Una strana famiglia

Stampa questo copione

Presentazione

La scena si svolge interamente tra i locali della casa di Umberto e Cesarina, una coppia borghese di mezza età, che trascina una vita monotona, tra la cucina di Cesarina, la cura delle tre figlie adolescenti e le visite quotidiane della petulante suocera di Cesarina, Luigia.

Cesarina, la classica casalinga frustrata, tiene le redini della famiglia, impegnata a risolvere i piccoli problemi quotidiani.

Umberto, un uomo posato, senza troppi slanci, sottostà alle leggi dettate dalla componente femminile della famiglia, finché un giorno il loro equilibrio viene scosso dall’arrivo del bell’amico Armando che, abbandonato dalla moglie Filomena, cerca rifugio nella casa della coppia…

Personaggi

Cesarina   La moglie

Umberto    Marito di Cesarina

Luigia              Madre di Umberto

Sara                  Figlia di Umberto e Cesarina

Mara                Sorella di Sara

Lara                  La sorella minore

Armando  Un amico di famiglia

Filomena  Moglie di Armando


"1


Atto unico

Scena prima

(Casa di Umberto e Cesarina)

Umberto -(piagnucolando)povero Armando, povero Armando, poveroArmando!

Cesarina - cos'è questa litania?

Umberto - povero Armando, povero Armando, povero Armando…

Cesarina - insomma, vuoi dirmi cosa è accaduto?

Umberto - no, non è caduto! Peggio, peggio, poverino! Sua moglie se n’èandata, lo ha lasciato, capisci?

Cesarina - per forza, ha fatto solo bene! Con un marito che non fa altro checorrere la cavallina…

Umberto - con Lina? Noo, ma va, a lui non è mai piaciuta Lina, figurati,secca secca, bitorzoluta, e pure coi baffi, noo!

Cesarina - ho detto cavallina! Cavallina! Si sa che che Armando è undonnaiolo incallito, lo dicono tutti!

Umberto - e ora come farà senza la sua Filomena? E senza un soldo, pergiunta! Non potrà neppure pagarsi l’affitto di casa, le bollette, e il cibo!… Cesarina - già, quella santa donna di sua moglie lo manteneva in tutto e pertutto, ha fatto proprio bene ad andarsene…

Umberto - comunque sia, adesso è solo e senza un soldo, come potràcavarsela?

Cesarina - e se andasse a lavorare, una buona volta??

Umberto - cosa?

Cesarina - lavorare! Lavorare! Andrà a lavorare!!

Umberto - sì, ce lo vedi Armando a lavorare? Non c'è abituato…e poi tu lafai facile, con la crisi di lavoro che c'è adesso…

Cesarina - beh, certo lui non sa neanche cosa vuol dire lavorare, non sa fareniente, e poi non è mica tanto più giovane adesso, chi vuoi che se lo prenda?

Umberto - in tenda?? Vuoi che vada a vivere in una tenda?? Cesarina -(avvilita)Umberto, con te non si può proprio parlare! Umberto - senti, io voglio bene ad Armando, e credo anche tu, vero? Cesarina - ma si, certo, povero diavolo, dopo tanti anni… e poi un cosìbell’uomo, tra l’altro, sempre allegro, simpatico… certo, gli voglio bene anch'io a quel disgraziato!


"2


Umberto - perciò, ascolta, mi è venuta un’idea…ehm…perché non loospitiamo qui da noi per un po'? Almeno finché non si sarà ripreso dal colpo, è così abbattuto, poverino! Eh…che ne dici?

Cesarina - sarai mica matto?? Siamo già in cinque. Mi devo mettere un’altrabocca da sfamare? E magari fargli il bucato, stirargli le camicie…oooh… e poi dove lo mettiamo a dormire, me lo spieghi? Mica viviamo nella reggia di Caserta noi!!

Umberto - Caserta?? Chi ha detto che dobbiamo andare a Caserta?? Cesarina -(tra sé)quest'uomo mi farà impazzire! Oltre che sordo stadiventando anche scemo! (Al marito) Umberto, si fa per dire! La nostra casa non è una reggia, c'è la nostra camera e quella delle ragazze, non abbiamo una stanza in più per Armando!

Umberto - può dormire nel divano-letto del salotto, gli mettiamo un belséparé ed è fatta. Il nostro salotto è grande quanto una piazza d’armi, non dirmi che non ci sta!

Cesarina - vabé, ne parliamo stasera a tavola, e sentiamo anche cosadicono le ragazze…

(Suonano alla porta)

Hanno suonato, vai ad aprire Umberto, per favore.

Umberto - han suonato? Non avevo proprio sentito…

Cesarina - eh, te pareva…

(Umberto apre la porta, entra Luigia, tutta truccata, vestita in modo eccentrico, con un buffo cappellino in testa)

Luigia - ciao figliolo, come stai? Hai dormito stanotte? E che hai mangiatoieri sera? Non troppo pesante, spero, che sei delicato di stomaco! Hai già fatto colazione? che fai, devi uscire? E quando torni?

Mmm… che profumino! Sempre ai fornelli la tua Cesarina, eh?

Umberto - no, è per la cena di stasera…vogliamo festeggiare Sara , sai cheoggi è il suo compleanno, vero?

Luigia - sì, sì, lo so, sono venuta appunto per portare il mio regalo, e a dareuna mano a Cesarina per i preparativi…

Umberto - (chiama la moglie ad alta voce)Cesarinaaa! C'è qui la mamma, èvenuta ad aiutarti! Io esco, vado a comprare la torta.

(Esce)

Cesarina -(tra sé)uff…!! È già qui a rompere le scatole!(Ad alta voce)ciaomamma, vieni, sto preparando le lasagne per stasera.

Luigia - alla bolognese? Mmm, mi pare un po' poco il ragù… quantabesciamella metti? No, è troppa! Ci vuole un po' più di formaggio… Cesarina - (sospirando, tra sé)ora capisco perché Umbertoèdiventatosordo…(ad alta voce) mamma, non vorrei che ti sporcassi il tuo bel vestito, qui in cucina, perché non vai ad aiutare Umberto a scegliere la torta… Luigia - ma no, cara, sono venuta qui per te, dai, dammi un grembiule… Cesarina -(tra sé)uff…niente da fare…, come al solito me la devo sorbire iotutto il giorno!


"3


(Entrano le tre figlie)

Luigia - Sara!, ma che bel vestito che hai! Con qualche volant al collo…qui…e qualche nastrino qui…, saresti perfetta! Ma perché non ti tagli i capelli, sembreresti molto più giovane, sai…guarda me!…

Sara e le sorelle - (alzando gli occhi al cielo, in coro)ciao nonna.

Luigia - vieni, Sara, ti ho portato un bel regalo(le porge il pacchetto)guarda,ti piace?

Sara - (apre il pacchetto)grazie nonna! Proprio bello!(Tra sé)cosa potrò maifarmene di un fazzolettino ricamato, poi!

Luigia - l’ho fatto con le mie mani! (Alle sorelle) eIl prossimo sarà per voi,eh…su, su, ora diamoci da fare, preparate la tavola, non vorrete mica che faccia tutto vostra madre! I fiori al centro, là…

( la sera a tavola. Cesarina, Umberto, le tre figlie e la nonna )

Cesarina - (si alza in piedi)un brindisi a Sara, la più bella ragazza delmondo! Buon compleanno, tesoruccio!

Mara e Lara - (parlottando tra loro)e già, si sa che Sara è la sua preferita…chissà poi perché…

Umberto - ehm… vorrei fare un piccolo annuncio…Armando…cioè, lo zioArmando… beh, se voi siete d'accordo …la mamma ha detto di sì…sempre se voi ragazze non avete nulla in contrario…

Cesarina - Umberto, anche con parole tue…le lasagne si freddano! Umberto - si, ehm, dicevo, lo zio Armando verrebbe a stare un po' qui danoi, ora che è da solo…che ne dite?

Le sorelle - (in coro)belloooo!! Lo zio Armando qui! Ci farà fare un sacco dirisate, fantastico!

Luigia - è troppo buono questo figlio mio! Bravo Umberto!

Scena seconda

(Nel salotto di casa.  Cesarina e Armando)

Cesarina - allora, Armando caro, come ti trovi qui con noi? Ti è un po'passata la malinconia?

Armando - Cesarina mia, quando ti vedo mi passa qualunque tristezza!Sono qui da una settimana, ormai, sicura che non ti dò fastidio?

Cesarina - stai scherzando? Tu porti una ventata di allegria in questa casa…come sempre, del resto…(un po' imbarazzata) sono felice che tu sia qui… Armando - (accarezzandole i capelli)sei sempre bella come allora, sai, nonsei cambiata per niente! Anch'io sono felice di essere qui, il solo vederti mi fa…(le si avvicina per darle un bacio)


"4


(Entra Umberto)

Umberto - che fate?

Cesarina -(arrossisce, imbarazzata)niente, caro, gli stavo rifacendo il letto…mi è entrato qualcosa in un occhio e Armando, gentilmente…

Umberto - ah, bene, troppo caro questo mio amico!(Ad Armando)Staimeglio adesso, vero?

Armando - sì, grazie, molto meglio, grazie, stare con voi mi fa propriobene…ah, Filomena, Filomena…

(Esce Umberto, entra Sara)

Sara - ciao, zio Armando, dormito bene?

Armando - come un sasso, siete tutti troppo cari con me!

Sara - ma figurati, Armando, è un piacere! … posso chiamarti Armando? Orasono grande…

Armando - ma certo, cara! Eh certo sei cresciuta, non sei più una bambina,sei una splendida ragazza, da corteggiare… ce l’hai il fidanzato?

Sara - veramente io…no…però puoi farmi tu da cavaliere, qualche volta… Armando - Sarà un immenso piacere, cara! Che ne dici di stasera,potremmo andare a cena fuori, poi ti porto a ballare, ti va?

Sara - se mi va?? Che gioia!! Vado subito a scegliermi il vestito! Hai sentitomamma? Stasera esco con Armando!

Cesarina - (visibilmente preoccupata)va bene, ma non fate tardi, miraccomando!

(Sara esce)

Cesarina - ma che ti è saltato in mente??

Armando - ma dai, è una ragazzina…bellissima, ma una ragazzina, hai vistocome era felice?…a proposito, Cesarina, mi servirà qualche spicciolo, se no che figura ci faccio con tua figlia!

Cesarina - pure? E va bene, dillo a Umberto, che te li dà lui.

Armando - Cesarina, sei un tesoro tu! Sei sempre stata un tesoro, e coltempo ti sei fatta più bella, lo sai? Sei sexy, attraente, con queste belle curve…sei…(le si avvicina) io credo di essere ancora innamorato di te! Cesarina - (un po' scossa e rossa in volto)non dire sciocchezze, ma secorrevi dietro a tutte le gonnelle, ed hai continuato a farlo, a dispetto di tua moglie!

Armando - lo so, sono stato uno sconsiderato, ma sono fatto così,semplicemente sono attirato dalla bellezza, ma tu sei sempre stata l’unica della mia vita, tu mi fai ribollire il sangue, Cesarina, molto più di allora! Ti amo, ti amo! (L’abbraccia e la bacia)

Cesarina - oh Armando, Armando, che follia!(Ricambia il bacio)adessolasciami, è una pazzia, lasciami andare…

Armando - a domattina, amore mio, quando tutti dormono…verrai…a rifarmiil letto?…

(Armando esce. Entrano Mara e Lara)


"5


Mara - mamma, che c'è? Ti vedo sconvolta, sei tutta spettinata, che hai?

Lara - hai il viso tutto rosso, non stai bene? Hai la febbre?

Cesarina - (imbarazzata)ecco, sì, forse un po’ di febbre, fa un caldo! Ma nonpreoccupatevi, ora passa…

Mara - (parlottando con la sorella)che strano, non ho mai visto la mammacosì, ma l’hai vista?

Lara - dice che ha la febbre, ma se non ha mai avuto una linea di febbre invita sua!

Mara - E poi hai visto che sguardo strano aveva? Era proprio sconvolta!Dev’essere successo qualcosa, meglio tenerla d’occhio.

Scena terza

(In cucina, le tre sorelle fanno colazione)

Mara -(in tono ironico)allora, Sara, come è andata ieri sera col tuo caro“Armando”?

Sara (con sguardo perso, occhi sognanti, sospirando)ah, se sapeste, sesapeste, ragazze!…è stato fantastico! Armando è…è…

Lara - è cosa?

Sara - indescrivibile! Ma che ne volete sapere voi?…

Mara - ma che avete fatto di così..indescrivibile?

Sara - non posso dirvelo, siete troppo giovani voi, e comunque non cicredereste, non potete capire! Vi dico solo questo: Armando mi ama!!! Lara e Mara - (in coro)ma figurati!!!

Mara - e poi, se mai, Armando ama me! Avete visto con che occhi dolci miguarda? E stasera lo invito io fuori, e poi vedremo!!

Sara - (furiosa)non ti ci provare!!

Lara - piantatela di litigare, tanto Armando è me che ama! Mi dà sempre unbacetto quando mi saluta!

Mara - ma è un bacetto da zio, dai! Tu sei una bambina, per te è ancora lo“zio Armando”!

Lara - ah sì?? Una bambina?? Guardate un po' qua!(Si porta le mani al seno

per far vedere che le è cresciuto)

(Entra Cesarina)

Cesarina - ragazze, avete finito di far colazione?

Lara - un momento, mamma, stiamo parlando di cose importanti. Vero chenon sono più una bambina? Mi è anche cresciuto il petto, guarda!

Cesarina - ma certo, cara, ti stai facendo grandicella eh? E sei già alta comele tue sorelle.

Lara - visto?(E fa una boccaccia alle sorelle)

Cesarina - a proposito, Sara, come è andata ieri sera, ti sei divertita con lozio Armando?


"6


Sara - zio? Ormai per me lui è semplicemente Armando, e io sono la suaSara. Che uomo! Che serata!, che amore!

Cesarina - (accigliata e con evidente preoccupazione)ma …Sara…non tisarai mica innamorata di lui????

Sara - oh sì, mamma, lo amo da impazzire, e anche lui mi ama, sai! Non èfantastico?

Cesarina - ma, benedetta figliola, un uomo tanto più grande di te! E poi nonlo conosci bene…solo perché ti ha fatto divertire…non vuol dire che sia innamorato di te!!…è solo un’infatuazione, cosa di una serata, ti passerà, vedrai…prima o poi incontrerai un bravo ragazzo che…

Sara - infatuazione?? No, no, la nostra è una storia seria!! Cesarina - (con ansia)ma che avete fatto, infine, me lo vuoi dire?

Sara - deve restare un segreto tra me e lui. Me lo ha chiesto lui, e non possoviolare la promessa!

Cesarina (tra sé)oddio, Armando, disgraziato che sei! Se hai combinato unguaio ti ammazzo, quant’è vero Iddio!! (Alle figlie) su, su, ragazze, ora sgombrate che mi serve il tavolo, devo preparare i ravioli per stasera, sbrigatevi!

Mara - per me no, mamma,(civettuola)io stasera esco con Armando.(Entra Armando)

Armando -(sbadigliando)non c'è mica rimasta una tazza di caffè per me?Scusate, ieri abbiamo fatto un po' tardi…ho un sonno…

Mara - vero che stasera esci con me, “Armando “?

Amando - mah…se vuoi…con piacere…e dove vorresti andare? Allegiostre?

Mara - ma che giostre! A cena e poi a ballare, ovvio!

Cesarina - (tra sé)madonna santissima, pure lei!! Io impazzisco! Cornuta emazzata, non sia mai!!!

(Le ragazze escono)

Armando - allora, questo caffè?

Cesarina - (infuriata)te lo prendi al bar il tuo caffè! Anzi, guarda, ce n’èrimasto un po', eccotelo! (Gli tira addosso la tazzina di caffè) disgraziato, incosciente, bastardo traditore che non sei altro!!! E con le mie figlie, poi!!! Armando - ma che dici? Io non ho fatto niente alle tue figlie, semmai sonoloro che…(scherzando) certo sono dei bei peperini, non c'è che dire… Cesarina - e allora il segreto, la promessa?

Armando - ma dai! Era solo un gioco, tanto per farla contenta…certobisogna tenerla un po' a freno quella ragazza…ha certi bollori… Cesarina - Armando, sii serio. Giura, giura su Dio che tra voi non c'è statoniente! Niente di più del ballo! Giuralo! Altrimenti t’assicuro che… (minacciandolo col bricco del caffé)

Armando - su, su, non ti agitare così! Non è successo niente, te lo giuro! Mati pare?? E poi c'è una sola persona che io amo, in questa famiglia, e sei tu, lo sai bene


"7


Cesarina - Armando, non potrei sopportare che tu…che tu…(a questo punto

Armando la bacia) oh ti amo Armando!

(Entra Umberto)

Umberto - ancora qualcosa in un occhio?

Cesarina (visibilmente imbarazzata)sì, no… ecco…tra i denti…mi si eraincastrato un pezzo di biscotto tra i denti…

Umberto - sbaglio o ho sentito dire “ti amo”? Cesarina - noooo, parlavo di te…dicevo io l’amo, lo l’amo Armando - una bella lenza questa Cesarina!

Umberto - amo? Lenza? Ah, volete andare a pescare? Buona idea, vado aprendere la mia canna da pesca, sono un pescatore provetto io!

Armando e Cesarina - (in coro)Umberto!!!

(Escono tutti)

Scena quarta

(Davanti alla porta di casa Entra Luigia con Filomena)

Filomena - non vorrà vedermi, dopo che l’ho piantato in mezzo a unastrada…

Luigia - ma no, vedrai, sarà una bella sorpresa! Dovete fare pace, e tu deviessere un po' più paziente con lui. Non credo che Armando sia un cattivo figliolo, dai…che vuoi, gli uomini sono così…tutto pancia e niente cervello! Io mio marito lo facevo rigar dritto, e quando volevo ottenere qualcosa…beh… (fa la civettuola) usavo il mio metodo infallibile…modestamente non eroniente male, sai…e lui non sapeva resistermi…dai retta a me, che me ne intendo, tu dovresti curarti un po' di più, truccarti, hai sempre una faccia così smorta, così imbronciata, e poi quei vestiti che porti…sempre con questi camicioni!… già non sei un gran che, se poi ti conci così…

Filomena - (tra sé)già, infatti tuo marito se n’è scappato di casa, altro cheirresistibile! (A Luigia) forse hai ragione, ma sai, non ci sono abituata…ci ho provato, non credere, tutto inutile! Lui correva sempre dietro alle altre! Allora non ne ho potuto più…

Luigia - non ti angustiare, vedrai che tornerete insieme…del resto non è chetu abbia poi tante altre scelte, mi pare…

(Entra Umberto)

Umberto - Filomena! Cosa ci fai qui? Filomena - buongiorno anche a te, Umberto!

Umberto - scusa sai, ma è stata una tale sorpresa vederti…come stai? Titrovo bene!

Luigia - insomma, bene…


"8


Filomena - tua madre mi ha detto che Armando è qui da te, così sonopassata a salutarlo…

Luigia - bisogna che tornino insieme questi due, dobbiamo fare qualcosa,non lo vedi Filomena quanto è triste, poverina!

Umberto - ma non è stata lei a cacciarlo di casa?

Luigia - siii… ma le cose si possono aggiustare, che diamine! Perché nonparli tu con Armando…tu sei tanto buono, figlio mio…(tra sé) tra l’altro finché quello sta qua ad occupare il salotto, io non so mai quando posso venire, con lui sempre tra i piedi!

Umberto - d'accordo, gli parlerò, non preoccupatevi. Ma tu Filomena, seisicura che vuoi tornare con lui?

Filomena - ma non so, Umberto, certo mi sento molto sola adesso. Almenocon lui qualche risata me la facevo…anche se è un vanesio, donnaiolo, profittatore, sciupafemmine…

Umberto - scopa femmine?? Filomena! Da quando in qua sei diventata cosìvolgare?

Filomena - Umberto, non scherzare, ho detto sciupa! Sciupa femmine! Equelle stronzette, solo perché è un bell’uomo gli corrono dietro e fanno le svenevoli con lui…e io dovevo sopportare tutto questo?

Umberto - beh, certo, non so darti torto…però, dai, non è un cattivoragazzo…

Luigia - (tra sé)speriamo che lo convinca ad andarsene!

(Esce. Entra Sara tutta eccitata)

Sara - ciao papà, dov’è la mamma? Devo farle vedere una cosa! Guarda,guarda cosa mi ha regalato Arm… (si accorge di Filomena) buongiorno Filomena, come mai qui?

Filomena - ciao Sara, sono venuta a trovare Arm…mio marito. Fammivedere un po', che ti ha regalato?

Sara -(civettando)un paio di orecchini di perle! …belli vero? Ora li mostroalla mamma e a Mara…(fa marameo) arrivederla signora!

(Esce)

Filomena - bel tipino tua figlia, Umberto! Non dirmi che Armando ci provaanche con lei!!! Ah questa poi! Inconcepibile!!

Umberto - ma no! Sara è una ragazzina…alla sua età ci si innamora incontinuazione, e Armando le vuole bene, ma come un fratello, uno zio, un padre, insomma…non certo nel modo che pensi tu, dai! Sara è esuberante, espansiva…

Filomena - per me Armando può fare ciò che vuole! Ma non con una chepotrebbe essere sua figlia! È una cosa assurda! Non mi sono mai sentita così umiliata in vita mia! E tu, Umberto, dovresti fare più attenzione alle “espansioni”di tua figlia!


"9


Umberto - Sara è fatta a modo suo, ha un carattere forte ed è impulsiva,non te la prendere! Non so di chi abbia preso…è tanto diversa da me! Assomiglia più a Cesarina, è passionale e ardente come lei…solo che al contrario di lei, Sara è…come dire…disinibita…e poi è sempre allegra, sempre con la battuta pronta, in questo è proprio come Armando…mah sarà l’età …comunque io non so come prenderla.

Filomena - diversa da te, dici. È facile essere diversi da te, Umberto, tu seiunico…sei uno affidabile, con la testa sulle spalle e i piedi per terra, e poi… (guardandolo) sei anche un bell’uomo, sai?

Umberto - grazie per il complimento! Comunque qui non sono moltoconsiderato, a volte mi sembra di essere trasparente, e poi…no, non sono bello…tu lo sei…

Filomena - tua madre non è dello stesso parere…

Umberto - mia madre deve sempre criticare tutto e tutti. Dice che sonobuono, e intanto fa di me quello che vuole…come pure Cesarina, del resto…certo, mi vuol bene, ma…insomma, con lei non mi trovo proprio più… non c'è dialogo, solo ordini, e a me non resta che ubbidire, per il quieto vivere!

Filomena - perché non ti ribelli? Fatti valere una buona volta! Vorrei propriovedere come farebbero senza di te!

Umberto - se ci fossi tu al posto di Cesarina, non ci sarebbe bisogno diribellioni…

Filomena - se ci fossi tu al posto di Armando… Umberto - noi due ci comprendiamo… Filomena - ci stimiamo… Umberto - staremmo bene insieme noi due…

Filomena - sì, noi ci capiamo al volo

Umberto - ci basta uno sguardo…

Filomena - sì…noi ci…

Umberto - noi ci…(si avvicinano e si abbracciano)

(Entra Armando)

Armando - olà…Filomena! Che ci fai qui?

Filomena - niente…ho saputo che eri qui e sono venuta a salutarti…volevosapere come stai…

Umberto - beh…vi lascio soli…

(Esce)

Armando - io sto bene, grazie. Cesarina e Umberto sono dei veri amici. Nonmi fanno mancare niente. Grazie di essere venuta! Allora non sei più tanto arrabbiata con me?

Filomena - ormai non mi arrabbio più, Armando, tu sei fatto così, e non c'èniente da fare…non cambierai mai! Solo che io…io non so se…

(Entra Cesarina)

Cesarina - ciao Arm… Filomena! Che ci fai qui?


"10


Filomena - tutti mi chiedono cosa faccio qui! Non posso venire a fare unsaluto a mio marito?

Cesarina - ma certo cara, non ti scaldare, tuo marito sta benissimo, comevedi…ma entra, (la invita in cucina) ti posso offrire un caffè?

Filomena - grazie, ne ho proprio bisogno. Cesarina, ti confesso che erovenuta con tutte le buone intenzioni…avevo pensato di far pace e riprendermelo in casa, ma ora non lo so più…è inutile, non cambierà mai… quell’uomo mi farà solo soffrire! Ha regalato un paio di orecchini a tua figlia Sara, lo sapevi?

Cesarina - noooo!

Filomena - ti cercava per venire a mostrarteli.

Cesarina - mi sa che quella ragazza si è presa una cotta per Armando!Bisogna fare qualcosa, perché non è possibile!…non è possibile!! Non è proprio possibile!!! (Si mette la testa tra le mani, piangendo)

Filomena - su, su, non fare così, Sara è ancora una bambina, esuberante,istintiva, come tutte a quell’eta! E Armando…lo sai come è fatto, no? È un ragazzino anche lui, un bambinone, fa le cose senza preoccuparsi delle conseguenze…

Cesarina - conseguenze! Tu neanche ti immagini quali potrebbero essere leconseguenze!!!

Filomena - dai, mi pare che adesso esageri!

Cesarina - no che non esagero! Non esagero affatto!

Filomena - ma perché? Che c'è? Spiegati!

Cesarina - (sospirando e con voce rotta)e va bene…Filomena, ecco… tudevi sapere che…

Filomena - che?

Cesarina - che…

(Entrano Mara e Lara, litigando ad alta voce)

Mara - ti ho detto di no!! Tu non ci vieni, vuoi fare il terzo incomodo? Lara - ma perché? Sono grande, e so ballare meglio di te!

Mara - si, ballare, tu al massimo potresti andare sui cavallini delle giostre!(Lara si mette a piangere)

Cesarina - insomma, ragazze, non vedete che sto parlando? Che c'è?

Perché litigate?

Mara - (non si accorge che c'è Filomena)sai che stasera esco con Armando,ecco, vuol venire anche lei…ma ti pare?

Cesarina - Mara, ma tu… vabé, ora ci penso io…ma adesso fuori tutt'e dueche qui ho da fare!

(Escono sempre litigando e piagnucolando) Filomena - anche con Mara?!? Ma quell’uomo è una bestia!

Cesarina - (con aria offesa)no, bestia no! Lui vuole essere gentile, eccotutto!

Filomena - e lo difendi pure! Ma se fino a un attimo fa…a proposito, chevolevi dirmi?


"11


Cesarina - ma no, niente, niente…bevi il tuo caffè, che si fredda…(Entra Armando)

Armando - olà! Ecco due belle donne insieme! C'è una tazza di caffè ancheper me?

Cesarina - (tra sé)si, la moglie, l’amante e l’irresistibile Armando, che trio!Ma con chi devi uscire stasera? Con Sara o con Mara? Guarda che Lara piange e fa l’offesa!

Armando - con Sara…ehm Lara…ehm…con Mara! … ma perché le avetechiamate coi nomi tutti uguali a ste ragazze! Uno si confonde!

Filomena - tu sei confuso di natura, caro Armando!

(Buio)

Scena quinta

(Nel salotto. Cesarina e Umberto)

Cesarina - siediti, Umberto, devo dirti qualcosa di molto importante. Non telo avrei mai detto, ma ora le cose si stanno complicando, e…insomma…è giunto il momento che tu sappia…

Umberto - ma, a che riguardo, è successo qualcosa di nuovo?

Cesarina - di nuovo niente, è una cosa di tanti anni fa…e riguarda noi…cioè,la nostra famiglia e…Armando…

Umberto - Armando? Ho capito, non lo vuoi più in casa…

Cesarina - no, non è questo! Ma se mi lasci parlare, senza interrompermi…(Visibilmente emozionata, fa una pausa) ecco…ti ricordi quando ci siamosposati?

Umberto - è stato un bel matrimonio, vero? Una bella cerimonia! Tu eribellissima in abito da sposa, e poi il pranzo, gli invitati…

Cesarina - sì, sì, tutto quello che vuoi, ma adesso lasciami finire, per favore!Ecco, il mio abito da sposa non era proprio candido, perché (sospiro) quando ci siamo sposati (sospiro) io ero già incinta! Ecco, l’ho detto. Umberto - la cinta! Ecco dov'era la mia cinta! Non la trovavo più e ho dovutomettere le bretelle! Ma che te ne devi fare della mia cintura?

Cesarina - incinta, incinta, gravida, lo capisci? Aspettavo un bambino!!!Anzi, una bambina…

Umberto - un bambino?? Ma prima del matrimonio noi non…

Cesarina - appunto, noi non…!

Umberto - ma allora di chi è? E chi è questa bambina?

Cesarina - non lo immagini? È Sara. Sara è la figlia mia e…di Armando.Prima che ci sposassimo ho avuto una storia con lui. Eravamo innamorati, molto…è stata una passione travolgente…poi sei arrivato tu, un uomo posato e coi piedi per terra che mi avrebbe dato la tranquillità …almeno così pensavo…


"12


(Entra Sara)

Sara - papà, mamma, sono contenta di trovarvi qui da soli. Devo dirvi unacosa. Devo farvi un grande annuncio!

Cesarina - che c’è, Sara? Che annuncio?

Sara - io sposerò Armando!

Umberto e Cesarina - (in coro)nooooooo!!!

Sara - ma mamma! Io lo amo, e anche lui mi ama!

Cesarina - te lo ha detto lui che ti ama?

Sara - no, ma io l’ho capito! Mi ha anche fatto un regalo, un paio di orecchinidi perle! Siamo usciti insieme, abbiamo ballato, abbiamo…

Cesarina e Umberto - (in coro, spaventati)avete??

Sara - insomma, ci siamo trovati bene, abbiamo parlato, abbiamo riso…insomma, io lo voglio sposare!

(Cesarina e Umberto tirano un gran sospiro di sollievo)

Cesarina - tu lo vuoi sposare…e lui che dice?

Sara - non lo sa ancora, ma presto me lo chiederà, vedrete…e se non me lochiede glie lo chiedo io.

Umberto - (serissimo)eh no, cara, tu non farai niente del genere! Anzi, d’orain poi ti proibisco di uscire con lo zio Armando! Intesi?

Sara - non è mio zio!

Umberto - no, appunto, non è tuo zio, Armando è…

Cesarina - (ad Umberto, a bassa voce)taci, taci, per carità!!!

Sara -… il mio fidanzato! L’uomo che amo e che sposerò!

Umberto e Cesarina - (di nuovo in coro)nooooooo!!!

Sara - ma insomma, perché ce l’avete tanto con lui! Lo avete ospitato incasa, gli date da mangiare, lo cullate e lo coccolate, vuol dire che gli volete bene, no?

Cesarina -Sara,io sono tua madre, e… Umberto - e Armando è tuo padre!

Sara - (sconvolta)cosaaa??? Non è vero! Mi state prendendo in giro!

Mamma, dì che non è vero!

Cesarina - (tra i singhiozzi)è vero, Sara. Armando ed io ci siamo conosciuti eamati molto prima che io sposassi papà. Dalla nostra unione sei nata tu, ma io non ho mai rivelato nulla a nessuno, perché volevo salvare il nostro matrimonio. Tuo padre non meritava di soffrire… ma adesso, dopo quello che è successo, non ho potuto più tacere, e forse ho aspettato troppo, perché ora faccio soffrire te! Mi dispiace…e ora…

(Sara, sconvolta, scappa via in lacrime)

Umberto - e ora che lui è qui, ti sei accorta di amarlo ancora, vero?(Buio)


"13


Scena sesta

(In salotto, Umberto e Armando)

Armando - allora, come è andata con Cesarina?

Umberto - benissimo! Mi ha fatto capire chiaramente che ti ama ancora. Delresto c'era poco da capire…, vi ho colti sul fatto ben due volte, e mi sono comportato da scemo, cieco e sordo…a volte essere sordi aiuta… Armando - hai recitato benissimo, non c'è che dire… Umberto - solo che…

Armando - solo che?

Umberto - Cesarina mi ha confessato tutto. Sì, è Sara tua figlia! Ma tu già losapevi, vero?

Armando - lo immaginavo, sì, mi assomiglia tantissimo, ha il mio stessocarattere, ma sa ragionare, vedessi come parla, sai? T’incanta! Io però dovevo esserne sicuro, e finché Cesarina non si decideva a parlare…Una delle tre doveva essere mia figlia. Lara no di certo, è troppo giovane. Ma Sara e Mara hanno quasi la stessa età, e io non sapevo quale delle due fosse la maggiore. Ma perché poi doveva chiamarle tutte allo stesso modo? Uno si confonde!

Umberto - Mara è nata giusto un anno dopo. Tu però hai esagerato! Seiandato perfino a regalarle un gioiello! Non hai mai pensato che illudendola così potevi farla soffrire? Tua figlia?

Armando - beh, potremmo anche dire “nostra” figlia! Te l'ho detto, eranecessario! Le passerà, vedrai, quando riuscirà a guardarmi con occhi diversi…io sarò pure uno scapestrato, ma so essere anche un buon padre, sai? A proposito…grazie del prestito !… Ma dimmi, piuttosto, con Filomena? Umberto - Filomena…l’ho sempre amata, sai? Ma davvero! Certo non sonointraprendente come te, ma sono sicuro che anche lei mi vuol bene…

C'è complicità e tenerezza tra noi…Se penso a quanto tempo abbiamo perso! Abbiamo sprecato degli anni con le donne sbagliate… Armando - già, ma ora è tutto a posto, non ti pare? Qui ci vuole una bellabevuta! Andiamo al bar a festeggiare!

Umberto - mangiare? Ma non è un po' presto per mangiare?


"14


Scena settima

(Sono tutti intorno alla grande tavolata..le ragazze, allegre, chiacchierano tra di loro, Umberto e Filomena si scambiano sguardi dolci, Armando e Cesarina si tengono per mano, Luigia si pavoneggia col suo nuovo vestito)

Umberto - (si alza in piedi )un brindisi! Alla famiglia e all’amore! Agli amoriperduti, agli amori ritrovati, agli amori (guardando le figlie) non ancora nati! Un brindisi a questa nostra strana famiglia! E all’amicizia! Ad Armando, che ha saputo ricomporre con arte affetti dimenticati, e a queste splendide donne che rendono armoniosa questa casa!…e…

Cesarina - Umberto, si freddano le lasagne!… Umberto - magagne? No, non ci sono magagne!(Si siede e tutti cominciano a mangiare)

Luigia - Sara, ma che begli orecchini che hai! Sono nuovi? Ti stanno propriobene! Chi te li ha regalati?

Sara - me li ha regalati il mio papà!…

Fine


"15