Una visita di riguardo

Stampa questo copione

Una visita di riguardo

di Antonio Magliulo

 (Comica commedia in Tre Atti)

PERSONAGGI

Carluccio            

Rosa                   

Ersilio Abate

Alberto Alberti            

Antimo               

Mons. Mario Muzi

Rachele                                                

Susy Abate                 

Ernesto                                               

Amanda Belli               

Tony Crudele     

                                              

            

                                                       ATTO PRIMO

La storia si svolge negli anni ‘90, in un paesino nei dintorni di Napoli, presso l’abitazione di Ersilio Abate. Al lavarsi del sipario, si presenterà allo spettatore un ampio salone, arredato con mobili di discreta fattura, anche se di rustica impronta: divano, alcune sedie, tavolo, consolle con telefono, quadri, etc.

Uscita comune, in fondo, e due laterali.  Al levarsi del sipario, la scena vuota e si udrà un parlottio di voci in crescendo.

Carluccio            -Certo, certo, hai ragione... (Entrando) Ma siente a me, pigliate ‘a robba, fai ‘n’affare. He’ capito, Antimu’?

Antimo               -(Seguendo Carluccio) Io nun sapevo che t’ire miso ‘n‘commercio.

Carluccio            -Se è pe’ chesto, manch’io. Po’, ‘nu juorno, me capitai ‘nu colpo ‘e furtuna...

Antimo               -Overo?

Carluccio            -‘O padrone me chiammaie e dicette... 

Antimo               -Munnezza!

Carluccio            -A me?!

Antimo               -A te.

Carluccio            -E comme te vene?!

Antimo               -Tu dice sempe che ‘on Ersilio accussì te chiamma.

Carluccio            -Macché!

Antimo               -Allora: “Fetenzia”?

Carluccio            -Nemmeno.

Antimo               -“Schifezza”!

Carluccio            -Che cosa! Me chiammai:”Carluccio”.

Antimo               -Ma se isso te tratta malamente.

Carluccio            -‘Na vòta, mo’, invece, mi rispetta.

Antimo               -Rispetta, isso?!

Carluccio            -Ma allora non sai niente!

Antimo               -‘E che?

Carluccio            -Nunn’o ssaie?

Antimo               -Carlù, ch’àggia sape’: io pe’ tre mise songo stato all’estero!

Carluccio            -All’estero?

Antimo               -A...Avellino.

Carluccio            -E tu, Avellino, m’’o chiamme “l’estero”!

Antimo               -Iamme, nun t’applicà. Che stive dicenno?

Carluccio            -Don Ersilio è cagnato, d’’a capa ‘e piede.

Antimo               -Tu che dice?!

Carluccio            -‘Na pecura.

Antimo               -(Equivoca e si volta) Addò sta?

Carluccio            -Che cosa?

Antimo               -‘A pecora.

Carluccio            -E’ trasuta ccà dinto? (Cercando) Nunn’a veco...  No, a pecora, isso, ‘o padrone.

Antimo               -Ah!

Carluccio            -T’arricuorde che primma alluccava, sputava, iastemmava.

Antimo               -Hai voglia!

Carluccio            -Mo’, invece, nun allucca e nun iastemma.

Antimo               -Sputa, sultanto?

Carluccio            -Macché:‘na perzona a modo.

Antimo               -Tu che dice!

Carluccio            -Parola mia.

Antimo               -Nun ce pozzo credere.

Carluccio            -T’’o giuro.

Antimo               -‘N’omme ‘e chillo, scuntruso, scorbutico... E comme è succieso?

Carluccio            -‘Nu miracolo.

Antimo               -In che senso?

Carluccio            -L’anno passato, bello e bbuono, stette male c’’o fegato, ma male assaie. Facette ‘e prove e ‘o miedeco le dette doie semmane ‘e vita. E, invece, se salvaie. Se ‘o vide, mo’, sta meglio ‘e me.

Antimo               -Ma guarda...

Carluccio            -Da allora, t’àggio ditto, ‘n’àto omme: bravo, quieto, preciso. Mo’ saie addò sta, dint’a chiesa.

Antimo               -Chiesa?

Carluccio            -Dice che ‘a Madonna l’ha fatto ‘a grazia.

Antimo               -Buono pe’ isso.

Carluccio            -Buono pure pe’ mme.

Antimo               -Pe te?

Carluccio            -Certo, pecché, ‘nu juorno, doppo ‘a malatia, ‘o padrone me chiammaie e dicette... “Carlù, io ho detto basta  al mondo terreno. Adesso m’interessa solo quello divino...”

Antimo               -Beve, eh? Le piace ‘o sciruppo!

Carluccio            -(Sillabando) Non: di vino, divino, chillo che sta llà’n’coppa!

Antimo               -(Alzando gli occhi) Addo’?

Carluccio            -Si’ ignorante forte, frato mio!

Antimo               -Vabbe’, nun sta a guardà, so’ stato all’estero.

Carluccio            -Dalle! “E per questo motivo –cuntinuaie ‘o padrone – io non  mi curerò più dei campi né dei frutti”.

Antimo               -D’’e patane, ‘e cipolle... si?

Carluccio            -Niente, nun se cura cchiù ‘e niente, Antimù, ha fernuto, s’è arritirato!

Antimo               -E allora?

Carluccio            -“Perciò” – dicette - “Carlù, coltiva tu la terra e prendi tutto“.

Antimo               -Accussì  dicette?

Carluccio            -Preciso. E io, da allora, me so’ dato ‘a fa’. E àggio penzato a te, pe’ te fa’ fa’ n’affare...

Antimo               -Carlù, parlame chiaro, ma ‘e cucozze so’  fresche?

Carluccio            -Fresche? Me fai ridere: parlanti! Tu puortele ‘o mercato e nun fa’ niente. S’’o vvedeno lloro: “Buongiorno, signore, accattateme, v’arrecriate ‘a panza”.

Antimo               -A me so’ parse ‘nu poco ammazzarute.

Carluccio            -E’ ‘a qualità: cocozze rugose so’ sempe gustose.

Antimo               -Sicuro?

Carluccio            -Antimù, pigliate ‘e cucozze e va’ sicuro.

Antimo               -E quanno sarrìa ‘a spesa?

Carluccio            -Me daie...

Antimo               -Nun se ne parla proprio!

Carluccio            -So’ assaie?

Antimo               -Uh!

Carluccio            -Overo?

Antimo               -Che esagerazione!

Carluccio            -Antimù, io nunn’àggio nemmeno risciatato!

Antimo               -Vabbe’, fa’ ‘o prezzo, ma va’ cuonce.

Carluccio            -Trecientomila lire.

Antimo               -Ma fusse scemo!

Carluccio            -Dammenne dueciento e affare fatto.

Antimo               -E che t’àggia dicere?Hai ragione che tengo necessità pecché so’ stato all’estero...

Carluccio            -Insiste, sa’!

Antimo               -Quanno uno parte, se ferma ‘o cummercio. 

Carluccio            -A proposito, ma pecché si’ partuto?

Antimo               -‘Na cosa mia. (Estraendo del danaro dalla tasca) Pe’ sorde, facimmo accussì: te do ‘na metà mo’ e ‘n’àta doppo.

Carluccio            -No, tutto mo’, subbeto: ccà e pezze e ccà ‘o sapone.

Antimo               -Allora, nunn’è cosa.

                Carluccio          -Comme, tu primma viene ccà, vide ‘a merce e po’...

Antimo               -E po’, che?        

Carluccio            -Nunn ‘a vuo chiù’?!

Antimo               -No.

Carluccio            -Tu l’he’ segnata pure ‘a robba.

Antimo               -Quanno maie!

Carluccio            -L’he’ cumprumessa.

Antimo               -Io?!

Carluccio            -Tu m’he’ tuccato ‘a cucozza.

Antimo               -(C.s.) Ma va cammina!

Carluccio            -L’he’ ‘nguaiato ‘a reputazione.

Antimo               -Siente a ‘stu scemo!

Carluccio            -Statte attiento...

Antimo               -Attiente ‘e che?

Rosa                   -(Entrando da destra) Ueh! Zitti, zitti. Che d’è sta’ammuina?

Antimo               -Bongiorno, donna  Ro’.

Rosa                   -Che so’ sti chiacchiere?! 

Carluccio            -Niente.

Antimo               -E’ isso: me sta ‘mbriacanno ‘e chiacchiere: ‘a cucozza parlante, ‘a cucozza  scurnosa.

Carluccio            -Vide che io...

Antimo               -Che fai?!

Carluccio            -Mannaggia...

Rosa                   -(Suona un campanello che reca in tasca) Ueh!

Antimo               -E’ asciuta ‘a messa?

Rosa                   -Basta! Che so’ ‘sti appicceche! Questa è una casa per bene e ccà nun se iastemma.

Carluccio            -Ma nuie...

Rosa                   -Ascite fòra, iate. Appiccecateve mmiezo ‘a via!

Carluccio            -Che appicceche! Nuie po’ simme amice. E’ ‘o vero, Antimù?

Antimo               -Viene, Carlù, famme vede’ ‘n’àta vòta ‘a merce. (Escono)

Susy                   -(Da sinistra, in jeans e camicetta, ma con acconciatura alquanto pacchiana, con una radio accesa, appiccicata all’orecchio, va dritta al telefono, formula un numero e...) Pronto, pronto, “Radioanch’io”? Joseph? Sono io, Susy... Susy Abate. Come, chi? La vostra abituale.  (Un tempo) Sto bene, grazie. Specie ora che ho sentito a lui. E’ stato uno schianto, insomma, m’ha straziato ‘o core. Dicitencello a Tony: sei il più meglio, la fai morire a Susy. (Un tempo) Pensate che io, la mattina, non mi alzo dal letto, se prima non accendo la radio e mi sento una compilazione sua.  (Un tempo) Volete passarmelo? A lui, personalmente, in carne e osse? No, no,  per favore, non ce la faccio.  (A Rosa) Viene lui proprio a telefono, he’ capito, Rosa?!

Rosa                   -(Ironica) Uh!

Susy                   -Tony...sei proprio tu? (Con infantile eccitazione) No, no, no...

Rosa                   -(Ironica) Oh...

Susy                   -Non può essere! Che bella voce tieni, pure dentro al telefono! (Un tempo)  Si, Tony, sono io, Susy, la fanatica tua.  Mi dedichi una canzone? La metti a nome mio? Dici sul serio, Tony?! (Voltandosi) He’ capito, Ro’? Me la dedica!

Rosa                   -Tié-tiè!

Susy                   -Sei troppo grande, Tony, grazie. Però, se non ti spiace, mettici pure a Debora e Samantha, che sennò quelle mi levano il saluto. Però,Tony, ci sente nessuno? Bene! Volevo dire: a quelle due facci una dedica senza sentimento. Tanto, so’ brutte e non ne vale la pena. (Un tempo). Io? Come sono io? Io sono bella, Tony, ma bella veramente. (C.s) Non proprio secca-secca, sono una falsa magra. Quando mi vedi, ti metti subito con me. Ciao, Tony. Ti amo. (Ripone la cornetta) Canta la mia canzone preferita. “Il portafoglio”.

Rosa                   -Che schifo!

Susy                   -Ch’he’ ditto, che Tony Crudele te fa schifo?!

Rosa                   -Hai voglia.

Susy                   -Nun capisce niente.

Rosa                   -Nennè, stuta ‘sta cosa, ché se torna patete, ‘o siente.

Susy                   -Che me ‘mporta! Papà può dire tutto quel che vuole, ma io, a Tony, non lo mollo. Io, a Tony Crudele, lo tengo stretto a me.

Rosa                   -‘O fa na pizza.

Susy                   -Sa che ti dico, Ro’, a me Tony me piace.

Rosa                   -Overo?

Susy                   -Assai.

Rosa                   -He’ ‘a vedé se tu piaci a isso.

Susy                   -Quello, appena mi vede, sbatte a terra.

Rosa                   -Chesto è certo.

Susy                   -Ho deciso: lo sposo!

Rosa                   -Ma ‘n’chiesa, ce vai senza ‘na coscia, pecché t’’a spezza patete.

Susy                   -Pecché, che me po’ dicere: io tengo vent’anni, non sono minorenne.

Rosa                   -Si’ minorata.

Susy                   -(Accostando la radio all’orecchio della donna) Ma tu lo senti?! Neh, Ro’, se sta sciuglienno...

Rosa                   -‘A panza.

Susy                   -‘O sanghe! Ma con te che ci parlo a fare! Tu sei all’antica, non puoi capire. Sai che ti dico, Ro’, tu si’ già morta! (Via)

Rosa                   -Tu e mammeta! Che me fa dicere! Puverella, pace all’anema soia.  (Recandosi ad aprire, ché hanno suonato) E chi sarà, mo? ‘O padrone no, è ancora ambressa e po’ tene ‘e chiave. (Esce, per rientrare subito dopo assieme ad una donna) Accomodatevi, prego.

Amanda             -(Piuttosto appariscente, indossa una giacca con un abbondante decolté ed una minigonna, alquanto corta) Grazie.

Rosa                   -Desiderate?

Amanda             -Lui.

Rosa                   -Lui, chi?

Amanda             -Ersilio Abate. Sbaglio o fa un po’ caldo?

Rosa                   -Non mi pare.

Amanda             -Io quasi quasi, mi leverei la giacca.

Rosa                   -E se vi viene il catarro?

Amanda             -(Esegue) No, sono abituata. Allora, don Ersilio?

Rosa                   -Il padrone non c’è, volete dire a me.

Amanda             -Non è possibile.

Rosa                   -Ma io gli riferisco tutto.

Amanda             -Sono cose delicate.

Rosa                   -Allora, niente?

Amanda             -(Portando una sigaretta alle labbra) Vedete, buona donna, io vorrei mettervi al corrente, ma voi non capireste, non potete capire.

Rosa                   -(Fra sé) Mo’ ‘a dongo ‘na cosa ‘n’faccia! E’ tanto complicata ‘sta ’mbasciata, scusate?

Amanda             -Abbastanza. Insomma, devo confessargli un fatto mio.

Rosa                   -Ho capito: si tratta di cose religiose!

Amanda             -Ecco, in un certo senso...

Rosa                   -(Rapida, anticipandola) No, perché, don Ersilio di queste cose si occupa.

Amanda             -Lo so.

Rosa                   -Pratica la parrocchia.

Amanda             -Lo so.

Rosa                   -E’ assai devoto.

Amanda             -Lo so.

Rosa                   -A casa ci sta poco.

Amanda             -Lo so.

Rosa                   -Da’altra parte, è vedovo.

Amanda             -Lo so.

Rosa                   -Lo sa!

Amanda             -E ditemi: quando rientra don Ersilio?

Rosa                   -(Si volta, contrariata) Non lo so.

Amanda             -Ma, scusate, torna o non torna?

Rosa                   -Chi lo può dire.

Amanda             -Voi che mi consigliate, lo aspetto?

 Rosa                  -Potreste pure aspettare e se lui tarda?

Amanda             -Sapete che faccio: mi siedo qua e aspetto.

Rosa                   -Overo?!

Amanda             -Tanto, lui qua deve venire. Si, lo aspetto.

Rosa                   -Vi annoiate...

Amanda             -Non è detto. Specialmente, se mi offrite un drink.

Rosa                   -Che?

Amanda             -Un bourbon.

Rosa                   -‘Nu barbone?!

Amanda             -(Con un’irrefrenabile risata) Ah, ma no, buona donna...

Rosa                   -Dalle! E che ce sta ‘a ridere?

Amanda             -Rido, perché siete digiuna...

Rosa                   -Questo è vero, non ho ancora mangiato.

Amanda             -(C.s.) Ah....poveretta!

Rosa                   -Guarda a chesta!

Amanda             -Quante schiocchezze dice!

Rosa                   -(Fra sé) Quanti pacchere le dongo!

Amanda             -Voi equivocate: “digiuna” è un modo di dire, e il bourbon è una bevanda, un liquore.

Rosa                   -Mi dispiace, non teniamo niente. Don Ersilio è contrario, dice che gli alcolici fanno male.

Amanda             -Davvero, dice proprio così?

Rosa                   -Qua ci sta solo camomilla, a sicchie sane.

Amanda             -Ma guarda... si è dato addirittura alla camomilla!

Rosa                   -Prego?

Amanda             -Niente, parlavo fra me e me. Facciamo così, se mi assicurate che don Ersilio nel pomeriggio è qui, io me ne vado e torno più tardi. Faccio due passi per i dintorni.

Rosa                   -Brava, è meglio.

Amanda             -Perché io qua ritorno.

Rosa                   -(Fra sé) E io ccà te strafoco!

Amanda             -Comunque riferitegli che sono venuta. Avrà piacere di saperlo.

Rosa                   -Il vostro nome??

Amanda             -Amanda. Basterà. A rivederci, buona donna. (Via)

Rosa                   -Accidete!

Carluccio            -(Rientrando dalla comune) Chill’ Antimo è cucciuto. C’è vuluto ‘o bbello e ‘o bbuono p’’o cunvincere a cumbinà l’affare.

Rosa                   -Qua’ affare?

Carluccio            -‘A partita ‘e cucozze. 

Rosa                   -S’è l’è accattate?

Carluccio            -Si, ma pecché?

Rosa                   -Mah.

Carluccio            -“Mah” che?

Rosa                   -Mah!

Carluccio            -Si, ma che vo’ dicere ‘stu “mah”?

Rosa                   -Niente, ch’ àdda vule’ dicere, Carlù?!

Carluccio            -Vuie dicite sempe “mah” e po’ cchiù niente. Dona Ro’, giù la maschera, che c’è dietro a quel “mah”? Che nascondete?!

Rosa                   -Carlù, tu tiene genio e’e pazzià, a me me girano ‘e cervelle!

Carluccio            -E ch’avessa dicere io, che ‘a quanno faccio l’imprenditore sto chino ‘e penziere!

Rosa                   -Cammina, va’, imprendito’, nun ce fa ridere! Piuttosto, statte attiento...

Carluccio            -Attiente, io?!

Rosa                   -(Al suono del campanello) E mo’ chi àto sarrà?

Carluccio            -Vedimmo. ( Va ad aprire e introduce) Prego, venite, accomodatevi.

Ernesto               -(Sulla cinquantina, visibilmente agitato) Buongiorno, Rosa.

Rosa                   -Buongiorno, don Erne’. Che bella sorpresa! Voi qui, al paese!

Ernesto               -Ersilio nun ce sta?

Rosa                   -No, torna più tardi.

Ernesto               -Mannaggia ‘a morta!

Rosa                   -Che c’è, don Erne’, vi vedo un poco seccato?

Ernesto               -Un poco?! Io sto una pila elettrica! Se mi poggiate una lampadina in testa, vedite che s’appiccia.

Rosa                   -Sparagnammo ‘a currente.

Ernesto               -Guardate, guardate come so ridotto.

Rosa                   -Ve sto guardanno.

Ernesto               -Che ve ne pare?

Rosa                   -Certo... state un poco sciupato.

Ernesto               -‘Nu poco! Negli ultimi sei mesi, ho perso venti chili. Voi, Rosa, mi conoscete da tanto tempo. Vi ricordate com’ero prima?

Rosa                   -Janco e russo.

Carluccio            -‘Nu piezzo ‘e giovane.

Ernesto               -Già.

Carluccio            -Alto.

Ernesto               -Alto, no.

Carluccio            -(Convinto) Un metro e novanta.

Ernesto               -Un metro e novanta, no.

Carluccio            -Ottanta.

Ernesto               -Giuvinò, io so stato sempe ‘nu tappo!

Carluccio            -Eppure, m’arricurdavo...

Rosa                   -Che t’arricuorde, se tu non stive ccà!

Ernesto               -E fosse solo il peso. Io, da un po’ di tempo, non mi riconosco più sono un’altra persona. E sapete perché, sapete? Ditemi, lo sapete?

Carluccio            -Quanto tempo abbiamo per rispondere?

Ernesto               -(Senza raccogliere) Certo, voi state qui, a tanti chilometri da casa mia e non potete immaginare. Ma io, io che vivo con lei...

Carluccio            -Lei, chi?

Ernesto               -Lei, essa. Non ho nemmeno il coraggio di pronunciare il suo nome. Lei, quella mi ha ridotto così.

Rosa                   -Donna Rachele?

Ernesto               -(Accasciandosi sul divano) Ah!

Rosa                   -Don Erne’!

Carluccio            -E’ muorto?

Rosa                   -Ma no!

Ernesto               -Pe’ piacere, non pronunciate più quel nome, mi sento male.

Rosa                   -Ma di che si tratta, don Erne’, parlate? Forse, vostra moglie non sta bene?

Ernesto               -Non sta bene? Benissimo! Quella schiatta di salute. Tiene l’energia di un toro scatenato! Quella è capace di atterrarci a tutti.

Carluccio            -Tie’!

Rosa                   -State troppo avvilito. Ma che è stato?

Ernesto               -Donna Ro’, vi ricordate com’era  Rache...insomma, lei, quando la sposai?

Rosa                   -Come, non mi ricordo!

Ernesto               -Era...

Carluccio            -Bella.

Ernesto               -Non esageriamo..

Carluccio            -Graziosa.

Ernesto               -Ma no!

Carluccio            -Carina.

Ernesto               -Nemmeno.

Carluccio            -Passabile.

Ernesto               -Carlù, parliamoci chiaro, mia moglie è stata sempe brutta!

Rosa                   -Chesto è ‘o vero. Oh, scusate!

Ernesto               -Ma non era il lato fisico che m’interessava, era il carattere.

Carluccio            -Bel carattere!

 Ernesto              -Non proprio.

Carluccio            -Dolce...

Ernesto               -Macché.

Carluccio            -Accomodante.

Ernesto               -Addò sta!

Carluccio            -Discreto.

Ernesto               -Quanno mai!

Carluccio            -Scusate, don Erne’, ma se fa accussì schifo, pecché v’’a site pigliata?!

Rosa                   -Carlù!

Ernesto               -No, no, il ragazzo ha ragione.

Carluccio            -“Ragazzo”, io songo ‘o nonno suoio!

Ernesto               -Mia moglie è quello che è.  Ma sapete come vanno certe cose, si conosce una donna e si resta colpiti da un’inezia, un particolare: uno sguardo, un’intonazione della voce, le informazioni sulla sua...

Carluccio            -Dote.

Ernesto               -(Senza raccogliere) Reputazione. Ti presenti, ti dichiari, la sposi e...

Carluccio            -Te ’nguaie!

Ernesto               -Io sono venuto qui, per sfogarmi un po’, per parlare con Ersilio e dirgli a cuore aperto le cose come stanno. Il legame fra me e sua sorella non può continuare.

Rosa                   -Pe’ carità!

Ernesto               -Che cosa?

Rosa                   -State pensando di separarvi?

Ernesto               -Si, di divorziare.

Rosa                   -Ma è peccato!

Ernesto               -Peccato...

Rosa                   -Don Ersilio ci resterà male. Si tratta pur sempre della sorella.

Ernesto               -Per essere precisi, sorellastra.

Rosa                   -Vabbé, è ‘a stessa cosa. Don Ersilio ci tiene assai. Religioso com’è, non può permettere che vi separate. Se fate questo, gli date un dispiacere troppo grande.

Ernesto               -Dite?

Rosa                   -Sarà una botta terribile. Anche lui non è più un giovanotto.

Ernesto               -Questo è vero.

Rosa                   -Sentite a me, don Erne’, tornate a casa e fate l’ultimo tentativo. Io non conosco le ragioni del contrasto con vostra moglie, ma parlatele e vedete di riappacificarvi. Fate tutto il possibile.

Carluccio            -Ma no, meglio che ‘a lassa.

Rosa                   -Che dici!

Carluccio            -Ma si.

Rosa                   -Statte zitto, tu! Rifletteteci bene, don Erne’, passatevi una mano per la coscienza. Don Ersilio vi vuole bene, vi fa tante attenzioni.

Ernesto               -Che vi devo dire, per rispetto a lui, ma solo per lui, farò così. E’ l’ultimo tentativo. Se va male, io a chella l’abbandono, ‘a lasso.

Carluccio            -(Fra sé) Fa’ bbuono.

Rosa                   -Intanto, cercate di far pace.

Ernesto               -Adesso vi saluto. (Via)

Susy                   -(Entrando da sinistra) Chi era, Carlù?

Carluccio            -Era...

Rosa                   -(Prontamente)’O panettiere.

Susy                   -Panettiere?

Rosa                   -Si.

Susy                   -Ed è venuto qua?

Rosa                   -Be’?

Susy                   -Ma nun pareva ‘a voce soia.

Rosa                   -Era isso, ha purtato...

Carluccio            -‘O pane.

Susy                   -Ma ‘a credenza se ne cade ‘e pane.

Rosa                   -Statte zitto, tu, nun sai niente. Ha purtato...

Carluccio            -‘E galline.

Susy                   -Pecché, mo’ venne pure ‘e galline?

Rosa                   -Si è... ingrandito.

Carluccio            -Hai voglia: galline, anatre, ciucciuvettole. (Fa il relativo verso)

Susy                   -Chi vi capisce! (Via)

Rosa                   -(Scorgendo Ersilio sulla comune, sorretto da un signore) Don Ersì!

Ersilio                 -(Pallido) Rosa!

Carluccio            -Che è stato, padro’?

Ersilio                 -Carlù!

Rosa                   -Madonna!

Alberto               -Niente, un piccolo malore.

Rosa                   -Assettateve.

Ersilio                 -(Sedendo sul divano) Sto meglio.

Rosa                   -Che è succieso?

Ersilio                 -Se sapeste...

Carluccio            -Dicite.

Ersilio                 -Ora vi spiego.

Rosa                   -Me facite mettere appaura. Mo’ chiammo ‘o miedeco.

Alberto               -Non occorre.

Rosa                   -Dite?

Alberto               -E’ una cosa comica.

Rosa                   -Comica?!

Alberto               -Certo. Figuratevi che ‘o nonno ccà, cioé il signore, si è sentito male perché ha ricevuto una buona notizia. Non c’è da ridere?

Rosa                   -Non capisco.

Carluccio            -E quale notizia? Voi la sapete?

Alberto               -Mi ha accennato qualcosa, ma farfugliava: bla-bla-bla, sapite comme parlano ‘e viecchie e nunn àggio capito niente.

Ersilio                 -Aspettate, ora vi racconto tutto io.

Rosa                   -Vi sentite meglio, adesso?

Ersilio                 -Si, ora va meglio, non c’è paragone. Ma prima, fuori alla chiesa, me la so’ vista brutta. Me girava ‘a capa, stevo jenno ‘n’terra. Meno male che c’era questo signore, che gentilmente mi ha accompagnato a casa.

Alberto               -(Guardandosi intorno) L’ho fatto disinteressatamente. Non è che adesso, per sdebitarvi, mettete mano al portafoglio.

Ersilio                 -Non mi permetterei.

Carluccio            -E allora?

Ersilio                 -Vedi, Carlù, non è stato un malessere in se stesso, è stata la reazione a una bella notizia, troppo bella.

Carluccio            -E ce ‘a vulite dicere!

Rosa                   -Carlù!

Ersilio                 -Mi trovavo in chiesa, come tutti i giorni, a sentire la messa di mezzogiorno, quando a un tratto Don Nicola, il parroco, mentre pronunciava l’omelia sulle virtù cristiane, si ferma e fa: “E a proposito di dedizione alla chiesa, voglio darvi una primizia...

Carluccio            -So asciute ‘e castagne!

Ersilio                 -Qua’ castagne!

Carluccio            -Voi avete detto: “primizia”.

Ersilio                 -Il parroco intendeva: un’informazione esclusiva, una novità. Insomma, Don Nicola ha detto: “Il consiglio parrocchiale ha deciso di proporre a sua eccellenza il vescovo un fratello, per la nomina a diacono”.

Carluccio            -La nonna farà un dialogo?

Ersilio                 -Macché!

Rosa                   -Vostro fratello?

Ersilio                 -Mio fratello sono io!

Carluccio            -Voi!

Ersilio                 -Cioé... mi fate confondere.

Alberto               -Facitelo fernì!

Ersilio                 -Il parroco ha poi aggiunto: “La persona di cui parlo è un benefattore, che sta facendo tanto per noi. Egli ha donato tanti bei soldini per aggiustare il tetto della nostra chiesa, che, dopo il terremoto, è pericolante. Ebbene, costui è il fratello Ersilio”.

Carluccio            -Allora, è vostro fratello!

Ersilio                 -No, io!

Alberto               -(Urlando) E’ isso!

Ersilio                 -E’ ‘nu murì cu’ chiste duie! Meno male che ci siete voi!

Alberto               -E ripeto, sto qua senza secondi fini.

Ersilio                 -Bravo!

Carluccio            -(Che ragiona con Rosa) Sapete che è, m’ha confuso ‘o fatto do’ fratello.

Ersilio                 -Fra di noi parrocchiani, così si usa. D’altra parte, siamo tutti fratelli. E’ vero?

Alberto               -Come no!

Ersilio                 -(Ad Alberto) A proposito,grazie ancora, per quello che avete fatto.

Alberto               -Però non insistete, non datemi niente.

Ersilio                 -Non ci penso nemmeno. Ebbene, dicevo, mentre stavo in chiesa la sorpresa è stata così grande, che prima ho pigliato fuoco e poi, piano-piano, mi so’ raffreddato.

Carluccio            -Comme ‘e castagne allesse.

Alberto               -N’àta vòta ‘e castagne!

Carluccio            -Ma è ‘a stessa cosa.

Alberto               -Statte zitto!

Ersilio                 -Finalmente, àggio truvato chi ‘o fa sta zitto (Un tempo) Tornando a noi, avreste dovuto stare al posto mio: la chiesa piena di gente, l’organo che suonava, poi, quella notizia...

Rosa                   -Ma vuie pazziate, dialogo!

Alberto               -Diacono.

Ersilio                 -In quella situazione, io dovevo svenire.

Alberto               -(Guardando l’orologio, con tono ambiguo) E io non lo dovevo aiutare.

Ersilio                 -Prego?

Alberto               -No, dico, e io non vi dovevo aiutare?!

Ersilio                 -E, infatti, grazie a questo signore che... ma non conosco ancora il vostro nome.

Alberto               -Alberto Alberti.

Ersilio                 -Ersilio Abate. E questi sono i miei servi: Rosa e Carluccio.

Alberto               -Piacere.

Carluccio            -Onorato.

Ersilio                 -Carluccio è domestico fresco, Rosa invece, è...

Carluccio            -Stantia.

Rosa                   -Cretino!

Ersilio                 -Rosa sta con me da tanti anni, e non vi nascondo che, dopo la morte di mia moglie, senza di lei mi sarei visto perso.

Rosa                   -Che esagerazione!

Ersilio                 -Lo credereste: mi tremano ancora le gambe.

Rosa                   -Vi preparo una bella camomilla. (Via)

Ersilio                 -Che giornata e che gioia! Non sto nei panni. Ma voi capite l’onore che mi è capitato?!

Carluccio            -E’ come se v’avessero fatto cavaliere.

Ersilio                 -Di più.

Carluccio            -Due cavalieri?

Alberto               -Chisto è scemo!

Ersilio                 -Vedi, Carlù, per un peccatore, un umile parrocchiano come me, una carica come questa è un cosa importante, troppo importante. Io ancora non ci posso credere: diacono!

Carluccio            -Che cosa fa un diacono?

Ersilio                 -Forse, meglio di me, te lo può spiegare il signore. Ha l’aria sveglia, si vede che è istruito.

Alberto               -Grazie, tropo gentile. Dunque, il diacono è...una persona che stando dove sta,  si occupa di... provvede a.... e poi si accerta che... Dico bene?

Ersilio                 -Benissimo. Vedo che siete molto informato.

Alberto               -Non per dire...

Carluccio            -(Fra sé) Nun sape niente!

Ersilio                 -Ed ora io mi domando: sarò degno di questa nomina? Sarò capace di svolgere il mio ministero?

Carluccio            -Andate a Roma?

Erslio                  -A fa’ che?

Carluccio            -Al ministero.

Ersilio                 -Macché! Intendevo dire: ministero, missione.

Alberto               -S’è fatto tardi. Io vado.

Carluccio            -Ve ne andate?

Alberto               -(Salutando) Don Ersilio...

Ersilio                 -(Preso dal suo ragionamento) Non vi nascondo che ho paura, tanta paura. Ma, pur di riuscire, sarei capace di qualunque cosa, darei anche una parte dei miei averi.

Alberto               -(Tornando sui propri passi) In che senso, scusate?

Ersilio                 -Si, sarei capace di regalare tutte le mie terre.

Carluccio            -No, aspettate, padro’...

Alberto               -Ho capito bene?

Ersilio                 -Certo.

Alberto               -E quanto sono estese queste terre?

Ersuilio               -Di preciso non so, intorno ai cento moggi.

Alberto               -‘A faccia!

Carluccio            -Ma don Ersì, scusate, la campagna non ve la curo io?

Ersilio                 -Ma chi mi aiuta a diventare diacono prende tutto.

Alberto               -Tutto?!

Ersilio                 -Che m’importa dei beni materiali! Avrò ben altro a cui badare. Dico bene?

Alberto               -Benissimo.

Ersilio                 -Vedete, caro Alberti, lo ripeto, non sono preparato a questo compito.

Carluccio            -Fate due esercizi stesso a casa.

Ersilio                 -E’ ‘na parola! Come si fa? Il tempo è poco. Prima, dovrò superare  molte prove.

Carluccio            -Applicatevi.

Alberto               -Da solo non può farcela. Gli serve una mano.

Carluccio            -Quando mai!

Ersilio                 -Il signore ha ragione, ne ho bisogno, perché solo in seguito all’accertamento di tutti i requisiti, morali e professionali...

Carluccio            -Vi assumeranno.

Ersilio                 -Ci sarà la proclamazione. Il diacono fa anche la predica. Ecco, ad esempio, a me la predica non mi riesce.

Carluccio            -Fate uno sforzo.

Ersilio                 -Non mi viene.

Carluccio            -Provate.

Alberto               -Se non gli viene, scusa, perché insisti?!

Ersilio                 -Chi potrebbe guidarmi in quest’impresa? Chi?

Carluccio            -Io, padrò.

Ersilio                 -Nun pazziammo, Carlù! Qua ci vuole una persona esperta, preparata.

Alberto               -Volendo, potrei aiutarvi io.

Ersilio                 -Voi? Dite sul serio?

Alberto               -Permettete? Alberto Alberti della premiata ditta...

Ersilio                 -Alberti.

Alberto               -No, “Centomani”.

Ersilio                 -“Centomani”?

Carluccio            -E chisto s’arraffa tutte cose!

Ersilio                 -Non sapevo che voi...

Alberto               -Voi, caro reverendo, pardon, caro don Ersilio, siete capitato nelle mani giuste.

Ersilio                 -Davvero?

Alberto               -Certo. Voi volete avere questa onorificenza? Ebbene, si da il caso che la mia Agenzia si occupi proprio di questo.

Ersilio                 -Cioé?

Alberto               -Consulenza, assistenza, diplomazia.

Carluccio            -Che è ‘a diplomazia?

Alberto               -Vedi, guaglio’, la diplomazia, per farti capire, è l’arte di saper trattare con la gente. 

Carluccio            -Overo?

Alberto               -Faccio un piccolo esempio: c’è uno che non capisce niente,  tu non ce ‘a fai cchiù e vorresti scattare e dargli dell’imbecille, e invece, per non urtarlo, fai il diplomatico e dici: “sei povero di spirito”.

Carluccio            -Cioé, stai senza liquore.

Ersilio                 -Imbecille!

Carluccio            -E no, scusate, don Ersì, avreste dovuto dire: povero...

Alberto               -E’ vero: povero...imbecille!

Ersilio                 -E quando cominciamo la preparazione?

Alberto               -Quando volete, anche immediatamente. Prima cominciamo e...

Carluccio            -(Fra sé, con un gesto eloquente) E primma se fruculea tutte cose.

Alberto               -E meglio è.

Ersilio                 -Sì, cominciamo subito. E se mi comporto male...

Carluccio            -Facitele ‘e to’-to’.

Ersilio                 -Riprendetemi. Voglio mondarmi, essere degno di questo grande passo. E mi raccomando, non mi abbandonate. Con voi accanto, mi sento più tranquillo.

                                                      (Cala la tela)

ATTO SECONDO

L’ambiente prima descritto. In scena, Rosa che spolvera.

Susy                   -(Entra da sinistra, recando un walk-man e cantando a squarciagola) Te voglio bene, sì, te voglio/ te tengo ‘nchiuso dinto ‘o portafoglio/ se tu me dice no, t’acciro/ te scasso ‘a capa cu’ ‘nu fierro ‘e stiro...

Rosa                   -Ueh...ueh!

Susy                   -Che è?!

Rosa                   -‘A fernisce ‘e alluccà!

Susy                   -Pecché?

Rosa                   -Te sentono.

Susy                   -E con ciò?

Rosa                   -Che figura facimmo?!

Susy                   -Figura ‘e che?

Rosa                   -Insomma, ‘o vvuo’ capì che ce avimma sta quiete.

Susy                   -E pecché?

Rosa                   -Ci stanno cose grosse in aria.

Susy                   -Che, ‘e mosche?

Rosa                   -Siente ‘sta scema! Parlo delle novità che riguardano tuo padre.

Susy                   -E allora?

Rosa                   -Non he’ sentito chello che ha ditto aiere: può darsi che lo fanno diacono.

Susy                   -Ah, si, ‘nu miezo prevete.

 Rosa                  -‘A meza coda!

Susy                   -Dimme ‘na cosa, Ro’: papà, con questa nomina, potrebbe celebrare un matrimonio?

Rosa                   -Di chi?

Susy                   -Il mio.

Rosa                   -E chi sarria ‘o sposo?

Susy                   -Comme, chi? Isso, Tony Crudele.

Rosa                   -Nenné, ma va cammina!

Susy                   -Quello oggi viene pure. L’ho invitato.

Rosa                   -Vene ccà?!

Susy                   -Aiere ssera, l’àggio cunusciuto. Facette una pensata e andai da lui.

Rosa                   -Addò?

Susy                   -Alla sede di “Radioanch’io“.

Rosa                   -Tu dice: ‘a stalla ‘e Peppe ‘o lattaro?!

Susy                   -Innanzitutto, si chiama Joseph, e poi che c’entrà la stalla, adesso c’è la radio.

Rosa                   -E ‘e vacche che fine hanno fatto?

Susy                   -Stanno fuori.

Rosa                   -Che finezza!

Susy                   -Se tu ‘o vedisse a Tony, è troppo forte. Io le dicette: “Salve, sono Susy Abate”.  E isso, primma me guardai fisso-fisso, e po’ rispunnette...

Rosa                   -Tanto piacere.

Susy                   -“Susy, ma tu, per caso, sei la figlia di don Ersilio Abate?” “Si”, dicette io. E isso: “E allora non sei racchia come dicono, anzi, sei tanta carina”.

Rosa                   -(Scandendo) Dicette proprio accussì:“tanta”?!

Susy                   -Certamente, pecché io so’ femmena, e po’ so’ bella assai! Io t’àggio capito a te: tu si’ ‘nviriosa pecché Tony te piace e non puoi averlo.

Rosa                   -Io, a chillo muort’e famme?!

Susy                   -Si, proprio tu.

Rosa                   -Guarda nenné, che io so’ già ‘mpignata.

Susy                   -‘O monte ‘e pietà.

Rosa                   -Nun me cride?

Susy                   -‘O vulesse proprio vede’ stu ‘nnammurato tuoio!

Rosa                   -Se voglio, fra sei o sett’anne anne, me sposo pure.

Susy                   -Se aspiette ‘n’àto poco, fai tutto ‘nzieme, spusalizio e estrema unzione. (Via, ridendo, da sinistra)

Rosa                   -(Facendo gli scongiuri) Tié! Ma... addo’vai?  (Esce a sua volta)  

Carluccio            (Da sinistra, guardando l’orologio) Ma che fa chisto, nun vene?! So già ‘e l’unnece e meza. Almeno facesse ‘na telefonata. (Al suono del cmpanello) Chisto è isso. (Va ad aprire ed introduce Amanda) Prego, accomodatevi. (Fra sé) Vi’ che bella figliola! Desiderate?

Amanda             -Parlare col padrone.

Rosa                   -(Di passaggio) Ah siete voi! Mi spiace, ma don Ersilio non c’è. E’ partito e tornerà fra un mese. Scusate, ma tengo che fa’. (Esce da destra)

Amanda             -Nientemeno è partito!

Carluccio            -A quanto pare. Strano, però, a me non ha detto niente.

Amanda             -La colpa è mia. In verità, dovevo ripassare ieri sera, invece, ebbi un contrattempo.

Carluccio            -Davvero?

Amanda             -Passeggiando qui, per il paese, incontrai un vecchio amico. Forse lo conoscete: Vasco Pereni.

Carluccio            -Mi dispiace.

Amanda             -Cosa?

Carluccio            -Dovrà correre spesso al gabinetto.

Amanda             -Overo, e perché?

Carluccio            -L’avete detto voi: è lasco di reni.

Amanda             -Vasco Pereni: è il nome di questo signore. Comunque, sapete come vanno queste cose, Vasco tanto disse e tanto fece, che volle portarmi a casa sua.

Carluccio            -(Fra sé) Chiammalo fesso!

Amanda             -Prego?

Carluccio            -Io avrei fatto lo stesso.

Amanda             -Insomma, tra una chiacchiera e l’altra, si fece molto tardi. Così, feci appena in tempo a prendere l’ultima corriera per tornare a casa. Già, perché io vivo a Napoli.

Carluccio            -Bella città!

Amanda             -Ma troppo trafficata. E’ vero, la città è bella, ma alla fine stanca. Infatti, sto pensando di trasferirmi anch’io da queste parti. L’aria è buona e poi adoro la campagna.

Carluccio            -E vorreste venire proprio qua, in paese?

Amanda             -Esattamente. (Un tempo) Fa caldo, mi tolgo la giacca.

Carluccio            -Che bellezza!

Amanda             -Cosa?

Carluccio            -L’idea di togli...di venire in paese.

Amanda             -Io, di mestiere, pratico iniezioni.

Carluccio            -Ahi!

Amanda             -Ma no, ho la mano delicata. Secondo voi, qui troverei clienti?

Carluccio            -A palate.

Amanda             -Dite?

Carluccio            -Quelli, i paesani, come vi vedono, cadono tutti malati.

Amanda             -Nientemeno!

Carluccio            -E poi qua troverete tante altre belle cose: pecore, maiali, vacche. Andreste d’accordo...

Amanda             -Che’ vacche?!

Carluccio            -Con la gente. Qua sono tutti ospitali: quando passate, vi offrono qualcosa: provola, mortedella, soppressata.

 Amanda            -(Secca, togliendosi la giacca)  ‘A soppressata, che buona, quanto mi piace!

Carluccio            -Veramente? E allora, come venite qua, ve la regalo io, ‘na sopressata enorme, duie quintale.

Amanda             -Che romantico!

Carluccio            -Vi prego, trasferitevi qui, me farria piacere.

Amanda             -Ci sto pensando molto seriamente.

Carluccio            -Brava!

Amanda             -Sapete, voi mi siete simpatico.

Carluccio            -Anche voi, assai.

Amanda             -Molto più della serva. Siete diverso da lei.

Carluccio            -Questo è certo.

Amanda             -Avete delle qualità.

Carluccio            -E ancora non le avete viste tutte quante!

Amanda             Facciamo così, dato che a don Ersilio, io devo vederlo, assolutamente, non appena torna, gli riferite che sono stata qui Dite di chiamarmi. Riferitegli pure che se non mi telefona, vengo io, mi pianto qua, davanti alla porta e non Mi smuovo più. Anzi... mi fareste un piccolo favore? 

Carluccio            -Certo, a disposizione.

Amanda             -(Ponendo un biglietto da visita sul tavolo) Appena torna don Ersilio, non ditegli niente, chiamatemi voi, immediatamente. A rivederci. (Via)

Carluccio            -(Osservando il bigliettino, mentre Rosa rientra) Amanda Belli. Telefono: venti, venti, venti.  Che bella femmena! Che bella creatura, che piezze ‘e...

Rosa                   -Scema!

Carluccio            -Pecché, “scema”?

Rosa                   -Sta cercanno ‘o padrone. Ma sta fresca. E quanno ‘o vede! Io nun le dico niente. E pure tu, statte zitto, mosca.

Carluccio            -(Osservando il biglietto da visita) Niente-niente, fusseve ‘nu poco gelosa?

Rosa                   -Io, ma si’ scemo!

Carluccio            -Eppure, avrei giurato...

Rosa                   -Quella, Carlù, è carta conosciuta. (Sussurrando) Vedi che dico, quella è una vecchia amante...

Carluccio            -Un vecchio armadio?

Rosa                   -Quà armadio!

Carluccio            -‘O cumò?

Rosa                   -Amante...amante ’e ‘on Ersilio. S’è appresentata e chissà che vo’! E lui, specie in questo momento, deve stare quieto. Nella sua posizione, uno scandalo rovinerebbe tutto.

Carluccio            -Nunn’’o fanno diacono?

Rosa                   -Esatto.

Carluccio            -Secondo me, sbagliate.

Rosa                   -(Strappandogli il biglietto dalle mani) Intanto, posa ‘stu coso.

Carluccio            -Donna Ro’, state prendendo un granchio. Lo dico con la morte nel cuore, pecché a me quella mi piace...

Rosa                   -Che gusti barbari!

Carluccio            -Insomma, quella bonazza viene qui, in paese, per incontrare un suo vecchio amico, capitemi: amico.

Rosa                   -(Portandosi le mani alla fronte) Uh!

Carluccio            -Che è stato?

Rosa                   -‘A rrobba ‘n’copp’ ‘o ffuoco! (Esce di corsa)

Carluccio            -S’è bruciato ‘o ragù! Se sente ‘a puzza. Sperammo che Antimuccio vene e se piglia ‘e cucozze. Chisto è ‘o primmo e l’ultimo affare che faccio. Po’ Centomani, ‘o purpo, s’acchiappa tutte cose. E iamme a vedé fòra. (Via, per la comune)

Susy                   -(Provenendo da destra) Senti, Ro’, volevo dirti...Ma addò sta?  Addò è gghiuta? (Suonano alla porta e va ad aprire, introducendo il giovane Tony Crudele) Tony, già qui!

Tony                   -Sei contenta?

Susy                   -Stai bene, sai, con la scazzetta in testa.

Tony                   -Davvero?

Susy                   -Assai.

Tony                   -(Toccandosi il cappello) Mi arripara dal vento.

Susy                   -Chi te l’ha regalata, Lucio Dalla?

Tony                   -No.

Susy                   -Il tuo discografico?

Tony                   -No, veramente, la trovai per terra.

Susy                   -L’hai messa apposta per venire qua?

Tony                   -Si, perché sennò mi sconcico i capelli.

Susy                   -Giusto, perché tu hai un’automobile scappottata.

Tony                   -No, tengo il motorino.

Susy                   -Ma io ti vidi su una bella macchina.

Tony                   -Quella...quella appartiene a Joseph, il compariello.

Susy                   -E tu ci vai girando per i tuoi concerti?

Tony                   -A volte, quando il motorino è scassato, la uso per fare il giro del latte.

Susy                   -Ma tu fai il cantante o il lattaio?

Tony                   -Tutti e due. La mattina vado portando il latte e il pomeriggio canto. Però, quando divento famoso, mi levo dal latte e resto solo nella musica.

Susy                   -Fai bene, perché sei un musicisto troppo bravo.

Tony                   -Me lo dicono anche i miei fanatici.

Susy                   -Ne tieni molti?

Tony                   -Abbastanza, fino ad ora, ne ho contati sei.

Susy                   -E con me, sette.

Tony                   -Veramente, a te ti avevo già calcolata.

Susy                   -Allora, hai pensato a quella domanda che ti domandai ieri?

Tony                   -Si, ho preso una decisione molta grave: mi voglio mettere con te.

Susy                   Che gioia, Tony, che bello! Mi hai dato una botta al cuore. -(Abbracciandolo) Baciami.

Tony                   -Aspetta! Fammi riprendere...la botta è stata forte pure per me.

Susy                   -(Avviandosi al telefono) Do la notizia alle mie compagne e le faccio schiattare di gelosia!

Ersilio                 -(Dalla comune, con un libro in mano) Piccere’!

Susy                   -(Voltandosi) Papà!         

Tony                   -Buongiorno.

Ersilio                 -Salve. E chi è questo baldo giovane?

Susy                   -Come, non lo conosci, è Tony...

Tony                   -Tony Crudele. Piacere.

Ersilio                 -Piacere mio. Sei un compagno di scuola?

Susy                   -No, che dici, lui ha già finito.

Ersilio                 -Università, liceo, ragioneria?

Tony                   -Quinta elementare.

Ersilio                 -Ah! E ora che fai di bello, se non sono indiscreto?

Tony                   -Suono.

Susy                   -Fa concerti.

Ersilio                 -Perbacco, un concertista, complimenti! A me piace tanto la musica.

Tony                   -Allora, qualche volta vi faccio sentire un pezzo.

Ersilio                 -Splendido! E che strumento suoni: pianoforte, arpa, violino?

Tony                   -Tamburo.

Ersilio                 -Come?

Tony                   -(Mimando) Il tamburo: bum, bum...bam, bam.

Ersilio                 -Percussionista?

Tony                   -No, proprio il tamburo...con la pella.

Susy                   -Lo dovresti sentire, è veramente un mostro.

Tony                   -Non per vantarmi, ma io ho un pezzo forte.

Susy                   -Il portafoglio.

Tony                   -No.

Susy                   -‘O portatessera?

Tony                   -Ma no, ne ho composto un altro. Un pezzo che...insomma, così, su due piedi, non si può spiegare, ma quando lo sentirete, vi verranno le lacrime.

Ersilio                 -Anche compositore, dunque!

Tony                   -Per adesso, tengo un pezzo solo, ma piano-piano farò altri pezzi e così mi chiameranno per fare ‘e pizze...cioé  le serate.

Susy                   -Ti chiamano di corsa.

Ersilio                 -In fondo, ho piacere che mia figlia frequenti un artista. Ti ammiro, sai, perché sei come me, anch’io mi sono fatto da solo, con grandi sacrifici.

Tony                   -Lo so, fuori al bar, con gli amici, parliamo sempre di voi. Diciamo: Chissà quello come li ha fatto i soldi!

Ersilio                 -L’ho detto: col sudore della fronte.

Tony                   -Voi siete assai ricco. E’ vero?

Ersilio                 -Non posso lamentarmi.

Tony                   -Veramente, anch’io io voglio fare i soldi, insomma, voglio diventare come voi.

Ersilio                 -E ci riuscirai. Tu sei un concertista! Ma ricorda che la vera ricchiezza sta nel cuore. E ora scusatemi. (Via)

Susy                   -Ti ha preso in simpatia.

Tony                   -Tu dici?

Susy                   -Come no!

 Tony                  -Che dici, metto anche a lui nell’elenco dei fanatici miei?

Susy                   -In cima a tutto.

Tony                   -E allora, per farlo contento, qualche volta, vengo e gli faccio sentire una canzone.

Susy                   -Vieni, andiamo in giardino. Mi devi dare un bacio.

Tony                   -Susy, dammi tempo, fammi abituare all’idea. (Via, entrambi, dalla comune)

Ersilio                 -(Appare con Alberto) Si, caro Alberto, avete avuto proprio una buona idea a dirmi di comprare questo libro. Bella pensata!

Alberto               -E’ tutto calcolato. Vedete, don Ersì, uno che deve esercitarsi nelle prediche che fa?

Ersilio                 -Che fa?

Alberto               -Deve procurarsi la materia prima, ovvero un testo adatto, su cui leggere e assimilare quanto più è possibile. Voi, grazie a questo libro, farete dei discorsi bellissimi, grandiosi.

Ersilio                 -Davvero?

Alberto               -Il pubblico accorrerà da ogni parte. La gente si darà la voce. (Gridando) Ueh, Pascà, Vicie’, Cuncé, oggi c’è lo spettacolo. Canta Abate...pardon, parla don Ersilio. Venite a sentì, venite tutte quante!

Ersilio                 -Addirittura!

Alberto               -In poco tempo, diventerete famoso.

Ersilio                 -Come diacono, ovviamente.

Alberto               -Certo.

Ersilio                 -Sempre che sua eccellenza il vescovo mi riterrà degno.

Alberto               -Così voi mi offendete, scusate! Ed io che ci sto a fare’? Io ho lasciato tutto, baracca e burattini, per assistervi. Non per rinfacciare,  don Ersì, ma io ci sto rimettendo tempo e denaro.

Ersilio                 -Non dite così, perché sarete ben ricompensato. Comunque, dovete capirmi: l’ansia è tanta, perché temo di non riuscire. Io non immaginavo nemmeno lontanamente che mi sarebbe capitato un onore simile.

Alberto               -Mettiamoci al lavoro, non perdiamo tempo.

Ersilio                 -Ditemi voi cosa devo fare.

Alberto               -(Indicando uno scanno) Mettetevi qua sopra e leggete un brano. Io mi siedo e osservo. Mi raccomando, però, voce chiara, calda, suadente.

Ersilio                 -(Mettedosi in posa) Va bene così?

Alberto               -Più raccolto, ispirato.

Ersili                   -Così.

Alberto               -Accussì, pare che tenite l’uocchie stuorte.

Ersilio                 -Va bene il “Discorso dei fiumi”?

Alberto               -Perfetto. Cominciate pure.

Ersilio                 -(Si schiarisce la voce e legge) “Ed allora il profeta, volgendosi a gran massa, dall’alto di una rupe, disse: Fratelli, io era sul fiume Kebar, quando a un tratto i cieli s’apriro ed io vidi...”

Carluccio            -(Entrando, ad alta voce) ‘Nu fetente ‘e buco!

Alberto               -Ueh!

Carluccio            -So’ caduto.

Ersilio                 -Scustumato!

Carluccio            -Fora, ce sta ‘nu buco.

Alberto               -Te ne vai o no!

Carluccio            -(Sorpreso) Ma vuie nun ìreve partuto...?

Ersilio                 -Partuto, addò?!

Carluccio            -No... niente, scusate. (Esce)

Alberto               -On’ Ersì, andate avanti.

Ersilio                 -Ora provo quest’altro: “Così, Giacomo, parlando alla folla, visto che molti esitavano, li rassicurò con sagge parole e disse: Andate fiduciosi, fratelli. Non temete. Bussate e vi sarà aperto, chiedete e vi sarà dato...”

Carluccio            -(Fa capolino assieme ad Antimo e bussa) Si può?

Ersilio                 -(Aspro) Che vuo’?

Carluccio            -Ce sta Antimo, ccà, che tene sete.

Ersilio                 -(Tuona) Ascite ‘a via ‘e fòra, iatevenne!

Antimo               -Che maniere!

Ersilio                 -Così, non è possibile.

Alberto               -Non vi scoraggiate, don Ersì, perseverate.

Ersilio                 -E’ ‘na parola!

Antimo               -Don Ersì, scusate se v’aggio dato ‘mpiccio dint’à casa vosta, ma voi state sbagliando: un poco d’acqua non si rifiuta a nessuno.

Ersilio                 -Questo è vero. Iamme, bive e vattenne.

Antimo               -Poi, non per dire, io ve sto facenno ‘nu piacere.

Ersilio                 -Overo?

Alberto               -Qua’ piacere?

Antimo               -Io so’ venuto pe’ trattà ‘n’affare. Me so’ accattate ‘e cucozze voste.

Ersilio                 -Mie?

Antimo               -D’’a tenuta vosta.

Carluccio            -Veramente, ‘a mia.        

Alberto               -Vuo’ dicere: ‘a mia!

Carluccio            -Quanno sarrà. Pe’ tramente è ‘a mia.

Antimo               -Perciò, io mo’ me porto ‘a robba.

Alberto               -Guaglio’, tu stai sbagliando: ‘a campagna è ‘a mia. Perciò, me fai ‘o favore, lassa ‘e cucozze addò l’he’ truvato e vavattenne.

Antimo               -Che state ammaccanno? L’affare è chiuso. Io e Carluccio ce simmo stregnuto pure ‘a mano.

Carluccio            -E’ ‘o vero.

Antimo               -Perciò, ‘e cucozze so’ ‘e mie.

Alberto               -Toie?

Carluccio            -Soie.

 Alberto              -E tu cu’ quale diritto l’he’ vennute?!

Carluccio            -Ma chillo, Don Ersilio, me dicette...

Alberto               -Don Ersì, è ‘o vero?

Ersilio                 -Effettivamente...

Alberto               -Ma allora pazziammo!

Antimo               -‘Nu mumento, che so’ ‘sti ‘mbruoglie! Niente-niente ve fusseve accurdate pe’ ‘mbrusà a mme! Vuie ve state sbaglianno, io so’ furbo, nun me faccio fa’ fesso. So’ stato pure all’estero. 

Carluccio            -Dalle!

Alberto               -Chi se ne ‘mporta!

Antimo               -Ma tu sai chi so’ io!

Alberto               -‘Nu rapuonzo.

Antimo               -Guardate che io so’ stato...

Tutti                   -All’estero!

Antimo               -Quieto fino ‘a mo’, pe’ rispetto a ‘on Ersilio, ma se me saglie ‘o sanghe ‘n’capa, s’abbarra ‘a vista ‘e ll’uocchie e so’ mazzate.

Alberto               -Ma vattenne!

Antimo               -Nun me sapite a mme: io so’ terribile, arrevoto ‘o paese!

Rosa                   -(Entra, scampanellando) Ueh....ueh! Basta! Iate, ascite tutte quante! Che so’ ‘sti storie! Davanti a un sant’uomo nun s’allucca.

Antimo               -Ha accumminciato isso.

Alberto               -Avete ragione, ho trasceso, mi sono fatto prendere la mano. Scusate, don Ersì, non ve l’abbiate.

Ersilio                 -Niente, sciocchezze. (Sottovoce) Voi non dovete preoccuparvi: la terra è vostra e non ve la toglie più nessuno.

Alberto               -Siamo sicuri?

Ersilio                 -Potete stare certo.

Antimo               -Allora, io che faccio?

Alberto               -Pigliate tutte cose e statte bbuono.

Carluccio            -Finalmente!

Antimo               -Don Ersì, salutammo.

Carluccio            -(Uscendo con l’amico) Però, me dai ‘a percentuale, comm’è stabilito.

Alberto               -(Si alza per risponde al telefono che squilla) Posso?

Ersilio                 -Siete il padrone.

Alberto               -(Eseguendo) Viene un signore qui? E come si chiama: mano mozza? Dice che viene uno senza mano. (Realizza) Ah, no, mano mozza: Mario Muzi!

Ersilio                 -Madonna santa!

Alberto               -Ah, ma voi dite monsignore, il vicario! Va bene, grazie, riferirò.

Ersilio                 -(Tremando) Rosa...Rosa!

Rosa                   -Che è stato?

Ersilio                 -(C.s) Fammi una... no, sei camomille.

Rosa                   -Subito. (Via)

Ersilio                 -Mamma mia, viene lui...lui!

Alberto               -E allora?

Ersilio                 -Lo sapevo, lo sapevo!

Alberto               -Sapevate che?

Ersilio                 -Che veniva Muzi a casa mia, per farmi l’esame.

Alberto               -E con ciò?

Ersilio                 -Lo so, voi minimizzate per tranquillizzarmi. Ma io tengo il cuore in gola: Muzi a casa mia! Il vescovo vicario che si scomoda!

Alberto               -Don Ersì, comme ‘a facite longa!

Ersilio                 -Domine, non sum dignus.

Alberto               -‘A vi’ lloca: ‘a mossa!

Ersilio                 -Domine, non sum dignus...

Alberto               -Chisto è partuto.

Ersilio                 -No...non sum dignus.

Alberto               -Io chiammo ‘o miedeco.

Ersilio                 -Qua’ miedeco!

Alberto               -Vuie sragiunate.

Ersilio                 -Io?

Alberto               -Che d’è ‘stu: “Nun songo tignuso”?!

Ersilio                 -(Scandisce) Non sum dignus: nun sto all’altezza!

Alberto               -All’aria vosta!

Ersilio                 -Albe’, aiutatemi... non mi lasciate.

Alberto               -Non ci penso nemmeno! Se nun me date ‘a terr....la gioia di vedervi diacono, chi se move ‘a ccà!

Ernesto               -(Dall’interno, con voce alterata) Simme arrivate. Io mo’ parlo cu’ Ersilio e le conto ogni cosa. Trase, iamme, trase!

Ersilio                 -Chi è?

Ernesto               -(Entrando) Ersilio!

Ersilio                 -Ernesto!

Ernesto               -Cainato mio bello, io nun ce ‘a faccio cchiù.

Ersilio                 -Tu, qui!

Ernesto               -Nun me dicere niente, ma io ‘a lasso.

Ersilio                 -Lasse? Ma chi lasse?

Ernesto               -Là fòra.

Ersilio                 -Chi?       

Ernesto               -Chella.

Ersilio                 -Chi?

Ernesto               -La cosa indecente, innominabile.

Alberto               -Che è, ‘na bestia?

Ernesto               -L’avete detto: una bestia!

Alberto               -(Salendo su una sedia) Ueh!

Ersilio                 -Rachele!

Ernesto               -Ha ‘nduvinato!

Alberto               -Ccà ‘o fatto è brutto, volano mazzate. (Si nasconde dietro il divano)

Ersilio                 -Per favore, Erne’, spiegati meglio, io non capisco.

Ernesto               -Guarda, guarda come mi ha ridotto quella.

Ersilio                 -Si, ma che è stato?

Ernesto               -Ersì, avevo un po’ di salute e ora non l’ho più. Tenevo qualche risparmio e ora non l’ho più. Avevo una reputazione, ora non l’ho più. Tenevo una moglie e ora...

Ersilio                 -Non l’hai più?

Ernesto               -Fosse ‘o cielo, invece sta llà fora. Viene, vieni, fatte vedé, trase, se tieni ‘o curaggio!

Ersilio                 -(Chiamando) Rachele!

Rachele              -(Sciatta, capelli irti, orrendamente vestita, con un camice da lavoro unto e le tasche gonfie di cose varie. Mordicchiando una mela. Con voce roca) Ueh, Ersì!

Ersilio                 -Sora mia, comme te si’ ridotta!

Ernesto               -E oggi la vedi al meglio!

Ersilio                 -Nientemeno!

Ernesto               -Sapendo che veniva qua, si è messa elegante.

Alberto               -‘A faccia!

Ersilio                 -Insomma, se po’ sape’ che è stato?

Ernesto               -Da un anno in qua, l’è venuta ‘a manìa do’ juoco.

Ersilio                 -Juoco?

Ernesto               -Il lotto. Ma ‘na cosa terribile, Ersilio mio, esagerata. Fa nummere, matina, pomeriggio, sera e notte. Dice, conta a frateto che me stai facenno passà.

Rachele              -Io?

Ernesto               -Tu giochi?

Rachele              -Quanno maie! (Cava dalla tasca una scheda ed una matita e prende a scrivere poggiata a una parete) Chisto è terno, terno sicco. Sessantanove: ‘o juoco. Sei: ‘o marito. (Indicando Ernesto) E ventidue: ‘o pazzo.  

Ernesto               -A vi’, da ‘e nummere.

Rachele              -Ma che vo’ chisto?

Ersilio                 -Allora, è ‘o vero!

Ernesto               -Una sciagurata, Ersi’, una pazza. S’è jucata tutte cose: soldi, mobilia, tutto! Se nun me nascunnevo ‘o vestito,  se jucava pure chisto.

Ersilio                 -Allora, ‘è ‘o vero?

Rachele              -Quanno maie! (C.s) Vestito: ventinove.

Ernesto               -Nun me dicere niente, ma io ‘a lasso.

Ersilio                 -Mamma mia! Aspetta, Erne’, non precipitare, vediamo...

Ernesto               -Ccà ‘a pigliai e ccà ’a porto.

Alberto               -(Facendo capolino, impaurito) ‘A purtato ’o cane.

Ersilio                 -E ‘ m’a lasse accussì, su due piedi?!

Ernesto               -Pure ‘n’coppa ‘a uno sulo.

Ersilio                 -Io non ci posso credere. E’ una tragedia! (Chiamando) Alberto!

Alberto               -(Facendo capolino) Dite, don Ersì.

Ersilio                 -Datemi voi una mano, per piacere. Siete il mio consigliere, consigliatemi.

Alberto               -(Immobile) Non dubitate: sto lavorando per voi.

Rachele              -(Minacciosa) ) Chi è ‘sta capa?

Alberto               -Neh, ma chesta mozzeca?

Ernesto               -Po’ essere.

Rachele              -Ueh, tu m’he’ scucciato! Ma che vuo’ a me? Che ‘o fai credere a fratemo! Che faccio ‘e male? Io so’ ‘na signora.

Ernesto               -‘A signora! Guarda, quanto fai schifo! Scusame, Ersì.

Ersilio                 -Prego.

Rachele              -Nun t’allargà, he’ capito!

Ernesto               -Io?!        

Rachele              -Me so’ stancata ‘e sentere bucie. Io nunn’àggio fatto niente.

Ernesto               -Niente?! S’è vennute pure ‘e lenzole!

Rachele              -(C.s) Lenzole: trenta. Primmo estratto.

Ersilio                 -Chi poteva immaginare... Che mi cumbine, sora mia!

Rachele              -Nunn’ho da’ retta a chillo ventitre...

Ersilio                 -E cioé?

Ernesto               -Scemo.

Rachele              -Se fosse a te, Ersì, ‘o cacciarrìa.

Ernesto               -A me!

Rachele              -E’ ‘nu cetrulo, nun serve. He’ capì, nun si’ bbuono! Chillo ha avuto chella sciorte e se lamenta pure! Me pigliai figliola, e che piezze ‘e figliola! T’arricuorde, Ersi’?

Ersiio                  -(Ambiguo) Uh!

Rachele              -Però, allora, nun sapevo ‘e ccose. ‘Nu juorno, s’appresentaie ‘o paese ‘ncopp’’o ciuccio. Io, quanno ‘o vedette, pensaie: chisto è ‘n’omme dabbene, ‘nu signore. Me ‘mpapucchiaie ‘e chiacchiere e m’arravugliai comme vulette. Me dicette: te faccio fa’ ‘a vita d’’a signora e invece, ‘a casa, me porta ‘na miseria.

Ernesto               -Che cosa! Io sono un funzionario di banca e tengo un ottimo salario!

Ersilio                 -E’ la verità.

Rachele              -Quatto perucchie. E io, proprio pe’ chesto, ‘na vota all’anno, me joco ‘nu sordo.

Ernesto               -‘Na vota all’anno! Juorno e notte.

Ersilio                 -Ma almeno piglia?

Ernesto               -Maie, manco ‘nu sorde favezo. E’ pure scalugnata.

Rachele              -(Inferocita) Basta, he’ capito! Basta! (Indicando Alberto, ancora rannicchiato) Nun dicere chiù niente! Sennò  te jetto ‘sta capa ‘n’faccia!

Alberto               -(Impaurito) Gulp!

Ersilio                 -Per favore, Rache’...

Rachele              -Isso, però, nun dice che jucava cchiù ‘e me!

Ernesto               -Una volta, poi smisi, perché mi accorsi che stavo esagerando.

Rachele              -‘Stu chiuovo ‘e carrozza tene ‘a cummarella.

Ernesto               -Io?!

Rachele              -‘A sera, me lassa sola. L’he’ ‘a vede’: se stira ‘o vestito, se tira ‘a pella ‘n’faccia, se svacanta  ‘nu cato ‘e ‘nzogna ‘n’capa e se ne va.

Ernesto               -Ti assicuro, Ersilio che io...

Rachele              -Nun negà, che saccio pure ‘o nomme ‘e chella uttantasette!

Ernesto               -(A un cenno interrogativo di Ersilio) Fetente.

Rachele              -Ma io nun so’ gelosa. Chi ‘o pensa! Iesce c’’a cummarella, ma che fa! Niente. Sta chino ‘e dulure. (Si curva e mima una goffa camminata) Cammina accussì. “Vieni, cara, andiamo nel bosco” E sai che fa? Va cuglienno ‘e fravule, nun cumbina niente. Io, se fosse a essa, ‘o lassarrìa, me truvarrìa ‘a ‘nato. Ne vuo’ sape’ una? Stu ventitre fa ‘a culazione ‘e figurelle.

Ersilio                 -T’’e mmagne?

Ernesto               -Faccio la collezione, la raccolta.

Rachele              -Appiennete, menate ‘n’galera! All’età soia, ‘stu cinquantatre, diciassette, fa ancora ‘e ccose ‘e quinnece.

Ernesto               -(Paziente) Il vecchio rimbambito fa cose da ragazzo. E’ un hobby come un altro. Che c’è di strano?!

Rachele              -Miettete scuorno! Dudece!

Ernesto               -(Prontamente c.s.) Bastardo.

Rachele              -Vintiquatto.

Alberto               -(Sempre dal suo riparo) Due volte bastardo.

Rachele              -L’avissa sentì, quanno sta che’ cumpagne. (Scimmiottandolo) “Federico, io ti do questa e tu me dai quella.

Ersilio                 -Addirittura! Scambio di coppia?!

Ernesto               -Macché: scambio di figurine.

Rachele              -(Continuando a rempire schedine) Guardate se è ccosa, all’età soia! S’accatta ‘e muntagne ‘e ritrattielle. Tene ‘n’àrmadio chino.

Ernesto               -Qua’ armadio? S’è vennuto pure chillo.

Rachele              -E po’ dice a mme che jetto ‘e sorde! Sulo pecché, ‘na vota ‘o mese, me joco ‘na bulletta. E m’ha purtato ‘n’coppa ‘a casa ‘e fratemo pe’ me murtificà. Che faie, mo’ t’annascunne? (Prende una sedia) Ma se me viene sotto, me magno ‘e cervelle!

Alberto               -Madonna!

Rachele              -Dimme, Ersì, ccà, dint’o paese, ce sta ‘o pronto soccorso?

Ersilio                 -Si, ma pecché?

Rachele              -L’àggia spacca’ ll’osse. (Segue una baraonda, che viene sedata a stento)

Susy                   -(Scanzonata come sempre, da destra, assieme a Rosa, che reca la camomilla) Buongiorno!

Ersilio                 -Susy!

Susy                   -Quanta gente! Perciò sentevo tanta ammuina. Zio Ernesti’, ci stai anche tu! E zia Rachele non c’è, non è venuta?

Ersilio                 -Come, non è venuta! Eccola là.

Susy                   -Chi è chella?!

Ersilio                 -Comme, chi è?!

Susy                   -(Avvicinandosi) E’ vero, è la zia. Chi l’aveva riconosciuta! (Fra sé) Pare ‘a befana.

Ersilio                 -Susy!

Susy                   -Come stai, zia?

Rachele              -Ma chi si’?

Susy                   -Ti sei scordata? Io sono Susy.

Rachele              -Guaglio’, chi te cunosce!

Ersilio                 -Ma è figliema.

Rachele              -Assuntina?

Susy                   -Diciamo pure così.

Rachele              -Comme ‘e addivintata! Io ‘a saccio piccerella. Ma che te magne, guaglio’?!

Ersilio                 -Susy, famme ‘o piacere, mostra a tua zia la serra. Conducila con te.

Susy                   -Vieni, zia Rachy, vieni.

Rachele              -Chi è ‘sta racchia! Addò àggia ì? Ma che è ‘sta serra? Ma quanto fa? Vedimmo, ciardino: cinquantadoie...  Aspe’, nun me tirà! (Sebbene riluttante, va via con Susy)

Ersilio                 -E tu, Rosa, per favore, accompagna  mio cognato di là  e offrigli un bel caffé.

Rosa                   -(Eseguendo) Come volete.

Ersilio                 -Avete visto?

Alberto               -Come non ho visto!

Ersilio                 -Come si fa, qua la faccenda è seria.

Alberto               -Don Ersì, non disperate, non vi scordate che ci sto pur’io.

Ersilio                 -A parte che, comme frato, me dispiace, ma chisto nunn’era ‘o mumento ‘e avé ‘mpicce.

Alberto               -Datemi il tempo di studiarmi il caso.

Ersilio                 -E chisto è n’àto guaio!

Alberto               -‘N’àto?!

Ersilio                 -Perché, è proprio il tempo quello che ci manca. Stamattina, don Nicola ha detto che il vicario arriverà domani.

Alberto               -Cercherò di prendere io la situazione in pugno.

Ersilio                 -Davvero?

Alberto               -Voi state in buone mani, don Ersì!

Ersilio                 -Perciò, aiutatemi.

Alberto               -Io vi aiuto, ma voi mi assicurate che quella nun mozzeca?

Ersilio                 -Chi?

Alberto               -Vostra sorella.

Ersilio                 -Non voglio credere che arriverà a questo.

Alberto               -Allora, alla prima occasione, chiamate tutti a raccolta.

Ersilio                 -Pure Rachele?

Alberto               -Per adesso, no.

Ersilio                 -Avete già un piano?

Alberto               -Garantito.

Ersilio                 -Albe’, cosa farei senza di voi!

                                                        (Cala la tela)

ATTO TERZO

L’ambiente degli atti precedenti. In scena, Carluccio e Rosa, che conversano.

Rosa                   -He’ capito, Carlu’.

Carluccio            -Comme, nunn’àggio capito.

Rosa                   -‘Se te dico che aiere ssera è succiesa ‘a ‘uerra è poco.

Carluccio            -‘O ccredo, ‘o padrone steva assai scucciato. Ma chesta cristiana, allora, è pericolosa?

Rosa                   -Hai voglia, quanno s’arraggia, fa paura.

Carluccio            -Overo?

Rosa                   -Nun vo’ sentì raggione, mena mazzate ‘e morte.

Carluccio            -E ‘o marito se sta?

Rosa                   -Allucca, dice, ma che po’ fa’, puveriello, cu ‘nu sciuscio va ‘n’terra!

Carluccio            -Stanotte, allora, hanno durmuto ccà?

Rosa                   -Certamente, se turnavano a casa ce scappava ‘o muorto.

Carluccio            -Addirittura!

Rosa                   -E dice ‘e no.

Carluccio            -Ogge, vene ‘o vicario, don Ersilio comme ‘a mette nomme?

Rosa                   -Chissà.

Carluccio            -Essa sta ancora ‘n’ coppa?

Rosa                   -Si, ma sta cchiù quieta, mo’. Chillo cristiano llà, comme se chiamma, millepiedi...

Carluccio            -Centomani.

Rosa                   -Insomma, l’ha calmata.

Carluccio            -Mannaggia ‘a morta!

Rosa                   -Che è? Pecché t’arraggie?

Carluccio            -Niente,‘nu fatto mio.

Rosa                   -Po’, ‘a misteriosa so’ io!

Carluccio            -E comme ha fatto a la calmà?

Rosa                   -‘L’ha dato ‘a medicina.

Carluccio            -Ah!

Rosa                   -Ogni sei ore, le dà ‘sti gocce.

Carluccio            -E essa s’’e bbeve?

Rosa                   -Sì, pecché  ce ‘e mette dint’’o latte, ‘e nascosto.

Carluccio            -E bravo Alberto!

Rosa                   -Già.

Carluccio            -Me figuro comme sta cuntento ‘o padrone.

Rosa                   -Hai voglia.

Carluccio            -Invece, io sto ‘ndussecato.

Rosa                   -‘E che te lamiente? Gli affari vanno bene.

Carluccio            -Si, ma àggio fernuto. (Sconsolato) Mo’ Alberto se piglia isso ‘a terra.

Rosa                   -Ma tu, e’ sorde, l’he’ fatte.

Carluccio            -Robba ‘e poco.

Rosa                   -E ‘e cucozze?

Carluccio            -Se è pe’ chesto, Antimo l’ha vennute.

Rosa                   -L’ha sbulugnate tutte quante?

Carluccio            -Fino all’urdema. ‘Na cucozza pe’ ogni famiglia do’ paese.

Rosa                   -Tié-tié. (Un tempo) Carlù, mo’ me scurdavo: ‘o padrone m’ha ditto ‘e nun te fa vede’ do’ vicario...

Carluccio            -Ma pecché, m’àdda vattere?!

Rosa                   -Che scemo!

Carluccio            -E allora?

Rosa                   -Nel senso che se t’appresiente ccà, annanza a isso, viene pulito, vestuto bbuono.

Carluccio            -Io nun ce tengo.

Rosa                   -Ma ce tene ‘o padrone, vo’ fa’ bella figura. (Via)

Carluccio            -(Trasalendo, perché vede Rachele sbucare da destra, in vestaglia) Ueh! (Fa un inchino)

Rachele              -(Fa un inchino e sorride) Ueh!

Carluccio            -(Sorridendo tra i denti, a sua volta) Salve.

Rachele              -(Avvicinandosi) Uno, cinquantasette.

Carluccio            -(Fra sé) Mo’ che vo’ chesta?

Rachele              -(Rimarcando) Nun ce siente! Uno, cinquantasette.

Carluccio            -(C.s) Meno male che steva calma! Nunn ‘a cuntrariammo. Sei, settantasei e cinquantaquattro.

Rachele              -E che ce azzecca!

Carluccio            -Nun va bbuono?

Rachele              -E no! Io dico: “Buongiorno, giuvinò” e tu me risponne: “ ‘O cane se mette ‘o russetto”

Carluccio            -(Perplesso) Ah, sì?!

Rachele              -Addò  va ‘stu cane c’’o russetto!

Carluccio            -Va...addà cummarella.

Rachele              -(Contrariata) Che he’ ditto!

Carluccio            -‘N’àta fessaria?!

Rachele              -Mannaggia a te! Io mo’ nun ce pensavo, stevo tanto bbella.

Carluccio            -Me putevo sta zitto!

Rachele              -(Triste, quasi piangendo) ‘O ssaie, guaglio’, sei quarantotto ‘a doie!

Carluccio            -Comme?

Rachele              -Maritemo tene l’amante.

Carluccio            -(Indicando le corna) Ah!

Rachele              -(C.s) ‘A ggente dice che è cchù bella ‘e me.

Carluccio            -Nun po’ essere.

Rachele              -(Piange) E intanto, mariteme me mette ‘e corne!

Carluccio            -(Fra sé) E fa bbuono.

Rachele              -Che he’ ditto?

Carluccio            -Brutta cose ‘e corne.

Rachele              -E tu nun chiagne?!

Carluccio            -(Simula il pianto)’Aggia chiagnere?

Rachele              -Certamente. Che chiagno sul’io! Tutte s’ànna strazià pe’ chesta cosa. (Minacciosa) Chiagne!

Carluccio            -Si, si, subbeto.‘Nu mare ‘e lacrime. (Mima il pianto ed i gesti del nuoto)

Rachele              -Basta!

Carluccio            -‘A vi’ lloco!

Rachele              -Nun vale ‘a pena.

Carluccio            -No?

Rachele              -E’ po’ ogge è ‘na quattuordece doie.

Carluccio            -(Finge di aver capito) E allora...

Rachele              -E’ ‘na bella jurnata. 

Carluccio            -(Ancora impaurito) Se debbo piangere ancora, non fate complimenti, altrimenti, se nun ve dispiace, mi ritiro.

Rachele              -E m’’o ddice a mme! Arritirate. Va’, va! (Carluccio esce dalla comune con un inchino) Mannaggia a morte, chillo scemo m’ha ‘ndussecato a mme! (Squilla il telefono e risponde) Pronto? Si? Pecché tengo ‘sta voce?  Sei quarantotto ‘a doie... Nun capisce? E che me ne ‘mporta! (Via)

Ersilio                 -(Dalla comune, assieme a Ernesto) Si, hai ragione, trovare Alberto è stata una fortuna.

Ernesto               -Già, perché ha fatto un miracolo. Erano anni che Rachele non dormiva tanto. Fino a ieri, faceva un’arte: se cuccava, steva ‘nu poco, po’ se suseva e se metteva a scrivere bullette.

Ersilio                 -Stanotte, invece...

Ernesto               -Ha fatto una tirata. L’unica cosa è che si lamentava e dava i numeri stesso nel sonno. Ripeteva sempre le stesse cifre.

Ersilio                 -L’importante, mò, è che nun fa scenate. E soprattutto, se scende, che si metta decente.

Ernesto               -E’ ‘na parola! Tra l’altro, ha solo quegli stracci addosso.

Ersilio                 -Falla cambiare, qualcosa in casa la trova di sicuro.

Rosa                   -(Entra da  sinistra, per sitemare dei fiori in un vaso) Questi li  ho colti adesso.

Ersilio                 -Brava, Rosa. ‘A vi’, Erne’, chi se la sposa fa la sua fortuna.

Alberto               -(Provenendo da destra) Salve.

Ersilio                 -Caro, Alberto.

Alberto               -Ah, Rosa, proprio a voi cercavo.

Rosa                   -Dite.

Alberto               -Più tardi, sarò occupato, ci sarà il vescovo ed io non potrò muovermi. Dovreste farmi un piccolo favore.

Rosa                   -Certo.

Alberto               -Dovreste portare un po’ di latte macchiato alla signora, sopra.

Rosa                   -(Spaventata) Ah!

Alberto               -Ma ora non c’è più nulla da temere. E’ vero?

Ernesto               -Andate tranquilla. (Mimando l’azione) Voi, ad ogni modo, fate una cosa: salendo in camera sua, portatevi una sedia, così, eventualmente, la tenete a bada.

Rosa                   -(Perplessa) Va bene.

Ernesto               -Però prima dovete versarci quelle gocce.

Rosa                   -(Indicando Alberto) Dove stanno, in cucina?

Ernesto               -Si, gliene date venti.

Alberto               -Meglio, quaranta.

Ersilio                 -Nun so’ troppe? Così, dorme fino a Natale!

Alberto               -Don Ersì, quanto vi voglio bene! Di fronte a voi c’è un mago della tattica. Con quelle gocce, la best... vostra sorella non dormirà per niente, starà soltanto calma, tranquilla, una pace. Ah, Rosa, per favore, dato che ho un languorino, preparate anche a me un bel bicchier di latte. (Rosa esce)

Ersilio                 -Erne’, volevo pregarti, vedi di fare pace con Rachele.

Ernesto               -Io vorrei, ma hai visto come fa: non da retta a nessuno, essa e ‘a mania do’ juoco.

Ersilio                 -Come mai? Prima giocava una volta ogni tanto.

Ernesto               -Da quando si è fissata che ho l’amante.

Ersilio                 -Io l’avevo capito.

Ernesto               -Ersì, tu mi conosci, non sono il tipo da fare il cascamorto. E poi, guardami: pure se volessi, non terrei la forza.

Alberto               -Se ne accorgerebbe pure un cieco: chisto nun ce ‘a fa!

Ernesto               -Vado a prepararmi. (Via)

Alberto               -(Suonano alla porta e va ad aprire, introducendo Amanda)

Amanda             -(Entrando) Mi chiamo Amanda, vorrei vedere il signor Ersilio.

Ersilio                 -Amanda!

Amanda             -Ersilio!

Alberto               -Don Ersì, scusate, faccio un salto di là, a mettere qualcosa nello stomaco. Con permesso. (Via)

Ersilio                 -(Accusa un mancamento ) Tu qui!

Amanda             -Ma che d’è, Ersi’, nun te rije all’erta!

Ersilio                 -E’...è l’emozione. E come mai quest’improvvisata?

Amanda             -Ti dispiace?

Ersilio                 -No, ma...

Amanda             -Spero che non hai dimenticato le promesse.

Ersilio                 -No, certo che no, ma spiegami.

Amanda             -Gli affari, a Napoli, non vanno molto bene, c’è troppa concorrenza. Allora, stavo pensando di trasferirimi qui, magari, col tuo aiuto.

Alberto               -(Rientrando) Scusate, don Ersì, ma dovete sbrigarvi: il vescovo sarà qui a momenti.

Ersilio                 -Si... avete ragione. Senti, Ama’, non potremmo parlarne un’altra volta?

Alberto               -La signorina, se vuole, può restare.

Ersilio                 -Ma, veramente...

Alberto               -Ma sì, più gente c’è e più farete colpo. Pensate che ho detto a vostra figlia d’invitare anche il suo amico. E pure vostra sorella dovrà scendere e farsi vedere accanto a voi.

Ersilio                 -Pur’essa!

Alberto               -Ancora! Don Ersì, vuie m’avita fa fa’! Fernitela con queste obiezioni. Voi dovrete essere ineccepibile, perfetto. Voi volete piacergli? E allora lasciatevi servire. Appena Mario Muzi vi vede, dovrà dire: “Quello è l’uomo mio”.

Amanda             -(Toccandosi l’orecchio) Ma che è, ‘nu poco...

Ersilio                 -Che hai capito! Aspetto una visita di riguardo, viene il vescovo.

Amanda             -Ah, bene!

Carluccio            -(Entra, piuttosto ripulito) Eccomi qua

Ernesto               -(Stupito) Ueh!

Alberto               -E chi è chisto?

Carluccio            -So’ io, Carluccio!

Ersilio                 -Che he’ cumbinato?

Carluccio            -Ho fatto un giro nella lavatrice.

Amanda             -Che eleganza!

Carluccio            -Anche voi qua!

Amanda             -E vi meravigliate?! Siete stato voi che...

Carluccio            --(Sottovoce) Lo so, ma non fate troppa propaganda.

Amanda             -Allora, non siete contento di vedermi?

Carluccio            -Io? (Fa il verso del toro) Io non sto nei panni!

Amanda             -(Levandosi la giacca) Lo sapete, così vestito, siete più affascinante.

Carluccio            -(Fra sé) Forse, le piacio. Peccato che è ‘mpignata. Già, ma pure se fosse, non starria all’altezza: io so’ ‘nu pezzente.

Alberto               -Sù, presto, disponiamoci, vediamo come metterci.

Carluccio            -Si, ma nun vene bbuono.

Alberto               -(Fa gli scongiuri) Tiè! Nun fa’ ‘o malaurio! Cominciamo da voi.

Ersilio                 -(Salendo sullo scanno) Io mi metto qua.

Alberto               -Accussì, parite ‘a statua ‘e Garibaldi. (Sbadiglia)

Ersilio                 -Non va?

Alberto               -Ci vuole una posizione naturale. (Gli porge un fiore) Proviamo così.

Carluccio            -Mo’ pare Giggino ‘o femmeniello.

Alberto               -Vedite vuie, facite comme vulite. (Fra sé, sbadigliando ancora) Vulesse sulo sape’ che è ‘stu suonno.

Ersilio                 -‘O campaniello! 

Alberto               -(Agli altri, agitatissimi, che corrono sù e giù) Calma, calma.

Carluccio            -(Va finalmente ad aprire) Sua eccellenza, Mario Muzi.

Ersilio                 -Uh, mammà!

Muzi                   -(Entrando) Figlioli carissimi!

Carluccio            -Fratello mio...

Alberto               -(A denti stretti) Che dici, imbecille!

Ersilio                 -(Baciandogli la mano) Eccellenza...

Amanda             -Buongiorno.

Ersilio                 -Solo?

Muzi                   -Veramente, doveva accompagnarmi don Nicola, ma oggi c’é la messa in onore del santo patrono e non poteva esimersi.

Ersilio                 -Giusto.

Muzi                   -Quanta gente! Che bel quadretto familiare! Mi compiaccio.

Ersilio                 -E’ un grande onore per noi. (Indicando il divano) Accomodatevi.

Muzi                   -(Ad Amanda) Dopo di voi.

Amanda             -Grazie. (Emozionata, occupa il suo posto, sicché Muzi le si siede in grembo) Oh!

Muzi                   -Pardon...che sbadato!

Amanda             -(La cosa si ripete alla rovescia) La colpa è mia.

Ersilio                 -Attenta! (Un tempo) Ebbene, eccellenza, sono pronto per l’esame.

Muzi                   -(Eccitato, asciugandosi il sudore) No, caro Ersilio, che dite! Io sono qui in veste di amico, non di giudice. La mia è una visita informale, quella, per così dire, di un padre che vede un figlio per controllare...

Carluccio            -(Prontamente) Se fa ‘e capricce.

Ersilio                 -(Sottovoce) Cretino!

Muzi                   -Il suo stato d’integrità. Nel vostro caso, ovviamente, si tratta  di stabilire se seguite la virtus.

Carluccio            -Lui va per la “Pro Calcio”.

Muzi                   -Che cosa?

Carluccio            -La squadra del paese.

Muzi                   -Ma io alludevo alla virtù morale. Perciò, caro Ersilio, vi domando: come va?

Ersilio                 -Bene, grazie.

Muzi                   -(Ride) Ah, ah... (E  tutti fanno altrettanto)

Ersilio                 -Ueh! Scusate.

Muzi                   -Sù, rilassatevi, state pure tranquillo. Non avete nulla da temere. Basta uno sguardo per capire che questa è la dimora di un brav’uomo.

Ersilio                 -(Salendo sullo scanno, mentre Alberto, con gli occhi ormai semichiusi dal sonno, gli sta alle spalle e suggerisce) Eccellenza, ringrazio per le belle parole... Mai avrei sperato di vedere un giorno mano mozza... cioé, Mario Muzi, in casa mia. In questi ultimi anni, ho capito che per conseguire la virtù, bisogna rompere il giro dell’indolenza, bisogna rompere con le cattive abitudini...bisogna rompere con l’avarizia. (In grosse difficoltà, perché Alberto, ormai, vinto dal sonno, russa sulla sua spalla) Bisogna  rompere.

Carluccio            -Bravo!

Amanda             -Bene!

Muzi                   -(C.s) Complimenti.

Rosa                   -(Entra e va di filato a rimbrottare Carluccio) He’ fatto venì pure a chella ciandella! 

Carluccio            -Io? Ma quanno maie!

Rosa                   -Disgraziato! (Con un sorriso di circostanza) Ossequi, eccellenza.

Muzi                   -Figliola carissima.

Rosa                   -Gradite un dolce?

Muzi                   -Che pensiero gentile! Ne assaggerò un pezzetto più tardi. Vedo che il nostro amico ha preso sonno.

Ersilio                 -(Accompagnandolo al divano) No, eccellenza, è che...

Carluccio            -Lavora di notte.

Muzi                   -E che fa?

Carluccio            -Traffica, va girando

Muzi                   -Ah!

Ersilio                 -Ma quando mai!

Rachele              -(Ha indossato un abito diverso, ma larghissimo, per cui appare ancora più grottesca. Portandosi alle spalle del prelato)  Uno.

Muzi                   -(Sobbalzando) Chi é?

Rachele              -Salutammo.

Ersilio                 -La mia sorellina.

Muzi                   -Tutta famiglia al gran completo!

Rachele              -Che ce fa ccà ‘o zi prevete?

Ersilio                 -Sua eccellenza il vescovo, vorrai dire!

Muzi                   -Non importa.

Ersilio                 -Si è scomodato per conoscermi un po’.

Rachele              -Ve dico tutte cose io.

Ersilo                  -Rache’!

Rachele              -Fratemo è ‘nu brav’omme, ma è tirato.

Muzi                   -Ah?

Rachele              -Assai. Se tene tutte cose ‘nzerrate, ‘nchiuse a chiave. Aiere ssera, le cercai ‘nu sorde, nun me vulette da’. Niente, nun ce fui verzo. “Vai, Rachela, non ti do’ niento, vatte ’a cuccà.”

Muzi                   -Possibile?

Rachele              -(Quasi piangendo) E restai diuna.

Ersilio                 -Ma no...

Rachele              -Me teneno a stecchetto: isso e maritemo. Se so’ mise d’accordo (Mostrando il  pane) M’hanno miso a trentanove e cinquanta.

Muzi                   -Cioé?

Rachele              -A pane e acqua.

Muzi                   -Come è possibile?

Ersilio                 -Ma no, vi assicuro eccellenza... Mia sorella è una giocherellona.

Rachele              -Chesto è ‘o vero. Però, oggi è sabbato e chille dduie assassine nun m’hanno fatto jucà.

Ersilio                 -Gioca al lotto, ma una volta ogni tanto. Mi è testimone lei. (Sgomitandola) E’ vero, signorina?

Amanda             -(Disorientata) Non saprei.

Rachele              -Ma chi è?

Ersilio                 -Una... una gradita ospite. (Cerca inutilmente di svegliare Alberto)  Alberto, Albé!

Rachele              -Ma io nunn’a saccio a chella! Guarda comme sta cumbinata!Indecente e sfacciata! Pure vuie, zi’ pre’, guardate ‘a scullatura, guardate.

Muzi                   -(Nettandosi la fronte) Ho visto, ho visto.

Rosa                   -(Squilla il campanello alla porta e va ad aprire. Dall’interno) Antimo!

Antimo               -(Con voce  concitata) Mannaggia a mme e a quanno me mettette cu’ vvuie!

Rosa                   -Cu’ mme! Ma che è stato?

Ersilio                 -Rosa, ma chi è?

Antimo               -(Comparendo) M’avite date ‘a robba malamente.

Ersilio                 -Io?! Semmai, Carluccio.

Carluccio            -Fu isso, Centomani.

Ersilio                 -Insomma, che è successo?!

Antimo               -Sta tutto o paese dint’’o lietto.

Ersilio                 -Overo?

Antimo               -Hanno ditto che se m’acchiappano, m’hanna levà ‘a pella!

Ersilio                 -E perché?

Antimo               -‘E cucozze erano tutte quante fracete, steveno chine ‘e vierme. (Un tempo) Voi qua, eccellenza! Perdonate, non vi avevo visto.

Muzi                   -Continuate, questa faccenda m’interessa.

Antimo               -Vedete, monsignore, io àggio fatto ‘n’ affare ‘e cucozze cu’ ‘sti belli mobili e loro m’hanno ‘mbrusato, vendendomi merce avariata. M’hanno fatto chesto a mme, che so’ stato all’estero!

Carluccio            -All’estero! Guarda che so’ ‘nfurmato, tu si’ stato ‘n’galera.

Antimo               -Ma pe’ sbaglio. V’’o ggiuro, eccellenza, m’avita credere.

Muzi                   -E vabbene, sono cose che possono succedere

Amanda             -Però...come è comprensivo!

Ersilio                 -Comunque, vi assicuro, monsignore, che truffa nei suoi confronti non c’è stata. Fu un errore, un tragico errore, perché io ero distratto, frastornato, dal fatto della nomina.

Muzi                   -Spiegatevi meglio.

Ersilio                 -Certo, eccellenza: io avevo destinato quelle cocozze al macero e Carluccio, che di campagna non capisce niente, le vendette ad Antimo.

Muzi                   -Se le cose stanno così, è stato solo un increscioso incidente.

Amanda             -Come siete comprensivo, eccellenza.

Carluccio            -He’ sentuto, è stato un incidente.

Antimo               -(Triste) Che me custarrà caro, pecché ‘e paisane me vonno struppìà.

Ernesto               -(Da destra) Buona sera a tutti.

Muzi                   -Buonasera.

Ernesto               -(Baciandogli la mano) Monsignore... Amanda, tu qui!

Rachele              -Comme: “Tu, qui”?! Ma chi è chella ?

Carluccio            -Amanda Belli.

Rachele              -(Infuriata) L’amante bella! Ccà te vulevo, grandissimo fetente! Dint’’a casa m’’a puorte! Ma mo’ he’ fernuto ‘e campa’. V’àggia  scippà ‘e capille a uno a uno.

Ernesto               -Aiuto!

Ersilio                 -Rachele, per carità!

Rachele              -Nun ‘t’annasconnere, t’àggio straccià ‘e budelle! Mo’ accummincio primma cu’ te!

Amanda             -(Riparandosi in grembo a Muzi) Mamma mia!

Muzi                   -(Turbato, alza gli occhi al cielo) Dammi la forza.

Rachele              -(Al marito) A te t’aggarbo doppo.

Ernesto               -(Deciso) Ueh, basta, Rache’, nun te permetto!

Rachele              -Sittantuno!

Muzi                   -Cioé?

Ernesto               -(Nascondendosi) Lassammo sta’.

Rachele              -Vai, Rachele, all’assalto! (Segue una baraonda infernale, sedata a stento da Antimo, Muzi, Rosa ed Ersilio)

Muzi                   -Calma, figlioli, calma!

Ersilio                 -(Cercando di smuovere Alberto, che continua a ronfare) Sono mortificato, eccellenza, non so che dire.

Ernesto               -Perdonate, eccellenza, ma mia moglie s’è ‘ncapunita che tengo l’amante.

Muzi                   -Me ne sono accorto.

Ernesto               -Ma è in errore. Vedete, venne a sapere che frequentavo una certa Amanda Belli e ha capito fischi per fiaschi. La signorina non è la mia amante. Lo giuro. E’ vero, la conosco, me la presentò mio cognato, perché mi serviva un’infermiera

Amanda             -Io quello faccio.

Rachele              -E a che te serve ‘a ‘nfermera?!

Amanda             -Chillo sta ‘nguaiato ‘e dulure!

Carluccio            -E poi, non preoccupatevi, la signorina Amanda è già legata, con uno...che va spesso al gabinetto. Ah, sì, un certo Vasco Pereni.

Rosa                   -Ueh, che stai dicenno! Come sarebbe! Vasco sta appriesso a me.

Amanda             -Non può essere.

Rosa                   -Che sfacciata!

Amanda             -Io lo conosco bene, è mio paziente: Vasco è sposato e tiene pure i figli.

Rosa                   -Voi che dite!

Amanda             -Riflettete: lui lavora qui, ma appena può, scappa sù, al nord.

Rosa                   -E’ vero...Guarda che mascalzone!

Muzi                   -Sù, non ve la prendete, sono cose che capitano.

Amanda             -L’ho detto: monsignore è troppo comprensivo.

Muzi                   -Perdonum solum fortibus venit.

Rachele              -(Dedita a compilare le solite  bollette) Ch’ha ditto: mo’ vene ‘o filobus?

Susy                   -(Sbucando dalla porta) Buona sera a tutti!

Muzi                   -Buonasera, cara.

Susy                   -(Avvicinandosi a Rachele, fra i denti) Che he’ fatto, te miso ‘a vesta mia!

Rachele              -Che vuo’?

Susy                   -(Alterandosi) Posa ccà.

Rachele              -Chesta, mo’, è ‘a mia e m’’a porto ‘a casa. (Ne nasce un tira e molla e la veste si strappa)

Susy                   -Guardate, l’ha stracciata!

Rachele              -Fetente!

Susy                   -A me?! ‘Sta pazza! (Si accapiglia)

Ersilio                 -(Sedata la rissa) Susy...Susy! Allora, che ci dici di bello, novità?

Susy                   -Già...Papà, una soppresa per la tua nomina a dietologo. Sono sicura che dopo questo, tu mi regali un regalo. Signore e signori, ecco a voi il più grande, il più fico, il più migliore: Antonio Carretta, in arte, Tony Crudele!

Tony                   -(Sbuca dalla porta, fra lo stupore dei presenti, esibendo un orrendo abito da pellerosse e dei capelli colorati) E voilà!

Susy                   -Comincia, sù!

Tony                   -Un momento. Dedico questo pezzo a tutta la fascia d’ascolto e in particolare lo metto a nome di don Ersilio, che sta ‘mpurpato ‘e sor... insomma, che è quello che è.

Susy                   -Vai!

Tony                   -(Cominciando a percuotere un tamburo, a ritmo di tam-tam)

Io porto ‘o latte, ma nun ce a faccio cchiù 

e  tutte ‘e ssere prego a Manitù.

Manitù, Manitù,

famme ‘a grazia, aiuteme tu

Nun tengo sorde, nun pozzo campà cchiù

frato mio bello, piensece tu.

Manitù, Manitù...        

(Ripeterà ad libitum, finché Rachele, nel tentativo di gettargli una torta in faccia, colpisce in pieno viso il vescovo)

Rachele              -(Lanciando la torta) Ma va’ a fa’ ‘e ppezze!

Muzi                   -Porc...

Tony                   -(Soddisfatto) Me so’ scansato!

Susy                   -Zia Rachy!

Rachele              -Jette ‘o sanghe pure tu!

Ersilio                 -(Con le mani nei capelli) Monsignore...

Amanda             -Quello, monsignore, è comprensivo.

Muzi                   -(Livido di rabbia) Ma jate tutte quante a ffa’...! (Via di corsa)

Rosa                   -Monsignore, aspettate.

Ersilio                 -Eccellenza!

Ernesto               -Se n’è gghiuto.

Tony                   -Don Ersì, dicite ‘a verità, ve so’ piaciuto?

Ersilio                 -Piaciuto?! Tu m’he’ arruvinato! Vuie, tutte quante, m’avite ‘ndussecato ‘o juorno cchiù bello d’’a vita mia. No, a chisto punto, io ve sparo.

Rosa                   -Don Ersi’!

Ersilio                 -(Prendendo la pistola dalla credenza) Nun me ‘mporta, primma vaco ‘ngalera e po’ all’inferno. Voglio bruciare nelle fiamme ardenti, ma a vvuie ve levo ‘a tuorno. Pe’ primmo, sparo a chillo, ‘o Caino.

Susy                   -(Precisando) Crudele.

Amanda             -Ersilio, per carità!

Antimo               -Don Ersì, non vi disturbate, io tengo già a chi m’accide.

Carluccio            -Io nun voglio murì, so’ ancora giovane!

Ernesto               -Pur’io.

Rachele              -Macché, tu si’ viecchio.

Ersilio                 -Raccomandatevi l’anima a Dio.

Muzi                   -(Ritornando, trafelato e felice) Don Ersilio, don Ersilio... un miracolo!

Ersilio                 -Eccellenza!

Amanda             -E’ tornato!

Muzi                   -Il tetto della chiesa è crollato.

Rosa                   -Madonna!

Ernesto               -E ‘o chiammate miracolo!

Muzi                   -Sì, ma in quel momento, la chiesa era deserta.

Rosa                   -Com’ è possibile, c’era la messa patronale.

Muzi                   -Ma i paesani stanno tutti quanti a casa, malati, compreso don Nicola, il parroco.

Antimo               -Allora... ‘o merito è ‘o mio!

Carluccio            -E pure mio!

Muzi                   -Si, la gente vi è grata, avete evitato una strage. E un ‘altra cosa ancora voglio dirvi: qualcuno, stamattina, proprio da casa vostra, mi ha dato tre numeri al lotto: sei, quarantotto e due.

Rachele              -‘O marito se tene ‘a cumarella.

Muzi                   -Già. Io li ho giocati e sono usciti tutti e tre!

Carluccio            -(Esultando) Allora, ho vinto anch’io! Ho giocato gli stessi numeri.

Rachele              -(Disperata) E io niente, niente! Nunn l’àggio giucate!

Ernesto               -(Raggiante) Ma li ho giocati io!

Rachele              -Tu?!

Ernesto               -Si, mugliera mia bella, e adesso che tutto è chiaro e siamo ricchi, andremo nuovamente d’accordo.

Rachele              -(Abbracciandolo) E’ bravo ‘o scemo! ‘Na vòta tanto...

Ersilio                 -Sono contento per voi, perché per me, ormai... Pensare che ci tenevo tanto a quella carica.

Muzi                   -Ma, caro Ersilio, voi siete già diacono... anzi, arcidiacono.

Ersilio                 -Io?

Muzi                   -Vi nomino tale, da questo momento.

Ersilio                 -Eccellenza...

Muzi                   -Non posso farvi santo, perché non spetta a me e poi, per vostra fortuna, siete ancora vivo. Ma, vi assicuro, lo meritereste.

Ersilio                 -Monsignore, che dite?!

Muzi                   -Già, perché solo un santo sopporterebbe questi sciagurati.

Amanda             -Siamo tanto cattivi?

Muzi                   -Suvvia, non prendetevela. Voi, in fondo, siete buona.

Carluccio            -Tanto bona... buona.  Infatti, m’’a vurrìa spusà.

Amanda             -Ed io accetto.

Carluccio            -(Abbracciandola) Evviva! (Tutti applaudono)

Susy                   -Papà, allora, solo per me non c’è speranza?

Ersilio                 -Con l’indiano, tu dici?

Tony                   -Lo so, come cantante lascio a desiderare.

Rachele              -Come cantante, tu fai proprio schifo!

Tony                   -Vabbe’, ho capito, ma datemi a Susy.

Ersilio                 -Te la concedo e aggiungo un’altra cosa: da oggi, tu lavorerai per me.

Tony                   -Che bello!

Ersilio                 -Ma a una condizione.

Tony                   -Quale?

Ersilio                 -Che te lave, te vieste ‘a omme e vai a zappà ‘a terra.

Tony                   -Ancora?! Primma ‘e vacche e mo’ a terrà!

Ersilio                 -Va bene, per festeggiare questo fausto giorno, sarò generoso. Ti nomino mio amministratore.

Tony                   -Grazie. Vi assicuro che mi laverò più spesso.

Rosa                   -Ha fatto ‘o sforzo!

Susy                   -Grazie, papà, che gioia!

Muzi                   -Tutto è bene quel che finisce bene.

Rosa                   -Per gli altri.

Ersilio                 -Pecché, a te cosa manca?

Rosa                   -L’affetto di un compagno... una famiglia.

Ersilio                 -Da oggi ce l’avrai.

Rosa                   -Come sarebbe?

Ersilio                 -Se vuoi, ti sposo io.

Rosa                   -(Abbracciandolo) Ersilio!

Ersilio                 -Sempre che non contrasti col mio nuovo incarico.

Muzi                   -Ma allora voi volete diventare proprio santo! Voglio farvi una confidenza. Lo dico col dovuto rispetto, ma di santi ce ne sono anche troppi. Di questi tempi, il mondo ha bisogno di gente comune, sia pure con i propri difetti, ma aperta, generosa, che sappia rinnovare tutti i giorni il miracolo dell’amore. Ersì, sposatevi e fate tanti figli. (Via)

Rachele              -Se ce ‘a fa!

Alberto               -(Destandosi, fra vari sbadigli) Buongiorno.

Tutti                   -Buongiorno.

Alberto               -Scusate, ma devo aver avuto un po’ di sonnolenza.

Rosa                   -(Sottovoce) La colpa è mia: prima ho fatto un poco di confusione con le tazze.

Ersilio                 -Non importa.

Alberto               -Don Ersì, allora, è andato tutto bene? Vi ho consigliato ad arte?

Ersilio                 -Certo.

Alberto               -E vi faranno diacono?

Ersilio                 -Arcidiacono.

Alberto               -Addirittura! Complimenti! Dite la verità, senza di me non ce l’avreste fatta!

Ersilio                 -Già.

Alberto               -(Guardando l’orologio) E mo’, me  date ‘a terra, per favore? Mettiamo nero su bianco, ché ho premura.

Ersilio                 -(Estrae la pistola) A disposizione!

Alberto               -No, don Ersì, che fate! Siete impazzito?! E le vostre promesse?

Ersilio                 -Va’, cammina.

Alberto               -Voi, un galantuomo, un’anima pia...

Ersilio                 -(Comincia a sparare in aria) Jesce fòra, vattenne!

Alberto               -Aiuto (Scappa, tutti ridono e....

(Cala la tela)

                                                       

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno