Una nuova cometa

Stampa questo copione

Episodio 1

Sceneggiatura Episodio 1

Una Nuova Cometa

NOI Torino – Team Oratori Piemontesi

PERSONAGGI: Melchiorre, Baldassarre, Gaspare,  Tesput.

SCENA:  Scuola dei Magi.

Palco vuoto. Si sente una voce fuori campo. E’ la voce di un vecchio.

MELCHIORRE (V.O.):

Rabì, Rabì?? Ma dove si è cacciato! Quel ragazzo mi da un sacco di grane.

Entra MELCHIORRE.

Deve andare a lezione di astrologia ed è già in ritardo di mezz’ora! Vorrei proprio sapere dove è finito. Sempre in ritardo, sempre in ritardo! Chissà se una volta nella sua vita riuscirà ad essere puntuale!

Esce.

                                                                       GASPARE (V.O.):

                                               Melchiorre! Melchiorre??

Entra un altro re Magio, GASPARE.

Melchiorre!

            rivolto al pubblico

L’avete visto voi? Dovrebbe appena essere passato di qui. E’ convinto che Rabì, il nuovo apprendista, sia in ritardo alla lezione. Di mezz’ora… Povero vecchio smemorato! E’ in ritardo già quasi di un’ora! E chissà Rabì dove si è cacciato! Non mi piace quel ragazzo. Melchiorre pensa che sia il quarto re Magio! Figurarsi! Detto tra noi… Io non ci credo! Mah, il più anziano è lui. Vedremo… Melchiorre! Melchiorre!!

Esce. Entra a passo lento di cammello un DROMEDARIO. Si fa un giro per la scena, poi ritorna indietro. Fa un verso a voce alta poi si rivolge al pubblico.

                                                                       TESPUT:

Ehi, psst. Dico a voi. Tutti i giorni la stessa storia! Melchiorre dice nero, Gaspare dice bianco! E…

Entrano Melchiorre e Gaspare che borbottano tra di loro.

                                                                       GASPARE:

                                               Mezz’ora!

                                                                       MELCHIORRE:

                                               Un ora!

                                                                       GASPARE:

                                               Mezz’ora!

MELCHIORRE:

                                               Un ora!

Escono.

                                                                       TESPUT:

                                               Vedete? Beh, meno male che c’è il mio padrone…

Entra BALDASSARRE, e TESPUT gli si avvicina facendo quasi le fusa. Baldassare si ferma di scatto per un attimo poi lo guarda fisso, Tesput fa un largo sorriso e ricomincia a camminare.

                                                                       TESPUT:

Lui si che è saggio… E se parlo è merito suo… Come? Già perché voi conoscete altri cammelli parlanti, vero?! Una volta mi ha fatto una magia e… Però non ditelo a nessuno, solo lui sa che io posso parlare! Ok ok anche Rabì lo sa… Ma lui è il mio migliore amico! Subito quando è arrivato qui mi è sembrato molto simpatico! Però solo loro due eh… Beh anche voi ora…

Tesput continua a fare le fusa a Baldassarre che continua a camminare. Baldassarre si ferma di colpo e lo guarda fisso. Tesput sorride ancora.

                                                                       BALDASSARRE:

                                               Ma vuoi spiegarmi cosa stai facendo di grazia?

Tesput sorride ancora.

TESPUT:

                                               Voglio bene al mio padrone…

BALDASSARRE:

Allora se mi vuoi bene fa una cosa per me. Non riesco a trovare Rabì, il nuovo ragazzo apprendista. Doveva avere lezione con me ma è in ritardo di non so neanche quanto.

Entrano Melchiorre e Gaspare.

GASPARE:

                                               Mezz’ora!

                                                                       MELCHIORRE:

                                               Un ora!

                                                          

                                                                       BALDASSARRE:

Oooh. Mezz’ora o un’ora poco importa, l’importante è trovarlo e che lui ci venga… a questa lezione!

Melchiorre e Gaspare escono annuendo.

GASPARE:

                                               Saggio lui…

                                                                       MELCHIORRE:

                                               Si si proprio saggio… ma non troppo!

                                                                       GASPARE:

                                               Secondo me si!

Baldassarre aspetta che i due siano usciti poi si rivolge ancora a Tesput.

                                                                       BALDASSARRE:

Allora, asino d’un cammello. Vammi a cercare Rabì. Per favore.

                       TESPUT:

Si padrone…

Escono, sipario.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Rabì, 5 ragazzi per la partita, lo Speaker,Tesput

SCENA: Palco vuoto, una palla per giocare

In mezzo al palco ci sono sei ragazzi che giocano. Tre da una parte, tre dall’altra. Quello che ci interessa di più è un giovane ragazzo vestito con gilet e sandali. Si chiama RABI’.

Un RAGAZZO spocchioso si avvicina a Rabì che ha la palla e gliela porta via malamente. Si muove verso la porta avversaria e segna. Poi va a festeggiare con i suoi compagni di squadra. Una voce fuori campo comincia a parlare.

                                                                       SPEAKER (V.O.):

Le Dune segnano e il risultato è Dune due, Oasi due! Manca un solo minuto alla fine della partita!

Rabì chiama gli altri due a raccolta.

                                                                       RAGAZZO 1:

                                               Avete visto come giocano quelli?

                                                                       RABI’:

Si se continuiamo di questo passo perdiamo, e di tanto pure.

                       RAGAZZO 2:

Per non parlare del fatto che potrebbero anche farci male!

                       RABI’:

Sentite io ho un piano… Seguitemi…

I tre ragazzi si rimettono in formazione. Rabì affronta il ragazzo spocchioso che ha la palla. Poi si blocca davanti a lui e guarda dietro le sue spalle.

                                                                       RABI’:

                                               Ah, buon giorno signora…

                                                                       RAGAZZO SPOCCHIOSO:

                                               Eh?

                                                                       RABI’:

                                               Guarda c’è tua madre che ti chiama!

Il ragazzo si guarda dietro le spalle e Rabì ne approfitta per rubargli la palla e andare a segnare.

                                                                       SPEAKER(V.O.):

                                               Fine della partita! Vincono le Oasi per tre a due!

Il ragazzo spocchioso si avvicina a Rabì.

                                                                       RAGAZZO SPOCCHIOSO:

                                               No! Non è giusto! Non vale! Ha trassato!

                                                                       RABI’:

                                               Trassato? Che vuol dire?

                                                                       RAGAZZO SPOCCHIOSO:

Tu fai così solo perché sei il nuovo apprendista dei magi. Chi ti credi di essere?

                       RABI’:

Beh sempre meglio usare la testa che fare fallo per portare via la palla!

I due ragazzi cominciano a spintonarsi mentre entra lentamente da bordo campo un cammello. Si avvicina ai due ragazzi e sputacchia ad entrambi. Poi si rivolge a Rabì.

                                                                       TESPUT:

                                               Rabì, tutti ti cercano e tu sei ancora a divertirti!

                                                                       RABI’:

                                               Cosa? Chi mi cerca?

                                                                       TESPUT:

Come chi ti cerca! Vieni con me!

Mentre i due parlano il ragazzo spocchioso ruba la palla che era rimasta in mano a Rabì e corre via.

                                                                       RABI’:

                                               E adesso? Io volevo ancora giocare!

I due escono, sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI:Rabì, Tesput, Vecchio, due o tre ragazzi.

SCENA: Palco libero, rumori per i tuoni, una palla di stoffa.

Entrano Rabì e Tesput.

                                                                       TESPUT:

Rabì, mi spieghi perché devi sempre essere in ritardo?

RABI’:

Chi? Io in ritardo? Perché ti sembra che io arrivi in ritardo?

TESPUT:

No a me sembra che tu arrivi sempre in ritardo! E pensare che i re magi puntano molto su di te!

RABI’:

Si lo so…

TESPUT:

Sai non a tutti è concesso di entrare a far parte della loro scuola.

RABI’:

Si lo so… Ma…

TESPUT:

E poi lo sai, in te Melchiorre ha riconosciuto il quarto re Magio. Non dovresti deluderli…

RABI’:

Uffa! Senti io volevo ancora giocare a palla egizia!

Entra un vecchio da bordo scena.

                                                                       VECCHIO:

                                               Giovani!

Tesput e Rabì lo guardano stupiti.

Ascoltate la mia voce. Correte a casa! Guardate in cielo, lo vedete quel nuvolone? Beh, è carico di pioggia! Correte a mettervi in riparo o vi bagnerete!

Rabì ride con Tesput.

RABI’:

Guarda quell’uomo vuole provare a prevedere il tempo. Non sa che anche io ci riesco!

TESPUT:

Ehm, Rabì… Tu ci riesci solo ogni tanto…!

RABI’:

Aspetta fidati di me…

Rabì guarda in direzione del vecchio.

RABI’:

Vorrei fare una scommessa…

                                                                       VECCHIO:

                                               Dimmi.

                                                                       RABI’:

Secondo me non pioverà. Scommetto il mio cammello qui!

Tesput si volta verso Rabì e sputacchia nella sua direzione.

RABI’:

Però se vinco voglio quella palla di stoffa che vedo spuntare dal suo zaino!

VECCHIO:

                                               Va bene accetto. Vedremo chi di noi due ha ragione…

I tre si mettono a guardare verso l’alto. Intanto un gruppo di ragazzi corre via pensando che pioverà. Ad un tratto un tuono si fa sentire in cielo. Le luci si abbassano. Il vecchio se la ride. Poi le luci si rialzano e i ragazzi ritornano a giocare poco vicino.

                                                                      RABI’:

                                               Visto avevo ragione io!

Tesput tira un sospiro di sollievo.

                                                                       RABI’:

                                               Adesso voglio la mia palla!

Il vecchio da la palla a Rabì protestando sottovoce poi esce.

RABI’:

Vedi? Asino d’un cammello sfiduciato…

TESPUT:

Ti è andata bene!

RABI’:

Macchè… Lo dici tu!

                       TESPUT:

Comunque per tornare a noi… Io ero qui per…

Rabì è corso via dai ragazzi e, palla a terra comincia una nuova partita a palla egizia.

                                                                       TESPUT:

Sempre la stessa storia, sempre in ritardo! Questa volte i re magi mi tolgono la cena… Rabì Rabì!

Tutti escono, sipario.

Fine terza parte.

PERSONAGGI:Rabì, Tesput, Gaspare, Melchiorre, Baldassarre.

SCENA:la Scuola deiMagi,  un cannocchiale.

Entra in scena un ragazzo vestito con un gilet e scarpe di tela. Sta palleggiando con un palla di stoffa. Entra Tesput proprio mentre RABI’ da un calcio al pallone. Rabì lo evita per un pelo.

                                                                       TESPUT:

                                               Oooh! Ma sei matto?

                                                                       RABI’:

                                               Tesput! Scusa! Ma cosa sei venuto a fare qui?

Si ricompone velocemente.

                                                                       TESPUT:

                                               Rabì! La lezione di astrologia!

Rabì si batte la mano sulla fronte.

                                                                       RABI’:

Doh! E pensare che avevo promesso di arrivarci puntuale questa volta! Tesput uffi, mi aiuti tu ad arrivarci più in fretta?

                       TESPUT:

Amico, guarda che io sono un cammello mica un cavallo da corsa! Dai sbrighiamoci… A proposito hai giocato a palla Egizia vero?

                                                                       RABI’:

                                               Certo!

           

                                                                       TESPUT:

                                               Hai vinto?

                                                                       RABI’:

                                               Siii!

Escono e rientrano subito con il fiato corto. Dalla parte opposta ci sono Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.

                                                                       BALDASSARRE:

                                               Allora questa lezione?

                                                                       RABI’:

                                               Eccomi, sono in anticipo?

                                                                       BALDASSARRE:

                                               Avanti, oggi dobbiamo fissare le stelle.

I cinque si avvicinano tutti ad un grosso binocolo, Rabì si avvicina ulteriormente e guarda dentro.

                                                                       BALDASSARRE:

                                               Allora dicci cosa vedi.

                                                                       RABI’:

Stelle… Stelle… Ah, il vecchio Omar che tira il carro! Scherzo… Scherzo… Ehi ma… Un momento! C’è una grossa palla di luce! Ha una coda luminosissima! Ma cos’è?

I tre re magi guardano dentro poi si spostano sorridendo. Baldassarre spiega.

                                                                       BALDASSARRE:

Quella che hai visto è una stella cometa. Vedi, anche noi molti anni fa, ne seguimmo una fino a Betlemme. Per trovare un bambino di nome Gesù.

Rabì guarda meravigliato e Tesput si avvicina.

                                                                       BALDASSARRE:

Strano che faccia di nuovo il passaggio… Eh, se fossi più giovane proverei ancora a seguirla.

Rabì guarda un attimo in basso. Poi alza lo sguardo verso i magi.

                                                                       RABI’:

                                               Ma… Secondo voi dove sta andando ora?

                                                                       BALDASSARRE:

Non ne sono molto sicuro… Dovremo metterci a studiarla per saperlo con esattezza…

                       RABI’:

A meno che qualcuno non vada a seguirla…

                       BALDASSARRE:

Già, qualcuno dovrebbe seguirla… Noi no di sicuro… Siamo troppo impegnati ora… E poi già una volta siamo andati…”

                                                                       RABI’:

                                               Potrei… Potrei provarci io!

Gaspare lo fissa serio.

                                                                       GASPARE:

Si, smemorato e ritardatario come sei non ci arriverai mai in tempo!

                                                                       RABI’:

No, questa volta voglio provare. Voglio vedere dove porta la cometa.

                                                                       MELCHIORRE:

                                                           sorridendo

Beh, potrebbe essere un’ottima prova per vedere se sei veramente il quarto re Magio. Ma non devi andare solo… Tesput verrà con te!

Tesput vorrebbe lamentarsi ma non può farsi scoprire parlare e alla fine accetta con un sorriso tirato. Rabì e Tesput partono, sipario.

Fine quarta parte.


Sceneggiatura Episodio 2

Il carro di Gressai

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Gressai, Mansur.

SCENA:  Palco vuoto, un carro di nomadi, un fuoco finto.

Rabì e Tesput camminano in mezzo al deserto.

                       RABI’:

Certo che per un cammello camminare in mezzo al deserto deve essere una cosa facile!

                       TESPUT:

E come no? Ancora mi sto chiedendo chi me lo faccia fare di seguirti!”

                       RABI’:

Dai lo sai… Siamo amici o no?

                       TESPUT:

Si, si…

                       RABI’:

Tesput?

                       TESPUT:

Dimmi…

                       RABI’:

Ho fame!

                       TESPUT:

Si, si…

                       RABI’:

Tesput?

                       TESPUT:

Dimmi?

                       RABI’:

Ho anche la gola secca…

                       TESPUT:

Capisco…

                       RABI’:

Tesput?

                       TESPUT:

Amico… Sopporta! Un viaggio è fatto anche di queste cose…

Mentre chiacchierano gli si avvicina un carro capofila di una grande carovana. Lo guida un uomo con una grossa pancia, un turbante in testa e grosse mani da lavoratore. E’ GRESSAI. Gressai saluta i due.

                                                           GRESSAI:

Ragazzo! Cosa fai qui solo in mezzo al deserto con quel vecchio cammello?

Tesput si volta verso Rabì sottovoce.

                                                                       TESPUT:

Vecchio? Ha detto vecchio a me?

                                                                       RABI’:

No, no non ti preoccupare…

           

                                                                       TESPUT:

Ha detto vecchio a me? Mica sono vecchio io! Non mi è simpatico quell’uomo!

Gressai continua a sorridere.

                                                                       GRESSAI:

                                   Dove sei diretto?

                                                                       RABI’:

Sto seguendo la stella cometa.

                       GRESSAI:

Ah, la stella! Capisco… Senti, noi stiamo per fermarci ad un’oasi qui vicino per mangiare dopo una giornata di lavoro, per questa notte ci accamperemo lì. Se vuoi puoi venirci con noi! Siamo dei commercianti nomadi!

Dal fondo della carovana esce un ragazzo della stessa età di Rabì. Si ferma a guardare Tesput che sembra non gradire e gli assesta uno sputacchio.

                                                                       GRESSAI:

Ragazzo, questo è mio figlio MANSUR.

                       MANSUR:

Ciao, finalmente un ragazzo della mia età! E tu come ti chiami?

                       RABI’:

Rabì, piacere e questo è il mio cammello Tesput.

Tesput lo guarda storto.

                                                                       MANSUR:

Dai vieni con noi a mangiare… Così mi dai una mano…

                                                                       RABI’:

Eh?

Rabì non sente bene l’ultima frase perché Mansur esce. Rabì guarda verso l’uomo.

                                                                       RABI’:                                    

Va bene se insistete… Avevo giusto un certo languorino…

L’uomo sorride.

                                                                       GRESSAI:

                                               Perfetto!

Rabì scappa fuori ed escono tutti, sipario.

Rabì, Mansur e Gressai sono seduti in cerchio davanti ad un “fuoco”. Si toccano la pancia piena e si comportano come se avessero mangiato molto.

                                                                       RABI’:

Beh, non credevo che si potesse mangiare così bene in mezzo al deserto! Grazie, con voi mi sembra proprio di essere ancora a casa mia! Sapete, i magi mi coccolavano parecchio…

Mansur si alza e comincia a sparecchiare. Gressai si volta verso Rabì.

                                                                       GRESSAI:

Beh, adesso tutti a dormire, domani ci aspetta una giornata di duro lavoro! Adesso caro Rabì, per digerire, aiuta Mansur a sparecchiare!

           

                       RABI’:

Certo non c’è problema…

Rabì sparecchia velocemente il tavolo che hanno di fronte. Poi torna da Gressai, Mansur non si vede.

                                                                       RABI’:

Fatto, adesso, se non le dispiace, andrei anche io a dormire…

Gressai sbadiglia e si stropiccia gli occhi.

                                                                       GRESSAI:

Beh ragazzo… Certo! Ma devi ancora finire di sparecchiare…

                       RABI’:

Ma come, il nostro tavolo è sgombro!

                       GRESSAI:

Il nostro si… Mancano tutti gli altri!

Rabì sgrana gli occhi e rimane a bocca aperta mentre Gressai esce ridendo forte. Il sipario si chiude.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Bernsur, Mansur.

SCENA:  Palco vuoto, un carro di nomadi, una tenda è la porta per la capanna di Bernsur.

Rabì entra in scena insieme a Tesput e Mansur. Mansur mostra a loro come funziona la carovana.

                                                                       MANSUR:

Vedete, ogni famiglia ha un suo carro. Noi siamo nomadi, ci spostiamo da un’oasi all’altra, montiamo e smontiamo le tende e guadagniamo quello che mangiamo giorno per giorno con il duro lavoro. E voi? Che ci fate qui?

                       RABI’:

Noi stiamo seguendo la stella cometa!

                       MANSUR:

Ah quella stella che è comparsa in cielo da un po’… Voi ve ne intendete di astrologia?

Rabì si strofina la mano sulla giacchetta.

                                                                       RABI’:

                                               Beh, diciamo… Un po’…

sorride

                       MANSUR:

Ma… Sapete anche di condizioni atmosferiche e altro?

                       RABI’:

Beh, diciamo che sono molto bravo a predire il tempo per il giorno dopo… Sai… Se ci sarà il sole o la pioggia…

Tesput guarda Rabì con severità poi gli si avvicina all’orecchio.

                                                                       TESPUT:

Non fare il furbo, lo sai che non sempre ci azzecchi…

                       RABI’:

Tu non ti preoccupare, fidati di me!

                       MANSUR:

Perché se così fosse il nostro meteorologo si è ammalato e avrebbe bisogno di una mano. Io chiederei a te.

Rabì si siede a terra.

                                                                       RABI’:

Mah, io sono anche molto bravo a giocare a palla egizia, non possiamo mettere su una squadretta?

                       MANSUR:

Cosa? Giocare? Qui si lavora! Poi se hai ancora voglia ti metti a giocare! Dai andiamo, ti presento al vecchio Bernsur. Poi troveremo qualcosa da fare anche al tuo amico cammello…

Mansur si avvicina a Tesput e gli dà una pacca sulla gobba. Tesput si innervosisce.

                                                                       TESPUT:

            Miii già lo odio questo!

Tutti escono.

Entrano nella capanna di BERNSUR, un vecchio stregone un po’ imbranato, sordo e mezzo cieco. Mansur lo presenta agli altri.

                                                                       MANSUR:

Ecco a voi il grande Magio Bernsur!

Bernsur si avvicina lentamente e con un bastone alla mano. Si avvicina fino a pochi centimetri dal naso di Rabì e poi di Tesput.

                                                                       MANSUR:

            Questi sono i nostri nuovi amici Rabì e Tesput, il suo cammello.

                       BERNSUR:

Chi? Cosa? Chi ha un cappello?

Rabì guarda Tesput meravigliato.

                                                                       RABI’:

Ma lo vedi? E’ un vecchio balordo! Non ci sente niente di niente!

Rabì ride insieme a Tesput. Quando il vecchio se ne accorge i due fanno finta di tossire.

                                   MANSUR:

Rabì è molto bravo a predire il tempo, come facevi tu una volta.

                       BERNSUR:

Eehh??

                       MANSUR:

Vedete poverino? Non ci sente più niente!

                       BERNSUR:

Chi, chi mente? Io sono un vecchio sincero e portate rispetto!

Rabì passa la mano davanti agli occhi di Bernsur.

                                                                       BERNSUR:

                                               Oggi nebbia! Si si lo vedo chiaramente!

Rabì e Tesput ridono ancora.

                                                                       MANSUR:

Se vuoi Rabì ti potrà dare una mano, dovrete lavorare insieme!

                       BERNSUR:

Certo che sono sano! E se dico nebbia nebbia sarà! E Giovedì pioggia.

Mansur si volta verso Rabì.

                                                                       MANSUR:

            Lo vedi poverino non ce la fa proprio più.

Da fuori campo si sente chiamare Mansur.

                                                                       MANSUR:

            Scusatemi arrivo subito.

Mansur esce. Rabì e Tesput ricominciano a prendere in giro Bernsur passandogli una mano davanti agli occhi. Ridono Mentre Rabì passa la mano davanti agli occhi del vecchio di scatto il vecchio gliela afferra.

                                                                       BERNSUR:

Ragazzo smettila di fare il fesso… Ci vedo e ci sento benissimo.

Rabì e Tesput sgranano occhi e bocca, sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Bernsur, Mansur.

SCENA:  Palco vuoto, un carro di nomadi, una tenda è la porta per la capanna di Bernsur.

Si apre il sipario su Rabì, Tesput e Bernsur.

                                                                       BERNSUR:

Fai attenzione, io faccio finta di essere così per non lavorare tutti i giorni! Sai una volta ho sbagliato una previsione e per punizione mi misero a pulire tutti i carri. Da allora faccio finta di essere balordo. In bocca al lupo ragazzo mio… Stavo così bene quando ero a casa mia… Sst. Rientra Mansur, acqua in bocca intesi?

                       MANSUR:

Eccomi! Allora Rabì, facciamo una prova per vedere se sei bravo come dici. Allora che tempo farà domani?

Rabì sgrana gli occhi. Guarda Tesput poi il vecchio che gli fa un occhiolino senza farsi notare da Mansur.

                                                                       MANSUR:

Dai, mio padre Gressai è ansioso di vedere come te la cavi.

                                   RABI’:

            Ecco… Beh… Secondo me…

                                   BERNSUR:

Giovedì pioggia!

                       MANSUR:

Zitto tu!

                       BERNSUR:

Dritto chi va dritto io ho detto Giovedì pioggia!

                       MANSUR:

Allora?

                       RABI’:

Beh, domani… Pioggia!

Sipario. Quando si riapre Tesput tira delle casse e Rabì sta pulendo una seconda cassa. Si asciuga il sudore. Tesput gli passa davanti.

                                                                       TESPUT:

Pioggia eh? E poi era il vecchio ad essere balordo? Sput!

                       RABI’:

Senti tutti possono sbagliare! E poi è giusto, bisogna lavorare per guadagnarsi il pane!

Tesput gli sputacchia ancora.

                                                                       TESPUT:

            Pioggia eh?

Passa Mansur con una cesta in testa.

                                                                       MANSUR:

Rabì hai visto che giornata? Non faceva così caldo da mesi…

                       RABI’:

Eh…

Tesput ringhia verso Rabì, tutti escono sipario.

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Gressai, Mansur.

SCENA:  Palco vuoto, un carro di nomadi, un fuoco finto.

Si riapre il sipario con Rabì che entra tenendosi la schiena.

                                                                       RABI’:

Ma chi me lo ha fatto fare di andarmene di casa! Stavo così bene con i miei magi! Questi mi fanno lavorare tutto il giorno, e quasi tutta la notte!

Entra Tesput con la mano sulla gobba. Guarda male Rabì.

                                                                       RABI’:

            Tesput, amico mio!

Tesput lo fissa e lo sputacchia, cerca di togliersi il carico che ha sulle spalle e si lamenta del dolore.

                                  

RABI’:

Dai non è colpa mia! Come facevo a sapere che la vita qui fuori sarebbe stata così pesante!

Tesput lo sputacchia e cerca di guardarsi allo specchio facendo una smorfia.

           

                                                                       RABI’:

Eddai non mi parli neanche più!

Tesput lo sputacchia, poi si corica a terra.

                                                                       RABI’:

Eh si… neanche più un amico. E Mansur! Quello poi! Fa fare tutto a me! Per forza siamo gli unici ragazzi!

Tesput fa “sst”. Poi sputacchia a Rabì.

                                                                       RABI’:

            Ma si, hai ragione. Dormiamoci su…

Anche Rabì si corica, non appena si è steso entrano Gressai e Mansur.

                                                                       GRESSAI:

Buooon giorno! Sveglia, la giornata è appena iniziata! Il buon giorno si vede dal mattino! Forza tutti in piedi.

                                                                       RABI’:

Ma io… Mi sono appena steso a dormire!

                       GRESSAI:

Male male, vedi? Chi fa baldoria tutta la notte poi alla mattina fa fatica ad alzarsi.

 

Rabì e Tesput si alzano a fatica, Tesput guarda male Rabì e poi gli sputacchia.

                                                                       RABI’:

            Ma io veramente…

Mansur corre da lui e lo prende per mano.

                                                                       MANSUR:

Dai vieni con me, c’è da smontare tutte le tende…

                                                                       RABI’:

Tutte le tende…

                       MANSUR:

E poi dobbiamo lavare tutti i cammelli!

Tesput alza la testa mostrando un largo sorriso. Mansur lo vede.

                                                                       MANSUR:

            Beh… Tutti i nostri cammelli…

Tesput sgrana gli occhi e comincia ad arrabbiarsi. Rabì guarda in basso scuotendo la testa. Gressai e Mansur li guardano.

                                                                       GRESSAI:

Noi cominciamo ad andare… Spero che vi stiate divertendo con noi… Su fate in fretta!

Escono. Rabì guarda Tesput. Sorride. Tesput sta per sputacchiargli quando guarda Rabì.

                                                                       TESPUT:

Lo sai cosa dobbiamo fare vero?

                       RABI’:

Si amico. Al tre?

                       TESPUT:

No no, all’uno!

                       RABI’:

Ok. UNO!

I due se la scappano a gambe levate. Sipario.

Fine quarta parte.


Sceneggiatura Episodio 3

Il signore degli Specchi

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, due ragazzi e una ragazza.

SCENA:  Palco vuoto, tanti specchi finti davanti a tutte le porte della città.

Rabì e Tesput stanno camminando nel deserto.

                       RABI’:

Tesput, oggi fa più caldo del solito!

                       TESPUT:

Già, non so cosa darei per un bel bagno in una piscina fresca fresca…

                       RABI’:

Già gia! E io non so cosa darei per tuffarmi in una vasca piena di aranciata!

           

                       TESPUT:

Si! Si e non so cosa darei per starmene sotto una palma con un bel venticello…

Mentre chiacchierano si coprono il viso con le mani abbagliati da una grande luce.

                       RABI’:

Ma cos…

                       TESPUT:

Rabì, è una città che luccica!

                       RABI’:

Fantastico, non avevo mai visto una cosa del genere!

                       TESPUT:

Andiamo di là questa non posso assolutamente perdermela!

                       RABI’:

Ti seguo! Andiamo!

Escono. Rientrano in una via della città piuttosto silenziosa anche se una via del mercato. La cosa interessante sono i numerosi specchi che si trovano fuori da ogni porta. Davanti ai due amici passa un GIOVANE che sta battendo la sue mani una contro l’altra.

                                                                       GIOVANE:

Ho preso un brutto voto a scuola come faccio adesso? Cosa posso fare?

Il giovane li supera per fermarsi davanti ad uno specchio poco prima della fine del palco. Mormora qualcosa in direzione dello specchio. Rabì e Tesput ridono.

                       RABI’:

Beh, come lo capisco… Anche io quando mi succedeva con i magi…

                       TESPUT:

Cosa?

                       RABI’:

Beh, dico, di prendere un brutto voto…

Il ragazzo si sposta dallo specchio, ora è molto più rilassato e ride di continuo. Si avvicina a Rabì e Tesput.

                                                                       GIOVANE:

Beh, buon giorno anche a voi! Non è una bellissima giornata? Tutte le giornate dovrebbero essere così, senza problemi!

Rabì e Tesput si guardano stupiti.

                                              

                                                                       RABI’:

Incredibile… Ma… Hai visto?

Davanti a loro passa una RAGAZZA con la testa bassa.

                                                                       RAGAZZA:

Ecco, adesso non ho più un soldo… Come farò? I miei fratelli cosa mangeranno? Io cosa mangerò?

La ragazza oltrepassa Rabì e Tesput per fermarsi ad un altro specchio dall’altra parte del palco. Rabì e Tesput si guardano sorridendo. Subito dopo la ragazza si volta e ha le tasche piene di soldi.

                                                                       RAGAZZA:

Ehi! Buon giorno a voi! Ecco posso offrirvi da bere? Con questo caldo ci vorrebbe proprio qualcosa di fresco! Ciao ciao! A presto!

Rabì e Tesput si voltano uno verso l’altro lentamente e molto meravigliati. Poi scattano ognuno verso uno specchio.

                                                                       TESPUT:

Rabì! Ma qui nello specchio mi vedo sdraiato sotto una palma e con una bibita fresca in mano!

                       RABI’:

Tesput io qui mi vedo vestito da grande Magio e con la scuola già finita! Bellissimo!

Mentre parlano passa dietro di loro un SECONDO RAGAZZO.

                                                                       RABI’:

                                               Tesput ma cos’è secondo te? Una magia?

Il ragazzo ride.

                                                                       SECONDO RAGAZZO:

No amici miei, è il grande regalo che ci fa il Signore degli Specchi!

Tesput e Rabì si voltano verso il ragazzo.

                                                                       RABI’ e TESPUT:

Il Signore degli Specchi?

                       SECONDO RAGAZZO:

Certo, il signore degli specchi! E’ il re della nostra città, il signore che tutti preghiamo! Da quando è arrivato lui tutto va per il meglio da queste parti!

                       RABI’:

Ma è fantastico! Come funziona?

                       SECONDO RAGAZZO:

Ecco, tu ti guardi allo specchio e lo specchio capisce cosa tu desideri in questo momento, poi tu dici una preghiera al Signore degli Specchi, e il gioco è fatto!

                       RABI’:

Davvero? Provo!

Rabì si volta verso lo specchio e subito dopo si rivolta verso gli altri con una bella lattina d’aranciata. Tesput è sbalordito.

                                              

                                                                       SECONDO RAGAZZO:

Facile no? Ci vediamo amici!

Esce. Rabì e Teput si guardano a bocca aperta.

                                              

                                                                       RABI’ e TESPUT:

                                               Fantastico!!!

Corrono fuori, sipario.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, due ragazzi e una ragazza.

SCENA:  Palco vuoto, tanti specchi finti davanti a tutte le porte della città.

Si sente la voce fuori campo di Rabì.

                                                           RABI:

Guarda Tesput! Sono un grande Magio!

Entra Tesput.

                                                                       TESPUT:

Rabì, Rabì! Guardami… Bevande fresche e ottime. Wow con questo caldo è proprio quello che ci voleva per me!

I due si camminano uno davanti all’altro senza neanche vedersi.

                                                                       RABI’:

Questo posto è proprio fantastico caro il mio cammello! Se ti serve qualcosa, lo specchio lo capisce subito! Tu vai, ti specchi e lo specchio ti fa vedere cos’è che vuoi. E poi basta una preghierina al Signore degli Specchi! Grand’uomo! Sta facendo del bene a tutta questa città!

Tesput si pavoneggia davanti ad uno specchio.

                       TESPUT:

Guarda come sono bello! Guarda come sono bello… Se avessi saputo prima come potevo essere bello non mi sarei messo a fare il cammello per i magi!

Rabì corre da uno specchio all’altro.

                       RABI’:

E poi, come sono luminosi questi specchi! La loro luce riflessa arriva fino fuori dal paese… Sembra quasi che ti attiri… Fantastico!

Entrano un ragazzo e una ragazza. Non si parlano. Tutti e due mormorano tra sé e sé che dovranno cercare qualcosa di bello da mettere in casa.

                                                                       RAGAZZO:

Però, mi servirebbe una lampada ad olio più grossa, quella che ho già non mi piace molto.

Davanti a lei, sui banchi del mercato è pieno di roba, ma lei non la guarda neanche. Rabì la fissa distrattamente, Tesput continua a fissarsi allo specchio. Il ragazzo.

                                                                       RAGAZZA:

Vorrei davvero un tappeto più grande per il mio soggiorno. Beh, visto che qui nelle oasi ci si deve sedere per terra, almeno che sia comodo!

Rabì si volta verso lo specchio. Il ragazzo e la ragazza si mettono uno dietro Rabì, l’altra dietro Tesput ma il ragazzo e il cammello continuano a specchiarsi. I due ragazzi si spazientiscono e ad un tratto prendono di forza Rabì e Teput e li spostano.

                                                                       RABI’:

Beh, cosa vuol dire questo trattamento!

                       TESPUT:

Ehi Rabì! Ma dove eri finito?

                       RABI’:

Tesput, anche io mi chiedevo la stessa cosa!

                       TESPUT:                   

Beh io ero qui!

Sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, due Guardie vestite di Specchi, due ragazzi.

SCENA:  Palco vuoto, tanti specchi finti davanti a tutte le porte della città.

Entrano Rabì e Tesput.

                       RABI’:

Tesput questo posto non mi convince. Ero qui a specchiarmi e un ragazzo mi ha spostato di violenza dallo specchio… specchio… Specchio…

Rabì pian piano si muovo a guardare dentro lo specchio. Tesput si sbalordisce e prende di forza Rabì.

                                                                       RABI’::

Ehi! Adesso anche tu ti ci metti?

                       TESPUT:

Beh? Stavamo parlando! O noi vuoi più parlare con il tuo amico Tesput solo per guardare in uno specchio… Specchio… Specchio…

Adesso Rabì prende di colpo Tesput.

                                                                       TESPUT::

Ehi! Ma che modi!

                       RABI’:

Tesput, questo posto ha qualcosa di strano…

                       TESPUT:

Già lo penso pure io…

                       RABI’:

Secondo me la prima cosa da fare è cercare di guardare il meno possibile dentro questi specchi e pian piano cercare di uscire dalla città…

                       TESPUT:

Si ma poi senti questo silenzio… Sembra innaturale. Lo dicevo io…

                       RABI’:

No, veramente tu non dicevi un bel niente…

                       TESPUT:

Ma no, hai capito male…

I due pian piano cominciano ad allontanarsi quando entrano due guardie vestite di specchi che li fermano.

                                                                       GUARDIA:

Alt! Fermi tutti e due!

                       RABI’:

Chi siete?

                       GUARDIA:

Siete accusati di aver dubitato del Signore degli Specchi e di voler abbandonare il paese!

                       RABI’:

Ma come? Sei stato tu Tesput?

                       TESPUT:

Io? Io non ho detto niente! E tu?

                       RABI’:

Io? Mai aperto bocca! Solo… Beh andavamo a fare due passi! Anzi, se non vi dispiace… Noi continueremo… Ciao ciao.

Rabì e Tesput cominciano a correre per il palco tra gli specchi. Ad un tratto una forte luce li abbaglia.

                       RABI’:

Ahh ma cos’è questa luce fortissima!

                       TESPUT:       

Ci stanno abbagliando!

Cadono a terra e vengono trascinati di peso fuori dal palco. Altri due ragazzi entrano in scena e vanno a mettersi silenziosamente davanti agli specchi. Sipario.

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Rabì, Tesput, Paggio, il Signore degli Specchi.

SCENA:  Il palco è pieno di specchi, il volto del Signore degli Specchi è disegnato dentro ognuno di essi.

Sipario chiuso, entra un Paggio del Signore degli Specchi.

                                                                       PAGGIO:

Oggi al cospetto del Signore degli Specchi comparirà Rabì! Il ragazzo è accusato di non aver gradito l’ospitalità, peraltro irrinunciabile, del Signore degli Specchi e di aver voluto! Si, voluto andarsene dal nostro paese! Inaudito! Un pessimo ringraziamento verso il nostro Signore! Ma non perdiamo tempo! Entri il ragazzo.

Il Signore degli Specchi non si vede. Ad un tratto però si sente la sua voce.

                                              

                                                                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Ragazzo! Buon giorno!

Rabì si volta spaventato.

                                                                       RABI’:

Chi è?

Il sipario si apre liberando il campo sulla sala del trono del Signore degli Specchi. Rabì si guarda in giro. La stanza è piena di specchi ed è molto ricca. Il volto del Signore degli Specchi compare su tutti gli specchi contemporaneamente.

                                                                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Sono il Signore di questa città. Un tempo ero un famoso stregone, adesso mi sono appassionato di questa città e ho deciso di occuparmi di lei. Mi chiamo il Signore degli Specchi.

RABI’:

Wow. Che forza.

Rabì si sposta a parlare da uno specchio ad un altro.

                                                                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Di cosa sei accusato ragazzo?

                       RABI’:

Beh, dicono che non ho saputo approfittare della sua ospitalità…

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Mmm, beh questo è un buon motivo.

                       RABI’:

Io però ho una missione da compiere.

Il Signore degli Specchi sbadiglia e mentre lo fa tutte le luci aumentano di intensità.

                                                                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Dicevi…?

                       RABI’:

Si, io capisco le sue premure… Beh, devo dire che questo posto è molto bello, in fondo ci si trova tutto quello che uno desidera…

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Certo, questo posto è perfetto! Tutti hanno quello che vogliono, tutti sono contenti! Se qualcuno ha bisogno di qualcosa, basta che me lo chieda e sarà accontentato! Cosa vuoi di più dalla vita?

Rabì continua a passare da uno specchio all’altro.

                                                                       RABI’:

Beh, in fondo è vero…

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Lo vedi? Quindi non hai motivo di andartene e dire di non essere felice…

                       RABI’:

Felice?

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Certo, non sei felice qui?

                       RABI’:

Mah, io ero felice nel mio paese, con i magi. E sono felice con Tesput. E poi quando ero con i miei amici e giocavamo tutti insieme ed eravamo felici… Facevamo un sacco di baccano! Qui in città invece è tutto silenzioso…

Si sente forte un tuono.

                                                                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Cosa stai insinuando? Che i miei sudditi non siano felici?

Rabì passeggia pensieroso.

                       RABI’:

Ma, scusami… Se i tuoi sudditi hanno tutto quello che vogliono, perché litigano per stare davanti ad uno specchio?

                                   SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Non hanno motivo di litigare, io accontento tutti. E loro in cambio mi adorano. E’ tutto perfetto in questa città.

                        RABI’:

A me sembrano invece molto tristi…

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Senti, ho molto da fare, chiedimi scusa e torna in città.

                       RABI’:

Come? Ma non dovevi punirmi?

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Io non punisco nessuno, mai. Torna in città e se ti serve qualcosa chiedimelo.

                       RABI’:

Beh, io vorrei tornare a cercare la mia stella cometa. Quando ero con Tesput e la cercavamo insieme, allora si che mi divertivo!

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Questo è impossibile, ti farebbe perdere solo del tempo. Torna in città, chiedimi qualcosa e poi adorami, solo allora sarai felice.

                       

                                                                       RABI’:

                                                           verso il pubblico

                                               Ma mi sta ascoltando secondo voi?

                                                           verso gli specchi

Ho detto: Qui sono felice, ma mi rende più felice andare con Tesput a cercare la cometa e poi tornare dai Magi!

SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Questo è impossibile, ti farebbe perdere solo del tempo. Torna in città, chiedimi qualcosa e poi adorami, solo allora sarai felice.

                       RABI’:

Ti ho chiesto di poter uscire! Cosa me ne faccio di tutto il resto se non ho quello che voglio? E poi se mi vuoi bene veramente come dici mi devi accontentare!

                       SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Certo, tu puoi avere tutto quello che ti serve in città.

                       RABI’:

Mmm, ma io… Io… Ma lo sai come mi chiamo almeno?

SIGNORE DEGLI SPECCHI:

Senti, ho molto da fare, chiedimi scusa e torna in città.     

                       RABI’:

Melchiorre mi voleva bene, mi diceva: mio piccolo Rabì. Tu dici sempre le stesse cose, secondo me non mi vuoi bene davvero, mi dai un sacco di cose, ma se ti chiedo quella che mi serve davvero tu mi prendi in giro e mi dici sempre le stesse cose. Io me ne voglio andare via!

Rabì prende uno specchio di forza e lo mette davanti ad un altro. Si sente un rumore di vetri rotti.

                                                                       RABI’:

                                               Ops, ho rotto uno specchio, però dietro c’è una strada! Si esce di qui!      

Sipario. Entrano Tesput e Rabì

           

                                                                       TESPUT:

Quindi… Tu dici che in fondo non ci voleva bene davvero? Ma se ci dava sempre tutto quello che volevamo!

Rabì lo guarda male.

                                                                       RABI’:

Si ma quando gli ho detto che la cosa che mi interessava di più era andare a cercare la cometa a momenti non mi ascolta neanche!

                       TESPUT:

Ma… Ma… Secondo te cosa vorrà dire?

I due si allontanano, la luce forte della città rimano ancora un po’ sul palco. Poi, lentamente, si spegne. Sipario.

Fine quarta parte.


Sceneggiatura Episodio 4

La città dei due piani

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Guardia Verde,Guardia Rossa, due ragazzi.

SCENA:  Palco vuoto, cartello con la scritta, lance per le guardie, patate.

Rabì e Tesput camminano nel deserto fanno un gioco. A turno ognuno canta una canzone, vera o immaginaria che sia, poi l’altro deve indovinare la lingua nella quale sta cantando.

                                                                       RABI’:

Inglese!

                       TESPUT:

No. Sbagliato!

                                                                       RABI’:

Spagnolo!

                       TESPUT:

No! Dai, puoi fare di meglio!

                                                                       RABI’:

Francese! Dai non lo so…

                       TESPUT:

Ahaha. Tre a zero, mi spiace ma adesso vai a piedi ho vinto io!

                                                                       RABI’:

Ma dimmi te che razza di cammello scansafatiche dovevo trovarmi!

I due si fermano davanti ad un cartello con sopra una scritta: “Proseguite solo in numero pari”. I due si guardano.

                       TESPUT:

E questo cosa vorrà dire?

                                                                       RABI’:

Boh, ne stiamo vedendo di stranezze…

                       TESPUT:

Senti, andiamo da un’altra parte. Non mi piace il tono di quel cartello…

                                                                       RABI’:

Hai ragione…

 

I due si voltano solo per vedere una tromba d’aria che si sta avvicinando a loro. I due si guardano sgranando gli occhi. Poi corrono oltre il cartello. Davanti a loro poco dopo si trovano due GUARDIE, una VERDE molto magra e una ROSSA molto grassa. Si danno le spalle. E si girano a guardare Rabì e Tesput uno alla volta parlando a turno.

                                                                       GUARDIA VERDE:

Chi siete?

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Dove andate?

                                                                       RABI’:

Siamo un ragazzo e un cammello!

                                                                       GUARDIA VERDE:

Salutatevi.

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Datevi commiato.

Rabì si volta verso Tesput.

                                                                       RABI’:

Commiato? Cosa vuol dire commiato?

                                                                       GUARDIA VERDE:

Uno di voi dovrà seguire me.

                                                                       GUARDIA ROSSA:

L’altro di voi venire per di qua.

                                                                       RABI’:

Ma noi non vogliamo dividerci!

                                                                       GUARDIA VERDE:

Allora perché siete entrati?

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Il cartello parlava chiaro!

                       RABI’:

Si ma noi siamo pari! Siamo due!

                                                                       GUARDIA VERDE:

Appunto!

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Perfetto!

                                                                       GUARDIA VERDE:

Siete due.

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Per questo potrete entrare, altrimenti… Neanche quello!

                                                                       GUARDIA VERDE:

Adesso…

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Andiamo!

Tutti escono. Sipario.

Entra Rabì accompagnato dalla guardia verde.

                                                                       GUARDIA VERDE:

Benvenuto nella Cittàdisopra! Sei il cittadino numero 804.164, tienilo a mente.

                       RABI’:

804. … L’ho già dimenticato! Ma senti, dove avete portato il mio cammello?

                                                                       GUARDIA VERDE:

Questo non ti deve interessare! Sappi che sta bene e che come te verrà ospitato. A questo punto non mi resta che informarti che potrai fare tutto ciò che vorrai, tranne andartene si intende, a meno che tu non ti metta in lista d’attesa per la Cittàdisotto!

                       RABI’:

Cosa? Come? Non ho capito!

La guarda ride e si allontana. Passano altri due giovani molto magri. Stanno parlottando insieme.

                                                                       PRIMO GIOVANE:

Anche questo mese in città abbiamo fatto un ottimo raccolto!

                       SECONDO GIOVANE:

Si, siamo la città della contea in cui si mangiano le patate migliori!

                       PRIMO GIOVANE:

Si si le migliori patate lesse…

                       SECONDO GIOVANE:

Per non parlare di tutte le altre nostre verdure bollite…

Rabì si tasta lo stomaco.

                                                                       RABI’:

Mmmm, patate… In fondo è da un po’ che non magio… Continuerò a cercare Tesput più tardi.

Rabì si avvicina ai due giovani che portano un sacco con delle patate bollite.

                                                                       RABI’:

Ehm, scusate… Sono nuovo di qui… Ho sentito che parlate molto bene di quelle patate…

                       PRIMO GIOVANE:

Ne vuoi una ragazzo? Non siamo mai detto che noi della città di sopra non siamo ospitali con i nuovi arrivati! Tieni, una patata per te!

                       RABI’:

Grazie!

Rabì la mangia e storge il naso.

                                                                       RABI’:

Ehm, scusate…

                       PRIMO GIOVANE:

Che c’è ne vuoi un’altra?

                                                                       RABI’:

No è che… Beh, è cotta bene… Bravi… Mah… Sapete manca un po’ di sale secondo me!

I due indietreggiano inorriditi.

                                                                       SECONDO GIOVANE:

Niente sale qui! Niente sale. Qui si mangia tutto SENZA sale! Noi ci teniamo alla nostra linea!

            si tocca lo stomaco magro e guarda tristemente l’amico

E ragazzo, ascolta noi… Faresti meglio ad abituarti, fin da quando eravamo piccoli qui ci hanno sempre insegnato che il sale in questa regione NON ESISTE e che il modo migliore di mangiare è magiare magro!

I due si allontanano, sipario.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Tesput, Snerl, Guardia Rossa, Cammello Rosso.

SCENA:  Palco vuoto.

Una voce fuori campo annuncia: “Intanto nella Cittàdisotto…”

Entra Tesput accompagnato dalla guardia rossa. Si avvicinano ad un vecchio contadino molto grasso, SNERL e il suo CAMMELLO, grasso pure lui.

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Vecchio Snerl, guarda! Da anni contiamo come cittadini anche i cammelli. Anche lui vale per la gara?

Tesput si avvicina all’altro cammello.

                                                                       TESPUT:

Gara? Quale gara?

                        CAMMELLO ROSSO:

Ehi amico! Prima presentati almeno! Sei appena arrivato e già fai domande? Mii già ti ooodio.

La guardia e il vecchio si voltano verso i due cammelli.

                                                                       GUARDIA ROSSA:

                                               Ma cosa hanno questi due da lamentarsi?

                                                                       SNERL:

Zitto!

Il vecchio tira un calcio al secondo cammello.

                                                                       CAMMELLO ROSSO:

Ahi! Vedi per colpa tua mi prende a calci! Mii ti odiio ancora di più!

Tesput ride e la guarda tira un calcio a Tesput.

                                                                       TESPUT:

                                               Ahi!

                                                                       CAMMELLO ROSSO:

Adesso siamo pari!

Il vecchio riprende a parlare alla guardia.

                                                                       SNERL:

Si valgono anche i cammelli. Beh ti ringrazio se non erro con lui siamo…

                       GUARDIA ROSSA:

804.164.

                       SNERL:         

804.164 giusto! Bravo continuate così. Controllate sempre chi entra. Nessuno deve vincere la gara!

Il vecchio e la guardia si salutano. Il vecchio si rivolge a Tesput.

                       SNERL:

Bene, adesso io vado a riposare un attimo. Voi state buoni e al mio risveglio verrete con me alle miniere di sale. Oggi si lavora ok? A dopo!

Esce. Tesput si volta verso l’altro cammello che piano piano mastica dell’erba.

                                                                       TESPUT:

Ma mi vuoi spiegare? Gara? Sale?

                       CAMMELLO ROSSO:

Si si, da quello che ho capito c’è una gara che dura da più di cento anni tra la città di sopra e la città di sotto! Tutte e due le città vogliono avere il maggior numero di abitanti!

                       TESPUT:

Si ma…

                       CAMMELLO ROSSO:

Infatti, chi prova ad entrare da solo o in numero dispari viene scacciato via dalle guardie!

                       TESPUT:

Infatti io ero qui con un mio amico!

                       CAMMELLO ROSSO:

Già, adesso lui sarà nella Cittàdisopra…

                       TESPUT:

Ah… Certo che voi qui la vita ve la sapete complicare…

                       CAMMELLO ROSSO:

Ma no, in fondo è un gioco… Perché le cose vadano bene basta restare sempre in numero uguale!

Sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Tesput, Snerl, Guardia Rossa, Cammello Rosso.

SCENA:  Palco vuoto, due sacchi di sale.

Rientra il vecchio.

           

                                                                       SNERL:                                            

Ah che bella dormita!

Tesput si volta verso l’amico.

                                                                       TESPUT:

Ma come è già sveglio?

                       CAMMELLO ROSSO:

Si, scordavo di dirtelo… Il mio padrone dorme molto poco e lavora tanto tanto!

                       TESPUT:

            rivolto al pubblico

Uffi, da quando ce ne siamo andati dalla scuola dei magi non facciamo altro che lavorare!

                       SNERL:

Forza forza che la giornata è giovane!

Tutti escono, dopo un attimo rientrano con luci diverse. Tesput si tiene la schiena, carica di sacchi di sale.

                                                                       TESPUT:

Basta, non ce la faccio più. Ho fame! E chissà dove sarà il mio amico Rabì! Dovrei cercarlo…

Entrano il vecchio e il cammello con un sacca di cibo. Tesput si tasta lo stomaco.

                                                                       TESPUT:

                                               Beh, vorrà dire che Rabì lo cercherò più tardi!

Tesput si avventa sul cibo. Poi si stringe le labbra e comincia a sputare.

                                                                       TESPUT:

Ma come! E’ salatissimo! Ma cosa c’è da mangiare! Vediamo… Carne secca sotto sale? Grasso? Ma non c’è niente di sano in questo sacco da mangiare? Io voglio altro! Che ne so… Verdure…

L’altro cammello lo guarda con compassione.

                                                                       CAMMELLO ROSSO:

Ehehe qui non esistono le verdure! Si mangia solo questo… Spero ti piaccia il grasso!

                       SNERL:

Ma cos’hanno questi cammelli che si lamentano sempre!

                       TESPUT:

Io non intendo rimanere in questo posto un minuto di più! Me ne vado!

 

L’altro cammello ride.

                                                                       CAMMELLO ROSSO:

Da qui non vai via… Sai, la gara…

                       TESPUT:

No no, te la faccio vedere io la gara!

Tesput comincia a correre per il palco e a turno numerosi avventori cercano di fermarlo. Tesput si difende a sputacchi. Alla fine ci provano la guardia e il vecchio.

                                                                       GUARDIA ROSSA:

Tu da qui non te ne vai!

                       SNERL:

Scherzi, se tu te ne andassi la Cittàdisopra avrebbe un cittadino in più e vincerebbe la gara!

                       GUARDIA ROSSA:

Impossibile cammello, rassegnati!

Tesput li guarda con aria di sfida. Si senta la musica di un western. Poi Tesput al rallentatore sputacchia in tutti e quattro i loro occhi e mentre loro non ci vedono esce, sipario.

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Guardia Verde,Guardia Rossa, due ragazzi.

SCENA:  Palco vuoto, sacchi di sale, patate, lance per le guardie.

Rabì cammina spaesato e pensieroso ha due patate in mano prova a mangiarle ma storge sempre il naso.

                                                                       RABI’:

Ma come niente sale! Boh, a me la verdura già non piace così figuriamoci senza sale!

Entra Tesput con il fiato corto, ha sulla schiena due borse piene di sale.

                                                                       TESPUT:

Rabì! Amico mio!

                       RABI’:

Tesput ma dove eri finito! Anzi lo so dove eri finito, nella Cittàdisotto! Qui non vogliono che nessuno vada lì, dicono che c’è una gara in corso e nessuna delle due città deve superare il numero di abitanti dell’altra!

                       TESPUT:

                                               Si è così! Sono tutti matti! Dobbiamo andarcene di qui!

Rabì e Tesput cominciano a cercare una via d’uscita.

                                                                       RABI’:

Proviamo a tornare da dove eravamo venuti!

                       TESPUT:

No, sei matto! Lì ci sono le guardie! Non ti ricordi?

                       RABI’:

Ah già!

Mentre i due corrono da una parte all’altra del palco i due ragazzi dell’inizio si avvicinano. E li guardano fissi, poi si avvicina pure la guardia.

                                                                       GUARDIA VERDE:

Ehi! Voi due!

                       PRIMO RAGAZZO:

Uno l’ho già visto!

                       GUARDIA VERDE:

Ma l’altro… No!

                       SECONDO RAGAZZO:

Guardie! Sindaco! Abbiamo vinto! Abbiamo vinto!

Accorrono le guardie verde e rossa e due ragazzi. Tutti circondano Rabì e Tesput.

                                                                       TESPUT:

Rabì, non c’è scampo.

                       RABI’:

Tesput, lo so!

                       TESPUT:

Come facciamo?

                       RABI’:

Beh, tu potresti intanto buttare quei sacchi che hai addosso!

                       TESPUT:

Si ottima idea ma tu butta via quelle patate!

Intanto gli altri.

                                                                       GUARDIA VERDE:

Abbiamo due cittadini in più quindi abbiamo vinto noi!

                       GUARDIA ROSSA:

Ma quel cammello era già iscritto nei nostri elenchi quindi non conta!

Tutti sono intorno a loro Tesput con un gesto libera i sacchi e Rabì butta le patate. Tutti restano fermi immobili a guardare il sacco e le patate e non si accorgono che Rabì e Tesput che si allontanano.

                                                                       PRIMO RAGAZZO:

Ma, ma questo è sale!

                       SECONDO RAGAZZO:

Ma se ci hanno sempre detto che non esisteva!

                       GUARDIA ROSSA:

E quelle? Son patate! Verdura! E noi che sono anni che mangiamo roba grassa!

                       GUARDIA VERDE:

Per colpa di questa gara noi da più di un secolo mangiamo roba schifosa!

                       GUARDIA ROSSA:

E noi pure!

                       PRIMO RAGAZZO:

Sentite, io proporrei una tregua, anzi, festeggiamo con un banchetto! In questo modo e in segno di amicizia uniremo le vostre sane…

            Verso il pubblico

Fin troppo!

            Verso gli altri

                                               …verdure e le nostre carmi secche e grasse!

                       SECONDO RAGAZZO:

Già e chissà che a voi non cali un po’ la pancia e a noi ne venga un po’ di più! Forse è giunta l’ora di tornare ad essere un’unica Città!

                       GUARDIA ROSSA:

Beh adesso non esageriamo, come la si può chiamare?

                       GUARDIA VERDE:

Di sopra.

                       GUARDIA ROSSA:

No, di sotto…

Tutti escono. Rientrano Rabì e Tesput guardandosi intorno. Vanno in mezzo al palco dove si trovano le patate e il sale. Ne prendono furtivamente un po’ e un po’.

                                              

                                                                       RABI’:

Io adoro le patate.

                       TESPUT:

Si ma non bollite…

Scappano via, sipario.

Fine quarta parte.


Sceneggiatura Episodio 5
Penultimo dei Maglioni Pesanti

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Mattone, Garza, Scelto, Cofanetto.

SCENA:  Palco vuoto, maglioni pesanti e una lunga corda che lega alla vita tutti i ragazzi.

Entrano Rabì e Tesput.

                                                                       RABI’:

Tesput, ti ricordi? Dobbiamo arrivare a Betlemme. Con il sole così forte non so come fai a vedere la cometa.

                       TESPUT:

Ehm, in realtà speravo che la guardassi tu…

I due si fermano.

                                                                       RABI’:

Cosa? Guarda che io stavo seguendo te!

                       TESPUT:

Beh, ecco, in realtà io stavo seguendo te!

                       RABI’:

Ma Tesput bel cammello che sei! Mi dovresti aiutare e in realtà non sai neanche dove stiamo andando!

                       TESPUT:

Senti, scusa…

                       RABI’:

Scusa un corno, tanto è me che sbatteranno fuori dalla scuola dei magi! Bell’amico!

Rabì cammina veloce e lascia indietro il cammello che cerca di raggiungerlo ma più Tesput si avvicina più Rabì si allontana. Ad un tratto Rabì si ferma e Tesput sorride pensando che stia aspettando proprio lui, poi quando Tesput gli si è avvicinato…

                                                                       RABI’:

Guarda, laggiù c’è una città! Proviamo a chiedere a loro!

Rabì scappa via lasciando Tesput triste a corrergli dietro. Escono. Rientrano dalla parte opposta. Si coprono il volto con le mani.

                                                                       RABI’:

Io vorrei sapere come mai in questo posto c’è tutta questa polvere!

Tesput gli si avvicina per parlare ma Rabì non lo ascolta e continua a parlare quasi da solo.

                                                                       RABI’:

Di tutti i posti che abbiamo visitato questo mi sembra il più strano!

Ancora Tesput gli si avvicina provando a parlare.

                                                                       RABI’:

                                               Ehi c’è nessuno!?

Quattro ragazzi entrano in scena legati da una corda e vestiti con un maglione pesante, corrono veloci e fanno tutti il giro del palco poi escono.

                                                                       RABI’:

Wow, che cos’è un gioco?

                       TESPUT:

Ma, secondo me…

                       RABI’:

Voglio provare anche io. In fondo se ci riposiamo per qualche giorno non può che farci bene!

Ancora i ragazzi fanno il giro del palco ma questa volta uno dei ragazzi lega Rabì con la stessa corda con la quale sono legati gli altri. Il ragazzo sta al gioco, si fa legare. Poi tutti insieme fanno due giri del palco e scappano via. Tesput rimane da solo in mezzo al palco alzando una zampa in direzione dell’amico poi si allontana triste. Rientrano tutti. Parla il primo ragazzo della cordata.

                                                                       MATTONE:

Wow, un nuovo membro della nostra squadra! Io sono Mattone, il capo. Sono io che ho inventato il gioco della corda. Con questa restiamo tutti uniti e facciamo tutti le stesse cose insieme!

Rabì lo guarda meravigliato.

                                                                       RABI’:

Bello! E si gioca tutto il giorno?

                       MATTONE:

Certo finchè ne abbiamo voglia.

                       RABI’:

Beh mi ci vorrebbe un po’ di gioco, da quando sono andato via dalla scuola dei magi ho trovato solo lavoro… A me piace molto palla egizia!

                       MATTONE:

Scuola dei magi? Palla egizia? Puah! Qui si gioca a Fazzoletto Arabo!

Tutti in coro.

                       TUTTI:

Fazzoletto Arabo!

                       MATTONE:

Palla egizia non ci piace, vero?

                       TUTTI:

Non ci piace!

Rabì ride.

                                                                       RABI’:

Ok, se qui si fa così… Io mi chiamo Rabì.

                       MATTONE:

Ti presento gli altri. Io come ti ho già detto sono Mattone, lui è Garza, il terzo si chiama Scelto e l’ultimo, anzi il penultimo adesso che ci sei tu, si chiama Cofanetto.

                       RABI’:

Ma non vorrete mica dirmi che sono i vostri veri nomi!

                       MATTONE:

Certo che no, ma anche tu da oggi non sarai più… Gadhì…

                       RABI’:

Veramente mi chiamo Rabì!

                       MATTONE:

Ecco appunto da oggi sarai… Zucchino!

                       RABI’:

Mah, non mi piace molto Zucchino…

                       MATTONE:

Non lamentarti sono le regole… E adesso che siamo cinque, proviamo a sfidare l’altra squadra della città a fazzoletto Arabo! A proposito, noi siamo i Maglioni pesanti!

Tutti escono, sipario.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Mattone, Garza, Scelto, Cofanetto, Sasso e quattro ragazzi dell’altra squadra..

SCENA:  Palco vuoto, maglioni pesanti e una lunga corda che lega alla vita tutti i ragazzi, cappelli con visiera per gli sfidanti.

I ragazzi stanno giocando contro un’altra tribù, anche loro tutti legati, loro però in quattro e portano un cappello con visiera. Il capo della seconda tribù guarda Mattone.

                                                                       SASSO:

Allora Mattone ci incontriamo di nuovo!

                       MATTONE:

Certo, come sempre mio caro Sasso.

                       SASSO:

Vedo che hai un nuovo ragazzo in squadra… Pensi che ti aiuterà a vincere?

                       MATTONE:

Non lo so… Ma visto come siete messi oggi… Forse si.

                       SASSO:

Ok, dammi cinque minuti per organizzare la squadra.

                       MATTONE:

Ok tra cinque minuti qui.

La seconda squadra esce. Mattone prende la parola.

                                                                       MATTONE:

Allora, per essere un vero Maglione Pesante, devi indossare un VERO maglione pesante!

Rabì fa un salto indietro e la corda lo trattiene facendolo cadere.

                                                                       RABI’:

Cosa? Con questo caldo? In mezzo al deserto io dovrei mettermi un maglione?

                       MATTONE:

Certo! E’ il segno che tu sei con noi!

                       RABI’:

Ma non basta la corda?

                       MATTONE:

No! E poi il maglione è divertente!

Rabì indossa il maglione.

                                                                       RABI’:

Mah, con tutta questa roba addosso non so come farò a giocare bene.

                       MATTONE:

Allora, sfruttiamo il vantaggio numerico… L’altra volta hanno vinto loro, i Cappelli Bucati. Oggi, l’onore dei Maglioni Pesanti verrà ristabilito, chiaro?

                                                                       TUTTI:

                                               Chiaro!

Rabì da solo. Cerca ancora di sistemarsi il maglione.

                                                                       RABI’:

                                               Chiaro…

                                                                       MATTONE:

Perfetto, andiamo!

Rabì alza lo sguardo.

                                                                       RABI’:

Qualcuno vorrebbe per favore dirmi come si gioca?

                       MATTONE:

Tu segui noi, e vedrai.

                       RABI’:

Boh, vedremo…

Sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Mattone, Garza, Scelto, Cofanetto, Sasso e quattro ragazzi dell’altra squadra..

SCENA:  Palco vuoto, maglioni pesanti e una lunga corda che lega alla vita tutti i ragazzi, cappelli con visiera per gli sfidanti.

Tutti i ragazzi rientrano in scena.

                                                                       SASSO:

Allora Mattone, hai sistemato la tua squadra?

                       MATTONE:

Certo, cosa credi, l’altra volta hai vinto, ma questa volta…

                       SASSO:

Cominciamo allora!

La partita inizia. I ragazzi giocano tutti discretamente bene ma Rabì ha dei problemi con la maglia. Una voce fuori campo decreta la fine del primo tempo.

                                                                       (V.O.)

                                               Fine primo tempo!

I ragazzi si radunano da parte. Rabì si lamenta.

                                                                       RABI’:

Ragazzi, tra la corda che ci tiene uniti e il maglione pesante io non riesco a giocare!

Mattone lo guarda storto.

                                                                       MATTONE:

Cosa? Ma senti non hai mai giocato in squadra? Non sei capace?

                       RABI’:

Certo ma questo maglione…

                       MATTONE:

Tutti noi all’inizio abbiamo avuto problemi ma poi…

                       (V.O.)

Inizio secondo tempo!

                       MATTONE:

Andiamo!

I ragazzi rientrano in campo. Rabì si arrotola le maniche della maglia. Decisamente adesso gioca meglio. La partita è sul pari ma una mossa vincente di Rabì fa vincere la partita ai Maglioni Pesanti. Mattone celebra la vittoria mentre gli altri escono.

                                                                       MATTONE:

Vedete siamo i più forti! Vedi Zucchino? Anche con il maglione…

                       RABI’:

Si, però ho dovuto arrotolarmi le maniche!

                       MATTONE:

Tutte scuse, siamo i migliori e basta!

Tutti escono. Rientrano tutti legati come al solito.

                                                                       MATTONE:

            Adesso è ora di mangiare!

Rabì si guarda intorno.

                       RABI’:

Sentite, io sono arrivato qui con un mio amico… E’ un cammello si chiama Tesput!

                       MATTONE:

Un cammello di nome Tesput! Ridicolo!

                                                                       TUTTI:

Ridicolo!

                       RABI’:

Si, ma… Beh potremmo prendere anche lui in squadra con noi!

Tesput lentamente si affaccia al bordo del palco.

                                                                       RABI’:

Potrebbe esserci utile…

                       MATTONE:

Beh, noi non vogliamo cammelli nella nostra squadra, solo ragazzi svegli!

Tutti si versano qualcosa da bere nei calici, Tesput si allontana. Rabì non se ne accorge.

                                                                       MATTONE:

Forza, brindiamo alla nostra vittoria e al prossimo divertimento di domani!

                       TUTTI:

Al prossimo divertimento di domani!

 

Rabì quasi silenziosamente.

                                                                       RABI’:

                                               Al prossimo divertimento di domani…

I ragazzi brindano poi si stendono. Rabì si sdraia prima degli altri.

                                              

                                                                       RABI’:

Ah, finalmente un po’ di riposo…

Si sente una voce fuori campo.

                                                                       (V.O.)

Grande festa all’oasi del Cocco Selvaggio! Venite numerosi!

Mattone si alza di scatto.

                                                                       MATTONE:

Ragazzi! Avete sentito!?? Una festa all’oasi! Andiamo! Veloci!

                                                                       TUTTI:

                                               Veloci!

                                                                       RABI’:

Ma… Come? Io mi sono appena steso!

                       MATTONE:

Ma non vorrai mica perderti la più grande festa della regione! Andiamo, è divertente!

Tutti si alzano tranne Rabì. La corda però lo tira fuori dal palco tutti escono, sipario.

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Mattone, Garza, Scelto, Cofanetto.

SCENA:  Palco vuoto, maglioni pesanti e una lunga corda che lega alla vita tutti i ragazzi.

Tutta la tribù entra in scena. Anche Rabì porta un maglione pesante.

                                                                       RABI’:

Ragazzi, non ce la faccio più di giocare! Sono tre giorni che non facciamo altro!

                       MATTONE:

Se conosci qualcosa di più divertente… Proponi! Lo faremo…

                       RABI’:

Beh anche solo palla egizia…

                       MATTONE:

No, palla egizia non ci piace vero?

                       TUTTI:

Vero!

                       RABI’:

Boh. Io volevo arrivare a Betlemme…

                       MATTONE:

Che? Betlemme? Ma che dici?

                       RABI’:

E poi avevo un amico quando sono arrivato qui…

                       MATTONE:

Adesso siamo noi i tuoi amici, non vorrai mica abbandonarci!

                       TUTTI:

Abbandonarci!

                       MATTONE:

Adesso dormiamo che domani ci aspetta una dura partita.

Tutti si coricano. Rabì non riesce a prendere sonno e si rivolta sul suo posto. Poi strattona il ragazzo che ha vicino legato alla corda.

                                                                       RABI’:

Senti, pst!

                       COFANETTO:

Mmmm Sto dormendo…

                       RABI’:

Ehi, Cofanetto!

                       COFANETTO:

Zitto lasciami in pace!

                       RABI’:

Vorrei chiederti una cosa!

Il capo si volta di scatto.

                                                                       MATTONE:

Zucchino! Zitto! Faresti meglio a riposare! Domani dobbiamo vincere a tutti i costi!

Si rigira a dormire. Rabì riprova.

                                                                       RABI’:

Ehi, Cofanetto! Solo un attimo.

                       COFANETTO:

Senti dimmi in fretta poi lasciami dormire.

                       RABI’:

Da quanto tempo sei qui con loro?

                       COFANETTO:

Due mesi.

                       RABI’:

Ti trovi bene?

                       COFANETTO:

Certo sono i miei amici!

                       RABI’:

Ma prima non avevi altri amici?

                       COFANETTO:

Boh, comunque adesso sono loro i miei amici.

                       RABI’:

Cofanetto?

                       COFANETTO:

Eh?

                       RABI’:

Ma tu, come ti chiami?

Cofanetto si gira.

                                                                       COFANETTO:

                                               Gasput.

Poi si rigira e dorme. Rabì pensa ad alta voce.

                                                                       RABI’:

Sai, una volta avevo un amico con un nome simile al tuo…

Rabì prende una pietra in terra, taglia la corda poi corre via. Tutti escono. In scena Tesput solo. Rabì si avvicina, lo guarda. Poi i due amici si abbracciano. Escono, sipario.

Fine quinta parte.


Sceneggiatura Episodio 6

Rashida sotto il grande temporale

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Omar, sei ragazzi dell’oasi.

SCENA:  Palco vuoto, zaini e valigie pronte per la partenza.

Entrano Tesput e Rabì. Tesput cerca di bere da una borraccia la trova vuota.

                                                                       TESPUT:

Ehm… Rabì?

                                   RABI’:

Si amico dimmi…

                                   TESPUT:

Avresti per caso un goccio d’acqua che ti avanza?

                                   RABI’:

Ma come! Continui a finire la tua acqua e pure la mia! Questa volta non te ne darò una sola goccia!

                       TESPUT:

Ah si? E allora sai che ti dico?

Tesput si ferma di colpo.

                                                                       TESPUT:

Che non ho più voglia di andare avanti se prima non ci riposiamo un po’!

Rabì si ferma e gli va incontro.

                                                                       RABI’:

Dai, smettila di fare così un goccio d’acqua per te ce l’ho sempre… Però dobbiamo fare in fretta perché questa volta penso proprio che ci sarà una tempesta di sabbia.

                       TESPUT:

Se se…

Tesput prende la borraccia di Rabì e beve.

                                                                       TESPUT:

Sei sicuro questa volta? Non è che ci azzecchi molto ultimamente in quanto a previsioni…

                       RABI’:

E’ vero le ultime volte ho sbagliato, ma questa volta mi sa proprio…

Si sentono suoni di vento forte in lontananza. Rabì esulta.

                                                                       RABI’:

Si! Lo vedi? Funziono ancora! Adesso andiamo, guarda laggiù, c’è una piccola oasi!!

           

Escono. Rientrano e vedono una folla di ragazzi tutti pronti per andare via, portano pesanti zaini. Il ragazzo più grande si muove davanti agli altri.

                                                                       OMAR:

Ragazzi, neanche questa volta potremo abbandonare questa oasi! Si avvicina l’ennesima tempesta di sabbia!

Qualcuno mormora.

                                                                       UNO DEI RAGAZZI:

Non è possibile, tutte le volte che cerchiamo di andarcene da qui si alza la tempesta.

                       OMAR:

Andiamo a ripararci nelle capanne!

 

Rabì si fa notare schiarendosi la gola.

                                                                       RABI’:

                                               Ehm, scusate. Non avreste un posto anche per noi?

 

Il ragazzo di prima si sposta in avanti verso Rabì.

                                                                       OMAR:

Io un cammello non lo voglio nella mia capanna capito? E poi siamo già in troppi.

 

Una ragazza si muove in direzione del ragazzo.

                                                                       RASHIDA:

                                               Nella mia capanna no invece.

                                                                       OMAR:

Cosa?

                                   RASHIDA:

Omar, fratello mio, non ti ricordi che abbiamo una stanza vuota e nella stalla c’è posto anche per il cammello?

Omar si avvicina minaccioso alla ragazza.

                                   OMAR:

Cosa vorresti dire? Che adesso decidi tu? Sempre a fare la crocerossina… Fa cosa vuoi, io non li voglio vedere! Venite!

Tutti escono Rabì Tesput e RASHIDA restano ultimi.

                                                                       RASHIDA:

Guarda, perdona mio fratello. Da quando il più anziano di noi è morto è rimasto lui a fare da capo a tutti noi, e da quel giorno ha smesso di sorridere.

                       RABI’:

Capisco, beh grazie e piacere il mio nome è Rabì.

                       RASHIDA:

Piacere Rashida.

                       RABI’:

Ma… Come mai tutti in partenza?

                       RASHIDA:

Sono anni che vogliamo andare via da qui ma questa è una regione in cui ci sono sempre tante tempeste. Non riusciamo ad allontanarci che subito una bufera ci investe. Mi sa che resteremo qui per sempre…

                       RABI’:

Mmm, forse so come aiutarvi…

Rashida lo guarda con ammirazione.

                                                                       RASHIDA:

Davvero, non sai che regalo ci faresti. E anche Omar sarebbe contento.

Tesput guarda l’amico fisso.

                                                                       TESPUT:

Oh, non fare il tenero. Ricorda che siamo in missione…

                                   RASHIDA:

Però adesso venite, si alza il vento.

Escono.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Omar, sei ragazzi dell’oasi.

SCENA:  Palco vuoto, zaini e valigie pronte per la partenza e tutti intorno al fuoco finto.

Tutti i ragazzi si trovano intorno ad un finto falò e Omar sta raccontando delle storie. Quando smette tutti applaudono.

                                                                       RAGAZZINO:

Omar, ancora una dai… Prima di andare a dormire.

                                   OMAR:

Ragazzi è tardi… E poi è stata una lunga giornata… Chiedete una storia a Rashida.

                       RAGAZZINO:

Si… Dai Rashida, una storia prima di andare a dormire.

                                                                       RASHIDA:

Beh, oggi abbiamo un nuovo ospite, si chiama Rabì. Viene da molto lontano e sta facendo un viaggio molto lungo. Rabì, ci racconti la tua storia?

Omar fa una smorfia e va a sedersi più lontano.

                                                                       RABI’:

Beh, diciamo che vengo da un paese molto lontano da qui dove si trova una scuola. Gli insegnati sono dei magi.

                       RAGAZZINO:

Chi?

                       RABI’:

Dei magi! Si dilettando di varie arti, tipo l’astronomia…

                       RAGAZZINO:

E perché te ne sei andato via?

                       RABI’:

Sto cercando la stella cometa. Una volta loro la seguirono e trovarono un bambino di nome Gesù. Anche io voglio trovarlo e penso che la stella mi conduca da lui.

                                                                       RASHIDA:

                                                           si alza e va da lui

Wow e tu stai facendo tutto questo da solo?

                                   RABI’:

No, con me c’è il mio fido cammello Tesput. Ne abbiamo già visti di posti strani per arrivare fino a qui…

                                                                       OMAR:

                                                           si alza

Beh mi spiace deluderti ma il tuo viaggio è finito.

                       RABI’:

Cosa?

                       OMAR:

Sono anni che cerchiamo di lasciare questo posto senza riuscirci. E già non so come hai fatto ad arrivare evitando le tempeste.

                       RABI’:

            si rivolge a tutti

Sentite, io riesco a prevedere il tempo che farà. Se mi date retta forse riusciremo ad andarcene da qui…

Tutti mormorano a voce alta.

                                                                       OMAR:

E pensi che io ci creda e metta in pericolo le vite di tutti?

                                                                       RASHIDA:                 

Beh se è arrivato fino a qui di sicuro un sistema avrà.

                                   OMAR:

Io non mi fido. Anzi, secondo te, quando sarà la prossima tempesta di sabbia?

                                   RABI’:

Tra due giorni. Prima possiamo andarcene.

                       OMAR:

Io conosco questa zona, ce ne sarà una anche domani. Succede sempre. E quando sembra che non arrivi alla fine si alza il vento. Rassegnati, resterai qui con noi…

                                                                       RASHIDA:

                                                           va verso Omar

Omar calmati, siamo tutti stanchi e tu da giorni preparavi la fuga di oggi, anche se neanche questa volta siamo riusciti ad andarcene… Andiamo a dormire, ci penseremo domani.

Omar guarda la sorella poi gli altri. Sorride.

                                                                       OMAR:

Si, hai ragione. Andiamo tutti a dormire. E domani vedremo cosa si può fare.

Rashida sorride.

                                                                       OMAR:

                                               Però quel cammello non lo voglio nella mia tenda.

Tutti escono, sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida.

SCENA:  Palco vuoto, un  fuoco finto.

Restano Rabì Rashida e Tesput. Tesput guarda incuriosito Rabì.

                                              

                                                                       TESPUT:

Amico, adesso dove mi metto a dormire? Fuori è tutto umido!

                       RABI’:

Beh, porta pazienza. Vorrai mica far arrabbiare il nostro amico capo del villaggio…

            verso Rashida

Bel caratterino tuo fratello!

                       RASHIDA:

Già te l’ho detto, è diventato così da quando è dovuto diventare la nostra guida. Non penso che abbia mai voluto esserla.

                       RABI’:

Beh neanche a me penso che sarebbe piaciuto.

                       RASHIDA:

Beh, sai una cosa? Mi sei proprio simpatico. E mi incuriosisce parecchio la storia della cometa.

                       RABI’:

Già, è come una sfida tra me e me. Ho giurato che ci sarei arrivato a tutti i costi e così deve essere.

                       RASHIDA:

Se riusciremo ad andarcene via da qui…

Tesput si sposta mettendosi in mezzo tra Rabì e Rashida. Rabì e Rashida si spostano di scatto. Rabì guarda l’amico di storto.

                                                                       RABI’:

                                               Beh?

Tesput fa dei strani rumori con la gola.

                                                                       RASHIDA:

Sta male il tuo cammello?

                                   RABI’:

Direi di si…

                                   RASHIDA:

Poverino, perché non lo fai dormire con te questa notte?

                       RABI’:

Non ci penso proprio, anzi secondo me se ne stava andando via…

Tesput fa cenno di no con la testa.

                                                                       RABI’:

Beh Rashida, dicevi del viaggio?

                                   RASHIDA:

Si beh, se riusciremo ad andarcene via di qui…

Tesput si sposta ancora tra di loro e fa il verso con la gola.

                                                                       RASHIDA:

Ma poverino è proprio malato questo cammello!

                       RABI’:

            ironico

Si davvero malato…

Rabì si volta e guarda male Tesput.

                                                                       RASHIDA:

                                               Beh, lasciamolo solo così potrà riposare…

Tesput rimane con un palmo di naso mentre Rashida e Rabì si allontanano e si sente la voce di Rashida.

                                                                       RASHIDA:

Dicevo se riusciremo ad andare via da qui, vorrei venire con voi.

Tesput da solo in mezzo al palco guarda verso il pubblico. Sospira forte. Poi:

           

                                                                       TESPUT:

Ah, i ragazzi…

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Omar, sei ragazzi dell’oasi.

SCENA:  Palco vuoto, zaini e valigie pronte per la partenza.

Entra Rabì in scena. E’ preoccupato e guarda il cielo. Arriva Tesput.

                                                                       TESPUT:

Rabì, spero davvero che per oggi non abbia sbagliato previsione. Sono tutti pronti a partire. Addirittura Omar si è quasi convinto.

Tutti entrano in scena pronti per partire. Omar guarda Rabì.

                                                                       OMAR:

Beh, spero davvero che tu non ti stia sbagliando. E ringrazia mia sorella che si fida ciecamente di te. Perché io mi fido ciecamente di lei.

Entra Rashida.

                                                                       RASHIDA:

                                               Non perdiamo altro tempo, andiamo.

Tutti escono. Poco dopo rientra un ragazzo urlando.

                                                                       RAGAZZINO:

Ragazzi, ragazzi! Dopo qualche chilometro il tempo è diventato brutto, però ora è troppo tardi per tornare all’oasi! Rabì e Omar stanno litigando! Forse si sfideranno a duello!

Esce correndo. Rientrano tutti.

                                                                       OMAR:

Lo sapevo! E’ impossibile andarsene da questa zona! E per colpa tua adesso non possiamo neanche tornare indietro! E guarda che tempesta si sta preparando!

                       RABI’:

Io ti dico che dobbiamo continuare. Se ci sbrighiamo arriveremo ad un'altra oasi e potremo ripararci e saremo fuori da questa zona!

                       OMAR:

No, non ti credo più. Avevi anche detto che non si sarebbe alzato il vento e invece guarda il tempo!

Omar si volta verso gli altri.

                                                                       OMAR:

                                               Voi cosa decidete di fare?

Tutti zitti.

                                                                       OMAR:

Vedi, hai confuso tutti! Adesso ti sfiderò e chi vincerà deciderà la sorte del gruppo. Siamo tutti d’accordo?

                       TUTTI:

Si.

 

Omar e Rabì si preparano alla sfida. Entra Rashida urlando. Abbraccia il fratello.

                                                                       RASHIDA:

Omar, non puoi farlo. Tutto il gruppo ha bisogno di te. E forse ha ragione Rabì. Andiamocene in fretta, forse riusciremo a scampare alla tempesta!

                       OMAR:

No, ormai ho deciso.

I due si mettono spade alla mano uno davanti all’altro. Rabì butta la spada in terra.

                                                                       RABI’:

Mi hanno sempre insegnato a non combattere. E non inizierò oggi.

Rabì si avvicina ad Omar.

                                                                       RABI’:

Fidati di me, smettiamola di litigare e perdere tempo. Siamo ancora in tempo ad andarcene prima che il temporale arrivi.

Omar guarda tutti. Poi ancora Rabì, poi il cielo.

                                              

                                                                       OMAR:

Si, andiamo.

Tutti escono in fretta. Rientra Tesput poco dopo. Ha la lingua fuori e il fiatone. Si rivolge al pubblico.

                      

                       TESPUT:

Per un soffio! Si, la tempesta c’è stata! Ma eravamo già tutti al riparo sotto un’altra oasi! E siamo riusciti ad andarcene! Beh Omar e Rabì hanno fatto pace poi Rashida ha detto che avrebbe continuato il viaggio con me e Rabì e Omar e Rabì hanno quasi litigato… Ma hanno smesso subito e si sono abbracciati… Adesso in viaggio siamo tre!

Entrano Rabì e Rashida chiacchierando tra loro poi escono. Tesput al pubblico.

           

                                                                       TESPUT:

Ah, i ragazzi…

Escono tutti.

Fine quarta parte.

 


Sceneggiatura Episodio 7

Il pane spezzato

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Muhammad, Bashir, Mamma, Laila, la Nonna.

SCENA:  Palco vuoto poi una grande tavola imbandita.

Rabì, Tesput e Rashida sono seduti all’ombra di una palma. Ad un tratto, senza che loro se ne accorgano, entra un altro cammello, un pochino più vecchio. I tre si stanno per addormentare quando il secondo cammello si schiarisce la gola e comincia a cantare un aria di Verdi. I tre si alzano di scatto.

                                                                       RABI’:

Chi ha acceso la radio in mezzo al deserto!

                                                                       TESPUT:

Ah io no di sicuro!

Il secondo cammello si schiarisce la gola e ricomincia a cantare.

                                                                       TESPUT:

Ma allora è un vizio!

Rabì e Tesput si alzano e adesso vedono il secondo cammello. I due cammelli si fissano attentamente.

                                                                       TESPUT:

Muhammad! Miii! Ma non ci posso credere! Il mio cugino Muhammad! Ho le lacrime agli occhi! Mi sento un groppo in gola. Che emozione!

                                                                       MUHAMMAD:

Tesput! Ma che ci fai qui! L’ultima volta che ci siamo visti eravamo alla scuola dei magi!

Rabì si avvicina incuriosito, dietro di lui Rashida.

                                                                       RASHIDA:

Tesput, ma non eri l’unico a saper parlare?

                                                                       TESPUT:

Certo l’unico, tranne Muhammad! Era il vecchio cammello di Baldassarre, prima di me!

                                                                       RASHIDA:

Ahhh…

                                                                       TESPUT:

Aveva la passione per il canto e così decise di andarsene dalla scuola dei Magi!

                                                                       MUHAMMAD:

Sentite, venite a mangiare con me dai miei nuovi padroni. Sono davvero ospitali. Sono la mia nuova famiglia.

                                                                       RABI’:

Ma, veramente noi… Non vorremmo disturbare…

                                                                       MUHAMMAD:

Nessun disturbo! Venite!

Tutti escono. Tesput e Muhammad continuano a parlare.

                                                                       TESPUT:

Quanto tempo, ti vedo in forma.

                                                                       MUHAMMAD:

Io a te no… Troppo deserto?

                                                                       TESPUT:

Troppe miglia…

Sipario. Quando rientrano si vede una tavola imbandita e alcune sedie vuote. Muhammad entra per primo.

                                                                       MUHAMMAD:

Tesput ricorda, qui puoi parlare liberamente, non ci sono segreti per loro… Siamo qui! Venite a vedere… Ho incontrato mio cugino Tesput e il suo amico…

                                                                       RABI’:

Rabì!

                                                                       MUHAMMAD:

Rabì!

Entra il padrone di casa, BASHIR. Bell’uomo barba bianca.

                                                                       BASHIR:

Entrate amici! E così questo è tuo cugino!

                                                                       TESPUT:

Tesput!

                                                                      BASHIR:

Si lo so, Muhammad racconta molte volte della scuola dei magi e del cugino che ha lasciato lì!

                                                                       BASHIR:

Ma sediamoci a tavola! E’ pronto!

Entrano la MAMMA, una bambina, LAILA, e una VECCHIA. Tutti si siedono. La Bambina fissa Rabì.

                                                                       BASHIR:

Bene, cominciamo con una preghiera di ringraziamento. Signore, grazie per averci fatto conoscere questi due nuovi amici, e per la possibilità che ci dai ci condividere il pane con loro. Beh, buon appetito!

Tutti cominciano a mangiare.

                                                                       BASHIR:

Vedete, questo è Tesput, cugino di Muhammad! E quello è il suo amico Rabì!

La bambina si alza.

                                                                       LAILA:

                                               Ma io ti ho già visto da qualche parte!

Rabì che già era rimasto un pochino in disparte si allontana ancora.

                                                                       LAILA:

Ma si… Tu e i tuoi genitori… Vi ho già visti una volta!

                                                                       BASHIR:

Laila, lascia stare i nostri ospiti, sono stanchi e affamati!

La cena continua ma Rabì non tocca cibo, Rashida lo guarda.

                                                                       RASHIDA:

                                               Rabì, cosa c’è che non va?

Tesput e Muhammad parlano forte.

                                                                       MUHAMMAD:

E quella volta che ti caricarono troppo e tu finisti nelle sabbie mobili?

                                                                       TESPUT:

Non ti sarai dimenticato dell’indigestione delle torte che avevi rubato a Gaspare…

Ridono forte.

                                                                       RABI’:

                                               No, niente…

si alza

                                               Scusate, non mi sento bene…

Esce. Sipario.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Muhammad, Bashir, Mamma, Laila, la Nonna.

SCENA:  Una tavola vuota, un cavalletto per dipingere e un quadro iniziato che Rabì copre con il corpo.

Si riapre. Rabì è solo in mezzo al palco. Sta dipingendo su una tela. La tela ritrae due figure. Entra Rashida.

                                                                       RASHIDA:

Rabì, come va?

                                                                       RABI’:

Mah, sono un pochino triste. Ho quasi voglia di tornare dai magi. E poi magari saranno preoccupati per me. Da quando siamo partiti non li ho più visti. E neanche sentiti.

                                                                       RASHIDA:

Beh, mica potevano telefonarti!

                                                                       RABI’:

Si ma almeno una lettera…

                                                                       RASHIDA:

Ma mica sapevano dove ti trovavi… Secondo me loro si fidano molto di te.

                                                                       RABI’:

Dici?

Dietro di loro entrano Laila e la nonna.

                                                                       LAILA:

Nonna, vieni a giocare a palla egizia?

                                                                       NONNA:

                                                           si porta la mano all’orecchio

Eh? Cooosa? Starai mica scherzando! Se vuoi ti racconto di quando arrivammo in questa oasi tu e i tuoi genitori… Erano piccoli a quel tempo sai? Tutto cominciò…

                                                                       LAILA:

                                                           rivolta al pubblico

Una mattina di una calda giornata di tanti anni fa…

                                                                       NONNA:

Una mattina di una calda giornata di tanti anni fa… Ma scusa te l’ho già raccontata?

                                                                       LAILA:

No, nonna, non l’ho mai sentita prima…

                                                           rivolta al pubblico

Me la racconta tutti i giorni…

                                                           strizza l’occhiolino

Escono. Rabì sospira. Rashida fissa il quadro.

                                                                       RASHIDA:

Cosa fai?

                                                                       RABI’:

Sto cercando di disegnare i miei genitori. E’ difficile, non me li ricordo molto bene.

                                                                       RASHIDA:

Ma dove sono i tuoi genitori? Non mi hai mai raccontato niente di loro…

                                                                       RABI’:

Mah, quando ero molto piccolo mi portarono dai magi e mi lasciarono lì!

                                                                       RASHIDA:

Detta così sembra una cosa cattiva.

                                                                       RABI’:

                                                           seccato

Senti Rashida, lasciami da solo, voglio cercare di finire questo quadro.

                                                                       RASHIDA:

Ma io volevo solo… Ah…

Rashida esce seccata. Entrano Tesput e Muhammad.

                                                                       MUHAMMAD:

Allora cugino, cosa vi porta da queste parti? I magi vi hanno incaricato di una nuova missione?

                                                                       TESPUT:

No, nessuna missione, stiamo seguendo la stella.

                                                                       MUHAMMAD:

La stella cometa? La conosco! Sai, tanti anni fa fui io ad accompagnare i tre re magi fino a Betlemme a portare i doni al bambino!

                                                                       TESPUT:

Noooo. Miii ma non ci posso credere! Quindi tu sei il cammello dei presepi!

                                                                       MUHAMMAD:

Eh?

                                                                       TESPUT:

Ehm, niente... Dai racconta!

I due escono e Rabì sospira, sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Muhammad, Laila, La Nonna, Bashir, il Papà e la Mamma di Rabì.

SCENA:  Una tavola vuota, un cavalletto per dipingere e un quadro iniziato che Rabì copre con il corpo.

Rabì è solo sul palco. Ricomincia a disegnare e subito dopo rientra il padrone di casa.

                                                                       BASHIR:

Ciao Rabì! Tutto bene?

                                                                       RABI’:

Più o meno, vorrei finire di disegnare il quadro dei miei genitori, ma non me li ricordo bene…

                                                                       BASHIR:

Sai una cosa? Mia figlia Laila ha ragione. Ti avevamo già visto. Quando eri piccolo.

Rabì smette di disegnare.

                                                                       RABI’:

Voi conoscevate i miei genitori?

                                                                       BASHIR:

Si, li conoscevo entrambi. E anche molto bene.

Mentre Bashir, il padrone di casa, racconta, dietro di loro vengono rappresentati i passi più importanti.

                                                                       BASHIR:

Vedi, i tuoi genitori ti vogliono molto bene…

                                                                       RABI’:

E perché mi hanno lasciato dai magi allora?

                                                                       BASHIR:

Tu sai bene che i magi hanno una tradizione millenaria, la loro scuola è rinomata e conosciuta da tutti. I magi da anni cercano dei successori degni di essere i nuovi reggenti della scuola. E’ raro che trovino dei ragazzi così puri di cuore e dotati di forte spirito da istruire.

                                                                       RABI’:

Non capisco…

Rabì pian piano riprende a disegnare.

                                                                       BASHIR:

Vedi tu pensi che i tuoi genitori ti abbiano abbandonato dai magi.

                                                                       RABI’:

Non lo pensavo… Ma non li ricordo neanche.

                                                                       BASHIR:

In realtà i tuoi genitori subito non vollero lasciarti dai magi. Ma poi capirono che se non ti avessero lasciato lì con loro se ne sarebbero pentiti per tutta la vita e tu avresti perso una grande occasione. Sai, per loro non fu facile decidere di lasciarti lì.

Rabì disegna sempre più velocemente.

                                                                       RABI’:

Mi trovo bene con voi, sarei stato bene anche i famiglia…

                                                                       BASHIR:

Però non saresti dove sei ora, non staresti per diventare uno dei magi e forse saresti veramente triste. E poi i tuoi genitori stanno solo aspettando che tu finisca il tuo viaggio. Non vedono l’ora di rivederti.

Rabì finisce il disegno. Entrano Rashida, Tesput e Muhammad.

                                                                       RABI’:

                                               Ehi! Ci sono riuscito!

Tutti si avvicinano al quadro.

                                                                       MUHAMMAD:

Beh, bello…

                                                                       TEPUT:

Un arte astratta ma efficace…

                                                                       RASHIDA:

Decisamente naif… Ma… Interessante!

                                                                       BASHIR:

Curioso ma incisivo…

                                                                       RABI’:

                                               Basta!

Tutti si allargano facendo vedere il quadro. Rabì non solo ha disegnato i suoi genitori ma anche se stesso in mezzo. Tutti escono. Rabì resta solo con Bashir.

                                                                       RABI’:

Beh, se è così la storia… Allora è diverso! Grazie, Bashir. Grazie della chiacchierata!

                                                                       BASHIR:

Adesso però veloce, è quasi ora di pranzo.

Escono, sipario.

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Muhammad, Bashir, Mamma, Laila, la Nonna.

SCENA:  Palco vuoto poi una grande tavola imbandita.

Rabì è in scena, il tavolo è apparecchiato ma lui è solo. Entra Rashida.

                                                                       RASHIDA:

Allora Rabì, come ti senti?

                                                                       RABI’:

Mah, non è facile stare qui… Sento la nostalgia di casa. Hai visto come sono ospitali? Spezzano il pane anche per noi, dividono la cena con noi… Bah, mi manca un po’ la mia famiglia.

                                                                       RASHIDA:

Si, però tu hai una missione. Devi vincere la tua sfida.

                                                                       RABI’:

Questo è vero. E poi quando avrò finito tornerò io dai miei genitori.

                                                                       RASHIDA:

E loro saranno sicuramente orgogliosi di te.

Tutti entrano. Tesput e Rabì davanti agli altri. Si siedono a mangiare. Ancora il padre spezza il pane per tutti. Ad un tratto la nonna si alza e va a guardare dalla finestra. Tutti la seguono.

                                                                       LAILA:

Wow, è bellissima…

                                                                       MUHAMMAD:         

Guardate quanto splende…

                                                                       RASHIDA:

Erano anni che non vedevo una cometa splendente così!

Rabì guarda Rashida.

                                                                       RABI’:

Si hai ragione. La cometa sta ancora splendendo. E noi siamo quasi arrivati. Prima finirò la mia missione, poi finirò gli studi dai magi e poi alla fine tornerò dalla mia famiglia.

Rabì e Rashida si abbracciano. Mentre tutti si siedono a tavola.

                                                                       MUHAMMAD:

Ehm ehm, io e mio cugino Tesput vorremmo cantarvi una canzone in segno di ringraziamento.

Mentre i due cammelli cantano il sipario si chiude. Si riapre con Tesput Rashida e Rabì in mezzo al deserto.

                                                                       RABI’:

Forza ragazzi! Forza!

                                                                       TESPUT:

Forza dice lui, eravamo seduti a tavola a mangiare, mio cugiiino!

                                                                       RASHIDA:

Dai Tesput non ti lamentare!

                                                                       TESPUT:

Siamo quasi arrivati?

                                                                       RABI’:

Penso di si!

                                                                       TESPUT:

Quanto manca?

                                                                       RABI’:

Poco Tesput poco…

                                                                       TESPUT:

                                                           verso il pubblico

Chissà perché ma ho sempre l’impressione che quel ragazzo mi stia prendendo in giro…

Ad un tratto Rabì si ferma di scatto e voltandosi verso i suoi amici mostra un cartello con su scritto Gerusalemme.

                                                                       RABI’:

                                               Guardate! Siamo arrivati adesso!

Rabì corre via. Rashida e Tesput si guardano, poi corrono dietro a Rabì. Sipario.

Fine quarta parte.


Sceneggiatura Episodio 8

L’uomo di Betlemme

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Vecchio, due uomini che trasportano il legno.

SCENA:  Gerusalemme, una croce in lontananza, altri pezzi di legno.

NOTE: E’ importante NON tagliare la terza parte.

Entra Rabì molto nervoso, non sta più nella pelle.

                                                                       RABI’:

                                               Forza, veloci! Dai che siamo quasi arrivati!

Entrano Rashida e poi Tesput con il fiato corto. Sulla sfondo si vedono alcuni uomini che stanno portando via dei massicci pezzi di legno.

                                                                       RABI’:

Dai ragazzi! Non possiamo fermarci ora!

                                                                       TESPUT:

Si ma io non ne posso più! Non capisco perché hai voluto fare la volata finale…

                                                                       RABI’:

Non voglio essere in ritardo anche questa volta! E poi ci siamo!

Rabì ferma un vecchio di passaggio.

                                                                       RABI’:

Ehi, senta!

                                                                       VECCHIO:

Si, si dimmi ragazzo!

                                                                       RABI’:

Io vengo da molto lontano… Sto cercando il bambino di Betlemme! Beh, adesso sarà diventato un uomo a giudicare da quanto tempo è passato!

Il vecchio si fa serio. Arrivano anche Rashida e Tesput.

                                                                       VECCHIO:

                                               L’uomo… Di… Betlemme?

                                                                       RABI’:

Si si proprio lui!

                                                                       VECCHIO:

Eravate parenti?

                                                                       RABI’:

No.

                                                                       VECCHIO:

Amici?

                                                                       RABI’:

No. Ma…

                                                                       VECCHIO:

Senti, ti devo dare una brutta notizia. Qui qualche giorno fa…

In mezzo a loro passano degli uomini con grossi pezzi di legno in mano.

                                                                       UOMINI CON IL LEGNO:

                                               Scusate…

                                                                       VECCHIO:

Ehm, dicevo, qui qualche giorno fa hanno messo in croce tre uomini. Uno era proprio di Betlemme…

Rabì abbassa la testa.

                                                                       RABI’:

Ma… Ma come mai sono stati messi in croce? Cosa poteva aver fatto di male…

                                                                       VECCHIO:

Mah, lui non lo so… So che gli altri due erano due ladri e anche il terzo che è stato liberato all’ultimo era un ladro. Francamente non so perché l’abbiano crofisso…

Rashida e Tesput si avvicinano a Rabì.

                                                                       VECCHIO:

Beh, ragazzo… La giornata è ancora lunga e io devo andare a lavoro! Eddai non fare così! In fondo non lo conoscevi neanche!

                                                                       RABI’:

No, ma…

                                                                       VECCHIO:

Saluti a tutti! Io vado!

Il vecchio si allontana e Rabì rimane a testa bassa. Rashida e Tesput cercano di consolarlo.

                                                                       RASHIDA:

Dai Rabì… Mi dispiace davvero tanto…

                                                                       TESPUT:

Abbiamo fatto tanta strada… per niente! Era meglio se mi fossi fermato con i miei amici cammelli…

                                                                       RASHIDA:

Zitto tu! E poi può capitare di arrivare tardi una volta!

                                                                       TESPUT:

Una volta… Rabì ha il vizio di arrivare tardi!

Rabì alza la testa e li guarda severo.

                                                                       RABI’:

Basta! Secondo me è colpa vostra. E fermiamoci di qua e fermiamoci di la… Ho sete… Ho sonno… Fa caldo… No, questa volta non sono io a essere in ritardo, siete voi che mi avete fatto arrivare tardi!

                                                                       RASHIDA:

Rabì non essere ingiusto! Anche tu certe volte eri stanco e ti sei voluto fermare.

                                                                       RABI’:

Basta, non vi voglio più vedere! E poi già me lo sento Gaspare mi prenderà in giro per anni…

Rabì scappa fuori, lascia Tesput e Rashida.

                                                                       TESPUT:

E beh? Adesso dove sta andando!?

                                                                       RASHIDA:

Si però anche tu! Potevi essere un po’ più delicato!

                                                                       TESPUT:

Io? Io sono un cammello come vuoi che sia più delicato!

                                                                       RASHIDA:

Ma io non capisco… E poi i cammelli puzzano!

Rashida scappa dalla parte opposta rispetto a Rabì. Tesput si avvicina al pubblico.

                                                                       TESPUT:

Ma? Ma? Puzzo e me lo dicono solo ora? Alla fine del viaggio? E poi devono essere tutti stanchi… Guardate come sono nervosi! Mi sa che un po’ di riposo farà bene a tutti…

Esce, sipario.

Fine prima parte.

PERSONAGGI: Rabì, Gaspare, Melchiorre, Baldassarre.

SCENA:  Gerusalemme.

Entra in scena Rabì.

                                                                       RABI’:                       

Non è possibile! Io lo so già! Gaspare non vede l’ora di infierire. Mi prenderà in giro per tanto di quel tempo…! Miii già me lo vedo!

Dietro di lui entra Gaspare come se fosse un sogno che lui sta vedendo. Alza il dito verso di lui.

                                                                       GASPARE:

Rabì, se in ritardo come al solito. Tutte le volte arrivi dopo. Io non conosco nessun altro come te! La tua è un’arte! L’arte del ritardo!

Rabì si volta verso il pubblico.

                                                                       RABI’:

Brrr, che brutta scena! Beh poi lo so già, entrerà Melchiorre… Chissà come sta… E mi difenderà… Melchiorre mi difende sempre! E poi se Gaspare dice nero… Melchiorre dice bianco!

Da dietro si unisce a Gaspare la figura di Melchiorre.

                                                                       MELCHIORRE:

Gaspare ma cosa dici! E’ vero Rabì arriva sempre in ritardo! Ma questo non vuol dire niente! L’importante è farle le cose! E poi prima o poi troverò un sistema per fargli capire come arrivare puntuale…

Gaspare e Melchiorre continuano a punzecchiarsi.

                                                                       GASPARE:

Non è vero! Non ci riuscirai!

                                                                       MELCHIORRE:

Ci riuscirò te lo dico io!

                                                                       GASPARE:

No!

                                                                       MELCHIORRE:

Si!

                                                                       GASPARE:

No!

                                                                       MELCHIORRE:

Zitto!

           

                                                                       GASPARE:

Zitto tu!

Rabì si avvicina al pubblico ridendo, si siede sul bordo del palco.

                                                                       RABI’:

E poi, come sempre, arriverà Baldassarre… Ah Baldassarre… Chissà anche lui come sta…

Dietro si inserisce tra Melchiorre e Gaspare, Baldassarre.

                                                                       BALDASSARRE:

Cosa avete ancora da litigare voi due! Ma è possibile che non siate mai d’accordo su niente? Su forza! Non possiamo perdere troppo tempo! E poi tra poco Rabì tornerà e voglio che per la festa in suo onore sia tutto pronto!

I tre spariscono dietro le quinte e Rabì si alza.

                                                                       RABI’:

Magari… Pure una bella festa… Però io non sono riuscito a compiere la mia missione… Altro che festa… Boh, sono davvero stanco. E poi è tardi. Chissà dove sono finiti Rashida e Tesput… Ma con loro sono ancora arrabbiato. Ci penserò domani…

Rabì si china su una pietra e si mette a dormire, sipario.

Fine seconda parte.

PERSONAGGI: Rabì, Viandante.

SCENA:  Gerusalemme, un bastone per il viandante.

                                                                       (V.O.):

Il mattino seguente…

Entra da destra mentre Rabì sta ancora dormendo un UOMO vestito da pastore con sandali e bastone da passeggio. Nota Rabì e gli si siede accanto. Poi quando vede che il ragazzo non si sveglia lo punzecchia con il bastone.

                                                                       RABI’:

Ahhh Che dormita!

                                                                       VIANDANTE:

Buon giorno ragazzo!

                                                                       RABI’:

Buon giorno anche a lei! Caspita! Ma che ora è?

                                                                       VIANDANTE:

E’ mattina inoltrata già da tempo!

                                                                       RABI’:

Wow, ho fatto davvero una bella dormita. Strano con tutti i pensieri che avevo per la testa ieri sera non avrei mai creduto di poter dormire così bene…

L’uomo aiuta Rabì ad alzarsi e a scuotersi la polvere da dosso.

                                                                       RABI’:

Scusi ma lei chi è?

                                                                       VIANDANTE:

Sono un viandante. Da poco ho iniziato un lungo viaggio, sarà lungo e faticoso. Ma non mi spaventa affatto.

                                                                       RABI’:

Beh, anche io ho appena finito un lungo viaggio. Sai sono partito da molto lontano per venire fino qui…

                                                                       VIANDANTE:

Ti andrebbe di fare un pezzo di strada insieme a me così intanto mi racconti…

                                                                       RABI’:

Ok.

I due si incamminano lentamente in modo circolare sul palco.

                                                                       VIANDANTE:

Allora giovane amico mio, cosa ti porta fin qua?

                                                                       RABI’:

Ho seguito la stella cometa. Tanti anni fa i miei maestri… I magi… la seguirono fino a Betlemme e trovarono un bambino. Io volevo conoscere il bambino che oramai sarà cresciuto… Ma mi hanno detto che è stato messo sulla croce e così tanta strada per niente e figuraccia dietro l’angolo…

                                                                       VIANDANTE:

Sai, mi ricordo dei tre magi…

Rabì si ferma di colpo.

                                                                       RABI’:

Ma… Tu li conosci?

                                                                       VIANDANTE:

Beh, ero appena nato ma mi raccontarono di loro e dei loro doni…

                                                                       RABI’:

Ma… No, non ci posso credere… Tu sei, sei…

                                                                       VIANDANTE:

Si sono il bambino di Betlemme, mi chiamo Gesù.

Rabì si mette a saltare e poi per la gioia abbraccia l’uomo.

                                                                       RABI’:

Ma come fai a essere qui! Mi hanno detto che eri morto sulla croce!

                                                                       GESU’:

Infatti…

Rabì si volta verso il pubblico.

                                                                       RABI’:

Non ci capisco più niente…

                                                                       GESU’:

Rabì il tuo viaggio non è finito. Comincia ora. Non sei arrivato in ritardo, questa volta ce l’hai fatta.

                                                                       RABI’:

Non ci posso credere… Non sai quante fatiche ho dovuto affrontare e quanti pericoli…

                                                                       GESU’:

Ci credo Rabì, ci credo.

                                                                       RABI’:

Non sai quanto sono felice… Adesso si che posso tornare dai magi contento…

                                                                       GESU’:

E loro saranno fieri di te… Adesso però io devo andare… Tu va da loro. E ricordati di dirgli che il bambino di Betlemme è morto ed è risorto.

                                                                       RABI’:

Ma… Cosa significa?

                                                                       GESU’:

Va da loro, loro sapranno spiegartelo… Guarda, la città è a pochi metri. E penso ci sia qualcuno che conosci che ti aspetta. Buon viaggio di ritorno Rabì.

Rabì abbraccia l’uomo che si allontana. Poi salta ancora due volte per aria ed esce.

Fine terza parte.

PERSONAGGI: Tesput, Rabì, Rashida, Due Vecchi.

SCENA:  Gerusalemme, una croce in lontananza, cuffia e spazzola da doccia.

Entra Rabì con il fiato corto. Rashida è poco distante seduta su una pietra e guarda in basso.

                                                                       RABI’:

Rashida! Rashida!

                                                                       RASHIDA:

Ah Rabì, alla fine ti rifai vedere…

                                                                       RABI’:

Rashida scusami per ieri… Non so cosa mi è preso! E non sai cosa mi è successo…

                                                                       RASHIDA:

Beh cosa aspetti! Raccontami!

                                                                       RABI’:

Aspetta, prima dobbiamo ritrovare Tesput! Ma non era con te?

                                                                       RASHIDA:

No, ci siamo lasciati poco dopo aver perso le tue tracce.

                                                                       RABI’:

Andiamo!

Rabì prende Rashida per mano poi insieme corrono in paese. Trovano due vecchi.

                                                                       RABI’:

Ehm, scusateci… Stiamo cercando un cammello!

                                                                       PRIMO VECCHIO:

Un cammello? Qui siamo pieni di cammelli…

                                                                       RABI’:

Si ma questo…

                                                                       SECONDO VECCHIO:

Aspetta, proprio questa mattina ho visto poco distante da qui un cammello che non avevo mai visto prima. Mi ha colpito perché si stava facendo una doccia e poi…

                                                                       RABI’:

E poi…

                                                                       SECONDO VECCHIO:

Non prendetemi per matto ma mi sembra di averlo sentito cantare!

                                                                       RABI’E RASHIDA:

                                               E’ lui!

                                                                       RABI’:

Grazie per l’aiuto e buona giornata!

Lo trovano dentro un vasca fischiettando e facendosi una doccia.

                                                                       TESPUT:

La la la… Una bella doccia… Era proprio quello che ci mancava… Adesso voglio proprio vedere se avranno ancora da dirmi che puzzo!

Entrano Rabì e Rashida.

                                                                       RABI’:

Tesput! Eccoti meno male!

                                                                       TESPUT:

Ragazzi! Vi sarei venuti a cercare appena finito la doccia! Tutto bene? Avete             fatto pace?

                                                                       RABI’:

No scusatemi tutti e due, la stanchezza gioca brutti scherzi… Ragazzi, non siamo arrivati in ritardo. L’ho visto. L’ho visto!

Tesput e Rashida si guardano.

                                                                       RASHIDA:

Chi hai visto?

                                                                       RABI’:

Ma lui, l’uomo di Betlemme!

                                                                       TESPUT:

Ma non l’avevano messo sulla croce?

                                                                       RABI’:

Si ma pensate, questa mattina è venuto lui da me, ha fatto un pezzo di strada insieme a me. Mi ha detto che è risorto. Ma io non so cosa voglia dire… Mi ha detto di chiederlo ai magi!

                                                                       RASHIDA:

Allora non ci resta che tornare a casa!

Tesput carica le sue valigie e si mette di fianco a Rashida.

                                                                       TESPUT:

Beh tutto è bene quel che finisce bene!

                                                                       RABI’:

Beh, finisce non è il termine giusto, l’uomo mi anche detto che il vero viaggio comincia ora.

                                                                       RASHIDA:

Cosa avrà voluto dire?

                                                                       RABI’:

Venite con me… Penso di saperlo…

Tutti escono.

                                                                       (V.O.):

Rabì fece un nuovo lungo viaggio per tornare a casa. A tutti disse di aver visto l’uomo di Betlemme risorto. E i magi lo accolsero con un grande festa. Anche Gaspare alla fine ammise che Rabì aveva compiuto il suo viaggio e di li a pochi anni sarebbe diventato a tutti gli effetti il… Quarto Re Magio!

Fine.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno