno ve so’ venuta a cercarve l’aglio… Avevo voglia d’ ’a cercà!… Ma addó steva?

ARMANDO: A te addó t’è caduta?

MELINA: M’ è caduta vicino a stu mobile (indica il mobile a giorno dove c’è il casco di Alfonsino) Ne songo sicura.

ARMANDO (in disparte ad Amelia): Propio addó stà  ’o casco d’Alfonsino.

AMELIA (pensosa): Già!… Ma nun è possibile!… Io l’aggio truvata ’ncopp’ ’o spitale.

ROSETTA: Ccà nun ce puteva stà… Io aggio scupato.

ARMANDO: Melì, ’a tenive appesa a na catena?

MELINA: No, chella ’o gancio nun ’o tene… È tonna tonna… Steva ’ncullata ncopp’a nu burzellino ca ’a bonanema d’ ’a nonna m’accattaje  a Pumpei.

AMELIA (guarda la medaglina): È overo… Se vede ancora ’a colla. (imbambolata, rimane  con la mano aperta a fissare la medaglina).

ARMANDO (nervoso): E chesta fosse ’a microspia?!

 

MELINA (afferra la medaglina dalla mano di Amelia): No, chesta è ’a medagliella mia!… Bonasera (esce frettolosamente di scena).

ARMANDO (si accascia sulla sedia centrale): ’A microspia…  ’E marziane… E mò?…

AMELIA: Che scuorno!! (si siede alla destra di Armando e si copre il viso con le mani).

ROSETTA: Che figura ’e niente! (si siede alla sinistra di Armando).

Scena Sesta

ALFONSINO (con indosso un giubbotto diverso, entra in scena, sempre con la testa medicata): Steva ’a porta aperta… (Spavaldo) Ci sono altri telegrammi per me?…… Nèh, ma che v’è  succieso?

ARMANDO (adirato): Niente, nun c’è succieso niente… Io l’aggio sempe saputo ca ’a capa toja nun è bona… Mò però ’o vveneno a sapé tutte quante.

AMELIA  (voce lamentosa): Saje quanta cuffiature!

ROSETTA (con le mani in faccia): Io vulesse sprufunnà!

ALFONSINO: Ma ’e che state parlanno?… Faciteme capì!

 ROSETTA (tira su col naso): Tu ’ncapo nun tiene niente.

ARMANDO: Sulo merda.

ALFONSINO (cinge le spalle alla mamma): Mammà, che significa?

AMELIA (tira su col naso): Niente microspia… ’A macchia tonna ca è asciuta dint’ ’e llastre era na medagliella d’ ’a Madonna.

ROSETTA: ’A Madonna ’e Pumpei.

ALFONSINO: Allora è nu miracolo! 

ARMANDO (furioso, si alza e solleva il braccio, guardando Alfonsino): Io l’accido! (si accascia di nuovo sulla sedia).  

ROSETTA: Qua’ miracolo!

ALFONSINO: E allora comm’è fernuta ’ncapo a me?

AMELIA: Steva dint’ ’o casco d’ ’o motorino.

ALFONSINO (guarda il casco che sta sul ripiano del mobile): E che ce azzeca ’o casco?

ROSETTA: Ce l’aveva fatta cadé chella scema ’e Melina.

 

AMELIA:  Se vede ca ’o spitale, quanno t’hanno fatto ’e llastre, nun se ne so’ accorte ca ’a tenive mmiez’e capille.

ARMANDO: Tu tiene sta criniera!

ALFONSINO (sorride): No, nun è possibile!… Chillo ’o miedeco m’ha pure visitato.

AMELIA: Doppo… E tu doppo ’a medagliella ’ncapo nun ’a tenive cchiù pecché t’era caduta…

ALFONSINO: E comm’ ’o ssaje?

AMELIA: Pecchè l’aggio truvata ’nterra.  

ALFONSINO: E mò sta medagliella addó stà?

ROSETTA: Se l’è pigliata Melina… Chella era ’a soja.

ALFONSINO: Sapite che ve dico, io mò vaco ’o spitale e me faccio rifà ’e llastre.

ARMANDO: Nun t’abbasta ca si’ scemo… Vuo’ pure ’o certificato ’e scemità.

 

AMELIA (si alza): Alfonsì, cirche ’e capì… Si vaje ’o spitale, se scopre tutta ’a verità… (Voce lamentosa) Saje quanta cuffiature!… Chillo ’o fatto ha da jì a scurdà (esce di scena).

ROSETTA: Alfonsì, pecché nun scrive l’articolo pe’ chillu giurnale?… Almeno te guadagne quaccosa ’e sorde.

ARMANDO: Comme no!… Accussì pe’ sta sceneggiata fernesce pure ’ngalera.

 

ROSETTA (alzandosi: No, nun sia mai! (esce di scena). 

ARMANDO (nervoso,  guardando Alfonsino, si alza): E levatella sta rezza ’a capa! (esce di scena dietro a Rosetta).

ALFONSINO (disperato, si accascia su una sedia): E mò che faccio?!… (Prende il telefonino dal taschino del giubbotto e chiama un numero memorizzato)…Pronto, Simó!... T’aggi’ ’a parlà … Addó staje?… … Allora  mò vengo  (uscendo di scena, si toglie la rete bianca che gli avvolge il capo).

BUIO E MUSICA DI SOTTOFONDO

LUCI

Scena Settima

  Un mese dopo (inizi di aprile) -  Stessa scena.

  

  I personaggi sono vestiti in modo diverso.  Alfonsino è senza giubbotto; sul capo non ha più la rete bianca e la medicazione. 

SIMONA (in piedi, con borsa a tracolla, discute animatamente con Alfonsino): Basta, Alfonsì!… Basta!... Si so’ venuta, è pe’ te dicere ca m’ hé scucciata.

ALFONSINO: Aje ragione… Ma si so’ geluso, è colpa toja… Tu primma a chillo Pietruccio nun ’o suppurtave propio; invece mò ce staje sempe ’nzieme.

SIMONA: E se vede ca primma me sbagliavo… Mammà aveva ragione…  Pietruccio è intelligente e scetato. Vicino a isso me ’mparo nu sacco ’e cose… Stasera m’ha pure invitato a na festa ’a casa d’ ’o zio.

ALFONSINO: Ma io me scoccio ’e ce jì.

SIMONA: Si è pe’ chesto, tu nun si’ stato invitato… Chillo me fà ’a corte… Figurammece si invitava a te!

ALFOSINO: E tu m’ ’o ddice pure!… Che me vuo’ fà scemunì?

SIMONA (pungente): Nun è possibile… A chesto ce hanno già penzato ’e marziane… Tu m’hé ’a lassà ’mpace… ’O vvuo’ capì!...  (fa per uscire di scena).

ALFONSINO: Aspè, addó vaje?!

SIMONA (si volta): No, nun m’accumpagnà!… È meglio si nun ce vedimmo e nun ce sentimmo cchiù… Bona furtuna!… Saluteme a tutte quante  (esce di scena dalla comune e va a destra).

ALFONSINO (si accascia sulla sedia centrale): ’E ffemmene!… E chi ’e ccapisce!…’A nu mumento a n’ato se sturzellano e nun l’acchiappe nè p’ ’a capa nè p’ ’a coda (poggia i gomiti sul tavolo e nasconde il volto fra le mani).

ARMANDO (entra in scena dalla comune, gli si avvicina e lo scrolla): Simona t’ha lassato;  è ovè? (siede alla destra di Alfonsino).

ALFONSINO: Accussì pare.

ROSETTA (entra in scena per accertarsi che il balcone sia chiuso): ’A gente è propio scustumata… Chella ’e rimpetto stà sbattenno ’e tappete a chest’ora… Aggio avut’ ’a chiudere balcune e feneste tanto d’ ’a povere!

ALFONSINO (passandosi la mano fra i capelli): Overamente ’a gente è scustumata!… Stammatina, quanno so’ sciso, me steveno abbrucianno ’e capille… Va trova chi ha vuttato ’a coppa nu mezzone ’e sigaretta appicciato. (Si porta la mano al centro della testa) Me s’è fatta na chiereca propio ’mmiez’ ’a capa.

ROSETTA (preoccupata, gli si avvicina): Famme vedé! (Guarda fra i capelli di Alfonsino): È overo!… Armà, guarda pure tu (mantiene allargati i capelli).

ALFONSINO: Ahi!... Azì me faje male!

ARMANDO (si alza e guarda sul capo di Alfonsino): Proprio na bella bruciatura.

AMELIA (entra in scena e avvicinandosi): Ch’è stato?

ROSETTA: È na bruciatura ’e sigaretta… È tonna tonna… Guarda, Amè!

AMELIA (osserva): E stà propio ’mmez’ ’a capa (guarda Armando).

ARMANDO: Già…  Alfonsì dimme na cosa… Ma tu hé fatto storie quanno t’è caduto ’o muzzone ’ncapo?

ALFONSINO: E cu chi?!… Stevo sul’ io ’mmiez’ ’a via… (Declama) Sarà stata una fanciulla che ha lanciato giù un tizzone per accendere il mio cuore.

ROSETTA: Alfonsì, bello d’ ’a zia, nun è ’o mumento.

AMELIA: Alfonsì, tu ’e sta bruciatura nun hé parlato cu nisciuno?

ALFONSINO: No.

ARMANDO: Allora è una mano dal cielo!       

ROSETTA: Overo è na mano d’ ’o cielo.

ARMANDO: Alfonsì, io stanotte t’accumpagno ’o spitale… Tu lle dice ca so’ venute n’ata vota ’e marziane, ca si’ svenuto e po’ te si’ scetato cu sta bruciatura ’ncapo.

AMELIA: Lloro sicuramente te faciarranno n’ata vota ’e llastre.

ROSETTA: E nun truvanno cchiù ’a microspia, penzarranno ca ’e marziane  comme te l’hanno misa, accussì te l’hanno luvata.

ARMANDO: Propio accussì.

ALFONSINO: Ma chella, Simona, ’a verità ’a sape.

ARMANDO: E pe’ chesto t’ha lassato.

ROSETTA: L’ha lassato!… Amè, hé capito?… Se so’ fatte ’a pubblicità cu Alfonsino e po’ chi s’è visto s’è visto.

AMELIA (nervosa): E chella è gente che fa politica… Figurammece si se perdeva l’occasione! (avanza un po’ verso il divano).

ROSETTA: ’E politici, sciò llà!… Sanno apprufittà pure d’ ’e disgrazie d’ ’a gente!

ARMANDO: E stateve zitte! (Si siede di nuovo accanto ad Alfonsino) Alfonsì, si stanotte ’o spitale truvammo ’o stesso miedeco ’e guardia, stammo a cavallo… Chillo è cchiù scemo ’e te… Se cunvinciarrà subbeto ca so’ state ’e marziane.

AMELIA (girandosi, ad Alfonsino): Sarrà isso stesso a parlà cu ’e giurnaliste… Quanto a Melina, chella è talmente scema ca nun ha capito niente.

 

ALFONSINO: E po’ doppo che succede?

ARMANDO: Succede ca te miette a studià, senza perdere cchiù tiempo.

AMELIA: Papà ave ragione (siede sul divano - lato esterno).

 

ARMANDO (a parte): E mò vène ’o diluvio universale.

        Alfonsino, contrariato, si alza ed esce di scena dalla comune.

  Rosetta accosta la sedia al tavolo.

Scena Ottava

  Bussata di porta (campanello)

AMELIA: Rosè…

  

ROSETTA: Uffà!... Chesta sarrà chella scema ’e Melina (va ad aprire).

AMELIA: Chisà sta vota che lle serve?

ROSETTA (voce fuori campo): Gué, che piacere!… Trasite!

SIGNORA LUCIA (voce fuori campo): Grazie (entra in scena con giacca e borsa, seguita da Sofia) Permesso?

  Sofia, ben truccata, indossa un tailleur e scarpe con tacchi; a tracolla ha  una borsa.  

ARMANDO (si alza e va loro incontro): La nostra Signora Lucia! (le stringe la mano)  Gué,Sofì, comme staje bella! (le dà un pizzicotto sulla guancia).

SOFIA: Grazie.

AMELIA (si alza dal divano e rivolta alla signora Lucia): Che piacere! (la bacia e indicando il divano) Accomodatevi! (Abbraccia Sofia che le si avvicina) Ciao, Sofì.

SIGNORA LUCIA: Allora che si dice? (siede sul lato interno del divano). Saccio ca site addeventate famosi.

AMELIA (minimizza): Eh, famosi! (le siede accanto).

ARMANDO (siede vicino al tavolo con le spalle al balcone):Sofì, assettete vicino a me! (indica la sedia centrale alla sua destra).

SOFIA: Grazie (si siede)

        Rosetta sposta l’altra sedia più vicino a Sofia e si siede anche lei.

SIGNORA LUCIA: Ajere nu canale privato ha parlato n’ata vota ’e vostro figlio Alfonsino.

SOFIA: Sempe p’ ’o fatto d’ ’a microspia.

SIGNORA LUCIA: Ogge, truvannece a passà ’a ccà, aggio ditto a Sofia “Mò facimmo nu tentativo. Pò  essere ca ce stanno”… E eccoci qua.

AMELIA (sorride): E avite fatto buono.

ROSETTA: Sofì, po’ l’hé fatto chillu provino p’ ’a televisione?

SOFIA: No, nun se n’è fatto cchiù niente.

SIGNORA LUCIA (ad Amelia e a Rosetta): È stata tutta na bolla ’e sapone.

ROSETTA (mentendo): Uh, me dispiace!

AMELIA: Io ve vulevo chiammà pe’ sapé si Sofia vò fà ancora chella parte int’ ’a cummedia.

SIGNORA LUCIA: E comme, no!

SOFIA: Certamente!… A me chella cummedia me piace assaje.

SIGNORA LUCIA (si commuove): È bello pure ’o titolo… “Figlia ingrata”.

 

AMELIA: È bello soprattutto ca nun ce stà ’o cambio ’e scena ’o sicond’ atto.

ARMANDO: Nu cambio ’e scena costa!

AMELIA: Si ripigliammo a pruvà, putessemo ascì p’ ’a fine ’e maggio. 

ROSETTA: Però, pe’ primma cosa, avimm’ ’a truvà l’attore che fà ’a parte d’Enrico.

ARMANDO: Rosè, nun ce sta tiempo… Chella parte s’ha da taglià.

ROSETTA (seccata): Amè, ’o siente?... Mò accummencia n’ata vota.

AMELIA: È mai possibile ca nun truvammo a nisciuno pe’ chella parte!?

ARMANDO (a parte): E chi t’ ’o dà?!

ROSETTA: Amè, t’ ’o ddico ’a mò,  si me taglie ’a parte, i’ ’ncopp’ ’a scena  nun esco.

SIGNORA LUCIA (pensosa): Aspettate!… Ce stesse Don Gaetano… È uno che stà ’e casa ’e rimpetto a nnuje.

SOFIA: Chillo venesse ’e corza, nun fosse ato ca pe’  ’ncuntrà Alfonsino.

AMELIA: Alfonsino!… E che ce azzecca Alfonsino?

SIGNORA LUCIA: Sì, pecché, quanno ’a televisione parlaje d’ ’o fatto d’ ’e marziane, a me me scappaje d’ ’a vocca ca ve cunuscevo e isso, ca ce crede assaje a sti ccose, da allora s’è fissato ca vulesse scrivere nu libro cu Alfonsino.

ROSETTA: E pecchè no!?

ARMANDO (a parte): Saje che n’esce!

AMELIA: Ma è mai stato ’ncopp’ ’a scena?

SIGNORA LUCIA: Sì... Da giovane sunava ’a chitarra ’int’ a nu locale… Io ’o veco comm’ attore… Però ’a regista site vuje.

AMELIA: E facitelo venì pe’ nu provino… Sempe si tene genio, si no ce fa perdere sulo tiempo…  Rosè, piglieme l’agenda e ’a penna… Stanno int’ ’o sicondo tiretto. 

ROSETTA (contenta, si alza): Subito (apre il secondo cassetto).

SIGNORA LUCIA (tono confidenziale): Chillo è na persona seria!… Faticava ’e Pposte… Da cinche mise, puveriello, è rimasto vedovo.

ROSETTA: Overo!? (si dà una sistemata ai capelli con le mani).

SOFIA: Lle farrà piacere ’e se distraere nu poco.

        Rosetta porge l’agenda e la penna ad Amelia. 

AMELIA: Allora nun ce avessen’ ’a stà problemi (apre l’agenda).

ARMANDO: Accussì sperammo!

 ROSETTA (occhi sognanti): Scummetto ca chistu Gaetano è biondo.

SOFIA: Noo, qua’ biondo!

ROSETTA: Allora tene ’e capille nire?

SIGNORA LUCIA: Veramente io ’o veco sempe c’ ’o cappiello.

ARMANDO: E che fa?…  Pure si tene ’o mellone, p’ ’a parte va buono ’o stesso.

ROSETTA (mascherando la delusione): Eh, già.

SIGNORA LUCIA: Tene nu poco ’e panzella ma, se sape, l’ommo quanno arriva ’a sissantina ce và suggetto.

AMELIA: E comme no.

SOFIA (sorride): Chillo ’a sissantina l’ha passata chisà ’a quanto tiempo.

SIGNORA LUCIA: Sì, ma l’anne che ttene nun ll’addimostra propio.

ROSETTA: Scummetto ca tene ll’uocchie blu.

SIGNORA LUCIA: Pò essere… Veramente non ’o ssaccio… Chillo porta sempe ’e llente scure.

SOFIA: Forse lle dà fastidio ’a luce.

ARMANDO: Se vede ca s’è fatto l’operazione ’e cataratte.

ROSETTA: Mò ’e llente scure vanno ’e moda.

SIGNORA LUCIA: E sarrà pe’ chesto.

AMELIA (prende nota sull’agenda): Allora dicitele ’e venì lunnedì. (Rivolta a Sofia)  Sperammo che va buono, accussì Sofì  può venì cu isso a pruvà. 

SIGNORA LUCIA: Veramente, si nun ve dispiace, vulesse venì ’o stesso pur’io.

ROSETTA (ironica): Pecchè, ve preoccupate pe’ Sofia?

SIGNORA LUCIA (imbarazzata): Noo!… Chillo Don Gaetano è na persona ammodo… È ca io ’a casa che ce faccio?

ARMANDO: Pe’ nnuje è sempe nu piacere si venite.

AMELIA: E certamente!

 

ROSETTA: Ce putite dà n’uocchio p’ ’e vestite ’e scena.

AMELIA: Tie’ Rosè! (le porge l’agenda e la penna).

Rosetta prende l’agenda e la penna e le ripone nel cassetto.

 

SIGNORA LUCIA (sorride): E ve pozzo purtà pure dduje taralle ’nzogna e pepe.

ARMANDO: Buone!

SOFIA: Sicuramente Don Gaetano, quanno vene, porta ’e ppaste.

SIGNORA LUCIA (tono confidenziale): ’A sora tene na bella pasticceria propio all’angolo d’ ’a via nosta.

ARMANDO (entusiasta): Hé ’ntiso, Amè?

AMELIA (sorride): Sì, però m’ ha da cunvincere ’ncopp’a parte … Songo o nun songo ’a regista?

SIGNORA LUCIA: E comme no!

ROSETTA: Mò ce vò propio na bella orzata… ’A vaco a piglià (esce di scena).

ARMANDO: M’ ’a bevo cu piacere na cosa fresca. Tengo ’a vocca accussì secca.

AMELIA (si alza di scatto dal divano): Uh, ’o frigorifero! (Uscendo di scena) Rosè, statte accorta mò c’arape!

TONFO (rottura di bottiglia)

Scena Nona

Alterco fra Amelia e Rosetta.      

AMELIA (voce fuori campo): Ch’è cumbinato!

ROSETTA (voce fuori campo): Pecchè è colpa mia?!… Si’ stata tu ca hé miso ’a butteglia cuccata int’ ’o frigorifero.

AMELIA (voce fuori campo): E scusa tanto!

ROSETTA (voce fuori campo): E mò chi pulezza!?

ARMANDO: Permesso nu mumento… Vaco a dà na mano (esce di scena - Voce fuori campo) Zitte!…Zitte!…  ’A vulite fernì!?

ROSETTA (voce fuori campo): Era  essa c’alluccava.

AMELIA: Io?  

SIGNORA LUCIA (rivolta a Sofia): Gué, si t’addimannano d’ ’o giurnalista ca cunusciste ccà, dice ca t’accumpagnaie sulamente ’a casa e ca doppo nun l’hé visto cchiù… È meglio ca nisciuno sape chello ca m’hé fatto passà stu mese!

SOFIA (si alza e le si avvicina - tono drammatico): Però tu ’o pprincipio m’hé dato ’a mano…Te ne si’ scurdata?… Quanno m’arritiravo ’e tre ’a notte, facive finta ’e durmì e nemmanco ’a matina, quanno me venive a scetà,  me dicive niente.

SIGNORA LUCIA: E che t’avevo dicere!?… Tu ire pazza e perduta pe’ chillu fetente.

SOFIA: Fetente ’o chiamme mò… Primma te piaceva…. Dint’a fantasia toja, già me vedive spusata c’ ’o giornalista. È overo?… (Alza il tono di voce) Embè, t’è ghiuta malamente!   

SIGNORA LUCIA (si alza): Zitta!  Disgraziata, te vuo’ fà sentì ’a tutte quante?!… Quanno sapiste ch’era spusato, a chi aspettave a lassarlo!… Che ce putive sperà?… Chillo teneva pure nu figlio… Madonna, che scuorno, quanno ’a mugliera telefonaje ’a casa nosta!… Me steva venenno nu colpo ’o core. 

SOFIA (pungente): Già!… Sulo allora t’arricurdaste ’e ll’ onore ’e tua figlia.

SIGNORA LUCIA: Zitta!… Statte zitta!… Io me ne voglio scurdà… Pò essere ca nu fesso ancora ’o truove.

ARMANDO (entra in scena con Alfonsino, proprio sulla battuta): Ccà stà Alfonsino!… Alfonsì, Sofia fa l’attrice cu nnuje.

 

ALFONSINO (si avvicina, guardando ammirato Sofia): Piacere!

SOFIA (lusingata): Il piacere è mio.

ARMANDO: Forse fino a mò nun ve site mai ’ncuntrate.

ALFONSINO (guardando Sofia): È stato veramente nu peccato.

        La signora Lucia si avvicina, trovandosi fra Sofia e Alfonsino.

SOFIA (presentandola con un sorriso a Alfonsino): Questa è mammà.  

ALFONSINO (sorride, stringendole la mano): È un vero piacere! (Inizia a declamare dei suoi versi) Non so come, non so quando,… di sicuro so soltanto...  

SIGNORA LUCIA (continua i versi, improvvisando):ca me sento emozionata pe’ st’incontro fortunato! (prende le mani dei due ragazzi e le stringe a sé).

ARMANDO: E brava ’a signora Lucia! 

  Mentre cala il sipario, Alfonsino guarda disorientato la signora Lucia; Armando guarda divertito Alfonsino; Sofia e la mamma si sorridono.

FINE

Sul sito www.compagniailguazzabuglio.it è possibile leggere le recensioni di questa commedia.

Nel link autrice è possibile trovare qualche notizia su di me e sui miei libri.

                                                                  Colomba Rosaria Andolfi        

“UNA MANO DAL CIELO”   -   Divisione in scene

ATTO PRIMO

Scena Prima (fuori sipario): Amelia e Rosetta                                            pag.  3

Scena Seconda: Armando, Amelia, indi Rosetta                                         “      4

Scena Terza: Amelia, Armando, Sig.ra Elena e Simona,                           “      9

poi Alfonsino, indi Rosetta

Scena Quarta: Amelia, Armando, indi Rosetta                                             “    18

Scena Quinta: Amelia, Rosetta, indi Ragazzo                                              “    20

Scena Sesta: Amelia, Rosetta, Melina, indi Armando                                 “    22

Scena Settima: Amelia, Armando e Rosetta                                                             “    23

Scena Ottava: Amelia, Armando, Rosetta, indi Tonino e Assuntina        “    26

Scena Nona: Amelia, Armando Rosetta, indi Sig.ra Lucia e Sofia           “    31

Scena Decima: Amelia, Armando, Sig.ra Lucia e Sofia, indi Rosetta      “    37

Scena Undicesima: Amelia, Armando, Rosetta, Sig.ra Lucia e Sofia,     “    39

indi Umberto

Scena Dodicesima: Amelia, Rosetta, Armando, indi Gennaro, poi           “    47

Alfonsino

Scena Tredicesima (dopo buio): Rosetta, indi Amelia, poi Armando,       “    49

 Gennaro  e Alfonsino

ATTO SECONDO

Scena Prima: Amelia, Armando, Rosetta, indi Sig.ra Lucia                     “     52

Scena Seconda: Amelia, Rosetta, Armando, indi Ersilia                          “     55

Scena Terza: Amelia, Armando, indi Rosetta                                  “     58

Scena Quarta: Amelia, Armando, Rosetta, indi Sig.ra Elena e                “     60

Simona, poi Alfonsino                           

Scena Quinta: Amelia, Rosetta, indi Melina, poi Armando                                  “     67

Scena Sesta: Amelia, Rosetta, Armando e Alfonsino                               “     69

Scena Settima (dopo buio): Simona, Alfonsino, indi Armando,              “     71

poi Rosetta e Amelia

Scena Ottava: Amelia, Armando, Rosetta, indi Sig.ra Lucia e Sofia       “     73

Scena Nona: Amelia e Rosetta (voci fuori campo), Armando,                 “     78

Sig.ra Lucia e Sofia, indi Alfonsino

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 46 volte nell' arco di un'anno