Via Gra’ 29

Stampa questo copione

Riuscirà il dottor....
Via Gra’ 29

Ovvero

Riuscirà il dottor Pastarella ad evitare di essere cornificato?

Ovvero

Una corna per uno,

non fa male a nessuno!

Commedia comicissima in due tempi

Di

Umberto Castaldi

Liberamente tratta da

“Le pillole di Ercole”

di

M. Hennequin e P.V Bilhaud

PERSONAGGI

DR. EDUARDO PASTARELLA                 MEDICO

GIUGGIOLA                                  SUA MOGLIE

PASQUALE SPINA                           PROPRIETARIO. HOTEL STELLAMMARE

COLONN. AMBROGIO MENEGHIN          MILITARE IN PENSIONE

CARMELA ESPOSITO (BON BON)           EX CANZONETTISTA

FIFINA                                       SUA FIGLIA

BETTINA ZOCCOLI                          OSPITE DELL’HOTEL

ESPERUTO DESCOBAR                       MILIARDARIO NAPOLANDALUSO

OSVALDO ROMPI                            PAZIENTE DEL DOTTOR PASTARELLA

CONCETTA                                   CAMERIERA

GENNARINO                                 CAMERIERE

SALVATORE                                  CAMERIERE


(Ingresso dell’albergo Stellammare di Sorrento: la comune, ad arco è al centro sul fondo: in prima a destra balcone, a sinistra, in prima, banco della reception: alle spalle colombaia portachiavi. In seconda, a destra uscita che va in giardino ed a sinistra sempre in fondo, degli scalini che portano ai piani superiori dove sono le camere. Divani, poltrone, tavolo consolle con specchio, quadri alle pareti)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(All’aprirsi del sipario Pasquale, il proprietario dell’albergo è al banco della reception e sta mettendo le chiavi nelle apposite caselle. Dalla destra, in fondo entra il dott. Eduardo Pastarella)

SCENA I (Eduardo – Pasquale)

Eduardo          Buongiorno Pasquale, bella giornata vero?

Pasquale         Buongiorno Eduardo: hai ragione è una bellisima giornata!

Eduardo          Peccato ca oggi me ne vaco: è stata ‘na semmana piacevole e di tutto riposo: n’avevo proprio bisogno!

Pasquale         Certo cu ‘a vita ca faje, avresti bisogno di riposarti di più, si no va a fernì ca t’e fa vedé ‘a ‘nu buono miedico!

Eduardo          E addò ‘o trovo: dopo di me nun ce ne stanno.

Pasquale         Modestamente! (Ridono entrambi)

Eduardo          Spero solo ca quanno torno a Napoli, non avrò problemi!

Pasquale         Problemi, di che genere? (Siedono entrambi sul divano)

Eduardo          Vedi Pasquale, nuje ce cunuscimmo ‘a tantu tiempo; io quando posso vengo qui a riposarmi un po’, e tu mi dimostri sempre tanta amicizia. Sento che con te me pozzo cunfidà.

Pasquale         Avevo capito ca tenive qualche cosa che non andava: dimme, ‘e che se tratta?

Eduardo          Tu sai quanto io ami mia moglie!

Pasquale         ‘O saccio, e allora?

Eduardo          Io ho tradito Giuggiola!

Pasquale         ‘Overo? Cosa ‘a nun credere!

Eduardo          La colpa però nun è tutta ‘a mia: una stupida scommessa fatta dai mie colleghi che mi ha costretto ad avere ‘n’avventura!

Pasquale         Interessante,  confidati!

Eduardo          Tu non lo sai , ma io ho inventato la pillola verde!

Pasquale         La pillola verde, che d’é

Eduardo          La scoperta del secolo alla quale ho dato il nome della via dove abito: ”Via Grà”: te piglie una sola ‘e chesti pillole e trovi via libera per una fantastica  prestazione amorosa! (Prende dalla tasca uno scatolino e a reclamizza) Pillola verde e che vuo’ cchiù? Quando la prendi, non va più giù! (Gli porge la scatola) Tieni te ne regalo ’na scatola!

Pasquale         Ti assicuro ca nu me serve ancora… (La mette in tasca – a parte) però, nun se po’ maje sapè! Allora mi stavi dicendo della scommessa!

Eduardo          Durante una cena tra colleghi, poiché tutte quante sanno che so’ fedele  a mia moglie, quei delinquenti fecero sciogliere ‘na pillola verde nel mio bicchiere! Dopo aver bevuto, cominciai  a sudà e cu’ ll’uocchje ‘a fore me ne jette con la scusa di un ammalato da visitare.

Pasquale         E po’?

Eduardo          ‘O sango me volleva, desideravo una donna a tutti i costi e con una scusa me ne  jette e turnaje ‘e pressa a casa!

Pasquale         E zumpaste ‘ncuollo a tua moglie….

Eduardo          Macché , nun ce steva!

Pasquale         Allora te ne vediste bene cu’ ‘a cameriera..

Eduardo          Macché, nun ce steva manco essa!

Pasquale         E allora?

Eduardo          Si me faje parlà te ‘o dico!

Pasquale         Ti ascolto!

Eduardo          Entro in casa, squilla il telefono: chiamano dall’Hotel Vesuvio perchè ‘na turista spagnola cerca ‘nu miedeco: nun capisco niente cchiù perché combattuto tra l’uomo che vo’ rimané’  a casa cu ‘a mugliera , ed il medico che vuole correre al capezzolo....(Si riprende) al capezzale dell’inferma!

Pasquale         Ebbene?

Eduardo          Vince il medico, mi precipito all’Hotel Vesuvio, dove in una suite al settimo piano, ‘copp’a ‘nu lietto stile Luigi XV trovo distesa ‘na femmena ca ‘cuollo teneva sulo ‘na vestaglia trasparente, ma così trasparente che io sudato ed eccitato più che mai penso: “Ma è trasparente!”

Pasquale         Trasparente, interessante,…. e allora?

Eduardo          E allora nun capette niente cchiù: senza perdere tiempo ‘a luvaje ‘a trasparenza  ‘a cuollo e le facette una visita così intima ed accurata che dopo la spagnola esclamò: “Muy bien, medici napoletani sanno curare le segnoras con mucho gusto, Ahhhh!” …Chillu  suspiro se avette ‘a sentì per lo meno fino ‘o capo ‘e Pusilleco!

Pasquale         Che divertimento, cosa ‘a fa’ ‘e nummere!

Eduardo          E io intanto io ho tradito mia moglie!

Pasquale         E va buo’ pe’ na’ vota...

Eduardo          Nun va buono, pecchè avevo giurato che non l’avrei  mai fatto!

Pasquale         Tua moglie l’ha saputo?

Eduardo          Stesso frisco!

Pasquale         L’americana l’e vista cchiù?

Eduardo          Manco cu ‘o binocolo!

Pasquale         E allora?

MLchele          E allora capisci pecché me ne so’ venuto ccà ‘na settimana’, anticipando la partenza per la Francia: oggi ce ne andiamo a Parigi; spero ca ‘o spagnuolo e ‘a mugliera se ne vanno‘a Napule, e addò me trova cchiù.

Pasquale         Tiene paura ca ‘o marito si ‘o vene a sapè e te po’ scummà ‘e sangue?

Eduardo          Come minimo!

Pasquale         E va buo’, è passata ‘na semmana, se doveva succedere qualcosa, già sarebbe successa!

Eduardo          Speriamo! Ora permetti, vado da mia moglie a darle una mano per le valigie!

Pasquale         Fai pure

SCENA II (Concetta – Pasquale - Bettina

Concetta         (Entra dalla sinistra) Buongiorno direttore.

Pasquale         Buongiorno, la signorina Bettina Zoccoli è partita?

Bettina            (Entra dalla sinistra: è una bella donna) No, sto andando via adesso : vi saluto e vi ringrazio!

Pasquale         E di che , spero di rivedervi al più presto!

Bettina Appena avrò bisogno ‘e me arrepusà ‘nu poco!

Pasquale         Benissimo, allora arrivederci (Via)

Concetta         Allora partite, comme  ve sentite?

Bettina ‘Nu poco meglio!

Concetta         Mo’ cercate ‘e ve riguardà : nun pigliate friddo si no perdite n’ata vota ‘a voce!

 

Bettina            Nun é ‘o friddo, Cuncè: (Circospetta) con te mi posso confidare: si’ femmena e me può capì: io perdo ‘a voce pecchè…no, me metto scuorno…

Concetta         Scuorno ’e me? Ce cunuscimmo ‘a ‘a tante anne, jammo parlate!

Bettina Le mie corde vocali so’ ‘nu poco maltrattate pecchè....

Concetta         Coraggio, jate annanze!

Bettina            Pecchè io quando sto in situazioni..... come dire.,...intime con un uomo allucco quando nel momento culminante della scena travolgente, condivido la sua...capisce a me ...gioia!

Concetta         Come? (Divertita) Vuje alluccate quanno...... sentite il friccico friccico...

Bettina            Tutte ‘e vote Concè’: dalla mia gola escono allucche che invece di far gioire il mio compagno, ‘o fanno fuj’ spaventato

Concetta         E vuje nun alluccate....

Bettina            Nun ce  riesco!....L’ultima vota aggio alluccato pure ‘e cchiù, perchè il mio amico era un ‘nu poco surdo!

Concetta         Cuntate....cuntate...e allora?

Bettina Nennè e comme staje appezzata.....fusse ‘nu poco ‘mpechera?

Concetta         Ma che gghiate dicenno ....è che ‘o fatto ‘è bellillo assaje! E allora?

Bettina            Allora, proprio pecchè nun ce senteva, aggio alluccato’nu poco ‘e cchiù; ‘a signora ‘e rimpetto s’è misa paura pecchè ha creduto ca qualcuno me steva squartanno, e ha chiammato ‘a polizia!

Concetta         ‘A polizia, ed è venuta?

Salvatore                    (Entra dal fondo a sn Vede le due donne e si ritira, facendo capolino per ascoltare. Con mimica sottolinea il parlare delle due donne)

Bettina            Subito, e poiché per non essere disturbata, avevo staccato ‘o campaniello, visto ca nun arapeva nisciuno, hanno sfunnato ‘a porta, e si sono trovati davanti ‘nu spettacolo ca nun te ne dico e nun te ne conto…!

Concetta         Che spasso!

Bettina            Qua’ spasso: i poliziotti credendo che alluccavo p’o dulore, perché chillu puveriello, secondo loro, me steva accedenno, ci hanno portato in Questura pe’ ‘o verbale: e accussì, ‘nu poco pe’ ‘a paura, ‘nu poco pe’ ‘o scuorno e nu poco pecché avevo alluccato assaje, aggio perso completamente ‘a voce!

Concetta         Mi raccomando, ‘a prossima vota cercate  ‘e ve controllà!

Bettina            Comme si fosse facile! Dimme ‘a verità: tu in quei momenti ce riesce?

Concetta         ‘A verità? Si nun faccio qualche acuto da soprano, pare comme.….si avesse mangiato, ma senza soddisfazione!

Bettina Allora me può capì!

Concetta         E se sape!: vuje però cercate ‘e alluccà zittu zittu, accussì ‘a signora a fianco nun sente niente: l’unica cosa ca ve po’ succedere è n’ata laringite.

Bettina            Cercherò: ora però  me ne voco si no perdo ‘o treno: stasera tengo appuntamento cu’ uno c’aggio cunusciuto ccà: ha detto che mi porta a fare una passeggiata in campagna.

Concetta         Benissimo, accussì si succede ‘o fatto ‘e famme ridere, all’aperto putite alluccà  quanno vulite vuje!

Bettina Chesto ll’aggio pensato pur’io: statte bbona j me ne vaco.

Concetta         M’arraccumanno le corde vocali… e po’……. buona alluccata!

Bettina            E’ l’augurio cchiù bello ca me putive fa! Statte bona! (Via a dx)

SCENA III (Concetta – Salvatore – Eduardo poi Giuggiola)

Concetta         (Sola) Se ‘o vaje raccuntanno, nessuno ci crede.

Salvatore        ‘E capite ‘a Cuncettella: si nun se fa n’acuto ‘e soprano nun se ne vede bene!

Concetta         Ué e chi te ‘a da tanta cunfedenza?

Salvatore        Siente facimmo ‘a cosa: io ho la voce da tenore, tu te miette a fa’ ‘a soprano e cantammo “La traviata”)

Concetta         Uh ‘stu piezzo ‘e caliota!

(Fa per rincorrerlo per picchiarlo col piumino, ma Salvatore scappa e si scontra con Eduardo che entra)

Eduardo          (Entra dal corridoio a  sinistra: è scapigliato, un po’ in disordine  ed affanna leggermente) E un poco di attenzione…

                        (Concetta va via per il fondo a sn)

Salvatore        Scusatemi dottò, ma che avite fatto ‘na lotta greco romana corpo a corpo’

Eduardo          (Quasi a scusarsi) Ho tardato per aiutare mia moglie a chiudere le valigie!

Salvatore        Nun ve fidate ‘e sta ‘nu minuto senza la signora, eh?

Eduardo          L’’e capito pure tu? Che aggio ‘a fa’ ‘a voglio troppo bene e nun me fido ‘e sta troppo tiempo senza de ‘a vedè, anzi (Guarda l’orologio) visto che già so’ passati cinque minuti che nun ‘a veco, vall’a chiammà!

Giuggiola        (Entra dal corridoio a dx)  Sto qua, (A Salvatore) Puoi andare!

Salvatore        (Esce per il fondo a sn) Io te voglio bene assaje e tu nun piense a me….

SCENA IV (Giuggiola – Eduardo)

Giuggiola        E’ vero quello che stava cantando?

Eduardo          Che cosa?

Giuggiola        Ca tu nun piense a me!

Antinio             Sciocchina! (L’attira a sé)

Giuggiola        (Si scosta) Allora cosa vuoi, perché mi mandavi a chiamare?

Eduardo          Per continuare il discorso che stavamo facendo! (Chiude gli occhi e mostra le labbra come ad invocare un bacio)

Giuggiola        (Gli si avvicina e vezzosa) Non ho capito…

Eduardo          (Ripete l’azione)

Giuggiola        (Gli da un bacio in fronte) Va bene?

Eduardo          (Deluso) Tutto qua? Speravo in qualcosa che non mi facesse respirare!

Giuggiola        Tutto a tempo e a luogo. Abbiamo trascorso qui a Sorrento una settimana di vacanza distensiva: so’ stati giorni meravigliosi: oggi partimmo pe’ Parigi e avimmo ‘a pensà a ati ccose!

Eduardo          (Batte i piedi come un Bambino) Noo, no e no! Voglio prima un bacino, anzi un bacetto, anzi un bacione, anzi….

Giuggiola        Calmati! Mi hai convinta: baciami! (Gli offre le Labbra)

Eduardo          (La bacia, poi sospira)  Ahhhhhh….(Poi con rimprovero) Ah, ah, ah,  comm’è che ‘stu mussillo sape ‘e ciucculata?

Giuggiola        (Vezzosa) Pecchè ne ho mangiata tanta tanta……Ah, comme so’ felice…

Eduardo          A chi ‘o dice….

Giuggiola        Peccato però che a ‘sta felicità manca qualcosa!

Eduardo          E che ce manca?

Giuggiola        (Fa il verso di un neonato) ‘Ngue…..

Eduardo          ‘Nguè?

Giuggiola        (Mima come se avesse un bimbo tra le braccia) ‘Ngue, ‘nguè!

Eduardo          (Si fa scuro) Ah, un bambino!

Giuggiola        Ah, si putesse avè ‘nu figlio ‘a te!

Eduardo          ‘A me?, Pecchè ‘a chi ato ‘o vulisse?

Giuggiola        Da un uomo alto bello, biondo e con gli occhi azzurri!…(Vede che il marito si rabbuia) Sto pazzianno!….Da chi altro potrei desiderare un figlio se non da te; nun veco ll’ora di andare  a Parigi dove c’è quel centro per la sterilità

Eduardo          Che bisogno c’è di andare a Parigi…. a Napoli ci sono degli ottimi specialisti e…

Giuggiola        Lo so, ma ho più fiducia in quel centro ….tu no?

Eduardo          Lo odio!

Giuggiola        E pecchè?

Eduardo          Pecché è al centro dei tuoi pensieri! E poi mi sento tanto umiliato….

Giuggiola        Perché?

Eduardo          Perché da solo non ce la faccio  a darti un figlio e devo chiedere aiuto ai francesi!

Giuggiola        Scioccone, scherzi sempre,….ma ora devo andare a prepararmi! (Cerca di andare via)

Eduardo          (La trattiene) Dammi almeno un ultimo bacetto…oone!

Giuggiola        (Si svincola, corre verso il lato da dove è entrata, si ferma e gli lancia un bacio sulle punta delle dita) Va bene? (Via)

SCENA V (Eduardo Gennarino)

Eduardo          E no eh, così non va…..

Gennarino       (E’ il cameriere, entra dalla comune senza farsi vedere da Eduardo e si posiziona alle sue spalle)

Eduardo          (Come a continuare il discorso con Giuggiola) E potevi per lo meno darmi un bacio…(Si gira e si trova Gennarino di fronte)

Gennarino       Duttò, si proprio ‘o vulite ve ‘o dongo, ma me fa ‘nu poco schifo! (Gli offre le labbra)

Eduardo          (Si riprende) A chi? Cosa vuoi?

Gennarino       C’è il signor Osvaldo che chiede di vederla…

Eduardo          E’ venuto fino a ccà? Io mo tengo che fa…(Senza pensare a quello che dice) Devo recuperare per lo meno qualche altro vasillo da Giuggiola e….(Si accorge che Gennarino lo guarda disgustato) Che c’è, che vuò, pecchè mi guardi così?

Gennarino       Pecché nun me credevo ca pure ‘nu duttore  se puteva ‘nzallanì in nome dell’amore…Me parite ‘nu citrulo!

Eduardo          (Infuriato) Mo ‘nu citrulo te lo faccio ingoiare sano sano!

SCENA VI (Osvaldo Gennarino)

Osvaldo          (Entrando dalla comune) Finalmente t’aggio trovato!

Gennarino       (Dopo aver dato un’altra occhiata di disgusto a Eduardo, va via)

Eduardo          (A Osvaldo) Che vuò, pure ccà me viene a turmentà?

Osvaldo          E’ una settimana ca si’ sparito e non mi visiti: solo stammatina so’ riuscito a sapè dove ti eri nascosto……e po’ di cosa ti lamenti, ti pago tutte le visite profumatamente, avisse ‘a ssere cuntento, no?

Eduardo          No, vorrei liberarmi di te, specialmente in momenti come questo!

Osvaldo          (Mortificato) Va bene, e allora me ne vaco!

Eduardo          Ma no, vieni qui e dimmi piuttosto come va il tuo esaurimento.

Osvaldo          Sempe peggio, Eduà’: sono agitato, nervoso e ‘a notte nun dormo….

Eduardo          Hai preso quelle gocce che ti ho prescritto?

Osvaldo          Tutta ‘a buttigliella unu ciato!

Eduardo          Tutta ‘a buttigliella, e sei ancora vivo?

Osvaldo          Vivo e cchiù scetato che mai!

Eduardo          Allora sai che devi fare? Vai a farti un viaggio e non pensare a nessuno!

Gennarino       (Dalla comune) Dottò’, ha telefonato l’agenzia di viaggio: ‘e bigliette so’ pronte: se volete v’’e vaca a piglià io!

Eduardo          No, ti ringrazio, vado io! (A Osvaldo) Tu aspettami, torno subito;…nel frattempo mia moglie ti terrà compagnia!  (Chiama) Gennarino

Gennarino       (Entrando) Dite dottò’.

Eduardo          Prega la signora di venire qui!

Gennarino       (A parte) N’ata vota?Come il dottore desidera! (Via)

Eduardo          Tra un quarto d’ora sarò di ritorno; mia moglie sarà felice di scambiare quattro chiacchiere con te.(Via dalla comune)

SCENA VI (Osvaldo – Giuggiola)

Osvaldo                      (Si frega le mani) Non potevo sperare di meglio, me lassa sulo cu ‘a mugliera!

Giuggiola        (Entra con gli occhi chiusi e le labbra protese. Credendo di parlare al marito) Vuoi ancora un bacino?

Osvaldo          Uno due, cento…..

Giuggiola        Tu , che fai qui? Non ti basta tormentarmi a Napoli? Credevo di parlare a mio marito!

Osvaldo          Non essere crudele! Lasciami l’illusione ca ce l’avive cu me!

Giuggiola        Nun tenevo che fa’! Dov’è mio marito?

Osvaldo          E’ andato a prendere i biglietti all’agenzia….Ma mo’ nun  parlammo ‘e tuo marito: t’aggio ‘a dicere ‘na cosa importante: me so’ nnammurato ‘e te! (Cade in ginocchio)

Giuggiola        (Tra divertita e contrariata) Te piace ‘e pazzià! (Ride)

Osvaldo          Io nun pazzeo!

Giuggiola        E allora vattenne….

Osvaldo          Mi cacci?

Giuggiola        Si, e nun te fa vedè cchiù!

Osvaldo          Chesta  è ‘a ricunuscenza: per te io rischio la vita tutti i giorni!

Giuggiola        Addirittura….Nun te capisco!

Osvaldo          Mi faccio curare da tuo marito ‘na malattia ca nun tengo, e se sono ancora vivo, è perchè ‘e medicine ca me da, nun m’’e piglio!

Giuggiola        Tu si’ pazzo!

Osvaldo          Si, pazzo, pazzo di te! (Tenta di abbracciarla, ma Giuggiola si scansa e cade a terra)

Giuggiola        (Divertita) Fatti curare da un buon dottore….Sei deboluccio se cadi facilmente a terra…

Osvaldo          Non a terra, ma ai tuoi piedi…

Giuggiola        ….Che si prenderanno lo sfizio ‘e te piglià ‘a cauce! (Esegue)

Osvaldo          Si, infierisci anche sul mio corpo oltre che nel mio strapazzato cuore…

Giuggiola        Vattenne buffone…e sappi che se anche fossi l’utimo ‘e ll’uommene, me facessa monaca , pe’ nun  te vedé cchiù!

Osvaldo          E perché, donna ingrata!

Giuggiola        Pecchè si brutto, antipatico, vanitoso e ridicolo!

Osvaldo          Nun sapevo ‘e tenè tutte ‘sti qualità! Non c’è nessun altro motivo?

Giuggiola        Si, il più importante: amo mio marito!

Osvaldo          Oggi, ma primma o poi nun ‘o pensarraje cchiù ed allora mi cercherai invano, pecché n’ata, avrà preso il tuo posto nel mio cuore e lo sai cosa farai?

Giuggiola        ‘E zumpe a quatto a quatto pecchè t’aggio levato ‘a nanze! Ora basta, questo discorso è durato anche troppo! Vado a finire di preparare le valigie?

Osvaldo          (Fatale) Per partir con me?

Giuggiola        Nun tenesse che fa’…. Vado a Parigi, alla faccia tua! (Via)

Osvaldo                      E pecchè va a Parigi e cu chi ce va? Io l’aggio ‘a sapè …Sicuramente il cameriere ‘o sape….. tutte ‘e cameriere teneno ‘e recchie ‘e pulicano e sicuramente avranno sentito qualcosa: (Chiama) Cameriere…

SCENA VII (Gennarino – Osvaldo – Salvatore)

Gennarino       Il signore desidera?

Osvaldo          Lo sai che sei simpatico?

Gennarino       (Equivocando) Prima ca ve passa qualche cosa p’’e cervelle, e putite capì fiasche pe’ sische, ve voglio dicere  ca faccio ammore  cu ‘na guagliona ca è bella sul’essa e ca ll’uommene me fanno schifo…..

Osvaldo          Cretino, ma ch’è capito? Volevo dirti…..

Gennarino       Non insistete, è inutile….

Osvaldo          E me faje parlà?

Gennarino       Io ve sto a sentì, putite dicere chello ca vulite ma mettiteve buono ‘ncapa ca cu me nun ce sta niente a fa’!

Osvaldo          Siente guagliò, voglio rassicurarti, per prima cosa ca a me me piaceno ‘e femmene, ma si pure me piacessero ll’uommene, non saresti il mio tipo…..

Gennarino       Chillo ‘o mobile è troppo bello….

Osvaldo          Scostumato…. Mannaggia a me ca te aggio dato confidenza…(Vede Salvatore che passa per il fondo) Vattenne va, (A Salvatore) Senti giovanotto..

Gennarino       (Uscendo a Salvatore) Va, sceruppatillo tu, può darsi che sei il suo tipo!

Salvatore        Dica signore…

Osvaldo          (Sempre con fare equivoco) Spero per lo meno che tu sei più educato, vuoi rispondere ad una mia domanda?

Salvatore        Basta ca tenite ‘e mano a posto, dite!

Osvaldo          Chisto n’’è n’ato: mettimmoce d’accordo e arrivammo alla conclusione ca ce schifammo tutte ‘e dduje: mo rispunne a me: saje pecché la moglie del dottore va a Parigi?

Salvatore        Pe’ chi me avite pigliato, pe ‘n’acciraperucchie? V’avesse a dicere qualcosa che per combinazione ho ascoltato? Mai , mai, mai e per nessun motivo!

Osvaldo          (Caccia diverse banconote) Neanche per questi?

Salvatore        A questi motivi non ce avevo pensato: so’ custretto a ve risoponnere: (Intasca le banconote) Cosa volete sapere?

Osvaldo          Perché la signora va a Parigi?

Salvatore        Pecché, pecchè….p’o stesso motivo ‘e tanti femmene ca nun riescono ad avé  ‘nu figlio: va a Parigi pecché llà ce stanno miedece ca studiano proprio ‘stu fatto!

Osvaldo          E’ quanto volevo sapere, grazie! (Lo abbraccia e lo bacia)

Salvatore        (Lo scosta, si asciuga il viso disgustato  ed esce a sin) Eh….Che schifo!!! Aveva ragione Gennarino: è ricchione!

Gennarino       (Entra da sin)Se n’è gghiuto?

Salvatore        Si, ma ‘a prossima vota sciruppatillo tu!

(Escono entrambi, uno da dx e l’altro da sin)

SCENA VIII (Concetta – Descobar)

Concetta         (Entra dalla comune con Esperuto Descobar) Il dottore è cliente dell’albergo, ma in questo momento non c’è. Se volete potete aspettarlo qui!

Descobar        (E’ un italo spagnolo, ma nell’atteggiamento sembra un guappo nostrano. Alterna italiano e napoletano e di tanto in tanto dice qualche parola in spagnolo maccheronico) Siente Chichita, el  qui presiente,  senor Descobar napolandaluso  miliardario de Siviglia, nun aspietta mai! Esto es mi biglietto de visita! (Le da un biglietto di banca)

Concetta         Oh segnor, m’avita scusà, ma non vi avevo riconosciuto (Intasca i soldi) Assettatevos!

Descobar        Vaco de’ pressa, voglio solo un’informazion sul tuo padron!

Concetta         (Con la chiara allusione di volere ancora soldi) Come avite ditte ca vi chiammate? (Cerca nelle tasche) Dove ho messo il vostro biglietto da visita?

Descobar        Yo es capito, te ne dongo un altro. Esperuto Descobar, miliardario napolandaluso de Siviglia, di biglietti da visita, ne ha muy! (Le da un’altra banconota) Esto però vide ‘e nun ‘o perdere!

Concetta         No, non vi preoccupate, che vulite sapè?

Descobar        Il dottore tene ‘a ‘a mujer? (Pronunzia mucher)

Concetta         Qua no, forse in campagna!

Descobar        Cosa?

Concetta         ‘A muccarella...

Descobar        Ma no…’a mujer, ‘a mugliera!

Concetta         Ah…si,  sta ccà cu ‘a mugliera!

Descobar        ‘A mugliera è ancora muchacha….giovane?

Concetta         Giovanissima!

Descobar        Muì bien, ed è un pochito bellella?

Concetta         Pochito? (Come a voler parlare spagnolo)? ‘A fines do munnos!

Descobar        Te gusta de pazziar, tu es  simpaticas! Allora è muy’ bella?

Concetta         Bellissima, sembra ‘n’attrice ‘e teatro!

Descobar        Muì bien, a me me piaceno ‘e femmene d’o teatro! Hasta la vista! (Va via senza darle il tempo di replicare)

Concetta         Aspettate il dottore mo’ torna!

SCENA IX (Meneghin – Concetta)

Meneghin        (Entrando) Mi hanno detto che tra i vostri clienti c’è il dottore Eduardo Pastarella: ho necessità urgente di parlargli, volete dirgli che il colonnello Meneghin...

Concetta         Di Milano’?

Meneghin        No! Piccerè sienteme buono: Meneghin sarà certamente un cognome milanese, ma io so’ napulitano, miettatello bbuono ‘ncapa!

SCENA  X (Eduardo – Concetta – Meneghin)

Eduardo          (Entra dalla comune)

Concetta         Ecco il dottore! Dottò il signore vi cerca!

Eduardo          Buongiorno, (a Concetta) puoi andare. (Al colonnello) Prego, si accomodi, in cosa posso esserle utile?

Meneghin        (Lo osserva a lungo, tanto che Eduardo si sente a disagio)

Eduardo          Cosa c’è, ho qualcosa fuori posto?

Meneghin        No, ma è straordinario, una somiglianza straordinaria, sembrate la stessa persona!

Eduardo          Chi?

Meneghin        Voi e vostro zio, il colonnello Archimede!

Eduardo          Conoscete mio zio?

Meneghin        Abbiamo fatto insieme l’accademia a Modena e tre anni di militare a Cuneo!

Permette: Colonnello Meneghin!

Eduardo          Di Milano?

Meneghin        ‘O sapevo ! E’ ‘a quanno so’ nato che mi perseguita questa  domanda! Dottò, so’ napulitano!

Eduardo          Ma...

Meneghin        Nun ne parlammo cchiù! Vostro zio, l’ultima volta che ci siamo visti mi disse: “Meneghì’, se la tua vecchia cacasse dovesse arrugginirsi, va a Napoli da mio nipote che fa ‘o miedeco a Napoli in via Grà 29.’ So’ venuto a ve cercà e mi hanno detto che eravate qui; poiché vaco ‘nu poco ‘e pressa, sono venuto a disturbarvi....

Eduardo          Nessun disturbo, mi dicevate che  la vostra vecchi carcassa...Oh pardon...

Meneghin        Dica pure vecchia carcassa...dottò, veniamo al dunque: “Io.... non tiro più di fioretto come una volta! Chillu piezzo ‘e caliota quando meno te lo aspetti, tende a piegarsi!

Eduardo          Certo é un’arma un po’ fuori moda...

Meneghin        Dottò, cercate di capirmi! L’arma c’entra ben poco: una volta, addò stevo stevo, (Marcando) il fioretto voleva fare per lo meno tre duelli al giorno con belle donne

Eduardo          (Meravigliato) Tutti i giorni?

Meneghin        Tutti i giorni, eccetto la domenica...

Eduardo          Durante la quale vi concedevate un meritato riposo!

Meneghin        Macchè, raddoppiavo la razione!

Eduardo          (Con ammirazione) Complimenti, eccezionale….

Meneghin        Purtroppo però il fioretto da qualche tempo, al primo assalto....

Eduardo          Si piega!

Meneghin        No, centra ancora il bersaglio, mentre al secondo...

Eduardo          Si piega...

Meneghin        ...No, ma ha bisogno di qualche stoccata in più, mentre al terzo...

Eduardo          Si spezza!

Meneghin        No, ma incomincia a dar segno di qualche cedimento! Che dite sono un uomo morto?

Eduardo          No, solo che li fioretto ha necessità ‘e sta ‘nu poco a riposo Da quanto tempo è in servizio attivo?

Meneghin        Da oltre quaranta anni!

Eduardo          Complimenti! Ora però è arrivato ‘o mumento di avere qualche riguardo per il fioretto!

Meneghin        A 58 anni dei riguardi? Povero me! Dottò in tutta confidena, m’hanno ditto che avete inventato una pillola miracolosa che rende il fioretto d’acciaio! Nun ‘a putesso piglià pur’io?

Eduardo          Non ne avete bisogno: se volete ancora duellare, ata j’ chianu chianu! Distraetevi, regalatevi una vacanza, magari qui: è un posto meraviglioso e l’albergo è tranquillo!

Meneghin        E’ una buona idea e posso portare con me una dolce compagnia?

Eduardo          No!

Meneghin        E quando ho necessità di duellare?

Eduardo          Non pensateci....Il fioretto s’adda arrepusà…Se avete bisogno di compagnia, portate con voi un parente....

Meneghin        Nun ne tengo...però ora che ci penso dovrei avere una figlia...

Eduardo          Non ne siete sicuro?

Meneghin        E’ una storia vecchia duttò!....24 anni fa, ritornando dalla costa azzurra, in treno cunuscerre ‘na bella femmena, una soubrette: Andava a Chiavari, addò cantava dint’a ‘na cumpagnia ‘e cafè chantant! In arte se chiammava Bon Bon . Eravamo soli nello scompartimento...io ‘a guardavo , me ‘a magnavo cu’ ll’uocchie , ma senza parlà...Essa ogni tanto incrociava con i suoi occhioni bleu il mio sguardo e sorrideva maliziosa: tutto a ‘nu tratto pigliaje curaggio e me dicette:” Anche lei va a CHIAVARI? “MA’GARI”, le risposi! Ce facettemo ‘na risata e scesi anch’io a Chiavari. Dopo qualche tempo ripartii, il dovere mi chiamava e pe’ parecchio tiempo nu sapette niente cchiùa: un bel giorno me veco ‘e arrivà ‘nu telegramma: “ Sei padre di una bella bambina, ti aspettiamo, Bon Bon” Non potetti correre subito,  così non seppi più che fine avevano fatto essa e ‘a creatura.

Eduardo          E vi siete dimenticato di Bon Bon e sua figlia.

Meneghin        Nun è Overo! ‘A cercai per tantu tiempo; po’ ‘a guerra, altri impegni....’O mese passato stevo ‘ncpp’ a ‘o treno  che da Nizza porta a Genova, ad una stazione sentii il capotreno gridare: “Chivari chi scende”! Tutto a ‘nu tratto mi ricordai della canzonettista, di mia figlia, scennette d’o treno e di corsa arrivai al teatro dove si era esibita Bonbon!

Eduardo          E allora?

Meneghin        Al posto del teatro ce steva un palazzo di cinque piani!

Eduardo          Era cresciuto ‘o teatro!

Meneghin        Non riuscii a sapere niente di loro, che putevo fa’, m’aveva sparà?

Eduardo          No, per carità, ma ora mi dovete scusare ! Devo aiutare mia moglie a fare le valigie...

Meneghin        Io scappo! V’aggio già fatto perdere troppo tiempo! Allora me ne vengo ccà oggi stesso. Quanto vi devo?

Eduardo          L’onorario che prendo dai parenti ed amici: solo una stretta di mano!

Meneghin        Esagerato.…un po’ caro, ma va bene così! La ringrazio e stateve bbuono! (Via)

Eduardo          Ma vedite che se passa!

SCENA XI (Pasquale – Eduardo)

Pasquale         Eduà’ non vorrei darti una brutta notizia, ma  m’ha ditto Concetta che quando non c’eri è venuto a cercarti ‘nu spagnuolo e poco fa ha visto d’a fenesta ca sta venenno  n’ata vota ccà!

Eduardo:         (Balbettando) U…u...u..uno spagnuolo e le ha ditto comme se chiamma?

Pasquale         Descobar, Esperuto Descobar!

Eduardo          (A parte a Pasquale) E’ isso, è isso, è venuto pe’ se vendicà, pe me accidere!

Pasquale         Ma no, pecchè piense sempe a male, forse è venuto a te pavà ‘a visita!

Eduardo          (Rincuorato) Già po’ essere!

Pasquale         E allora quanno vene, curaggio… piglia ‘o toro p’e corna!

Eduardo          Pascà….Hai ragione, è meglio che tiro‘stu capo ‘nterra!

Pasquale         Va buono: comunque sto in direzione, se avesse ‘a venì  io so’  pronto a intervenì! E nun sta’ cu’ chella faccia, pare ‘nu muorto! (Via)

Eduardo          Io me sento ‘nu muorto! E po’ nun tengo ‘o curaggio di cercargli i soldi della visita!

SCENA XII (Descobar – Eduardo)

Descobar        (Entrando) El doctor Eduardo Pastarella?

Eduardo          (Tremante) Sono io!

Descobar        Muy bien! (Presentandosi) Esperuto Descobar, Napolaandaluso  miliardario de  Seviglia, spesializato in trust come dice el mi’ amigo John Smith de Chicago.

Eduardo          (Non capendo)Trust?

Descobar        (Esplicativo) Trastule, trastulelle, pacchi, paccotti e affini!

Eduardo          Prego si accomodi! (Siedono) E per questo siete miliardario?

Descobar        Dottò’, voi avete de nanzi un hombre che riesce a trasformare in pesetas pure los muzzunes ‘e sigarettas!

Eduardo          Addirittura, e come?

Descobar        Io el mi socio americano John Smith, siamo los titolares della “Muzzunaro corporation”, con oltre 3 milioni di dependienti in todos el mundo: esti lavorator raccolgono les chicas e  li mandano a Chigago de noche, por evitar los controllos: a Chicago cientomila hombres nigros, dependienti della “Mastication & co,”, masticano el tabacco, che nelle mie fazendas  americanas deivienta sigarettas, che spedisco, a miezo de la “Contrabband ”, in toda Europa, dove la “Blu Scafist”,  società parte-nopea e parte napoletanas pensia alla distribuzion!

Eduardo          ‘A faccia d’o…d’a trastulella! Tornando a noi, sono a sua disposizione: qual è il problema che l’ha spinto a venire da me, di cosa soffre?

Descobar        Esperuto Descobar plurimilardario Napolandaluso de Siviglia, non suoffre, ma fa suoffrire todos quelli che gli fanno uno sgarrigno!

Eduardo          (Tremante) E allora  in cosa posso servirla?

Descobar        Viengo subito al tosto!

Eduardo          Ecco bravo, venga al tosto!

Descobar        Tiempo fa, avete fatto ‘na visita  ca ‘a mi mujer l’’e muy piaciuta e so’ yo venuto por pagar el cuento!

Eduardo          (Risollevato) Non era proprio il caso! Mi dia solo dieci lire lire!

Descobar        Dieci?

Eduardo          (Pavoneggiandosi) Di solito il mio onorario per una visita domiciliare urgente è di 30 lire, ma che vulite fa’ gli spagnoli me so’ simpatici e….

Descobar        …Devono pagar solo dieci lire por  aver les cuerna!

Eduardo          (Tremante) …Non capisco!

Descobar        Intiendo io! La cameriera de mi mujer, de nascuesto ha visto la visita e me ha ditto tutto! Ecco le dieci lire (Gliele porge)

Eduardo          (Le rifiuta) Non è il caso!

Descobar        (Se le rimette in tasca) Come volete!

Eduardo          (A parte) Nun se l’ha fatto dicere doje vote! Allora, tutto a posto?

Descobar        Por mieza parte: io aggio pagato il mio debito, rimane el vostro!

Eduardo          Il mio debito?

Descobar        ‘E ccorna!

Eduardo          Io non ho colpa, mi avevano fatto prendere una pillola…..

Descobar        (Sfottente) Per la tosse?

Eduardo          Ma qua’ tosse! Una pillola verde, il via libera per l’amore: una pillola che quando la butti giù, te lo tiene sempre su!

Descobar        Ed Escobar cornificato fu! Ora basta! Ma  non se preoccupe: farò comme totos ll’ati votas!

Eduardo          (Timidamente) Per la signora Descobar nun è ‘a primma vota?

Descobar        No! (Con orgoglio) Io sono l’hombre più cornificato di tutta l’Espagna!

Eduardo          Complimenti!

Descobar        Muchas grazias! Por el  nuestro problema ce mettimmo d’accordos!

Eduardo          Come?

Descobar        Ochio por ochio, diente por diente, corna per corna!

Eduardo          (Sgomento) Che?

Descobar        Me presienta la vostra segnora e pure si nun so’ miedeco, le farò ‘a stessa  visitazion c’avite fatta a mia mujere! Così el debito sarà pagato!

Eduardo          Vuje site pazzo? Mia moglie mai acconsentirà….

Descobar        Allora tu es muerto!

Eduardo          Ma sentite…

Descobar        (Strillando) Cornuto o muerto?

Eduardo          Zitto, nun alluccate!

Descobar        (A bassa voce) Cornuto o muerto!

Eduardo          Cercate di ragionare: voi ci avete fatto l’abitudine…..‘na corna ‘e cchiù, na corna ‘e meno…che importanza ha!

Descobar        In Espana es la legge del tagliones: tu me faje ‘na cuesa a me, ed io ‘na cuesa a te: ‘na corna a me, n’ata a te e stammo parapatte e pace!

Eduardo          In Spagna….Qui siamo in Italia e…

Descobar        …Il fatto è successo con  la mi mujer, quindi in territorio andaluso!

Eduardo          Allora per darvi soddisfazione, ci sfideremo a duello!

Descobar        Duello? Io si vulevo ve sparavo mmocca e tutto era risolto …e po’ nun so’ mica loco, nun so’fesso: doppo ‘e corna avesse pure murì?

Eduardo          Ma ascoltatemi…

Descobar        Basta, avimmo già ablato abbastanzia! Io parto fra sei giorni, se fra cinque non mi so’ vendicato, prima di partire verrò al vuestro funerale! (Senza dargli il tempo di replicare) Asta la vista! (Via)

Eduardo          Chillo è scemo: io mo’ parto ‘nzieme cu Giuggiola, torno ‘o mese che trase, e chi s’è visto s’è visto!

Descobar        (Affaciandosi sulla comune) Dottò, se vi decidete, ablate con i nignos che stanno fuero’  pe’ nun ve fa venì brutti pensiere! (via)

Eduardo          Vigliacco delinquente, e mo’ comme faccio?

SCENA XIII (Pasquale – Eduardo – Giuggiola

Pasquale         (Entrando) Sta tranquillo nun t’accide!

Eduardo          Però me mette ‘e corna!

Pasquale         Embé caro mio, chi corna vo’ fa’, pure isso s’e po’ aspettà!

Eduardo          tutto per quella maledetta scommessa e quella maledetta pillola: nun ne  voglio cchiù sentì ‘e parlà’: tiè, pigliate pure cheste, distruggile!

Pasquale         E che ne faccio? Pensaci bene, tanti anni di studi….

Eduardo          …Che hanno distrutto la mia vita…jettele dint’o …..

Pasquale         Va buo’ mo staje ‘ncazzato: vuol dire che le conserverò io fino a quando non ti sarai calmato!

Eduardo          Sono perduto, sono perduto!

Pasquale         Stamme a sentì, basta organizzarsi: lui vuole cornificarti con tua moglie, ma non sa chi è. Giuggiola stasera parte, tu gli  presenti un’altra donna, lui si vendica e se ne torna allegro soddisfatto e cchiù curnuto ‘e primma in Spagna!

Eduardo          Certo è un’idea, ma io parto insieme a lei!

Pasquale         Per la riuscita del nostro piano devi rimanere qua! A proposito, ma perché questo viaggio a Parigi?

Eduardo          Nun ‘o ssaje? Siamo sposati da cinque anni, e poiché un tanto desiderato bebè nun arriva; andiamo per un consulto al centro di fertilità parigino!

Pasquale         Mo’ capisco pecché ‘è inventato la pillola verde, si tu ca nun si buono!

Eduardo          Mo’ nun è ‘o mumento ‘e pazzià!

Giuggiola        (Fuori campo) Eduardo…

Eduardo          ‘A vi’ lloco, sta venenno…nun le fa’ capì niente!

Pasquale         Nun te preoccupà, staje mmano a me!

Eduardo          E chesto me preoccupa!

SCENA XIV (Giuggiola – Pasquale – Eduardo)

Giuggiola        Io sono pronta (Vede Pasquale) Scusami, credevo fossi solo, disturbo?

Pasquale         E’ mai possibile? Colgo l’occasione per augurarti buon viaggio.

Giuggiola        Grazie…(Al marito) Ce l’’e ditto?

Eduardo          Tutto!

Giuggiola        (A Pasquale) Hai mai sentito parlare del centro di fertilità di Parigi?

Pasquale         E comme no? Conosco tanta gente che ha risolto il suo problema. (A Giuggiola) Tu vaje llà, segui la cura, tuorne e, al primo (marcato) bacetto, (A Eduardo) manco ‘o tiempo de ‘a guardà,  la famiglia cresce!

Eduardo          (Divertito) Esagerato!

Giuggiola        Comme so’ cuntenta! (Al marito) E tu non ci credevi; andiamo, non veco ll’ora ‘e partì!

Eduardo          (Come un bambino) Si, si, andiamo!

Pasquale         Addò vaje?

Giuggiola        Viene a Parigi con me!

Pasquale         Perdete ogni speranza!

Giuggiola        (Delusa) Pecché?

Pasquale         Perché per essere sicuri della riuscita della cura, per 21 giorni, te ‘a sta cuieto, non la devi sfiorare  manco con un dito

Eduardo          E chi ‘a tocca, a me basta starle vicino e guardarla dint’a ll’uocchie!

Giuggiola        Pure pe’ me è ‘a stessa cosa!

Pasquale         Si dice, ma non si fa…anzi si fa: tu  ‘a guarde dint’all’uocchie, essa pure, ‘o sango avvia ‘a vollere ed i buoni propositi, se ne vanno a carte quarantotto! E poi anche ammesso che riusciate a stare buoni, lo stress emotivo comprometterebbe inevitabilmente la riuscita della cura! ‘O creaturo ‘o ccedite primma de ‘o fa’!

Giuggiola        No, no, nun sia maje!

Pasquale         (Cercando di essere convincente) Tutte le donne ca so’ gghiute sole, al loro ritorno, dopo nove mesi tenevano ‘o creaturo ‘mbraccio, quelle andate con il marito niente, capite, niente!

Giuggiola        Pasqualì, per il bene di nostro figlio, mi sacrifico: per 21 giorni starò (Piange) senza Dudù mio!

Eduardo          (Piange anche lui) E io senza ‘e Giuggiù ‘e chistu core?

Giuggiola        (Insieme al marito, come due bambini sbattono i piedi per terra) Nun ce jammo, nun ce jammo, nun ce jammo!

Pasquale         Siete due irresponsabili! (Melodrammatico) Non pensate al rimorso che vi roderà l’animo? Per giustificarvi vi accuserete a vicenda ed il vostro matrimonio fallirà! Pensatece bbuono. Non capite che per un misero sacrificio di lontananza per soli 21 giorni, l’anno che vene, ‘e chisti tiempe , la vostra casa sarà più allegra, cu tutte chelli creature ca ve zompano ‘ncuollo e che ve chiammano: papà, mammà, papà…..

Eduardo          No..nò…… zi…zì! Sei sempre il solito esagerato: ‘E creature, al massimo ‘o creaturo!

Pasquale         Non è detto, molto spesso dopo queste cure avvengono parti plurimi…

Eduardo          Statte zitto si no me faje passà ‘o genio! Comunque mi hai convinto: Giuggiola partirà da sola!

Giuggiola        E tu?

Eduardo          Aspetterò qui il tuo ritorno1

Giuggiola        Ed i tuoi pazienti?

Eduardo          Faranno a meno di me per un po’!

Giuggiola        (A Pasquale) Tu ti prenderai cura di lui?

Pasquale         Comme a ‘nu pato!

Eduardo          E, ‘o nonno!

Giuggiola        (Prende le mani di Eduardo – Con la voce rotta dal pianto) Dudù….

Eduardo          (Con lo stesso tono) Giuggiù…

Pasquale         (Con il tonodei due, rivolto ad Eduardo) Guagliù! E gghiammo nun facite ‘e creature!

Giuggiola        Hai ragione: me ne vaco senza voltarmi e senza neanche salutarti. Vado a disfare le tue valigie e poi partirò per la missione….Uscirò dalla porta di servizio per nun te vedé mentre chiagne. Di a Gennarino di farmi trovare una carrozza. Addio! (via)

Eduardo          Aspetta giuggiolina, caramella…ciucculatina …

Pasquale         Babbà, ‘a vuo’ fernì ‘e fa ‘o babbà!

Eduardo          Hai ragione!

SCENA           XV (Pasquale – Gennarino – Eduardo – Bonbon – Fifina)

Pasquale         (Chiama) Gennarino.

Gennarino       Dite direttore

Pasquale         Chiama una carrozza e falla venire  all’ingresso di servizio, quando arriva avvisa la moglie del dottore.

Gennarino       Va bene!

Pasquale         (A Eduardo) Ma tu ‘overo si’ scemo, a forza vuò complicà ‘e cose! Il tuo problema è risolto,

Eduardo          Risolto?

Pasquale         Certo: si tratta solo di trovarti ‘na mugliera bella, simpatica e disponibile per cinque giorni, pe’ fa’ fesso ‘o spagnuolo!

Eduardo          Intendi una donnina allegra, una cocotte, ‘na zo……

Pasquale         Ma pecchè te faje tanta scrupole…

Eduardo          Pecchè non mi va!

Pasquale         E allora fatte accidere! (Fa per andare) Statte bbuono!

Eduardo          Pasquali’, nun  m‘ abbandunà!

Pasquale         E allora famme fa’!

Eduardo          D’accordo, fa tu!

Pasquale         Ora cominci a ragionare: vado a trovarti moglie…

Bonbon           (E’ un’ex soubrette, ma ormai appassita dagli anni) Finalmente, scusate c’è una stanza per noi, a poco prezzo?

Pasquale         Certo signora (Guarda la figlia) Per due belle donne c’è sempre una stanza , a basso prezzo nel mio albergo.

Bon bon          Benissimo viene Fifi’ a mammà!

Fifina               (E’ una bella ragazza prosperosa) Si mammà!

Pasqualino      (Chiama) Gennarino!

Gennarino       Ditemi direttore!

Pasquale         Porta le valige delle signore alla stanza 123.

Gennarino       Subito signore!

Bonbon           Visto che siete stato così gentile, sapete pure dove posso trovare un dottore?

Pasquale         Guardate ‘a combinazione (Indica Eduardo) Il signore è un bravissimo dottore!

Bonbon           Allora posso approfittare?

Eduardo          (Scocciato) Certo approfittate pure!

Pasquale         Se permettete io vado via! (A Eduardo) Vado a cercare quella persona.

Eduardo          Prego accomodatevi (Siede in poltrona.Le due sul divano. A Bonbon) signora….

Bonbon           (Con voce melodiosa) Bonbon!

Eduardo          Sono mortificato ma non ne ho,…. forse qualche caramella!

Fifina               Che avete capito? Bonbon è il nome d’arte di quando cantava! Non l’avete riconosciuta?

Eduardo          Veramente no!

Bonbon           Le mie son fatte a mela….

Eduardo          E facitavelle cotte…col vino ed il chiodo di garofano! Ma cosa dite?

Fifina               E’ il titolo della canzone che la rese celebre 25 anni fa!

Bonbon           Dotto’ ascoltate…

Eduardo          Ma non mi sembra proprio il caso…

Fifina               Dottò ascoltate non ve ne pentirete!

Bonbon           (Va al proscenio e canta)

Ci sono donne che le hanno a pera,

mentre le mie son d’altra maniera:

son belle sode senza alcun difetto

ed è per questo ch’or canto di petto:

“Le mie son fatte a mela ed al mio amor

io gliele dono con tutto il mio cuor!”

(Veloce a mo’ di finalino)

Le mie son fatte a mela ed al mio amor

Io gliele dono con tutto il mio cuor!

Eduardo          (Applaude divertito) Bravissima!

Bonbon           (Va verso la ribalta) Alla fine della canzone salutavo così..(Saluta mandando baci al pubblico, poi si abbassa come a raccattare qualcosa)

Eduardo          Signò che cercate?

Fifina               Raccoglie i fiori che le butta il pubblico!

Eduardo          Credevo che le erano cadute ‘e mele!

Bonbon           Che tempi dottò, che tempi, tengo ancora gli applausi dint’e recchie!

Eduardo          Congratulazioni, ma ora spiegatemi perché siete venute da me.

Bonbon           E’ per la mia bambina!

Eduardo          E cos’ha questa bella bambolina?

Fifina               Ho perso il do di petto!

Eduardo          (Guardandole il seno) ‘Overo? Mi sembra tutto a posto!

Bonbon           Pazziate dottò! Ha perso quel do di petto che le usciva così bene dalla gola come l’uovo dal deredano della gallina!

Fifina               (A mo di rimprovero) Mammà!

Eduardo          L’ha perso in seguito a qualche laringite?

Fifina               No, in seguito ad una paura!

Eduardo          (A Bonbon) Chi è stato così cattivo da farvi mettere paura’?

Fifina               (Abbassa gli occhi)

Bonbon           Hai ragione a te mettere scuorno! Chi? Diglielo svergognata!

Fifina               Vedete dottò qualche tempo fa ho conosciuto un signore un po’ anziano, ricco industriale e cavaliere del lavoro Quanno ce  mettettemo ‘nzieme mi disse: “ Fifina, tu mi piaci, se resti insieme a me, basta che mi sarai fedele, alla mia morte erediterai tutta la mia fortuna”

Eduardo          Embè?

Fifina               Io ci ho tentato dottò, ma che volete ‘a me: ho 24 anni, la vita bella che mi fa fare il cavaliere mi piace, ma è vecchio e a me mi piacciono pure i giovani!

Eduardo          Mi sembra logico, e allora!

Fifina               Una sera, dopo aver cantato, ero così allegra perché avevo avuto un grande successo, che non seppi resistere alle attenzioni di un tenore della stessa compagnia; nel mio camerino cedetti alle sue richieste: dint’o cchiù bello trasette il cavaliere, che su tutte le furie, me rignette ‘e male parole e se ne andò! Da quel momento non l’abbiamo più visto ed io ho perso il do di petto!

Bonbon           (Senza dare il tempo a Eduardo di intervenire) Avete visto dottò, questa cretina ha buttata all’aria una fortuna per un tenorino senza arte né parte!

Eduardo          E va bene non drammatizzate, può darsi che il cavaliere la perdona!

Bobbon           ‘A sesta vota?

Eduardo          Era recidiva la pulzella?

Bonbon           Si la zoccolella! Secondo voi quello perdona la sesta volta?

Eduardo          Penso proprio di no! Signorì, mammà ha ragione!

Fifina               E che è colpa mia? Quanno pozzo fa’ ‘nu piacere  e me lo chiedono io non so dire di no!

Eduardo          E’ buona ‘e core! (A parte) La cosa si fa interessante!

Bonbon           ‘A sentite? Glielo chiedono e non sa dire di no!

Eduardo          (A parte) Forse ho risolto il mio problema!

Bonbon           (Alla figlia) Tu farai una brutta fine! (A Eduardo) Dotto’ tagliammo a curto, cosa deve fare per ritrovare il do di petto?

Eduardo          Non vi preoccupate, lo ritroverà il do…. con quel po’po’ di petto! La signorina soffre di una sindrome nervosa: basterà ‘nu poco ‘e riposo, un po’ di divertimento, in un luogo tranquillo come questo e tutto tornerà come prima!

Bonbon           Se, se….comme parla bello ‘o duttore….Nuje stammo senza ‘a croce ‘e ‘nu centesimo: addò ‘e piglio ‘e solde pe’ pavà il soggiorno nel luogo tranquillo?

Fifina               Il cavaliere ci ha lasciate senza un soldo!

Eduardo          Non vi preoccupate: voglio studiare personalmente il vostro caso e…….pagherò io il soggiorno della signorina!

Fifina               (Insieme alla mamma, entrambe incredule) Che?

Eduardo          Non mi fraintendete, voglio studiare il caso da vicino, nell’interesse della scienza!

Fifina               E se sape, nell’interesse della scienza!

Bonbon           (Dubbiosa) Mo’ se chiamma ‘a scienza, ‘e capito a mammà’?

Eduardo          (Gesto di disappunto)  Per conoscerci meglio più tardi andiamo a fare una passeggiata: andramo  aCastellammare a bere un po’ d’acqua alle terme….

Bonbon           E se sape…Tu ti riposi,  bevi l’acqua: diventi bella dentro, fai la pipì e diventi bella fuori!

Fifina               Allora rimango qui con voi?

Eduardo          Ma ad una condizione!

Fifina               (Insieme alla mamma) L’accettiamo, l’accettiamo!

Eduardo          Benissimo, durante tutto il soggiorno, la signorina dovrà passare per mia moglie!

Bonbon           E se sape, quello è per l’uocchio sicco della gente, per evitare pettegolezzi bella ‘e mammà

Fifina               Per me sta bene così!

Bonbon           Pure pe’ me, mi piace questo posto!

Eduardo          Rimanete pure voi?

Bonbon           Uh dottò, e secondo voi una mamma fa stare con un uomo una ragazza sola, indifesa e ingenua?

Eduardo          (Con rassegnazione) Ingenua ed indifesa no!

Bonbon           (Alla figlia) Hai visto, è d’accordo pure il dottore!

Eduardo          Allora andatevi a preparare: andiamo a Castellammare con la mia macchina!

Bonbon           Me fa piacere ‘na passeggiata, dotto’?

Fifina               Che macchina tenete, una Porche elle?

Eduardo          (Stizzoso) No, una Porsche acca! Signurì, una balilla!

Bonbon           E va buò, nun fa niente, ci accontentiamo!

Eduardo          Ha ittato l’uosso ‘o cane!

Fifina               Allora, vado a prepararmi, marito mio!

Eduardo          Qua’ marito, chiamatemi Eduardo e diamoci del tu !

Bonbon           Dottò la dovete perdonare, quella è così ingenua…

Fifina               Io sono molto ingenua…

Eduardo          (A parte) Fatte accattà a chi nun te sape! Va bene non fa nulla! (Caccia dei soldi) Questi sono per qualche spesuccia..

Bonbon           (Strappa letteralmente i soldi dalle mani di Eduardo) Grazie, sono io che incasso!

Fifina               Ed io che ringrazio!

Fifina               Quanto me piace! …(Escono dalla comune)

SCENA XVI (Eduardo – Osvaldo)

Eduardo          Me sento ‘nu poco meglio: mo’ tengo pure ‘a mugliera pe’ fa vendicà ‘o spagnuolo.

Osvaldo          E’ permesso?

Eduardo          N’ata vota ccà?

Osvaldo          Pe’ furtuna ca stevo ccà vicino: mmiez’a via mi sono venuti dei forti dolori!

Eduardo          Dove?

Osvaldo          Vicino alla stazione della Vesuviana, mi pare si chiama vico Speranzella!

Eduardo          ‘A speranzella mia è ca muore ‘e subbeto  e te lieve ‘a nanze! Non in quale via, in quale parte del corpo hai sentito questi dolori?

Osvaldo          Dalla testa alla punta dei piedi, tutto un dolore! Un farmacista al quale mi sono rivolto per un primo soccorso m’ha ditto che potrebbe essere un male serio assaje e, visto che il mio medico curante nun ha capito niente è meglio che vado all’estero, che so a Parigi!

Eduardo          Grazie della pubblicità…All’estero? Io te mannasse all’Inferno….(Riflette, si calma) Ma no, potrebbe essere una soluzione: te levo a tuorno per un po’ e poi….hai l’opportunità ‘e me fa’ ‘nu piacere!

Osvaldo          ‘Nu piacere, io a te?

Eduardo          Si, mia moglie per motivi che sarebbe lungo spiegarti va a Parigi; io nun ‘a pozzo accompagnà’ perché devo curare una mia paziente qui: è un caso molto importante Tu mi dovresti usare la cortesia, senza farti vedere, di aiutarla qualora stesse in difficoltà e di avvisarmi subito, magari con una telefonata, un telegramma qui!

Osvaldo          A disposizione, tu nun saje che piacere  ca me faje!

Eduardo          Piacere?

Osvaldo          (Disorientato) Il piacere…la gioia…. di esserti utile!

Eduardo          Benissimo, allora va, raggiungila alla stazione, il treno parte fra tre ore!

Osvaldo          Io vaco e…grazie…grazie ancora! (Via)

SCENA XVII (Eduardo – Bettina – Pasquale – Meneghin)

Eduardo          Benissimo ed anche questa è fatta: me ‘o levo ‘a tuorno pe’ ‘nu poco ‘e tiempo  e sto tranquillo che un amico vigili su Giuggiola!

Pasquale         (Entrando)Tiene ‘na ciorta tu, guarda chi ti ho portato! (A qualcuno fuori) Trase nenné, trase!

Bettina            (E’ lo stesso personaggio che ha dialogato con Concetta, la cameriera) Buongiorno dottore, il mondo è piccolo, ci si rivede!

Eduardo          La signorina Bettina?

Bettina            Proprio io, ho incontrato il direttore che m’ ha spiegata ‘a situazione: veramente stavo andando ad un appuntamento pe’ passà trascorrere una piacevole serata cu n’amico, ma ci ho rinunziato pecché so’ felice ‘e ve fa’ ‘nu favore!

Pasquale         Anche perché le ho promesso cento lire al giorno ed un soggiorno spesato di una settimana!

Eduardo          (A Bettina) Permettete, solo una parolina al mio amico.(Prende sotto il braccio Pasquale e da parte) Ma che figura me faje fa, chella, nun solo è una mia cliente, ma cunosce pure mia moglie!

Pasquale         L’aggio ditto ca è pe’ fa’ ‘nu scherzo a n’amico e po’ a chesta aggio truvato disponibile!

Eduardo          (Lascia Pasquale si rivolge a Bettina) Signorina sono mortificato che il direttore vi abbia scomodata, ma ho già risolto. (A Pasquale a parte) N’aggio truvata a n’ata! Quando tornate a Napoli vi la farò gratis tutte le visite di cui avete bisogno

Bettina            All’ossa vostra duttò, nun m‘o voglio perdere! Vuje ve pigliate chilli quatto solde quanno me curate! Ora che ho la possibilità ‘e fa’ nu soggiorno a vostre spese, me ne avesse j’ accussì? ‘O direttore m’ha prumisso ciento lire ‘o juorno ed un soggiorno qui e non ho nessuna intenzione di rinunciarvi!

Meneghin        (Fuori campo) Devo assolutamente parlare con il dottore…

Concetta         (C.s) Ora è occupato, dovete aspettare!

Bettina            (Strillando) Voglio sta cca’!

Eduardo          Nun alluccate, pe’ carità…Andate un attimo nell’altra stanza con il direttore, io parlo un attimo con il signore che sta fuori e poi ci mettiamo d’accordo!

Bettina            Io vengo, (A Eduardo) ma mettiteve bbuono ‘ncapo che voglio una settimana di soggiorno gratis qua e ciente lire ‘o juorno!

Eduardo          Sissignore, ma andate con il direttore!

Bettina            E va bene, ma aggio ‘a sta ccà! (Esce con Pasquale)

SCENA   XVIII (Eduardo – Meneghin)

Eduardo          Mamma mia e che gghiurnata (Alla comune) Che altro succede?

Meneghin        (Entrando) Dottore ho bisogno della vostra comprensione: una soggiorno da solo che ‘o faccio ‘a fa’? Se vi prometto che nun ‘a tocco mi permettete di portarla con me?

Eduardo          Chi?

Meneghin        Una brunetta, bella, appetitosa e tutta curve che ho conosciuta manco poc’anzi uscendo dall’albergo!

Eduardo          Manco poc’anzi ve ne siete importato dei miei consigli! 

Meneghin        Guardate, è che…

Eduardo          Nun se ne parla nemmeno! (Poi riflette guardando la porta da dove è uscita Giuggiola) Una donna sol per compagnia, per il piacere dello spirito?

Meneghin        V’o giuro su….quanto ho di più caro al mondo!

Eduardo          (Tendenzioso e divertito) Sul fioretto?

Meneghin        (Con enfasi)…Sul fioretto!

Eduardo          Ed allora ve lo prescrivo come cura; solo che le brune sono troppo eccitanti: ce vulesse una bionda!

Meneghin        Addò ‘a trovo ‘e spiccio ‘e spiccio?

Eduardo          Ci penso io! (Chiama) Pasquale!

SCENA XIX (Eduardo - Pasquale – Meneghin – Bettina)

Pasquale         (Fa capolino) Si?

Eduardo          Una bionda al signore!

Pasquale         (Uscendo con Bettina) Subito! Vieni bellezza vieni. Una bionda deliziosa  con accessori di lusso: tutto il confort moderno!

Meneghin        (A Eduardo) Siete il più grande medico del mondo: la terapia giusta per ogni malattia!

Eduardo          Si fa quel che si può!

Pasquale         Allora colonnello la signorina le farà compagnia durante il soggiorno  a vostre spese con un aumento di sole 100 lire al giorno!

Meneghin        A’ faccia d’o….fioretto!

Pasquale         Cambi compagno ma il soggiorno lo fai lo stesso!

Bettina            Questo è la cosa importante!

Pasquale         Allora il caso è risolto; ora pensiamo alla sistemazione del colonnello e della sua ospite. (Chiama) Gennarino

SCENA XX (Gennarino – Pasquale – Eduardo – Meneghin – Bettina)

Gennarino       ( Entra dal fondo) Dica direttore!

Pasquale                    Provvedi ad assegnare una stanza per il colonnello!

Gennarino       (Va al beareu) Subito (Consulta il registro)

Pasquale         Vieni Eduardo accompagnami

Eduardo          Ah si ‘o sapesse Giuggiola mia!

Pasquale         Ma nun ‘o sape! (I due vanno via dal fondo)

Gennarino       Allora ci sarebbe la stanza 24: bella spaziosa, con vista sul mare e con due letti!

Meneghin        Due letti? E che ce faccio! Un letto solo giovanotto, e che sia ben stretto!

Gennarino       Allora c’è la stanza 36, un letto matrimoniale, ma non ha la vista sul panorama…

Meneghin        E chi se ne fotte, al panorama ci penserà lei, vero bellina?

Bettina            E che panorama!

Gennarino       Benissimo, allora provvedo per far preparare la camera! (Via dal fondo a sinistra)

Meneghin        Piccerè, come hai detto che ti chiami?

Bettina            Zoccoli…

Meneghin        Di professione?

Bettina            No di nome, Bettina Zoccoli

Meneghin        Volevo sapere che lavoro fai.

Bettina            La dama di compagnia. E tu come ti chiami?

Meneghin        Meneghin!

Bettina            Meneghin?(Delusa) Allora sei milanese, un po’ freddino!

Meneghin        ‘O sapevo! Songo ‘e Napule e quanno sto ‘nzieme a na femmena comme a te, divento un vulcano! Jammucenne! (la prende in braccio ed escono)

Eduardo          (Entra da sinistra con Pasquale) E’ vero che sembra tutto risolto, ma comme ‘a mettimmo con il personale dell’albergo: sanno ca s’ spusato e conoscono pure a mia moglie!

Pasquale         Nun te preoccupà, ce penso io. (Chiama) Concetta, Gennarino, Salvatò’……

Concetta         (Entra con Gennarino e Salvatore) Eccoci qua diretto’, fra poco si mangia!

Pasquale         Non vi ho chiamati per questo: Come avete visto la moglie del dottore è partita…

Eduardo          E invece io so’ rimasto qua!

Pasquale         Per ragioni che sarebbe troppo lungo spiegarvi e pure pe fa’ uno scherzo ad un suo amico spagnuolo, la signorina che è arrivata poco fa cu ‘a mamma, farà finta di essere la moglie del dottore…

Eduardo          Solo per finta, tanto è vero che dormiremo in camere separate, anche se vicine….

Gennarino       Dottò, cuntetelo a nato, quelle sono tutte intercomunicanti

Concetta         Basta arapì ‘na porta, pluf e ve vuttate dint’o lietto ‘e chell’ata stanza!

Salvatore        La signora Giuggiola non se ‘o mmereta…

Concetta         Chella ve vo’ tantu bene e po’ io ‘a cunosco ‘a tantu tiempo e nun ve posso fa’ ‘a ruffiana!

Eduardo          Ma chisti tre so’ pazze…Hanno capito ‘o cuoppo aulive pe’ ‘o campanaro ‘o Carmene…. e po’ avesse da cunto a vuje? (Da loro qulche banconota da cinque lire)

Concetta         Dotto’ vuje che dite, nuje stevemo pazzianno…

Salvatore        Conosciamo bene la vostra serietà… figurateve si pensavamo a male ( Intascano le banconote)

Gennarino       Se non desiderate altro noi andiamo a lavorare…

Salvatore        E ricordate, per qualunque cosa noi siamo sempre a disposizione!

Eduardo          Allora mi sono spiegato: la Signorina Fifina è mia moglie, specialmente per un signore spagnuolo che prima o poi sicuramente verrà! Nun ve ‘o scurdate: la signorina Fifina è mia moglie, dicitencello a tutte quante!

Concetta         Dottò state senza pensiero….

Gennarino       …Nun ve preoccupate, si vulite mettimmo pure ‘e cartielle…..

Salvatore        ….E si nun abbaste ‘o faccio scrivere ‘ncopp’o giurnale!

Eduardo          No, non è necessario…

Pasquale         Andate, andate a lavorare! (I tre escono dal fondo a sisnistra parlottando)

Pasquale         Quanno vuò’, saje essere convincente….

Eduardo          Quanno me sta custanno ‘sta pazziella: maledetta ‘a pillola verde, io mo me ne stesse sereno, calmo e tranquillo ‘a casa mia! Mannaggia ‘o Via Grà’!

Fine primo atto

SIPARIO


ATTO SECONDO

(La stessa scena del primo atto)

(Concetta sta mettendo un po’ d’ordine: è chiaramente assonnata e sbadiglia: Gennarino entra dall’altro lato della scena)

 

SCENA I (Concetta –Salvatore – Gennarino – Pasquale)

Concetta         Mamma mia, che nuttata!

Salvatore        ‘A verità manch’io nun aggio potuto chiudere uocchio:’a signorina Zoccoli, che pozza passà ‘nu guaio primma ‘e mo, ha alluccato pe ‘ tutta ‘a nuttata: pareva ca stevano squartanno!

Gennarino       Io so’ gghiuto fore ‘a stanza pe’ sapè si se senteva male, ma ha risposto: “Fatte ‘e fatte tuoje, vattenne!” Ma c’ha passato?

Concetta         ‘O saccio io, ah, biata a essa!

Salvatore        E ‘o saccio pur’io, chillo ‘o colonnello, viecchio e buono se fida ancora e dicere.

Gennarino       Nun ve capisco…

Concetta         Quanno tengo ‘nu poco ‘e tiempo te ‘o spiego, mo’ si ancora creaturo!

Salvatore        Ma ve ‘o crediveve ca ‘o duttore se fidava ‘e fa ‘stu ppoco?

Gennarino       Quanno maje, si me l’avessero ditto nun ce credevo!

Concetta         Ll’uommene so’ tutte eguale quello sembrava così innamorato  d’a mugliera….

Gennarino       …Ed invece s’è subito consolato appena è partuta!

Salvatore        Nun facimmo ‘nciuce però, può darsi ca nun è succiesso niente: hanno dormito in camere separate…

Pasquale         (Entra, non visto, dal fondo a dx)

Gennarino       E con questo? Te si’ scurdato che le le camere sono intercomunicanti…

Salvatore        Basta aprire ‘na porta  e …pluff uno se votta  dint’o lietto ‘e chell’ata stanza

Pasquale         Ancora con questa storia? Vi ho già spiegato che questa situazione  si è creata pe’ fa’ uno scherzo all’amico spagnolo del dottore…

Concetta         Certo vuje mica putita parlà male ‘e ll’amico vuosto…po’ tra uommene ve accumigliate…

Salvatore        Ve voglio avvisà: (a Pasquale) st’albergo sta piglianno ‘na brutta nnumenata!

Gennarino       Direttò, mi meraviglio solo che  vi si prestate a questi giochetti…

Pasquale         E mo basta, chi ve ‘a da tanta confidenza, presto al lavoro!

Concetta         (Esce con gli altri due mormorando)

SCENA II (Pasquale – Eduardo)

Pasquale         Ma vedite in che situazione me ha miso Eduardo!

Eduardo          (Ha il volto assonnato, come chi ha trascorso una notte insonne) Mamma mia e che suonno!

Pasquale         Nun ‘e durmuto? (Tendenzioso) Come mai, forse ‘a porta intercomunicante era aperta epluff te si’ vuttato dint’o lietto d’a stanza affianco?

Eduardo          Pure tu? Io ho tradito mia moglie una sola volta e non pecchè ‘o vulevo fa! So’ stato scetato tutta ‘a notte perché aggio pensato a essa, sola sola in una città straniera. Guarda: (Caccia un telegramma) non appena è arrivata mi ha mandato un telegramma:”Arivata alla meta, ma piango causa tua assenza”!

Pasquale         Chiagne, come vedi non si annoia!

Eduardo          Si sapesse che sto qua cu’ n’ata femmena ca faccio passà pe’ essa!

Pasquale         Nun ‘o sape sta tranquillo…e po’ si staje ccà cu n’ata femmena è per risolvere un problema importante: quello ‘e te fa fa’ ‘e corna al più presto!

Eduardo          Spero solo ca ‘o spagnuolo vene ambresso , si vendica, mi libera di Fifina e d’’a mamma!

Pasquale         Chillu scungillo travustuto ‘a femmena! Che ce tene ‘cuorpo: ieri sera si è messa a cantare davanti a tutti:”Le mie son fatte a mela”

Eduardo          L’ho sentita anche io e aggio sentito pure un signore che ha ditto: “Fammelle vedè” ed ho dovuto metterlo a posto!

SCENAIII (Bonbon- Eduardo – Pasquale)

Bonbon           (Entra dal fondo a sin E’ vestita in modo ridicolo ed ha un cappello orrendo) Generuccio mio…

Eduardo          (A parte a Pasquale) Comme s’è cumbinata!

Bonbon           Generuccio mio, vi sembro elegante?

Pasquale         Come no, avete anche un cappello meraviglioso!

Bonbon           La suocera di un medico deve essere elegante per lui!

Pasquale         Questo vestito poi vi ringiovanisce di 60 anni!

Bonbon           Neh piccirì, pecché faje ‘o ‘nzipeto? Io ho solo 58 anni!

Pasquale         Volevo farvi un complimento: vi rende così giovane che sembrate non ancora nata!

Bonbon           Ah ‘mbe’!

SCENA IV

Fifina               (Entra da dove è entrata la mamma) Buongiorno mammà

Bonbon           Buangiorno piccerella mia..(A Pasquale) Guardate quant’è bellella!

Fifina               (Ad Eduardo) Buongiorno amore mio...

Eduardo          Buongiorno tesoruccio caro

Salvatore        (E’ entrato da sinistra qualche secondo prima ed esce dall’atro lato) Che vutamiento ‘e stommaco Ah si ‘o sapesse ‘a mugliera!

Bonbon           (Da uno strillo) Ah che dulore…Fifina a mammà, vide tengo ‘nu spillo areto ‘e rine ca me pogne! (Si apparta con la figlia e confabula con lei)

Eduardo          (A parte a Pasquale) Famme ‘nu piacere, portate ‘a vecchia!

Pasquale         Addò?

Eduardo          Addò vuò tu’: ncopp’a ‘na muntagna, a mare, all’Inferno, ma lievammella a tuorno! Ritorna quanno s’è fatto notte!

Pasquale         Tu nun ragiune cchiù! (I due parlottano)

Bonbon           (A parte con la figlia che continua a cercare lo spillo) Allora è trasuto?

Fifina               Niente mammà, cu tutto che avevo lassata ‘a porta aperta!

Bonbon           Fosse….(Mette una mano sull’orecchio)

Fifina               E che ne saccio? (Continuano a parlare in disparte)

Eduardo          Allora, me ‘o faje ‘stu favore?

Pasquale         E va bene (A Bonbon) Signora Bonbon vogliamo andare a fare una passeggiata?

Bonbon           (Lusingata) Io e voi soli soli?

Pasquale         Si!

Eduardo          Andate, andate…(A parte) Il direttore si è innamorato di voi, andate!

Bonbon           Ma che ci farò io agli uomini…

Eduardo          Meglio ca nun se sape!

Bonbon           Va bene direttore, so’ tutta vosta!

Pasquale         Tutta quanta no, sarei un egoista, andiamo!

Bonbon           Andiamo ammaliatore e seduttore di donne sole ed indifese, ma non abusate troppo di me! Ma se volete, insistete, nun se po’ maje sapé…….

Pasquale         Pe carità, chi ce pensa (Si riprende) Sono un signore io!

Bonbon           Allora andiamo! (Via dalla comune)

Pasquale         (Alza gli occhi al cielo come per dire:”Che guaio c’aggio passato. Segue Bonbon)

SCENA V

Eduardo          (Che ha seguito divertito tutta la scena) Quanno so’ bellille sembrano Giulietta e Romeo!

Fifina               Pecché non si’ venuto nella mia stanza stanotte, m’è lassata sola sola!

Eduardo          Vieni’a ccà, asserttate vicino a me, parliamone! (Si siede sul divano)

Fifina               Con piacere. (Esegue) Vulevo sapè, tu ‘e voluto che restassi qui con te per farmi ritrovare il do di petto!

Eduardo          Voglio seguire da vicino il decorso della malattia…nell’interesse della scienza!

Fifina               Solo d’a scienza?

Eduardo          Solamente, e per te fa capace, se si presentasse qualcuno che ti fa la corte, nun pensà a me. ….accetta…’e capito?

Fifina               Ho capito solo che non ti piaccio!

Eduardo          Tu mi piaci molto, ma nun te scurdà che sono uno scienziato!

Fifina               (Gli fa uno sguardo ammaliante) Anche quando ti guardo cu’ ll’uocchje dintall’uocchie?

Eduardo          (A disagio) Sono uno scienziato!

Fifina               (Gli prende la mano) Pure quando te piglio ‘a mano?

Eduardo          (Ritraendola) Pure!

Fifina               E si te cerco ‘nu vaso? (Gli  offre le mie labbra)

Eduardo          Sono uno scienziato!

Fifina               (Si alza egli volta le spalle) No, si friddo ‘e chiammata!

Eduardo          Nennè, ‘e capito ‘na cosa pe’ nata: sono uno scienziato e in questi casi l’uomo, il maschio non esiste!

Fifina               Sarei curiosa ‘e vedé quanno esiste!

Eduardo          Basta, parliamo d’altro! Stamme a sentì: aspetto un amico spagnolo molto ricco: appena arriva t’o presento e tu devi farmi il favore di essere gentile, molto gentile con lui e l’’e accuntentà qualunque cosa ti chiede!

Fifina               (Indispettita) Come il mio caro marito comanda! (Fa per andare via)

Eduardo          Addò vaje?

Fifina               In cerca dello spagnolo e sperammo ca nun è pur’isso ‘nu scienziato! (Via dalla comune)

SCENA V

Meneghin        (Dal fondo a sn con Bettina) Vieni bellina andiamo a fare due passi!

Bettina            (E’ distrutta) Colonne’ io nun ce ‘a faccio…tu m’e fatto alluccà tutta ‘a notte! (Va a sedersi sul divano)

Eduardo          Colonnè, che l’avite fatto?

Meneghin        Dottò, ma a chi m’avite dato? ‘A guagliona è bellella, pe’ carità, ma nun tene resistenza!

Bettina            Tu nun si n’ommo, si ‘nu martiello ‘e acciaio!

Meneghin        Dottò, grazie ai vostri consigli il fioretto ha cumbattuto senza se’ fermà pe’ tutta ‘a notte! Nun me ne mporta cchiù e me arrepusà! Ho riflettuto: si avesse truvato a mia figlia le cose sarebbero cambiate, ma ‘o destino nun ha vuluto e io a chi aggio ‘a da’ cunto: finché il fioretto vuole duellare io non mi tiro indietro!

Eduardo          Ho visto, avete praticamente distrutta la signorina Zoccoli!

Meneghin        Una sola notte e guardate com’è ridotta: (La chiama) Bettina, Bettina

Bettina            Colonné, mo tengo suonno, lassame sta, famme durmì e po’ stanotte, si me torna ‘a forza alluccammo n’atu ppoco!

Colonnello       Va bene, va bene, va a riposare: faccio due passi e po’ vengo pur’io!

Carmela          Si ma con calma, senza fretta, fatte ‘na corsa, na sagliuta a pere, stancate ‘nu poco! (Via fondo a sn)

Colonnello       Che gioventù pappamolla! Egregio dottore, ‘a quanno so’ arrivato non ho avuto ancora il piacere di conoscere vostra moglie: dovete presentarmela!

Eduardo          Alla prima occasione ve la presenterò!

Colonnello       Benissimo, vado a fare due passi fino ad ora di pranzo: nun se po’ maje sapè, potrei fare qualche gradevole incontro!

Eduardo          Ancora?

Colonnello       Dottò, uno adda pensà pure a ‘o pane pe’ ‘a vicchiaia! Stateve bbuono (Via per la comune)

SCENAVI

Eduardo          Chesto pecchè tene ‘o fioretto spuntito! (Va a sedersi sul divano)

Descobar        (Entra dalla comune e va alle spalle di Eduardo) Buenas dias doctor!

Eduardo          (Sussulta) Bu..buongiorno…(Fingendo meraviglia) Oh segnor Descobar!

Descobar        Allora, querido volete presentarme vuestra mujer?

Eduardo          Mia moglie? Non c’è, è partita!

Descobar        Ah, ah, ah dottore, non es bonitos mentir!

Gennarino       (Entra da dx , sta per uscire a sinistra)

Descobar        Ehy muchacho, , donde sta la mujer de doctor?

Eduardo          (Con tono falso) E’ partita non è vero? (Fa cenno di no col capo)

Gennarino       Si….No….

Descobar        La mujer es nella su stanza è ‘overo?

Eduardo          (Fa cenno di no col capo. Appena Descobar si gira e lo guarda fa segno di si)

Gennarino       No….si….Duttò me state ‘nzallanenno!

Eduardo          E va bene, siete troppo furbo, non sono riuscito ad imbrogliarvi:….mia moglie è qui, nel parco!

Descobar        Muy bien! (A Gennarino) Di alla senora de venir aquì!

Gennarino       (Guarda in modo interrogtivo Eduardo) C’aggia fa?

Eduardo          Fa come ti dice

Gennarino       (Uscendo in fondo a dx) E chi ce capisce niente!

Eduardo          (Cercando di essere convincente) Pensatece buono segnor Descobar, la migliore vendetta è il perdono!

Descobar        E’ inutil, l’ombre del trust ha ditto: “No!”

SCENA VII

Fifina               (Entra dal fondo a dx - Ad Eduardo) Mi volevi?

Eduardo          Si cara, voglio presentarti il mio amico Esperuto Descobar…

Fifina               E  io che ce pozzo fa’?

Descobar        Esperuto Descobar, napolandaluso miliardario de Siviglia …

Eduardo          L’uomo del trust! Segnor Descobar, mia moglie!

Descobar        Encantado! (Le bacia la mano)

Fifina               Piacere! Siete un paziente di mio marito?

Descobar        Un paciente special: (Guarda Eduardo) Yo tener mucha pacienda. (Sottovoce ad Eduardo) Jatevenne!

Eduardo          Devo assentarmi per scrivere una relazione su di un ammalato grave…. Mi permettete?

Descobar        Fate pure, con tranquillidad!

Eduardo          Permetti cara (Via dal fondo a sin)

Descobar        (A Gennarino che entra dal fondo) Camarero champagne!

Gennarino       Subito signore (Via a dx)

Fifina               Champagne, per me?

Descobar        Si! Quando una senora bonita mi piace ordeno siempre champagne!

Fifina               Ed io vi piaccio?

Descobar        Mucho…tantissimo!

Gennarino       Ecco lo champagne!

Descobar        Mettilo sul tabo e va fora!

Gennarino       (Uscendo) Che cafone!

Descobar        (Va al tavolo - Mesce due coppe di champagne e le beve entrambe, poi beve anche dalla bottiglia) Muy bien!

Fifina               (Tra sé) E a me?

Descobar        Senora, el qui presiente Descobar napolandaluso miliardario de Siviglia, quando é in compagnia di una senora bonita como voi non sa parlare de fior, del mar della luna e delle estrelle porché l’estrella mas bonita , sta vicino a isso! Yo saber ablar alla napulitana accussì! (Prende dalla tasca un astuccio con un anello e glielo porge)

Fifina               (Apre l’astuccio: contine un anello) Un anello, quanto è bello, è per me?

Descobar        Si, è il pegno del mi amor!

Fifina               Mi amate?

Descobar        Con todo el  mi corason!

Fifina               Non è che questo anello me lo date in nome della scienza?

Descobar        Non ve intiendo, nun ve capisco!

Fifina               No niente, ‘na cosa mia!

Pasquale         (Entra, non visto dalla comune: vede i due e si nasconde ad ascoltare)

Descobar        Si venir nella mi stanza te ne duengo ancora!

Fifina               (Disorientata)  Dint’a stanza toja?

Descobar,       Si, ce viene?

Fifina               (Tentenna, poi…) Si, ce vengo!

Descobar        Muy bien!

Pasquale         (Dal fondo) Benissimo!

Descobar        Jammucenne!

Fifina               Avviati, io devo fare prima una cosa…

Descobar        Allora yo….vaco a preparar mi abitation con fioros tutti pe’ te…(Uscendo a parte) Fra poquito mi sarò vendicato (esce a sin)

SCENA VIII

Pasquale         (Entrando) Congratulazioni, ho sentito tutto, avete conquistato un uomo eccezionale!

Fifina               Per lo meno nun è ‘nu scienziato comme ll’amico vuosto!

Pasquale         E’ miliardario, ed è meglio essere l’amante di un miliardario!

Fifina               Amante, comme currite!

Pasquale         Pecché, jettasseve ll’uosso a‘o cane!

Fifina               No, ma prima aggio ‘a mettere ‘e cose a posto col vostro amico dottore!

Pasquale         Eduardo, si è comportato male, forse?

Fifina               Come un maleducato!

Pasquale         C’ha fatto?

Fifina               Nun ha fatto …., mi ha offesa !

Pasquale         Comm’è possibile?

Fifina               Mi ha chiesto di fare finta di essere sua moglie: ha pigliata ‘na stanza vicino ‘a mia! E’ chiara la sua intenzione, aggio pensato e così aggio lassata ‘a porta pensanno che voleva essere incoraggiato: addò nun se ne è passato manco pe ‘a capa. ‘O sapite ch’ha fatto?

Pasquale         E’ trasuto senza neanche di’ permesso!

Fifina               No, nun solo nun è trasuto, ma ha anche chiuso la porta!

Pasquale         E va buo’, nun ve pigliate collera, quello è uno scienziato!

Fifina               ‘O che, aggio cunusciuto cierte scienziate io, uno chiù ommo ‘e n’ato! Invece isso nun me ha neanche guardato. Mi ha disonorata, che scuorno!  Vuje però prumettiteme ca nun ‘o dicite a nisciuno, neanche a mammà!

Pasquale         Nun sia maje! chella ‘a puverella putesse pure murì pe’ o dispiacere! Ma che ve ne ‘mporta? Vendicatevi: ce sta il miliardario spagnolo c’ha perso ‘a capa pe’ vuje, apprufittate!

Fifina               No, è una questione di principio: il vostro amico me ha miso ‘o scuorno ‘nfaccia e isso mi deve riabilitare!

Pasquale         Non potrei provvedere io?

Fifina               No primma isso e po’ tutti gli altri! Dicitencello allo scienziato! (Via dal fondo!)

SCENAIX

Eduardo          (Entra dalla sn) Si turnato, e (marcando) mia suocera addò l’e lassata?

Pasquale         Ho pregato Michele ‘o fruttaiuolo ca steva jenno ‘ncampagna, d’a purtà a fa’ ‘na cammenata ncopp’o ciuccio, sta senza pensiero!

Eduardo          Allora, tutto a posto?

Pasquale         Dipende solo da te!

Eduardo          Che significa?

Pasquale         Tu hai disonorato Fifina!

Eduardo          Ma si nun l’aggio manco tuccata!

Pasquale         E’ questo è il punto: si sente offesa, umiliata e tu devi rimediare!

Eduardo          Io e come?

Pasquale         Te l’aggio ‘a dicere io? ‘E ‘a fa’ ll’ommo e si nun ce ‘a fai, prendi una delle tue pillole!

Eduardo          Mai! Non ne ho bisogno e poi non ho intenzione di tradire di nuovo Giuggioletta mia!

Pasquale         Ma te vuò fa’ mettere ‘e corna, si o no?

Eduardo          Si, ma nun credevo ch’era accussì difficile, trovame n’ata manera!

Pasquale         Fatte accidere!

Eduardo          Nun pazzià….Maledetta quella pillola!

Pasquale         Già la pillola! ( Mette una mano in tasca) Forse la soluzione c’è! Ma cos’hai, sei diventato pallido, vieni siediti!

Eduardo          Sarà lo stress, l’emozione, il pensiero di dover tradire ancora mia moglie….(Si siede e si tocca il polso)

Pasquale         (Va a prendere un bicchiere di champagne, vi scioglie una pillola verde e glielo porge) Bevi, ti farà bene, è champagne!

Eduardo          Hai ragione, mi rianimerà, non sento neanche più il polso! (Beve, sospira) Ah, me sento già meglio!

Pasquale         Stai riacquistando anche il tuo bel colore: ire addiventato janco comme ‘nu panno appena lavato!

Eduardo          Mo’ però sento ‘nu calore…

Pasquale         E’ naturale, il sangue ritorna a circolare…

Pasquale         Gennarino…

Gennarino       Dite direttore…

Pasquale         Cerca la moglie del dottore e pregala di venire qua immediatamente….

Gennarino       Subito….

Eduardo          (Si tocca in fronte) Sto pure tutto sudato….

Pasquale         Se sape, incomincia a fare effetto….

Eduardo          Ma è una sensazione che ho già provata…(Viene assalito dal dubbio) Che cosa incomincia a fare effetto, che m’e fatto piglià?

Pasquale         La pillola verde, mo pure si nun vuò….

Eduardo          Ah misereabile, delinquente….

Pasquale         L’ho fatto per il tuo bene…

SCENA XI

Bettina            Io nun ce ‘a faccio cchiù, nun tengo manco cchiù ‘a forza d’alluccà, ma addò ‘a trova tutte chella salute….

Eduardo          Una donna….(Abbraccia Bettina) Quanno si’ bella…..

Bettina            Aiuto, aiuto….nun bastava ‘o colonnello…aiuto

Pasquale         (Fa in modo che Bettina si divincoli) Jatevenne…

Bettina            (Uscendo) Nun veglio vedè cchiù n’ommo pe tutta a vita mia!

Pasquale         (Trattiene Eduardo) Ma si’ asciuto pazzo?

Eduardo          Una donna, datemi una donna…

Fifina               Mi hai mandato a chiamare

Pasquale         (Lascia andare Eduardo)

Eduardo          Fifina, finalmente!

SCENAXII

Fifina               Devi dirmi qualcosa….(Sprezzante) scienziato!

Eduardo          Devo dirti ca so’ stato un imbecille quanno aggio chiuso ‘a porta d’a cammera toja….Andiamo, portami in Paradiso….

Fifina               (Guarda Pasquale) Che d’è, s’è cagnata ‘a scena? (Ad Eduardo) E ‘a scienza?

Eduardo          Me ne fotto de ‘a scienza!

Fifina               (Segue Eduardo) Chissà comme sarrà cuntenta mammà!

Eduardo          (Prende Fifina per un braccio) E muovete! (Escono entrambi per il fondo a sn)

Pasquale         (Compiaciuto) E’ fatta!

SCENA XIII

Gennarino       (Entra dalla comune tutto agitato) Direttò, ve vulevo dicere…

Pasquale         Proprio a te vulevo: se qualcuno cerca il doctor Pastarella, di ca è gghiuta a fa’ ‘na passeggiata cu’ ‘a mugliera! Avverti anche Concetta e Salvatore!

                        (Si ode un gran trambusto provenire dall’esterno dell’albergo)

Pasquale         Che d’è st’ammuina? (A  Gennarino) Vide ca è succiesso?

Gennarino       Chesto ve vulevo dicere: sta tornando la madre d’a mugliera faveza de ‘o duttore: sta chiena ‘e munnezza e ‘e guagliune ‘a cuffeano

Pasquale         E’ meglio ca me ne vaco, nun ‘a voglio vedé!

Bonbon           (Entra dalla comune: ha addosso dell’ immondizia e si lamenta) Ahi, ahi….

Gennarino       Signò che v’è succiesso?

Bonbon           So’ caduta ‘a coppa ‘a o ciuccio….Tutto per colpa d’o direttore, Ah , appena ’o veco me ‘o magno a muorze!

Gennarino       Comm’è stato? (L’aiuta a pulirsi)

Bonbon           Il direttore m’ha fatto saglì ‘ncopp’o ciuccio, po’ mi ha affidata a ‘nu fruttaiulo pe me fa’ fa’ ‘na passiata in campagna; doppo si e no ‘nu chilometro ‘o ciuccio s’è fermato e nun vuleva cchiù j’ annanze: ‘o fruttaiuolo l’ha frustato e chillu figlio ‘e n’esercito ‘e suldate, s’è miso a correre e io so’ caduta dint’a ‘a munnezza. Pe’ gghionta ‘e ruotolo ‘nu contadino ca steva jenno a cuncimà a terra, pe’ me aiutà a me aizà, me ha arrevacato tutto il concime ‘ncuollo!

Gennarino       E se sente!

Bon bon          Fortunatamente me ‘so’ pututa lavà ‘nu poco vicina a ‘na funtanella, ma sto ancora chiena ‘e munnezza!

SCENA XIV

Meneghin        (Entra dalla comune)  Il dottore dov’è?

Bonbon           (Si mette da parte e continua a ricomporsi)

Gennarino       E’ andato a fare una passeggiata con la moglie, fra poco verrà!

Meneghin        (Vede Bonbon) Chi è quella signora?

Gennarino       E’ la suocera del dottore, è caduta a coppa a ‘o ciuccio!

Menegnin        Uh, poverina, va va a cercare il dottore1

Gennarino       Subito! (Via)

Meneghin        (Cortese) Signora, posso esserle utile in qualcosa??

Bonbon           (Si gira) Grazie…(Lo guarda, lo riconosce) Ambrogio, ma tu sei Ambrogio…

Meneghin        Bonbon…

                        (Si abbracciano di fianco e alternativamente vanno in battuta quando il viso è dalla parte de pubblico)

Bonbon           Comme s’è fatto viecchio…

Meneghin        Quanno s’è fatto brutta….

Bonbon           Avevo voglia ‘e te aspettà….

Meneghin        Nun me aggio potuto spiccià primma, ma parlami, parlami di nostra figlia! (Si siedono sul divano)

Bonbon           Nostra figlia?

Meneghin        Si, quando ho ricevuto il telegramma ch’ero addivintato padre, ti ho cercata, ma…

Bonbon           Il telegramma? Ah, già…(A parte) Se vede che ce l’aggio mannato pure a isso!

Meneghin        Parlami della mia figliola: so che ha fatto un buon matrimonio, il marito è buono con lei?

Bonbon           Il marito?

Meneghin        Si, il dottore Pastarella,  nipote del mio compagno d’armi più caro! Che gioia!

Brava, nun  le putive da’nu marito meglio ‘e chillo!

Bonbon           Ah già, il dottore Pastarella, e come no!

Meneghin        Ed io ti sarò grato per aver fatto di mia figlia una donna onesta: io sono ricco e…

Bonbon           …Io t’aggio voluto sempe bene….Sono venticinque anni che nun saccio che d’è n’ommo!

Meneghin        E da questo momento nun te ‘a preoccupà cchiù ‘e niente, penserò io a voi! Ma addò sta, so’ 25 anni che aspetto ‘stu mumento, ‘a voglio abbraccià….

Bonbon           Starà in giardino cu ‘o marito!

Meneghin        ‘A vaco a cercà. (Via dal fondo a destra)

Bonbon           Aspetta, vengo pure io: ‘o duttore nun sape niente, l’ aggio avvisà si no fernesce malamente!  Ambrogio…(Segue Ambrogio)

SCENA XV

Eduardo          (Entra da sn) Finalmente ‘sta storia è fernuta: Fifina è stata riabilitata, ora permetterà all’o spagnolo ‘e se vendicà ed io raggiungo Giuggiola mia a Parigi!

Fifina               (E’ in vestaglia) Dudù, core ‘e ‘stu core, stai qua? Sei stato meraviglioso

Eduardo          Beh, modestamente…

Fifina               Lo sai che l’amico tuo spagnolo mi ha proposto di diventare la sua amante?

Eduardo          (Felice) E tu hai accettato?

Fifina               Prima, ma ora che tu m’e fatto cunoscere il vero amore nessun altro uomo po’ truvà posto nella mia vita Al mio passato ho detto addio!

Eduardo          (disorientato) Mamma mia, dimme che stai pazzianno!

Fifina               Pecché nun si’ felice?

Eduardo          E comme no, nun se vede?

Fifina               Il tuo amore m’ ha cagnata: primma ho sempre tradito i miei amanti, ma mo’  non succederà più: ho rimandato allo spagnolo i gioielli  che mi aveva regalato; su un biglietto gli ho scritto anche queste semplici e nobili parole: “Signore, la moglie del dottore Pastarella non è in vendita, perché innamoratissima del marito!” Ma che dè, non si’ cuntento? Dimme ‘a verità fusse spusato?

Eduardo          (Con un filo di voce) No… …è che io non posso prendere impegni: sto’ chino ‘e diebbete, sono perseguitato dai creditori e….

Fifina               …Che me ‘mporta….(Riflette) Ma tu  non sei un medico famoso?

Eduardo          Qua’ miedeco, nun so’ manco veterinario e posso essere arrestato ‘a nu mumento ‘a nato per esercizio illegale della professione: io vaco ‘ngalera e …

Fifina               ….Io m’accatto ‘na machina pe’ cosere e me metto a faticà: pavo tutto ‘e diebbete tuoje e , t’aspetto…..‘nzieme a mammà, sta’ senza pensiero!

Eduardo          Menu male, io ‘e chesto me preoccupavo: ma ora pensiamo a fare colazione, vai in camera tua….

Fifina               In camera nosta!

Eduardo          In camera nosta, ma ora va, ordino la colazione e vengo!

Fifina               Fa’ ambresso! (Via)

Eduardo          Io nun ce ‘a faccio cchiù: mi rimane da fare solo una cosa: la fuga!

SCENA XVI

Meneghin        (Entra insieme a Bonbon) Nel parco nun ce stanno, addò so’ gghiuti?

Bonbon           (Vede Eduardo) Qua, sta il generuccio mio!

Meneghin        Dottore…

Eduardo          Colonnè’, scusate ma nun tengo tiempo….(Fa per andare via)

Meneghin        Addò vaje, nun te movere!

Eduardo          (Stupito) Mi da del tu?

Bonbon           Mo’ il colonnello ti da una grande notizia..

Meneghin        Ho ritrovato mia figlia…

Eduardo          E chi se ne fo…(Si riprende) Mi fa piacere per lei….

Bonbon           Ma nun è capito? La figlia è mia figlia, tua moglie….

Eduardo          (Quasi vacilla) Mamma mia bella, faciteme turnà a nascere…

Meneghin        Lei è la canzonettista di cui ti parlavo …

Bonbon           (Canticchia) Le mie son fatte a mela…

Eduardo          No, io sto sunnanno…

Meneghin        Non stai sognando, sono tuo suocero!

Bonbon           E io so’ mammà!

Meneghin        Tanto per cominciare dammi del tu!

Eduardo          Come vuoi (A parte) Mo’ le dico tutte cose! Allora, stamme a sentì…

Meneghin        No, stamme a sentì tu, assettate …

Eduardo          (Non ha più volontà, siede affranto)

Meneghin        (Side anche lui insieme a Bonbon) Prima di tutto metto il fioretto nel fodero e poi sposo Bonbon...

Eduardo          Mi fa piacere per te, a me poco interessa…

Meneghin        Non ti fa piacere che io sposi tua suocera? Guagliò , te cunosco a poco, ma me pare che difetti un po’ in quanto a morale..

Bonbon           Tene ‘nu poco ‘a capa troppo allerta il signorino…

Eduardo          Niente ma! Tu hai sposato mia figlia ed io ho il dovere di portarti sulla retta via!

Bonbon           Quanti vvote ha fatto chiagnere a chella creatura!

Meneghin        Ma mo’ ce penso io e se non fili diritto, te scamazzo comme a ‘na police!

Bonbon           Comme a ‘na police!

Meneghin        Sentiamo mo’ che tiene ‘a dicere!

Eduardo          Niente, nun aggio ‘a dicere niente!

Meneghin        Benissimo, ora va a chiamare tua moglie, voglio conoscerla!

Eduardo          In questo momento non può venire, sta facendo il bagno…

Menehin          Va bene, allora io ne approfitto per liquidare Bettina! (Via fondo a sn)

Eduardo          Bravo, liquidate Bettina!

Bonbon           E io vaco a piglià ‘nu poco d’aria dint’o ciardino!

                        (Meneghin esce dal fondo a sn e Bonbon a dx)

SCENA XVII

Eduardo          (Rimasto solo) Io me ne aggio ‘a fuì primma ‘e mo!

Osvaldo          (Entra dalla comune) Eduà’, menu male che t’aggio truvato?

Eduardo          Tu, e mia moglie?

Osvaldo          Nun ‘o saccio: improvvisamente è partita da Parigi, io l’ho seguita, ma alla stazione di Napoli ne ho perso le tracce!

Eduardo          E addò è gghiuta (Lo prende per il bavero e con la voce rotta dal pianto)) Giuggiolina mia mo’addò sta?

Osvaldo          (Con lo stesso tono) Giuggiolina nosta mo’addò sta?

Eduardo          E si nun ‘o saje tu? E po’ che d’è ‘sta confidenza..Giuggiolina nosta….Io ti avevo pregato di vegliare su di lei: da oggi in poi pagherai un sovrapprezzo di tre volte le mie visite!

Osvaldo          Ah si? E che è colpa mia se tua moglie tene ‘a capa allerta e se ne va tuorno tuorno?

Eduardo          Come ti permetti, io nun te piglio a cavece pecché nun tengo ‘a forza!

Osvaldo          Statte accorte comme parle pecchè io ti ammazzo un pochettino!

Eduardo          Tre e una quatto, ccà tutte quante me vonno accidere, accideme pure tu!

Osvaldo          Io me ne vaco, ma la cosa non finisce qui, anzi sai che ti dico, ti sfido a duello, t’accido e mi trovo un altro medico!

Eduardo          No, truovate ‘nu buono veterinario!

Osvaldo          Non è finita qua , caro il mio dottore, vado a cercarmi i padrini!

Eduardo          E visto ca te truove, pure le madrine! (E’ disperato) E mo, Giuggiola mia addò è gghiuta… si vene  ccà, me trova cu ‘a famiglia al completo: io mammeta e tu…. Mo’ ‘a vaco a cercà, ma addò?

Giuggiola        (Entra dalla comune) Amore mio stai qua, per fortuna ti ho trovato subito!

SCENAXVIII

Eduardo          Giuggiola! (Si abbrracciano) Che faje ccà?

Giuggiola        Nun ce ‘a facevo cchiù a sta a Parigi senza ‘e te, anche perché un cretino non ha fatto altro che infastidirmi! E tu che hai fatto, ti sei divertito?

Eduardo          Divertito io, senza ‘e te?

Giuggiola        Ora però sono qua, ci tratterremo qualche altro giorno e poi torneremo a Napoli!

Eduardo          Qua, qualche altro giorno? Per carità! Sapisse che gente ca è arrivata: non si sta più bene! Ho disdetto la camera e stavo andando via: anzi facciamo una cosa: non farti vedere da Pasquale, prendi una carrozza e aspettami all’Hotel Splendido: io saldo il conto e ti raggiungo!

Giuggiola        Va bene, ma non farmi aspettare molto: (Si abbracciano)

SCENA XIX

Descobar        (E’ Entrato qualche istante prima) El dottore che embraca un'altra muchacha? Chi sarrà, forse l’amante? ‘A verità me place cchiù de ‘a mujer! Saje che faccio? Lo riendo cornudo con l’amante, mo’ ce ‘o dico!

Giuggiola        (Nello staccarsi da Eduardo) Allora io vaco, nun me fa aspettà assaje!

Eduardo          Va tesoro, va nun te preoccupà!

Giuggiola        (Via dalla comune)

SCENA XX

Descobar        Querido doctor…

Eduardo          (sobbalza) Ah segnor Descobar., state qua, ora vado a chiamarvi mia moglie!

Descobar        Non sierve…ditemi una cosa: quien es chella muchacha bonita ca stiveve embracanno?

Eduardo          Beh, vedete…

Descobar        Intiendo, è la vostra amante!

Eduardo          Ecco bravo, è la mia amante!

Descobar        Muy bien tu es fortunado!

Eduardo          ‘Overo, e pecché?

Descobar        Ho deciso: renuncio a rienderve cornudo con vostra mujer…

Eduardo          Bravo così si fa: la miglior vendetta è il perdono!

Descobar        No, cornudo ve riendo con la vostra amante!

Meneghin        (Entra ed ascolta)

SCENA XXI

Eduardo          No, cornificatemi con mia moglie, ma con l’amante no!

Meneghin        Ah miserabile, osi avere un amante?

Descobar        Segnor, faciteve ‘e ca…le facendas vuostre!

Meneghin        Io sono suo suocero!

SCENA XXII

Bonbon           (Entra con Fifina) Che d’è st’ammuina?

Meneghin        Questo miserabile ha un amante!

Fifina               No, nun è possibile….

Bettina            (Entra dal fondo a sn) Ah sta ccà il mandrillo? Duttò nun vi dovevate permettere ‘e me mettere ‘e mmano ‘ncuollo: mo’ vaco ‘o commissariato a ve fa’ ‘na bella denunzia! …‘Stu rattuso! (Via)

Fifina               Mammà aiutame (Sviene sul divano)

Meneghin        (Ad Eduardo) Io te scamazzo comme a ‘nu police…

Descobar        (Lo blocca) Estar , fiermo, el devo matar yo!

Eduardo          (Scappa per la comune, i due lo inseguono)

SCENA XXIII

Bon bon          Vide che ce tene ‘ncuorpo ‘o duttore…(Cerca di far rinvenire la figlia) Fifina, Fifina, se ne so’ gghiute tutte quante, può arapì ll’uocchie!! ‘Sta scema ‘overo è svenuta (Le da uno schiaffo) E scetate!

Fifina               (Si sveglia)  Dove sono? (Vede la mamma) un amante, tu ‘e capito, Dudù tene n’amante!

Bonbon           E a te che te ne fotte?

Fifina               M’ha giurato ca me vuleva bene, che era libero…

Bonbon           Nun te piglià collera, gli uomini so’ fatte accussì! Ma mo stamme a sentì…

Fifina               ‘Na vota tanto ca me so’ ‘nnammurata…

Bonbon           Ahh, chesta quanno tene l’ammore pe’ ‘a  capa nun capisce niente cchiù! Me vuò sta a sentì, si o no?

Fifina               Che vuò?

Bonbon           Doppo 24 anne ho incontrato un vecchio amico, il colonnello Meneghin, che crede di essere tuo padre!

Fifina               Allora è tutto scemo!

Bonbon           Sarrà pure, ma quello che è importante è che tene ‘denare e me vo’ spusà!

Fifina               E a me che vuò?

Bonbon           Appena ‘o vide buttagli le braccia al collo e cu qualche lacrimuccia dint’alluocchje dille: “ Papà , papà, ‘o papà mio bello!

Fifina               Ce mettimmo a ffa’ ‘a sceneggiata?

Bonbon           Nenné siente…

Fifina               Uh mammà m’e scucciata!

Bonbon           Ah, t’aggio scucciata? Allora saje che te dico? Quanno ‘na bella guagliona comme a te, a 25 anne non è stata capace ‘e se truva’ ‘nu sfelenzo ‘e marito, nun tene ‘o diritto di impedire alla mamma ‘e se spusà, pure si tene 56 anne!

Fifina               (Pensando sempre ad Eduardo) Addò sarrà iuto? Io nu pozzo sta accussì io laggio a j’ a truvà! Lo troverò, lo troverò! (Fa per uscire)

Bonbon           Fermate, ce vaco io, tu staje troppo nervosa, vattenne dint’a stanza toja e arrepuosate!

Fifina               Va bene, ma truovalo e puortammello al più presto: io nun mi firo ‘e sta senza Dudù! (Via fondo a sn)

Pasquale         (Entra dalla comune   ) Addò jate’

Bonbon           A cercà chillu puorco ‘e ll’amico vuosto! (Via dalla comune)

Pasquale         Io nun tengo cchiù ‘n’albergo, tengo ‘nu manicomio! (Via fondo a dx)

SCENA XXIV

Giuggiola        (Entra dalla comune) Eduardo quanno vene? Mo lo faccio chiamare e vado via insieme a lui…Anzi no, gli faccio una sorpresa, m’assetto qua e lo aspetto (va a sedersi sul divano)

Descobar        (Dal fondo a sinistra) Ah, l’amante del doctor e , visto ca nun me presentia, me presiento da solo! (Chiama) Camarero!

Gennarino       Dica signore!

Descobar        Champagne, de cuersa!

Gennarino       Subito!

Descobar        Bonita, me gusta mas de la mujer! (A Giuggiola) Me permiette segnora?

Giuggiola        Dica!

Descobar        Le chiero escusa se me presiento da solo: Esperuto Descobar, Napolandaluso miliardario de Siviglia!

Giuggiola        Piacere di conoscerla in cosa posso esserle utile?

Gennarino       Ecco lo champagne (Posa il vasssoio sul tavolo)

Descobar        Una copa de champagne?

Giuggiola        Grazie non ho sete!

Descobar        E mangh’io! (Stessa Azione della situazione precedente: mesce le due coppe, beve e poi beve anche dalla bottiglia)

Giuggiola        Quant’è curiuso! Meno male ca nun teneva sete!

Descobar        Hora poder hablar! Segnora, Esperuto Descobar, miliardario napolandaluso de Siviglia habla pochito! Me so’ nnammurato ‘e vuje appena ve aggio visto…Ve quiro col mi corazon: volete deventar la mia amante?

Giuggiola        Che’, vuje overo dicite?

Descobar        Si, e todo quelo che é mio es vuestro se diventate mi amante!

Giuggiola        Ma pe’ chi me avite pigliato, io so’ ‘na femmena onesta!

Descobar        ‘Na mujer onesta nun tene l’amante!

Giuggiola        Infatti, io nun ‘o tengo

Descobar        Neh chiquita, io ‘o saccio ca tu es l’amante de doctor Pastarella!

Giuggiola        Io l’amante del dottore, voi siete pazzo! Volesse sape’ chi va dicenno ‘sti cose!

Descobar        El in persona me l’ha dito!

Giuggiola        So’ cose ‘e ll’ato munno!

Descobar        Allora si venir ne la mi  stanza ti darò tanti gioielli! (La prende per un braccio e cerca di trascinarla)

Giuggiola        Aveva ragione Eduardo: in quest’albergo c’è brutta gente….Aiuto (riesce a svincolarsi)

SCENA XXV

Meneghin        (Entra da sin.)

Giuggiola        (Vede Meneghin, gli chiede aiuto) Signore, mi aiuti, potrebbe esser mio padre, mi protegga da quel pazzo!

Meneghin        Con piacere, bella signora, con chi ho il piacere di parlare?

Descobar        E’ l’amante del doctor Pastarella!

Meneghin        Ah, e tenite pure ‘o curaggio ‘e cercà aiuto? Sicuramente state qua per incontrarvi con il dottore?

Giugiola          Appunto!

Meneghin        Meglio chiarire subito le cose! (A Descobar) Mi lasci solo con questa signora!

Descobar        No!

Meneghin        Le ordino di lasciarci soli, vada via!

Descobar        No!

Meneghin        Allora rimanga!

Descobar        Hora poder andar via!

SCENA XXVI

Meneghin        Finalmente! (A Giuggiola) Sediamoci! (Seggono) Allora, quanto vuole per rinunziare al dottore Pastarella?

Giuggiola        Ma cosa dice?

Meneghin        Sicuramente ora mi dirà che gli vuole bene, che sperava che non l’avrebbe lasciata mai…

Giuggiola        Appunto!

Meneghin        Doveva pensarci prima cara signora: mettersi con un uomo sposato!

Giuggiola        Sposato?

Meneghin        Forse glielo aveva nascosto , ma sta ccà cu’ ‘a mugliera da diversi giorni!

Giuggiola        Faciteme capì: sta qua da diversi giorni cu’ n’ata fmmena e fa passare  me per la sua amante?

Meneghin        Fa passare, perché, non lo è?

Giuggiola        Non ho qusto disonore, so’ ‘a mugliera, la moglie legittima!

Meneghin        Per dindirindina!

Giuggiola        Song’a mugliera e fino a poco fa credevo ‘e tené ‘nu marito che ‘a vuleva bene! (piange)

Meneghin        (Turbato) ‘A mugliera? (A parte) Ma allora è mia figlia?

Giuggiola        (Piange) Per me la vita è finita!

Meneghin        Sono un imbecille (Piange anche lui e poi a parte) Ho messo 25 anni pe’ truvà a mia figlia e appena ‘a ‘ncontro ‘a faccio chiagnere!

Giuggiola        (Si meraviglia – a parte) Che fa chiagne pur’isso?  Che le ne fo…Adda essere ‘nu brav’ommo!

Meneghin        (Sempre a parte) Chi tene ‘o curaggio ‘e le dicere ca song’’o pato! (Continua a piangere)

Giuggiola        (Sempre a parte) Come soffre, puveriello!

Meneghin        (C.s.) Cchiù ‘a guardo e cchiù vedo cam’assumiglia! (Singhiozza)

Giuggiola        Nun chiagnite, d’altronde ‘a colpa nu è ‘ a vosta  se ho un marito mascalzone…

Meneghin        Grazie! Ma ora mi dica, sua madre le ha mai parlato di suo padre?

Giuggiola        Certo, tutte ‘e vote ca vene a Napoli senza di lui!

Meneghin        Senza di lui?

Giuggiola        Si, quello mio padre presta servizio a Torino,  è colonnello e comanda il 28°  reggimento d’artiglieria!

Meneghin        Allora ricapitolando lei è la legittima moglie del doctor Pastarella e suo padre è colonnello d’artiglieria!

Giuggiola        Proprio così!

Meneghin        (Irato) Allora chella zo…quella brava donna di Bonbon mi ha mentito, ed io che ho liquidato Bettina per dedicarmi esclusivamente a mia figlia!

SCENAXXVII

Bettina            (Entra dalla comune) Ecco fatto, l’ho denunziato! (Chiama) Gennarino

Gennarino       Dite signorina Bettina!

Bettina            Chiama una carrozza e famme purtà ’e valigie alla stazione!

Meneghin        Addò vaje?

Bettina            Statte buono colonnello, me ne vaco!

Meneghin        Niente affatto c’è un contrordine: me vulevano fa’ fesso, ma ho scoperto tutto e non ho bisogno di mettere in soffitta il fioretto! Va, va dint’ a stanza n’atu poco vengo pur’io!

Bettina            Si, ma con comodo, con comodo!

Giuggiola        Colonnè, ma perché avete voluto sapere di mio padre?

Meneghin        Niente, non vi interessa più! Mo’ vaco a cercà a Bonbon e ce dico che aggio capito ca me vuleva fa’ fesso! (Via comune)

SCENA XXVIII

Giuggiola        Ma guardate che tipo!

Fifina               (Dal fondo a sinistra) Non, io nun ce ‘a faccio cchiù: ‘o vaca a cercà…(chiama) Gennarino

Gennarino       (Vede le due donne) Mo succede ‘o pata pata ‘e ll’acqua! Dite signora!

Fifina               Chiamami una carrozza!

Gennarino       Subito signora! (Esce per la comune)

Giuggiola        Ma Pecché quel delinquente non torna: vuò vedè ca me sta aspettanno all’Hotel Spendido: quasi quasi ce vaco….(Chiama) Concetta..

Concetta         (Dal fondo a dx – a parte)  Mamma mia, tutte ‘e ddoje ‘e mugliere… Dite signora..

Giuggiola        Una carrozza presto!

Concetta         Va bene (Esce anche lei per la comune)

Gennarino       (Entra dalla comine) La carrozza è qui fuori, signora Pastarella!

Giuggiola        (Insieme a Fifina)  Grazie…

Gennarino       (A parte) Voglio proprio vedè mo’ comme se ‘a spicciano! (Via a sn)

Giuggiola        (Gentilmente) Scusi signora, lei si sbaglia, la carrozza l’ho fatta chiamare io!

Fifina               (Altrettanto gentile) No, sbaglia lei, non ha sentito quel che ha detto il cameriere?

Giuggiola        Certo:” La carrozza è qui fuori, Signora Pastarella”

Fifina               E la signora Pastarella sono io!

Giuggiola        (A parte) E’ la sua amante! Ah, la signora Pastarella?!

Fifina               Si, perché me lo chiede?

Giuggiola        Curiosità, e poi se lei è sua moglie, vediamo se indovina, io chi so’?

Fifina               Ci sono, la sua amante!

Giuggiola        Brava, se lei è la moglie, io sono l’amante!

Fifina               Io proprio a vuje stevo venenno a cercà!

Giuggiola        Benissimo, sto ccà, dite!

Fifina               ‘A quantu tiempo siete l’amante di mio marito?

Giuggiola        E voi, ‘a quantu tiempo siete la moglie del mio amante?

Fifina               Come vi permettete, le domande le faccio io, nun ve scurdate che io sono la signora Pastarella!

Giuggiola        (Sarcastica) Scusate, me l’ero scurdato!

Fifina               Tenite ‘na bella faccia tosta: non solo cercate di portarmi via il marito, quando….

Giuggiola        State senza pensiero,  nun sapevo ca era spusato, ve ‘o lasso tutto a vuje!

Fifina               Allora non lo amate?

Giuggiola        Primma, ora non più, ‘o schifo!

Fifina               E da quando?

Giuggiola        ‘A quanno aggio saputo che siete sua moglie!

Fifina               Buon per voi! L’uommene spusate so’ pericolose! E po, voi siete giovene, bella…

Giuggiola        Grazie, so’ gli occhi vostri!

Fifina               Non fate la modesta, sapite a quant’uommene putite fa girà ‘a capa? Se permettete vorrei darvi un consiglio….

Giuggiola        Da voi posso solo accettarlo!

Fifina               In quest’albergo ce sta ‘nu spagnuolo chino ‘e denare….

Giuggiola        Si lo so, grazie…

Eduardo          (Entra dalla comune) Vedimmo si trovo ‘nu poco ‘e pace..(Vede Fifina e Giuggiola – E’ terrorizzato) Fifina e Giuggiola statte bbuono ‘e sunature!

Fifina               Dudù, passorettino mio bello…..

Eduardo          (Da ebete) Ehhhh….

Giuggiola        (A Fifina) Lassateme sola col passorettino!

Fifina               (Sottovoce) Per la liquidazione, è ‘overo?

Giuggiola        Se sape!

Fifina               (Sempre sottovoce aa Eduardo) Dalle qualcosa ‘e solde, sii generoso!

Eduardo          Statte senza pensiero!

Fifina               (Esce in fondo a dx)

SCENA XXIX

Eduardo          Giuggiolina mia di Eduarduccio suo….

Giuggiola        Statte accorto, tua moglie te po’ sentì…

Eduardo          Mia moglie? Sei tu mia moglie!

Giuggiola        Dottò, ma staje ‘mbriaco? Tua moglie è uscita proprio adesso….

Eduardo          Allora sai tutto?

Giuggiola        Si, ma non ti preoccupare, nun so’ femmena traseticcia io, nun m’arrobbo ‘e marite ‘e ll’ate: ho promesso alla signora Pastarella di troncare la nostra relazione, e lo farò!

Eduardo          Amore, stamme a sentì: è tutto un imbroglio, un maledetto imbroglio, ma se sto qua cu’ n’ata femmena è perché sono un marito fedele, mogliettina mia adorata!

Giuggiola        Dottò e faciteve curà, ‘a ‘nu buono miedeco, però! Confondete la vostra amante con vostra moglie!

Eduardo          No, tu sei mia moglie!

Giuggiola        No, sono una cocotte e per giunta assetata…..Cameriere

Eduardo          Ma ascoltami…..

Gennarino       Comandate…

Giuggiola        Una bibita, una di quelle che bevono le cocotte…..

Gennarino       Ma signora…

Eduardo          Giuggiola…

Giuggiola        (A Gennarino) Che fai li’ impalato…portami un cocktail dello champagne, presto!

Gennarino       Subito signora!

Eduardo          ‘A vuò fernì, vulimmo fa ‘e nummere? Stamme a sentì…

Giuggiola        Nun voglio sentì niente, voglio solo la mia libertà, come io ti rendo la tua!

SCENA XXX

Osvaldo          (Entra dalla comune   Egregio dottore, l’ora dell vendetta è arrivata: i miei testimoni attendono i tuoi!

Eduardo          Uhhhh Osvà, mo nun tengo tiempo, lievete ‘a nanze, vattenne…

Giuggiola        Osvaldo, tesoro tornando qui ho capito che anch’io ti amo…tu mi ami sempre, torniamo insieme a Parigi, dove è nato il nostro amore…

Eduardo          Ah, era lui l’imbecille?

Osvaldo          Imbecille o no, aggio fatto ‘nnammurà a mugliereta! (A Giuggiola) Ma comme me ‘o ddice annanze a tuo marito?

Giuggiola        Mio marito, e dov’è?

Osvaldo          Sta ccà!

Giuggiola        Chi quello? O no, non è mai stato mio marito, è solo un vecchio amante che ho messo da parte, mi va stretto…

Osvaldo          E che d’è, ‘na giacchetta?

Eduardo          Siente Osvà’, io ti proibisco…

Osvaldo          Che cosa……? Puoi mai proibire a due di amarsi? E po’ nun te scurdà che ho i testimoni pronti per il duello e sono campine di pistola io!

Antonio           No tu si’ campione ‘e scemità! Io invece so’ campione ‘e scamazzamiento e te scamazzo….

(Fa per avventarsi ma Giuggiola gli si para davanti mentre Osvaldo guadagna l'uscita)

Giuggiola        (Ad Osvaldo) Nun ’o pensà..A quale albergo stai?

Osvaldo          Alla grotta dei colombi…

Giuggiola        E allora va, aspettami…(Gli manda dei baci con la mano)

Osvaldo          Si palummella mia (Ad Eduardo) Tié (Gli fa un gesto eloquente mettedo la mano dx sull’avambraccio sinistro)

Eduardo          Ma insomma vuò ragiunà’?

SCENA XXXI

Giuggiola        Lo sto facendo già: sto pensando che un solo amante è noioso: voglio averne dieci, cento, mille così avrò sempre il ricambio a portata di mano!

Descobar        (Entra da dove è uscito) Doctor Pastarella…

Giuggiola        Oh il signore Napolandaluso  miliardario di Siviglia che mi ha proposto di diventare la sua amante; è sempre valida l’offerta?

Descobar        Oh si!

Eduardo          Si un corno…..

Descobar        No, due corna…quelle che mi ha regalato la semana scuersa, dopo aver visitato mi mujer….

Giuggiola        Un'altra amante? E so’ dddoje!

Eduardo          Si, ma sempre perché sono un marito fedele!

Giuggiola        Ma contala ‘a n’ata! (A Descobar, invitante) Qual’è il numero della tua camera?

Descobar        38!

Giuggiola        Avviati, sarò da te tra un’ora!

Descobar        (Andando via sul fondo a sn)  Muy bien! El toro de Siviglia te aspetta!

Eduardo          Stai pazzanno, ho capito ca vuò pazzià, ma ora finiscila!

Bettina            (Entra dalla comune) E’ fatto, caro dottore vi ho denunziato, accussì mo’ ‘a fernite ‘e zumpà ‘ncuollo a ‘e femmene oneste…(Via dal fondo a sn)

Giuggiola        E so tre…

Eduardo          Sempre perché sono un marito fedele!

Giuggiola        Ma c’ommo si’?

Eduardo          Un uomo innocente che una serie di circostanze fa smbrare colpevole!

Giuggiola        Allora nun si’ tu, ca staje ccà cu’ n’ata femmena ca faje passà pe’ tua moglie, nun si tu ca ‘e mise ‘e corna allo spagnuolo, nun si’ tu ca si’ zumbato ‘ncuollo ‘a ‘na femmena onesta…

Eduardo          Onesta chella?

Giuggiola        Rispunne, si tu o non si tu?

Eduardo          Si, ma nun songh’io!

Giuggiola        Nun me fa ridere!

Eduardo          Stamme a sentì: tutto è cominciato per un maledetto scherzo dei miei colleghi: mi hanno fatto prender una pillola verde…

Giuggiola        E che d’è?

Eduardo          E’ una mia invenzione: quando la prendi nun capisce niente cchiù, te ‘mbriaca, nun te fa’ ragiunà , l’uomo non esiste più ed esce fuori la bestia!

Giuggiola        La bestia si può controllare…

Eduardo          Tu nun cunusce ‘a bestia…

Giuggiola        E nun ‘a voglio conoscere….Ma ora scusatemi dottore, non posso andare ai miei appuntamenti galanti spettinata,vado a ricompormi un po’…, ma addò…

Eduardo          Nella mia camera…

Giuggiola        Fossi pazza, voi siete un uomo ammogliato….Andrò nella stanza del tuo amico Pasquale…(Via fondo a sin)

Eduardo          Giuggiola, Giuggiola….E mo comme ‘a metto a nomme?

SCENA XXXI

Pasquale         (Dal fondo a dx) Eduà’ mannaggia a capa toja dint’a che guaio m’’e miso!

Eduardo          Ed io allora?

Pasquale         Pe’ colpa toja…Ma capisci che la signorina Zoccoli….

Eduardo          Mai cognome più appropriato…

Pasquale         Lassa pardere…dicevo t’e gghiuta a denunzià e mo aggio saputo che il commissario vo’ arapì un’inchiesta…M’’é ‘nguaiato!

Eduardo          Ti pagherò tutti i danni, ma mo’ aiutame: Giuggiola sta ccà, sape tutte cose, vuole addivintà ‘na cocotte e s’è chiusa dint’a cammera toja!

Pasquale         Vuole cominciare da me? Ottima scelta!

Eduardo          Nun pazzià, che se po’ fa?

Pasquale         Non preoccuparti, mo’ veco d’a convincere io!

SCENA XXXII

Giuggiola        (Entra da fondo a sn. E’ vistosamente truccata)  Ecco sono pronta per la mia nuova professione!

Pasquale         Gigliò nun pazzià: Eduardo mi ha raccontato comm’è gghiuta ed io sono pronto a testimoniare che la colpa non è di tuo marito….

Giuggiola        Già la pillola verde…

Pasquale         Proprio così: a Napoli, è stato vittima di uno scherzo dei colleghi e qua, sono stato io, che per rimediare ad un errore, ne ho fatto un altro! Gli ho fatto prendere una seconda pillola e lui ha agito sotto l’impulso…

Giuggiola        D’a bestia!

Eduardo          Proprio così!

Giuggiola        Ma jatela a cunt’à ‘a n’ato tutte dduje!aTra uommene, tra fetiente vi coprite…

Gennarino       (Dal fondo dx) Il cocktai della signora!

Giuggiola        Metti sul tavolo! (Gennarino esegue ed esce dal fondo a sn) Mo è succiesso tutto pe’ colpa ‘e ‘na pillola…, sarei proprio curiosa di constatare di persona….(ve verso il tavolo per bere il cocktail)

Eduardo          (Le sbarra il passo) No, tu non bevi..

Pasquale         (Fra sé) Potrebbe essere la soluzione! (Mentre Giuggiola ed Eduardo discutono, Versa una pillola verde nel bicchiere)

Giuggiola        Io bevo

Eduardo          Tu non bevi..

Pasquale         (Ha preso il bicchiere e lo porge a Giuggiola) Ma falla bere, può darsi che si calma!

Giuggiola        (Strappa letteralmente il bicchiere dalla mano di Pasquale e ne beve una  buona metà tutto d’un fiato!) Ah!

Pasquale         E’ fatta! (Ad Eduardo) Hai risolto tutto i tuoi problemi!

Eduardo          Come?

Pasquale         Ancora unminuto e vedrai!

Giuggiola        Ma che caldo  fa in quest’albergo!

Pasquale         (Fa degli ammiccamenti ad Eduardo come per dire:”Hai visto?”)

Giuggiola        Un caldo così non l’ho mai provato…(APasquale) Lo sai che sei un bell’uomo?

Pasquale         No, io no, sono bruttissimo, è Eduardo…

Giuggiola        Ma li lo conosce? (Ad Eduardo) Amore….

Eduardo          Tesoro, finalmente..

Giuggiola        No, non voglio, ti odio….

Eduardo          Ma come?

Giuggiola        Ma ti amo…

Eduardo          Anch’io (Come un bambino) Tanto tanto…Vieni…

Giuggiola        Va via vigliacco…(Scappa in fondo a sinistra, Eduardo la segue per rientrare quasi subito)

Eduardo          E’ andata nella tua stanza e s’è chiusa ‘a dinto) Ma che l’’è succiesso?

Pasquale         (Gli mostra lo scatolino con le pillole) La tua infallibile pillola!

Eduardo          No…E se incontra un altro uomo…no…e mo come faccio?

Pasquale         Va per il giardino, sali per il balcone ed il gioco è fatto!

Eduardo          Dal balcone, come Romeo, volo! (Via per il fondo a sn.>)

Pasquale         E pure questa è fatta!

SCENA XXXIII

Fifina               (Dal fondo a dx)  A quest’ora l’avrà liquidata! (Vede Pasquale) Avete visto mio marito?

Pasquale         Il dottore Pastarella?

Fifina               Si!

Pasquale         E tra le braccia della moglie!

Fifina               ‘A mugliera, Duduccio mio é sposato? Ah....chillo buciardo, ma mo le faccio vedé buono chi é Fifina Esposito!

Pasquale         E peccè? Volevate essere riabilitata e l’ha fatto, ora nun avite cchiù ragione ‘e ve murì ‘e scuorno!

Fifina               Chesto é ‘overo, ma chi me lo da il mio do di petto?

Pasquale         (Guardandola ngli occhi invitante) Te lo faccio ritrovare io!

Fifina               (Esultante)  Oh si, so’ cchiù cuntenta accussì!

Bonbon           Fifina, Fifina, ‘sta venenno ‘o colonnello: appena trase buttagli le braccia al collo e dici: “Papà, papà, finalmente si’ turnato!

Pasquale         (A parte) Saje che spettacolo commovente!

Meneghin        (Vede Bonbon) Ah, staje ccà?

Fifina               (Buttandogli le braccia al collo) Papà, papà...

Meneghin        (Scostandola) Ma quale papà! (A Bonbon) Me vulive fa’ fesso, é overo? Il padre é un colonnello d’artiglieria!

Bonbon           (Tragica) Nuné ‘overo....comme può pensà ‘na cosa ‘e chesta....(Cambia tono) E’ un caporale dei granatieri! Uh c’aggio fatto?

Meneghin        Troppi padri  per una figlia sola...Statte bbona, Bonbon! (Via dal fondo a sin)

Meneghin        Allora nu me spose cchiù?

Meneghin        Fatte spusà dal ministro degli Interni!

Bonbon           Si va a sedere vicino al tavolo e piange goffamente.....Ih...ih..ih...

Fifina               (Va vicino alla madre a consolarla)

SCENA XXXIV

Eduardo          (Entra dal fondo a sn abbracciato con Giuggiola.)

Pasquale         (A Giuggiola) Allora, tutto a posto, l’hai perdonato?

Giuggiola        E come non potevo, ha certi argomenti....

Descobar        (Entra dal fondo a dx)

Pasquale         Mi fa tanto piacere che avete fatto pace, tutto é risolto!

Descobar        Un momiento por favor! Non tutto es resuelto, ancora m’aggio ‘a vendicà!

Eduardo          Segnor, vi propongo un business: voi siete un uomo di trust e non vi lascerete perdere l’affare!

Descobar        Business, tra me e voi? Hablate!

Eduardo          Io sono l’inventore della pillola verde...

Descobar        Che d’è la pillola verde?

Eduardo          E’ una pillola ca’ pure si tenite nuvant’anne, si ve a pigliate ve  fa venì ‘a voglia’e  vi da la possibilità di amare pure ‘na guagliona ‘e vint’anne!

Descobar        Intieresante, ma a‘ vendetta?

Pasquale         Che ve ne ‘mporta, siete un uomo d’affari e i bussiness innanzi tutto!

Descobar        Muy bien, mi avete convinto!

                                   (Eduardo e Descobar si stringono la mano - Applausi di tutti!)

Bonbon           (Che fino a questo momento aveva piagnucolato, beve quel che rimane del cocktail di Giuggiola con la pillola verde. Prova disgusto.) Neh, ma che ce steva dint’a ‘stu bicchiere? (Guarda ripetutamente tutti gli uomini) Ma quanti begli uomini, cosa fate stasera?

Pasquale         ‘A pillola, s’è pigliata ‘a pillola!

Eduardo          Mamma mia aiutace tu…..

                                   ( Bonbon cerca di abbracciare alternativamente gli uomini che scappano, lei li insegue, dopo un po’, lampada strobo, poi buio, indi....)

SIPARIO – STROBO

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno