Vita, arme et amori de lo cavaliero Brancaleone da Leonessa

Stampa questo copione

MAIGRET E IL PAZZO DI BERGERAC

VITA, ARME ET AMORI

DE LO

CAVALIERo BRANCALEONE

DA LEONESSA

Comoedia epicomica

di

Giancarlo Ripani

e

Franco Bove

Musiche originali

di

Elisabetta Del Buono

23 Giugno 2011

settima versione


Personaggi  (in ordine di apparizione)

BELLAVOCE                      cantastorie                        (A)   

BRIGIDA                        villica                      (M)  

RACHELE                       villica                      (L)   

GELTRUDE                     villica                      (I)

        

ZENOBIA                               villica                      (H)

        

FIRMINO                         villico                      (O)  

PELAGIO                        villico                      (E)   

ERASMO                         villico                      (G)                  

ZACCARIA                     villico                      (F)   

ABACUCCO                        ebreo                                     (B)   

MARCONZOLO                            masnadiero                (C)                      

GRASSOCHECOLA          masnadiero                (D)                      

BRANCALEONE               cavaliere                    (E)

        

TARGONE                           scudiero                      (F)

        

ADALBERTO                     barone                         (G)

        

BICE                                              baronessina                (H)  

NORBERTO                         banditore                   (A)   

PORZIA                               baronessa                           (I)

        

LEDA                                    nobildonna                 (L)   

OTTAVIA                                     nobildonna                 (M)  

REGINALDO                      cavaliere                    (N)   

TEOFILATTO                    bizantino                    (N)   

ORTENSIA                          appestata                          (L)   

PETUNIA                             appestata                          (M)  

VIOLA                                  appestata                           (I)

        

ROSA                                   appestata                          (H)  

ZENONE                              monaco                        (O)

        

ELIGIO                                 penitente                     (G)

        

RIBALDO                                      penitente                    (A)   

VIRGINIA                                     penitente                    (L)

        

LUCREZIA                          penitente                     (M)  

MATELDA                          promessa sposa                 (H)  

CRISELDA                          nutrice                         (I)    

AGNONE                             tutore                          (O)  

PUZZONE                                     duca                             (A)   

GINEVRA                                     duchessina                          (M)  

SCOLASTICA                     commensale                (I)    

UGOLINO                             commensale                (G)

        

VETURIA                                      commensale                (L)

        

RODOMONTE                      commensale                (C)   

ISADORA                                     bizantina                    (I)    

CIPPA                                  bizantino                     (D)

        

LEOFRASTO                      bizantino                     (O)

        

EUDOSIA                                      bizantina                    (L)   

olimpia                             bizantina                     (M)

        

CUNEGONDA                     bizantina                     (H)  

BERTRANDO                     bizantino                     (A)   

FLAVIANO                         bizantino                     (G)

        

PANUNZIO                          castaldo                      (G)  

SOFONISBA                       castalda                     (M)  

MUSTAFA’                         rais                              (A)

        

ALI’                                       turco                                     (B)

        

BATUR                                turco                                     (O)  

FATIMA                          turca                                (I)                    

AISHA                            turca                               (L)   

RaissA                               turca                               (H)  

MANODIFERRO                 condottiero                         (G)  
L’ambientazione: nel 1200 in Italia

Le scene 1° tempo:    

Il prologo (Bellavoce, villici: Brigida, Rachele, Geltrude, Zenobia, Firmino, Erasmo, Pelagio, Zaccaria) Il baratto (Grassochecola, Marconzolo, Abacucco) La vestizione (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo.) Il torneo (Adalberto, Bice, Norberto, Porzia, Leda, Ottavia Brancaleone, Reginaldo, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo.) L’accettazione (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto). Lamento delle appestate (Ortensia, Petunia, Viola, Rosa). Il fatale incontro (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Ortensia, Petunia, Viola, Rosa). Lo monaco santo (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Eligio, Ribaldo, Virginia, Lucrezia). Il Battezzo (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Eligio, Ribaldo, Virginia, Lucrezia). Il Cavalcone (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Eligio, Ribaldo, Virginia, Lucrezia). L’incontro con l’amore (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Matelda, Criselda, Agnone).  Notte d’amore (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Matelda, Criselda.)

Le scene 2° tempo:

Viva gli sposi (Matelda, Puzzone, Ginevra, Scolastica, Ugolino, Rodomonte, Veturia).  Il banchetto nuziale (Matelda, Puzzone, Ginevra, Scolastica, Ugolino, Rodomonte, Veturia, Brancaleone, Teofilatto, Targone, Abacucco.)  Amore bizantino (Isadora, Cippa, Brancaleone.) Bizantinia (Isadora, Cippa, Leofrasto, Eudosia, Cunegonda, Beltrando, Flaviano). La corte bizantina (Isadora, Leofrasto, Eudosia, Cunegonda, Olimpia, Beltrando, Flaviano, Brancaleone, Teofilatto, Abacucco, Marconzolo). L’addio di Abacucco (Brancaleone, Targone, Abacucco, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto). L’arrivo ad Aurocastro (Brancaleone, Targone, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Panunzio, Sofonisba). Mamma li turchi (Mustafà, Alì,  Batur, Fatima, Aisha, Raissa). Al rogo (Brancaleone, Targone, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Mustafà, Batur, Alì.) Arrivano i nostri (Brancaleone, Targone, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Manodiferro). Salvi ! (Brancaleone, Targone, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Manodiferro, Zenone, Matelda, Ortensia, Abacucco, Puzzone, Ginevra, Isadora). Laudemo (Brancaleone, Targone, Grassochecola, Marconzolo, Teofilatto, Manodiferro, Zenone, Matelda, Ortensia, Abacucco, Puzzone, Ginevra, Isadora).

Le Musiche

M1 Inizio primo tempo M2 Prologo- cantastorie 1 M3 Cantastorie 2 M4 Il torneo M5 Cantastorie 3 M6 Le appestate M7 Cantastorie 4 M8 Il battezzo M9 Cantastorie 5 M10 Notte d’amore M11 Fine primo tempo M12 Inizio secondo tempo M13 Cantastorie 6 M14 Viva gli sposi M15 Cantastorie 7 M16 Bizantinia M17 Cantastorie 8 M18 Cantastorie 9 M19 Mamma li turchi M20 Laudemo M21 Ringraziamenti

Gli effetti

E1 Rullo di tamburi E2 Campanaccio E3 Gran tonfo nell’acqua E4 Colpo di gong E5 Colpo di gong E6 Colpo di gong E7 Squillo di tromba E8 Campanaccio

Le proiezioni

Tutti i quadri della commedia Il primo quadro “Aperta campagna” si espande a schermo pieno. Tutti i quadri della commedia Il secondo quadro “Accampamento di Brancaleone” si espande a schermo pieno. Terzo quadro “Piazza d’armi” Tutti i quadri della commedia Il quarto quadro “ Salone di un castello” si espande a schermo pieno. Quinto quadro “campagna con sfondo borgo arroccato” Tutti i quadri della commedia Il sesto quadro “cavalcone” si espande a schermo pieno. Tutti i quadri della commedia  Il settimo quadro “radura di un bosco” si espande a schermo pieno. Tutti i quadri della commedia  L’ottavo quadro “salone dei banchetti” si espande a schermo pieno. Tutti i quadri della commedia  Il nono quadro “camera bizantina” si espande a schermo pieno.  Decimo quadro “ sala trono della corte bizantina”. Tutti i quadri della commedia L’undicesimo quadro “campagna con sfondo un castello” si espande a schermo pieno. Tutti i quadri della commedia  Il dodicesimo quadro “Ingresso esterno di un castello” si espande a schermo pieno.  Tredicesimo quadro “Cortile di un castello”  Il tredicesimo quadro si restringe per far apparire tutti i quadri. Titoli di coda

Le luci

Pz1 Narratore Pz2 balletto villici Pz1 Narratore Pz3 Aperta campagna giorno Pz4 Accampamento di Brancaleone Pz5 Piazza d’armi duello Pz6 Piazza d’armi Pz7 Appestate canzone Pz8 Appestate  Pz9 Cavalcone  Pz10 Battezzo canzone  Pz11 Radura di bosco  Pz12 Canzone notte d’amore  Pz13 Canzone Viva gli sposi  Pz14 Salone banchetto nuziale  Pz15 Camera bizantina  Pz16 Canzone Bizantinia  Pz17 Sala trono  Pz18 Aperta campagna  Pz19 Ingresso esterno di un castello  Pz20 Canzone Li Saracini  Pz21 Cortile di un castello  Pz22 Canzone Laudemo  Pz23 Ringraziamenti

Primo Tempo

Parte M1

Dopo 10” sipario

Luci in Pz1 (Narratore)

Stop M1

Proiez.1 (con tutti i quadri delle scene che saranno rappresentate.)

All’apertura del sipario il cantastorie è  al centro del fondale.

Parte M2

Canta.

BEL:

Qui habe inizio la longa istoria,

d’un cavaliere sanza macchia,

d’alto blason et poca petecchia,

ch’ancor oggi se n’habe memoria.

Luci in Pz2 (balletto popolani)

I popolani: Brigida, Rachele, Geltrude, Zenobia, Firmino, Pelagio, Zaccaria, Erasmo entrano da sinistra e ballando e cantando.

Coro dei popolani.

POP:

Branca, branca, branca, leon leone !

Luci in Pz1 (Narratore)

Canta.

BEL:

Brancaleone lo volgo l’appella,

famoso pe' l’eroiche sue gesta,

ma ancor più per, sorte funesta,

cader da la brace ne la padella.

Luci in Pz2 (balletto popolani)

Coro dei popolani.

pop:

Branca, branca, branca, leon leone !

Luci in Pz1 (Narratore)

Canta.

BEL:

Figliol bastardo d’una fattoressa,

error in Norcia lo volse nativo,

ma cum lo nome stesso da motivo,

natali gli dié l’urbe Leonessa.

Luci in Pz2 (balletto popolani)

Coro dei popolani.

pop:

Branca, branca, branca, leon leone !

I popolani escono da destra.

Luci in Pz1 (Narratore)

Il narratore con una bacchetta indica il primo quadro.

Proiez2 (Il primo quadro “aperta campagna” si espande a tutto schermo).

Stop M2

Bellavoce esce da destra.

Luci in Pz3

BEL:

Lo quadro primo at vos appresenta,

di villan una turba  puzzolenta,

a far vilissimo mercato intenta,

cum la preda de razzia cruenta.

La scena è senza arredi.

Portando la voce.

GRA:

(F.C.)

Abacucco arresta lo tu pede,

calmete ratto, mettete a sede.

Entra, di corsa da sinistra, Abacucco trascinando un carrettino, si guarda alle spalle, timoroso.

Portando la voce.

mar:

(F.C.)

Or nun più te fuire,

statte nos at sentire.

Entrano, da sinistra, Grassochecola, con un sacco sulle spalle, e Marconzolo.

Implorante, si getta in ginocchio

aba:

Cristianucci, pietate,

per un povero vecchio,

cum lo scarso fiate,

et sanza petecchio !

Rassicurante, fa rialzare Abacucco.

gra:

Sereno vecchio abbi tu stare,

che nun vòlimo farte alcun male.

Da una pacca sulle spalle di Abacucco.

mar:

Semo a te amichi,

come pizza et fichi.

Mostrando un sacco di iuta.

GRA:

Or che ripreso habei lo fiato,

tibi proponemo bono mercato.

Interessato, si avvicina a Grassochecola

aba:

Si trattasi d’affari cara gente,

orsù, parlateme immantinente !

Convincente, aprendo il sacco.

mar:

Tenimo pulcherrima mercanzia,

ch’a pochi petecchioni porti via.

Sulle sue, alzando le mani.

aba:

Ant’ego controllare

et postquam pagare !

Estrae una spada dal sacco e la pone sotto gli occhi di Abacucco.

mar:

Esta spada de cavalier errante,

vale assai pecunia contante !

Scuote la testa, mentre esamina la spada, scontento.

aba:

Ego nun volo beghe,

illa est tutta seghe !

Mette l’elmo nelle mani di Abacucco.

MAR:

Esto elmo cum cresta,

est lo mejo che resta.

Insoddisfatto, mentre esamina l’elmo.

Lo restituisce a Marconzolo

aba:

Nun bono per mercato,

est tutto acciaccato !

Estrae un mantello e lo mostra ad Abacucco.

GRA:

Esto manto de mollissima lana,

pote rivestir formosa villana.

Allargando le braccia, sulle sue.

aba:

Ego poco abere,

et poco at vos dare !

Perplesso, estrae  un rotolo di pergamena.

MAR:

Si baratto a bon fine portamo,

‘sta cartapecora te regalamo !

Impaziente a Marconzolo.

gra:

Che diche lo manoscritto ?

Favella, nun starte zitto !

Restituisce la pergamena a Marconzolo come fosse un tizzone ardente.

aba:

Cristianucci, minchie vostre mo sono,

pe’ voi dua nun c’è nissun perdono !

Preoccupato, rigirando la pergamena tra le mani.

MAR:

Ce palesa la tua agitazione,

che le notizie nun so’ troppo bone !

Ammonendo con l’indice i due.

aba:

De certo nun abete cognoscito,

chi de robba sete alleggerito !

Inquieto.

Indicando a sinistra.

GRA:

None: est per lo vero,

il fusse forastiero.

Alza le spalle, con noncuranza.

Con le mani fa segno di uomo disteso.

gra:

Lo messere lo abemo trovato,

ch’era deggià morto et depassato !

All’orecchio di Abacucco, con disgusto.

MAR:

Lo su corpo fetava de marciume,

sì che lo buttassimo ne lo fiume !

Precisando.

GRA:

Como defecazio fluttuava,

mentre la currente se lo portava !

Fregandosi le mani, tranquillizzato si riprende la pergamena.

aba:

Esta notizia est bella assai:

cristianucci, for site da li guai,

co’ la carta de lo mort’ammazzato,

potìmus fàcere bono mercato !

Impaziente.

mar:

Nun tenecce vieppiù l’alma afflitta,

conta nobis quel che dice la scritta.

Srotolando la pergamena.

aba:

Lo faccio immantinente,

co’ bocca et co’ lo dente !

Soddisfatto, da una pacca sulla spalla di Abacucco.

gra:

Bravo Abacucco amico vero,

leggi at nos lo tutto pe’ l’intero !

Legge con enfasi.

Si interrompe, guardando la carta.

aba:

“Noi Otton de Germania,

valvassor de Pomerania,

conferiam immantinente,

al lator de la presente,

d’Aurocastro podestà,

ne le Puglie ov’essa sta.

Signor esso addiventa,

de tutte possedimenta:

terre, ommini et bestie,

et niun rechi molestie.

Lo novello feudatario,

ante divenir lo proprietario,

su lo santo vangel deve jurare,

de saggiamente bene governare,

et immantinente dee debellare,

lo periglio che vene da lo mare,

co lo vento de la …

Trepidante.

GRA:

De la ? Nun te fermare,

nun far at nos penare !

Mostrando lo strappo.

Passa la pergamena a Marconzolo

aba:

Legger nun poto innante,

uno lembo stà mancante !

Rammaricato, rigirando la pergamena tra le mani.

MAR:

De sicurus nun se semo accorto,

ch’arimase in mano de lo morto !

Allegramente, riprende la pergamena e la mette nel carrettino.

aba:

Fate l’istesso festa lazzaroni,

anco sine illo pezzo vacante,

essa vale mille petecchioni,

venduta at un cavalier errante !

Perplesso.

Gra:

Esta doctrina damme de più gusto:

ma qual est lo cavaliero giusto ?

Colto da un’illuminazione si pone in mezzo ai due.

aba:

Ora che ce penzo un momentino,

ne cognosco un che va a puntino !

Eccitato, con impazienza.

MAR:

Ubi lo potìmo annare,

de subito at cercare ?

Indicando verso sinistra.

aba:

Portassimo nos de corza le terga:

ch’est ne la contrada de Solimberga,

ch’abbi loco uno magno torneo,

et lì trovarem lo cavalier meo !

Avviandosi di fretta a sinistra.

MAR:

Che nos aspettassimo ?

Avviandosi di fretta a sinistra.

GRA:

De corza annassimo!

I tre escono in fila indiana da sinistra.

Buio

Parte M3

Proiez3 (il primo quadro si restringe per far posto a tutti i quadri)

Dopo l’introduzione musicale

Proiez.4 (Il secondo quadro: Accampamento di Brancaleone si espande a tutto schermo).

(il canto di Bellavoce è registrato)

BEL:

Ne lo quadro sicondo s’appresenta,

de l’arme facere le vestimenta.

Lo nostro in torneo se cimenta

versus Reginaldo, dux da Polenta.

La scena è arredata con a destra una tenda da torneo cavalleresco.

Stop M3

Luci in Pz4

Brancaleone è accanto alla tenda.

Portando la voce verso sinistra.

bra:

Targone, malo meo scudiere ...

Celi lo fautolente sedere ?

Targone entra da sinistra portando l’armatura di Brancaleone.

Accorrendo con scarsa lena.

TAR:

Pronto, caro zietto,

son al tuo cospetto !

Risentito, ammonendo con l’indice Targone.

bra:

Auscultame, zotico ignorante,

ego tibi dixit mil volte tante,

d’appellarme durante la concione:

da Leonessa ser Brancaleone!

Gettando lo sguardo attorno.

TAR:

Chi voli che nos sente,

aquine nun est gente !

Tira a se Targone e gli parla all’orecchio con fare circospetto.

bra:

Mil recchia indiscrete,

poton esser ascose,

per spiar le nos cose,

et l’arme me secrete !

Alzando le spalle.

Mostrando la spada.

TAR:

Ma de qual’arme secrete favelli,

tenemo ‘sta spada et du’ coltelli !

Afferra la spada e l’alza al cielo.

Con esagerato orgoglio.

bra:

Innante at mea fedel compagna,

china lo capo, fletti la pedagna:

mille teste rotolar fec’in terre,

in cento tornei et cento guerre !

Accondiscendente, con rassegnazione.

TAR:

Quel che tu ora dighi,

nun fia mai ch’io neghi !

Entrano da sinistra Abacucco, Grassochecola e Marconzolo. Si fermano sulla soglia e ascoltano.

 

Si sfila la tunica per indossare l’armatura mostrando una maglia di lana con vari buchi e rattoppi.

bra:

Or bando at esti inutili motti,

le vestimenta at meco addotti.

At indossar esse pe’ lo torneo,

aitame fido scudiero meo.

Sarcastico, indicando la maglia di Brancaleone.

Tar:

Momento est arrivato,

d’accattar corredo novo,

part’intonze più nun trovo:

illo est tutto bucato !

Picchiando la destra sul petto.

Enfatico

bra:

Bandier vecchia, onor de capitano,

esso sarà lo meo talismano,

per me portare at la vittoria,

et cum essa onori et gloria !

Con remissività, mentre fa indossare l’armatura.

tar:

Caro zio meo cavaliere,

ego nun voli te ancor dolere,

esta fabula at dir non son molte,

auscultata l’habe cento volte !

Ostentando sicurezza, mentre si assesta l’armatura.

bra:

Lo fedel brando meo nun perdona,

esta sarà cotella volta bona !

Con un sospiro. Porgendo la spada

TAR:

Speramo de nun aber contar danni,

come ne l’urbe de Castrogiovanni !

Disgustato, cingendo la spada.

Ricordando con rammarico.

bra:

Nun nomar lo loco malodorante,

nun culpa mea fu, per divo Dante !

Ma de lo mal caballo Aquilante,

che nun volse saber d’ire innante !

Canzonatorio.

TAR:

Ser Manunta de San Pietro

ancor te curre addietro !

Flettendo sulle ginocchia per sgranchirsi, con presunzione.

bra:

Bon p’isso che nun m’habe arrivato,

che manducar terra l’avria mandato !

Brancaleone prosegue ad indossare i capi.

Rivolto agli altri suoi compari, indicando Brancaleone, sottovoce.

Aba:

Lo cavalier ch’arme vestir s’appressa,

est ser Brancaleone da Leonessa !

Perplesso, indicando Brancaleone, sottovoce.

gra:

Si ben esso guatate,

de grande habe sol la povertate !

Precisa con sicurezza, mentre tira fuori la pergamena, sottovoce.

aba:

De esso c’abbisogna:

titolo et vergogna !

Brancaleone ha ultimato la vestizione.

Sempre più dubbioso, sottovoce ad Abacucco.

MAr:

Una sol cosa fateme da dire:

proprio co’ esso dovemo spartire ?

Rivolto ai compagni, sicuro del fatto suo, sottovoce.

Andando verso Brancaleone, ossequioso.

Aba:

Lassate me facére,

lo cucin’a mestiere !

Oh cavalier cortese,

fatti at me palese !

Riconoscendo Abacucco, gli fa segno di avvicinarsi.

Con imbarazzo.

bra:

Abacucco ebreo meo diletto ,

cosa te reca a lo meo cospetto ?

Si lo debituccio vol’incassare,

or ora nun habeo da pagare.

Rassicurante, lo raggiunge.

Indicando gli altri suoi compari.

Aba:

Nun per lo esso vòleo risposta,

nos at te fàcere ricca proposta !

Con magnanimità.

bra:

In esto caso habbi licenzia,

de favellar in mea presenzia !

Mostrando la pergamena, con importanza.

Aba:

Est ne lo pien de lo possesso nostro,

la cartapecora che or te mostro ...

Interviene chiarendo.

Mar:

Un cavalier dono d’essa ce feci,

prima ch’isse a far terra pe’ li ceci.

Continua con enfasi.

Puntualizzando.

gra:

Est brevetto che lo prece Ottone,

(da lo volgo nomato l’arraffone),

che at possessor d’esso conferìa,

de città d’Aurocastro signoria.

Cercando di essere convincente.

Aba:

Lo cavalier che essa appresenta,

sire divien de li possedimenta !

Sognante, magnifica le doti del feudo.

mar:

Cum vigne et tante prospere messi,

bell’armenta et li villani stessi ...

Con l’acquolina in bocca.

gra:

Gran bosco rigoglioso

et lo mare pescoso !

Porgendo la pergamena a Brancaleone

Accennando ad un inchino.

Aba:

Nos  l’offrissimo tutto pe’ l’intero

a te, nobilissimo cavaliero !

Precisa con decisione a Brancaleone, trattenendo la mano di Abacucco.

gra:

A lo patto che tu habei fare,

uno magno sacrale giuramento,

de spàrtere illo possedimento,

cum nos, che lo brevetto at te dare.

Spazientito e sprezzante.

bra:

Fernuto villanotti,

de cianciar vani motti ?

Speranzoso.

mar:

Col dire esti detti,

lo patto tu accetti ?

Interviene con foga, cercando di afferrare la pergamena.

TAR:

Accettamo, accettamo !

Immantinente lo famo !

Con rimprovero a Targone.

Restituendo la pergamena ad Abacucco

bra:

Arresta lo dir, malnato scudiero !

Nos nun vòlimo misero maniero !

Per niente convinto, cerca di riprendere la pergamena.

TAR:

Misero uno paro de minchioni !

Terre, mar pescoso, armenti boni ...

Con ostentata sicurezza, allontanando Targone

Alza la spada al cielo.

bra:

Nun sarà per lo caso,

che pria che lo sol lassi l’occaso,

ego da Leonessa Brancaleone,

ricco farò lo meo guiderdone !

Esprimendo forte dubbio.

gra:

Come portarai a compimento,

‘sto miracoloso accadimento ?

Sicuro, brandendo la spada come in un duello.

Sognante.

bra:

De Solimberga lo baron signore,

giurò, pe’ lo torneo vincitore:

gloria, onori cum pecunia tanta,

et la man de Bice, la su infanta.

Ironicamente dubbioso.

Aba:

Tra dicere et fare,

c’est de mezzo lo mare !

Infastidito, puntando la spada contro Abacucco e facendo poi le corna.

bra:

Taci senil criatura,

nun jettarme la jattura !

Alzando le spalle, poco convinto.

mar:

Auspicar che ben va quest’andazzo,

cunzola lo cor et nun cost’un cazzo !

E1 (lontano rullare di tamburi)

Scansando gli altri con la spada.

Esaltato. Va verso destra seguito da Targone.

bra:

Or toglieteve da li pendajini,

rullare già odo li tamburini,

et ella squilla de la vittoria,

chiamame at l’ora de la gloria!

Brancaleone e Targone escono da destra, i restanti si fanno da parte sul lato destro.

Parte M4

Proiez.5 Terzo quadro(Piazza d’armi)

Luci in Pz5 (Piazza d’armi duello)

Entra Adalberto da sinistra e raggiunge il centro scena

Canta.

ADA:

De Solimberga prence Adalberto,

mo dichiaro lo torneo aperto.

Cavalieri ! Faciteve innante,

pronte l’arme et lo core pugnante !

Porzia, Leda, Ottavia e Biceentrano da sinistra cantando, si mescolano con il gruppo di Abacucco.

Cantano.

tutt:

Accurrite, oh gente, accurrite,

lo sangue sortirà da le ferite,

lo gran torneo est incominciato,

gaudimento est assicurato.

Entra da sinistra Norberto e va al centro, mentre tutti, eccetto Bice, vanno a sedere in prossimità della rivetta, dando le spalle al pubblico.

Canta.

NOR:

Ora tutti facite attenzione:

scender s’appresta in esto agone,

da Leonessa ser Brancaleone,

de cor fermo et nullo guiderdone.

Entra Brancaleone da destra.

Canta.

bra:

Tremate, villici, tutti tremate !

Innante a lo meo dur cospetto,

nelle brache la lordura vos fate,

mille teste furon da me mozzate.

Cantano.

tutt:

Lo gran torneo est incominciato,

gaudimento est assicurato.

Canta.

NOR:

Mirate che ne l’arena s’avanza,

terribile ne la sua possanza,

di rudi modi et malacreanza,

da Polenta gran signore de panza.

Entra Reginaldo da sinistra

Canta.

reg:

Colui che contra me l’arm’impugna,

in solinga tenzon o ne la pugna,

de lo porco simile a l’assugna,

de ben sicuro lo muso se sgrugna.

Cantano.

tutt:

Lo gran torneo est incominciato,

gaudimento est assicurato.

Canta.

bic:

Cavalieri site alfin pronti ?

Uno de vos, pria che sol tramonti

retro le cime de li nostri monti,

lo meo sposo sarà tra li conti.

Canta.

bra:

Fatte innanzi vile ser padano,

nun volgere meco lo deretano:

pria che su l’arme tu ponga mano,

farotti nova voce da soprano !

Canta.

reg:

Fatti et non di bagascia favelle,

oh miserabil cavalier imbelle,

poscia che staccatoti le mammelle,

ippiccherotti co’ le tu budelle.

Brancaleone, incalzato da Reginaldo fugge da destra, seguito da Reginaldo.

Cantano.

tutt:

Lo gran torneo est incominciato,

gaudimento est assicurato.

Si alza e canta.

led:

Gente de Solimberga, mo ridite.

Le combattimenta sono finite !

Ser Brancaleone fuit scornato,

la terra bocconi habe magnato !

Cantano.

tutt:

Lo grande torneo est terminato,

gaudimento fuit at nos dato.

Stop M4

Luci in Pz6 (piazza d’armi)

Brancaleone, trascinato da Reginaldo e Norberto, entra da destra e cade come un cencio al centro del palco.

Le nobildonne, Reginaldo e Norberto, defluiscono rapidamente da destra e da sinistra.

 Restano: Brancaleone Abacucco, Grassochecola, Targone e Marconzolo.

Rassegnato, va vicino a Brancaleone.

TAR:

Come est lo vero che lo sol nasce,

pur’esta volta finì at bagasce !

Lamentoso.

Alzando la testa, interessato.

bra:

Ah, mea sorte prava !

Lo feudo do’ stava?

Inginocchiandosi presso Brancaleone, sbrigativo.

aba:

Stante lo risulto de la tenzone,

lo patto portamo a conclusione ?

Alzandosi a fatica, ritrovando l’orgoglio.

bra:

Si, at una condizio primiera:

fia ego lo dux et vos mea schiera !

Con foga, a faccia a faccia con Brancaleone.

GRA:

Ma qual duce de lo meo stivale:

tra de nos semo tutti tale et quale !

Respinge Grassochecola, con disgusto.

Indicando i villici.

bra:

Taci bifolco maleodorante,

da esto momento et per l’innante,

vos cinque site l’armata indefessa,

de ser Brancaleone da Leonessa !

Intervenendo, ironico.

Puntualizza.

mar:

Duce, contar nun est lo tuo forte,

semo sol quattro at formar la corte !

Condiscendente.

Puntando la spada contro i villici.

Accalorandosi man mano.

bra:

Et puranco de quattro essa sia,

io farò de vos, oh gente mia,  

una invitta di arme legione,

che sia, ne l’ora de la tenzone,

vulpe et bove, veltro et lione,

aspide et cinghiale, gallo et ...

Sarcastico, con impazienza.

tar:

Se mo nomamo bestie et cani,

stessimo qui ‘nzino at dimani !

Prosegue con crescente infervoramento.

Passandoli in rassegna ad uno ad uno.

bra:

Rimembrate, gente poco amata,

che de ser Brancaleone l’armata,

nun teme né l’acqua né lo foco,

né la piova, né lo vento arroco.

Sippuro lo furmine v’incendiasse,

la marcia de vos nun se arrestasse.

Pur anco che...

Preoccupato, interrompe, alzando la destra.

GRA:

Duce, chiedo perdonanza,

nun te pare già abbastanza?

Conclusivo, simulando un combattimento con la spada.

bra:

Or, auscultate quel che vobis dico:

nun temete l’arme de lo nemico,

che torvo, bieco et anco meschino,

ponessesi ante at vos cammino.

Sottilmente ironico, alzando la destra.

mar:

Scusa un dubbio mio,

se se pone addrio ?

Solenne, fingendo di non aver inteso.

Indicando la schiera.

bra:

Est giugnuto lo grande momento,

de far uno sulenne juramento,

su lo sacro vessillo bianco nero,

de Brancaleone gran cavaliero !

Guardandosi attorno, perplesso.

GRA:

Desculpame per la mea cecità,

esto vessillo tuo ubi istà ?

Con comando.

bra:

Targon, sanza ritegna:

a lo vento l’insegna !

Targone alza una canna con uno sdrucito drappo nero e bianco.

Derisorio, indicando il vessillo.

GRA:

Pe' lo santissimo grande Pestillo,

esto cencio saria lo vessillo ?

Tenendo la spada dritta innanzi a se, spazientito.

bra:

Ve el dico co lle bone,

jurate sine o none ?

Remissivi. Alzano con poca convinzione la mano destra.

Tutt:

Juramus, Juramus,

Rinfoderando la spada, determinato.

bra:

Allor, cum pede mastro,

imo at Aurocastro:

lo lungo nostro ire,

vedrà a lo finire:

sudor, lacrime, sanguine, fatiche,

altro vos nun ve diche !

Timidamente a Brancaleone, con preoccupazione.

mar:

Se at obbedir ego fussi pronto,

se potaria aber uno sconto?

Brancaleone con passo marziale si avvia verso destra.

bra:

Innante prodi, at destinazione

Branca, Branca, Branca, leon leone !

Brancaleone arriva quasi all’uscita destra.

A Brancaleone, perplesso.

mar:

Duce, ma dove innando tu vai,

p’Aurocastro strada sbajanno stai !

Ritornando su i suoi passi.

Cercando di recuperare.

bra:

So ben qual’est la giusta direzione,

testare volli vostra orientazione !

Brancaleone si avvia a sinistra e va a urtare Teofilatto che entra da sinistra.

Scostando bruscamente Brancaleone.

teo:

Abbada ove tu poni lo pede,

villano, zotico e sanza fede.

A faccia a faccia con Teofilatto, aggressivo.

bra:

Com’osi appellarme in cotal modo ?

Mantinente te faccio colabrodo !

Spingendolo via con l’indice destro, con arroganza.

teo:

Insegnarte deggìo le maniere,

de come se tratta un cavaliere ?

Con fierezza,batte la mano sulla spada.

Indicando l’armata.

bra:

Cavaliere sono ego puranco,

la spada cinge lo meo fianco,

perfido, ignobil venturiere,

che nun te vidi le mee schiere ?

Irridente.

Indicando i villici.

teo:

Poti contare esto solo at fessi !

Schiere ? Tre villan molto malmessi !

Spazientito, contando i colleghi.

mar:

Nun calamo, nun crescemo,

sempre et sol quattro semo !

Erigendosi nella persona con orgoglio.

Con il gesto della mano.

bra:

Lo quale l’ommini mea dileggia,

lo me medesimo allor sbeffeggia:

fatte de lato et a la impressa,

de Brancaleone da Leonessa !

Con un irriverente inchino

A faccia a faccia con Brancaleone.

teo:

Teofilatto, conte di Caniglia,

da nobile bizantina famiglia,

scesa da Giustinian imperatore.

De soglio pontificio monsignore,

rampollo d’alto rango.

Te vido et piango !

Offeso.

Puntando l’indice contro Teofilatto

bra:

Co’ lo sanguine se lava l’offesa !

Quale arme scegli per la contesa ?

Cercando di colpire con la mazza Brancaleone, che schiva e cade a terra.

teo:

Per dar comincio a la tua festa,

beccate esta mazza su la testa !

Cercando di rialzarsi, con acrimonia.

bra:

Vile rampollo de stirpe corrotta,

sii tu magno figlio de mignotta,

che osi colpir l’avverso inerme,

sanza che impugnato habe l’arme ?

Avventandosi contro Brancaleone con la scure.

teo:

Ciancia, ciancia pure,

saggia lo fil de la scure !

Frapponendosi fra i due

ABA:

Cristianucci, at altro nun pensate,

che a davve botte et gran mazzate ?

Indicando Teofilatto poi si avvia a destra.

GRA :

Lassamio perde esto impiastro,

annemo de corza at Aurocastro  ...

Avventandosi su Grassochecola, con veemenza.

bra:

Taci, persona stulta,

lo nemico t’asculta !

Curioso, intromettendosi.

teo:

Cagnoscere anco at me facite,

at Aurocastro per lo che ce ite ?

Sbrigativo rivolto a Teofilatto

bra:

Bizantino, noli me appenare

est cosa, che te nun riguardare !

Spazzolandosi gli abiti e recuperando le armi.

Ragiona ad alta voce.

teo:

Uno pensiero m’assovviene,

allor che at vos tutti isse bene:

siccome che da la istrada vostra,

la magione mea poco discosta,

se potaria mettere in atto,

uno assai vantaggioso patto.

Interessatissimo, si avvicina a Teofilatto

ABA:

Uccio, uccio, uccio,

sento odor d’affaruccio !

Dicce su, a l’impressa,

‘sta cosa c’interessa !

Tutti meno Brancaleone si avvicinano a Teofilatto che squadra con disapprovazione i villici.

Accattivante.

teo:

La mea est famiglia ricca assai,

vos m’apparite ricchi de guai.

Si me fate vostro prigioniero,

imo assieme a lo meo maniero,

vos potite chieder, seduta stante,

pe’ lo riscatto, moneta sonante.

Et quand’abuti li soldi novelli,

li spartissimo da boni fratelli.

Entusiasta.

Rivolto agli altri.

Tar:

Idea gaudiosa me parme,

frati, all’impresta, approntiam l’arme !

Risoluto.

Rivolto agli altri.

mar:

Pe’ le corna de Belzebù,

nun ce stamo a penzar su !

Lapidario.

Rivolto agli altri.

Aba:

Pe’ rinunciar a li petecchioni,

saressimo fessi et cojoni !

Interviene con estrema decisione, allontanando la schiera da Teofilatto.

bra:

Tacitateve, vile accozzaglia !

La meta nostra est ne le Puglia,

anzi lo che de pietire de facto,

miserevol et spregevol riscatto !

Stringendosi nelle spalle.

Raccattando la sua roba.

teo:

Fai un po’ come più a te aggrada,

lo quasi fo cum vos un po’ de strada !

Avviandosi verso destra, seguito malvolentieri dagli altri.

bra:

Nun volgete attenzione,

a lo bizantin fellone.

Inneggiate me cum divozione:

Branca, branca, branca, leon , leone !

Tutti escono da destra.

Buio

La scena è liberata dalla tenda.

Dopo 10” Parte M5

Proiez.6 (il terzo quadro si restringe per far posto tutti i quadri)

Dopo l’introduzione

Proiez.7 (Il quarto quadro “salone di un castello” si espande a tutto schermo).

(il canto di Bellavoce è registrato)

BEL:

La schiera de lo duce de Leonessa,

in marcia silente si è rimessa,

anelando la dovizia promessa,

un terribil periglio lor s’appressa.

Stop M5

Luci in Pz7

Parte M6 (appestate)

Ortensia, Petunia, Rosa e Viola entrano da sinistra cantano e ballano

Cantano.

App:

Godiamo et pecchiamo,

cuccurucù, cuccurucù !

lo presente viviamo,

che diman nun sarem più !

Canta.

Ort:

Oh sore mee ne la gran sventura,

colpite da lo malo morbo nero,

che d’ognuna de nos farà cattura,

et condurracce a lo cimitero.

Canta.

Pet:

L’ommini iti a lo Creatore,

lo Signore l’abbesse in gloria !

At nos nun restano che poche ore,

da gaudere appien et far baldoria !

Viola si affaccia all’uscita destra.

Canta.

ros:

Ahi me misera, la mala parca,

a recider lo fil meo s’appresta,

ante de salir de Caron la barca,

un cavalier facisseme la festa !

Viola rientra.

Canta.

vio:

Una torma d’ommini si avanza,

con passo fiero in esta contrada,

andiamo orsù cum passo de danza,

a fare co’ essi quel che c’aggrada.

Cantano.

App:

Godiamo, et pecchiamo,

cuccurucù, cuccurucù !

Petunia, Ortensia, Viola e Rosa escono correndo da sinistra.

Stop M6 (Appestate)

Proiez.8 (Campagna con sullo sfondo un borgo).

Luci in Pz8

Da destra entra Brancaleone seguito dai suoi e più indietro Teofilatto.

Indicando lo sfondo, curioso.

mar:

Quale cittàde pote esser questa,

che innante s’appresta ?

Palesando incertezza.

bra:

Sicuro est Poli, ot Selinente,

ot Vignanello est, oppuramente ...

Intervenendo con sarcasmo.

Indica lo sfondo.

teo:

D’ignoranza lo cranio tuo nutri,

est la contrada de Bassan de Sutri.

Con livore.

bra:

Silente, o cavalier malnato,

niuno habbe tibi interpellato !

Fuori campo il coro delle appestate canta a cappella.

App:

(F.C.)

Godiamo, et pecchiamo,

cuccurucù, cuccurucù !

Prende Brancaleone per un braccio.

gra:

Me cojesse furmine,

son voci de femmine !

Marconzolo correndo esce da sinistra.

Interessato, tende l’orecchio.

bra:

Anco at me pare haber sentuto,

de puelle uno canto ripetuto !

Marconzolo rientra da sinistra.

Eccitato.

mar :

Quattro nobil donzelle,

giovani son et belle,

cum passo lieve et assai lesto,

s’appropinquan in ‘sto loco foresto !

Pregustando il dopo, agli altri.

bra:

L’ugelli affilate,

le braghe giù calate,

che goduriosa gara,

per nos tutti s’appara!

Andando verso destra, preoccupato.

teo:

At me nun me contate,

cum vostre convitate,

ego nun desio pagar gabella,

v’attando at bivio pe’ Civitella !

Ferma con il braccio Teofilatto.

Faccia a faccia con Teofilatto.

Con disgusto.

bra:

Ora nun più tu habei difesa,

che a lo fine bene s’appalesa,

la vera tua natura romita:

sei laidissimo sodomita !

Si divincola e va deciso verso destra.

Sulla soglia di destra, sbrigativo.

teo:

Pensa come t’aggrada,

ma vo pe’ altra strada.

In esto loco maleodorante,  

nun ce resto uno solo istante !

Teofilatto esce da destra.

Da sinistra entrano Petunia Ortensia, Viola e Rosa.

Avvicinandosi a Brancaleone, con atteggiamento maliardo.

ort:

Straniero com’appellarte deggìò,

che t’avventuri ne lo loco mio,

cum ardimentosa baldanza,

et sanza veruna trepidanza ?

Fa un grande inchino, Baciando la mano di Ortensia.

 Poi indica il suo gruppo.

A mo di banditore.

bra:

Sum da Leonessa Brancaleone,

cavalier d’arme et alto blasone.

Esta est  mea invitta legione:

ommini de forte costituzione.

Guardando la schiera, compiaciuta.

ORT:

Se parer dar dovessi,

m’apparite ben messi !

Inchinandosi di nuovo.

bra:

Et ego cum chi habeo l’onore,

de favellare cum cotal fervore ?

Con un piccolo inchino del capo,

 Poi indica le sorelle.

ort:

Ortensia Tornabuoni del Piano,

signora de Sutri et de Bassano.

Codeste tre amabili donzelle,

son le mee de sanguine sorelle !

Fa un passo avanti e un piccolo inchino con la testa.

pet:

Abemo tutte d’un fiore lo nome:

sum Petunia da le fulve chiome !

Fa un passo avanti e un piccolo inchino con la testa.

vio:

Nomarme ve cunsola,

come tremul Viola.

Fa un passo avanti e un piccolo inchino con la testa.

Ros:

Sum quella ove ogn’ape se posa:

ego sono la vellutata Rosa.

Galante, inchinandosi alle donne.

bra:

Laudamo lo nostro bon destino,

che recaci ne l’olente giardino !

Curioso ed interessato.

mar:

Fia detto sanza alcun inganno:

l’ommini vostra in dove istanno ?

Drammatica, con un gesto della mano.

pet:

Gioveni et aviti,

essi sono tutti iti !

Indica le donne, pregustando l’occasione.

Tar:

Per lo cui, leggiadre aiole,

voi saressivo per lo vero sole ?

Rammaricata, con fare civettuolo.

Ros:

Come tu habei assai ben colto,

sole et sanza virile conforto !

Con disappunto, con fare allettante.

pet:

Ce ammanca de l’omo lo calore,

freddo et tristo tenimo lo core !

Rincarando, con fare provocante.

A Targone, con smaccata malizia, mangiandolo con gli occhi.

vio:

Lacrimiam pe’ nostra ria sventura,

niuno de nos più habbe la cura !

Se tu, bel giovin così gagliardo,

mostrarme volissi lo tuo dardo,

coccolerollo cum gran divozione:

d’amor ascultar je fo la canzone.

Con vanteria, afferra per mano Viola e la porta verso destra.

tar:

Dirte de no davver nun potarei,

per la vita godrai li baci mei !

Tra se, dolente, seguendo Targone.

vio:

Per quello che ce resta,

gaudemose la festa !

Targone e Viola escono da destra

Facendo scorrere le mani lungo il suo corpo.

A Marconzolo, con sensualità.

ros:

Lo sai bel guerrier aitante:

la pelle mea est aulezzante,

come lo nome che ego me porto.

Voli accarezzarla cum trasporto ?

Eccitato, afferra per mano Rosa e vanno verso destra.

mar:

Nun solo de carezze colmerotti,

ma ogni lembo d’essa leccherotti !

Marconzolo e Rosa escono da destra

Tastando i bicipiti di Grassochecola, con lussuria.

Pet:

Se la miccia tua est galiarda,

come tuo sembiante da spingarda,

allor saprai attizzar lo foco,

che m’abbrucia ne lo sigreto loco ?

Sicuro, prende per mano Petunia e vanno verso destra.

GRA :

Cum il solo aprir de la bottega,

arderai come pira de strega !

Grassochecola e Petunia escono da destra

Guardandosi attorno, dispiaciuto.

Aba:

La spartazio est fatta,

et me chi me s’accatta ?

 Paterno, cercando di consolarlo.

bra:

Sei troppo vecchietto,

pe esto giuchetto !

Offrendo un grappolo a Abacucco.

Fatalista.

Ort:

Esto d’uva grappolo or manduca,

sì che lo tuo penar se riduca.

Colto l’abemo co’ le nostre mani,

che dopo l’oggi nun sarà dimani !

Rassegnato, prende il grappolo e si avvia a destra.

aba:

Fattome fora da lo giucarello,

cunzulerommi co’ lo pizzutello !

Abacucco esce da destra

Avvicinandosi a Ortensia, con sensuale baldanza.

Bra:

A lo fine soli mea divina !

Orbene fatti at me più vicina !

Accarezzando Brancaleone sul volto.

Si allontana fissando Brancaleone.

ort:

Tu ripeti con me orsù,

Cuccurucù, cuccurucù !

Va vicino ad Ortensia, perplesso.

bra:

Nel veder nun resisto più,

Cuccurucù, cuccurucù !

Con voce carica di lussuria.

Inizia a slacciarsi il mantello.

ort:

Gaudiamo et pecchiamo !

Pecchiamo et gaudiamo !

Eccitato, ripete, mentre si slaccia la camicia.

bra:

Pecchiamo et gaudiamo !

Gaudiamo et pecchiamo !

Facendo cadere a terra il mantello, drammatica.

ort:

La vita est come una candela,

viverla at longo ognun anela,

abbasta de lo vento uno soffio

per destutarla, post un epitaffio !

Facendo le corna, sorpreso e allarmato.

bra:

Per le sante divote,

più tardi che se pote !

Inizia a slacciarsi la veste, con voce carica di sessualità.

ort:

Dammiti et prendimi !

Prendimi et dammiti !

Fiat oggi o mai più !

Cuccurucù, cuccurucù !

Con frenesia si sostituisce nello slacciare la veste di Ortensia.

bra:

Dammiti et prendimi !

Prendimi et dammiti !

Gauder farotti de più !

Cuccurucù, cuccurucù !

Tendendo le braccia a Brancaleone, trasudando desiderio sfrenato.

Con un brivido di terrore.

ort:

Cavalier famme, ne le tue braccia,

assaporar l’amore goccia at goccia,

così da sprofondarme ne l’oblio,

et nun sentir lo funesto struscìo,

de la veste de la nigra arpia,

allorquando vien pe’ portarme via !

Non capendo il significato cinge la vita di Ortensia, con ardore.

bra:

Allora nos facimo comunella,

pria de lo giugnimento de ella !

Prende Brancaleone per mano lo trascina verso destra, tragica.

ort:

Quando essa adverrà,

ambeduo condurrà,

cum gran strazio et doglia,

a valicare la final soglia !

Perplesso fermandosi.

Indicando a terra.

bra:

Per la qual mai cagione,

ir dovemo a la magione ?

Qui est bona paglia,

per d’amor la battaja !

Con orrore.

Indica a terra, con un sospiro e tono funesto.

ort:

None, lì nun potaria giammai !

In ello loco ieri lacrimai,

pe’ lo sventurato meo consorte,

ne lo momento scuro de la morte.

Consolatorio.

Facendosi la Croce.

Abbracciandola con trasporto.

bra:

Pe’ lo sposo tuo più nun t’angusti,

ch’esso stà nella pace de li giusti.

Al fin che lo dolor per te se taccia,

cingerte vo’ tra le mee braccia !

Stringendo Brancaleone a se.

ort:

Prendimi et dammiti.

Dammiti et prendimi !

Prendendola in braccio, osserva con compiacimento.  

bra:

La pelle tua ne lo joco,

abbrucia come lo foco !

Con voce roca.

Con mesta rassegnazione.

ort:

Est lo calor de febbre che m’avvampa,

cotella da cui niun se scampa !

Infoiato.

bra:

Comprendo l’allusione,

est febbre de passione !

Con tono tragico.

ort:

None, est lo nigro morbo fatale:

che per l’ommini est semper mortale !

Stizzito.

bra:

Taci ! De lo morbo nun favellare.

Nomarlo l’augello me fa calare !

Con fatalità.

ort:

At fare nos le feste,

fu la terribil peste !

Lascia cadere di colpo Ortensia, urla.

Correndo verso l’uscita destra.

Affacciandosi all’uscita.

bra:

Aaaaah !

Lassate le femmin’avvelenite!

Ommini lesti at me accurrite!

Da terra si trascina verso Brancaleone e gli afferra le braghe, con bramosia.

ort:

Da me nun fuggire orsù !

Cuccurucù, cuccurucù !

Strappando le braghe dalle mani di Ortensia, la spinge brutalmente verso sinistra, con tono atterrito.

bra:

Ma qual cuccurucù de lo pistillo,

appestato m’hai co’ lo bacillo !

Mentre va verso sinistra incalzata da Brancaleone continua a tentarlo.

ort:

Dammiti et prendimi !

Prendimi et dammiti !

Con repulsione.

BRA:

Mala femmina malvagia et ria,

statte longi da me et pussa via !

Ortensia esce da sinistra, da destra entra Abacucco.

Perplesso, mostrando il grappolo poco piluccato.

Aba:

Duce per lo ché me chiedi aita,

che ancor l’uva nun habeo finita ?

Da destra entra Marconzolo, reggendosi le braghe.

Irritato con Brancaleone

Mar:

Le grida tue lo me fermorono,

de lo più bello me privorono !

Da destra entra Grassochecola, reggendosi anche lui le braghe.

Risentito con Brancaleone

gra:

Anch’a me arrestasti lo momento,

de lo meo più magno godimento!

Da destra entra Targone, reggendosi anche lui le braghe.

Non capendo la ragione della chiamata di Brancaleone.

tar:

Per lo che fecisti lamentazio ?

Palesace la ragion de lo strazio !

Terrorizzato, si getta in ginocchio.

Indicando a sinistra, con risentimento

bra:

Da gran contagio semo posseduti,

li giorni nostra sont ormai fernuti !

Le rie donzelle sanza perdono,

de lo nigro morbo ce fecer dono!

Cadendo in ginocchio, piangente.

GRA :

In cotale guaio semo cascati,

simo tutti morbati !

Cadendo in ginocchio, lamentoso

mar:

Ahi nos, misere, povere genti,

dannati a morir tra li tormenti !

Grattandosi la testa, in preda allo sconforto.

Aba:

Uno grappolo d’uva manducai,

et ora m’aritrovo ne li guai !

Battendosi il petto con grande violenza.

tar :

Mea culpa, mea culpa,

mea grandissima culpa !

Entra Teofilatto da destra.

Guardandosi attorno, con ironia.

teo:

Cosa son este grida et ‘sti pianti ?

Lassato v’habeno le vostr’amanti ?

Brancaleone si alza e si gira di scatto verso Teofilatto.

Puntando l’indice contro Teofilatto gli va sotto, con veemenza.

BRA:

Tu, spregevole più de coniglio,

tu ben cagnuscevi lo periglio

che celavasi intra le sottane,

di cotelle femmine gran puttane !

Sicuro del fatto suo.

TEO:

Si puro così fusse,

non ego ve condusse !

Con rancore, bellicoso.

bra:

Tu te fingesti omo recchiuto,

per evitar d’essere nociuto !

Stringendosi nelle spalle, laconico.

TEO:

In tal guisa at me nun feci torto,

est meglio parer finocchio che morto !

Si gira verso gli altri che si alzano.

Indicando Teofilatto

bra:

Gente at me venite,

lo mal’omo punite!

Su sputazzellatelo,

post biascicatelo,

date con un bacio,

lo mismo contagio !

Fa per scappare, terrorizzato.

TEO:

Per pietade aita !

Salvateme la vita !

Inseguendolo seguito dagli altri.

tar:

Nun fuir vil fellone,

da giusta punizione!

Teofilatto è bloccato dalla schiera.

Buttandolo a terra, con livore.

GRA :

Giuda iscariotto,

dotti un succhiotto!

Serrandogli le mani, con acredine.

aba:

Su lo muso t’ho data,

‘na bella slinguazzata !

Sputandogli addosso, disgustato.

mar:

Per la tu marachella,

prendi ‘sta sputazzella !

Soddisfatto, si frappone tra i villici e Teofilatto.

bra:

Ponete fin a l’escrementizio,

or est ne la misma nos condizio !

Rialzandosi adirato, punta l’indice contro Brancaleone.

TEO:

Maledetto fia quello momento,

de lo tuo nefando nascimento !

Ponendosi in ginocchio, imitato dagli altri.

bra:

Flectamus genua fratel dannati,

perdono chiedemo pe’ li peccati !

E2 (Campanaccio)

Cantano i penitenti a cappella

Peni:

(F.C.)

Lungo il cammin, grande est la meta,

tutti assiem seguiam lo profeta !

Rialzandosi imitato dagli altri, incuriosito.

GRA :

Chi mai saria quel maledetto,

che s’appara in ‘sto loco infetto?

Entrano da destra: Zenone, Ribaldo, Eligio, Lucrezia e Virginia.

Brancaleone si precipita a fermarli.

Categorico.

Ponendosi innanzi al gruppo di Zenone con rassegnata drammaticità.

bra:

Cristiani nun ponete qui lo pede,

si nun volite diventare prede,

de l’istessa nostra nefasta sorte,

et cagnoscer presto madonna morte !

Spaventato, rivolto a Brancaleone.

ELI:

Amico palesame la cagione,

de l’infausta tua predizione?

Curioso, avvicinandosi al gruppo di Brancaleone.

Rib:

Quale mai sciagura,

fece at vos iattura?

Tragico, facendogli segno di allontanarsi.

tar:

Nos tenimo la peste ne le vene,

starve ben discosti ve conviene !

Terrorizzata si fa la Croce.

LUC:

Santa Virgo de lo Carmelo,

scampace da lo morbo nero !

Costernata si fa la Croce.

vir:

Sant’Alfonso de Granada,

pjiassimo un’altra strada !

Andando di corsa verso sinistra, irruente.

eli:

De corza cara gente,

fuimo mantinente !

Bloccando i penitenti.

Risoluto.

Puntando l’indice verso Brancaleone.

Con un cenno di mano.

Allargando le braccia, con trasporto

zen:

Fermi ! Niun se mova !

Fuir at vos nun giova !

Cavalier errante,

meco, fatte innante !

Abbracciame, prezioso fratello !

Zenone afferra Brancaleone e lo bacia a lungo sulla bocca.

Sconcertato, indicando Zenone.

mar:

At esto s’ jocato lo cervello !

Sciogliendosi dall’abbraccio.

zen:

Ommini fortunati !

Guardandosi attorno, confuso.

gra:

Ma simo appestati !?

Alzando le braccia al cielo, con evidente letizia.

Indica i penitenti del suo gruppo.

Indicando con il bastone a sinistra.

Con impeto.

Accalorandosi

zen:

State cum animo contento,

ch’ego ve reco salvamento !

Ve promitto la salvazio,

da la morte et da lo strazio,

se nos ve coniungite,

et retro me venite.

Chi at seguitazio mea verrà,

lo negro morbo nun lo tangerà !

Pijate l’arme et co’ justo core,

lo sepulcro santo de lo Signore,

imo liberar da lo saracino,

et lo premio sarà per vos vicino !

Con convinzione rivolto alla schiera indica i compagni penitenti.

Rib:

Anco at nos lo monaco Zenone,

fece la istessa promissione !

Incuriosito a Ribaldo, additando il masso che reca sulle spalle.

bra:

Su le spalle per la qual cagione,

rechi tu cotanto magno sassone ?

Con fare contrito.

Indicando Eligio.

Rib:

Est la penitenzia che m’è toccato,

per abere grandemente peccato,

contra lo fratel che me sta accanto,

che ancora me sciojo ne lo pianto.

Mostrando il moncherino, con rassegnata fatalità.

ELI:

Esso la mea man fecem’a fetta,

co’ un possente colpo de accetta !

Senza malanimo.

Rib:

Lo colsi su lo fatto de giacere,

co’ mogliera mea at godere.

Con devozione, si segna.

Esprimendo convinzione.

ELI:

Lo castissimo et puro Zenone,

mondi ce farà da lo nos peccato,

s’issimo co’ lui in divozione

at liberar lo Santo sotterrato !

Con convinzione a Brancaleone.

rib:

Sarai anco tu mondo !

Se monderai lo mondo !

Con veemenza.

Esortando Brancaleone ed i suoi.

Profondamente convinto.

zen:

Da ogni malefizio guarirà,

chi meco in terra santa verrà !

Orsù, novi soldati de la fede,

movete cum nobis lo vostro pede,

et site in gaudente schiera,

de lo Salvatore la bandiera !

Bando at inutil, vane parole:

Deos il voluit, Dio lo vole !

Facendosi la Croce, con certezza.

luc:

Chiaro come lo sole:

Deus il voluit, Dio lo vole !

Rivolto a Brancaleone e ai suoi

zen:

Cosa attandete at formar gagliarda,

et’entusiasta fila longobarda ?

Incitando i nuovi compagni.

vir:

Che nos aspettassimo ?

Tutt’assieme issimo !

Rivolto ai penitenti, con le palme in alto.

Zen:

Cantate fratelli, orsù cantate,

le voci a lo celo spiegate !

I penitenti preceduti da Zenone escono da sinistra cantando.

Cantano a cappella.

Peni:

Lungo il cammin, grande est la meta,

tutti assiem seguiam lo profeta !

Rivolto agli altri.

Convinto.

teo:

Abete sentuto lo fratacchione ?

Cum isso habemus la salvazione !

Raccogliendo l’esortazione, rincara la dose.

tar:

Mondi tutti saremo,

si mondo mondaremo !

Decidendosi, con esaltazione.

mar:

Imo at seguir lo monaco santo !

Con foga.

BRa:

Deus vulpe, damo vox a lo canto !

Cantano a cappella.

tutt:

Lungo il cammin, grande est la meta,

tutti assiem seguiam lo profeta !

Tutti escono da sinistra.

Buio

Parte M7

Proiez.9 (il quinto quadro si restringe per far posto tutti i quadri)

Dopo l’introduzione

Proiez.10 (Il sesto quadro “cavalcone” si espande a tutto schermo).

(il canto di Bellavoce è registrato)

BEL:

Co’ li crociati se fe unione,

guidati da lo monaco Zenone,

raggiunto habeno un cavalcone,

con abbasso un orrido burrone.

Stop M7

Luci in Pz9

Entra Zenone da sinistra seguito dagli altri penitenti.

Alzando la mano destra, ammonisce gli altri esprimendo grande convinzione.

zen:

Fratelli, nun arrestate lo passo,

et nun guatate giammai dabbasso,

transeate in fila longobarda

che lo Signore ce salvaguarda !

Perplesso guardando il fondale.

rib:

Nun annemo at cercar li guai,

lo sprofonno est fonno assai !

Esitante e preoccupato.

LUC:

Guatandolo un poco più dappresso,

lo cavalcon par assai malmesso !

Insicuro. Indicando il fondale

gra:

Lo cordame est tutto sfilacciato !

Indicando il fondale, non convinto.

mar:

Et l’asse da li tarli manducato !

Spazientito. Rimproverando i penitenti.

Con gran fiducia.

Mettendosi la destra sul petto, rassicurante.

zen:

Deo nun vole che se parli,

de sfilaccitudo, de tarli !

La Sua stessa santa mano,

lo periglio tiene lontano !

Ego questo vedo, questo ve juro,

che lo ponte est ben sicuro !

Ancora dubbioso.

aba:

At me tanto sicuro nun appare,

ello cavalcone attraversare !

Additando Abacucco, risentito.

zen:

Tu senil vecchierello,

osi, Tommaso novello,

fare dubitazione,

de la premonizione ?

Intervenendo fra i due, conciliante.

BRa:

Lo fatto est che messer Zeffirino,

uso sempre at ragionar fino,

est un omo judeo !

Urlo straziante.

Prendendosi il viso tra le mani, tragico

zen:

Ahaaa ! Deo, Deo, Deo !

Impuro, non credente !

Minacciosa, indicando Abacucco.

vir:

Lo culpi ‘n accidente !

Inorridito. Puntando l’indice contro Abacucco

zen:

Est de la schiatta de lo popol tristo,

che vo’ Barabba a posto de Cristo !

Facendosi la Croce, terrorizzata si discosta da Abacucco.

LUC:

Jesus scampi, ce liberi da esso,

femo che nun ce venisse appresso !

Cercando di giustificarsi.

aba:

In illo tempo nun ebbi vissuto,

pur fusse, gnente visto, né sentuto!

Prende le mani di Abacucco e le mostra agli altri, con disgusto.

Con foga mistica.

Urlando, fermamente deciso.

zen:

Le sue man balorde,

ancor son esse lorde,

de lo santo lucrore,

de nostro Redentore !

Ora fia mondato,

de lo grande peccato !

Sanza por tempo in mezzo,

al battezzo, al battezzo !

Con rapimento mistico.

vir:

Battezzamo, battezzamo,

lo vecchiaccio lo mondamo !

Prendendo Targone per un braccio, lo spinge verso destra con premura.

zen:

Curre sollecito a lo torrente,

colma de acqua uno recipiente !

Targone esce da destra di corsa.

Gettandosi in ginocchio, implorante.

Rabbrividendo al pensiero.

aba:

Pietade pe’ uno poro vecchio !

Nun me ficcate in de lo secchio !

Ego nun me son giammai lavato,

da cotello giorno che sono nato !

Zittendo Abacucco con un gesto.

Solenne, con certezza.

Mostrando dolore.

zen:

Taci giudeo senile,

nun mostrarte così vile.

Lo sacro lavar purificheratti,

da l’antichi tua grandi misfatti,

de aber messo, cum modo feroce,

lo figliol de Dio in su la croce !

Cercando di essere convincente, si mette la destra sul cuore.

aba:

Si fusse stato pe’ me v’assicuro:

Barabba avisse messo al muro !

Targone rientra da destra con un secchio pieno d’acqua

Porgendo il secchio a Zenone

tar:

Eccote lo secchio contenente

acqua purissima de lo torrente !

Esortando i suoi discepoli.

zen:

A lo peccato esto vecchio more,

alzamo l’inno a lo Creatore !

Parte M8 (battezzo)

Luci in Pz10

Cantando fanno la coreografia del battesimo

Tutt:

Battezzamo, battezzamo,

una pecora aggiugnamo.

Recitativo.

zen:

Appropinquate lo giudeo,

ante a lo cospetto meo,

che co’ l’acqua benedetta,

abiuri la fede abietta.

Cantano.

Tutt:

Battezzamo, battezzamo,

una pecora aggiugnamo.

Recitativo.

aba:

Cristianucci ma che me fate,

lassate perde, rinunziate !

Recitativo.

zen:

Rinunzi a satana maledetto ?

Caccia lo dimonio da lo tetto !

Rinunzia a lo credo materno,

salvazio avrai da lo inferno.

Cantano.

Tutt:

Battezzamo, battezzamo,

una pecora aggiugnamo.

Recitativo.

aba:

Si fare a meno nun se po’,

faccia a terra me ne sto !

Scelgo lo minor nocumento,

cristiano da mone divento.

Cantano.

Tutt:

Battezzamo, battezzamo,

una pecora aggiugnamo.

Stop M8

Luci in Pz9

Facendo rialzare Abacucco, rassicurante agli altri.

zen:

Or che lo novo in Cristo fratello,

liberato est de lo su’ fardello,

potìmo lo cavalcon transeare,

ché niun male ce pote toccare.

Additando Abacucco.

ELI:

Precedenzia at lo novel cristiano.

Spingendo Abacucco verso destra.

rib:

Che nos poi venimo, mano a mano !

Facendo resistenza, impensierito.

aba:

Est  lo pastore at ire innante:

le pecore vanno a lo seguante !

Concordando con Abacucco.

LUC:

De lo vecchio est bona l’opinione !

A Zenone, con sottile ironia.

vir:

Monaco, ir tu pe’ lo cavalcone !

Andando verso sinistra, si segna più volte.

zen:

Ne l’Altissimo so de confidare,

mentre lo ponte vo at valicare,

appena passato habeo esso,

vos at me seguitate da lo presso ! 

Zenone esce da destra.

Agli altri che si dispongono in fila indiana.

BRa:

In longobarda schiera pe’ la via,

Gloria at Jesu et così lo sia !

Portando la voce, convincente.

Urlo straziante.

zen:

(F.C.)

Lassate ogni preoccupazione,

Saldissimo est esto cavalcone !

Est puranco concesso,

ballar, saltar su d’esso !

Ahaaaaa !

E3 Effetto (gran tonfo)

Eligio esce da destra di corsa.

Preoccupato.

rib:

Ch’è stato ? Che c’è stato

Chi habea urlato ?

Portando la voce verso sinistra, ansioso.

LUC:

Orsù fratello in Cristo Zenone,

nun dar at nos preoccupazione !

Portando la voce verso sinistra inquieta.

vir:

Monaco che te costa,

de dar una risposta ?

Eligio rientra da destra.

Drammatico.

ELI:

Lo ponte nun resse et dir me dolo,

che lo frate fece un grande volo !

Scuotendo la testa, rassegnato.

TEO:

Deus nun vulpe, nun habe voluto,

lo burrone se lo est inghiottuto !

Perplesso agli altri.

GRA:

Al presente che famo ?

Innante nun annamo ?

Facendosi largo.

mar:

Ego ve faccio una proposta,

ripijassimo la istrada nostra !

Approvando.

Rivolto agli altri

bra:

Ben dichi ! Valida est la promessa !

La bona volontade ce sem messa !

Sentenziando.

Aba:

Zenone est sparuto.

Soli ci ha lassato !

Chi ha dato a dato,

chi ha avuto, avuto !

Con allegria, fregandosi le mani.

gra:

Li guaji so’ risolti,

da lo voto sim sciolti !

Accennando ad andare a sinistra.

tar:

Allor altro nun dimo,

pe’ fatti nostra imo !

Parandosi avanti a Brancaleone.

vir:

Fratelli nos palesate,

indove innando state ?

Si lascia scappare.

BRa:

Imo a lo mastro,

de Aurocastr ...

Interrompendo bruscamente.

Prendendo da parte Brancaleone, confidenziale.

TEO:

Silente ! Non menzionar lo loco !

Pe’ tradicce abbasta uno poco,

che allor dovrai anco con loro,

spartire armenti, terre et oro !

Approvando a Teofilatto.

Rivolto ai penitenti.

BRa:

Or de saggezza tu facesti mostra:

Omini, ognun pe li cazzi vostra !

Timidamente proponendosi.

RIB:

Potìmo, oh fratelli ritrovati,

venire seco vos accompagnati ?

Conciliante.

Minimizzando.

BRa:

De venir seco nos la brama quieta,

noi imo così, sanza alcuna meta !

Insistendo.

LUC:

Allor ce conviene

ire tutt’assieme!

Deciso. Indicando a destra.

TEO:

Ite sanza meta, ma d’altra parte !

Andando verso sinistra, autoritario.

BRa:

In marcia mei prodi, che se parte !

Guardandosi attorno sospettoso.

mar:

Innante cum gran circospezione !

Uscendo da sinistra.

Tutt:

Branca, branca, branca, leon, leone !

Buio

Parte M9

Proiez.11 (il quarto quadro si restringe per far posto tutti i quadri)

Dopo l’introduzione

Proiez12 (Il settimo quadro “radura di un bosco” si espande a tutto schermo).

(il canto di Bellavoce è registrato)

BEL:

Lo dì seguitante a lo albore,

poscia che vinciuto cum valore,

di nobil donzella l’assaltatore,

Brancaleone conobbe l’amore.

Stop M9

Luci in Pz

Matelda è semisvenuta a terra sul lato destro, al suo fianco la nutrice Criselda, un po’ discosto il tutore Agnone che è agonizzante.

Simulando l’affanno di una lotta.

BRa:

(FC)

Muori vil et ignobile fellone,

Muori di sotto lo meo tallone !

Brancaleone entra da sinistra brandendo la spada, seguito dagli altri.

Applaudendo.

Gra:

Viva lo nostro duce !

Adulante.

mar:

De valore riluce !

Stizzito.

Ammonendo, rivolto all’armata

BRa:

Viva uno duo de minchioni !

Omini non site, ma pecoroni !

Se vos dico: “pugnaci a la lotta”,

vos dovite subito me seguire,

per duellar meco, botta a botta,

nun da solo lassarme ne le mire,

simil figlio de madre mignotta,

de masnadieri una gran frotta !

Sminuendo.

Lusingante.

tar:

Non ce torna lo conto,

eran sol duo, et un puro monco !

Risentito.

BRa:

A contar nun est numero de spade,

at lo vece la bona volontade!

Con un filo di voce lamentosa.

Mat:

Aitatece nobili cristiani !

Implorante.

cri :

Liberate at nos da li legami !

Guardandosi attorno

BRa:

Chi habea quine nos appellato,

cum de femine sì dulce afflato?

Indicando Matelda e Criselda.

gra:

Viene da cotelle,

per le terre donzelle !

Accorre presso Matelda e s’inchina e le scioglie i legacci, Targone scioglie quelli di Criselda.

BRa:

Son Brancaleone, cavaliere, 

vostra desii son per me dovere !

Alzandosi, con gratitudine.

Mat:

Grazie, cavalier d’ardimento,

d’aber at nos dato lo salvamento!

Scattando sugli attenti, modesto.

BRa:

Chi site vos leggiadra donzella,

che at me rivolgete la favella ?

Con una piccola riverenza.

Indicando Criselda.

Mat:

Matelda ego m’appello,

fija de lo conte Nello,

signor de lo feudo de Novelda.

Esta la mea nutrice Criselda.

Inchinandosi a Brancaleone, con riconoscenza.

cri:

Uno grazie volite vos abere,

anco per lo conto meo messere !

Prende le mani di Brancaleone, le porta alle labbra, con trasporto.

Mat:

Lassate che baci este man forti,

use riparar soprusi et torti !

Cercando di ritirare le mani

BRa:

No, ego nun sum degno,

de cotanto impegno!

Baciando di nuovo la destra di Brancaleone, con convinzione.

Mat:

La mano possente nun arretrate,

est lo minimo che vos meritate !

Colpito dal gesto e inorgoglito dalla stima di Matelda.

BRa:

Lodato sia lo meo cimento,

si esto esser lo risarcimento !

Interviene, indicando Agnone.

teo:

Parmi che ello vetusto signore,

sta per dar l’alma at lo Creatore !

Accorrendo presso Agnone, con costernazione.

Mat:

Meschino Agnone meo tutore,

at vederte me sanguina lo core !

Andando a sostenere la testa di Agnone, frenando il pianto.

Cri:

Per lo esso levamo una prece

che co’ lo su’ corpo scudo ce fece.

Con un filo di voce, fa lentamente a Brancaleone il gesto di avvicinarsi.

Agn:

Appropinquate at me, oh messere,

palesarte vo’ lo meo volere.

Accorrendo sollecito presso Agnone.

BRa:

Eccome, nobilissimo vejardo,

a lo presso son de lo tuo sguardo.

Interrogativo, sulle sue.

Agn:

Per pria cosa desio sapere,

si est tu un nobil cavaliere.

Inchinandosi, con ostentato orgoglio.

BRa:

Si sol esto cognoscer te aggrada,

cavalier son d’onor et de spada !

Facendo segno di avvicinarsi al suo viso.

Agn:

Ora che te so essere discreto,

confirdate deggìo un sigreto,

bono solo per le tue orecchie,

genufletti presso me le ginocchie.

Con comando agli altri.

S’inginocchia presso Agnone.

BRa:

Avete sentuto, nun fate ressa,

facitive da parte a l’impressa !

Tutti si ritraggono eccetto Teofilatto.

Indicando Matelda, mostrando affetto.

Agn:

Sposa deve ir la mea pupilla,

a lo duca Puzzone d’Altavilla.

Con un sospiro d’invidia, squadrando con concupiscenza Matelda .

teo:

Om de chiappa overta est lo duca,

che esto bocconcello se manduca !

Allontanando Teofilatto, infastidito.

BRa:

Statte tu in silenzio,

pattume de Bisanzio !

A Brancaleone, interrogativo

Agn:

Tu de li briganti debellatore,

ben cagnosci lo codice d’onore ?

Con grande sicurezza.

BRa:

Da ch’infante in culla fui deposto,

lo poppai de latte a lo posto.

Prendendo la mano di Brancaleone.

Man mano sempre di più con il fiato corto.

Agn:

Allor con l’ultimo fiato decido,

de darte de Matelda lo affido.

Possa tu dimostrarte ben degnio,

d’esser suo scudo et sostegnio.

Tu sarai p’essa frate et padre,

et a lo contempo soro et madre …

Ironico.

teo:

Per lo ché non anco nonno et zio ?

Troppe cose a lo parere mio !

Prosegue come se non avesse sentito, ammonendo Brancaleone.

Agn:

Ne lo traversar città et contrade,

veglia  su la su verginitade,

che lo duca Puzzone, gran lascivo,

habe cor assai vendicativo !

Giura su la tua spada cristiana,

che l’addurrai intonza et sana,

at de Altavilla corte ducale,

ne lo tempo bono pe’ lo sponsale !

Con la spada sul petto, con tono solenne.

BRa:

Ego su essa juro et promitto,

de ire at la meta dritto, dritto !

Intervenendo, preoccupato.

mar:

Allor per seguitar le tue lune,

at Aurocastro nun c’issimo piune ?

Rassicurante ma fermo.

BRa:

Poscia che lo meo sacro dovere,

de integerrimo cavaliere,

adempiuto lo esso sarà,

at Aurocastro se anderà !

Porgendo una borsa a Brancaleone.

AGN:

Questi son per vos petecchioni cento;

lo duca Puzzone aggiugerà,

novella ricompensa, già lo sento,

il dì che Matelda abbraccerà !

Cercando di mercanteggiare.

Aba:

Fusser almen dugento,

pe’ lo dux far contento !

Spazientito, allontana Abacucco.

BRA:

Abacucco, lo caso nun me appare,

con uno morente mercanteggiare !

Porta il mantello sulla faccia, con dignitosa rassegnazione.

Agn:

Mo ite via se nun ve dispiace,

lassateme morir in santa pace !

Accorrendo presso Agnone, lo abbraccia, con grande calore.

Mat:

Oh no, tutore mio !

Nun voleo dirte ancora addio !

Nun lascerotti a l’ira funesta,

de le belve de la cupa foresta !

Approvando.

Rivolto agli altri, con tono di comando.

BRa:

Nobil Matelda, giusto favellasti !

Ommini nun provochiam altri guasti,

qui se resta, et at la prima squilla,

dritti come fusi, vers’Altavilla!

Sdraiandosi sulla destra imitato dal resto dell’armata.

gra:

Se altro nun ce rimane,

stamo qui sin a dimane !

Prende da parte Brancaleone, con timidezza.

Mat:

Cavalier, perdonate l’emozione

poss’io nomarve Brancaleone ?

Lusingato e nello stesso tempo imbarazzato.

BRa:

Meo nome sentir da vos nunziare,

le gote de foco me fan vampare !

Con pudore sedendosi a terra ed invitando Brancaleone a fare altrettanto.

Mat:

Fate perdonanza de li sospiri,

et de l’ardir di questa vostr’ancella,

che mal s’addice at una donzella !

Con galanteria e trasporto, toccandosi le orecchie, siede vicino a Matelda.

BRa:

Motti da vostre labbra de broccato,

son pe’ l’orecchie zuccaro filato!

Portandosi le mani al volto, pudibonda.

Mat:

Ora site vos, meo salvatore

at farme avvampare de rossore !

Si lascia sfuggire un sospiro.

BRa:

A lo vostro apparir ne l’albore

ben altra vampa m’arse ne lo core ...

Attenta.

Mat:

Cosa volite dir meo signore ?

Cercando di passare oltre.

Con auto commiserazione.

BRa:

Matelda, nun badate!

Ausculto me nun date !

Esto motto meo passionario,

est vaneggio d’omo solitario !

Avvicinandosi di più a Brancaleone, con amorosa ammirazione, passa al tu.

Determinata.

Mat:

Anco ego ebbi uno sussulto:

ne lo veder lo maschio tuo vulto,

et me feci ferma convinzione,

de nun più ir sposa a lo Puzzone !

Ritraendosi, preoccupato.

BRa:

Matelda, nun son li retti accenti,

de dama di nobil proponimenti !

Convinta, con crescente passione.

Avvicina le labbra a quelle di Brancaleone.

Mat:

Lo nostro fu un colpo de folgòre,

ego sento palpitarme lo core !

De passìon son ebbra,

baciame su le labbra !

Cercando di opporre una resistenza che non vorrebbe, si ritrae.

BRa:

Te prego, de me scempio nun farne,

son cavalier, ma omo de carne !

Avvicinando di nuovo la bocca a quella di Brancaleone.

Mat:

D’essa ausculta lo richiamo!

Baciame che anco ego te amo !

Matelda lo attira a se e lo bacia.

Sghignazza, con marcato sarcasmo.

teo:

Mirate li piccioni,

se scambieno bacioni !

Girandosi di scatto verso gli altri

BRa:

Che fate?

Guatate ?

Irriverente.

Teo:

Per tua santa pace,

guato quanto me piace !

Accarezzando Brancaleone, con affetto.

Profondamente convinta.

Mat:

Branca, nun t’appenare,

lascia lor pur guatare.

Noli est una cosa scostumata,

baciarse con la persona amata.

Si alza di scatto, agitatissimo.

BRa:

Nun accrescere lo meo tormento,

ego feci sulemne giuramento !

Si alza e si lascia andare  addosso a Brancaleone

Mat:

Sii per lo me coniuge et mastro,

portame teco ad Aurocastro !

Nun essere crudele,

sarò sposa fedele.

Cercando di sciogliersi, con voce lamentosa.

BRa:

Ahimé, sorte malvagia et ria,

sa lo cielo quanto lo vorria !

Insistendo, si strige di nuovo a Brancaleone.

Mat:

Averemo tanti  figli,

forti, sani et bellilli,

di Brancaleon casata,

faran ricca, et stimata !

Con un grido di dolore, si prende la testa tra le mani.

BRa:

Matelda abbi de me pietade,

lo core trafiggi co’ cento spade !

Con voce lussuriosa, toglie le mani dalla testa di Brancaleone e lo abbraccia con passione.

Mat:

Fammi tua ! Brancame oh Leone,

ne l’amore famme da cicerone !

Tra le tue braccia me abbandono,

la mea verginitade te dono  !

Si scosta bruscamente da Matelda.

Portando la destra sul cuore

BRa:

Puranco si me se schianta lo core,

tradir nun posso lo patto d’onore !

Seduttrice.

Mat:

Nimmanco per amore ?

Con fermezza sebbene a malincuore.

BRa:

Un cavalier saria rinnegato,

si abjurasse quanto giurato !

Allontanandosi con rancore.

Mat:

Allora possi essere dannato,

tu et lo tuo cavalierato !

Implorante, segue Matelda.

BRa:

Le parole tua avvelenate,

male più me fanno che le frustate!

Allontana Brancaleone, poi gli gira le spalle, con evidente risentimento.

Mat:

Nun comparirme mai più innante !

P’esto affronto vo at lacrimare:

dormo sola sanza alcun amante,

vergin sarò sino at lo altare !

Parte M10

Luci in Pz12

Cantano.

Tutt:

La tenebra sopra de nos discende,

donna luna ne lo celo risplende,

la malanconia l’alma ce prende,

ne lo core l’amore se riaccende.

Canta.

Mat:

Com’è bello lo meo cavaliere,

vorria, per ore et ore intere,

la su mano tra le mee tenere,

per prender et dar lui gran piacere.

Cantano.

Tutt:

La tenebra sopra de nos discende,

ne lo core l’amore se riaccende.

Canta.

Bra:

Arder me sento come braciere,

ne lo petto ruggiscon mille fiere,

de lo cor suo lo divin forziere,

le chiavi avrìa potuto abere.

Cantano.

Tutt:

Donna luna ne lo celo risplende,

la malanconia l’alma ce prende.

Canta.

teo:

La pulzella habe occhi da fere,

morbidi fianchi et sode pere,

candidi denti, bocca a mestiere,

cosce tornite et un bel sedere.

Cantano.

Tutt:

La tenebra sopra de nos discende,

donna luna ne lo celo risplende,

la malanconia l’alma ce prende,

ne lo core l’amore se riaccende.

Stop M10

Buio

Sipario

Parte M11 (intervallo)

FINE PRIMO TEMPO

Secondo Tempo


Parte M12

Dopo 10” sipario

Buio

Stop M12

Parte M13 (cantastorie 6)

Priez13 (con tutti i quadri delle scene)

 (Il canto di Bellavoce è registrato)

 

 

Proiez14 (L’ottavo quadro “salone banchetti” si espande a tutto schermo).

BEL:

Or passata est la notte fatale,

at Altavilla pe’ lo sponsiale,

de Matelda co’ lo duca riale,

impazza uno grande baccanale.

 

 

Stop M13

Parte M14

Luci in Pz13

 

La stanza è arredata con un tavolo centrale con sette sedie attorno.

Cantano e ballano con un’apposita coreografia: Matelda, Puzzone, Ginevra, Scolastica, Ugolino, Rodomonte e Veturia.

 

Cantano.

Tutt:

Viva li sposi, evviva li sposi !

Siano li vostra dì gioiosi !

Viva li sposi, evviva li sposi !

Figli maschi et assai copiosi !

 

 

 

Canta.

Puz:

Davver niente male la pulzella,

di gentili modi et verginella,

ego nun vedo l’or che secomella,

farolla divenir donna novella !

 

 

 

Cantano.

TUTT:

Viva li sposi, evviva li sposi !

 

 

 

Canta.

Mat:

Brancaleone vile traditore,

rinunciasti a lo meo amore,

presto secondare dovrò l’ardore,

de Altavilla lo tristo signore.

 

 

 

Cantano.

TUTT:

Viva li sposi, evviva li sposi !

 

 

 

Canta.

sco:

Come s’atteggia la smorfiosa,

che me sottrasse la speme annosa

de divenire de Puzzon la sposa.

Possa esser la sua fin penosa. 

 

 

 

Cantano.

TUTT:

Viva li sposi, evviva li sposi !

 

 

 

Canta.

rod:

La rabbia me sale ne lo petto,

ne lo veder a lo meo cospetto,

simil beltade essere l’oggetto,

de le senili voglie d’un abietto.

 

 

 

Tutt:

Viva li sposi, evvviva li sposi !

Siano li dì vostra gioiosi !

Viva li sposi, evvviva li sposi !

Figli maschi et assai copiosi !

 

 

Stop M14

Luci in Pz14

 

 

Con le ultime movenze del balletto vanno a sedere alla tavola nuziale con al centro Matelda e Puzzone a fianco Ginevra, Scolastica, Ugolino, Veturia e Rodomonte.

 

 

Alzandosi in piedi dietro il tavolo del banchetto nuziale, portando la voce.

Ugo:

A lo termine de esto banchetto,  

prim che li sposi saggino lo letto,

leviam lo calice in onore,

de lo duca Puzzon nostro signore !

 

 

Tutti alzano i calici

 

 

Alzandosi in piedi dietro il tavolo del banchetto nuziale, portando la voce.

rod:

Un brindisi at duchessa novella,

donna sì casta et sì molto bella !

 

 

Tutti alzano i calici

 

 

Alzandosi in piedi dietro il tavolo del banchetto nuziale, portando la voce.

sco:

Lo cel doni a li ducali sposi,

figliolilli forti et copiosi !

 

 

Tutti alzano i calici

 

 

Alzandosi in piedi dietro il tavolo del banchetto nuziale, portando la voce.

vet:

A li sposi notte fia propizia,

de gaudimento in gran letizia !

 

 

Tutti alzano i calici

 

tutt:

Ogni bene aguramo,

et lo calice levamo !

 

 

 

All’orecchio di Puzzone, acida, indicando i commensali.

GIN:

Frate meo se ego fussi in te,

cum le dovute molle prendaria,

esti complimenti de fantasia:

nun se po’ mai saber sotto che c’è !

 

 

 

Irritato dalle parole di Ginevra.

PUZ:

Qual’altra femminil malvageria,

or alberga ne la tu mente ria ?

 

 

 

Con maliziosa cattiveria, indicando con la testa Matelda.

GIN:

La duchessina, teneo sentore,

ch’abe l’ocul de donna in calore !

 

 

 

Con tracotante sicurezza.

PUZ:

Arde de passion pe’ lo sposo suo,

malvagio est lo pensare tuo !

 

 

 

Insistendo nel suo convincimento, con marcato sarcasmo.

GIN:

Fia pur, ma su ello bel culetto,

la mano su lo foco nun ce metto !

 

 

 

Sicuro del fatto suo.

PUZ:

Pura est come giglio olezzante,

ser Brancaleon se ne fe’ garante !

 

 

 

Per nulla convinta.

GIN:

De lo meo avviso ego resto,

son sol fabule de omo foresto !

 

 

Entrano da sinistra Brancaleone e Teofilatto e si fermano sulla soglia.

 

 

Indicando Brancaleone, rivolto a Ginevra.

PUZ:

Ecco, che per l’appunto,

dolente, un po’ smunto,

esso vien qua vicino,

co’ prence bizantino !

 

 

 

Colpita dalla prestanza di Brancaleone.

Tra se, lasciva.

GIN:

Lo cavalier par mal in arnese:

arme vetuste, vesti sin pretese,

però lo corpo est molto possente,

a da esser amator gaudente.

 

 

 

Alzandosi di nuovo in piedi, portando la voce, rivolto verso Brancaleone.

Puz:

Un brindisi pe’ lo cavaliere,

che intonza me recò la mogliere !

 

Ginevra prende due calici va vicino a Brancaleone.

 

 

Alzando i calici

tutt:

Ogni bene aguramo,

et lo calice levamo !

 

 

 

Porgendo un calice a Brancaleone.

GIN:

Cavalier voli meco brindare ?

 

 

 

Lusingato, prende il calice.

bra:

Cum vivo gaudio lo desio fare !

 

 

 

Levando il calice, con malizia.

GIN:

A l’amor, a l’amore,

che at nos dà calore !

 

 

 

Fraintendendo alza il calice verso Puzzone e Matelda.

bra:

A l’amore de li novelli sposi,

possano trascorrer dì gioiosi !

 

 

 

Sottovoce all’orecchio di Brancaleone, risentita della sua incomprensione.

GIN:

Cavalier scultame un momento,

fussi tu de comprendonio lento ?

D’essi nun me tange un ficomore,

favellavo de lo nostro amore !

 

Inchinandosi goffamente.

bra:

De l’errore dimanno perdonanza !

 

Intrecciando il calice con quello di Brancaleone, con voce sensuale.

Cerca di trascinarlo verso destra.

gin:

Imo subbito ne la mea stanza,

cosi potaremo dar quiescenza,

at la nos sensual concupiscenza !

 

Cercando di esimersi.

bra:

Malcreanza me pare,

lo convivio lassare !

 

 

 

Fa una carezza sul viso Brancaleone, con voce carica di erotiche promesse.

GIN:

Una escusazio presto tu trova,

aspettoti ne la mea alcova !

 

 

Ginevra torna al tavolo nuziale.

 

 

A Teofilatto, con amarezza.

Bra:

Nun sape darme cunsolazione,

che laidissimo duca Puzzone,

recidesse per primo lo fiore,

de Matelda l’intimo su onore !

 

 

 

Con ironico rimprovero a Brancaleone.

Teo:

Si tu fussi stato un minor fesso,

et quando l’offriva coglievi esso,

nun staresti invano,

a farte roder l’ano !

 

 

 

Facendosi forza.

BRA:

Meglio lo dolore,

ch’aber lo disonore !

 

 

 

Sbrigativo, prende per un braccio Brancaleone e cerca di portarlo verso sinistra.

Teo:

Sculta che te dice lo bizantino,

saluta et ripija lo cammino !

Prima nos lo issimo,

et lo mejo stessimo !

 

 

 

Alzandosi, rivolto agli ospiti che si alzano anche loro.

Girandosi verso Matelda, con tono complice.

Puz:

Lo istante alfin est arrivato

de prendere da vos lo commiato,

et raggiungere lo nuzial talàmo,

ov’ego assai impaziente bramo,

cum mea casta sposa giacere,

et de le su grazie gaudere.

 

 

 

Con malizia a Puzzone.

rod:

Spettamo cum almo festaiolo,

l’espor de lo coniugal lenzolo !

 

 

 

Sconsolato a Teofilatto.

Bra:

Esto est, sopra tutto,

lo momento più brutto !

 

 

 

Prende per mano Matelda, la fa uscire da dietro il tavolo, con bramosia.

Puz:

Ritiramose mea dolcia sposa,

c’attande una notte radiosa !

 

 

 

Rivolta a Puzzone, indicando Brancaleone, con astio.

mat:

Permettime, meo novo signore,

d’accomiatar lo meo salvatore!

 

 

 

Lasciando la mano di Matelda, accondiscendente.

Puz:

Molto giusta est tua richiesta,

ma vidi de facere a l’impresta !

 

 

Matelda si avvicina a Brancaleone

 

 

Sussurra all’orecchio di Brancaleone, con grande disappunto.

Allontanandosi, con malanimo.

mat:

Rammenta pusillanim cavaliere,

che, quel che potrìa or accadere,

tua maxima culpa est soltanto !

Addio, sanza verun rimpianto !

 

 

Matelda raggiunge Puzzone ed entrambi escono da destra.

 

 

Non dandosi una ragione.

Bra:

La mente mea est molto confusa,

de quale culpa essa me accusa ?

 

 

 

Con grande impazienza, tenta di spingere Brancaleone verso sinistra

Teo:

Sculta Teofilatto,

filam de soppiatto !

 

 

 

Deciso e spazientito.

Drammatico.

Bra:

Te prego noli più at me dolére,

sin a lo fonno desio bibére,

l’amar calice de la solitudo,

de lo destino infame et crudo !

 

 

 

Insistente, lo prende per un braccio.

Teo:

Lo peggiore habbe da venire,

sem ancor ne lo tempo per fuire !

 

 

Ginevra si avvicina a Brancaleone.

 

Con un sospiro.

Sconsolato.

Bra:

Tengo un voto ne lo cor malato !

Giammai potarà esser colmato !

 

 

 

Affronta con decisione Brancaleone.

GIN:

Riprova dai at mei afflati,

cum Matelda amanti site stati !

 

 

 

Quasi con un grido.

A Ginevra con fermezza.

Con tenerezza.

bra:

No ! Nun est giammai esto lo vero !

Quel che tu dichi est menzoniero !

L’amor meo fu silente, discreto,

nun la sfiorai nemmen con un deto !

 

 

 

Mettendo una mano su quella di Brancaleone, sensuale.

GIN:

Orsù, tu at ella nun più pensare,

son ego quella che volti sanare !

 

 

 

Stupito ed interessato.

Bra:

Tu lo sapresti come lo agire,

per le ferite d’amore lenire ?

 

 

 

Con malizia.

Con voce carica di promesse erotiche.

GIN:

Quell’arte assai ben la cognosco,

molt’omini meco ho consolato.

Ne lo meo incantevole bosco,

serenitude haben ritrovato !

 

 

 

Inquieto, all’orecchio di Brancaleone.

Teo:

Nun dar retta a la nova amante,

salut’ella et imo a l’istante !

 

 

 

Offrendo il calice a Brancaleone, con voce carica di sensualità.

GIN:

Bibi, bibi lo vin di molto forte,

scaccia da tibi la malasorte,

che poscia te offrirò lo mio

olezzante calice de l’oblio !

 

 

 

Beve con ingordigia.

Fa per abbracciare Ginevra.

Bra:

Ambo dua desio tracannare,

de Matelda le grazie obliare !

Solimente ne lo cotale modo,

lo chiodo, schiaccia lo chiodo !

 

 

 

Tirando per la manica Brancaleone, impaziente e preoccupato.

teo:

Molto male per nos costì se mette,

si nun alzamo subito le fette !

 

 

Puzzone rientra da destra come una furia, seguito da Matelda in abito discinto e piangente.

 

 

Con un urlo, puntando l’indice contro Brancaleone e Teofilatto.

PUZ:

Chi lo est stato ? Chi de vos est stato ?

At commetter lo ingnobil peccato ?

 

 

 

Non capendo, rivolto prima a Ginevra poi a Teofilatto.

Bra:

De quale culpa fa accusazione,

l’adontatissimo duca Puzzone ?

 

 

 

Spingendo avanti Matelda.

Con ferocia.

Puz:

Chi ordì l’orribil infamitade,

d’essa privar de la verginitade ?

 

 

 

Puntando l’indice contro Brancaleone, con astio.

mat:

Brancaleon da lo bieco aspetto,

fece cum viulenza lo lavoretto !

 

 

 

Implorante.

Si inginocchia ai piedi di Matelda, con voce rotta dal dolore.

Bra:

Come dir poti cosa sì nefasta,

at me che per recarte pura, casta,

penai ne l’alma et ne la carne ?

Furon l’attenzion mee sol fraterne !

 

 

 

Rivolto a Ugolino e Rodomonte, con atteggiamento di comando feroce.

Puz:

Mettete ambo dua in catene,

et ch’esse strette siino dabbene !

 

 

Ugolino e Rodomonte vanno da Brancaleone e Teofilatto li fanno sedere a terra e li legano alle zampe del tavolo.

 

Supplicante, protendendosi verso Matelda.

Bra:

Matelda di lo vero, te scongiuro,

diverso ce mettono a lo muro !

 

 

 

Laconica, gira le spalle a Brancaleone.

mat:

Quel ch’habeo detto, habeo detto,

fedigrafo cavalier inetto !

 

 

 

Con gongolante aspettativa.

ugo:

Potimo li felloni torturare ?

 

 

 

Con cattiveria.

puz:

Faciteli de dolor sbraitare !

 

 

 

Fregandosi le mani per la contentezza.

Rod:

Lo duca nostro si ringraziato:

divertimento est assicurato !

 

 

 

Con grande crudeltà.

Puz:

Et doppo che li abete torturati,

per jorni et notti non contati,

apprestate lo gabbion de la gogna,

per lo cui lo cavalier carogna,

fia appeso for de lo castello,

inzin che corvo ot altro uccello,

at lui manducasse lo cervello !

 

 

 

Andando verso destra con entusiasmo.

ugo:

De subito vado at approntare:

cavalletto et carboni ardenti.

Lo labòr che più dilettame fare:

co’ ferri infocati cavar denti !

 

piace

 

 

Andando verso destra con eccitazione.

rod:

Ratto vo, cum gran soddisfazione,

at preparar de ferro lo gabbione !

 

 

Ugolino e Rodomonte escono da destra.

 

 

Puntando l’indice verso Teofilatto

Puz:

Da schiavo, lo bizantin abietto,

remar su le galere si costretto !

 

 

 

Rassegnato.

Teo:

Semper meglio sarìa remare,

che far de li corvi lo manducare !

 

 

 

Rivolto a Matelda con livore.

Indicando a destra.

Puz:

Per lo te Matelda lussuriosa,

ego te ripudio da mea sposa !

Intra un covento de clausura,

istarai sin che tu vita dura !

 

 

 

Accettando la sorte, ascetica.

Rivolta a Brancaleone con rimpianto.

mat:

Sarà lo Signore lo meo sposo !

Chi potìa esser, fe’ lo ritroso!

 

 

 

Faccia a faccia con Brancaleone, con crudeltà.

gin:

Cavalier saria cum gran cura,

che recherommi a lo bastione,

per sollazzarme de tua sventura,

et goder de tua punizione !

 

 

Escono tutti da destra ad eccezione di Brancaleone e Teofilatto.

 

 

Contrito rivolto a Brancaleone.

teo:

A lo che tu possa lassar sereno,

esto penoso cammino terreno,

uno gran torto confessar deggìo,

che te feci pover amico mio !

 

 

 

Magnanimo.

bra:

Chi habea dato, habea dato,

ego habeo te già perdonato!

 

 

 

D’un fiato, non senza compiacimento.

teo:

Ego fui quel ch’ebbe at gaudere

de Matelda le grazie virginiere !

 

 

 

Cercando di liberarsi ed aggredire Teofilatto, aggressivo con grande acredine.

Bra:

Tu, vil traditore, omo abietto,

mixtura de sanguine infetto,

malnato figlio de bagascia,

vermine che tra lo sterco striscia !

 

 

 

Minimizzando.

Teo:

Cala, cala, un poco de creanza,

ego a tibi chiesi perdonanza !

 

 

 

Rovesciando su Teofilatto le contumelie.

Bra:

Sacco de stallatico putrefatto,

perché ordisti l’ignobil misfatto?

 

 

 

Stringendosi nelle spalle

Teo:

Feci quel che tu per falso onore,

at la Matelda negasti amore!

 

 

 

Sicuro, con la voce rotta dal pianto.

Bra:

De sicuro sol cum la viulenza,

cedette at tua concupiscenza !

 

 

 

Ironico.

Rapito dal ricordo.

Teo:

Si tralalalallero,

nun est esto lo vero !

 

 

 

Dibattendosi per slegarsi, con violenza.

Bra:

Li santi de lo paradiso prega,

che nun se sciolga quel che me lega !

 

 

Entra, da sinistra Abacucco seguito dagli altri della schiera.

 

 

 

Accorrendo a sciogliere i due aiutato dagli altri.

Aba:

Cristianucci gioite,

da mo, liberi site !

 

 

 

Sconcertato.

Bra:

Abacucco de lo che tu favelli ?

 

 

 

Non ancora rassicurato.

Teo:

Tu nun prendere nos pe’ li corbelli !

 

 

 

Spiega con pazienza.

aba:

Lo miracolo c’è stato,

pe’ li sordi che c’ha dato,

de Matelda lo tutore,

prim d’ir a lo Creatore !

 

 

 

Precisando, mentre aiuta Brancaleone a rialzarsi,

tar:

Co essi sem pagato lo riscatto,

co’ lo duca fecissimo baratto !

 

 

 

Precisando mentre aiuta Teofilatto a rialzarsi.

aba:

Esso at vos libera, a li patti,

che se ne annassimo quatti, quatti !

 

 

 

Esprimendo viva preoccupazione.

Bra:

Nun fate starme co’ lo cor oppresso,

at mea Matelda che j’è successo ?

 

 

 

Indicando a destra, con rassegnazione.

tar:

Lo duca nun perse un sol momento,

est deggià partuta pe lo convento.

 

Angosciato.

BRA:

Partuta pe lo convento?

 

 

Con ansia.

Fa per andare verso sinistra

Aba:

Cristianucci, ciance nun famo !

Prima se ne imo e mejo stamo!

 

 

 

Fermandoli.

Seguendo un suo pensiero, cerca l’approvazione degli altri.

Teo:

Indugiate uno attimino,

che la cosa ce viè a puntino:

semo vicin at  mea magione,

at vos rinnovola proposizione,

de fingerme vostro prigioniero,

et chieder riscatto lusinghiero !

 

 

 

Approvando con calore

aba:

Accossì  rifamo appropriazione,

de li petecchion dati at Puzzone !

 

 

 

Prendendo la decisione.

Con un sospiro di liberazione

Bra:

Sia, famo at vostro piacimento.

Abbisogno de un diversamento,

per lo nun più at Matelda pensare,

et lo animo meo sollevare !

 

 

Buio

Parte M15

Proiez.15  (L’ottavo quadro si restringe per far posto a tutti i quadri)

Dopo l’introduzione

Proiez16 (Il nono quadro “camera bizantina si espande a tutto schermo).

 

 

(il canto di Bellavoce è registrato)

BEL:

Ora l’armata brancaleonina,

cum piede veloce si incammina,

verso la nobil corte bizantina,

corrotta, decadente, libertina.

 

 

Stop M15

Luci in Pz15

 

 

La scena è liberata dal tavolo nuziale.

Al lato sinistro è posto un piccolo tavolo tondo coperto da un drappo.

Dalla destra entra Isadora seguita da Cippa con un’evidente gobba, che regge un bacile fumante.

 

 

Altezzosa a Cippa.

isa:

Dimme, secondo l’uso bizantino,

est ben caldo lo vino ?

 

 

 

Ossequioso, con malizia.

CIP:

Sobbollente est, oh mea signora,

ne lo modo che più tibi rincora !

 

 

 

Soddisfatta.

Con voce roca di passione.

isa:

Se confarrà a lo sollazzamento !

Sei tu pronto per lo d’amor cimento ?

 

 

Con mascolina vanteria.

cip:

Per lo te oh divina,

pronto son la sera et la madina !

 

 

Da sinistra si affaccia Brancaleone.

 

 

Timidamente, sulla soglia.

bra:

Perdonate la mea invadenza,

de trasear habeo licenza ?

 

 

 

Infastidito, aggredisce Brancaleone, mentre posa il bacile sul tavolo.

cip:

Come osasti tu, omo foresto,

compiere lo dissennato gesto,

de violare esta magione,

sanza aberne la permissione ?

 

 

 

A mo di scusa, facendosi timidamente avanti.

bra:

La porta estava bene overta,

ego ponderava fusse diserta !

 

 

 

Fermamente deciso indica a sinistra.

cip:

Reca for lo pede immantinente,

si nun vo’ che te tocca n’accidente !

 

 

 

Interessata alla figura di Brancaleone, rivolta a Cippa.

isa:

Amico meo, frena lo ardore,

scultamo che vole esto signore !

 

 

 

Con ferocia, estraendo uno stiletto.

cip:

At un tuo cenno lo malcreato,

pentirsi il faccio d’essere nato !

 

 

 

Risentito.

Ironico, indicando la gobba di Cippa.

bra:

Malocreato un possente cacchio !

Te vedisti mai a lo specchio ?

 

 

 

Con comando a Cippa.

Va vicino a Brancaleone, con grazia.

isa:

Basta co’ lo spirto battagliero !

Com’appélloti bel forastiero ?

 

 

 

Inchinandosi profondamente.

bra:

Nomarme poti se at te aggrada,

Brancaleon cavalier de spada !

 

 

 

Porgendo la mano a Brancaleone che la bacia.

Indicando Cippa.

isa:

Ego sum Isadora de Leonzio,

principessa real de Bisanzio,

et esto est lo meo amatore:

Cippa, de tori abil castratore !

 

 

 

Ironico.

bra:

Lo nome datoli da la su mamma,

palesa esser tutto un programma !

 

 

 

Con truculenta ferocia, faccia a faccia con Brancaleone.

cip:

Si per lo caso fussi sodomita,

et volessi tanger mea possanza,

faci uno schiocco co’ le dita,

et mettoti tergo quel che avanza !

 

 

 

Maliziosa rivolta a Brancaleone, mentre carezza sulla testa Cippa.

isa:

Tu desculpe lo modo acitoso:

messer Cippa est molto geloso.

 

 

 

Galante.

Guardando con cupidigia Isadora.

bra:

Ne habea ben d’onde,

anco ego d’altronde,

fussi nativo de este contrade,

sol per me terrìa vostra beltade !

 

 

 

Lusingata, a Brancaleone con voce sensuale.

isa:

Se l’arte tua d’amar,

par est a lo favellar,

le donne che habei tu avuto,

de passion avran assai goduto !

 

 

 

Con falsa modestia.

bra:

Invero, nun me poti lamentare,

Sollazzame di molto lo amare !

 

 

 

Indicando il bacile, seduttrice

isa:

Per vesteggiar lo tuo venire,

volessi bel foresto aggradire,

uno poco de vin primicerio,

ardente com foco de desiderio ?

 

 

 

Stando al gioco, accondiscendente.

bra:

Nun poto negar si gentil invito,

biber esso m’est assai gradito !

 

 

 

Con comando.

Isa:

Tu Cippa levantino,

reca at me lo vino !

 

 

Cippa porta il bacile ad Isadora.

 

 

Con malanimo tendendo il bacile a Isadora.

cip:

Lo vin nettaro at esso tu versa,

che lo possa irglie de traversa !

 

 

Nel mescere il vino Isadora lascia cadere il suo bracciale nel bacile.

 

 

Con falso dispiacere.

isa:

Me malaccorta, quanto me ne cale !

cader fe’ in bacile lo bracciale !

 

 

 

 Tirandosi su la manica destra.

bra:

Essa nun parme grande tragedia,

fia ego a darve rimedia.

 

 

Brancaleone mette la mano nel bacile e con una smorfia di dolore recupera il bracciale.

 

Con un grido di dolore.

Porgendo il bracciale ad Isadora

Bra:

Ah, ah, ah !Vacca boja, la mano me scottai,

esto tuo vino coce assai !

 

Stupita ed ammirata, rimettendosi il bracciale.

isa:

Sei cavalier de gran coraggio,

lo dolor nun te fece oltraggio !

 

 

 

Con orgoglio.

bra:

Temproromi mille più battaje,

ne lo fisico et ne le frattaje !

 

 

 

Guardando fissamente Brancaleone.

Prende la destra di Brancaleone fra le sue mani e l’accarezza sensualmente.

isa:

Molto assai ego me la godo,

de veder omo a lo tuo modo!

Tendime la tua mano possente,

curerottela amorevolmente !

 

 

 

Alzando le spalle non ritira la mano.

bra:

Est cosa sanza niun importanza,

nun merita la tua medicanza !

 

 

 

Lascia intendere il proposito lascivo.

Sbrigativamente.

isa:

Allor aberò cura de lo resto !

Tu, Cippa, lasssame sola cum esto!

 

 

 

Cercando di portare a Isadora le sue ragioni, insiste nel volersi liberare di Brancaleone

cip:

Lo straniero da le braghe flosce,

niun de nos bene lo accognosce,

pote abere intenzioni basse,

est mejor cosa d’esso nun fidasse!

 

 

 

Incollerita.

Autoritaria. Indicando a destra.

isa:

Tu servo sciocco et impertinente,

scomparti da lo me immantinente !

 

 

 

Avviandosi, di malavoglia, verso destra.

CIP:

Et sia, ma retro l’uscio me piazzo:

s’abbisogna at lui fo un mazzo !

 

 

Cippa esce da destra.

 

 

Perplesso.

bra:

Lo messere sembrami risentuto,

pe’ lo brusco congedo c’ha abuto !

 

 

 

Accarezzando Brancaleone con voce carica di sottintesi.

isa:

At tibi assai te ne importa,

se lo habeo messo a la porta ?

 

Alzando le spalle, sprezzante.

bra:

Meno de niente per me lo vale !

 

Molto interessata, accarezza Brancaleone.

isa:

Dimme foresto com sai penare,

sai anco amare ?

 

Con ostentata vanteria.

bra:

Posson fare d’esso testimonianza,

mil donzelle cui feci fornicanza !

 

 

 

Mentre si scioglie il mantello, con malizia.

isa:

Per li bizantin dolor et diletto

albergano ne lo istesso tetto.

Essi son simil a frati gemelli,

se gran gaudimento aber velli

ambo li dua li debbi provare,

per poter dir de sabere amare !

 

 

 

Un po’ intimidito.

bra:

Confesso la mea incompetenza,

de esto nun ero at canuscenza !

 

Con voce roca e provocante.

isa:

Sei tu pronto meco at jocare,

et l’amore sanza limiti fare ?

 

 

 

Eccitato.

Vanitoso.

bra:

Prontissimo! Me noman lo stallone,

de semper pronto a lo cavalcone !

 

 

 

Con allusione. Accarezzandolo.

isa:

Li caballi, o roani o bai,

se frusteno, cotesto tu lo sai ?

 

 

 

Non capendo il sottinteso.

bra:

De certo che questo so,

far at meno nun se po !

 

 

 

Esprimendo lussuria.

Decisa, fa un passo indietro.

Con deciso comando.

isa:

Allor ne lo nostro joco nero,

tu sarai lo meo destriero,

et ego sarò la tua giumenta.

Togli ratto tutte le vestimenta !

 

 

 

Con la camicia in mano

bra:

Si lo ciò fa te assai contenta,

prontissimo sono per la cimenta !

 

pronto

 

Isadora estrae una frusta da sotto la veste e prende a percuotere Brancaleone che fugge cercando di ripararsi dai colpi.

 

 

Frustando Brancaleone senza pietà

isa:

Lo dolimento est gaudimento !

Lo gaudimento est dolimento !

 

 

 

Esterrefatto. Continua la fuga

bra:

Su la groppa me son date,

sonorissime frustate !

 

 

 

Seguitando a colpire, al colmo dell’eccitazione.

isa:

Lo te cum viulenza lo frustare,

est com la tu bocca lo baciare !

 

 

 

Continua la fuga, terrorizzato.

bra:

Uno bacio de meo pistillo,

de rosso sanguine tutto zampillo !

 

 

 

Con un grido di piacere.

Con lussuria massima

isa:

Frustarò puranco lo tuo nerbo,

maggior sollazzo così te riserbo!

Più forte sarà lo tuo dolere,

più lussurioso lo piacere !

 

 

 

Coprendosi i genitali, fugge.

bra:

Issi de subito a quel paese,

tu et la tu stirpe bizantinese !

 

 

 

Si ferma, implorante.

Lasciando cadere la veste.

Al colmo della passione.

isa:

Pregoti, nun ostentar le natiche,

bramo d’amore fare le pratiche !

Brancame meo stallone, prendimi !

Sono pronta, su lo letto stendimi !

 

 

 

Sgomentato, andando di corsa a sinistra.

bra:

Chiamasse Cippa lo tuo amante,

ch’ego me fuisco a lo istante !

 

 

Brancaleone esce da sinistra, inseguito da Isadora

 

 

Parte M16 (bizantinia)

Durante l’introduzione è portata via il tavolinetto ed al centro scena è posto un trono.

Proiez.17 (sala del trono)

Luci in Pz16

 

 

Da destra entra il corteo dei bizantini con alla testa Leofrasto seguito da: Cippa, Eudosia, Cunegonda, Olimpia, Bertrando, Isadora.

 

 

Cantano.

leo:

De Bisanzio l’eredi,

 

 

 

biz:

Nun stamo manco ‘n piedi.

 

 

 

leo:

Stirpe ormai corrotta,

 

 

 

Biz:

simo fiji de mignotta !

 

Cantano.

leo:

Mejo lo pèrdice che lo trovacce,

spuntamo de fora come l’ebacce,

semo gente più assai maligna,

semo de pèggio de la gramigna !

 

 

 

Cantano.

eud:

De Bisanzio l’eredi,

nun stamo manco ‘n piedi.

Stirpe ormai corrotta,

simo fiji de mignotta !

 

 

Stop M16

Luci in Pz17

 

 

Leofrasto prende posto sul trono, gli altri bizantini gli fanno corona.

Entrano, da destra Abacucco, Targone, Grassochecola, e Teofilatto in catene. Da sinistra, trafelato Brancaleone raggiunge i suoi.

 

 

Con affanno mentre si riassesta la camicia.

bra:

Abacucco, coduci  lo trattato,

ch’ego sum uno poco conturbato !

 

 

 

Con maliziosa ironia.

Con ammirazione.

TEO:

Habei cagnosciuto Isadora,

sora mea et grande amatora !

 

 

 

Ancora scioccato.

Bra:

Te prego lassame stare,

ella at me nun nomare !

 

 

Cippa porge un calice a Leofrasto.

 

Deferente.

fla:

Volli tu aggradire,

lo vino meo sire !

 

 

 

Prendendo il calice.

Incuriosito.

Leo:

Te ringrazio de core,

che vole ello signore ?

 

 

 

All’orecchio di Leofrasto, con disprezzo.

oli:

Sue intenzion son assai basse,

Teofilatto in catene trasse !

 

 

 

A Brancaleone sicuro di se.

aba:

Al comincio m’appronto,

de lo magno gran confronto.

 

 

 

Ad Abacucco, con circospezione.

Istruendo Abacucco.

bra:

Raccomandoti vecchio, cum tatto,

et sanza palese aviditate.

Debbe trattarsi come de baratto,

ove cose a lo pari sont date !

 

 

 

Tranquillizzante a Brancaleone.

aba:

Seren tu abbi a stare,

so bene come trattare !

 

 

 

Rivolto all’armata.

Eud:

Chi site vos che, sanza licenzia,

comparite at  nostra presenzia ?

 

 

 

Interviene precisando.

ber:

Che desiate da l’agusta persona

de Leofrasto, prence de Bibbiona ?

 

 

 

Avanza fino a portarsi innanzi a Leofrasto e fa un grande inchino, con voce deferente.

aba:

Innante a tu possanza,

Abacucco Zeffirino,

mastro de la finanza,

te saluta co’ l’inchino.

 

 

 

Impaziente.

leo :

Nun allungar lo brodo,

vien presto a lo sodo !

 

 

 

Indica Brancaleone.

Con un piccolo inchino della testa.

Indica Teofilatto.

aba :

Ser Brancaleone da Leonessa,

cavalier cum magno guiderdone,

duce de codesta schierata ressa,

fijo tuo trasse in prigione.

 

 

Acida, indicando Teofilatto.

oli :

Avria fatto cosa migliore,

mandare esso a lo Creatore !

 

Con rincrescimento.

cun :

Si ce libera de ‘sto infedele,

accenderò più de cento candele !

 

 

Prosegue sullo stesso tono.

Inchinandosi a Leofrasto.

Indica con la mano Teofilatto.

aba :

Recato lo abemo in catene,

tra magne sofferenze et gran pene,

a lo tuo nobilissim cospetto,

Tofilatto, tuo prediletto.

 

 

 

Con disprezzo.

Scuotendo il capo

LEO:

Prediletto nomi ello malnato ?

Vecchio sprecanno stai lofiato !

 

 

 

All’orecchio di Brancaleone, preoccupato.

TEO:

Semo nos partuti d’assai male,

lo contratto parmi saber de sale !

 

 

 

Prosegue, con fare ossequioso, indicando Teofilatto.

aba:

Et poich’ello at nos habe contato,

che esso de gran valore est stato ...

 

 

 

Irridente, sghignazza.

Protendendosi verso Abacucco, con disprezzo.

leo:

Gran valor habe esso ?

Vol prenderme per fesso ?

Lo fijo meo, lassa che te dichi,

val assai men de li secchi fichi !

 

 

 

Additando Teofilatto, rincara la dose.

ber:

Ladrone, falso et nulla facente !

 

Con disprezzo

oli:

Nun vale proprio un accidente !

 

 

Si associa con veemenza.

eud:

Teofilatto est lo sempre stato,

la vergogna de lo nostro casato !

 

 

 

All’orecchio di Brancaleone, nervoso.

TEO:

L’accojenza nun est bonaria,

fusse mejo che cangiam aria !

 

 

 

Insistendo.

Alza le mani verso Leofrasto

aba:

Magno ha da essere lo riscatto,

che tu, oh padre da lo core sfatto ...

 

 

 

Infastidito.

Rivolto agli altri bizantini, dubbioso.

LEO:

Ma quale mai core et qual sfatto !

Ch’ego certo nun sono affatto,

d’essere lo paterno genitore,

d’esto ipocrita millantatore !

 

 

 

Non lasciandosi intimorire, prosegue nella sua concione.

aba:

Che tu dovrai subito elargére,

at Brancaleone cavaliere,

perché a te de novo piaccia,

stringer ello fra le tue braccia ...

 

 

 

Feroce.

fla:

Una corda attorno a lo collo,

doveresse stringere lo rampollo !

 

 

 

Prosegue, imperterrito.

aba:

Et coprire de baci a cascata,

l’erede de la tu nobil casata ...

 

 

 

Con malagrazia.

Rivolto agli altri bizantini, deciso.

LEO:

Potaria anco morir de fame,

che nun je lasso un cudrin de rame !

 

Con malanimo.

isa:

Bene lo tu dicisti padre meo,

nun lassar ello manco uno sgheo !

 

 

Con partecipazione.

aba:

Siccome lo meo nobil signore

comprende lo tuo magno dolore ...

 

 

 

Laconico e disgustato.

LEO:

Lo dolore est de aber rivista,

la sua figura nigra et trista !

 

 

 

Cercando di concludere.

aba:

Esso s’accontentaria de solo …

 

Interrogativo.

leo:

Solo ?

 

Di un fiato.

aba:

De tremila petecchioni d’oro !

 

Pestando un piede per terra, molto risentito.

LEO:

Or ben grossa l’habei tu sparata,

ce dicisti una magna cazzata !

 

 

 

Cercando di portare a casa il più possibile.

aba:

Per lo ché nos semo assai boni,

dà sol duomila petecchioni !

 

 

 

Deciso.

LEO:

T’avesse dato volta lo cervello,

ego nun do uno scudo per ello !

 

 

 

Implorante, non dandosi per vinto.

aba:

Mille solo, allor famo,

et de più nun ce pensamo !

 

 

 

Alzandosi e additando l’armata con determinata spietatezza, rivolto ai bizantini.

LEO:

Ego, Leofrasto, de Bisanzio,

de Bibbiona sire, vos annunzio,

vostra mercede siino cento sersi,

ne l’acqua tofana bene aspersi!

 

 

 

Remissivo.

aba:

Sempre più che gnente,

pijamo mantinente !

 

 

 

Allarmato, interviene tirando per la manica Abacucco.

teo:

Abacucco nun dire cojonate:

li sersi son frecce avvelenate !

 

 

 

Con tono di comando rivolto alla schiera Brancaleonina.

Ai Bizantini.

leo:

Si de lo gong a la terza sonata,

la magione nun avite lassata,

sparennove veloci a l’impresta,

diasi comincio a la festa !

 

 

E4 Colpo di gong

 

 

Spingendo fuori gli altri, con grande apprensione.

bra:

Fora ratti da cotesta stamberga,

che ego at vos proteggo le terga !

 

 

L’armata esce di gran carriera da sinistra.

 

 

Buio

Parte M17

La scena è liberata dal trono.

Proiez.18  (il decimo quadro si restringe per far posto a tutti i quadri)

Dopo l’introduzione

Proiez19 (l’undicesimo quadro “campagna con sullo sfondo un castello” si espande a tutto schermo).

 

 

Il canto di Bellavoce è registrato

BEL:

Scampati son a l’ira de Leofrasto,

lo senil prence bizantin nefasto,

et rimessisi tutti per la via,

at Aurocastro giunser et così sia.

 

 

Stop M17

Luci in Pz18

 

 

Preceduta da Brancaleone entra da sinistra tutta l’armata, Abacucco rimane poco oltre la soglia e si sdraia a terra.

 

 

Comanda l’alt alla truppa.

Al centro,con a fianco Teofilatto, indicando il fondale, con soddisfazione.

bra:

A lo fine bona sorte ce tocca,

laggiù d’Aurocastro sta la rocca.

Qui saran da li monti a lo mare,

le nostre terre da ben governare.

 

 

 

Esultante. Sì lasca cadere a terra sulla destra.

tar:

Potremo riposar le membra stanche,

sdraiati pe’ nun fiaccar le cianche !

 

 

 

Con l’acquolina in bocca, si siede sulla destra.

gra:

Manducar, cibo a lo piacimento !

 

Sognante, si sdraia sulla destra.

mar:

Contar monete d’oro e d’argento !

 

Lascivo, ginocchioni sulla destra.

Tar:

Posseder donne d’ubertose poppe !

 

Estasiato, siede anche lui sulla destra.

gra:

Tracannar vino in pregiate coppe !

 

 

 

Autoritario.

bra:

Targone, or viente at me d’appresso !

 

 

 

Avvicinandosi prontamente.

TAR:

Duce, ascultote cum interesso !

 

 

 

Posando una mano sulla spalla di Targone, con compiacimento.

bra:

Cum passo veloce, simil gazzella,

dà a li villan la lieta novella:

lo desio d’Ottone est adempiuto,

lo lor signore est alfin giugnuto.

 

 

 

Interviene con allegria.

teo:

At nostro arrivare,

facissero trovare,

magno festeggiamento,

degno de lo evento !

 

 

 

Andando verso destra, rassicurante.

TAR:

Zio, statte sereno,

volo come baleno !

 

 

Targone esce di corsa da destra.

 

 

Con un filo di voce, lamentoso

aba:

Cristianucci, o mei cristianucci,

lassate perde pe’ mo l’affarucci,

su venite meco cum lesto pede,

che lo core meo me sta a cede !

 

 

 

Andando verso Abacucco, preoccupato.

bra:

No, Abacucco noli tu scherzare,

nun est esto momento de mollare !

 

 

 

Spossato e angosciato indicando le estremità.

aba:

Gran fiacchezza habeo at me dentro,

et li pedi mea più nun me sento !

 

 

 

Andando verso Abacucco, minimizzando.

teo:

Trattasi de passagero malazzo,

presto oblierai l’imbarazzo !

 

 

 

Cercando di fare coraggio, accorre vicino ad Abacucco.

mar:

Basta che t’ariposi uno pocarino,

che tibi passarà lo dolorino !

 

 

 

Scuotendo la testa, scoraggiato.

Con affanno.

aba:

None, sol nun est  uno mancamento.

Mancame lo fiato, trema lo mento !

D’ire a far de li ceci concimento,

est or giugnuto lo meo momento !

 

 

 

Inginocchiandosi vicino ad Abacucco, cercando di essere rassicurante.

bra:

Et anco fusse lo attimo scuro,

andarai at star mejo de sicuro.

 

Ho portato lle scarpe arisolate pe’ er cardinal Rivarola, ma si

Con amarezza.

gra:

Certo più d’esta vita miseranda,

che lo crudel destino ce comanda !

 

 

 

Mestamente, seguendo un ricordo.

Con tristezza.

aba:

Per esto ce vole poco assai,

cotante pene, et  cotanti guai !

At me la vita innante m’e sfilata,

sanza darme la pace desiata !

 

 

 

Si inginocchia anche lui vicino ad Abacucco, con dolcezza.

teo:

Santo monaco battezzo te diede.

Qual novo paladino de la fede,

in paradiso trasirai dritto,

dal patir nun più sarai afflitto !

 

 

 

Cercando di confortare Abacucco

mar:

Più pe’ lo gran freddo nun tremerai !

 

 

 

Cercando di confortare Abacucco

GRa:

Né pe’ la calura tu suderai !

 

 

 

Cercando di confortare Abacucco

mar:

Fame, sete nun te tormentaranno.

 

 

 

Con delicatezza.

gra:

L’augelletti attorno te cantaranno.

 

 

 

Assentendo, precisa.

mar:

Semper sarà per te una cuccagna !

 

 

Allettante.

GRA:

Manducherai  polli a montagna !

 

 

Invitante.

mar:

Biberai  mijor vino de Spagna !

 

 

 

Accarezzando la testa di Abacucco, con infinita tenerezza.

BRA:

L’angioli te diranno tutte l’ora:

“Buon Abacucco  ne voli ancora ?

 

 

Entra Targone da destra.

 

 

Con voce affannata.

tar:

Me disse de la rocca lo baglivo,

ch’ansiosi son de lo tuo arrivo.

 

 

 

Indicando Abacucco, sottovoce a Targone.

bra:

Pazientar un poco essi dovranno,

finché Abacucco est ne l’affanno !

 

 

 

Chiamando le ultime forze, con decisione.

Indicando se stesso.

aba:

Cristianucci, ve dimanno perdono,

fate a ‘sto vecchio l’ultimo dono:

ite tutt’assieme a la gran festa,

essa sarà puro pe’ chi qui resta.

 

 

 

Baciando sulla fronte Abacucco.

Rialzandosi, con comando.

Tutti si avviano a destra.

bra:

Come tu voli amico migliore,

te terremo per sempre ne lo core !

Omini su, in longobarda schiera

at Aurocastro de grande carriera !

 

 

 

Con un filo di voce.

aba:

Branca, Branca, Branca …

 

 

Con forza.

Tut:

Leon, leone !

 

 

Tutti, eccetto Abacucco escono da destra.

 

Buio

Parte M18

Proiez.20  (l’undicesimo quadro si restringe per far posto a tutti i quadri)

Dopo l’introduzione

Proiez.21 (il dodicesimo quadro “Ingresso esterno di un castello” si espande a tutto schermo).

 

 

Il canto di Bellavoce è registrato

BEL:

Pria che lo dolor appien s’acquieta,

lassar l’amico at sorte non lieta,

li nostri at l’or che sona compieta,

arrivaron at l’agognata meta.

 

 

Stop M18

Luci in Pz19

 

L’armata entra da destra, da sinistra entra Panunzio seguito da Sofonisba.

 

 

Inchinandosi a Brancaleone.

PAN:

At nome de li civis d’Aurocastro,

sii lo benvenuto ne lo tuo castro !

 

Impaziente, a Panunzio.

sof:

Nun perderte in inutil schermaglia !

Fa poche ciance: taglia, taglia !

 

 

 

Con un nuovo inchino, poi indica Sofonisba.

Pan:

Lo castaldo Pununzio t’accoglie,

esta est Sofonisba, mea moglie.

 

 

Inchinandosi velocemente.

sof:

Riverisco, genuflessa,

ma facemo a l’impressa !

 

 

 

Con un cenno del capo, con alterigia.

Guardandosi attorno, perplesso.

bra:

De caunoscerte lo core m’aggrada.

Ma ove son l’altri de la contrada ?

 

 

 

Laconico, indica a destra.

Con dispetto.

pan:

Iti, iti via da longa parte,

Sol nos qui ristammo at aspettarte !

 

 

 

Con acido rimprovero.

SOF:

Co’ tutta  mea stima,

potevi giugner prima !

 

 

 

Un po’ infastidito dai modi dei due.

bra:

Lo cammin fu longo, longo assai,

et at nos nun mancorono li guai !

 

 

 

Rassicurato, rivolto a Brancaleone.

PAN:

A lo istante giusto arrivasti,

per rimedio dar at nostri guasti!

 

Mettendo fretta a Panunzio.

SOF:

Nun far tanto clamore,

lo tempo ratto score !

 

 

Frastornato dal modo di fare dei due.

bra:

Nun intendo qual sia la jattura,

che mette at vos cotanta premura !

 

 

 

Maligna.

sof:

Si quine resterai,

presto lo capirai !

 

 

 

Pronunzia la formula di rito molto velocemente.

PAN:

Este so’ de la cittàde le chiavi,

ite in loco et fate li bravi !

 

Indicando il castello, segnandosi.

Sbrigativamente, saluta con la mano.

SOF:

Dio ve salvi da le disgrazie,

arrivederci, forse, et grazie !

 

 

Tira fuori la pergamena e fa per darla a Panunzio.

bra:

Lo ante pijate cognoscitura,

de la regale nos investitura !

 

 

 

Fermandolo, dimostrando grande fretta.

PAN:

Poscìa, si c’est possibilitate,

faremio tutte le formalitate !

 

 

 

Tirando Panunzio per la manica, agitata.

SOF:

Tenissimo l’urgenza,

de pijar vos licenza !

 

 

 

Inchinandosi comincia ad arretrare.

PAN:

De core un magno ringraziamento,

da li villan de tu possedimento !

 

 

 

Fermandoli.

Meravigliato.

bra:

A qualo accadimento,

deggio ringraziamento ?

Ego nun ebbi fare

per esso meritare !

 

 

 

Enigmatica.

SOF:

Pria che sol tramonti,

te tornaran li conti !

 

 

Teofilatto esce da sinistra.

 

Spiegando sempre molto di fretta.

PAN:

Quanno accettasti l’ investitura,

t’impegnasti con tua venitura …

 

 

 

Precisa, sbrigativa.

SOF:

De dar nos salvazio,

da pene et strazio …

 

 

 

Terrorizzato.

PAN:

Che son da lo periglio,

venente da lo mare …

 

 

 

Con un brivido di raccapriccio.

SOF:

Qual nigro artiglio,

che reca gran penare!

 

 

 

Rammentando, guarda, perplesso, la bolla regale.

bra:

La cartapecora ne fa menzione,

qual est la perigliosa azione ?

 

 

 

Con sbrigativa ironia.

PAN:

Tempo nun tenimo pe’ la spiegazio,

essa  s’appaleserà presto assai.

 

Rabbrividendo al pensiero.

sof:

Allor saprai qual’est la dannazio,

foriera de dolori et guai !

 

 

Andando velocemente verso destra, saluta con la mano.

PAN:

De prescia salutamo et speramo,

d’aritrovavve qui quanno tornamo !

 

Spingendo fuori Panunzio, terrorizzata.

sof:

Forza, perdìo, forza !

Imo, imo de corza !

 

Panunzio e Sofonisba escono di corsa da destra.

 

 

Perplesso e preoccupato.

bra:

Ch’ambascia li mei cittadini ?

 

 

Entra Teofilatto di corsa da sinistra

 

 

Urlando di terrore

teo:

Ah!!! Li saracini, li saracini !

Ecco lo perché de esta manfrina:

li turchi so’ sbarcati a la marina !

 

 

 

Segnandosi atterrito.

mar:

Dio ce liberi et scampi !

 

 

 

Colto dal panico fa per fuggire.

Gra:

Fuimo lesti come lampi !

 

 

 

Bloccandolo, con forza.

bra:

Queti, obliato abete la pattazio,

de divider l’onore et lo strazio ?

 

 

 

Chiamandosi fuori, si avvia velocemente verso destra.

teo:

Per lo me nun feci alcuno patto,

ego me la svigno quatto, quatto!

 

 

 

Ferma Teofilatto

Con convinzione e grande enfasi.

bra:

Lo tempo de pugnar est arrivato !

De Brancaleon l’armata fia pronta,

a difesa del debol disarmato,

a lavare cum lo sanguine l’onta

de lo moro che quaggiù est sbarcato !

Miei prodi l’arme vos approntate,

ogni timor lontano or lassate !

 

 

 

Per nulla convinto.

tar:

Qual prodi et qual arme !

 

Atterrito.

mar:

D’onor nun so che farme !

 

 

Va verso destra, seguito dagli altri.

gra:

At gambe voleo darme !

 

 

 

Trovando la scusa che cercava.

bra:

Fateme ben intender la logica:

saria ritirata strategica ?

 

 

 

Lapidario.

teo:

Nomala poti come più t’aggrada,

ma lassamo ratti esta contrada !

 

Spingendo fuori gli altri.

bra:

Via,  mea cara gente,

fuimo mantinente !

 

Brancaleone e l’armata escono di corsa da destra.

 

 

Parte M19 (li saracini)

Proiez.23 Tredicesimo quadro “Cortile di un castello”

Luci in Pz20

 

Entrano, da sinistra, ballando e cantando: Mustafà, Alì, Fatima, Aisha, Raissa.

 

Cantano.

SAR:

Mamma li turchi, et mamma li turchi,

terrore de popoli et monarchi.

Mamma li turchi, et mamma li turchi,

famo cazzarole et li coperchi.

Mamma li turchi, et mamma li turchi.

 

 

 

Canta.

mus:

Nos venimo da lo mar,

li cristiani at depredar,

resister est brutto affar,

mala fine a cercar !

 

 

 

Cantano.

SAR:

Mamma li turchi, et mamma li turchi,

terrore de popoli et monarchi.

 

 

 

Canta.

mus:

Lo terrore seminam,

ogni ben arraffiam,

sgozzamo et impalam,

d’ogni erba fascio fam !

 

 

 

Cantano.

SAR:

Mamma li turchi, et mamma li turchi,

famo cazzarole et li coperchi.

 

 

 

Canta.

mus:

Nun v’è niun che ce resista,

esta terra de conquista,

sim davvero gente trista,

lo flagel peggior ch’esista !

 

 

 

Cantano.

SAR:

Mamma li turchi, et mamma li turchi,

terrore de popoli e monarchi.

Mamma li turchi, mamma li turchi,

famo  cazzarole et li coperchi.

Mamma li turchi, et mamma li turchi.

 

 

Tutti i turchi escono di corsa eccezion fatta per Mustafà,  e Alì.

 

 

Stop M19

Luci in Pz21 “cortile di un castello”

 

 

Ponendosi a braccia conserte al centro del palco.

MUS:

Mei fidi, abete catturato,

li pusillanimi can’infedeli ?

 

 

 

Con ferocia.

alì:

Siconno l’ordini tua crudeli,

dei cristianacci ognuno sta legato,

messo a vincoli et ben impalato !

 

 

 

Imperioso.

mus:

Recateli at lo meo cospetto !

 

 

 

Inchinandosi si avvia a destra, seguito da Batur.

ali:

Gran visir at farlo ego m’affretto !

 

 

Alì esce da destra.

 

 

Con una punta di sadismo.

MUS:

Vo’ vederli in caten dimenasse,

per lo timor indosso defecasse !

 

 

Rientra Alì con Brancaleone e la sua schiera, tutti legati ad un palo che hanno dietro la schiena, si dispongono in riga sul fondo.

 

 

Fa inginocchiare l’armata davanti a Mustafà, con ferocia.

Con deferenza, indicando Mustafà.

alì:

Cristiani finita est la pacchia,

mantinente flettete le ginocchia!

Innante de li mar dominatore:

Mustafà Habdull de Smirne signore !

 

 

 

Implorante.

Gra:

Pietà generoso sardanapalo !

 

 

 

Lamentoso.

mar:

Fatto nun abemo gnente de malo !

 

 

 

Indicando con il mento Brancaleone come capro espiatorio.

teo:

Si con alcun te la devi pijare,

fallo co’ isso che nos comandare !

 

 

 

Alla schiera, disgustato.

Si gira verso Mustafà, pregustando.

alì:

Silenti ! Mal feccia de lo criato !

Qual supplizio at essi destinato ?

 

 

 

Passando in rassegna l’armata, con compiaciuta ironia.

MUS:

Datosi che li boni cristiani,

pe’ nun lordar de sangue le lor mani,

abbruscheno da vivi co’ lo foco,

chi come lor la penza troppo poco,

nos riservamo at esti malnati,

mismo trattamento d’esse bruciati !

 

 

 

Con un urlo straziante.

gra:

No, no ! Lo rogo nun fia giammai !

 

 

 

Possibilista.

MUS:

Volite tiravve for da li guai ?

 

 

Si trascina ginocchioni verso Mustafà e si prostra ai sui piedi.

teo:

Pur de salvarme da la focheraccia,

faccio lo tutto quel che te piaccia !

 

Si inchina faccia a faccia con Teofilatto, irridente.

MUS:

De papa romano fede lassate,

de Maometto seguaci diventate !

 

 

 

Dissentendo con slancio.

Con fermezza.

bra:

Mejo de lo foco est la sciagura,

che lo profferir l’abietta abjura !

 

 

 

Riflessivo,  cercando il consenso dei compagni.

teo:

Però, meditandoci per lo bene,

quasi, quasi l’abjura ce conviene !

 

 

 

Girandosi di scatto verso Teofilatto, con veemenza.

bra:

Taci, cotardo bizantin puttano !

Mejo la morte che maomettano !

 

 

 

Da le spalle a Brancaleone.

Autoritario ad Ali e Batur.

MUS:

Gaudente tu ! Vos recate quine,

due o tre dozzine de fascine !

 

 

 

Prontamente andando verso destra.

Inchinandosi va a destra.

ali:

A l’ordini, luce del gran oriente!

Obbedito sarai immantinente !

 

 

Alì, inchinandosi esce da destra.

 

 

Conciliante, a Mustafà.

mar:

Se pote ragionar quietamente ,

et trovar d’accordo ‘na bona via ?

 

 

 

Definitivo.

MUS:

Foco abeo detto et così sia !

 

 

Rientra Alì da destra di corsa e parla all’orecchio di Mustafà poi entrambi si allontanano correndo da destra.

 

 

Meravigliato, indicando con il capo a destra.

tar:

Per lo che essi se la squaiorono,

et lo foco nun appiccicorono ?

 

 

 

Rassegnato.

mar:

Me sa che nun j’abbastan le fascine

et so’ iti a pijar artre dozzine !

 

 

 

Rivolto a Brancaleone, con risentimento.

teo:

Che lo jorno nun fia mai nato,

quello che habeo te incontrato !

 

 

 

Con altrettanto malanimo.

bra:

Lo stesso va ascritto,

pur per lo sottoscritto !

 

 

 

Con rancore.

Disperato.

Gra:

Nojartri che abemo da parlare ?

Impalati, chi ce pote salvare ?

 

 

 

Sognante.

tar:

S’isognevamo che at Aurocastro,

trovassimo: cacio, vino, pollastro …

 

 

Sulla stessa tonalità di Targone.

Gra:

Conijo co’ l’olive insaporito,

majale su lo spiedo arrostito !

 

Drammatico.

mar:

Invece li turchi hanno disposto,

che fussimo nos at ire arrosto !

 

 

E7 (Squillo di tromba)

 

 

Sorpreso, protendendo la testa verso sinistra, si alza imitato dagli altri.

gra:

Abete sentuto vos uno squillo ?

 

 

 

Confermando.

tar:

Est vero, de tromba parmi lo trillo !

 

 

 

Rassegnato.

mar:

Sarà lo segnal de li saracini,

d’appiccià lo foco co’ l’acciarini !

 

 

 

Con eccitazione.

bra:

None, manco pe’ gnente:

est de cristiana gente !

 

 

 

Euforico.

gra:

Arriveno li nostri at salvamento !

 

 

 

Al settimo cielo.

tar:

Scampato abemo lo gran tormento !

 

 

Entra, da sinistra, Manodiferro in armatura con la visiera dell’elmo calata.

 

 

Con devota gratitudine va vicino a Manodiferro e si inchina.

gra:

Chiunque tu si celato signore,

te ringraziamo co’ tutto lo core !

 

 

 

Precisa con sollievo, inchinandosi a Manodiferro.

tar:

Sanza lo tuo intervento ardito,

saressimo finit’a scottadito !

 

 

 

Sprezzante.

Interrogativo, passando in rassegna.

Man:

Taci tu miserevole scudiero !

Chi est de la schiera condottiero ?

 

 

 

Con un piccolo cenno del capo.

Con fierezza.

bra:

Ego sum: Brancaleon da Leonessa,

sir d’Aurocastro et terra annessa !

 

 

 

Spiacevolmente sorpreso, con acrimonia rivolto a Brancaleone

Man:

In virtù de cotal comandamento,

sei signor de lo possedimento ?

 

 

 

Risponde convinto.

A Manodiferro con deferenza.

bra:

‘Na bona cartapecora tenimo,

de lo prence Ottone, ello primo,

S’aggrada a lo piacere vostro,

sciojeteme che essa at vos mostro !

 

 

 

Feroce.

Man:

Nun te incomodare,

d’essa nun so che fare !

 

 

Manodiferro si toglie l’elmo.

 

Esterrefatto.

gra:

Esso est lo cavalier depassato !

 

 

 

Tremebondo.

mar:

Che ne lo fiume semo buttato !

 

Con un ironico inchino

man:

Manodeferro feudatario !

De cartapecora destinatario!

 

 

Non realizzando, disorientato.

bra:

Fate at me capire,

quod est lo vostro dire ?

 

 

 

Con voce tremante, indicando con la testa Manodiferro

Gra:

La pijassimo at esto signore,

penzandolo ito al Creatore !

 

 

 

Con soddisfazione feroce.

Crudele.

Man:

Sum vivo et vegeto a lo vece !

Et presto vos morti pensar mi lece !

 

 

 

Con un sospiro di rassegnazione.

tar:

Mala est la nostra sorte trucia,

cader da padella ne la bracia !

 

 

 

Rivolto a Targone, con decisione

Man:

Quel che mori nun fecer compimento,

farollo per meo compiacimento !

 

 

 

Indicando un capro espiatorio.

gra:

E’ stata tutta colpa d’Abacucco,

d’esso fu l’idea de lo trucco !

 

 

 

Infastidito.

Imperioso.

Man:

A li traditori grazia mai feci,

recitate l’ultime vostre preci !

 

 

 

Rassegnato.

mar:

Ingrato lo destino !

Me cotto a puntino !

 

 

E8 (Suono di un campanaccio)

 

 

Speranzoso.

tar:

Udite esta sonata bislacca ?

 

 

 

Non dando importanza

gra:

At lo me par campanaccio de vacca !

 

 

 

Dissentendo, con forza.

Con entusiasmo.

teo:

None et poi none !

Est campana de monaco Zenone !

 

 

bra:

Nun se l’inghiottette lo cavalcone ?

 

I penitenti cantano a cappella.

peni:

(FC)

Lungo è il cammin, grande la meta,

tutti assiem seguiamo lo profeta !

 

 

 

Con riaccesa speranza.

tar:

Vene at por nos in salvazione !

 

 

 

Euforico.

gra:

Laudato sia lo santo Zenone !

 

 

Entra Zenone da destra seguito da Abacucco, Matelda, Ortensia, Ginevra, Isadora, Puzzone, tutti col saio da penitenti, con il cappuccio sugli occhi.

 

 

Si toglie il cappuccio e va verso gli impalati, commosso.

aba:

Bene ritrovati compagni cari,

fernuti sono li tempi amari !

 

 

 

Allibito.

Gra:

Puro Abacucco  est ne la schiera !

 

 

 

Sconcertato.

tar:

Ma lo esso cadavere nun era ?

 

 

gra:

Voi vedé che simo deggià morti,

e nun se ne simo ancor accorti ?

 

Rivolto all’armata con tono ieratico.

zen:

Quando lo Cristo chiama,

est voce che ristora:

se lo Signore veramente s’ama,

anco li morti so’ vivi ancora !

 

 

 

Confermando, con rispetto e gratitudine.

Facendosi la croce.

aba:

Lo monaco crociato a l’impronte,

le su’ mano me mise su la fronte,

et pe’ de Cristo la resurrezione,

a lo istante me die guarigione !

 

 

 

Con slancio, correndo vicino ad Abacucco.

mar:

Uno grande miracolo est stato,

lo vegliardo l’habe resuscitato !

 

 

 

Rivolto all’armata impalata.

zen:

Site pronti venir seduta stante,

at meco pugnar ne le terre sante ?

 

 

 

Con impeto.

teo:

Ce poti ben giurare !

 

 

 

Con esaltazione.

Gra:

Pronti siamo per lo nobil andare !

 

 

 

Speranzoso a Zenone.

mar:

Abbasta che da lo palo ce toji,

et da li legacci poi ce scioji !

 

 

 

Sacerdotale.

Rivolto a Manodiferro, autoritario.

zen:

Pe’ lo Creator de celo et terra,

messer, li novi crociati disserra!

 

 

 

Intervenendo con durezza.

Indicando gli impalati.

Man:

Essi at me fecer magno affronto,

et le lor vite habeo in conto !

 

 

 

Con esaltata sicurezza.

Puntando l’indice contro Manodiferro.

Alzando la destra al cielo.

zen:

Niun diritto est superiore

at quello de lo Divin Salvatore !

Lo tuo concetto est vano at fronte,

de Chi del criato l’unica fonte !

 

 

 

Insistendo.

Man:

Morte meritorono!

 

 

 

Confermando.

zen:

Et morte avrorono !

 

 

 

Sconcertato.

tar:

Ce risemo a ir moriammazzati !

 

Rassegnato.

gra:

Poveracci nojartri sventurati!

 

 

A Manodiferro, con fermezza.

Solenne.

zen:

Ma non saria la tua de morte,

benanco quella che, benigna sorte,

avran pugnando pe’ la nobil guerra !

Per lo che essi habeno giurato,

su lo sanguine da Cristo versato,

de venir meco ne la santa terra!

 

Con convinzione.

Bra:

Lo liberare lo Sepulcro Santo,

monda peccata et rende magno vanto !

 

 

Rivolto a Manodiferro, con tono che non ammette rifiuto.

zen:

Anco lo tu veni meco giocondo,

d’ogni tua culpa sarai mondo !

 

 

 

Prendendo la decisione.

Rivolto agli altri.

Man:

Et sia, lo voler tuo accetto !

Fia lo esto lo meo precetto:

vos, li villan sciojete da prigione !

Se fa schiera co’ lo frate Zenone !

 

 

 

Con un grido di gioia.

tutt:

Gaudiossima alleluia !

 

Rassicurato.

TEO:

Scampata abemo una fin buia !

 

Matelda va vicino  Brancaleone

 

 

Con verecondia, si toglie il cappuccio della veste monacale e slega Brancaleone.

mat:

Or che divenni di Gesù la sposa,

volsi seguitar cum alma radiosa,

lo monaco ne l’impresa ardita,

per lenire ogni vostra ferita.

 

 

 

Sommamente stupito.

bra:

Mea Matelda, proprio tu sei,

luce preziosa de l’occhi mei ?

 

 

 

Con dolcezza, rivolta a Brancaleone.

mat:

Lo nome meo abbeo rivisto,

in Clara de le spine de lo Cristo ! 

 

 

Ortensia va vicino a Teofilatto.

 

Togliendosi il cappuccio della veste monacale scioglie Teofilatto, con gratitudine.

ort:

Lo monaco trovomme moribonda,

et me feceme ne lo corpo monda,

‘sì giurai su lo santo Vangelo,

esser suor Orsola de lo Carmelo !

 

 

Isadora va vicino a Targone.

 

Togliendosi il cappuccio della veste monacale scioglie Targone, con riconoscenza.

isa:

Me l’anima pose in salvamento,

et ego per lo ringraziamento,

riabbracciai la vera santa fede:

or son suor Serena de la Mercede !

 

 

Ginevra va vicino a Marconzolo.

 

Togliendosi il cappuccio della veste monacale scioglie Marconzolo, con gratitudine.

gin:

Zenone de lo cor sciolse lo gelo,

me convinse pijar lo sacro velo,

lo meo nome habeo or riscritto,

in suor Lina de lo core trafitto.

 

 

Puzzone va vicino a Grassochecola.

 

Ispirato, Togliendosi il cappuccio della veste monacale scioglie Grassochecola.

puz:

Lo monaco me fece convinzione,

pe’ le malfatte aber soluzione,

restava at me una sol maniera:

de li crociati ingrossar la schiera !

 

 

 

Con tono ieratico.

zen:

Pria de affrontar lo mare procelloso,

laudemo cum alto canto gioioso,

lo Signor de lo cel et de la terra,

colui che sciojie et inserra !

Laudemo, laudemo,

lo alto Onnipotente

le ginocchia pieghemo,

in prece riverente.

 

 

Tutti si inginocchiano.

 

 

Buio

Parte M21

Proiez.24 (Il tredicesimo quadro si restringe ed appaiono tutti i quadri)

 (Il canto di Bellavoce è registrato)

 

 

BEL:

Di Brancaleone le gesta ardita,

de la sua rocambolesca vita,

la narrazione est ormai finita,

sperando sia stata at vos gradita.

 

 

Parte M22

Proiez.25 (Titoli di coda)

Luci in Pz23

 

 

Sipario

 

FINE

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno