Uomo e galantuomo

Stampa questo copione

UOMO E GALANTUOMO

P.I.C. LEADER II - Regione CALABRIA

gruppo di azione locale presila krotonese

* OnusTeatro *

Misura 6.2 - Attività di animazione territoriale legata alle tradizioni locali. Intervento: Commedia in vernacolo. Traduzione ed Adattamento testi

UOMO E GALANTUOMO

di Eduardo De Filippo

Liberamente riadattata e tradotta in vernacolo mesorachese da

francesco mangano

Direzione artistica

piero marrazzo

Prima rappresentazione: Venerdì 30 aprile 1999 - Sala Spettacoli Bistrò


Personaggi

Gennaro, capocomico

Alberto De Stefano, giovanearistocratico

Viola, attrice

Attilio, suggeritore

Vincenzo, attore

Fiorenza, attrice

Salvatore De Mattia, fratellodi Viola

Carlo Tolentano, medico

Bice, suamoglie

Matilde, madrediBice

Ninetta, cameriera di Albergo

Assunta, domestica di casaTolentano

Delegato di polizia

Di Gennaro, agente di P.S.

Un agente di P.S.

***

Scenografie: Salvatore Scalzi

Costumi e acconciature: Anna & Lucia

Segreteria organizzativa: Maria Concetta Parini

Tecnico luci: Claudio Noto


ATTO I

Un albergo estivo, in un luogo balneare (Botricello), nel 1921. Sala comune, con terrazzo a destra, ombreggiato da tendoni a strisce; è estate, il mare e il cielo che vediamo oltre la balaustra del terrazzo sono azzurrissimi. Comune in fondo, centrale; ingresso a destra, verso il terrazzo; a sinistra corridoio, che porta alle camere dei clienti

Fiorenza tende una corda da un punto dell’apertura del terrazzo, ne prova la solidità; si avvicina al corridoio di sinistra e chiama.

FIORENZA Viola, Violetta! He finitu cu si panni? Io ‘a corda l’haiju tirata, maniete. C’è nu sule bieddu chi... i panni s’asciucanu mò mò!

VIOLA (dall’interno) E datte pacienza! Parianu pochi si zinzuli e invece n’hamu inchijutu na vasca! (Entra dal corridoio con un bacile pieno di panni lavati e strizzati) Ecco qua. Mò t’a frichi tu, io m’haije riposare.

FIORENZA Dammili ch’e spannu io.

VIOLA (vistosamente incinta va a sedere al tavolino a destra, mentre Fiorenza stende i panni) Chi bella figura c’hamu fattu aijeri! Certu ca io n’haiju vistu pubblici scostumati, ma chissu è batta a tutti... E si, Dio ce ne scampi e liberi di signori!

FIORENZA Facianu i spiritusi...

VIOLA No, chiddi facianu ‘e pernacchije! N’avia unu davanti chi facia impressione... e chine s’u scorda chiù! Lassamu stare i locali tamarri, una fa puru finta ca u’ sinn’adduna... Ma nu locale signorile!

VINCENZO (dal fondo, sconvolto, un fazzoletto premuto sul naso) Hamu fattu tridici!

FIORENZA Chi è successu?

VINCENZO Io a si struestri ‘e paisi ‘u ce volerra venire mai, perchì ‘u sacciu cuemu va a finire. (A Viola) Tutta curpa tua, pè ra pernacchija chi t’hanu fattu. T’arricuerdi ca aijeri ho dittu: “Chine ha fattu ‘a pernacchija tena ‘e corne?” Antura, mentre caminava pè ri fatti mii, m’ha fermatu unu e m’ha dittu: “‘A pernacchija l’haiju fatta io, e re corne ‘e tieni tu!” M’ha ‘ncugnatu nu pugnu aru nasu chi mi l’ha storticatu... guarda cà! (mostra il naso) Ah, e pue ha dittu: “Dille ara prima attrice, ca stasira linne fazzu n’atra.” Statte attenta.

VIOLA Davieru? E io stasira me staiju intr’a camera.

FIORENZA U’ v’avit’e mintire mai contro ‘u pubblicu. Iddi friscanu? Ass’u friscanu... fanu ‘e pernacchije? Ass’u fanu ‘e pernacchije... Vue ringraziati sempre e chine s’è vistu s’è vistu.

VINCENZO Chiddu m’ha pijatu  a buffettuni e io ‘u ringraziu?

FIORENZA E’ pubblico!

NINETTA (Entra da sinistra, vede i panni stesi) Ohì, ma siti nesciuti pazzi? Mò nente menu spannimu i panni... Cacciati si zinzuli: chissu è n’albergu, nò ‘a casa vostra!

VIOLA Ninè, cuemu ‘a fai longa. Sù sulu quattru panni...

NINETTA (energica) L’avit’e cacciare... (e comincia a strappare i panni dalla corda)

VIOLA (accorrendo) Chi stai faciennu?!

FIORENZA (cercando di ostacolare Ninetta) Lassali stare duve sù! (Interviene anche Vincenzo e tutti gridano forte a soggetto)

ALBERTO (da destra) Che c’è? Che sta succedendo?

NINETTA Signor Alberto, ve para ca dduecu se puelu stennire i panni?

ALBERTO Ma caro Vincenzino, mi pare che la cameriera ha ragione!

VIOLA (toglie i panni aiutata da Fiorenza) Ma ‘u pò dire puru chiù educatamente.

NINETTA Puru ‘a corda avianu misu...

GENNARO (entra dal fondo) Chi sù se gridate? (Vocìo confuso, poiché tutti si appellano a lui; poi Gennaro riesce a vincere quel clamore) Sciò, sciò... (spinge le donne verso sinistra) Le signore in camera. (Rivolto ad Alberto) Scusate, sig. Albè!

ALBERTO Oh, bravo. Don Gennaro, vi devo parlare, bisogna mettere le cose a posto. Io vi ho fatto venire qua a fare delle recite, perchè conoscevo Vincenzo... conoscevo l’impresario del teatro, e volevo aiutarvi. Ma, Santo Dio! Voi avete messo l’albergo sotto sopra: addirittura stendere il bucato qui fuori...

GENNARO Eh, il bucato! Mancu si forranu cuverte, lenzuli, tuvaglie... Chidda è ‘a biancheria intima de signore: camicette, mutandine... tutta roba frù-frù. ‘A verità è ca ‘a cameriera n’ha pijatu subr’uechiju ‘e quannu simu venuti, le simu antipatici. Aijeri sira nue sentiamu da camera nostra, quannu idda parrava cu l’atru cameriere... “I saltimbanchi... i morti di fame...” Tu sì cameriera? E allora he rispettare ‘a clientela ‘e l’albergu, specialmente a nue chi simu artisti.

ALBERTO A proposito di artisti: ieri sera a teatro è stato un inferno. Il pubblico è rimasto scontentissimo. Deluso: ecco la parola.

GENNARO Freddino. Ma nue u’ ne ca ne simu meravigliati, no... già ‘u sapiamu. Chissu u’ rè nu pubblicu regolare, dicimu ‘e na stagione invernale, a nu teatru chijusu...

VINCENZO E’ nu pubblicu marinu.

GENNARO Giustu, bravo a Vincenzo! E’ nu teatru all’apertu, i cristiani venanu pè piare aria... Infatti, aijeri i posti a sedere eranu vacanti. Tutti caminavanu, parravanu... manciavanu caramelle, gelati, cuntrestavanu. Ogni tantu ancunu s’affacciava... “U’ rè finitu ancora ‘u spettacolu?” e torna se mintia a passiare. Nu pubblicu fine, però, pè carità... elegante, educatissimo: subr’u palco u’ rhanu lanciatu nente.

ALBERTO E no, don Gennaro, non è così... Voi avete portato certa gente... La prima attrice è incinta!

GENNARO Se vida, e no? Si, si, è nu pocu incinta. ‘A questione è ca... povaredda... era stancata du viaggiu, e allora u’ s’ha potutu mintire ‘a panciera. Nue simu partuti ‘e Misuraca intra nu pulminu mienzu ruttu... scomodu: nausee, svenimenti... Ma stasira no; ojie s’è riposata e stasira ve fa vidire: nu figurinu magru, chi!

ATTILIO (entra dal corridoio, con la borsa della spesa) Don Gennà, volimu ijre? Facimu priestu sinnò trovamu i negozi chijusi.

GENNARO Scusati, sig. Alberto, v’hame salutare: ijamu e facimu nu pocu ‘e spisa.

ALBERTO Un momento! A proposito della spesa... il proprietario si è lamentato con me. Dice che voi ieri sera avete cucinato in camera... l’albergu era pieno di fumo. Vicinu alla vostra camera c’è una signora straniera che soffre d’asma... l’è venuto uno svenimento... non si riprendeva più...

GENNARO Ma quannu mai! Quale fumu? L’aviti dittu vue stessu: è malata ‘e asma, ‘a straniera. Puru si appicciati na sigaretta chidda se senta male. N’atra esagerazione da cameriera! Nue aijeri eramu stancati, mò vida ca ne mintiamu a cucinare! Hamu fattu due ova aru tegaminu, chi se puelu cucinare puru subra na fressura cu na cannila... e chi atru? Ah! Nu chilu e mienzu ‘e sarde frijute.

VINCENZO L’hamu accattate cadi, appine piscate. Eranu vive!

GENNARO Argento vivo: na poesia!

ALBERTO Ma, don Gennaro, non si può fare questo in albergo. Se tutti quanti ci mettessimo a cucinare...

GENNARO Tutti... simu d’accordu, ma nue simu artisti. E’ miegliu ‘u chijarimu sa faccenda na vota pè tutte: pè chiddu pocu chi guadagnamu, nue u’ potimu ijre aru Ristorante. Hame risparmiare ancuna cosa pè quannu c’è ‘a struscia. ‘U teatru è così, certe vote se guadagna e certe vote u’ c’è nente.

ALBERTO Ma io ho parlato col ristoratore vicino al teatro: vi farebbe il prezzo fisso.

GENNARO Eh... hamu mannatu Attilio in avanscoperta, pè s’addimmanare: 250 lire a persona.

ALBERTO E volete spendere meno di 250 lire a persona? In un posto di villeggiatura, in piena stagione?

GENNARO Simu 5 perzone, hame manciare due vote ‘u ijuernu.. facitive i cunti: duve arrivamu? Ma nue simu attrezzatissimi. Io tiegnu na marmitta.

ALBERTO Come?

GENNARO Tiegnu na marmitta...

ALBERTO Ah, capisco: una marmotta.

GENNARO No, no, na marmitta misurachise: ‘e chidde chi servanu pè ce fare i pumadueri, ‘e conserve. Mi l’ha data na cummari chi sinn’ha accattatu una chiù ranne. Io l’ho portata duve Mastru Abramu e mi l’ha aggiustata a furnaggia.

ALBERTO Fornello portatile.

GENNARO Comodissimo, utile e leggeru... e non pericoloso cuemu chiddi fornelli a gassu... senza cuntare pue ca quannu viaggiamu intra ce mintimu tuttu: piatti, forchette, stuijamussi...

ATTILIO Cassarole, fressure...

VINCENZO Bicchieri, buttiglie...

GENNARO ‘A cassarola ranne pè ra pasta e ciciari. Ce mintimu puru ‘a pignata pè ra suraca...

ALBERTO Capisco... Ma un poco di prudenza, fate attenzione, non mettetemi in difficoltà.

GENNARO Stavitive tranquillu. Ojie cucinamu ara stanzetta sua (indica Attilio) chi sta in fondo aru corridoiu, cu re firneste chi affaccianu aru mare. ‘U fumu, l’adduru sinne và e nuddu sinn’adduna. Permesso!

I tre comici si avviano verso la porta di fondo.

ALBERTO E stasera, dopo la rappresentazione, vorrei invitarvi a cena, se siete liberi.

GENNARO (tornando indietro, con entusiasmo malcelato) Si, simu liberi, veru? (Gli altri due annuiscono) A chi ura?

ALBERTO Dopo lo spettacolo.

GENNARO Pima, doppu... fa lo stessu. Venanu pure ‘e signore, no?

ALBERTO Si, tutta la compagnia.

GENNARO Benissimu. Duve ne vidimu?

ALBERTO Finita la rappresentazione, verrò a prendervi in palcoscenico.

GENNARO Vue doppu ve scordati... L’amici ve fermanu: aijeri sira v’avimu vistu mmienzu a nu munt’e fimmine... Facimu così: mò organizzu io. (A Vincenzo) Appena finisciumu, tu te minti davanti ara porta d’arrieti e vidi si passa de ddà. (Ad Attilio) Tu te minti davanti all’ingresso. Io me fiermu davanti ‘u palco. Chine ‘u vida prima se minta a gridare: “Don Albè, don Albè!” Ne iuncimu e ninne ijamu aru ristorante. E grazie anticipate! (Ai due) Ijamu, ca sinnò chijudanu i negozi.

ALBERTO Mi raccomando lo spettacolo di stasera.

GENNARO (si ferma sulla soglia e si volta) U’ ne mortificati, sig. Alberto. Nue aijeri eramu nuevi, ‘a prima vota cu su pubblicu... u’ canusciamu i gusti...

VINCENZO Chissu è nu pubblico esigente.

GENNARO Ma stasira facimu nu spettacolu serio, ‘e n’autore importante: Mala nova, di Liberio Bovio. Potimu provare cà?

ALBERTO Si, qui nessuno vi disturberà. A quest’ora stanno tutti al mare.

GENNARO Chissa è na sala ranne, spaziosa. Facimu na bella prova, una ‘e chidde toste, minimu due ure. Stasira v’hame fare restare a vucca aperta, sarà un trionfo. Aviti vistu aijeri sira? Incertezze, malumori, ancuna friscata... stavota u’ ne fricanu. Arrivederci. (Esce con i due)

ALBERTO Arrivederci. (Dopo una breve pausa, entra Bice. Alberto le va incontro) Ma, amore mio, che bella sorpresa! (Cerca di abbracciarla)

BICE Stai fermo, qualcuno ci può vedere!

ALBERTO Ma se sono tutti sulla spiaggia!

BICE Si, ma questo non è proprio il momento adatto. Se tu sapessi...

ALBERTO Che cosa? Ma parla! Io non so come ti vedo... c’è qualche novità?

BICE Una novità... che io aspettavo... (abbassa lo sguardo)

ALBERTO (con gioia) Eh, ma non è possibile!

BICE No, no caro: è proprio così.

ALBERTO Che gioia! (L’abbraccia) Cara, cara Bice!

BICE Cosa fai?

ALBERTO Sono pazzo, pazzo di gioia!

BICE (contrariata) Ma a te fa piacere?

ALBERTO Immensamente! E mammà non sa niente?

BICE Ma sei pazzo!

ALBERTO Bene, non temere. Io sono un galantuomo e conosco il mio dovere. Mi presenterò a lei, le dirò come stanno le cose e chiederò la tua mano.

BICE E no, caro! Questo non può essere.

ALBERTO Ma perché? Certamente tu fra pochi mesi sarai madre...

BICE Bè? Ce ne sono tante di mamme, posso esserci anch’io!

ALBERTO Ma sentite, sentite che ingenuità. In altri termini, tu credi che io, dopo quello che abbiamo fatto, ti lascio con una creatura mia? Ti sbagli, io sono troppo galantuomo!

BICE E vuoi che ti permetta di dire tutto a mia madre? Vuoi farla morire dal dolore? Mio fratello sarebbe capace di uccidermi.

ALBERTO Hai un fratello?

BICE Sicuro. Non te l’avevo mai detto? Ho un fratello terribile.

ALBERTO Ma... scusa, la tua famiglia deve essere ragionevole. Abbiamo sbagliato, è vero, ma io ti voglio sposare!

BICE Dio mio, come sei! Ma quale mancanza! Infine, che cosa abbiamo fatto?

ALBERTO Scusa, più di quello che abbiamo fatto, che cosa potevamo fare?

BICE Ma caro, la prendi troppo sul serio!

ALBERTO Io voglio riparare la mia colpa.

BICE Ma tu che c’entri? Io sapevo quello che facevo: mi sei piaciuto, ci siamo voluti bene... Non c’è niente da rimpiangere. La colpa è mia, che  cosa vai cercando?

ALBERTO Sentite, ma queste sono cose da pazzi! Io ti compatisco perché sei troppo ingenua. Non lo capisci che tua madre dovrà accorgersene per forza?

BICE Come ho pensato io, non se ne accorgerà.

ALBERTO Allora hai pensato qualche cosa?

BICE Siedi. (Seggono al tavolo di vimini) Io ho una ziana: zia Margherita, la madre di mammà.

ALBERTO Allora è la nonna.

BICE Perché?

ALBERTO Se è la madre di mammà, è tua nonna.

BICE Già, ma io volevo dire la sorella di mammà.

ALBERTO Ah, ecco: la sorella di mammà è la zia. Non sa neanche questo, che bambina!

BICE Dunque... la zia Margherita... la quale rimasta vedova si è ritirata nelle sue proprietà in Sicilia... Lei sà tutto.

ALBERTO E chi gliel’ha detto?

BICE Io! E’ una santa, credimi: la bontà in persona. Le ho confessato tutto in una bella lettera e lei mi ha risposto, consigliandomi così: fra breve dirò in famiglia che sento desiderio di andare per cinque o sei mesi in casa di zia Maria...

ALBERTO Zia Margherita! Che c’entra zia Maria?

BICE Già... zia Maria è un’altra zia... severissima! Però io vado da zia Margherita.

ALBERTO E quando le hai scritto a questa zia?

BICE Quattro giorni fa, dopo aver parlato col dottore.

ALBERTO Hai parlato pure col dottore?

BICE Certamente. Ho voluto la conferma... e poi ho scritto a zia Marianna.

ALBERTO Adesso è zia Marianna? Tu hai detto zia Margherita!

BICE Già... No, zia Marianna è un’altra zia!

ALBERTO Ma quante zie hai?

BICE Tre... tre zie!

ALBERTO Bice, ma sono tutte verità che mi stai dicendo?

BICE (offesa) Come sarebbe?

ALBERTO Tu mi stai raccontando un sacco di storie: zia Margherita, zia Maria, zia Marianna... Che ne so io, se tutta questa gente esiste veramente?

BICE Allora, secondo te, io sono una bugiarda? Grazie sai, grazie! (Si alza)

ALBERTO (la raggiunge) Ma scusa: da tre mesi che ci conosciamo e io non so chi sei tu. Fra poco sarò padre e non conosco la madre di mio figlio. Non conosco il tuo cognome, non so che fai, dove stai... tua madre, tuo padre... Almeno dimmi dove abiti!

BICE Ma perché?

ALBERTO Per poterti scrivere!

BICE E non ci scriviamo sempre Fermo Posta?

ALBERTO Si, ma... (supplichevole) Dove stai di casa?

BICE (dispettosa) Non te lo voglio dire. Questo fu il patto: tu non devi mai sapere io chi sono e dove abito!

ALBERTO Ma io ti voglio bene assai: se tu vuoi lasciarmi, non ti fai vedere più e buonanotte. Io dove ti pesco? Fermo Posta?

BICE (amorosa) Ma no... Io non ti lascerò mai... Ti vorrò sempre bene.

ALBERTO (abbracciandola) Veramente?

BICE Veramente.

ALBERTO E dove stai di casa?

BICE (scattando) Uffa, sei terribile, sai!?

ALBERTO Ma perché non lo posso sapere?

BICE Smettila, lo saprai quando sarà il momento.

ALBERTO E va bene.

BICE Io vado via, perché è tardi. Se mia madre ritorna a casa prima di me, non trovandomi più può anche morire dal dolore.

ALBERTO Addirittura! Adesso muore in quattro e quattr’otto!

BICE Bello lui! E’ malata di cuor, povera mamma!

ALBERTO Malata di cuore?

BICE  E come! Se torna a casa e non mi trova... “Bice dove sta? Bice dove sta?”, non mi vede...

ALBERTO E muore!

BICE Muore! Ciao, caro: ci vediamo dopodomani, il nostro solito appuntamento. Mi vuoi bene?

ALBERTO Tanto!

BICE Anch’io!

ALBERTO Bice, tu non mi lascerai mai?

BICE Mai, amore mio...

ALBERTO E dove stai di casa?

BICE Uffà, non lo saprai mai! (Esce per il fondo)

ALBERTO (A Vincenzo che entra) Vincenzo, fammi un favore.

VINCENZO A disposizione, don Albè.

ALBERTO Hai visto quella signorina che è appena uscita? Seguila, vedi dove sta di casa e poi me lo fai sapere.

VINCENZO Scattu cuemu na molla. (Esce per dove è entrato)

ALBERTO Grazie tante. (Esce a sinistra)

GENNARO (dall’interno) Vincè, duve stai ijennu?

VINCENZO (dall’interno) Fazzu na masciata pè don Alberto.

ATTILIO (dall’interno) Ricognate priestu pè ru pranzu.

GENNARO (entra con le braccia piene di involti) Hame puru provare ‘u lavoro ‘e stasira. (Seguito da Attilio va al tavolino a destra, dove depongono i vari pacchi e pacchetti). Madonna mia chi cavudu chi fa a su Botricieddu! Para ca da terra nescianu fiamme! E quantu musche... di quantità e qualità... E’ na razza piccula, ma ‘nviperite, cocciute: una m’ha accumpagnatu ‘e l’albergu aru mercatu e da ru mercatu all’albergu. Se riminava subr’u nasu, intra l’oricchije, subra l’uecchiju... Io ‘a cacciava e idda torna e venia. Na musca stupida cuemu chissa: tu vidi ca sì indesiderata... e vavattinne! Sù propriu musche maleducate. (Toglie un cartoccio di lardo dalla tasca e si accorge che, squagliatosi per il caldo, gli ha macchiato la giacca) Tè, tè, tè... S’è squagliatu ‘u lardu intr’a bugia!

ATTILIO Ma guarda tu... hati ruvinatu ‘a giacchetta!

GENNARO E tu sottolinealu, gira il coltello nella piaga! ‘U vì, ‘u cane muzzica aru sciancatu: io sulu sa giacca tiegnu. Cuemu recito stasira? Mò vidimu si cu nu pocu ‘e benzina nescia...

ATTILIO Cu ra benzina? U’ nescia, u’ nescia...

GENNARO Cu ru sapune...

ATTILIO E’ pieiju: u’ nescia!

GENNARO Cu ra varichina! Acqua e varichina, se fa na bella spazzolata...

ATTILIO U’ le faciti nente... rimana ‘a macchija. U’ nescia, u’ nescia.

GENNARO Tagliu su muerzu, va bene? Se taglia! Aia ra miseria, chi ijettatore! Vidi ca nu poveru cristu ha passatu nu guaio... anche per educazione... Unu dicia: sì, forse nescia, è possibile! (Va verso il corridoio) Viola, veniti a pijare sa roba! (Osserva la tasca macchiata) Chi peccatu.

VIOLA (Entra da destra, seguita da Fiorenza) Finalmente siti arrivati. Me cridia ca eravu muerti ad ancuna rasa!

GENNARO (Piano ad Attilio) Chissa mò, si s’adduna da macchija, fa nu casinu. U’ le dire nente.

ATTILIO Ci mancherebbe.

FIORENZA Duve siti ijuti?

ATTILIO Hamu fattu ‘a spisa.

VIOLA E chi aviti accattatu?

GENNARO Spaghetti. ‘E facimu cu ru pumadueru. Na fettina ‘e carne pè tie, pè nue na nzalata. Ah, stasira simu mmitati.

FIORENZA Nu pocu ‘e frutta l’aviti piata?

GENNARO Sissignore, è cà: nu pocu ‘e brune.

FIORENZA E ‘u carvune?

GENNARO Eccolo. Però, vi raccomando, mò chi appicciati ‘u fuecu: u’ faciti fumu. Si don Alberto s’adduna ca cucinati intr’a camera, ninne caccia. Già se sù lamentati... Quannu appicciati ‘u fuecu, chijuditi porta e firneste, e mmuddati ‘e fessure... così...

FIORENZA Ce morimu affucati! Cuemu respiramu, don Gennà?

GENNARO E cuemu ‘a faciti tragica! Quann’avit’e respirare, apariti ‘e firneste... (mima) Ah, ah... respirati e chijuditi ‘e firneste n’atra vota!

FIORENZA (Nota la macchia sulla giacca) Uh, don Gennà! Teniti na macchija subr’a giacchetta!

ATTILIO Na macchija? Li s’è squagliatu ‘u lardu intr’a bugia!

VIOLA (Gridando) Strampalatu chi u’ si atru! Tu già ere luerdu, mò hamu fattu ‘e frittule! Ma quannu te spari, quannu?

GENNARO Mò unu se spara pè na macchija ‘e lardu? U’ c’è proporzione... E pue, dimme... è curpa mia?

ATTILIO Certu! Vue ve mintiti ‘u lardu intr’a bugia!

GENNARO Vue vidire ca te ncugnu sa seggia ara capu? Ma perchì... esista na teoria, nu sistema pè portare ‘u lardu? Io sugnu distrattu... l’artista è sempre distrattu.

VIOLA E certu! Tantu c’è ‘a fissa chi lava! C’è ‘a fissa chi fa tuttu?! E mò cucina, e mò adde provare ‘a scena, e mò adde pulizzare ‘a giacchetta... Perchì l’artista è distrattu!

GENNARO No, l’artista è di-strutto!

ATTILIO Ma teniti sulu su vestitu? (ride)

GENNARO Perchì, tu tieni ‘u guardaroba?

VIOLA Ma mò me sì stuffatu! Doppu se recite, io minne vaiju ara casa ‘e fratimma ara Filippa, e tu vai e t’arrivuli duve vue.

FIORENZA Mò senza chi faciti na fera! ‘A macchija se caccia cu nu pocu ‘e sapune!

VIOLA Si... cà ce vò nu chilu ‘e sapune!

GENNARO E’ miegliu ‘u minne vaiju! (Esce infuriato)

VIOLA Guarda tu ‘e chine me sugnu innamorata!

FIORENZA E va bene, va bene. Ijamu a cucinare ch’è tardu.

VIOLA Io u’ me fidu ‘e fare nente: cucinati vue.

ATTILIO Ve dugnu na manu io. (Assieme a Fiorenza prende la borsa con i pacchi ed escono tutti e tre dal corridoio)

NINETTA (Dal fondo, seguita da Salvatore) Cà ce sù ‘e camere di comici chi sù arrivati aijeri matina.

SALVATORE Senta cà, io haije parrare cu chiddu chi ha cummenatu l’affare. Haiju addimmanatu e m’hanu mannatu dduecu.

NINETTA Allora hate parrare con il sig. Alberto De Stefano. (Guardando verso destra) Sta veniennu, ‘u vi? Parrati cu iddu.

SALVATORE E’ iddu? (Indica Alberto che entra dal terrazzo)

NINETTA E’ iddu. Signor Albè, s’ueminu vò parrare cu vue. (esce dal fondo)

SALVATORE Siete voi il sig. Alberto De Stefano?

ALBERTO Esattamente.

SALVATORE (presentandosi) Salvatore Mattia!

ALBERTO Prego, accomodatevi. (Siedono al tavolo di vimini)

SALVATORE Me sbrigu cu due parole. Vue mò diciti: e chissu chi vò de mie? E’ giustu. Cinque mintu ‘e pacienza! Io intr’a vita ho fattu tuttu, o meglio... nu pocu ‘e tuttu. E perciò me truevu a s’età senza na posizione definita; e, v’u dicu sinceramente, certi ijuerni haije puru zumpare ancunu pranzu. Mi sta bene! Sugnu cuntientu! Io staiju dijunu e me staiju citu! L’urtima fisseria l’ho fatta quannu sugnu ijutu ara Svizzera: mi n’hanu mannatu e u’ ce puezzu chiù mintire pede. Inzomma, haiju giratu ‘u munnu e sa vita disordinata m’ha fattu diventare... cuemu se dicia... nu pocu squilibratu. Ma u’ sugnu marvagiu! ‘U core l’haiju buenu. Sugnu malatu, chissu sì: a Milanu nu dottore m’ha dittu ca io sugnu l’ueminu pirico.

ALBERTO Come?

SALVATORE L’uomo pirico. M’appicciu cuemu si forra purvara da sparo; pè nente forra capace ‘e distruggere ‘a vita mia. Mò però u’ se tratta de mie... se tratta ‘e sorma. (Alberto si fa interessato) Io, pè tutti si viaggi, l’haiju abbannunata nu pocu, chissu è veru... Ma mò basta! A sorma ci haije penzare io! Si haiju decisu ‘e venire a parrare cu vue è perchì sugnu ‘u frate, giustu? Vue avite fare ancuna cosa, ‘a vita chi fa u’ rè pè idda! Vue sapiti ca è ‘ncinta... E io, cuemu frate...

ALBERTO Shhh! Basta, ho capito! Avete saputo che vostra sorella... (e mima la gravidanza)

SALVATORE L’haiju saputu. E io vuegliu...

ALBERTO Voi avete perfettamente ragione. Vuol dire che mi avete preceduto. Avevo deciso di cercarvi, ma visto che siete venuto voi da me... ve lo dico subito, bello chiaro e tondo: io amo vostra sorella e la voglio sposare.

SALVATORE Vue?

ALBERTO Si.

SALVATORE Aspettati! Ma vue aviti dittu ca sapiti... inzomma, sapiti ca idda... (mima la gravidanza)

ALBERTO So tutto.

SALVATORE E va voliti spusare vue? E... mintiti na petra subr’u passatu?

ALBERTO Io già ce l’ho messa. Adesso la dovete mettere voi.

SALVATORE Ma io ci ne mintu nu cammiu ‘e petre! Mò parru cu idda e intra dui minuti sistemamu sa faccenda.

ALBERTO Vostra sorella sta qui?

SALVATORE Sicuru. Io ce parru subitu, u’ ve preoccupati.

ALBERTO Benissimo! Allora, mentre voi parlate io vado a fare una passeggiata sulla spiaggia, così restate tra di voi, in famiglia, e parlate liberamente. Tanto piacere di avervi conosciuto. Permettete? (Esce dal terrazzo)

SALVATORE (Va a bussare all’ingresso del corridoio, verso la camera di Viola) Rapara!

VIOLA (di dentro) Chin’è?

SALVATORE Sugnu io! Rapara!

VIOLA (entra, seguita da Gennaro, che si è tolto la giacca e si è messo in pantofole) Salvatò, e ca tu? Perchì sì venutu?

SALVATORE Sugnu venutu ‘u te dicu ca tu a su muertu ‘e fame l’he lassare.

GENNARO Bada a come parli, guagliò: misura ‘e parole.

SALVATORE Statte citu tu! (A Viola) S’ueminu pè tie rappresenta miseria e fame! Antura haiju parratu cu don Alberto De Stefano... galantuomo e signore, e m’ha dittu ca te vò spusare e mintire na petra subr’u passatu.

GENNARO Ma chissu è nesciutu pazzu! Va trova cu chine ha parratu...

SALVATORE Cu don Alberto De Stefano.

GENNARO Ma cuemu, s’a spusa e se legittima na creatura da mia? E io mi ce fricu!

SALVATORE Infatti, quannu mai è cuntatu tu? Su povarieddu, su disgraziatu... Don Alberto ha dittu ca s’a spusa subitu! Violè, he fattu a fortuna tua! (A Gennaro) E tu fatte i fatti tui, sinnò te spaccu ‘e gamme! Ah... tu te penzave ca don Alberto v’avia fattu venire dduecu perchì tu sai recitare? Si siti dduecu è sulu grazie a sorma, perchì don Alberto ‘a volia avire vicina. E ringrazia a idda si stai manciannu... Violè, mò minne vaiju: ve dugnu menzura ‘e tiempu pè parrare, pè ve mintire d’accordu. Quannu arrivu (indica Gennaro) a chissu u’ ru vuegliu vidire chiù. Si ‘u truevu ancora dduecu, ‘u piju du pede e ‘u ijettu intr’u mare. Ne simu capiti? Arrivederci. (Esce dal fondo)

GENNARO (A Viola che si aggiusta i capelli con fare civettuolo) Viola... Viò, penzace buenu a chiddu chi fai...

VIOLA E chi vùe ‘e mie? Si forra n’atru... Ma don Alberto a mie me piacia assai...

GENNARO E mu dici intr’a faccia? Viola, vida ca si me tradisci io fazzu na tragedia!

ATTILIO (Dal corridoio) Ah, siti tutti cadi?

FIORENZA (segue Attilio. Rivolta a Viola) He rimastu ‘u sugu subr’u fuecu. Si u’ ce mintia nu pocu ‘e acqua, se vrusciava tuttu.

ATTILIO Basta cu re chijacchijere, hame provare pè stasira.

VIOLA E va bene, provamu doppu manciatu.

ATTILIO No, doppu manciatu io vuegliu dormire. (A Gennaro) Vue chi diciti?

GENNARO Si, è miegliu chi provamu mò. (Muovendo alcune sedie le dispone come per formare una porta sul fondo)

ATTILIO Provamu ‘a scena ‘e Mala Nova.

FIORENZA Io vaiju e rimignu ‘u sugu! (esce a sinistra)

GENNARO Attì, pija ‘a scena du frate cu ra sueru.

ATTILIO (Apre il copione e lo sfoglia) ‘A scena di Andrea e Rossella. (Siede con le spalle al pubblico, su una coperta di lana che avrà steso a terra) Mammà!

FIORENZA (di dentro) Eh, mò staiju riminannu ‘u sugu!

ATTILIO E lassa nu momentu.

FIORENZA (di dentro) Se vruscia tuttu...

VIOLA Mò arrivu io! (via a sinistra)

GENNARO E sinne và puru chissa! Appena cuminciamu ‘e prove, s’a sfignanu tutti! (Gridando) Viola!

VIOLA (Di dentro) Nu momentu!

ATTILIO Mammà, maniete!

VIOLA (seguendo Fiorenza, che è appena entrata; reca in mano una padella con cucchiaio di legno) Arrivu.

GENNARO Chi he fare cu sa cassarola?

VIOLA Le fazzu vidire a idda si è prontu ‘u sugu. (Mostra la padella a Fiorenza)

FIORENZA Si, e cuemu addura!

ATTILIO Facitime sentire. (Viola si avvicina) Ah, chi bell’adduru! (Assaggia il sugo con un dito)

FIORENZA L’he misa l’acqua pè ri spaghetti?

VIOLA Si.

ATTILIO Don Gennà, Vincenzino u’ c’è?

GENNARO E’ ijutu ‘u fa na masciata pè don Alberto. Ma iddu ‘a parte sua ‘a sà bona, l’ha fatta cientu vote. Piuttosto, ne manca nu personaggio. Già hamu tagliatu tre parti, eh... chissi sù lavori seri, hame essere chiù assai... (pausa) Ce manca ‘u Brigadieri di Pubblica Sicurezza, per il finale. Chine m’arresta a mie stasira?

ATTILIO E cumu hame fare?

GENNARO Facimu arrivare na littara. Mintimu all’inizio due battute di giustifica: tipo ca Andrea e ‘u brigadieri sù amici di infanzia, perchì è na cosa possibile... infatti, Andrea u’ rè nu delinquente: ammazza, si... ma ‘u fa pè onore. Dunque, arriva ‘a littara, chi dicia: “Caro Andrea, sul tavolo ho il mandato di cattura per te. Ah, quanto mi dispiace! Non voglio farti passare in mezzo alla strada con le manette, perciò in Nome della Legge ti fichiaro in arresto. Vieni ara Caserma.” Io me ‘ncagnu ‘a valigia e vaiju.

ATTILIO E ‘a littara chine ha porta?

GENNARO Nuddu! Arriva de sutt’a porta; si tenia n’attore disponibile le facia fare ‘u brigadieri, no? Immaginiamo ca ‘u Brigadieri ha volutu agevolare l’amicu, ma u’ se vò compromettere agli occhi della gente. ‘U pubblicu è spiertu, capiscia subitu. Il Brigadiere avrà detto alla guardia: “Ijetta sa littara sutt’a porta e fuija”. Ara fine, quannu Rossella dicia “Madonna Santa...” tu fai arrivare ‘a littara cà... (indica un punto sul pavimento davanti a sè) No, cà è troppu vicinu... Cà! (Indica un altro punto vicinissimo al primo) Io piju ‘a busta... nu momentu ‘e esitazione... “Chi sarà a quest’ora? Oh, chi bruttu presentimentu!” Aparu ‘a littara, lieiju e minne vaiju. (Siede e si asciuga il sudore) Chi cavudu! Appena finiscimu ninne ijamu aru mare!

ATTILIO “Chijuda chidda porta”. (Gennaro non ripete, distratto) “Chijuda chidda porta...”

GENNARO E chijudatila tu! Azate e chijuda ‘a porta; chi tieni, i servitori?

ATTILIO No, no, no... “Chiuda chidda porta!”

GENNARO Ma tu sì scostumatu veramente! T’a chijudi tu ‘a porta.

ATTILIO No, vue! Andrea dice: “Chijuda chidda porta”.

GENNARO Ah, è na battuta du copione! E allora he dire: “Signori, comincia la prova!” ‘U suggeritore d’arte vatta ‘e manu pè richijamare l’attenzione ‘e l’attori... si stabilisce il silenzio e comincia la prova. ‘Mparate, animale!

ATTILIO E va bene! (Batte le mani) Signori, inizia la prova!

GENNARO Mò aspetta perchì haije dare l’indicazioni. Dunque... (rivolto a Fiorenza che si è seduta a destra) vue siti aru liettu... malata da mesi e mesi, sutt’a cuverta, ‘a freve forte; teniti l’affannu, u’ potiti respirare... u’ ce sù chiù speranze pè vue: bronchite, polmonite... siti chiù de ddà ca de cà. (Rivolto a Viola) Tu stai priparannu nu brodino pè mammata, ma senza fretta... perchì ‘u pripari tutt’i ijuerni, da mesi e mesi... sai puru ca pè mammata u’ ce sù chiù speranze, ma le pripari ‘u brodinu lo stessu. Nu brodinu rassegnatu... (A Fiorenza) Appena se rapara ‘u tendone, vue faciti dui colpi ‘e tussa, senza esagerare, appena appena. Na tussa cattiva, sicca, maligna... (tossisce lui in modo secco; poi a Viola) Tu sienti ‘a tussa ‘e mammata, ‘a guardi, cuemu pè dire... “Povera fimmina, ma perchì adde soffrire così?!” Pue fai nu sguardu aru cielu, cuemu pè dire... “Madò, pijatila!” (A Fiorenza) N’atra tussata ‘e chidde torve, brutte, sicche... (A Viola) Tu avveti la sofferenza di tua mamma... soffri puru tu... A su momentu se rapara ‘a porta e trasu io. (Batte le mani) Signori, comincia la prova! (Va alle sedie sistemate a porta, e schioccando le dita si rivolge a Fiorenza) ‘A tussa...

FIORENZA (Con una tosse esagerata e forte) Ah, ah, ah...

GENNARO E chissa è na tussa ‘e nu notaio, n’avvocatu! Tu stai moriennu, sì chiù de ddà ca de cà... ‘a tussa tua è sicca, maligna... ah, ah, ah...

FIORENZA (Che ha capito) Ah, ah, ah...

GENNARO Ecco così, brava. (A Viola) ‘U brodinu... guardi a mammata... l’uecchij aru cielu... “Madò, pijatila!” (Le due donne eseguono da povere attrici quali sono i suggerimenti di Gennaro, il quale facendo finta di aprire una porta emette un grido soffocato e stridulo, convinto di stare imitando lo scricchiolio di una vecchia porta) Ehhhhhhhhh!

I suoi compagni credono che Gennaro sia stato colto da improvviso malore e corrono verso di lui, allarmati.

ATTILIO Don Gennà, chi v’he pijatu?

VIOLA Chi te sienti, Gennà?

FIORENZA Madonna mia!

GENNARO Chi c’è...?

ATTILIO Ve siti sentutu male?

GENNARO Se rapara ‘a porta! (Gli altri riprendono i loro posti, ancora turbati per lo spavento) Chidde porte vecchije, arruginite... chidde cu ri vitri rutti. Ehhhhhhhh! (Riprende l’atteggiamento del personaggio che deve entrare, camminando curvo, trascinando i piedi, e va verso destra).

ATTILIO “Chijuda chidda porta”. (Gennaro continua la scena, trascinandosi verso Fiorenza) “Chijuda chidda porta”. (Gennaro lo ignora) “Chijuda chidda porta!”

GENNARO (scattando) E aspetta! Me stai torturannu! “Chijuda chidda porta, chijuda chidda porta!” M’a fai fare ‘a scena muta?

ATTILIO E quann’u diciti: “Chijuda chidda porta?”

GENNARO Doppu! ‘Ntria trasa, vida mammasa chi sta moriennu, ‘a sueru disonorata... deve creare l’atmosfera! Quando cade affranto sulla sedia... c’è scrittu subr’u copione... allora dicia: “Chijuda chidda porta”. Tu he dare ‘u spuntu; appena trasa ‘u personaggio, tu l’he dù ‘u spuntu.. “Chijuda chidda porta”, doppu chi l’attore ha fattu ‘a scena sua, tu torna: “Chijuda chidda porta”.

ATTILIO Va bene. (Gennaro ritorna alla porta) “Chijuda chidda porta”. (Gennaro va verso Fiorenza, le carezza la testa; sempre trascinando i piedi, e con brevi frasi tragiche, va verso la sedia al centro e si lascia cadere pesantemente) “Chijuda chidda porta”.

GENNARO (recitando tragicamente) Chijuda chidda porta! (Viola va alle sedie facendo finta di chiudere la porta)

ATTILIO “‘Ntrì, tu u’ me fai nente?

VIOLA (quasi svogliata) ‘Ntrì, tu u’ me fai nente?

GENNARO E chissa te para na tragedia? Trasa fratitta tuttu disperatu, tu tieni ‘a cuscienza sporca... chissà chi pò succedere... Ci vuole pathos, voce rotta dalla commozione... “‘Ntri, tu u’ me fai nente?”...

VIOLA ‘Ntrì, tu u’ me fai nente?

GENNARO Ecco, brava...

ATTILIO “Chijuda chidda porta!”

GENNARO E l’haiju dittu!

ATTILIO E l’hate dire torna!

GENNARO Perchì, l’hame chijudire due vote ‘a porta?

ATTILIO Io chi ne sacciu! Cà c’è scrittu due vote.

GENNARO Famme vidire! (Gli strappa il copione e legge) Ah! ‘A prima vota idda u’ va a chijudire ‘a porta. (Ad Attilio) Tu u’ lieij ‘e didascalie... (A Viola) Tu ‘a porta u’ ra chijudi, perchì te spagni ‘e fratitta. Cu ra porta aperta te sienti chiù sicura, e allora dici: “‘Ntrì, tu u’ me fai nente?” Io te guardu... haiju saputu du disonore... ma sì sempre sorma... (A Fiorenza) la mamma piange e implora pietà per la figlia... io mi commuovo... (A Viola) te guardu torna e, con tono rassicurante, cuemu pè dire “stai tranquilla ca u’ te fazzu nente”... ripeto: “Chijuda chidda porta!” (restituisce il copione ad Attilio, va alla porta) Ahhhh! (Ripete velocemente tutta la scena, cade sulla sedia) Chijuda chidda porta.

VIOLA ‘Ntrì, tu u’ me fai nente?

GENNARO Chijuda chidda porta! (Viola esegue)

ATTILIO “E mò rispunname...”

GENNARO E mò rispunname...

ATTILIO “Ma senza chi m’ammucci ancuna cosa...”

GENNARO Ma senta chi... papuccio...

ATTILIO “Ma senza chi m’ammucci ancuna cosa...”

GENNARO Ma senza chi...me muzzichi... Chi he dittu?

ATTILIO (scandendo) “Ma senza chi m’ammucci ancuna cosa!”

GENNARO Tu u’ sai suggerire. ‘U suggeritore d’arte u’ grida, suggerisce di petto. Io ‘u copione ‘u canusciu a memoria, me serva sulu ‘u spuntu: si tu gridi io me ‘mpruegliu! Va a finire ca ‘u pubblicu ‘a senta due vote ‘a tragedia, prima ‘e tie e pue ‘e nue. Un soffio: deve essere un soffio! “E mò rispunname...” “ma senza chi m’ammucci ancuna cosa...”

ATTILIO Cuemu voliti vue! (Adesso suggerisce con un soffio di voce, incomprensibile) “E mò rispunname...”

GENNARO E mò rispunname...

ATTILIO “Ma senza chi m’ammucci ancuna cosa...”

GENNARO Ma senza chi m’ammucci ancuna cosa...

ATTILIO “He capitu?”

Gennaro tende l’orecchio, ma non afferra; Attilio ripete la battuta sotto voce, e si avvicina alla sedia dell’attore, il quale a sua volta va verso il suggeritore. Si avvicinano quasi fino a toccarsi.

GENNARO (Inviperito, urla) Ma duve stai ijennu? Sutt’a seggia? Chi he dittu?

ATTILIO (gridando) “He capitu?”

GENNARO E parra chiù forte!

ATTILIO Vue aviti dittu ‘u soffio...

GENNARO Ma si vidi ca l’attore u’ rha capitu, aumenta ‘u volume. (A Viola) “E mò rispunname, ma senza chi m’ammucci ancuna cosa, he capitu?”

ATTILIO (Indicando Viola) “Tu ce facie l’amore cu Rafele?”

VIOLA E GENNARO: (Insieme) “Tu ce facie l’amore cu Rafele?”

GENNARO (A Fiorenza) U’ voliti dire puru vue? (Ad Attilio) ‘U vue dire puru tu? Facimu nu coro? (A Viola) ‘A battuta è ‘a mia, perchì he parratu tu?

VIOLA Iddu m’ha fattu signu...

GENNARO (Ad Attilio) Tu non devi indicare. (A Viola) E puru si ‘u suggeritore indica, tu te stare citu... penza nu pocu, u’ pò essere na battuta da tua... Io puezzu fare l’amore cu Rafele?

VIOLA Io chi ne sacciu, Gennà! (E prende in mano la padella, girandoci dentro il cucchiaio)

GENNARO Dunque... “Tu ce facie l’amore cu Rafele?”

ATTILIO “Si”

VIOLA (girando la salsa) Si.

ATTILIO “E de quannu?”

GENNARO E de quannu?

ATTILIO “‘E n’annu”

VIOLA ‘E n’annu! (E accompagna la frase con un largo gesto della mano, così che la salsa va a finire nell’occhio di Gennaro)

GENNARO (quasi accecato dalla salsa) Ah! Ma è possibile ch’è provare riminannu ‘u sugu... cu ru cucchijaru are manu? Ringrazia ca sì incinta, sinnò ti ne derra scaffi...

VIOLA Si, i scaffi...

ATTILIO Ijamu avanti. “Dopp’a morte ‘e papà?”

GENNARO Dopp’a morte ‘e papà?

ATTILIO “Doppu”.

VIOLA Doppu.

ATTILIO “E si stata tu, chi.”

GENNARO E si stata tu chi... (rimane in ascolto aspettando il resto della battuta)

ATTILIO “No”

GENNARO E si stata tu chi, no.

ATTILIO No, u’ rhate dire così!

GENNARO E si stata tu chi... chi?

ATTILIO Chi... nente! “Si stata tu chi” e basta. U’ rhate dire nente chiù.

GENNARO E si stata tu chi... e basta! E’ nesciutu pazzu l’autore. Famme vidire.

ATTILIO (porgendogli il copione) Guardati, u’ c’è nente chiù.

GENNARO (dopo aver esaminato il copione, facendo il gesto di voler dare uno schiaffo ad Attilio) U’ c’è nente chiù, eh?

ATTILIO No!

GENNARO Tu sì n’analfabeta! (Gli mette sotto gli occhi il copione) E chissi chi sù?

ATTILIO Chi sù?

GENNARO I sospensivi! Secondo te i punti sospensivi u’ se leijanu?

ATTILIO E chi haije dire? “E si stata tu chi... sospensivi?”

GENNARO I punti sospensivi se fanu sentire, si allunga... “ E si stata tu chi...” C’è tutta l’intenzione dentro, vò dire... “E si stata tu chi l’he incoraggiato, chi l’he fattu trasire intra ‘a prima vota...” Infatti, idda se ribella, perchì è innocente e dicia subitu: “No!” (A Viola) Tu m’interrompi subitu, sinnò io continuo a fare “Chi....” Ijamu avanti.

ATTILIO “E si stata tu chi...”

GENNARO E si stata tu chi...

ATTILIO “No”.

VIOLA No!

ATTILIO “No”

GENNARO L’ha dittu. “E si stata tu chi...”

VIOLA No.

ATTILIO “No”.

GENNARO Tu l’he precedere l’attore, non seguirlo.. sinnò chi suggeritore sì?

ATTILIO E io l’haiju preceduta!

GENNARO Nente affato, l’he dittu dopp’e idda!

ATTILIO E dopp’e idda l’haije dire!

GENNARO Ma perchì?

ATTILIO Perchì ci n’è n’atru, ce sù dui “No”.

GENNARO E dillu prima!

ATTILIO E vue u’ me dati tiempu!

GENNARO (A Viola) He capitu? He dire due vote “No...no!” Ed è giustu, perchì idda se senta innocente, e reagiscia cu dui “No”. “E si stata tu chi...”

VIOLA No, no!

ATTILIO “No”.

GENNARO Ma tu sì imbecille? L’ha ditti i dui No! “E si stata tu chi...”

VIOLA No, no!

ATTILIO “No”

GENNARO (Fuori di sè) L’ha dittu!

ATTILIO E chi voliti ‘e mie? L’adde dire n’atra vota, perchì n’è nesciutu n’atru!

GENNARO N’atru “No”?

ATTILIO Eh! Ce sù tre “No”.

GENNARO Famme vidire. (Esamina il copione e con un’occhiata di disprezzo e pietà, dice ad Attilio) Ecco, perchì tu lieij sulu a sinistra; he leijre puru a destra, i personaggi. Il secondo “No” u’ rè du sue, è du mio! E pue, he guardare puru a punteggiatura: idda tena nu primu “No”, con punto esclamativo; aru mio c’è nu puntu interrogativo. Aru terzo “No” c’è sulu nu puntu. Dunque, io dicu: “E si stata tu chi...” allora idda, in uno slancio di sincerità, dicia “No!” punto esclamativo. Io u’ sugnu ancora convinto e dicu: “Noooo?”, puntu interrogativu. Allora idda, a conferma del primo no, dicia “No.” cu ru puntu. Sù tre “no”, ma cu intonazioni diverse. (Restituisce il copione ad Attilio) “E si stata tu chi...”

VIOLA (sbagliando il no, pronuncia quello di Gennaro) Noooo?

GENNARO Chissu è ‘u “no” mio. Tu he dire “No!” cu ru puntu esclamativo. (Tentano ancora di dire i tre no, in ordine, ma non ci riescono. Lo stesso Gennaro sbaglia due o tre volte. Rivolto ad Attilio) Damm’u copione e ra matita. (Attilio esegue) Cacciamu i dui “No”, resta sulu ‘u “No” ‘e Rossella. “E si stata tu chi...” idda dicia “No” e io ce cridu subitu, così ijamu avanti. (Restituisce il copione e ritorna al suo posto) Mò vena ‘u racconto patetico di Rossella.

ATTILIO “Mamma era ijuta duve ‘u miedicu”

VIOLA Mamma era ijuta duve ‘u miedicu...

ATTILIO “Tu fatigave ara segheria...”

VIOLA Tu fatigave ara segheria...

GENNARO Stai recitannu l’Ave Maria? Tarata tarata tà! tarata tarata tà... ripeta tuttu.

VIOLA Mamma era ijuta duve ‘u miedicu...

GENNARO (A Fiorenza) Vue avit’e fare ‘a controscena, ripetendo ‘e parole da figlia vostra quasi a sottolineare ca sta diciennu ‘a verità... “Io era ijuta duve ‘u miedicu...”

FIORENZA Io era ijuta duve ‘u miedicu...

VIOLA Tu fatigave ara segheria...

FIORENZA Figliu miu, lavoratore...

ATTILIO “Iddu cu na scusa è trasutu intra. Io u’ ru volia fare trasire... è statu iddu!”

VIOLA Iddu cu na scusa è trasutu intra. Io u’ ru voli fare trasire... è statu iddu!

GENNARO No! E’ monotono.... mono tono... s’adde sentire l’innocenza... “Io u’ ru volia fare trasire...”

VIOLA Iddu cu na scusa è trasutu intra. Io u’ ru volia fare trasire...

ATTILIO “E m’ha fattu mille promesse, mille giuramenti, a mie... na quatraredda! E io resistia...”

VIOLA E m’ha fattu mille promesse, mille giuramenti, a mie... na quatraredda! E io resistia...

ATTILIO “Allora iddu m’ha pijatu di capiddi...”

VIOLA Allora iddu m’ha pijatu di capiddi... (accompagna le parole con un gesto esagerato, come per strappare qualcosa)

GENNARO Ma chi stai faciennu? ‘U seduttore tue te pija di capiddi pè te violentare, no pè raparire na buttiglia. (E le mostra il gesto da fare, come per torcere qualcosa)

VIOLA Allora iddu m’ha pijata di capiddi... (Viola vede entrare Alberto e si ferma, con fare civettuolo)

GENNARO Chi è successu? (Si volta e vede Alberto)

ALBERTO Posso seguire le prove?

GENNARO Si, certamente. (A Viola) E tu concentrate... doppu ne facimu i cunti... Dunque, mò è finitu ‘u racconto e te ijetti eri piedi ‘e fratitta pè ru supplicare.  “‘Ntrì, chiddu mò se spusa a n’atra!”

VIOLA ‘Ntrì, chiddu mò se spusa a n’atra!

.ATTILIO “No!”

GENNARO No!

ATTILIO “Si... mò se spusa a n’atra!”

VIOLA Si... mò se spusa a n’atra!

ATTILIO “No...”

GENNARO No...

ATTILIO “Mi l’ha dittu n’amica!”

VIOLA Mi l’ha dittu n’amica!”

ATTILIO “No!”

GENNARO No!

ATTILIO “T’u giuru!”

VIOLA T’u giuru!

GENNARO No, perchì io...

VIOLA E FIORENZA: Perchì tu...?

GENNARO Perchì io...

VIOLA E FIORENZA: Perchì tu...?

GENNARO Perchì io l’haiju ammazzatu!

FIORENZA (Urla) Ah! L’ha ammazzatu!

GENNARO Vue staviti moriennu, duve ‘a trovati ‘a forza pè gridare ‘e su modu? ‘A moribonda volerra gridare, ma u’ ci a fa, anzi... se sgonfia... s’accascia... “L’ha ammazza...” e quasi mora.

FIORENZA L’ha ammazza...

ATTILIO “Madonna santa!”

VIOLA (A bassa voce come se pregasse) Madonna santa!

GENNARO No, no, no! ‘A tua invece adde essere na gridata disperata. S’adde sentire ‘a sventura tua: sì disonorata, mammata sta moriennu, l’innamoratu tue è muertu, fratitta sta pè ijre in galera.... (Gridando) Madonna santa!

VIOLA Madonna santa!

Attilio allunga il braccio e batte con violenza il copione nel punto dove Gennaro gli ha indicato per fare arrivare la lettera. Gli altri si spaventano.

GENNARO Chi c’è?

VIOLA Chi è successu?

FIORENZA Aiutu!

GENNARO L’he ammazzatu?

ATTILIO Chidi?

GENNARO ‘U topu! (A questa parola le donne si spaventano e si ritraggono)

ATTILIO No, è arrivata ‘a littara!

GENNARO (riprende il proprio posto, come Viola e Fiorenza) E tu he fattu arrivare nu paccu postale! “Na littara... chine pò essere a s’orariu? Chi bruttu presentimentu. Chine l’ha portata sa littara? (va alla porta finta e sporge il capo) Fore è scuratu... se vida pocu... ah, na guardia sta fuijennu... (Torna al centro della sala e finge di aprire la lettera) E’ l’amicu miu, ‘u brigadieri: Caro Andrea, eccetera eccetera... (A Viola) Mò riesti sula, io vaiju carceratu... Mammata mora! Ma l’onore trionfa... (Viola si accascia tra le sue braccia e Gennaro solleva il dito al cielo) La giustizia di Dio!

SALVATORE (Entra dal fondo e vedendo i due abbracciati) Carognune! T’avia avvertutu, lassa stare a sorma! (Si scaglia contro Gennaro, che agilmente si allontana, mentre Attilio e le donne trattengono Salvatore)

VIOLA Salvatò, Salvatò!

ATTILIO Nue stamu provannu!

SALVATORE E chi he provare, ohi muerti ‘e fame! (Ad Alberto) E vue permettiti ca chiddu s’abbrazza a sorma, e u’ diciti nente?

ALBERTO E a me che me ne importa?

SALVATORE Cuemu? Vue aviti dittu ca va voliti spusare!

ALBERTO A quella là? Io?

SALVATORE Chissa è sorma.

ALBERTO C’è stato un equivoco, io parlavo di un’altra ragazza.

SALVATORE Ah, haiju capitu! (Scaglia contro Gennaro il suo bastoncino) Sì statu tu, eh? L’he minacciatu? (Ad Alberto) E sì n’ueminu tu? Prima dici na cosa e pue ta nieghi? (Gennaro gli porge il bastone)

ALBERTO Amico, io non nego niente. Io parlavo di un’altra, non di vostra sorella.

SALVATORE E no! Io u’ sugnu scemu... Chiddu chi t’ha fattu canciare penzieru è statu su muertu ‘e fame! (E gli scaglia ancora il bastoncino) E mò te fazzu vidire io, t’haije spaccare ‘a capu!

GENNARO Aiutatime! (Salvatore si divincola e si lancia contro Gennaro) Tenitilu, tenitilu! (Esce di corsa per il corridoio)

SALVATORE U’ fuijre, carognune! (Va dietro Gennaro, seguito da Fiorenza e dai due uomini)

VIOLA (quasi svenuta, si abbatte sulla sedia) Pè carità, pè carità! fermative!

Dal corridoio si sentono grida, rumori, mobili che cadono, finchè si sente un rumore fortissimo seguito da un urlo lancinante di Gennaro.

FIORENZA (Entra e raggiunge Viola) Madonna mia! Povero Gennaru! Mentre fuija, u’ ra vistu ‘a marmitta cu l’acqua chi vuddia... è attroppicatu e l’he caduta tutta l’acqua subr’i piedi!

NINETTA (Entra dal fondo) Chi è successu? (va verso il corridoio, poi rientra seguita da Attilio, il quale allontana Salvatore verso la porta di fondo)

GENNARO (entra dal corridoio, sostenuto da Alberto e da Attilio, il quale ritorna indietro dopo aver allontanato Salvatore) ‘U fuecu! ‘U fuecu!

NINETTA Portatilu ara farmacia!

GENNARO Staiju moriennu... ‘U fuecu! ‘U Fuecu!

Alberto e Attilio prendono acqua e la buttano sui piedi di Gennaro

ALBERTO Acqua, ce vò acqua!

GENNARO ‘U Fuecu! ‘U fuecu!

Urla e movimenti a soggetto.

Cala il sipario


ATTO II

Salotto elegantissimo in casa Tolentano. In fondo vetrata per la quale si accede in giardino; molte piante e fiori. Due porte laterali: la prima a destra dà nella sala da pranzo, la seconda a sinistra è la comune. A destra, in prima quinta, un tavolo di vimini con tre sedie; varî oggetti sopra. In fondo a sinistra il camino con un divano e cuscini; mobile da salotto, qualche arazzo orientale sulle pareti, quadri.

BICE (In piedi in mezzo alla scena, si sforza di insegnare a Carlo alcuni passi di fox-trot, senza alcun risultato) No, no: è inutile. Con te non se ne ricava niente, sei propriu negato.

CARLO (Un tipo aristocratico sui 50 anni) Finalmente l’hè capitu. Io u’ rhaiju mai saputu ballare.

MATILDE (seduta al tavolo di destra, mentre ricama) Ma lassalu stare! Perchì piacia a tie, volerre chi tutti ballerranu!

CARLO (Va a sedere insieme a Bice) E pue sù sfuerzi inutili. Ammesso ca io me ‘mparerra, cosa impossibile, n’atru pocu ‘e misi tu ‘u ballu ti l’he scordare.

BICE E perché?

CARLO Il nostro erede adde stare tranquillu.

MATILDE Perchì, u’ pò essere una erede?

CARLO No, no. U’ reserciru ‘a professione, ma ve ricordo ca sugnu sempre nu miedicu. E’ nu masculu.

ASSUNTA (Entra dalla comune) Permesso... Signò, fore c’è n’ueminu... dicia ca vule l’aviti datu l’indirizzu pè ru fare venire cà. Ma si ‘u viditi, fa na pena...

CARLO Ho capito, fallu trasire. (Assunta esce) E’ nu poveru disgraziatu. L’è caduta acqua vuddente ari piedi. Mentre minne venia l’ho visto chi se lamentava, così l’ho datu l’indirizzu e l’ho dittu ‘u venia, pè le fare na medicatura.

MATILDE Ma si, quannu se pò fare del bene...

GENNARO (Di dentro) Sant’Antueni, protettore du fuecu! Sant’Antueni... (Entra sorretto da Assunta) A tie, tu m’he tenire... e rè ijre chijanu...

ASSUNTA Staiju caminannu chijanu chijanu... (Lo guida verso una sedia di sinistra)

GENNARO E nu’ muttare... ‘U fuecu... mamma mia bella! (Ha i piedi avvolti in due fazzoletti colorati, ha in mano una ventola da cucina. Vede Carlo e si inchina) Bongiorno, signò. Ah!

CARLO Buongiorno.

GENNARO (Siede sorretto da Assunta) Voi mi dovete perdonare si me lamientu... ‘U sacciu, sugnu noioso, dugnu fastidio... ma io m’haije lamentare: ho il diritto di lamentarmi. U’ ne ch’è na cosa e nente? Na quadara ‘e acqua bollente subr’i piedi! ‘U fuecu, ‘u fuecu! (E si sventola i piedi con il ventaglio)

CARLO Ma cum’è successa ‘a disgrazia?

GENNARO Signò, cumu tutt’e disgrazie... chidde para ca te mannanu ‘u telegramma! ‘E nu momentu all’atru... Ma io l’avie de capire ch’era na ijurnata storta, perchì l’avvisu l’avia avutu, quannu s’era squagliatu ‘u lardu intr’a bugia!

CARLO Perchì, vue portati ‘u lardu intr’a bugia?

GENNARO Non abitualmente. Sugnu ijutu a fare ‘a spisa e distrattamente... guardati cà! (Mostra la giacca)

ASSUNTA Chi peccatu! Signò, si permettiti, l’a pulizzu io.

GENNARO Quantu sì brava! Cu chi ‘a pulizzi?

ASSUNTA Cu ra benzina.

GENNARO No, u’ nescia...

ASSUNTA Cuemu u’ nescia?

MATILDE Cu ra benzina se lava tuttu.

GENNARO Cu ra benzina eh? (Togliendosi la giacca con movimenti delicati) Chi brava guagliuna! ‘U signure t’adde benedire.

ASSUNTA Grazie.

GENNARO Sì spusata?

ASSUNTA No.

GENNARO E te spusi subitu! Truevi nu bieddu giuvane, avutu, riccu... (le consegna la giacca) ... e bellu!

ASSUNTA (Allontanandosi con la giacca) Grazie!

GENNARO Mò chi ti ce truevi, pulizza puru ‘u collettu e re maniche...

ASSUNTA (uscendo) Sicuru, u’ ve preoccupati.

GENNARO (A Carlo) Nue simu artisti, signò. Pè chiddu pocu chi guadagnamu u’ potimu ijre ara trattoria. Ma simu attrezzati: io tiegnu na marmitta...

CARLO Ah... hate sardare na marmitta...

GENNARO No, chidde marmitte ‘e lannia chi servanu pè fare i pumadueri. Mi l’ha data ‘a cummari, perchì sin’ha accattatu una nova, chiù ranne... L’haiju fatta aggiustare a fornello e na portamu dappriessu: ‘e intra ce mintimu tuttu... bicchieri, piatti, tuvaglie... Aviamu misu l’acqua intr’a marmitta pè fare ‘a pasta...l’acqua vuddia... A nu certu puntu haije dovutu fuijre. Mò ‘a storia è troppu longa, a vue chi vinn’importa... Comunque, arriva nu momentu chi l’ueminu adde fuijre... legge comune, arriva pè tutti. E stamatina è toccatu a mie. Mentre fuija u’ rhaiju vistu ‘a marmitta... Sant’Antueni! M’hanu aijutatu tutti... ma, chi vue? menu male ca se trovava passannu ‘u signore, chi m’ha trovatu sutta l’albergu e ‘a vistu ‘a condizione mia. M’ha datu ‘u bigliettu ‘e visita e ha dittu: “veniti ara casa mia, ve fazzu na medicatura”. Iddu, spontaneamente. Io u’ rhaiju chijamatu nessunu miedicu...

CARLO Certamente, me  sugnu offertu io, spontaneamente. Stavitive tranquillu, u’ ve fazzu pagare nente. E’ chissu chi voliavu sapire?

GENNARO No, è chissu chi ve volia fare sapire!

CARLO Veniti, veniti cu mie! Tiegnu na piccola farmacia chi c’è tuttu. Ijamu.

GENNARO A pede?

CARLO Sù dui passi: ‘a camera accanto!

GENNARO Eh, pè vue è facile, teniti i piedi crudi... Ma io... Sant’Antueni!

CARLO Forza, coraggio, v’aiutu io.

GENNARO No, perchì io puezzu disporre sulu ‘e na punta e de nu tallone.

CARLO Ve dugnu na mano. (Sorregge il braccio destro di Gennaro)

GENNARO (mette la mano sinistra sulla sedia, appoggiandosi su una punta e un tallone) Unu, dui e... tre! (Si solleva, ma subito ricade indietro in una smorfia di dolore) Sant’Antueni!

CARLO Chi c’è?

GENNARO Haiju sbagliatu: era l’atra punta e l’atru tallone! Sant’Antueni!

CARLO Mi dispiace! Provamu n’atra vota..., pennu’ sbagliati torna!?

GENNARO E no, mò è impossibile: n’atra punta e n’atru tallone me sù rimasti. Unu, dui e... tre! (Si solleva e ondeggia sulla punta e sul tallone) U’ me lassati, pè carità!

CARLO Stati tranquillu.

GENNARO Duv’hame ijre?

CARLO (indica a destra) De cà.

GENNARO (Fa un goffo giro e si avvia, saltellando su una punta e un tallone) Oh, hop! Oh, hop! Chijanu, chijanu... (Esce con Carlo da destra)

MATILDE Povarieddu, fa propriu pena!

BICE (ride) Chi tipo!

MATILDE Chiddu sta patiennu ‘e pene du ‘mpirenu, e tu riri!? (Bice si allontana verso il fondo)

ASSUNTA (entrando da sinistra) Permesso? Signò, fore c’è unu chi vò parrare cu vue.

MATILDE E chin’è?

ASSUNTA ‘A dittu ca se chijama Alberto De Stefano.

MATILDE E chin’è, io u’ ru canusciu. Ma vò parrare propriu cu mie?

ASSUNTA Si, ha dittu: “Dille ara signora ca l’haije assolutamente parrare, pè le dire certe cose chi riguardano la figlia Bice”.

MATILDE (preoccupata) Figliama? E chi pò essere? Fallu trasire.

ASSUNTA (esce e rientra precedendo Alberto) Accomodative. ‘A signora sta cà. (Assunta esce)

ALBERTO (solennemente) La signora Matilde Bozzi? Mi trovo alla sua presenza?

MATILDE Senza dubbio.

ALBERTO Ne ero sicuro. Fortunatissimo. Signora, mi perdonerete se vengo a disturbarvi, ma il motivo è grave, urgente...

MATILDE Me stati faciennu spagnare... Seditive, prego.

ALBERTO (siede) Grazie. Signora, capisco che quello che sto per rivelarvi è grave, ma io vi prego di affrontare ilcolpo con forza d’animo.

MATILDE Insomma, chi m’hate dire? ‘A cameriera m’ha dittu ca m’avit’e parrare ‘e figliama... E allora parrati, vi prego.

ALBERTO Signora, io vi dirò tutto, ma promettetemi di essere calma.

MATILDE Ma si, ve lo prometto.

ALBERTO Mi raccomando, signora... Il cuore è forte?

MATILDE Si... ma perchì?

ALBERTO Vengo ad annunciarvi che per merito di vostra figlia Bice, tra non molto voi proverete la suprema gioia di essere chiamata nonna!

MATILDE ‘U sacciu.

ALBERTO Nonna!

MATILDE ‘U sacciu.

ALBERTO Lo sapete?

MATILDE Si.

ALBERTO E... sapite tutto?

MATILDE Ma... tuttu, chi?

ALBERTO Signora, voi non conoscete il nume del padre della creatura che dovrà nascere.

MATILDE Ma chi stati diciennu? ‘U sacciu chin’è ‘u patre.

ALBERTO Sapete chi è il padre?

MATILDE E ci mancherebbe!

ALBERTO Allora mi conoscete?

MATILDE Come sarebbe a dire?

ALBERTO Signora, sono io il padre del vostro futuro nipote. Vostra figlia è la mia amante da tre mesi; io sono un galantuomo e non mancherò al mio dovere. Ho l’onore di chiedervi la mano di vostra figlia Bice.

MATILDE ‘A manu?

ALBERTO ‘A manu!

MATILDE Signore, figliama è spusata!

ALBERTO Sposata! (Ride) Ma forse voi non sapete niente; scrivete a vostra sorella Margherita in Sicilia.

MATILDE ‘U vì ca ve stati sbagliannu? Io in Sicilia u’ tiegnu nessuna sueru.

ALBERTO Allora a zia Marianna...

MATILDE Ma quale zia Marianna?

ALBERTO A zia Maria...

MATILDE Io ‘u tiegnu nessuna sueru.

ALBERTO Ricordatevi bene.

MATILDE Aspita, mò u’ m’arricuerdu mancu ‘a famiglia mia?

ALBERTO Signora, io vi posso garantire...

MATILDE Basta! Signore, uscite immediatamente!

ALBERTO Ma io...

MATILDE Uscite!

Alberto si avvia verso la porta di uscita. Dal fondo entra Bice con un fascio di fiori freschi.

BICE (va verso la madre con dei fiori in mano, senza vedere Alberto) Mammà, questi li ho raccolti per tec.

ALBERTO (Vedendo Bice) Non mi ero ingannato! E’ Bice! (Bice nel vedere Alberto rimane di sasso)

MATILDE Chidi?

ALBERTO Bice, Bice, perdonami! Si, è vero, tu mi avevi proibito di presentarmi qua, ma io mi sono informato e sono venuto. (Carlo entra da destra, si nasconde e rimane in ascolto) L’ho detto a tua madre, che da tre mesi sono il tuo amante, che ci vogliamo bene e ti voglio sposare. Lei mi ha detto che sei sposata, ma non è vero, non può essere vero... Perché mi avresti detto una bugia? Dimmi che non è vero, dimmi che mi vuoi bene quanto io te ne voglio!

CARLO (scagliandosi contro Alberto) Ah, miserabile, farabuttu!

MATILDE (trattenendolo) Pè carità!

CARLO (A Bice) Tu ‘u canusci? E’ veru chiddu chi ha dittu? (Pausa; Bice torce le mani nervosamente) Si, o no? Rispunname!

MATILDE (supplichevole) Calmamune...

CARLO (a Matilde) Silenzio... (a Bice) Allora? Si u’ rispunni, allora è vero? Rispunname!

BICE Io non lo conosco... Non l’ho mai visto... te lo giuro!

CARLO (Ad Alberto) Allora, signore, mò spiegatime ‘u motivu ‘e sa visita... Spiegatime chi siti venutu ‘u faciti intr’a casa mia!

ALBERTO (Improvvisamente calmo) Ma... io... non ho nessuna colpa se il moto perpetuo non è un fatto compiuto... (Tutti lo guardano meravigliati)

CARLO Chidi...?

ALBERTO ... e poi, abbiate compassione di questo povero perseguitato dalla sorte! Figuratevi che l’alfabeto, d’accordo con i 4 punti cardinali, mi ha rubato il progetto di una mia invenzione... Il parafulmine ad aria compressa... Sarebbe stata la mia ricchezza! Voi non mi volete accordare la mano di vostra moglie? E’ giusto, lei deve fare il suo dovere di padre onesto... Ma io mi rivolgo alla sorella di Carnevale (a Matilde) per ricevere l’onore di porgerle i saluti di Muzio Scevola, direttore generale della Rinascente, nonché segretario e amministratore di Giuseppe Garibaldi, discendente diretto del Duomo di Milano! (Comincia a danzare canticchiando) La llà ra llà là....

CARLO Ma è pazzu!

BICE E’ pazzo!

MATILDE E’ pazzu!

CARLO Si, è pazzu teliu!

ALBERTO (Rinfrancato, canta più forte) La llà ra llà là...

MATILDE Menu male, menu male!

CARLO Povera Bice, t’haiju accusata ingiustamente, scusame...

ALBERTO (Girandosi all’improvviso verso Carlo) Ma sì, non mi inganno, è lui! Vi riconosco perfettamente... voi la Domenica mattina dite la Messa al Convento del SS. Ecce Homo! (A Matilde) Signora, dite la verità: sono brutto io?

MATILDE (Impaurita) No...

ALBERTO No? Come no! Puoi negare che sei stata la mia amante per tre mesi? Per tre mesi sei stata la mia amante, per tre mesi! La llà ra llà là...

BICE Ecco... così ha fatto pure con me... Non si è sicuri neanche in casa propria!

CARLO (Alle donne) Vue ijati ddà intra. Riestu io cà. Telefonati ara Questura...

BICE Ho paura per te...

CARLO Sta tranquilla, sacciu io cuemu haije fare... (Bice esce)

MATILDE Statte attentu. Io telefonu subitu ara Questura. (Esce)

ALBERTO (A Carlo) Prego, accomodative...

CARLO Si me dati ‘u permessu...

ALBERTO Certamente, senza cerimonie. (Carlo siede) Quantu sei bella! Sembri una stella... che bei capelli... (Carezza la testa di Carlo) E che seno...

CARLO Chijanu, chijanu...

ALBERTO Tu sei stata la mia amante per tre mesi. Lo puoi negare?

CARLO No, no... è veru...

ALBERTO Io ti sposerò. Al nostro matrimonio inviteremo gatti, cani, conigli, porci, caproni... eh, li conosci i caproni? Quelli con le corne? Eh... La llà ra llà là...

CARLO Sicuru, i caproni...

GENNARO (Entra da sinistra, con i piedi fasciati vistosamente) Vue siti nu miedicu eccezionale...

CARLO Cuemu ve sentiti? (Lo aiuta a sedersi)

Alberto, vedendo Gennaro, rimane turbato, si ritrae in un angolo per decidere cosa fare.

GENNARO Miegliu, miegliu. Mò puezzu appoggiare puru i piedi.

CARLO Attenzione, però... u’ sciunniti ‘a fasciatura prima chi sù passati 15 ijuerni.

GENNARO No, e chine ha tocca? (rabbrividisce) Mò, ‘a poterra avire torna ‘a giacca? Fa nu pocu friddu, io ancora u’ staiju buenu...

CARLO Si, si... mò chijamu ‘a cameriera e v’a fazzu portare. (Senza gridare) Assunta!

GENNARO (Meravigliato) Ma ‘a cameriera duv’è, sutt’u tavulu?

CARLO No, no... è ddà intra, ara fine du corridoio...

GENNARO E allora chijamatila...

CARLO L’ho chijamata: Assunta! (con voce bassa)

GENNARO (Urlando) Assunta!

La ragazza entra da destra, con la giacca in mano.

CARLO E’ arrivata.

GENNARO Perchì ha sentutu a mie! Brava, brava figlia mia. E’ nesciutu tuttu?

ASSUNTA (Imbarazzata) Signò... s’è vrusciata!

GENNARO Hè vrusciatu ‘a giacca? (Gliela strappa di mano e osserva il danno) Guarda tu, chi ruvina!

ASSUNTA U’ rè stata curpa mia, è stata na disgrazia.

GENNARO ‘A disgraziata sì tu...

ASSUNTA Hanu bussatu ara porta...

GENNARO E certo! ‘A giacca u’ rera da tua, u’ rera du patrune tue...

ASSUNTA Io ve volia aiutare, si è success’a disgrazia chi ce puezzu fare?

GENNARO (Indica con il palmo un’altezza da terra, come ad indicare un nano) ‘U vì, ‘u vidi?

ASSUNTA Chidi?

GENNARO ‘U maritu tue. Nu nanu t’he spusare... nu nanu cu na capu ranne e na panza quantu na vutta... (Assunta esce)

ALBERTO (Avvicinandosi a Gennaro) Che state dicendo? Che state dicendo?

GENNARO Oh, caro don Alberto, puru vue cà? ‘A cameriera m’ha vrusciatu ‘a giacca. (Se la mette)

ALBERTO Voi restate a pranzo con me.

CARLO Diciti ca sì, diciti ca si.

GENNARO E chi dicu, no? A chi ura?

ALBERTO Verso le... 44, 45...

GENNARO U’ poterramu fare na menzura prima?

ALBERTO Domani compriamo il monumento di Garibaldi e lo cuciniamo con la carne di maiale. (Prende un fazzoletto e ci fa le corna)

GENNARO Si... ‘u monumentu cu frittule... io m’accuntientu ‘e nu piattu ‘e spaghetti... (Alberto mette il fazzoletto in testa a Carlo) Uh, signò! V’ha misu ‘e corna!

CARLO (A Gennaro) Assecondatilu, è pazzu! (Alberto danza per la stanza)

GENNARO Ma quale pazzu: io ‘u canusciu!

ALBERTO (Si precipita verso Gennaro) Signore, voi siete stata la mia amante per tre mesi... negatelo... La llà ra llà là...

GENNARO Guagliò, io sugnu ueminu! (Alberto canta e danza fuori di senno) Ma guarda tu, davieru... è pazzu veramente! Poveru guagliune... penza chi dispiacire pè ra famiglia. ‘A mammasa..

CARLO Povera fimmina!

Alberto, sollevato per non essere stato smascherato, va a sedere a destra.

GENNARO E sapiti chine ne avrà assai dispiacire? N’amante da sua, na certa Bice...

ALBERTO (Scattando in piedi, avanzo verso Gennaro) Stai zitto, stai zitto, stai zitto!

GENNARO Statte citu tu! Ohh! (A Carlo) I pazzi l’he tenire cu dui piedi intr’a na staccia, sinnò sinn’approfittanu.

CARLO Dicitime, staviavu parranu ‘e na certa Bice...

GENNARO Si, n’amante da sua... mi l’ha dittu iddu stessu. M’ha cuntatu ca sa Bice...

ALBERTO Stai zitto! Stai zitto!

GENNARO Statte citu tu! Dunque, sa Bice u’ l’ha mai volutu dire nè ‘u cugnome, nè duve stavia de casa... na fimmina misteriosa... Allora stamatina, don Alberto l’ha fatta seguire ‘e n’attore du miu, e chissu l’ha riferitu duve abitava sa certa Bice. Pienzica è statu chissu: da troppu gioia è nesciutu pazzu du tuttu!

CARLO Dunque, stamatina stavia buenu... u’ dava segni ‘e pazzia?

GENNARO Ma nent’affattu! Ragionava miegliu ‘e mie e de vue.

CARLO (Guarda Alberto con intenzione) Ho capitu... ho capitu tuttu! (Si toglie il fazzoletto dalla testa)

ALBERTO (Si avvicina a Gennaro) Signore, mi hanno rubato il progetto di una mia invenzione, aiutatemi a ritrovarlo... (lo prende e lo fa correre a girotondo per la stanza)

GENNARO I piedi, i piedi! Aiutu! Sant’Antueni, protettore du fuecu!

CARLO Basta, basta! (A Gennaro) Riposative nu pocu. (Esegue) Il signor Alberto De Stefano se calmerà n’atru pocu, appena arriva ‘u Delegato cu re guardie, pè ru trasportare aru Manicomio. Perchì io vuegliu, pretendo ca vena portatu aru Manicomiu!

GENNARO E ci mancherebbe... chissu è nu pazzu pericoloso!

ASSUNTA (da sinsistra, introducendo il Delegato, Di Gennaro e un’altra guardia) Accomodative. (Esce)

Il Delegato entra, si guarda in giro: vede Gennaro che si allontana da lui, sventolandosi i piedi con un ventaglio e lo segue per qualche passo; poi si volta a guardare Carlo, che sbatte il pugno sulla sedia per la rabbia ed indica Alberto; poi guarda Alberto che cammina avanti e indietro, con una mano nella giacca come Napoleone.

DELEGATO Ma chin’è ‘u pazzu dduecu?

CARLO Eccolo là. (Indica Alberto)

DELEGATO E’ un vostro parente?

CARLO No.

DELEGATO E perché si trova in casa vostra?

CARLO Si è intromesso iddu.

DELEGATO Come sapete ch’è pazzo?

CARLO U’ ragiona!

DELEGATO Questa non sarebbe una prova evidente. Noi continuamente ci ritroviamo di fronte a gente che non ragiona, e pure non sono pazzi.

GENNARO (Ride) Ah, ah, ah....

DELEGATO Perché ridete voi?

GENNARO Mi è piaciuta l’ironia...

DELEGATO L’ironia?

GENNARO La satira...

DELEGATO La satira?

GENNARO L’allusione...

DELEGATO (Minaccioso) L’allusione?!

GENNARO Sentiti, io na riruta m’haiju fattu!

DELEGATO E non dovete ridere! Avete capito? Dunque, sig. Tolentano?

CARLO Dicia cose senza significatu.

DELEGATO Va bene, lasciate fare a me. (Si volta verso Alberto, il quale accenna qualche passo di danza) Dunque, signore, perché non usciamo di quà? Vi accompagnerò io stesso a casa vostra. In me troverete un amico, un fratello...

ALBERTO Grazie, signore... io sono un disgraziato! Figuratevi che l’alfabeto, d’accordo con i 4 punti cardinali, mi ha rubato il progetto di una mia invenzione...

DELEGATO Si, si... la ritroverò io, però adesso... seguitemi.

ALBERTO Si, vi seguirò... Però prima vorrei dirvi due paroline da solo. Mandate via questi monaci, mandateli via. (A Gennaro) E questa monaca, cacciatela via!

DELEGATO Se io vi accontento, poi mi seguirete?

ALBERTO Si, vi seguirò!

DELEGATO (A Carlo) Lasciatemi solo con il signore!

CARLO Stavitive attentu.

DELEGATO Non vi preoccupate, ci sono pure le guardie. (Carlo esce)

GENNARO Pur’io minne vaiju.. haije ijre aru Cummientu...

ALBERTO No, voi potete restare.

GENNARO No... io haije ijre aru Cummientu...

ALBERTO Don Gennaro, restate: ho bisogno di voi.

GENNARO (Intontito) E va bene. (Alludendo alle guardie) Restanu puru l’atre monache? (Al Delegato) ‘A Madre Superiora?

ALBERTO Grazie. (Fa per avvicinarsi al Delegato, che si ritrae)

DELEGATO Ohè! Non vi avvicinate, altrimenti vi faccio legare, eh?!

ABERTO Ma io non sono pazzo. Ho fatto rimanerer don Gennaro per fargli fare da testimone. (Si avvicina a Gennaro) Quella donna di cui vi parlavo, Bice... è la moglie del medico.

GENNARO (assecondandolo) Ma guarda un pò...

ALBERTO Voi mi avete rovinato! Avete raccontato tutto al medico...

GENNARO Perchì, quannu io parrava cu ru miedicu, vue aviti capitu chiddu chi dicia?

ALBERTO Pure le virgole!

GENNARO E chi dicia?

ALBERTO Che questa Bice è stata la mia amante, che era una donna misteriosa... che io l’ho fatta seguire...

GENNARO Allora u’ siti pazzu?

ALBERTO Certo che no!

GENNARO Ah, menu male. Infatti, me paria na cosa strana: cuemu, don Alberto impazziscia e nu momentu all’atru? Dunque, chidda Bice è ‘a mugliere du miedicu?

ALBERTO E già.

GENNARO Ahhhh! Allora io v’haiju nguaijatu!

ALBERTO Completamente!

GENNARO E u’ me potiavu fare nu signu!

ALBERTO Ve ne ho fatti diecimila di segni!

GENNARO Signi sbagliati, esagerati... io ve guardava e me pariavu pazzu veramente. Ma mò tuttu s’aggiusta: parrati cu ru Delegatu.

ALBERTO (Si avvicina al Delegato) Accomodatevi. (Siedono) Io mi sono dovuto fingere pazzo, per salvare l’onore della signora Tolentano.

DELEGATO (Fingendosi convinto) Avete fatto bene...

ALBERTO Per tre mesi sono stato il suo amante, però non sapevo chi fosse veramente. Saputo l’indirizzo, mi sono presentato a sua madre, dicendo: “Io sono un galantuomo e voglio sposare vostra figlia Bice”.

GENNARO (Divertito) Se volia spusare ‘a mugliere du Miedicu!

ALBERTO Il dott. Carlo, il marito, ha sentito tutto e ha chiesto spiegazioni. Fortunatamente ho avuto un lampo di genio e mi sono messo a dire cose strampalate e mi sono fatto credere pazzo! Questa è la verità.

DELEGATO Eh, eh!

ALBERTO E’ la verità! Don Gennaro, parlate voi.

GENNARO Ah, ‘e fimmine... (Alle guardie) Guardati si arriva ‘u miedicu, è statu gentile cu mie e u’ le volerra dare nu dispiacire... (Al Delegato) Io tiegnu na marmitta... una ‘e chidde chi servanu pè ri pumadueri, mi l’ha data ‘a cummari mia...

ALBERTO Don Gennaro, voi dovete parlare di me, non di voi.

GENNARO E de vue staiju parrannu. Vuegliu fare sapire aru delegatu chine sugnu e come mai me truevu cà. Io vaiju all’origini... (Al delegato) Nue simu artisti, pè chiddu pocu chi se guadagna u’ potimu ijre aru ristorante... Aviamu paratu ‘a marmitta pè fare ‘a pasta, perchì ‘a marmitta mia è conzata a fornello... dunque, mentre stavia vuddieddu l’acqua... Mò è longa ‘a questione... Insomma, a nu certu puntu haije dovutu fuijre pè curpa ‘e nu strampalatu...

ALBERTO ...Si, perché lo scemo, che poi è il fratello di una donna che sta con lui (indica Gennaro) e che è incinta... quando ha parlato con me, avendo io creduto che la sorella fosse la moglie del medico, che pure è incinta...

GENNARO... già, perchì chissa è na storia complicata, chi se complica sempre ‘e chiù: perchì ce sù dui figli, due mamme e tre patri... Dunque, mentre fuija, sugnu attroppicatu ara marmitta e tutta l’acqua vuddente m’è caduta ari piedi... E chi è vistu? Perchì io m’avia misu ‘e ciabatte... chi sfortuna! N’avimu nu paru sulu ara compagnia e chiddu ijuernu era toccatu a mie...

ALBERTO Don Gennaro!

GENNARO Nu momentu. ‘U miedicu m’ha trovatu sutt’u purtune ‘e l’albergo e s’è offerto pè me curare. Ecco perchì me truevu dduecu e puezzu testimoniare. Don Alberto u’ rè pazzu; è statu costrettu a fare finta pè salvare l’onore da signora Tolentano.

DELEGATO Così la vostra amante è proprio la moglie del medico?

ALBERTO Esattamente.

DELEGATO Ho capito, ho capitu tutto... allora voi vi siete trovato in una brutta posizione...

ALBERTO Lasciatemi stare! Sentite, adesso facciamo così: io continuo a fingermi pazzo, anche per dare soddisfazione al medico, povero disgraziato... Davanti a lui, voi fingete di arrestarmi, poi, quando arriviamo in strada, ognuno se ne va per i fatti suoi: io per i miei, voi per i vostri e don Gennaro per i suoi.

GENNARO Eh! Io puru fazzu finta, dicu ca iddu è pazzu, c’a famiglia è disperata...

ALBERTO Si può fare questo?

DELEGATO Certamente.

ALBERTO Meno male che ho trovato un funzionario ragionevole.

GENNARO Quannu l’uemini ‘e legge sù spierti, benediziueni!

DELEGATO Portatelo via! (le guardie si avvicinano ad Alberto e lo afferrano per le braccia)

ALBERTO Ma adesso è inutile fingere: noi sappiamo la verità. Se ne parla quando viene il medico.

DELEGATO Si, si... ma per ora seguitemi.

ALBERTO Ma allora non avete creduto a quello che vi ho detto? Don Gennaro, parlate voi, diteglielo!

GENNARO Io tiegnu na marmitta... pè chiddu pocu chi se guadagna...

ALBERTO Don Gennaro, per favore!

GENNARO ...perciò sugnu cà e puezzu testimoniare. U’ l’arrestati: don Alberto u’ rè pazzu.

DELEGATO Ma si, io condivido la vostra idea, non l’arresto. Lo porto in una bella casa, dove ci sono tanti buoni amici... C’è pure un giardino... starete bene, vedrete.

ALBERTO Ma voi parlate del Manicomio! Insomma, finiamola! Io non sono pazzo. Non mi fate perdere la bussola. Basta!

GENNARO E tena ragiune, scusati. Vue u’ voliti cridire mancu a mie! E aiara miseria!

DELEGATO Ohè! Non usate queste espressioni in mia presenza! Io faccio il mio dovere. Lo so che voi gli date ragione per assecondarlo, ma ora potreste anche smetterla!

CARLO (Entra con Matilde e Bice) Chi succeda cà?

DELEGATO Io ne ho visti di pazzi, ma questo li batte tutti! Niente meno mi voleva fare credere di essere stato l’amante di vostra moglie e che ora, per salvarle l’onore, è stato costretto a simulare la pazzia. Il signore poi, (Indica Gennaro) per assecondarlo, perché i pazzi vanno assecondati, diceva la stessa cosa... ed ha pure insistito al punto da farmi entrare in dubbio. Ma ora è inutile assecondarlo: ci sono le guardie e non c’è pericolo. E’ pazzo si o no?

CARLO Diciti ‘a verità, parrati.

ALBERTO Parlate!

MATILDE Insomma, chi aspettati?

DELEGATO Parrati!

GENNARO Eh, eh, eh! U’ gridati! A mie me fanu male i piedi!

DELEGATO E che, dovete parlare con i piedi?

GENNARO Vue gridati... ‘u sposatemento ‘e aria...

DELEGATO Ma insomma, volete parlare?

GENNARO E parru si...’u canusciu! E’ il sig. Alberto De Stefano, iddu n’ha fattu venire a Botricieddu pè fare certe recite... (Bice comincia a fare segni disperati, cercando di fargli capire che una sua risposta negativa la rovinerebbe) ...e ve puezzu assicurare... ve giuru subra l’onore mio... (resta a metà con la frase, avendo capito i segni di Bice) Ma guarda tu chi situazione!

DELEGATO Sentite, se non parlate, vi faccio arrestare!

GENNARO A mie? Mò cu tanta gente chi averra de essere arrestata, ci mancherebbe ca ijerra in galera proprio io!

ALBERTO Ma volete parlare? Siete proprio un bambino!

GENNARO Io? Nu quatrarieddu? ‘U quatrarieddu siti vue, e puru viziatu... Perchì quannu unu se minta intra na situazione ‘e chisse... adde pijare certe responsabilità... forra troppu comodo mò... ‘a finzione... e no! Haije dire ‘a verità?

ALBERTO Si, tutta la verità!

GENNARO ‘A verità? E io ‘a dicu! E vue pue me ringraziati pè sa verità chi dicu. (Alle guardie) Tenitilu forte. (Al Delegato) E’ pazzu! ‘A famiglia ha spennutu nu munt’e sordi, ma u’ ci ha cacciatu nente! E’ pazzo!

DELEGATO Portatelo via!

Gli agenti eseguono l’ordine, mentre Alberto si divincola e protesta ad alta voce. Il Delegato saluta ed esce; Gennaro, dopo aver ringraziato il medico, esce.

Cala il sipario


ATTO III

Ufficio di Pubblica Sicurezza. Nel fondo, dietro la parete, la comune; a sinistra altra porta. Finestrone sulla parete centrale. In fondo, appoggiata sulla parete di destra, una scrivania, dove siederà il Delegato. Tre sedie.

CARLO (Entrando) Permesso?

DI GENNARO (che sta riordinando la scrivania) Chin’è? Avanti!

CARLO Scusati, ‘u Delegatu u’ c’è?

DI GENNARO U’ rè venutu ancora. Veniti chiù tardu.

CARLO Ma forse ‘u favore chi haije chijedere a iddu, ‘u puezzu chijedere a vue. Volerra parrare cu l’arrestatu Alberto De Stefano.

DI GENNARO ‘U pazzu chi hamu arrestatu aijeri?

CARLO Precisamente.

DI GENNARO Senza ordine du Delegatu u’ ce potiti parrare: chine s’a pija sa responsabilità?

CARLO Ma io sugnu ‘u miedicu sue, ‘u miedicu personale. Ecco le mie credenziali. (Gli porge una tessera) Sugnu venutu apposta pè ru visitare.

DI GENNARO Aspettati nu momentu. (Esce dal fondo. Rientra poco dopo) Sta veniennu. Ma a mie chiddu u’ me para pazzu.

CARLO U’ para, ma v’assicuru ch’è pazzu teliu.

ALBERTO (Entrando accompagnato dalla guardia) E non spingete, perchè non serve. Io sono un galantuomo e vi prego di non spingere... (Vedendo Carlo) La llà ra llà là...

DI GENNARO Io sugnu fore, si ancuna cosa... (esce)

CARLO Caro don Alberto, prego... seditive. (Alberto continua  a fingersi pazzo) Sig. Alberto, sentitime buenu. Ormai averrave capire ca fingere sa pazzia cu mie u’ serva a nente. E si u’ siti convintu, mò ve dugnu ‘a prova ‘e quantu è inutile sa carnevalata.

ALBERTO La llà ra llà là...

CARLO Si, si... continuati a cantare. (Pausa) Muglierma m’ha dittu tuttu: ha confessatu ‘a verità. Allora, chi diciti?

ALBERTO (Improvvisamente serio, si alza) Sono a vostra disposizione.

CARLO No, no... giovanotto! U’ tiegnu nessuna gulia ‘e fare tragedie o scenate. Datime retta, io sugnu chiù viecchiju ‘e vue e pienzu ca ve cummena accettare nu piccolo consiglio du mio. Si ve dicerra ca u’ tiegnu nessunu rancore, sicuramente u’ me criderravu e mancu forra veru. Anzi, ad essere sinceru, sulu ‘u ve vidu me faciti nchijanare i cosiddetti.

ALBERTO Figuratevi! Voi mi state proprio sullo stomaco.

CARLO Giustu. Tuttavia, l’antipatia mia è accumpagnata anche da una certa riconoscenza. Vue aviti disonoratu ‘u nume mio, ma doppu, faciennu finta ch’eravu pazzu, l’aviti sarvatu. Mò forse ve fa schifo chiddu chi ve staiju diciennu, però... potiti sicuramente capire: io sugnu nu nobile, ho un posto in società, ve passu vinti anni...

ALBERTO Anche trenta...

CARLO Sig. Alberto, convincitive: io ve poterra ruvinare, cu l’amicizie mie ve poterra spaccare a mille morza. Ma... u’ ru fazzu, criepu prima ‘e provocare nu scandalu.

ALBERTO E crepate!

CARLO Dunque, pè mintire a tacire tutta sa faccenda c’è sulu nu modu, chi io vi impongo: hate rimanire pazzu, v’ate fare chijudire intr’u manicomiu, senza chi ve ribellati o ve giustificati cuemu hati fattu aijeri ara casa mia.

ALBERTO Così, secondo voi, io dovrei restare pazzo per tutta la mia vita?

CARLO Ma chi stati diciennu? Tutt’a vita... pè nu pocu ‘e tiempu, dui o tre anni, finn’a quannu ‘e su fattu u’ sinne parra chiù, e tutti penseranno a na guarigione da vostra.

ALBERTO Non posso accettare.

CARLO Benissimo, allora me resta n’unica soluzione. Sig. De Stefano, ‘u ijuernu chi vue convinciti ad ancunu ca ‘a vostra è stata sulu na finzione, allora me dati ‘a prova ‘e l’adulterio; così io tiegnu tutt’u dirittu ‘e ve sparare. O ‘e nu modo o ‘e n’atru io haije sarvare l’onore mio. Dunque, accettati ‘a proposta mia?

ALBERTO Sentite, io...

CARLO Arrivederci, sig. Alberto.

ALBERTO No, aspettate.

CARLO Accettati?

ALBERTO Accetto.

CARLO Benissimo. N’atru pocu due guardie v’accumpagnanu aru manicomio. Mi raccomando: u’ ve ribellati e continuati ‘a finzione. Siti nu giuvane onestu, quasi quasi me dispiacia ca v’haiju ingannatu. Vuegliu essere sinceru: muglierma u’ m’avia dittu nente! E’ statu sulu nu stratagemma pè ve fare dire ‘a verità. Arrivederci, giovanotto. (esce)

ALBERTO Che carogna...

GENNARO (entrando dalla porta a sinistra) Ohè, don Alberto, siti cà? Nue ce simu a due ure e ancora ‘u Delegatu u’ rè venutu. Comunque, arrivederci...

ALBERTO Don Gennaro? Potite avvicinarvi un attimo? (Gennaro si avvicina) Don Gennaro, perché non ve ne andate a finire sotto un tram?!

GENNARO E ce manca sulu chissa!

ALBERTO Lo sapite che è successo? E’ venutu il medico e mi ha ditto che, per salvare il suo onore, mi restano solo due possibilità: o mi faccio rinchiudere in manicomio oppure lui mi spara.

GENNARO ‘Aspita! E vue aviti scegliutu ‘u manicomio, naturalmente... Embè, atre soluzioni u’ ci nn’eranu. Però u’ ve disperati, staviti aru cavudu, manciati e viviti senza fatigare... ce poterra ijre io!

ALBERTO Vi rendete conto? Devo fingermi pazzo per almeno due anni, altrimenti quello mi spara!

GENNARO E chiddu ve spara davieru!

ALBERTO Guarda che situazione! E voi, come mai siete qui?

GENNARO E già, vue u’ sapiti nente: l’albergatore ninn’ha cacciatu de camere. Appena ha saputu ca vue eravu nesciutu pazzu, siccome v’eravu impegnatu pe ru pagamentu, n’ha cercatu i sordi. Nue u’ teniamu mancu na lira e... De ddà c’è ‘a cameriera cu l’atri cumpagni mii. L’albergatore l’ha dittu ca si u’ le damu i sordi ce penza ‘a Polizia.

ALBERTO E va bene, è una cosa da niente.

GENNARO Ma stati chiucchijariannu? L’albergatore n’ha sequestratu tuttu, n’ha pignoratu tutti l’arredi e ri scenari.

ALBERTO Era roba di valore?

GENNARO ‘E valore no, ma tutte cose utili.

ALBERTO Quali sarebbero questi scenari che vi ha pignorato?

GENNARO (facendo finta di pensare) Dunque... roba ‘e teatro...

ALBERTO Si, ma... cosa?

GENNARO Ehm... tre valigie e ra marmitta.

ALBERTO Scenari! Arredi! Va bè, lasciamo perdere: appena arriva il Delegatu saldo io tutto il debito.

DI GENNARO (entrando) Oh, vavattivinne torna intr’a cella: sta veniennu ‘u Delegatu.

ALBERTO Arrivederci, don Gennà. (Si avvia) E non spingete, ve l’ho già detto: qui siete buoni solo a spingere...

DI GENNARO E chine ve sta toccannu!

ALBERTO No, perché qui trattate tutti allo stesso modo... io sono un galantuomo! E non spingete (esce).

DI GENNARO E vue chi voliti? Chi faciti cà?

GENNARO Staiju aspettanu ‘u Delegatu assiemi all’amici mii, pè na questione ‘e pignoramentu.

DI GENNARO E allora ijati de ddà: aspettati, ca chiù tardu ve chijamu.

GENNARO Siccome c’è molta gente, e io sugnu infermo... se poterra avire ‘a precedenza? Tantu n’adde sulu cunnannare a nu pagamentu, ni ce conzamu e chine s’è vistu s’è vistu!

DI GENNARO Va bene. Mò nesciti.

GENNARO E nu mmuttati! (esce a sinistra)

DI GENNARO (vedendo entrare il Delegato) Bongiorno.

DELEGATO Bongionro. (Entra seguito da Bice. Porge il bastone ed il cappello a Di Gennaro) Dunque voi sostenete che Alberto De Stefano non è pazzo?

BICE Lo posso provare.

DELEGATO Badate, signora, io lo dico per voi: se le cose stanno come dite, vi accusate voi stessa. (Si siede dietro la scrivania)

BICE (sedendosi) No, la colpa non è mia. E se mi ascoltate per cinque minuti, vi convincerete pure voi che il vero colpevole è solo mio marito. Io come sono?

DELEGATO In... che senso?

BICE Come sono? Bella, brutta? Forza, un giudizio potete darlo.

DELEGATO Beh, siete una bella signora...

BICE Grazie. E quanti anni mi date?

DELEGATO Non saprei... 23?

BICE Ventitre! Ma diciamo pure 24, e facciamo 25! Vi pare possibile che una donna sposata, con la mia età, debba essere tradita dal marito? Guardate (mostra un pacco di lettere) questa è tutta una corrispondenza amorosa tra mio marito e una donna sposata!

DELEGATO (Prendendo le lettere) Incredibile! Un uomo tanto serio!

BICE Io l’ho tradito, questo è vero... ma perché? Per picca, per ripicca e per puntiglio!

DELEGATO Ho capito. Voi vorreste controbbattere vostro marito con queste lettere; però, signora, vi devo dire che il tradimento dell’uomo non giustifica quello della donna. Tuttavia, è sempre una cosa... disdicevole. Se posso, aggiusterò io questa dolorosa vicenda.

BICE Io mi sposai per essere una donna onesta, ma quando ho scoperto il tradimento di mio marito, ho visto il mio sogno crollare. Così decisi di tradirlo con il primo uomo che avrei incontrato. Ho conosciuto Alberto De Stefano e ho pensato: meglio questo, che mi piace pure! Questa è la mia storia, questo fu il mio dramma! (Esce)

DELEGATO Ara faccia du dramma! Di Gennaro! (Entra l’agente) Fammi venire qua De Stefano, il pazzo.

DI GENNARO Subito. A propositu, ce sù certi chi vuelu parrare cu vue, dicianu ca è na cosa sbrigativa.

DELEGATO Va bene, falli entrare adesso. Il pazzo può aspettare. (Di Gennaro apre la porta a sinistra, da dove entrano Vincenzo e Ninetta) Di Gennaro, portami un bicchiere di acqua con amarena.

DI GENNARO Faccio subito. (Esce)

DELEGATO Allora, voi chi siete?

NINETTA Signò, a mie me manna ‘u patrune ‘e l’albergo “La bella stagione”. Aijeri sù arrivati certi muerti ‘e fame...

VINCENZO Tu sì na cameriera e u’ te permettere!

NINETTA Perchì è na bugia ca vue moriti ‘e fame?

VINCENZO Statte attenta a chiddu chi dici!

Ne nasce un battibbecco furibondo.

DELEGATO Oh, oh! Volete farla finita! (Si alza e va verso i due litiganti, proprio mentre Di Gennaro entra con il bicchiere d’acqua) Vi ricordo che siete in un Ufficio di Pubblica Sicurezza e qui il decoro è una cosa seria! (Vincenzo lascia Ninetta alle prese con il Delegato e si avvicina alla scrivania)

DI GENNARO Ecco servito! (Poggia il bicchiere sulla scrivania, mentre il Delegato continua a rimproverare Ninetta)

VINCENZO Ah, grazie! (beve)

DELEGATO (ricomponendosi, e avviandosi verso la scrivania) Ma guarda tu che gente! (Nota il bicchiere vuoto) Ihhh! Chi ha bevuto l’amarena?

VINCENZO Io, l’agente ha detto: ecco servito!

DELEGATO Imbecille, l’acqua con amarena era per me. Alzati, va via! (Vincenzino esegue e va verso la porta) Di Gennaro, Di Gennaro!

DI GENNARO (entrando) Comandate.

DELEGATO Un bicchiere d’acqua con amarena!

DI GENNARO N’atru?

DELEGATO Sono fatti miei, va bene? E lava pure il bicchiere, con attenzione. (Di Gennaro annuisce ed esce, mentre dalla porta a sinistra entra Attilio) E questo chi è?

ATTILIO Era fore cu iddu.

VINCENZO Si, è cu nue.

NINETTA Chissu è n’atru muertu ‘e fame!

ATTILIO Oh, muertu ‘e fame a chine?

NINETTA A tie, a tie!

VINCENZO Tu ti l’he finire cu se parole!

DELEGATO Ma insomma!

Ne nasce un altro litigio, che il Delegato tenta ancora di placare alzandosi dalla scrivania. Di Gennaro entra mentre Attilio va a sedersi vicino la scrivania.

DI GENNARO Ecco servito! (indica il Delegato, guardando Attilio)

ATTILIO Ah, molte grazie. (Beve)

DELEGATO Vediamo se riusciamo a mantenere l’ordine! (c.s.) Ihhh! Chi ha bevuto l’amarena?

ATTILIO Io signò; l’agente ha dittu: offra ‘u Delegatu.

DELEGATO Io non ho offerto proprio niente, hai capito? Misericordia, un altro bicchiere d’acqua perduto. Via, alzatevi! (Attilio va verso la porta) Di Gennaro, Di Gennaro!

DI GENNARO (entra) Ai vostri ordini!

DELEGATO Un bicchiere d’acqua e amarena!

DI GENNARO Un altro? Sono già due!

DELEGATO Ancora qui sei? Forza, scattare! (l’agente esce) Dunque?

NINETTA Aijeri sù venuti all’albergo e s’hanu pijatu tre stanze.

VINCENZO Nue simu artisti. Il sig. Alberto De Stefano n’ha chijamatu pè fare certe recite e s’è garantitu pè ru pagamentu ‘e l’albergo.

NINETTA Ma mò chiddu è nesciutu pazzu.

VINCENZO E ce curpamu nue?

NINETTA Si forravu signori averrav’e pagare vue!

DELEGATO Oh, calma! Io qui che ci sto a fare? Adesso vi caccio tutti fuori! Non mi fate perdere la pazienza!

GENNARO (entrando) Bongiorno... scusati ‘u ritardu m’era caduta na benda...

DELEGATO Ma io vi conosco. Vi ho visto ieri sera in casa Tolentano. Vi ho riconosciuto dai piedi... Prego, sedetevi. (Si alza, mentre Vincenzo, Attilio e Ninetta attaccano l’ennesima lite) Ancora? Ma volete finirla? (va verso i tre, mentre Di Gennaro entra con il bicchiere d’acqua)

DI GENNARO Ecco servito!

GENNARO (che ha raccolto l’invito del Delegato, sedendosi) Grazie, molto gentile. (E beve)

DELEGATO (vedendo la scena) Nooo! L’acqua e amarena! Avete bevuto la mia acqua!

GENNARO E mancu si m’averra vivutu ueru!

DELEGATO Sentite, adesso vediamo di farla finita! Mi avete già scocciato abbastanza! Vediamo di andare avanti con questa faccenda, perché io non ho tempo da perdere.

GENNARO Per carità, vue siti na persona straordinaria... che ha stima e rispetto per gli amici.

DELEGATO Adesso non esageriamo, non siamo amici.

GENNARO Conoscenti?

DELEGATO Nemmeno!

GENNARO E va bene, u’ simu nente.

DELEGATO Voi avevate ragione a sostenere che Alberto De Stefano non è pazzo. la moglie del medico è stata qui poco fa ed ha portato delle lettere del marito: tutta una corrispondenza equivoca. E io spero con questa di far venire il dott. Tolentano a più miti consigli.

GENNARO Non ho capito una parola.

DELEGATO Perché, ho parlato turco?

GENNARO No, vue aviti parratu benissimo, cu na pronuncia perfetta. Volia dire ca aru discurzu, m’è fuijuta na parola e adde essede na parola chiave perchì senza u’ se capiscia nente.

DELEGATO Bisognerebbe sapere qual è la parola che vi è sfuggita.

GENNARO Averram’e ‘ncignare da capo, perchì certe vote ripetendo i gesti e l’azioni s’arricordanu tutt’e parole.

DELEGATO Io ricordo benissimo: voi vi siete seduto e io ho detto...

GENNARO ...ah, ecco il mio grande amico Gennaro!

DELEGATO No, questo non l’ho detto.

GENNARO Sicuru? Ah... aviti dittu: si ve serva ancuna cosa veniti duve mie ca...

DELEGATO No, nemmeno questo ho detto. Ho detto che la moglie del medico è stata qui ed ha parlato di certe lettere del marito, tutta una corrispondenza equivoca...

GENNARO Eccola qua! Chissa è ‘a parola: equivoca. Io avia capitu: equina! Mò è tuttu chijaru: ‘u miedicu tena pur’iddu n’amante e allora u’ pò parrare. Quindi don Alberto u’ va aru Manucomio.

NINETTA Se pò sapire io cuemu m’haije regulare?

DELEGATO Se Alberto De Stefano si è garantito per loro, non vi preoccupate: tra mezz’ora verrà a pagare il suo debito.

VINCENZO Mò sì cuntenta? T’a finisci ‘e sbraitare?

NINETTA Io sbraitu quantu me para e piacia, va bo?

DELEGATO (Alzandosi) Ricominciamo? (Gennaro si alza e raggiunge gli altri sulla porta) Ora, andate via perché devo sbrigare altre faccende.

GENNARO Servo vostro... arrivederci (escono dalla porta a sinistra, continuando a beccarsi)

DELEGATO Di Gennaro!

DI GENNARO (entrando) Comandi, voliti ancun’atra cosa ‘e vivire?

DELEGATO No.

DI GENNARO E ce cridu, v’ati vivutu tre bicchieri ‘e acqua!

DELEGATO Silenzio! E non prenderti confidenza con me. Fammi venire Alberto De Stefano.

DI GENNARO Subito. (esce e rientra poco dopo) Eccolo qua.

ALBERTO (entrando) E non spingete, perché non c’è bisogno... (vedendo il Delegato) La llà ra llà là...

DELEGATO Venite avanti, De Stefano. Fra poco vi rimetterò in libertà. Io avevo già dato disposizioni per trasportarvi in Manicomio, ma poi una persona mi ha spiegato come è andato il fatto e non c’è più bisogno di questo provvedimento. Contento?

ALBERTO Contento? Ma io sono pazzo, non posso essere rilasciato!

DELEGATO Smettetela! Voi non siete pazzo!

ALBERTO No? E se poi esco di prigione e ammazzo qualcuno per strada, chi se la prende la responsabilità? Io sono pazzo, pazzo! La llà ra llà là...

DELEGATO E va bene! L’avete voluto voi! Vuol dire che l’ordine che avevo dato, invece di revocarlo, lo faccio eseguire immediatamente! Di Gennaro, Di Gennaro!

GENNARO (entrando da sinistra) Dite?

DELEGATO Che volete voi?

GENNARO Vue m’aviti chijamatu: ho sentutu don Gennaro!

DELEGATO Niente affatto! Ho detto Di Gennaro! E quello ancora non arriva... (va verso la comune) Di Gennaro!

ALBERTO (a Gennaro) Il Delegato mi voleva rimettere in libertà. Io, per paura di dessere ammazzato, mi sono opposto ed ora mi portano al manicomio.

GENNARO No, don Albè, chi aviti fattu?! ‘A mugliere du miedicu è stata cà, e ha portatu certe littere du maritu, tutta na corrispondenza equivoca. ‘U miedicu u’ ve pò sparare chiù, perchì tena puru iddu ‘a cuda ‘e paglia!

ALBERTO Ma questa è una fortuna! Sig. Delegato, io non sono pazzo!

DELEGATO Adesso ricominciamo un’altra volta? Portatelo via! (Le guardie lo afferrano)

ALBERTO Ma, prima avete detto che volevate rimettermi in libertà!

DELEGATO Prima! Ma voi avete detto di essere pazzo, e io questa responsabilità non me la prendo: se poi uccidete qualcuno per strada?

ALBERTO Ma io sono sano, voglio ritornare a casa mia!

DELEGATO Per adesso seguite le guardie, poi si vedrà.

CARLO (entrando dalla comune con Bice) Haiju saputu ca antura è venuta muglierma a s’ufficio... dicitime perchì!

GENNARO (al Delegato) Mò facitilu cantare aru mierulu!

DELEGATO Voi toglietevi dai piedi! Dunque, caro dottore, voi giungete a proposito. La vostra signora è venuta qui per dirmi che ha voluto punirvi con questa finzione, per il modo in cui l’avete tradita.

CARLO Io?

DELEGATO Certo! E ringraziate Dio che questo giovanotto si è prestato a questa finzione, per darvi solamente la sensazione del tradimento.

BICE Avrei dovuto farlo veramente, hai capito?

DELEGATO Invece avete avuto solo la sensazione del tradimento.

CARLO Chisse sù tutte frottole! Io u’ l’haiju mai fattu ‘e corna a muglierma!

BICE No? Guarda che io ho le prove!

DELEGATO Silenzio, e vegognatevi! Non vi conviene negare, perché le prove ci sono veramente! Ecco qua... tutta una corrispondenza galante...

GENNARO No...

DELEGATO Che c’è?

GENNARO Nente, nente... ijati avanti...

DELEGATO Ma perché, che ho fatto?

GENNARO Aviti sbagliatu: aviti dittu galante e invece aviev’e dire equivoca.

DELEGATO E non è la stessa cosa?

GENNARO Unu s’aspetta equivoca e nescia galante!

DELEGATO Tutta una corrispondenza equivoca! (a Gennaro) Siete contento?

BICE Risunna traditore!!!

CARLO Ma... io... (improvvisamente, messo alle strette) La llà ra llà là...

BICE Eh! Aviti vistu? Camina ara casa, mò tu fazzu vidire io la llà ra llà llà e la llà ra llà llè! Camina! (Con colpi di borsetta, Bice spinge fuori il marito)

DELEGATO Ma che buffone... un professionista serio...

ALBERTO Allora io sono libero?

DELEGATO Andate via, ma in avvenire cercate di essere più serio.

ALBERTO Arrivederci, me ne vado di corsa! Di Gennaro? Mmuttati, mmuttati! (esce)

NINETTA (entrando) Sentiti, io sugnu ancora dduecu chi aspiettu.

DELEGATO Ah... giusto... sig. Gennaro questa vuole essere pagata.

GENNARO Ma don Alberto sinn’è ijutu...

DELEGATO Insomma! Questa storia mi ha seccato! Pagate, se non volete che prenda seri provvedimenti!

GENNARO Io? Haije pagare io? (si guarda attorno, poi facendo gesti come per dire: “Ma siete usciti pazzi?”) La llà ra llà là...

Cala il sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno