Un’insolita festa di Halloween

Stampa questo copione

 

         UN’INSOLITA  FESTA  DI  HALLOWEEN

                                      (TEATRO  PER  RAGAZZI)

                                    ATTO  UNICO

                                                              DI

                                                  CLAUDIO  GIOVA

COPYRIGHT  2010

TUTTI  I  DIRITTI  RISERVATI

Stesura:  Roma,  gennaio – febbraio  2010

SINOSSI:  La storia è ambientata all’uscita di scuola, nella prima parte e in seguito,  a casa di una delle alunne.

 Durante la festa di Halloween, succede qualcosa di insolito.

PERSONAGGI:

ALESSANDRA  (Martina):             GONNA  BIANCA    E   MAGLIETTA    VERDE CHIARO, PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

SARA                 (Alice)                   GONNA BIANCA     E   MAGLIETTA    ARANCIONE,       PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

PAOLA                 (Daria)                GONNA  BIANCA      E    MAGLIETTA     FUXIA,             PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

MARTA                (Giorgia)            GONNA BIANCA        E     MAGLIETTA    GRIGIA,           PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

ANDREA              (Francesco)        JEANS -     MAGLIA  ROSSA,   PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

MICKY                  (Diego)               JEANS  –   MAGLIA  VERDE,   PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

MARCO                (Gianluca B.)     JEANS  -    MAGLIA  NERA,     PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

GIORGIO              (Alessandro)      JEANS -    MAGLIA  GRIGIA,   PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

MAX                      (Riccardo)          JEANS -     MAGLIA  BIANCA, PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

CARLO                   (Gabriele )         JEANS  -    MAGLIA  VIOLA,   PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

DEBORA                    (Erica)             GONNA    BIANCA    E    MAGLIETTA    CELESTE,  PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

ROBERTO              (Gianluca  P.)    JEANS  –  MAGLIA    BLU,  PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

STEFANO               (Manuel)            JEANS  –  MAGLIA    AMARANTO,  PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

DANIELE                 (Lorenzo)           JEANS  –  MAGLIA    GIALLA,  PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

ELEONORA            (Nicole)               GONNA   BIANCA    E    MAGLIETTA    ROSSA , PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;                                 

CLAUDIA                 (Ginevra)           GONNA   BIANCA    E    MAGLIETTA    LILLA,     PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

ELENA                      (Arianna)           GONNA   BIANCA    E  MAGLIETTA    COLOR  SABBIA , PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

FRANCESCA            (Danli)                GONNA   BIANCA    E     MAGLIETTA   ROSA,  PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;    

DANIELA                  (Flaminia)         GONNA   BIANCA    E     MAGLIETTA   GIALLA , PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;  

MATTEO                  (Federico)          JEANS  – MAGLIA  CELESTE,  PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

ANNA                       (Alessandra)      GONNA   BIANCA     E     MAGLIETTA   VERDE, PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

CARLOTTA                (Michela)          GONNA    BIANCA      E     MAGLIETTA   AVORIO, PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN;

SIMONE                    (Riccardo  M.)   JEANS  –  MAGLIA  MARRONE, PIU’  VESTITO  DI  HALLOWEEN.

                                                       SCENA   1 

                                   ALESSANDRA   (Martina),   SARA  (Alice),   PAOLA   (Daria) ,  MARTA   (Giorgia)       

MUSICA

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

ALESSANDRA:       Stasera venite a casa  mia, faccio una festa per Halloween?

SARA:                    Certo che ci veniamo!  Ci  divertiremo  da  matte!

PAOLA:                   Alessandra, verso che ora possiamo venire?

ALESSANDRA:        Va bene alle sei e mezza, che dite?

MARTA:                 Per me va bene!

PAOLA:                   Anche per me!

SARA:                       Anche per me va benissimo!

ALESSANDRA:         Ehi, ragazze, stanotte ho fatto un sogno davvero assurdo!

                                         Ho  sognato che la prof. di italiano doveva interrogare in storia!

                                         Ha chiamato Sara e Mario alla  lavagna!...

                                      Mario ha iniziato a parlare dell’invenzione della stampa “ John Gutemberg,

                                      un orefice… Sara, improvvisamente, ha gridato “aaaah”

                                      E la prof:  “ Sara, ma che fai, come ti sei permessa? “… 

                                      “ Mi scusi, posso uscire? “  Ha risposto Sara! 

                                       E io: “ Posso  accompagnarla per aiutarla a calmarsi? “

                                       “ Vai,  però sbrigatevi, devo interrogare anche lei “  Ha detto la  prof. 

SARA:                        Poi, in bagno, Alessandra mi ha chiesto “ Sara, perché prima hai gridato? “

                                  “ Ki-ki-killer!  Prof pi-pi-pistola! “  Le ho risposto!

                                   La prof.  di  italiano  è  un killer, ho visto la pistola nella sua borsa!

ALESSANDRA:             Ma come fai a saperlo?

SARA:                           Semplice! Perché  ho  fatto lo stesso sogno!

IMPROVVISAMENTE  SQUILLA  IL  CELLULARE  DI  MARTA.

MARTA:                          (Risponde)

                                            Pronto, chi parla?... Come?... 

                                             Devo andare in America  per fare un provino di hip.hop?

                                             Alla  Juliard, la scuola più prestigiosa del mondo?

                                         E pagheranno  loro il mio viaggio? Grazie, grazie!  (Chiude la telefonata)

TUTTE:                                 Whaaaaaw!!!   (Abbracciano  Marta)

PAOLA:                              Marta, è una notizia meravigliosa, è la tua grande occasione!...

MARTA:                              E’ il mio più grande desiderio!

PAOLA:                                   A proposito, voglio raccontarvi anche il mio sogno!...

                                                Eravamo  in una foresta!...

                                           “ Seguitemi, conosco questa foresta come le mie tasche! “ …

SARA:                                     (Continuando a raccontare  il sogno di Paola)

                                                “ Fermiamoci un attimo, non ne posso più, sono stanchissima! “

MARTA:                               (Guardandosi intorno e continuando a raccontare  il sogno di Paola)

                                             “ Ragazze, li abbiamo seminati, non c’è più  alcun pericolo! “

ALESSANDRA:                      (Continuando anche lei a raccontare  il sogno di Paola)

                                            “ Paola, allora? Dove possiamo trovare la rana di cui ci hai parlato? “

PAOLA:                               “ Tranquille! Continuate a seguirmi, conosco io la strada! “…

DOPO  UN PO’…..

PAOLA:                                 “ Eccola lì! “

ALESSANDRA:                          “  E’  lei?  Sei sicura?  “

PAOLA:                                      “ Sicurissima! 

                                                    Lei ci indicherà la strada di casa!

                                                E ci darà anche tutte le informazioni utili per farci capire lo strano

                                                     comportamento dei professori!

SARA:                                     “ In un istante, la rana,  ci ha indicato esattamente il percorso   

                                                    per  ritrovare  la   strada  di  casa,   poi,   ci   ha   spiegato   che

                                                    Halloween  risveglia  il  lato  oscuro dei professori!...

                                                Per  questo  motivo,   la  prof.   di   italiano  si   è   trasformata 

                                                     in un serial-killer! “

MARTA:                                   “ Corriamooo, sta arrivando qualcunoooo! “

                                                  A quel punto mi sono svegliata!

SARA:                                        Anche io!

PAOLA:                                      Anche io!

ALESSANDRA:                           Anche io, ragazze!...

                                                  Ma com’è possibile che abbiamo fatto lo stesso sogno?

SARA:                                        E’  vero, è proprio  una  cosa strana!

                                                  Dovremmo trovare qualcuno che sappia spiegarci

                                                  questo strano fenomeno!....

ESCONO   TUTTE   TRANNE    PAOLA.

                                 

                                                                                      SCENA   2

                                                  ANDREA   (Francesco),   PAOLA   (Daria) ,  MICKY  (Diego)        

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

ANDREA:      (A Paola)

                       Scusa?  Mi sai dire che ore sono?

PAOLA:          Le cinque meno un quarto!

ANDREA:       Grazie!  Non vedo l’ ora di tornare a casa!   

                        Come ti chiami?

PAOLA:          Paola!

ANDREA:       Io sono Andrea!

MICKY:           Io Micky!

PAOLA:          Piacere!... Ma voi siete della seconda H ?

MICKY:           Sì!  E tu stai in seconda B, vero?

PAOLA:         Sì!

ANDREA:        Ci siamo sempre intravisti, ma fino ad ora non era mai capitata l’occasione

                         di conoscerci!

PAOLA:            Lo so, andiamo sempre di fretta!?

MICKY:             Stai tornando a casa?

PAOLA:             Sì!

MICKY:              Dove abiti, lontano?

PAOLA:              No, qui a Monteverde!

ANDREA:           Allora prendiamo lo stesso autobus?

PAOLA:              Credo proprio di sì!

MICKY:              Ti piace il cinema?

PAOLA:                Da morire!  C’è un film che vorrei tanto  rivedere!

ANDREA:              Davvero?  Quale?

PAOLA:                  Pretty Woman!  Una storia d’amore molto particolare!

MICKY:                   Al cinema Universal danno tutti i film di qualche anno fa, se vuoi m’informo

                                e andiamo a vederlo !?

PAOLA:                  Con piacere!

                                Lo dico anche alla mia amica del cuore!

ANDREA:               Perfetto, così ci andiamo tutti e quattro insieme!

MICKY:                    Ehi, ragazzi, corriamo, arriva l’autobus!

ANDREA:                 Finalmente!

VANNO  VIA  DI  CORSA.

                                                                                      SCENA   3

                                                MARCO (Gianluca B.),   GIORGIO (Alessandro) ,  MAX  (Riccardo)       

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

MARCO:   E’ stato un derby straordinario!

GIORGIO: E  il goal stupendo  di  Cassetti?... Ne vogliamo  parlare?

MAX:         Sì,  però  quel  rigore  dovevano  darcelo!

GIORGIO:  Quell’arbitro fa sempre così!

MAX:          E’  vero!  Secondo me ce l’ha con la Roma!

GIORGIO:  Hai ragione, sarà della  Lazio!

MAX:          Sicuramente!

GIORGIO:  Comunque,  è  stata  lo  stesso  una gran  partita!

MARCO:    Io  mi  sono  divertito  tantissimo!...

GIORGIO:  Se  non fosse  stato  per quella rissa!...

MAX:          E’ vero!  Ma  poi, non  capisco  il perché  di  tutta  questa  violenza!

GIORGIO:  La  gente  è  arrabbiata perché  è infelice!

MARCO:    Hai  ragione!  E  scarica sugli altri le proprie frustrazioni!

GIORGIO:  Comunque,  non vedo l’ora di ritornare allo stadio!

MAX:          A  chi  lo  dici?

GIORGIO:  A te!  (Ironico)

MAX:         Davvero, mica l’avevo capito!  (Sarcastico)

                  Piuttosto, qual è la prossima partita che vogliamo vedere?

MARCO:   Io direi  che potremmo andare a vedere  Roma – Milan!

MAX:         Ottima idèa, Marco!

MARCO:    Però dobbiamo cercare subito i biglietti,  già ci sarà una fila pazzesca!

MAX:          Non vi preoccupate, domani glielo dico a mio padre!

GIORGIO:   Perfetto, Max!

MARCO:     Andiamo ragazzi , che si è fatto tardissimo!

GIORGIO:   E’ vero, devo scappare subito  a casa! 

                     Ho dimenticato  che devo accompagnare mio fratello a calcetto!

MAX:           Ma dove ce l’hai la testa, Giorgio?  Ti  dimentichi sempre qualcosa!

MARCO:      Un  giorno di questi si dimenticherà anche la testa!

GIORGIO:    Senti chi ha parlato!

VANNO  VIA  A  PASSO  SPEDITO.

                                                                                       SCENA   4

                                                 CARLO  (Gabriele ),   DEBORA (Erica ) ,  ROBERTO (Gianluca P.)       

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

CARLO:         Debora, lo sai che è uscito  il  nuovo  cd  di Laura  Pausini?

DEBORA:        Davvero?  Bello!  Voglio comprarlo subito!

CARLO:            Se  vuoi  possiamo  andarci  insieme domani pomeriggio all’uscita di scuola?

DEBORA:         Affare  fatto!... Ma…la mia  borsa?... Non c’è più, è sparita!?

CARLO:            Come sarebbe  “ è sparita “? Sei sicura?

DEBORA:         Certo, sono sicurissima!  Ce l’avevo sulla spalla!

CARLO:             Aspetta un attimo, forse è stato quel ragazzo a rubartela!

DEBORA:          Dici?

CARLO:              Ne sono  sicuro! Ce solo lui qui!....

                            Stai tranquilla, ci penso io!              (Si avvicina a Roberto e lo afferra)

ROBERTO:         Ehi, ma sei impazzito? Che vuoi?

CARLO:               Tira fuori la borsa!

ROBERTO:          Di quale borsa parli?

CARLO:                Lo sai benissimo!

ROBERTO:           Ma che dici?  Lasciami, mi fai male!

CARLO:                Ti do’ un cazzotto talmente violento che trasformo la tua faccia in un hamburger!

ROBERTO:           Non mi piace  la carne!    (Ironico, ma spaventato)

CARLO:                Ah, facciamo anche gli spiritosi?!   ( Sta per dargli un pugno)

ROBERTO:          Aaaaaaaaaaaaah!

DEBORA:            Fermati Carlo, l’ho trovata!

CARLO:                Come “  l’hai  trovata “ ?

DEBORA:             Sì, l’avevo messa nello zainetto e  non  me  lo ricordavo più!

ROBERTO:           (A Carlo)

                           Hai visto, che ti dicevo?

CARLO:                 Scusa, mi dispiace!

                              Debora, però cerca di stare più attenta, stavo per picchiarlo ingiustamente!

DEBORA:              Perdonatemi!     (Poi, a Roberto)

                            Comunque,  io sono Debora e lui è Carlo!

ROBERTO:            Piacere, io mi chiamo Roberto!

DEBORA:              Senti, ti va di venire con noi ad una festa?

ROBERTO:            Che festa?

DEBORA:               Una festa per Halloween, a casa di una nostra compagna di classe!

ROBERTO:             Certo che ci vengo, mi fa davvero piacere!

DEBORA:               Okay, allora facciamo così, ci vediamo alle sei davanti alla fermata dell’autobus!

ROBERTO:             Quale fermata?

DEBORA:                Quella laggiù! Lei abita proprio da quelle parti!

ROBERTO:              Okay!

DEBORA:                Allora, a più tardi!

ROBERTO:              Ciao!

DEBORA:                 Ciao, ciao!

CARLO:                    Scusami ancora per prima!

ROBERTO:               Figurati, l’ho già dimenticato!  

                                  A più tardi!                   (Va via)

DEBORA:                 ( A Carlo)

                                  Io aspetto Eleonora!

                               Le devo dire un attimo delle cose!

CARLO:                   Okay, allora  ci vediamo dopo!                       

DEBORA:                  Ciao, ciao!

CARLO:                     E  attenta alla borsa, mi raccomando!  (Ironico)

DEBORA:                   Che fai, prendi in giro?

CARLO:                      Per carità!   (Ironico)

DEBORA:                   Sparisci, prima che te la tiro!

CARLO:                       Che paura!   (Ironico,  andando  via)

DEBORA  RESTA  IN  UN  ANGOLO  AD  ASPETTARE  ELEONORA.

                                                                                       SCENA   5

                                                                  STEFANO ( Manuel ),   DANIELE ( Lorenzo )       

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

IN  UN  ANGOLO  C’ E’  DEBORA.

DANIELE:   Stefano, andiamo a prendere qualcosa al bar nella piazza?

STEFANO:  Mi hai letto nel pensiero,  stavo per dirtelo io!

DANIELE:    Davvero?

STEFANO:   Verissimo!..  E sai di cosa  ho voglia?

DANIELE:    Di cosa?

STEFANO:   Di un bel gelato cioccolato, nocciola  e panna!

DANIELE:     Io ho una sete tremenda, voglio scolarmi di litri di coca-cola!

STEFANO:    Però facciamo presto, che alle cinque e mezza  devo andare

                      dal dottore con mia madre!

DANIELE:      Perché, che cos’hai?

STEFANO:     Ma no, niente di grave!

                       Ho sempre questi mal di testa!...

                       Devo  semplicemente farmi una visita oculistica!

DANIELE:       Speriamo bene!

STEFANO:      Puoi dirlo forte!

DANIELE:       (Gridando)

                     Speriamo  beneeeee!

STEFANO:      Ma che ti gridi?

DANIELE:       Sei tu che hai detto di dirlo forte!

STEFANO:      Ma per piacere!

DANIELE:     E sto scherzando!

STEFANO:    Lo spero per te!

DANIELE:      Ma allora non vieni alla festa?

STEFANO:     Certo che vengo!  Non potrei  mancare per niente al mondo!

                       Arriverò solo un po’ più tardi!

DANIELE:       Meno male!

                     Lo  sai che senza la tua presenza non mi diverto!

STEFANO:      Lo so, lo so!...

                     Senza di me,  ti senti smarrito!

DANIELE:        Non esageriamo!  “Smarrito” è una parola grande!

STEFANO:       E  ammettilo, non essere orgoglioso!

                      Senza di me,  ti senti totalmente un pesce fuor d’acqua!?

DANIELE:        Come no!? … Andiamo al bar, ch’è meglio!

STEFANO:       Andiamo,  andiamo,  altrimenti ti faccio cadere in una crisi profonda!

DANIELE:        Cammina, vai!   

VANNO  VIA.

DEBORA,  INTANTO,  HA  OSSERVATO  LA SCENA  DIVERTITA.

                                                                                       SCENA   6

                                                                  DEBORA (Erica ) ,  ELEONORA  ( Nicole)

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

ARRIVA  ELEONORA.

ELEONORA:  Ehi, meno male che ci sei, pensavo che te ne fossi andata!

                     Hai visto la prof.  di italiano com’era stana oggi?

DEBORA:        Come facevo a non notarla?

                         Non riusciva  a pronunciare la  parola  “ enciclopedia “, ti rendi conto?

                       E insegna italiano!? ... Pensa un po’ se avesse insegnato  giapponese!...

ELEONORA:    E  hai  visto  come si è arrabbiata quando Marta ha cercato di correggerla?

DEBORA:         (Facendo il verso alla professoressa di italiano)

                       “ Co-come  ti  pe-pe-permetti?

                           Adesso  ti-ti   prendi una  no- nota! “

                        E’ diventata rossa come un peperone!

ELEONORA:      Stavo per sentirmi male dalle risate!

DEBORA:           E perché, io no?

ELEONORA:      E la prof d’inglese?...

                           Quando siamo andati a prendere la coca-cola alla macchinetta?

DEBORA:          (Facendo il verso alla professoressa di inglese)

                         “ Vi do’ cinque minuti di tempo! “

                             Poi quando ha visto che non tornavamo più in classe,

                           è venuta a cercarci e… budubum!

ELEONORA:        Che caduta stratosferica!

DEBORA:             Per forza, si è messa a scendere le scale di corsa!?

                           Con quei tacchi che porta era il minimo che le potesse accadere!

ELEONORA:         Poverina, però!

                            Non riusciva più a rialzarsi!

DEBORA:             E che urlo bestiale che ha lanciato!

                              Si è sentito fino in strada!...

                              Meno male che l’autoambulanza  è  venuta subito!

ELEONORA:        Mi sa che ne avrà per molto!

                             Almeno così, ci risparmiamo il compito in classe, non credi?

DEBORA:             Eleonora, sei proprio cattiva però!?

                             Io, a dire la verità, mi sento un po’ in colpa!

                             Siamo state noi la causa!...

ELEONORA:        Hai ragione!

                             Ma mica dicevo sul serio, stavo scherzando!

                             E poi, in fondo, le voglio bene!

DEBORA:             Anche io!

ELEONORA:        Molto in fondo, però!

RIDONO  E  VANNO  VIA.

                                                                                       SCENA   7

                           CLAUDIA  (Ginevra ) ,  ELENA ( Arianna),  FRANCESCA  ( Danli ),  DANIELA  (Flaminia)

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

CLAUDIA:          Non vedo l’ora di andare a questa festa!...

                         C’è pure lui!!!!

DANIELA:         “ Lui “  chi?

CLAUDIA:          Il ragazzo più bello della scuola!

FRANCESCA:      E chi sarebbe?

CLAUDIA:           Top secret!

ELENA:                Ma che “ top secret “?  Dai, diccelo!

CLAUDIA:            Non posso, non posso!...

DANIELA:             Comunque la cosa migliore, è che a casa di Alessandra,

                            non ci saranno i genitori!

FRANCESCA:        Davvero?.. Allora sì, che ci divertiremo!

DANIELA:              Ora,  il problema,  è convincere i nostri genitori!

                            I miei non vogliono nemmeno che mi metto il trucco!

ELENA:                  State tranquille, se riesco a convincere mia madre,

                            il gioco è fatto!

                            Penserà lei a convincere i vostri genitori!

CLAUDIA:              E come pensi di riuscirci?

ELENA:                   Dobbiamo fare qualcosa per  “corromperla”!

CLAUDIA:               “ Corromperla “?  E’ una parola orrenda!

ELENA:                  Hai ragione, Claudia!

                            Diciamo che dobbiamo fare qualcosa per meritarcelo!

CLAUDIA:              Ecco, così va meglio!

FRANCESCA:         Sì, ma cosa possiamo fare?

ELENA:                   Io un’ idèa ce l’ho!...

TUTTE:                   Che idèa?

ELENA:                   Venite  a  casa  mia  alle  cinque  precise,  così   mi  date  una   mano

                                a fare le pulizie!

                                Ci  mettiamo  sotto  e  facciamo  diventare tutta la casa  spendente!

                                Così, quando mia madre rientrerà, resterà a bocca aperta e vedrete

                                che  mi  darà  subito  il  permesso   e   convincerà   immediatamente

                                anche i vostri genitori!

FRANCESCA:          Elena, sei un vero genio!

CLAUDIA:               E’ vero, Francesca, è un’idèa geniale!

ELENA:                    Grazie, care!

DANIELA:                I miei  non  si  lasceranno  convincere mai!

FRANCESCA:           Ma sì, vedrai!

DANIELA:                 Li conosco troppo bene!...

                                  Però, ho un’idèa  anche io!

FRANCESCA:            Quale?

DANIELA:                  Di solito, alle  sei del pomeriggio prendono il te!

                                   Metterò  un  sonnifero nella  teiera, così,  cadranno in un sonno profondo

                                   e  io, potrò  essere  totalmente  libera!

CLAUDIA:                  Daniela, ma sei impazzita?  Può essere  pericolosissimo!

DANIELA:                  Ma no,  mica è la prima volta che lo faccio!

                                   Quando non mi va di studiare, lo faccio sempre!

CLAUDIA:                 Ma sei tremenda?!

DANIELA:                 Un po’!

CLAUDIA:                 Anzi, che dico “ tremenda “,  sei  proprio   un mostro!

TUTTE:                     Sì, Daniela, sei proprio un mostro!

DANIELA:                (Imita un mostro facendo un verso  animalesco)

ESCONO   DIVERTITE.

                                                                                       SCENA   8

           MATTEO   (Federico),  ANNA   (Alessandra) ,  CARLOTTA   (Michela) ,  SIMONE  (Riccardo  M.)  

ALL’ USCITA  DI  SCUOLA.

MATTEO:        Ragazzi, non potete immaginare il sogno che ho fatto stanotte!

ANNA:              Che sogno hai fatto?

CARLOTTA:       Che la prof.  di  matematica ti interrogava?

SIMONE:           Ha  sognato  che  lo  interrogavano  tutti  i professori  contemporaneamente!

MATTEO:           Ma no, la scuola  non c’entra niente!

                            Ho sognato che dirottavo un  aereo che doveva andare a Milano!

ANNA:                Un aereo?

CARLOTTA:        E per andare dove?

MATTEO:            A New York!

SIMONE:            L’America è sempre l’America, c’è  poco da fare!

ANNA:                E sì!

CARLOTTA:        E cosa è successo?

MATTEO:           Sono entrato nella cabina del pilota, gli ho puntato la pistola

                            e  lui, senza farselo ripetere due volte, ha obbedito!

                         Tremava come una foglia, poverino!

ANNA:                E  poi?

CARLOTTA:        Dopo  cosa è successo?

SIMONE:            Si è svegliato!

MATTEO:          Niente affatto!

                           Il volo è stato lunghissimo, ore interminabili!

CARLOTTA:       E poi?

SIMONE:           Si  è  svegliato!

MATTEO:          No, non mi sono svegliato!

                           Dopo ben nove ore di volo, di tensioni…

                           Con l’equipaggio  e tutti i passeggeri  terrorizzati…

                           siamo atterrati!

ANNA:               Finalmente!

CARLOTTA:       Era ora!

MATTEO:           A Roma, all’aeroporto di Fiumicino!

CARLOTTA:       Come  sarebbe, “ a Roma “?

MATTEO:          E che ne so?

ANNA:               E poi?

CARLOTTA:      E  poi?

MATTEO:          Mi sono svegliato!

SIMONE:           T’ho detto che ti svegliavi!

ESCONO   SPINGENDO  MATTEO   E  PROTESTANDO.

                                                                                       SCENA  9

                      ALESSANDRA   (Martina),   SARA  (Alice),   PAOLA   (Daria) ,  MARTA   (Giorgia)       

FESTA  DI  HALLOWEEN – CASA  DI  ALESSANDRA.

ALESSANDRA:         Ragazze, volete sbrigarvi, è tardissimo!

                                   Paola  prendi  le  patatine!... E non mangiarle!

                                   Sara prendi la coca-cola! … E non berla!

                                   Martaaaaa?... Le sedieeeee!

MARTA:                     (Arriva  con  le  sedie)

                                    Certo che quando si tratta di feste, diventi proprio isterica!...

                                    Vuole  qualcos’altro  mia infanta imperatrice?

PAOLA:                        (Portando le patatine)

                                       Ecco  le  patatine, anche se sono un po’ smangiucchiate!...

                                       Pazienza, le daremo a mangiare ai maschi!...

                                       Dove le appoggio?

ALESSANDRA:           Sul tavolo!

PAOLA:                       Quale tavolo? Io non vedo tavoli!

ALESSANDRA:           (Lancia un’ occhiataccia a Marta)

MARTA  E  ALESSANDRA  PRENDONO IL TAVOLO.

SARA:                             (Arriva con due bottiglie di coca-cola)

                                          Sbrigatevi con questo tavolo, altrimenti sono costretta a scolar mele tutte e due!

MARTA  E  ALESSANDRA  SISTEMANO  IL  TAVOLO.

PAOLA E  SARA  APPOGGIANO LA ROBA.

POI, TUTTE  INSIEME,  ULTIMANO I  PREPARATIVI.

                                                                                       SCENA  10

                                MARCO (Gianluca B.),   GIORGIO (Alessandro) ,  MAX  (Riccardo)       

 

GIORGIO:                 Ciao, ragazze, come va?

                                     Ma come mai la porta era aperta?

ALESSANDRA:        (Lancia un’occhiata alle amiche)

MARCO:                   Che si mangia di buono?

MAX:                        Già pensi a mangiare?... Aspetta un secondo!

                                  Ambientati un attimino!

MARCO:                   Il mio  stomaco  si deve ambientare, mica  io?

MAX:                         Che novità?...

                                      Non fai altro che mangiare!

                                   Vorrei sapere  dove  la  metti  tutta questa  roba!?

MARCO:                    In un posto segreto!

ALESSANDRA:          Perché non ci aiutate, invece di chiacchierare  inutilmente!?

MARCO:                     Se  proprio dobbiamo!

GIORGIO:                   Cosa dobbiamo fare?

ALESSANDRA:           Servono altre sedie!

MAX:                           Okay!

GIORGIO:                    Dai Marco, mangi dopo!

MARCO:                      Vabbè!

ALESSANDRA:            E  fate presto che tra un po’ arrivano tutti!

MARCO:                      Ma  senti questa!

MAX:                           Anche di fretta dobbiamo fare!

GIORGIO:                   Se ne devono sempre approfittare!

ALESSANDRA:           Io, intanto vado a prendere qualcosa per  abbellire un po’!

SARA:                           Allora, io penso alla  musica!

MARCO, GIORGIO  E  MAX,  INTANTO,  NON  SONO  ANCORA   ANDATI  A  PRENDERE LE  SEDIE.

PAOLA:                       ( Accorgendosene)

                                     Ehi, ma siete ancora qui, volete sbrigarvi?

MARTA:                      Forza,  veloci!

MARCO, GIORGIO  E  MAX  ESCONO  A  PASSO  LENTISSIMO, SBUFFANDO.

             

BUIO  E  MUSICA  BALLABILE.

                                                                                       SCENA  11

 ALESSANDRA    (Martina),    SARA    (Alice),   PAOLA    (Daria) ,   MARTA    (Giorgia),   MARCO    (Gianluca B.)

GIORGIO  (Alessandro) ,   MAX  (Riccardo),   ANDREA  (Francesco),  MICKY   (Diego) ,  CARLO   (Gabriele )

DEBORA (Erica ), ROBERTO (Gianluca P.), STEFANO ( Manuel ), DANIELE ( Lorenzo ), ELEONORA  ( Nicole)

CLAUDIA (Ginevra ) , ELENA ( Arianna), FRANCESCA  ( Danli ), DANIELA (Flaminia),  MATTEO   (Federico) ANNA   (Alessandra) ,  CARLOTTA   (Michela) ,  SIMONE  (Riccardo  M.).  

SUL  BUIO  E  SULLA  MUSICA  ENTRANO  TUTTI  GLI  ALTRI  PERSONAGGI.

LUCE

ANDREA:     Carino  come hanno organizzato, vero?

MICKY:        Devo ammetterlo, hanno proprio fatto centro!

ANDREA:     Anche la musica è azzeccata!

MICKY:        Questo pezzo  mi fa impazzire!

GIORGIO:    Ragazzi, allora, questa partita?

                   Andiamo a vederla  o  no?

MAX:            Certo  ci  andiamo!  A  mio  padre  già  gliel’ho detto!

MICKY:         Sei un grande!

ANDREA:      Non vedo l’ora, credetemi!

TUTTI:          Ti crediamo, ti crediamo!

GIORGIO:     Sarà  una grande partita e vedremo una  grandissima  Roma!

MARCO:       Ragazzi, propongo un brindisi!

RIEMPIONO  I  BICCHIERI  DI  COCA-COLA  E BRINDANO.

TUTTI:           E per la Roma hip-hip  urrààààà!  ( Tre  volte)

TUTTI  GLI  ALTRI  SI  GIRANO  A  GUARDARLI.

DEBORA:               Che  fanatici!

ELEONORA:          Quando c’è  di mezzo la Roma  non  ti  ci  puoi  proprio  avvicinare!

CLAUDIA:              Ti  credo,  sanno parlare solo di quello!

ELENA:                  Secondo me, se s’impegnassero un po’, potrebbero fare anche discorsi

                                più interessanti!

FRANCESCA:          Il problema è, che non ne hanno voglia!

DANIELA:               Basta che gli dai un pallone e li hai fatti felici!

ANNA:                    Hai ragione!

CARLOTTA:            Ehi, non ci abbattiamo, dobbiamo divertirci!

CARLO:                  Ragazze, questa festa è proprio giusta!

ROBERTO:               Brave, davvero!

STEFANO:                Che carini  i costumi che avete!

DANIELE:                  E i panini sono buonissimi!

MATTEO:                  A proposito, sapete cosa ho sognato?

  

SIMONE:                   Ancora con questo sogno?  Ma  non ti eri svegliato!

ALESSANDRA :             Ragazzi, forza, ci vuole un po’ di energia!   

SARA :                            E’ vero!  Mica  è  un funerale questo!   

PAOLA:                          Balliamo, forza!    

MARTA:                         Sembriamo delle mummie!    

MAX:                        Che volete  ballare?

MICKY:                     Sto così bene fermo!

MARCO:                   E’ meglio se mangiamo, no?

ANDREA:                   Ti credo, ti sei mangiato già trenta panini!

GIORGIO:                  Ragazzi, a questo punto della serata, propongo  un inno di incoraggiamento

                                      per la Roma!

TUTTI  I  RAGAZZI:      Sììììììììììììììììììì!!!

TUTTE  LE  RAGAZZE: Noooooooooo!!!

TUTTI  I  RAGAZZI:      Sììììììììììììììììììì!!!

TUTTE  LE  RAGAZZE: Noooooooooo!!!

TUTTI  I  RAGAZZI:      Sììììììììììììììììììì!!!

MUSICA:  CANZONE  DELLA  ROMA

DEBORA:                   Che noia con questo pallone!

ELEONORA:               Hai proprio ragione, sono noiosi!

CLAUDIA:                   Comunque,malgrado loro, mi sto divertendo da morire!

ELENA:                     E’ vero, ci voleva proprio questa festa!

FRANCESCA:             Sì, dovremmo farle più spesso!

DANIELA:                  Sapete cosa vi dico?  La prossima settimana ne faccio una a casa mia!

ANNA:                       Bravissima! E tra due settimane ne faccio un’altra io!

CARLOTTA:               Giusto!  Possiamo farne una ognuna di noi!

CARLO:                     Ragazze, devo dire che ogni tanto siete geniali!

ROBERTO:                Quando vi impegnate riuscite davvero a stupirci!

STEFANO:                 Anche noi, però, dobbiamo fare delle feste!

DANIELE:                  Giustissimo Stefano, ne organizzo subito una io!

MATTEO:                  Bravo Daniele, altrimenti poi dicono che noi non facciamo niente!

SIMONE:                   Anzi, la organizziamo tutti insieme, facciamo una mega-festa!

ALESSANDRA :               Certo che se facciamo una festa settimana, ne avremo fino alla fine della scuola!?

SARA:                                E vai! Così mi piace, così sì che mi diverto!

PAOLA:                             Però dobbiamo anche studiare ragazze, altrimenti sono guai!

MARTA:                            Okay!  Non ci pensiamo ora!  Vi faccio vedere il balletto che ho preparato!

MAX:                         No, ti prego, il balletto no!

MICKY:                      Stiamo festeggiando così bene! Vuoi rovinarci la serata?

ANDREA:                   Dai Marta, ce lo fai vedere un’altra volta!

GIORGIO:                  Adesso non è che ti devi vendicare!

MARCO:                   Solo perché abbiamo cantato la canzone della Roma!?

TUTTE:                      Scccccch!

MUSICA E BALLETTO  DI  MARTA E RAGAZZE.

INTANTO MATTEO VA IN BAGNO.

ALLA FINE DEL BALLETTO SI SENTE BUSSARE IN MODO INSISTENTE.

DI COLPO, VA VIA LA LUCE.

TUTTI:                   Aaaaaaaaaaaaah!

                                 Ma cosa succede? (Accavallandosi. A braccio)

SI SENTE UN URLO.

RITORNA LA LUCE.

VANNO TUTTI A VEDERE DA DOVE PROVENIVA IL RUMORE, POI RITORNANO.

DEBORA:               Ragazze, ma cosa sta succedendo?

ELEONORA:          Non lo so, non capisco proprio!

CLAUDIA:              A me è sembrato che venisse di là!

ELENA:                Ma no, veniva dall’altra parte!

FRANCESCA:       Matteo?...Dovè?   

DANIELA:              E’ vero, dov’è finito?

ANNA:                Ma quella non è la sua scarpa?

CARLOTTA:          Sì, è proprio la sua!

CARLO:                Matteo?...Matteo?

   

ROBERTO:           Ragazzi, qui la cosa si fa seria!

STEFANO:            Aaaah!!!... Chi mi ha toccato?

DANIELE:             Che dici?...Nessuno ti ha toccato!

SIMONE:              Ti sei solo impressionato!... Su, cerchiamo Matteo!

SI SENTE BUSSARE DI  NUOVO.

ALESSANDRA:         Da quella parte, è venuto da quella parte!

SARA:                          Ragazzi, io chiamo la polizia!

PAOLA:                       No, per carità. Così le feste ce le dimentichiamo per sempre!

MARTA:                      Vado a vedere io!

MAX:                    Ti accompagno!

MICKY:                 Anche io! L’ unione fa la forza!

ANDREA:              Io vi copro le spalle!

GIORGIO:              Da cosa, se siamo tutti qua?

MARCO:                Dal vento, ce le copre dal vento!

VANNO  A  CONTROLLARE,  POI RITORNANO.

MARTA:                      Ragazzi, ho visto l’ombra della Prof. di italiano!

MAX:                    Anche io, anche io!

MICKY:                 Sì, sì, era proprio lei!

VA VIA LA LUCE  DI  NUOVO.

SI SENTE BUSSARE PIU’  FORTE.

TUTTI:                   Aaaaaaaaaaaaah!

SILENZIO  PER ALCUNI SECONDI, POI, SI SENTE BUSSARE ANCORA.

TUTTI:                   Aaaaaaaaaaaaah!

FINALMENTE  RITORNA  LA  LUCE  E  APPARE  MATTEO.

MATTEO:                Ma non ci sentite?

TUTTI:                     Matteo?

MATTEO:                No, sono Barack Obama!

                                Certo che sono io!

                                E’ un’ora che busso!

TUTTI:                     Cosa???

MATTEO:                Mi sono accorto che era lo sgabuzzino solo dopo aver chiuso la porta

                                a chiave… Ho bussato mille volte!

                                Poi, ho scoperto che c’era la centralina della luce e ho pensato

                                che staccando la corrente ve ne sareste accorti!

                                   Alessandra, devi dire a tuo padre di ripararla quella serratura!

TUTTI:                     (Protestano animatamente)

BUIO. MUSICA.

                                                                               FINE

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 88 volte nell' arco di un'anno