Una sera al Cafè Chantant

Stampa questo copione

Una sera al

CAFE’ CHANTANT

Commedia comicissima in tre atti

di

Umberto Castaldi

Liberamente tratta da

LO CAFE’ CHANTANT

di

Eduardo Scarpetta

PERSONAGGI

(In ordine di entrata)

Ciccillo                                       Servitore di don Felice

Rosella                                       Cameriera di Bettina

Bettina                                      Ex soubrette moglie di Peppino

Carmela                                     Ex soubrette moglie di Felice

Felice Sciosciammocca                Attore

Peppino Spica                             Attore

Aspremo                                    Usciere del Tribunale

Concetta                                    Sua moglie

Luisella                                      Loro figlia, aspirante attrice

Giacomino                                  Innamorato di Luisella, aspirante attore

Vincenzo                                    Servitore di don Carlo

Totonno                                     Segretario di don Carlo

Don Carlo                                   Proprietario del Cafè Chantant

Donna Gigetta                            Sorella di Carlo

Mimì Trasform                           Cantante trasformista

Lulù Trasform                            Cantante trasformista, sua sorella

Cantanti

Artisti vari per il Café Chantant

LA SCENA:

Una camera rustica con arredamento povero in casa di Felice: La comune è in fondo, un poco a sinistra. Porte laterali e una finestra in prima quinta, a destra. Sul Fondo fotografie e ritratti di artisti. Manifesti teatrali reclamizzanti spettacoli del grande Felice Sciosciammocca. Una cassa, qualche sedia, un tavolino, oggetti vari, specifici per spettacoli teatrali. Copioni e libri sparsi un po’ dappertutto.

-------------------------------------------------------ATTO PRIMO

SCENA I (Ciccillo- Rosella)

Ciccillo   (Sta cercando di mettere un po’ d’ordine.Dal fondo entra Rosella, gli va alle spalle in silenzio e gli mette le mani sugli occhi)

Rosella   Cippi…..cippi…..ciò….

Ciccillo   Chi è st’auceluzzo ca vo’ pazzià con il passerottino suo? (Scosta le mani di Rosella dagli occhi e si gira. E’ Raggiante) Rusella ‘e maggio mia, comme si’ trasuta e che ce faje ccà?

Rosella   ‘A porta steva aperta e nun aggio tuzzuliato pe’ fa’ ‘na sorpresa al passerottino mio…Cippi…cippi.ci’…,(delusa) ma pecché te dispiace?

Ciccillo   (Rifà il verso a Rosella) Cippi….cippi…..ciò’, me pò’ maje dispiacé di vedere la cardellina mia?…Ma comme te truove ccà ‘ncoppa?

Rosella   Ciccillo, amore mio, ‘o ssaje ca ogne scusa è bona pe’ te vedè! So’ venuta pe’ te dimandà se è venuto don Peppino, il marito d’a padrona mia!

Ciccillo   No, dolcino mio, nun s’è visto proprio….(Preoccupato) Ma è successo qualche cosa?

Rosella   ‘O solito! Stanotte don Peppino non si è ritirato e donna Bettina, ‘a mugliera, sta comme ‘na pazza! …Se l’ha pigliata pure con don Felice, ‘o padrone tuojo!

Ciccillo   E che va truvanno a don Felice?

Rosella   Comme che va truvanno?…Chella ‘a colpa è ‘a soja! L’ha abbuffato ‘a capa con il fatto delle recite, dell’arte drammatica…Dice che sono grandi attori: chillo se n’è sagliuto ‘e pressione e nun vo’ fa’ niente cchiù!

Ciccillo   Rusé nun te scurdà ca chilli ‘overo so’ grandi artisti!

Rosella   Va là vattenne, nun me fa ridere! Grandi artisti…addò? ‘O padrone mio so’ sei mise ca nun fatica e, pe’ campà, s’è ‘mpignato tutte cose! Ieri sera pe’ se mangià ‘nu poco ‘e brodo, ha fatto vollere ddoje scorze ‘e patane e pesielle che ha truvato dint’a munnezza!

Ciccillo   Che schifo, tu che dice?

Rusella   ‘A verità! Pensa che l’atu juorno se so’ vennute ‘e matarazze e mo’ stanno durmenno ‘ncopp’e tavole!

Ciccillo   Rusè, ccà è ‘a stessa cosa! Ajere don Felice s’è vennuta ‘a dentiera cu ‘e diente d’oro ca ce lassaje ‘o pate!

Rusella   Mamma mia, nun me dicere niente cchiù ca me faje avutà ‘o stommaco!

Ciccillo   Haje ragione, ma per lo meno ajere avimmo mangiato!

Rosella   (Sbanda) Ciccì, me avota ‘a capa!

Ciccillo   (Languido) E’ l’ammore!

Rosella   (Riprendendosi) No, è ‘a famma!…

Ciccillo   (Invitante) Cibati del mio amore…

Rosella   Se, me ‘o faccio a zambaglione! Preferirei ‘nu piatto ‘e ziti a ragù…Ciccì, ma pecché don Felice nun se trova ‘na fatica?

Ciccillo   Niente, nun vo’ sentì ragione! Ha detto che lui (Con enfasi) è un grande artista e il teatro l’adda da’ a mangià! (Mima la voce di Felice) “Prima o poi gli impresari si ricorderanno di me, ed io ritornerò, alla grande, sulle scene!”

Rusella   Si nun more primma! Chillo s’è fatto sicco…sicco ca pare ca tena ‘a panza azzeccata cu ‘e rine!

Ciccillo   Haje ragione, ma ‘o ssaje comme va a fernì? Chillo m’atterra primma a me!

Rosella   Nun ‘o dicere manco pe’ pazzìa, zuccariello mio…’Nce sta sempe Rusella toja ca pensa pe’ te!   (Mette la mano in tasca e caccia un pacchettino. Vezzosa) T’ aggio purtato ‘na bella cosa!

Ciccillo   A me, Rusella ‘e maggio mio?

Rosella   Si, garofaniello addiroso….Stammatina ‘a padrona mia, s’è ‘mpignata ‘e mutande ‘e lana d’o marito: io so’ gghiuta a fa’ a spesa addò salumiere, ma cu ‘e solde ca tenevo putevo pavà sulo ‘e diebbete e nun me ha vuluto da niente cchiù! Cu chello ca m’è rimasto t’aggio accattata ‘a sfogliatella cu’ ‘e grariatelle ca te piace tanto! (Gliela porge)

Ciccillo   (Quasi le strappa il pacchetto di mano, lo scartoccia e mangia avidamente la sfogliata)

Rosella   (Lo guarda delusa e con l’acquolina in bocca)

Ciccillo   (A bocca piena) Ce vuleva proprio!

Rosella   A chi ‘o dice!

Ciccillo   Ma forse ne vulive ‘nu poco?…Forse te muore ‘e famma pure tu?

Rosella   No…forse no, me more ‘e famma sicuro! Ciccì si nun me magno qualche cosa, piglio a muorze ‘ncapa ‘o primma ca ‘ncontro!

Ciccillo   (Impaurito) Allora vattenne…(Si riprende) Può darsi c’a padrona toja te va cercanno!

          BUSSANO ALLA PORTA

Bettina   (Da fuori) Carmela…

Rosella   E’ essa…nun me vulesse fa truvà ccà!

Ciccillo   Allora vattenne dint’a cucina…Llà ‘o fuculare è oscuro ed é sicuro ca nun vene nisciuno…Ce stanno sulo ‘e surece cu ‘e scolle ‘nfronte ca se puzzano ‘e famme peggio ‘e nuje!

          ALTRA BUSSATA

Rosella   Sta ‘nquartata assaje!

Ciccillo   Va va dint’a cucina e si ce ‘a faje fujtenne ‘pe ‘a funesta!

Rosella   Io vaco, po’ torno e…(Affettuosa) Cerco ‘e te purtà qualche altra cosa!

          ALTRA BUSSATA ANCORA PIU’ FORTE

Bettina   (Sempre da fuori) Carmela arape, so’ Bettina!

Rosella   (Esce in prima a sinistra)

Ciccillo   E ‘nu mumento (Via dalla comune)

Scena II (Bettina – Carmela – Ciccillo)

Bettina   (Entra seguita da Ciccillo) Addò sta ‘a padrona toja?

Ciccillo   Ve ‘a vaco a chiammà.

Carmela  (Entra da sin) Sto ccà! (Vede Bettina) Uhé Bettì, quale piacere, comme maje si venuta ccà!

Ciccillo   (Via a sin)

Bettina   Sto cercando mio marito ca stanotte nun s’è ritirato e siccome….

Carmela  Pure Felice ha passato ‘a notte fore, sicuramente stanno….

Bettina   A perdere ‘o tempo al caffè degli artisti o dint’a galleria….

Carmela  ‘Nzieme a tanti muorte ‘e famma comme lloro!

Bettina   Comme se adda fa’, nun tenimmo ‘na lira e nun vonno faticà!

Crmela   Nuje stammo chine ‘e diebbete, ce simmo ‘mpignate tutte cose! Ha avuto offerte per degli spettacoli a Bari e le ha rifiutate perché avrebbe dovuto recitare dopo il ballo!

Bettina   E che ce steva ‘e male?

Carmela  Il grande attore Felice Sciosciammocca se recitava dopo il balletto se squalificava!

Bettina   Io nun capisco, nun ragiona proprio?

Carmela  No, chillo è pazzo! Se pensava ‘e risolvere cu’ ‘nu cartello che ha messo giù al palazzo: “L’artista Felice Sciosciammocca da lezioni di dizione e recitazione dalle dieci alle tre!

Bettina   Comme ha fatto chillo pappagallo ‘e maritemo! Addù nuje nun è venuto nessuno e ccà?

Carmela  Manco ‘nu cane! So’ già ‘e tre, nun è turnato ancora e te faccio vedé ca mo ca vene vo’ pure mangià!

Bettina   Che coraggio!

Carmela  L’ha pigliato pe’ vizio! Comme trase d’a porta il suo buongiorno è “Che se mangia?” Ma oggi non gliela do per vinta, nun me faccio truvà, me ne vengo a casa toja!

Bettina   Onore e piacere, ma….primma pecché nun ce mangiammo ‘na cusarella ccà? Pe’ me nun te ‘a preoccupà, io mangio comme n’aucelluzzo!

Ciccillo   (Rientra e cerca qualcosa)

Carmela  Bettì, tu può mangià pure quanto ‘na furmica, ma io nun tengo niente a te da’ e niente cchiù a me ‘mpignà! Chello ca m’è rimasto ‘o tengo ‘ncuollo: ‘stu vestito ca me metto tutt’’e juorne!

Ciccillo   (A parte) ‘O ssaje quanta pimmece ce ha fatto ‘a dinto?

Bettina   Allora pure ogge rimanimmo diune e morte e famma? (Vede Ciccillo e speranzosa) Forse Ciccillo ce po’ aiutà?

Ciccillo   Si, a mettere ‘a “SI LOCA vicino o’ fuculare!

Carmela  Comme ce simmo ridotte! Ora risolvo io! (A Ciccillo) Mo vaco a piglià ‘e vestite ‘e chillu muorto ‘e famma che ‘o padrone tujio se mette quanno recita, e ce Vaje a vennere! (Risoluta) Viene Bettì! (Escono dalla II a sin)

SCENA III (Ciccillo – Rosella)

Ciccillo   Ma chella è pazza?

Rosella   (Entra dalla I a sn) Ciccì, ch’è stato?

Ciccillo   Rusé vattenne ‘a via ‘e dinto ce sta ‘a padrona toja….

Rosella   Nun fa niente! Si me vede le dico ca so’ venuta a la cercà! Ma pecché staje accussì ‘ntussecato?

Ciccillo   ‘A padrona, pe’ fa ‘a spesa se vo’ vennere ‘e vestite ca don Felice se mette quanno recita!

Rosella   E a te che te ne ‘mporta? Chillo manco sta faticanno, e po…saje che te dico? Valle a vennere tu, te faje ‘a ratta a coppa e ce jammo a fa’ ‘na bella magnata!

Ciccillo   (Barcollando) ‘Na bella mangiata….

Rosella   (Invitante) Io e te soli!

Ciccillo   (Languido) Io e te soli…e po’?

Rosella   (C.s) E po’ tutto chello ca vuò tu!

Ciccillo   (Insieme a Rosella sospira) Ahhh….

SCENA IV (Ciccillo – Rosella – bettina – Carmela)

Carmela  (Da dentro) Ciccillo…

Ciccillo   (Insieme a Rosella si compone)

Carmela  (Entra con Bettina. Ha in mano dei costumi teatrali) Ciccillo…

Bettina   (Vede Rosella) E tu che ce faje ccà?

Rosella   Ero Venuta a vedé, comme aviveve ditto vuje, si ce steva don Peppino…ma mo’ me ne vaco!

Bettina   Si ‘o vide dincello ca sto ccà ‘ncoppa!

Rosella   Va bene! (Cenno d’intesa con Ciccillo ed esce dalla comune)

SCENA V (Carmela – Bettina – Ciccillo)

Carmela  (A Ciccillo) Ciccì, pigliate ‘sti vestite e valli a vendere!

Ciccillo   (Con malcelato rammarico) Signò, p’ammore a ‘o cielo, che vulite fa’? Cu’ ‘sti vestite don Felice ce recita: fa Oreste, Otello, Romeo…e po’ ‘e tengo io ‘ncunzegna, si nun ‘e trova se ‘a piglia cu mme!

Carmela  (A Ciccillo) Nun te preoccupà, fa’ chello ca dico io, tu sei comandato…qualunque cosa dice me ‘o veco io!

Ciccillo   Mo’ che ‘o sape don Felice se ne cade ‘o munno! (Prende i vestiti ed esce dalla comune)

SCENA VI (Carmela – Bettina)

Carmela  Mo vedimmo si nun ‘a fernesce ‘e vulé fa’ a forza l’artista drammatico: s’adda mettere ‘ncapo ca mo tene ‘na mugliera e adda faticà pe’ a da a mangià!

Bettina   Brava e l’adda capì pure maritemo: adda accettà qualsiasi cosa ca lle vonno fa’ fa’! Ha rifiutato un contratto solo perché doveva recitare in napoletano e a isso nun le piace!

Carmela  E se sape chillo è fiorentino….

          (RIDONO)

Bettina   Carmé te ricuorde ‘e tiempe belle ‘e ‘na vota? Faticavamo è ‘overo…’na vita sofferta: cantavamo, ballavamo…

Carmela  E magnavemo!

Bettina   Ma chi ce ‘o facette fa’?

Carmela  Volevamo fare le signore con i mariti che lavoravano per noi…

Bettina   ‘O principio fuje accussì, ma po’ so’ asciute mmiezo ‘e café chantant e gli attori drammatici nun ‘e vonno cchiù!

Carmela  Vonno sulo comici, cantante e ballerine…

Bettina   ‘E marite nuoste nun faticano…

Carmela  E nuje ce puzzammo ‘e famma

Felice    (Da fuori) Trase Peppì…

Carmela  So’ lloro, nun ce facimmo vedè…

Bettina   Si, ma cercammo ‘e sentì che diceno! (Escono a sin e di tanto in tanto fanno capolino)

SCENA VII (Felice – Peppino)

Felice    (Entra seguito da Peppino) Peppì, in nome della nostra vecchia amicizia, devi aiutarmi. Devi recitare una parte in Romeo e Giulietta!

Peppino   Don Felì, sto a disposizione e poi ‘a parte ‘e Romeo ‘a saccio a memoria: l’ho fatta ‘nu cuofeno ‘e vote!

Felice    (Si rischiara la voce e un po’ a disagio) Peppì, veramente Romeo lo faccio io!

Peppino   (Deluso) E io che faccio?

Felice    Hem…hem…Giulietta!

Peppino   Giulietta? ‘Na parte ‘e femmena?

Felice    E quella mi manca!…E poi, caro il mio guitto, i grandi artisti sanno fare tutto! La tua bravura ed il trucco, risolveranno il problema! Nessuno si accorgerà che sei un uomo! Tieni, mettiti questa parrucca (Gliela porge) e liegge ‘a battuta in falsetto!

Peppino   (Si mette la parrucca e con voce femminile) Oh Romeo, perché sei tu Romeo? Disconosci tuo padre, ripudia il tuo nome e se nol vuoi, giura di amarmi ed io cesserò di appartenere ai Capuleti!

Felice    (Con disgusto) L’udrò io ancora, risponderò a queste parole?

Peppino   (Sempre con voce di donna) Che d’è don felì, non vi sono piaciuto?

Felice    Non è questo, Peppì….Tu sei un grande attore, ma…il fatto è…che come Giulietta faje ‘nu poco schifo!

Carmela  (Fa capolino insieme a Bettina)

Felice    …E mo’ domenica al S. Ferdinando che faccio?

Peppino   Facite: “La morte civile”

Felice    Eppure dice bbuono….O faccio la morte civile o faccio…

SCENA VIII (Carmela – Felice – Peppino – Bettina)

Carmela  (Esce con Bettina) …..‘A morta ciaccata, pecché io te ciacco!

Felice    Alfin cosa ti manca?

Peppino   Manca?

Bettina   (Assiste divertita agli interventi del marito)

Carmela  Uh, che me manca? So tre gghiuorno ca nun me daje ‘nu soldo, ho torto?

Peppino   Torto?

Felice    Nossignore, è la verità ed hai ragione….ma se niente ho, cosa posso darti?

Peppino   Darti?

Carmela  Cheste so cose ca io nun voglio sapè. Se non tenevi niente, non ti sposavi. Adesso io voglio mangiare, ‘ e capito, voglio mangià, me moro ‘e famma!

Bettina   Ce murimmo ‘e famma!

Peppino   Ma care signore….se voi la fame lamentate, siam forse noi sazi’

Felice    Sazi?

Peppino   Se il vil danar ci manca, cosa si vuol ch’io faccia’

Felice    Che noi facciam?

Carmela  Perché non volesti accettare quel mese a Bari’

Bettina   Perché non hai voluto recitare in napoletano’

Felice    Perché sempre perché…

Peppino   Solo perché!

Felice    Perché io non recito dopo il ballo..

Peppino   Ed io non mi ribasso al vernacolo…

Felice    Scendere a compromesso mai, piuttosto la morte!

Peppino   E se sape! Piuttosto la morte!

Bettina   Passasse l’angelo e dicesse Amen!

Carmela  (Incalzante a Felice) Sienteme bbuono: io chesta vita nun ‘a voglio fa’ cchiù! ‘O faje ll’ommo overo e vaje a faticà o me ne vaco, te lasso!

Bettina   E pur’io!

Peppino   (Insieme a Felice) Passasse l’angelo e dicesse amen!

Carmela  E po’ vide! Mo’ chiacchiere nun ne faccio cchiù! (A Bettina) Vieni cara, ritiriamoci nell’altra ala dell’appartamento! (A Felice) Questo è un ultimatum. Va al ristorante, ordina ‘o mangià e fallo venì ccà…

Bettina   Tempo mez’ora, si no ce ne jammo!

Carmela  Pensa che la famma è ‘na brutta bestia….

Bettina   La famma fa uscire il lupo dal vuosco….

Carmela  Mettiteve scuorno!

Bettina   Scuorno! (Va via in fondo a sin. Seguita da Carmela)

SCENA IX (Felice – Peppino)

Peppino   Va via vaiassa, il tuo ciarlar non pereta risposta!

Felice    Non ti curar di lor ma guarda e passa, mio caro e buon amico…

Peppino   Don Felì, aggio avuto ‘na bella idea: jate ‘o ristorante ed ordinate chello nca vulite e al momento di pagare dite “ Ma che distratto, ho dimenticato sopra il portafogli…Vado a casa e vi porto quanto dovuto”..…..Ce pigliammo ‘o mangià, ce ne jammo e chi s’è visto s’è visto!

Felice    Bravo ‘e avuto ‘na bella idea…Ce sta sulo un piccolo inconveniente Peppì…Io so’ carta cunusciuta, aggio a da’ denare a tutte quante!

Peppino   Io non capisco pecché nun ce fanno faticà cchiù…

Felice    Pecché ora è di moda il café chantant e due attori bravi, seri e preparati come noi nun ‘e vonno!

Peppino   Mannaggia ‘o café chantant…(Timoroso) Ma don Felice non potremmo…

Felice    (Urla) Mai! Il solo pensiero mi fa venire un dolore qua (Indica lo stomaco) un dolore che mi toglie il respiro, che dici sarà un infarto?

Peppino   No don Felì, è ‘a famma!

Felice    Hai ragione, ma nun spannimmo ‘a voce!

Peppino   State tranquillo!

Felice    La vita è una continua mortificazione: ho insegnato una poesia al figlio del barbiere e chillo pe’ se disobbligà me ha miso tre solde mmano!

Peppino   Tre solde? E vuje nun ce l’avite jttate ‘nfaccia?

Felice    Si….col pensiero pecché ‘a verità me l’aggio pigliate: si c’é tiravo ‘overamente chillo era capace ca nun me deva cchiù e perdevo Filippo e ‘o panaro!

Peppino   ‘O nicissario è ca c’o pensiero ce l’avite menato ‘nfaccia!

Felice    Ce l’aggio menato e cu tutta ‘a forza….forse ho esagerato pecché l’aggio stroppiato brutto!

Peppino   Cu ‘o pensiero

Felice    Cu ‘o pensiero! Ma mo’ Peppì, famme ‘nu piacere: arriva all’agenzia e domanda se c’è qualche richiesta per me…

Peppino   Vado..

Felice    Po’ allungati fino alla posta e vide si ce sta ‘na lettera pe’ me: aggio avè ‘na risposta ‘a Barletta per certe recite!

Peppino   Volo…ma addò ‘a trovo ‘a forza? (Via per la comune)

SCENA X (Ciccillo – Felice)

Ciccillo   (Entra dalla comune con in mano del denaro ed una carta) Pe avè ddoje lire e meza c’e voluta a mano d’o cielo! (Vede Felice e nasconde il danaro) Buongiorno, don Felì!

Felice    Ciccì nun saccio comme te veco, che t’è successo?

Ciccillo   (A disagio) Niente, don Felì, tengo ‘na debolezza ca me sento ‘e murì!

Felice    Agge pazienza, Ciccì…Aspetto una lettera che risolverà tutti i nostri problemi! …Ma che tiene mmano?

Ciccillo   E’ ‘na carta ca m’ha dato ‘a guardaporta pe’ vuje!

Felice    Damme ccà, fosse finalmente ‘na bella notizia (Legge) Se…se…è la seconda citazione del padrone di casa che domanda sequestro e sfratto!

Ciccillo   Niente cchiù? Permettete, io vaco ‘nu mumento adda signora ‘a via ‘e dinto! (A parte) Quanno nun trova ‘e vestite siente ‘e rrisa!

SCENA XI (Aspremo – Felice – Carmela - Luisella)

Aspremo  (Entra dalla comune) E’ permesso?

Felice    Avanti chi è?

Aspremo  (Sulla porta) Sono Aspremo Sessa, usciere del Tribunale!

Felice    ‘O sapevo…Che velocità, già è venuto per il sequestro!

Aspremo  Siete voi l’artista Felice Sciosciammocca?

Felice    A servirla…ma…

Aspremo  Favorirmi sempre…(Si volge alla porta) Trase Concé’…

Concetta (E’ sua moglie. Entra e piange) Ihihih…

Aspremo  Dovrei parlarvi di un affare che mi sta molto a cuore….

Felice    Accomodatevi prego…ma ‘a signora pecché chiagne?

Aspremo  Pecché chiagne? Pecché si nun chiagne nun è felice…

Concetta Ah, nun aggia chiagnere, sapenno che la mia unica figlia, adda fa’ chella fine, e ‘o pato ce ‘a vo fa fa’!

Aspremo  Certo che ce ‘a voglio fa fa’, allora pecché l’aggio purtata ‘addu don Felice?

Concetta Pe ‘a fa fa ‘na brutta fine…. Pe’ a mettere ‘ncoppa via d’o peccato?

Felice    (E’ frastornato) Pe’ cchi m’avite pigliato, e….po’ faciteme capì…

Concetta Ma che vulite capì, site ‘na mamma vuje?

Felice    No…

Concetta E allora stateve zitto, pecché sulo ‘na mamma po’ sapé chello ca è buono pe’ ‘na figlia!

Felice    Si va be’, ma di qua a dire che potrei portarla sulla via del peccato è insultante e infamante e poi come potrei…continuo a non capire…

Concetta Ah nun capisce? Vuò purtà ‘ncopp’o palcoscenico a ‘creatura mia, a chell’aneme ‘e Dio, ‘a vuò fa esibira mez’annura o solo con la foglia, ‘nnanzo a tanto gente! E ‘nu pato po’ fa’ chesto…portare la figlia da un mascalzono, da un delinquento ca pe’ fa’ ‘sti cose se fa pure pavà! Ma io te scasso ‘a faccia! (Si avventa su Felice)

Felice    (Riesce a scansarsi, si ripara dietro ad una sedia e si rivolge ad Aspremo) Fermate la ufara!

Aspremo  (La blocca) Fermate, schiuvazione de’ peccate mieje, e stamme a sentì: don Felice è n’attore serio e po’ ‘mparà a recità a Luisella, ma in modo classicheggianto…onesto!

Felice    E se sape i’ so’ ‘na persona seria ed onesto!

Concetta ‘Overamente nun tanto ce pare, ma se ‘o dicite vuje….

Luisella   (Entra) Papà e quando mi chiami?

Concetta Trase Luisé, qua sta il tuo salvatore….

Aspremo  Su, di a don Felice chi sei, come ti chiami e cosa vuoi fare…

Concetta Mo’ sentite….

Luisella   Io mi chiamo Luisella Sessa, figlia di Aspremo Sessa e di Carmela Sasso. Tengo venti anni cinque mesi e quattro giorni: Voglio imparare a recitare  e voglio fare la prima donna.

Concetta Tié!…..Avite vista quant’è bellella?

Felice    Veramente è graziosa…

Concetta E comm’è seria…Avite visto comme veste tutta accullata? (Alla figlia) E spontate ‘sta camicetta ‘nganno, fa vedé che bello decoltello tiene!

Felice    ‘Sta a sentì a mammà (A parte) Chesto pecchè io, ‘a purtavo ‘ncopp’a ‘na strada malamente!

Aspremo  Mo’ vi fccio vedé quant’è spiritosa. Luisé ma lo sai che per fare la prima donna ci vuole spirito?

Luisella   Di spirito ne tengo una carretta: il dramma posso fare e la farsetta…e sia la prima donna e la servetta!

Felice    E brava ha fatto anche la rimetta!

Concetta Quant’è bellella…quant’è bellella….(Alla figlia) E spontate n’atu buttone…

Aspremo  Insomma don Felì, noi ve l’affidiamo: chesta adda ascì ‘a sotto ‘a vuje!

Felice    Me ha pigliato pe’ ‘na voccola!

Luisella   (Va alla finestra) povero Giacomino, sta sott’o sole…io gli ho detto ca appena mamma e papà se ne vanno, sagliesse cu una scusa!

Aspremo  Quando le potete dare la prima lezione?

Felice    Anche adesso! Mo’ le do una parte, essa se la ‘mpara ‘nu poco e po’me la fa sentì….(Va a prendere dei fogli)

Aspremo  Grazie, grazie infinite..

Concetta ‘A Madonna ve ‘o renne..

Felice    Ecco qua, questa è una porticina dint’a ‘nu dramma che ho scritto io: Si chiama Giorgetta. Tiene due scene al secondo atto, ma è di molto effetto (A Luisella) Imparate questa parte a memoria e poi me la farete sentire!

Luisella   (Prende la parte e guarda) Accussì ppoco? Io ne vulevo cchiù assaje!

Concetta E tu staje accussì accullata…sponta…sponta….

Felice    Per ora imparate questa, in seguito vi darò parti più lunghe!

Luisella   Va bene (Va a sedersi e a leggere)

Aspremo  Mo’ ha pigiato ‘o terno….Non so come ringraziarvi…

Concetta (Tendenziosa) E ringrazialo…fa ambresso…(Fa accenno al portafogli)

Aspremo  Ah si! (Prende il portafogli e dopo aver sfogliato alcune carte gli da il suo biglietto da visita)…Questo è il mio indirizzo, qualunque cosa, a disposizione!

Felice    (Deluso lo prende) Va bene! (A Carmela) M’ha ringraziato!

Aspremo  Noi ce ne andiamo….(Alla moglie) Mo’ c’avimmo ‘a fa?

Concetta Già te l’è scurdato (Gli fa cenno il portafogli)

Aspremo  Ah si…(Stessa azione di prima. Dopo aver scartato alcuni foglietti ne prende uno e legge) Addò miedeco ce so’ gghiuto, d’o scarparo pure…Aggio accattà sulo ‘e patane…(A Felice)! Mi devo scrivere quello che devo fare…Sapete io sono ‘nu poco scurdariello!

Felice    (A parte) E s’è scurdato ‘e me pavà!

Concetta Nuje ce ne jammo…statte bbona Lusé..papà te vene a piglià ‘e cinche (La guarda alla gola) E che faje tutta scullata? Statte accorta ca l’uommeno so’ tutte eguale……apponta…apponta!

Felice    (La guarda con fare interrogativo)

Concetta (Indicando Felice) Lo vedi come ti guarda con l’occhio lassureggianto e libridinoso...Apponta, apponta ‘sti buttone….(Via dal fondo)

Aspremo  Perdunatela, ma ‘a mamma è mamma! (Via Comune)

Felice    Cheste so’ cose ‘e pazze! Si torno a nascere me faccio prevete!

SCENA XII (Felice – Luisella)

Felice    (A Luisella) Allora veniamo a noi, (Riferendosi alla parte) l’avete letta una volta?

Luisella   Una volta? L’o letta cinque volte e ‘a saccio già a memoria!

Felice    Veramente? Allora fatemi sentire!

Luisella   (Come se dicesse la poesia di Natale) Atto secondo, scena prima….

Felice    Questo non si dice…

Luisella   Va bene. Allora….”Esce pallida e tremante”

Felice    (Con pazienza) E questo neanche si dice…

Luisella   Ah! (A parte) Sperammo che ‘a prossima ‘a ‘ngarro! (scherzosa) Non la voglio!

Felice    (Disgustato) No, per carità, non è questa l’inflessione!….Avete ragione: non sapete l’argomento! Giorgetta…il personaggio in questione, è una ragazza povera, ma onesta ed ama riamata un contadino povero come lei. Un ricco signore vorrebbe farla sua e le offre tutta la sua ricchezza, ma essa ferma e risoluta, dignitosamente risponde: “Non la voglio!” ed è questa l’inflessione che dovete usare!

Luisella   Ho capito!

SCENA XIII (Ciccillo – Felice – Luisella)

Ciccillo   (Entrando) Don Felì, avete ordini?

Felice    Signorì, permettete un momento. Ciccì, famme ‘o piacere: chiste so’ tre solde; vai dal pizzaiolo e famme ‘na pezzella cu ‘a pummarola. Vediamo si me passa ‘sta languidezza ‘e stomaco!

Ciccillo   ‘Na pezzella cu ‘a pummarla….(Barcolla) Vaco, l’addoro e ve ‘a porto! (Via fondo)

Felice    (A Luisella) Fatemi sentire come dite quella battuta!

Luisella   (Esagerando) Non la voglio!

Felice     E pecché alluccate? E’ una battuta che si deve dire con forza ma senza strillare!

SCENA XIV (Felice – Luisella- Giacomino)

Giacomino (Fa capolino dal fondo) Scusate…

Felice    Chi siete, che volete?

Giacomino Vorrei parlarvi, ma vedo che siete occupato e non voglio disturbarvi.

Felice    Non preoccupatevi, la signorina non va di fretta, potete parlare!

Giacomino (Ossequioso) Signorina, vogliate scusarmi, non volevo importunarvi!

Luisella   (C.s) Nessun disturbo, io non vado di fretta…

Giacomino Come siete gentile!

Luisella   Come siete garbato!

Felice    Comme siete vummecoso!. Amico, se siete venuto a fa’ ‘o farenella, ve ne potete anche andare! Se dovete parlare con me, parlate con me!

Giacomino Avete ragione! Scusate se non mi sono presentato ancora: mi chiamo Giacomino Belloccio, mio padre è ricchissimo e tene sulo a me! Sono stato tanti anni a scuola, ho studiato tanto..

Felice    E vi siete laureato…

Giacomino No..

Felice    Diplomato..

Giacomino No…

Felice    Licenziato…

Giacomino Si, d’a scola…A stiento me so’ ‘mparato a fa’ ‘a firma mia!

Felice    Tutto qui? Non sapete fare altro?

Giacomino Saccio fa’ ‘o comico!

Felice    E comme facite si nun sapite leggere e scrivere? Comme ve ‘mparate ‘a parte?

Giacomino Chi se ‘a ‘mpara? ‘O suggeritore me ‘a dice e io ‘a dico ‘a coppa!

Felice    (A parte) E io te vatto a sotto!

Giacomino Voglio ca vuje me date un mese di lezione: io vi do cinque lire al giorno… Se ci riesco è bene, se non vi ringrazio e non ci penso più!

Felice    (Speranzoso) Le cinque lire di oggi le avete portate?

Giacomino Sissignore, dopo la lezione v’’e dongo!

Felice    Benissimo! Allora facciamo così: col permesso della signorina…

Luisella   (Languida) Permesso accordato!

Giacomino (C.s) Grazie!

Luisella   (C.s) Ma vi pare…

Felice    Mo’ me metto cu’ ‘na cannela mmano e stammo a posto! Neh uhé stateme a sentì.(A Giacomino) ‘Na vota ca ve truvate ccà con la stessa intenzione della signorina la quale si stava ripassando una parte, facciamo così: (Prende un copione) Questo è un dramma: mo’ vi suggerisco io le battute: voi fate il conte Ottavio e la signorina, Giorgetta

Giacomino Benissimo!

Felice    (Leggendo il copione) Ottavio: “Vedi tu queste ricchezze o Giorgetta? Sono tue!”

Giacomino (Ripete l’ultima parola delle battute come se dicesse tutta la frase dando alle parole una recitazione drammatica) Tue!

Felice    Tu sola ne sarai la padrona!

Giacomino Padrona!

Felice    Amami Giorgetta e tutto avrai.

Giacomino Avrai!

Felice    Se tu acconsenti all’amor mio questa villa è tua!

Giacomino Tua!

Felice    Bravo, avete dato la giusta intonazione a tutte le battute!

Giacomino Modestamente, sono un attore nato!

Felice    (A Luisella) A voi!

Luisella   (Gridando) Non la voglio!

Felice    Vi ho già detto di non urlare, ma tenite ‘a capa tosta…Vi ho detto con forza, ma senza gridare! Mo’ ve la recito io(Si sposta a destra)

SCENA XV (Ciccillo – Luisella – Felice Giacomino)

Ciccillo   (Entrando dal fondo con il cartoccio della pizza in mano. Si rivolge in tono basso a Felice) Don Felì, la pizza!

Felice    (Riferendosi alla battuta di Luisella) Non la voglio!

Ciccillo   (Contento) E mo’ me ‘a mangio io! (Via a dx)

SCENA XVI (Ciccillo - Felice – Luisella – Giacomino)

Felice    E no signorina bella, fate troppe mosse, non siete naturale: guardate i movimenti che faccio io! (Si posiziona) Se tu acconsenti all’amor mio, questa villa sarà tua!

Ciccillo   (Entrando) Don Felì, ‘o pustino ha purtato ‘sta lettera!

Felice    (Sempre riferendosi alla battuta di Luisella) Non la voglio!

Ciccillo   E mo’ ce ‘a dongo n’ata vota ‘o purtalettere!

Giacomino (Ride in modo goffo) Ih…ih…ih…

Felice    Scusate, ma pecché redite?

Giacomino Pecché è successa ‘na cosa buffa assaje!

Felice    Che cosa?

Giacomino (Sempre ridendo quasi a perdifiato con risucchio finale) IL vostro servo vi ha portato una lettera, voi stavate facendo vedé la parte alla signorina e avete detto: “Non la voglio” . Chillo se credeva ca l’aviveve cu isso  e l’ha riportata al portalettere!

Felice    Doveva essere la lettera di Barletta. Da quanno tempo se n’è gghiuto?

Giacomino Proprio adesso

Felice    Permettete! (Via)

SCENA XVII (Giacomino – Luisella)

Giacomino (Accertatosi di essere solo con Luisella) Luisella, amore mio, sciasciona mia, me vuò bene?

Luisella   Assaje assaje, ma comme facimmo cu papà e soprattutto cu’ mammà, quelli so’ così ostinati

Giacomino Ma che ce ne fo…(Si riprende) importa ‘e lloro! Se mi vuoi bene ‘overamente te ne vieni con me a Pozzuoli. Aggio avuta ‘na scrittura pe’ ‘nu mese. Saje che facimmo? Ci cambiamo nome e canti pure tu ‘nzieme a me: ce divertimmo e facimmo cose ‘e pazze!

Luisella   E ci sposiamo!

Giacomino E se capisce, zuccariello mio! Appena turnammo a Napule!

Luisella   Amore mio bello!

Giacomino Ora me ne vado prima io, po’ truove ‘na scusa e te ne scendi pure tu! T’aspetto abbascio, appena scinne ce pigliammo’na carrozzella e ci facciamo portare a Pozzuoli, che ne dici?

Luisella   Si amore mio, faccio tutto quello che vuò tu! (Si abbracciano)

SCENA XVIII (Luisella – Felice – Giacomino)

Felice    (Fuori campo) N’ata bella notizia!

Luisella   (Si allontana da Giacomino)

Felice    (Entra) Non potete immaginare che portalettere ‘ntussecuso aggio truvato! (Rifacendogli il verso) “Vuje primma avite ditto”: “Nun la voglio e poi la volete. A chi vulite fa perdere ‘a capa?” Meno male che alla fine me l’ha data!

Luisella   (Ride insieme a Giacomino) Ah…ah…ah…!

Giacomino Scusate se me ne vado, ma papà mi aspetta e nun ‘o voglio fa’ sta’ ‘npensiero! Ci vediamo domani!

Felice    (Deluso) E la lezione?

Giacomino Domani, domani vengo cu cchiù genio!

Felice    E ‘a cinche lire?

Giacomino Domani, domani…

Felice    Me ‘a date cu cchiù genio!

Giacomino E se sape! (Cenno d’intesa con Luisa) Arrivederci! (Via dal fondo)

Felice    Aggio perso cinque lire a mano a mano!

Luisella   (Si è avvicinata alla finestra e fa finta di parlare con il padre, a voce alta) Papà, vulite a me? Sissignore mo’ vengo! (A Felice) Me ne vaco, papà me vo’! Arrivederci! (Via)

Felice    Arrivederci! (Barcolla) Me gira ‘nu poco ‘a capa! Mi sorge un dubbio: che fosse ‘a famma?

SCENA XIX (Felice – Peppino - Ciccillo)

Peppino   (Entra dalla comune con la testa bassa)

Felice    Peppì, qualche buona nuova?

Peppino   Sempe ‘a stessa storia: so’ stato all’agenzia e richieste di attori drammatici nun ce ne stanno. Solo per artisti di café chantant! C’è rimasto sulo ‘a speranza ‘e ‘na bona notizia da Barletta!

Felice    (Mostra la lettera) Eccola qua la notizia da Barletta: pure llà s’è aperto ‘nu café chantant e ‘o teatro ha ‘nzerrato ‘o sipario! Oh arte arte come sei caduta in basso! (Cambia tono) Ma Ciccillo, ‘sta pizza quanno ‘a porta?

Peppino   ‘A verità don Felì, nun ce ‘a faccio cchiù!

Ciccillo   (Entra dalla comune)

Felice    (Lo vede) Ciccì e ’a pizza?

Ciccillo   Me l’aggio magnata!

Felice    (Con voce strozzata) Magnata, te l’e magnata e pecché?

Ciccillo   Mico a putevo jettà: Quanno ve l’aggio purtata vuje avite ditto:Non la voglio!

Felice    Ma stisse danno ‘e nummere? (Riflette) Ho capito:io stavo insegnando la parte a chella figliola! (Sgomento) E’ successo ‘o stesso fatto d’a lettera!

Ciccillo   Don Felì, perdonatemi!

Felice    Io mo te magno ‘a capa! (Lo afferra e gli da un morso in testa) Ah! La bocca sollevò dal fieto pasto!

Peppino   (Li divide) Don Felì, calmatevi!

Felice    Mi calmo, si mi calmo! Che pozzo fa’? Ho capito, risolverò il problema! (A Ciccillo) Ciccì, arape chella cascia dint’o corridoio, piglia chilli vestite che me facette ultimamente e valli a vendere! Pure si te vonnoda 40, 50 lire, tu dancelle ‘o stesso!

Ciccillo   (A disagio) Don Felice, lassate perdere, ve servono pe’ faticà!

Felice    Lo so, ma è d’uopo che io mi sacrifichi!

Ciccillo   (Indugia)

Felice    E te vuò movere?

Ciccillo   Don Felice vulite sapere ‘a verità, ma io non c’entro!

Felice    Che ato è succiesso?

Ciccillo   E’ succiesso ca donna Carmela già me l’ha fatte vennere e m’hanno dato ddpje lire e meza!

Felice    (Barcolla) Ddoje lire e meza? Mo’ è meglio ca te ne vaje si no te magno a muorze!

Ciccillo   (Piagnucolando) ‘O sapevo che se ‘a pigliava cu’ mme! (Via a sin)

SCENA XVIII (Vincenzo–Felice–Peppino-Ciccillo che ogni tanto fa capolino e ascolta)

Vincenzo (Entrando) E’ permesso?

Felice    Chi è, favorite!

Vincenzo Voi non mi conoscete,ma vi conosco io! (Gli tocca il mento) Vì’ ca bella faccia, puozze campà mill’anne. Vi devo parlare di un affare molto importante,ma avimmo a essere poche recchie!: (Indica Peppino) ‘Stu signore chi è?

Peppino   (Pavoneggiandosi) Un attore quasi all’altezza di don Felice!

Felice    Quasi…

Vincenzo Allora po’ sentì (Imperioso) Assettammoce!

Felice    Fate come se foste a casa vostra!

Vincenzo Siete un signore!

          (Siedono tutti e tre)

Felice    Modestamente, dunque?

Vincenzo Io mi chiamo Vincenzo Penna soprannominato ‘Mbroglia! Lavoro come cameriere in casa di un ricco signore che abita insieme alla sorella vedova, ch’è cchiù ricca d’isso! Il mese scorso venettero a Napule pe’ vedé ‘nu spettacolo ‘e café chantant al Chiatamone, e lle piacette assaje, tanto che appena turnajno a Pozzuoli, facettero rinnovà ‘nu grande locale ed hanno aperto pure lloro ‘nu café chantant!

Felice    Pure lloro?

Vincenzo Si, ma mo’ vene ‘o bello! Ieri sera ‘a vecchia m’ha chiamato e ha ditto: ”Vincenzo, senza fare capire niente a mio fratello, devi andare a Napoli e devi trovare due giovani simpatici ca sanno cantà e recità….

Peppino   Se avete pensato a noi avete sbagliato palazzo!

Felice    Aspetta, nun gghì e pressa, fallo parlà! (A vincenzo) Continuate!

Vincenzo I due giovani, ha continuato ‘a vecchia, devono essere napoletani,pecché i napoletani me piaceno assaje.

Peppino   E’ una buongustaia!

Vincenzo (Imperioso) Silenzio!

Felice    Peppì e ‘o vuò fa’ parlà? (A Vincenzo) Continuate!

Vincenzo Grazie, si nun fosse pe’ vuje a ‘stu bell’ommo, già l’avesse cacciate a cavece…

Felice    E io ve ringrazio!

Vincenzo Secondo me chello che ha ditto ‘a vecchia è ‘na scusa pecché se vò mmaretà n’ata vota!

Peppino   (Sta per Parlare)

Felice    (Gli fa cenno di zittire)

Vincenzo (Continuando) Stammatina so’ venuto a Napule e so’ gghiuto all’agenzia dove m’hanno dato ‘e nomme vuoste….

Peppino   Come vedete ci stimano!

Vincenzo No ‘o fatto è ca tutte l’ate artiste stanno ‘mpignate!

Felice    Sule nuje a spasso…

Vincenzo Io so’ stato contento ‘o stesso pecché ‘o saccio comme recitate ed eccomi qua!

Felice    Scusate, ma dove ci avete visto recitare…

Peppino   …..Qui a Napoli, a Londra …Parigi…Vienna’

Vincenzo A Caivano, miezo a piazza: tutte ‘e dduje recitasteve l’Otello e j’ me facette ‘nu cuofeno ‘e resate!

Felice    (Contrariato) Rideste con l’Otello? Com’è possibile, quello è un dramma!

Vincenzo E’ ‘nu dramma ca fa ridere e po’ vuje stiveve vestite accussì curiose!

Felice    Va bene, va bene lasciamo perdere.Comunque vi sono grato per aver pensato a noi!

Peppino   Vi siamo grati!

Vincenzo (A Peppino) Della vostra gratitudine personale nun me ne fotte proprio!

Peppino   Gentilissimo!

Felice    Comunque non possiamo accettare: siamo artisti, non saltimbanchi!

Peppino   Noi recitiamo nei grandi teatri, amico mio!

Vincenzo (Minaccioso) Amico tuojo?

Felice    E’ un modo di dire, lasciate perdere!

Vincenzo Grandi teatri, mmiezo ‘a via o al café chantant, nun è ‘a stessa cosa? Voi capite ca potete guadagnare parecchi llire recitando solo qualche scena di prosa, o arrepezzanno ‘na canzuncella?

Felice    (Tentenna) E il nostro cachet quanto sarebbe?

Vincenzo Che d’è ‘o cachet’

Peppino   La muniglia, la grana…’e denare!

Vincenzo Quaranta lire a ‘o juorno a persona! So’ ottanta lire, settanta v’’e pigliate vuje e diece a me che ho combinato l’affare…

Peppino   (Contrariato) Diece a vuje?

Vincenzo Tenisse qualcosa a dicere?

Peppino   No niente è un buon prezzo, so’ poche!

Vincenzo Haje ragione..Allora facimmo a me vinte lire!

Felice    (A Peppino) Ne facisse una bbona, nun te staje maje zitto!

Vincenzo Allora, vinte lire a me, e a vuje sessanta lire e vitto e alloggio gratis! E si ‘a vecchia se ne va ‘e capa ‘e uno ‘e vuje, avite fatta ‘a fortuna vosta!

Felice    Ma qua’ fortuna, noi siamo sposati…

Peppino   …Infelicemente sposati!

Vincenzo Site dduje frullocche! Chesto nun ce l’avita dicere: ‘a scurchigliate quatte, cinchemila franche e chi s’è visto, s’è visto! Nun ve perdite st’occasione!

Felice    (Come a cercare il consenso di Peppino) Peppì…

Peppino   (Invogliante) Don Felì…

Felice    E l’arte?

Peppino   (Prendendo coraggio) Chi se fotte ‘e ll’arte, don Felì….Un grande artista ha il dovere di aggiornarsi, modernizzarsi!

Vincenzo (Dandogli una manata sulla spalla) Ave ragione ‘o scunciglio!

Peppino   (Dolorante si rivolge a Vincenzo) E ci dareste pure un anticipo?

Vincenzo E se capisce! Tengo dint’a sacca duiciento lire tutte pe’ vuje!

Peppino   (Speranzoso) Don Felì, so’ duiciento lire!

Felice    (Come a volersi giustificare) Nun è ‘nu soldo!

Peppino   Alla fine, so’ quindici giorni fore Napule, chi ‘o vene a sapè!

Felice    (Deciso) No,..no…e poi ancora no e per sempre no….

Peppino   (Sgomento) Don Felì….

Felice    (Risoluto) No, non posso rifiutare, accetto!

Peppino   (Felice) Bravo…(Applaude)

Vincenzo (Gli fa uno sguardo truce, poi caccia un foglio) Allora facimmo ‘o cuntratto!

Felice    Sissignore, favorite con noi nell’altra stanza!

Vincenzo Benissimo, dopo io mi avvio e voi mi raggiungete alla Torretta

          (Tutti e tre escono dal fondo)

SCENA XX (Carmela – Bettina – Rosella)

Carmela  (Entra dalla sinistra con Bettina) Ddoje lire e meza, io nun me faccio capace, sulo ddoje lire e meza pe’ dduje vestite!

Bettina   Intanto chilli dduje caliote se ne so’ gghiute senza risolvere niente!

Rosella   (Entra dal fondo tutta trafelata) Donna Bettì’. Donna Bettì’…

Bettina   Ch’è d’è?

Rosella   ‘O cartiello, ‘o cartiello ‘e don Peppino!

Bettina   E’ venuto qualcuno?

Rosella   (Titubante) Si!

Bettina   (Speranzosa) Vuò vedé qualcuno ca vò piglià lezioni di recitazione?

Rosella   (Fa per parlare, ma Bettina non gliene da il tempo)

Bettina   (C.s) Finalmente facimmo qualcosa ‘e denaro….

Carmela  …..Finalmente se magna!

Bettina   (A Bettina) E te fatto dicere chi so’?

Rosella   (Mesta) ‘E guardie!

Bettina   (Insieme a Carmela) E guardie, e che vonno?

Rosella   V’hanno fatta ‘na multa ‘e cinque lire pecché vicino ‘o cartello nun ce steva ‘o bollo!

Bettina   Mo’ che veco a maritemo ’o tiro ‘e capille e tanno ‘o lascio quanno se n’è venuta ‘na vranga mmano! E mo comme pagammo? …E si me fanno ‘o sequestro?

Carmela  E che te sequestrano ‘e pimmice?

Bettina   No, pecché ce l’avimmo ‘mpignate ‘nzieme ‘e matarazze!

Rosella   (Cerca di parlare, ma Bettina la precede)

Bettina   Pure va a fernì ca ce portano ‘ngalera!

Carmela  Per lo meno magnammo: colazione, pranzo e cena!

Rosella   (Risoluta) E faciteme dicere ‘na parola…..nun ve preoccupate, ‘a multa è stata pagata!

Bettina   Chi l’ha pavata?

Rosella   Io stavo parlanno cu ‘e guardie quanno è arrivato ‘nu giovane che cercava ‘e vuje!: io ce aggio ditto ca so ‘a serva vosta e isso ha ditto che ve adda parlà! ‘E guardie ‘o vulevano arrestà pecché pensavano ca ‘o cartello l’aveva miso isso e accussì ha pigliato ‘e cinche lire e ha pavato ‘a multa!

Bettina   Ha pagato isso e chi è?

Rosella   Ha ditto ca si chiama Totonno Favetti e conosce pure ‘a signora Carmela. Cantava dint’o coro quanno vuje faciveve l’operetta! L’aggio purtato ccà ‘nzieme a me, sta a via ‘e fore!

Carmela  Uh Totonno, fallo trasì!

Bettina   E po’ vattenne a casa!

Rosella   Va bbuono! (Via dalla comune)

Bettina   Carmé, ‘e capito chi è? Chillo ca se spusaje a chella corista chiatta chiatta…

SCENA XX (Totonno–Carmela–Bettina–Ciccillo che ogni tanto fa capolino ed ascolta)

Totonno  (Entrando) Precisamente, e tengo pure tre figlie!

Carmela  Trase Totò, nun ce vedimmo ‘a tantu tempo, comme staje?

Totonno  Comme me vedite!

Bettina   ‘Na bellezza, assettate!

Carmela  E parlace ‘e te: che staje facenno?

Totonno  Dovete sapere che dopo aver tentato inutilmente ‘e fa’ ‘o cantante, sono andato a servizio da ‘nu ricco signore ca mo’ s’è aperto ‘nu café chantant comme a chillo ca sta ‘o Chiatamone e ha ditto: ”Totò, tu devi andare a Napoli e mi devi trovare ddoje cantante, ddoje belle guaglione, ca si teneno ‘na bella voce ‘e dongo chello ca vonno lloro! “Va bene” gli ho risposto, accussì so’ venuto a Napule e aggio pensato a vuje! . Me so’ ‘nfurmato addò stiveve ‘e casa e so’ venuto! Ora, senza troppi chiacchiere, vi domando: vulite venì a passà quinnice juorne allegramente a Pozzuoli?

Carmela  Totonno mio, con piacere, ma comme facimmo, nuje simmo spusate!

Bettina   Si, e che belli marite ca tenimmo: sono tre giorni ca stammo diune!

Totonno  E allora ca ce pensate a fa’? Il mio padrone vi da cinquanta lire al giorno a ognuna, più ‘o mangià e ‘o durmì….

Carmela  (Insieme a Bettina) Cinquanta lire?

Totonno  Cinquanta lire e si po’ ve sapite aggarbà ‘o vecchio, chillo ve fa pure belli regali!

Bettina   Ma addò è?

Totonno  Ve l’aggio ditto, cà vicino, a Pozzuoli!

Carmela  Bettì, che ne dice?

Bettina   Ce vulimmo pure pensà? Io pe’ me so’ pronta!

Carmela E io pure.

(Si alzano)

Carmela  Allora Totò, scinnetenne e aspettaci al caffè ca sta ‘o puntone. Nuje venimmo a n’atu ppoco.

Totonno  Restiamo intesi, ma facite ambresso. (Via comune)

Bettina   Carmé comme facimmo cu ‘e marite nuoste?

Carmela  Lassa fa a me! Nun ce vo’ niente: arapimmo ‘na discussione e ‘na parola porta a n’ata ce appiccicammo e dicimmo ca ce ne jammo da qualche parente nostro!

Bettina   Benissimo, l’appicceco però adda venì naturale, l’aggio a regnere ‘e mazzate1

Carmela  Se sape, l’aggio a da tant’e chilli cavece….Jammo ‘a via ‘e dinto, aiutame  a fa’ a valigia…’a valigia e che ce metto….meglio ’a mappatella!

          (Escono a sinistra ridendo)

SCENA XXI (Ciccillo – Rosella)

Ciccillo   (Ha ascoltato sia il colloquio dei due mariti con Vincenzo, sia quello delle due donne con Totonno, entra seguito da Rosella) Rusè, ‘e capito comme stanno ‘e fatte? Lloro se ne vanno a Pozzuoli e nuje ce puzzammo ‘e famma a Napule!

Rosella   Non solo, ma si se ‘ncontrano e, sicuramente succedarrà, so’ capace ‘e se accidere ‘e mazzate ‘ncopp’o palcoscenico!

Ciccillo   Mo’ avviso a don Felice!

Rosella   E chi te ‘o fa fa’? Va a fernì ca se scombina tutte cose, nun ce vanno cchiù, nun pigliano ‘na lira…

Ciccillo   …e nuje ce puzzammo ‘e famma cchiù ‘e primma!

Rusella   Che putimmo fa’?

Ciccillo   Siente, jammucenno a Pozzuoli pure nuje, accussì succede chello ca succede tra tutt’e quatto, stando sul posto, putimmo fa’ qualche cosa!…E po’ parlammo cu ‘o padrone d’o Café Chantant e vedimmo si ce fa cantà ‘na canzuncella!

Rusella   Pure dice bbuono: si cantano don Felice e Don Peppino, putimmo cantà pure nuje!

(Ridono)

Ciccillo   Quanno si’ bella quanno ride, carcioffola senza spine! Jammucenne!

Rosella   Si andiamo, pisellino tiennero e senza scorza! (Via dalla comune insieme)

SCENA XXII (Felice Peppino)

Peppino   (Entra con Felice) Don Felì, ma comme facimmo cu’ ‘e mugliere noste? Chelle si veneno a sapé ca jammo a cantà ‘o cafè chantant, ce cuffeano!

Felice    Non ti preoccupare, ho già pensato a tutto: adesso le chiamiamo, io dico a Carmela c’ha fatto male a vennere chilli vestite: chella cu ‘o carattere ca tene sicuramente me risponde. Allora io ‘a piglio a pacchere e ce ne jammo.

Peppino   Benissimo: io po’ cu muglierema nun trovo nisciuna scusa: comme vene ‘a vatto!

Felice    No, mettiamoci dalla parte della ragione: primma hann’a venì ‘e chiacchiere, po’ l’appicceco e po’ ‘e mazzate. La cosa deve essere naturale ca si no capiscono che ‘a sotto ce sta ‘o ‘mbruoglio!

Peppino   Va bene, comme vulite vuje!

Carmela  (Dal fuori) Bettina, andiamo?

Felice    Zitto, zitto, eccole qua…Ricordati, primma ‘e chiacchiere, po’ l’appicceco e po’ ‘e mazzate!

SCENA XXIII (Carmela – Bettina – Felice – Peppino)

Carmela  (Entra con valigia, seguita da Bettina) Ah, tu staje ccà?

Felice    Si, e ‘o Papa sta a Roma! Ma tu che faje cu’ ‘sta valigia?

Carmela  Me ne vaco!

Bettina   Ce ne andiamo!

Peppino   E addu chi?

Carmela  Dai miei parenti a Capemonte!

Bettina   E pur’io!

Peppino   (A parte a Felice) Don Felì, ‘a pozzo vattere’

Felice    (C.s) Calma, nun è ancora ‘o mumento!

Carmela  (Guarda a mo’ di sfida Felice)

Felice    Senza ca me tiene mente, aggio saputo tutte cose!

Carmela  (Impaurita, guarda Bettina) C’hai saputo, c’hai saputo?

Felice    Tutto te putive vennere, ma no chilli vestite!

Bettina   (Risollevata) N’ata vota ‘a diveve a mangià!

Peppino   Questi sono affari ca nun te riguardano!

Bettina   Ma gli affari tuoi me riguardano, grandissimo muorto ‘e famma!

Peppino   Muorto ‘ e famma ‘a me? Uh..uh…(A parte a Felice) Don Felì, ‘a pozzo vattere?

Felice    Non ancora.

Carmela  Che bei vestiti, tiene pure ‘o coraggio d’e nummenà? Se li so’ comprati pe’ doje lire e meza!

Felice    Si sapevo ca te servevano ddoje lire e meza, t’e tiravo ‘nfaccia!

Carmela  Vattenne buffone! Tre gghiuorne fa te ‘mpignaste ‘na mappata ‘e biancheria pe’ tre lire!

Felice    Vergogna, che bella figura m’e fatta fa’ ‘nnanze all’amico mio…

Bettina   …N’atu muorto ‘e famma!

Peppino   N’ata vota muorto ‘e famma? Uh..uh..(Piano a Felice) don Felì, ‘a pozzo vattere?

Felice    (Anch’egli sotto voce) Aspetta, ‘ce avimmo ‘a ‘nfucà n’atu ppoco!

Peppino   (Borioso) Allora ‘na vota ca so’ morto ‘e famma, lassammoce e felice notte!

Bettina   E mo’ me ‘o dice? Io chesto vaco truvanno!

Carmela  E se sape, ce ne jammo, ce ne jammo!

Felice    Embé, pe’ te fa vedé, me ne vaco primma io!

Peppino   Ricordati ca m’è chiamato muorto ‘e famma!

Bettina   Si, e ‘o torno a dicere ciento vote!

Peppino   (Guarda Felice)

Felice    (Fa segno di si col capo)

Peppino   Nun te ne ‘ncaricà, t’aggio ‘a tirà tutt’e capille!

Bettina   (Cerca di avventarsi) A chi, a chi?

Carmela (La trattiene)

Felice    Tutto pe’ mezza toja, lazzara funnachera.

Carmela  Lazzara funnachera a me?

Felice    (Gridando) Si a te, a te!

Carmela  (Si avventa su Felice e lo prende a schiaffi e a pugni)

Bettina   (La stessa cosa fa con Peppino)

(Felice e Peppino cadono e le due donne continuano a prenderli a calci)

Carmela  Ah, nun ne putevo cchiù, Bettì jammuncenne!

Bettina   Jammuncenne (A Peppino) Muorto ‘e famma! (Via dalla comune con Carmela)

Peppino   (Si alza dolorante) Neh, don Felì, embé?

Felice    (Si alza. Cerca di darsi un contegno) Embé che? Te l’avevo detto: primma ‘e chiacchiere, po’ l’appicceco e po’ ‘e mazzate! Jammucenne!

BUIO

MUSICA

SIPARIO

FINE PRIMO ATTO

Secondo atto

La scena:

Un palcoscenico nudo. Corde, legnami, fondali di scena poggiati sul fondo. Altra attrezzeria utile per uno spettacolo Sedie sparse ed un divano posizionato senza alcuna logica; un tavolino oppure una piccola scrivania posizionata sulla destra del palcoscenico. Da considerare due uscite a destra, in prima e seconda quinta, ed altrettante a sinistra. La comune è in fondo a destra.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………

SCENA I (Totonno – Gigetta – Felice – Peppino)

Totonno  (Sta mettendo ordine sul palcoscenico) Ma vedite si è cosa: Mancano poco più di due ore all’inizio dello spettacolo e stammo ancora a chesto. Gli addetti alla scenografia nun se vedono e sto cercanno io sulo ‘e mettere ‘e cose a posto!

Gigetta   (E’ una donna di oltre 50 anni, ma vuole sembrare molto più giovane. E’ vistosamente truccata ed indossa un abito pacchiano. Entra dalla destra con Felice e Peppino)

Totonno  (Si ferma a guardarli)

Gigetta   Andiamo di qua che facciamo prima: in fondo al corridoio c’è una porta che da direttamente a casa mia…Venite vi voglio far vedere alcune foto di quando ero giovane!

Felice    (Galante) Allora sono recenti, siete così giovane, sembrate…

Peppino   (A parte) ….’A befana!

Felice    Una rosa or ora sbocciata!

Gigetta   Adulatore, Forse non ci sembrerà, ma ho quasi quaranta anni!

Peppino   (A parte) A coscia!

Felice    No, non ci sembra proprio, al massimo vi avrei dato trent’anni…

Peppino   …(C.s) ‘E galera!

          (Escono ridendo in fondo a sinistra)

SCENA II (Totonno – Vincenzo)

Totonno  (Ha seguito la scena e si è portato sul punto da dove sono usciti i tre. Si allunga per guardare meglio)

Vincenzo (Entra da destra e silenziosamente si porta alle spalle di Totonno.Grida) Che stai guardanno, spione?

Totonno  (Sobbalza) Puozze passà ‘nu guaio! Spione a me? E po’ meglio essere spione che ruffiano!

Vincenzo Pecché, chi è Ruffiano?

Totonno  Tu Nun si’ stato tu ca ‘e purtate dduje giuvane ‘a Napule, pe’ fa’ spellecchià ’a padrona?

Vincenzo Nun so’ fatte tuoje! Innanzi tutto chille sono grandi artisti , e po’, si vulimmo proprio parlà, non hai portato tu da Napule ddoje pullanchelle pe’ fa spennà ‘a don Carlo?

Totonno  Chelle so’ ddoje cantante e po’ ‘ntricate d’e corna toje, si no te tozzo cu ‘a capa ‘ncopp’o tavulino!

Vincenzo Mo’ te scasso ‘na cosa ‘ncapo!

          (Stanno per azzuffarsi, quando da fuori si sente la voce di Carlo)

SCENA III (Carlo – Totonno – Vincenzo)

Carlo     (Da fuori) Nun me ne fido cchiù, nun me ne fido cchiù!

Vincenzo (Insieme a Totonno) Hai ragione ca sta venendo don Carlo.

Totonno  (Via per il fondo a sin)

Carlo     (Entra dal fondo a dx) Mannaggia a me e quanno me venette ‘ncapo ‘e arapì ‘o café chantant! (Si asciuga il sudore) Guarda ccà, sto’ tutto ‘nfuso, ‘na spogna d’acqua!

Vincenzo Eccellè’, ch’è stato?

Carlo     Ch’è stato? Stasera ce sta l’inaugurazione e ‘o scenografo ancora adda muntà ‘e scene (Indica il palcoscenico) Guardà ccà sta ancora tutte cose sotto e ‘ncoppa! Il cameriere sta malato e va fa fernì ca uno ‘e vuje adda servì ‘e tavole! Avevo pregato ‘o sindaca ‘e me mannà ‘na decina ‘e guardie, belle e robuste per garantire il servizio pubblico e invece ne so’ venute solo quattro ca pareno asciute a dint’a ‘nu sanatorio! Nun me ne fido cchiù!

Vincenzo (Ride) Ah…ah… E va be’ eccellé, nun ve pigliate collera vedite ca tutto s’acconcia (Continua a ridere) Ah..ah…ah..

Carlo     Ferniscela ‘e ridere si no me ‘a piglio cu tè! Pe’ gghionta ‘e ruotolo po’ ‘o figlio d’o barbiere ha tirato ‘na preta vicino a ‘na palla d’a luce elettrica e nun se appiccia cchiù! Era accussì bella ‘a facciata cu ddoje palle accese, una a ccà e n’ata a llà! Mo’ te pare bello che aggio a tené sulo ‘na palla appicciata! Va addò negozio addò vennero ‘e lampiere e vide si me ponno da’ n’ata palla!

Vincenzo (Soffocando la risata) Va bene vado (Esce. Appena fuori si sente una fragorosa risata)

SCENA IV (Totonno – Carlo)

Totonno  (Entra) Eccellé, è arrivata ‘sta lettera pe’ vuje! (Gliela da)

Carlo     (Apre e legge) Caro don Carlo, il fachiro napoletano, molto superiore ai suoi colleghi, trovandosi un poco indisposto non sa se potrà venire questa sera. Se si sentirà meglio verrà. Vi saluto vostro amico Attanasio. (Stizzoso) Ce mancava pure chesto! Che ato adda succedere?

Totonno  Ma vuje vedite quanta combinazione!

Carlo     (Poggia la lettera sulla scrivania) ‘A colpa è tutta ‘e chella pazza ‘e sorema! (Imitandola) “Facimmo pure nuje ‘nu café chantant comme a chillo ca sta ‘o Chiatamone, a Napule! Nun facimmo niente dint’a ‘stu paese, parimmo tanta mummie!” Neh, chella tanto s’e misa dint’e recchie, ca m’ha convinto!

Totonno  Eccellè, non ve ne pentirete, ve dongo ‘na bella notizia: aggio purtate cu’ me a Napule, ddoje canzonettiste, robba ‘e lusso, comme piaceno a vuje: belle, giovani e zetelle!

Carlo     (Si strofina le mani) Benissimo! Siente Totò, vaje dal fioraio e accatte due bei bouquet diu fiori e purtammille ccà! Intanto io mi vado a fare un poco di toletta. Ah se avessi venti anni di meno, quanta zumpe me fidasse ‘e fa’! (Via a sin)

Totonno  Statte accorto strummolo, ca vaje cu’ ‘a panza ‘nterra! Vide comme sta ‘nfucato ‘o vecchio!

SCENA V (Gigetta – Felice – Peppino – Totonno)

Totonno  (Con la scusa di mettere ordine ascolta)

Gigetta   (Entra seguita da Felice e Peppino) Vi ho già detto che non è il caso di fare complimenti: la mia è casa vostra! Gli artisti napoletani, specie se simpatici ed affascinanti sono il mio debole! (A Felice) E voi siete così simpatico ed affascinante!

Felice    (Pavoneggiandosi) E’ un dono di natura!

Peppino   Ed io?

Gigetta   (Minimizzando) Si, pure voi, ma don Felice è un’altra cosa!

Felice    Peppì vulisse ammiscà ‘a lana cu ‘a seta?

Totonno  (Tra sé) Che vutamiento ‘e stomaco!

Gigetta   (Lo nota) Ah Totonno…

Totonno  Comandate…

Gigetta   Andate a casa e fate preparare dalla cameriera marsala e biscotti. Fra poco veniamo a gustarli. (A Felice, languida) Come li preferite morbidi o duri?

Felice    (Con lo stesso atteggiamento) Cosa?

Gigetta   I biscotti!

Peppino   A me piacciono morbidi..

Gigetta   A me piacciono duri!

Felice    Buongustaia!

Gigetta   (A Totonno) Portali mischiati, morbidi e duri!

Totonno  Va bene (Via a sin)

Gigetta   La c’è un divano, portamolo più avanti e sediamoci.

          (I due eseguono, indi si siedono tutti e tre)

Gigetta   Potevamo stare più comodi nella mia stanza…

Peppino   Preferiamo incominciare a respirare l’aria del palcoscenico!

Gigetta   Come vi dicevo prima, mio marito in otto anni di matrimonio, per farmi piacere mi portava tutte le sere a teatro: abitavamo a Napoli e un giorno mi disse: “Gigetta, amor mio,” se stasera non andiamo a teatro, ti do cento baci ed ogni bacio un regalo” Io gli risposi:” Se invece mi porti a teatro anche questa sera, io mi faccio dare i cento baci e te ne ritorno il doppio! (Ride maliziosamente) Ah…ah..ah…

Peppino   (Sfottente) Che uomo fortunato!

Felice    (Voluttuoso) Rapinatrice d’amore! (A parte) Puozza passà ‘nu guaio!

Gigetta   Il mio povero marito, qualche giorno prima di morire, conoscendo il mio debole per il teatro e gli artisti napoletani in particolare,chiamò mio fratello Carlo e…(Con voce rotta dal pianto) e…gli disse: “Carlo, quando io sarò morto, ti raccomando Gigetta! E’ molto giovane, bella, desiderata! Se vuole andare a teatro falla contenta, portacela tutte le volte che vuole! (Si asciuga una lacrima)

Peppino   (Falsamente commosso) Che animo nobile!

Felice    (C.s) Che marito affettuoso! (A parte) Che baccalà!

Gigetta   (Improvvisamente allegra) Vi devo dire la verità: adesso preferisco il café chantant perché lo spettacolo é vario, allegro, scanzonato; in sala si può ridere, parlare, fumare e…(Tendenziosa) fare tante altre cose! Insomma il café chantant è la mia passione e sono stata io che ho convinto mio fratello ad aprirne uno qua, a Pozzuoli! In questo modo ci posso andare tutte le sere senza incomodare nessuno! E poi posso vedere da vicino gli artisti belli, giovani, aitanti e …(A Felice, invitante) passionali come voi!

Peppino   E come me!

Gigetta   Addò jate vuje!

Felice    Peppì inchinati alla classe!

Gigetta   Ma voi che repertorio fate?

Felice    Già….(A Peppino) Che repertorio facciamo?

Peppino   Ehhhh…scenette..

Felice    Duetti…..

Peppino   Canzonette…

Gigetta   (Urla) No!

Peppino   Non le facciamo, state tranquilla…

Gigetta   E perché? Le canzonette sono la mia passione Non potete credere comme me piace :”Comme facette mammeta!

Peppino   (Insieme a felice) Già…Comme facette mammeta?

Gigetta   Me ne fate sentire un pezzettino?

Felice    (A Disagio) Peppì glielo facciamo sentire un pezzettino?

Peppino   Attaccate!

          (insieme eseguono la canzone con gag)

Gigetta   Bravi, bravi…Io adesso non tengo intenzione, ma se mi decido mi sposo un canzonettista. Sono ricca e, se trovo un giovane simpatico e con una bella voce, m’ho piglio subbeto…subbeto….

Felice    (Mieloso) E questo giovane fortunato sarà felicissimo (Malizioso) di possedere una sì’ leggiadra donzella!

Gigetta   Oh don Felice,per carità, mi fate arrossire, mi fate confondere, (Barcolla) mi fate svenire!

Felice    (Languido) Ed io sono pronto ad accogliervi tra le mie braccia!

Gigetta   Oh don felice, per carità, accussì me facite svenì cchiù ambresso(Cerca di darsi contegno, poi vezzosa) Staserà starò nel palco di proscenio,voglio sperare che mentre cantate, ogni tanto mi guardate!

Felice    Ogni tanto? Avrò gli occhi fissi su di voi!

Gigetta   Grazie!

Peppino   (Disgustato) Che vutamiento ‘e stomaco!

Gigetta   (Prende la mano di Felice) A stasera dunque! Andiamo a casa ci aspetta il marsala…

Peppino   Con i biscotti…

Gigetta   Duri…duri…(Sospira) Ah….

          (Stanno per uscire quando incrociano Carlo)

SCENA VI (Carlo – Gigetta – Felice – Peppino)

Carlo     (Entra dalla prima a sinistra)

Gigetta   Ah Carlù’ vieni, ti presento due giovani canzonettisti napoletani.(Fa le presentazioni) Carlo, mio fratello, don Felice e don Peppino.

Carlo     Piacere!

Felice    (Insieme a Peppino) Fortunatissimi. (Si danno la mano)

Gigetta   Li ho fatti scritturare io per farti una sorpresa.

Carlo     Benissimo, e ci farete sentire delle novità?

Felice    Cercheremo di contentare voi e il pubblico.

Carlo     Benissimo, e qualche buon numero lo tenete?

Peppino   Sicuro….55 primo eletto!

Gigetta   (Ride compiaciuta)

Carlo     (Ride) Ah ah…Bravo, vi piace scherzeggiare…Volevo dire qualche buon numero di novità…di eccentricità…

Felice    (Borioso) Il nostro repertorio è molto vasto, amico mio…sentirete, sentirete!

Carlo     Sono contento. (A Gigetta) Permetti che dico una cosa in privato agli amici?

Gigetta   Fa pure!

Carlo     (Si apparta con Felice e Peppino e parla a bassa voce) Vedete, per andare sul sicuro ho fatto venire da Napoli due canzonettiste, bbone assaje: io non le ho ancora viste, ma mi hanno detto ca so’ rrobba fine.

Felice    (Sguardo interrogativo con Peppino)

Carlo     Mi raccomando però, quelle so’ pietanze mie, ve avesse prorere ‘a capa ‘e ll’assaggià?

Felice    Ora che ce lo avete detto, potete stare tranquillo.

Gigetta   (Durante la conversazione dei tre ha cercato, non riuscendovi, di capire qualcosa) Insomma, sono ancora lunghe queste cose segrete?

Carlo     No, abbiamo finito!

Gigetta   Noi andiamo a casa a bere un bicchiere di marsala e a sgranocchiare due biscotti…

Felice    Duri…duri…

Gigetta   (Sospirosa) A…appunto…(Si riprende) Vuoi venire anche tu?

Felice    Ci fareste un vero regalo…

Peppino   La vostra presenza ci gratificherebbe..

Carlo     Avviatevi, verrò tra poco.

Peppino   Vi attendiamo allora.

Felice    (Offre il braccio a Gigetta) Prego, madame!

Gigetta   (Languida) Oh grazie! (Escono guardandosi negli occhi seguiti da Peppino dal fondo a sinistra)

SCENA VII Totonno - Carlo)

Totonno  (Entra dal fondo a destra, con in mano due bouquet)

Carlo     (Divertito) Totò da dove so’ asciute ‘sti dduje?

Totonno  Li ha portati Vincenzo da Napoli per ordine della signora!

Carlo     Figurati che debbono essere! Basta Totò, vai da quelle signorine e dicce:”Il proprietario del Café chantant vi manda questi fiori in segno di devoziona!

Totonno  Va bene (Via a sinistra)

Carlo     Mo vedimmo, chella ca più me piace, io cu chella m’ammocco, si po’ me piaceno tutt’e ddoje, po’ se vede…’nu miracolo po’ sempe succedere….Alla fine tantu vecchio non sono…Ah, si nun fosse pe’ ‘a panza! La faccia è ancora fresca…’o sango me volle ancora…..! (Mostra la pancia) E’ chesta ca me ‘nguaia!. Basta, mo me vaco a prufumà ‘nu poco: Devo essere ancora più affascinante per l’incontro con le signorine napoletane!

SCENA VIII (Rosella – Ciccillo)

Rosella   (Entra, timorosa, seguita da Ciccillo) Ciccì’, me metto paura,…e si ‘o proprietario ce caccia?

Ciccillo   Ma tu staje pazzianno, Rusé’Pecché ce adda caccià? Nuje dicimmo che siamo una coppia di artisti e che vogliamo esibirci al café chantant!

Rosella   E va buono, facimmo comme dici tu! …(Dubbiosa) Ma si’ po’ ce vedono don Felice e don Peppino?

Ciccillo   Che ce ne ‘mporta! Se hanno ‘a sta sulo zitte! Ricordati che pure loro so’ venute ccà ‘e stramacchio e ca ‘e mugliere nun sanno niente!

Rosella   Si, ma pure ‘e mugliere so’ venute ccà senza di’ niente…’O ssaje che succede si se ‘ncontrano?

Ciccillo   ‘O pata pato ‘e ll’acqua! E a nuje che ce ne ‘mporta! ‘o nicissario è ca facimmo ‘na bella figura cu’ don Carlo! Appena ‘o ‘ncuntrammo, ci presentiamo comme avimmo concertato!

Rosella   Se sape! Te faccio vedé che figurone che facimmo!

SCENA IX (Carlo – Rosella – Ciccillo)

Carlo     (Esce da sinistra) Scusate, voi chi siete?

Rosella   (Guarda Ciccillo)

Ciccillo   (Segno d’assenso)

Rosella   (Si rischiara la voce. Cantilenante) Mi chiamo Rosella, la voce ho tanto bella, so’ ddoce e azzuccarata comme ‘na caramella!

Carlo     (Fa per dire qualcosa ma viene preceduto da Ciccillo)

Cicillo    (Come Rosella) Io so’ Ciccillo, nun tengo padrone, sto ‘e casa a Napule dint’o Cavone, canto aggraziato comme a n’auciell’, e mangio sulo pane e friariell’!

Carlo     (Con lo stesso tono) Mi chiamo Carlo e sono il padrone, mangio il finocchio e ti sputo in un occhio! (Innervosito) Si può sapere che volete e chi vi manda?

Rosella   Ci manda l’agenzia teatrale degli artisti di Napoli per farci cantare questa sera al café chantant!

Carlo     Ah, allora va bene! Me ‘o putiveve dicere subito! Allora jateve a priparà… fra ‘nu pare d’ore accummencia ‘o spettacolo! (Mostra l’uscita in prima a destra) Di là ci stanno dei camerini…(Dubbioso) Ma siamo sicuri che siete artisti?

Ciccillo   E come no? Attacca Rusé…

Rosello   (Intona “ ‘A cammesella”) E levate ‘a cammesella….

Ciccillo   (Si sbottona la camicia)….‘A cammesella gnornò, gnornò…

Carlo     (Lo interrompe) Neh, ma che state facenno?

Ciccillo   Me sto levanno ‘a cammesella!

Carlo     E gghiatevenno a ve ‘a levà a n‘ata parte, nun me facite avutà ’o stommaco!

Ciccillo   Jammucenne Rusé…(Esce seguito da Rosella per la prima a destra)

SCENA X (Vincenzo – Carlo)

Vincenzo (Dal fondo a destra) Eccellé, fore ce sta ‘na bella piccerella ca ve vo’ parlà!

Carlo     (Interessato) ‘Na bella piccerella? Vo a me?

Vincenzo Si!

Carlo     (Vanitoso) Ma che ci faccio io alle donne?

Vincenzo (A parte) ‘Na cosa dint’o stomaco! (Cambia tono) ‘A faccio trasì?

Carlo     E se sape, è ‘na bella guagliona!

Vincenzo Fa per andare!

Carlo     …Aspetta, te ditto per lo meno chi è?

Vincenzo Certamente: la manda il vostro amico Attanasio, p’o café chantant ‘e stasera, nel caso non viene il fachiro napoletano!

Carlo     Allora falla trasì subbeto subbeto….

Vincenzo (Fa per andare di nuovo)

Carlo     Aspetta, che dice me vaco a prufumà n’atu ppoco?

Vincenzo No eccellè, (Sfottente) Già siete tutto un profumo di gioventù…

Carlo     (Divertito) Nun te fa’ piglià a cavece…va, falla trasì!

Vincenzo (Esce)

Carlo     Chella è l’invidia ca ‘o fa’ parlà, pecché pure si tengo qualche anno ‘e cchiù, so’ ancora friccicariello!

SCENA XI (Carlo- Mimì, Lulù Trasform)

(QUESTA SCENA PREVEDE L’IMPIEGO DI DUE GEMELLE OPPURE DUE ATTRICI MOLTO SOMIGLIANTI. IL TRUCCO SARA’ DETERMINANTE)

Mimì      (Entra con atteggiamento divistico) Bonsoir, mon amì, je suì Mimì trasform, per gli amici Fragolina!…Siete voi il proprietario del teatrucolo dove dovrò esibirmi?

Carlo     (A parte soddisfatto) Ah sotto ‘e quant’è bbona! (Cambia tono, mieloso) Pe servirvi.

Mimì      Sappiate che il mio cachet è di cento lire a sera!

Carlo     Per me va bene, dipende da quello che sapete fare. Tenete ‘na bella voce?

Mimì      Si, ma a me non serve, non sono una cantante!

Carlo     Allora siete una brava ballerina?

Mimì      Si, ma la danza per me è un accessorio, non ballo!

Carlo     Allora sapete suonare qualche strumento?

Mimì      Io suono dal piano al flauto, dal mandolino al contrabbasso…ma non suono!

Carlo     Ah! Allora signurì, spicciateve, facimmo cchiù ambresso si me dicite che facite!

Mimì      La trasformista!

Carlo     La trasform…che?

Mimì      (Durante tutta la battuta gira intorno a Carlo) La trasformista, caro il mio panciuto bifolco! Io vado in scena con un abito, faccio qualche passo di danza, canto qualche nota, vado dietro un paravento ed in un secondo cambio personaggio e vestito: da donna divento uomo, da soldato a ballerina, da serva a gran dama, da…

Carlo     (Frastornato) Basta, basta, me state facendo arrevutà ‘a capa…Mi volete dare una piccola dimostrazione?

Mimì      Certo! Anche se non ho qui la mia attrezzatura scenica, vedrò di accontentarvi: Uscirò da quella parte (mostra il fondo a destra) e, immediatamente, rientrerò con un altro vestito e truccata in altro modo (Esce dal fondo a destra)

Carlo     Vedimmo ca se fida ‘e fa’!

Lulù      (E’ la gemella o attrice somigliante, vestita da uomo) Il signor Pacchione?

Carlo     Si, ma non tengo tempo, sono occupato! Venite più tardi!

Lulù      (Ride) Ah…ah…ah…

Carlo     Che redite a fa’?

Lulù      Caro il mio buon uomo, ci siete caduto, sono io! (Si leva i baffi)

Carlo     Eccezziunalo! E comme avite fatto?

Lulù         Questo è il mio piccolo segreto, mi assumete?

Carlo       Ma certamente….Ma mo’ fatemi vedere qualche altra cosa!

Lulù         Stasera mom amì..Orevoire, a tout l‘eur! (Via dal fondo a destra)

Carlo       Cos’e pazze, so’ veramente cose ‘e pazze! ‘A verità però, me piaceva cchiù assaje vestita ‘a femmena! A proposito ‘e femmene, ma Totonno quanno me presenta chelli ddoje artiste napulitane?

SCENA XII (Totonno – Carlo – Bettina – Carmela)

Totonno  (Entra seguito da Carmela e Bettina) Venite, accomodatevi.(A Carlo) Ecco qua le signorine!

Carmela  (Insieme a Bettina s’inchina e saluta) Signore…

Totonno  Il signor Pacchione, proprietario del caffè.

Carlo     (Cerimonioso)…E vostro umilissimo servo!

Carmela  Come siete galante e gentile…

Bettina   Grazie per i bellissimi fiori!

Carlo     Sciocchezze, nulla di fronte alla vostra bellezza!

Totonno  (A Carlo in disparte) Che ve ne pare?

Carlo     (A Totonno) Che piccerelle, che frischezzaa, che bella cosa! (Alle due) Qauesta sera avremo il piacere e l’onore di ammirarvi per la prima volta a Pozzuoli ed io sono sicuro che i puzzolenti vi faranno…come si dice…una vera ovulazione!

Carmela  Grazie!

Bettina   Siete troppo buono!

Carlo     Vi ho scritturate per quindici sere, ma adesso che vi ho conosciuto, non vi farò più muovere di qua! Addò ‘e trovo due artiste più belle e simpatiche di voi!

Carmela  Voi ci confondete…

Bettina   Ci fate arrossire….

Carlo     Vi volevo chiedere se posso essere il vostro cavaliere senza paura ca qualche spasimante se po’ piglià collera!

Bettina   Spasimante, e addò stanno? Non vi preoccupate, potete essere più che sicuro!

Carlo     Allora mi promettete che faremo qualche passeggiata insieme?

Carmela  Certamente, sarà un onore per noi!

Carlo     Grazie di tutto cuore! Venite ‘nzieme a me, perché vi voglio presentare mia sorella Gigetta che in questo momento sta insieme a due altri artisti napoletani! Non potete credere comme so’ curiose: ce ne sta uno ca tene ‘nu naso ca me pare ‘na pippa!

(Ridono)

Carlo     (A Bettina) Come siete simpatica quando ridete, i vostri non sono denti, so’ pignole! (Offre il braccio ad entrambe posizionandosi al centro e, con loro, esce a sinistra sospirando) Ah!

Totonno  Ah, ‘e denare che fanno fa’! Chillo tene già ‘nu pede dint’a fossa e se permette ancora ‘e fa’ ‘o farenella cu ‘e femmene!

SCENA XIII (Aspremo – Totonno – Concetta)

Aspremo  (Entra dal fondo a destra seguito da Concetta) Trase Cuncè e nun te preoccupà!

Totonno  Chi siete, che volete?

Aspremo  Vorremmo parlare con il signor Carlo Pacchione, c’è?

Totonno  Sissignore, ma credo che non vi potrà ricevere, è occupatissimo!

Concetta  Dobbiamo parlargli di un fatto importantissimo….(Gli da una banconota)… Questo è il nostro biglietta da visita, Vedite si ce po’ ricevere!

Totonno  (Prendendo la banconota) Come si fa a dire di no a due persone così simpatiche, mo’ veco chello ca pozzo fa’! (Via sinistra)

Aspremo  Tu ‘e bigliette ‘da visita nun le ’a da’ a tutte quante, chille fernesceno!

Concetta  Addò é nicissario, s’hanna da’!

Aspremo  Tu ‘e capito niente? Ce hanno fatto fesso!

Concetta  Ma si sicuro ca è venuta ccà, ‘nzieme a ‘nu giovane?

Aspremo  Sicuro! Quanno so’ gghiuta a piglià Luisella addu don Felice, ‘o portiere m’ha ditto ca essa se ne è scesa ‘nzieme a ‘nu giuvinotto!

Concetta  Sicuramente sarrà chillu stenteniello ca le sta appresso, ma perché l’ha purtata ccà, che vo’ fa’ a chella creatura mia? (Piange)

Aspremo  Nun accummincià a fa ‘a malauguria! Allora, pensanno ca puteva essere isso, so’ gghiuto addo pato e l’aggio minacciato ‘e arapì ‘a capa a ‘o figlio si nun me diceva addò aveva purtato a Luisella.

Concetta  E isso?

Aspremo  M’ha risposto ca nun sapeva niente: sulo ca ‘o figlio è stato scritturato dint’a ‘stu café chantant, a Pozzuoli.

Concetta  E sicuramente è venuta cu’ isso….pecché (Tendenziosa) chi ‘o ssape chi l’ha miso ‘ncapo la recitazione, ‘o cantà….(Rimproverandolo) ‘A colpa è tutta ‘a toja!

Aspremo  Mo’ nu ce appiccammo ccà ‘ncoppa, quanno jammo ‘a casa, te struppeo, te lo prometto, ma mo’ pensammo a Luisella!

Concetta  E va buono, a casa facimmo ‘e cunto,….te scasso ‘e rine, t’o giuro! Ma mo’ che vuò fa’?

Aspremo  (Parlando si sposta sulla destra del palcoscenico, e si ferma vicino alla scrivania) Sicuramente so’ venute a cantà e io ‘e voglio ‘ncuccià ccà ‘ncoppa e ccà ‘ncoppa l’aggia struppià!

Concetta  (Ha seguito il marito) E comme faje?

Aspremo  E che ne saccio? (Nota la lettera sulla scrivania) Che d’è ‘sta lettera? (La prende,l’apre e legge) Il fachiro napoletano…bla bla bla…(Ha un’idea) Aggio truvato!

Concetta  Che vuò fa’?

Aspremo  Dico che sono il fachiro napoletano, accussì posso andare sul palcoscenico e llà ‘ncoppa ‘e struppeo!

Concetta  E io?

Aspremo  Fai la mia assistente!

Concetta  E chi ‘a sape fa’! (Piange) Ih…ih..ih…

SCENA XIV (Carlo – Bettina –Peppino – Aspremo – Concetta)

Bettina   (Entra, visibilmente agitata, seguita da Carlo, dal fondo a sinistra e si posiziona al centro del palcoscenico)

Carlo     Io non capisco, tutto insieme un giramento di testa, ne soffrite forse?

Bettina   (Imbarazzata) Si, me lo fa spesso….(Lo gurda e in tono languido) quando sto vicino troppo tempo a  un bell’uomo!

Carlo     (Pavoneggiandosi) ‘A colpa è ‘a mia? Mi dispiace.

Bettina   Non preoccupatevi, ma ora se non avete nulla in contrario, vorrei riordinarmi un po’; se permettete vado nel mio camerino.

Carlo     Figuratevi, voi qui siete la padrona!

Peppino   (E’ uscito dal fondo a sinistra e cerca di non farsi notare)

Carlo     Se volete vi accompagno.

Bettina   Vi ringrazio, faccio da sola, permettete. (Esce dalla prima quinta a sinistra)

Peppino   (Fa per seguirla)

Carlo     (Lo nota) Dove andate voi?

Peppino   (Imbarazzato) No, volevo vedé’ se la signorina desiderava qualche cosa!

Carlo     E che c’entrate voi? (Con tono basso) Vi ho già pregato che quelle so’ pietanze mie, nun ve ne incaricate!

Peppino   Va bene, scusate!

Carlo     (Va verso Aspremo e Concetta)

Peppino   (A parte) Comme maje Bettina e ‘a mugliera ‘e don Felice se trovano ccà?

Carlo     (Ad Aspremo) Scusate, siete voi che volete parlarmi?

Aspremo  Siamo noi!

Peppino   (E’ andato a sbirciare in prima quinta a sinistra da dove è uscita Bettina)

Carlo     (Si gira e lo nota. Si rivolge a Peppino) Amico embé, me pare ca site scostumato, mo’!

Peppino   Abbiate pazienza, ma io songo ‘nu poco curioso!

Carlo     No, vuje site curioso assaje! Curiusate a n’ata parte!

Peppino   (Si allontana sul fondo a sinistra. E’ irrequieto)

Carlo     (Ad Aspremo) Dunque chi siete?

Aspremo  Mi manda il vostro amico Attanasio.

Carlo     Allora siete il famoso fachiro napoletano?

Aspremo  Per l’appunto, mi sono sentito meglio e sono venuto!

Carlo     Mi fa piacere! E la signora?

Concetta  Signorina prego! Sono la sua assistenta!

Carlo     Piacere! (A parte) S’ha puteva truvà ‘nu poco meglio!

Peppino   (Passeggia nervosamente sul fondo)

Carlo     (Seccato a Peppino) E stateve ‘nu poco fermo, me state facendo avutà ll’uocchie! (Si rivolge ad Aspremo) Ho sentito tanto parlare di voi, mi hanno detto che siete superiore agli altri fachiri in circolazione!

Aspremo  Modestamente!

Carlo     E ditemi, fate qualche numero particolare?

Aspremo  (Preso alla sprovvista temporeggia, poi rivolto a Concetta) facciamo qualche numero particolare?

Concetta  E come no? Gli taglio le orecchie, le faccio vedere al pubblico e poi lui se le azzecca n’ata vota vicino a capa!

Carlo     (Scosso) Impressiunante, ma eccezziunale ‘overamente! Sono sicuro che stasera farete un vero chiasso!

Aspremo  Sicuramente, stasera correno ‘e guardie!

Carlo     E pecché?

Concetta  Pecché il pubblica si spaventa, a gente svene, e correno ‘e guardie!

Carlo     Nientemeno! Allora jateve a ve priparà….Se non vi dispiace voglio andare a vedere come si sente quella signorina!

Aspremo  Prego, fate pure! (Esce seguito da Concetta per il fondo a destra)

Carlo     (Va verso la quinta da dove è uscita Bettina, sta per uscire)

Peppino   (Cerca di seguirlo)

Carlo     (Si ferma, si volta e gli sbarra il passo) Vuje ccà nun putite trasì, comme ve l’aggio a dicere che la signorine me ‘a pozzo pappulià sulo io. E che miseria, siete bastantemente maleducato!!

Peppino   In questo camerino c’è la finestra ed io volevo vedere solo la facciata del café!

Carlo     Scendete in mezzo alla piazza e lo vedete. Ci siamo capiti? (Sbatte il piede a terra e calpesta quello di Peppino. Esce)

Peppino   (Strillando per il dolore) Ahhhh ’e calle! Ma vuje vedite che succede: chella m’è mugliera e ‘o vecchio se l’adda pappulià; isso po’ trasì a vedè comme sta e io no! Mo basta, ‘Sta storia adda fernì! Io mo arrevoto Pozzuole! Mo, proprio mo’, me adda dicere comme se trova ccà ‘ncoppa! (Passeggia nervosamente)

SCENA XV (Giacomino – Luisella - Peppino)

Giacomino (Entra dal fondo a destra, seguito da Luisella) Trase Luisé, nun te mettere scuorno!

Luisella   Me metto paura…Tengo sempe a papà e mammà annanze a ll’uocchje!

Giacomino (Inquieto) Luisé, e mo’ me faje ‘mpressiunà pure a me! (Strilla) Devi stare calma perché stasera dobbiamo avere un grande successo.

Luisella   Pe’ ‘o spettacolo ce vo’ tempo, pecché siamo venuti già?

Giacomino Voglio parlare con il proprietario che mi ha scritturato, accussì me faccio dicere qual’è ‘o camerino nuosto, accussì ce putimmo sistemà! (Vede Peppino).Scusate, sapete dove sta don Carlo Pacchione?

Peppino   (Sgarbato) Nun ‘o saccio!

Giacomino Noi dobbiamo cantare stasera e vogliamo sapere qual’è ‘o camerino nuosto!

Peppino   (C.s) Nun ‘o ssaccio!

Giacomino Allora chiamatemi don Carlo.

Peppino   Nun ‘o pozzo chiammà pecché se sta pappulianno a mia moglie!

Luisella   Allora tenite ‘e corna!

Peppino   Si ma so’ fatte ca nun ve riguardano…ntricateve d‘e corna vosta! Fra poco viene, voi andate ad aspettarlo di là (Indica la prima a destra)

Giacomino Lo vogliamo aspettare qua!

Peppino   Nun è possibile! (Con gli occhi stralunati) Io aggio ‘a sta sulo….aggio ‘a parlà…..aggio ‘a sbuffà….aggio ‘a sfugà!

Giacomino (Impaurito) Va bene non vi innervosite (A parte a Luisella) Chisto sarrà ‘nu pazzo, curnuto ma pazzo. Luisé (Indica la prima a destra) aspettame llà dinto

Luisella   (Via)

Giacomino (A Peppino) Vi raccomando nun ce facite aspettà tantu tiempo!

Peppino   (Grida) Te ne vaje o no?

Giacomino (Impaurito esce di corsa dalla prima a destra)

Peppino   Tengo ‘o veleno ‘ncuorpo, me sento ‘e friccichià tutta ‘a nervatura! Chissà che stanno facendo (Cerca di sbirciare) Mo’ traso e chello ca succede, succede!

SCENA XVI (Carmela – Peppino)

Carmela   (Entra dal fondo a sinistra) Io non capisco comm’è ca Felice se trova ccà, e comme se vummechea cu’ chella vecchia!

Peppino   (La vede. Sarcastico) Buona sera donna Carmela, come stanno i vostri parenti a Capemonte?

Carmela   Tu è inutile ca faje ‘o ‘nzipeto, ca si no te piglio a muorze! Te voglio accuncià io pe’ feste a te e a chill’ato delinquente ‘e mariteme!

Peppino   Aggio avé pure ‘o riesto appresso? Mia moglie sta cu n’ommo, vecchio ma n’ommo ca dice ca è pietanza soja e io nun solo nun pozzo trasì, ma aggio tuorto pure?

Carmela   E se capisce! ‘Nu marito comme a te, chesto s’ammereta! E io che dovrei dire che aggio mantenuta ‘a cannela a Felice e a chella….scarabattola! Ma che d’è, avete rinnegato l’arte drammatica?

Peppino   (Cercando le parole) Si, giacché la vita grama per necessità contingenti e impellenti di sustentameto ci indusse a ritrattar la fede!

Carmela   Ma parla comme te ha fatto mammeta!….Necessità…, ma pecché nuje ‘e necessità nun ‘e tenevamo, ce avevemo puzzà ‘e famma? Uommene ‘e quatte solde!

Peppino   Di ordir risposta non mi dolgo! (Esce dal fondo a sin)

SCENA XVII (Gigetta – Felice - Carmela)

Gigetta   (Entra dal fondo a sinistra) Non capisco perché avete cambiato umore, improvvisamente!

Carmela   (Si mette in un angolo ad ascoltare)

Felice     No….é stato il marsala che mi ha fatto girare un po’ la testa!

Gigetta   (Maliziosa) Veramente pure a me ha fatto lo stesso effetto…ma non è stato solo il marsala, avete contribuito anche voi!

Felice     Io?

Gigetta   Si, ma il rimedio c’é…(Invitante) Andiamo nella mia stanza e con le mie mani…preparerò un buon caffè. Ho giusto una macchinetta per due, per voi e per me che aspetta solo di essere preparata! (Passionale) Andiamo!

Felice     Avviatevi, preparatelo e fra qualche minuto vi raggiungerò!

Gigetta   Non fatemi attendere molto! (Sospira) Ah… (Via in fondo a sinistra)

SCENA XVIII (Felice – Carmela)

Carmela   (Viene avanti) Avete fatto ‘na bella conquista…che bello scavamiento ‘e Pompei!

Felice     Che ci volete fare, a me piace l’antichità!

Carmela   Nun fa ‘o spiritoso si no te scommo ‘e sango n’ata vota!

Felice     Quella è stata una combinazione. Non ti azzardare a ripetere quella scena, si no so’ guaje pe’ te! E po’ miettete scuorno: una donna maritata non lascia la casa pe’ gghì a fa’ ‘a bellella!

Carmela   Nun so’ venuta a fa’ ‘a bellella! So stata costretta pe’ necessità e so’ tornata a fa’ quello ca facevo: la canzonettista! ‘O scuorno è ‘o vuosto che da attori drammatici site addiveniate cantante ‘e café chantant! Appena turnammo a’ casa, l’aggio a dicere a tutta Napule!

Felice     (Strillando) Statte zitta, vasciaiola!

Carmela   (Strilla anche lei) Miettete scuorno, vagabondo!

SCENA XIX (Bettina – Peppina – Carlo – Gigetta – Carmela - Felice)

Bettina   (Entra dalla prima a sinistra) Stateve zitte, dinto se sente tutte cose!

Peppino   (Entra dal fondo a sinistra contestualmente a Bettina) La signora non è abituata alle chiassate!

Bettina   Si capisce, non songo comme a te ca si’ abituato a fare cattive figure!

Peppino   ‘E cattive figure me ‘e faje fa’ tu! (Fa il gesto delle corna) Capisceme!

Bettina   Uhé, nun te permettere, sa’!

           (Le due donne fanno per inveire)

Carlo     (Entra dalla prima a sinistra) Ma che so’ ‘sti allucche, siamo forse abbascio al Lavenaro?

Gigetta   (Dalla seconda a sinistra) Cos’è tutto questo chiasso?

Peppino   Io sono il marito di quella giovane.

Carmela   E io songo ‘a mugliera ‘e ‘stu galantommo!

Carlo     (A Bettina) Pirciò v’è venuto ‘o giramento ‘e capa!

Gigetta   (A Felice) Pirciò ‘o marsala v’ha disturbato! (Via in fondo a sinistra, piangendo)

Carlo     (Cercando di darsi un contegno) Va be’..va be’….nun ne parlammo cchiù! Ma pecché ve stiveve appiccecanno?

Felice     Pecché lloro se so’ scritturate senza ‘o consenso nuosto!

Carmela   E lloro senza fa’ sapé niente a nuje!

Carlo     Aggio capito tutte cose, ma visto ca mo state ‘nzieme, vuol dire che canterete con più piacere!

           (Le due coppie si mettono in un angolo a discutere)

SCENA XX (Giacomino – Carlo – Luisella – Aspremo – Concetta)

Giacomino (Dalla prima a destra, seguito da Luisella) Buonasera, don Carlo.

Carlo     E vuje che facite ccà?

Luisella   Volevamo sapere qual’è il nostro camerino!

Carlo     Ma chi siete?

Giacomino Io sono Giacomino e lei è Luisella, la mia fidanzata!

Concetta  (Entra dal fondo a destra seguita da Aspremo) ‘Stu piezzo ‘e caliota, finalmente te pozzo scippà ‘a faccia!

Aspremo  (Cerca di trattenerla) Firmete Cuncè’ l’aggio ‘a rompere l’ossa primma io!

Carlo     (Fa da scudo a Giacomino) Neh fachiro, embé?

Aspremo  Ma qua’ fachiro, io songo ‘o pato ’e chella lazzarella!

Concetta  E io ‘a mamma!

Aspremo  Me pareva strano che eravate ‘na femmina ‘e spettacolo!

Concetta  (Offesa) Pecché che tenite ‘a dicere; nun so’ ‘na femmena?

Felice     (Dal fondo) ‘Nu cuoppo travestuto ‘a femmena!

Concetta  (Si gira) Ch’avite ditto?

Felice     No niente, parlavo con mia moglie!

Concetta  Ah ‘mbé!

Carlo     (Ad Aspremo) Esigo una spiegazione! Allora non siete il fachiro napoletano?

Apremo   No, mi sono finto tale pe’ puté ‘ncuccià (Indica Giacomino) a chistu bellu tomo, ‘ncopp’o palcoscenico pe’ l’abbuffà ‘e cavece!

Carlo     Allora mi avete cuffiato, e mo’ come faccio senza ‘o fachiro? Mi viene a mancare un numero!

Aspremo  Innanzi tutto vi chiedo scusa per essermi presentato come fachiro, ma po’ per lo spettacolo non vi dovete preoccupare: da giovane ho recitato e cantato dint’o coro d’a parrocchia e qualcosa so’ fare!

Concetta  Io saccio abballà e saccio fa’ pure ‘a mossa!

Felice     (Sempre dal fondo) ‘A mossa ‘a faje venì all’ate!

Concetta  (Irata a Felice) Mo pure stiveve parlanno cu’ vostra moglie?

Felice     Certamente!

Aspremo  (A Luisella) Tu intanto vattenne a casa…

Luisella   Io voglio sta vicino a Giacumino!

Giacomino E io pure a Luisella!

Aspremo  Guardate che faccia tosta!

Carlo     Ma scusate, si ‘e giuvane se vonno bene, pecché nun ‘e facite spusà?

Aspremo  (Dopo un attimo di riflessione) E va bene, però te la devi sposare subito!

Giacomino Sissignore, appena turnammo a Napule!

Luisella   Oh come sono Felice! (Abbraccia Giacomino)

Concetta  (Piangendo) E lassa ‘a mamma soja?

Felice     E fa n’affare!

Concetta  (Inviperita) Mo’ basta, mo’ te scippo ‘a faccia! (Fa per avventarsi su Felice)

Aspremo  Fermati ufara, nun è maje contenta, jammuncenne! (La prende per il braccio e la spinge fuori in fondo a destra)

Giacomino Viene luisè jammoce a priparà! (La prende per la mano ed insieme escono per la prima a destra)

SCENA XXI (Vincenzo –Carlo – Felice – Carmela - Bettina – Peppino)

Vincenzo  (Entra dal fondo a destra) Eccellé, tutto a posto! ‘o sindaco ha mannato l’ati guardie, ‘o cammariere è venuto, ‘a palla nova è stata miso ‘nfaccia a ‘o muro  e tutte ‘e lluce stanno appicciate. Venite a vedè!

Carlo     Jammo, accussì putimmo accummincià pure a mettere a posto ccà ‘ncoppa. Non è bello fare aspettare troppo tempo il pubblico.(A felice e Peppino) Mi raccomando, fatelo divertire!

Felice     Di questo non dovete preoccuparvi, stasera faremo cose ‘e pazze!

Carlo     (A Felice, Peppino, Bettina e Carmela) Su andatevi a preparare! (A Vincenzo) Tu vaje a chiammà ‘o ‘ncenzaro Io vaco a via ‘e fore a vedé ‘a palla! (Via con Vincenzo dal fondo a destra)

SCENA XXII (Felice – Peppino – Carmela – Bettina)

Felice     (Non parla, si rischiara la voce) Ehmmm….ehmmm….

Carmela   Il grande dicitore si sta rischiarando la voce!

Bettina   L’avete sentito? Stasera facimmo cose ‘e pazze!

Carmela   Al café chantant si e dopo il ballo no!

Bettina   (Indica Peppino) L’attore in lingua si rovinava la gorga!

Peppino   Ma siente…..

Felice     Mo’ basta, mo’ ve struppeo ‘e mazzate!

Carmela   (Insieme a Bettina) A chi, a chi? (Si avventano sui due uomini e gliene suonano di santa ragione, poi escono dal fondo)

Felice     (A terra contuso insieme a Peppino, si rialza dolorante)

Peppino   (Alzandosi) Don Felì, n’ata mazziata!

Felice     Cosa vuoi farci, quando mi offendono divento violento!

Peppino   Ma….

Felice     Finalmente l’aggio stroppiata come dico io!

Peppino   (Lo guarda con commiserazione)

Felice     Jammo a cantà e…cerca ‘e te fa’ onore!

BUIO

MUSICA

SIPARIO

FINE SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Una sera al café Chantant

CARLO PACCHIONE PRESENTA

1)    SINDACO                      DISCORSO DI BENVENUTO

             2)    BALLETTO                     CAN CAN

             3)    FELICE                         TENTATIVO DI INTERVENTO

             4)    CARMELA                       POESIA – CANZONE

             5)    BALLETTO                     FLAMENCO

6)    PRESENTATORE               LUNGO INTERVENTO

             7)    CONCETTA                     SORELLA DEL SINDACO

             8)    DUE SPETTATORI            CANZONE

             9)    LUISELLA E GIACOMINO    CANZONE

             10)   PEPPINO                       MACCHIETTA

             11    MIMI’ E LULU’ TRASFORM

                       

I DIALOGHI DEL PRESENTATORE CON IL PUBBLICO SONO DI PRESENTAZIONE E COLLEGAMENTO CON I VARI NUMERI CHE POSSONO VARIARE A SECONDA DELLE ESIGENZE.

Present    (Esce dal fondo ed accenna qualche passo di danza) Buonasera carissimi amici, e benvenuti al café chantant “Salone Margherita”

Spettat   E pecché Margherita?

Present    Pecché Margherita è un bel scioro: è come ‘na bella femmena…che ‘a può sfuglià petalo su petalo e alla fine saje si te vo’ bene!

Spettat   Come sei reumatico..

Present    ‘E ragione, sto chino ‘e dulure!

Spettat   E poi cosa sfogli?

Present    I numeri cretino!

Spettat   Vai avanti strummolo!

Presenao  E’ meglio ca nun te risponno! Prima di andare avanti con lo spettacolo,datemi il piacere di presentarvi il signor sindaco, che ci ha fatto avere paricchie denare per costruire questo teatro!

Spettat  Accussi’ ha potuto arrubbà!

Present  (Non raccoglie) Il signor sindaco vuole darvi il benvenuto isso stesso! Signori e signore, l’avvocato Anselmo Raganelli

Sindaco   (E’ il classico Tartaglia, entra dal fondo) Bu…bu..

Spettat  Pigliate ‘o cane!

Sindaco   Buonasera caro cavaliere!

Present  Buonasera, sindaco!

Sindaco   Sarrà ‘a neve…

Present  ‘E chisti tiempe?

Sindaco   Sarò breve (Caccia diversi fogli)

Present  Cca’ facimmo notte!

Sindaco   Cara micia e cara Cuncettina!

Present  Vi scrivo questa lettera…

Sindaco   Ca…ca..cari amici e cari concittadini..

Present  Ih che lengua!

Sindaco   Abbiateve io sto’ annuro…

Present  Saje che spettacolo?

Sindaco   Non abbiate paura….

Present  ‘E che?

Sindaco   Nun voglio parià di fritti veri!

Spettat  Va a parià ‘a casa toja…

Sindaco   Non voglio parlare di fatti seri…

Presentat   No?

Sindaco   No, me voglio sfilà ‘o cazunetto..

Present  Ccà ‘ncoppa?

Sindaco   Mi voglio sfiziare con le canzonette!

Present  Ah, ‘mbè!

Sindaco   E pe …pé…

Present  E con le trombette..

Sindaco   E perciò v’allasco cu ‘o ballo e cu’ ‘e rine

Present  E mo che vo’ dicere’?

Sindaco   Vi lascio con le ballerine…

Spettat  E te ne vaje!

Sindaco   E me vaco a pentì’….

Spettat  ..’e tutte ‘e peccate!

Sindaco   E me vaco a sentì…’e panzune e ‘e bigliette!

Present  Che?

Sindaco   Le canzoni e i balletti!…

Present  (Sconfortato) Mamma mia bella..

Sindaco   E mo’ ve aggio cercà ‘nu braciere!

Present  Ve murite ‘e freddo?

Sindaco   No..Noo ve aggio ‘a chiedere ‘nu piacere!

Present  A disposizione!

Sindaco   Mia sorella vo fa ‘a culumbrina1

Present  Tene ‘a capa all’erta eh?

Sindaco   No, vo fa’ ‘a ballerina, ma nun sape ca..cà…

Spettat  E dalle ‘na purga!

Sindaco   Nun sape cantà!

Present  Nun fa niente, facitela venì!

Sindaco   Grastole…grazie! Arriva a seccia e buon allevamento…

Present  Spilateve…(Si riprende) Spiegatevi meglio!

Sindaco   Arrivederci e buon divertimento! (Via dal fondo a sinistra)

Present  Che bel discorso che ha fatto il sindaco!

Spettat  Avimmo sentito, ma mo stregne, stregne!

Present  Avete ragione e  vi chiedo scusa se mi sono allungato…

Spettat  Diciamo allargato!

Present : (Ignorandolo) Adesso per farmi perdonare, vi presento il numero che state aspettando, signori le ballerine!

COREOGRAFIA DELBALLETTO. SI CONSIGLIA CAN CAN

Present  Brave, bravissime! Che freschezza, che gioventù! Quelle sono fiori, sono bocciuoli, sono gocce di gioventù, non sono come me che sono…

Spettat  ‘Nu garofano spampanato!

Present  Neh crisantemo ammosciato che t’aggio ‘a rispondere! L’artista che viene adesso è abituato a recitare nei grandi teatri, ma stasera è qui con noi, perché mi onora della sua amicizia! Signori: Felice Sciosciammocca!

Felice    (Entra dal fondo a destra. Con fare superbo) Stasera sono qui con il mio famoso repertorio per far salire un po’ il tono culturale dello spettacolo…

Spettat  Ma chisto chi è

Altro sp. Ma chisto che vo?

Felice    (Perentorio) Zittite bifolchi che avete un’occasione irripetibile: ascoltare finalmente un grande artista!

Peppino   (Voce dall’esterno) Don Felì jate chiano, ca cà ve struppeano

Felice    (Senza raccogliere) Io passo da Romeo e Giulietta alla morte civile, dall’Amleto all’uomo,la bestia, la virtù…

Spett    E ‘a bestia chi ‘a fa?

Felice    Tu,  con grande rispetto per la bestia, e non hai neanche bisogno ‘e te truccà!

Spettat  T’Aspetto ‘a via ‘e fore!

Felice    Per l’autografo?

Spettat  No, pe’ te struppià! Pe’ mo’ va annanze!

Felice    Allora vi farò il monologo dell’Amleto o avete qualche altra richiesta?

Spettat  L’ultima scena ‘e “Vattenne primma ‘e mo’.”.

Felice    Non fa parte del mio repertorio!

Spetta   E allora nun ce ammurbà! O fai qualcosa di divertente o vattenne e faje venì  a ‘na sciantosa…

Felice    E va bene, allora contro ogni mio volere, vi delizierò con una macchietta che io stesso ho scritto. (Allo spettatore) Va bene!

Spetta   Va bene si è bellella, facce sentì!

Felice    Allora vi canterò “Fortuna, che non è un nome di donna, bensì un inno alla dea bendata! Attacca maestro

Felice    (Canta e recita “FURTUNA” parole e musica di Umberto Castaldi)

Furtuna

Testo e musica di Umberto Castaldi

Furtuna…furtuna,

io te chiammo ogni matina,

si me lavo, si me vesto

si me cagno ‘e casettine….

Ma tu niente si’ sorda e nun rispunne,

tutte ‘e speranze mie, m’’e vutte ‘nfunno!

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io me vulesse

‘fronte fa’ vasà…

ma niente, nun rispunne

a chistu strazio….

Forse me vuò vedè

Proprio all’ospizio?

Furtuna…furtuna,

io lo so tu sei bendata,

ma cu’ mmè, ma che truvata

ll’uocchje ‘e tiene fravecate….

E pirciò me lieve pure ‘o sfizio

‘e te mannà uno schizzo in orifizio….

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà

pe’ te struppià….

Ma tu perché sei tu,

sei Affortunata,

così la mia intenzione

hai camuffata!

Furtuna…furtuna…

Si nun viene faccio ‘o pazzo

E po’ faccio arrevutà

Tutta ‘a piazza e ‘stu palazzo….

E si pure cu’ ‘a banda viene adesso,

senza pensà, te lavo ‘a faccia ‘o stesso!

Spettat  Si scinne ccà bascio ‘a faccia te ‘a lavo io!

           Fischi del pubblico, invio di oggetti vari sul palcoscenico.

Felice    (Contrariato va via)

Presentat   Calmateve…ora vi faccio venire la sciantosa: una artista, che viene direttamente da Parigge , una sorbetta

Spettat  Al limone o cioccolata?

Present  Una sorbetta, cioè un’artista che sape cantà e ballà!

Spettat  Una soubrette!

Present  Propetamente, una sonetta che si esibiscia al Mulino ruggino, un localo che sta vicino alla  alla torre ‘e Rafele! SignoriMimì Sciuscià!

Carmela  (E’ la moglie di Felice. Recita una poesia)

Bonsuà je’ song

Mimì la parisien

La lengua ca je pong

E nu’ pè’ a vieneten…

Però je teng ‘a class

So’ bella e so’ brillant

Pirciò addo pass, scass

Tutte ‘e café chantant!

Spettat  Francese nun me paro, viene d’ ‘o lavenaro!

Carmela  (Tra i denti) E statte zitto ojnì, ca male vaje a fernì!

Perdone muà messier

‘sta cosa nun è strana

purtroppo è proprio ‘over

stammo chine ‘e trappane!

Quanno je abballo e canto

Le pubblic s’avvamp

E ‘o juorno appriess ‘o vanto

Sta pure ‘ncopp’a stamp!

Spettat  E gghiammo bello ojné, si ‘overo saje cantà, si overo saje abballà, mo facce arricrià!

Carmela                  Escuse muà messié,

                           si assaje aggio parlato:

                           mo’ abballo e pure canto

                           so’ scicca e me ne vanto

           (Al pianista)  Attacca maestro!

           (Esegue Antonietta del Pallonetto Di Castaldi e Tricoli)

Felice   (Rientra in scena e canta insieme a Carmela)

Antonietta del Pallonetto

(Testo di Umberto Castaldi - musica di Franco Tricoli))

Lei: Sentite che calore,

nun se po’ suppurtà..

(Indica la camicetta) Che dite la sbottono?

Lui: Ve vengo ad aiutà?

Lei: Guardate che cafone,

che se adda suppurtà…

è inutile che insisti

nun ce sta niente a fa’!

Lui: Ma comme mio bijox,

mia dolce mon cherì…

Lei: Insomma ‘a vuò fernì?

Lui: Si…si..si…si…si…si…si….si….i

Lui: Vedete con che amor

Vi chiamo mia Frou…Frou

Lei: te ne vuò j’ garçon…

Lui: No…no…no…no…no…no…no…no..

Me chiamme “mio bijoux”

Me dice ma’  cherì

Pecchè finanche tu

Te cride ca i’ songo ‘e Parì

Mi dici mon amour

Mi chiami “mia frou frou

E nun te saje spiegà

Perché non so parlà fransuà!

Lui: Chi sarai mai allor

O mia dolce vision

Lei:’O vuò proprio sapé?

Lui. Se…se…se…se…se..se..se…se….

Lei: Ed io te lo dirò

Se tu prometti mo’

Ca nun me ‘o circhi cchiù….

Lui: Su…su…su…su…su…su…su…su….

Lei. Mi chiamo Antonietta

Ed il mio do di petto

È nato al Pallonetto…..

Lui: Senza nessun difetto!

Lei: Ma un  giorno un gran signore

In Francia mi ha portata

Ed il suo amor donato

Lui: (Al pubblico) E lei  cosa gli ha dato?

Lei: E da quel momento in poi

madama diventai…

ed il can can ballai….

Lui: Ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…

E con tanta nostalgia

Cantai sulo  canzone

‘e Napule coumprì?

Lui: Ouì…ouì…ouì…ouì…ouì….ouì…ouì…ouì…

Lei: Ma quando t’ incontrai

Di te m’innamorai

E so’ turnata ccà

Lui: La…la…. la..la …la…la…la…la

Lui: E quando ti guardai,

d’amore mi ammalai

cu te voglio campà

Lei La…la…la…la…la…la…la…la…

Insieme: La…la…la…la…la…la…la…la…

ALLA FINE DELL’ESIBIZIONE I DUE VIANO DAL FONDO A SINISTRA

Present  Bravi, bravi: ‘a verità m’e credevo peggio!

Spettat  E addò ‘e truove peggio ‘e chiste!

Present  Esagerato! Adesso rispettabilissimo pubblico un numero che vi farà alleccare ‘e mustacce: un altro numero internazionalo. Direttamente dalla Spagna iberica un balletto ‘e belli guaglione che eseguono una danza passionala e sensuala pecchè llà tutti tengono il sanguo caliento ca po’ significa vullento; la danza é il flamenco! Embé nuje napulitane il sangue caliento ‘o tenimmo cchiù ‘e lloro e glielo vogliamo dimostrare. Primma d’e fa trasì facimmo un olé grande, caldo e sensualo! Facimmo ‘a prova: tutti insieme:

Spettatori  Olé!

Present  (Deluso) E che d’è, comme ve asciuto muscio….Pruvammo n’ata vota si no chelle tornano nella Spagna iberica e diceno ca ‘e napjulitane teneno l’olé muscio! Ve pare bello? Pruvammo n’ata vota!

Spettatori  (Eseguono) Olé!

Present  (Soddisfatto) Accussì va buono! (Via)

           (Alcune ballerine eseguono un flamenco)

Present  (In estasi, entra dal fondo)  Ahhhhhhhhhh ! Che frischezza, che gioventù,..Ah si nun tenesse ‘a panza!

Spettat  Fosse ‘a stessa cosa!

Present  Ferniscela pecchè si no piglio ‘na seggia….

Spettat  E te assiette pecchè nun te fidi ‘e sta’ allerto!

Present  Basta, da questo momento nun te risponno cchiù! (Cambia tono) Rispettabilissimo pubblico, …

Concetta (E’ la sorella del sindaco: parla con voce tremante, trema anche con le mani e il capo. Entra dal fondo, va alle spalle del presentatore, gli tira la giacca)

Present  (Si gira, la guarda, si spaventa, poi si riprende) Chi sei, che vuoi?

Concetta (Parla e gesticola in modo tremante) So’ Concetta, ‘a sora de ‘o sindaco! (Ride da ebete) Eh…eh…eh… mio fratello ve l’ha ditto?

Present  Tu si’ Concetta?

Concetta (Ride c.s) Eh…eh…eh…

Present  Sei la sorella del sindaco…

Concetta (Come per assentire e negare insieme) Eeeeeh! Ma si’ scemo, nun l’e capito ancora?

Present  E cosa vuoi, non vedi che sto presentando lo spettacolo?

Concetta Ve so’ venuto a dicere ca voglio fa ‘a ballerina!

Present  Te pare ‘o mumento? Vieni domani, ti faccio un provino…(Tenta di mandarla via) Va, ….va….vattenne!

Concetta Nun me ne voglio j e si ‘o dico a fratemo ca nun me faje abballà, te faccio chiudere ‘o teatro e nun haje cchiù ‘nu soldo!

Present  No per carità…E va bene! Hai già ballato in qualche compagnia?

Concetta E comme no? In compagnia de ‘o nnammurato mio!

Present  Cose ‘e pazze tene ‘o nnammurato…Hai capito male volevo dire hai mai ballato davanti al pubblico?

Concetta E comme no? Davanti e pure di dietro!

Present  Come sarebbe?

Concetta Io quanno abballo faccio la pirovetta e quado faccio la pirovetta, prima mi trovo davanti e poi mi trovo di dietro!

Present  Io mo’ moro, dateme n’ata capa!

Spettat  Pigliala ‘a fora ‘a ‘na chianca!

Present  (Allo Spettatore) A te te rispongo n’ata vota! (A Concetta) Capiscimi bene Hai mai ballato in un luogo pubblico?

Concetta E comme no!

Present  Dove?

Concetta ‘Ncopp’o Campusanto!

Present  ‘Ncopp’o Campusanto?

Concetta Si, se sta accussì bello, ce sta ‘na pace, ‘nu silenzio….

Present  ‘E Muorte nun te hanno maje secutato?

Concetta No se stanno zitte, me fanno abballà fino a quanno voglio io!

Present  E nun te miette paura?

Concetta ‘E muorte nun me hanno fatte maje paura…

Present  Haje ragione chillo so’ lloro che s’hanno mettere paura ‘e te! E nun ‘e abballato cchiù a nisciuna parte?

Concetta Si, ‘ncopp’a loggia, tutte ‘e vote ca vaco a spannere ‘e panne…tengo ‘a musica ‘ncapo, ‘na musica ca pare ‘n’orchestra … ca pare  ca sta sunanno, proprio ‘ncopp’a loggia…sulo pe me e accussì me metto a abballà….e ogni vota  n’aucelluzzo se mette sempe a cantà e m’accumpagna mentre abballo….L’atu juorno pareva accussì felice, cantava chiù bello d’o solito, quanno s’è girato cu ‘e zampetelle all’aria… e è muorto, capisce, mentre cantava !

Present  Cantava pe’ ‘a raggia’e te vedé abballà!

Concetta (Da uno strillo disumano e incalza sul presentatore che scappa) No….allora l’aggio acciso io? Aucelluzzo…bello ‘e mamma, addò si gghiuto aucelluzzo…aucelluzzo…(Strillando e rincorrendo il presentatore va via)

Present  (Impaurito scappa per il palcoscenico per sottrarsi ad eventuali atti sconsiderati di Concetta. Quando questa esce, riprende fiato) Puozza passà ‘nu guaio….che paura! Chiedo scusa al rispettabilissimo pubblico per quello che è successo….Come mi posso far perdonare?

Spettat  Vattenne ‘a casa!

Present  ‘A vuò ferni’? Guarda che ti faccio cacciare via!

Spettat  Non puoi!

Present  E perché?

Spettat  Perchè se lo fai doppo te aspetto ‘a via ‘e fora!

Present   Allora come non detto! Comunque, rispettabilissimo pubblico, che bella casa ca è il café chantant…vi presento ora un altro cantante…..

Donna    (Dal pubblico) Un altro? Pecchè ll’ate, addò stanno ?

Present  Comme, addò stanno? Tutti quelli che hanno cantato fino a mo’!

Donna    Oini’, famme ‘o piacere! A Furcella cu’ tre solde te ne danno ‘na duzzina, meglio ‘e chille!

Present  Signora, vi prego di non insultare gli artiste che hanno cantato!

Donna    N’ata vota mo’? ‘E cantante ‘overo, chilli ca sanno cantà ‘e canzone napulitane, sono quelli ca cantano cu ‘a voce ‘e soprane per le femmine e tenorinale pe’ l’uommene!

Present  (Non capendo) Che teneno?

Spettat  (Sta per dire qualcosa, ma la donna lo precede)

Donna    (Allo spettatore) Statte zitto tu! Che cantano l’opera della lirica, da soprano e da tenore!

Present  E addò’ ‘e truove cchiù?

Donna    ‘E tiene annanze: Io e’ maritemo, (Rivolgendosi alla persona che le sta vicino) Viene Giuva’!

Giovan    Ma no, lassa perdere, nun te  compromettere, famme sta’ quieto!

Donna    Viene cu me llà ‘ncopp’’a cantà si no te abboffo ‘e pacchere!

Giovan    Visto che me lo chiedi per favore vengo, ma statte ferma cu’ ‘e mane! (Salgono sul palcoscenico e rivolto al maestro) Attacca maestro!

Maestro E che aggio ‘a sunà!

Giovan    ‘O pittore ‘ncardellato!

           (L’orchestra suona “’O pittore ‘ncardellato. Testo e musica di Umberto Castaldi)

‘O PITTORE ‘NCARDELLATO

(Testo E musica di Umberto Castaldi)

Lei        Gira gira attuorno a me

           Vaje zumpanno ‘a ccà e ‘a llà

Comme fusse ‘nu cardillo!

                                  Lui    Ma che vuò mo tu ‘a me

                                        Nun te saccio proprio ojnè!

Lei        Ma me vuò proprio cuffià,

           si tu certamente mo’

           ‘na mmasciata me vuò fa’!

                                  Lui    ‘Na ‘mmasciata t’aggio ‘a fa’

                                        Le ‘a fernì ‘e me ‘ncuità

                                        Si nun pozzo faticà

                                        Io nun tengo che magnà!

Lei        Me vulisse da’ ‘nu vaso

           ‘nu vacillo a pezzechillo

                                  Lui    ‘Nu vacsllo posso dare

                                        Si nun aggia cchiù pittà!

Lei        Tu se pazzo, che vuoi fare?

           Il pennello vuoi lasciare?

                                  Lui    Sta’ sicura, nun tremmà,

                                        ‘o pennello tuojo sta ccà!

Lei        E ‘o cardillo chi me o fa?

                                  Lui    ‘O cardillo tuojo sta ccà!

Insieme   Cippe cippe ciò, cippe cippe e ciò, cippe cippe cippe cippe ciò……………….

           ( I DUE VANNO VIA TRA I FISCHI E PERNACCHI DEL PUBBLICO)

Present   E chiste fossero ‘e cantante cu ‘a lirica. I’ si fosse ‘o sindaco ‘e Napule ‘e cacciasse d’a città!

Spettat   Mo’ haje ragione!

Present   Napule, che bella città. ‘O pataterno medesimo in persona, quanno ‘a facetta ne rumanette ‘ncantate! ‘E napulitane po’, geluse pecché tutte quante se ne ‘nnammuravano, pe’ ‘a sfregià, comme se fa’ cu’ ‘na bella femmena, ‘a rignettero ‘e munnezza! ‘A munnezza è un’invenzione napoletana, v’immaginate Napule senza ’a munnezza?

Spettat   Nun se respirasse cchiù!

Present   Haje ragione, ma nun te preoccupà pecché ‘a munnezza nun mancarrà maje anzio signori miei quest’anno abbiamo pure vinciuto il premio Nobel per la munnezza! E di questo dobbiamo ringraziare ‘e scupatore, pecché senz’e lloro nun ce stessa manco ‘na carta ‘nterra! ‘E munnezzare faticano pecché amano la scopa e il cuofeno! ‘A scopa comme se fosse ‘a mamma ed il cuofeno comme se fosse ‘o pato!

Spettat   E ‘a munnezza comme si fosse ‘a figlia!

Present   MaNapule è anche ‘na città ca spisso ha fatto ‘a ruffiana pe fa nnammurà ‘a gente! Qualche vota comme ‘na bella femmena, se mette a fa’ ‘e dispiette e allora duje nnammurate che s’hanno ‘a ‘ncuntrà per dichiararsi il loro amore le chiedono aiuto e le dicono:

NAPULE MIA NUN FA ‘A DISPETTOSA

           (Luisella e Giacomino eseguono la canzone)

NAPULE MIA NUN FA’ ‘A  DISPETTOSA

(testo e musica di Umberto Castaldi)

Stasera finalmente ce ‘ncuntrammo

E a sulo a suolo le vulesse di

Pecchè me sta ‘nzerrata dint’o core ,

ma chi m’aiuta pe’ ce ‘o fa capì?

Napule mia nun fa’ ‘a dispettosa,

stasera quanno sto nzieme a Maria,

facce sent’ cu’ ‘a voce d’’e sirene

a chiù bella canzona ca saje tu;

facce sentì dint’all’aria ‘nu prufumo

‘e mille sciure comme ‘ primmavera

miettece ‘ncielo cu’ ‘nu quarto ‘e luna

‘na chioppa ‘e stelle argiento pe’ sunnà!

Napule mia e famme stu favore

Aiutame a parlà sulo cu ‘o core:

e quanno dint’alluocchie

‘a guardo e l’addimanno si me vo bene

fa’ che Maria risponne si!

Presenta Che bella canzona piena di sentimento! Lo sapete che n’atu ppoco mi faceva venire il lacrimatoio all’occhio?

Spettat  ‘O chiammavano funtanella ‘e Capemonte!

Peppino   (Entra dal fondo lamentandosi) Ah…ah..

Present  Ch’è stato, perché vi lamentate?

Peppino   Pecché me’ so nnammurato ‘e ‘na femmena e mun ce ‘o saccio di’!

Present  E allora?

Peppino   Ce ‘o dico cantando!

Present  (Va via)

Peppino   (Canta: Damme ‘na cura). 

DAMME ‘NA CURA!

(Testo di Umberto Castaldi – Musica di Franco Tricoli)

Io quanno veco a te

me vene ‘a freva…

mi faccio rosso rosso

e il sangue sale….

Rimane tutto quanto

nella testa

e sembro un gamberetto

tosto tosto!

Ma tu me può curà

cu chisti vase…

e tu me può salvà

cu chist’ammore!

non fare la gradassa

ca può piglià  la scossa

si miette mo’ ‘a mano….. (Esce Bettina e gli domanda) dove?

su questo cuore!

‘Nfama, vigliacca a dispietto,

a tutti fai un sorriso,

ma con me fai la ritrosa

sempe  cu’‘a cera sul viso!

Con tutti quanti sei aperta,

sol con me non c’è verso,

tu truove sempe ‘na scusa

e ‘a tiene sempe cusuta!

                           (Bettina) Che cosa’

‘A vocca!

Non vedi che per te

sono malato,

perché tu nun vuo’ fa’

il mio dottore?

Misura la pressione

del mio cuore

e dammi la tua cura

con ardore!

Ogni matina dammi il tuo sorriso

A mezzogiorno sol carezze e vase

Verso le otto, abbracci fino a me soffocà….

E ‘a notte tutto ‘o riesto ca saje ggià!

Se tutto ciò farai, vedrai che si alzerà……………(Bettina) Che cosa?

Il grido mio di gioia…….che vaje a pensà?

Peppino   (Va via con Bettina ed entra il presentatore)

Present  E bravo a don Peppino. Ed ora caro pubblico vi presento un’artista unica nel suo genero! Non è una cantante, non è una ballerina é…

Spettat  ..’Na scigna ’mbalzamata!

Present  (Senza riflettere) …’Na scigna ‘mbalzamata…(Si riprende) Ma che me faje dicere? Un’artista ecceziunale ca se presenta vestita ‘a femmena, esce e manco doppo ‘nu sicondo trase vestita a ommo…mentre fa ‘o suldato, manco ve ne accurgite e addiventa sciantosa! Non è una cantante, non è una ballerina…è bella e spumeggianta e se chiama Fregolina!

           IL NUMERO VIENE FATTO DA DUE GEMELLE O DA DUE ATTRICI IL CUI TRUCCO LE HA RESE SIMILI.

Mimì      (Entra vestita da chantosa) Eccomi qua, sono Fregolina, non canto, non ballo, e, senza un lamento, mi cambio d’abito in un momento! (Esce dal fondo a sinistra e subito dopo rientra la gemella con altro abito,sotto lo sguardo incuriosito del presentatore)

Lulù       E voilà eccomi qua! Non sono più sciantosa, ma indosso altra cosa…(Al presentatore) Per farmi perdonare con te voglio ballare! Maestro musica.(L’orchestra suona e la ragazza gira intorno al presentatore sempre più frastornato!) Io adesso esco e tutt’a un tratto mi cambio ed ecco fatto! (Esce dal fondo e dopo un istante entra Mimì con altro abito)

Mimì      Eccomi qua sono ritornata con altra veste che mi son cambiata. (Al presentatore) Non fare quella faccia o mio fringuello. Or Fragolina ti canta un ritornello Maestro prego!

           (L’orchestra suona un qualsiasi ritornello e Mimì prima canta, poi ridendo va via)

Present  (E sempre più esterrefatto)

Lulù       (Con altro abito) Ed ecco o mio bel tomo, che ancora in un momento, senza farti soffrir, io cambio il mio vestir!

Presentat   Ma comme facite, si nun me vulite fa ascì pazzo diciteme comme facite! Anche il pubblico lo vuole spere, è vero?

Spettat  (In coro) Si!

Lulù       Mi dispiace ma non ve lo posso dire, se no nessuno mi scrittura più!

Present  Ma nuje nun ‘o dicimmo a nisciuno e poi invece di cento lire ve dongo mille lire!

Lulù       E va bene! Ora esco per rientrare subito e, quando uscirò, vi svelerò il mio segreto! Musica maestro! (Esce per rientrare subito insieme a Mimì. Eseguono qualche passo di danza intorno al presentatore che le guarda allibito)

Present  Ma to’ ‘mbriaco o siete due?

Mimì      (Insieme a Lulù) Siamo due gemelle!

Present  Allora mi avete preso in giro, mi avete cuffiato?

Mimì      Ma no, è il nostro mestiere ed ora per farci perdonare vi diamo un bel bacio! (Glielo danno)

Present  (In sollucchero) Ah, ma che ci faccio io alle donne?

Spettat  ‘A spesa ‘a matina!

Present  (Sta per rispondere)

Mimì      (Gli tappa la bocca) Non dategli retta, è invidioso. Ora accompagnateci fuori. Prego maestro!

           (L’orchestra suona ed i tre escono a passo di danza)

Presentat   (Rientra subito) Ed ora caro pubblico, me vene ‘nu poco ‘e malincunia: lo spettacolo è quasi finito, le luci stanno pe’ se stutà…  Perdonatemi se nun riesco a parlà buono, pecchè sento un nodulo alla gola che me fa ‘ncrippà il zezeniello!

Spettato Dispiace pure a me!

Present  Bravo! Per questo ti perdono tutto quello che hai detto e il tuosseco che mi hai dato!

           (Da Fuori si sente gridare)

Carmela  ‘E fatta chella figura!

Felice    (Entra dal fondo con Carmela) Statte zitta ca mo’ è ‘o mumento buono ca t’abboffo ‘e pacchere, ccà annanze a tutte quante!

Carmela  A chi? (Si avventa su Felice che scappa)

Peppino   (Entra dal fondo) Don Felì ve serve ‘na mano?

Bettina   Mo’ te ‘a dongo io nfaccia ‘na mano (Insegue Peppino)

           (Escono tutti gli attori che inseguono i quattro. Dopo qualche secondo)

BUIO - LAMPADA STROBO -

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno