Unn-a in ciù do diao

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

Unn-a in ciù dö diao

di

Eugenio Rusca

Vescovo

Scipione: sacrestano

Suor Gloria: ladra

Suor Ilaria: mantide religiosa

Suor Joulia: ladra dispersiva

Suor Silvia: ladra omicida

Suor Gina: ladro/a

Suor Nadia: complice

Suor Linda: complice

Don Luigi

Don Beppe

Don Dino

….Gina, Linda, Nadia, Dino, Beppe, Luigi, sono gli stessi personaggi…. L’ordine dei singoli non è vincolato dalla caratterizzazione del personaggio femminile a quello maschile..

..ogni riferimento a persone, fatti e situazioni è puramente di fantasia....

Eugenio Rusca

Posizione SIAE: 118068

ATTO PRIMO

Scena 1°

La scena rappresenta una sacrestia di una chiesa posta all’interno di un convento. Alcuni quadri di Santi alle pareti, un altare ed un inginocchiatoio.. alcune candele, un tavolo, sedie sul proscenio ed una poltrona. Due uscite laterali sinistre, una formata da un tendone per l’ingresso in chiesa e la seconda a quinta. A destra altre due uscite, una delle quali per la cucina.. Sul fondo una finestra con vista sul chiostro ed un ingresso.

Vescovo: (all’aprirsi del sipario il Vescovo è seduto al tavolo. Riordina alcune carte che ripone in seguito in una borsa. Poi, pensieroso si alza e cammina lentamente per la scena) ..appena arrivato in questa nuova diocesi e  costretto ad andare via per una settimana.. solo il tempo materiale di sistemarmi e salutare le suore che con tanto amore hanno gestito questo convento per decenni… cause di forza maggiore… cause delle Divina provvidenza… (avvicinandosi al piccolo altare, quasi rivolgendosi in preghiera).. proprio cosi.. però.. Signore.. Tu che puoi tutto… manda un segnale ai miei superori,che ritorni in loro il lume della ragione… (sospira)… non conosco neanche il sacrestano.. l’ho chiamato.. almeno vederlo in volto.. devo andare.. dovrebbe essere al lavoro.. ma in Chiesa non c’è.. sarà nel chiostro..(si avvicina alla finestra e guarda fuori).. no.. non si vede..

Scipione: (entra dal fondo, aggiustandosi un po’ i capelli e sistemandosi i vestiti molto velocemente)… eccomi.. buongiorno Santità..

 

Vescovo: (richiamandolo dolcemente) buongiorno a te figliolo.. non ho diritto e non posso essere chiamato Santità.. tu sei il  sacrestano.. come ti chiami?

Scipione:  Mi chiamo Scipione. Scusi.. sua altezza.. per me lei è una Santità in persona.. in carne e ossa.. e magari anche di spirito.. (parlando a se stesso).. stanni sitto..

Vescovo: Soprattutto di spirito.. caro Scipione.. (pausa).. chiamami Angelo.. tra noi va bene così. Ho voluto conoscerti prima della mia partenza..

Scipione: Eh già.. noi non ci conosciamo.. piacere sua maestà Angelo.. (tende la mano)..

Vescovo: (sorride)…le suore  mi hanno detto che sei una persona spiritosa..affidabile.. bravo Scipione… il Signore ti sarà riconoscente.. Come saprai io sono arrivato ieri mattina. Ti chiedo solo di comportarti come hai sempre fatto.. conosci i problemi delle vocazioni, sai che le suore hanno avuto altri incarichi e sono state costrette a lasciare questo luogo. Mi hanno detto che sei da tanti anni qui al servizio e che conosci i segreti nella cripta.. per questo,durante la mia assenza per occuparmi in prima persona di questo problema, cioè che non posso permettere di lasciare vuota una struttura così e con un grande segreto da custodire, tu continuerai ad occuparti del convento e della chiesa.. ma non sarai solo.. sono riuscito ad ottenere per un mese un gruppo di preti che dovrebbero arrivare in giornata.. dovrebbero ho detto… perché niente è certo finchè le cose non accadono.. le suore mancheranno a questo posto.... (sospira).. eh già.. un tocco di femminilità in questi luoghi fa sempre piacere… mi adopererò perché questo accada..

Scipione: (sospirando) e si…(sguardo ebete e mani giunte, dopo un breve silenzio) Quelle deliziose serate.. quei piatti preparati con amore…

Vescovo: … con amore..

Scipione: .. quei gamberetti in salsa rosa..

Vescovo: ..rosa..

Scipione: Quel tiramisù di suor Leopolda… come tirava sù…

Vescovo: Si.. (guarda Scipione e subito dopo con tono più autoritario quasi a riprenderlo).. Scipione.. cosa stai dicendo.. cosa pensi?

Scipione: A quello che pensava lei.. sua Santità..

Vescovo: Insomma.. (ricomponendosi).. bisogna guardare avanti.. sempre avanti.. il mio predecessore ha potuto gustare tutto l’amore che le suore donavano a questo luogo.. non dimenticheremo le nostre sorelle nelle preghiere.. tra questi preti ci sarà qualcuno che saprà fare il tiramisù… cioè.. saprà cucinare.. ora devo andare.. la macchina mi attende sul retro.. passo dalla chiesa.. a presto Scipione.. ricorda.. non dire a nessuno ciò che sai.. come hai sempre fatto..  (pacca sulla spalla e poi una Benedizione.. esce a sinistra)..

Scena 2°

Scipione: Come sempre ho fatto… arrivederci… che brava persona.. ben.. oua demmose da fa.. chi bisogna mette in moto tûtta a me abilitè pe fa de questo posto a me neuva dimora.. ben.. un segreto.. dovieiva saveilo anche mi pe mantegnilo tale.. dunque che segreto o l’è?!.. diggo ben Scipion?.. (rispondendosi)… sci, ti dixi ben.. Bravo Scipione.. te ne offro un gotto.. grazie.. Scipion.. visto che ti è solo,ti o s’è donde o l’è o vin?... (rispondendosi).. na.. magara.. e ti ti o s’è? (come prima).. mi nò.. pe quello che t’ou domando.. allöa çerchemmö.. ti me dè unn-a man?.. nö.. mi son stanco.. m’assetto chi.. vanni ti… ti è sempre o solito.. va ben aspetime chi.. vaggo mi... nö scordate che mi son chi che t’aspeto.. (rispondendosi).. nö me scordo.. comme fasso a scordame.. vaggo.. ciao.. (rispondendosi).. ciao.. (esce a sinistra.. poco dopo 2 rintocchi di campana, alcuni secondi dopo ed entrano le suore dal fondo, tutte hanno una borsa… in realtà le 4 donne sono ladre con qualche passato da “donna vissuta”… si guardano intorno, ascoltano possibili rumori provenire da altre stanze…)

S.Joulia:  Eccoci arrivate.. finalmente.. non c’è nessuno..

S.Gloria: (sedendosi al tavolo, ha una valigia)… se capisce che o nö ghè nisciun… o Vescovo l’emmö visto andà via de corsa.. o ghe dovieiva ese o sacrestan e nisciun atrö.. almeno creddo.

S.Ilaria: Almeno creddo.. le a credde.. ti dovieisci ëse convinta. E speremmö che sta cosa chi a ne porte in po’ de ben, altrimenti o l’ëa megio a vitta che faxeivo primma..

S.Silvia: Sci, a scignöa do quinto cian.. a scià Ilaria… quella che in mezzö..

S.Gloria: (interrompendole).. basta.. oua basta.. nö semmö pe ratellà.. altrimenti se ne andemmö tûtte da donde semmö vegnùe..

S.Joulia: Per carità.. meglio vestite da suore che da poco di buono.. almeno ci riposiamo un po’..

S.Gloria: Semmö chi pe o motivo che savvei tûtte quante… emmö ricomposto a squadra de unn-a votta.. se o ve va ben a l’è coscì.. altrimenti li ghè a porta con a campanna.. a ranchei e ve ne andè via.. senza fa dö casin.. va ben?

S.Silvia: A l’ha raxön..

S.Ilaria: A raxön a se dà ai nesci..

S.Joulia: Hai ragione.. (Silvia va incontro a Joulia quasi minacciandola… Ilaria le ferma)

S.Gloria: Abbiamo cominciato bene.. zà sti vestì ne son costè in sciame de palanche.. çerchemmö de andà d’accordo pe trei o quattro giorni.. unn-a votta piggiôu tûtto quello che o ne serve se rifariemo di dinaè speisi… e poi portemmö via strassi e strassuin..   

S.Silvia: E chi s’è visto o s’è visto..

S.Ilaria: Sci..coscì a me và ben..nö comme emmö partie con l’intenziön de rancà da-a gëxa anche e cornixi d’öu di quadri... perchè mi ghe n’ho due sfere che..

S.Gloria: Basta.. dovemmö avei un contegno da moneghe.. nö da portuali.. quante prove emmö faeto in casa.. trei giorni de prove.. oua che semmö in to posto nö bezêugna giocase tûtto con ste nesciaie.. ma penseghe ben.. se riuscimmö a portà via tûtto quello che o ghè diventiemo ricche e sfondè.. o ghè in tesoro immenso sotta all’artà maggiore.. e nö de osse comme o l’ha dito qualche donnaccia.. veö? ...femmö in sforzo… unn-a votta ancon..o moneghe o morte!

 S.Joulia: Ha ragione..

S. Silvia: A raxön a se dà ai nesci..

S. Ilaria: Hai ragione.. (Joulia minacciosa verso Ilaria… Silvia le ferma)

S. Gloria: Semmö da capo..mi ghe rinunziö..finila de dave de nescie..demmose da fà..

S.Ilaria: A l’ha raxön..

S.Joulia: La ragione si dà agli scemi..

S.Silvia: A l’ha raxön.. (Ilaria a pugno chiuso verso Silvia… Joulia placa gli animi)

S.Gloria: Che branco de oche. Nö sei bonne manco a fa finta de andà d’accordo.. pensemmö a sta insemme qualche giorno.. o ghe dà toccase…

S.Silvia: A l’ha raxön.. (Ilaria sta per parlare e Joulia quasi pronta ad intervenire, ma Gloria alzandosi in piedi e con qualche sguardo minaccioso a tutte riporta la calma)… dunque..vegnì chi..  pe oua o nö se vedde nisciun.. anzi.. Joulia.. stanni chi derè e fanne in fischio quande o l’arrive o sacrestan… (Joulia esce a sinistra, Gloria apre la borsa ed estrae una pistola che mette sul tavolo, poi un piede di porco, candelotti di dinamite ed infine un foglio che è la mappa della chiesa)… allöa.. ecco.. noîatre, unn-a votta scistemè in te celle..

S.Silvia: Ho capiö da-a padella a braxe.. son sciortia qualche meise fa e doviò torna intraghe.. mi nö ghe riescio.. nö ghe vêuggio andà..

S.Gloria: Ma calmite.. a cella a l’è solo pe ti.. pe unn-a solo..

S.Silvia: E ghe devo andà mi? A nö po’ andaghe le?

S.Ilaria: E perché scusa.. A l’ha dito ti.. vannighe..

S.Gloria: Ghe andemmö tûtte, son cellette.. son picinne.. in cesso, in letto, unn-a finestra… va ben?

S.Silvia: Tûtte insemme?... Tanto vale che restava donde eo.. ghea anche a televixiön.. e gheo sola.. (Gloria sbuffa, ogni tanto guarda se vede Joulia)

S.Ilaria: A se ne vante.. a l’ea in isolamento… Trentatreì avvelenamenti e  omicidi....

S.Silvia: Son affari che nö te riguardan.. pensa pe ti.. mantide religiosa a ciammavan..i ommi doppo a se i mangeiva.. han trovôu ancon unn-a gamba de un sò urtimo cliente in to freezer ..

S.Ilaria: Se arrivavan duì giorni doppo, nö trovavan manco e osse..

S.Gloria: Hei finio con i vostri riconoscimenti da premio oscar?.. steme a sentì ancon un momento.. grazie.. allöa.. e celle son singole.. e moneghe che ghe stavan finn-a a dui giorni fà dormivan da sole.. travaggiavan in gëxa, pregavan e mangiavan insemme… noîatre dovemmö fà e stesse cose solo perché o ghe o sacrestan..

S.Ilaria: Mi nö son bonna.. mi devvo avei i me momenti de isterismo.. de pazzia.. armeno un ao giorno…

S.Gloria: Nö te ciamavan a mantide religiosa?... levighe mantide.. va ben?..

S.Ilaria: Eh.. ghe penso.. foscia ghe riescio..

S.Gloria: Ma donde a l’è andata Joulia?...A doveiva sta chi… stanni a vedde che a se perde..senso d’orientamento zero.. va ben a troviemo.. intanto sciortì a nö pêu.. allöa..dixeivo…(si sente cantare da sinistra,sono Joulia e Scipione che hanno bevuto.. Gloria ripone tutto nella borsa, le tre si sistemano ed assumono un atteggiamento normale… entrano in scena abbracciati Joulia e Scipione, quest’ultimo ancora con la bottiglia i mano)..

Scena 3°

Scipione: E se vinco aö superenalotto..te sposo.. e ti compro..te catto unn-a villa..

S.Joulia: Mi sposi?..o che bello.. (ridono, si abbracciano.. Scipione si accorge delle altre e cerca di ricomporsi.. allontana Joulia che ancora ride un po’ svampita)….

Scipione: Ghe veddo ma o ben…(parlando a se) e ti ti ghe veddi…mi..sci..ghe son de atre suore… ma foscia o l’è o vin.. (Joulia si appoggia a Ilaria e viene fatta sedere su una sedia)

S.Gloria: Complimenti...cosa ti avevo detto S.Joulia.. di guardare se c’era il sacrestano. .non di bere con lui e di ridurti come una.. una…

Scipione: Padre, cioè.. madre superiore.. io..(ride)..io ho cercato..emmö çercao..ma nö ghe semmö riuscii.. scià o sa.. o vin..

S.Gloria: O vin.. il vino tira un bicchiere dopo l’altro.. cioè.. un gotto tia l’atro..

Scipione: Mi..mi e le.. (parlando tra se).. aspettavimo di previ.. de ommi.. e nö de donne.. o.. ma pe mi o va ben ao meiximo.. O.. O.. O Vescovo.. (ride).. o me l’ëiva dito.. arrivano dei preti.. hi.. mi e le semmö comme duì frè..

S.Silvia: Ah sci.. Joulia.. ti conosceivi st’ommo?

Scipione: Mi.. nö.. foscia o conosceva l’atro..

S.Gloria: L’atro chi?

Scipione: L’atro..mi..

S.Silvia: Ma quanta sei chi drento?..

Scipione: Dentro de mi?.. (ancora un po’ leggerotto)… foscia quattro… ma a votte semmö in duì.. hi… hi.. poi nö so comme.. duì, un belo giorno se son arraggê e se ne son andaeti via.. foscia perché nö se parlavimo..

S.Silvia: (a Gloria).. ben quattro sacresten… e quanto  a l’è grossa sta gëxa.. sto posto..

Scipione: Ma cose a dixe.. hi.. e persone son drento de mi..

S.Ilaria: O Segnò.. un possedüo .. vade retro Satana..

S.Gloria: Calmeve.. calmemmose.. un momento… (nel contempo Joulia si addormenta) .. ma voscià.. chi scià l’è..

Scipione: Mi..o l’atro? ..mi son ..o Sacrestan.. me pà.. sci..e l’atro o me dà da mangià o me lava i denti e quando vaggo in bagno..

S.Silvia: O pe caitè..scià se ferme..

S.Gloria: Sci.. basta.. dunque, chi bezêugna dase da fa.. emmö ancon tante cose da fa.. e quell’atra a dorme.. S.Ilaria.. svegliala per favore..(Ilaria sveglia Joulia che si riprende piano)… bisogna che il sacrestano ci indichi le nostre celle.. le nostre semplici dimore.. bisogna pregare in chiesa..conoscere il posto.. preparare la cena.. bezêugna fa un mûggio de cose..

Scipione: (tra se)… anche noîatri bezêugna conoscilo… hi.. hi… Ma voscià scià po’ parlà anche in dialetto.. anzi.. mi preferiscio.. anche loîatre.. se voan.. se voan poean parlà anche con l’atro.. ma nö parleghe in italian.. atrimenti o s’offende e me lasce solo..

S.Gloria: Eh sci.. parleghe in dialetto…

S.Joulia: O mamma mia.. cosa è successo..mi sento molto strana..

S.Ilaria: Hai bevuto vino.. e ti è intrà in coma…

Scipione: Oh.. meravigliosa creatura.. ti sei svegliata..torna dal tuo re..

S.Gloria: (richiamandolo, tirandogli un orecchio).. Scipione.. chi o l’è che parla?..Voscià o quell’atro?

Scipione: Ah zà.. quell’atro.. Ahia, ahia… scià me molle… grazie.. mi ghe domando scusa suor madre superiore.. mi ghe o diggo..stanni sitto.. ma le o nö me dà a mente.. o me piggia a lengua e o incominçe a parlà..

S.Ilaria: Chi a veddo mà..

S.Silvia: Mi nö ghe veddo ninte de bello..e o me scappa da andà in bagno… o me serve in bagno..

Scipione: (parlando a se).. ti senti, no ti è manco bello.. quindi finiscila.. oua me ricordo.. ho visto quella monega là .. Suor Joulia.. e o m’ha preso in fêugo chi.. e nö ho sacciûo resiste..

S.Silvia: (fregandosi la pancia) Ma per chi o pe conto de chi scià parla.. pe quelli che se ne son andaeti o pe quello che o vive lì.. insomma..lì drento..

S.Gloria: Pe piaxei, dovemmö ancon riuscì a capì donde semmö, nö complichemmose a vitta.. le o parle con chi vò.. con l’atro.. con noialtre.. ma basta. Oua o sacrestan o n’è accompagnià in te camere, cioè.. donde andiemo a dormì, poi se ritroviemo tûtti chi pe e preghiere.. (sguardo d’intesa con le altre)… ciaeo?..

S.Joulia: (con saluto militare) Agli ordini comandante..

S.Ilaria: (scopaccione a Joulia)… o vin o g’ha faeto ma..

S.Silvia: Andemmö che o vegne tardi… a mi o me scappa da andà in bagno.. donde o l’è in bagno o me a fasso addosso.. pe piaxei femmö fito..

S.Gloria: Sciò.. come scià se ciamma..

Scipione: Mi?

S.Gloria: Nö.. o scindico de Camoggi…. Sci.. voscià.. e nö chi o l’è li drento.. scià l’ha capio?

Scipione: (parlando a se).. ti è visto che brutte figûe che ti fè. Nö te veoan conosce.. d’oûa in poi stanni sitto.. Mi veramente aspettavo di previ.. coscì  o m’ha dito o Vescovo.. ma se son arrivè de moneghe .. pe mi tanto megiö.. e anche pe l’è tanto megiö..

S.Gloria: E se o l’è megiö pe l’è o l’è megiö anche pe noîatre.  

S.Silvia: Pe piaxei.. in bagno.. voscià o quell’atro..coscì o l’è megiö pe tûtti…

Scipione: Mi me ciammo Scipion.. o l’è o nömme che o m’ha daeto l’è.. ma oua ve porto donde orrei.. e se sentì de vöxi..nö ve preoccupè.. o l’è lè (indicandosi il petto)..che o çerche de sciortì..

S.Gloria: (prendendo la sua borsa e quella di Silvia).. scià ne fasse strada pe piaxei,dunque S.Silvia a fa tûtto chi drento e seremmö pe quarantena.. (Scipione si avvicina a Joulia le offre il braccio, Joulia lo afferra ed insieme escono a sinistra)… ou voîatre duì.. andemmö de corsa altrimenti perdemmö o fi..

S.Silvia: Scuseme.. mi nö g’ha fasso ciù… a fasso chi drento..

S.Ilaria: (prendendo la sua borsa e quella di Joulia)… Ma nö.. andemmö.. poi comme femmö a trovate.. resisti un pö.. dëxe menuti…

S.Silvia: Manco dëxe secondi…

S.Gloria: Andemmö Ilaria.. a vegnimmo a piggià ciù tardi.. bezêugna andà de corsa altrimenti perdemmö Joulia, Scipion, e tûtti i sò abitanti…(la trascina via a sinistra)

S.Silvia: (nel contempo cerca un posto,subito pensa di andare sotto il tavolo,poi in mezzo alla scena.. si avvia a sinistra..esce e rientra quasi subito).. nö.. in gëxa o l’è megio de nö.. o segnò caö in bagno.. dunque ammasso quarche d’un… provemmö de sa.. sci.. a ‘è unn-a coxinn-a.. megiö de ninte... (esce a destra)

Scena 4°

(Entrano dal fondo le nuove suore.. sono tre uomini, in realtà tre ladri un po’ impacciati e a disagio in queste nuove vesti…. anche loro a conoscenza del tesoro che racchiude la chiesa.. trascinano un pesante borsone che contiene attrezzi pesanti per lo scavo.. cercano di sollevarlo per non fare troppo rumore,ma è una operazione che non riesce bene, infatti cade più volte in terra provocando non poco rumore)

S.Gina: Allöa.. cose emmö dito.. cianin..me pa imposcibbile che nö riuscì a portà sta borsa.. fei silenzio.. ne poan sentì.. o gh’è saià o sacrestan da qualche parte... cianin.. (il pesante borsone scivola ancora sul pavimento)… ecco.. comme non dito..

S.Nadia: Sempre a mugugnà..ma insomma.. vegni a dane unn-a man invece da fa a madre superiora…mi soffro de sciatica e o me fa mà l’osso sacro..

S.Linda: Mi ho mà de schenna,un brasso con a perialtrite e… e poi g’ho e me cose..

S.Gina: (guardando quasi minacciosa)..cose ti gh’è ti?... nö pigiame in gïo.. emmö dito che tûtti han i so acciacchi, ma cose vere..no finte..

S.Nadia: L’è a l’è normale..ogni meise o ‘l’è normale.. (rivolgendosi a Linda).. veo?... (immediato scappellotto di Gina a Nadia) ..ahia.. ma diggo.. nö incominçemmö  a picca..

S.Gina: Perché l’è, cose o ne sa?.. o l’è mai staeto unn-a donna?..

S.Linda: Pe quello che ti ne s’è ti..in te questa vitta magara nö.. ma in te un’atra o nö se pêu mai dì…

S.Gina: Basta.. basta con ste scemaie.. e femmö silenzio .. semmö de moneghe.. ricordemmose de cangià vöxe.. femmola ciù dôçe.. provemmö torna..

S.Linda: (sbagliandosi con voce profonda intona un canto).. di quella pira.. l’orrendo foco..

S.Gina: (immediato schiaffo, sguardo tra i due)…ancon un scherzo scimile e te piggio a picconè.. avanti.. parla.. comme t’ho dito..

S.Linda: (con voce più dolce possibile, cantando).. se mi lasci non vale.. se mi lasci non vale..

S.Nadia: (continuando la canzone…).. ti butto giù dalle scale… così ti fai male…

S.Gina: Emmö finio!... nö dovei cantà.. ma parlà.. poco.. e pregà tanto.. e moneghe chi drento nö cantavan.. travaggiavan.. capiö?

S.Nadia: Sci..

S.Linda: Anche mi..

S.Gina: Speremmö.. ben.. chi o nö se vedde nisciun.. appena o sacrestan o s’è faià vivo se faiemo scistemà pe-e feste..

S.Nadia: Perché.. dovemmö piggià de botte anche da-o sacrestan?..

S.Linda: O l’è in moddo de dì..scistemà fisicamente e nostre stansie.. a nostra roba..

S.Gina: Segnò te ringrazio..

S.Linda: ..e te lodo..

S.Nadia: Amen..

S.Gina: (annusando l’aria).. che ödô.. mà.. nö sentì ninte?

S.Nadia: Cose o g’he..di passi?..

S.Linda: Finila de parlà..atrimenti nö sento ninte..

S.Gina: Ma nescio.. co-o naso.. senti co-o naso…

S.Linda: Questa a l’è neûva.. oua sentimmö i rumuri con o naso… sei zà nesci..

S.Gina: Cose ti dixi.. sentì l’ödô.. (Linda annusa)

S.Nadia: O sento..

S.Linda: Anche mi.. (a Gina)…ö to scombussolamento interno ö doveiva ëse finta.. nö vera.. ninno.. t’è l’è faeta addosso…

S.Gina: Nö ho faeto ninte.. a vegne de là… o ghe devan ese e vasche oscure do convento..

S.Nadia: Vasche oscure.. nescio.. (pausa)… ma allöa o gh’è quarched’un… o sacrestan magari..

S.Gina: Aspetemmö…e vedemmö chi o lè… noîatre semmö moneghe e comme tali aö servizio da gëxa..

S.Linda: Saiemo anche aö servizio da gëxa, ma o nö gh’è scrito manco in ti libbri sacri de respià ödô proveniente da impianti altrui..

S.Nadia: Ti dixi ben.. andemmosene via..

S.Gina: Avei raxön.. stavotta dixei ben.. andemmö via.. provemmö de là.. intanto vedemmö chi l’intra chi drento…(indica l’uscita di sinistra)

S.Linda: Segnò.. te ringrazio..

S.Nadia: E te lodo..

S.Gina: Amen… (escono tutti a sinistra in fila indiana a passo spedito lasciando il borsone in scena, ogni tanto Gina guarda dalle tende senza farsi notare)  

Scena 5°

S.Silvia: (entra da destra con una espressione quasi schifata), mamma mia che roba..(entra dal fondo S.Gloria con passo normale, ad un certo momento avverte la puzza, rimane sconvolta, allibita.. Gina che stava guardando si ritira) … o..ti è ti, ei trovôu e stansie..?

S.Gloria: O figgio ca-o.. ma cose ti è faeto?

S.Silvia: Te o devvo dì o ti o capisci da sola?

S.Gloria: O se capisce fin troppo ben (appare da sinistra Gina.. poi si ritira perplessa)

S.Gloria: Nö ho ciù parole.. a coxinn-a a serve a noîatre pe faghe da mangià… vanni subito de là e caccia föa tûtto…vanni.. t’aspeto.. anzi.. t’aspeto de föa.. (Silvia esce a destra, Gloria nota il borsone)… emmö dimenticôu unn-a borsa chi.. strano… vabbè.. a pigemmö doppo mangiôu, se o se riesce a coxinnà qualche cosa.. (via sul fondo)

Scena 6°

(Entrano da sinistra i tre uomini.. un po’ stupiti nel aver sentito e visto altre suore…)

S.Nadia: …E doveivimo ëse soli chi drento!!!

S.Linda: Ghe son de moneghe.. oua ne scrovan..

S.Gina: Calma..calma.. o l’è in imprevisto.. fajemo un moddo de restaghe anche noîatre.. se vedde che dovian andarsene a momenti… mi eivo capio che chi drento o nö gh’ea ciù nisciun tranne o sacrestan.. ovvio..

S.Linda: E invece l’affare o s’è complica..no solo semmo donde son e nostre dimore notturne..ma ghe son de moneghe ve-e..pensa se ne dixän da donde vegnimmö.. nö poremmö dighe che semmö e verginelle de marasci..

S.Gina: Spiritoso.. noîatri semmö cose fa.. arröbâ o tesoro e andà via de corsa appena emmö arraffaö tûtto quello che se pêu…e pe quanto ne portiemo via o nö saià mai tûtto.. quindi, gambe in spalla e demmose da fà…

S.Nadia: Mi a veddo ma.. ho in presentimento.. me sa che nâ ne sciortiemo con in belin.. ma pensa se no riuscimmö a fa ninte e dovemmö restà a fa e moneghe con a vöxe finta peo resto di giorni..

S.Linda: Sci.. o l’ha raxön.. e se poi o vescovo o l’arriva e o vedde tûtte ste moneghe o domandià da donde vegnimmö e poi nö porriò fa ciù a pipì d’in pè.

S.Gina: Se nö à finì de rompì con e vostre paranoie ve piggio a picconè e ve lascio chi pe sempre.. Finila unn-a bonna votta..

S.Linda: Finila?.. ma ti veddi..ma ti l’è sentie anche ti.. son föa de testa. Tanti anni chi drento e anche ti ti andiè a parlâ con e sciöe chi de föa comme faxeiva me barba Oreste..

S.Gina: Se conoscian da sempre.. e son esseri umani comme noîatri.. han confidenza tra loîatre comme l’emmö noì… ovviamente ao contatto con a gente saian normali.. (urlo isterico improvviso dal fondo, seguito da un pianto e da un altro urlo,  i tre si spaventano cercano riparo…)..

S.Nadia: E oua.. chi l’ha criaö?...

S.Linda: Saià quella ca soffre de ma de pansa.. a l’avià un atro attacco viscerale violento… (Gina le spinge a fatica a sinistra, non riesce ad uscire per tempo e si nasconde sotto il tavolo poco dopo entra dal fondo Ilaria, quasi sconvolta.. piange e urla isterica…)

S.Ilaria: Povia de mì.. ho bezêugno de ommo… un ommo solo.. o me bastieiva.. (urla).. ghe faieiva un servizio coi fiocchi e poi zac.. (espressione di paura e incredulità di Gina per tutta la scena).. via in tocco, via l’atro…ma povia de mì..donde o treuvo un ommo.. ghe saieiva o sacrestan, ma o nö me piaxe.. o parle troppo.. (piange,si dispera picchia pugni sul tavolo, Gina si spaventa)… cose daieiva pe un incontro d’amö.. l’urtimo tòcco de gamba me l’han piggiôu da-o freezer.. poviö Giuan..  me l’avieiva cotta a braxë con un po’ de rosmarin e patate… e invece a m’è andaeta mà, me rifaiò..o sci.. appena ne treuvo un, o scistemö pe-e feste… a mantide religiosa.. primma ne fasso cose vêuggio, poi o taggio a tocchi e me o mangio… (urlo finale.. poco dopo entra da destra Silvia, con un sacco nero, fa fatica a trascinarlo via).. Cose ti fè..? Puliscie?…

S.Silvia: Sci.. cioè..lascia perde..ciuttosto dame unn-a man a portalo de föa..

S.Ilaria: Un momento.. vegno .. me ripiggio… (respira profondo)… ti o sé.. e me crisi.. ho bisogno de sfogame.. almeno unn-a votta ao giorno.. ma se passa tanto tempo da un ommo a l’atro vaggo proprio föa de testa…

S.Silvia: Me ne son accorta.. te sentivo.. dai sciù..agiuttime che no g’ha fasso… (Ilaria si avvicina al sacco e aiuta Silvia a trascinarlo via)… spero che o nö se sguare o föndo.

S.Ilaria: Dunque semmo in ta bratta…belan comme a peisa.. t’è faeto ben a pulì a coxinna..(con non poca fatica lo trascinano sul fondo ed escono.. Gina poco dopo esce da sotto il tavolo, anche Nadia e Linda entrano da sinistra, si guardano tutti e tre perplessi… si sente un urlo di Ilaria.. i tre ritornano nei rispettivi posti…da fuori scena Ilaria)…. O s’è sguarôu o sacco.. aggiûtto…

S.Silvia: (sempre da fuori scena).. dame unn-a man..

S.Ilaria: Ti ciocchi.. arrangite…

S.Silvia: Vegni chi donde ti vè… o saveivo mi… alè.. incominçemmö.. (I tre rimangono per qualche istante fermi, ad ascoltare..poi lentamente rientrano in scena, Gina esce da sotto il tavolo)

Scena 7°

S.Gina: Calma.. figgiêu calma.. tûtto normale.. ricordemmose a nostra misciön..

S.Nadia: Mi orrieiva avei zà finio pe levame sti vestì che me dan fastidio.. nö i sopporto..

S.Linda: Mi ho quaexi puia.. speremmö in ben.. pe o momento un normale chi drento o nö s’è ancon visto.. ma quante moneghe ghe son?.. ne scrovan, ne son segûo..

S.Nadia: Me sa che t’aggi raxön.. chi ma pan tûtti matti da ligà.. mi me ne vaggo..

S.Gina: (trattiene Nadia).. fermite scansafatiche.. oua o vegne o bello.. l’ho dito, a miscion.. l’öu.. gioielli.. l’ei dimenticôu?

S.Nadia: Mi nö orrieiva finì in to letto de quella monega o pezzo in to freezer..ma ti l’è sentia.. a mantide religiosa.. a mi de religioso o me pà ca nö l’agge proprio ninte…de mantide invece… (entrano Scipione e Joulia abbracciati dal fondo, quest’ultima è ancora sotto i fumi dell’alcool, Scipione ha una bottiglia in mano, allegro ma ancora “intero”, non si accorgono dei tre e parlottano e ridono tra loro)… e questi chi son?

S.Linda: Ben.. oua semmö in ballo…

S.Gina: (piano ai due) A vöxe.. ricordeve a vöxe e cosa ciù importante.. nö giastemè!!!

Scipione: Ops..scusateci..(cerca di ricomporre Joulia che si regge a malapena in piedi..ogni tanto si appoggia a Scipione)… Tite sciù che ghe son e to consorelle.. Juolia.. Suor Joulia..miè in po’..

S.Joulia: Hi… hi… hi… vi ho cercato ovunque.. ma mi sono persa..per fortuna c’era Scipione l’africano.. mi ha salvata ..mio eroe..

S.Gina: (espressione perplessa)… semmo a posto… un sacrestan ciucco,unn-a suora ca lasce in gïo e so cose,unn-a ca mange i ommi, unn-a ca se perde…alè, vittoria…

Scipione: Non si arrabbi madre superiora.. (la guarda meglio).. ma vui..chi sei..ei cangiôu espression.. nö me pai manco quella de primma…

S.Gina: Nö.. semmö arrivè da poco..semmö chi pe tegnì o convento in ordine.. me pa che ghe ne segge de bezêugno…

Scipione: Sci..voscià scià nö l’è quella de primma.. manco e so consorelle..

S.Joulia: Ma si.. hi… hi… lei è suor Gloria e lei è quella bag ..hi,hi.. de Ilaria.. (si appoggia a Scipione che puntualmente la rimette in piedi.. o almeno ci prova)

Scipione: (parlando tra se)… e ti.. ti l’è visto.. nö.. o foscia ti è ti che ti pagi un po’ ciucco e nö ti conosci e persone.. ti veddi che son quelle de primma… (nel contempo i tre si guardano stupiti e perplessi)… nö, ti te sbagli.. mia.. foscia e conoscieiva o Gian.. Gian chi?.. ma sci.. quello che ti è mandôu via perché o t’aveiva bevùo unn-a bottiggia de grappa, quande ti l’aveivi pregôu de nö toccala manco… Ah sci.. me ricordo…

S.Nadia: Ma con chi o parla..

S.Gina: O l’è nescio..vedemmö un po’ chi o l’è?.. Ma scià scuse bon ommo… chi scià l’è?.. Che ruolo ha in questa Chiesa?

Scipione: (continuando il suo discorso tra se)… speta che o ciammo…Gian..Gian..torna inderè.. femmö paxe…

S.Linda: Ma chi o ciamma oua.. ghe atra gente?

Scipione: (continuando).. na.. o l’è troppo distante. Nö te sente.. o nö vegne ciù..o s’è offeso.. senti.. quello che o te dava do nescio, do maniaco, de sdoppiamento de identità..te o ricordi?..Ah sci.. ma l’ho ammassôu.. o me dava sempre contra.. nö o sopportava ciù… Na.. basta.. aspeta che ritorno in to me çervello… ecco.. Chi son?.. Mi son o sacrestan..

S.Gina: O gh’è vosciùo in po’ ma a fin ghe l’emmö faeta..

S.Nadia: O l’è un’ôa che o parla.. con chi poi..

S.Linda: O l’è nescio franco..

Scipione: Mi me occupo da gëxa, son o responsabile do convento de l’orto,do chiostro, da cuxinna de offerte.. de tûtto..pe fortunn-a che ghe semmö in duì..

S.Gina: In dui?..ma..

Scipione: A votte semmö anche de ciù chi drento.. (indica il petto).. se fuise da solo comme porrieiva fa tûtto?.. comunque son contento..un aggiûtto o ghe vèu.. o vescovo a di o vëo o m’ha dito che doveivan arrivà di previ.. ma a fin da föa o vegne ben anche cosci.. (abbracciando Joulia che si era quasi addormentata in piedi barcollando)..ne vëo?

S.Gina: Zuenotto, mi nö veddo nisciun atro.. e scià lasce sta a me consorella.. a l’è unn-a povia pëgoa smarria..

Scipione: L’è vea.. a se perde sempre, ma mi a ritrovo in compagnia de unn-a bottiggia de quello bon.. proprio chi attacco a gëxa o ghè unn-a scà..

S.Nadia: (interessato, come gli altri).. sci.. scia continue.. Donde a porte..

Scipione: Sci.. unn-a scà lunga e drita..poi a gie.. o gh’è in corridô scûo poi.. A porte.. ma perché orriei saveilo, o l’è in segreto.. e mi i segreti i sò mantegnì..

S.Gina: Allöa doviò domandalo a me consorella.. noîatre femmö parte de un corpo solo.

Scipione: Cose o gh’intra.. anche noîatri femmö parte de un corpo solo.. a votte semmö in quattro.. a votte duì.. ma chi parle troppo o caccio via..

S.Gina: (sospirando).. bezêugna arrangiase.. ma..prego..scià ne o dighe donde o l’è sto posto e donde son e scae…che portan?.. sciù.. scià fasse o bravo coscì se levemmö in mûggio de problemi e portemmö via o berettin…

Scipione: Portan.. na mi no ghe o diggo.. (parlando a se stesso).. se ti o veo digghelo ti, mi non tradiscio mai.. ma se ti o fè ricordite che non te daggo ciù da mangià.. e nö te staggo ciù amigo..

S.Linda: Semmö a posto.. da sto chi nö tiemo föa ninte.. figuremmose quande o l’attacca a parlà con i atri..

S.Nadia: O l’è pin de spiriti maligni in te bele..  l’ëi visto quando o parla co cange de faccia?

S.Gina: Finiscila.. o l’è foscia l’unico che o conosce i segreti de questo posto, tegnimmoselo bon..

Scipione: Comunque voîatre sei neûve, e sei arrivè da poco tempo.. ghe son ancon e valixë  chi.. vegni, che ve porto in te vostre stansie.. con e atre ho giäo in po’ primma de trovale.. poi o Tony ho ma dito donde doveivo andà..

S.Linda: Chi l’è o Tony? L’atro sacrestan?

Scipione: Un me amigo.. o litigava spesso con o Gian, questiuin importanti de vin.. rosso.. perché o gianco riscade.. l’è veo?.. (i tre rimangono zitti, aspettando una sua risposta pensando che parla con se stesso).. Allöa?.. l’è veo o nö?.. nö rispondan.. sei sorde?

S.Gina: (agli altri) ..assecondemmolo..  primma o poi o se risponde da solo..

S.Nadia: Chissà quanto dovemmö aspetà.. speremmö che o Gian e o Tony oua vaggan d’accordo altrimenti o l’è in belo casin..

Scipione: Se vedde che ho dito quarche cosa de mà, nö rispondan.. sei un po’ ma educhè… allöa o riscade o nö o vin gianco?.. va ben ve o diggo mi..quande ne ho quaè.. anzi.. se me fei un belo tiramisù.. ve o diggo subito..

S.Linda: In tiramisù.. che bocchin sernûo.. o trattavan ben e moneghe primma… vediemo bell’ommo.. primma scià ne fasse vedde a strada pe e nostre stansie e poi ne riparliemo…

S.Gina: (stupita).. O Segnò cao .. unn-a.. cioè un.. o s’è adesciôu.. Grazie Segnò.. ve ringrazio..

S.Nadia: E ve lodo..

S.Linda: Amen..

Scipione: Piggiè i vostri pighêuggi e andemmö.. ghè un po’ de strada da fà.. seguime.. pe de sa.. aspetime Joulia.. da chi a in po’ arrivo..(Scipione esce a sinistra)

S.Joulia: (svegliandosi).. si… ti aspetto.. non mi muovo da qua.. portane una di quello buono.. ciaotesoro..

S.Nadia: Ah..nö ghe son ciù e moneghe de unn-a votta.. oua se lascian andà coscì, ao primmo sacrestan che incontran..

S.Gina: Mesciemmose, dunque perdemmö o sacrestan e i sò amixi… piggiè a valixia e andemmö.. (Nadia e Linda prendono il borsone a fatica ed escono tutti a sinistra)

Scena 8°

S.Silvia: (entra dal fondo,vede Joulia che dorme in piedi e russa profondamente)… Mila lì.. a pà in cavallo.. fame sentì.. che alito.. a l’ha bevûo seguamente.. ma primma o poi quelo là doviemo ligalo da qualche parte.. a ne fa vegnì alcolizzà a nostra povïa Joulia.. (la aiuta a sedersi, Joulia si sveglia e sente un cattivo odore nelle mani di Silvia)..

S.Joulia: Cosa succede.. che odore!!.. ma sei tu??!

S.Silvia: Ou..ciucchetunn-a.. mi son unn-a  pulia.. solo che o m’è s’è sguarôu o sacco e.. poi nö stà a offende.. pensa pe ti.. che ti perdi in te in gotto d’aegua.. cioè, de vin..se te vedde coscì a Gloria a te dixe ben.. Stanni fresca..

S.Joulia: Non ti preoccupare per me..io e Scipione siamo due amici.. e così facendo forse riusciremo a fargli dire alcuni segreti del posto..

S.Silvia: Però.. nö ti dixi mà. Sempre che quell’essere o nö l’attacche a parlà con di atri.. con i so abitanti interni..

S.Gloria: (entra dal fondo con Ilaria parlano del piano con una mappa del convento)… Però no riescio a capì perché da-o pozzo do chiostro o no se riesce a passà in gexa.. i collegamenti dovieivan esighe.. mia chi.. ti veddi.. poi ad un certo punto..ciù ninte..

S.Ilaria: Foscia dovemmö scavà dall’orto.. foscia a soluziön a stà li..

S:Gloria: Nö so.. (pensando).. un tesoro donde ti l’ascondieisci?

S.Joulia: (Interrompe).. devo dirvi una cosa importante..Sono arrivate delle suore vere nel convento.. le ho viste io.. con questi occhi..

S.Silvia: Ma cose ti dixi.. a l’ea chi ca stava dormindo de in pè comme in cavallo.. a s’è l’è sognè.. tre moneghe.. l’avieiscimo viste..

S.Joulia: Ma si.. c’era presente anche Scipione..

S.Ilaria: L’atro bon.. de duì nö ne femmö un..

S.Gloria: A dixe ben Ilaria.. ti ei ciucca persa insemme a quell’atro…a l’ha raxön..

S.Silvia: A raxön a se dà ai nesci

S.Ilaria: Ha l’ha raxön… (Gloria va contro a Ilaria.. Silvia le ferma)

S.Joulia: Basta per favore..  chiedete a Scipione.. quando arriva domandateglielo.

S.Gloria: Sperando che a domanda a vagghe a l’è e non ai sò abitanti interni…Femmö unn-a cosa, andemmö a çercalo..intanto bezêugna che o ne dighe pe o mangià e tûtto o resto.. Noîatre, stanêutte riunion in ta me cella.. mettimmo a punto o cian.. ciaeo..? (le tre annuiscono).. ben.. andemmö de föa.. unn-a in te l’orto, unn-a in to chiostro..

S.Joulia: …e io in cantina..

S:Silvia: A nö saieiva unn-a cattiva idea..solo che ti t’è proprio a personna sbaglià …

S.Ilaria: A l’ha raxön..

S.Gloria: Ferme tûtte!!!  (autoritaria) Avanti marsh.. un due, un due… un due.. passo.. marsh.. (via tutte dal fondo)

Scena 9°

Scipione: (poco dopo entra da sinistra con una nuova bottiglia di vino, non vede Joulia).. alè.. o saveivo.. donne.. e ghe l’aveivo dito.. spetime.. ma sci. Tantè… o travaggio… pazienza.. bevemmö noîatri.. diggo ben.. sci.. ti dixi ben.. ehi, nö parlè tûtti insemme dunque nö ve capiscio… (squilla il telefono).. chi risponde?.. va ben vaggo mi… comme ao solito… Pronto.. sci..son mi.. son io.. Signor vescovo.. sua altezza illustrissima nonché principe del foro… (pausa).. mi scusi.. tutto bene.. la faccio ridere?.. sono contento.. (a se stesso).. fate silenzio!!... no.. non dicevo a lei sua emminenza… no.. si sono solo.. come?.. un periodo di riposo al suo ritorno?.. sono abituato solo a lavorare.. non insista.. la prego sua eccelenza.. ne parleremo..si.. no.. non è arrivato nessun prete, forse si sono persi nella nebbia.. (ride)…la chiesa e il suo segreto sono al loro posto… (a se stesso) ..mi orrieiva capì sto segreto..ti o s’è ti.. manco ti.. allöa andè a scrovilo..avanti.. ve aspeto pe beive.. ve daggo a me parola… andè.. (sembra seguirli con lo sguardo, sorride.. subito si riprende accorgendosi che ha la cornetta in mano).. oh.. si.. eccomi.. no..forse ci sono delle interferenze.. sento delle voci.. la mia coscienza.. forse ne o più di una… (pausa).. e quando arrivano?.. Prossimi giorni?.. bene.. le celle sono occupate.. come da chi?..dalle suore.. sono arrivate sette suore in tempi diversi.. o forse insieme.. ora non ricordo.. si.. cosa vuole che le dica. Ne parli al suo superiore.. senta.. se arrivano i preti non so dove metterli a dormire.. eventualmente insieme alle suore.. (allontana la cornetta dall’orecchio, espressione spaventata..  riavvicina la cornetta..).. pronto.. ma era lei sua eccellenza.. pronto.. pronto .. si… chi parla.. il segretario.. è svenuto il Vescovo? senta.. gli faccia bere un po’ di vino e si riprende subito.. è un’ottima medicina.. ma si sbrighi.. poi ma farà sapere..si.. è abituato. …beve sempre.. non lo sapeva.. strano.. cioè.. in verità mi ha detto che ha sempre bevuto.. un suo vizio, me lo ha confidato prima di partire.. però ho mantenuto il segreto.. ma ora in emergenza.. eventualmente lo ricoveri… ancora.. a lei.. a lei.. di niente… (posa la cornetta).. e anche l’è o l’è a posto e pe in po’…. Ben oua brindemmö a suor Joulia… ma son solo.. man abbandonôu.. veramente son mi che l’ho mandè a scrovì in segreto e me pa che ghe mettan tanto… ti se cose te diggo.. cose?.. che se o bevemmö noîatri.. Ti dixi ben..a salute… (porta la bottiglia alla bocca e beve… mentre si chiude il sipario)

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Scena 1°

All’aprirsi del sipario Scipione è in scena,seduto al tavolo intento a mangiare un panino…

Scipione: (parlando a se stesso).. coscì, le o domanda e mi rispondo… e nö o l’è o caxo che ti t’arraggi… sci.. sci.. a l’è coscì.. emmö dormio, ma unn-a branda pe çinque a l’è poca..mi me son adattaö.. e anche i atri.. se a ti o no te va ben ti piggi a porta e ti vè..ti stanni sitto.. a Joulia a l’è a mè.. a mè e basta.. no a posso dividde con nisciun… (dal fondo entrano Gina, Nadia e Linda… provate nel fisico per il poco dormire)

S.Linda: T’òu lì.. o mangia..

S.Nadia: Che famme.. eppure a Quaresima a l’è lontana..

S.Gina: Domandemmö donde o s’è imboscôu, che emmö giäo quaexi tûtta a nêutte pe çercalo.

S.Nadia: Senta signor tale quale.. scià me digghe in po’..

Scipione: (a se stesso).. mia… mi sto mangiando.. rispondighe ti.. ah..comme ti nö pêu.. (rassegnazione nei volti dei tre)… e i atri?... (pausa, poi rivolto alle suore)…me dispiace.. mi son occupôu,… Din.. i atri son momentaneamente assenti… vi preghiamo di riprovare più tardi.. Din..

S.Linda: Mi ghe taggio o collo..

S.Gina: Un momento.. scià me scuse.. no ei sentio che o ghea suor Nadia che o ghe vorreiva domandaghe unn-a cosa?

Scipione: Sci.. e mi ho risposto.. primmo, mi mangio, poi vedemmö.. (si guarda sul petto e intorno a se, i tre guardano se vedono qualche cosa e non capiscono) …allöa.. ricapitolemmö… mi mangio.. Pasquale o l’è ao cesso, un o scrive.. Tony o se faeto mà mentre o pendeiva un quadro… e Gian.. belin.. Gian o beive.. disgrasiôu beive senza de mi… ma oua.. oua vegno, aspetime.. (agli alri).. o beive unn-a bottiggia de quello bon.. scuseme.. vaggo de corsa..

S.Gina: Ma scia ne dighe unn-a cosa.. unn-a solo..scià aspete un momento… donde a l’è a cripta da gëxa.. l’ingresso.. donde o l’è..

Scipione: Nö sò.. o l’è in segreto.. mi so solamente donde a l’è a cantinn-a.. e ghe o Gian che o se sta bevendo tûtto.. devo corì.. poi parlemmö de tûtto.. nö ve preoccupè (si avvia.. si ferma all’improvviso… alle suore).. ei sentio?

S.Linda: Cose..? Mi ninte..

S.Nadia: O l’arrive qualched’un.. son e atre moneghe.

Scipione: Nö.. a cadenna do cesso.. Pasquale o l’ha finio.. son libero.. posso andà.. a doppo.. (esce a sinistra)

S.Gina: Che tipo sto sacrestan.. ma a l’è stata unn-a decixön furba quella de mettighe un matto a tegnì un poscibile segreto..

S.Nadia: E se o nö sa ninte?.. bezêugna scavà pe tûtta a gëxa.. fà in garbo chi e un là.. e o nö le bello.. rischiemmö de trovase gente in gëxa mentre piconemmö da qualche parte…

S.Gina: Ma cose ti vò picconà.. de giorno?

S.Nadia: E quande.. de nêutte?

S.Gina: Ti è zà nescio.. o vò picconà de giörno.. sci, de nêutte.. ghe son de atre moneghe chi.. bezêugna conoscile, parlaghe.. bezêugna fa e cose insemme…

S.Linda: E se capiscian che nö semmö de moneghe?

S.Gina: Ma ti l’è sentie.. ti l’è viste.. son unn-a ciù föa che l’atra.. a vitta do convento a l’ha messe a perde… fite... nö se ne accorzian manco.. e stansie son lontan da-a gëxa.. figgiò, chi bezêugna dase da fà.. stanêutte a l’è passà coscì.. ma da staseja cominsemmö con e manieri forti..

S.Linda: Bene.. coscì son contento… nö veddo l’ôa de mettì e man in te quello popò de roba…

S.Nadia: Ti dixi ben… uno per tutti, tutti per uno!!

S.Gina: Bravo, ti dixi ben.. ma donde ti l’è sentia .. ti è troppo ignorante pe savei ste cose…

S.Nadia: Ma insomma… e va ben.. l’ho sentio da Scipion… l’è o dixe “uno per tutti” e i atri ghe rispondan “tutti per uno”..

S.Gina: (sbuffa)..nö ti vorriè credde a Scipion.. pe piaxei.. andemmö in coxinna a vedde se o se pêu fa u po’ de caffè… g’ho unn-a famme…

S.Gina: (a Linda).. vanni vanti ti.. poi ti ne cimmi se o va tûtto ben.. se entro trei secondi nö ti torni inderè..te vegnimmö a piggià..

S.Linda:  Andemmö tûtti insemme?... uno per tutti..

S.Gina: (interrompendolo) Quello che o dixe o nescio pe noîatri o nö va ben..vanni… (Linda si avvia a destra, annusa l’aria.. si avvicina all’uscita, guarda i due con espressione poco convinta, Gina e Nadia gli fanno cenno con la mano di andare.. Linda entra… poco dopo si sente un tonfo.. Gina e Nadia si guardano e corrono a destra.. escono)

Scena 2°

(Da sinistra entrano parlando  Joulia e Gloria.. quest’ultima ha una mappa in mano)…

S.Joulia: Te lo ripeto ancora una volta..sono astemia.. per quello che parto in tromba.. il vino mi fa questo effetto.. cosa ci posso fare se Scipione mi ha presa in simpatia.. anche lui è simpatico a me..

S.Gloria: Joulia.. ti è unn-a monega.. ti te devi comportà in maniera che nisciun, manco Scipion o l’agge da capì che ti ghe stè.. ciaeo?

S.Joulia: Lampante…Scipione va bene.. e gli altri?

S.Gloria: Atri?..ghe son di atri ommi?

S.Juolia: Gli altri.. quelli che parlano da dentro.. lui è posseduto, ti ricordi?

S.Gloria: Ciammiò Milingo.

S.Joulia: Milingo..?... Ne è arrivato un altro.. Scipione non me lo ha detto.. (concitata) però, se Scipione non va bene.. magari.. Gian.. o il suo rivale.. Tony..

S.Gloria: Stame a senti… Joulia cara.. noîatre semmö chi pe robà.. ciaeo.. unn-a votta che semmö föa ti porriè andà con chi ti vò.. anche ritornà chi con Scipion e i sò diai in to corpo.. ma oua te vêuggio adescia.. (si sente un urlo isterico, Ilaria entra dal fondo con Silvia)

S.Silvia: Calmite.. calmite..

S.Ilaria: O l’è ciù forte che mi..

S.Gloria: Cose gh’è ancon..

S.Silvia: L’ho trovâ queixi nûa in sciò campanin che a gridava comme un’aquila.. “ommi a mì” a dixeiva.. poi l’ho piggià in tempo.. a l’ha rancôu anche o battaggiö da campanna… che roba..

S.Gloria: Ilaria, ma diggo… ti vò che ne scrovan??!!

S.Ilaria: Mi ho bezêugno de riposame.. dopo un di me attacchi de crisi violenta devo piggiamene dexë minûti…

S.Gloria: Mettite setà vixin a töa e dormi… (Ilaria si avvicina alla tavola, siede e dopo qualche urletto si addormenta)… a l’è andata.. sci.. ben, pe in po’ semmö a posto.. invece me sa che a tûtte o ne serve mangià.. e poi via con o cian segreto…chissà comme a l’è a scituaziön in coxinna Silvia..

S.Silvia: Tûtto ben.. (si avvia a destra, ma nel mentre entra di spalle Gina, trasporta insieme a Nadia la “povera” Linda svenuta.. tutti e tre hanno una mascherina, Silvia si arresta, Gloria e Joulia rimangono sorprese, Gina continua a indietreggiare ma Nadia che ha visto le altre si ferma, Linda quindi si allunga sospesa tra i due.. Gina strattona Linda per fare avanzare Nadia..)

Scena 3°

S.Joulia: Oh santo cielo..

S.Gloria: E oua..?

S.Silvia: Chi son.. son moneghe vere…

S.Gina: (continua a strattonare Nadia, poi stufa lascia cadere piano Linda, si toglie la mascherina) Cose ghè.. cose ti è visto?.. (Nadia fa cenno con la testa, in un primo momento Gina non capisce).. Se ti te levi a mascherinn-a.. foscia te capiscio.. aze!!! (Nadia continua a far cenno con la testa, Gina si gira, vede le suore, si rimette la mascherina, riprende Linda da terra e spinge veso la cucina anche Nadia che rimane come impietrita, a questo punto Linda viene lasciata da Gina, si toglie la mascherina.. Nadia non lascia Linda..).. Ecco…(aggiustandosi la voce).. ecco.. noi..siamo..

S.Joulia: Anche noi siamo..

S.Gloria: Voi siete..

S.Gina: Sci.. ö semmö..

S.Gloria: O savei?

S.Silvia: Ou san..

S.Gina: Sci.. semmö… semmö de moneghe..

S.Gloria: Anche nuî..

S.Gina: Se vedde..

S.Silvia: Se vedde?

S.Gloria: Sci.. o san.. e se vedde.. noîatre semmö nêuve..

S.Gina: Anche nuî.. se vedde veo?

S.Silvia: Sci.. se vedde.. (Nadia posa Linda e si toglie la mascherina).. noîatre semmö chi da poco..

S.Gina: Anche nuî.. se capisce?

S.Joulia: Si capisce.. e si vede..

S.Nadia: (a Gina).. san tûtto…?

S.Gina: Foscia.. o pa de sci..

S.Gloria: Ei a mascherinn-a.. perché..o l’è successo qualche cosa.. a vostra amiga.. cioè.. a nostra consorella…

S.Gina: Sto nescio.. (correggendosi).. si.. è svenuta  in cucina..

S.Gloria: (a Silvia)… san..

S.Silvia: San?.. pazienza.. o corpo o l’è umano.. un po’ comme a fede.. incontrollabile.. a votte se fan de cose che no se riesce a capì comme o s’è riûscïo a fale.. mistero do spirito..

S.Nadia: Zà.. e poi o s’è ringrazie sempre chi stà ciù in erto de noî, perché senza de Lè nö saieiscimo buin manco de trovâ o mangiâ in to cuppûo..

S.Gloria: (guardando Silvia) De  faeti… e.. voîatre sei chi pe..

S.Gina: Semmö chi pe… pe fa.. pe fa quello che fei voîatre..

S.Joulia: Alè..siamo a posto..

S.Gloria: Ah sci.. ecco li.. (a Silvia)..ou san..

S.Silvia: O savvei?

S.Gina: O semmö.. semmö chi pe servì a gëxa..ordine do Vescovo..

S.Gloria: Ma che coincidenza.. anche noîatre… Scipione o nö g’ha dito ninte.. saiescimo andaete incontro ae nostre sorelle.. (vedendo Linda).. foscia o l’è o caxo de desciala.. a l’è in po’ ca dorme..

S.Gina: A l’è svegnùa.. mancanza de forze pe o troppo pregâ..ghe vorrieiva..

Scena 4°

Scipione: (entra da sinistra).. un po’ de vin bon..

S.Joulia: Tesoro.. (gomitata di Gloria a Joulia).. cioè.. Scipione.. dove sei andato.. è tanto che non ti vedo…

Scipione: (quasi stupito).. quante ghe sei chi drento?.. tante moneghe tûtte insemme nö l’ho mai viste.. (parlando a se stesso).. e ti?.. ah.. dixeivo ben.. comme?... o nö te ne frega ninte?.. se ghe penso manco a mi.. cose ti ste faxendo.. ti prepari da mangià?!.. aspetime dexe menûti che vegno, primma fasso un pronto soccorso a unn-a sorella… nö ëse geloso eh!!... (si avvicina a Linda che annusando il vino si risveglia di colpo.. Scipione è soddisfatto)

S.Linda: Oh.. porteme via.. porteme via da chi dentro… (si ricompone, si alza)… scuseme.. oh.. ma quante semmö.. ghe veddo ma?

S.Gina: Nö.. ti ghe veddi ben.. Ho l’impresciön de aveì sbagliôu tûtto..

S.Nadia: Scipione.. oua che semmö ao completo.. foscia… e visto che semmö tante moneghe.. scià ne dighe cose dovemmö fà..

Scipione: Fei quello che orrei.. oh bella.. ( a se stesso)..diggo ben…. O nö me sente, l’è in coxinna co prepare a minestra e o l’ha a porta serà…  Dunque.. (pensa e cammina per la scena)

S.Gloria: Mettise in te man e in ta testa de sto essere o nö l’è bello..

S.Gina: Ho sempre de ciù l’impresciön che emmö sbagliôu tûtto e de ciù…

Scipione: Sci.. dunque.. voîatre…(riferendosi alle donne).. sei bonne pe fa giardinaggio e orto.. e voîatre invece.. pe a gëxa… e ovviamente qualche d’un che o prepare da mangià..

S.Linda: Mi in coxinna nö ghe intro ciù.. o m’è bastôu..

S.Gina: Va ben.. dunque Scipion o l’ha deciso.. e de conseguenza bezêugna dase da fà…

S.Gloria: Sci.. e a svelta.. vëo ragazze..

S.Joulia: Si.. io ho da fare con Scipione..

S.Gloria: Nö.. tu hai da fare con me nell’orto.. te devo parlà..

S.Silvia: Allöa.. mi vaggo a piggià o rastrello.. e a dinamite.. cioè.. a zappa..

S.Gloria: Sci.. brava, vanni.. se vedemmö doppo.. (Silvia esce dal fondo)

S.Ilaria: (con tono maniacale).. mi o me servieiva un bello ometto.. (Gloria si avvicina minacciosa, Ilaria cambia tono e diventa dolce..).. in ometto pe dame unn-a man a tià sciù a legna… ecco..

S.Gloria: Ecco.. vanni brava, vanni…

S.Ilaria: E se nö o treûvo.. pazienza… m’arrangiò…(esce sul fondo)

S.Gloria: Noîatre semmö a posto.. se vedemmö fïto.. magari pe pranzo..

S.Gina: Magara.. sci.. eventualmente preparemmö noîatre..

S.Linda: Lasagne e pollo, peperoni e caviale, salmone e buridda…

S.Gina: Sci.. magara anche o pandoçe..

S.Nadia: Però.. quaexi quaexi.. un po’ de grappa a fin de questa laccia a ghe vorrieiva..

S.Gina: Ta a daggo mi a grappa.. in scià testa..

S.Gloria: Allöa bon travaglio.. cioè.. bon travaggio.. se vedemmö doppo.. foscia.. (esce sul fondo a passo veloce)

Scena 5°

S.Gina: Oua che emmö avùo l’incontro do terzo tipo, dovemmö dase da fa..

S.Nadia: Oua o lè ciù diffisile…

S.Gina: Loîatre son moneghe vere, un po’ strane ma vere.. e donne… san che ghe son de atre moneghe.. finte… e ommi pe zunta..

S.Linda: San che semmö ommi?

S.Gina: Finchè nö te veddan fa a pipì d’in pè.. nö creddo.. diggo mà?

S.Nadia: Spero de no restà monega pe- o resto da vitta..

S.Gina: Allöa demose da fa..

S.Nadia: Da mangià?

S.Gina: Anche quello, pe forza, atrimenti ne scrovan… dunque.. (a Linda).. ti ti faiè da mangià..ti veddi cose o ghè e t’inventi qualche cosa.. e poi.. sci.. ti porriesci fa coscì.. ti devvi çercà de fa parlà Scipion.. ti devi falo innamoà.. ò l’è l’unico che o sa i segreti de chi drento.. memorizza ogni cosa che o te dixe.. intanto mi e lè preparemmö a roba..

S.Linda: Innamoà Scipion?.. e se o se innamöa.. e poi son unn-a monega..

S.Gina: In te l’atro gruppo o gh’è unn-a monega ca l’à in debole pe l è.. semmö faeti de carne e ossa.. o l’è normale aveì certi istinti..

S.Linda: Ho capio.. ma a me carne a l’è paegia a quella de Scipion.. e mi in te l’atra sponda nö ghe son passôu..

S.Gina: Ma ti è unn-a donna..pe l’è..

S.Linda: Pe l’è.. ma pe mi nö..

S.Gina: Basta.. ho deciso.. finila tûtti e steme a sentì…(estrae una mappa della chiesa e fa avvicinare tutti al tavolo)… vegnì chi… stanêutte o s’intre in aziön.. picconè a brettio.. incominsemmö a scavà da chi.. miando l’altà a destra.. ho pensôu che o l’è l’unico posto donde o tesoro o pose ëse.. sötta all’altà..

S.Linda: Travaggià de nêutte.. mi orrieiva dormì..

S.Gina: Prima finimmo, primma ti dormi..

S.Nadia: Piconemmö drentro a gëxa?

S.Gina: Che idea intelligente, coscì i contadin chi intorno vegnan e ne scrovan.. nö.. da föa.. ghe son dexe metri pe arrivà dall’altà.. o se incominse doppo e preghiere da seja e o se ghe dà finna all’alba ae lodi mattutine..

S.Linda: E in to mezzö magari o ghe sciorte unn-a bella messa?!?

S.Nadia: Stanni sitto nescio.. (a Gina)… Comme ti fè a savei ste cose?.. e poi scusime.. nö dormimmo mai.. bezêugna riposase..

S.Gina: Un’ôa ao giorno.. nö bezêugna dà nell’êuggio.. (a Linda).. Oua ti ti vè in coxinna e mi e le preparemmö a roba e a mettimmo.. (va alla finestra, apre, guarda intorno).. sci.. appeisa a l’erboo de limuin.. Andemmö.. e me raccomando.. se ti veddi Scipion…

S.Linda: O me vegnià un coccolon… (Gina e Nadia escono a sinistra).. faiò do me megio.. mai avùo a che fa con in ommo.. povio de mi.. monega in te in convento pe robà unna cosa che a nö se sa donde a l’è.. manco bon a tegnì unn-a casola in man.. a veddo ben.. marasci.. spetime che torno fïto… (via a destra)

Scena 6°

S.Gloria: (dal fondo guarda in scena).. Nö gh’è nisciun.. vegnì.. (entrano tutte e quattro)… andemmö da-a toa… Dunque.. stanêutte incominçemmö o travaggio… se vedemmö dopo i vespri serali sötta ao porticato.. Joulia a faià da palo.. Noîatre invece con pala e picco incominsiemo a scavà.

S.Silvia: Pala e picco? …E donde scavemmö?..

S.Gloria: Scavemmö.. dunque.. (gira la piantina del convento).. miando l’altà a sinistra.. chi drento ho l’imprescion che l’unico posto donde o pêu ese o tesoro o l’è sotta l’altà ..

S.Ilaria: O pêu ese in bello posto pe scondite.. con in bello ometto..

S.Gloria: Invece ca-a Ilaria, ti saiè a scandì e picconè.. a dane o tempo.. e Silvia a mettià in pratica e so doti de dinamitarda…se o fuise o caxo, se intende.. perchè da quello che ho capio quello che o ne separe dall’altà son pochi metri.. e primma foscia o gh’è unn-a galleria faeta con di travi de legno.. almeno.. da-o disegno o me pà cosci…

S.Ilaria: Però.. primma de seja mi ho bezêugno de sfogame.. nö posso resiste ciù a lungo..

S.Silvia: Te dajò un…

S.Ilaria: (subito).. un ommo?!!?

S.Silvia: Un calmin!!

S.Gloria: Resisti Ilaria, famelo comme un favò personale.. poi appena ti veddi un ommo, qualunque cosa o segge, vanni.. ti gh’è o me permesso.. ma primma o dovei.. poi o piaxei..

 

S.Ilaria: Pe unn-a votta o se porrieiva fa o contraio?

S.Gloria: Manco a pensaghe.. bezêugna intrà in aziön.. E ti  Joulia, primma de nêutte, çerca de fa dì a Scipion quarchecosa.. visto che o l’ha unn-a simpatia pe ti.. coscì eventualmente se risparmiemo a fatiga.. ma nö esageremmö, ricordite che ti è unn-a monega.. diggo ben?

S.Joulia: Bene.. sempre se lo trovo da solo…(sorride)…

S.Silvia: E moneghe vere ne tegnian d’êuggio… bezogna fa in moddo che nö s’accorzan de ninte.. son un po’ vegie, pan finna ommi..

S.Ilaria: Ommi?..Donde..quando..oua..subito chi.. da mi!!

S.Silvia: Divo coscì, calmite.. ho dito che paan.. nö che son.. i anni de convento l’han imbruttie tanto.. o me dispiace quaeixi…

S.Gloria: Andemmö a preparase a roba.. Joulia, stanni chi e speta Scipion.. (alle altre).. andemmö …(via dal fondo)…

Scena 7°

S.Joulia: Aspetto Scipione.. quello è capace di rimanere chiuso in cantina per delle ore, a parlare da solo con i suoi amici.. è una persona strampalata.. ma riesco a trovare qualche cosa in lui.. che..

Scipione: (da fuori.. cantando).. la donna immobile sul letto stava…

S.Joulia: E’ lui.. allora devo riuscire a farlo parlare… a fargli dire ciò che sa.. e anche di più.. mi siedo qua. No.. forse è meglio qua.. eco si.. qui va bene.. cosa faccio.. ah, si.. prego.. come si prega.. già, mi ricordo.. mani giunte..

Scipione: (sempre da fuori scena cantando)…  prende respiro, beve la lava.. (entra, subito non si accorge di Joulia, parla a se stesso)… ma cose ti dixi.. cose ti canti.. mia Gian che ti è zà nescio, beve la lava.. (ride.. poi serio improvvisamente).. se e parole nö ti è sé.. stanni sitto che o l’è megio.. ritorna a dà da beive ae articiocche… (si accorge di Joulia).. Oh.. chi si vede… a me monega preferia in estasi.. (a se stesso).. silenzio.. cianin.. camminemmö in punta de pè… cianin.. sciurtimmo de föa.. (emette un urlo, Joulia si spaventa.. Scipione a se stesso).. scemmö che nö ti è atro.. t’aveivo dito de fa cianin..

S.Joulia: Scipione sei tu.. mi hai fatto spaventare..

Scipione: Si.. sono io.. cioè.. si, sono io però mi scuso.. scià me perdonne.. ho sbraggiôu perché gh’aveivo dito de fa cianin.. in te in primmo momento han camminôu cianin tûtti in punta de pè.. poi, quello nescio do Manuelo o s’è ingambôu in te un portasciûe e l’ho faeto cazze tûtto in taera.. pe quelo che ho criao.. scià capisce?

S.Joulia: Si.. Scipione.. io ti capisco.. ascolta.. siediti qui.. vicino a me..

S.Linda: (entra decisa in scena, sta mescolando qualche cosa in una pirofila, vede i due e si arresta.. nel contempo Scipione e Joulia siedono vicini)… Son arrivôu tardi.. devo sbrigame.. (torna indietro ed esce)..

S.Joulia: Sei comodo?

Scipione: A l’è unn-a carega.

S.Joulia: Scipione.. ascolta.. tu sei molto caro.. sei molto simpatico. E io sono una suora di strada… cioè.. una donna..

Scipione: (subito).. de strada?

S.Joulia: Io sono una donna…

Scipione: Ou veddo.. e che bella.. scià scuse..  (a se stesso).. e a vuì a ve piaxe?... nö dixan ninte, son sensa parolle.. serè quella bocca che ghe intran e sinsae.. (a Joulia).. perdoneli..

S.Joulia: Allora, dicevo che sono una giovane suora… ho fatto una scelta di vita.. ma.. forse.. Scipione.. incontrandoti.. ho messo in discussione tutto.. non avevo mai incontrato una persona così.. così piena di vita..

Scipione: E zà, mi de vitte ne ho quattro.. a votte due.. atre votte ä dreitûa çinque… comme oua pe esempio.. doveivo sciortì con i amixi.. infilame in te in bar e zêugà a carte.. ma nö ghe verso che riescio a trovà questo bar.. me dixan.. de sa.. poi a drita e ti gh’è.. Mi me son giao in gïo diverse votte.. ma sto bar nö l’ho visto..

S.Joulia: Sarà in fondo al paese.. Scipione caro..

Scipione: (guardandosi sotto le ascelle e in diverse parti del corpo).. son anni che o çerco ma ninte da fa.. eppure o paise o nö l’è grande…

S.Joulia: Ascoltami Scipione.. noi siamo qui in missione speciale..

Scipione: Ou sò..

S.Joulia: E avremmo bisogno del tuo grande aiuto.. tu che sei il costode dei segreti di questo posto.. dovresti dirmi.. sempre se puoi.. (accarezzandogli la testa).. una cosa per noi importante..

Scipione: Se posso anche due.. o tre… e se te diggo che semmö tûtti pronti a date unn-a man..?.. ti saiesci contenta’

S.Joulia: Oh si.. felicissima…

Scipione: E io felice di aver fatto la sua conoscenza.. Oua devo andà.. o me sta ciammando l’idraulico.. o s’è rotto in tûbo in cantina.. ghe vin da tûtte e parti.. nö semmö ciù comme fa a beive pe levalo d’in taera…

S.Joulia: Ma.. ascoltami… ecco.. noi suore.. vorremmo un posto più raccolto per pregare.. la chiesa anche se piccola è sempre dispersiva per noi… Non ci sarebbe un luogo.. (accavalla le gambe).. sotterraneo.. magari dove un tesoro si conserva…

Scipione: Un tesoro?..

S.Joulia: Un tesoro.. si.. il tesoro della fede..

Scipione: (a se stesso).. che bordello.. oua anche l’elettricista o me ciamma.. un fì da corrente o l’è coito in to vin.. aviemo un frizzantin ninte male.. Ti vò vegnilo ad assazalo?

S.Linda: (Entra con una pirofila).. eccomi qua.. buongiorno a tutti.. Scipione.. Scipione Caro.. scià l’amie un po’ che bella cosa ho faeto pe çenna..

Scipione: Un tiramisù.. a me pascion.. posso assazalo?

S.Joulia: Scipione.. andiamo.. devi farmi vedere quella cosa in cantina.. (lo tira a se)..

S.Linda: Ma nö.. primma scià me dighe comme o l’è.. (lo trascina a se)..

S.Joulia: Ma l’elettricista è caduto nel vino…(lo tira a se)

S.Linda: Scià se cacce anima e corpo in te questa pirofila de bontè.. (idem…)

S.Joulia: (tirandosi su la veste)… l’idraulico Scipione.. si sta bevendo il vino..

S.Linda: Mi ou caccio via se nö g’ho un so parere de questa bontè.. (stessa scena)

Scipione: Nö son miga in erboo de meie che scrolle a destra e a sinistra.. nö sciorte ninte da mi.. (a se stesso).. nö scappè.. nö l’è in terremoto… se son spaventè. Oua o me ghe vorrà do belo pe fali sciortì da sötta a töa.. (Linda guarda sotto il tavolo.. Scipione esce di corsa a sinistra, Joulia lo insegue, Linda subito dopo, non sapendo che fare con la pirofila la porta con sé ed insegue i due)..

Scena 8°

S.Gloria: (entra dal fondo con Silvia e Ilaria).. Dunque semmö a posto.. appena se smortan e luxi incominsemmö l’opera…ho visto Suor Gina.. pe staseja a l’è d’accordo de nö dì e preghiere.. scicomme femmö digiuno a cosa a baste… a m’ha dito che chi vëu o po’ pregà in ta so cella.. coscì faian loîatre… cosci ho lasciôu da intende che fajemo anche nuî.

S.Ilaria: Digiuno?.. ho un-a famme che a veddo passà.. a l’è chi, davanti a mi..

S.Silvia: Mi ho sempre un fastidio a pança… speremmö ben..

S.Gloria: Nö orrieiva che o succedesse mentre o se scava…

S.Silvia: Nö te o posso zuà..

S.Ilaria: .... o me piggia un nervoso.. che ..che..mi.. nö so.. me serve un ommo..

S.Gloria: Finila un po’.. oua serietà.. oua s’intra in aziön.. Joulia a nö se vedde, foscia a ne sajà d’aggiûtto.. foscia a riuscià a fa parlà Scipion.. a faghe sciortì qualche cosa de bon…

S.Silvia: Speremmö … allöa andemmö..

S.Gloria: Sci.. via.. fase uno.. (si avviano sul fondo, contemporaneamente entrano le altre “suore”)

S.Nadia: Buonasera sorelle.. anche voîatre sei pronte..

S.Ilaria: Buonasera sorella.. Noîatre semmö pronte..

S.Gina: Bene.. allöa semmö d’accordo..se vedemmö doman pe-e lodi mattutine..

S.Silvia: Sci.. a dex’ ôe..

S.Gloria: (gomitata a Silvia) Scià a scusan.. ma o digiuno o fa dì cose senza senso..

S.Nadia: Capiscio.. allöa femmö a mezzögiorno.. (gomitata di Gina a Nadia)

S.Gloria: Ghe pensiemo… buonanotte..sogni d’oro..

S.Nadia: Sci.. proprio d’öu… (Gloria, Silvia, Ilaria via dal fondo)

S.Gina: Ben.. ancon çinque menuti e pigemmö a roba dall’erboo …(va dalla finestra).. tûtto tranquillo.. e moneghe stan passando sotta ao porticôu… sci..

S.Nadia: Donde o l’è quell’atro… (va verso destra e guarda fuori).. in coxinna o nö ghè…

S.Gina: O saià con o sacrestan… foscia o riesce a rancaghe qualche cosa.. qualche segreto.. speremmö ben.. allöa… pronti.. andemmö a piggià i feri… da chi a un po’ o l’è l’ôa X…

S.Nadia: Mai sentia un’ôa pegia.. ma va ben ao meiximo.. me fio..

S.Gina: O l’è in moddo de dì… andemmö e me raccomando.. unn-a votta in te l’orto nö fate vegnì l’idea comme quella votta de rancà i cornavuin..

S.Nadia: Ma ean coscì beli..

S.Gina: Sci, ma ti è piggiôu quelli e ti ghè lasciôu o sacco coi dinè drento…

S.Nadia: I sacchi ean paegi..in ta fretta..

S.Gina: Andemmö sacco paegio..andemmö a travaggià.. (escono a sinistra)…

Scena 9°

Scipione: (entra da destra)  che vitta da bestie.. e mi che orrieiva stamene tranquillo… torna che arrivan.. feme andà de corsa.. (esce a sinistra.. entrano Joulia e Linda a passo veloce, Joulia ha una bottiglia in mano, Linda sempre con la pirofila)…

S.Linda: Ma insomma.. devo faghe assazà sta cosa.. sorella.. scià me scuse..

S.Joulia: Io Devo fargli assaggiare questa bottiglia.. sorella.. mi scusi…

S.Linda: Precedenza ae moneghe ciù vegie..

S.Joulia: Largo alle giovani..

Scipione: (entra da destra, convinto di non incontrarle).. Ho sbagliôu.. (a se stesso).. ve l’ho dito mi.. perché ei inscistiö de vegni torna de sà..

S.Linda: (gli si avvicina mettendogli la pirofila sotto il naso) O l’è un segno dall’erto.. un segno Divino..

S.Joulia: Il vino è mio.. cioè l’ho in mano io.. (lo porta sotto il naso di Scipione, viene strattonato un po a destra e a sinistra)

Scipione: Ste due voan fame mangià e beive pe forza.. son föa de testa.. l’unico san chi son mi.. (parlando a se stesso).. sci.. nö ve offendei, anche voîatri sci.. o santo cielo.. vaggo a dormì.. ghe troppa gente chi drento…molleme… chi scrolla scrolla poi nö ghe capiscio ciù ninte e rischio seriamente de diventà nescio… bunna nêutte..(riesce a divincolarsi e si avvia al fondo ed esce)

S.Linda: A corpa a l’è a tò.. oua vanni a piggialo… (pausa, poi guarda fuori dalla finestra).. O l’è tardi… quaexi nêutte do tûtto.. scià me scuse.. vaggo a dormì…

S.Joulia: Con il tiramisù?

S.Linda: E ti ti ghe vè con unn-a bottiggia de vin?.. (si impettiscono tutte e due e si danno le spalle poi Linda, coglie l’occasione e va via di corsa sul fondo)

S.Joulia: Già.. è tardi.. devo fare il palo.. ma dove.. non mi ricordo.. devo raggiungere le altre.. devo correre.. ma non mi ricordo dove..troverò.. ragazze.. ragazze dove siete.. arrivo…il vostro palo arriva.. (via a destra…alcuni secondi dopo si spengono le luci lentamente..entra Scipione piano dal fondo con candele… avanza piano.. si guarda intorno..)

Scena 10°

Scipione: Finalmente pace e tranquillità.. nö saveivo che e moneghe son coscì föa de testa.. che roba.. oua donde vaggo a dormi?.. o me sa che l’unico posto o segge in cantinn-a..(a se stesso).. cose ti dixi?.. a lettia.. sci.. ghe l’ho in ta stacca, ou so.. poi doman ae moneghe ghe o diò.. nö te preoccupà.. vanni a dormì che o l’è tardi… sci, ghe vaggo anche mi.. no te preoccupà.. unn-a partia a carte oua?.. va ben…ti m’è convinto.. Comme ti vò.. se mettimo chi da-a töa.. (estrae un mazzo di carte).. allöa un bello solitajo.. femmö comme e atre votte.. quando o gh’è unn-a carta sbaglià ti batti un corpo…(siede al tavolo, posa le candele, inizia a disporre le carte.. poco dopo un colpo a destra..).. belan.. comme ti è reattivo staseja.. giusto.. a carta a l’è sbaglia.. (quasi stupito, riprende a giocare, colpo a sinistra).. urca..ti è proprio adescio.. nö t’ho mai sentio cosci in forma.. (mette da parte una carta e riprende il gioco, ma nel contempo un colpo a destra e alcuni a sinistra, Scipione evidenzierà la scena, guardandosi un po’ a destra e a sinistra, non capisce bene.. continua a giocare ma si sta agitando, si alza dalla sedia quasi impaurito, riprende a giocare, in un momento di silenzio da entrambe le parti colpi a ripetizione)..         figgiêu.. staseja t’è in forma e Gian.. a nò.. me son sbaglio?.. ma quanti he sei a dà di corpi..ah.. sei in dexë!!???!!. Ecco perché tûtto questo casin… fè cianin perché e moneghe dorman.. nö coscì violentemente.. e deme o tempo de già a carta.. (riprende il gioco, quasi contemporaneamente colpi a destra e a sinistra, Scipione preso da un panico incontrollato poco dopo si alza dalla sedia, si sente un crollo, un rumore forte esterno… Scipione prende le candele).. e nò.. picchè troppo forte.. nö sei voîatri.. ma allöa chi drento.. se ghe sente.. aggiûtto..(esce impaurito a sinistra.. poco dopo, tutti impolverati e acciaccati entrano dal fondo Gina, Linda e Nadia)….

S.Nadia: Che botta, son tûtto derosciôu…pin de püa..

S.Gina: (tossisce)..disgraziôu ti e quell’atro..

S.Linda: Cose gh’intro mi?... ti ho sé che ghe o stavo pe di a sto nescio che o ghea in vëu sotta ai nostri pè..

S.Gina: E l’è o nö l’ha sentio  e o l’ha continuôu a piccà.. e in te momento emmö faeto in xiöu de duì metri.. che botta.. però son quaexi contento.. se continuemmö a scavà davanti a noîatri foscia o ghê in tunnel che o ne porte drito a gëxa..

S.Linda: N’avian sentio e moneghe.. cose femmö oua.. (Gina và alla finestra, guarda fuori..) ghe son e luxi asseize?

S.Gina: Manco unn-a.. ma foscia o l’è megio portà via o berettin.. magara  Scipion o l’ha sentiö..

S.Linda: E o me pà mentre o se picconava de sentì atri corpi vegni da un’atra parte..

S.Nadia: Saià stato l’eco..

S.Gina: Figgiò… sta succedendo quarche cosa.. vegnì a vedde.. (i due si avvicinano alla finestra).. o gh’è unn-a monega che sta montando in sciò campanin…

S.Linda: Mia.. Scipion o l’è pe l’orto che o gia e o gesticola.. ma con chi parla?

S.Nadia: Ma cose o te ne frega.. stanni in te to strasse…

S.Gina: Andemmö a dormì… ghè troppa gente in gïo.. chissà cose a ghe faià quella monega lasciù … andemmö via de corsa, o l’arriva qualche d’un.. se vedemmö doman.. via.. (tutti via dal fondo… poco dopo entra Gloria)

S.Gloria: Donde son andaete quelle due… roba da matti… (sente la campana)..  ho in brutto presentimento.. (guarda dalla finestra).. o mamma mia… (Con voce forte).. Silvia..  Falà chinà subito.. ranchila da-o campanin.. (si sente una voce distante, Ilaria che parla).. nö fala crià.. o Segnò, e cose ghe raccontammo ae moneghe doman mattin... (suono di campana)

Scipione: (entra dal fondo parlando a se stesso).. sitto.. stanni sitto che parlo mi.. ecco.. nö orrieiva mettila in imbarazzo.. ma o gh’è unn-a so consorella mezza nûa in sciò campanin, a sönne e a crie ai ommi de vegnì da l’è… a dixe anche.. (a se stesso).. silenzio li drento o l’è nêutte e do casin in gio o ghe n’è anche fin troppo!!!.. scusè.. dixeivo che a crie e a dixe ca se ciamme mantide religiosa.. coscì.. pe dì.. (suono di campana) e poi.. o se ghe sente.. corpi a destra e a sinistra.. scià l’ha sentii anche voscià?

S.Gloria: (imbarazzata).. colpi?.. nö.. ëo in preghiera e quande prego viaggio… nö sento ninte..

Scipione: (a se stesso).. disgraziè.. alloa ei voîatri che piccavi comme di ferrè.. comme nö.. miè che se me raccontè de boxie ve ranco i denti e ne fasso unna collana pe Suor Joulia…(suono di campana).. a proposito..(a Gloria).. cose ghe faxeiva in pè davanti a un erboo de cachi coi êuggi sbarrè e o sguardo perso in to vèu?

S.Gloria: Ah.. l’è.. l’è.. a medita.. sci.. a l’ha unn-a fede tûtta particolare..

S.Silvia: (entra sconvolta).. Nö ghe riescio.. a sé attacca ao battaggio e nö riescio a rancala.. (suono di campana, Scipione va alla finestra)

S.Gloria: Nö bezêugna perde in menûto de ciù.. da chi a un po’ ghe saian e atre moneghe chi.. andemmö in te nostre celle.. doman mattin eventualmente femmö finta de ninte e se ne domandan inventiò qualche cosa.. mali estremi, estremi rimedi… andemmö a recuperà Joulia… Bonna nêutte Scipion.. noîatre andemmö a dormì..

Scipione: Vorreiva anche mi, ma chi drento han unn-a riuniun de condominio.. discutan da fogna.. dixan ca spusse.. roba da matti.. infatti mi nö ghe vaggo mai… daggo sempre a delega a.. a chi?.. nö me ricordo.. ma fa ninte… faiò tardi..andè.. andè anche senza de mi.. cioè.. andè.. andè.. (le suore via dal fondo.. Scipione, va al tavolo.. suono di campana).. dunque, oua che son tutti via incominçemmö a zeugà.. (a se stesso).. e voîatri stei a sentì cose dixan a riuniun..nö mollè tûtto pe vegnì a zeugà con mi, perché nö ve ghe vêuggio.. poi ve interrogo.. quindi êuggi e oëge ben averte.. specialmente ti Gian.. e silenzio…. Ben.. (siede e incomincia a giocare con le carte.. dal fondo entra Joulia, occhi sbarrati, due passi e si ferma.. poi ancora, due piccoli passi e si ferma.. mentre dalla finestra aperta si sente ogni tanto un suono di campana e Ilaria che parla at libitum… ommi vegnì a mi.. son chi.. son a mantide religiosa.. xiuo.. vegnì.. ommi… mentre si chiude il sipario,

fine del secondo atto)

TERZO ATTO

…Alcuni giorni dopo…

Scena 1°

(All’aprirsi del sipario sono in scena Gloria e Ilaria, si sente ogni tanto un colpo provenire dall’esterno)

S.Gloria: O l’è inutile che ti me dixi…

S.Ilaria: Ti o s’è comme son.. son debole de carne..

S.Gloria: Ma questa a no l’è unn-a scusa pe attacase tûtte e seie a campanna e mettise a crià..

S.Ilaria: E poi son stanca.. sempre a picconà..

S.Gloria: Ma se ghè a Silvia ca ghe dà drento da due öe.. a sta faxendo anche o to turno.. (colpi esterni) cose ti te lamenti.. ancon pochi metri e sajemo arrivè.. Ciuttosto.. vanni in coxinna a preparà da mangià …

S.Ilaria: Cose coxinno?.. che o nö ghè quaexi ninte da mangià.. da quande e atre moneghe son andaete via nö emmö ciù cattôu ninte..

S.Gloria: Arrangiate.. fate dà da Scipion i dinaè da cascetta de elemosine.. ti sciorti e ti rientri con a speisa e nö con in ommo comme vantei.. se semmö capie…

S.Ilaria: Va ben.. alloa vaggo a çercà Scipion, me faso dà di dinaè, sciorto, catto.. me miö in po due vedrinne..(colpo esterno)

S.Gloria: No!!.. ti sciorti, ti catti e ti vegni chi drento con a testa bassa pregando.. va ben?!!?..Oua vaggo a dà o cangio a Silvia.. speremmo de finì fito sta faccenda.. da chi a in po’ me convinso de ese monega pe davvei… me raccomando Ilaria.. se vedemmö ciù tardi.. (via a sinistra)

S.Ilaria: Pensan solo ai dinaè..ghe creddo.. nö han mai provôu ninte.. oh se me deisan a mente quelle tre svampie.. se me faxeisan avvei un ommo.. un solo.. mi sajeiva contenta e pe un po’ de tempo o nö se dovieiva sciortì a catà.. carne tûtti i giorni.. o savieiva mì comme coxinnà.. nö se ne accorzieivan manco.. ma scì.. valle un po’ a capì.. ma appena sciorto e son libera.. unn-a strage de ommi… (esce a destra.. ogni tanto si sente per tutta la durata della scena seguente qualche colpo di piccone)..

Scena 2°

Scipione: (entra da sinistra con una cassetta delle elemosine, la posa sul tavolo).. o l’è proprio un peccôu.. ( a se stesso)… sci, ti è raxön anche ti.. e me mancan anche a mi e atre donne.. ma ti o s’è.. a lettia do segretario do Vescovo a dixeiva che ghe son arrivè voxi de turbamenti notturni da quiete pubblica.. e che dovieivan arrivà a momenti di previ pe rippigià e normali funsuin da gëxa.. sci.. sta chi a l’è a nostra casa.. nö ne mandià via nisciun.. (squilla il telefono).. Pronto.. comme..  è lei segretario.. si.. Sto ben grazie.. (pausa).. sci.. a lettia l’ho riçevûa.. sci.. ma a l’ea zà averta.. nö so.. va ben.. (pausa).. sci… veo…ultimamente ghe son de file de ommi chi föa da gëxa.. fasso fatiga a votte a no fali intrà.. poi sciortan… mah.. cose strane.. (pausa).. voxi de paise.. nö so ninte.. rumuri e sonni de campanne de nêutte?.. (colpo esterno)… föe.. föe do paise.. sci.. e comme nö… nö.. tûtto tranquillo.. sci.. (colpo esterno)… ninte.. o l’è coito un vaso de sciue.. (pausa).. sci.. e offerte montan.. e comme.. tûtta a gente ca l’intre in gëxa e a se mie intorno a lasce ogni votta di dinè in te cascette.. nö so spiegalo.. (pausa)…come?.. il Vescovo o l’è staeto duì giorni in ospià? cosa l’è successo?.. o l’è diventôu vizioso do vin.. ah.. o sta megio.. infatti o l’ea da un po’ che o nö se faxeiva sentì.. nö, nö son ancon arrivè.. previ chi drento nö ghe son.. sci, un gruppo de moneghe son andaete via quattro giorni fa… (a se stesso).. stanni sitto!!.. (poi riprende).. nö a voscià.. scià nö sé preoccupe.. appena arrivian in to convento tûtto o ritornià normale.. segûo.. se sentimmo… scià me salue o Vescovo.. comme?.. scià o pigge subito, scià ghe a vagghe a levà subito de in te man.. dunque o perdemmö do tûtto.. arrivederci.. salùo. ( posa la cornetta).. Povio segretario.. o l’ha o sò da fa.. oua o l’ha visto de riflesso d’in te in spegio che o Vescovo in to sò studio che o tracannava da unn-a bottiggia.. o nö pêu perdilo de vista in attimo quell’atro.. (sorride).. o beive... o l’ea simpatico quell’ommo..

S.Ilaria: (entra da destra).. sentivo parlà..

Scipione: Sci, parlavo ao telefono.. roba interna..

S.Ilaria: Ah.. perchè oua i sò amixi ghe telefonan anche..

Scipione: Ma nö.. affari de gëxa… o l’ea o segretario do Vescovo..

S.Ilaria: A proposito de gëxa.. me servieivan de palanche pe andà a catà.. dunque staseja zibba..

Scipione: (indica la cassetta).. mia chi drento.. (apre).. ghe saian mille euro..

S.Ilaria: Nö esageremmö.. damme quarche cosa, coscì sciorto e catto..

Scipione: Piggite a cascetta.. mi devo andà de corsa.. me stan ciamando dall’interno… ancon unn-a cosa.. ma perché piccan tûtto o giorno e a nêutte là de sotta.. cose fan?

S.Ilaria: Travaggi de manutenziön.. sci, bezêugna rinforzà a base dell’altà.. o pêu crollà..

Scipione: Che  moneghe.. mai viste moneghe paegie.. Oua devo proprio andà..(a se stesso).. arrivo.. sci.. ve libero mi.. (a Ilaria).. comme tûtte e votte se sentan oppressi.. ma due pöle ben dite e in te in attimo tûtto o s’è risolve.. (a se stesso).. spetime Manuelo… no ronzà.. vegno.. (tenendosi la pancia via a sinistra di corsa.. Ilaria esce a destra con la cassetta delle elemosine… Dal fondo i preti fanno capolino.. si guardano intorno e poi entrano… sono le ex suore…)

Scena 3°

D.Luigi: Nö me tià.. a forsa de tiame me se son allunghè anche e gambe..

D.Beppe: E scusime.. ma o l’è sto nescio chi che o s’è ingambôu in scië scae e o me tiava a mi.. e pe nö cazze me son aggrappôu a ti..

D.Luigi: Finila in po’.. ma o l’è poscibbile che da quande semmö intrè torna chi drento ei faeto ciù casin voîatri duì che di operai in te unn-a acciaieria?

D.Dino: Mi sperava de finì o travaggio vestio da monega… eo ciù a mio agio..

D.Luigi: Ne emmö zà parlôu.. a l’è stata unn-a occaxön unica quella lettia.. ghea bezêugno de previ.. e ghean troppe moneghe.. noîatri se semmö sacrifichè.. nö porreivan fa i previ loîatri.. son donne..

D.Dino: Quei povei meschinetti .. piggiaè, despogiè praticamente de tûtto e infilè in te in night..

D.Beppe: Eh sci.. a l’è stata unn-a aziön un po’ crua.. specialmente quando emmö pagôu quella donna de poliscie… pe fali restà a bocca averta emmö dovùo fala despogià..

D.Dino: E ligà insemme a loîatri.. me immagino a faccia de quelli che stanêutte andian ad arvì o night.. nö vorrieiva ese in ti panni de quelli poveretti..

D.Luigi: In ti so panni ti ghè ste proprio oua.. tè vestio da preve.. ciù de cosci..

D.Beppe: Ben. E oua cose femmö?

D.Luigi: Pe primma cosa bisogna andà a vedde o nostro garbo comme o l’è.. sperando che e moneghe nö l’aggian visto.. seconda cosa bisogna fase vedde.. oua che ghe son di previ Scipion o ne daià o comando…(rumore a sinistra)..

D.Beppe: Cose o l’è staeto?..

D.Luigi: Un corpo.. (ancora un rumore esterno).. dui corpi…

D.Dino: (altri rumori a sequenza).. trei, quattro çinque, sei, sette… (silenzio)..

D.Luigi: O pà che vegnian da-a gëxa… (a Dino).. vanni un po’ a vedde..

D.Dino: Mi?..vagghe ti.. e se o l’è quello nescio de Scipion?.. O l’è bon de dame unn-a botta in scià testa.. o ghe và l’è ( a Beppe)..

D.Beppe: Mi?.. o ghe và l’è.. (a Luigi).. no ghe penso manco..

D.Luigi: Allöa andemmö tûtti e trei insemme.. che ommi de pasta frolla.. (si avviano a sinistra, dalla destra entra Scipione, è sorpreso di vederli)

Scipione: Sei arrivè.. che sorpreisa.. (i tre si fermano e si voltano verso Scipione)… finalmente i previ.. o l’ea da dui giorni che ve aspettavamo..

D.Luigi: Ecco lì.. pace e bene… Ah sci?... nö trovavimo o posto.. ma finalmente semmö arrivè..

Scipione: Ve veddo.. sei de carne e ossa..

D.Dino: Ma anche de spirito..

Scipione: Sci.. comme o vin.. e bene và.. son contento.. chissà e moneghe quando ve vedian.. saian contente..

D.Beppe: Eh.. comme nö.. ne satian addosso… (da destra spunta Ilaria, sorpresa e subito dopo meravigliata di vedere degli uomini, entra con la cassetta delle elemosine)

Scena 4°

S.Ilaria: Che sorpreisa.. (guarda tutti con un sorriso sul viso, gira intorno ai tre).. ommi?

D.Dino: Pe oua.. (gomitata di Luigi).. sci.. segûo..

S.Ilaria: Son contenta.. (a Scipione porge la cassetta).. tegni Scipion.. son andaeta a catà.. o resto l’ho misso chi drento.. (Ilaria, in questa scena, parlando a Scipione, volge lo sguardo sui tre uomini, è molto interessata)..

Scipione: Ti è sciortia con a cascetta con tûtti i dinaè?...

S.Ilaria: Sci.. a l’è comoda pe a speisa… O me serve un de voîatri in coxinna.. me serve pe agiuttame  a preparà da mangià… chi vegne de voîatri?

D.Luigi: Caa figgia.. dovemmö scistemase.. vedde o posto.. capì a che punto semmö di travaggi..

Scipione: Giusto.. Bravi.. (a se stesso).. ei faeto l’inchin ai previ?.. ma educhè.. quante votte ve l’ho dito che quando o l’intra un-a persona neûva bisogna saluala… (ai preti).. scuseli.. son strani.. ma tanto bravi… Seguime.. ve fasso vedde e celle.. son e meixime che han occupôu e moneghe finna a qualche giorno fa.. l’ei conosciue?..

D.Beppe: Mai viste..

Scipione: Peccao.. ean brave.. se o ve capiteisce de incontrale.. ghe mando i me salui e quelli de tûtta a compagnia… (indicando in generale se stesso)

D.Dino: Sempre ciù nescio..

D.Beppe: Allöa andemmö… sbrighemmose.. nö emmö tempo da perde.. (rumori esterni)

D.Luigi: Sci.. manco un po’..

Scipione: Segûo… se  sbrighemmö tûtte e cose pratiche, foscia o se pêu dì a messa de sei ôe..

D.Dino: A Messa???!!??

D. Luigi: E chi a dixe?

Scipione: Mi a sento.. sei di previ o nö?..

D.Beppe: Nö.. me refùo.. (gomitata di Dino)..

D.Luigi: Va ben.. semmai.. doman.. oua semmö nêuvi do posto.. bisogna ambientase.. (rumore esterno)

S.Ilaria: Ma ghe penso mi a fave ambientà.. (prende di forza Beppe e lo trascina a se)… Voscià scià vegne con mi.. devò faghe vedde unn-a cosa in coxinna… (quasi vogliosa)..scià me deve assende o feugo..

D.Beppe: (guardando gli altri quasi impaurito).. o basta un bricchetto…

S.Ilaria: Sci.. andemmö a çercalo… (lo trascina via a destra)…

D.Luigi: Ö recuperemmö ciù tardi…

Scipione: Sci.. tranquilli.. a l’è unn-a brava monega.. a scrolle unn po’.. ma a l’è l’etè.. vegnì da questa parte.. coscì ve fasso vedde a gëxa e i vostri confessionali..(esce a sinistra)

D.Dino: A veddo mà.. l’ea megio restà suore..

D.Luigi: Nö te preoccupà.. o posto o conoscemmo.. da chi a un po’ andemmö a ripiggià o travaggio..

D.Dino: Mi a messa nö a diggo..

D.Luigi: Vegni.. andemmö.. eventualmente un rosaio o baste.. son e cose da mette in conto.. andemmö… (lo trascina a sinistra)

Scena 5°

S.Silvia: Ma comme fasso a levà quella pria.. miando o deisegno a pà quella ca rezze tûtto.. se pe caxo a stacco e ghe scuo in gïo, ho puïa che ne crolle tûtto.. addio tesoro…

S.Gloria: Foscia o l’è in rischio, ma bezêugna provaghe.. perché da sotto l’altà o ghe deve ese a botola ca ne porte ancon ciù in basso in te n’atra stansia donde o ghe deve ese quello che o ne serve..

S.Silvia: Pe fa ciù fito bezogneiva mettighe da povie da sparo… a faieiva un botto un po’ forte, ma son segûa che faieiscimo a metà da fatiga.. mi ho e brasse che me fan ma.. g’ho lividi da tûtte e parti.. dovieiva riposame un po’..

S.Gloria: Oua a te daià o cangio a Joulia.. a proposito o l’è da un po’ ca no se vedde..

S.Silvia: A faià da palo a Scipion.. l’atra seja a s’ea addormia in te l’orto, in pè comme i cavalli..

S.Gloria: E quell’atra.. mezza nûa in sciò campanin che a criava… Speremmö che o Vescovo o no l’agge da sentì ste stoje quando o tornià.. (pausa).. anche Ilaria nö a veddo da un po’.. chissà che fin a l’ha faeto..

S.Silvia: L’avià trovao qualche ometto… (ride)..

S.Gloria: Nö dilo manco pe rie.. a ne serve oua pe travaggià.. (Escono da destra, prima Beppe e poi Ilaria, senza velo.. attraversano la scena ed escono a sinistra.. le due rimangono sorprese, si guardano per alcuni istanti)…. Ti è visto anche ti quello che ho visto mi?

S.Silvia: O me pa de sci.. a l’ea Ilaria ca l’inseguiva..

S.Gloria e Silvia: Un ommo!!..

S.Silvia: Un ommo chi drento.. e chi l’ha faeto intrà?

S.Gloria: Bezogna falo sciurtì e fito primma che quella a se o mange..A mantide religiosa a l’è intrà in azion.. fito.. bezêugna fermala altrimenti chi o và tûtto a l’äia.. (Escono velocemente a sinistra)

Scipione: (entra dal fondo con Joulia).. e coscì.. son arrivè i previ.. tre ometti in gamba.. l’ho faeti accomodà in te celle.. ma son ansiosi de continuà o travaggio.. nö so ben cose voan fa.. ma son in gamba..

S.Joulia: Scipione caro.. bisogna avvisare le mie consorelle.. vorranno conoscerli..

Scipione: Avian modo de falo a messa.. ho costreito un di previ a celebrà messa.. primma nö ne vorreivan savvei.. ma a fin han cedûo… ben.. i me amixi me dixan che o l’è megio che mi e te se conoscemmö ciù a fondo… anche loiatri te veuan conoscite.. (parlando a se stesso).. ma primma ghe son mi.. poi va a passo.. (dal fondo Ilaria insegue Beppe)

S.Ilaria: Don Beppe.. scià no l’agge puia.. a l’è solo unn-a mannaia.. un corpetto e via…

 

D.Beppe: Solo.. a me dixe solo…. A me vëu fa a tocchetti.. ma diggo.. scià se ferme e scià se calme..agiutto… Donde son i me amixi?..agiutto… (esce a destra)..

S.Ilaria: Solamente doppo che t’ho faeto me.. vegni chi.. (lo insegue ed esce a destra)

Scipione: Per mille botigge de grignolino… Quella monega a l’è andaeta föa de testa?  A vëu fa do spezzatin de preve..

S.Joulia: E’ una situazione grave.. devo avvisare le altre.. scusami Scipione.. è tutto rinviato.. a dopo caro.. (esce sul fondo, squilla il telefono.. Scipione risponde)

Scena 6°

Scipione: Nö ghe n’ho quaè.. (parlando a se stesso) rispondè voîatri.. comme nö.. comme o saieiva a dì.. a l’è coscì?.. ben allöa ninte ciù vin… o nö ve ne frega ninte?.. ah, sci.. (colpi fuori scena a sinistra) vediemo quande staiei tre öe senza unn-a bottiggia.. (pensa).. un momento.. se ghe stan loîatri senza vin.. nö o beivo manco mi.. pan nesci ma no o son.. (a se stesso) e va ben.. pe stavotta ei vinto.. rispondo mi.. pronto.. si.. sacrestano Scipione… sci, son mi… buongiorno segretario.. comme o stà o Vescovo?.. (pausa).. ah.. peccôu.. pensava megio.. comme.. (colpi di piccone da sinistra) o l’è ricoverôu in te in ospià?.. o cheu’.. pe o vin?... povio Vescovo.. sci.. chi o va tûtto ben.. i previ son arrivè.. han faeto conoscenza con e moneghe.. pa che vaddan d’amò e d’accordo.. (da destra a sinistra Beppe inseguito da Ilaria, quest’ultima in sottoveste con il velo in testa e sempre con la mannaia in mano..via a sinistra entrambi)… voxi?.. na.. ninte.. dinè a brettio.. emmö sempre e cascette de elemosine pinne.. da quande son arrivè è moneghe, a gente, specie tanti ommi se son avvixinè a gëxa… anche in senso fisico se son avvixinè.. sci.. scià pense che devvo mandali via.. megio coscì.. sci.. a messa?.. a primma da chi a in po’.. sci.. sci.. confesciuin.. ne faiò fa a brettio.. a gente a nö manca… scià me salue o Vescovo.. (colpi a sinistra).. comme?.. rumori?.. sci.. son e moneghe che fan manutenziön in gëxa.. sci.. a presto.. e tante rimembranze a sua maestà.. arrivederla.. (posa la cornetta).. che brava persona… oua andemmö a çercà Joulia.. a se deve ëse persa.. povia pecorella smarria.. a deve tornà da-o pastò.. (esce a destra… poco dopo dal fondo entrano Luigi, Dino e poco dopo Beppe)

D.Luigi: Ma stame a sentì… nö te devi preoccupà..

D.Dino: Ti è in belo dì.. ma mi nö me ricordo d’ese intrôu in gëxa.. foscia l’urtima votta pe piggià in prestito poche palanche..

D.Luigi: In prestito?... e quande ti ghè l’è restituie?..

D.Dino: Ma se t’ho appena dito che nö me ricordo d’esighe intrôu… eppoi a messa.. nö me ricordo comme all’incominse.. figuremmose ä dreitûa dila..

D.Luigi: Ma semmö di previ sci o nö?..

D.Dino: A mi ti me o domandi.. primma moneghe e poi previ.. o me pà d’esighe nasciü in gëxa.. foscia i me vegi quande son naeto m’han misso o vesti da ceighetto..nö, mi a messa nö a diggo..dilla ti… T’è ciù prestante fisicamente.. ti gh’è unn-a bela vöxe.. dame a mente.. solo a to presenza o l’è sinonimo de importanza.. ti po’ anche nö dì ninte.. ti salùi e ti sciorti..

D.Luigi: Ma ti ciocchi?.. pe dì unn-a messa o ghe vorrà unna mezza ôa bonna.. daiescimo subito in te l’êuggio.. ne piggian pe finti previ.. ti che t’è studiôu un po’ de ciù inventite qualche cosa..ti conti unn-a stoja e ti ghe fè a morale..

D.Beppe: (entra dal fondo trafelato).. oh, sei chi.. meno male.. o saià un’ôa che gïo con unn-a monega  maniaca ae me spalle… nö riuscivo a staccamela de dosso..

D.Luigi: Ma cose o l’è successo?.. ti me pagi un’anima persa..

D.Beppe: Mei lasciôu solo, a corpa a l’è a vostra.. quella a m’ha piggiôu, in coxinna a me vorreiva in te tutti i sensi… e a me dixeiva che a l’aveiva avùo quinze ommi.. e che de quelli manco l’ombra a se trova ciù.. a se fa ciamà mantide religiosa..

D.Dino: O saià o secondo nomme.. o nomme che piggian e moneghe in convento..

D.Beppe: In belin!!... quella lì a se fa ciammà coscì perché a se comporte comme a mantide.. primma a s’accobbie, poi a se-i mangia ..

D.Luigi: (guarda gli occhi di Beppe).. t’è sotta l’effetto de qualche droga.. cose t’è fumôu in coxinna?..

D.Beppe: Ma ve o züo..

D.Dino: A mantide religiosa… o me scappa da rie…

D.Beppe: E nö ho finio.. ho scoverto unn-a cosa strana.. ma importante.. mentre corrivo da unn-a parte all’atra de sto posto sentivo di corpi, paivan sottotaera..

D.Luigi: O saià o diao che o vëu sciortì.. oua o ne spare un’atra..

D.Beppe: O vorrei savei o nö?... dunque.. mi son chi a raccontave queste cose perché mentre corrivo o me mancôu o terren sotta ai pè e son finio zù pe dui metri .. un garbo grande.. ho visto che o proseguiva o me pà verso a gëxa.. sentivo de vöxi.. me paivan e moneghe che parlavan.. ma nö son andaeto perché a maniaca a me giava sovia a testa.. ho passôu di momenti brutti..

D.Luigi: Un garbo?.. ma o nö l’ea o nostro?

D.Beppe: O nö me paiva.. (pensa).. nö.. o nostro o l’è da-a parte opposta..

D.Dino: Chi a cosa spusse..

D.Beppe: A se sente?.. me dispiaxe tanto.. ma ho passôu di momenti proprio brutti…

D.Dino: Ti è sentio… che seggian e moneghe?.. o Scipion?… che o sacrestan o se veuggia imposessà do tesoro de sta gëxa.. o nö saieiva strano.. o l’è o custode de sto posto.. e scappà con un belo bottin o se mettieiva e osse a posto peo resto da vitta..

D.Luigi: Gatta ci cova..chi bisogna dase da fa.. nö bisogna perde tempo…

Scipione: (entra da sinistra)… v’ho trovôu finalmente.. miè che a gëxa a l’è quaeixi pinn-a de gente.. da chi a un po’ o rosaio o ‘l’è finio e a messa a deve ese celebrà… (a se stesso) ho dito ben?.. grazie figgiêu… (agli altri).. me dan sempre raxön.. allöa.. chi celebra?

D.Luigi: Mi.. anchêu nö ma sento..

D.Dino: Mi.. anchêu nö ghe veddo ben..

D.Beppe: A diggo mi.. sci.. mi.. coscì a mantide religiosa mentre son lì sovia a nö me daià fastidio..

Scipione: Allöa scià vegne.. che devo fa atre cose… me spetan pe unn-a partia a cirulla.. scià se sbrighe.. coscì ciù tardi telefoniò ao Vescovo pe daghe a bella notizia… da questa parte.. (Esce a sinistra)…

D.Beppe: Mi vaggo.. ma ho puïa.. voîatri duì steme vixin.. suggerime qualche cosa…

D.Luigi: Stanni tranquillo.. l’andià tûtto pe o verso giusto.. mi e le andemmö a vedde sto garbo.. se vedemmö da chi a in po’… (Beppe si avvia)  e ricordite a benediziön finale.. (Beppe esce)..

S.Ilaria: (irrompe in scena urlando, con la mannaia in vista, con la sottoveste e il velo in testa).. donde o l’è.. donde o l’è andato?..(i due si spaventano e cercano di uscire ma non riescono, impauriti uno vicino all’altro)…

D.Luigi: Chi?..

S.Ilaria: O preve che o l’ea chi.. ghe devo parlà..

D.Luigi: Con quella cosa in man?

S.Ilaria: Sci.. perché.. cose o ghe de strano.. eo in coxinna che travaggiavo.. le o nö me vorreiva dame soddisfaziön de unn-a cosa.. me ghe son già de brutto.. e le nö so comme e perchè, o l’ha incominçôu ad agitase e o l’ha incominçôu a corì.. e mi derè.. o me serve in ommo… (pausa).. un momento.. vui sei ommi?

D.Dino: Unn-a votta..

D.Luigi: Unna votta sci.. oua nö o semmö ciù.. zac.. e via..

D.Dino: Ecco sci.. tûtto ai gatti…

S.Ilaria: Quanta roba sprecà..

D.Luigi: Ma.. scià nö l’ha ninte da fa… foscia chi scià çerca o l’è in gëxa…

S.Ilaria: Quell’atro o l’è completo?... vêuggio di.. o l’è a posto?..

D.Luigi: Nö so.. foscia..

D.Dino: Ma oua o dixe messa…e o nö se pêu savvei…

S.Ilaria: A messa?.. ben me settiò coscì in te prime banche con l’atrezzo ben in vista, tanto pe ricordaghe cose o l’aspeta doppo… o me deve dà unna man a taggià a tocchetti..

D.Luigi: Nö vorremmö saveilo.. noîatri emmö da fa.. scià ne scuse.. saià pe un’atra votta.. (si avviano sul fondo, Ilaria li segue con lo sguardo, i due a passo spedito escono di scena.. Ilaria esce a sinistra, ma viene riportata in scena dalle altre tre suore, Gloria ha in mano i vestiti di Ilaria)

Scena 7°

S.Gloria: Ma diggo.. t’è diventà nescia do tûtto.. mite in po’ comme t’è svestia.. ti vëu fane mandà tûtto all’äia.. mia che se nö riuscimmo in to nostro inteito te seremmö chi drento con Scipion e o Vescovo..

S.Ilaria: Nö porrei fa unn-a cosa scimile a unn-a amiga.. o sei o me problema..mi ho bezêugno de sfogame.. e oua che ho trovôu in ometto che o me piaxe.. sciù.. lasceme andà.. o sta dixendo messa.. l’aspeto chi de föa.. due ôe e o l’è tûtto finio..

S.Silvia: Due ôe e nö porrieiscimo trovà ciù ninte la sotta..

S.Joulia: Proprio così.. io mi sono ritrovata in un fosso alto almeno un metro.. e poi un corridoio di alcuni metri in direzione della chiesa..

S.Ilaria: Ma o l’è o nostro.. oh insomma, me vorrei fa perde a me preda.. dei a mente a questa donna malsana.. a veddè che a nö l’è a posto.. a s’addorme d’in pè comme i cavalli.. lascieme andà.. (si avvia ma la fermano)

S.Gloria: Ninte da fa.. oua ti te rivesti..

S.Ilaria: (capricciosa).. nö..nö.. ninte da fa.. nö me vêuggio vestì..

S.Silvia: Finiscila de fa a nescia.. infite questo..

S.Ilaria: Nö.. nö e poi nö.. (scappellotto di Gloria a Ilaria)… ahia.. ecco.. oua o me vegne da cianze.. (piange, lascia cadere la mannaia sul pavimento, le tre si spaventano)..

S.Silvia: Oua nö ne femmö ciù i dinè.. ma lea o caxo?.. porreivimo lasciala andà.. (nel contempo c’è la vestizione di Ilaria)…

S.Joulia: Certo che è il caso.. pensi che se la lasciassimo andare lei si siederebbe tranquilla tra le persone.. neanche per sogno.. si scaglierebbe al volo su quel povero prete..

S.Gloria: Oua, cara Ilaria, te o daggo mi in belo travaggio pe sfogate… ti vè in to tunnel e ti continui a scavà.. noîatre portemmö via carrettè de taera…avanti marsh…

Scipione: (entra da sinistra).. o nö a finisce ciù de parlà quello preve.. belin, o l’è in quarto d’öa che o prediche… a gente a s’addorme..

S.Gloria: Che o segge in preve vëo?.. e o scavo dall’altra parte da gëxa?.. chi a cosa a spusse..

S.Silvia: …i faxiò dell’atra seja..

S.Gloria: Ma nö … a situaziön.. demose da fà.. pe mi quelli son previ che pensan de regalase un-a bela pensciön..

Scipione: Nö son miga nesci.. fan ben..coi tempi che coran.. a provvidenza complementare..(a se stesso).. ho dito ben?.. sci.. ti è dito ben.. grazie.. prego.. (alle suore).. i me amixi son in po’ tristi.. g’ho daeto unn-a passà a cirulla che pe in po’ se a ricordan…

S.Silvia: O l’è megio andà.. sento di corpi..

S.Joulia: Li sento anche io.. vengono da là.. (indica il lato destro)..

S.Gloria: I previ.. son loîatri.. mescemmose.. se ghe arrivan primma loiatre semmo freghè..

S.Ilaria: Ma mi vêuggio in ometto tûtto pe mì..

S.Gloria: Oua te o daggo mi l’ometto.. ne ho visto un gonfiabile comme un balon.. ma ti devi scava ancon in po’.. o sponte appena e… (Ilaria corre a sinistra ed esce, le altre la inseguono).. andemmö, primma ca ne scappe e a l’amasse qualche d’un..(escono a sinistra, mentre da destra si sentono colpi e le voci dei preti)

Scena 8°

Scipione: Chissà cose combinan ste moneghe.. fan a gara con i previ.. a gente a l’è zà strana.. meno male che ghe son mi con sta brancà de amixi… ben.. oua telefono ao segretajo do Vescovo pe daghe a notizia da messa… (compone un numero)… sono Scipione.. bunna seja segretario.. comme a và.. (pausa).. sempre pezzo?!?.. oh.. me dispiaxe…. Comme o saieiva a di che a somministraziön do vin a l’è controllà direttamente da-o primaiö dell’ospià!?!?... (pausa).. livelli limite.. anche pe o chêu?.. belan.... o ritorne chi pe in periodo de riposo.. va ben.. quande?.. doman o ao ciù tardi a proxima settimana?... nö.. nisciun problema… (rumori esterni).. corpi?.. sci.. sempre a manutenziön da gëxa.. anche i previ travaggian.. sci.. a proposito.. scià ghe dighe a sua maestà l’imperatore che a messa a ghe staeta.. anzi.. a l’è ancon in corso… sajà un’ôa quaeixi…sci.. o l’ha faeta solenne… sci.. scià ghe o dighe.. magara o se ripigge un coccolon.. cioè.. o sajà contento… allöa a presto…sci.. va ben.. a salùo, e scià me salùe sciù incontinenza.. cioè, sciù emminenza.. (posa il ricevitore)

D.Beppe: (entra da sinistra)… nö ghe creddo ancon… a prima messa da me vitta.. che disastro.. però a fin da föa han applaudio.. se nö l’ea pe quelle due vegette che han letto tûtto mi nö savveiva manco da che parte incominsà…

Scipione: Scià l’ha parlôu troppo.. troppe balle scià l’ha raccontôu.. (colpi e rumori a destra e a sinistra…)

D.Beppe: Comme o saieiva a dì..

Scipione: Ma comme se fà a di che sò puaè o l’ea tanto povio, ma tanto povio che pe daghe e trippe o parlava con pole povie.. sciù.. nö ghe credde nisciun..

D.Beppe: E invece o l’è da questo esempio de vitta personale che ho attiôu l’attenziön.. e poi, dito tra noîatri… eivo puia de quella monega.. a me vorreiva..

Scipione: Questa a l’è bella… (colpi solo a destra).. ma cose o succede..

D.Beppe: Stan travaggiando..

Scipione: Ma chi o vegne zù a gexa… che corpi.. scià ghe o vagghe un po’ a di ai so confratelli.

S.Joulia: (dal fondo)… Scipione.. abbiamo bisogno del tuo aiuto…

S:Silvia: (entra da sinistra).. Donde a l’è andaeta Ilaria.. cioè, suor Ilaria?

Scipione: Chi a nö ghè…

D.Beppe: Stanni a vedde che a me çerca… mi me ne vaggo.. (rintocchi di campana)..

S.Joulia: Ho un brutto presentimento… Scipione, vieni con me.. andiamo sul campanile..

Scipione: Sci andemmö.. e campanne sonnan a festa.. a nostra.. andemmö a sposase… sciù preve.. scià ne deve spusà..(suor Silvia è alla finestra)

 

D.Beppe: E o ghe manche ancon…

S.Silvia: Suor Ilaria.. a l’è in sciò campanin.. chi a và finì mà..

Scipione: Sciù.. nö perdemmö tempo.. andemmö, me devo sposà.. e quella monega in sciù campanin a ne faià de testimone..

D.Beppe: Mi nö vaggo da nisciunna parte.. e tanto meno celebro in matrimonio in sciè in campanin con unn-a testimone ca me vëu fa föa… de chi nö me mescio.. pe ancheö basta..

S.Joulia: Scipione, facciamo un’altra volta.. lascerò il velo per te..

S.Silvia: Andemmö da S.Gloria, l’emmö lascià sola.. doppo ti te sposi.. andemmö.. (la trascina a sinistra)

D.Beppe: Oh, me scordavo… vaggo dai me confratelli.. han bezêugno de mi.. (via sul fondo, Scipione è triste e si asciuga gli occhi, ogni tanto singhiozza)…

S.Gloria: (entra a sinistra).. ma donde son andaete.. ei visto e me sorelle?

Scipione: Unn-a a l’è in sciù campanin, l’atra ha m’ha portôu via a me sposa e i previ piccan comme ferrè.. e mi chi me consola son sempre i me amixi…( a se stesso).. nö vè abbandoniò mai..

S.Gloria: Nö g’ho tempo pe ste cose… scià vedià che primma o poi voscià trovià l’anima gemella..

Scipione: Fasile dilo.. o me gemello ou veddo davanti ao spegio tûtte e mattine.. poi appena me ne vaggo le anche o sparisce… o l’è strano..a votte çerco de fregalo, ma l’è o spunte davanti a mi in to meiximo tempo.. o me fa vegnì o nervoso.. coscì manco o salùo e me ne vaggo.. (Gloria sbuffa e di corsa esce a sinistra)…a stessa stoja tûtte e mattin da trent’anni a sta parte… nö o posso vedde o me gemello.. scià l’ha capio… (si volta, non la vede).. o saveivo.. a se n’è andaeta.. (rumore forte di crollo, una leggera esplosione, polvere in scena).. oh santo cielo… (Scipione va alla finestra, poi gira per la scena, tossisce.. (voci esterne delle suore e dei preti alternandosi)

D.Beppe: O l’è vegnùo zù tûtto..

S.Silvia: Che botta.. che picconà..

S.Gloria: L’öu.. emmö trovôu l’öu..

D.Luigi: Semmö ricchi.. levite nescio famme vedde..

S.Gloria: Un preve, ma cose scià ghe fa chi drento.. cose scià tocche.. o no l’è un candelabro.. a l’è a me gamba..

Scipione: Ma cose o succede?

S.Silvia: Voialtri chi?.. cose fei?

D.Beppe: Cose ghe fei vui?

S.Joulia: Usciamo presto.. sta crollando l’altare..fuori tutti.. (rumore fuori scena di un crollo)

D.Dino: Föa.. föa…

Scena 9°

(Dopo alcuni istanti entrano in scena da sinistra le suore, da destra i preti.. tossiscono, sono impolverati.. segue un po’ di imbarazzo generale, Scipione assiste perplesso)

D.Luigi: E zà..

D.Dino: E scì…

D.Beppe: A l’è coscì..

S.Silvia: Mah..

S.Gloria: Zà..

S.Joulia: O insomma.. Scipione caro.. è successo una cosa brutta.. è crollato l’altare della chiesa.. abbiamo sbagliato i calcoli per la manutenzione… ed è crollato su se stesso..

Scipione: Belin che botto… che püa… (ai preti) anche voîatri ei sbagliôu i calcoli da manutenziön?

D.Beppe: Mi nö son bon a contà.. o l’ha faeto tûtto le.. (indica Luigi)..

D.Luigi: Scarega sempre o barì, me raccomando.. intanto o l’è inutile ascondise.. oramai.. o quarant’otto o l’è successo.. e carte son scoverte.. Emmö faeto unn-a grama figûa..

S.Gloria: Anche noîatre.. scià ne perdonne Scipion.. scià nö ghe dià ninte a poliscia veo..

Scipione: Poliscia.. pe cose… (a se stesso).. e voîatri silenzio.. nisciun o v’à ciammôu.. vanni a setate ti.. nö te già.. nö.. nö miame… scuseme.. dixeivo.. nö me ricordo..

D.Dino: Scià l’ha scoverto tûtto..

Scipione: Da quello giorno appena sei intrè chi drento…

S.Silvia: Anche de noîatre?

Scipione: Segûo.. de tûtti… oua, pe ese sincero proprio mi nö.. ma i me amixi m’han dito de sta attento a voîatri.. sei vegnùi chi drento pe impossessave dell’öu.. veo?.. O saveivo.. pe quello son vegnùo anche mi.. normalmente e moneghe nö portan pistole in ta borsa, e tanto meno reggiseni trasparenti e tanga.. ho dovùo tegnì a fren i sensi inibitori di me amixi.. tante doccie zeè ho faeto che.. a momenti me ciappavo unn-a costipaziön… e tanto meno di previ se fan passà tali se nö san manco comme a l’incominse unn-a messa… con o segno da croxe.. e nö con “salve a tutti”… (D.Beppe  si ritira in se stesso, guardato dagli altri con smorfie di disapprovazione).. sei di ladri da quattro palanche.. me vegne da rie..

D.Luigi: Nö ghe proprio ninte da rie..

S.Silvia: Zà.. proprio ninte..

Scipione: (ride).. o me vegne in mente quande sti quattro povei citrulli ean vestii da moneghe… (imbarazzo dei preti, sorprese le suore).. sci, proprio coscì.. un giorno che me ne piggiavo mez’ôa, ho visto unn-a monega finta fà i sò bezêugni d’in pè… poi ho collegôu tûtto.. compreise e picconè e i travaggi de manutension..

S.Gloria: Ma se voscià sa tûtto, allöa scià ne dighe o scia ne daghe unn-a man a piggià l’öu.. intanto tûtto o l’è andaeto a monte, e voscià scià porrià vive da re con unn-a parte de tûtto quello ben de Dio.. scià saià o sacrestan ciù ricco ao mondo.. (entra Ilaria, stravolta in viso)..

Scipione: A l’è arrivà a mantide inconsolabile..

S.Ilaria: Che bordello.. eo attaccà a campanna pe sfogame quande ho sentio tremà a taera.. cose ghe fei tûtti chi?.. cosa o l’è successo..qualche cosa de brutto?

S.Joulia: Abbiamo finito di battagliare.. ora possiamo toglierci questi abiti e darci da fare per recuperare una parte del tesoro..o vogliamo che la gente del posto venga a vedere cosa è successo?

D.Luigi: A l’ha raxön a monega.. scià scuse.. finta monega… Oua  tûtte e carte son scoverte.. e vosciâ Scipion.. scià l’accette a proposta.. comme sacrestan scià ne avieiva anche diritto…

Scipione: (ride).. mi o sacrestan.. nö so manco da che parte o se incominsa.. mi nö son o sacrestan…

D.Dino: Ma comme?

Scipione: Mi son sciurtio grazie all’indulto.. mi son in omicida nato e confermato tale.. nö so ninte de gëxa o cose strane.. ho commisso un omicidio e pe nö fame trovà son vegnùo chi.. o vegio sacrestan nö vorreiva agiuttame perché eo sporco de sangue..

S.Gloria: O sea taggiôu in dïo?

Scipione: Ho faeto föa un che o me vorreiva derobà..a poliscia a me çercava.. in breve son intrôu con a forza e ghe son restôu..

D.Luigi: E o sacrestan?

Scipione: O sta miando e margherite cresce da-a parte de reixe…

S.Gloria: O Segnò cao.. dui morti in pochi giorni..

Scipione: Nö.. in te un’öa… poi sei arivè voîatri… a me fortunn-a a l’è che o nêuvo Vescovo o l’ea arrivaôu o meiximo giorno .. e o nö saveiva manco che faccia o l’aveiva o sacrestan.. solo e moneghe che se ne son andaete o conosceivan.. ma anche loîatre nö ghean ciù.. e o  Vescovo o m’ha pregôu de mandà avanti sto posto e de custodì o segreto..

D.Luigi: Oua semmö a posto..ghe anche un maniaco omicida.. (pausa) però poremmö fa un affare.. andemmö a recuperà o tesoro.. dinaè e tûtto quello che o ghè.. unn-a votta föa de chi se o dividemmö.. va ben?.. a me pà l’unica cosa da fa… sei tûtti d’accordo?...

S.Joulia: Scipione. Mi porterai a fare una vacanza.. mi sposerai.. caro Scipione..

Scipione: A me monega preferia.. ma certamente.. tûtto quello che ti vò.. (si abbracciano)

S.Ilaria: Ecco.. l’è a l’ha trovôu l’ommo e mi.. mi ninte…(si guarda intorno, vede Beppe).. ti.. ti è sempre ti.. vegni chi.. te vêuggio tûtto pe mì..

D.Beppe: Nö ghe penso manco… (Ilaria si avvicina e Beppe allontanandosi sul fondo un po’ intimorito esce a passo spedito, Ilaria lo segue ed esce… poco dopo suono di campanello)

D.Luigi: E oua.. chi saià?.. foscia a l’è a gente do paise che a l’è vegnùa incuriosia da-o bordello.. semmö a posto…

Scipione: (a se stesso).. nö preoccupeve voîatri, fermi.. nö gieme in gïo…meno male.. (agli altri).. foscia son i previ, quelli veri che doveivan vegnì.. o foscia o l’è o Vescovo… saià megio che voîatri andè via de chi.. piggiaè tûtto e se vedemmö föa.. ma stei attenti.. se fè tanto de scappà faiè a fin do vegio sacrestan…

S.Silvia: Scià no se preoccupe.. tra due öe se vedemmo in sciö praö chi davanti, in abiti civili.. nisciun o sospettià de ninte…

S.Gloria: Allöa dividemmose… A doppo Scipion.. e grazie..

D.Luigi: Scià ne salùe i sò amixi…(escono tutti a sinistra… Scipione esce sul fondo e poco dopo entra con il Vescovo)

Scena 10°

Scipione: Santità.. avanti.. ben ritrovato..tutto bene?

Vescovo: Scipione caro.. Si, grazie, tutto bene.. diciamo che ho il cuore un po’ debole.. e non devo bere più vino…ma soprattutto non avere forti emozioni.. forti shock.. e  riposare molto..

Scipione: Ecco lì.. allöa o campe proprio poco…

Vescovo: Ho saputo che è ripresa la S.messa grazie all’arrivo dei sacerdoti.. e che le offerte della chiesa sono aumentate di molto grazie all’intraprendenza delle suore.. bravo Scipione.. sei una persona a modo, spero che non ci siano state parole o pensieri poco raccomandabili visto la convivenza forzata di uomini e donne.. ma questo è un esempio unico di convento misto.. (sorride).. ma troveremo una sistemazione definitiva per le sorelle.. volontà superiori.. con quelle non si discute.. (pausa) Dimmi Scipione.. hai continuato a mantenere il segreto?

 

Scipione: E’ rimasto tale sua emminenza.. tutto è come prima.. o quaeixi..

Vescovo: Avrò modo di conoscere i sacerdoti e le suore poco più tardi.. il tempo di una preghiera in chiesa.. nel contempo chiamali, voglio vederli di persona e ringraziarli del loro operato…vai Scipione.. vai tranquillo.. ci vediamo tra poco.. e grazie di tutto.. (si avvia a sinistra ed esce)

Scipione: Ho puïa che nö se vedemmö ciù.. Segnò perdoneme… o l’è megio che vagghe, da chi a un po’ se vedemmö con i atri.. (a se stesso).. amixi, saluè sto posto.. nö ghe vegniemo ciù.. mai ciù.. (esce dal fondo, poco dopo un urlo disperato del vescovo da fuori scena: “la mia chiesa.. l’altare, il segreto svelato, mi sento male”.. un tonfo sordo sul pavimento… e  mentre le luci sul palco si abbassano lentamente una risata satanica accompagna la chiusura lenta del sipario..)

Fine della commedia

..pensata ad ottobre 2006, scritta tra il 2/11 e il 14/11/06…. Euge…

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno