Xe arivà el castigamati

Stampa questo copione

Arnaldo Boscolo

Arnaldo Boscolo

XE ARIVA’ EL CASTIGAMATI

Commedia in tre atti

PERSONAGGI

Sior GASPARO PANTALIN, negoziante di erbaggi

Siora ORSOLA, sua moglie

GAETANA, loro figlia

BIANCHINA, loro figlia

Siora ROSA, madre di Miciel

MICIEL

Sior TONIN

PINA, serva in casa Pantalin

El cavalier TEMITECOLI

El nobile VENDRAMIN

La scena a Venezia

Oggi (1926)

ATTO PRIMO

LA SCENA: Salotto in casa Pantalin. Dalla comune ampia a vetri si scorge orizzontalmente un corridoio che conduce a sinistra all'ingresso, a destra alle altre stanze. Alla parete del corridoio di contro alla comune, un’ombrelliera. A sinistra, avanti, finestra che dà sulla strada; più in là, l’uscio che da in cucina. Due usci a destra. Mobili vistosi. Tavolini da lavoro, scrivania.

SCENA PRIMA

GAETANA e BIANCA

BIANCA (seduta, presso la finestra in pieno sole) Varda, varda la mia pulcra1. Ga bastà do zorni de sol per tornar bela e fresca come quando me la ga donada el mio Tonin.

GAETANA (che sta seduta leggendo un giorna1e) E cossa me ne importa mi dela to pulcra?

BIANCA (a sé) Erce2, rospo! … (Va presso il tavolino da lavoro a cucire. Breve pausa).

GAETANA Benedeti sti giornalisti! Cari! I va in afani perché quela squinzia ga tolto el tossego! Tre colone de zornal per sto gran avenimento! No manca altro che i daga i numeri al loto; sie, trentadò.e novanta per tute le estrazion!

BIANCA Ciò, povareta, la gera cussì zovane e tanto desgraziada che la ga fato compassion a tuti.

GAETANA A mi no dasseno! Perché se no la gavesse fato la vita che la ga fato, no la se saria trovada a sti passi.

BIANCA Ma xe stada quela striga de so maregna a avezzarla cussì fin da putea.

1 Dal latino pulcher, un fiore delle varie specie di giacinto.

2 Vergognati.

GAETANA Sìì, ma se ela no gavesse avudo temperamento de tirarghe el lasso ai omeni… Auff! che porcarie!

BIANCA. E infatti, xe giusto per ste porcarie che la se ga tolto la vita. Vol dir che, dopo tuto, in fondo el cuor ghe restava ancora un fià de sentimento.

GAETANA Siché ti te la difendi?

BIANCA Mi? No me insogno gnanca; digo solo che la me ga fato pecà anca a mi, povera Mignon.

GAETANA Eco. Vustu saper parcossa tuti i ghe more sora? Te lo digo mi: perché la gaveva nome Mignon. Se la se ciamava Gaetana come mi, ti pol star sicura che dopo do ore nissun ghe ne parlava più. Ma Mignon xe un nome da romanzo, un nome da opera … (canticchiando) Addio Mignon, fa cor1 … Piavoli…

BIANCA Ma va là! Cossa vusto che ghe entra el nome?

GAETANA Se’l ghe entra! … Per una tosa el nome xe tuto, cara mia. Parcossa credistu che mi sia cossì desgraziada? Per el nome. Gaetana! podeveli métermene uno de più bruto?

BIANCA El gera quelo del nono?

GAETANA Sì, ma a ti per altro, i te ne ga messo uno de megio: Bianca.

BIANCA El giera quelo dela nona!

GAETANA E no i podeva métarte a ti quelo del nono e a mi quelo dela nona. (con rabbia)

BIANCA No, perché nele famegie per ben a chi nasse prima i ghe mete el nome del nono; e po se vien dei altri fioi, i ghe mete quelo dela nona.

GAETANA E se nasse un toso e la nona ga nome Orsola, ghe meteli nome Orso al puto? …

BIANCA Ma va là, cossa te vastu a scaldar per sti sempiessi?

GAETANA Sicuro, perché ti el moroso ti lo ga e mi inveçe… Chi vustu che sposa una Gaetana? Saria grazioso sentir dir: Gaetana mia, s-ciopo d’amor per ti! Dame un baso Gaetana! … Fame sto piasser! …

1 Aria dal II atto della Mignon, opera del musicista francese Ambroise Thomas (1811-1896)

BIANCA No xe el nome, cara, che fa restar le tose al paleto. Xe tante altre cose!

GAETANA Cosa vustu dir? Che ti xe megio de mi, forse?

BIANCA Orpo, ma ti ga proprio vogia de criar ancuo, come al solito, ma sta volta, cara, ti la fa sbusa, te lo digo mi.

GAETANA Ah! son mi che go vogia de criar? Ti stùsseghi, ti offendi, e po te disi che son mi? (le va incontro minacciosa)

BIANCA Senti Gaetana, finiscila! possibile che non se possa star in pase gnanca mezz’ora? Va là, tornite a sentar. Te zuro che de qua in avanti, ti pol dir quel che ti vol, mi no te rispondo più. Sistu contenta?

GAETANA Dispettosa!

BIANCA Senti chi parla!

GAETANA Gesuita!

BIANCA Finissila!

GAETANA (scuotendola) Sì, gesuita, gesuita, gesuitona!

BIANCA Finissila, o ciamo la mama.

GAETANA Buzaragna!1 Che la me fa tanta paura la mama! Varda: son qua che tremo tuta! (e la scuote ancora)

BIANCA (gridando) Mama, mama, fame el piasser de carvarme da torno sto açidente!

GAETANA (scuotendola furiosamente) Ah bruta spiassa! anca la spia ti fa, anca la spia!

BIANCA (urlando) Ahi, Ahí! Mama! Cori che la Gaetana me bastona.

SCENA SECONDA

DETTE e ORSOLA

1 Esclamazione di meraviglia, di dispetto, ecc.

ORSOLA (da sinistra) Ohe! Ohe! Cossa nasse? Ah fie … de na bona dona! … Ma varda cossa che se ga da véder fra sorele! No ve vergogné, no, brute galere? … Gnanca che fossi nate in Gheto!

BIANCA La xe ela, come el solito, mama, ti lo sa.

ORSOLA (a Gaetana) Ma cossa gastu? Gastu un diavolo per caveo che no ti pol star un minuto senza trovar da dir co qualchedun?

GAETANA Le xe stada ela la prima a ofendar. Mi son la più vecia e vogio esser rispetada da ela e da tuti! (minacciando con le mani) Se no, penso mi a farme rispetar.

ORSOLA (prendendole le mani) Queste intanto, metile in scarsela, se no, come xe vera la Madona Santissima, te le tagio. (a Bianca) E anca ti no stussegar, te lo go dito tante volte.

BIANCA Ma crédilo mama, che mi no go fato gnente. Senti. Mi gera qua che lavorava, ela là che la leseva sul Gazetin el fato de quela povera tosa che se xe copada e, sentindo che la se ciamava Mignon, ghe xe vegnuo le fumane per via del nome.

ORSOLA Che nome o no nome? che cabola1 xela questa?

GAETANA Buziera! Buziera … No xe vero gnente!

BIANCA E inveçe la xe proprio cossì. Ti gavevi rabia perché quela tosa gaveva nome Mignon.

ORSOLA Ma varda, se ghe xe Santi in paradiso, dove che la va a finir cola testa! (battendo sulla fronte a Gaetana) Ma cossa gastu qua dentro: cervelo o seme de suca?

GAETANA Eh za! Lo saveva mi che el torto xe sempre mio. Vualtre sole se’ piene de comprendonio. Mi son una stupida, una cretina, una mata! Ma che xe ora de finirla dasseno, ve lo digo mi, perché se no, na volta o l’altra, fasso da mata sul serio e alora no so gnanca mi dove che andaremo a finir.

ORSOLA Te lo digo mi cara, A S. Clemente2 ti va a finir se no ti cambi caratere. (raddolcita) Ma vien qua Gaetana, stà bona; ascolta to mama, no essar cossì na grinta. Se no, in sto mondo, no ti gavarà mai ben; né ti, né i altri.

1 Panzana, storiella.

2 L’isola di S. Clemente nella laguna a sud della Giudecca fu per molti anni sede dell’ospedale psichiatrico. Nel dattiloscritto, il solo che, per il momento, contiene il testo della commedia, è sostituito a penna con l’ospedale dei Mati.

GAETANA Ma za lo so che son mi el diavolo, la vipera, la striga! Ela povareta xe una Santa; Santa Pepa vergine e martire.

ORSOLA Ma no, ma no, Gaetana; anca la Bianca ga i so difeti; ma no la xe puntigliosa come ti; questo po bisogna dirlo. Su, su; no stà ben tra sorele esser sempre in barufa. Vien qua Bianchina; deve un baso e che sia finia.

BIANCA Oh par mi, no go gnente co ela. Ghe ne dago anca diese dei basi. (le si avvicina)

GAETANA (sottovoce, rabbiosa) Spia… Gesuita! …

ORSOLA Andemo Gaetana. No ti dirà adesso che no sia prima la Bianchina a molarse.

GAETANA (rimane un po' indecisa; indi a malincuore le porge la guancia; allorché Bianca l’ha baciata borbotta) Falso come quelo de Giuda! …

BIANCA Giuda la m’ha dito? Giuda?! … Séntistu, mama? Sogio mi o xela ela? Cossa distu?

ORSOLA Oh saveo cossa che ve go da dir? Che son stufa, stufa, stufa!!! e che peso castigo de questo, Cristo no me podeva mandar! … Copeve; masseve, magneve, fé quel diavolo che volé, che mi dopo torno de qua a rancurar le cóe! Auf! No ghe ne posso più! … (via a sinistra)

GAETANA Sistu contenta adesso? Tuto per colpa tua che ti vol sempre contradir.

BIANCA Mi cara me la bato. (andandosene) Ciao Nini! (via a destra 1° uscio)

SCENA TERZA

Sior TONIN, GAETANA, dopo BIANCA e ORSOLA

TONIN (sulla comune; dopo aver deposto il cappello sull’ombrellie-ra) Bon giorno, signorina; xe permesso?

GAETANA (a sé) Eco st’altro impiastro!

TONIN (avanzando) Xela sola?

GAETANA No’l vede se son sola?

TONIN (a sé) Orpo, che mutria1! (forte) E la Bianchina dove xela?

GAETANA Cossa vorlo che sapia mi dove che xe mia sorela!

TONIN (a sé) Pazienza agiutime! … (a Gaetana) E siora Orsola xela in casa? …

GAETANA E dove vorlo che la sia? In Giapon?

TONIN Ma che Giapon, la me fassa el piasser! Del resto … sì, digo … me par che la podarave risponder co un fià de più bona maniera. Xelo questo e1 modo de riçever la zente?

GAETANA Ma se el xe elo che vien a farme rabiar?

TONIN (sbalordito) Mi? …

GAETANA Auffa… (e se ne va a precipizio dal 2° di destra sbattendo l’uscio)

TONIN Eh bela macia2, sì … se mi dovesse sposar una dona come quela, parola d'onor che me butaria in Canalazzo3, la vigilia del matrimonio, e co una piera de mulin al colo… Ben e adesso cossa femo? … Se aprofitasse del’ocasion per darghe un saludin ala Bianchina? No i ne lassa mai do minuti soli! Ma dove che la sia? … Provemo qua in camera da riçever. (al 1° di destra chiamando sottovoce) Bianchina! … Bianchina! …

BIANCA (d. d) El mio Tonin.

TONIN La go proprio imbrocada.

BIANCA (uscendo) Cossa vol dir? Cossa ti fa qua solo? …

TONIN Tasi! Co son vegnuo un momento fa, ghe gera qua to sorela, co na ghigna, co una ghigna da far paura. Mi go domandà co bona maniera de ti, de to mama… Se ti gavessi sentìo come la m’ha risposto! … E po via de volata, sbatendome la porta sul viso. Cossa ghe sbisega stamatina?

1 Persona imbronciata, brutta faccia, caratteraccio.

2 Un bel tipo.

3 Canal Grande.

BIANCA Ti te lo pol imaginar. Nervi in burasca, come al solito…

TONIN Se la crede d'averme fato dispeto … a mi no me xe parso vero, anzi. (abbracciandola) Xe tanto che no posso darte do struconi a modo mio.

BIANCA Ma stà fermo che podaria vegnir zente.

TONIN Va là che no vien nessun. Chi ha tempo, non aspeti tempo. (la bacia)

BIANCA (svincolandosi) Adesso basta… Se i ne vede, stemo freschi tuti do. Stà quieto, séntite che ciamo a mama.

TONIN (riprendendola) No Bianchina. Varda. Séntiste un momento qua da viçin de mi e po dopo ti ciamarà chi che ti vol. (l’obbliga a sedersi vicino)

BIANCA Ma no, no. Soli no stà ben. Go paura!

TONIN Paura dei mii basi? I xe tuti sucaro e miel … Toh, cara … Toh, cara! …

GAETANA (comparendo sul secondo di destra) Ma benone! Ma bravi! (gridando) Mama, mama, cori de qua presto. Vien a védar i quadri plastici!1

BIANCA (sciogliendosi dell’abbraccio) Dio! La Gaetana!

TONIN Bruta carogna! La xe andada via aposta per po ciaparme in trapola!

GAETANA (più forte e stizzita) Mama!!! cori de qua te digo.

ORSOLA (d. d.) No, cara, mi non me movo. Lo go dito che vegno a rancurar le cóe!

TONIN Benone! (riabbracciando Bianca) E alora podemo torsene un'altra porzion!

BIANCA Stà fermo te digo.

TONIN No, che la femo crepar dala rabia.

1 Consistono in una rappresentazione muta in cui gli interpreti, anche in costume, appaiono immobili, in pose statuarie, intese a rievocare personaggi o fatti famosi o a suggerire episodi di vita quotidiana. Possono essere anche un gioco di società.

GAETANA Bruti stomeghessi!1 … (gridando ancora) Mama! e alo-ra? cori de qua subito che Tonin struca la Bianca.

ORSOLA (entrando di corsa da sinistra) Cossa gastu dito? … Tonin? … Ah Vergine Santa! Voria véder anca questa! …

TONIN (tranquillo) No la ghe creda siora Orsola. Se gera qua sentai che se discoreva dela piova e del bel tempo.

GAETANA Un bel muso de tola! … Se ti li gavessi visti mama… Orrori! …

ORSOLA Dasseno? Ma ti, dove gèristu?

GAETANA De là, in camara mia.

ORSOLA (a Tonin) Ma elo quando xelo vegnuo!?

TONIN Prima ghe gera qua la signorina, ma dopo la m'ha impiantà come un cavolo… Cossa gaveva da far? Go ciamà la mia schissa2, perché la me façesse un fià de compagnia.

ORSOLA Mi el doveva ciamarme, no la schissa.

TONIN Andemo, andemo siora Orsola; la capirà anca ela che noaltri tosi se no se aprofita de qualche ocasion per poderghe dar un baso ala morosa…

ORSOLA Ai miei tempi la morosa se la basava co se la gaveva sposada.

TONIN Brava! Alora non la gera più morosa!

ORSOLA E inveçe adesso… Vàrdelo là… Co’l pol aver un fià da viçin quela povera tosa, el me la rovina meza a furia de sbasu-ciarla!

GAETANA La colpa xe tuta tua che ti ghe lassi tropa libertà.

ORSOLA Cossa sogio mi quando ch'el vien? … El me capita sempre al'improviso… Ti, che ti geri qua, no ti dovevi lassarli soli.

GAETANA Comandi? Se ti credi che mi staga qua a tegnirghe el mocolo … i ga vogia de basarse! …

1 BOERIO: “Atto o modo pien di mollezza e di affettazione, a cui si abbandonano certe donne per parere graziose e per piacere”… “smorfie” ecc.

2 Viso, naso schiacciato. Termine affettuoso con cui si rivolge a Bianchina e probabilmente collegato al significato di espressioni come la ga na bela schissa = ha un bel viso. La parola indicava anche la faccia del leone nello stemma della Repubblica.

TONIN E alora percossa xela subito corsa a ciamar so mama?

BIANCA Perché la xe una invidiosa; te lo digo mi el perché. Vedistu; la so cativeria contro mi la xe tuta rabia perché non la trova un can che la varda. Eco!

GAETANA Caspita! una gran fortuna ver trovà un strasson de impiegato al Monte, sezione pegni non preziosi! …

TONIN Sentìla ciò! … Cossa pretenderia ela? Un prinçipe del san-gue?

BIANCA Se ti ghe badi a quela stupida là…

GAETANA (slanciandosi sulla sorella) Te lo go dito. Da ti no vogio insolenze. Se no ti vedi sta man? … Te la sbato…

ORSOLA Oh! tornemo a scominçiar la solfa? …

TONIN (afferrando Gaetana per un braccio) La diga, signorina! Se la se azarda de tocarghe un deo ala sorella, mi no son miga come so papà e so mama che ghe le dà tute vinte! …

GAETANA (gridando) Agiuto, agiuto! … El me mete le man adosso!

ORSOLA (trattenendolo) Sior Tonin, cossa falo? …

GAETANA Ahi, Ahi … el m'ha scavessà un brazo! … Ohi! Ohi! … Che mal!!!

TONIN Ma che scavessà un brazo, se la go apena tocada.

GAETANA Varda mama, varda che nero el m'ha lassà.

ORSOLA Nero? … Dove xelo sto nero… Mi no vedo gnente.

GAETANA (forte a Tonin) Vilan!

TONIN (fremendo) A mi, vilan?

BIANCA Stà quieto Tonin; no badarghe.

GAETANA Si, vilan, vilan, vilan!!

ORSOLA (tappandole la bocca) Ma vustu tàser, diavolo descaenà?

SCENA QUARTA

DETTI e sior GASPARO

GASPARO (entrando disperato dal fondo) Musica! Orchestra completa, come el solito!

BIANCA El papà!

GASPARO Za savevo che la xe una bela porcarìa? Corpo … e po de una bisseta!

ORSOLA Vien, vien che ti te la godi!

GASPARO Me la godo un corno, co' rispeto dela parola… Voléu dirme cossa che gavé in te l'anema, natassi e po de cani? (vedendo Tonin) Oh el me scusa! no gaveva miga visto che el ghe gera anca elo.

TONIN El diga, el diga pur, sior Gaspare, za tanto, tra pochi mesi, sarò anca mi dela famegia…

GASPARO El gabia pazienza benedeto, ma cossa vorlo? Qua, co se mete la ciave sul buso dela seraura, se xe sicuri de sentirse cascar la casa in testa! … (guardando Gaetana) Ghe scometo za che sarà stada la signorina a farghene una dele sue…

ORSOLA Ghe voleva tanto a capirlo!

GASPARO Ma che novità ghe xe? Se pol saver cossa che ti gavevi da sigar cossì, come na spiritada? (a Gaetana)

ORSOLA Gnente, gnente. La se xe un poco tocada qua co sior Tonin.

GASPARO Anca co lu?

BIANCA E come! la ghe ga dà perfin del vilan!

GASPARO Bruta linguassa da cortelo!

TONIN Ma no, no, sior Gaspare, no’l staga farghe caso; adesso xe tuto finio. No xe vero, signorina? (Gaetana gli lancia un’occhia-ta di rabbia)

GASPARO (prendendola per un braccio) Intendémose, ciò picola. Se no ti la finissi de mandarme a tòrzio1 tuti quanti, prima te drizzo el çerveleto, e po te sgnaco in un convento; cussì deventarà mate le muneghe per guadagnarse el paradiso. E xe inutile che ti me fassi le smorfie con la boca. Te ghe sgnaco come xe vero Dio!

1 Prenderci in giro.

ORSOLA (spaventata) La fa le smorfie cola boca? … Oh Gesù! Adesso ghe ciapa le convulsion! (Gaetana tira un gran urlo, si agita tutta in un tremito convulso)

GASPARO Ben, e adesso? … (a Orsola) Tègnila su che la casca. (la mettono a sedere; non appena seduta Gaetana caccia un altro urlo)

ORSOLA Gaetana! … Gaetana! … Oh povareta mi! La me more. (al-tro urlo)

GASPARO Sior Tonin, el me fassa el piasser, el sera quela finestra che i la sente fin in Piazza San Marco.

TONIN Subito, subito. (corre e chiudendo la finestra fa cadere in calle il vaso di fiori che era sul davanzale)

MICIEL (dalla calle) Ahi! Ahi! bruti vigliachi, i me ga roto la testa! … Erce canagie, birbanti! … (Tonin rimane perplesso alla fine-stra)

BIANCA Dio! Xe cascà in cale el mio piter! (Gaetana trae un altro urlo)

MICIEL (dalla calle) Oh! Dio! Oh Dio la mia testa! …

GASPARO (dopo essersi affacciato alla finestra, a Tonin) El cora che ghe xe un omo ferio. (Tonin si precipita fuori)

BIANCA (disperata seguendo Tonin) Ah! Vergine Santa! … Vegno zo anca mi.

ORSOLA Ah Signor, Signor! … No ghe mancava che questa adesso! … (a Gasparo) E ti cossa fastu là? Dame qualcossa per farla rinvegnir.

GASPARO Cossa vustu che te daga? … Mi no savarìa…

ORSOLA Un fià de aqua, na giossa de aseo. Movite, movite.

GASPARO (cercando qua e là vede il suo bastone) Questo eh! ghe voria, ma su la crapa. Cussì. (e batte un forte colpo sul tavolino. Gaetana ha un sussulto)

ORSOLA La rinvien.

GASPARO No te lo go dito che ghe voleva la bacheta magica per farla rinvegnir.

SCENA QUINTA

DETTI e MICIEL

MICIEL (entra in scena Miciel, leggermente sorretto da Tonin e Bianca. In una mano tiene il cappello di paglia sfondato, con l’altra mano si comprime il fazzoletto su di una piccola ferita alla testa. Sul fazzoletto qualche macchiolina di sangue. Bianca tiene in mano la pianta di giacinti senza il vaso)

TONIN Ghe torno a domandar scusa, ma el creda che no go fato a posta!

MICIEL Ghe mancarave altro che el gavesse fato a posta! …

BIANCA El se senta, el senta qua; el se comoda.

GASPARO Ghe fa tanto mal?

MICIEL Ciò … el capirà … un piter da un secondo pian… Per fortuna che mi no vado ala moda, senza capelo in testa come i zoveni de ancuo … e che la magiostrina me ga salvà… (esaminandola) Povara magiostrina!1

TONIN Ti Bianca cori de là a tore un cain de aqua e un sugaman, presto. (Bianca corre via a destra)

ORSOLA Desgrazià de Dio! Xela una ferita mortal?! (Miciel fa le corna per scongiuro. Orsola a Gaetana) E ti stà su cola testa; no andarme zo de picolon.

TONIN No, no, no xe gnente. Apena un strisso.

GASPARO Manco mal.

MICIEL Epur me sento na gnoca … qua … (si tasta la testa) qua.

TONIN Sì … ma roba da gnente, ghe ripeto; con un fià de aqua e aseo se desgonfia subito.

BIANCA (rientrando) Eco l’aqua e el sugaman.

TONIN Dame, dame qua. (medica alla meglio Miciel)

1 Cappello rigido di paglia per uomo, paglietta.

ORSOLA (a Gaetana che si rizza sul busto) Ah ti verzi i oci finalmente!

GAETANA (sogguardando come istupidita il gruppo di Miciel, Tonin e Bianca) Cossa fasso? … Dove sogio? … Al’ospeal? …

GASPARO Dei mati ti dovaressi esser! Ma varda ciò per causa tua cossa che succede!

GAETANA Per causa mia?

GASPARO Sì. Per causa tua ghe xe mancà poco che no se copasse sto simpatico toso

MICIEL (mellifluo) Oh, grazie tante!

GAETANA Adesso cominçio a credar de esser sul serio a S. Clemente. Ma cossa ghe gogio fato mi, se pol saver?

ORSOLA No ti ghe ga fato gnente ti, xe vero. Ma come el solito xe stà la to lingua velenosa a far nassar sti tananai1.

MICIEL Ma … el me scusa, (a Tonin) no’l m’ha dito che el xe stà elo a far cascare el piter dala finestra?

ORSOLA Sì, ma per la confusion che ga fato sta desgraziada.

GAETANA Ah! Adesso cominçio a capir. Xe cascà zo el piter che la Bianchina gaveva messo sula finestra. (ridendo) El ghe xe andà in testa a sto sioreto!

MICIEL E la se la ride, ciò!

GASPARO Toco e po de asena! … Ti ga ancora el coragio de rìdar?

GAETANA E vustu che pianza perché xe andà in tochi un piter?

GASPARO Ma no ti pensi che sto galantuomo poteva restar seco sul colpo?

GAETANA E ghe xelo restà? No, dunque! (si alza)

ORSOLA Sentì creature che spropositi.

GAETANA Despareve pur vualtri, se cossì ve piase, ma dopo non andé a tòrzio2 a dir che so mi la sempia e la mata. (via a sinistra)

1 BOERIO: “Strepiti, confusioni; e dicesi di persone che parlino insieme confusamente e contendano”. Corrisponde all’italiano “badanai”, anch’esso però di uso dialettale (Toscana, Romagna).

2 In giro.

GASPARO A ti meneghina! (e a Orsola) E ti, te gavevi paura che la morisse… (a Miciel) Galo sentio che mus-ci?1

TONIN Eco fato. No ghe xe bisogno de infassarlo perché no se vede la bota. Toh Bianca, porta pur de là. (Bianca porta via la roba a destra)

MICIEL Megio cossì, se no figurémose la mama se ghe capitava a casa cola testa infassada! …

ORSOLA Ah! galo la mama?

MICIEL Senti che domanda! Vorla che i m’abia tolto ala Pietà?2

ORSOLA Ma no, cossa galo capìo? Voleva dir se el ga la mama in casa co elo.

MICIEL Sicuro, povera vecieta. La xe vedova, son fio unico; dunque el se figura. …

GASPARO Bravo, e lu, el me scusa, cossa falo? Dove xelo impiegà?

MICIEL Fasso el barbier, ma de fino. Mio paron, el se figura, xe presidente dei barbieri e paruchieri de Venezia.

GASPARO Ah! el xe ala Ville de Paris alora, dal cavalier Temitècoli.

MICIEL Proprio! el lo conosce?

GASPARO Oh! da picoli semo stai a scuola insieme dal maestro Boretola; dopo se ghemo perso de vista. Bravo, bravo!

TONIN El me scusa sior Gasparo se lo interrompo…

GASPARO El diga pur…

TONIN Me pararia, prima de stracarlo a discorar, che sarave el caso de darghe un deo de Marsala o de vin vecio. Sì, digo, dopo la paca che el ga da aver ciapà…

GASPARO Oh giusto, el ga razon! (correndo al buffet) El me scusa caro elo: co tuta sta barafùsola3, no ghe gaveva pensà.

ORSOLA Sì, si, daghe un goto de vin vecio che quelo lo mete in se-sto.

1 Tipacci.

2 Dove venivano allevati i bambini abbandonati:

3 Parapiglia, subbuglio, baraonda.

MICIEL Ma no i se staga a incomodar. Za tanto adeso la paura xe pasada.

GASPARO (con la bottiglia) Qua. El beva, el beva.

ORSOLA (col bicchiere in mano) Zo, zo daghelo pien.

MICIEL Basta, basta, grazie. (bevendo) Orpo! El xe de quelo che fa resussitar i morti.

GASPARO Lo go folà1 mi ne la vigna de Malamoco. Qua no ghe xe potaci.

MICIEL Eh! se sente!

TONIN Ben, mi bisogna che scampa creature, perché xe un toco che son fora de ufiçio. (chiamando) Bianca! Bianchina! Vien a acompagnarme fin sul porton.

BIANCA (entrando) Son qua Tonin.

ORSOLA El speta, el speta che lo acompagno anca mi. Za tanto go da darghe un scampon2 in cale.

TONIN La vegna, la vegna. (a sé) Samarco per forza!3 … (salutando) Sior Gaspare, a revédarse.

GASPARO Caro Tonin. Sani là.

TONIN (a Miciel) E a elo sior…

MICIEL Miciel…

TONIN Tante scuse per quelo che xe sucesso.

MICIEL Oh el se figura! Bota più, bota meno…

GASPARO. E bravo sior Miciel; simpaticon.

MICIEL (a Tonin) Ma un'altra volta el staga un fià più atento co'l sera la finestra. No tute le zuche xe dure come la mia.

TONIN Bravo! Me piase perché la tol co spirito. Deventaremo amiçi.

MICIEL Amiconi; co no el vol altro… (e gli dà la mano)

1 Pigiato, ovviamente si riferisce all’uva.

2 Visitina, puntatine, scappatine.

3 BOERIO: “Locuzione volgare che usasi per indicare costringimento, necessità inevitabile di checché sia”. Quindi: lo sapevo, era inevitabile.

ORSOLA Nualtre tornemo subito. (via dal fondo Orsola, Bianca e Tonin)

SCENA SESTA

GASPARO e MICIEL

GASPARO (andando alla scrivania) Oh e adesso, caro sior Miciel, el se senta che femo i conti fra nualtri.

MICIEL I conti? Stà a védar anca che go da darghe el resto indrìo.

GASPARO Bravo. Al contrario; semo nualtri che gavemo un debito co lu.

MICIEL (risentito) Schèrzelo? No vogio miga far una speculazion su una disgrazia!

GASPARO Mi no digo questo. Ma almeno la rifusion dei dani…

MICIEL Che dani?

GASPARO Ciò, la magiostrina! Nol vede in che stato che la xe ridota?

MICIEL Gran capo! Gera ben l’ora che la andasse in tochi! Xe la terza stagion che la me fa. La mama me dixeva sempre: còmprate un capelo novo Miciel; questo xe ormai zo de moda e ti fa rìdar la zente. Eco vegnuda cossì l'ocasion per contentarla.

GASPARO E contentémola insieme.

MICIEL El varda che me ofendo salo! … (alzandosi) Lu el me ga dà un goto del so vin e semo pata. Tuta al più vegnarò a bévarghene un altro dopo, co pasarò da ste parte. Va ben Sior Pantalin?

GASPARO Ah! el me conosse! …

MICIEL Eh! sfido mi! chi vorlo che no conossa a Venezia sior Gasparo Pantalin che ghe fornisse la verdura a mezo Rialto? El suo eh, xe un mestier orbo, altro che el nostro. Carantani1 a palae, vero sior Gasparo?

1 Vecchia moneta austriaca, corrisponde a schei, soldi.

GASPARO Ani magri, benedeto, ani magri. Prima dela guera1, no digo, a furia de strùssie2 se ghe n’ha fato, … ma adesso un fià ala volta a furia de tasse el Governo ne li tol!

MICIEL Sììì!, proprio! … I dise tuti cussì lori! e intanto i s’ha fato la ponga. Che el Signor ghe la conserva, salo! Per el mal che ghe vogio…

SCENA SETTIMA

DETTI, ORSOLA, BIANCA poi GAETANA e PINA

ORSOLA (entrando con Bianca) Malegnasso! Un fià de strucadina el ghe l’ha volesta dar.

GASPARO Anca in presenza tua?

ORSOLA E chi xe che lo tien, quel satiro!

MICIEL Xelo el promeso dela signorina?

ORSOLA Sì.

MICIEL E alora che mal ghe xe? (fracasso di piatti rotti in cucina)

GASPARO Cossa diavolo nasce de là?

GAETANA (d. d.) Da ti no, servassa sporca!… Da ti no! (inseguen-do Pina in scena). A mi isterica? … (la raggiunge e la scapac-ciona) Toh! ciapa. Te impararà un’altra volta a mancarme de rispeto!

PINA (cercando di difendersi) Bote no! bote no! Le man a casa, gala capìo!?

GASPARO (che è corso a dividerle) Ah bruta bardassa3! … Anca cola serva adeso la se taca?

GAETANA La m’ha dà de l’isterica, la m’ha dà!

1 Si tratta della guerra del 1915-18. La commedia è stata rappresentata per la prima volta il 22 marzo 1926 al Teatro Malibran di Venezia dalla Compagnia di Gianfranco Giachetti.

2 Fatiche e stenti.

3 Ragazzaccio, giovane di poco giudizio (da una parola araba che significa giovane schiavo).

PINA Sfido mi! … La me ga tirà un piato su la schena! … Oh ma mi no son miga lori! Ela, la me n'ha scaraventà uno e mi, sie!

MICIEL (a sé) Benon cussì va fato.

ORSOLA Povera la mia roba! E Pantalon paga!

GASPARO E Pantalin paga! … (a Pina) Ti, va in cusina e porta rispeto.

PINA Basta che i me lo porta a mi per altro. Se no, bota e risposta.

MICIEL (a sé) Brava.

GASPARO Te lo go dito de andar fora dei pie. Gastu capìo si o no?

PINA Oh! ghe togo subito l'incomodo! Vorlo védar come che se fa? (si toglie il grembiule) A elo. E no ghe domando gnanca i oto zorni de dirito.

GASPARO (Se perdo la testa mi, no la perde nessun!) Te go dito de andar in cusina e no via de casa!

PINA Se el crede che ghe tegna a restar… Za tanto no la dura. In malorsega! Adeso la tira drio anca i piati!

BIANCA Vien; vien de là, Pina, co mi: te agiutarò mi a destrigar.

GAETANA (svenevole) Oh! Dio! Quanto te-ne-rume! (e fa per seguirla)

ORSOLA (trattenendola) Dove vustu andar? Ti fermite, perché, se ti va de là, ve torné a ciapar per i cavei.

MICIEL (a sé osservando Gaetana) E pur la xe una gran bela creatura!

GASPARO No se ghe ne pol proprio più! Xe vintiçinque ani che ti ne fa far sta vita.

GAETANA Vintiçinque? …

ORSOLA Siora sì; dal zorno che ti xe nata, che ti ga subito cominçià a barufar con la nena!1 Tre, gavemo dovesto cambiarghene in un ano.

GASPARO No ga da vegnér no qualchedun a portarte via! … Sastu che cucagna? Mi ghe darìa la casa varda! … Ma cossa digo, la casa? El magazen de Rialto … la vigna de Malamoco; … anca al copacani te ghe darave, pur el te portasse via subito. …

1 Balia.

MICIEL (a sé) Anca al copacani? … Forza Miciel! … Fate soto! …

GAETANA I xe i altri che me fa invelenar.

ORSOLA Ti xe ti, no i altri!

MICIEL (a sé) Coragio Miciel! (a Gasparo) El scusa sior Gasparo se ghe meto anca mi la mia pesseta1.

GASPARO El diga; el diga. El ghe n'ha quasi dirito, co çerte scene che ghe toca védar. …

MICIEL Lu ga dito che el ghe darave so fia anca al copacani? Un modo de dir, se capisse…

GASPARO Un modo de far. El prova a trovarmene uno che la toga e lo invito a merenda.

MICIEL Ma alora se fa presto a combinarla. Me la togo mi, e bona note ai pensieri.

GASPARO El scherza, vero?

MICIEL No, no! digo sul serio. Bastarave che lori fusse contenti. Mi me la sposo anca doman.

ORSOLA Andemo, no'l capisse che el ga dito cussì perché el gera fora dela grazia de Dio?

MICIEL Oh! del resto no la me pareva una cossa tanto difiçile, perché, se no fusse perché son un desperà, ute serio e galantomo posso darme a tagio2. I ghe domanda al cavalier Temitècoli chi che xe el so Miciel.

GASPARO Ciò … desperà … desperà … questo sarave el manco! … Co ghe gavessimo messo su un ben salon co tanto de parole d'oro: FRISEUR E COIFFEUR3 …

MICIEL Orpo! Xe sempre stà el mio sogno de deventar paron de botega! (a sé) Questa xe la volta! …

1 BOERIO: “Mettere la lingua o il becco in molle (= vino), si dice di chi entra a ragionar di cose che nulla gli appartengono.” Quindi: Se intervengo anch’io, se parlo ma non dovrei.

2 Come serio e galantuomo posso garantirmi. BOERIO: “Ute è propriamente la voce latina ut, che è rimasta nell’uso del dialetto e vale come”. DURANTE: “Te lo dago a tajo (o tagio): riferito a persona significa te lo garantisco, lo vedrai alla prova”.

3 Friseur e coiffeur: barbiere, rispettivamente in tedesco e in francese.

GAETANA (che fino a questa battuta non ha fatto che fremere) Ben cari, diseme: ma, in sta rassa de contrato, mi no go da entrarghe per gnente?

MICIEL Ela staga bona che contenti nualtri, contenti tuti. El resto vegnerà, dopo.

GAETANA Ah si, mi a lu, védelo, no ghe digo gnente, perché quela so aria da macaco xe za na giustificazion. Parlo co lori che ga la pretesa de verme messa al mondo. Cossa sogio diventada mi? Un saco de nose sbuse che se vende a strassamarcà?1

ORSOLA Mo se capisse. Se no’l te piase…

MICIEL Chi, mi? Altro che piàserghe! no la vede che la xe za cota, stracota e biscotada?

GAETANA (scattando) El la finissa, salo, el la finissa o lo trato mal anca elo.

MICIEL Ma no, via, no la se scalda se gavemo da diventar marìo e muger. Fra un per de zorni mi acompagno qua la mama a far la so brava domanda e l'afar xe fato.

GAETANA Sìì, el stà fresco?

GASPARO A pian, a pian! Fassemo un passo ala volta perché se mai, prima, vogio parlar col paron de botega. E po, semo giusti, bisogna che anca la Gaetana sia contenta.

GAETANA Mi contenta par quel pampe? Ma dove vastu cola testa, papà?

MICIEL No'l ghe bada sior Gasparo. La signorina dixe cossì par rìdar. No'l vede che la more dala vogia de sposarme? El la varda ben nei oci.

GAETANA Mato! Mato da ligar!

MICIEL Sì Gaetana, son mato xe vero; ma mato d'amor per ela … perché - vorla che ghe la diga? - no passava minga per caso soto dela finestra!…

GASPARO e ORSOLA Noooooooo!!!

1 Vendere in offerta, sotto costo.

MICIEL No dasseno! Xe un mese, che ne le me ore de libertà, spassizo la cale col naso per aria: dal dì dela Sensa, che la go vista in ciesa in Santa Maria Formosa, co so mama e so sorela. Ghe son vegnuo drio, me son informà dal biavarol, qua de fassa … chi la gera, se la gaveva el moroso… Ma co go savesto che la gera fia del sior Gasparo Pantalin, paron de vigne e de case, me xe mancà el coragio… Benedeto quel piter dela Providenza che me ga fato vegner su dale scale! … (e le prende le mani) Care ste manine de sucaro…

GAETANA (furente) El me lassa star! Chi ghe ga dito de torse ste confidenze! El vada via, el vada via subito o ghe tiro qualcossa sula testa!

MICIEL Vado, vado Gaetana, no vogio che ti te agiti tesoro mio, ma fra un per de zorni saremo promessi e fra tre mesi te zuro che te sposo. Parola de Miciel! Bona sera a tuti. Bondì papà! (via dal fondo)

GAETANA Bruto mascalzon! … Anca del ti… (vorrebbe inveire ancora, ma, presa da una crisi di rabbia, si accascia su di una sedia. Gasparo e Orsola rimangono come istupiditi).

BIANCA (rifacendo i versi di Miciel) Gaetana! Tesoro mio! … Care ste manine de sucaro! No ti dirà più adeso che xe colpa del nome!!! … (Gaetana le scaraventa dietro il primo cuscino che le capita sotto mano).

S I P A R I O

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

LA SCENA: Salotto in casa di Michele ammobiliato senza lusso, ma con qualche proprietà. Due usci a destra, due a sinistra. Finestra al fondo che dà sul rio. Sera.

SCENA PRIMA

ROSA indi PINA

ROSA (vecchietta modestamente vestita, è alla finestra; sta parlando con una donna affacciata di contro, oltre il rio) Eh sì benedeta, come dote la porta una bona dote, ma el mio Miciel xe sempre stà un bravo toso e el vorà mantegnersela co le so astussie. La scusa sala, siora Beta, se sero, ma go da far i … i confeti? … la staga pur sicura; domatina ghe i mando. Bona sera siora Beta. (chiude, rientra) Curiosone… No ghe par vero de ficar el naso nei fati dei altri… (terminando di apparecchiare la tavola) Miciel me ga racomandà de preparar per le oto; ma xe megio avantagiarse. No voria che la trovasse da dir fin dal primo giorno … (lunga scampanellata) Orpo che i sia za lori? Me par impossibile (tira la maniglia che sta presso l’uscio sinistro di fondo, all’uscio) Chi xe?

PINA (d. d) Siora Rosa, son mi.

ROSA Ciò, la Pina? Avanti, avanti. Che bon vento?

PINA (entra portando una gran valigia) Mama mia! No go più fià creature!

ROSA Cossa gastu in sto po po de valisa?

PINA Poveri i mii brassi! No ghe mancava altro che i mi rifilasse anche sto armaron (deponendo la valigia). Eco, cussì stassera i sfadiga manco lori. La stassion xe a do passi.

ROSA Ma de chi xela?

PINA Ciò, per la signorina Gaetana, per el viaggio de nozze.

ROSA (rimettendosi ad apparecchiare la tavola) Ah za … me desmentegavo … per el viagio de nozze, ti ga rason. E te ga tocà portarla da casa fin qua?

PINA Sììì … perché li mandasse a farse benedir dal piovan de Castelo! … Go tolto el vaporeto. Ma la capirà. Da San Zanipòlo1 a la Ca’ d’Oro, no i xe do passi.

ROSA E lori dove xeli restai?

PINA I vien adesso in gondola. Anca el compare de sior Miciel e quelo de sior Tonin. No pol far che i capita.

ROSA Qua da mi?

PINA Sicome i deve acompagnar quel’altri sposi ala stassion, cussì i passa de qua per conoscerla ela … e bevarghene un altro goto. (sedendo) La scusa sala, siora Rosa se me sento, ma no go più gambe.

ROSA Benedeta, e ti me lo domandi? Destràchite, destràchite pur.

PINA La se figura se no go strussià2 ancuo! Cossa mai se gali pensà de farme do sposalizi in t'un zorno?

ROSA Sior Gasparo gà volesto far gropo e macia3 …

PINA Sìì … se fusse stà in elo el le gavaria sposae una ala volta… La lo sa megio de mi, siora Rosa, che xe stada la signorina Gaetana a metarse de puntiglio: Cossa? Mia sorela più zovane ga da sposarse prima de mi? Ma gnanca per insogno, piutosto a monte tuto! E cossa no gali fato per convinserla co le bone? Ti capirà Gaetana: la Bianca xe do ani che la xe promessa, e ti apena da tre mesi, el tuo coredo no xe gnancora pronto… No ghe xe stà santi: tre sartore la s'ha tolto in casa a lavorar note e zorno, ma la s'ha volesto sposar come so sorela. Ma ela, siora Rosa, percossa no xela vegnuda a nozze?

ROSA Cossa vostu creatura, a ti posso dirtelo, no go temperamento de metarme in fustibus4, e so che ela ghe tien.

PINA Altro se la ghe tien! No la sa che stamatina no la voleva andar al Muniçipio perché Sior Miciel no'l gera in baracola1 come sior Tonin e come i compari?

1 Nome con cui veniva chiamata volgarmente la chiesa dei SS. Giovanni e Paolo, dedicata a due martiri romani del III secolo. La chiesa più imponente di Venezia con quella dei Frari.

2 Lavorato molto.

3 BOERIO: “Far gropo e macia (che debb’esser in origine stato detto far gropo e magia): battere o fare due chiodi a un caldo”, cioè prendere due piccioni con una fava.

4 Il senso di questa espressione è chiaro (modo scherzoso, facendo uso del latino – fustis significa bastone -, per indicare l’irrigidimento che provoca l’uso di un abito da cerimonia).

ROSA Dasseno? … E alora?

PINA E alora la xe andada a finir che sior Miciel la ga ciapada in t'un brazà e zo a roto de colo per le scale. E i compari adrio co le baracole al vento.

ROSA Benon!

PINA Sìì, ma se la gavesse visto che muso che la ga impiantà. A tola no la ga çercà grazia de Dio.

ROSA Ciò, povera fia, da una parte la me fa anca pecà…

PINA Ma da una parte sola! … E mi a dirghela s-cieta, gnanca da quela! … perché non la merita gnente. Un fià solo la m'à fato danar da quando che son a servizio da lori! … Oh! se no la ciapava la porta ela, la ciapava mi de sicuro! E ela, siora Rosa, no ghe fa speçie de torsela in casa?

ROSA Ciò … se fusse sola … ; ma co sior Miciel son pacifica. El me vol tropo ben per lassar che i me manca de rispeto…

PINA Ah! de questo son più che sicura. El ga da essar un omo co tanto de braghesse, sior Miciel, e no ghe sarà pericolo ch’el se lassa metar i pie sul colo dala siora Gaetana. Xela drio a prepararghe da çena?

ROSA Si. Perché el m'à dito ch'el vol andar via co el stomago pien; credo che i parta ale undese.

PINA Anca par questo la signorina Gaetana…

ROSA Adesso ti podaressi ciamarla anca Signora…

PINA No xe miga vero. Fin a domatina la xe signorina.

ROSA Ti ga rason. Mostricia2, come ti xe precisa.

PINA Sempre mi. Dunque stava per dirghe che anca per via de la partenza la ga fato una cagnara… No la voleva che la so sorela la partisse prima de ela! … Cossa ghe impodevala st’altra se el direto de Milan parte tre ore prima de quelo de Bologna? Siora sì, la se contentava magari de desmontar a Mestre e aspetar st'altro treno, soto la tetogia, ma da Venezia la voleva partir in quando so sorela! Co ghe digo… (un fischio dal sipario)

1 Indica l’abito maschile da cerimonia con la giacca a due falde posteriori (coda di rondine) che possono muoversi al vento (vedi sotto baracole al vento). Probabilmente c’è un riferimento a baracole (BOERIO): “Dicevasi ne’ tempi Veneti per ischerzo a que’ Bendoni o Strisce, che pendevano dalla Cravatta o Collare di un Interveniente del Foro vestito dell’abito pubblico di costume”. Baracola però era anche (BOERIO) il nome attribuito alla piccola razza dai pescivendoli (vedi anche GDLI II p. 49)

2 DURANTE: “Letteralmente mostricciatolo, non ha però senso spregiativo, ma affettuoso, come a dire birbantello”.

ROSA Oh i xe za qua!

SCENA SECONDA

DETTI, MICIEL, GAETANA, TONIN, BIANCA, GASPARO, cav. TEMITECOLI, el N. H. VENDRAMIN

MICIEL ( d. d.) Mama.

ROSA Vegno vissare! (tira la maniglia, esce sulle scale)

PINA (a sé) Adesso la sarà bona de ciaparsela co mi… Oh! ma mi la mando! … (entrano nell’ordine, Miciel, Gaetana, Gasparo, cav. Temetècoli, N. H. Vendramin, Bianca e Tonin. Tonin in abito grigio da viaggio; le due spose in cappello, guanti, paletot; il cav. Temetècoli con baffetti e capelli grigi arricciati e ben impomatati è in redingote1 nera con grossa catena d’oro a ciondoli al gilet; gli fa contrasti il N. H. Vendramin ossuto, verdastro, in occhiali, bonjour2 di vecchio taglio, colletto alto con cravatta a plastron3.)

MICIEL (abbracciando la mamma) Bondì vecieta mia! Qua, che la struca.

GASPARO Siora Rosa Benedeta! … la me ga fato la manca ancuo. Una bela vergogna!

ROSA Cossa vorlo, sior Gasparo… Miciel ghe gavarà dito…

GASPARO (a Temitécoli e Vendramin) Avanti senza complimenti, in casa de mio zenero no se ghe ne usa.

1 Abito da uomo con giacca lunga fino al ginocchio e falde aperte nella parte posteriore, in uso in Europa fino al primo Novecento.

2 Nei dizionari non ho rintracciato nessun riferimento per questo termine all’abbigliamento, neppure in un dizionario in francese (Le petit Robert p. 240). Tuttavia, anche in questo caso il significato sembra chiaro: dovrebbe trattarsi di un vestito da indossare al mattino.

3 Sempre nel primo Novecento, era un’ampia cravatta con nodo cucito che copriva tutto lo sparato.

ROSA El se figura…

BIANCA (con espansione) Oh siora, siora cara! …

ROSA Bondì picola… Che el Signor te benedissa.

MICIEL (a Gaetana che è rimasta fredda, ostile) Ciò, e ti no te ghe dà un baso ala mama?

ROSA (tendendole le braccia) Gaetana, vissare…

GAETANA Bona sera. (e si lascia abbracciare a malincuore. Rosa piange) Parcossa pianzela? Sogio forse una desgrazia che ghe capita in casa.

PINA (a sé) Senti che roba! …

GASPARO Cossa distu gnoca?1 La signora pianze de consolasion per riçeverte come fia.

ROSA Eco … eco … mi no domando altra grazia al çielo de volerse ben e de andar sempre d'accordo.

MICIEL Ma sì, vecieta mia. La vedarà che d'acordo che l'andarà qua cola mia Gaetanina. (a Gaetana sottovoce) Ciò, volta quel muso sa. (a Temitècoli) El vegna avanti cavalier. Mama te presento el cavalier Temitècoli, Presidente de la nostra società e mio bon paron de botega.

TEMITECOLI (stringendo la mano a Rosa) Fin a geri, caron fin a geri. E adesso ti me scavalchi … e xe giusto! Mi lo go sempre proclamà: Largo ai zovani! Speranze de l'avenire; … lustro e decoro della patria di domani … forze novelle che sboccano nell’alveo del progresso dell’Italiche industrie!

PINA (a mezza voce) L'industria del contrapelo! …

MICIEL (a Tonin) El discorso ch’el ga fato domenega al’inaugurasion dela bandiera? (scorge Pina) Ciò qua ti xe? E la valisa?

PINA (indicandola) Ecola, no’l la vede?

MICIEL Tola suso e portela de là in camera nostra. (indica il primo uscio di destra. Pina esegue)

ROSA (al cav. Temitècoli) Mi no so come ringraziarlo cavalier. El ga volesto disturbarse…

1 Temine che indica persona un po’ sciocca, maldestra, ma qui è usato in tono affettuoso.

TEMITECOLI Disturbarme? Brava. Piacere e dovere!

GASPARO Dover po…

TEMITECOLI Sicuro. Co se xe messi in vista … co se ocupa dele cariche publiche … co questo de ancuo go fato da testimonio a 49 sposalizi; inoltre go tegnudo trentaoto creseme e 66 batisi; cossì posso dir che a Venezia, tra vivi e morti, mi go più de 300 compari.

GASPARO Ostrega… El gavarà un registro! …

TEMITECOLI No ghe xe bisogno. Ogni amigo che incontro lo ciamo compare, lo conduso a bevar l'ombra e son sicuro de non far cativa figura.

TONIN E questo siora Rosa, se la permette, el xe uno dei mii testimoni. El nobilomo Vendramin, primo banditor del Monte1…

ROSA Oh nobilomo!

VENDRAMIN (afono, stringendole la mano) La lassa star el titolo benedeta. La nobiltà ga fato le scale del Monte co mi…

TEMITECOLI E cossa vol dir? Monte o no Monte, elo rappresenta sempre la nostra gloriosa stirpe veneziana; … stirpe di dogi che ga sterminà i Turchi in levante, a Candia, a Cipro…

MICIEL Ghe piàselo el Cipro, cavalier?

TEMITECOLI Megio se el xe stravecio.

MICIEL E alora el sentirà. (va al buffet, prende la bottiglia e i bicchierini, mesce ed offre)

ROSA (a Gaspare) E siora Orsola?

GASPARO La xe restada a casa benedetta. La pensa che stamatina la gera in gamba ale quattro…

ROSA La ga fato anca ela la so lagrimeta, me imagino…

GASPARO No vorla? Aver do fie e pèrdarle in un sol colpo…

ROSA Manco mal che la Bianchina ghe resta in casa…

GASPARO Sì; ma mia muger dixe che co le tose le xe maridàe, le xe sempre perse…

1 Si tratta del Monte di Pietà che, anche al tempo della prima rappresentazione della commedia, aveva sede a San Cassiano, nel palazzo Corner della Regina (cosi denominato da Caterina Cornaro, regina di Cipro, che lì era nata).

TEMITECOLI (levando il bicchierino che Miciel gli ha porto) Alora ala salute dei sposi!

TONIN El ne fassa un brindisi cavalier. El ne fassa un brindisi in poesia.

TUTTI Sì; sì…

TEMITECOLI Ma … eco … veramente non sono troppo avezzo a versigliare1…

TUTTI: Andemo … andemo … el ne contenta!

TEMITECOLI Eben … alora … però … sì … ne go preparà uno per l’ocasion. (estrae dalla tasca un foglio, lo apre e declama)

A tanta felicitate, nube non fia mai vel…

E il calice sollevo a Gaetana e Miciel.

Indi con man impavida

Protendo il bicchierin

E bevo alla salute

Di Bianchina e Tonin. Indi, poscia, di poi,

E con estatica posa,

Brindo a sior Gaspare e siora Rosa.

TUTTI Evviva! (Tonin e Bianchina intrecciano il braccio destro e bevono, poi si baciano sulla bocca)

GASPARO Vardéli! … vardéli … anca qua i se sbasucia…

TONIN Eh … no semo marìo e muger?

GASPARO Ma no podé frenarve una s-cianta. No gavé tempo dopo in treno?

TONIN Sior no; no se pol miga in treno. Se i ne cata, i ne mete in contravension.

BIANCA (piccata) Ciò; gastu provà.

TONIN No, cocola; lo go leto sul Gazetin; te par che mi podesse farte dei torti?

BIANCA Ah volevo ben dir…

ROSA (a Gasparo) Se vorli gnanca ben…

GASPARO Do colombi. Ma anca i so sposi sala.

1 Verseggiare.

PINA (dal primo uscio di destra) Ah, paronçina, che maravegia! No la gaveva miga gnancora vista la so camera. Dio che beleza! Cossa che pagaria paronçina, de esser ela…

MICIEL Ciò … se podemo … senza complimenti.

GAETANA (seccata) Sempio!

MICIEL Xestu gelosa, Gaetanina? Va là, mòlighe!

TONIN (correndo con Bianca all’uscio donde è uscita Pina) Che vedemo, che vedemo! …

BIANCA Uh! che splendor de coltrine.

TONIN E che bel leto! … Squasi squasi me fermaria qua, varda…

MICIEL Anca vualtri? … Gnanca el fusse un tranvai!

TEMITECOLI Benedeta zoventù, la ga 1'arzento vivo.

VENDRAMIN Me ricordo che anca mi, ai mii tempi…

ROSA Xelo sposà, nobilomo? …

VENDRAMIN Vedovo…

ROSA (addolorata) Oh povareto…

VENDRAMIN … De tre.

ROSA Cossa?

VENDRAMIN Son stà disgrazià.

TEMITECOLI El ga avudo del coragio! Auguri per la quarta.

VENDRAMIN No fasso più tempo cavalier. Tropo vecio ormai.

TEMITECOLI El se ne toga una de la so età.

VENDRAMIN No xe posibile. Ghe xe un antico proverbio che dixe che i sposi no ga mai da aver più de setant’ani (a Rosa)

ROSA Ma lu no ga miga setant’ani?

VENDRAMIN Setant'ani in do, capiscela. Dunque la se figura che a mi me voria una mugereta de çinque o sie ani. La varda ela se xe posi-bile!

GONDOLIERE (dal rio) Sior Gasparo!

GASPARO Orpo, xe ora de andar, se no i perde el treno.

TONIN Andemo, andemo…

BIANCA Ciao Gaetana. (l’abbraccia) Bondì Miciel… (a Gaetana) Varda che ghe dago un baso a to marìo. (abbraccia Miciel)

GAETANA Mi, el tuo no lo baso sicuro.

TONIN Pazienza! Me refarò co to sorela.

VENDRAMIN Andemo, per la prima.

BIANCA Siora Rosa, patrona.

ROSA Fé bon viagio creature; voleve ben.

TONIN La se figura. El mio sfrogno1 qua.

GASPARO (a Gaetana) A to pare no te ghe dà un baso vero? Se no altro per tuto el denaro che ti m'ha fato spendar. (l’abbraccia)

VENDRAMIN Andemo per la seconda! …

GASPARO Anca ti Miciel… (l’abbraccia)

TONIN (a Miciel) Varda che co torno vegno a farme la barba da ti, ma gratis et amore Dei, intendemose.

MICIEL Ma se capisse … ciò intanto el primo aventor xe trovà.

GASPARO Vedaré che razza de salon che go messo su qua a mio zenaro! … Come el fò2!

VENDRAMIN (già sull’uscio) Andemo per la terza!

GASPARO Eh, semo qua, in malorsega! N'alo tolto per un fagoto de strasse che va all'asta. (convenevoli voci; escono tutti tranne Rosa, Miciel, Pina e Gaetana)

SCENA TERZA

ROSA, MICIEL, GAETANA e PINA

MICIEL (fregandosi le mani) Ben; e alora magnemo sto bocon, ah mama? (a Gaetana) no ti va a cavarte el paltò e el capelo?

1 Ciabatta, ma sicuramente si tratta di un appellativo affettuoso rivolto a Bianca, tipo la mia ciabattina qui o qualcosa di simile

2 È il francese comme il faut = come si deve, benissimo.

PINA Ghe ocore gnente paronçina?

MICIEL (a Gaetana) Vustu che la vegna de là a agiutarte?

GAETANA No, no, no go bisogno.

MICIEL Alora ti pol andar, Pina. Mi te tegnaria anca qua co nualtri…

GAETANA (a sé) No ghe mancava altro; a çena cola serva!

MICIEL … Ma so che a casa i te speta…

PINA No, no; vado, sior Miciel, grazie, el fassa buon viagio.

MICIEL Grazie, Pina.

PINA E anca ela, paronçina, ghe auguro che la sia feliçe. (Gaetana non risponde)

MICIEL No ti rispondi!?

GAETANA Go capìo, go capìo. (ed entra in camera, primo uscio a destra)

PINA (a sé) Erce! … (a Rosa) Serva sua, siora Rosa.

ROSA Bona note, Pina. Saludime siora Orsola.

PINA Sarà fato. Bona note sior Miciel. (esce per la comune)

MICIEL Bondì sbiro.

SCENA QUARTA

MICIEL e ROSA

ROSA Alora vado a tor la minestra.

MICIEL Gala preparà tuto come che ghe go dito?

ROSA Si caro. Ma dirsela fra nu, mi go na paura…

MICIEL Ela no la se toga pensier. Semo intesi eh? Anca se la gavarà cative maniere, no la ghe bada. Penso mi a metarla a posto.

ROSA Ma percossa farme rovinar tuta quela grazia de Dio?

MICIEL Per usarla1 subito; cussì no ghe sarà più ràdeghi1 dopo. No vogio miga far come i sui, che co no ghe piaseva una roba, per no farla sigar, i mandava tor la porzion al'osteria! Mi no sala! La ga da magnar quelo che ghe xe, e anca se no xe fato pulito.

1 1 Addestrarla, abituarla.

ROSA Ma! Pénseghe ti…

MICIEL La cora, che la xe qua. (Rosa esce)

SCENA QUINTA

MICIEL e GAETANA

GAETANA Cossa xe sto odor da brusà?

MICIEL Dove? Mi no sento… Ah sarà dal fritolin qua da basso. Vien qua, vien qua, Gaetana. Ti gavarà fame, povera picola. Ancuo no ti ga magnà gnente…

GAETANA E cossa gaveva da magnar? Co tuta la grinta2 che m'àvé fato ingiotir.

MICIEL Ma parcossa?

GAETANA Sì … caschemo dale nuvole adesso! … Ti ga volesto spuntarla de vegner a maridarte co quela giacheta de meza vigogna, come un arsenaloto3 qualunque… Bela figura… Mi, te pol star securo che no me farò védar in piazza per almanco sie mesi! …

MICIEL E mi no me sarave fato védar per dodese, se me gavesse tocà metarme le baracole4. Dunque ti vedi, che dei do mali, mi go scelto el più picolo…

GAETANA E quela maniera de portarme in brasso fin sula riva…

MICIEL Co te se gera incantae le gambe povara picola! … (cambia) Ma va là Tina mia, no starte rosegar per sti complessi… Varda, ti diventi parfin bruta co te fa i caprissi! …

1 Contrasti, litigi, controversie.

2 Rabbia.

3 Operaio dell’Arsenale. L’Arsenale di Venezia fu per secoli la maggior industria europea. Era ancora attivo al tempo della prima della commedia.

4 In un dattiloscritto più recente è corretto con tait, cioè tight, la cui descrizione, come troviamo, ad esempio, nel Vocabolario della Lingua Italiana edito dall’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, ben si attaglia ad alcune situazioni della nostra commedia: “Abito maschile per cerimonia da giorno, costituito da una giacca nera o grigia a falde lunghe e strette, profilate in curva, calzoni a righe grigie e nere, panciotto grigio, cui di solito si accompagna la cravatta a plastron”.

GAETANA (fra il dispettoso e il bambinesco) Megio.

MICIEL (affettuoso) E sì, digo, come museto no ghe sarave gnanca mal. Séntite qua, varda, viçin al to Miciel: questo sarà sempre el to posto. Mi qua, ti là e la mama là de fassa. Ti vedarà come che ti sarà contenta qua, nela nostra caseta.

GAETANA (fa un gesto dubbioso con il capo) Sìi, ma intanto mia sorela a sta ora, la sarà anca partia.

MICIEL Cossa vol dir?

GAETANA Se ala stassion ghe xe qualchedun de nostra conoscenza…

MICIEL Chi vustu che ghe sia co sto caligo? gnanca i gansèri!1

SCENA SESTA

DETTI e ROSA

ROSA (entrando con la zuppiera della minestra) Eco la minestra.

MICIEL Oh brava mama. (mescendo) La me sposeta vogio servirmela proprio mi. (porgendole la scodella) Eco cara. Questa par ti e questa par la mama.

ROSA Poca, poca: ti sa che mi magno come un canarin.

MICIEL Bon apetito; e alegra Gaetana. (Gaetana assaggia la minestra e depone subito il cucchiaio)

ROSA Ma securo! alegra vissare! Magna, bevi, e manda a patrasso tuti i nervi de sto mondo.

MICIEL Cossa gastu, Gaetana. Scòtela? … Tìrela zo sul piato.

GAETANA Cossa vustu che tira zo, se la xe salada che la insende!

MICIEL Ti schersi, mi la me par anca dessavia…

GAETANA Ah? Dessavia, ti ga el coragío de dirghe? …

MICIEL Almanco cossì me par. A ela mama, ghe pàrela salada?

ROSA A dirte la verità, Miciel, mi son rafredada e no sento gnente.

1 BOERIO: “Ganzer, chiamasi da noi quell’uomo il quale con un bastone armato d’uncino appressa le gondole alla riva in que’ traghetti che mancano di pontili”.

GAETANA Ma el palato no el sarà miga rafredà, mi digo…

MICIEL Magna Gaetana; no cominçiar a tarocar, perché còghi in casa mia no ghe ne xe. Bisogna magnar quelo che pol far la mama e contentarse.

GAETANA Ma mi no son bona de cassar zo sta salamora1.

MICIEL E ti làssala là. Mama, le brisiole xele pronte?

ROSA Vado a torle, le xe su la graèla. (via)

MICIEL Ti magnarà una brisioleta de vedelo; quela te tien suso e po dopo un pocheto de formagio e un bel pero spinacarpo2.

GAETANA Sì, perché mi go fame. Capissistu?

ROSA (Entra con le bistecche bruciate) Eco le brisiole.

GAETANA Man dela Madona! … Xela orba o no ghe védela? Questi xe do tochi de carbon, no do brisiole!

MICIEL Le gavarà ciapà un fià tropo el rosso, ma no badarghe. Toh ciapa la rodela, màgnela ti.

GAETANA La rodela … de mia santola! che la xe tuta incandia…

ROSA La sarà una s-cianta massa cota, mi no digo…

GAETANA Massa cota la ghe dixe… Se la fa da magnar in te sta maniera ghe sarà proprio da star alegri! …

MICIEL Ciò, la fa quelo che la pol, povera vecia! Xe per questo che go tolto muger!

GAETANA Za; se ti credi che me sia maridà per meterme a far la coga, ti sta fresco…

MICIEL Fresco o caldo, de questo ghe ne parlaremo dopo. La toga mama, la magna.

ROSA Ciò … no la ga miga tuti i torti; cossì, a védarle, le par brusae… (e poiché Miciel la guarda con intenzione, cambia tono) Oh! ma le xe bone istesso, basta averghe apetito.

MICIEL (a Gaetana) Siché, ti no te magni gnanca la brisiola?

GAETANA Sìì! … per sentirme el tossego in boca per una settimana!

1 Salamoia.

2 Antica varietà di pera la cui coltura si sta ormai perdendo:

ROSA Va al banco da basso del biavarol a torghe un eto de parsuto … do fete de sopressa … qualcossa…

MICIEL (guardando l’orologio) Oto e tre minuti. Quelo va co i mori1: co bate le oto, el sèra botega e bona note!

GAETANA Ma mi de quela roba no ghe ne magno!

MICIEL E cossa vusto che te fassa? Varda, qua ghe xe del formagio, dei peri, rangete.

GAETANA Ah mi no caro. Grazie a Dio, a casa mia, no go mai çenà a pan e formagio!

MICIEL E vustu che me fassa in parsuto mi … santa pazienza! …

ROSA Me despiase dasseno che per causa mia…

MICIEL No la se staga savariar2 mama. La magnarà de più doman. Perché da doman el disnar la scominçierà a farlo ela.

ROSA (tra sé) Adesso ghe semo!

GAETANA Cossa? … Doman el disnar lo farò mi? Stà a veder adesso che nei alberghi dove che andaremo i forestieri i gavarà da farse anca da magnar?

MICIEL Ma che alberghi de Egito? …

GAETANA E dove andaremo alora? Nele pension?

ROSA (a sé) Quà xe megio torsela. (prende dalla tavola qualche stoviglia sporca ed esce)

SCENA SETTIMA

MICIEL e GAETANA

MICIEL (calmissimo) Né in albergo, né in pension, perché stassera cara la mia Tina, no se parte più.

GAETANA (dando un balzo) Cossa gastu dito?! … no se parte più?! …

MICIEL Per adesso no. Ghe go pensà megio sora. El viagio de nozze lo faremo tra un meseto.

1 Si riferisce all’orologio di piazza San Marco.

2 Non si preoccupi.

GAETANA Ciò; te gira vero? … Mi vogio partir, caro, altro che storie! Xe tuto ancuo che mastego bile e figurate che aspeto come mana del çielo el momento de andar via.

MICIEL Epur, cara la mia Tina, la xe cussì, e bisogna adatarse.

GAETANA Ma ti, ti xe mato da ligar. O ti va in çerca de farme deventar mata mi…

MICIEL Sta pur sicura Gaetana che go la testa a posto. E come! …

GAETANA (girando su e giù furibonda) Ah no caro! Ti me n’ha fato abastansa. Anca rimandar el viagio de noze? Per questo no ti ga volesto partir col stesso treno de mia sorela… Adesso capisso! Ma questa no ti la spunti, caro il mio figaro; te lo digo mi.

MICIEL Calma, calma Gaetana e ragionemo.

GAETANA Che ragionar! … Un corno…

MICIEL Un corno? No nominar çerte brute cose, Gaetana; se mai sarave un po tropo presto … e finiscila de andar su e zo come ti fussi in caponera1. Me va a tòrzio le bale dei oci!

GAETANA (battendo i piedi) Son stufa, stufa e stufa! mi vogio andar via, capìssistu? Vogio andar via subito.

MICIEL Sta bona, Gaetana, mòlighe. Vogio no ti lo ga da dir. L’erba vogio, ti lo sa, no xe mai esistia gnanca in zardin de Papadopoli2. Dunque vien qua, sentite da viçin de mi e metite el cor in pase. Andemo, zo, vien qua.

GAETANA No.

MICIEL Gaetana, vien qua.

GAETANA Gnanca se ti crepi.

MICIEL (alzandosi) E alora te fasso sentar mi. (la prende per un braccio e l’obbliga a sedere) Xestu contenta, adesso?

GAETANA (disperata) Ah Madona, cossa gogio fato?

MICIEL A sposarme mi? Un afaron, Gaetana. Sì, perché, se ti vorà ascoltarme, ti deventarà la muger più feliçe de sto mondo; parola de Miciel. Stame un fià a sentir e ti vedarà se no go razon.

1 Gabbia per i polli, pollaio; in senso figurato anche prigione.

2 I giardini Papadopoli erano famosi nella Venezia ottocentesca:

GAETANA Razon un cavolo!

MICIEL Ben, manco mal che no ti ga dito un corno come prima.

GAETANA (un po’ raddolcita) Via Miciel, fame sta grazia te prego … partimo stasera.

MICIEL Vedistu, adesso scominçiemo a ragionar, cossì va ben.

GAETANA Alora vado a prepararme?

MICIEL No. Va ben … che ti domandi per piacer, ma ute1 partir no xe gnanca da parlarghene … par adesso.

GAETANA Ma quando, alora?

MICIEL No te lo go dito? tra un mese, co la nostra luna de miel sarà al primo quarto. No minga adesso, e po te par belo, dopo una zornada de strapassi come questa, metarse in treno per tutta la note?

GAETANA Cossa ghe xe de mal? Apena arivai a Bologna, se va in albergo e se se riposa fin che se vol.

MICIEL Za, riposar, te ghe ciami!

GAETANA Sicuro.

MICIEL No, no Gaetana, restemo qua in casa nostra. Vedistu, de là ghe xe una bela camara, co tute le so comodità e ghe xe anca un bel letin candido e tenaro, che reclama el so sacrosanto dirito de essar lu solo testimone dela nostra feliçità. E ti voressi andar a tòrzio par le camare de albergo, se el nostro nìo xe qua, in casa nostra, e preparà con tanto amor da le man de la nostra vecieta. Ma no te pararìa un sacrilegio?

GAETANA Ma se tuti parte apena sposi? Anca mia sorela…

MICIEL E daghela co tua sorela! No ghe xe una bona razon. Nualtri … invesse el nostro viageto andaremo a farlo co se saremo conossui più a fondo; quando le nostre idee, i nostri temperamenti se sarà messi d'acordo per sempre; quando, insoma, fra nualtri ghe sarà più confidenza, più intimità. Oh alora sì, se divertiremo sul serio! Ghe n’ho visto tante copie de sposi andar a tòrzio in Merçeria o in piassa San Marco come poveri giopi2! … I varda de qua, i varda de là, i ghe dà da magnar ai colombi, ma credistu ti che i sappia dove che i xe o cossa che i vede? Ma va là! lori no conosce che una cale: quela del'albergo; no i pensa che a una cossa: che vegna presto sera; e alora i ga in mente la piazza, el palazzo Ducal, S. Zorzi e … i mussati che li beca! ma i xe strachi morti e i ga butà via un saco de bezzi! bel gusto!

1 Quanto a.

2 voce corrotta da Giobbe. Povero giopo significa semplicione, misero, sperduto, poveraccio.

GAETANA Sì, sì; ste qua xe tute ciacole per far quelo che te par e piase … ma curte le asse1 Miciel, perché no go più vogia de far question! O ti te me contenti de partir stassera, come ti m’avevi promesso, o mi torno a casa mia, perché go capìo che tra mi e ti no podaremo mai intendarse.

MICIEL E chi te l'ha dito. No star a credar! Andaremo anzi d'acordo come do tortorele.

GAETANA Eh se vede. Dunque. Rispondeme. Se parte si o no? (a sé) Ah! Questa no ghe la dago vinta de sicuro…

MICIEL No. Te go dito no e no ga da essar.

GAETANA E mi vado via.

MICIEL E ti va là.

GAETANA In do e do quatro varda. (va in camera a mettersi il cappello e il soprabito)

MICIEL E si, bisogna bater el fero fin ch'el xe caldo. Xe megio sigar un fià adeso che sgrafarse i oci per tuta la vita.

GAETANA (rientrando vestita) Eco fato. Addio!

MICIEL Bona note.

GAETANA (a sé) Vigliaco! (forte) Vado via e non ti me vedarà mai più.

MICIEL Pazienza!

GAETANA Ah! pazienza te disi? Ti te n'acorsarà. Adio.

MICIEL Ciao.

GAETANA (sull’uscio della comune) Ma doman ti farà i conti co mio papà.

MICIEL I go anca fati. Là, dentro dele so porte, no el te vol de sicuro!

GAETANA Cossa gastu dito?

1 Filo da cucire, quindi “tagliamo corto”, “facciamola finita”.

MICIEL Sestu sorda? … Che la campanela de la casa Pantalin ti pol far de manco de sonarla. Cossì m’ha dito to papà. Règolate.

GAETANA Ah, no xe possibile che mio papà…

MICIEL Xe tanto possibile che me lo ga dito no una volta sola, ma diese: El ghe pensa sora Miciel; co el me la ga tolta, bisogna ch’el se la tegna per tuta la vita, perché in casa mia no la vorave più gnanca piturada sui muri.

GAETANA Ah cussì? … Ah cussì? gnanca piturada el ga dito? … Si’ tuti d’acordo alora per farme desperar! Ah basta! basta! … son tropo desgraziada! … (si muove qua e là come cercando una via d’uscita alla situazione imbarazzante in cui si trova; ha trovato: fa una corsa verso la finestra) Miciel! la finisso! …

MICIEL (corre precipitosamente alla finestra e la trattiene) Ohe là, stupida! Ma deventistu mata sul serio?

GAETANA (divincolandosi) … No, no! mòlime! Vogio butarme! … Vogio morir …

MICIEL (dura fatica a trattenerla) Ma sta bona!

GAETANA (seguitando a dibattersi) … Son una desgraziada, son un’infeliçe, mòlime te digo; vogio morir; no vogio più far sta vitassa! … (e gli graffia le mani)

MICIEL (lasciandola) Ah, ti morseghi? Oh! ma adesso xe proprio ora de finirla, sastu! E se co le bone no se fa gnente, mi te torò co le cative, perché te vogio ridur a modo mio, capissistu? Anca se ti fussi el diavolo in persona! (mettendosi da un lato della finestra per ogni evento) No ti volevi butarte in canal? Butite zo, che mi te agiuto! Vustu anca una piera da meterte al colo? Te la dago! Ah! Ah! … ti ga paura ah, ma cossa credistu, de spaventarme? No ghe xe de sti pericoli! e sta ben atenta de no farme saltar la mosca al naso; perché mi son bon come un agneleto; ma se perdo el lume de la rason, no so più quel che fasso; (sollevandola da terra) e, ostrega, in canal te buto mi, capissistu! (cambiando tono di voce) E po digo che ti xe stada ti a butarte, dunque, sapite regolar! (Gaetana siede accasciata e piangente) Eh, cara la mia picola, bisogna impararlo el viver del mondo! … Se per un sempiesso da gnente ti me fa de ste scene, figuremose co se dovesse criar per qualcossa de serio. Ti ga da farte entrar in testa, che mi sarò un bon marìo, se ti te sarà una bona muger. Se no, mi son capasse de farte el contropelo. (osservandola) Oh benon! E adesso scominçia a farme le smorfie cola bocca! … (Gaetana trae un urlo e si abbatte come svenuta) Musica! Ghe semo! Anca le convulsion! … Mama, mama! … la cora de qua! … (a sé) Adesso te lo fasso passar mi el nervin!

SCENA OTTAVA

DETTI e ROSA

ROSA (entrando sollecita) Gastu visto, gastu visto co i to modi cossa che ti ga fato nassar! …

MICIEL La staga zita, la me daga un fià de aqua; le xe le ultime scariche.

ROSA (porgendogli un bicchiere d’acqua) Povareta, la me fa compassion.

MICIEL (spruzzandole un po’ d’acqua in viso) Su, su Gaetana, basta far scene.

ROSA Gaetana … visssare … Miciel, mi go paura! Sentistu come che la xe ingiassada?

MICIEL Guente, gnente! … (osserva Gaetana ancora svenuta) Scomin-çio a preocuparme anca mi! Sala cossa che la ga da far? La corra in spezieria1 qua de fassa, e la ghe diga che i telefona alla crose verde, che i vegna subito cola lancia per portarla a l’ospeal (Gaetana schiude gli occhi) …

GAETANA (a sé) A l’ospeal?! …

MICIEL La cora presto… (e poiché Rosa cerca qualche indumento per mettersi addosso) La pol andar cussì, tanto el xe un salto.

GAETANA Cossa fasso? … Dove sogio? …

MICIEL Mama, no ghe xe più bisogno de la crose verde; la xe rinvegnua.

ROSA (ritornando tutta premurosa presso Gaetana) Ah Dio sia lodato! come stastu cara!? … Come te sentistu?

1 Farmacia.

GAETANA Grazie, grazie … me passa, me passa (comprimendosi le tempie) Oh Dio la mia testa! … (a sé) Se no me vien un colpo stasera, no'l me vien più.

MICIEL Oh! brava Gaetana! Vedistu se co un fià de bona volontà no se vinse anca sti afani? … Ti sarà persuasa adesso che a sbatar la testa contro el muro, se se rompe i corni … parlando soto metafora.

GAETANA Bruto infame! .. Ti ghe ne profiti perché son una povera dona debole … senza protezion… Malegnaso el momento che go dito de sì! La prima volta in vita mia che digo de sì, e vardé cossa che me toca! …

MICIEL Un saco de desgrazie vero? … Ma va là sempia! … No ti lo sa che te vogio ben? Adesso varda, se va in nana, quieti, quieti, e no se ghe pensa più a quelo che xe sucesso.

ROSA Ma sicuro, cussì va ben.

GAETANA E ela, crede che mi vada in leto co quelo là? Sii…

ROSA E co chi voressistu andar?

MICIEL No la ghe bada mama. La vedarà come che la vien. E de galopo!

GAETANA Piutosto, varda, passo la note sul fogher che vegnir in leto co ti.

ROSA Orpo! Ma ti xe proprio cativa sastu.

GAETANA (arrogante) Son quelo che son. Cossa ghe entra ela? la pensa ai fati sui.

ROSA (avvilita) Ah ben po! … mi no me par…

MICIEL Ma parcossa se avilissela, mama? quela dona là, vedela, le xe come le svelie. Le sona fin che ghe dura la carica. Ma se per caso el trin-tin ne dasse fastidio, no se fa altro che girar el tipite e la svelia se incanta. Vorla védar come che se fa? Gaetana va in camera.

GAETANA (correndo risoluta verso la comune) Sì eh! mi scampo.

MICIEL (più pronto di lei è sulla comune) Gaetana, t’ho dito de andar in camera.

GAETANA No che no ghe vado!

ROSA Madona Santa! Cossa mai sucederà de novo? …

MICIEL No sucéde gnente, no la staga aver paura. Adesso Gaetana, vien co mi; vien co'l to Miciel.

GAETANA (inviperita) Làsseme star! No tocarme! … guai se ti me tochi!

MICIEL Va in leto Gaetana, se no te porto come un fantolin.

GAETANA No, no, no vegno gnanca se ti me copi!

MICIEL Ah si? E alora … partenza (la prende per un braccio e s’avvia) Adesso ti xe mia muger e, mondo ladro, ti ga da far quelo che vogio mi. (via tutti e due per il primo di destra).

ROSA Creature, mi lo go sempre dito che co le bone maniere se otien tuto quelo che se vol.

MICIEL (rientra e chiude l'uscio della camera a chiave) Eco fato. Adesso no la scampa più.

ROSA Povareta. Chissà come che la sofre…

MICIEL (sinceramente) E mi forse no sofro più de ela? Cossa crédela mama, che sia un bel mestier far el castigamati co una creatura che se ghe vol ben, … perché, la me creda mama, mi a quela grinta ghe vogio ben dasseno. Prima de tuto la xe un gran bel toco de tosa … e po, a dirsela qua fra nu, anca cussì la me piase. Cossa vorla? la ga un temperamento da bestia, ma un temperamento…

GAETANA (d. d. piagnucolando) Micielasso! … go paura…

MICIEL Aspeta. Gala visto, mama, la tigre perde le onge, la me ga dito Micielasso, ma la me ga ciamà.

GAETANA (d. d. piangendo) Miciel! … Vèrzime! … no vogio restar qua sola! …

MICIEL Aspeta, te go dito.

ROSA Ma va là povera fia! No ti senti come che la pianze?

MICIEL La ridarà più tardi, non la se indubita. Bona note mama (l'abbraccia)

ROSA Bondì caro. (s'avvia al primo di sinistra; Miciel a quello di destra; allorquando son giunti sulla soglia Rosa si volge e lo chiama timida-mente) Miciel … Miciel…

MICIEL (volgendosi) Mama!?

ROSA Volevo dirte … me raccomando … almeno per sta prima note … abi pazienza…

MICIEL (sorridendo furbescamente) Cossa? Sììì! … la sta fresca! Dopo sto po po de strafadiga, un fià de premio me lo merito anca mi… (ed entra in camera)

SIPARIO

FINE SECONDO ATTO

ATTO TERZO

La stessa scena dell’atto primo.

SCENA PRIMA

ORSOLA e PINA

ORSOLA (seguendo Pina che irritatissima va verso la comune per uscire) Ma santo Dio, gabi anca ti un fià de quel che se ghe dixe… In fin dei conti la xe la to paronçina e no ti ga da rispondarghe in quela maniera.

PINA La me lassa andar, la me lassa andar parona, che xe megio.

ORSOLA Ma vien qua, almanco senti cossa che ti ga da tor in piassa.

PINA Lo so, lo so; la me ga dito prima: la carne, el polastro, la luganega…

ORSOLA E i figai de oca.

PINA Sì, sì, go capìo, anca i figai de oca. Oca mi che bato saldo in sta casa. (si avvia)

ORSOLA Orpo! Xextu gnanca una mus-cieta1? Dopo tuto cossa te gala dito la Bianchina?

PINA Cossa che la m’ha dito? Ah ben, la me domanda anca! … Xe apena diese giorni che la xe tornada dal viagio de nozze e la m’avarà strapazzà çento volte a dir poco. Mi no so po, cossa che go fato. Prima no la gera cussì, perdiana eh! …

ORSOLA Ti sa, adesso che la xe sposada, la se crederà più parona, eco.

PINA Proprio! Go soportà abastanza st’altra, che se questa credesse de far la stessa solfa, ciapo el do de cope2 e chi s'ha visto s'ha visto. Manierasse mi no ghe ne vogio da nissun.

1 BOERIO: “Detto per aggettivo a giovinastro di costumi poco lodevoli, monello; … bizzarro, fiero e baldanzoso”.

2 Me ne vado.

BIANCA (d. d.) E mi ghe vado!

TONIN (d. d.) E mi t'ho dito de no!

PINA Séntela? Adesso la se taca anca co lu.

BIANCA (d. d.) E mi ghe vado l’istesso.

PINA Manco mal che no son mi sola! … (via dalla comune)

ORSOLA Mi perdo la testa, se ne quieta una e st'altra se scaéna.

SCENA SECONDA

BIANCA, TONIN e ORSOLA

TONIN (alla seconda di destra inseguendo Bianca) Vien qua, vien qua sempia. No andar subito a pianzar dala mama. Ragiona un fià co mi, no scamparme come el solito.

BIANCA Senti mama, se no go razon.

TONIN No la ghe staga a badar, perché la ga torto marso.

BIANCA No xe vero. Pensa che sto caro sior el ga el coragio de proibirme che vaga a trovar mia sorela. Te pàrela giusta?

TONIN Ma se ti ghe conti cussì, bisogna par forza che la trova giusta!

BIANCA E come vustu che ghe la conta, se questa la xe la verità?

TONIN La verità xe che ti vol andarghe da per ti sola. E xe questo che mi no vogio.

BIANCA Gastu paura che i me porta via? No ghe xe sti pericoli, ghe son andada tante volte anca da tosa! …

TONIN Da tosa xe un conto e da maridada xe un altro. Ghe vol più riguardi; el mondo fa presto a lavarse la boca.

BIANCA E lassa che el se la lava! Male non fare, paura non avere.

TONIN Insoma no vogio. Adesso ti xe mia muger, comando mi e ti ga da far quel che vogio mi!

BIANCA El comanda lu? … Go da far quel che el vol lu? … Buzareti! … Séntistu mama che zogia?

ORSOLA Cossa vustu che senta, che me gavé insemenia a furia de ciacole. Che maniera xela questa de dir le so razon? … Da quando se’ tornai, no fé che questionar. La xe una bela vergogna! (a Bianca) Dove la tegnìvistu sconta ciò, sto tantin de lengua? …

BIANCA Ah! go torto mi, alora! Ti credi che gabia torto mi?

ORSOLA Mi no digo che ti gabi torto, ma ti me par la racola1 del venare santo! …

BIANCA Go imparà da elo.

TONIN Da mi? … Védistu se no me tegnisse, no so, varda, cossa che farìa! (si morde le mani).

BIANCA Cossa faréssistu, cossa? …

ORSOLA Ma vegnì qua fioi … ; sté boni per 1’amor de Dio che ciamé la piova. Séntite qua Bianchina e cóntime… Fora sta gran question che mi farò da giudice.

TONIN La pretendeva…

ORSOLA Lu el tasa. Uno ala volta. (a Bianca) Avanti parla ti. (silenzio) Ciò, e adesso te xela cascada la lengua? …

BIANCA (scandendo le sillabe) Mi voleva andar a trovar mia sorela.

ORSOLA E basta? …

BIANCA Si…

ORSOLA (guardando Tonin) Ben, ben, fin qua me par che no ghe sia gnente de mal. Alora la ga rason ela.

TONIN Za, ma la voleva andarghe ela sola, capìssela, e mi fora, sola de sbrindolon, no vogio che la ghe vada.

ORSOLA (a Bianca) Ciò … alora el ga rason lu.

BIANCA Se no’l vol che vaga a tòrzio mi sola, che el me compagna. No xelo mio marìo?

ORSOLA Vera anca questa. Se la xe cussì, alora la ga rason ela.

1 Strumento di legno con un ruota dentata montata su perno che girando fa un rumore simile a quello della raganella; veniva usato un tempo, di solito dai ragazzi, durante le cerimonie liturgiche della settimana santa, provocando uno strepito assordante.

TONIN Ma la scusa, la scusa… La me lassa che ghe spiega… Mi no posso acompagnarla a spasso che ala sera dopo uffiçio, sior sì che la vol andarghe inveçe alle diese dela matina.

ORSOLA Fia mia alora no te posso dir altro…

BIANCA (rizzandosi) … Che el ga rason elo, no xe vero? … Ma si, che el se la toga la so rason, che el se la peta, che mi son stufa de sta vita da cani. E ti invece de difender to fia, ti ghe tien terzo a quel bel cao? Bela mare, si!! No lo gavarave mai credesto. (via)

SCENA TERZA

ORSOLA e TONIN

TONIN Ah! Cossa dìxela? … cossa ghe par?

ORSOLA Cossa che me par? Ma quela no xe più la me Bianchina. Xelo sicuro che durante el viagio de nozze no i ghe la gabia cambiada in qualche albergo? …

TONIN Sìì, sìì! … Come che la fusse una valisa! …

ORSOLA Ma in sti vinti zorni che si stai a tòrzio come gèrela?

TONIN Un angelo! Bona, ubidiente, piena de bon umor… La me creda siora Orsola, vinti zorni de paradiso, gavemo passà… (piccola pausa) La me fassa el piaser, cara ela, adesso co sarò ’ndà via, la çerca co un fià de polegana1 de cavarghe i selegati2. Almanco saver cossa che la ga… A volte, ciò, senza volerlo, podarave aver mancà in qualcossa… Lo credela che no go più testa? … Me par da essar in un altro mondo… La mia Bianca, cussì bona, cussì coccola? (allarmato per un pensiero improvviso) Siora Orsola, che no la me vogia più ben? …

ORSOLA Ma no, ma no, el staga sicuro che la ghe ne vol. Le xe le prime nuvolete … eco…

1 Astuzia, abilità.

2 Confessarla.

TONIN Oh! ma mi vogio sfrantarle1 subito, capìssela, perché go paura che po dopo vegna el temporal. (abbracciandola) Alora la ghe pensa ela, ah mama? … perché, se vado avanti cussì, sbaglio anca le bolette del monte!

ORSOLA Si, si…

TONIN (prende il cappello e paletot e s’avvia) Me raccomando. La la toga co le bone. Mi vado in ufficio. (esce dal fondo)

ORSOLA Che deventa orba se ghe capisso na maledeta!!2 … Xe megio sentir subito. (chiamando) Bianchina, Bianchina, vien qua, senti…

SCENA QUARTA

ORSOLA e BIANCA

BIANCA (entrando vestita per uscire) Cossa vustu, mama?

ORSOLA Vestìa ti xe?! … dove vastu?

BIANCA A trovar mia sorela.

ORSOLA Sola?

BIANCA Sì sola; cossa ghe xe?

ORSOLA Ma no ti ga sentio Tonin adesso?

BIANCA Sii, che ghe bado proprio a quel pampe, mi…

ORSOLA Man dela Madona! pampe ti ghe disi? … ma cossa gastu? … no ti te n'acorzi che no ti xe più la Bianehina d'una volta?

BIANCA Sicuro che me n’acorzo. Lo fasso a posta…

ORSOLA Eh!? … a posta ti lo fa … ah ben!!!! … questa po! Ma percossa?

BIANCA Perché no vogio far la fin de me sorela.

ORSOLA Mi no capisco … ma che fin gala fato to sorela? Megio de cussì mi dirave…

1 Romperle.

2 Qualcosa.

BIANCA Ti lo credi ti!!! …

GASPARO (d. d.) Orsola! Pina! …

ORSOLA Se la dise sempre che la xe beata, felisse come una Pasqua!

BIANCA Per truco; per puntilio; per no far che i altri se la goda… Anca a mi la me lo ga dito; ma mi no la bevo de sicuro. E più desgraziada de ela no ghe ne xe altre a sto mondo.

ORSOLA Ma come postu dirlo che la xe desgraziada?

BIANCA Andemo mama; che ti xe più ingenua de na putela. Ma te par che la Gaetana co quel temperamento che la ga…

ORSOLA Che la gaveva, ti pol dir. Perché adesso la lo ga cambià.

BIANCA La lo ga ancora, mama, la lo ga! Disi piutosto che adesso ghe toca mastegar el morso, che Miciel ghe ga messo in boca. Ma vorave lezarghe dentro mi, per veder quelo che la sofre. E mi, mama, no me la sento de ridurme in quei stati; e prima che mio marìo me meta el morso a mi, mi ghe meto le caéne a elo. Za tanto se lo ga sempre visto: tra marìo e muger, xe sempre quelo che siga de più che ga el trato a vantagio.

GASPARO (d. d.) Bianca! Pina! Orsola!

BIANCA Ara ciò se mi podarò adatarme a sentir dir in eterno: no vogio questo, questo no ti lo ga da far; quelo te lo proibisso… Ma mi me son maridada per aver più libertà de prima. Se no, no ghe saria stà sugo. Restava come che gera. Te par? Gogio o no gogio rason. Bondi mama. (via frettolosamente dalla comune)

ORSOLA (che è rimasta come istupidita) La ga imparà più ela in un mese de matrimonio che mi in trent’ani!

SCENA QUINTA

GASPARO e ORSOLA

GASPARO (d. d. forte) Corpo … e po d'una bisseta! Pina! Orsola! … seu deventae tute sorde? … (comparendo in scena, in maniche di camicia e con una brocca in mano) Ma dove ve seu ficae! …

ORSOLA Cossa gastu, caro, da zigar cussì?

GASPARO Cossa che go? Xe do ore che ciamo e nissun se fa vivo. Dove xela la Pina?

ORSOLA La xe in piazza, a far la spesa.

GASPARO E ti, no te podevi vegnir che ti sentivi a ciamar? Gastu le buganze sui pie?

ORSOLA Ciò, ciò, ciò caro; te xestu alzà anca ti co i nervi per trèsso1 sta matina? Se pol saver cossa che te casca?

GASPARO Quante volte ve 1'ogio dito de portarme una broca de aqua calda in camera? No ghe xe santi de averla. Bisogna che vada sempre mi in cusina a tormela.

ORSOLA E ti, te sighi per tuto questo? Ocio eh! che no ti te scavessi i brassi per torte un fià de aqua! … ma vardé creature che catàri!2

GASPARO Vualtre li gavé i catàri! … (picchiando un pugno sulla tavola) Ma ve meto a posto mi, no ve indubité! Corpo … e po de na bisseta… Co do done in casa, anzi co tre, go da far mi de sti servizi! … Vame a tor l’aqua e portamela in camera! Alé!

ORSOLA Ma che modi xeli questi de comandar? No son miga la to serva mi!

GASPARO Ma che serva o no serva! Vame tor l'aqua e manco discorsi!

ORSOLA Anca ti che ti va a tòrzio co'l çervelo? In tanti ani che semo insieme, xe la prima volta che ti me trati cussì. Cossa che te salta?

GASPARO Me salta che vogio cambiar musica! Vogio farme scoltar anca mi a suon de bachetina! … Mio zenaro Miciel…

ORSOLA Ah adesso ghe arrivo! … ti ga tolto scuola da to zenaro Miciel.

GASPARO Sicuro perché xe ora de finirla … corpo e … po de na bisseta! Bisogna svegiarve fora … che qua se’ tuti indomenzai.

ORSOLA Me dispiase, varda, de non aver un specio per mostrarte come ti xe ridicolo a voler scimiotar i altri!

GASPARO Cossa? Ridicolo ti ga el coragio da dirme? …

1 Traverso.

2 BOERIO: AVER DEI CATÀRI … vale aver delle pretenzioni ridicole, dell’ambizione, delle voglie”.

ORSOLA Altro che ridicolo… El castigamati, ti? Ma vustu farme el piasser de dirme chi ti vol castigar? Mi no de sicuro, perché el mio dover lo go sempre fato.

GASPARO A modo tuo.

ORSOLA A modo mio, sarà, ma lo go sempre fato; la Bianchina gnanca, perché, caso mai, se la gavesse qualche difeto, doveva pensarghe so marìo. E alora vustu castigar la serva? Ti sta fresco! Quela se cava la traversa e te la tira sul muso. Dunque ascoltame mi, Gasparo. Lassighe far el castigamati a chi ga razon de farlo, perché qua, in sta casa, no ghe xe proprio bisogno.

GASPARO Mi vedo, intanto, che Miciel, co'1 so modo de far, xe servìo e riservìo dala Gaetana.

ORSOLA Benon. Go tanto gusto. E ti no ti xe servìo e riverìo come un papa? Cossa xe che te manca?

GASPARO (furente) Cossa che me manca? … Cossa che me manca? … (guarda intorno come cercando, indi additando tragicamente la brocca vuota che ha deposto per terra) … l'aqua!!!

ORSOLA Eben; adesso vado a tortela mi; calda, tiepida, giassada, come che ti la vol. (sentendo suonare il campanello depone la brocca che aveva appena tolta in mano) I sona, aspeta un momento che vado a vèrzar.

GASPARO Za! E mi stago qua un'altra mezora a spetar.

ORSOLA (seccata) E alora vàtela tor ti! Non son miga sant’Antonio da far do cosse in t'una volta … impiastro! (va ad aprire)

GASPARO (raccogliendo la brocca e rientrando in camera) A vu siori! servìo e riverìo come un papa!

SCENA SESTA

MICIEL, GAETANA e ORSOLA

ORSOLA (introducendo Miciel e Gaetana) El vegna, el vegna, Miciel … el riva proprio a puntin. Go da far i conti co elo.

MICIEL Co mi? …

ORSOLA Co lu, co lu.

GAETANA Cossa ghe galo fato, mama?

ORSOLA Eh, Miciel xe un gran birbante!

MICIEL Mi? No ghe xe pericolo. Dìghelo ti Gaetana. Come sogio?

GAETANA Un toco de marzapan.

MICIEL (prendendo Gaetana per la mani) E ti cossa geristu prima? Via, no rìdar, dìselo!

GAETANA No, no lo digo, Miciel, andemo … sii bon.

MICIEL Si che te lo ga da dir.

GAETANA Ohi, ohi, ti me fa mal!

MICIEL E alora dìselo.

GAETANA (sorridente) Làssime star…

ORSOLA Andemo, el la mola, che el ghe fa s-ciocar i ossi dei déi.

MICIEL No, no che la lo ga da dir per forza. Cossa gèristu prima? Fora o strenzo ancora de più.

GAETANA (sempre scherzosa, rapidamente sotto la stretta di Miciel) Cattiva, cattiva, una peste un demonio! Mòlime.

MICIEL Adesso son contento.

GAETANA Ti me ga mezo rovinà le man … varda che rosse… Taton che no ti xe altro! No ti faressi che zogar dala matína ala sera… (abbracciandolo) Ma mi ghe stago sastu mama? … Miciel xe tanto bon! … E po mama, gavemo una gran bela nova da darte!

ORSOLA Cossa? …

GAETANA Indovìnistu? …

ORSOLA (spalancando gli occhi) Dasseno!!! …

MICIEL Ma no, cossa crédela, mama? … Se xe apena un mese che semo sposai…

ORSOLA Ciò, xe vero. Ma la me lo ga dito in una çerta maniera… Scuséme, son una scempia… Ben, e sta nova alora?

GAETANA Partenza! Pronti! … mama; el mio Miciel mantien la so parola e stassera partimo per el nostro viagio de nozze.

ORSOLA Dopo un mese?

GAETANA Sicuro. Andemo a Firenze, a Roma, a Napoli e forse anca a Palermo. (abbracciandola) Come son contenta! Me par che el mondo sia tuto mio… Che gusto a preparar le valise; vegnaré a acompagnarme ala stazion.

ORSOLA Sììì, cola musica.

GAETANA No serve che ti scherni. Ben; el papà e mia sorela dove xeli?

ORSOLA Orpo, me gera desmentegada de l’aqua calda! El papà xe de là in camera e la Bianchina xe vegnuda a casa vostra che gera gnanca mezz'ora. No la gavé vista?

GAETANA No mama, perché xe più de un ora che semo fora de casa. Me dispiase. Vado darghe un saludeto a papà. Posso Miciel?

MICIEL Ma sì picola, figurate… (Gaetana via)

SCENA SETTIMA

ORSOLA e MICIEL

ORSOLA Ma salo che mi casco dale nuvole? … La ghe domanda perfin comparmesso per andar a saludar so pare? … Se no vedesse co i mii oci dirave che la xe una fiaba! Ma vorlo dirme come che el ga fato a … manipolarmela in te sta maniera? …

MICIEL Eh, cara mama, segreto professionale! No lo digo, se no i altri impara.

ORSOLA El mal xe che i lo ga imparà. Ossia … i vorave averlo imparà!

MICIEL Dasseno? E chi xeli? La me lo diga che me la godo!

ORSOLA Chi che i xe? Ma tuti in sta casa: la serva che se scaéna contro i paroni e la tira fora una lenguassa lunga un mio1; la Bianchina che per paura d'esser domada, la vol domar ela so marìo… E po, e po anca el mio Gasparo, che proprio adesso el xe andà fora dei bàzari1 per un sempiesso da gnente; e, sigando come un’anema danada, el m'a dito che da qua in avanti el vol metarse anca elo a far el castigamati, come so zenaro Miciel!

1 Miglio.

MICIEL (ridendo) Come mi? … Ah, questa xe bela! Can de sior Gasparo!

ORSOLA Quelo che me dispiase xe che quei do tosi no fa altro che questionar dala matina ala sera. E pensar che prima i andava cussì d’accordo…

MICIEL Ma parcossa tròvali da dir?

ORSOLA Per sempiessi che no val na pipa de tabacco! … Quela maturlana2 se xe messa in testa de no farse comandar dal marìo… El tasa che i mete la ciave sula seraùra. Chi che sia? La Pina no ga ciave e Tonin xe andà in ufiçio… (vedendo entrare Tonin) Ciò, el xe proprio elo! Ben! Che nova? No’1 gera andà in ufiçio?

SCENA OTTAVA

DETTI e TONIN

TONIN (calmo, serio, preoccupato) Si, ma per venir via subito. Go dito che no me sentiva ben, infati go sto rosegamento in t’el stomego… Oh! Bondì Miciel; come vala?

MICIEL Benon, e ti ?

TONIN No ghe xe mal. E la Gaetana?

MICIEL Un bòcolo, ciò. La xe de là, da sior Gasparo.

TONIN (si mette a sedere e dopo una piccola pausa, ad Orsola) E la Bianca dove xela? (Orsola non risponde) Go capìo. La xe andada fora. Védela, el cor me lo diseva che no la me gaveva ascoltà. E po, dove xela andada, se lori i xe qua.

1 Gangheri.

2 Pazzerella.

ORSOLA E dove vorlo che la sia andada? Co no la li trova, la tornerà a casa.

TONIN Sìì, ma intanto la ga volesto far a modo suo.

ORSOLA Va ben; ma dopo tuto la xe una sempiada. Che mal ghe xe se la xe andada fora sola, una mez'ora e de pien zorno?

TONIN El mal xe che mi ghe lo gaveva proibio e ela doveva scoltarme. Se andemo avanti de sto passo, dove arivaremo? Cossa mai me faràla?

ORSOLA Cossa vorlo che la ghe fassa! No’l me ciama el desàsio!1 …

TONIN Ma ela, almanco, ghe gala parlà?

ORSOLA Sicuro che ghe go parlà.

TONIN E cossa gala dito? Se pol saver la razon de sto cambiamento?

ORSOLA La razon? … Ecola là. Lo védelo!!!

TONIN Elo?

MICIEL Cossa ghe entro mi?

ORSOLA El ghe entra, el ghe entra, no’l se indubita! Salo cossa che ga dito la Bianca? Che ela no vol far la fin dela Gaetana, che soto le sgrinfe de Miciel la xe deventada una povera vitima!

MICIEL (guardandosi le unghie) Soto le mie sgrinfe … ma chi ga dito ala Bianca che mi go fato una vitima de so sorela? Mi, dela Gaetana, go fato una bona muger e una dona de giudizio; altro che una vitima! Ma senti che storie! …

ORSOLA Son piú che persuasa benedeto, la Gaetana stessa me lo ga dito, che megio de cussì no la gavarave podesto trovar… Ma st'altra la se xe messa in testa che elo inveçe la tegna come una s-ciava.

MICIEL Cabole!2 Mia muger adesso la fa alto e basso quelo che la vol … sempre per altro col mio consenso.

ORSOLA Eco; st’altra inveçe del consenso del marìo la vorave farghene a manco.

MICIEL E alora, co la vol far proprio tuto quelo che ghe par e piase, la doveva far de manco de sposarse.

1 Disagio, ma il senso dell’espressione è “Non chiami disgrazie”.

2 Storie, panzane.

TONIN Giusta. Ma ti come gastu fato co st'altra. Se pol saverlo sì o no? Perché in confronto de la mia la gera … cossa posso dir?

MICIEL Un basilisco1, dìselo pur.

TONIN E adesso la xe inveçe una pasta de marzapan. Come gastu fato? gastu adoparà el baston? …

MICIEL Ma che baston! La forfe da vide piutosto. Quela sì.

TONIN La forfe da vide?

MICIEL Sicuro. Se ti vol magnar de la bona ua, cossa fastu in primavera? Domàndighelo a sior Gasparo che ga le vigne a Malamoco. Se ciapa la forfe e zac, zac e zac; se tagia zo, senza misericordia, tute le rame mate; la pianta ciapa forza e i boni umori no se sperde e la ua deventa grossa e piena de sugo. Cussì go fato mi cola Gaetana. Adesso magno ua! E che bona che la xe! Tuta sucaro e miel. Ciapa anca ti la forfe, Tonin; se no, inveçe de ua, te resterà le fogie per ripararte i corni dal sol…

TONIN I corni? …

MICIEL No tremar, che parlo soto metafora.

ORSOLA Ga razon Miciel; el toga la forfe, Tonin, el toga la forfe! …

TONIN Mi togo la porta de casa e chi s’ha visto s’ha visto. Altro che forfe. Non son nato mi per far el vignarol e fin tanto che ela no vegnarà in çerca de mi, la pol star secura, mama, che qua dentro no la me vedrà più. (va al porta abiti dove aveva lasciato precedentemente cappello e soprabito) Arivederla. Bondì Miciel.

ORSOLA Ma valo proprio via sul serio?

TONIN Ghe par che possa dirle per scherzo çerte robe? Ormai go stabilio che quel che go dito, go scrito.

MICIEL (a sé) Sìì, con l'inchiostro bianco.

ORSOLA (andando a riprenderlo presso la comune) Ma no, andemo, no’l staga andar via. Se ghe rimedia a tuto a sto mondo; fora che a l'osso del colo.

TONIN No, no, la me lassa andar che xe megio.

MICIEL (a sé) Mo va là ch'el se move!

1 Bestia, demonio.

ORSOLA (chiamando) Gasparo! Gasparo, vien qua che Tonin vol andar via! (a Tonin) Almanco el saluda quel povero vecio…

SCENA NONA

GASPARO, GAETANA e DETTI

GASPARO (seguito da Gaetana) Cossa ghe xe? Tonin vol andar via? E che el vada, no el ga miga bisogno del mio permesso.

ORSOLA Za. Ma lu vol andar via per sempre.

GASPARO Per sempre? Cossa ghe ga ciapà?

ORSOLA Ghe ciapa che, come el solito, el ga questionà cola Bianca.

GASPARO Alora el fa benon. Bravo! Fate rispetar. Da qua in avanti bisogna farse rispetar, corpo de na bisseta! No se ga miga da farse metar i pie sul colo dale fémene!

ORSOLA Ciò, vusto finirla da farme l'ardito? No ti sa gnanca de cossa che se trata e ti disi ch’l ga rason elo.

GASPARO Mi no me ne importa de saverlo. Me basta saver che anca st'altra xe deventada un serpente e che la fa diventar mato sto povero toso. (a Tonin) E ti no far el macaco! Fate sentir e métila a posto come che ga fato elo. (e indica Miciel) Za tanto le done xe come le brisiole: bisogna pestarle per farle diventar tenere!

ORSOLA Che me vegna el samoro1 se ghe ne capisso una maledeta! …(a Gasparo) Pròvite mo a pestarne anca mi, per veder se devento più tenara.

GAETANA (sorridendo) Ma no lo dise miga per ti, mama.

ORSOLA E per chi lo dìselo, alora?

GASPARO Lo digo per tuti. E basta cussì. Cori, cori Tonin, che andemo via insieme.

ORSOLA Cossa? … ti va via anca ti? …

1 Cimurro, malattia contagiosa che colpisce soprattutto i giovani cani e più raramente i gatti.

GASPARO Ti sta fresca! Caso mai, se no ti rigassi drita, te insegno la porta a ti. Mi stago qua, corpo de una bisseta, perché questa xe casa mia. (a Tonin) Dàghela, dàghela Tonin, che andemo a bevar un'ombra. (via tutti e due dal fondo)

MICIEL Come me la godo! Come me la godo!

ORSOLA Ma no miga mi peraltro! Ah! Ben! Mi no posso gnanca pensarghe creature. El mio Gaspare! … A mi … dopo tanti ani, dirme ch'el vol pestarme come le brisiole! … Ah questa po, no la me va zo perdiana! … (fa per andare al primo di destra)

GAETANA Ma ti ga capìo mal, mama.

ORSOLA Va là che go capìo benon. No aver paura. No son miga sempia! Ma se el crede de far el bulo co mi, el ga sbalià de grosso. E se no’l ga giudizio, ghe le dago mi le brisiole! … Adesso me sgnacco in leto e me alzo el zorno de Nadal! (via)

SCENA DECIMA

GAETANA e MICIEL

GAETANA Povara mama. La ga razon. (e poiché Miciel passeggia nervoso e poi si mette a sedere pensieroso) Cossa gastu Miciel mio? (accarezzandolo) Ti t’ha fato serio serio.

MICIEL Me despiase che to mama se sia messa in testa che so stà mi a portar la revoluzion in casa vostra.

GAETANA Cossa vustu, povaro Miciel, ormai ti t’ha fato el soranome de castigamati, e no ghe xe barba de santi che te lo cava! Come che mi fosse dasseno una mata e ti el mio castigo! Ma mi mata no ghe son mai stada, vero Miciel? Estrosa, rabiosa sì, se volemo, ma mata po…

MICIEL No dasseno … Sastu chi che xe i mati? Queli che no sa alevar le so creature, che per no aver el fastidio de sentirle fifar sul prençipio, i ghe le dà tute vinte.

GAETANA E ti, xestu contento de mi?

MICIEL (stringendola affettuosamente) Se son contento? Ma ti ga da dir che me tegno in bon anzi de aver una mugereta come ti… (abbracciandola e parlandole dolcemente) Cossa ghe xe là in fondo a quei do oceti sbiseghini? …

GAETANA (sullo stesso tono) Cossa vustu che ghe sia? … Miciel … el mio Miciel! …

SCENA UNDICESIMA

DETTI e PINA, poi ORSOLA, TONI e BIANCA

PINA (soffermandosi sorpresa al fondo) Ma varda ti… Chi gavarave mai podesto imaginar? … E st’altri xe in fondo ale scale che se sgrafa i oci.

GAETANA (staccandosi) Ghe xe la Pina.

MICIEL Lassa che la ghe sia. Te vergògnistu forse?

PINA (che si è avviata all’uscio di sinistra) I fassa, i fassa pur, che mi go gusto.

MICIEL Cossa credistu ciò? Gerimo qua che parlavimo del'afito de casa…

PINA … Che i ghe lo cressarà de sicuro perché, se i va avanti de sto passo, cressarà presto anca la famegia.

ORSOLA (dal primo di destra) Ecola qua, ferma a ciacolar! Perché no ti ga messo abastanza a far la spesa! … Se el disnar no sarà pronto per mezzogiorno, ti sentirà to paron che musica! el ga dito che el vol pestarte come le brisiole.

PINA Cossa; sììì! El ga ancora da nassar quelo che pesta la fia de mio pare. (via da sinistra)

TONIN (d. d. forte) Ma santo Dio! Confessa almanco che ti ga torto.

BIANCA (d. d. forte) No, no caro; el torto xe proprio tuo, altro che storie!

MICIEL Che macaco! El la ga incontrada sula fondamenta e subito el se ghe ga incolà!

TONIN (entrando seguito da Bianca) La me fassa una carità ela, mama, la la fassa persuasa che la ga torto. A sentirla ela go anca da darghe resto indrio.

BIANCA Sicuro! I tirani e le marionete!

ORSOLA Ma finìla una bona volta! Che tirani o no tirani! Cossa gavéu in te l’anima? …

BIANCA Bela luna de miel sì, che me toca passar!

TONIN Per causa tua, perché ti vol ti. Mi, per conto mio, son anca tropo bon.

MICIEL (a sé) E questo xe el mal.

BIANCA El siga per dei sempiessi; el cata da dir su tuto; gnente no ghe va ben…

TONIN (disperandosi) Ma sentìla, ma sentìla! Xe ela che va in çerca de questionar … E po la dise che son mi! (dandosi dei pugni sulla testa) Um! … um! … me spacaria la testa!

MICIEL Bravo el sempio!

GAETANA (dolcemente) Ma andemo Bianca. No crié più. Xe cussì bruto fra sposeti…

BIANCA Ma fame sto piasser! … Ma no te capissi che lu pretendaria de tratarme come una s-ciava?

TONIN Ma chi mai se ga insognà de sta roba?

BIANCA Sì! Ti credi che no gabia capìo ah? Anca ti, ti vol simiotar Miciel, eco…

MICIEL (a sé) E dàghela co Miciel. Ma la xe na fissazion.

BIANCA Ma co mi, caro, ti fa fiasco, perché no son miga come sta minciona che se xe lassada inseminir in sta maniera…

GAETANA Adesso basta, Bianca; finiscila co sti discorsi… Perché se ti credi di tegnirghe testa a to mario per paura de deventar una s-ciava come mi, ti te sbagli de grosso; te lo digo mi. Prima de tuto perché Miciel s-ciave in casa sua non ghe ne vol; e po … mi sarave proprio quela! … no ti me conossi da geri! Miciel vol solo che la muger staga da muger, che la ghe vogia ben e che la ghe porta rispeto. Eco quelo che el vol e gnente altro. E mi che go capìo che questo xe un dirito sacrosanto, me son adatada de tuto cuor. E adesso son beata, contenta e felisse come no ghe xe altre al mondo.

ORSOLA Queste le xe perle de fie! …

MICIEL (a sé) Adesso! …

BIANCA (confusa) Ciò, mi credeva che…

GAETANA Ti credevi quelo che no xe. Vien qua Bianchina, ascoltime. Varda, te digo anca in presenza de to marìo; ti ga torto. Robe senza importanza, xe vero, ma ti ga torto; perché quando elo te gaveva dito no, ti fora sola no ti dovevi andar.

BIANCA El xe stà un puntiglio, eco…

GAETANA Che co un bel baso el xe bel che rimedià, sestu persuasa? (Bianca rimane incerta) Andemo, disi de sì, disi de sì, mòlighe.

BIANCA (gettandosi tra le braccia di Tonin) Sì, xe vero, go avudo torto. Perdonime.

TONIN Oh cussì me piase! Cara! … No digo che anca mi no gabia i mii torti; che gavarave dovesto usar altre maniere…

MICIEL (Bravo el merlo! Adesso che ela ghe dà razon, el vol darse per forza la sapa sui pie!)

ORSOLA Manco mal, fioi, che torna un fià de pase in famegia! …

SCENA ULTIMA

DETTI e GASPARO

GASPARO (dal fondo a Tonin) Ciò, ti me fa aspetar un ora zo in cale … Xela longa sta storia? Come xela andada? la gastu messa a posto sta moscardina. La gastu bastonada? Ti ga fato benon! O co le bone o co le cative bisogna farse rispetar, corpo de una bisseta!

ORSOLA Go paura che la bisseta te gabia becà el çervelo a ti, mi, caro!

GASPARO Ciò, no ofendar, se no scominçio da ti.

ORSOLA Ti scominçi a cossa far … Zo, dai, provite!

BIANCA (in tono di rimprovero) Ma anca ti, mama! …

GASPARO Ma senti che roba! … (sorpreso, a Tonin) Ben insoma, e vualtri … cossa vol dir?

BIANCA Sì papà, se semo messi d’acordo. Mi go riconossuo el mio torto e se semo butai i brassi al colo.

GASPARO Ben … ciò; megio cussì. Co uno riconosse de aver sbalià, no resta altro da dir. (a Orsola) Ma mi go quela là che inveçe la vol aver razon, sempre. Eco la mia rabia!

GAETANA No papà, gabi pazienza, ma stavolta ti ga ciapà anca ti una bela cantonada.

GASPARO Senti chi parla!

GAETANA Sicuro … adesso posso parlar anca mi. Ti ga ciapà la stessa cantonada dela Bianca, confesalo via: ti volevi scimiotar anca ti Miciel. Ma Miciel no se lo copia. De Miciel no ghe ne xe che uno!

GASPARO E mi cossa sogio?

ORSOLA Voialtri se’ apena do marii.

TONIN Ma mi son ancora in tempo a far da omo!

GASPARO E mi no forse? Varda che se fra diese minuti no se magna, mi desfo la casa!

PINA (sull’uscio) El magnar xe in tola!

GASPARO (rimane un po’ interdetto, indi) Magnar … magnar … ma sta a védar cossa xe che se magna!

PINA Pasta e fasioi!

ORSOLA (scandendo le sillabe) E bacalà mantecato!

GASPARO (vinto, abbracciandola) La mia passion! La le imbroca proprio tute! … No se pol criar gnanca volendo … porco e po de una … bisseta!

SIPARIO

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno