Stampa questo copione

VIETINA

VIETINA

Vietina, una località, frazione semiconosciuta o se preferite “ semiscunusciuta “ del comune di Montignoso, comune a sua volta “ scunusciuto “ pur avendo conosciuto  e partecipe “ in primis”  ad ogni attività culturale e storica, sia Etrusca che  Romana o Longobarda, senza scendere a compromessi o sottomissioni con nessuno, neanche nel 2° conflitto mondiale dove il fronte segnò su questo piccolo paese la LINEA GOTICA. ( a’ccera tutto el posto ch’ivvo-leene ma i-lan fatta qui)  ………. Vietina…….. Vietina…………..

Ma un sé chiamaene Vietina quei fanti che ne-j’anni 60 igghj-anne inventato la Versilia con la ristorazion???

Ma scì cazzo, come à faccio à un’à-recordamme, per qualche mutivo, igghjeren,  anche parenti per via dei Toncelli……Ecco… Eccheme a’cce-son,  scusate ma el tempo i’passa anche per me grazie a’Ddio…come a’spero  per tutti, anzi più à né passa megghjio ajè.

A’ndian areto nel tempo anni 60 questi dò fanti Alfio e Bruno, ma come nascita visognerebbe dì Bruno e Alfio igghja-revegnene da Milan onde igghjeren ‘ndati  a laorà come camerieri, ‘A-revinuti a Muntignoso i pigghjene la gestion de un locale in cimo a la Fortezza i lo chiamene EL FARO nomo appropriato perché igghjera in un posto chi lo podeene vedè da tutta  la costa. Un successo de la Madonna. O’ tè i’sseren tirati dreto la crema de Milan in più igghjaene preso el megghjo de Muntignoso, quel pogo c’accera. A’ lo posso dì e à lo sò perché à feo  el barbiere… barbiere… insomma…. à’ndeo  à‘mparà,  lì sotto el ponto nòo, da Bonotti.

Aero fanto ma à capio che questi qui igghjaeene una marcia in più. Dopo un-e sperienza al faro i’gghjan comprato una baracca sul maro al Forte. A ‘ntendo Forte de Marmi, capiteme.

Tutti à digghje che ò fate o’ndo-ndate, o’ssete dei matti,  ma lori avanti con la sò testa.  VAI…

Doppo una sittimana el sò poero bà Cesare una sapea più come fà con que-la giardinetta a portà giù i tagghjarin che la Tina   al fea a’ccà,  bon come solo a  Muntignoso  a’ssapian-fà.   A paioli interi i-l’ingojaene come s’al fusse manna e….. come manna…  contenti ì-li pagaeene.

Doppo un minuto igghjanne ‘nventato LE PENNE A LA MAITO’ ‘na segata c’ajà fatto el giro del mondo, un primo che anche mò doppo 40anni in  tutte le parte ì lò proponene come Lori ì-la’eene ‘nventato :- tre o quattro penne un po’ de pumidoro una spruzzata de cagio e do fogghje de basilico.- Ma nisciun ì là mae sapute fà come Lori ì le feene. ( mistero o che?)

Tutti i fanti de Muntignoso ch’i-vvoleene laorà i troaeene lì un posto de laoro e tanti e tanti igghjanne i’mparato un mestiere d’oro. ( MAITO senza gnanche scritto ristorante MAITO )

Un-c’è mae stata scola de cucina ( e a quei tempi un ce-nera) c’al potesse insegnà quel che Lori  i’ssapeene fà e u’nna-eene sigreti per nimo, anzi quel ch’issapeene i’lo diceene a tutti.

Arruaua tutte le gente ricche chi’prenotaene per avè posto anche ‘na sittimana prima. Che a’vvè posso dì: CAMPARI, AGNELLI, MUDUGNO, MINA, per dì qualchidun ma per mentualli tutti accè vorebbe un libro. Un ch-i’mme rimasto impresso igghjera PACE lù igghjaruaa quande-ghje pare cò la sò pantera e strusciando i pè (lù un caminaua igghje strusciaua i’ppè) i’volea esse sirvito ad ogni ora e ad ogni ora igghjera sirvito.  Che tempi che robbe,   mia come mò che  appena al passa e-jora un se magna più da nisciuna parta,  sia t’abbia o no le palanche per pagà.

Me  ao auto la furtuna de podè frequentà quel posto, pogo sigh!  De conosce un po’ quej-unico locale da sogno e conosce Lori e quej che con Lori igghjanne auto la furtuna de laorà, dal sardo che la parola an’cumincia per “ o “ aera “ottomobile “ a quejo ch’i’ccredea in Diabolik e tutti i me coetagni ch’i-mme contaeene  quel ch’al succedea, chi a’ccendea, chi-vvedeene, che i’ffeene, e me barbiere de Muntignoso, poero barbiere a’renventao ai clienti con la cunvinzion d’essece…ma un’cero. Un fra tanti de questi fanti c-a’mme posso vantà ch-i’mmè rimasto amico, Giuliano, igghjaea cuminciato a laora proprio lì con Lori  e mò igghjè el padron del Madeo. Ma anche  tutti i’gghjaltri  ch’igghjen passati da lì igghjan fatto furtuna… (anche se tutti un se nascia sotto la stessa luna). Però a quei tempi quande un i’voleà laorà e i’ddicea   aò laorato al Maito u’nno scartaa nisciun perché tutti i’ssapeene da donde i’vvinia… Al bastaa.

La leggenda al dice ch’issenne  perso tutto à le carte… me a’vve dico lascian perde le leggende … E qualsiasi cosa al sia successa, più che Lori, chi accià perso  a’ssian noialtri e chi vinia al maro, non solo per el maro, e se ogge in Versilia a’sse magna ben, un ve lamentate del conto: o’aete magnato,  grazie ai Vietina  “DA SIGNORI” ( gente come me, de Muntignoso “ Liano 2005 “ )

 E’ppo un ristorante ch’isse chiama Maito un po mae esse de qualchidun perche el Maito un sirà mai “ MAI-TO”

Igghjera e i’ssirà sempre solo de Lori anche se de Lori un sirà “ MAI-PIU’-SO’ “

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno