Villa Santa Rosa

Stampa questo copione

VILLA SANTA ROSA

Dove la vecchiaia è tutta un’altra cosa

COMMEDIA IN DUE ATTI

DI GIOVANNI RAGOZZINO

SINOSSI

Le assurde vicende di alcuni anziani alle prese con i disagi della vecchiaia e l'indifferenza della gente.

Il tutto condito da esilaranti gag e da battute divertenti.

PERSONAGGI  (8UOMINI  7DONNE 1BAMBINA)

Prof. Arturo Contini

Peppino Esposito

Matilde Siano

Filomena Scognamiglio 1 Luigia de Santis

Franca Contini

Gennaro Esposito

Immacolata

Ugolino

Chiara

Prof. Piersilvio Colasanti

Giada

Dott. Matteo Loreti

Sig.ra Genoveffa Colasanti

Primo poliziotto

Secondo poliziotto


PRIMO ATTO

Sulla scena sono presenti: Arturo, Peppino, Matilde, Filomena e Luigia. Ci troviamo

all’interno di una sala comune, luogo di ritrovo e svago per i pazienti della clinica. La

sala è provvista di tavolo, sedie, libreria, tv e quanto possa ricondurre ad

un’atmosfera….. I cinque sembrano essere in trepidante attesa. D’improvviso fa il

suo ingresso in scena Giada, l’infermiera, che porta tra le braccia dei fascicoli

contenenti le ultime analisi dei pazienti.

GIADA: Jamme bello! Aggiu purtato ‘e risultate! Schiattate ‘e salute! (rivolgendosi a

Peppino e Filomena, malati di Alzheimer) Di morire non se ne parla proprio, eh?

2

(tira, poi, uno schiaffo a Peppino).

Compare sulla scena il dottor Colasanti, proprietario della clinica e uomo senza scrupoli. Gli anziani, impauriti, sono a capo chino.

PIERSILVIO: Questi rincoglioniti non devono morire, cara Giada! (si avvicina ad

Arturo, torcendogli un orecchio) Devono campare a lungo! Ad esempio, il prof.

Contini ci paga una bella retta! E’ vero, professò?

ARTURO: Ma io sono solo un modesto insegnante di filosofia …

GIADA: Infatti! ‘A penzione vosta di insegnante muorto ‘e famme nun abbasta!

PIERSILVIO: Per cui è anche vostra figlia a provvedere! Facite ‘o bravo! Nun a facimme piglià collera! (tira un finto schiaffetto ad Arturo)

GIADA: Dottore, non vi applicate cu ‘sti viecchie ‘nzallanute! (con fare seducente) Procediamo, su dobbiamo completare il giro delle visite!

PIERSILVIO: Hai ragione! Procediamo! (con fare libidinoso)

I due escono trattando i pazienti con estrema indifferenza. I fascicoli restano sul tavolo.

MATILDE: (a Luigia) Io soffro ‘e colesterolo, ma nun tengo ‘o curaggio ‘e guardà!


LUIGIA: A chi lo dite, donna Mati! Tra colesterolo e diabbete ogni vvota è nu schianto!

ARTURO: Non ci pensate! Anch’io, come voi, ho i miei acciacchi, ma non ci penso, altrimenti me vene ‘a pecundria!

Peppino e Filomena avanzano verso il tavolo con le loro sedie. Gli altri, mostrando una finta indifferenza, avanzano pian piano anche loro. Proseguono per qualche istante fino a scatenare una ressa per accaparrarsi il proprio fascicolo, aprendolo con velocità.

PEPPINO: Glicemia 250! Chi offre di più?

FILOMENA: 210! Soltanto 210! (scoppia in lacrime)

LUIGIA: Nun te piglià collera! Io tengo 180. (guardando gli esiti di Filomena)

Jamme! ‘O colesterolo o ttien cchiù aveto ‘e me!

FILOMENA: Evviva! (inizia a saltare di gioia, poi si rivolge a Peppino con dei

gestacci) Nzallanu! Ncopp ‘o colesterolo t’aggiu schiattato ‘a capa!

PEPPINO: Ma vuje vedite se è cosa, si chesta m’adda vatter proprio ncopp ‘o

3

colesterolo!

MATILDE: (provando a stemperare) Peppi, facciamo così, tu si ‘o masto do ddiabete e Filomena è a regginetta do colesterolo!

PEPPINO: (inizia a piangere) No! No! No! Io voglio essere ‘o masto do ddiabete e ‘o re do colesterolo! (batte i piedi a terra come un bimbo capriccioso)

LUIGIA: Jamme Peppì, e coccosa ‘a Filomena c’o bbuò lascià?

ARTURO: E’ overo Peppì! Vide nu poco ‘o fegato. Po essere c’addeviente ‘o boss de’ transaminasi!!

PEPPINO: Prufessò, guardate vuje, sinò me saglie ‘a pazzaria e scommo ‘e sanghe ‘a Filumena!

MATILDE: (come con i bambini) E no! Non si fa! Te taglio ‘e mane! Tottò!

FILOMENA: Embè, facimmo ‘o sette ‘e mmiezo. Si vince tu, me scumme e sanghe, ma si venco io, te faccio ‘o strascino pe recchie!

LUIGIA: E verimmo si a fernesceno! Ogne vvota ca arrivano ‘e risultate, avimma fa sti tarantelle!


Peppino e Filomena si posizionano l’uno di fronte all’altro a mo’ di sfida, Luigia è pronta a dividerli. Arturo fa l’arbitro. Momento di suspence.

PEPPINO: Prufessò, facimme ambressa! Simme viecchie! ‘O tiempo è ppoco!

FILOMENA: Over Prufessoò! Ccà ce vene n’infarto!

ARTURO: (con ironia) Ladies and gentlemen, the winner is… ..(temporeggia)

LUIGIA: Artù, e fa ambress!

MATILDE: Ccà ‘o fegato ce sta piglianno a nnuje!

ARTURO: Uè! E un poco di rispetto! Aggia fa l’arbitro come si deve!

LUIGIA: E’ arrivato Collina…

MATILDE: Cu ‘e capille e ‘a panza!

PEPPINO e FILOMENA: (al limite della pazienza, esclamano): Prufessò, procedete!

ARTURO: Nun se ponno fa e ccose sistemate cca’ dinto! The winner is Filumena

Scognamiglio!                                                                                                                                                                                          4

Peppino parte all’inseguimento di Filomena che scappa tra le quinte dopo un giro del palco. Gli altri frenano Peppino.

PEPPINO: T’aggia accidere! (si ferma di scatto e scoppia in lacrime)

ARTURO: Peppì nun fa accussì! Tra un paio di giorni, nce fanno nata vota ‘o prelievo e te lieve ‘e pacchere ‘a faccia!

LUIGIA: (per calmarlo) Peppì, jamme, fa vedè ‘o professore comme suona ‘o pianefforte!

Peppino finge di suonare e tutti applaudono. Si interrompe, poi, bruscamente… PEPPINO: Comme se fa pe fa saglì e transaminasi?

LUIGIA: Fritto, alcool, ‘e nierve…

ARTURO: Luigia, ma tu overamente ‘o vuò fa murì a chisto?

MATILDE: Eh! E quanno more! Chillo tene ‘o tedesco ncapa…

LUIGIA: ‘O tedesco ncapa?


MATILDE: Eh! ‘O tedesco! Chillo ca quanno dice na cosa, t’a fa scurdà prima e

subbeto!

ARTURO: Matì, ma, pec caso, stu tedesco se chiamma Alzheimer?

MATILDE: Eh! E’ proprio isso! Pecchè prufessò, ‘o cunuscite pure vuje?

LUIGIA: Eh, Matì! Chillo jeveno ‘a scola nzieme!

ARTURO: Io, ccà dinto, so fuori posto! Manco ‘e guagliune , me pigliavano pec culo

accussì!

Entra in scena il dott. Loreti, uomo e medico perbene e stimato dagli anziani.

MATTEO: Signori buongiorno! Come andiamo oggi?

LUIGIA: Dottò, siamo alle solite! So arrivati gli esami e è succieso ‘o serra serra!

MATTEO: Chi è che ha fatto il cattivo? (Peppino lo guarda risentito) Peppì, si stato

tu?

PEPPINO: Ha accumminciato Filumena!

5

MATTEO: A proposito, addò sta’?

MATILDE: Dottò fa sempe accussì, primma sfotte ‘a mozzarella ‘e S.Giuseppe e

doppo s’annasconne.

MATTEO: Un po’ di pazienza….

ARTURO: Cca dinto Giobbe se mettesse na funa nganna….

MATTEO: Andiamo professore, voi siete una persona così calma….

LUIGIA: Ma si ‘o  pigliano e cinche minute fa succedere ‘o quarantotto!

ARTURO: Esatto!

MATTEO: Eh Vabbè! Peppì, vieni con me, devi fare le terapie.

PEPPINO: (insistendo) Nun voglio venì! Chella ‘a dutturessa me piega primma ‘e

ccosce, po’ ‘e bbraccia, po passa ‘o cuollo. Me fa male! Meglio a gghì sotto ‘a nu

furgone!

MATTEO: Esagerato! Andiamo, così ti do anche le caramelle….

PEPPINO: ( ad Arturo, sottovoce) ‘E ccaramelle?


ARTURO: (sottovoce) Va, va! E ccaramelle fanno saglì ‘o diabbete!

PEPPINO: (balzando dalla sedia, mette un cappello da alpino) Sono pronto! Dottò

andiamo! Filomena Scognamiglio, a noi due!

MATTEO: ( con pazienza ) Su, andiamo! Signori, ci vediamo dopo! (escono)

MATILDE: né prufessò, ma che ll’avita ditto? Chillo ha fatto nu zumpo acoppa ‘a

seggia! Pareva che teneva na molla arreto!

ARTURO: C’aggiu ditto ca ‘e ccaramelle fanno saglì ‘o diabbete…

LUIGIA: Uh Gesù Gesù! E si se sente male?

MATILDE: Sta mmano ‘o duttore loreti, chillo sape chello che fa!

LUIGIA: Io nun me fidasse ‘e uno ca si chiamma loreti, tene ‘o stesso nomme ‘e nu

spitale…

ARTURO: Ma stiamo ancora a questo? S. Gennaro mio aiutame tu!

LUIGIA: Io comunque nun me fido…

6

MATILDE:Mò aggia dà ragione ‘o professore. Io saccio ca pure nu grande miedeco

se chiamma Cardarelli comme ‘o spitale. Sulo ca mo m’è passato ‘e mente si hanno

fatto prima ‘o miedeco o prima ‘o spitale…

ARTURO: Povero mondo! Ma nun era meglio ca me purtavano a chiudere dint’a nu

cunvento?

Dalle quinte si affaccia Filomena con fare circospetto

FILOMENA: Se n’è gghiuto?

LUIGIA: Ma chi? ‘O duttore?

FILOMENA: No! Peppino! Chillo si mi acchiappa, me scomma ‘e sanghe!

ARTURO: Se n’è gghiuto! Può trsì!

Filomena si getta tra le braccia di Matilde e la abbraccia. Matilde si asciuga una

lacrima.

MATILDE: Bella, Filumena! ‘A prossima vota nun ‘o sfottere cchiù però!

Entra in scena Giada


GIADA: Una visita! Una visita per Scognamiglio!

ARTURO: Me pare ‘o secondino ‘e Puceriale!

GIADA: Ne, prufessò! Avete detto qualcosa? (brandisce una pala)

ARTURO: E chi ha ditto niente? (guardando la pala) Acalate sta cosa, me fa

impressione…

GIADA: Mettiteve paura da pala. Quanno verite sta cosa, significa…

FILOMENA: (con fare ingenuo) Ch?avita fa ‘a cacca!

GIADA: Peccato ca sta ‘a figlia vosta ‘a parte ‘e fora, sinò pigliavo sta pala…

FILOMENA: E facevo nata vota ‘a cacca!

GIADA: (inviperita) Facimmo ‘e cunte aroppo! Sta nzallanuta adda abbuscà! (esce)

ARTURO: ( a Matilde e Luigia) Venite ccà. Stateme ‘a sentì. ‘E figlie nostre se

crereno ca ca  stammo bbuone e ognuno e lloro tene pensiero; stammace zitte e nun

dicimmo comme ce trattano.

7

MATILDE: Io supporto pecchè nun tengo a nisciuno.

LUIGIA: Artù, io te dico che supporto, ma nun pozzo sempe suppurtà…

ARTURO: Mo’ abbiammo ‘a suppurtà, quanno nun c’a facimmo cchiù…

FILUMENA: Facimmo ‘a cacca!

ARTURO: Bonanotte!

LUIGIA: Artù, nu poco ‘e pacienza!

ARTURO: E Giobbe si uccise un’altra volta!

Entra in scena Immacolata, figlia di Filomena, pescivendola, carica di buste

PIERSILVIO: Signora, come le dicevo, sua madre è una delle pazienti più

problematiche. Crea numerosissime difficoltà al personale sanitario! (arrabbiato) E’

una lotta continua!

IMMACOLATA: Dottò e si era facile, pavavo na mesata a vvuje? Io tengo ‘a puteca,

aggia faticà, vuje ve pigliate ‘e denari e ve l’avita suppurtà!

LUIGIA: Jamme Mmaculatè! Nun parlà accussi….


Piersilvio la guarda in cagnesco

IMMACOLATA: Maè, io ‘a voglio troppo bbene a mamma mia, ma ‘a casa nun m’a pozzo tene…

PIERSILVIO: Ha ragione! E lei ha fatto bene ad affidarla alle nostre amorevoli cure

ARTURO: Mall’anema…

MATILDE: D’o scurnacchiato! Prufessò sfugate!

ARTURO: ( raggiungendo Matilde e zittendola) Zitta Matì! T’è scurdata già?

PIERSILVIO: Ad ogni modo, vi lascio con vostra madre. Prima di andare via passate nel mio ufficio, c’è da saldare un conticino … (esce)

ARTURO: Mmaculatè ha aumentato ‘a retta!

IMMACOLATA: Mall’anema do’ scurnacchiato!

MATILDE: M’ha levata ‘e pparole ‘a vocca!

ARTURO: Su, ragazze, andiamo un po’ in giardino, lasciamo sole Filomena e sua 8 figlia.

Arturo esce, Luigia lo segue ma Matilde resta dov’è LUIGIA: Matì, tu non vieni?

MATILDE: Resto ccà, tanto Mmaculatina nun dice niente.

IMMACOLATA: Ma restate pure vuje. Io so cuntenta!

LUIGIA: No, ‘o professore nun ‘o vvo fa spè, ma se sta ‘mparanno ‘a cantà, vo fa ‘o tenore…

MATILDE: Over? Avimmo perzo pure ‘o professore…

IMMACOLATA: A chell’età? Signora Matì, però si ce penzate ‘o tene ‘o fisico ‘e Pavarotti!

LUIGIA: Che ne sapete voi? ‘A sapite ‘a donna Teresa?

IMMACOLATA: Chella bella signora do reparto ‘e coppa ca faceva ‘a subretta quann’era giovane?


LUIGIA: Eh! Proprio essa! ‘O professore s’è innamorato pazzamente e s’è miso ncapa ca l’adda cantà “torna a surriento” sotto ‘a fenesta

MATILDE: Confermo! Avimmo perzo ‘o professore! Luigia esce e Immacolata si avvicina a Filomena IMMACOLATA: Mammà comme te siente? FILOMENA: Signurì, faciteve ‘e fatte vuoste!

IMMACOLATA: Quando fa accussì me fa mangià ‘a rezza do core!

MATILDE: Mmaculatì, tu nun t’ha a piglià collera! Ossaje ca chella nun s’arricorda!

IMMACOLATA: ( piangendo ) Me fa arraggià!

MATILDE: Jamme mo’ nce parlo io…

Raggiunge Filomena che è in uno stato catatonico

MATILDE: Filumè, a vide sta guaglione, bella, forte?

Filomena la guarda con grande attenzione                                                                                                                     9

MATILDE: ‘A vide? E’ tale e quale a tte! (Filomena sembra convincersi)

Mmaculatina è figlia a tte!

Filomena resta qualche minuto in uno stato di incertezza

FILOMENA: Mmaculà! Figlia mia! ( si abbracciano con affetto e piangono)

MATILDE: (detergendosi il viso, cambia registro) Jamme! Sti ddoje chiagnazzare!

FILOMENA: Parle proprio tu! Ogni tre e quatto te miette a piccià!

MATILDE: Meglio can un a rispongo…

IMMACOLATA: (tira fuori degli indumenti) Mammà ccà ce stanno ‘e vestite stirate. Ccà nce stanno ‘e canottiere e tutta ‘a rrobba ‘e sotto…

MATILDE: ‘A fatto Resina! Purtave pure cocc’ata cosa!

IMMACOLATA:  Ringraziate a Ddio! Ccà dinto a stiento ve dannoa magnà!

MATILDE: E pure hai ragione…


Dopo aver sistemato la madre Filomena inizia a fare l’uncinetto e Matilde e

Immacolata iniziano a conversare.

IMMACOLATA: Signora Matì, voi che siete una donna di mondo…

MATILDE: Uè scustumata! E che bbuò ricere ca facevo ‘o mmestiere?

IMMACOLATA: Signò! Ma che avite capito io dicevo, voi che siete una donna che

ha cunusciuto ‘o munno!

FILOMENA: Addirittura! Pecchè Matì, arò mettive mano?

MATILDE: Ma tu vide a sti ddoje? Ma quanta cunferenzia! Io so na femmena

onesta!

FILOMENA: Sulo quanno nun s’aiza a veste!

MATILDE: E basta! Me state offendendo! Mo me sosso e me ne vaco!

IMMACOLATA: No, signò! Faciteme spiegà…

FILOMENA: (canta) So bambulella ‘e coppo ‘e quartiere!

10

MATILDE: (a Filomena) Hai ragione can un staje  bbona, sinò te facevo na

mazziata!

IMMACOLATA: Comunque! Voi siete una persona perbene, ma che tene

esperienza, pirciò ve vulevo cuntà nu fatto.

MATILDE: E cunta ja, famme sentì che cosa ti affligge…

IMMACOLATA: Signò, io, dint’a vita mia,, nun aggiu maje avuto nu svago. Papà

murette giovane, mammà se scemulette e io nun tengo frate. Maje na discoteca, maje

nu cinema. Manco ‘o tiempo ‘e penza all’uommene..

FILOMENA: Mmaculatì, racconta, chella Matilde è pratica.. (con tono ironico)

MATILDE: Filumè, e basta! Mi fate passare per una femmena che sta sul

marciapiede..

FILOMENA: Non solo sul marciapiede! Pure dint’e mmachine, ‘e motel..

MATILDE: (inviperita) Basta! Nun ‘a supporto cchiù! Me ne vaco!(fa per andarsene)

IMMACOLATA: (a Filomena) Mammà, ferniscila! Signora Matilde! Aggiate

pacienza, facitele pe tutt’e muorte vuoste. Aiutate questa donna afflitta e sconsolata!


MATILDE: E vabbuò! Filumè, statte zitta! Sinò te ‘ncaso cu ‘a capa dint’o muro!

FILOMENA: E chi parla cchiù!

IMMACOLATA: (si avvicina a Matilde in tono confidenziale) Allora signò, è un po di tempo a questa parte che, una mattina si e una no, passa nu crestiano fore ‘a pescheria, ca votte na busta dint’a puteca e se ne fuje.

MATILDE: (con aria indagatoria) Strano, strano..

IMMACOLATA: IO, na semmana fa, ‘o facette pure secutà, ma nun’o ngarraime a acchiappà, tene na forza rint’e ccosce..

MATILDE: Pietro Mennea..

IMMACOLATA: Io ‘o ssapevo che aveva venì addu vuje! Site proprio esperta! Quindi dicite ca se chiamma Pietro..

MATILDE:Ma tu vedi che ignorantitudine! Pietro Mennea era uno ca curreva sempe. E ‘o pavavano pure! Vai avanti!

IMMACOLATA: Dicevo, io jetta ‘a arapì ‘e bbuste e arinto nce truvaje..

11

FILOMENA: ‘E coppole ‘e..

MATILDE: (la interrompe urlando) Filumè, basta! Ma tu vide ‘a sta baccalaiola!

FILOMENA: Da sette generazioni! Pisciavinnila nel cuore!

MATILDE: Jamme avanti..

IMMACOLATA: Dentro nce truvaje..

FILOMENA: I colli?

IMMACOLATA: (inviperits, inizia ad urlare in maniera volgare) Mammà e c’a faje

dicere na vrenzola ‘e parola?

Filomena , incollerita, abbassa il capo e riprende a sferruzzare in maniera concitata

IMMACOLATA: Signora Matì, ncoppo ‘o llutto ‘e papà, quando arapetto ‘e buste,

rimanette comme na tozza ‘e baccalà!

MATILDE: Erano denare?


IMMACOLATA: Ma qua denare? Erano tutte lettere di sentimento! Chist’omme s’è nnamurato ‘e me e fa ‘o misterioso. Che pueta, donna Matì! Ogni lettera che leggo me fa squaglià!

FILOMENA: Ll’atu juorno se ne scennette nzogna nzogna e ghiette ‘a fernì dint’a vasca de capitune!

MATILDE: Over? T’avessa vuluto vedè! Sai che resate!

IMMACOLATA: Vuje rerite? Io me nfunnette sana sana e perdette tutte ‘e capitune!

MATILDE: Ma tu m’he purtate ‘e llettere?

IMMACOLATA: V’aggiu purtato ll’urdema, chella che mi ha fatto sparpetiare! (mette una mano nel seno e estrae una busta)

MATILDE: (alludendo al seno prosperoso di Immacolata) ‘A tenivo ‘o ccavero,eh?

IMMACOLATA: La tenevo sopra al cuoro!

FILOMENA: Ih, ch’avutamiente ‘e stomaco…

MATILDE: (la apre e si accinge a leggerla ad alta voce, dopo qualche colpo di tosse) 12 Mmaculà, vurria sapè pecchè quanno te veco, ‘a capa me ggira, ‘o stommaco s’avota

e il cuorio sbatte forte forte..

FILOMENA: Sarrà n’infarto!

IMMACOLATA: (con l’aspetto trasognato) Stattu zitta! Andate avanti donna Matì!

MATILDE: Quanno passo pa puteca e m’accosto a tte, sento addore ‘e mare..

FILOMENA:Chella ‘è a puzza ‘e pesce!

MATILDE: Quanno rerite, ‘a resata vosta pare na musica ‘e Betovè e Sciopè..

FILOMENA: Tiè tiè!

MATILDE: E quanno me fermo a te penzà me tremmano ‘e ccosce e a me va tutto ‘o sanghe ncapa.

FILOMENA: (sottovoce) Secondo me, chisto sta bbuono malato..

MATILDE: E conclude: Mmaculà, mmaculà.. io tengo ‘o desiderio e te spusà!

FILOMENA: Siente a mme, chi t’o fa fa..


IMMACOLATA: (ancora assente) So troppo emozionata.. C’aggia fa?

MATILDE: Cca’ nce vo’ ‘a risposta! (prende carta, penna e accosta Immacolata ad un tavolo)

IMMACOLATA: E comme c’a cunsegno? Io nun ‘o saccio manco ‘e faccia, chillo fuje sempe..


MATILDE: Quanno vene, tu allucca ca nce lascia ‘a risposta dint’a nu cato fore


‘a


pescheria! Nun te ne ncaricà, chillo vene..

IMMACOLATA: Vene?

FILOMENA: Si lle serveno ‘e frutte ‘e mare, vene..

MATILDE: Nun ‘a da retta. Vene, vene.

IMMACOLATA: Ma io ‘e llettere nun ‘e saccio scrivere. ‘O ttaliano non lo

spadroneggio tanto bene..

MATILDE: Nun te preoccupà, lo spadroneggio io, tu scrive!


FILOMENA: Tu scrive. Ccà sta Giosuè Carducci che detta..


13


MATILDE: Pecchè, Dante Alighiè, saje fa meglio tu?

FILOMENA: (indisponente) Non poso! So alfabeta!

MATILDE: E allora stattu zitta! E tu, scrive!

IMMACOLATA: E c’aggia scrivere?

MATILDE: Ti detto io! Scrive!


FILOMENA: Scrive! Quella ne capisce, tene esperienzia!

MATILDE: Filumè, ferniscila! Mmaculà, accumminciammo!

IMMACOLATA: (annoiata) E accumminciammo…

MATILDE: Caro omonimo, ho leggiuto la tua lettera e c’ho il cuoro che sbatte…

FILOMENA: Comme a ‘nu capitone dint’o cato…

MATILDE: E brava a Filumena! Mmaculà , scrive!

IMMACOLATA: Comme a ‘nu capitone dint’o cato….


MATILDE: Scuso per la scrittura, ma songo una pisciavinnila. Aspetto con anzia che ti fai vedere per recalarti un sorriso e una carezza…

FILOMENA: E t’aspetto dint’o sicchio da mmunnezza!

Matilde lancia una pantofola a Filomena che assume, di scatto, un atteggiamento remissivo

MATILDE: La tua spiculella.

IIMACOLATA: Che bella lettera donna Matì! Mo accatto ‘a busta e stasera ‘a lascio dint’o cato! (si avvicina a Filomena) Cià mammà! Me n’aggia ghì! Ho un appuntamento con l’amore! (esce)

FILOMENA: E già se ne va! Ma sta meza scema che cazzo vene a ffa?

Rientra Peppino accompagnato dal Dottor Loreti

MATTEO: E bravo Peppino! Ha fatto proprio il bravo oggi!

PEPPINO: E’ normale dottò! Chella stronza mi ha attaccato ncoppa ‘o lietto!

MATTEO: Jamme, Peppì! ‘E terapie sono importanti! ‘A prossima volta te faccio nu 14 bellu regalo!

Peppino getta le braccia al collo del dottor Loreti. Nel frattempo entra il dottor Colasanti accompagnato da Giada

GIADA: Dottore, gliel’avevo detto! Qui si intrattengono rapporti personali con i pazienti! (con antipatia)

PIERSILVIO: Male! Andiamo molto male, caro dottor Loreti! Non si permetta mai più!

MATTEO: Ma un rapporto umano aiuta i nostri pazienti durante la loro permanenza qui..

PIERSILVIO: Questi rincoglioniti non vanno aiutati! Vanno solo sedati e spremuti come limoni! (a Pasquale) Vedi questo cretino? Deve solo stare buono!

GIADA: E deve pagare! Come tutti d’altronde.. Vero dottore? (esce)

PIERSILVIO: Verissimo! Caro dottor Loreti, lei si deve adeguare! E se non si adegua la rimando a casa, a puzzarsi della sacrosantissima fame!

MATILDE: (a bassa voce, a Matteo) Dottò, nun ‘o date retta!


MATTEO: Certo dottore. Non accadrà più!

PIERSILVIO: Esattamente!

Rientra Giada

GIADA: Dottore, vada a vedere cos’hanno combinato quei vecchiacci del IV piano che le stavano lavando la Mercedes..

PIERSILVIO: (nervoso) Se mi hanno graffiato il bolide, li metto in isolamento per 2 mesi! (esce)

GIADA: (minacciosa, a Matteo) Dottò, mietteta a squadro, sino’ te faccio licenzià! (esce)

MATTEO: (scosso)  Vabbè.. Su Filomena, andiamo a fare l’ecografia!

MATILDE: Jamme Filumè, va co dottor Matteo..

FILOMENA: Andiamo Don Matteo..

MATTEO: Filumè, non sono Don Matteo..                                                                                                             15

FILOMENA: Allora nun me purtate ncoppo ‘a bicicletta?

MATTEO: (annoiato) Se l’ha vennuta Colasanti. Amma cammenà a pere!

FILOMENA: Che peccato! Aroppo me voglio cunfessà..

MATTEO: Jamme! Te cunfesso p’a via! (escono)

Rientrano Arturo e Luigia

LUIGIA: Su, Arturo, continua con le scale

ARTURO: (cantando) E quanta scale! Me pareno ‘e ttridice scese ‘e S.Antonio!

LUIGIA: Artù, tu vuo cantà?

ARTURO: Sì!

LUIGIA: E devi studiare! Dopo solfeggiamo!

PEPPINO: Prufessò, ve piace e solfeggià cu a maestra, eh?

ARTURO: Ma che hai capito?

PEPPINO: Io aggiu capito troppo bbuono..


Entra Giada

GIADA: Tutti, tranne la sig.ra Luigia, dovete venire a pranzo! Oggi il menù prevede ‘e rimasuglie dell’altroieri!

ARTURO: Ih che schifo! Jammucenne Peppì! (escono)

GIADA: Signora Luigia per voi ce sta chillu miezu scemo ‘e vostro nipote!

LUIGIA: Non le consento di offendere mio nipote!

GIADA: Stattu zitta, DOREMI’! Sinò ogge faje ‘o riuno!

LUIGIA: (sottovoce) ‘A facess ‘o strascino..

GIADA: Pierde ‘a lengue, Doremì! (tra le quinte) Uè, bacchettò, trase! Te sto aspettanno nonneta!

Entra Ugolino, un ragazzo dai modi gentili e ben vestito

UGOLINO: Cara signorina, lei è così graziosa. Perché mi tratta così?

GIADA: Pecchè si nu bacchettone! Tanto luongo e tanto scemo..                                                       16

LUIGIA: E basta! Mio nipote è nu guaglione istruito e sistemato!

GIADA: E’ troppo bello ‘o mobbile!

UGOLINO: Signorina, guardi, io studio al conservatorio..

LUIGIA: (con orgoglio) Il mio erede

GIADA: Dove avete detto che studiate?

UGOLINO: Al conservatorio!

GIADA: (squadrandolo da capo a piedi) E t’si conservata na chiavica!

UGOLINO: Non mi trattate male, io..

GIADA: Tu?

UGOLINO: IO vorrei parlarvi di una questione urgente..

GIADA: Mo tengo che ffà! Quanno è doppo ne parlammo! (esce)

LUIGIA: Ugolino, a nonna, ma è succieso coccosa? Che nce a ricere ‘a nfermera? Nun sto bbona? Aggià murì? (con tono nervoso, mostrando una certa ipocondria)


UGOLINO: Nonna stai calma! Stai bene! Devo comunicare all’infermiera una cosa delicata che mi riguarda..

LUIGIA: (sempre nervosa) Che d’è? Che t’è succieso? Te siente bbuono? E a murì?

UGOLINO: (facendo gli scongiuri) Ma quando mai? E’ una cosa che riguarda il cuore..

LUIGIA: ‘O core? E te l’e fatto n’elettrocardiogramma?

UGOLINO: Nonna basta! Cuore in senso lato!

LUIGIA: (facendo finta di capire) Ah, lato..

UGOLINO: Nonna, l’infermiera è l’angelo delle mie notti, e il diavolo delle mie passioni!

LUIGIA: (resta leggermente interdetta) Nun aggiu afferrato..

UGOLINO: Nonna, mi sono innamorato dell’infermiera ad ho intenzione di dichiararmi!

LUIGIA: (su tutte le furie) Che cosa? Ma si scemo? Chella è ‘na caina! Ccà dinto nce 17 tratta na munnezza e tu te ne viene cu ll’angelo!

UGOLINO: E che ci posso fare se mi sono innamorato?

LUIGIA: Sai che devi fare? Te la devi scordare! Quella è ‘na malafemmina!

Rientra Giada recando tra le mani materiale sanitario e cantando malafemmena.

Luigia è indignata. Ugolino è in brodo di giuggiole.

GIADA: (avvicinandosi a Ugolino) Femmena, tu si ‘a cchiù bella femmena! Te voglio bene e t’odio, nun te posso scurdà!

UGOLINO: Mi sento male! Mi sento svenire!

GIADA: T’è piaciuto Doremì? Hai visto che voce stupenda che tengo?

UGOLINO: Bella, bella!

LUIGIA: Na munnezza, na munnezza!

GIADA: Uè Doremì! Io piglio ‘a mazza!

UGOLINO: No! Devo prima confessarmi..


GIADA: M’ha scagnata p’o parrucchiano..

UGOLINO: Basta! Bando alle chiacchiere! Signorina io la amo!

GIADA: (inizialmente interdetta, poi scoppia a ridere) Ma che cosa ridicola! Io cu stu

battilocchio! Guagliò vattenne!

UGOLINO: Lei mi ha spezzato il cuore!

LUIGIA: E io ‘a spacco ‘a capa! (prendendo un oggetto di scena, si scaglia contro

Giada)

GIADA: Ma tu vide ‘a sta vecchia ‘e mmerda! (scagliandosi addosso a Luigia)

Irrompe Colasanti che divide le due

PIERSILVIO: Giada, basta! Mica vuoi passare un guaio a causa di questa

vecchiaccia?

UGOLINO: Dottore, mi dispiace, ma non ve lo consento!

PIERSILVIO: Imbecille! Tu non mi devi consentire nulla! Mi devi solo pagare,

18

altrimenti la nonnina va a finire sotto i ponti!

UGOLINO: Io la denuncio!

PIERSILVIO: No, lo faccio io! Per mancato pagamento! Con questo mese siamo a tre rate arretrate! Non ti conviene!

Ugolino  resta muto a testa bassa

UGOLINO: Nonna, prendi i bagagli, ce ne andiamo!

GIADA: Prima pagate e poi ve ne andate!

UGOLINO: Una persona così aggraziata com’è capace di tanta cattiveria?

GIADA: Bacchettò, a me, me ne fotte sulo d’è sorde.. (ammiccando a Ugolino) e del canto. Vuje putite fa coccosa?

UGOLINO: Come potrei dirle di no? Posso darle lezioni..

GIADA: E bravo o battilocchio! Mo’ saluta ‘a nonna, c’amma arraggiunà nu poco io e te!

UGOLINO: Ciao nonna! Ci vediamo presto (viene trascinato da Giada e guadagnano l’uscita)


LUIGIA: Povero nipote mio! E che situazione! (scoppia a piangere)

Entrano Arturo, Peppino e il dott. Loreti, ridono

PEPPINO: Dottò, a sapite chella de dduje carabbinieri che..

ARTURO: A sape, Peppì a sape..

MATTEO: Peppìe tu la sai quella degli indiani..

ARTURO: Dottò e mo nce mettite pure vuje?

I tre continuano a ridere poi si accorgono che Luigia piange. Si avvicina il dott. Loreti MATTEO: Maestra Luigia, cos’è successo?

LUIGIA: Mio nipote, oltre ad essersi innamorato dell’infermiera, ho saputo che è insolvente da tre mesi!

MATTEO: Niente a cui non si possa rimediare. Immagino la faccia e la voce di Colasanti..

LUIGIA: Ha minacciato di denunciarlo!

19

MATTEO: Stia tranquilla, risolviamo tutto! Adesso la porto a pranzo e poi andiamo

fare una bella TAC  (i due escono)

PEPPINO: Prufessò, tu o ssaje, io so nervuso. Quacche vvota me ncazzo e manno ‘o

duttore ‘o campusanto!

ARTURO: Ma a chi? O dottor Matteo?

PEPPINO: (guardando un punto nel vuoto, con indifferenza) E po’ diceno ca so’ io ‘o

malato ‘e capo! (alzando la voce) Songo io ‘o strunzo!

ARTURO: E pecchè? Vulisse dicere ca ‘o strunzo songo io?

PEPPINO: No, prufessò. Non mi permettesso maje. Il viso mio sotto agli arti inferiori

vostri!

ARTURO: Che d’è Peppì? Hai miso ‘a lengua int’o ppulito?

PEPPINO: Prufessò, voi non mi tenete proprio in considerazione.. (scoppia a

piangere)

ARTURO: Peppì, faje sempe chesto! Quanno vaie in difficoltà,piglia, e te miette a

chiagnere! (con tono bonario) Jammo Peppì, era una battuta, nun te piglià collera!


Entra il dott. Colasanti che accompagna Gennaro, figlio di Peppino con un sacco in spalle

PIERSILVIO: Come le dicevo, suo padre è un paziente particolare. Ha patologie cerebrali gravi, ha bisogno di maggiore assistenza..

GENNARO: Duttò, tagliate a ccurto! Ddoje songo e ccose. O papà sta murenno o jate truvanno cocc’ata cusarella e sorde!

PIERSILVIO: Io propendo per la seconda ipotesi..

GENNARO: Quanto ve serve?

PIERSILVIO: Il supplemento è di 200€. Ovviamente in nero..

GENNARO: Si date n’uocchio a papà e me aspettate cinche minute che faccio (con

tono ironico) un prelievo al bancomat, ve li do pure! (esce)

PIERSILVIO: (avvicinandosi ad Arturo e Peppino) Avete visto che efficienza? Così

si fa! Il dottore  chiede e il paziente paga.

Rientra Gennaro che rovista all’interno di un portafogli. Tira fuori le banconote e le

20

nasconde

GENNARO: Rapidissimo! Ecco a voi 400€ accussì pavo pure ‘o mese che trase!

PIERSILVIO: E che bravo guaglione! Che precisione! (gli tira uno schiaffetto sulla guancia e fa per uscire)

GENNARO: (bloccando il dottore) Dottò, scusate, mo’ mi scordavo! Salendo, per le scale, ho trovato questo. Ho controllato i documenti e ho visto che è vostro..

PIERSILVIO: Sì! E’ proprio mio! Che sbadato! L’avrò perso dalla tasca! (lo rimette in tasca, rivolgendosi a Gennaro) Confermo! Si nu buono guaglione! Propri nu bravo guaglione! (esce)

GENNARO: (rivolgendosi a Peppino) Papà, Colasanti ti omaggia altri due mesi al Grand Hotel!

ARTURO: A vuò fernì e rrubbà? Chissà qua vota ‘e chesta t’amma venì a truvà a Puceriale!

GENNARO: Prufessò io sulo chesto saccio fa! Si n’appartamento è vacante, quant’è vvero ca ‘o sole sponta, Gennarino vuosto tene ‘o pieno sempe pronto! (caccia un piede di porco)


ARTURO: Mannaggia a te! E mo a Colasanti comme te l’hai fatto?

GENNARO: Sono salito, la porta dello studio era aperta, il portafogli sulla scrivania

e l’occasione..

ARTURO: Fa l’uomo ladro!

PEPPINO: Esatto! Mio figlio è un piccolo ladro! E’ un ladrino!

ARTURO: Peppì non essere volgare..

PEPPINO: E io che ho detto? E’ un piccolo ladro! Prufessò, la saccio buona la

grammata?

GENNARO: Veniamocene a noi. Prufessò parliamo di affari. Tengo quacche

cusarella pe vvuje.

ARTURO: Afforza me vuò fa accattà a rrobba arrubbata..

GENNARO: Jamme prufessò, faciteme campà pure a me! Sinò comme ‘o mantengo

a papà ccà dinto?

PEPPINO: Ave ragione! Comme me mantene a ma ccà dinto?

21

ARTURO: Arrubbanno a ggente!

GENNARO: Vedete che il ragionamento fila? Jamme dateme na mano!

ARTURO: Ma vuje vedite, si m’aggia accattà pure ‘a rrobba arrubbata!

PEPPINO: Jamme prufessò! Chillo ‘o guaglione tene bisogno!

ARTURO: Peppì, chillo ‘o guaglione tene pure ‘e ccorna!

Gennaro apre la sacca tirando fuori la refurtiva che consiste in oggetti di un certo pregio. Vengono fuori un quadro,dei candelieri, varie suppellettili

ARTURO: Ne’ Gennà e io ce me ne faccio e tutta sta rrobba? Nun tengo manco ccchiù a casa!

GENNARO: (con fare da venditore ambulante) E volete perdervi l’occasione di rendere questa stanza più vivibile con un fantastico quadro (indicando l’opera) del noto autore Alberto Iannaccone , “donna in campo di cucuzzielli” ? Oppure un fantastico candeliere ideale pure pe ddicere ‘a messa?

ARTURO: (annoiato) Jamme Gennà, mi hai convinto! Quant’e’ avè?


GENNARO: Il tutto per la modica cifra di..

PEPPINO: Po po po po po ..

GENNARO: 50€!

ARTURO: (leggermente interdetto) 50€? Si cchiù conveniente d’a Mondial Casa!

PEPPINO: S’ha fumato a chillo d’e’ matarazze!

ARTURO: Secondo me, devi rivedere i prezzi. (canzonandolo) IO di quadri non ne

capisco, ma “la donna nel campo di cucuzzielli” dello Iannaccone vale di più!

GENNARO: Prufessò invece e sfottere.. 50€, prendere o lasciare.

ARTURO: (apre il portafogli per estrarre le banconote. Gennaro guarda il portafogli

con libidine) Prendo, amme fatto l’8 x mille alla chiesa Cattolica pure oggi!

GENNARO: Prufessò grazie! Avite fatto n’affare!

ARTURO: (pagandolo) Guagliò, vide e nu fa nisciuno affare c’o portafoglio mio,

22

sinò te taglio ‘e mmane!

PEPPINO: Gli arti superiori, gli arti superiori! Aggiu ditto bbuono, prufessò?

ARTURO: Esattamente!

PEPPINO: (a Gennaro) Bello ‘e papà, mo’ nce ‘o vuò spiegà chillu fatto ‘o professore?

GENNARO: No, papà! Me metto scuorno!

ARTURO: Azz! Se mette scuorno! S’ha fatto 50€ a mano a mano e po’ se mette scuorno!

GENNARO: E che c’azzecca! Quello è lavoro! Cheste so’ ati ccose!

PEPPINO: Jamma Gennà, parla cu ‘o professore. Quello ha fatto la scuole avete! Ne capisce!

GENNARO: Prufessò, maje pe coccosa, ma voi che professore siete? No, pecchè primma ‘e cuntà ‘e fatte mieje, mi devo accertare.

ARTURO: Vulisse na copia d’o curriculum?


GENNARO: Prufessò, scusate, non vi seguo.

PEPPINO: Prufessò, pure io me so perzo. So rimasto al tubiculum!

ARTURO: Seh! Statte bbuono! Comunque so’ professore ‘e filosofia!

GENNARO: (riflettendo) Va bene. Me putite capì.

ARTURO: E ggrazie assaje!

PEPPINO: Gennà fa ambressa! ‘O tiempo è poco! Avisse murì ‘o professore!

ARTURO: (facendo i debiti scongiuri) Puozzo passà niente! Pecchè nun t’abbie primma tu?

PEPPINO: (con ingenuità) Non posso proprio! Tengo ‘e tterapie a fa! Aropppo chi ‘a sente a chella stronza d’a dutturessa?

GENNARO: Abbiamo finito con il teatro? Ppposso accummincià?

ARTURO: Procedi!

23

GENNARO: Dunque, io mi sono innamorato.

PEPPINO: (si alza e applaude) Bravo! Bravo!

ARTURO: Ma che stammo al teatro?

PEPPINO: L’ha ditte con un tono così drammatico.. “mi sono innamorato”!

GENNARO: Un premio oscar, vero papà?

PEPPINO: Bello! Il premio oscardacesso! (scoppiano a ridere entrambi)

ARTURO: Vi prego, fatelo per questo povero Cristo, andate avanti (rassegnato)

GENNARO: Prufessò, io mi sono innamorato di Mmaculatina, ‘a figlia d’a signora Filumena!

ARTURO: Embè, te si dichiarato?

PEPPINO: Si e no. (con certa fretta) Cuntace ‘o fatto!


GENNARO: (adirato) E basta papà! Me staje mettenno ll’ansia ucuollo!

PEPPINO: Facimmo ambressa, bello ‘e papà! Me metto paura che more ‘o professore!

ARTURO: Afforza! Peppì sto bbuono. Me sento na bellezza!

PEPPINO: (simulando incertezza) Eh! Ma se po’ murì pure ‘e subbeto..

ARTURO: Basta! Peppì, un’altra parola e me ne vaco!

GENNARO: Papà, facce dicere na parola..

PEPPINO: E chi parla cchiù!

ARTURO: E famme capì nu poco sta dichiarazione..

GENNARO: Io aggiu fatto o splendido. Mi sono affidato all’esperienza di un amico mio e c’aggiu mannato ‘e llettere anonime.

ARTURO: Bravo! L’anonimo funziona sempre!

24

GENNARO: E infatti ha funzionato! Aggiu avuto pur ‘a risposta. (gli porge la lettera

e Arturo inizia a leggere) Però a sto’ amico mio l’aggia avuta licenzià. Dobbiamo

passare alla fase successiva, a guagliona è troppo acculturata!

ARTURO: Azz! Acculturata? Chesta ha fatto ‘e stessi scole ca hai fatto tu?

GENNARO: Non mi offendete. Io ho fatto pure l’università. Ho seguito un corso

dove c’erano mille persone..

PEPPINO: ‘O Corso Garibaldi! (scoppia a ridere)

Arturo ride

ARTURO: La grande università della strada!

PEPPINO: Prufessò, nun ‘o crerite! L’urdema vota ca è trasute all’università

(simulando il gesto con la mano) ha fatto chiagnere pure ‘o preside!

GENNARO: Prufessò, un lavoro fatto bene!

ARTURO: Famme capì c’aggia fa

GENNARO: Mi dovete aiutare a scrivere na lettera ‘e qualità

ARTURO: Allora siediti e scrivi


PEPPINO: Carta, penna e calamaro!

ARTURO: Io detto, tu scrivi

GENNARO: Jate!

ARTURO: Immacolate mia..

PEPPINO: Miettece ‘a mano toja cu sta banda ‘e scieme

ARTURO: Dal momento che ti vidi sul marciapiede di rimpetto..

PEPPINO: Ti ho immaginato senza reggipetto!

ARTURO: E cosa sono questi pensieri arditi?

GENNARO: Uè papà! E che so’ sti ppurcarie?

PEPPINO: Pecchè? Nun te piacesse senza reggipetto?

ARTURO: Jamme annanze si no facimmo ‘e film a luci rosse! Continua . Vi confesso di essere diventato dei vostri occhi amante..

PEPPINO: Ma pure senza le mutande..

GENNARO: Papà!                                                                                                                                                                           25

PEPPINO: E chi parla cchiù..

ARTURO: Mo devi uscire alla luce del sole e quindi.. Quando questa sera alle sette passerò..

PEPPINO: Non so che cosa ti combinerò..

GENNARO: Papà!

ARTURO: Gennà nun ‘o da retta! Andiamo avanti. Il mio grande amore ti svelerò!

PEPPINO: Gennà, a papà, m’arraccumanno, svelaglielo!

GENNARO: Non sei proprio romantico! Ma comme facetta mamma ‘a te piglia?

PEPPINO: Fuje io che me pigliaje a mammeta! Chella era brutta, però teneva ‘e sorde..

ARTURO: Che cinico..

GENNARO: Che egoista..

PEPPINO: Che culo! Pirciò mo’, bello ‘e papà, te truove a casa ‘e proprietà!

GENNARO: Meglio ca me ne vaco! Grazie prufessò! Ve faccio sapè! (esce)


ARTURO: Nun fa niente ca me mbroglia, stu guaglione è troppo simpatico!

PEPPINO: Ricite ‘a verità! Tale e quale a me!

ARTURO: se se! Proprio tale e quale!

Entrano Giada e Matilde. Giada reca tra le mani una siringa, pronta a fare un’iniezione. Matilde ha un’espressione quasi euforica

GIADA: Forza! E’ l’ora della punturina!

PEPPINO: (urlando) Marò! Aggia fuì! L’urdema vota me faciste vinte purtuse! Me fa male ancora ‘o culo! (esce scappando)

GIADA: Ma che se sbatte a ffa chillu viecchiio scemuluto? Pare ca nce l’aggia fa a isso..

ARTURO: (impaurito) Pecchè nun nce l’avita fa ‘a Peppino?

GIADA: No! A isso ‘o spertoso dimane! Mo ‘ e ‘o turno vuosto!

MATILDE: Io pirciò so venuta..

ARTURO: Steve aspettanno ‘o ll’urdemo spettacolo!

GIADA: marò, e quanta vuommeche! Su, alzate il mazzo!                                                                         26

ARTURO: E facimmece sta scopa!

MATILDE: Jammo, Artù! N’ommo struito comme a tte se mette appaura d’è serrenghe?

ARTURO: Io non ho paura della puntura in se stessa, ma del fatto che non vedo quello che mi infilano dietro..

MATILDE: Artù, fidate , quando ti infilano qualcosa dietro non te ne accorgi nemmeno..

GIADA: (dando una pacca sulla spalla a Matilde) Nun ce pare ‘a signora Matilde!

MATILDE: Modestamente..

Arturo si abbassa i pantaloni, preparandosi all’iniezione GIADA: (per distrarlo) E’ bello, è bello, è bello..

ARTURO: Io tengo cchiù ‘e sittant’anne e chella me tratta comma a nu criaturo!

GIADA: E’ bello, è bello, è bello..

ARTURO: E’ vide si a fernesce.. Stongo cu’o culo a fore a vinte minute!

Giada completa l’iniezione. Arturo lancia un urlo


ARTURO: Puozze passa nu guaio!

MATILDE: E’ fatta, è fatta, è fatta..

ARTURO: (arrabbiato) Matì,  mo’ te ce miete pure tu?

GIADA: Va a ffa bbene, va’! A verità, io ve facesse murì a tutte quante! Nun ve

supporto cchiù!

ARTURO: Meza sce’! Si murimmo, te vaje mmiezo ‘a na via!

MATILDE: Artù, nun te preoccupà! Colasanti ‘a mantene!

GIADA: (escendo) Po’ facimmo ‘e cunte! Faciteve ‘e cazze vuoste!

Uscendo, s’imbatte in Franca e Chiara, urtandole in malo modo

FRANCA: Ma che maniere!

CHIARA: Hai ragione mamma! (rivolgendosi ad una quinta) Maleducata!

ARTURO: (accorgendosi della presenza della nipote) Chiara! Bella di nonno!

CHIARA: Nonno! (si fionda tra le braccia)

27

FRANCA: Dai, Chiara, a mamma. Lascia stare il nonno. Si stanca!

ARTURO: No, Franca! Non preoccuparti. (dà un bacio alla figlia)

CHIARA: (si accorge della presenza di Matilde) Nonna Matilde!

MATILDE: Uè bellezza! Comme staje? Fatte dà nu bacio!

CHIARA: (apre la sua borsetta) Mi dai una mano a mettere lo smalto?

MATILDE: Comme! Viene ccà! Accussì mamma sta un poco col nonno.

FRANCA: Allora, papà, come stai?

ARTURO: Bene! Ogni tanto qualche acciacco..

MATILDE: E chi è ca nun e’ ttene!

ARTURO: Allora? Comme maje mi sei venuta a trovare?

FRANCA: Non posso venire a trovare mio padre?

ARTURO: Come! Certamente! Però, a criatura nun t’a purtà. Chisto nun è posto p’a nennella! (sottovoce)

CHIARA: Nonno ti ho sentito! Non ti preoccupare per me! Io qui mi diverto!

FRANCA: Non c’è verso di farla stare a casa!


ARTURO: Se è così..

FRANCA: (accostandosi al padre) Papà, io sono venuta a trovarti anche per dirti una cosa..

MATILDE: Chiarè, a Matilde, mo’ se sente male ‘o nonno! Pecchè..

CHIARA: (completando la frase) o so guai, o so denare!

ARTURO: (guardandola in cagnesco) E allora?

FRANCA: Dicevo.. Ormai sono cinque anni che sono separata con il papà di Chiara..

MATILDE: Oilloco, se ne sta..

CHIARA: Jenno pe santa Maria ‘e Capua!

ARTURO: (arrabbiato) Azz! S’hanna accucciato che cazzi! C’ha facite dicere na parola?

MATILDE: E chi parla cchiù! (pausa) Però, Artù, dice ‘a verità, se sta mparanno bbona ‘a nennella!

FRANCA: Signora Matì, vuje me state travianno na figlia!

ARTURO: Over Matì, ma c’a mpare ‘a st’anama ‘e ddio?                                                                         28

MATILDE: Saggezza popolare!

CHIARA: Brava! Saggezza popolare!

ARTURO: Comunque.. Franca vai avanti!

FRANCA: Dicevo, dopo la separazione da Giorgio, sento una certa mancanza..

ARTURO: Vuoi tornare con Giorgio?

MATILDE: E pigliatillo..

FRANCA: No,la mia non è proprio mancanza, è più..

CHIARA: Voglia di qualcosa di buono!

ARTURO: Giorgio ‘o Rocher!

FRANCA: (con tono lamentoso) Per favore, mi fate finire?

ARTURO: Avanti!

FRANCA: Dicevo che non è Giorgio che mi manca, ma mi manca lui come mezzo..

MATILDE: Come mezzo? Non ti seguo..


ARTURO: Infatti! Neanch’io! (Pausa) Matì, fatte nu poco ‘e fatte tuoje!

CHIARA: (arrabbiata) Nonna Matilde vi vuole aiutare!

FRANCA: No, a mamma, nonna Matilde si vuole intricare!

MATILDE: (risentita) Scustumata!

ARTURO: Franca, ti prego a papà, parla! Senza paraustielli!

FRANCA: E nun tengo ‘o curaggio!

MATILDE: (cantando) Ciccio furmaggio nu tene ‘o curaggio..

CHIARA: Nemmeno ‘e parlà!

ARTURO: L’ha mparata ‘e fa pure ‘a Nino Taranto.

FRANCA: Allora papà, ti dicevo che Giorgio mi manca come mezzo

ARTURO: E io non ho capito cosa intendi..

CHIARA: Infatti, neanche noi!

FRANCA: Tu non devi capire! Signora Matì, cortesemente, purtatavella ‘a ffa nu

giro dint’o giardino!                                                                                                                                                                        29

MATILDE: (prendendo Chiara per mano) Andiamo, a nonna, questi non ci meritano! (indignate , escono)

ARTURO: Finalmente possiamo parlare liberamente!

FRANCA: (con una certa ansia) Per farla breve..

ARTURO: (spazientito) E facciamola breve!

FRANCA: Io voglio un figlio!

ARTURO: (pausa) E comme faje?

FRANCA: Papà, ma mo’ t’avessa spiegà pure comme se fanno ‘e figlie?

ARTURO: Nenné, a papà, ma te stisse scemulenno? Si nun ‘o sapevo fa, facevo stu capolavoro? (ironico)

FRANCA: Pecchè? Che vulisse dicere?

ARTURO: Ca, secondo me, io e mammeta ce putevamo impegnà nu poco ‘e cchiù!

FRANCA: Basta papà! Io voglio un figlio!

ARTURO: Sì! Ma te manca ‘a materia prima!


FRANCA: Infatti!

ARTURO: Embè? E comme vulimmo fa?

FRANCA: Vado in Spagna  a fare la fecondazione assistita!

ARTURO: Ma sei impazzita? C’avimma fa? Nu criaturo ‘e plastica?

FRANCA: Eh, Cicciobello..

ARTURO: Ciocciobello, Cicciobello! Io ‘o nepote artificiale nun ‘o voglio!

FRANCO: Io sì!

ARTURO: E io diseredo!

FRANCA: Papà, tu nun tiene manco ll’uocchie pe chiagnere..

ARTURO: (pausa) Effettivamente..

FRANCA: Quindi, statte zitto e suppuortete ‘o nepote ‘e plastica!

ARTURO: Eh no! Con tutta la fame e la povertà, nun m’o fa vedè proprio!

FRANCA: Allora hai perso una figlia! E pure una nipote! Ti pago la retta solo per

30

dovere, ma non ti meriti niente!

ARTURO: (alzandosi di scatto) Allora vattene! Vattene!

FRANCA: E sì! Me ne vado! Non mi vedi più! (esce) Arturo è colto da un malore. Si trascina all’uscita ARTURO: Infermiere! Infermiere!

La scena resta vuota. Entrano Piersilvio seguito da Matteo e Giada PIERSILVIO: Su entrate!

MATTEO: Dottore, ma cos’è tutta questa urgenza?

GIADA: Dottò, il caro Loreti se mette paura!

PIERSILVIO: E fa bene! (compiaciuto) C’è a rischio il suo posto di lavoro!

MATTEO: Come? Dottor Colasanti, si metta nei miei panni..

PIERSILVIO: Non ci penso nemmeno! Lei è un morto di fame!

GIADA: Su, dottore, ci comunichi le novità

PIERSILVIO: Dunque, senza giri di parole, io ho intenzione di vendere

MATTEO: Del mio stipendio non mi interessa, ma i pazienti?


GIADA: Riassumo il pensiero del dottor Colasanti. Non ce ne frega un cazzo!

PIERSILVIO: Effettivamente. Li trasferiamo a Villa del Sole, dal professor Improta

MATTEO: Ma quello è un lager!

PIERSILVIO: Meglio così! Si meritano la sofferenza! Qui sono stati trattati fin

troppo bene!

GIADA: Finalmente ci libereremo di questi rompi coglioni!

MATTEO: Siete senza scrupoli!

GIADA: S. Matteo Loreti..

PIERSILVIO: Vuole proprio perdere il posto di lavoro in anticipo, eh?

MATTEO: Allora non commento per puro spirito di servizio, ma sappiate che non

sono d’accordo

GIADA: E a nuje nun ce ne fotte proprio!

PIERSILVIO: Brava! Incassiamo e ce ne andiamo a Bora Bora. Alla faccia di questi

vecchiacci!

31

Giada e Piersilvio si abbracciano

MATTEO: Che schifo! L’insulto alla professione medica

GIADA: Cacciamo a stu moralista ‘e mmerda!

PIERSILVIO: No, cara! Oggi mi trovate buono. Sono troppo contento! Finalmente

mi libero di questa maledetta clinica! (ai due) Ricordatevi! Dalla vecchiaia non si

scappa, ma si può sempre guadagnare qualcosa (risata malefica)

CALA LA TELA


SECONDO ATTO

La scena si apre con lo stesso sfondo del primo atto, ad eccezione di uno striscione

che recita: “CLINICA OCCUPATA”. Sulla scena sono presenti Piersilvio e Giada

legati e imbavagliati, seduti su una sedia, che tentano di camminare. Entra Arturo

seguito da Peppino e Filomena.

PEPPINO: (entusiasta) Prufesso’! Avite visto comme l’avimme attaccate belle?

FILOMENA: (indicandoli) ‘O salame e a Suppressata!

Giada ha un sussulto

ARTURO: Ma che avite cumbinate? Sull’ occupazione so’ d’accordo, ma questo è

sequestro di persona!

Entrano Matilde e Luigia

MATILDE: Hanno fatto bbuono! S’o meretano!

LUIGIA: Bene! Bravi! Hanna scuntà!

ARTURO: Luì! Mo’ te ce miette pure  tu? Ma che vvaje contro ‘a cchiesa?

PEPPINO: (segnandosi insieme a Filomena) Nel nome del Padre…                                                 32

FILOMENA: Requiem eterno…

MATILDE: Filumè! C’avimma dicere ‘a messa?

ARTURO: Peppì, viene ccà! Sciuglimmo a sti duje!

Iniziano a scioglierli

PIERSILVIO: Questo è inaccettabile! Ve la faccio pagare! Vecchiacci di merda!

GIADA: V’aggia accidere! Puzzate passa’ nu guajo!

ARTURO: Uè piano piano! Calmi! Ormai non avete più comando. Rassegnatevi, la

clinica è occupata!

PIERSILVIO: Io non o più comando? Professore, lei non sa cosa sta dicendo! Se

voglio, faccio una telefonata ai carabinieri e vi spedisco tutti in galera!

ARTURO: (applaude) Bravo! Bravo! Facciamola questa telefonata! (si avvicina ad

una quinta) Gennà, puorta ‘a sorpresa!

Entra Gennaro con in mano due registri.

GENNARO: Prufessò! ‘E pizze so’ cavere!

ARTURO: Noi andiamo tutti in galera, è vero. Però       ...


LUIGIA: Però?

ARTURO: Però tutti e due venite con noi.

LUIGIA: Appropriazione indebita, finanziamenti illeciti, appalti.. vado avanti?

MATILDE: Penzo ca po’ abbastà..

GIADA: (remissiva) Io non c’entro niente..

FILOMENA: Maltrattamenti. Ne vulimmo parlà?

GIADA: Ma io l’aggiu fatto p’o bbene vuosto..

PEPPINO: P’o bbene ‘e soreta!

ARTURO: Le cose stanno così: adesso fate quello che diciamo noi. Gennà puorte a Colasanti a fare la punturina..

GENNARO: Jammo! V’aggia spertusà ‘o mazzo!

PIERSILVIO: No! Io sto bene! Non voglio nulla nel sedere… (urla)

PEPPINO: Colasà, neanche noi!

MATILDE: Mmaculatì! Vienete ‘a piglia a chesta! 33 Entra Immacolata con una pala in mano

IMMACOLATA: Viene! Viene! Non devi fare la cacca? (ironica)

FILOMENA: E la sorpresa?

IMMACOLATA: Eccola! (tira fuori un clistere)

GIADA: No! Vi prego, no!

Viene trascinata a forza fuori da Immacolata

PEPPINO: Giada! Giada!

LUIGIA: Peppì, ma ca’a chiamma a ffa?

PEPPINO: Giada rompere ‘o cazzo!

Applausi diffusi

ARTURO: Allora, anziani! Venite qua! Dobbiamo oraganizzare l’occupazione..

PEPPINO: Io voglio magna’! Anna saglì ‘e nnalese1

FILOMENA: Voglio magna’ pure io! (a Peppino) T’aggia schiattà a capa!

MATILDE: A vulite fernì? Mo’ v’avite fa ricoverà?


LUIGIA: Matì, nun te preoccupà! Facimmo casa e puteca!

ARTURO: Signori! Attenzione! Voi non sapete come si prepara un’occupazione. Io

tengo una certa esperienza. Chiammate o dottore Loreti.

PEPPINO: Dottooooooò…. C’è la riunione di condominio!

MATILDE: Peppì! Vuo fa a perzona seria?

FILOMENA: A me scorre l’asteco e nun tengo ‘e sorde pe fa ‘e lavore!

LUIGIA: Filumè! Jamme bella!

ARTURO: Allora! Stateme a sentì! Organizzeremo dei corsi. Chi sape fa qualche

cosa, se mette a disposizione.

MATTEO: Che bello! Un’occupazione! Quando ero al liceo mammina non mi faceva

partecipare..

LUIGIA: Uh Gesù! E pecchè?

FILOMENA: Nun ‘o vide? Chillo è nu bacchettone!

PEPPINO: Steve sotto ‘a veste da mamma!

34

Matteo inizia a piangere copiosamente.

MATTEO: (urlando) Non mi dovete dire queste cose! Io soffro tantissimo!

MATILDE: (mettendogli una mano sulla spalla) Uè, nun facite piglià collera ‘o

duttore!

ARTURO: E’ overo! Stateve o posto vuosto!

PEPPINO: Dottò, scusate. Io v’aggiu visto nu poco chiò chiò…

MATTEO: (riprende a piangere) Ancora!

LUIGIA: Mo’ basta! Dottò, tranquillo! Non è colpa vostra! Voi siete un

professionista!

ARTURO: Vabbuò, jà! Nun è succieso niente! Riprendiamo la riunione.

PEPPINO: A me cu ‘a centralizzata Rete 4 nun se vede.

ARTURO: (visibilmente stizzito) Peppì, basta!

FILOMENA: Scusate sig. amministratore!

ARTURO: Allora, avremo il corso di primo soccorso tenuto dal dottor Loreti, il corso

di musica tenuto dalla maestra Luigia e la sig.ra Matilde farà il maquillage..

MATILDE: (tra se e se) Mo’ a chi m’aggia fa? Io tengo n’età..


FILOMENA: Age..  sarrà  nu parente d’o professore!

PEPPINO: Ma è straniero?

ARTURO: Io non ce la faccio più! Sono un uomo infelice!

Rientra Gennaro, seguito da Immacolata

GENNARO: Tutto fatto! Abbiamo fatto la puntura. Mo’ ‘o duttore se sta facenno na

bella durmuta!

IMMACOLATA: Anche la signorina Giada dorme, ma ncoppa ‘a tazza! Il clistere ha

fatto effetto!

MATILDE: Mo’ jammuncenne a fa na partita ‘e carte, così inganniamo un poco il

tempo. Viene filumè!

FILOMENA: Stavolta voglio vincere io!

PEPPINO: E vince sempe tu!

FILOMENA: (minacciosa) Priparate ‘e medicazione! L’aggia ciaccà!

LUIGIA: Filumè, basta! Nun te faccio sunà ‘o pianefforte!

35

PEPPINO: Te fa sunà ‘o citofono!

ARTURO: Peppì, jammuncenne!

Escono gli anziani

IMMACOLATA: Certo c asti viecchie che ce teneno! (inizia a spazzare) E quanta

munnezza ca fanno!

GENNARO: (sedendosi) Sono pieni di vita!

IMMACOLATA: Nun se fermano nu mumento! Mia mamma tene ‘e sette spirite! E

tene pure l’Alzhaimer!

GENNARO: Cara Immacolata, ci accomuna la stessa sorte. Guarda a papà mio!

(quasi commosso) Me fa piglià na collera!

IMMACOLATA: (impietrita) Pure a te? (commossa) Me fa mangià ‘a rezza do core!

GENNARO: (va a consolarla) Ja, nun fa accussì!

IMMACOLATA: (asciugandosi) Grazie Gennà. Si proprio nu buono guaglione!

GENNARO: Per così poco! Comunque.. cambiamo discorso. Il lavoro come va?

IMMACOLATA: Bene, però mo nun ce sto tanto appriesso, po fatto ‘e mammà.

Aggu lasciato ‘e guagliune! E a te?


GENNARO: Nel mio settore c’è crisi. L’economia non gira (fa il gesto di ruotare con la mano)

IMMACOLATA: Pecchè? Che mestiere faje?

GENNARO: Sono, ehm, un imprenditore. Diciamo che mi approprio di beni e li metto nuovamente sul mercato.

IMMACOLATA: Ah! Faje ‘o mariuolo!

GENNARO: Uà, mmacula’! io volevo nobilitare la professione!

IMMACOLATA: Eh, Gennà! Comme ‘a gira e comma ‘a avuote, sempe ‘o mariuolo

faje!

GENNARO: (rivolto al pubblico) Io amo questa femmena per la sua semplicitezza!

IMMACOLATA: Ah?

GENNARO: Pensavo ad alta voce.

IMMACOLATA: Embè, nce sta ‘a crisi pure dint’o mariuliggio?

GENNARO: Certamente! ‘A semmana passata m’aggiu fatte 10 appartamente e

36

dint’a tutte ‘e ddiece aggiu truvato sule bulletta a pavà! La gente non ne può più!

IMMACOLATA: A chi ‘o ddice! Dint ‘a puteca ‘a ggente spende sempre meno o s’assicura ca ‘a rrobba è bbona.

GENNARO: Tipo?

IMMACOLATA: Ajere è venuto nu giuvinotto e vuleva ‘e spigole! Quanta domande!

Pareva ‘o terzo grado!

GENNARO: (ammiccante) Embè, nella tua puteca passano parecchi giovinotti?

IMMACOLATA: Gennà, mo vuò sapè troppo assaje!

GENNARO: Io na domanda aggiu fatto?

IMMACOLATA: (soffiandosi a mo’ di ventaglio) Era una domanda troppo incontinente!

GENNARO: E come va? Tu si giovane! Sei un fiore!

IMMACOLATA: Gennà, mo’ me fai diventare un pupa ruolo! (fa una pausa) Ma che c’azzecca ‘o fatto ca sono un ciore?

GENNARO: Posso parlare senza peli sulla lingua?

IMMACOLATA: (romantica) Si, Gennà!


GENNARO: Accussì giovane e già te faje sotto?

IMMACOLATA: Scustumato! Guarda nu poco a stu piezzo ‘e cantero!

GENNARO: Uè, va chiano! Si stata tu ca hai ditto incontinente!

IMMACOLATA: La domanda era incontinente!

GENNARO: Ah! Allora è impertinente!

IMMACOLATA: Gennà, tiene sempe ‘a capa a pazzià!

GENNARO: Pazziammo, pazziammo, ti è arrivata qualche lettera in questi giorni?

IMMACOLATA: (sorpresa) E tu che ne saje?

GENNARO: So chi te le manda. Vieni con me che ti spiego ‘o fatto!

Entra Franca seguita da Chiara.

FRANCA: Papà, papà!

CHIARA: Nonno, nonno!

Entra Matilde

37

MATILDE: Uè, nennè! Comme si bella! Vuo’ ‘o nonno? Va dinto. Sta pazzainno a

carte!

Chiara esce

MATILDE: (a Franca) Tu staje ancora cca’?

FRANCA: E c’aggia fa? Aggia fa pace cu papà mio.. e po’ ‘a criatura va truvanno ‘o

nonno!

MATILDE: Franca, a me patete m’ha spiegato tutto ’o fatto. Pure tu, ‘o criaturo ‘e

plastica…

FRANCA: Ancora! Pure vuje cu cicciobello?

MATILDE: Io t’o ddico comme a na mamma, (simulando un corretto uso

dell’italiano): I criaturi si mpastano con l’ommo masculo e la femmena femmena.

Solo la femmena non può mpastare!

FRANCA: Tiè tiè! Mo cicciobello è addeventato nu casatiello!

MATILDE: Nennè, questa è la scienzia..

FRANCA: Poi voi siete una femmina di esperienza..

MATILDE: Mo basta! Vuje e st’esperienza! E’ vero! Quando ero giovane ero, ehm,

una femmina con la borzetta!


FRANCA: Scusate signò, non vi seguo..

MATILDE: Appicciavo la lampa..

FRANCA: Non tenevate la corrente?

MATILDE: Nennè, tu si tutta scema! Facevo la vita!

FRANCA: Uh! E che tipo di vita?

PEPPINO: (rientrando) Faceva ‘a zoccola!

FRANCA: (scandalizzata) Uh! Non voglio sentire! Non voglio sentire!

MATILDE: (al pubblico) Hai capito ‘o nzallanuto? (a Franca) Comunque,

chiacchiere e tabacchere e lignamme, manco ‘o banco ‘e Napule e’mpegna. Tu lo

devi portare per forza il bambolotto a papà?

FRANCA: Io voglio mpastà nu casatiello, comme aggia fa?

PEPPINO: (simulando il gesto di impastare) He a mettere ‘e mmane a dinto e poi fai

ciak ciak!

FRANCA: Seh, buonanotte..

38

MATILDE: No! Chillo ave ragione! Devi solo trovare l’ommo masculo e poi facite

ciak ciak!

FRANCA: (ancora scandalizzata) Che schifo! Che oscenità! (ripensandoci) E poi

dove lo trovo l’ommo masculo?

MATILDE: Non ti preoccupare! Ci pensa la femmina di esperienza! (guarda

l’orologio) Jammo! Accumminciammo ‘o corso, si no se ncazza ‘o professore!

Entra Arturo seguito dal resto della compagnia

ARTURO: Allora Matì, vogliamo iniziare?

MATILDE: (apre un beauty-case) Allora, oggi spieghiamo come si pittano le ogne..

FILOMENA: E pittamme..

PEPPINO: Prufessò, passate nu penniello a Matilde..

MATILDE: Peppì, te faccio male..

PEPPINO: Matì, ma tu che bbuò? Sei tu che frequentavi le case chiuse!

Tutti ammutoliscono

CHIARA: Nonna, non ti facevano uscire?

ARTURO: No, a nonno! Matilde chiudeva le case quando la gente si scordava!


IMMACOLATA: Don Peppì, qua ci stanno recchie innocenti!

MATILDE: (cambiando discorso) Ritorniamo alle ogne.. Voi prendete la mana..

ARTURO:  La mana? Si dice la mano..

MATILDE: Prufesso’, mi meraviglio di voi! La mana è femmena femmena, quinti finisce con la “a”! Io la saccio la grammata!

ARTURO: Embè, ti voglio mettere in difficoltà. Tu che sei estetista : mascara è maschio o femmina?

MATILDE: E’ normale! E’ femmina!

ARTURO: Pecchè tu dici la mascara?

MATILDE: No! Il mascara!

ARTURO: Allora è maschio!

MATILDE: Il mascara se lo mettono le femmine! Allora è femmina femmina!

ARTURO: Che sconforto!

MATILDE: Comunque ci vonno due passate e doveto fare piano piano .. Adesso

39

provato voi..

Tutti gli anziani e la bambina si fiondano sul beauty-case

FILOMENA: (a Franca) Signurì! ‘O celeste è ddo mio!

FRANCA: No, signora Filumè! L’aggiu visto prima io!

PEPPINO: (con fare femminile) No! M’o vvoglio mettere io!

Si azzuffano i tre per accaparrarsi lo smalto

ARTURO: (mordendosi le mani) Ih, c’aggiu cumbinato! Spartite a cchilli tre!

Corre in scena il dottor Loreti

MATTEO: Ma cosa succede? (tenta di dividerli e Filomena gli tira uno schiaffo)

Vuje facisseve perdere ‘a pacienza a nu santo! Sentite a mme, accediteve!

FRANCA: (come fulminata) Dotto’ vi siete fatto male?

MATTEO: Aggia avuto chillu buffettone!

FRANCA: Come mi dispiace! Mo’ ci mettiamo il ghiaccio!

MATTEO: Non vi preoccupate!

Nel trambusto Peppino sviene


MATTEO: Madonna mia! Chiamate Giada! Abbiamo bisogno dell’infermiera e di uno sfigmomanometro!

GENNARO: E che cazzo è?

MATILDE: Strunz! A machinetta pa’ pressione!

GENNARO: (mentre rientra) Papà è svenuto e chillo se mette a parlà furastiero! Dopo un po’ rientra Gennaro con Giada. Peppino si sta riprendendo MATTEO: Giada, misura la pressione a Peppino. GIADA: Io prendo ordini solo dal dott. Colasanti.

IMMACOLATA: Scema ‘e guerra! Arricuordate ‘a pala! (minacciosa)

GIADA: (remissiva) Come volete voi!

Giada porta Peppino fuori per prestargli cure

ARTURO: E il primo corso è andato…

LUIGIA: ‘Na munnezza, ‘na munnezza!                                                                                                                      40

ARTURO: Non avrei saputo trovare parole migliori!

Entra Ugolino

UGOLINO: Buongiorno signori!

LUIGIA: Buongiorno a te, bello da nonna!

UGOLINO: La signorina Giada non c’è?

MATILDE: Adesso è impegnata!

LUIGIA: (nervosa) Nun t’a vuò proprio levà a dint ‘e cerevelle, eh?

UGOLINO: (insistente) No! Io la amo e la voglio sposare!

FILOMENA: Guagliò, tu hai perzo ‘e sense! Giada è già impegnata!

UGOLINO: (furente) Cosa?

LUIGIA: (rabbiosa) S’a tene Colasanti! Chella te sta sfruttanno! Ma tu vide che battilocchio ‘e nepote che tengo!

UGOLINO: Allora tutti fuori! Chiamatemela immediatamente! Ci devo parlare!


Tutti escono mormorando e rumoreggiando. Arturo va a chiamare Giada. Ugolino

resta solo in scena.

ARTURO: Eccola qua! Me arraccumando, non troppo sangue! Mmaculata ha lavato

da poco. (esce correndo )

GIADA: (con fare da civettuola) Battilocchio del mio cuore !

UGOLINO: Angelo mio! (i due si abbracciano) Come mai tutto questo affetto? Fino

a due giorni fa, mi abboffavi di male parole..

GIADA: In due giorni cambiano tante cose, friariello mio!

UGOLINO: Friariello, che nomignolo affettuoso…

GIADA: Allora, friariello del mio cuore, io ti amo tanto, però…

UGOLINO: Però…

GIADA: Però voglio una prova d’amore!

UGOLINO: Ogni tuo desiderio è un ordine, mulignana mia!

41

GIADA: Mulignana? (riprendendo il vecchio tono) Friariè, mo’ hai’a vedè comme

hai abbuscà? (interrompendosi)

UGOLINO: Cosa?

GIADA: Ehm, niente! La tua mulignana vuole essere una mulignana libera, libera di

andare con il suo friariello in tanti bei posti…

UGOLINO: Per esempio?

(nel frattempo, silenziosamente rientra Peppino)

PEPPINO: Addò verdummaro!

Peppino scappa verso la quinta opposta, Giada lo insegue..

GIADA: Stu viecchio adda murì!

UGOLINO: Giada, non pensarci! Non interrompiamo l’idillio…(con fare poetico)

GIADA: (di nuovo romantica) Allora, mi aiuti?

UGOLINO: Certo mulignanella mia!

GIADA: (disgustata) Friariè… Però dobbiamo scappare in tre..


UGOLINO: (interdetto) in tre?

GIADA: Il professor Colasanti. E’ tanto una cara persona.

UGOLINO: (ridiventa furente) Colasanti! Brutta indegna che non sei altro! Mi volevi

fregare, eh? Friariello qua, Friariello là… Sei una Malafemmina! Colasanti è il tuo

amante!

GIADA: Friariello, ma cosa dici?

UGOLINO: Friariello ha capito tutto! Professore, riportate questa sgualdrina  al suo

posto!

Entra Peppino seguito da Arturo

PEPPINO: Prufessò, mettimmo n’ata vota a mulignana dint’a sporta!

ARTURO: E andiamo (riporta Giada all’interno, mentre si dimane)

In scena entra Luigia, seguita da tutti. Luigia vede Ugolino piangere

LUIGIA: Ugolino, bello da nonna, cosa ti è successo?

42

UGOLINO: Nonna, avevi ragione! Se la intende con Colasanti! (piangendo) Avevi

ragione! Brutta femmina! Mala femmina!

PEPPINO: (cantando) Te voglio bene e t’odio, nun te pozzo scurdà!

LUIGIA: Ugolino, a nonna, nun ce penzà! Piuttosto  dammi una mano.

ARTURO: Signori, un po’ di attenzione. Comincia il corso di musica. La parola alla

maestra Luigia. E che Dio c’a mannassa bbona!

LUIGIA: Dunque, io e mio nipote abbiamo intenzione di formare un coro. Per cui vi

posizioneremo in base alle voci. Il professore ed il dottore saranno i tenori.

PEPPINO: (a Gennaro) Chill ‘o professore tene chella voce tenorinale!

GENNARO: Arò ‘o tene? Sotto o lietto?

ARTURO: (arrabbiato) A vulimmo fernì?

LUIGIA: I bassi saranno Gennaro e Peppino

Gennaro e Peppino cominciano a camminare quasi inginocchiati

MATILDE: Ma che state facenno?


GENNARO e PEPPINO : I bassi!

FRANCA: Signora Mati, ‘o figlio è peggio do’ pate!

MATILDE: Hai ragione!

LUIGIA: Franca e Filomena saranno i contralti…

FILOMENA: (incredula) Contralto a me? Io so ccorta..

FRANCA: Signora Filomè! Non c’entra niente! Questa è un’altra cosa!

Filomena sembra tranquillizzarsi

LUIGIA: Matilde e Mmaculatina saranno i soprani..

FILOMENA: (inviperita, sobbalza dalla sedia) E nun è giusto! Loro so’ avete e stanno sopra , io so corta e me sfottono ca so avete!

ARTURO: E mo facimmo n’ata figura e mmerda!

PEPPINO: Prufesso’, ave ragione Filumena! Basta soprusi! (prende due mazze, una

la da a Filomena) Anna abbuscà!

43

Peppino e Filomena iniziano a rincorrere tutti che scappano, dopo una breve corsa

verso le quinte. Arturo rimane da solo in scena,  dopo aver tentato di calmare gli

animi

ARTURO: Io ‘o ddicevo! Chesta è n’ata figura e mmerda! Ma io tengo ‘a capa tosta!

Dobbiamo resistere!

Entra in scena il dottor Loreti

MATTEO: Professore, Colasanti e Giada stanno dando di matto! Tentano di sfondare

la porta!

ARTURO: Io ‘o ssapevo can un l’avevano attaccà! Portali qui, ci parlo io!

Matteo rientra in scena con i due, slegati

MATTEO: Eccoli. Mo scusate ma vaco a vedè chi s’è scummato ‘e sanghe ‘a parte e

dinto! (esce di corsa)

ARTURO: Dunque, vi abbiamo imprigionato ingiustamente. Avete ragione a

ribellarvi. Ora, però non posso liberarvi, quindi dobbiamo trattare.

PIERSILVIO: Trattare? Non ci penso nemmeno!


GIADA: Prufessò, vi prego, nun ‘o state a sentì… A chisto le piace ‘e suffrì!

ARTURO: Adesso vi propongo le condizioni: O uscite e raccontate tutto alla polizia o vi unite a noi e cercate di pentirvi di tutto il male che avete fatto.

GIADA: ( arrabbiata) E che cazzo ‘e proposta è?

PIERSILVIO: E’ ovvio che optiamo per la prima ipotesi!

ARTURO: (a gran voce) Gennà, ‘e pizze so sempe cavere?

GENNARO: (recando tra le mani i registi contabili) ‘O furno sta sempe appicciato! (rientra)

ARTURO: Questa è la proposta. Vi lascio soli per consultarvi. Così decidete meglio. (esce)

GIADA: (guardando con disprezzo Piersilvio) Quanto si strunzo! Mo’ comme facimmo? Io vulevo partì per Bora Bora!

PIERSILVIO: Taci, imbecille! Qui siamo in una situazione di merda e tu pensi a

viaggiare?

44

GIADA: (piangendo) E mo’ comme facimmo?

PIERSILVIO: Se usciamo e denunciamo, poi loro denunciano noi. Se restiamo questi

vecchierelli ci faranno assaporare l’inferno…

GIADA: (sovrappensiero) Mamma mia e quanta purghe..

PIERSILVIO: A me hanno iniettato di tutto nel sedere..

GIADA: Cosa faremo?

PIERSILVIO: Denunciare non se ne parla…

GIADA: Perché? Almeno nun ce purgano cchiù!

PIERSILVIO: Hai presente mia moglie?

GIADA: Sì! Ma che c’azzecca?

PIERSILVIO: E’ lei la proprietaria di tutto! Prima mi rovina, poi mi ammazza!

GIADA: (riflettendoci su) Tu si nu miserabile! Non mi avevi detto niente! Ma mo te

concio io p’e ffeste! Prufessò!


Rientra Arturo

ARTURO: Allora, avete deciso?

GIADA: Sì prufessò! Io sono con voi e il prof. Colasanti non ha intenzione di denunciare, ma di resistere qui con noi (pausa) ad oltranza!

PIERSILVIO: Sei una sgualdrina! Malafemmina!

Entra Peppino

PEPPINO: (cantando) te voglio bene e t’odio, nun te pozzo scurdà!

ARTURO: Bravo professore! Giusto in tempo per il corso di “primo soccorso”!

PIERSILVIO: Chi meglio di un medico..

ARTURO: Esatto! Il dott. Loreti farà il corso e vuje facite ‘o manichino per l’esercitazione! Dott. Loreti, corso!

Entrano di nuovo tutti in scena per assistere al corso. Davanti c’è Loreti

MATTEO: Su! Signori! Disponetevi tutti in modo da poter seguire bene!

45

PIERSILVIO: (sottovoce) Loreti, me la pagherà…

MATTEO: Nel frattempo, si sdrai…

Colasanti è sdraiato a terra

MATTEO: La respirazione bocca a bocca si pratica quando sopravvengono difficoltà

respiratorie gravi. Si pratica tappando il naso del malcapitato e soffiando nelle sua

bocca. Chi vuole provare?

GENNARO: Posso provare io?

MATTEO: Certo, Gennaro! Hai capito come si fa?

GENNARO: Dottò, state mmano all’arte!

Gennaro si predispone ad effettuare la respirazione artificiale, ma non appena apre

bocca, Colasanti schizza da terra

PIERSILVIO: (arrabbiato)  Ma che schifo! Cos’hai mangiato? Un deposito di

cadaveri?


GENNARO: Ma quali cadaveri? Chella è ‘a zuppa ‘e pesce fatta da Mmaculatina con le sue splentite mani!

PIERSILVIO: Allora è pesce marcio!

GENNARO: Dottò, nun sfuttite la primizie della mia baccalaiola di fiducia!

IMMACOLATA: Gennà, lascia sta’! (a Colasanti, tirando fuori un clistere) Prufessò, ne vulite n’atu poco?

PIERSILVIO: No! Non sia mai!

MATTEO: (per stemperare) Su, passiamo al massaggio cardiaco. Bisogna esercitare della pressione sulla gabbia toracica per sostituirsi all’attività meccanica. (mostrando) Ecco, in questo modo. Chi vuole provare?

IMMACOLATA: Se permettete, provo io!

PIERSILVIO: (sobbalzando da terra) Mamma d’o Carmine!

MATTEO: (lo respinge giù) Professore, state buono! Mmaculatì, mi raccomando, con

delicatezza…

46

Immacolata comincia e prosegue in maniera sempre più forte

IMMACOLATA: (alternando coi movimenti) Chesta è a primma rata, chest’è a

ducient euro a niro (Colasanti tossisce)

MATTEO: Sarà meglio che terminiamo qui la prima lezione. Adesso , mentre io

metto in ordine un po’ la stanza, voi e dico tutti, mettetevi in fila per il prelievo. La

prevenzione è importante!

Tutti escono tranne Loreti e Franca

FRANCA: Dottore, serve una mano?

MATTEO: Sì! Qui dentro una mano serve sempre!

FRANCA: Ha proprio ragione! Che  pazienza che ha con tutti questi anziani!

MATTEO: Cara signora Contini, in queste persone che tutti chiamano anziani e che

tutti credono non abbiano da offrire nient’altro alla vita, io vedo i bambini che sono

stati, vedo i padri e le madri e vedo l’amore per la vita

FRANCA: (di colpo innamorata) Lei è proprio una bravissima persona!


MATTEO: Ma la prego, mi chiami Matteo!

FRANCA: Ovviamente, lei può chiamarmi Franca..

MATTEO: (come per cambiare discorso) Ho visto che hai un rapporto un po’ conflittuale con tuo padre..

FRANCA: Conflittuale è dire poco. Ormai siamo sul piede di guerra!

MATTEO: Se non sono indiscreto, posso conoscere i motivi?

FRANCA: Non credo ti interesserebbero, e poi..  sono cose delicate ..

MATTEO: Va bene, non insisto..

FRANCA: (di scatto alterata) E No! Dottò mo’ devi insistere! (si ricompone subito)

Dicevo, te lo avrei detto comunque (innamorata)

MATTEO: (interessato) Allora, quali sono questi motivi?

FRANCA: Vedi Matteo, io avevo voglia di fare un figlio, ma adesso non lo voglio

più! (inizia a piangere) 47 MATTEO: Su non fare così!

FRANCA: Io sono una donna separata con una bambina! Volevo farlo con la fecondazione assistita!

MATTEO: Ecco perché il professore era contrario..

FRANCA: Esatto! Non lo voglio più perché la cosa di cui non posso fare a meno è l’amore di mio padre!

MATTEO:(consolandola) Se vuoi, posso mettere una buona parola..

FRANCA: Davvero faresti questo per me, Matteo?

MATTEO: Certo Franca!

FRANCA: Sicuro Matteo?

MATTEO: Sicuro Franca!

Nel frattempo, mentre i due si guardano innamorati, compaiono in scena Gennaro e Immacolata


GENNARO: Dottò, a signora se chiamma Franca e voi vi chiamate Matteo, MA-TTE-O!

MATTEO: (arrabbiato) Ne’ Genna’, m’avisse scagnato pe patete?

GENNARO: Qua dentro non si può mai sapere quello che succede..

IMMACOLATA: (a Franca) E vuje signo’? V’arricurdate chi so?

FRANCA: Certo che mi ricordo! (arrabbiata) In questa clinica la privacy è un optional! Su Matteo, continuiamo di là la nostra conversazione!

Franca trascina Matteo. I due escono

IMMACOLATA: Voglio capì ‘o duttore, ma a figlia do’ professore ‘o fa nu servizio ‘a casa? Guarda cca’ comme ha lasciato! (inizia a rassettare)

GENNARO: Mmaculatina, quella è una donna di gran classe..

IMMACOLATA: (inviperita) E’ normale! A essa se spezzano ll’ogne, mentre ‘a baccalaiola adda ittà ‘o sanghe!

GENNARO: No! No dicevo questo! Dicevo ca ‘a signora Franca no è come noi. Noi 48 uomini e donne che conosciamo la fatica..

IMMACOLATA: Gennà ma qua fatica ( ancora più arrabbiata ) tu hai sempe arrubbato!

GENNARO: Uè! Non ti innervosire! Quando fai così diventi la più brutta pisciavinnila del mondo!

IMMACOLATA: E tu nun me fa innervosì!

GENNARO: Come potrei… Mmaculatì tu…

IMMACOLATA: (interrompendolo) Gennà nun dicere niente!

GENNARO: Ma io…

IMMACOLATA: Anzi, dincello ‘o cumpagno tuoi oca scrive ‘e lettere can un se facesse sentì cchiù!

GENNARO: E pecchè?

IMMACOLATA: Ll’urdema lettera me deve appuntamento! Nun c’è maje venuto! E da allora, niente cchiù lettere


GENNARO: Avrà avuto da fare..

IMMACOLATA: (isterica) Gennà! Nun ‘o voglio sentì cchiù!

GENNARO: Me piace quanno si aggressiva..

IMMACOLATA: Gennà nun sfottere pecchè te faccio male!

GENNARO: Embè? Nun vuò sape’ nemmeno chi t’e mannava ‘e llettere?

IMMACOLATA: Nun me ne fotte proprio!

GENNARO: (al pubblico) E’ la donna della mia vita! Sicuro can un ‘o vuò sapè?

IMMACOLATA: No! Anzi, si ‘o ncuntre, fallo na mazziata!

GENNARO: Mmaculà, basta!

IMMACOLATA: (aggressiva) Gennà basta ‘o ddico io!

Si trovanno faccia a faccia

GENNARO: Mmaculatì, t’aggia dicere na cosa..

49

IMMACOLATA: Dice , Gennà, dice.

GENNARO: (si stacca improvvisamente) Se tu accetti di essere la mia spiculella, io

smetterò di sbattermi comm a nu capitone dint’o cato!

IMMACOLATA: (interdetta si allontana) Allora tu si…

GENNARO: L’anonimo! Mmaculatì, fatte abbraccià!

Mentre si abbracciano , rientrano tutti in scena. I due si staccano immediatamente e i

presenti si scambiano sguardi maliziosi.

LUIGIA: Su, su! Mettiamoci tutti comodi! Adesso il prof Contini risponderà a

qualche vostra domanda di attualità! Nel frattempo, io e mio nipote Ugolino vi

delizieremo con un po’ di musica .

PEPPINO: Il Maurizio Costanzo show!

FILOMENA: (ad Arturo) E’ con noi Maurizio Costanzo!

ARTURO: E verimmo si a fernesceno..

MATILDE: Artù chella ave ragione! Tu si tale e quale!


LUIGIA: E o facite sempe ntussecà..

MATILDE: E che d’è? ‘O ciuccio tene ‘e pariente?

FILOMENA: Matì! Quelli sono compagni di solfeggio..

PEPPINO: (con fare libidinoso) Solfeggiano insieme!

ARTURO: E chi ti da tutta questa confidenza?

LUIGIA: Artù, nun da retta..

PEPPINO: Io li sento quando fanno oh, oh, oh. Me metto cu ’a recchia areto a porta!

LUIGIA: E che ci sta di male?

MATILDE: Niente di male! Si ve vulite bene? Ve facite cumpagnia!

ARTURO: Chisti cca’ nun hanno capito manco ‘e ppatane!

FILOMENA: No! Amma capito troppo bbuono!

PEPPINO: (a Luigia) Luì, io vulesso solfeggià nu poco cu ‘a nfermera. Me vuò

50

spiegà comme se fa? Io nun m’arricordo cchiù!

MATILDE: A chella età va truvanno ‘e solfeggià ancora! N’atu ppoco adda murì..

FILOMENA: Matì, c’o vvulisse mparà tu? Tu si pratica ‘e tutte cose!

MATILDE: Scustumata! E mica studio la musica?

LUIGIA: Insomma, basta! Smentisco qualsiasi ipotesi di una mia relazione con il prof Contini.

ARTURO: Anch’io! Smentisco categoricamente!

PEPPINO: E che tenite ‘a smentì? Vuje nun c’a facite cchiù..

ARTURO: Uè Peppì, pienza a tte’!

PEPPINO: Prufessò, non ci sta niente ‘e male a dicere ca ve pigliate ‘o pinnolo..

MATILDE: Se ne piglia tante!

FILOMENA: Po’ riceno ca ‘a scema songo io, Matì il pinnolo blu!

ARTURO: Non c’è riservatezza in questo posto..

LUIGIA: Artù, t’o piglie overamente?


PEPPINO: Sennò come lo fa il solfeggio? Oh, oh, oh.

ARTURO: Cambiamo argomento! Basta chiacchiere! Qualcuno ha qualche

domanda?

PEPPINO: (con tono da intellettuale) Professore, voi cosa ne pensate dei vicchiarielli

che vanno per televione per acchiappare?

MATILDE: Pecchè Peppì? Vulisse ji pure tu?

PEPPINO: A me me piacesse! Nce stanno tanta belli pullanchelle!

GENNARO: Bello papà! Aggiu pigliato a te!

IMMACOLATA: (tira uno schiaffo a Gennaro) Mall’anema do zuzzuso!

GENNARO: Comme si leonessa! Uau!

FILOMENA: (a Gennaro) Scustumato! Figliema è na guagliona sistemata!

ARTURO: Se permettete, vorrei rispondere. Io penso che sia una cosa un po’

squallida. Ci vuole dignità, soprattutto in vecchiaia.

51

FRANCA: Giusto, papà! Ci vuole dignità!

Arturo guarda Franca in cagnesco. Franca abbassa la testa.

PEPPINO: Professore non sono d’accordo. Io aggia sfugà!

GENNARO: Bello, papà!

IMMACOLATA: Zuzzuso! (tira un altro schiaffo a Gennaro)

GENNARO: Uau!

ARTURO: Chiudiamo la discussione, sinò cca’ fernesce malamente! Altre domande?

GIADA: Professò, voi pensate che le pensioni di oggi siano adeguate?

ARTURO: No, nella maniera più assoluta! L’Italia è un paese per vecchi, ma i vecchi

devono soffrire la fame!

MATILDE: Professò, se non sono indiscreta, vuje quanto pigliate ‘e pensione?

ARTURO: Uè! Un po’ di privacy! Comunque poco, molto poco! Se non sono

indiscreto, Matì, tu hai versato i contributi?

MATILDE: Prufessò, scusate l’ignorantitudine, che so ‘e contributi?


PEPPINO: Le marche, Matì!

FILOMENA: E comme no! Più piccole, ma le ha versate…

MATILDE: (inizia ad arrabbiarsi) Nun aggiu capito che bbuò dicere..

FILOMENA: Le marchette!

MATILDE: Ma tu vide a sta baccalaiola! (inizia ad inseguirla per la stanza, Arturo sembra disperato)

FRANCA: Jammo! Signora Matì, calmateve! Voi siete una donna di mondo…

MATILDE: Franca mo vuò abbusca’ pure tu?

FRANCA: E che ho detto?

PEPPINO: Filumè, tu quanto pigli e penzione?

FILOMENA: Io piglio a sociale, ma me stanne facenne ‘e ccarte pe ll’invalidità!

PEPPINO: Scemuluta! Io tengo invalidità e accompagnamento! Ncoppa ‘a penzione,

t’aggiu schiattata ‘a capa!                                                                                                                                                             52

Peppino inizia a saltare per la stanza, mentre Filomena inizia a piangere copiosamente.

ARTURO: E anche questa è andata a schifio! Qualcuno ha qualche altra domanda? Possibilmente l’ultima!

PIERSILVIO: Io!

Tutti restano ammutoliti a guardare alternativamente Colasanti e Contini ARTURO: Mi fa piacere, che anche lei prenda parte alla discussione. PIERSILVIO: Ne sono costretto, ma visto che ci troviamo.. LUIGIA: Professor Colasanti, dica pure! Mica la mangiamo..

PEPPINO: Al massimo lo purghiamo..

MATTEO: E jamme, Peppì!

PEPPINO: Non lo purghiamo più… (rassegnato)


PIERSILVIO: Visto che lei è un professore di filosofia e la filosofia è Magistra Vitae, maestra di vita, quale filosofia ci consiglia di seguire per vivere una vita serena? Nietsche, Kant, Schopenhauer?

Momento di suspence

ARTURO: Niente di queste

Tutti restano increduli

FRANCA: Come, papà? Tanti anni di studio e vuoi dire che la filosofia è inutile?

ARTURO: Non ho detto che è inutile. Io sono uno studioso e continuerò a studiare fino all’ultimo istante della mia vita. E’ normale che io conosca Nietsche, Kant, etc, ma essendo uno studioso, ho fatto una sintesi in base alla mia esperienza.

PIERSILVIO: E cosa ha dedotto?

ARTURO: Ho dedotto che ci sono due linee di pensiero che sembrano molto simili, ma, in realtà, non lo sono. Il confine che le divide è sottile

PIERSILVIO: E sarebbero?

53

ARTURO: Il “che me ne fotte” e ‘o “futtetenne”

Tutti si guardano increduli.

ARTURO: Sì! E’ proprio così. ‘O “che me ne fotte” ha rovinato il mondo e ci ha

ridotto nelle condizioni disperate in cui siamo adesso. Questa è la parte negativa,

quella da non seguire. Se continuiamo, sarem i primi a pagarne le conseguenze.il

“futtetenne”, invece, è un modo sano per superare quei piccoli, fastidiosi problemi di

ogni giorno. Per noi anziani è la migliore medicina. T’è spuntato nu capillo bianco?

Hai perzo nu dente? Na ruga e cchiù? Futtetenne!

Parte la canzone Futtetenne . il prof Contini si mette a cantare

PIERSILVIO: Bravo professore, ma ci vuole ben altro per convincermi

PEPPINO: Chisto è uno che dice “che me ne fotte”..

GENNARO: Allora professore, se voi avete finito, io andrei ad ordinare la cena.

Abbiamo detto: per primo  nu bellu pacchero allardiato, pe ssicondo faccio fa’ ‘e

sasicce cu nu bellu ruoto ‘e parmiggiana  ‘e mulignane e nu ruoto ‘e pupa ruolo..

LUIGIA: Marò! E a quanto me saglie ‘o colesterolo?


MATTEO: Ma penzate a sta bbona!

LUIGIA: Azz, dotto’ ‘o ddicite proprio vuje?

PEPPINO: Gennà, nun te scurdà e sfogliatelle!

MATILDE: Pure?

PEPPINO: ‘E sfogliatelle fanno saglì ‘o diabbete!

FILOMENA: Allora puorte pure o babà!

GENNARO: Per concludere, vino di Gragnano e amaro! Vado!

ARTURO: Allora in attesa della cena, tutti a ballare in giardino!

Tutti escono tranne Arturo e Franca

FRANCA: Papà, posso parlarti un minuto?

ARTURO: Basta can un me faje sfiacchì! Le mie posizioni già le conosci. Sarò

irremovibile

54

FRANCA: Questo lo so. Di sicuro non sarò io a farti cambiare idea..

ARTURO: Infatti. Tu hai deciso e parturì ‘a Cicciobello e io nu te doco niente

FRANCA: Però non vuoi avere niente più  a che fare con me..

ARTURO: Tu credi che io abbia preso questa decisione a cuor leggero? Non sai quanto mi fa male, ma io ho un’etica da difendere

FRANCA: Hai ragione, ma a tua nipote non ci pensi?

ARTURO: Penso proprio a questo. Tu mi fai un ricatto morale ed io non posso che prenderne atto. Con sofferenza, ma ne prendo atto.

FRANCA: (inizia a piangere) Io non volevo arrivare a questo punto! Sei stato tu che mi hai costretto!

ARTURO: Io? Franca, ma ti sei resa conto delle conseguenze del tuo gesto? Hai considerato una gravidanza, un bambino, un tuo capriccio personale!

FRANCA: (scoppia in lacrime) Hai ragione, papà!


ARTURO: Non mi è mai piaciuto sentirmi dire che ho ragione! ‘A ragione è d’e’fessi! Volevo solo farti capire che un bambino non è un atto unilaterale, è un concorso!

FRANCA: Papà, mo me pare che staje esageranno! Addirittura nu concorso! Stamme dint’e fforze armate!

ARTURO: Cierti vvote tengo ‘o dubbie ca si ffiglia a mme..

FRANCA: Vedi! Tu ce l’hai con me! Parti da un pregiudizio!

ARTURO: Ma quale pregiudizio! (innervosito) Azz, chesto è pecchè nun me volevo sfiacchì!

FRANCA: He fatto tutte cose tu!

ARTURO: Embè, mo’ che bbuo’ fa? Si vuo’ ji ‘a Spagna, vattenne primma e mo!

FRANCA: (riprende a piangere) No! Io ‘a Spagna nun ce vaco cchiù!

ARTURO: Mo’ nun ce vuò ji cchiù? Io nun te capisco cchiù! Si steve viva ‘a

bonanema ‘e mammeta, ‘a facive murì e collera!

55

FRANCA: Non ci vado più e non mi chiedi neanche il perché?

ARTURO: Franca, io nun c’a faccio cchiù. Sono troppo vecchio e troppo stanco per

capirti. Facendo così non mi stai facilitando le cose..

FRANCA: Però neanche mi chiedi il perché..

ARTURO: (rassegnato) Va bene, Franca. Perché?

FRANCA: Perché ti voglio bene!

Arturo resta impietrito

FRANCA: Sì, papà! Ho capito che l’egoismo di un figlio lo allontana dai genitori. Ho

perso mamma per una malattia e per fare il mestiere difficilissimo di madre ho

dimenticato di fare la figlia. Chiara non può non vivere il nonno, io non posso

permettermi di non vivere mio padre. (lo abbraccia) Perdonami, papà!

ARTURO: Franca, a papà, non ci sono parole più belle da dire a un padre! Spero tu

mi abbia capito. Spero che tu abbia capito tutti gli insegnamenti che ho cercato di

darti. Cerca di essere una madre esemplare per tua figlia.


Si riabbracciano. Mentre sono abbracciati compaiono Peppino e Filomena che applaudono.

PEPPINO: Bravi, bravi! Uma commozione cerebrale!

FILOMENA: Un premio oscar!

PEPPINO: Il premio oscar da bagno!

FRANCA: Ma guarda a sti nzallanute! Ci stavate spiando?

FILOMENA: Noooo! Passavamo di qua e, per caso, abbiamo sentito..

ARTURO: Sì! Proprio per caso…

PEPPINO: Avete ragione! Per caso ci siamo intricati…

FILOMENA: Peppì, mi fai fare sempre figure di feci!

PEPPINO: Chi le fece?

ARTURO: Vabbuò ja! Ordiniamo un po’ i tavoli che stanno per arrivare le portate!

Filumè , tu e Mmaculatina apparecchiate ‘a tavola!

56

Tutti si impegnano a disporre e preparare il tavolo grande per la cena. Entra Gennaro

con delle buste e delle pentole

GENNARO: Uè! Dateme na mano! Sti ccose cocene e pesano!

Arturo e Peppino lo aiutano

ARTURO: (urlando) Prufessò, voi che fate? Non mangiate con noi?

PIERSILVIO:A parte il fatto che io mangio solo cibo di alta cucina, e poi non voglio

assistere alla morte di qualcuno di voi.

Tutti si grattano e fanno scongiuri in maniera eloquente

PIERSILVIO: E’ inutile che fate gli scongiuri! Conosco i vostri quadri clinici. State

nguajate! C’è un’alta probabilità che qualcuno ci resti secco!

LUIGIA: Ma abbiamo con noi il caro dottor Loreti..

PIERSILVIO: Signora, il caro dottor Loreti non fa miracoli. Anzi , se non ferma

questo scempio, è complice!


MATTEO: E’ vero! Dovrei fermare tutto ciò, ma il fatto di vedere queste persone così felici mi ha messo in condizioni di accettare con le dovute precauzioni. Porzioni moderate e controlli pre e post prandiali. Mi dispiace professore. Qui l’unico complice, anzi colpevole della sofferenza di queste persone è lei.

GIADA: E’ vero!

MATILDE: Statte zitta tu e vide ‘e nun abbuscà!

PIERSILVIO: Io colpevole? Io ho fatto solo ciò che dovevo fare! E’stato lei, Loreti, a non volersi adeguare!

MATTEO: E ho fatto bene! Lei è un medico senza passione, un uomo senza scrupoli, in altre parole, un lestofante!

Peppino e Filomena applaudono

PEPPINO: Bravo, bravo! Che interpretazione!

FILOMENA: Un premio oscar!

PEPPINO: Esatto! Il premio  o scarrafonne! Guarda quant’è brutto! (a Colasanti)

57

IMMACOLATA: E basta mo’! Nce stammo ntussecanno stu muorzo ‘e magnà!

MATILDE: Azz, nu muorzo? Nce sta cchiù robba ccà ca addu Giuseppina a mare!

GENNARO: E ccà  sta ‘o vino! (mette una bottiglia al centro della tavola)

Tutti iniziano a conversare amabilmente durante il pranzo.

PEPPINO: (alzandosi) Io proporrei un brindisi! Un brindisi al professore, poi (prima

dimenticandosi, poi riprende cantando) E a chesta cumitiva accussì allera, uommene

scicche e femmene pittate!

GIADA: Chesta è na festa ‘e ballo!

MATILDE: E basta! C’avimma fa? ‘O zappatore? Peppì assiettete!

Peppino si siede

PEPPINO: (rialzandosi e mettendo il cappello da bersagliere) Un brindisi al corpo dei

bersaglieri!

TUTTI: Salute!

FILOMENA: Cantiamo! Quel mazzolin di fiori…


Tutti proseguono la nota canzone

ARTURO: Finalmente ‘na cosa sistemata! Che soddisfazioni!

LUIGIA: Vorrei seriamente proporre un brindisi. (tutti tacciono) Un brindisi a tutti noi. Siamo stati noi che abbiamo creato tutto questo. Professò com’è andata, è andata! Noi, quelli che chiamano vecchi. Professor Colasanti, spero che dopo quest’esperienza lei cambi opinione. Non siamo ancora finiti. Abbiamo ancora tanto da dare. Brindo a noi, amici miei. Cento di questi giorni!

Si levano dei cori come: “Salute!” o “Brava”. All’improvviso si sentono sirene della polizia in lontananza

ARTURO: ‘A polizia! Non vi muovete!

Tutti iniziano ad agitarsi

FRANCA: Stiamo calmi, stiamo calmi! (piange, consolata da Matteo)

PIERSILVIO: Finalmente! Arrivano i nostri!

GENNARO: Statte zitta tu! Mo aesceno ‘e pizze a dinto ‘o furno!

58

Si sente un trambusto. Dopo qualche minuto forzano la porta ed entrano due poliziotti

P. POLIZIOTTO: Fermi tutti, polizia! (guardando alle spalle) E tu? Te vuò movere?

S. POLIZIOTTO: Con calma, ispettò! Aggia fernì ‘e mangià ‘a merendina! (Mostra

un panino farcito con ogni sorta di cosa)

P. POLIZIOTTO: Azz! A merendina! Che tiene ccà mmiezo? Nu puorco sano sano?

S. POLIZIOTTO: Ispettò, voi non capite niente! Avita mangià! Vulite dà na capata?

P. POLIZIOTTO: Ma ti sembra questo il momento per una capata sul panino?

S. POLIZIOTTO: E’ sempre il momento di una capata sul panino!

P. POLIZIOTTO: Meglio can un te rispongo! Facimmo ‘e cunte aroppo! (distratto

dalla discussione, riprende) Arò eremo rimaste?

S. POLIZIOTTO: (Addentando il panino) A fermi tutti, polizia!

P. POLIZIOTTO: Allora, fermi tutti! Polizia!

S. POLIZIOTTO: (guarda il tavolo pieno di ogni ben di Dio) Mamma d’e ggrazie!


P. POLIZIOTTO: Che è succieso?

S. POLIZIOTTO: Ispettò, guardate ccà ncoppo che ce sta! Magnammo pe na semmana! Nun ‘e putimmo arrestà doppo mangiato?

P. POLIZIOTTO: Ma ‘a capa nun te aiuta?

S. POLIZIOTTO: ‘A capa m’aiuta, è ‘o stommaco…

P. POLIZIOTTO: Ca nun c’a fa…

S. POLIZIOTTO: Esattamente! (prende una sedia e si siede al tavolo)

ARTURO: Facite comme si stisseve ‘a casa vosta…

S. POLIZIOTTO: Grazie!

P. POLIZIOTTO: Te vuò sossere a lloco? Avimma fa n’arresto!

S. POLIZIOTTO: ‘O facimmo cchiù tarde…

P. POLIZIOTTO: Mannaggia ‘a morte! Fermi tutti, polizia!

PEPPINO: Menu male! Me credevo ca era ‘o cuntrollo!                                                                               59

MATILDE: Ma che stammo ncoppa o pullmann?

PEPPINO: Aggiu visto tutta sta folla, me credevo ca era ‘o 54!

ARTURO: Vi prego, lasciate parlare me. Ci consegniamo senza condizioni. La nostra era solo una forma di protesta per le atrocità che abbiamo subito qui dentro.

SECONDO POLIZIOTTO: Chi vi ha perpetrato queste atrocità?

FILOMENA: (indicando Colasanti) E’ stato chill’omm ‘e mmerda!

PEPPINO: (indicando Giada) Nzieme ‘a sta…

LUIGIA: (interrompendolo) Peppì, basta!

P. POLIZIOTTO: Prego, fornitemi i documenti.

Colasanti e Giada porgono i loro documenti

P. POLIZIOTTO: Lei è il responsabile della clinica? (a Colasanti)

PIERSILVIO: Sì, sono io. Respingo qualsiasi accusa! Sono stato rinchiuso qui, prigioniero di queste persone. Io sono una persona onesta ed un professionista serio!


S. POLIZIOTTO: E’ tutto vero quello che dice?

ARTURO: Sì! E’ tutto vero!

P. POLIZIOTTO: (al s .poliziotto)Allora, chiama i ragazzi e portiamo queste persone

in commissariato.  Professore, ci scusi per aver frainteso.

ARTURO: Veniamo tutti al commissariato, ma aspettate prima di dare giudizi.

Gennà, va piglia ‘e pizze!

FILOMENA: Avimma magnà ancora? Io m’aggiu abbuffata!

MATILDE: Zitta, Filumè!

Gennaro rientra con i registri

GENNARO: ‘E pizze so’ pronte!

ARTURO: Vede, ispettore, qui ci sono le prove che il professor Colasanti si è

appropriato indebitamente di fondi regionali, intasca soldi in nero e usa questa clinica

per riciclare denaro con la complicità di quella donna (indicando Giada)

GIADA: (ad Arturo) Vuje murite ambressa!

60

ARTURO: Nun te preoccupà! Io te vengo nzuonno!

Sulla porta sistaglia la figura di una donna, visibilmente arrabbiata. E’ Genoveffa Colasanti, moglie del professore.

GENOVEFFA: Pier! Cos’hai fatto?

PIERSILVIO: (con sottomissione) Genoveffa cara, io…

GENOVEFFA: Taci, imbecille!

GENNARO: Azz! La faccenda si fa interessante!

S. POLIZIOTTO: Signora, ci deve seguire anche lei, ma con calma. ‘O tiempo ca rongo n’atu muorzo ‘ncoppa ‘a sta sasiccia….

P. POLIZIOTTO: Uè! E vide si ‘a fernesce….  Io so venuto p’arrestà!

S. POLIZIOTTO: Pur io, ma primma d’arrestà, aggia strafucà! Non arrestiamo meglio cu’a panza chiena?

P. POLIZIOTTO: Appena torniamo in questura un provvedimento disciplinare non te lo leva nessuno!


S.POLIZIOTTO: (con noncuranza) Vabbuò, mò faciteme fernì…

GENOVEFFA: (Annoiata dal siparietto) Abbiate un attimo di pazienza. Pier, io ti

distruggo! Ti rimando nel tombino in cui ti ho trovato!

MATILDE: A proposito di tombini… (a Genoveffa) Io vi ho visto da qualche parte.

Siete sicura che non ci siamo mai viste?

GENOVEFFA: (con supponenza) Mai vista in vita mia!

MATILDE: Siete proprio sicura?

FILOMENA: Signò, sforzatevi un poco…

Genoveffa inizia a fare strane espressioni col viso.

PEPPINO: Signò, comme ve sfurzate brutto!

GENOVEFFA: (tra sé) Mòabbusca ‘o nzallanuto! Forse ci siamo visti a qualche

serata di gala, qualche presentazione di un libro, qualche vernissage….

MATILDE: Eh, probabilmente addu vernissage…. Chillo è n’amico do prufessore!

61

ARTURO: Eh! ‘O frato ‘e maquillage!

GENOVEFFA: (cercando di troncare la conversazione) Comunque non mi ricordo!

MATILDE: (Ha un sussulto) Uh!

PEPPINO: (mette in testa il cappello da bersagliere e corre per la stanza) Gli

austriaci! Evacuate!

FILOMENA: Io ho già evacuato!

GENOVEFFA: Ma che schifo! Che luridi! Se penso che qui ci ho investito una

fortuna, mi viene la pelle d’oca!

PIERSILVIO: (come per calmarla) Cara, calmati, ti prego!

GENOVEFFA: Calmati un corno!

MATILDE: Ecco arò t’aggia vista!

Genoveffa inizia a preoccuparsi visibilmente.

MATILDE: Tu eri chellacà me deva ‘o smonto! ‘A guagliona!

GENOVEFFA: Non so proprio di cosa stia parlando…. (Inizia a soffiarsi)


MATILDE: Tu sei….

GENOVEFFA: (In silenzio, quasi implorando) No, vi prego…

MATILDE: Jennifer! ‘A cumpagna mia! (La abbraccia in maniera clamorosa)

Matilde la prende per un braccio e la presenta ai compagni. Genoveffa è frastornata.

MATILDE: Guagliù, chesta è Jennifer! Ci spartevamo’osuonno e quacche vota pure

‘a lampa! (A Genoveffa) Arrustevemo ‘a castagna!

PIERSILVIO: (Sorpreso) Ma come? Non eri figlia di un avvocato? Tu, una

baldracca?

GENOVEFFA: (prendendo un tono volgare) Né strunzo! E tu comme ‘o facive ‘o

zezadint’a sta clinica?

PEPPINO: E bella ‘a Jennifer!

Applausi diffusi.

PIERSILVIO: (arrabbiato) Mi hai preso per i fondelli! Ingannatrice! Chiedo il

62

divorzio!

GENOVEFFA: Vo’ ‘o divorzio stu puzzato ‘e famme! Io t’aggiu fatto omme! Matì, nun teneva manco ‘e sorde pe se fa namarenna. L’aggiu fatto studià e l’aggiu fatto signore. Mo’ vo pure ‘o divorzio!

FILOMENA: Signora Giunuveffa, permettete una parola?

GENOVEFFA: Dite!

FILOMENA: Tenite ‘e ccorna!

GENOVEFFA: (volgare) Ma tu vide ‘a sta vecchia! Mo’ ‘a scommo ‘e sanghe!

ARTURO: Ferma! Ferma!

PEPPINO: Signò è overo! Vostro marito se tene a chesta! (indica Giada)

GENOVEFFA: Ah si? Allora mòscommo ‘e sanghe a lloro!

Prende la scopa e inizia a percuotere i due. Si crea un trambusto.

Si abbassa il sipario.


EPILOGO

VOCE ESTERNA: Adesso volete sapere com’è andata a finire. Mi sembra giusto. Colasanti e Giada sono ormai ospiti delle patrie galere e ne avranno per un bel po’. Arturo e gli altri hanno subito un processo per sequestro di persona e per l’occupazione, ma alla fine, ne sono usciti indenni soprattutto per i limiti di età. Villa S. Rosa è ancora aperta. Dopo un anno ecco cosa è successo…

Tutti gli anziani sonno in scena al proprio posto come nel primo atto. Franca è alla porta in stato interessante. Gennaro e Immacolata indossano una divisa da infermieri.

MATTEO: (togliendosi il camice) Allora, posso andare? Ci siete voi per la notte?

GENNARO: Certo! Ci siamo io e Mmaculatina! Poi, da quando siete diventato direttore, c’è anche il dottore nuovo! E’ vero, spiculella mia?

IMMACOLATA: Sì! Amore mio!

MATILDE: Franca che bella panza che tiene! A quanto staje?

FRANCA: Ottavo mese!

63

MATTEO: infatti, non vedo l’ora che nasce! Su, andiamo amore, abbiamo appuntamento col ginecologo!

FRANCA: Su, Chiara, saluta il nonno! Ciao a tutti! (Escono)

PEPPINO: (a Gennaro e Immacolata) E vuje? Quanno m’o mpastate nu nepote?

FILOMENA: C’o mpastate..

IMMACOLATA: Stiamo lavorando per voi! (escono tenendosi per mano)

Restano in scena i cinque anziani

LUIGIA: Che bella cosa! Si respira un’aria diversa!

MATILDE: Over! Villa S. Rosa è rifiorita!

FILOMENA: Mo’ avimma aspettà sulo ‘a morte ca vene a ce piglià!

PEPPINO: Requiem eterno..

ARTURO: Mamma mia! Un po’ di ottimismo!

MATILDE: Artù, simme viecchie! O tiempo è poco!


ARTURO: Hai ragione, ma noi puntiamo alla qualità! E po’ t’he scurdato?

TUTTI: Cosa?

ARTURO: Qui siamo a Villa S. Rosa e la vecchiaia è tutta un’altra cosa!

CALA LA TELA

64

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno