Villa Artemisia

Stampa questo copione

Argelide,

Villa artemisia

Commedia brillante in due atti

in dialetto bresciano

di

Velise Bonfante

Scena: La lussuosa veranda di una bella villa con una vetrata o balconata aperta per andare e venire dal giardino. Da un lato una porta d’entrata e dall’altro lato una o due porte per il resto dell’appartamento. Veranda arredata con una poltrona (magari a dondolo) tavolo e sedie.

Antefatto: La sera prima la contessa Mimì è partita per una vacanza in Egitto di 15 giorni. Quella mattina alcuni operai stanno lavorando nel giardino della villa per sistemare la piscina.

Personaggi:

1) Contessa Artemisia detta Mimì - madre di Ortensio/Mago Merlino

2) Conte Ortensio/Mago Merlino - figlio di Mimì

3) Cherubina detta Chery alla francese - Fata Morgana

4) Fedele – maggiordomo imitazione inglese

5) Cirillo – amico di Fedele

6) Mafalda – cameriera in villa

7) Giordano – idraulico della ditta che ripara le piscine

8) Gesuina – moglie di Giordano

9) Fata Turchina

ATTO I

Scena 1 - Ortensio chatta col computer mentre il magiordomo lo serve

Ortensio) (Entra, col cellulare all’orecchio e con un computer portatile, aperto e funzionante, che appoggerà sul tavolo. Annuisce sorridendo e mentre parla schiaccia i tasti del computer.) En momènt, fam capì… No, se pöl mia, me màder l’è ‘n crociera söl Nilo la pöl mia vègner a firmà… t’ho dit che l’è mia posibil, l’è vià per quindès dé. L’è partida ger sera, figüràs.

(Tutto impettito entra Fedele con un vassoio. Su questo vassoio ci saranno alcune spazzole per scarpe. Ortensio, continuando a parlare al telefono e trafficando col computer, lo vede e allunga prima una gamba e poi l’altra. Il maggiordomo, dopo un lieve inchino, senza parlare, coscienzioso gli spazzola prima una poi l’altra scarpa, impettito esce.)

Ortensio) (Sempre al telefono) ... sé, però ghe rèsta sèmper i supermercati.

(Rientra Fedele con un vassoio e tazzina del caffè che porgerà cerimoniosamente. Esce.)

Ortensio) (Beve il caffè) En momènt, varda che le me büstine de söcher j-è chèle pö gajarde de töte… e pò… va bé… e vöi mia sènter parlà de sciopero... va bé, s-ciaróm quan rie. (Spegne il telefonino, fra se)Cosa se crèdei j-operai? De comandà en de la mé fabrica! Ghe la do mé a lurle. Adès vó là e ghe dó na registrada de chèle giöste.

(Mentre Ortensio prosegue a lavorare al computer Fedele andrà avanti e indietro, la prima volta terrà una giacca per le spalle e poi aiuterà Ortensio ad indossarla. La seconda volta avrà in mano 3 fazzoletti e sul braccio 3 sciarpe: gli farà scegliere ciò che preferisce. Entrerà infine  una terza volta con due valigette 24 ore e tre orologi al braccio e gli farà scegliere anche fra quelli. Esce. Ortensio, quando sarà solo ad alta voce leggerà e scriverà le parole sul monitor, ispirato dai vari passaggi di Fedele.)

Scrive: …maggiordomo. Faccio il maggiordomo a Villa Artemisia.

Legge: chissà come sei bello con la divisa da maggiordomo

Scrive: un maggiordomo è solo un maggiordomo

Legge: non vedo l’ora di conoscerti. Dobbiamo combinare un incontro

Scrive: sicuramente

Legge: vieni tu o vengo io?

Scrive: vengo io... io appena ho una giornata libera

Legge: e se venissi io a da te?

Scrive: no. Tu non venire…

Legge: perché?

Scrive: perché verrò io

Legge: quando?

Scrive: ti farò una sorpresa

Pronto per uscire legge: a presto Mago Merlino

Scrive: a presto Fata Morgana

Ortensio) Ghe mancarès apena che la vègne! (Parlando fra se, controllando i documenti nella valigetta, o riponendo il portatile.) Chisà come che l’è chesta fata Morgana? G’ho dit che fo el magiordomo a Villa Artemisia. Pòde mia diga sübit che só el fiöl de la contessa Artemisia e che só pié de sólcc. Se la mangia la fòja che só siòr, l’è bèla buna de montàs el có. (Toccandosi le tasche) E le ciav de la machina endó èle? che g’ho isè frèsa.

Fedele) (Quasi gli legga nel pensiero, entra, porgendole.) Eco siòr conte.

Ortensio) Grasie. Sicür che g’hè dènter töt?

(Fedele annuisce e va ad aprirgli la porta, Ortensio lo saluta ed esce con computer e valigetta.)

Fedele) A stasera signor conte.

Ortensio) Ciao Fedele. A stasera.

Scena 2 - Mafalda riconosce Giordano e per vendicarsi chiede aiuto a Fedele

Mafalda) Fedele, (entra vestita da cameriera) Fedele, sculta, te ghe de fam en gran piazér. Te ghe de tignim bòta,  sculta, ansi, varda (accompagnandolo alla vetrata) el vèdet lüle?

Fedele) Lüle? Qual lüle? Gh’e sarà dés omasù che gira entùren a la piscina.

Mafalda) Lüle, chel co la camiza a righe.

Fedele) Ghe n’è du co la camisa a righe, giü col gilé e giü sensa.

Mafalda) Chèl sensa gilé. Chel col capèl. El vèdet? chel mès scundìt de drè de la pianta (descriverà l’attore - o alto o basso, o grande e grosso ecc. ).

Fedele) Chèl emboscàt de dré a la pianta? El vède. E alura?

Mafalda) Lüle l’è ‘l me Giordano.

Fedele) Qual Giordano? Chèl Giordano? (Osservando con più attenzione dalla finestra.) Set sicüra? Gh’è pasat vint agn.

Mafalda) Te dizé che l’è lü, vardel bé.

Fedele) Pòde vardal fin a caàm j-öcc Mafalda, ma en caarès gnènt. Nó l’ho mai cunusìt. N’ho sintìt en gran parlà ma sarès la prima ólta che ‘l vède.

Mafalda) Te garantése che l’è lü. L’è pròpe lü, só pö che sicüra. L’è chel porsèl del Giordano!! Chel bröt porsèl! Chesta l’è l’ocaziù de vendicàm. L’è ‘n pès che spètae chèsta ocaziù.

Fedele) I cinés i dis: fermèt sö la ria de en fióm e spèta, che prim o dopo…

Mafalda) Gh’è mia bisogn che j me la dize i cinès, el so a mé chel che g’ho de fa. Adès el sisteme chel bröt pòrch de en mamalöch.  Lüle, vint agn fa, dopo sich agn de muruse el m’ha molàt per spuzà gióna piena de sólcc.

Fedele) Lasa pèrder Mafalda, gh’è pasàt vint agn.

Mafalda) Lasà pèrder! Gna per schèrs Fedele. El bèlo g’hal vulìt spuzà la siura Gesuina bröta compàgn de l’orco ma con de ‘n pàder pié de sólcc? E adès ghe fó pròpe en bèl eschèrs.

Fedele) Se ‘l g’ha spuzàt gióna piena fe sólcc, sarà dificil faga en bel schèrs. I siòri de sólit i g’ha mia tant el senso de l’umorismo.

Mafalda) Lüle, l’è mia pö siòr.  L’è stat apó söl giornal. J-è nacc falicc sich agn fa. (Al pubblico) Per me l’è stat lü a mandà töt en malura. (A Fedele) Ad ogni modo, chel bröt rispurchì d’un Andalù, da padrù che l’era el g’ha duzìt piegà la gòba e nà a laurà sòta j-óter.

Fedele) Come fet a saì töte che le ròbe che?

Mafalda) G’ho semper tindìt. Se te ghesèt de saì quant tèmp l’è che spète chèsta ocaziù. Però l’è necesàre che te me tègnet bòta.

Fedele) Tignìt bòta Mafalda? Che garés de fa? Cosa ghét entensiù de fà?

Mafalda) Sculta la me idea. Ghe fó vèder la lüna en del spècc e po’ - a chèl bröt lömagù sensa gös - ghe piante na bèla pesadina en del dedré. (Fregandosi le mani contenta.) Pudia mia capitàm n’ocaziù pö giösta de chèsta, có la siura contessa en vacanza en Egitto. Lüle l’è sèmper stat ambisiùs, quan che se trata de sólcc el ragiuna pö, el capìs pö gnènt. (Nell’avviarsi lo prende sottobraccio.) Ise, adès, ghe faró crèder che me so…

Scena 3 -  Giordano entra in villa per avvisare che tolgono la corrente elettrica

(Escono. Nel frattempo Mafalda cambierà vestito e ne indosserà uno della contessa. Dopo qualche attimo di scena vuota Giordano entra dal giardino chiedendo “permesso”, si guarderà attorno meravigliato dal lusso della stanza.)

Fedele) (Entra, con sussiego) Signore? (Scandalizzato gli osserva le scarpe.) Le scarpe! (Disapprovandolo.) Le sò scarpe sö chèsto paimènt! (Col dito gli indica di uscire.) Fuori!

Giordano) (Torna indietro a pulirsi le scarpe, rientra togliendosi umilmente il cappello) So vignìt a diga che góm de lasà el cancèl dervèt perché góm de nà avanti e ‘ndré. E  so vignit a domandav endó che podom tacà na prolunga de la corente.

Fedele) Ghe na presa prope apena dènter del stabiòt de la lègna.

Giordano) Va bé. (Si avvia, poi torna sui suoi passi) El varde che el cancèl el resterà dervert, ma ‘l staghe mia a preocupas, ghe sóm noalter a tindiga. (Si avvia poi torna sui suoi passi.) Ah, pöl das che ògne tant góme de destacà el contatore. El se regole se el g’ha de doprà la corente.

Fedele) Come mai ghi de destacà el contatore?

Giordano) (Guardandosi sempre attorno.) Góm vist che en dei tubi che pasa en banda a la piscina gh’è dei fij co la corente. Sömea che ghe sape stat de le infiltrasiù de acqua, gh’è mia de schersà co la corènte. Za che ghe som ghe dóm n’öciada e se del caso giöstóm apó chèi.

Fedele) Va bé.

Giordano) Però gom de tirà zó el contatore.

Fedele) Va bé.

Giordano) El se ricorde però che quan tolóm vià la luce suna mia el campanèl. Se l’è dré a spetà vergü el ghe staghe atento perché pöl das che el campanel el sune mia.

Fedele) El staghe mia a preocupàs per el campanèl.

Giordano) Alura som a post e vó a dìghel al me capo. (Si avvia sempre guardandosi attorno.) Che vila! La gh’è amó la zènt piena de sólcc. (Torna sui suoi passi.) El me scüse, ma de chi éla chèsta bèla vila?

Fedele) L’è la vila de na siura contessa.

Giordano) Ma gh’èle amó al de de ‘ncö le contèsse?

Fedele) Sé, l’è gh’è amó. El ghe n’ha giöna pròpe che deanti ai sò öcc.

Scena 4 - Mafalda per vendicarsi si trasforma in contessa

Mafalda) (Che nel frattempo era entrata tutta elegante, avanza con stile e si rivolge al magiordomo con autorità.) Magiordomo, elà pronta la machina? g’ho de nà a fa (enfatizzando) shopping.

Fedele) (Riverente) Certo siura contessa, guidéla lé la “porsche” stamatina o ghe ciame l’autista?

Mafalda) Lasa sta l’autista, stamatina g’ho òja de guidà. Le ciav de la machina prego, (porge la mano) alura ste ciav de la machina? (molto molto autoritaria) Quan che parle vöi èser scultada. Fam mia dì le ròbe dò olte se te vöt mia èser licensiàt sö du pè.

(Fedele esce con un inchino per andare a prendere le chiavi della macchina. Restano soli. Giordano è senza parole. È intimidito, lui l’ha riconosciuta ma non è certo di essere stato riconosciuto.)

Mafalda) (Facendo finta con sorpresa di riconoscere Giordano.)Me conòset pö Giordano? Te set desmentegàt de me?

Giordano) T’ho mai desmentegàt Mafalda. Sul che cridie mia de catàt ché, en chesta villa.

Mafalda) Villa Atermisia. Te piazela?

Giordano) Piazìm! So sensa parole.

Mafalda) Sensa parole pròpe te! E se ghes de dit che chèsto l’è mio? Töt mio? Che so padruna de töt? Cosa fèt? Deèntet na statua?

Giordano) Chèsta vila l’è tò Mafalda?!

Mafalda) Sé. L’è mia. Vèdet come che el gira el mondo caro el me Giordano. Adès le ròbe le s’è roersade. Adès, so mé chèla piena de sólcc.

Giordano) (Sempre con difficoltà a trovare le parole) Ma… ma… come ghet fat a…

Mafalda) A deentà isé siora?! Semplice, caro Giordano…

(Fedele rientra e con un inchino le porge le chiavi della macchina.)

Mafalda) Te ‘l cöntaró n’altra olta, adès g’ho mia tèmp. (Al magiordomo con sussiego.) La me bursa prego.

(Fedele gli fa cenno che non ha comprso e lei con gli occhi gli fa capire di andare.  Fedele esce.)

Mafalda) Che siègn dré a di? Forse, che i sólcc i fa mia la felicità.

Giordano) I fa mia la felicità, giusto, (al pubblico) ma sarà mèi piànzer söl volant de na Porsche che söl manubrio de na biciclèta.

Mafalda) (Prosegue col suo discorso.) El set perché i fa mia la felicità? Perché apó se so piena de migliardi, só sula, vive de sula en chèsta grande vila.

 Giordano) Ma… ma…

Mafalda) Te ghe se stat apéna te en de la me vita.

Giordano) Ma… ma…

Mafalda) G’ho pö nüsu en banda. E gares bisògn de en po’ de compagnia.

Giordano) Ma… ma…

Mafalda) (Chiamando seccata il maggiordomo.) Fedele, e alura sta bursa? (A Giordano) Pö che de compagnia, vèdet, me ocorarès la mà de un om  per fa rigà drit la servitù. Me ocorarés un òm ché, en casa.

Giordano) J-òm jè òm. Gh’è gnènt de dì. A olte l’è asé la presenza de un òm per fa na bé töte le ròbe.

Mafalda) Certo, me só apena na pöera fómna piena de sólcc. Vive en chèsta grande vila. Quìndes stanse töte per me.  E so gna che fan. Só ché de sula, a parte el magiordomo, el segretario, el giardinier e na cameriera.

Giordano) (Guardandosi attorno.) Come ‘l sarà triste viver isé.

Mafalda) De spès me ve le malinconie.

Giordano) Poarina!

Mafalda) No g’ho mai vulìt nüsü alter perchè te (ritrosa) te, apena te te me set restàt en del cör. E adès che t’ho ritroàt…

Giordano) Sé…

Mafalda) Magari nóter du, podarèsegn amó… me t’ho sèmper vulìt bé Giordano. T’ho mai desmentegat. Pensega sùra (indicandogli negligentemente con la mano la stanza) te piazarés mia vègner a viver ché con de me, en de na vila compagna?

Giordano) Certo che me piazarès, però pode mia. Te el sét Mafalda che me so spuzàt.

Mafalda) El só, el só. E vet d’acordo con tò moer?

Giordano) Mia tant, a dì la verità, seghitóm a taca béga.

Mafalda) Se nì mia d’acordi e seghitì a tacà bega te pòdet apó molala.

Giordano) L’è mia isé semplice.

Mafalda) Che problemi gh’è. Te, te licensiet e te vegnet a sta ché con de mé. G’ho tanti de chei sólcc che só gna endó sbatii, te pòdet aidam a spìndii. Podares datei en mà a te de aministrai. G’ho de daghei en mà a giü de fiducia, e de té, pròpe per el bé che se vulìègn na olta, me fide. Però l’è ciar che te ghe de vègner a sta ché.

Fedele) (Sperando di aver capito bene, rientra con una valigetta 24 ore e la porge a Mafalda) Prego siura contessa.

Mafalda) (Con superbia a Fedele) Grazie. (Cambia tono) Ciao Giordano, pensega sura a chèl che t’ho dit. Però varda che gh’è za un alter en bal, garés de daga la risposta prim de sera. Rególet.

(Fedele va ad aprirle la porta e lei esce tutta soddisfatta facendogli l’occhiolino).

Giordano) (La guarda uscire, al pubblico) Pensà che se l’è contessa mé, adès, podares vèser conte. Che stüpit che so stat a mia spuzala. (A Fedele) Sarà vint agn che no la vidie.

Fedele) De bu?

Giordano) Na olta stàegn töcc du en del stès paés,  po me me só spuzàt e so nat a sta vià. Però m’è nat mal j-afari.

Fedele) Me despiàs sior Giordano che ghe sàpe nat mal j-afari.

Giordano) (Sospettoso) Come fal lü a saì che me me ciame Giordano?

Fedele) Perché… perché… g’ho sintìt prima i sò… chèi lé de föra che i la ciamaa.

Giordano) Ah, (al pubblico) cridie che la Mafalda la ghìs za parlat de me. Ma nò, l’è emposibil. Na contessa la va mia a cöntà sèrte robe a ‘n magiordomo. (A Fedele) Ma lü, vègnel da l’Inghilterra?

Fedele) No, so en talià. Però so nat a scöla a Londra.

Giordano) So contènt che el sape en talià compagn de me, isé se capisóm mèi. El me dìze, la Mafalda come gala fat a deentà isè siora?  A deentà la padruna de chèsta vila?

Fedele) (Inventando)…la g’ha ereditàt.

Giordano) Ereditàt de chi?

Fedele) (Sempre inventando) Da na sò zia, en America.

Giordano) Sie mia che la ghìes na zia en America.

Fedele) La la sia gna lé fin che la sò zia no l’è morta e la g’ha ereditàt. La g’ha lasàt en sach de sólcc, en sach de tèra, ché e pó en America. La ghe na talmente tanti che la sa gna lé quanti. Talmente tanti che par che la serche n’aministratur per aministrai.

Giordano) N’aministratur?

Fedele) A dighela töta, a la siura contessa pö che de ‘n aministradur la g’ha bisògn de un òm en casa. Però la serca giü de fiducia e l’è dificil catà giü de fiducia al de de ‘ncö. Lé, l’è mia tajada per j-afari.

Giordano) L’è mai stada tajada per j-afari la me Mafalda.

Fedele) L’è per chèl, che a lé, ghe ocór giü che aministre i sólcc. Só sicür che sto tal el garès carta bianca.

(Fuori scena, dal giardino, si sente una voce maschile che chiama seccata: Giordano, e alura? Vègnet o vignìet?

Giordano) (Al giaridno) Vègne, vègne. (A Fedele) G’ho de pensaga sura. J-è deciziù che se pöl mia ciapà isé sö du pè. Ghe pènse sura en moment prima de decìder.

Fedele) El se peséghe a decìder. (Confidenziale) El varde che gh’è za stat en alter che s’è presentàt per el posto de aministradur.

Giordano) Alura gh’è mia tèmp de pèrder (esce).

Scena 5 - Mafalda e Fedele - sembra che lo scherzo sia riuscito

Mafalda) (Spia nella stanza, rientra tutta soddisfatta) Come so contènta. Che bèl schèrs che g’ho fat.

Fedele) Pròpe en bèl schèrs Mafalda. So mia se g’ho fat bé a tignìt bòta. Poarèt, varda che lüle el se licensia per te.

Mafalda) E alura? Làsa che el se licensie, che ‘l reste amó de pö en braghe de tela. Isé l’empara chèl spurchignù de ‘n beduino.

Fedele) Sé, però ricòrdet che chèl spurchignù de ‘n beduino el g’ha apó na moér e na famèa.

Mafalda) E alura?

Fedele) Alura te se töta mata. (Cercando di dissuaderla.) Quan che el vegnarà a saì che l’è en schers el se catarà sensa laurà.

Mafalda) Mèi, isé l’empara. L’è töta la vita che spètae sto mòment. Finalmente rìe  a vendicàm. De lü e pó de chèla bröta carampana de sò moér.

Fedele) Sé, però se la contessa la vé a saì che te se fada pasà per lé, l’è bèla buna de licensiàt.

Mafalda) La pöl mia vègner a sail. L’è partida ger sera. L’è endada en  vacansa söl Nilo, la sta vià quindès dé.

Fedele) E vöt fa la contessa per quindès dé?

Mafalda) Ma no. Sul per encö. E dopo, quan che ghe l’ho piantada en de le fète, chi s’è visto s’è visto.

Fedele) Chi s’è visto s’è visto. E se te vèt el padrù? E se el tò beduino, per caso, el va dal padrù?

Mafalda) El padrù l’è sèmper en fabrica, e pò: no gh’è mai stat nüsü che ghe nat dal padrù. El padrù el g’ha alter de fa e de pensà. Co i operai e i furnidur tratóm noalter: me e te. Tègnem bòta Fedele per piazèr. L’è vintagn che sognàe sto momènt.

Fedele) Ma posibil che el tò, ciamómel amico, el sape mia che te fe la cameriera! En paès i sa töt de töt.

Mafalda) Ma lü el sta mia en paés. Chèla dita lé l’è de Brèsa e lü el sa prope gnènt. Lü el vé de Brèsa. Quan che el s’è spuzàt l’è nat a sta a Brèsa. L’è vint agn che no se védom mia.

Fedele) Ma i la sa töcc che a Villa Artemisia viv la contessa…

Mafalda) (Interrompendolo) Viv na contessa che podarés èser me. (Girando su se stessa per farsi vedere) Che me manca? Sta mia vardà tant per el sitìl, tègnem bòta e basta. Sta mia preocupàt. El gh’è cascat come en póm còt. (Guardando dalla vetrata) Beduino d’un beduino.

Scena 6 -  Giordano scambia Cirillo per un concorrente

(Entra Cirillo con dei libri sottobraccio e vestito in modo stravagante. Si salutano.)

Cirillo) Ciao cari. Fedele t’ho riportàt i lìber che te mìet emprestàt. Cavolo, g’ho sunàt per mez’ura, g’ho idea che ve funsiune mia el campanèl, ve convié controlà.

Fedele) El campanèl el funsiuna, i garà destacàt la corente.

Cirillo) Cosa èi dré a fa töcc chèi bröcc omasù en giardì? Giü l’è stat isé vilan con de me.

Fedele) Sta mia faga caso Cirillo, j-è operai de la dita che gh’è vignit a sistemà la piscina.

Cirillo) Cavolo, e come farala mai la siura contessa sensa la so piscina?

Mafalda) La siura contessa l’è partida ger sera per na vancansa de 15 dé en Egitto. L’è nada a fa na bèla crociera söl Nilo (guarda dalla finestra).

Fedele) E me per quindès dé g’ho töcc i dopomesdé liber e töte le sere libere.

Cirillo) Alura caro, stasera te pòdet vègner al corso de yoga con de me?

Fedele) Certo, stasera, apo dumà de sera e pasandumà amó. E podóm nà apó al cine. Set contènt? (Idea) Te, ma perché vègnet mia a sta ché con de nóter per chèsti 15 dé? Che en dìzet de la me idea?

Mafalda) La contessa la gh’è mia e só fiöl, el siòr Ortensio el parti a la matina e ‘l turna a la sera tarde.

Fedele) Sarès come fa na bèla vacansa. Na vacansa sensa piscina. J-è dré a giöstala.

Cirillo) Caro, la me enterèsa mia la piscina. Me g’ho pora de l’acqua. Che bèla idea, vo a fa sübit le valìs.

Mafalda) Gh’è dré a vègner en sa el beduino (scappa fuori).

Cirillo) Chi el che gh’è dré a vègner en sa?

Fedele) Giü de chèi bröcc omasù che laura lé de föra. Sta mia preocupàt, l’è en poer pelabròch.

Giordano (Entra.) Pròpe lü sercae...

Fedele) (Interrompendolo seccato) Siòr, l’ho za dit prima: le scarpe! Le sò scarpe sö chèsto paimènt! (Col dito gli indica di uscire) Fuori!

Giordano) (Torna indietro a pulirsi le scarpe, rientra togliendosi umilmente il cappello, al pubblico) Se vègne ché a fa l’aministradur, me ‘n fa nient se l’è nat a scöla a Londra, lüle el licensie sübit. L’è pròpe antipatìch.

Fedele) Se el sérca la contessa, la siora contessa la gh’è mia.

Giordano) El só che la gh’è mia, g’ho sintìt che la nàa a fa shopping.

(Osserva incuriosito Cirillo che a sua volta lo osserva. Alla presenza di estranei Fedele e Cirillo useranno fra loro il lei e non il tu.)

Cirillo) A fa shopping? (A Fedele) Cavolo, alura só mia se l’è el caso de vègner ché adiritüra co le valìss.

Fedele) (A Cirillo) Se ricòrdel mia chèl che g’ho dit prima de la contessa?

Cirillo) Sé, ma g’ho idea de viga mia capìt bé.

Fedele) (A Cirillo) La siura contessa quan che la dìs vergota, l’è chèl. La se rimangia mia la parola.

Cirillo) Ma, el siòr el g’ha dit...

Fedele) (A Cirillo) En parlóm dopo. (A Giordano) Alura?

Giordano) Alura ocór vergù che vègne a dà n’ociada a le pompe, l’è questiù de du minücc, sedenò podóm mia na avanti col laurà. (Al pubblico) Chi saràl lüche? El sarà mia vignìt per fregàm el post de aministradùr? El völ za vègner ché co le valìs. Bisògn che ciape na deciziù a la svelta. A chèl che vède gh’è prope mia tèmp de pèrder (esce).

Fedele) (A Cirillo) Sta ché Cirillo che me turne sübit e te spieghe (esce seguendo Giordano).

Scena 7 - Entra Chery-Fata Morgana e scambia Cirillo per il magiordomo

Cherubina) (Entra pimpante.) Buongiorno, però crède che el vòs campanèl el funsiuna mia.

Cirillo) (Raccoglierà qualcosa in terra o sistemerà un quadro, farà in modo, col suo gesto, di essere scambiato per un maggiordono.) El campanèl el funsiuna, i g’ha destacàt la corente. J-è dré a fa dei laurà a la piscina.

Chery) Só mia se g’ho fat bé a vègner dènter, ma g’ho catàt el cancèl dervèrt e so ignida isé en sa.

Cirillo) La g’ha fat bé signorina. Però, se la serca la siura contessa: cavolo, la gh’è mia.

Chery) Só mia vignida per la contessa, (sorride compiaciuta) so vignida per te. Sorpresa, sorpresa, sorpresa.

Cirillo) Sorpresa de che ròba?

Chery) Chi sono io? Indovina indovinello.

Cirillo) Enduina-enduinèl – cosa gh’è sota el sistèl?

Chery) Sota el sistèl? Spiritùs, te ghet sèmper òja de schersà caro Merlino!

Cirillo) Merlino chi? El mago?

Chery) Proprio el mago Merlino. Caro Merlino (buttandogli le braccia al collo) varda che me so la tò fata Morgana.

Cirillo) Fata Morgana? La la móche lé, signorina. (Al pubblico) Cavolo, ghe n’è de macc al dé de ‘ncó. (A Chery) Signorina, la varde che som mia pö al temp de Re Artù.  Som nel 2005.

Chery) Set mia contènt de vidìm Merlino? Cridìe de fat na sorpresa; (allargando le braccia) só, dam en bazì?

Cirillo) En bazì?! Signorina èla dré a dà i nömer? Me so mia el mago Merlino, come gói de dìghel signorina.

Chery) Sèt te el magiordomo de Villa Artemisia?

Cirillo) No, me so Cirillo, Art Director della casa di Mode “Primavera – per me – per te – per tutti”.

Chery) Vistit isé t’ho scambiàt per el magiordomo. Scüza, ansi, el me scüse, me sercàe el magiordomo.

(Fedele si pulisce le scare e rientra dal giardino.)

Fedele) (Che ha sentito l’ultima parola) Chi èl che sìrca el magiordomo?

Chery) Alura te sèt tè! (sorride) Caro, caro Merlino, me só la tò fata Morgana (lo abbraccia).

Fedele) Fata Morgana? Mago Merlino?

(Fedele dopo un primo momento di sorpresa la scosta, ma lei non desiste, tenterà sempre di abbracciarlo mentre lui cercherà di sottrarsi alle sue effusioni.)

Chery) Sorpresa! Sorpresa sorpresa.

Fedele) Èla dré a dà i nómer, signorina.

Cirillo) Sta mia fa finta de saì gnènt Fedele! Cavolo, da te na ròba compàgn no me la sarés mai spetàda! (Butta sul mobile i libri e se ne va sdegnato).

Fedele) Che vèt a pensà Cirillo, spèta. (A Chery) Signorina la la móche lé de tocàm per piazèr. (Cerca di rincorrerlo senza riuscirci) Cirillo spèta, sculta, che vet a pensà...

Scena 8 - Chery crede di aver trovato in Fedele il Mago Merlino

Chery) Merlino, t’è mia piazìt la me sorpresa? Set mia contènt de vèder la tò Fata Morgana?

Fedele) Signorina, come gói de dìghel che me só mia el mago Merlino.

Chery) Chesta èla Villa Artemisia?

Fedele) Sé.

Chery) Te sét el magiordomo?

Fedele) A lé g’ha mia de enteresaga chèl che só me.

Chery) Ah no?

Fedele) No. Sala che ghe dize, che lé adès la töl sö la so roba e la va de la banda de ‘ndó che l’è vignìda.

Chery) (Sedendosi) Me de ché me möe mia fin che no salta föra el mago Merlino.

Fedele) E dàghel co sto mago. Signorina (tenta di rialzarla) gói de doprà le maniere forti e sbatìla föra a pesade en del cül?

Chery) Che finessa: “Pesade en del cül”. Le fòmne se g’ha de tocale gnà co i fiùr.

Fedele) Signorina, la me faghe mia pèrder la pasiensa e la naghe föra co le sò gambe per piazér.

Chery) De ché vo mia via fin che no salta föra el mago Merlino (si attacca con le mani alla sedia e non si sposta più. A nulla valgono i tentativi di Fedele, che la stuzzica, la pizzica, la minaccia. Chery è decisa a non spostarsi).

Scena 9 - Ortensio rientra e dichiara di essere il magiordomo

Ortensio) (Rientra) Sciopero, töcc en sciopero e só duzìt turnà a casa. (Vede la scena) Oh, che sücét, Fedele che set dré a fa?

Fedele) (Ricomponendosi) Só dré a sbàter föra de casa la signorina qui presente, dato che la völ mia na föra co le so gambe.

Ortensio) Chi èla chèsta signorina?

Fedele) L’è na signorina che la gha mia töte le fasine al quèrt. La dis che l’è dré a sercà el Mago Merlino e che lé l’è la Fata Morgana.

(Ortensio si gira di scatto a osservarla e fa per avvicinarsi. Fedele lo trattiene.)

Fedele) El staghe mia a naga en banda. L’è mia periculùsa, ma no se sa mai, a me prima per póch no la me sgrafaa j-ócc.

Ortensio) (Al pubblico) Come fói a diga che só el fiöl de na contessa? E se dopo la se monta el có? I sólcc a olte i fa dei bröcc schèrs. Prima de palesàm vöi èser sicür che la sape sincera e che la me völ per chèl che só e mia per chèl che g’ho. (Di soppiatto spinge da parte Fedele facendogli capire di stare al gioco.) Scùltem e fa chèl che te dize. (A Chery) Cara Fata Morgana, so mé el tò Mago Merlino, só mé el magiordomo de villa Artemisia (ad un Fedele stupefatto) Comanda qualcosa signor padrone? ( Gli fa gli occhiacci per fargli capire che è una cosa importante e che deve stare al gioco.)

Fedele) Veramente... veramente... (Assumendo ed imitando l’atteggiamento del padrone) Caro magiordomo, adès mé me ritire en biblioteca. Garés piazér che nüsü vègne a distürbam. (Nell’uscire al pubblico) Menomal che la siura contessa l’è vià per 15 dé (esce).

Chery) Lüle l’è ‘l padrù? De sicür l’è en vilàn rifàt. El sarà apó en siòr, el sarà apó en conte, ma el g’ha i modi de malghés. Menomal che te sé riàt. El sét che el vulia mandàm via a pesade en del cül?

(Suona il telefonino di Ortensio.)

Ortensio) Che te me dìzet! (Rispondendo al telefonino) Sé... nò... só apena turnàt. (Guardando Chery.) Adès pòde mia muìm... Te ghìet de pensaga sura prima, can de l’ua... el só che g’hè de mès i scioperi... va bé, rie apena pòde.

Chery) Endó ghet de nà? A fa sciopero? Che ghe cèntret te coi scioperi?

Ortensio) Veramente l’è che... l’è che fo el sindacalista. So el raprensentante sindacàl dei magiordomi.

Chery) Che carica emportante!

(Suona ancora il telefonino di Ortensio. Mentre lui parla Chery si guarda attorno)

Ortensio) L’è per chèl che i sèghita a ciamàm. (Rispondendo al telefonino a denti stretti) Pronto... sé... va bé... va bé... te riciame apena pòde... ciao.

Chery) Che bèla chèsta vila, e che parco! Te, mago Merlino, come magiordomo te garèset de sail: l’è mia che ghe sares en posto de laurà apó per me?

Ortensio) Te volarèset vègner a laurà ché?

Chery) So mia l’ültima riada: g’ho el diploma de ragioniera.

Ortensio) Ché per na  ragioniera gh’è mia posto. E mai el ghe sarà.

Chery) Pör de laurà e de  stat vizi, me adatarés a fa töt. Só mia, cameriera, guardarobiera, laapiàcc...

Ortensio) So mia se te convié vègner ché a laurà. Te ghe vìst che càncher de padrù che gh’è.

Chery) L’ünica cundisiù che metarés l’è chesta: el me dé lìber el g’ha de èser lo stès del tò. Isé pódom nà a spas ensèma. A proposit, me só Cherubina ma i me ciama töcc Chery a la francese. E te?

Ortensio) L’è mei che te sèghitet a ciamam Mago Merlino.

Chery) Perchè, ghe lét mia en nòm en pö po serio?

Ortensio) Certo, ma perché vöt tiraga via a la nòsa storia chesta aria striada. En bris de mistero el ghe ocór  Chery.  Te sìgheta a ciamam Merlino, con chèla tò bela us de fata che me pias fis fis.

Chery) El isé che te piàs? (Continuando a chiamarlo con voce dolce) Merlino. Merlino. Merlino. – Merlino, l’è mia che podarès fermam per en qual dé? Che en dìzet?

Ortensio) So mia, isé su du pè so prope mia. Pensae che te fösèt vignida apena a catàm.

Chery) L’è perché, se stom en po’ ensema, rióm a cunusìs. Col compiuter se ria mia a capìser bé con chi te ghe a che fa. Però se te dà fastide o gh’è mia post vó a sercà na pensiù per dòrmer.

Ortensio) Magari, forse, el ghe sarà apó ach el posto.

Chery) Alura vo a tö sübit le valis. J-ho lasade en machina.

Ortensio) Valìs! No, se pól mia, prima l’è mei domandaga al padrù.

Chery) Alura vo sübit a domandàghel (si avvia).

Ortensio) (Cercando di fermarla) Speta, spèta che en parlóm, e se el te dis de nò?

Chery) Làsem fa a me (esce.)

Scena 10 -  prima Giordano e poi Ortensio che non tratta con gli operai

Ortensio) La me par en pó sfasada. Però, se la völ vègner ché a laurà come cameriera, se vèt che i sólcc i ghe enteresa mia. La somearès na braa tuza, semplice, carina...

Giordano) (Entra dal Giardino) Permesso… Buongiorno, el me scüze siòr ma garés...

Ortensio) (Scandalizzato gli osserva le scarpe) Le scarpe! (Disapprovando) Le sò scarpe sö chèsto paimènt! (Adirato gli fa cenno di uscire.)

Giordano) (Torna indietro a pulirsi le scarpe e rientra)El me scüze siòr, me só l’operaio che…

Ortensio) El me scüze lü, ma mé trate mia coi operai. (Chiama) Fedele!

Fedele) (Entra guardandosi attorno indeciso) Comandi signore.

Ortensio) Sculta chèl che ‘l völ chèl siòr ché. (A Giordano) El spète en momènt. (A Fedele) Endó èla adès la signorina?

Fedele) L’è dré a scuriuzà en töte le camere.

Ortensio) L’è dré a scuriuzà en töte le camere! E te ghèt dit gnènt, l’ét mia fermada?

Fedele) Con che autorità pudie fermàla. Cridìe che la ghìes el sò permès.

Ortensio) Qual permès se me fo el magiordomo e te se te el padrù. Sta mia desmentegàt che con de lé, te se tè el padrù. Adès el sior conte te se te, vöt capila o no! (molto seccato esce per andare da Chery).

Scena 11 - Giordano si monta la testa e vuol licenziare Ortensio

Giordano) Chi él lüle isè maledücat che l’è nat vià sensa gna saludà?

Fedele) L’è… l’è… l’è el segretare de la siura contessa.

Giordano) (Al pubblico) Come se vèt che manca la mà de un òm en chèsta casa. Ghe ócor un òm per fa filà la servitù. (A Fedele) Quante arie che el se dà, el par lü el padrù del vapur. Me fós en Mafalda giü isé el licensiarés sübit.

Fedele) La pöl mia licensiàl.

Giordano) E perché?

Fedele) Perché... perché l’è giü tròp brào en del sò laurà.

Giordano) El sarà brao ma l’è en grand antipatich (imitandolo) “io non tratto con gli operai” ma chi se crédel de èser! L’è che só mia stat pronto asé. El m’ha ciapàt a l’impruiza. El sie mia chi che l’era, se nò ghe dizie: “Ehi te, bèlo- belelóch, en pó de rispèt per piazèr, varda che me so amico de la contessa, l’è mei che te calèt le arie”. Però so sèmper a ura a dìghel. Lasa che el me pase per le sgrinfie e ‘l sisteme per feste chel có vöt de raarì.

Fedele) El se calme, el lase pèrder. El g’ha dit isé perché lü el g’ha altre ròbe de pensà, le banche, le carte, le fatüre. Ma, el me scüze, ghe ócor vergót?

Giordano)  Sé, quan turna la Mafalda me ciàmel per piazér? Vöi parlaga ensèma. G’ho decidit.

Fedele) (Curioso) Decidìt?

Giordano) Sé, me licensie e vègne a sta ché. A la Mafalda a quanto par che ócor prope giü che faghe filà la servitù.

Fedele) No, el staghe mia a licensiàs. Le fómne  a olte j-è mate come le caale E se la cambia idea?

Giordano) Perché gala de  cambià idea, l’è stada lé a proponil. (Con fare complice) El me sculte siòr. G’ho de faga na domanda sö la sò padruna.

Fedele) El me domande gnènt, vöi saighèn nient. Me so Fedele de nòm e de fat.

Giordano) El staghe mia a encapelàs. Vulie apena saì che fiur ghe pias, che profumo la dòpra, a che ura la léa sö de solit, che le menade lé, per comportam giöst. Gh’è pasat vint agn: chi se ricorda!

Fedele) Siòr, el sculte el me consiglio, l’è amò en tèmp. El turne al sò laurà e ‘l lase pèrder töt.

Giordano) Lasà pèrder töt? Ma lü siòr, fal mia el magiordomo? E alura come se permètel de dam consigli. Perché se ciàpel töta sta confidensa con de me. Ansi, sal che fóm: de adès en avanti el g’ha de dam sèmper del lé. Ambiom col pas giöst  e mia con chèl sbagliat. (Al pubblico) Per el momènt ghe dize gnènt, ma se el va avanti isé, lüche el ris-cia de catàs sö na strada. Se el me fa saltà la mosca al nas ghe pense mia sura dò olte e licensie apó lü. Come che me piàs comandà!  (guardandosi attorno) crède che chèsta la deentarà casa mia

Fedele) (Scandalizzato) Ma lü, sior, el ghe la za na casa, el mia spuzàt?

Giordano) (Sospettoso) Come fal a saì che só spuzat?

Fedele) (Indicandogli l’anulare sinistro) Ghe ócor mia na sciensa per enmaginàl.

Giordano) (Si affretta a togliere la fede) Vó mia dacordi con la me fómna. Da quand l’azienda de so pàder l’è endada falida, sighitóm a taca béga.

(Fuori scena, dal giardino, una voce maschile chiama seccata:Giordano, e alura? Vègnet o vignìet?)

Giordano) Vègne, vègne (ci ripensa) anzi vègne pö.

Fuori scena: Perché?

Giordano) Perché g’ho catàt l’America.

Fuori scena: Nóm fa mia el stüpid, ve a laurà che no i te licensie.

Giordano) Ghe mia bisògn che i me licensie lùr. Me licensie me (torna in giardino).

Fedele) (Guardandolo uscire) El va a licensias! El sarà mia  isè stüpit de licensiàs za de adès. (Al pubblico) Chèsto el se licenzia e ‘l völ licensià el padrù de casa. Padrù de casa che völ fa al magiordomo al me post e me só costrèt a fa el padrù. La Mafalda che se fa pasà per contessa. Capise pö gnènt. Menomal che la contessa Artemisia l’è vià per 15 dé (esce).

Scena 12 - Mimì ritorna

Mimì) (Fuori scena) El so che el fa el taxista e mia el fatürì, ma el se scoràja mia apó se el me porta dènter dò valìs.

Taxista) (Sempre fuori scena) G’ho mal de schena. Se ghes de portaga dènter le valìs a töcc starés frèsch. La salüde siòra. E se la garà amó bisògn de en taxi la ciame vergù àlter.

Mimì) (Entra trascinando una valigia) Che vilàn d’un vilàn quàder. (Si ferma e chiama seccata) Mafalda! Fedele! (Va all’altra porta) Mafalda! Fedele! Se pöl saì endó ve siv embos-càcc? (Scalcia le scarpe e sempre brontolando esce a prendere l’ altra valigia.) Töta nòt en aereoporto. Töta nòt! I me sentirà chèi de l’agensia viagi. Gherei mia de saìl che gh’era en bal i scioperi. (Chiama) Mafalda! Fedele! Ortensio! Varda se na siòra compagn de me la g’ha de fa chèi sfórz ché. (Riprende fiato, controlla) manca el beautycase. Laró mia lasàt sö el taxi per caso? Certo che l’è restat sö el taxi. E adès chi la cata lüle. (Telefona, nel comporre i numeri) No ghe n’è mai giöna che va drita… Pronto, servizio taxi? M’è restat el beautycase söl vòs taxi, cosa g’hoi de fa? ... El rivöi endré sùbit.. Sé, vègne adès de l’aereopòrt… Va bé, la me la faghe troà pronto (chiude la comunicazione in malo modo. Apre un cassetto e prende le chiavi della macchina.) En del me beautycase g’ho dènter töte le me creme contra le rüghe, emmaginàs se ghe le lase a lùr con chèl che le costa. Vilan come l’è stat el taxista po’! (Esce.)

Scena 13 - Mafalda pensa che  le valige siano di Giordano

Mafalda) (Entrando) Oh, el g’ha za portàt ché le valìs (pensa che siano di Giordano pronto per trasferirsi da lei.) Alura l’è fada. So riada a encantàt prope bé caro el me beduino. Adès quan che el ria ghé dize che g’ho cambiàt idea e che el vöi pö. Ghe piante pròpe na bèla casolàda en facia. (Si aggiusta il vestito) Chèsto l’è mei che el cambie, el l’ha za vist. E po’: le contesse le sigheta a cambias, no le g’ha alter de fa en töt el dé. Vö a mitìm un alter de la me padruna, e pó me metaró le sò perle, en per dei sò anèi, tanto per adès a lé i ghe ócor mia. (Sognante) E quan che el me se presenterà deanti ghe dizaró (drammatica) Vattene pezzente! (tutta contenta) me rit enfinamai le rice sul a pensaga (esce a cambiarsi).

Scena 14 - Giordano pensa che siano di Cirillo e le riporta fuori

Giordano) (Entra dal giardino, fa due passi, si ferma e torna indietro a pulirsi le scarpe) Permesso... Permesso... sarà giöna dele ölteme olte che domande permesso (vede le valige) valis! De chi éle che le valìs ché? Le sarà mia de chèl malmadür che völ sopiam el post de aministradur. Lüle el g’ha el magiordomo da la so banda. Ma me me fò mia fregà isé da du omasì compàgn. (Prende le valige ad una ad una le trascina fuori dalla porta commentando) l’è gnamó nasìt chèl bü de fregàm, (alla fine rientra, e curiosa dalle porte) Gh’è nüsü. Fa nient, ghe el dize dopo a töcc. Licensiàt me só licensiàt. Adès turne a casa, ghe el dize a me fómna e  me mète en ghingéri, po turne con en bèl mas de fiur per la me cara Mafalda (esce tutto contento).

Scena  15 - Mimì riporta in casa le sue valige

Mimì) (Riporta in casa una valigia con grande sforzo e sempre più arrabbiata)  Gale le gambe che le valìs ché? Con töta la bröta zènt che gh’è en giro che fale lé de föra, col ris-cio che i me j-a freghé. Postade isè sö l’ös de casa le par ròbe de nüsü. Chisà chi s’è permès de bötamele en sö la strada. (Chiama) Mafalda! Fedele! Ghe do na cresimàda apena che i me ve sota le sgrinfie chèi du lé, che i se la ricorderà fin che i scampa (esce a prendere l’ultima).

(Entrano Fedele ed Ortensio)

Scena 16 - Ortensio pensa che siano quelle di Chery

Ortensio) Ricordèt che te ghe de comportàt come en conte. La tuza la g’ha de cridìm en magiordomo. Vöi mia diga sübit che só el fiöl de na contessa, dopo rié pö a liberàmen.

Fedele) Ma lé, la fata Morgana, la la sia za che lü, sior Ortensio el faa el magiordomo.

Ortensio) Sé, la la sia (guardando le valige) però me spieghet töta sta frèsa? La völ piassàs ché a töcc i costi e gom fat pasà töta la vila sensa rià a catala. Nom, forse l’è nàda en giardì.

(Escono).

Scena 17 - Mimì col mal di testa se va a letto

Mimì) Oh no gh’è amó nüsü. Varda se na contessa la g’ha de fa chèi mester ché! (Nell’entrare con l’ultima valigia.) Só straca morta. L’è da ger sera che no sère j-öcc. G’ho mai durmìt töta nòt. E m’è vignit apó mal de có. Töe na pastiglia e vó a bötam zó en per d’ure e dopo ghe do na laada de có a töcc. (Con fatica porta fuori prima una e poi l’altra valigia) Varda se g’ho de fa chèi mester ché, fa chèi sfórs ché, con töcc i sólcc che i me costa de contributi. Quan che i me vè sota le sgrinfie i me sentirà, ohh se i me sentirà... i me sentirà uzà finamai en piaza. E pò,  perché gói de uza? Na contessa la uza mia. Me i licensie töcc e só a post, isé j-empara (esce definitivamente). Fine 1° atto

ATTO II

Scena 1 - Fedele la fa da padrone e dà consigli a Mafalda

Fedele) (Entra col bicchiere del brandy e con un bel toscano in bocca, si stravacca soddisfatto sulla poltrona e spiega.) L’è en gran bèl fala da padrù. Oh, m’el so mia enventàt mé. L’è stat el padrù de dim de fa el padrù. E me g’ho de fa chèl che i me ordina. Speróm che la düre.

Mafalda) (Entra vestita da contessa e si pavoneggia davanti a Fedele.) Soi bèla Fedele? Alura, te pare na contessa? Che ‘n dìzet?

Fedele) (Fischio di ammirazione) Isé töta en ghingheri, te pàret de bu na contessa cara Mafalda.

Mafalda) Vero che me manca gnènt?

Fedele) Te manca apéna la ròba pö importante: i sólcc.

Mafalda) Per chèi, caro Fedele, pòde faga gnènt.

Fedele) Te ghe rezù: o che i gh’è o che i gh’è mia.

Mafalda) Però, adès come adès g’ha mia emportansa i sólcc . G’ho mia de faga véder che ghe j-ho de bù. Me basta la vila a fa de specitì per le serlode. Ghe n’ho asé che el me scambie per la contessa. (Cambia tono) Lea só de chèla pultruna lé Fedele, te me fe empresiù isé straacàt come en lüzertù. Só mia üza a vidìt a pansa a l’aria.

Fedele) Lasèm ché fin che pòde Mafalda. L’è isé bèl fa el siòr e duzì mia laurà. Varda che ‘l me l’ha urdinat el padrù e me no fo alter che sta ai sò ùrden.

Mafalda) Menomal che la siura contessa l’è nada en vacansa söl Nilo per 15 dé. Te l’immagìnet se la ghes de presentàs e catàgn isé: te che te fe de padrù e me che fó da contessa!?

Fedele) A dila ciara e nèta: mé no garés alter de fa che leà sö en pè e mitìm sö l’atenti. (Squadrandola) Per te sarà en pö dificil spiegaga come mai te ghet endòs el sò vistit, le sò colane, i sò anèi, le sò scarpe. Eco chèl che te manca per véser amó pö sich: en bel capilì.

Mafalda) Te ghe rezù, en capilì, ghie mia pensàt. Vo a mitìmel sübit (esce).

Fedele) Chisà che facia farà el beduino quan che el la vedarà consada isé.

Scena 2 - Chery, credendolo conte farà delle avances a Fedele

Chery) (Entra ancheggiando) Oh caro, caro conte. (Allunga il braccio per il baciamano) Che fal ché töt de sul. El dré a polsà?

(Fedele non si scompone e non si alza)

Chery) (Al pubblico) A la televiziù, de solit, quan che vé dènter na signorina i conti i lia sö e i ghe basa la ma. (Si siede un po’ lontano da lui accavallando le gambe con fare provocante. A Fedele) El amó encasàt con de me siòr conte, perché stamatina l’ho scambiat per el magiordomo? Metomega na preda ensima. Sö, fom pace.

Fedele) (Non sa cosa fare, quasi per gioco suona il campanellino.) Veramente signorina...

Chery) Me piàs mia, a me, èser encasada co la zènt, volarés sèmper endà decordi con töcc apó se el só che l’è dificil.

(Nel parlare Chery  si slaccerà la camicetta di un bottone. Entra Ortensio, Chery si ricompone.)

Ortensio) (Molto ironico) Comandi signore.

Fedele) (A Chery) Cosa béela, en te? Cafè? Ciocolata calda? Aperitivo? Digestivo? Bloody Mary? Vermuth? Vodka? Whisky? Limoncino?                                                                                                                                                                                                

(Ortensio all’elenco sgranerà gli occhi preoccupato, quando Chery rifiuta ogni cosa tirerà un sospiro di sollievo.)

Chery) Niente, grazie. So a posto isé.

Fedele) (Autoritario porgendogli il bicchiere) Alura per mé amó del brandy.

Ortensio) Subito signore, agli ordini signore.

(Ortensio cerca fra le bottiglie e gliene versa un goccio con malgarbo. Fedele lo congeda con un gesto della mano. Ortensio, molto seccato esce.)

Chery) (Seguendolo con lo sguardo) Èl brao come magiordomo? De endó vègnen?

Fedele) L’è... l’è l’è en talìa compagn de nóter, però el g’ha fat le scöle a Londra.

Chery) L’è nat finamai en Inghilterra per emparà a sèrver? Però el g’ha sbrodolàt de per töt!

Fedele) Al de de en cö gh’è mia pö i magiordomi de na olta. Se g’ha de contentàs. Noalter nobili, mè en special modo, só de poche pretese e me contente. Come se dis? “Noblèss oblìss”.

Chery) Caspita, ma lü sior conte, el sa apó el francés.

Fedele) Apó l’inglese se l’è per chèl. Parlàt e scrìt.

Chery) Apó l’inglès?

Fedele) Certo, l’è perché sö stat 3 agn en Inghiltèra, g’ho fat le scöle a Londra.

Chery) Apó lü come el magiordomo?

Fedele) Sé, però mé... mé... g’ho fat le scöle alte, sie a ... a l’università de Oxford.

Chery) Certo, en conte no el pöl na che a Oxford, (soprappensiero) però g’ho mia capìt bé chi che l’è la contessa Artemisia. Che nòm. Come g’hai fat a daga en nòm compàgn?

Fedele) L’era el nòm de la sò nona.

Chery) Alura i g’ha fat bé a ciamala isé. Apó me i m’ha ciamat Cherubina per via de me nóna. Però töcc i me ciama Chery a la francese. (Cambiando discorso) Ma, so móer, la siura contessa...

Fedele) (Interrompendola) L’è mia mé moer (si accorge troppo tardi di aver sbagliato a parlare).

Chery) La contessa l’è mia so móer?

Fedele) No, l’è... l’è... l’è me madona. E vó mia tant decordi con de lé.

Chery) De solit l’è dificil endà decordi co le suocere (avvicinandosi provocante) e com’èla sta siura contessa? Ela bèla?

Fedele) Bela? Sé... no... macchè bèla, l’è sèmper stada bröta come l’orco. Adès po’ l’è na vècia rimbambida l’è pö bröta amó.

Chery) (Continuando impertinente con le sue moine) Ma, endó èla adès la vècia?

Fedele) L’è partida. L’è nada a fa na crociera söl Nilo e la starà vià 15 dé. Ma, pòde faga apó me na domanda signorina Chery?

Chery) Certo, el pöl fam töte le domande che el völ.

Fedele) Come gala fat a conòser el me magiordomo?

Chery) L’ho cunusìt en chat, via internet col compiuter. En pratica, fra me e lü gh’è gnamó gnènt. El m’era dit che el lauràa en de na vila, ma cridie mia de catam deanti na ròba compagn. Chèsta l’è mia na vila: l’è en palàs. E lü, sior conte, a quanto par, el viv ché de sul, (rimarcando) de sul co na suocera carampana e che per de pö adès l’è via per 15 dé.

Fedele) (Al pubblico) E menomal che l’è vià.

Chery) Sal, sior conte, se el ghés de vulì. Se el ghés de viga piazèr, se per caso el se senti sul, me podarés restà ché. Fermàm ché per tigniga en bris de compagnia. Podarés adiritüra, come dì, vègner a sta ché en vila per sèmper. Me a casa g’ho nüsü, (al pubblico) veramenrte g’ho gna na casa. (Al conte) Sal, me so orfana. So sèmper stada orfana.

Fedele) Poarina, come me dispias.

Chery) L’è mia, sior conte, che ghe ócor na segretaria, come dì, personale? El me scüze... pòde sintàm zò ché en banda a lü?

Fedele) (Compiaciuto) Veramente signorina...

Scena 3 - Cirillo ed Ortensio li colgono sul fatto

(Chery si siede sul bracciolo della poltrona vicino vicino. Dalla porta d’ingresso entra Cirillo e dall’altra Ortensio.

Cirillo) Ah le sta isè le ròbe. Cavolo, sie vignìt per s-ciarile ma ché gh’è pròpe gnèt  de s-ciarì.

Ortensio) G’ho sintìt töt. Chèsta l’è la sirésa che mancàa sö la turta cara Chery. Fata Morgana (facendo il gesto con le mani) Aria!

(Sorpresi e offesi entrambi girano sui tacchi e se ne vanno. Escono da dove erano entrati. Chery e Fedele, dopo un attimo di sorpresa si alzano precipitosamente, - anche scontrandosi e spostandosi a vicenda – rincorrendoli escono anche loro. Fedele segue Cirillo e Chery ovviamente Ortensio.)

Chery) Merlino spèta che te spieghe.

Fedele) Cirillo spèta... sculta...

Scena 4 - Giordano entra con un mazzo di fiori e scambia Mimì per una cameriera

Giordano) (Entra ben vestito con un bel mazzo di fiori che appoggia) Che bèl che l’è fa el siòr. Me sente za padrù. Ormai la fazana l’è còta. La Mafalda la gire e la pirle come ghe n’ho òja. G’ho za s-ciarìt apò con de me moèr Gesuina. G’ho dit: (drammatico) Se pöl mia nà avanti isé. G’ho ciapàt la deciziù de molàt e ognü per la sò strada. Fra me e te gh’è töt finìt. “E i fiöi?” la m’ha dit lé. “Sistemaróm a chèi – g’ho rispundit – me tire mia endré de le me responsabilità. I faró stüdià e ghe daró na puzisiù, ma fra me e te basta: chiuso. Chiuso! Adès g’ho oltàt pagina”.

(Fuori si sentirà un rumore. Mimì entra ancora scarmigliata e senza scarpe per andare a vedere cosa è stato.)

Giordano) (La scambia per la cameriera, le gira attorno minaccioso.) E le la pensarés de presentàs isé deanti a mè. Sensa scarpe e töta despetenàda. La naghe a sistemàs. Sübit. Chei che sta en chèsta vila i g’ha de viga stile, serietà. Fuori! La naghe a sistemàs se la völ mia èser licenziada sö du pè. (Fuori si sentirà un altro rumore assordante) Cosa èi dré a fa amó. (A Mimì) Sübit a cambiàs, cristina, bigarulì. Le cameriere le g’ha de na vistide isè. E la se tiré vià da la facia chel’aria de tontolòta. (Altro rumore.) Cos’èl töt sto cazì. Adès vó a cantàghen quàter de chèle giöste. Adès só me che comande en chèsta vila. (A Mimì) Quan turne vöi catala tirada a malta fina, gala capìt. En quàter e quatròt endrìse mé le ròbe ché dènter (esce in giardino).

Mimì) (Frastornata si riprende) Chi èl lüle, come se permètel de parlàm isé. El völ licenziàm!? E adès endó èl nat? La me piscina! Gh’è el giardì töt a cül ensö. Vo pròpe a véder chèl che j-è dré a cumbinàm.

(Mimì si avvia, poi si accorge di essere senza scarpe e si ferma sulla porta della veranda. Ancheggiando entra Mafalda, fa due passi poi si ricorda di una cosa ed esce da dove è entrata.)

Mimì) (Rientra in mezzo alla stanza, indicando Mafalda) De sicür só dré a sognà. Mai pö la Mafalda la se sarés permèsa de mèter el me vistit.

Scena 5 - Gesuina ne canta quattro alla contessa

Gesuina)[1] (Entrando come una furia) Ela lé la siura contessa?

Mimì) Sé. So mé.

Gesuina) Vulie mia sbagliàm perché a vidila la par töt föra che na contessa.

Mimì) Che se entendela de dì?

Gesuina) Vöi dì, cara la me siòra, che con töte le so arie la g’ha gna el campanèl che funsiuna. L’ho schisàt per mez’ura e pó so vignida dènter. Só vignida a dìghen quàter, cara contessa dei me calsècc. Gala mia vèrgogna a comportas isé. Ruinà na famèa. L’è facil quan che giü el g’ha i sólcc fai sbarbèla deanti a j-öcc a ‘n poarèt. La garés de vergognàs.

Mimì) Che èla dré a dì?

Gesuina) So dré a dì cara la me siòra contessa che bisogna daga en taj a chèla menada ché.

Mimì) Siòra, come se permetela de parlam isè?

Gesuina) E le come se permètela de robàm l’òm? (Facendole vedere le unghie) La varde che me ghe càe j-öcc. Quan che se trata de difènder la me famèa g’ho pora de nüsü! L’è vint agn che sòm spuzàcc e góm quàter fioi ensèma. La se vergògne cara la me contessa. Ma la staghe tranquila che la finìs mia ché. Le la me ròba l’òm e me ghe faró paì le strìse (esce).

Mimì) La g’ha domandat prima chi sie. La m’ha ciamat contessa. Se vèt che la sia con chi che l’era drè a parlà. De sicür só dré a sognà. Pö che en sògn l’è ‘n incubo. En de j-incubi par töt vera ma de che en pó me dessedaró e sarà sparìt töt. Calma. Calma. La calma l’è la virtù dei forti (fa un bel respiro profondo). Alura: la prima ròba de fa l’è chèla de nà a mitìm le scarpe e laàm el müs (esce. Rientra dopo qualche attimo sconvolta.) Che sape le pastiglie che g’ho biìt per el mal de có a fam che l’efèt ché? L’è na marca nöa, cosa ghiele dènter? na droga? Oh, so pròpe drè a viver en de un incubo. Gh’è tròp el mond töt a cül en sö. G’ho vist el me magiordomo con de na fómna tacada ai calcàgn. E l’era lü che ghe curia dré a lé. Me la sarés mai spetada na ròba compagn. Ghe so restada tanto mal che so gna stada buna de ciamàl.

Cirillo) (Entra furibondo con un paio di pacchetti.) Buongiono siura contessa. (Porgendole i  pacchetti.) Chèsti j-è per el sò magiordomo traditùr. La ghe j-a daghe, per piazèr, e la ghe dizè che vöi pö – pö vidìl (esce).

Mimì) (Guardando i pacchetti e appoggiandoli sul tavolo) Magiordomo traditùr?! (Vede i fiori e legge il biglietto) sarai per me? Gh’è scrìt apena: “Per la più gentilissima, bellissima, carinissima e seducente donna della terra”. No, j-è mia per me, nüsü de me conoscenza se permetarès de scrìer isè mal. Che sape stat el Fedele a regalaghèi a la tusa? Che magiordomo romantico che g’ho! Però, prima de nà a stüdià a Londra el garès duzìt sta ché e ‘mparà mei l’italiano. Lasómeghei ché e che i sé range, g’ho àter de pensà adès. Pès che la nàghe ghe guadagne na cameriera (esce).

Scena 6- Chery tenta di giustificarsi con Ortensio

(Entrano Ortensio e Chery.)

Ortensio ) Basta Chery, te pòdet dì chèl che te ne òja ma l’ho pròpe vist me cö i me öcc.

Chery) Te ghe vits mal Merlino, sie sul dré a domandaga se gh’era en posto per me come segretaria.

Ortensio) Segretaria, sé alà. (Imitandola)... segretaria, come dì, personale? El me scüze... pòde sintàm zò che en banda a lü?

Chery) Ma no, te ghe capit mal. Sie dré a diga: segretaria o cameriera o guardarobiera. El fae apena per restà sèmper en banda a te.

Ortensio) Basta, la nòsa storia l’è finida amó prim de ambià. Finisc. L’è mei che te nàghet da ‘ndó che te se vignida. (Guarda i fiori e legge il biglietto. Fra sé) “Per la più gentilissima, bellissima, carinissima e seducente donna della terra”. Che italiacano. Sé vèt che s’è fat avanti amó vergü co la contessa. Gh’è sèmper en qual pelabròch che ghe tenta. (A Chery) O èl el siòr conte che te j-ha regalàcc?

Chery) (Legge) L’ét lizìt bé chèsto biglièt? El sior conte l’è nat a scöla en Inghilterra. El g’ha fat l’università a Oxford, e lü el garés mai scrìt en biglièt compagn (deponendo il biglietto). Chèi fiur ché j-è mia per mè. Me só na persuna seria. E se te vöt pròpe sail, só apó Ragioniera.

Ortensio) Ragionera o no che ghe n’è mia de post de laurà per te Chery.

Giordano) (Rientrando dal giardino) Che sücèt?

Chery) (Piagnucolosa) El völ mandàm vià e me envece vöi restà ché a laurà.

Giordano) (Ad Ortensio con severità) Come se permèter de mandala vià? Con che autorità el la manda via? Chi se credèl de èser.

Ortensio) Ma lü, el mia chèl che stamatina...

Giordano) Me só l’aministradur de Villa Artemisia. El personal el g’ha de dipènder de me. E lü, caro el me “segretario personale” de adès, el garà de fa i cöncc con de me e con de nüsü àlter.

Ortensio) Aministradur de villa Artemisia!

Chery) Segretario personale? Che el dre a dì? (Ad Ortensio sospettosa, presa dai dubbi) Scuza, ma te set el magiordomo sé o no?

(Alla parola Magiordomo rientra Fedele, indeciso non sa come comportarsi.)

Giordano) (Al pubblico) A töta chèsta zènt ghe ocór pròpe na bèla endrisàda. Come che la g’ha fat bé la Mafalda a ciamàm. Come che me piàs comandà!

Scena 7 - fermo immagine

(Entra anche Mafalda e sarà vestita regalmente da contessa.)

Ortensio) (Nel vederla) Ma varda come la s’è consada, adès la sisteme mè.

Chery) Sé, en magiordomo che sistema na contessa, sta mia fam vègner de rider. Vöt fat licensià Merlino?

Ortensio) La pöl mia licensiàm lèle.

Cherubina) Perché, ghet en contrato a vita? (Interessata) Tala fat en vitalisio?

Giordano) (Con un grande inchino ossequioso) Siura contessa!

La scena per un attimo si ferma. Tutti restano immobili e si leggerà nei loro pensieri:

Chery) E adès che foi? Se gh’è léche en mès ai pé la sarà düra. Ater fat che vècia e rimbambìda. Sta contessa ché la g’ha du öcc de fürba. Ma, èrela mia partida per na vacansa söl Nilo?

Fedele) E adès che fói? Sèghite a comportàm come en conte? (sbirciando Ortensio) D’altronde chèsti j-è j-urdin del me padrù. E me g’ho de eseguì i so ùrden.

Ortensio) E adès che foi? Se me fó conòser (sbirciando Chery) leche la me se piassa ne le costole e la me mòla pö. L’è bèla buna de tacàs dré come la pegola e de lasàm pö en pace.

Mafalda) E adès che foi? Come mai j-è töcc ché en chèsta stansa? La me va storta apó staolta. Vacco cane, per en pelo rie mia a vendicam.

Giordano) E adès che foi? I licensie töcc ensèma o giü a la olta? Ma vàrdei töcc. I se crèt töcc de èser padrù. Varda come che i se comporta!. I sisteme mé lurche adès. Come che me piàs comandà!

 (Dopo il pensiero di Giordano la scena riprende da dove si era fermata.)

Giordano) (Sbrigativo.) Vist che brao? T’ho ciapàt en parola e só za dré a endrisà sö en pó le ròbe.

Chery) (Tirando le maniche a Ortensio) Ma ghiela mia de sta vià 15 dé? (A Fedele) El m’era dit che l’era bröta come l’orco e che l’era na vècia rimbambida.

Fedele) (Con un inchino) Signora contessa.

Ortensio ) (A Chery) Sta buna che dopo te spieghe. (A Mafalda, anche lui con un leggero inchino, ma  ironico e derisorio.) Siura contessa, comandi.

Scena 8 - Mafalda scivola e cade

(Mafalda con un gran sospiro di sollievo sorride compiaciuta, con un gesto regale saluta tutti. Avanza in mezzo alla stanza, purtroppo perde l’equilibrio o scivola e casca rovinosamente. I tre uomini si precipitano a soccorrerla. Fedele la prende in braccio ed escono. Chery ed Ortensio li seguono. Anche Giordano vorrebbe seguirli ma Ortensio gli sbarra la strada in malo modo.)

Ortensio) Endó völel nà lü, se pöl sail?

Giordano) L’è cascada, (tentando di guadagnare la porta) vöi vèder se la s’è fada mal.

Ortensio) Chèsa l’è proprietà privata. Lü el va pròpe en de nüsü póst. E po’, se pöl saì chi che l’è lü? Cosa ghe fal sèmper ché en mès a le scatole? El naghe a laurà che l’è mèi.

Giordano) Come se permètel de parlam isé. El varde che me...

(Fuori scena Chery chiama: Merlino cori. Ortensio esce chiudendogli la porta in faccia.)

Giordano) (Grida alla porta) ... che me el licensie. El ve a dim de nà a laura. Lü el garés de nà a laurà se el völ guadagnà en stipendio a fi del mès. Magnaufo a tradimènt.

Fedele) (Entra) El amó ché lü siòr?  El nàghe a casa. La contessa la s’è fada mal e la pöl véder nüsü.

Giordano) Alura me sènte zó ché e spète.

Fedele) (Minaccioso) El sculte el me consiglio: el naghe a casa sò. El staghe mia a pèrder tèmp e nà aanti e ‘ndré per nient. (Gira sui tacchi, esce chiudendogli la porta in faccia.)

Giordano) (Grida alla porta) ... el la ciama pèrder tèmp. Che en va de la me vita caro el me siòr. Del me futuro. Ohhh, nüsü che me dà de mènt. E adès che foi? (Va alla porta del giardino) Vo mia a casa. Sto ché e spète. Me sènte zó ché de föra, sö chèla bèla banchina che gh’è sóta el sàles e apena sènte la us de la Mafalda vègne a parlaga ensèma (esce in giardino).

Scena 9 - Gesuina entra e trova Mafalda

Mafalda) (Rientra a cercare Giordano,) El gh’è pö. (Guarda dalla finestra.) L’è là che el sbraita co j-alter òm. Chisa cosa che el g’ha de uzà sèmper. (Toccandosi il fondo schiena.) Só mèza sgarelenta. Che bòta al cül che g’ho ciapàt. Pensà che sie isè vizì a vendicam. Sie za pronta. Töcc che me dàa corda. L’arès enfiömàt de parole. E ghie za le parole ché (toccandosi la bocca) sie za dré a dighel. Che pecàt! Só nada zó longa e tirada come na scórsa de pèrsech. Sbammm... come garó fat a pèrder l’equilibrio pròpe en chèl momènt isè de óca. Se vèt che l’è stada l’agitasiù.

Gesuina) Buongiorno. Ghif amó el campanèl che funsiona mia. Ve convié fal giöstà.

Mafalda) L’è mia rot, manca la corente, i l’ha tirada vià perché j-è drè sistemà la piscina en giardì.

Gesuina) (Con disprezzo) La piscina de la siura contessa enmagine. Endó èla la contessa per piazèr, che garès de parlaga ensèma.

Mafalda) Che völela da la siura contessa?

Gesuina) (Estraendo le fotografie dei figli e sbandierandole.) Faga vèder chèste. Faga vèder chèl che l’è dré a fa. La garés de vergognàs.

Mafalda) La contessa la gh’è mia.

Gesuina) (Sedendosi) Alura la spète.

Mafalda) La ghe mia perché l’è nada vià. L’è nada en crociera söl Nilo. La starà vià 15 dé.

Gesuina) L’è nda vià! El me òm el sarà mia nat via con de lé, spere.

Mafalda) (Non capisce) El so òm?

Gesuina) Sé, el me Giordano.

Mafalda) Ma le èla... per caso...

Gesuina) Me só Gesuina, la fómna de Giordano.

Mafalda) (Indicando il giardino) Chel Giordano che...

Gesuina) Che l’è vignìt stamatina a laurà en del giardì de chèsta vila. Maledeta che la olta che i l’ha mandat ché. La pense che l’è vint ang che som spuzacc. Som sèmper nacc d’amur e d’acordi. Èco che encó no el me ve a casa a dim che el me mòla. Che el g’ha troàt l’afare de la sò vita. Che el g’ha troàt l’America. E che fra me e lü gh’era töt finìt.

Mafalda) Finìt?

Gesuina) Sé, finìt. E me g’ho dit: “E i nòs quatèr fiöj? E mé, cönte pö gnènt?” E sala cosa che el ma rispundìt?

Mafalda) No, cosa gal rispundìt?

Gesuina) Che el pöl mia pèrder chèsta ocaziù.

Mafalda) L’ocaziù?

Gesuina) Sé, l’ocaziù de mitis con de na contessa. Na olta, vint agn fa, sta contessa del cavolo la naa en giro co le pèse söl cül. Pó somèa che la gabe ereditàt da na zia en America e la sape deentada na sioràsa. Lé, la iena, la g’ha fat sbarbelà sota el nas na möcia de sólcc, e lü chel sürlo el mòla töt per quàter palanche. I òm j-è töcc dei Bortoi. I se lasa tirà con de en furmintì

Mafalda) (Al pubblico) I dis che tira de pö en caèl de fómna che en car de bò.

Gesuina) L’è mia catìf el me òm. El g’ha i sò bei difècc, come töcc. E mé g’ho sèmper dit: l’importante quan che s’è maridacc l’è ulis bé e soportàs a vicenda. Ma lü, quan che se trata de sólcc el capìs pó gnènt. Ela spuzada lé signorina?

Mafalda) No.

Gesuina) Alura la sa mia chel che völ dì èser spuzacc. Chel che völ dì tindiga drè a un òm, laàga, stiràga, giöstaga i calsècc, faga tö zó le midizine töte le sere.

Mafalda) El malàt?

Gesuina) Prope malat no, ma el g’ha la presiù alta, e le analisi del sanch chele va mia tant bé. El g’ha en bris de mal de schena, na ponta de gastrite e isé, de conseguensa, l’è stitich. Ogne tant el g’ha de fa el qualch clistere co la glicerina. E pó el garà de èser operàt a n’öcc perchè l’è dré a daga zó le caterate.

Mafalda) El me par zùen per viga la catarate.

Gesuina) Pöl das che le sape genetiche, perché apó so pader l’è stat operat, 3 olte. Mé misér, adès, el viv en casa con de mè. Ghe j-ho töcc du en gropa mè miser e me madona.

Mafalda) E le la ghe tendi dré a lur e en pö la g’ha l’òm e quàter fiöi.

Gesuina) E g’ho apó en cà e du gacc, el canarì e tre tartarüghe.

Mafalda) Come mai töte chèle bestie lé?

Gesuina) L’è “la bestia – terapia”.

Mafalda) Come “la bestia – terapia”?

Gesuina) Sé, l’hala mai sintida? J-è stade le pisicologhe a scöla a obligam a tö de le bestie en casa per el pö picinì che l’è gelus dei àlter fràdei pö grancc.

Mafalda) E adès el so òm el volarés molà töt per andà con de na contessa che el conòs gna?

Gesuina) I se conòs. I se cunusia amò vint agn fa. Alura, quan che lé l’era na poarèta el ghe naa a muruse. Pó el m’ha cunusìt me. L’è stat en balansa en pès e pó el g’ha decidìt de spuzàm. (Al pubblico) El cridia che catà i sólcc. (Sbandierando le fotografie) Adès góm quàter fiöi. Quàter.

Mafalda) (Perplessa) Quàter fioi.

Gesuina) Sé, e con quàter fiöi chèl sürlo el va a curiga drè a na contessa.

Mafalda) L’è pròpe en sürlo.

Gesuina) El sarà apó en sürlo. L’è en poér tananai, ma me g’ho sèmper vulìt bé. (Specificando) Se som sèmper vulìcc bé. E adès só restada sula. Che fói de sula? Speróm che almeno el me lase la machina. Come föi sensa machina a nà a laurà? E pòrtà i fiöi a scöla? e töt el rèst?

Mafalda) La na comprarà n’altra.

Gesuina) Podóm mia compran n’altra, góm amó de finisèr de pagà le rate de chèsta.

Mafalda) Ghìf töt la machina a rate?

Gesuina) Sé, la machina e pó el frigorifero. E garésègn de cambià apó el divano, con 4 fiöi che ghe salta ensima töt el dé, l’è töt sfondàt. L’è bröt, sala, vìghen mai gna ü.

Mafalda) Eh, la g’ha rezù. L’è mia la stèsa ròba pianzèr sö na spiagia dei Caraibi o piànzer en cuzina entant che se nèta le sigóle.

Gesuina) L’è che rie mia a fàmen na rezù. Dopo töcc chèsti àgn, dopo töt chèl che g’ho fat per lü, el me Giordano el me mòla per na contessa. Ormai garò de rasegnàm, ormai l’è za partit con sta contessa.

Mafalda) La contessa l’è partida de sula.

Gesuina) E ‘l me òm?

Mafalda) El garà dit isè per dì. E garà vulìt faga en schers. La naghe a casa siura, la vedarà che el sò òm stasera el turna a casa. Sala che la g’ha de fa, siura Gesuina? La emparìce bé la taola e quan che el turna la faghe finta de niènt.

Gesuina) Dìzela? Pensà che só stada lé a preparaga el stüàt perché só che el ghe pias fìs. De solit serche de contentàl e faga de mangià chèl che ghe piàs. E se el turna mia?

Mafalda) El turna, el turna, la staghe mia a preocupas. (Al pubblico) Nó fos àter che per tö zó le midizine e fas fa el clistere.

Gesuina) Come l’è stada gentile con de me signorina. L’è gh’è amó le brae persune al dé de encö. A olte basta sènter na parola buna per tiràs sö de moral. (Ancora un poco preoccupata.) Ma èla pròpe  sicüra che la contessa l’è partida de sula?

Mafalda) Pö che sicüra, me crèdela mia? Völela che ghèl giüre? (Offesa) La varde che me de bòzie en cönte mai.

Gesuina) Ghe crède, ghe crède. Se fa a la svelta a crèder a le bèle nutizie. Come l’è stada gentile signorina. La ringrazie de vim scultàt. Che el Signur el la benedise. Turne a casa a spetà el me òm. Grazie (esce.)

Scena 10 - Mafalda incontra Mimì e le chiede aiuto per rimandare a casa Giordano

Mafalda) G’ho mia bisògn che me vèndiche, gna de lü e gna de lé. La vita l’ha ma za vendicàt. La vita col sò nà – apena col sò pasà - la vèndica töcc i tòrcc. Con de na famèa isè i g’ha za paìt töcc du la sò  condana.

(Entra Mimì.)

Mafalda) Oh. Siura contessa Artemisia, che ghe fala za a casa? Ghiela mia de èser en vacansa?

Mimì) Gh’è mia partìt l’aereo. E te Mafalda, cosa fet col me vistìt endòs?

Mafalda) Só drè a daga du póncc, ghe s’era discuzìt l’orlo.

Mimì) E fét l’orlo col vistit endòs?

Mafalda) Certo. Per mia seghità a caàl e mitìl. Me sènte zó, fó en bris de orlo, po lìe sö, me varde al spècc e vède se l’è drit o el pènd. Se el va bé en fó ön alter tòch.

Mimì) E le me scarpe. Che fet con endòs le me scarpe?

Mafalda) J-è chèle che a lé ghe nàa strète. Se ricordela mia? Invece che portale dal scarpulì g’ho pensàt che l’era asé bagnale co l’alcool per slargale, e po’ j-ho mèse, entan che ‘l se süga, per tignile en furma. Me permetarès mai de mèter le sò scarpe sensa na buna scüza.

Mimì) Come fèt a tignile en furma se te pòrtet en nömer de men de me?

Mafalda) Pròpe perchè le scarpe j-è sò, me só entorciada i pè con del cutù e pò con de en fòi de giörnal. G’ho caminàt töta matina col cutù e i giornai. Adès vardae come che le nàa po’ le empatinae e ghe le mitie via. Ma come mai l’è za turnada a casa?

Mimì) Gh’è stat de mès i scioperi e gh’è mia partit l’aereo. Te dó fastide se só turnada a casa?

Mafalda) No, ghe mancarés a chèla, ansi, me rincrès per la sò vacansa ma só prope contenta de vidila apò perché g’ho de domandaga en piazèr.

Mimì) En piazèr. Sólcc ghe n’è mia. E sta mia domandam dei anticipi che som za föra de tre més.

Mafalda) Macchè anticipì... se trata... vèdela... prima gh’è stat ché na fòmna...

Mimì) L’ho entraista e sie pròpe vignida a domantat chi che l’era chèla mèza mata che daa i nömer. Prima la m’ha burìt compàgn de n cà. L’era encasada come na bestia. La me n’ha dìt en fraco e na sporta e come che l’è vignida l’è nada. Ma te la conòset?

Mafalda) No, ma conòse el so òm.

Mimì) Conòset el so òm? E chi él?

 Mafalda) (Porta Mimì alla finestra) La vèdel chel tal en giaca e cravata en mès ai operai drè a laurà en giardì?

Mimì) Come se fa a laurà dré a na piscina en giaca e cravata!? (Fra sé) Epure, me par de iìl vist amó lüle. (A Mafalda) Èl chel che uza come en mat?

Mafalda) Sé, pròpe lü, che chèl uza come en mat l’è spuzàt co la mèza mata de prima.

Mimì) El Signur el j-a fa e po el j-a pera.

Mafalda) La g’ha de saì che lü el sèghita a fam la corte e rie mia a liberàmen. Vèdela, l’è dré a vègner en sa. El ve a sercà de la siura contessa.

Mimì) E perché secondo te el garés de sirca de me, per che motivo garèsel de sercà de na contessa?

Mafalda) Perché... perché, sicome riàe mia a caàghen le raspe, la me scüze se me só permasa; g’ho dit che mé, come sò cameriera personale, só partida ensèma a lé. E lü el vè a domandaga se l’è vera. La me faghe sto piazèr, ghe saró riconoscente fin che scampe. Se trata apena de diga che la contessa l’è partida. Che l’è endada a fa na bela crociera söl Nilo e che la starà vià 15 dé.

Mimì) Ma se gh’è mia partìt l’aereo come foi a èser partida?

Mafalda) La ghe dize isé, e po’ la ghe dize de mia fa stüpidade e che el g’ha de turnà da sò moer. (Indicando i fiori) E che a sò moér el che porte chèsti, e la ghe j-a dà drè.

Mimì) I fiur?

Mafalda) Se, i fiur... j-ho compràcc me aposta. Alura me la fala sto piazér siura contessa? So sicüra che se le la me àida rie a liberàmen per sèmper.

Mimì) Va bé Mafalda, visto che te ghe tègnet isé tant e che fàtel me costa gnènt, dim: che gó de fa de precìs?

Mafalda) La garés (non sa come dirlo) apena per sich minücc, apena entant che la ghe parle ensema, la garés de fa finta de mia èser la contessa

Mimì) E chi garés de èser?

Mafalda) La cameriera. La garès de fa finta de èser la cameriera. (Sbrigativa)  La staghe mia lé tant a scultàl. La ghe dis apena che la contessa l’è partida, la ghe dà i fiùr e la la rimanda a casa da sò moer. (Guardando dalla finestra) L’è dré che el ria. Me racomande, só en de le so mà.

Mimì) Va tranquila che el sisteme mé sto piamigole de strapàs.

Scena 11 - Mimì si trasforma in cameriera e maltratta Giordano

(Mafalda esce e dopo qualche attimo entra Giordano dal giardino.)

Giordano) (Parlando fra sé) Gho pròpe dàt na endrisada de chèle giöste ai me ex coleghi. Ah, me só ödàt el gós. G’ho dit töt chèl che pensae. (Vede Mimì) Buongiorno, e la cristina? E el bigarulì endó èl? Se se presenta mia isé deanti a me.

Mimì) (Al pubblico) Eco chi ché l’è! Ghie rezù mè de il vist amó. L’è el mat de stamatina. L’è mèi fa come dis la Mafalda: l’è mèi asecondàl.

Giordano) Per sta olta la la pasa liscia ma, de dumà, la se ricorde che cambia töt. Adès, la naghe a ciamàm la siura contessa, svelta, sübit.

Mimì) Pòde mia nà a ciamaga la siura contessa. La siura contessa la ghe mia. L’è partida. L’è nada a fa na bèla crociera söl Nilo e la starà vià 15 dé.

Giordano) L’è partida?

Mimì) Sé, e ... e... prim de pàrter (prende i fiori) e la m’ha dit de diga de turnà a casa e de daga chèsti.

Giordano) Turnà a casa?! (Prendendo i fiori) E me che en fói de chèsti?

Mimì) El ghe j-a porta a sò mòer e el ghe fa na bela sorpresa.

Giordano) Ma mé...

Mimì) G’hal capìt chel che g’ho dit o goi de ripetìghel.

Giordano) Come se pèrmetela de parlàm con chel tono lé!

Mimì) E lü come se pèrmetel de mia scultàm!

Giordano) La varde che lé, l’è na semplice cameriera

Mimì) El varde che me (si trattiene) siòr, el varde che la contessa l’è partida.

Giordano) (Incredulo) Partida?!

Mimì) Sé, e adès el parti apó lü e de onda. Gal capìt? Ché el g’ha pó gnètn de fa. La contessa l’è partida e lü el g’ha de turnàa a casa da so moèr.

Giordano) Vo vo ... (al pubblico) Le fómne j-è töte istèse... no ghe n’è giöna che se salva. Tanto vale tègner chèla che g’ho.

(Deluso Giordano fa per uscire con i fiori, invece di uscire dalla porta esce dalla vetrata e Mimì lo sentirà dire: Gnari, alura v’è piazìt el me schèrs. Diziga al padrù che sto mal e che adès vó a casa a bötam söl lèt. Sarà stat en sbalso de presiù che m’ha ciapàt el có. Per dumà sarà pasàt töt. Dumà turne a laurà” le sue parole sfumeranno mano a mano che si allontana. Nel frattempo entra Mafalda battendole le mani.)

Mafalda) G’ho de dì siura contessa che l’è stada grande. N’atrice fada e finida, pó bràa finamai de la Valeria Marini o de la Monica Bellucci.

Mimì) (Modesta) Sta mia esagerà Mafalda.

Mafalda) La ringrazie fis siura contessa de vim aidàt, grazie. La m’ha pròprio caàt de le pètole, e adès vó a finìser de faga l’orlo al sò vistìt (esce).

Mimì) Me paria mia che chèl vistìt el ghìes l’orlo descuzìt. Però, se la la dis la Mafalda me fide. De la Mafalda se pöl fidas, l’è giöna col có sö le spale.

Scena 12 - Chery scambia Mimì per una cameriera e le confida i suoi progetti

Chery) (Si aggira per le stanze ammirando col naso in aria, vede Mimì, al pubblico) N’altra cameriera? Ma quante cameriere gh’è en chèsta vila? (A Mimì) Apò lé l’è na cameriera?

Mimì) Veramente... (Diventa sospettosa, al pubblico) E chèsta chi éla? (A Mimì) Lé chi éla signorina?

Chery) Me ciame Cherubina ma töcc i me ciama Chery a la francese. Sala se, per caso, gh’è en posto apó per mé che en vila? So dré a sercà en posto de laurà.

Mimì) La me scüze, la me spieghe, come gala fat a finisér pròpe a vila Artemisia?

Chery) L’è na storia proprio romantica, de chèle che se lès sö i lìber. G’ho encontrat en chat el magiordomo e me so sübit afezionada. Pó g’ho vist el sior conte e me só afesionada apó a lü. A dì la verità l’è en pó nuiùs.

Mimì) Nuiùs? La me faghe capì, endó el che la g’ha encontrat el magiordomo?

Chery) En chat, söl computer.

Mimì) (Al pubblico) Cridie mia che el maggiordomo el fós apasionàt de computer. L’ho mai vist con de en computer en mà.

Chery) Me sie Fata Morgana e lü Mago Merlino. El magiordomo, a dì töta la verità, el me piazares de pö, però, la sa come che l’è, el siòr conte el g’ha i sólcc. Però l’è pö dificil fa ennamurà giü coi sólcc, en special modo se le fómne le ghe enteresa mia tant.

Mimì) (Crede di capire, al pubblico) Chèsta ché la g’ha capit Piero per Paol. Vöt vèder che la sa mia chi dei du l’è me fiöl? (A Chery) Però l’è en bèl òm con chèi caèi scür... (o biondi o bruni a seconda dell’attore che impersona Fedele).

Chery) ... e con chèla bèla caminada inglesa. L’è perché el g’ha stüdiàt a Oxford. Töcc du j-è mia mal. Però sö la balansa pesa i sólcc, so mia se me spieghe.

Mimì) La se spiega, la se spiega. Eccome che la se spiega cara la me tuza.

Chery) Se rie a restà ché, con de en bris de moine. Lé che e n dìzela, magari...

Scena 13 -  Mimì chiama sia Fedele che Ortensio

Mimì) Magari, la spète en momènt, adès ghe pènse me (chiama decisa) Fedele, Ortensio!

(Si presentano entrambi)

Mimì) (A Chery) Adès te ghe de catan föra giü. Chi vöt?

Chery) Come g’ho de catan fora giü? Ma te chi sèt?

Mimì) G’ha mia emportansa chi só. Alura, vardei, càten föra giü t’ho dit. Te se mia buna né? El set perché? Perché te te i vèdet mia per chèl che j-è, ma per chèl che i val. Te, te se dré a sercà i sólcc per fa la bèla vita.

Chery) Che sèt dré a dì?

Mimì) (Da cattiva) Só dré a dì che l’è el cör che g’ha de parlà, mia el servèl. L’è el cör che g’ha de dit chèl che te ghe de fa. Alura? El tò cör te dizèl gnènt. El set perché? Perché nüsü dei du i va bé per te. (Rivolgendosi ai due maschietti) E voàlter du, gh’è vergü che sènt vergót? So mia, gh’è scocàt na qualche scintila? G’ha ambiat a sunà le campane? No! Eco, alura signorina la so storia la finìs ché.

Chery) La finis mia ché, la pöl mia finìser ché. E po’ lé, na cameriera, come se permètela vègner a dim a mé sèrte ròbe. Ma chi se credela de èser, na contessa?

Mimì) Mia me crède de èser: só! Só la siura contessa, só la contessa Artemisia detta Mimì.

Chery) Che vègnela a cöntam sö? (Vorrebbe dire di Mafalda, dell’altra contessa quella che ha visto lei) La contessa che g’ho vist...

Ortensio) (Interrompendola) Alura? Chi càtet föra de noalter du? El magiordomo o el conte?

Mimì) (Li guarda e li indica) Te magiordomo e lü conte ah ah ah. (Li scambia) Lü conte e te magiordomo ah ah ah.

(Fedele e Ortensio diranno alternativamente in italiano e in dialetto, creando confusione: Il conte sono io – no, sono io - io sono il maggiordomo - il maggiordomo sono io - io sono il conte - Chery non capisce quale sia dei due il figlio della contessa, però capisce di aver perso. Infine, con un inchino Fedele dirà: Agli ordini siùra contessa.)

Mimì) (Indicandoli giusti) Chèsto l’è Fedele el magiordomo e chèsto l’è me fiöl, el conte Ortensio. (Sempre indicando) E chèsta l’è la porta cara signorina...

Chery) (Uscirà di scena dandosi delle sberle) Só stada pròpe séma, òrba, embecile, stüpida, egnorante, cretina...

(Ortensio prende il computer e l’accende. Fedele chiude la porta.)

Mimì) (Al figlio) Che te sèrve de lesiù caro Ortensio. Adès vó a vèder se i g’ha finìt de lauraga drè a la me piscina.

Fedele) (Facendo un inchino a Mimì.) Siura contessa, sarà apó el caso de diga de tacà la corente prim che i nàghe via.

Mimì) Nom Fedele, va a dìghel te. T’el sét che me trate mia co i-operai.

(Mimì e Fedele escono. Come nel primo atto Ortensio scriverà e parlerà ad alta voce.)

Scena 14 - Ortensio cancella tutte le chat

 “Ho avuto una crisi mistica e mi sono ritirato in un convento di frati. Addio”

A Laura – da Petrarca Bresciano

A Beatrice - da Alighieri Due

A Penelope – da Ulisse

A Francesca 51 da Paolo 48 (Di solito l’anno di nascita abbreviato)

A Marylin – da Marlon Brando

Fam controlà de mia lasà föra vergöne:

(Fedele è sulla porta della veranda e si pulisce i piedi prima di entrare.)

Fata Morgana? Poera Cherubina detta Chery alla francesce. Chèla la scancèle sübit e ghe pènse pö.

Scena 15 - finale con fata Turchina

(Suona il campanello d’entrata. Mentre Fedele va cerimoniosamente ad aprire dal giardino rientra anche Mimì. Compare sulla soglia una ragazza tutta pimpante.)

Mimì) (Al figlio) Sèmper con chèl computer en mà. Mochela lé, de no fa àlter cazì. T’èla mia bastàda la lesiù?

Fedele) Buonasera, desidera?

Fata turchina) (Guarda entrambi con interesse, entra in mezzo alla scena e si guarda attorno) Buonasera, èla chèsta villa Artemisia?

Fedele) (Chiude la porta e la segue.) Certo.

Fata turchina) Alura, só riada en del post giöst. ... cercae (pausa di imbarazzo) sercàe Pinocchio, me so la fata Turchina.

Mimì)  (Aprendo la porta per farla uscire) La g’ha sbagliat indirìs signorina, chèsto l’è mia el “paese dei balocchi”. E ‘l sò Pinocchio l’è stat mangiàt da la balena. Addio!

(I due, dopo un’occhiata d’intesa, la prendono sottobraccio e di peso l’accompagnano fuori.)

Cala il sipario

Fine

VILLA ARTEMISIA

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

ATTO I

Scena 1 - Ortensio chatta col computer mentre il maggiordomo lo serve

Ortensio) (Entra col cellulare all’orecchio e con un computer portatile, aperto e funzionante, che appoggerà sul tavolo. Annuisce sorridendo e mentre parla schiaccia i tasti del computer.) Un momento, fammi capire… No, non è possibile, mia madre è in crociera sul Nilo non può venire a firmare... ti ho detto che non è possibile, è via per 15 giorni. È partita ieri sera, figurarsi.

(Tutto impettito entra Fedele con un vassoio. Su questo vassoio ci saranno alcune spazzole per scarpe. Ortensio, continuando a parlare al telefono e trafficando col computer, lo vede e allunga prima una gamba e poi l’altra. Il maggiordomo, dopo un lieve inchino, senza parlare, coscienzioso gli spazzola prima una poi l’altra scarpa, impettito esce.)

Ortensio) (Sempre al telefono) ... Sì, però restano sempre i supermercati.

(Rientra Fedele con un vassoio e tazzina del caffè che porgerà cerimoniosamente. Esce.)

Ortensio) (Beve il caffè) Un momento, guarda che le mie bustine di zucchero sono quelle più robuste di tutte... inoltre... va bene... e non voglio sentire parlare di sciopero... va bene, chiariremo quando arrivo. (Spegne il telefonino, fra se)Cosa si credono gli operai? Di comandare nella mia fabbrica ! Gliela do io a  quelli lì. Ora vado là e do loro una registrata di quelle giuste.

(Mentre Ortensio prosegue a lavorare al computer Fedele andrà avanti e indietro, la prima volta terrà una giacca per le spalle e poi aiuterà Ortensio ad indossarla. La seconda volta avrà in mano 3 fazzoletti e sul braccio 3 sciarpe: gli farà scegliere ciò che preferisce. Entrerà infine  una terza volta con due valigette 24 ore e tre orologi al braccio e gli farà scegliere anche fra quelli. Esce. Ortensio, quando sarà solo ad alta voce leggerà e scriverà le parole sul monitor, ispirato dai vari passaggi di Fedele.)

Scrive: …maggiordomo. Faccio il maggiordomo a Villa Artemisia

Legge: chissà come sei bello con la divisa da maggiordomo

Scrive: un maggiordomo è solo un maggiordomo

Legge: non vedo l’ora di conoscerti. Dobbiamo combinare un incontro

Scrive: sicuramente

Legge: vieni tu o vengo io?

Scrive: vengo io... appena ho una giornata libera

Legge: e se venissi io da te?

Scrive: no. Tu non venire…

Legge: perché?

Scrive: perché verrò io

Legge: quando?

Scrive: ti farò una sorpresa

Pronto per uscire legge: a presto Mago Merlino

Scrive: a presto Fata Morgana

Ortensio) Ci mancherebbe solo che venisse! (Parlando fra se, controllando i documenti nella valigetta, o riponendo il portatile.) Chissà  come che è questa fata Morgana? Le ho detto che faccio il maggiordomo a Villa Artemisia. Non posso dirle subito che sono il figlio della ricca contessa Artemisia e che sono pieno di soldi. Se mangia la foglia che sono ricco, è belle e buona di montarsi la testa. (Toccandosi le tasche.) E le chiavi della macchina dove sono? che ho così fretta.

Fedele) (Quasi gli legga nel pensiero, entra, porgendole.) Ecco signor conte.

Ortensio) Grazie. Sicuro che c’è dentro tutto?

(Fedele annuisce e va ad aprirgli la porta, Ortensio lo saluta ed esce con computer e valigetta.)

Fedele) A stasera signor conte.

Ortensio) Ciao Fedele. A stasera.

Scena 2 - Mafalda riconosce Giordano e per vendicarsi chiede aiuto a Fedele

Mafalda) Fedele, (entra vestita da cameriera) Fedele, ascolta, devi farmi un grande piacere. Devi stare al mio gioco, ascolta, anzi, guarda (accompagnandolo alla vetrata) lo vedi quello?

Fedele) Quello? Quale quello? Ci saranno dieci omaccioni che girano attorno alla piscina.

Mafalda) Quello, quello con la camicia a righe.

Fedele) Ce ne sono due con la camicia a righe, uno col gilét e uno senza.

Mafalda) Quello senza gilét, quello col cappello. Lo vedi? Quello mezzo nascosto dietro la pianta (descriverà l’attore - o alto o basso, o grande e grosso ecc. )

Fedele) Quello imboscato dietro alla pianta? Lo vedo. E allora?

Mafalda) Quello è il mio Giordano

Fedele) Quale Giordano? Quel Giordano? (Osservando con più attenzione dalla finestra.) Ne sei certa? Sono passati venti anni.

Mafalda) Ti garantisco che è lui, guardalo bene.

Fedele) Potrei guardarlo fin a cavarmi gli occhi Mafalda, ma non ne caverei niente. Non l’ho mai conosciuto. Ne ho sentito parlare un gran tanto ma sarebbe la prima volta che lo vedo.

Mafalda) Ti garantisco che è lui. È proprio lui, sono più che sicura. È quel porcello di Giordano. Quel brutto porcello. Questa è l’occasione per vendicarmi. È un pezzo che aspettavo questa occasione.

Fedele) I cinesi dicono: fermati sulla riva di un fiume e aspetta, vedrai che prima o dopo...

Mafalda) Non c’è bisogno che me lo dicano i cinesi quello che devo fare, lo so da me. Adesso lo sistemo quel brutto porco mammalucco. Lui lì, venti anni fa, dopo 5 anni di fidanzamento mi ha mollato per sposare una piena di soldi.

Fedele) Lascia perdere Mafalda, sono passati 20 anni.

Mafalda) Lasciare perdere! Nemmeno per scherzo Fedele. Il “bello” ha voluto sposare la signora Gesuina brutta come l’orco ma con un padre pieno di soldi? E ora gli faccio proprio un bello scherzo.

Fedele) Se ha sposato una piena di soldi, sarà difficile fargli un bello scherzo. I ricchi di solito non ne hanno molto di senso dell’umorismo.

Mafalda) Quello lì non è più ricco. C’è stato anche sul giornale. Sono andati falliti 5 anni fa. (Al pubblico) Per me è stato lui a mandare tutto in malora. (A Fedele) Ad ogni modo, quel brutto porcospino di Andalù, da padrone che era ha dovuto piegare la gobba ed andare a lavorare sotto gli altri.

Fedele) Come fai a sapere tutte queste cose?

Mafalda) L’ho sempre tenuto sotto controllo. Se tu sapessi da quanto tempo aspetto questa occasione. Però è necessario che tu mi regga il gioco.

Fedele) Reggerti il gioco Mafalda? Che dovrei fare? Cosa hai intenzione di fare?

Mafalda) Ascolta la mia idea. Gli faccio vedere la luna nello specchio e poi – a quel brutto lumacone senza guscio - gli pianto una bella pedata nel didietro. (Fregandosi le mani contenta) Non poteva capitarmi un’occasione più giusta di questa, con la signora contessa  in vacanza in Egitto. Lui è sempre stato ambizioso, quando che si tratta di soldi poi, non ragiona più, non capisce più niente. (Nell’avviarsi lo prende sottobraccio.) Così, ora, gli farò credere che io sono...

Scena 3 -  Giordano entra in villa per avvisare che tolgono la corrente elettrica

(Escono. Nel frattempo Mafalda cambierà vestito e ne indosserà uno della contessa. Dopo qualche attimo di scena vuota Giordano entra dal giardino chiedendo “permesso”, si guarderà attorno meravigliato dal lusso della stanza.)

Fedele) (Entra, con sussiego) Signore? (Scandalizzato gli osserva le scarpe) Le scarpe! (Disapprovando) Le sue scarpe su questo pavimento! (Col dito gli indica di uscire) Fuori!

Giordano) (Torna indietro a pulirsi le scarpe, rientra togliendosi umilmente il cappello) Sono venuto a dirle che dobbiamo lasciare il cancello aperto perché dobbiamo andare avanti ed indietro. E sono venuto a chiedervi dove potremmo attaccare una prolunga per la corrente.

Fedele) C’è una spina proprio appena dentro il ripostiglio della legna.

Giordano) Va bene. (Si avvia, poi torna sui suoi passi) Guardi che il cancello resterà aperto, ma non stia a preoccuparsi, ci siamo noi a fare la guardia. (Si avvia poi torna sui suoi passi) Ah, può darsi che ogni tanto dobbiamo staccare il contatore. Si regoli se dovesse usare la corrente.

Fedele) Come mai dovete staccare il contatore?

Giordano) (Guardandosi sempre attorno) Abbiamo visto che nei tubi che passano vicino alla piscina ci sono dei fili con la corrente elettrica. Sembra che ci siano state delle infiltrazioni di acqua, non c’è da scherzare con l’elettricità. Già che ci siamo diamo un’occhiata e se serve aggiustiamo anche quelli.

Fedele) Va bene.

Giordano) Però dobbiamo tirare giù l’interruttore del contatore.

Fedele) Va bene.

Giordano) E si ricordi però che quando togliamo la luce non suona il campanello. Se sta aspettando qualcuno ci stia attento perché può darsi che il campanello non suoni.

Fedele) Non stia a preoccuparsi per il campanello.

Giordano) Allora siamo a posto e vado a dirlo al mio capo. (Si avvia sempre guardandosi attorno) Che villa! C’è ancora la gente piena di soldi. (Torna sui suoi passi.) Mi scusi, ma di chi è questa bella villa?

Fedele) È la villa di una signora Contessa.

Giordano) Ma ci sono ancora al giorno d’oggi le contesse?

Fedele) Sì, ci sono ancora. E ne ha una proprio qui davanti ai suoi occhi.

Scena 4 - Mafalda per vendicarsi si trasforma in contessa

Mafalda) (Che nel frattempo era entrata tutta elegante, avanza con stile e si rivolge al maggiordomo con autorità) Maggiordomo, è pronta la macchina? devo andare a fare (enfatizzando) shopping.

Fedele) (Riverente) Certo signora contessa, guida lei la “porsche” stamattina o le chiamo l’autista?

Mafalda) Lascia stare l’autista, stamattina ho voglia di guidare. Le chiavi della macchina prego, (porge la mano) allora queste chiavi della macchina? (molto autoritaria) Quando che io parlo voglio essere ascoltata. Non mi fare dire le cose due volte se non vuoi essere licenziato su due piedi.

(Fedele esce con un inchino per andare a prendere le chiavi della macchina. Restano soli. Giordano è senza parole. È intimidito, lui l’ha riconosciuta ma non è certo di essere stato riconosciuto.)

Mafalda) (Facendo finta con sorpresa di riconoscere Giordano)Non mi conosci più Giordano? Ti sei dimenticato di me?

Giordano) Non ti ho mai dimenticata Mafalda. Solamente che non credevo di trovarti qui, in questa villa.

Mafalda) Villa Artemisia. Ti piace?

Giordano) Piacermi! Sono senza parole.

Mafalda) Senza parole proprio tu! E se ti dicessi che questo è mio? Tutto mio? Che sono padrona di tutto? Che fai? Ti trasformi in una statua?

Giordano) Questa villa è tua Mafalda?!

Mafalda) Si. È mia. Vedi come che gira il mondo caro il mio Giordano. Ora le cose si sono rovesciate. Ora, sono io quella piena di soldi.

Giordano) (Sempre con difficoltà a trovare le parole) Ma… ma… come hai fatto a…

Mafalda) A diventare così ricca?! Semplice, caro Giordano…

(Fedele rientra e con un inchino le porge le chiavi della macchina.)

Mafalda) Te lo racconterò un’altra volta, ora non ho tempo. (Al maggiordomo con sussiego) La mia borsa prego.

(Fedele gli fa cenno che non ha compreso e lei con gli occhi gli fa capire di andare.  Fedele esce.)

Mafalda) Che stavamo dicendo? Forse, che i soldi non fanno la felicità.

Giordano) Non fanno la felicità, vero, (al pubblico) ma sarà meglio piangere sul volante di una Porsche che sul manubrio di una bicicletta.

Mafalda) (Prosegue col suo discorso) Sai perché non fanno la felicità? Perché anche se sono piena di  miliardi, sono sola, vivo da sola in questa grande villa.

Giordano) Ma… ma…

Mafalda) Ci sei stato solo tu nella mia vita.

Giordano) Ma… ma…

Mafalda) Non ho nessuno vicino. E avrei bisogno di un po’ di compagnia.

Giordano) Ma… ma…

Mafalda) (Chiamando seccata il maggiordomo) Fedele, e allora questa borsa? (A Giordano) Più che di compagnia, vedi, mi servirebbe la mano di un uomo per far rigare diritto la servitù. Mi servirebbe un uomo in questa casa.

Giordano) Gli uomini sono uomini. Non c’è nulla da dire. A volte basta la presenza di un uomo per far andare bene le cose.

Mafalda) Certo, io sono solo una povera donna piena di soldi. Vivo in questa grande villa. 15 stanze tutte per me. E non so nemmeno che farne. Sono qui da sola, a parte il maggiordomo, il segretario, il giardiniere, una cuoca e una cameriera.

Giordano) (Guardandosi attorno) Come sarà triste vivere così.

Mafalda) Spesso mi vengono le malinconie.

Giordano) Poverina!

Mafalda) Non ho mai voluto nessun altro che te (ritrosa) tu, solo tu mi sei rimasto nel cuore. E ora che ti ho ritrovato…

Giordano) Sì…

Mafalda) Magari noi due, potremmo ancora… io ti ho sempre voluto bene Giordano. Non ti ho mai dimenticato. Pensaci sopra (indicando negligentemente con la mano la stanza) non ti piacerebbe venire a vivere qui con me in una villa simile?

Giordano) Certo che mi piacerebbe, però non posso. Tu sai Mafalda che io sono sposato.

Mafalda) Lo so, lo so. E vai d’accordo con tua moglie?

Giordano) Non molto, a dire la verità, continuiamo a litigare.

Mafalda) Se non andate d’accordo e continuate a litigare puoi anche lasciarla.

Giordano) Non è così semplice.

Mafalda) Che problemi ci sono. Tu ti licenzi e vieni a stare qui con me. Ho tanti di quei soldi che non so nemmeno dove buttarli, tu potresti aiutarmi a spenderli. Potrei darli in mano a te da amministrare. Devo darli in mano a qualcuno di fiducia, e di te, proprio per il bene che ci volevamo una volta, mi fido. Però è chiaro che  devi venire a vivere qui.

Fedele) (Sperando di aver capito bene, rientra con una valigetta 24 ore e la porge a Mafalda) Prego signora contessa.

Mafalda) (Con superbia a Fedele) Grazie. (Cambia tono) Ciao Giordano, pensaci sopra a quello che ti ho detto. Però guarda che c’è già un altro in ballo, dovresti darmi una risposta prima di sera. Regolati.

(Fedele va ad aprirle la porta e lei esce tutta soddisfatta facendogli l’occhiolino).

Giordano) (La guarda uscire, al pubblico) Pensare che se lei è contessa io, ora, potrei essere conte. Che stupido che sono stato a non sposarla. (A Fedele) Saranno venti anni che non la vedevo.

Fedele) Davvero?

Giordano) Una volta abitavamo tutti e due nello stesso paese, poi io mi sono sposato e sono andato via. Però mi sono andati male gli affari.

Fedele) Mi dispiace signor Giordano che gli siano andati male gli affari.

Giordano) (Sospettoso) Come fa lei a sapere che io mi chiamo Giordano?

Fedele) Perché… perché… ho sentito prima i suoi… quelli lì fuori che la chiamavano.

Giordano) Ah, (al pubblico) credevo che la Mafalda le avesse già parlato di me. Ma no, non è possibile. Una contessa non va a raccontare certe cose ad un maggiordomo. (A Fedele) Ma lei, viene dall’Inghilterra?

Fedele) No, sono italiano. Però sono andato a scuola a Londra.

Giordano) Sono contento che lei sia un italiano come me, così ci si capisce meglio. Mi dica, la Mafalda come ha fatto a diventare così ricca? A diventare la padrona di questa villa?

Fedele) (Inventando)… ha ereditato.

Giordano) Ereditato da chi?

Fedele) (Sempre inventando) Da una sua zia, in America.

Giordano) Non sapevo che avesse una zia in America.

Fedele) Non lo sapeva nemmeno lei fino a che sua zia non è morta e lei ha ereditato. Le ha lasciato un sacco di soldi, un sacco di terra, qui e anche in America. Ne ha talmente tanti che non sa nemmeno lei quanti. Talmente tanti che sembra che cerchi un amministratore per amministrarli.

Giordano) Un amministratore?

Fedele) Per dirgliela tutta, la signora contessa più che di un amministratore ha bisogno di un uomo in casa. Però cerca uno di fiducia ed è difficile trovarne uno di fiducia al giorno d’oggi. Lei, non è tagliata per gli affari.

Giordano) Mafalda non è mai stata tagliata per gli affari.

Fedele) È per quello che a lei serve qualcuno che le amministri i soldi. Sono sicuro che questo tale avrebbe carta bianca.

(Fuori scena, dal giardino, si sente una voce maschile che chiama seccata: Giordano, e allora? Vieni o venivi?

Giordano) (Al giardino) Vengo, vengo. (A Fedele) Devo pensarci sopra. È una decisione che non si può prendere così su due piedi. Devo pensarci sopra un momento, prima di decidere.

Fedele) Si spicci a decidere. (Confidenziale) Guardi che c’è già stato un altro che si è presentato per il posto di amministratore.

Giordano) Allora non c’è tempo da perdere (esce).

Scena 5 - Mafalda e Fedele - sembra che lo scherzo sia riuscito

Mafalda) (Spia nella stanza, rientra tutta soddisfatta) Come sono contenta. Che bello scherzo che ho fatto.

Fedele) Proprio un bello scherzo Mafalda. Però non so se ho fatto bene a tenerti corda. Poveretto, guarda che lui si licenzia per te.

Mafalda) E allora? Lascia che si licenzi, che resti ancor di più in braghe di tela. Così impara quello sporcaccione d’un beduino.

Fedele) Sì, però ricordati che quello sporcaccione d’un beduino ha anche una moglie e una famiglia.

Mafalda) E allora?

Fedele) Allora tu sei tutta matta. (Cercando di dissuaderla.) Quando che verrà a sapere che è uno scherzo, si troverà senza lavoro.

Mafalda) Meglio, così impara. È tutta la vita che aspettavo questo momento. Finalmente riesco a vendicarmi. Di lui e di quella brutta carampana di sua moglie.

Fedele) Sì, però se la contessa viene a sapere che ti sei fatta passare per lei, è capace di licenziarti.

Mafalda) Non può venire a saperlo. È partita ieri sera. È andata in vacanza sul Nilo, starà via 15 giorni.

Fedele) E vuoi farti passare per contessa per 15 giorni?

Mafalda) Ma no. Solo per oggi. E dopo, quando sarò riuscita nel mio intento, chi s’è visto s’è visto.

Fedele) Chi s’è visto s’è visto. E se ti vede il padrone? E se il tuo beduino, per caso, va dal padrone?

Mafalda) Il padrone è sempre in fabbrica, inoltre: non c’è mai stato nessuno che tratta col padrone. Il padrone ha altro cui pensare. Con gli operai e i fornitori trattiamo sempre noi: tu ed io. Tienimi corda Fedele per piacere. Sono venti anni che sognavo questo momento.

Fedele) Ma possibile che il tuo, chiamiamolo amico, non sappia che tu fai la cameriera. In paese sanno tutto di tutti.

Mafalda) Ma lui non sta in paese. Quella ditta non è di Brescia e lui non sa proprio niente. Lui viene da Brescia. Quando che si è sposato è andato a stare a Brescia. Sono venti anni che non ci vediamo.

Fedele) Ma lo sanno tutti che a Villa Artemisia vive la Contessa…

Mafalda) (Interrompendolo) Vive una contessa che potrei essere io. (Girando su se stessa per farsi vedere) Che mi manca? Non fare il pignolo, tienimi corda e basta. Non preoccuparti. C’è caduto come una mela cotta. (Guardando dalla vetrata) Beduino d’un beduino

Scena 6 -  Giordano scambia Cirillo per un concorrente

(Entra Cirillo con dei libri sottobraccio e vestito in modo stravagante. Si salutano.)

Cirillo) Ciao cari. Fedele ti ho riportato i libri che mi avevi prestato. Cavolo, ho suonato per mezz’ora, ho idea che non vi funzioni il campanello, vi conviene controllare.

Fedele) Il campanello funziona, avranno staccato la corrente.

Cirillo) Cosa stanno facendo quei brutti omaccioni in giardino? Uno è stato così villano con me.

Fedele) Non farci caso Cirillo, sono gli operai della ditta che sono venuti a sistemare la piscina.

Cirillo) Cavolo, e come farà mai la signora contessa senza la sua piscina?

Mafalda) La signora Contessa è partita ieri sera per una vacanza di 15 giorni in Egitto. È andata a fare una bella crociera sul Nilo (guarda dalla finestra).

Fedele) E io per 15 giorni ho tutti i pomeriggi e tutte le sere libere.

Cirillo) Allora caro, stasera puoi venire al corso di yoga con me?

Fedele) Certo, stasera, e anche domani sera e anche dopodomani ancora. E potremmo andare anche al cinema. Sei contento? (Idea) Ma perché non vieni a stare qui con noi per questi 15 giorni? Che ne dici della mia idea?

Mafalda) La Contessa non c’è e suo figlio, il signor Ortensio parte al mattino e torna alla sera tardi.

Fedele) Sarebbe come fare una bella vacanza. Però una vacanza senza piscina.

Cirillo) Caro, che bella idea. Non mi interessa la piscina, io ho paura dell’acqua. Vado subito a fare le valigie.

Mafalda) Sta arrivando il beduino (scappa fuori).

Cirillo) Chi è che sta arrivando?

Fedele) Uno di quei brutti omaccioni che lavorano lì fuori. Non preoccuparti, è un povero pelabrocco.

Giordano (Entra.) Proprio lei cercavo...

Fedele) (Interrompendolo seccato) Signore, glielo ho già detto prima: le scarpe! Le sue scarpe su questo pavimento! (Col dito gli indica di uscire) Fuori!

Giordano) (Torna indietro a pulirsi le scarpe, rientra togliendosi umilmente il cappello, al pubblico) Se vengo qui a fare l’amministratore, non mi importa nulla se è andato a scuola a Londra, quello lo licenzio subito. È proprio antipatico.

Fedele) Se cerca la contessa, la signora contessa non c’è.

Giordano) Lo so che non c’è, ho sentito che andava a fare shopping.

(Osserva incuriosito Cirillo che a sua volta lo osserva. Alla presenza di estranei Fedele e Cirillo useranno fra loro il lei e non il tu.)

Cirillo) A fare shopping? (A Fedele) Cavolo, allora non so se è il caso di venire qui addirittura con le valige.

Fedele) (A Cirillo) Non si ricorda quello che ho detto prima della contessa?

Cirillo) Sì, ma ho idea di non aver capito bene.

Fedele) (A Cirillo) La signora contessa quando dice qualche cosa, è quello. Non si rimangia la parola.

Cirillo) Ma, il signore ha detto...

Fedele) (A Cirillo) Ne parliamo dopo. (A Giordano) Allora?

Giordano) Allora serve qualcuno che venga a dare un’occhiata alle pompe, è questione di due minuti, altrimenti non possiamo andare avanti col lavoro. (Al pubblico) Chi sarà questo qui? Non sarà venuto per fregarmi il posto di amministratore? Vuol già venire qui con le valige. Bisogna che prenda una decisione alla svelta. A quel che vedo non c’è proprio tempo da perdere (esce).

Fedele) (A Cirillo) Resta qui Cirillo che io torno subito e ti spiego (esce seguendo Giordano).

Scena 7 - Entra Chery-Fata Morgana e scambia Cirillo per il maggiordomo

Cherubina) (Entra pimpante.) Buongiorno, però credo che il vostro campanello non funzioni.

Cirillo) (Raccoglierà qualcosa in terra o sistemerà un quadro, farà in modo, col suo gesto, di essere scambiato per un maggiordomo.) Il campanello funziona, è che hanno staccato la corrente. Stanno facendo dei lavori alla piscina.

Chery) Non so se ho fatto bene ad entrare, ma ho trovato il cancello aperto e sono venuta avanti.

Cirillo) Ha fatto bene signorina. Però, se cerca la signora contessa: cavolo, non c’è.

Chery) Non sono venuta per la contessa, (sorride compiaciuta) sono venuta per te. Sorpresa, sorpresa, sorpresa.

Cirillo) Sorpresa di che cosa?

Chery) Chi sono io? Indovina indovinello.

Cirillo) Indovina indovinello - cosa c’è sotto il cestello?

Chery) Sotto il cestello? Spiritoso, hai sempre voglia di scherzare caro Merlino!

Cirillo) Merlino chi? Il mago?

Chery) Proprio il mago Merlino. Caro Merlino (buttandogli le braccia al collo) guarda che io sono la tua fata Morgana.

Cirillo) Fata Morgana? La smetta signorina. (Al pubblico) Cavolo, ce ne sono di matti al giorno d’oggi. (A Chery) Signorina, guardi che non siamo più al tempo di Re Artù.  Siamo nel 2005.

Chery) Non sei contento di vedermi Merlino? Credevo di farti una sorpresa; (allargando le braccia) su, dammi un bacio?

Cirillo) Un bacio?! Signorina sta dando i numeri? Io non sono mago Merlino, come devo dirglielo signorina.

Chery) Sei tu il maggiordomo di Villa Artemisia.

Cirillo) No, io sono Cirillo, Art Director della casa di Mode “Primavera – per me – per te – per tutti”.

Chery) Vestito così ti avevo scambiato per il maggiordomo. Scusa, anzi, mi scusi, io cercavo il maggiordomo.

(Fedele si pulisce le scarpe e rientra dal giardino.)

Fedele) (Che ha sentito l’ultima parola) Chi è che cerca il maggiordomo?

Chery) Allora sei tu! (sorride) Caro, caro Merlino, io sono la tua fata Morgana (lo abbraccia).

Fedele) Fata Morgana? Mago Merlino?

(Fedele dopo un primo momento di sorpresa la scosta, ma lei non desiste, tenterà sempre di abbracciarlo mentre lui cercherà di sottrarsi alle sue effusioni.)

Chery) Sorpresa! Sorpresa sorpresa.

Fedele) Sta dando i numeri, signorina.

Cirillo) Non far finta di non saper niente Fedele! Cavolo, da te una cosa simile non me la sarei mai aspettata! (Butta sul mobile i libri e se ne va sdegnato).

Fedele) Che vai a pensare Cirillo, aspetta. (A Chery) Signorina la smetta di toccarmi per piacere. (Cerca di rincorrerlo senza riuscirci) Cirillo aspetta, senti, che sei andato a pensare...

Scena 8 - Chery crede di aver trovato in Fedele il Mago Merlino

Chery) Merlino, non ti è piaciuta la mia sorpresa? Non sei contento di vedere la tua Fata Morgana?

Fedele) Signorina, come devo dirglielo che io non sono il mago Merlino.

Chery) Questa è Villa Artemisia?

Fedele) Si.

Chery) Tu sei il maggiordomo?

Fedele) A lei non deve interessare quello che sono io.

Chery) Ah no?

Fedele) No. Sa che le dico, che lei ora prende su la sua roba e se ne va da dove è arrivata.

Chery) (Sedendosi) Io di qui non mi muovo fino a che non salta fuori il mago Merlino.

Fedele) E dàgli con questo mago. Signorina (tenta di rialzarla) devo usare le maniere forti e sbatterla fuori a pedate nel didietro?

Chery) Che finezza: “Pedate nel didietro”. Le donne non si devono toccare nemmeno con un fiore.

Fedele) Signorina, non mi faccia perdere la pazienza e se ne vada con le sue gambe per favore.

Chery) Non me ne vado da qui fin che non è saltato fuori il mago Merlino (si attacca con le mani alla sedia e non si sposta più. A nulla valgono i tentativi di Fedele, che la stuzzica, la pizzica, la minaccia. Chery è decisa a non spostarsi).

Scena 9 - Ortensio rientra e dichiara di essere il maggiordomo

Ortensio) (Rientra) Sciopero, tutti in sciopero e sono dovuto tornare a casa. (Vede la scena) Oh, che succede, Fedele che stai facendo?

Fedele) (Ricomponendosi) Sono dietro a buttare fuori di casa la signorina qui presente, dato che non vuole andare fuori con le sue gambe.

Ortensio) Chi è questa signorina?

Fedele) È una signorina che non ha tutte le fascine al coperto. Dice che sta cercando Mago Merlino e lei è la fata Morgana.

(Ortensio si gira di scatto a osservarla e fa per avvicinarsi. Fedele lo trattiene.)

Fedele) Non stia ad andarle vicino. Non è pericolosa, ma non si sa mai, a me prima, per poco non mi graffiava gli occhi.

Ortensio) (Al pubblico) Come faccio a dirle che sono il figlio di una contessa? E se dopo si monta la testa? I soldi a volte fanno dei brutti scherzi. Prima di palesarmi voglio essere sicuro che sia sincera e che mi voglia per quello che sono e non per quello che ho. (Di soppiatto spinge da parte Fedele facendogli capire di stare al gioco.) Ascoltami e fa quello che ti dico. (A Chery) Cara Fata Morgana, sono io il tuo Mago Merlino, sono io il maggiordomo di villa Artemisia (ad un Fedele stupefatto) Comanda qualcosa signor padrone? ( Gli fa gli occhiacci per fargli capire che è una cosa importante e che deve stare al gioco.)

Fedele) Veramente... veramente... (Assumendo ed imitando l’atteggiamento del padrone) Caro maggiordomo, ora io mi ritiro in biblioteca. Le sarei grato se nessuno venisse a disturbarmi (nell’uscire al pubblico) Menomale che la signora contessa è via per 15 giorni (esce).

Chery) Lui è il padrone? Di sicuro è un villano rifatto. Sarà anche un ricco, sarà anche un conte, ma ha i modi di un malghese. Lo sai che voleva mandarmi via a pedate nel culo?

 (Suona il telefonino di Ortensio.)

Ortensio) Che mi dici! (Rispondendo al telefonino) Sì... no... sono appena tornato. (Guardando Chery.) Ora non posso muovermi... dovevi pensarsi sopra prima, can dell’uva... lo so che ci sono di mezzo gli scioperi... va bene, arrivo appena posso.

Chery) Dove devi andare ? A fare sciopero? Cosa c’entri tu con gli scioperi?

Ortensio) Veramente è che... è che faccio il sindacalista. Sono il rappresentante sindacale dei maggiordomi.

Chery) Che carica importante!

(Suona ancora il telefonino di Ortensio. Mentre lui parla Chery si guarda attorno)

Ortensio) È per questo che continuano a chiamarmi. (Rispondendo al telefonino a denti stretti) Pronto... sì... va bene... va bene... ti chiamo appena posso... ciao.

Chery) Che bella questa villa, e che parco! Te, mago Merlino, come maggiordomo dovresti saperlo: non è che ci sarebbe un posto di lavoro anche per me?

Ortensio) Tu vorresti venire a lavorare qui?

Chery) Non sono l’ultima arrivata: ho anche il diploma di ragioniera.

Ortensio) Qui per una ragioniera non c’è posto. E mai non ci sarà.

Chery) Pur di lavorare e di starti vicino mi adatterei a fare tutto. Non so, cameriera, guardarobiera, lavapiatti...

Ortensio) Non so se ti conviene venire a lavorare qui. Hai visto che canchero di padrone che c’è.

Chery) L’unica condizione che metterei è questa: il mio giorno libero deve essere lo stesso del tuo. Così potremmo andare a spasso insieme. A proposito, io sono Cherubina ma tutti mi chiamano Chery alla francese. E tu?

Ortensio) È meglio che continui a chiamarmi Mago Merlino.

Chery) Perché, non ce l’hai un nome un po’ più serio?

Ortensio) Certo, ma perché vuoi togliere alla nostra storia quest’aria incantata. Un poco di mistero serve Chery.  Tu continua a chiamarmi Merlino, con quella tua bella voce da fata che mi piace moltissimo.

Chery) È così che ti piace? (Continuando a chiamarlo con voce dolce) Merlino. Merlino. Merlino. – Merlino, non è che potrei fermarmi qui un qualche giorno? Che ne dici?

Ortensio) Non so, così su due piedi non saprei proprio. Pensavo che tu fossi venuta solo a trovarmi.

Chery) È perché se stiamo un poco insieme arriveremmo a conoscerci. Col computer non si riesce a capire bene con chi si ha a che fare. Però se ti dà fastidio o non c’è posto vado in cerca di una pensione per dormire.

Ortensio) Magari, forse, ci sarà anche posto.

Chery) Allora vado subito a prendere le valige. Le ho lasciate in macchina.

Ortensio) Valige! No, non si può, prima è meglio chiederlo al padrone.

Chery) Allora vado subito a domandarglielo (si avvia).

Ortensio) (Cercando di fermarla) Aspetta, aspetta che ne parliamo, e se ti dice di no?

Chery) Lascia fare a me (esce.)

Scena 10 -  prima Giordano e poi Ortensio che non tratta con gli operai

Ortensio) Mi sembra un pochino sfacciata. Però, se vuol venire qui a lavorare come cameriera, si vede che i soldi non le interessano. Sembrerebbe una brava ragazza, semplice, carina...

Giordano) (Entra dal Giardino) Permesso… Buongiorno, mi scusi signore ma dovrei...

Ortensio) (Scandalizzato gli osserva le scarpe) Le scarpe! (Disapprovando) Le sue scarpe su questo pavimento! (Adirato gli fa cenno di uscire.)

Giordano) (Torna indietro a pulirsi le scarpe e rientra)Mi scusi signore, io sono l’operaio che…

Ortensio) Mi scusi lei, ma io non tratto con gli operai. (Chiama) Fedele!

Fedele) (Entra guardandosi attorno indeciso) Comandi signore.

Ortensio) Senti cosa vuole questo signore. (A Giordano) Aspetti un momento. (A Fedele) Dov’è ora la signorina?

Fedele) Sta curiosando in tutte le camere.

Ortensio) Sta curiosando in tutte le camere! E tu non le hai detto niente, non l’hai fermata?

Fedele) Con che autorità potevo fermarla. Credevo che avesse il suo permesso.

Ortensio) Quale permesso se io faccio il maggiordomo e tu sei il padrone. Non dimenticarti che con lei sei tu il padrone. Ora il signor conte sei tu, vuoi capirla sì o no (molto seccato esce per andare da Chery).

Scena 11 - Giordano si monta la testa e vuol licenziare Ortensio

Giordano) Chi è quello lì così maleducato che è andato via senza salutare?

Fedele) È… è… è il segretario della signora contessa.

Giordano) (Al pubblico) Come si vede che manca la mano di un uomo in questa casa. Serve un uomo per far filare la servitù. (A Fedele) Quante arie che si dà, sembra lui il padrone del vapore. Fossi io Mafalda uno così lo licenzierei subito.

Fedele) Non può licenziarlo.

Giordano) E perché?

Fedele) Perché... perché è uno troppo bravo nel suo lavoro.

Giordano) Sarà anche bravo ma è un grande antipatico (imitandolo) “io non tratto con gli operai” ma chi si crede di essere! È perché non sono stato pronto subito. Mi ha preso all’improvviso. Non sapevo chi fosse altrimenti gli avrei detto: “Ehi tu, bello-non tanto, un po’ di rispetto per favore, guarda che io sono amico della contessa, è meglio che cali le arie”. Però sono sempre in tempo per dirglielo. Lascia che mi venga sotto le sgrinfie e lo sistemo per le feste quella testa vuota di cardellino.

Fedele) Si calmi e lo lasci perdere. Le ha detto così perché lui ha altre cose cui pensare, le banche, le carte, le fatture. Ma, mi scusi, le serviva qualcosa?

Giordano)  Sì, quando torna la Mafalda mi chiama per favore? Voglio parlarle insieme. Ho deciso.

Fedele) (Curioso) Deciso?

Giordano) Sì, mi licenzio e vengo a stare qui. Alla Mafalda a quanto pare occorre proprio uno che faccia filare la servitù.

Fedele) No, non stia a licenziarsi. Le donne a volte sono matte come le cavalle. E se cambiasse idea?

Giordano) Perché dovrebbe cambiare idea, è stata lei a proporlo. (Con fare complice) Mi ascolti signore. Devo farle una domanda sulla sua padrona.

Fedele) Non mi chieda niente, non voglio saperne niente. Io sono Fedele di nome e di fatto.

Giordano) Non stia ad inalberarsi. Volevo appena sapere che fiori le piacciono, che profumo adopera, a che ora si alza di solito, quelle robette lì, per comportarmi giusto. Sono passati 20 anni: chi si ricorda più!

Fedele) Signore, ascolti il mio consiglio, è ancora in tempo. Torni al suo lavoro e lasci perdere tutto.

Giordano) Lasciar perdere tutto! Ma lei signore, non fa il maggiordomo? E allora come si permette di darmi dei consigli. Perché si prende tutta questa confidenza con me. Anzi, sa che facciamo, d’ora in avanti mi deve dare sempre del lei. Iniziamo col passo giusto e non con quello sbagliato. (Al pubblico) Per il momento non gli dico nulla, ma se va avanti così, lui qui rischia di trovarsi su di una strada. Se mi fa saltare la mosca al naso non ci penso sopra due volte e licenzio anche lui. Come mi piace comandare!

Fedele) Signore, guardi che i soldi non fanno la felicità.

Giordano) No, ma aiutano a trovarla, (guardandosi attorno) credo che questa diventerà la mia casa.

Fedele) (Scandalizzato) Ma lei signore, ce l’ha già una casa, non è sposato?

Giordano) (Sospettoso) Come fa a sapere che sono sposato?

Fedele) (Indicandogli l’anulare sinistro) Non serve una scienza per capirlo.

Giordano) (Si affretta a togliere la fede) Non vado d’accordo con mia moglie. Da quando l’azienda di suo padre è andata fallita, continuiamo a litigare.

(Fuori scena, dal giardino, una voce maschile chiama seccata: Giordano, e allora? Vieni o venivi?)

Giordano) Vengo, vengo (ci ripensa) anzi non vengo più.

Fuori scena: Perché?

Giordano) Perché ho trovato l’America.

Fuori scena: Andiamo, non fare lo stupido, vieni a lavorare che non ti licenzino.

Giordano) Non c’è bisogno che mi licenzino loro, mi licenzio io (torna in giardino.)

Fedele) (Guardandolo uscire) Va a licenziarsi! Non sarà così stupido da licenziarsi già da adesso. (Al pubblico) Questo che si licenzia e vuole licenziare il padrone di casa. Padrone di casa che vuol fare il maggiordomo al mio posto ed io sono costretto a fare il padrone. La Mafalda che si fa passare per contessa. Non capisco più nulla. Menomale che la contessa Artemisia è via per 15 giorni (esce).

Scena 12 - Mimì ritorna

Mimì) (Fuori scena) Lo so che lei fa il taxista e non il fattorino, ma non si ammazzerà dalla fatica anche se mi porta dentro due valige.

Taxista) (Sempre fuori scena) Ho mal di schiena. Se dovessi portare dentro le valige a tutti starei fresco. La saluto signora. E se mai avrà ancora bisogno di un taxi chiami qualcun altro.

Mimì) (Entra trascinando una valigia) Che villano d’un villano quadro. (Si ferma e chiama seccata) Mafalda! Fedele! (Va all’altra porta) Mafalda! Fedele! Si può sapere dove vi siete imboscati? (Scalcia le scarpe e sempre brontolando esce a prendere l’ altra valigia.) Tutta notte in aeroporto. Tutta notte! Mi sentiranno quelli dell’agenzia viaggi. Non avrebbero dovuto saperlo che c’erano in ballo gli scioperi. (Chiama) Mafalda! Fedele! Ortensio! Guarda se una signora come me deve fare questi sforzi. (Riprende fiato, controlla.) Manca il beautycase. Non l’avrò lasciato sul taxi per caso? Certo che è rimasto sul taxi. E ora chi lo ritrova quello. (Telefona, nel fare i numeri) Non ce n’è una che mi va dritta… Pronto, servizio taxi? Mi è rimasto il beautycase sul vostro taxi, cosa devo fare? ... Lo rivoglio indietro subito... Sì, vengo ora dall’aeroporto… Va bene, me lo faccia trovare pronto (chiude la comunicazione in malo modo. Apre un cassetto e prende le chiavi della macchina.) Nel mio beautycase ho dentro tutte le mie creme contro le rughe, figurarsi se le lascio a loro con quello che costano. Villano come è stato il taxista inoltre! (Esce.)

Scena 13 - Mafalda pensa che  le valige siano di Giordano

Mafalda) (Entrando) Oh, ha già portato qui le valige (pensa che siano di Giordano pronto per trasferirsi da lei.) Allora è fatta. Sono riuscita ad incantarlo proprio bene il mio caro beduino. Ora, quando arriva, gli dico che ho cambiato idea e che non lo voglio più. Gli pianto proprio una bella stoccata in faccia. (Si aggiusta il vestito) Questo è meglio che lo cambi, l’ha già visto. Per di più le contesse continuano a cambiarsi, non fanno altro in tutto il giorno. Vado a metterne un altro della mia padrona, e poi metterò le sue perle, un paio dei suoi anelli, tanto per ora a lei non occorrono. (Sognante) E quando che mi si presenterà davanti gli dirò: (drammatica) Vattene pezzente! (tutta contenta) mi ridono perfino le orecchie solo a pensarci (esce a cambiarsi).

Scena 14 - Giordano pensa che siano di Cirillo e le riporta fuori

Giordano) (Entra dal giardino, fa due passi, si ferma e torna indietro a pulirsi le scarpe) Permesso... permesso... sarà una delle ultime volte che domanderò permesso (vede le valige) valige! Di chi sono queste valige? Non saranno di quel malmaturo che vuole soffiarmi il posto di amministratore! Quello ha il maggiordomo dalla sua parte. Ma io non mi faccio fregare da un ometto simile. (Prende le valige ad una ad una le trascina fuori dalla porta commentando) non è ancora nato quello capace di fregarmi (alla fine rientra, e curiosa dalle porte). Non c’è nessuno. Non fa niente, glielo dirò dopo a tutti. Licenziato mi sono licenziato. Ora torno a casa, glielo dico a mia moglie e mi metto elegante, poi torno con un bel mazzo di fiori per la mia cara Mafalda (esce tutto contento).

Scena  15 - Mimì riporta in casa le sue valige

Mimì) (Riporta in casa una valigia con grande sforzo e sempre più arrabbiata) Hanno le gambe queste valige qui? Con tutta la brutta gente che c’è in giro che fanno lì fuori, col rischio che me le rubino. Appoggiate così fuori dall’uscio sembrano roba di nessuno. Chissà chi si è permesso di buttarmele in strada. (Chiama) Mafalda! Fedele! Darò loro una lavata di capo appena mi verranno sotto le grinfie quei due lì, che se la ricorderanno fin che campano (esce a prendere l’ultima).

(Entrano Fedele ed Ortensio)

Scena 16 - Ortensio pensa che siano quelle di Chery

Ortensio) Ricordati che ti devi comportare come un conte. La ragazza deve credermi un maggiordomo. Non voglio dirle subito che sono il figlio della contessa, e se poi non riesco più a liberarmene?

Fedele) Ma lei, la fata Morgana, lo sapeva già che lei signor Ortensio faceva il maggiordomo.

Ortensio) Sì, lo sapeva (guardando le valige) però mi spieghi tutta questa fretta? Vuole piazzarsi qui a tutti i costi e abbiamo fatto passare tutta la villa senza trovarla. Andiamo, forse è andata in giardino (escono).

Scena 17 - Mimì col mal di testa se va a letto

Mimì) Oh no, non c’è ancora nessuno. Guarda se una contessa deve fare questi lavori! (Nell’entrare con l’ultima valigia.) Sono stanca morta. È da ieri sera che non chiudo occhio. Non ho mai dormito tutta notte. E mi è venuto anche mal di testa. Prendo una pastiglia e vado a buttarmi un paio d’ore sul letto e quando mi alzo darò una lavata di capo a tutti. (Con fatica porta fuori prima una e poi l’altra valigia) Guarda se devo fare questo lavoro qui, fare questi sforzi qui, con tutti i soldi che mi costano di contributi. Quando mi vengono sotto le grinfie mi sentiranno, ohh se mi sentiranno... mi sentiranno gridare fino in piazza. E poi, perché devo gridare? Una contessa non grida. Io li licenzio tutti, così imparano (esce definitivamente).                      

Fine 1° atto

ATTO II


Scena 1 - Fedele la fa da padrone e dà consigli a Mafalda

Fedele) (Entra col bicchiere del brandy e con un bel toscano in bocca, si stravacca soddisfatto sulla poltrona e spiega.) È un gran bello fare il padrone. Oh, non me lo sono inventato io. È stato il padrone a dirmi di fare da padrone. E io faccio quello che mi ordinano. Speriamo che duri.

Mafalda) (Entra vestita da contessa e si pavoneggia davanti a Fedele.) Sono bella Fedele? Allora, ti sembro una contessa? Che ne dici?

Fedele) (Fischio di ammirazione) Così tutta elegante, sembri davvero una contessa cara Mafalda.

Mafalda) Vero che non mi manca nulla?

Fedele) Ti manca solo la cosa più importante: i soldi.

Mafalda) Per quelli, caro Fedele, non posso farci nulla.

Fedele) Hai ragione: o ci sono o non ci sono.

Mafalda) Però, ora come ora, non hanno importanza i soldi. Non devo fargli vedere che li ho davvero. Mi basta la villa come specchietto per le allodole. Mi basta che mi scambi per una contessa. (Cambia tono) Alzati da quella poltrona Fedele che mi fai impressione così stravaccato come un lucertolone. Non sono abituata a vederti a pancia all’aria.

Fedele) Lasciami qui fin che posso Mafalda. È così bello fare il signore senza dover lavorare. Guarda che me lo ha ordinato il padrone e io non faccio altro che eseguire gli ordini.

Mafalda) Menomale che la signora contessa è andata in vacanza sul Nilo per 15 giorni. Te lo immagini se dovesse presentarsi e trovarci così: tu che la fai da padrone e io che faccio la contessa!?

Fedele) A dirla chiara e tonda: io non avrei altro da fare che alzarmi in piedi e mettermi sull’attenti. (Squadrandola) Per te sarà un po’ più difficile spiegarle come mai ha addosso un suo vestito, le sue collane, i suoi anelli, le sue scarpe. Ecco quello che ti manca per essere ancora più chic: un bel cappellino.

Mafalda) Hai ragione, un cappellino. Non ci avevo pensato. Vado a metterlo subito (esce).

Fedele) Chissà che faccia farà il beduino quando che la vedrà conciata così.

Scena 2 - Chery, credendolo conte farà delle avances a Fedele

Chery) (Entra ancheggiando) Oh caro, caro conte. (Allunga il braccio per il baciamano) Che fa qui tutto da solo. Sta riposando?

(Fedele non si scompone e non si alza)

Chery) (Al pubblico) Alla televisione, di solito, quando che viene dentro una signorina i conti si alzano e le baciano la mano. (Si siede un po’ lontano da lui accavallando le gambe con fare provocante. A Fedele) È ancora arrabbiato con me signor conte, perché stamattina l’ho scambiato per il maggiordomo? Mettiamoci una pietra sopra, su, facciamo pace.

Fedele) (Non sa cosa fare, quasi per gioco suona il campanellino.) Veramente signorina...

Chery) A me non piace essere arrabbiata con la gente, vorrei sempre andare d’accordo con tutti anche se è difficile.

(Nel parlare Chery  si slaccerà la camicetta di un bottone. Entra Ortensio, Chery si ricompone.)

Ortensio) (Molto ironico) Comandi signore

Fedele) (A Chery) Cosa beve, un te? Caffè? Cioccolata calda? Aperitivo? Digestivo? Bloody Mary? Vermuth? Vodka? Whisky? Limoncino?                                                                                                                                                                                                

(Ortensio all’elenco sgranerà gli occhi preoccupato, quando Chery rifiuta ogni cosa tirerà un sospiro di sollievo.)

Chery) Niente, grazie. Sono a posto così.

Fedele) (Autoritario porgendogli il bicchiere) Allora per me del brandy.

Ortensio) Subito signore, agli ordini signore.

(Ortensio cerca fra le bottiglie e gliene versa un goccio con malgarbo. Fedele lo congeda con un gesto della mano. Ortensio, molto seccato esce.)

Chery) (Seguendolo con lo sguardo) È bravo come maggiordomo? Da dove viene?

Fedele) È... è italiano come noi, però ha fatto le scuole a Londra.

Chery) È andato perfino in Inghilterra per imparare a servire? Però ha sbrodolato da per tutto!

Fedele) Al giorno d’oggi non ci sono più i maggiordomi di una volta. Si deve accontentarsi. Noi nobili, io in special modo, sono di poche pretese e mi accontento. Come si dice? “Noblesse oblige”.

Chery) Caspita, ma lei signor conte, sa anche il francese.

Fedele) Anche l’inglese se è per quello. Parlato e scritto.

Chery) Anche l’inglese?

Fedele) Certo, è perché sono stato 3 anni in Inghilterra, ho fatto le scuole a Londra.

Chery) Anche lei come il maggiordomo?

Fedele) Sì, però io... io... ho fatto le scuole alte, ero a... a l’università di Oxford.

Chery) Certo, un conte non poteva che andare a Oxford, (soprappensiero) però non ho capito bene chi è la contessa Artemisia. Che nome. Come hanno fatto a darle un nome simile?

Fedele) Era il nome di sua nonna.

Chery) Allora hanno fatto bene a chiamarla così. Anch’io sono stata chiamata Cherubina per via di mia nonna. Però tutti mi chiamano Chery alla francese. (Cambiando discorso) Ma, sua moglie, la signora contessa...

Fedele) (Interrompendola) Non è mia moglie (si accorge troppo tardi di aver sbagliato a parlare).

Chery) La contessa non è sua moglie?

Fedele) No, è... è... è mia suocera. E non vado molto d’accordo con lei.

Chery) Di solito è difficile andare d’accordo con le suocere (avvicinandosi provocante) e com’è questa signora contessa? È bella?

Fedele) Bella? Sì... no... macché bella, è sempre stata brutta come l’orco. Ora, poi, che è una vecchia rimbambita è più brutta ancora.

Chery) (Continuando impertinente con le sue moine) Ma, ora dov’è questa vecchia?

Fedele) È partita. È andata a fare una crociera sul Nilo e starà via 15 giorni. Ma, posso farle anch’io una domanda signorina Chery?

Chery) Certo, può farmi tutte le domande che vuole.

Fedele) Come ha fatto a conoscere il mio maggiordomo?

Chery) L’ho conosciuto in chat, via internet col computer. In pratica, fra me e lui non c’è ancora nulla, Mi aveva detto che lavorava in questa villa, ma non credevo di trovarmi davanti una cosa simile. Questa non è una villa: è un palazzo. E lei, signor conte, a quanto pare, vive qui da solo, (rimarcando) da solo con una suocera carampana e che per di più ora è via per 15 giorni.

Fedele) (Al pubblico) E menomale che è via.

Chery) Sa, signor conte, se lei volesse. Se lei avesse piacere, se per caso si sentisse solo, io potrei restare qui. Fermarmi per tenerle un poco di compagnia. Potrei, addirittura, come dire, venire a stare qui in villa per sempre. Io a casa non ho nessuno, (al pubblico) veramente non ho nemmeno una casa. (Al conte) Sa, io sono orfana. Sono sempre stata orfana.

Fedele) Poverina, come mi dispiace.

Chery) Non è, signor conte, che le occorre una segretaria, come dire, personale? Mi scusi... posso sedermi qui vicino a lei?

Fedele) (Compiaciuto) Veramente signorina...

Scena 3 - Cirillo ed Ortensio li colgono sul fatto

(Chery si siede sul bracciolo della poltrona vicino vicino. Dalla porta d’ingresso entra Cirillo e dall’altra Ortensio.

Cirillo) Ah stanno così le cose. Cavolo, ero venuto per schiarirle ma qui non c’è proprio nulla da schiarire.

Ortensio) Ho sentito tutto. Questa è la ciliegia che mancava sulla torta cara Chery. Fata Morgana (facendo il gesto con le mani) Aria!

(Sorpresi e offesi entrambi girano sui tacchi e se ne vanno. Escono da dove erano entrati. Chery e Fedele, dopo un attimo di sorpresa si alzano precipitosamente, - anche scontrandosi e spostandosi a vicenda – rincorrendoli escono anche loro. Fedele segue Cirillo e Chery ovviamente Ortensio.)

Chery) Merlino aspetta che ti spiego...

Fedele) Cirillo aspetta... ascolta...

Scena 4 - Giordano entra con un mazzo di fiori e scambia Mimì per una cameriera

Giordano) (Entra ben vestito con un bel mazzo di fiori che appoggia) Che bello che è fare il signore. Mi sento già padrone. Ormai la fagiana è cotta. La Mafalda la giro e la pirlo come ne ho voglia. Ho chiarito tutto anche con mia moglie Gesuina. Le ho detto: (drammatico) Non si può andare avanti così. Ho preso la decisione di lasciarti e ognuno per la sua strada. Fra me e te è tutto finito “E i figli?” mi ha detto lei? “Sistemeremo anche quelli – le ho risposto – io non mi tiro indietro con le mie responsabilità. Li farò studiare e darò loro una posizione, ma fra me e te basta: chiuso. Chiuso! Ora ho girato pagina”.

(Fuori si sentirà un rumore. Mimì entra ancora scarmigliata e senza scarpe per andare a vedere cosa è stato.)

Giordano) (La scambia per la cameriera, le gira attorno minaccioso.) E lei penserebbe di presentarsi così davanti a me. Senza scarpe e tutta spettinata. Vada a sistemarsi. Subito. Quelli che stanno in questa villa devono avere stile, serietà. Fuori! Vada a sistemarsi se non vuole essere licenziata su due piedi. (Fuori si sentirà un altro rumore assordante) Cosa stanno facendo ancora. (A Mimì) Subito a cambiarsi, crestina, grembiulino. Le cameriere devono andare vestite così. E si tiri via dalla faccia quell’aria da tonta. (Altro rumore.) Cos’è tutto questo casino. Ora vado a cantargliene quattro di quelle giuste. Ora sono io che comando in questa villa. (A Mimì) Quando torno voglio trovarla tirata a malta fine, ha capito. In quattro e quattr’otto raddrizzo ogni cosa qui dentro (esce in giardino).

Mimì) (Frastornata si riprende) Chi è quello, come si permette di parlarmi così. E vuole licenziarmi?! E ora dov’è andato? La mia piscina! C’è il giardino tutto sotto sopra. Vado proprio a vedere quello che mi stanno combinando.

(Mimì si avvia, poi si accorge di essere senza scarpe e si ferma sulla porta della veranda. Ancheggiando entra Mafalda, fa due passi poi si ricorda di una cosa ed esce da dove è entrata.)

Mimì) (Rientra in mezzo alla stanza, indicando Mafalda) Di sicuro sto sognando. Mai più la Mafalda si è permessa di mettere un mio vestito.

Scena 5 - Gesuina ne canta quattro alla contessa

Gesuina) (Entrando come una furia) È lei la signora contessa?

Mimì) Sì. Sono io.

Gesuina) Non volevo sbagliarmi perché a vederla così mi sembra tutto fuorché una contessa.

Mimì) Cosa intende dire?

Gesuina) Voglio dire, cara la mia signora, che con tutte le sue arie non ha nemmeno il campanello d’entrata che funziona. L’ho schiacciato per mezz’ora e poi sono venuta dentro. Sono venuta a dirgliene quattro, cara contessa dei miei calzetti. Non ha vergogna a comportarsi così. Rovinare una famiglia. È facile quando uno ha i soldi farli sfarfallare davanti agli occhi ad un poveraccio. Dovrebbe vergognarsi.

Mimì) Che sta dicendo?

Gesuina) Sto dicendo, cara la mia signora contessa che bisogna dare un taglio a questa storia qui.

Mimì) Signora, come si permette di parlarmi così?

Gesuina) E lei come si permette di rubarmi il marito? (Facendole vedere le unghie) Guardi che io le cavo gli occhi. Quando si tratta di difendere la mia famiglia non ho paura di nessuno. È venti anni che siamo sposati e abbiamo 4 figli insieme. Si vergogni cara la mia contessa. Ma stia tranquilla che non finisce qui. Lei mi rubi il marito ed io gliela farò pagare cara (esce).

Mimì) Mi ha chiesto prima chi ero. Mi ha chiamato contessa. Si vede che sapeva con chi stava parlando. Di sicuro sto sognando. Più che un sogno mi pare un incubo. Negli incubi tutto sembra vero ma fra un poco mi sveglierò e sarà sparito tutto. Calma. Calma. La calma l’è la virtù dei forti (fa un bel respiro profondo). Allora: la prima cosa da fare è quella di andare a mettermi le scarpe e di lavarmi il viso (esce. Rientra dopo qualche attimo sconvolta.) Che siano le pastiglie che ho bevuto per il mal di testa a farmi questo effetto? È una marca nuova, cosa hanno dentro, una droga? Oh, sto proprio vivendo in un incubo. C’è troppo il mondo capovolto. Ho visto il mio maggiordomo con una donna attaccata alle calcagna. Ma era lui che correva dietro a lei. Non mi sarei mai aspettata una cosa simile. Ci sono rimasta tanto male che non sono stata nemmeno capace di chiamarlo.

Cirillo) (Entra furibondo con un paio di pacchetti.) Buongiorno signora contessa. (Porgendole i  pacchetti) Questi sono per il suo maggiordomo traditore. Glieli dia, per favore, e gli dica che non voglio più – più vederlo (esce).

Mimì) (Guardando i pacchetti e appoggiandoli sul tavolo) Maggiordomo traditore?! (Vede i fiori e legge il biglietto) Saranno per me? C’è scritto solo: “Per la più gentilissima, bellissima, carinissima e seducente donna della terra”. No, non sono per me. Nessuno di mia conoscenza si permetterebbe di scrivere in questo modo. Che sia stato il Fedele a regalarli alla ragazza? Che maggiordomo romantico che ho! Però, prima de andare a studiare a Londra avrebbe dovuto stare qui ed imparare meglio l’italiano. Lasciamoli qui e che si arrangino, ho altro da pensare ora. Peggio che vada ci guadagno una cameriera (esce).

Scena 6- Chery tenta di giustificarsi con Ortensio

(Entrano Ortensio e Chery.)

Ortensio ) Basta Chery, tu puoi dire tutto quello che vuoi ma l’ho proprio visto con i miei occhi.

Chery) Hai visto male Merlino, stavo solo domandandogli se c’era un posto per me come segretaria.

Ortensio) Segretaria, sì, va là. (Imitandola)... segretaria, come dire, personale? Mi scusi... posso sedermi qui vicino a lei?

Chery) Ma no, hai capito male. Stavo dicendo: segretaria o cameriera o guardarobiera. Lo facevo solo per restare sempre vicino a te.

Ortensio) Basta, la nostra storia è finita ancora prima di cominciare. Finito. È meglio che tu te ne torni da dove sei venuta. (Guarda i fiori e legge il biglietto. Fra sé) “Per la più gentilissima, bellissima, carinissima e seducente donna della terra”. Che italiacano. Si vede che si è fatto avanti ancora qualcuno con la contessa. C’è sempre un qualche pelabrocco che ci tenta. (A Chery) O è il signor conte che te li ha regalati?

Chery) (Legge) Hai letto bene questo biglietto? Il signor conte è andato a scuola in Inghilterra. Ha fatto l’università ad Oxford, e lui non avrebbe mai scritto un biglietto simile (deponendo il biglietto). Questi fiori non sono per me. Io sono una persona seria. E se proprio vuoi saperlo, sono anche Ragioniera.

Ortensio) Ragioniera o no qui non ci sono posti di lavoro per te Chery.

Giordano) (Rientrando dal giardino) Che succede?

Chery) (Piagnucolosa) Vuole mandarmi via e io invece voglio restare qui a lavorare.

Giordano) (Ad Ortensio con severità) Come si permette di mandarla via? Con che autorità la manda via? Chi si crede di essere?

Ortensio) Ma lei, non è quello che stamattina...

Giordano) Io sono l’amministratore di Villa Artemisia. Il personale deve dipendere da me. E lei, caro il mio “segretario personale” da ora in poi dovrà fare i conti con me.

Ortensio) Amministratore di villa Artemisia!

Chery) Segretario personale? Che sta dicendo? (Ad Ortensio sospettosa, presa dai dubbi) Scusa, ma tu sei il maggiordomo sì o no?

(Alla parola Maggiordomo rientra Fedele, indeciso non sa come comportarsi.)

Giordano) (Al pubblico) A tutta questa gente serve proprio una bella raddrizzata. Come ha fatto bene la Mafalda a chiamarmi. Come mi piace comandare!

Scena 7 - fermo immagine

(Entra anche Mafalda e sarà vestita regalmente da contessa.)

Ortensio) (Nel vederla) Ma guarda come s’è conciata, ora la sistemo io.

Chery) Sì, un maggiordomo che sistema una contessa, non farmi venir da ridere. Vuoi farti licenziare Merlino?

Ortensio) Quella non può licenziarmi.

Cherubina) Perché, hai un contratto a vita? (Interessata) Ti ha fatto un vitalizio?

Giordano) (Con un grande inchino ossequioso) Signora contessa!

La scena per un attimo si ferma. Tutti restano immobili e si leggerà nei loro pensieri:

Chery) E ora che faccio? Se c’è questa in mezzo ai piedi sarà dura. Altro che vecchia e rimbambita. Questa contessa ha due occhi da furba. Ma, non era partita per una vacanza sul Nilo?

Fedele) E ora che faccio? Continuo a comportarmi come un conte? (sbirciando Ortensio) D’altronde questi sono gli ordini del mio padrone. E io devo eseguire i suoi ordini.

Ortensio) E ora che faccio? Se mi faccio riconoscere (sbirciando Chery) questa mi si piazza nelle costole e non mi molla più. È capacissima di attaccarsi dietro a me come la pece e di non lasciarmi più in pace.

Mafalda) E ora che faccio? Come mai sono tutti in questa stanza? Mi va storta anche questa volta. Vacco cane, per en pelo non riesco a vendicarmi.

Giordano) E ora che faccio? Li licenzio tutti insieme o uno alla volta? Ma guardali tutti. Si credono tutti di essere padroni. Guarda come si comportano! Li sistemo io ora. Come che mi piace comandare!

(Dopo il pensiero di Giordano la scena riprende da dove si era fermata.)

Giordano) (Sbrigativo.) Visto che bravo? Ti ho presa in parola e sto già raddrizzando un po’ le cose.

Chery) (Tirando le maniche a Ortensio) Ma non doveva restare via 15 giorni? (A Fedele) Mi aveva detto che era brutta come l’orco e che era una vecchia rimbambita.

Fedele) (Con un inchino) Signora contessa.

Ortensio ) (A Chery) Sta buona che dopo ti spiego. (A Mafalda, anche lui con un leggero inchino, ma  ironico e derisorio.) Signora contessa, comandi.

Scena 8 - Mafalda scivola e cade

(Mafalda con un gran sospiro di sollievo sorride compiaciuta, con un gesto regale saluta tutti. Avanza in mezzo alla stanza, purtroppo perde l’equilibrio o scivola e casca rovinosamente. I tre uomini si precipitano a soccorrerla. Fedele la prende in braccio ed escono. Chery ed Ortensio li seguono. Anche Giordano vorrebbe seguirli ma Ortensio gli sbarra la strada in malo modo.)

Ortensio) Dove vuole andare lei, si può sapere?

Giordano) È caduta, (tentando di guadagnare la porta) voglio vedere se si è fatta male.

Ortensio) Questa è proprietà privata. Lei non va proprio in nessun posto. Inoltre, si può sapere chi è lei? Cosa ci fa sempre qui in mezzo alle scatole? Vada a lavorare che è meglio.

Giordano) Come si permette di parlarmi così. Guardi che io...

(Fuori scena Chery chiama: Merlino corri. Ortensio esce chiudendogli la porta in faccia.)

Giordano) (Grida alla porta) ... che io lo licenzio. Viene a dire a me di andare a lavorare. Lui dovrebbe andare a lavorare se vuol guadagnarsi lo stipendio alla fine mese. Mangiaufo a tradimento.

Fedele) (Entra) È ancora qui lei signore? Vada a casa. La contessa si è fatta male e ora non può vedere nessuno.

Giordano) Allora mi siedo qui e l’aspetto.

Fedele) (Minaccioso) Ascolti il mio consiglio: vada a casa sua. Non stia a perdere tempo gironzolando qui in giro (Gira sui tacchi, esce chiudendogli la porta in faccia.)

Giordano) (Grida alla porta) ... lo chiama perdere tempo. Qui ne va della mia vita caro signore. Del mio futuro. Oh, nessuno che mi ascolta. E ora che faccio? (Va alla porta del giardino) Non vado a casa. Resto qui e aspetto. Mi siedo qui fuori, su quella bella panchina che c’è sotto il salice e appena sento la voce di Mafalda vengo a parlare con lei (esce in giardino).

Scena 9 - Gesuina entra e trova Mafalda

Mafalda) (Rientra a cercare Giordano.) Non c’è più. (Guarda dalla finestra.) È là che sbraita con gli altri uomini. Chissà cosa avrà da gridare sempre. (Toccandosi il fondo schiena.) Sono tutta ammaccata. Che botta al fondoschiena che ho preso. Pensare che ero così vicina a vendicarmi. Ero già pronta. Tutti che mi davano corda. L’avrei sotterrato di parole. E avevo già le parole qui. (toccandosi la bocca) stavo già dicendolo. Che peccato! Come avrò fatto a perdere l’equilibrio? Sono scivolata lunga e tirata come la buccia di una pesca. Sbamm.... proprio in quel momento così come un’oca. Si vede che è stata l’agitazione.

Gesuina) Buongiorno. Avete ancora il campanello che non funziona. Vi conviene farlo aggiustare.

Mafalda) Non è rotto, manca la corrente, l’hanno tirata via perché stanno sistemando la piscina in giardino.

Gesuina) (Con disprezzo) La piscina della signora contessa immagino. Dov’è la contessa per piacere, che dovrei parlarle insieme.

Mafalda) Che vuole dalla signora contessa?

Gesuina) (Estraendo le fotografie dei figli e sbandierandole.) Farle vedere queste. Farle vedere quello che sta facendo. Dovrebbe vergognarsi.

Mafalda) La contessa non c’è.

Gesuina) (Sedendosi) Allora l’aspetto.

Mafalda) Non c’è perché è andata via. È andata in crociera sul Nilo. Starà via 15 giorni.

Gesuina) È andata via! Mio marito non sarà andato via con lei spero.

Mafalda) (Non capisce) Suo marito?

Gesuina) Sì, il mio Giordano.

Mafalda) Ma lei è... per caso...

Gesuina) Io sono Gesuina, la moglie di Giordano.

Mafalda) (Indicando il giardino) Quel Giordano che...

Gesuina) Che è venuto questa mattina a lavorare nel giardino di questa villa. Maledetta quella volta che lo hanno mandato qui. Pensi che sono 20 anni che siamo sposati. Siamo sempre andati d’amore e d’accordo. Ma ecco che oggi viene a casa a dire che mi lascia. Che a trovato l’affare della sua vita. Che ha trovato l’America. E che fra me e lui è tutto finito.

Mafalda) Finito?

Gesuina) Sì, finito. E io gli  ho detto: “E i nostri 4 figlio? E io, non conto più nulla?” E sa che cosa mi ha risposto?

Mafalda) No, cosa le ha risposto?

Gesuina) Che non può perdere questa occasione.

Mafalda) occasione?

Gesuina) Sì, l’occasione di mettersi con una contessa. Una volta, 20 anni fa, questa contessa del cavolo andava in giro con le toppe sul vestito. Poi sembra che abbia ereditato da una zia d’America e sia diventata una riccona. Lei, la iena, gli ha fatto sfarfallare sotto gli occhi un sacco di soldi, e lui quello stupido molla tutto per quattro palanche. Gli uomini sono tutti degli sciocchi. Si lasciano tirare con uno spaghetto.

Mafalda) (Al pubblico) Dicono che tiri di più un capello di donna che un carro di buoi.

Gesuina) Non è cattivo mio marito. Ha i suoi bei difetti, come tutti. Ma io gli ho sempre detto: l’importante quando si è sposati è volersi bene e sopportarsi a vicenda. Ma lui, quando si tratta di soldi non capisce più nulla. È sposata lei signorina?

Mafalda) No.

Gesuina) Allora non sa cosa vuol dire essere sposati. Quel che vuol dire badare ad un marito, lavargli, stirargli, aggiustargli le calze, fargli prendere le medicine tutte le sere.

Mafalda) È ammalato?

Gesuina) Proprio ammalato no, ma ha la pressione alta, e le analisi del sangue non vanno tanto bene. Ha un poco di mal di schiena, una punta di gastrite e così, di conseguenza, è stitico. Ogni tanto deve fare qualche clistere con la glicerina. E poi dovrà essere operato ad un occhio perché gli stanno scendendo le cataratte.

Mafalda) Mi sembra giovane per avere le cataratte.

Gesuina) Può darsi che siano genetiche, perché anche suo padre è stato operato, 3 volte. Mio suocero, ora, vive in casa con noi. Li ho tutti e due in groppa, mio suocero e mia suocera.

Mafalda) E lei bada anche a loro e per di più ha il marito e 4 figli.

Gesuina) E ho anche un cane e due gatti, il canarino e tre tartarughe.

Mafalda) Come mai tutte quelle bestie lì?

Gesuina) È “la bestia – terapia”.

Mafalda) Come “la bestia – terapia”?

Gesuina) Sì, non l’ha mai sentita? Sono state le psicologhe a scuola ad obbligarmi a prendere delle bestie in casa per il più piccolo che è geloso degli altri fratelli più grandi.

Mafalda) E ora suo marito vorrebbe mollare tutto per andare con una contessa che non conosce nemmeno?

Gesuina) Si conoscono. Si conoscevano ancora 20 anni fa. Allora, quando lei era una poveretta era fidanzato con lei. Poi ha conosciuto me. È stato in bilancia per un pezzo e poi ha deciso di sposarmi. (Al pubblico) Credeva di trovare i soldi. (Sbandierando le fotografie) ora abbiamo quattro figli. Quattro.

Mafalda) (Perplessa) Quattro figli.

Gesuina) Sì, e con quattro figli quell’allocco va a correre dietro ad una contessa.

Mafalda) È proprio un allocco.

Gesuina) Sarà anche un allocco, un povero sciocco ma io gli ho sempre voluto bene. (Specificando) Ci siamo sempre voluti bene. E ora sono rimasta sola. Che farò da sola? Speriamo che almeno mi lasci la macchina. Come farò senza macchina ad andare al lavoro? E a portare a scuola i figli? E tutto il resto?

Mafalda) Ne compererà un’altra.

Gesuina) Non possiamo comperarne un’altra, abbiamo ancora da finire di pagare questa.

Mafalda) Avete preso la macchina a rate?

Gesuina) Sì, la macchina e anche il frigorifero. E dovremmo cambiare anche il divano, con 4 figli che vi saltano sopra tutto il giorno, è tutto sfondato. È brutto, sa, non averne mai nemmeno uno.

Mafalda) Eh, ha ragione. Non è la stessa roba piangere su di una spiaggia dei Caraibi o piangere in cucina mentre si pelano le cipolle.

Gesuina) È che non riesco a farmene una ragione. Dopo tutti questi anni, dopo tutto quello che ho fatto per lui, il mio Giordano mi lascia per una contessa. Ormai dovrò rassegnarmi, ormai è gia partito con questa contessa.

Mafalda) La contessa è partita da sola.

Gesuina) E mio marito?

Mafalda) Avrà detto così per dire. E avrà voluto farle uno scherzo. Vada a casa signora, vedrà che suo marito stasera torna a casa. Sa che cosa deve fare signora Gesuina? Prepari bene il tavolo e quando torna faccia finta di niente.

Gesuina) Lei dice? Pensi che sono stata lì a preparargli lo stufato perché so che gli piace molto. Di solito cerco di accontentarlo e fargli da mangiare quello che gli piace. E se non torna?

Mafalda) Torna, torna, non stia a preoccuparsi. (Al pubblico) Non fosse altro che per prendere le medicine e farsi fare il clistere.

Gesuina) Come è stata gentile con me signorina. Ci sono ancora le brave persone al giorno d’oggi. A volte basta sentire una parola buona per tirarsi su di morale. (Ancora un poco preoccupata.) Ma è proprio sicura che la contessa sia partita da sola?

Mafalda) Più che sicura, non mi crede? Vuole che glielo giuri? (Offesa) Guardi che io di bugie non ne racconto mai.

Gesuina) Le credo, le credo. Si fa alla svelta a credere alle belle notizie. Come è stata gentile signorina. La ringrazio di avermi ascoltato. Che il Signore la benedica. Torno a casa ad aspettare mio marito. Grazie. (esce.)

Scena 10 - Mafalda incontra Mimì e le chiede aiuto per rimandare a casa Giordano

Mafalda) Non c’è bisogno che io mi vendichi, né di lui e né di lei. La vita mi ha già vendicato. La vita col suo andare - solo col suo passare - vendica tutti i torti. Con una famiglia così hanno già scontato la loro condanna.

(Entra Mimì.)

Mafalda) Oh, signora contessa Artemisia, che ci fa già a casa? Non doveva essere in vacanza?

Mimì) Non è partito l’aereo. E tu Mafalda, cosa fai col mio vestito addosso?

Mafalda) Sono dietro a dare due punti, c’era scucito l’orlo.

Mimì) E fai l’orlo col vestito addosso?

Mafalda) Certo. Per mia continuare a toglierlo e a metterlo. Mi siedo, faccio un poco di orlo, poi mi alzo, mi guardo allo specchio e guardo se è dritto o pende. Se va bene ne faccio un altro pezzo.

Mimì) E le mie scarpe. Che fai con addosso le mie scarpe?

Mafalda) Sono quelle che a lei andavano strette. Non si ricorda? Invece che portarle dal calzolaio, ho pensato che fosse meglio bagnarle con  l’alcool per allargarle, poi le ho messe, mentre l’alcool si asciugava, per tenerle in forma. Non mi permetterei mai di mettere le sue scarpe senza una buona scusa.

Mimì) Come fai a tenerle in forma se porti un numero meno del mio?

Mafalda) Proprio perché le scarpe sono le sue, mi sono incartata i piedi con del cotone e poi con un foglio di giornale. Ho camminato tutta mattina col cotone e i giornali. Ora guardavo come andavano e poi le avrei lucidate e messe vie. Ma come mai è gia tornata a casa?

Mimì) Ci sono stati di mezzo gli scioperi e non è partito l’aereo. Ti do fastidio se sono tornata a casa?

Mafalda) No, ci mancherebbe anche questo, anzi, mi dispiace per la sua vacanza ma sono proprio contenta di vederla anche perché le dovrei domandare un piacere.

Mimì) Un piacere? Soldi non ce ne sono. E non chiedermi un anticipo che siamo già fuori di 3 mesi.

Mafalda) Macché anticipo... si tratta... vede... prima c’è stata qui una donna...

Mimì) L’ho intravista e sono proprio venuta a chiederti chi è quella mezza matta che prima dava i numeri. Prima mi si è avventata contro come un cane, era arrabbiata come una bestia. Me ne ha detto un fracco e una sporta e come è venuta se ne è andata. Ma tu la conosci?

Mafalda) No, ma conosco suo marito.

Mimì) Conosci suo marito? E chi è?

 Mafalda) (Porta Mimì alla finestra) Lo vede quel tale in giacca e cravatta in mezzo agli operai che stanno lavorando in giardino?

Mimì) Come si fa a lavorare ad una piscina in giacca e cravatta! (Fra sé) Eppure, mi sembra di averlo visto ancora quello. (A Mafalda) È quello che grida come un matto?

Mafalda) Sì, proprio lui, quello che grida come un matto è sposato con quella mezza matta di prima.

 Mimì) Il Signore prima li fa e poi li accompagna.

Mafalda) Deve sapere che lui continua a farmi la corte e non riesco a liberarmene. Vede, sta già venendo qui. Viene a cercare la signora contessa.

Mimì) E perché secondo te dovrebbe cercare di me, per quale motivo dovrebbe cercare della contessa?

Mafalda) Perché... perché, siccome non riuscivo a togliermelo dai piedi, scusi se mi sono permessa; gli ho detto che io, come sua cameriera personale, sono partita con lei. E lui verrà a domandare se è vero. Mi faccia questo piacere, le sarò riconoscente fin che campo. Si tratta appena di dirgli che la contessa è partita. Che è andata a fare una bella crociera sul Nilo e che starà via 15 giorni.

Mimì) Ma se non è partito l’aereo come faccio ad essere partita?

Mafalda) Gli dica così, gli dica di non fare sciocchezze e di ritornare da sua moglie. (Indicando i fiori) E che a sua moglie gli porti questi, e lei glieli dà dietro.

Mimì) I fiori?

Mafalda) Sì, i fiori... li ho comperati io apposta. Allora me lo fa questo piacere? Che così riesco a liberarmene per sempre.

Mimì) Va bene Mafalda, visto che ci tieni così tanto e che a fartelo non mi costa niente, dimmi: che cosa devo fare di preciso?

Mafalda) Lei dovrebbe (non sa come dirlo) per 5 minuti, mentre gli parla insieme, lei dovrebbe far finta di non essere la contessa.

Mimì) E chi dovrei essere?

Mafalda) La cameriera. Faccia finta di essere la cameriera. Non stia lì tanto ad ascoltarlo. Gli dice solo che la contessa è partita, gli dà i fiori e lo manda a casa da sua moglie. (Guardando dalla finestra) Sta arrivando. Mi raccomando, sono nelle sue mani.

Mimì) Va tranquilla che lo sistemo io questo mangiabriciole di strapazzo.

Scena 11 - Mimì si trasforma in cameriera e maltratta Giordano

(Mafalda esce e dopo qualche attimo entra Giordano dal giardino.)

Giordano) (Parlando fra sé) Ho proprio dato una raddrizzata di quelle giuste ai miei ex colleghi. Ah, mi sono vuotato il gozzo. Ho detto loro tutto quello che pensavo. (Vede Mimì) Buongiorno, e la crestina? E il grembiulino dove sono? Non ci si presenta così davanti a me.

Mimì) (Al pubblico) Ecco chi è! Avevo ragione di averlo visto ancora. È il matto di questa mattina. Ha ragione la Mafalda: è meglio assecondarlo.

Giordano) Per questa volta la passa liscia ma, da domani, si ricordi che cambia tutto. Ora, vada a chiamarmi la signora contessa, svelta, subito.

Mimì) Non posso andare a chiamare la signora contessa. La signora contessa non c’è. È partita. È andata a fare una bella crociera sul Nilo e starà via per 15 giorni.

Giordano) È partita?

Mimì) Sì, e ... prima di partire (prende i fiori) mi ha detto di dirle di ritornare a casa e di darle questi.

Giordano) Tornare a casa?! (Prendendo i fiori) E io che ne faccio di questi?

Mimì) Li porta a sua moglie e le fa una bella sorpresa.

Giordano) Ma io...

Mimì) Ha capito quello che ho detto e glielo devo ripetere.

Giordano) Come si permette di parlarmi con quel tono!

Mimì) E lei come si permette di non ascoltarmi!

Giordano) Guardi che lei è una semplice cameriera.

Mimì) Guardi che io (si trattiene) signore, guardi che la contessa è partita.

Giordano) (Incredulo) Partita?!

Mimì) Sì, e ora, parte anche lei velocemente. Ha capito?! Qui non ha più nulla da fare. La contessa è partita e lei deve tornare a casa da sua moglie.

Giordano) Vado vado ... (al pubblico) Le donne sono tutte uguali... non ce n’è una che si salvi. Tanto vale tenere quella che ho.

(Deluso Giordano fa per uscire con i fiori, invece di uscire dalla porta esce dalla vetrata e Mimì lo sentirà dire: “Ragazzi, allora vi è piaciuto il mio scherzo? Dite al padrone che sto male e che ora vado a casa a buttarmi sul letto. Sarà stato uno sbalzo di pressione che mi ha preso la testa. Per domani sarà passato tutto. Domani torno al lavoro” le sue parole sfumeranno mano a mano che si allontana. Nel frattempo entra Mafalda battendole le mani.)

Mafalda) Devo dirle signora contessa che è stata grande. Un’attrice fatta e finita, più brava perfino della Valeria Marini o della Monica Bellucci.

Mimì) (Modesta) Non esagerare Mafalda.

Mafalda) La ringrazio moltissimo signora contessa di avermi aiutato, grazie. Lei mi ha proprio tolto dagli impicci, e ora vado a finire di fare l’orlo al suo vestito (esce).

Mimì) Non mi sembrava che quel vestito avesse l’orlo scucito. Però se lo dice la Mafalda mi fido. Della Mafalda ci si può fidare, è una che ha la testa sulle spalle.

Scena 12 - Chery scambia Mimì per una cameriera e le confida i suoi progetti

Chery) (Si aggira per le stanze ammirando col naso in aria, vede Mimì, al pubblico) Un’altra cameriera? Ma quante cameriere ci sono in questa villa? (A Mimì) Anche lei è una cameriera?

Mimì) Veramente... (Diventa sospettosa, al pubblico) E questa chi è? (A Mimì) Lei chi è signorina?

Chery) Mi chiamo Cherubina ma tutti mi chiamano Chery alla francese. Lei sa, se per caso, c’è un posto anche per me qui in villa? Sto cercando un posto di lavoro.

Mimì) Mi scusi, mi spieghi, come ha fatto a finire proprio a villa Artemisia.

Chery) È una storia proprio romantica, di quelle che si leggono sui libri. Ho incontrato in chat il maggiordomo e mi ci sono subito affezionata. Poi ho visto il signor conte e mi sono affezionata anche a lui. A dire la verità è un po’ noioso.

Mimì) Noioso? Mi faccia capire, dov’è che ha incontrato il maggiordomo?

Chery) In chat, sul computer.

Mimì) (Al pubblico)  Non credevo che il maggiordomo fosse appassionato di computer. Non l’ho mai visto con un computer in mano.

Chery) Io ero Fata Morgana e lui Mago Merlino. Il maggiordomo, per dire tutta la verità, mi piacerebbe di più, però il signor conte ha i soldi. Però è difficile far innamorare uno coi soldi, in special modo se le donne non gli interessano molto.

Mimì) (Crede di capire, al pubblico) Questa qui ha capito Piero per Paolo. Vuoi vedere che non sa chi dei due è mio figlio. (A Chery) Però è un bell’uomo con quei capelli scuri... (o biondi o bruni a seconda dell’attore che impersona Fedele).

Chery) ... e con quella bella camminata inglese. È perché ha studiato a Oxford. Tutti e due non sono male. Però sulla bilancia pesano i soldi, non so se mi spiego.

Mimì) Si spiega, si spiega, eccome si spiega cara la mia ragazza.

Chery) Se riesco a restare qui, Lei che ne dice, con un pochino di moine, magari...

Scena 13 -  Mimì chiama sia Fedele che Ortensio

Mimì) Magari, aspetti un attimo, ora ci penso io (chiama decisa) Fedele e Ortensio

(Si presentano entrambi)

Mimì) (A Chery) ora ne devi scegliere uno. Chi vuoi?

Chery) Come devo sceglierne uno? Ma tu chi sei?

Mimì) Non ha importanza chi sono. Allora, guardali, scegline uno ti ho detto. Non sei capace vero? E sai perché? Perché tu non li vedi per quello che sono ma per quello che valgono. Tu stai cercando i soldi per fare la bella vita.

Chery) Che stai dicendo?

Mimì) (Da cattiva) Sto dicendo che è il cuore che deve parlare, non il cervello. È il cuore che ti deve dire cosa fare. E allora? Il tuo cuore non ti dice nulla. Sai perché? Perché nessuno dei due va bene per te. (Rivolgendosi ai due maschietti) E voi due, c’è qualcuno che sente qualcosa? Non so, è scoccato una qualche scintilla? Hanno iniziato a suonare le campane? No! Ecco, allora signorina la sua storia finisce qui.

Chery) Non finisce qui, non può finire qui. Inoltre lei, una cameriera, come si permette di venire a dirmi certe cose. Ma chi si crede di essere, una contessa?

Mimì) Non mi credo di essere: sono! Sono la signora contessa, sono la contessa Artemisia detta Mimì.

Chery) Cosa viene a raccontarmi? (Vorrebbe dire di Mafalda, dell’altra contessa quella che ha visto lei) La contessa che ho visto io...

Ortensio) (Interrompendola) Allora? Chi scegli fra noi due? Il maggiordomo o il conte?

Mimì) (Li guarda e li indica) Tu sei il  maggiordomo e lui il conte ah ah ah. (Li scambia) Lui il conte e tu il maggiordomo ah ah ah.

(Fedele e Ortensio diranno alternativamente in italiano e in dialetto,  creando confusione: Il conte sono io - no, sono io - io sono il maggiordomo - il maggiordomo sono io - io sono il conte - Chery non capisce quale sia dei due il figlio della contessa, però capisce di aver perso. Infine, con un inchino Fedele dirà: Agli ordini signora contessa.)

Mimì) (Indicandoli giusti) Questo è Fedele il maggiordomo e questo è mio figlio, il conte Ortensio. (Sempre indicando) E questa è la porta cara signorina...

Chery) (Uscirà di scena dandosi delle sberle) Sono stata proprio scema, cieca, imbecille, stupida, ignorante, cretina...

(Ortensio prende il computer e l’accende. Fedele chiude la porta.)

Mimì) (Al figlio) Che ti serva da lezione caro Ortensio. Ora vado a vedere se hanno finito di lavorare dietro alla mia piscina.

Fedele) (Facendo un inchino a Mimì.) Signora contessa, sarà anche il caso di dire che attacchino la corrente prima che vadano via.

Mimì) Andiamo Fedele, vai a dirglielo. Lo sai che io non tratto con gli operai.

 (Mimì e Fedele escono. Come nel primo atto Ortensio scriverà e parlerà ad alta voce.)

Scena 14 - Ortensio cancella tutte le chat

 “Ho avuto una crisi mistica e mi sono ritirato in un convento di frati. Addio”

A Laura – da Petrarca Bresciano

A Beatrice - da Alighieri Due

A Penelope – da Ulisse

A Francesca 51 da Paolo 48 (Di solito l’anno di nascita abbreviato)

A Marylin – da Marlon Brando

Fammi controllare da non lasciarne fuori qualcuna:

(Fedele è sulla porta della veranda e si pulisce i piedi prima di entrare.)

Fata Morgana? Povera povera Cherubina detta Chery alla francese. Quella la cancello subito e non ci penso più.

Scena 15 - finale con fata Turchina

(Suona il campanello d’entrata. Mentre Fedele va cerimoniosamente ad aprire dal giardino rientra anche Mimì. Compare sulla soglia una ragazza tutta pimpante.)

Mimì) (Al figlio) Sempre con quel computer in mano. Smettila, di non fare altri casini. Non è bastata la lezione?

Fedele) Buonasera, desidera?

Fata turchina) (Guarda entrambi con interesse, entra in mezzo alla scena e si guarda attorno) Buonasera, è questa villa Artemisia?

Fedele) (Chiude la porta e la segue.) Certo.

Fata turchina) Allora, sono arrivata nel posto giusto... cercavo (pausa di imbarazzo) cercavo Pinocchio, io sono la fata Turchina.

Mimì)  (Aprendo la porta per farla uscire) Ha sbagliato indirizzo signorina, questo non  è il paese dei balocchi. E il suo Pinocchio se l’è mangiato la balena. Addio!

(I due, dopo un’occhiata d’intesa, la prendono sottobraccio e di peso l’accompagnano fuori.)

Cala il sipario

Fine


[1] Può entrare da sola a far valere le sue ragioni oppure con un codazzo di ragazzini attaccati alle gonne. I bambini non parleranno mai, seguiranno i movimenti della madre.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno