CUPIDO SCHERZA E… SPAZZA

CUPIDO SCHERZA E… SPAZZA

Farsa in un atto di Peppino De Filippo

Personaggi:

VINCENZO ESPOSITO, spazzino

DONNA STELLA, moglie di Vincenzo

ROSINA, nipote di Stella

PASCUTTELLA, superiore di Vincenzo

A DIAVOLA, moglie di Pascuttella

SALVATORE, spazzino innamorato di Rosina

CARMINE, spazzino

GENNARINO, spazzino

NICOLA LA CROCE, fidanzato di Rosina

DON GIOVANNI, strozzino

Scene:

La scena rappresenta l’interno di un seminterrato. In fondo, a sinistra, è la comune, porta a vetri. Al centro una consolle sulla quale vi è un quadro della Madonna di Pompei, con candelieri, lampada, campane di vetro, gingilli e fotografie. A destra in prima quinta una porta; a sinistra un mobile con sopra dei ninnoli. A destra un tavolo con tappeto colorato e sedie.

ATTO PRIMO

È pomeriggio. Al levarsi del sipario si sente in lontananza la musica di un pianino. Rosina è seduta presso la comune rammendando della biancheria.

SALVATORE (dopo poco entra. È vestito con l’uniforme della Nettezza Urbana, ed ha con sé una lunga scopa. Appare alla comune e, spazzando, si avvicina a Rosina. Le si ferma vicino e, levandosi il berretto, le dice con evidente galanteria) Buonasera Rosina!

ROSINA (con tono di sopportazione e senza guardarlo) Bonasera!

SALVATORE (c.s) Oggi è dummeneca, non sei antata alla passeggiata?

ROSINA Aggio vuluto rimmanè ‘a casa.

SALVATORE (c.s) Premetti? (accenna a spazzare)

ROSINA Che vuo’?

SALVATORE Voglio pulezzare la sogliola della tua casa.

ROSINA (che non ha capito) Che vuo’ pulezza’?

SALVATORE La sogliola della tua casa.

ROSINA (correggendolo) Se dice «la soglia», no la sogliola.

SALVATORE Un lapis di lingua. In fondo è lo stesso.

ROSINA Nun è ‘o stesso. Soglia significa ‘na cosa e sogliola ‘n’ata. La soglia (indica la soglia) è questa, e la sogliola, si nun ‘o ssaje, è ‘nu pesce.

SALVATORE Io sono un autoritratto… mi sono distruito senza bisogno ‘e ‘j ‘a scola.

ROSINA E ‘a scola s’adda ‘j, si no uno resta ‘gnuranto.

SALVATORE (ridendo) …comme a me?

ROSINA (sorride) Comme a te.

SALVATORE (galante e passionale) Quanto si’ bella quanno ride. (declamando con tono lirico) «È il riso tuo lenza di sol turchino, luccichio di cobalto, e di rossor corvino…»

ROSINA Che è ditto?

SALVATORE Sono versi contemporanei. ‘O ssaje ca ‘e faccio accussì, senza ca ce penzo. M’abbasta ca ‘nnanze a me nce sta l’ispirazione!

ROSINA Tu dice nu’ cuofano ‘e ciucciarie. Parle accussì, comme te vene ‘a parola: senza sape’ chello ca staje dicenno. Te canuscimmo Salvato’.

SALVATORE Si tu me caniscisse, parlarriste ‘a n’ata manera, cioè col cuore e no co la bocca.

ROSINA Va llà, vattenne Salvato’, ca nun tengo tiempo ‘a perdere.

SALVATORE Tu è studiato, io no; ma che vo’ dicere? Io pozzo capi’ ‘na cosa senza che l’aggio studiata, e forze ‘a capisco pure meglio. Ecco ca sono una mente di cose… repentine… istantanee…

ROSINA Comme a ‘na machina fotografica. (ride)

SALVATORE (patetico) Pecché? Pecché si’ sempe crudele cu me? Sempe incredula? (sotto voce e con intimità) Si’ sempe d’o stesso parere?

ROSINA Sempe! Tu nun me piace. Si’ brutto, si’ ridicolo. Quanta vote te l’aggia dicere?

SALVATORE Non mi preferisci?

ROSINA Nun si’ ‘o tipo mio.

SALVATORE E già, nun songo ‘o tipo tujo. La ragione vera non è propetamente questa, ma bensì un’altra. La ragione vera è ca te faje fa ‘a corte ‘a chillu battilocchio ca stà impiegato ‘ncoppa ‘a Posta: ‘o Pugliese. Mo’ me ha dicere a me: nu’ pugliese è meglio ‘e nu napulitano? Mannaggia ‘a morte!

ROSINA Embè è a verità! Me piace ‘o pugliese. Con ciò? Tiene ‘a dicere quacche cosa?

SALVATORE (frenandosi) Pe’ carità. Però pienzace bbuono, pecché si tu vuo’ ogge stesso parlo cu zieto, e proferirò il mio ardente desiderio di fare questo imeneo.

ROSINA (scattando) Uffà! (si alza) Ma tu me vuo’ fa sta’ cujeta? Te ne vuo’ ‘j si o no? (forte) Si o no?

STELLA (dalla destra. È vestita con grottesca ricercatezza e il suo atteggiamento è tra il romantico e il civettuolo) Ne’, ma che è stato?

SALVATORE (tra sé con ironia) La principessa azzurra.

STELLA Pecché alluccave?

ROSINA Zi’ Ste’, faciteme ‘o piacere ‘e dicere a Salvatore ca s’adda levà ‘a tuorno a me ‘na vota e pe’ sempe. È opprimente, assillante, nun me fa sta’ cujeta. Si esco me vene appriesso, si resto ‘a casa m’o trovo areto ‘e spalle. Basta mo’. Me so’ scucciata!

STELLA Haje ragione. (a Salvatore) Insomma Salvato’. ‘A vuo’ ferni’? Tu te cride overamente ca ‘na figliola comme a Rusina po’ vulè bene a te? Ricanusce onestamente ca nun si’ ‘o marito adatto pe’ nepotema e fance sta’ cujete.

SALVATORE Qua si tratta…

ROSINA …se tratta che la ragazza ha trovato ‘o partito ca le conviene e tu… (fa con la mano il gesto di andar via) …te ne ‘j a ‘j!

SALVATORE (offeso) Me n’aggia ‘j?

ROSINA (con forza) Eh! Vattenne!

SALVATORE E va bene: me ne vaco. Ma fra poco devo ritornare. Tra poco si festeggia ‘o ritorno ‘e don Vicienzo dalla Direzione d’a Nettezza Urbana, e io so’ stato invitato a partecipare al consesso. (insinuante) E so’ stato invitato da una perzona ca dinto a sta’ casa tiene molta influenza: da Pascuttella, il caporale!

STELLA È overo. ‘O capurale tiene molta autorità dint’a casa mia perché è amico affezionato ‘e maritemo. Come vuole bene e stima a mio marito, accussì stima e vo’ bene a me.

SALVATORE (con ironia) Lo credo. So’ i vecchi bollori. I vecchi amori si risvegliano. (declama) «Assassino fu il libro e chi lo scrisse, e quel giorno più non vi leggemmo avante»

STELLA Gué, mo’ m’è scucciata e nun te voglio cchiù tene’ ‘nnanze a ll’uocchie. Vattenne, va.

SALVATORE Me ne vado. A fra poco Rusi’, e sa’ che te dico? In queste braccia cadrai, nelle braccia del poeta: molla e leggiadra qual donzella fiorentin!

STELLA Ma che staje dicenno?

SALVATORE (declamando) «Sciogli le trecce morbide sull’affannoso petto, e per lo sfregiato colle precipitando a valle: batte sul fondo e sta». (esce di scena)

STELLA (va a prendere lo specchio che si trova sulla consolle, lo mette sul tavolo e si specchia pettinandosi) Che lengue. Che brutta gente! (rimette lo specchio al suo posto e, con una boccetta che prende dalla consolle, si spruzza del profumo tra i capelli e sul collo con civetteria) Dint’a stu vico una avessa sta’ sempe ‘nchiusa a dinto. Vene n’amico? E ‘a gente parla! È na schiavitù!

ROSINA (che l’ha osservata, le dice con tono di affettuoso rimprovero) A zi’, ‘sti chiacchiere ‘ncoppa a vuje e Pascuttella hanna fernì. E ‘na cosa ca nun me piace.

STELLA (con falsa meraviglia) Qua cosa?

ROSINA Io me so’ addunata e quacche cosa. Cu me è inutile ca facite ‘a scema. Pascuttella, dinto ‘a ‘sta casa, nun ce adda veni’ cchiù, si nun vulite ca succede nu’ scandalo. È ‘nzurato e tene quatto figli, ve pare bello ca vene ccà a fa ‘o farenella? Senza penzà ca zi’ Vicienzo pover’ommo è addiventato ‘o spasso d’o quartiere. E chesto nun sta bene.

STELLA (c.s) Ma tu parle overamente o staje pazzianno? Tu fusse asciuta pazza stammatina? Stisse ‘mbriaca?

ROSINA Chello che v’aggio ditto mo’, v’o vulevo dicere a nu’ sacco ‘e tiempo. Io so’ poca cosa pe’ vuje. Songo ‘na povera guagliona senza pate né mamma e nun conto niente. Però ve voglio bene, e cierti cose me fanno male assaje.

STELLA ‘O capurale è amico intimo di mio marito, e come tale mi usa qualche riguardo. ‘A gente critica? E lass’e ffà! Io tengo ‘a cuscienza a posto. Del resto, so’ ancora giovane, nun songo scartellata e nun tengo ‘e cosce storte. È naturale, allora, ca quacche perzona gentile s’interessa a me. A maritemo l’avessa fa piacere. Piuttosto avessa essere isso a tenè qualche attenzione particolare pe’ me. E invece! Nun me penza proprio! Stammatina, per esempio, pecché nun m’ha vuluto purtà cu isso ‘ncoppa ‘a Direzione d’a Nettezza Urbana? Ce l’avevo ditto ca me sarria piaciuto assaje!

ROSINA Comme! Chillo è stato chiammato da ‘o Direttore in perzona per ricevere ‘o premio ca le spetta, e se presentava cu ‘a mugliera appriesso?

STELLA Tutte belli chiacchiere. Intanto so’ sempe io ‘a sacrificata.

ROSINA Nun dicite accussì. Zi’ Vicenzino ve vo’ tantu bene. Campa pe’ vuje. Stravede pe’ vuje.

PASCUTTELLA (in uniforme da spazzino con i gradi da caporale, e con un garofano sull’orecchio, si affaccia alla porta. Si ferma, si toglie il berretto, e con aria galante dice) Onna Ste’, servo vostro!

STELLA (il volto le si illumina per il gradimento di questa visita. Con fare civettuolo risponde a Pascuttella con tono di voce cordialissimo) Buonasera, signor caporale.

PASCUTTELLA (avanzando e rimettendosi il berretto) Vostro servitore umilissimo. (a Rosina) Salute, Rusi’.

ROSINA (con evidente sgarbo) Pure a voi.

PASCUTTELLA (indicando Rosina a Stella) Sta nervosa?

STELLA (mal celando il disappunto per la scarsa cordialità che Rosina dimostra a Pascuttella) Nun date retta. Nepotema, ogge, nun se sente bene. (a Rosina) Rusi’, da’ ‘na seggia ‘o capurale.

PASCUTTELLA (galante) Grazie. Non vi disturbate per me.

STELLA Jate ‘e pressa? (passeggia pavoneggiandosi)

PASCUTTELLA (osservandola con interesse) Quanno se vene dinto ‘a sta’ casa a truvà a donna Stella, nun s’adda ‘j ‘e pressa. Si deve tenere tutto il tempo per ammirare la sua grazia e la sua squisita, come si dice… (cerca la parola, poi, trovata, la scandisce bene) …vetustà.

STELLA Grazie. Sapete parlare accussì bello ca nun me stanasse maje ‘e ve sentì.

PASCUTTELLA Mia nonna, buonanima, vuje ‘o sapite, ‘o sanno tutte quante, era fiorentina di nascita. M’è rimasto l’accento per un fatto di eredità. Don Vicienzo è turnato?

STELLA No ancora.

PASCUTTELLA L’avimmo appriparato un grande ricevimento. Mo’ che torna tutti lo dobbiamo festeggiare. Io, quale suo superiore, ci voglio dire quatto parole pulite… comme ‘e saccio dicere io!

STELLA ‘O sapimmo ca tenite ‘a parola facile.

PASCUTTELLA La vostra è un’ondulazione. (con aria di sufficienza) Quella è un poco di distruzione più degli altri. Sono graduato e quindi so’ stato costretto a me ‘mparà tanti cose ca ll’ate nun sanno. ‘A verità, don Vicienzo ha fatto veramente ‘na bella azione civile. (esaltandosi) Cose ‘e pazze! Chillo have ‘a furtuna ‘e truvà nu pacco cu dinto diecemila lire, e che fa? Porta tutte cose ncoppa a Direzione Generale d’a Nettezza Urbana! (piano a Stella) T’aggia parlà, allontana la ragazza.

STELLA (che non ha capito) Comme?

PASCUTTELLA Smamma ‘a guagliona!

STELLA (mentre Pascuttella passeggia per la scena disinvolto e fischietta un motivo) Rusi’, ncoppa ‘a seggia dinto ‘a cucina ce stà certa biancheria sporca, s’avessa lavà. Fallo tu, va’.

ROSINA Gnorsì. (si avvia per la porta a destra guardando male Pascuttella e facendogli minacciosi gesti con le mani come a dirgli: se non la smetti di venire in questa casa, ti mando all’ospedale con la testa rotta)

PASCUTTELLA (alludendo a Rosina) Ma che vo’ a me?

STELLA Nun ‘a dà retta. (sottovoce) Che vuo’?

PASCUTTELLA (sottovoce) N’ato appicceco cu muglierema, stammatina. Chissà chi è ca s’è divertito a le purtà quacche ‘mbasciata. (con disprezzo) Messeri della malora, come dicono a Firenze.

STELLA Che brutta gente!

PASCUTTELLA Si putesse sapè chi è stato……

STELLA ‘Sta storia adda ferni’.

PASCUTTELLA Comme adda ferni’? E che facimme ‘e male nuje? Punto.

STELLA (che non ha capito) Punto?

PASCUTTELLA Punto.

STELLA Ma punto o che? Io cierti vvote nun te capisco.

PASCUTTELLA Punto, cioè niente. In fiorentino si dice punto. Il nostro è un amore plutonico. Io t’aggia vuluto bene primma ca Don Vicienzo t’e spusasse.

STELLA Po’ te si’ spusato.

PASCUTTELLA E pecché? Per obliarmi di te. Pe’ nun tenè le tue rimembranze giorno e notte nel dubbio della mia coscienza. E me spusaie a muglierema: ‘a diavola. L’hanno annummenata “‘a diavola”. E overo è ‘na diavola chella femmena! Po’ so’ venute ‘e figlie. Quattro. Dico quattro! Allora transio -transit… adesso mi devo genuflettere alla volontà del destino.

STELLA (con un sospiro) Nun era destino! (poi, alludendo al garofano che Pascuttella porta all’orecchio, gli dice con tono di malcelata gelosia) Chi ve l’ha regalato quel fiore?

PASCUTTELLA (con orgoglio) Sei gelosa? (Stella sorride) Niente di male. Steva mmiezo all’ate, ncoppa ‘o cate d’a munnezza d’o verdummaro ‘o puntone ‘o vico. L’ho visto, l’ho ammirato, l’ho preso e così mi sono arrubbato un tuo sorriso!

STELLA (sorridendogli) Si’ sempe ‘o stesso!

A DIAVOLA (entra dal fondo. È agitata e spettinata. Veste un camice a fiori sul quale porta, mal legato alla vita, un grembiule di colore scuro. Ha le maniche rimboccate sui gomiti, e di sotto al camice, pende la camicia. Un piccolo pettine le tiene buona parte dei capelli raccolti sulla testa in modo da formare un ridicolo pennacchio. È una donna del popolo sciupata dal lavoro e dalle maternità, ma di carattere violento e litigioso. Nell’entrare, vedendo Stella e Pascuttella in colloquio l’uno vicino all’altra, si pianta sotto la porta, mette le mani ai fianchi ed esclama forte) Chesto io ‘o sapevo. E certo!

PASCUTTELLA (allontanandosi subito da Stella) Muglierema! ‘A diavola!

A DIAVOLA Bonasera onna Ste’.

STELLA (con falsa disinvoltura) Bonasera.

PASCUTTELLA (cercando di assumere un tono autorevole) Che vuo’? Chi t’ha dato ‘o permesso ‘e venì ccà?

A DIAVOLA (decisa) Tu statte zitto, si no te manno ‘o spitale! (a Stella) Inzomma, ‘onna Ste’, sta storia adda ferni’, avite capito? Adda ferni’.

STELLA Quale storia?

A DIAVOLA (con caricatura) Vuje ‘o sapite buono ‘e che storia sto parlanno. Mo’ però me so’ scucciata. Fernitela, si no ve manno ngalera!

PASCUTTELLA ‘A vuo’ ferni’?

A DIAVOLA Statte zitto. Miettete scuorno. Accussì fa nu pate ‘e famiglia? Nun tenummo cchiù na lira. Stammo mmiezo a nan strada e chillo fa ‘o farenella! Disgraziato, galiota, Pulecenella!

PASCUTTELLA Ti prego di non fare piazzate e di badare a quello che dici!

A DIAVOLA (con tono ironico) S’è offeso. L’avimmo offeso ‘o signor conte e in presenza della sua fiamma. (indicando Stella)

ROSINA (entrando) Ma che è stato?

STELLA È stato ca chella è na pazza! (indicando ‘A diavola)

A DIAVOLA Io aggio ragione e nun so’ pazza. Stammo chine ‘e diebbete, ce simmo vennuto tutte cose e chillo va facenno ‘o zezo! Avimma dà tremila lire a don Giuvanne ‘o cagnacavallo, e chillo penza a fa ‘o zezo appriesso alla sua vecchia amante. (disperandosi) Chillo t’accide, t’accide! L’ha ditto, te l’ha prummiso! E io, aggia perdere ‘o pate d’e figlie mieie? E pe’ chi? Pe na femmena ca nun và se’ sorde? (fa per scagliarsi contro Stella, ma Pascutella la trattiene) Lassame, m’a voglio magnà, lassame! (si agita tirando calci e pugni)

PASCUTTELLA (trattenendola a mala pena) Te vuo’ sta zitta o no? ‘Onna Ste’ scusate. Chiedo perdono per lei. Allontanatevi tranquilla nei vostri appartamenti, che a muglierema ce penzo io.

STELLA (uscendo con Rosina) Gesù, Gesù, cheste so’ cose ‘e pazze! Cose ‘e ll’ato munno!

PASCUTTELLA (appena Stella e Rosina saranno uscite) Te pare bello chello che faje?

A DIAVOLA Iescetenne ‘a casa!

PASCUTTELLA Mo’ nun pozzo veni’. Cchiù tarde tengo ‘na riunione. Si consorzia un festeggiamento e non mi posso allontanare.

A DIAVOLA Tu faje chello ca dico io.

PASCUTTELLA (perdendo la pazienza) Ma inzomma, ‘o vuo’ capi’ o no ca songo nu graduato e debbo badare alle mie responsabilità?

VOCE INTERNA ‘Onna Carme’… ‘Onna Carme’…

A DIAVOLA (correndo all’uscio, si ferma e grida forte verso sinistra) Ch’è stato?

VOCE ‘O figlio vuosto, ha fatto cade’ ‘a cavurara cu l’acqua vullente ca steva ncoppa ‘o fuoco…

A DIAVOLA S’è fatto male?

VOCE Venite, venite, facite ambressa.

A DIAVOLA Sto’ venenno! (prosegue il vociare interno)

PASCUTTELLA Sta venenno!

A DIAVOLA (a Pascuttella, rimettendosi in ordine il camice, il grembiule e i capelli) I’ vaco a vede’ che s’è fatto cap’e vacca. Vice ‘e nun tricà manco cinche minute, si no vengo ccà e te magno vivo ‘nzieme a chella disgraziata. (rispondendo alle voci che la chiamano) Sto’ venenno, sto’ venenno. (uscendo a sinistra) Mettitele na cosa ‘mmocca…

PASCUTTELLA (dopo che il silenzio si sarà ristabilito, dice con un lungo sospiro) Nun m’aveva spusà! Io dovevo rimmanere cebile!

VINCENZO (fa l’ingresso in divisa da spazzino, seguito da Salvatore, Carmine e Gennarino) Eccomi qua. (vede Pascuttella e lo saluta militarmente) Caporale.

PASCUTTELLA (con sussiego) Riposo.

VINCENZO Trasite amici, accomodatevi. (ognuno prende una sedia e siede) V’assicuro ca me so’ pigliato ‘na bella suddisfazione. (a Pascuttella) Stella addò sta’?

PASCUTTELLA (con finta disinvoltura) Me pare ca sta’ dinto. (poi con autorità) Noi, com’era nostro dovere, stiamo tutti qua per festeggiare l’onesto spazzino Vincenzo Esposito. (a Gennarino) A te. Va a piglià duje fiasche ‘e vino. Offro io!

VINCENZO Vi vorrei pregare di non disturbarvi…

PASCUTTELLA (non ammettendo repliche) Quando un vostro supiriore ordina e dispone, influenza a parte, non ci stanno preposizioni da rivelare.

VINCENZO Nun sapevo ca teniveve l’influenza, scusate…

PASCUTTELLA Io offro il vino, così, fra un bicchiere e l’altro, qualche discorsetto, si festeggia l’eroe della Nettezza Urbana di questa meravigliosa città. (tutti applaudono mentre Pascuttella dà del denaro a Gennarino e questi esce per la comune)

SALVATORE (portando in disparte Vincenzo, gli dice sottovoce e con tono misterioso) ‘On Vicie’, in riguardo a vostra nipote Rosina, io vi dovrei consultare.

VINCENZO E quanno?

SALVATORE (c.s) Doppo?

VINCENZO (acconsentendo) Dopo! (cercando sua moglie) Stella, Ste’?… Stella.

STELLA (entrando) Sto ccà.

VINCENZO (abbracciandola con effusione) Che ghjurnata, che suddisfazione mugliera mia!

STELLA (indispettita) Pecché nun m’è purtato pure a me?

VINCENZO Bella mia, nun se ponno purtà ‘e famigliare ‘ncoppa ‘a direzione.

STELLA No. ‘O fatto è ca tu me trascure, ecco.

VINCENZO Io?

STELLA Te sbaglie però si te cride ca nisciuno se n’addona ‘e me. Ce sta’ chi me penza.

SALVATORE (che ha sentito, dice tra se alludendo a Pascuttella) Il principe azzurro!

VINCENZO Queste so’ cos’e pazze, sapete? Ma come, quaccheduno può affermare che io trascuro mia moglie?

CARMINE So’ parole ‘e femmene.

VINCENZO ‘O saccio, però, cierti vote me fa dispiacere quanno dice cierti cose.

ROSINA (entrando) Finalmente si’ turnato ‘o zi’.

VINCENZO (a Rosina) Va a piglià ‘e bicchieri pecché ‘o capurale offre.

GENNARINO (entra con due fiaschi di vino) Ccà sta’ ‘o vino.

ROSINA Damme a me.

SALVATORE (premuroso) T’e port’io.

ROSINA (sostenuta) Grazie. (prende i fiaschi ed esce a destra)

SALVATORE (a Gennarino) La bisbetica cromata. (siede)

GENNARINO (chiamando in disparte Pascuttella) ‘O puntone ‘o vico aggio ncuntrato ‘o Giuvanne, ‘o cagnacavallo. M’ha addimannato ‘e vuje. Siccome tiempo fa nce aggio fatto quistione pe’ via ‘e cierti ‘nteresse, nun l’aggio manco rispunnuto e me ne so’ ghjuto.

PASCUTTELLA ‘E fatto buono.

GENNARINO Se si tratta ‘e denare, stateve accorto: chillo votta ‘e mane.

PASCUTTELLA ‘E mane ìe votto pur’io. (rivolgendosi a Vincenzo) Allora? Ci volete raccontare come si è svolta la cirimonia? (tutti sono seduti. Stella è alla destra della scena e Rosina le sta vicino. Vincenzo è al centro. Gennarino, Carmine, Salvatore e Pascuttella, in gruppo, sono a sinistra)

VINCENZO Mi spiego… ecco qua. Non appena mi sono trasportato all’ufficio stammattina alle sette, aggio avuta aspettà che s’arapeva ‘a sala d’aspetto pecché era troppo ampresso. Ho aspettato un’oretta. Intanto so’ arrivate altre perzone ca dovevano essere ricevute dal commendatore, il grande commendatore. Pertantociò mi sono riunito agli antistanti e ho aspettato il mio turno. E così abbiamo aspettato un’altra oretta…

CARMINE Ancora?

VINCENZO Ci stavano circa una trentina di perzone.

PASCUTTELLA (a Carmine) Statte zitto! (a Vincenzo) Parlate.

VINCENZO Dunque, abbiamo aspettato un’altra oretta, poi s’è araputa la porta dell’ufficio del grande commendatore e s’è affacciato don Nicolino, l’usciere. M’ha visto e m’ha detto: “Ah, tu qua stai?”. Mi sono avanzato per entrare, ma lui m’ha detto: “Nu mumento, non tocca a te”. E ha fatto entrare un altro signore. Io ho aspettato. È passata ancora un’ora. Mi sentivo stanco, oramai. Stavo sveglio dalle sei di stammattina. Finalmente la porta s’è spalancata, è comparso don Nicolino e nemmeno m’ha fatto passare. Chillo è ‘na carogna. È rimasto invidioso del mio gesto e della cerimonia che stava per dissertarsi a mio pro! (mormorio di approvazione di tutti i presenti)

PASCUTTELLA È nu brutto carattere. Sta sempe arraggiato…

VINCENZO Chillo tene ‘e corna. ‘O sanno tutte quante che ‘a mugliera se ne fujette cu ‘o cassiere d’o terzo ufficio. Dunque, che putevo fa allora? Ho aspettato. È passata ancora un’ora; finalmente la porta s’è aperta un’altra volta ed è comparso don Nicolino che ha detto: “Vincenzo Esposito!”. Io aggio risposto: “Ma scusate, ‘on Nicoli’, io sto ccà ‘a nu sacco ‘e tiempo… m’avite visto, ce stà bisogno ‘e me chiammà?”. “Stai zitto”, ha detto cu chella solita grazia soja, “Stai zitto e risponti se siete prisente”. (si alza e si mette in posizione di attenti) “Prisente, sono prisente”. “Avanti, entra”. So’ entrato nel grande ufficio del direttore, il grande commendatore, e isso steva arreto ‘a scrivania, con la capa fra le mani ca faceva così… (tentenna col capo) Forze stava pensanno. Vicino a lui ci stava quel signore che aveva perduto ‘e soldi. M’ha visto avanzare, ha sollevato la capa, m’ha fissato e ha detto: “Vieni avanti”. Io mi so’ fatto avanti, e isso m’ha indicato al signore ca teneva vicino come per dire: “‘Ojccanno, chisto è chillo che ha trovato ‘e soldi”. E se so’ messi a ridere tutti e due, ma una risata di condoglianze. Poi ha sopraggiunto: “Damme ‘a mano!” (mormorio fra i presenti per commentare l’onore che Vincenzo ha ricevuto nello stringere la mano del Direttore) Ci ho risposto: “Ma io non mi premetto”. “Basta!”, ha ditto. “Ma io sono un vostro umile dipendente”, ho detto. “Basta!”, ha strillato, “Nun me fa perdere tiempo, damme ‘a mano!”. Io ce l’ho data e lui me l’ha stretta forte, poi si è sollevato dalla poltrona, s’è bevuto nu bellu bicchiere d’acqua minerale ca teneva ‘ncoppa ‘a tavula e ha detto a quel signore: “Ecque, ecque signore. Questo è un nostro spazzino. Questo fatica come un ciuccio dalla mattina alla sera per portare na tozzola ‘e pane alla sua famiglia. Questo, macario, non tiene un centesimo in tasca, e che te cumbina? Trova per la strada diecimila lire e le porta qua sopra. Ma và, và, và! (con f orza) Vattenne! E ricordati ca questo è stato il più bel giorno della tua vita. Te’, pigliate ‘e sole e consegnali tu stesso nelle mani del proprietario”. Me so’ avvicinato, aggio pigliato ‘a busta ‘e pelle gialla e nce l’aggio data mmano a ‘o signore ca l’aveva perza. A questo momento ‘o Direttore m’ha abbracciato, baciato e m’ha detto: “Ma io non ci posso penzare, vieni qua””. Me so’ avvicinato cu nu poco ‘e paura, lui mi ha fissato, poi ha guardato ‘o signore ca gli stava affianco, ha guardato a me n’ata vota e ha detto: “Ma dimme ‘na cosa: cumm’e truvato diecimila lire, tu putive truvà nu milione, e che facive? ‘O purtave ccà ncoppa?”. Allora io me so’ fatto curaggio e ho detto: “Signor Direttore, nuje simmo gente onesta, nuje mangiammo pane e fatica, pane e pane, ma nun ci apprufittammo d’e denare ca non so’ de nuoste. Macario moriamo sotto alla fatica, ma ci piace di camminare altro con la capa. Comme so’ state diecimila lire era nu milione e macario anche dieci, io li avrebbe portati qua sopra, nelle vostre mani!”. (con tono forte ed autoritario imitando la voce del Direttore) “Iesce fora”, m’ha aditto, “Vattenne!”. (tutti applaudono)

STELLA Che bella suddisfazione!

ROSINA (esce e rientra subito con grande vassoio di legno sul quale saranno dei bicchieri ed i due fiaschi di vino) Ccà sta ‘o vino!

PASCUTTELLA (levando il bicchiere colmo di vino) Amice…

VINCENZO Zitte, ‘o capurale parla… (tutti si dispongono ad ascoltare Pascuttella)

PASCUTTELLA ‘O scupatore…

I QUATTRO (annuendo) Eh!

PASCUTTELLA Lo scopatore…

I QUATTRO (c.s) Eh!

PASCUTTELLA (spazientito) Me facite parlà? Dicevo: lo scopratore, parola ca parer niente. Parola ca pare ‘na cosa trascurata… Ma in verità è una parola alla di cui quale si devono luvare tanto di cappiello! Vi macinate voi una cità senza scupature? (tutti tentennano la testa) Alla gente attoccasse di vedere muntune di monnezza da tutte le parti!

SALVATORE Difatti, ce ne stanno…

STELLA (a Salvatore) Statte zitto!

PASCUTTELLA … ce ne stanno ma si levano: si scopano… ma si nun ce fosseme nuje?

SALVATORE ‘E viche stessene cchiù pulite!

CARMINE Uffà, statte zitto.

PASCUTTELLA Si nun ce fosseme nuje se truvarria in pericolo la salute pubblica di tutta la cittadinanza. Nce pavano poco? Sissignore! Nce cunsiderano poco? Sissignore! Ma la coscienza nostra è pulita!

SALVATORE Almeno chella!

PASCUTTELLA Pirciò faticate: faticammo. Teniamo alto il morale dello scopatore e ‘nzigniammo ai nostri figli di amare il cuofeno e la scopa. Il cuofeno comme si fosse il loro patre e la scopa comme si fosse la loro matre! Ho detto! (tutti applaudono)

VINCENZO Aggio accattato ‘o giurnale. Ce stà ‘a fotografia mia senza nusciuno vicino. (mostra il giornale) Ecco qua. (tutti la osservano)

STELLA (ridendo) Uh… comme stà naturale.

CARMINE Proprio isso: tale e quale.

VINCENZO Ma vedete che ignorante: se capisce ca so’ io!

ROSINA Vulite vevere? (servendo il vino)

CARMINE (alludendo al giornale) Sotto ‘a fotografia ce stà scritto quacche cosa.

SALVATORE (Prendendo il giornale dalle mani di Carmine) Famme vedè.

ROSINA Pecché saje leggere tu? No. E allora?

SALVATORE Meglio ‘e te. (Rosina si allontana ed esce dalla comune)

GENNARINO Che ce stà scritto?

VINCENZO Vi confesso il mio peccato: nun saccio leggere. Capora’, liggite vuje.

PASCUTTELLA (con falso tono) Me fa male ‘a capa. Facite leggere ‘o prufessore. (indica Salvatore)

SALVATORE (con sussiego) Io non leggo nelle vile cartacce. Io leggo nelle cervelle umane, nelle grande mente e nei cuori verginali. Io campo all’ombra della scienza umana della scopa; io sono un campacupo, cioè vivo nell’ombra e nell’ombra apprendo.

VINCENZO Va buo’, ccà nun sape leggere nisciuno. Che bella Accademia ‘e scienza riunita!

STELLA Fa leggere a Rusina. Rusi’?

ROSINA (rientrando allegra) ‘O zi’, stà arrivanno chillu giuvinotto ca me vo’ spusà.

SALVATORE (fra se) Il mio rivale. Guelfi e Ghibellini!

ROSINA (col fiato in gola) ‘O faccio trasi’? (e corre di nuovo alla comune)

VINCENZO Càlmate. C’è bisogno di emozionarsi così?

ROSINA (ritornando) Stà venenno, stà trasenno… (ritorna in fondo) Favorite.

NICOLA (con cappello e ben vestito) Grazie tante. Sono Nicola La Croce.

VINCENZO Prego, accomodatevi. (Nicola avanza) Vi presento i miei compagni. (saluti e strette di mano)

NICOLA Molto onorato signori. (a Stella) Signora.

ROSINA Mia zia Stella.

NICOLA Fortunato.

STELLA Fortunata pure io.

VINCENZO (offrendo del vino) Accettate?

NICOLA Grazie, non bevo.

VINCENZO Va bè. Allora diteci che vi serve. Qual è lo scopo della vostra visita. Perché ci siete venuti a importunare?

NICOLA (colpito ed urtato) Beh, se dite così…

ROSINA (intervenendo) Nun date retta a chello che dice ‘o zio. Lui si esprime con certi termini suoi particolari…

VINCENZO Appunto…

NICOLA Allora, se permettete, vorrei dire…

PASCUTTELLA ‘On Vicie’, vuje avita parlà d’affari di famiglia e nun è giusto ca stammo ccà ‘e vigilanza. Ci allontaniamo e riprenderemo poi la cerimonia.

VINCENZO Scusate tanto Capora’.

PASCUTTELLA Pe’ carità. (a Stella dandole la mano) A più tardi. Gli amici vi salutano e… vogliateci bene come noi ve ne vogliamo a voi. (poi a Nicola) Compermesso giovano’.

NICOLA Prego, per carità.

PASCUTTELLA Pugliese?

NICOLA Appunto, sono di vicino Bari.

PASCUTTELLA Io sono oriuolo di Firenze.

NICOLA Oriundo, volete dire?

PASCUTTELLA Giustappunto. Mia nonna era fiorentina. (saluta militarmente ed esce con Carmine e Gennarino)

VINCENZO (a Salvatore) E tu?

ROSINA Tutti quanti sono stati educati e se ne sono andati. Tu sulo no!

SALVATORE Anch’io mi debbo congedare?

STELLA E me pare.

ROSINA Ce stà quacche cosa che ti riguarda?

SALVATORE (contenendo la rabbia) Pe’ carità. Chiedo perdono e me ne vado. (sulla soglia indicando Nicola si ferma e dice) Ecco la bestia con la coda aguzza. Ecco colui che varca monti e mari. Ecco colui che tutto il mondo appuzza! (ed esce)

VINCENZO Lo dovete perdonare: è nu buono guaglione, ma cierti vote nun ragiona. È mmiezo scumbinato. L’hanno soprannominato “‘O prufessore” pecché è stato carcerato e llà s’è mparato tanta cose. Po’ è pure poeta… … Ma parliamo di voi. Dunque?

NICOLA Ecco qua. Io sono impiegato alle Poste, ufficio conti correnti. Un posto di responsabilità. La mia famiglia ha origini onestissime. Il padre di mio nonno è stato dispensiere di corte sotto Ferdinando, i Borboni, poi…

STELLA Abbiamo capito. Siete innamorato di nostra nipote e ve la volete sposare. Va bene, sposatela pure.

VINCENZO (offeso) Ma insomma?! (a Stella) Statte zitta tu. Ci sono io, parlo io. Quando c’è l’uomo è l’uomo che parla. Allora, il signor…

NICOLA La Croce. Nicola La Croce.

VINCENZO La Croce, perché è venuto qua? Sapeva che qua avrebbe trovato un uomo. Comme se dice? Ecce homo, no? (a Nicola) Dunque, mia nipote Rosina vi piace e le volete bene?

NICOLA (con slancio) Assai. E credo che anche lei…

VINCENZO E quella è prisenta. Nun è morta, è viva. (a Rosina) Tu che dici? Te piace chisto?

ROSINA (con slancio) Si ‘o zi’, me piace assaie!

VINCENZO Ed è giusto: i gusti sono gusti.

NICOLA Sono veramente felice. (dalla strada Salvatore si mette in osservazione) Cercherò di renderla felice. Sono solo, come lei. Voglio dire che non ho genitori. Ho uno stipendio discreto, qualche economia da parte. Sono ordinato e tenace come tutta la gente del mio paese. Non aspetto che il giorno di sposarla. Giuro che non ho dato ascolto a nessuno pur di arrivare a questo momento. Si sa che la gente è maligna… Qualcuno mi diceva: “Attento a quello che fai. Non tiene famiglia. Tiene uno zio che…”

VINCENZO …che fa ‘o scupatore. E con questo? Io vi prego di proferire a queste perzone che sono orgoglioso del mio mestiere. Scopatore? Scopatore! È una professione onesta! Meglio scopatore che ladro assassino. Scopatore? Scopatore! Anche gli scopatori sono necessari come gli avvocati, gli ingegneri, i medici. Se non ci sarressimo noi, chi scoperebbe le state? Ecque che siamo necessari alla Società. È una missione che il Padreterno ci ha mandato. Siamo scopatori sì, ma missionari.

NICOLA Giusto. E io non ho ascoltato che la voce del mio cuore.

VINCENZO Va bene. Allora dateci il tempo di pigliare qualche informazione, e la ragazza sarà vostra.

SALVATORE (entrando deciso) ‘On Vicie’, ‘na parola.

VINCENZO (alzandosi mentre Nicola, Rosina e Stella parlano tra loro) Che è stato?

SALVATORE (deciso come sopra) Voglio dire che pure io sono innamorato di Rosina e vengo a chiedere la sua mano. Io so’ d’a terra vosta. So’ napulitano, nun so’ straniero.

NICOLA Ma che dice? Che dice? Rosina è fidanzata con me ormai!

SALVATORE No, cu’ me!

NICOLA Con me!

SALVATORE Cu’ me e m’a porto!

NICOLA No, me la porto io!

SALVATORE (minaccioso) Io!

NICOLA (minaccioso) Io!

VINCENZO (intervenendo) Nu’ mumento! Ma che ve credite ca se tratta ‘e ve’ purtà nu sacco ‘e patane? Si tratta di una signorina, sapete?

NICOLA (a Salvatore) Maleducato che non sei altro. Non ti piglio a schiaffi perché non mi voglio sporcare le mani, ha capito?!

SALVATORE Tu pigli a schiaffi a me?

NICOLA (andandogli incontro minaccioso) A te, sì! Non ci credi?

VINCENZO (intervenendo) Vi prego signori. Ma inzomma, signor La Croce, che sono queste minacce in casa mia? Me pare ca ‘o scostumato site propeto voi. Salvatore è nu lavoratore, nu bravo guaglione e canosce la strata sua. (a Salvatore) Ebbé? Che songo ‘sti asciute ‘e quarta dinto ‘a casa mia? Sei o non sei un gentiluomo? Io te saccio pe’ na perzona per bene e tu te miette a fa’ l’opera dinto ‘a casa mia? (lo tira a se e gli dice sotto voce) Parlammece chiaro, Salvato’: tu vuo’ bene a Rusina?

SALVATORE E me lo domandate?

VINCENZO Allora lassa sta’! Falla spusà a stu giuvinotto ca sta buono a denare, è ommo ‘e lettere, sape leggere e scrivere, e nella vita sape’ leggere e scrivere è necessario. È po’ siamo giusti: chella povera guagliona teneva ‘o pate ca faceva ‘o scupatore, more ‘o pate e vene dinto ‘a casa d’o zio ca fa’ ‘o scupatore; c’avessa fa’ mo’? Spusarse a te ca faje ‘o scupatore? E falle piglia’ nu poco d’aria a ‘sta guagliona. Luvammela na vota e pe’ sempe a miezo ‘a munnezza!

SALVATORE Ma io…

VINCENZO (battendogli affettuosamente la mano sulla spalla) Tu saje qual è ‘a strata toja. Nun ne parlammo cchiù!

SALVATORE Nun ne parlammo cchiù? E allora muoia Sansone con tutti i Filistei. ‘On Vicie’, io aggio bisogno di sfogare il mio rancore. Giacché non mi avete compreso, è bene ca sappiate quello che vi dico: Stella, ‘a mugliera vosta, s’ha ‘ntenne cu’ Pascuttella ‘o caporale! Ho detto!

STELLA (sorpresa) Io?

SALVATORE Eh! Vuje. E ‘o sanno tutte quante. Mi congedo.

VINCENZO Aspe’… (col fiato grosso) E ditto ca muglierema è l’amante ‘e Pascuttella ‘o caporale?

SALVATORE Non rimane che informarvi.

VINCENZO (a Stella con tono severo) Ste’…

STELLA Ma no… nun è overo… T’ho giuro.

SALVATORE Mendacia!

VINCENZO (Rosina) Rusi’?

ROSINA Nun è overo ‘o zi’, chilo…

VINCENZO (man mano accalorandosi) È overo, è overo. Ecco la ragione per la quale in ciò “’a Diavola”… (a Nicola) Voi conoscete “’a Diavola”?

NICOLA No, non la conosco.

VINCENZO Non conoscete “’a Diavola”? Chella che frje ‘e panzarotte sotto ‘o purtone ‘o puntone ‘o vico!

NICOLA Non la conosco.

VINCENZO È ‘a mugliera d’o capurale Pascuttella. Ecco perché, dicevo, ogne vota che “’a Diavola” me ‘ncuntrava ‘a via me parlava c’o sottinteso. E mo’ ca ce penzo, troppo spisso Pascuttella me veneva a truvà. (deciso) Salvato’, và add’o capurale e dince che in questo momento ce voglio parlà. Fallo veni’ ccà.

SALVATORE Subito. (nell’uscire si rivolge a Nicola con disprezzo) A te t’aspetto fora. Al di là di dove latra la canèa. (esce rapido)

VINCENZO (a Rosina) Tu vattenne. (poi a Stella) Tu resta.

STELLA (impaurita) Ma io…

VINCENZO Resta, ti ho detto! (a Rosina) Te ne vaje, si o no?

ROSINA (disperata) Sto ghienno. (esce per la destra)

VINCENZO (a Nicola che fa per seguire Rosina) Vuje addo’ jate? (furioso ripete) Addo’ jate?

NICOLA (timidamente) Andavo di là a tenere compagnia alla ragazza.

VINCENZO (c.s) Restate qua, invece. Che bella comodità avimmo miso ccà ‘ncoppa: ognuno trasse fa ‘e fatte suoje. (ripete) Restate qua. Dovete testimoniare come si è regolato un marito tradito.

PASCUTTELLA (entra calmo e placido dal fondo) ‘On Vicie’, Salvatore m’ha detto che mi dovete parlare. Di che si tratta? (a Stella togliendosi il berretto) Signora! (sorride)

VINCENZO Pascutte’, voi non siete un amico, siete un falso amico.

PASCUTTELLA (sorpreso, ma senza perdere la calma) Allora se l’inizio inizia con questo inizio che inizio di inizio è?

VINCENZO Dico che siete un traditore, un usurpatore della tranquillità coniugale di un domestico. (chiaro e minaccioso) Poche parole: aggio saputo tutte cose!

PASCUTTELLA (c.s) Tutto che?

VINCENZO (con forza) Tutto! Avete capito?

PASCUTTELLA (calmo) ‘On Vicie’, se il mio pensiero non è errato, io credo di aver capito, ma, da quel signore che sono, vi dico che, se tenete da fare qualche romanzina, non è bello e non è dignitoso favellare con molti occhi e parecchi pari di recchie che sono presenti.

VINCENZO (simulando calma) Giusto. Mi chiedete un colloquio isolato? Come si dice: un te -te -tè!

PASCUTTELLA Appunto. Un te -te -tè.

VINCENZO Sta bene. (a Stella brusco) Vattenne dinto! (a Nicola) Voi andate a tenere compagnia alle dame.

STELLA (spaventata) Madonna mia! Tutto pe’ me, tutto pe’ me. (esce seguita da Nicola)

PASCUTTELLA Dunque?

VINCENZO Dunque io vi dico che con l’onore della famiglia si pazzea poco o niente. Con l’onore della propria donna non ci sono gerarchie e gradi da rispettare. Il mio vicinato vicino critica e parla. Io non so, nun aggio visto niente, non posso giudicare per un giudizio sommario con parsimonia e giustizia giusta. Domando a voi, se uomo vi considerate, e mi risponderete. Pascutte’, tu…

PASCUTTELLA (interrompendolo con aria di rimprovero) Beh?

VINCENZO (c.s) Tu…

PASCUTTELLA (c.s) Beh?

VINCENZO Che significa? (Pascuttella allarga i gomiti per indicare i galloni da caporale. Vincenzo, con malcelato dispetto) Voi… Voi con mia moglie Stella… (Pascuttella china il capo) Ebbé? Vi siete fatto russo… Taceto… chi tace cunzente… Insomma?

PASCUTTELLA (con tono umile e patetico) Dal momento che tutto conoscete, vi parlo da uomo a uomo e da vostro superiore. È overo. Io aggio vuluto bene a Stella chhiù d’a vita mia. Ma è stato un amore plutonico. Io ho rispettato a lei e lei ha rispettato a me. Ci siamo amati dal tempo prima ca vi sposaste. Ma nun avimmo fatto maje niente ‘e disonesto. Stella resterà come a la corona della mia testa, e mai voi potrete comandare al mio cuore di fare una ritirata, la ritirata non la faccio!

VINCENZO (perdendo il controllo) E vuje m’ho diciate ‘nfaccia?

PASCUTTELLA Perché è la pura e santa verità.

VINCENZO Mo’ basta mo’. Mo’ levo ‘a miezo tutt’e riguarde e parlo con più elasticità.

PASCUTTELLA (severo) Ricordati ca sono il tuo superiore.

VINCENZO Tu si’ nu pover’ommo. Sicondo te, io m’avessa sta’ zitto e farte fa’ ‘o comodo tujo cu’ muglierema?

PASCUTTELLA Ma inzomma? Te si’ miso proprio ‘ncapo ‘e fa arrevutà ‘o vico?

VINCENZO Io sono un uomo offeso e quacche cosa l’aggia fa! Ascimmo fora si tiene ‘o coraggio!

PASCUTTELLA Io fora nun esco. Vacce tu.

VINCENZO E io sulo che ce vaco a fa?

DON GIOVANNI (entrando dalla comune vede Pascuttella, gli si avvicina dicendogli minaccioso) T’aggio truvato, finalmente. (poi a Vincenzo) Salute, ‘on Vicie’. (di nuovo a Pascuttella) E allora?

PASCUTTELLA (confuso) Ecco qua, ‘on Giuvà…

DON GIOVANNI Ma insomma è mai possibile che tu vuo’ fa scemo a me? È n’anno che me ha dà tremila lire e nun te decidi a darme quacche cosa. Dimane… doppodimane… ogge… stasera… E accussì è passato n’anno!

PASCUTTELLA La questione è stata che…

DON GIOVANNI Che si’ nu povero disgraziato. Te cride proprio d’ave’ a che fa cu nu pagliaccio? Nu Pulecenella? (lo prende per il bavero e lo tira a se) Iesce fora. (Pascuttella resiste) Iesce fora! Chesta nun è ‘a casa mia e nun voglio fa l’opera ccà dinto. (lo tira) Iesce!

PASCUTTELLA (indietreggiando) Ma scusate…

DON GIOVANNI (schiaffeggiandolo) Iesce fora carogna! (lo trascina sulla strada uscendo entrambi di scena. Subito si sentirà un vocio di gente che accorre. Vincenzo rimane solo in scena ed è tanta l’emozione e la paura che resta lì quasi senza fiato e senza poter muovere un solo dito. Dal fondo ritorna Pascuttella mezzo pesto e malconcio e col sangue che gli cola dal naso; cade a terra. Don Giovanni, furente di rabbia lo insegue e vedendolo caduto in terra, prende un martello che trova sulla consolle e fa per darglielo intesta. Vincenzo spaventatissimo, nel vedere quel gesto, facendo appello a tutte le sue forse, si precipita su Don Giovanni, gli toglie il martello di mano e lo spinge in strada. Resta quindi intontito sotto la comune per un attimo, poi barcollando viene avanti. Dalla destra entra Nicola che vedendo Vincenzo con il martello in mano accanto a Pascuttella svenuto, si affaccia sulla strada e invoca aiuto. Dalla comune entrano parecchi vicini assieme a Gennarino, Carmine, Salvatore e “’a Diavola”. Quest’ultima corre subito a portare aiuto a Pascuttella, mentre dalla destra entra Stella seguita da Rosina),

SALVATORE (afferrando per un braccio Vincenzo e togliendogli il martello di mano) ‘On Vicie’, ma che avite fatto?

VINCENZO (prendendo spunto da quell’equivoco, si impettisce e facendosi forza, sempre ansimante e sotto choc esclama) Si nun lassa sta a muglierema, lle’ faccio ‘o riesto! (poi man mano accalorandosi) ‘O riesto! (più forte) ‘O riesto! (e sviene tra le braccia di Salvatore mentre la gente intorno si premura di fare qualche cosa e si chiude il sipario lentamente)

SIPARIO