Vincenzo De Pretore

Stampa questo copione

Lassammo fa' 'a Dio

Vincenzo De Pretore

Di Eduardo De Filippo

L’opera è stata riadattata per un gruppo di ragazzi delle scuole medie e narra di Vincenzo, orfano e ladruncolo devoto a San Giuseppe, che vive un’esperienza ultraterrena.

Sulla scena ci sono due varchi: uno sulla destra e uno sulla sinistra. I pannelli della scena sulla sinistra dello spettatore rappresentano Napoli con alcuni monumenti, sulla destra c’è uno scenario paradisiaco con alberi d’olivo, fontane, uccelli, farfalle e una grande scala fiorita. Sul pannello centrale un arcobaleno divide i mondi. Al centro della scena un arco ornato con fiori e foglie. Avanti sulla sinistra una panchina senza schienale, sulla destra un trono.

Interpreti: Vincenzo, San Pietro, San Giuseppe, Dio-Uomo, Gesù, Madonna, San Ciro, Passante 1, Passante 2, Narratori

Si apre il sipario e sulla scena c’è Vincenzo. I narratori parleranno dalle quinte.

Narratore  :-De Pretore Vincenzo s’arrangiava. Campav’ ‘a bona ‘e Dio, comme se dice. Figlio di Padre ignoto, senz’amice, facev’ ‘o mariuolo pè campà. Marciava bene: ‘o vestitiello inglese, ‘a scarpa mocassino su misura; ‘a cammisa le steva na pittura, ‘a cravatta marrò “petits-pois”. Nun s’ ‘a faceva, comme v’aggio ditto, nè cu n’amico, nè cu nu parente; campava sulo, nun liggeva niente; ma ‘o Codice ‘o puteva declamà. Pè na manovra ca fernette nfieto: -nu scippo a na bizzoca,- jett’ ‘a dinto;
nemmen’ ‘o pizzo c’ ‘o mustaccio finto chella vota ‘o putètteno salvà. L’ammonimento già l’aveva avuto. Doje vote sorvegliato speciale…Se spuzzuliaje na Pasca e dduje Natale c’ ‘o scisto,’a fava secca e c’ ’o cantà. Quanno ascette, Vicienzo ce penzaje:

Vincenzo:-“S’adda perdere ‘o nomm ‘e De Pretore si nun trovo nu santo protettore ca me prutegge nterra, e in aldilà! E chi sceglio? Chi piglio?”

Narratore  :-Finalmente,chillo ca cerca trova, penza e penza,
se scigliette nu Santo ‘e conseguenza, ca meglio d’isso ‘n cielo nun ce stà.
Pato a Gesù, marito d’ ‘a Madonna, mparentat’ a Sant’Anna e a San Gioacchino:
“Si nun me po’ pruteggere a puntino, qua San Giuseppe me prutiggiarrà.

Narratore  :-Arrubbava vasanno fijurelle; nu furto, nu lumino e ddoje cannele…Era cadut’ ‘o puorco dint’‘e mmele. San Giuseppe , ‘o faceva rispettà. Chi ‘o mantenev’ ‘o 19 ‘e Marzo, ‘o juorno ‘e San Giuseppe! Addirittura, si se trovava ncopp’ a na Questura, nun se steva quieto manco llà. Campann’ ‘e chistu passo, se capisce, pure si te protegge ‘o Pataterno, quaccheruno ce stà pure all’Inferno, che mpizz’ ‘a coda pè te scumbinà. A Piazza Municipio, na matina, sfilann’’o portafoglio a nu signore, chisto, cchiù lesto, ferm’ a De Pretore e ‘o ncatasta cu tant’abilità, nfacci’a nu camionne; e nun contento d’averlo sbutecato na mascella,‘o lassa, mette man’‘a rivultella, e tira, senza scrupolo e pietà. De Pretore cadette.

Passante 1:-”E’ muorto!...E’muorto!”

Passante 2:-“Gnornò, suspir’ancora!”

Narratore   :-Ll’avizajeno ‘a terra, e lesto lesto s’o purtajeno dint’a na carruzzella p’’o salvà. (Vincenzo esce per indossare una tunica bianca). Miezo stunato,’a man’ ’e n’infermiere, nu fieto ‘e medicina l’affucava. E mentre nu chirurgo s’accostava, De Pretore già steva in aldilà. ( Vincenzo rientra sulla scena)

Cu ‘e pied’’a fora, e cu nu cammesone ‘e musullina, pallido e scaruso, era gnorsì nu poco curiuso; ma ll’aneme se vesteno acussì.
Allero e zumpettianno se fermaje for’’o palazzo ‘e Dio, nnanz’’o portone.
Spustaje cu fforza na maniglia ‘attone, sbattènnola doje vote po chiammà.
Nu sportello quadrato s’arapette e comm’’a guardiaporta s’affacciaje
na cap’’e pruvulone, ca spiaje; nomme, cugnomme, patria e qualità.

San Pietro:-Eh, a chi volete?

Vincenzo:-Voglio a San Giuseppe...


San Pietro:-Ma siete atteso? Siete canusciuto?


Vincenzo:-Ma sono addirittura benvoluto, San Giuseppe ma fatto saglì  ccà!

San Pietro:-Allora ci tenete appuntamento?


Vincenzo:-Così credo. Voi dite De Pretore, chillo che ve scigliette Protettore,
vò sapè, mò ch’è muorto, c’adda fa!

Narratore   :- Se chiudette o spurtiello. De Pretore sentett’’o passo ca s’alluntanava,
Doppo poco sentette ca turnava cchiù svelto e risoluto a cammenà.
Arapenn’’o spurtiello n’ata vota,‘o pruvulone, tutt’amareggiato, dicette:

San Pietro:-De Pretò, te sì sbagliato. San Giuseppe ha risposto:“ E ch’aggia fa? Si è muorto se mettesse miez’‘e muorte, Chi ‘o sape, a stu Vicienzo De Pretore?”
Stava parlando cu nostro Signore, ‘o quale ha ditto: “Lassece parlà”.

Narratore   :-Vicienzo rummanette penziaruso . Po’ dicette:

Vincenzo:-Ma chesta è malafede! Si se conta stu fatto nun se crede:‘e llampe s’’e sapeva cunzumà? E’ meglio ca ce jate n’ata vota, facendolo ’accapì ca so deciso; si nun traso e rummano paradiso faccio correre e guardie ‘e l’aldilà!

Narratore  :-Doppo aspettato cos’’e na mezz’ora sentette c’’o purtone s’arapeva;   e tanto d’’o remmore ca faceva Vicienzo se sentette scunucchià. Po’, quanno s’arappette tuttuquanto, vedette a San Giuseppe ca scenneva nu scalone ‘ndurato, e ca diceva:


San Giuseppe:-Ma chistu De Pretore, chi sarrà?

Narratore  :-E De Pretore, cu na faccia tosta, ‘o jett’incontro cu na mana stesa:


Vincenzo:- So De Pretore,’o figlio d’’a Turresa! M’hanno sparato na mezz’ora fa.

San Giuseppe:-T’hanno sparato? Uh povero guaglione!

Chi è stato che t’ha fatt’’o malamente?

Vincenzo:-Ma allora nun sapite proprio niente?..Vuje mparaviso che ce state a ffà?..Ll’avessev’’a sapè, ca si so muorto, è certamente pure colpa vostra. Io arrubbavo sicuro, a bella posta, sapenno ca ce stìveve vuje ccà.

San Giuseppe:-Sicchè, tu sì nu muorto mariuolo?!


Vincenzo:-Gnornò, mò che so muorto, song’onesto. Nu mariuolo vivo, sì fa chesto, nun’o ffa pè murì, ma pe campà.

San Giuseppe:-E’ giusto!

Narratore  :-Rispunnette San Giuseppe.


San Giuseppe:-Però, ca ncoppa, stu raggiunamento, difficilmente, dint’a nu mumento, cagna na legge antica ca ce sta”.Chi arrobba in vita, è sempre mariuolo e doppo muorto resta signalato: si ‘o mariuolo fosse perdonato,‘o fuoco eterno che ce stesse a ffà?!

Narratore  :-De Pretore dicette:

Vincenzo:-’J che ne saccio, j nun pozzo capì tutte sti llegge.
Chi tene a San Giuseppe c’’o protegge, è San Giuseppe che ce adda penzà.

San Giuseppe:-Primm’’e tutto

Narratore  :- dicette San Giuseppe


San Giuseppe:- sta protezione, si me l’’e cercata, tu te l’’e vista e tu te l’’e pigliata. Nun capisco pecchè t’avev’a dà!

Vincenzo:-Overo? …E tutte chelli fijurelle cu vuje fotografato e culurato?
Io, certi vote, me so ndebbitato p’’e cannele e p’ ll’uoglio! E mò. Che ffà?...
Mò me dicite: Ca ce stà na legge…Ca ‘o mariuolo è sempre segnalato…
A mme si nun m’avessero sparato, fosse morto p’’a famma, San Giusè!...
Mò tantu bello, nun facimmo storie. Parlate in confidenza c’’o Signore.
Dicìtele:”Vicienzo De Pretore ll’aggio prutetto, e ‘o faccio restà accà”.

San Giuseppe:-“E se mi dice:no?”

Vincenzo:- Peggio pè vuje, ca ‘lloco ncoppa nun cuntate niente.
Pe chello c’aggio spiso, stregn’ ‘e diente ma, ma vuje…ce avite perzo ‘e dignità!

Narratore  :-San Giuseppe, nu poco penziaruso, s’abbiaje p’ ‘o scalone, a malincuore, e se truvaje presenza d’‘o Signore, cu ll’uocchie nterra pe nun ‘o guardà.

Dio:-Giuseppe, cosa c’è?

San Giuseppe:-Caro Maestro, va trova comm’è gghiuto e comm’è stato, ‘o cert’ è ca me sento scuncertato: nun saccio comm’avesse accumencià. Fore ce sta nu mariuolo muorto ca si chiama Vincenzo De Pretore.Siccome me scigliette protettore…giustamente vulesse restà ccà.

Dio:-San Giusè, ma te fusse rimbambito? Nu mariuolo e dice: giustamente?
Ma tu te sì stunato veramente! Chest’ è ‘a vicchiaja ca te fa parlà.

San Giuseppe:-Che c’entra? Vuje, ched’è, nun site vecchio?Anze, si ce penzate, mmiez’ a nnuje, ‘o vicchiacone overo site vuje. Insomma, cà se tratt’ ‘e dignità.

De Pretore arrubbava, sissignore; è muorto acciso pe chesta ragione. S’era fissato

c’ ‘a protezione: m’appicciava ‘e cannele…c’ ‘aggia fa? Lle vaco a ddì ca nun ne saccio niente. Ca conta solamente ‘o Pataterno e ca se n’adda scennere all’Inferno                    pecché ‘a protezione nun ce sta?...Si vuje vulite fa chesta figura, io nun ‘a voglio fà. Sa che ve dico? Ve rummano devoto, frato, amico, ma ve saluto e me ne vaco a ccà.

Narratore  :-Dicette ‘o Pataterno

Dio:-Chella è ‘a porta, però, piénzece buono nu mumento. Pecché, si po’ te ven’ ‘o pentimento, ‘a porta è chiusa, e chiusa restarrà!

Narratore  :-E c’‘a mazza fiorita, San Giuseppe, comme si nun avesse manco ‘ntiso, lassav’ ‘o posto ‘e ncopp’ ‘o Paraviso, c’ ‘a capa sotto, e senza s’avutà. ‘A Madonna, strignènnose int’ ‘e spalle, se susette pur’essa e s’avutaje; facett’ ‘a riverenza, salutaje, dichiaranno:

Madonna:-Ma comme pozzo fa? Giuseppe è mio marito, certamente, lo devo seguire ovunque vada. Io, come moglie, seguo la sua strada: na mugliera fedele chesto fa.

Narratore  :-Gesù Cristo dicette:

Gesù:-Io song’ ‘o figlio… Che ffaccio? ‘E llasso sule? E cu qua’ core?
Specialmente mia Madre, se ne more… Io me ne vaco cu Papà e Mammà.

Narratore  :-Sant’Anna fece cenno a San Giacchino. San Giuvanne, cumpar’ o Salvatore…L’Angelo Gabriele Annunciatore pur’isso s’ ‘a vuleva spalummà.

Tanto ca ‘o Pateterno se susette, strillanno:

Dio:-Fermi tutti!!!Dove andate? Si overamente ascite e ve ne jate, ‘o Paraviso nun ‘o pozzo fa.

Narratore  :-Tutt’ ‘a Sacra Famiglia se fermaje aspettanno ‘a parola d’ ‘o Signore.

Dio:-Va bene, fate entrare a De Pretore…Almeno, m’ ‘o facite interrogà!

Narratore  :-De Pretore trasette.

Dio:-Vieni avanti. Tu ti chiami Vincenzo?

Vincenzo:-Sissignore.

Dio:-E di cognome?

Vincenzo:-Faccio De Pretore.

Dio:-Tuo padre?

Vincenzo:-De Pretore fuje mammà.

Dio:-Come sarebbe?!

Vincenzo:-So di padre ignoto.

Dio:-Non capisco. Ma ignoto di che cosa?

Vincenzo:-Che quando sulla terra non si sposa, ‘e figlie nun se ponno dichiarà.

Dio:-Ma i figli sono figli!

Vincenzo:-Niente affatto. Vuje ve credite ca so tutte eguale; ma ‘e figlie, nterra,     si nun so legale, campano comme ponno: c’ hanno a fa?

Narratore  :-Doppo capuzziato, ‘o Pateterno dicette:

Dio:-Aggio capit’ ‘o fattariello: perciò tu addeventaste mariuncello?

Vincenzo:-Gnorsì, ma solamente pè campà. Senza nu pate ca te mann’ ‘a scola, campanno abbandunato mmiez’ ‘a via facenno solamente a capa mia…se sape ca fernisce p’arrubbà! E songo a meliune chella ggente ca pè se mantenè pulit’ ‘a fora,
quanno nu figlio nun è nato ancora, le negano ‘o deritto d’ ‘o ccampà.
Se ll’accìdene ncuorpo, ‘e ccriature, senza pietà, redenno e pazzianno. Pariente e amice ‘o ssanno e nun ‘o ssanno…e se levano ‘a tuorno ‘a verità. Overo, Patatè,

sti ccriaturelle accise primm’ ‘e nascere, addò vanno? Vèneno Mparaviso, e nun ‘o ssanno? E vuje nun ce ‘o putisseve spiegà?

Narratore  :-Nu minuto ‘e silenzio. ’O Pateterno, cu na santa pacienza se susette,    e cu na voce ferma po’ dicette:


Dio:-Chistu Napulitano resta ccà!

Narratore  :-Po’ se chiammaje San Ciro:

Dio:-Cì ‘e sentuto ‘o fatto d’ ‘e criature?

San Ciro:- Ll’aggio ntiso…

Narratore  :-rispunnette San Ciro

San Ciro:-Mparaviso nun c’è cchiù posto p’ e ricoverà! Arrivavano a chiorme, st’angiulille ca j’ dicevo…scusate si v’ o ddico: Ma ‘o Pateterno fosse nu nemico? Sti mmeze criaturelle che nne fa? Cu ‘e capuzzelle grosse, a form’ ‘e pera; ch’ ‘e dettelle azzeccate e ll’uocchie nchiuse, pàrene vicchiarielle penziaruse, ca sanno ‘a ggente, ‘o munno e ‘a nfamità! N’aggio fatto nuttate appriesso a lloro, attuorno a tutte chelli spalluzzelle! Ce n’aggio miso unguenta e ppumatelle… ma ‘e scelle nun putevano spuntà…

Narratore  :-Dicette ‘o Pateterno:

Dio:-Nun fa niente: nun vularranno maje chist’ angiulille. Che ffà…sò piccerille piccerille, e mm’ ‘e porto cu mmico, a passià…
Andate tutti a letto. Domattina vi sveglierete nelle prime ore,
per spiegare a Vincenzo De Pretore in Paradiso come ci si sta”.

Narratore  :-‘E Sante cu na meza resatella e cu nu miez’inchino s’abbiàjeno,
ammagliecanno amaro se cuccàjeno penzanno: “’A rrobba mò s’adda nzerrà!”


‘O Pateterno, ‘a sera, è abituato a sentì, Mparaviso, ‘e meglie cante. Invece, chella notte, tuttequante nun ‘e ssenteva manco ‘e pepetià e, cu nu naso fino ‘e Pateterno, ‘o Signore capett’ ‘a serenata. Nun putette durmì tutt’ ‘a nuttata, penzanno che discorso aveva fa. Schiarato juorno, fece l’adunata e dicette:

Dio:-Capisco il malumore, a vuje ve fa paura De Pretore ch’è mariunciello, e ca ve po’ arrubbà? State tranquilli, ne rispondo io. Chisto perciò se chiamma Paraviso:
lietto sicuro, pane ben diviso…Neh, De Pretore c’arrubbasse a ffà?

Narratore  :-‘E Sante se guardajeno tutte nfaccia, e ntunàjen’ ‘a cchiù bella Pasturale, comm’ a chella che cantano a Natale: e pe Vicienzo che felicità!

(Due minuti di sottofondo musicale natalizio)
A poco a poco tutto chistu coro e tutta chesta musica fernette. E bello De Pretore se sentette ‘a stanchezza e ‘o delore d’ ‘o ccampà.

Narratore  :-Po’ n’ata vota voce ‘e crestiane. Una diceva:

Dottore:-Fatelo dormire. Ripiglia il polso, ma non può capire.

Passante 1: Complimenti, Dottore…se ne va?

Narratore  :-Cu ll’uocchie miez’ ‘apierte, lle parette ‘e vedè na figura ‘e n’ommo anziano, cu nu fuglietto e cu na penna mmano e ca diceva

Uomo:-’O pozzo interrogà?

Narratore  :-N’ata voce dicette:

Passante 2:-Con prudenza.

Uomo:-Tu ti chiami Vincenzo?

Vincenzo:-Sissignore.

Uomo:-E di cognome?

Vincenzo:-faccio De Pretore.

Uomo:-Tuo padre?

Vincenzo:-Ve l’ho detto poco fa.

Narratore  :-N’ata voce dicette:

Dottore :-Su coraggio, cercate di rispondere al signore.

Vincenzo:-Gnorsì, già mi ha concesso l’alto onore. Sul’isso me puteva perdunà.
Ce ll’aggio ditto, che so mariunciello e ca pè chesto songo muorto acciso.
Fatemi rimanere in Paradiso!...Teng’a prumessa e voglio restà ccà…
…….
Narratore  :-Credendo ca parlava c’ ‘o Signore, nzerraje pè sempe ll’uocchie

De Pretore.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 200 volte nell' arco di un'anno