Una plausibile paura

Stampa questo copione


GLI ATTORI:

MARIO, il barista: cordiale, sarcastico ma mai importuno,sostanzialmente insoddisfatto della propria professione ed esistenza. Vive d’Amor Platonico per Lilì. Ha il potere di fermare la scena e parlare con gli spettatori.

LILÌ, la donna dietro il telo: lo splendido oggetto dell’amor platonico diMario. Eterea e vaporosa, è un’immagine che si farà presenza scenica soltanto per il finale dello spettacolo.

RAMBALDO, l’architetto: inizialmente scontroso, vive una sorta dicatarsi, consumazione dopo consumazione, dando libero sfogo, nei dialoghi con gli altri personaggi, alle frustrazioni che gli derivano dal suo tormentato rapporto di coppia con la convivente Milena.

RENATO, il latin lover: fondamentalmente un edonista insensibile,amante della bella vita. Patirà, però, il suo primo insuccesso d’amore nel tentativo di conquistare Cinthia, la quale, vivendo d’amore saffico, respingerà la sua corte.

Le due ochette e la riflessiva:

ANNA, donna assai superficiale: convinta di aver conquistato il cuore diRenato che invece è invaghito di Cinthia (è opportuno venga interpretata da un uomo).

ELENA, la maniaca: assolutamente insopportabile, fidanzata da 10 annicon Dante che ne subisce gli usi ed abusi.

SIMONA, la riflessiva: nel gruppo scenico delle tre, l’unica a mostraresensibilità e tatto. Si staccherà dalle due amiche. E’ l’oggetto dell’amore (non corrisposto) di Cinthia.

DANTE, l’infermiere: è il fidanzato di Elena. Uomo di scarsa personalità,tende a scimmiottare gli altri personaggi. Non trova il coraggio di lasciare Elena che pur non ama. Lo lascerà lei.

P & N, i due clienti abituali: presenza scenica fissa. Passano il tempo abere, intervenendo solo per ordinare le consumazioni o sottolineare il carattere ridicolo delle scene di vita nel bar.

2

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


SAVERIO OLIVETTI, l’imprenditore: personaggio straordinariamentearrogante. Non accetta il confronto e il dialogo. Presenza irritante, distribuisce consigli assolutamente fuorvianti.

IL BEPPE, il designer incompiuto: un po’ ridicolo e immaturo, totalmenteinetto al lavoro seppur dotato di estro e fantasia. Subisce le angherie della sua capo. Verrà licenziato al primo serio tentativo di reazione.

Le tre “A” dell’addio al nubilato:

ADDOLORATA, l’animatrice: organizza feste per bambini ed è inprocinto di sposarsi. E’, però, in stato di profonda ansia. Immatura, finirà per non compiere il grande passo.

ASSUNTA, l’impiegata cassaintegrata, spogliarellista per arrotondare,divorziata: ha ansie più profonde e radicate rispet to all’amica. Ipercritica nei confronti dell’altro sesso.

AMALIA, la bibliotecaria: animo gentile, media tra le due amiche, cercadi sostenerle e di incitarle. Fondamentalmente le invidia poiché è scontenta della monotona ordinarietà della sua esistenza.

IDA RAMBAO, il trans: divertente comparsa che distoglie l’attenzionedalla scena.

IL CORO:

descriverà, con il canto, le peripezie di alcuni personaggi (Rambaldo, Saverio, Renato, Dante) mostrando la loro fragilità, il loro disagio, i loro errori.

I MUSICANTI:

sottolineeranno alcuni momenti della pièce con stacchi musicali dal tono più disparato, sonando sulla scena.

3

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Apertura sipario

Il locale è vuoto ed in penombra

Rumore grave di serranda che s’alza: entra Mario, entrano i musicanti mentre appende la giacca all’attaccapanni

Si accendono le luci, Mario si presenta in proscenio

MARIO: Dura fare il barista (togliendo le sedie dai tavoli). Uno arriva quaalle cinque e mezza, alle sei arrivano i primi a farsi gli aperitivi, alle sei e mezza arrivano i secondi, alle sette arrivano i terzi … poi c’è la musica (sonata dei musicanti); prepara gli stuzzichini … poi ci sono i due che hanno bevuto troppo e si mettono a ballare … quelli della partita: c’è sempre una partita …

(pausa) … poi ci sono i signori del biliardo … le signore del corso di uncinetto, che passano a prendere la camomilla prima di andare a nanna

…beh: un và e vieni che proprio non vi immaginate nemmeno … gente che vive qui un pezzetto della sua vita e lascia su questo bancone un briciolo di sé …

Entrano P & N

(pausa) … Ah, poi ci sono loro … quelli che stanno qui tu tta la sera … le testimonianze viventi della vita da bar …

(Rivolto a P & N) … desiderano signori?

P.: Ciao Mario! Ce la fai una bella birretta?

MARIO: Sicuro, è il mio lavoro! Sono qui apposta!

Mario va al banco

MARIO: … se … qui apposta … la vedete quella là? Non dit emi che nonci avete fatto caso … quella là, caro pubblico paga nte, è il mio sogno! Sì, quella donna è la ragione stessa della mia esistenza. Io la chiamo Lilì e, che ci crediate o no, non l’ho mai conosciuta …

Mesce le birre

Si spengono le luci sulla scena. Resta illuminata soltanto Lilì.

4

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Si muove sinuosamente dietro il telo [accompagnamento musicale sensuale]

Si riaccendono le luci in crescendo. Mario serve le birre al tavolo e torna al banco

Entra Rambaldo. Pastrano e cappello da pioggia. Borbotta, si siede al bancone

RAMBALDO: Ci mancava solo la pioggia …

MARIO: Buonasera dottore!

RAMBALDO: Dottore?! … non sono mica un medico … sono unarchitetto …

MARIO: Architetto?! È in città per il convegno sul fotovoltai …

RAMBALDO: Se… se… robaccia inutile … piuttosto, mi dia qual cosa diforte …

MARIO: Qualcosa di forte? È capitato nel posto giusto. Le preparo uncocktail che ho brevettato io! Sentirà come la tira su …

RAMBALDO: Se, se … faccia, prepari … sentiamo quale squisit ezza …

Rambaldo va ad appendere capello e impermeabile Mario prepara il cocktail [transizione musicale briosa]

MARIO: Ecco qua!

E aspetta con entusiasmo il parere. Rambaldo tracanna il cocktail

MARIO: Allora? Com’è?

RAMBALDO: Ma sì, guardi … una cosa vale l’altra …

MARIO: Problemi?

RAMBALDO: Solite cose … sa com’è … il lavoro, la famiglia …

MARIO: Sposato?

5

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


RAMBALDO: Convivente, da 15 anni … guardi me ne faccia un a ltro…

MARIO: Aah, allora le piace?!

RAMBALDO: Diciamo che ho un certo qual bisogno di non pensare …

Entra Renato. Brillante: balla e canta “Singin’ in the rain”. Entra mentre Mario prepara il secondo cocktail e prende posto vicino a Rambaldo

RENATO (Picchia la mano sul bancone): Mario! Per me il solito, grazie!

MARIO: (Mentre mesce) Ah, ciao Renato! Arrivo subito!

Renato guarda con fare interrogativo Rambaldo, l’altro ricambia occhiate d’indifferenza finché Mario li serve

RENATO: Aahh, vedo che sta gustando il famoso cocktail di Mario:

siamo su di morale èh?!

RAMBALDO: Guardi … non so che giornata abbia avuto lei, per ò io …

RENATO: Giornata? La mia giornata deve ancora iniziare! Stasera escocon la bellissima Cinthia! Te la ricordi, Mario, la bellissima Cinthia?

MARIO: Cinthia?! Mmm … la signora della casa di riposo?

RENATO: Ahahah … simpatico il barista! Sai bene di chi st o parlando …della bellissima benzinaia di Via Goldoni! (a Rambaldo) … perché vede, dottore …

RAMBALDO: Architetto!

RENATO: Scusi … vede, una giornata non è per me degnamenteconclusa se non mi capita di incrociare, almeno per un attimo, il lussurioso sguardo di un’elegante signora … non tro va?

RAMBALDO: Guardi Renato: il rapporto con la mia signora è, come dire… alla frutta …

RENATO: Sposato?

RAMBALDO: Convivente … da 20 anni …

6

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


MARIO: Ma, scusi, non erano 15?

RAMBALDO: 15, 20 … sempre amari sono …

RENATO: Ah, suvvia dottore!

RAMBALDO: Architetto! Non sono mica un medico, come ve lo devodire …

RENATO: Si vabbè … ma, scusi … come si chiama lei?

RAMBALDO: Lei chi? La mia compagna?

RENATO: No lei … lei, Architetto!

RAMBALDO: Rambaldo … Lantieri Rambaldo, Architetto! (con fierezza)

RENATO: Ecco sì … Rambaldo (gesticolando vede l’orologio) … Uddio,sé fatto tardi … devo scappare ( finisce di bere) … Signor Dottor, ehm … Rambaldo, la saluto, spero di rivederla …

RAMBALDO: Sicuro! (in tono ironico)

RENATO: Ciao Mario!

MARIO: Ciao Renato! Torni?

RENATO: Torno, torno … forse … più tardi … sai com’è … Cinthia …

Ed esce canticchiando com’è entrato

MARIO: Renato: altro che moglie e problemi di convivenza coniugale …quello di donne ne conquista un paio la settimana. Arriva canticchiando, si fa il prosecchino, poi sta via tutta la serata … torna, si fa il bicchiere della buonanotte … e così … senza tanti pensieri …

RAMBALDO: Mah, sarà … proprio non lo invidio …

Entrano le due ochette e la riflessiva

RAMBALDO: Già fatico a sopportarne una … figuriamoci …

7

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


MARIO: (in tono confidenziale) Ecco, vede la ragazza prosperosa lì altavolo? Quella è una delle vittime di Renato, povera sciocca … le donne gli cadono ai piedi a quello lì! … scusi … buonaser a signorine!

LE DUE OCHETTE: (chiocciando) Ciao Mario, stai meglio? Hai risolto ituoi problemi di dissenteria?

MARIO: (dal banco) Sì care, ora sto molto meglio; cosa posso servirvi?

LE DUE OCHETTE: (chiocciando) Succo all’ananas con la vodka,agitato, freddo ma non troppo, con la cannuccia rosa!

ELENA: Mi raccomando, che si senta la vodka, che ho bisogno di tirarmisu, stressata come sono!

MARIO: E per te, Simona?

SIMONA: (in tono assai depresso) Un’acqua tonica …

Tutto rimane in penombra tranne il tavolo delle tre. Elena esibisce la borsetta

ELENA: Guardate un po’ qui, cosa ho preso oggi, non è un amore?

ANNA: Uuh, ma che bella! L’hai già abbinata con le scarpe che haicomprato sabato! … ma Simona … che sciarpa meravigl iosa … dove l’hai presa? … è fan-tas-ti-ca!

SIMONA: Ehm … sì, è un regalo …

ELENA: Regalo di chi? Su dai, racconta!

(rivolta ad Anna, pizzicando la guancia di Simona) Chissà con chi se la fila la nostra Simona! … eh: con chi se la fila la nostra Simona?

SIMONA: Ma no dai ragazze, non ho voglia di parlare … ho avuto unagiornataccia e ho un mal di testa …

ANNA: Eh, ma se non avevi voglia di parlare potevi anche startene acasa … sei proprio noiosa stasera! … ma guardate i miei orecchini … me li ha regalati Renato. Ah, quell’uomo m’ama, m’ama follemente …

ELENA: Sì certo, ama proprio te e la tua persona … (indicando il seno)tutta la tua persona … e poi l’hai conosciuto solo la settimana scorsa …

8

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ANNA: Non è vero: sono già due settimane e mezzo! Mi ha già portato alcinema, al centro commerciale, a ballare … e a vede re le bancarelle di san Teroldego …

ELENA: Ma io intendevo dire “conosciuto” …

ANNA: Ah, che sciocchina sei … (rivolto a Simona) non trovi che Elenasia una gran sciocchina?! … e poi io non faccio mic a come lei che si concede dopo un solo appuntamento … devi farti desi derare dagli uomini, mia cara … ( si rassetta la sciarpetta con fare vanitoso) … Sempre farsi desiderare dagli uomini! Guardate un po’ come si fa a farsi offrire da bere e cercate di imparare l’arte!

Anna si avvicina in maniera provocante a P & N

ANNA: Ragazzi mi offrite qualcosa da bere?

P: La mia birra è calda, finiscila tu!

N: Ahahah!! (risata ridicola)

ANNA: Maleducati, burini e cafoni, non si parla così a una signorina …

N: Ahahah … signorina! Troppo forte!

Anna torna al tavolo con le pive nel sacco

ELENA: Ah, si fa così ad ammaliare i maschi?!

ANNA: Ma che dici saranno mica maschi quelli lì!

N & P: Ahah … signorina!

ANNA: (rivolta al pubblico, picchiettando il piede a braccia conserte)Stupidi! Gretti, sciocchi e impertinenti! [transizione musicale impaziente]

La scena si sposta sul banco ove Mario, preparate le bevande, sta per portarle alle tre

RAMBALDO: Ecco! Le sente le donne … qua qua qua, qua qua qu a …sempre a cianciare di cose inutili! Me ne faccia un altro quando torna, dottore!

9

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


MARIO: Barista!

Mario porta le bibite [transizione musicale briosa]

MARIO: Ecco a voi, signore … Allora, cosa si combina di bello, stasera?

ANNA: Ah, questa sera andiamo a vedere le vetrine chiuse del corso …

ètroppo bello perché vedi, Mario, alla sera le puoi guardare senza che delle altre ti spingano per prendere il tuo posto!

MARIO: (sarcasticamente) Interessante! Verrei anch’io se solo nondovessi lavorare … e poi stasera c’è gente che ha bisogno di aggrapparsi al mio bancone (indicando Rambaldo e dirigendosi verso di lui)

ELENA: Mario fermati ancora un po’ con noi …

Mario indica di nuovo Rambaldo a scusarsi Entra Dante

DANTE: Buonasera!

ELENA: Cheddiavolo … (si alza e strilla) Dante! Cosa ci fai qui?! Dimmi

la verità: tu mi pedini! Non mi fai più vivere!

DANTE: Ma amore, abito qui sopra, è il mio bar … io e Mario facevamole elementari assieme …

ELENA: Adesso basta! Non è possibile che mi sei sempre alle calcagna,non mi fai mai uscire con le mie amiche, possibile che tu non riesca a fidarti di me!?

ANNA: Già, perché non ti fidi di lei?!

DANTE: Ma amore, ho appena finito il turno … è venuta gente oggi chenon hai idea, ne hanno combinate di cotte e di crude … fai la brava gianduiotta!

ELENA: Gianduiotta dei miei coriandolini! Uomo avvisato mezzo salvato!Proprio non mi va di vederti questa sera! (prendendo la borsetta) e poi, ecco, se proprio devo dirtelo, tu, Dante, non sei più quello di una volta!

10

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


DANTE: Ma amore, sei stata tu a dirmi che dovevo cambiare!

ELENA: Ooh, adesso basta! Non è possibile, io me ne vado! Ragazze,andiamocene (esce)!

ANNA: (prima di andarsene) Sei proprio un villano, Dante! Non si tratta

così una signora: pedinarla e farle queste scenate di gelosia in mezzo a

tutti: cafone! … E tu che fai ( rivolta a Simona), non vieni?!

SIMONA: No, no … io rimango ancora un po’ … bevo qualcosa e vado aletto …

ANNA: Mah, vedi un po’ tu … sei tanto strana ultimament e … proprionon ti capisco …

DANTE: (basito) Pedinarla e farle queste scenate di gelosia?!

Dante si reca al bancone con Simona

DANTE: (riprendendo vigore) Mario, fammi qualcosa di forte!

Rambaldo indica il suo cocktail

DANTE: Sì, quello che ha preso il dottore …

RAMBALDO: Archi ... ‘afanculo! Dottor Lantieri, piacere! Sono medico!

DANTE: Aah! Io sono Dante, infermiere. In cosa è specializzato,dottore?

RAMBALDO: Chirurgia estetica! Rifacimento facciate, restauri … robacosì …

Mario serve Dante

DANTE: Ah, ecco! Rifacimento facciate … è un campo interessante!

RAMBALDO: Ah sì, guardi, un lavoro molto emozionante: prendi lostucco e lo metti sui muri scrostati …

DANTE: Sui muri scrostati … simpatico il dottore! (poi a Simona) Ecco latua amica avrebbe bisogno di un restauro cerebrale! Io non la sopporto più … che devo fare?

11

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


SIMONA: Ma sì, Dante, lo sai come siamo noi donne …

RAMBALDO: Eh sì, voi donne … lo sappiamo bene! (agitando lebraccia)

Rambaldo impugna il bicchiere e si reca in proscenio, ben alticcio

RAMBALDO: (grassa risata) Certo che lo sappiamo! E la partita non sipuò vedere senza che accendiate l’aspirapolvere. E con gli amici non si può uscire se dopo non ti porto a cena per quattro sere consecutive. Domenica pomeriggio bisogna andare all’Ikea, perché i bagni di folla lì vanno bene ma se ti chiedo di accompagnarmi al concerto dei Pooh lì no, lì ti viene l’attacco di agorafobia! E poi le emicranie: all’inizio duravano 5 giorni al mese; adesso, non si sa come, si sono prolungate fino a 26 / 27! Poi butti via il mio giubbotto del liceo perché dici che è vecchio! Sì certo, vecchio! Vuoi solo accompagnarmi a prenderne un altro, così poi mi pianti lì, solo con il commesso, mentre tu ti scegli il cappottino nuovo! Ma poi … devi proprio spostare i mobili ogni due settimane?! E il piumotto con scritto “TI AMO”, pieno di cuoricini. Dormiamo tra i cuoricini e mi metti le corna da sei mesi! Milena! Milena, perché mi tratti così?!

Disperato, picchia il pugno contro il palco, in ginocchio. Il coro lo circonda

1.La canzone di Rambaldo

-O architetto disperato -

Coro: O architetto disperato, così mal non sei mai stato,Il dolore ti brucia così e il destino se ne va…

Solo ora ci rifletti, lei detesta gli architetti,

Non sopporta chi è come te, lei detesta gli architetti

O sì, gli architetti come te

Non le doni la tua vita; Ah, l’aspirapolvere!

La partita, la partita! Voi non siete assieme ormai!

Ah, dormir tra i cuoricini, tra i cuoricini e poi,

E poi lei si sente fragile, lei si sente fragile!

Rambaldo: E poi c’è quel giubbotto, che avevo dal liceo,

vecchio ma era proprio il mio!

12

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Coro: Tu lavori, fai il progetto, tu sei solo un architetto!

Lei si sente sola a letto: hai sbagliato, pentiti! Pentiti!

Le coriste escono. Rambaldo piange in ginocchio

Mario basito si fionda in mezzo al palco e ferma la scena

MARIO: No, no ,no, no, no! Oh che serata, gente! Qui bisogna fare unriassuntino! Il dottore-architetto, intanto, mi si è sciolto mica male … e finalmente abbiamo capito perché è venuto a scolarsi mezzo bar! … Renato sta fuori con Cinthia e la “dolce” Anna pensa che sospiri per lei

…Dante ed Elena sono fidanzati da 10 anni e lui no n ha ancora trovato il coraggio di piantarla, però lei, insomma, l’avete sentita quanto è “premurosa” nei suoi confronti! … Simona … beh, Sim ona che ci fa qui da sola stasera? Chissà quali grilli ha per la testa? Di solito se ne va con le amiche … qui bisogna investigare …

Fine Stop

MARIO: (a Rambaldo) Su dai dottore, si ricomponga un po’! Che ne dicedi andare a prendere una boccata d’aria?

RAMBALDO: Hai dell’aria?

MARIO: Sì ecco, intendevo dire: esca un po’, si rischiari le idee!

RAMBALDO: Ah sì, ok! Ne ho proprio bisogno …

Rambaldo esce. Mario lo segue con lo sguardo [transizione musicale stonata sui suoi passi incerti]

Mario torna dietro al banco dove, seduti agli sgabelli, si trovano Dante e Simona

MARIO: Ah, che scene! Certo che se tutti i clienti fossero comel’architetto il mio lavoro sarebbe uno spasso!

DANTE: Ma da dove sbuca questo qui? E poi, non era un medico?

MARIO: Ma no, quale medico! E’ un grande architetto, è in città per unconvegno … è venuto a farsi un goccetto; l’hai sentito anche tu: la sua donna è stata tanto dolce con lui!

13

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


SIMONA: Non parlatemi di donne …

MARIO & DANTE: Come, come, come?

DANTE: Una donna che dice “non parlatemi di donne” ha molto daraccontare … Una donna che dice “non parlatemi di d onne” ha molto da raccontare …

MARIO: Guarda che avevamo capito …

DANTE: Sì, volevo sottolineare il concetto!

MARIO: Allora Simona, che succede?

SIMONA: E’ una storia tanto assurda … non credo che voi p ossiatecapire …

DANTE: Come non possiamo capire?! Eddai, racconta! Tiraci su, chesiamo tutti mosci!

Simona sbuffa e guarda in alto, si portain proscenio e prorompe

SIMONA: Questi uomini … che ne sanno dell’Amore questi uo mini?!Certo, loro si lamentano perché non possono vedere la partita! Perché a noi, ogni tanto, viene voglia di spostare qualche mobile!

E provare a chiedersi perché abbiamo tutta questa voglia di spostare i mobili. Provare, non dico sempre, ma provare, almeno una volta, a chiedersi da dove viene tutto questo disagio che noi femminucce ci portiamo dentro! [inizio sottofondo musicale triste]

Spostiamo i mobili … passiamo ore dal parrucchiere, momenti d’inferno dall’estetista solo per farci un po’ notare ma loro nulla … come se non esistessimo! Nulla! E allora … spostiamo i mobili!

Dolcezza! Di questo abbiamo bisogno noi donne, di dolcezza! … e da dove ci può venire la dolcezza se non da noi stesse, sorelle!

Ah, povera me! Predico bene e razzolo male, qui … s ola fra uomini! Ancora di loro ho bisogno per sentirmi ascoltata! Tornerò … racconterò loro la mia storia!

Simona torna al banco vicino a Dante

MARIO: Allora?! Ci racconti cosa ti è successo o no?!

14

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


SIMONA: Va bene, (sospira) ma dovete promettermi che non lo direte anessuno!

Tutti i presenti ridicolmente alzano il braccio destro facendo il saluto scout e pronunziando con voce stentorea il giuramento “PAROLA DI LUPETTO!”

SIMONA: Il fatto è che ieri sera una persona mi ha detto che èfollemente innamorata di me e che è disposta a stravolgere tutta la sua esistenza per me …

MARIO: Beh, ma è una cosa bellissima! Cioè, un uomo si dichiara a te,riconoscendo di vivere solo per te e tu …

SIMONA: Io non ho detto che si tratta di un uomo!

Tutti la guardano, facce basite e silenzio assoluto

MARIO: Oh, mio Dio!

DANTE: Oh, mio Dio! Cioè, una donna con un’altra donna?! E chisarebbe questa tua misteriosa spasimante?!

SIMONA: Eh no, questo no! Non costringetemi a dirlo, questo è troppo!

MARIO: Eddai!

DANTE: Eddai!

Mario dà un buffetto sulla spalla di Dante che alza le braccia come a dire “volevo sottolineare il concetto!”

Entra a grandi passi Ida Rambao

IDA RAMBAO: Ola! sono Ida Rambao, lavoro qui fuori, vendete lesigarette?

MARIO (basito): No, niente sigarette!

IDA RAMBAO: Ola, chicos!

15

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Ida Rambao esce gettandosi il boa di piume sulle spalle Tutti si guardano interdetti

MARIO: Ida Rambao?! Ma chi cacchio è?! Boh! Dai Simona, raccontaciun po’ …

SIMONA: Ma no, niente … ieri ero a cena con questa amica …sembrava una serata come tutte le altre …

DANTE: Scusa, Simona … non è che, per caso, si tratta della mia bellaElena? (con faccia entusiasta)

SIMONA: Macché! Ti prego, Dante, non fare lo scemo! (sbuffa)

Sbuffa anche Dante e Mario gli dà una pacca

DANTE: E’ che poteva essere interessante …

MARIO: Se, se …

SIMONA: Ecco … come vi dicevo, questa mia amica ...

DANTE: Ma insomma, Simona, vuoi dirci di chi si tratta?!

SIMONA: E va bene! È Cinthia, ok!? Ieri Cinthia mi ha ufficialmentechiesto di diventare la sua fidanzata!

MARIO: Cinthia?! … Ma chi, la benzinaia?!

SIMONA: Sì, lei!

MARIO: Quella che stasera usciva con Renat … oh cacchio!

SIMONA: Con chi è uscito Renato?!

MARIO: Mah … una … ehm…

Mario ferma la scena

Si reca in proscenio e si rivolge al pubblico.

MARIO: E mo’ che faccio?! Eh … cioè: Cinthia è lesbica e si dichiara aSimona. Renato invita Cinthia ad uscire e Cinthia esce con Renato. Anna è innamorata di Renato.

16

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Oh Cielo, ma chi può essere tanto demente da scrivere una commedia del genere?!

P & N: Noi!

MARIO: (li guarda poi si rigira) Ah ecco! … e adesso? No, questa scenaproprio non sa da farsi! Mio Dio, che faccio?! … A h sì, ci sono!

Mario  prende  Simona   dallo  sgabello   e   la   trascina  fuori   dal     bar

[transizione musicale briosa]

Rientra spolverandosi le mani

MARIO: A mali estremi, estremi rimedi! (giunto al banco, fine Stop)

DANTE: Ma … non c’èra qui … mmm … di cosa stavamo parlan do?

MARIO: Calcio! Che ha fatto l’Inter?

DANTE: L’Inter …

Entra fragorosamente Saverio Olivetti

SAVERIO OLIVETTI: Weh, ma chi è quel pezzente là fuori che parla coiviados?

MARIO: Ah, ciao Saverio! È l’architetto … vallo a piglia re và, riportalodentro per favore!

SAVERIO OLIVETTI: E cosa sono io? Il suo assistente sociale?L’ometto fuori c’ha dei problemi … seri, anche! Guarda Mario che mi devi un favore: il primo giro lo offri tu!

Esce e torna con Rambaldo [transizione musicale curiosa]

DANTE: Il primo giro lo offri tu!

Buffetto di Mario a Dante

SAVERIO OLIVETTI: Weh Mario! Ma questo Rambaldo è simpaticissimopensa che l’ho trovato a cambiare l’acqua al merlo sotto il portico!

MARIO: Ma, dottore!

17

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


RAMBALDO: Architetto! … scusi Mario, sa com’è … si beve, si beve …poi, per il principio dei vasi comunicanti …

MARIO: Ma quale principio dei vasi comunicanti! … Vabbè dai, infondoogni tanto lo faccio anch’io!

RAMBALDO: Mario, piuttosto, offra un bel calice di vino al mio amicoSaverio!

SAVERIO OLIVETTI: No, no! Il vino, no! Io bevo solo birra, a me il vinoproprio non piace!

RAMBALDO: Ah no?!

MARIO: Eh, gli chieda che lavoro fa!

RAMBALDO: Beh, di cosa si occupa?

SAVERIO OLIVETTI: (orgogliosamente) Viticoltore! Da ormai quattrogenerazioni! “Cantine Olivetti, il vino che non ti aspetti!”

DANTE: (nascondendo la bocca con la mano) Sì, perché fa cagare!

SAVERIO OLIVETTI: Cosa vuoi te, infermierino! E poi ti ho già spiegatoche noi si punta sulla quantità e non sulla qualità. L’Olivetti è il miglior vino in bric che trovi in circolazione, testina! Nei migliori discount e … basta, per ora! Ma stiamo già puntando a raggiungere il prestigioso mondo degli ipermercati!

DANTE: Il prestigioso mondo? …

SAVERIO OLIVETTI: … degli ipermercati! … Già immagino tutti quegliscaffaloni, traboccanti di Olivetti! Rosso, bianco e per i veri intenditori, rosè. “Il vino migliore che ti mette di buon umore; adattissimo per ogni occasione, financo per la prima colazione!”

Dai mesci, barman, che non ci ho tempo da perdere, io!

MARIO: Eccallà! Pronti! Una bella birretta per il sòr Olivetti!

SAVERIO OLIVETTI: Oh, finalmente! (rivolto a Rambaldo) Allora, perchéci sbronziamo stasera Rambaldo?

RAMBALDO: Mah, la mia convivente … in pratica …

18

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


SAVERIO OLIVETTI: (interrompendo) Guarda, ho già capito tutto!Lascia perdere và! La mia convivente ha smesso di farmi girare le balle 10 anni fa quando mi ha lasciato … pensavo di esser mi liberato delle femmine e delle loro paranoie, ma la verità è che quelle robe lì, testina, sono come l’herpes: non te lo levi più dai maroni! Sono cicliche!

Finito di soffrire per una “tac”, ti fa soffrire un’altra … e poi, proprio chi non ti aspetti! … mia figlia, una Olivetti!

Proprio oggi, dopo un mese che mi fa una testa così con le sue menate sull’ambientalismo, mi organizza una manifestazione là, presso le mie nobili cantine, e tutto perché uso gli anticrittoamici!

DANTE: Anticrittogamici!

SAVERIO OLIVETTI: Sì, gli anticrittocosi! E quella là, arriva col suoesercito di amici “Hippy Radical Chic”, in sella ai loro furgoncini con un oceano di fiorellini, a fumarsi le canne nel vigneto Olivetti … ma cosa sono io? Il gestore di un centro sociale? Andate a lavorare, barboni!

RAMBALDO: Ma lei, allora, cosa …

SAVERIO OLIVETTI: (interrompendo) Guarda Rambaldo, voglio esseresincero con te! Prima, ti ho visto conversare col “Kinder Sorpresa” con la parrucca bionda, lì fuori: bravo!

Dai retta a me, è quella la soluzione di tutto! Sai dove parti, sai dove arrivi … e poi, una sorpresa su cinque, sarà uno di noi.

RAMBALDO: Ma in che senso “Kinder Sorpresa” …

SAVERIO OLIVETTI: (interrompendo) Ma che simpaticone il nostroarchitettone! Tu devi solo berti ancora un bel paio di cocktail, tornare fuori con l’ “Happy Hyppo”, accompagnarlo a casa e “tac”!

RAMBALDO: Cioè, in pratica, dovrei …

SAVERIO OLIVETTI: (interrompendo) Bravo! Vedi che hai capito tutto!“Tac” … e scarichi tutte le tensioni, recuperi umor e ed energie e sei un “homo novus”! (sventolando l’orecchio)

RAMBALDO: Homo che?!

SAVERIO OLIVETTI: Rambaldo, vai! Sfoga l’istinto e non pensare a tuamoglie!

19

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Credi a me, lei in questo momento non sta pensando a te! Lei adesso è immersa nelle dolci colline dell’Eden in buonissima compagnia!

Me li immagino: lui che marpioneggia, che tenta di fare il galante, mentre sorseggia un ottimo calicino di “Olivetti Rosè”! Eh, te li immagini?!

RAMBALDO: Ma scusi, ma lei come si permette …

SAVERIO OLIVETTI: Dai che scherzo, Ramby! (ironicamente) La tuadonna in questo momento è a casa tutta sola, seduta sul divano a fare la maglia e non pensa ad altri che al suo Rambaldino!

Oh, io vi saluto! Ci ho degli impegni urgenti io, testine! (trangugia la sua birra)

Mario, il primo giro lo offri tu, vero?! Signori, arrivederci!

Saverio esce ma viene fermato dal coro entrante che lo spinge al centro del palco e lo redarguisce con

2.La canzone di Saverio Olivetti

-Ramanzina con dito ammonitore -

Forse tu ci riuscirai, forse tu ci riuscirai Ma non è certo sai…

Tu ti vanti di aver vino buono,

La qualità non conta per te,

il sol profitto t’importa, lo sai…

la moglie poi: le tue colpe hai!

Forse tu ci entrerai, forse tu ci entrerai

Nel mondo degli Iper sai…

Forse, sì ce la farai, di certo sfonderai!

Non crederai di reggere il mondo!

Raccoglierai tempesta, lo sai…

Avrai ricchezze e soldi vedrai,

L’onore no, quello è nostro sai!

DANTE: Beh, io di donne non ci capirò gran ché, ma Saverio … saràmica questo il modo …

Entrano fragorosamente le tre “A” dell’addio al nubilato. Addolorata in crisi, con una rosa in mano

20

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ASSUNTA: Lo sai benissimo come la penso in merito. Sposarsi è lacosa più stupida che una donna possa fare!

Rambaldo dal bancone sospira e poggia la testa sulle braccia

AMALIA: Ma io dico: è questo il momento di farti venire dubbi? E poi, cipensi a lui?

ADDOLORATA: Lui?! E io?! Chi pensa a me?!

Addolorata piange disperata e si siede al tavolino, il capo chino

AMALIA: (si siede, Assunta in piedi dietro di loro) Guarda, sei propriouna sciocchina; scusa se te lo dico ma sei proprio una sciocchina! Stai per sposare l’uomo più simpatico, più bello e più r icco della città! Molte donne darebbero un occhio, ma che dico un occhio, un polmone, il pancreas per lui e tu … tu ti fai venire dei dubbi ad una settimana dal matrimonio … Oh, Addolorata, tu sei matta!

ADDOLORATA: Ma che colpa ne ho io! Quel ragazzo mi ha regalato lerose! Ma che tenero è stato … il mio futuro maritino le rose non me le ha mai regalate!

AMALIA: Le rose?! Addolorata, ti hanno sempre fatto schifo i fiori …

ADDOLORATA: Sì, ma il gesto! Amiche, sono in crisi … il nostr orapporto non è più quello di una volta! Io non me la sento più, mi viene l’ansia, mi viene l’angoscia!

ASSUNTA: L’ansia?! Pensa ai miei di problemi, allora sì che ti vienel’ansia! (rivolta al pubblico) 30 anni, un divorzio alle spalle, impiegata, cassaintegrata … e, tristissima beffa del destino: mi hanno pure chiamato Assunta! Arrotondo alla sera, facendo la spogliarellista…

Che mi frega, a me, degli uomini! Io all’Amore non ci credo proprio più! (si sposta verso la sedia) Gli uomini?! Sì, sposateveli voi! Io proprio non ci voglio avere niente a che fare! (siede)

ADDOLORATA: Ecco vedi, lo dice anche lei! (riparte il pianto disperato)

AMALIA: Sì, ma lui è diverso! Lui ti ama … e poi è anche così dolce,così tenero, così … ricco …

ADDOLORATA: Ma non mi regala le rose …

21

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


AMALIA: Ricordo bene, Addolorata: te la regalò una rosa tempo fa, e tuti arrabbiasti perché non era un gioiello, quindi proprio non capisco perché adesso te la prendi così …

ADDOLORATA: (si alza) Ma sì, le rose non mi piacciono, però mi piacequando me le regalano … a patto che siano accompagn ate con dei gioielli!

Ma se non mi piacciono le rose e me le regalano lo stesso, non è come se non mi piacessero e non me le regalassero! Cioè, mi spiego meglio: se ti regalano delle rose ma a te non piacciono, le accetti e ti arrabbi perché lo sai che non ti piacciono, soprattutto se te le ha regalare il tuo ragazzo e quasi marito.

Ma se te le regala un ragazzo in discoteca, alla festa del tuo addio al nubilato, non vuol dire che ci stia provando con te e per di più non mi ha regalato nemmeno un gioiello!

E poi diciamoci la verità: non è importante il come o il perché! La cosa che conta è il quando! Una rosa, lui, non me la regala da anni e chi se ne frega se non mi piacciono (si siede e piange)!

(si alza, riparte energica) Certo, si sarebbe potuto sprecare un po’, visto che mi vuole sposare!

No! Lui non sa più rendermi felice! Perché una rosa è una rosa e vuol dire quello che sappiamo, ma due rose sono due, non tre! E poi le rose vanno sempre in numero dispari!

E allora cosa aspetti a regalarmi un gioiello?! Sì, lo so che voleva regalarmi una rosa, ma un gioiello è meglio, perché poi, alla fine, ci sta dentro un fiore più brillante!

(in proscenio) Le rose mi fanno schifo! Gli ho sempre detto che non deve regalarmele e lui cosa fa? Non me le regala!

Ma perché gli uomini non capiscono le donne?! È così difficile?! Devi farmi dei regali se mi vuoi sposare!

No! Perché non ha tempo, vero, di fare un salto dal fioraio?! Poi, invece, il tempo lo trova per vedere i suoi amici!

Il secondo venerdì del mese, cascasse il mondo, lui deve vederli! Ma cosa vogliono da lui? Non è sufficiente vederli una volta all’anno?! No, sempre! Ché, poi, io il venerdì ci ho il corso di sollevamento pesi! Ma lui no, non può venire a fare il tifo, perché lui deve divertirsi coi suoi amici!

(torna al tavolo) Lui, lui, lui! Sempre lui! Basta! Non ce la faccio più, sono esasperata … sono veramente arrivata al punto di ch iedermi: (fa una pausa, guarda Amalia con occhi di nuovo luminosi) … Amalia, ma dovehai comprato quel cerchietto?

AMALIA: Visto? L’ho preso da “Eich ’n’ Em”… adorabile, ve ro?

22

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ADDOLORATA: (con entusiasmo) E’ bellissimo! … un amore! Pensache uno così lo volevo anch’io, ma quando sono andata a prenderlo il commesso mi ha fatto fretta e così, questo proprio non l’avevo visto …

AMALIA: Che cafone …

ADDOLORATA: Già, diceva che l’orario di chiusura era passato damezz’ora! … stronzissimo! … stavamo dicendo?

ASSUNTA: Dicevamo che, riletto in chiave moderna, il demonio delFaust rispecchia il finto perbenismo di cui è intrisa la società moderna, credo.

ADDOLORATA: Ah ecco, sì … sono d’accordissimo! Ma beviamoqualcosa?

ASSUNTA e AMALIA: Gin tonic!

Luci su Mario. Rambaldo alza la testa

MARIO: Ragazze, mi sembrate un tantino agitate! Tutto a posto?

ADDOLORATA: Oh sì, benissimo! La settimana prossima mi sposo!

Smorfia di Dante. Testa di Rambaldo crolla sulle braccia

ADDOLORATA e AMALIA: (dandosi il cinque tra l’indifferenza diAssunta) Yeah!

Giunge Il Beppe, amareggiato e dimesso, a capo chino si dirige spedito al bancone

MARIO: Ciao Beppe! Cos’è quel muso lungo? Dalla tua faccia misembra di capire che l’arpia te ne ha combinata un’altra?

IL BEPPE: Quella stronza del mio capo …

DANTE: Eh eh … quella stronza del tuo capo!

MARIO: Dante su! Il Beppe stasera non mi sembra proprio in vena discherzi! Che ti preparo, Beppe?

23

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


IL BEPPE: Fammi qualcosa di forte …

RAMBALDO: (alza la testa e indica il suo bicchiere) Facciamo tre,questo giro lo offro io!

IL BEPPE: Oh, grazie dottore!

Rambaldo sorride e riabbassa la testa

Mario prepara le consumazioni

DANTE: Dai Beppe, raccontaci cosa ti ha combinato stavolta!

IL BEPPE: Mah, guarda, ho lavorato due settimane intere ad unprogetto, steso per benino, calcolato questo, considerato quello; fai l’impaginazione, prepara la presentazione! Oh, due settimane di rottura con la bestia!

Non le andava mai bene niente! E il disegno: “mettilo qui”, poi: “mettilo là”, poi: “mettilo qua”! E poi: “usa questo tipo di materiale” e “il colore va bene, ma non mi convince …”

DANTE: Beh, per ora non mi sembra di sentire niente di nuovo …

IL BEPPE: Mi ha fatto passare tutti i colori della scala di rossi e di gialli diPhotoshop e poi … mi ha scelto un verde!

Due settimane, due! 14 ore al giorno di torture prima della grande presentazione di oggi al Consiglio Direttivo!

DANTE: E allora, com’è andata? Bene, no?

IL BEPPE: Ah sì, benissimo (sarcastico) … una vera tragedia!

La notte scorsa ho lavorato ininterrottamente, come un dannato, fino alle

5.Mi sveglio alle 9 e mi rendo conto che ho mezz’ora di tempo per presentarmi in sala riunioni al fianco della mia kapò, con tutto il materiale pronto e un bel sorriso smagliante stampato in faccia. Allora mi do una sciacquata, infilo i vestiti, raccolgo le mie quattro cose salto sulla Vespa e mi fiondo in ufficio.

Ovviamente, arrivo in ritardo. La porta è chiusa. Entro e tutti mi guardano così male che penso di avere ancora le pantofole di Winnie Pooh ai piedi!

DANTE: (imitando Winnie Pooh) Winnie Pooh ... quello che mangia ilmiele?

24

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


IL BEPPE: Sì, proprio lui … (imitando Winnie Pooh) quello che mangia ilmiele! Comunque, la kapò mi fissa per 8 interminabili secondi, inkazzosa come un’ape! Raccolgo le forze, faccio partire la presentazione e appare il suo coso, lì: tutto verde.

Immaginatevi: … silenzio; lei capisce che il coso v erde fa schifo a tutto il Consiglio Direttivo; la guardo; lei mi fissa furibonda e parte la scenata: (imitandola) “Non è possibile! Cos’è tutto ’sto verde? Questa presentazione fa schifo, le scritte sono troppo piccole! … e non vedo le coccinelle! Dove sono le coccinelle? Ti avevo detto di mettere le coccinelle!”

DANTE: Le coccinelle?!

IL BEPPE: Sì, le coccinelle … lei voleva le coccinelle! Le ho risposto intono gentile che a me non sembrava una buona idea mettere degli insetti su un piattino per banana split e sapete cosa mi ha risposto?

DANTE: Cosa ha risposto?

IL BEPPE: Mi ha detto che io sono un buono a nulla e non capisco unaccidente di accostamenti artistici e mi ha pregato di andarmene davanti a tutto il Consiglio! Ragazzi: è stato umiliante!

DANTE: Non oso immaginare …

IL BEPPE: E poi, quando è tornata in ufficio, mi ha aggredito ancora permezz’ora dicendo che sono un incapace e che non so fare niente …. che

le faccio solo perdere tempo … ma sapete qual è la cosa più atroce? Che, a parte il verde, il prodotto è piaciuto e tutti hanno riconosciuto che la presentazione era davvero originale: hanno approvato il progetto, capite? (piagnucolando) … ma i meriti se li prenderà tutti lei … arpia! Quella donna è un’arpia!

Piccola pausa di Dante, pensieroso

DANTE: Con o senza le coccinelle?

IL BEPPE: Cosa?

DANTE: Il progetto: le coccinelle, alla fine, ci sono sul piatto o no?

IL BEPPE: No! L’idea delle coccinelle faceva schifo a tutti!

25

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Hanno scelto quello che avevo sistemato io, che avevo colorato io! Lei, in tutto questo, ha solo rotto le palle, cosparso tutto di verde e messo le coccinelle! [inizio sottofondo musicale deluso] Diceva che davano un tocco di stile, lei … l’artista raffinata! … ma tan to il Consiglio Direttivo non saprà mai la verità!

Mario serve loro da bere.

DANTE: Toh, bevi và … povero Beppe!

RAMBALDO: (alza la testa) Tensione sessuale!

DANTE: Come?

RAMBALDO: E’ un problema di tensione sessuale. (si alza e si porta inpiedi dietro Il Beppe) Quando si lavora con una donna può succedereche in uno dei due soggetti si verifichi il cosiddetto blocco emozionale. Questo blocco è causato dalla irrefrenabile attrazione sessuale che uno dei due prova per l’altro … ma non lo guardate dott . House?

IL BEPPE: Ma no, che dice dottore … guardi, posso giurarlo: la miacapo non mi piace, non mi piace per niente!

DANTE: Ma il dottore ha detto “uno dei due”!

RAMBALDO: Bingo!

IL BEPPE: Ma no … non è possibile! Lei è una donna in carriera, vivesola e pensa solo al lavoro; figuriamoci se …

RAMBALDO: Ha un cane?

IL BEPPE: No!

RAMBALDO: Allora è tensione sessuale! Credi a me, amico mio, iosono medico! Quella donna vuole, anzi deve, fare all’amore con te! Vedi, Beppe: anche se tu sei una perfetta nullità, lei ti vede come Russel Crowe!

IL BEPPE: Russell Crowe?!

MARIO: Beh, potrebbe essere! E poi, più ci penso e più q uesta storiaacquista un senso, non ti pare Beppe?

26

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


IL BEPPE: In effetti lei è così sexy … a volte è così, come dire,provocante, conturbante, suadente, (mimando le curve del seno) straripante … e adesso che mi ci fate pensare …

RAMBALDO: Vedi Beppe, l’unico rimedio valido per la tensionesessuale è dare libero sfogo alle proprie repressioni. Quindi, se davvero la signora è così straripante come dici, perché non vai sotto casa sua e non le spieghi da uomo qual è il tuo punto di vista sulla faccenda?! Dallo studio del caso, mi pare ovvio che lei vorrebbe essere convinta con un po’ di rudezza!

MARIO: Ma sì, certo! Come lei ti tratta sul lavoro, così vorrebbe esseretrattata nell’intimità!

DANTE: Come lei ti tratta sul lavoro, così vorrebbe essere trattatanell’intimità!

RAMBALDO: Come lei ti tratta sul lavoro, così vorrebbe essere trattatanell’intimità!

LE TRE A: (dal tavolo) Come lei ti tratta sul lavoro, così vorrebbe esseretrattata nell’intimità!

IL BEPPE: Ma io …

RAMBALDO: Lei ti ama, Beppe! Lei, ormai, vive solo di te!

IL BEPPE: Allora io vado …

DANTE: Vai Beppe, fagliela vedere!

RAMBALDO: (annuendo soddisfatto) Vai. E’ praticamente già tua.

IL BEPPE: Allora ciao! Poi … poi magari torno e vi racconto com’èandata!

RAMBALDO: Sarà il resoconto di un trionfo! Vai Beppe, vai!

Il Beppe lascia il locale di gran carriera [transizione musicale gaudiosa] Dante finisce la sua consumazione e si congeda

27

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


DANTE: Mario, io devo proprio andare, ché questa settimana inizio ilturno presto, ma se torna il Beppe a raccontare com’è andata, poi domani mi aggiorni, eh!

Rambaldo, è stato un piacere! Spero di poterla rivedere presto!

Dante esce

MARIO: Mi scusi, Rambaldo: ma da dove ha tirato fuori la diagnosi dellatensione sessuale?

RAMBALDO: Quale diagnosi?

MARIO: Ma sì, la tensione sessuale: quella di cui soffrirebbe la capo delBeppe!

Rambaldo comincia a ridere

MARIO: Non vorrà dirmi che se l’è inventata?!

RAMBALDO: Beh, io mi occupo di rifacimento facciate, ricorda? Nonsono mica un sessuologo! (ridono) Ma quei cocktail? Per chi sono?

MARIO: Oh Santo Cielo, le ragazze!

Porta le bevande ai tavoli, poi la scena si sposta sulle tre “A”. [transizione musicale briosa]

MARIO: Signorine, prego!

ASSUNTA: Sarà un disastro!

MARIO: Come?

ASSUNTA:  No,  dico … sarà un disastro, per … come si chiama ?

Giuseppe?

MARIO: Giuseppe?

AMALIA: Ma sì, il ragazzo che è appena uscito!

MARIO: Ah, Il Beppe! Scusate, non avevo capito, ma lui non si chiamaGiuseppe … il suo vero nome è Carlo!

28

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ADDOLORATA: Carlo? E che c’entra con Beppe!

MARIO: Suo padre si accorse di avere un debole per Anita Edbergquando lui aveva ormai 6 anni …

AMALIA: Anita Edberg? Non capisco …

ASSUNTA: Il gatto: Anita aveva un gatto che si chiamava Beppe!

ADDOLORATA: (ridendo) Ma davvero?!

ASSUNTA: Beh, in effetti il gatto non è che fosse proprio suo … diciamoche viveva nella stessa casa … era il gatto di una sua prozia alla quale voleva molto bene e la povera vecchia lo aveva fatto impagliare … come un pupazzo. Ecco, si diceva che Anita amasse portarselo a letto perché le ricordava la povera nonnina.

Addolorata e Amalia rimangono esterrefatte

MARIO: In effetti è un po’ strano, però dovete ammettere che è unastoria divertente. Carlo … Beppe! Beppe … Carlo!

Imbarazzo generale per la bruttezza della battuta. Mario si schiarisce la voce e posa le bibite; si presenta alle tre “A”

MARIO: Hai detto che ti sposi la prossima settimana? Beh, auguri!

Piacere sono Mario, barista straordinario, per servirvi!

ADDOLORATA: Io sono Addolorata, animatrice fortunata! Stofesteggiando il mio addio al nubilato ma devo ancora decidere se sposarmi la prossima settimana! Sai, non è una scelta così banale!

AMALIA: Io sono Amalia, bibliotecaria … sono testimone di nozze dellanostra Addolorata che … (in tono di rimprovero) si sposerà la prossima settimana!

ASSUNTA: Io sono Assunta, impiegata cassaintegrata … divor ziata …spogliarellista per arrotondare! Non parteciperò più ad un matrimonio in vita mia e men’ che meno la prossima settimana!

MARIO: Ah, idee chiare, vedo! Beh, ragazze, vi lascio al vostro GinTonic, eh?

29

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Torna al banco

ASSUNTA: lo so bene cos’hanno in testa gli uomini! Ci sono giàpassata, io! Gli uomini sono attori! Ti portano i fiori, ti regalano qualcosa e poi, dopo aver trascorso qualche notte nel tuo letto, non san più nemmeno se esisti. Si accorgono di te quando non prepari la cena!

AMALIA: Assunta! Mi meraviglio di quello che dici! Non dirmi che nonsogni un principe azzurro che ti si presenti a cavallo di una favolosa cabrio!

ASSUNTA: Principe azzurro? Cresci Amalia, smettila di leggere iromanzetti che trovi in biblioteca! Addolorata non dovrebbe sposarsi! Soprattutto con quello lì!

Ha inizio il pianto sommesso di Addolorata

AMALIA: Ecco, l’hai fatta piangere di nuovo! Su cara, ti stai per sposarecon un ragazzo fantastico che ti riempie di attenzioni e di premure. Hai già l’abito, il ristorante, la casa … una fantastic a villa sui colli fuori città!

ASSUNTA: Sì, certo! Tra qualche mese passerai la vita rinchiusa incucina a piangere per un film strappalacrime che ti vedrai da sola perché lui dovrà vedersi Rambo spaparanzato sul divano ed avrà pure il coraggio di chiamarti a fine primo tempo per pulire le briciole delle patatine e portargli un’altra birra!

Ascoltami, sarò anche un’impiegata divorziata cassaintegrata, ma so già come andrà a finire: quando ti verrà la prima ruga sarai finita, bella mia! Le poche attenzioni che non si prenderanno il calcio e la Formula 1, se le prenderà una diciottenne!

ADDOLORATA: Ma ci saranno i nostri figli!

ASSUNTA: (in tono ironico) Sì, certo! Vedrai che sarà sempre lui aportarli in piscina ed andrà sempre lui ai colloqui con le maestre!

AMALIA: Addolorata, non ascoltarla! È solo invidiosa: voi sarete unafamiglia meravigliosa e vivrete felici!

ASSUNTA: Felici e contenti, come Cenerentola!

Addolorata, pensi davvero che sia così? Che la vita sia una favola? Le principesse che vanno a vivere nei castelli con i loro grandi amori che dureranno per tutta la vita … tutta la vita un corn o! Cenerentola è morta

30

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


in cucina china sui toast che doveva preparare per il suo Principino senza nemmeno che lui si degnasse di ringraziarla!

Le storie le scrivono gli uomini e le fanno finire come piacciono a noi perché così gli prepariamo i toast!

ADDOLORATA: Io ho sempre sognato di preparare i toast per il mioPrincipe Azzurro … e poi lui è diverso, lui apprezza molte cose di me!

ASSUNTA: Per esempio?

ADDOLORATA: La mia spiccata sensibilità!

ASSUNTA: Certo! L’apprezzerà soltanto se la infili tra due fette di panecon un po’ di fontina e, magari, un’acciughina!

ADDOLORATA: Lui non è così!!!

ASSUNTA: Ah no? Ieri sei stata a casa sua, dimmi cosa avete fatto?

AMALIA: Hanno guardato la televisione!

ASSUNTA: E poi?

AMALIA: Hanno giocato a dama e si sono coccolati teneramente!

ASSUNTA: E poi?

ADDOLORATA: E poi abbiamo parlato del nostro futuro, della nuovacasa …

ASSUNTA: E poi?

ADDOLORATA: Poi … (basita) oh cielo! Mi ha chiesto di preparagli deitoast!

ASSUNTA: Ecco!

ADDOLORATA: Non è possibile … mi sta già tarpando le ali …

ASSUNTA: L’ha già fatto, cara mia, l’ha già fatto! E senza che tu te nesia resa conto. Se ti sposi sarà così per tutta la vita!

31

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


AMALIA: Non darle retta! E poi lo conosci bene, sai che persona è. Ciesci dalle medie…

La riga Carla

ASSUNTA: Dai retta a me, gli uomini non si conoscono mai abbastanzabene!

ADDOLORATA: Allora le passeggiate, il palio di San Giulietto, levacanze alle terme…era tutto finto! Lui non mi ama perché significo qualcosa per lui o perché ammira in me qualche qualità che io non so nemmeno di possedere…lui…lui…

ASSUNTA: Vuole solo i tuoi toast! Per tutta la vita!

AMALIA: Ma no! Non può volere solo i tuoi toast! Deve pur aver bisognodi altro!

ASSUNTA: Certo! La pizza, la pasta e qualche bella bistecchina!

ADDOLORATA: Insomma ragazze, che devo fare? Mi accorgo soloadesso che la nostra vita assieme è consumata dalla routine: sempre le stesse cose, sempre le stesse persone. Oh Dio, che ansia, Oh Dio che angoscia!

AMALIA: Ma se state assieme da dieci anni? Nemmeno GeorgeClooney sarebbe interessante dopo dieci anni assieme…credo.

ASSUNTA: Mmm…io penso che se non riesce a proporti niente di nuovoè perché forse il vostro amore è finito!

ADDOLORATA: È finito…lo sento! Lo sento in un modo strano emisterioso! Lo sente la mia anima di donna, abituata nelle epoche passate all’oppressione ed alla schiavitù maschile: io non lo amo!

Assunta annuisce con gesti plateali

AMALIA: Ma Addolorata! Questi che parlano sono i Margaritas che ti seiscolata prima! Non posso credere che tu dica una cosa del genere!

ADDOLORATA: Ho capito tutto, Amalia! Ma ora basta! (si alza e sirivolge al pubblico) Vuole che gli pulisca il bagno? Vuole che gli preparila cena? (tutto d’un fiato) Vuole che vada a prendergli il giornale, fare la spesa, lavare i suoi panni sporchi, stirarli, sistemare le sue cose, pulirgli

32

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


le scarpe, dare da mangiare al suo cane, pulirgli gli escrementi, e fare le cose che lui non farebbe perché è un maschio e i maschi certe cose non le fanno?!

ASSUNTA: E poi ti chiederà anche di fare ed allevare dei figli!

ADDOLORATA: E tutto io devo fare in questa famiglia?!

ASSUNTA: Non vorrai essere schiava di un uomo che nemmeno ti amae non ti regala una rosa?

ADDOLORATA: No!

ASSUNTA (si alza): Non vorrai passare notti a piangere da sola nel buiodella vostra stanza mentre lui è fuori con una ragazza più giovane con un fondoschiena bello sodo e meno zampe di gallina?!

ADDOLORATA: No!

AMALIA (si alza) Non vorrai passare la tua vita a pulire e ad imboccarebambini, magari maschi, della stessa risma del padre, che poi cominceranno a non regalare rose e a pretendere i toast, per poi vederli diventare dei mostri oppressori di ragazze!

ADDOLORATA: Ma Amalia, che dici?!

AMALIA: Ma sì! Perché insistere tanto! Se non lo ami, non lo ami: vadaa farsi friggere! Lui e il suo matrimonio!

Amiche mie, sfoderiamo i nostri superpoteri di donne! Ergiamoci a paladine della nostra libertà! Torniamo in discoteca ed emancipiamoci come si deve con tutti quelli che ci va, per vivere appieno la nostra femminilità! Perché noi siamo molto peggio degli uomini! Noi siamo donne!

Amalia si porta al bancone, prende Mario per le orecchie, lo bacia, e gli lancia una banconota

AMALIA: Tieni Mario, grazie di tutto. Ci vediamo alla prossima. Andiamoragazze!

Escono festanti, incrociando Renato di ritorno dalla sua serata con Cinthia

33

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Renato si siede al banco: è d’umore nero.  Mario interrompe la scena

MARIO: Oh, oh … riecco Renato. Ricordate: è uscito con Cinthia, labenzinaia innamorata di Simona. Guardate che faccia … sembra un bimbo a cui hanno rubato le figurine! Sentiamo un po’ come è andata la serata!

Fine Stop

Salve, Renato! Il solito bicchiere della buonanotte?

RENATO: No, no … niente camomilla stasera. Fammi qualcosa di forte… qualcosa di … maschio!

MARIO:  Questo  dovrebbe  andare.  Allora,  com’è  andata  con la  tua

benzinaia: hai fatto il pieno?!

RENATO: Ehm … non esattamente … Signori, voi non avete i dea diquale umiliante affronto abbia dovuto subire questa sera il rinomato casanova Renato!

MARIO: Diamine! Che è successo?!

RAMBALDO: La benzinaia lo ha clamorosamente respinto … era ovvio:

a lei piacciono le auto di grossa cilindrata!

RENATO: Ma no! Peggio, peggio!

MARIO: Peggio?! E che è?! Ti ha forse insultato, offeso, preso aschiaffi?

RENATO: No, no … peggio, peggio!

MARIO: Oh, Cielo … non avrà mica …

RENATO: Cosa?! Che?!

MARIO: No, dico … non dirmi che lei ha dichiarato di ess ere …

RENATO: Di essere cosa?! Ma insomma, che cos’è questo: uninterrogatorio?

Cinthia si è dimostrata insensibile alla mia corte e non certo perché la mia corte sia stata importuna o inefficace!

RAMBALDO: E allora perché?

34

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


RENATO: Ella vive di amore saffico!

RAMBALDO E MARIO: Ma dai?!

RENATO: (annuendo drammaticamente) Sì: le piacciono le signore! E,del resto, in questo è molto simile a me … come darle torto!

RAMBALDO: Beh, esperienza interessante … diversa …

RENATO: Diversa? Sono ferito nel profondo del mio virile orgoglio!Nessuna mai, capite, nessuna mai aveva osato resistere al fascino conturbante di Renato: il dongiovanni profumato!

MARIO: (pacca sulla spalla) Renato, anche Maradona una volta hasbagliato un rigore. Può capitare anche ai grandi. E comunque un due di picche ti aiuterà a ritrovare quel po’ di umiltà che ci serve per …

RENATO: (interrompendo) Umiltà un corno! Lo stimato casanovaRenato non conosce sconfitta! E cosa sarebbe l’insuccesso?! Non esiste umiltà per il lodato corteggiatore Renato. Donna non può umanamente resistere al suo charme!

RAMBALDO: Sì, ma questa è lesbica! Tu la attrai allo stesso modo incui può attrarla un posacenere, la vuoi capire o no, casanova?!

RENATO: Ma io … io … (si reca in mezzo al palco, il bicchiere in mano)Dunque il fato ha posto il suo limite invalicabile financo per me, l’immortale, vittorioso eroe di tutti i tempi: Renato, il conquistator cortese! Sicché vi sono alture alle quali anche i semidei non hanno accesso, tempeste che piegano le colonne, oceani che nemmeno questo vascello può solcare!

Oh, Santi Numi! Oh, mondo ladro! Quale umiliazione per me! Proprio io, che ho amato mille e mille donne … io cui sono cadu te ai piedi le divine Ninfe … io … (non sa dire altro) … io! ( tracanna il suo drink)

Eccolo, lo sento! Si spande il sapore agrodolce della sconfitta! … ( al barista interrompendosi) Mario, fammene un altro! … ehm, sconfitta …sì, tremenda sconfitta!

Proprio a me doveva capitare, al prode guerriero dell’Amore, all’amante di tutte le sere! Battuto, inesorabilmente vinto dalla tenacia di una femmina … cattiva! Oh! Vivrò da eremita il resto della mia vita! Adieu! (piagnucolando)

35

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Renato parte ma lo ferma Mario

MARIO: Renato, il tuo drink!

RENATO: Ah già! (torna al banco, tracanna) Ti pagherò domani, Mario!

Oggi non ho proprio il cuore di farlo! Debbo andare a meditare!

3.La canzone di Renato

-Il crollo del Macho -

Coro: L’amante di tutte le sere, il prode guerrier dell’amore

Il conquistatore cortese, ne aveva sì trenta al mese.

Ai piedi le ninfe divine, rapite da quelle moine

Don Giovanni così profumato, nell’orgoglio veniva ferito.

Il limite ha posto il fato, per lui, per lo charme di Renato.

Mari che forse sognavi, terre che non saran tue.

Rassegnati or dunque a viver da solo

O tu che guerrier non sei più,

Per sempre solo anche se

Renato: Macho fu!

Entrano Elena ed Anna, la quale piange disperatamente. Sostano in piedi al centro del palco

ELENA: Ma non fare così! Lo sai benissimo che razza di tipo è Renato!

ANNA: Si, hai ragione! Ma aveva detto che avrebbe amato solo me!

ELENA: Questi uomini. Sempre a rincorrere sottane! Quandoimpareranno a tenere le loro energie nei pantaloni?

Anna estrae dalla borsetta la “palla della verità” la agita, e poi, mostrandola a Elena

ANNA: Ecco vedi? Anche la palla ha detto che lo amavo!

36

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ELENA: Tu e la tua palla della verità! Quante volte te l’ho detto che nondevi darle retta? E poi non sa neanche tutta la storia! E poi, secondo me la ragazza che stava con lui, in quanto a bellezza, non ti si avvicina nemmeno!

Anna passa dalla disperazione all’ira

ANNA: E per di più è una benzinaia! Che fascino può avere unabenzinaia? Ah! Se l’avessi tra le mani, la strozzerei con il tubo della pompa!

Dove spera di andare con la sua tuta da uomo tutta sporca di olio e con quei capelli: glieli hai visti? Spettinati e arruffati! E poi le unghie: se le taglia col forbicino, come un uomo! Ma non lo sa che le unghie si limano! (ritrovando serenità ) Guarda le mie, sono perfette, non trovi?

ELENA: Sono le migliori che abbia mai …

ANNA: (interrompendo) Come si può uscire con una donna che non èuna donna? Lei portava i jeans come quando si va dal macellaio! Come fai a conquistare un uomo con i jeans? [sottofondo musicale iroso] Ed hai sentito come parla? Sembra il mio idraulico! (con voce maschile) “Prego signora, le faccio il pieno?” Ah, ma avrei dovuto fargli una scenata! Avrei dovuto andare al loro tavolo e schiaffeggiarla, quella sciacquetta! Anzi avrei dovuto schiaffeggiare lui, quel porco! “Renato, il dongiovanni decorato” … altro che decorato: sei so lo un porco!

[sottofondo musicale deluso]

Guardami Elena, io sì che sono una donna raffinata! Non quella … quella cosa lì! Gliela farò pagare, a tutti e due!! Non si tratta così una signora!

Anna ripiega mestamente in un pianto sommesso

Si portano in platea Saverio, Renato e Ida (Coro Dante) e le tre “A” (Coro Elena). Risponderanno alle battute della coppia in modalità coro da stadio

ELENA: Ma su, Anna: lo vedevi solo da un paio di settimane ...

ANNA: Non è questo il punto! Lui era mio! Mio! Lo volevo tutto per me e

adesso: dov’è, dov’è?!

37

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


RAMBALDO: Cos’è ‘sto casino? C’è gente che ha un post-sbronzaancora prima di andare a dormire!

ANNA:(rivolta a Rambaldo)Uomini! Fate schifo! Sempre a ridere! Comese nulla vi toccasse! Possibile che siate sempre così superficiali?

ELENA: E infantili!

ANNA: E infantili?

MARIO: Suvvia, ragazze: se si riesce a farsi una risata quando si è tristila vita non può che sorriderti!

ANNA: La fai facile tu! Tu non sei stato truffato da una persona di cui tifidavi!

MARIO: Perché tu ti fidavi di Renato?

Rambaldo scoppia in una grassa risata

ANNA: Adesso basta! Non potete capire! Siete tutti uguali, voi! Citartassate, notte e giorno con la vostra gelosia pensando che usciamo di casa per infilarci nel primo letto che ci si apre davanti e poi siete voi i primi! Siete i santi! “Amore, ti ho fatto le corna ma non preoccuparti, amo solo te!’” “Amore, le altre non contano nulla”.

Come Dante: sempre attaccato alla gonna di Elena, sempre lì a guardare cosa fa, chi vede, dove va. Non si fida, ma questo è normale per voi uomini! Voi volete la botte piena e la moglie ubriaca, ma adesso basta, adesso la finiamo! Non si può andare avanti così!

Entra Dante a testa bassa, senza vedere che Elena è nel locale

DANTE: Mario, hai visto il mio cellulare? Ah, ciao Amore!

ELENA: Amore!? Hai il coraggio di chiamarmi: Amore?!

C Elena: Ha avuto il coraggio di chiamarla amore! Vergogna!

C Dante: Ma lui la ama! Lasciatelo in pace!

ELENA: È la seconda volta che mi pedini in una sera. Non ti fidi di me?

Non pensi che sia in grado di esserti fedele?

C Dante: See, una santa! Finiamola!

C Elena: Non si pedina una signora, pervertito! Fai schifo!

38

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ELENA: Fedele a cosa poi?! Ai tuoi vorrei, potrei, farei? Dio, se non visopporto, te e i tuoi stupidi capricci!

C Elena: Inconcludente, come tutti i maschi!

C Dante: Come se tu non li facessi!

ELENA: Sei sempre a sbavarmi addosso, come se dipendesse tutto dame!

C Dante: See, un boxer!

C Elena: Lasciala respirare! Miserabile!

ELENA: Mi chiedi cosa devi mangiare a colazione, mi chiedi dove voglioandare a cena, mi chiedi tutto!

C Elena: Un po’ di personalità! Mollusco!

C Dante: Se non glielo chiedesse si arrabbierebbe lo stesso!

ELENA: Ma una decisione no? Quand’è che crescerai? Sei un bambino,un poppante!

IDA RAMBAO: Non crederle, sei un bel maschione!Mentre gli altridue la guardano esterrefatti

C Elena: Vai a bere il latte dalla mamma!

DANTE: Ma io … dovevo solo … cellulare …

C Elena: Sta mentendo! Vile! Mente!

C Dante: Era sul banco, l’hanno visto tutti!

ANNA: Non è possibile essere come te: anche adesso cerchi scuse! Mati rendi conto di come stai trattando la tua ragazza?! Come una sgualdrina! La segui, la spii, arrivi perfino a rovinare una serata perfetta come questa!

Il coro tutto: Oh! Una serata perfetta!

Anna scaccia il coro

ANNA: Zitti voi! Non avete niente di meglio da fare? Ohi! Fuori! PussaVia!

Il coro scappa via intimorito

ELENA: Dante,(sospira)io non ce la faccio più con te. E poi … sei cosìfalso! Sempre a fare il gentile, ad assecondare quello che faccio, a farmi forza, a servirmi come una dea! E poi, mi segui! Mi segui, come una criminale!

39

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


ANNA: Fai schifo!

Mario prende il cellulare dal bancone

MARIO: Dante, il cellulare!

DANTE: Appunto …

Dante recupera il cellulare

ANNA: Ah, Mario: adesso gli fai anche il compagnuccio! Ma cosapensate? Che siamo le signorine Cretinetti?! Pensate che noi non ci accorgiamo che siete in combutta?

ELENA: Da te, Mario, proprio non me l’aspettavo! E tu …(indicandoDante con una faccia schifata)

DANTE: Elena, non capisco, stai farneticando …

ELENA: Farneticando? Farneticando?!

ANNA: Siete due stronzi! Andiamocene!

ELENA: Forse è meglio!

Vanno verso la porta, ma Elena si volta verso il bancone

ELENA: Lo sai cosa mi fa più male? Lo sai? Il fatto che anche adesso tufai il perfettino, quello pacato, quello bravo che sta al suo posto! Ti odio quando fai così! E non fare quell’espressione! Possibile che tutte le volte fai quella faccia da vittima? Solo tu soffri? Solo tu? E io? Basta! Ti lascio!

DANTE: Ma Elena, cerca di essere come uno specchio: rifletti!

4.La canzone di Dante

-Fuori luogo sconclusionato-

Fai come uno specchio: rifletti, rifletti!

Fai come uno specchio: rifletti, rifletti!

Fai come uno specchio: rifletti, rifletti!

40

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Puoi vederlo anche tu, il mondo va a gambe in su,

Non c’è nulla di normale, è una vita senza sale.

L’hai sentito pure tu: uno va a sentire i Pooh, L’altro vuol sempre di più ed il macho crolla giù. Nel torrente della vita, noi giochiamo una partita, c’è chi vince e chi fa pena, ma non essere una iena!

Fai come uno specchio: rifletti, rifletti!

Fai come uno specchio: rifletti, rifletti!

Fai come uno specchio: rifletti, rifletti!

ANNA: Ma non capisci che parla sul serio?! Non è il solito giochetto dainnamorati! Non vedi che soffre?! Vuoi capire o no la situazione?! Ti rendi conto che lei ti sta lasciando?!

MARIO: Ma su dai, non esagerare Elena. Per un cellulare … per di piùanche brutto!

ELENA: Eccoli lì (indicando col dito Mario e Dante): gli amichetti stupidi!Non conquisterete mai una donna se non crescerete! Siete ridicoli! Siete proprio … due stronzi! Dante, addio!

Elena e Anna escono in malo modo. Nel bar c’è il silenzio

RAMBALDO: Ho avuto gatti nelle mutande che mi davano più so llievo.

Entra Il Beppe sconsolato mentre se ne escono Anna ed Elena strillando

DANTE: Sì! E non farti più vedere, sciacquetta! Tornaten e da tua madre,io ti mollo, hai capito?! Ti lascio definitivamente!

(rivolto a Beppe) Hai visto?! Così si fa! Noi sì che sappiamo essere rudi con le donne, eh Beppe?!

Allora com’è andata, mandrillone? (pacca sulla spalla) ti sei fatto intendere dall’arpia?

Si siedono al banco

IL BEPPE: Beh, non esattamente … io sono andato sotto casa sua,come mi avete detto, ho suonato il campanello e le ho chiesto di scendere perché avevo qualcosa di urgente da dirle …

RAMBALDO: E?! …

41

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


IL BEPPE: E soprattutto qualcosa di importante da mostrarle …

RAMBALDO: Gliel’hai chiesto con tutta la tua virilità?!

IL BEPPE: (poco convinto) Sì, sì … tutta!

DANTE: Tutta, tutta?

IL BEPPE: Tutta! Gliel’ho chiesto con tutta la mia virile possanza, ok?

MARIO: E lei?

IL BEPPE: Ah beh, lei è scesa; figuratevi: è corsa giù per le scale …

RAMBALDO: E quindi?

IL BEPPE: E quindi…eh…ha schiuso il portone ha cacciato fuo ri il suobel visino da iena, io mi sono avvicinato alle sue labbra…

DANTE: L’hai baciata?

IL BEPPE: Diciamo che ci ho provato, insomma, ce l’ho messa tutta…

MARIO: E poi?

IL BEPPE: Beh, poi lei mi ha gentilmente comunicato che, grazie al vilegesto di quella molestia notturna, potevo considerarmi licenziato in tronco…

DANTE: Cioè, ti ha licenziato?

IL BEPPE: Proprio così, e mi ha detto che non mi avrebbe denunciatosolo perché il progetto è stato approvato.

MARIO: Oh mio Dio! E adesso?!

DANTE: Eh già, e adesso?!

IL BEPPE: Beh, adesso ho perso pure il lavoro, così dovrò vendere laVespa, non potrò più pagare l’affitto e dovrò tornare a vivere con mia sorella e mio cognato che già mi considerano un perfetto fallito. Dormirò sul divano con il loro cane e mangerò …

42

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


RAMBALDO: (interrompendo) Ma suvvia, Beppe! Non capisci chefinalmente hai posto fine al tuo problema? Qui c’è da festeggiare: Mario, offro io!

Questa sera abbiamo sconfitto le arpie, capite? Abbiamo dato loro una lezione di vita e di stile! (pacca sulla spalla ad entrambi)

IL BEPPE & DANTE: Tu dici?

RAMBALDO: Ma certo! (li abbraccia) Ci siamo infine liberati da unincubo e siamo ormai pronti per una nuova, esaltante fase della nostra vita creativa e sentimentale!

DANTE: Una nuova esaltante fase(sgrana gli occhi)della nostra vitacreativa e sentimentale!

Entra Ida Rambao. Stanca, si dirige al banco. Gli uomini rimangono interdetti, tutti tranne Rambaldo

IDA RAMBAO: Ola, gente! Barista, un grappino! Beh, che avete daguardare?!

MARIO: Ah, sì! … e voi, cosa bevete?

RAMBALDO: No, no: non possiamo bere qui. Dobbiamo festeggiarecome si deve! Ci dia una cassa del migliore champagne, Mario! La notte è giovane!

I tre seguono con lo sguardo Mario che recupera la cassa di champagne

MARIO: Beh, eccovi serviti! E buona nottata, signori!

IL BEPPE: Dai Mario, chiudi il locale e vieni anche tu, no?!

DANTE: Ma sì, andiamo a fare il bagno nella fontana della piazza!

MARIO: No ragazzi, devo sistemare ancora tutto e poi sono davveromolto stanco …

IDA RAMBAO: Proprio non ti va di fare il bagnetto?! Cos’è, hai bisognodel costumino?!

43

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


RAMBALDO: Vabbè Mario, sarà per la prossima volta … sempre chenon ci arrestino stasera, s’intende! Ecco, tenga pure il resto … lei è decisamente il mio barista preferito!

MARIO: Oh, grazie tante dottore!

RAMBALDO: E per gli eroi di stanotte: Ippip!

IL BEPPE, RAMBALDO, IDA RAMBAO: Urrà! Andiamo!

DANTE: Urrà! Andiamo!

Entra Saverio Olivetti e domanda dall’uscio

SAVERIO OLIVETTI: Mario, riesco a farmi l’amaro della buona notte?

Partono dal bancone i tre, cassa in mano. Travolgono Saverio Olivetti e lo trascinano con loro

Mario scende dal banco e va al tavolo da P. & N. [transizione musicale mesta]

MARIO: Signori, il locale chiude!

P & N si alzano e se ne vanno mesti

Mario scende dal banco, spazzettone in mano, e comincia a rassettare il locale

MARIO: Eh, sì. Dura fare il barista! Quante storie assurde: amori chevanno, amori che vengono, amori che passano! Storie che, a pensarci bene, non si vedono neppure nei film.

Coppie che scoppiano: lui che tradisce lei, lei che tradisce lui… magari con lei! Storie che non si capisce se debbano strappare un sorriso o far sgorgare lacrime amare.

Mah, intanto sono sempre qui! Io e questo bar: unico, fedele compagno di tutte le mie serate!

Ah Lilì, amore mio! Quanto vorrei incontrarti un giorno! Tenerti qui, stretta nelle mie braccia, guardarti negl’occhi, ballare con te!

[Walzer] e Mario balla con lo spazzettone

Le luci, ad un certo punto, si spengono. La musica continua

44

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli


Viene Lilì. Si riaccendono le luci. I due ballano insieme e si sorridono beati

Ad un certo punto si fermano senza che la musica cessi. Lui avvicina le labbra a quelle di lei. Si spengono nuovamente le luci

Lilì se ne va. Si riaccendono le luci e Mario balla nuovamente con lo spazzettone

La musica cessa, Mario si porta in proscenio

MARIO: Eh sì, cari amici: tutto ciò che è sogno e ideale, ci affascina e cidelizia. Tutto ciò che è della vita reale, è avvolt nel dubbio ed intriso di una plausibile paura. [chiusura musicale]

FIN

45

Una plausibile paura – A believable fear

Storie di Protervia di N. & P. Salvinelli

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno