Una notte a Londra

Stampa questo copione

SALVATORE RUSSOTTO

UNA NOTTE A LONDRA


UNA NOTTE A LONDRA

ATTO PRIMO

Sipario chiuso, i musicisti cominciano a suonare. Dopo qualche attimo si attenuano le luci in sala fino a spegnersi. Si apre il sipario.

Voce fuori campo:

(appena il sipario è completamente aperto) Buona sera signore e signori. Buona sera.Ci troviamo all'interno di un piano bar, uno di quelli con tutti gli ingredienti al loro posto: i musicisti, la luce soffusa, i clienti. Già. I clienti. Un folto gruppo d'individui sconosciuti, solitari. Gente comune, con un lavoro, una casa, una famiglia, una storia. Ognuno la sua storia, dolce, amara, da dimenticare, da raccontare, ma non qui. Qui la gente viene per estraniarsi dal resto del mondo, per vivere ogni volta una vita nuova, diversa. Ma è nel profondo della notte che restano solo loro: gli habitué. Quelli che chiamano il barista per nome, che hanno intrecciato conoscenze pressoché fisse con altre persone nella penombra dei tavolini di questo locale. Ma solo lì. Al di fuori di quest'affascinante mondo ognuno torna alla sua monotona e banale vita quotidiana. Ma stanotte è successo qualcosa...

La musica sfuma lentamente. Resta solo il pianoforte che intona solo un sottofondo lento e discontinuo. Entra Helen, cammina stanca verso il piano. Il pianista risponde con le note.

Helen                  Hi, Sam.

Sam                      (Hi.)

Helen                  Sai? Sono molto triste.

Sam                      (E perché?)

Helen                  E' successa una cosa.

Sam                      (Cosa?)

Helen                  Stamattina sono stata a letto con un uomo.

Sam                      (Birbantella!)

Helen                  Ma non mi è piaciuto per niente.

Sam                      (E perché?)

Helen                  Perché pensavo ad un altro.

Sam                      (Victor Adam Valentine)

Helen                  Già, proprio lui.

Sam                      (Ma Helen.)

Helen                  Lo so sono fissata ma... quell'uomo ha un fascino tutto particolare.

Sam                      (Lo so, lo so)

Entra Grace

Helen                  Insomma Sam, lo voglio! Almeno per una notte! Deve essere mio.

Grace                  Stai parlando di Victor?

Helen                  Che domande, certo che sì.

Grace                  Non hai saputo?

Helen                  Un altro cuore infranto?

Grace                  No.

Helen                  Cos'ha combinato? Si è sposato? No eh? Non dirmi che si è sposato! Prima deve

passare sopra, cioè dentro di... insomma hai capito no?


Una notte a Londra - 1


Grace                  E' morto.

Helen                  Ma non farmi ridere.

Grace                  Dico sul serio. E' morto.

Helen                  Ma morto... stecchito?

Grace                  Helen. Victor è morto.

Helen                  Oh mio Dio! E me lo dici così? Come se niente fosse?

Grace                  Io mi sono appena ripresa dallo shock.

Helen                  E chi è stato?

Grace                  Non lo so. Ma poi perché dovrebbe essere stato qualcuno?

Helen                  Non so. Magari un uomo geloso. Oh mio Dio! L'avranno ucciso! Un assassinio!

Grace                  Helen! Calmati. Magari è scivolato in casa e ha battuto la testa. Eh?

Helen                  Ma tu come l'hai saputo?

Grace                  Frank. Mi ha telefonato stamattina e mi ha detto: "Victor è morto".

Helen                  E ovviamente non ti ha detto altro.

Grace                  Ovviamente.

Helen                  Mio dio Vic. Ma non può essere che sia stato uno scherzo?

Cliff                     (entrando) No, è morto per davvero. (esita).

Grace                  Hai saputo anche tu?

Cliff                     Certo che ho saputo e non vedo l'ora di festeggiare.

Helen                  Dai Cliff, Siediti qui con noi.

Cliff                     Che ne dici Sam? Gliela dedichiamo una bella canzoncina al nostro amico? Che dio

abbia pietà di lui, povero stronzetto. L'importante è che se lo tenga.

Durante l'esecuzione del brano Helen si dispera con crescente emozione. Sul finale entrano Jack e Wanda allegri ed euforici. Al termine del brano applaudono vivacemente i musicisti.

Wanda                Ottima esecuzione ragazzi.

Jack                      Oserei dire: meglio dell'originale.

Wanda                (scorgendo l'umore degli altri presenti) Ehi ma cos'è successo? Helen?

Cliff                     Non hai saputo di Victor?

Wanda                Helen! Mia cara. Ancora non l'hai capito? Il tuo amore per quell'uomo è un'utopia.

(va a sedersi accanto a lei) Non puoi buttare la tua vita in questo modo. Lui è fattocosì. Vuole restare libero. Ha avuto una vita...

Helen la guarda poi l'abbraccia e china la testa sulle sue spalle; Wanda interroga con lo sguardo Grace che di tutta risposta scuote la testa e china il capo anche lei.

Cliff                     Immagino che non sappiate nulla.

Jack                      E' successo qualcosa a Victor?

Cliff                     Se gli è successo qualcosa?

Grace                  Cliff! Ma cosa ti prende?

Cliff                     Altroché se gli è successo.

Grace                  CLIFF!

Cliff                     Le mie preghiere si sono finalmente avverate.

Grace                  CLIFF! Dicevi di essere il suo migliore amico!

Cliff                     FINALMENTE!

Helen                  E' pazzo, è completamente ubriaco.

Cliff                     VICTOR ADAM VALENTINE! (piano a Jack) E' morto. (si guarda attorno) Morto.

Jack                      Come sarebbe a dire morto?

Cliff                     Morto! Hai presente cosa vuol dire? Defunto, spirato, estinto... oserei dire: "Morto".


Una notte a Londra - 2


Vuoi la definizione? Dicesi morto una carogna che ha finalmente assunto una

sembianza fisica degna di quello che è la persona in senso morale. E carogna dicesi

di una persona che ha passato una vita alle spalle degli altri, sfruttandoli per farsi

bello a spese loro; un "bifronte", un individuo capace di cambiare umore a seconda

delle circostanze e della convenienza!

Certo Grace, dicevo di essere il suo migliore amico; ma la vuoi sapere la verità? E'

stato lui a deciderlo, non è che un giorno si è presentato da me e mi ha detto: "Caro

Cliff, devo dirti che sei veramente il mio migliore amico". No! Sai invece cosa ha

combinato? Mi ha fottuto la donna! Se l'è fatta! E quando io gli ho detto di non farsi

più vedere, che con me aveva chiuso, quando ho cercato di fargli capire che certe

cose non si fanno, sai come ha reagito lui? Lui mi ha fatto una faccia sorpresa e mi

ha detto: "Ehi Cliff! Ma io ti ho fatto un piacere! Se quella donna è venuta con me e

ti ha tradito è una puttana. Quindi una donna così è meglio perderla che trovarla!"

Che persona adorabile! Si è mostrato ai miei occhi come uno stronzo per farmi capire

che stavo per sposare una puttana. Ha rischiato di perdere un amico per aprirmi gli

occhi. Io mi sono finto suo amico perché lui voleva che lo fossi, mi ha detto che gli

ero debitore ma che gli bastava sapere che nulla sarebbe cambiato tra me e lui, ed io

l'ho accontentato.

Helen                  Ma quella donna?

Cliff                     Non sono affatto dispiaciuto della morte di Victor. Amanda è morta suicida per colpa

sua.

Stupore generale

Wanda                Amanda? Amanda Steerforth?

Cliff                     Sì Wanda. Io e Amanda eravamo prossimi al matrimonio. Prima che qualcuno si

intromettesse tra noi.

Grace                  Amanda Steerforth?

Cliff                     Sì, Amanda Steerforth. Quella che tutti voi conoscete.

Wanda                Ma Amanda non ci ha mai parlato di nulla.

Cliff                     Tutto quello che vi ho raccontato è successo prima che io cominciassi a frequentare

questo locale. A dire il vero: io ho messo piede la prima volta qui dentro su invito di

Victor, dopo che lui mi aveva fatto quel favore. Quando voi avete conosciuto

Amanda, io per lei non esistevo più.

Grace                  Cliff, Amanda ci ha sempre parlato di te come di una persona immatura, irascibile,

diceva che nessuna donna avrebbe mai potuto vivere accanto a te.

Cliff                     E chi vivrebbe accanto ad un ubriacone? Chissà cosa le aveva inculcato in testa quel

bastardo! Riusciva sempre a farsi ascoltare. Quell'uomo aveva un carisma innato e sapeva come sfruttarlo.

Luce. Il bar è vuoto, ci sono solo i musicisti. Entrano Victor e Amanda

Victor                 Non ti buttare giù così.

Amanda             Ma ti rendi conto che stavo per sposarmi con lui!

Victor                 Cliff non è cattivo, solo che ognuno è fatto a modo suo.

Amanda             E tu sei fatto molto bene, Victor! Mi chiedo, infatti, come fai a difendere quel

bugiardo. Mi ha preso in giro per tutto il tempo che stiamo stati insieme. Non mi ha mai detto della sua dipendenza dall’alcol.

Victor                 Non puoi accusare Cliff di essere un bugiardo.


Una notte a Londra - 3


Amanda             E Perché?

Victor                 Perché lo siamo tutti. Lo è Cliff, lo sono io, lo sei tu. Le donne, in particolare, sanno

mentire meglio di chiunque altro.

Amanda            Se la pensi così sulle donne perché io sono qui con te?

Victor                 La madre di Cliff. Credo che sia stata lei a rovinarlo.

Amanda            Sì, certo. Intanto non hai risposto alla mia domanda.

Victor                 Parlo sul serio! Io l'ho conosciuto tanto tempo fa' e ti posso garantire che non era

così. Ma poi è morta sua madre. E lui...

Amanda             Sì ma adesso non parliamo più di lui. Ora ho trovato te.

Victor                 Amanda, mi fa piacere che tu mi dica così. Ma Cliff è un mio amico, e nonostante

me ne abbia fatte tante in passato io l'ho sempre perdonato, sapendo quello che ha

passato per colpa di sua madre, l'ho sempre considerato come un fratello minore. Ed

e per questo che...

Amanda             Victor! Adesso siamo noi due, qui! Cliff è un ricordo lontano, per me. Ma dimmi:

posso fidarmi di te? Non mi mentirai mai?

Victor                 Mentirti? E perché dovrei?

Amanda             Perché? Perché, come hai detto tu, tutti mentiamo, quindi anche tu lo fai con me.

Victor                 Hai ragione. Allora, sì, ti mentirò.

Amanda             E tu? Non hai paura che io possa prendermi gioco di te?

Victor                 Non lo so. Dovrei avere paura?

Amanda             Forse. Sono una persona selvaggia, sai? Proprio tu mi hai aiutato a capirlo.

Victor                 Io? No, lo sapevi già, dentro di te l’hai sempre saputo. Io mi sono limitato a

risvegliare il tuo lato selvaggio.

Amanda             Complimenti, Victor, ci sei riuscito molto bene. Ma.. perché avresti fatto tutto questo

per me? In fin dei conti no n  son o  così  i m p o r t a n t e .

Victor                 Dovresti essere meno dura con te stessa.

Amanda             Sono solo realista. sono una donna...

Victor                 Sei una donna meravigliosa.

Amanda             Dici tanto per dire, lo so. Sono quelle frasi che si dicono per compiacere le persone.

Non c’è bisogno di consolarmi, Victor. Lascia stare.

Victor                 Se preferisci pensarla così, fai pure. Ma sappi che io non dico mai le cose tanto per

dirle.

Amanda             Victor…

Victor                 Dimmi.

Amanda             Victor…

Victor                 Ti ascolto.

Amanda             …Credo di non essermi mai sentita così felice.

Pausa

Amanda             Sicuramente Cliff cercherà di riconquistarmi. Credo proprio che questa volta dovrai

allontanarlo da te almeno per un po’.

Victor                 No, mai. Non posso lasciarlo solo proprio adesso. Tu eri un punto di riferimento per

lui. E io sono l’unica persona che gli resta.

Amanda             Oh! Victor. Tu sei troppo buono. Dovresti pensare anche un po' a te stesso.

Victor                 Amanda, ora voi vi siete lasciati. Ma per favore, fallo per me, non trattarlo come uno

straccio vecchio.

Amanda             Non dimenticare che tutto quello che so su di lui oggi me lo hai detto tu. Lui me l'ha

sempre tenuto nascosto.

Victor                 Qualunque uomo avrebbe fatto lo stesso.


Una notte a Londra - 4


Amanda             Qualunque tranne uno.

Buio

Luce. Nel bar ci sono di nuovo Helen, Grace, Cliff, Wanda e Jack.

Cliff                     Le avrà fatto il lavaggio del cervello!

Jack                      Cliff? Non è che stasera hai bevuto troppo?

Cliff                     Io?

Jack                      Si penso che tu abbia esagerato.

Cliff                     Bevuto?

Jack                      Cliff? Amanda è in Canada. Da quando si è lasc...

Cliff                     Da quando si è suicidata!

Jack                      Ti chiamo un taxi. (comincia a gesticolare verso la quinta per chiamare un

cameriere)

Cliff                     Jack. Non ho bisogno di un taxi.

Jack non lo ascolta.

Cliff                     Jack! Lascia stare!

Wanda                Dagli retta Cliff. Sei sconvolto.

Cliff                     Dio salvi... JACK! (piano) Per favore, lascia stare. Non ho bevuto. Tieni assaggia.

(porge a Jack il suo bicchiere)

Jack                      (assaggia poi disgustato) Guarda, io non so che cosa hai bevuto stasera, ma di sicuro

non è alcolico.

Cliff                     E’ acqua tonica.

Grace                  Hai bevuto acqua tonica?

Wanda                Sei sicuro di stare bene?

Cliff                     Bene.  Adesso  vi preoccupa  anche  il  fatto  che io  non  bevo. Ormai  vi  farei

compassione anche se vincessi alla roulette.

Helen                  Ti sei dato al gioco?

Cliff                     (Trattenendo a stento un'imprecazione) No Helen. Non mi sono dato al gioco. E' che

adesso che la mia Amanda può riposare in pace... Io non ho più motivo di vivere così.

Jack                      Cliff?

Cliff                     Si Jack?

Jack                      Amanda...

Cliff                     Amanda è andata in Canada, lo so. E so anche dove abita. C'ero anch'io quando è

partita. L'ho vista salire su una nave a bordo di una station wagon di colore scuro

piena di fiori. Volete sapere dove abita? Al Vancouver Monumental Graveyard.

(Pausa)

Non so cosa le abbia fatto Victor. Non so cosa l'abbia spinta a buttare giù quasi una

scatola intera di sonniferi. Sta di fatto che lei ora riposa in pace. Prima di morire mi

aveva scritto chiedendomi scusa e dicendomi che ora che tutto era finito lei non

aveva più motivo di vivere così. Ora che è morto anche Victor io posso defilarmi,

cosa ci fa un ubriacone tra tutte queste persone per bene? Addio.(esce)

(pausa)

Helen                  Non è vero.


Una notte a Londra - 5


Grace                  Cosa non è vero?

Helen                  Victor. Non può essere morto.

Grace                  Helen.

Helen                  Non è possibile. Vic è morto e noi stiamo qui a spassarcela come se niente fosse.

Jack                      In effetti anche a me non sembra vero. Voglio dire, giusto ieri era qui con una

splendida donna come tutte le sere e oggi... Boh. Di fatto, a quest'ora era sempre qui.

Wanda                Sembrerebbe quasi che debba arrivare da un momento all'altro.

Helen                  Ma vi rendete conto? Noi non sappiamo niente di lui. A parte che si chiamava Victor

Adam Valentine. E che aveva un fratello.

Wanda                Abel.

Grace                  Abel Valentine?

Wanda                No, non credo sia il suo nome. Penso che si faccia chiamare così.

Grace                  E perché?

Jack                      E' pazzo. Un'operazione che ha subito quando era in tenerissima età ha gravemente

danneggiato il suo apparato celebrale.

Helen                  E di che operazione si trattava?

Jack                      Un trapianto.

Helen                  E tu come hai saputo queste cose? Vic non parla... non parlava mai della sua vita

privata.

Jack                      E' un caso, una volta ho accompagnato un'amica in una clinica. E lì ho incontrato, per

così dire, Abel.

Buio


Voce di Abel Voce di Jack Voce di Abel

Voce di Jack Voce di Abel Voce di Jack Voce di Abel Voce di Jack Voce di Abel Voce di Jack Voce di Abel Voce di Jack Voce di Jack Voce di Jack Voce di Abel

Voce di Jack

Voce di Abel

Voce di Jack

Voce di Abel Voce di Jack Voce di Abel


(urlando) LASCIA QUI OGNI TUO AVERE (piano) o ricco uomo che entri.

Spiacente buon uomo. Sono nullatenente.

FERMO! Che il Tamigi mi sommerga con tutta la sua furia se mi sbaglio! Ma a quanto ne so io i tenenti vanno in giro in divisa!

No, non sono un tenente, sono... Intendo dire che non ho niente.

Tenente Nulla, lei un portafoglio di pelle lo definisce niente?

Guardi che non sono un tenente.

Signor Nulla, lei un portafoglio di pelle lo definisce niente?

No, non sono neanche il signor nulla. Io sono... non ha importanza, le dispiace..

Essere o non essere.

Sì.

Questo è il problema.

Certo.

Signor Bugiardo.

Bugiardo? E perché?

Perché lei dice di non avere niente, mentre io so che lei ha un portafoglio di pregiatissima pelle Connolly.

Mi dispiace deluderla ma io ho solo un vecchio portafoglio di pelle finta e per giunta vuoto, adesso se permette...

Dunque sulla base di quello che lei ha appena ammesso, signor "Bugiardo" deduco che "questo portafoglio" non è il suo.

Certo che non... ehi! Dove ha preso quel portafoglio?

E a lei cosa importa? Tanto non è il suo.

E invece è proprio il mio!

Si calmi, si calmi per favore. Ora aggiustiamo tutto; deve esserci stato un


Una notte a Londra - 6


equivoco.

Voce di Jack             Oh meno male, questo scherzo cominciava ad infastidirmi.

Voce di Abel            Lo credo, vede come le ho detto: ci deve essere stato un malinteso, è evidente...

Voce di Jack             Si certo...

Voce di Abel            E' chiaro che questo portafoglio assomiglia fortemente al suo, ma lei ha appena

asserito di possedere un portafogli di pelle finta vuoto. Questo portafoglio è in vera pelle e poi è pieno di soldi...

Voce di Jack             Ma come! Mi ridia il mio portafogli!

Luce

Jack                      E fu così che conobbi Abel.

Wanda                E il tuo portafogli?

Jack                      Fu Victor a farmelo restituire. Tra l'altro ricordo che trattò il fratello molto male;

voglio dire: non ho visto in lui nessun segno di affetto familiare. Mentre il fratello sembrava volesse rendersi responsabile anche per lui. Bah.

Helen                  Povero Vic. Ma come può essere morto?

Grace                  Già, Helen poco fa avanzava l'ipotesi che possa essere stato qualcuno.

Wanda                E perché?

Helen                  Ehi! Io non ho detto nulla.

Grace                  Ma sì. Appena ti ho detto della sua morte mi hai subito chiesto chi era stato.

Helen                  E' stata una reazione impulsiva. E' stata la prima cosa che mi è venuta in mente.

Wanda                In effetti l'ipotesi non è da scartare.

Helen                  Io ho sempre detto di amare Vic; ma se devo dire la verità, penso che il mio amore

verso di lui fosse una sorta di utopia. (reazione di Wanda) A me piaceva Vic per

quello che per me rappresentava. Diciamo che fino a qualche minuto fa avevo ancora

qualcosa per cui sognare.

Grace                  E cosa? L'amore di un uomo che odiava le donne con cui andava a letto?

Helen                  Forse era proprio quello a renderlo così affascinante.

Wanda                Al punto di spingere una donna al suicidio?

Jack                      Suicidio? Non avrai mica creduto a quell'alcolizzato? Secondo me stasera ha

esagerato. Un eccesso di alcool deve avergli fatto perdere la ragione e... bah, non mi stupirei se venissi a sapere che è stato lui.

Grace                  Ma andava sempre in giro dicendo di essere il suo migliore amico.

Jack                    Penso che tu sia l'unica che ci abbia creduto. Ma l'hai visto? Un uomo di classe come

Victor non faceva certo bella figura con un alcolizzato per amico.

Entra Jessica

Jessica                 Certo che la morte di Valentine è già sulla bocca di tutti.

Wanda                E tu quando sei tornata?

Jessica                 Appena Frank mi ha detto che Valentine è stato assassinato.

Helen                 (si sente svenire) Oh mio dio.

Wanda cerca di sostenere Helen.

Jack                      Come sarebbe a dire "assassinato"?

Jessica                 Assassinato!  Hai  presente  cosa  vuol  dire?  Ucciso,  freddato,  kaputt.  Vuoi  la

definizione? Dicasi assassinato...

Jack                      Aspetta un attimo... Per caso hai incontrato Cliff per strada?


Una notte a Londra - 7


Jessica                 Dio salvi la regina! E anche me da Cliff. Mi aspettavo di vederlo a Parigi: c'era una

sorta di fiera del vino DOC.

Wanda                Allora eri a Parigi.

Grace                  Frank non ti ha detto altro?

Jessica                 Quell'uomo è davvero un mistero! L'ho visto una sola volta ma lui di me sa sempre

tutto. Non avevo detto a nessuno dov'ero. Eppure oggi al mio rientro in albergo mi

hanno detto che c'era un telegramma per me. Chiaro e conciso come solo Frank sa

essere: (Helen si è appena ripresa) Alle sette e trenta di stamattina hanno ucciso

Victor Adam Valentine.

Helen come sopra, Grace la guarda poi resta pensierosa.

Jack                      Victor è stato...

Wanda                Jack! (a Jessica) Hai detto alle sette e trenta?

Jessica                 Perché avevate altre notizie?

Grace                  A me ha solo detto che era morto. Non sapevo ancora se credere ad una notizia come

questa.

Jessica                 Mia cara, se Frank dice di aver visto gli alieni; fidati che li ha visti davvero.

Sinceramente non ricordo di aver mai avuto una notizia da Frank che si fosse rivelata anche minimamente falsa o in qualche modo non corretta. Ma quando l'hai sentito?

Grace                  Stamattina. Ma sai "stranamente" è stato di poche parole: "Victor è morto".

Jack                      Se Frank sa a che ora è successo tutto e che è stato ucciso, vuol dire che qualcuno si

è già messo in moto per capire cosa è successo.

Jessica                 Beh. Che sia morto, e come, sono le uniche cose che sappiamo.

Grace                  Ovviamente non si sa chi è stato.

Jessica                 Non credo che l'assassino abbia lasciato un suo biglietto da visita. In ogni caso, come

vi ho detto, Frank non ha aggiunto altro.

Helen                  Ma chi poteva volere male a Vic?

Jessica                 (dopo una fragorosa risata) Chi? Ti basti sapere che la prima cosa che ho pensato

appena ho saputo di Valentine è che sicuramente si tratta di omicidio a sfondo passionale.

Jack                      In effetti Victor, a sfondo passionale, ne ha fatte di vittime.

Jessica                 E qui la lista sarebbe lunga. Basti pensare a quelle che sono arrivate a tentare il

suicidio; una di loro avrà pensato: meglio lui di me.

Grace                  (alzandosi) Scusate. (esce)

Wanda                Dove va?

Jessica                 A cercarsi un alibi.

Jack                      E a che le serve un alibi?

Jessica                 Le servirà quando la polizia l'accuserà dell'omicidio del nostro amico casanova.

Wanda                Ma sei impazzita?

Jessica                 Non sono affatto impazzita. Grace ha tentato il suicidio circa sei anni fa per colpa di

Valentine.

Wanda                Anche lei?

Jessica                 Perché? C'è un'altra donna che ci ha provato?

Helen                  Cliff ha detto che Amanda è morta suicida per colpa di Vic.

Jessica                 Che io sappia, le ultime notizie la danno per trasferita a Vancouver.

Jack                      Sì, questo è quello che sappiamo tutti. Solo che Cliff sostiene un'altra tesi.

Secondo lui Amanda... diciamo che adesso vive in un monolocale a Vancouver. Più precisamente una bara.

Jessica                 E poi sarei io la pazza. Non credere alle leggende di quella specie di santo bevitore.


Una notte a Londra - 8


Wanda

Ti sembrerà strano ma stasera sembrava molto sobrio, ha bevuto acqua tonica.

Jessica

Ne siete sicuri?

Jack

Io ho assaggiato dal suo bicchiere. In effetti, era acqua tonica. Ma per quanto

riguarda Amanda non so se crederci o meno.

Helen

Quell'idiota era perfino contento della morte di Vic. Gli ha addirittura dedicato una

canzone.

Jessica

Povero Valentine, non meritava anche questo. Sam! Poni rimedio a questo torto,

fallo per il nostro amico.

Wanda

Dimmi una cosa Jessica

Jessica

Sì?

Wanda

Come hai saputo di Grace? E cosa l'ha spinta a tentare il suicidio?

Jessica

Ad essere sincera mi sembra perfino strano che non vi abbia detto niente.

Jack

Forse è veramente stata lei.

Jessica

Se così fosse non è stata molto furba farsi vedere qui. E meno che mai è stato furbo

andarsene così quando l'ho chiamata il causa

Comunque,  tempo  fa  ho  fatto

conoscenza con un certo Frank. Una persona strana, introversa, assente (gli altri

sorridono), talmente assente che talvolta non ci si accorge nemmeno della sua

presenza. Ebbene questo signore una volta mi ha chiamato al telefono e mi ha detto:

"Vai a casa di Grace, vicino all'ingresso c'è una vecchia bicicletta appoggiata al

muro, sotto il sellino vi sono nascoste le chiavi di casa. Entra ma bada bene di non

accendere la luce." E poi ha messo giù.

Wanda

E tu? Sei andata?

Jessica

Che domande! Penso che se Frank mi avesse detto di correre nuda fino a Buckingam

Palace lo avrei fatto senza obiettare. In ogni caso, al mio arrivo a casa di Grace, mi

sono tornate in mente le parole di Frank: "Non accendere la luce". In quel momento

mi sono chiesta perché Frank mi avesse mandato lì.

Jack

Aspetta! Le si era fulminata la lampadina del soggiorno!

(Wanda fa cenno a Jessica di non farci caso)

Jessica

Appena aperta la porta ho sentito un forte odore di gas, la stanza ne era piena.

Wanda

E perché non sei scappata?

Jessica

Stavo per farlo, credimi!Avevo paura che saltasse tutto per aria ma qualcosa mi ha

fermata Ho sentito come una voce che mi chiamava, (rassegnata) e ho detto: “Ciao

Frank”.

Voce fuori campo

Apri tutte le finestre e porta Grace fuori, di a qualcuno di chiamare un'ambulanza e

cerca di sparire prima che puoi.

Jessica

Inutile dire che eseguii gli ordini senza obiettare.

Wanda

Scusa se insisto, ma Grace non ti ha detto perché era arrivata a tanto?

Jessica

Dopo quel giorno non ho più visto Grace fino a quando Victor non mi ha invitata la

prima volta qui, forse lei non ha neanche mai saputo che sono stata io ad impedirle di

suicidarsi.

Jack

Credi? Ma non ne avete mai parlato?

Jessica

Quando è successo tutto questo io non conoscevo bene Grace. Ma conoscevo bene

Victor.

Sapevo di altre donne che avevano tentato il suicidio dopo qualche mese di convivenza con lui. Non ho mai saputo di preciso cosa sia balenato in testa a Grace quando ha deciso di togliersi la vita; però una delle donne che hanno fatto come lei era una mia amica. Ci eravamo sentite poco prima di quel disperato atto e lei in


Una notte a Londra - 9


quell'occasione mi ha detto che era in crisi per via di Victor.

Helen                  Mio Dio! Ma chi era Victor? Un lupo mannaro?

Jessica                 A lei era sembrato che inizialmente lui le volesse bene per com'era. E vi posso

garantire che era veramente una persona adorabile sotto tutti gli aspetti. Poi, piano

piano, Victor ha cominciato a chiederle cose strane come tingersi i capelli, pettinarsi

in un certo modo e così via; finché è arrivato al punto di esigere che lei si conciasse

in tutto e per tutto come voleva lui. La mia amica fino a quel punto aveva sopportato

ma quando lui pretese un'operazione chirurgica lei non ce la fece più. Decise di

lasciarlo ma subito dopo fu colta da una profonda crisi di identità. Almeno così disse

l'analista dal quale andò in cura.

Helen                  Ma allora non può essere che sia stata questa donna?

Jessica                 (con voce strozzata) Direi proprio di no. Il suo non fu solo un tentativo di suicidio.

Helen                  Mi dispiace Jessica.

Jack                      Dunque Grace potrebbe aver subito lo stesso trattamento della tua amica.

Jessica                 E' quello che temo.

Entra Grace un po' sconvolta, guarda tutti, esita.

Grace                  Ho una cosa da dirvi.

Helen                  Oh mio Dio.

Jack                      Grace stai bene?

Grace                  No

Helen                  Grace non c'è bisogno che tu ci dica niente.

Grace                  Lo sapete già?

Jessica                 Scusami Grace.

Grace                  Scusarti? Ma per cosa?

Wanda                Grace, devi essere sconvolta, siediti. (Grace si siede stupita) Non ti preoccupare, noi

ti saremo vicini.

Grace                  Scusate ma forse c'è un equivoco.

Helen                  Grace forse sarebbe meglio che ti costituissi.

Grace                  Cosa?

Wanda                Certo è il modo migliore per evitare di aggravare la situazione.

Jack                      Stai tranquilla, alla prima occasione ti portiamo il pane con la lima dentro.

Wanda                JACK!

Grace                  No, no, no. Ragazzi scusate ma forse mi sono persa un pezzo. Perché io dovrei finire

in prigione?

Helen                  Per l'omicidio di Vic.

Grace                  Cosa? Ma come ti permetti! Idiota! Guarda che io non sono un'assassina! Semmai sei

stata tu ad ammazzarlo perché non ti voleva!

Helen                  Ma perché mai avrei dovuto ammazzarlo! Io lo amavo! Tu invece avevi un movente!

Grace                 E quale sarebbe questo movente?

Silenzio, tutti guardano Jessica.

Grace                  Jessica?

Jessica                 Sì?

Grace                  Va tutto bene?

Jessica                 S-sì. Perché?

Grace                  Dimmi Jessica, come mai ho l'impressione che a causa tua qualcuno pensa che io

abbia ucciso Victor?


Una notte a Londra - 10


Wanda                Scusaci Grace, ma appena entrata hai detto che avevi una cosa da dirci e sembravi al

quanto sconvolta.

Grace                  Complimenti, dovreste lavorare per Scotland Yard! E a cosa devo questa "onorevole"

insinuazione?

Silenzio, tutti guardano Jessica.

Grace                  Ah certo, Jessica, la cara vecchia Jessica. Tu ne sai qualcosa?

Jessica                 No ma non è che io abbia detto che tu hai ucciso Valentine, era solo un'ipotesi.

Helen                  Grace, non mi hai mai detto di essere stata con Vic.

Grace                  Ma... Helen. Non sono la prima né l'ultima donna che è stata con Victor.

Wanda                Si ma a quanto pare sei una delle poche che sono riuscite a stare con lui per più di

una notte.

Grace                  Ma cosa state dicendo?

Jessica                 Scusami Grace, è colpa mia. Stasera ero in vena di pettegolezzi.

Grace                  Ma tu cosa ne sai di me? Cosa ti fa pensare che io abbia avuto una relazione con

Victor?

Jessica                 L'ho saputo quando questa relazione è finita.

Grace                  No.

Jessica                 Sì Grace.

Grace                  Perché?

Jessica                 Ti ho fermata mentre stavi per commettere una vera follia.

Grace                  Dunque è te che devo ringraziare per tutto questo.

Jessica               Ti chiedo ancora scusa.

Grace                  Mi chiedi scusa? Ho passato cinque lunghi anni in una clinica per tornare a sentirmi

normale. Avevo appena rimosso tutti i ricordi di quel dannato periodo, riuscivo

anche a rivedere Victor senza problemi e tu hai sentito il bisogno di vantarti del tuo

atto eroico!

Jessica                 No, te l'ho detto. Stasera avevo la lingua un po' lunga.

Grace                  Al diavolo tu e la tua lingua lunga! (comincia ad avvicinarsi a Jessica) Ma come ti

viene in mente di spifferare i fatti miei in giro?

Jessica                 Perdonami, mi sono lasciata prendere la mano.

Grace                  Prendere la mano? (Jack si interpone tra Grace e Jessica) Ma chi cazzo ti ha detto di

salvarmi la vita? Se non era per te a quest'ora riposerei in pace! Invece grazie alla tua

mania di protagonismo mi è toccato soffrire per tutti questi anni! E per giunta

sentirmi dire che sono un'assassina.

Jack                      No Grace, nessuno intendeva dire questo.

Grace                  Ah no? Allora ho sentito male?

Helen                  Il fatto è che sei entrata dicendoci che avevi una brutta notizia, allora noi...

Wanda                Scusaci Grace, siamo stati un po' affrettati.

Grace                  Non importa, non importa. E' passato tutto. Ah, a proposito di quella brutta notizia,

quasi dimenticavo, quando sono andata via... non nego che mi sono sentita un po'

chiamata in causa, sono andata fuori cercando di pensare a qualcosa che scacciasse i

ricordi, a proposito Jessica, scusami per prima, dovrei esserti grata invece mi sono

avventata contro di te.

Jessica                 Nessun problema. Posso capire come devi esserti sentita.

Grace                  Comunque ero li che fissavo il Tamigi.

Jack                    Non avevi proprio nient'altro da fissare?

Grace                  Non volevo certo buttarmici dentro. Comunque all'improvviso, dal nulla è comparso

un taxi, detto taxi mi si è fermato a fianco. Il finestrino si è aperto di quanto bastava a


Una notte a Londra - 11


parlare con chi c'era dentro.

Jessica                 E tu hai detto: "Ciao Frank".

Grace                  Infatti.

Helen                  Novità su Vic?

Grace                 Mi ha lasciato un biglietto di Cliff.

Estrae un biglietto dalla tasca e lo porge a Jack, questi comincia a leggere poi si ferma.

Jack                      Mio Dio.

Wanda                Jack? Ti dispiace renderci partecipi? (Jack esita) Cos'è successo?

Jack                      "Scusatemi tutti, ero di troppo a questo mondo, l'unico motivo per cui non mi sono

congedato prima è morto stamane vanificando tutti gli anni che ho trascorso a

meditare su quale fosse il modo migliore per vendicare la mia Amanda. Ormai lei è

morta, io non posso fare più nulla per lei. Non ho più motivo di vivere così."

Tutti restano in silenzio.

Grace                  C'è dell'altro Jack.

Jack                      (scrutando ulteriormente il biglietto) "Il corpo di Cliff è stato trovato esanime

davanti alla casa di Victor Adam Valentine. A trovarlo, poco fa, sono stati due agenti

di Scotland Yard che erano giunti lì per effettuare dei rilevamenti nella casa. Si sono

accorti del corpo quando, incuriositi dal fatto che la luce del lampione andava e

veniva, hanno alzato la testa. Il corpo di Cliff occultava la luce del lampione."

(richiude il biglietto) Cliff si è impiccato davanti alla casa di Victor.

Helen                  E' stato lui. Si è suicidato per il rimorso.

Jack                      Non credo. Se aveva in mente di suicidarsi non c'era motivo di mentire. Penso che

quello che ha scritto sia vero. Poveraccio.

Wanda                Non è possibile.

Jack                      Prego?

Wanda                Quell'uomo aveva la straordinaria capacità di rovinare la vita di chiunque lo

conoscesse.

Grace                  Io ne so qualcosa.

Wanda                Ma cosa ti ha spinto a tentare di toglierti la vita.

Grace                  Come ormai sapete, tempo fa ho avuto una relazione con Victor. Mi ritenevo

fortunata per questo ed ero convinta che sarei stata capace di fare tutto per lui.

Di  fatto,  feci  molte  cose  per  accontentarlo.  A  cominciare  da  cose  semplici,

sembravano stravaganze di un uomo particolare; mi tinsi i capelli, poi, sempre per

lui, cominciai ad indossare dei vecchi abiti da donna che teneva in casa. Finché un

giorno mi disse che ero troppo magra e che dovevo mangiare di più. All'inizio pensai

che stesse scherzando ma prima che me ne potessi rendere conto arrivai a pesare

ottanta chili. A quel punto entrai in crisi. Piangevo in continuazione, mi svegliavo di

notte in preda a terribili incubi. E ciò che era peggio: era sparito ogni ricordo della

mia vita passata.

Wanda                Ma perché non hai deciso di lasciare Victor?

Grace                  Feci appena in tempo a pensarlo che la sua follia raggiunse il culmine... Un... Un

mattino,... lo vidi arrivare in camera da letto con le mani nascoste; pensai che mi voleva fare un regalo e così feci finta di dormire.

Wanda                E alla fine?

Grace                  Non so cosa avesse in mano, ricordo che sentii un colpo fortissimo alla gamba,

talmente forte che mi procurò una frattura. Cominciai ad urlare, ero terrorizzata, la


Una notte a Londra - 12


gamba mi faceva un male atroce... (scoppia in lacrime).

Helen                  Ma perché ti fece tutto questo?

Grace                  Mi disse:

Voce di Victor

L'ultima volta che ti ho chiesto di fare qualcosa per me hai fatto storie ma poi hai

ceduto, questa volta volevo evitare inutili discussioni. Dopotutto tu hai sempre detto

che avresti fatto tutto per me.

Jack                      Fu in quel momento che decidesti di... Si insomma di...

Grace                  Quando mi disse di farmi asportare il seno.

Helen                  Il seno?

Wanda                Ma è una follia!

Helen                  E tu ti sei lasciata convincere?

Grace                  Sì.

Wanda                E perché mai?

Grace                  Non me lo disse mai, ma qualche giorno dopo che mi aveva "convinta" a farmi

operare feci la conoscenza di Frank.

Helen                  Ma come ti è venuto in mente di farti asportare il seno?

Grace                  Non hai sentito cosa diceva Cliff? Quell'uomo aveva carisma e lo sapeva usare.

Jack                      Scusa ma c'è ancora qualcosa che non mi torna.

Grace                  Come sono arrivata a tentare il suicidio?

Jack                      Hai detto che ti aveva convinta a farti asportare il seno ma, se mi permetti, mi sembra

evidente che qualcosa ti ha salvata.

Grace                 Frank. Un giorno al telefono mi disse di cercare in casa di Victor una cartella clinica

che riportava il suo nome, mi disse che l'avrei trovata in un armadio in camera sua.

Seguii il suo consiglio e trovai quella busta. Quando vidi cosa conteneva fui percossa

da un brivido di paura, le gambe mi vacillarono a tal punto che mi dovetti sedere.

All'interno della busta trovai una vecchia foto. Era la madre di Victor; e somigliava

paurosamente a me. Oltre alla foto c'erano anche gli esiti di alcuni esami medici.

Riguardavano un arto fratturato.

Entra Abel

Abel                     Luce potente di un giorno di giustizia! Oggi è chiaro che a vendicare gli uomini ci

sono lassù gli dei che ci proteggono.

Buona sera bella gente. Oggi è un gran giorno per me sapete? Oggi ho ricominc...

(vede il pianoforte) Un pianoforte! (vi si avvicina e lo osserva attentamente) Un

pianoforte vero. (ai presenti) non ne ho mai visto uno prima. (si ricompone poi a

Sam) suonala ancora Sam. Era da tanto che sognavo di dirlo.

Dicevo, signori, oggi è un gran giorno per me, anzi per il mondo intero (si avvia

verso l'uscita) Oggi è nata una stella (fuori scena) e chissà se mai tramonterà...

Helen                  Ma chi è questo svitato?

Jack                      A me ricorda vagamente...

Abel                     (rientrando) Valentine! Abel Lazar Valentine! Buona sera signori. Ah no questo l'ho

già detto. Oggi è un gran giorno per me... Anche questo... Ah ecco! Volevo porvi una

questione. Come disse già qualcuno in passato.

Una decisione, signori, una sola: vivere o morire. Bella domanda eh? Secondo voi è da elogiare chi resiste in una vita di sofferenze trattenendo in sé ogni dolore inflittogli dal destino? O è più dignitoso prendere in mano la propria vita e interromperla per porre fine ad ogni dolore? Dopotutto la morte è come il sonno. Tutto lì. Immaginate un sonno che oltre che la stanchezza cancelli anche le offese, i


Una notte a Londra - 13


dolori, gli sfregi della vita. Non male come idea. Un lungo sonno ma, ahimè, non

privo di sogni. Eh certo, signori, la parte più oscura di noi verrebbe fuori, a

presentarci il conto, a bacchettarci sulle mani per ciò che abbiamo fatto. E' per questo

che si soffre a lungo. Altrimenti perché si dovrebbe restare fermi? Sopportare i dolori

della guerra, le oppressioni, lasciarsi maltrattare da chi ha la violenza che gli scorre

nelle vene, soffrire inutilmente per amore, lamentarsi del sistema, di chi ha soldi per

comprarsi anche la vita altrui e, ultimo ma non ultimo, vedere la propria intelligenza

insultata da un emerito idiota! Perché? Quando a tutto questo possiamo porre fine

con le nostre stesse mani? Perché darsi ad una vita di fatica e sofferenze quando si

può soffrire per un solo istante e mai più per sempre? L'ignoto, bella gente. L'ignoto

ci rende deboli, incapaci di agire, quante volte uno pensa di morire, di ammazzarsi

ma poi non lo fa? La paura, l'oltretomba, il peccato capitale, l'inferno, la paura di

soffrire più di prima. Tutto ciò ci ferma.

Che dire signori: io ho scelto. (pausa) Vivo. (esce)

Helen                  Quello era Abel?

Jack                      In carne e ossa.

Grace                  Ma il suo vero nome?

Jack                      Non saprei dirvi, so che è lui a volere che lo chiamino Abel, ma Lazar non l'avevo

mai sentito.

Jessica                 Caino e Abele, Gesù e Lazzaro. Sono tutti personaggi biblici al quale si deve essere

ispirato il nostro amico.

Jack                      E perché mai dovrebbe essersi ispirato a loro?

Jessica                 Abele è il fratello di Caino e per colpa di questi perde la vita. Abel sicuramente

paragona suo fratello a Caino. Dovete sapere che quando Victor era poco più che neonato dovette subire un trapianto di fegato.

Grace                 Sì, Jack ci ha accennato qualcosa.

Jessica                 I medici dissero che non vi sarebbe stato alcun problema a prelevare una parte del

fegato di Abel per trapiantarla nel corpicino di Victor.

Jack                      Sì ma a quanto pare...

Jessica                 A quanto pare si sbagliarono. Dopo l'operazione il comportamento di Abel divenne

sempre più strano; inizialmente nessuno vi fece caso: era ancora piccolo. Con il

passare del tempo, però, le cose peggiorarono, la signora Valentine fece rinchiudere

Abel in una clinica, e si dedicò all'educazione molto rigida di Victor. Morti il signore

e la signora Valentine, Victor accettò la proposta della clinica di lasciar uscire Abel

di giorno, visto che, come matto, era abbastanza tranquillo. Così Abel fu libero di

girare per Kensington.

Jack                      E Lazzaro?

Jessica                 Si sentirà rinato per qualche motivo. Non avete sentito cosa ha detto? Io vivo.

Wanda                Incredibile. Di fatto ha rovinato la vita anche a lui. Quell'uomo era senza ritegno. Ha

rovinato la vita ad un sacco di persone. In effetti ha fatto la fine che meritava. (sente lo sguardo dei presenti su di lei) No, no, non sono stata io.

Jack                      Nessuno ha detto...

Wanda                Ho detto che non sono stata io.

Jessica                 Ehi calma.

Wanda                Si lo so, ho alzato un po' il tono e ho parlato male di Victor ma avevo le mie buone

ragioni ok?

Jack                      Wanda? Tutto bene?

Wanda                No! Non c'è un cazzo che va bene! Voi mi state accusando di avere ucciso Victor!

Helen                  Ma cosa...


Una notte a Londra - 14


Wanda              Basta! Lo volete capire che non sono stata io? Anche se pure io sono una vittima di

Victor! Anche se pure io ho, anzi avevo, un conto in sospeso con lui. Tutte le volte che ho provato a farmi amare da lui l'ho visto andarsene con una mia amica! Tre ne ho perse così! Per non dire quanti uomini ho perso per aspettare che lui si accorgesse di me. Tutte le donne da lui volevano solo una cosa mentre io lo amavo veramente. E quell'idiota neanche mi notava. Vent'anni di attesa! Sei matrimoni falliti! Due amiche al manicomio e una all'obitorio, m'è toccato pure riconoscerla per l'identificazione. Mamma mia se si era fatta brutta: grassa come una balena, sfigurata e senza tette! E dopo tutto questo tempo io ero ancora qui che aspettavo il mio momento e quell'altro che fa? Si fa ammazzare! Così io resto a bocca asciutta. Ora ditemi se non devo essere incazzata.

Helen                  Vent'anni?

Wanda                Sì, venti.

Helen                  Sei mariti?

Wanda                Sì Helen, sei.

Helen                  Tre amiche?

Wanda                Due al manicomio e una all'obitorio. M'è toccato pure...

Helen                  Wanda?

Wanda                Sì?

Helen                  Ti devo ringraziare.

Wanda                Prego.

Helen                  Ora ho capito tutto.

Wanda                Capito cosa?

Helen                  Mi hai aperto gli occhi.

Wanda                Non capisco.

Helen                  Mondo sto arrivando! (esce di corsa)

Wanda                Ma dove va?

Jack                      A recuperare il tempo perso. Scusa Wanda, ma la tua passione per Victor...?

Grace                  Già, parlaci della tua passione per Victor

Jessica                 Pensavo che fossi l'unica a non esserti innamorata di lui. A parte me ovviamente.

Wanda                E invece sono stata la prima. Solo che non volevo darlo a vedere. Da una parte mi

attirava e dall'altra mi dava fastidio, i suoi modi così raffinati erano nauseanti. Anche

se poi ho cominciato ad apprezzarli. Poi vedevo che tutte le donne gli cadevano ai

piedi, mi sembravano patetiche, stupide. Però poco alla volta ho cominciato a

provare anch’io una forte attrazione per lui ma non volevo che si notasse. Man mano

che passava il tempo la situazione mi sfuggiva di mano anche perché tutte le mie

amiche smaniavano per Victor. Finché un giorno una di loro divenne la sua

fidanzata. Io ci rimasi malissimo, la buttai sul fatto che mettersi con Victor era da

stupide...

Grace                  Grazie Wanda.

Wanda                Ovviamente la vera stupida ero io. Infatti il vero motivo per cui reagii in quel modo

era la gelosia.

Jack                    E fu così che perdesti la prima amica.

Wanda                Si, dopo una breve quanto travagliata relazione con Victor se ne andò in America

dove poco tempo dopo fu rinchiusa in un manicomio. Ormai da tempo non ho più sue notizie.

Jack                      E le altre due?

Wanda                Stesso copione di Christine, quella di cui vi ho appena parlato: conosceva già Victor

ma non lo frequentava. Poi una sua amica restò traumatizzata da una relazione avuta

con lui e Christine si senti un dovere di riprendere Victor. Si trovarono una volta


Una notte a Londra - 15


assieme, lo scopo di Christine era convincere Victor a rimediare al danno fatto.

Jessica                 Ma il risultato fu un altro.

Wanda              Christine si innamorò di Victor.

Grace                  E lo stesso è accaduto con le altre due.

Wanda                Francis e Samantha.

Grace                  E non hai più avuto notizie di nessuna di loro?

Wanda                Francis si è tolta la vita e Samantha si crede la Regina d'Inghilterra.

Jack                      Ma, cazzo, tu ti sei sposata sei volte?

Wanda                C'è chi ha fatto di peggio.

Jessica                 Scusa una cosa Wanda. Ma non eri invaghita di Victor?

Wanda                Sì.

Jessica                 Allora qualcosa non mi torna. Se a te piaceva Victor, perché ti sei sposata con un

altro? Anzi con altri sette uomini?

Wanda                Ogni volta dicevo a me stessa  che era per dimenticare Victor o perlomeno

esorcizzare la mia ossessione per lui ma in realtà volevo fargli dispetto.

Jessica                 Prego?

Wanda                Volevo farlo ingelosire. Come se gli dicessi: "Troppo tardi tesoro, hai perso il treno".

Jessica                 Certo, certo.

Wanda                E' il metodo più classico.

Jessica                 Non lo metto in dubbio.

Wanda                E vi dirò di più: funziona! Se lui ti ama cade subito ai tuoi piedi! ...forse Victor non

mi ha visto però...

Jack                      Sì, sì. Penso anch'io che sia andata così. Solo una cosa...

Wanda                Dovrei provare di nuovo facendo bene attenzione di farmi notare (Jack sviene) tanto

per cominciare...

Jessica                 Wanda?

Wanda                No, no, no.

Grace                  Wanda non ci pensare più adesso.

Wanda                Ma che idiota.

Grace                  Wanda torna tra noi.

Wanda                Ragazze ho un'idea!

Jessica                 Oh mio Dio.

Wanda                Stavolta non potrà non accorgersi del mio matrimonio.

Jessica                 E perché?

Wanda              Perché... Perché questa volta glielo dico!

Sipario

ATTO SECONDO

Jack è seduto vicino a Jessica che cerca di rinvenirlo. Wanda e Grace sono sedute vicine.

Wanda                Devo trovare qualcuno con cui sposarmi.

Grace                  Santo cielo, io non so più come dirtelo, sei già sposata!

Wanda                Ma si divorzia che problema c'è? Allora aiutami, devo trovare uno che vada bene,

voglio dire: uno che stuzzichi la gelosia di Victor.

Grace                  Ah sì. E di chi dovrebbe essere geloso Victor?

Wanda                Ma di me no?

Grace                  E cosa ti fa pensare che lo sia?

Wanda                Lo diventerà quando mi vedrà con Antony.

Grace                  Antony Scott?

Wanda                Sì proprio lui. Non male eh?


Una notte a Londra - 16


Grace                  Forse più che Victor farai ingelosire Patty.

Wanda                Cosa centra Patty?

Grace                  E' la moglie di Antony.

Wanda                E perché dovrebbe essere gelosa? Non ho mica tendenze strane io!

Grace                  No Wanda è che...

Jessica                 Grace! Va bene assecondare i pazzi ma tu ti stai calando un po' troppo nella parte.

Grace                  Lo so ma non so più cosa dirle. Io ormai la manderei a far compagnia ad Abel.

Wanda                ABEL! Grace sei un tesoro! Abel. Perché non ci ho pensato prima?

Grace                  Vorresti dirmi che vuoi sposare Abel?

Wanda                Se non fosse stato per te sarei impazzita per cercare un uomo da sposare.

Grace                  Impazzita eh? Meno male che l'abbiamo trovato.

Jessica                 Grace!

Grace                  Beh, se non altro andranno d'accordo.

Jack                      (riprendendosi) Ehi ma cosa mi è successo?

Wanda                Ah ti sei svegliato! Dai dammi la tua opinione di uomo: voglio far ingelosire Victor

sposando Abel. Che te ne pare?

Jack                      Ma Wanda, tesoro, tu sei già sposata con me.

Wanda                E allora? Che problema c'è? Divorziamo. Tanto, marito più, marito meno. Allora se

sposo il fratello di Victor pensi che lui potrebbe diventare geloso?

Jack                    Ma... (Jessica gli fa cenno di assecondare Wanda) Si dunque, allora vuoi sposarti,

va bene ma Abel è pazzo.

Wanda                Ma sarà solo per poco tempo poi divorzio e sposo Victor.

Jack guarda Jessica e Grace che fanno finta di nulla quindi prende la mano di Wanda.

Jack                      Wanda, devo dirti una cosa...

Wanda                Proprio adesso? Io aspettavo una risposta da te.

Jack                      Wanda...

Wanda                Sì lo so ma, non ti preoccupare, tutto si metterà a posto, troverai un'altra donna, ti

innamorerai, ti risposerai e farai tanti figli.

Jack                      Grazie ma mi accontento della prima delle cose che hai detto.

Wanda                Allora?

Jack                      Allora cosa?

Wanda                Oh signore: Victor! Voglio sposare Abel per farlo ingelosire. Per l'ennesima volta:

cosa - ne - pensi?

Jack                    Wanda (pausa) Victor è morto.

-silenzio-

Wanda                Mio Dio Jack! Ti ho solo chiesto un parere, non di demolire i miei sogni. Io capisco

che per te sia difficile ma devi fartene una ragione: io amo Victor dobbiamo divorziare.

Jack                      Ma Wanda!

Wanda                Ragazze spiegateglielo voi a me non da retta. (si avvia verso l'uscita)

Jack                      Ma dove vai?

Wanda                A sposare Abel. (esce)

Jack                      E' impazzita. E completamente impazzita.

Jessica                 Secondo me, invece, è più lucida che mai.

Jack                      E' impazzita. E completamente impazzita.


Una notte a Londra - 17


Grace fa cenno a Jessica di accudire Jack.

Helen                  (rientrando) Wanda devo dirti che sei stata la mia... che fine ha fatto Wanda?

Jessica                 E' andata a sposarsi con Abel.

Helen                  Abel... coso Valentine?

Jack                      E' impazzita. E' completamente impazzita.

Helen                  Allora è giusto che sposi Abel. Ad ogni modo le sono molto grata, se non fosse stato

per lei sarei corsa dietro ad un sogno per chissà quanto tempo ancora. Sono tornata

indietro apposta per dirvi cosa mi è successo: appena uscita mi sono imbattuta in un

uomo meraviglioso. Ma Wanda torna?

Jack                      Lo spero tanto.

Helen                  Ah lascia perdere, non le sei mai piaciuto. Una volta mi ha confessato di averti

sposato solo per far ingelosire un altro uomo. Io invece da stasera non ne ho più bisogno.

Grace                  Ah sì? E come mai?

Helen                  Perché ho conosciuto un uomo stupendo!

Grace                  Oh! Finalmente una bella notizia! E com'è quest'uomo?

Helen                 Ah, è alto bello e raffinato. L'ho incontrato poco lontano da qui. Dice di avermi visto

uscire dal locale. Devo essergli piaciuta subito, ha cominciato a riempirmi di

domande: come si chiama, frequenta spesso questo locale, conosce un certo Victor

Adam Valentine... (gli altri sussultano) e poi aveva un qualcosa di strano. Era così

educato mentre mi faceva quelle domande. La volete sapere una cosa? E' un

ufficiale! Ne sono sicura ma forse lui non vuole darlo a vedere, ho notato un

qualcosa che sembrava un distintivo di Scotland Yard nella sua giacca.

Jessica                 Lo era sicuramente Helen.

Helen                  Lo penso anch'io.

Jessica                 Quali altre domande ti ha fatto quell'uomo?

Helen                  Mi ha chiesto molte cose su Victor, doveva sicuramente essere un suo amico.

Grace                  Infatti, e magari era anche curioso di sapere cosa gli è successo.

Helen                  No, no. Lo sapeva già che è morto, ma ha detto che gli sarebbe piaciuto sapere chi lo

ha ucciso. Secondo lui qualcuno mirava ai suoi soldi.

Grace                  Tutto qui? Non ha detto altro?

Helen                  No ma mi ha lasciato un suo biglietto da visita. (porge il biglietto a Grace)

Grace                  "Ispettore Andrew Mac Kenzie. Scotland Yard."

Jessica                 C'era da aspettarselo. Staranno già indagando.

Jack                      Sembra strano che Frank non si sia fatto sentire.

Helen                  Ah. Mi ha anche chiesto di intrattenervi qui perché più tardi sarebbe venuto per

conoscere anche voi. Ma ci pensate? Vuole conoscervi non è bellissimo?

Jessica                 Certo Helen, bellissimo.

Grace                  Prepariamoci ad una notte in commissariato.

Jessica                 La mia coscienza è linda, io non ho mai voluto nulla da Victor. Lo conosco da una

vita e non mi sono mai fatta incantare da lui e tanto meno dai suoi soldi.

Grace                  E cosa centrano i soldi?

Jessica                 Su Grace, non verrai a dirmi che eravate tutte follemente innamorate di lui.

Grace                  Cosa vorresti dire?

Jessica                 Che Victor era un uomo molto facoltoso. E non solo dal punto di vista sessuale.

Jack                      Non ci posso credere.

Jessica                 Credici te lo dico io.

Jack                      Mi ha lasciato per mettersi con un pazzo.

Helen                 E a cosa è dovuta quest'improvvisa passione per Abel?


Una notte a Londra - 18


Jack                      Vuole fare ingelosire Victor.

Helen                  (ridendo) Fare ingelosire Victor? L'unica cosa di cui Victor è geloso sono i suoi sol...

un momento... ma allora Vic è vivo! Non è morto! E quella buffona vuole sposarlo solo per i suoi soldi! Ah no, io non ci sto! (esce).

I presenti si guardano.

Jack                      A quanto pare la pazzia di Abel deve averle contagiate tutte e due.

Grace                  A questo punto viene da chiedersi se Abel fosse così attaccato ai soldi del suo povero

fratello.

Jack                      Sono sconvolto quanto stupito. Non so come interpretare il comportamento di

Wanda. Voglio dire: non capisco se si è detta innamorata di Victor perché è improvvisamente impazzita o se questa pazzia l'ha resa sincera.

Jessica                 Forse le è venuto in mente quant'era ricco Victor.

Jack                      Ma i suoi soldi adesso passeranno quasi sicuramente sotto la mia gestione, dico non

crederete che Abel possa autogestirsi.

Grace                  No certamente. Tu sai già di diventare suo tutore e di goderti i suoi soldi.

Jack                      Io amministravo i soldi di Victor ancora prima che morisse.

Jessica                 E adesso che lui è morto tu vorresti fare finta di amministrare il suo patrimonio. Se

Abel era anche venale tu ti sei fatto contagiare per bene.

Jack                      Vi rendo noto che ho una laurea in economia, amministrare i soldi altrui è il mio

mestiere.

Grace                  Toglimi una curiosità. Ma se tu eri l'amministratore delle sue finanze, perché non

sapevi nulla della sua morte?

Jack                      Oggi è domenica ed io e... Wanda eravamo nella mia casa in campagna e li non ci

sono telefoni.

Jessica               E neanche Frank è riuscito a raggiungervi lì?

Jack comincia a cercare nelle tasche, trova un biglietto, lo legge.

Jack                      Quell'uomo non finisce mai di stupirmi.

Grace                  E se fosse stato lui?

Jack                      Frank ha ucciso Victor?

Grace                  E' solo un'ipotesi.

Jessica                 Non ci sarebbe da stupirsi.

Jack                      Prego?

Jessica                 Non sappiamo niente di lui, anche se lui sa tutto di noi. Magari è uno psicopatico, un

compagno di stanza di Abel, che ne sai?

Grace                  Si, comunque, dopo tutto quello che è successo stasera ormai non mi stupisco di

nulla.

Jack                      Una persona come Frank secondo me non ha bisogno di uccidere per i soldi.

Jessica                 Certo, lo avrà fatto fare a qualcun altro.

Grace                  Di una cosa però siamo sicuri: Victor ha lasciato un bel gruzzoletto.

Jessica                 E tu non vedi l'ora di farlo tuo.

Grace                  Stai tranquilla. Sto bene anche così; anche se un risarcimento me lo meriterei.

Jessica                 Allora spetterebbe anche alle altre vittime.

Grace                  Le altre vittime sono quasi tutte morte.

Jessica                 E quelle che non lo sono potrebbero sparire improvvisamente mentre si cerca un

"erede" del patrimonio di Victor.

Jack                      Abel!


Una notte a Londra - 19


Jessica                 Sì Jack, e tu diverrai "gestore" di detto patrimonio.

Jack                      Abel!

Grace                  Ma cos'è un'epidemia? Tutti che impazziscono stasera!

Jack                      No signore care. Ora ho capito tutto.

Jessica                 Ovvero?

Jack                      Ho sposato un'opportunista! Una viscida serpe che pensa solo ai soldi.

Grace                  Tu invece hai la coscienza limpida.

Jack                      Vuole sposare Abel per prendersi l'eredità.

Grace                  Non ti si può nascondere nulla.

Jessica                 Non lo sai Jack? Quando le donne fanno qualcosa c'è sempre un motivo.

Jack                      Eh no! Stavolta non resto a guardare! (Esce)

Grace                  Belle persone che conosceva Victor.

Jessica                 Tutti attaccati ai suoi soldi! E Jack ora vorrebbe farci credere di esserci rimasto male

per il comportamento di Wanda. Che idiota.

Grace                  L'unico che non voleva i suoi soldi voleva la sua morte.

Jessica                 Quindi anche tu vuoi i suoi soldi.

Grace                  Ascolta Jessica. Io ho sofferto per colpa di quell'uomo, ancora oggi porto i segni

dell'incubo che ho vissuto. Sono arrivata al punto di tentare il suicidio per colpa sua e tu dovresti saperlo bene. Penso proprio di avere diritto ad un risarcimento.

Jessica                 Ah Grace, Grace. Tu e i tuoi amici siete dei poveri illusi. A questo punto devo

proprio dirtelo. Sarò io a godere della fortuna di Valentine.

Grace                  Non so perché ma quanto hai appena detto mi preoccupa. Cos'hai combinato?

Jessica                 Io? Un bel niente. E' stato lui a lasciarmi tutto.

Grace                  Stai scherzando?

Jessica                 No Grace. Non sto scherzando. Io non ho chiesto proprio nulla a Valentine. Sai

com'è, io conosco molto bene il suo passato e lui. per assicurarsi che non mi venisse

prurito alla lingua mi ha garantito che una volta morto tutti i suoi averi sarebbero

stati miei.

Grace                  E come fai ad essere così sicura che questo accadrà?

Jessica                 Mi ha fatto vedere il testamento. Lo atterriva l'idea che qualcuno conoscesse i suoi

segreti.

Grace                  Vediamo se ho capito: Victor ha vissuto un'infanzia difficile...

Jessica                 Sì.

Grace                  Per questo ogni volta che conosceva una donna, questa ne subiva le conseguenze fino

a raggiungere la follia che in qualche caso sfociava in gesti estremi.

Jessica                 Sì.

Grace                  Tu sapevi tutto questo e non hai mai detto nulla a nessuno.

Jessica                 Certo che no.

Grace                 E in cambio del tuo silenzio Victor ti ha lasciato tutto in eredità.

Jessica                 Esattamente.

Grace                  Per farla breve hai ricattato Victor.

Jessica                 Non proprio. Ha fatto tutto lui. Io mi sono limitata ad accettare.

Grace                  E tu in nome del patrimonio di quel pazzo hai lasciato che una lunga serie di donne

finisse in rovina senza muovere un dito?

Jessica                 Mia cara, se siete delle sprovvedute non è certo colpa mia.

Grace                  Ma ti rendi conto? Delle persone sono morte, altre hanno comunque sofferto e tu? Tu

sei semplicemente rimasta lì a guardare!

Jessica                 Spiacente Grace ma non fa parte delle mie aspirazioni diventare un'eroina.

Grace                  Ma alla sottoscritta hai salvato la vita.

Jessica                 E' stato Frank a dirmelo.


Una notte a Londra - 20


Grace                  Frank.

Jessica                 Sai com'è con lui, non si riesce a dirgli di no.

Grace                  A questo punto è tutto chiaro.

Jessica                 Cos'è tutto chiaro.

Grace                  Sei stata tu ad uccidere Victor.

Jessica               Complimenti Sherlock Holmes, hai trovato il colpevole.

Grace                  Sei l'unica che non si è fatta fregare da lui. E forse sei l'unica che poteva fare una

cosa simile. E magari dietro ordine di Frank. E se te l'ha detto lui…

Jessica                 Povera stupida. Devo farti vedere la ricevuta dell'albergo? Ero molto lontana da qui

quando hanno ucciso Valentine.

Grace                  Cos'è che dicevi prima? forse Frank ha fatto uccidere Victor. Questa tesi potrebbe

valere anche per te.

Jessica                 Quella promessa di cui ti parlavo Valentine me l'ha fatta dieci anni fa. Oggi sono

cambiate molte cose: oggi di soldi ne ho abbastanza e non so che farmene dei suoi.

Grace                  La fame vien mangiando.

Jessica                 Può essere. In ogni caso Valentine mi ha lasciato tutto. C'è un testamento firmato da

lui stesso e convalidato da James Norton: un notaio molto noto tra le persone benestanti.

Grace                  James Norton. Questo nome non mi è nuovo.

Jessica                 La cosa ti rode. Ammettilo.

Buio

Luce

In scena sono presenti Wanda, Grace e Jessica. Wanda è visibilmente appagata, le altre due la guardano incredule.

Wanda                Ah! Ragazze! Se Abel è così prestante non vedo l'ora di conquistare Victor.

Jessica                 Non sarà facile farlo eccitare, te lo garantisco.

Grace                  Si pare che ultimamente sia un po' "freddo, rigido".

Wanda                Eh lo so, lui non si eccita con una donna qualunque. Ma forse l'idea di andare a letto

con l'amante di suo fratello...

Jessica                 E cosa ti fa pensare che questo trucco funzionerà?

Wanda                Me lo ha detto lui.

Grace                  Chi? Victor?

Wanda                No, Abel Lazar VALENTINO.

Grace                  Valentino?

Wanda                Avete presente Rodolfo Valentino?

Jessica                 Io comincio a sentirmi presa in giro.

Wanda                E perché?

Grace                  Piantala con questa farsa Wanda, non sei l'unica che mira ai soldi di Victor.

Wanda                Cosa?

Jessica                 Dalle retta Wanda, anche tuo marito sta facendo lo stesso gioco. (a Grace) Magari

sono d'accordo.

Grace                  Già non ci avevo pensato. Dimmi Wanda farete fifty-fifty? O tu hai diritto a meno

perché avrai il piacere di andare a letto con un morto?

Wanda                Soldi, un morto. Ma cosa state dicendo? Io voglio sposare Victor.

Grace                 Certo e prenderti anche i suoi soldi.

Wanda                Beh? E se anche fosse tu la tua parte l'hai avuta. Ora tocca a me.

Jessica                 Dunque è vero che miri ai soldi di Valentine, l'hai appena ammesso.


Una notte a Londra - 21


Wanda                E' proprio così impossibile credere che a me possa piacere veramente Victor?

Grace                  Almeno  quanto  il  fatto  che  tu  possa  essere  corrisposta.  Comunque  non  ti

preoccupare, le tue fatiche sono vane.

Wanda                Cosa vuoi dire?

Jessica                 Che Valentine è morto. E tu lo sai bene, ovviamente tu volevi sposare quel pazzoide

per prenderti i suoi soldi.

Wanda              Io non capisco. A turno avete smaniato tutte quante per Victor e ora che lo faccio io

mi date contro come ad un'assassina!

Jessica                 Hai detto assassina?

Wanda                Era così per dire! Non è mica morto nessuno, no?

Helen                  (entrando) Ah eccoti qua.

Jessica                 Comincio a non farcela più.

Helen                  E così sarei io quella che deve rassegnarsi eh? Ecco perché, perché lo volevi tu!

Wanda                Senti Helen! Victor non ti ha mai voluta. Fattene una ragione, e fatti anche da parte.

Helen                  Ma l'avete sentita? Avete sentito cosa mi ha detto?

Grace                  Questa situazione sta davvero diventando insopportabile.

Jessica                 Sento che sto per avere un esaurimento nervoso.

Jack                      (entrando) Ah sei qui, viscida serpe che non sei altro.

Jessica                 Io me ne vado (fa per uscire).

Grace                  Aspetta un momento.

Jessica                 No io me ne vado, qua sono tutti pazzi!

Grace                  Ora te li faccio guarire io. Ragazze care, per favore Jessica, siedi ancora un attimo.

Ragazze, sono veramente spiacente ma devo darvi una brutta notizia. (esita)

Wanda                Allora?

Grace                  Victor è morto.

Wanda                Morto?

Helen                  Ma cosa dici?

Wanda                Guarda, non ti ci mettere anche tu che tra l'altro la tua parte l'hai già avuta.

Grace                  E' proprio questo il punto.

Helen                  Ma cosa sta dicendo?

Jack                      Secondo me è impazzita.

Grace                  Il fatto è che non c'è più la mia o la tua o la sua parte. C'è solo quella di Jessica.

Jessica                 M-ma cosa dici?

Grace                  Sbaglio o tu prima dicevi di essere l'unica erede del patrimonio di Victor?

Jessica                 (fa cenno di negazione a Grace) Io unica erede? Ma stai scherzando?

Helen                  Ma poi cos'è questa storia di Victor che è morto? Non starai mica tramando

qualcosa?

Wanda                Certo che sta tramando qualcosa, è da quando sono tornata che non fa altro che

parlare dei soldi di Victor, (a Grace) ma guarda che lui non se li fa fregare così

facilmente. Anche perché tra un po' ci sarò io accanto a lui e lui si potrà fidare di me.

Jack                      Fidarsi di te. Questa è bella.

Helen                  Già, e poi se fossi in tè non farei troppi progetti.

Grace                  Dunque voi vi ostinate a dire che amate Victor.

Helen                  Certo! Che domande.

Grace                  E non i suoi soldi.

Wanda                Insomma Grace! Queste insinuazioni stanno cominciando a stufarmi. Io amo Victor,

non come te che volevi solo i suoi soldi e ora pensi lo stesso di noi.

Grace                  I soldi di Victor andranno a Jessica! Ho letto il suo testamento quando ho rovistato

tra le sue cose cercando gli esami di sua madre! Tutto il patrimonio di Victor era una

nuda proprietà di una certa Sarah Foster! Ma la qui presente signorina mi ha


Una notte a Londra - 22


raccontato una storia che ha troppe attinenze con quella che già conoscevo.

Jack                      Sarah Foster è morta dieci anni fa in un incidente stradale.

Grace                  E dieci anni fa Victor ha firmato il testamento. Ora ricordo dove avevo letto quel

nome.

Jack                      Quale nome?

Grace                  James Norton.

Jack                    Anche lui è morto. Ma prima di quell'altra ragazza.

Grace                  In ogni caso la nostra amica Jessica sarà sicuramente legata in qualche modo a lei e

quindi ai soldi di Victor.

Jessica                 Sono io Sarah. L'ennesima vittima di Victor Adam Valentine. Anzi la prima. E' per

questo che Victor mi ha lasciato tutto. La sua follia a quei tempi era ancora all'inizio e lui possedeva una dote chiamata coscienza.

Wanda                E dunque tu ora ti vorresti fregare tutto? Ed io sto per sposare un emerito pazzo per

niente?

Helen                  Ci hai preso in giro per tutto questo tempo!

Jessica                 Viva l'amore.

Grace                  Te l'avevo detto che guarivano.

Jack                      Quel testamento non è valido, è intestato a persone morte. Vedrai non sarà così facile

prenderti quei soldi. Se Victor era così ricco è merito mio.

Grace                  A questo punto devo dire anch'io la mia. Io porto ancora oggi i segni della pazzia di

Victor, voglio essere risarcita per gli anni della mia vita buttati via.

Helen                  Tu parli di anni! Io ho buttato una vita per quel maniaco donnaiolo! Non starò certo a

guardare!

Wanda                Eccoli lì, tutti che piangevano prima e ora guardate che scena!

Jessica                 Piantala Wanda, tu non sei da meno.

Frank                   (dalla sala) Basta!

Jessica                 No basta lo dico io, quei soldi sono miei e non ne voglio sapere dei vostri pretesti per

portarmeli via.

Helen                  Quei soldi non sono ancora tuoi!

Frank                   (avvicinandosi al palco) Basta!

Grace                  Ma chi è che continua a dire basta?

Jack                      Non lo so.

Frank                   Basta, basta. (sale sul palco) Fermi tutti. (tutti si bloccano) Fermi. Basta mi avete

stancato. Siete nauseanti. (si volta verso il pubblico) Scusate ma... avete capito chi

sono no? (riprende con gli altri) Helen, il postino stamattina voleva consegnarti

questa, non entrare nel tuo letto. Lo dovevi sapere anche tu che Victor è morto.

Wanda, devo dirtelo, Victor era impotente, tutte quelle voci sulla sua prestanza

sessuale, fra un po' capirete com'erano nate. Jack, non sarebbe ora che anche tu ti

aprissi un po'? Anche tu sei una vittima, o no? Grace, tu non hai mai dimenticato,

altrimenti non avresti mai smesso di frequentare Victor. Aspettavi solo il momento di

rifarti, e così tu Jessica. Che non potendo far altro ti sei finta al di sopra di tutto e tutti

e hai continuato a guardare tutte quelle donne che si facevano male. Ma ora avete

toccato il fondo. I soldi! Siete impazziti tutti per i soldi di Victor! Ma quelli erano più

finti delle voci sulla sua potenza sessuale. Siete avidi, tirchi, venali. Voi avevate lo

stesso male di Victor. Cercavate disperatamente una cosa che non è possibile

ottenere e per questa siete arrivati alla follia. Questa pagliacciata non ha più senso,

ora scoprirete due cosette interessanti sul nostro "compianto" amico. (al pubblico)

Voglio regalare a voi e a questi poveretti dieci minuti di vita. (si  avvicina

all'orologio sullo sfondo, qualcuno dei presenti accenna un movimento) Ho detto

fermi! (porta indietro le lancette di dieci minuti poi di nuovo al pubblico) Osservate i


Una notte a Londra - 23


vostri orologi: anche a voi ho regalato dieci minuti. Buona sera a voi signori (esce).

I presenti si risvegliano coma da un'ipnosi.

Jack                      Hei ma che è successo?

Wanda                Jessica!

Jessica                 Chi è?

Grace                  Mi sento strana.

Jack                      Anch'io.

Helen                  Victor dov'è?

Jessica                 E' morto stamattina alle 7.30.

Helen                  Perché? Povero Vic.

Wanda                Ma cosa stavamo facendo?

Grace                  Stavamo discutendo di qualcosa.

Jack                      Soldi.

Helen                  Ah! I soldi.

Wanda                Quali soldi?

Jessica                 Quelli del povero Victor.

Grace                  Victor! Ma è morto.

Jack                      Sì, stavamo discutendo su chi dovesse essere il suo erede.

Helen                  L'hanno ucciso.

Grace                  Mio Dio.

Jack                      Lui è morto e noi ci stavamo scannando per i suoi soldi.

Jessica                 Non so voi ragazzi ma io sto male.

Grace                  Non voglio neanche pensare a cosa posso aver detto o fatto stanotte.

Helen                  Io mi sono letteralmente resa ridicola.

Wanda                Anch'io. Jack scusa, io non intendevo dire quelle cose.

Jack                      Non importa tesoro, anch'io ho sragionato.

Grace                 Anch'io vi devo le mie scuse.

Helen                  Io pure.

Jessica                 Io invece devo le mie scuse ad un mucchio di persone.

Grace                  Ma quella tua amica?

Jessica                 Si chiamava Sarah Foster.

Jack                      Cioè eri tu.

Helen                  E quindi anche tu hai provato a...

Jessica                 Sì ma fortunatamente per me quel ficcanaso di Frank ha mandato qualcuno a

salvarmi.

Jack                      A proposito. Ma Frank perché non si è fatto vivo? Sapeva che saremmo venuti tutti

qui.

Wanda                E' incredibile quante persone abbiano fatto parte della vita di Victor.

Grace                  Molte di loro hanno sicuramente sofferto, ma devo ammettere che non ho mai saputo

di nessuno che abbia cercato di aiutarlo.

Jack                      Mi vergogno a dirlo ma anch'io ho odiato Victor. Ero invidioso del suo successo e

dei suoi soldi. Solo adesso mi rendo conto che sentirò la sua mancanza.

Helen                  Cliff!

Jack                      Cliff?

Jessica                 Jack? Non ricordi?

Jack                      Mio Dio. Anche lui è morto.

Wanda                In parte siamo responsabili anche noi della sua morte. Lo abbiamo emarginato.

Grace                  Non facevamo altro che dargli dell'alcolizzato.


Una notte a Londra - 24


Jack                      Mi sento un verme.

Grace                  E se fosse vero quello che ha detto?

Wanda                Potrebbe anche esserlo.

Helen                  Quindi anche Amanda sarebbe morta.

Jessica                 Voglio piangere.

Helen                  Frank! Frank! Perché non si fa vivo?

Guarda come sono bravi adesso. Anche quando eri vivo erano così bravi con te ma per un altro motivo.

Victor                 Ovvero?

Frank                   I soldi, il successo, te, ma attenzione: non te come persona ma te come status.

Victor                 Ma io non ero nessuno.

Frank                 Lo so, …io. Ma loro? Loro ti hanno sempre visto come un uomo che aveva e

otteneva tutto.

Victor                 E adesso?

Frank                   Ora che tu non li abbagli più possono aprire gli occhi e vedere come stanno

veramente le cose.

Victor                 E cioè?

Frank                   Fra non molto, una persona che ti voleva veramente bene farà loro visita.

Victor                 Mio fratello. Chi si occuperà di lui?

Frank                   Non ti preoccupare. Loro vorranno bene a tuo fratello come ne avrebbero dovuto

volere a te.

Victor                 E Cliff?

Frank                   L'ubriacone?

Victor                 No questa cosa l'avevo inventata io.

Frank                   Lo studio di Architetti presso il quale lavorava ha fatto si che fosse seppellito accanto

ad Amanda Steerforth. La donna che avrebbe dovuto sposare.

Victor                 Lui era l'unico tra tutti che non aveva colpe.

Frank                   E tu gli hai affibbiato quella di essere alcolizzato. Ricorda che oltre che in

architettura era anche laureato in filosofia. Ora andiamo. E' ore di cedere il passo ad Abel. (escono)

Abel                     (entrando) Si sta come d'inverno sugli alberi le foglie. (gli altri si sbloccano) La vita

è corta signori. Ah! Che serata. Se ci fosse qui il mio caro fratello.

Jack                      Avete sentito?

Helen                  Non sa nulla.

Abel                     E' veramente bello ritornare alla vita, mi sento veramente un altro. E... non vorrei

dire ma sicuramente anche la mia vita sessuale cambierà d'ora in poi.

Grace                  Vita sessuale?

Abel                     Si Grace, d'ora in poi non sarò più la controfigura di mio fratello, da oggi sono un

uomo completo.

Grace                  Come fai a sapere come mi chiamo?

Abel                     Adesso posso dirtelo, tanto il mio fratellino non si arrabbierà.

Jack                      Puoi starne certo.

Abel                     Vedi Grace, tu credi di essere stata a letto con Victor Adam...

Grace                  No, no, no. Basta non dire altro.

Abel                     Anche tu Sarah. A proposito, io capisco che a voi donne piace sentirvi definire feline

ma non per questo dovete sentirvi autorizzate ad affondare le vostre dolci unghiette

affilate nella mia schiena! (Jessica si imbarazza) Fate come Grace, (Grace come

Jessica) urlate.

Wanda                Victor mandava te a letto con le sue donne?

Abel                     Il mio fratellone è completamente disarmato, voglio dire, il suo fucile, a parte il fatto


Una notte a Londra - 25


che è a canna mozza, è sempre stato caricato a salve, anzi, credo che nessuna donna

sia mai riuscita a fargli premere il grilletto. Vi siete mai chieste perché voleva fare

quella cosa lì, massì, l’amore sempre nella stessa stanza, la sua stanza, ed al buio più

buio che si poteva? Manie di un grande amatore? Io so quello che mi costava

aspettarlo, lui e la donna di turno, nello sgabuzzino, e poi rientrarci quando le cose

erano fatte e si poteva riaccendere la luce. Lo sgabuzzino era così stretto.

Grace                  Non scherzare Abel…

Abel                     - Piccolo orsacchiottone con il bastone di acciaio…

Grace                  Mio Dio no… no.. no… non so più cosa pensare.

Jack                      Bisogna pensare ad un modo di dirgli tutto.

Abel                     Ho grandi progetti per il futuro sapete? Voglio sposarmi ed avere tanti figli. Io ho

sempre adorato i bambini.

Helen                 A sentirlo non si direbbe neanche che sia fratello di Vic.

Abel                     Dopotutto come si può non amare quelle piccole e dolci creature? Quei bambolotti

capaci di sorridere anche solo per una smorfia. Il mio amico Frank mi ha detto che

qui avrei trovato dei cari amici di mio fratello. Ha anche detto che queste persone

sarebbero state felici di volermi bene come ne vogliono a lui. Anche se io sono più

bravo di lui.

Sì siete proprio voi, mi ha detto Frank che con voi non sarò mai solo. (esita) Lo sono

stato fino ad oggi. Voi siete fortunati perché siete amici, vi potete confidare. Forse

non vi rendete conto di cosa intendo dire ma è come quando si parla della ciliegina

sulla torta. Non vi accorgerete mai che c'è. Perché c'è sempre. E proprio quella volta

che dite: "La ciliegina la voglio io" quello sbadato del pasticcere si è dimenticato di

metterla.

Ah! Il mio amico Frank, quello di prima,  mi ha detto di dirvi che il vostro amico

Cliff sta riposandosi con la sua Amanda. Poverini, saranno stanchi. (si sofferma a

pensare) Secondo me ci hanno dato dentro.

Ragazzi voi non potete neanche immaginare quanto sia felice. Ho tanti di quei

progetti in mente che non so da che parte incominciare. Tanto per cominciare devo

comprare dei mobili per la mia stanza, adesso andrò a casa mia. Poi voglio una

macchina, una bella macchina. Una Ferrari, anzi una Bugatti, E una Rolls Royce. Ci

tengo all'eleganza io. Ah e poi voglio una donna. Voi sapete dove si comprano? Io ne

ho regalate tante al mio fratellino ma mi sono limitato a pagarle, non so dove le

prendeva.

Wanda                Abel.

Abel                     Forse avrei dovuto chiederglielo. Ci siamo visti giusto stamattina.

Wanda                Abel.

Abel                     Sono uscito di buon ora perché lui è sempre in giro. Volevo essere sicuro di trovarlo

perché avevo una cosa importante da dirgli.

Jessica                 Abel, dobbiamo dirti una cosa.

Abel                     Ero molto arrabbiato con lui e così l'ho sgridato!

Jessica                 Abel!

Abel                     Ha fatto una cosa molto brutta. Molto cattiva.

Jack                      Mio Dio.

Helen                  Abel, ascoltaci.

Abel                     Io dovevo sgridarlo ma adesso sono sicuro che non lo farà più. Anche perché adesso

io mi compro una donna e faccio l'amore solo con lei.

Wanda                Per favore fermati.

Abel                     Voglio tanti figli. Tanti figli.

Jack                      Abel calmati. Va tutto bene.


Una notte a Londra - 26


Abel                     Nessuno me li toccherà, avranno tutto. Saranno sempre felici.

Jessica                 Bisogna calmarlo.

Helen                  Abel nessuno toccherà i tuoi bambini. Ma adesso vieni qua.

Abel                     No, no, no. Devo comprarmi una donna, devo fare figli. Mio fratello non li deve

toccare.

Wanda                Abel. Tuo fratello...

Abel                     NO! Non li deve toccare!

Wanda                E' morto! Tuo fratello è morto.

Helen                  Se n'è andato stamattina. Ma adesso sicuramente riposa in pace.

Abel                     Victor Adam, il mio fratellino. L'ho ucciso io.

Grace                  No Abel, non sei stato tu.

Abel                     E' stato cattivo con me.

Jack                      No, ditemi che non è vero.

Abel                     Il mio fratellino stavolta ha esagerato, ho dovuto punirlo. Così mi sono ripreso una

cosa che gli avevo donato tanto tempo fa.

Jack                      Non può essere vero.

Abel                     Mi ha portato via l'unica persona che mi abbia mai voluto bene. Neanche i miei

poveri genitori me ne hanno voluto. Io sono nato per sbaglio, il mio vero padre non

mi ha voluto. Lawrence Edward Valentine sposò mia mamma quando io avevo due

anni ma non mi volle mai bene. Litigavano sempre per colpa mia. Quando nacque

Victor Adam gli vollero dare il mio nome ma c'era una signora, Legge. La signora

Legge, forse era la signora che comandava i nomi. Lei non volle, disse che non

poteva avere il mio nome perché era già mio. Così loro me lo tolsero. Poi un giorno

Victor Adam cadde per terra e non si mosse più. Lo portarono via e poi dopo un po'

vennero a prendere anche me. Mi fecero addormentare su un lettino con accanto mio

fratello. Quando mi svegliai mi dissero che gli avevo salvato la vita. Poi mi dissero

che gli avevo donato il fegato.

Ieri mattina Suzanne era molto triste, è venuta nella mia camera, mi ha abbracciato

forte e mi ha detto che mi voleva bene. Ieri sera i capi di Suzanne mi hanno detto che

lei era andata a vivere dai suoi parenti in un posto lontano ma io lo sapevo che non

era vero. L'ho vista andare giù dal tetto poco dopo che era venuta da me. A quel

punto ho pensato che il mio fratellino questa volta aveva esagerato. Così sono andato

a casa e mi sono ripreso il mio fegato.

Jack                      Abel, hai tolto il fegato a tuo fratello?

Abel                     Adesso che ci penso ho capito che le donne non si possono comprare. Suzanne mi

voleva bene anche se non l'ho comprata. Io volevo bene a Victor Adam anche se lui

non mi aveva comprato, (piange) i miei genitori non mi hanno comprato ma io gli

volevo bene lo stesso! E loro invece mi hanno abbandonato! Anche mio fratello mi

ha abbandonato! E si è portato via l'unica persona che mi voleva veramente bene.

Perché? Perché?

Sipario

Voce fuori campo

Mi dispiace signore e signori. Ma, come tutte le notti, ad una certa ora giunge il momento di chiudere i battenti del locale. E lasciare morire dentro di esso tutte le storie che vi sono nate. Tra non molto la tenue luce del sole inonderà il panorama di Londra. E i cittadini londinesi torneranno a vivere le loro vite frenetiche fatte di soldi, lavoro, successo, carriere e quant'altro. Come quelle di tutte le altre città del mondo. Tra non molto nessuno parlerà di questa triste storia e dei suoi personaggi. Ne di tutte le altre che giorno per giorno si consumano ovunque.


Una notte a Londra - 27


Adesso è giunta l'ora degli addii. Vi chiedo solo una cosa. Di riflettere su quanto avete visto questa sera e cercare se potete di non dimenticare. Buona notte.

Salvatore RUSSOTTO

14 Aprile 2005


Una notte a Londra - 28

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno