Un’estate al mare

Stampa questo copione

(la scena ha inizio in una stanza con pochi mobili, finestre aperte

Belmonte Mezzagno 31/10/12

Una estate al mare

Commedia brillante in due atti di:

Giovanni Allotta

Personaggi

Petru                                                Capo famiglia

Enza                                                 moglie di Petru

Nino                                                 figlio

Rosetta                                            figlia

Peppa                                                        mamma di Enza

Zio Totò                                          

Lina                                                 sorella di Petru

Angela                                             figlia di Lina

Venditore ambulante di colore

Venditore ambulante di pannocchie

Ragazza americana

Bagnino

Prefazione

Pietro, costretto dallo zio Totò, porta la famiglia al mare, vivendo un susseguirsi di comicità tra venditori ambulanti, americana e suocera bislacca. Nel bel mezzo della giornata in spiaggia, il pianto di una bimba, attira l’attenzione di tutti e così, si viene a scoprire che…

(la scena compare: nella parete di destra, c’è l’entrata della casa, con porta. Nella parete di sinistra, una finestra aperta dei fiori e qualche quadro. Al centro, un tavolino con qualche sedia. A sinistra, una poltrona estiva. Una dondola. Vicino la porta di destra, vi è spaparanzata Enza, donna paffuta con vestaglia. Sbuffa, sfinita dal caldo. Si soffia col ventaglio. Sdraiato a terra, pancia all’insù, vi è il piccolo Nino, di 8 anni. Enza, Prende cellulare dalla tasca, digita numero e attende. Si sente, la voce registrata)

VOCE TELEFONO

(Voce femminile) Il cliente da lei chiamato, non è al momento, raggiungibile! Si prega di riprovare più tardi.

 

ENZA

Nun è raggiungibile? E menu mali, ca è a cavaddu i scarpi! così veloce va?

NINO

Mà, oh mà, ta pozzu diri ‘na cosa raggiungibile?

ENZA

Pi favori Nino, nun mi fari sconcentrare! Haiu a linea du ciriveddu, collegata, cu ventaglio. Si perdo il filo du vento, sudo tutta (Si ventola ovunque)

NINO

Sentu cavuru, mamà!

ENZA

Quannu mu dici, ti pari ca ni senti cchiù picca? Gioia mia consolisciti, puru io u sentu! (Si sventola) buttighia da miseria, ma quannu veni l’invernu!

NINO

Di comu sudo, mi sentu a fontana di trevi! Mi la pigghiari un po’ d’acqua?

ENZA

Chiossà si suda, se bevi. Io, nun haju bivutu, ma perdo acqua, da tutti i buchi

NINO

(lagnante) Mi sta acchianannu a pressioni in testa. Misu ‘n terra, nun agghiaccio pi nenti! Chi pozzu fari? Dai mamà…sentu cavuru!

ENZA

Chi camurria Ninuzzo! Mettiti u culiddo a bagnomaria e ti cala l’atmosfera. Anzi, sai chi fa? Veni cca (Nino si alza, va da Enza) Teni ‘stu ventaglio!

NINO

(Felice) Grazie mamma! (Si sventola, Enza glielo stacca dalle mani)

ENZA

(Sguaiata) ma quali grazie, scusi prego e tornerò. A mia, devi sventolare!

NINO

Ma u cavuru u sentu io!

ENZA

Ma u ventaglio è mio!

NINO

(Si offende e si ritira all’angolo della casa) Tu, nun si una mamma brava!

ENZA

Nun sugnu brava? Pi nove misi, ci fuvu brava ca ti purtavu nna panza cu aria condizionata e acqua fresca? A curpa fu tua, avisti a primura di nasciri, hai diviso le acque e vinisti a sentiri cavuru cca. (Con dolcezza) Gioia, se ti ventili tu di comu sei leggero, c’è rischio ca vai via col vento. Siccome nun ti vogghiu perdiri, preferisco ca mi ventolisci a mia! comincia. (Nino sbuffa, e col ventaglio soffia la madre. Enza è spaparanzata sulla sedia) che bellu ‘stu ventilatore. Aumenta u volume, tantu sugnu ‘na vacca e nun volu  (Da uno schiaffo dietro la nuca al piccolo Nino, il quale, aumenta. Grida alla figlia, ch’è fuori)Rosetta, cumincià biutifullo?

ROSETTA FUORI SCENA

(Giovane ragazza) ancora non è iniziato. Mi staju vidennu, cento vetrine, nun mi disturbari!

ENZA

(Al piccolo Nino già stanco, diminuisce la forza) aumenta u volume Nino!

fammi vulari, nel blu dipinto di blu! (Nino riprende con forza. Enza, urla alla figlia)Rosetta ti raccomando, appena finisce cento latrine, metti su biutifulle!

ROSETTA F. S.

(sgarbata) U sacciu! I cosi, mille voti i ripeti? Pari u grillu parlante. Zittuti!

 

ENZA

Ueh sgallinatella. Abbassa a vuci, se no, si vegniu docu, ti fazzu divintari brodo vegetale! …u vidi comu è vastasa to soru? Menu mali, ca ci si tu bravu! Però, aumenta u volume, Nino!

NINO

(Segni di cedimento) Sugnu stanco Mamà! Mi pozzu firmari, cinque minuti?

ENZA

Se ti fermi, è peccato! E poi, u parrinu è in ferie, e nun ti po’ cunfessari.

NINO

Mi vogghiu fari u bagno. Ci nnè acqua?

ENZA

Nenti! Stamattina i rubinetti, siccaru! Si nun muriu pi strata, to patri sta vinennu cu l’acqua du puzzu(Si fa sventolare da Nino) ventilami tutta, ca lu  chiamo di nuovo. Videmu si sta vinennu ( Effettua chiamata dal cell)

VOCE TELEFONO

(Voce femminile. Enza è stufa di sentire la solita voce) Il cliente da lei chiamato, non è al momento, raggiungibile! Si prega, di riprovare più tardi.

ENZA

Ma dunni crasto si trova, ca non è raggiungibile, nna luna? Boh!

PEPPA

(Donna anziana. Vestita in modo pesante con maglione a strisce e gonna nera e scialle sulle spalle. Porta piccoli occhiali, appoggiati sul naso. Capelli raccolti dietro. Essendo priva di denti, parlerà male e masticherà sempre. Cammina con gambe divaricate, sorretta da un bastone. Un po’ sorda. Legato ad un laccio intorno la vita, un pappagallo per urinare gli uomini) beddamatri chi ventu forti! (Gli da uno schiaffo a Nino) astuta ‘stu ventilatore, se no, mi veni a bronchite al plasma! (Nino si ferma)

ENZA

Nino, picchì astutasti u ventilatore?

NINO

(Lagnando) ‘sta befana, mi detti uno scoppolone e si staccò a corrente!

ENZA

(Stufata) mamà, ti fai affari tue. staiu cripannu du cavuru, arrivi tu e astuti u picciriddu! E poi, nun ni senti cavuru cu ‘stu magghiuni, pari cenerentola cu pannolone. Levatillu! (Gli da uno schiaffo, Nino riparte) e nun ti permettiri di staccariti, senza a mia messa in moto! (Nota il pappagallo alla cinta di Peppa) Mamma, ma picchì camini cu ‘stu cosa o ciancu?

PEPPA

Figghia mia, chistu è u ricordo di la bonarma di to patri. (Lo stacca e lo odora con piacere) ogni vota chi l’odoro, penso a quannu to patri, si lu mittiva nna…(Enza le tappa la bocca e glielo leva dalle mani)

ENZA

Quannu grapi a vucca, fai sempri dannu! Te fari caminari, ca museruola casa casa, almenu, è sicuru ca nun fai danno. I ricordi tenitilli pi tia, nun mi li fari vidiri! ( Enza, lo riaggancia alla cinta, ma di davanti. Peppa lo nota e inizia a dare, colpi di bacino, facendolo sbattere su se stessa)

PEPPA

(ansima di piacere) Ch’emozione! Enza, talìa ‘stu movimento sexi. (Enza si scandalizza) Mi fa ricordari, quannu to patri, mi dava lezioni di musica, cu strumento

ENZA

(Furiosa glielo stacca e lo tira fuori scena) U pinseri, sempri a sunari ci l’hai!... vidi, ca ti acchiana u zucchero in testa e poi ti veni, u polistirolo ‘nto sangu. assettati! (Nota che la madre, cammina con gambe divaricate) chi hai ca camini cosi? Pari un cammello, chi cosci squarati

PEPPA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Di lu troppu suduri, haju u fiorellino incuddato! (Si siede) chi sugnu stanca! Pari chi mi avissi fattu, a maradona! Enza, ci nnè acqua ossigenata?

ENZA

No mamà.  Ca fari cu l’acqua ossigenata? Ti tagghiasti?

PEPPA

Me fari u bidello. C’è fari pigghiari un poco di ossigeno o fiorello.

NINO

Vero? Ma cu, chiddu da me scola, u bidello?

ENZA

(gli da uno schiaffo) zittuti tu, e ventilatorami! Mamà, ti pari giustu ca dici ‘sti cosi, davanti u picciriddu? Si ci blocca a crescita,  crisci ritardato

PEPPA

Comu? U bidello è rinviato? No no, ora mi le fari, se no, moru!

ENZA

Chi ci scoppiassiru aricchi a quannu nun mi senti! Mamà, evita di parrari, nun vulissi ca u picciriddu capisci favi pi ciciri, e crisci maleducato.

PEPPA

Enza, pigghia l’acqua gassata, almeno mi fazzu u bidello, chi bollicine!!

ENZA

(urla alla figlia) Rosetta, cuminciò? (Rosetta le grida di no. parla a Peppa vicino le orecchie) mamà,  sta vinennu me maritu cu l’acqua, e tu fai. E poi, si dici bidè, no bidello!  Nun tu vogghiu ripetiri cchiù.

PEPPA

U stissu è, basta ca mi lavu cu l’acqua, se no, u fiore dalle mille e una notte, si appassisce. (Enza, si alza e guarda dalla porta, verso dentro casa. Quasi a sparire, per la curiosità di guardare la tivù. Nino si ventola)

NINO

Nonna, dunni lu teni il fiore dalle mille e una notte?

PEPPA

Una vota, con un fiore ni pigghiava mille in una notte! Facennu mama o non mama, mama o non mama, si è spampinato tutto. Prima era comu u suli, quannu affacciava, affacciava pi tutti. Ora è comu a luna, nuddu lu voli e nuddu ma duna.

NINO

Sugnu curioso. Dai, mi lu fai vidiri?

PEPPA

Però, nun lu tuccari. Dice la mamma rocca, si guarda ma non si tocca. Veni cca ventolami. Appena lu pigghiu, c’è un po’ di muffa. (Fatica a muoversi da seduta, prova ad alzare la gonna) veni cca gioia mia, pigghialu tu…

ENZA

(esce, la blocca in tempo) Fermati! Ma dico io, a ‘stu picciriddu, mi lu vo fari crisciri, pi forza superscimunitato? Ma u ciriveddu dunni u lassasti?

PEPPA

Nno comodino, ca dintera! E poi, picchì t’incazzi? picchì è spinnacchiatu? Nun ti scantari, ogni fiore è segno di amore!

ENZA

Ma chi fiore e amore! Ninuzzo, è nico. Si lu vidi ora, crisci minchione! (Fa faccia buffa, come a voler imitare un futuro figlio scemo)

PEPPA

U ginecologicu, mi dissi di farimi u bidello tre volte al giorno, prima dei pasti

ENZA

(Irata) chi ci siccassi a lingua. Si dice bidè! Parra pulita davanti o picciriddu

PEPPA

(scatto d’ira) comu fazzu a parrari pulita, si nun mi fazzu u bidello? boh!

ROSETTA

(Ragazza semplice e carina. Entra svogliata ) mamma, a televisione è tutta tua. Te la regalo. Ciao nonna. Ah dimenticavo …cominciò, biutiful.

ENZA

(Esaltata) Disgraziata! Comincià biutifulle, e mi lu dici, così tranquilla?

ROSETTA

A prossima vota, trasu ca banda musicale!

ENZA

Rosetta, stai attenta pa nonna. Mamà, stai tranquilla. Io vado, guardo e torno!

NINO

(Si ventola) finalmente, mi pozzu ventoliare!

ROSETTA

(Si avvicina a Peppa immobile) ciao nonna. Come stai? …Nino, picchì nun parra?

NINO

Nun lu sai ca nonna è surda!

ROSETTA

(le urla nelle orecchie. Le si avvicina quatta quatta e le urla) Nonna!

PEPPA

Aoh, chi schifia ietti vuci! Mi vo fari divintari surda? Buttanazza di to soru ca mancu nasciu!

ROSETTA

Si nun mi senti, certo ca ti urlo. Come stai?  

PEPPA

Gioia mia, dipenni comu tira u ventu, i paroli ‘nta aricchia, nun mi trasinu tutti! Io starebbe bene, ma nun vju l’ura di farmi u bidello.

ROSETTA

Nonna, si dice bidè. perché non ti entra bene in testa, questa parola. Bidè!

PEPPA

Appunto! Io mi vogghiu fari u bidello, così mi trasi l’acqua, e mi rinfresco la zona, genitoriale! (Indica la zona intima)

ROSETTA

Nonna, stai zitta ch’è meglio! (Si siede è accaldata) mi siedo va…mamma mia che caldo! Nun si nni po’ cchiù! le mie amiche, hanno tutti l’aria condizionata. A me casa, è una vergogna ca nun tinemu u condizionatore.

PEPPA

(Annusa l’aria) minchiuni, si senti a puzza? È ura di canciallu u pannolone?  

ROSETTA

Chi cosa nonna? Io, parlavo di condizionatore, no di pannolone!

PEPPA

Scusami gioia. Cu ‘stu fatto da sordologia, sentu li cose a modo mia! …haiu u pannolone sette piani di morbidezza. Mi pariva, ca si havia allagato u settimo piano e, mi spaventavo! …senti Rosetta, mi vinni fame, mi dai cocchi cosa di manciari?

ROSETTA

Vuoi a merendina? Che gusto, cioccolato o fragola?

PEPPA

Ma chi merendina! Sai ca sugnu diabetologica e haju bisogno di liccari. Va pigghiami un gelato nno frigo!

NINO

Io puru, io puru vogghiu u gelato!

ROSETTA

Mu pigghiu puru io e liccamu tutti! (Nino è felice) Nino chi gustu u vo?

NINO

Cioccolato!

ROSETTA

Nonna, tu chi gusto? (Peppa non sente) 

NINO

(Le urla nelle orecchie, Peppa si spaventa) chi gusto u vo u gelato?

PEPPA

(si stura le orecchie e minaccia Nino col bastone) si cchiù curnutu di to patri! I farfalle nna panza mi facisti veniri! Rosetta, va chiama lottorino laringo latra, mi si tapparu tutti le aricchie!

ROSETTA

(Stufa del comportamento della nonna) si, ora vado. Come lo vuoi il gelato?

PEPPA

Portamillu gusto…pisellone ca panna! (Rosetta esce. Si arrabbia col nipote. Continua a sturarsi le orecchie con le dita) Nino, u vidi si diventu surda pi curpa tua, te dari tanti colpi di bastoni, ca te fari divintari u principe azzurro! 

NINO

(Ride) nonna, si cchiù scimunita da caminata a peri!

ENZA F. S.

(Sgrida Nino, adirata) Nino, si nesciu ti dugniu lignati! Inveci di dirici paroli a me matri, va diccilli a da cretina di to matri!

NINO

(Si stramazza dalle risate) nonna, to figghia è cchiù cretina di tia!

PEPPA

(Crede che Nino ridesse per lei, che continua a sturarsi le orecchie con le dita)  Inveci di ridiri, aiutami a stapparimi le orecchiette! (Dalla rabbia, inizia a tremarle la mano destra) u vidi? M’incazzavu e mi vinni u ticket nna manu!

NINO

Ci penso io nonna! (Esce e rientra con due stura lavandini) teni nonna, stappati u ciriveddu! (Ride)

PEPPA

Grazie gioia mia! (ne prende uno per braccio e li mette nelle orecchie e inizia a stapparsi le orecchie, tremandole sempre la mano) buttanazza da miseria, nun si stappanu cu ‘sta trapanarella!

NINO

(esce e rientra con un archetto. Nel quale, aggancia i due stura lavandini e crea una buffa cuffia. Si diverte a prendere in giro la nonna) teni nonna, mettiti ‘sta cuffia e vidi ca ti stappi tutta! (Nino crepa dalle risate)

ROSETTA

(Entra coi gelati. Vede la nonna e ride) Nonna, chi ti vinniru gli orecchioni? Nino, ma chi ci facisti?

NINO

(Ride) idda dici ca  nun ci senti, ed io, ci fici a cuffia pi sentiri a musica!

ROSETTA

(Ride) si ‘na cosa incredibile, Nino!…(Guarda la nonna e ride) nun si po’ guardari. Pari a befana di cappuccetto rosso!

PEPPA

(si toglie la buffa cuffia) io befana? E tu, somigli a da cosci lordi di Biancaneve ca si vinniu i nani! (Rimette la cuffia)

ROSETTA

(Sorpresa) menu mali ca, nun ci sentiva! (Nino, prende il gelato e lo mangia)  

PEPPA

Un poco si stappà u timpano. Dammillu tu a manciari u gelato, Rosetta. Se no, cu ‘stu morbo du pakistan, fazzu a frittata, cu gelato.

ROSETTA

(riesce a farle dare le prime leccate, le squilla il telefono ed ha premura) Nonna tieni, devo andare e il mio moroso. (Le da il cono e scappa)

PEPPA

Aspetta Rosetta! Parra cca, cu to zito! quannu licco, sugnu surda. Veni! …Nino, veni cca gioia mia, aiutami a liccari

NINO

No! Prima mi finisciu chiddu miu, poi ti aiutu!

PEPPA

(Gli sputa a distanza) Puh, curnutu! Si nico nico, ma hai i corna cchiù longhi della torre wafèr! Nun vi preoccupati, mi licco sula. Quannu aviti bisognu di mia, putiti moriri. (Avendo il tremore, le viene male a leccare e si imbratta di panna tra bocca e naso) aiuto…aiutatimi…(Le manca il respiro come se stesse annegando. Le trema ancor di più la mano) Enza veni subito, staiu murennu impannata.

ENZA

(Entra di corsa) chi successi mamà? (vede la madre conciata in quel modo) ma chi fai? Stai facennu a maschera di bellezza? (Nino ride)

PEPPA

Aiutami Enza! Nun vogghiu moriri lorda, vogghiu moriri cu bidello. (Enza procura un panno e le pulisce il viso. Peppa, fa respiri di sollievo)

ENZA

Apposto? Ti ripigghiasti? Tu, inveci di aiutari a nonna, fai finta di nenti?

NINO

Se, a nonna è cretina ca mancu è capaci a manciari sula, chi ci pozzu fari io!

ENZA

(Lo insegue per le botte) a me matri dici cretina? (Nino esce per la porta di destra) si ti acchiappo… ti spremu comu racina! Vatinni da dintra, disgraziato! Appena veni du crasto di to patri, ti accusu io! Anzi, ma chi fini fici? Aspetta co chiamo (Prende cell e chiama)

VOCE TELEFONO

(Voce femminile) Il cliente da lei chiamato, non è al momento, raggiungibile! Si prega, di NON riprovare più tardi. (Adirata) signora, ma è surda? Havi ‘na matinata ca ci dicu ca so maritu nun è raggiungibile! A voli finiri di chiamarimi? A mumentu veni me maritu di travagghiari, c’è fari a pasta! Nun mi facissi perdiri tempu!

ENZA

Comu, nun c’è fari perdere tempo? Lei, chi ci sta a fari o telefono, si nun po’ raggiungere a me maritu!

VOCE TELEFONO

Signora, u voli un consiglio pi aviri un marito raggiungibile? Si lu metti menzu li cosci, e nun lu fa nesciri cchiù. Arrivederci!

ENZA

(posa cell.) viditi com’è antipatica, ‘sta cana arraggiata! Appena veni ddu crasto, ci lu dugniu io, un corpo di telefono! (Si asciuga i sudori) staju cripannu du cavuru, ma quannu nivica, mai?. Mamà, senti a mia, finisciti di manciari u gelatu, io ora vegniu! (Sta per uscire)

PEPPA

(Le urla come una forsennata) Veni cca! Aiutami tu a manciari, se no, rischio ca mi affucu.

ENZA

(Premurosa) Mica si picciridda ca affoghi! A pubblicità sta finennu, e c’è biutifulle ca mi aspetta nna televisione.

PEPPA

Pensi a biutifullo, inveci di pinsari a to mamà? Dammi u gelato, veni! 

ENZA

(Le da il gelato) mamà, nun insistiri! Ora c’è a parte di la signorina likki, ca  si accoppia cu so zio ciokky. Nun mi la pozzu perdere ‘sta scena! Mancia tranquilla, ti guardo da lontano.

PEPPA

Ti dissi no! Si moru mentri licco, u tempu ca veni, divento surgelata

ENZA

Megghiu, così ti licchi sula! (Premurosa) mamà, infilatillu tuttu ‘nta vucca e finemula, ca e trasiri.

PEPPA

Aoh! Ti pari ca me vucca è furnu, ca arriva e infili! Piano piano.

ENZA

Ma quali piano! Senti, nun pozzu stari cchiù. Io trasu! (esce spedita)

PEPPA

Ti nni vai? Va bene, vatinni  …A me pensioni, ci la dugniu a to soru Maria!

ENZA

(Torna indietro spedita) mih comu fa! Mancu si po’ schirzari cu tia! Ti lu dugniu io u gelatu. Grapi ‘sta fognatura, dai! (Le da a mangiare il gelato come lo si fa coi bimbi) in fondo in fondo, nun m’interessa biutifulle! (mentre le da il gelato, esce dalla tasca il telecomando e, a distanza alza il volume della tv. Si sente la sigla di Beautiful)

PEPPA

Enza, ma è a canzona di butifullo? Ti lu stai vidennu?

ENZA

No, mamà! Chista è a canzona di San Remo. E poi, si sugnu cca, comu mi lu vidu? Mi spiaci pi l’attori ca si guardanu suli nna televisione, ma a mia, interessi tu! (Con rabbia le infila il gelato in bocca, le viene la tosse) Scusa mamà, mi scappò l’articolazioni. (Cerca di intravedere da lontano la tivù, non facendosi vedere da Peppa. Si sente una scena, di attori che si accingono al bacio. Enza orecchia, si distrae e sbaglia la bocca e sporca Peppa sul viso)

PEPPA

(Si lamenta) Mancu u bucu vidi?

ENZA

Scusa, sugnu asticchimatica di manu, ognittanto nun ci viu. (Riprende a darle il gelato, continua a seguire il dialogo degli attori, da fuori scena Rosetta, fa casino col phon. Enza è nervosa) Rosetta nun fare a stronzetta. astuta u fono!

ROSETTA FUORI SCENA

(si abbassa il volume del phon, rimanendo da sottofondo) mamma, devo asciugarmi i capelli, non posso spegnerlo!

ENZA

(Sforzandosi ad ascoltare e vedere, continua a sporcare la madre, senza guardarla) Si nun lu astuti subitu, ti asciugu u ciriveddu! (urla) Spegniscilo! (Rosetta spegne il phon. Si sente lo scricchiolio di una porta, poi la si sente sbattere. Enza è nervosa) chi vi siccassi a punta cervicale di corna a quannu fati rumore!

NINO F. S.

Mamma, sto andando in bagno. (Si sente il rumore di quando si fa pipì)

ENZA

Porca miseria, giusto ora a pisciare? Nino, o pisci cu silenziatore o, pisci di lato, importante ca nun fai rumore! ( si sente tirare lo sciacquone. non c’è più casino, si sente solo la scena degli attori, Enza è così presa che inizia a spalmare il gelato sul viso, capelli a Peppa che cerca di parlare, ma le infila il gelato in bocca, che resta attonita. Ad un tratto, non si sente più la voce degli attori) chi successi? (evidenzia il telecomando, come a voler risolvere a distanza) si staccò a luci?

NINO

(Entra con un filo della luce in mano) Mamma, mi lu pozzu pigghiari ‘stu filu da televisione, pi attaccarlo nel mio computer?

ENZA

(Adirata) Curnutu e fitusu! Nno cchìù bello, staccasti? T’ammazzu! (lo rincorre fino dentro casa, si sentono urla  e baccano. Peppa rimane sola in scena, si alza come una zombie, rimanendo col cono in bocca e sporca di panna sul viso, cerca di uscire. Entra da fuori Pietro, il marito di Enza, con due bidoni d’acqua in entrambi le mani e, una collana di bidoni al collo)

PETRU

(uomo cicciotello, possibilmente col pancione. Esausto e ricurvo per la pesantezza dei bidoni)Aiuto, te-le-fo-no casa! Nun cià fazzu cchiù. Mi sta vinennu a l’ernia a disco, masterizzata ca prostata. Aiutatimi! nuddu curnutu mi senti? (si libera di tutto e chiama la suocera che non sente. Le bussa da dietro, appena si gira, Pietro dallo spavento urla e cade a terra, tremando tutto. Le viene la voce asfissiante, non riesce a chiamare Enza)

ENZA

(entra che si lamenta, nervosamente) appena veni da cosa nutuli di so patri, c’è fari dari u resto di lignati! (nota il marito tremante a terra) cca si? come? Vo fari u cannavazzo? Susiti, pi oggi u fici a terra! (Si gira verso la madre) mamà, chi successi? (Peppa si gira come una zombie minacciosa, all’impatto si spaventa) aiuto! …  Chi ti scoppiassi a cammara d’aria di corna!

PEPPA

(Si toglie il cono dalla bocca) l’acqua c’è! u bidello, u bidello me fari!

ENZA

U bidello? Pi ripigghiariti, ta fari una lavanda gastronomica nno ciriveddu! (Pietro si alza col fiatone) talìa a me maritu. u facisti trasiri in coma!

PETRU

No, trasivu chi bidona chini di acqua!

ENZA

Si po’ sapiri picchì tuttu ‘stu tempu? Tutta la matinata a chiamariti, sempre irrangiungibile! Pi curpa tua, fici incazzari a signorina dell’uccellulare.  dunni a isti a pigghiari l’acqua, nna luna?

PETRU

U sentisti ca truvaru l’acqua su Marte? Io, partivu chi bidoncini! …

ENZA

Disgraziato ca si! Parti, ti fai i viaggi e a mia, mi lassi sempri a casa!

PETRU

Ma quali partiri! Marte è un altro pianeta! Un’ altro mondo.

ENZA

Picchistu a signorina nun ti putiva truvari?  Eri nno terzo mondo! Importante è, ca fazzu a schiava a tia, e to figghi, (Scuote la madre, che le chiede sempre di fare il bidello) a ‘sta minchiuna di me matri, a biutifulle e tu, viaggi? Mai mi fai fare un viaggio! Mai  mi porti in ferie! mai chi mi porti a mare, mai!

PETRU

Finisti di sfogariti? Prima di tutto, la mia era ‘na battuta ca partivo. Poi, chi bisogno hai di andare in ferie pi andare al mare, si già tu di natura, hai u ciriveddu allagatu? Chi bisogno hai di viaggiare, si quannu nascisti, ti scordasti a dignità, in un’area di servizio?

ENZA

A pensi così? (tra i due si accende ira) Havia ragioni me matri quannu mi diceva, <<nun tu pigghiari, nun tu pigghiari, a ‘stu passolone>> vero mamà ca mi lu dicevi?

PEPPA

(Non avendo capito) se veru è ca me fari u bidello,  u bidello me fari!

ENZA

(da un bidone a Peppa e la spinge ad uscire) teni cca! accumincia a nesciri, ca ora vegniu! Nun ti fari u bidello sula, se no, ti allaghi tutta! (Peppa esce sbattendo dappertutto e si lamenta)

PETRU

(adirato) Io passolone? Tu, ca u jornu du matrimonio, cu du vestito bianco, parivi ‘na sarda salata nisciuta da discarica

ENZA

A curpa fu tutta du parrinu ca mi diceva <<dicci si, dicci si>> e io, pi lassallu cuntentu, dissi si senza taliariti bonu ‘nta facci, quantu fai schifo! (Indica spregevolmente verso Pietro) Ma chi ci vitti ‘a sta bestia, curta e grossa!

PETRU

Io schifo? Taliati tu, hai un culo cinquanta pollici!

ENZA

(Evidenzia pancione) E tu, hai a tartaruga chi lardominali scolpiti!

PETRU

Statti muta gargamella, ca nun hai nenti di fimmina. Sei 1, 50 m. di altezza, pi 1,50 m, di larghezza, chi minni posteggiati supra a panza!

ENZA

Tu, si così brutto, ca nun si figghiu di madre natura. si ‘na scorreggia di padre fognatura!

PETRU

vent’anni fa, quannu ero un sechisi simbolo, ti scricchiavi l’occhi, a guardarimi! Ogni vota ca ti fischiavu, ti faciva attisiri u pilu! Puru i baffi, ti attisivanu, ti ricordi?

ENZA

Ma tu lu sai ca sei famoso? Si, a scoperta del nuovo profumo di dolce e banana…Chanel de la fogne! (Ride prendendolo in giro)

PETRU

Anche tu, sei famosa. Rocco Finocchio si è ispirato a tia col suo nuovo profumo… La fraganz de la merd! (Ride prendendola in giro)

ENZA

Aceddu ‘nta la gaggia o canta pi stizza o canta pi raggia! E tu, sei troppo arraggiato! Quindi, mancu ti considero! …taliati, si cchiù bruttu da morte!

PETRU

Tu, pari a soru di maga circia! Io, sugnu a biddizza del vero masculazzo siculo, col fisico bestiale! (Enza lo deride, ridendo)

ENZA

Fisico bestiale? (Ride) Hai ‘na panza ca pari u gabibbo, stitico! Poi hai, cipuddi ‘nte peri, u naso a patata, i caddi ‘nto culo.

PETRU

Tu invece, sei così bedda ca pari ‘na cacata di cavaddu frocio! (imita uno sculettare di un cavallo, ma con movenze gay. Ride a crepapelle. Enza gli si avvicina come se nulla e lo schiaffeggia. Pietro si ripara con una sedia. Cerca di domarla come si fa al circo, con gli animali feroci) Calmati bestia!

ENZA

Io sugnu ‘na cacata frocia? (Lo schiaffeggia) Chiedimi scusa, forza! (Bussano. Enza molla) ti salvasti, picchì bussanu! (Apre la porta, con immensa gioia) ciao zio! Chi piacere vederti!

ZIO TOTO’

(Uomo maturo, ben vestito. Saluta Enza) cara nipote Enza! Quantu tempu. (Entra, vede Pietro a terra) Petru! Niputeddu miu! Chi cosa ci fai a terra?

PETRU

(Rialzandosi dolorante, indica Enza) diccillu a jack lo squartatore!

ENZA

Si nun la finisci di offendermi, ti blocco u ciriveddu cu ‘na seggia ‘nte corna!

ZIO TOTO’

Ueh ueh! Troppo esaltati siti. Mittitivi u culu ammollo all’acqua e sale, e vi calanu i calorie!  (Si sventola con la mano) ammazza che caldo chi c’è, cca!

ENZA

Zio, io calma sugnu. E iddu, ca si deve insegnare a parrare cu mia. Ci pari ca sugnu ‘na fimmina di menzu li strati? Io, a testa ci scippu! Chiedimi scusa!

PETRU

Io? tu cominciasti a sbagghiari cu mia. Prima tu, mi devi chiedere scusa

ENZA

Mancu si mi canti a serenata, ca tromba! Tu, cominciasti e tu mi chiedi scusa!

PETRU

E cu si, che ti devo chiedere scusa, a fata turchina?

ENZA

Ti dissi, chiedimi scusa davanti o zio. Subito!

PETRU

Ti dissi di no! Chiedimi scusa tu. Porta rispetto a chi ha le ciocche di capiddi bianchi! (I due continuano a dirsene, lo zio si altera e li blocca)

ZIO TOTO’

A finiti! Già ci basta ca sugnu esaurito du cavuru, vinni pi vinirimi a rilassari. Si mi lu dicivavu prima, mi andavo a ricoverare o manicomio, ca sentiri a vuatri! U sapiti ca sugnu a bacchetta da pace? (I due annuiscono) facemu ‘na cosa, quannu ci su litigi in una famigghia, cu prima cu dopo, si sbaglia tutti. Chiedetevi scusa e chiudemula cca! (I due si guardano, esitano) 

PETRU

Ragioni hai zio. Cu sbagghiò, sbagghiò. Chiedimi scusa Enza!

ENZA

Vero è, chiedimi scusa Petru. Quannu si perdi u lampadario di la ragioni, si brucianu tutti i lampadini e si diventa comu ‘na machina senza freni. Scusa puru tu ziu ca, ni vinisti a truvari, esauriti!

ZIO TOTO’

Ma quali scusa. Io vi capisciu, u cavuru fa fare brutti scherzi. Fa bollire a testata (Indica la testa)  …e si sballa!

PETRU

(Allusivo verso Enza) vero è zio! Comunque, nun ci pinsamu cchiù! Salutiamoci. (Si salutano) Ti po’ assittari ora.

ENZA

(Si siedono tutti e tre) chi nni cunti zio. Havi assai ca nun ti fai vidiri cchiù o paisi. Si vidi ca, ti facisti i picciuli. Ti vinisti a fari i ferie? Quannu arrivasti?

ZIO TOTO’

Ferie? In pensione vo diri! Finalmente, dopo tanto lavoro al nord, ho la mia buona pensione e pinsavu di scinnivu al sud, a truvari e me niputi.

PETRU

Zio, ma quali sud! Vidi ca a me casa, si trova a est!

ZIO TOTO’

Ma chi schifio dici! Vo diri ca, to casa, si trova a levante?

ENZA

No zio! Si trova, a mettente in via delle cerbottane! Me marito è stupito e nun si ricorda mai, a via!

ZIO TOTO’

Appostu semu, io dicu ‘na cosa, vuatri ni capiti navutra! …Arrivavu stamattina alle 8, all’aeroporto. Pigghiavu un taxi, sono andato in hotel. Ho fatto doccia, riposino ed eccomi qua. E ora,voglio godermi per qualche settimana, il bel sole della Sicilia, insieme a voi.

PETRU

Zio! Da comu parli, pari ca fussimu estranei. Perciò, sai ca ci sugnu io, e ti affitti a camera all’otello? Putivi veniri a dormiri a me casa!

ZIO TOTO’

Chi fa, scherzi? A parte ca io vogghiu a me comodità, i me spazi. E poi, nun è giustu disturbare!

ENZA

Quali disturbo,zio! A costo ca jetto fora da casa a me maritu, u letto pi tia, c’è sempri (Pietro le fa gesti di fastidio) …I to figghi puru scinneru in ferie?

ZIO TOTO’

Si certo. Invece di stare o paisi in montagna cu mia, si trovano in località di mare. U sai comu sunnu i giovani. Amano il mare! Chi è a Cefalù, chi a Taormina, chi a mondello. E poi, sono con i morosi e, nun si ci po’ diri nenti

ENZA

Beati iddi, ca almenu u mari u vidinu. Io, sulu nna cartolina lu vju! Me maritu si scanta di l’acqua! (Pietro, con gesti contraddice la moglie)

PETRU

Io mi scantu di l’acqua? (fa lo spavaldo) zio, quando entro in acqua, talmente sugnu aggressivo, il tonno quando mi vede, sai che dice? “ non tonno più!” E scappa!  (lo zio, ride. Enza lo prende in giro)

ZIO TOTO’

Allura, quannu i pisci ti vidinu, sai chi dicono? “ semu fritti!” (Tutti ridono) Bravo me niputi! allura, nun è vero ca  nun ti piaci u mari, vero?

ENZA

ci piaci, ma di luntanu cu binocolo (Ridono. Pietro ci resta male)

PEPPA F. S.

(Esaltata) Enza… Enza, veni subito! Mi cadiu tutta l’acqua e, si sta allaganu u Fiorello nno bidello! Veni, curri!

ENZA

(Disperata) oh beddamatri chi ci vinissi un moroso in testa! mi pariva stranu, ca nun mi havia ancora chiamato! (Grida) staju vinennu! facci pigghiari l’aria a fiorello! ... Quantu è brutta a vecchiaia, zio! Ci dicu ‘na cosa sula o Signuri, se divintari stolita comu me matri, megghiu moriri prima

PETRU

(sottovoce) Speriamo!

ENZA

(Avendo intuito) Chi cosa dicisti tu?

PETRU

(Si giustifica) no nenti! Stava facennu ‘na preghiera, dal titolo, speriamo!

ENZA

Sintemu, comu fa ‘sta preghiera? Puru tu si curioso di sintilla, vero zio? (Lo zio dice si)

PETRU

(Non sa che dire) mih comu fa…pari ca…io …dicemu…si fussi tu…(Enza lo sgrida per farlo iniziare) staju accuminciannu, mih primura! Nun vidi l’ura di moriri(Enza gli fa TIè!)…allura, (Mette mani giunte, guarda in cielo) caro Gesù, speriamo ca me mugghieri, campa sempre di più. Se come sua madre, lei diventerà, speriamo prima ca sia sira, a matri e figghia, te li porti nell’aldilà. Speriamo! Amen.  (Con occhi dolci, verso Enza) Ti amo!

 

ZIO TOTO’

Ma chisti sunnu belle parole! Si vidi ca to maritu ti ama, da impazzire!

PETRU

Appunto! Fuvu un pazzu a mittirimi cu idda! (Enza fa viso adirato. Pietro ride) dai, stavo scherzando! Vai nne to matri. Salutami u bidello!

ENZA

(Gli da pizzicotti, con forza. Pietro si fa male) Cu ttia, sulu io ci pozzu cummattiri, minchionello mio! Con permesso zio, vaju ne me matri! (Esce)

ZIO TOTO’

Vai, liberamente! ( A Pietro sottovoce, che si tocca le guance doloranti) Pietro, to soggira ancora viva è? Ma pariva ca havia murutu!

PETRU

Zio, l’erba tinta, nun mori mai! A chidda, mancu si ci sparanu, mori!! Speriamo ca da fava incatramata di me mugghieri, sicca prima di so matri!

ZIO TOTO’

Nun si dicinu ‘sti cosi Pietro! Nun si ci desidera la morti a nuddu!

PETRU

Zio, io mica ci addisiavu a morti a me mugghieri! Dissi sulu, ca hava a sicari prima ri da carrozza sfasciata di so matri!

ZIO TOTO’

E picchì, mischina! Havi la sua età, li so sofferenze! Vidi ca, si vulemu campari, vecchi avemu a divintari!

PETRU

Si, ma no comu idda! Si lamenta da matina a sira. (Come se parlasse la suocera.) <<viniti, me fari u bidello. Enza, aggiustami u Fiorello. Petru, portami nno girello, Nino fammi cicciobello >> ed io ci rispunnissi << mammà, ma tu u sai, ca se murissi, u munnu fussi cchiù bello?>> (Lo zio ride) si tu ridi, c’è di chianciri! ...Comunque, zio, nenti ti devo offrire? Ci fazzu fari u cafè a Rosetta?

ZIO TOTO’

No grazie! A proposito, dunni è to figghia? Havi assai ca nun la viu! Hava essiri fatta granni

PETRU

Si, oramai è una bella signorina. È nna stanza cu so frati Nino.

ZIO TOTO’

hai dui figghi? Mah, allura veru assai havi ca nun scinnu o paisi! Comu passa u tempu! Quanti anni havi u picciriddu?

PETRU

8 anni. Iddu e so soru, sunnu intanati ne so stanzi. Dicinu ca cca dintra, fa cavuru!

ZIO TOTO’

Effettivamente, vero cavuru c’è! picchì nun ci lu metti un condizionatore?

PETRU

No! Ma tu lo sai, si mittemu lu condizionatore, si rischia ca si resta condizionati, a pagare cchiù luci?

ZIO TOTO’

Pensi a spisa da luci, inveci di circari i comodità pi nun fari soffriri a to famigghia du cavuru?! Nella mia casa al nord, haju un condizionatore per stanza. Sala, salotto, cucina, soggiorno, contorno e puru in bagno!

PETRU

Puru in bagno? quannu pisci, ti nescinu i cubetti di ghiaccio? (Ride)

ZIO TOTO’

Finiscila dai! Chiuttosto, vidi di purtalli almeno a mare i to figghi!

PETRU

Zio, sinceramente, mi scantu du mare! In campagna si cado, mi acchiappu ‘nto ramu e mi salvo. Si cado a mare, dunni mi acchiappo, nall’acqua?

ZIO TOTO’

Chi si problematico! Facemu ‘na cosa, dumani matina, ci vegniu puru io e, andiamo tutti al mare. Punto e basta!

PETRU

No no zio! Dimmi di tutto, ma no a mare! Ci sunnu troppo spese e io sinceramente…(Fa segnale di non avere soldi)

ZIO TOTO’

Ma pensi e soldi, invece che fari divertiri a famigghia? Domani al mare! (Pietro dice no) …ci divertiremo! (Pietro dice no) … farai svagare i bambini? (Pietro dice no) … col sole della Sicilia, fa miracoli! (Pietro dice no) … pago tutto io!!

PETRU

(Stava per dire no, si riprende subito) …ci vinemu ci vinemu! Quando do la mia parola, è contratto! Cuntentu tu, contenti tutti! Però ti lu dico prima, quannu sugnu a mare, nun sacciu nuotare.

ZIO TOTO’

E dunni sai nuotare?

PETRU

Nna spiaggia! (Si muove come uno zombie) Mi muovo cu l’occhi chiusi!

ZIO TOTO’

(Si alza) dumani, t’insigno io a nuotare! Vidi ca è facili facili. …amunì, mi nni vaju…(Quasi sulla porta) Ah senti, passavu da to soru Lina, ci sunnu tutti cosi chiusi in casa. Ni sai nenti s’è nisciuta? A vuliva salutari!

PETRU

Me soru Lina? Chi nni sacciu chi fini fici! Havi chi manca du paisi, chiossà di sei o sette anni.  

ZIO TOTO’

Sette anni? Ammazza, quantu tempu havi ca nun vegniu! Dunni sta? Tu, ni sai nenti?

PETRU

Ti pari ca, avemu ancora u cordone ombelicale attaccato? Idda pa so vita, io pa mia!

ZIO TOTO’

Ma nun mi diri, siti litigati sempri pi lu fattu di l’eredità di vostri genitori?

PETRU

Sempri? Fino alla morte! Zio, nun mi lu scordu chiddu ca mi fici!

ZIO TOTO’

Ancora ci pensi? mettici ‘na petra di supra o passatu e fa paci cu to soru!

PETRU

E fari paci? Mancu si mi paganu d’oro! Ma ti rendi conto ca, idda è da cosa nutuli di so maritu, alla morte di me matri, si vinneru a villetta di campagna, cu piscina e trecento peri alivi, del valore di due cento mila euro?

ZIO TOTO’

Aspetta fammi capiri. ‘sta casa, a chi era intestata?

PETRU

Era intestata a idda, picchì quannu mi sposavo, era ancora signorina. la bonarma di me genitori, pinsavanu ca putiva ristari sula e quindi, ci intestaru a casa, pi nun falla ristari fora. Però, pi volere di li poveri bonarma, ficimu un patto di sangue, ca la casa era puru mia. Quindi, si un giorno si vendeva, l’incasso era metà per uno. Dico giusto?

ZIO TOTO’

Avissi a essiri così! …però a casa ci l’hai, a famigghia ci l’hai, futtitinni!

PETRU

No zio! Nun pozzu fari finta di nenti! a casa ci l’haju, nica pi com’è, ma ci l’haju. Il mio, è principio! Pozzu capiri ca, si è venduta ‘sta casa, nun dico a metà, ma almeno qualche cosa, dammilla pi rispetto ca sugnu to frati! Nun sulu s’ intascò i soldi, abbandonò tutti cosi e, fici perdiri i so tracci, puh!

ZIO TOTO’

(Deluso) Caro Petru, più si va avanti, più l’umanità va a fondo. L’interesse, è sempre e piccioli! Appena ci stanno in mezzo banconote chi luccicano, ni fanno brillare l’occhi a tutti e…si rovinanu i famigghi!…A tia e to soru Lina, vi vitti nasciti e crisciri. Tutti e dui, due paste d’angelo! To soru Lina, ha statu sempri ‘na santa. Tutta pi la famigghia, pi li affetti cari. (Col sorriso sul viso. Pietro un po’ commosso) quannu eravu nichi, vi stava purtannu a piazza a fare un giro. Un picciriddu, ti rubò a merenda. Ti mittisti a chianciri, comu un dispirato. Nun riniscivu a farti calmare. To soru per tua pietà, mi lassò a mano, scappò a darici lignati a du picciriddu. Ritornò ca merendina e ti faceva gioia, pi nun ti vidiri chianciri! Ora, mi stranizza assai sentiri ‘sti discorsi ca idda fici…mah! si sicuro Petru ca to soru fici ‘sta cosa?

PETRU

Sicurissimo sugnu, ziu! A villetta, si la comprò un mio carissimo amico. Quindi, cchiù sicuro di chisto, nun pozzu essiri!

ZIO TOTO’

(Pensa) …si nun pigghiu errore, idda da l’inizio havia problema cu so marito. Mi ricordo ca si litigavano sempri, iddu ci dava lignati e nun andavano d’accordo. Vero?

PETRU

Si, vero! Docu a curpa è di la bonarma di me patri ca, fici un matrimonio combinato, pi fari sposari a me soru. Comunque, a mia, nun m’interessa!

ZIO TOTO’

fu un matrimonio voluto di to patri, ma respinto di to soru. i risultati si vittiru ca nun era cosa pi to soru Lina! (Pausa) ...Petru, e si to soru nun ci curpa nenti di la vinnita da casa, ma fu curpa di iddu?

PETRU

Zio totò, o fu iddu o nun fu iddu, a curpa è puru di me soru. A firma puru idda ci la misi. Si ci tiniva a mia, mancu l’havia a mettiri!

ZIO TOTO’

Io sugnu pi la legge di Cristo Gesù, bisogna amare e perdonare. pregherò pi tia e to soru, ca riturnati ad amarivi megghiu di prima! Si sapissi dunni sta, ci andrei a parlare e, vidissi di farvi fare…

PETRU

(Lo anticipa)…Pace? Mancu ci devi pensare! Si vo u me rispetto, fatti i fatti to, zio! Sto bene così! Idda, pi casa sua, e io pa mia! E ora, basta!!

ZIO TOTO’

( dispiaciuto) come vuoi. vabbè, io vado Pietro. Salutami a to mugghieri e i picciotti!

ROSETTA

(Entra ben sistemata, con occhiali da sole, pronta per uscire) Papy, esco con la mia amica. A dopo! (Vede lo zio totò e lo saluta) Ciao zio! Quanto tempo che non ti vedevo!

ZIO TOTO’

Ciao Rosetta. Chi si fatta bedda. Brava, nun ci pigghiasti nenti di to patri!

PETRU

Aspetta merry poppins! (Rosetta sbuffa) prima ma diri, dunni vai ca to amica, chi aviti a fari, con chi vi aviti a vidiri ,di chi cosa aviti a parrari!

ZIO TOTO’

Petru, a chi ci si, dicci a to figghia ca ti da u codice fiscale da sua amica!

ROSETTA

Uffa papà! A canusci a me amica, dai! Si troppo camurrusu! Ristasti ai tempi da petra! Stiamo andando al centro commerciale, che almeno là, si sta freschi. No come da noi!!!

NINO

(Esce di corsa e si va ad aggrappare alla sorella) mi ci portu puru a mia! Ca staju squagghiannu tuttu cca dintra! (Rosetta se lo scrolla di dosso)

 

PETRU

Tu, nun vai in nessuno posto che ancora sei piccolo. (Nino fa i capricci) zittuti e fai u bravo, se no, ti dugniu ‘na manata ca ti fazzu congelare!

ZIO TOTO’

Lassalu stari o picciriddu! Si senti cavuru, è giustu ca si rifrisca, ca c’è vero cavuru cca dintra! (A Nino) veni cca, comu ti chiami?

NINO

(Con voce piangente)  Nino!

ZIO TOTO’

Sai, mi chiamo Totò e sono lo zio di tuo padre, ed anche il tuo. Se tu non piangi, domani, ti porto al mare. Sei contento?

NINO

(Felice) Vero? (lo abbraccia) sono felice! Grazie grazie! (Corre a dirlo a Enza) mamma mamma…(Esce)

ROSETTA

Zio, porti solo Nino, o anche me?

ZIO TOTO’

Domani, andremo tutta la famiglia al mare!

ROSETTA

(Rosetta è felice e abbraccia lo zio) Grazie zio! …ora vado dalla mia amica. Torno fra poco papy. Stai tranquillo. Ciao a tutti. (esce) 

ZIO TOTO’

Petru, u vidi chi ci voli a fari felice a famigghia? Nenti! Basta a volontà!

PETRU

Io ti ringrazio di cuore. a mia mi manca a volontà nno portafoglio. A tia, ti canta!

ENZA

(Entra, tirata da Nino) allura, zio. Ninuzzu tuttu contenti mi vinni a diri ca lo devi purtari al mare, domani! Stacci attento, ca iddu, è pazzo!

ZIO TOTO’

Si vuatri vuliti veniri, dumani tutti al mare! Ni affittamu una cabina e stiamo tranquilli.

ENZA

Puru nuatri? Pi mia, va bene! Petru, chi nni pensi? Ci andiamo? (Pietro annuisce) Finalmente! mi vaju a rilassari un poco, invece di fari, sempre pulizie!

PEPPA

(Entra sempre col suo modo di camminare a gambe divaricate) Enza, si vegniu a mare puru io, poi dda, mi lu pozzu fari u bidello?

PETRU

Mi dispiace, a mare si po’ fare u bagnino! (Tutti ridono. Nino dalla gioia prende Enza, zio e Pietro e fanno un giro tondo, attorno la nonna che si lamenta)

Fine primo atto

Secondo atto

(la scena è uno sfondo di cielo sereno, sole alto. Staccionata bianca sullo sfondo. In scena, la cabina si trova sul lato destro col sopra il numero 200 e con una sdraio accanto. Il mare per gli attori che guardano, è la platea. Tutti gli attori, saranno in costume. Da destra, entra lo zio Totò. Guarda il numero sulla cabina)

ZIO TOTO’

(Legge) numero 200. (Urla, guardando dietro) picciotti, cca è a cabina. A truvavu! (Entra Rosetta e Nino. Sono tutti felici di essere al mare. Rosetta con ciabatte, occhiali e costume a due pezzi, coperta da un pareo. Nino, semplice costume. Seguiti da Enza con occhiali e costume intero color nero. in testa, un piccolo cappello di paglia. Peppa, con i soliti occhiali, entra con gambe divaricate, costume colorato intero. Scialle sulle spalle. In testa, un sombrero di paglia)

PEPPA

Enza, dammi un poco di acqua! Haju a lingua sudata. Ma dunni mi purtastivu, dintra un forno a microonde? (Saltella sui piedi. Prima uno, poi l’altro)

ENZA

Semu a mare, mamà!

PEPPA

Semu a mare? E l’acqua dunni è, sa futteru?

ENZA

Per ora, semu na spiaggia! …Ma chi fai ca saltelli, il ballo del qua qua?

PEPPA

Mi stannu pigghiannu focu i peri! Staju facennu, quattro salti in padella!

ZIO TOTO’

Enza, fai mettiri a to matri, vicino a cabina, ca la sabbia è cchiù frisca (Enza, porta la madre, nel fianco della cabina, le toglie il sombrero e le sistema per bene la sdraio e la fa distendere. Per ultimo, entra Pietro sfinito con la maschera per andare sott’acqua e lingua di fuori. Ricurvo sulla schiena con le braccia a penzoloni, quasi a sfiorare terra. Intorno la vita, un salvagente. In una mano, porta un congelatore. Nell’altra, un bidone d’acqua. Sulle spalle porta uno zaino, due valigie, tovaglie avvolte, una sedia, ombrellone e in cima, una bandiera d’ Italia)

ENZA

Zio, bella è a cabina. pariva cchiù luntanu(Pietro, si lamenta con brontolii)

ZIO TOTO’

Si, vicino! Mancu mi la sintivu fari, ‘sta passeggiata sulla spiaggia, pi 200 cabine! (Pietro, sbuffa sempre più forte, fino ad attirare l’attenzione di tutti)

PETRU

(Con poca voce) nun vi scurdati di scaricare u cammello!

ZIO TOTO’

Ragazzi, aiutatimi a scaricarlo (I ragazzi, aiutano Pietro a liberarsi dal peso, il quale, resta curvo) ancora calato stai? Alzati, nun c’è cchiù nenti, supra i spaddi.

PETRU

(Dalla stanchezza e asfissiato, e parla sforzatamente) mi si bloccà, l’osso sacro di cannarozza! Aiutatimi a sbloccarlo!

ZIO TOTO’

(Lo zio si mette di dietro, gli appoggia le sue braccia, sulla schiena) Petru, ora ti dugniu un bel colpo fino in fondo e, ti fazzu isare puru i capiddi! Priparati! (Pietro non è d’accordo) uno…due…(Pietro si alza di scatto, facendogli il gesto allo zio, come a dire “ ma sei ricchione?”)

ROSETTA

Mamma, vado a fare un bagno.

NINO

Mamma, ci posso andare a farmi u bagno, pure io? (Zio Totò, apre la cabina. Pietro, beve un bicchiere d’acqua e si riprende. Si siede a terra)

ENZA

Nino, mancu u tempu di arrivare? Fanni sistemare e, ci andiamo tutti! (Nino fa i capricci) Rosetta, dacci a mano a to frati e tu porti a fare un bagno.

ROSETTA

Non posso mamma. La spiaggia è piena di ragazzi. Se mi vedono con lui, pensano ca sugnu una pedofila!  (Nino fa i capricci)

ENZA

Si ti dumanna qualcuno, ci dici ca sei la sua sorellofila! (da l’acqua a Peppa)

ZIO TOTO’

Rosetta, mettiti un cartello o coddu, e ci scrivi di davanti: “sono ancora signorina. Si nun mi criditi, diciticillu a mammina” (Ride)

PETRU

Invece di spalle ci deve scrivere: “ vi raccomando, non mi guardate il mio di dietro, se no, ci lu dico a me patri, Pietro!” (Ridono. Nino fa i capricci)

ENZA

(Esaurita) Nino, a finisci? Ti dissi ca ora ci andiamo! Prima, fammi sistemare a nonna, e ti ci porto! Petru, portaccillu tu, a to figghiu a mare!

PETRU

Pi mia, mancu su mare, mi veni a trova cca, io ci lu porto!

ZIO TOTO’

Levatillu ‘stu salvagente, pari un citrolone inciambellato! Beddamatri, chi si scantullino! –spaventato- Amunì, ninuzzu. Ti ci porto io! Vo veniri Rosetta! Stai tranquilla, mal che vada, nno cartello ci scrivi puru: “ a questa persona al mio fianco, non  fate attenzione. Nun è me nanno, è solo mio zio Totò in pensione” (Escono da sinistra, ridendo)

ENZA

Mamà, stai bona? Comu ti senti?  Ti piaci stari cca? Vidi, bedda aria fresca?

PEPPA

…Enza, ma chi ura è?

ENZA

(Guarda al polso) sunnu i nove di matina. Ta pigghiari a pinnula?

PEPPA

No, me fari u bidello!

ENZA

Cchiù tardi, ti lu fai. Taliati u mare quantu è bello e dormi! …Petru, invece di stare assettato, veni cca, aiutami a sistimari ‘sti cosi!

PETRU

(Stufato) accuminciasti a disturbarimi! Manco in pace a mare, pozzu stari!

ENZA

(Con sprezzo) Chi ti manciassiru i cani! chi ti dissi, va lavati i piatta? Corpu di sangu, i masculi nun siti boni a fari nenti …Sapiti fari sulu ‘na cosa…

PEPPA

…pisciari o muru!

ENZA

(Ride e le fa l’applauso) Brava me matri! Nun parla mai, ‘na vota ca parra, colpisce al segno!

PETRU

Dicci alla tua mammina, ca me proboscide, ci piscio o muru. Idda, cu so Fiorello, si piscia nne peri!

ENZA

Ora basta! Mi vo aiutare? Nun ni facemu ricanusciri puru du ziu! Nun sulu ca ni purtò a mare, puru l’avemu a fari schifiare, no! (aiutata da Pietro, entra in cabina, ne tira fuori altre due sedie a sdraio e due normali per sedere, e due ombrelloni e li situano fuori, vicino la cabina. Enza dallo zaino, ne esce le tovaglie da mare)

PEPPA

(Guarda verso la platea a stento, per mancanza di vista) Enza, veni cca! (Enza si avvicina. Le fa segnale col dito) chi ci fannu tutti di pisci fora di l’acqua, chi minni di fora?

ENZA

Nun sunnu pisci, mamà. Sunnu fimmini chi fannu a dieta. Si stannu pigghiannu u suli integrale! (Enza, torna a sistemare la cabina, sdraio ect…)

PEPPA

(Si sforza a guardare) Enza veni cca! (Enza sbuffa, e va da Peppa) u vidi a chiddu grossu, misu così (la il gesto di un uomo che si tiene, per fare la pipì) è un masculu ca sta pisciannu?

ENZA

Ma chi dici mamà! ( dallo zaino, prende un paio di occhiali, buffi e neri) chiddu è un pisci vunciu di acqua e sta scaricannu, pi essiri leggero a mare! Teni cca, mettiti ’sti occhiali e dormi, invece di taliari! Se no, ti blocca a crescita. (Mette gli occhiali a Peppa)

PEPPA

Chi successi? Enza, o si futteru u suli, o già è notte. Minchiuni comu vola u tempo! (Enza è esausta e sbuffa) Prima di andare a nanna però, me fari u bidello, se no, s’incolla u Fiorello! …veni subito, u bidello me fari!

ENZA

(le fa la prova del leva e metti degli occhiali) Mamà, ancora è matina! Sunnu l’occhiali scuri, ma ancora u suli è nno cielo! Ora, dormi un poco.

PEPPA

Mi dicisti ca è matina, chi dormu a fari? U capivo, cchiù scuru di mezzanotti nun po’ fari!  

NINO FUORI  SCENA

(Si sente il rumore delle onde) Mamma, papà. Viniti a fari u bagno! L’acqua è bellissima.

PETRU

(Enza e Pietro, guardano verso la platea) Fattillu tu, io stamatina mi lu fici.

ZIO TOTO’ F. S.

Enza, Petru…viniti a fari u primu bagnu ca matinata. L’acqua è bella frisca!

ENZA

Zio, l’acqua bagnata è?

ZIO TOTO’ F. S.

(Ride) se, umida è! Viniti dai!

ENZA

Falla riscaldari navutru poco, e poi vegniu! (Pietro, si siede a terra. Enza, si sistema al fianco della madre e si sdraia) amunì, mi pigghiu un poco di sole!  

PEPPA

Enza, dimmi ‘na cosa…cu tutta l’acqua chi c’è a mare, e visto ca nun si paga, mi lu pozzu fari un abbondante bidello gratis?

PETRU

No, a mare si po’ fari u bagnino, a pagamento!

ENZA

Ti avissi a veniri una trombosi ‘nta lingua, quantu ti resta tisa e nun parli cchiù! …si mamà, u bidello gratis a mare, ti lu po’ fari, ma no ora, stasera!

PEPPA

Pinsannuci bona, l’acqua du mare, è assai pi farmi un bidello grande. Rischio di affunnari! Sai chi ti dico? Mi faccio un bagnetto, anzi no, mi fazzu un bagnino! (Pietro ride come un matto, Enza lo schiaffeggia)

ENZA

Mamà dormi! Cchiù tardu, ni parramu. Ora, pigghiamunni un poco di sole, beddi tranquilli (Nota il marito seduto a terra) senti grande puffo, mettiti supra a poltronaal mio fianco, e nun stare supra a spiaggia, che la inquini!

PETRU

Vogghiu stari cca! …ma visto che ti preoccupisci pi mia, mi ci metto. (Si distende sulla sdraio)

ENZA

(Ironica) Caro, non preoccupiscio pi tia! Ti dico di mittiriti al mio fianco, ca appena ti viu taliari u culiddo e fimmini, ti scippo l’occhi!...e ora, basta parlare, pigghiamunni u suli! (Tutti e tre, stanno distesi a prendere il sole)

PEPPA

Enza, ta pozzu diri ‘na cosa? …(Enza le risponde con un mugugno) se staio troppo o sole, c’è paura che il mio fiorello, si spampina tuttu? 

ENZA

No, stai tranquilla! Anzi, u suli fa bene ai fiori. Li fa vivere! Dormi.

PETRU

Ai fiori vivi, fa vivere…no alla natura morta! (Enza lo schiaffeggia) porca miseria, nun si po’ scherzare mai! Ti pari ca sugnu morto comu tia? Cocchi vota, ti li accurzu di due metri, ‘sti braccia (Si sdraia per il sole)

ENZA

(Parla adirata, guardando Pietro che si prende il sole senza curarsi di lei) A schirzari cu to matri, no cu me matri! Tu, sei a mia rovina. Si nun fussi pi tia, nun mi lu facissi u sangu amaru,400 giorni l’anno! L’unico chi fa cunfisioni a casa, si sempri tu! U vo un consiglio? Picchì nun ti fai ‘na vacanza lunga una vita e mi lassi in pace a mia e i to figghi! (Si risistema nella sdraio e pronuncia la parola con disprezzo) stronzo di riace!

PETRU

(Calmo) Tu, u vo un consiglio? Zittuti, se no, ti abbronzi puru a lingua!

ENZA

(Si alza a guardarlo) Ma va fan culu!! (Si sdraia a prendere il sole. Entra da sinistra un venditore ambulante di colore. Con se, ha un pannello con bracciali, occhiali, cappelli, foulard, orologi, accendini, reggiseno, palle di natale ect…)

VENDITORE AMBULANTE

(Sempre col sorriso sulle labbra. Arriva davanti Pietro e lo chiama) Ciao gugino! Tu volere comprare dal tuo cugino vo’ cumprà? Vuoi occhiale, bacialetto, accendino? Dai gugino, tu vò cumprà? Nun me fare aspettà!

PETRU

scusa, ma picchì mi chiami cugino?...pi caso, sei parente di me parente, ca a mia, nun mi veni nenti? (Venditore dice no) allura, nun semu cugini e nun pozzu vò cumprà nenti!

VENDITORE

Io dire gugino, come dire amigo! Dai, comprare da me quacche cosa. A te serve accendino? Vuoi capello? O volere reggiseno?

PETRU

Reggiseno io? (Enza ride) E dunni mi le mettiri? Ah si, forse hai ragione! Quannu me mugghieri, mi fa arrivari e peri (Allude alle parti basse) a du punto, mi servi, pi contenere…(Allusivo) le bocce!

VENDITORE

(Sorride) ehi gugino, tu essere moto piritoso!

PETRU

È un mio dono di natura, fare pirita! –puzzette – si mancio pasta e fagioli, sugnu ‘na bombola nucleare. Ora vai, se no, mi fai ombra nall’unghia di peri

VENDITORE

(si avvicina a Enza) ehi gugina, ciao ciao! Tu, cosa fare? Prendere sole?

ENZA

No, aspetto ca passa l’autobus! …certo ca mi pigghiu u suli! Si viene al mare per questo!

VENDITORE

Tu vò cumprà! Dai gugina! Vò cumprà o vò accattà, importante ca me fai campà! (Sorride) dai gugina, volere comprale cappello pe lo sole? Volere reggiseno?

PETRU

Gugino, idda nun havi nenti di fari cu reggiseno. Nun havi nenti di mittirici!

VEBDITORE

Non essere problem. Per riempire, mettere palle di natale! (Sorride)

ENZA

Chisti ci servinu a me maritu, (Allusiva)  pi riempire le sue mutande! (Pietro la manda a quel paese e si riposiziona)

VEBDITORE

Dai gugina, volele foulard, volere  bacialetto?

ENZA

No grazie. A letto già c’è chi mi bacia!

VENDITORE

(Sorridente) ehi gugina, chi baciare a te, tuo marito gugino? (Da una spinta spiritosa a Pietro) bravo gugino, tu essere moto porcaccione! (Pietro si vanta)

ENZA

ma cu iddu? mancu sapi di unni si comincia! (Pietro esprime suo disappunto) Quannu decidi di pruvarici, mancu trova la bocca dello stomaco! a letto mi bacia u me picciriddu Ninuzzu. Mi da u bacio da buonanotte, gioia mia!!!

VENDITORE

Gapito gapito! Comunqui, io diceva bacialetto, questo! (Fa vedere braccialetto. Enza dice di non volerlo) volere altro? Vedi gugina, roba buona. Roba di macca! Dai gugina, vò cumprà, la mia famiglia, vole magnà!

ENZA

Grazie gugino, ma io nun vò cumprà, manco haju soldi pe campà! Nun ci sunnu soldi. C’è carestia! Per ora, niente lavoro. Si continuamo così, u prossimo anno, mi fazzu trenta lampade e puru io (Imita voce di venditore) complale gugino, robba bela, robba fimmata! (Venditore sorride) nenti cugino. Vai pure, u Signuri ti aiuta! (Venditore saluta, Enza si sdraia)

VENDITORE

(va da Peppa) ciao gugina! A te selvile nente? Cosa complare! (Peppa non le da retta) sentire me, gugina! Ueh gugina, tu essere sodda? (Si avvicina il viso, quasi a sfiorarle il naso. La chiama da vicino e le bussa negli occhiali) Gugina, rispondere. C’è nessuno in casa? (Peppa si spaventa da morire. Fa balzare in aria tutti, anche il venditore che si tocca il cuore) che cazzarola avere successo a gugina. Dallo spavento, mi avere fatto diventare biango!

PEPPA

(Enza, cerca di calmare Peppa, esaltata dallo spavento) Enza, ma cu curnutu è ‘stu carbonaro.

ENZA

Calmati, chistu è u gugino vò cumprà.

PEPPA

Disgraziatissimo gugino. Mi facisti veniri un colpo di fulmine nno cori!

VENDITORE

Io, scusare se avere fatto spaventare. Però, io essere troppo ducato. Avere bussato nelle occhiali, ma tu, spaventare!

PEPPA

(Lo guarda per bene) Enza, comu mai chistu è me cugino? Nna nostra famigghia, semu tutti bianchi. Comu mai, chistu è tuttu bruciato? Nascìu di diciotto misi?

ENZA

iddu è un’altra razza, un altro paese. Pi chistu havi un altro colore rispetto a nuatri! Iddu sai di cu è figlio? Di Allah! (Venditore, accondiscende e adora)

PEPPA

No no. u sacciu io chistu di cu è figghiu. È nivuru, picchì è figghiu di butta…(Enza le tappa la bocca)

ENZA

Mamà! …vai gugino. Me matri nun deve comprare niente. (Venditore va via, sorridente) ma picchì prima di diri paroli, nun mi lu dici! Ti pari giustu diri ‘sti cosi? Fussi to figghiu, ti piacessi?

PEPPA

quannu fici a tia, u cafè nno latti nun ci lu mittiva, pi fariti veniri bianca intera

 

PETRU

A faccia l’havi bianca, ma u ciriveddu l’havi nivuru, scremato! (Enza lo schiaffeggia. Entra lo zio totò, inumidito)

ZIO TOTO’

Vinnimu a mare, pi stare in acqua, no nna sabbia! Amunì! Vinitivi a fari un bagno e stamo tutt’insieme!

ENZA

Zio, pi mia l’acqua è troppo fridda. Si riscalda navutru poco e vegniu!

ZIO TOTO’

Ma quali fridda, amunì ca l’acqua è cavura! Petru, veni cu mia!

PETRU

Pi mia, l’acqua è troppo cavura, falla rifriddari. Mi scantu si mi brucio

ZIO TOTO’

Se, magari ti ustioni! Chi siti cretini! Io ritorno in acqua chi to figghi. Ninuzzu, e Rosetta nun vonnu nesciri di l’acqua, si stannu divirtennu comu pazzi. Si vuliti veniri viniti!

PEPPA

Aspetta totò! Mi lu vulissi fari io u bagnetto ca matinata. Cchiù tardu, quannu mi sento più energica, mi fazzu u bagnino!

ZIO TOTO’

Silenzio! Si lu senti du ragazzo, ni pighia pi maniaci a tutti! Amunì, vinissi cu mia e si stassi muta! (l’aiuta ad alzarsi)

ENZA

(apprensiva) No mamà, statti cca! cchiù tardi ti lu fai cu mia, u bagno!

ZIO TOTO’

Ci l’haju io in custodia. Tranquilla, nun la fazzu violentari di nuddu! (Enza gli lancia un sorrisino ironico allo zio. Quasi per uscire) a frappè

ENZA

(Si riposiziona) Petru, capisciu ca ti scanti di l’acqua, però u piaceri o zio ca trasemu a mari, ci l’avemu a dari! Giustu? (Nessuna risposta) Petru mi senti? (Pietro fa un ronfo, sistemandosi sulla sdraio) dormi a bestia! Bonu, mi rilasso pure io! (Si rilassa al sole. Entra una bella ragazza americana, in costume e zaino in spalla. Va da Pietro)

RAGAZZA AMERICANA

Excuse me…mister excuse me! (Pietro come una molla, si rizza a metà, sulla sdraio. La ragazza, quasi si spaventa) excuse me…I’m so sorry!

PETRU

(Si alza e parla sottovoce) ma quali me soru. Chidda (Indica Enza) è una ca circava parcheggio e si misi cca. Ci giuru, nun la canusciu! (Con dolcezza) in cosa posso essere utile?

ENZA

(Si alza la testa, toglie gli occhiali e le nota) ueh, tu chi sei? Si testimone di Genova? (si alza) tu, chi ci fai cca, cu iddi? Accuccia nna seggia! (Gli da uno schiaffo dietro la nuca)

PETRU

(Si fa male e grida, toccandosi la testa) ahi!

AMERICANA

(Sorridente, saluta) Hi! …scusare me, io pallare poco taliano. Io cercare…come dire…

ENZA

Ma comu cazzarola parra? Scusi, tu essere echisiterrestrica? (La ragazza non capisce)

PETRU

Ma stai zitta tu! Nun ni capisci nenti di America. (Alla ragazza) iou, sei America? (La ragazza sorridente, “Yeah!”) u vidi Enza, sugnu troppo esperto ca lingua! A lingua è u me pezzo forti! (Enza gli da pizzicotti) Allora ragazza, chi ti servè? Se mi permettè, iè me presentè. Io song, mister Petrè e chista, essere mia moglier stronzèr! Ora, ripetè che io, non avere capitè! (Si vanta con la moglie)

AMERICANA

Io cercare…and, I’m looking party on the beach! Aiutare me?

PETRU

Si u capivu! (Alla moglie) dici ca, hava a partiri ca bici. Picciottella, me scusasse, dove volesseve andare? (Ragazza non capisce. Mima il gesto di andare) dunni a ghiri tu?

AMERICANA

Io? America!

PETRU

Mih, quanta strata!

AMERICANA

Yeah, yeah! Io cercare street per party nella spiaggia!

ENZA

Mischina! Giustamente dici, ca a strata pi partiri da spiaggia, è stritta!

PETRU

(Alla ragazza) non preoccupatoschi, ora ti aiutoschi io. Allora, (Da segnali come ad insegnarle la strada) vai drittoschi, appena esce dalla spiaggioschi, incontri un cartelloschi e prendi, autobusochi che ti porta in centroschi. (Le batte la mano sulla spalla, amichevolmente) Amicoschi, mi hai  capitoschi?

ENZA

Ma come minchioschi parri!

PETRU

È americana del sud sgracchoschi e ci parro cu schi! Siccome tu sei ignorante e nun mi capisci. Signorinoschi, vero che mi avete, capitoschi? (la ragazza perplessa) diceteme, mi avete caput? Avere caput a mia? (La ragazza dice no, con la testa) comu nun mi capisci? ci parru tischi toschi

ENZA

Cretino! Nun ti capiscinu, picchì nun parri a so lingua!

PETRU

Vero! A so lingua! (Attira l’attenzione della ragazza) attanzion, attanzion. Guarda la mia, linguaccion. E io a te, spiegare lo straton! (Esce la lingua per mostrarlo e parla con la lingua di fuori e non si capisce. La ragazza ride)

ENZA

Scimunito! A lingua di fora ti scordasti! E poi, ci devi parlare americano!!

PETRU

(Si rientra la lingua, spingendola con le dita) pi chistu, nun mi capiva mancu cchiù io. (Alla ragazza) perdonatè, mi ero emozionatè e mi scurdavu, la lingua di fuorè! Ora ti parlè american. Comunque…nesci da spiaggia ti pigghi l’autobus e ti porta a stazione e, party! (La raga è indecisa) nun mi capisti? Fammi vidiri a lingua, pi capiri comu parri! (Esce la lingua, la ragazza lo imita. Pietro ammaliato, si avvicina quasi a baciarla. Enza lo tira)

ENZA

chi mi vo fari i corna ca turista, di davanti e davanti? Vidi ca io, ti ammazzo sasizzuni spampinato!

PETRU

Vidi picchì ni litigami sempri? Perché pensi sempre male! Ca turista, nun vuliva fari i corna! Volevo fare una linguaggite, per capire la provenienza

AMERICANA

Io dire che,  cercare festa nella spiaggia! Ma tu non capire, e io andare!

PETRU

Ma comu andare! Ora, ca capivu a tua lingua inglese! io avere caput che voi essere stranieron, perché avere occhio di vigiletton!

ENZA

No! tu, hai l’occhio di pisci fitusu! Ti capivu io! Ora vidi comu capisci u me inglesi. Senti a mia zuppa inglese, vatinni ca nuatri siamo terroni. E quannu ci arrabbiano, ni giranu i co…mi capisti! E se me marito, nun si cala l’occhi a terra, lu fazzu divintari gay! (Allude la taglio, Pietro si tocca)

AMERICANA

Si si, lei ragione (si ventila con la mano) Today is a cool day! Very very cool

PETRU

(le guarda ammaliato il sedere) e che cul! Very very cul. (Enza gli da uno schiaffo il quale dice “Ahi”, l’americana invece saluta con “hi”)

ENZA

Signorina, ti lu posso dare un consiglio? Vatinni a fan cul!

AMERICANA

I’not understang! I’not capito! Tu parlare inglish? Tu, speak inglish?

PETRU

No, lei spicchia fave!

AMERICANA

Fave? And…ah yes! Five! One, two, three, four, five! (Sorridente) voi italiani, essere molto divertenti. Sempre scherzio! E poi, palermo is beatiful!

ENZA

(Le si illumina la mente) comu dicisti, biutifulle? (Si aggrapa a lei) pi favore, mi dicessi comu finì a puntata cu l’accoppiamento fra crikky e crokky! Purtroppo non l’ho visto, picchì du curnutazzu di me figghiu, staccò u filo!

AMERICANA

Crikky and crokky, are the books oh the kitchen? Sono libri da cucina?

ENZA

(Scandalizzata e curiosa) cosa? Si vasaru ‘nta vucca, cu so cucina? Beddamatri! E poi, chi ficiru? A ficiru a frittata? Sono troppo ansiolitica di scoprirlo

AMERICANA

Io amo le crikky e crokky. Me le mangio col ketchup! Very good!

ENZA

Ma siti pazze? Crikky crokky, no baciare, ma accoppiare nel letto!

PETRU

Ma chi capisti! Idda parla di patatine! (parla con sensualità) vero che parli, di…patatine? (La ragazza annuisce ridendo) anche a mia, piace la patatina! Mi la mancio da matina a sira, dall’alba al tramonto, prima e dopo i pasti! Le ho assaggiate tutte! (da un morso provocatorio, la ragazza fa gli occhi dolci.  Enza gli da uno schiaffo dietro la nuca) Ahi! (La ragazza saluta “HI”)

AMERICANA

Chi essere questa signora che dare sempre schiaffi?  who you are?

ENZA

Cosa? Vogghiu jucari? no mi dispiace, mi vinni a pigghiari u suli! (La spinge ad andare) e si mi fai a cortesia, di andare a fare in cul, ti dico grazie! (Pietro la saluta con dolcezza, Enza lo nota e lo schiaffeggia. Lui grida “Ahi” di dolore, la ragazza saluta “Hi”. Mentre l’americana sta per uscire da destra, da sinistra entrano Rosetta, Nino, zio Totò e Peppa. Inumiditi. Quest’ultima è incantata col sorriso sulle labbra) finalmente turnastivu! Aspettati ca pigghiu i tovaglie (Prende le tovaglie, li da a tutti, che si asciugano)

NINO

Mamma, ho fatto amicizia con angela e m’invitò ad andare a manciare nna spiaggia cu idda! Sugnu troppo contento oggi. Putemu ristare a dormiri a mare? Dai, per favore!

ENZA

A to patri l’ha diri, no a mia!

NINO

Nun c’è bisogno ca mi dici nenti, picchì nun po’ essiri! Pi stari a dormiri cca, ci vonnu tanti piccioli e per ora, nun po’ essiri! E poi, a manciari cu genti estranea, tu nun ci vai! (Nino fa i capricci) è inutili ca ti lamenti, nun po’ essiri!! Punto e basta. Stasera, ti pigghi un sacchetto di mare, e tu porti a casa, e tu curchi sutta u letto. Così, po’ diri ca durmisti a mare!

ROSETTA

(Mentre si asciuga) mamy, che si mangia? La nuotata, mi ha messo fame

ENZA

Ancora è presto pu pranzo. Ti pigghiu, un panettone. (Va a prendere dei panettoni, in cabina) Nino, ni vo? (Nino dice si. Enza porta i panettoni a Rosetta e Nino, che si mettono sulla sdraio) Mamà, u vo un panettone? (Peppa è col sorriso sulle labbra) mamà? …ma chi hai? Dunni ci l’hai a testa? Zio, ma chi havi me matri?

ZIO TOTO’

Boh! da quannu vinni a pigghialla, fino ora ca turnamu, ha stato assettata nna riva du mari, cu l’acqua ca ci sbattiva, in mezzu li jammi (Peppa, fa un sospiro di piacere)

PETRU

(Ironico) Po’ essiri ca, a forza di trasiri acqua, si allagò a membrana cardioparaculogia? (Enza gli da uno schiaffo dietro la nuca) Ahi!

ENZA

Mamà, ma chi hai? Ti senti bona?

PEPPA

(con piacere) Bona, bona mi sentu figghia mia! Cu l’acqua du mari, mi vinni a salamoia nno Fiorello e, mi fici turnari giovane quannu cu to patri, mi faciva u bidello. (Sospiri di passione)

ZIO TOTO’

Se, a so soru! …Enza, ci lu vo diri a to matri, ca evita di dire così? Si lu sente u bidello, pensa mali!(Enza fa segnale allo zio, di compatirla per problemi di testa)

PEPPA

(Si siede a terra) Enza, assettati cu mia, ti spiego la mia emozione. (Enza si siede a terra affianco di Peppa, entrambe divaricano gambe) quannu l’acqua mi sbattiva nel Fiorello, mi faciva ricurdari to patri, quannu m’impollinava! È talmente vivo ‘stu ricordo, ca lu sento dintra l’occhi e dintra u…

ENZA

(Tappa la bocca a Peppa) u capivu! Fammi vidiri l’emozione, e nun mettere i puntini, supra la i!

PEPPA

( mima l’acqua che sulla riva si ritrae e poi con foga, sbatte su di essa e ansima ) fallu puru tu, Enza! (Enza per diverse volte, asseconda la madre mimando lo stesso gesto. Poi, si alza di scatto, notando che tutti le guardano)

ENZA

(L’alza da terra) ora basta mamà! Se no, chi troppi ricordi, diventi ciecata! (La sistema sulla sdraio) ora, dormi! Ti chiamo quannu è ura di manciari!

PEPPA

Nun mi chiamari troppo tardi, ca me fari u bagnino!

ENZA

Nun ti bastà l’acqua du mare, puru u bagnino? Dormi per ora, poi si vidi! (Le mette gli occhiali neri. Pietro ride) chi hai da ridiri tu?

PETRU

Stava pinsannu, quannu diventi comu to matri, pi fariti pruvari emozioni forti, ti vegniu a jettu a mare e poi, pu due novembre, ti porto i fiori! (Ride. Enza gli da uno schiaffo)

PETRU

(Si fa male) Ahi! (Adirato) vidi ca tu, l’ha finiri di ogni cosa ca dico, mi dai sempri manate, darreri a testa! Appena lu fai di novu, ti dugniu un pugnu ca t’impiccico nne scogli e ti fazzu divintari, a gioconda scoglionata!

ENZA

Pigghi e t’insigni a purtarimi rispetto! Sempri cu ‘stu scherzo cretino!

ZIO TOTO’

Amunì, finitila! Pariti dui picciriddi! Sempri chi vi litigati pi fissarie! Basta!

PETRU

Zio, poco fa, c’era un’americana spiaggiata. ‘Sta bufala, talmente è forte, mi dava ‘na manacciata a mia, e di lu forte eco, ci faciva male puru a da ragazza

ZIO TOTO’

Aspetta, chi vo diri? Nun la capivo ‘sta cosa! Ti dava schiaffi a tia, e si faciva male puru idda?

ENZA

Zio, nun cridiri a ‘stu bisonte depilato! Nun è vero chiddu ca dici!

PETRU

Nun è vero? Zio, ora ti spiego! Idda, mi dava schiaffi dietro la testata, io giustamente, mi faciva male e gridava, Ahi! La signorina, si faciva male, mi guardava, mi salutava e diceva puru, ahi! (Lo zio si mette a ridere)

ROSETTA

che sei ignorante papy! In inglese, HI, significa ciao! No, ahi, di dolore! (Pietro meravigliato e imbarazzato, resta silenzioso. Poi, va dalla moglie, lo invita a colpirlo, che lo accontenta. Grida dal dolore “ Ahi” però, saluta Enza che lo ricolpisce ripetutamente e Pietro saluta, tutti ridono)

ZIO TOTO’

Marito e mugghieri, potreste sfruttare a vostra comicità, pi fare teatro brillante! Almeno, fati svagari e fati ridiri li genti!

PETRU

Zio, cu me mugghieri, u teatro u facemu da matina a sira e c’è di chianciri!

ENZA

Inveci cu tia, c’è di ridiri. Nino, raccontaci o zio, quannu l’avutru jornu u papà, pigghiò a corrente!

NINO

(Felice, scende dalla sdraio) chistu è me patri: (Fa voce grossa) “ vuatri siti tutti cretini, a cambio io a lampadina!” (Mima il gesto di cambiare una lampadina, sul lampadario) allunga i manu pi cambiare a lampadina e…(fa il gesto di chi prende la corrente e trema tutto. tutti ridono) zio, i capiddi ci divintaru tutti tisi tisi e fumavano! (Ride. Pietro fa una smorfia a Nino. Da fuori scena, parte la musica dei Calandra e Calandra, “Sicilianu tipo stranu”, entra il venditore ambulante di colore, con vestiti cambiati, per non sembrare lo stesso di prima. sorridente che balla, con radio in spalla e una borsa ghiaccio coi gelati, in mano. Nino, Rosetta scendono dalla sdraio e ballano. Lo zio, Enza e Pietro si scatenano. Peppa si alza, balla usando come asta, l’ombrellone. Da staccare a 1,30 min. Peppa, torna a dormire sulla sdraio)

VENDITORE

Ciao gugini! Vedere? Io, portare felicità! Io, amare musica siciliana! Questa terra de lo sole, de lo amore, de la passione de la…

PETRU

…disoccupazione!!!! (Venditore ride)

ROSETTA

Ma questi sono i Calandra e Calandra! Un famoso gruppo siciliano. Conosco tutti i loro pezzi. Sono bravissimi! Mamma, al prossimo concerto, t’invito a venire con me. Ti divertirai di sicuro!

ENZA

Ok, gioia! …A vidistivu a me matri, comu si scatenà. …mamà, tutto apposto? (Fa un ronfo) già dormi! E pinsari ca, quannu fa così, nun è sempri ca si droga!  

VENDITORE

Forza cugini! Volele gelato? Io avere coca cola, birra, the. Io avere di tutto! (Rosetta e Nino, si avvicinano al venditore e chiedono dei gelati)

PETRU

No gugino, nun vulemu nenti! vai in pace! (Rosetta e Nino, lo pregano di comprargli il gelato) E va bene, dai! Gelato pi tutti! Enza, zio, viniti a pigghiari u gelato. (Va in cabina a prendere portafogli)

ZIO TOTO’

Miracolo! Me niputi, sta spendendo soldi! Nun facemu, ca poi ti senti mali? (Ride e da una pacca sulla spalla a Pietro) Scherzo! Puru io, sugnu comico (Intanto tutti si prendono il loro gelato. Lo zio esce tre sedie dalla cabina per lui, Enza e Pietro che non hanno sdraio. I ragazzi, tornano sulla sdraio)

ENZA

Aspetta ca viu, si lu voli puru me matri! …(Va da Peppa) mamà (Peppa risponde con un mugugno) u vo u gelato? pigghiatillu, ti arrifrischi a vucca!

PEPPA

Si, pigghialu ca mi rifriscu a lingua(Enza prende un gelato e lo da a Peppa)

PETRU

(Ne prende uno per se) Enza, tienimi u gelato, ca pago. Allora, quanto pago?

VENDITORE

Allora, tu comprare (Conta i gelati che tutti hanno in mano) …sei gelati. Tu dare a me, otto euro!

PETRU

Quantu, otto euro? Io, pi otto euro, e fari una settimana di lavoro! (Venditore ride) se, tu ci ridi. Amunì, vidi di farmi u sconto. Nne gelati, ci sunnu i saldi?

VENDITORE

No mi spiace, amigo! Niente sconto! Tu dare a me, otto euro!

PETRU

Prima di vinniri semu cugini, ora ca te pagari, semu amici (Forzato) va bene, ti pago! (Sta per dare i soldi) aspetta! Ragazzi, sicuru ca è bonu u gelatu? Si nun è bonu, nun ci nni pago! (Tutti dicono si) Po’ essiri ca vi sbagliati. sicuru sicuru ca è bonu? (Tutti dicono si. Pietro ci resta male) io ti pago. Si poi, u me gelato mi fa male, voglio essere rimborsato. (Lo paga)

VENDITORE

Ok gugino. Soddisfatto o non rimborsato! (Ride. Controlla tasche) gugino, io non avere resto! Senti cosa fare. ( Gli da un altro gelato) tenere questo altro gelato e siamo in pace. Va bene?

PETRU

Ma quali pace! Io fazzu a guerra. Tu, ma dari u resto! Cu due euro, ci mancio due jorna! (Continua a lamentarsi. Enza, gli ficca il suo gelato in bocca)

VENDITORE

Dai gugino, non fare l’incazzuluto! Tu essere bravo. Tu mangiare gelato, io campare famiglia. Ciao gugino! (Riparte con la musica, il ritornello de “Sicilianu tipu stranu”. venditore sorridente balla e si allontana, lentamente. Peppa, torna a ballare come una matta, seguita da Nino e Rosetta. Pietro resta immobile col gelato in bocca, ed uno in mano. Esce venditore e Peppa, torna nella sdraio)

ZIO TOTO’

(Va da Pietro, molto sconsolato) Nun ci pinsari cchiù! Pensa a saluti! Minchiuni, ma vero tirchio sei! Ti pari ca, quannu mori, ti porti dappresso i piccioli? tutti cosi nna sta terra, lassamu! Futtitinni e manciati u gelato

ENZA

Manciati u gelato, pidocchioso! Nna vita, ci voli di tutto! è giusto nun spenniri tanti soldi, ma, tinirisi privi di un gelato, no!

PETRU

Prima di tutto, pidocchioso nun ci sugnu, picchì u bagno mi lu fici, ‘na settimana fa! E poi, pi tia è facili diri così, picchì tu i soldi, nun li hai mai sudati! A tia, ti hannu a dari biutifulle, cento latrine, c’è supposta per te.

ZIO TOTO’

Ora basta! Vinnimu a mari, pi rilassarinni, no pi sentiri sempri lamentele! Manciamu u gelatu e, rilassiamoci! (Tutti mangiano il gelato in silenzio. Da fuori scena in lontananza, si sente il pianto di una bimba che attira l’attenzione di tutti)  

VOCE DI BIMBA FUORI SCENA

(Piange con strazio) Mamma, dove sei? Mamma…mammina!

ENZA

A sintiti ‘sta vuci? Mi pari, chidda di ‘na picciridda! (Si alza, va a sinistra del palco, esce e rientra con una bimba, che piange) veni gioia! Che hai?

NINO

(tutti vanno dalla piccola a darle il proprio sostegno) Angela! Perché piangi? Mamma, è lei la bambina che mi voleva invitare a mangiare! Che hai?

PETRU

Rosetta, pigghia un bicchiere d’acqua, e ci lu dai a picciridda, così si calma! Senti piccolina, non piangere! Sei tra amici, stai tranquilla!

ENZA

Ti conosci con Nino? (La piccola annuisce) avete giocato in spiaggia? (La piccola annuisce) non piangere, sei in buone mani (Rosetta arriva e le da l’acqua, che la rifiuta) bevi e non piangere.

ANGELA

(Bambina di 6 anni. Con costume. Parla piangendo col singhiozzo) la mamma mi ha detto, che non devo accettare niente dagli estranei!

ENZA

La mamma ha ragione! E fai bene ad ascoltarla. Io, sono la mamma di Nino. Stai tranquilla, bevi un po’ d’acqua, così non piangi più!

ANGELA

(Piange con singhiozzo) ma io voglio la mia mamma! Dov’è la mamma?

ENZA

(l’abbraccia) gioia mia, non piangere! Ora la troviamo la tua mamma!

ROSETTA

Vado dal bagnino e dico che abbiamo trovato una bambina che si è persa!

ZIO TOTO’

Vengo con te, Rosetta! Enza, nun la lassari a nuddu a picciridda, ora torniamo!

ENZA

Nun ti preoccupari. Vai! … lo sai che sei una bella bimba? Che begli occhi! Che bei capelli. Sei nica e duci(L’accarezza, tenendola stretta e abbracciata)

PETRU

Senti Angela. Fai bene a non prendere nulla dagli estranei. Però, mi lasci contento? (Le porge il gelato) prenditi questo gelatino! (La bimba dice no con testa) l’ho comprato per te. Sapevo che dovevi venire da noi e l’ho comprato per te! (Angela si ostina) se non lo prendi (Fa il bambinone che piange) mi viene da piangere! (Angela ride)

NINO

Prendilo Angela, è buono!

ENZA

Lassatila stari a picciridda! Si nun ni voli, senza insistere!

PETRU

(Piange come un bimbo) no no, Angela se lo deve pigliare, se no, mi pisciolio con le lacrime! (Angela ride) visto che non lo vuoi, lo mangio io! (Lo sta per scartare e, Angela lo prende col sorriso. Pietro fa il bimbo e piange) non è giusto, è mio!

ENZA

(Angela ride) hai visto che scemo mio marito? Petru, chista è a prima volta, che sono fiera di avere un marito cretino comu tia. Facisti ridiri a picciridda! (Le apre il gelato) ora, puoi mangiarlo. Non avere pura, sei in famiglia qua!

(Angela mangia il gelato)

ZIO TOTO’

(Entra con Rosetta) apposto! Parlamu cu bagnino e ci dissimu …(Peppa balza in aria, sulla sdraio)

PEPPA

U bagnino? Enza, ura di farimillu è?

ENZA

Ancora no. dormi! (Si riposiziona a dormire) E allura, chi vi dissi?

ZIO TOTO’

Ni dissi, ca fa u giro da spiaggia, appena trova a matri da picciridda, veni cca. Si calmà a picciridda? Ti piace il gelato? (Angela annuisce) Petru, non tutti i mali vengono per nuocere, u vidisti? Tuttu è destino nella vita!

ROSETTA

Quanti anni hai?

ANGELA

Ho 6 anni! Li ho compiuti un mese fa! Vado in prima elementare.

NINO

Io ho 8 anni e vado in terza elementare. Angela, visto che sei qua, mangi con noi? Mamma, amunì, a fai manciari cu nuatri ad Angela?

ENZA

Prima, risolvemu u fattu di truvari a mamma di angela, e poi si vede. Anche angela, oggi è nostra ospite! Vero? (Angela, non fa nessun gesto)

VENDITORE DI PANNOCCHIE

(Entra con una cesta e vende le sue pannocchie. Si esprime con poesia) signori e signore, io mi presento. Sono il re de pollanche e, me ne vanto. Con la mia rima vi voglio invitare, a mangiare a me pollanca e, farmi campare!... Silvio Berlusconi, se assaggi a me pollanca, vinci le votazioni. Maurizio Zamparini, manciati a me pollanca, e ne avrai i sacchetti chini. Stefania Sandrelli, comprati a me pollanca, e farai film più belli. Francesco Totti, se ti manci a me pollanca, a letto con Ilary, farai i botti. Ilary di Blasi, ca me pollanca, nna dieta  ci trasi!  Signora col costume, si mancia a me pollanca, e a mare, non le viene il cacarone. Signore coi capelli bianchi, manciati a me pollanca, e a letto, soddisfi tutti quanti. Bambini che mi state ascoltando, fatevi comprare a pollanca, perché io, non sto campando!

PETRU

(Con stessa musicalità) signor venditore di pollanche, con la sua rima, (allude e fa gesto con mani, sulle parti basse) me li sta facennu tante! (Tutti ridono)

ZIO TOTO’

(Fa partire l’applauso) Complimenti! Mi hai convinto. pollanche pi tutti! (Ognuno prende la sua pannocchia. paga lo zio)

ENZA

(Da la pannocchia ad Angela che non la vuole) dai, mangiatela! È buona. Signor lei, ci la fa a rima, a picciridda? È triste perché si persi in spiaggia e, so matri la cerca.

VENDITORE DI PANNOCCHIE

Mia dolce Angelina, manciati a me pannocchia, e fra poco, troverai la tua mammina! (Angela ride) serve altro signori? Allora vado! Buongiorno a tutti (tutti salutano. Uscendo riprende con rima) signori e signore, io mi presento. Sono il re de pollanche e, me ne vanto. Con la mia rima vi voglio invitare, a mangiare a me pollanca e, farmi campare!...(Esce)

PETRU

(Ad Angela) ti piace la pannocchia? (Angela annuisce) brava a picciridda mia! Enza, chi purtasti di manciari? Mi sta vinennu fame.  

ENZA

Purtavu u manciari giustu giustu, pi uno spuntino. Purtavu: tri teglie di pasta al forno, dodici fette di cotolette panate. Cinqu chili di pane a legna. Dui chili di formaggio. Venti arancine. Una teglia di pizza. Due vassoi di dolci. Una cassata siciliana. Tre litri di cafè. Zio scusa, ma per ora, c’è carestia!

ZIO TOTO’

Minc…alla faccia da carestia! Avutru chi manciari giustu giustu. Cu chiddu chi purtasti tu, ci putemu manciari, tutta l’estate!

ENZA

Zio, al nord aviti a nebbia agli irti colli. Al sud, avemu u manciare supra a tavula. Comunque, oggi, la mia piccola Angela, mancia cu nuatri! È Vero? (Silenziosa e triste, mangia la sua pannocchia)

BAGNINO

(Entra con costume con scritta “Bagnino”) signori buongiorno! Ho trovato la madre della piccola. (Angela si drizza ad ascoltare) l’ho trattenuta nella mia postazione, per evitare altri disagi. Dai, datemi la piccola, la porto da lei  (Angela si alza per andare)

ENZA

Aspetta Angela! Signor bagnino, no pi nun aviri fiducia a lei…

PEPPA

(Si drizza e grida) cca sugnu! Pronta pi farmi u bagnino!  Mi lu vogghiu fari, cu tuttu u costume!

ENZA

(il bagnino si meraviglia) Dormi mamà! Quannu è ura, ti chiamo io! (Fa segnale al bagnino, che non le funziona la testa) ci stava dicennu…facissi veniri a mamma da picciridda, e gliela consegno io!

PEPPA

(Si avvicina al bagnino, si mette sottobraccio) Enza, visto che sei impegnata, ci vado cu iddu. Senta signor lei, a voli fare un po’ di beneficenza? Mi accompagna dietro i scogli, mi vogghiu fari u bagnino, con calma!

BAGNINO

Ma lei è pazza! Mi cuntentu andari all’inferno, ca fari beneficenza a lei! (Esce)

PEPPA

Lei è un cornuto chi corna! Invece di aiutarmi a fare u bagnino, mi rifiuta! Enza, ma chi nni pigghi di ‘stu curnutazzo cu costumato?

ENZA

Mamà, a finisci! Ora, ti ci accompagno io! Sdraiati nna seggia! (Peppa si sdraia) Pietro, pigghia ‘na tovaglia, e purtari a me matri, a mare! (Pietro entra in cabina. Lo zio è distratto. Entra Lina madre di Angela e sorella di Pietro accompagnata dal bagnino, che fugge subito dopo per paura di Peppa)

LINA

(È scossa) Angela, amore mio!

ANGELA

(Vede la madre, scappa dalle braccia di Enza e con braccia aperte, corre dalla madre. Lina e Angela piangono, si baciano e abbracciano, come se non si vedessero da anni) Mamma! Mammina mia…

ROSETTA

(Esclama) Zia Lina!

ENZA

(Molto sorpresa) Lina?

LINA

(Vede uscire lo zio totò. I loro sguardi, s’intrecciano) Zio Totò?

ZIO TOTO’

(Sorpreso) Lina? Ma tu sei…(Esce Pietro dalla cabina) Petru guarda chi c’è, tua sorella Lina! (Pietro è sorpreso nel vedere la sorella. Anche Lina lo è. Per un attimo, cala il silenzio in scena. Tutti evitano d’incrociare gli sguardi, tenendoli bassi)

LINA

(Si abbassa per parlare ad Angela) ti avevo detto di non allontanarti! Mi hai fatto prendere un brutto colpo! Ti poteva succedere di tutto. (l’abbraccia)

ANGELA

(Dispiaciuta) Scusa mamma! …Sai, mi sono trovata bene con questi signori. Mi hanno trattato molto bene! (Indica col dito verso Pietro) quel signore, per non farmi piangere, mi ha fatto ridere e mi ha regalato un gelato! La signora, mi ha abbracciato. e poi, ho conosciuto Nino. Abbiamo giocato in spiaggia.

LINA

Nino, che sei fatto grande. Quanto tempo… (Molto dispiaciuta, è commossa nello stesso tempo) non ci sono parole per dirvi, quanto vi sono grata che…vi siete presi cura della mia bambina, pur non sapendo che fosse mia. Io…vi dico grazie di vero cuore! Senza di lei (Stringe a se Angela) la mia vita, non avrebbe senso! Grazie a tutti! (Abbassa la testa) scusate il disturbo…(Sta per uscire, nel silenzio più assoluto)

ZIO TOTO’

Lina aspetta! Ma dove vai? Vuoi rovinare questo bel momento? non è un caso, ca io vinni du nord e purtavu a mare a tuo fratello Pietro. Nun è un caso ca giustu giustu to figghia si persi. Nun è un caso, ca fra tanta gente, la truvamu nuatri. Nun è un caso che tua cognata Enza, nun ci detti a picciridda o bagnino, ma vosi consegnartela a tia, pur non sapendo che eri tu! Non è niente al caso. Il caso più grande, sapiti qual è? …Chista è volontà di DIO! Dio, ha disegnato la nostra storia. Sta a noi, colorarla coi colori dell’amore! Petru, Lia dovete scordare il passato. Siete fratello e sorella!

PETRU

(Adirato) Zio, rispetto tuttu chiddo ca dicisti, ma io u passato nun lu pozzu scurdari! sugnu felice che, Angela ritrovò sua madre, ma sugnu troppo ferito, pi nun ci pinsari cchiù o passato! Io, nun mi lu miritavu, di me soru! E idda, lu sapi, quantu l’haju sempri vuluta bene!

 

ENZA

Petru! U passato è passato! I soldi, nun fanno la felicità. Perdona to soru. tutti putemu sbagliari! Lia, puru io haju statu arrabbiata cu tia, pi tuttu chiddu ca successi. Si dice, perdona che sarai perdonato!

ZIO TOTO’

Brava Enza! (Cerca di calmare Pietro, confortandolo) Dai Petru, sai ca ti vogghiu bene. Io vogghiu bene a tutti, uno per uno! (le fa una carezza sulla testa) Oggi, nno me cori, è entrata anche Angelina!

LINA

Zio, mio fratello ha ragione ad odiarmi. Anche se sono stata costretta a fare ciò che ho fatto, ho sbagliato lo stesso!

PETRU

Costretta? A firma nno contrato è tua, no mia! Quindi, nun fusti costretta, ma fusti consapevole! Lassamu stari i soldi, ti nni fregasti di mia, comu frati!

LIA

(Con tristezza) Si, è vero. La firma è mia. Come tutti sapete, il fidanzamento tra me e Luca, è stato voluto dai genitori, perché credevano che fosse il ragazzo giusto per me. lui, aveva il vizio del gioco, e bevevo, e non lavorava. Spesso si ritirava ubriaco e mi picchiava. Ogni sera mi diceva, che dovevamo vendere il villino dei miei, ma io non volevo! Un bel giorno, scoprii di aspettare questo angelo (Accarezza Angela) quando tornò, glielo dissi felice, ma lui ubriaco, mi picchiò. Spesso, mi diceva di vendere il villino, ma io rifiutavo sempre. Questa storia durò per giorni. Una sera, per paura che mi picchiasse e di perdere la bambina, mi convinsi e accettai di venderlo. Quando gli dissi che te ne avrei parlato per vedere cosa ne pensavi, mi minacciò con un coltello, dicendomi che mi avrebbe uccisa se, ti avessi avvisato. L’indomani, andammo dal notaio, io firmai. Da subito, la casa fu venduta. Lui intascò i soldi e mi lasciò. Dopo giorni, scoprii che mi tradiva da tempo. soffrivo, quando incrociavo il tuo sguardo per strada, anche a distanza. Mi sentivo tanto in colpa! Per questo, andai via dal paese. Da sei anni, vivo in una misera casa affittata col mio angelo. Non ha caso, l’ho chiamata, Angela! Per vivere, lavo scale. (Con voce tremante dalle lacrime) Per quello che può servire Pietro, …ti chiedo perdono! ( silenzio. Pietro commosso non risponde. Dopo qualche secondo, Angela spezza il silenzio)

ANGELA

Mamma, è un estraneo questo signore?

LINA

(con dolcezza, asciuga le lacrime) No amore!  … è tuo zio Pietro. lui è fratello di mamma. E la signora che ti ha abbracciato, è la zia Enza!

ANGELA

(Corre e abbraccia Pietro che la prende in braccio. Enza le si avvicina e l’abbraccia. Angela è felice e li bacia) io me li sentivo che voi non eravate degli estranei, per questo ho mangiato il gelato!  

NINO

(Nino e Rosetta, si avvicinano ad Angela che sta in braccio a Pietro. Anche lo zio, si avvicina alla famiglia. Resta distante dal gruppo, Lia) Angela, io e mia sorella Rosetta, siamo i tuoi cugini!

ANGELA

(Alza le braccia ed esclama con gioia) Sono felice, ho due cuginetti!

ZIO TOTO’

Chistu si, ch’è un bellissimo quadro di famiglia! Chista è l’opera di DIO!!!!

PETRU

L’orgoglio è una brutta malattia invisibile, ca infuoca l’anima e brucia a vita. Oggi, nun è un caso ca io, ca haju paura di l’acqua, mi trovo cca. Nun è un caso, ca a picciridda, a truvamu nuatri. Nun è un caso, ca ni ritruvamu a guardarinni nna faccia nna spiaggia, dopo anni. Nun sei tu ca vinisti ne mia. Ne io, vinni a circari a tia! Ma è stato DIO, ca vinni a circari a nuatri! Il Signore, ni vinni a circari, pi ricordarinni ca sia tu, che io siamo peccatori! però, DIO, oggi ci ha amati! A mia, personalmente mi fici capire, tante cose. Oggi, ho capito DIO è amore. Con lo stesso amore cara Lia, ti dico…Ti voglio bene!!!

LIA

Anche io ti voglio bene, Pietro! (Si riabbracciano tutti e sono felici)

NINO

Papà, visto ca semu tutti contenti e c’è puru a zia, dumani putemu passare un’altra giornata al mare?

NINO

Ma si pazzo? Ci vonnu tanti soldi, pi veniri al mare! e poi, io, u cammello nun lu fazzu cchiù! Mi dispiace, ma pi quest’anno, u mare finiu!

ZIO TOTO’

Ma quale finiu! U bello, ancora deve iniziare!! Per il piacere di stare tutt’insieme, l’affitto io, na casa al mare!

PETRU

L’affitti tu? (Lo zio dice si) tutto pagato tuo? (Lo zio dice si) ascoltatemi bene, cara mia famiglia, con immenso piacere, vi dico che passeremo a ridere e scherzare…un’estate al mare…(Con gioia) tantu paga u ziu!! ( parte il ritornello “un’estate al mare” per omaggiare Giuni Russo. Tutti ballano e fanno gioia. Cala sipario)

Fine

www.giovanniallotta.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno