Uomo e galantuomo

Stampa questo copione

 


(1922)

Farsa in tre atti

di Eduardo De Filippo

Da “Cantata dei giorni pari”

Giulio Einaudi Editore – Torino - 1959

Persone

Gennaro De Sia

Alberto De Stefano

Cavaliere Lampetti

Vincenzo Schiattarellì

Attilio

Salvatore De Mattia

Conte Carlo Tolentano

Bice

Ninetta, serva

Viola

Florence

Matilde Bozza

Assunta, cameriera

Di Gennaro

ATTO PRIMO

Un albergo di paese. Tre porte laterali con i numeri: 5, 6, 7.

Prima a sinistra: finestra. Fondo a destra: comune. Fondo a sinistra: vetrata con fondaletto d'aria e balaustra, vi sarà una scritta: « Calata ai bagni ». In fondo nel mezzo tavolo con tappeto, sopra diverse bottiglie di liquori e quattro sifoni di acqua di seltz. A sinistra in primo piano: piccolo tavolo di vimini con tre sedie analoghe. Giornali, riviste ecc. ecc... Qualche reclame alle pareti.

Destra e sinistra del pubblico.

Florence   (parlando verso la porta di destra)

Viola, Violetta... he' fatto cu' 'sti panne? Io 'a fune ll'aggio miso, fa' ampressa. Ce sta 'nu bello sole, sa' comme s'asciuttano ampressa.

Viola   (dall'interno)

Mo', mo'. Chisti parevano poche poche, invece è 'nu muntone 'e panne. (Dalla destra con bacinella piena di panni lavati e strizzati) Ecco qua. Mo' v' 'o vedite vuie. Io m'aggia assetta' 'nu poco.

FlorenceDamme a me, ce penz'io...

(Comincia a prendere qualche mutanda, qualche camicia, servendosi della corda già disposta; l'uno dopo l'altro, e così con tutti gli indumenti, li sciorina al sole).

ViolaIh che bello debutto facetteme aiere sera. Giesù, io n'aggio visto pubblici scostumati, ma comme a chi­sti... già, Dio te ne scanza e libera da 'e signori.

Florence   Facevano 'e spiritosi...

ViolaNo, chille facettere 'e pernacchie. Io n'avette uno che mme facette impressione... E chi s' 'o scorda cchiù! Fosse stato 'nu locale popolare, e va bene... uno fa vede' ca nun se n'addona... ma 'nu locale signorile...

Vincenzo   (dal fondo, sconvolto con un fazzoletto premuto sul naso) Ce avimmo fatta 'a croce.

Florence   Che è stato?

VincenzoIo dinto a 'sti paise nun 'nce voglio veni' maie, pec­ché 'o ssaccio comme va a ferni'... (A Viola) Tutto pe' causa d' 'o pernacchio vuosto. Ve ricurdate che io dicette : « Chi ha fatto 'o pernacchio tene 'e ccorna? » Poco primma pe' tramente cammenavo p' 'a strada, m'ha fermato uno e m'ha ditto : « 'O pernacchio 'o facett'io e 'e ccorna 'e tiene tu! » Po' m'ha dato 'nu buffettone e m'ha scummato 'e sango. Tenite mente... (mostra il naso arrossato). Ah, po' ha ditto : « Dincello 'a primm'attrice, che stasera ce ne faccio n'ato». Stateve attienta.

Viola   Overo?... E io stasera nun esco.

Florence   Nun v'avit' 'a mettere maie contro 'o pubblico. Che fanno, fische? Fische. Che fanno, pernacchie? Pernac-chie. Vuie ringraziate sempe.

Vincenzo   Chillo m' 'ha scummato 'e sango e io 'o ringrazio?...

Florence   È pubblico!

Ninetta   (la cameriera dell'albergo, dal fondo, vedendo i panni al sole)

Neh... neh, ma vuie fusseve pazze? Mo' addirittura spannimmo 'a culata... Luvate 'sta rrobba a ccà! Chisto è albergo, nun è massaria.

ViolaNenne', tu comme 'a faie pesante. Chille so' dduie pannucce.

Ninetta   (energica) Vuie l'avit' 'a luva'... (e comincia a strapparli dalla corda).

Viola   Chille se stràcceno...

Florence   Embe', mo' ce l'arravoglio 'ncanna.

Con parole analoghe si litigano.

Alberto   (da sinistra) Che c'è? Che succede?

Ninetta   Don Albe', ma ve pare che se ponno spànnere 'e panne ccà fora ?

Alberto   Ma me pare eh' 'a cammarera ha ragione, don Vincenzi'...

Viola   Ma si può dire pure con buona maniera. (Intanto toglie la roba aiutata da Florence).

Ninetta   Pure 'a fune... E che ne parlammo a fa'?...

Gennaro   (uscendo) Che c'è, neh?

Alberto   Bravo. Don Genna', vi devo parlare.

Gennaro   Sono a voi.

Le donne sbraitano con parole analoghe, dopo aver tolto i panni, escono per la de­stra con Vincenzo.

Alberto   Don Genna', bisogna mettere un poco le cose a posto. Io vi feci venire qua a fare delle recite perché cono­scevo a Vincenzo, abbiamo fatto il soldato assieme, conoscevo l'impresario del teatro e volevo aiutarvi... Ma Santo Iddio... Vuie avite miso a remmore n'al­bergo! Addirittura spànnere 'e panne ccà fora!

Gennaro   Vi chiedo scusa, ma io non sapevo niente... Sapete, le donne...

Alberto   Poi ieri sera è stato un inferno... Il pubblico è stato scontentissimo.

Soggetto spettacolo.

Vuie avite purtato chella gente ! 'A primma attrice è incinta !

Vincenzo   (venendo con Attilio) Don Genna', vogliamo andare?

Attilio   Facimmo   ampressa   si   no   truvammo   'e   negozie chiuse.

Vincenzo   Permesso don Albe' ?

Gennaro   Scusate, noi andiamo a fare un poco di spesa!

AlbertoA proposito della spesa... il proprietario si è lamen­tato con me, dice che voi ieri avete cucinato in ca­mera, stava l'albergo pieno di fumo... a fianco 'a ca­mera vostra ce sta 'na signora forestiera che soffre di asma... le venne uno svenimento...

GennaroMa caro don Alberto, noi per quel poco che guada­gnammo, non possiamo andare al ristorante...

Soggetto buatta.

Alberto   Ma quello fa il pranzo fisso...

GennaroMa anche il pranzo fisso, dovete riflettere che noi siamo in cinque persone, dobbiamo mangiare due volte al giorno... e dove si arriva? Io tengo una buatta... sotto da un lato ci ho tagliato la porticina ed ho fatto la fornacella... portiamo qualche utensile... capirete ci dobbiamo arrangiare...

Alberto   Ma statevi accorti, però!

GennaroNon dubitate, raccomanderemo alle signore ogni cosa...

Alberto   E vi raccomando lo spettacolo di stasera...

GennaroVedrete stasera che successo! Più tardi, dopo pranzo, ci proveremo il lavoro... e stasera sentirete! In questi luoghi di villeggiatura poi, il pubblico è sempre di­stratto... lle piace di divertirsi fra di loro e non se­guono il lavoro!... Quello di stasera è un lavoro di chiamata... anzi fate venire due coppie di carabi­nieri... non si sa mai... la ressa al botteghino!

Alberto   Arrivederci.

Soggetto cena.

Gennaro   Di nuovo. (Esce con Vincenzo e Attilio per il fondo a destra).

Bice entra dal fondo.

                                                                            

Alberto   (vedendola) Ma brava, che bella sorpresa! (l'abbraccia).

Bice   Stai fermo, qualcuno ci può vedere!

Alberto   A quest'ora stanno tutti sulla spiaggia...                    

Bice   Sì, ma questo non è proprio il momento adatto. Se tu sapessi...

Alberto   Che cosa?... Ma parla, io non so come ti vedo... c'è qualche novità ?

Bice   Una   novità...   che io aspettavo!?...   (Abbassa lo sguardo).

Alberto   (con gioia) Eh!... Ma non è possibile!...

Bice   No, no, caro; è proprio cosi!...

Alberto    Che gioia! (L''abbraccia) Cara, cara Bice!

Bice   Cosa fai?

Alberto    Sono pazzo, pazzo di gioia!

Bice   (contrariata) Ma a te fa piacere?

Alberto   Immensamente! E mammà, nun sape niente?

Bice   Sei pazzo?

AlbertoBene, non temere. Io sono un galantuomo e conosco il mio dovere. Mi presenterò a lei, le dico come stanno le cose e chiederò la tua mano.

Bice   No caro, questo non può essere!

AlbertoE perché? Certamente tu fra pochi mesi sarai madre...

BiceBeh?... Ce ne sono tante di mamme... posso esserci anch'io!

AlbertoVedete che ingenuità! In altri termini, te cride che io, doppo chello che avimmo fatto, te lasso cu' 'na criatura mia? Ma tu sbagli, cara mia, io sono troppo galantuomo!

BiceE vuoi che ti permetta di dire tutto a mia madre? Vuoi farla morire dal dolore? Mio fratello sarebbe capace di uccidermi!

Alberto   Tieni un fratello?

BiceSicuro... non te l'avevo mai detto?... Ho un fratello terribile!

AlbertoMa scusa, 'sta famiglia tua deve essere ragionevole. Abbiamo mancato, è vero, ma io te voglio spusa'!

Bice  Dio mio, come sei!... Quale mancanza!... Infine che cosa abbiamo fatto?

AlbertoNeh, ma che avevem' 'a fa' cchiù 'e chello che avimmo fatto?

Bice   Ma caro, la prendi troppo sul serio!...

Alberto   Io voglio riparare la mia colpa.

BiceMa tu cosa c'entri?... Io sapevo quello che facevo: Mi sei piaciuto, ci siamo voluti bene... non c'è niente da rimpiangere. La colpa è mia, cosa vai cercando?

AlbertoSentite, ma cheste so' cose 'e pazze!... Io ti compati­sco perché sei troppo ingenua. Capisci che tua madre se ne dovrà accorgere per forza!

Bice   Come ho pensato io, non se ne accorgerà invece!

Alberto   Ma allora hai pensato qualche cosa?

Bice   Siedi.

Seggono al tavolo di vimini.

Io ho una zia, zia Margherita... la madre dimammà!...

Alberto    Allora è la nonna!

Bice   Perché?                                                                    

Alberto    Se è la madre di mammà è tua nonna!

Bice   Già, ma io volevo dire la sorella di mammà...

Alberto   Ah, ecco! La sorella di mammà è la zia... Non sa neanche questo, ma che bambina!                             

BiceDunque... la zia Margherita, la quale, rimasta vedova si è ritirata nelle sue proprietà in Calabria; lei sa tutto!

Alberto   E chi gliel'ha detto?

BiceIo!... È una santa, credimi, la bontà in persona. Le ho confessato tutto in una bella lettera e lei mi ha risposto consigliandomi così. Fra breve dirò in fami­glia che sento desiderio di andare per cinque o sei mesi in casa di zia Maria...

Alberto   Zia Margherita! Che c'entra zia Maria?

Bice   Già... zia Maria è un'altra zia... severissima però... io vado da zia Margherita.

Alberto   E quando ll'he' scritto a 'sta zia tua?

Bice   Quattro giorni fa, dopo aver parlato col dottore...

Alberto   Hai parlato pure col dottore?

Bice   Certamente. Ho voluto la conferma, e poi ho scritto a zia Marianna.

Alberto    Mo' zi' Marianna, mo'... Tu he' ditto zi' Margherita?

Bice   Già... no, zia Marianna è un'altra zia!

Alberto    Ma quanta zie tiene?

Bice   Tre!... Tre zie!

Alberto    Bice, ma so' tutte verità che me staie dicenno?

Bice   (offesa) Come sarebbe?

AlbertoTu me staie cuntanno 'nu sacco 'e storie: zia Marghe­rita, zia Maria, zia Marianna... Saccio si tutta 'sta gente esiste overamente?

Bice   Allora, secondo te, io sono una bugiarda? Grazie, sai! Grazie! (Si alza).

AlbertoDa tre mesi che ci conosciamo, io non conosco tu chi sei. Fra poco diventerò padre e non conosco la madre di mio figlio. Non conosco il tuo cognome, non so che fai, addo' staie... tua madre, tuo padre... Almeno dimme addo' staie 'e casa.

Bice   Ma perché?                                        

Alberto   Per poterti scrivere!

Bice   E non mi scrivi sempre fermoposta?

Alberto   Sì, ma... (Supplichevole) Addo' staie 'e casa?

Bice   (dispettosa) Non te lo voglio dire! Questo fu il patto: Tu non devi mai sapere io chi sono e dove abito!

AlbertoMa io ti voglio bene assai: si tu me lasce, nun te faie vede' cchiù e bonanotte!... Io addo' te vaco piscanno?... Fermo posta?

Bice   (amorosa) Ma no... io non ti lascerò mai... ti vorrò sempre bene...

Alberto   (abbracciandola) Veramente?

Bice   Veramente!

Alberto   E addo' staie 'e casa?

Bice   Uffà, sei terribile, sai!

Alberto   Ma pecché nun 'o pozzo sape'?

Bice    Smettila, lo saprai quando sarà il momento!             

Alberto   E va bene.

BiceIo vado via perché è tardi. Se mia madre ritorna a casa prima di me... non trovandomi può anche morire dal dolore!

Alberto   Eh... chesta comme more ampressa!             

Bice   Bello lui!... È malata di cuore, povera mamma!

Alberto   Malata di cuore?

BiceE come! Se torna a casa e non mi trova... « Bice dove sta? Bice dove sta? »... Non mi vede...

Alberto   E muore!...

Bice   Ciao caro; ci vedremo dopodomani... la nostra solita giornata. Mi vuoi bene?

Alberto   Tanto!

Bice   Anch'io!

Alberto   Bice, tu non mi lascerai mai?

Bice   Mai!... Amore mio!

Alberto    ... e addo' staie 'e casa?

Bice   Uffa... Non lo saprai mai! (Esce per il fondo).

Alberto   (a Vincenzo che entra) 'On Vicenzi', faciteme 'nu favore.

Vincenzo   Servizio.

AlbertoMettiteve appriesso a chella signurina e nun 'a lassate 'e pede. Appurate addo' sta 'e casa e po' m' 'o ffacite sape'.

Vincenzo    Subito vi servo. (Esce a destra).

Alberto   Grazie tanto. (Esce a sinistra).

Gennaro   (di dentro) Vicenzi', addo' vaie?

Vincenzo   Vado a ffa' 'nu servizio a don Alberto.

Attilio   Viene priesto pe' mangia'.

GennaroSi deve provare anche il lavoro di stasera... (Poi fuori con vari involti) Aggio fatta 'na sudata niente indifferente... (si asciuga il sudore).

Attilio   (con bottiglia e un pezzo di pane) Seh, pecché io no?...

GennaroAllànema d' 'o calore che fa a 'stu paese! (Mette la mano in tasca per prendere lo strutto avvolto in carta oleata e s'accorge che si è liquefatto) Teh... teh... teh... s'è squagliata meza carta 'e 'nzogna dint' 'a sacca...

Attilio   Uh... vuie ch'avite cumbinato? Ve site arruvinata 'a giacchetta!

GennaroE nun m'avveli' cchiù assaie... Chillo 'o cane mòzzeca 'o stracciato!

Chisto era 'nu bello punto 'e 'nu vasette... Doppo vedimmo cu' 'nu poco e borotalco...

Attilio    E che ce fa 'o borotalco? Nun se leva.

Gennaro    Cu' 'a benzina...                                                 

Attilio    Peggio... Nun se leva!

Gennaro    'O manno 'a tintoria... 'o faccio a tinta 'e noce...

Attilio    Nun ce facite niente, 'a macchia se vede sempe!

GennaroSe taglia 'stu piezzo!... Tu come sei catastrofico! (Va alla prima a destra) Vio', arape, pigliate 'sta rrobba! (Osserva la macchia) Guardate che peccato!

Viola   (dalla prima a destra, fermandosi sotto l'uscio)

Finalmente site venute!  Io mme crerevo ch'ireve muorte 'e sùbbeto!

GennaroSempe è buono 'n'augurio! Mo' si se n'addona d' 'a macchia me ne pozzo fui'! Atti', nun dicere niente d' 'a macchia 'e 'nzogna.

Attilio   Vi pare...

Florence   (che è entrata dopo Viola) Addo' site iute?

Attilio   Addo' avevam' 'a i'? Facenno 'a spesa.

Viola   E chesto che d'è? Ch'avite accattato?

Gennaro    'Nu poco 'e carne, e dduie maccarune.

Florence   Dduie frutte l'avite accattate?

Gennaro    Sissignore, avimmo pigliato quatte prunelle.

Florence    'E gravune ll'avite pigliate?

GennaroSissignore, stanno ccà. V'arraccumanno mo' che ap­picciate 'o ffuoco; nun facite tanto fummo; si ll'albergatore se n'accorge che nuie cucenammo dint' 'e cammere, ce ne caccia a tutte quante. Già se so' la­mentate... Vuie quanno appicciate 'o ffuoco, chiudite 'a porta e 'a fenesta, appilate tutte 'e senghe, pare che accussì...

FlorenceFacimmo 'a morte d' 'e zoccole! Comme respirammo?

GennaroCome la fate pesante!... Quanno dovete respirare... (illustrando con i gesti) aprite 'nu mumento... Ah... ah... e chiudete 'n'ata vota!

Florence   (osserva la macchia sulla giacca di Gennaro) Uh, don Genna'... tenite 'a giacca tutta 'nfosa!

Attilio   Seh, 'nfosa... chella s'è squagliata 'a carta 'e 'nzogna dint' 'a sacca!

ViolaVedite, vedite!... Seh, tu stive pulito, mo' si' cchiù 'nzevuso 'e primma. Ma quanno te spare? Quanno?... Vedite che s'ha cumbinato!

Gennaro   E ch'è colpa mia?

Attilio   E mme pare! Vuie ve mettite a 'nzogna dint' 'a sacca!

GennaroStatte zitto. Ma pecché, esiste una teoria, un sistema pe' purta' 'a 'nzogna? Io sono un attore... e l'attore è sempre distratto!

ViolaE se capisce, pare ca quanno è doppo è isso che ghietta 'o sango a pulezza'; tene chesta scema vicino... Mo' cucina, po' s'ha da pruva' 'o lavoro 'e stasera, e po' miéttete a pulezza' 'a giacchetta p' 'o fa' recita', per­ché deve recitare... l'artista distratto.

Gennaro   L'artista di-strutto!

Attilio   Ma tenite sulo 'stu vestito? (Ride).

Gennaro   Pecché, tu tiene 'o guardaroba?

ViolaMa sa' che te dico? Doppo 'sti rrécite, me ne vaco a' casa 'e mio fratello a Napule, e tu vaie scavalcanno muntagne addo' vuo' tu.

FlorenceMa nun 'mporta, meh... chello se leva cu' 'nu poco d'erba sapunara.

Viola   Chillo è isso 'nu sapunaro 'a cap' 'o pede!

Gennaro   È meglio che mme ne vaco dinto. (Esce).

Viola   Vedite llà 'e chi me n'annammuraie?

Florence   Va buo', fernitela... iammo a cucena' ca è tarde.

ViolaIo pe' mme nun me fido 'e fa' niente; v' 'o vvedite vuie.

Florence   E ssì... ce 'o vvedimmo nuie.

Attilio   Mo' ve dongo pur'io 'na mano! (Prende i fagotti ed esce con le donne in prima quinta a destra).

Ninetta   (dal fondo a destra seguita da Salvatore)

Ecco, cheste so' 'e cammere d' 'e comici che so' arrivate aiere mmatina.

SalvatoreIo, cara mia, voglio parla' con quello che ha combi­nato l'affare. Ho domandato e m'hanno mandato qua.

Ninetta   È il signor Alberto De Stefano... (Guardando verso sinistra) Sta venenno, mo' ce putite parla'.

Salvatore   È lui? (indica Alberto che entra).

Ninetta   Sissignore! Donn'Albe', 'stu signore vo' parla' cu' vuie. (Esce in fondo a destra).

Alberto   Chi è?

Salvatore   Siete voi il signor Alberto De Stefano?

Alberto   Sissignore.

Salvatore   (presentandosi) Salvatore De Mattia!

Alberto   Accomodatevi!

Seggono.

Salvatore  Ecco qua. Voi mo' dite: Questo signore da me che vuole? È giusto! Cinque minuti di pazienza!... Io nella vita ho fatto tutto, o meglio un po' di tutto. E perciò mi trovo a quest'età senza una posizione defi­nita e, non vi nascondo, alle volte mi trovo nelle con­dizioni di dover saltare il pasto. Ben mi sta! Sono contento! Io sto digiuno con piacere! L'ultima sciocchezza la feci quando andai in America. Insomma ho girato il mondo e la vita disordinata mi ha fatto, come si dice, diventare un poco squilibrato. Io non sono cattivo, no! Non sono cattivo!... (Piange) Sono malato, ecco! A me un dottore in Australia mi definì: l'uomo pirico!

Alberto   Come?

SalvatoreL'uomo pirico. Per un niente sarei capace di distrug­gere la mia vita. Ora però non si tratta di niente... si tratta di mia sorella... Io per tutti i miei continui viaggi... sì, è vero... l'ho abbandonata un poco, ma mo' basta! A mia sorella se non ci penzo io, chi ce penza? Se ho deciso 'e veni' a parla' cu' vuie è per­ché sono o non sono il fratello? Voi dovete interve­nire! La vita che fa non è per lei! Voi sapete in che stato si trova, e io come fratello...

Alberto   Ssssst... basta, ho capito!... Avete saputo che vostra sorella...

Salvatore   L'ho saputo!... E io intendo...

Alberto   Voi avete perfettamente ragione. Vuol dire che mi avete preceduto. Avevo stabilito di cercarvi, ma 'na vota che siete venuto voi da me, v' 'o dico subito su­bito: io voglio bene a vostra sorella e m' 'a voglio spusa'!

Salvatore   Vuie?

Alberto    Sissignore!

Salvatore   Ma aspettate... Voi sapete che lei...

Alberto    So tutto...

Salvatore   Ve la sposate voi?... E...  Mettete una pietra sulpassato?

Alberto   Io già l'ho messa. Mo' la dovete mettere voi.

Salvatore   Ma io ce la metto. Mo' parlo cu' essa e lestu lestu cumbinammo tutte cose.

Alberto   Ma vostra sorella sta ccà?

Salvatore   Sicuro. Io mo' subito ce parlo.

AlbertoIo sto in questa camera, quanno ce avite parlato, mme chiammate. Tanto piacere di avervi conosciuto. Ccà mo' facimmo tutte cose dinto a quinnice iuorne... Permettete? (Esce dalla prima quinta asinistra).

Salvatore va a bussare alla porta di Viola.

Viola   (di dentro) Chi è?

Salvatore   Songh'io, arape!

Si sente un mormorio concitato fra Viola e Gennaro.

Viola   (di dentro) Chesta è 'a voce 'e fraterno! Mo' esco io, aspetta.

Gennaro   (di dentro) E vengo pur'io!

Viola   (fuori seguita da Gennaro)

Gué, Salvato'... che vuo', pecché si' venuto?

SalvatoreSono venuto deciso per dirti che tu a 'stu muorto 'e famma ll'he' 'a lassa'.

Gennaro   Ma comme...

SalvatoreStatte zitto tu! Quest'uomo per te rappresenta mi­seria, fame! Mo' proprio aggio parlato cu' don Al­berto De Stefano... galantuomo e signore, 'o quale ha ditto che te vò spusa'... e mette una pietra sul passato.

Gennaro   Don Alberto?

Salvatore   Don Alberto, sì!

GennaroS' 'a sposa e se leggittima 'na criatura mia? Ma io questo non lo posso permettere!

SalvatorePecché devi permettere tu? Quanno maie he' cun-tato?... 'Stu pover'ommo... 'stu disgraziato... Chillo don Alberto ha ditto che s' 'a sposa dint' a quinnice iuorne!... Soso'; tu he' fatta 'a furtuna toia! E tu nun cerca' 'e scumbina', si no te spezzo 'e gamme. Pecché tu po' credive che don Alberto ve faceva veni' a recita' ccà pe l'abilità toia? È venuto Zaccone. È venuto Betrone! Chell'è stato pe causa di mia sorella, p' 'a tene' vicino; e ringrazia a essa si staie man-gianno! Mo' me ne vaco, ve do' mez'ora 'e tiempo pe' ve mettere d'accordo; quanno torno, a chisto nun 'o voglio vede' cchiù; si 'o trovo ancora ccà, 'o piglio pe' 'nu pede e 'o votto a mmare! 'Nce simmo spie­gate? Stateve bene! (Esce pel fondo a destra).

Gennaro(a Viola che si aggiusta i capelli con fare civettuolo) Viola, io non credo che tu vuoi seguire i consigli di tuo fratello.

Viola   Che vuo' 'a me? Se trattasse 'e n'ato... ma a mme don Alberto mme piace assaie...

Gennaro   E tiene 'o curaggio 'e m' 'o ddicere 'nfaccia? Viola, bada che se mi tradisci io sarò sanguigno!

Attilio   (dalla prima a destra)

Vuie ve ne state lloco ffore?

Florence   (a Viola) He' rimasto 'o zuco 'ncopp' 'o ffuoco, si nun'nce refunnevo 'nu poco d'acqua s'abbruciava tutte cose.

Attilio   E nun 'nce perdimmo in chiacchiere, nuie avimm' 'a pruva' pure 'o lavoro 'e stasera.

Viola   Va buo', pruvammo doppo mangiato.

Attilio   No, io doppo mangiato voglio durmi' 'nu poco, vuie che nne dicite?

Gennaro   E ssì; è meglio che pruvammo mo'!

Attilio   Pruvammo 'e scene 'e Mala nova.

Florence   Neh, io vaco a vuta' 'o zuco.

(Esce dalla prima a destra).

Gennaro   Iammo Atti', piglia 'a scena d' 'o frato e d' 'a sora.

Attilio    'A scena d'Andrea e Rusella. (Apre il libro e siede come a concerto) Mammà...

Florence   (di dentro) Eh, mo' tengo 'o zuco 'ncopp' 'o ffuoco...

Attilio   E lassa 'nu mumento.

Florence   (di dentro) S'abbrucia tutte cose...

Viola   Mo' vengh'io!

Gennaro   Vio', si' tu!

Viola   (di dentro) 'Nu mumento.

Attilio   Mammà, spiccete.

Florence entra.

Viola   (fuori con padella e cucchiaio di legno) Eccome ccà.

Gennaro   Che he' 'a fa' cu 'sta tiella 'mmano?

Viola   Vulevo fa' vede' a essa si s'è fatto. (Mostra la padella a Florence).

Florence   Sì, e comm'addora!

Attilio   Facìteme vede'.

Viola si avvicina.

(Assaggia). Ogge ce cunzulammo.

Gennaro   Ma vulimmo pruva' sì o no?

Florence   He' miso 'a caurara p' 'e maccarune?

Viola   Sì.

Attilio   Dunque, Vincenzino nun nce sta, ma chillo l'ha fatta 'a parte 'e Pascale.

Gennaro   (a Viola) Posa 'sta tiella.

Viola   Nun 'a voglio pusa'.

Attilio   (suggerendo)

« 'Nzerra chella porta! »

Gennaro distratto non ripete.

« 'Nzerra chella porta! »

Gennaro guarda intorno come se volesse eseguire il comando avuto.

« 'Nzerra chella porta! »

Gennaro   Qua' porta?

Attilio   Andrea dice: « 'Nzerra chella porta! »

Gennaro   Ah, la battuta del copione! E ddì:  «Signori, è mincia la prova! » Guitto, 'mpàrete!

Attilio   Andrea   'Nzerra chella porta!

Rusella   'Ndre', tu nun mme faie niente?

Andrea   'Nzerra chella porta! E mo' rispunne a  mme, ma senza annasconnere niente, he' capito? (Pausa). Tu 'nce facive ammore cu' Papèle?

Rusella   Sì!

Andrea   'A quanto tiempo?

Rusella   'A 'n'anno!

Gennaro   Ma posa 'sta tiella! Puo' pruva' cu' 'na tiella 'mmano?

Florence   Dammella a me.

Viola   (indispettita) Nun 'o da' audienza! 'A voglio tènere 'mmano.

Attilio   Dunque: (suggerendo).                

Rusella   'A 'n'anno.

Andrea   'A 'n'anno? Doppo 'a morte 'e pàteto?                

Rusella   Doppo!

Andrea   E fuste tu ca... (Reticenza).                

Rusella   No!                 

Andrea   No?

Rusella No! Mammà era iuta addo' 'o miedeco, tu faticave a' fundaria e io stevo sola... Isso cu' 'na scusa trasette dint' 'o vascio... io nun 'o vulevo fa' trasi'... fuie isso! E mme facette mille prumesse, mille giuramente, a mme... 'na piccerella. E io nun 'o vulevo sèntere... Allora isso m'afferraie p' 'e capille...

Viola   (senza volerlo fa un movimento brusco e sbadata­mente rovescia il sugo sui pantaloni di Gennaro) Uh!

GennaroEcco... mo' sì cuntenta!... M'ha arruvinato 'o cazone... Tutt' 'a pummarola 'ncoppa!

FlorenceAvimmo fernuto 'e mangia'. Va buo', facite cu' 'nu poco d'erba sapunara che se leva.

GennaroChella penza penza 'o mangia'... io comme recito sta­sera? (A Viola) Che te pòzzano accidere! Tu si' 'a causa 'e tutte 'e guaie mieie. E ghiammo!

Attilio   (come suggerendo il concertino di Mala nova)

« Rusella si aggrappa alle ginocchia di Andrea... »

Viola esegue.

(Suggerendo)

Rusella   'Ndre', chillo mo' sposa a 'n'ata...

Esce Alberto.

Andrea    No!

Rusella   Sì... mo' se sposa a 'n'ata...

Andrea   No!

Rusella   M'ha ditto 'a Serpentina...

Andrea   No!

Rusella   T' 'ogiuro 'ncoppa 'a mamma...

Andrea   No! pecché llaggio acciso!!!

Rusella   Madonna Santa! (Cade fra le braccia di Andrea).

Gennaro   (ad Attilio) A questo punto faie acala' 'o sipario.

Salvatore   (dal fondo vedendo i due abbracciati)

Neh, carugno'! Embe', io t'avevo pregato! Lassa sta' a cchesta! (Si scaglia contro Gennaro che subito si nasconde).

Viola   Salvato'! Salvato'!

Attilio   Don Salvato', chillo steve pruvanno.

SalvatoreC'ha da pruva'... ll'ànema d' 'a mamma! (Ad Al­berto) E vuie permettete che chillo se ll'abbraccia e nun dicite niente?

Alberto   E che me ne preme a me?

Salvatore   (s'inviperisce sempre più)                                   

Comme, che ve ne preme? Voi avete detto che v' 'a volevate spusa'!

Alberto   A chella llà!... Io?!?...

Salvatore   Chesta è mia sorella.

Alberto   Questo è stato un equivoco... Io parlavo di un'altra ragazza.

SalvatoreAggio capito tutte cose! (A Gennaro lanciandogli la canna di bambù) Tu chi sa che ll'he' ditto e chillo mo' s'è cagnato. (Ad Alberto) E si ommo tu? Primma dice 'na cosa e po' t' 'annieie?

In questofrattempo Gennaro ha rialzato il bambù, lo porge a Salvatore.

Grazie!

Alberto   Amico, io nun me nego niente. Io, parlavo di un'al­tra, non di vostra sorella.

Salvatore   No, caro mio... io nun so' scemo... Chillo che t'ha fatto cagna' penziero è stato 'stu muorto 'e famma! (Gli rilancia il bastoncino) E isso me l'ha da pava'. T'aggi' 'a spacca' 'a capa! (Inveisce contro Gennaro).

Tutti cercano ditrattenerlo.

Gennaro   Neh, aiutateme! (Si nasconde dietro a Viola).

Finalmente Salvatore riesce a svincolarsi e corre verso Gennaro che fugge in prima quinta a destra.

Tenetelo! Tenetelo! (Esce).

SalvatoreNun fui', carugno'! (Esce appresso assieme aFlorence e Attilio).

Viola   (quasi svenuta si abbatte su d'una sedia a sinistra) Pe' carità... Pe' carità, fermateve!

Dalla prima quinta a destra si sentono grida e rumore di sedie che cadono, finalmente un rumore più forte e un grido acuto di Gennaro.

Florence   (fuori spaventata)

Mamma mia!... Povero don Gennaro! Currenno, nun ha visto 'a furnacella, ce ha 'ntuppato vicino e ll'he caduta tutta ll'acqua vullente 'ncopp' 'e piede!

Ninetta   Che è succieso? (Esce prima a destra e ne risorte su­bito come da concerto assieme ad Attilio).

Ninetta e Attilio trattengono Salvatore e lo costringono ad andar via.

Gennaro   (trasportato a braccia da Alberto) Mamma mia, mme sento 'o ffuoco vicino 'e piede!

Ninetta   Purtàtelo 'a farmacia!

Gennaro   Io nun ne pózzo cchiù!... 'E piede!... 'O ffuoco... 'o ffuoco!

Alberto   (va al fondo e prende un sifone dal tavolo) Don Genna', rinfrescatevi! (Spruzza il seltz sui piedi di Gennaro).

Attilio, che è tornato, fa lo stesso.

Gennaro   'O ffuoco!... 'O ffuoco!

Alberto e Attilio Rinfrescatevi! Rinfrescatevi! (Poi sbagliando glielo spruzzano sul viso).

Gennaro   Basta! Basta!

Come a concerto cade la tela.

ATTO SECONDO

Salotto elegantissimo in casa Tolentano. In fondo vetrata per la quale si accede in giar­dino... molte piante e fiori. Tre porte laterali: A sinistra la prima dà in altre camere, la seconda dà nella sala da pranzo. A destra la comune in seconda. Non essendovi la porta in prima a destra, vi sarà un tavolo da giuoco ricoperto da un tappeto di castoro verde, e sopra: un cassettino in mogano o in malacca, quelli che si usano per conser­vare le carte da giuoco, una ceneriera ecc... A sinistra altro tavolo con sopra cestino da lavoro. Sedie. In fondo a sinistra un divano con sopra cuscini in tutte le tinte. In fondo a destra un mobile da salotto. Qualche arazzo orientale alle pareti. Nel giardino servizio di vimini.

Bice, Carlo e Madide.

Bice (in piedi nel mezzo della scena, si sforza di insegnare alcuni passi di un fox-trott in voga a Carlo che malamente li esegue)

È inutile, con te non se ne ricava niente... sei proprio negato per il ballo!

Carlo   (tipo aristocratico sui cinquant'anni)

Finalmente ne sei convinta. Io non ho mai avuto delle attitudini per il ballo.

Matilde   (seduta al tavolo di sinistra intenta a ricamare)

Ma lass' 'o sta! pecché piace a tte, vorresti che tutti ballassero!

Bice siede a destra.

CarloE poi sono sforzi inutili... ammesso che io imparassi, cosa impossibile, fra qualche mese, tu, dovrai rinunziare al ballo.

Bice   Perché?

Carlo   Il nostro erede non te lo permetterà.

Matilde   Perché, non può essere una erede?

Carlo   No, no. Non esercito la professione, ma ricordo bene di aver una laurea in medicina. Sarà un maschio.

Assunta   Permesso. Fore ce sta 'n'ommo, dice che vuie l'avite dato l'indirizzo p' 'o fa' veni'; ma si 'o vedite fa pietà.

Carlo   Ho capito... fallo entrare.

Assunta esce.

È un povero disgraziato che gli è caduta dell'acqua bollente sui piedi, prima di tornare a casa ho visto questo disgraziato che si lamentava, cosi gli ho dato l'indirizzo e gli ho detto di venire qui che gli avrei fatto io una medicatura.

Matilde   Ma sì... quando si può fare del bene...

Assunta   (di dentro) Qua, piano piano...

Gennaro   (fuori appoggiandosi ad Assunta. Ha i piedi legati in due fazzoletti di colore, è pallidissimo, cammina a stento con una ventola da cucina in mano) Ah! 'O ffuoco!... Mamma mia bella!... Ah!... Buongiorno signuri'... Ah!

Carlo   Buongiorno.

Gennaro   (accompagnato da Assunta siede a destra e si sventola i piedi)

Ah!... Signori miei, voi mi scuserete, ma io m'aggi' 'a lamenta'! Ah!... Lo so, so' scocciante, me metto dint' 'e 'rrecchie, ma nun me ne preme... io mm'aggi' 'a lamenta'! Ah!... 'O dolore è stato troppo forte. Ah! Comme m'abbrucia... 'O ffuoco... 'O ffuoco!

Carlo   Ma come vi è successa questa disgrazia?

Gennaro Io tengo una buatta... sapete, noi siamo artisti... e per non andare al ristorante... dove spelano la gente... con questa buatta ho fatto una fornacella e cuciniamo noi stessi... ma già... quanno 'na giornata comincia storta, accussì fernesce! Già me s'era squagliata meza carta 'e 'nzogna dint' 'a sacca... vedite ccà... me so' rovinata 'na giacchetta.

Matilde   Che peccato!

Assunta   Se permettete signora, gliela pulisco io!

GennaroQuant'è bbona 'sta guagliona! Che bellu core che tène! Tu sai come si leva?

AssuntaCi penso io, vedrete che non ci sembrerà niente più. (Esce portandosi la giacca).

GennaroMenu male... io non l'ho ancora pagato 'stu vestito. Ah! 'O ffuoco!

Carlo   Venite, venite. Fortunatamente, nell'altra camera ho una piccola farmacia che non manca di nulla.

Gennarosi alza e sforzandosi a camminare traversa la scena accompagnato da Carlo.

Non vi avvilite, vedremo subito di che si tratta.

Gennaro'Sti piede mieie nun se cunòsceno cchiu. 'Ncopp' al­l'albergo, appena è succieso 'o fatto, tutte quante, pe' mme fa' refrisca' 'nu poco me ce hanno miso ll'acqua 'e seltz. Po' doppo è curruta 'a cammarera e m'ha miso 'ncoppa 'nu sacco 'e felle 'e patane... 'n'ato ce ha rotto ddoie pummarulelle fresche... 'N'ato ha pigliato 'nu calamaro 'e 'ngnostia e me l'ha sbacantato 'ncoppa. Che dite, m'avèssen' 'a fa' male 'e patane cu' 'a pummarola?

Carlo   Anze, chelle fanno 'ngrassa'!

GennaroSant'Antuono! Prutettore d' 'o ffuoco... Sant'Antuono! (Esce a sinistra con Carlo).

Matilde    Pover'ommo, fa proprio pena!

Bice   Che tipo! (Ridendo esce).

Matilde   Chillo sta 'e chella manera e essa ride!

Assunta    Permesso?

Matilde   Chi è?

AssuntaIn anticamera cesta 'nu signore che vo' parla' cu' vuie.

Matilde   E chi è?

AssuntaM'ha dato 'a carta 'e visita (la porge in piccolo vassoio d'argento).

Matilde   (legge mentalmente) E chi è? Io nun 'o cunosco. Vo' parla' proprio cu' me?

AssuntaSì, anze ha ditto: Di' alla signora che mi ricevesse assolutamente, pecché ll'aggi' 'a parla' di cose urgenti che riguardano sua figlia.

Matilde   (preoccupata) Mia figlia? E che sarà? Fallo trasi' ccà.

Assunta esce a destra. Matilde guarda verso la comune impaziente. Pausa.

Assunta   (tornando) Accomodatevi. Ecco la signora.

Alberto entra, Assunta esce.

Alberto   (con aria solenne, eccessivamente commosso)La signora Matilde Bozzi? Mi trovo proprio alla sua presenza?

Matilde   Senza dubbio.

AlbertoNe ero sicuro. Fortunatissimo. Signora, mi perdone­rete se vengo a disturbarvi, ma il movente è grave, è urgente...

Matilde   Ma voi mi spaventate, accomodatevi, prego.

Seggono.

AlbertoSignora, capisco che quello che vengo a rivelarvi è grave, ma io vi prego di affrontare il colpo con fred­dezza d'animo.

MatildeInsomma, di che si tratta. 'A cammarera m'ha detto che mi dovete parlare di mia figlia?

Azione di Alberto.

E allora parlate, ve ne prego.

AlbertoSignora, io vi dirò tutto ma promettetemi di essere calma...

Matilde   Ma sì, ve lo prometto.

Alberto   Mi raccomando signo'... il cuore, sta forte?

Matilde   Sta forte, ma perché?

AlbertoVengo ad annunziarvi che per merito di vostra figlia Bice, tra non molto, voi proverete la suprema gioia di essere chiamata... nonna!

Matilde   Lo so!

Alberto    Nonna!...

Matilde   Lo so!

Alberto    Lo sapete?

Matilde   Sì!

Alberto   E sapite tutto?

Matilde   Ma tutto che?

AlbertoSignora, voi non sapete il nome del padre della crea­tura che verrà al mondo.

Matilde   Ma vuie che state dicenno? 'O ssaccio chi è 'o pate.

Alberto   Sapete chi è il padre?

Matilde   E mme pare!...

Alberto   Allora mi conoscete?                               

Matilde   Come sarebbe a dire?

AlbertoSignora, io sono il padre del vostro futuro nipote, vo­stra figlia è la mia amante da tre mesi, io sono un ga­lantuomo e non mancherò al mio dovere. Ho l'onore di chiedere la mano di vostra figlia Bice.

Matilde   Signore, mia figlia è maritata!

AlbertoEh! Maritata! Ma voi forse non sapete niente. Scri­vete a vostra sorella Margherita in Calabria.

Matilde'O vvedite ca è 'nu sbaglio? Io in Calabria non tengo parenti.

Alberto    Allora a zia Mariannina...

Matilde   Qua' zia Mariannina?

Alberto    A zia Maria...

Matilde    Io non tengo sorelle.

Alberto   Ricordatevi bene.

Matilde   Sono sola.

Alberto    Ma io vi posso garantire...

Matilde   Basta! Signore, uscite!

Bice   (con delle rose) Mamma, queste rose le ho colte per te!

Alberto   Non mi ero ingannato! (Trionfante) È essa! È Bice!

Bice, scorgendo Alberto, resta pietrificata.

Matilde   Come?...

AlbertoBice, Bice perdonami!... Si, è vero, tum'avive proi­bito di presentarmi qua, ma io me so' informato e so' venuto.

Carlo entra eresta in osservazione dalla prima a sinistra.          

Ce l'aggio ditto a mammà che da tre mesi sono il tuo amante, che 'nce vulimmo bene e che te voglio spusa'. Essa m'ha ditto ca tu si' mmaretata, ma nun è overo, nun po' essere overo, pecché tu m'aviv' 'a dìcere 'sta buscia?... Dimme ca nun è overo, dimme ca mme vuo' bene quanto io te ne voglio!

Carlo   (scagliandosi) Oh! Miserabile!

Matilde   Per carità!

Albertoresta come intontito.

Carlo   (a Bice) Conosci quell'uomo? È vero quanto ha detto?Sì o no?... Vuoi parlare?

Matilde   (supplichevole) Don Carlo...

Carlo   (a Matilde) Vi prego... (A Bice) E cosi... Non rispondi?... Allora è vero?... Se taci, confessi... Ma parla per Dio!...

Bice   Io non lo conosco... non l'ho mai visto... te lo giuro!

Carlo   (ad Alberto) Allora signore, mi spiegherete il motivo di questa vo­stra visita... Ho il diritto di domandarvi spiegazioni!

Alberto   (calmissimo) Ma io non ho nessuna colpa se il moto perpetuo non è un fatto compiuto...

Tutti loguardano meravigliati.

Carlo   Ma...

Alberto ... e poi, abbiate compassione di questo povero perse­guitato dalla sorte, pensate che l'Alfabeto, d'accordo con i 4 punti cardinali, mi hanno rubato il progetto di una mia invenzione... Il parafulmine ad aria com­pressa... Sarebbe stata la mia ricchezza! Voi non mi volete accordare la mano di vostra moglie. È giusto, lei deve fare il suo dovere di padre onesto. Ma io mi rivolgo alla sorella di Carnevale per ricevere l'onore di porgerle i saluti di Muzio Scevola, direttore gene­rale della Rinascente, nonché segretario ed Ammini­stratore di Giuseppe Garibaldi, discendente diretto del Duomo di Milano! (Abbozza dei passi) La llà ra llà rì...

Carlo   È pazzo! Bice   È pazzo!

Matilde   (a Carlo) È pazzo?

Carlo   Senza dubbio! Alberto   La llà ra llà rì, lla llà ra llà rà...

Matilde   Menu male, m'è trasuta ll'ànema 'ncuorpo...

Carlo   Povera Bice, ti ho maltrattata ingiustamente, ti chiedo scusa...

Alberto   (a Carlo) Ma sì, non m'inganno... è lui. Vi riconosco perfetta­mente... (Gli bacia la mano) Vuie 'a domenica dicite 'a Messa dint' 'a parrocchia? Signo', dite la verità, so' brutto io?

Matilde   (appaurata) No...

Alberto   No? Come no?... Puoi negare che sei stata la mia amante per tre mesi? Per tre mesi è stata la mia amante! La llà ra llà rì...

Bice   Così ha fatto pure con me... Non si è sicuri neanche in casa propria.

Carlo   Voialtre donne andatevene in camera da pranzo, re­sterò io per sorvegliarlo. Telefonate in Questura.

Bice    Ho paura per te.

Carlo    Non temere amore, sarò prudente.

Matilde    Stateve attiento. Telefono subito in Questura!

Escono a sinistra.

Alberto    Ma prego, senza cerimonie, accomodatevi.

Carlo    Se me ne date il permesso?...

Alberto   Ma vi pare...

Carlo siede.

Quanto sei bella! Sembri una stella... Che bei capelli... che seno...

Carlo   Calma... Calma...

Alberto   Tu sei stata la mia amante per tre mesi, puoi negarlo?

Carlo   Ma non lo nego affatto.

AlbertoIo ti sposerò... noi trascorreremo dei giorni felici. Al nostro matrimonio inviteremo: gatte, cane, cuniglie, puorce... piécure... tutti degni di te!...

Carlo   Sicuro!

Gennaro   (dalla prima a sinistra con i piedi fasciati) Mo' me sento 'nu poco meglio...

Carlo   Come vi sentite?

Gennaro   Meglio, grazie.

Carlo   Mi raccomando di non togliere la fasciatura prima che siano trascorsi quindici giorni.

Gennaro   Intanto me sento pure 'nu poco di freddo... tenesse 'a febbre?

Carlo   Ma no... ora vi metterete la giacca e passerà il freddo! Assunta? Assunta?

Gennaro   Assu'?... (Assunta entra portando la giacca) Damme 'sta giacca che me ne voglio andare. Com'è venuta?

Assunta   S'è bruciata!

Gennaro   He' bruciata 'a giacca?! Comme he' fatto?

Assunta   Non è stata mica colpa mia!... scusate tanto... una disgrazia... (Esce).

Gennaro   'A disgrazia è 'a mia! Ma vuie vedite 'o diavolo comme se vo' spassa' cu' me!

Alberto   Che state dicenno?

Gennaro   Caro don Alberto, io so' venuto pe' mme medica' 'e piede.

Alberto   Voi restate a pranzo con me.

Carlo   (a Gennaro) Dite sì, dite si.

Gennaro   E mo' dicevo che no?... Accetto con piacere... A che ora?

AlbertoAlle 43-44. Dimane m'accatto 'o monumento 'e Carlo Poerio e 'nce 'o facimmo fritto cu' 'a muzzarella!

Gennaro   E chillo vene sapurito, chino chino 'e furmaggio. Ma che dite?

Carlo   (a Gennaro) Secondatelo, è un pazzo!

Gennaro   Ma che pazzo, io 'o cunosco.

Alberto   (a Gennaro) Signore, voi siete stata la mia amante per tre mesi...

GennaroAmico, io tengo 'o cazone... (Guardando Alberto che ha ripreso a canterellare e a ballare) Si chiama Al­berto De Stefano... povero... giovane... è pazzo... Io credo che sarrà asciuto pazzo pe' 'na 'nnamurata soia... 'na certa Bice...

Carlo   (scosso) E voi come lo sapete?

GennaroMe l'ha ditto isso. Dice che questa Bice nun l'ha vuluto maie dìcere né 'o cugnomme né addo' steva 'e casa...

Alberto   (minaccioso a Gennaro) Gué, statte zitto!

GennaroStatte zitto tu! (Gridando) Guééé... oooh!... (A Carlo) 'E pazze s'ha dda da' 'ncapo! Dunque, isso però stammatina l'ha fatta segui' 'a 'nu cumpagno mio pe' sape' l'indirizzo, 'o quale l'ha appurato e ce l'ha ditto. Forse p' 'o troppo bene ca le vuleva è asciuto pazzo!

Carlo   E stamattina stava bene, non dava segni di pazzia?

GennaroNiente affatto ragionava meglio 'e me e meglio 'e vuie.

Carlo   (con intenzione guarda Alberto) Ho capito, ho capito ogni cosa...

AlbertoNon sapete, mi hanno rubato il progetto di una mia invenzione... aiutatemi a rintracciare i ladri... (lo prende e lo fa correre per la stanza).

Gennaro   (gridando) 'E piede... aiuto... 'o ffuoco... 'o ffuoco... (Cade af­franto su di unapoltrona) Mamma mia... m'ha accise.. e chisto è un pazzo malvagio!

CarloRiposatevi un poco. Il signor Alberto De Stefano si calmerà di qui a poco (marcando)... quando verrà il Brigadiere con le guardie per trasportarlo al manico­mio... Voglio che sia trasportato al manicomio...

Gennaro   È meglio. Questo è pericoloso.

Assunta   (introducendo Lampetti e Di Gennaro) Da questa parte, accomodatevi. (Fa passare i due ed esce).

Lampetti   Chi è 'o pazzo 'e chisti tre?

Carlo   Eccolo là (mostra Alberto).

Lampetti   È un vostro parente?

Carlo   No.

Lampetti   Perché lo ricevete in casa vostra?

Carlo   Non lo ricevo, si è intromesso da sé.

Lampetti   Come sapete che è pazzo?

Carlo   Non ragiona.

LampettiQuesta non sarebbe una prova evidente. Noi, conti­nuamente ci troviamo di fronte a gente che non ra­giona, e pure non sono pazzi.

Carlo   Dice delle cose inconcludenti.

Lampetti   Dunque...

Alberto canta.

Dunque, signore, perché non usciamo di qui, vi ac­compagnerò io stesso a casa vostra, in me troverete un fratello.

AlbertoGrazie, compatitemi signore, io sono più disgraziato di voi... Figuratevi che l'Alfabeto, d'accordo con i quattro punti cardinali, mi hanno rubato il progetto di una mia invenzione...

Lampetti   Li ritroverò io, e vi prometto di darvi le più ampie soddisfazioni. Ma per ora seguitemi.

AlbertoSì, vi seguirò, voi siete molto buono. Ma prima vorrei dirvi due parole da solo a solo... Mandate via questi monaci, che non possono sentire le mie poesie.

Lampetti   Io vi accontento, ma poi mi seguirete?                   

Alberto   Sì, vi seguirò!

Lampetti   (a Carlo) Lasciatemi solo con il signore.           

Carlo    Ma...

Lampetti    Bisogna secondarlo, andate.                   

Carlo    Statevi attento!

Lampetti   Sta 'e guardia llà!

Gennaro    Io me ne vado, grazie di tutto.

Carlo    Niente, per carità, arrivederci. (Esce a sinistra).

Alberto   (a Gennaro che fa per andare) No, voi potete restare.

Gennaro   Se vi occorre...

Lampetti   (ad Alberto) Neh, neh... non vi avvicinate se no ve faccio attacca', sa!

AlbertoIo non sono pazzo... qua ci sta don Gennaro come te­stimone... (A Gennaro) Quella tale Bice è la moglie del Conte. Io me so' dovuto fingere pazzo per giusti­ficare la mia presenza in questa casa... Voi m'avete fatto un guaio, avete detto tutte cose a 'o Conte.

Gennaro   E io sapevo chesto...

Alberto   (a Lampetti) Io mm'aggia avut' 'a fingere pazzo per salvare l'onore della signora Tolentano. Per tre mesi sono stato il suo amante, però non sapevo chi era. Saputo l'indirizzo me so' presentato 'a mamma dicendo: « Io sono un galantuomo, quindi voglio sposare vostra figlia Bice ». 'O Conte, 'o marito, l'ha 'ntiso e vuleva sod­disfazione da me... Fortunatamente ho avuto un lampo di genio, me so' miso a dìcere cose strampalate e me so' fatto credere pazzo. Questa è la verità!

Lampettiè apparentemente convinto.

E per convincervene maggiormente qua c'è don Gen­naro. Don Genna', è overo 'o fatto che aggio cuntato?

GennaroMa io me so' meravigliato, dicevo: Ma comme, don Alberto, asceva pazzo 'a 'nu mumento a 'n'ato?... Io tengo 'na buatta... Il signor Alberto non è pazzo, ne faccio fede io... è stato costretto a fingere per salvare l'onore della signora Tolentano.

Lampetti   Sicché l'amante vostra è proprio la moglie del Conte?

Alberto   Perfettamente!

LampettiHo capito, ho capito tutto... Allora voi vi siete trovato in una brutta posizione...

AlbertoLasciateme sta'... Sentite, facciamo una bella fin­zione, anche per dare soddisfazione al Conte, povero disgraziato ne ha diritto. Io mo' continuo a fa' 'o pazzo... Vuie facite a vede' che m'arrestate 'nnanze a lloro... po' mmieza 'a via me lasciate... Io vado p' 'e fatte mieie, vuie iate p' 'e fatte vuoste e don Gennaro va p' 'e suie... Si può fare questo?

Lampetti   (si alza) Perfettamente.

Alberto   (a Gennaro) Meno male che ho trovato la perla dei funzionari.

Gennaro  Siete stato fortunato.        

Lampetti   (alle guardie) Conducetelo via.                 

Le guardie afferrano Alberto.

AlbertoMa mo' è inutile fingere, se ne parla quando escono tutti quanti.

Lampetti   (con esagerata gentilezza) Va bene, va bene... per ora seguitemi!

AlbertoMa allora non avete creduto niente? Ma don Genna' parlate voi. Dicitincello vuie.

GennaroIo tengo 'na buatta... Non l'arrestate, commettereste un errore, il signore non è pazzo.

LampettiMa sì, io condivido la vostra idea, non l'arresto... lo porterò in una bella casa, dove ci sono tanti buoni amici suoi e potrà stare bene.

AlbertoChillo parla d' 'o manicomio!... Insomma finiamola! Io nun so' pazzo! Mo' mme facite avuta' 'e ccerevelle...

GennaroE havete ragione, scusate, vuie nun vulite credere manco a mme? E che ssango d' 'a marina!

LampettiGué, che d'è? Basta! Io faccio il mio dovere. Lo so che voi gli date ragione per secondarlo, ma ora potreste smetterla!

Carlo   Che c'è?

Gli altri seguono e si dispongono come a concerto.

LampettiIo n'aggio visto pazze, ma chisto mette 'a coppa. Nientemeno voleva darmi ad intendere che è stato l'amante di vostra moglie e che ora per salvarle l'o­nore, è stato costretto a simulare la pazzia. Il signore, poi, per secondarlo, pecché 'e pazze s'hann' 'a seconda' sempe, diceva 'o stesso appriesso a isso; ed ha insistito al punto da farmi entrare in dubbio. Ma ora è inutile secondarlo, sta 'a guardia llà e non c'è pericolo. È pazzo sì o no?

Carlo   Siate franco, parlate.

Gennaro(Aggi' 'a parla', m'aggi' 'a sta' zitto... se po' sape'?) Ca io parlo?

Alberto    Parlate!

Gennaro    Io tengo 'na buatta...

Lampetti   Dunque, parlate!

Alberto    Parlate! E quando?

Carlo    Volete parlare?

GennaroEh! eh! eh! Non gridate! A mme me fanno male 'e piede!

Lampetti   E che avit' 'a parla' cu' 'e piede?

Gennaro   Lo spostamento d'aria, mi fa male ai piedi.

Lampetti   Volete parlare...

GennaroE parlo, sì... Io lo conosco. È il signor Alberto De Ste­fano, lui ci ha fatto venire a lavorare a Bagnoli per fare delle recite, e vi posso assicurare... (Vede Bice che gli fa segno) Tiene mente, che bella situazione.

Lampetti   Uh, sapete, finiamola, si no ve faccio arresta'!

GennaroA mme? Sarebbe bello che fra tanta gente che do­vrebbe essere arrestata, m'arrestate a mme!

Alberto   Ma volete parlare? Siete proprio 'na creatura!

GennaroNo, la creatura siete voi, perché quand'uno si mette in una situazione e prende delle responsabilità, le deve sostenere fino in fondo. Adesso decido io perché so' quello che faccio. È pazzo! La famiglia ha speso un sacco di soldi e non ne ha ricavato niente! È pazzo! Da quando era piccolo in fasce si zucava 'o bibbero' tutto 'o cuntrario!

Lampetti   (alla guardia) Conducetelo via.

La guardia esegue.

Come a concerto cala la tela.


ATTO TERZO

L'ufficio di P. S. Fondo a destra è la comune, a sinistra altra porta. Finestra in prima a destra. In fondo, nel mezzo, una libreria. In primo piano a sinistra una scrivania con libri, carte, telefono ed un lume elettrico. Quattro sedie di Vienna. La seconda a destra dà negli uffici.

                                                                   

Carlo, poi Di Gennaro.

Carlo   (dal fondo) Permesso?

Di Gennaro   Chi è? Avanti!

Carlo    Scusate, il Cavaliere?...

Di Gennaro   Nun è venuto ancora... Turnate cchiù tarde.

CarloMa forse il favore che devo chiedere a lui, posso otte­nerlo anche da voi. Vorrei parlare con l'arrestato Alberto De Stefano.

Di Gennaro    'O pazzo che f uie arrestato aiere?

Carlo   Precisamente!

Di Gennaro   Ma senz'ordine nun ce putite parla', chi s' 'a piglia 'a responsabilità?

CarloMa io sono medico, il suo medico, venuto appunto per osservarlo.

Di Gennaro   Aspettate 'nu mumento. (Esce e ritorna subito) 'O pazzo sta venenno. Fortunatamente stacalmo. Vuie site miédeco? Embe', a mme chillo nun me pare pazzo.

Carlo    Sembra, ma lo è.                                        

Alberto pallidissimo entra dal fondo a sinistra.

                           

Alberto   (verso dentro) Non spingete, perché non è il caso. Lalla ra lì...

Di Gennaro    Io sto fuori. (Esce).

CarloGentilissimo don Alberto, prego, accomodatevi! Posso offrirvi una sigaretta? (Offre una sigaretta ad Alberto).

Seggono.

                                                                                                      

Prego. (Gli accende una sigaretta e ne accende una anche lui) Signor Alberto, ascoltatemi. Ormai dovre­ste essere convinto che non torna a vostro vantaggio simulare ancora la pazzia con me... Al contrario, poi, io considerando che il vostro compito è tanto difficile quanto faticoso, vi darò la prova con la quale vi ap­parirà chiaramente la inutilità di questa vostra insistenza.

Alberto   La llà ra llà rì... la llà ra llà rà...

Carlo   Mia moglie mi ha confessato tutto.

Azione di Alberto.

Cosa ne dite?

Alberto   Sono a vostra disposizione.

CarloMa no, no... giovanotto... Non ho nessuna intenzione di dare spunti per tragedie... Date retta a me, sono più vecchio di voi e mi permetto credere che accette­rete un mio consiglio. (Pausa). Giurandovi di non aver rancore verso di voi, non vi sarei sincero; per i fatti, e per come si sono svolti... troverete giusto ch'io abbia molta antipatia per voi.

Alberto   (Io ve tengo 'ncopp' 'o stòmmaco).

Carlo   Ma questa antipatia è accoppiata ad una grande riconoscenza.

Alberto   Come?

CarloCerto. Voi macchiando il mio nome, vi siete, poi, fatto in quattro per salvarlo.

Alberto   Ma non capisco...

CarloSimulando la pazzia. Oggi tutti vi credono pazzo, dunque è salvo il mio onore.

Azione di Alberto.

Nonostante tutto mia moglie resterà sempre presso di me... Grazie alla vostra geniale trovata, lo scandalo non è avvenuto. Ed era quello che soprattutto mi spaventava. Voi non troverete onesta questa mia so­luzione... Potreste, però, comprenderne la necessità, occupando il posto che io occupo in società e aggiun­gendo ai vostri altri vent'anni. Signor Alberto, con­vincetevi, io riuscirei a spezzarvi in due... ma... non lo faccio. Crepo, prima di provocare uno scandalo. Ora per evitarlo del tutto c'è un unico mezzo che v'impongo: dovete rimanere pazzo, dovete farvi rin­chiudere in manicomio senza ribellarvi e senza cer­care di giustificarvi come ieri tentaste in casa mia e che fortunatamente non vi credettero.

Alberto   Sicché, io aggi' 'a rimane' pazzo pe' tutt' 'a vita mia?

CarloPerché esagerate?... Io non vi ho detto questo. Per qualche tempo, finché il fatto sbiadisce... Allora tutti crederanno in una guarigione... e...

Alberto   Ma io non posso accettare...

Carlo   (come per scattare, ma si reprime)  Non potete accettare?                        

Alberto   Impossibile.

Carlo (con semplicità e convinzione di chi ha già in prece­denza calcolati i suoi passi) Signor Alberto De Stefano, il giorno che riuscirete a convincere una sola persona che la vostra è stata una finzione, mi darete la prova dell'adulterio, ed io avrò tutto il diritto di tirarvi un colpo di rivoltella! Nel­l'uno o nell'altro modo dovrò salvare il mio onore. (Fa per andare).

Alberto   Un momento...

Carlo   Accettate la prima condizione?

Alberto   Ecco qua...

Carlo   (c. s.) I miei rispetti...

Alberto   Sentite, io direi...

Carlo   Accettate?                                                       

Alberto   Accetto.

CarloBenissimo! Tante grazie. Mi raccomando... Fra poco due guardie vi trasporteranno in manicomio... non vi ribellate, siate docile. Siete un garbato giovanotto... quasi sento rimorso di avervi ingannato... Voglio es­servi sincero: non è vero che mia moglie ha confes­sato, è stata una mia invenzione per carpirvi la verità. Arrivederci giovanotto. (Esce pel fondo).

Gennaro   (dalla seconda a destra) Caro don Alberto.

Alberto   Sentite, vuie avit' 'a i' sott' 'o trammo!

Gennaro   E chello chesto ce manca... Io ve ringrazio.

Alberto   Intanto sapite che è succieso?... È venuto 'o Conte ccà e m'ha ditto che mo' pe' salva' l'onore d' 'a mugliera, o me faccio chiudere dinto a 'nu manicomio pe' 'nu pare d'anne, o si no me tira 'nu colpo 'e rivoltella.

GennaroEmbe', e vuie facite tanta ammuina? Vulesse 'o Cielo e stesse io 'o posto vuosto... tenarria pe' dduie anne 'o mangia' franco.

AlbertoIatevénne don Genna'. Intanto io aggi' 'a seguita' a ffa' 'o pazzo... si no chillo mme spara... Vedete un poco che posizione. Bastantamente 'a nuttata che ag­gio passata dint' 'a cammera 'e sicurezza. Ma vuie pecché state ccà?

GennaroE già, voi non sapete niente... L'albergatore ce n'ha cacciate... prima pecché dice che nuie cucenàveme dint' 'e cammere, e po' pecché avenno saputo che vuie ìreve asciuto pazzo, vuleva essere pagato 'a nuie... Noi regolarmente nun tenevamo manco 'nu soldo, non abbiamo potuto, allora isso ce ha fatto veni' 'ncopp' 'o Commissariato, accompagnati da 'a cam-marera soia, 'a quale sta ccà dinto con i miei compa­gni, e tene ll'ordine o 'e se piglia' 'e solde o per lo meno farcelo imporre dal funzionario.

Alberto   Va bene, chesta è cosa 'e niente.

GennaroVuie pazziate? Chillo l'albergatore s'ha tenuto tutt' 'a rrobba nosta in pegno...

Alberto   Roba di valore?

GennaroDio mio... valore... utile per noi: 'A tiella, 'a furna-cella; 'a caurara...

Alberto   Don Genna', io nun sapevo che s'aveva tenuto...

Gennaro   Come sarebbe? ... Nuie comme cucenammo?

AlbertoVa bene, quanno vene 'o cummissario pago tutto io, accussì ve putite retira' 'a furnacella, 'o cufenaturo...

Gennaro   Qua' cufenaturo?... Gli utensili... e grazie tante.

Di Gennaro   (dal fondo a destra) Neh, neh, trasitevénne 'n'ata vota dinto, sta venenno 'o Cavaliere.

AlbertoMa io mme so' stancato 'e sta' ccà dinto... Sia fatta 'a vuluntà d' 'o cielo! Permettete don Genna'! (Esce dal fondo a sinistra).

Di Gennaro   Voi chi siete? Che facite ccà?

GennaroIo so' venuto poco primma con i miei compagni, pecché avimm' 'a parla'  c' 'o funzionario, siccome nun era venuto ancora, 'na guardia ce ha fatto aspetta' llà dinto.

Di Gennaro   Embe', trasitevénne che a 'n'atu ppoco sarete chiamati.

Gennaro   Va bene. (Esce per la seconda a destra).

Di Gennaro esce dal fondo a destra.

Lampetti   (entrando con Bice) Accomodatevi signora. Dunque, voi sostenete che Al­berto De Stefano non è pazzo?

Bice   Lo posso provare.

Lampetti   Badate signora, io lo dico per voi, se le cose stanno come dite, vi accusate voi stessa.

BiceNo, la colpa non è mia... e se mi ascoltate per cinque minuti, vi convincerete che il vero colpevole è mio marito.

Lampetti   Come sarebbe a dire?

Bice   Poi vedrete!... Io come sono?

Lampetti   E io che nne so?

Bice   Sono bella, brutta... non potete dare un giudizio?

Lampetti   Siete una bella signora.

Bice   Grazie. E quanti anni ho?

Lampetti   E che nne so?

Bice    Press'a poco...

Lampetti   Nu... ventitre...

BiceVentitre! Ma pure ventiquattro... e facciamo venticinque...

Lampetti   Signo', fate voi!

BiceVi pare possibile che debba essere tradita da mio ma­rito? Guardate. Questa è tutta una corrispondenza amorosa tra mio marito e una signora maritata.

Lampetti   Gué, gué... Nun ce pareva... un uomo tanto serio.

BiceIo ho mancato, sissignore, ma perché? Per picca, per ripicca, per puntiglio.

LampettiAh! Ecco! Per picca, per ripicca, per puntiglio! Si­gnora mia, io vi ho capito. Voi vorreste con queste lettere controbattere vostro marito. Ma il tradimento dell'uomo non giustifica quello della donna. A me pare un poco forte. Del resto sempre una cosa è, e se posso aggiusterò questa dolorosa faccenda.

Bice   Mi raccomando.

LampettiCi penso io. Ed ora andate a casa che vi terrò informata io stesso.

BiceGrazie. Io mi sposai per essere una moglie onesta, ma quando dopo un anno di matrimonio miaccorsi del tradimento, quando vidi distrutto il mio sogno, diventai una vipera e decisi di fare lo stesso con uno qualunque, anche brutto, anche vecchio. Ebbi occasione di conoscere Alberto De Stefano, m'accorsi che era un simpatico giovane, allora pensai: Meglio que­sto, che mi piace pure! Ed ecco il mio dramma! (Esce).

Lampetti   All'ànema d' 'o dramma! (Chiamando) Di Gennaro? Di Gennaro?

Di Gennaro   (dal fondo) Comandate.

LampettiFamme veni' a De Stefano 'o pazzo. Po' mme puorte 'o solito bicchiere d'acqua e amarena, gelata, tengo 'na sete terribile.

Di Gennaro   Va bene. A proposito, ccà ce stanno cierte che vonno parla' cu' vuie.

Lampetti   E tu po' m' 'o dicive dimane. Chi so'?

Di Gennaro   E chi 'e ssape? Vulite ca 'e chiammo?

Lampetti   Falle veni' 'nu mumento.

Di Gennaro    'O pazzo nun 'o vulite cchiù?

Lampetti   Dopo.

Di Gennaro   (parlando verso la seconda a destra) A voi, venite. (Esce dal fondo).

Lampetti   Nun te scurda' ll'acqua.

Ninetta   (dalla seconda a destra seguita da Vincenzo) Servo.

Lampetti   Che c'è, venite avanti.

Ninetta   Signo', ccà me manna 'o patrone 'e l'albergo che sta a Bagnoli, aiere venèttero cierte muorte 'e famma...

Vincenzo   Gué, tu bada come parli, sa...

Ninetta   pecché è buscia ca ve murite 'e famma?

Vincenzo   Tu sei una cameriera e non ti devi permettere...

Ninetta   Io me permetto pecché 'o patrone have ragione.

LampettiNeh... neh... chi have ragione se vede dopo. Mo' ri­còrdate che stai nel mio ufficio... Non hai nessun di­ritto di insultare la gente in mia presenza.

Vincenzino si è seduto vicino alla scrivania.

Di Gennaro   Ecco servito. (Mette il bicchiere vicino a Vincenzo ed esce).

Lampetti   (a Ninetta, mentre Vincenzo alle sue spalle beve come appresso) T'he 'a sta' zitta!

Vincenzo   Grazie, tenevo 'na sete... (Beve).

LampettiSiamo intesi? Non si ripeta più! Ha purtato ll'acqua chillo?

Vincenzo    Sì, sì... grazie, me so' consolato!

LampettiVe l'avite bevuta vuie? Chell'era 'o mmio!... Alzatevi, alzatevi!

Vincenzo   (si alza) Sono mortificato...

Lampetti   Di Gennaro...

Di Gennaro   Comandate.

Lampetti   Portame 'n'atu bicchiere d'acqua e amarena!

Di Gennaro    Subito. (Esce).

Lampetti   Dunque di che si tratta?

Ninetta   Aiere venettero 'ncopp' a l'Albergo e se pigliàieno ddoie cammere.

Entra Attilio.

Lampetti   (ad Attilio) Voi chi siete?

Vincenzo  È un altro compagno nostro. (Ad Attilio) E Gennarino?

Attilio   Sta dinto. S'era allascata 'a fascia vicino 'o pede e s' 'o sta 'nfascianno meglio.

Lampetti   Dunque.

Vincenzo  Noi siamo artisti, 'nu certo don Alberto De Stefano, ce facette i' a Bagnoli a fa' cierti rrécite, e lui si ga-renti' per il pagamento di queste due camere... (A Ninetta) 'O può' nega'?

Ninetta   Ma chillo è asciuto pazzo...

VincenzoE che colpa è la nostra? Vuo' vede' che l'avimmo fatto asci' pazzo nuie?

Ninetta   E si fùsseve galantuommene avarrìssev' 'a paga' vuie.

Lampetti   (si alza) Neh, diciteme 'na cosa: Io ccà che ce stongo a ffa'?

Attiliosiede vicino alla scrivania. Di Gennaro entra col bicchiere d'acqua.

Mo' ve ne manno a tutte quante e felice notte.

Di Gennaro   (mette il bicchiere d'acqua sulla scrivania) Ecco servito. (Esce).

Attilio   Troppo buono. (Beve).

Lampetti   E chisto è 'o sicondo. Alzàteve! Susìteve!

Attilio   E che maniera è questa? (Si alza).

Lampetti   Ma tenite tutte quante sete?

Attilio    Sete... famma...

Lampetti   Di Gennaro... Porteme 'n'ato bicchiere d'acqua!

Di Gennaro    'N'ato? E vuie ve facite 'na panza d'acqua...

Lampetti   Pecché aggi' 'a da' cunto a tte?

Di Gennaro   Nossignore, mo' ve servo. (Esce poi torna).

LampettiEmbe', si ve bevite chist'ato bicchiere d'acqua me ma­gno 'a capa 'e uno 'e vuie. Dunque, mettiamo a po­sto le cose con calma. Nun me facite perdere 'a pacienza.

Gennaro   (dalla seconda a destra) Servo.

Lampetti   Chi è?

Vincenzo   È un altro compagno nostro.

Lampetti   E che ve presentate a una a vota?

Gennaro    Adesso siamo finiti.

Lampetti   Ma io vi conosco, vi ho visto ieri in casa Tolentano.

Gennaro    Precisamente.

LampettiAccomodatevi. Voi avevate ragione di sostenere che Alberto De Stefano non era pazzo. La moglie del Conte è stata qua poco fa, anzi ha portato delle lettere del marito, che ssaccio, una corrispondenza equi­voca... e io spero con questa, di costringere il Conte a 'mbatta' 'e carte.

Gennaro   Sicché don Alberto sarà rilasciato?

Ninetta   Se po' sape' io comme m'aggi' 'a regola'?

LampettiVa bene, ho capito tutto, se Alberto De Stefano si è garantito per loro, non vi preoccupate, fra mezz'ora verrà a pagare il suo debito.

Vincenzo   Mo' mme pare che 'a può' ferni' 'e sbraita'...

Gennaro siede alla scrivania.

Ninetta   Io voglio sbraita' fino a dimane, aggi' 'a da' cunto a tte?

Lampetti   (accostandosi a loro) Mo' accumminciate 'n'ata vota? Che educazione è la vostra?

Di Gennaro   (mette il bicchiere sulla scrivania) Ecco servito. (Esce dal fondo a destra).

Gennaro   Grazie. (Fa per bere).                                          

Lampetti   (se ne accorge e dà un grido)  Gué?!?...

Gennaro   (fa un salto e gli cade l'acqua nel cappello che aveva sulle ginocchia)  Eh!...

LampettiChisto è 'o terzo bicchiere! Gué, nun so' stato crestiano 'e mme bévere 'nu bicchiere d'acqua. Trasitevénne llà dinto! (A Ninetta) Mo' parlo io con Alberto De Stefano, poi ti chiamo e tu sarai pagata.

Ninetta   Va bene. (Esce a destra con gli altri).

Lampetti   Di Gennaro? Di Gennaro?

Di Gennaro   (dal fondo) Vulite ll'ata acqua?

LampettiNo, no... m'è passata 'a sete... Famme veni' ccà Alberto De Stefano.

Di Gennaro   Subito. (Esce dal fondo a sinistra).

Brevepausa.

(Torna con Alberto) Ecco qua Alberto De Stefano.

Alberto sipresenta con due guardie.

Lampetti   Venite avanti... prego.

Di Gennaro esce.

State tranquillo, fra poco vi metterò subito in libertà. Io già avevo dato ordine e tutto era disposto per il vostro trasporto al manicomio. Ma poi, una persona mi ha spiegato come è andato il fatto e non c'è più questo bisogno. Siete contento?

AlbertoContento? Ma io non posso essere messo in libertà... io sono pazzo. La llà ra llà ri... la llà ra llà rà...

Lampetti   Mo' basta mo'! Voi non siete pazzo! Alberto   Io sono pazzo!

LampettiVoi non siete pazzo e io vi devo mettere subito in libertà.

AlbertoBenissimo... Se io quann'esco mmiez' 'a via, piglio e sparo a 'n'ommo, il solo responsabile siete voi, perché io so' pazzo, e voglio i' 'o manicomio! La llà ra llà ri... Lalla ra llà rà...

LampettiSta bene. Di Gennaro! Voi siete pazzo? E sarete tra­sportato subito al manicomio! (Chiama più forte) Di Gennaro!

Di Gennaro   Comandate.

Gennaro   (entra contemporaneamente a Di Gennaro) Quali comandi?

Lampetti   Voi che volete?

Gennaro   M'avete chiamato: don Gennaro, don Gennaro.

LampettiHo chiamato: Di Gennaro!... Io chiammavo a vuie? (Si accosta a Di Gennaro e resta in azione come dando alcuni ordini).

Gennaro   (accostandosi ad Alberto) Don Albe', ch'è stato?

AlbertoIl funzionario me vuleva mettere in libertà, io pe' nun essere sparato d' 'o Conte, aggio ditto che voglio i' a 'o manicomio e mo' forse me ce portano.

GennaroVuie che avite cumbinato? Ccà è venuta 'a mugliera d' 'o Conte, che ha purtato cierti lettere d' 'o marito, cierti lettere compromettenti, quindi 'o Conte nun po' parla' cchiù, s'ha da sta' zitto, nun ve po' ffa' niente cchiù.

Alberto   Voi che dite?

Lampetti   (a Di Gennaro) Siamo intesi? Conducetelo via!

Di Gennaro afferra Alberto.

Alberto   Ma addo' mme vulite purta'?      

Lampetti   Al manicomio.

Alberto   Ma io non sono pazzo...

LampettiMo' accumminciammo 'n'ata vota? Vuo' vede' che 'o pazzo songh'io?

Alberto   Voi mi volevate mettere in libertà!

Lampetti  Prima... Ma voi avete detto che siete pazzo, quindi non posso più rilasciarvi, perché si mmiez' 'a via accedite a 'n'ommo so' io responsabile... l'avete detto voi.

Alberto   Eh... ma qua s'agisce a dispetto!... Io non sono pazzo! Io sto buono, me ne voglio i' 'a casa mia.

LampettiAdesso è impossibile. Per ora seguite le guardie, poi si vedrà. (Alla guardia) Andate!

Di Gennaro   Iammuncénno, ia'!

Alberto fa resistenza, ne nasce una colluttazione durante la quale si avvicinano sempre a Gennaro che cerca evitarli per non farsi pestare i piedi.

Carlo   (con Bice) Permesso?

Tutti si fermano.

Ho saputo che poco fa è venuta mia moglie in questo ufficio, vi prego di dirmi perché?

LampettiBenissimo! Voi giungete a proposito, la vostra si­gnora è venuta per dirmi, che ha voluto punirvi con questa finzione, per il modo di come l'avete tradita.

Carlo   Io!?!

LampettiSicuro! E ringraziate Iddio che questo giovanotto si è prestato a questa finzione per darvi solamente la sensazione del tradimento.

Bice   Avrei dovuto farlo veramente, capisci?

GennaroInvece avete avuto la sensazione. (Nascondendo la mano dietro al suo cappello, fa con essa le corna).

Carlo   Queste son tutte frottole! Io non ho mai tradito mia moglie!

Bice   Ho le prove, ho le prove!

LampettiSilenzio, vergognatevi, e credete pure, non vi con­viene di negare. Ecco la prova. Tutta una corrispondenza galante...

Gennaro   Equi...

Lampetti   Equivoca. (A Gennaro) Va bene?

Bice   Rispondi, traditore!

Carlo   Ma io...

Lampetti   Rispondete...

Carlo   La llà ra llà rì... la llà ra llà rà... (Esce con Bice).

Gennaro   Buffone.

Alberto   Allora io sono libero?

Lampetti   Andate, e cercate di essere più serio in avvenire.

Alberto   Arrivederci. Aggi' 'a piglia' 'na fuiarella! Di Genna', spingete! (Esce).

Ninetta   Io ch'aggi' 'a fa'?

Lampetti   Dunque: Questa dice che dev'essere pagata.

Gennaro   Ma don Alberto se n'è ghiuto...

LampettiInsomma, mo' 'sta storia mi comincia a seccare! Re­golate il conto se non volete che prenda seri provvedimenti.

Gennaro   Ma io...

Lampetti   Dovete pagare!

Gennaro    Io!?

Lampetti   Voi!

Gennaro   La llà ra llà rì... la llà ra llà rà!

Come a concerto cala la tela.

3I                                                                          

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 4 volte nell' ultima settimana
  • 22 volte nell' ultimo mese
  • 204 volte nell' arco di un'anno