Vedoe sconsolate

Stampa questo copione

VEDOE SCONSOLATE

VEDOE SCONSOLATE

1° vedoa

     A la morta de terzo marito, la Rò sola al capezzalo del difunto, al senta igghje strizzon de la fame. Visto ch’aera sola e che in cucina aera rimasto dò pesci, al dicida de fassili fritti.

    Appena pronti, arevà ne la stanzia de là,  dal marito morto. A’ssassetta sù una scrana, a’està per magnalli quande i sonene a la porta. Chi i’ssirà? Al dice frà sè e sé.

    Fasse troà cugì, a magnà davanti al morto al sirebbe stata una vergogna. Lesta a’rempiatta el piatto cò i pesci sotto al letto  e al và ad aprì. Igghjeren dei parenti e qualche amico ch’ivviniene per vegghjà el morto.

   Inseme a lori a’reentra ne la stanzia e tutti inseme igghjà-ttacchene con le litanie. Ave Maria, Ora Pronobis…

   El gatto de cà che igghjà-ea sintito e’jodore dei pesci igghje sgajattola  sotto el letto, igghje sgraffigna un pescio e i’sse ne và per revinì subito e dè noo ‘ndà via con un altro pescio in bocca, per reesse-lì un'altra volta e rescappà con un altro pescio. La scena u’nnera scappata a la Rò, ch’aea una fame che un ce vedea ma el gatto a’laea visto, eccome. 

      Tant’è ch’al terzo pescio, agghje scappa ditto:

Oh Signore,  Oh Signore,   immi-lì-vò  porta  via tutti…

Quej ch’igghjerene  lì,  a  sintì  queste  parole, tutti in coro:  poera donna…poera donna…

2° VEDOA

La Luì a’ssera misa al capezzalo del marito morto con in sacca una brancata de sicchine e de tanto in tanto asse-ne mettea una in bocca e a la biascicaa in rispettoso silenzio.

A un certo punto agghje ven da dire.- Cristo questa aè proprio grossa…!          ( al pensaa a la sicchina)

Tutti igghj-àstanti in coro:- poera donna… poera donna !!!

( i pensaene al morto )

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno