Zizzania

Stampa questo copione

Z I Z Z A N I A


Z I Z Z A N I A

Commedia campestre in due atti di

PINO GIAMBRONE

I testi e le musiche delle canzoni sono di Vincenzo Giovino

Personaggi:

-Zu PIETRU CARUSU

-Za RORO’ LI CAUSI

-Zu LISCIANNARU VITA

-Za CARMELA CALA’

-Zu NIRIA PARISI

-Zu ANGILINU FARACI

-IACINTU

-‘GNAZIU

-COCO’

-MARA

-VANNIDDA

-NAZZARENA

-GRAZIEDDA

           

Tutti i diritti riservati – Iscrizione alla S.I.A.E. – Direzione generale  ROMA – Sezione D.O.R.

            Per la rappresentazione, versione in dialetto, in lingua italiana, straniera e varia utilizzazione di brani e riduzione cinematografica, rivolgersi alla S.I.A.E. – Direzione Generale ROMA, o all’Autore, via Roma n. 22 – 93010 Campofranco (CL) Tel. 3385995676.-

ATTO PRIMO

La Scena. Massaria di lu zu Pietru. Ampio spazio chiuso (bagliu) prospiciente la casa di Massaru Pietru sulla sinistra dello spettatore. Sulla destra magazzino (ammasè) per il deposito del grano. Sullo sfondo la comune, formato da un grande arco attrverso il quale si vede l’aperta campagna. Attrezzi vari per la mietitura e la raccolta del frumento sparsi per lo spiazzo. Panche ai due lati. Al cantro della scena un grosso cumulo di spighe e paglia su un lenzuolo di tela di juta. Giugno, agli inizi degli anni cinquanta, periodo della mietitura, in una campagna vicino la Valle del Platani all’imbrunire.

-VOCE FUORI CAMPO -

Provate per un attimo a socchiudere gli occhi della realtà, e ad

aprire quelli della fantasia : guardate attraverso una finestra, che vi è di fronte,

ed ammirate la bellezza dell'immenso oceano di spighe, bruciate dal sole, di

un colore giallo oro, che biondeggiano cambiando colore.

                   Osservate le ripetute onde causate da un leggero vento di

scirocco che altresì lambisce gli acidi  sudori fuoriusciti dalla pelle logorata

dagli estenuanti e duri e faticosi lavori  dei cultori della bruna terra, "i viddani".                Ammirate lo  sciame di falci che si solleva inesorabilmente verso il

bianco cielo per poi precipitare come una mannara, dietro la possente mano

dell'uomo,  troncando l'aureo tappeto di spighe.

                   Spostate ancora lo sguardo davanti a voi e confondetevi in mezzo

alle donne che sollevano freneticamente il mazzuolo, alzandolo per poi

abbatterlo con tutta la forza, la rabbia, imprecando con veemenza contro

questo amaro destino, per poi togliere l'ultimo respiro alla spiga separando il

grano dalla paglia.Ascoltate questo suono assordante , questa nenia, questo

continuo intenso, insistente e tormentoso battito, che non concede tregua, che

penetra nei meandri del vostro orecchio.Ascoltate...ascoltate...ascoltate.....     

SCENA PRIMA

Za Rorò, za Carmela, Mara, Vannidda, Nazzarena e Graziedda

(Sedute a terra attorno al grosso cumulo di spighe e paglia, battono freneticamente il mazzuolo per separare il grano dalla paglia. Al ritmo della battuta del mazzuolo ringraziano ad alta voca la Divina Provvidenza per l’abbondante raccolto)

                   Sbatti forti ‘ncapu ‘a spica,                           (un gruppo)

                        lu Signuri benedica!                                       (l’altro risponde)

                        Spica doru e ‘ngranata,

                                   la Madonna sia lodata!

                        Jnchi rasu lu to crivu,

                        beatu sia u Putativu!

                        Lu mulinu lu macina,

                        la Madonna è la Regina!

                        La farina và ‘mpastata,

                        lode sia a ‘l’Addulurata!

                        Pani cuottu e ‘nfurnatu,

                        a Gesù è raccumannatu!

                        Lu mangiammu ‘ncumpagnia,

                        cu Gesù e cu Maria!

                        Sbatti forti ncapu ‘a spica,

                        lu Signuri benedica!...

Rorò                -(Donna vissuta dell’età di 55 anni, con la pelle bruciata dal sole e le rughe che le solcano profondamente il viso come a dimostrare i sacrifici, i sudori le pene e le angustie che le hanno caratterizzato la vita terrena. Veste tutta in nero. Due lunghe trecca attorcigliate ai due lati della testa)

Cuomu mi fannu mali li rini. (alzandosi) Pi oj lassammu perdiri. Aspittammu ca si leva lu vientu, accussì spagliammu, sempri cu l’aiutu di lu Signuri! (Fa il segno della croce. Durante questo dialogo si sentono dei rumori caratteristici della mietitura che provengono dall’aperta campagna)

Graziedda                   -(a Rorò) Mamà mi staju alluntanannu cu Vannidda e Nazzarena, jammu a truvari l’uomini!

Rorò                -Va beni, jti! Dati a cura! Viditica è già ura di mangiari!

Vannidda        -Nun si preoccupassi, ca tra un vidiri e un svidiri siemmu arrieri ccà!

Nazzarena       -Za Rorò un saccu vacanti nun pò stari addritta! Nun si preoccupassi ca nun siemmu muli, siemmu legittimi! All’ura di mangiari siemmu prisenti! (le tre ragazze si allontanano)

SCENA SECONDA

Rorò, Carmela e Mara

Rorò                -(andandosi a sedere sui banchi seguita dalle altre due) Spirammu ca lu Signuri fa susiri u vientu pi spartiri paglia e frummientu! (fa il segno della croca)

Carmela          -Sorti ‘mpami caviemmu n’antri viddani! Viviemmu sempri di spiranza! Spirammu ca si susi lu vientu, spirammu ca chiovi, spirammu ca nun chiovi! Spirammu ca nun ca la jlata, spirammu chistu, spirammu chiddu... La nostra vita è chjna di spiranza! Eh maliditta terra, ca cuomu ni duni la vita ti la pigli arrieri!

Rorò                -Za Carmè, dassi a cura, chissi su’ bastemij contru lu Signuri! Facissi la vùluntà d’iddu!

Carmela          -‘Na vita ca la fazzu! Spiramu!

Mara               -Spiramu, spiramu, spiramu! ‘Sta parola n’haju chjni li sacchetti! Unni ti giri giri sienti diri sempri la stissa parola: Spiramu! Ma! Sorti’mpami, cuomu dici a za Carmela! La Spiranza è cuomu la musca cavaddina! La scacci ma idda resta sempri attacata a la to carni! Quannu a tia pari ca l’ha scacciatu pi sempri, ti la ritruovi ‘mpicicata cchiossà di prima! Lu Signuri pirchi n’ava fari soffriri senza darini lu scjatu di rifarini ‘na vita cchiù sirena e cu cchiù cirtizzi ca spiranzi!

Rorò                -Muta Mara, nun bastimmiari puru tu! Ringrazia Diu e vasa ‘nterra!

Mara               -Ma la finissi! La finissi cu li soliti lagni! N’haju li sacchetti chjni! Vossia pò suppurtari, tantu nun havi nenti di perdiri! Bellu è diri sia fatta la vuluntà di Diu quannu unu avi la panza chjna! Lu vulissi vidiri a vossia si nun avissi chi rnangiari, si nun avissi tanticchia di pani p’ammugliarlu cu tanticchia d’uogliu pi prisintarlu a lu maritu quannu torna la sira, dopo ‘na jurnata di circari travagliu! Vùlissi vidiri si facissi la spracchiusa!

Carmela          -Mara, ma pirchì ti la stà scuttannu cu idda? Chi dissi di mali? Dissi c’amma fari la vùluntà di Diu!

Mara               -Si mi li tira idda di la ucca!

Rorò                -Si ti li tiru di la ucca, voli diri ca si chijna di vilenu (tappa la bocca e guarda Carmela come per dire, mi è scappato)

Mara               -Za Rorò a mia dici ca sugnu chjna di vilenu? S’ha taliatu vossia a lu specchiu? S’ha fattu mai l’esami di cuscenza? Sicuramenti no! Pirchì altrimenti nun si cumpurtassi cuomu s’ha cumpurtatu sina ad ora! Cu dintra avi amaru, nun po sputari dunci!

Rorò                -(alterandosi) Mara, chi vua diri cu chissu?

Mara               -Nenti! Vossia è sperta e mi capì!

Rorò                -Mara! Ccà sutta nun ci chiovi! (fa il gesto con le mani) E ora lassatimi jri, quantu vaju e priparari pi mangiari! (va via dalla destra entrando nel magazzino)

Carmela          -Furca ca t’infurca! Chi ti dissi la za Rorò ca santasti cu la lingua tri parmi e miezzu?

Mara               -Idda, quannu parla, ava misurari li paroli! Cu mia truzza duru!

Carmela          -La za Rorò, ha statu sempri ‘na lapa di meli! Fimmina rispittusa! Onesta! S’à livatu lu pani di ‘mmucca pi darlu a li puvurieddi! Timorata di Diu!

Mara               -(tirando fuori un foglio di carta che nascondeva nel seno) Liggissi ccà

Carmela          -E chi è?

Mara               -Liggissi!

Carmela          -(leggendo il foglio) "Io sottoscritta Lucia Casà, che il Signore mi perdoni, affido come Figlia Santa, mia figlia nata il 10 gennaio 1930 alla signora Rosaria Li Causi. Essa si impegna a riconoscarla come figlia legittima. Firmato Lucia Casà. Conferma Rosaria Li Causi". La figlia di la za Rorò e di lu zu Pietru nun è figlia d’iddi? E' figlia di la bonanima di la za Lucia Casà? (Mara annuisca) Ma a tia cu ti lu detti ‘stu fuogliu?

Mara               -Si lu scurdà cu era ma matri? La Mammana di lu paisi e di tutti li massarij! Mistieri ca lassà a mia! E vossia lu sapi ca la mammana è lu cucchiaru di tutti li pignati! ’Stu fuogliu lu truvavù ‘mmiezzu li carti di ma matri! ‘Mmiezzu ‘stu fuogliu ni truvavù ‘n’antru, scrittu di ma matri, unni appuntà lu pattu chi ficiru la za Rorò e la za Lucia! Ascuntassi: La za Rorò, quannu la za Lucia ci cunfidà ca era ‘ncinta di lu so spasimanti, ci dissi ca pi nun suscitari scannalu e nun essiri jttata fori di li so genitori cuntrari a lu matrimoniu, ca lu figliu chi nasciva si lu pigliava idda! Ma di ‘stu fattu, ficiru pattu ca nun l’aviva sapiri nuddu! Ne lu maritu di la za Rorò, u zu Pietru, ca lu zitu di la za Lucia! Pi ricumpenza la za Rorò si piglià pi criata la za Lucia prumittiennuci lu paradisu! La trattava cuomu ‘na vera signura! Passava lu tiempu e crisciva la panza a la za Lucia e mittiva pezzi p’ammucciari la vriogna! Mentri la za Rorò mittiva pezzi ‘ncapu pezzi pi unchiarici la panza! Quannu nascì la criatura, ca pua fu ‘na fimminedda, la za Rorò tutta ” timorata di Diu” cuomu dici vossia, a la za Lucia la fici muriri di fami e di crepacori fina a quannu murì di tubercolosi! Lu vidi chi razza di fimmina è la za Rorò! Chidda, ca dici: ca ccà sutta nun ci chiovi!

Carmela          -(sconcartata da questa rivelazione) No! No! Nun ci cridu!

Mara               -E chi c’è bisuognu ca lu cridi vossia?

Carmela          -(tenendo in mano ancora il foglio) Fussi cosa di strazzari ‘stu fuogliu, accussì la cosa finissi ccà!

Mara                           -Za Carmè, po strazzari lu fuogliu, ma nun pò strazzari a ma lingua!

Carmela          -Furca ca t’infurca! Tu nun si fimmina ma diavulu! Ragiuni avi la za Rorò, ca sì chija di vilenu!

Mara                -Za Carmè, si zittissi pirchì ci n’è anchi pi vossia!

Carmela           -E chi ha di diri ‘ncapu di mia! Vidica, ccà sutta nun....( le tappa la bocca con un portentoso schiaffo)

Mara                -Za Carmè.. za Carmè! Nenti lassammu perdiri!

Carmela           -No! Ora ca muzicasti la parola à parlari!

Mara               -Lassassi perdiri!

Carmela           -Mara, tu lu vidi cuomu lu vilenu ti carcaria dintra la panza!

Mara               -Allura mi costringi!

Carmela           -Parla!

Mara               -Za Carmè, stasira quannu torna so maritu, ci dassi quattru vastunati, iddu sapi lu motivu!

Carmela           -E chi vùa diri cu chissu?

Mara               -Nenti e tuttu!

Carmela           -Diavùlu si!

Mara               -Si, diavulu sugnu! (piglia il tridente e lo impugna con la mano destra emettendo una lucubre risata, In quell’istante entrano in scena gli uomini che ritornano dalla mietitura accompagnati dalle tre ragazze. Tengono tutti in mano fasci di spighe)

SCENA SECONDA

Dette, zu Pietru, zu Lisciannaru, zu Niria, zu Angilinu, Iacintu, 'Gnaziu, Cocò,Vannidda, Nazzarena e Graziedda.

(Portano in mano fasci di spighe che vanno a depositare sul cumulo che è al cantro della scena. I movimenti dei personaggi a soggetto! Intonano un canto di lode al sole, creatura della Divina Provvidenza)

            Ni ‘l’orizzonti spunta lu suli

            squarcia la notti e duna caluri.

            Chistu misteru è troppu potenti,

            spanni la luci a tutta la genti.

            E ni la notti vinci lu scuru,

            dannu a la luna ‘na granni luci.

            Vasa la terra, ridi a lu mari

            e la natura si mitti a cantari.

Rit.      Lu suli è già spuntatu

la notti si nni va,

tocca li nostri cori e ‘nnamurari fà.

Spanni li sò fajddi, duna felicità.

Pari ‘na vampa granni

cu tutti ‘sti fajddi

                                   brillanu ni lu scuru

                                   e parinu li stiddi.

                                   Portanu tanta luci

                                   c’alluminari fà.

            La nostra terra è tutta ‘ncantata

ca di lu suli fu vattiata.

Terra di gioia e di duluri, ca ni li cori mitti l’amuri.

Terra sincara, terra d’onuri,

ca nuddu mai voli lassari.

Chjna di frutti chjna di sciuri,

sì la ricchizza di lu Criaturi.

                        Rit ……………………….         

            Cantammu lodi a lu Signuri

            ca tutti li jorna manna lu suli.

            Anchi la sira nun c’è tristizza,

            pirchi di l’alba c’è la cirtizza.

            Veni pi dari la so putenza,

            tocca la terra cu riverenza.

            Brilla ni ‘l’aria sempri cuntenti,

            porta la gioia a tutta la genti.

                        Rìt ………………………

SCENA TERZA

Detti e la za Rorò

(Finito il canto alcuni si siedono sulle panche, altri sistemano la paglia. Dal magazzino, sulla destra, spunta la za Rorò)

Rorò                           -Livastivu manu? Allura lestu, ca si mangia! Forza allistitivi se no mi mangiu tutti cosi ja! A la tavula di la batia, cu nun ci voli essiri nun ci sia! Forza, carusi e viecchi.. rimbambiti!

Niria                -Muta, muta, muta! (quando ripete queste tre parole solleva le mani con le dita aperte, e le muove dall’alto in basso. I movimenti del suo corpo sono lenti) Za Rorò, ci ricuordu ca a tavùla nun s’invecchia! Trasu ja pi primu! (Mara si allontana uscando dalla comune. Graziedda entra in casa sulla sinistra)

Rorò                -‘Nzoccu guasta la vicchiaia, nun c’è mastru chi la conza! Trasiti, trasiti ni lu ammasè! (Niria esegue) E cu è lu secunnu?

‘Gnaziu           -Za Rorò sugnu ja! E chi si mangia?

Rorò                -Vavaluci!

‘Gnaziu           -Vavaluci a sucari e fimmini a vasari nun ponnu mai sazziari! (guarda verso le ragazze carcando con lo sguardo a Graziedda che non trova. Poi rivolta a la za Rorò s’avvicina per baciarla)

Rorò                -‘Gnaziu, alluntanati ca ja gaddina vecchia sugnu!

‘Gnaziu           -Gaddina vecchia fa bon brodu! (a Cocò) Dai Cocò trasiemmu vistu ca nun è possibili cu’ la gaddina vecchia, pruvammu cu li gaddini nuovi! (fa segnale a Cocò di invitare Nazzarena e Vannidda)

Cocò                           - (Quando parla si agita animatamente. Si adora spesso le dita delle mani sia destra che sinistra per poi passare ai polsi) Dai Nazzarena e Vannidda trasiemmu ni lu gaddinaru!

Vannidda                   -Dai trasiemmu Nazzarè’ ca viennu appriessu li capuna! (scappano inseguiti da 'Gnaziu e Cocò ed entrano nel magazzino)

Rorò                -Forza all’antri capuna! Zu Liscià a vossia tocca!

Liscia. ro                     -(imbevendosi storpia le parole e poi si corregge) Uoh, uoh, uoh. Chi mi mangia pi sapuni? Uoh, uoh, chi mi scangia pi sapuni? Chi mi scangià pi capuni?

Pietru              -(togliendogli la coppola e toccandogli la testa) Zu Liscià mi pari ca ccà cricchia nun ci n’è! Gaddu nun siti di sicuru!

Liscia. ro         -Uoh, uoh, uoh, nun trasu, oh! (a Pietru) Cusiti vu!

Pietru              -Cu sugnu ja? ‘U zu Pietru!

Liscia.ro          -Uoh, uoh trasiti vu,! Uoh, uoh, trasiti vu!

Rorò                -E chi v’à chiamari a unu a unu? Forza zu Pietru trasiti vu!

Pietru                          -Trasu, trasu! Haju lu stomacu ca mi carcaria, ca nun ci vidu cchiù di la fami! ( a Angilinu) Zu Angilinu, dai trasissi cu mia, ca vossia è cchiù ranni, accussì ci fazzu ja di vastuni!

Angilinu          -(La persona più anziana della massaria. Personaggio introverso e di poche parole! Ha vissuto intensamente la vita facendo tesoro di tutte le esperienze che l’hanno accompagnato, comunicandole, attraverso proverbi, a tutti gli altri personaggi. Fuma intensamente la pipa! Ha in testa una papalina di colore rosso con ricami neri! Tiene maledettamente a questa papalina, ricordo di un suo antenato che fece parte dei Garibaldini nella spedizione dei Mille. Ha una larga fascia nera nel braccio, per il lutto della moglie) La quartara rutta si tira chidda sana! Trasu, trasu!

Pietru              -E cu fussi la quartara rutta?

Angilinu          -Dumannatilu a vostra muglieri, ca idda lu sapi!

Rorò                -Ragiuni aviti, zu Angili! M’à caricari anchi di ‘stu pisu!

Angilinu          -A tali pignata, tali cupierchiu! (a Pietru che lo guarda male)

Pietru                          -E sintiemmu cu fussi ‘stu cupierchiu? Cara Rorò, vidica sina ora lu mulu ca s’ha caricatu lu pisu haju statu ja. E nun mi fari parlari se no…. se no…

Rorò                -Se no chi?

Pietru              -Se no parlu e ti spubblicu davanti a tutti! (tutti presenti ridendo incitano Pietru a parlare)

Rorò                -A zittuti, zittuti! Ca nun ha nenti di spubblicari! Ia canusciu li to mutanni, ca li lavù di la matina a la sira!

Pietru              -E allura accuminciu! (tutti acconsentono. Pietro piglia un secchio di latta posato in un angolo e sale su una panca e batte sul secchio come se fosse un tamburo) ‘Mprimisi ‘mprimisi, la notti runfulii ca pari un contrabbassu!

Rorò                           -A quali primisi e primisi e citalena, si tu ca russi accussì forti ca fa trimari li vitra di li finestri ca pari un tirrimotu! Lu runfuliu è accussì forti ca si sveglia e ci pari ca sunnu l’antri!

Pietru              -‘Nsecunnisi nsecunnisi, quannu mangi brodu sciusci (esegue) ca pari ‘u manticii di lu firraru!

Rorò                            -Ia sciusciu, e lu brodu mi trasi dintra lu stomacu! Tu ‘nveci sciusci e lu brodu lu fa nesciri di li buca di lu nasu) Quali primisi secunnisi e terzisi! Ascunta a mia, si vua ristari a purpitu, resta dduocu cuomu a San Firticchiu Apuostulu, resta, pirchì ja trasu e vaju a mangiu... ..cu lu scrusciu cuomu dici tu! E chi scrusciu cu li vavaluci! Z’Angilì trasi vossia?

Angilinu          -Dai zu Pietru, schirzammu, ja e vostra muglieri! Forza trasiemmu, ca lu beddu spicchiu di lu ma patruni, riclama lu sua! (si riferisca allo stomaco. Esce seguito da ‘u zu Pietru e da Rorò)

Carmela          -(Davanti all’uscio del magazzino) Dai Lisciannaru, a tia tocca!

Lisciannaru     -Uoh, uoh, uoh, chi si mangia a.. a.. li dudici?

Carmela          -No, all’unnnici!

Lisciannaru     -Uoh, uoh, uoh, chi si mangianu vavaluci?

Carmela          -Si, vavaluci! E cu mangia vavaluci caca corna! (Lisciannaro con uno sguardo di rimprovero esce dalla destra. Carmela rivolto a Iacintu che è rimasto solo in scena) Iacì, nun trasi tu? Nun hai fami?

Iacintu            -(seduto su una panca) Za Carmè haju fami, ma fami di cosi chiù sustanziusi!

Carmela                      -Ah, vidi figliu, dduocu nun ti puozzu ajutari! Ia trasu! (esca dalla destra. Iacintu rimasto solo si muove nervosamente in scena. Entra Graziedda)

SCENA QUARTA

Detto e Graziedda

Graziedda       -E unni sunnu l’antri?

Iacintu            -Tutti a lu ammasè pi mangiari

Graziedda       -E vu nun ci jti?

Iacintu            -La ma tavula ccà è apparicchiata!

Graziedda       -Chi sintiti diri?

Iacintu                        -(avvicinandosi a Graziedda) La vostra veste fà di tuvaglia di tavula! La vostra ucca fà di calici, lu vostru amuri fà di mangiari! Un mangiari ca nun mi saziu mai! (in questo dialogo Iacintu abbraccia Graziedda e quest’ultima lo respinge)

Graziedda       -Iacì’, vu’ lu sapiti, ca ja vi vùogliu beni cchiossà di la ma vista! Vu’ lu sapiti, ca ja vidu lu munnu cu li vostri uocchi! Ascuntu cu li vostri oricchi, pienzu cu la vostra testa! L'amuri chi haju pi vu’ è accussì ranni ca m'accieca la ragiuni, mi duna e mi leva lu sennu! Ma purtroppu nun puozzu giojri di ‘stu statu pirchì ma matri e ma patri nun vùonnu ca mi pigliu a tia pi zitu! Nun vuonnu, nun

                        vuonnu, e nun sacciu lu pirchì! Si ni vidissiru ni ‘stu momentu assiemi,  facissiru succediri ‘na tragedia!

Iacintu            -(abbracciandola senza dare la possibilità di fuga) Grazié’, ricordati ca l’amuri nun talia ricchizzi, l’amuri nun senti cunsigliu e cu la so forza cadi ogni valuri! L'amuri è ‘na pazzia e ja sugnu pazzu, pazzu di vu! (la stringe fortemente, ma nel tentare di svincolarsi, Graziedda va a finire a terra sul cumulo di paglia trascinandosi Iacintu. Nello stesso istante si sente la voca di lu zu Pietru. Iacintu istintivamente copre con la paglia interamente Graziedda, nascondendola)

SCENA QUINTA

Detti, Zu Pietru e Mara

Pietru                          -(d.d.) Graziedda, Graziedda! (nello stesso istante dalla comune sopraggiunge Mara. Ha in mano un tridente. Dal magazzino si affaccia ‘u zu Pietro)

Mara, Mara atu vistu a Graziedda?

Mara                           -No, zu Pietru! Ia viegnu di ‘l’aperta campagna! Dumannatilu a iddu ca è di la sapitura!

Iacintu            -No, zu Pietru, nun l’haju vistu!

Pietru              -Si la viditi dicitici di viniri a mangiari! E uantri chi fà nun trasiti?

Mara               -Zu Pietru, trasu subitu! ( Pietru rientra) E tu chi mangi paglia cuomu li bestij? Nun trasi?

Iacintu            -(seduto ancora sulla paglia) Ora trasu. Trasiti prima vu’! (si alza)

Mara               -No! Trasiti prima vu’, ca siti cchiù carusu e aviti cchiù fami!

Iacintu            -Vu’, siti cchiù ranni e quindi aviti la pricidenza!

Mara                           -Iacintu, veru è ca sugnu cchiù ranni e ricurdativi ca quannu lu pinsieri vuostru và, chiddu mia veni! (incomincia a girare per la scena battendo il tridente sulla paglia. Iacintu manifesta paura nascondendola con una ebete risata) Quannu la panza è chijna ogni cosa feti! Vi lu scurdastivu quanti voti mi vinistivu a tuppiari a la porta di la me casa! Quantu voti mi vinistivu a supplicari, chiangiennu lacrimi di sancu: “Mara ja haju a vu sula! Vu sula mi putiti ajutari”!

Iacintu            -Ma chi diciti, Mara! (carca di farla stare zitta. Non vuole che Graziedda nascosta sotto la paglia senta queste crude rivelazioni)

Mara               -Zzittitivi e facitimi parlari! “Vu’ sula mi putiti aiutari!”! E ja fù costretta a fari la ‘mpami...

Iacintu            -(come sopra) Ma chi diciti, chi vi nisci lu senziu?

Mara               -No! Caru Iacintu ja a l’antri lu fazzu nesciri. Cuomu lu fici nesciri a lu Delegatu, dda famusa sira c’arrubbaru ni lu palazzu di lu Baruni Mattia, diciennucci ca la notti vu la passastivù cu mia! E ja fu costretta a fari la ‘mpami pi vu’! Pi vu’!

Iacintu            -Mara ma chi diciti, vi stati sunnannu?

Mara               -Sveglia sugnu! (si da dei pizzicotti sulle braccia sino a farsi male) Lu viditi ca sugnu sveglia! E nun mi viniti a diri ca vu e lu vientu siti cuomu li frati! V’ha prigari pi farivi susiri, v’ha prigari pi farivi calari la testa! Ricurdativi ca l’amuri e la passioni su’ cchiù forti di la ragiuni! ‘Stu disegnu c’aviti ‘ntesta nun v’arrinesci! Ia vi lu ‘nghiappu, vi l’alluordu! E anchi quantu nun si pò mai realizzari! (bagna con la saliva il pollice della sua mano destra e tocandogli la fronte) Vi lu scrivu, ccà, ni la frunti cu la ma sputazza: Nun si po mai

                        realizzari! Ora vi lassu, ca dda dintra c’è un piattu ca è cchiù gustusu e sinceru di vu! Vu’ dduocu aviti la tuvaglia di tavula, ebbeni ccà c’è la furchetta! Mangiati e affucativi! (gli scaglia contro il tridente che teneva in mano e va via dalla destra)

Iacintu            -(scoprendo Graziedda dalla paglia!) Niesci amuri mia, niesci ca si nnì j’ dda scavaddata!

Grazieda         -(alzandosi e respingendo con le mani Iacintu) Leva ‘sti mani, rifardu e minzignaru! (va verso il magazzino)

Iacintu            -Nun è cuomu criditi vu! Aspittati cavi lu spiegu! (la segue carcando di bloccarla sino alla porta del magazzino. Mentre entrano i due, escono in contemporanea Carmela e Lisciannaru, Carmela non toglie lo sguardo su Iacintu e Graziedda)

SCENA QUINTA

Carmela, Lisciannaru, Mara e Niria

Carmela          -(Tiene in mano un coltello e un cetriolo) Lu vidi, lu vidi ‘stu cutieddu? Ah, lu vidi? Accussi fazzu! (Taglia in due il cetriolo col coltello) Accussì fazzu! E ti fazzu vidiri ja cu è Carmela Calà, la figlia di don Iacupu Calà lu scanna ciarvieddi di tutta la massaria e di lu paisi!

Liscian.           -Uoh, uoh, oh, chi ti dassi chi ti dassi?

Carmela          -Chi mi dassitu?

Liscian.           -Uoh, uoh, chi ti dissi, chi ti dissi?

Carmela          -Nun ti cridu!Tu si rifardu e ‘mpami!

Liscian.           -Uoh, uoh, ma cu ti l’ha ‘ncucchià ‘sta, ‘sta cicoria?

Carmela          -Cicoria? Scalora è!

Liscian.           -Uoh, uoh, ‘sta storia, cu ti l’ha ‘ncucchià ‘sta storia?

Carmela          -Liscià’, ascunta, ja ti canusciu cuomu li ma sacchetti, ca nun ci voli tantu a canuscili, vistu ca su’ sempri vacanti pi mieritu tua, ca mi puorti pani e cumpanaggiu! Liscià, ja nun ci detti cuntu a ma patri! Iddu ti canusciva beni e mi diciva sempri: Carmela ‘a figlia vidica nun è un bon partitu. Nun è cosa pi tia! E’ lagnusu! E siccuomu l’amuri chi aviva pi tia era cchiù ranni di qualsiasi cosa, nun detti cuntu a ma patri, e ora...

Liscian.           -Uoh, uoh, eh, eh, nun mangiammu li patati ‘n tavula!

Carmela          -Patati ‘n tavula? Si, cipuddi scallati su’!

Liscian.           -Uoh, uoh, nun cangiammu i carti ‘n tavula!

Carmela          -Puru chissu, puru chissu! E unni l’aviva a testa quannu ti maritavu! Unni? Cu ‘stu parlari ca ci voli lu ‘ntreppiti! Sina davanti lu parrinu quannu ni maritammu, inceci di dirici “ Sì, lu vuogliu “ ci dicisti: ” Sì, lu ‘mbrugliu”! L’amuri fu accussì ranni… ma ora addivintà nicu, nicu cuomu ‘nu strunzu di crapa!

Liscian.           -Uoh, uoh, no la, la, stuppa nun fu di l’aratru! Uoh, uoh, la culpa nun fu di to patri, ma mia, ma mia, ca ci dassi, ca ci dassi, uoh, uoh, ca ci dissi, ca ci dissi sì a la za Rorò!

Carmela          -(incuriosita di puesta affermazione) E chi ci trasi la za Rorò? Ni lu nuostru matrimoniu, chi ci trasi idda?

Liscian.           -(correggendosi) Uoh, uoh, denti, denti!

Carmela          -Chiddi chi t’à fari cadiri ja!

Liscian.           -Uoh, uoh, nenti, nenti!

Carmela          -No! Ora à parlari! Ora ca muzicasti li paroli à parlari! (mentre Carmela proferisce l’ultima frase, dal magazzino s’affaccia Mara seguita dal marito Niria)

Mara               -Li paroli muzicati sunnu cuomu li nascati! (si da un colpetto sul naso) Ci trasi, ci trasi, idda ci trasi sempri! Ci trasi cuomu a Pilatu ni lu Cridu! Idda è cuomu ‘na virrina ti gira, ti gira, ti gira e a la fini ti spirtusa e arriva a lu puntu!

Niria                            -Muta, muta, muta! Ha stari muta, Mara, ci rispunnu ja a la za Carmela, vistu ca lu maritu sapi muzicari sulu li paroli! E ci ricuordu ca sugnu ja cchiù spertu d iddu! Cuomu fu lu ma nannu ca era cchiù spertu di lu so nannu! (a Mara che vuole intervenire) Muta, muta, muta! Ma nannu mi cuntava sempri ca ‘na vota fici ‘na scummissa cu vostru nannu, cu è c’arrinisciva a sputari cchiù

            luntanu si pigliava pi zita la figlia di la za Teresa Cucchiara, ‘na carusa bedda ca ci vulivanu milli uocchi pitalialla! Ma nannu ci dissi a lu

            vuostru: ”Accuminciati vu’ pi primu, vistu ca siti cchiù picciuottu! Vostru nannu attisa l’oricchi cuomu ‘na taddarita, allonca dda funciazza, rapi un pirtusu ni la ucca e spara ‘na sputazzata ca parsi un lampu cu tuttu lu truonu! ”Va misura” ci dici vostru nannu cu tutta dda boria! Ma nannu misura e cunta: ”Unu, du’, tri, quattru, cinqu, sei, setti ottu passi e unu, du’ parmi! Ottu passi e du’ parmi!" Ma nannu senza sbattiri cigliu, s’ avvicina a lu puzzu di l’acqua di la massaria, ci sputa dintra e ci dici a vostru nannu: ”Va spaci!.’Va misura! ”Chissi fuoru lu vuostru e lu ma nannu!

Liscian.           -Uohn , uoh, uoh, ma a la missa.. .uoh, uoh, ma... ma la scummissa chi fici cu vu ja la vincivu, ja cu Mascalucia...uoh, uoh… cu la za Lucia Casà, ja mi ci fici zitu!

Niria                -L’ha ‘ngannastivu cu li sordi a la za Lucia Casà, cu la cumplicità di la za Rorò, pua vi canuscì a funnu, di chi pasta eravu e si nni vinni a cunsulari nni mia...

Carmela          -Furca ca t’infurca! (una intensa sputazzata al marito) Ppuu! Schifusu va misura ‘sta sputazzata, pezza di ricotta ‘nnaciduta! (l’afferra per la cinta dei pantaloni dalla parte posteriore e se lo trascina.) Ti fazzu vidiri ja unni arriva la ma sputazza! Escono dalla comune.)

Mara               -Chi è ‘stu fattu?

Niria                -Muta, muta, muta...

Mara                           -(solleva vistosamente il braccio e brandeggiandolo gli propina uno schiaffo sulla bocca) Quannu la furmicula voli vulari chistu è segnu ca voli muriri! La licenza è scaduta! Mutu tu! Assà ha parlatu pi li ma gusti! (lo afferra per il bavero della camicia e se lo trascina come se fosse un sacco di patate)

                        Scinni scinni ‘ntirrinedda

                        si t’acchiana lu birbanti,

                        tiru fori ‘a fancitedda,

                        e si sì luna criscenti

                        cuomu dici la to stidda.

                        passi a luna calanti. (escono dalla comune)

SCENA SESTA

Graziedda, ‘Gnaziu, Iacintu e Angilinu

'Gnaziu           -(seguendo Graziedda che uscendo dal magazzino va a sedersi su una panca. Quando parla muove le braccia avanti ed indietro con le mani a pugno chiuso) Graziè, ueh, ueh!! Pirchì nun rispunniti all’amuri chi haju pi vu’?

Graziedda       -‘Gnaziu, quantu voti vi l’ha diri ca ja pi vu’ pruovù ‘n’amuri chi putissi pruvari un frati pi ‘na suoru!

‘Gnaziu           -Grazie ueh, ueh! Ma possibili ca dopu tuttu ‘stu tiempu ‘st’amuri di suoru c’aviti pi mia nun s’ha tramutatu in amuri di zita!

Graziedda       -Caru ‘Gnaziu, ata sapiri ca quannu lu fuocu è vicinu la paglia c’è lu rischiu ca piglia fuocu! Ora viditi, ja cu vu’ ‘na vita ca siemmu vicini! Di carusi ammu statu sempri assiemi. Vi ricurdati ni ‘stu bagliu jucati cu li mazzoli a la casa, cu la crita a fari pupi! Juornu e notti, nun c’eranu minuti ca ni spartivanu! E accussì crisciemmu, crisciemmu felici ni ‘sti quattru mura. V’haju attaccatu n’affizzioni, ma è affizioni di suoru!

‘Gnaziu           -Graziè, ueh, ueh...

Graziedda       -Pi favuri, ‘Gnaziu nun accumpagnati lu ma nomi cu ‘stu ueh ueh , ca mi pariti ‘na trummetta stunata!

‘Gnaziu           -Ma sempri la vostra trummetta sugnu!

Graziedda       -Si, un trummuni siti e ora lassatimi stari sula! (a questo punto escono dal magazzino Iacintu accompagnato dallo zu Angilinu. Graziedda nel vedere

Iacintu cambia atteggiamento nei confronti di ‘Gnaziu, per far ingelosire Iacintu) Si, viegnu cu vu ni ‘l’apertacampagna!

‘Gnaziu           -(intondito) Quali campagna?

Graziedda                   -Ah chidda! (indica con la mano e con l'altra lo abbraccia e se lo trascina attraverso l’arco. Escono. Iacintu segue per un pò i due poi va a sedersi su una panca. Viene seguito da Angilinu che capisce tutto, ma non parla)

Iacintu            -Z’Angilinu, cridu ca lu capì ca sugnu ‘nnamuratu di Graziedda!

Angilinu          -A voglia! (da delle intense boccate alla pipa che avevaacceso da poco)

Iacintu            -Lu vitti? Fa accussì ca mi voli fari ‘ngelosiri! Pirchì idda cridi ca ja mi misi cu Mara! Ja mancu la canasciu a chissa!

Angilinu          -A voglia! (da altra boccata alla pipa)

Iacintu            -Pua ja dicu, pirchì la za Rorò e u zu Pietru nun vuonnu ca mi fazzu zitu cu la figlia? Chi hannu contru di mia. Sugnu un carusu travagliaturi. Mi susu la matina a la bonura pi ghiri a travagliari! Ca sugnu mulu? Ca nun canuscivu cu fuoru ma patri e ma matri? Unn’è chissu lu motivu,z'Angilì?

Angilinu          -Eh! (altre boccate alla pipa)

Iacintu            -Z'Angilì ‘sta notti mi sunnavu a ma matri, almenu aviva essiri idda, vistu ca mancu la canuscivu. Era curcatu ni lu ma liettu, idda s’avvicinà m’accarizzà la frunti, mi stuià la ucca cu lu so fazzulettu biancu, e mi ripitì ‘na frasi.. diciva... . nun mi ricuordu, diciva..."Figliu amurusu...

Angilinu          -Figliu amurusu, figliu odurusu, ranni è l’amuri pi ‘stu carusu!

Iacintu            -Sì, chissa è ‘a frasi, ma vossia cuomu la sapi?

Angilinu          -La ripitiva sempri la za Lucia Casà!

Iacintu            -La za Lucia Casà? E c’aviva di spartiri la za Lucia Casà cu ma matri?

Angilinu                     -(fumando freneticamente la pipa) Nenti, anchi idda era fimmina china di virtù, e saggizza!

Iacintu            -Anchi idda? Pirchì vossia chi canusci a ma matri?

Angilinu          -(ancora frenetiche boccate alla pipa e sistemandosi la papalina) No, dicu, ca li fimmini di ‘stu stampu, fuoru ‘mpastati cu la stissa crita. (viene interrrotto il dialogo con la presenza di Cocò e Nazzarena che escono dal magazzino. Cocò sta attaccato a Nazzarena sperando di potere ottenere particolari attenzioni)

SCENA SETTIMA

Detti, Cocò, Nazzarena e Vannidda

Cocò                           -(vicino l’uscio del magazzino e non accorgendosi della presenza di Angilinu e di Iacintu) Nazzarena, Nazzarena, Nazzarena, quannu, staju cu tia mi brillanu l'uocchi, lu cori mi batti accussì forti cuomu l‘orologiu di lu campanili di la matrici! Nazzarena, Nazzarena, Nazzarena, dammi ‘na spiranza, dammi un signu...Nazzarena, Nazzarena, Nazzararena...

Nazzarena       -Cocò, Cocò, Cocò si nun v'’lluntanati di ccà vi dugnu, un signu (piglia la mazzuola) cu ‘sta mazzola e vi fazzu addivintari accussì (con l’altra mano piglia il tridente) cu trì dienti suli! (accorgendosi della presenza di Angilinu e Iacintu) Oh! z’Angilì ccà è vossia e anchi vu’, Iaci! Stava spiegannu a Cocò cuomu si usanu st’arnesi! (mostra mazzuolo e tridente)

Iacintu            -Eh, Nazzarena vu’ hatu fattu sempri scola!

Nazzarena       -(avvicinandosi a Iacintu) Quannu una ci lavi ni lu sancu chi vi putiti aspittari? U peggiu è quannu unu voli dari e nun havi nenti dintra! Ora vi salutu! Sabbenedica z’Angilì! Addiu Iaci!

Angilinu          -Santu figlia e duna a cura!

Nazzarena       -Di chi?

Angilinu          -Di lu scuru!

Nazzarena       -Di chissu propria...ma di l’antri si! (da un pizzicotto sulla guancia di Iacintu. Poi a Cocò) Vi saluto Cocò!

Cocò               -Addiu Nazzarena! Eh....

Nazzarena                   -Eh...Nenti. (Cocò l’accompagna sino all’arco e poi va a sedersi distrutto su una panca. Esce dal magazzino Vannidda)

Vannidda        -Oh, caru Cocò, accussì finì la prescia c’avivavu di jrivinni! O ‘ncuntrastivu un trivulu di casa e vi ristà mezza dintra e mezza fori? (accorgendosi della presenza di Angilinu e Iacintu) Nun pienzu ca siti vu z’Angilinu, o vu Iacintu ca purtati trivulu ni la testa di Cocò?

Iacintu            -Vannì, vu sula lu putiti sapiri quali trivulu c’è ni la testa di Cocò! Vu’ siti lu cucchiaru di la so pignata!

Angilinu          -Lassa futtiri, Iacì cu si curca cu carusi, la matina si trova cacatu!

Vannidda        -Z’Angilì, ma quannu unu ha pigliatu ‘na cannata d’acqua frisca e s’ha lavatu torna cchiù pulitu di prima! (avvicinandosi a Iacintu) U peggiu è quannu la lurdia è dintra lu cori accussì ‘ntartarata ca nun c’è acqua di puzzu ca la po livari! Unn’ è veru Iacì? E ora, vaju! Vaju a la casa ca si sta faciennu scuru!

Cocò               -(seguendo Vannidda) Vannidda, Vannidda, Vannidda quannu staju cu tia mi brillanu l’uocchi, lu cori mi batti accussi forti... (Escono dalla comune e in contemporanea dal magazzino vengono fuori la za Rorò che tiene in mano una coffa, con dentro delle pentole, e lu zu Pietro. Hanno iniziato una discussione animata)

SCENA OTTAVA

Detti, Rorò e Pietru

Rorò                -Pietru, tu nun ha mai caputu nenti ni la vita! Ia haju datu sempri culu.. (si zittisce accorgendosi della presenza di Angilinu e Iacintu) Oh caru zu Angilinu ancora piedi piedi?

Angilinu          -Ancora pi picca n’aviti, za Rorò mi ni stava jennu e mi stava faciennu accumpagnari di ‘stu picciuottu! (si alza ed incomincia a camminare verso la comune seguito da Iacintu) E vi lassu cu ‘na bona saluti a vu’ e a lu zu Pietru! Santa notti!

Rorò                -Ma veramenti ancora è prestu p’augurari la Santa notti! C'è ancora un filiddu di lustru!

Anglinu           -‘Mpila la uglia a chi c’è lustru accussì la truovi pronta pi la cusuta!

Pietru                          -Santi paroli, zu Angilì! Vi auguru ‘na Santa notti e spirammu ca dumani a la bon’ura si susi lu vientu accussi putiemmu spagliari! Santa notti!

Angilinu          -Santa notti! (anche Iacintu saluta ma non viene corrisposto. Escono)

Rorò                -Ti lu dicu e ti lu ripietu ‘stu fidanzamentu nun s’ava fari!

Pietru                          -Ma chi ha tu contru ‘stu carusu, Iacintu? E’ buonu travagliaturi unni lu mitti sta! Tistardu ca quannu voli fari ‘na cosa ci arrinesci!

Rorò                -E chissu è lu scantu mia c’arrinesci anchi ‘n chistu! Ascunta nostra figlia Graziedda ni po truvari cientu cuomu a iddu! La doti ci l’avi e chi doti!

Pietru              -Ma dimmi ‘na cosa nun vua pirchì lu carusu è mulu? Mi pari ca ‘ncapu lu picciuottu nun c’è nenti di diri! Mi vua diri ‘sta tua tistardaggini di unni veni?

Rorò                -Ma dimmi ‘na cosa, tu vua? (Pietru tarda a rispondere) Rispunnimi, tu vua?

Pietru              -No, nun vuogliu!

Rorò                            -E allura chiujemmula ccà! Eh, ascunta, cu sa cangiassitu testa, vidica a nostra figlia a mannu ni li monachi di Santa Maria Adelaidi a Palermu!

Pietru              -E si pi esempiu....!

Rorò                -E ci truzza! E ci truzza! Chiujemmula cca, chiujemmula cca! Se no fazzu succediri lu fini munnu! (la coffa che tiene in mano la lancia in aria facendo cadere le pentole in essa contenute, poi piglia due coperchi e li batte a mò di due piatti) A la testa tua ci fazzu fari ‘sta fini! (batte energicamente i due

coperchi e va via dalla sinistra. Pietro la segue raccogliendo alcune pentole per terra. La scena resta per alcuni secondi vuota e spunta subito dopo Lisciannaru)

SCENA NONA

Lisciannaru e poi tutti gli altri personaggi

Liscia.ro                      -(gridando a squarcia gola e contraffacendo come al solito le parole) Za Rorò, za Rorò, za Rorò!

Rorò                -(affacciandosi dalla finestra) Chi c’è mastru lamintusi!

Liscia.ro          -Za Rorò, uoh, uoh, uoh, si sta lavannu li piedi, priparammuni uoh, uoh, priparammuni pi sbadigliari!

Rorò                -Ma chi ‘ncucchiati mastru ‘ncucchia!

Liscia.ro          -Uoh, uoh, si sta livannu, uoh si sta livannu lu vientu, priparammuni uoh, uoh, priparammuni pi spagliari! Faciemu canestru, uoh, uoh faciemmu prestu, prestu!

Rorò                -Scinnu subitu, avvisati all’antri! (rientra subito per poi apparire con Pietru. Lisciannaru chiama tutta la gente della massaria. Spuntano in scena uno dopo l’altro, ognuno impossessandosi del tridente, incominciano a intonare il canto che segue. Coreografie a soggetto. Durante il canto Iacintu non fa altro che

richiamare l’attenzione di Graziedda ma questi non lo corrisponde. Alla fine del canto la piglia con forza e se la porta nell’aperta campagna)

                                   Vieni vientu nun tardari,

                                   p’aiutarini a spagliari.

                                   Vieni vientu di bonura,

                                   alluntana la svintura.                          oè….oè….oè....

                                   Ni ‘stu chianu tuttu d’oru,

                                   accarizza ‘stu tesoru,

                                   è mietutu lu lavuri,

                                   ringraziammu lu Signuri.                    oè…. oè…. oè….

           Quannu lu suli spunta ni ‘stu chianu,

           d’oru zecchinu pari la campagna

           e li spichi

           cu gran vuci,

           già si mittinu a cantari

           la canzuna

           di ‘l'amuri

           pi lu pani c’anna dari!

Rit.                  Senza mari fannu l’unni,

                        ca ti fannu assapurari

                        lu miraculu potenti                

                        ca‘u Signuri ‘sta pi fari,

                        lu miraculu potenti    

                        ca u Signuri ‘sta pi fari.

           Si susi lu viddanu di bonura,

           li vrazza pronti già pi travagliari,

           lu Signuri       

           l’accumpagna

           la so vita ava guardari,

           e lu suli

           già s’avvampa

           e la so frunti fà sudari.

Rit.                  Cu ‘sti spichi tutti d’oru

                        ca ti fannu assapurari

                        lu miracuiu potenti

                        ca ‘u Signuri sta pifari,

                        lu miracuiu potenti

                        ca ‘u Signuri sta pi fari,

           La sira quannu ‘u suli si nn’ha ghiutu,

           ritorna ognunu dintra la so casa

           e lu pani

           è già sfurnatu

           pi saziarici la fami,

           pi livari

           la stanchizza

           e dari forza pi dumani.

Rit.                  Lu frummientu è macinatu

e lu pani si po fari,

‘stu miraculu potenti

lu Signuri vonzi fari,

‘stu miraculu potenti

lu Signuri vonzi fari.

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

La stessa scena del primo atto. Mesi dopo la mietitura. Il cumulo di paglia è stato tolto. Trovano posto, sparsi per la scena, sacchi pieni di frumento. Al centro della scena sistemate tre per lato si evidenziano delle "pile" recipienti in legno che servono per lavare i panni sporchi.

SCENA PRIMA

Rorò, Carmela, Mara, Graziedda, Vannidda e Nazzarena.

Le donne sono sistemate ognuna con la propria “pila” impegnate a lavare le lenzuola. Il movimento delle braccia viene accompagnato con un ritmo musicale e dal canto che segue:

‘Ndindirindì ‘ndindirindì,

lava li robbi a lu tarì.

Lu tarì è traputenti,

lava li robbi a lu parenti.

Lu parenti avi la cuda,

porta li robbi cu la mula.

Si la mula etta cangi,

taglia li robbi cu la fangi.

E la fangi avi lu pizzu,

caca li robbi lu marvizzu.

Lu marvizzu avi l’ali,

lava li robbi a lu canali.

Lu canali etta acqua,

dù linzola pi ‘na vacca.

E la vacca avi li corna,

lava li robbi ca t’agghiorna.

E t’agghiorna via via,

lavamilli ‘nfina a mia.

Finito il canto le donne sitemano in un angolo le "pile” e vanno via per andare a stendere le lenzuola. Resta in scena la za Rorò che sistema la sua “pila”. Dalla campagna arriva Niria.

SCENA SECONDA

Rorò, Niria, Pietru, Iacintu, 'Gnaziu e Cocò

Niria                            -(provenendo dalla comune di corsa) Za Rorò, za Rorò mi mannà a chiamari? Ccà sugnu, sugnu a servirla!

Rorò                -(finendo di sistemare la “ pila”) Si, a vu’ aspittavu! Sulu siti, veru?

Niria                -Sulu cuomu a Cristu a la Culonna!

Rorò               -Ascuntati, Nirì’, haju bisuognu di vu’ cuomu persona di fiducia!

Niria                           -Muta, muta, muta, za Rorò! Nun parlassi cchiù di lu nicissariu! Sugnu di ventri (toccandosi la pancia) cara za Rorò! Forza sbarrassi!

Rorò               -Viniti cu mia ni lu magazzinu ca dda nun ni vidi e senti nuddu! (si avviano verso il magazzino) Perciò, Nirì vi ricurdati quannu arrubbaru ni la massaria di lu baruni Mattia, la notti di l’ Ascenza.…(continua la discussione introducendosi con Niria nel magazzino. Dalla sinistra entra Pietru chiamando la moglie)

Pietru              -Rorò, Rorò, Rorò! E unni schifiu si nni j’! (gridando) RORO'! (dalla comune spunta Iacintu)

Iacintu            -Sabbenedica zu Pietru!

Pietru              -Santu figliu! (si mette a riparare una cesta)

Iacintu            -A cu gridati?

Pietru              -A ma muglieri! Quannu haju bisuognu nun la truovu mai, lh, Iacì quali nova?

Iacintu            -Zu Pietru, mi vuogliu fari zitu!

Pietru              -E cu è ‘sta furtunata?

Iacintu                        -Vostra figlia Graziedda! Zu Pietru vinni p’addumannari pi zita so figlia Graziedda!

Pietru              -(non contento di questa richiesta ed ironico) Ih chi bella nova mi vinisti a purtari! (dal magazzino escono Rorò e Niria)

Niria                -(scorgendo Pietru e Iacintu) Zu Pietru, sabbenedica! Vi salutu Iacì!

Rorò                -(non da tempo a Pietru e Iacintu per rispondere) A Pietru ci fici vidiri a Niria lu frummientu c’avissimu a vinniri! Ora iddu si occupa di ‘st’ambasciata! (a Niria) Jti, jti a dumannari cu paga di cchiù!

Niria                -Vaju, vaju! Allura za Rorò, ristammu ‘ntisi!

Rorò                -Mezza parola! (Niria va via per la comune salutando)

Pietru              -Za Rorò, taliati chi voli ‘stu picciuottu! (a Iacintu) Addumannatilu a idda, idda è la fimmina e pi li figli fimmini ci ava pinzari la matri!

Rorò                -Chi è ‘ufattu, Iacì?

Iacintu            -Za Rorò vinni p'addumannari a manu di vostra figlia Graziedda!

Rorò                -(scioccata da questa richiesta) Sienti, sienti, sienti chi nova mi vinni a purtari Iacintu. Iacì ascuntati a mia prima  jtivi a lavari lu culu a lu mari e pua viniti! Graziedda nun è cosapi vu’!

Iacintu            -E pirchì nun è cosa pi mia?

Rorò                -Iacì, cu quali dirittu vu’ viniti a fari li cunti ni la me casa?

Iacintu            -Zu Pietru lu senti chi dici vostra muglieri? Mi sta diciennu di no! Ca nun pò essiri ‘stu fidanzamentu!

Pietru              -(fissato dalla moglie con uno sguardo fulmineo) Eh....eh Iacintu, giustu dissi ma muglieri ‘stu fidanzamentu nun si po fari!

Iacintu            -(avvicinandosi a Pietru e mettendogli le mani all’altezza degli occhi in maniera da impedirgli lo sguardo sia di destra che di sinistra) Zu Pietru, mi taliassi ni l’uocchi, e mi lu dicissi ni la facci ca ‘stu fidanzamentu nun si po fari!

Pietro              -(svingolandosi) Oh bedda matri mi stavavu faciennu accupari! Mi manca lu respiru! (respira profondamente in maniera spropositata col risucchio)

Rorò                -(allontanando il marito da Iacintu ed inserendosi nella discussione come un serpente strisciante) Lu sintistivu? Lu sintistivu? Perciò cuglitivi tutti li vostri stigli e jtivi a raspari li corna cu ‘na grattalora!

Iacintu            -Zu Pietru accussì la fici finiri? Dicissi la sua!

Pietru              -Nun puozzu mi manca l’aria! (si tocca la gola)

Rorò                -(intervenendo al limite della sopportazione, esasperata) E ci truzza, e ci truzza, e ci truzza! Iaci.... .. (interrompe la discussione la presenza di ‘Gnaziu che proviene dalla comune, facendogli festa) Oh, ‘Gnaziu, viniti viniti ca vi stava aspitannu. Ccà c’è Iacintu ca si ni stava jennu. Assittativi!

‘Gnaziu           -Sabbenedica za Rorò, sabbenedica zu Pietru! Vi salutu Iacì!

Rorò                -Assittativi, ca ora vi la chiamu a Graziedda, accussì faciti ddu sirvizzu!

‘Gnaziu           -Quali sirvizzu?

Rorò                           -Aviti la testa di puorcu! Vi lu scurdastivu? Ata ghiri ni lu zu Raffieli, vostru cuscinu, p’addumannarici a quantu va ‘na sarma di frummientu chist’annu!

‘Gnaziu           -Za Rorò, ueh, ueh! Cu lu zu Pietru avivamu ristatu ca a fini simana ni facivamu ‘na puntata ni lu zu Raffieli...

Pietru              -Giustu dici ‘Gnaziu, pi sabatu era ‘st’appuntamentu!

Rorò                -E chi ci fa si pigliati prima?

‘Gnaziu           -E cuomu dici vossia! Zu Pietru ja sugnu prontu!

Rorò                -‘Gnaziu vi dissi pocu fa di jrici cu Graziedda!

‘Gnaziu           -E mi la chiamassi! Graziè ueh, ueh!

acintu                          -Za Rorò ci ricuordu ca pi fari ‘na sarma ci vuonnu sidici tummina e pi fari un tumminu ci vuonnu quattru quarti. Cuomu vidi li cunti tornannu e arriniscienu.

Ora vossia voli fari quadrari li cunti cu lu so metru, ma stassi a cura ca po sbagliari misura!

Rorò                           -Iacintu, la vesta ja mi la mittu! O curta o lonca sempri ‘ncapu di mia ava ghiri a pusari! (dalla comune sopraggiunge Cocò) Oh caru Cocò, viniti, viniti ca vi stava aspitannu! Ccà c’è ‘Gnaziu ca v’aspittava pi dda ‘mbasciata!

Cocò               -Quali ‘mbasciata, za Rorò?

Rorò                           -Siti picciuotti e la testa nun sapiti unni l'aviti! A chi fa vi lu scurdastivu? Ata ghiri ni lu zu Cicciu p’addumannarici quantu voli pi ‘na sarma di tirrenu, chiddu chinu di fratti, a la Pirnici!

Cocò               -Za Rorò, pi vènniri era ‘st’appuntamentu!

Rorò                           -Jtici, cu piglia prima piglia pi du’, si dici! Itici! Anzi a chi c’è ‘Gnaziu jtici assiemi, faciti accussì la strata ‘ncumpagnia! (a Iacintu) Iacì lu vidi cuomu tornanu li cunti!

Iacintu            -Ebbene vero a la za Rorò, a du’ a du’ li piglia li pisci!

Rorò                -Cu mostra godi e cu vidi crepa!

Iacintu            -E chi ci aviti ni ‘sta ucca?

Rorò                -Ogni serpi avi lu so vilenu! (interrompe la discussione ‘Gnaziu)

‘Gnaziu                       -Allura za Rorò, ueh, ueh, nantri ni jammu. Ni chiamassi a Graziedda, ueh, ueh!

Rorò                -La ‘ncuntrati pi strata, a stenniri li robi a lu chjanu! Ueh, ueh!

‘Gnaziu           -Allura ni jammu! Cocò, faciti strata! (Cocò esegue ed escono per la comune)

Rorò                -E allura, Iacì, ancora ccà siti?

Iacintu                         -Za Rorò lu Iiettu è strittu e ja mi ci curcu di ‘mmiezzu! Vidissica ‘nzocchi avi ‘ntesta nun ci arrinesci! A so figlia Graziedda mi l’ava dari, pi lu so beni e pi chiddu d’idda! Ora pigliu ‘na manciata di frummientu (piglia un pugno di grano in un sacco) e lu siminu ccà, (sparge il granu per terra) e accussì pua viegnu a ricogliri li spichi!

Rorò                           -(diradando con i piedi il grano buttato per terra da Iacintu) Vu’ nun siminati e nun ricugliti nenti! Jtivi a stuccari lu cuoddu di unni vinistivu! Zu Pietru ‘u sintistivu chi pretesi avi ‘stu picciuottu!

Pietru                          -(continuando a lavorare sul casto) Iacì, mi pari anchi a mia ca stati ‘ncuminciannu a dari di testa, pocu fa mi stavavu affucannu! Si vi dissi di no, voli diri ca ci ava essiri u’ motivu!

Iacintu                        -E mi lu dicissi lu motivu, (a Rorò) lu jttassi fori‘stu macicuni, accussì mi mittu l’anima ‘mpaci! (completa la frase e dalla comune soppraggiunge Mara)

SCENA TERZA

Detti e Mara

Mara                           -Za Rorò, lu jttassi fori ‘stu macicuni accussì lu picciuottu mitti fini a ‘sta sofferenza! Ci lu dicissi lu motivu pirchì nun voli! A chi c’è puru so maritu, lu facissi partecipi puru a iddu!

Rorò                -E vu’c’aviti di spartiri cu mia e ma maritu?

Mara               -Haju, haju! Abbuccassi, abbuccassi, si livassi ‘stu pisu!

Rorò                           -Ia nun haju nenti di chi abbuccari! Ia haju la cuscienza a puostu! Vu siti chidda ca siti chijna di vilenu! La vostra panza è ‘na sorgenti, ‘na sorgenti di feli! Nun ha mai fini lu feli chi nesci di la vostra ucca!

Mara                -Cuscenza, cuscenza, quali cuscenza avi a puostu. Ci lu dicu ja a lu picciuottu ‘u pirchì, ci lu dicu ja lu motivu pirchi ‘stu fidanzamentu nun po essiri!

Rorò                -Nun c’è nenti e nun haju nenti di diri.

Iacintu            -Mara si vu siti ‘nformata di tuttu, parlati vu!

Mara               -Iacintu, Graziedda è vostra suoru! (attimi di smarrimento per tutti i presenti tranne Mara. A Pietru gli cade dalle mani il cesto, a Rorò le viene meno la

parola e Iacintu ride e va a sedersi su una panca. Dopo alcuni istanti Pietru e Rorò inveiscono contro Mara)

Pietru              -Vatinni di ccà zizzania, vatinni e nun mittiri cchiù pedi ni ‘stu bagliu!

Rorò                -Si, ragiuni avi ma maritu, si ‘na zizzania e ‘nfietti lu frummientu

chi ti crisci allatu!

Iacintu                        -(sorridendo ironicamente) Mara ma chi stati ‘ncucchiannu! Secunno vu’ la za Rorò fussi ma matri?

Mara                           -No, nun dissi chissu! Ja dissi ca Graziedda è vostra suoru! Graziedda nun è figlia di la za Rorò! Graziedda è figlia di la za Lucia Casà e anchi vu’! (Rorò si accascia seduta su una panca è stremata dalle forze. Pietro guarda la moglie aspettando una sua smentita)

Pietru              -Mara,staju ‘ncuminciannu a nesciri fori di testa, cu ‘sti ‘nfamità chi vi niescino di la vostra ucca! Ma muglieri aviva ‘na panza tanta (fa il relativo gesto) prima ca nascissi Graziedda. Quannu nascì, ja era narrieri la porta c’aspittava e quannu sintivu li primi vuci sbarracau cu furia la porta pi la cuntintizza e jvu ad abbrazzari a ma figlia, stringiennula forti a lu ma cori!

Mara               -Zu Pietru, ‘a za Lucia Casà mittiva pezzi p’ammucciari la panza, mentri so muglieri mittiva pezzi ‘ncapu pezzi pi unchiarici la panza! Si sì ricorda ni la stanza cu so muglieri c’era la za Lucia Casà, ca era idda ‘ncinta di Grazieddda.

Iacintu                        -Finiemrnula cu ‘sti chiacchiri! Sulu la za Rorò pò diri la verità! (mettendosi in ginocchio di fronte Rorò che è ancora seduta su una panca) Za Rorò, veru è ‘stu fattu? Veru è ca sugnu fìgliu di la za Lucia Casà? Veru ca Graziedda è ma suoru? (Rorò non risponde, poi alzandosi ) No, no, no nun pò essiri, nun pò essiri ca Graziedda è ma suoru, no, no! Graziedda ma suoru, no, no! (esce dalla comune sconvolto ripetendo sempre No)

Pietru                          -(alla moglie perchè vuole una risposta) RORO' (interviene Mara)

Mara               -Zu Pietru tutta ‘na finta è! M’invintau tutti cosi pifari rassignari a lu picciuottu! Lu vitti cuomu scappà! Parsi un liebru! Abbiamo recitatu, ja e so muglieri Rorò! (a Rorò) E’ vero za Rorò? Lu tranquillizzassi a so maritu ca nun è veru nenti! Lu facissi un signali cu ‘sta testa! (Rorò accenna ad un leggero movimento della testa) Lu vitti, lu vitti! Zu Pietru a li voti s’ava ricurriri a certi assurdità p’arrivari a lu scopu! Ora vi lassu e vi salutu! (Mara va via dalla comune. Pietro non proferisce parola, lascia il cesto su cui stava lavorando e va via dalla sinistra. Rorò rimane sola ancora seduta sulla panca! Ha lo sguardo assente! Arriva dalla comune la figlia Graziedda)

SCENA QUARTA

Detta e Graziedda

Graziedda       -(Sopraggiungendo dalla comune di corsa! E’sconvolta. Si blocca quando s’accorge della presenza della mamma seduta sulla panca) Allura veru è? Allura veru è lu fattu?

Rorò                -(scrollandosi dal fardello che le era stato caricato da Mara e ritornando in se) Chi dici figlia? Quali fattu?

Graziedda       -Iacintu è ma frati? Ia nun sugnu figlia di vossia?

Rorò                -Ma chi dici figlia, su cosi ca s’inventà dda scavaddata di Mara pirchì è gilusa di tia e a Iacintu lu voli tuttu pi idda! Accussì stannu li cosi! E’ tuttu fruttu di la fantasia di Mara!

Graziedda       -(più tranquilla) Sicuru? Sicuru ca vossia nun m’ammuccia la virità?

Rorò                -Sicura, sicura, putissi mai tradiri la fiducia di ‘na figlia?Ascunta a mia chissa è la virità!( l’accarezza facendola rassicurare )

Graziedda       -Ora sugnu cchiù tranquilla. Mamà vossia mi voli beni?

Rorò                -Ah certu figlia!

Grazieda         -Anchi si di li so cunsigli ni facissi minnitta di piedi, sempri mi vulissi beni?

Rorò                -Sempri, sempri! Nun c’è mai fini all’amuri pi ‘na figlia!

Graziedda       -Mamà ja m’ha maritari cu Iacintu.

Rorò                -E pirchì ‘sta decisioni?

Graziedda       -Pirchì, pirchì....

Rorò                           -Chi cuminasti dannu cu iddu? Rispunnimi! Chi cuminasti dannu cu Iacintu? (Graziedda non risponde, accenna solamente ad un leggero movimento della testa. Rorò privata da qualsiasi energia dopo questa ennesima rivelazione) Oh figlia malasurtata, figlia svinturata quali gruossu sbagliu senza rimediu putisti tramari!

Graziedda       -Allura veru è? Allura veru è ca Iacintu è ma frati?

Rorò                -No figlia, no, nun è cuomu dici tu! Amuninni dintra, amuninni dintra ca lu rimediu sugnu sicura, cu l’aiutu di lu Signuri lu truvammu (escono dalla sinistra)

SCENA QUINTA

Lisciannaru, Rorò, Carmela, Vannidda e Nazzarena

Liscia.ru          -(di corsa e senza fiato) Za Rorò, za Rorò! Oh za Rorò!

Rorò                -(affacciandosi dalla finestra) Chi c’è mastru ‘ncucchia

Lisciaru           -Uoh, uoh, uoh, spagliaru, spagliaru lu recintu!

Rorò                -Quali recintu?

Liscìaru           -Uoh, uoh, uoh, spagliaru, uoh, uoh, arristaru, arristaru lu recintu! arristaru, arristatu a Iacintu! Arristaru a Iacintu! Pi quannu tuppiaru ni lu purtuni, uoh. uoh, pi quannu arrubbaru ni lu baruni Mattia!

Rorò                -E ora chi vuliti di mia? Ci jti vu’ e lu faciti nesciri! (dalla comune arriva Carmela)

Carmela          -Liscià, oh Liscià! Furca ca t’infurca! (Rorò vedendo spuntare la za Carmela)

Rorò                -Za Carmè, za Carmè!

Carmela          -Chi c’è za Rorò? Ah za Rorò, u sintì c’arristaru a Iacintu?

Rorò                -Ora ora vostru maritu mi lu dissi! Mi dispiaci! Vinissi ccà. Trasissi!

Carmela          -Ora viegnu quantu sistiemu ‘na cosa cu ma maritu e pua viegnu!

Rorò                -No, ora di cursa!

Carmela          -E allura viegnu! (al marito) E tu aspettami ccà! (entra nella casa di Rorò. Dalla comune entrano Vannidda e Nazzarena)

Vannidda        -Sabbenedica zu Liscià’!

Lioscia.ru        -Scantu, scantu, uoh, uoh, santu, santu figlia!

Nazzarena       -Lu sintì c’arristaru a Iacintu?

Vannidda        -Dicinu c’arrubbà ni la massaria di lu baruni Mattia!

Nazzarena       -Unni è la za Rorò? (dalla sinistra escono Carmela e Rorò. Carmela è sconvolta, va di corsa e non si cura della presenza delle due ragazze)

Carmela          -Amunì, Liscià’, amunì! Di cursa, amuninni! Furca ca t’infurca!

Liscia. ru         -Ma stava ballannu, stava ballannu.

Carmela          -Si, stavatu ballannu la manzurca!

Lisciaru           -Uoh, uoh, stava, stava parlannu cu ‘sti peddi, uoh, uoh, cu ‘sti beddi carusi..

Carmela          -Ma nun lu vidi ca nun hai cchiù dienti, cuomu ha macicari ‘sti beddi carusi! Amuninni! (se lo trascina come al solito)

Rorò                -Za Carmè nun si lu scurdassi!

Carmela          -E chi su’ cosi ca si scordanu! (esce dalla comune con il marito)

Vannidda        -Za Rorò, lu sintì c’arristaru a Iacintu?

Rorò                -U sintivu!

Nazzarena       -E nenti sintì cchiù?

Rorò                -E chi aviva sentiri?

Vannidda        -C’è ‘ngiru ‘na vuci...

Rorò                -Chi vuci?

Nazzarena       -Dicinu, dicinu, ah . . .tuttu lu paisi lu sapi!

Vannidda        -C’è lu paisi chijnu!

Rorò                -Carusi, nun haju tiempu di perdiri, ‘nzocchi aviti di diri, abbuccati subitu, accussì chiuijemmu lu discursu!

Nazzarena       -Dicinu, pirchì a ‘na cosa di chissa mancu si m’avissiru ammazzatu mi l’avissi nisciutu di la manica!

Rorò                -(alterandosi) Ueh, carù’ nun haju tiempu di cummattiri cu uantri! (Si appresta ad uscire dalla sinistra, ma si blocca al sentire la frase di Vannidda)

Vannidda        -Graziedda nun è vostra figlia!

Rorò                -Patri Figliu e Spiritu Santu!

Nazzarena       -Dicinu!

Vannidda        -Dicinu, ah! Pirchì nantri nun ci cridiemmu! Mancu si mi facissiru lu sancu!

Rorò                -Li gastimi su’ di caniglia cu li manna si li piglia! Sintivu diri, sintivu diri, chista è ‘na scusa bella e bona quannu nun si ha lu coraggiu di diri ni la facci li ‘mpamità, li ’ngiurij a la persona ‘ntirissata. “Tuttu lu paisi lu sapi! C’è lu paisi chijnu”! Lu paisi nun è fattu di ddi quattru persone animati di tuttu puntu di lingua taglienti ca trovanu cumpanaggiu pi li so dienti e si sguazzarianu ni li disgrazij di l’omu! La genti putissi campari felici si nun ci fussiru li mali paroli a guastari li costumi cridiennu cchiù a lu mali ca a lu beni! E ora lassatimi jri e criditi a cu vuliti cridiri! (esce dalla sinistra. Dalla comune arrivano ‘Gnaziu e Cocò)

SCENA SESTA

Dette, ‘Gnaziu e Cocò

'Gnaziu           -Nazzarè ueh, ueh! Atu vistu la za Rorò?

Nazzarena       -Ora ora ccà era!

Vannidda        -Trasì dintra! Ma è miegliu ca nun ci parlati! Avi lu diavulu pi li capiddi!

Cocò               -E pirchì?

Nazzarena       -C’è un paisi chjnu....

Vannidda        -Dicinu ca Graziedda nun è figlia di la za Rorò!

‘Gnaziu           -Graziedda?

Cocò                           -Graziedda, la figlia di la za Rorò nun è figlia di la za Rorò? E si Graziedda, la figlia di’la za Rorò nun è figlia di la za Rorò di cu è allura figlia Graziedda? Di la za Rorò  no a quantu capivu!

Vannidda        -Cocò, cuomu è ca nun vi s’ha ‘gruppà ‘a lingua?

Cocò               -Ia l’haju curta! Vu’ l’at’aviri ‘stu scantu, vistu ca l’aviti longa ‘na canna e mezza!

'Gnaziu           -E bravu a Cocò! Sapiti chi vi dicu! Lassammu futtiri a la za Rorò e so figlia Graziedda e ni jammu sutta l’arburu di cienzi e n’allifriscammu! Ci viniti vu Nazzarè’? Ueh, ueh!

Cocò               -Giustu dici ‘Gnaziu, Vannì’ ci viniti vu?

Nazzarena       -Accussì s’accumincia...

Vannidda        -E accussì si finisci! (fa il gesto di essere incinta)

‘Gnaziu           -Nazzarè’, ueh, ueh! Sulu friscu ni pigliammu! Amunì! (l’abbraccia)

Nazzarena       -Calati ‘sti mani, vastasu!

‘Gnaziu           -E si nun li calu?

Nazzarena       -Pigliu ‘sta fanci (esegue) e vi tagliu la testa!

Cocò               -(a Vannidda) E vu’?

Vannidda        -Pigliu ‘sta tridenta (esegue) e vi spirtusu la panza!

‘Gnaziu           -Forza! Pi lu vostru amuri ni faciemmu ammazzari! (le due ragazze si accingono a pigliare la falce e il tridente ma non arrivano in tempo in quanto i due le afferrano per la cinta e caricandosele sulle spalle se le portano nell’aperta campagna. Nell’uscire dalla comune vanno ad imbattersi con Niria facendolo cadere a terra)

                                                          

                                                           SCENA SETTIMA

Detti, Niria, Rorò e Iacintu

Niria                -(alzandosi da terra) Pianu, pianu, pianu! Chi murissivu! Mi parsi ‘na tromba d’aria! (chiamando la za Rorò) Za Rorò, za Rorò!

Rorò                -(affacciandosi dalla finestra) Chi vuliti zu Niria? (dalla comune con passo lento spunta Iacintu. Niria non s’accorge della sua presenza, al contrario Rorò)

Niria                -Za Rorò, missione compiuta! (Rorò fa segnale a Niria di non parlare col dito posato sulle labbra) Si, nun’ si preoccupassi, mutu cuomu un pisci! Di la ma ucca nun nesci parola! Lu pianu arriniscì cuomu stabilutu! Lu dilegatu ci critti.... (Rorò continua a fare segnale di tacere) Muta, muta, muta! Mizzica chi testa dura! ‘U capivu, ‘u capivu. Chi ci voli arti di pinna a capiri! Taliassi ccà, mi cusu la ucca, (fa li relativo gesto a cucirsi la bocca) e basta cchiù!

Rorò                -Testa di issu! Jtivi a stuccari lu cuoddu di unni vinistivu! (rientra in casa sbattendo la finestra)

Niria                -Za Rorò, za Rorò accussì finì lu vattiju?

Iacintu            -Quannu lu lupu mangia cu lu cani, poviri agnieddi e svinturati crasti! (Niria si volta di scatto) E bravu a lu zu Niria! Nun lu faciva accussì capaci..., e mancu ora lu fazzu, pirchì chista è tutta opera di la za Rorò! Vossia è sulu ‘nu strumentu ni li mani d’idda! Lu diligatu critti a la ma ‘nnuccenza e mi lassà jri! U capì ca nun fu ja ca ivu a arrubbari ni lu baruni Mattia! La galera ci vulissi pi la genti ‘mpami, pi la genti ca nun havi scrupulu di cuscenza a rovinari la vita di li persone onesti!

Niria                -(remissivo) Mutu, mutu, mutu! Ia nun ci trasu! Mutu, mutu, mutu! Ora lassatimi jri! Mutu, mutu, mutu (va via di corsa ed in contemporanea sopraggiunge Mara)

SCENA OTTAVA

Detto e Mara

Mara                           -(tiene in mano un fagotto e sotto l’ascella un involto coperto con della stoffa) E chi ci facistivu a ma maritu ca scappà cuomu un cunigliu?

Iacintu            -Ia nenti, ci fici! Scappà pirchì nun aviva la cuscenza a puostu!

Mara               -Cuomu a chidda c’aviti vu’! Ca dopu c’aviti ricivutu beni di mia, ora di la ma carni ni faciti minnitta!

Iacintu            -Mi rinfacciati sempri li cosi cu lu vostru vilenu, ma stati attenta ca la prima vittima di ‘stu vilenu siti vu’!

Mara               -Nun mi scantu! Ia ‘na cosa sula vuogliu! A vu’! E li cunti chi mi fazzum’arriniescinu o cu lu buonu o cu lu Re!

Iacintu            -‘Na vota! Quannu c’era lu piaciri mia, quannu mi nisciva lu senziu pi vu’, quannu vi mittiva davanti a tutti cosi! Sina a la ma stessa vita! No, ora è tardi!

Mara               -‘Na vota e anchi ora!

Iacintu            -No, Mara prima ci avivavu a pinzari, quannu mi dicivavu ca lustru nun ni faciva, ca pi vu’ nun faciva nenti!

Mara               -(infuriata) Pirchì chi facivavu pi mia? Parla chi facistivu?

Iacintu            -Nenti... e assà! Vi purtavu ‘mmiezzu li genti. Vi fici vuliri beni di tutti!

E vu’ cu dda uccuzza dunci ricitavavu la parti di la brava carusa! E quannu vi saziastivu e raggiungistivu lu vostru scopu accuminciastivu a sputari vilenu parlannu mali di la genti faciennucci perdiri onuri e reputazioni! Stati attenta

                        Mara nun sputati ‘ncielu ca ‘nfacci vi torna! Jtivinni, ora siti maritata!

Mara                           -Veru è ca sugnu maritata ma la curpa è vostra. Lu fici pi dispiettu! Vi vuliva dari ‘na lezioni, farivi muriri di gilusia e scurdarimi di vu! Ma ora ogni juornu ca passa è un tormentu! Mi tocca recitari ‘na parti, ca nun mi piaci, cu ma maritu! Ma ricordativi ca ja nun m’arriennu nun vi lassu liberu, pi quantu è veru Diu v’incatinu!

Iacintu            -Zittitivi, Mara nun bestemmiati, ( si senteno in lontananza i tocchi di una campana) la sintiti la santa campana ca vi chiama? Jtivinni a la missa!

Mara               -Si, ci jssi a la missa ma pi pigliari ‘na cruci e rumpiri tutti cosi, (afferra una falce che è su una panca) e accuminciassi cu vu’!

Iacintu            -(sbottonandosi la camicia) Tiniti ccà, s’aviti coraggiu! Sulu chissu putiti fari! Ma nun lu faciti pirchì siti vigliacca, vu’ ammazzati, si, ma cu la lingua! E ricordativi ‘na cosa, ca nascivu liberu e cu l’ingannu e la tinturia nun m’incatinati ne vu’ ne cientu cuomu a vu’!

Mara               -(inveiendo contro) Ah si! Teniti ccà! (sferra un colpo di falce, ma il braccio viene trattenuto da Iacintu e le fa cadere l’involto che teneva sotto l’ascella, l’involto cadendo a terra si apre e fuoriescono da esso due lunghi aghi in metallo di quelli che si usano per il lavoro a maglia usati vigliaccamente per praticare l’aborto)

Iacintu            -(chinandosi e raccogliendo gli aghi) E chi ssù chisti? (sconvolto) Uglioli! No! No Mara, vu a ma figliu nun l’ammazzati! Nun ci arriniscistivu cu mia e nun ci arrinisciti mancu cu ma figliu!

SCENA NONA

Detti, Rorò Graziedda, Angilinu e Pietru

Rorò                           -(uscendo dalla sinistra) Mara, vi vuliti sbrigari! (si zittisce vedendo la presenza di Iacintu)

Iacintu            -(sconvolto e amareggiato) Za Rorò feli chiama feli!

Rorò                -Iacintu jtivinni, chistu nun è cchiù puostu pi vu’!

Iacintu                        -Mi tocca di dirittu! Chiddu chi stati tramannu è opira di lu diavulu e ja lu scacciu cuomu si fussi ‘na serpa! Ni la vostra trama vi ‘mpingì lu filu, e ja ora pigliu la punta e la scuogliu!

Rorò                -Si opera c’è di lu diavulu è chidda vostra! Ca ‘ngannasti lu to stissu sancu!

Iacintu                        -Za Rorò nun po essiri! Lu cori mi dici ca nun po essiri! L'amuri chi haju pi vostra figlia nun è amuri di frati!

Rorò                -Vu’ nun sapiti qual’è lu significatu di ‘l’amuri! Pirchì si l’avissivu saputu a chist’ura nun fussivu arrivatu a ‘stu puntu, nun n’avissivu ‘ngannatu lu cori di cu cridi ciecamenti a lu stessu amuri! Vi lu dicu e vi lu ripietu! Jtivinni scurdativi di ‘stu bagliu, di ‘sta porta e di tutta la massaria!

Mara               -Aviti la testa dura! Pirchì nun ci abbannunati l’idea e vi mittiti a puostu cu la cuscenza!

Iacintu            -Mara, cu ‘sta cuscenza (dalla sinistra vede spuntare Graziedda) Graziedda....

Rorò                -(fermando sull’uscio la figlia) Graziedda tornatinni dintra!

Graziedda       -No, mamà, ccà è lu ma puostu! (svingolandosi)

Iacintu                        -Graziedda diccillu, diccillu ca l’amuri chi haju pi vu’ è n’amuri ca nun canusci misura, è n’amuri ca nun havi nenti di spartiri tra chiddu di un fratie ‘na suoru. E’ ‘na faidda c’addiventa gran fuocu! (si avvicina a Graziedda ma viene fermato da Rorò che si posiziona tra i due)

Rorò                           -IACINTU! (afferra Graziedda e l‘allontana. Mara piglia per un braccio Iacintu e lo discosta dalla za Rorò) Vi dissi ca nun è acqua pivu! (si sente in

lontananza il suono di un campanaccio di quelli che si appendono al collo alle vacche per non smarrirsi. E’ lu z'Angilinu che tiene legato al collo il campanaccio. Il dialogo si blocca per alcuni istanti)

Angilinu                     -(nel vedere le tre donne) Già una è troppu di fimmina pi un masculu, figurammuni trì! Accussì è lu distinu a cu duna e a cu leva! (si tocca la striscia nera che ha sul braccio per il lutto della moglie) Trì fimmini fannu ‘na fera!

Rorò                -Z'Angilì, ni ‘sta discussioni vossia nun ci trasi! Si mi facissi lu piaciri..... (Angilinu la interrompe suonando fortemente il campanaccio)

Angilinu          -E cara za Rorò, ja ci trasu, ci trasu! (dalla sinistra spunta Pietru) Oh zu Pietru, lu confermassi vossia ca ja ci trasu, cuomu ci trasiti vu’! M’attaccavu ‘sta campana a lu cuoddu cuomu a li vacchi pi nun mi perdiri! Sbagliavu la prima vota e persi li sintimienti! Ora ca li ritruvavu e mi stannu dannu la forza di parlari, nun li vuogliu cchiù perdiri! Ogni tuoccu di ‘sta campana mi fa ricurdari ca è ‘na penitenza chi mi tocca scuntari!

                         “Figliu amurusu, figliu odurusu,

            granni è l’amuri pi ‘stu carusu”! Vi ricurdati, za Rorò, vi ricurdati cu ripitiva ‘stu sentimentu d’amuri sina a lu puntu c’addivintava ‘na virrina, pi li tanti voti ca la ripitiva? Vi ricurdati? Zu Pietru vi ricurdati? E la jsassi ‘sta testa e taliassi la virità a frunti anta!

Rorò                           -Z’Angilì mi scusassi si ci mancu di rispiettu arrivassi unni voli arrivari, accussì nantri, sempri cu lu so pirmissu chiujemmu la nostra faccenna! Pua ma maritu, chi ci trasi?

Mara               -Giustu dici a za Roro...

Angilinu          -(suonando il campanaccio) Mara sta’ muta! Perciò ci stava diciennu.... ..anzi forsi è miegliu ca ‘sta storia la continua lu zu Pietru! Forza zu Pietru a vu’ la parola! (Pietro non parla e Angilinu suona il campanaccio) Zu Pietru…Parlassi…A vu’ la parola! Si ricorda? “ Figliu amurusu, figliu adurusu granni è l’amuri pi ‘stu carusu”. Si ricorda? Nenti! Za Rorò, allura a vossia ‘a parola. Si ricorda? ”Figliu amurusu, figliu odurusu, granni è l’amuri pi ‘stu carusu”! Si ricorda cu la ripitiva..ah?

Rorò                -A za Cuncetta Casà!

Angilinu          -Eccu! La za Cuncetta Casà, la suoru di la za Lucia Casà! Quannu so patri e so matri ci livaru di li vrazza lu figliu, fruttu di n’attu d'amuri e lu cunsignaru a la rota! La puvuredda cuomu ‘na disprata iva circannu pi li vaneddi lu figliu sina a lu puntu ca ci niscì lu senziu e murì cu la spiranza di putirlu abbrazzari! Mancu ‘n puntu di morti fici lu nomi di lu patri di lu carusu! Zu Pietru, si ricorda? Zu Pietru…

Iacintu            -Zu Angilì, chi voli diri cu chissu?

Angilinu          -(fa il gesto di fare silenzio) Lassassi parlari a lu zu Pietru!

Rorò                -E ci truzza !

Angilinu          -(anche a lei fa segno di fare silenzio) Silenziu, silenziu, la parola a lu zu Pietru! (suona il campanaccio) Dai zu Pietru n’attu di curaggiu!

Pietru              -(avvicinandosi a Iacintu) Figliu amurusu, figliu odurusu granni è l’amuri pi ‘stu carusu! (lo abbraccia )

Mara               -Iacintu è figliu di lu zu Pietru e di la za Cuncetta Casà! Nun è figliu di la za Lucia Casà! Allura cuscini sunnu Iacintu e Graziedda, no frati e suoru!

Rorò                -(esausta si accascia sedendosi su una panca) Chista è la pinitenza di lu ma granni peccatu!

Angilinu          -No, za Rorò chista è ‘a pinitenza di ‘n’attu d’amuri! (a Iacintu) Dai Iacintu abbrazza a Graziedda, vi putiti maritari! (Iacintu va ad abbracciare Graziedda mentre Pietru va a consolare la moglie, Mara guarda con disprezzo. Angilinu toglie il campanaccio che ha appeso al collo e lo appende in quello di Mara) Te, Mara ca n’ha di bisuognu! ( Mara fa il giro della scena, chiedendo con lo sguardo aiuto ai presenti affinchè le tolgano quel pesante campanaccio, non trovando risposta va ad accasciarsi al centro della ribalta)

FINE DELLA COMMEDIA

( se siete interessati chiedere le musiche )

I testi e le musiche delle canzoni sono di Vincenzo Giovino

Per la SIAE scrivere i seguenti titoli:

SBATTI FORTI

NI L’ORIZZONTI

VIENI VIENTU

DINDIRINDI’

Altri lavori teatrali dello stesso autore:

CINCU FIMMINI E UN TARI’ commedia brillante i tre atti; SCIAURU DI MUSTU ZUCCARINU Commedia campestre in due atti; FATTI, FATTURI E FATTAZZI commedia brillante in tre atti; CU AVI CRAPI AVI CORNA commedia brillante in tre atti; CAVADDUZZU, CAVADDUZZU… commedia brillante in tre atti; DON CICCIU  ‘U  PREFICU commedia brillante in tre atti; ASSU DI COPPI E TRI DI VASTUNI commedia brillante in tre atti; ‘U PUPARU commedia brillante in tre atti; AMMUCCIA CA TUTTU PARI…E DISPARI Commedia brillante in tre atti; SI FUSSI RE Commedia brillante in tre atti; MIEGLIU  UN SORDU commedia brillante in tre atti; PI CURPA DI LI VACCHI commedia brillante in un atto; S’AVISSI UN LAPISI commedia brillante in un atto; IL COLORE DELLA PELLE atto unico; MI ALZERO’  ED ANDRO’  DA MIO PADRE  atto unico; IO SONO SOLAMENTE LUCA atto unico; A SCUOLA  commedia brillante in due atti. SINZALI SENZA SALI commedia brillante in due atti
    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno