Vigilia di capodanno col botto

Stampa questo copione

VIGILIA DI NATA-LE… PARTE SE-CONDA

ALDO LO CASTRO

VIGILIA DI CAPODANNO COL BOTTO!

Commedia in due atti

(il seguito di “VIGILIA DI NATALE… CON L’OSTAGGIO”)

             Personaggi:  

PASQUALE, il nonno

MARIA, moglie di Carmelo

CARMELO

ERNESTO, zio di Carmelo

ANSELMO, figlio di Ernesto

ALESSIA, la ragazza di Anselmo

LA NONNA

L’ISPETTORE  Gustava Li Pira

ROSARIA, la moglie di Ernesto

L’azione si svolge a Catania (o in una qualunque altra città siciliana), in epoca attuale.

ATTO PRIMO

(Un modesto soggiorno. A destra, una grande credenza, a sinistra, un divanetto e un mobiletto sul quale è poggiata una tv. Al centro, un tavolo con alcune sedie. Una finestra con delle tendine, sulla parete di fondo. A sinistra, sempre sul fondo, un anpio varco da cui si vede il corridoio che conduce verso l’ingresso della casa. A sinistra, altro passaggio che conduce in cucina e negli altri ambienti. Porta a destra, in prima.

All’apertura del sipario, in scena, nonno Pasquale che dorme davanti alla tv, accesa a tutto volume).

1 –

MARIA – (entra infuriata) Ahu! E chi è ‘stu schifiu?!

PASQUALE – (si sveglia di soprassalto) Morti buttana! Cu’ è?

MARIA – ‘A voli stutari ‘sta televisioni, sì o no?

PASQUALE – E pirchì, ti duna fastidio?

MARIA – (urla) Sì! Mi voli fari scimuniri completamenti?! (Spegne la tv)

PASQUALE – (irritato) Disgraziata, mi facisti perdiri ‘u finali d’o film!

MARIA – Sì, ci fici perdiri ‘u finali! Vossia non s’ha vistu mancu l’inizio e mi parra di finali! È  da un’ora che dorme! Lo vuole capire? E, poi, non era un film! Era una trasmissione politica!

PASQUALE – Ca quali politica?! Chi è ca ‘ncucchi? Ma si c’eranu dui ca si stavanu pigghiannu a maliparoli, può essere mai politica, cretina? E comunque, adduma sta televisioni  ca vogghiu vidiri comu finisci!

MARIA – (urla) E ci torna! La trasmissione è finita da un’ora! Quante volte glielo devo ripetere? Vossia non si n’accurgiu perché dormiva! L’ha capito o glielo debbo ripetere ancora?

PASQUALE – Tu si’  scema e maleducata!

MARIA – No, No. diciamo le cose come stanno! Io  sono esaurita. Ripeto: esaurita! E lo sa di chi è la colpa? Avanti, vediamo se indovina.

PASQUALE – ‘A curpa, ‘u sacciu iù cu’ ci l’havi. Nostro padre! Sìì ‘u papà! ‘U papà, a ttia, l’educazione non t’a seppi ‘nsignari! Chissa è ‘a virità! Iù ‘a curpa non t’a dugnu a ttia, no. Ci ‘a dugnu a iddu: o’ papà!

MARIA – (si sforza di capire) Ma… ‘u papà di cui?

PASQUALE – (continua,senza rispondere) E pensare che tu, da sorella maggiore, dovresti dare l’esempio! Ma tu che esempio duni? Che dai il buon esempio, tu? No! Pirchì tu, cara sorella più grande, nascisti tinta! Tinta e facchina! Hai capito?

MARIA – Mancu ‘na parola. Io sarei la sorella più grande di chi? Ma si sugnu figghia unica!

PASQUALE – Chi fai, ‘a spiritusa? Mi rinneghi come fratello? E va beni, mi ni staiu futtennu.

MARIA – Nonno, vossia sta dannu i nummira!

PASQUALE - Senti, si tu non fussi mè soru, bedda matri, ti pistassi comu ‘a racina! Ti ni dassi tanti, carcagnati…!

MARIA – Ca quali soru?! Nonno, Iù sugnu so niputi Maria! L’ha capito? Sono sua nipote, per mia disgrazia! Ma pozzu essiri mai so soru?

PASQUALE – Infatti, ti rinnego come sorella!

MARIA – Vossia, mi pari ca peggiora di minuto in minuto: E iù ca ancora ‘u stava scutannu: la sorella maggiore, il fratello minore… Ca si ni issi, va!

PASQUALE – ‘U papà, a ‘st’ura, si sta rivoltando nella tomba, cara Caterina!

MARIA – Maria. Mi chiamo Maria, nonno!

PASQUALE – Comu ti chiami chiami, mi fai pena!

MARIA – Ca veramenti, mi fazzu tanta pena macari iù.

PASQUALE – Mah! Addivati figghi! E poi, viditi comu stilanu! Svergognata! E tu fussi mè figghia?

MARIA – Non lo so. M’u dicissi vossia cu’ sugnu. Prima era sò soru, ora sugnu so figghia…

PASQUALE – E io ti ripudio comu soru e comu figghia!

MARIA - Stamu sdilliriannu, vero?

PASQUALE - E ora, mi ritiro nei miei appartamenti. Ti salutu, vastasa. (si avvia verso la porta di destra) Non ti vogghiu vidiri cchiù… almenu finu all’ura di mangiari.  (Esce)

2 –

MARIA – Boni, semu misi. Ho la sensazione che mio nonno, a colpi di alzHeimer, fra non molto, mi farà diventare completamente scema. Già sono sulla buona strada…Mah!

(Borbottando, mette in funzione l’aspirapolvere. Per qualche secondo, sarà alle prese con la pulizia della camera.

Il rumore dell’aspirapolvere non le permette di sentire entrare il marito, Carmelo che indossa un vestito nero, camicia bianca a righine nere, cravatta nera. Carmelo chiama la moglie, fuori scena, un paio di volte poi entra e rimane immobile, ad osservarla. Maria, colta di sorpresa da quella presenza inquietante, lancia un grido).  

CARMELO – Maria! Ma chi è, ti scantasti?

MARIA – O mamma mia! Ma che si fa così, si fa? Io ero soprapensiero e tu mi compari all’improvviso comu ‘n fantasma… M’ha fari veniri ‘na morti subitania, pì forza?

CARMELO – Iù , appena trasii, ti chiamai du’ voti. Che è colpa mia si tu non mi sintisti?

MARIA - … e vistutu di ‘sta manera, poi!

CARMELO –  Maria, io guido macchine mortuarie….  non fazzu ‘u pilota d’a Ferrari! Comunque, casomai,  si ‘sta divisa ti fa senso, prima di ritirarimi a’ casa, mi spogghiu ‘nte scali…

MARIA – Senti, è inutile ca fai ‘u cretinu perché non è proprio il caso, va bene?

CARMELO – (paziente) E dunque, c’haiu a fari?

MARIA – T’ha’ stari mutu e mi devi lasciare sfogare!

CARMELO – E non ti potevi sfogare prima ca m’arritirava iù?

MARIA – Carmelo, tu lo sai quello che ho passato io, in questi ultimi giorni… l’inferno, ho passato, l’inferno!

CARMELO – Tu sula? Io ho passato l’inverno, ‘a primavera, ‘a ‘stati e l’autunno!

MARIA – Su non ci ‘a finisci, ti staiu dannu un colpu di aspirapolvere ‘nta testa! Lo capisci che sono esaurita o no? Io sono esaurita! Ed è bene che si sappia! Esaurita!

CARMELO – E basta, lo sappiamo, lo sappiamo.

MARIA - E levatilla ‘sta giacca e ‘sta cravatta ca mi fai ‘mprissioni!

CARMELO – (esegue) Te la posso fare una domanda? Secondo te, iù chi mi sentu megghi di tia?

MARIA – Maledetto il momento quannu ti passò p’a testa di rapire a mè nonnu! “Rapiamo il nonno e poi ci dumannamu il riscatto a tò nonna”.

CARMELO – Ti ricordo ca iù ci hava li vatu manu. Tu, invece, hai voluto organizzare il rapimento, pì forza.

MARIA – Risultato del geniale rapimento del nonno: non solo, mia nonna non ha pagato nessun riscatto ma per giunta, finge di non conoscere a so maritu! Perché mia nonna finge, sugnu sicura! E accussì, quando gliel’ho riportato a casa, n’abbiò fora a tutti dui! Morale della favola: il nonnino arteriosclerotico n’arristò cca, pì cappata e per farmi diventare completamente pazza!

CARMELO – Questo è niente, a confronto delle altre disgrazie… chiamiamole così… e tu ‘u sai a che cosa mi riferisco.

MARIA –  Non mi ci fari pinsari, per cortesia, non mi riurdari ‘u chiovu, se no ti ammazzo!

CARMELO – A mmia?!

MARIA – E allura a cui? Disgraziatu, incosciente e bestia! Come hai potuto fare scadere un biglietto gratta e vinci di 500.000 euro!

CARMELO –  Ancora cù ‘sta storia! L’avevo dimenticato nel comodino. E quannu ‘u truvò tò nonnu, era già scaduto.

MARIA – E per la tua coglioneria, abbiamo perso 500.000 euro!

CARMELO – E tu, allura? Tu ca sta’ parrannu, fusti cchiù sperta di mia? Tu ca ti facisti scicari, da tuo nonno, sutta ‘u nasu, l’autru bigliettu di un milione! Dico, un milione! E chiddu non era scaduto!

MARIA -  (rievoca il momento) Stavamo giocando a carte – o’ mazzettu, non me lo scorderò mai più! - Mi dissi: “Brava, vincisti”. “Sì? E che ho vinto, nonno?” “Stu bigliettu”. Avevo vinto un milione, avevo vinto! E mentre io cercavo ancora di capire, mi leva il biglietto dalle mani e ‘u scica! “Ora, tu ti iochi ‘stu menzu bigliettu e iù mi iocu menzu friscalettu”! (Si lascia andare in un pianto a dirotto).

CARMELO – Almenu ‘u scicava in due! Unu l’avissi pututu macari ‘ncuddari… No, il disonesto ‘u fici pezzi pezzi!

MARIA – (continua a piangere) Un milione di euro… un milione di euro…!

CARMELO – E basta, Maria… E’ inutile continuare a pinsari sempri ‘na cosa!

MARIA – (c.s.) Ma come si fa a non pensarci?! Come? Cù quali curaggiu, mi pozzu scurdari che la settimana scorsa, la vigilia di Natale, in questa casa, è entrato un milione e mezzo di euro! Ni passò sutta l’occhi la bellezza di un milione e mezzo di euro! E mentre ni passava davanti, io e ‘stu cretinu di mio marito che abbiamo fatto? Niente, abbiamo fatto. Non abbiamo avuto nemmeno il tempoe il piacere di dire: Bih, ch’è bello”, perché era già tutto sfumato!

CARMELO – Ahu, finiscila, Maria! Si continui d’accussì, diventi scema. Tu ca già… Avanti, non ci pinsamu cchiù. Facemu finta ca n’u ‘nsunnamu!

MARIA – (si accoccola vicino al marito, sul divanetto) Ma quale sogno… Questo un incubo, è stato, un incubo!

CARMELO – Se penso alla vigilia di Natali, mi venunu i brividi… e non sulu pirchì eravamo senza riscaldamenti… Oltre a tò nonnu,  abbiamo dovuto sopportare macari a ddu scattiatu di mè cucinu Anselmo ca s’hava sciarriatu cù so patri e mi aveva chiesto “asilo politico”! Menu mali ca poi, zio Ernesto vinni a pigghiarisillu…!

MARIA – E noi a lui dobbiamo ringraziare, a tuo zio Ernesto che ci ha salvato da quel pazzo di Anselmo e dalla miseria.

CARMELO – Mischinu, aveva capito la nostra situazione e mi fici trasiri nella sua azienda di pompe funebri. A proposito, ‘a busta con i 3.000 euro ca mi desi u ziu, pì Natali, ‘a sarvasti bona, veru? Non vorrei ca ‘a trova tò nonnu…

MARIA  - L’ho conservata bene, non ti preoccupare. Ho tolto solo 50 euro pì fari ‘a spisa, in questi giorni. Carmelo, senti, io vorrei passare il capodanno un po’ più serenamente di comu passai ‘u Natali…

CARMELO – Francamenti, macari iù.

MARIA – E allura, sbarazziamoci di mè nonnu! Mi stancai di vidirlu casa casa! Non ce la faccio più, Carmelo!

CARMELO – E allura, chi facemu, ‘u ‘mmazzamu?

MARIA – Magari ammazzarlo no, ma sdirubbarlu a’ so casa, sì!

CARMELO – E si tò nonna si fissò ca n’o’ voli intra…?

MARIA – S’u pigghia c’a supirchiaria! altrimenti, ci ‘u fazzu purtari dai carabinieri!

CARMELO – E va bene, facemu ‘st’autru tentativu cù tò nonna e videmu chi succedi.

MARIA – (annusa) Sentu fetu di mortu! Vatti a cangiari, va e fatti macari ‘na doccia ca è megghiu. Nel frattempo, preparo da mangiare.

CARMELO – Ma… fazzu daveru fetu di mortu? Non mi fari impressionari, Maria… Vidi ca mi staiu licenziannu oggi stissu!

MARIA – Ma no, scimunitu, sono i fiori… hanno un profumo intenso e si appiccica addosso… è normale.

CARMELO – Ah, è normale…

MARIA – E’ normale ma un po’ fastidioso…

3 –

PASQUALE – (entra) Quann’è ca si mangia?

MARIA – Quando lo dico io!

PASQUALE – E tu quannu ‘u dici?

MARIA – Ahu, basta! Si mangia quannu si mangia! (Esce da sinistra)

PASQUALE – (a Carmelo) Ma certu ca sò figghia è scema completa!

CARMELO – Mè figghia?! Maria è mè muggheri, no mè figghia.

PASQUALE – Iù ci cunsigghiu di farla ricoverare… è piriculusa. (Pausa. Annusa l’aria) Mah! Però prima non c’era.

CARMELO – Che cos’è che non c’era?

PASQUALE – (osserva ostentatamente Carmelo) ‘Stu fetu. Minchiuni, c’è un fetu di mortu! Mi dicissi ‘na cosa, lei unni travagghia, ‘nte’ carrozzi ‘i mortu? Comunque, s’a fa ‘na partitedda e’ carti?

CARMELO – Veramente mi dovrei cambiare, fare una doccia… Cchiù tardu, va beni? (si avvia)

PASQUALE – Sunaru.

CARMELO – (si ferma un attimo) Ma quannu mai?

PASQUALE – Ma chi si’ surdu? Sunaru!

(Si sente suonare il campanello d’ingresso).

CARMELO – (disorientato, lancia uno sguardo quasi impaurito, a Pasquale) Sunaru.

PASQUALE – E pirchì non vidi cu’ è?

(Altro scampanellio).

CARMELO – (ancora turbato) Sì, certo. (Va ad aprire).

PASQUALE – Mah! Su’ tutti scemi ‘nta ‘sta casa! (Si siede al tavolo e, da solo, gioca a carte).

4 –

(Rientra Carmelo con zio Ernesto).

CARMELO – Qualche problema di lavoro?

ERNESTO – No, No…

CARMELO – Appunto, dico. Fra ieri e oggi, mi sono fatto la bellezza di tri viaggi, tutti andati a buon fine. I morti, caro zio, ci facevanu ‘a so cumparsa in quelle belle bare. Parevanu tanti re, parevanu! Unu s’arricriava a vidirli! I parenti, infatti, tutti soddisfattissimi. A proposito, il signor De Maria si è prenotato pì so soggira. Però, dici ca voli fattu ‘u scuntu pirchì t’ha purtatu tri clienti, ‘nta sei misi.

ERNESTO – Va beni… ci facemu ‘u scuntu comitiva.  Comunque, non sono venuto per parlare di lavoro… Ci haiu autri pinseri i, caro Carmelo.

CARMELO – E il motivo di ‘sti pinseri?

ERNESTO – E quale può essere il motivo? Cu’ è ca mi duna pinseri di continuo, a mmia? Cu’ è ca mi fa nesciri pazzu?

CARMELO – Anselmo!

MARIA – (entra) Ohé, zio! Come va?

ERNESTO – Ciao, Maria. E come deve andare? Male. Cù mè figghiu Anselmo, i cosi comu ponnu iri? sempri mali!

MARIA – Non mi dire che è scomparso nuovamente!

ERNESTO –Da due giorni.

MARIA – Non ti preoccupare, zio, ‘u sai ca, ogni tanto, Anselmo fa qualche scappatella…

ERNESTO – Ogni tanto? Ogni tri ghiorna! T’u scurdasti ca prima di Natali, ‘a simana passata, ‘u truvai ccà?

MARIA – E tu pensavi di ritrovarlo ancora qua, ho capito.

CARMELO – Sinceramente, ci speravo, sì.

MARIA – No, non s’è visto, per fortu… (si corregge) purtroppo. Ti preparo un caffé. (Esce).

ERNESTO – Sì, grazie.

 (Si avvicina a Pasquale) Vossia benedica, zu Pasquale.

PASQUALE – Sì, sono d’accordo con lei, ma quann’è ca si mangia?

ERNESTO – (sconcertato, si riaccosta a Carmelo) Megghiu ‘u trovu.

CARMELO – Sì, i cosi giusti, migliora a vista d’occhio. Cridimi, non è facili cummattirici. E, intanto, chi facemu? Si so muggheri non s’u voli pigghiari…!

ERNESTO – E chiamala fissa.

CARMELO – Tornando ad Anselmo, tu, perciò, vinisti pì controllari si era ccà. Ma, scusami, non mi putevi fare ‘na telefonata? Almenu risparmiavi un viaggio inutile.

ERNESTO – ‘Na telefonata? Di ‘sta matina a ora, ti n’haiu fattu decimila telefonati! Ma si tu non rispunni!

CARMELO – Comu, non rispunnu? Iù nenti haiu sin tutu. Aspetta, può darsi ca c’è ‘a suoneria staccata. (Cerca il telefono nelle tasche dei pantaloni e della giacca).

ERNESTO – Appena turnai di Palermu, per quel funerale che tu sai, ‘a prima cosa ca fici fu chidda di chiamari a ttia.

CARMELO – (continua a rovistare inutilmente) E unni schifiu ‘u lassai?

MARIA – (rientra col caffè) Il caffè è pronto, zio. L’appoggio qui, sul tavolo. (Lascia la tazzina sul tavolo).

ERNESTO – Sì, grazie, Maria.

MARIA – Scusami, io torno a cucinare. (Esce).

ERNESTO – Ma chi è, ‘u pirdisti?

CARMELO – Spero di No… (grida verso la cucina) Maria! Chi mi scurdai ‘u telefono intra, ‘sta matina?

MARIA – (f.s.) No!

ERNESTO – Sei sicura?

MARIA – (f.s.) Sì!

(Nel frattempo, Pasquale, non visto, beve il caffè di Ernesto).

ERNESTO – Haiu l’impressioni ca ‘u pirdisti.

CARMELO – Vo’ vidiri ca mi cascau intra… Zio, ho il sospetto, anzi, quasi la certezza ca ‘u telefono finìu intra ‘a bara d’o cavaleri Ferlito.

ERNESTO – E comu ci finìu dda intra?

CARMELO – L’avevo messo qui, nel taschino della giacca… Si vidi ca m’accalai e…

ERNESTO – Certu ca si’ stunatu, figghiu miu! (si accosta al tavolo, prende la tazzina e si accorge che è vuota. Osserva, stizzito, Pasquale che continua a giocare).

CARMELO – E pensare ca Turi, l’operaio, mi aveva avvertito. Mi dissi “Carmelo, vidi ca sintii scrusciu intra ‘u tabbutu”.

ERNESTO – E tu?

CARMELO – “E allura, annachiti, ci dissi, chi sta’ aspittannu? chiudilu di cursa”!

ERNESTO – Bravo! Complimenti. Ora, metti il caso ca ‘u cavaleri Ferlito era ancora vivo e cercava di attirare l’attenzione facennu scrusciu… tu, chi fai, ci dici all’operaio di sigillare ‘u tabbutu, di cursa? Bonu, ci vai!

CARMELO – Ziu, il rumore l’ha fatto il mio telefono ca cascò dda intra, no’ ‘u mortu!

ERNESTO – Ho capito. Ma se, per ipotesi, ‘u cavaleri era vivu?

CARMELO – E va be’, in questo caso, ci havi ‘u mè telefono, no? Chi ci voli? Fa na telefonata…

ERNESTO – Sì, va beni, va! Chiacchiri persi su’.

CARMELO – Ziu, tu pensi o’ cavaleri Ferlito, si è vivu, si è mortu…! Iù staiu pinsannu ca m’haiu a ghiri a ‘ccattari ‘n’autru telefono…!

ERNESTO – Ho capito. E ci hai ragiuni macari tu. Ad ogni modo, Anselmo n’o truvai, ‘u café non m’u pigghiai, mi ni pozzu macari iri.

CARMELO – Comu… ‘u café non t’’u pigghiasti…? Maria non t’u purtau?

ERNESTO – Sì, sì, m’u purtau. Avanti, ti salutu. E se hai notizie di ddu scemu di tò cucinu, fammillu sapiri, pì favuri. (Si avvicina all’ingresso della cucina e alza la voce) Ciao, Maria, io me ne vado!

MARIA – (entra) Ciao, zio. E stai tranquillo per Anselmo. Vedrai che, oggi stesso, avrai notizie.

ERNESTO – Speriamo. Vi salutu, carusi. Vossia benedica, zu Pasquale!

PASQUALE – Aspittassi, vinissi ccà! (Ernesto gli si avvicina) Ci isassi. (Ernesto esegue e poi, via, accompagnato da Carmelo e Maria che rientreranno qualche istante dopo).

5 –

MARIA – Te lo giuro, se, per caso, tò cucinu Anselmo sbarca di nuovo qua, io lo sopprimo! E dopo, recapito ‘la salma a suo padre!

CARMELO – La salma? Chiddu un salmone è! Pì purtaracillu a sò patri, t’ha’ pigghiari un furgone! Comunque, tu ammazzalu, poi ci pensu iù. Tantu, oramai, sugnu d’o misteri.

MARIA – Salmone o baccalaru, se dovesse venire qui, portacillu a suo padre, portacillu ai carabineri, ai pumperi, alla protezione animali ma io, in casa mia, non lo voglio!

CARMELO – E va beni, pirchì ti sta’ ‘ncazzannu? Iù sugnu sicuru ca ‘sta vota, mancu si fa vidiri.

MARIA – Speriamo ca i to’ paroli acchiananu in cielu.

CARMELO – Vado a fare la doccia, va! (Esce).

MARIA – Spicciati ca fra pocu, si mangia.

 PASQUALE – Si mangia?

(Maria non risponde e torna in cucina).

PASQUALE – (da solo) Ma si mangia o non si mangia? Mi fanu moriri d’a fami ‘sti disgraziati! Qualche vota, parola mia, mi fingiu pazzu e mi ni scappu d’a casa e ccà non ci tornu cchiù, mancu mortu! Accussì s’insignanu!

MARIA – (rientra con una tovaglia per apparecchiare)  Avanti, sbarattamu ‘stu tavulu ché devo apparecchiare.

PASQUALE – Allura, si mangia, finalmemti!

MARIA – Sissignore, si mangia. Livassi ‘sti  carti di ccà e si ni issi a lavarisi i manu.

PASQUALE – Iù ci l’haiu puliti i manu! Pirchì m’ha’ fari perdiri tempu?

MARIA – Nonno, si lavassi i manu. Puntu e basta.

PASQUALE – E lavamu i manu! Sempri ca lavamu i manu! A forza di lavarli, ‘si spardanu ‘sti manu!

MARIA – Ancora ccà, è?

(Pasquale, borbottando, esce. Intanto, Maria apparecchia. Dalla cucina, porta posate e quant’altro. Infine tre fumanti spaghetti al pomodoro). 

MARIA – (Grida all’indirizzo di Carmelo) Carmelo! Hai finito?

CARMELO – (f.s.) Un minuto e arrivo!

MARIA – Va bene. Muoviti (Torna in cucina)

PASQUALE – (rientra) M’i lavai i manu, si’ cuntenta? Ahu, unni siti? Ah, ccà c’è ‘a pasta. Ora attaccu a mangiari! Cu’ si ni futti di iddi!

MARIA – (rientra) Qua, qua, siamo. S’assittassi.

PASQUALE – Pozzu accuminciari a mangiari?

MARIA – Non po’ aspittari cchiù? Carmelo sta arrivando.

PASQUALE – Ma cu’ è Carmelo? Chi m’interessa di Carmelo? Iù haiu fami! Sunaru.

MARIA – Chi è ca dissi?

PASQUALE – Ca haiu fami.

MARIA – No, dopu, dopu.

PASQUALE – Ah, sunaru.

MARIA – Vossia havi ‘na bella fantasia. Unn’è ca sunaru?  Ma chi è ca s’inventa? Nessuno ha suonato, nonno!

PASQUALE – Sunaru!

MARIA – Ma si ci staiu dicennu…

(Si sente il campanello d’ingresso).

PASQUALE – Sunaru!    

MARIA – (resta perplessa) Ma vossia comu schifiu sapeva che…

PASQUALE – (inizia a mangiare) Sunaru.

(Altro scampanellio).

PASQUALE – Ci grapi o no?

(Maria, piuttosto sconcertata, va ad aprire. Torna, un istante dopo, agitata) Carmelo!

CARMELO – (rientra in accappatoio) Qua, qua sono. Non ittari vuci.

MARIA – (sempre agitata) C’è Anselmo!

CARMELO – (istintivamente vaga con lo sguardo) Unn’è?

MARIA – Ma dove lo stai cercando, cretino…?

(Altra scampanellata)

È dietro la porta. Ho controllato dallo spioncino! Chi facemu?(Ancora il campanello).

CARMELO – E che vuoi fare? apri. Tantu, non si ni va. Chiddu è capaci di sdirrubbari ‘a porta!

(Maria va ad aprire e rientra con Anselmo e Alessia, una ragazza molto appariscente: minigonna vertiginosa, giubbotto di pelle. Porta grossi occhiali da vista)

6 –

ANSELMO – Ma ‘u sapiti ca siti curiusi pì daveru? faciti aspittari i cristiani arreri a’ porta, pì menzura?! Ma cosi de’ pazzi, va!

ALESSIA – (approvazione) Eh!

CARMELO – (ironico) Ti chiedo umilmente scusa. Comunque, buongiorno.

(Maria, paralizzata, rimane a fissare i due arrivati).

ANSELMO – E tu con un “buongiorno”, ti ni nesci, veru? (Osserva Maria) Chissa ca mancu parra…! Ma, dico, vi rendete conto, di chiddu ca cumminati o no?

CARMELO – Ma pirchì, chi cummina…

ANSELMO – (lo interrompe) Faciti cascari ‘a facci ‘nterra, beddamatri! Chi cumparsa mi faciti fari davanti a mè zita?

ALESSIA – (c.s.) Eh!

CARMELO – Ah! Perciò questa ragazza è…

ANSELMO – La mia legittima fidanzata. (Ad Alessia) Alessia, saluta.

(Alessia resta in silenzio).

ANSELMO – (alza la voce) Alessia!

ALESSIA – Ah, sì, sono la fidanzata.

ANSELMO – Già ci ‘u dissi iù, chissu! Saluta!

ALESSIA – (va a stringere la mano alla sempre più sconcertata Maria) Ciao! Mi chiamo Alessia. (Poi stringe la mano a Carmelo) Ciao! Mi chiamo Alessia.

ANSELMO – Brava. Avete visto com’è educata? (A Carmelo) Ma tu chi è, ti susisti ora?

CARMELO – No, pirchì?

ANSELMO – No, siccomu ci hai misu l’acchiappatopo…

CARMELO - Accappatoio! No, “acchiappatopo”!

ANSELMO – (vede i piatti sul tavolo e il nonno) Allura, si mangia!

MARIA – (con un filo di voce) Sì, infatti, noi…

ANSELMO – Vossia benedica, nonnu!

CARMELO – Infatti, noi stavamo…

ANSELMO – Basta, ho capito. (si commuove) Mi stavate aspettando e mi priparastivu macari ‘u mangiari! La voce del sangue! Voialtri ve lo sentivate ca  iù vineva, veru? E io, facchino, che vi ho rimproverato! Mi dassi un pugnu ‘nta facci!

CARMELO – Iù ti ni dassi dui! Anzi, per essere precisi, ti dassi ‘na sugghiata di vastunati!

ANSELMO – M’a miritassi, hai ragiuni. Sugnu un vastasu! La voce del sangue, c’è poco da fare! Priparastivu macari du’ piatti perché vi sentivate ca iù non era sulu…! Ma come ci siete arrivati?

MARIA – La voce del sangue.

   (Anselmo, commosso,Corre a baciare Carmelo e poi Maria).

CARMELO – MARIA – (insieme) Ti ni stai iennu?

ANSELMO – (ad Alessia) Bacia i cuginetti!

(Alessia esegue).

CARMELO – MARIA – (insieme)  Vi ni stati iennu?

ANSELMO – No. E pirchì? Non sono più offeso. Abbiamo chiarito, no? Ormai avete preparato da mangiare e perciò restiamo. Ti pari ca semu vastasi? Alessia! Assettiti e mangia!

(I due siedono e iniziano a mangiare, sotto lo sguardo allucinato di Maria e Carmelo).

PASQUALE – (a Carmelo) Ma cu’ su’ chissi… i to’ figghi?

ANSELMO – (mentre mangia con appetito) Avaia, nannu! Chi è s’u scurdau? Anselmu sugnu. S’u riorda i scupi e i brisculi ca ni ficimu a Natali?

PASQUALE – Certu ca m’u riordu. E tu t’u riordi i cuzzati ca ti desi quannu sbagghiavi a ghiucari?

ANSELMO – Vossia sbagghiava, no iù!

PASQUALE -  Alfiu, vidi ca non ci sta’ pinsannu bonu, eri tu!

ANSELMO – Mi chiamo Anselmo. (Indica Carmelo) Alfio, iddu è.

CARMELO – Io mi chiamo Carmelo, no’ Alfio!

ANSELMO - Comunque, complimenti, Maria, bona era ‘sta pasta… un poco freddina ma gustosa.

ALESSIA – (approva) Eh!

ANSELMO – D’altra parte, si è fridda, ‘a curpa è nostra ca vinnimu in ritardo. Dico bene, Alessia?

ALESSIA – (non ha sentito) Ah?

PASQUALE – (ad Alessia) Scusi, signorinella… ma lei chi è surda?

ALESSIA – (con un sorriso ebete) No, no, siciliana sono.

ANSELMO – (ad Alessia) Chi ci trasi chissu, cretina?

PASQUALE – (ride) Ma è persa, completamente! Unn’è ca ‘a truvasti?

ANSELMO – (risentito) Vidissi ca ‘sta carusa è ‘a mè zita. Ha solo qualche piccolo  problema di vista ma di sentiri ci senti… bunazza, con l’orecchio destro. È ‘il sinistro che lascia un poco a desiderare… Per tutto il resto, ‘a carusa è perfetta. Alessia, facci vidiri i cosci.

ALESSIA – (non sente) Che cosa?

ANSELMO -  Le cosce!

ALESSIA – Sì, mi piacciono le cosce  del pollo. Il petto no perchè è troppu stuppusu.

ANSELMO – (agli altri) E’ che con l’orecchio sinistro, ci sente male, ve l’ho detto… (Ad Alessia) Apparimi l’orecchio destro!

(Alessia si guarda attorno, smarrita).

MARIA – Senti, lascia perdere, per cortesia!

CARMELO – Ma sì, lassa perdiri, Anselmo. ‘A facisti cunfunniri a dda carusa!

ANSELMO – Il fatto è che non vi conosce e si intimidisce, vero, Alessia?

ALESSIA – (senza sentire) Eh!

ANSELMO – Appunto. E allura, chi c’è pì secunnu?

MARIA – (acida) Niente.

PASQUALE – Non è vero, chissa è munzignara! ‘Nta cucina c’è ‘a sasizza ch’e patati! ‘A visti iù!

ANSELMO – Capisco ca ‘a sasizza non è una pietanza raffinata ma pirchì vi vergognate a portarla in tavola, babbasunazzi? E poi, semu in famigghia… E fra l’altro, a mmia, mi piace. A ttia, ti piaci, Alessia?

ALESSIA – Sì, i cosci, grazie. ‘U pettu è troppu stuppusu.

ANSELMO – Stamu parrannu di sasizza… va beni va, lassamu perdiri, ci piaci macari a idda…

PASQUALE – Mih, macari iù! Iù nesciu pazzu pìa sasizza ch’e patati!

ANSELMO – Avanti, non vi disturbati… ci vaiu iù a pigghiarla, in cucina! Tantu, sugnu di casa…

(Maria e Carmelo si piantano davanti all’ingresso della cucina).

MARIA – Di qui non si passa!

CARMELO – Nenti sasizza e nenti patati!

ANSELMO – E pirchì?

MARIA – Visto che il primo v’u calastivu…

CARMELO – Abbiamo il diritto o no di pigghiarini un muzzicuni macari nuatri? A meno che ‘u muzzicuni non t’u vo’ pigghiari tu, ‘nta ‘ricchia!

ANSELMO – Ma pirchì, hata mangiari macari vuatri?

MARIA – Se non ti fa troppo schifo…!

CARMELO -  E se non ti dispiace, naturalmente!

ANSELMO – (deluso) E perciò… ‘a tavula era cunzata pì vuatri… non è ca stavate aspittannu a mmia…

CARMELO – Ma cu’ schifiu ti stava aspittannu?

MARIA – Più che altro, “temevamo” che tu venissi!

ANSELMO – (sempre più afflitto) Mi dassi un pugnu ‘nta facci…

CARMELO – E io… come sopra!

ANSELMO – E va bene, vuol dire che togliamo il disturbo. Alessi… (Alessia non sente) Alessia! Ahu!

ALESSIA – Le cosce, le cosce… pirchì ‘u pettu…

ANSELMO - … è troppu stuppusu, ho capito! Lassili iri i cosci e ‘u pettu! Susiti e amuninni! Perché qua non ci vogliono! E cu’ non ni voli… comu si dici? Cu’ non ni voli…

PASQUALE – Non ni merita.

(Maria, intanto, nervosamente, sparecchia la tavola e riporta in cucina, piatti, posate e quant’altro).

ANSELMO – Grazie, nannu. Cu’ non ni voli, non ni merita! (comincia a singhiozzare poi scoppia a piangere) Però, non si trattanu accussì i cucini! Semu cucini o non semu cucini? Pirchì si non semu cucini è ‘na cosa ma si semu cucini è ‘n’autra cosa!

CARMELO – Anselmo, gioia, semu cucini, va beni ma non è ca ti pozzu teniri  a mè casa, ogni vota ca cummini ‘na minchiata!

MARIA – E cioè, un giorno sì e uno no!

ANSELMO – (a Maria) Tu t’ha’ fari l’affari to’, ‘u senti? Che sei mia cugina, tu? No. E perciò, statti muta. Alfio, invece, è mio cugino e può dire tuttu chiddu ca voli.

CARMELO – E io ti dico sulu du’ cosi: a prima è ca mi chiamo Carmelo e no’ Alfio… La seconda cosa è chissa: vatinni a tò casa.

MARIA – Tuo padre e tua madre stanno soffrendo, Anselmo e anche noi stiamo soffrendo! Qua, soffriamo tutti e dunque fammi il santo piacere di…

PASQUALE – Scusate, ‘a pozzu aviri tanticchia di sasizza e du’ patati?

(Viene immediatamente aggredito, quasi contemporaneamente e con estrema foga, dai tre).

MARIA – Ci ‘a voli finiri, vossia?

CARMELO – ‘Nta ‘stu mumentu, vossia pensa a’ sasizza, e’ patati?!

ANSELMO – Ma non s’affrunta a pinsari a mangiari?!

PASQUALE – (infuriato) Ahu! E basta! Ma chi siti, scemi? Taliati chi burdellu ca stanu facennu pì ‘mpizzuddu di sasizza! Basta, vo dati i cianchi, non ni vogghiu cchiù! (Si rivolge ad Alessia) Giovanotta, ci sapi iucari a’ briscula?

ALESSIA – Non ho capito.

PASQUALE – ‘st’autra è ‘ntuppata… Niente, come non detto. Mi fazzu un solitario.

(Pasquale gioca a carte da solo; Anselmo, in disparte, singhiozza rumorosamente; Alessia è smarrita. Ha perso di vista Anselmo.).

ALESSIA – (tenta di localizzare Anselmo) Anselmo…Anselmo…! (fa qualche passo, in preda al panico poi incrocia Maria) Ma chi è, si ni ivu?

MARIA – Macari Diu! No, non se n’è andato. Senti, fammi una cortesia, portatillu, cioè fatti portare… insomma, itavinni!

ANSELMO – (sbotta, all’improvviso) Quantu sugnu disgraziatu!

CARMELO – Iù sugnu disgraziatu!

ALESSIA – Io sono una povera disgraziata!

MARIA – Veramente, sono io la più disgraziata!

PASQUALE – ‘U cchiù disgraziatu sugnu iù, buttana d’a miseria! Iù!

CARMELO – (urla, irritato) Sì, semu ‘na maniata di disgraziati ma ora, finemula! Forza, Anselmo, vatinni ca già m’arrovinasti ‘a iurnata!

ANSELMO – (aumenta l’intensità del pianto) Va bene, mi ni vaiu, mi ni vaiu! Parenti senza cuore! Stati abbiannu in mezzo alla strada il vostro sangue! Vattinni, cugino Anselmo! Nuatri ccà, non ti vulemu e dunque tè ‘na pirata e vaffanculo!

CARMELO – Ma pirchì ogni vota, ha’ fari ‘na tragedia, Anselmo? Pì Natali, vinisti e facisti succediri ‘u ‘nfernu… Chi è, ora, ti vulissi organizzare macari pi capudannu?

ALESSIA – (finalmente ha individuato Anselmo) Ma chi fai, chianci o arriri?

ANSELMO – (urla) Ti stai muta, un secunnu?

ALESSIA – (piagnucola anche lei) Ma iù muta haiu statu! Non ho detto mancu ‘na parola! Mih, tu non mi vuoi bene!

MARIA – A postu, semu!

CARMELO – Ci mancava sulu idda!

ANSELMO – (urla, tra le lacrime) Ci ‘a finisci di picciari, ah?  Tantu, è inutile pirchì non ni volunu, l’hai capito, cretina? Non volunu a ttia, non volunu a mmia e non volunu mancu o’ picciriddu!

CARMELO – Quali picciriddu?

ANSELMO – (urla, disperato) E’ incinta!

MARIA – Incinta?! E da quanti mesi?

ANSELMO – Quali misi?! Du’ iorna! Si ‘u veni a sapiri mè patri, m’ammazza!

MARIA – Du’ iorna?! Ma siete sicuri?

ANSELMO – Sicurissimi. Vero, Alessia?

ALESSIA – Che cosa?

ANSELMO – Minchiuni, ma com’è ca non senti nenti? Iù non ci ‘a fazzu cchiù… t’ha’ ghiri a’ccattari di cursa l’apparecchio!

ALESSIA – E dove andiamo con l’apparecchio?

ANSELMO – A fari ‘nculu!

CARMELO – Scusa, Anselmo… ma  com’è… com’è successo?

ANSELMO – E chi ni sacciu?  Iù, ora ‘a canuscìi. Secunnu mia,  è accussì di ‘mbellu pezzu.

CARMELO – E’ incinta di ‘mbellu pezzu o di duì iorna?

ANSELMO – Chi c’entra, scimunitu?! Di ‘mbellu pezzu è orva e surda, no’ incinta!

CARMELO – Perché, invece, comu si chiama? Alessia è incinta da due giorni. Giusto?

ANSELMO – Sì.

PASQUALE – Cu’ è incinta?

ANSELMO – ‘A mè zita, nannu!

PASQUALE – E’ incinta da un anno?

MARIA – Ma… dico, siete proprio sicuri? Il test l’avete fatto?

ANSELMO – Pì diri ‘a virità, iù non m’haiu fattu nenti…

MARIA – Non tu! Lei!

ANSELMO – Ah! (Ad Alessia) Alessia, mi stannu addumannannu si ti facisti ‘u cosu… ‘u test. ‘U facisti ‘u test?

ALESSIA – ‘U tè?

ANSELMO – Sì, ‘u latti di mandorla!

MARIA – Ci penso io. Alessia, senti… se mi senti…

CARMELO – Batti un colpo!

MARIA – Se mi senti, fammi un cenno, per favore, ci semu?

ALESSIA – Ci semu.

MARIA – Bravissima. Ora, rispondimi: l’hai fatto il test, da sola? Oppure hai portato le urine per le analisi?

ALESSIA – No, No…

MARIA – E allora - seguimi bene! – come fai a sapere che sei incinta?

ALESSIA – Lo so, lo so.

MARIA – (si accosta a Carmelo e le parla piano) Chissa non è sulu orva e surda! È macari cretina!

CARMELO – (annuisce poi chiama a sé Anselmo) Anselmo, veni ccà.

ANSELMO – Chi m’ha diri?

(I due si appartano).

CARMELO – Parliamo da uomo a uomo.

ANSELMO – Va bene, non mi veni difficili.

CARMELO – Tu e Alessia… avete… insomma, avete avuto rapporti?

ANSELMO – E certu. No’ pirchì è mpocu surda… ma ‘a carusa sapi discutiri, ha una certa cultura…

CARMELO – Non mi sono spiegato. Io parlo di rapporti sessuali, Anselmo!

ANSELMO – Ah! E spiegati bonu, allura! Comunque, sì, li abbiamo avuti, i rapporti sensuali. Cchiù di unu.

CARMELO – Rapporti… completi?

ANSELMO – L’ho baciata! Ma no’ comu pozzu vasari a ttia, no! Con la lingua, l’ho baciata! Almenu almenu, tri voti!

SIPARIO  

ATTO SECONDO

(Medesimo ambiente del primo atto. È il mattino del giorno seguente.

All’aprirsi del sipario, in scena, nonno Pasquale che dorme sul divanetto. Dopo qualche istante, entra Maria, con il vassoio della colazione; lo poggia sul tavolo. entra anche Carmelo che finisce di vestirsi).

1 –

CARMELO – (si annoda la cravatta, osserva il nonno) Mischinu! varda com’è tuttu agnutticatu ‘nta ddu divanettu!

MARIA – E di chi è, la colpa, mia?

CARMELO – E io ho detto che la colpa è tua?

MARIA – Pigghiati ‘stu cafè e vatinni, va!

CARMELO – Ci l’hai cù mia, veru?

MARIA – (sarcastica) No! E perché mai?

CARMELO - Maria, non me la sono sentita di buttarli fuori! Oggi vedo zio Ernesto e oggi stissu si ni vannu, non ti preoccupare.

MARIA – Se, invece,  allo zio, tu avessi telefonato ieri…

CARMELO – Ti ho già spiegato ca ‘u telefono, ‘u persi!

MARIA – Ah, già, il tuo telefono è stato tumulato insieme al cavaliere Ferlito!

CARMELO – Brava. Co’ tò cellulare non ci potevo chiamari pirchì ‘u nummiru d’o ziu non lo so a memoria e perciò…

MARIA – E perciò avemu altre due belle cappate supra ‘a panza! Ma, poi, Carmelo, parliamoci chiaro. Sono tutti e due da ricoverare per tutta la vita! Ma ti rendi conto? Quella si è messa in testa di essere incinta! E non voli sentiri ragiuni! Ma, dico, siamo pazzi!

CARMELO – No, no, i pazzi su’ iddi. Nuatri, al massimo, putemu essiri un poco esauriti. Tu parri di idda… ma pirchì Anselmu, ti pari megghiu? Io penso ca qualcunu, prima o poi, ci l’ha spiegari comu nasciunu i picciriddi!

MARIA – A proposito, a ttia t’u spiegaru? Pirchì ho l’impressione ca macari tu avresti bisogno di ‘na bella ripassata sull’argomento.

CARMELO – Ma chi hai sbaddu superchiu, stamatina?

MARIA – Va bene, va bene, lassamu perdiri, per ora. Tornando ai due piccioncini, pazzi scattiati, ti avverto che io, qua, non li voglio. Punto.

CARMELO – E io ti ripetoo ca oggi si ni vanu! Punto esclamativo.

MARIA – Fra l’altro, io, oggi, dovrei accompagnare il nonno a casa sua. Comu ci vaiu, ora, con questi due? Su ‘i lassu suli, ssà chi mi cumminanu!

CARMELO – E va be’, ci vai stasira o dumani. Non mori nuddu, mi pari! (Beve il suo caffè).

MARIA – Iù moru! Si non si ni vanu tutti pari, moru iù!

CARMELO – Aspetta… sto pensando che oggi è il 31… l’agenzia fa mezzo orario e siccomu, oltre tutto, avemu solo un viaggio, iù mi spicciu prestissimo. Appena ritorno io, parti tu cù tò nonnu, ci siamo?

MARIA – Ci siamo.

PASQUALE – (nel sonno) Sunaru!

CARMELO – Ma ‘u sai ca tò nonnu…

MARIA – Sì, me ne sono accorta anch’io. Coincidenze e basta… figurati!

CARMELO – Mah! Può essere.

MARIA – Nessuno sta suonando, infatti. Vedi che ho ragione io?

(Si sente suonare alla porta. I due si guardano esterrefatti).

CARMELO – Coincidenze, vero? (Va ad aprire e ritorna un momento dopo, con una bottiglia di latte) Il lattaio. Secunnu mia, invece, un pocu mavaru c’è. Pirchì non ni facemu dari qualche bellu ternu? Tu ‘u vo’ mannari a’ casa! Avanti, mi ni vaiu ca si fici tardu. (Bacia la moglie ed esce).

2 –

PASQUALE – (ancora non del tutto sveglio) Maria!

MARIA – E chi è, vossia, sulu quannu dormi, si riorda comu mi chiamu?

PASQUALE – Quannu si mangia?

MARIA – Ora ci priparu ‘u latti.

PASQUALE – (ormai sveglio) Comu, ‘u latti? E ‘a pasta?

MARIA – La pasta più tardi. Ora c’è ‘u latti. Avanti, si issi a lavari e poi fa colazione.

PASQUALE – (fatica notevolmente ad alzarsi e resta curvo, per un po’) Varda ca ristai ‘nciccatu! ‘Nta ‘stu divanu, non si po’ dormiri, ‘u sai, veru?

MARIA – Lo so, lo so. Ma, tantu, vossia non ci dormirà più, non si preoccupi. Ci priparu ‘u latti.  (Va in cucina).

PASQUALE – (da solo) Ma ieri sira, pirchì mi cuccai ccà? Boh?

MARIA – (f.s.) Nonno, vada a lavarsi!

PASQUALE – Chi camurria ca è, chista! (Esce).

(Maria rientra, un momento dopo, con la tazza di latte. Accende la tv e finisce di fare colazione. Poco dopo, entra Alessia, in un succinto baby-doll, dalla porta di sinistra).

3 –

ALESSIA – (vaga nella stanza, verosimimilmente, alla ricerca di Anselmo) Anselmo! Anselmo!

MARIA – (sorpresa e per l’abbigliamento della ragazza e per il fatto che stia cercando Anselmo) Alessia! Dove vai? Fermati! (Le si accosta) Ma perché non hai messo gli occhiali?

ALESSIA – Ma chi è, si ni ivu?

MARIA – Chi?

ALESSIA – Anselmo. Si ni ivu?

MARIA – (frastornata) Comu… “si ni vu”? Scusa, non avete dormito insieme?

ALESSIA – (scandalizzata) No! Iddu nel suo lettino e io nel mio!

MARIA – Ho capito. però eravate nella stessa stanza, mi pare!

ALESSIA – (confusa) Boh? Io non l’ho visto. Chi è, si ni ivu?

MARIA . (bussa alla porta) Anselmo!

ANSELMO – (f.s.) Cu’ è?

MARIA – E chi può essere? Io, sono, Maria!  Muoviti, per favore, vieni qua!

ANSELMO – (f.s.) Aspetta un secunnu… Staiu circannu Alessia… ‘A persi!

MARIA – Ma unni ‘a sta’ circannu? Dentro i cassetti!? Alessia qua è!

ANSELMO – (entra. È in pigiama)  Unn’è? Alessia, gioia! Mi facisti preoccupari, ‘u sai? (L’abbraccia) Ti circai macari sutta o’ lettu…

ALESSIA – Anch’io ti ho cercato?

ANSELMO – Sutta o’ lettu?

MARIA – (sarcastica) E com’è che non vi siete incontrati?

ALESSIA – Non mi ricordo. Ma tu unn’eri?

ANSELMO – Curcatu. Unni puteva essiri?

ALESSIA – Ma io non ti ho visto.

ANSELMO – Normale.

MARIA – Ma perché non le fai mettere gli occhiali?

ANSELMO – E chi cangia? Sempri ‘u stissu non ci vidi. Gli occhiali ci l’havi pì bellezza.

PASQUALE – (rientra. S’accorge di Alessia) Oh! E chi è questa bella signorinella?

MARIA – Nonno, vada a fare colazione!

PASQUALE – (sguardo fisso su Alessia) Dopo.

ANSELMO – Avaia, già ci ‘a presentai, nannu!

PASQUALE – E che anno era? Mah! Si vidi che non ci stesi attentu. Ma… macari ‘dd’annu aveva… tutta ‘sta roba?

ANSELMO – Ahu, nannu!

PASQUALE – Ahu, quali anno? L’anno scorso, du’ anni fa…? quannu m’a presentasti?

ANSELMO – Sì, du’anni fa! Assira!

ALESSIA – (a Pasquale) Buon giorno. Lei chi è, un altro cugino?

ANSELMO – Quali cugino, scimunita?! questo è nonno Pasquale.

ALESSIA – Uovo pasquale?

PASQUALE – (ride) No, aceddu cù l’ova!  Ora mi ricordo! Lei è surda!

ALESSIA – (lo corregge) Siciliana.

PASQUALE - Comunque, complimenti per il vestito, signorinella!

MARIA – (lo trascina al tavolo) Nonno, ‘u latti si è raffreddato! (A Alessia) Tu, fammi la cortesia, vatti a vestire ca è mugghi!

ALESSIA – Come?

ANSELMO – (urla) Vatti a vestiri ca pigghi friscu!

ALESSIA – Dove?

ANSELMO – Ho capito. (L’accompagna fino alla porta) Trasi.

(Alessia esce. Un attimo dopo, si sente il rumore di qualcosa che cade) Speriamo ca non si fici nenti.

MARIA – No, speriamo ca non rumpìu nenti.

ANSELMO – (grida vicino alla porta) Alessia, ti hai fatto male, gioia?

ALESSIA – (f.s. voce strozzata dal dolore) No!

ANSELMO – Menu mali. E allura, chi si mangia per colazione? (Si siede al tavolo) C’è qualche cappuccino?

MARIA – No, tutti chiusi in convento.

ANSELMO – In convento…? Chi era ‘na battuta?

PASQUALE – ‘U latti m’u vippi. Po’ purtari ‘a pasta.

MARIA – No, ora portu i cutuletti!

PASQUALE – Boni macari.

ANSELMO – Ahu, ma iù chi mangiu?

PASQUALE – No’ sintisti? Ora ci su’ i cutuletti.

MARIA – (a Anselmo) Il caffè l’hai preso. Se hai fame, qua c’è una fetta biscottata.

ANSELMO – E chi sugnu malatu? Non n’hai cornetti?

MARIA – Penso di no. Tò cucinu non è capace. Comunque, se succede, sarai informato.

ANSELMO – (intontito) Non ho capito mancu ‘na parola.  (A Pasquale) Vossia ‘u capiu chiddu ca dissi?

PASQUALE – Certu. Ora porta i cutuletti.

ANSELMO – Avaia, nannu! I cutuletti di matina?

PASQUALE – Pirchì, i cutuletti si mangianu di notti?

ANSELMO – Sì, va beni, va! (Malvolentieri, mangia la fetta biscottata).

MARIA – Hai visto che è buona, tutto sommato?

(Anselmo le lancia uno sguardo pieno di odio. Maria, intanto, riporta in cucina qualche tazza. Esce).

PASQUALE – (a Maria) Non ti scurdari i cutuletti!

ANSELMO – Ma ci su’ pì daveru, i cutuletti? 

PASQUALE – Chi ti pari ca mè soru è munzignara?

ANSELMO – Ma pirchì, i porta so soru i cutuletti?

PASQUALE – E non ‘a sintisti? Ma chi si’ ‘ntrunatu, figghiu miu?!

ANSELMO – Ah, chidda è so soru? Mai saputo ca ‘a muggheri di mè cucinu è so soru!

PASQUALE – E cu’ è ‘a muggheri di tò cucinu?

ANSELMO – ‘U sapi ca vossia mi ‘mbriacau completamente?

PASQUALE – Caro Augusto, di l’annu passatu a ora, ti trovu peggiorato.

ANSELMO – Iù, inveci, a vossia, ‘u trovu megghiu assai!

MARIA – (rientra) Avete finito?

ANSELMO –  Ho finito, grazie. Mi vippi un bellu cafè friddu e amaru, mi mangiai ‘na bellissima fetta biscottata sicca e liscia… Staiu scoppiannu! (a Pasquale)  Ha visto ca non ni purtò cutuletti?

PASQUALE – (ad Anselmo) ‘U sai ca si’ tragicu? Tu, dopu ‘u cafè, vulissi ‘a cutuletta?

MARIA – (approva) Bravo, nonno. Lascio questa tazza di latte per Alessia. Quannu si spiccia, glielo fai bere. (Esce nuovamente).

PASQUALE – Cu’ è Alessia?

(A destra si sentono dei rumori poi dei gemiti, infine un bussare frenetico alla porta).

PASQUALE – Stannu tuppuliannu.

ANSELMO – ‘U sintìi. Cu’ po’ essiri?

ALESSIA – (f.s.) Aiuto! Ristai chiusa ccà intra! Grapitimi! Aiuto!

ANSELMO – Alessia! Non ti scantari, amore, sto arrivando io! (Si precipita alla porta e apre) Ma chi si’ cretina?! ‘A porta era aperta!

ALESSIA – (lo abbraccia, tremamte e agitata) Matri, mi sintìi persa! Non trovavo l’uscita! Cascai ‘nterra du’ voti! Sugnu tutta stroppiata! Sbattìi macari ‘a testa!

ANSELMO – Sbattisti ‘a testa? E va bene, non ti preoccupari, nenti ti succedi. Veni ccà, cucciolotta, assettiti. Pigghiti ‘u latti. (La porta a sedere).

ALESSIA – (continua a lamentarsi. A Pasquale) Buon giorno.

PASQUALE – (come se la vedesse per la prima volta) Buon giorno! E  pirchì chianci ‘sta bella figghia? Chi hai, gioia?

ALESSIA – ‘Ntappai!

PASQUALE – Quann’eri nica?

MARIA – (rientra)   Che è successo?

ANSELMO – No, nenti, cascau e ‘ntappò ‘a testa.

MARIA – (a parte) Quann’era nica! (Ad Alessia) Ma com’è stato?

ALESSIA – (non sente) Ah?

MARIA – Ora m’u fazzu cuntari. (Ai due uomini) Voi, intanto, andate a vestirvi. Il latte glielo faccio prendere io. Avanti, forza, ancora ccà siti?

PASQUALE – Chi è ca voi?

MARIA – Vada a vestirsi! E di corsa!

PASQUALE - Minchiuni, iù a chissa non ‘a supportu! Ma è antipatica forti!  Unni schifiu m’avissi a vestiri, iù? I robi ci l’haiu dda banna! (Indica la stanzetta di destra).

MARIA – E pirchì non ci va?

ANSELMO – (A Pasquale) Amuninni, Va… Iemini a vestiri ‘nsemi.

PASQUALE – M’haiu a spugghiari cù tia?

ANSELMO -  Pirchì, si vergogna? Semu tutti dui masculi, no?

PASQUALE –E iù, proprio pì  chissu, non mi vogghiu spugghiari cù tia!

(Via, insieme).

4 –

(Maria ed Alessia, da sole. Durante il dialogo, Maria terrà sempre il volume alto, per farsi sentire da Alessia).

ALESSIA – Tu chi sei, la cuginetta?

MARIA – Sì.

ALESSIA – Cascai.

MARIA – Lo so. Comu cascasti?

ALESSIA – Accussì. (Si alza sta per buttarsi a terra).

MARIA – (la ferma appena in tempo) Ferma! Non c’è bisogno che me lo fai vedere! Puoi spiegarmelo a parole! Comunque, ho capito tutto, assettiti.

ALESSIA – Tu che pensi che il bambino si è fatto male?

MARIA – Quale bambino?

ALESSIA – (stizzita) Il bambino che ci ho nella pancia! Chi è, t’u scurdasti?

MARIA – No, no, stai tranquilla. Bevi questa tazza di latte.

ALESSIA – Il latte ci fa bene al bambino? (Comincia a bere).

MARIA – Certo. Posso farti una domanda?

ALESSIA – Se è facile, sì.

MARIA – I tuoi genitori lo sanno che sei scappata con Anselmo?

ALESSIA – Che sei pazza? ‘St’autru ci mancassi! Mio papà è generale dei carabinieri.

MARIA – Caspita! E tua madre?

ALESSIA – Mia madre è la moglie del generale.

MARIA – Naturalmente.

ALESSIA - Naturalmente.

MARIA – E che intenzioni hai? A casa, ci torni o no?

ALESSIA – Sì che ci torno. Dopo che nasce il bambino.

MARIA - Senti, Alessia, a proposito del bambino, io ti vorrei parlare…

ALESSIA – (sorride) Io ho pensato anche al nome, lo sai? Ludovico. Ti piace?

MARIA – Bello. Però, io credo che dovresti ragionare… riflettere e accettare l’idea che non c’è nessun bambino… che non sei incinta.

ALESSIA – Io sono incinta! Incintissima! Più incinta di me, non c’è nessuno, hai capito?

MARIA – Stai calma. Vedi, certe volte, succede che… insomma, è talmente forte il desiderio di avere un figlio, che una finisce per credersi veramente incinta. Ma è solo immaginazione, fantasia. Del resto, come fai a dirlo? Non hai fatto nemmeno le analisi! E fra te e Anselmo, oltre tutto, non è successo niente…

ALESSIA – Chi schifi uni sai tu? (Improvvisamente in collera) E‘ che tu sei invidiosa perché io sono incinta e tu no!

MARIA – Alessia, ti dico una cosa sola: vaffanculo! (Via, in cucina).

5 –

ALESSIA – (da sola)   Vaffanculo, tu!

(Rientrano Anselmo e Pasquale).

ANSELMO – Sì, però, vossia ha’ ghiucari giustu, no’ comu ‘a vigilia di Natali, ca mi fici sciamuniri!

PASQUALE – E’ ca tu non sa’ iucari, gioia. Pì chissu, ti cunfunni.

ANSELMO – Sì, va bene! (Ad Alessia) Amore, ti lassaru sula? Unn’è Maria?

ALESSIA – Boh?

ANSELMO – T’a vo’ fari ‘na partita e’ carti cù mia e ‘u nannu?

ALESSIA – Boh?

ANSELMO – (a Pasquale) Ioca, ioca. Idda sapi iucari bonu a’ scupa. Avanti, assittamini!

(Si siedono)

PASQUALE - Arriminu?

ANSELMO - Arriminassi. Allura, dissimu scupa, va beni?

PASQUALE – Ahu, sì! E quanti voti s’ha diri?

ALESSIA – E comu stamu iucannu?

ANSELMO - Cucciolotta, havi menzura ca ‘u dicemu! A’ scupa!

PASQUALE – (posa le carte sul tavolo) Avanti, isamuci.

ANSELMO – A cu’ tocca di isarici?

PASQUALE – A tò soru.

ANSELMO – (risentito) E pirchì si vota d’accussì, ora? Chi ci haiu fattu? Iù ci dumannai sulu…

PASQUALE – Ha’ visto ca non capisci nenti? Appoi unu non ti l’ha diri ca si’ bestia! Ti dissi ca ci tocca a idda, a tò soru! Ahu, ma si’ duru!

ANSELMO – Ma pirchì idda chi è mè soru?

PASQUALE – (stizzito) E allura, chi è, mè soru?

ANSELMO – Alessia è ‘a mè zita! (Ad Alessia) Diccilu macari tu, pì favuri!

ALESSIA – Che cosa ci debbo dire?

ANSELMO – Che sei la mia fidanzata!

ALESSIA – Veru, veru. Sono la fidanzata incinta!

PASQUALE – Incinta? E cu’ ‘a misi incinta, tu? (si sganascia dalle risate) Avanti, iucamu, va.

ANSELMO – M’u voli diri chi c’è da ridiri?

PASQUALE – (continua a ridacchiare) Nenti, nenti… (ad Anselmo) Isici.

ANSELMO – Poi dici ca cù vossia, unu non nesci pazzu! Non dissi ca ci hava a ghisari idda?

PASQUALE – Prima. Ma ora ca sacciu ca tò soru è incinta, è mugghiu  non farla strapazzari, ‘a carusa  Isici tu.

ANSELMO – (non capisce) Ah, certu. (Esegue)

PASQUALE – (mentre distribuisce le carte)  Ma chi ni stamu iucannu, nenti?

ANSELMO – Deci euro, a partita. Va bene?

ALESSIA – Cento euro, a partita.

PASQUALE – Mille euri, a partita!

ANSELMO – Ca ci ‘a finissi, mille euro!

PASQUALE – (urla, innervosito) Milli euri e basta!

ANSELMO – Ma iù non ci l’haiu, mille euro!

PASQUALE – Si è pì chissu, mancu iù.

ANSELMO – E allura…?

PASQUALE – E allura, mutu e ghioca! Tu veni a tirari.

ANSELMO – Tiru iù?

PASQUALE – Hai ragiuni. Iù vegnu. Minchiuni, haiu tri brisculi ‘nte manu! Tiru ‘a cchiù nica. (Gioca una carta).

ALESSIA – A com’è ‘a briscola?

ANSELMO – (furioso) Ma chi siti, pazzi, tutti dui?! Stamu iucannu ‘a scupa!

PASQUALE – E pirchì ti sta’ ‘ncazzannu? ‘U sapemu. Tira!

ANSELMO – Sì, tiru! Chi è ca tiru si mancu haiu caputu comu minchia stamu iucannu?!

PASQUALE – Si dici ‘n’autra malaparola, ti dugnu un colpu di bastuni, ‘nto battisimu!

ALESSIA – (improvvisamente tira fuori dalla giarrettiera, una pistola e la punta addosso ai due) E si non ci ‘a finiti, vi dugnu un colpu di pistola all’unu!

(Dopo un attimo di smarrimento, Anselmo e Pasquale, convinti che sia un gioco, ridono elettrizzati).

ANSELMO – Brava, Alessia! Di unni ti vinni ‘sta pinsata? Minchiuni, troppu bellu! (Ride entusiasta).

PASQUALE – (ride anche lui) Buttana d’a miseria, dda pistola pari vera!

ALESSIA – (fredda e seria) E’ vera. (I due continuano a sbellicarsi dalle risate) Ma chi siti, scemi? Ahu! Finitila!

(I due si trattengono a stento, dal ridere).

PASQUALE – Giustu. Si hamu a ghiucari s’ha ghiucari seriamenti!

ANSELMO – Sì ma a comu stamu iucannu? A guardia e ladri?

PASQUALE – Iù fazzu ‘u ladru!

ALESSIA – No, ‘a ladra ‘a fazzu iù!

ANSELMO – E nuatri chi facemu?

ALESSIA – I cretini.

PASQUALE – Comu, i cretini?

ALESSIA – I poliziotti cretini.

ANSELMO – Bellu, mi piaci!

PASQUALE – Ma no’ po’ fari iddu sulu ‘u cretinu? E iù fazzu ‘u poliziotto intelligente!

ALESSIA – No, tutti dui cretini. Ora, muti e assittativi.

ANSELMO - Alessia… ma…mi sta parennu ca  tu ci vidi megghiu!

ALESSIA – Sì, un pocu megghiu. E non fari vuci pirchì ci sentu. (Si avvicina all’ingresso della cucina e chiama, a voce alta) Cuginetta Maria! Vieni qui, per favore!

6 –

MARIA – (entra. Non si rende conto di quel che succede) Che state combinando?

PASQUALE – Stamu iucannu!

ANSELMO – Avanti, forza! Cchio’ssai semu, megghiu è! A idda chi ci facemu fari, Alessia?

ALESSIA – E chi po’ fari? La vittima.

MARIA – Ma… divintastivu tutti scemi?

ALESSIA – No, no, io non sono scema. Assettiti ché ora parliamo. E voialtri, finitela di fare casino, altrimenti m’incazzu pì daveru!

MARIA – (incredula e impaurita, si siede sul divanetto) Si può sapere perché…

ALESSIA – Sarò breve, accussì ni spicciamu. Dammi 20.000 euro e me ne vado.

MARIA – (sorride amaramente) ‘A vera orva surda e cretina, sono stata io, a quanto pare. Comunque, mi dispiace, gioia, hai sbagliato indirizzo, perché, in questa casa, non c’è un centesimo.

ANSELMO - Munzignara! Ci hai i soldi misi intra ‘na busta! V’i desi ‘u papà, pì Natali!

PASQUALE – Ma tu ha’ fari ‘u poliziotto, no’ ‘u latru!

ANSELMO – Sì, però sugnu un poliziotto cretino.

ALESSIA –La voce dell’innocente ha parlato di una busta. Hai sentito?

MARIA – No, io ho sentito la voce dello stronzo! Non c’è più niente, nella busta, per la semplice ragione che abbiamo pagato un sacco di debiti. Per la precisione, non c’è cchiù mancu ‘a busta!

ALESSIA – Va bene. Niente busta. E allura, ‘u sai chi facemu? Tu, ora, ti ni vai da tua nonna…

ANSELMO – Come Cappuccetto rosso! (Ride)

ALESSIA – Però, anziché purtarici le focaccine, ti fai dare i 20.000 euro. La nonna, i soldini ce l’ha!

MARIA – Insomma, sai tutto.

ALESSIA – E pì forza! Sugnu zita con uno della famiglia!

MARIA – Ho capito. Peccato che c’è un piccolo problema. Mia nonna non capisci nenti, è malata di alzheimer! Quella, neanche sotto tortura, tirerebbe fuori 20.000 euro!

ALESSIA – In questo malaugurato caso, qualcuno, oggi, ci lassa ‘a peddi.

PASQUALE – Ma nuatri chi facemu, nenti? Chi minchia di poliziotti semu?

ANSELMO – Che dice, collega, interveniamo?

ALESSIA – (ai due) Ci ‘a finiti o no, cretini?

ANSELMO – Ah, già, semu cretini!

ALESSIA – (a Maria) Tu non vuoi ca qualcunu mori, veru? E allora cerca di convincere la nonnina ca è megghiu pì tutti. Forza, non perdiamo tempo, muoviti! Ti do un’ora, dopo di che… pam, pam! (Punta la pistola su Pasquale). Vedi che un’ora passa presto, cuginetta!

MARIA – Guarda che è tutto inutile. O mi dai un’ora o mi dai una settimana, è la stessa cosa!

ALESSIA – Senti, bedda, vidi ca iù non scherzu! Tantu non ci ho niente da perdere. O porti i soldi o ‘i trovi morti a tutti dui! Prima comincio col nonnino scemo…

PASQUALE – Ahu, cuì è scemu?!

ALESSIA – Quindi, ti cunsigghiu d’annacariti!

(Maria, in silenzio, si avvia verso la comune. Esce).  

ALESSIA – Ah, cugina Maria!

MARIA – (rientra per un momento, dopo avere indossato un giaccone) Che c’è ancora?

ALESSIA – Un avvertimento. Non fare minchiate… niente polizia, carabinieri, vigili urbani… nuddu! Mi sono spiegata, vero?

MARIA – (annuisce) Mi puoi fare un piccolo favore? Comunque vada, fammelo trovare morto questo stronzo! (Indica Anselmo. Esce).

7 –

ANSELMO – Ma pirchì mi dissi strunzu?

ALESSIA – Perché ti vuole bene.

PASQUALE – Sì, però sta iucannu idda sula! Accussì, iù non mi divertu!

ANSELMO – S’u voli mettiri ‘nta testa ca semu du’ poliziotti cretini?!

PASQUALE – Va beni, ho capito ma “troppu” cretini! Vogghiu ‘na pistola macari iù!

ANSELMO – Ma pirchì ha fari ‘u sconzaiocu, ah?

PASQUALE – (ad Alessia) Ahu, tu, comu ti chiami, dammi dda pistola!  (Le si avvicina).

ALESSIA – Fermu! Si fa ‘n’autru passu, ci sparu! S’assittassi.

PASQUALE – (esegue) Però non è giustu. Sempri idda, sempri idda! Ioca sulu idda!

ALESSIA – Non vi preoccupati ca ora, iucati macari vuatri. Anselmo… Di là, nell’armadietto, ho visto ‘mbellu pezzu di corda… Vallu a pigghiari!

ANSELMO – E c’ha’ fari c’a corda?

ALESSIA – (urla) Vallu a pigghiari e basta!

ANSELMO – (recita) Si non mi punti ‘a pistola, non mi movu, delinquente!

ALESSIA – (gli punta la pistola alla tempia) Va’ a pigghiari ‘a corda.

ANSELMO – Ora, ci semu. (esegue e rientra subito dopo con la corda).

ANSELMO – (continua a recitare) Teni, cosa fitusa! Affuchiti!

ALESSIA – E ora, assettiti! (Si prepara a legare Anselmo alla sedia quando si sente, fuori scena, la voce di Carmelo. A quel punto, Alessia desiste).

CARMELO – (f.s.) Maria! Sono tornato! Maria! E chi è, morsiru tutti? (Entra)

ALESSIA – (gli punta la pistola) Pocu, ci manca. Ciao, cugino Alfio. Non ti preoccupare, stiamo giocando… Assettiti!

ANSELMO – Alfio, non ti scantari… è pì scherzu! (Recita) Ti conviene ubbidire, giovanotto… Nuatri semu du’ poliziotti ma, siccomu siamo cretini, non ti possiamo aiutare. Vero, collega?

PASQUALE – No’ sacciu, mi cunfunnìi…

ALESSIA – (a Carmelo) Assettiti! (Carmelo, totalmente inebetito, siede sul divanetto) Voi due! Legatelo!

PASQUALE – ‘Stu iocu non ci havi nè testa nè cuda!

ANSELMO – Collega, facemu quello che ci ordina, altrimenti ‘sta pazza spara! Però, ci devi puntare la pistola, Alessia, non ti l’ha’ scurdari! (Alessia punta loro la pistola)

ALESSIA – E spicciatiti!

ANSELMO – Minchiuni, bellissimo! Mi fici scantari pì daveru! Moviti, collega! (Legano Carmelo, mani e piedi).

CARMELO – (tenta di resistere e ostacolare la loro operazione) Ahu, ci ‘a finiti?

ANSELMO – Non fare resistenza, Alfio… Vidi ca chidda spara!

PASQUALE – Veru è, statti fermu, Alfio!

ALESSIA – Ti conviene stare calmo, Alfio.

CARMELO – Sinti, attaccatimi, sparatimi ma, per cortesia, non mi chiamati Alfio! Il mio nome è…

ALESSIA – Basta! Mi siddiai a sintiriti!

CARMELO – (con un filo di voce)  Ma… sugnu pazzu iù o siti pazzi vuatri?

ANSELMO – Non ha caput unenti, chissu! È un gioco, Alfiuccio!

CARMELO – (preoccupato) E Maria dov’è?

ALESSIA – Sta bene, sta bene. L’ho mandata dalla nonna perché mi deve fare un piacere…

CARMELO – Un piacere?!

ALESSIA – Si deve fare dare dalla nonna 20.000 euro, per me, ca n’haiu di bisognu.

CARMELO – Parola d’onore, ‘ntrunai. Chiddu ca ioca, ‘u nannu in stato confusionale, mè muggheri ‘nta nonna, a dumannarici 20.000 euro…iù,  attaccatu comu un salami…  e chissa ca fa vuci cù ‘na pistola ‘nte manu! Tutti ‘sti minchiati m’i staiu ‘nsunnannu o su’ veri?

PASQUALE – Havi ragiuni, non si capisci nenti. È mugghi ca iucamu e’ carti…

ANSELMO – Pì mia, putemu macari iucari e’ carti. Chi dici, tu, cucciolotta?

ALESSIA – (urla, innervosita) Ma quali cucciolotta, scimunito! E ora, stativi tutti muti! E aspettiamo con santa pazienza la cuginetta Maria!

CARMELO – Con i 20.000 euro.

ALESSIA – Eh!

CARMELO - Canuscennu ‘a nonna ca oltretutto, non capisci neti pirchì ci havi l’alzheimer, mi pari leggermente difficile.

ALESSIA – E allora, prega. Pregate tutti ca porta i soldi sennò questo giorno, pì vuatri, non sarà l’ultimo dell’anno ma l’ultimo della vostra vita! Perciò pregate.

CARMELO – ‘U voi un cunsigghiu? Prega anche tu. Prega che l’ispettore ca sta sopra di noi, al quinto piano, non ci veni l’idea di farini visita…

ALESSIA – Ti ni putevi inventari ‘n’autra menu cretina! Guarda caso, al quinto piano, ci sta un ispettore! Ti paru daveru accussì bestia, di cridirici?

CARMELO – Secondo me, se sente rumori sospetti o addirittura un colpo di pistola, t’u ritrovi ccà, l’ispettore, tempu ‘nsecunnu.

PASQUALE – E ‘u maresciallu? Alfio, ti scurdasti ca ogni tantu ni veni a truvari ‘u maresciallu!

ANSELMO – Veru… ‘u maresciallu! Non sta ccà, macari iddu?

ALESSIA – (ride) E che hanno trasferito la centrale di polizia, ‘nta ‘stu palazzu?!

CARMELO – Io ti ho avvertita.

ALESSIA – Si non ci ‘a finiti, l’ispettore non senti sulu un colpo di pistola… Ni senti tri!

 (Pausa di silenzio. Si sente, amplificato il tic-tac di un orologio).

CARMELO – (ad Alessia) Senti, scusami… è giustu p’ammazzari ‘u tempu… pì fari quattru chiacchiere… Tu seo o non sei la ragazza di mè cucinu?

ALESSIA – (ride) Io, la ragazza di quel coglione? Ma chi è, ‘ntappasti?

ANSELMO – (a Pasquale) Ma parrava di mia?

PASQUALE – E si dissi “coglione”, di cu’ puteva parrari?

CARMELO – Mah!

ALESSIA – Che cosa c’è che ancora non ti è chiaro, becchino?

CARMELO – No, No… stavo pensando che ieri parevi surda. orva…

ALESSIA – Mi è sempre piaciuto recitare. Anzi, quand’ero bambina…

(Viene interrotta dall’ingresso di Maria e della nonna).

 8 –

NONNA – (f.s.) Si mi cuntasti qualche minchiata, ti ni fazzu pentiri! Unn’è chissa?

MARIA – (f.s.) Stai calma, nonna e sta’ attenta ché è armata!

(Entrano la Nonna e Maria).

NONNA – Unn’è?

ALESSIA – (le punta la pistola) Ci ‘a finisci di fari burdellu?! (A Maria) Iù non ti dissi di purtarimi a tò nonna… ma di purtarimi i soldi!

MARIA – Ci sunu, ci sunu, i soldi… Ce l’ha lei, nella borsa. Chi ci pozzu fari se non mi ha creduto ed è voluta venire?

NONNA – (a Maria) Sarebbe ‘sta sciamunita, chidda ca voli i me’ soldi?

ALESSIA – Sì, sono io, molto lieta. E siccome sugnu sciamunita, stassi attenta ca ci pozzu sparari ‘nta frunti! Mi dassi i soldi e tolgo il disturbo. Avanti, annacamuni!

NONNA – (si accorge del marito, Pasquale ed ha un sussulto) Pasqualino! E tu chi ci fai ccà?

MARIA – Comu, chi ci fa? Nonna, te l’ho ripetuto cento volte che il nonno è qui!

PASQUALE – Cu’ è ‘sta signora?

NONNA – (commossa ed emozionata) Pasqualino, io sono, Cuncittina! Tò muggheri!

PASQUALE – (la riconosce) Cuncittina! Ma unni ha’ statu? ‘U sai quant’havi ca ti cercu?

NONNA – No, quant’havi?

PASQUALE . Non m’u riordu ma havi assai ca ti cercu!

NONNA – Macari iù! Ti circai ‘nta stanza di lettu, ‘nto bagnu, ‘nta cucina, ‘nto balcuni…!

PASQUALE – Taliasti ‘nto ripostiglio?

NONNA – Sì!

PASQUALE – Sutta ‘u lettu?

NONNA – Sì!

PASQUALE – E iù non c’era!

NONNA – No!

PASQUALE – Ma taliasti bonu?

NONNA – Ca certu! Ma unn caddu eri ‘nficcatu?

PASQUALE – No’ sacciu! Abbracciami, Cuncittina!

NONNA – Pasqualino!

(Si abbracciano tra le lacrime).

ALESSIA – Scusate se disturbo questo bel quadretto romantico… Niscemu fora ‘sti soldi o finisci mali, oggi!

CARMELO – (ancora legato) Qualcuno mi vuoli sciogghiri, pì favuri?!

(Anselmo gli si accosta per slegarlo).

ALESSIA – (lo blocca) Fermu, tu! State tutti fermi, avete capito?

MARIA – Nonna, ti prego, dacci ‘sti soldi e accussì ‘a finemu!

NONNA – (tira fuori una busta dalla borsetta) Te’ ccà, strunza! T’avissiru a fari cancuru e vilenu!

ALESSIA – Grazie dell’augurio! (Apre la busta e s’infuria) Ma ccà ci sunu sulu 10 euro!

MARIA – (anch’essa sorpresa) Come… 10 euro?!

NONNA – (a Alessia) Si ti parunu assai, tornami ‘u restu!

ALESSIA – Ma mi vuoi pigliare per il culo?! Vecchia strologa, bestia e rincoglionita!

PASQUALE – (furente) A mè muggheri, ci dici strologa rincoglionita?! Iù ti levu d’o munnu!

 (Ingaggia una lotta con Alessia, durante la quale, parte, accidentalmente un colpo di pistol. Pasquale rimane colpito e cade a terra, accanto al divanetto. Tutti lanciano urla disperate. Alessia rimane impietrita).

TUTTI – Nonno! – ‘U ‘mmazzau! - Pasqualino! Non mi lassari ‘n’autra vota! – Nannu, iucamu e’ carti, si susissi!

ALESSIA –(del tutto inebetita) Ve lo giuro, no’ fici apposta! Non volevo, io! Fu iddu! Io non avrei mai sparato! Non ho mai ammazzato nessuno, io!

(E tra i lamenti e il pianto di tutti…)

PASQUALE – Sunaru!

(I presenti rimangono disorientati e sorpresi).

NONNA . Matri, vivu è!

MARIA – Nonno!

PASQUALE – Sunaru!

NONNA – Sta delirannu… ma è vivu!

CARMELO – Non pensu ca delira.

(Si sente suonare convulsamente)

CARMELO –  Visto che non delirava? ‘U nannu, macari mortu, fa ‘u mavaru!

(Maria corre ad aprire e rientra, un momento dopo con l’Ispettore).

9 –

ISPETTORE – (pistola in pugno, urla ad una stralunata Alessia) Posa l’arma sul tavolo e allontanati con le braccia alzate! Muoviti!

ALESSIA – (esegue come un automa senza volontà) Io non c’entro… Non ho fatto niente, io. Non sarei capace, io…

ISPETTORE – (rapidamente, s’impossessa della pistola e poi ammanetta Alessia. Ai presenti) Ho sentito il colpo di pistola e mi sono precipitata qui, di corsa…

CARMELO – (ad Alessia) Ha’ visto? Che ti dicevo, io? Tu non mi vulisti cridiri.

ISPETTORE - Qualcuno è rimasto ferito?

MARIA – Mio nonno, un momento fa, pareva morto…

PASQUALE – (ancora intontito) Ci grapistivu?

CARMELO – Sì, nonno… c’è l’ispettore.

ISPETTORE –  E allora, nonnino, comu si senti? Chi è ca si fici?

MARIA – Sembrava che fosse stato colpito al petto ma evidentemente…

PASQUALE – (si riprende e si accorge dell’ispettore) Cu’ è, ‘u maresciallu?

ANSELMO – Sì, ‘u maresciallo, vinni.

CARMELO – Vossia comu si senti?

PASQUALE – ‘Mpocu strapazzatu. Ma chi fu, mi spararu ccà…? (Si palpa il petto poi, da sotto gli indumenti, tira fuori una grossa, vecchia sveglia, frantumata dalla pallottola) ‘A bedda sveglia si rumpìu…

MARIA –  Ma vossia chi ci faceva cù ‘na sveglia, messa là?  Ecco lo scudo che ha salvato mio nonno! Una vecchia sveglia! E se non l’avesse avuta…

NONNA – (a Maria) A ‘st’ura, mortu era, mortu! Matri, mi staiu sintennu ‘npocu mali… ‘Na lisioni mi sta pigghiannu…!

MARIA – Vieni con me, in cucina, nonna… ché ti do qualcosa. (Via, con la Nonna).

10 –

PASQUALE – (con la sveglia tra le mani) Ci appizzai ‘na sveglia, signuri mei…!

ISPETTORE – E lei deve ringraziare ‘sta sveglia, se è ancora vivo! Il proiettile ha colpito la sveglia ma, fortunatamente, non lei.

CARMELO – Carusi, chissu è culo!

PASQUALE – Sì ma intanto, a mia, mi ristò ‘a sveglia rutta!

ISPETTORE – Megghiu ‘a sveglia rutta che lei morto, no?

PASQUALE – (convinto che a sparare sia stato l’ispettore, visto che,  ovviamente, impugna una pistola) Disgraziata! Mi rumpiu ‘na sveglia ca valeva un sacco di soldi! Ora, lei m’a pava, è giustu?

ISPETTORE – (paziente) Ma… sta scherzando, vero? Io devo pagarle la sveglia? E che c’entro io, scusi?

PASQUALE – Comu, chi c’entra? Lei sparau, lei mi ruppi ‘a sveglia e lei m’a pava!

ANSELMO – Ah, fu idda ca sparau?

PASQUALE – E no’ vidi ca ci havi ancora ‘a pistola ‘nte manu, bestia?!

ISPETTORE – Signor Pasquale, guardi che , a sparare, è stata questa bella signorina!

ANSELMO – Lei sta accusannu a mè zita?!

ISPETTORE – E cu’ è ‘a so zita?

ANSELMO – Brava! Ah, perciò, mancu ‘a canusci e dici ca fu idda?!  ‘U sapi ca lei è curiusa forti?

ISPETTORE – (a Anselmo) Io a lei havi ‘na simana ca ‘u canusciu… Ci cridi che ancora non ho capito se è troppo cretino o troppo furbo!?

ALESSIA – (stancamente) La prima, la prima.

PASQUALE - Comunque, ‘a vulemu finiri cù tutti ‘sti chiacchiri? Lei, cara marescialla, di ccà non si ni va, se prima non mi duna i soldi d‘a sveglia!

CARMELO – Avaia, nonnu, ca ci ‘a finissi! Avissi a essiri cuntentu e inveci…

PASQUALE - Cuntentu? Buttana d’a miseria, mi rumpìu ‘a sveglia e devo essere contento? Ma chi si’ scemu, macari tu, Alfio?!

ISPETTORE – (furiosa) Ma lo vuole capire ca iù non ci haiu rumputu nenti? Semmai è  lei ca ora mi sta cuminciannu a rumpiri i…!

CARMELO – (la interrompe) Ispettore! Ma ‘u lassassi perdiri! Chiuttostu, qualcunu mi voli sciogghiri, per cortesia?

ISPETTORE – A proposito, ma lei che ci fa legato in quel modo?

CARMELO – (indica Pasquale e Anselmo) ‘Sti dui mi hanno legato, ispettore!

ANSELMO – Va be’, pì ghiucari, no?

ISPETTORE – Un momento, chiariamo quest’altra faccenda…

PASQUALE – Sintissi, senza cangiari discursu! Niscemu i soldi d’a sveglia! Mi dassi 200 euro e non ni parramu cchiù!

ISPETTORE – Ma ci ‘a finissi, 200 euro!

PASQUALE – Ma pirchì, secunnu lei, quantu vali?

ISPETTORE – Non lo so e non m’interessa! Lo vuole capire che la cosa non mi riguarda?

PASQUALE – Lei ha sparato, sì o no?

ISPETTORE – No! Non ho sparato! Ma si continuamu di ‘stu passu, parola d’onore, finisci ca ci sparu sul serio!

PASQUALE – Unn’è ca mi spara?

ISPETTORE – Basta! Ci ‘a finissi! O quant’è veru che sono l’ispettore Li Pira…!

PASQUALE – (ad Anselmo) Chi è ca dissi?

ANSELMO – Dici ca è l’ispettore de’ pira!

PASQUALE – E iù sugnu ‘u vardianu de’ puma, de’ persica e di ‘na sveglia!

ISPETTORE – Ma pirchì, ogni volta che ho a che fare con voi due (indica Pasquale e Anselmo), mi veni l’esaurimento nervoso?

ALESSIA – Basta, amuninni! Mi purtassi in galera…!

 ANSELMO – (all’ispettore) ‘A porta pì daveru in galera?

ISPETTORE – No, m’a portu a passiari!

ANSELMO – Appunto. Perché Alessia non ha fatto niente… Stavamo giocando…

ISPETTORE – Chi è Alessia?

ANSELMO – La mia fidanzata! E quanti voti ci l’haiu a diri?

ISPETTORE – Ancora cù ‘sta fidanzata?! Ma chi se ne frega della sua fidanzata?!

ALESSIA – Ni vulemu spicciari, per favore?!

CARMELO – Mi volete slegare, sì o no?

ISPETTORE – (a Anselmo) Sleghi suo cugino!

ANSELMO – Ora, ora. Io, maresciallo, ci vuleva spiegari…

ISPETTORE – Non sono maresciallo ma ispettore!

ALESSIA – Ancora ccà, semu?! Non ci dassi cuntu, mi purtassi in galera!

ISPETTORE – (a Carmelo) Alfio, senta…

CARMELO – Ma pirchì mi chiamati tutti Alfio? Io, ve lo giuro, mi chiamo Carmelo!

ISPETTORE – Sì, sì ma andiamo al sodo. Domattina, lei e sua moglie dovete fare un salto alla centrale per firmare il verbale, va bene? Ora, facitamminni iri…

ALESSIA – Finalmente!

ISPETTORE -  Buona sera. Mi saluti la signora.

CARMELO – Buona sera e grazie di tutto.

ISPETTORE – Ma ci mancherebbe! Dovere, Alfio! (Via con Alessia).

CARMELO – (con un filo di voce) Carmelo!

11 –

PASQUALE – Grazie di che cosa? Ca mi strafuttiu ‘na sveglia, ‘sta sciamunita?! Idda spara! Ma chi spara, si non sapi sparari?!

ANSELMO – Ma appoi, non è mancu maresciallo, chissa!

CARMELO – (implorante) Mi vuliti sciogghiri?

PASQUALE - Minchiuni, si’ ‘na camurria, gioia! Unu ci havi i so’ caddi, ‘nta testa…!

CARMELO – (c.s.) Anselmo, fammi ‘st’opira di carità!

ANSELMO – (tra le lacrime) Si purtau a mè zita in galera, chidda, hai capito?

CARMELO – (urla, disperato) Maria!

MARIA – (entra di corsa) Che è successo?

CARMELO – Levami ‘sta corda ca mi si firmò macari ‘a circolazione!

MARIA – (lo libera) E fai tuttu ‘stu casinu?! Se l’è portata quella pazza, finalmente?

ANSELMO – (piange disperato) Non è giustu! Mih, non è giustu! (Piangendo, via, nella stanzetta di destra).

MARIA – E a quest’altro pazzo, quando se lo portano?

CARMELO – Sta arrivannu lo zio Ernesto, a pigghiarisillu.

(Pasquale, intanto, è rimasto imbambolato a guardare il soffitto).

MARIA – Che ha il nonno?

CARMELO – E chi ni sacciu?

MARIA – Nonno!

CARMELO – Nonno! Chi si senti mali?

(Pasquale resta immobile e assente).

MARIA – Nonno, chi havi?

CARMELO – (a Maria) Ma chi ci pigghiò, ‘na paralisi?

PASQUALE – (in trance) Dda supra, c’è ‘na striscia blu, ‘a viditi?

CARMELO – ‘Na striscia blu… unni?

(Carmelo e Maria guardano nella stessa direzione del nonno).

PASQUALE – E di supra ci su’ scritti quattru nummira, i viditi?

CARMELO – (a Maria) ‘Na pinna e ‘nfogghiu di carta, prestu!

MARIA – (esegue rapidamente) Ecco qua!

PASQUALE – ‘I vidu e n’e vidu…

CARMELO – Si sfurzassi!

MARIA – Nonnu, taliassi bonu!

PASQUALE – 2, 25, 48, 90. Piccatu, scumpareru!

CARMELO – (bacia Pasquale) Si ni futtissi… ci arrivai, a scrivirli!

MARIA – Non perdiri tempu, valli a giocare!

CARMELO – Di cursa! Mi dispiaci ca ‘stamatina, mi ni fici ‘n’autra, iucata… S’u sapeva…!

MARIA – Cangiatilla, ‘sta giacca… ca fai impressione e porta male!

CARMELO – Porta bene, porta! Mi ni scappu, prima ca non ci arrivu! (Esce di corsa).

12 –

PASQUALE – (deluso) Scumparìu macari ‘a striscia blu.

MARIA – (tra sé) Mi scurdai a mè nonna ‘nta cucina! (Torna in cucina e rientra con la nonna).

NONNA – No, no, mi sentu megghiu… Accumpagnami a casa.

MARIA – Ma che casa, nonna! Avanti, vi lascio un po’ soli. Chissà quante cose avete da raccontarvi…! Io sono in cucina. (Via).

(Seduti al tavolo, i due, non si riconoscono e, per qualche secondo, restano in silenzio, ad osservarsi).

NONNA – Lei è un parente?

PASQUALE – Parente… di cui?

NONNA – Di dda carusa… comu si chiama…

PASQUALE – Ah, Caterina. Sì, è mia sorella. E lei, chi è, un’amica?

NONNA – No, sono la mamma di… come si chiama…?

PASQUALE – Di Caterina?

NONNA – Bravo, di Caterina.

PASQUALE – Piacere. Io sono Pasquale.

NONNA – Concettina. Tanto piacere.

(I due si stringono la mano).

PASQUALE – Gliela posso fare una domanda… un po’ intima?

NONNA – Prego.

PASQUALE – Lei… è libera?

NONNA – Quannu… oggi?

PASQUALE – No, dico, va… è fidanzata, maritata oppure è libera?

NONNA – Ca quali maritata?! Sono libera come una passera! E lei?

PASQUALE -  Comu un cardiddu! Liberissimo! Ma perché non ci diamo il tu? Tanto, siamo coetanei, mi pare… Quanti anni hai… 29, 30…?

NONNA – Magari, gioia! Io ci ho 38 anni!

PASQUALE – Però, li porti benissimo! Iù t’avissi datu al massimo, 30 anni! Con la condizionale! (Ride, imitato da Nonna). Iù, invece, sugnu cchiù vecchiu… 40! I fici ieri.

(Hanno un momento di timidezza. Pasquale, alla fine, si decide e le prende una mano).

PASQUALE – Che bella mano che ci hai!

NONNA – (sorride compiaciuta) Grazie. Ci mettu sempri ‘a crema.

PASQUALE – ‘Nta una sula?

NONNA – (ride) Chi c’entra? ‘Nta tutti du’ manu! Sei veramente simpatico!

PASQUALE – Anche tu!

NONNA – No, tu di più!

PASQUALE – Non diciamo minchiate, tu, di più!

NONNA – E poi, chi sacciu, è come se ti conoscessi da tanto tempo!

PASQUALE – La stessa sensazione ci haiu iù.  Sunaru.

NONNA – Come?

PASQUALE – Sunaru. No’ sintisti?

NONNA – No.

PASQUALE – Eppure, sunaru.

(Si sente suonare alla porta). 

MARIA – (guarda con tenerezza i due) Che fanno i miei piccioncini?

PASQUALE – Sunaru.

MARIA – Ho sentito. È sicuramente zio Ernesto. Arrivo! (Via. Rientra con zio Ernesto e zia Rosaria).

13 –

ERNESTO –  Cridimi, Maria, unu si fa ‘u sangu, acqua cù ‘stu disonestu di mè figghiu! (Indica Rosaria) ‘Sta puviredda di tò zia si è esaurita, appressu a iddu!

ROSARIA – Esaurita, esaurita!

ERNESTO – E cu’ c’è, tò nonna? (Si avvicina ai due).

MARIA – (a Rosaria) Siediti, zia.

ROSARIA – (si siede) Esaurita, esaurita!

MARIA – Sì, l’ho capito.

ERNESTO – (a Nonna) Signora carissima, come andiamo? E allora, zu Pasquale, finalmente ci stiamo godendo la mogliettina, ah?

PASQUALE – Senza curriri! Quale mogliettina? Mi dassi ‘u tempu, no? Nuatri, ora, ni stamu canuscennu. Momentaneamente, diciamo che la simpatia c’è… poi si vidi!

NONNA – Come si dice? Se sono rose, “sfioriranno”.

MARIA – Nonna! Tu sei sua moglie e lui è tuo marito! E chi è, semu puntu e a capu?

NONNA – E io ti dico, va bene, va bene… può essiri ca ni maritamu ma, prima, ci dobbiamo canusciri megghiu, no?

PASQUALE – Giusto. Si ancora non semu mancu ziti, comun ni maritamu, s…ciocca?

ROSARIA – (interviene) Ma scusa, Maria, pirchì ‘sta primura di farli maritari?

ERNESTO – Rosaria, iddi su’ “già” marito e moglie!

ROSARIA – E allura, pirchì s’hanu a maritari n’atra vota?

ERNESTO – Appunto.

ROSARIA – Appunto.

ERNESTO – “Appunto”, chi? Ma statti muta, ca è megghiu!

ROSARIA – Sì, sì… megghiu ca non parru, va, pirchì sugnu  troppu, troppu esaurita… esaurita, sugnu!

ERNESTO – (a Maria) Hai capito? Haiu a cummattiri cù chissa che si è rincoglionita e cù ddu bestia di Anselmu!

ROSARIA - Rincoglionita, rincoglionita!

ERNESTO – A proposito, unn’è?

MARIA – Si è chiuso là dentro. (indica la stanza di destra)

ERNESTO – Si chiusi, ‘u disgraziatu! Ora ‘u fazzu nesciri iù! E si non mi grapi, parola mia, prima rumpu ‘a porta e poi ci rumpu i corna a iddu!

MARIA – No, zio, ti prego…

ERNESTO – Niente da fare, ci rumpu i corna

MARIA –  No, dico, ti prego, ‘a porta lassala stari com’è.

ERNESTO – (bussa alla porta energicamente) Anselmo!

ANSELMO – (f.s.) Cu’ schifiu è?

ERNESTO – Nesci fora, disgraziatu, nesci fora!

ROSARIA – Anselmo! Sono la mamma! Nesci fora, piccolo!

ANSELMO – (f.s.) Ti purtasti macari ‘a mamma?! Persi, semu!

ERNESTO – Vidi ca syaiu ittannu ‘a porta ‘nterra!

MARIA – Ma ti fissasti c’a porta, zio?

ERNESTO – Nesci, sì o no?

ANSELMO – (f.s.) Si nesciu, tu chi mi fai?

ERNESTO – Nenti ti fazzu, nesci.

ROSARIA – Nenti ti facemu, nesci!

(Finalmente la porta si apre ed entra Anselmo a testa bassa).

14 –

ERNESTO – Veni ccà, cosa fitusa! (Lo afferra per un braccio e, contemporaneamente, Rosaria lo tiene per l’altro braccio; insieme gli danno dei morsi violenti sulle braccia).

ANSELMO – (lancia urla strazianti) ‘U sapeva iù ca fineva a muzzicata stereofonica! Basta, no’ fazzu cchiù! Non scappu cchiù d’a casa!

ERNESTO – No, iù d’a casa t’abbiu fora, a pidati!

ROSARIA – (a Ernesto) Tu, a mè figgiu ‘u fa  stari a so casa! (Morso sul braccio di Anselmo)

ERNESTO – Ti dissi ca ‘u iettu fora! (Altro morso sul braccio).

PASQUALE – (che è stato sempre in disparte, seduto al tavolo, a corteggiare la Nonna, si rivoltge, contrariato,  al rumoroso gruppetto dei tre) Sì, però, parrati cchiù piano, per cortesia! (Prende per mano Nonna e, insieme, si appartano sul divanetto).

ERNESTO – (a Anselmo) Non ti dugnu ‘na sugghiata di vastunati perché non siamo in casa nostra ma appena arrivamu intra…! (Ancora un morso, imitato da Rosaria).

ANSELMO – E iù non ci tornu a casa! Mi ni staiu ccà!

ERNESTO – Statti unni ti piaci! Chi ti pari ca mi pinnu?

MARIA – Zio, tu non ti pinni ma iù sì!

ROSARIA – Mè figghiuzzu si ni veni a casa, cù mia!

ERNESTO – Ora, veni ccà, assettiti e parliamo da uomo a uomo!

ROSARIA – Parliamo da uomo a uomo, a mammuzza!

ERNESTO – Ti stai muta, Rosaria? (A Anselmo) E allora, unn’è ‘sta  tappinara ca mittisti incinta? Dda intra? (Indica la stanzetta di destra)

ANSELMO – Ma cui, Alessia?

ERNESTO – Chi sacciu comu minchia si chiama?!

ANSELMO – E’ in galera, è! (Piange)

ROSARIA – E pirchì, pirchì è incinta?

ERNESTO – T’ha stari muta, Rosaria! (A Anselmo) ‘A misiru in galera pirchì è incinta?

MARIA – Poi, poi vi spiego… E non vi preoccupate perché non è affatto incinta.

(Entra Carmelo con della roba da mangiare e una bottiglia di spumante).

15 –

(Carmelo saluta a soggetto gli zii).

ERNESTO – Noialtri ce ne andiamo, Carmelo… Hamu datu, già, troppu disturbu…

CARMELO – Lassa perdiri il disturbo… avanti, rimanete… Ho comprato un poco di scacciata, du’ crispeddi… Forza, ni mangiamu qualcosa e poi brindiamo insieme, al nuovo anno!

ERNESTO – No, grazie, non mi sentu… haiu ‘a vucca comu ‘u vilenu!

ROSARIA – Iù, poi, a zia, mi senu esaurita, troppu esaurita!

MARIA – Non ti preoccupare, ccà, tutti esauriti, semu! Avanti, assittativi, senza discussioni! Mi dispiace solo che non vengono i miei…

ERNESTO – Comu mai?

MARIA – Papà è a letto, influenzato… Che vogliamo farci?

(Gli ospiti siedono. Intanto, Maria si accinge ad apparecchiare la tavola e va avanti e indietro dalla cucina).

CARMELO – (ai presenti) Io controllo sul televideo si nisceru i nummira ca mi iucai…

(Accende la tv e, col telecomando,va alla pagina giusta).

ERNESTO – Quali su’ i nummira, Carmelo?

CARMELO – Li so a memoria. Fici du’ iucati. In una, 5, 40 e 55… e nell’altra, 2, 25, 48 e 90. (Appoggia i due biglietti giocati sul bracciolo del divanetto dove c’è ancora Pasquale con la Nonna) Ancora non ci sunu i nummira sul televideo. Vuoi una mano, Maria?

MARIA – Beh, sarebbe carino.

(Carmelo aiuta Maria ad apparecchiare. Pasquale, distrattamente, prende uno dei biglietti che stavano sul bracciolo e, mentre corteggia la nonna, lo riduce in cento pezzi… Il secondo biglietto è, invece, caduto a terra. Se ne avvede Anselmo che, senza dare nell’occhio, lo raccoglie, gli dà una sbirciata e lo conserva in tasca).

CARMELO – (controlla la tv) I numeri! Zio, veni ccà, macari tu ché il momento è solenne! (Ernesto gli si avvicina) Nenti, d’a prima iucata, niscìu sulu ‘u 40. Videmu, ora, a quaterna… Controlla anche tu.

ERNESTO – 2, 25… e poi?

ANSELMO - … 48 e 90. Tutti quattru ddà sunu, n’e viditi? 2, 25, 48 e 90.

CARMELO – (urla, eccitatissimo) Lo sapevo, io! Lo sapevo! Maria! Vincemu! 400.000 euro! Che ti dicevo, io? (Abbraccia, impazzito, tutti poi corre da Pasquale e lo bacia) Grazie, nonno! E cu’ ti lassa cchiù, a tia?!

(Tutti partecipano alla gioia di Carmelo e Maria. Pasquale e la Nonna vengono trascinati al centro della scena e tutti, in girotondo, a festeggiarli allegramente. Carmelo stappa lo spumante e si brinda alla vincita).

 MARIA – Dov’è il biglietto? Lo voglio incorniciare!

CARMELO –  Unni ‘u misi?

MARIA – Carmelo, non fare scherzi ca t’ammazzu!

CARMELO – No, no, li avevo posati tutti dui sul bracciolo del… (si accorge che i biglietti sono spariti) Iù, ccà, ‘i puggiai, sugnu sicuru… (Nota i pezzetti di carta sparsi per terra e urla, disperato) Nonno! Ma chi fici, scicò i biglietti?

PASQUALE – Quali biglietti?

CARMELO – I biglietti c’hava misu… (ha un mancamento e si lascia cadere sul divano).

MARIA – (preoccupata) Carmelo!

ERNESTO – Carmelo, avanti, nenti successi, nenti!

CARMELO – (con un filo di voce) Ma comu  nenti, zio?! 400.000 euro!

MARIA – (a Pasquale) Circassi di ricordare, nonno… li ha strappati tutti e due?

PASQUALE – Ahu, stati facennu burdellu, sulu pirchì mi misi a ghiucari cù ‘mpizzuddu di carta?!

CARMELO – Allura era “unu”! E l’autru?

PASQUALE – Chi mi sta’ cuntannu?

ANSELMO – Si ‘u bigliettu v’u fazzu truvari iù, chi mi dati?

ERNESTO – E tu chi c’entri?

MARIA – Zio, Anselmo c’entra sempre!

ANSELMO – (mostra il biglietto) Carusi, aviti culo! Primo, pirchì ‘u nannu scicò ‘u bigliettu ca non valeva nenti e secunnu pirchì chiddu bonu – chiddu di 400.000 euro – l’ho salvato io, sennò faceva ‘a stissa fini di l’autru! Dunque… pretendo la metà della vincita. Mi tocca, di dirittu!

MARIA – Ti facciamo un regalo però consegnami subito il biglietto!

ANSELMO – Quali regalo?! Chi si’ scema? La metà!

ERNESTO – Tornici ‘u bigliettu, delinquente!

ANSELMO – No!

MARIA – E va bene. Avrai la metà della vincita. Dammillu.

ANSELMO – Varda quant’è sperta! Ci vaiu iù a pigghiarimi i soldi e se vi comportate bene, vi dugnu ‘a vostra mità.

ERNESTO – Finiscila, disgraziatu!

ROSARIA – Ma lassaccillu stari ‘u bigliettu o’ carusu!

ERNESTO – Rosaria, statti muta e non diri minchiati!

(Tutti inseguono Anselmo che fugge a destra e a manca. Finalmente, viene bloccato. Maria gli afferra la mano che stringe il biglietto e sferra un poderoso morso. Anselmo lancia un urlo di dolore e lascia cadere l’agognato biglietto).

MARIA – (lo raccoglie rapida e poi, solleva le braccia, trionfante) Vittoria!

(Pasquale, fulmineo, sottrae il biglietto a Maria).

PASQUALE – (grida alla nonna) Amuninni, Cuncittina, scappamu!

NONNA – Di cursa, amore mio!

(Via entrambi, per la comune).

TUTTI – (restano attoniti poi vanno all’inseguimento dei due) Nonno – Zu Pasquale! – Si firmassi! – Ma unn’è ca iti?!

SIPARIO

       

 6 maggio 2014

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno