Vu’ cumpra’

Stampa questo copione

Vù cumprà

VU’ CUMPRA’

Commedia in tre atti e un prologo

 di

Corrado Grasso e Giovanni Marcuccio

P E R S O N A G G I

VINCENZO SCOGNAMIGLIO, venditore ambulante

ASSUNTA RICCIO, sua moglie

LUCIA loro figlie

CRISTINA

GAETANO RICCIO, padre di Assunta

CIRO RUSSO, amico di Vincenzo

MARIA ESPOSITO, moglie di Ciro

FRANCO RUSSO, figlio di Ciro e fidanzato di Lucia

Comm. LUCIO PAPA, imprenditore edile

CARMELA BENE, moglie di Lucio

Ing. MARCO RANIERI, conte, amico della famiglia Papa

FLORA CAPASSO, nobildonna moglie di Marco

ALFONSO AMATO, detto "Fofò", amico della famiglia Papa

casigliani, venditori ambulanti di colore, compratori ecc. ecc.

P R O L O G O

Una strada, sul fondo palazzi e negozi. Sul marciapiede venditori ambulanti, gente che va e che viene, c’è chi si ferma ad osservare e comprare i prodotti degli ambulanti. Di tanto in \ tanto si ode l’ormai noto "vu’ cumpra’?" di qualche venditore di colore.La loro mercanzia è sparsa su tappeti, in valigette aperte poggiate su sgabelli o su vecchie carrozzine. Fra questi spicca una carrozzina con un grande cartello con la scritta "Ditta Vincenzo Scognamiglio & figlie" - "Il meglio di tutto e a prezzo di svendita".

1° NERO: - Signo’, vu’ cumpra’? (e mostra orologi, radioline ed altra mercanzia al cliente adescato)

2° NERO: - Signo’... signo’, prego, cumpra’... teh... cumpra’?

VINCENZO: - Orologi svizzere, calendario, barbanera, sapone p’ ‘a barba, ‘o compiutér, ‘a lampadina pe’ quanno manca ‘a luce elettrica e pure pe’ quanno ce sta, lumini p’ ‘a buonanima, magliette con cintura di sicurezza incorporata, cinture di castità per uomo e per donna, portafogli, borse p’ ‘a spesa, accendini ricaricabili e non... (tutte queste esclamazioni saranno scandite a più riprese)

1° CLIENTE: - (prende un orologio, lo osserva poi...) Che prezzo fa?

VINCENZO: - V’ ‘o regalo pe’ diecimila lire...

1° CLIENTE: - ... eh!... e che r’è... n’ Omega?

VINCENZO: - Si era un Omega facevo l’orefice!

1° CLIENTE: - M’‘o dai pe’ tremila lire?

VINCENZO: - Ma questo è un falso originale!

1° CLIENTE: - Nun aggio capito buono: è falso o è originale?

VINCENZO: - Quello perciò non si può andare avanti qua: dunque il falso originale è falso sì, ma è stato copiato da un originale. Il falso falso, invece, è stato copiato da un falso originale, perciò è falso overamente, nun vale niente! Avete capito? Mi sono spiegato? Allora che faccio, lo incarto? Confezione regalo?

1° CLIENTE: - Ma vide addò hê ’a j’! Falso originale, falso falso! Ma cheste so’ cose ‘e pazze! (si sposta verso un venditore nero)

2° NERO: - (il cliente osserva un orologio simile a quello che poco prima aveva visto sulla bancarella di Vincenzo) Buono! Vu’ cumpra’?... cumpra’, signo’? Prezzo buono!

1° CLIENTE: - Quanto?

2° NERO: - (aiutandosi con le dita fa il segno di ventimila lire) Ventimila lire.

1° CLIENTE: - No! Caro!...

2° NERO: - Tu quanto volere dare?

1° CLIENTE: - Diecimila lire.

2° NERO: - Troppo poco. Quindicimila va buono?

1° CLIENTE: - (osserva ancora l’orologio, pensa un po’) Va bbuo’! Incartalo che devo fare un regalo. (piglia i soldi dal portafogli e paga)

VINCENZO: - (che ha osservato tutta la scena) Ma comme?... N’orologio ca si nun ‘o vutte nun cammina, chillo ‘o pave quindicimila lire! E ‘o mio ca è un falso originale giapponese, cu ‘e transistòr, diecimila lire, ha ditto ca è caro! Forse so’ diventato scemo, forse ‘o munno s’è fernuto ‘e sturzella’! a gent’è ‘mpazzuta!... (si fruga in tasca in cerca delle sigarette e, non trovandole, si rivolge al venditore di frutta che gli sta vicino) Mannaggia aggio fernuto pur’‘e sigarette... Pascali’, dammi un occhio all’esercizio, vado a comprarmi le sigarette e torno... (mentre si allontana) Pasca’, attient’ ‘e nire!

Da un capo all’altro della scena riprende il richiamo dei neri, degli altri ambulanti e l’andirivieni dei compratori. Da destra a sinistra passa Lucia, con i libri sotto il braccio, accompagnata da Franco che ha fra le mani un casco da motociclista. Vincenzo, con voce che sembra più un lamento, riprende il richiamo e la reclame della sua mercanzia, che non riesce a vendere per la concorrenza dei venditori neri.

Franco e Lucia lo scorgono e, per non farsi vedere insieme, cambiano strada.

La gente continua a passeggiare, a fermarsi ai banchetti degli ambulanti a trattare l’acquisto di qualche oggetto, a comprare; passa un vigile che controlla, qualche militare, ragazzi e bambini che vanno o tornano dalla scuola; un vecchio invalido, all’angolo della scena, chiede l’elemosina, un gruppo di persone legge un manifesto attaccato al muro; passa il pizzaiolo che lancia il suo grido caratteristico, il boy di un bar con vassoio con su tazzine, bicchieri e caffettiera; qualche turista straniero scatta delle foto. Tra la folla: un sacerdote, gruppi di studentesse, ecc., si intravede un drogato che compra la bustina da un signore distinto; frettolosamente passa il politico con i suoi portaborse e il codazzo dei postulanti.

Questa scena d’insieme ritrarrà la vita quotidiana di una strada qualsiasi di Napoli ai nostri giorni, il tutto si svolgerà tra l’inizio e la fine del prologo.

ATTO PRIMO

La scena rappresenta la camera da pranzo di un basso dove abita la famiglia Scognamiglio. Sul fondo al centro l’ingresso, che immette direttamente nel grosso cortile del palazzo, è formato da una porta-finestra, con un telaio a vetri da cui entra la luce nella stanza e da cui si intravedono, di tanto in tanto, i casigliani che passano. Al centro della scena un tavolo con sedie intorno; nell’angolo in fondo a destra, alcuni grossi pacchi con la mercanzia di Vincenzo. In prima a destra, sulla parete, una credenza. Ad angolo con la porta-finestra, un tavolo scrittoio; dopo la porta, uno scaffale con libri. Sulla parete di sinistra, al centro, una porta che immette in un altro basso (stanza da letto, cucina o bagno).

All’aprirsi del sipario in scena vi è Gaetano che, seduto accanto al tavolo centrale, sta sbucciando delle patate.

GAETANO: - (uomo sugli ottant’anni, quasi calvo, indossa un maglione di lana pesante tipo cardigan, pantofole ai piedi, sbuccia patate mentre ascolta la radio) Ce campammo ‘e past’e patane!... (facendosi da solo domande e risposte) "Don Gaeta’ che fate a pranzo?" Pasta e patate!... "Don Gaeta’, pure ieri avete mangiato pasta e patate!... "No, vi sbagliate, ieri... patane e pasta! Domani, invece tubetti, tubetti... con il contorno ‘e patane! In questa casa facciamo una dieta molto avariata, dieta "Scognamiglio": mercoledì baccalà... venerdì una bella frittura... di alici e la domenica... la fettina! Bella, fine, trasparente! Te fai ‘a cummunione!

ASSUNTA: - (donna sui quarant’anni, anche se ne dimostra qualcuno in più, molto bella, veste con sobrietà, entra dalla comune portando delle borse della spesa piene) Papà, che r’è parlate sulo? Uno entra e voi nemmeno lo sentite!... E stutate chella radio e datemi una mano!

GAETANO: - (avendo capito male perché sente poco) Sta stutato, sta stutato, ‘o fuoco.... Ma comm’è ca non ti ho sentito?... Hai suonato il campanello? Come hai aperto?

ASSUNTA: - Eh, si, dimane!... (alzando il tono della voce) Tenevo la chiave! (spegne la radio e incomincia a posare le borse sul tavolo)

GAETANO: - (si alza) Aspe’, che ti dò una mano... (guardando nelle borse)... hê accattato ll’ate patane! Tra poco me jescen’ ‘a ‘int’all’uocchie! Me pare ca so’ turnato all’ebboca d’ ‘a prigionia... "soldato don Gaetano Riccio là ci sono le patane e voi le dovete ammunnare... (facendo il saluto militare) Signorsì, agli ordini!"

ASSUNTA: - Papà, vuie facite ‘o spiritoso, cca’ ce vollono ‘e cerevelle! Chiuttosto appriparateve ca è quasi mezzogiorno. Hita j’ a piglia’ a Cristinella ca jesce d’ ‘a scola.

GAETANO: - Assu’, ma dint’a sta casa aggi’ ‘a fa’ tutt’i’! Mo’ s’hadda j’ a piglia’ ‘a guagliona, mo’ s’hadda j’ a fa’ ‘a spesa, mo’ s’hann’ammunna’ ‘e patane... I’ tengo uttant’anne, so’ viecchio, nun ce ‘a faccio cchiù!

ASSUNTA: - (si avvicina al padre) Papà, avitece pacienza, scusate! ‘O saccio chello ca facite pe’ nnuie, pe’ sta casa... ‘e vvote si nun fosse pe’ vuie... nun ce putessimo permettere manco ‘e patane... (si siede e sconsolata piange) So’ stanca, papà, so’ stanca!

GAETANO: - Assunti’, bell’ ‘e papà, nun fa’ accussì! Nun te preoccupa’! ‘O mio è stato sfogo ‘e vocca! Mo’ vide ca ‘e ccose cagnene pure pe’ Vicienzo! E po’ Lucia chist’anno addeventa maestra, accussì pur’essa pò aiuta’ ‘a varca!

ASSUNTA: - (asciugandosi gli occhi e sorridendo al pensiero della figlia insegnante) E comme currite, papà! Lucia, mo’, a luglio deve fare l’esame, po’ s’hadda vede’ quanno piglia ‘o posto!... Comunque essa e Cristina s’hanna piglia’ ‘o piezzo ‘e carta, lloro nun hanna fa’ ‘a vita nosta. ‘o pate, vuie, ie stamme facenne sacrifice sule pe’ lloro. E sperammo ca chella bella Vergine di Pompei ce mette na mano pur’essa!

GAETANO: - (va all’attaccapanni, si toglie il maglione e mette la giacca, sopra di essa un soprabito sdrucito ma pulito, mette anche la coppola, poi calza le scarpe che si trovano sotto l’attaccapanni)

ASSUNTA: - Papà, ma ve mettite ancora ‘o cappotto? Stamm’a giugno!

GAETANO: - Assu’, i’ tengo friddo... Tu ‘o ssai che ‘a quanno so’ turnato all’Africa, tengo sempe friddo!... (guarda fisso nel vuoto, dando segni di vaneggiamento) Pure ‘o capitano teneva friddo! Tutti quanti teneveme friddo! ‘O sole cuceva... ma faceva friddo!... (riprendendosi) Allora i’ vac’a piglia’ a Cristinella! (fa per avviarsi)

ASSUNTA: - Statevi attento... e nun facite tardi!

GAETANO: - (ritornando sui suoi passi) Mo’ m’‘o scurdavo e t’ ‘o dicere. È venuta ‘onna Rosa del quarto piano, mentre me facevo ‘a barba, mi ha detto che, si puo’, ll’avisse da’ na mano pe’ pulezza’ ll’appartamento oggi pomeriggio, pecchè stasera riceve il fidanzato della figlia con la famiglia.

ASSUNTA: - Va bbene!

GAETANO: - (fa per andare ma ritorna ancora sui suoi passi) Mannaggi’ ‘a capa! Sto diventando scurdariello! Sarà la età!... È venuta anche donna Brigida, ha ditto ca cchiù tarde te manna ‘a biancheria da stirare. Ah, ha ditto ca lle serve pe’ stasera!

ASSUNTA: - Vanno tutt’ ‘e pressa! Va bbene! Sarà fatto! V’hita arricurda’ niente cchiù?

GAETANO: - No, basta accussì! Allora io vado. (esce)

ASSUNTA: - (rimasta sola mette a posto la spesa e rimette un po’ di ordine in casa)

MARIA: - (donna dalla stessa età di Assunta, bussando sul telaio della comune) È permesso? Assu’ t’aggio purtato ‘a biancheria da stira’ che mi ha dato donna Brigida. Ha ditto ca...

ASSUNTA: - (interrompendola)... lle serve pe’ stasera! ‘O saccio ggià! Speriamo ca ce la faccio!

MARIA: - I’ tengo ‘o fierro ca me s’è rrutto, si no te devo na mano. Tra Ciro e Franco nun s’è capito ancora chi me ll’hadda accungia’! Me sa, me sa ca si nun ‘o porto dall’elettricista nun stiro cchiù!

ASSUNTA: - So’ tutt’ ‘e stesse! Quanno ce sta ‘a fa’ na cosa dint’a casa, gli uomini nun teneno maie tiempo... Mari’, a proposito di Franco, ti dovrei dire una cosa, ma non mi devi fraintendere... siediti.

MARIA: - (sedendosi) Che è stato? È succieso quaccosa?

ASSUNTA: - No no, ma ll’avisse dicere ca pe’ nu poco ‘e tiempo hadda lascia’ sta’ a Lucia…

MARIA: - (un poco agitata) Allora è succieso quaccosa! Ll’ha mancata ‘e rispetto?

ASSUNTA: - Mari’ calmati, nun è succieso niente. Sulo ca s’hanna vede’ cchiù poco, fino a quanno Lucia nun fa ll’esame ‘e maestra. Vicienzo ce tene assai, e po’, dato ca isso nun ‘o sape ancora ca ‘e guagliune fanno ammore, nun ce mettimme occasione.

MARIA: - Pecchè, tu dice ca Vicienzo nun se n’è addunato ancora?

ASSUNTA: - Nun ‘o saccio. Comunque fino a che Lucia nun fa ll’esame, si Franco ‘a vò bbene overamente, hadda fa’ pur’isso nu poco ‘e sacrifice.

MARIA: - Assu’, chillo Franco stravede pe’ Lucia.

ASSUNTA: - ‘O saccio, ‘o saccio, e tu sai pure si i’ so’ cuntenta o no ca ‘e guagliune se vonno. Ma primma Lucia s’hadda piglia’ ‘o piezzo ‘e carta!

MARIA: - Hê ragione! Nun te preoccupa’ ca Franco ‘o capisce... Chillo ‘a vò bbene ‘a quann’era piccerillo. Me ricordo ca quanno nascette Lucia, truvave semp’ ‘a scusa pe’ veni’ cca’, p’ ‘a veni’ a vede’!

ASSUNTA: - M’arricordo pur’i’, se metteva vicina ‘a culla e ‘a guardava pe’ ore sane senza dicere na parola.

MARIA: - Na vota turnaie a casa chiagnenno "Francù, lle dicett’i’, che è stato bello ‘e mammà, te si’ fatto male, quaccheduno t’ha vattuto, dillo a mammà toia" e isso "mammà quanno me faccio gruosso a Lucia m’‘a sposo" "e tu pe’ chesto chiagne?" "no, ma n’ata vota ca chillu guaglione ‘a vasa i’ ll’accido!"

ASSUNTA: - (sorridendo) Sarà stato quanno venett’ ‘o cumpare da Casoria c’ ‘o figlio. Comunque, Mari’, si ‘a guagliona si piglia ‘o diploma ‘e maestra è cchiù facile parla’ pure c’ ‘o pate. Franco è nu bravo giovane, faticatore cu nu posto ca lle pò dda’ suddisfazione e Vicienzo ca ll’ha visto sempe comm’a nu figlio penso ca lle farà piacere pur’a isso. Ma Lucia s’hadda diploma’! Mari’, ‘e figli nuoste nun hanna fa’ ‘a stessa vita ca facimme nuie!

MARIA: - Assu’ nun te preoccupa’, mo’ ce parlo i’ cu Franco... ma i’ a tte nun saccio comme te veco, tiene na faccia!... Nun te siente bbona? Hê fatto quistione cu Vicienzo?

ASSUNTA: - No, niente, ‘e solite ccose, i soliti guai... (poi cogliendo l’occasione di uno sfogo con l’amica, trattenendo a stento le lacrime)... e che me sento stanca, nun ce ‘a faccio cchiù. Fatico d’ ‘a mmatina ‘a sera e ‘e vvote, si nun fosse p’ ‘a pensione ‘e guerra ‘e papà nun se manco mangiasse.

MARIA: - Ma comm’è, Vicienzo c’ ‘a bancarella nun ffa cchiù affari? Me pareva ca ‘e ccose jessero abbastanza bene! Tiempo fa me parlava addirittura ‘e s’affitta’ nu negozio ‘o Rettifilo!

ASSUNTA: - Chillo ‘o problema è proprio Vicienzo! ‘A quanno pure ‘e nire se so’ mis’a ffa’ i venditori ambulanti, nun riesce a vennere cchiù manco nu sciosciamosca. Dice che ‘a ggente preferisce spendere dai vu’ cumpra’ perchè i napoletani li fanno fessi!

MARIA: - Ma tu che ddici, povero Vicienzo, comme me dispiace!

ASSUNTA: - Pover’ommo, ne sta facenno na malatia, nun sape cchiù chello c’hadda fa’!... ‘A matina, se sceta ‘e bbon’ora pe’ truva’ ‘o meglio posto, cerca d’arriva’ primma d’ ‘e nire... Non c’è niente da fare. I’ po’, pe’ nun ‘o mortifica’, ‘a mmatina lle faccio truva’ ‘e sorde p’ ‘e sigarette ‘ncopp’ ‘a tavola... zitta nun dicere niente o’ vvì lloco... tene na brutta faccia. Oggi manco ha vennuto niente.

VINCENZO: - (uomo sui cinquant’anni, entra dalla porta, dopo averla spalancata, portando dentro la carrozzina, che fa da bottega ambulante, con la mercanzia sopra) Oggi è stata n’ata matinata inutile... (notando Maria)... Buongiorno Mari’, come stai... e Ciro?... So’ parecchi giorni ca nun ‘o veco!

MARIA: - Buongiorno Vicie’, Ciro nun ce sta. Songhe quattro juorne ca è gghiuto cull’Impresa a Puortice, ma oggi avesse turna’.

VINCENZO: - Io ‘e vvote ll’invidio a Ciro, pure si fa nu mestiere faticoso comm’ ‘o fravecatore, ma ‘mmacaro piglia chillu schizzeco sicuro!

MARIA: - Eh, macare fosse sicuro! Con la crisa ca ce sta, songhe poche ‘e semmane ca riesce a fa’ sane. Mo’ chello dicevo cu Assunta, ca si nun fosse pe’ Franco ca ‘e vvote ce dà na mano...

VINCENZO: - (con sarcasmo) Pe’ fortuna ce sta sempe chi ci dà na mano: a tte tuo figlio... a mme mio suocero...

ASSUNTA: - Pure oggi ‘o stesso! Nun ffa niente, nun te preoccupa’, hadda passa’ stu periodo niro!

VINCENZO: - Alt! Chesta è na parola ca ‘int’a casa mia non deve esistere! Nun ‘a voglio senti’ manco ‘e annummena’!... ‘A quanno so’ arrivate a Napule, Alì Babà e compani nun riesco a vennere cchiù manco na spingula!

MARIA: - Va bbuo’ Vicie’, chella è na moda, tra poco passa e vedarrai ca ‘e ccose cagneno!

VINCENZO: - Magari fosse ‘a moda. No Marì, chella ‘a ggente è in mala fede, pecchè io e i ne... (si ferma perchè stava pronunciando la parola neri) e Alì Babà vennimmo ‘e stesse cose, ‘a stessa "schifezza". Eh, ma lloro songhe furastiere, è povera ggente luntana d’ ‘o paese lloro, "pure lloro hanna mangia’!" E nuie, nuie nun avimma mangia’?... Pure nuie tenimme na famiglia c’hadda mangia’!.. Nuie però simme ‘mbrugliune, simme sfaticate!... Madonna, è na canzone chesta ca ‘a sento ‘a quanno so’ nnato. Basta!... E cagnammelo nu poco stu mutivo!

ASSUNTA. - Nun te ne fa’ Vicie’, ll’importante è ‘a salute ca nun ce hadda manca’, po’ ‘o riesto si risolve tutto. Nu piatto ‘e pasta e patane ‘ncopp’ ‘a tavola, cu ll’aiuto d’ ‘a Madonna nun ce mancarrà!

VINCENZO: - (al pensiero delle patate si rivolge alla moglie in tono scherzoso) Assu’, ma tu ‘e patane nun ‘e pave? Tieni ‘o sconto prendi tre e paghi uno?... O ‘o verdummaro te fa ‘a rota?

ASSUNTA: - Si, pazzia tu! Ma chelle, ‘e patane, songhe nu piatto sano, sostanzioso e ca costa poco! (avendo capito il tono scherzoso del marito)... E po’, chi vuo’ ca me fa ‘a rota a mme? Cu tutte ste guagliuncelle ca stanno in giro!

VINCENZO: - T’hanna pulezza’ sulamente ‘e scarpe a tte!... (avvicinandosi alla moglie e abbracciandola) Dico bbuono Mari’?

ASSUNTA: - (schernendosi) Statte fermo!... (sottovoce al marito) Ce sta Maria!

MARIA: - Me parite due colombi! Bravi, sempe accussì ve voglio vede’!

VINCENZO: - Ma sì! Ca ce ne ‘mporta! Hai ragione Assu’, basta ca ce sta ‘a salute e... nu piatto ‘e pasta e patane...

MARIA: - E po’, mica pò gghi’ sempe accussì! Lucia chist’anno addeventa maestra, se sistema e doppo pur’essa pò dda’ na mano...

VINCENZO: - Speramm’a Ddio!... A proposito ma addò sta, i’ pensavo ca steva cca’ a studiare. Tra pochi giorni hadd’ ‘a fa’ ll’esame!

ASSUNTA: - (cercando di coprire la figlia) No... e che è gghiut’a casa ‘e Rosetta a studia’, pecchè dice ca... lle mancava nu libro.

VINCENZO: - Certo che ‘a veco nu poco sciupata chella guagliona e nun vulesse ca p’ ‘o troppo studio, me cadesse malata. Pare mill’anne ca fa ll’esame e ca fernesce tutto… (quasi sognando ad occhi aperti) Certo hadda essere bello tene’ nu figlio c’ha studiato! Tu ne sai quaccosa Mari’, Franco se pigliaie ‘o diploma ‘e ragiuniere tre anni fa!

MARIA: - E sì, è bello assai! E ‘a vede’ po’ quanno quaccheduno vene a cercarlo: "scusato abita qua il ragioniero Franco Russo? Voi siete la matra?"... Cert’è na bella suddisfazione!

VINCENZO: - (facendo il verso a Maria, sempre con l’aria trasognata) "Scusato voi siete il patro della maestra Scognamiglio? Vi ho portato un poco di mozzarella fresca per la maestra per chè è stata tanto buona e brava con mio figlio! Voi siete il patro, non è vero? Complimenti, complimenti, vostra figlia è la migliore maestra di tutta la scuola, ma che ddico, di tutte le scuole di Napoli...

ASSUNTA: - (interrompendo il vaneggiare del marito) Vicie’! Oh! Scetate!… Scinn’ ‘a cavallo! Falle piglia’ primm’ ‘o diploma!

CRISTINA: - (bambina sui sette otto anni, entra dalla porta seguita dal nonno. Indossa un grembiule delle scuole elementari, porta sulle spalle uno zaino cartella. Sta mangiando qualcosa) E comme fa caldo! Meno male che tra pochi giorni finisce la scuola. (vedendo Maria)... Buongiorno, signora Maria... (poi notando anche il padre)... Ciao papy, sei già tornato pure tu?

GAETANO: - Io nun ce vaco cchiù a pigliarla! Vò sempe quaccosa! Fa i capricci, non mi ubbidisce mai!... Me fa arraggia’!

CRISTINA: - E ggià, si era Lucia subito ll’accattave tutto chello ca vuleva! E che a mme nun me vuo’ bbene! Nisciuno me vò bbene a mme... (butta lo zaino a terra e piange)

GAETANO: - (che non ha capito cosa ha detto la nipote) Ma che sta dicenno? Pecchè chiagne?

VINCENZO: - Cristine’, embè, che parole so’ cheste? Meno male ca ‘o nonno nun ha capito. Doppo tutt’ ‘e sfizie ca te fa passa’, manco va bbuono!

ASSUNTA: - Vedite, vedite, ogni giorno è ‘a stessa cosa! (rivolgendosi alla figlia)... Chisà qua’ juorno ‘e chisto te faccio nu mazziatone ca t’ ‘o ricuorde, sta scustumata!

MARIA: - (cercando di fare da paciera) Va bbuo’, chella fa accussì, ma ‘o vò bbene ‘o nonno... guai a cchi ce ‘o tocca!

GAETANO: - (che sta appendendo il cappotto all’attaccapanni avendo afferrato male le ultime parole di Maria) Esatto! M’ ‘o llevo dalla bocca... p’ ‘a fa’ cuntenta!... (poi rivolto alla nipote) Pecchè ‘a sfugliatella nun te ll’aggi’ accatata? (a bassa voce facendo il segno con la mano)... Anzi due!

ASSUNTA: - (avendo udito tutto) E chella perciò nun se mangia ‘o piatto a tavola! Papà quante volte ve lo debbo dire ca non ci dovete comprare niente quann’ esce d’ ‘a scola?

GAETANO: - No, nun se n’Š venuta sola, ll’aggia accumpagnata io!

VINCENZO: - (alzando la voce per farsi capire dal suocero) Papà, quann’ ‘a jate a piglia’ ‘a scola, non ci dovete comprare niente!

GAETANO: - Ma chella teneva famma, ‘a piccerella... e po’... (tutto contento cacciando un pacchetto dalla tasca) na sfugliata pure pe’ Lucia c’hadd’ ‘a fa’ ll’esame!

MARIA: - (che nel frattempo aveva cercato di convincere Cristina a smetterla di frignare) Cristina nun ‘o ffa cchiù, è ove’?... Jamme nun chiagnere ca tutte quante te vonno bbene a tte!

CRISTINA: - (tirando su con il naso) Ma ‘o vulevo purta’ io ‘o pacchetto pe’ Lucia!

ASSUNTA: - Accussì te mangiavi pur’ ‘a sfugliata ‘e soreta!

CRISTINA: - Ma mica è colpa mia si i’ tengo famma! (e incomincia a frignare di nuovo)

GAETANO: - (nel frattempo si toglie la giacca e le scarpe, si rimette il maglione tipo cardigan, siede alla scrivania apre un cassetto e si mette in cerca di qualcosa)

VINCENZO: - Cristine’, tu tiene famme solo ‘e leccressie. (scherzando) Si te mangi assai dolci, po’ addiviente brutta e chiattona e papà nun te pò purta’ cchiù a balla’ (si avvicina alla figlia, la prende per le mani e accenna a qualche passo di danza)... vedite che bella dama ca tene Vincenzo Scognamiglio. ‘Ih che ballerina!

CRISTINA: - (facendo la ritrosa) No, no, nun voglio abballa’!... (e se ne scappa nella camera da letto)

ASSUNTA: - (rivolta a Maria) Chillo c’ ‘o fatto che Lucia hadd’ ‘a fa’ ll’esame, ‘int’a stu periodo, ‘a tenimmo, comme se dice, nu poco cchiù riguardata e ‘a piccerella s’ingelosisce. Cu tutt’ ‘e guai ca nce stanno pe’ dint’a capa, t’hê ’a sta’ accorta pur’ a chesto!

MARIA: - Nun da’ retta, chello poc’at’è, e po’ vide ca ‘e ccose s’acconciano!

LUCIA: - (ragazza sui diciotto anni, bella e moderna, indossa blujeans e maglietta, calza scarpe da ginnastica entra dalla comune) Buongiorno a tutti!... (notando che la tavola non è apparecchiata) Che r’è, non si mangia?... (notando anche il padre)... Papà hai fatto prima oggi?

VINCENZO: - Si, prima!... (poi in tono sarcastico) Dato che ho fernuto tutta la mercanzia, aggio ditto: "oggi mi arritiro prima!"

LUCIA: - (che ha capito subito la situazione, si avvicina al padre lo abbraccia e...) Nun te ne fa’, papà! Appena ca mi diplomo e pigli’ ‘o posto, tu nun hê ’a fa’ niente cchiù. Ci pensa Lucia toia… a tutto. Tu ti devi solo riposare!

VINCENZO: - Magari!... E po’, chi ce ‘a fa a sta’ senza fa’ niente!... E tu nun puo’ sta’ sempe cu mme... chisà qua’ juorno ‘e chisto vene quaccheduno, te se sposa... e te se porta.

LUCIA: - Ma io ‘o stesso resto sempe cu tte!

VINCENZO: - (in tono scherzoso) No Luci’, ognuno a casa soia, si no facimmo comm’a chillo ‘e chillo! Ne esce uno e ne trasene dduie!

FRANCO: - (ragazzo sui ventidue anni, bello, aitante, sportivo entra dalla comune, porta un casco da motociclista in mano) Salute a tutti!

VINCENZO: - (con allusione, quasi a se stesso) Parlanno d’ ‘o diavule spontano ‘e corne!

MARIA: - (che ha sentito, guarda in faccia Assunta e Lucia, poi cercando di cambiare discorso si rivolge al figlio) Francù, hê visto si è turnato papà?

FRANCO: - Nun ‘o saccio! Passanno aggio visto ca stive cca’ e me so’ fermato!

MARIA: - Ma cumm’è ca si’ ggià turnate ‘a fatica’?

FRANCO: - No, dato ca tenevo a motocicletta rotta, me so’ pigliato mezza giornata ‘e festa. L’ho portata dal meccanico, accussì è pronta pe’ stasera!

VINCENZO: - (rivolto a Franco) Tu t’hê ’a sta’ nu poco attiento quando vai in moto... specialmente quando porti quaccheduno di dietro!

FRANCO: - Don Vince’, non vi dovete preoccupare, i’ nun so’ ‘o tipo ca fa ‘e pazzarie!... (avendo capito a chi Vincenzo voleva alludere) Specialmente quando porto qualcuno dietro!

MARIA: - (al figlio) Jammuncenne mo’, si arriva papà nun trova a nisciuno a casa... e po’ aggi’ ‘a fini’ ‘e appripara’ ‘o pranzo.

ASSUNTA: - Mari’, senza complimenti, si vuo’ resta’ a pranzo con noi?

VINCENZO: - Nun saccio si te conviene? (sorride)

MARIA: - Grazie, ma è quasi tutto pronto.

FRANCO: - (alla madre) Che hai fatto a pranzo?

MARIA: - Dduie spaghetti, aglio olio e peperoncino e nu poco ‘e baccalà in bianco pe’ secondo.

FRANCO: - Facciamo presto, così rientro subito in ufficio, devo recuperare le ore di questa mattina... (a Lucia) Luci’, se devi andare a studiare a casa di quella amica tua, dopo pranzo, ti posso dare un passaggio io con la moto.

VINCENZO: - Ma ‘a motocicletta nun sta add’ ‘o meccanico?

FRANCO: - (riprendendosi prontamente) Sì sì, ma mi ha prestato la sua fino a stasera!

ASSUNTA: - Oggi Lucia ten’ ‘a studia’ cca’... (guardando con intenzione Franco) C’è stata ggià stammatina a studia’ dall’amica sua... Rosetta!

CIRO: - (uomo dalla stessa età di Vincenzo, vestito con jeans e maglietta bianca, porta sotto il braccio una borsa con i ferri da muratore, appare sulla porta-finestra aperta, sulla quale è ferma Maria) Mari’, che fai?

MARIA: - (con sorpresa vedendo il marito) Cirù si’ turnato?

CIRO: - Avimma fernuto ‘o lavoro stammatina e simme rientrati c’ ‘o camioncino. (sporgendo la testa nella stanza)... Buongiorno a tutti!

VINCENZO: - (insieme agli altri) Buongiorno, bentornato!

ASSUNTA: - Cirù, accomodati!

VINCENZO: - Trase nu mumento, ti bevi nu bicchiere ‘e vino, n’aperitivo!

CIRO: - (entrando) Accetto volentieri nu poco ‘e vino, specialmente se è frisco. Cu stu cavere che ffa, tengo na gola secca!...

VINCENZO: - Trovame nu fravecatore ca nun ten’ ‘a gola secca!... Viene, assettate, mentre Maria te prepara ‘o pranzo, te lieve sta sete ca tiene... Luci’, pigli’ ‘a butteglia ‘e vino ‘int’o frigorifero e porta dduie bicchieri... m’ ‘o voglio fa’ pur’ i’ uno... ‘a faccia d’ ‘e nire, ‘e Alì Babà e tutt’ ‘a descennenza lloro! (si siede al tavolo insieme a Ciro)

MARIA: - Allora, i’ vaco a pripara’! Arrivederci e buon’appetito! Jammuncenne Francù! (esce dalla comune seguito da Franco)

FRANCO: - Arrivederci! (sulla porta si volta e non visto dagli altri manda un bacio a Lucia che stava seguendo la madre in cucina. Vincenzo e gli altri salutano a soggetto)

CIRO: - ‘E nire te fanno semp’ ‘a concorrenza?... Uhé ma stanno ‘a tutt’ ‘e parte! E ‘e vanno pure cercanno!...

VINCENZO: - E chille costano poco e lle fanno fa’ tutto! ‘E pagano quasi niente!

CIRO: - Eh, nun te credere! Si me parli che nun ll’assicurano hê raggione, ma p’ ‘o riesto stanno bbene! Spicialmente chille ca fann’ ‘e cammariere ‘int’ ‘e ccase d’ ‘e ricchi nuovi!

VINCENZO: - Ma tu che ddici!

LUCIA: - (rientra dalla cucina portando la bottiglia di vino e due bicchieri su di un vassoio. Poggia il tutto sulla tavola) Ecco il vino!

VINCENZO: - (mentre riempie i bicchieri) Luci’, piglia nu bicchiere pure p’ ‘o nonno!... (poi alzando la voce per farsi sentire da Gaetano che è ancora seduto alla scrivania intento a frugare nel cassetto) Papà, venite a farve nu bicchiere ‘e vino!

LUCIA: - (va alla credenza e prende un bicchiere dalla cristalliera)

GAETANO: - (si alza si avvicina alla nipote e le dà il pacchetto con la sfogliata) Tie’, t’ ‘a mangi dopo pranzo!

LUCIA: - (abbracciando e baciando il nonno) Si’ bell’ ‘o no’!... Te voglio bbene! (poi dopo aver posato il bicchiere sul tavolo si reca in cucina)

VINCENZO: - (riempie anche il bicchiere del suocero che si è seduto insieme a loro, poi alzando il suo bicchiere imitato dagli altri) ’A salute!...

CIRO: - Addò va!

GAETANO: - Mai ‘nterra pò gghi’! (bevono tutti e tre)

CIRO: - Vicie’, ‘a villa ‘e chillu signore ‘e Puortice, addò so’ stato a fatica’ sti quatte juorne, ci stanno sette neri: tre uommene e quatte femmene. Ddoie ragazze stanno ‘int’a cucina, mentre chell’ate ddoie stanno esclusivamento al servizio d’ ‘a padrona. Gli uomini po’, chi fa ‘o cammariere, chi ‘o ciardiniere, ‘o cchiù viecchio fa ll’autista ‘o padrone e accumpagna ‘e guagliune ‘a scola.... Portano tutti la divisa!

VINCENZO: - E, li paga bene ‘o padrone?

CIRO: - Chesto nun ‘o saccio! Comunque colazione, pranzo, cena... vestiti che i signori nun se mettono cchiù... e sicuramente pigliano pur’ ‘a mesata... Addirittura mannan’ ‘e sorde a casa!

VINCENZO: - Allora stanno bbuono!

GAETANO: - (che ha sentito quasi tutto, perchè gli uomini parlano a voce piuttosto alta) Vicie’, quasi quasi m’hê ’a da’ ‘a mesata pure a mme che vaco a piglia’ Cristinella a scola!

VINCENZO: - Si, ma vuie nun purtate ‘a divisa!

GAETANO: - Si tu m’ ‘a dai, ie m’ ‘a metto!

CIRO: - (continuando il discorso) …inzomma stanno abbastantemente bbene. Hê ’a vede’ i padroni po’, comme se spaccuneano cu gli amici e comme ce teneno a fa’ vede’ ca teneno i servitori negri!

VINCENZO: - Cirù, si dice neri, o si no si offendono!... Oh, ma quante ce ne stanno, spontano comm’ ‘a mal’evera! Nisciuno ‘e cuntrolla, e sti padrune nuove ‘e sfruttano e lle fanno fa’ chello ca nun ponno pretennere dalla nostra ggente!

CIRO: - A Puortice, ce ne stanno nu sacco e tutti al servizio ‘e sti signori!

VINCENZO: - Se si presenta qualcuno ‘e nuie a chiedere lavoro comm’a cammariere, autista, ciardiniere... lavapiatti... niente, dicono che stanno al completo... ca nun se ponno permettere il lusso ‘e tene’ persone di servizio!

CIRO: - Ma tu tt’arricuorde ‘e Pascalino ‘o Scarrafone? Chillo ca na ventina d’anni fa, jeve p’ ‘e ccase a s’accatta’ ‘o fierro viecchio cu chella carretta a mmano?... Mo’ abita a Portici, tene nu negozio ‘e vestit’ ‘e lusso... si è fatta na villa con giardino e piscina e tene pure due servitori negri neri.

VINCENZO: - Ma tu che ddici!... Pascalino, Pascalino ‘o Scarrafone... cu ‘e servitori neri?

CIRO: - (seguitando il discorso)... ah, po’ tene n’ata guagliona, sempre negra nera, i’ ll’aggia vista, na bella figliola, ca fa ‘a commessa ‘int’o negozio e... (fa segno con le mani per far capire che è anche l’amante di Pasqualino)... che s’ ‘a fa!... (queste ultime parole le dirà a voce più bassa)

GAETANO: - (non avendo afferrato bene le ultime parole)... che ffa?

CIRO: - ‘On Gaeta’... ‘e vvote ‘a fa fa’... ‘e sfilate... ‘e sfilate cu ‘e vestite ca venne ‘int’o negozio...

GAETANO: - (sorridendo) Aggio capito... aggio capito... ‘o Scarrafone ‘a fa sfila’... ‘e vestite!

VINCENZO: - Nun ce pozzo penza’! Pascalino ‘o Scarrafone... c’ ‘a villa!... C’ ‘a piscina!... Cu ‘e servitori neri!... Isso nun sapeva leggere, ‘a mugliera nun sapeva scrivere... tre figli sempe spuorche e muort’ ‘e famme!... E comm’ha fatto?

CIRO: - Isso... ha ditto ca vincette al Totocalcio!...

VINCENZO: - Eh, na fortuna ‘e chesta a mme nun me pò capita’!... Io non gioco... al Totocalcio!... Nun tengo ‘o curaggio!

GAETANO: - (avendo capito a cosa si riferisse il genero) Vicie’, ‘o curaggio ce vò a campa’ onestamente!

CRISTINA: - (uscendo di corsa dalla cucina) ’O no’, ha ditto mammà si lle vai a da’ na mano, ‘o pranzo è quasi pronto!... I’ mo’ metto ‘a tavola! (va alla credenza apre un cassetto e prende l’occorrente per apparecchiare la tavola)

CIRO: - (alzandosi) Allora ci vediamo dopo! Grazie del vino... e buon pranzo a tutti!... Don Gaeta’, buon appetito!

GAETANO: - (che si stava avviando in cucina, si ferma e si volta) ’O vestito? No... in casa... preferisco stare comodo!

VINCENZO: - (che si era alzato pure lui per dare modo alla figlia di apparecchiare la tavola, alzando la voce) Papà che avete capito? Ciro ha ditto: "buon appetito"... (e mima il gesto con la mano) e no ‘o vestito!

GAETANO: - Aggio capito! Nun ce sta bisogno ‘e allucca’! (rivolgendosi a Ciro)... I’ quanno ce sta nu poco ‘e umidità nun ce sento troppo bbuono!

VINCENZO: - Se, solo quanno ce sta l’umidità!

GAETANO: - (che non ha capito) Fatte capi’, che hê ditto?

VINCENZO: - Che effettivamente oggi ce sta umidità!

ASSUNTA: - (esce dalla cucina con una zuppiera fumante in mano, seguita da Lucia che porta un cestino con il pane) Tutti a tavola, è pronto!... (notando che c’è ancora Ciro) Cirù stai servito, senza complimenti!

CIRO: - Certo ca se sente n’addore! C’ ‘a famma ca tengo... Assu’ che hê fatto ‘e bbuono?

TUTTI: - (tranne Assunta e Ciro gridano in coro) Pasta e patane!...

CALA LA TELA

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto. All’alzarsi del sipario Gaetano, in tenuta da casa, come il primo atto, con in più la coppola in testa, seduto vicino al tavolo legge un giornale, mentre, in un angolo Cristina gioca con una bambola; è quasi buio.

ASSUNTA: - (entrando dalla cucina, indossa un grembiule perchè sta preparando la cena) Papà, ma Lucia nun è ancora turnata?

GAETANO: - (non avendo capito) Ll’hê ggià ‘nfurnata? Ma Vicienzo nun è arrivato ancora!

ASSUNTA: - (alzando il tono della voce) Papà, ma che avete capito!

GAETANO: - Che ‘a pizza ll’hê ggià ‘nfurnata!

ASSUNTA: - Si, ‘o cazone e ‘o panzarotte!

GAETANO: - Se so’ rotte?

ASSUNTA: - Va bbuò, aggio capito... (rivolgendosi a Cristina) Cristine’, bella ‘e mammà, arriva nu poco addò Maria e vide si s’è ritirato Franco. Può darsi ca Lucia è turnata cu isso!

CRISTINA: - Ma i’ stongo a pazzia’! Fance arriva’ ‘o nonno!

ASSUNTA: - Movete fa’ ampresso, ca si vene pateto e nun ‘a trova, siente ‘a storia!

CRISTINA: - (riluttante lascia di giocare e si avvia verso l’uscita e mentre passa dietro al nonno, che ha ripreso a leggere, gli abbassa la coppola sopra gli occhi e scappa fuori)

GAETANO: - Mannaggia a tte, me fatto perdere ‘o segno!

ASSUNTA: - Papà, lassat’ ‘e leggere e veniteme a dda’ na mano a prepara’ a cena.

LUCIA: - (frettolosamente entra dalla comune, porta dei libri in mano) Mammà, fra quanto si cena? Vac’ ‘e pressa. Devo ritornare da Rosetta a studiare e stasera farò tardi.

ASSUNTA: - Luci’, ma tu mo’ te stai arritiranno e ggià iesce n’ata vota? (con apprensione)... Ma quanno fernesce st’esame, te stai facenno pelle e ossa!... E chi t’accompagna? Papà nun è turnato ancora!

LUCIA: - Me faccio accumpagna’ da Franco c’ ‘a motocicletta!

GAETANO: - (che aveva ripreso a leggere il giornale) ’A cutaletta? No, mammà a priparato ‘a pizza! Pecchè, Luci’ tu vulive ‘a cutaletta?

ASSUNTA: - Ma tu ce pienze ca è ssera e ‘a notte ‘int’a sta città p’ ‘e strade nun se sta sicuri!... E a pateto che lle dico! Tu te cride ca resta tranquillo sapenno ca tuorne a casa a tarda notte, senza sape’ chi t’accumpagna?... Pecchè nun lle pozzo certo dicere ca tt’accumpagna Franco!

LUCIA: - Mammà, Franco pe’ me nun è solo un fidanzato, ma anche un fratello più grande. Io ho piena fiducia in lui. Quanno sto cu isso me sento sicura!

ASSUNTA: - Luci’, chisto nun è ‘o mumento ‘e discutere cu papà ‘e sti ccose, evitiamo. Cerca di capirmi... studia qua stasera.

LUCIA: - Va bbuo’ aggio capito. Adesso vado da Franco a telefona’ a Rosetta e lle dico ca stasera resto cca’.

ASSUNTA: - Brava, bella ‘e mammà, fa’ accussì! (Lucia esce. Rivolgendosi al padre) Papà, ve site mis’a lleggere n’ata vota?... E va bbuo’ nun fa niente (avviandosi in cucina)... e Vicienzo ca nun vene ancora! È quasi notte!

LUCIA: - (rientra, va vicino alla porta della cucina ed a voce alta...) Mammà, Cristinella ha voluto resta’ cu ‘onna Maria, po’ ll’accumpagna Franco.

ASSUNTA: - (da dentro la cucina) Ogni scusa è bbona pe’ veni’ cca’!

LUCIA: - (sorridendo va alla libreria prende un libro, si siede vicino al nonno e incomincia a leggere)

GAETANO: - (irritato) Ecco qua, avimma fernut’ ‘e leggere!... Ma dich’i’, proprio cca’ t’hê’a mettere a sturia’?... ‘A scrivania che ce sta a ffa’?

LUCIA: - E ie llà nun me trovo, sto meglio cca’!

GAETANO: - Aggia capito aggia capito!... (chiude nervosamente il giornale e si alza) Nun ‘o ‘ccatto cchiù, nun ‘o ‘ccatto cchiù!... (sbatte il giornale sulla scrivania, poi torna al tavolo e, da dietro la nipote, dà una sbirciatina al libro che sta leggendo e ripete ad alta voce...) "Guerre coloniali". (poi attratto da una foto stampata sul libro, aggiustandosi gli occhiali esclama) Ma sì, è isso! Chisto è Alì, l’attendente del capitano Ruffino, ll’ascaro ca steva cu mico in Libia! È propeto isso! Nun ce manca niente!... Niro, ‘o fez russo, ‘a bandoliera cu ‘e proiettile...

LUCIA: - ‘O no’, ‘e nire so’ tutt’eguale, e po’ doppo tant’anni comme facite a dicere ca è isso!

GAETANO: - Tutto chello c’aggio passato in Libia, in Cirenaica, ‘o tengo cca’... (si indica la testa) nun m’ ‘o scordo... (rincorrendo i suoi ricordi) Un giorno il capitano Ruffino mi chiamò e mi disse: "don Gaetano Riccio...

LUCIA: - Pecchè, ‘o capitano vi chiamava don Gaetano?

GAETANO: - No... no... disse "soldato Riccio, voi e i vostri commilitoni, oggi vi coprirete di gloria! Nell’oasi, di fronte a noi vi è un gruppo di ribelli...

LUCIA: - (usando lo stesso tono di voce lo interrompe e)... sbaragliateli, e chi indrieteggia o si arrende uccidetelo! Questo fatto me lo avete raccontato centinaia di volte!

GAETANO: - Te l’ho ggià raccontato?... E quanno?... Si’ sicura?... Ti ho pure raccontato ca ce facettero prigionieri e nuie durante ‘a notte, ce sciuglietteme e ce ne scappajeme?

LUCIA: - Sissignore!…

GAETANO: - Che sbagliajeme ‘a strada?...

LUCIA: - ...e vi perdeste!

GAETANO: - ...pure chesto?

VINCENZO: - (ha faccia e mani dipinte di nero, indossa un caffettano a strisce, con un grosso fez rosso sul capo che gli copre quasi gli occhi. Porta due grosse valigie sotto le braccia. Da dietro ai vetri della porta-finestra guarda dentro e notato che vi sono il suocero e la figlia, vuol provare se il travestimento funziona, cerca di entrare e camuffando il tono di voce...) Vu’ cumpra’?

LUCIA: - (al suono di una voce estranea si volta e notando il nero che cerca di entrare si alza per impedirlo) Uhé, addò vai! Jesce fora! Nun ce serve niente!

GAETANO: - (alzandosi anche lui cercando di aiutare la nipote) Hê capito?... Non vogliamo niente!... Vattenne, ca si vene Vicienzo succede Casamicciola!... Vattenne! (mentre dice ciò, insieme alla nipote cerca di spingere Vincenzo fuori, a questi cade una valigia che aprendosi sparpaglia per terra tutta la merce che contiene)

LUCIA: - (è attratta da alcuni indumenti intimi e da altra chincaglieria, prende qualche oggetto e lo ammira con interesse)

VINCENZO: - (da buon venditore ambulante ha notato l’interesse suscitato dalla sua merce e visto che non è stato riconosciuto, sta al gioco) Vu’ cumpra’?... Bello... costare poco... (raccoglie la roba, la mostra alla figlia e fa cenno con le dita, due, tre)

LUCIA: - Costa poco?... Duemila? Tremila?... Mammà... (corre verso l’ingresso della cucina dove sta la madre) Mammà... viene nu mumento! (ritorna presso la mercanzia che nel frattempo Vincenzo ha posto sul tavolo)

GAETANO: - (anche lui ha rovistato fra la merce e avendo trovato qualcosa di suo gradimento) Oh, oh, ‘o sciosciamosca d’ ‘o capitano Ruffino! (lo prende e incomincia a scacciare delle mosche invisibili)

ASSUNTA: - (entra in scena asciugandosi le mani con il grembiule e appena si accorge del venditore nero, che nemmeno lei riconosce essere il marito, ha un gesto di disappunto e vorrebbe cacciarlo di casa) Fuori! Fuori! Si vene papà e ‘o trova cca’, ce accide a tutte quante!

LUCIA: - (intervenendo) Mammà aspetta, te vulevo fa’ vede’ na cosa!... I prezzi so’ buoni!

VINCENZO: - (accortosi che anche la moglie non lo ha riconosciuto, continua la finzione) Vu’ cumpra’... miss... cumpra’ calze? Signo’, regisena?... Questo essere propeto buono per tu!... Guarda, guarda!

ASSUNTA: - (guardando con interesse) Veramente ce stanno cose bbone!... belle!... Vicienzo po’ si lamenta...

VINCENZO: - (un po’ irritato continuando, però, la simulazione, ostentando un sorriso forzato) Tu pache poco... Vuo’ collana? (e mostra una collana variopinta)... Orecchi?... Slippi?... Tutto pe’ bella signora commo a ttene!

ASSUNTA: - Quanto costare queste calze?

VINCENZO: - Milla lira!... Una sola moneta!

LUCIA: - (prende una collana) E questa?

VINCENZO: - (indica ventimila lire con le mani)

LUCIA: - Ventimila?… Però ce vale, manco p’ ‘a fa’!...

GAETANO: - ‘O sciosciamosche che prezzo fa?... Quanta moni?

VINCENZO: - (facendo segni come prima indica diecimila lire)

GAETANO: - Diecimila! Tu fare piccolo sconto a mme?

VINCENZO: - Non pozzo! Io fatto a tte prezzo buono!

GAETANO: - (si fruga nelle tasche, racimola ottomila lire) Assu’, prestami duemila lire! (Assunta gliele dà. Porge la somma a Vincenzo, poi tutto contento continua a girare per la stanza agitando con delicatezza l’oggetto, quasi fosse una reliquia, tentando di imitare i gesti che faceva il suo capitano) Accussì faceva ‘o capitano!... Accussì faceva!

ASSUNTA: - (prova alcuni orecchini) So’ veramente carini! (rivolto alla figlia) Pure papà ne tene nu pare ca si somigliano, ma nun songhe ‘e sta qualità cca’!

LUCIA: - Overo mammà! Papà tene pure na cullanina comm’a chesta, ma... i grani so’ meno vivi ‘e culore!... M’accattasse proprio!

VINCENZO: - (sempre fra l’indispettito e l’ironico appartandosi, parlando a se stesso e facendosi riconoscere dal pubblico alzando dagli occhi il fez) Ma vedite ‘o Padreterno, che m’hadda capita’ a mme! È bastato ca me so’ pittato niro, ‘o cammese ‘nguollo, stu pisciaturo ‘ncapo e pure ‘a famiglia mia apprezza cchiù ‘a rrobba d’ ‘e nire che ‘a mia!... Comme pozzo campa’!?

ASSUNTA: - (mostrando la collana e gli orecchini) Argià?... Quanto?

VINCENZO: - (mima ventimila più diecimila)

ASSUNTA: - Sarebbero trentamila lire!... Certo Vicienzo tutt’e ddoie, orecchini e cullana, ‘e venne quindicimila lire!... Però chiste veramente so’ belle!... Chille ‘e Vicienzo songhe proprio na schifezza! (rivolto a Vincenzo)... Piccolo sconto?

VINCENZO: - (fa cenno di no con la testa)

ASSUNTA: - Nun ne vò sape’!... Aspe’, ho ancora in tasca ‘e sorde che m’hanno dato donna Brigida e donna Rosa, songhe quasi cinquantamila lire... quasi, quasi! (prende trentamila lire, si rivolge a Lucia)... A papà nun ce dicimme niente! (poi al padre, che gira ancora per la stanza scacciando mosche)... Papà?... (lo afferra per un braccio) nun dicite niente a Vicienzo d’ ‘a cullana e d’ ‘e ricchine!

GAETANO: - Chesta rrobba ‘a tene pure tuo marito! Che t’accatta a ffa’!

LUCIA: - ‘O no’, ma l’hai guardati bene? Chiste so’ n’ata cosa!

ASSUNTA: - Ce lo diciamo quanno m’ ‘e mmette. Però ce dicimme ca m’ ‘e songhe accattate ‘o negozio.

VINCENZO: - (sempre da parte) Aggio guadagnato cchiù a casa mia ‘int’a cinche minute che ‘int’a na semmana ‘e mercato! E ma ‘e sorde mm’ ‘e piglio e mm’ ‘e ttengo! (ritorna presso i tre che stanno ancora rovistando e comincia a rimettere la mercanzia nelle valigie)

ASSUNTA: - (si avvicina e consegna i soldi al marito) Tie’!

VINCENZO - (rivolto ai tre ma stavolta parlando in napoletano) Ca ve pozzeno accidere!... A tutt’e ttre!... Ma si è primm’ ‘a famiglia mia ca disprezza ‘a merce ca tengo... ca preferisce chella d’ ‘e nire, qua’ speranza tengo i’ ca ll’ate s’accattano sta rrobba! (moglie e figlia sentendo parlare il nero in napoletano, prima si spaventano, poi, guardando meglio l’uomo che hanno davanti, cominciano ad avere il sospetto che possa essere Vincenzo)

ASSUNTA: - Comm’hê ditte? Famme senti’?

LUCIA: - (scrutando meglio l’uomo) Mammà!... ‘O nero è papà!!!

GAETANO: - (che ha sentito solo papà) Che r’è Luci’? È venuto papà?... Addò sta? (si guarda intorno)... I’ nun ‘o veco!

VINCENZO: - (togliendosi il fez) Sto cca’ ‘a mez’ora!... (con sarcasmo) T’è piaciuto ‘o sciosciamosca d’ ‘o niro eh!... E mo’ t’ ‘o tiene! L’hanno fatto a Furcella, costa tremila lire!... Mo’ tu te tiene ‘o sciosciamosche e i’ me tengo ‘e diecimila lire. (rivolto alla moglie)... Alla signora Scognamiglio, invece, ce piaceno ‘e ricchine... (facendole il verso) "chiste veramente so’ belle! Chille ‘e Vicienzo songhe proprio na schifezza!... Piccolo sconto?" Diecimila lire e senza fiatare. (alla figlia poi)... A Lucietta po’, ‘a cullanina pecchè tene ‘e palle cchiù colorate e llucente... ventimila lire... Tanto meglio! ‘E sorde m’ ‘e ttengo!... Nun donghe niente a nisciuno! Dimane me faccio na pizza e na birra alla faccia vostra! (sorride divertito alle espressioni di stupore della famiglia)

ASSUNTA: - Vicie’, ma comm’hê fatto a fa’ sta pensata?

VINCENZO: - Stammatina! Quanno Ciruzzo è turnato ‘a Puortice, m’ha parlato d’ ‘o Scarrafone, d’ ‘e servitore nire... e m’è venuta ll’idea... ‘a tintura m’ ‘ha prestata Pascalino ‘o verdummaro, mm’aggio miso ‘o cammese e ‘o fez e so’ addiventato uome di coloro.

LUCIA: - E nun se ne so’ accorte ca ire pittato?

VINCENZO: - Pecchè tu, mammà, ‘o nonno ve ne site addunate?... (proseguendo) Nel pomeriggio, appena so’ addeventato niro, nun songhe passate manco cinche minute che aggio incominciato a vennere lamette p’ ‘a bbarba, pile p’ ‘a radio, radioline, mutandine, braccialette, cullanine... Assu’ aggio ‘ncassato cchiù ‘e ducientemilalire!

ASSUNTA: - Ma cheste so’ ccose ‘e pazze!

GAETANO: - (che non ha partecipato alla conversazione perchè con il suo sciosciamosche andava a caccia di moscerini, si rivolge a Vincenzo) Alì Babà, tu staie ancora cca’?...

VINCENZO: - Papà songh’i’, Vicienzo!

GAETANO: - Vicienzo!... Vicienzo chi?

VINCENZO: - ‘O marito ‘e Assunta, vostra figlia!

GAETANO: - Alì, vid’a cchi hê ’a piglia’ pe’ fesso... Assuntina, fino a stammatina era spusata cu nu janco, ca pur’isso se chiamma Vicienzo, ma che è meno abbronzato!... I’ po’, facevo spusa’ a mia figlia a uno comm’a tte!... (con una punta di sospetto) Però, ‘a vocia toia mme pare ca ‘a cunosco!... Addò ll’aggia ‘ntisa?...

ASSUNTA: - Papà è Vicienzo ca s’è tinto niro!

GAETANO: - Pecchè è ggià carnevale?... Hadda j’ ‘o ballo in maschera?... Ma ve credite ca so’ scemo?

VINCENZO: - Avete visto? È overo ca ten’ ‘a capa ca nun tanto ll’accumpagna, ma si pure papà nun me riconosce figuratevi chi nun me sape?

LUCIA: - Papà ma mica puo’ fa’ sempe ‘o nero? E po’, che figura ce fai fa’?

VINCENZO: - Luci’ bella ‘e papà, ‘e tiempe songhe triste, e si sapisse che significa purta’ ‘nnanze na famiglia!... Ma nun te preoccupa’ ca nun te faccio piglia’ scuorne. Nun me faccio vede’ a nisciuno cumbinato accussì... pecchè dimane parto!

ASSUNTA: - Ma che stai dicenno?

LUCIA: - Papà?...

VINCENZO: - Aspettate, statemi a senti’! Tra poco incomincia ‘a staggione d’ ‘e bagni e i’ aggio deciso ‘e j’ facenno ‘o vu’ cumpra’ ‘ncopp’ ‘e spiagge. ‘A ggenta, quanno sta in costume da bagno, quanno sta in vacanza spenne con più facilità, e si me va bbuono, ‘int’a dduie, tre mise guadagno chello ca guadagno dint’a n’anno c’ ‘a bancarella!

ASSUNTA: - Ma, si sott’ ‘o sole ‘a tintura se squaglia?

VINCENZO: - C’ ‘o cavere che ha fatto oggi, aggio fatta ggià ‘a prova. Nun se squaglia! Mo’ arrivo nu poco da Pasqualino e mme faccio di’ ‘a tintura addò ll’ha accattata, accussì me faccio ‘a scorta p’ ‘o mare!... (alla moglie) Tu, pe’’ttramente, appripara ‘a cena ca subito vengo! (mette in un angolo le valigie e fa per avviarsi)

GAETANO: - (che non ha seguito il discorso ed è ancora indeciso sull’identità del nero) 1Alì Babà! Si’ Alì Babà o si’ Vicienzo?... I’ nun ce capisco cchiù niente! Assu’, ma ‘o niro ‘a lassa cca’ ‘a rrobba?

ASSUNTA: - Papà venite cu mme ‘int’a cucina. Luci’ viene pure tu. (si avvia in cucina seguita dal padre)

LUCIA: - (che ha capito il dramma che nonostante tutto sta vivendo il padre, gli si avvicina e...) 1Papà, te voglio bbene! (lo abbraccia)

VINCENZO: - (con tenerezza e quasi commosso stringe tra le sue braccia la figlia) Pur’i’ te voglio bbene!

FRANCO: - (che è venuto ad accompagnare Cristina, vede da dietro i vetri della porta-finestra Vincenzo e Lucia abbracciati e, non avendo riconosciuto nel nero il padre della fidanzata, in un impeto di gelosia spalanca la porta e si precipita dentro scagliandoglisi contro) Levale ‘a mmane ‘a ‘nguollo!... (poi rivolto alla fidanzata che credeva consenziente) Cu tte facimm’ ‘e cunte doppo! (insegue Vincenzo)

VINCENZO: - (colto di sorpresa cerca di sfuggire alla furia di Franco, che non ha riconosciuto, e nel fare ciò correndo intorno alla tavola fa cadere sedie ed oggetti vari)

LUCIA: - (urlando) Franco che ffai?... Aspe’?... (urlando verso la cucina) Mammà, ‘o no’, currite... aiutateme!!!

ASSUNTA: - (esce di corsa dalla cucina seguita da Gaetano e appena si rende conto di quello che sta succedendo cerca di bloccare Franco)

GAETANO: - (che non ha capito niente di tutto quel trambusto, brandendo un grosso forchettone da cucina rincorre anche lui il nero e, pensando che volesse rapire la nipotina grida...) Acchiapp’ ‘o nero! Acchiapp’ ‘o nero! Se vuleva arrubba’ a Cristinella!

CRISTINA: - (spaventata, si è rifugiata in un angolo e piange chiamando la madre) Mammà!... Mammà!... Mammà!...

ASSUNTA: - (finalmente, con l’aiuto di Lucia riesce a bloccare Franco, che continua a dimenarsi) Francù ma che vvo’ ffa’, calmate!... ‘U nero è Vicienzo!

FRANCO: - ‘Onna Assu’ che state a ddi’! Chillo stev’abbracciato cu Lucia... e i’ ll’aggi’ ‘a accidere… lassateme! (e cerca di scagliarsi ancora contro Vincenzo)

VINCENZO: - (resosi conto da chi era inseguito e perchè, ancora con il fiato grosso per la corsa si rivolge a Franco in tono imperioso) Guaglio’ adesso basta! Fernescela ‘e fa’ ‘o geluso! Songh’i’ Vicienzo, ‘o pate ‘e Lucia!

FRANCO: - (avendo riconosciuto la voce, adesso cerca di scusarsi) Don Vince’, scusate, ma io non vi avevo riconosciuto... Aggio visto nu nero ca s’abbracciava a Lucia e mm’è gghiuto ‘o sanghe ‘a capa. Pecchè, si nun ho sapite, mo’ v’ ‘o ddico: io e Lucia ce vulimme bbene! (Assunta e Lucia si guardano con apprensione temendo la reazione di Vincenzo)

VINCENZO: - ‘Ih che c’è vuluto pe’ t’ ‘o tira’ d’ ‘a vocca!

LUCIA: - (meravigliata e rasserenata dal tono del padre) Papè ma da quanto tempo te n’eri accorto?

VINCENZO: - ‘A quanno jreve piccerille tutt’e dduie. ‘A quanno, tu Luci’, soffrivi d’insonnia pecche Franco stev’a ffa’ ‘o militare. ‘A quanno nun tenevi appetito pecchè si diceva ca Franco se la rintenneva con la dattilografa dell’agenzia dove lavora.... Tu m’addummanne ‘a quanno?... Da sempre!

ASSUNTA: - E tu, sapevi tutto... da sempre... e nun dicive niente?

VINCENZO: - Assu’ lasciamo stare l’argomento, ne parlammo n’ata vota!... Adesso non è il caso!

FRANCO: - Don Vince’, i’ a Lucia ‘a voglio bbene e m’ ‘a sposo! Voi non vi dovete preoccupare, io so’ na persona seria!... (guardandolo) A proposito ma pecchè ve site pittato niro?

VINCENZO: - Guaglio’, i’ pure so’ na persona seria... nonostante ll’apparenza. Pecchè me so’ pittato niro? Pe’ Lucia, pe’ Cristina, Assunta, ‘o nonno pe’ tte!

FRANCO: - Pe’ mme?

VINCENZO: - Sì, pure pe’ tte, pecchè sapevo ca si’ na persona seria e ca vuo’ bbene a Lucia. Ma mo’ vaco ‘e pressa, ‘o riesto t’ ‘o fai cunta’ a lloro. (raccoglie il fez che era caduto durante il trambusto se lo mette) Ce vedimmo cchiù tarde! (esce)

GAETANO: - Finalmente se n’è gghiuto! E che vuleva durmi’ cca’?

ASSUNTA: - Papà portate Cristina ‘int’a cucina e facitele beve nu surzo d’acqua! (poi rivolto alla figlia che ancora spaventata continua a singhiozzare) Cristine’ nu’ chiagnere cchiù, va’ c’ ‘o nonno va’, mammà mo’ vene!

GAETANO: - Cristine’ viene c’ ‘o nonno, nun te mettere appaura ll’ommo niro se n’è gghiuto! (prende la nipote per la mano e vanno in cucina)

ASSUNTA: - Luci’, cunt’ a Franco ‘o fatto ‘e papà, mentre i’ metto nu poco a posto... (guardando la stanza che sta sotto sopra) Guarda gua’, che maciello! (e incomincia a mettere a posto)

LUCIA: - (rivolto al fidanzato) Chillo papà, come dice lui, dato che la gente preferisce comprare dai vu’ cumpra’ e che lui da parecchio tempo non riusciva a vendere più niente, oggi ha avuto l’idea di tingersi di nero, e pare che lo stratagemma abbia funzionato. Figurati che ha deciso di partire per andare sulle spiagge a fare ‘o vu’ cumpra’!

ASSUNTA: - (intervenendo) Francù, m’arraccumanno, nun dicere niente manco a papà e a mammà toia!

FRANCO: - Aggio capito, aggio capito!... (con ammirazione) Io l’ho sempre detto ca don Vincenzo è na persona in gamba, onesta e lavoratore!... Nun ve preoccupate ca nun dico niente a nisciuno.

MARIA: - (entrando dalla comune tutta agitata) Assu’, è permesso? Posso entrare? Ma che è succieso? Che so’ state tutte chill’allucche? E Franco?

FRANCO: - Mammà sto cca’!

ASSUNTA: - Niente, niente Mari’! (cercando di trovare una scusa) Chella... chella è trasuta...

FRANCO: - (intervenendo in aiuto) ...na zoccola, na zoccola nera, grossa accussì... (fa il gesto con le mani)

LUCIA: - Io, mammà e Cristina ce simme miso na paura. Franco e ‘u nonno ll’hanno cercato d’accidere ma chella se ne fujuta!… È succieso na baraonda!

MARIA: - Meno male! (sedendosi assieme ad Assunta vicino al tavolo, mentre i due fidanzati ne approfittano per farsi due coccole) I’ pensavo ca se fosse appiccecato Vicienzo cu Franco pe’ mezzo ‘e Lucia... (mettendosi una mano sul petto) M’è arrivato ‘o core ‘nganno!

ASSUNTA: - Calmate mo’, ca nun è succieso niente! ‘Ih comm’ ‘o fai malamente a Vicienzo!

MARIA: - P’ammore ‘e Ddio, Assu’, nun ‘o dicere manco pe’ pazzia, ma dato che ‘int’a stu periodo sta nu poco nervuso, sai comm’è?... A proposito ma addò sta?

ASSUNTA: - Nun è turnato ancora, pecchè?

MARIA: - No, lle vulevo dicere na cosa, ma dato ca pò trica’ e i’ me n’aggi’ ‘a j’, ‘a pozzo dicere pure a tte. Poco fa ha telefonato n’amico ‘e Ciro, ca fa ‘o pittore a Puortice, e ll’ha ditto ca c’è sta nu signore ca va cercanno dduie cammariere nire!...

ASSUNTA: - (con sospetto) E Vicienzo ca ce trase?

MARIA: - Aspe’, famme ferni’! Dato ca quelli ca ce steveno primma, na guagliona ‘e San Giuvanne a Teduccio e ‘o cammariere ‘e Somma Vesuviana se songhe licenziate e ll’hanno fatto ll’avvertenza...

FRANCO: - Mammà "vertenza", si dice "vertenza sindacale"!

MARIA: - Aggio capito, ll’avvertenza sindacata!... Va bbene?

FRANCO: - Sì sì ...come dici tu... (e insieme a Lucia ride)

MARIA: - Oh, tene sempe che ddice, tene!... Fa’ sturia’ ‘e figlie, fa’!

ASSUNTA: - (preoccupata che il marito, ancora travestito da nero, possa rientrare da un momento all’altro, cerca di dare fretta all’amica) Va bbuo’ Mari’, aggio capito, jamme ‘nnanze!...

MARIA: - Dunquo, st’amico allora si è voltato a mio marito Ciro condicenne ca dato che lui steve a Napule, ci aveva più probabilità ‘e truva’ dduie nire ca vulessero fa’ ‘e cammariere addò stu signore ‘e Puortice. Assu’, una mesata di più di un milione peduno al mese, nu juorno ‘e festa ‘a semmana, mangia’ e durmi’ a gratìsse però senza il... (prima di dire la parola guarda verso il figlio)... il sindacale e senza ll’assicurazione pecchè nun vonno... ll’avvertenza... d’ ‘o sinneco!...

FRANCO: - (scuote la testa sorridendo) ...’e ll’assessore e d’ ‘o consiglio comunale. Mammà?

ASSUNTA: - Francù e falla parla’!... Sì, ma i’ nun aggio ancora capito Vicienzo che c’entra?

MARIA: - Ciro ha ditto che, dato ca Vicienzo c’ ‘a bancarella sta sempe miezo ‘e nire, può darsi ca canosce a quaccheduno ca vò j’ a servizio. ‘O signore ‘e Puortice ha prummiso na bbona mazzetta e si Vicienzo ‘e ttrova... sparteno. (caccia un biglietto dalla tasca) Chisto è ll’indirizzo d’ ‘o signore, ce sta pure ‘o nummero ‘e telefono.

ASSUNTA: - (prende il biglietto e lo poggia sul tavolo) Va bbuo’ Mari’, non appena torna Vicienzo ce ‘o ddico!

MARIA: - (alzandosi e avviandosi all’uscita) Francù, jammuncenne ca papà aspetta a nnuie pe’ cena’! Assu’ mm’arraccumanne, nun te scurda’! Me fai sape’ quaccosa dimane, buonanotte! (esce)

FRANCO: - Buonanotte donn’Assu’, salutatemi don Vincenzo mo’ ca torna. (baciando la fidanzata su una guancia) Ciao Luci’, ce vedimme dimane! (esce)

ASSUNTA: - (rivolgendosi alla figlia che è rimasta sulla comune a salutare con la mano il fidanzato che è andato via) Lucie’, mo’ t’ ‘o struje cull’uocchie, jammo mèh, va’ a dda’ na mano ‘o nonno ‘int’a cucina se no cenammo a mezanotte, stasera!

LUCIA: - (con aria trasognata si avvia cantando in cucina)

ASSUNTA: - (va alla credenza piglia la tovaglia e incomincia ad apparecchiare la tavola. Nel fare ciò le capita di prendere il biglietto che ha lasciato Maria e lo legge ad alta voce) Commendatore Lucio Papa, via dei Glicini n. 11, villa Carmela, Portici!... Mah! (ripone il biglietto sul tavolo)

VINCENZO: - (rientra con un pacchetto in mano) Meno male, aggio riuscito ‘a truva’ ‘a crema. Assu’, appripara ‘a rrobba ca dimane matina parto c’ ‘o lapariello ‘e Pascalino che va a ffa’ ‘o mercato a Castel Volturno!

ASSUNTA: - Vicie’, ma si’ proprio convinto ‘e chello che faie?... Pecchè nun ce pienze nu poco cu cchiù calma! Lucia, tra pochi giorni fernesce ‘e fa’ ll’esame... comme facimme a festeggia’ si tu nun ce staie?

VINCENZO: - Assu’ e tu nun m’ hê ‘a dicere sti ccose, o si no chi tene ‘o curaggio ‘e parti’!

ASSUNTA: - Ma pecchè nun faie comm’hê fatto oggi! Me pare che ‘e fatte songhe jute bbuone! (cercando sempre di convincere il marito a non partire) Accussì ce putimmo abbusca’ pure ‘a mazzetta c’ha ditto Ciruzzo!

VINCENZO: - ‘E qua’ mazzetta staie parlanno?

ASSUNTA: - Poco doppo ca si’ asciuto, è venuta Maria a tte cerca’, te vuleva dicere ca ha avuto n’incarico a n’amico suoie ‘e ‘nce truva’ dduie nire ca vonno j’ a ffa’ i camerieri addò nu signore ‘e Puortice. Cchiù ‘e nu milione ‘o mese peduno, mangia’ e durmi’ franco, ma senza ‘e marchette!... Si c’ ‘e ttrova, ‘o signore nce fa nu bello regalo!

VINCENZO: - E i’ che ce traso?

ASSUNTA: - Ciro ha pensato che dato ca tu stai sempe miez’ ‘e nire, tiene tant’amice... ‘a mazzetta se facesse metà peduno!

VINCENZO: - Ma qua’ amice e amice! I’ nun tengo amice di coloro... ci siamo capiti!... Ciro s’ ‘e vva a cerca’ isso i camerieri! Io domani parto!

ASSUNTA: - (stizzita e dispiaciuta di non essere riuscita a convincere il marito a restare, quasi piangendo, avviandosi verso la cucina...) E va’ va’! Chi te mantene!

VINCENZO: - (segue con lo sguardo la moglie che va in cucina. Restato solo si siede al tavolo e guarda assorto davanti a sè, poi con le dita della mano incomincia a tamburellare sul tavolo e, nel fare ciò, gli capita di tastare il foglio con l’indirizzo del signore di Portici. Con aria indifferente lo gira verso di sè, lo guarda un attimo e poi lo rimette a posto)

CALA LA TELA

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Portici, salotto della villa del commendatore Papa. Sulla parete centrale due porte, una a destra e l’altra a sinistra, che immettono nelle stanze interne della villa. La parete di sinistra è occupata da una grande vetrata che dà su di un terrazzo che si affaccia su un giardino. Sulla parete di destra una cristalliera con oggetti d’argento e ninnoli vari, quadri ai muri. Tra le due porte, sulla parete centrale, una specchiera. Al centro della scena un divano con due poltrone dai colori vivaci e un tavolinetto. Tutto l’arredo è molto vistoso per sottolineare il gusto discutibile dei padroni di casa.

Al levare del sipario sono in scena Carmela Bene, moglie del commendatore Lucio Papa e Flora Capasso, moglie dell’ingegnere conte Marco Ranieri, che sedute sul divano conversano; altrettanto fanno i mariti, che si intravedono sul terrazzo.

CARMELA: - (donna procace sui quarantacinque anni, veste in modo costoso ma di pessimo gusto. Ridendo e continuando il discorso)... Così, mio marito, senza pensarci due volte, lo ha messo alla porta senza dargli nemmeno il tempo di indossare i pantaloni...

FLORA: - (donna sui cinquant’anni, bella e delicata, raffinata nel vestire, discreta e composta anche quando ride o parla. Il suo comportamento denota la sua nobile estrazione) Poverino!

CARMELA: - (continuando a ridere)... era così buffo con le brache in mano...

FLORA: - (con un sorriso di convenienza) Ma cosa aveva fatto di grave?

CARMELA: - Lui e Anna, la cameriera, non avendo ottenuto l’aumento di salario richiesto, hanno fatto la vertenza sindacale a mio marito. Venticinque milioni abbiamo dovuto sborsare e dopo volevano pure rimanere!... Lucio, però, è stato irremovibile e li ha cacciati.

FLORA: - Erano da molto tempo al vostro servizio?

CARMELA: - Domenico, se non sbaglio da circa due anni, Anna da meno. Non ricordo bene. Sa, questa servitù crea sempre dei fastidi e noi siamo costretti a cambiare spesso!... Voi quanti domestici avete?

FLORA: - Solo due, e sono già da alcuni anni al di là dell’età pensionabile. Sono rimasti perchè, per gli anni passati in casa Ranieri, più che domestici sono come persone di famiglia!

CARMELA: - Fortunati voi!

FLORA: - Sono proprio loro che ci sollecitano a trovare dei nuovi domestici, ma mio marito è restio perchè non vuole che vadano via.

CARMELA: - Sì, però, ormai sono vecchi, di che utilità vi possono essere in casa?

FLORA: - (notando il cinismo della donna) Marco è stato cresciuto da loro, gli è molto affezionato!

CARMELA: - E avete altre persone al vostro servizio?

FLORA: - Sì, il giardiniere! Anche lui da molti anni!

CARMELA: - Ma come fate con i sindacati, l’assicurazione, la buonuscita dopo tanti anni di servizio?

FLORA: - Sono stati sempre remunerati come prescrive la legge! Mio marito ha instaurato con la servitù lo stesso rapporto che ha avuto sempre il padre, don Federico, cordiale e familiare.

CARMELA: - (ascolta con un’aria di sufficienza, non condividendo quello che sta dicendo l’altra donna)

FLORA: - (continuando) L’anno scorso, il giardiniere ebbe un incidente stradale, nel suo giorno di riposo mentre andava a Caiazzo da certi parenti. Marco provvide a tutto lui, non gli fece mancare niente.

CARMELA: - Mio marito la pensa diversamente! Ecco perchè, dopo quello che è successo, abbiamo preferito assumere due negri al nostro servizio. I nostri nuovi domestici di colore, stanno qui da pochi giorni, ma già hanno dimostrato di essere precisi, ubbidienti e servizievoli. Per loro non esistono giorni di ferie o orario di lavoro.

FLORA: - (intervenendo nel discorso più per convenienza che per altro) Sono marito e moglie?

CARMELA: - No, anzi non si conoscono nemmeno, dato che Nadir, il domestico, è venuto dieci giorni fa e Lilà solo ieri. Lui non sembra molto entusiasta di conoscere la collega, mi sembra addirittura che la sfugga!... (in tono confidenziale) La cameriera ha una figlia!

FLORA: - Allora è sposata?

CARMELA: - Il marito l’ha lasciata; è andato a vivere in Francia con un’altra donna.

FLORA: - E la bambina vive qua con la madre?

CARMELA: - No, per carità, vive con il nonno materno a Napoli!... Certo che, avere al servizio dei domestici negri, dato la gente che frequenta la casa, fa tutto un altro effetto!

FLORA: - Già!... Oggi è di moda!... Poi, qualunque cosa gli si fa fare, anche le più umili... (ironica) non protestano mai... sono neri!

CARMELA: - (che non ha afferrato l’ironia di Flora) Nadir, poi, ha conquistato subito la fiducia di Lucio, tant’è vero che per la proprietà che abbiamo a Torre del Greco, mio marito gli ha dato l’incarico di reclutare altri negri per farli lavorare lì! (Lucio e Marco intanto, sempre continuando a conversare, dal terrazzo scendono in giardino uscendo fuori scena)

FLORA: - (quasi fra sè) Ci troviamo di fronte ad una vera tratta!

CARMELA: - Come? Non ho capito bene!

FLORA: - No, dico, è una vera e propria trattativa di lavoro!

CARMELA: - E... sì... sì, come dite voi!... (notato che il marito non è più sul terrazzo, in tono sempre più confidenziale) Donna Flo’, vi voglio fare una confidenza!... Nadir ‘e vvote me fa certe guardate ‘e fuoco ca mi mettono in imbarazzo! Chillo è pure nu bell’ommo, po’ è nniro... con quel suo fascino misterioso... ah! (sospira)

FLORA: - (con pungente ironia) Certo che il fascino misterioso è pericoloso, ma come si dice, all’utile si potrebbe aggiungere il diletto... Come le matrone dell’antica Roma!...

CARMELA: - Già!... Al più presto devo invitare le mie amiche. Le voglio fare schiattare dall’invidia!

FLORA: - (cercando di far cambiare la piega del discorso) Da quale nazione dell’Africa viene?

CARMELA: - Non gliel’ho ancora chiesto!... Aspettate, con la scusa di farci servire un aperitivo, ve lo voglio proprio far conoscere! (suona il campanello che si trova sul tavolinetto)

VINCENZO: - (È Nadir. In divisa da cameriere, ancora tinto di nero come nel secondo atto. Entra dalla porta di destra, si porta nei pressi della signora, un leggero inchino) La signora chiamare?... Cosa desiderare?...

CARMELA: - Servici qualche bibita! (rivolto a Flora) Contessa cosa gradite?

FLORA: - Una premuta di limone in acqua fresca, grazie!

CARMELA: - Per me, invece, un succo di ananas con molto, molto ghiaccio... il caldo che fa oggi mi sta distruggendo... Mi sento tutto il vestito appiccicato addosso (nel dire ciò, si alza e si passa con intenzione le mani sul corpo e, guardando lascivamente Vincenzo)… mi verrebbe voglia di togliermelo!

FLORA: - Veramente oggi fa molto caldo!... (sempre con ironia) Dentro e fuori!

VINCENZO: - (che mentre la padrona si lisciava, la guardava con imbarazzo) Subito servire! (esce)

CARMELA: - Che ve ne pare?... Avete notato lo sguardo?... Mi fa sentire tutta un fuoco!

FLORA: - (sorridendo) È questo il vero motivo del caldo! Certo è un bell’uomo! I tratti sono molto fini... potrebbe essere un somalo o tunisino!

CARMELA: - Anche Lilà, se non fosse per la pelle e i capelli somiglierebbe poco ad un’africana! Anche lei ha dei lineamenti fini, in più un corpo statuario!

FLORA: - Allora dovete stare attenta! Anche don Lucio potrebbe sentire... il caldo!

CARMELA: - Eh... Lucio!... Lucio pensa solo agli affari!... Per gli affari trascura pure me!... Poi ha una certa età... non è più un giovanotto!...

FLORA: - C’è molta differenza di età fra voi?

CARMELA: - Ventidue anni. Avevo diciotto anni e lui quaranta quando ci siamo sposati... Mah!... Tutto sommato non mi posso lamentare. Lucio mi adora e mi concede tutto!

VINCENZO: - (entra recando un vassoio con le bibite) Bibite servite... prego! (serve le due signore e resta in attesa di nuovi ordini)

CARMELA: - Grazie Nadir! (sorseggiando la bibita)... Nadir hai conosciuto Lilà?

VINCENZO: - No, ancora non conoscere!

CARMELA: - (con fare insinuante) Hai piacere di stare qui?

VINCENZO: - Molto piacere assai!

CARMELA: - La signora contessa mi chiedeva da quale nazione dell’Africa venire tu?

VINCENZO: - (non sapendo cosa rispondere esita imbarazzato)

FLORA: - Somalia?... Tunisia?... Zaire?

VINCENZO: - (ricordando i racconti del suocero) Libia!

FLORA: - La Libia era italiana, forse per questo parla italiano... Perchè sei venuto in Italia?

VINCENZO: - (sempre esitando) Io... io scappare, perchè... perchè ribelle!

FLORA: - Non ti piaceva Gheddafi?

VINCENZO: - (a sé stesso) E chisto mo’ chi è?… (poi a Flora) Non so, io... io... io non conoscere lui!

CARMELA: - Un ribelle!?... Un patriota!?... Com’è romantico!... Ah!… (altro sospiro)

FLORA: - Hai famiglia?

VINCENZO: - No!... Tutti finiti!... Essere solo!

CARMELA: - Cosa facevi in Libia?... Tu studiare?

VINCENZO: - Sì… studiare… studiare anche notte... (a parte) come campare!

CARMELA: - Tu devi raccontare a me tutta tua vita?

VINCENZO: - Molto tempo... lunga storia... brutto ricordare!

CARMELA: - Domani tu venire con me a Torre del Greco e... raccontare tutta tua storia!

VINCENZO: - (guardando con rassegnazione la donna) Obbedire signora!

FLORA: - (dopo aver deposto il bicchiere sul vassoio che Vincenzo-Nadir tiene in mano, si alza) Si è fatto tardi!... (notando il marito che, con Lucio, sopraggiunge sul terrazzo) Ecco pure mio marito... Mi dispiace lasciare questa piacevole compagnia! (Vincenzo-Nadir esce mentre Lucio e Marco entrano in scena dalla vetrata)

LUCIO: - (uomo di sessantasette anni, rivolgendosi alla moglie) Ho pregato il conte di restare a colazione con noi! (al conte) Così avremo modo di discutere meglio di quell’affare!

CARMELA: - Hai fatto benissimo!

MARCO: - (uomo fine e raffinato, dimostra una sessantina d’anni, rivolgendosi a Flora) Mi è sembrato scortese rifiutare, dopo tante insistenze del commendatore!

FLORA: - Come vuoi, caro!

CARMELA: - Prego, donna Flora, venite a darvi una rinfrescata mentre do gli ordini per il pranzo! (insieme escono dalla porta centrale di sinistra)

LUCIO: - Vi dicevo, quindi, che intendevo rivendere anche la proprietà di Torre del Greco, come avevo fatto con quella di Vico ricavandone un ottimo guadagno. Ma mia moglie non ha voluto e questo mi ha creato il problema della servitù. Dovrò reclutare altri negri per la tenuta di Torre!

MARCO: - Infatti ho notato che avete della servitù di colore. Come mai?

LUCIO: - Quelli che avevo, sono stato costretto a licenziarli... mi avevano fatto la vertenza!... Poi si lamentano che i negri rubano il loro lavoro!... Ma se hanno certe pretese...

MARCO: - (con sarcasmo) Già!

LUCIO: - Perciò, onde evitare spiacevoli sorprese, questa volta ho assunto due domestici negri... Loro non creano problemi!... (in tono confidenziale) E poi Lilà, la cameriera, è bellissima, ha un corpo meraviglioso con movenze da pantera!... È da perderci la testa!

MARCO: - State attento che potrebbe farvela perdere donna Carmela, la testa, se si accorge di qualcosa. (sorride)

LUCIO: - Da uomo ad uomo, conte, vi devo confessare che le ragazze di colore mi eccitano... e Lilà in modo particolare! Ha già una figlia... voi mi capite!

MARCO: - Poi è nera!... Che problemi potrebbe creare!

ASSUNTA: - (è Lilà. Tinta di nero, indossa un vestitino molto aderente, che mette in risalto le forme del suo corpo, con un piccolo grembiule sul davanti ed una crestina sulla parrucca dai capelli ricci. Entra dalla porta centrale di sinistra) Signore, la signora volere sapere se volere mangiare pesce o carne a colazione!

LUCIO: - Signor conte che cosa preferite?

MARCO: - Un po’ di pesce, grazie!

LUCIO: - Allora Lilà, dì alla signora che il signor conte preferisce del pesce, poi portaci due Martini con ghiaccio! Va bene per voi conte?

MARCO: - Benissimo, grazie!

ASSUNTA: - Subito! (si inchina ed esce da dove è entrata)

LUCIO: - Allora, che ne dite?... Non ho ragione?

MARCO: - Indubbiamente!... Poi, non c’è nessun pericolo di compromettersi... e, per quello che vi costa! (si sente suonare il campanello d’ingresso)

VINCENZO: - (comparendo sul vano d’ingresso della porta centrale di destra) Signore Amato desidera commendatore!

LUCIO: - Fallo passare!

VINCENZO: - (esce e rientra dopo poco seguito da Alfonso Amato) Prego!

ALFONSO: - (detto Fofò, giovanotto sui trent’anni, gay. Veste con eleganza e raffinatezza, entra guardando morbosamente e con desiderio Vincenzo-Nadir) Grazie... Bobo!... Ciao Lucio... oh c’è anche il conte Ranieri? Che sorpresa!... Come sta?

MARCO: - (con un sorriso) Bene, grazie e lei?

ALFONSO: - Male! Male! Questo caldo non lo sopporto proprio, mi fa sentire così strana... (poi rivolto a Lucio guardando sempre Vincenzo-Nadir) ci vorrebbe la pelle nera come il tuo domestico africano! È nuovo? Da dove l’hai importato? Da quanto tempo è qui?... E senza dirmi niente!... Cattivo!

LUCIO: - (sorridendo) Nadir vai vai, che corri pericolo!... (Vincenzo-Nadir esce) Fofò con i soldi che hai puoi ingaggiare una tribù di africani!

ALFONSO: - Il tuo però mi piace, tiene una faccia diversa!

LUCIO: - Perchè l’hai guardato in faccia?

MARCO: - Signor Amato e la mamma come sta?

ALFONSO: - Sempre più vecchia, esigente, scocciante... Anch’io volevo prendere dei domestici neri... ma la mamma non ha voluto. Dice che è sconveniente!

LUCIO: - Allora Fofò, a che devo l’onore della tua visita?

ALFONSO: - La mamma ha voluto che venissi a portarti il dovuto per quel lavoretto fatto nella tenuta di campagna!

LUCIO: - Quanta fretta!... Ma non era il caso che ti incomodassi di persona... e con questo caldo!

ALFONSO: - Tu la conosci a mammà, quando si mette una cosa in testa, non c’è niente da fare!

LUCIO: - Va bene, ne parliamo dopo. Tu, intanto, resti a colazione con noi. Ci sono anche il conte e la contessa!

ALFONSO: - Grazie!... Resto volentieri!... Fa troppo caldo per tornare a casa a quest’ora!

ASSUNTA: - (entra portando i due Martini su di un vassoio e li porge a Lucio e Marco)

LUCIO: - (offrendo il suo Martini ad Alfonso) Prego, Fofò!

ALFONSO: - Sì grazie!... (prende il bicchiere che gli offre Lucio) Sono tutto accaldata, una cosa fresca ci voleva proprio… Ma tieni anche la domestica di colore? È… è la moglie di... come si chiama l’africano?

LUCIO: - Nadir, si chiama Nadir e non è il marito di Lilà!... Contento?... Lilà, porta un altro Martini! (mentre Assunta-Lilà esce, rientrano Carmela e Flora)

CARMELA: - Carissimo Fofò, come stai?

ALFONSO: - (rivolto alle due donne) Carissime, siete splendide... come sempre!

FLORA: - Grazie del complimento! Anche voi state benissimo!... E la signora madre come sta?

ALFONSO: - Bene!... Bene!... Fin troppo bene!

ASSUNTA: - (rientra portando un altro Martini per Lucio) Prego!... (poi rivolto alla padrona) Il pranzo sarà servito tra mezza ora!

CARMELA: - Allora c’è ancora tempo di mostrarvi qualcosa di particolare che ho in giardino!... Viene da Ercolano!... Se volete seguirmi?

ALFONSO: - Voi avviatevi... io, intanto, provvedo ad estinguere il debito con Lucio!... Si no chi ‘a sent’a mammà? (estrae il blocchetto degli assegni dalla tasca e paga Lucio mentre i Conti Ranieri e scendono in giardino dal terrazzo)

LUCIO: - Se proprio insisti!

VINCENZO: - (entrando) Signor Fofò è desiderato al telefono!

ALFONSO: - Uffà! Chesta è sicuramente mammà!

LUCIO: - Nadir, accompagna il signore nello studio!

ALFONSO: - Andiamo, andiamo... mio bel morone!... (segue Vincenzo-Nadir nella porta di sinistra)

LUCIO: - (restato solo con Assunta-Lilà che sta rimettendo ordine nel salotto, le si avvicina e cerca di abbracciarla) Dai, sta’ ferma... dammi un bacio... ti do tutto quello che vuoi!

ASSUNTA: - No no... non fare!... No no! (cerca di sfuggire agli attacchi amorosi scappando dalla porta di sinistra inseguita da Lucio)

VINCENZO: - (appena scompaiono dalla scena Assunta e Lucio, entra dalla porta di destra inseguito da Fofò)

ALFONSO: - Otellone mio, fermati... ascoltami!... Cattivone... non aver paura... non ti mangio mica! (continua ad inseguirlo)

VINCENZO: - Ma vedite che s’hadda passa’! Nun basta ‘a signora, ce vuleva pure ‘o ricchione! (cerca di sfuggire alla bramosia del gay, facendo lo slalom tra poltrone e divano, poi si infila nella porta di sinistra sempre inseguito da Fofò. Spariti i due, ricompaiono dalla porta di destra Assunta-Lilà e Lucio che faranno grosso modo le stesse cose che hanno fatto in precedenza Vincenzo-Nadir ed Alfonso, con battute a soggetto. Il tutto sarà ripetuto per tre volte)

ASSUNTA: - (entra dalla destra guardando con circospezione sulla scena, poi si volta indietro per vedere se è ancora inseguita e nel fare ciò rincula)

VINCENZO: - (entra dalla sinistra facendo gli stessi movimenti di Assunta-Lilà in modo tale che si scontrano di spalle e, emettendo all’unisono un grido, si voltano)

ASSUNTA: - (fissa Vincenzo-Nadir riconoscendolo) Vicie’!!!

VINCENZO: - (che non ha riconosciuto in Assunta-Lilà la moglie) Io Nadir... tu… tu… Lilà?

ASSUNTA: - Vincenzo Scognamiglio, ma nun hive sta’ a Castel Volturno?

VINCENZO: - (continuando a fingere) Io Nadir... io non capire!

ASSUNTA: - Vicie’, so’ io Assunta, tua moglie!

VINCENZO: - Assunta?... (la guarda meglio) Tu... tu si’ Assunta! E che ffai cca’?... Pecchè te si’ pittata nera pure tu?

ASSUNTA: - ‘A quanno te ne si’ gghiuto pe’ gghi’ a vennere ‘ncoppa ‘a spiaggia, so’ stata sempe a pensa’ ‘o fatto ‘e Ciro. Aggio ditto: "e si faccio comm’a Vicienzo?" Me so’ pittata nera e so’ venuta cca’!... E tu pecchè stai cca’?

VINCENZO: - Assu’, aggio pensato ca ‘o schizzeco sicuro era meglio e, po’, si ‘a tintura se squagliava sott’ ‘o sole?... Ma fatte vede’!... (la guarda con più attenzione) Ma ‘o ssa’ ca ll’abbronzatura te fa bbene a tte!... Te si’ fatta cchiù bbona!... (cerca di abbracciarla)

ASSUNTA: - Fernescela, ca chisto nun è ‘o mumento, ce ponno scupri’, ne parlammo stasera!... (questa scena avverrà mentre da dietro le quinte si odono Fofò e Lucio che chiamano rispettivamente Nadir e Lilà)

ALFONSO: - (riappare da destra, ha il fiatone) Ah, eri nascosto qua... aspetta… aspetta... se ti prendo!...

VINCENZO: - Lilà noi parlare dopo! (riscappa a sinistra sempre inseguito dal gay)

ASSUNTA: - (rimasta sola) Ce mancava sul’ ‘o ricchione!

LUCIO: - (entra da destra alle spalle della donna e di soppiatto l’abbraccia) Eccoti finalmente!... Cara!... No, non ti spaventare, sembri una gazzella impaurita... lasciati baciare... non farmi soffrire... (tutte queste parole le dirà mentre Assunta tenta di liberarsi dalla stretta)

VINCENZO: - (rientrando dalla destra vede la moglie che si dibatte tra le braccia di Lucio) Lassala sta’, ommo ‘e niente!... (ciò dicendo lo prende per la spalle e lo scaraventa a terra)

LUCIO: - (resosi conto che è stato assalito dal nero, lentamente si rialza gridando) Sei stato tu! E come ti sei permesso di alzare le tue sporche mani da negro su di me? Io ti denuncio, ti mando in galera a vita!

VINCENZO: - (parlando in napoletano) Che ffai, che ffai tu! A cchi manne ‘ngalera (minaccioso gli si avvicina, lo prende per il bavero)... si dice n’ata parola me te magne a muorze! Strunzo!... Chella è muglierema!... (lo scuote)

ASSUNTA: - Vicie’!…

ALFONSO: - (che aveva assistito alla scena nascosto dietro la porta, interviene cercando di aiutare l’amico) Lascialo... lascialo... bruto!... Aiuto... aiuto!... (corre verso la vetrata) Correte... Nadir sta violentando Lucio!... Aiuto!... (poi, frapponendosi tra Vincenzo-Nadir e Lucio che intanto si è liberato dalla stretta) Ti difenderò io con il mio corpo!

ASSUNTA: - (cercando di calmare il marito) Lasci’ ‘o sta’ Vicie’, nun te compromettere!... (arrivano, richiamati dalle urla di Fofò, i coniugi Ranieri e Carmela)

MARCO: - Ma cosa sta succedendo?

LUCIO: - (ancora scosso per quanto è accaduto) Sono stato... sono stato aggredito dal negro!

VINCENZO: - I’ so’ janco e nun so’ nnero, comm’è janca Lilà... muglierema! (prende un fazzoletto dalla tasca e deterge parte della tintura che ha sul viso e lo stesso fa con la moglie)

CARMELA: - ‘E nire songhe fauze! E chi siete? Ladri, mascalzoni, delinquenti!… Lucio ma tu hê viste a chiste?…

LUCIO: - (riprendendo coraggio) Vi siete introdotti in casa mia con l’inganno e sotto mentite spoglie. Ve la farò pagare cara! Vi denuncio! Vi distruggo! Ladri!

ALFONSO: - Oddio... Otello nun è cchiù Otello, pufh... è svanito! Che peccato!... Ma pure così mi piaci! Maschiaccio!...

MARCO: - (tenendo per mano la moglie, imbarazzato) Scusateci... ma noi vorremmo andare via.

VINCENZO: - Nu mumento, aspettate, statem’a sentere... tutte quante... pure vuie don Fofò... È overo sì, simme mascalzune, simme sfaticate, simme mariuole...

ASSUNTA: - (piangendo) Ma che ddice, nuie nun simme mariuole!

VINCENZO: - Sì Assu’, simme mariuole pecchè ce simme arrubbato ‘e poste d’ ‘e nire, d’ ‘e nire c’hanna fa’ tutto e nun ponno reclama’, d’ ‘e nire ca si vonno resta’ cca’ s’hanna sta’!... È ove’ signor commendatore? ‘A cammarera è nera e s’hadda sta’, e s’hadda sta’ pure Nadir... è così signora Carmela?

CARMELA: - Ma che stai farneticando, Lucio sbattili fuori!

LUCIO: - Non ti preoccupare cara, non li sbatterò solamente fuori, li manderò in galera. Telefono subito in Questura. (fa per avviarsi)

VINCENZO: - Va bbene, forza, chiammat’ ‘a Pulizia nun ce mettimmo appaura, tenimmo ‘a cuscienzia tranquilla. Però arricurdateve ca ‘e nomme vuoste, sta vota, jesciarranno ‘ncopp’a tutt’ ‘e giurnale e no’ pe’ na vertenza sindacale ma per sfruttamento e tentata violenza carnale e... e, comme se dice, ricettacolo di rrobba antica arrubbata comm’a chella ca sta ‘int’o ciardino...

LUCIO: - Che cos’è questo un ricatto? Mi fai ridere! Chi vuoi che ti creda, brutto pezzente! Io sono il commendatore Lucio Papa e tu, tu chi sei?... Non sappiamo nemmeno il tuo vero nome, ma lo scoprirà la polizia non appena verrà!

VINCENZO: - I’ so’ Vincenzo Scognamiglio, venditore ambulante, napoletano e chesta è mia moglie Assunta, ce simme pittate nire pe’ campa’ onestamente e no’ p’arrubba’! Ma chesto nun conta niente, oggi contano sule ‘e sorde e vuie (rivolto a tutti) ne tenite tante! Hai raggione signor commendatore, chi vuo’ ca me crede a mme! Fa’ ambressa chiamm’ ‘a Pulizia!... (nel dire ciò abbraccia la moglie che piange)

MARCO: - (mentre Lucio si sta avviando per andare a telefonare alla polizia) Un momento commendatore Papa, un solo momento. Non penso che vi convenga telefonare alla polizia, con il pericolo che il vostro nome venga sui giornali...

CARMELA: - Ma conte cosa state dicendo? Questi due devono avere una lezione!

LUCIO: - E poi, torno a ripetere, chi volete che creda a questi due straccioni?

MARCO: - A loro sicuramente no, ma forse al conte Ranieri...

LUCIO: - Cosa volete insinuare!

MARCO: - Non sto insinuando niente. Questi due (indica Vincenzo e Assunta) ci hanno dato una lezione di vita e non è giusto che adesso paghino anche con la prigione. Io e mia moglie, se sarà il caso, non esiteremo a testimoniare in loro favore. Non è così, cara?

LUCIO: - Ma... ma... (guarda interdetto Marco e lo stesso fa Carmela)

VINCENZO: - (ed Assunta guardano increduli tutti)

FLORA: - Certamente, ma sono sicura he non ce ne sarà bisogno! Non è vero don Lucio? E voi non dite niente, donna Carmela?

CARMELA: - Ma io sono stata offesa!

MARCO: - No cara donna Carmela, siamo stati tutti offesi, ma non da quello che hanno detto o fatto, ma perchè da napoletani come voi, come loro, dovremmo evitare ai vari Vincenzo Scognamiglio di ricorrere a sotterfugi per campare…

FLORA: - Già, alla famosa arte di arrangiarsi, e in questo anche noi abbiamo la nostra parte di colpa.

ALFONSO: - Brava donna Flora, avete ragione!... (sorridendo) Certo però che la pensata di Vincenzo e Assunta è stata veramente formidabile! Eh, ‘e napulitane pe’ ste ccose sono dei geni!... A mme sti dduie me songhe proprio simpatiche!

MARCO: - (rivolgendosi a Vincenzo e Assunta) Tranquillizzatevi adesso, non vi dovete preoccupare più, anzi se siete disposti vi assumiamo noi come camerieri e, con paga sindacale! Che ne dici cara?

FLORA: - Stavo pensando alla stessa cosa!

VINCENZO: - Ma comme, vuie site disposte a farce fatica’ a casa vosta?

MARCO: - Anche da domani, tanto avendo fatto quello che avete fatto e non essendo più neri, non fate più al caso della famiglia Papa. (Lucio e Carmela abbassano la testa colpiti dalle parole del conte)

ASSUNTA: - Hê ’ntiso Vicie’?!! Grazie grazie!! (si commuove. Suona il campanello d’ingresso, nessuno si muove)

ALFONSO: - Vado io! Vado io! (esce ritornando dopo poco seguito da Gaetano e Cristina anche loro truccati da neri ma in modo molto grossolano) Apettate non potete entrare!... Chi siete, che volete?

GAETANO: - (rivolgendosi a Fofò tenendo Cristina per mano) Scusate, mistèr, essere qui cameriera nera di Napoli?

ALFONSO: - Chi quella? (indica Assunta)

GAETANO: - Éh... me pare essa! Cristine’, è chella mammà?

CRISTINA: - (dubbiosa) Sì e no!

ASSUNTA: - Viene bell’ ‘e mammà!… Cca’ ce sta pure papà! (la bambina corre dalla madre)

GAETANO: - (guarda tutti con timore e con sospetto) Comme? Pure Vicienzo sta cca’?... (avvicinandosi al genero) Si’ Vicienzo o si’ Alì?...

VINCENZO: - N’ata vota mo’!

ASSUNTA: - Ma papà che avite fatto?... Pecchè ve site pittate niro pure vuie?

GAETANO: - Già!... No, no... i’ so’ nniro! (guarda a uno a uno tutti i presenti, i quali osservando il suo buffo abbigliamento e la poco abilità con la quale si è tinto la faccia, incominciano a ridere)

LUCIO: - (ancora ridendo) Siete veramente unici! E se questo può valere a qualche cosa... scusate!

VINCENZO: - Grazie, grazie a tutte quante!… (prendendo il suocero sotto braccio) Papà so’ Vicienzo e dimane io e Assunta jamm’a fatica’ comm’a camerieri ‘int’ ‘a casa del conte Ranieri, che sarebbe stu signore!

GAETANO: - Conte?... A’ faccia!... Miez’ ‘e nobbile!... (dubbioso) Ma comm’a cammariere janche o nire???

CALA LA TELA

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno