Uscita 7 – Zona Ospedaliera

Stampa questo copione

Personaggi:

Uscita 7 – Zona ospedaliera

di Michele Serao

Personaggi:

Ciro (Portantino)                                                                                           Salvatore Esposito

Maria (Donna delle pulizie)                                                                      

Gaetano (Infermiere)                                                                                 Oreste Marino 

Giovanni (Infermiere)                                                                                 Nino Iengo

Luigi (Infermiere)                                                                                         

Caterina (Infermiera)                                                                                  Caterina De Carlo

Dr. Olibet                                                                                                        

Dama misteriosa                                                                                           

Dr.ssa Patricia Pérez                                                                                   

Peppe Alè (Parcheggiatore abusivo)                                                    

Guardia Giurata                                                                                            

Primario                                                                                                            ???

Nina (Moglie di Giovanni fuori scena)                                                   Antonella Stanziani

Pazienti vari                                                                                                    

                                                                                                                                                                           

Primo Atto

La scena si svolge a Napoli in un Ambulatorio. L’arredo è costituito da una scrivania con sedie e poltrona poste lateralmente a destra; sulla scrivania c’è un telefono e un Computer; lettino per le visite dietro la scrivania lateralmente alla parete di destra e armadi contenenti farmaci e attrezzi medici vari posti lateralmente a sinistra vicino alla porta d’ingresso e di fronte, accanto alla porta che da sulla tisaneria e sugli altri locali del  reparto.

Si apre la scena, E’ Lunedì mattina Maria è intenta a pulire l’ambulatorio, donna di mezza età, sulla cinquantina, abbastanza in carne, sveglia, simpatica ma un po’ acida. In divisa di color cobalto. Entra Ciro il portantino, quarantacinque anni alto, magro, ben piantato, brizzolato, assunto con la legge sulle categorie protette in quanto invalido civile, poco scolarizzato, tifosissimo della Juventus pur essendo un napoletano verace. In divisa con casacca e pantaloni verdi.

Ciro: Pongiorni Maria! Tutto a Procida?

Maria: (Tra se) Mo accummencia a struppià ‘o Taliano, Chisto! Buongiorno Ciro, agge pacienza aspietta, nu poco sott’’a porta pecché sta ancora ‘nfuso ‘nterra!

Ciro: Azz! Sta ancora ‘nfuso? Nientemeno ca’ pe ‘gghì ‘mponte ‘a stanza ‘nce vò ‘o canotto!

Maria: Che esageratezza! Un altro poco e si asciutta!

Ciro: Allora n’apprufitto pe’ me fumà ‘na sigaretta. Marì te la pozzo offrire una?

Maria: No, grazie. Magari cchiù tarde mo tengo ancora da fare! Uè, statte accorta tu! Sabato passato ‘o primario ha fatte fà nu verbale a dduje colleghi; l’hanno sgamate a fumà fore ‘o ciardino!

Ciro: Azz! Nu verbale pecché fumavano fore ‘o ciardino? (Alterandosi) Cos’’e pazze! Ma addò stamme jenne ‘a fernì cu stu primario? Invece ‘e pensà a fa ‘o miedeco! Nientemeno a nuje, poveri fumatori, nce stanno trattanno peggio ‘e gli appestati! Ma addò c’avimme je a chiudere? L’ata vota je, ‘o caposala, nu miedeco e duje ‘nfermiere nce simme chiuso dint’o bagnetto d’’o deposito. A nu certo punto so’ venute a chiammà ‘o duttore e quanno s’’è arapute ‘a porta è asciuto nu fummo ‘a llà dinto che me pareva ‘a Sulfatara!

Maria: E che vvuò fa? Nu poco ‘e pacienza e prudenzia! D’altronde chiste è sempe nu ‘spitale! Comunque mò può trasì, ma cammine sotto sotto pecché mmiezo è ancora ‘nfuso. Agge pacienza!

Ciro: (Continuando a fumare) Nun te preoccupà, jamme cu calmezza, tanto è ampressa ancora!

Maria: Cirù haje visto ‘a partita ajere? E’ che scutuliata c’ha pigliate ‘a Juvendese! Mò siente quanno trase tutte ‘o curteo, te mettarranne ‘ncroce.

Ciro: Ma che me ‘mporta Marì! Ajere m’agge magnato ‘o stesso nu bello linguine cu ‘e frutte ‘e mare, ‘na bella Orata ‘e mare arrustuta, nu dolce e nu poco ‘e spassatiempo! ‘E partite so nu spasso, mica ‘a Juvendese me dà ‘a magnà?

Maria: Guagliò, ma tu sì proprio nu bellu pagnuttista! Quanne ‘a Juvendese vence, ‘a matina faje trasì primme ‘e bannere bianconere e po’ trase tu! Quanne perde… Ih, ih, ih, ih (Ride)! Affoghi il dolore nel cibbo? Faje ‘o superficiale? Oì nì! Chist’anno ve dammo almeno ‘na decina ‘e punte ‘e distacco!

Ciro: Ferniscele Marì! Va ‘a fernì ca ‘e dieci punti t’’e faccie mettere ‘nfronte!

Maria: Seh seh… ! Ne parlamme a fine ‘e campionato! Vabbuò, je ccà aggie fernuto; vaco a ffà nu poco ‘e cafè ‘a llà, intanto c’arrivano ‘e muonece ‘o cunvento!

Ciro: Brava Marì! Chille arrivano a uno a uno, in prucessione! ‘O primmo è Giuvanno pecché vene cu ‘a metropolitana e nun tene prubbleme ‘e traffico e parcheggio e l’urdemo è Gigino, ritardatario cronico! Uè! Nun te scurdà ‘e levà dduje cafè amari! Uno pe’ Gaetano e n’ato po’ duttore Olibet. (Mimando) Ca’ sì ajere ha pigliato ‘a bulletta, stammatina, porte ‘e curnette! Alè!

Maria: (Ride) ‘O faje tale e quale a Peppe ‘o parcheggiatore! Nun te preoccupà, oramai me so’ ‘mparato! (Più seria) Je vulesse sapè comme fa ‘a ggente a se bevere ‘o cafè amaro? Je capisco chi tene ‘o Tiabbete, ma lloro s’’o pigliano cu ‘o dolcificante; ma chi nun tene niente? Chi sta bbuono? Chi ‘e capisce? Secondo me ‘o ffanno p’angiaria, insomma pe’ presunzione. Pecché hanna essere servute pe’ primma!

Ciro: Sarrà pure chesto, ma secondo me soffrono ‘e mancanza di attenzione e di affezione. Insomma, s’’o pigliano amaro pecché, accussì, chi fa ‘o ccafè tene nu penziero pe’ lloro, s’arricorde ‘e c’’o llevà ‘a miezo e nun ‘e ffà sentì trascurate!

Maria: Eh sì! Mò te se mise a ffà pure ‘o pss…ssicologo! Insomma secondo te ‘a ggente s’avvelena ‘a vocca e ‘o stommaco pè nu poco d’attenzione?

Ciro: E mica so’ e primme? Cu chello ca se legge ‘ncoppe ‘e giurnale, ca se sente dint’’a televisione, ca se vede ‘e venì dint’’a stu spitale al centro avvelenati; parecchia ggente fà anche di peggio! Se mena ‘nganno di tutto, quanno se sentene trascurate o hanno ‘na delusione!

Maria: Haje ragione! Ma chille so’ malate ‘e cervelle, so pazze…anzi, addeventano pazze! Vabbuò allora je vaco! M’arraccumanno a te quanno chiude ‘e cartune, nun spurcà, nun fa cadè niente ‘nterra! Cercamme d’’a fa durà almeno n’ata ora sta lavata ‘nterra!

Ciro: Staje tranquilla Maria! Je me stongo accorte! Però quanno arrivano ‘e ‘nfermieri nun dipende cchiù ‘a me! Quelli hanno una mira che fa schifo! Anzi nun ‘a tenene proprio! Nientemeno cu nu cartone quadrato acussì gruosse e cu nu bidone tanto (Mima con la mano il diametro del bidone) nun so’ capaci ‘e fa centro? Secondo me ‘o fanno apposta! Parèano ‘a menà a robba ‘nterra pe ce fà accidere ‘e fatica cchiù assaje!

 Maria: Proprio accussì! Chella è tutta ‘rrobba infetta! Tanto, mica l’hanna aizà lloro? Avesseno dà un esempio di igiene ma invece so’ ‘e cchiù zuzzuse! Nun parlamme po’ d’’e miedeche! Sono i peggiori! Annanze te fanno ‘na faccia e arreto te murmuleano e menano ‘a rrobba ‘nterra; po’ pigliano subbito ‘e distanze! Je ‘e mettesse a pulezzà addenucchiate ‘nterra! Comme se faceva ‘na vota!

Ciro: Hai ragione! Che Schifezza! (Ricordando improvvisamente qualcosa) Maria! Vaco nu mumento dinte a piglià ‘e buste pulite! (Esce)

Maria: Vai, vai! Overo è na schifezza! (Orgogliosa) Guardate che agnarate! Chi ‘o ssape quante durarrà! (Squilla il telefono) Pronto?(Esce).

Una voce fuori campo sarà Nina, la moglie di Giovanni.

Nina: Pronto? Chi è Maria?

Maria: (Riconoscendola) Uè Nina! Comme staje? E succiesso qualcosa?

Nina: Niente di grave! Ti volevo solo avvisare che Giovanni farà un po’ tardi.

Maria: Va bene Ninù! Ma tutt’a posto? (Nina dice qualcosa a Maria che non si sentirà) E ti pareva! E’ sempe isso!  Vabbuò ho capito! Nun te preoccupà! Tanto nun è arrivato ancora nisciuno! Cu ‘a flemma ca teneno tuo marito arriverà sicuramente per primo!

Rientra Ciro recando con se dei sacchi di plastica di colore nero e giallo.

Maria: (Urlando) Statte accorta! Guarde che staje combinando cu sti piede!

Ciro: (Spaventato) Mamma mia Marì! E tu nun ‘e fa accussì! M’haje fatte je ‘o core pe’ ll’aria! Nun te scurdà ca je so’ cardiopatico. (Battendosi in petto) Tengo ‘e valvole cagnate!

Maria: Hai ragione scusa! Ma je mò l’aggie pulezzato ‘o pavimento!

Ciro: (Esasperandosi) Maria ma l’avisse pigliato p’’o pavimento d’’a casa toja? Ce vuò passà pure ‘a cera? Jamme bello! Ccà avimma faticà! (Maria esce borbottando qualcosa tra sé) N’atu ppoche ce fa mettere pure ‘e pattine!

Maria esce dall’ambulatorio. Ciro è intento a pulire le suppellettili ed a chiudere i sacchi nei contenitori dei rifiuti ma senza sollevarli dagli stessi in attesa di un provvidenziale aiuto. Entra in scena Gaetano, altezza media, bruno, capelli ricci, sulla quarantina, un po’ in sovrappeso, sveglio, intelligente, abbastanza umano ma molto borioso, sicuro di se, presuntuoso e convinto di conoscere bene le lingue.

Gaetano: (Riponendo gli oggetti personali nell’armadietto ed infilandosi un camice) Buongiorno Cirù! Tutt’apposto?

Ciro: (Senza girasi, evitando di incrociare il suo sguardo e con disagio) Buongiorno Tanì! Sì! Diciamo di sì!

Gaetano: (Noncurante dell’evidente disagio di Ciro) Giuvanne è vvenùto? Già sta dinto a se piglià ‘o cafè?

Ciro: (Tranquillizzato dall’argomento “non sportivo”) No Tanì, stammatina si ‘o primmo monaco che arriva al cunvento!

Gaetano: Overo? Chesta è nnova! Stammatina so’ arrivato primma ‘e Giuvanno? (Guardando alla finestra) Pirciò è malu tiempo!

Ciro: Tanì, famme nu favore, Aggie pacienza! M’aiute ‘a ‘gghizà ‘e sacchette a dint’’e ‘bbidune? So’ troppe pesante pe mmè! Ll’ati juorne m’ha sempe aiutato Giuvanno pecché arriva pe’ primmo!

Gaetano: Nientemeno! Tu sì ddoje vote a me, tiene stu fisico e vuo ‘na mano a me p’aizà na sacchetta d’’a munnezza? Cu sta salute l’avisse aizà tutt’’e ddoje cu una mano!

Ciro: E je ‘o ssapevo che non poteva essere! Il super infermiere non si abbassa ai lavori di manovalanza!

Gaetano: Cirù, ma che vvuò ‘a me stammatina? Nun è comme dice tu! Io ho solo detto che ce la puoi fare!

Ciro: Ma te sì scurdato ca je so’ invalido? M’hanne cagnato ddoje valvole ‘o core?

Gaetano: Eehh! Ce stanne ggente ca doppe ‘o trapianto ‘e core aizene ‘e sacchette ‘e ggemento e vanno a sfravecà! Tu pe’ ddoje valvole …! Addirittura invalido! Avesse sta je dint’’a commissione invalidi civili!

Ciro: Guagiò! Nun tiene proprio rispetto ‘o ssaje? Mettitavelle ‘ncapa ca je so’ categoria protetta!

Gaetano: No Cirù! Non è macanza di rispetto! Il fatto è che voi ci marciate su questa specie di invalidità, e non poco. L’invalidità vera è n’ata cosa e non la auguro a nessuno! Voi portantini site tutt’’e stessi più che una categoria protetta siete una “specie” protetta comme ‘a foca monaca, (Ridacchia) ‘e Cormorani…!

Ciro: Ma che d’è ‘na puntata ‘e Geo geo!

Gaetano: (Saccente) Geo & Geo vorrai dire!

In quel mentre entra Peppe Alè, il posteggiatore abusivo. Tossicodipendente e sieropositivo all’AIDS, malconcio, abiti dismessi, aspetto tumefatto, perennemente intento a comportamenti compulsivi, lontani dalla realtà, come da postumi di sostanze allucinogene; pochi gli sprazzi di lucidità. Non è una persona cattiva, anzi a modo suo, quando è lucido, sa anche essere molto corretto e onesto. Sa di poter contare su Gaetano in quanto residenti nello stesso quartiere e grandi amici. Spesso e volentieri conclude ogni sua frase con “Alè”, da quì il soprannome!

Peppe: (Entra cantando alcune Hit di musica dance con alcuni mazzi di chiavi d’auto in mano) Sweet sweet sweedy! Shadow shadow! She bangs, she bangs! She moves, she moves! Cuando esta noche tramonta el sol mon amour mon amour! A piedi nudi vicino al mar a bailar a bailar! Alè!

Ciro: Oilloco! E’ arrivato ‘o pazzo! Uè! ‘A vuò fernì d’alluccà? Chesta nun è ‘na discoteca!

Peppe: (Incalzando e notando che Maria, nel frattempo giunta sulla soglia della tisaneria, gli fa la caricatura ballando) Disco disco dove io sono veramente io è fantastico superfantastico … E la dimensione che mi fa vivere con te l’avventura che c’è dentro di me… Bambina bambina “Sing along and dance bambina” bambina bambina disco bambina. Bambina bambina bambina ba….Alè!

Ciro: (Mentre Peppe canta) E’ arrivata pure Heather Parisi! Te vuò sta zitto ‘o no?

Gaetano: Nun ‘o dà ‘ncapo ca è peggio! Marì trase dinto jà! Nun ‘o dà corda! (Maria rientra) Peppì che è stato? Notizie importanti? (Avvicinando il proprio volto al suo) Mamma mia e che t’haje bippeto ‘a primma matina ‘na distilleria? Insomma?

Peppe: (Cominciando a rappare) Caro il mio Aitano, la tua machina ho parcheggiato, un bel posto le ho trovato e le sue chiavi ti ho portato, (Mimando il gesto) c’hai un grande deretano! Caro il mio Aitano! Alè!

Gaetano: Grazie Peppì! Damme ccà e tiè! (Prende le chiavi e gli dà un Euro)

Peppe: Miette ccà! Cheste so’ ‘e cchiavi ‘e nu Mercedes! Te piacesse ‘e tenè ‘o Mercedes eh? Ma tu nun ‘a tiene ‘a faccia d’’o Mercedes! Tiè pigliati ‘e cchiavi d’’a Punto toja! (Esce riprendendo l’ultima canzone e sulla soglia) Alè!

Ciro: Mamma mia! Se n’è gghiuto! M’ha ‘ntrunato tutt’’e cervelle! Insomma ma vuò dà sta mano o no?

Gaetano: Il tempo che m’infilo il camice e sono da voi! (Prende un camice dall’armadietto, lo indossa e si avvicina a Ciro per aiutarlo a sollevare i sacchi. Nel sollevarne uno nota che non sono così pesanti ed esclama) Né Cirù! Ma overo nun c’ha faje a ghizà sta sacchetta? Quella è leggerissima! (Fa un movimento altalenante col sacco per dimostrarne la leggerezza) L’alzerebbe persino un bambino! Nun me pare ca tu staje accussì ‘nguaiato!

Ciro: (Commiserandosi) Oggi non è molto pesante! Ma altre volte, credimi, se non mi aiutano, non riesco neanche a cacciarle dal bidone!

Gaetano: (Ironico ma deciso) Ma Famme ‘o piacere Cirù! Ma che ce putimmo maje menà dint’’a sti sacchette? Qualche garza, bottiglie di plastica vuote, rifiuti urbani in genere. Da come parli tu pare ca cchà ddinto ce menammo ‘e cape ‘e morte cu tutt’o scheletro appriesso! Jamme jà! Puorte sti sacchette ‘a parte ‘e fore e vedimmo ‘e fa ampressa!

Ciro accenna ad una reazione, ma in quel momento entra Caterina; il sogno proibito di tutta l’equipe, non avendo rivali all’altezza. Bella, sinuosa, slanciata, provocante, simpatica, ammiccante … femmina insomma; a 360°. Sulla quarantina, vestita con jeans attillati, stivali neri, camicetta, giubbino di pelle nera aderente, borsa abbinata, capelli neri sulle spalle trucco evidente ma mai volgare, profumatissima. Caterina è un’infermiera al pari di Giovanni e Gaetano ma svolge, prevalentemente, compiti di segreteria intervenendo, nelle mansioni prettamente infermieristiche, soltanto quando c’è da erogare assistenza a pazienti di sesso femminile e bambini, ma sempre supportata da uno dei due colleghi in quanto poco esperta. Naturalmente, pur subendone il fascino, è mal vista da Gaetano con il quale accende, spesso, screziose diatribe soprattutto perché, secondo lui, non fa nulla. E’ soltanto la “scrivana” dei medici!

Caterina: (Entra seguita da Peppe Alè) Buongiorno Gioventù! Gaetano! Nientedimeno che la tua voce si sente fino alla strada! (Ripone la borsetta in un armadietto ed infila un camice).

Gaetano: (Ironico ma gentile) Che orecchio fino che hai! Perché non ti fai assumere dalla Digos per le intercettazioni ambientali?

Caterina: (Ammiccante) Non sarebbe male come idea! Ma ascoltare tutte le tue conversazioni rischierebbe di annoiarmi a morte data la pochezza dei loro contenuti!

Gaetano sta per borbottare qualcosa ma viene interrotto da Ciro, prima e da Peppe, dopo.

Ciro: (Entusiasta)Mamma mia Caterì! E comme stai ‘ncatasto stammatina! (Alludendo al giubbino di pelle nera) Me pare ‘a mugliera ‘e Fonzie! (Per farsi bello davanti a Caterina solleva i due sacchi con una mano ed esce per andare a riporli. Rientrando subito dopo esclama festoso) Diciteme che ore so? Pecché stammatina Caterina ha fatto fermà ‘e ‘rilorge!

Peppe: (Cantando) Ah ah ah corazon espinado, como me duele me duele mi alma, ah ah ah como me duele el amor pò pom pò pom pò! Alè! (Ammiccante) Ecco le vostre chiavi mia dolce “Sifilide”! Alè! (Esce)

Caterina resta sbalordita, impietrita e Gaetano scoppia in una grassa risata che fa irritare la collega.

Gaetano: (Continuando a ridere) Peppì sei un grande! Sei un genio (Gli lancia un bacio). (Riavendosi) Mamma mia e che risate! Potenza dei Lapsus!

Caterina fruga nella borsetta visibilmente contrariata e tira fuori un Dvd.

Ciro: (Ignaro) Ma c’ha ditto ‘e strano Peppe? Che t’ha fatte ridere ‘e chesta manera? E ha fatte accusà a sta povera guagliona?

Gaetano: (Ironico e compiaciuto) Mio forzuto amico, Peppe ha avuto quello che oserei definire un “Lapsus luetico”; ovvero, voleva fare un complimento a Caterina dicendole “Mia dolce Silfide”. Silfide, la leggiadra dea dei boschi; ma gli è uscito “Sifilide”, la malattia delle prostitute. Quindi, Lapsus luetico, della lue, della Sifilide!

Ciro: E sta strunzata t’ha fatte ridere e chesta manera? Ma famme ‘o piacere vatt’accattà nu cocco e puortece ‘na fella! Và, và!

Caterina: (Riavendosi con self control) Nun ho dà retta! Chillo ‘e nu presuntuoso fesso! Comunque Grazie per aver preso la mia difesa! (Porgendogli il Dvd) Ti ho portato il Dvd di Gomorra. L’ho già visto ieri a casa. Si vede e si sente una favola!

Ciro: Grazie Caterina! Sì nu bijoux! Statte accorte a cammenà cu sti dischette appriesso! ‘E Finanzieri stanne comm’’e “Falqui”

Gaetano: (Riprende a ridere) Accussì appriesso ‘a lengua ve’ sciuglite pure ‘a panza!

Ciro: Mamma mia Tanì! E me so sbagliato! (Facendo la caricatura di Gaetano poco prima) Ho avuto quello che oserei definire un lapsus lassativo! Ma tu staje comme ‘nu ciucciuvittolo p’ogni cosa ca dicimmo ‘e sbagliato? Ma tu nu sbaglie maje? Anzi no! Haje sbagliato a nascere! Mammeta t’aveva sciogliere ‘o velicolo!

Caterina: Non preoccuparti Ciro! Non ci sono problemi! Questo film me l’ha venduto un mio amico finanziere dopo averlo sequestrato su una bancarella! (Rivolgendosi verso l’esterno) Maria! E’ pronto il caffè?

Maria: (Dall’esterno) Uè Caterì! Mmò mmò sta saglienno! Vieni viè!

Caterina: Arrivo! (Esce)

Ciro: Tanì haje ‘ntiso? Nu finanziere ca se venne ‘a rrobba sequestrata? (Agitando il dischetto) Questa è Camorra!

Gaetano: Forse volevi dire Gomorra? ‘O Film?

Ciro: No Tanì! Stavota nun me so sbagliato! Chesta è Camorra! Nu povero cristo, magari extracomunitario sta mmiezo ‘a ‘na via sott’o sole, l’acqua, ‘o viento pè s’abbuscà na cusarella ‘e sorde! E isse che rappresenta ‘o Stato? Che porta ‘na divisa? In nome della legge sequestri tutto? E t’ho tuorne a vennere nata vota? Che schifezza!

Gaetano: Hai ragione Cirù! E ‘na Schifezza! Ma pecché sabato mattina, la Polizia, nun jeve cercanno ‘a Peppe Alè ccà ffore? Pè sapè addò si rifornisce! (Fa un gesto eloquente con la mano) Capisce a mmè! Ma quello oramai non si fa più! Me l’ha assicurato lui stesso! Si è talmente abbruciato ‘e cervelle che non gli fa effetto più nulla. Beve soltanto superalcolici quanno s’’e ppò accattà con i soldi della posteggia! E questi si stanno accanendo ancora su di lui! Comunque, pè nun t’ha purtà a luonghe, s’annascunnette dint’’a machina mia pè nun se fa acchiappà! Pirciò primme me so’ fatto purtà ‘e chiave d’’a machina!

Ciro: Mamma d’’o Carmene! A riseco ‘e passà nu bellu diciassette! (Riflessivo) Facce bbuono je che vengo a faticà cu ‘o mezzo!

Entrano Giovanni e Luigi; Giovanni è alto, magro, sui quarantacinque anni, faccione volitivo, bruno e con occhiali fissi, vestito con jeans scuri e giubbotto rosso. E’ in ritardo rispetto alla sua tradizionale puntualità. E’ una persona molto meticolosa, quasi maniacale, annota tutto su un’agendina dalla quale non si separa mai. E’ spesso vittima di piccole disavventure da qui la fama di jellato. Luigi è alto ma abbastanza in carne e pacioccone, sulla quarantina, occhiali fissi, molto simpatico e spiritoso ma altrettanto polemico e irriverente, ritardatario cronico.

Giovanni: Buongiorno!

Luigi: Ciao ragazzi!

Ciro: Giuvà, comme staje bello cu stu giubbino! Te manca sulo ‘o cavallo e può fa Garibaldi!

Gaetano: Giuvà ma comme maje stammatina haje fatte accussì tarde?

Giovanni: (cercando di giustificarsi) Veramente…

Luigi: (interrompendolo) Ma che d’è stammatina ‘a metropolitana ha bucato ‘e rrote?

Ciro: (incalzando) Stevemo cu nu pensiero! Vuleveme scrivere a “Chi l’ha visto?”

Giovanni: (rizelandosi) Guagliù! Ma stammatina tenite ggenio ‘e parià? Je sto comme a nu’ pazzo! Per me la puntualità è tutto. (estraendo l’agendina) In tre anni è la seconda volta che faccio tardi! E’ una questione di rispetto, serietà e professionalità. Mica come certe persone che vengono a lavorare per sport? (I tre fanno un gesto come per dire “Vai a quel paese”) Stamattina è maltempo! Quanno ‘a Napule è maletiempo non ce n’è per nessuno! Nientemeno ca ce sta ‘o traffico pure ‘a cammenà a père; cu tutte chilli ‘mbrielle ca se tozzano uno cu n’ato! (Nel mentre ripone gli oggetti personali in un armadietto e si infila un camice)

Ciro: Hai ragione! Me pare ‘a giostra d’’e “‘mbrielle Tozzi tozzi”! (Gaetano e Luigi ridono)

Giovanni: (proseguendo) Stamattina (ironico) il “Metrò”, Il fiore all’occhiello dell’ingegneria partenopea, ha zumpato ddoje corse pecché s’è allagata ‘a stazione a Materdei? E io la prendo nell’altro verso, da Piscinola! (polemico) Ma per cortesia! Stanno da almeno venti anni per realizzarne soltanto un breve tratto! (gioco di parole) Che funziona a tratti! Un cantiere cittadino sempre aperto, un pugno in un occhio per il turismo di questa città e per le esigenze dei cittadini, l’eterna incompiuta! Altro che l’incompiuta di Beethoven! Chissà se vivremo abbastanza a lungo per vederla completata! (Gli altri si girano e si toccano).

Luigi: (Ironico) Secondo me ha zumpato ddoje corse pecché ce stive tu ‘ncoppe! Prima o poi aveva succedere! Haje appestato pure ‘a Metropolitana!

Giovanni: Sì, sì! Sfutte, sfutte! Je vulesse vedè a te, ogni matina, a partì dalla provincia e piglià nu pullman e na metropolitana pe’ vvenì fino a ccà pecché nun è stata completata (Allude alla metropolitana). ‘E pullman so’ sempe affollati e si nun ffaje a tiempo pierde ‘o collegamento p’arrivà in orario.

Gaetano: E vero! E uno stress!

Luigi: (sarcastico) Guagliù, je vengo cu ‘o mezzo a faticà ed è un’avventura anche per me cu tutte chesti strade scassate e chiene ‘e fuosse! Chelle nun so’ strade… so’ campi minati! Pe’ vvenì a faticà aggia fa nu slalom gigante mmiezo ‘e fuosse ca si Alberto Tomba sciasse ancora nun m’ho vedesse proprio! E quanno scenno abbasce Napule, ‘o centro, e che ne parlamme a ffà? ‘Ncoppe a chilli vasoli è impossibile camminare senza rischià e te struppià. Nientemeno che quanno se cammina n’coppe ‘e vasoli, c’’o mezzo, s’abballa talmente ca ‘e rine mieje accusano! E’ incredibile!

Ciro: E comme stanne ‘e cose mò rischi pure ‘e cadé dint’’a nu muntone ‘e munnezza!

Gaetano: Altro argomento scandaloso! Qua non bisogna farsi tante illusioni, la situazione è seria ed è al collasso. Qua rischiamo una nuova epidemia di colera!

Giovanni: Hai ragione Tanì, soprattutto per me che abito in provincia! C’è spazzatura ovunque. Ma funziona questo termovalorizzatore? O no? Chiunque ci sia a governare questa regione, che sia di destra o di sinistra, ‘a canzone è sempe ‘a stessa! Pensano soltanto a trovare un luogo adatto dove sversare tutti i rifiuti,  anche senza pretrattarli e stoccarli. Pensano solo ad aprire e riaprire discariche. Insomma stanno avvelenando la nostra terra senza ritegno!

Ciro: Je c’ha purtasse sotto ‘a casa lloro!

Giovanni: Pensate che l’altra sera mi hanno fermato i vigili! M’hanno fatto nu verbale pecché steve jettanno ‘a munnezza fuori orario e per terra ce n’era almeno una tonnellata che se pigliava quasi tutt’a strada! (Gli altri ridono) Io ho cercato di protestare per l’assurdità della cosa ma loro non hanno voluto sentire ragioni!

Ciro: E te pareva Giuvà! Nun te putive smentì!

Gaetano: Sei unico!

Luigi: Sulo a te te putevano fa nu verbale accussì! In piena emergenza rifiuti!

Ciro: Je ce l’avesse fatto agliottere ‘o verbale! (Infervorandosi) Ma che stammo pazzianno? Cu tutta chella munnezza ‘nterra che fèta ‘naccidente?

Giovanni: Guagliù ma vuje site forte! (Alludendo ai vigili) Chille erano dduje ‘e lloro e je steve sulo! Comme facevo a contestà! Mi hanno anche detto che la mia spazzatura non era differenziata!

Luigi: T’hanno pure pigliato pè culo! Ma pecché ‘a munnezza che steve ‘nterra era differenziata?

Giovanni: No!

Ciro: E allora t’hanno sfuttuto!

Nel frattempo entra Maria per avvisare che ormai il caffè è pronto.

Luigi: E quant’è sta multa?

Maria: Chi è c’ha pigliato ‘a multa?

Gaetano: Giovanni! Gli hanno fatto un verbale perché ha buttato la spazzatura fuori orario.

Ciro: Sì Marì! Ma ‘nterra ce ne steva almeno ‘na tunnellata!

Maria: Overo Giuvà? Mamma mia ma te succedeno sempe a te? E quanno t’hanno cercato?

Giovanni: 116 Euro!

Maria: ‘A faccia mia! Ma te riende conto? E quanto tenive ‘ncuollo?

Giovanni: Nun me ricordo! Me pare 50 Euro! Sì, sì! Erano 50 Euro!

Maria: Mamma mà! Nientemeno ca si te rapinavano ‘e mariuoli sparagnave! Comunque il caffè è pronto! Venite di là o ve lo porto di qua?

Giovanni: (Un po’ risentito) No grazie Marì, caffè nun ne voglio! L’aggie pigliato ‘a casa primme ‘e scennere!

Maria: (Incalzando) Tutt’apposta stammatina? Nun è ca t’è scuppiata n’ata vota ‘a cafettera d’’a casa? E’ pirciò haje fatto tardi?

Giovanni: (Sempre risentito) No Marì! E’ sagliuto liscio liscio! Aggie fatto tarde per altre ragioni!

Maria: (Invadente) Uh uh! E quali sò? Famme senti!

Giovanni: (Esasperato e duramente) Se permetti questi sono affari miei!

Maria: Mamma mia! E comme pigli père ampressa? Je sto pazzianno! E’ meglio ca ‘o cafè nun t’ho piglie! T’avessa fa male ‘a pressione? Comunque venite a llà ca è pronto! (Esce)

Giovanni: Scusate guagliù! Ma avete visto come è invadente?

Gaetano: Jamme giuvà steve pazzianno! Comme a nuje!

Luigi: (A Giovanni) A te te piace ‘e sfottere senza essere sfuttuto!

Giovanni: (A Luigi) E a te te piace d’appiccia ‘o fuoco e di azzuppare il pane!

Gaetano: Seriamente guagliù! Tornando al discorso di prima! Ma come è possibile che soltanto nei comuni della provincia di Napoli non si riesce a fare una seria raccolta differenziata? Non penso sia colpa soltanto dei cittadini, è colpa soprattutto di una politica regionale e locale molto disattenta e carente e, secondo me, c’è anche lo zampino (fa un cenno con la mano molto eloquente) “d’’o sistema”.

Giovanni: E’ per forza! Quelli hanno i loro tentacoli dappertutto!

Gaetano (continuando) Altrimenti non si spiegherebbero tutte quelle discariche abusive divenute, poi, improvvisamente legali con l’aiuto di qualche “politico compiacente”!

Luigi: E magari infiltrato dal “sistema”!

Gaetano: Bravo! Ma state vedendo quello che sta succedendo con i manifestanti? Tal’e quale all’altra volta! Anche qui si parla di infiltrazioni del “sistema”!

Luigi: Appunto! ‘E vedite tutte sti proteste? ‘A Polizia cu ‘e lacrimogeni! ‘E manifestanti cu ‘e Molotov! Secondo me è tutto fatto apposta! In questo modo si può attaccare una giunta scomoda e costringerla alle dimissioni!

Gaetano: Esatto! Oppure a richiamare l’attenzione sulle problematiche della nostra regione, magari per ottenere più fondi! Insomma più denaro da spartirsi tra di loro!

Giovanni: Comunque un po’ di colpa ce l’hanno anche i cittadini, perché non s’impegnano a fare una seria raccolta differenziata; che secondo me è alla base!

Luigi: Io comincerei col differenziare i politici! (Accompagna le parole con i gesti) Accussì ‘e smaltimme pe’ primme! E c’’e levammo ‘a tuorno! (Infervorandosi) Ma famme ‘o piacere! Hanno sfriggiate ‘na città! Che figura ‘e merda che stamme facenne pe’ tutt’’o munno cu tutti sti agnarate che c’azzuppano pure ‘o pane!

Ciro: Bravo!

Gaetano: A proposito di brutte figure e tanto per cambiare argomento, avete visto le partite ieri? Grande Napoli e grande Pocho!

Giovanni: (Alludendo a Ciro) E Juve deludente!

Luigi: (A Giovanni) Hai visto commme te piace ‘e sfruculià?

Ciro: (A Giovanni) E che significa? ‘A Juve è ‘na squadra tosta, solida; adda ancora assurbì ‘e schemi dell’allenatore nuovo! ‘O Napule invece è ‘na bolla ‘e sapone cu chillu presidente che pensa sulo a ffà sorde!

Luigi: (Intervenendo) Cirù famme ‘o piacere statte zitto! Ma haje visto ‘a Juve a chi tene mmieze ‘o campo?

Ciro: Pecché? Che tiene ‘a dicere?

Luigi: Che tengo ‘a dicere? Tene ‘a Felippo d’’e mele ca quanno joca s’ammonna sul’isso! Amaurì agnar c’è bisogno d’’o marcà pecché se marca sul’isso! Del Piero ca mo va in pensione, (esagerando) nientemeno ca jeve ‘a scola cu papà! Meza squadra infortunata! E fino all’anno passato avite tenuto a Diego! E comme te frusciava pe mezo ‘e stu Diego! Guagliò miettete ‘ncapa, na vote e pe sempe, una cosa! (Alludendo a Maradona) Di Diego ce n’è uno solo e nun ne nascene cchiù!

Ciro: M’ero scurdato! ‘O cocainomane! Quanno jucava steve sempe ‘mbuttunato ‘e droga!

Gaetano: Cirù nun jastemmà!

Giovanni: Quello era talento allo stato puro!

Luigi: Vuje avite vinciuto ‘e scudette “telefonicamente”! Ma è fernuta l’era Moggi! Oggi le partite le dovete vincere giocando!

Ciro: (Un po’ imbarazzato e cercando di stemperare) Sì, sì! Haje ragione tu! Anzi vuò avè sempe ragione tu! Ma pecché ‘a vosta è squadra? Tenite ‘o Pocho che corre sempe; ma corre a vacante pecché nisciuno ‘o segue! E po’ s’adda adderezzà ‘e piedi! Hamsik ch’adda ‘ncarrà ‘a partita pe fa quaccosa ‘e bbuono! Altre volte (Alludendo alla stravagante pettinatura del calciatore) me pare o maneco d’’o penniello che tene ‘ncapa! Nu centrocampo e ‘na difesa che so nu colabrodo! Forse se salva justo ‘o purtiere e Cavani.

Luigi: (Alterandosi) Ma p’ammore ‘e Dio ferniscele! Ve site accattate ‘a Quagliarella core ‘ngrato che segna nu gol ogni sedici partite!

Ciro: Gigì! Senza che te sbatte che faje ‘a scumma! Vedi ca ‘o miedeco sociale d’’o Napule sta cercanno a nu ‘nfermiere!

Giovanni: (Credulone) Overo? E pecché?

Ciro: Pecché s’adda mettere ‘o catetere a Lucarelli! Doppo tre partite nun s’è visto cchiù! E vide che s’adda cagnà pure ‘o pannolone!

A questo punto entra il Dottore Olibet, sulla cinquantina, non molto alto, pochi capelli bianchi, simpatico, ironico e fissato con le scommesse. Veste casual e reca con se un vassoio contenente cornetti. E’ una sua abitudine alla quale adempie, scaramanticamente, ogni volta che vince.

Dr. Olibet: Buongiorno ragazzi! (Mostrando trionfalmente il vassoio) Li porto di là?

Ciro: E’ bravo ‘o duttore Olibet! Ha vinciuto ‘a bulletta!

Dr. Olibet: (Compiaciuto e quasi compiendo un rito scaramantico con Ciro) E agge purtato ‘e cornetti!

Ciro & Dr. Olibet: (Battendo il cinque) Alè!

Dr. Olibet: Di che stavate parlando?

Ciro. Niente duttò! Comme ‘o solito me steveno sfuttenno pe mmezo c’a Juvendese ha perzo!

Luigi: Azz ha perzo! Menu male che l’arbitro ha fischiato ‘a fine d’’a partita ‘o si no pigliaveve na goleada!

Ciro: Avite visto duttò? Mo che colpa tengo je ca so Juventino?

Dr. Olibet: Certo ca chesta è ‘na brutta malatia! T’avisse fa ‘na bella cura! Ma comm’è possibile ca tu sì Juventino? Eppure staje ‘e case dintt’o Buvero! Llà è ‘a patria d’’e tifose d’’o Napule!

Ciro: Duttò mo accumminciate pure vuje? ‘O ssapite comme ‘a penso! Finché a Napoli ce sta stu presidente je so Juventino!

Luigi: No tu si pagnuttista!

Dr. Olibet: Ciro, tu sei un ragazzo intelligente e mi dispiace quando ragioni così! Una fede è fede a prescindere da chi dirige una squadra. Mi dispiace dirtelo ma questo tuo atteggiamento da ragione a Luigi.

Ciro: Duttò nun aggie capito! In che senso da ragione a Gigino?

Luigi: Nel senso ca sì nu pagnuttista e bastardo bianconero!

Giovanni. Tiene ‘o difetto fratè!

Gaetano: Rassegnati! Sei un Iscariota!

Dr. Olibet: (Cercando di placare gli animi) Ragazzi basta così! (Porgendo il vassoio a Ciro) Ciro, per cortesia, porta questo vassoio di là! Il tempo di infilarmi il camice e vi raggiungo! (Ciro esce col vassoio. Il Dr. Olibet si dirige verso un armadietto e indossa un camice) Jamme Guagliù! Venite di la primme ca fernesce tutte cose!

Il Dr. Olibet esce seguito da Gaetano e Luigi mentre a Giovanni gli squilla il telefonino con una romantica suoneria (You latest trick – Dire’s Straits).

Giovanni: Ragazzi, andate voi! Io resto qui a parlare al telefono!

Gaetano: Va bene! (A Luigi) Questa è la consueta telefonata della moglie! Ormai la riconosco dalla suoneria!

Luigi: (A Gaetano) Mamma mia! E che vicchiaia ca c’aspetta cu chisto! P’ammore ‘e Dio!

Gaetano: Overo Gigì! Buono guaglione ma è troppo pesante! Mo gli deve raccontare tutta la sua Odissea!

(Escono. Una voce fuori campo sarà Nina, la moglie di Giovanni con il classico piglio di dominanza coniugale.)

Giovanni: (Risponde al telefono con voce imbarazzata)  Nina!

Nina: (Incessante) Giovanni mi senti? Tutto a posto? Sì arrivato?

Giovanni: Nina! Una domanda alla volta per cortesia! Comunque tutto bene, aggie fatto tardi ma so arrivato!

Nina: E io ‘o sapevo! Quanto ritardo hai portato?

Giovanni: E che so nu treno? Comunque ho tardato circa un’oretta!

Nina: Nun fa ‘o spiritoso! Adesso quest’oretta la devi recuperare è vero?

Giovanni: Sì!

Nina: Me l’aspettavo! Quindi tuorne cchiù tardi ‘a casa!

Giovanni: Sì Amò!

Nina: E’ inutile che mi allisci pe’ telefono! Non c’è niente da fare! Sei un imbranato!

Giovanni: Amò! Dai! Non capita quasi mai che faccia tardi al lavoro! Lo sai bene che mi è successo!

Nina: Appunto! Proprio pecché ‘o saccio dico ca si ‘mbranato! Hai visto che hai combinato stamattina quanno haje fatte ‘o ccafè? Nu maciello!

Giovanni: E’ stato un incidente! Quella macchinetta è difettosa! Non avvita bene ed il caffè esce fuori!

Nina: Ma quanno maje! ‘A machinetta è difettosa sulo pè te! Ma dico io, si ‘o cafè t’‘o fanno dint’’o reparto tuoje pecché  t’‘o vvuò fa pure ‘a casa? Pigliatillo ‘ncoppe ‘a fatica! Accussì nun me nguaje ‘na cucina!

Giovanni: (Amorevolmente) Te ne volevo portare un poco pure a te, a letto!

Nina: Ma nun me sfottere! Famme ‘o piacere! Pe’ comme è schizzato, n’atu ppoche m’‘o facive arrivà in volo ‘ncoppe ‘o lietto! Comunque nun fa niente! Nun te n’incaricà cchiù! Te ringrazio! Quanne m’aize m’’o faccio ‘a pe’ mmé!

Giovanni: (Mestamente) Va bene cara!

Nina: Ch’hanno ditto ‘e cumpagne tuoje ca sì arrivato cchiù tarde?

Giovanni: Niente! Se so’ meravigliati!

Nina: T’hanno sfuttuto eh?

Giovanni: Nu poco! ‘O ssaje comme so’ fatte, no? Tenene sempe ‘a capa a pazzià!

Nina: E tu cirche ‘e te fa rispettà nu poco! Me l‘ha ditto pure Maria! Si addeventato ‘na barzelletta!

Giovanni: Ma quanno maje! Chello ‘a Maria le piace ‘e nciucià! Nun ‘a da retta!

Nina: E’ venuta ‘a collega toja?

Giovanni: Quale?

Nina: Nun me piglià in giro! Tu una ne tiene!

Giovanni: Ah! Caterina!

Nina: (Ironica e acida) Sì Caterina! Caterina ‘a bella! E’ venuta?

Giovanni: Non lo so! Non l’ho ancora vista!

Nina: E quanno ‘a vide fa ‘a perzona seria! Cu chella jatta morta!

Giovanni: Chesto pure Maria te l’ha ditto?

Nina: No Giuvà! Maria nun c’azzecca niente!

Giovanni: E allora? Che ne saje comm’è ‘a collega mia?

Nina: Che ne sacce? Tu stanotte, dint’’o suonne, m’haje chiammate Caterina tre vote!

Giovanni: (Imbarazzato) E nun me ricordo! Stavo dormendo! Forse steve facenno nu suonno!

Nina: ‘A prossima vota t’ho spezzo je ‘o suonno! Cu nu sicchio d’acqua fredda ‘nfaccia! Dimme nu poco!  Haje Pagato ‘o verbale d’’a spazzatura?

Giovanni: Non ancora! Vulesse fa ricorso! Mo parlo cu Gaetano ca tene ‘o frato avvocato!

Nina: Ma nun da retta! Cu ‘a ciorta che tenimme va a fernì c’’o pagammo diece vote tanto! Addo l’haje miso? Stammatina ‘o vaco a pagà je!

Giovanni: Sta ‘ncoppe ‘a cassettiera d’’a cucina ma s’è spurcato ‘e cafè e allora l’aggie miso ‘ncoppo ‘o tavolo d’’o soggiorno!

Nina: (Rassegnata) Vabbuò aggie capito! M’’o veco je!

A questo punto entra Caterina.

Caterina: (Non accorgendosi che il collega è ancora a telefono, festosa) Giovanni! Ciao Cucciolo! Stamattina non ti ho proprio visto! Ma non vieni di là? Ci sono i cornetti!

Giovanni: (Mostrando il telefonino alla collega ed intimandole il silenzio) Ciao! Scusa! Preferisco non mangiare! Ho iniziato la dieta!

Nina: Ma che stai dicenno? Farenella! Cu chello ca te sì magnato ajere!

Caterina: (Incurante dell’avvertimento) Ma dai! Vieni di là! Facci compagnia! Cha fai solo soletto qui dentro? Oggi devo recuperare anche io un’ora! Mangiamo insieme?

Giovanni: (sempre più imbarazzato) Non lo so! Ne parliamo dopo!

Nina: Vai vai! Falle compagnia! Quanno viene ‘a casa ne parlammo!

Giovanni: (Preso tra due fuochi) Ma no Amò! Aspetta!

Caterina: Dici a me?

Giovanni: (A Caterina) Non a te! Aspetta! Sì, sì! Dopo! Vengo di là! Avviati!

Caterina: Ok! Allora aspettiamo te prima di aprire il cartoccio!

Giovanni: Sì, sì! Ok! Vengo subito! (Alla moglie) Tesoro?

Nina: Ma quale tesoro! Va va! Nun ‘a fa aspettà! Stammatina vengo lloco e ve scutuleo a tutt’e dduje!

Giovanni: (Spaventato) Nina ti prego! Non è comme pienze tu! Nun facimmo guarattelle!

Nina: Nun te preoccupà! Nisciuna guarattella! O sì nò te fanno n’ata barzelletta ‘ncuollo! Comunque ‘a casa facimmo ‘e cunte! Ciao! (Riattacca)

Giovanni siede alla scrivania sconfortato. Entra Maria recando con se un bicchierino di plastica contenente del caffè ed un cornetto avvolto in un tovagliolo di carta. Siede di fronte a lui.

Maria: (Con atteggiamento materno) Uè Giuà! T’aggie purtato ‘o cafè! Ma che è succiesso? Nun saccio comme te veco! (Giovanni non risponde e sfugge allo sguardo di Maria). Jamme! Mica te si pigliato collera pe’ primma?

Giovanni: (Accenna ad una risposta) No, no! Quando mai!

Maria: Guarda ca stevo pazzianno! ‘O saccio che t’è succiesso ‘a casa stammatina!

Giovanni: Ah! ‘O ssapive?

Maria: Sì! Primme ca tu venive ha telefonato Tua moglie e aggie risposte je!

Giovanni: Allora pure tu ti diverti alle mie spalle? E poi vai dicenno, a mia moglie, che m’avessa fa rispettà ‘e cchiù! Si ‘na ‘mpechèra!

Maria: Eeeeh Giuvà! Nun esagerà mo! Quà tutti ci divertiamo alle spalle di qualcuno! Tu stai da poco con noi e cierti meccanisme nun ‘e cunusce ancora!

Giovanni: Ma perché ridere delle disgrazie altrui rientra in un meccanismo? E’ ‘na regola?

Maria: Uè Giuvà! Comme a solito sì esagerato! Ma comme disgrazie? Je ‘e agnarat piccole disavventure! Comunque non c’è nessun meccanismo e nessuna regola! Qua siamo così! C’ha pigliammo ‘a ridere! Questo è una specie di girotondo goliardico!

Giovanni: Sì Vabbuò! Girotondo! A me nun me piace ‘e pazzià accussì!

Maria: Ma pecché quanne te miette ‘a sfottere a Ciro ‘nzieme all’ate che d’è? Nun è niente pe’ nisciuno eh? Guagliò ‘a verità saje qual è? Ca a te te piace ‘e sfottere senza essere sfuttuto! Ecco qua!

Giovanni: Comunque non era per questo che stavo giù!

Maria: Che altro è successo?

Giovanni: Prima mi ha telefonato Nina! Mentre parlavo con lei è trasuta Caterina!

Maria: E allora?

Giovanni: Lei, incurante che stessi a telefono…(Si ferma)!

Maria: (Al culmine della curiosità) C’ha fatto? C’ha fatto?

Giovanni: (Imbarazzato) M’ha rignuto ‘e ciancie!

Maria: (Meravigliata) Overo? Cu mugliereta a telefono?

Giovanni: Sissignore! S’è miso a dicere pure: (Imitando la collega) “Oggi mangiamo insieme?”

Maria: E tua moglie?

Giovanni: Mia moglie ha sentuto tutte cose e s’è fatta afferrà pe’ pazza! Pienze ca vuleva venì fino e ccà pe ce scutulià!

Maria: E faceva bbuono!

Giovanni: Comme Maria? Faceva bbuono? Avimma fa ‘e guaratelle cca ‘ncoppe? Je nun aggie fatto niente!

Maria: Ma nun ce l’aggio cu te! Ce l’aggio cu chella jatta morta! Ma quanna cunferenzie? Senza penzà ca uno sta a telefono! Ma chi ‘a capisce?

Giovanni: Perciò sto così! Hai capito? Mo c’aggia fa secondo te?

Maria: Je si te pozzo dà nu cunsiglio me ne turnasse ‘a casa ampressa ampressa!

Giovanni: Accussì Caterina, ‘nzieme all’ate, me fanno n’ata barzelletta ‘ncuollo jenne dicenno ca je so pettulillo ‘e muglierema pecché nun so gghiute a mangià cu essa!

Maria: Ma nun ‘a dà retta a chella scippacentrelle! Ma che te ne ‘mporta? Guagliò ma tu sì proprio nu Babbà! Siente a me! Tuornetenne ‘a casa! Famme ‘o piacere!

Giovanni: Hai ragione Maria!

Maria: Mo t’’o vvuò piglià stu cafè? T’aggie purtate puro ‘o curnetto d’’o Duttore!

Giovanni: Grazie Maria! Tenevo proprio genio ‘e nu poco ‘e cafè! Stammatina è vulato pe tutte parte!

Maria: Mel’ha ditto Mugliereta! Mo avita pittà tutt’’a cucina!

Giovanni: E che vuò fa?

Maria sta per porre il caffè e il cornetto nelle mani di Giovanni. In quel mentre entra Peppe Alè con un mazzo di chiavi d’auto in mano.

Peppe: (Guardandosi freneticamente intorno) Ce sta Tonino? (Ancora più forte) Ce sta Tonino?

Giovanni: Ma che vò stu ‘nzevato ‘a ccà ddinto?

Maria: Zitto Giuvà? (A Peppe) Peppì ma a chi vuò?

Peppe: (Aprendo un armadietto) Tonì?

Giovanni: Statte fermo! Ma che staje facenno?

Maria: Giuvà ferniscele! Chisto o sta fatto o sta ‘mbriaco! Peppì nun ce sta nisciuno dint’’o stipetto!

Giovanni: (A Maria) Ma chi è chisto?

Maria: E Peppe ‘o parcheggiatore! Comm’è agnar ‘o saje? E’ pure n’amico ‘e Gaetano!

 Giovanni: E je vengo cu ‘a Metropolitana! Pirciò nun ‘o saccio!

Peppe: (Aprendo un cassetto) Tonì staje lloco?

Maria: Chiude stu tiretto Peppì! Viene ‘a ccà! A chi staje cercanno?

Peppe: (Si avvicina a Maria e Giovanni, nota il bicchierino col caffè e il cornetto e li prende) Brava Maria! Mi aveto portato il Cafiostitico col cornettuccio! (Comincia a mangiare ed a sorbire il caffè)

Maria: Uh Gesù! ‘O cafè ‘e Giuvanno!

Giovanni: (Con amarezza) Ecco quà! Era troppo bello! Sto sperenno pe’ nu poco ‘e cafè e stu zuzzuso se l’è pigliato!

Maria: Jamme Giuvà! Nu poco ‘e pacienza!

Giovanni: Ma quale pacienza? Chesta jurnata pè mmè nun aveva proprio schiarà!

Maria: Ma pecché è schiarata? Cu chistu ntiempo! Vulesse ‘o cielo!

 Giovanni: Mannaggia ‘o Babbà! Anzi! Mannaggia ‘o curnetto d’Olibet!

Peppe & Maria: (Quasi per riflesso) Alè!

Giovanni: (Quasi furioso) Vabbuò aggie capito? M’’o vvaco ‘a piglià ‘o bar stu benedetto cafè!

Maria: Uè Giuvà! (A Peppe) Peppì aspiette nu mumento! (A Giovanni) Si vaje ‘o bar, te dispiace ‘e me piglià ‘e sigarette? Nun vulesse ascì! Sta chiuvenno assaje e ajere m’aggio fatte ‘e capille! Mo te donghe ‘e sorde! Aspiette!

Giovanni (Ormai furioso per la beffa) Marì! Ma arriffate a Portobello! Agge pacienza! Vaco ’a llà! Nun ‘o voglio cchiù ‘o ccafè! Nun fa niente! (Esce dal centro)

Maria: (Seguendo l’uscita di Giovanni) Mamma mia! E che bruttu carattere che tiene! Da oggi in poi t’aggia chiammà Giuvanno ‘o frevaijuolo! (A Peppe) Insomma! Me vuò dicere a chi staje cercanne?

Peppe: Maria! Ce sta Tonino?

Maria: Ma chi è Tonino?

In questo momento Peppe ha un’allucinazione, gli appare davanti agli occhi, quindi alle spalle di Maria, proveniente dal centro, una dama bellissima con le braccia protese verso di lui. Questa presenza misteriosa è una proiezione dell’immaginazione di Peppe, per cui non sarà vista dagli altri astanti. La dama è di statura media con lunghi capelli castani e ricci vestita con abiti di gala di altri tempi.

Peppe: (Folgorato e stendendo le braccia) Mamma mia comme sì bella!

Maria: (Lusingata) Grazie Peppì! Ma comme te vene!

Peppe: (Estasiato avanza con le braccia protese) Maria!

Maria: (Incredula e tirandosi indietro all’avanzare di Peppe con le braccia protese) Peppì che d’è? Ma che è stato?

Peppe: Marì levate ‘a ‘nanzo! Haje visto comm’e bella?

Maria: (Spostandosi e un po’ risentita) Ma a chi haje visto?

Peppe: (Sempre estasiato. Fissando questa misteriosa presenza) E’ un Angelo!

Maria: (Voltandosi, vede Caterina sulla soglia) Ma chi? Caterina? Nun esagerammo mò!

Caterina: Maria! Dopo vieni un attimo per favore!

Maria: Sì caterì! Vengo subito! Dduje minuti! (Caterina Rientra)

Peppe: (Rivolto alla misteriosa presenza che nel frattempo lo chiama con eloquenti movimenti delle braccia) Sì arrivo! Angelo mio! Vengo subito tra le tue braccia!

Maria: Ma addò vaje? (Riferendosi a Caterina) A vuò fa sta quieta a chella povera guagliona? Ha passato nu caspito ‘e guaio cu te!

Peppe: (Raggiunge la misteriosa presenza al centro della scena, si inchina) Come sieto bella!

Maria: (Capendo che non si tratta di Caterina ma di un’allucinazione di Peppe) Mamma mia! Chi ‘o ssape a chi ha visto mò?

Peppe: Voleto ballare mia squisita Damigianella?

Maria: (Ironica e rassegnata) Vai vai! Doppo ‘a puorte add’’o canteniere e t’’a faje regnere ‘e Père ‘e Palumbo!

Peppe, incurante della battuta di Maria, s’inchina davanti alla misteriosa presenza, la quale risponde all’inchino  e i due si producono in un breve Valzer al tempo di un’irreale musica!

Maria: (Sedendosi con rassegnazione, guarda Peppe che balla praticamente da solo) E che pacienza ca ce vò! (Improvvisamente, da seduta, si mette a dirigere con le mani le evoluzioni di Peppe come avvertendo la musica dai suoi passi)

In quel mentre rientrano Luigi, Gaetano, Ciro e il Dr. Olibet che seguono incuriositi e stupiti questa insolita scena.

Dr. Olibet: Ma che succede?

Luigi: (A Gaetano) Chisto sta proprio cucinato cu ‘e cervelle! Peppì ma che faje? Abballe sulo tu?

Maria: (Continuando a dirigere) Avite visto Duttò? Se crede d’essere Fred Astaire! Chi ‘o ssape mò chi è Ginger Rogers ‘ncapa ‘a isse?

Dr. Olibet: (A Maria) Finiscila di dargli corda!

Maria: Mò vulite vedè che è colpa mia?

Dr. Olibet: (A Peppe) La vogliamo finire? (Peppe lo ignora. Il dottore lo percuote sulla spalla) Peppe smettila! (Peppe lo ignora)

Gaetano: Dottò perdite ‘o tiempo!

Ciro: (A Luigi) Manco p’’a capa! Ma fa ‘a vedé o è surdo?

Luigi: A me me pare in trance!

Ciro: Sta abballanno cu nu Trans? Comme ‘o faje a vedè?

Maria: A me me pare ca è femmena!

Luigi: (Spazientito) Vuje state cchiù cucinati ‘e Peppe!

Dr. Olibet: Gaetano che si può fare?

Gaetano: Bisogna assecondarlo!

Dr. Olibet: In che senso?

Ciro: Avimma abballa pure nuje?

Luigi: Sì ma tu abballe cu ‘o Trans!

Ciro: Abballo cu soreta! Scè!

Dr. Olibet: Finitela pure voi! (A Gaetano) Tu che lo conosci, che si può fare?

Gaetano: (A Maria) Direttore! Fate finire la musica!

Maria: Comme? C’aggia fà?

Gaetano: Maria devi dire: “Che la musica abbia fine!”

Maria: (Dubbiosa) Boh? (Si imposta, alza le braccia) Che la musica abbia fine!

Improvvisamente la musica s’interrompe, i due smettono di ballare, si salutano con riverenza e la misteriosa presenza scompare sulla sinistra.

Peppe: (Al Dottore) Tonì!

Maria: Mò accummencia n’ata vota cu stu Tonino!

Dr. Olibet: Dimmi Peppe che c’è?

Peppe: (Mostrandogli le chiavi) V’aggie purtato ‘e chiavi d’’a machina vosta!

Maria: (A Ciro) Ma pecché ‘o duttore se chiamma Tonino?

Ciro: Pecché nun ‘o sapive? Si chiama Antonio Olibet!

Maria: Overo? E nun ‘o sapevo!

Ciro: Nun saje maje niente tu!

Maria: Ma che vvuò?

Ciro: Tu saje sulo chello che vuò tu!

Maria: E cioè?

Ciro: Sulo chello che può ‘nciucià!

Maria: Ma vattenne va!

Dr. Olibet: (Prendendo le chiavi) Bravo Peppino! E dove me l’hai messa la macchina?

Peppe: Dottò! Putroppo l’ho messa in seconda fila! Annanze a chella d’’o primario! Pirciò cchiù tarde ve vengo a cercà ‘e cchiavi n’ata vota si l’aggia spustà! (Tossisce) Faciteve truvà! Nun agnarate!

Dr. Olibet: Non ti preoccupare! Sto qua! Dopo ti do un’occhiata alle spalle per quella tosse! Anzi fai una cosa! (Gli ridà le chiavi) Queste tienile tu! Casomai devi spostarmi l’auto! (Gli da cinque Euro) E questi sono per te!

Peppe: (Prende le chiavi e i soldi) Vabbuò Duttò! Grazie assaje!

Ciro: Peppì hai visto? ‘O duttore Olibet t’ha dato n‘a bella mazzetta!

Tutti: Alè! (Peppe esce riprendendo a tossire)

Rientrano Giovanni e Caterina.

Gaetano: (Al dottore) Non mi piace quella tosse! L’altra volta l’abbiamo salvato quasi per miracolo!

Dr. Olibet: Hai ragione Gaetano! Infatti più tardi gli darò un’occhiata e magari inizieremo subito con gli antibiotici! Non ti preoccupare!

Giovanni: Ma di chi state parlando?

Gaetano: Di Peppe, il parcheggiatore!

Giovanni: Ah! Chillu zuzzuso ‘e primme? Mamma mia! Me fa ribrezzo!

Ciro: (A Giovanni) Guarda ca è n’amico ‘e Gaetano!

Giovanni: Scusami Tanì! Ma nun ce pozzo fa niente! Me fa senso!

Maria: (A Giovanni) E comme ‘o faje stu mestiere? Pe’ vvuje ‘e Cristiani avessano essere tutt’eguali!

Giovanni: (Fuorviante) Sì! Hai ragione! Ma…è cchiù forte ‘e me!

Maria: Bella schifezza!

Ciro: Giuvà! Nun me l’aspettavo! ‘O ssaje?

Caterina: Ragazzi non giudicate! Ognuno è fatto in un modo! Lui è fatto così!

Luigi: Allora è fatto ‘na chiavica! Aggie pacienza Giuvà! Nulla di personale! (Al Dottore) Dottò ma che tene Peppe?

Dr. Olibet: Adesso ha un po’ di tosse! Potrebbe essere una banale influenza perché è sempre esposto alle intemperie! Oppure qualcosa di più grave legato sempre alla sua patologia di base!

Giovanni: E cioè?

Luigi: Ma pecché nun ‘o ssaje?

Giovanni: No! Pecché che tene?

Gaetano: E’ sieropositivo!

Dr. Olibet: Appunto! L’altra volta ebbe un inizio di Polmonite da Pneumocistis! Tipica dei sieropositivi! E riuscimmo a curarlo appena in tempo. (Siede alla scrivania e comincia a sfogliare un giornale)

Giovanni: (A Gaetano) Ma si droga?

Luigi: (Intervenendo) E certo! Nun ‘o vide comme sta fulminato?

Giovanni: Ma chi ‘o sape? Chi ‘e cunosce sti rifiute d’’a società? (A Gaetano) Mi meraviglio di come faccia ad essere amico tuo?

Maria: (Risentita) Veramente è amico nostro! Di tutti noi! In fondo è una brava persona! Nun ha maje fatto male a nisciuno!

Gaetano: Solo a se stesso!

Caterina: E’ stato sfortunato!

Ciro: Ogni vota ca ce serve quaccosa è sempe disponibile!

Dr. Olibet: Si prende cura delle nostre auto quando stiamo qui!

Caterina: Le sposta, le parcheggia e ci porta pure le chiavi!

Luigi: Quando possiamo cerchiamo sempre di aiutarlo!

Maria: Gli siamo affezionati! Siamo, come dice sempre lui, la sua unica famiglia!

Giovanni: Pecché? Nun tene a nisciuno?

Gaetano: Peppe è il Figlio del salumiere a Mario Pagano! Siamo cresciuti insieme nello stesso quartiere! Lui, ad un certo punto, ha preso la strada sbagliata! Quella della droga! Il padre, per aiutarlo a disintossicarsi, ha dovuto cedere il negozio! Si è indebitato fino a morire! Ora lui è rimasto praticamente solo perché sua sorella sposata lo ha rinnegato dopo che ha scoperto la sua sieropositività!

Ciro: Bella munnezza! Essa e ‘o marito!

Maria: Mò arrangia facenno ‘a pusteggia dint’’o spitale!

Gaetano: Ora non si droga più! Si è dato ai superalcolici! Ogni tanto, quando riesce a reperirle, assume sostanze allucinogene!

Luigi: Perciò assume questi comportamenti dissociati!

Ciro: E ogni discorso che fa lo chiude dicendo Alè!

Maria: Da qui il soprannome!

Giovanni: Ho capito! Comunque non  voglio averci niente a che fare! Me fa senso! E’ un fatto epidermico!

Caterina: (Cercando di cambiare discorso) Ragazzi, oggi si devono ritirare i tickets! A chi tocca andarli a prendere questo mese?

Giovanni: (Estraendo l’agendina) Adesso te lo dico subito! (La consulta) Dunque! Questo mese tocca a me! (Guardando fuori) Vado subito! Prima che ricominci a piovere!

Caterina: Ora ti preparo il foglio con le nostre matricole!

Giovanni: Non ti preoccupare! (Mostra l’agendina) Le tengo segnate qui! Io vado! (Esce)

Ciro: Pure chesto tene signato? Mamma d’’o Carmine! Esagerato!

Luigi: Cirù! Che ce vuò fa? Chillo è quadrato!

Maria: Nun me l’aspettavo che fosse accussì…nun me vene!

Luigi: (Continuando) ‘Nfamo! Chesta è a parola esatta!

Caterina: Ragazzi! Già ve l’ho detto! Non giudicate! Ognuno di noi è fatto in un modo ed ha i propri difetti!

Ciro: In fondo è nu buono guaglione! A me mi aiuta sempre!

Luigi: Guagliù! Faciteme ‘o piacere! E’ inutile che lo proteggete! Dopo queste rivelazioni, pe’ mmè, è nu difetto ambulante!

Caterina: Maria vieni un momento di la! Si deve pulire la stanza del primario prima che entra!

Maria: Si Caterì! Jammuncenne! (Escono)

A questo punto, dall’entrata a sinistra entra Pasquale, la guardia giurata. E’ un uomo sulla sessantina, bruno, pettinatura con riporto e codino posteriore, è un tipo molto naif, sul modello del guascone napoletano anni ’70, perennemente abbronzato, vestito con camicia a strisce aperta davanti che espone un petto villoso ed un pendente d’oro a forma di crocifisso con catenina a maglie grosse di oro giallo; bleu jeans, scarpe marrone chiaro tipo Paciotti e giubbotto smanicato in tinta con le scarpe. Grosso anello al mignolo destro. Nel suo modo di parlare, nel timbro di voce, nella mimica facciale e nelle gesticolazioni sembra trapelare sempre qualcosa di losco.

Pasquale: Bongiorno ‘ossignuria!

Ciro: ‘Ossignuria nun se scorde ‘e nuje!

Luigi: Uè Pascà!

Gaetano: Ciao!

Pasquale: Buongiorno Dottore! (Si avvicina alla scrivania) Dottore…Buongiorno!

Dr. Olibet: Salve Pasquale!

Luigi: Pascà! ‘A che ora parte ‘o traghetto?

Pasquale: ‘O traghetto? Ma che dice? Qualu traghetto?

Luigi: Accussì cumbinato me pare nu marenaro d’’a Caremar!

Gaetano: No Gigì! Stammatina marca a paninaro!

Ciro: Ma addò l’haje accattato chella cammisa?

Pasquale: Te piace?

Luigi: (Toccando il tessuto) Me pare ‘o telo ‘e ‘na seggia a sdraio!

Pasquale: Ma che capisce ‘e moda tu?

Gaetano: ‘A comme te si cumbinato sicuramente cchiù ‘e te!

Luigi: Ma che t’haje miso ‘o père? Dduje cornetti?

Pasquale: Pecché che tiene ‘a dicere? So’ Paciotti!

Ciro: So’ parallele?

Pasquale: Ma che vvò chisto? So’ Paciotti originali!

Ciro: Ma quanne maje? Chesta è rrobba ‘e vascia ‘a Duchesca! ‘E vvenne pure cainatemo!

Pasquale: (Risentito) L’aggie jute a accattà ‘nzieme a uno !(Fa un gesto con la mano)

Luigi: Secondo me t’hanno dato ‘na ‘mprusatura!

Pasquale: Vabbuò jà! Me ne vaco! Arrivederci  duttò!

Gaetano: Ma addo vaje? Aspè!

Luigi: Jamme! Che te serve?

Pasquale: (Risentito) Ve so venuto ‘a salutà! Nun me serve niente!

Luigi: Strano! Ogni vote ca ce viene a truvà ce cirche sempe quaccosa!

Pasquale: Questa volta no! Sono venuto per stringervi la mano!

Ciro: Arapimme ‘a porta e facimme ascì sta palla!

Pasquale: Me ne vaco jà!

Gaetano: E aspiè! Oì! Fai sempe accussì quanno pazziamme nu poco!

A questo punto squilla il telefonino di Pasquale (Suoneria per un pugno di dollari).

Pasquale: (Prende il telefonino in un modo quasi rituale; guarda il display per vedere chi lo sta chiamando e fa un’espressione col viso di esaurito disappunto)  Marò e che vo chisto? (Apre lo startac) Pronto! Totò! Totore! (Con l’altra mano ne accompagna il gesto) Sto ccà! (Rivolgendosi agli altri) Marò! E’ Totore! (A telefono) Che è succieso? Ma fai sempe questioni che guaglione llà dinto? E nun me ricordo! Ma steve areto ‘o bancone ‘e Salumeria? Ah! Areto ‘e scaffali!  Vabbuò mo vengo lloco! Eh Cià! Cià!

Luigi: Chi era? ‘O Cumpagno tuoje?

Pasquale: Nun è ‘o cumpagno mio! E’ ‘o Cullega mio!

Gaetano: E pecché sta differenza?

Pasquale: Quanne uno se cumporta comme isso, sta differenza ce vo!

Luigi: E che t’ha fatto?

Pasquale: ‘O saccio je!

Luigi: Jamme nun fa ‘e misteri ‘e Parigi! Che è succieso?

Pasquale: Nun ‘o vedite? Me marca stritto! Appena ‘o lasse sulo me cerca, me telefona! Nun me fa movere! E me murmulea sempe! Mo se steve appiccecanno cu chilli llà d’’o spaccio!

Ciro: Ma chi Totore? ‘A guardia giurata?

Pasquale: Eh! ‘O collega mio!

Ciro: Ma nun ‘o agnarate Ciò Ciò?

Pasquale: Marò! Ciò Ciò! E’ Overo!

Ciro: E’ isso?

Pasquale: Eh! E’ isso! Pienze ca ‘na vota me steve afferranno cu uno pe via ‘e stu Ciò Ciò!

Gaetano: Overo? E dice dice!

Pasquale: Steve…(Fa un segno con la mano come per indicare qualcosa di losco) cu dduje tipi abbasce ‘e mure! Uno era n’amico d’’o mio! E chillate nun ‘o cunuscevo! A nu certo punto chist’amico in comune! (Fa un segno per indicare un uomo di bassa statura) Nu coso tanto! Nu scemo che va facenno ‘e servizi! Ca nun cummanne niente! S’avote vicino a me e me fa: (Protende il corpo verso l’alto) “Ma vuje faticate ‘o spitale?” Je rispunnette: (Protende il corpo verso il basso) “Eh! Fatico ‘o spitale! Pecchè?” Isso: “Je tengo a n’amico llà ‘ncoppe!” Je: “Ah! E chi è?” Isso: “’O chiammane Ciò Ciò!” Je: “Ciò Ciò? Nun ‘o sacce! Ma comme se chiamme ‘e nomme?” Isse: “Ma comm’è nun agnarate a Ciò Ciò? Chille ‘a cummanne isso llà ‘ncoppe!” Je: “Scusate ma si nun me dicite ‘o nomme nun ‘o tengo presente!” Chill’ato amico mio me faceva segno “Nun ‘o da retta!” Isse: “’O nomme nun ‘o saccio! Ma ‘o sanno tutte quante! Tene pure cierti pariente ca teneno nu negozio d’abbigliamenti a Secondigliano!” Quanno dicette ca teneve ‘e pariente a Secondigliano capette che steve parlanno d’’o cullega mio! ‘O pigliaje pe nu vraccio! Scusa Gigì! (Lo prende per un braccio e lo spinge come per mandarlo a quel paese) e dicette: “Ma va te fa ‘na birra! Tu e Ciò Ciò! Je me credevo chi era? Comunque me staje parlanno e nu scemo agnar cummanne niente!

Luigi: Ma tiene mente che combinazioni!

Ciro: Almeno stu Ciò Ciò è ‘na guardia giurata!

Pasquale: Ma pecché je che so?

Gaetano: Lui mette la divisa di ordinanza! Tu no!

Luigi: Ave ragione! Comme fa ‘a gente ccà fore a te piglià pe’ guardia giurata vestuto accussì?

Pasquale: Ma je so’ guardia giurata!

I tre: E Giura!

Pasquale: (Sollevando gli indici) Giuro!

Ciro: E a te comme te chiammano?

Pasquale: Ma stammatina vulite parià ‘ncuollo ‘a me?

Ciro: E jà! Dice comme te chiammano!

Pasquale: Nun ‘o voglio dicere!

Ciro: Pure ‘o duttore ‘o vo sapè! E’ overo duttò?

Dr. Olibet: Tenite ‘a capa fresca stammatina?

Ciro: Duttò ‘o chiammano ‘o Tavutiello!

Dr. Olibet: E perché lo chiamate così?

Ciro: Duttò pecché sta buono armato! Avite capito?

Luigi: E’ un mandrillone!

Entra Maria. Si dirige verso un armadietto e prende un paio di guanti.

Pasquale: Buongiorno Maria!

Maria: Buongiorno!

Ciro: Marì haje visto chi ci sta? (Indicando Pasquale) Il mitico! ‘O Tavutiello!

Maria: Pascà, lieveme ‘na curiosità! Ma pecché te chiammano cu stu nomme accussì brutto?

Pasquale: (A Ciro) ‘E visto? Mo che l’aggia rispondere secondo te?

Dr. Olibet: Ragazzi! Non esagerate!

Maria: Ma pecché? Nun se po’ sapè?

Pasquale: Marì! Voi siete una signora e chisti ccà tenene sempe ‘a capa a pazzià!

Maria: Je te ringrazio p’’a signora! Ma sacce pazzià pure je! Jamme pecché te chiammano accussì?

Ciro: Nun se po’ dicere Marì!

Maria: E pecché? Uè! Mo ‘o voglio sapè! E basta!

Gaetano: (Notando che Pasquale e Ciro sono in visibile disagio) Marì! Siccome Pascale è curto!

Maria: E allora?

Gaetano: Cient’anne ‘e salute a isso! Quando ce lassa! P’’o atterrà, nu tavuto sano è troppo gruosso! Perciò ce facimme fa nu Tavutiello cchiù peccerillo!

Ciro: Proprio così! Accussì se sparagne ‘o lignammo p’’a cascia e ce fanno nu fuosso cchiù piccerillo!

Maria: E tutto stu mistero pe ‘na strunzata ‘e chesta? E je me credevo che fosse! (Esce)

Pasquale: Guagliù vuje site pericolosi! E che bello augurio che m’avite fatto! Basta! Me ne vaco!

Luigi: Pascà! Primme ca te ne vaje me prieste ‘o laccettino ca puorte ‘nganno?

Pasquale: ‘O laccettino? E a che te serve?

Luigi: Aggie attaccà’o mezzo! Me so’ scurdato ‘a catena!

Pasquale: Faje sempe ‘o scemo! Vabbuò je vaco! (Fa per uscire, si accorge che sta piovendo e rientra perché sprovvisto di ombrello) Sta chiuvenno forte! Mo aspetto nu poco! Tenisseve pe’ caso nu poco ‘e crema pe’ scottature? Ajere mia moglie s’è schizzata, ‘ncopp’’e mane, cu l’uoglie vullente!

Luigi: ‘E visto che te serveve quaccosa? Nun ce sta niente ‘a fa! (Prende un tubetto di pomata e glielo porge) Tiè, tiè! Tu sì n’atu pagnuttista!

Pasquale: (Prendendo il tubetto) Però accussì me staje mortificanno!

Gaetano: Ma quanne maje! Nun te fissà! Nun vide che sta pazzianno?

In quel mentre rientre Giovanni tutto bagnato, con un ombrello in mano.

Giovanni: Mannaggia ‘o male tiempo! ‘O ssapevo! Appena aggie ritirato ‘e tickets! Mentre turnavo! E’ venuta ‘na ‘ncasata d’acqua che m’ha beccato in pieno!

Gaetano: E l’ombrello dove l’hai preso?

Giovanni: Me l’ha prestato quell’amico tuo! ‘O parcheggiatore!

Gaetano: E lui come sta facendo?

Giovanni: Che ne saccio! M’ha ‘nzallanuto! Me l’aggie truvato areto! Belle e buono se miso a cantà e m’ha ‘ntrunato ‘e rrecchie! Me l’ha vuluto da a forza! Mo sta sotto l’acqua cantanno ancora!

Dr. Olibet: Con quella tosse?

Luigi: Dottò! Che vulite fa? Chille almeno nu core ‘o tene?

Giovanni: E che vuò dicere?

Ciro: Che d’è? Tieni ‘a coda ‘e paglia?

Gaetano: (Prendendo l’ombrello dalle mani di Giovanni) Pascà! Aggie pacienza! Ascenne ascenne puortancello tu, ‘o ‘mbrello, a chillu puveriello!

Pasquale: Damme ‘a me Giuvà! (Prende l’ombrello e fa un’occhiataccia a Giovanni) Ce vedimmo doppo!

Giovanni: (Con visibile disagio cerca di cambiare discorso) Mamma mia e che pioggia! Nun s’aiza acqua ‘a terra! Guardate ccà! Me pare nu pullicino! (Silenzio tagliente. Giovanni estrae i blocchetti dei tickets da una busta e comincia a distribuirli trattenendosi quelli di Maria e Caterina.) Ah! Tenete! (Gli altri prendono i propri blocchetti sempre in silenzio) Vabbuò! Vado di la ad asciugarmi un po’! (Fa per andare e poi si ferma.) Guaglù ma ‘o sapite che m’hanno dato cinque tickets mancanti? (Estrae l’agendina e la consulta.) Infatti! ‘O mese passate aggie fatto venticinque presenze e m’hanno dato venti tickets! (Esasperandosi) Ma che caspita! Succedono sempe a me? Je m’avesse turnà a battià n’ata vota! (Esce dal centro)

Luigi: Ma c’ha ditto? Battià? E che significa?

Gaetano: Battezzare! Nel dialetto del suo paese!

Ciro: Ma ‘a d’’o vene? ‘A Fratta o ‘a Somma? (Verso il centro) Purciumma!

Luigi: Overo è guagliù! ‘O Pataterno ‘e cafune c’ha levato ‘a crianza!

Dal centro entra il Primario accompagnato da una dottoressa e da Caterina. Uomo sulla sessantina, bella presenza capelli brizzolati, baffetti, vestito elegantemente. Personaggio autoritario con una sottile vena ironica. La dottoressa Patricia Pérez è’ una specializzanda spagnola, sulla trentina, aspetto gradevole, statura media, capelli mossi, seno copioso, vestita con un tailleur rosso molto aderente con scarpe in tinta, fermaglio nei capelli a forma di rosa rossa, molto simpatica ed affascinante. Subito mal vista da Caterina che teme di perdere la leadership.

Primario: Buongiorno signori!

Tutti: Buongiorno Prof.!

Primario: (A Olibet) Antonio! Com’è andato il week end? La solita fortuna al gioco? Ho visto i cornetti!

Dr. Olibet: Prof. Non mi posso lamentare! Anche questa settimana ho azzeccato una bolletta di cinque incontri!

Primario: Con un cognome come il suo non poteva essere altrimenti!

Dr. Olibet: In che senso scusate?

Primario: Lei si chiama Olibet?

Dr. Olibet: E allora?

Primario: Tutte le maggiori agenzie di scommesse online utilizzano la sigla “Bet”! Uni-bet, Bet & Win, Bet-Italy, Point-bet, eccetera! (Ridacchia seguito da Caterina e da tutti gli altri) Non lo sapeva?

Dr. Olibet: (Si finge divertito ma con risentimento) No Prof.! Io non gioco on line! Gioco solo al punto Snai!

Primario: (Accusando la freddura) Veniamo a noi! Signori! Vi presento la dottoressa Patricia Pérez! E’ una specializzanda spagnola! Figlia di un mio amico e grande luminare della medicina a Madrid!

Patricia: Hola!

Dr. Olibet: E’ per caso la figlia di quel Pérez?

Primario: Proprio così! E dicevo! Sarà nostra ospite per un giro di congressi e per prendere visione della nostra realtà sanitaria (Verso gli infermieri) e assistenziale! Per cui mi raccomando! Non facciamoci riconoscere! Non facciamo figuracce! Ne va della nostra visibilità! Del mio buon nome! E soprattutto della mia amicizia! Antonio! La affido a voi!

Dr. Olibet: (Avvicinandosi alla collega) Mucho gusto senorita! (Le bacia la mano) ¿Hablas un poco en italiano?

Patricia: Muy encantada! Me desculpo! Yo no sé Hablar muy bien en Italiano! Pero lo compriendo!

Primario: Loro sono il nostro staff infermieristico e ausiliario! Caterina già l’hai conosciuta! Gli altri sono Luigi!

Luigi: (Le stringe la mano) Piacere!

Patricia: Encantada!

Primario: Poi c’è Gaetano! ¡Él podrá ayudarte porque habla bien vuestro idioma!

Patricia: (Gli stringe la mano) Muy bien! Encantada!

Gaetano: Ciao! Prufessò che l’avite ditto?

Primario: Gaetano! Ma come? Le ho parlato in spagnolo! Le ho detto che tu parli bene la sua lingua! Non è così?

Gaetano: Sì, sì! Scusate stavo distratto!

Primario: Ah! Mi credevo! Poi c’è Ciro! Il nostro factotum!

Ciro: E che significa? Prussò?

Primario:  Zitto! Significa tuttofare!

Patricia: (Gli stringe la mano) Encantada!

Ciro: Piacere! ¡Me desculpo Senorita! ¡Yo soy inválido! Yo Tengo las válvules del corazón agnara! No puedo aizar los pesos!

Patricia: Como?

Ciro: No! Yo soy estado operado aquì! A Napoli! No a Como!

Patricia: No entiendo!

Primario: Lasci perdere Senorita! (A Olibet che fa una mossa di rassegnazione) Me l’aspettavo! (Agli infermieri) E Giovanni? Non c’è? Non è venuto? (A Patricia) ¡Giovanni es el otro enfermero! ¡Es una persona muy seria!

Patricia: Bueno!

Primario: Dunque?

Luigi: Prof.! E’ andato un attimo di la!

A questo punto entra Giovanni, porta gli occhiali in mano, per cui non si accorge della presenza del primario e della dottoressa.

Giovanni: Guagliù! Me pigliate nu poco d’Amuchina? Me so cadute ‘e lente dint’’o gabinetto!

Luigi: Zitto Giuvà! Piove!

Giovanni: ‘O saccio che sta chiuvenno! Primma me so’ ‘nfuso sano sano!

Luigi: Ma no! Zitto! Ce sta ‘o Prufessore!

Patricia: Usted es Giovanni?

Primario: (Porta le mani nei capelli) Purtroppo sì!

Patricia: Entiendo!

Giovanni: (Si ricompone rapidamente) Buongiorno Professore! Scusatemi!

Primario: Ti presento la dottoressa Pérez! Oggi seguirà, per un po’, le nostre visite!

Giovanni: (Tenta di stringere la mano alla dottoressa ma questa la ritrae) Molto piacere!

Patricia: (Solleva la mano) Hola!

Giovanni: (A Luigi) Ma c’ha passato? Pecché nun me da ‘a mano?

Luigi: E ave ragione! Tu ‘e mise ‘e mane dint’’o gabinetto e nun te l’haje lavate!

Giovanni: Ma pecché? Ha capito?

Luigi: Giuvà chella è spagnola! Mica è scema?

Primario: Caterina!

Caterina: Dica Professore!

Primario: Procuri un camice alla dottoressa!

Caterina: Non credo ce siano! Sabato li abbiamo portati in lavanderia e Ciro non li ha ancora ritirati perché piove!

Primario: E come si può fare?

Caterina: Le posso prestare uno dei miei camici di ricambio! Dovrei averne uno nell’armadietto! Ora controllo! (Si reca verso il suo armadietto ed estrae un camice) Eccolo!

Primario: Molto bene! Io vado nella stanza! Dopo mi segua in ufficio! Dobbiamo preparare il programma del convegno! (A Olibet) Antonio venga anche lei! Così mi aiuterà con la bibliografia!

Dr. Olibet: Certo Professore!

Primario: Bene! Buon lavoro a tutti! (I due escono dal centro)

Caterina porge il suo camice alla dottoressa. Le due donne si studiano per un istante. La dottoressa s’infila il camice, visibilmente più stretto, e comincia ad abbottonarlo incontrando qualche difficoltà.

Ciro: (Osservando la scena)E comme fa? Cu chilli promontori?

Luigi: (Compiaciuto) Mamma mia! E’ overo! Tene chella balcunata!

Gaetano: (Incalzante) Ce manca sulo ‘a ringhiera!

Giovanni: (Per non essere da meno) E dduje vasi ‘e gerani ‘a coppe!

Ciro: Me vulesse affugà llà miezo!

Caterina: (Risentita) E basta ragazzi!

Patricia: (Avvertendo il clima e con disinvoltura) Hombres muy calientes!

Caterina: No! Hombres! Tutt’’e stessi!

Gaetano: (Ironico) Caterina! Hai peccato di presunzione!

Caterina: E cioè?

Gaetano: Come potevi pretendere che un tuo camice potesse stare bene alla dottoressa? E’ evidente che gli sta meravigliosamente stretto!

Ciro: N’atu poche scoppia!

Luigi: Bravo! Vedimmo ‘e buttune ca volano p’’a stanza!

Giovanni: Ce manca sulo chesto! Cu ‘a ciorta che tengo stammatina ‘e buttune volante me scassano pure ‘e lente!

Caterina: Che screanzati! (A Gaetano) Alla prima tettona che vedi subito sbavi come una lumaca! Io vado dal Primario! (A tutti) Mi raccomando! Avete sentito che ha detto il Prof.? (A Patricia) Sono tutti vostri! Che stupida che sono!(Esce)

Luigi: Sta accusanno eh?

Gaetano: Patetica rivalità femminile!

Rientra Pasquale.

Pasquale: Guagliù! E vulite accummincià cu ‘e visite? Ccà ffore ce sta ‘na folla ca me pare l’Edenlandia!

Luigi: Hai ragione Pascà! Cinque minuti e cominciamo!

Pasquale: (Notando l’avvenente medico) Gigì! E chi è chesta?

Luigi: E’ ‘na dutturessa nova! E’ Spagnola!

Pasquale: Uhm! E comme sta ‘ncatasto! Nientemeno ca si ‘a faje n’intramuscolare se spezza l’ago! Tanto ch’è tosta!

Luigi: E’ overo! Tene nu mappamondo ‘e marmo!

Pasquale: Bravo! Color rosa Portogallo!

Luigi: Ma chella è spagnola!

Pasquale: E stamme llà! Spagna! Portogallo! Stanne vicino!

Luigi: Vabbuò Pascà! Ma nun è tutto stu granché!

Pasquale: Guagliò! Tu, in fatto di donne, non hai capito ancora una cosa!

Luigi: E cioè?

Pasquale: ‘A femmena è comme ‘o puorco! Nun se jetta niente! Tracchie cotene e ossa! Si jesce ccà ffore ce ne stanno nu pare…Mmmh…! Troppo belle!

Luigi: Cirù! Allora chisto nun fa ‘a guardia giurata!

Ciro: No? E che fa?

Luigi: Fa il guardone giurato!

Pasquale: Ma faje sempe ‘o scemo?

Ciro: Dottoressa! Ve presiento Paquito! El nuestro Carabinero! Mister Tavutiello!

Patricia: Hola Mister Tavu..Tavu…tiello!

Pasquale: (Le bacia la mano) Molto…molto Piacere! (A Ciro) ‘A vuò fernì ‘e fa ‘o scemo?

Gaetano: Vogliamo cominciare?

Luigi: Jamme guagliù! Arapimme ‘a puteca! (Va alla scrivania accanto al computer)

Giovanni: Ciro! Vai a chiamare il Dottore!

Ciro: Subito! (Esce dal centro e rientra poco dopo)

Gaetano: Pasquale vai fuori! Due minuti e comincia a farli entrare rispettando i numeri!

Pasquale: Va bene! Vado! (Esce a sinistra)

La dottoressa si sistema alla scrivania. Giovanni e Gaetano indosseranno i guanti. Entra il Dr.Olibet dal centro.

Dr. Olibet: Eccomi qua! Possiamo cominciare!

A questo punto il telefonino di Giovanni riprende a suonare con la medesima suoneria di prima.

Giovanni: Scusate! (Guarda il display del telefonino) E mo che altro vuole?

Dr. Olibet: Giovanni! Taglia corto! Oppure vai a parlare di là! Dobbiamo cominciare!

Luigi: Jamme Giuvà! Vutte ‘e mane!

Giovanni: (Stacca la telefonata) Non c’è problrma! Ho staccato! Forza Cominciamo! (Tra sé) Tanto s’è capito l’andazzo qua!

Gaetano: Che vuoi dire con queste parole?

Giovanni: Niente, Niente! Non badate a me!

Gaetano: Scusami Giovanni! Ma sei contraddittorio! Se volevi rispondere, potevi farlo! Andavi di là come ha detto il dottore!

Ciro: ‘A gente sta aspettanne pe’ trasì! E’ inutile ca t’ha piglia a male!

Giovanni: (Risentito) Infatti! Nun m’ha sto piglianne! La richiamo dopo! Tutto qui! Non perdiamo altro tempo!

Luigi: (Ironico) Mo siente quanne t’arretire ‘a casa!

Giovanni: Nun te preoccupà! Nina lo sa che quando stacco vuol dire che sono impegnato!

Luigi: E allora impegnati! Nun perdimme atu tiempo!

Squilla il telefono sulla scrivania. Risponde il Dr. Olibet.

Dr. Olibet: Pronto! Ah è lei! Buongiorno! Sì! Subito glielo passo! Giovanni è per te! E’ tua moglie!

Luigi: Come volevasi dimostrare!

Giovanni: (Al Telefono nervosamente) Nina! Dimmi!

Nina: (Voce fuori campo con piglio petulante) Perché prima non hai risposto? Che succede?  Stai nervoso? Guarda ca je sto cchiù nervosa ‘e te!

Giovanni: Non ho risposto perché ero impegnato! Stiamo per aprire l’ambulatorio! (Il Dr. Fa cenno di stringere)  Sì Dottò! Ho finito! Scusate! (A Nina) Hai sentito? Che mi volevi dire?

Nina: Ti volevo solo ricordare di ritirare i tickets! Oggi vorrei andare a fare la spesa!

Giovanni: (Irritato) Li ho già presi! E me ne hanno dato anche cinque in meno!

Nina: E te pareva! Puteva maje essere? Appena tieni tempo corri a vedere che ti hanno combinato! Sei proprio un macello!

Giovanni: Ma non è stata colpa mia! Io…!

Nina: Ma statte zitto! Uè! Tu vuò o nun vuò! Buoni o non buoni! Oggi jamme a fa ‘a spesa! ‘E capito?

Giovanni: (Con tono dimesso) Va bene Tesoro! Come dici tu!

Nina: Cirche ‘e turnà ampressa! Me so’ spiegata?

Giovanni: Perfettamente!

Nina: Statte buono! (Mentre posa la cornetta) Mammà! Me so’ spusata cu ‘nu Babbà! Sicco e senza Rum!

Giovanni: (Udendo l’accezione) Mannaggia ‘o Babbà! Chesta è capace  ‘e m’attaccà ‘a nervatura! Mannaggia ‘o 16 Settembre d’’o ’95!

Dr. Olibet: (A Luigi) E che significa?

Luigi: E’ la data del suo matrimonio!

Dr. Olibet: Ho Capito! (A Giovanni) Calmati adesso! Ognuno di noi porta la propria croce!

Giovanni: Sì ma ‘e meje s’’o croce ‘e Sant’Andrea! So’ doppie! Comme chelle d’’e passagge a livello!

Luigi: Allora zumpe ‘ncoppe ‘o primmo treno ‘e fujetenne!

Giovanni: Haje ragione! Primma o poi accussì va ‘a fernì!

Patricia: (Al Dr. Olibet) ¿Quién estaba en el teléfono?

Dr. Olibet: Su esposa!

Patricia: El tiene una mujer masturba?

Giovanni: (Irritato) Dottorè! Non vi prendete confidenze! Mia moglie è una persona seria e certe schifezze non le fa!

Patricia: ¿Qué pasa?

Dr. Olibet: Ha solo chiesto se hai una moglie rompiscatole!

Giovanni: Puzzata passà niente dottorè! E comme ve vene brutto dint’’a lengua vosta!

Patricia: Pido disculpas por el malentendido!

Giovanni: Nun fa niente Dottorè! E’ stato nu malinteso!

Dr. Olibet: Allora? Cominciamo?

Gaetano: Basta! Jà! (Verso l’entrata) Pasquale! Avanti il primo!

FINE PRIMO ATTO

 

SECONDO ATTO

Si apre la scena, Giovanni e Gaetano si troveranno al centro; su un lato Ciro sarà intento a riordinare i carrelli, Luigi starà seduto alla scrivania davanti al Computer. La Dottoressa Pèrez siederà a lato del Dott. Olibet dietro la scrivania.

Comincia l’afflusso di persone nell’ambulatorio. I primi ad entrare sono una coppia di persone anziane accompagnate da una ragazzina appena quindicenne. I tre provengono dalla provincia. Molto timidi ma opportunisti.

Signora: E’ permesso?

Ciro: Prego Signora! Accomodatevi!

Signora: Buongiorno Prufessò!

Signore: (Levandosi il berretto) Buongiorno!

Signora: (Alla nipote) Nennè! Saluta ‘o prufessore a nonna! Fa a brava!

Nipote: Buongiorno!

Ciro: Signò scusate! Ma secondo voi si ero ‘o prufessore stevo vicino ‘a porta vestuto accussì?

Signora: Nun site ‘o prufessore?

Signore: (Alla moglie) Spia chi è stu prufessore!

Ciro: No signora! Je songhe ‘o purtantino!

Nipote: Haje visto ‘a nò! M’’e fatte salutà a chisto pe’ senza niente!

Ciro: (Spazientito) C’avessa fa male nu poco d’educazione ‘a sta guagliona?

Signora: (Alla nipote) Ave ragione stu povero Dio! Nun fa ‘a scustumata!

Ciro: (Facendosi il segno della Croce) Abbiamo cominciato la settimana!

Dr. Olibet: Venite avanti signori! Di che si tratta?

Signora: Lui dottò! (Il marito comincia a grattarsi) ‘O vedite? Me pare nu pellicciuso!

Dr. Olibet: Ma che succede? Che gli è preso?

Signora: Dottò! Vuje avite ditto: “Chi si ratta?” E isso se sta rattanno!

Dr. Olibet: Ma che avete capito? Vabbè non fa niente! (Al Signore) Che vi sentite?

Signora: (Al marito) Che te siente?

Signore: Che ne saccio! Parla tu! Je me metto vriògna!

Luigi: Signora! Accomodatevi qui e fornitemi i dati di vostro marito mentre il dottore lo visita!

Signora: Giuvinò nun agge capito buono! Che debbo fare?

Luigi: Datemi la ricetta!

Signora: Che vulite?

Luigi: La ricetta del medico curante! La tenete?

Signora: Ah! ‘A carta d’’o duttore mio? Puzzate avè bene! Si chiamma impegnativa!

Luigi: (Spazientito) Come volete voi! Datemi quest’impegnativa!

Signora: (Rovistando nella borsa estrae un foglio e lo porge a Luigi) Tenete!

Luigi: E Grazie! (Comincia a registrare i dati del paziente)

Dr. Olibet: (A Patricia) Comincia a farlo sdraiare sul lettino!

Patricia: Bueno! (Al signore) Se encuentran aquí!

Signore: Ma comme? Ccà? Annanze a muglierema?

Patricia: ¿Qué?

Signore: Ce ‘ncuntramme doppe! A n’ata parte! (Le sfiora le curve)

Patricia: Tolga estas manos! Es increíbles!

Dr. Olibet: Che succede?

Patricia: Este es un viejo loco! Tiene la mano muerta!

Giovanni: Tanì haje ‘ntiso? Pure ‘a Spagna se dice mano morta!

Gaetano: Ogni mondo è paese!

Ciro: E miezo ‘e paisane ce stanne sempe ‘e viecchie rattuse!

Signora: (Al marito) Uè zuzzuso! Nun me pozze aggirà nu mumento ca subito te daje da fa? Tiene mente tiè! Annanze a ‘na nennella!

Signore: Ma è stata essa a me provocà! M’ha ditto ‘ncuntrammece qui!

Luigi: Ma non è possibile!

Gaetano: Sicuramente vuleva dicere ‘nata cosa! (A Giovanni) E comme se fruscia ‘o viecchio!

Giovanni: Ma vedite nu poco! Cose dell’altro mondo!

Luigi: Infatti! Dell’altro mondo! (Fa il segno della morte con le dita) Invece ‘e pensà comme s’hadda avvià!

Gaetano: Dottorè che gli avete chiesto?

Patricia: El Yo sólo he pedido a tumbarse en el sofá médico.

Gaetano: Giuvà, allora ‘o viecchio nun s’era sbagliato!

Giovanni: No? Pecché c’ha ditto?

Gaetano: Mo se vò “Trumbà” ‘o medico ‘ncoppe ‘o sofà!

Giovanni: Overo? E che piezzo ‘e “Pèrez”!

Dr. Olibet: Ragazzi ma la volete finire? Gaetano! E meno male che tu conoscevi lo spagnolo!

Gaetano: Dottò, Je chesto agge capito!

Ciro: E’ stata chiarissima!

Dr. Olibet: Ma quando mai! Ha solo invitato il signore a sdraiarsi sul lettino!

Luigi: Tanì! Che figura! (Ironico) Alla faccia della padronanza delle lingue!

Giovanni: Je c’ha taglasse chella lengua!

Dr. Olibet: Dunque, sdraiatevi qui e ditemi che cosa vi sentite!

Signore: (Sdraiandosi) Niente Duttò…!

Dr. Olibet: E allora che siete venuto a fare?

Signore: E v’’o stevo dicenno!

Dr. Olibet: Come? Voi avete detto “Niente”!

Signore: Je vulevo dicere “Niente Duttò”!

Dr. Olibet: Lo vedete?

Signora: Duttò! E facitelo parlà! Chillo già è scurnuso!

Dr. Olibet: Va bene! Dite!

Signore: (Fa per parlare ma viene interrotto dalla moglie) Allora…!

Signora: Duttò v’’o spiego je! O sì nò facimme dimane! Allora, Stesso ca isse, dduje anne fa avette ‘o cactus cerebrale…!

Luigi: ‘O Cactus?

Ciro: E che teneva ‘e chiuove ‘ncapa?

Gaetano: Forse volevate dire L’ictus cerebrale!

Signora: Eh sì! L’iptus! Comme se chiamme isso! Rimmanette pe’ dduje mise ca nun puteva movere ‘a coscia e ‘o vraccio a làutte!

Dr. Olibet: A làutte? E che sarebbe?

Giovanni: Dottore! Se permettete traduco io!

Dr. Olibet: Perché hai capito?

Giovanni: Sì! La signora parla nel dialetto del mio paese!

Dr. Olibet: E Allora?

Giovanni: La signora voleva dire che il marito ha avuto un’emiparesi temporanea a sinistra!

Signore: Sì duttò! A Ministra!

Dr. Olibet: Questo parla peggio della moglie!

Luigi: Né Giuvà! Ma addò state ‘e case? ‘O Biafra?

Gaetano: Ma è territorio italiano?

Ciro: ‘A tenite ‘a cittadinanza?

Giovanni: (Infastidito) Sissignore! Tengo pure ‘o passapuorte!

Patricia: Es increíbles! ¿Qué mezcla de dialectos!

Dr. Olibet: Avete ragione Patricia! Anche qui è un miscuglio di dialetti!

Patricia: Es peor que el de España!

Dr. Olibet: Esatto! E’ peggio della Spagna!

Gaetano: Soltanto che qui, in Italia, non ci facciamo guerre separatiste!

Patricia: Por el momento!

Gaetano: Che intende dire?

Patricia: Dico, que como es su situación política, ahora ... no sé!

 Dr. Olibet: Basta parlare di politica! (Al paziente) Allora? Stavate dicendo?

Signora: Dicevo! ‘O mese passato, mio marito qui presente ‘ncoppe ‘o lettino vostro medesimo!

Dr. Olibet: Signora! Per Cortesia! Non cercate di italianizzare! Parlate in dialetto! Vi capisco lo stesso!

Luigi: E’ ‘na parola! Je so’ napulitano e nun ‘a capisco!

Dr. Olibet: Infatti Signora! Non stringete troppo col dialetto! Altrimenti è incomprensibile!

Gaetano:: Ma no dottò! (Alludendo a Giovanni) Ccà tenimme ‘o traduttore simultaneo!

Ciro: L’interprete del cafonese!

Giovanni: (Visibilmente contrariato) E’ meglio che me ne vada! (Fa per andare)

Dr. Olibet: Ragazzi finitela! (A Giovanni) E tu non ti muovere! Altrimenti chi ‘e capisce a sti duje?

Patricia: (Avvicinandosi a Giovanni con garbo e sensualità) ¡Espera! No te enojes! Tus amigos están celosos porque eres más bella que ellos!

Giovanni: (Imbarazzato) Tanì! Che sta dicenno?

Gaetano: Non ho capito bene!

Ciro: Ma comme ‘o ssaje stu spagnolo?

Gaetano: Lo mastico!

Luigi: Sì ma senza diente!

Gaetano: E che significa?

Ciro: Che sei uno scugnato iberico!

Giovanni: Ma si può sapere che ha detto?

Dr. Olibet: Ha detto che i tuoi colleghi sono invidiosi di te perché sei molto affascinante!

Giovanni: (Dubbioso) Così ha detto?

Dr. Olibet: Proprio così! (Squilla il telefono, è Nina la moglie di Giovanni.) Pronto? Sì! Un attimo solo!

Giovanni: Patricia! Gracias por el cumplimiento!

Patricia: De nada Giovanni! (Lo bacia sulla guancia) Adelante mi querido!

Giovanni: (Crogiolandosi) Patricia! Me fai girar la cabeza! (Canticchiando) Besame, Besame mucho…!

Dr. Olibet: (Ironico) Don Giovanni! C’è la sua signora a telefono!

Ciro: Mo siente Muntevergine!

Giovanni: (Rispondendo al telefono) Nina!

Nina: (Cogliendo l’ironia del dottore ma gentilmente) Don Giovanni! Tesoro! Potrei sapere a chi stavi facendo la serenata?

Giovanni: (Imbarazzato) Perché si è sentito?

Nina: Forte e chiaro! Compreso il bacio!

Giovanni: Ah!

Nina: Chi ti ha baciato? La tua collega?

Giovanni: Veramente no!

Nina: E chi se è lecito?

Giovanni: Ne dobbiamo parlare adesso? Ci sono delle persone qui oltre al dottore e i miei colleghi!

Nina: E che problema c’è? Quando hai fatto il zezo, poco fa, pure c’erano le stesse persone o no?

Giovanni: Sì! E’ così!

Nina: Quindi non ti sei vergognato per quello che hai fatto davanti a loro?

Giovanni: Ma…vedi!

Nina: (Interrompendolo sempre con calma glaciale) Adesso perché ti vergogni di parlarmene a telefono?

Giovanni: La faccenda è un po’ diversa! Ora devo lavorare!

Nina: Anche prima stavi lavorando! Anzi! Chi ti stavi lavorando?

Giovanni: Dai Nina smettila! Mi stanno guardando tutti!

Nina: Allora telefono a Maria! (Alterandosi) Si può sapere chi è che ti ha baciato e parlava spagnolo?

Giovanni: No, no! Va bene! Te lo dico! E’ una nuova dottoressa che viene da Madrid e stavamo scherzando un po’!

Luigi: (Al dottore) Mamma mia! Povero guaglione! Avite fatto ‘o guaio!

Dr. Olibet: E che ne sapevo io che fosse stata la moglie a chiamarlo!

Luigi: Intanto l’avite chiammato Don Giovanni! E ‘a mugliera ha accusato!

Nina: Va bene! Allora quando rientrerai a casa faremo un bel discorsetto! Molto serio!

Giovanni: D’accordo! Si può sapere perché avevi chiamato?

Nina: Adesso sono nervosa! Ne parleremo dopo! Buon Lavoro Don Giovanni! (Riattacca)

Giovanni: Ciao Nina! (Riattacca) Ecco qua! Mettiamo in conto chest’ata figura ‘e niente!

Patricia: (Cercando di consolarlo) Me desculpe! Usted tuvo la mala suerte!

Ciro: E mica es la primiera vuelta!

Luigi: Seh! Primiera! Ma che staje jucanno a scopa?

Patricia: ¿Qué significa esto?

Gaetano: Significa che a Giovanni gli capitano spesso queste ed altre disavventure!

Luigi: Ormai è abituato!

Dr. Olibet: Allora? Possiamo continuare?

A questo punto entra Maria seguita da Caterina.

Maria: (Visibilmente contrariata) Addo sta?

Caterina: Calmti Maria! C’è gente!

Maria: Nun me ne ‘mporta! (A Patricia) Segnorita! (Indicando Giovanni) Usted avite fa sta quieto a questo hombre qua!

Patricia: ¿Qué?

Maria: Questo hombre è ‘nzurato e la mujera è ‘na buena figliola!

Patricia: No entiendo! Desculpe!

Maria: E cercamme ‘e ce capì buono! (A Giovanni) E pure cu te! M’ha chiammato tua moglie chiagnenno e m’ha ditto chello c’avite fatto tu e sta schifosa!

Signora: Ave ragione! Annanze ‘e malate e (Indicando la nipote) a sta povera anima innocente!

Giovanni: Maria ferniscele! Sta a gente annanze! Nun è succieso niente! E’ stato ‘n equivoco!

Maria: Ma quale equivoco! Tu stive facenno ‘o zezo annanze (Alludendo al colore rosso dei vestiti di Patricia) a sta pummarola d’’o piennelo!

Caterina: Maria la vuoi smettere ora? Andiamo di la!

Maria: Comunque, tua moglie voleva dirti che hanno chiuso ‘a scola ‘e tuo figlio!

Giovanni: Hanno chiuso ‘a scola?

Maria: Sissignore! Da Lunedì prossimo deve andare alla sede centrale che sta nel paese a fianco!

Nipote: ‘A nò! Avite ‘ntiso?

Signora: Sì! Agge ‘ntiso!

Nipote: E comme se fa? Pure io vaco ‘a succursale! Mo avimma fa nu piezzo ‘e viaggio!

Signora: Aspiette ‘a nonna! Famme capì buono!

Maria: Infatti Signò! E nu bello viaggio! Ave ragione ‘a nennella!

Signora: A mia nipote viene il pullmino!

Giovanni: Anche per mio figlio viene il pullmino! Quindi non dovrebbero esserci problemi!

Maria: Nient’affatto! Il pullmino che li portava alla succursale continuerà a portarli là!

Giovanni: Ma si ‘a succursale l’hanno chiusa!

Maria: Dalla succursale partirà una coincidenza che li porterà alla sede centrale!

Signora:  Che bellizze…quanno ‘a ciorta t’appizza!

Giovanni: E ‘a cervella se stizza!

Nipote: E mò a che ora c’avimma scetà ‘a matina?

Giovanni: E’ nu bellu guaio! Sti guagliune s’hanna scetà almeno n’ora primma!

Nipote: Mannaggia ‘a miseria! Uffà!

Signore: (Contrariato) Uffà ‘o dico je! Sto ‘a n’ora stiso cca ‘ncoppe e nisciuno me da audienza!

Dr. Olibet: Avete ragione! Calmatevi!

Signore: Ma che m’aggia calmà? Nientemeno ca pe nu poco ‘e papòsciam’aggie avuta sentì ‘e fatte ‘e tutte quante! Chi fa ‘o Farenella! Chill’ato ca vo jucà a scopa! ‘O telefono! ‘A scola! ‘O pullmino! E che miseria!

Dr. Olibet: Vi ho pregato! Non vi innervosite! Adesso vi visito!

Signora: Pure chiste so’ fatte importanti!

Signore: Mo pensate ‘a faticà! Jà!

Entra il Primario.

Primario: Che succede? Chi è che grida?

Dr. Olibet: Niente professore! Si discuteva!

Primario: Ah! E di cosa se è lecito? (Alludendo al numero dei presenti) Visto il notevole interesse?

Dr. Olibet: Niente! Del più e del meno!

Primario: Vi ho già detto che durante le ore di ambulatorio non ci dev’essere spazio per fatti privati!

Dr. Olibet: Avete ragione Professore! Ci scusi!

Primario: D’accordo! Che non accada più!

Dr. Olibet: Grazie Professore!

Primario: Antonio, quando avrà finito di visitare il signore mi faccia uno squillo nella stanza! E’ arrivata quella persona che ho operato in clinica ed oggi deve rimuovere i punti di sutura!

Dr. Olibet: Non dubiti professore! La chiamerò appena ho finito!

Primario: Bene! Caterina ci pensa lei per i punti?

Caterina: Certo Professore!

Luigi: (A Gaetano) Tanì! Ma non aveva detto che i fatti privati non si dovevano fare durante l’orario di ambulatorio?

Gaetano: Questo discorso vale soltanto per noi sottoposti! Mica per lui!

Ciro: I che purpettaro!

Gaetano: Silenzio ragazzi! Potrebbe sentirci!

Primario: Molto bene! Patricia mi vuole seguire nella stanza? Voglio mostrarle alcune pubblicazioni! Così non mi distrae il personale!

Patricia: Sí, el profesor! Yo sigo!

Ciro: Tanì! Chillo è isso ca se vo distrarre cu ‘a spagnola!

Gaetano: Te vuò sta zitto o no? Mo basta!

Ciro: Ma pecché nun haje ‘ntiso?

Gaetano: Che cosa?

Ciro: Comme! Mo se fumano pure ‘o sigaro!

Gaetano: Ma quale sigaro?

Ciro: Quello che gli ha offerto ‘a spagnola!

Gaetano: Ma quale sigaro? Cirù! Te vuò sta zitto? Yo sigo significa vi seguo!

Ciro: Agge capito!

Gaetano: E speriamo!

Il primario e la dottoressa escono dal centro.

Patricia: Hola chicos!

Tutti i maschi: Hola Patricia!

Maria & Caterina: Scola Patricia! Scola!

Dr. Olibet: Ragazze! La finiamo?

Maria: Va bene! Me ne vado anche io! (Esce seguita da Caterina) Caterì vienetenne pure tu!

Dr. Olibet: Ecco qua! Ora occupiamoci del nostro paziente! Dunque…Scoprite un po’ l’addome!

Signore: Ch’aggia fa?

Giovanni: Acalateve li vrache e cacciate fore la trioppola!

Signore: Aggie capito! (Esegue). (Al Dottore) E parlate potabile!

Dr. Olibet. E si capisce! Mo va ‘a fernì ca ‘o straniero ccà songh’io! (Comincia a visitarlo)

Signore: (Dimenandosi) Duttò! Duttò nun apprettà! Ahia! Nun apprettà ‘a trioppola!

Dr. Olibet: Non Capisco! Che cos’è che vi fa male?

Signore: Lu cularino! Lu cularino! Nun apprettà!

Dr. Olibet: Giovanni per favore non riesco a capirlo! Che sta dicendo?

Giovanni: Le sta chiedendo di non premere forte sull’addome perché gli provocate coliche intestinali!

Dr. Olibet: Ah! Mannaggia l’Unità D’Italia! E ch’hanne cumbinato!

Gaetano: E’ vero dottore! Potevamo restare tra le mura cittadine!

Luigi: ‘Ncopp’’e vasoli?

Ciro: Infatti! Pe’ mé Napule fernesce a Piazza Carlo III!

 Dr. Olibet: E che vuoi fare? Adesso stiamo così! Vedete? Va bene vi potete rivestire!

Signore: C’aggia fa?

Dr. Olibet: Giovanni provvedete voi col vostro simile!

Giovanni: (Un po’ risentito) Dottore guardi che anche noi siamo cittadini italiani!

Dr. Olibet: E chillo è ‘o guaio c’hanne fatto a Teano! Dai che sto scherzando! Fai presto! Così facciamo entrare la paziente del professore!

Giovanni: (Aiutando il signore) Scennite da lu palanchino e aizateve li vrache!

Signore: Grazie paisà! Grazie! Si ve truvasseve a passà pe’ lu Bar miezo a la chiazza de lu pagghiése v’aoffre nu bellu cafè!

Giovanni: Grazie cumpà! Pensate a lu piéllo!

Ciro: Ma che state dicenno?

Giovanni: Gli ho detto di pensare alla salute!

Luigi: Mamma mia! E’ proprio n’ata lengua!

Dr. Olibet: Accomodatevi alla scrivania! (I due si siedono) Dunque! Ascoltatemi bene! Giovanni! Tieniti pronto a tradurre! C’è una piccola ernia inguinale a destra ma non è la causa del dolore! (I due guardano Giovanni)

Giovanni: Ce sta nu poco ‘e ‘ntòscia anguinagliaa càutte nibba affelziòne! (Al Dottore) Andate avanti! (I due guardano il dottore)

Dr. Olibet: (Trasecolato) Cose ‘e pazze! La causa del dolore è un po’ di intestino pigro! (I due guardano Giovanni)

Giovanni: Chi accusa affelziòne è nu ‘mpilo de cularino sfàtto! (Al Dottore) Andate avanti! (I due guardano il dottore)

Dr. Olibet: Vi consiglio di osservare una dieta ricca di scorie a base di verdure e ortaggi! (I due guardano Giovanni)

Giovanni: ‘O duttore ve ceva de sgurfì ‘a verdumma! (Al Dottore) Andate avanti! (I due guardano il dottore)

Dr. Olibet: Per i primi tempi potete assumere un lassativo! (I due guardano Giovanni)

Giovanni: P’accummenzaglia ve 'ntrummate nu purgativo! (Al Dottore) Andate avanti! (I due guardano il dottore)

Dr. Olibet: Ho finito!

Signora: Comme? Avite fernuto? Ma nun c’’e facite fa ‘e ‘ccertamenti?

Dr. Olibet: E’ Certamente signora! Ve li scrivo sul ricettario! Fateli vedere al vostro medico!

Signora: Ah già! ‘O duttore mio! Grazie assaje Duttò!

Dr. Olibet: Prego! Figuratevi!

Signora: Duttò! Ve pozzo cercà ‘na grazia?

Dr. Olibet: Di che si tratta? (Il signore riprende a grattarsi) Un’altra volta? Ma che fa? Si gratta a comando?

Signora: (Al marito) Statte sòre! (Il marito si ferma) Dungue duttò! Mia nipote, ‘a vedite ccànne ‘a vedite?

Dr. Olibet: E allora?

Signora: Niente duttò! Ve vulesse cercà ‘o piacere ‘e ce dà n’uocchie ‘a rastellèra!

Dr. Olibet: Alla cosa? Giovanni!

Giovanni: Ai denti dottore!

Dr. Olibet: (Tra se) Povero me! Che problema c’è?

Signora: Quanno, piccerella, ha cagnato ‘e zappetielle…!

Giovanni: I dentini di latte dottore!

Dr. Olibet: Grazie!

Signora: Guardate stesso vuje duttò! (Alla nipote) Viene ‘a nonna viè! Arape ‘a vucchélla! Vedite duttò? Tene lu Decisivo sgavenato…!

Giovanni:  Incisivo storto dottore!

Signora: E lu Canile a retronica!

Giovanni: Canino ritenuto!

Dr. Olibet: Basta! Basta! M’avite fatte venì ‘o male ‘e capa! Signora! Io sono un medico chirurgo! Non sono un odontoiatra! Porti sua nipote dal dentista!

Signora: Lu saccio duttò che l’aggia purtà da lu dentista! Pe’ tramente che le pozze fa?

Dr. Olibet: Di sicuro potreste farle fare un’Ortopantomografia!

Signora: ‘Na che?

Dr. Olibet: Lasci perdere signora! Glielo scrivo su questo foglio! (Scrive) La faccia poi vedere al suo medico!

Signora: Ah! ‘O duttore mio?

Dr. Olibet: No! Al dentista! Ora potete andare!

Signora: Grazie assaje duttò! Arrivederci! (Alla nipote) Saluta ‘o duttore ‘a nonna!

Nipote: Ciàuz!

Signore: Salutamme prufessò!

Dr. Olibet: Andate andate! Arrivederci!

Signora: Di nuovo a tutti!

Signore: Di nuovo nuovamente a tutte quante! (A Giovanni) Cià Cumpà! (Escono dalla sinistra)

Gaetano: Mamma mia! E che trogloditi! Ma da dove sono usciti?

Luigi: Sembrano imparentati ai “Fratelli Caponi” del film di Totò!

Ciro: Senza cuntà il nostro interprete!

Giovanni: Mo accummience n’ata vota! Va vide chi adda trasì!

Ciro: Va bene! Agli ordini!

Gaetano: Aspè Ciro! Dottò, ma non dovevate avvisare il primario per quelle persone sue?

Dr. Olibet: Hai ragione Gaetano! Quelle persone m’hanno ‘nzallanuto! (Al telefono) Professore! Qui abbiamo finito! Potete far venire la vostra paziente! Ciro! Vai a riceverli!

Ciro: (Alla porta) Pascà! Aspiette! Fa passà n’attimo quei signori! E’ rrobba d’’o prufessore!

Dr. Olibet: Ciro! Un po’ di contegno!

Ciro: Prego accomodatevi!

Sulla soglia dell’ambulatorio si fermano una coppia di signori; stanno per entrare, ma vengono preceduti da una signora tipica popolana napoletana.

Signora: Aggiatece pacienza capo! Aggia cercà sulo n’informazione!

Signore: (Un po’ infastidito) Prego Signora! Se è solo per un’informazione!

Signora: Nun me dicite niente! Ce metto nu secondo!

Signore: Fate pure!

Signora: (A Gaetano) ‘Nfermiè scusate! Vulesse sapè addò sta ricoverata ‘a cumpagna mia!

Gaetano: Luigi! Guarda un po’ sul computer! Signò andate dal mio collega!

Signora: Graze assaje!

Luigi: Signora come si chiama la sua amica?

Signora: Luisina!

Luigi: E il cognome?

Signora: Nun m’’o ricordo!

Luigi: E come si fa? Non posso cercare un ricoverato senza sapere il cognome!

Signora: E vedite nu poco jà! Chella è ‘a cumpagna mia! Sta ‘e case ‘o vascio a fianco ‘o mio! L’hanno purtata stanotte cu l’ambulanza!

Luigi: Avete chiesto al Pronto Soccorso? In ricezione?

Signora: Comme no! Je ‘a llà sto venenno! Aggie girato miezu spitale a père!

Luigi: E come mai non sono riusciti a dirvi dov’è ricoverata?

Signora: Sempe pe’ mèzo d’’o cugnomme!

Luigi: Ed io, secondo voi, come posso aiutarvi?

Signora: E che ne saccio! Si nun ‘o sapite vuje! Jamme facitele pe’ carità!

Luigi: Allora non avete capito! Se non mi dite bene come si chiama non posso aiutarvi!

Signora: Si chiamma Luisina!

Luigi: E poi?

Signora: Luisina…E nun me vene! Sapite pecché?

Luigi: Veramente no!

Signora: Pecché addò stamme ‘e case nuje! A Pontenuovo! ‘A chiammamme Luisina ‘a jatta nera! Nun jesce lloco dinto è?

Luigi: (Un po’ esasperato) E sì! Mo caricano ‘e malate cu ‘o soprannome! Signò jà! Nun ce facite perdere tiempo!

Signora: E io comme ‘a faccio a truvà?

Luigi: A casa vostra nun ce sta nisciuno?

Signora: Ce sta mia figlia!

Luigi: Bene! Telefonatela e fatevi leggere il cognome sulla porta di casa della vostra amica! Poi andate in ricezione e vi diranno dove l’hanno trasferita!

Signora: Mo accussì faccio! Grazie! No! Ma chella mia figlia nun sape leggere! E comme se fa?

Luigi: E s’’o fa leggere ‘a quaccheduno ‘e passaggio! Mo ascite c’avimme fa ‘e visite!

Signora: Vabbuò! Grazie e scusate tanto! Bona jurnata! (Esce)

Luigi: Arrivederci! Ma vedite che bellu tipo!

Giovanni: ‘A jatta nera? Ma comme se fa a chiammà ‘na cristana cu stu nomme? Po’ tenite ‘a dicere ‘e nuje d’’a provincia!

Gaetano: Nun ne parlammo proprio! Vuje site rimaste ancora ‘o medioevo! (Ai signori sulla soglia) Prego accomodatevi e scusate l’intrusione dell’altra signora!

Signore: Figuratevi! Come si può mai contestare l’amica della “Jatta nera”?

Gaetano: Infatti! Non è consigliabile! Lui è il Dr. Olibet! Il nostro medico!

Signore: (Stringendogli la mano) Molto lieto!

Dr. Olibet: (Stringendogli la mano) Piacere! (Alla Signora) Piacere!

Signora: (Stringendogli la mano) Piacere!

Dr. Olibet: Se non ricordo male dovete rimuovere i punti di sutura!

Signora: Infatti e così!

Dr. Olibet: Come si sente ora?

Signora: Meglio grazie! Il peggio è passato!

Gaetano: Vado a chiamare Caterina! La nostra collega! (Esce)

Dr. Olibet: Signora, nel frattempo si sdrai sul lettino e cominci a scoprirsi! (La signora esegue)

A questo punto entra Peppe portando con se uno specchietto retrovisore di un’automobile.

Peppe: Ce sta Tonino?

Giovanni: N’ata vota cu stu Tonino?

Ciro: (A Giovanni) Lascialo stare! (A Peppe) Che succede?

Peppe: ‘na meza cazetta ha tuzzato ‘a machina d’’o Duttore Olibet e c’ha scassato ‘o spicchietto! (Insieme a Ciro e Luigi) Alè!

Dr. Olibet: Ci mancava anche questa! (Ai due signori) Vi chiedo scusa, vorrei andare a constatare il danno! Tra un po’ arriverà l’infermiera per sua moglie! Ragazzi pensateci voi!

Signore: Prego! Fate pure!

Dr. Olibet: Scusate! Con permesso! (Uscendo a Peppe) Hai preso almeno il Numero di targa?

Peppe: Sissignòddottò!

Dr. Olibet: E che sarebbe chesto?

Peppe: Sissignore Dottore tutt’azzeccato!

Dr. Olibet: Fai presto! Andiamo! (Escono)

Nel frattempo rientrano Caterina e Gaetano.

Caterina: Buongiorno Signori! Eccomi qua! Cominciamo subito! (Indossa un paio di guanti, comincia a disinfettare la ferita e si appresta a rimuoverle i punti incontrando qualche difficoltà)

Signora: (Sentendo dolore) Ahia! Piano!

Caterina: Signora un attimo di pazienza ed abbiamo finito!

Signora: Ma perché non chiamate il medico! Ahia!

Caterina: Adesso il dottore non c’è! (Ai colleghi) Ma dov’è andato?

Ciro: E’ asciuto cu Peppe!

Luigi: Gli hanno scassato lo specchietto della macchina!

Caterina: Ho capito! Ragazzi! Qua ci sono un paio di punti incarnati che non riesco a rimuovere! Chi mi da una mano?

Gaetano: E ti pareva! ‘A carta ‘e musica ‘mmano ‘e cecate! Levati! Lascia fare a me!

Caterina: Non c’è bisogno! Giovanni aiutami tu per favore!

Giovanni: Eccomi!

Gaetano: Ma si nun saje fa ‘a scarpara, pecché rumpe ‘e scatole ‘e semmenselle?

Caterina: Sei odioso e borioso come al solito!

Signora: Per cortesia non litigate! Già sono abbastanza tesa! (A Giovanni) Fate piano per cortesia!

Giovanni: Uno sono riuscito a toglierlo! Mi manca quest’altro, ma la vedo dura! E’ proprio incarnato!

Luigi: E’ meglio che aspettiamo il dottore!

Gaetano: (Canticchiando) Aspetta e spera che mo s’avvera…! Terremo alta la nostra bandiera…!

Signore: Invece di prenderli in giro perché non va lei al posto loro?

Gaetano: Perché la collega non ha chiesto il mio aiuto!

Signore: Non vedo la necessità di fare tutta questa Accademia! Se la sua collega non ci riesce ed il medico è momentaneamente assente perché non prova lei visto che la sa così lunga?

Signora: Se mi deve far sentire altro dolore è meglio che non si avvicina proprio!

Ciro: Non vi preoccupate Signora!

Luigi: Gaetano sa il fatto suo!

Ciro: Sulo ca se fruscia troppo assaje!

Gaetano: (Ai colleghi e indossando i guanti) Date a me! Un attimo solo Signora! Un piccolo pizzicotto e Via! Abbiamo tolto l’ultimo punticino! (Ai colleghi) Potete ricoprire!

Ciro: (Al Signore) Avete visto? ‘O professore ha fernuto!

Luigi: Pare c’ha fatte n’operazione ‘e core!

Signora: Molto bene giovanotto! Non ho sentito nulla!

Dr. Olibet: (Rientrando) Eccomi qua! Mi lavo le mani e sono subito da voi!

Signore: Non c’è bisogno Dottore!

Signora: Faccia con calma! Ci ha già pensato la sua equipe! Sono ragazzi molto preparati, bravi e gentili! (A Giovanni) Mi aiuta a rialzarmi?

Giovanni: Certo! Si appoggi a me!

Signora: Grazie giovanotto! (Rivestendosi) Buona giornata e buon lavoro!

Signore: Arrivederci e grazie a tutti! Di nuovo dottore!

Dr. Olibet: Arrivederci!

A questo punto entra una signora di mezza età piuttosto in carne con un pezzo di carta in mano.

Signora: Buongiorno!

Ciro: Buongiorno signora! Desiderate?

Signora: Vulesse n’informazione! Si è possibile!

Giovanni: Dite signora!

Signora: Mio marito s’avessa fa ‘o Telegramma ‘o core! ‘O facite vuje?

Luigi: No signò! Avite je ‘a posta ‘e rimpette!

Signora: Nun facite ‘o spiritoso! S’adda fa ‘o…(Porta le mani al petto) Comme si chiamma? ‘O core!

Gaetano: L’elettrocardiogramma!

Signora: Eh! Bravo! ‘O cardiogramma ‘o core! Chesta è ‘a carta d’’o miedeco!

Luigi: (Prendendo il foglio) E il paziente dove sta?

Signora: A chi vulite? Nun aggie capito!

Luigi: Il paziente!

Signora: E chi è?

Luigi: Vostro marito! Chi è che deve fare questo Telegramma?

Signora: Uh! Avite ragione! Me l’aggie scurdato ccà fòre! (Esce e ritorna col marito)

Signore: Buongiorno!

Luigi: Salve! Fornitemi i vostri dati e andate dal dottore!

Signore: Nun aggie capito! C’aggia fa?

Luigi: (Esasperandosi) Non fa niente! Datemi un vostro documento! Accussì facimme primma! (Il signore estrae il documento e lo porge a Luigi che ne registra i dati e lo restituisce) Ora andate a parlare col dottore!

Signore: Buongiorno dottore!

Dr. Olibet: Salve! Allora? Per quale ragione dovete effettuare l’elettrocardiogramma?

Signore: Duttò! Aggiatece pacienza ma nun aggie capito!

Signora: Duttò nun ‘o date retta! Mo vi “spieco” io!

Dr. Olibet: Allora dite signora! “Spiecate!”

Signora: Dungue dottò…!

Ciro: (A Gaetano) Ma chi è? Addo Biscaddo?

Gaetano: Cirù statte zitto ca è meglio!

Signora: Mio marito si deve fare questo cardiogramma al cuore per controllo!

Dr. Olibet: Perché cosa ha avuto?

Signora. Duttò! Due anni fa avette n’infarto del “Suocardio”!

Dr. Olibet: Forse volevate dire “Miocardio”?

Signora: E che c’azzeccate vuje! Mica avite avuto l’infarto?

Dr. Olibet: Io no!

Signora: Allora pecché avite ditto “Mio”? L’infarto l’avuto isse! E’ il “Suo cardio”! ‘O core suoje!

Luigi: Duttò jatencelle a spiegà mo!

Dr. Olibet: lasciamo perdere! Caterina, accompagna i signori a fare l’elettrocardiogramma di là! (I tre escono) E’ assurdo! Ma com’è possibile che ci sia tanta ignoranza?

Gaetano: Che volete farci dottò! La colpa è sempre di Garibaldi!

Ciro: Overo è!

Giovanni: E cu chesto che vulite dicere?

Ciro: Niente Giuvà! Nun può capì!

Giovanni: No?

Gaetano: Stavamo così bene dentro le mura Borboniche…!

Ciro: Invece no! Oì!

Giovanni: Ancora con questa storia? Ma che ne sapete voi di come si stava dentro le mura Borboniche? Che tenite 300 anni?

Dr. Olibet: Giovanni, è un modo di dire!

Gaetano: (Alludendo a Giovanni e Luigi) Voi della provincia e della periferia non potete capire!

Luigi: Ma pecché dove sto io non è Napoli?

Dr. Olibet: Oggi sì!

Gaetano. All’epoca borbonica, Napoli finiva a Piazza Carlo III!

Dr. Olibet: Oggi no!

Ciro: Putroppo!

Giovanni: (A Ciro) Ma nun te siente quanne parle? Sì peggio ‘e nu provinciale comme me!

Luigi: Pure ‘a gente ca è trasuta primme era di Napoli centro!

Giovanni: E non era tutta questo pozzo di cultura!

Dr. Olibet: Ragazzi, ma noi stiamo scherzando! Il nostro è un modo, goliardico, di sfogarci!

Giovanni: Sì! Ma è un modo un po’ antipatico! In fondo siamo tutti cittadini italiani!

Gaetano: Ma molto in fondo…! Ecco perché ce la prendiamo sempre con Garibaldi!

Dr. Olibet: Basta così! Altrimenti si rischia di trascendere! Ciro! Vedi chi altro c’è alla porta!

Ciro: Avanti un altro!

Entrano due ragazze sulla ventina vestite e truccate quasi allo stesso modo con i capelli stirati biondo lavato e nero corvino. Una porta dei jeans elasticizzati infilati in un paio di scarpe tipo Silver dorate molto kitsch. L’altra invece ua minigonna con calze color fucsia infilate in stivali con tacco argentati. Entrambe indossano un top di colore sgargiante che ne esaltano le curve del corpo. Cinture griffate, piercing. Linguaggio molto kitsch.

Prima ragazza: Buongiorno ‘a stanza!

Ciro: Buongiorno!

Seconda ragazza: “C”!

Ciro: E che sarebbe stu “C”?

Prima ragazza: Significa Ciao passulò!

Ciro: E che d’è passulò?

Seconda ragazza: (Notando la divisa verde di Ciro) Uè spolly! Significa ca site viecchio!

Ciro: Overo? E tu comme m’haje chiammate?

Prima ragazza: Spolly! Significa Spollichino! Cu sta tuta ‘ncuollo me parite nu pesiello!

Ciro: (Un po’ turbato) Jamme bello jà! Poca confidenza! Che site venute a fà?

Seconda ragazza: ‘A cumpagna mia s’adda levà ‘e punte ‘ncopp’’a ‘ppendicite!

Ciro: E trasite! Ma tiene miente tiè!

Gaetano: Stenditi sul lettino!

Seconda ragazza: (All’amica) Ma c’ha fatto chisto cu sti capille?

Prima ragazza:  E che ne saccio!

Seconda ragazza: Pare ca c’è scuppiata ‘na Minerva ‘ncapa!

Prima ragazza: Addò m’aggia stennecchià?

Gaetano: (Indicando il lettino) La sopra!

Giovanni: Avete portato la ricetta?

Prima ragazza: Azz! Comme no! (Estrae la ricetta) Tiè tiè! (Si stende)

Giovanni: E grazie! (Prende la ricetta e la porge a Luigi)

Dr. Olibet: Quando ti sei operata?

Prima ragazza: Nun m’arricordo! Nu mese fa me pare!

Dr. Olibet: Un mese fa? Ma è assurdo! Come mai sei venuta dopo tutto questo tempo?

Prima ragazza: Dottò simme state ddoje semmane in crociera!

Dr. Olibet: E poi? Gli altri giorni?

Prima ragazza: Dottò e che ne sacce! Je ‘a matina me sceto tarde!

Seconda ragazza: ‘A sera ce jamme a cuccà ‘e l’una!

Luigi: E comme maje?

Seconda ragazza: ‘O zì! Jamme ‘a fa ‘o struscio ‘ncopp’’e mezzi!

Dr. Olibet: lo sai che hai rischiato una suppurazione?

Prima ragazza: Overo? E mo che succede?

Dr. Olibet: Speriamo nulla! Per caso hai notato se la medicazione o la biancheria si sporcava?

Prima ragazza: No duttò! Nun me pare!

Seconda ragazza: Chella ‘a cumpagna mia è ‘na puletona! Se cagna tutt’e juorne!

Dr. Olibet: Ora abbassati i jeans e fammi dare un’occhiata!

Prima ragazza: Me mette scuorne duttò!

Dr. Olibet: Io sono un medico! Che problema c’è?

Prima ragazza: ‘O saccio! Ma tenite ‘a facce ‘e nu miezo rattuso!

Dr. Olibet: (Irritato) Ma tu guarda un po’! Ma che scostumata!

Luigi: Non v’arrabbiate Dottò!

Giovanni: So ddoje vrenzulelle!

Gaetano: Adesso vado a chiamare Caterina e Patricia! (Esce)

Prima ragazza: (Noncurante della gaffe di poco prima) Duttò ma si ‘a ferita ha fatte assuperazione che succede?

Dr. Olibet: Non lo so! Ne parlerai con la mia collega!

Seconda ragazza: Duttò ma c’avite passato?

Prima ragazza: E comme sta! Oì! (Rientra Gaetano con Patricia e Caterina) E chi sò sti ddoje?

Dr. Olibet: E’ una dottoressa e un’infermiera! Così non avrai più vergogna! Ragazze pensateci voi prima che mi venga un esaurimento!

Patricia: Bueno!

Caterina: Ok Doc! Andate di là a prendere il caffè!

I Maschietti escono dal centro…!

Seconda ragazza: (All’amica, facendo notare il look di Patricia e Caterina) Uè amò! Haje visto comm’è shock ‘o vestito russo ‘e chesta? Uà bella! Sei Stupendica!

Prima ragazza: Overo Amica! E’ propeto nu shoccamiento! (Rivolgendosi a Patricia) Addò l’avite visto? ‘Ncopp’’a Donna moderna?

Patricia: Como? No entiendo!

Caterina: Lasci perdere Patricia! (Cominciano a togliere i punti)

Seconda ragazza: Uè! Chesta vene ‘a fore! Haje visto comme spicca spagnoleggiante?

Prima ragazza: Allora pure ‘o vestito venarrà ‘a fore!

Seconda ragazza: Secondo me sta rrobba se trova pure ccà! Me pare che l’aggie visto dint’’a vetrina ‘e Ciao Marilyn (Pronunciato Marilìn) a Furia!

Prima ragazza: Overo? Si passata ‘a llà? E che ate teneve a esposizione?

Seconda ragazza: Nun aggie visto buono! Stevo areto ‘o mezzo d’’o friscone mio e stevemo ‘mpennanno!

Prima ragazza: Dottorè facite chiano. (A Caterina) Ma aroppe se vede ‘a ferita?

Caterina: No! Solo in estate si vedrà una piccola linea più chiara perché, intorno, la pelle si abbronza!

Prima ragazza: Uà che fatto! Me so accattato, p’’a stagione, nu mini bikini propeto ‘a mostro!

Caterina: Vabbè ma non esageriamo! Il taglietto è piccolo! Non si noterà!

Seconda ragazza: ‘E che culore te l’haje pigliato?

Caterina: Fucsia sicuramente!

Prima ragazza: E’ overo! Uà comme avite fatto? Che ne sapiveve?

Caterina: L’ho dedotto!

Seconda ragazza: Da che cosa?

Catrina: Dai colori dei vostri vestiti!

Prima ragazza: Vi piacciono?

Caterina: Francamente  non avrei mai il coraggio di combinarmi così!

Seconda ragazza: (Un po’ risentita) Uè Amica! Siente! Ma te si vista tu? Me pare ca si asciuta ‘a dint’’o film ‘e Grease!

Caterina: Ma per piacere!

Seconda ragazza: Ma addò l’haje accattate sti panne? ‘Ncopp’’o Postal Market?

Prima ragazza: (Ride) Tesò nun me fa ridere ca me fa male!

Caterina: E voi? In quale mercatino fate acquisti? (Finendo di medicare) Tu ti puoi alzare!

Seconda ragazza: Bella! Sienteme buono siè! (Toccandosi gli abiti) Chesta ‘a vì? E’ rrobba troppa Fashion! Ma che ne vuò capì?

Caterina: Io capisco solo una cosa!

Prima ragazza: (Rialzandosi e ricomponendosi) E cioè?

Caterina: Insomma! Ma dove li avete visti questi vestiti? Su “Vrenzola moderna”?

Seconda ragazza: (Contrariata) Vrenzola a chi? Bella! Nun te risponghe pecché so troppo ‘na femmena ‘e classe!

Prima ragazza Fai buono amica! Parla ‘e nuje! Ma haje capito c’’a spagnola se veste meglio ‘e te?

Caterina: Ma per cortesia! Tacete che è meglio!

Patricia: ¿Por qué? No te gusta cómo me visto?

Seconda ragazza: Uè amica! Haje fatto accusà ‘a spagnola!

Prima ragazza: Vabbuò jammuncenne! (A Patricia) Che debbo fare con questa medicazione?

Patricia: Mantenga el vendaje hasta mañana, después de tomar una ducha!

Prima ragazza: Ma je già sto mangianno! Voglio sapè quando me pozzo levà sta medicazione!

Caterina: Te l’ha detto! Sei tu che non hai capito!

Prima ragazza: E c’ha ditto?

Caterina: Devi tenere la medicazione fino a domani, poi la puoi togliere e farti una doccia!

Seconda ragazza: Ma chella ha parlato ‘e mangià!

Caterina: Ma che mangiare? Mañana significa Domani!

Prima ragazza: Ok! Andiamocene allora! Ciao!

Seconda ragazza: Arrivederci! (A Caterina) Ciao Sally!

Caterina: E chi è Sally?

Seconda ragazza: ‘A ‘nnammurata ‘e John Travolta dint’’a Grease!

Caterina: Spiritosa!

Le ragazze escono da sinistra.

Caterina: (Verso la porta centrale) Ragazzi potete entrare!

Rientrano tutti.

Ciro: Duttò! L’estate prossima addo ve ne jate?

Dr. Olibet: Beh! Non ho ancora deciso bene! Mi piacerebbe andare a Marbella! In Spagna!

Patricia: Mucho Gusto! En la Costa del Sol!

Dr. Olibet: Infatti! Proprio lì avevo intenzione di andare! (Agli altri) E voi?

Patricia: Pura yo en la Costa del Sol! En Málaga!

Caterina: L’estate prossima mi piacerebbe andare alla Spiaggia del Sol! In Sardegna!

Luigi: Io penso che andrò a Baia del Sol a Tropea!

Giovanni: Io andrò, anche quest’anno, a Lido del Sol! Varcaturo!

Gaetano: Io mi accontenterò della Costa Bagnòl!

Maria: Je me ne vaco a Pozzuòl!

Ciro: E per me c’è la Discesa Gaiòl!

Dr. Olibet: Non c’è che dire! Un bel concertino in Sol! Ora che ci siamo accordati tutti vogliamo proseguire?

Gaetano: Certo Dottore! Ciro! Avanti col prossimo!

Ciro: (Alla porta) Avanti un altro!

Entrano Peppe Alè insieme a due donne. Una è Peppenella, una ex collega infermiera trasferitasi a Firenze in cambio compensativo con Giovanni. Peppenella è una ragazza corpulenta e di bassa statura, molto simpatica e sempre sorridente. L’altra donna è sua madre, anch’ella corpulenta come la figlia!

Peppe: Signore e Signori! Madames et monsieurs! Direttamente da Firenze! Culla del Rinascimento! Il giglio più bello! E’ arrivata…Peppenella! (Esce)

Tutti: Alè!

Peppenella: Sempre esagerato! Buongiorno a Tutti!

Ciro: (Abbracciandola) Tesoro mio! Comme staje?

Peppenella: Nun c’è male! E tu?

Ciro: Ce la caviamo ancora! Mamma mia! Quantu tiempo ca è passato! Tu te ne si gghiuta a Firenze?

Peppenella: E allora?

Ciro: E c’haje rimasto a Chisto! (Indicando Giovanni)

Peppenella: Ciao Giovanni! Come stai? Ti sei ambientato bene con questi pazzoidi?

Giovanni: Si! Tutto bene! Certo non è facile rimpiazzarti nei loro cuori!

Maria: (Abbracciandola) Che centra! Lei è n’ata cosa! E’ stata tanti anni con noi!

Gaetano: (Salutandola) Poi ha voluto seguire il marito che ha trovato lavoro a Firenze!

Luigi: (Salutandola) E a nuje c’hanno mannato a te! (Accompagna la frase con un gesto della mano)

Caterina: (Anche per sdrammatizzare, saluta Peppenella e la madre) Signora come state?

Madre: Caterì! Comme vò Dio! Comme te si fatta bella! ‘Na bambola!

Caterina: Grazie Signora! Ma prego! Accomodatevi!

Madre: Grazie Piccerè! (Si siede)

Peppenella: Buongiorno Dr. Olibet!

Dr. Olibet: (Salutandola) Ciao Cara! (Presentandole Patricia) Lei è una nuova tirocinante! E’ Spagnola!

Peppenella: Piacere dottoressa! Io sono Pina!

Patricia: Yo soy Patricia! Muy feliz!

Dr. Olibet: Come mai qui? Cos’è? Un ritorno del figliuol prodigo?

Peppenella: Veramente Avrei un problema con mamma!

Dr. Olibet: Mi dispiace! Di che si tratta?

Peppenella: Ipertensione!

Dr. Olibet: Ora controlleremo! Signora! Le dispiace seguirci nell’altra stanza per il tracciato?

Madre: Comme no Duttò! Jammuncenne!

Dr. Olibet: Pina! Vieni anche tu?

Peppenella: No Dottore! Preferisco di no! Altrimenti mia mamma si fissa! E’ meglio che se la sbriga con voi!

Dr. Olibet: D’accordo! (Escono seguiti da Patricia)

Maria: Io me ne torno dentro! Pulezzateve ‘e piedi primme ‘e trasì! (Esce)

Giovanni: Maria! Vengo con te! Vedo se riesco a prendermi questo benedetto caffè! (Esce)

Peppenella: (A Caterina) Allora? Che dice il collega nuovo? Come si comporta?

Caterina: E’ simpatico! Una brava persona! Nu pettulillo ‘e mugliera! Un po’ pesante!

Luigi: Azz! Un po’? Chillo è nu Palammeto!

Peppenella: Gigì! Sempe cu sti battute? Già m’immagino!

Gaetano: Che cosa?

Peppenella: ‘O state sicuramente mettenno ‘ncroce!

Ciro: Peppenè! Chillo è nato ‘ncroce! Siente a me! A proposito! Non immaginate che cosa gli è successo l’altro giorno!

Caterina: Che cosa?

Luigi: Stavamo smontando, siccome facciamo la stessa strada l’ho raggiunto, col motorino, al semaforo qua fuori!

Ciro: E allora?

Luigi: Lui era fermo al semaforo nella sua auto! Ad un certo punto gli si affianca una bella ragazza su una moto! Una ragazza, senza disprezzare voi, bellissima! Tutta curve! E … curvata sulla moto le si vedeva tutto il perizoma ed un bel tatuaggio dietro la schiena!

Caterina: E  quindi? Che ha fatto?

Luigi: Secondo te che ha fatto?

Caterina: E che ne so!

Luigi: Mentre eravamo fermi, Giovanni, ha aperto il finestrino ed ha esclamato: “Gigì! I che Napule!”

Peppenella: E poi?

Luigi: La ragazza si è girata verso di lui e gli ha esclamato: “I che Strunz!” (Mimandone il gesto)

Caterina: Veramente! E lui? Che ha fatto?

Luigi: E ch’aveva fa? Ha richiuso il finestrino, ha aspettato il verde e se ne è andato!

Ciro: Che figura ‘e merda!

Peppenella: (Ride. A Ciro.) E tu che dice? Sempe Juventino eh?

Ciro: Per cortesia non tocchiamo questo tasto!

Luigi: Quale tasto?

Ciro: Ma che d’è nu pianefforte?

Gaetano: E tu sulo ‘o pianefforte può capì!

Ciro: E pecché?

Luigi: Pecché ‘e tasti so’ bianconeri!

Peppenella: Ecco qua! Mi mancava tutto questo!

Maria: (Dalla porta) Il caffè è pronto! Pinù vieni qui o t’ho porto?

Peppenella: Grazie Maria! Già l’ho preso poco fa al bar con Peppe!

Escono Ciro e Luigi seguiti da Gaetano.

Gaetano: (A Caterina) Resti a fare compagnia a Pina?

Caterina: Sì! Perché?

Gaetano: Niente! Allora ti porto un po’ di caffè?

Caterina: No, ti ringrazio! Non ne voglio!

Peppenella: Allora Caterì? Come vanno le cose?

Caterina: A casa tutto ok! I soliti alti e bassi!

Peppenella: E il resto?

Caterina: Quale resto?

Peppenella: Con Gaetano come va?

Caterina: Come vuoi che vada? Le solite scaramuccie lavorative! Ma per il resto va bene!

Peppenella: Io penso che lui sia ancora innamorato di te! Non è così? Lo vedo da come ti fissa! Da come ti parla!

Caterina: Lo penso anche io! Ma la vive male! Sta covando una rabbia inesplosa!

Peppenella: Un po’ di colpa è anche tua!

Caterina: E che avrei dovuto fare? Starlo a sentire? Dovevo lasciare mio marito per stare con lui? Permettere che lui lasciasse la sua famiglia per me? No! Non ci sto! Non voglio essere causa del male di nessuno!

Peppenella: Neanche di te stessa? E di lui?

Caterina: Che vuoi dire?

Peppenella: Voglio dire che, facendo così, avete finito per stare male entrambi! L’hai detto anche tu! Una rabbia inesplosa! Dimmi la verità! Gli vuoi ancora bene?

Caterina: Di più! Di più! Non riesco a togliermelo dalla testa! Lavorarci pure insieme è  una tortura! Per entrambi! Ma che ci posso fare se non me la sono sentita di compiere questo passo? L’ho fatto a fin di bene! Per non distruggere le singole realtà che ci siamo scelti di vivere prima che ci conoscessimo!

Peppenella: E lui questo l’ha capito?

Caterina: Per capire ha capito! Solo che non l’ha accettato! E’ questo che mi fa sentire in colpa! Questo suo continuo guardarmi con il volto triste! Le ripicche su ogni questione! Anche lavorative!

Peppenella: Gli altri hanno capito qualcosa?

Caterina: Non credo! A meno che non si sia confidato con qualcuno! Questo non te lo so dire!

Peppenella: E tu? Come stai vivendo questa tua decisione!

Caterina: Abbastanza bene! Dignitosamente!

Peppenella: La verità per cortesia!

Caterina: Ma stamattina vuoi proprio tormentarmi? Niente! Penso di stare peggio di lui! Questa decisione l’ho maturata e imposta io! Per cui la sofferenza è stata sicuramente maggiore! Ma questa differenza è insignificante! In pratica soffriamo entrambi! In fondo in fondo neanche io riesco ad accettare questa mia decisione

Peppenella: E cosa pensi di fare?

Caterina: Che vuoi che faccia? Aspetto che passi! Perché tu cosa faresti?

Peppenella: Cosa ho fatto vorrai dire!

Caterina: Non ti seguo! Che avresti fatto?

Peppenella: Il mio più grande errore è stato quello di lasciare Napoli per seguire mio marito a Firenze!

Caterina: Perché? Non ti trovi bene?

Peppenella: Macché? La città è stupenda! Tranquilla! Ma in casa è l’inferno!

Caterina: In che senso?

Peppenella: Sta sempre come un pazzo! Insoddisfatto! Non si trova! A volte è anche violento!

Caterina: Addirittura!

Peppenella: E secondo te com’è che mamma si è aggravata con la pressione? Ho dovuto fare marcia indietro e rientrare a Napoli insieme ai miei figli!

Caterina: L’hai lasciato?

Peppenella: Yes!

Caterina: E col lavoro? Come stai facendo?

Peppenella: Ho chiesto l’aspettativa non retribuita! E mi sto muovendo per cercare qualcosa qui a Napoli!

Caterina: Cu sti chiari di Luna?

Peppenella: E che devo fare? Per me Firenze era diventata una prigione! Mò faccio domanda per qualche clinica! Qualcosa deve uscire! Anche se devo pagare a qualcuno!

Caterina: Povera Pinuccia! Cu nu posto statale adda fernì mmane a sti ricuttare!

Peppenella: Che ci vuoi fare? Nella vita ci vuole ciorta ma anche molto coraggio! Hai capito Caterì? Coraggio!

Caterina: Ho capito Pinù! Ci penserò!

Peppenella: Brava! Pensaci! ‘E sentimenti nun so ‘na pazziella!

Caterina: Hai ragione!

Entra Gaetano portando un vassoietto con due bicchierini di caffè.

Gaetano: Visto che non volete raggiungerci di la…! La montagna va a Maometto!

Caterina: Ma te l’avevamo detto che non ne volevamo!

Gaetano: Si, ma non mi sembravate convinte!

Peppenella: (Sorbendo il caffè) Grazie Tanino! Sai sempre essere squisito!

Caterina: (Sorbendo il caffèe con ironia) Proprio così! Comme nu bombolone!

Peppenella: (Con mestiere e per consentire ai due di restare soli) Fammi andare di la! Me so scurdato ‘e mammà! Sulo essa m’è rimasta! A dopo! Mi raccomando! (Esce)

Gaetano: Vai vai! E’ sempe stata nu poco ‘mpechera?

Caterina: Conoscendo i fatti!

Gaetano: Appunto! Immagino di cosa avete parlato!

Caterina: Non lusingarti! Mi ha raccontato soprattutto la sua situazione!

Gaetano: Sì ho saputo! Ne parlava la madre di la!

Caterina: Poverina! Mi dispiace!

Gaetano: Sì, anche a me! E poi? Di cos’altro avete parlato tu e la pettegola?

Caterina: Della nostra decisione di interrompere la nostra storia!

Gaetano: Della tua decisione vorrai dire! Ed in che termini? Se è lecito saperlo?

Caterina: Non insistere! Ne abbiamo già parlato!

Gaetano: Forse non abbastanza! Non trovi?

Caterina: Per me va bene così! E se lo vuoi proprio sapere Peppenella è d’accordo con te!

Gaetano: Ah! Una donna solidale ad un uomo! E come si spiega questo miracolo?

Caterina: Appunto sei un uomo! Non capiresti!

Gaetano: Non rifugiarti dietro ai luoghi comuni! Ad ogni modo sappi che io sto subendo questa tua decisione! Ero pronto ad andare fino in fondo alla nostra storia! Per il cuore che ci avevo messo!

Caterina: Questo lo so e mi dispiace che ne stai soffrendo! Credimi! E’ difficile anche per me sostenere quanto mi sono e ti ho imposto! Non ne ho avuto il coraggio! E tu, se mi vuoi bene, non devi torturarmi in questo modo facendomi sentire sporca nei tuoi confronti! E’ forse una colpa essere poco coraggiosi? Non farmi pentire di essermi lasciata andare anche se per poco tempo! Conservo dentro di me il ricordo dei nostri momenti idilliaci! E questo mi da forza, ma anche tanta amarezza, quando devo sostenere quanto ho deciso!

Gaetano: Hai ragione! Scusami! Ma io non riesco a mentire! Non con i sentimenti! E’ forse una colpa essere sinceri?

Caterina: Non riesci proprio a diventare mio amico?

Gaetano: Per quanto mi riguarda, io e te, non potremo mai essere amici! Non ci riesco! Dovrei accontentarmi di retrocedere ad un livello inferiore a quello che abbiamo raggiunto? Già è difficile trattarti come una semplice collega con tutti questi stronzi che ti sbavano dietro come lumache! Ho pensato anche di cambiare reparto! Sai come si dice no? Lontano dagli occhi…

Caterina: …Lontano dal cuore! Forse hai ragione! Sono stata egoista a decidere tutto da sola senza preoccuparmi di  queste conseguenze! Mi sembravano il male minore rispetto a ciò che stavamo per causare! Ma mi rendo conto che ho fatto del male soltanto a noi stessi! Ti chiedo soltanto un po’ di tempo per riflettere! Però non assillarmi! Devo essere lucida! (Accarezzandogli il viso) Se puoi, non te ne andare via dal reparto! Lo percepirei come una punizione! E te ne pentiresti anche tu! Inoltre, anche da un punto di vista professionale, non vorrei perdere la tua affidabilità! Con te mi sento sicura!

Gaetano:  (Prendendole la mano e riavendosi) Per fortuna era soltanto un fugace pensiero istintivo! D’accordo! Secondo te cosa pensi stia facendo da quando mi hai messo da parte?

Caterina: Che stai facendo?

Gaetano: Sto aspettando!

Caterina: Che cosa?

Gaetano: Ca ‘a purpessa se coce dint’’a l’acqua soja!

Caterina: (Le da uno schiaffetto affettuoso) Ma sei proprio un bastardo! (Si abbracciano)

Entra Pasquale di corsa.

Pasquale: Tanì! Tanì!

Gaetano: Pascalì che è stato?

Pasquale: Peppe s’è sentuto male! E’ svenuto!

Gaetano: Addò sta?

Pasquale: L’hanno purtato d’urgenza ‘o Pronto soccorso e me pare in rianimazione!

Gaetano: (A Caterina) Tesò! Avvisa ‘o Duttore Olibet! Je vaco a vedè!

Caterina: Non preoccuparti! Ci penso io! Corri!

Gaetano e Pasquale escono.

Caterina: (Verso l’interno) Ragazzi! Venite un attimo per favore!

Entrano tutti tranne Giovanni.

Maria: Caterì che è successo?

Caterina: Peppe si è sentito male e l’hanno portato in rianimazione!

Luigi: Un’altra volta?

Ciro: Povero guaglione!

Peppenella: Mannaggia ‘a miseria!

Madre: Chi è Peppe?

Peppenella: ‘O parcheggiatore ca steve ccà ffore!

Madre: Ah! Povero Giovane!

Caterina: (A Olibet) Ha detto gaetano di raggiungerlo appena potete!

Dr. Olibet: Vado subito! Quello tiene anche le mie chiavi della macchina!

Luigi: Duttò facite ampressa!

Ciro: Chillo pensa ‘e chiave!

Olibet esce.

Maria: Ma comme s’adda fa? Speriamo bene! (Ritorna dentro)

Peppenella: Ragazzi, è meglio che vada anch’io! Accompagno mia madre a casa!

Caterina: Ciao Pina! Grazie! Arrivederci Signora!

Peppenella: Figurati! E di cosa?

Madre: Arrivederci!

Peppenella: Ciao a tutti! Tenetemi informata per Peppe!

Ciro: Arrivederci!

Luigi: Ciao Pinù!

A questo punto entra un ragazzo indiano sulla trentina.

Indiano: Buongiorno a tutti! Potere io entrare?

Ciro: Certo! Potere tu trasire!

Indiano: Grazie!

Ciro: Prego!

Caterina: (A Luigi) E mo come facciamo? Il dottore non c’è!

Luigi: Se è qualcosa chiama il primario o ‘a spagnola!

Caterina: Ma Giovanni dove sta?

Luigi: Sta dentro!

Ciro: Ha cacciato ‘o copmuter ‘a dint’’o valigione! Mo sta pazzianno cu Facebook!

Caterina: Veramente! Cu sti chiari di Luna?

Luigi: Quello è ‘na cosa esagerata! Comme se po’ fa? Ma che tene ‘o Timer?

Ciro: Appena viene quest’ora s’assetta e sbarea cu chillu chiuove ‘e portatile ca s’è accattato!

Luigi: Quello che succede succede qua dentro! Lui si estranea!

Caterina: E po’ tene ‘a dicere ‘ncuolle a nuje!

Ciro: Overo è! ‘O Pataterno ‘e cafune ce lavaje ‘a crianza!

Caterina: (All’Indiano) Di che si tratta?

Indiano: Io dovere levare punti!

Caterina: Avete portato la ricetta?

Indiano: Cosa essere ricetta? Io operato qui! A me avere detto di levare punti dopo dieci giorni!

Luigi: Sì! Ma per farlo in ambulatorio bisogna portare la ricetta del medico curante!

Indiano: Io non avere medico curante! Io clandestino!

Luigi: E come si fa?

Caterina: Vabbè! Stendetevi qua!

Luigi: Caterì!

Caterina: Gigì! E come deve fare sto poveretto?

Indiano: (Stendendosi) Grazie signora!

Caterina: (Mentre procede a togliere i punti) Che lavoro fate?

Indiano: Io pulire cacca a anziano!

Caterina: Ah! Fate il badante!

Indiano: Sì! Io però non riescio a dire! (Caterina gli sorride) Tu buona con me! Grazie!

Nel frattempo entra il primario seguito da Maria.

Primario: Caterina! Potresti venire un attimo di la?

Caterina: Un attimo solo Prof. Finisco qui e la raggiungo!

Primario: E gli altri? Dove sono? Si è svuotato l’ambulatorio?

Caterina: C’è stata un’emergenza!

Primario: Che è successo?

Luigi: Peppe il parcheggiatore è stato portato in rianimazione!

Ciro: Gaetano e il Dr. Olibet sono andati a vedere!

Primario: E qui chi ci sta?

Caterina: Ci siamo noi! Per qualsiasi cosa possiamo fare capo a lei o alla Dottoressa Perez!

Primario: Ma siamo impazziti? Io devo andare dal Direttore! L’ambulatorio non può stare senza Sanitario! (Notando l’Indiano) E questo? Cos’ha?

Caterina: Niente! Deve solo togliere i punti!

Primario: Ha portato la ricetta?

Luigi: Prof. E’ un clandestino! Non ha neanche il medico curante!

Primario: (Alterandosi) Ma stiamo scherzando? Erogare una prestazione ambulatoriale senza ricetta? Questo è peculato!

Luigi: Addirittura Prof.! Mica ne stiamo traendo profitto? Ci siamo soltanto immedesimati nella sua situazione di precarietà!

Primario: Ma che stai dicendo! Smettila! Questa è un’azienda Ospedaliera! Azienda capisci? Non è un istituto di beneficenza!

Luigi: Va bene Prof. Scusateci! Le posso  fare una domanda?

Primario: Di che si tratta?

Luigi: Quando stamattina è venuta la signora che lei ha operato in clinica…!

Primario: Beh?

Luigi: Ha portato la ricetta per togliersi i punti?

Primario: (Visibilmente in imbarazzo) Beh! No! Stamattina no! Ma me la porterà!

Luigi: Me lo auguro Prof.! Siccome sono io che le registro, non vedo l’ora che arrivi!

Primario: Che vuoi dire?

Luigi: Che potrebbe incorrere anche lei nel Peculato!

Primario: (Vestendosi di autorità) Non ti permetto di fare certe illazioni! Hai capito! Io qui sono il primario! Sono io che controllo voi e non il contrario! Caterina! Sbrigati al finire e raggiungimi di la! (Uscendo) Cose da pazzi! La carne sotto e i maccheroni sopra!

Caterina: (Finendo di medicare) Gigì ma si pazzo? Chillo è ‘o primario!

Luigi: E allora?

Caterina: Comm’è allora? Tu ‘o rispunne ‘e chella manera! Lo sai che ti può sospendere?

Luigi: S’adda sulo permettere! ‘O vaco a denuncià direttamente!

Caterina: Ma la vuoi finire? Statte zitto!

Ciro: Pe me ha fatto bbuono! (Alludendo al Primario) Stu Purpettaro fa sempe chesto!

Luigi: Sta ‘nguacchiato ‘e denari e tene pure ‘o curaggio ‘e parlà!

Caterina: Sì ma adesso finitela! Basta! (All’indiano) Adesso si può rivestire e andare!

Indiano: Grazie a tutti ragazzi e scusate me per disagio!

Caterina: Non si preoccupi stia tranquillo!

Indiano: Arrivederci a tutti! (Esce)

Ciro: Arrivederci e scusateci!

Caterina: Io vado di la dal Primario! (Esce)

Luigi: Vai vai! Tanto mo è tranquillo!

Entrano il Dr. Olibet e Gaetano.

Dr. Olibet: Ragazzi tutto a posto qui?

Ciro: Si dottò! A parte l’ennesima sparata d’’o Primario!

Dr. Olibet: Ancora? Ma quando se ‘mpara a campà?

Luigi: Tanì! Come sta Peppe?

Gaetano: Male purtroppo! Ma adesso si è stabilizzato!

Ciro: Sta ancora in rianimazione?

Gaetano: Sì!

Ciro: Duttò! Ma nun se po fa niente?

Dr. Olibet: Adesso molto poco per lo stadio della sua malattia!

Luigi: Mamma mia bella! Speriamo bene!

Entrano due signore Madre e figlia.

Figlia: E’ permesso?

Ciro: Prego signora!

Figlia: Siamo ancora in tempo per una visita?

Ciro: Penso di sì! Il dottore è ancora qui!

Madre: Scusate tanto dottò ma avimmo avuto prublemi addo se pava ‘o ticket!

Figlia: Infatti c’era una folla tremenda!

Luigi: Non si preoccupi! Mi dia le ricette!

Dr. Olibet: Di che si tratta signora?

Figlia: Mia madre è stata operata all’utero quattro mesi fa ed ora ha forti dolori di pancia e vomito!

Dr. Olibet: Si accomodi sul lettino!

Gaetano: Piano piano signora! Venite! Vi aiuto io!

Madre: Grazie figliu mio! (Si stende)

Dr. Olibet: (Visitandola) Da quanto tempo avete questi dolori?

Madre: Duttò! Mo è già nu mese!

Dr. Olibet: (Terminando la visita) Va bene! Adesso può accomodarsi sulla sedia! Si rivesta! Gaetano aiutala!

Figlia: Allora dottore?

Dr. Olibet: Avete fatto degli esami?

Figlia: Ecco qua! Abbiamo la Tac, La radiografia della pancia e i prelievi! (Li porge)

Nel frattempo la signora siede alla scrivania.

Dr. Olibet: (Li prende e li esamina) Molto bene! Vediamo un po’!

Madre: Dottò è grave?

Dr. Olibet: Non molto signora! Ma penso che dobbiate operarvi un’altra volta!

Madre: Mamma mia! E perché? Che tengo?

Dr. Olibet: Avete le aderenze! Vi dovete operare!

Madre: Mamma mia duttò! E ‘a chi m’aggia fa raccumannà? Je nun cunosco ‘a nisciuno!

Dr. Olibet: E questo che c’entra? Non capisco!

Madre: Duttò nun me ‘nzallanite! Vuje avite ditto c ape m’operà ce vulevano l’aderenze! Je nun cunosco a nisciuno!

Dr. Olibet: Ma che avete capito? Avete le aderenze nella pancia! A causa dell’altro intervento!

Madre: (Alla figlia) Assuntì! Te l’avevo ditto ca chill’atu duttore era nu scarparo!

Dr. Olibet: Non esageriamo! Le aderenze sono una complicanza degli interventi sull’addome! Magari lei è più predisposta.

Madre: Duttò! Sentiteme a me! Ma è n’intervento grave?

Dr. Olibet: Assolutamente no! Certo è un po’ scocciante!

Madre: Ma m’addormene tutta quanta o me facite ‘a puntura Lombarda?

Dr. Olibet: La puntura Lombarda la fanno a Bergamo! Casomai noi facciamo la puntura lombare!

Madre: Eh! Chella arete ‘e rine!

Dr. Olibet: Ad ogni modo, nel vostro caso, è prevista l’anestesia generale!

Figlia: Mamma, ti addormentano tutta quanta!

Madre: Meglio! Accussì si more nun me n’addono!

Figlia: Mamma ma che dici?

Dr. Olibet: Non ci pensate proprio!

Figlia: Dottore! La ringraziamo!

Dr. Olibet: Figuratevi! Sarete chiamati dal caposala appena ci sarà disponibilità di posto letto!

Madre: Allora me chiammano ‘o juorno d’’o giudizio!

Dr. Olibet: Certo l’attesa è un po’ lunga e nel vostro caso l’intervento è inevitabile! I sintomi potrebbero persistere!

Figlia: E come possiamo fare?

Madre: Avimma pavà! Chesta è ‘a soluzione! E’ vero duttò?

Dr. Olibet: Effettivamente scegliendo di operarsi in intramoenia o in clinica i tempi si abbreviano!

Madre: Haje visto?

Figlia: Aspetta mamma! Dottore, a chi dobbiamo rivolgerci!

Dr. Olibet: In questo caso facciamo tutto noi! Anche la prenotazione per l’intervento!

Figlia: E quanto verrebbe a fare?

Dr. Olibet: Se scegliete l’intramoenia in ospedale sui seimila euro! Se scegliete la clinica privata del Professore sugli ottomila più il costo della stanza!

Madre: E ccà nce vo nu mutuo!

Dr. Olibet: Cosa le posso dire! Queste sono le possibilità! Vedete le cose vostre e fateci sapere!

Figlia: D’accordo dottore! Mamma andiamocene!

Madre: Allora aveva ragione ‘o duttore ca ce vonno l’aderenze p’essere operato ccà dinto! Che schifo!

Figlia: Mamma smettila! Buona giornata a tutti! (Escono)

Ciro: Arrivederci!

Dr. Olibet: Questa era l’ultima visita è vero?

Luigi: Si Dottore!

Dr. Olibet: Allora vado di la dal Primario! (Esce)

Ciro: Mamma mia guagliù e che schifezza! Ave ragione ‘a signora!

Luigi: Io mi vergogno del mio lavoro quando succedono queste cose!

Ciro: E teneno pure ‘o curaggio ‘e ce fa ‘e cazziate quanno facimmo qualcosa pe’ nuje o pe’ quacche povero Cristo!

Luigi: Ma infatti! Quelli si devono solo permettere di farmi rapporto! Ma vaco a fa ‘na cantata ‘ncoppo a d’’e Carabinieri a quel Dio biondo!

Ciro: Faje buono! Je te vengo a sunà ‘o Mandulino!

Rientra Caterina.

Caterina: Finalmente questa giornata è finita! Gaetano! Come sta Peppe?

Gaetano: Non si sa ancora niente!

Caterina: Luigi! Tutto a posto col Primario! Si è calmato e non farà rapporto!

Luigi: Ma chi ‘o pensa? Tre prubbleme e isso quatto!

Entra Pasquale

Ciro: Uè Pascalì! Novità?

Pasquale: Guagliù! Peppe è muorte!

Luigi: No!

Caterina: Uh! Mamma mia! (Verso il fondo)  Maria! Vieni un attimo!

Ciro: Povero guaglione! Me dispiace assaje!

Gaetano: Me l’aspettavo!

Maria: (Entrando) Che è stato?

Ciro: Peppe è muorte!

Maria: (Singhiozzando) Tu che dice?

Ciro: Ce l’ha ditto Pascale mmò mmò!

Maria: Mamma mia che tragedia!

Pasquale: Vabbuò! Me ne vaco! (Esce)

Ciro: Cià Pascà! Grazie!

Luigi: Cirù! Accumpagneme! Jamme ‘a vedè a Peppe!

Ciro: Sì sì! Jamme! (Escono)

Maria: E mo chi l’avvisa ‘a Famiglia?

Gaetano: (Irritato per il dolore) Ma quale famiglia? Quale?

Maria: La sorella! ‘O Cainato!

Gaetano: Ma famme ‘o piacere! La famiglia per quell’uomo eravamo noi! E’ muorte sulo!

Caterina: Che tristezza!

Gaetano: Appunto! Una persona che la società! ‘A gente! Ha sempre ritenuto un rifiuto, un qualcosa e non un qualcuno! Una cosa da evitare! Di cui vergognarsi! Ma sempre pronti ad approfittarsene quando poteva tornare utile! Mo se n’è gghiute! Avite fernute d’azzuppà!

Maria: E vero! Chillu povero guaglione se veneve a piglià ‘e chiave d’’a machina pure sotto a l’acqua!

Caterina: Ti dava sempre il suo ombrello per non farti bagnare! E lui era fradicio d’acqua!

Gaetano: Sempre disponibile! Un vero Signore! Un Amico!

Maria: BastaTanì! Andiamo di la! Ti pigli un caffè e chiamiamo la sorella! Forza! (Escono)

Caterina resta sola, va verso la scrivania e si mette a giocherellare col telefonino. Entra Giovanni con una enorme custodia di un computer portatile. Contemporanemente Nina, la moglie di Giovanni, compare sulla soglia a sinistra. Notando il marito e Caterina si ferma sulla stessa. I due non la notano!

Giovanni: Ehi Cate! (Languido) Ti hanno lasciata sola sola? (Tenta di abbracciarla da dietro) A chi stai messaggiando? Bada che sono molto geloso!

Caterina: Dai Giovanni smettila! Non è momento!

Giovanni: E’ successo qualcosa? Ce l’hai con me? Che t’ho fatto?

Caterina: E’ successo che è morto Peppe il parcheggiatore e sto un po’ turbata!

Giovanni: Ah Poveretto! Un po’ mi dispiace! D’altronde non lo conoscevo!

Caterina: Invece noi lo conoscevamo bene!

Giovanni: (Cercando di risollevare la collega) Dai non pensarci! Ti ricordo che stamattina mi hai invitato a pranzo! Io sono pronto ed ho un certo appetito… (Allusivo) ed anche altri appetiti!

Caterina: Ma smettila! Vai a magiare a casa! La tua mogliettina ti aspetta!

Giovanni: Devo rimanere qui anche io! Ricordi? Devo recuperare le ore di ritardo!

Caterina: Sì! Ma non mi va di mangiare! Si è chiuso lo stomaco!

Giovanni: Ma non puoi restare digiuna! Dai! In fondo la vita continua!

Caterina: E va bene! Ma ti faccio solo compagnia! Magari spozzoleo qualcosa!

Giovanni: Allora andiamo! Dopo ti offro il caffè e il dolcetto!

Nina: Posso partecipare anche io a questo bel pranzetto?

Giovanni: (Visibilmente imbarazzato) Nina! Come mai qui?

Nina: Tuo figlio è caduto dalla bicicletta e l’hanno medicato al pronto soccorso! Ora sta aspettando in macchina con mio padre!

Giovanni: Che si è fatto?

Nina: Niente di grave! Piccole escoriazioni!

Giovanni: Ma come è caduto?

Nina: E quello è un imbranato! Proprio come te! Per imitare gli amici si è messo ad impennare ed è caduto!

Giovanni: Meno male che non s’è fatto nulla! A rischio di rompersi la testa!

Nina: Non preoccuparti! Quello la testa la tiene dura! Comme a te! Hai finito di fare il zezo con quella gatta morta?

Caterina: E’ meglio che vada! Ciao Giovanni! In bocca al lupo…anzi alla lupa! (Esce)

Giovanni: Ciao Caterina! (Alla moglie) La vuoi smettere? Mi stai facendo fare una brutta figura!

Nina: Tu sei un collezionista di brutte figure! ‘A prossima vota te cumpuorte bbuono!

Giovanni: Insomma! Perché sei venuta qui? Potevi telefonarmi!

Nina: Dovevo constatare!

Giovanni: Che cosa?

Nina: Quanto si n’homme ‘e niente!

Giovanni: Ma che ho fatto?

Nina: T’aggie visto comme haje fatto ‘o splendido cu chella!

Giovanni: Ma Nina! Non puoi capire! Noi facciamo così per un fatto goliardico!

Nina: Sì sì! Goliardico! Intanto te stive abbuccanno!

Entra Maria.

Maria: Uè Nina! Ciao! Come mai sei venuta qui?

Giovanni: Ha portato nostro figlio al pronto soccorso!

Maria: E che è successo?

Giovanni: E caduto dalla bici, ma non s’è fatto niente!

Maria: Giuvà! Ma mugliereta ha perzo ‘a voce?

Nina: No Maria! E’ meglio ca me stongo zitta!

Maria: Ma ce l’haje cu me?

Nina: No! Figurati! Secondo te cu chi c’ha pozzo avè?

Maria: Giuvà! C’haje cumbinato?

Giovanni: Niente Marì! Sciocchezze!

Nina: Azz sciocchezze? E’ meglio che me ne vaco! T’aspetto ‘a casa! (Esce)

Maria: Ma che sta succedendo?

Giovanni: Niente di che! Mi ha sentito parlare con Caterina e s’è arrabbiata!

Maria: E allora valle appresso! Accumpagnala!

Giovanni: Si figurati se le do soddisfazione! S’adda ‘mparà!

Maria: Ma si proprio nu pruvulone! (Spingendolo) Fa ampressa! Va appriesso a mugliereta e fa l’homme!

Giovanni: Sì, sì! Vado vado! (Uscendo) Nina, Nina! Aspetta! Ti accompagno!

Rientra Ciro.

Ciro: Mamma mia e che impressione! Povero guaglione!

Maria: Je nun tengo ‘o curaggio d’’o vedè!

Ciro: Ma che è succieso cu Giuvanno? E’ asciuto tutte currenno!

Maria: Niente Cirù! Ha azzeccato l’ennesima figura ‘e merda! Stavota annanze ‘a mugliera!

Ciro: Alla faccia…! Mo ‘o candidammo p’’o Telegatto! Anzi! ‘O signalammo a Striscia! Accuss’ ‘o ‘bboffano ‘e tapiri!

Maria: Vabbuò Cirù! Visto ca ce staje pure tu damme ‘na mano! Accussì fernimme primma!

Ciro: Agli ordini Maria! Jà! Chiudimmo sta jurnata ca dimane s’accummencia d’’o capo! (Mentre riordinano si chiude il sipario)

Fine

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno