Stampa questo copione

ZINGARI

‘E ZINGARE

Tragedia in tre atti

Versi, prosa e musica

Di RAFFAELE VIVIANI

PERSONAGGI

'O figlio d' 'a Madonna

'O diavulone, capo tribù

Palomma

'a tatuata

'Amariola

PUPELLA

'a fattucchiara

Marella

Zi' pascale

'O guaglione

guarracino

Palmira

Il medico

Il secondo medico

Il farmacista

Il terzo medico

Napoli, 1926

Commedia formattata da

ATTO PRIMO

Tela. La scena.

L'accampamento di alcuni zingari in una campagna brulla, arsa di sole, alle porte di Napoli. Il quadro che si presenta alla vista dello spettatore è deformato come una visione allucinata, di incubo. Un carrozzone sgangherato è fermo sul ciglio di una siepe, infondo. A destra, una tenda sudicia, sdrucita. A sini­stra, un'altra tenda di colore diverso. Una terza tenda s'intra­vede, sempre a sinistra, aldilà del carrozzone. Un asinelio scar­no e mal nutrito bruca l'erba rada. Canicola meridiana d'a­gosto. Si vedrà la tribù de 'O diavulone raccolta nello spazio centrale, limitato dalle tende e dal carrozzone. Gli zingari lavo­rano in silenzio. Zi ' Pascale, un vecchietto settantenne, dal viso rugoso, color terra, ha davanti a sé una piccola incudine infissa nel terreno e su di essa costruisce delle trombe di latta. Sull'incudine soffia per avvivare il fuoco, 'O guaglione. La forgia è a mantice, ed il giovane zingaro, ancora imberbe, fa compiere ai suoi polmoni un'immane fatica, anche perché l'ar­nese non è che una pelle di pecora, già cartilaginosa, e che dif­ficilmente riesce a distendersi per emanare l'aria. A quando a quando Zi ' Pascale, dopo aver costruito una tromba, prova a suonarla, per assicurarsi della giustezza del suono; quindi ripiglia a costruirne un'altra, arrotolando la latta a forma di cono, con il buco all'estremità e poi compiendo la saldatura con pezzetti di stagno incadescente, tratti dal fuoco con un for­cipe. Accanto alla stessa incudine v'è anche Guarracino, un uomo rossiccio sui cinquant'anni, tutto adipe, che batte inces­santemente con una mazzola su un foglio di lamiera nera, che taglia poi a regola d'arte con un paio di grosse forbici. Sua moglie, Palmira, poco discosta, è seduta su di un sasso ed è intenta a mettere un fondello ad un paio di pantaloni di suo marito. Costei è una vecchia sui sessant’anni, dall'aspetto miserabile e dal fisico minorato. Dinanzi alla tenda di sinistra, seduto accanto ad una seconda incudine, v'è ‘O figlio d’ ‘a Madonna: giovane bruno, tutto nervi, dai capelli arruffati e dal colorito olivastro, tutto preso dal suo lavoro di costruttore di palette di ferro, molle per il fuoco, triangoli, graticole ed altri ordigni strani. Poco discoste da lui sono tre donne: A tatuata, una femmina sui trent'anni che ha il viso segnato dal tatuag­gio ed è tutta adorna di monili e di cianfrusaglie; A mariola, sui quarant’anni, tipo di donna piccolina, dal fare ambiguo, dagli occhi bassi, che, talvolta, le brillano furtivi, vivacissimi; e infine Pupella, una zoppina dall'aspetto triste e macilento. Fuori della tenda che è nel fondo e che ha un aspetto più impo­nente, Palomma, una ragazza bellissima sui diciassette anni, e intenta a rimestare con un grosso cucchiaio di legno, in una grossa caldaia, che si regge a stento su di un rustico fornello. Affacciato ad un finestrino del carrozzone, ‘O Diavulone, il capo tribù, un omaccione sulla cinquantina, torvo e sinistro, guarda Palomma fissamente: dai suoi occhi traspare un senso di smodata e selvaggia sensualità. Ai piedi della scaletta che mena al carrozzone, v'è A fattucchiara, moglie de ‘O Diavulone, una megera, alta, ossuta, che s'affatica a lavare dei panni, curva la schiena su di una grossa tinozza, mentre la figlia, Marella, una giovane donna sui venticinque anni, rossa di capelli, dall'aria voluttuosa e provocante, vestita con un abito a tinte chiassose, prova dei passi di danza, accompagnandosi con le nacchere, al modo delle gitane. Un attimo di sospensio­ne, di silenzio. Poi il quadro si anima: tutti compiono le loro azioni, dando ad esse un ritmo agitato.

Musica

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (canta a fior di labbra una nenia tri­ste, desolata) Simme zingare, carne 'e sudore; ce accampammo e facimmo cient'arte. Uno more? È lassato addo' more! 'A marina, 'a bon'ora, se parte. Uno 'e meno. Va meglio 'o cumpagno, Ca, magnanno', have a zuppa cchiù' grossa. E se chiagneno sulo o guadagno: isso, ormaie, s'è acquitato int' 'a fossa! Simmo zingare, carne 'e sudore; ogne conta, ne simmo cchiù poche. Uno more? È lassato addo' more e 'e pperoglie se menano 'o ffuoco!

Spezza la musica

‘O Diavulone                          - (duramente) Eh, canta, tu! He fatto stuta' 'o ffuoco! Mena 'o mantice!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Stanno cantanno tuttu quante!

‘O Diavulone                          E ll'ate nun hann'a suscia'!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E che suscia'? Ce vonno 'eggravune! E po', senza 'e me, 'o munno se 'ncaglia?

‘O Diavulone                          - (a Palomma che, avvertito lo sguardo dell'omaccione, tenta di schivarlo) E fatta sta pulenta?

Palomma                                 - (mormora) No.

‘O Diavulone                          Dico... è fatta sta pulenta?

Palomma                                 Aggio ditto che no.

‘O Diavulone                          Famm' assaggia'. (Sporge maggiormente la testa dal finestrino, e caccia fuori la lingua) Miettammenne nu poco 'mpont' 'alengua. (Palomma non gli dà retta; l'altro rimane male).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (rabbioso, all'indirizzo del capo) Jh si 'a fernesce! (A fattucchiara lan­cia una guardatacela al marito che, deluso, ritira la lingua e resta muto a guardare Palomma con sempre mag­gior desiderio).

‘A tatuata                               - (a ‘O figlio d’ ‘a Madonna, che è rimasto ad osservare teneramente Palomma) Comme 'a guarde! (Con voce di rimprovero) Po' dice ca nun è overo... (A A mariolo) Ma che tene 'e bello, chella femmena?

‘A Mariola                              - (a 'Ofiglio d' 'a Madonna, mostrandogli A tatuata) Manco 'e scarpune Ile pò purta' a chesta!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (infastidito, a A tatuata) Tu che wuo'? Io sto guardanno 'a pulenta...

‘A tatuata                               'A pulenta? O a chella ca 11'a vota?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - A Palomma? (Abbassa il tono della sua voce) Facitelo sentere a ‘O Diavulone! Chillo già mme tene 'ncopp' 'o stommaco. (Con ama­rezza) Ormaie, è d' 'a soia, ce ha miso ll'uocchie 'ncuollo. E ogge o dimane, cu 'o bbuono o cu 'a forza, Palomma ha dda succombere!

‘A tatuata                               E che te ne 'mporta a tte?! 'O ddice, comme si stu fatto te faces­se tanto dispiacere...

‘A Mariola                              - (sollecita, mostrando A tatuata) Ha dda essere a fforza Palomma? Nun ce sta chesta?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (guarda male la donna) Jh comme sì affliggente! Palomma è na sfor­tunata comm'a mme. Tenimmo 'a stessa origine, stesso destino. ‘O Diavulone comme pigliale a me, guaglione, pigliaie a essa. A tene­va 'n cunzegna na vecchia, e' 'a lassaie a isso (mostra ‘O Diavulone) pecche nun 'a puteva da' a man­gia'. E isso s'allevaie comm'a na figlia, fino a che è stata piccerella... Mo che s'è fatta grossa... (E qui il giovane soffonde nella voce una palese amarezza) ...chi 'o ssa', 'a vedarrà' 'e n'ata manera, se sarrà ricurdato ca nun ll'è figlia...

Pupella                                    - (sottovoce, con aria intrigante, a A tatuata) Pecchesto, allora, ‘O Diavulone fa sempe chiacchiere cu 'a mugliera! ‘A Fattucchiara se sarr'accorta 'e ll'attenzione ca 'o marito tene pe' Palomma...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (fa con il capo un cenno di assenso, quindi con cupa rabbia repressa escla­ma) E 'a mugliera nun ce pò. Nun ce pò nisciuno! A chillo s'ha dda accidere!

Pupella                                    Seh! chella è fattucchiera bbona... Basta ca faciarrie na fat­tura a Palomma, cu 'a capa 'e pecuriello appczzata cu na forbi­ce, sott' 'a tavola d' 'o lietto, 'a faciarrie campa' tre gghiuorne!

‘A tatuata                               - (ridendo) E si tene sta pussanza, pecche nun ce 'a fa?

Pupella                                    E nun l'ha fatto ancora pecche nun è sicura. Ma, 'o juorno ca se ne sarrà cunvinta, vedarraie comme 'a distrugge! (A 'O figlio d' 'a Madonna) T'arricuorde chillo muscillo, ca ll'arrubbaie 'o piezzo 'e carne, comme 'o facette addeventa'? sulo 'a carcassa. Guaie a chi ce capita!

‘O Diavulone                          - (a V figlio d' 'a Madonna) Gué! fatica lloco!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (alle donne) Me vò fa' scapezza' vi­cino 'a 'ncunia! Dice ca simmo assaie! (Ripiglia la nenia) Uno 'e meno. Va meglio 'o padrone: tene sempena femmena 'e cchiù. E arrammanno na concola 'attone, dint' 'a recchia Ile fa nu ciùciù: "Tant' è muorto: tu sì na figliola: vuo' muri' pure tu, ma pecche?" E 'a guagliona accussì se cunzola: "Vuo' sape'? meglio a isso che a me" Simmo zingare, carne 'e sudore; sempe fore paese, 'n disparte. Uno more? E lassato addo' more! 'A matina, 'a bon'ora, se parte.

 Spezza la musica

‘O Diavulone                          - (a Palomma) S'è fatta? Famme assaggia'.

‘A Fattucchiara                      - (scattando) E n'ata vota mo? He sentuto ca nun s'è cotta ancora?

‘O Diavulone                          - (adirato) Che vuo', tu? (Gli zingari smettono di lavorare, muti, atten­ti).

 ‘A Mariola                             - (sottovoce a ‘A tatuata) Zitte, mos'afferrano!

‘A Fattucchiara                      - (inveendo verso Palomma) E st'ata schifosa...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (nervosamente) 'A schifosa nun è chella...

‘A Fattucchiara                      - (sgarbata) E chi è?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (guarda 'O diavulone e si reprime a stento) È 'O diavolo...

‘O Diavulone                          - (con gli occhi accesi di bile) Io?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No... (Con uno strano sorriso ironi­co) E allora io dicevo: "è ‘O Diavulone..." È 'o diavulo, ca ce mette 'a coda! (Gli zingari ammiccano, poi ripigliano il loro lavoro, in silenzio).

‘A tatuata                               - (teneramente a 'Ofiglio a" 'a Madonna) He visto? si mo, apposta 'e vule' bbene a Palomma, vulisse bbene a me, nun ce starrie colle­ra 'a te piglia': pecche a me nun me guarda nisciuno.

‘A Mariola                              Overo, comme si proprio nun esistesse.

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - (sopra pensiero, risponde a ‘A tatuata con malagrazia) Ma chi vuo' ca te guarda a tte?

‘A tatuata                               - (offesa) Pecche? so' brutta?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (confuso) No...

‘A Mariola                              Ah! (come dire: Lo credo bene) Sulo p' 'a carnagione... (In uno slancio di morbosa euforia, tenta di scoprire il seno a ‘A tatuata che si schiva, men­tre 'Ofiglio d' 'a Madonna, suo mal­grado, sorride).

Marella                                   - (s'è accorta frattanto che la madre è rimasta nervosa, le si avvicina) Mammà, nun date retta: facitelo fa' chello ca vò isso. (E mostra il padre, che è distratto) Pensate a wuie.

‘A Fattucchiara                      - (viperina) A chi?! io 'a faccio muri' ietteca a chella muscella! Lle faccio veni' quaranta juorne 'e freva malegna...! (E minaccia col gesto Palomma).

Zi’ Pascale                              - (sottovoce, a Guarracinó) Anema 'e paterno. Nun c'è gghiuorno ca nun fanno storie.

 ‘O guaglione                          - Che ggente...

Guarracinó                              - (disgustato) Peggio d' 'e zingare!

Pai mira                                  E nuie nun simmo zingare?

Guarracinó                              Eh... (Come dire: Già)... ma nun 'o ffacimmo... Pirciò, so' peggio d' 'e zingare!

Palomma                                 - ( a ‘A Fattucchiara con tono dimesso, umile) 'A pulenta s'è cotta.

 ‘A Fattucchiara                     - (a Marella che ha ripreso a danzare al suono delle nacchere) Posa sti castagnelle. (Agli zingari con voce d'imperio) A magna'! (Mentre gli zingari lasciano il loro lavoro e si raggruppano nello spazio centrale dell'accampamento, 'O diavulone scende dal carrozzone. Marella mette da parte le nacchere e prende una pila di piatti di terraglia, eh 'erano in terra, presso il carrozzone. (‘A Fattucchiara l'apostrofa) Piglia 'e ccucchiarelle, lassa sta' 'e piatte. (Marella esegue l'ordine entrando nel carrozzone. Palomma ha messo frat­tanto uno sgabello al centro, e vi ha deposto su una grossa insalatiera di terraglia).

Palmira                                   - (sottovoce a Guarracinó) Mangiammo tuttu quante dint' 'a 'nzalatiera

 ‘O guaglione                          - (approva, sarcasticamente) Comm' 'e puorce dint' 'o teniello.

Guarracinó                              Peggio d' 'e zingare! (Palomma, facendo grandi sforzi, è riuscita a tra­sportare la caldaia presso lo sgabello).

‘A Fattucchiara                      - (a Palomma, dopo aver avuto sentore della grande fame che c'è in giro) Menesta lloco. (E mostra l'insalatie­ra. Palomma versa il contenuto della caldaia nel grosso recipiente).

A tatuata                                - (afferrando per il braccio 'O figlio d ' 'a Madonna, che s'è mosso di qualche passo per aiutare Palomma, gli mor­mora all'orecchio, con affettata dolcezza) Mo mangiammo dint' 'o stes­so piatto.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (si allontana bruscamente dalla donna, dicendo a Palomma) A me lasciammenne nu poco dint' 'a caurara... M' 'o ffaccio raffredda', m' 'o mmagno stasera.

Guarracino                              E ch'addeventa? nu poco 'e colla?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Nun tengo famma.

'Amariola                                - (Sottovoce a ‘A tatuata, mostrandogli 'O figlio d' 'a Madonna) T'accum-mencia a wule' bbene. ( ‘A tatuata ha un'espressione di gioia). L'hè fatto passa' 'appetito. (Frattanto Marella ha fatto ritorno, recando pic­coli mestoli, che dispensa ai presenti).

‘O Diavulone                          - (ferma Palomma, nell'atto in cui costei vorrebbe chiedere a 'Ofiglio d' 'a Madonna il perché non voglia man­giare, quindi si rivolge a Marella, con voce decisa, mostrandole il giovane) Dalle 'a cucchiara. (Marella porge un mestolo a 'Ofiglio d' 'a Madonna, che l'accetta a malincuore. ‘O Diavulone quindi l'apostrofa) E mangia! (Minaccioso) Mangia! Nuie ce capimmo...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Che wulite?

‘O Diavulone                          Ce capimmo, eh?

Palomma                                 - (a 'O figlio d' 'a Madonna) Pecche nun vuo' mangia'?

‘O Diavulone                          - (spinge la fanciulla sgarbatamente) Pienz'a tte! (L'atto del capo tribù determina un gesto di rabbia de ‘O figlio d’ ‘a Madonna. Gli zingari hanno gli animi sospesi).

‘A Fattucchiara                      - (di scatto) Mo levo io, l'occasione! (Abbassa il braccio di Guarracino che stava per portare una cucchiaia­ta di polenta alla bocca e grida) Nun se mangia! (Ciò detto, afferra l'in­salatiera e, prima che ognuno possa dir parola, entra, infuriata, nel carrozzone. ‘O Diavulone mastica male, ma tace. Come tante pecore, gli zin­gari si avviano a tornare ai loro posti).

Guarracino                              - (tra sé) Peggio d' 'e zingare!

Palmira                                   Chesta è proprio na schifezza!

Zi’ Pascale                              - A 'o mumento ca uno s'ha dda magna' nu cucchiaro 'e pulenta e ddoie castagne spezzate...

 ‘O guaglione                          - ...tanno s'hann'a fa' veni' 'e nierve!

Pupella                                    - (a Guarracino) E dire che avarriamo 'a sta' comme a una famiglia. Durmimmo sotto 'e stesse tenne, mangiammo dint' 'o stesso piat­to...

Guarracino                              A chi? Menestammo dint' 'o stesso piatto...

 ‘O guaglione                          - ...ma rimmanimmo diune!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - 'O padrone ce sta facenno fa 'a cura pe' dimagri'!

Guarracino                              Ancora? Io tenevo chella triobbola! (Mostra il ventre) Guarda ccà!

 ‘O guaglione                          - Va buono! Tu staie ancora all'erta, e te lamiente?

Guarracino                              E aggi'a muri'?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Uno 'e nuie è supierchio. Nun ce capimmo ncopp' 'a carretta. S'ha dda alleggerì' 'o carreco!

 ‘O guaglione                          - (a Guarraàuo) He 'ntiso? He 'a muri' o tu, o io, o chisto! (Mostra Zi' Pascale).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (ripiglia la nenia) "Uno 'e meno: va meglio 'a muletta ca, tiranno, se sente cchiù leggia E s'arriva; e se ferma 'a carretta: "Vottan 'o ffuoco sta sporta, sta seggia!" Simmo zingare, carne 'e sudore. Ogne conta ne simmo cchiù poche. Uno more? È lassato addo' more! 'E pperoglie se menano 'o ffuoco!

‘O Diavulone                          - (tornando ad affacciarsi ed imponendo il silenzio) Neh! gué!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (ai tre zingari) P' ‘O Diavulone, 'o supierchio songh'io! E pe' mme... è isso!

Marella                                   - (avvicinandosi a Zi ' Pascale) Pasca', piglia nu poco 'a tromba, passeme 'a danza.

Zi’ Pascale                              - (vivacemente) Ojne', fallo p' 'a Madonna! Va a ferni' ca, p'a famma, m'agliotto 'a tromba!

Marella                                   - (insistendo, dopo aver guardato stra lenamente 'O figlio d' 'a Madonna, che, a sua volta, tien dietro a quanto va facendo Palomma) Meh, nu poco. M'aggi'a 'mpara' nu passo ca nun saccio. Tanto, p' 'o mmagna', nun n'hé 'a parla' cchiù!

Guarracino                              Jh che cumulazione!

Palmira                                   - (a & ' Pascale) Meh, falla cuntenta! (Guarracino e ‘O guaglione incitano a loro volta il vecchio, con un misto d'ironia e di gentilezza).

Guarracino                              Sona!

‘O guaglione                           - Sunate!

Zi’ Pascale                              - (sospirando) E sunammo!

Marella                                   Ah! Finalmente! (Zi' Pascale comincia a suonare «'a tromba», quello strumento zingaresco caratteri­stico, di forma circolare che si suona tenendolo stretto fra i denti e pizzican­dolo col pollice. Ne viene fuori uno strano ritmo, sul quale Marella comincia a provare dei passi di danza)

Pupella                                    - (a ‘A tatuata) Fa buono Marella, ca s' 'a spassa a balla'... (Si allonta­na entrando nella tenda di sinistra, mentre Palmira, dopo aver detto qual­cosa all'orecchio di Guarracino, entra nella prima tenda di destra).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (piano, a Palomma) Nu poco 'e pacienza...

Palomma                                 Me dispiace pe' tte...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E a mme, pe' tte...

Palomma                                 Nun ce risponnere, p' 'ammore 'e Ddio, si no te cumprumiette.. (E dà uno sguardo al carrozzone, per assicurarsi che ‘O Diavulone non ci sia).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con trasporto appassionato) Pure si avess'a perdere 'a vita pe' tte, 'a perdarrie cuntento! ("O diavulone torna ad affacciarsi al finestrino. 'O figlio d ' 'a Madonna si allontana da Palomma, muovendo con aria distrat­ta verso ‘A tatuata).

‘A tatuata                               - (ha visto i movimenti del giovane; gli parla con voce contrariata) Po' dice ca nun è overo...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (scattando) Tu che wuo'? Ah... Chisto è nu guaio passato...

‘A Mariola                              E comme... Haie 'a furtuna, e nun 'a saie capi'...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Io voglio muri' sfurtunato! ("A tatuata angustiata si allontana per la campagna, seguita da A mariola che la conforta).

Marella                                   - (smette di danzare, chiama a sé 'O figlio d"a Madonna) Viene 'a ccà, siente. (Zi' Pascale smette di suona­re; Marella dà uno sguardo a ‘O Diavulone, poi in tono imperativo si volge a Zi' Pascale e gli dice) Sona!

Guarracino                              - (a Zi'Pascale, come dire: evita) Sona!

‘O guaglione                           - Sunate! (E ride. Zi'Pascale, seccato, riprende a suonare la tromba).

Marella                                   - (a 'O fiiglio d' 'a Madonna, che si è avvicinato a lei) Pecche he fatto chiacchiere cu papà?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pe niente...

Marella                                   - (con disappunto visibile) Pe' Palomma?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (rapido) Pateto 'a vò bbene.

Marella                                   E tu pure! ‘O figlio d' 'a Madonna la guarda sorpreso; ella replica) Tu pure!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (vedendo che ‘O Diavulone ha chia­mato a sé Palomma e le parla, con rabbioso dolore) E pateto 'a vò per­dere, e 'a perdarra.

Marella                                   Nun ce credo. E po'? (Guardandolo fisso negli occhi) Te preme assaie stu fatto?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (impulsivamente) Sarrie capace 'e ll'accidere!

Marella.                                  - (colpita) Ah! Tanto ca chella guagliona t'è cara?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - È comme a mme: senza genitore. Nun ha avuto ato affetto ca 'o mio. Lle songo nu poco pato, nu poco frato, nu poco mamma. E perciò ca tengo 'o duvere d' 'a guarda'!

Marella                                   E allora pe' tte è quistione 'e vita o 'e morte?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - L'aggi'a salva' !

 Marella                                  - (dominando la piena dei suoi sentimenti, con apparente dolcezza) E siente. Io mo te prupongo na cosa. Io tengo 'o mezzo 'e salva' a Palomma.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Tu?

Marella                                   Io. Si è sulo p' 'a salva', si è nu sentimento 'e cuscienza, e nien-t'ato.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Che vuo' dicere?

Marella                                   Palomma nun sarrà tuccata, manco nu capillo. Ma tu, nun 'a guardarraie cchiù. Tu sarraie d' 'o mio.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (profondamente sorpreso) Io?

Marella                                   Sì. Songh'anne che me cunsumo. E tu, cecato pe' Palomma, nun m'hè maie visto, nun m'hè maie saputo capi'...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Mare'...

Marella                                   - (abbandonandosi all'impeto della sua passione) Guardarne! Vaco Palom­ma, o no? St'odio cu paterno fernarrà. Io t' 'a levo 'a dint' e wene! E tu ce miette a mme, a Marella. Paterno nun truvarrà difficoltà, pecche sarraggio io a di' ca te voglio. E paterno pe' mme, trave­de. Si pe' vuie ate è ‘O Diavulone, pe' Marella soia tene sempe na tennerezza spiciale.

 ‘O figlio ' 'a Madonna           - (resta un attimo sopra pensiero, poi esclama, deciso) Nun pò essere... Marella                            Ah no... ? (Fieramente mortificata) Pienzece buono!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No.

Marella                                   - (ferma) E allora Palomma avarrà 'a sciorte ca se mmereta. E tu 'a vedarraie scennere 'mpilo 'mpilo, comm'a na cannela 'e sivo fino a che nu sciuscio 'e viento t' 'a stuta.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (trasale, poi, come a sfidarla) Sì?

Marella                                   Sì. S' 'a gode paterno, o 'a faccio distruggere.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (quasi gridando) Sì! Ah! ma guaie a wuie, si He turcite nu capillo. Io ve dongo a ffuoco, fattucchiare maledette (Zi ' Pascale smette di suo­nare; Guarracino e 'O guaglione guardano tremanti ‘O figlio d’ ‘a Madonna; e 'O Diavulone, che ha smesso di parlare a Palomma, osserva il giovane, pronto ad intervenire).

Marella                                   - (ride sarcasticamente) E 'a forza chi t' 'a dà?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - 'E fforze 'e ttrov' io!

Marella                                   E vedimmo.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E vedimmo.

Marella                                   - (si controlla, vistasi guardata da suo padre; ritorna presso Zi ' Pascale e gli dice ostentando una insolita euforia) Pasca', piglia 'a tromba.

Zi’ Pascale                              - (piano a Guarracino, sfiduciato) Ah! E comme m' 'a levo cchiù a tuorno a cchesta?

‘O guaglione                           - Sunate.

Guarracino                              Sona.

Zi'Pascale                               E io schiatto! (Torna a suonare, mentre Marella ripiglia la danza).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con decisione coraggiosa chiama) Palo'!

Palomma                                 - (vincendo il terrore che le incute lo sguardo torvo de ‘O Diavulone, si avvicina a ‘O figlio d’ ‘a Madonna) Ch'è stato?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Guardate!

Palomma                                 - (impressionata) 'A chi?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - 'A tutte quante.

Palomma                                 - (maggiormente preoccupata) Ma pecche?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Te vonno perdere! Te vonno distruggere!

Palomma                                 - (geme) Ma ch'aggio fatto?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Nun tremma'. Ce stongh'io.

‘O Diavulone                          - (si avvicina adirato e afferra ' O figlio d"a Madonna per un braccio, dicen­dogli in tono perentorio) Tu a cche­sta nun Thè 'a da' retta. (Marella fa smettere a Zi ' Pascale di suonare. Gli zingari si avvicinano impauriti a ‘O Diavulone).

‘O figlio d’ 'a Madonna         - (dominando i nervi scossi; e, alluden­do a Palomma) Ve piace? È nu murzillo sapurito, eh?

‘O Diavulone                          - (con veemenza) Nun Thè 'a guarda' cchiù. E mo t' 'o ddico accussì...

‘O guaglione                           - (mormora a Guarracino, in disparte)... n'ata vota, s' 'o magna!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ...! N'ata vota me vattite?

‘O Diavulone                          E si ce vonno 'e mazzate t' 'e ddongo!

Palomma                                 - (vuole intervenire, atterrita) No... (Gli zingari si allontanano di qualche passo. Marella, con un ' espressione di cattiveria, entra nel carrozzone).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con voce vibrata) Nun 'o ddicite manco pe' pazzia. Na mana 'ncuollo ca mme mettarrisseve, ve mancarne 'e rispetto, e sfucarrie sta collera, sta bile... E ffernuta 11'epoca d' 'a schiavitù...! Si vuie m'avite allevato, io v'aggio dato 'e ppelle! Nuie faticammo comme a bestie, e che n'avimmo? Manco nu cucchiaro 'e pulenta! Ce accedimmo 'e fatica, e vestimmo e campammo ancora comme 'e sel­vagge... Faticammo comme 'e ffurmicole, pe' terra, dint'o turreno, e vuie allungate 'a barba! Mo basta!

'O Diavolone                          - (con fare sprezzante) E na vota ca basta, 'a via è larga, vattenne.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Ma Palomma vene cu mme.

'O Diavolone                          - Cu tte?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E 'a resto cu vuie? ('O diavulone cava un lungo coltello dalla tasca dei pantaloni e fa per slanciarsi contro 'O figlio d ' 'a Madonna che gli afferra il braccio, mentre gli zingari danno un breve grido di terrore).

Zi’ Pascale                              - (spaventato, muove verso il carrozzone gridando) Jate Ila!

‘A Fattucchiara                      - (accorre, chiedendo al marito) Pec­che sti cchiacchiere?

Marella                                   - (che ha seguito sua madre, aizzandola) Pe' Palomma.

‘O Diavulone                          - (previene lo scatto di sua moglie, gridando) Eh! Pe' Palomma! E che vulite? Si ve piace, è accussì. (Si rivolge a tutti, dominando) Ognuno 'o pizzo suio (Gli zingari, il capo abbassato, entrano nelle loro tende.’O figlio d’ ‘a Madonna si allontana di qualche passo verso il fondo. ‘O Diavulone muove verso il carrozzone e vi entra a passo deciso).

‘A Fattucchiara                      - (livida in volto, alla figlia) ... pe' Palomma.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ( segue attentamente, non visto, il dia­logo fra le due donne)... Ma tanto ca ce tene pe' chella ietteca?

Marella                                   Tanto!

‘A Fattucchiara                      - (con esasperazione) Ma io 'a faccio muri'!

Marella                                   E quanno? Pe' essa, paterno ve maltratta. 'A vede na riggina!

‘A Fattucchiara                      - (con risoluzione) Trovarne na capa 'e pecuriello, na carta 'e spingule e na canna e meza 'e fettuccia rossa. Votta na lira 'n terra, e scap­pa. Si essa te chiamma, nun t'avu­ta' e sputa.

Marella                                   - (trasalendo, mentre ‘O figlio d’ ‘a Madonna ha un'espressione di terro­re) ... A morte?

‘A Fattucchiara                      - (con un ghigno selvaggio) A morte! (Ed entra nel carrozzone).

Marella                                   - (si volge, in atto disfida a 'O figlio d 'a Madonna) Guerra?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (impavido, le risponde) Guerra! (Marella in fretta entra nel carrozzo­ne. ‘O figlio d’ ‘a Madonna rapida­mente si avvicina alla tenda di sini­stra e chiama) Guarraci'! (E, all'uo­mo, che appare, con gravità) Tu sì n'ommo e sì n'amico...

Guarracino                              - (dubbioso) Beh?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Joco cu ‘O Diavulone, 'a mugliera e 'a figlia, na partita o 'e vita o 'e morte. Mme serve n'amico ch'è disposto a cumbattere e ch'è di­sposto a muri'! E st'amico, sì ttu!

Guarracino                              - (spaventatissimo, ma deciso e con enfasi caricaturale) Io te ringrazio, ma va arricchisce a n'ato... (Chia­ri ma con un gesto) Pasca'! (Zi ' Pascale si avvicina, ignaro).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pasca', mme servono duie uocchie, pecche quattro vedono meglio. E mme servono nu paro 'e recchie.

Zi’ Pascale                              - (con tono fra il sorpreso ed il beffardo) Stu naso nun te serve? (Borbotta) Jh che modo 'e parla', che ttene chisto! (Chiama con un gesto 'O guaglione).

‘O guaglione                           - (avvicinandosi) Ch'è stato?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (guardingo) ‘O Diavulone...

Zi’ Pascale                              - Beh?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ... e cecato pe Palomma, 'a vò bbene.

Zi’ Pascale                              - 'O ssaccio'

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - E Palomma?

Guarracino                              E 'o core tuio.

‘O guaglione                           - 'O ssapimmo.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E chello ca nun sapite v' 'o ddich'io. (Afferra Guarracino per un braccio) Marella m'ha parlato d'ammore.

Zi’ Pascale                              - (trasecolando) Pure?

Guarracino                              - (spoetizzato, mormora) Peggio d' 'e zingare!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Ma io me songo negato, pecche 'a vita mia è Palomma! E Marella, schizzanno fuoco pe' ll'uocchie, ha ditto ca 'a vò distruggere, ca se vò vendica', che 'a vò fa' muri'! (La sua foga disperata si muta in una fredda decisione. A Guarracino) E pirciò mme serve st'amico ch'è disposto a cumbattere affianco a mme, ch'è disposto a muri'. E st'amico sì ttu!

Guarracino                              ?! St'amico te serve afforza? Nun ne putisse fa' a meno?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No, io nun basto. Mme servono n'ati duie uocchie

Zi’ Pascale                              - E nu paro 'e recchie.

‘O guaglione                           - E nu naso!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Dunque? (A Guarracino).

Guarracino                              - (rassegnato) Abbasta ca me rieste quaccosa, fa tu!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E allora?

Guarracino                              Io dico chesto: Marella tene 'a mamma, ca sapimmo chi è Chella fa canta' 'o gallo dint' 'o tiano!

Zi’ Pascale                              - Fa zumpa' 'e ffurmelle 'a vicino 'o cazone'!

‘O guaglione                           - Fa tremma' 'o rinaie sott' 'o lietto?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Guarracino) E pirciò ca m'hè 'a da' na mano!

Guarracino                              - (a Zi ' Pascale) A ppoco a ppoco nun me resta niente cchiù! A 'Ofiglio d" 'a Madonna) Na mano 'e che?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - A surveglia' a Palomma.

Guarracino                              Surveglia', va bene. Ma si ‘A Fattucchiara le fa quacche fattura? (E guarda Zi ' Pascale, come dire: Non ti pare?).

Zi’ Pascale                              - (a ‘O figlio d’ ‘a Madonna, mostrandogli Guarracino) Comme surve­glia?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E tu rum tiene 'e contro fatture?

Zi’ Pascale                              - Chi t'ha pregato?

‘O guaglione                           - 'E contro fatture 'e ssape ‘A tatuata, ca è quase cchiù fattucchiara d' ‘A Fattucchiara!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Overo?

Zi’ Pascale                              - T'hè 'a piglia' cu 'o bbuono ‘A tatuata.

Guarracino                              E t'hé 'a movere, pecche chella a Palomma l'ha dda mettere 'e mazzo d'evera' 'mpietto, si no 'a vecchia U'attacca subito 'o mmale!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Grazie.

Guarracino                              Te serve niente cchiù?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No. (Guarracino e Pascale escono) Viene 'a ccà. siente. (A ‘O guaglione) Famme veni' ‘A tatuata, e dincello: Gennarino te vò parla' a ssulo a ssulo.

‘O guaglione                           - (a’A Mariola, che appare) Chiamma ‘A tatuata, dincello che Gennarino l'ha dda parla' a ssulo a ssulo.

‘A Mariola                              - (esultando) Accussì l'aggi'a dicere? «A ssulo a ssulo?»

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Va!

‘A Mariola                              Io 'a faccio muri' d' 'a cuntentezza.

(Esce).

‘O guaglione                           - Chella è 'a femmena pe' tte! ‘A tatuata sta ancora cu a speranza ca te faie capace, e te ne vaie cu essa! Tu pazzie? Chella sta bbona, è ricca! Stessero 'e guaie miei comme sta chella. 'O saccio io, chillo tiempo ca stette a Napule, e me tte tte avviso sott' 'o palazziello 'o Ponte 'e Tappìa'. 'E meglie signure jevene pe' se fa' leggere a mano, e pe' se fa' fa' 'e ccarte

‘A Mariola                              - (rientrando, a 'O figlio d ' 'a Madonna, insinuante) Vaie bbuono tu! e vaco bbuono io! Aiere' pe' manna' a vede' tu che stive facenno, mme rialaie sta inanella 'e Fatma. (E gli mostra un amuleto, che ha appeso al collo).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Va buo', fance parla'.

‘A Mariola                              - (continuando) E m'ha ditto che appena t'unisce cu essa, mme riala nu lazzetto d'oro 'nturcigliato!

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - T'aggio ditto vattenne! (Entra A tatuata, e si ferma sorridente a guar­dare il giovane).

'Amariola                                - (sottovoce, a lei) V 'o ddicevo? Appriparateme 'o lazzetto.

‘O guaglione                           - (con falsa enfasi) Poveru Gennarino! È pazzo pe' tte. Mo ha fernu-to 'e chiagnere! (Sottovoce) E a mme, che me riale? (Ma prima che A tatuata possa rispondergli, A mariola se lo tira via).

‘A tatuata                               - (si avvicina a 'O figlio d ' 'a Madonna, con dolcezza un po' ironica) Comme va? te accummience a ffa' capace? accummience a ccapi' ca chesta nun è cchiù vita pe' tte? Nu piezzo 'e guaglione chino 'e salu­te, a s'abbruscia' vicino a nu man­tice? 'A furtuna nun se fa cu 'a fatica: se fa cu 'e cchiacchiere, 'mbruglianno 'o prossimo. Chi campa dritto, campa afflitto!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (dissimulando, ma con sforzo) È pir-ciò ca mme so' fatto cuscienza, e voglio campa' meglio.

‘A tatuata                               Dimme quanto te serve.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Niente solde. Me serve ll'opera toia affatata.

‘A tatuata                               Ah, ll'opera mia... E pe' echi serve?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pe' Palomma.

A Tatuata                               - (raffreddandosi) Ah... pe' Palomma?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Sì, pe' Palomma, p' 'a salva', pecche se trova in pericolo. E po', 'a vita mia è d' 'a toia.

‘A tatuata                               A chi è minacciata?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - D' 'a mugliera d' ‘O Diavulone, d' ‘A Fattucchiara.

‘A tatuata                               Pe' mezzo d' 'o marito?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Sì, ma pecche 'a figlia, Marella, m'ha parlato d'ammore. (A tatua­ta trasale) ... Ma io aggio ditto ca no! E Marella, credenno ca io voglio bbene a Palomma, ha ditto ca parlava cu 'a mamma... E sciuscianno dint' a ll'odio che 'a mamma tene pe' Palomma, pec­che Palomma è vuluta bbene d' 'o marito, Ile faceva fa' na fattura a morte! Sta guagliona, perciò, s'ha dda salva'. È nu scrupolo 'e cuscienza.

‘A tatuata                               - (suo malgrado) E io 'a salvo. (Poi, improvvisamente felina) Ma tu sarraie d' 'o mio, si no guaie pe' essa e pe' tte!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - So' d' 'o tuio!

A tatuata                                - (cava dal seno un piccolo fascio d'erba) Portale stu mazzetiello d'eve­ra. So' sette cape 'e rrobba. S' 'o mettesse 'mpietto. E si Ile vene nu dulore 'e capa, dille ca 'o resistes­se. Vò dicere ca 'a fattura è stata fatta, e eh'è fattura a morte! Dille ca 'o resistesse; p' 'o riesto, mm' 'o weco io. Ma tu sarraìe d' 'o mio!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - D' 'o tuio! (S'avvia nella sua tenda, mormorando fra i denti) A costo 'e muri' asfissiato! (In tanto Marella è apparsa, guardinga, e scompare nel carrozzone. ‘A tatuata esce) Guarraci'!

Guarracino                              - (entrando) Te servono nu paro 'e piede?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No, me serve nu core!

Guarracino                              Io l'aggio ditto ca quacche cosa te mancava!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (gli mostra il piccolo fascio d'erba) Ccà ce sta 'o mazzetto, 'o vi?

Guarracino                              - (tra sé, sarcastico) Ha dda fa' 'o brodo!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Statte vicino 'o carruzzone. Io aggi'a parla' a Palomma. Vide si seenne ‘O Diavulone!

Guarracino                              E si 'o veco 'e veni'?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Saglie 'ncoppa, e ce 'o 'mpediscel

Guarracino                              - (interdetto) Comme ce 'o 'mpedisco?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - O cu 'o bbuono o cu 'a forza!

Guarracino                              Addo' 'a piglio, sta forza?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - T' 'adongh'io. Va!

Guarracino                              - (fa un gesto di diniego) A echi? (Chiaìna) Pasca'! (Entra Zi Pascale) Miettete vicino 'o carruzzone. E si vide 'e scennere ‘O Diavulone sona 'a tromba! (Esce).

Zi’ Pascale                              - (contrariato, volge gli occhi al cielo) Sia fatta 'a vuluntà d' 'o diavulo! (Si avvicina al carrozzone tremando)

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (furtivamente, alla tenda di Palom­ma) Palo'!

Palomma                                 - (entrando, atterrita) Nun te fa' vede'! Vene 'o padrone!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (convinto) Nun vene! E si vene, ce sta Pascale!

Zi’ Pascale                              - Eh! (Come dire: Sta sicuro, ma in senso ironico) Ce stongh'io!

Marelia                                   - (si affaccia dal finestrino, scorge i due giovani, e si ritrae subito con ira mal repressa).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (dà alla ragazza il piccolo fascio d'er­ba) Miettete stu mazzetiello d'eve­ra 'mpietto. E si te vene nu dulore 'e capa, resistelo.

Palomma                                 - (spaventata) Me vonno fa' quac- che fattura?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Sì, ma cu chest'erba, nun te coglie! So' sette cape e rrobba, sett'erbe velenose. Na contro fat­tura, va spezza tutt' 'e ccurrente d' 'o mmale! (Frattanto è entrato 'O diavolone, profittando dell'assenza di Zi' Pascale, che nel vederlo suona la tromba. Al suo indirizzo

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - mormora tra i denti) Puozze jetta' 'o sango!

Zi’ Pascale                              - (sbalordito) E sciso 'a cielo! (Chiama) Cuarraci'! (Esce).

‘O Diavulone                          - (s'è avvicinato, frattanto, ai due giovani, con cipiglio iracondo. A Palomma) Zitta: nun tremma'! Tu nun c'intre! (Alzando il capo verso il car­rozzone) Nun facimmo sèntere! (Guarracino fa capolino dalla sua tenda. ‘O Diavulone cava un coltel­laccio. Guarracino si ritrae spaventa­to. A ‘O figlio d’ ‘a Madonna, che lo guarda impassibile) Piglia 'o suoccio 'e chisto. Palomma è 'a posta. A chi s' 'a piglia!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - A chi s' 'a piglia! (Entra nella tenda).

Palomma                                 - (dà un grido) Madonna! Ve jate 'accidere!

‘O Diavulone                          - Ce jammo 'accidere? 'O vaco, 'accidere!

Palomma                                 No!

‘O Diavulone                          Avimmo miso 'o prutettore! Ha avuto ragione ca nun aggio maie vuluto fa' scandalo, pe' mezzo 'e muglierema. Ma mo 'o levarrammo, stu capo 'a terra... E guaie a chi se mette 'mmiezo! 'O sventro! (Guarracino esce in fretta, preso da raccapriccio).

Marella                                   - (entra, trascinando sua madre e aizzandola) 'O vi, a mariteto? 'O vi che freva l'ha pigliato? A chi aspiette ca, a chella jetteca, nun t' 'a lieve 'a tuorno?

‘A Fattucchiara                      - (decisa e feroce) Essa 'o wò? E io ce 'o ffaccio! (Esce con Marella).

‘O figlio n' 'a Madonna          - (uscendo armato, a 'O diavulone) Jammo, jammece a ghiuca' a Palomma! (Guarracino spingendo a forza Zi' Pascale ritorna con lui in osservazione).

Guarracino                              - (a Zi ' Pascale che lo guarda) Se jocano nu cafè.

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - (a ‘O Diavulone) Awiateve p' 'o via-Ione, io vengo appriesso. ('O dia­vulone esce. ‘O figlio d’ ‘a Madonna a Palomma) Palomma mia, songh'anne ca te guardo comm'a na sora oso, e mo sento' 'e te vule' n'atu bene, cchiù pussente! Pe' te salva', darrie diece vite! Ah, ma si Ddio me fa cogliere ‘O Diavulone, io te levo d' 'a schiavitù! Isso, te vò! E si t'have, io murarraggio 'o stesso 'e gelusia. Meglio a tenta', meglio a gghiuca' sta par­tita. Prega a Ddio ca vencio, e sarrammo felice! (Chiamando) Guarraci'...

Guarracino                              - (avanza timidamente, spingendo Zi' Pascale) Ccà ce sta pure Pascale.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pascale nun serve.

Zi’ Pascale                              - (tra sé, soddisfatto) Lassa fa' a Ddio! (E sgattaiala nella sua tenda. Pausa).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Guarraci', t'affido a Palomma. Guaie a tte, si Ile toccano nu capillo. Nun Ile fa' da' niente. Si chella passa nu dulore 'e capa, io t'accido! (E rapidamente esce).

Palomma                                 - (cade, improvvisamente, svenuta) Madonna!

Guarracino                              Ah! (Come dire: Ci siamo! Chiama) Pasca'! Pasca'! (Zi' Pascale sporge un braccio dalla tenda e fa un gesto come dire: Vattene! Guarracino s'indi­gna) Chillu piezzo 'e carogna! (E chiama ancora) Palmi'... (E a Palmira, che accorre) Viene 'a ccà.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - e 'O diavulo ne se so' gghiute a fa' na partita... a Palomma!

Palmira                                   Che staie ammaccanno?

Guarracino                              So' gghiute a ffa' a curtellate pe' Palomma; e chesta, (indica Palom­ma) p' 'o schianto, è svenuta.

Palmira                                   - (soccorre la ragazza) E tu staie ccà?

Guarracino                              E che aggi'a fa'?

Palmira                                   Damme a chesta... Va Uà, curre, mìnete 'mmiezo!

Guarracino                              Accussi mme spanzano a mme!

Palmira                                   Curre! Chiamma ggente!

Guarracino                              - (grida) Pasca'! (Si vedrà soltanto una mano di Zi ' Pascale uscir dalla tenda e muoversi con un gesto di diniego) Ma che assassino! (Insiste) Viene 'a ccà, guarda a Palomma! (La mano ripete il gesto. Guarracino s'inferocisce) Puh! (e gli sputa contro) te pozzano accidere! (Affida Palomma tra le braccia di Palmira, ed esce in fretta).

Palmira                                   - (batte dei colpetti sul volto della ragazza) Palo'! Palo'! Uh, Ma­ donna! chesta nun rinvene! (Grida) Pasca'! (E la mano di Zi' Pascale ripete ancora lo stesso gesto) Donna Cate'! Mare'!

‘A Fattucchiara                      - (accorrendo, con Marella) Ched è?

Palmira                                   'O marito vuosto s'è gghiuto a curtellia' cu Gennarino! e a Pa­ lomma, p' 'a paura, U'hé wenuta na cunvulsìone!

Marella                                   - (viperina, alla madre) Pe' Palomma, he capito?

Palmira                                   - (tentando di richiamare in sé la ragazza) Palo'!

‘A Fattucchiara                      - Lascia 'a sta'! (Sottovoce alla figlia) Chisto è 'o mumento. Dalle a bevere chillu decotto, mentre io vaco avvede'! (Esce in fretta).

Marella                                   - (prende Palomma tra le braccia) Palmi', pigliammillo tu, chillu bicchiere cu 'o decotto. Sta, appena trase, 'ncopp' 'o scannetiello! (Palmira entra nel carrozzone. Marella ha un'espressione di selvag­gio sarcasmo; mormora, come se par­lasse a ‘O figlio d’ ‘a Madonna) He ditto guerra? E guerra sia! (Trae dal seno di Palomma il piccolo fascio d'erba e lo nasconde. Palmira ritorna col bicchiere di decotto. A lei, dissimu­lando) Dancillo tu, chesto 'a fa' rinverai'!

Palmira                                   - (mentre Palomma articola le labbra in un breve sospiro) Bive, Palo'! Che­sto te fa bene! (Palomma beve) St'a tu ppoco, meh! (Palomma consuma tutto il contenuto del bicchiere).

Marella                                   - (feroce) Chesto sa' comm' 'a rianima?

Palmira                                   - (sollecitando ancora la ragazza) Palo'! (La ragazza emette un gemito. Marella soddisfatta esce, sulla scia di sua madre).

Palomma                                 - (aprendo gli occhi ed assaporando dis- gustosamente il palato) Che vocca che tengo! Che m'avite fatto veve-re?

Palmira                                   Marella, 'a povera figlia, pe' te fa' rinveni', t'ha dato a bevere nu bicchieriello 'e rrobba!

Palomma                                 - (sbarra gli occhi, poi, istintivamente, si fruga il petto; non trova il piccolo fascio d'erba) Madonna! me l'ha fatta! (Entra ‘O figlio d’ ‘a Madonna, stravolto, seguito da 'O diavulone) Staie ccà?

‘O guaglione                           - S'è menata 'mmiezo 'a mugliera d' ‘O Diavulone...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E 'a partita l'avimmo rimandata a stanotte! (Sorpreso dallo stato d'ani­mo di Palomma) Ma eh'è stato?

Palomma                                 Appena te ne sì gghiuto tu, so' svenuta...

Palmira                                   E Marella, p' 'a fa' rinveni' l'ha dato a bevere nu bicchieriello 'e cierta robba verde.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Palomma, sussultando) Tiene Tevera 'mpietto?

Palomma                                 Me l'hanno levata!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con un grido) No! E Guarracino addo' sta?

Guarracino                              - (entrando) Sto ccà!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (terribile) Io t'avevo affidata a Palomma...

Guarracino                              - (non sa che rispondere; chiama) Pasca'! (Si vedrà la mano di Zi' Pascale ripetere il segno di diniego, dalla tenda).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (incalzandolo) T'avevo ditto: Guar­ dala!

Guarracino                              - (chiamando più forte) Pasca' !

Zi’ Pascale                              - (entrando) Tu che wuo'?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Guarracino, come per percuoterlo) T'avevo ditto: nun 'a fa' tucca! Nun Ile fa' da' niente!

Zi’ Pascale                              - (a Guarracino) E ll'hanno dato quacche cosa?

Palmira                                   Marella, quanno Palomma è svenuta, m'ha dato nu bicchierino 'e robba verde. (Guarracino trasale) Ha ditto: dancello a bevere. Che­sto 'a fa' rinveni'!

Guarracino                              E tu ce Thè dato?

Palmira                                   E io sapevo chesto? (Zi' Pascale, atterrito, ritorna nella sua tenda).

‘O guaglione                           - (trattenendo V figlio d' 'a Madonna, che vuole accoppare Guarracino) Uh! E si chillo mo te spanza, nun have ragione?

Guarracino                              - (urla) Pasca' (Zi' Pascale gli fa un gesto come dire: Va via!).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (comincia a disperarsi, guardando Palomma, assistita da Palmira) Guarraci', tu nun l'aviv'a lassa'... (A 'O guaglione) L'hanno fatta 'a fattura! Na fattura nera! (A Guar­racino) Io l'avevo cunzignata a tte!

Guarracino                              E io l'avevo cunzignata a Pascale...

‘A tatuata                               - (entrando, seguita da’A Mariola) Ch'è succieso?

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - Ce so' riuscite! Marella, prufìttan-no ca Palomma era svenuta, l'ha levato 1l'evera 'a pietto, e l'ha dato a bevere na bbobba!

‘A tatuata                               - (a Palomma) Era n'acqua culor cafè?

Palomma                                 No.

Palmira                                   Era verde!

‘A tatuata                               - (trasale anch'essa) Ce l'ha fatta a muri', sta fattura!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (rapido, a lei) Ma tu Thè 'a salva'!

‘A tatuata                               Ce sta 'o mezzo. Ma ce vo' nu poco 'e sango 'e crestiano!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (interdetto) Nun poco 'e sango 'e crestiano? Guarraci'!

Guarracino                              - (prevenendo ironicamente una sua eventuale richiesta) «Damme nu poco 'e sango?»

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (ha maturato il suo proposito) E ce lieve 'a fattura?

‘A tatuata                               Ce 'a levo!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a A mariola) Piglia 'o bicchiere!

Guarracino                              - (tra i denti) E venuto 'o lattaro! (A mariola porge il bicchiere a

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - che fulmineamente s'in­cide la vena, suscitando nei presenti un brivido di emozione).

‘A tatuata                               Poche gocce bastano! (Fa colare poche gocce di sangue nel bicchiere e arresta la ferita del giovane con un fazzoletto. Quindi, prende il bicchiere) Ricordate 'a prumessa, però!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Salvala!

‘A tatuata                               Penza ca io tengo 'o sango tuio! Nne faccio 'e te chello che voglio!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Salvala!

‘A tatuata                               Me serve n'ogna d' 'o dito mignlo!

‘O guaglione                           - (a Guarracino) Dalle n'ogna!

Guarracino                              E vide si nun vonno tutto cosa 'a me! (Zi' Pascale si mette in osservazione).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Donna Palmi', nu poco 'a forbìce!

‘A tatuata                               - (a 'A mariolo) Scippele duie capille! Tirale 'e cchiù luonghe. (A mariolo, strappa due capelli a Palomma, con cautela).

Zi’ Pascale                              - (a Guarracino, sottovoce) Che ha fatto?

Guarracino                              L'ha tirato 'e cchiù luonghe!

Palmira                                   - (tornando con le forbici) 'A forbice!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Dateme a mme! (Si strappa un unghia dal dito mignolo).

‘A tatuata                               - (a 'A mariolo) Attacca 'e capille ponta e ponta!

‘O guaglione                           - (ch'era in vedetta) ‘O Diavulone! ‘O Diavulone!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a A tatuata) Trase ccà! (Entra nella sua tenda con la donna e A mariolo. Palomma è sorretta da Palmira e da Guarracino).

‘O Diavulone                          - (entrando) Che ll'avite fatto?

Guarracino                              Niente!

‘O Diavulone                          E che ttene? (Idue esitano) Parlate!

Palmira                                   L'hanno fatta na fattura a morte!

‘O Diavulone                          - (ruggisce) Chi?

‘O guaglione                           - 'A mugliera vosta cu Marella!

‘O Diavulone                          - (furente) Ah! chella 'nfamona ce l'ha fatta (prende Palomma tra le braccia).

‘A Fattucchiara                      - (entrando, seguita da Marella, scorge il marito e grida al colmo dell'ira) Sì, abbracciatella!

Marella                                   Poc'ati juorne 'e vita Ile restano! Po' dint' 'e braccia te rimarranno ll'ossa!

‘A Fattucchiara                      - Sulo 'a carcassa! (Entra nel carroz­zone).

‘O guaglione                           - (tra i denti) Comme 'o muscillo!

‘O Diavulone                          - (all'indirizzo della moglie) Sì! strega d' 'a malora! Ma si chesta (e mostra Palomma) fernesce, fernarraie tu pure! Nu litro 'e benzina, e dongo a ffuoco tutto cosa! (Entra nel Carrozzone, mentre Guarracino e Zi' Pascale si stringono l'un l'altro, tremanti dal terrore. Palomma comin­cia lentamente a rianimarsi, a disten­dere le membra, a sorridere, come per­vase da nuova vita).

Marella                                   - (l'osserva, fuori di sé) Ma che ttene sta femmena, ca tutto cosa mme leva? L'ammore 'e paterno; e chello 'e n'ommo ca io voglio bbene! Mo fosse overo figlia d' 'a Madonna!?

Palomma                                 - (dà un grido, come di liberazione) Gennari'!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (accorre, si rende conto del miracolo; è felice. Poi, a Marella, trionfante) 'E ffatture nun ce ponno! (Abbraccia Palomma) E Palomma vularrà!

Marella                                   - (a ‘A tatuata, che entra, seguita da A mariolo) Tu, eh?

‘A tatuata                               Aggio dato 'a vita a chella (indica Palomma) pecche isso (indica 'O figlio d' 'a Madonna) m'ha data 'a vita soia!

Marella                                   E tu te Thè creduto? Pazza! 'mbriaca che ssì!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (sfidando Marella) Guerra?

Marella                                   Guerra! ('O figlio d' 'a Madonna, abbracciata di nuovo Palomma, la bacia sulla fronte ed entra con lei, nella sua tenda. ‘A tatuata trasale; A mariola allibisce; Marella rimane immobile)

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Preludio

Tela. La scena.

L'interno della tenda d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna, ampia, di tela grezza, con l'uscita a sinistra. Un rustico tavolino, e qual­che altra suppellettile. Una Madonna, con un lumino acceso davanti.

In primo piano, subito dopo l'uscita, un tettuccio con rozze scranne di ferro, senza spalliere, su cui giace 'O figlio d ' 'a Madonna ammalato, in preda ad altissima febbre. Intorno al letto, con espressione di tristezza sono: A fattucchiara, sua figlia Marella, Guarracino, Palmira, Zi'Pascale, Pupella e ‘O guaglione, nonché un medico di paese che attende paziente­mente presso il capezzale. In un angolo, Palomma è avvintis­sima. ‘O Diavulone e A tatuata sono in giro per la tenda.

Il medico                                - (togliendo il termometro dall'ascella de 'O figlio d"a Madonna, ed osser­vandolo) 39 e 5... Non è molto.

‘A Fattucchiara                      - Sarrà scesa. N'ora fa avev'a tene' per lo meno 42.

‘O guaglione                           - Eh... 56!

Il medico                                - (spiegando) Con la febbre a 42 si muore.

‘A Fattucchiara                      - E mez'ora fa, chillo era muorto.

Il medico                                E mo è resuscitato?

‘A Fattucchiara                      - Giesù... chillo smaniava, parlava isso sulo...

Il medico                                Ha dovuto toccare 40 e mezzo, 41 di febbre; ed è andato in delirio.

‘O Diavulone                          Pure aieressera parlava e scumbi- nava.

Marella                                   Ma poco fa addirittura pareva nu pazzo.

‘O Diavulone                          Diceva parole contro a mme! A mme, ca me l'aggio crisciuto, e e' 'o voglio bene comm' a nu figlio.

Il medico                                Ha parenti qui?

‘O Diavulone                          No. Tene a nnuie, comme si fossemo 'e genitore.

Zi’ Pascale                              - Ce l'affìdaieno a isso (allude a ‘O Diavulone) piccerillo. Comme ce l'affìdaieno a chella Uà, vedi te. (e indica Palomma).

‘O Diavulone                          Songh'io ca me l'aggio crisciute  tutt' 'e dduie. E comme voglio bbene a fìgliema                            (indica Marella) voglio bbene a lloro; e chiste (al­lude a tutti i presenti) 'o pponno dicere.

‘A tatuata                               - (mentre tutti approvano) P' 'a verità, ccà comme si fossemo una sola famiglia.

‘A Fattucchiara                      - Maie na chiacchiera, maie na di­scordia. Stentamm' 'a vita 'n santa pace, scravaccanno munta-gne, da paese a paese; facenno, comme se dice, 'a vita d' 'e zinga­re; pe' straccia' l'esistenza. E quanno uno 'e nuie tene nu dulore 'e capa, ll'ate, tutt'attuorno, malate d' 'o stesso male.

‘O Diavulone                          Mo p' 'a malaria 'e stu giovane, so' tre gghiuorne ca nisciuno fati­ ca.

Zi’ Pascale                              - Nun se dorme.

Guarracino                              Nun se magna.

Marella                                   E Gennarino stesse buono, almeno, fosse niente!

Palmira                                   Si 'o vedisseve, signuri', che bbuono figliulo!

‘A tatuata                               Ah, nu faticatore; e affezionato cu lloro... (Indica ‘O Diavulone e ‘A Fattucchiara) Ato che pato e mamma!

‘O guaglione                           - (non riuscendo a rassegnarsi) Ma comme 11'ha pigliata, sta pulmonite?

Il medico                                Polmonite galoppante.

Palmira                                   - (al marito) E che wò dicere «galuppante»?

Guarracino                              - (tentando di spiegare) Galuppan te... (E non riesce a trovare il significato del termine scientifico).

‘O guaglione                           - (col tono del «saputo») Galoppa sempre.

‘A tatuata                               - (al dottore, ansiosa) Signuri', ce sta pericolo?

Il medico                                Eh, certo è grave. Se non si ha qualche mutamento in giornata...

Palomma                                 - Pò pure muri'! (Il dottore si stringe nelle spalle e Palomma scoppia in un dirotto pianto).

PUPELLA                             - (piano al dottore, giustificando il dolore di Palomma) E 'a nnammurata...

Il medico                                Ah...

‘A tatuata                               Dint' 'a freva comm' 'a chiammava...

‘O guaglione                           - (ripetendo le parole del delirio de 'O figlio d'' 'a Madonna) «Palomma è d' 'a mia... l'aggio dato 'o sango mio p' 'a salva'... Mme so' tagliato na vena...

Il medico                                Overo?

Zi’ Pascale                              - E ched è, chesto? Faceva 'o nomme 'e tutte quante nuie... E cchiù 'e maleparole che ce ha ditto...

Marella                                   A papà 'o vuleva accidere, pecche diceva ca papà se vuleva piglia' a Palomma... (E trova enorme questo pensiero del malato).

‘A Fattucchiara                      - A mme dice ca io avevo fatto na fattura 'a 'nnammurata p' a fa' muri'...

‘A tatuata                               E chiammava a mme pe ce 'a fa' leva'... (Rievocando il delirio del malato) «Tu l'hé 'a salva'»...

Marella                                   - (con amarezza) Cu mme, po', ce l'aveva a morte!

Guarracino                              A mme m'avrà chiammato duiciento vote. Ogne cosa 'a vuleva 'a me. Vuleva 'o sango, vuleva ro­gne... All'ultimo, vuleva essere tirate e cchiù luonghe...

‘O Diavulone                          Parlava comme si fosse stato 'mmiez' a tante nemice.

Il medico                                E già. Nel delirio della febbre, fantasticava... Qualche piccolo dispiacere intimo lo vedeva ingi­gantito; così invocava sempre accanto a sé le persone più care.

Marella                                   ... Ma chella ca cchiù annummenava era Palomma... (E la guarda con invidia).

Palomma                                 - (con tristezza) Eh! tanta vote ce l'avite annummenato stu bbene, ca nne state vedenno 'a fine!

‘O Diavulone                          Neh, e pecche parie accussì?

Marella                                   Lassat' 'ai'. Chellamo, p' 'o dolore, nun ragiona cchiù, manch' essa.

‘A Fattucchiara                      - (perfar troncare quell'inizio di discus­sione) Nu poco 'e rispetto, ca ce sta 'o veterinario ccà....

Il medico                                Che veterinario? Il dottore... il medico...

‘O guaglione                           - (spiegando alla fattucchiara) 'O veterinario è 'o miedeco 'e ll'ani­male.

Zi’ Pascale                              - 'O miedeco d' 'e cane!

‘O Diavulone                          Signo', scusate. Chella è na zingara.

Il medico                                Beh, io vi saluto. (Porge al capo tribù una ricetta che precedentemente aveva scritto) Datele sta bevanda. Ma certo io direi portatelo in un ambiente chiuso. Ccà, 'mmiez' 'a ventilazione, chisto se arricetta cchiù ampressa!

Palomma                                 - Si 'o purtassemo a nu spitale?

Il medico                                All'ospedale nun l'accettano. Gli ospedali sono per i signori, per quelli che possono pagare. Ci vor­rebbe una forte raccomandazione. E chi v' 'a fa? Questo è un provve­dimento che deve esser preso subito, se no l'ammalato se ne va. Beh, vi saluto. ('O diavulone guarda tutti gli altri, e scambia espressioni che lasciano comprendere come non ci siano soldi per pagare il medico).

Guarracino                              - (al medico) Arrivederci...

Il medico                                - (accortosi che nessuno fa per pagargli il suo onorario) ... Come «arrive­derci»?

Guarracino                              E vuie nun avit'a torna'?

‘A Fattucchiara                      - (trova il coraggio di dire) Signuri', sta malattia 'e chisto ce ha arruvinato.

‘O Diavulone                          'O wedite? Tutte quante attuorno a isso, perdute...

‘A tatuata                               'A tre gghiuorne... Chi ha tenuta 'a capa 'e fa' niente?

Zi’ Pascale                              - Nun se dorme.

Guarracino                              Nun se magna.

Marella                                   Nun se fatica. Nun se cunzegna.

Pupella                                    Signori', non c'è scuorno.

‘O guaglione                           - (terminando la frase che Pupella forse non avrebbe pronunziato) ... Ccà nun ce stanno manco e solde pe' piglia' 'e mmedicine.

Il medico                                Ah?!

Guarracino                              Manco 'e solde pe' paga' 'o mie- deco.

Palmira                                   - (al marito) E menu male ch'avimmo truvato 'o signurino eh'è cari­tatevole...

Guarracino                              Ma certo! E si era n'ato, 'a ccà nun se muveva.

Il medico                                - (rifacendo l'intonazione di voce di Guarracino) E chi se move! (Deciso) Io aggio fatto 'a visita, e voglio essere pagato. (Pausa).

‘A Mariola                              - (con falso accento pietoso) Signuri', comme tiene 'a faccia, tiene o core. Chillo figlio che he perdu­to, 'all'ato munno, pregarrà Ddio pe' tte...

Il dottore                                A me non mi è morto nessun figlio!

‘A Mariola                              - (cercando di riparare) Ah! V'avevo pigliato p' 'o miedeco ca venette aiere.

Il medico                                E 'o miedeco ca venette, pure accussì 'o pagasteve?

Guarracino                              - (approva con un cenno del capo) E chillo 'e l'autriere nun fuie paga­to accussi?

Il medico                                - (con sarcasmo) Ah? Vuie cagnate nu miedeco 'o juorno?

‘O guaglione                           - Pe' forza. Vuie ce venarrisseve dimane?

Il medico                                A mme? M'hann'a accidere!

Marella                                   - (avviandolo) 'A Madonna t'accumpagna.

‘O Diavulone                          - (alla figlia) V 'he pigliato l'indirizzo?

Il medico                                - (mentre Marella fa un cenno di sì con la testa, ripete a sua volta) Sì! (Come dire: Ormai!).

‘O Diavulone                          Occorrendo, vi manderemo a chiamare.

Zi’ Pascale                              - Mannammo a chiamma' pure a ll'ate...

Il medico                                - (approvando ironicamente) Eh! Facimmo nu consulto!

‘O Diavulone                          - (fermando lo improvvisamente) Oh... E 'e mmedicine?

Il medico                                Vulisseve pure 'e mmedicine?

‘O Diavulone                          No... Dico 'e mmedicine s'hann'a spedi' subito?

Il medico                                Si capisce.

‘A Fattucchiara                      - Si 'o signurino ce facesse 'o favo­re...

Il medico                                V 'e waco a piglia' io? (Tra sé, esasperato) Ma sentite...

 ‘A Mariola                             No, quant'ardire... Ce disse' e solde pe' 11'accatta'.

Pupella                                    Po' facimmo unu conto.

Guarracino                              Facite una nota! (Pausa).

‘O Diavulone                          - (al medico che resta interdetto) 'A tre gghiuorne, attuorno a isso... (E mostra il malato).

Zi’ Pascale                              - (con la stessa cadenza) Nun se dorme.

Guarracino                              Nun se mangia.

Il medico                                - (rifacendoli) Nun se fatica. Nun se cunzegna. (Tra sé) E chesta è can­zone!

Marella                                   - (carezzandolo) Meh...

‘A tatuata                               Pe' sta bella faccia che ttiene...

Palmira                                   Meh, San Vide'...

Il medico                                Che Vincenzo? Io mi chiamo Benedetto! (E dà una moneta a Marella).

‘A Mariola                              E beneditto puozz'essere, pe' chello che he fatto a nuiate zingare.

‘A tatuata                               'O Signore ve n'accresce salute: a tte, e a chella bella mugliera ca tiene...

Palmira                                   Filomena.

Il medico                                Qua' Filomena?

‘A tatuata                               Assunta.

Il medico                                Qua' Assunta? Io non sono ammogliato!

‘O Diavulone                          - (seccato, alle donne) Meza ne 'nduvinasseve!

Marella                                   O vi comme so' brutte 'e mmalatie? (Il medico fa per andar via).

‘A Fattucchiara                      - (fermandolo ancora una volta) Signori', datece pure chillo coso ca mesura 'a freva. Accussì vedim-mo si aumenta.

Il medico                                II termometro? Quello sta dodici lire!

Palmira                                   E che ve fa a wuie? Guadagnate tanta solde...

Il medico                                Ce pare! (Le donne lo carezzano, per indurlo a cedere) Gué, giù le mani! (Ma, alfine, remissivo) Teccove 'o termometro!

 ‘A Fattucchiara                     - (osservandolo) Eh, non pozza maie servi'! (Mostrando il dottore) Quanno trase no miedeco dint'a na casa, t' 'a distrugge!

Il medico                                Mo l'aggio distrutta pure! Io non aggio avuto niente, e ce aggio rimesso 'o riesto! So' cose 'e pazze! (Si avvia, in fretta).

Zi’ Pascale                              - (richiamandolo) Dotto'!

Il medico                                - (esasperato) Jatevenne! (Esce).

‘O Diavulone                          - (a 'O guaglione) Accompagnalo! C O guaglione fa un 'azione come dire: Lasciatelo perdere. ‘O Diavulone, agli altri) Si 'o vuliveve pava' na dicina 'e lire non bastavano.

Guarracino                              Na dicina 'e lire? Nuie non starnino al corrente d' 'e prezze, pecche non 'e ppavammo; ma mo 'e miedece so' sagliute 'e tariffa.

Marella                                   E 'e ccinche lire che ce ha date p' 'a bevanda?

Palmira                                   E 'o termometro?

Guarracino                              Sentite a mme: doie o tre visite 'e cheste 'ojourno...

‘O guaglione                           - (ironico) ... Va 'a lemmosena! ("O figlio d ' 'a Madonna accenna a muo­versi. Palomma amorosamente si avvicina al suo capezzale e lo osser­va).

Palomma                                 - Se sceta... (Tutti gli altri si avvicinano al tettuccio premurosamente).

‘O Diavulone                          Gennari ...

‘A Fattucchiara                      - ... Simmo nuie...

‘A tatuata                               Ce conosce?

Marella                                   Comme te siente?

Guarracino                              Ce conosce, sì? ("O figlio d' 'a Madonna accenna di si con un movi­mento della testa).

Zi’ Pascale                              - Che t'hè sunnato?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Nu sacco 'e 'mbruoglie...

‘A tatuata                               - (volendo spiegare il fenomeno) 'A freva...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (fissa ad uno ad uno tutti i presenti e quasi non crede ai propri occhi nei vederli li, amorosamente chinati su lui, tanto il suo incubo gli sembra realtà) Giesù, ma che naturalez­za... (Ricordando il sogno) Mme so' tagliato na vena... (E si guarda il polso sicuro di vedervi la cicatrice).

‘O guaglione                           - Che vaie truvanno, 'a ferita?

 ‘A tatuata                              Tu he fatto un'arte a smania' tutt' 'a notte.

Guarracino                              - He parlato cchiù tu ca San Pietro!

‘O Diavulone                          E ce he ditto nu sacco d'improperie.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (guardandosi intorno) Palomma addo' sta?

Palomma                                 - Sto ccà.

Marella                                   - (sempre con la sua triste gelosia) Fatte vede'... (E spinge Palomma più vicina al tettuccio).

Palmira                                   - (a Marella) Ma che bbene, sentite!

Pupella                                    Appena arape ll'uocchie chiamma a essa! (Marella annuisce).

‘O Diavulone                          A mme, me vulive accidere.

Marella                                   A mme, me vulive fa' guerra.

Guarracino                              - 'A me vulive 'o core, 'o fegato, 'a curatella...

‘A Fattucchiara                      - Dicive ca io avevo fatto na fattura a Palomma...

‘O Diavulone                          ... E ca io m' 'a volevo piglia'.

Marella                                   - (fra sé, cattiva) Pure dint' 'o suonno se mette paura ca s' 'arrobba-no! (Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E che ssaccio... Nu cuofeno 'e 'mbruoglie... Ma accussì naturale... Pareva comme si tutte quante me fusseve state nemice... E inve­ce...

Palomma                                 - Avimmo chiammato 'o miedeco.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Chillo d'aiere?

Guarracino                              - Chillo d'ogge.

‘O guaglione                           - (ironico) Ccà non badammo a sacrificie!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Ah? l'avite trovato, a n'atu miede-co? E che ha ditto?

Palomma                                 - Tiene 'a polmonite. E dice che avarriss'a sta' a na parta chiusa, pecche ccà ce sta troppa ventila­zione.

‘O Diavulone                          - (alla moglie) 'O vulimmo porta' dint' a ddu nuie?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (mentre ‘A Fattucchiara approva) No! (Pausa) E quanno vene mo n'ata vota 'o miedeco?

Guarracino                              - N'ato ce ne sta ccà, a Capodichino, e 'o chiammammo dimane.

‘O guaglione                           - Po' ll'ate hann'a veni' 'a fore paese.

'Amariola                                - (entrando) Neh, a mangia'! (A 'O figlio d"a Madonna) Gué, Genna­ri', comme te siente? (Il giovane fa un gesto vago, e si sforza di sorridere).

‘O Diavulone                          - (mentre gli altri, tranne Palomma, si avviano all'uscita) Guarraci', va spedisce sta mmedicina.

Guarracino                              - Pasca'.

Zi’ Pascale                              - E vide si non chiamma sempe a mine! (Esce in fretta con gli altri).

Guarracino                              - (a ‘O Diavulone) Non ce pozz' i' doppo mangiato?

‘O Diavulone                          Va! mentre se mmenesta... (Lo avvia, escono. Palomma ha ripreso a piangere).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pecche chiagne? Allora so' mala­to grave! 'O ssaccio, mm' 'o ssen­to, ca sto mmale.

Palomma                                 - Avarriss'a sta' a no posto cchiù riparato!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No. Pò essere ca me fa cchiù male. Accussì songo abituato. Si nv aggi 'a salva', me salvo pure ccà. Tengo sete!

Palomma                                 - Mo vene 'a bevanda. Guarracino te l'è gghiuta a spedì'.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con tristezza) Eh! ce avevemo fatte tanta belli progette! ce ne scap­pammo, lassammo 'a caravana, ‘O Diavulone; non sarrammo cchiù zingare e spusarrammo. Io, a ffatica' notte e gghiuorno; e tu, sempe vicino a mme, a me sustene', a me conforta'... (Pausa) Nu surzo d'acqua fresca!

Palomma                                 - (gli porge la brocca) Ma che t'hè sonnato ca smaniave sempe?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - M'è paruto comme si ‘O Diavulone avesse avuta na 'menzione cu tte! e te voleva fa' d' 'a soia! (Palomma trasale, sbarrando gli occhi) Io 'o ssapevo, e te volevo difendere, a costo d' 'a vita! Po' m'è paruto ca 'a mugliera t'avesse fatta na fattura a morte, e che io ero juto a ddu ‘A tatuata pe' t' 'a fa' leva'... (Si sforza di ricordare) Marella, che ssa', me jeva contro, ma io lottavo, lottavo contro a tuttu quante. E pure dint' 'o suonno, pensavo e me ne scappa' cu tte. (Pausa) Tengo sete!

Palomma                                 - Mo he bevuto. (Gli tocca la fronte) Madonna! e comme cuoce!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Che aggio provato quanno me so' scetato! Te tenevo dint' 'e brac­cia, tutta d' 'a mia; e po' arapen-no ll'uocchie: 'o lietto, 'a freva, 'a morte...

Palomma                                 - (con un grido) No!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - 'A morte! M' 'a sento!

Guarracino                              - (entrando) Ccà sta 'a bevanda!

Palomma                                 - (toccando di nuovo la fronte del malato) Comme coce! (Lo aiuta a solle­varsi) Vuo' nu surzo 'e bevanda?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (dopo aver bevuto) Guarraci', guar­darne a Palomma!

Guarracino                              - (bonario) Pecche? tu non t' 'a può' guarda'?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Eh! Pe' quant'atu riempo m' 'a pozzo guarda' io?

Guarracino                              - Hai voglia!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Già non ce 'a faccio cchiù! Tu rieste ma io mme ne vaco.

Guarracino                              - Tu non tiene niente!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E allora facimmo a cagno: tu me daie 'a saluta toia, io te dongo 'a saluta mia!

Guarracino                              - No, lasciamo stare le cose come stanno!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - He visto ca non ce faie a ffa' a cagno! (Pausa) 'A vita mia, ora-maìe, nun serve cchiù!

Guarracino                              - (tra sé) E mm' 'a voleva da' a mme!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con accento lamentoso) Tutta na vita a soffri'! Ogne sorte 'e priva­zione: viento, friddo, stanchezza, famma! Patenze 'e tutte genere! E speravo 'e me fa' gruosso, 'e non soffri' cchiù. Me so' fatto gruosso, e mo moro! (A Palomma) T'aggi'a lassa', pe' sempe! 'Mmiez' 'e zin­gare, 'mmano 'O diavolone!

Palomma                                 - No! Non 'o ddicere cchiù!

Guarracino                              - Tu starraie bbuono, t' 'a spose, e t' 'a puorte.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E allora sperammo ca addo' vach'io, venarraie tu pure!

Guarracino                              - (tra sé) S'è fissato!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (canta) Simmo zingare, carne 'e sudore; ogne conta, ne simmo cchiù poche Uno more? E lassato addo' more e 'e pperoglie se menano 'o ffooco!

Spezza la musica

 (Si assopisce).

‘O Diavulone                          - (entrando s'incontra con Guarracino che fa per uscire col biechi ere della bevanda) Comme se sente? (Mostra il malato).

Guarracino                              - Meglio!

‘O Diavulone                          - (osserva il bicchiere, nel quale è rimasto un po' del contenuto e chiede) E chesta è 'a bevanda ca s'ha pigliato?

Guarracino                              - Sì.

‘O Diavulone                          - (a cui quel liquido non convince) Addo' Thè accattata?

Guarracino                              - A nisciuna parte. È nu decotto ca ha fatto 'a mugliera vosta. Dice ca è miracoloso.

‘O Diavulone                          E 'a cinche lire d' 'o miedeco?

Guarracino                              - Sta ccà! (La mostra).

‘O Diavulone                          Dammella! (La intasca).

Guarracino                              - (tra sé) Bevanda gratis! e ll'he trasuto pure 'o riesto! Peggio d' 'e zingare! (S'avvia).

‘O Diavulone                          Che he ditto?

Guarracino                              - Che se mangia?

‘O Diavulone                          'A polenta d'aiere!

Guarracino                              - (guardando una suola della scarpa scucita, con ironia) Giusto giusto, tengo na sola appesa, mo me l'az­zecco! (S'avvia di nuovo).

' O diavulone                          Guarraci '!

Guarracino                              - Si aggi'a mangia', bene! Si no trovo l'evangelio avotato! Ah! (Esce).

‘O Diavulone                          - (dopo aver sbirciato Gennarino, immobile; a Palomma, piano) Tu nun vaie a magna'?

Palomma                                 - E l'appetito chi m' 'o da'?

‘O Diavulone                          - (le sibila) Pazza! (Palomma lo guarda atterrita) Che wuo' fa'? Cade malata tu pure? (Ironico) Eh, fatte veni' na malatia, accussì muri te aunite; 'o faie compagnia all'atti munno! (Entra Marella e si ferma, in ascolto, non vista).

Palomma                                 - E vuie ce avite crisciuto, e parlate accussì?

‘O Diavulone                          - (concitato, scattando) 'O vuo' bbene? Tanto 'o vuo' bbene?

Palomma                                 - Tanto.

‘O Diavulone                          E si muresse?

Palomma                                 - No! (Gennarino ha un sussulto nel sonno).

‘O Diavulone                          - (sarcastico) Vuo' bbene a isso! E io? (Pausa) E brava! Jh che bella riuscita ca m'hè fatto! Vint'anne 'e mangia' perduto!

Palomma                                 - Ve n'aggio fatte servizie!

‘O Diavulone                          'O ssaccio! Comme a chillo ca mme faciste, quanno tenive tridice anne! (Sorride. Marella, in ascol­to, trasale. Gennarino apre gli occhi e, prima sorpreso, poi interessato, ascol­ta).

Palomma                                 - Zitto! (Guarda Gennarino che, stavolta, finge di dormire).

‘O Diavulone                          E pure che 'o ssente, che ffa? Anze, è meglio ca 'o ssape.

Palomma                                 - No!!

‘O Diavulone                          Ce 'o ddich'io! (Gennarino ha iaperto gli occhi) E 'o ffaccio sape' a tutto quante! Muglierema? o subisce o se ne va! In quanto a Gennarino po' vedimmo, quanno sape ca sì stata d' 'a mia, sì te vularrà ancora bbene!

Palomma                                 - (scoppiando in singhiozzi) Me vularrà bbene cchiù assaie...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con un moto fulmineo balza dal letto ed afferra, pure con debolissime forze, 'O diavulone, che non ha tempo di reagire) Carogna!

‘O Diavulone                          - (con ipocrita tenerezza nella voce) Gennari' !

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - A tridice anne Thè fatta d' 'a toia?

‘O Diavulone                          Ma che he capito?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Aggio 'ntiso, e aggio capito tutto! Te Thè crisciuta pe t' 'a gode'! Zin­garo senz'anema! E tu staie buono 'e salute... E io aggi'a muri'... (Si abbatte sul lettuccio, sfinito).

Palomma                                 - (con un grido) Gennari' !

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Scostate!

Palomma                                 - So' stata na vittima!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pe' diece anne he ditto ca mme vulive bbene; e tenive 'o peccato dint' a U'anema! E io pensavo: me sano! m' 'a sposo! (Pausa) Aggio avuto 'o colpo 'e grazia: pe' muri' senza requie, dannato!

Palomma                                 - Gennari'!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - M'ero accorto 'e na cosa: comme a na simpatia sorda, nascosta... M' 'o sonnavo, e zompavo p' 'o schianto, me mettevo appaura 'e dormi'... Mo, malato, 'o ppenzavo cchiù forte, e dicevo: È 'o delirio d' 'a freva... Ma mo veglio... (Volge lo sguardo intorno) Nun dormo... Nun è suonno... Nun è freva... L'aggio 'ntiso... (Si abbatte).

Palomma                                 - (spaventata, dà un grido di terrore) Aiuto! (Marella vorrebbe intervenire; ma il sopraggiungere degli zingari la fa ritrarre in fretta).

‘A Fattucchiara                      - Ch'è stato?

‘O Diavulone                          - (balbetta) S'è menato d' 'o lietto: l'ha pigliato n'ata vota 'o delirio.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con improvvisa furia, getta via le coperte) Voglio muri'!

Gli zingari                               - (preoccupati) Gué!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ... A tridice anne! Zingaro!

‘O Diavulone                          - (agli zingari che lo interrogano con lo sguardo) Accummencia n'ata vota a scumbina' !

Palomma                                 - (tocca la fronte dell'ammalato) Coce cchiù assaie!

Guarragino                             'A che s'ha pigliato chella bevanda, s'è 'nfucata 'a freva!

‘O Diavulone                          Ah, già, 'a bevanda... (Alla moglie) Comme Thè fatta?

‘A Fattucchiara                      - (sgarbata) Comme ll'avev'a fa'? 'E granfe 'e lacerta scamazzate, co ddoie goccie d'uoglio 'e vetriuolo!

‘O Diavulone                          Che te pozzano spara'! Ddoie goccie? Tu ce n'avarrie miso nu mesuriello!

Palmira                                   Gesù! chillo steva na bellezza!

‘O Diavulone                          - (esagerando il suo disappunto) Chella bevanda l'ha arruvinato! (Pausa) Beh, mannammo a chiamma' 'o miedeco. Guarraci'!

Guarracino                              - Ce aggi'a i' cu sei carabiniere, si no chi 'o porta ccà?

‘A Fattucchiara                      - Pecche?

Guarracino                              - Chillo apposta d'ave' 'a visita, ce ha refuso cinche lire e 'o termo­metro!

Palmira                                   E chiamma a chillo 'e dimane, a chillo 'e doppo dimane...

‘O guaglione                           - (spingendo Guarracino verso l'uscita) Chiammammo tutt' 'e miedece d' 'o paese!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (fermando i due, con un lento gesto della mano) Nun chiammate a nisciuno cchiù. Nun ghittate denare.

‘O guaglione                           - A chi? Chille nun hanno niente!

Guarracino                              - E ce refonnono pure 'o riesto!

‘O Diavulone                          Jate! (I due escono).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con voce lamentosa) M'ha acciso primma... (E mostra ‘O Diavulone) E mo mme vò salva' !

‘A tatuata                               - (a ‘O Diavulone) Chi l'ha acciso a chillo povero giovane? Parla!

‘O Diavulone                          - Io saccio chesto?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con espressione feroce, all'indirizzo del capo tribù) Zingaro!

‘A Fattucchiara                      - (impressionata, al marito) T'ha chiammato zingaro.

‘O Diavulone                          E che sso'? Nun so' zingaro?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - A tridice anne... Carogna!

‘A Fattucchiara                      - Che he fatto a tridice anne?

‘O Diavulone                          Tu che wuo'? Chillo parla dint' 'a freva!

Marella                                   - (entra decisa) Ched è? Pecche state tutt'attuorno a Gennarino?

‘A Mariola                              Ha avuto n'ato attacco!

Pupella                                    S'era menato d' 'o lietto!

‘O Diavulone                          Smania, e ce ll'have co mmico.

Marella                                   E lasciate 'o sta' nu poco cuieto.

Palmira                                   - (ai compagni) Overo: facimmelo arrepusa' !

Marella                                   - (eccitata) Jate, ascitevenne! 'O malato ha dda sta' solo! Una persona a 'o massimo, vicina, pe' chi sa volesse quaccosa. Ascite, ascite. Ce sta Palomma, e ce stongh'io! (Gli zingari escono commentando in vario modo. Lasciano presso il capezza­le dell'ammalato, che sembra di nuovo assopito, le due giovani donne. Lunga pausa. Poi Marella si volge a Palomma con fare circospetto) Viene 'a ccà, siente. Simmo a qquatto a ssape'... Tu, paterno, Gennarino e io.

Palomma                                 - (come trasognata) Che cosa?

Marella                                   - (cattiva) Nun 'o ssaie? Aggio 'ntiso... poco fa...

Palomma                                 - (allibita) Pure tu? (Pausa lunga).

Marella                                   - (sorride con amarezza) E brava! E dire ca io me so' sacrificata pe tte! non è overo? 'O ppuo' nega'? 'O ppuo' nega' ca 'a quann' eremo criature, 'a quanno pazziavemo assieme, io aggio tenuto sempe na grande simpatia pe' Gennarino?

Palomma                                 - E che wuo' dicere, mo?

Marella                                   Che voglio dicere? Nun 'o ssaie? Nun saie niente? Nun 'o ssaie ca criscenno aunite sta simpatia 'e guagliona è addeventata n'ata cosa? Nun 'o ssaie? Embè, che ce vuo' fa'! Gennarino, niente: vede­va surtanto a Palomma, surtanto a tte! E tu saie pure ca io, suffrenno chello che aggio sufferto, me so' stata zitta. Me so' sacrificata. E pecche me so' sacrificata? Pec­che? Si tu ire 'a femmena 'e pate­rno?

Palomma                                 - (con un grido soffocato) No!

Marella                                   Zitta! Busciarda! Tu Thè 'ngannato a stu povero giovane! E com-m'hè 'ngannato a isso, he 'ngan-nato a mme! Ma, comme se dice? «Chello ca non se fa, non se sape!». E 'o Pataterno ha voluto ca Gennarino e io conoscessemo tu chi sì! E mo 'o ssapimmo! 'o ssapimmo! E pirciò, sa' che te dico? Tu ccà non ce staie cchiù bbona! Pe' mammema, pe isso (mostra l'ammalato) e pe' mme! Te n'hè 'a i«! He capito? Te n'hè 'a i'! Simmo a qquatto a ssape' sta cosa; e sto fatto ha dda passa' sotto silenzio! Stanotte, he capi­to? he 'a spari'! E nisciuno, nisciu-no t'ha dda cerca'! Paterno? Pate­rno s' 'a levarrà sta spina 'a dint' a ll'anema; e Gennarino se sanarrà. 'O sano io! (Palomma scoppia in singhiozzi) Zitta! Niente ammuina! He 'a man tene' 'o silenzio. Tu 'o saie mantene'! He saputo starte zitta pe' diece anne! pe' diece anne he saputo fìngere! Fingiar-raie pe' n'ata mez'ora. Mo va a mangia', mo. E nun fa' vede'. A Gennarino 'o guard'io. (Palomma singhiozza più forte) Embè, he saputo fìngere pe diece anne e mo te vuo' tradi'? Va a mangia', va, vattenne! He capito vattenne? (La spinge bruscamente. Palomma esce, come un automa. Marella s'av­vicina al lettuccio, prende una mano di Gennarino, la stringe; poi si china a baciare quel volto cocente).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (mormora) Palomma!

Marella                                   - (si ritrae, angustiata) Ancora? (‘O figlio d’ ‘a Madonna apre gli occhi) Ancora Palomma?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Ancora e sempe!

Marella                                   E non he sentuto chi è?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ... A tridice anne, disgraziata!

Marella                                   Ah, già! (Con un sorriso) Non cape- va 'a povera anema 'e Ddio! Ha capito, però, ca s'avev'a sta' zitta!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - P' 'a paura 'e mme perdere!

Marella                                   E mo non t'ha perduto?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E mo m'ha perduto, sì! M'ha per­duto pe' ssempe!

Marella                                   - (scattando) Te perde pecche tu muore? No, te ha dda perdere, vivo! Tu camparraie; camparraie pe' mme!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Tenisse vicino nu muorto!

Marella                                   Io te sano!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - LI'anema, no!

Marella                                   Doppo chello ch'hè 'ntiso? Doppo tutto chello ca Palomma ha fatto?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ... Perdunarla, no; ma scusarme­la, maie!

Marella                                   È stata 'e paterno!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - A tridice anne!

Marella                                   Te l'ha nascosto.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pe' paura 'e me perdere!

Marella                                   'A vuo' ancora scusa'?

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - Sì! E 'mpunto 'e morte, 'a perdo­no!

Marella                                   - (felina) E muore! muore! muore! (Squarcia una parete ed un improvvi­so vento soffia nella tenda) Muore! E mo, perdonala; e portatella cu tte dint' 'a fossa! E stato buono ca he avuto chistu schianto! T'aiutarrà cchiù ampressa a muri'! a muri' cu sta freva malegna ca te roseca U'anema, cornine te roseca e ccar-ne! V'avit'a 'nfraceta' tutt' 'e dduie, tu e Palomma, comme se 'nfraceta 'a cascia sott' 'o turreno! (Esce in fretta. Pausa. Entrano Guarracino, il secondo medico, il far­macista e ‘O guaglione. Passano die­tro il capezzale dell'ammalato).

Guarracino                              - (mentre passa, si china sul giovane) Ccà sta 'o miedeco! (Si porta ai piedi del letto).

‘O guaglione                           - M'aggio portato pure 'o giovane d' 'o farmacista. (Frattanto sono entrati gli altri zingari, a piccoli grup­pi. Tutti si dispongono nell'ordine che segue: il farmacista, il secondo medi­co, ‘A Fattucchiara, 'O guaglione e Pupetta. ‘A tatuata,’A Mariola, Pai-mira e Guarracino formano un grup­po a parte. Solo, poco discosto dal letto, ‘O diavulone).

Il secondo medico                  - (a ‘O Diavulone) L'ammalato è stato già visto da altri medici?

Guarracino                              - Avite voglia!

‘O guaglione                           - È passato p' 'e mmane 'e tutt' 'e culleghe vuoste!

Il secondo medico                  - E nessuno ha indovinato la malattìa?

Palmira                                   Tuttuquante.

'Amariola                                Ma sapite ched è? A nnuie ce piace 'e cagna'!

‘A tatuata                               Si no 'o malato se secca...

Il secondo medico                  - 'O vulite fa' varia' nu poco! (Tocca la fronte de ' O figlio d" a Madonna, e lo sveglia, con piccoli buffetti sulle guancie).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (stravolto) Carogna!

Il secondo medico                  - (trasalendo) Cu chi ll'have?

Pupella                                    Signori', chillo parla dint' 'a freva!

‘O figlio d' 'aMadonna           - ...Zingaro!

Il secondo medico                  - Neh! Quello mi sta insultando!

‘A Fattucchiara                      - E chesto ched è?

Guarracino                              - Si sapisseve ll'ati miedece che s'hanno sentuto!

Il secondo medico                  - (un po' interdetto) Ah? (Prende il polso dell'ammalato, lo controlla) Eh, certo... La febbre è elevata... (Ha un brivido di freddo) Neh, ma ched è stu viento? (Cava di tasca il ter­mometro). E gli altri medici si sono trovati d'accordo con la diagnosi della malattia?

‘A Fattucchiara                      - Sì.

Il secondo medico                  - E che ttene?

‘A Fattucchiara                      - Nuie po' che ne sapimmo? ("O figlio d'"a Madonna scende improv­visamente dal letto, i piedi nudi. Gli zingari si affollano intorno a lui, cer­cando di rimetterlo sotto le coperte).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (grida) Voglio muri'! Voglio muri' !

Il secondo medico                  - E che mme site venute a chiamma' a ffa', si chillo vò muri'?

‘O Diavulone                          - (imperativo) Dotto', e muviteve! Facitelo cucca'!

Il secondo medico                  - È na parola!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (guarda il medico con occhi straluna­ti) E ch'è wenuto a ffa', chisto?

Il secondo medico                  - (istintivamente offeso) Neh... «chisto»...

Guarracino                              - Non date retta, dotto'!

‘O guaglione                           - Chillo a ll'ati miedece l'ha fatte martire!

Il secondo medico                  - Ah, sì?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (afferrandogli la giacca) Mme vuo' sana'? Mme vuo' fa' campa' pe' mme fa' soffri' cchiù assaie? E quanno io po' campo e soffro, non m' 'a piglio cu ttìco?

Il farmacista                           - (al secondo medico, che è livido di rabbia) Chesta, che brutta ggente... Dotto', jammuncenne!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (si apre disperatamente la camicia sul petto; gli zingari tentano di farlo star fermo; ma egli grida) Aggi'a muri' primma 'e stasera; e chìllo (mostra il secondo medico) mme vò salva'! (A lui) Aggi'a muri'!

Il secondo medico                  - E muore! a chi vuo' affliggere?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (agitandosi) Tutte contre me vanno! Tutte nemice mme so'! Tutte nemice! (A Guarracino) E tu pure!

Guarracino                              - Vuo' vede' ca mo s' 'a piglia cu mme?

Il secondo medico                  - Neh, ma ccà fa troppo viento... (A'O figlio d' 'a Madonna) Mettetevi sotto le coperte.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Non mme tucca'.

Il secondo medico                  - Meh, un po' di pazienza, meh...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - He capito o no ca io t'odio?

Il farmacista                           Dotto', sentite a me, jammoncenne.

‘O guaglione                           - (al medico) Mme fa meraviglia. Nisciuno collega vuosto l'hé stato accussì antipatico comme Ile site voie.

Zi’ Pascale                              - (entra trafelato; annunzia) Palomma se n'è gghiuta!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (dà un urlo) No!

‘O Diavulone                          - (sgomento) Addo' è gghiuta?

Zi’ Pascale                              - Che nne saccio? Chiagnenno m'ha abbracciato, e m'ha ditto: Addio, non ce vedarrammo maie cchiù. ("O diavulone non riesce a controllare il suo orgasmo, ed esce in fretta. ‘O figlio d’ ‘a Madonna getta via le coperte, e fa per infilarsi i calzo­ni).

‘A tatuata                               Gué!

‘A Fattucchiara                      - Ma che sì pazzo?

‘O guaglione                           - Addo' vuo' i'?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         A cerca' a Palomma!

Palmira                                   Cu sta freva?

'A Mariola                              Cu 'a pulmunita 'ncuollo?

‘A Fattucchiara                      Ca tu muore!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (come a sfidarla) Si non veco a Palomma, moro cchiù ampressa!

Palmira                                   - (al marito, mentre l'ammalato continua a vestirsi febbrilmente) E tienelo. Nun 'o fa' movere!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Guarracino che lo afferra) Non me tucca', sino te sbrano!

Il farmacista                           Jammuncenne!

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - Guaie a chi s'accosta!

Guarracino                              - Dotto', trattenitelo vuie.

Il secondo medico                  - Pe' mme fa' sbrana'?!

‘A Fattucchiara                      - (dominando) Ma addo è gghiuto maritemo? Jatelo a chiamma'. (‘A tatuata e’A Mariola escono).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (che ha fatto sforzi inauditi per reg­gersi in piedi, cade sul letto) Non ce 'a faccio! (Guarda il medico) Che ssi wenuto a ffa'? (Guarracino e Zi' Pascale lo rimettono ancora una volta sotto le coperte).

Il secondo medico                  - (toccando gli la fronte) La febbre è salita ai cieli! Pe' forza! (Gli mette il termometro).

‘O guaglione                           - (a ‘A Fattucchiara) Ma pecche se n'è gghiuta Palomma?

‘A Fattucchiara                      - E io che nne saccio?

Palmira                                   Giesù, chella 'o voleva accussì bbene; e 'o lassa 'e chistu stato?

Guarracino                              - Peggio d' 'e zingare!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (nel delirio) Palomma!

Zi’ Pascale                              - So' gghiuto a wede'... 'a so' gghiuto a chiamma'...

PuPELLA                              - (a Marella che rientra) 'O dottore l'ha miso 'o termometro!

Palmira                                   'A freva è sagliuta.

‘A Fattucchiara                      - (a Marella) E Palomma?

Marella                                   - (scattando) Pure vuie?!

‘A Fattucchiara                      - Ma pecche?

Marella                                   E sì! voie Favissev'a cerca' meno 'e ll'ate!

‘A Fattucchiara                      - Ma mme vuo spiega' 'o ppecché?

Marella                                   E che v'aggi'a dicere? È bbuono ca se n'è gghiuta! E sperammo ca non venarrà maie cchiù!

‘A Fattucchiara                      - Io non te capisco. E pateto? Addo' sta? LI'he visto?

Marella                                   Sì. LI'he gghiuta 'a trova isso, a Palomma!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con un sussulto rabbioso) È gghiuto addu Palomma? E chisto (mostra il medico) mme vò salva'? (Si toglie il termometro, e lo getta via).

Il farmacista                           - (si china a raccoglierlo) S'è rotto.

Il secondo medico                  - (seccato) Addio termometro! E meno male ca ne tenevo n'ato. (Lo mette sotto l'ascella dell'ammalato).

‘A Fattucchiara                      - (alla figlia) Ma Palomma ha fatto chiacchiere cu quaccheduno?

Marella                                   - (con voce sorda) No.

Palmira                                   Ma allora pecche se n'è gghiuta?

Marella                                   Uffa! non 'o ssaccio!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (getta in terra il secondo termometro) Non 'o voglio!

Il farmacista                           - (lo raccoglie) S'è rutto.

Il secondo medico                  - Pure!

‘O guaglione                           - (sopra pensiero) E na cosa ca non se spiega. Non è overo, dotto'?

Il secondo medico                  - (seccato) Che cosa?

O guaglione                            'O fatto ca Palomma se n'è scappata!

Il secondo medico                  - E a mme che mme ne preme? (Pausa) Ce aggio appczzato dduie termometre! (Li guarda, sbuffan­ti! do; poi, al farmacista) Che wuo' fa'? Vanne a piglia' n'ato, 'a far­macia.

Il farmacista                           Vaco e vengo

(esce).

Pupella                                    - (a Zi' Pascale) Ma Palomma t'ha ditto proprio: non ce vedimmo cchiù?

Guarracino                              - E non Thè spiato 'o ppecché?

Zi’ Pascale                              - Ce l'aggio spiato.

‘A Fattucchiara                      - (esasperata) E che ha ditto?!

Marella                                   - (prevenendo...Zi' Pascale che fa per parlare) Che ce ne 'mporta a nnuie, mammà! Penzammo a chisto, mo. (Mostra l'ammalato. Poi al secondo medico) Dotto', che freva tene?

Il secondo medico                  - 'A freva? 'A freva 'a tengh'io! Chillo m'ha scassato dduie termo-metre. Aggi'a avut'a manna' a ppiglia' 'o terzo.

' O guaglione                          E va Duo '... Si sapisseve ali ' ati miedece che l'ha fatto!

Il secondo medico                  - (con sarcasmo) È ove'?

‘A Fattucchiara                      - (afferra Marella per un braccio) Tu saie... Tu saie...

Marella                                   Non saccio niente... Ali, me faie male... E pure si sapesse...

‘A Fattucchiara                      - Parla! He 'a parla'! (La percuote).

Marella                                   - (stizzita) Eh! E parlo! Che me metto appaura? Palomma è stata 'a femmena 'e mari te to!

Guarracino                              - !! D' ‘O Diavulone? (Gli zingari si guardano allibiti. Il medico ha un'espressione di disgusto, e volta le spalle al gruppo).

‘A Fattucchiara                      - (tremando di rabbia) Palomma, 'a femmena 'e pateto?

Marella                                   Eh, sì, teneva tridice anne! Ll'aggio saputo poco fa! E so' stat'io ca ll'aggio ditto: Vattenne! (Entra 'O diavulone, accigliato).

‘A Fattucchiara                      - (lo afferra di scatto, lo trae in disparte, e gli grida sul volto)... A tridice anne 11'he avuta...? Zingaro! (Ed esce, tra­scinata da Palmira e da Pupella).

‘O Diavulone                          - (fulmina con lo sguardo Guarracino, 'O guaglione e Zi' Pascale) Chi ha parlato? Isso? (E mostra il malato).

Marella                                   - (scattando) No! Aggio parlato io!

‘O Diavulone                          Tu?! (Le afferra i polsi, la getta in terra, fa per colpirla).

Marella                                   Lassateme! (Esce in fretta).

Il farmacista                           - (rientrando, al secondo medico) Ccà sta 'o termometro.

Il secondo medico                  - (lo mette sotto l'ascella dell'ammalato) Vedimmo si rompe pure chisto!

‘O Diavulone                          Dotto'...

Il secondo medico                  - Che volete?

‘O Diavulone                          Voi che ne dite?

Il secondo medico                  - Di che?

‘O Diavulone                          Di quello che avete sentito.

Il secondo medico                  - (un po' timido) Vedete, se è vera la cosa, questo Diavolone dev'essere proprio un mascalzone!

‘O Diavulone                          Sì?

Il secondo medico                  - Un maialone mai visto!

‘O Diavulone                          E... pecche? (invano Guarracino, 'O guaglione e Zi' Pascale tentano d'impedire che il medico persista nel­l'equivoco) Zitte vuie!

Il secondo medico                  - Diamine! Seduce la ragazza che ha allevato, avendo una moglie ed una figlia zitella!

‘O Diavulone                          Ah... ecco! E voi per questo dite ca è nu maialone?

Il secondo medico                  - Ma certo: un rifiuto della società! un fetente!

‘O Diavulone                          - (dominandosi a stento) Va bene, ho capito! (Gli mostra l'ammalato) Chisto che freva tene?

Il secondo medico                  - Un momento: non sono ancora passati i dieci minuti.

‘O Diavulone                          E gghiatevenne, ca 'o termometro 'o guardo io.

Il secondo medico                  - Ma io mi devo riportare il termometro.

‘O Diavulone                          V 'o manno 'a farmacia.

Il secondo medico                  - E non devo essere pagato?

'O diavolone                           E si 'o malato non guarisce?

Il secondo medico                  - Deve guarire prima?

‘O Diavulone                          È logico! Si more, io jetto 'e solde?

Il secondo medico                  - Ma io la visita l'ho fatta!

‘O Diavulone                          Basta! (Ai tre zingari) Cacciatannillo!

Il secondo medico                  - Come?

Guarracino                              - Dotto', è inutile insistere. Chisto è 'o sistema nuosto!

Il secondo medico                  - E ll'ati miedece pure accussì l'avite trattate?

‘O guaglione                           - Ve l'aggio ditto: peggio!

Zi’ Pascale                              - Chillo 'e stammatina non solo non ha avuto niente, ma ha caccia­to pure 'e solde d' 'e mmedicine!

Il secondo medico                  - Sì?

‘O guaglione                           - Chillo d'aiere abbuscaie!

Il farmacista                           Jammuncenne!

Il secondo medico                  - (scattando) No! Io da qui non esco, se non mi pagate prima la visita!

‘O Diavulone                          - (ch'era rimasto in disparte e sopra pensiero, interviene, calmo) Ma voi sapete da chi dovete essere paga­to? Da ‘O Diavulone!

Il secondo medico                  - Pure? Pure la sfortuna d'aver a che fare con questo farabutto?

Zi’ Pascale                              - Zitto! Vuie sapite 'O diavolone chi è?

Il secondo medico                  - No!

‘O Diavulone                          Songh'io!

Il secondo medico                  - Voi?

‘O Diavulone                          Sì! sono io, quel farabutto! Quel rifiuto della società! quel maiale! Sono io quel fetente!

Il secondo medico                  - Mamma d' 'o Carmene! No, ma io... (Al farmacista) Che m'hè ditto, tu?

Il farmacista                           Chi ha parlato, dotto'?!

‘O Diavulone                          Zitto! Vedi te mo che freva tene!

(Mostra l'ammalato).

Il secondo medico                  - No... Mo aggi'a vede' 'a mia addo' è sagliuta!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (nel suo nuovo delirio) A morte... A morte... S' 'o mmereta...

Il secondo medico                  - Ah, Madonna!

Il farmacista                           Jammuncenne!

‘O Diavulone                          - (incalzando il secondo medico) Avite visto? pe' causa vosta sta peggio! (Lo afferra, per percuoterlo).

Il secondo medico                  - Aiuto! Aiuto!

‘O Diavulone                          T'aggi'a fa' scunta' 'e pparole ca m'hè ditto!

Il secondo medico                  - Aiuto, ca chisto m'accide! (Gli zingari accorrono alle grida, confusa­mente, mentre il malcapitato medico incalzato dal capo tribù continua a! strillare insieme al farmacista).

Marelia                                   - (dominando, il tumulto, dopo essere accorsa al tettuccio) Zitto, stateve zitto. Chillo more! Chillo more!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con voce sempre più roca) A morte! A morte! Afferrate ‘O Diavulone. È isso 'o peggio nemico nuosto. Chillo ca ce sfrutta, chillo ca se mangia tutte 'e ffatiche ca noie facimmo. (Fissa le donne con occhi stravolti), pulite essere sempe zin­gare, vuie, o vulite addeventa' femmene? Femmene, capite, comme a ll'ate! (Fissa il gruppo degli uomini) E wuie? Site uommene, vuie? No! Fino a quanno non sarrate liberat d' 'a schiavitù, vuie site pecore! (Pausa) Ma comme è ancora 11'epoca d' 'e zingare, che-sta? d' 'e caravane, d' 'e cape tribù? E wuie, overo ve penzat 'nduvina' 'a sciorta? No! Vuie site povera gente che ha dda magna'! Si anduvinasseve 'a sciorta, sapar-risseve 'a vosta; invece vuie cam­pate juorno pe' gghiuorno 'o scuro; vestenne accussì, pe' ve fa' piglia' almeno pe' zingare. Si no, manco pe' zingare ve pigliarraie-no! Sentite a me, scetateve 'a sto suonno! Ognuno 'e vuie trovasse 'a via 'e campa' comme a tutte li ggente ca faticano, comme a wuie, senza 'o padrone ca cumanna! Comme a mme, ca m'aggio faticato sempe 'a vita ia! (Ha una violenta crisi) E capisco, e perciò me danno!

Marella                                   Dotto'...

Il secondo medico                  - (al farmacista, rude) Jammuncenne! (Esce con lui rapidamente).

Marella                                   - (disperatamente) Dotto', dotto'! (Agli altri che la guardano desolata) E mo comme facimmo, comme facimmo? (Lunga pausa).

'O Diavulone                          - (freddamente) Pe' mme non ce sta cchiù speranza.

‘A tatuata                               - (con un grido) Ce penz'io! Ce penz'io! Lle facc'io nu decotto spe­ciale e 'o salvo!

Marella                                   Tu?!

‘A Fattucchiara                      - Nun ce aggio potuto fa' nient'io!

‘A tatuata                               E io ce riesco!

Marella                                   Pazza!

‘A tatuata                               Sì, sarraggio pazza ma non pozzo vederlo mori'! 'O voglio bbene! 'O voglio bbene pur'io! Cchiù d' 'a vita mia! (Si china sull'anima lato) Gennari', Gennari'!

Marella                                   - (chinandosi a sua volta, tra le lagrime) Gennari', Gennari'!

Musica

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (si leva lentamente e fa cenno agli zin­gari di zittire. Tutti si avvicinano al lettuccio. Soltanto ' O diavulone rima­ne in disparte. Egli dice con voce rotta) È 'a caravana che s'ha dda distruggere, che s'ha dda da' a ffuoco! (Allucinato) Palomma mia, me so' ssanato. Te perdono. Nun simmo cchiù zingare. Viene vici­no a mme, tutta vestuta janca Quanta sciure! Quanta sciure! Quanta sciure! (La commozione prende tutti i presenti. Le donne, inginocchiate, piangono).

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Tela

La scena.

S'intravede come in una visione di delirio la scena del primo atto, tutta effusa da una densa nebulosa.

Musica

La voce d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna - ... Palomma mia, me so' ssanato. Te perdono. Nun simmo cchiù zingare. Viene vicino a mme, tutta vestutajanca. Quanta sciure. Quanta sciure. Quanta sciure. (Durante quest'ultima esclamazione si va diffondendo una luce chiara, abbagliante. Dall'alto, piovono foglie di rosa).

Spezza la musica

La voce di Palomma               - (con un grido) Gennari'! (Entra Palomma. È in abito da sposa con un velo bianco e fiori d'arancio. La seguono Palmira e’A Mariola in curiose acconciature da festa)                            - (Entra dalla sua tenda 'Ofiglio d"a Madonna, vestito da cerimonia, con tuba, e guanti).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (muove verso la sposa. È raggiante) Palo'! (Lo seguono Guarracino, Zi' Pascale e ‘O guaglione, anch'essi a festa, in nero e guanti bianchi. I due giovani si abbracciano) Sì d' 'a mia finalmente, tutta ti" 'a mia! Quan­to 11'aggio aspettato chistu juorno! Quanto! (Agli uomini) Avite viste? V 'o ddicevo?! Mo nun simmo cchiù zingare!

Guarracino                              - Nun sarrate vuie, pecche mo ve ne jate. Ma nuie mo ce spugliammo, e gghiesce 'o zingaro 'a sotto.

Zi’ Pascale                              - E meh, partite, nun perdite tiempo, jatevenne.

‘O guaglione                           - Pò scennere ‘O Diavulone 'a nu mumento a n'ato.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No, io nun ve lasso! Io aggi'a salva' pure a wuie! Già tengo 'o piano: avimm'a assalta' 'o carruz-zone; 'e ffemmene attaccano a Marella e ‘A Fattucchiara; io dongo a ffuoco tutto cosa, e tu (a Guarracino) t'affìerre cu ‘O Diavulone!

Guarracino                              - Io te faccio pazzo! E si chillo mme spertosa?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E te spertosa! Chesta è 'a guerra!

Zi’ Pascale                              - Qua' guerra?

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - Vuie avit'a fa' cunto comme si avissev'a parti' p' 'o fronte. 'A guerra è dichiarata, e vuie site state richiamate!

Guarracino                              - Ma st'esercito te serve afforza? A mme nun mme putisse rifurma'?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No, hann'a cumbattere pure 'e ffemmene. Aggi'a fa' na mubilitazione generale. Vuie 'e mmappate l'avite fatte?

Palmira                                   No.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E a chi aspettate? 'O ssapite o no ca mo ha dda accumincia' 'o ffuo­co?

Guarracino                              - Che ffa? Sparano 'e ggranate?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - St'accampamento fra nu quarto d'ora sarrà nu vrasiere, tutto nu vrasiere. (A 'O guaglione) Va mme piglia 'a stagnerà e' 'o petrolio. ("O guaglione esce rapidamente) Ognuno 'e nuie ha dda essere na miccia. Guarraci'...

Guarracino                              - E vide si nun viene sempe addu me!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E tu nun sì n'ardito?

Guarracino                              - Chi t'ha pregato?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Cheste so' operazioni pericolose, ca nun ponno fa' 'e ffemmene.

O guaglione                            - (tornando con una latta di petrolio) Beh, che s'ha dda fa'?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Svita 'o tappo e mena 'o petrolio attuorno 'o carruzzone. ('O gua­glione esegue) Tengo sete!

Palomma                                 - Vuo' nu poco d'acqua?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Sete 'e sango! Sete 'e vendetta! Sete 'e giustizia! Da oggi in poi chello ca guadagnammo cu 'e ffa-tiche noste 'o spartimmo: tutte parte eguali; senza tene' a nisciuno ca ce sfrutta. Ce vò sulo 'o curaggio e tutte quante pe' pute' riuscì' !

Zi’ Pascale                              - (indicando Guarracino) 'E chillo t'hè 'a sta' attiento!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Palmiro) Funziona marìteto?

Palmira                                   Vote sì e vote no.

Guarracino                              - (alla moglie) Ma pecche Thè 'a fa' sape' 'e fatte mieie?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Peggio pe' isso si nun funziona. 'O colpo nun riesce e 'O diavulone cu isso s' 'a sconta!

Guarracino                              - Cu mme?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pavarraie tu 'a scialata pe' tuttu quante.

Guarracino                              - A echi? ‘O Diavulone, Marella e ‘A Fattucchiara ce l'hanno a mmorte sulo cu tte!

‘A Mariola                              E pure ‘A tatuata t'odia, pecche t'hè spusata a Palomma! Chella tene 'o sango tuio astipato e nne pò ffa' 'e te chello che wò! Basta na goccia ca nne mena 'n ganno a na gallina, ca te fa addeventa ' nu pullicino.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Palomma, con decisione improvvi­sa) Scappammo! (Fa per fuggire con la ragazza, ma ‘O Diavulone gli com­pare improvvisamente davanti).

‘O Diavulone                          - (con feroce sarcasmo) E bbravo! Avite fatto 'o spusalizio sotto silenzio, e cu 'a cumplicità 'e sti carogne?! (‘A Mariola esce in fretta. Egli soffia con violenza contro gl'invi­tati; che indietreggiano, come spinti da un vento sovrannaturale. Quindi caccia un lungo coltello, e minaccia l'avver sario gridando) O lasse a Palomma o te spanzo! ('O figlio d' ' a Madonmna fa per reagire, ma si accorge che non può muoversi dal suo posto. ' O diavu Ione tira a sé Palom­ma che, terrorizzata, non oppone resi­stenza alcuna. Agli altri, in atto di sfida) Mo, si tenite forza, vuie e isso... (Mostra 'O figlio d"a Madon­na) venitavella a piglia'! (Fa per entrare nella tenda di Guarracino ma, vedendo che gli zingari gli vanno contro, soffia nuovamente, e li fa indietreggiare. Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (facendo sforzi per liberarsi, mentre i presenti lo guardano sbalorditi) Nun ce 'a faccio! Nun ce 'a faccio! Sto azzeccato!

Zi’ Pascale                              - Ma che ce sta 'a colla 'n terra?

Palmira                                   - (al marito) Sciuogliele 'e scarpe.

Guarracino                              - Avess'a rumraane' attaccato pur'io?

Pupella                                    Sarrà stata ‘A tatuata, ca l'avana attaccato 'e ggamme, pecche’A Mariola l'hé gghiuta 'avvisa'.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E chi mm' 'e scioglie, mo? Guarraci', va dinto, pigliarne a Palomma.

Guarracino                              - Pasca'...

Zi’ Pascale                              - (rifiutandosi col gesto, ed alludendo al Diavolone) Chillo scioscia!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (gridando verso la tenda di Guarraci­no) Palomma è d" 'a mia! Palomma ed' 'a mia!

 ‘O guaglione                          - Sta venerino ‘A tatuata.

‘A tatuata                               - (appare seguita da’A Mariola, guarda 'O figlio d"a Madonna e scoppia a ridere) Eh! He visto che so' stata bona 'e fa'? E te pozzo fa' rummane' tre gghiuorne attaccato 'n terra, si nun lasse a Palomma.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Ma io nun 'a pozzo lassa' cchiù! Mm'è mugliera!

Guarracino                              - Poco fa se l'è spusata. 'O vi, starnino ancora vestute 'a cumpare.

‘A tatuata                               E essa addo' sta?

Palmira                                   Se l'ha pigliata ‘O Diavulone!

‘O guaglione                           - Ce l'ha levata 'a sotto 'o vraccio. (E nostra 'O figlio d' 'a Madonna) Steva vestuta 'a sposa. Po' ce ha minacciate a tuttuquante cu 'o curtiello, e ce ha ditto: «Venitevella a piglia'! Sciù!». (Imita il sof­fio del capo tribù).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Si mme vuo' bbene salva per lo meno a essa!

Guarracino                              - Si no 'a truvammo spurtusata!

‘A tatuata                               - (strappando un fazzoletto che aveva tra le mani) Va'! ("O figlio d’ ‘a Madonna si sente libero e fa per entrare di corsa nella tenda di Guar­racino) Aspetta. (‘O figlio d’ ‘a Madonna si arresta) Trase redenno; e ride sempe. Tu redenno sur-tanto, 'o disarme. Redenno, 'o curtiello d' ‘O Diavulone addeventa 'e ricotta. 'O riesto ce penz'io! ( O figlio d "a Madonna fugge nella tenda, sicuro di sé. Pausa).

La voce D' ‘O Diavulone       - (grossa come quella di un orco) Ma chi è ca m'afferra 'e bbraccia!? (Si ode la risata d' ' O figlio d' 'a Madon­na) Chi è ca mme tene 'e ggam­me?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (ridendo sempre più forte, viene fuori, trascinando Palomma. Gli zingari sono allibiti) ‘O Diavulone è rima­sto comme a mme, 'nchiuvato 'n terra! (A A tatuata) Ma che pussanza che ttiene! E mo dimme che t'aggi'a da' pe' chello c'hè fatto!

‘A tatuata                               'O ssaie! He 'a essere d' 'o mio!

Palomma                                 - (avvinghiandosi a ‘O figlio d’ ‘a Madonna) No!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Nun pò essere, Tatua'! È ll'unica cosa ca nun pò essere!

‘A tatuata                               E allora io te torno a 'nchiuva' 'n terra! Te dongo diece minute pe' riflettere! (Esce, seguita da 'A mariolo).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (risolutamente, alle donne) Jate, jate a ffa' 'e mmappate. Guarraci', appiccia 'o ffuoco. (Le donne escono in fretta con Palomma. Guarracino spinto da Zi'Pascale e da 'O guaglione fa per avvicinarsi tremante al carrozzo­ne del capo tribù, ma fugge impaurito vedendo entrare ''‘A Fattucchiara).

‘A Fattucchiara                      - (felina, a ' O figlio d' 'a Madonna) Te Thè spusata, eh? Nun 'a può' lassa' cchiù? E mo vide che sarrà essa, che lassa a tte!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Nun pò essere!

‘A Fattucchiara                      - Te lassa! Pecche mo proprio l'ag­gio miso nu dulore int' 'e ccervella. Nu dulore forte comme e bbotte 'e martielle. Ogne colpo che have, essa t'odia sempe cchiù assaie!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Nun pò essere. Mme vò troppo bbene.

‘A Fattucchiara                      - E s'è data a mmaritemo a tridice anne?!?

‘O figlio n' 'a Madonna          - Carogna!

‘A Fattucchiara                      - Chi ha avuto l'offesa so' stat'io! E io mme vendico! Pe' Palomma, tu he disprezzato a figliema, ca nn'ha pigliata na malatia! Ma, pe' Palomma, maritemo ha disprezza­to tutta na vita a mme! (Con acre sorriso) E mo essa camparrà sen­z'affetto. 'A chistu mumento schi­tarra tutta a ggente ca se vede attuorno! Ce aggio miso 'o veleno dint' 'e ccorde d' 'o bbene! Tu cchiù sotto Ile vaie? e chella cchiù te disprezza! (Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (accasciato) E io penzavo: mme sano, mm' 'a sposo, mm' 'a porto...

Marella                                   - (comparendo dal carrozzone) E te Thè spusata; ma s' 'a gudarrà paterno!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (di scatto) Pateto nun se pò move­re. Sta attaccato!

Marella                                   Sì? E chi è stato?

Guarracino                              - ‘A tatuata.

Marella                                   - (con rabbia) Semp'essa!

‘O guaglione                           - Sì, ma chella ha ditto ca si tra diece minute Gennarino nun sarrà d' 'o suio, scioglie 'O diavo­lone, ece'o mena 'ncuollo!

Zi’ Pascale                              - Ma ched è, nu cane 'e presa?

Marelia                                   - (sul volto del giovane) Embè, sa' che te dico? Si tra cinche minute nun te decide a scappa' cu mme, cu nu raggio 'e sole dinto a na rastula 'e specchio, te paralizzo tutte 'e senze: nun te faccio esse­re cchiù ommo! Tiene a Palomma 'nnanze, e vide a mammema! Po' te pare ca è essa, te l'astrigne, te Tallisce, t' 'a vase... E chillo è paterno!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E io 'o sputo 'n faccia!

Marella                                   Guarde meglio, t'accierte: è Palomma; te l'accarizze... E manìe a Guarracino.

Guarracino                              - (palpandosi una mammella) Eh! Hai voglia 'e truva' rrobba!

Marella                                   Po' essa t'appare vestuta 'a sposa, tu 'a spunte 'mpietto... E spuoglie a Pascale.

Zi’ Pascale                              - (a voce bassa) Eh! E fa marenna!

Marella                                   E quanno finalmente te pare d'essere libero, ca t' 'a siente tutta quanta dint' 'e braccia; e ll'ansia t' 'a fa pare' cchiù bella...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Veco ‘O guaglione?

Marella                                   No. Se ne scenneno 'e fforze, e nun sì bbuono a ffa' niente cchiù. Cinche minute, ricordate. Cinche minute, pe' te decidere!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (esita un istante poi s'avvicina risolu­to alla tenda di Palomma e la chiama a gran voce) Palo'. (La ragazza appare, ostentando indifferenza) Jammo, lassa tutto cosa, scappa 'a miezo 'a sti ffattucchiare! Fuimme a miezo 'a sti streghe d' 'a malora! (la ragazza rimane perples­ sa) Palo'! (Le si avvicina, la scuote) Palo', dimme che t'hanno fatto? (Spaventato) Palo'!

Palomma                                 - (ritraendosi) Mme faie schifo!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         ... Ll'avisse cu Guarracino?

Palomma                                 - No!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         Cu Pascale?

Palomma                                 - Cu ttico!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         ... Ma comme, io te faccio...

Palomma                                 - Schifo!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         Nuie mo ce siramo spusate, starn­ ino ancora vestute a spuse...

Palomma                                 - E mo t'odio!

‘O guaglione                           - ‘A Fattucchiara                                       l1'ha ditto e 11'ha fatto!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (disperato) Uh! l'ha ditto e ll'ha fatto! (Scuotendo ancora la ragazza) Palo', mme cunusce? Io so' Gennarino! (Si sente perduto) Guarraci' ... Pasca'... Chella strega overo ll'ha cagnato ll'anema!

Guarracino                              - (chiamando la moglie) Palmi'... (A lei, che appare) Ch'è succieso ccà? (E indica Palomma).

Palmira                                   E che ssaccio... Mentre steva accussì, 'e bello ha ditto vicino a nuiate ffemmene: Lassateme, mme facite schifo!

‘O guaglione                           - Pure?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a Palmiro) Basta! Basta! nun 'a voglio vede' accussi. (Palmira esce in fretta, portando con sé Palomma nella tenda) Chisto è stato 'o colpo 'e grazia! Pe' mme fa' muri' cchiù ampressa, dannato! (Pausa. Investe i tre uomini) Vuie, vuie site state 'a jettatura mia. Che facite vestute accussi? Vuie state vestute a lutto! Pe' wuie sto passanno tutte sti guaie! Malaùrie! Pe' wuie, ca nun mme sapite difendere! E wuie mme site cumpare? Vuie site 'e peggie nemice mieie! Spugliateve! (I tre uomini tremanti, si tolgono la giacca) Nun è overo ca mme songo spusato! Spugliateve! (I tre sempre più tremanti si levano il pan­ciotto) Zingare! V'aggio ditto spu­gliateve! (I tre uomini tentano di sbottonarsi i pantaloni) Jatevenne! Levateve 'a 'nanze a ll'uocchie! Sciù! (Guarracino, Zi'Pascale e 'O guaglione escono di corsa) Voglio muri'! Voglio muri'! (Al secondo medico che gli appare davanti) Viene 'a ccà. (Il secondo medico esita, ma egli lo afferra per la giacca) Cu tte, cu tte me l'aggi'a piglia'!

Il secondo medico                  - Con me? Ma se io v'ho curato?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E nun m'aviv'a cura'! T' 'o ddicette ca nun vulevo campa'!

Il secondo medico                  - Ma sentite, è il colmo!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - He visto che sto suffrenno? Io mo sarrie già muorto, tantu bello

Il secondo medico                  - Uh, tantu bello?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Mme sarrie accuitato; e invece, nun vide, che spasemo?!

Il secondo medico                  - Ma io una sola visita vi ho fatto.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E quanno t'hé guadagnato 'ncuollo a mme?

Il secondo medico                  - (scattando) Chi? manco nu soldo; e aggio rutto duie termometre.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E sì mmiedeco, tu?

Il secondo medico                  - E comme nun so' miedeco?

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - E sì bbuono 'e mme sana' a na femmena?

Il secondo medico                  - A seconda del male da cui è afflitta.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con accento di disperazione) 'A 'nnammurata mia nun mme vò bbene cchiù. Sì ccapace 'e mme fa' vule' bbene?

Il secondo medico                  - E che faccio 'o ruffiano?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - LI'hanno cagnata ll'anema!

Il secondo medico                  - E come si cambia l'anima? Dove sta l'ammalata?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No, nun pò essere. Chella appena ve vede, ve schifa!

Il secondo medico                  - A mme? E perché?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Pecche schifa a tutte chille ca Ile vanno vicino. Ma vuie jatece, e vedite 'e fa' nu miraculo. Se chiamma Palomma. Sta ancora vestuta 'a sposa. Sta 'mmiez' 'e cumpare, 'mmiez' 'e cummare ... Parlatele 'e Gennarino... Facite me ruma' 'o bbene... Senz'essa nun campo... (Il secondo medico va nella tenda di Palomma).

‘A tatuata                               - (compare improvvisamente) 'E diece minute so' passate: decide. Sar-raie d' 'o mio, sì o no? ( O figlio D’ ‘a madonna fa per fuggire; ma ‘A tatuata strappa un fazzoletto, ed egli rimane ancora una volta nella impos­sibilità di muoversi) E chesto, è niente! Mo ‘O Diavulone te venarrà 'ncuollo, cu tanto nu curtellaccio!

‘O figlio n’ ‘a Madonna         - No!

‘A tatuata                               E sarraie d' 'o mio?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - No!

‘A tatuata                               E muore! (Esce. Dopo un attimo, si ode il vocione pauroso de ‘O Diavulone in una esclamazione di gioia sata­nica).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (impallidendo) Madonna!

‘O Diavulone                          - (compare a denti stretti, e brandendo il coltello) Dimme tu 'a ddo' aggi'a accumincia'?!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - 'A ddo' vuo' tu!

‘O Diavulone                          No! Si t'accido ampressa, fernesce 'o spasso! T'aggi'a primma turmenta'; e quanno non nne può' cchiù 'e suffri', allora t'acci­do. Che ttiene 'e cchiù caro?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Palomma!

 ‘O Diavulone                         E mme l'aggi'a sfezia' sotto all'uocchie tuoie! (Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (impossibilitato a muoversi) Sciugliteme, mannaggia!

Il farmacista                           - (entrando) Scusate...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (sbarrando gli occhi) Pure tu?

Il farmacista                           È venuto il medico?

‘O figlio d 'a Madonna           - (gli mostra la tenda di Palomma) Va. (E mentre il farmacista si avvia) Viene ccà, siente... (Gli sputa sul volto) Chesta portala a 'o miedeco! (il farmacista si pulisce il volto, sbalordito) Pe' isso sto suffrenno; pecche m'ha fatto campa'?!

Il farmacista                           E ccà min se raggiona cchiù!

(Esce).

‘A Fattucchiara                      - (affacciandosi alla finestra del suo carrozzone) Gennari'... he visto, mme so' vendicata! (Scompare).

Pupella                                    - (entra in fretta dalla tenda di Palomma) Gennari'! ‘O Diavulone s'è abbracciata a Palomma! (Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Carogna!

Zi’ Pascale                              - (entrando) Gué! E frase, ca ‘O Diavulone...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ... se l'ha abbracciata?

Zi’ Pascale                              - Addo'? Chillo s' 'a sta vasanno!

(Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Approfitta ca io stongo accussì!

Palmira                                   - (entrando, seguita da O guaglione) Neh, e tu a chi aspiette? Chillo ‘O Diavulone...

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - ... Se l'ha abbracciata? s' 'a stavasanno?

‘O guaglione                           - Fosse niente! Chillo 'a sta spuglianno: già ll'ha levato 'o velo e 'a vesta!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (abbattuto) E io stongo ccà, 'nchiuvato!

Guarracino                              - (entrando come gli altri) E va dinto ca ‘O Diavulone...

‘O figlio d''a Madonna           - (desolato) 'O ssaccio... Se l'ha abbracciata e se l'ha vasata... Già l'ha levato 'o velo e 'a vesta...

Guarracino                              - 'A vesta? 'O suttanino, 'o curpetto! Mo 'a truvarsaggio annura! (Esce).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (furente verso la tenda; come per par­lare a ‘O Diavulone) Te Thè cresciu­ta pe' t' 'a gude'! Zingaro!

Il secondo medico                  - (entrando, premuroso) E voi non venite? Lia si fanno i quadri pla­stici!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - 'O farmacista t' 'ha purtato 'a 'mmasciata?

Il secondo medico                  - No... quale?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E viene ccà. (Il secondo medico gli s'avvicina, ed egli gli sputa in piena faccia. Il disgraziato esce).

Marella                                   - (apparendo decisa) 'E cinche minute so' passate. Tiene appena 'o riempo pe' risponnere: te sì deci­so 'e scappa' cu mme?

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (con forza e rabbia) Maie! Musica

Marella                                   - (cava un piccolo specchio e concentra i raggi solari sul corpo del giovane, danzando intorno a lui con gioia sadica, canta) Rastula 'e specchio, seccarne a Gennaro: cu 'e ragge 'e sole fammelo abbrucia'. Cornine 'e ccastagne dint' 'o verularo ll'ossa, arrustenno, aggi'a senti' 'e schiuppa'! Siccalo ll'uocchie, quanno 'a tene mente, siccale 'o sciato, quanno 'a vò chiamma'! Abbrustuluto comme a na semmenta, a capa 'o pede fallo addeventa'!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (canta) Io già mme veco cennere già so' pizzeco 'e povera; e ccarne mme s'arrosteno e ll'uocchie già mme frieno!

Marella                                   - Rastula 'e specchio, pigliate stu ffuoco, ca pure 'n cuorpo a mme sento 'abbampa'! Si 'o faie muri' d'ammore a ppoco a ppoco, isso è dannato pe' n'eternità! Sul ritmo della nenia che ora viene ripresa da misteriosi stru­menti zingareschi, entra, dalla tenda di Palomma, a passi di danza, uno strano corteo nuziale, formato da tutti gli zingari. Seguono 'O diavulone, in acconciatura da sposo che porta al suo braccio Palomma, sorridente. Il corteo al quale si accoda­no anche il secondo medico e il farmacista gira intorno a ‘O figlio d’ ‘a Madonna.

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Dateme a Palomma! Palomma è d' 'a mia! Me l'aggio spusata. È mugliera a mme! (Nessuno gli dà retta. Nemmeno la sua presenza sem­ bra avvertita. Tutto si muove intorno al giovane, come per un gioco terribile ed irreale).

‘O Diavulone                          - Ah, t'è mugliera? E teh! (bacia Palomma sulla bocca) M' 'aggio crisciuta!

 ‘O figlio d’ ‘a Madonna        - Te Thè crisciuta e mo t' 'a vuo' gude'?

Carogna! ‘O Diavulone          A tridice anne l'aggio avuta!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E te n'avante?

‘O Diavulone                          - E mo è mugliera a tte?! (Gli zingari scoppiano in una maca­bra risata di scherno) E io pe' te fa' vede', m' 'a vaso ancora! (Il suo bacio sulla bocca è più lungo).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Zingaro! Io sto 'nchiuvato!

‘O Diavulone                          - E viene 'a ccà!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - E nun me pozzo movere...

‘O Diavulone                          - (con grossolana galanteria) A signora vò n'atu vaso 'a me: ce 'o pozzo da'?

(Un terzo bacio, con lo schiocco).

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - Anema maledetta, tu m'accide!

Marella                                   E pe' te fa' muri', paterno 'o ffa!

‘O figlio D 'a Madonna          - (a Palomma che sorride) A chisto nun 'o schife?

‘O Diavulone                          - E nun 'o wide? T'ha fatto scemo pe' se fa' spusa'! Ma 'o core suio songh'io: so' 'o primmo ammore; e 'o primmo ammore nun se po’ scurda'!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (alla vecchia fattucchiara) E tu nun dice niente?

‘A Fattucchiara                      - Nonsignore! Chillo è 'o padrone e s'ha dda rispetta'!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a mani giunte verso ‘A tatuata, che lo guarda, freddamente) Tatua'! Tatua'! Voglio 'a vendetta! E sarraggio d' 'o tuio! ma m'hè 'a salva'!' Schiovame 'a chesta croce maledetta! Tu sola me può' fa' sta carità i ‘A tatuata ha un moto di scomposta lussuria e, tra la meravi­glia dei presenti, abbraccia e bacia sulla bocca ‘O figlio d’ ‘a Madonna, quindi rientra, in fretta, nella sua tenda. Dopo un attimo, il giovane scatta come una molla ed investe il corteo, fra le grida di terrore delle donne e la paura degli uomini, che scappano sulla scaUtta del carrozzone, appollaiandosi colà a guisa di scimmie. Ora ‘O figlio d’ ‘a Madonna e ‘O diavulo­ne sono di fronte: coltellacci alla mano. Pochi colpi, poi il gio­vane con un balzo colpisce il capo tribù al ventre. La punta del coltellaccio fuoriesce dal dorso del ferito, sotto gli occhi esterre­fatti degli zingari. Quindi ‘O Diavulone cade pesantemente al suolo.

Guarracino                              - (come scorgendo qualcuno da lontano) 'E gguardie! 'e gguardie!

‘A Fattucchiara                      - (invano trattenuta dalle donne) Guardie, curri te m'hanno acciso a mari temo!

Marella                                   - (agli uomini, mostrando ‘O figlio d’ ‘a Madonna) Afferratello, nun 'o faci te scappa'! (A lui, che è rimasto immobile accanto al cadavere) Assas­sino! Assassino!

‘O figlio d’ ‘a Madonna         - (a ' O guaglione con decisione improv­visa) Mo è 'o mumento 'e da' a ffuoco! ('O guaglione accorre al car­rozzone accendendo una miccia) Guarraci'! Damme na mano. Pur-tammelo dinto. (Mostra il cadavere. Guarracino con un gesto si rifiuta; il giovane comincia a trascinare da solo, e facendo sforzi sovrumani, il corpo d" O diavulone verso il carroz­zone. Marella e ‘A Fattucchiara, stre­pitanti, sono tenute ferme dalle donne, che cominciano a legarle ad un palo. Alte fiamme e fumo invado­no la scena. S'ode nella confuzione la voce d' 'Ofiglio d' 'a Madonna) Nun simmo cchiù zingare! Nun simme cchiù zingare! (Il buio assoluto invade la scena. Si odono lamenti e rantoli d'agonia. Poi il silenzio. S'ode un vocio confuso. Sono esclamazioni di dolore e di strazio).

Le voci                                   Maronna! È muorto! E muorto!

Spezza la musica

Sulla scena, ritorna la luce. È sera. Pochi lumi danno bagliori funerei ali 'accampamento.

Pupella                                    - (entrando in fretta dalla tenda d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna, chiama con accento di dolore verso il carrozzone) Donna Cate'! (Alla fattucchiara che s'affaccia) Mo proprio è muorto!

‘A Fattucchiara                      - (portando le mani ai capelli, esclama) Uh, figlio mio! (E si precipita con Pupella nella tenda d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna, dalla quale è apparso un attimo prima Guarracino seguito da Zi' Pascale).

Guarracino                              - Siente, na morta simile nun 11'aggio vista maie!

Zi’ Pascale                              - (mostrandogli le mani) Guarda comme sto: mme s'è gelato 'o sango!

Guarracino                              - So' delitte ca se chiagneno! Senza curtiello, ma è stato assassinato!

Zi’ Pascale                              - S'è visto distruggere 'a cosa soia cchiù cara: Palomma!

Guarracino                              - Dint' a nu mumento, sape ca ‘O Diavulone l'aveva fatta d' 'a soia a tridice anne... Pure si nun teneva 'a pulmunita, avev'a muri' 'o stes­so! Il terzo

Medico                                   - (entrando dalla tenda d' 'O figlio d' 'a Madonna accompagnato da Palmira) Beh, arrivederci.

Palmira                                   'A Madonna v'accumpagna!

Guarracino                              - (al terzo medico) Dotto', site stato liquidato?

Il terzo medico                       Non ancora.

Palmira                                   - (al marito) Ma è mumento, chisto? Cu 'o muorto dinto! Ah! (Loguar­da con rimprovero ed esce).

Guarracino                              - (al terzo medico) E già, non è il momento.

Il terzo medico                       Come, non è il momento?

Guarracino                              - Jate 'e pressa?

Il terzo Medico                       - Debbo ripartire.

Zi’ Pascale                              - (a Guarracino) Chillo è wenuto 'a fore paese.

Il terzo Medico                       - Da San Pietro a Patierno. Ed è stata una fortuna, che m'avete trovato.

Zi’ Pascale                              - Difatti 'o povero giovane nun vuleva muri'. Appena site arrivato vuie ha chiuso ll'uocchie.

Il terzo Medico                       - (con un amaro sorriso) Aspettava a mme pe' spira'?!

Zi’ Pascale                              - (a Guarracino) Beh, lassa 'o parti'. Vuo' vede' mo ca nun sulo nun have niente, ma ha dda perdere pure 'o trammo?

Il terzo Medico                       - Come dite? Nun aggio niente?

Guarracino                              - Eh, chillo è muorto.

Il terzo Medico                       - M'avev'a pava' 'o defunto?

Zi’ Pascale                              - (piegandosi nelle spalle) Isso v'ha mannato a chiamma.

Guarracino                              - Per sua espressa volontà.

Il terzo Medico                       - In punto di morte?

Guarracino                              - (imitando) «Chiam materne 'o miedeco! chiammateme 'o rniedeco!»

Il terzo Medico                       - E voi mi avete chiamato. Jh, quanto è bello stu ppoco! (Pausa) E non tiene famigliari, qui?

Guarracino                              - Solo!

Zi’ Pascale                              - Site state sfortunato!

Il terzo Medico                       - (impazientito) Ma sentite, è la prima volta che mi capita! Io mi sono incomodato a veni' 'a San Pietro a Patierno qui; 1' ammalato muore, e io nun songo pagato 'a visita?

Guarracino                              - E pecche chillo che v'avev'a pava'...

Il terzo Medico                       - ... Era 'o muorto! Ho capito! E io mo per essere pagato...

Zi’ Pascale                              - Avit'a i'...

Il terzo Medico                       - ...All'aru munno? (ironico) Aggi'a muri' pur'io? (Scattando) E vi per­mettete di far venire un medico da un altro paese?!

Guarracino                              - E io po' sapevo ca chillo mureva?

Zi’ Pascale                              - 'O muribondo ha espresso 'o desiderio...

Il terzo Medico                       - ... E io aggio passato 'o guaio! Ma vedite, vedite addo' so' gghiuto a capita' io: 'mmiezo 'e zingare! (Rassegnato) Statevi bene. (Fa per andarsene).

Guarracino                              - Aspettate, dotto'... (Il medico si volta) Ce vo' 'o certificato 'e morte.

Il terzo Medico                       - 'O certificato 'e morte? Io ve faccio pazzo! V 'o facite fa' d' 'o rniedeco curante: isso s'ha man­giato 'e wisite, e io faccio 'o certi­ficato?

Zi’ Pascale                              - Ma 'o muorto 'mmano a wuie è mmuorto; e 'o certificato 'e morte vuie H'avit'a fa'.

Guarracino                              - Si no 'o rniedeco d' 'o Municipio nun ce manna manco 'o carro.

Il terzo Medico                       - Nun sulo nun ve manna 'o carro, ma ve fa arresta' a tuttu quante!

Zi’ Pascale                              - Pure?

Il terzo Medico                       - Eh! (Affermativo) Chi era il medico curante?

Guarracino                              - Chillo l'hanno visto nu sacco 'e ggente... Avimmo chiammato nu rniedeco 'ojuorno.

Il terzo Medico                       - Ho capito. Gli altri però hanno avuto la fortuna di trovarlo vivo.

Zi’ Pascale                              - E manco niente hanno avuto.

Il terzo Medico                       - (trasecolante) Ah, 'mbè?! Alla fine, nun sapiveve a chi chiamma' cchiù, e site venute a chiamma' a mme?

Zi’ Pascale                              - (supplichevole) Meh, signuri'...

Guarracino                              - O responsabile site vuie.

Il terzo Medico                       - E chello chesto ce manca, ca io vaco pure 'n galera!

Zi’ Pascale                              - 'O ffacite pe' n'opera 'e carità.

Guarracino                              - (mostrando la tenda ove sono i suoi compagni) So' zingare...

Il terzo Medico                       - Pecche vuie site aristocratici? (Con altro tono) ... E da quanti giorni quel giovane era ammala­to? di che malattia è morto? Insomma aggi'a sape' chello ch'aggi'a scrivere?

Guarracino                              - (premuroso) Assettateve. (A Zi' Pascale) Dalle na seggia. (Il terzo Medico siede e scrive. I due zingari gli vanno dando notizie del caso).

Marella                                   - (entra dalla tenda d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna: la seguono A tatuata, Palmira, A mariola, Pupella e ‘O guaglione. Hanno un'aria desolata) Ha fernuto 'e suffri'. E stato cchiù sfurtunato d' 'o bbene che l'avimmo vuluto. Nun è overo, Tatua'? (La donna piange).

Palmira                                   Ma avite sentuto, all'ultimo mumento?

Pupella                                    Dint' 'o delirio chi sa che l'avev'a passa' p' 'a capa! (Rievocando) «Tatua'! Tatua'! voglio 'a vendet­ta!».

‘O guaglione                           - Giesù, sulo chesto? (Rievocando anche lui) «'E gguardie! 'E gguardie!».

‘A Mariola                              - (come gli altri) «Nun simmo cchiù zingare!»

‘A tatuata                               - (tra le lagrime) «lo a Palomma nun 'a pozzo lassa'! Me l'aggio spusata! M'è mugliera» (Pausa).

Marella                                   Pe' essa ha pigliato 'a morte !

Pupella                                    Ma che passione, sentite!

‘O Diavulone                          - (entrando dalla tenda d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna, alle donne) Jate dinto. Nun lassate a muglierema sola. S'ha dda vesti' 'o muorto. (Le donne, tranne Marella, scompaiono nella tenda).

‘O Diavulone                          - (si avvicina al terzo medico) State ancora ccà?

Guarracino                              - L'avimmo pregato pe' 11'atto 'e morte.

‘O Diavulone                          - Ah, io mme credevo ca vuleva essere pavato.

Il terzo Medico                       - Io? E chi ha aperto bocca? Io rispetto le consuetudini di fami­glia! (Pausa).

‘O Diavulone                          - (agli uomini) Curri te 'o Municipio dicite ca mannassero ampressa 'o carro... A Gennarino s' 'o man­nassero a piglia' stasera stesso.

Il terzo Medico                       - 'O Municipio? A quest'ora è chiuso. Dovete aspettare domattina alle nove.

‘O Diavulone                          - (con grave disappunto) Pure?

Il terzo Medico                       - (consegnando il certificato a Guarracino) lenite. E statevi bene! (Esce).

‘O Diavulone                          - (dopo un silenzio) Accumminciate a smunta' 'e ttenne. Dimane, appe­na s' 'o portano (indica la tenda d'‘O figlio d’ ‘a Madonna) se parte. (Sale sul carrozzone, ed esce).

Guarracino                              - (nauseato) Peggio d' 'e zingare!

‘O guaglione                           - (trasalendo, a Marella) Mare', Palomma sta Uà. (Le mostra un punto a destra, fuori di scena).

Zi’ Pascale                              - Vularrà sape' nutizie.

Marella                                   - (dopo un istante di riflessione, risoluta) Chiammala.

‘O guaglione                           - (la chiama) Palo'!

Marella                                   - (invitandola anch'essa) Viene. (Palomma entra, timidamente) Viene 'a ccà. (Le mostra la tenda) Va', mo t' 'o può' chiagnere.

Palomma                                 - (cogliendo a volo la notizia) È muorto? (Ad un cenno desolato di Marel­la, scoppia a piangere).

Marella                                   ... Perdonarne tu! Isso nun m'ha pututo perduna', ma è 'o stesso. Ll'anema soia, cu 'a toia, songo n'anema sola.

‘A Fattucchiara                      - (entra dalla tenda d' ‘O figlio d’ ‘a Madonna. Nel vedere Palomma, ha un leggero moto di rabbia) ... Ancora ccà?!

Marella                                   - (con dolcezza) Ma', è n'ata povera scunzulata !... a tridice amie... (Spinge Palomma nelle braccia d' ‘A Fattucchiara) Va', va' t' 'o chiagne! (Palomma esce, sorretta dalla vec­chia).

Musica

(Marella è circondata dagli uomini) Pasca'... (Cantano)

Zi’ Pascale                              - Simmo zingare...

Guarracino                              - Carne 'e sudore Ogne conta, ne simmo cchiù poche...

‘O guaglione                           - Uno more! è lassato addo' more...

Marella                                   E 'e ppèroglie se menano b ffucco!

Dall'interno della tenda dello zingaro morto salgono alla sera le grida strazianti di Palomma.

FINE

Postfazione

"Tragedia in tre atti in versi prosa e musica" la definì Raffaele Viviani. La mise in scena per la sua compagnia a Livorno, il 1O febbraio del 1926. Non fu un gran successo, la critica la guardò sospettosa, il pubblico rimase piuttosto freddo. Eppure Alberto Spaini la riconobbe come "l'opera teatrale più auda­ce e più moderna che sia stata composta in Italia", cogliendo l'importanza della originale soluzione che saldava nel personaggio chiave di Gennarino, 'o figlio d' 'a Madonna, trovatello accolto per pietà e cresciuto nella comunità di zingari, "il contrasto (e la confu­sione) tra illusione e realtà con cui da dieci anni si va baloccando il teatro nazionale".

Intuizione straordinaria di un teatro che mette in scena la confusione tra la realtà e la finzione, l'im­maginazione e la verità, raccontando della tribù di 'O diavulone, di Palomma che si gioca il suo amore non si sa bene se candido o truce, della fattucchiara che imbastisce filtri malefìci chissà se davvero capaci di dare la morte, e dove gente come A tatuata, A mario­lo', 'O guaglione, Guarracino, Pupetta, imbrogliano di continuo le carte nella partita giocata con la mente agonizzante di Gennarino, luogo del tormento, del sospetto, dell'inganno, dell'illusione, delirio di ango­scia e di menzogna. Spaini scrisse di realismo minuoso ed esagerato fino a dare l'impressione dell'incubo.

Pochi attori o registi ci si sono misurati, ricor do la messa in scena di Mariano Rigillo nell'82, e quella di Toni Servillo nel 2000. Rigillo per affer­marne con fedeltà il crudele percorso. Servillo ne ribaltò i segni per mettere in scena l'universo eroico di attori che fanno della confusione la loro quotidia­na professione di emarginati. Architetture tutte pos­sibili per una scrittura che si apre naturalmente a let­ture differenti che ne riaffermano la forza appassionante, strepitoso contributo di Raffaele Viviani al tea­tro contemporaneo.


GLOSSARIO



abbampa': avvampare

'a bon ' ora: di buonora

abbrucia': bruciare

abbrustuluto: abbrustolito

abbuscaie!: le buscò!

a cagno: a cambio

'a capa 'epecuriello: la testa di agnello

'a capa 'o pede: dalla testa ai piedi

'a cascia: la bara

accedimmo: uccidiamo

accidere: uccidere

accuitato: acquietato, cal­mato

accumencia: comincia

a curtellia': a duellare col coltello

addeventa': diventare

'A fattucchiara: la fattuc­chiera

affatata: fatata, magica

'a lemmosena: (a chiedere) l'elemosina

'a femmena: l'amante

affidaieno: affidarono

'a fore paese: da fuori

'afreva: la febbre

Aggio: ho

ascitevenne: uscite 'a spunte: la sbottoni astipato: conservato

A ssulo a ssulo: da solo a solo

Attacca: unisci, lega 'a tene mente: la guarda

aunite: uniti, insieme

avariss'a: dovresti

Avarriamo: dovremmo

'a vase: idi baci

'a vesta: l'abito

avit'a    fa'cunto:     dovete immaginare

'a volontà: la volontà

Basta ca faciarrie: bastereb­be che facesse bbobba: intruglio bevere: bere

bicchieriello: bicchierino Bive: bevi buono: bene Busciarda: bugiarda

Cacciatannillo: scacciatelo cagna': cambiare camparraie: vivrai campo: vivo cannela V sivo: candela di

sego capillo: capello carovana: carovana carne 'e sudore: persone che

sudano  per il  grande

lavoro castagnelle: noto strumento

Chella femmena: quella donna

"Chello ca nun se fa, non se sape!": quello che non si fa, non si sa!

Chi campa dritto, campa afflitto!: chi vive onesta­mente, vive modesta­mente!

chi se mmette 'mmiezo: chi si intromette

chiagnere: piangere

chillu muscillo: quel gattino

chino: pieno

comprumiette: comprometti

concola 'attone: conca di ottone

core: cuore

mature: bambini

cu ' o bbuono o cu ' a forza: con le buone o con le cattive

cucca': coricare. Mettere a letto

cuieto: quieto

culleghe: colleghi

cumanna: comanda

cunzegna: consegna (il lavoro fatto)

cunzignata: affidata

cunzola: consola

cuoce: scotti

curatella: dim. di corata

Curre!: corri!

currite: correte

cunzegna: in consegna

d' 'a soia: sua

d'evera: d'erba

d'uoglio: d'olio

da San Pietro a Patierno: centro urbano nell'im­mediata periferia di Napoli

Dancello: daglielo

darne: darei

diana: decina

dincello: diglielo

dint' 'a recchia: nell'orec­chio

dinto: dentro

diune: digiuni

doie: due

dongo: do

duiciento vote: duecento volte

'e bbotte 'e martielle: i colpi di martello, le martella­te 'e chistu: in questo 'e cummare: le comari E fatture nun ce ponno!: le fatture    su    noi    non hanno potere 'e ggamme: le gambe 'e ggravune: i carboni E  granfe   'e     lacerta:   le

zampe di lucertola E meglie signore: i signori migliori, i più importan­ti 'e nierve: i nervi

'e pperoglie: le povere cose.

Cenci 'e rrobba: di medicina (in

senso generico) 'e senze: i sensi 'e Henne: le tende E a rame che me ne preme?: e a me che me ne impor­ta? E  te  n'avantet:   e   te   ne

vanti? eremo: eravamo

fa canta' 'o gallo dint' 'o tiano!: fa cantare il gallo nel tegame! Cioè: è capace di fare cose incredibili fa marenna: fa merenda. (Per dire che non è un piacere per lui) fa sempe chiacchiere:   litiga

sempre Fa tremma' 'o rinaie sott' 'o liettol: idi tremare il vaso da notte sotto il letto! Fa zumpa ' ' effurmelle ' a vici­no '' o catone!: fa saltar via i bottoni dai pantaloni! fa fa' 'e ccarte: farsi predire la sorte, mediante la let­tura delle carte faciarrie  campa ':   farebbe

vivere facimmo cient' arte: faccia­mo molti mestieri

famma: fame fance: facci Faticammo: lavoriamo faticato:  guadagnato   con

fatica faticatore: lavoratore fattucchiara  bbona:   brava

(abile) fattucchiera fernarrà: finirà fernarraie: finirai fernesce: finisce fernì: finire fettuccia: nastro ffurmicok: formiche fingiarraie: fingerai fosse: sarebbe frato: fratello

freva malegna: febbre mali­gna, per grave malattia frieno: friggono, bruciano Fuimme:  scappiamo,   fug­giamo

gghiuorne: giorni gghiute: andati ghittate: gettate guagliona: ragazza gudarrà: godrà

He 'ntiso: hai inteso

he fatto un 'arte a smania ':

non hai fatto altro che

smaniare (agitarti)

iate: andate iettecca: tisica

int' 'e ccervella: nel cervel­lo, in testa

io te faccio pazzo!: io credo che tu sia pazzo!

ire: eri

isso: egli

fammo: andiamo

fate 'e pressa ?: avete fretta?

fatevenne: andatevene

jevene: andavano

foco: gioco

juorno: giorno

m'agliotto: inghiottisco

magnanno: mangiando

Malaùrie: menagrami

mammema: mia madre

Manco... a chesta!: non è degna neanche di por­tarle le scarpe!

manco: neanche

manella 'e Fatima: manina di Fatima

manera: maniera

manìe: tocchi lascivamen­te, palpeggi

mannammo: mandiamo

mazzate: botte

mazzetiello: mazzetto

'mbriaca: ubriaca

'mbruoglte: imbrogli

'mpilo 'mpilo: sottilmente, sottil sottile, a goccioline

'mpont' 'a lengita: sulla punta della lingua

'mpunto: in punto

me jeva contro: era contro di me

me l'aggi'a sfezia': me la devo godere

me riala: mi regala

me sano: guarisco

me so'ssanato: sono guarito

meh!: suvvia!

Mena ' 'o mantice: soffia con il mantice

Menesta: minestra;

menesta': minestrare, fare le porzioni a tavola

mesuriello: misurino (cioè molto di più)

Meza ne 'nduvinasseve!: non ne indovinate neanche mezza!

mhann 'a accidere!: mi devo­no uccidere (se lo fac­cio)! Cioè: neanche se mi uccidessero!

Miettammenne: mettimene

mìnete: menati, buttati

misso: messo

Mm' 'o veeco: me la vedo

mmappate: fagotti

mmaritemo: mio marito

mme mettarrisseve: mi met­tereste

mme so' fatto coscienza: mi sono avveduto dopo un esame di coscienza

mme tene 'ncopp' 'o stomma-co: mi tiene sullo stoma co, non mi sopporta Mme vuo'sana'ì:  mi vuoi

guarire? mo: ora more: muore moro: muoio mugliera: moglie muorto: morto murarraggio: morirò muresse: morisse muri': morire murzillo:   bocconcino,   da

muorzo, morso muscella:     gattina;     qui: smorfiosa

'n ganno: in gola 'nchiuvato: inchiodato 'ncuollo: addosso 'nfamona: infamona; accr.

di infame 'nfraceta':       infradiciare,

putrefare 'nfucata:   infuocata.   Qui:

aumentata ' nturcigliato:   attorcigliato,

ritorto ' nzalatiera: insalatiera n"ogna: un'unghia n'ata vota: un'altra volta n'ommo: un uomo (leale) na canna e meza: circa quat­tro metri; la canna era antica misura  di  lun­ghezza,   equivalente   a Napoli a m. 2,646

na carta 'e spingale: un pac­chetto di spilli na forbice: le forbici Na   mana    'ncuollo:   una

mano addosso na parta:  una  parte,  un

luogo ncunia: incudine nisciuno: nessuno nn'ha pigliata na malatia: per questo s'è ammalata nomme: nome non   pozza    maie   servi'!: (che) non s'i possa mai servire! Nu  cuofeno:   una  grande

quantità nuiate: noialtri nun c'èscuorno: non ho ver­gogna a dirlo nun ce pò: non può farci

nulla nun ce starne collera  'a te piglia':  non ci sarebbe motivo di dispiacerti nun fa' vede': fa in modo che   gli   altri   non   si accorgano di niente nun te coglie: non ti colpisce

'o carreco: il carico

'o curpetto: il corpetto

'O figlio d' 'a Madonna: il

trovatello 'o giovane: il garzone 'O guaglione: il ragazzo

'o munno se 'ncaglia: si ferma il mondo

'opagasteve: lo pagaste.

' O palazziello: al palazzetto

'o peggio: il peggiore

'o pizzo suioh al posto suo!

'O ponte 'e Tappia: al Ponte di Tappia

'O ssaccio: lo so

' O ssapimmo: lo sappiamo

'O suoccio: il pari (di que­sto) . Cioè il coltello

'O suttanino: la sottoveste

'O trammo: il tram

'O vaco: lo vado

Ojne': forma sincopata per ohi nenna, oh ragazza

p' 'ammore 'e Ddio: per amor di Dio

pacienza: pazienza

Palomma: Colomba

paruto: parso

passeme: fammi ripassare

Pataterno: Padreterno

paterno: mio padre

patenze: patimenti, soffe­renze

Pateto: tuo padre

paio: padre

pava': pagare

pavato: pagato

pazziavemo: scherzavamo

Pe' essa ha pigliato 'a morte!: per lei (per causa sua) è morto

Pe' mezzo: per colpa

Pe'pazzia: per scherzo

pe' t' 'a gode': per godertela

pe'chi sa: nel caso in cui; se per caso

Pecchesto: per questo

penzammo: pensiamo

perdarrie: perderei

piccerella: piccola, bambina

piccerìllo: quando era anco­ra piccolo

Pienzece: pensaci

piezzo: pezzo •

pigliate a me: prese me

pigliammillo: prendimelo

pizzeco 'e povera: pizzico di polvere

ponta eponta: punta a punta

possanza: potenza

pozzo: posso

pregarrà: pregherà

prufittanno: approfittando

pullicino: pulcino

puorce: porci

Puozze jetta' 'O sango!: che tu possa gettare il san­gue, morire!

pussente: potente, forte

pute': poter

putisse: potresti

rastula: un frantume
refonnono:                        rifondono,

rimettono rialaie: regalò riggina: regina

roseca   'e  ccarne:   rode  la

carne, il corpo rum-mane': rimanere rutto: rotto

s' 'a spassa: si diverte s ' 'arrobbano: se la rubano s' 'o mmereta: se lo merita s'abbruscia': bruciarsi saccio: so, conosco sagliuta: salita sagliute: saliti, aumentati San Vide': San Vincenzo sango: sangue saparrisseve: sapreste sarraie: sarete Sarrie: sarei scamazzate: schiacciate scannetiello: scannetto scapezza': sbattere il capo per   terra;    per   dire: morire  istantaneamen­te

schianto: colpo

schiatto: crepo, scoppio

schifarrà: schiferà, disprez­zerà

schiovame: schiodami

schiuppa':      scoppiettare, crepitare!

sciato: fiato, respiro

Scippele: strappale

sciuogliele: sciogligli

sàure: fiori

sciuscianno dint'a  II   'odio: alimentando l'odio

sciuscio: soffio scravaccanno: scavalcando scumbinava: sconnetteva scunta': scontare, pagare scunzulata: sconsolata scurdarmela: dimenticarla se arricetta: muore Se chiagneno:   (piangono)

rimpiangono se ne scenneno: diminuisco­no se   secca:    si    scoccia,   si

annoia seggia: sedia

semmenta: seme di zucca sfucarrie: sfogherei siente: senti, ascolta Simme: siamo So'gghiute a ffa 'a cartellate: sono andati a fare un duello con il coltello So'sette cape 'e rrobba: sono sette diverse cose Sona: suona Songh'anne: sono anni songo: sono sora: sorella sorte: sorta, tipo spanzano: tagliano la pan­cia spartimmo: dividiamo spertosa!?: buca!? Qui nel senso di: ferisce, fa un buco? spiato: chiesto spitale: ospedale sporta: cesta

spurtusata: bucata

spusarrammo: ci sposeremo

spuse: sposi

St'atu: quest'altro

stagnerà: recipiente di sta­gno

Stentamm' 'a vita: condu­ciamo una vita di stenti

sto azzeccato: sono attaccato incollato

sto capo 'a terra: questo motivo di discussione

straccia'l'esistenza: strappa­re, tirare avanti la vita

stuta: spegne

stufa': spegnere

succieso: successo

sunnato: sognato

supierchio: di troppo

surtanto: soltanto

surzo: sorso

Suscia': soffiare

t' 'a levo 'a dint 'e vvene: te la tolgo dalle vene. Cioè te la faccio dimenticare.

t'accierte: ti accerti

t'affierre: lotti corpo a corpo

T'aggio ditto: ti ho detto

t'avuta': ti girare

t'ha purtato 'a 'mmasciatal: ti ha informato?

tantu bello: tanto bene; cioè: in pace

tavula d' 'o lietto: tavola di legno che, insieme ad altre, poggiata su appo­siti scanni di ferro, sosteneva i materassi

Te n'hè 'a i': te ne devi andare

tepozzano acciderel: ti possa­no uccidere!

le spanzo: ti uccido taglian­doti la pancia

Teccove: eccovi (tenete)

teniello: trogolo

lenimmo: abbiamo

lenisse: avresti

tenuta' 'a capa: avuto la testa; avuto la voglia

tiranno: tirando

torcite: torcete

trase redenno: entra riden­do

tremma': tremare

tridice: tredici

triobbola: pancia promi­nente e sproporzionata

trovo l'evangelio avutalo: arrivo fuori tempo (dopo il vangelo), ossia quando la funzione è già verso la conclusione

truvarraggio: troverò

Iucca': toccare

tuoie: tuoi

turreno: terreno

tutt'attuorno: tutti intorno uommene: uomini

v' 'o manno: ve lo mando v' aggio data 'eppelle: vi ho dato la pelle, per voi ho lavorato tanto da consu­marmi la pelle va arricchisce: va a benefi­ciare (in senso ironico) va spedisce: va' a spedire Vaco: valgo, equivalgo a Vaie... e vaco bbuono io!: (è una soluzione che) va bene per te e per me! vasanno: baciando vattenne!: vattene! vattite: picchiate ve mancarne: vi mancherei vendo: vinco venitavella: venitela verularo: (verolaro), quella specie di padella ordi­nariamente di ferro, col fondo foracchiato e due manichetti laterali,  ad uso di arrostir le casta­gne vestenne: vestendo vestnta janca:   vestita   di

bianco vestute 'a compare: con l'abi­to da padrino vetriuolo: vetriolo vevere: bere vocca: bocca vonno: vogliono

Vote: a volte Votta: butta vraccio: braccio vrasiere: braciere vularrà: volerà vularrà: vorrà Vuosto: vostro

zumpavo: sobbalzavo

Aiere: ieri

airessera: ieri sera

all'erta: in piedi

'A mariola: la ladra

ammuina: confusione

ampressa: presto

a muri': mortale

annummenava: nominava

annura: nuda

appesa: penzuloni

appczzata: fissata, inchioda­ta

appiccia: accendi

apposta: invece (al posto)

Appriparateme: preparate­mi

a qquatto: in quattro

arape: apre

arapenno: aprendo

arrammanno: rivestendo di rame

'a resto: la lascio

arrustenno: arrostendo

arruvinato: rovinato

'a saluta: la salute, la forza

'a scialata: il godimento, il piacere

'a sciorta: il futuro

'a sciorte: la sorte, la fortuna

di legno a forma quasi di   noce,   usato   dalle donne,     ballando    la tarantella caurara: caldaia cchiù: più ccinche: cinque ccucchiarelle:   cucchiai   di

legno da cucina ce accampammo: ci accam­piamo ce aggio appczzato:  ci ho

rimesso ce capimmo: entriamo Ce cunusce: ci riconosci ce disse: gli daresti ce tene: ci tiene ce venarrisseve dimane"?: ci

verreste domani? cecato: cieco (d'amore) cennere: cenere che spasemo: che spasimo che  ssa':   non   so   come; espressione  caratteristi­ca che indica, per pru­denza,   l'incertezza   di un giudizio Che staie ammaccannof: che cosa  dici?   Che   scioc­chezze dici? che t'hè sunnato: che cosa

hai sognato Che tepozzano spara'!: che ti

possano sparare che ttene?: che ha? Che di­sturbi accusa?

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 27 volte nell' arco di un'anno