Villa Felicita

Stampa questo copione

Villa Felicità di Cattaneo Giuseppina

AUTRICE

GIUSEPPINA CATTANEO

         

http://giusicopioni.altervista.org/

POSIZIONE S.I.A.E. N° 193077

Codice opera Siae 922727A

TITOLO

VILLA FELICITA

COMMEDIA IN DUE ATTI

Personaggi

FORTUNATO ospite marito di Dolores

DOLORES ospite

ALLEGRA titolare di Villa Felicita

ELEONORA ospite amica di Irene

IRENE ospite

DIAMANTE ospite

ALBERICO ospite

GAIO postino

CARLO cuoco

CLEOPATRA cameriera

SABINA inserviente  

TRAMA

Nella hall di un albergo di Milano Marittima, una serie di ospiti si susseguono in scena con le proprie storie e le proprie caratteristiche. Fra loro un villeggiante inconsapevole, origina insoliti fraintendimenti che coinvolgeranno ospiti e personale dell’albergo fino a quando ...

ATTO PRIMO

Nella hall dell’albergo Villa Felicita. C’è una porta in fondo che collega la cucina e con la reception, una porta a destra e una porta a sinistra.

SCENA I

Dolores e Fortunato

FORTUNATO. (Entrano in scena da destra con una valigia a testa).

DOLORES. Eccoci che.

FORTUNATO. (Volgendo lo sguardo da dove è entrato e indicando col dito) cara, ma ... evvest a te i Navigli come aiè ingrosacc?

DOLORES. I Navigli? Quai de Navigli?

FORTUNATO. (Ironico) i Navigli de ... Veruna adès! Dom!

DOLORES. Ma ei mia a Milà i Navigli?

FORTUNATO. Ma sensotèr che aiè a Milà!

DOLORES. E perché medd’icc che aiera a Veruna alura!?

FORTUNATO. A sere indre a scherzà. Ma comunque ... a ta sömèèi mia ün po trop ingrosacc?

DOLORES. Come foi me a saì se in chèl periodo che, i Navigli de Milà iè ingrosacc!? Diolte a ta dighèt de chi laur che a ta ma fe burlazo i bras.  

FORTUNATO. Mia in chèsto periodo ma pròpe incö.

DOLORES. E te come fet a sail se a ta se che? (Al pubblico) a cominse a preocupam.

FORTUNATO. Apunto perché a so che, che al so. (Al pubblico) o che alè’ndre a dientà ghecia!

DOLORES. Ma come avre’vest i Navigli de Milà che!? A mal dighèt?

FORTUNATO. A te se’indre a fam pèr la pasiensa. Scolta Dolores, me mia dicc che an vegnìa in ferie a Milà?

DOLORES. A Milà? A Milano Marittima! Mia a Milà!

FORTUNATO. Come? Ansè a Milano Marittima e mia ... a Milà?

DOLORES. Cèrto. A talse che üm po de agn fa o est chèl bèl film ala televisiù che aiera facc che in Emilia e che al mera piasit tat ma tat.  Sa regordèt ol film “La polizia è sconfitta”? A ghera chèl bel’ispettore Grifis che ...

FORTUNATO. Ol mar! Eco cosa aiè i Navigli ingrosacc! Ol mar! Ma come e’pödit fam chèsto?! A te me portat al mar quando a tal serèt che a so pie de reumatismi e che l’acqua ‘la porta umidità!

DOLORES. L’acqua del mar la porta umidità, la nef la porta umidità, l’acqua del lac la porta umidità, l’acqua chem’bif ala porta umidità, insoma, tèela pò fò adès!

FORTUNATO. Milà! A Milà a ghè nè mia de umidità.

DOLORES. (Ammirando il bancone della reception) te, segna se aiè bèi chèsce mobilècc. Al set che al sömèa un po ai mòbèi che al ghere in de sò cà ol me ispettore de polizia?!

FORTUNATO. Signur, ala èt ispetur depertöt. Te a ta se tròp fisada con chi polisieschi le. Al set cosa fo da adès indannacc? A ta proebese de ardà la televisiù, e perciò basta ardà film polisieschi.

DOLORES. E no caro, se de nò come faroi a troà ü modo pèr copat? Se a ta stöfèt. Se alè mia la televisiù alè ergot dotèr, a ta troèt sèmpèr vergot pèr lamentat. SUONA IL CAMPANELLO PER SI TROVA AL BANCONE.

FORTUNATO. Me a ma sa lamènte finché a öle nè? E’capit?! E te invece ... (non sa che dire) mochela de roncà quando a ta se söl pullman. Ai vardaa töcc adoma te.

DOLORES. Fortunato, al ma sömèa mia il momènt de tirafò chi laur che.

FORTUNATO. Alè mai ol momènt quando al sa parla di tò difècc, ma alè sèmpèr ol momènt quando al sa parla di me de difècc. (Ironico) spere pròpe che a tabèt posat be sö chèl pullman.

SCENA II

Dolores, Fortunato e Allegra

ALLEGRA. (Entra in scena dal fondo e si mette in mezzo ai due).

DOLORES. A ga so mia riada a durmì perchè “ergü dotèr” al roncaa piü de me.

FORTUNATO. Delbù? E chi?

DOLORES. Agglo che denacc de me, adès.

FORTUNATO. (Rivolgendosi ad Allegra) le ala roncaa söl nòst pullman?

DOLORES. Mia le, ma te!

FORTUNATO. A talse che a go i adenoidi infiamade.

ALLEGRA. Buongiorno. Benvenuti a Villa Felicita. Siete sicuri di voler alloggiare qui?

FORTUNATO. Me al völie mia e adès che pò o est le ... meno che meno.

DOLORES. (Affrettandosi) se certo che an völ istà che. Notèr an sè i coniugi Locatelli.

FORTUNATO. Se an vannacc isse mia amò pè tat.

DOLORES. Mochela docà. E chèsce aiè i nòscc documèncc.

ALLEGRA. (Prende la chiave numero 1) ecco la vostra chiave. Per le stanze, qui a destra. Vi avviso che la l’abat-jour di destra della vostra stanza, funziona, l’altra invece no. È inutile aggiustarla perché tanto si rompe sempre. L’ultimo che ci ha provato poi, è rimasto fulminato.

FORTUNATO. (A Dolores) me dorme in de banda destra. La scolte sciura Felicita, pöderès mia iga ü cüsì in piö?

ALLEGRA. Certamente. Io però non mi chiamo Felicita.

FORTUNATO. L’avrès iscömetit! Sa ciamale pèr caso ... Mortisia? O se de nò ... Mortina?

ALLEGRA. Mi chiamo Allegra.

FORTUNATO. (Ironico) ol nòm giöst pèr le.

DOLORES. A presto allora signora Gioiosa.

FORTUNATO. Signora Allegria la sa ciama! La scusi. (Escono a sinistra).

DOLORES. Arrivederci e mi auguro che non vi facciate male. (Esce al fondo).

SCENA III

Eleonora e Irene

ELEONORA. (Arrivano dalla spiaggia, a destra. Da fuori scena) a ta se stacia pò braa!

IRENE. Pèr isse poc?

ELEONORA. Te ma, evvest che facia la faisö?

IRENE. Ma certo. Però ol sò òm alà gregnat! E la colpa alè stacia töta tò nè però, a tagherèt mia de sinsigam.

ELEONORA. (Ironica perché voleva proprio stuzzicarla) cosa mai avroi facc? O adoma lesit l’anuncio che a ghera scricc in dèl negose: cercasi ragazza per la stagione estiva.

IRENE. Adoma? Dai, che a tle lesit apòsta perchè me a ta dès söta: (imitandosi) perché cercasi ragazza per la stagione estiva? L’avete persa?

ELEONORA. E la padruna ala ta sentit e ala ta ardat de treèrs.

IRENE. Le, ala ma ardat de treèrs, ol sò òm invece alà gregnat. E in spiagia? Quando a ma facc finta de tecabega? Töcc i ga ardaa.

ELEONORA. (Imitano quello che è successo) Irene, quanti anni ha tua madre?  

IRENE. Mia madre? Mia madre ha 65 anni.

ELEONORA. Su, non raccontarmi frottole!

IRENE. Io non racconto frottole e non mento mai sull’età delle persone. (Al pubblico) söla me età invece a cöntesö i bale. E gròse!

ELEONORA. Noi siamo amiche e non capisco perché tu mi stia mentendo.

IRENE. E me che a so dientada pò gnèca: appunto perché siamo amiche, non capisco perché tu mi dica che sto mentendo.

ELEONORA. Perdonami, stai mentendo ed io ne ho la prova.

IRENE. Vediamo, vediamo questa prova! Mi dici perché mia madre non può avere 65 anni.

ELEONORA. Non può averne 65 perché l’anno scorso ne aveva 64.

IRENE. E le töcc ai sè meticc’indre a gregnà fort.

ELEONORA. E quate persune ai sera facc le e töte, ma pròpe töte a gregnà di nòscc ‘sproposècc. Ma come a ma so diertida a recità in chèla manera.

IRENE. A ma delbù pò, se a pöderès mia recità, al set che noia la me eta? Sèmpèr denacc a öna scrivania töt ol de. E chèl che porte a cà alè adoma tate scartofie.

ELEONORA. Ada che la me giornada alè mia tat diversa dèla tò, me a sto töt ol de a laurà in banca. E chèl che porte a cà alè adoma ... solcc.

IRENE. Solcc?

ELEONORA. A schèrse dai! Nömèr, a porte a cà adoma di nömer! Irene, notre an gaavrès de iga ol coragio de rescià de piö in de eta.

IRENE. Alè pròpe pèr chèsto che a so la tò amisa.

ELEONORA. E cosa ölerèsèt dì? Sta co me alè ü rescio?

IRENE. Otèr che rescio! Prima o dòpo a m’indarà a ciapale a fa finta de ès chèl che a ghè mia adoma perchè a notèr a ga pias recità!

ELEONORA. Te, ada che an fa negot de mal nè?! Invece de recità sura ü palco, notre an recita in doca al capita.

IRENE. (Mentre escono a sinistra) a fa teatèr, al sa sènt sèmpèr zuene.

ELEONORA. (Mentre escono a sinistra) infati me a go vintretrì agn.

IRENE. (Mentre escono a sinistra) vintretr agn? Ma se l’ampasat a ta ga nerèt vintedù?

ELEONORA. (Mentre escono a sinistra) ahahahahaah ...........

SCENA III

Diamante e inserviente

DIAMANTE. (Entra da sinistra. Indossa un impermeabile, occhiali neri e cappello, si ferma a depositare la sua chiave).

INSERVIENTE. (Entra dal fondo con delle lenzuola) buongiorno. (La guarda e al pubblico) chèsta la pènsa de ès in montagna. Scuse ma ...

DIAMANTE. Dighela a me?

INSERVIENTE. La ma scüse se a ma sa fo i sò afare ... (al pubblico) scoltim, a pöde mia sighetà adoma a laurà. (A Diamante) se ala ghès adoma ün po de servèl, pènse che la la pöde pensà che an sa troa mia in montagna e perciò le ala pöl mia ès che ... in incognita.

DIAMANTE. Se. No! No, me a so mia in incognita. Me a so libera come l’aria e a so mia spusada.

INSERVIENTE. E lü?

DIAMANTE. (Triste) lü se, lü alè spusat!

INSERVIENTE. Ah, bröt afare!

DIAMANTE. (Capendo che ha svelato il suo segreto e che potrebbe essere in pericolo) no! A ghè nessun lü. A ga so adoma me e basta.

INSERVIENTE. Ma certo, al saavroi mia! E come al sa ciama?

DIAMANTE. (Felice) Ferdinando, al sa ciama Ferdinando ol me amante. No! cioè, ölie dì che Ferdinando alè ol nòm ... dela mantide che a go a cà.

INSERVIENTE. Ah. Alura gniaü amante a cà?!

DIAMANTE. No, a cà no, alè che al mar cola fommla. No! Niente fommla e niente me amante.

INSERVIENTE. La ga mia de preocupas pèr me, me a so öna inserviente discreta. (Allunga il braccio e apre la mano) sinquanta euro.  

DIAMANTE. Discreta e cara al ma sömèa. (Mentre le dà i cinquanta euro) anse, carissima a digherès.

INSERVIENTE. Ol sò segreto, alè al sigür con me. A sarò öna tomba.

SCENA IV

Diamante, inserviente e Allegra

ALLEGRA. (Entrando dal fondo prima che l’inserviente abbia terminato la frase) mi avete chiamato?

INSERVIENTE. No, sciura Allegra. A sere indre adoma a öta chèsta signurina a sistemà öna cèrta facenda.

ALLEGRA. La stava forse importunando?

DIAMANTE. No, mi ha solo estorto ...

INSERVIENTE. (Piano, facendole capire che potrebbe svelare tutto) amante ... amantide ...

DIAMANTE. No! A ma santendie che mi ha ... distolto ... ecco, distolto ... dai certi miei pensieri tristi.

ALLEGRA. Davvero lei ha dei pensieri tristi? Che bello! Se vuole io le dico i miei e li confrontiamo.

DIAMANTE. A ga fa negot se an fa ön’otra olta? Adès a gaavrès ön’apuntament. A so deperme e ando ...

INSERVIENTE. ... al mar! Mala mia forse dicc che al’andaa al mar?

DIAMANTE. Se se, al mar. (Esce a destra).

ALLEGRA. Stia attenta a non annegare.

INSERVIENTE. E me ando a metafòst iste lensöi. (Esce a sinistra).

ALLEGRA. Stai attenta al primo gradino perché lo hanno appena sistemato.

SI SENTE UN RUMORE.

INSERVIENTE. Ahiaaaaaaaaaaaaaaaaa.

ALLEGRA. Speriamo che non sia da aggiustare di nuovo.

SCENA V

Allegra e postino.

POSTINO. (Felice) posta! Ghè riat ol pustì che al porta la posta piö bèla del mont! A ghi de ès contecc e felici perchè a ghè che ol pustì Gaio. Buongiorno.

ALLEGRA. Buongiorno.

POSTINO. (Si ferma un attimo) me a so ol pustì nöf. A spere de ès piö brao dèl pustì ècc. (Si ferma un attimo e nota che il viso di Allegra è cadaverico) la ma scüse nè, ma stala be?

ALLEGRA. Purtroppo si.

POSTINO. E, ela mia conteta?

ALLEGRA. No.

POSTINO. A edila isse, le ala gaavrès imbisogn de ün po de sul cara la me sciura, èdela mia come alè smorta? Al’andaghe öna quac volte in spiagia e la ederà che la ciaperà ü bèl culurì.

ALLEGRA. In spiaggia c’è troppo sole, troppa sabbia, troppa acqua. E poi le persone lì, sono sempre contente e solari e io mi deprimo di più.

POSTINO. Uh. Alura pèr tirala sö de moral an pöderès ... vardà ü bèl film sentimentale che a ghè sö in televisiù e che al fa scor ün po de sanc in di ene. Cosa dighela? E pròpe stasira ai fa èt ol me film preferit:” La vita è meravigliosa”.

ALLEGRA. Non è il mio genere di film.

POSTINO. Al ma dispias. Ialsa cosa an fa? Le ‘la ma dis che film che a ga pias e me ando a fecià ol dvd.

ALLEGRA.  Se proprio insiste ... il mio film preferito è: Sepolta viva.

POSTINO. (Sconcertato) ah. Pròpe bèl film ... in dèl sò stato però me a ga consiglierès de ardà ... pèr esempe ... “La ricerca della felicità”! Uh.

ALLEGRA. Preferisco qualcosa di più ... terreno, come per esempio “Bara con vista”. Me lo trova il dvd?

POSTINO. Bara ... con ... vista ... e se stasira la portes invece a èt ü bèl balèt? Come a ma pias a me i balletti. Al’avrès zamò est nè, ma con le a gaardès olentera amò ön’otra olta: “Il lago dei cigni”.

ALLEGRA. Cigni! Bellissimo!

POSTINO. Ala est che grazie ai cigni a ma troat ü punto d’incontro?

ALLEGRA. Si, però io vorrei vedere un altro cigno. 

POSTINO. “Il brutto anatroccolo”?

ALLEGRA.  No, “La morte del cigno”.

POSTINO. (A denti stretti) come a so contet! Forse alè mèi che a ga daghe ol giornal e la sò posta. Al ma dispias, ma a edile isse ai ga de èsga adoma di fature e de tase. Come al ma nincrès quando a porte chi lau isse bröcc!

ALLEGRA. Fatture e tasse. Che bello! È la prima cosa carina che mi è successa oggi. Grazie, è stato molto gentile. (Entra al fondo).

POSTINO. (Triste) ol pustì che al porta la posta piö bèla del mont al’endrè che al va. A ghi de ès tristi e infelici che ol pustì Gaio alè piö con votèr. (Esce a destra).

SCENA VI

Alberico

ALBERICO. (Entra da destra inseguito da un cane. Entra trafelato, con i pantaloni strappati e urla verso destra) aià tègne bèl’istrecc chèl cà! (Al pubblico) a me a ma pias i cà nè, töcc i tipi de cà, tranne ü tipo però: chèi che ai ma cor indre e chèi che ai völ piam. Ardì che braghe che a go che adès! Suono di cellulare. Risponde) se ... (mentre entrano in scena Irene ed Eleonora, Alberico continua la conversazione) gnià in ferie ai ma lasà posà...

SCENA VII

Alberico, Eleonora e Irene

IRENE. (Da sinistra, pronta per una passeggiata in centro) a ta piasèi i me sandai?

ELEONORA. (Da sinistra, pronta per una passeggiata in centro) no.

ALBERICO. Cos’è? A tal dighere mia delbù nè?

IRENE. Come no? Ma se ai mià compracc insèma?!

ELEONORA. A sere indre a recità o no?!

ALBERICO. Ma comel posebol che l’attrice ala öle mia firmà?

IRENE. (Sta uscendo a destra ma si ferma) attrice?

ALBERICO. Ma fa ergot ... also mia me ... invidela a sena e dòpo ... portala anche a teatèr ... al teatèr Manzù che lè de cà quase.

ELEONORA. (Sta uscendo a destra ma si ferma) teatro?

ALBERICO. Saral posebol che staghe vià öna quac de e al söcet chèl casot’che in de stöde?

IRENE. (Piano) attrice ... teatèr ... stöde ...

ALBERICO. Al so che la sarà stacia mia öna bèla scena ... ardì de fà ergot finchè a rie mia. (Finge di continuare a parlare al telefono)

ELEONORA. (Piano) alè ü regista! E a gal de èsga ü regista del teatro Manzoni! Attle sentit anche te o nò?

IRENE. Cèrto che o sentit! Se in scena a ghè ol casòt alè perchè al manca ol regista.

ELEONORA. A pöde mia lasam i’scapa ön’ocasiù dèl gener, a go de fam scriturà a töcc i costi.

IRENE. Otèr facc. Ma come an pödèi fa? An pöl mia indà le e diga de scrituraga isse.

ELEONORA. A mè egnit’immènt ü laur! An recità! Isse al vèt chèl che an sè bune de fa. Me a faro la parte ... del’innamurada.

IRENE. E me a recitero la stesa part. A saro mia la piö scema me.

ALBERICO. Fim saì ergot. Se, va be. Ciao.

ELEONORA. (Gli si avvicina e lo abbraccia) ciao miciottone mio! A so la tò micetta.

ALBERICO. (Meravigliato) dighela a me? (Al pubblico) töcc i animai incö agglasö con me.

IRENE. (Imita la sua amica) ciao tigrotto mio! A so la tò panterona.

ALBERICO. (Al pubblico) che a ga siès ü zoo che inturèn?

ELEONORA. (Lo tira verso di sé) i tò öcc ai ma fülminat.

ALBERICO. (Al pubblico) e se che a ghè mia ol temporal.

IRENE. (Lo tira verso di sé) i tò öcc e i tò laèr ai ma fa dientà mata.

ELEONORA. (Lo tira verso di sé) i tò öcc, i tò laèr “e i tò oregiè” ai ma fa pèrt ol co.

ALBERICO. (Inizia a sciogliersi) al so mia se ès contet o iga pura.

IRENE. I tò bras aiè isse bèi musculus.

ALBERICO. (Si guarda le braccia) al sere mia che aiera isse.

ELEONORA. I tò bras e anche i tò gambe isse musculuse ai ma fa büligà töt ol corp.

ALBERICO. A chi a gal dighèt.

IRENE. Alura, a mal fet ‘sto contrattino?

ALBERICO. Eccome se al ma fa ‘sto contrattino.

ELEONORA. Anche me al völe, tesoretto mio.

ALBERICO. Se, anche a te ol contrattino.

IRENE. (Si stacca da Alberico) grasie! Alura a ta so piasida.

ALBERICO. (La guarda meravigliato).

ELEONORA. (Si stacca da Alberico) anche me a ta so piasida nè?

ALBERICO. Ma perchè a sis leade sö’ an sera isse comòcc che.

IRENE. A ta se restat sènsa parole quando a te me sentit nè?

ELEONORA. E me so pò braa nè?

ALBERICO. E ... (guardando Eleonora) e la micetta? (Guardando Irene) e ... la panterona? Che fì ale facc?

IRENE. (Ansiosa) ‘sto contrat alura?

ELEONORA. (Ansiosa) an gai ol contrat alura?

ALBERICO. (Serio) töta chèsta mesa in scena adoma pèr viga ü contrat?

ELEONORA.IRENE. Se!

IRENE. A ta pödèt mìa fam ü contrat dopo chèl che a to facc vèt.

ALBERICO. Facc vèt? Ma se o est negot!

ELEONORA. Me a to facc vèt piö laur de le, a ta pödèt mia di de nò.

ALBERICO. (Guarda prima una e poi l’altra) ma ... ma ...

IRENE. Alè mia ira! Me a go facc vèt de piö. Alura ‘sto contrat?

ELEONORA. Se te a ta gal fe, tèèdere che a ta sa troere mia pentit. 

ALBERICO. Va be! Va be! A fo ol contrat a töte dò. (Al pubblico) isse i tire fò di pe e fussura a ga guadegne!

IRENE. Grasie! Grasie!

ELEONORA. Come a so conteta! Ol me prim contrat! 

ALBERICO. An fa indomà ai quatèr che, perchè adès a go mia che i docümèncc.

IRENE. Se, se, al va be anche indomà. Eleonora an ga ol contrat! Evviva! (Esce a destra).

ELEONORA. Al sere, al sere che Milano Marittima al gaavrès porta fürtüna. Come a so conteta! (Esce a destra).

SCENA VIII

Alberico e Allegra

ALBERICO. (Al pubblico) gniac in ferie ai ta lasa posà. Spere de püdì fal quando a saro pasat a miglior vita. 

ALLEGRA. (Esce dal fondo mentre sta leggendo il giornale. La prima pagina porta la foto di un ricercato che assomiglia ad Alberico) diceva a me?

ALBERICO. No, no. A sere indre a diga al publico che in veta al sa laura tròp. La me önica fürtüna alè chèla de ès mia spusat con chèle dò mate che aiè apena ‘ndace de la. (Indica a destra dove le due ragazze sono uscite).

ALLEGRA. Il mio matrimonio invece è stato bellissimo.

ALBERICO. Ah, delbù? Al ma fa piaser èt che a ghè amò di persune che ai sa regorda con paicere ol de dèl sò matrimòne. E quael ol ricordo piö bèl de chèl de le?

ALLEGRA. Mio marito è morto quello stesso giorno.

ALBERICO. O’come al ma dispias.

ALLEGRA. Non deve dispiacersi, io ne sono stata felice.

ALBERICO. (Meravigliato) imagine. A dopo. (Al pubblico) ai ma sèmpèr dicc che ol matrimonio è la tomba dell’amore! E adès al so con certèsa che alè ira. (Esce a sinistra).

SCENA IX

Allegra e Carlo

CUOCO. (Entra dal fondo) buongiorno Allegra.

ALLEGRA. Spero lo sia poco.

CUOCO. A go pront ol menù per ol disnà de ‘domà. La lèse se al va be. (Le mostra un foglio).

ALLEGRA. (Legge) primi piatti: penne ai peperoni, sfogliata con peperoni, cannelloni ai peperoni, peperoni ripieni di riso, insalata di pasta coi peperoni. (Guarda Carlo, il pubblico e di nuovo Carlo).

CUOCO. Se, al so, o meti’det ü tont in piö dèl solèt.

ALLEGRA. (Prosegue) secondi piatti: salsicce con peperoni, polpettone ai peperoni, peperoni al tonno, pollo ai peperoni. (Guarda Carlo, il pubblico e di nuovo Carlo).

CUOCO. Al so, o esagerat ün po a mèddet ... ol polpetù.

ALLEGRA. E ... niente contorni?

CUOCO. Per i contorni al sere mia pròpe be cosa meddet, ma ala fi o troat töt: (Le consegna una lista): peperoni ripieni, peperoni in agrodolce, insalata di peperoni e per ultimo ...

ALLEGRA. Non dirmi ...

CUOCO. Involtini ...

ALLEGRA. Meno male.

CUOCO. ... di peperone.

ALLEGRA. Ci stanno molto bene. Si, si. 

CUOCO. Gli involtini, aiè come la ciliegina söi peperoni.

ALLEGRA. Eh già. Scusa Carlo, non per entrare nel merito della tua creatività, ma non pensi di aver esagerato con qualcosa nel menù di domani?

CUOCO. Ma, a me al ma sömèa mia... ma se le la pensa che abe esagerat in vergot ... tire vià ... gli involtini.

ALLEGRA. Non sarebbe meglio togliere invece... qualche peperone?

CUOCO. Al sa pöl mia! Ol peperone per me è come una droga!

ALLEGRA. Posso anche capirlo, però non puoi spacciarla a tutti i nostri clienti un giorno sì e un giorno no!

CUOCO. Forse ‘la ga resù ... cambiero ergot.

ALLEGRA. E che non ti venga in mente di aggiungere anche del peperoncino in tutti quei piatti.

CUOCO. Perchè a pöde mia?

ALLEGRA. Direi proprio di no.

CUOCO. Pecat. Ando a tiral’ivià alura.

ALLEGRA. Vedi di inserire anche dei dolci che sono molto graditi, come per esempio ... le fave dei morti e la torta di sangue.

CUOCO. Come la öl. (Esce al fondo).

ALLEGRA. (Guarda la prima pagina del giornale e si accorge della foto del ricercato. Pensa) mi ricorda qualcuno che ho già visto ... (Esce a destra).

SCENA X

Fortunato e Diamante

FORTUNATO. (Entra da sinistra) i fommle! Quando aiè zuene aiè pronte in dü momènt! Quando invece ai cominsa an dasö coi agn ai ga de fa ol restauro de almeno un’ura.

DIAMANTE. (Entra da destra. Alla reception prende le chiavi che poi le cadono).

FORTUNATO. (Le raccoglie e gliele porge) che bèi occhi che la ga!

DIAMANTE. (Che indossa gli occhiali scuri) grazie. (Preoccupata) al ga ria a èt i me öc anhe se porte i ögiai?!

FORTUNATO. Certo. Öcc isse ai sa èt a öcc seraiffò.

DIAMANTE. (Al pubblico) merà che mètesö du per de ögiai se de nò anche ergü d’otèr al pöderès conosim quando a sto col me amante ...

FORTUNATO. (Che sta ascoltando) le ala ga ön’amante?

DIAMANTE. Amante? No! Nessun amante.

FORTUNATO. La ma scüse, ere capit che le ala ghès ...

DIAMANTE. No, assolutamente, a so adoma ...  (Si siede malinconica e parlando fra sé e guardando sempre avanti) malada d’amur ...

FORTUNATO. (Si siede malinconico parlando fra sé e guardando sempre avanti) la capese, come la capese sala? Anche ol me amore al ma fa mör ògni de.

DIAMANTE. Ol me mal d’amur al pöderès finì ala svèlta.

FORTUNATO. Ol me invece al finirà mai purtroppo. Me ölie ‘ndà a Milà e le invece la ma portat a Milà se, ma chèl dèl mar.

DIAMANTE. Lü alè carino, è la fommla che a soporte mia.

FORTUNATO. Töte i fommle spusade aiè insopportabili. (Sento un dolore al petto e comincia a stare veramente male) ahia! A ma fa mal ol cör!

DIAMANTE. (Non si accorge di nulla) a talse mia come al ma fa mal a me quando a pènse ala me situasiù!

FORTUNATO. (Sempre sofferente fino alla fine) madonname che dulur!

DIAMANTE. Al ma faghe mia pensà al me de dulur.

FORTUNATO. A go pura che al siès riat ol me momènt ... la luce ... a edero piö la luce.

DIAMANTE. Come la capese, con lü me a ma toca èdès quase sèmpèr al fosc.

FORTUNATO. La ma daghe i pastiglie che a go det in de borsa ... o se de nò pèr me alè la fì.

DIAMANTE. La fì ... spere che ala ga siès pròpe mia öna fì e che al ma lase mai anche se la situasiù alè mia de chèle piö bèle.

FORTUNATO. In de borsa ... i me pastiglie pèr ol cör ...

DIAMANTE. I pastiglie! (Guarda l’orologio e poi davanti) a go de tösö l’antibiotico! (Esce a sinistra) grasie che ammlà regordat!

FORTUNATO. Aiuto ... ‘ndoalà ... ala ègne che... i me pastiglie ...

SCENA XI

Fortunato e Dolores

DOLORES. (Entra da sinistra) Fortunato! Cosa ta söcedèl?

FORTUNATO. Ol cör ...

DOLORES. (Prende dalla borsa due pastiglie e gliele dà) ciapà. De che poc a ta stare be, cosa farèsèt sensa de me?! Adès posa ü momènt intat che ando a tö la borsa che o lasat sö de sura. (Esce a sinistra).

FORTUNATO. Eh se, pròpe “Fortunato” di nome e di fatto.

SCENA XII

Fortunato e Alberico

ALBERICO. (Esce da sinistra con una valigetta, va a sedersi e inizia a leggere dei documenti ospedalieri. Poi vede Fortunato un po’ sofferente) al va töt be sciòr?

FORTUNATO. A parte i sèntomela mai che a go, al va töt be, grasie.

ALBERICO. Dulur ... bröt afare.

FORTUNATO. Lü dèl sigür aia conòs be ... alè’ndre che al ga arda ad öna cartella clinica. El’indre a laurà anche in ferie? (Al pubblico) che al siès ü dutur?

ALBERICO. Ol laurà al sarès istacc ol me öltèm penser, ma chèle dò aià sighetat e alura ...

FORTUNATO. (Al pubblico) alè pròpe ü dutur! Alè’ndre che al lès dò cartelle cliniche de dò paziente! (A Alberico) se a ga fa negot, a pöderès domandaga de consigliam vergot pèi i reumatismi?

ALBERICO. I reumatismi? Mah al saavrès mia ...

FORTUNATO. O capit, alè mia ü specilaista de ‘sta malatia.

ALBERICO. E no, a ga so pròpe negot söi reumatismi, pèr fürtüna. A go gniamò mia chèla età.

FORTUNATO. I dutur zuèn aiè la nostra speransa.

ALBERICO. Brao. Alè chèl che dighe a me.

FORTUNATO. Ammlà pènsa ala stèsa manera me e lü. Al ma scolte però, pèr i me aciachi, cosa al ma consiglia alura?

ALBERICO. Se lü al’ista isse mal, me a ga consiglierès de fa ergot pèr la sò famèa.

FORTUNATO. (Al pubblico) a so me, che a sto male e a go de curà la me fommla? Ma certo ... e se la födès le che la ma fa malà? Alura lü al ma consiglièrèr de tutelam me pèr dòpo ...

ALBERICO. Esatto. Tutelare. Chèi che aià fa, dòpo, ai campa piö de chèl che al sa pènse.

FORTUNATO. Lü al dis?

ALBERICO. Alè sèmpèr söcedit isse con chi la facc chèl che me a go consigliat.

FORTUNATO. A so Fortunato di nom e de fat. Staolta delbù. E quando a pöderès ...  

ALBERICO. Me adès a sarès in ferie, però ... va be, an fa domà che ai quatèr e ü quart. A gaal be?

FORTUNATO. Benissimo. (Al pubblico) meno mal che o troat ü dutur che al ma öterà a guarì de töcc i me mai.

SCENA XIII

Fortunato, Alberico e Dolores

DOLORES. (Entra da sinistra) ‘ndom che a so pronta. (Vede Alberico, e si meraviglia) l’ispettore Grifis!

FORTUNATO. Eh?

DOLORES. Chèlle alè o l’ispettore Grifis! Ol protagonista del film “La polizia è sconfitta”. Èdet che o facc be a egnì che in ferie? Me ... me ... me a ma sa fo fa ol’autografo.

FORTUNATO. Fermèt. Ma’ndoet! Ada che chèlle alè mia ol tò “ispettore”, chèlle alè ü dutur.

DOLORES. Ü dutur? Ma cosa a cöntessö pò?! Alè ol’ispetur! (Sta per andargli vicino).

FORTUNATO. (La ferma) e me a ta dighe che alè ü dutur! O apena parlat con lü ü menüt fa!

DOLORES. (Sta pe andare vicino) ol me ispetur! Me öle l’autografo.

FORTUNATO. (La ferma) te a ta ga domandèt negot. Me öle mia fa di figüre a causa tò.

DOLORES. Se a ta ölèt mia, stache, cominsa andà in spiagia che me dòpo a rie.

FORTUNATO. Certo che ando. E söbèt. (Al pubblico) se isse ‘n fal ol dutur al sès che chèla mata che la ga sirca ol’autografo alè la me fommla, ciao ötam a guarì. Me a ta spète in spiaga. Anse, se a ta ègnèt mia a ta ma fe ü piaser. (Esce a destra).

DOLORES. (Si avvicina ma poi si ferma) e se al födès delbù mia lü? (Lo guarda) no, no, alè lü. (Prosegue nelle sua direzione e poi si ferma di nuovo) e se invece al födès mia lü? Che figüra farès. Me a conòs töt de lü, da capo a piedi e perciò, a contròle chèl che al fa prima den’daga visì.  (Si posiziona ad una distanza e comincia a fissarlo).

ALBERICO. (Prosegue nelle sue cose).

DOLORES. (Al pubblico) ivvest come la seraffò e al dèrf i öcc? Alè lü.

ALBERICO. (Prosegue nelle sue cose).

DOLORES. (Lo osserva ancora. Al pubblico) adoma lü al möf ol laèr sura isse. L’ivvest a otèr o nò? Alè ol me ispettore Grifis!

ALBERICO. (Prosegue nelle sue cose).

DOLORES. (Osservandolo di nuovo. Al pubblico) con che grasia al möf ol dillì dela ma destra. Ardì che alè mia stès de chelotra ma ne?! Alè lü, a go piö gniaü döbe.

SCENA XIV

Alberico, Dolores e Carlo

CUOCO. (Entra dal fondo e appoggia un foglio sul mobile).

DOLORES. (Al pubblico) come a so emusiunada! Ol me idolo che denacc a me! Al ma sömèa mia ira! Al’invidero al me taol, infena ala me cà al’invidero! Depertöt! Indasaì quando al cönterösö ai me amise!

ALBERICO. (Mentre Dolores parla Alberico esce a sinistra).

DOLORES. (Si gira e non lo vede più) ma ... ma’doel in dacc? (A Carlo) al ma scüse, al mia est in doca alè’ndacc chèl’iscior che alera che ü menüt fa?

CUOCO. Al ma dispias, o mia est.

DOLORES. Se l’era che sentazzo, al völ dì che alè in chèsto albergo e perciò prima o poi, mèi prima che pòi, al’incuntrero de nöf. El mia ira?

CUOCO. La faghe isse, la ma dighe ol nòm che contròle söbèt.

DOLORES. Grasie. Ispettore Grifis.

CUOCO. (Preoccupato) Ispettore Grifis? Nò crède che a ga siès mia che ün ispettore, se de nò me al’aavrès sait.

DOLORES. Al varde che so mia scema nè, che a ghè ü ispetur. Al völerà mia fa saì che alè che perchè al sarà ‘ndre a seguì ü caso e laavrà mia dacc ol sò nòn vero. Come a so conteta! Ando a fam bèla. (Sta per uscire a sinistra e poi si ferma. Al pubblico) de piö de chèl che a so zamò. (Esce a sinistra).

CUOCO. Ispettore? A ghè ün’ispettore in dèl’albergo? Görès a chèla! Ü ispettore del’Asl che! Dèl sigür se lè che alè pèrchè al völ fa ü control a sorpresa in de cüsina. E se al troa ergot che al va mia be, ammlà farà serafò! Mè che andaghe a metila apost söbèt o se de nò a ma sa troero prèst sènsa laurà!

SCENA XV

Carlo e Allegra

ALLEGRA. (Entra dal fondo col giornale) Carlo, non sembra anche a te di aver visto già questa persona?

CUOCO. La me cariera de cuoco rüinada! A ma ède zamò là, in del’angolo dèla strada a sunà ol mandulì! Allegra, apena la ria la cameriera la mla mande de là, ala ga de ötam a meta pòst la cüsina. (Esce al fondo senza rivolgerle attenzione).

ALLEGRA. Quella è sempre in ritardo. Carlo, allora che dici di questo ... (si gira e Carlo è sparito) tipo?

SCENA XVI

Allegra e cameriera

CAMERIERA. (Entra da destra).

ALLEGRA. Sai che ti davo per annegata in mare? Oppure, pensavo fossi stata investita da un autobus.

CAMERIERA. Al ma dispias daga chèsto dispiaser, o rompit adoma ön’ongia.

ALLEGRA. Che scusa hai oggi per il tuo ritardo?

CAMERIERA. Nessuna scusa. Adoma öna buona azione. A ma so fermada in dü negose e a go comprat... (Si gira e prende dalla borsa un pacchettino e lo mostra ad Allegra) chèsto! (Glielo porge).

ALLEGRA. Grazie mille, ma non dovevi.

CAMERIERA. La sa figüre, alè öna stüpidada.

ALLEGRA. È proprio per questo che non dovevi.

CAMERIERA. E pò dòpo a so riada in ritardo anche perchè ai ma dacc öna bröta notisia.

ALLEGRA. Mi dispiace, spero non sia davvero così brutta.

CAMERIERA. La me cüsina la ma dicc che che ... a ghè mort ol me zio in segonda.

ALLEGRA. Beato lui. Quanti anni aveva?

CAMERIERA. Sen’du compicc la setimana pasada.

ALLEGRA. Tu non ci arriverai mai a quell’età.

CAMERIERA. A, al so, me “laure tròp”! “Ai ma fa laurà tròp!

ALLEGRA. Non credo. Scusa, e la brutta notizia?

CAMERIERA. Ma se a glo apena dicia?!

SCENA XVII

Allegra, cameriera, Irene e Eleonora

IRENE. (Entra da destra ridendo) e cosa a faret col prim’stipendio de attrice?

ELEONORA. A me a go ü sògn bellissimo.

ALLEGRA. Anch’io ho un sogno ed è quello che le cameriere vadano a fare il proprio lavoro in cucina.

CAMERIERA. A so pròpe decorde.

ALLEGRA. Quindi ... (indicando la cucina).

CAMERIERA. I sogn ai sa ciama sogn pròpe perchè aiè mia la realtà.

ALLEGRA. (La guarda di traverso) nel sogno ci metto anche lo stipendio allora.

CAMERIERA. Messaggio ricevuto. (Esce al fondo).

IRENE. (Ride) simpaticissima.

ELEONORA. Ala ga ü futuro come attrice. (Ad Allegra) anche le però nè?

ALLEGRA. Grazie. In un’altra vita. Scusate. (Sempre col giornale mentre esce al fondo) eppure ... mi ricorda qualcuno.

IRENE. E quale sarèsèl ol tò sogn?

ELEONORA. Col prim’stipendio öle comprà öna villa gigante con det: ü teatèr, öna piscina granda, öna biblioteca con det töt i libèr vèc e nöf e öna cüsina con ü cuoco a me disposisiù pèr töta la eta.

IRENE. Scüsa Eleonora, ma a tagglaavre mai.

ELEONORA. E n’che manera?

IRENE. Perché chèla ... la sarà la me villa!

ELEONORA. IRENE. (Ridono ed escono a sinistra).

SCENA XVIII

Alberico e Diamante

ALBERICO. (Ritorna da sinistra e si mette a leggere dei documenti).

DIAMANTE. (Entra in scena da sinistra e si mette a sedere. Talvolta guarda l’orologio).

ALBERICO. (Prosegue nella sua lettura e talvolta lancia sguardi a Diamante).

DIAMANTE. (Se ne accorge e comincia a nascondere il viso con le mani, alza il bavero e abbassa il cappello. Fra sé) che manera al sigheta a ardam?

ALBERICO. (Prosegue nella sua lettura e ogni tanto lancia sguardi a Diamante).

DIAMANTE. (Se ne accorge e comincia a nascondere il viso con le mani, bavero e cappello. Fra sé) ma cosa a öleral de me?!

SCENA XIX

Diamante, Alberico e Fortunato

FORTUNATO. (Rientra da destra) i fommle! A so in spiagia che l’aspète e le alè gniamò de rià. (Vede Diamante) buongiorno signorina. A sto mèi adès.

DIAMANTE. (Non capisce) a so conteta pèr lü.

ALBERICO. (Alza lo sguardo sui due).

DIAMANTE. (Se ne accorge e si avvicina a Fortunato. Piano) li scolte, al pöderès fa finta de ès ol me accompagnatore?

FORTUNATO. (Si sposta di poco) a so spusat. (Le si avvicina di nuovo) apunto pèr chèsto che a pöde fa ol sò accompagnatore.

DIAMANTE. Èdèl chèl tipo là? Chèl tipo le al ma segue, a so sigüra. Al varde, al varde come al fa a ardam!?

FORTUNATO. (Guarda Alberico).

ALBERICO. (Li guarda).

FORTUNATO. Buongiorno dottore.

ALBERICO. (Sospira spazientito e poi prosegue a leggere).

DIAMANTE. Dottore? Lü aia conòs?

FORTUNATO. Se. Alè ü dutur de chi’nnacc.

DIAMANTE. Al sa fa pasà pèr dutur pèr fas mia scoprì, chèlle alè ü investigatore privato mandat dala fommla del me amante. Cioè, ölie dì dala fommla mantide.

FORTUNATO. La fommla della mantide?

DIAMANTE. Se, però a gal’ispieghero piö’nnacc, ora al ma öte. Al ma öte o a so gniac deèrgù. (Gli prende il braccio).

ALBERICO. (Gli cadono alcuni fogli e si abbassa a prenderli in modo che quando entra Dolores non viene visto).

FORTUNATO. Űn’ investigatore? Ma me a crède pròpe mia che al siès ...

SCENA XIX

Diamante, Alberico, Fortunato e Dolores

DOLORES. (Entra in scena da sinistra e vede Fortunato a braccetto con Diamante) Fortunato!

FORTUNATO. (Si stacca subito da Diamante) ciao cara. A sere indre a spetat.

DOLORES. E ède che intat a ta s’annoiaèt mia. (Sta per uscire a destra).

FORTUNATO. (La segue) ün po invece se, cara. A so apena egnissö dala spiagia perchè te a ta riaèt piö e a talse che sènsa de te me a so pèrso.

DOLORES. In spiagia me e te an fa i cöncc. (Sono fuori scena a destra).

ALBERICO. (Si rialza e guarda di nuovo Diamante).

DIAMANTE. (Fra sé) a pöde mia stache con chèlla, a go pura.

SCENA XX

Alberico, Diamante e Allegra

ALLEGRA. (Entra dal fondo sempre col giornale).

DIAMANTE. (Ha un’idea. Mentre esce a destra correndo) papà! Mama! Spetim! Ègne a me in spiagia con votèr!

ALLEGRA. Non corra! Stamane è stata passata la cera. (Si sente un fracasso. Ad Alberico) prima o poi tutti muoiono e bisogna aspettarselo da un momento all’altro.

ALBERICO. Eh, al söcet isse diolte. (Prosegue a leggere).

ALLEGRA. (Guarda Alberico. Guarda la prima pagina del giornale. Lo guarda di nuovo. Gli va vicino e confronta il giornale con lui e poi finge di pulire il tavolo. E così via. IL TUTTO OVVIAMENTE IN CHIAVE COMICA).

ALLEGRA. È lui! È lui identico! È proprio lui! (Mostra al pubblico la foto della prima pagina dove c’è una foto somigliante ad Alberico, con scritto a lettere cubitali RICERCATO ASSASSINO DI DONNE VESTITE IN NERO) prima o poi tutti muoiono, bisogna aspettarselo da un momento all’altro.

SIPARIO

ATTO SECONDO

Come il primo atto.

SCENA I

Inserviente, Eleonora e Irene

INSERVIENTE. (Ha la testa fasciata. Sta svolgendo delle pulizie e procede per tutta la scena).

ELEONORA. (Entrano da destra) aiè i tre, l’apuntamènt col regista ailè ai quatèr e perciò an ga amò dò ure de tep pèr preparaga.

IRENE. Se, an ga töt ol tep.

INSERVIENTE. (Al pubblico) pròpe dò intellettuali!

ELEONORA. La ma scüse, la dicc vergot?

IRENE. Pènse pròpe che alera indre a parlà de notèr perchè o sentit nöminà la parola “intellettuali”.  (Si siede e appoggia la borsa e il resto sul tavolo).

ELEONORA. (Si siede e appoggia la borsa e resto sul tavolo).

IRENE. (Piano a Eleonora) dai che an sa dièrt con le. (Indicando la cameriera).

ELEONORA. (Recitano tutte e due e spesso si scambiano occhiate) scüsèm Irene, ma te de “intellettuale” a ta ghe pròpe gran poc.

INSERVIENTE. (Fra sé) alà parlat la scèta del’Einstein.

IRENE. A, grasie. A ta se pròrpe öna bèla amisa.

INSERVIENTE. (Che non sospetta niente) se alè mia ön’amisa che la dis la erità, la öl che aia dighe chi? Öna nemica?

ELEONORA. Pròpe!

INSERVIENTE. (Spolvera il tavolo dove si trovano certi oggetti di Irene).

IRENE. Go de spostà i me laur?

INSERVIENTE. No. (Sposta tutto e pulisce).

ELEONORA. IRENE. (La guardano meravigliate).

ELEONORA. Ölie dit che a ta se ... (viene interrotta).

IRENE. Scolta, öle sentì piö negot. A te me ofendit.

ELEONORA. Ma nò, lasa che a ta diga invece che... (viene interrotta).

IRENE. A to dicc che öle sentì ü bèl negot de chèl che a ta ma ölèt dì!

ELEONORA. Beh, forse a ta ghe mia töcc i torcc a ölim mia sentì dòpo chel che prima a to dicc.

IRENE. Be, però ... a pensaga be ... va be dai, dim pör chèl che a ta ölèt.

ELEONORA. No, no, a ta ghe resù, a ta dighe negot.

IRENE. Ma no, di pör che a ta scolte.

ELEONORA. O dicc de no, a ta ghe resù a scoltam mia.

IRENE. Ma fa mia isse, parla docà.

INSERVIENTE. (Stanca a Eleonora) la scolte, la ga diga chèl che la ga de diga e ala svèlta se de nò a van case indre ü muntù me a töte dò che a ma denuncì.

ELEONORA. Ölie adoma scüsam e dit che a ta se ön bèla persuna.

IRENE. Grasie. Me dighe però che te a ta se piö bèl de me.

ELEONORA. No, no, te a ta se piö bèla.

IRENE. No, a to dic che a ta se te, che a ta se piö bèla de me.

ELEONORA. E me invece a dighe amò, che te, a ta se piö bèla de me.

INSERVIENTE. (Stanca) va be, a si bèle töte dò. Ma adès andì o se de nò a fi mia in tep pèr ol vòst appuntamento.

IRENE. Alè ira! A ma sa regordae quase piö.

ELEONORA. An sa regordaa quase piö.

IRENE. (Mentre esce a sinistra) a te ricitat de Dio.

ELEONORA. (Mentre esce a sinistra) te invece a ta sömèa pròpe vera.

INSERVIENTE. (Al pubblico) e chi aia capes chèste dò, alè brao.

SCENA II

Inserviente e cuoco

CUOCO. A so rüinat!

INSERVIENTE. Te a ta se rüinat? E me alura che go la crapa rota?

CUOCO. La tò crapa alè rota perchè a tle picada vià, la me rüina invece alè perchè ... ma te cosa fet che? Va söbèt a netà la me cüsina.

INSERVIENTE. Scolta bell’imbusto, me nète i stanse e te e la tò Cleopatra a netì la cüsina.

SCENA III

Inserviente cuoco e cameriera

CAMERIERA. (Entra dal fondo) Carlo, mète ‘ndoe sto tont?

CUOCO. Ma in doca al sa meterà ü tont Cleopatra?!

CAMERIERA. Scüsa, alè ira. (Lo prende e lo mette sotto il banco della reception).

CUOCO. Ma se’mata? Ol’ispetur, zamò al sererà fò la cüsina perchè a ghè öna smagia, a ga manca adoma che al faghe serafò anche anche l’albergo. E chi aià sènt dopo l’Allegra.

CAMERIERA. (Prende il piatto e lo consegna all’inserviente) scüsa. Portèl in cüsina.

INSERVIENTE. Me a porte ü bèl negot. (Lo consegna al cuoco).

CUOCO. Me a so ol capo e me a ta dighe de portà in cüsina chèl tont che. (Lo consegna alla cameriera).

CAMERIERA. (Controlla l’orologio) al ma dispias, ma me a so fò servisio adès. (Riconsegna il piatto al cuoco).

CUOCO. Mochila töte dò e portì sto tont in cüsina se de nò a do fò. (Lo consegna all’inserviente).

INSERVIENTE. Me a ga pènse gniac. (Lo consegna alla cameriera).

CAMERIERA. Me al ripete, a so fò servisio. (Consegna il piatto al cuoco).

CUOCO. O dicc che chèl tont che ...

SCENA IV

Inserviente, cuoco, cameriera e Alberico

ALBERICO. (Entra da destra velocemente) ötim pèr piaser.

CUOCO. ... al porte me in cüsina. (Si abbassa e alla cameriera a bassa voce) e te e con me. (La spinge al fondo).

CAMERIERA. Ma me ...

CUOCO. Fa sito e preparà öle de gombèt. (Fuori al fondo).

ALBERICO. A ghè öna mata che la ma cor indre, la ga dighe pèr piaser che la ma mia est. La ma faghe sto piaser. (Esce di corsa a sinistra).

INSERVIENTE. (Guarda Alberico mentre esce) li staghe pör cöèt che sisteme töt me.

DOLORES. (Entra di corsa da destra con un notes e una biro) el vegnit de’cche ol’ispetore Grifis?

INSERVIENTE. Ölerèsèla dì chèl’scior col vestit culur ............ e che al curia perchè öna mata al ga coria ‘ndre?

DOLORES. Se, pròpe lü.

INSERVIENTE. No, al ma dispias ma lo mia est.

DOLORES. Ma’ndo saral indacc .... (Esce di nuovo a destra) ispettore Grifis, prima o dòpo a ta ciapero!

INSERVIENTE. Al sere pò mia de töcc chèsce ispettori che a Villa Felicita. (Esce a sinistra).

SCENA V

Allegra poi Postino

ALLEGRA. (Entra da destra vestita di grigio o blu) sta arrivando. Spero che abbia la mia ordinazione. 

POSTINO. (Entrando con un pacchetto) posta! Ghè riat ol pustì che al porta la posta piö bèla del mont! A ghi de ès contecc e felici perchè a ghè che ol pustì Gaio. Buongiorno. Èco che ol giornal de’ncö. (Lo mette sul mobile).

ALLEGRA. È per me quel pacchetto?

POSTINO. Se. (Sta per darglielo ma quando parla se lo tiene e così tutte le volte) ghel forse mort ol gat?

ALLEGRA. No, ma potrei morire io.

POSTINO. Le? Persune come le ai afa mör i otèr!

ALLEGRA. Forse non oggi.

POSTINO. (La guarda e poi ride con ironia) le alè tròp simpatica, me a ma pias egnì che de le, perchè quando ando fo a so zo de fase.

ALLEGRA. Mi dia il mio pacchetto.

POSTINO. Prego alè töt ol sò. (Glielo porge).

ALLEGRA. (Lo prende e comincia ad aprirlo).

POSTINO. (Non guardando mai Allegra) indasì cosa mai a ga sarà det de bèl in chèl pachet. Öna frösta? Ü cortèl? O se de nò ...

ALLEGRA. (Che avrà aperto il pacchetto) una pistola.

POSTINO. O se de nò öna pistola? (Si rende conto di ciò che ha appena detto) una pistola? (La guarda).

ALLEGRA. Si, una pistola.

POSTINO. (Con paura) lei ha una pistola!

ALLEGRA. Si, ho una pistola.

POSTINO. Öna pistola ... vera!

ALLEGRA. Si, una pistola vera. Lei sa come si usa?

POSTINO. No! Me al so apena apena come la sa dovra öna pistola a acqua.

ALLEGRA. Io non l’ho mai usata e perciò ... (la punta contro di lui titubante).

POSTINO. (Le va vicino e gliela abbassa) se a ga fa negot ... me a gaavrès de finì ol gir cola posta.

ALLEGRA. Ma come si userà?

POSTINO. Ah, perché aia öl dovrà?

ALLEGRA. Potrebbe anche essere.

POSTINO. Ia sbaseso pèr piaser.

ALLEGRA. Se capissi come si usa ...

POSTINO. Ma ghele mia i isrtusiù?

ALLEGRA. Non so ... (guarda nella scatola) si!

POSTINO. Evviva. (Tenta di andarsene) beh, dato che la troat i istrusiù ... me a pöde anche ‘nda.

ALLEGRA. (Prende le istruzioni sempre tremando) allora ... si prende la mira, si mette il dito indice sul grilletto e si comincia a ....

POSTINO. (Le si avvicina di corsa) ferma ... ferma ... (Gliela toglie e senza accorgersene, la punta contro di lei mentre le parla) i pistole ai sa punta mia cuntra i persune, ialsala?

ALLEGRA. Si, si, ho capito. Potresti ora abbassare tu la pistola?

POSTINO. Me? (Poi si accorge della pistola che tiene in mano e comincia a tremare) e cosa a ga foi me cola pistola?! (E simpaticamente la porge ad Allegra).

ALLEGRA. (Sempre tremando) e io come faccio?

POSTINO. (Gliela toglie simpaticamente e gliela rimette nella scatola) an fa che ammla mèt det amò in de scatola e che dopo le aià mèt in dü pòst sigür. Uh?

ALLEGRA. Si, si, molto meglio.

POSTINO. Ol pustì che al porta la pistola piö bèla del mont...ehm ... ölie dì ol pustì che al porta la posta piö bèla del mont al va vià. A ghi de ès tristi e infelici che ol pustì Gaio alè piö con votèr. (Esce).

ALLEGRA. Meglio che la metta davvero in un posto sicuro. Dentro l’urna di mia nonna. (Esce al fondo).

SCENA VI

Cameriera e inserviente

CAMERIERA. (Fuori dal fondo) alè sèmpèt töta colpa me.

INSERVIENTE. (Entra da sinistra).

CAMERIERA. La smagia ala-e mia vià e lè colpa me. Ol taol al sè rompit e alè colpa me. Internet al funsiuna mia e alè amò colpa me.

INSERVIENTE. Internet al funsiuna mia?

CAMERIERA. Se, adès alè colpa me perchè ol’internet al funsiuna mia.

INSERVIENTE. Internet al funsiuna mia?!

CAMERIERA. Se, internet al funsiuna mia, ol’internet al funsiuna mia.

INSERVIENTE. Alè’mposebol! Internet è la più grande rete di comunicazione attualmente esistente, definita "rete delle reti", "interete", "rete globale" o "la Rete". Capesèt?

CAMERIERA. Internet al funsiuna mia.

INSERVIENTE. (Arrabbiata esce a sinistra).

CAMERIERA. (Al pubblico) cosa a va disie ü menüt fa? Alè sèmpèr töte colpa me. (Esce al fondo).

SCENA VII

Alberico poi Diamante e Fortunato

ALBERICO. (Entra da sinistra controllando l’ora. Ha con sé una valigetta) de che mia tat ai gaavrès de rià, al sarà mèi che prapare ol töt.

FORTUNATO. (Entra da destra) chèla la alè dientata mata. Alè ure che l’aspète in spiagia e ala sè gniamò de fas vèt. A sondre a che parle sempèr dèla me fommla se ergü ‘là mia capit.

DIAMANTE. (Entra da sinistra con un braccio fasciato e vede alberico. Alza il bavero e ha paura).

FORTUNATO. (Vede Alberico) alè zamò riat ol me dutur ‘specializat, me invece a go dendà amò a cambiam.

DIAMANTE. (Vuole uscire senza farsi vedere).

FORTUNATO. (Vede Diamante) buongiorno signurina. Alè pròpe ü sègn del destino ol nòst, an sa’ncuntra sèmpèr.  

DIAMANTE. Eh, piö che sègn dèl destino, de chi la scricc la comedia.

FORTUNATO. Ma cosa ède? Chi el’istacc che al ga facc dèl mal al sò bèl brasì? La mal dighe e me la difendero. La ga adoma de dimèl e me ...

DIAMANTE. Alè söcedit ier quando a sere ...

FORTUNATO. La mal dighe! La mal dighe chi ca lè stacc che me al’istritole! Al denuce! A ga do ü muntù de bòte!

DIAMANTE. Alè stacc ol paimènt.

FORTUNATO. Me a ga do ü pögn! Me al ... come?

DIAMANTE. A so slisada ier söl paimènt intat che andae de fò.

FORTUNATO. Ah. Be, forse alè mia ol caso ciapasla col paimènt.

DIAMANTE. Al ma sömèa anche a me.

FORTUNATO. Però con chi aià netat’se!

DIAMANTE. Al fa negot, al va be isse. Se a ga fa negot, a gaavrès ün po frèsa.

FORTUNATO. Pöde fa ergot pèr le? A ghè che ol dutur, dai che an ga fa èt ol sò bras.

DIAMANTE. No! Al ma sa visitat ün’otèr dutur.

FORTUNATO. (Le prende il braccio) spere che al ga faghe mia mal.

DIAMANTE. Ma nò, apena, apena.  

SCENA VIII

Alberico, Diamante, Fortunato e Dolores

DOLORES. (Entra da destra e vede Alberico) ol me ispettore! (Poi vede Fortunato e Diamante) Fortunato! Ma saral posebol che a ta sabèt sèmpèr con chèsta signurina?!

FORTUNATO. Ma cosa cönèssö cara!

DIAMANTE. Me a sere’ndre andà.

DOLORES. A ta ma dighere mia che a te facc l’amante?!

ALBERICO. (Non si accorge di nulla).

DIAMANTE. (Alzando il tono di voce per farsi sentire da Alberico) mantide? Se, se, a notèr a ga pias la mantide.

FORTUNATO. La mantide?

DOLORES. La mantide?

DIAMANTE. Se, la mantide religiosa.

FORTUNATO. Ah, la mantide religiosa.

DIAMANTE. (Prendendo Fortunato a braccetto e avviandosi all’uscita di destra) sa regordèt piö de chèla (alza il tono di voce per farsi sentire da Alberico) “mantide” che che a ma est al zoo, papi?

FORTUNATO. Zoo? Se a ga fa negot me adès a gaavrè de parlà col me dutur ... (Si gira verso Alberico).

DIAMANTE.  (Lo rigira in fretta verso l’uscita a destra) papi, al’era la mantide religiosa e pò a ghera anche quella atea ... (Sono fuori a destra).

DOLORES. Papi? Mantide? (Mentre li segue) cosa ai sara’ndre a combinà chi du le?! (Si ferma e guarda Alberico) ma me ölerès l’autografo dal me ispetur. (Fa due passi verso l’ispettore e poi si ferma) però a ghè ol papi e la mantide che aiè’dacc de là ... (e fa due passi a destra. Poi si ferma e guarda Alberico) l’autografo ... (Fa due passi verso l’ispettore e poi si ferma) a pöde mia. (Mentre esce di lena a destra) ispettore, aspetti che ritorno!

SCENA IX

Alberico, Eleonora e Irene

ELEONORA. (Entrano da sinistra) ada’le.

IRENE. Fermèt ü menüt. A ma sa sènte emosiunada.

ELEONORA. A chi gal dighèt!

IRENE. Me ando le visì.

ELEONORA. Spètèm!

IRENE. Buongiorno.

ELEONORA. Che al siès ü buongiorno pèr töcc.

ALBERICO. Buongiorno. 

IRENE. Èco, an sè che.

ELEONORA. Eh se, an sè pròpe che.

ALBERICO. Ède ... e anche me a so che.

IRENE. Al’è inötèl giraga inturèn, notre an sè che pèr ol contrat. Prima de töt an völ saì quat al düra.

ELEONORA. Al pöd dì chèl che al ga òia, ma alè normal pèr notre saì quat al düra.

ALBERICO. Űn’an, i contracc ai düra töcc ün’an.

IRENE. Nò crède che la siès isse perchè öna me amisa la ga it ü contrat che al düraa sic agn.  

ELEONORA. Űn’otra me amisa, invece, agglà it de trì agn.

ALBERICO. Al ma dispias ma me annà fo mia che i düre piö de ü an. A ghi de calculà che la salute ün po ala olta ala cambia.

IRENE. Se, capese, però ü an al ma sömèa ün po puchì.

ELEONORA. A gan faghe almeno du.

ALBERICO. Scète, a pöde mia. Prendere o lasciare. E pò dòpo a si otre che al völì. Decidì ala svèlta perchè me a so in ferie e ölerès pò godimle e mia sighetà a pensà al laurà.

IRENE. Benissimo! Al va benissimo ün’an.

ELEONORA. Assolutamente se!

ALBERICO. Bene. Alura quase an ga sè (Proseguendo a scrivere).

ELEONORA. E ... mia per ès guluse ... de solcc (piano a Irene) domandega te quat an ve a ciapà.

IRENE. (Piano a Eleonora) me? no, no, domandeghèl te.

ELEONORA. Al’ista mia be a parlà de solcc.

IRENE. Ma li stà be a ciapai però. Dai, domandeghèl te.

ELEONORA. Va be. (Ad Alberico) e ... quant an gaavrès ... de ciapà notre ...

ALBERICO. Alura ... al’incirca al ve fò, calcolando anche ol ...

SCENA X

Alberico, Eleonora, Irene, Diamante, poi Dolores e Fortunato

DIAMANTE. (Entra da destra senza cappello e occhiali scuri e con l’impermeabile aperto. È arrabbiata) me öle piö nascundim. (Si avvicina a Alberico) a so me! Se, a so me e öle che al ma ède be. Ora’ndo a mètèt apòst e pò dopo a mi sciaressö öna olta pèr töte ‘sta facenda! (Esce a sinistra). 

ALBERICO. (Quando Diamante le parla si gira e rimane impassibile e la segue fino quando esce di scena).

ELEONORA. (Ha assistito alla scena meravigliata) al’era propre gnièca.

IRENE. (Ha assistito alla scena meravigliata) e al sömeaa che agglès con lü.

DOLORES. (Entra da destra e rivolta a Fortunato) e che al söceda piö!

FORTUNATO. (Entra da destra con Dolores) che colpa a ga noi me se a ga regordae ol sò padèr!

DOLORES. Ah, e perché me a ga regordae mia la sò madèr? (Si accorge di Alberico) ispettore Grifis!

ELEONORA. IRENE. ALBERICO. (Si voltano alla loro destra per vedere con chi stesse parlando).

DOLORES. (Si avvicina a Alberico) a mal fa ‘sto autografo?

ALBERICO. Ala öl ü autografo de me?

DOLORES. Al faghe mia ol modesto ispetur.

ELEONORA. IRENE. Ispetur?

SCENA XI

Alberico, Eleonora, Irene, Dolores, Fortunato e cuoco

CUOCO. (Entra dal fondo) ispettore ...

DOLORES. Anche otèr che pèr l’autografo?

CUOCO. (Ad Alberigo) al vègne de là e isse ammlà fenes pò fò. A sondre a dientà mat al penser che lü al firme i döcümèncc che ai ma manderà in rüina.

ALBERICO. Come?

DOLORES. Per un autografo nigü alè mai ‘ndacc in ruina.

CUOCO. Lü alè ü essere viscido. Töcc i tipi compagn de lü aiè esseri viscidi.

ALBERICO. Ma cosa dighèl pò...

ELEONORA. Come ‘lsa permèt de parlà isse al nòst salvatore?!

IRENE. Se al födès mia pèr lü, notèr an sarès sensa laurà adès.

CUOCO. Ah, a si, i sò assistenti? A sis töcc tri viscidi!

ELEONORA. Al varde che al sa sbaglia, notre dò an sè mia i sò assistenti.

IRENE. Pròpe isse! E al sa pèrmète piö de dovrà chèl tòno le! E al ga lase in pace che notre adès an ga de firmà di documèncc importanti.

CUOCO. E me a vi strasesö chi documèncc! A so stöf de persune compagn de otre che ...

ALBERICO. Me pènse che a ga siès...

FORTUNATO. Basta! Me a capese mia chèl che al’èndre a söcet, ma al ma sömèa mia ol casa de ciapasla col dutur.

ELEONORA. IRENE. CUOCO. Dutur?

ELEONORA. Al gavrà öna laurea.

IRENE. Dèl sigür.

ALBERICO. Me a ga rie mia a capì chèl ...

FORTUNATO. (Guarda l’orologio) adès a ma toca a me, otèr spetì ol vòst turno. Alura dutur? Cosa al ma consiglia?

DOLORES. Fortunato, ada che a ga sere me prima de te. Dutur ispetur, al ma faghe ol’autografo.

FORTUNATO. Dolores, mochela pèr piaser.

ELEONORA. Anche notèr an ghera ön’apuntamento se lè pèr chèl.

FORTUNATO. Negot de fa, adès a ma toca a me e pò dòpo otèr. Gli ansiani i ga sèmpèr la precedenza.

ALBERICO. Scüsim nè, ma pöde parlà ...

IRENE. E va be, va be, a mi speterà ma al faghe pò ala svèlta. Aiè ansiani adoma quando a ga fa comòt.

DOLORES. E quando me alura?

CUOCO. Dopo de me sciura, sèmpèr che ol dutur ispetur che denacc a me al siès amò ‘ntrec.

FORTUNATO. Al preparat töt?

ALBERICO. Me a capese mia. Ora a mète apòst ‘sto contrat e pò dopo ...

SCENA XII

Alberico, Eleonora, Irene, Dolores, Fortunato, cuoco e Diamante

DIAMANTE. (Entra da sinistra) a so che! Spere che al siès contet de chèl che al ghè riat a fà!

DOLORES. Oh Signur! Ciao autografo!

DIAMANTE. Lo lasacc! Al sarà contet adès chi aià pagat! Adès al pöl anche lasà-stà de corèm indre, alè töt finit! 

ALBERICO. Avrès facc cosè me?!

ELEONORA. Lü al ga corit indre a chèla scèta le ... annera mia asè de notre dò?

IRENE. Che manera isse? An sei mia al’altesa per lü?  

DIAMANTE. Ah perché anche otre ...

ELEONORA. Se anche notre.

IRENE. Se, ma notre adoma pèr ün’an. E le?  

DIAMANTE. Me a ma so nincorzida ier.

CUOCO. Alura, an sa smöeffò le? Al ve nòcc e an sè che amò.

DOLORES. Toca a me adès!

FORTUNATO. Ferma le! A sere indre a parlà me col dutur. Alura dutur, erel indre a dì?

ALBERICO. A go pronto ol sò ... però a ga rie mia a capì perché ...

SCENA XIII

Alberico, Eleonora, Irene, Dolores, Fortunato, cuoco, Diamante e Allegra

ALLEGRA. (Entra dal fondo con la pistola all’incontrario) fermi tutti!

DIAMANTE. La arde che la pistola aggla ‘ndimà dala banda sbagliada.

ALLEGRA. Grazie. (Gira la pistola) mani in alto!

URLANO E TUTTI ALZANO LE MANI IN ALTO TRANNE FORTUNATO CHE LE ALZA LATERALI.

DIAMANTE. (A Fortunato) la dicc in alto!

FORTUNATO. Piö de isse a ga rie mia! Ale be anche isse?

ALLEGRA. (Lo guarda e non è molto convinta) mani in alto!

FORTUNATO. (Cerca di alzarle ma non riesce).

DIAMANTE. Al vöte me.

DOLORES. Ferma! Zo i mà!

TUTTI ABBASSANO LE MANI.

ALLEGRA. Ho detto mani in alto!

TUTTI ALZANO LA MANI TRANNE FORTUNATO CHE FATICA.

ALLEGRA. (Si avvicina a Alberico) e adesso come la mettiamo?!

ALBERICO. (Al pubblico, stanco) ma cosa ölèi töcc de me?!

ALLEGRA. Mi vuole rispondere?

ELEONORA. Al responde docà.

IRENE. E al sa smöefò a respont perchè se de nò che, la sa mèt mal.

ALBERICO. Ma cosa a goi de respont’pò?!

CUOCO. Al ga resù, la sarà mia öna domanda: “E adesso come la mettiamo?”. E proà a fa öna domanda con ün po de sugo?

ALLEGRA. No!

DIAMANTE. “E adesso come la mettiamo” alè öna bellissima domanda. (Ad Alberico) al responde, e adesso come la mettiamo? Ah, come la mettiamo? (Si avvicina a Allegra e le prende la pistola) posso? (La punta contro Alberico) alura? Respondèl? Come la mettiamo?

ALLEGRA. (Si riprende la pistola) qui non si scherza! Ma sapete chi è costui?

OGNUNO DIRA’ CIO’ CHE PENSA IN CONTEMPORANEA.

ELEONORA. Regista!

IRENE. Regista!

DIAMANTE. Investigatore.

DOLORES. Ispettore Grifis.

FORTUNATO. Dottore.

CUOCO. Ispettore del lavoro.

ALLEGRA. Che diavolo state dicendo?

ELEONORA. Chèsto alè ü regista teatrale.

IRENE. Ű famoso regista teatrale che al ga öl ‘iscrituraga.

ALBERICO. Me scriturà otre? A ga pènse pò gniac! Me a so mia ü regista.

ELEONORA. Ma come no! Alo sentit me coi me orègie che al parlaa de ön attrice che ala ölia mia firmà ol contrat!

IRENE. E pò dòpo la nöminat ol teatro Manzoni, la scena che l’andaa mia be ...

ALBERICO. Attrice in del campo legale si intende una persona che promuove un giudizio civile, negot de piö. Ol me stöde al ga öna grana e alura ...

ELEONORA. (Prende la pistola di Allegra e la punta contro Alberico) lu alè mia ü regista? Ma sa rèndèl cönt dèla delusiù me e dèla me amisa perchè notre an ga tegnìa?

IRENE. Lü, alè ü truffatore!

ALLEGRA. (Riprendendosi la pistola) questa è mia!

DOLORES. Me a capese mia come’ippödit ‘scambial per ü regista quando alè lü invece ün atur. Al’immia conosit? Alè ol’ l’ispettore Grifis! A mal fa alura ‘sto autografo?

ALBERICO. Ma quale atur! Me o mai facc gniaü film!

DOLORES. Cos’è? Lü alè mia ol me ispettore Grifis? (Prende la pistola di Allegra e la punta contro Alberico) lü alè mia ol’atur che la facc ol’ispettore Grifis?

ALLEGRA. (Riprendendosi la pistola) scusi ... 

CUOCO. Magare al födès ü atur! Chèsto alè ün ispettore del lavoro e al farà serafò la cusina dela sciura Allegra. Se, e al sarà adoma pèr colpa me: la cüsina ala sbèrlüs mia come la ga de ès pèr colpa de öna smagia che ala mia öl ègnì vià. (Si avvicina a Alberico con le braccia distese) al ma mète pör i manète, a so pront andà in presù.

ALBERICO. Manète, cüsina, smagia ... ma otèr a si tö’macc! Me a so mia ün ispetur del laurà! Me a so ü semplice ...

CUOCO. Alè mia ün ispettore del lavoro? (Prende la pistola di Allegra e la punta contro Alberico) a lü al ga ‘nterèsa mia la cüsina che me o netat de e nòcc adoma pèrchè a sere che al ghera lü e che aiavrès controlada?!

ALLEGRA. (Riprendendosi la pistola) è mia ... grazie.

DIAMANTE. Alè colpa me, alè che pèr me. E’ un investigatore privato mandata dalla moglie del mio amante.

TUTTI. Amante?

DOLORES. Amante? Ma alera mia dicc che la ghera una mantide?

FORTUNATO. Se cara, la lasacc l’amante e adès ala a fò cola mantide.

DOLORES. E te come fet a sail?

FORTUNATO. Ammàa dicc la mantide.

DIAMANTE. Sciur investigatore privato, ho seraffò la mia relazione, e perciò adès al pöl anche mocala di corèm indre.

ALBERICO. Che relazione pò? Che investigatore ... me a ga so mia corit indre a le e a nigü. Me, le, ala conòse gniac! E al manterèsa pròpe ün bèl negot se le la ga l’amante o nò.

DAIMANTE. Cosa dighlè? Alè’dre a dì che lü alè mia ... (Prende la pistola di Allegra ma Allegra non vuole lasciarla. Alla fine però riesce e la punta contro Alberico) ma lü aialsa che o seraffò la me relasiù adoma perchè a sere stöfa che lü al ma corès indre?!

ALLEGRA. (Riprendendosi la pistola) scusa ... è ...

ALBERICO. A ga dighe, che me a ga corie mìa indre! Ötèr a sif indre a fam dientà mat! Alè pègio de stà in ün incubo!

FORTUNATO. Lasil’sta töcc! A sindre che al fi dientà bambo! Me capese mia come ippödit scambial pèr vergü d’otèr. (Ad Alberico) al dighe me chi càlè lü, o aia dis lü?

ALBERICO. (Quasi piangendo) aià dighe lü ...

FORTUNATO. Chèl’iscior che, alè ü dutur che al cüra i malacc.

ALBERICO. Dutur? Me a so mia ü dutur ...

FORTUNATO. Ma come nò? Cèrto che lü alè ü dutur.

ALBERICO. No, me a so mia ü dutur! Lasim indà ala me cà.

FORTUNATO. Ma come? Ma se quando a go dicc de töcc i me dulur lü al ma dicc che a ghere de tutelà la me famèa e isse dopo me sarès stacc be.

ALBERICO. Me a so mia ü dutur, me a so negot de chèl che otèr disì che me siès. Me a so un assicuratore! Un assicuratore e basta! Ű semplice assicuratore. E quando al ma dicc che l’istaa mal, me a go consigliat öna sigürasiù a beneficio dèla sò famèa! Chesse se al födès mort pèr i sò dulur, la sò famèa ala avrès pödit ‘scot la sigürasiù. E me pensae che anche otre (indica Eleonora, Irene e Fortunato) ülièf üna sigürasiù de me!

ELEONORA. Öna sigürasiù?

IRENE. E gniaü contrat pèr ol teatèr?

ELEONORA. Èco ol perchè ala düraa adoma ün an!

FORTUNATO. Ön’asigürasiù söla eta.... e me a sere convinto che ... (sta per prendere la pistola dalle mani di Allegra quando lei non la molla).

ALLEGRA. E no, basta! Questa è mia e la uso io! E la uso contro un ricercato della polizia!

TUTTI. Un ricercato!

ALLEGRA. Si, un assassino di donne vestite di nero, altro che assicuratore! (Indietreggia mentre gli punta la pistola).

TUTTE LE DONNE. (Si guardano e sospira chi non indossa il nero e preoccupata chi lo indossa).

ALBERICO. Me a so mia ün assassino! A va dighe che a so ü sigüradur e che ölie adoma pasà öna setimana de vacansa. A val giüre, credim!

ALLEGRA. Io ti ucc ... (agli altri) lo può fare qualcuno per me? Ho paura della vista del sangue ... caldo. Lo adoro freddo.

TUTTI UNO ALLA VOLTA CONCITATI. Si io.

ALBERICO. No, a va preghe a so innocente. (Indietreggiando prende il giornale e si ripara. Farà in modo che la prima pagina venga rivolta verso gli altri. Vi sarà scritto L’ASSASSINO DI DONNE VESTITE DI NERO E’ STATO ARRESTATO).

DIAMANTE. Fermi! (Si avvicina a Alberico e gli toglie il giornale).

ALBERICO. (Pensando che volesse fargli del male) no, a va scöngiüre, a so adoma ü sförtünat sigüradur! A ta preghe, a ta preghe, lasèm istà!

DIAMANTE. (Legge) L’ASSASSINO DI DONNE VESTITE DI NERO E’ STATO ARRESTATO.

ALLEGRA. Cosa? (Le ruba il giornale e legge) l’assassino è stato arrestato ieri a Cervia.

ALBERICO. Avvlere dicc che a sere mia me. Chèsto alè mia ü albergo, chèsto alè ü manicomio. E me ando vià de che e söbèt! Ando a tö la me roba e scape. E a paghe gnià ü centesèm perchè, cara la me sciura, me a va denunce!

TUTTI INSIEME ANCHE SOVRAPPOSTI.

FORTUNATO. Anche me ando vià.

DOLORES. E me a ta core indre.

FORTUNATO. An va a finì i nòste ferie a Milà. Adoma a Milà. E che, an ga mèt piö pe!

ELEONORA. A ma perdit ol nòst tep che, ‘ndom Irene.

IRENE. Se, ‘ndom in del’albergo che in banda, ai ma dicc che a ghè ü regista vero.

DIAMANTE. A troero ergü d’otèr che al ma öle be, basta che la siès mia öna mantide.

CUOCO. E me cosa foi? A mè egni’vvoia de öna bèla peperonata! (Esce al fondo).

TUTTI SONO USCITI A SINISTRA.

ALLEGRA. (Al pubblico) quando mangio il pesce mi rimane sempre una spina in gola.

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno