Una virgola fora de posto

Stampa questo copione

ARNALDO BOSCOLO

UNA VIRGOLA FORA DE POSTO

Commedia brillante in 3 atti in

dialetto veneto

“Animata e rilucente dalla prima all’ultima battuta”

Renato Simoni

1


1952 “Una virgola fuori posto” (Milano, Excelsior, Compagnia Micheluzzi, 3 aprile; ed Cappelli, Bologna, 1959) E’ uno scherzo arguto e brillante di un ingegno nella pienezza della sua esperienza teatrale.

Premiata al Concorso Gallina, è commedia ridanciana che narra la vicenda di due colossali distratti, condotti dal destino a vivere insieme affinchè le distrazioni dell’uno indirizzino inconsciamente ad esito lieto le catastrofiche distrazioni dell’altro. La commedia viene portata sulle scene quasi contemporaneamente alla Pergola di Firenze da Raffaello Niccoli e all’Excelsior di Milano dai Micheluzzi, con successo clamoroso e lunga serie di repliche; suggerendo a Renato Simoni, alla vigilia della sua scomparsa, questo sintetico e lusinghiero giudizio: “Commedia animata e rilucente dalla prima all’ultima battuta”.

2


PERSONAGGI

STEFANO DACCÒ

CESARINA, sua figlia

ARRIGO, suo marito

MASSIMO TABARIN

LUISINA, sua moglie

ENRICHETTA, madre di Massimo

ADELE

CARLA

DONETTI

L’Avv. PADOVANI

MARISA, segretaria

IL LATTAIO

IL CAPOSTAZIONE

L’ISPETTORE DEL CIRCOLO

UN FERROVIERE

UN PASSANTE

FERROVIERI – VIAGGIATORI

Il I° atto presso una stazione ferroviaria.

Il II° e III° atto in una grande città Porto di mare.

__________________

O G G I

3


A T T O  P R I M O

LA SCENA

Salotto terreno d’una casetta al “Villaggio dei Ferrovieri”

Casa e mobili nuovi, chiari, lindi, di carattere quasi standardizzato.

Il salotto serve anche da camera d’ingresso e si apre, a destra, per una porta a vetri, sul piccolo giardino.

Due usci alla laterale di sinistra; il primo dà in camera da letto, il secondo in cucina. Al fondo una finestra sul cui piano posano dei vasi di gerani. Appesa all’imposta una gabbia con canarino. Per la finestra aperta si scorgono, bene allineate, altre casette nuove, tutte uguali.

Estate: mattino.

Enrichetta e Luisa

(il velario si schiude sul rumore di un treno che passa rapidissimo e s’allontana lanciando un fischio

prolungato).

- (Sui sessanta, viene dal secondo di sinistra con un vassoio e dei bicchieri

Enrichetta

puliti; a Luisina, giovane sposa fresca e ridente) Cossa xelo? El 176 in

Luisina

ritardo?

- (Che sta rassettando) El xe el rapido, mama. Sentela che nol ferma gnanca

Enrichetta

in stazion?…

- Za le oto e meza?… Massimo a che ora torlo servizio? ...

Luisina

- No lo so; nol ga gnanca messo la sveglia. Stanote el ga da essar smontà a un

boto; el ga fato cussì a pian che no lo gò gnanca sentìo a vegnir in leto.

Enrichetta

Probabilmente ancuò el gavarà turno libero.

- Manco mal! Una bela vita de cani el se ga scelto quel toso!

Luisina

- Tuti i mestieri xe mestieri, mama. Se no me ne lagno mi che me lo sento

dormir da vissin una note sì e do no… Ma in fondo penso che Massimo lavora

volentiera…; che’l stipendio xe discreto…, la pension assicurada… e con tuta

Enrichetta

la disocupazion che ghe xe al giorno d’ancuo…

- Beata ti…! “Chi se contenta …” dise el proverbio… ma mi? El mio povaro

marìo se’l fusse al mondo?… aver speso un patrimonio per far studiar un fio

e saverselo là fra i binari, de giorno, de note, d’inverno, d’istà… Disagio e

Luisina

responsabilità!… se incontro quelo che ga inventà la strada ferata…

- La lo mete co la testa soto le rode de un treno!… Vado a portarghe el cafè.


4


Enrichetta

- Lassilo dormir ancora un poco. Se no’l ga messo la sveglia…

Luisina

- La ga razon. Una netadina a le scarpe alora… E po’ scampo ala Provida, se

nò me toca a far la fila. (esce per il primo di sinistra. Enrichetta va a riporre

i bicchieri nella credenza).

Enrichetta e Adele

SCENA SECONDA

Adele

- (Formosa popolana non più giovane, ma pretenziosa però di apparire

ancora piacente, ha già fatto capolino dall’esterno fra i vasi di gerani. Non

appena Luisina è uscita) Psst! Psst! Siora Enricheta?

Enrichetta

- (Con un sussulto) Chi xe? Ah, la xe ela, siora Adele?!

Adele

- (Facendo cenno di abbassare la voce) Stzz!…

Enrichetta

- Cossa ghe xe? Percossa no la vien dentro?

Adele

- Dovaria dirghe do parole… in confidenza… Ma se ghe xe so niora…

Enrichetta

- La vegna, la vegna pur, intanto. La sta per andar fora.

Adele

- (Gira l’angolo ed entra da destra; ha un involto sotto il grembiule) Son qua.

Enrichetta

Dio che baticuor!...

- Cossa ghe sucede, siora Adele? Cossa ghe xe che mia niora no possa sentir?

Adele

- Per carità! Nassaria un precipizio! (con circospezione) Salva per miracolo,

Enrichetta

capissela?…

- Mia niora?

Adele

- Mi! La mia reputazion!

Enrichetta

- Zita che la xe qua.

Dette e Luisina

SCENA TERZA

Luisina

- (Con un paio di pantofole tra le mani) Mama, le gala tolte ela le scarpe de

Adele

Massimo? Oh buon giorno, siora Adele.

- Buongiorno, siora Luisa.

Enrichetta

- Le scarpe?… che scarpe?

Luisina

- Le sue; no’l ghe n’à che un per. A pie del leto no le ghe xe.

Enrichetta

- El se sarà despoti nel camerin scuro per no farse sentir. Daghe un’ociada.

5


Luisina

- Ghe la go dada, mama. Go trovà ste papusse.

Enrichetta

- Ben?!…

Luisina

- No le xe sue. No’l ghe n’à mai avudo da quando che semo sposai.

Enrichetta

- El se la sarà comprae ieri.

Luisina

- In sti stati? E le scarpe che no se le trova?...

Enrichetta

- (Che ha colto da Adele uno sguardo d’intesa) Ben, lassa star, vardarò megio

mi, dopo, co le finestre verte. Ti lo sa che testa che ga quel fio… Cori ala

Luisina

Provvida invece, se no ti fa tardi.

- Seniremo co’l se svegia… (depone le pantofole) Ma varda ti che roba!…

Adele

(prende la borsa della spesa) Che bon vento, siora Adele?

- Un piaçer, se no ghe despiase. Geri go fato la lissia e el mio orto xe cussì

picolo per destirar la biancaria… Un per de ore se la me lassa, qua da la parte

Luisina

de la ferovia…

- Ma la se figura! Se no la vol altro… Vero mama? Arivederla, siora Adele.

Adele

- Arivederla, sposina. E grazie. (Luisina è uscita. Adele va alla finestra per

accertarsi che non abbia a ritornare).

Adele e Enrichetta

SCENA QUARTA

Enrichetta

- Ben? E cussì?…

Adele

- (Leva di sotto il grembiule il fagotto da cui trae un paio di scarpe) Ecole

Enrichetta

qua le scarpe de so fio!!

- Ehhh?… Le scarpe?… e come le gala ela, siora Adele?!

Adele

- (Indicando le pantofole) E quele xe le papusse de mio marìo…

Enrichetta

- Siora Adele, la se spiega…

Adele

- No ghe lo go dito? Salva per miracolo! El pol ringraziar el so angelo custode,

quel vergognoso, che no go vossudo far scandali!... Ma sta note el ga tentà de

Enrichetta

vegnir nel mio leto!

- Noo!!

Adele

- Sì. Verso un boto. Gera ancora tra la vegia e el sono… Sento la porta de la

camera che se verze a pian pianin… . Al momento resto sorpresa, savendo

che mio marìo gera andà fora mez’ora prima giusto per darghe el cambio a so

fio; ma po’ pensando ai soliti spostamenti de turno…. Sento el colpo de le

scarpe sul pavimento, i nizioi tirai da ‘na parte… Una man che me carezza i

cavei!!... Po dei movimenti come de uno che se veste in pressa… Salto in

senton sul leto; vedo come una ombra che sbrissa fora de la porta… Da la


6


Enrichetta

Adele

Enrichetta

Adele

Enrichetta

Adele

Dette e Massimo MASSIMO

ADELE

MASSIMO

ADELE MASSIMO ENRICHETTA MASSIMO

ADELE


finestra, soto la luna, la vedo entrar qua… El gera lu! Ma el falcheto el gaveva lassà le pene!

- Che pene?!

- Voio dir… le scarpe!

- Cossa me contela mai, siora Adele? Mio fio? E ela no la ga zigà? No la se ga fato sentir?

- La capirà… No ghe n’ò gnanca avudo el tempo… E po’ cussì… fra la vegia e ele sono… Dio! Se lo savesse mio marìo! Se el gavesse visto quele scarpe!… Se no’l trovasse adesso le so papusse!…

- La ghe le porta, presto! Prima che’l smonta da servizio…

- No’l pol smontar… El xe de servizio a la cabina de bloco numero do. El ghe n’à ancora fin a mezogiorno.

SCENA QUINTA

-(viene dal primo di sinistra senza giacca, senza gilet e senza scarpe; è assonnato) Chi ghe n’à fin a mezogiorno? Ah!... La siora Adele!? La parla de so marìo, vero? Quel caro Ernestone... Come vala? Come vala? I so dolori reumatici?... Passai, vero? Gala fato quei impachi de senape che ghe go dito?... Ma brava! Ma brava! Che bela ciera!... (e poiché Adele lo squadra da capo a piedi) Ah! La me varda cussì da la testa ai piè perchè son in sti stati... La me scusa sala... Se la Luisina me gavesse dito che la gera qua e la me gavesse portà in camera le scarpe... La me deventa pigra la mia mugereta!... Stamatina semo in ritardo con la lustradura de le pepé!...

-Ghe par, sì?... El varda qua! (e solleva le scarpe)

-Cossa? La me le ga lustrae ela?!... Eh no! Eh no! Questo no sta ben! Mama dighelo ti! Fra viçini capisso la confidenza... le reciproche cortesie... ma fin a un çerto punto... Dighelo ti, mama... No miga per no degnarse, sala... Per l'amor del cielo...

Ma insomma... Podeva ben lustrarle la Luisina, no ghe par?

-No. La siora Luisina no podeva lustrarghele!

-Oh bela! E percossa?... Dove xela la Luisina, mama?

-A la Provvida.

-Ah, perche manca la patina!?...

-Perché mancava le scarpe! Che fin a pochi momenti fa le gera a pie del mio leto, in camera mia! A lu! (e gli depone le scarpe ai piedi) .


7


MASSIMO

- (sbarra gli occhi; si batte in fronte) Sacripante! Toh!!!... Adesso me ricordo! Gera

vegnudo dentro de ela, dunque stanote? Oh varda!... Ma no la se sarà miga spaventà,

spero?... Eh no, perché no la ga gnanca fiatà. In quel caso ghe gavarìa domandà

scusa, parola d'onor! Cossa vorla? Vegniva zo dal posto de blocco, cussì, co la testa

fra le nuvole... Ste benedete case dei ferovieri tute compagne; i stessi cancelli, le

stesse entrae, la stessa abitudine de lassar le porte averte ... Stàndard! Tuto

Standard!...

ADELE

- Ma no sarà stàn... sì, là, quella roba là, anca le done, spero!...

MASSIMO

- Eco; giusto... Tanto xe vero che apena me son acorto de no essar nel mio..., go infilà

le scarpe... cioé, no, le papuzze... e zo de volata per le scale!

ADELE

- Ah sì! El diga piutosto che el ga avudo paura.

MASSIMO

- Paura!? De chi dovarìa aver avudo paura? De so marìo che me gaveva da el cambio

in quel momento? De ela che no la ga zigà?

MASSIMO

- La diga la verità che a ela no ghe saria parso vero de…essarse sbagliada co un

simpaticon come mi!...

ADELE

- Ah vergognoso!...

ENRICHETTA

- Massimo!...

MASSIMO

- Eh no, perche simpaticon lo son, vero mama? (e nel contempo s infila e si allaccia le

scarpe) Me dol proprio el cuor, sala: de averghe dà sta delusion... Ma cossa vorla?

Per f àrghele a la mia Luisina (ridendo) Ah! Ah!... Povara la mia Luisina che la ga corso

sto bruto ris-cio... Adesso quando la sentir à...

ADELE

- Nol gavar à miga el tupè de dirghe, spero...

MASSIMO

- Come no?... Altro se ghe lo dipo!... No vor ìa che la me credesse de cussì facile

contentatura... (a una smorfia di Adele) La me scusa, sala, no volevo proprio dir

questo... Oh ma per dirghelo ghe lo digo... si, perché ela, lo ga za capìo, la more dala

vogia de meterla in giro... per farse una reputazion (e se ne fa una risata) Oh, ecola

ADELE

giusto qua la Luisina!... (si scorge che Luisa attraverso oltre la finestra di fondo)

- Ah! Mi scampo...

MASSIMO

- Parcossa? La se ferma, se no vol dir che la se sente in colpa;

ADELE

- In colpa mi?

SCENA SESTA

8


Detti e Luisa.

LUISINA                                  - (entra da destra con la borsa della spesa rigonfia) Oh Massimo, ti xe in pie?... Siora

Adele, ancora qua?...

MASSIMO                         - Sicuro. Per poderselo magnar almanco coi oci!

LUISINA                            - Cossa?

MASSIMO                             - II frutto proibito. L'ogeto dei so sogni! Mi!... Speta, Luisina, che te la conto, (a un

gesto di Adele) No, ela la tasa, perché no la sa darghe el color necessario. Lo sastu

Luisina che quasi quasi te fassevo la festa dell'incoronazione?... Oh ma senza

saverlo, sastu! No ghe gera l'animus, gastu visto quele papuzze meze sfondae? Le

xe del mar ìo, qua, de siora Adele... Me le son messe mi per sbaglio stanote… E go

lassà le scarpe. Son entrà senza accorzerme in casa sua, capissistu? In camera sua! E

ela… muci! … Dal momento che ghe gera capitada l'occasion … "L'occasion fa l'omo

ladro"!... dise el proverbio..., ma anche la dona…

LUISINA                            - Oh povaro el mio Massimo!...

ADELE                                   - Povaro el mio Massimo, la dise? E la voria farme creder anca ela che solo per

distrazion?...

LUISINA                            - Oh ela no la lo conosse!...

MASSIMO                               - Za; no la me conosse. Dighelo ti, Luisina, che el giorno del nostro matrimonio gavé

dovesto vegnerme a çercar perché me gera desmentegà... A pascar con i vermeti gera andà...

ADELE                                    - Ma xe possibile? Distrato fino a sto punto? Un deviator feroviario?!... Che ga in man

la vita de miera de persone?!... Che deve star sempre co i oci averti?...

MASSIMO                               - Giusto per questo... Quando ti sta co i oci averti per dodese ore de fila, nele altre

dodese te sarà permesso de serarli un pocheto, no ghe par?... Se no ghe xe el caso che

te vegna la menengite. Ah! Ah! Ah! (a Luisina) Scusa cara, vusto darme un fià de

café e late? (Luisina si dispone a servirlo) Ti, mama, metime intanto l'ogio nela

lanterna... (toglie la lanterna da un angolo, ne leva il lume ad olio e lo depone sulla

tavola) In lampisteria i xe cussì sporcacioni... (stacca la gabbia del canarino e si mette

a rassettarla; cambia il radicchio, leva l'abbeveratoio per rimetterci l'acqua) Peraltro,

a pensarghe ben la xe comica! No ti te la imagini, Luisina, la scena de stanote? Se

gnente gnente mi fusse sta de manega larga !... Bandello!... Boccaccio!... (ad Adele) No

i xe miga ferovieri... Ela no la li conosse, ma mi sì! Go studià, sala?... Stavo per tor la

licenza d'Istituto. Ma quela benedeta matematica no la me andava zo... E la chimica

manco che manco! La se figura che al'esame el professor me ga domandà la formula


9


dell'acqua... H/2 0/4, go risposto! "Tre molecole de ossigeno per la tua ultima ora"! E

zo un zero più tondo del disco del semaforo! Gnanca l'acqua savevo distinguar!...

ENRICHETTA

- (accorgendosi che Massimo ha versato il latte sull'abbeveratoio del canarino,

sorridendo) Me par, caro, che no ti la sapi distinguar gnanca adesso...

MASSIMO

- Parcossa?

ENRICHETTA

- Se ti imbeveri el canarin col late!...

MASSIMO

- Oh varda!... (ad Adele che ride) Ah! La ride adesso, vero? E la fa ben; che tanto

a tor le cosse in tragico ghe xe sempre tempo. Alegra siora Adele, che stanote ghe

n'ò per disdoto ore de fila; e cussì no la core nessun pericolo. Pietanza de famegia,

e basta!... (trattenendo le risa) Chissà come che'l se sganassarà dal ridar anca lu,

ADELE

quando che'l savarà!...

- (spaventata) Chi?

MASSIMO

- So marìo.

ADELE

- No’l vorà miga andarghelo a contar anca a lu?

MASSIMO

- Come no? Se no ghe gera l'animus!..

ADELE

- Per l'amor de Dio!

MASSIMO

- Ah, vèdela?!... La ga paura! La xe ela che la ga paura adesso! Segno che la coscienza

proprio tranquila no la se la sente!.. (mette la zuccheriera di metallo bianco dentro la

lampada; e s'avvia zoppicando e riappende la gabbia del canarino) Peraltro… la ga

da essarse vendicada!... Curiosa! Xe la prima volta che le scarpe me fa mal. E xe tre

mesi che le porto... No la me le gavarà miga messe per caso a bagno maria? (Si guarda

i piedi) Ciò! Le se varda per tresso?!... Le se volta le spale!...

LUISINA

- Ti te le ga scambiae de pie...

MASSIMO

- (indicando Adele) Ela! La xe stada ela a metarsele davanti cussì! La ga volesto

vendicarse! (slacciandosi le scarpe e scambiandole di piedi) Qua moretine! Ognuna

al proprio posto. A marzo dispeto de la mia sedutrice.

LUISINA

- Ma cossa gastu stamatina? Bruto vergognoso!

MASSIMO

- Son in fregola! Co sta sorte de aventure che me capita... Caro, caro sto cumiceto

d'oro!... (beve una sorsata) El zucaro! Dame el zucaro; che ghe n’ò abastanza de le

LUISINA

amarezze in cuor...

- Se te lo gò messo qua adesso...

MASSIMO

- No'l ghe xe...

ENRICHETTA

- Ma si...; la sucariera...


10


MASSIMO                             - (guarda ancora sulla tavola, scorge l'ampolla metallica della lampada; s'accorge

dell'errore ed opera lo scambio con gran naturalezza; mette lo zucchero nel caffè e

latte; beve a larghe sorsate) La toga su le so pantofole, la se ricorda; se no scopia la

tragedia. (guarda l'orologio) Sacripante? Che tardi (da un bacio rapido alla moglie,

afferra la lampada e il berretto) Manco mal che son ai scambi qua fora... No go che

da attraversar i binari... Adio creature!... (sulla porta) Siora Adele, arivederla! Vol dir

che sarà per un'altra volta! (via)

SCENA SETTIMA

Luisina, Adele, Enrichetta.

LUISINA                           - Gala visto?...

ENRICHETTA             - Gala sentìo?...

ADELE                              - (intontita) Ma xelo proprio cussì?

LUISINA                           - El va a momenti...

ADELE                                   - Dasseno che me par de vivar nel mondo de la luna!... Secondo lu no me restaria che

da domandarghe scusa... El xe un simpaticon peraltro.

ENRICHETTA                       - Tanto bravo, sala. Pecà proprio ehe no'l gabia avudo la fortuna che'l se meritava...

LUISINA                              - E cussì, siora Adele, no la doveva destirar la biancheria, la me ga dito?

ADELE                                   - Ma no; no la ga capìo? La gera una scusa per poder vegnir qua stamatina... Co quel

bel risultato. Ma se gavesse possudo imaginar che'l la toleva da sto verso...

(sorridendo con un leggero senso di concupiscenza) Peraltro... anca se xe sta solo per

distrazion... la pol ben ciamarse fortunada, ela, siora Luisina...

LUISINA                           - Parcossa?

ADELE                                    - El ga un gerto modo de carezar quell'omo... Una man de piuma ... Senza volerlo me

son sentìa un sgrissolo...

LUISINA                            - E a mi la me lo vien a contar?...

ADELE                                 - Dal momento che no ghe gera... l'animus, come che el ga dito lu...

LUISINA                                  - (celiando) Ma no la ga un marìo, ela, la me scusa, per procurarse çerti sgrissoli?...

ADELE                                   - Quel orso?... I sgrissoli... del soto zero! La se figura, col mio temperamento... (e

poiché le due donne la guardano stupite) Si, si..., no me vergogno a confessarlo;

qualche volta a la sera se va al cinematografo e se assiste a çerte scenete..; basi, smorfie, parolete col zucaro... Oh Dio, se torna a casa con qualcossa che bogie


11


dentro... con un fià de calor ne le vene... E lu el mete la testa sul cussin e el parte co i

LUISINA

angioleti! La xe una pena, la me creda!... (e raccoglie le pantofole).

- (quasi a sè) Go paura anca mi adesso che gabia razon Massimo.

ADELE

- De cossa?

LUISINA

- (riprendendosi) Eh, gnente. . . ; cussì. . .

ADELE

- Beh! Andemo a far i leti...

SCENA OTTAVA

Dette e la lattaia.

LATTAIA

- Xe permesso? (d.d.) (entra) Bon giorno.

LUISINA

- Bon giorno Tonia.

LATTAIA

- Mezo litro?

LUISINA

- Si... (porge il tegamino che la lattaia riempie)

LATTAIA

- Ah, la xe qua ela, siora Adele?... La varda che go lassà la botiglia del late sula

finestra. La fassa presto che de le volte no i ghe la roba.

ADELE

- Gavè vogia de scherzar?... A le case dei ferovieri no ghe xe de sti pericoli...

LATTAIA

- Veramente... Go le vose che ghe xe in giro...

ADELE

- Che vose?...

LATTAIA

- (la guarda stupita) Alora no xe vero?...

ADELE

- De cossa?...

LATTAIA

- Dell'afar del ladro.

ADELE

- Un ladro? Dove?

LATTAIA

- In casa sua, stanote. I lo ga visto vegnir fora de corsa dal restelo dell'orto.

ADELE

- Chi ve lo ga dito?

LATTAIA

- La fia del fogista che ghe sta de fassa; la gera a la finestra. La gavarìa vossudo anzi

ciamar so marìo, ma savendo che el gera de servizio al semaforo... Xela proprio sicura

che no ghe manca gnente in casa?

ADELE

- Ma no, no...

LATTAIA

- Strano! Alora el ladro cossa xelo vegnuo a far da ela?

ADELE

- Ma che ladro! E po cossa voleu metar vu el naso nei afari dei altri?

LATTAIA

- Oh par mi... se la dise che nol gera un ladro se sarà tratà de qualehe fantasma volante.

(rumore di treno che passa vicinissimo e s'allontana) Ostrega! El par el teremoto! Come

fali lori a dormir co sta nina nana?


12


ENRICHETTA

- Question de abitudine!

LATTAIA

- Cossa xelo? El direto? Za le nove?

ENRICHETTA

- Sfido mi! Se ve fermè a ciacolar a ogni porta! La zente finisse col tor el cafe e late a

mezogiorno!... Manco mal che par mio fio ghe ne gera ancora un pocheto. . . (uno

ADELE

stridere di freni; poi uno schianto; tutti si guardano allarmati)

- Cossa xe?...

LATTAIA

- Zita!... I ziga!... (s'ode un vocìo lontano)

LUISINA

- Qualcossa ga da essar successo...

ENRICHETTA

- No se sente piu el treno...

LATTAIA

- (che è accorsa alla finestra) Ghe xe una nuvola de vapor là verso la tettoia... (ad uno

IL PASSANTE

che passa correndo, fuori) Cossa xe successo?

- (d.d.) El direto... là , in stazion... falso scambio!

LUISINA

- Gesù mio !...

LATTAIA

- Coro a vedar!...

SCENA NONA

Detti e Massimo.

MASSIMO

- (irrompe dall'uscio di strada; è sfigurato; Inzaccherato; i capelli scomposti; le mani

convulse; il viso terreo; senza fiato; s'appoggia a un mobile per non cadere;

borbotta)

MASSIMO

- Ah Madona! Ah Madona mia!...

LUISINA

- (accorrendo) Massimo! Cossa ghe xe?!...

MASSIMO

- (si lascia cadere affranto su di una sedia) Madona mia... che. rovina !. ..

ENRICHETTA

- Massimo?!...

MASSIMO

- Luisa son finìo!... Mama son morto!...

LUISINA

- Ma cosse xe successo in nome de Dio?...

MASSIMO

- Come una bala de canon!. .. Gesù, che sfraselo!...

LUISINA

- Cossa distu?...

MASSIMO

- Leva tre... leva tre inveçe che quatro... Sul binario morto...

LUISINA

- El direto?...

LATTAIA

- El ga fato scontrar el treno!


13


MASSIMO

- Un sfraselo de sicuro!... Trent'ani!... Col novo codice... Trent'ani a dir poco... Morirò

in preson... Luisa ti xe vedova... Mama ti xe orfana!... Oh Madona!...

Leva tre inve çe

che quatro!...

LUISINA

- Massimo mio!...

MASSIMO

- Gnente piu Massimo!... Minimo!... Zero!.. Finio!... Come gogio fato a sbagliar?...

LATTAIA

- (alla finestra) Ghe xe morti?...

LA VOCE

- (d.d.) Gnanca uno!...

LATTAIA

- Cento e uno?!...

MASSIMO

- Piu de çento! Ti gà sentìo?... I carabinieri ! . . .

LUISINA

- Ah, no! Scampa! Scondite!...

LATTAIA

- Ghe penso mi! El cora; fra i bidoni del late...

soto el coverton de tela çerada...

MASSIMO

- (desolato) No, no; che i vegna! Ormai son finìo ! Ma che i fassa presto! (porgendo i polsi)

Presto per carità ! Luisina no te vedarò piu!...

Mama ti xe orfana....

(rapido passaggio

di gente al di là della finestra).

SCENA DECIMA

Detti - II capo stazione - L'Ispettore - Daccò - Cesarina - Personale ferroviario - Viaggiatori –

CAPOSTAZIONE

- (entra di corsa seguito da Daecò, da parecchi ferrovieri e viaggiatori) Dov'e?

Dov'e?...

LATTAIA

- Ecolo là !

CAPOSTAZIONE

- (correndogli incontro) Tabarin?!...

DACCO’

- In che stati!

CAPOSTAZIONE

- Poveretto, capisco... L'emozione, lo choch nervoso!... Succede sempre così.

CESARINA

- Bravo! Salo. Bravissimo.

DACCO’

- Immenso!

CAPOSTAZIONE

- Eroico! Siete stato eroico!

MASSIMO

- (che non sa più che mondo si sia, borbotta) Cento e uno.

CAPOSTAZIONE

- (abbracciandolo) Qua sul mio petto! E’ tutta l'Amministrazione ferroviaria che vi

LUISINA

abbraccia con me!...

- (quasi non osando) Signor Capo?... Signor Capo?...

CAPOSTAZIONE

- Eroico, vi dico, eroico!

ENRICHETTA

- Allora come xela stada?


14


CAPOSTAZIONE

- Il deviatore di blocco due inoltra il diretto senza attendere il consenso...

ADELE

- (cadendo su di una sedia) Gesù ! Mio marìo!...

CAPOSTAZIONE

- E in stazione c'è ancora il 149!

ENRICHETTA

- (soccorrendo Adele) Acqua!... Un fià de acqua!...

MASSIMO

- (borbotta ancora) Leva tre...

CAPOSTAZIONE

- Leva tre, si! II miracolo! Lui con prontezza magnifica!... Leva tre! (fa il gesto) E il

diretto irrompe sul binario morto... Una frenata brusca, qualche contusione, un po’ di

spavento...

DACCO’

- Tanto spavento! Gavevo perso la cossa...

CESARINA

- La parola.

CAPOSTAZIONE

- Ma il disastro enorme, raccapricciante, evitato! Evitato in pieno!

DACCO'

- Centinaia di uomini salvi.

MASSIMO

- (borbotta) çento e uno!...

DACCO'

-.Nualtri compresi che gerimo nel primo cosso...

GESARINA

- Scompartimento.

DACCO'

-.Proprio vicino al cosso...

CESARINA

- Al bagagliaio.

DACCO'

- Bisognarà telegrafarghe subito a tuo marito che no'l staga in pensier. Se el leze i

CESARINA

giornali Italiani...

- E che giornali galo da lezar?

DACCO'

-.No'l xe a Parigi?!

CESARINA

- El xe tornà geri, papà . El ga pranzà con nualtri!...

DACCO’

- Ah, za!

CAPOSTAZIONE

- (all'Ispettore che entra) Oh! Ispettore! E così? Altri feriti?

ISPETTORE

- No, per fortuna. Quella coppia in vettura letto soltanto... I vetri del finestrino...

L'uomo un taglio netto qui alla faccia; lei alla coscia. Niente di grave. (a Massimo che ha

cominciato a riprendersi) Ma come avete fatto voi? Se la curva nasconde la

MASSIMO

stazione?...

- Mi?...

ISPETTORE

- Voi, si!

CAPOSTAZIONE

- Si capisce... Intuito!

MASSIMO

- Eco... Come che dise el sior Capo... Intuito.

ISPETTORE

- Cosa?!...

DACCO’

- Sesto senso!...

MASSIMO

- Sesto senso...


15


DACCO’

- Una sensibilità affinata nella diuturna tensione; per cui diventa quasi istintivo...

CAPOSTAZIONE

- Come la voce di Dio!

MASSIMO

- La vose de Dio... Spensi la tre! Mola la quatro!

DACCO’

- Ed è cosi che nascono gli eroi!

MASSIMO

- Mi no ghe n'ò colpa...

DACCO’

- Colpa?!...

MASSIMO

- Si, digo...

CAPOSTAZIONE

- L'avvenire fatto, Tabarin! Dopo una simile prova...

ISPETTORE

- Un momento! Nessuno infine l'aveva autorizzato a spostare quella leva...

DACCO’

- Ma se cio non losse aweauto...

ISPETTORE

- Ne convengo. Ma agli effetti regolamentari è un arbitrio che in altre circostanze

CAPOSTAZIONE

avrebbe potuto apportare conseguenze tremende!

- Ma non in queste!

ISPETTORE

- L'articolo 9 è Matematico.

DACCO’

- Ma se ci ha salvato tutti quanti?...

ISPETTORE

- Non è salvo il regolamento!

DACCO’

- Ma mi faccia un balletto!

ISPETTORE

- Io?

DACCO’

- Lei si! Chi è lei?

ISPETTORE

- L'Ispettore del Circolo.

DACCO’

- E allora circoli e non venga fuori con queste cose. ..

ISPETTORE

- Io faccio il mio dovere e non tollero inframmettenze di estranei…

DACCO’

- Un estraneo mi?

ISPETTORE

- E dell'amministrazione forse?...

DACCO’

- No. Sono un cosso, un viaggiatore.

ISPETTORE

- E allora viaggi.

DACCO’

- Che viaggi? Per arrischiare la cossa... la pelle sui suoi treni?

ISPETTORE

- E allora lei stia a casa, così non le succederà niente, o viaggi in auto, in pullmann, In

aereo... ma proprio in treno vuol viaggiare? Guardi me: Viaggio io forse?

DACCO’

- Ma senti che reclame ch'el ghe fa a le ferrovie!

ISPETTORE

- Del resto si è fatto male? E’ ferito forse?

DACCO’

- Caro mio, se ero ferito lei mi pagava per nuovo, sa... E poi chi le dice che lo spavento

non mi procuri un coso... uno choch nervoso... Si fa presto a diventare ebeti!

ISPETTORE

- Eh, me ne accorgo!


16


DACCO’

- Dica non mi tiri sa... non mi tiri per i capelli perché lei non mi conosce. Io sono

Daccò. Comm. : Stefano Daccò. II più forte importatore di cosi...

CESARINA

- Di pesci salati.

DACCO’

- Sicuro, de bacalà e de arringhe... E lu el voleva che mi crepasse! Ma se lei vuol

prendersela con qualcuno se la prenda con l'altro deviatore, con quello che ha

sbagliato!...

ISPETTORE

- Per quello è già provveduto.

ADELE

- Ernesto mio! (scappa fuori)

ISPETTORE

- E adesso anche lei capo, al suo posto, qui non c'è altro da fare. (a Massimo) Per lei

poi si provvederà . (esce col capostazione)

MASSIMO

- Go perso el paneto.

DACCO’

- Macchè, non si turbi sa, non si lasci guastare la gioia dell'ora. Alta la fronte! E

nessuna preoccupazione per l'avvenire. In ogni caso ci sono io, la mia azienda, tutto

me stesso. Daccò! Ghe piase el bacalà ?

MASSIMO

- Co la polenta!

DACCO’

- Da mi el ghe ne trovarà sempre. E po' el me ga salvà la vita; ah Cesarina?... Un

monumento dovaria farghe le ferrovie... e se no i ghe lo fa lori, ghe lo fasso mi, nel mio

MASSIMO

giardino, dedicato a lei! Come si chiama?

- Massimo Tabarin.

DACCO’

- Bene. A Massimo Tabarin, deviatore del destino!...

MASSIMO

- Un monumento, a mi? (contento)

DACCO’

- Si. Con la leva del miracolo in mano!

MASSIMO

- Tira la tre - mola la quattro!...

SIPARIO

ATTO S E C O N D O


17


Studio Daccò; uscio a sinistra che da all'ufficio commissioni e contabilità ; uscio a destra che mette all'abitazione; portiera a vetri al fondo con la scritta a rovescio "Daccò-Importazioni". Ampia scrivania, apparecchio radio, telefoni, suoneria. Un orologio a muro segna le nove e mezzo. Lampadario con grosse lampade al centro. L'interruttore accanto all'uscio di destra e a quello di fondo. Un attaccapanni con paletot e cappello. II lampadario è acceso.

SCENA PRIMA

Donetti - La dattilografa - II fattorino -

(La dattilografa riordina alcune carte sulla scrivania; entra il fattorino dal fondo e getta sul tavolo un fascio di

corrispondenza e di giornali; contemporaneamente viene Bonetti da sinistra)

DATTILOGRAFA

- Oh, anche per oggi ghe xe del lavoro.

BONETTI

- Gnancora visto el comendator?

DATTILOGRAFA

- Ma no. Mi no so capir. E fra poco ghe xe i listini de borsa.

BONETTI

- Che'l staga poco ben?

DATTILOGRAFA

- El gavaria manda a dir...

BONETTI

- Che sia el caso de andar a vedar?

DATTILOGRAFA

- No se sa come intivarla. El xe cussì sufistico... (squillo di telefono) Oh! Scominzia

la musica! Pronto!... Si. Uffici Daccò. La Questura? Commissariato di stazione? No.

II signor Tabarin non c’è. Appena viene... Sissignore... Riferirò. (posa il microfono)

Cossa vorli pò? Xe la seconda volta che i lo cerca. Ah! Nol ghe xe sior Massimo?

Benone!

BONETTI

- In ritardo anca lu come i treni che'l deviava! Che bela idea de metar un ferrovier ai

magazini... Quelo se ne intende de bacalai come mi de astronomia.

DATTILOGRAFA

- Xe per riconoscenza, dise el comendator.

BONETTI

- (con intenzione) Eh, la riconoscenza!... La riconoscenza xe un mito...; come la

DATTILOGRAFA

fedeltà de le done. Dove xestu stada geri de sera?

- Al cinematografo.

BONETTI

- Qualo?

DATTILOGRAFA

- Oh Dio!... Al Cosso...

BONETTI

- Brava! Paria anca ti come el commendator, cussì se capimo.

DATTILOGRAFA

- Al S. Marco.

BONETTI

- Che film fasseveli?

DATTILOGRAFA

- Oh! ù na stupidada; no me ricordo gnanca più el titolo... Go quasi sempre dormìo.


18


BONETTI                         - Infatti; se va al cinematografo per dormir. Spera che te creda...

DATTILOGRAFA        - Prima de tuto nol me daga del ti.

BONETTI                         - Oh! Quanti casi!

DATTILOGRAFA                 - E se no'l crede? El se comoda pur che mi no go da renderghe conto a lu dei mi

afari privati!.

BONETTI                         - Come? Dopo quelo che ghe xe sta?

DATTILOGRAFA                    - E cossa ghe xe sta? Perchè go lassà che qualche volta el slonga le man, de là in ufizio?

No podeva minga meterme a zigar... Tanto se lo sa che i omeni xe tuti compagni.

BONETTI                              - Perchè mi no go da nessuna prova, vero?... Che se gnente gnente podesse

migliorar la mia posizion...

DATTILOGRAFA       - El la migliora e dopo ghe ne parlaremo.

BONETTI                                - Go avudo un'offerta anca geri da la Ditta Coliman; e co tento de cointeressenza. Xe

che no so come far a piantar qua el vecio senza un pretesto e senza perdar la

liquidazion. El mio sogno no xe che uno. Batarlo in concorrenza, mètarlo co le spale

per tera... Se ghe riesso, te sposo subito. . . Ti intanto te podaressi star qua in... mission

esplorativa: Prezzi, fatture, listini... A la sera pò al cinematografo podaressimo

trovarse insieme e là ...

DATTILOGRAFA            - Fra un baso e l'altro far la spia. Ah?! L'utile e el diletevole insoma... Bel

galantomo.

BONETTI                           - Eh, che a sto mondo bisogna inzegnarse se se vol metar su casa…

DATTILOGRAFA       - Si, vicin a la preson.

SCENA SECONDA

Detti e Cesarina.

CESARINA                             - (vivacissima d.d.) Papà! Papà!... Paparino d'oro!... (irrompe dal fondo; è in abito

da viaggio estivo; molto abbronzata) To!... No'l ghe xe?... Bon giorno, signorina.

Bongiorno Bonetti.

BONETTI                         - Ben arivada signora.

CESARINA                       - El papà ?

BONETTI                               - Lo aspetemo anca nualtri. De solito prima de le oto e meza el xe in studio.


19


CESARINA

- Ah, ben! E mi che apena arivada son corsa qua... Per piaçer el me fassa portar i

DATTILOGRAFA

bagagli in casa. El ciama la governante. (Bonetti via)

- La governante ga da essar in ferie, signora.

CESARINA

- Toh! E alora in casa no ghe xe nessun?

DATTILOGRAFA

- La signora Tabarin, credo.

CESARINA

- La signora Tabarin? Chi xela?

DATTILOGRAFA

- Si, la muger de sior Massimo... Quel ferovier che...

CESARINA

- Ah, sempre qua lu?

DATTILOGRAFA

- In pianta stabile, signora; dal giorno dell'incidente del treno. El signor Daccò se ne

serve come magazinier. Da tre giorni xe qua anca la so signora; per via del processo;

e za che la governante xe in ferie la ga vossudo prestarse ela a tuti i costi.

SCENA TERZA

Detti e Daccò

(entra Daccò con Bonetti)

DACCO’

- (d.d.) Robe da mati! (entra, e semivestito) Se pol saver cossa che ve casca sta

CESARINA

matina? (si accorge di Cesarina) Toh! Cesarina? Ti? Da dove vienstu?

- Dai bagni, papà .

DACCO’

- No ti dovevi star tuto el mese?

CESARINA

- E ancuo semo al primo, papà .

DACCO’

- El primo? Se geri ghe n'avevimo trentauno?

CESARINA

- Infati...

DACCO’

- Za! Infati!... Dame un baso. (l'abbraccia) Ben, digo, voialtri? A le otto e mezza in

BONETTI

ufficio?

- Le nove e mezza, comendator.

DACCO’

- Gave ciapà un colpo de sol, vero?

BONETTI

- El varda. (addita l'orologio a muro)

DACCO’

- Un colpo de sol anca quelo, come vualtri. El mio spaca el cosso. . . Spacca el

BONETTI

minuto.

- Si. Basta ricordarse de caricarlo!

DACCO’

- (a Cesarina) E1 fermo?

CESARINA

- Si papà !

DACCO’

- Eh! Alora si capisce! Se non se gira qua el cosso... mi d'altronde go altro per la testa!

Questa valigia di chi è? Chi parte?


20


CESARINA

- La xe mia, so arivada adesso papà !

DACCO’

- Ah già ! Gastu fato buon viaggio?

CESARINA

- Otimo, papa. Ma se gavesse avuo el relogio fermo come ti, forse gavarìa perso el

treno.

BONETTI

- (per toglierlo d'imbarazzo) Col desidera, comendator, nualtri semo de là. (e s'avvia a

sinistra con la dattilografa).

DACCO’

- Bravo! El me manda un momento el sior Massimo...

BONETTI

- El xe fora, comendator.

DACCO’

- Fora? Proprio ancuo? le altre matime el xe el primo de tuti, qua. ..

BONETTI

- Sfido, mi! Prima el doveva star sconto per evitar l'aresto preventivo... Ma adesso che

DACCO’

el processo xe finìo...

- Processo? Che processo?

BONETTI

- Quelo de sior Massimo, el xe finìo, geri; al tribunal.

DACCO’

- Quanto galo ciapà ?

BONETTI

- Assolto. Se lu stesso el ga oferto le botiglie...

DACCO’

- Mi? Macche! Le gavarò oferte per la mia festa... S. Stefano.

BONETTI

- Quela vien in dicembre.

DACCO’

- E in che mese semo?

BONETTI

- In agosto.

DACCO’

- Sarà! Mi go un fredo maledeto. Presto, ande a lavorar, no perdemo tempo.

BONETTI

- Quelo no sa gnanca de essar al mondo! Lo bato, lo bato! (via con dattilografa).

SCENA QUARTA

Daccò e Cesarina, poi il fattorino.

DACCO’                                 - (si mette a strappare le buste della corrispondenza) Gastu notizie de to marìo?...

CESARINA                      - Qualche cartolina, papà ... Bognanco, Fiuggi, Montecatini...

DACCO’                             - Galo mal de stomago?

CESARINA                           - E chi lo sa? Ti lo conossi el nostro motto ormai: Ognuno per sè e Dio per tutti...

DACCO’                             - Se ghe trove gusto...

CESARINA                           - Gusto, papà !... Ti lo sa le lagrime che go fato, specie nei primi tempi... Delusion,

senso de rivolta, amor proprio ofeso... me pareva che non sarìa mai stada bona de


21


adatarme... Ma dopo?... Ragionando... El xe sta un modo come un altro per salvar

1'equilibrio e sparagnarghe a lu la pena de le scondagne, de le busie piccole e grosse...

Ghe n’à guadagnà cuss’ la dignità de tuti. Per fortuna che el ga avudo almanco el bon

senso de starme a la larga e ti ti conossi el vecio proverbio...

DACCO’                             - (completa) Occhio non soffre cuore non vede...

CESARINA                          - O viceversa. Peraltro no'l xe sta mai cussì tanto tempo senza tornar...

DACCO’                             - Mi no me ricordo gnanca più la so fisonomia.

CESARINA                               - Adesso ti esageri, papà ... Se giusto dal giorno de l'incidente del treno... Gavevo anca

telegrafà, ti te ricordi. El me ga risposto dopo una setimana da Cortina:

"Rallegramenti per scampato pericolo". Me despiase per ti, varda...

DACCO’                             - Che sia scampà dal pericolo?...

CESARINA                      - De la so continua lontananza; se ti ghe tien a la discendenza….

DACCO’                                  - Sicuro che ghe tegnarìa... A chi ghe lasso i bacalai?... Ma se quando ti parti lu ariva

e se co ti arivi lu parte...

CESARINA                      - Cossa xe? (osservandolo) Ti ga ancora la cravata de picolon?

DACCO’                                   - Sfido mi!... Stava per andar in bagno... Gnanca el tempo de tor el cafè... E adesso qua

scomincia la musica... (si accinge a esaminare la corrispondenza) Scusa, sa. Parla, parla. Disi, disi; mi me adopio. (passa la dattilografa)

CESARINA                           - Ma el cafe intanto te pol torlo... Per favor signorina la ghe diga che i ghe porta el

cafè al papà .

DACCO’                             - Gastii viagià sola?

CESARINA                      - No; xe tornada co mi la mia amiga Carla.

DACCO’                                  - Ah! Se vede che no la gavarà trovà da far ben. De solito la xe fra le ultime a lassar

la spiagia... De manega larga come che la xe...

CESARINA                             - Oh, sì, papà !».. Da no conossarla più ... Ti te ricordi, che costumi da bagno che la

gaveva... Più pele che costù me!... E sto ano invesse i calzoncini fin soto el zenocio...

DACCO’                                 - (che ha scorso la corrispondenza) Renghe! Renghe! Ancora renghe! E gavemo i

magaseni mesi vodi!... (a Cesarina) Cossa disevistu? El zenocio soto le mudande?...

CESARINA                             - Disevo de la Carla... cussì pudica... cussì riservata... Pensa che co la se spogiava

bisognava che mi andasse fora de la capanna; ma ti sa percossa? Perchè su una gamba


22


la gaveva una ferita - no so, un mal... e no la voleva che se savesse. Segreti co mi che

semo nate se pol dir insieme!

DACCO’

- Per gnente no i ve ciama le sorelle cosse... le sorelle...

CESARINA

- Siamesi.

DACCO’

- Sie mesi?

CESARINA

- No, sie mesi. Siamesi.

DACCO’

- Macchè Siamesi... Svedesi.

CESARINA

- Ma no quei xe i fiammif eri.

DACCO’

- Ah! Danesi!...

CESARINA

- Ma quei xe i cani.

DACCO’

- Ben insoma quelo che ti vol.

CESARINA

-La go lassada adesso davanti casa sua; la vegnara fra poco a far colazion cò noialtri.

So marìo xe in giro per affari, te despiase?

DACCO’

- No'l xe miga un mio concorente, Mi trato bacalai e lu machine agricole.

CESARINA

- No. Diseva de Carla; per la colazion.

DACCO’

- Ah! Figurite! Più compagnia go e megio stago. Solo bisognerà che ti te rangi a la

megio perchè la cossa... la governante ha avuto le sue cose; si volevo dire le sue ferie.

CESARINA

- I me lo ga dito.

DATTILOGRAFA

- (passa) El caffe i ghe lo porta subito.

DACCO’

- (esaminando un bollettino di borsa) E la cresse!... E la cresse!...

CESARINA

- Cossa, cresse, papà ?

DACCO’

- La sterlina; parla, parla... disi, disi...

CESARINA

- Mi go finìo, papà .

Detti e Luisina.

SCENA QUINTA

- (da destra) Permesso?

LUISINA

DACCO

- Avanti! Chi xe?... (entra Luisina col vassoio del caffè) Oh, la Signora Cossa!

LUISINA

- (a Cesarina) Ben arivada, signora.

CESARINA

- Bon giorno.

DACCO

- No ocoreva che la se disturbasse ela.

LUISINA

- Oh, per cussì poco... No son bona da star co le man in man.


23


DACCO

- Brava dona de casa, la siora cossa... Come se ciamala? Chi la ga mandada?

CESARINA

- La xe la muger de sior Massimo, papà ...

DACCO

- Vustu che no lo sapia?... Quel caro Max: tanto coso... simpatico... Max Tabaren.

LUISINA

- No, Tabarin!

DACCO'

- In Italiano, ma lui è francese.

LUISINA

- No el xe venezian.

DACCO’

- Lui si, ma è oriundo, i suoi antenati devono essere stati francesi!

LUISINA

- Come ghe piaselo?

DACCO’

- A mi? El ga da piasarghe a ela.

LUISINA

- Disevo el caffe.

DACCO’

- Amaro: tre cucchiaini! (ha aperto la radio)

RADIO

- Durante la corrente settimana si è consolidato il recente miglioramento della sterlina

sul dollaro; la settimana borsistica fiacca e svogliata nel suo complesso...

DACCO’

- (mentre sta sorbendo il caffè, sbotta) A le stele! La sterlina va a le stele! E gavemo i

magazeni vodi... Quele talpe! (Abbassa la radio, suona, urla) Bonetti ... (il caffe gli

va di traverso; tossisce; uno sbruffo di caffè gli va a macchiargli il polsino della

camicia).

CESARINA

- Varda, papà ! Sta atento!...

DACCO’

- In malora anca el cafè!... E adesso come se fa?... (a Luisina) Un fià de cossa per

LUISINA

piasser...

- Che cossa?

DACCO’

- Ostrega! Quela cossa che se lava i cossi... no la capisse?

CESARINA

- Acqua, el vol dir...

DACCO’

- Oh! Cossa ghe vol a dir acq.ua. Xe cosi semplice.

LUISINA

- E el la vol qua?

DACCO’

- E dove po'?

LUISINA

- Quanta?...

DACCO’

- Un bicchiere! Un litro! Un ettolitro! Non costa niente.

CESARINA

- La speta che vegno anca mi; go bisogno de cambiarme; de. rinfrescarme un poco...

(avviandosi) Papà , tola in dolçe. (esce a destra con Luisina)

DACCO’

- Macchè dolçe! Pura, senza zucchero, no go miga da beverla!

SCENA SESTA


24


Daccò - Bonetti - e poi Massimo.

BONETTI                         - (da sinistra) Ecome, comendator.

DACCO’                             - Galo fato quel telegramma alla Svatson di Yarmuthut?...

BONETTI                         - Che telegramma? Lu no me ga mai dito. ..

DACCO’                             - E ghe xe bisogno che ghe lo diga? Se no gavemo più renghe!

BONETTI                             - No gavemo piu renghe? El magazen me da una giacenza de 7300.-barili.

DACCO’                             - Lei sogna!!

BONETTI                         - Xe segnà su la tabela de scarico.

DACCO’                             - Chi pol aver scrito una simile bestialità ?

BONETTI                               - El novo magazinier. Se a capo de çerti servizi se metesse de la zente pratica de

l'articolo...

DACCO                             - No'l scomin çia co le cosse adesso...

BONETTI                         - I xe dati de fato e no cosse... Adesso vado a torghe la tabela.

DACCO’                               - Ghe proibisso de disturbarse. Del resto bastarìa verzar i oci. Le richieste

cresse de ora in ora... (battendo sulle carte che ha sul tavolo) No'l vede qua?

BONETTI                                - Cossa vorlo che veda? La corrispondenza el se la sbriga tuta da solo... Gnanca che

le fusse letera de la morosa. ..

DACCO                             - Ma no'l sente i listini de borsa?... La sterlina va su... La cossa... si quela che i se mete

in testa. . . la Corona norvegese anca... A le stele. Tuto a le stele!... Cossa ascoltelo lu per

radio? Le canzonete de moda?

BONETTI                         - Anca quele cò no son in servizio.

DACCO’                             - Senti che aroganza!

BONETTI                         - Xe tre ani che son co lu. Se el me lassasse un fià de iniziativa...

DACCO’                                 - Starìa fresco! Qua xe l'uficio comissioni che no funziona. Se riduremo a pagar

le renghe a prezo de diamanti.

BONETTI                         - Ma ghe assicuro...

DACCO                             - Son mi che lo assicuro che lu xe sempre co la testa fra le nuvole!

BONETTI                         - Mi?!...

DACCO                             - Lu! Proprio lu!

MASSIMO                             - (entra dal fondo con un fascio di giornali fra le mani; a sè) Epur mi gaveva

da far un'altra roba... Una roba importante anca e no me ricordo cossa che la sia. (si

tocca col dito sulla fronte) Bon giorno...

25


BONETTI

- (di botto) Vero, lu?... Su la tabela de fine settimana no'l me ga segnà una giacenza

de 7300 barili de renghe?

MASSIMO

- (trasognato) Renghe? Mi?...

BONETTI

- Renghe; lu.

MASSIMO

- Ah, za! Sicuro. Ghe xe i magazeni de ponente pieni. Gò controlà i barili uno per

uno; do volte li go contai. Per un verso e per l'altro.

BONETTI

- Ma quele xe sardele!

MASSIMO

- Noo?... Ma dasseno?... Ah, varda!... Se vede alora che gavarò sbaglià ... Un

lapsus... Come che se dise...

BONETTI

- Ah, un lapsus? E intanto le strapazae le xe mie! Ma varda ti che razza da

magazinieri!... Gnanca boni de distinguar una renga da una sardela!...

MASSIMO

- (che ha sentito) Pesci i xe; no ghe xe pò sta gran deferenza.

BONETTI

- Infati; se li magna tuti do co la polenta...

DACCO’

- (a Bonetti) Ho'l fassa del spirito fora de posto. Se'l saveva che quele gera sardele

come podevelo basarse su la tabela de scarico? E pò no'l ga i registri soto el naso?...

Questa xe malafede e acidità . Lu xe sempre acido.

BONETTI

- (sbotta) E parcossa alora no'l se ne çerca uno più dol çe de mi?... Se ghe par che no

DACCO’

fassa el caso suo...

- No'l lo diga do volte!...

BONETTI

- Ma el me paga la liquidazion, però.

DACCO’

- Se'l crede de spaventarme co questo!...

BONETTI

- El tempo de provederse, alora...

DACCO’

- Go za provisto. El pol tor la porta anca subito, (a Massimo) Cossa falo lu co quel

MASSIMO

rodolo in man?

- Il bozzetto del monumento.

DACCO’

- El posa là . El toga le consegne. Svelto!

BONETTI

- A lu?... (sbotta a ridere) Pff!... Del resto ghe xe poco da consegnar. Quatro scartofie.

El vegna, el vegna! Ghe ne vedaremo de le bele!

DACCO’

- (a Massimo che lo guarda sempre trasognato) No'l ga sentìo? El vada.

MASSIMO

- (mentre esce da sinistra seguendo Bonetti come un automa) Epur. . . mi gavevo da

far qualcossa, e importante anca, e no me ricordo cossa che la sia! (Via).

SCENA SETTIMA

26


Daccò - Luisina, poi Massimo.

DACCO

- (a sè) Toco de aseno! La liquidazion ghe preme!...

LUISINA

- (da destra con un vassoio e un bicchiere d'acqua) Eco servito!

DACCO

- Acqua?... A mi acqua... No go mai bevudo acqua de matina da che son nato!

LUISINA

- Xe per... (e indica il polsino sporco da caffè.. Depone il bicchiere accanto alla tazza

DACCO

di caffè sullo stesso vassoio)

- Ah, za!...

LUISINA

- Vorlo che fassa mi?

DACCO’

- No, grazie. Qua se perde la cossa... la testa! (si toglie dal taschino della giacca il

fazzoletto bianco e se lo avvolge intorno al dito medio della destra; fa per intengerlo

nell'acqua, ma in quella la radio riprende).

RADIO

- Listino cambi chiusura giorno 31. Francia 160.35 - Svizzera 168 - Norvegia 47.50,

DACCO’

- Urnm! (e si morde rabbiosamente il dito fasciato, poi lo intinge nella tazza del caffè e

LUISINA

si mette a strofinare il polsino) A remengo anca i bacalai! ...

- (che sen'è avvista) Comendator...

DACCO’

- (nervosissimo in ascolto) Stia zitta!

RADIO

- Olanda 88,30 - Belgio 5.10 - Spagna 22.15...

DACCO’

- Bondi sardele!...

RADIO

- New-Jork 643 - Londra 2043...

DACCO’

- (che ha continuato a strofinare) A patrasso anca le renghe! Qua bisogna far presto!

RADIO

(seguita a parlare arrabbiatissimo a soggetto)

- Non ti arrabbiare! Prendi un Cinar!

DACCO’

- Eh va in malora! (Chiude la radio con dispetto)

MASSIMO

- (rientra) Oh, Luisina! le ricordistu cossa che dovevo far?

DACCO’

- Galo tolto le consegne?...

MASSIMO

- El me ga messo sotto el naso là . .. un pacco de carte... "Bon divertimento" el m'ha dito;

DACCO’

e fora de la porta... Ma mi veramente no capisso...

- Ho'l capisse cossa? L'assume el reparto cosse… commissioni… Lo promovo capo

MASSIMO

cosso… capo ufficio.

- El me promove?. . Se xe apena un mese che son a le so dipendenze?...

DACCO’

- Eben? Cossa vol dir?... Che lo stimo, che go fiducia ne la so diligenza, nel so spirito

de iniziativa... E po no'ghe lo go dito quel giorno? La mia azienda, tuto mi stesso.

Stefano Daccò no se smentisce. E se fin ora el ga dovudo starsene sconto qua dentro,


27


fora del consorzio umano, son mi adesso che lo rimetto a la luse del sole. Lei ha

inteligenza, coltura, volontà , probità … dunque...

MASSIMO

- (balbetta) Riconoscente... El se figura... riconoscente per la pele... Vero

Luisina?... Da basar dove che el sapa... Ma xe che...

DACCO’

- Xe... che?... Fora!... Ah!... Adesso credo de capir: spirito de cascata, nostalgie. Lu

vol rientrar a le ferovie.

MASSIMO

- No. Anca se volesse mi... i xe lori che no me vol più . No'l ga leto qua? (e indica i

giornali) Assoluzione per completa infermità mentale al momento del fatto!...

LUISINA

- Povero Massimo!

DACCO’

- Mato insoma!

MASSIMO

- O insemenìo; che forse xe pezo. E el regolamento parla ciaro. E se no'l parlasse s-

cieto, ghe xe l'Ispettor del Circolo pronto a far ciaro per lu. Come vorlo che i me torna

a tor?... Bisogna per forza che me trova un altro impiego.

DACCO’

- E alora, megio de qua...

MASSIMO

- Da tocar el çiel col deo, comendator, ma xe che go paura de no essar a l'altezza del

compito... pò bisogna che ghe lo confessa: mi son molto distrato.

DACCO’

- Lei?! Ma ghe son mi. Basta no spaventarse. Subito, là ; el se toga quel notes.

MASSIMO

- Cossa distu, ti Luisina?

LUISINA

- Caro, se'l te lo assicura lu...

MASSIMO

- (che gli si è messo di fianco col notes alla mano, in piedi) El me deta.

DACCO’

- El se segna i cossi... i estremi. Telegramma urgente. "Secondo vostra proposta

MASSIMO

inviare arringhe, marca Medusa, barili ventimila, Cif Venezia...

- Cif?... (si guarda intorno, sotto il tavolo)

DACCO’

- Cosa cerca?

MASSIMO

- Cercavo Cif!

DACCO’

- Macchè Cif... Consegna banchina arrivo - termine convenzionale. ..

MASSIMO

- Siccome gaveva un cagneto che se ciamava: Cif! (a sè) Mi dovevo far qualcossa!

DACCO’

- Prezzo richiesto listino borsa data commissione - Firmato Daccò".

MASSIMO

- E basta?

DACCO’

- E basta. Cossa vorlo metarghe?

MASSIMO

- Distinti saluti.

DACCO’

- Sih! E bon appeiito!

MASSIMO

- Questo no xe difi çile...


28


DACCO’

- No! El difficile xe far el bagno in sta casa!

LUISINA

- Vado a prepararghelo subito mi. (esce)

DACCO’

- Brava! Una bona cossa, quela signora.

MASSIMO

- Come se ciamela?

DACCO’

- No'l sa el nome de so muger?

MASSIMO

- Il nome della ditta.

DACCO’

- Ah già ! Svatson e C. Yarmonth - Inghilterra... Osdford. Street 38 - 52.

LUISINA

- (che ha tolto il vassoio ed è giunta all'uscio di destra) Quanti gradi?

DACCO’

- Quaranta.

LUISINA

- (a sè) Quaranta?!».. Uhmm! (esce)

DACCO’

- 38-52-40... Subito me raccomando... Non si perda a lezar i giornali.

MASSIMO

- Stacca il foglietto dal notes; riprende il fascio dei giornali e lo soppesa… I parla del

processo... Nati de cani! Quell'avocato pòs che lu me ga procurà...

DACCO’

- No'l ghe piase? El xe un asso! El principe del foro cittadino!

MASSIMO

- Mi no digo... Ma no'l gaveva altri argomenti da tirar fora? El ga comincià l'arringa

cussì: Signori osservate l'imputato; la sua faccia da idiota non vi rivela che vi trovate

a dover giudicare un perfeto cretino irresponsabile delle sue azioni? E pò un grumo de

parolone».. Lobi cerebrali che no se ingrana... freni inibitori che no funziona...

Lacune... Amnesie... El ga ciapà a svolo la deposizion de i testi; prima de tuto quela

de la cara siora Adele, la muger del mio colega del posto de bloco... Bisognava sentirla

a contar la storia del mio sbaglio de camara la sera avanti. El se figura che la ga avudo

perfin el coragio de dir…(e si copre il viso con la mano a dita aperte in atto di

vergogna) Oh, Mariavergine!... Per fortuna che so marìo gera fra i carabinieri in stato

de aresto; ma el faceva çerti oci... Quelo co'l vien fora el me fa un buso ne la panza

grando come un capelo.

DACCO’

- No'l se impressiona; i ga da tre ani; chissà che'l mora in preson.

MASSIMO

- E mi moriro asfissià ! Geri, apena fora de l'aula... Stamatina per strada... Tuti queli

che gaveva viagià su quel treno..„ Basi... abracci, struconi.». Adesso pò che i sa dove

che son..

Arrigo, Dattilografa, Daccò, Massimo.

SCENA OTTAVA

ARRIGO

- (d.d.) Ghe xelo, mio suocero?

DATTILOGRAFA

- Un momento, credo che el sia ocupà .


29


ARRIGO                             - No importa; son de casa.

DACCO’                             - (grida) Chi xe? Arigo?

ARRIGO                                  - (è sull'uscio di sinistra; ha anche lui un fascio di giornali tra le mani e una cicatrice

traversale sulla faccia) Son mi.

DACCO’                               - Un pacco de giornali anca ti?... Gavè intenzion de metar su edicola?...

ARRIGO                                - Adesso almanco so dove trovarlo. .. Per questo son vegnudo. El xe qua, vero?

DACCO                             - Chi?

ARRIGO                             - Quel tizio che ga fato deviar el treno.

DACCO’                                  - Ah! Ti vol ringraziarlo anca ti per averghe salvà la vita a to suocero e to muger?...

ARRIGO                             - Eco...

DACCO                             - No importa. El ghe tien cussì poco! (rivolgendosi a Massimo) Vero lu?

MASSIMO                         - Gnente del tuto, anzi.

ARRIGO                             - El xe lu?!...

MASSIMO                         - I dise...

ARRIGO                                 - Bravo, (e gli da una stretta di mano da fargli vedere le stelle) Ghe faremo un

monumento!

MASSIMO                         - Ho già il bozzetto. Vuol vederlo?

ARRIGO                             - Go ciapà el primo treno apunto per questo.

DACCO                             - Nasse un altro papa?... La prima volta che arivè ne lo stesso giorno!

ARRIGO                             - Chi?

DACCO'                             - Ti e to muger.

ARRIGO                             -La xe qua?...

DACCO’                             - Da mez'ora. La xe arivada adesso co la so amiga Carla.

ARRIGO                             - Benone! Un'altra rason per farghe el monumento!...

MASSIMO                               - Mi vorìa saver cossa dovevo far, me son fato un gropo al fazoleto ma... percossa?

DACCO                             - (osservandolo) Cossa gastu là sul viso? Gastu ciapa un sgrafon?

ARRIGO                                  - Ah, perche lu no'l sa gnente?... Ma el lo savarà presto; e anca Cesarina lo savarà ...

Tanto no se pol più tegnerlo sconto perche i giornali, nel resoconto del processo, i fa el mio nome...

DACCO’                             - Ma cossa ghe entristu ti? Se pol saver?...


30


SCENA NONA

Detti, Cesarina e infine Luisina e l'Avvocato.

CESARINA

- (da destra affannatissima; anch'essa ha un fascio di giornali fra le mani) Papà!

Papà! (sbotta in pianto) Oh, papà mio!

DACCO’

- Varda! Varda! Stampa! Corriere della sera!.

CESARINA

- (sempre tra le lacrime) Ah Vergognoso! Ah traditor! Omo senza ritegno! Omo

senza pudor!...

ARRIGO

-Cesarina…

CESARINA

- Qua ti xe?!... E ti ga el coragio de ciamarme per nome anca?

ARRIGO

- (fatuo) Ben? Cesarina, cossa ghe xe?... Anca ti le tragedie come una qualunque

borghese? Epur gavevimo mostrà de saverla equilibrar cussì ben la nostra vita...

CESARINA

- Ma fin a sto punto? No aspetar gnanca che fusse cento metri lontan… e pò el

ridicolo…. el ridicolo adosso.

ARRIGO

- Andemo, via… no esageremo adesso… Ti xe sempre stada una cussì brava

bambina...

CESARINA

- Ah te fasseva comodo la mia bontà... Ecolo là el segno de la to colpa!... Almanco ti

te fussi roto la testa, ma in tochi peraltro!

DACCO’

- To marìo? Parcossa?

CESARINA

- Perchè el xe un miserabile... (ironica) E ela? Chi sarala? Un'amiga za. Xe la

regola. Ma scoverzirò e alora si che la sta fresca. E ti con ela... Stare freschi

tuti do...

DACCO’

- (che ha guardato ora l’uno ora l'altro senza capire) Ma insomma se pol saver

CESARINA

cossa che succede?

- Succede, papà , che nono no ti ghe diventi de sicuro!

DACCO’

- Xe scrito sul giornal?

CESARINA

- No, ma tanto ti no ti lezi mai i giornali...

DACCO’

- (un attimo; guarda i tre poi urla) Signorinaaaa!. ..

DATTILOGRAFA

- (sull'uscio di sinistra) Comandi.

DACCO’

- La vada a compranne i giornali, subito,

DATTILOGRAFA

- Che giornali?

DACCO’

- Tuti (via la dattilografa di corsa)


31


CESARINA

- (al padre, intensamente) Su lo stesso treno nostro, capissistu? Che

sarìa  come

dir soto el medesimo teto coniugale!... la coppia ferìa in vagone leto, quela matina...

L'omo un strisso sul viso…. la dona su la coscia... Oh! Maria Vergine! La xe ela la

DACCO’

Carla!

- Per questo la porta el costurne fin soto el zenocio!

CESARINA

- La ga da vegnir adesso... Speta che la vegna?

ARRIGO

- (a Massimo, truce) Galo visto, lu, cossa che el gà combina?...

MASSIMO

- (che nel frattempo, sensa accorgersi ha fatto a pezzettini il foglietto) Mi?!...

ARRIGO

- Se el pensava ai fati su. . . Se el lassava star quela leva…

MASSIMO

- I sarìa andai a sbatar contro el treno fermo in stazion.

ARRIGO

- Poco mal. La vettura leto la gera in coa…

DACCO’

- (ribellandosi) Comandi?!... Ma la mia gera in testa, soto el bagagliaio. Ara ciò che

DACCO

per scondar le so marachele el gavarìa

- preferìo che me ridusesse in polpeta!...

ARRIGO

- Mi questo alora no lo saveva...

DACCO

- Ma el lo sa adesso. E lo richiamo al rispeto verso l'integrità fisica del suocero e

della moglie...

CESARINA

- Ma che suocero!... Che moglie!... Adesso basta! (via)

DACCO

- Sicuro che basta. Co ste prove che gavemo in man... Ghe ritiro la figlia. Rinuncio

ala discendenza. El pol andar.

ARRIGO

- El me mete a la porta?... Eh, za… El xe nel so dirito. ..Son in casa sua... Vado...

(passando accanto a Massimo) Ma co lu faremo i conti! (esce dal fondo lasciando i

DACCO’

giornali sul tavolo)

- (a Massimo) Galo visto che bel matrimonio!

LUISINA

- (da destra) Comendator, se el desidera, el bagno xe pronto.

DACCO’

- Vegno. Ma no xe miga vero che rinuncio a la discendenza.

AVVOCATO

- (sull'uscio di fondo) Permesso? Se pol saludar? Passava de qua...

DACCO’

- Oh, bravo avvocato! Giusto lu: el ariva a tempo. Go bisogno ancora de l'opera sua;

una causa de separazion da iniziar.

AVVOCATO

- (guardando Massimo) Cossa? Sior Massimo se divide da so muger?

LUISINA

- (abbracciandolo subito) Massimo mio!...

DACCO

- No, Massimo. Mio zenaro e mia fia. Anzi ghe xe gli estremi per l'annullamento

del matrimonio.


32


AVVOCATO                   - Bene. El xe el mio forte!

MASSIMO                         - (quasi a sè) Questo, co'l pol metar pase in famegia...

DACCO’                                 - Ghe spiegarò? adesso go el bagno che se sfreda... Passarò dal so studio...

ammenoche no'l preferissa aspetarme.

AVVOCATO                   - Lo aspeto, lo aspeto»

MASSIMO                           - (a Daccò) Ma el me scusa, comendator, no sarìa megio temporegiar un

poco?... Diseva no so che personagio: "Co ti ga tolto una decision, conta fin a diese; pol darse che sul nove ti te penti".

DACCO’                                 - Lo so, lo so ghe lu gavarìa un temperamento indecisivo e conciliante... Ma qua

bisogna uniformarse alle direttive fondamentali che governa la casa e l'Azienda: aver

sempre davanti agli occhi la cosa... che unita al coso, manda avanti il mondo! Ciao!

(Via)

SCENA DECIMA

Massimo, Avvocato, Luisina, poi Dattilografa, infine Cesarina, Daccò.

AVVOCATO                         - Simpatico omo! Tuto dinamismo! Cussì bisognarìa che fusse l'intera umanità!...

MASSIMO                         - (a sè) Sastu che cucagna per i avocati?...

AVVOCATO                   - Ben? E cussì?... El nostro redivivo, qua... No'l me dise gnente?

MASSIMO                             - Che devo far una cosa importante, anca, e no me ricordo più cossa che la sia!

AVVOCATO                         - El xe via cò la testa. Si capisce! Si capisce! Emozione! Col trionfo che gavemo

avudo? Una sentenza che farà epoca... Strappata con un virtuosismo forense che no ga precedenti... El me ringrazia almanco!

MASSIMO                         - Ma de cossa?

AVVOCATO                   - No'l xe contento de essar sta assolto?...

MASSIMO                             - Oh, per- quelo, contenton... Ma xe la motivazion che no son bon de ingiotir...

AVVOCATO                            - Una logica conseguenza de la tesi che go sostenudo. Una tesi che solleva il caso

giuridico al di sopra della banale normalità . E la tesi va al di sopra di tutto, egregio amico!...

MASSIMO                             - Ciò… a mi Die pararìa che sora de tuto dovarìa andar la reputazion del cliente.

AVVOCATO                         - Questo el lo dise lu; perchè el giudica dal so punto de vista; che xe unilaterale e

logicamente interessato; e no'l conosse i diritti del professionismo, quando questo


33


confina con larte... La professione forense, giovanotto, xe un'arte!... Mi, per esempio,

MASSIMO

quando me capita un caso come el suo me esalto, me appassiono...

- El ghe sguazza dentro, insomma..,

AVVOCATO

- E trasformo il caso a servizio della tesi, El cliente no resta che un mezzo.

MASSIMO

- (a mezza voce) Se po' el va a finirla in galera.

AVVOCATO

- Un banale incidente di trascurabile importanza. .. Come quando scoppia una proveta

in un laboratorio de chimica; la proveta scoppia ma l'assioma scientifico resta.

DATTILOGRAFA

- (da sinistra con un fascio di giornali) Eco i giornali. Manca la "Domenica del

Corriere" che ga ancora da arivar... (a Massimo) El diga, el varda che i gà telefonà da la

questura per lu. Che'l vada subito.

MASSIMO

- Cossa che i vogia?

AVVOCATO

- Il disbrigo de qualche pratica inerente al processo. Andrò io a vedere.

MASSIMO

- Grazie. . . (alla dattilografa) Adesso ela la varda che ghe xe un telegramma urgente

da far. Squasi, squasi me desmentegavo... (cercando il foglietto degli appunti) Dove

AVVOCATO

gogio messo quela carta?...

- (avvicinandosi al tavolo dove la dattilografa ha posato i giornali) Ghe xe anca la

DATTILOGRAFA

"Gazeta de mezogiorno?"

- Si, avvocato.

AVVOCATO

- Me la dia che cerco una notizia che mi interessa.

MASSIMO

- La gavevo qua!

LUISINA

- Massimo cossa xe sti tocheti de carta?

MASSIMO

- Oh! Maria Vergine!

LUISINA

- Ti xe sta ti?

MASSIMO

- Se capisse che senza incorzarme...

LUISINA

- Aspeta caro, che te giuta... (si chinano entrambi a raccoglierli e tentano poi di metterli

assieme sulla scrivania).

AVVOCATO

- Vedemo se i riporta decentemente el sunto de la mia aringa. (toglie il giornale e si

mette in disparte a leggere).

MASSIMO

- Si, si, ghe semo… Manca qualche tocheto, ma ghe semo... (detta) Svatson e C.

Yarmonth - Oseford Street 38 - 52 - 40.

DATTILOGRAFA

- So, so; no xe la prima volta.;

MASSIMO

- Ah si? Megio… "Secondo proposta inviate arringhe marca Medusa, barili.». barili...

(fa combaciare più volte due pezzettini di carta) duecentomila, Cil Venezia, prezzo


34


richiesto listino cambi, data... (avvicina altri pezzetti) data... data... spedizione. Firmato

Daccò. Vorla rilezar?

DATTILOGRAFA

- (rilegge) "Secondo proposta inviate arringhe marea "Medusa" barili duecentomila

Cil. Venezia prezzo richiesto listino cambi, data spedizione. Daccò. El me sigla la

MASSIMO

minuta.

- (eseguisce) Eco. Subito, me racomando. Urgente, (la dattilogra fa si avvia) Megio

DATTILOGRAFA

anzi urgentissimo.

- Bene. (via).

AVVOCATO

- Macchè! Macchè! Sti giornalisti no i ghe ne imbroca mal una!...

DACCO’

- (entra con Cesarina) Dov'e la Tabarina? La voleva pelarme vivo? Per fortuna che

LUISINA

go tastà l'acqua cò un deo! Se podeva cusinar la pasta asciutta in quel bagno!!!

- Ciò… El me ga dito el bagno a quaranta...

DACCO’

- Mi?... Ela farnetica.

LUISINA

- Epur...

MASSIMO

- Go sentìo mi co le mie recie.

MASSIMO

- Fodrae de parsuto. Varda ti se ordinarò el bagno a quaranta!

SCENA UNDICESIMA

Daccò, Cesarina, Massimo, Luisina, Avvocato, Carla,

CARLA

- (viene dal fondo; è una bella donna procace, elegante, vivacissima) Eccome qua

finalmente. Me son fata aspetar? (a Cesarina) Ti devi scusarme, cara, ma co se torna

dopo qualche tempo se trova sempre qualcossa che no va.

CESARINA

- La xe proprio cussì, tesoro. Anca mi infati go trovà in casa qualcossa che no va.

Tanto che per questo la colazion xe in ritardo.

CARLA

- Oh, no preocuparte per mi, gioia. Ti sa ehe mi no go squasi mai apetito.

DACCO’

- La sarà inamorada!

CARLA

- Oh, el nostro Comendator!.. . Sempre faceto.

CESARINA

- Sastu, Carla, che sorpresa che me aspetava qua al mio arivo? Una sorpresa in

CARLA

carne e ossi... Indovina.

- No savarìa...

CESARINA

- Arrigo!

CARLA

- To marìo?...

CESARINA

- Mio marìo, si... Arivà quasi a la stessa ora nostra. Bel caso per un omo sempre

in giro tuto l'anno? Te par?


35


CARLA                               - Ma certo»..

CESARINA                       - No ti lo gà incontrà adesso per casosu la riva?

CARLA                                   - Mi no… Oh, ma gavarò modo de vedarlo certamente e de darghe una beia

lavada de testa! No xe permesso, caspita, lassar sola per tanto tempo una muger zovane e carina come tu...

CESARINA                       - Oh, ti lo sa come che'l xe fato!...

CARLA                                    - Come ti xe fata ti, piutosto; senti: mi sarò de quele de una volta, ma a mi, el marìo

nie piase tegnirmelo da vissin; devoto e fedele sempre, come un cagneto.

CESARINA                       - (sottovoce al padre) Senti che sfacciata!

DACCO                             - (pure sottovoce) Go paura, che ti gabi ciapà un granzio.

CESARINA                             - (al padre) Aspeta un momento... (presentando a Carla i presenti) Ti conossi,

vero?...

CARLA                               - No, veramente…

CESARINA                              - Oh, mi credeva… Scuse, Carla Baroni, l'avvocato Padovani; una illustrazione del

nostro foro.

CARLA                               - Conosso de fama, certo. Tanto piacere.

AVVOCATO                   - Ben tornata, signora.

CESARINA                             - E questi xe i signori Tabarin; Massimo Tabarin; el nome no te ga da essar

novo.

CARLA                               - Ma figurite! Se ghe n’a tanto parlà ! I me amici ghe deve la vita!

MASSIMO                             - (stringendo la mano) Sarà forse per questo che son sta messo soto processo...

CARLA                               - Soto processo, lu? No?.., Percossa?

LUISINA                            - I regolamenti, i dise...

MASSIMO                         - Tira la tre, mola la quattro!

AVVOCATO                   - Ma ssolto!... Assolto in pieno!

CESARINA                      - No ti ga leto i resoconti dei giornali? I xe qua tuti!

AVVOCATO                            - Ghe xe el riassunto de la mia aringa...; perchè son sta mi il suo difensore… Legga!

Legga! (e le mette il giornale tra le mani)

CESARINA                               - (indicando un punto sul giornale) Lesi, piutosto qua, cara... Dove che i parla de le parti

lese... La cosa te pol interessar. (Legge) "Le parti lese che viaggiavano nel vagone

letto non si sono presentate. Trattasi di una giovane coppia che aveva riportato ferite

leggere: - lui alla faccia, lei alla coscia"


36


CARLA

- Davvero?... E si e saputo chi fossero?

CESARINA

- Altrochè

CARLA

- (guardando il giornale) Si fanno dei nomi?

AVVOCATO

- Solo quello dell'uomo.

CESARINA

- L'uomo era mio marito!

CARLA

- Ne sei sicura?

CESARINA

- Mi è bastato guardarlo... El ga un strisso longo cussì! (accenna al viso)

CARLA

- Poveretto!

CESARINA

- Te despiase vero?

DACCO’

- La donna pò…

CARLA

- (subito) Non sono curiosa…

CESARINA

- Oh ti la conossi ben! Un'amica sa, una cara amica... Una compagna de divertimenti,

CARLA

de bagni. E xe sta proprio ai bagni che go visto. . .

- Cosa??

CESARINA

- Tutto!

CARLA

- Oh Dio! (smarrita)

CESARINA

- La gaveva un bel portar i calzoncini soto ei zenocio, ma un giorno che la dormiva

su la sabbia...

CARLA

- Hai veduto!?

CESARINA

- Un strisso longo cussi, anca ela.

CARLA

- Oh! (si accascia)

CESARINA

- (al padre) E adesso dime che go ciapà un granzio.

AVVOCATO

- Ma la signora si sente male.

CARLA

- No.,. e questa storia... che non so perchè... Mi ha tanto sconvolta.

CESARINA

- (al padre) No la sa el perchè, ciò!?

LUISINA

- Ma la xe tanto pallida.

DACCO’

- Un goto de acqua, presto!

MASSIMO

- Corro! (via)

CARLA

- Preferisco prendere un po' d'aria.

AVVOCATO

- Se desidera l'accompagno.

CESARINA

- Bravo avvocato. El fassa da cavalier; el la conduga a casa. Zà ormai credo che no la

ghe tegna de fermarse qua a colazion: Quel poco de apetito che la gaveva el ga da

essarghe passa.


37


CARLA

- (rinfrancata) Hai proprio indovinato. Ma non ho bisogno di essere accompagnata.

Grazie (all'avvocato). A casa certo troverò mio marito... e gli racconterò la storia... Ma

per tranquillizzarlo gli dirò che tu hai già le prove, quindi non dubiti di nessuna delle

altre tue compagne di bagni... e tanto meno di me. E' vero che ho una cicatrice qui,

sulla gamba destra... proprio qui, (indica la coscia) ma è cosa vecchia... Fatta in

collegio… per una caduta…. e mio marito lo sa...

DACCO’

- (Che muso roto!)

MASSIMO

- (entra con Luisina) Eco l'acqua. Oh, ma la sta megio?

CARLA

- Io sto bene. Dovrebbe star male chi è la causa di tutto. Perchè viene al mondo certa

gente?! (Via)

MASSIMO

- Perchè vien al mondo certi mati, digo mi! E sta acqua? (a Cesarina) Vorla bevar?

CESARINA

- A mi acqua? Pogo el me daga, per bruzar chi digo mi! Avocato! El ga sentìo?

AVVOCATO

Separazione e al piu presto!... (via)

- Go sentìo, ma no go capìo gnente.

DACCO’

- La xe cussi ciara.... Quela signora la xe quela de la cicatrice.

AVVOCATO

- Fatta in collegio da bambina.

DACCO’

- Fatta in treno,assieme a mio genero!

AVVOCATO

- Se la dise che la xe roba vecia, che lo sa anca so marìo? Alora vol dir che la

ghe n!ha do!

DACCO’

- Una per gamba!

DATTILOGRAFA

- (entrando) Sior Massimo xe la quarta volta che i telefona dal Commissariato de

Stazion domandando de lu.

MASSIMO

- Ma cossa vorli ste secae?

DATTILOGRAFA

- I dise che ghe xe una doma vecia ehe lo speta fin da stamatina a le cinque in stazion

LUISINA

a no la sa dove trovarla.

- To mama che ti ga fato vigner per la to assoluzion!

MASSIMO

- Ah! Ecco ehe dovevo far una roba importante!

DACCO’

- E no la saveva che'l gera qua?

MASSIMO

- Si, ma gavevo telegrafà de aspetarme in stazion!

LUISINA

- Coremo.

MASSIMO

- E de galopo! (s'avvia)

AVVOCATO

- Vegno anca mi, vogio che la conossa el suo salvatore. (s'avvia)

DACCO’

- Massimo! E el telegrama xe sta fato?

MASSIMO

- Fin da geri…


38


DACCO’                             - Se ghe lo go dettà oggi?

MASSIMO                         - Per mia mamma?

DACCO’                             - No, per le arringhe.

MASSIMO                         - Già arrivato. (via con Luisina)

DATTILOGRAFA       - Lo go spedìo mi.

AVVOCATO                         - (d.d.) El me speta sior Massimo (entra) Me son desmentegà la mia borsa.

DACCO’                             - (dandogliela) Eccola qua! (avvocato via)

MASSIMO                               - (d.d.) El me speta avocato. (entra) Me son desmentegà el bozzetto del monumento,

vogio farghelo vedar a la mamma! (via)

DACCO’                                  - Dio mio, che distrati! Uno desmentegà la borsa, st'altro la ma.ma - el monumento!...

Se no ghe fusse mi a aver la testa a posto... guai!

SIPARIO

ATTO T E R Z O

Stessa scena del secondo atto. L'orologio segna le dieci.


39


SCENA PRIMA

Massimo e dattilografa

MASSIMO                             - (in piedi, davanti al tavolo, risponde a una chiamata telefonica all'apparecchio di

destra) Pronto... Pronto... Daccò, importazioni... No el comendator xe fora in

Maritima, ma se el vol dirme... Son el so segretario, capo dell'ufficio commissioni... -

Va bene - Ventiquattromilasettecentonovantasei? Fin a a che ora xe averta la banca?

Dodici e tranta? No'l dubita, prendo nota. Grazie, (depone il ricevitore, suona, chiama

la signorina sul tono abituale di Daccò) Signorinaaa! (squilla la suoneria

dell'apparecchio telefonico di sinistra; risponde) Pronto! Daccò - Importazioni -

Aringhe Marca Medusa?... Pochi barili al momento e dovemo acontentar diversi

clienti... Ma fra quà l che giorno speremo... No'l dubita... (alla signorina ehe entra da

sinistra, dopo aver coperto il microfono con la mano) Ga da essar l'avviso de una trata

dei Magazeni Generali. Come mai no'l xe segnà in scadenzario?...

DATTILOGRAFA       - Mi no lo go visto: bisognarà sentir el signor Daccò...

MASSIMO                             - La lo çerca, la lo çerca... (via la dattilografa; leva la mano dal microfono e

riprende la telefonata) El staga tranquillo; per mezzogiorno la trata sarà ritirata... Ghe

trata?... Quela dei ventiquatromila e roti... Cossa? A torzio co la testa, mi?... (S'avvede

dello sbaglio e depone subito il ricevitore) Oh!...

SCENA SECONDA

Massimo e Arrigo.

ARRIGO                             - (dal fondo) Dove xelo mio suocero?

MASSIMO                         - El xe andà fora presto co la signora Cesarina.

ARRIGO                             - Dove che i sia andai?

MASSIMO                         - Da l'avocato, credo. I ga tolto apuntamento geri de sera per telefono.

ARRIGO                                  - Per la causa de separazion, vero? El xe un bel testardo mio suocero. El vol farne

dividar a tuti i costi...

MASSIMO                             - E ghe par che no'l gabia razon. Co quelo che el ga fato passar a so muger...

ARRIGO                                 - Eh, che se tuti queli che fa qualche sconfinamento dovesse pensar a dividarse...

MASSIMO                             - Qualche sconfinamento el ghe ciama? Ma lu ga varcà i monti e gli oceani.

adiritura!

ARRIGO                             - (seguendo un suo pensiero) Che bestie ehe semo nualtri omeni!


40


MASSIMO

- El pol parlar anca al singulare.

ARRIGO

- No gaveva mai visto Cesarina in quei statu...

E la disperazion de una dona conta

a le volte più de mile discorsi persuasivi...

E pò, e pò...

çerti esempi...

Se i dovesse far

un tratato de perfetto contegno coniugale i dovarìa metarghe el so ritrato su la

MASSIMO

copertina...

Lu che no ga mai fato un torto a so muger gnanca col pensiero...

- El pol ben dirlo...

...

"come do morosi"

ARRIGO

- lo so, lo so... Tesoro mio. . . Vissare sante

MASSIMO

- Cossa diselo?...

ARRIGO

- Geri de sara in giardin, sconto fra le piante, con un afano qua dentro...

go visto e

go sentìo...

MASSIMO

- Cossa?!...

Lu gera sconto in giardin quando che mi e la Luisina?... Ara ciò che'l

vien a spiar quelo che mi fasso a scuro co mia muger!...

ARRIGO

- Voleva spiar atraverso le finestre quelo che fasseva la mia...

Lezar qualche

soferenza sul so viso... e invesse no go avudo che'l spetacolo de lori do

...

MASSIMO

- Ciò... in casa, soto i oci de la zente, no se pol gnanca strucarse na man...

So suocero

pò ga avudo la bona idea de darne do camere separae...

ARRIGO

- Sempre bestia mio suocero!...

Certo che mi da ieri sera me par de aver spalancà i

oci su un'altro mondo; e son qua che me domando se xe mai possibile che dopo

diversi ani de matrimonio se continua a dirse certe parole tenare, a farse çerti

cocolessi...

MASSIMO

- Stradelà de possibile, co se ga sposà una dona che se ghe vol ben.! Cossa vorlo

trovar de più belo al mondo? El conforto de una parola, de un baso, de una careza co

ARRIGO

se torna a casa, a la sera, strachi morti dal lavoro?

- El mal xe che mi straco no ghe son mai sta in vita mia...

MASSIMO

- Qualo xelo el so mestier? El me scusa...

ARRIGO

- Gnente…

MASSIMO

- Come gnente?

ARRIGO

- Zogo a poker, viagio per passatempo.

MASSIMO

- Oh, un bel mestier dasseno!...

Stracarse, stracarse, sior mio!

ARRIGO

- No savarìa da che parte scominçiar...

MASSIMO

- El scominçia dai bacalai! Lu el me dirà che i spuzza... Tutto sta abituarse... Odor

san, de mar, de bastimento, de carne infumegada...

El se ghe buta dentro...

El nua tra

le sardele, le renghe, i scopetoni... cibo del popolo...

E se ghe da fastidio el nome

de bacalà , oltre l'odor, el lo ciama merluzzo; animale nobile che ofre il fegato per il


41


bene dell'umanità. Col gera picolo no'l ga mal tolto lu 1'Emulsione Scott? Olio di fe-

gato di merluzzo... Mia mama, povareta, doveva corarme a drio co la bossa e el

cuciareto per tuta la casa!...

ARRIGO

- Intanto mi no son sta bon de dormir tuta la note... E se mio suocero se ga fissà de

farme dividar mi me son fissà de no farme portar via la muger. No'l podaria darme

una man anca lu?

MASSIMO

- Comandi?!... "Fra moglie e marito non mettere il dito" dise el proverbio.

ARRIGO

- Ma qua no se trata de metarlo; se trata anzi de cavarlo. El me agiuta, el varda la..

Ghe perdono l'afar del treno.

MASSIMO

- Ciò, par mi... per quel poco che posso far... Ma bisognarà sentir sti altri...

ARRIGO

- (sedendosi in un angolo) Mi intanto me sento qua e no me movo gnanca co le

canonae!...

MASSIMO

- (dopo un poco) Ma varda ti i casi de la vita... L'altro giorno el pareva che el volesse

magnarme vivo e ancuò invesse. . .

ARRIGO

- E oggi invece lo benedisso. Ghe despiase?

SCENA TERZA

Detti, Luisina, Adele.

LUISINA

- (da destra dopo aver bussato discretamente) Se pol, Massimo? Disturbo?...

MASSIMO

- Oh," Luisina cara. Vien, vien.

ARRIGO

- (alzandosi) Buon giorno, signora.

LUISINA

-Bon giorno… Scusime caro, ghe sarìa qua co mi siora Adele... (ad Adele che

timorosa fa capolino all'uscio) La vegna, la vegna avanti...

MASSIMO

- (inalborandosi) Cossa?... Ela?... Ah, questa po!!,. .. La ga ancora el coragio de

comparirme davanti ai oci?...

LUISINA

-Xe per el to ben, Massimo. Almanco cussì la dise ela... Per el nostro ben.

ADELE

- (mettendo in mostra un giornale) No'l ga leto el giornal?

MASSIMO

- Ancora giornali?... No lezo più giornali, gnanca sè i dise che go vinto la

ADELE

loteria de Merano!...

- Ghe xe el decreto de amnistia.

MASSIMO

- Amnistia?

LUISINA

- Si; per tute le pene fin a tre ani.


42


ADELE

- Mio mario ga ciapà do ani, undese mesi e ventidò giorni. Dunque domatina el vien

fora.

MASSIMO

- E la me lo dise co quela facia de tola? Ma quelo me sbuza la panza!

ADELE

- E non a lu solo! Bisogna che el me salva, sior Massimo...

MASSIMO

- Mi? Ah, son mi che go da salvarla?...

ADELE

- In fondo se mio marìo xe in prezon xe colpa sua!

MASSIMO

- Cossa?... Ah ben!... Son sta mi a sbagliar la leva al posto de blocco?

ADELE

- No; xe sta mio marìo. Ma bisogna pensar in che stati che'l gera, infelisse de Dio!

Pochi momenti prima qualehe anima bona gera andada a supiarghe ne le recie che lu

gera vegnudo fora de casa mia a un boto de note; e alora el ga visto rosso... anca sè el

semaforo gera verde...

MASSIMO

- Maria Vergine! Gaveva rason mi de dir che'l me riduze in sansarelo!... No ghe

mancava pò che la so deposizion... Come se fa adesso?.». Come se fa?...

LUISINA

-Calmite, Massimo; lo afronterò mi per prima; ghe dirò che son stada mi a mandarte

in casa de siora Adele per vedar se la gaveva un fià de laudano per i me dolori de

stomego...

MASSIMO

- Basta che st'altro la beva... Eh, no perchè de solito co i se mete in idea de aver certi

ciodi per la testa... (ad Adele) Ma ela, se pol saver dove che la xe andada a pesear tuti

quei particolari al processo? Se quela note son scampa via subito?

ADELE

- Cossa vorlo?... No so gnanca mi... Man man che parlava i me fioriva da la boca

cussi.... come queli che scrive romanzi...

MASSIMO

- Carolina Invernizio! E adesso co’l sarà fora, cossa faralo? ... Anca lu a le ferovie no

i lo vol pi de sicuro...

ADELE

- Mi spero che lu no el ne abandona... Eco la vera maniera de salvarme... De salvarne

anzi tuti do. Co tuto l'ascendente che el ga lu col comendator. . . Un posto a mio marìo

el pol trovarghelo.

MASSIMO

- Scherzela? El patronato per i ferovieri liberati dal carcere! Sala che bubana?... Le

sardele che ne ariva an magazen co'l caro feroviario e tuto!... Ela xe mata!

LUISINA

-Ad ogni modo, Massimo, tentar...

MASSIMO

- Ma che tantar! El ne fa far un svolo da la finestra a tuti quanti! (s'ode la voce di

DACCO’

Daccò in amministrazione)

- (d.d.) Ghe zelo sior Massimo?

MASSIMO

- Tasè che el xe qua.


43


LUISINA

- (ad Adele) La vegna intanto; la vegna de là , se no el cafè e late ghe deventa fredo.

MASSIMO

- Anca el cafè e late ti ghe da? Che santa dona che ti xe ti Luisina!

ARRIGO

- Po’ tanto xe mio suocero che ofre per tuti.

MASSIMO

- Xe megio che’l vada de là anca lu un momento a farghe compagnia.

ARRIGO

- Ma…

MASSIMO

- El lassa che lo afronta mi...; che scandaglia un pocheto; no

ghe go

promesso?... Dopo, se mai... (Luisina, Adele, Arrigo escono a destra)

SCENA QUARTA

Massimo, Dacco, Cesarina, poi Arrigo e Luisina.

DACCO’

- (con Cesarina da sinistra) Ah! El xe qua lu?... Galo sentìo le novità ? Co'l

primo del mese i ne radopia el dazio de importazion. .. Tegole! Sempre

tegole!... E in Ingilterra i xe soto sora per le elezion. Sciopero de minatori,

sciopero dei ferovieri...; la sterlina precipita... E qua gnente de novo?

MASSIMO

- Gnente, comendator. (squilla il telefono) Rispondo mi?

DACCO’

-El risponda.

MASSIMO

- (al telefono) Pronto?... Chi parla? Ah! La ditta Colimen?... Si, si..... Ditta

Dacco. .. Cossa?... Se ne ocore renghe?... A nualtri? A nualtri primi grossisti

de la zona? Grazie, grazie tante de la so bontà ... Ma per el momento no ghe

ne avemo bisogno.(stacca) Toco de aseno!

DACCO’

-Chi xelo?

MASSIMO

- Bonetti; el so ex commesso. Sicome ghe risulta - el dise - che semo coi

magazeni vodi el ne ofre una partita de cento barili de renghe a 8300... Per

spirito de coleganza, el dise... Ma el gaveva una çerta aria de tor in giro...

DACCO’

-Son stà massa bon a tolerarlo qua per tanto tempo; ma se Dio vol quelo xe

andà, presto liquideremo anca to marìo. Che testa quell'avvocato! Che

precisione matematica! Metaremo in crose quel vergognoso... Arivaremo

all'anullamento del matrimonio.

CESARINA

- Papà, te lo go dito; no vogio espor Arrigo a certe figure... In fondo go portà

el so nome... Lo porto ancora.

DACCO’

- Ciò, geri ti geri fora de ti, decisa a tutto e oggi...

CESARINA

- La notte porta consiglio.

44


DACCO’

-I consigli te li dago mi e 1'avvocato che de legge se ne intendemo.

CESARINA

- Ma oltre la legge ghe xe anca le convenienze sociali, un senso de pudor da

salvaguardare!

DACCO’

-Mi vogio arivar a darte un omo che sia degno de ti e de mi.

CESARINA

- Oh, ti fa presto ti, papà !... Ma no se cambia de marìo come se cambia de

ARRIGO

camisa.

- Cesarina, tesoro, ti val un milion!

MASSIMO

- -Ciò?... No'l gera andà de là ?

LUISINA

- (che è alle spalle di Arrigo, per trattenerlo) Signor Arigo!...

DACCO’

- (furente) Cossa xe ste storie?... Cossa xe sti comploti?...

ARRIGO

- Xe che son vegnudo a torme mia muger.

DACCO’

-Muger? Du np ga più muger! Question de giorni... Apena che i giudici ga finìo el

sciopero, divisione legale!

ARRIGO

- Ma bisogna che ghe sia anca mi per didarse. ..

DACCO’

-Lu xe za diviso. Se el xe un gentiluomo no'l se rifiuterà de firmar la dichiarazion che

l'avocato sta preparando.

ARRIGO

- Mi no ghe tegno a essar un gentiluomo.

DACCO’

-A cossa ghe tegnelo, alora?

ARRIGO

- A essar un marìo inamorà de so muger. E a far magari le revolverae per no

lassarsela portar via.

DACCO’

-Sa cosa e lei? Un porco el xe!

ARRIGO

- Pol esser... ossia, lo sarò stà ; ma el varda che anca i porci pol tornar utili al

prossimo.

DACCO’

-Sii! Co i li copa!

ARRIGO

- O co i se vergogna de quelo che i xe stai! (a Daccò) Ma anca lu del resto ga la so

parte de responsabilità .

DACCO’

-Mi?...

ARRIGO

- lu, si. Diseva ben sior Massimo. Lavorar, stancarse. E lu no se xe mal curà de saver cossa

che mi gera bon de far; come che passava el mio tempo... El se ga solo preocupà de

prepararme una bella villa in campagna e un' automobile per corarghe drio a le done.

DACCO’

-L'automobile ghe la go tolta perchè el compagnasse a spasso mia fìa, e no le done!


45


ARRIGO

- Ma sè a ela la machina ghe fasseva mal?... Xe pericoloso andar in giro soli; quando

se xe soli in machina vien subito la vogia de aver compagnia!...

DACCO’

-Ah si ah!

ARRIGO

- Ma adesso la vendo, sastu, e vegno a piè co ti.

CESARINA

- Ma mi no te vogio.

ARRIGO

- Se ti savessi quelo che go soferto in sti giorni... Stanote specialmente... Ein a do boti

sconto in giardin a spiar da la veranda. Col cuor in gola... Go visto lori do, qua, che

se strucava... Ma te go visto anca ti Cesarina mia, che ti pianzevi come una putela...

CESARINA

E alora me son dito; "se la pianze gnente xe perso ancora. Tuto se pol ricostruir! "

- Queste xe ciacole!

ARRIGO

- Fatti! Son un altro omo! Vustu la prova? Da doinan me meto a lavorar. (a

Daccò) Ghe proibisso de darme più un soldo!

DACCO

- Creature - vien el terremoto!

CESARINA

- No, par che vegna un fìa de giudizio e per questo torno a provar, vedaremo

come che l'andarà !

DACCO’

- Ti ghe moli?

CESARINA

- Me sacrifico per ti papà , se ti vol i nipotini!

DACCO

- Ah si? Xestu pò sicura de no restar vedova prima del tempo? Me me meravegio

anzi che'l sia ancora vivo.

CESARINA

- Percossa papà ?

DACCO

- Se el marìo de quela squinzio ga leto i giornali.

ARRIGO

- Nol pol lezarli, Ghe xe vignuo la congiuntivite. El dotor ga proibìo ogni lettura.

DACCO

- Tutte le fortune ga sto omo. El vince de prepotenza!

SCENA QUINTA

Detti, Adele, il fattorino, la dattilografa.

FA'TTORINO

- Telegramma urgente, comendator... (esce)

DACCO

- (in piedi, davanti al tavolo, mentre apre il telegramma) La fa tempo anca ela de

goderse i quadri plastici !... (quasi a sè) Adesso,po’, cossa ghe conto mi a l'avocato?...

(ha inforcato gli occhiali, scorre il telegramma, crede di aver letto male; si toglie gli occhiali e se ne mette un altro paio; con un tremito in gola) noo!... Noo!... Ma questo xe un scherzo!... El xe un scherzo da manicomio!... Signorinaaa!...


46


DATTILOGRAFA

- Ecome, comendator.

DACCO’

- La cartela de la ditta Svatson, subito! (la signorina esce di corsa; a Massimo) No

i gaveva acetà la commissione integrale?

MASSIMO

- Infatti i ga subito risposto telegraficamente...

DACCO

- (alla dattilografa che rientra con la cartella) Cossa diselo quel telegramma de

1'altro giorno?

DATTILOGRAFA

- (legge) "Commissione accettata secondo vostre condizioni esposte - stop.

Notificheremo giorno spedizione. stop, Data entità partita provvedete parziale

accreditamento bancario".

MASSIMO

- E infati gavemo provisto el giorno stesso... Percossa?

DACCO

- El senta qua. (legge il dispaccio che ha sul tavolo) Notifichiamo partenza intera

partita, Piroscafi Prince George - Queen Mary - Andacity - Madelein - General

Wood - salpati oggi saranno giorno ventisei banchina Venezia...

MASSIMO

- Cif.

DACCO’

-Cinque piroscafi per ventimila barili?... El fredo ghe dà sula testa...

DATTILOGRAFA

- El vorà dir dusentoraila barili, comendator.

DACCO’

-Ela stanote ga dormìo descoverta!

DATTILOGRAFA

- Ghe xe qua la copia de la nostra commissione regolarmente siglata.

DACCO’

-Siglata da chi?

DATTILOGRAFA

- Da lu. (indica Massimo)

DACCO’

-La me daga qua. (le strappa la copia commissione di mano, legge, trema, vacilla)

Oh Dio!... (a Massimo) Cossa galo fato?... La rovina!,.. El falimento!... La

catastrofe!...

MASSIMO

- (balbetta) Gavarò sbaglia de una virgola...

DACCO’

-Dusentomila barili?!... Co la sterlina a 2043?t...

DATTILOGRAFA

- Un momento. A 2043 una settimana fa; el giorno de la commissio. Ma co i moti

DACCO’

politici de sti giorni...

-Cossa ghe entra?

DATTILOGRAFA

- (legge) "Prezzi listino borsa data spedizione".

DACCO’

-Chi ga scritto "spedizione"?.., Mi gaveva dito commissione.

DATTILOGRAFA

- Lu, sior Massimo (Massimo si rimpicciolisce

sempre più )

DACCO’

-Oh Dio!... Quando xelo sta spedìo el telegrama ariva adesso?

47


DATTILOGRAFA       - Geri 16; ore 10.45.

DACCO’                                 - I piroscafi alora xe partii geri?,.. (affannosamente) Valeri!... L’agente de cambio,

subito!... (Massimo compone ii numero all'apparecchio) (scena a soggetto) Pronto!...

Ah, el xe lu Valeri?... Bravo… Parla Daccò... Listino de Londra… Chiusura de geri...

Milequatrocentovinti? Xelo ben sicuro?. . . Lo so, lo so...; scioperi, sciopetàe... Tante

grazie (depone il ricevitore) A milequatrocentovinti, el ga dito... (gettando un blocco

notes a Massimo, rapidamente) Conti! Conti! Conti!... Ogni bala vien a costar?,. . Fasso mi,

fasso mi…. qua ghe xe el prontuario… (fa rapidamente il conto) Costo, sdoganamento,

scarico... Eco.. . eco... 5300 franchi a tegnir se larghi…. El nostro listino dei prezzi cossa le

mètelo?

DATTILOGRAFA                   - A settemilaquatrocentoventotto. Ma le cressarà de sicuro se i radopia el dazio de

importazion….

DACCO’                            -E st'altri xe blocai, no i podara più importar! (a Massimo) Un guadagno de domile

franchi per baril al minimo. .. Quanto fa? Dusentomila barili...

MASSIMO                   - Quattro milioni.

ARRIGO                       - (subito) El sbaglia la virgola.

MASSIMO                   - Quaranta milioni.

ARRIGO                       - El ga sbaglià ancora; el sposta.

MASSIMO                               - Quattrocento milioni!!! Oh Dio! Luisina! Tiemme su perchè se me piega i zenoci...

DACCO’                                  - (trionfante) E adesso chi vol renghe deve passar da nualtri! Ma bisogna darse le man

d'atorno... Dusentomila barili...

MASSIMO                               - (con un balzo) El speta un momento... (fa il numero al telefono) Pronto! Pronto! Ditta

Coliman?... Vorìa el procurator Bonetti, si...; ditta Daccò... Ah el se lu sior Bonetti?

Parla Tabarin. El ne gaveva oferto mezz'ora fa çento barili de renghe a 8500 vero?...

Ben; nualtri adesso, sempre per spirito de coleganza, ghe ne ofrimo vintimila a lu, a...

(interrompre; chiede a Daccò) A quanto?

DACCO’                             -El listino mete 7428.

MASSIMO                             - (riprende a telefonare) A 7928. (commenta) A lori Cinquecento franchi de più ...

(riprende) Mato? No caro, go el cervel a posto... Vintimila, si,.. E el se desbriga anca

perchè doman el va a riscio de pagarle el dopio! (stacca) Là. El vedarà che quelo se

precipita.

DACCO’                                 -E dove metemo cussi so do pie i altri centomile barili? Bisognaria acaparar dei

magazeni, colocar de le partite, movar dei viagiatori...


48


MASSIMO

- Pronti i viagiatori! (indicando Arrigo) Quelo intanto xe uno.

DACCO’

-Cossa?...

MASSIMO

- In treno ancora domatina. El se porta magari co lu la Signora. El rifarà el viagio de

DACCO’

nozze.

-Se i xe sposai da sie ani?

MASSIMO

- Ma questa xe la volta che pol nassar l'erede!

ADELE

- Domando scusa, ma i me ga lassà sola.

DACCO’

-Chi xe sta dona?

MASSIMO

- La muger de un altro viagiator. So marìo i lo mola a le oto? A le sette la sè trova a

la porta de la preson cò Luisina, che no'l gabia tempo de armarse e a le oto la me lo

porta qua. El xe el deviator che torna libero per l'amnistia, lo mandaremo a vendar

bacalai.

DACCO’

-Ma lu ordina, briga. dispone...

MASSIMO

- Se ghe dago un guadagno de dusento milioni gavarò un fià de dirtto, me par.

DACCO’

-Ma lu come galo fato? Se pol saver?

MASSIMO

- Me meravegio!... Intuito!... Sesto senso... (ed assume la posa statuaria facendo il

gesto di manovrare le leve)

DACCO’

- (abbracciandolo) Massimo caro! (poi abbraccia e bacia Luisina) Cesarina,

vissare...

MASSIMO

- Comendator?

DACCO’

-Oh el scusa!.,. Credevo che fusse mia fia... (va ad abbracciare Cesarina).

CESARINA

- Papà mio!...

ARRIGO

- (avanzando) E a so zenaro?

DACCO

- Lu meritarìa che stamatina a merenda lo tegnosse. . . senza milioni...

ARRIGO

- Ma me gera pentìo za prima... (e si abbracciano)

DATTILOGRAFA

- Tuti in festa, tuti se sfoga... (a Daccò) permetelo che me sfoga anca mi?

DACCO

- Si, cara. La se sfoga pur,benedeta!

DAITILOGRAFA

- (al telefono) Ditta Coliman?... L'impiegata de la ditta Dacco ... Ghe xelo sior Bonetti?

Ah, el xe lu?... Do parolete sole: Aseno, tanghero, mamaluco!... Gnente,cussì...; tanto

per sfogarme. E stasera vado al cinematografo co Pierin! (stacca) El voleva bàtarli

in concorrenza; quel sempio...


49


SCENA ULTIMA

Avvocato e detti.

AVVOCATO

- Pronta la dichiarazion! La me xe vegnuda de getto. Omcò le bone, o co le cative

bisognerà che'l firma. (scorgendo Arrigo vicino alla moglie) Tho! Qua el xe lu? E viçin

a la signora?

DACCO’

- No, ghe xe gnente da far, avocato, come che'l vede. ..

AVVOCATO

- Cossa? Ma sè appena mezz'ora fa?...

DACCO’

-In mezz'ora pol succeder la fine del mondo... Se verze le cateratte... scravazza

milioni... i omeni torna fradei ...

MASSIMO

- E i avvocati pol andar a ciapar el fresco!

AVVOCATO

- Ah, cussi?... I la buta in burletta?... Alegri a quanto che par. . . I se n'acorzerà sul tossar;

MASSIMO

ghe manderò la specifica. (s'avvia)

- Bravo: El se tegna pur alto.

AVVOCATO

- (sull'uscio) El lassa par a mi! (via)

DACCO’

- Cossa diselo?

MASSIMO

- Prima chel arriva a quatrocento milioni.., Senza contar i altri che mi ghe farò

guadagnar! Con sta febbre de lavoro che me ciapa... Non bisogna dormire sugli

allori...- Milioni ciama milioni... (alla dattilografa) La scriva!!...

DACCO

- No per l'amor de Dio! Che me son sentìo za una volta passar arente la morte!...

Mariavergine in che baratro che semo stai per cascar!...

MASSIMO

- Come? Lu disdegna adosso la mia collaborasion?

DACCO’

-No, ma vogio meterlo in condizion de no farme trovar altri cinque vapori de arringhe

a la banchina de Venezia...

MASSIMO

- Questa sarìa la gratitudine?

DACCO’

- Son pronto a dimostrarghela in un'altra maniera... Inveçe de ritirarghe la muger a mio

genero, ghe ritiro la villa de Mogian, paron dispotico lu con so muger!

LUISINA

- Massimo!?...

MASSIMO

- Luisina! Deventemo vilani tuti do!...

DACCO’

- E se in quela villa vegnarà al mondo un'erede, spero che per ricordo mio el ghe metarà

MASSIMO

nome... Coso... Cosso...

- Nol dubita. Lo ciamaremo: "Cosò"!...


50


SIPARIO

FINE DELLA COMMEDIA

51

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno