Madama SANGENGLLA

da Le Dindon, di Feydeau
Commedia in tre atti

Personaggi:
D. Pasquale Corella, avvocato
Teresina, sua moglie
D. Felice
Concettina, sua moglie
D. Mimì Chiappariello
Antonino Cuoccio, negoziante di Baccalare
Eugenia Sangenella, sua moglie
Lisa Clarinet, canzonettista
Saverio Scorza e Rosa, sua moglie, provinciali
D. Nicolino, segretario d’albergo
Ciccillo e Marietta, camerieri d’albergo
Salvatore, servo di Pasquale
Il Delegato di P.S.
Due Guardie in divisa

La scena è in Napoli, epoca presente
ATTO PRIMO

Salotto elegante in casa di D. Pasquale, porta in fondo, tre laterali e finestra prima quinta a destra, mobilia dorata.

SCENA PRIMA

Salvatore poi Teresina indi Felice.

SALVATORE (dal fondo con lettera): Va bene, aggio capito, sta lettera l’aggia dà all’avvocato D. Pasquale Corella. Nun ce penzate, sissignore, non dubitate, sarete servito. (Le dice rivolto al fondo a destra poi viene avanti.) Vì che gente seccante stanno ncoppa a la terra. (Via prima a sinistra.)
TERESINA (dal fondo, appaurata, in abito da passeggio): Mamma mia, che paura! (Ascolta alla porta.) Non sento cchiù nisciunno. (Va a guardare alla finestra.) Meno male ha pensato buono e se ne ì. Ma che uomo, che originale! E dire che so’ otto giorni che me vene appriesso cu na faccia tosta unica. Ma io faccio finta di non vederlo. Stammatina so’ ghiuto a’ villa e l’aggio truvato fermato vicino a villa co lo cappiello mmano. (Ridendo.) Me pareva nu puveriello.
FELICE (dal fondo): Eccola qua!
TERESINA (voltandosi): (Uhi chillo è venuto pure ccà!). Signore, ma il vostro modo di agire non è affatto da gentiluomo, ma da villano.
FELICE: Sì, è vero.
TERESINA: Ah! L’approvate?
FELICE: Da villano, anzi da zampugnaro, ma non me mporta niente perché vi amo, o mia Giulietta. (Azione negativa di Teresina.) Carolina, Concettina, Mariannina (Chesta comme se chiamma?).
TERESINA (sorridendo): Ma la volete finire, sì o no?
FELICE: Amatemi, signora, amatemi.
TERESINA: Io? Amarvi? Signore, leviamo gli scherzi e parliamo seriamente.
FELICE: Bravo, a me piace il serio.
TERESINA: Voi, Signore, nel seguirmi da per tutto, avrete supposto che io fossi stata libera, oppure una di quelle donne che subito accordano confidenza al primo che le viene fra i piedi. No, signore, vi siete ingannato! Io sono una donna onesta. Una donna maritata!
FELICE: Che! Maritata.
TERESINA: Sì, sì, maritata, perché tanta meraviglia?
FELICE: Allora farò la conoscenza di vostro marito.
TERESINA: Come? Ma questo è troppo, signore. Volete per forza compromettermi.
FELICE: No, io voglio essere amato da voi, ecco tutto.
TERESINA: (Ah! Sì tuosto, mò t’acconcio io. Mò lo faccio caccià da maritemo).

SCENA SECONDA

Pasquale, Salvatore e detti.

PASQUALE (dalla prima a sinistra a Salvatore): Va, Salvatò, fa purtà subeto sta lettera al suo indirizzo. (Salvatore via.) Guè Teresì staje ccà? Muglierella mia.
TERESINA: Sì, sto qua e quel signore…
PASQUALE (vedendo Felice): Ah: chi vedo? Felice Sciosciammocca?
FELICE: (Scuse! Don Pasquale Corella è lo marito!).
PASQUALE: Comme staje?
FELICE: Benissimo! A voi non ci vogliono domande.
PASQUALE: Sì, sto bene.
TERESINA: (Vuje vedite lo diavolo! Chiste se conosceno).
FELICE: Chesta è stata na bella sorpresa che m’avite fatta.
PASQUALE: Io t’aggio fatta la sorpresa? Se stai in casa mia t’avive aspettà de truvarme.
FELICE: Già… no… volevo dire… Ohi che bella sorpresa che v’aggio fatto.
PASQUALE: Chesto sì.
TERESINA: (Che bella faccia tosta!). Come, tu conosci questo signore?
PASQUALE: Altro che lo conosco. Il padre era amico mio stretto; ci amavamo come due fratelli. A proposito, Felì, tu non conosci mia moglie?
FELICE: Non me l’avete ancora presentata.
PASQUALE: Haje ragione. Teresina Corella, mia moglie.
FELICE: (Si chiama Teresina).
PASQUALE: Il signor Felice Sciosciammocca.
FELICE: Piacere di fare la vostra conoscenza. (Piano.) (Ve chiammate Teresina!).
TERESINA (piano): (Tenite la faccia de le corne vecchie!). Il piacere è tutto mio.
PASQUALE: Assettate Felì.
TERESINA: E come va che non mi hai parlato di questo tuo amico?
PASQUALE: Che vuò da me, non lo vedevo da cinque anni.
FELICE: Sicuro, pecché tutto stu tiempo so’ stato a Roma.
PASQUALE: E tua moglie come sta?
FELICE (confuso): (Vide st’animale che va dicenno).
TERESINA: Come, come, siete ammogliato? (ohi questo è troppo!).
PASQUALE: Felì, mò ca nce simme viste, e che hai fatta la conoscenza di mia moglie, voglio sperà che nce venarraje a truvà spisso?
FELICE: Spesso? Io sto sempe ccà.
PASQUALE: Bravo! E nce puorte pure a mugliereta, la vulimmo conoscere.
FELICE: E perché?
PASQUALE: Oh! Bella! Pe fà nu poco de conversazione nzieme.
FELICE: Ah! Già! Ma non è possibile.
PASQUALE: E pecché?
FELICE: Pecché sta malata.
TERESINA: Uh! Puverella! E che tene? (Ironica.)
FELICE: Un dolore nella gamba sinistra che l’ha gonfiata tutta la faccia destra.
PASQUALE: E che c’entra la gamba Co la faccia?
TERESINA: Forse saranno dolori artitrici.
FELICE: Dolori a tridece.
PASQUALE: No, a quattuordece! Artritrici.
FELICE: Sicuro, artritrici; perciò il medico l’ha ordinato i bagni minerali ai Bagnoli.
PASQUALE: Sicché si trova ai Bagnoli?
FELICE: Cu duje cammariere ca la porteno passianno dinto a na carruzzella a mano.
TERESINA: Povera figliola.
FELICE: Appena sarà guarita ve la presenterò, povera disgraziata.
PASQUALE: Perché disgraziata?
FELICE: Pecché è nu cippo de guaje… tra le altre cose è zellosa pure, porta la parrucca, lasciateme stà, che ne vulite sapé. (Lazzi la notte palla da bigliardo nel letto.)
TERESINA: (Scummettarria ca so’ tutte buscie).

SCENA TERZA

Salvatore e detti.

SALVATORE: Signò fora nce sta l’operaio pe la vasca de li pisce.
PASQUALE: Bravo, fallo passà dinto a lo studio mio.
SALVATORE: Va bene. (Via.)
PASQUALE: Felì sto facenno na collezione de pesci.
FELICE (distratto): Buon appetito.
PASQUALE: Buon appetito?
FELICE: Io ho fatto colezione na bistecca!
PASQUALE: Quà colezione! Collezione! Mò sto facenno na specie d’acquarium. Figurete stanotte, aggio passata la nuttata dinto a lo giardino a piglià misure, a levà piante, stammatina non me so’ coricato.
TERESINA: E accussì vuò perdere la salute cu sti pesci?
FELICE: Dice bene vostra moglie.
PASQUALE: Ma che salute! È vero, me sento nu poco stanco, de sonno, ma doppo mangiato me corico e me rinfranco del sonno perduto. Teresì tiene compagnia a Felice, ca io me spiccio lesto lesto e vengo. Felì, t’aggia fà vedé la mia raccolta, vedrai pesci di tutti i colori, di tutte le razze. Mò vengo, mò vengo. (Via prima a sinistra.)
TERESINA (va allo specchio e si leva il cappello): Dunque, caro D. Felice, voi siete ammogliato?
FELICE: Sì, sono ammogliato.
TERESINA: Ed essendo ammogliato me site venuto appriesso, perché?
FELICE: Perché ho visto una bella signora, un bel pezzo di burro, e ho detto mò me distraggo nu poco.
TERESINA: Bravo! La vostra franchezza mi piace.
FELICE: E bisogna essere franco, leale. Ed ora ditemi se non sono degno di compianto? Cu na mugliera chiena de guaje, che debbo fare? Cammino, incontro per istrada na sciasciona comme site vuje, comme se fa a non perdere la testa?
TERESINA: Basta, D. Felì, non andate più avanti, ricordatevi che sono maritata e che mio marito è vostro amico.
FELICE: Ma vostro marito non è uomo da poter ispirare una passione.
TERESINA: Ma è mio marito.
FELICE: E che fa, io dico che voi non l’amate.
TERESINA: No, io sono fedele a mio marito, e isso adda essere fedele a me.
FELICE: E se vi tradisse?
TERESINA: Io faccio lo stesso, e isso lo sape.

SCENA QUARTA

Salvatore, Mimì e detti.

SALVATORE: Il signor Chiappariello. (Via.)
TERESINA: Uh! Lo cumpariello! Avanti.
MIMÌ: Commarella buongiorno, comme va la salute?
TERESINA: Bene, grazie.
MIMÌ: E il signore chi è?
TERESINA: È un amico di mio marito. Il signor Felice Sciosciammocca. (Poi a Felice.) Il Signor Mimì Chiappariello. (I due si salutano freddamente.)
MIMÌ: D. Pasquale non ce sta?
TERESINA: Sì sta cu l’operaio a vedé lo disegno della vasca dei pesci, mò ve lo vaco a chiammà e ve lo faccio venì ccà. Permettete. (Arrivata sotto l’uscio.) Io sono una donna onesta, caro D. Felice, e difficilmente cado. (Via prima a sinistra.)
MIMÌ: (Quanto vuò fà ì ca stu curiuso fa la corta a D.a Teresina).
FELICE: (Nce scummettarria ca stu panzarotto fa la corte a D.a Teresina). (Scena muta i due passeggiano indjfferenti guardando i quadri poi ridiscendono dal fondo a poco a poco, uno a destra, l’altro a sinistra, si guardano di sfuggita affettando indifferenza. Felice fischia una canzone — Mimì dopo un poco fischia lo stesso motivo. Felice dice: Ma sta canzone la sto fischiando io ecc. ecc. poi Mimì incomincia lui e Felice fa lo stesso — lazzi a piacere — dopo riprincipia il dialogo.)
FELICE Scusate, voi come siete compariello a la signora?
MIMÌ: Pecché ve preme de lo sapé? Ve preme?
FELICE: No, così per curiosità.
MIMÌ: Ha cresimata mia sorella. Va bene?

SCENA QUINTA

Teresina e detti.

TERESINA: Compariè scusate se interrompo la vostra conversazione, ma mio marito vò a D. Felice dinto per farle vedé il disegno della vasca dei pesci, ed avere il suo parere.
FELICE: Ah! D. Pasquale me vò fà vedé lo disegno de la vasca dei pesci? Ho capito, ho capito. (Me vò mannà a accattà lo pepe). (P.a. sotto l’uscio.) A lo cumpariello non lo vuole?
TERESINA: No, vò a bbuje,
FELICE: Ho capito, io me n’aggia ì. (Via prima a sinistra.)
TERESINA: D. Mimì sedetevi.
MIMÌ: Grazie! Cummarè scusate, ma che fa ccà stu D. Felice?
TERESINA: È un amico di mio marito. So’ otto juorne ca me vene appriesso comme a nu cane.
MIMÌ: Possibile?
TERESINA: Ma l’amico ha sbagliato lo palazzo.
MIMÌ: Ah! Mbè, perché voi sapete ca io ve voglio bene, me piacite assaje e sono geloso di tutti.
TERESINA: (E chisto è n’ato pazzo). Cumpariè si tenite quacche cattivo pensiero ncapo vuje pure, ve lo putite levà.
MIMÌ: Me levo lo pensiero da la capa? Me levo lo pensiero da capa? E comme me lo levo si vuje stessa me lo avite fatto mettere.
TERESINA: Io?
MIMÌ: Voi sì, voi sì!
TERESINA: Quanno maje.
MIMÌ: Come, potete negare che voi mi avete detto: caro D. Mimì, il giorno che mio marito preferisce un’altra donna a me, io mi vendicherò.
TERESINA: Questo è vero e lo farò.
MIMÌ: E pò me dicisteve: E voi sarete lo strumento della mia vendetta. Mò ve ne venite ca m’aggia levà lo pensiero da la capa. Dunque vuol dire che avete scelto un altro strumento.
TERESINA: (Eh! Aggio scelto lo trumbone). È vero, vi dissi questo. Ma quando mio marito mi dovesse tradire? Ma mio marito non lo fa. Pascalino me vò bene, mi rispetta e voi lo sapete.
MIMÌ: È vero, avete ragione. Oh! Quanto sarò felice quel giorno che mi direte: Compariè, mio marito mi ha tradito, mio marito tiene un’innamorata, che bella cosa, che delizia, e allora addenucchiato nnaze a vuje comme faccio mò (esegue) ve diciarria: Teresina mia, quanto sì bbona. (Le prende la mano).
TERESINA: Susiteve ca pò ascì maritemo.
MIMÌ: E che me ne mporta.
TERESINA: Me mporta a me. (Voce di Pasquale – lo spinge, Mimì siede a terra.)

SCENA SESTA

Pasquale, Felice e detti.

PASQUALE: Felì dì la verità che bel disegno… vuje state n’ata vota assettato nterra?
MIMÌ: Caro D. Pasquale, come state? State bene?
PASQUALE: Eh! Non c’è male.
FELICE: Ma che fa, se va assettanno pe terra?
PASQUALE: Comme si segge non ce ne stessero. E che se cride ca è la primma vota? So’ tre vote ca lo trovo accussì, ma pecché non lo saccio.
MIMÃŒ: Ah! Ecco qua: io quann’ero piccerillo, mammà pe me fà stà cujeto m’assettava nterra e me faceva pazzià co li cavallucce, co li suldatielle… capite… e aggio pigliata chell’abitudine.
PASQUALE: Va bene, ma allora pazziaveve co li cavallucce, e co li suldatielle, ma mò a che pazziate?
FELICE: (Co la pupatella!).
PASQUALE: Susiteve.
MIMÌ: Eccomi qua.
TERESINA: E accussì D. Felì, avite visto lo disegno de la vasca dei pesci?
FELICE: Sicuro.
PASQUALE: Quanto me dispiace ca mugliereta sta malata, avevo proprio piacere di conoscerla.
TERESINA: E io pure.
MIMÌ: Come la signora Sciusciella sta malata?
FELICE: Quà Sciusciella. Sciosciammocca.
MIMÌ: Ah! Pardon! Dunque sta malata?
FELICE: Sicuro, soffre di dolori.
TERESINA: E pe farla piglià nu poco d’aria la portano a spasso dinto a na carruzzella a mano.
PASQUALE: Ah! Povera infelice!
TERESINA: Povera figliola!
MIMÌ: Povera disgraziata!
FELICE: (Me la stanno chiagnenno pe morta).

SCENA SETTIMA

Salvatore, Concettina e detti.

SALVATORE: La Signora Sciosciammocca.
PASQUALE E TERESINA: Che!!
MIMÌ E FELICE: Stateve bene.
PASQUALE: Felì tua moglie?
TERESINA: Don Felì vostra moglie qui?
MIMÌ: Sarrà venuta co la carrozzella a mano.
FELICE: Veramente non so. (A Salvatore.) Vi ha detto proprio la signora Sciosciammocca?
SALVATORE: Sissignore. Concettina Sciosciammocca.
FELICE: (Allora è essa! E ch’è venuta a fà ccà?).
PASQUALE: E comme va non sta a Bagnoli?
FELICE: Se ne sarrà venuta pecché è guarita.
TERESINA: Vulesse lo cielo. (A Salvatore:) Fate passare la signora.
SALVATORE: Subito. Favorite signora.
CONCETTINA (al servo): Grazie. (Salvatore via.) Vo domando scusa, signora, signori.
FELICE (con premura): Oh! Moglie mia cara, staje qua? Che bella sorpresa ca nc’è fatta. D. Pasquà qua sta mia moglie. (Lazzo.)
PASQUALE: L’aggio vista. Signora rispettabile.
MIMÌ: Ed è una bellissima giovine. (Vì quanto è bona pure chesta).
TERESINA: (E che nc’è venuto a cuntà stu mbruglione de lo marito).
FELICE (a Concettina): In questo momento me stevo licenzianno con questi signori, è vero? Sissignore. E siccome tenevo nu sacco de cose da fà, salutammele e ghjammuncenne. Signora, signori. (Per andare.)
CONCETTINA: Aspetta nu mumento.
TERESINA: Accomodatevi.
CONCETTINA: Questi signori mi scuseranno se mi presento in casa loro senza aver l’onore di conoscerli, ma che volete, da tanto tempo sento parlare di voi da mio marito, e io mi son fatto nu pregio di venire e fare la vostra conoscenza.
PASQUALE E TERESINA: Per carità l’onore è nostro.
PASQUALE (a Felice): (La parrucca è fatta bene).
FELICE: (Caspita, quella se l’ha fatta venire da Parigi). (Lazzi.)
CONCETTINA: Perché ho detto fra me: due amici tanto intimi che si vedono ogni momento, e le mugliere lloro non se conosceno, non sta. Mio marito vi è molto affezionato, a segno di rendermene gelosa. Esce la mattina: Felì addò vaje? Vado dal mio amico Pasquale Corella. Si ritira, mangia di tutta fretta, se piglie lo cappiello ed esce. Felì e mò addò vaje? Non lo sai, moglie mia, vado dall’amico Corella. (Guarda Felice a denti stretti.) E sempe à Corella mmiezo.
TERESINA: (Vì che mbruglione, va trova addò va e dice che vene ccà).
FELICE (a Concettina): Io pò non capisco, perché venire a dire all’amico mio che io vengo ccà tutti i giorni, forse loro non lo sanno? Don Pasquà ditelo voi, vengo tutti i giorni in casa vostra?
PASQUALE: Ah! Già sicuro.
FELICE: Haje visto?
MIMÌ (canzonandolo): Vero, è vero, io stesso l’aggio truvato paricchie vote.
FELICE: Lo ssiente, te lo dice pure Chiappariello Cetrulillo, mò me pare ca puo essere contenta.
PASQUALE: (Aspetta Felì, io aggio capito tutto, mò t’aiuto io).
FELICE: (Bravo D. Pasquale).
PASQUALE: Vi posso assicurare cara signora che il mio amico Felice nelle sue frequenti visite mi ha parlato spesso di voi.
CONCETTINA: Veramente?
PASQUALE: Veramente. E io da molto tempo avrei voluto fare la vostra conoscenza, ma siccome stavate a Bagnoli.
CONCETTINA: Io a Bagnoli?
FELICE: (Puozze passà nu guajo, chisto me rovina). Ma che Bagnoli, addò lo site juto a piscà stu Bagnoli. (Stateve zitto).
CONCETTINA: (Incomincio a credere che i miei sospetti sono fondati). Solamente mi dispiace che vi dovete soffrì chella brutta malattia.
PASQUALE: Io? E che malatia?
CONCETTINA: I dolori artritici.
PASQUALE: No, scusate, chesta malattia la tenite vuje.
CONCETTINA: Io? Quanno maje. Vuje site stato quase ciunco, tanto ca v’avevano purtà passianno Co la carruzzella a mano.
PASQUALE: Oh! Chesta è bella! Vuje ve faciveve strascenà a duje cammariere. Signò vuje site zellosa, purtate pure la parrucca. (Lazzi come a concerto.)
FELICE: D. Pascà faciteme vedé la vasca coi pesci.
PASQUALE: Tu siente tua moglie, dice ca io…
FELICE (lo spinge): Jammo a vedé la vasca.
PASQUALE: Ma sento nu currivo che…
FELICE: Jammo trasite, trasite. (Via con Pasquale prima a sinistra.)
CONCETTINA (nervosa): Oh! Ma chesto è troppo, è troppo. Signora ve ne prego siate franca, diciteme la verità, è overo ca Felice vene tutti i giorni ccà?
TERESINA: Ebbene, sarò franca. D. Felice vostro marito oggi è la prima volta ch’è venuto ccà.
CONCETTINA: Ah! Io lo ssapeva.
TERESINA: E non è vero ca è venuto a truvà mio marito, è venuto per trovare una donna ca isso se credeva d’essere chella ca non è.
CONCETTINA: Na femmena? È venuto pe na femmena?
TERESINA: Sì, sì, e sta femmena sapite chi è?
CONCETTINA: Chi è?
TERESINA: Sono io.
CONCETTINA: Possibile?
MIMI: Eh! Ma ccà la cummarella ha sbagliato lo palazzo!
CONCETTINA:Che infame! Che assassino! Me l’aggia magnà a morze.
MIMÌ: E fate benissimo.
TERESINA: Scusate signora me se ho parlato con franchezza, ma io avevo il dovere di aprirvi gli occhi interamente.
CONCETTINA: Avete fatto bene e ve ne ringrazio. A casa, caro marito aggiustammo le cunte nuoste, l’aggia dà tanta pacchere che l’aggia nturzà la faccia accussì, e mò che saccio comme la pensa, le metto li spie ncuollo, saprò ogni passo che fa e si la sorte me lo fa ncuccià cu n’ata femmena, farraggio cose de pazze e poi la separazione.
MIMÌ: Se per caso avete bisogno di me, ecco la mia carta da visita.
CONCETTINA Grazie. Ma perché il signore è avvocato?
MIMÌ: No, ma sapete un consiglio.
CONCETTINA: All’occorrenza ne profitterò.
TERESINA: E fate bene. Se n’hanno pigliato troppo questi signori uomini. Io pure la penso come voi e se mai mio marito m’avessa tradì, il tribunale ci penserà dopo però d’averlo fatto chello che dico io.
MIMÌ: Ma io l’aspetto cchiù de vuje stu mumento.
TERESINA: Cumpariè lassateme stà e non me seccate. Zitto, stanno venenno, non date sospetto, mostratevi calma.
CONCETTINA: Non dubitate.

SCENA OTTAVA

Pasquale, Felice e detti, poi Salvatore.

PASQUALE: Dì la verità, che bella cosa! Che bellezza di pesci.
FELICE: Ah! Bellissimi! (spero ca D.a Teresina non ha ditto niente a muglierema).
CONCETTINA (con calma forzata): Felì, marito mio, haje visto la vasca de li pesci, t’è piaciuta?
FELICE: (Meno male che Teresina non ha parlato). Oh! Molto moglie mia cara cara.
CONCETTINA: (Che faccia de cuorno!).
SALVATORE: Signò fore nce sta na signora che desidera a voi.
PASQUALE: E t’ha ditto chi è?
SALVATORE: Nonsignore, eccellenza, sarà qualche nuova cliente pecché non l’aggio vista maje.
PASQUALE: Va bene, falla aspettà. (Salvatore via.)
CONCETTINA: Signor Corella voi avete da fare, e io non voglio farvi perdere tempo.
FELICE: Sicuro, il tempo è denaro.
CONCETTINA: Signora tanto piacere di aver fatta la vostra conoscenza.
TERESINA: Il piacere è stato mio, ci vedremo dunque.
CONCETTINA: Certamente, non e vero Felì.
FELICE: Sicuro.
MIMÌ: Arrivederci signora e ricordatevi di me.
CONCETTINA: Va bene. Signori. (Via dal fondo.)
FELICE: Arrivederci signori. (A Teresa.) (Accompagno a muglierema e torno).
MIMÌ: Don Felì v’accompagno. Signor Corella, commarella. (Via.)
TERESINA: E così che ne pensi del tuo amico Felice?
PASQUALE: Dico ca è lo primmo mbruglione, povera muglierema ca nc’è capitata.
TERESINA: Avarria essere io, le vularria sceppà l’uocchie e nce le vularria mettere mmano.
PASQUALE: Mò permetti Teresì che io ricevessi sta nuova cliente?
TERESINA: Fà e fatte tuoje. (Affettuosa via seconda a destra e chiude.)
PASQUALE: Eh! Quanto mi ama mia moglie. (Suona il campanello.)

SCENA NONA

Salvatore, poi Eugenia.

SALVATORE: Comandate.
PASQUALE: Fà trasì chella signora. (Siede al tavolo.)
SALVATORE: Va bene. (Va in fondo.) Favorite signora. (Eugenia entra Salvatore via — Lei va in punta di piedi e con le mani benda gli occhi a Pasquale.)
PASQUALE: Chi è? La signora Amalia? La signora Olimpia?
EUGENIA (leva le mani): Sono io.
PASQUALE: Che! Eugenia Sangenella la canzonettista. Voi qua?
EUGENIA: Sì, proprio io.
PASQUALE: (E si esce muglierema). Ma chesta è na pazzia, io ve credevo a Roma al Salone Margherita. E vostro marito?
EUGENIA: Sta a Napoli per affari.
PASQUALE: E vuje che site venuta a ffà ccà?
EUGENIA: Che songo venuta a fà? E m’addimannate? Ingrato! Vi siete dimenticato le ore felici passate insieme a Roma al Colosseo.
PASQUALE: Me lo ricordo, ma mò che vulite da me?
EUGENIA: Io che voglio? Io voglio a voi, Pasqualino mio, ed è stato per vedervi che ho lasciato Roma, ma pecché non m’avite risposto all’ultima lettera mia? Pecché? Forse non me vulite bene cchiù?
PASQUALE: Ma no…
EUGENIA: Io stammatina, appena so’ arrivata, lo primmo pensiero è stato chillo de ve scrivere na lettera, e l’avevo incominciata a scrivere ma poi l’ho gettata nel cestino, e ho detto perdo troppo tempo, mò lo vaco a truvà di persona, ho preso na carrozzella ed eccomi qua.
PASQUALE: (Se puteva spalummà na rota, accussì te rumpive na gamma e nun venive ccà).
EUGENIA: Oh! Pasqualino mio, come sono felice vicino a voi.
PASQUALE: Ma voi siete maritata, pensate a vostro marito.
EUGENIA: Mio marito? Ma egli è un bruto, un uomo triviale, privo di amore, di poesia. Oh! Quanto feci male a sposarlo; voi invece siete buono, siete affezionato, ed io non posso vivere senza Corella.
PASQUALE: (E chisto è guajo c’aggio passato).
EUGENIA: Io ho pregata un’amica mia che abita a Chiatamone n. 40, e là nce putimmo vedé stasera, parlare con più libertà (e pe me fà dà le 2000 lire c’aggia dà a la sarta).
PASQUALE: Cara mia è impossibile, io non posso venire.
EUGENIA: E perché?
PASQUALE: Perché… perché… è impossibile. Oh! Alle corte, io so’ nzurato, e si muglierema appura sta cosa, io sono rovinato.
EUGENIA: Come, voi siete ammogliato?
PASQUALE: Sono ammogliato!
EUGENIA: Ma vuje a Roma me dicisteve ch’ireve scapolo? Vuol dire che fra noi tutto è finito?
PASQUALE: Proprio così.
EUGENIA: No, Corella, tu mi devi amare. (Forte.)
PASQUALE: Stateve zitta, non alluccate, ca si sente muglierema, io passo nu guajo.
EUGENIA: E che me ne mporta a me! Se voi mi amate io me sto zitta.
PASQUALE: (Ma sangue di Bacco! Quanto me vò bene! Io vurria sapé che particolarità tengo ca tutte li femmene s’innamorano de me).
EUGENIA: Già, io cominciai a dubitare del vostro amore quando non rispondeste alla mia lettera, e perciò preparai na lettera a mio marito, ma non ce l’aveva data ancora, ma mò nce la manno subito.
PASQUALE: E mannangella.
EUGENIA: Eccola qua. (Legge:) «Mio caro. Io non sono più degna di te, ho amato il signor Pasquale Corella, ma ora non mi ama più, e non potendo sopravvivere a quasto abbandono, mi uccido. Lui abita Via del Duomo n. 28 primo piano. Eugenia».
PASQUALE: (Puozze murì de subbeto). Aspettate, vuje che dicite? E io passo nu guajo! Ma che site pazza! Pe carità nun la mannate sta lettera.
EUGENIA: No, io la mando e ne faccio pure n’ata simile a la mugliera vosta e poi mi uccido.
PASQUALE: E chiste so’ prudemiente de… capa! Ma senti…
EUGENIA: Non sento ragioni… sono risoluta.
PASQUALE: (E io si non vaco all’appuntamento passo nu guajo co lo marito e cu muglierema. Mannaggia quanno maje la ncuntraie).
EUGENIA: Addio, traditore, voi non mi vedrete più.
PASQUALE: Viene ccà, siente.
EUGENIA: E verrete all’appuntamento?
PASQUALE: E va bene, verrò.
EUGENIA: Ah! Bravo! Ma bada, ca si non viene, stanotte stessa, le due lettere andranno al loro destino.
PASQUALE: Nonsignore.

SCENA DECIMA

Salvatore e detti, Teresina, poi Totonno, indi Felice.

SALVATORE: Il Signor Antonio Cuoccio.
EUGENIA: Che! Maritemo!
PASQUALE: Come? Totonno è tuo marito?
EUGENIA: Sicuro, non me voglio fà vedé, annascunniteme.
PASQUALE: Fallo trasì. (Salvatore via.)
EUGENIA: Aspettate, e io addò m’annasconno?
PASQUALE: Scennitevenie pe sta scala segreta.
EUGENIA: Me ne vaco? E l’appuntamento de stasera?
PASQUALE: Verrò! (Abbasta ca te ne vaje). (Via Eugenia.) Te putive rompere na gamma primma de venì ccà.
TERESINA: Guè Pascalì se n’è ghiuta chella signora?
PASQUALE: Sì, a nu piezzo.
TERESINA: E che voleva?
PASQUALE: E venuta per un atto di divisione.
SALVATORE: Favorite, favorite. (Introduce Totonno e via.)
TOTONNO (tipo triviale): Caro D. Pasquale.
PASQUALE: Caro D. Antonio, come va da queste parti.
ANTONIO: Ve so’ venuto a parlà di un affare terribile. Chi è questa signora?
PASQUALE: Già, vuje non la conoscite? Questa è mia moglie. Il signor Antonio Cuoccio, negoziante di baccalà.
ANTONIO: Arenghe, sarache, e sarachielle a vostra disposizione.
TERESINA: Piacere.
PASQUALE: Dunque mi dovete dire…
ANTONIO: Doje parole pecché vaco de pressa, tengo n’appuntamento. Avita sapé ca io me spusaje na canzonettista, na certa Eugenia Sangenella, embè vuje mò non lo credite? Doppo ca l’aggio levata da lo cafè chantant, doppo ca la faccio fà la signora, sta nfama, sta scellarata me tradisce. Stammatina aggio truvata na lettera dinto lo stracciacarte.
PASQUALE: (Puozze passà nu guajo tu e essa).
ANTONIO: Sentite che scrive chella birbante. (Legge.) «Angelo mio, io sto a Napoli, noi potremo amarci ancora». Avite capito? «Questa sera mio marito sta occupato in affari di baccalà». E lo marito sò io. «Io troverò una scusa e ti aspetto in casa di una mia amica. Via Chiatamone n. 40. Non mancare, ti aspetto. Eugenia». Che? Che ne dicite?
PASQUALE: (La lettera c’ha menato dinto lo cestino). E va bene, non vi allarmate, può darsi che in fondo non ci sia niente di male.
ANTONIO: Ma si non ce sta, stasera nce starrà? No, io me voglio spartere, nun la voglio vedé cchiù. Io me credevo d’averme spusata na femmena ca me vuleva bene, ma addò sta? Chella si me putesse sparà me spararria. Dice ca io non parlo comme parleno ll’ate, a me accussì m’hanno mparato e accussì parlo. Pò dice ca io non conosco poesia, io saccio chi è sta signora? Ma io l’aggio combinato lo servizio. So’ ghiuto addu l’ispettore e l’aggio cuntato tutte cose. Vuleva sapé da me chi era lo nnammurato de muglierema? Nun lo ssaccio chi è stu carugnone, stu puorco; ma stasera l’aggia ncuccià a tutt’e dduje alla via Chiatamone 40 e v’assicuro D. Pascà, l’aggia sparà doje palle mmocca a isso e a essa. Ah! Io so’ terribile!
PASQUALE: (E nun muore de subbeto a te e chi nce va).
ANTONIO (a Teresa): Faccio buono neh signò?
TERESINA: Fate benissimo, se lo meritano.
ANTONIO: Intanto, D. Pasca, vuje preparateme le carte necessarie pe me spartere da chella faccia tosta, io pò appuro lo nomme de sta crapa e ve lo dico, e vuje lo mettite dinto a lo pruciesso.
PASQUALE: (Aggio passato lo guajo). Va bene.
ANTONIO: Signò ve saluto, D. Pascà stateve bene, vaco de pressa, non pozzo mancà a n’appuntamento.
PASQUALE: Nun ve pigliate collera ca tutto s’aggiusta.
ANTONIO: No, no, non ce stà c’aggiustà. Cu muglierema me sparto e a lo nammurato sujo sacc’io che l’aggia fà. Stateve buono. (Via di fretta e urta Felice.)
FELICE: All’arma de mammeta.
TERESINA: Pascalì io vaco a vedé a che stammo co lo pranzo. (Via fondo a sinistra.)
PASQUALE: Sangue de Bacco e comme faccio?
FELICE: D. Pascà c’avite?
PASQUALE: Felice mio, io aggio passato nu guajo, salvame tu.
FELICE: Nu guajo? E che guajo?
PASQUALE: Felì, io stasera tengo appuntamento cu na femmena.
FELICE: (Let’a’ sotto).
PASQUALE: Chella è mmaretata e lo marito sape tutto.
FELICE: Ah! È maritata? E voi tradite vostra moglie?
PASQUALE: Che vuò a me, fuje na combinazione, na scappatella fatta a Roma. Mò è stata ccà, m’ha dato appuntamento pe stasera in casa de n’amica soja.
FELICE: E vuje jatece.
PASQUALE: E si nce vaco vene lo marito co lo delegato e so’ ncucciato si nun ce vaco essa fà sapé tutte cose a muglierema cu na lettera ca le manne. Capisce mò in quale triste posizione io me trovo.
FELICE: Avite ragione allora, ma come si fa?
PASQUALE: Felice mio damme tu nu consiglio.
FELICE: Volete nu consiglio? (E chesta è na bella combinazione pe me. Si io lo facesse ncuccià da la mugliera?). Mannate a dì a sta signora ca vuje l’aspettate all’Albergo Riviera che si trova alla Torretta.
PASQUALE: E che vaco a fà ncopp’all’Albergo Riviera?
FELICE: Pe nce parlà e non farve ncuccià da lo marito e da lo delegato. A mugliera vosta pò le dicite c’avite ricevuto nu telegramma da… Caserta, di un vostro cliente, il quale vi desidera di urgenza, vostra moglie se lo crederà, voi andate all’albergo, parlate con la signora e domani ritornate a casa. Solo così vi potete salvare.
PASQUALE: Difatti, l’idea è bona: io parlo con la signora e pò ne la faccio ì, ma st’albergo pò è sicuro?
FELICE: Sicurissimo. Sulamente l’avita scrivere ca ve tenessero pronta na stanza.
PASQUALE: E pò quanno l’arriva la lettera?
FELICE: Già… e vuje facitele nu thè espress, a S. Brigida c’è il posto dei fattorini. Alla signora la farete avvertire voi e tutto è fatto.
PASQUALE: Bravo, così farò. Felì io ti ringrazio di questo gran favore e ti prego il silenzio con mia moglie.
FELICE: Non ci pensate, vi pare.
PASQUALE: Io mò me vaco a vestere e scengo a fà l’espresso all’albergo… come haje ditte?
FELICE: All’Albergo Riviera.
PASQUALE: Ho capito e manno a avvisà la signora cu nu bigliettino.
FELICE: No, in queste cose non bisogna mettere gente per lo mezzo, vuje ve truvate a S. Brigida, facite n’ato espresso, due espressi…
PASQUALE: E na genovese, ho capito. Sicuro, Felì te raccumanno. (Via prima a sinistra.)
FELICE: Mannaggia l’arma de mammeta; te voglio accuncià io… quanno la mugliera lo ncoccia cu na femmena, l’appicceco vene certo e stongo a cavallo.

SCENA UNDICESIMA

Teresina e detto.

TERESINA: Pascalì pe lo pranzo c’è tiempo ancora… addò sta?
FELICE: Eh! Ato che pranzo… voi non lo sapete?
TERESINA: Ch’è succiesso?
FELICE: Donna Teresì vostro marito vi tradisce, e la prova la tengo io.
TERESINA: Comme, vuje tenite la prova ca Pascalino me tradisce?
FELICE: Sicuro. Vostro marito stasera va all’Albergo Riviera nzieme cu na femmena.
TERESINA: Che! Cu na femmena?
FELICE: Sì, isso mò ve dice che ha ricevuto nu telegramma di un suo cliente da Caserta e deve partire subito, invece stasera va all’appuntamento.
TERESINA: Comme, isso sarria capace, doppo tutto chello che l’aggio avvisato? Vuje avite ditto ca me ne date la prova?
FELICE: Stasera stessa. Io le faccio la spia, e quanno so’ sagliute tutt’e dduje sull’albergo ve vengo a piglià. Che ne dite? Accettate?
TERESINA: Ebbene, sì, accetto.
FELICE: Zitto, eccolo qua.

SCENA DODICESIMA

Pasquale e detti, poi di nuovo Pasquale, poi Teresina e Felice.

PASQUALE (in abito da strada senza cappello): Ma chesta è na disdetta, è na vita ca non me la fido de la fà cchiù.
TERESINA: Ch’è stato marito mio?
FELICE: D. Pasquà che cos’è?
PASQUALE: È stato che il mio cliente D. Cesare Pellecchia, me vò a Caserta subito per una divisione da farsi.
TERESINA (per inveire, Felice la trattiene): Ah! A Caserta?
PASQUALE (che non ha visto): Già, e debbo partire subito. Te pare moglie mia ch’è na vita chesta che la pozzo fà cchiù? Lo tribunale, i clienti ca te seccano da Napule e da fora, e na nottata c’aggia perdere.
TERESINA: E pecché non nce manne lo cummesso tujo?
PASQUALE: È impossibile mia cara, nce aggia ì afforza io, chillo sape chesto? È vero D. Felì?
FELICE: Ah! Sicuro, si non ce va isso non se combina niente.
TERESINA: E allora va pure marito mio.
PASQUALE: Sicuro che nce aggia ì, ma me secca de lassarte.
TERESINA: (Che assassino!).
PASQUALE: Va statte bona, io torno dimane matina co lo primmo treno, tu nun stà cu pensiero. Felì statte buono. (Per andare.)
FELICE: E che facite ve ne jate senza cappiello?
PASQUALE: Uh! Overo, sta chiammata e pressa m’ha attaccato li nierve, non me fa ragiunà cchiù. (Va a sinistra poi torna.)
TERESINA: Nfame, assassino, svergognato! E isso me fa chesto a me? A me? Ah! No, io me l’aggia ì a magnà a mmorze, le voglio sceppà tutta la faccia. (P.a. prima a sinistra.)
FELICE: Che vulite fà? E vuje scumbinate tutto, vuje ruvinate ogne cosa, venite ccà, calmateve.
TERESINA: Niente, l’aggia rompere le gamme. (Viano seconda a sinistra.)
PASQUALE (con cappello): Addio, moglie mia… non ce sta… no, io stasera nce lo dico a madama Sangenella, sta cosa deve finire.
TERESINA (con bastone): Lassateme lassateme.
PASQUALE (spaventato): Ched’è neh?
FELICE: Ah! Vostra moglie vi ha portato lo bastone. (Ce lo dà.)
PASQUALE: Grazie… Arrivederci domani. (Via, mentre Teresina seguita e Felice che la calma.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera n. 39 dell’Hotel Riviera alla Torretta. Una porta in fondo a destra che dà nel corridoio. Una porta a prima quinta a sinistra che comunica col n. 38 prima quinta a destra porta d’entrata. Seconda a destra spogliatoio. Nel fondo a sinistra un letto a due posti completo, colonnetta con candeliere con stearica. Bottiglia con acqua e bicchiere, un baule, sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Lisa, poi Nicolino.

LISA (chiudendo una valigia che mette su d’una sedia): Chesto pure è fatto, pare ca nun m’aggio scurdato niente.
NICOLINO (malato): La signora mi ha fatto chiamare?
LISA: Sì, signor direttore. La mia camera è pronta?
NICOLINO: Sì, signora Clarinet, vi ho scelta una bella camera spaziosa, ariosa, c’è un balcone che guarda il golfo, insomma la più bella camera dell’albergo.
LISA: Grazie, io ccà non me ce pozzo vedé, na camera interna, e che vulevo murì? Dovete sapere che io canto all’Eden e ho scelto questo albergo alla Riviera appunto per l’aria, per vedere il mare, io ccà tengo nu palazzo de faccia llà.
NICOLINO: Avete ragione. Dunque, voi siete canzonettista?
LISA: Per l’appunto. Voi non lo sapevate? E questa sera ho domandato il permesso, giusto per fare il cambiamento di stanza.
NICOLINO: Ah! (Sospira.) Canzonettista!
LISA: Ched’è neh?
NICOLINO: Le canzonettiste sono state sempre la mia passione, per esse ho sciupato una fortuna.
LISA: (Vedite là, chisto non tene salute pe n’ora, e vò fà lo spasimante). Veramente?
NICOLINO: Ma veramente.
LISA: Scusate, ma a me me pare che state nu poco malato?
NICOLINO: Soffro appena appena dei capogiri; na piccola cosa che vedo e che me fa impressione me piglia nu capogiro e so’ capace di ire uno piso nterra.
LISA: E stateve attiento. Dunque che numero fa la camera mia?
NICOLINO: N. 17.
LISA: Allora faciteme purtà subito stu bauglio dinto.
NICOLINO: Subito, e sgombrate presto, perché sta camera è già fittata.
LISA: A chi?
NICOLINO: A un certo Pasquale Corella che mi ha telegrafato di tenere pronta una stanza per questa sera e ci ho assegnata questa. Canzonettista! Che bella cosa! E dire che un tempo anch’io facevo l’arte!
LISA: Ah! Voi pure stavate nel caffè chantant?
NICOLINO: Sì, per stare sempre vicino alle canzonettiste, mi misi a fare il macchiettista.
LISA: Facevate successo?
NICOLINO: No, non piacevo; poi smisi, ma quando ne sento solamente il nome, mi vengono quei tali capogiri che… ah!
LISA: E stateve attiento, stateve attiento.

SCENA SECONDA

Mimì e detti.

MIMÌ (d.d. prima a destra): Va bene, ho capito, n. 39.
NICOLINO: Chi è?
LISA: La voce di Mimì.
MIMÌ: Addò sta Lisetta mia, ah! Eccola qua.
LISA: D. Mimì e vuje che ghiate facenno pe coppa a sto albergo?
MIMÌ: Mò te conto. Primma è tutto, damme n’abbraccio sciasciuncella mia.
NICOLINO (che ha visto, cade su se stesso): Ah!
MIMÌ: Mamma mia, chisto mò more, chi è?
LISA: È lo direttore dell’albergo che soffre dei capogiri. (A lui:) Che ve sentite?
NICOLINO: E io ve ho pregato, io non posso avere emozioni, vuje v’avite fatto abbraccià e io…
MIMÌ: (È muorto de subbeto). E ghiatevenne allora.
NICOLINO: Sicuro, vado via, e si no io moro. Ah! (Sospira.) Che bella cosa, abbracciare una canzonettista. Ah! (Via.)
MIMÌ: Che ato bello tipo ca è chillo!
LISA: Dunque se pò sapé che site venuto a fà ccà.
MIMÌ: Ecco qua: siccome paricchie amice avimmo organizzato na cenetta a lo scoglio de Frisio, purtammo ognuno la nnammurata soja, accussì te so’ venuto a piglià all’Eden, ma llà aggio saputo ca tu stasera non cantave, e so’ venuto ccà. Tu mò te miette lo cappiello e nce ne jammo. Vulimmo fà cose de pazze. (Abbraccia.)

SCENA TERZA

Nicolino e detti, poi Ciccillo. (Marietta).

NICOLINO (vedendoli abbracciati): Ah! (Sospira.)
MIMÌ: Chi è? Ah! Ho vì lloco, o vì.
LISA: Cosa volete?
NICOLINO: Vengo per far prendere la vostra roba e farla trasportare nell’altra camera.
LISA: Fate pure.
NICOLINO (chiama): Ciccillo? Marietta? Potete entrare.
CICCILLO E MARIETTA: Eccoce ccà!
NICOLINO: Trasportate questo baule al n. 17.
LISA (a Ciccillo): Piglia pure la valigia. (I due eseguono e viano con Nicolino.)
MIMÌ: Ma pecché, cagne stanza?
LISA: Sì, pecché chesta non me piace, è occupata, n’aggio avuto n’ata cu nu balcone che guarda lo golfo.
NICOLINO: Ah! Mbè! E mò fà priesto, miettete lo cappiello e ghiammuncenne.
LISA: Aspetta, jammuncenne, io non ce pozzo venì.
MIMÌ: Nun ce può venì? E pecché?
LISA: Pecché aspetto n’amico ca stammatina è venuto da Roma, ajere me telegrafaje, e io pure pe telegrafo, le dette il mio indirizzo, capirai bene ca chillo mò vene.
MIMÌ: Ma chi è stu tale?
LISA: Nu negoziante de baccalà lo quale me dice ca me vò spusà.
MIMÌ: E tu preferisci il baccalà, cioè, il negoziante di baccalà, a me? Nun lo dà audienza, jammuncenne a divertì, quann’isso vene, le faje dicere che mamma toja steva malata, haje avuto correre addu essa e che ve vedite dimane. Ma vienetenne cu me, famme stu piacere.
LISA: Embè pe te fà contento accussì faccio.
MIMÌ: Evviva chella sciasciuncella mia. (C.s.)
NICOLINO: Ah!
MIMÌ: All’arma de mammeta! Vuje site nu guajo!
NICOLINO: E vuje abbracciate sempe.
MIMÌ: E tu te truove sempe arreto?
LISA: Che volete?
NICOLINO: La stanza è pronta.
LISA: Va bene, quanto me piglio lo cappiello e cedo il posto ai signori. (Via.)
MIMÌ: Ma chi so? Chi so?
NICOLINO: Nu certo Corella.
MIMÌ: Corella? D. Pasquale Corella?
NICOLINO: Precisamente.
MIMÌ: Che bella combinazione, facitelo trasì, voglio salutarlo.
LISA: Comme, lo cunusce?
MIMÌ: Altro che lo conosco.
NICOLINO (alla porta): Favorite, signori.

SCENA QUARTA

Saverio, Rosina e detti.

MIMÌ (andando incontro): Carissimo D. Pasquale. (Ma chisto non è D. Pascale, ch’ha ditto st’animale).
SAVERIO (provinciale di carattere irruento): Trase Rusì. Oh! Scusate signori, si ve simme venute a disturbà. Nuje simme de Nucera, mia moglie qua presente, ha voluto venì a vedé Napule, e percio io aggio telegrafato ca m’avessero astipato doje cammere, lloro m’hanno risposto cu chisto telegramma: «Pronto per voi il 39» che sarria proprio chesta.
LISA: Ma sì, ma sì, tocca a me di fare le scuse, perché l’occupo ancora, stavamo per andarcene.
SAVERIO (mettendo la valigia dov’era prima quella di Lisa): Fate lo comodo vostro.
LISA: Faccio anche a voi le mie scuse, signora.
SAVERIO: Chi nce perdite lo tiempo a parlà cu muglierema.
MIMÌ E LISA: E perché?
SAVERIO: È sorda! Non sente manco le cannonate. (I due ridono.)
LISA: Dovete soffrire molto, povera signora. (Gridando.)
ROSA: Sissignore. Stasera Saverio me porta a lo teatro, e dimane accummencio a ghì vedenno Napole.
MIMÌ: Affaccete a sta fenesta e famme luce cu stu scarpone, e che c’entra questo?
SAVERIO: Io ve l’aggio ditto, non ha capito, e ha risposto na cosa pe n’ata. So’ 19 anne ca me la spuzzuleo, da che me la spusaje, e quanno jetteme lo municipio pe le fà dicere: sì, l’avette abbuffà de pizzeche!
LISA E MIMI: Chesta è bella!
SAVERIO: Ogge è stato l’anniversario de lo matrimonio nuosto; stasera la porto a lo teatro di musica di San Carlo.
MIMÌ: Stasera? E quanno pò, a mezanotte?
SAVERIO: Capisco, è nu poco tarde, e che me ne mporta, basta che vedimmo lo ballo, tanto la musica a me non me piace. Muglierema è sorda, e basta che vede de ballà se recreja. (Forte:) È vero Rosì?
ROSA: Che cosa?
SAVERIO: È overo ca a te lo ballo te piace assaje? (Forte.)
ROSA: Ah! Sicuro, assaje meglio, anze mò è cessato, ma dinto a lo treno che dolore, mamma mia.
SAVERIO: Mò manco ha capito niente? Parla de nu dolore ncuorpo che le è afferrato dinto a lo treno.
LISA: Basta, noi non vogliamo più abusare della vostra cortesia. D. Mimì nce ne vulimmo ì?
MIMÌ: E quanno?
LISA (a Rosina forte): Signora, vi saluto.
ROSA: Non v’aggio capito.
SAVERIO: Aspettate. (Pronunziando lentamente:) La signora te saluta.
ROSA: Grazie tante, stateve bene, stateve bene. (Rosina e Saverio parlano fra di loro.)

SCENA QUINTA

Ciccillo e detti, poi Marietta.

CICCILLO: La signora ha altro da far portare nella sua stanza?
LISA: No, grazie. Avvisate al portiere che se venisse qualcuno a domandare di me le dicesse ca io non aggio potuto aspettà pecché la mamma sta malata e mi ha mannata a chiammà de pressa, ca nce vedimmo dimane.
CICCILLO: Perché la mamma è ammalata e l’ha mandata a chiamare di fretta, va benissimo. (Via.)
LISA: Jammuncenne. (Via dalla comune.)
MIMÌ: Aspetta, e la valigia. (Prende la valigia di Saverio e via.)
ROSA: È na bella cammera chesta.
SAVERIO: Eh! Non c’è male. Comme te siente? (Forte.)
ROSA: Mò me pulezzo nu poco e nce ne jammo a S. Carlo.
SAVERIO: Sì, ma fà priesto. (Cerca la valigia.) E a valigia addò sta?
ROSA: La purtave tu.
SAVERIO: Sicuro, la portavo io.
ROSA: Addo l’haje misa?
SAVERIO (irritato): E addò la putevo mettere? L’aggio miso ccà.
MARIETTA (uscendo): Il segretario vuol sapere se i signori mangiano in albergo.
SAVERIO: No, io mangio in campagna.
ROSA: Savè, haje truvata la valigia?
SAVERIO: No, forse l’aggio rimasta abbascio. Faciteme lo piacere, facitemmella saglì, quanno torno me la facite truvà.
MARIETTA: Va bene. (Via.)
SAVERIO: Rusì, jammuncenne, si no se fa cchiù tarde.
ROSA: E ghiammuncenne. (Viano.)

SCENA SESTA

Felice e Teresina.

FELICE (dalla prima a sinistra: guarda intorno): Donna Teresì, putite trasì, non ce sta nisciuno.
TERESINA (irritatissima): Ma dunque è vero, è proprio ccà dinto a sta cammera che il degnissimo mio signor marito viene con la sua bella?
FELICE: Proprio ccà. Io ho domandato al burò il numero della stanza del Sig. Corella e mi hanno detto il 39, e così io pe starle vicino aggio pigliato il 38, e per mezzo di questa porta di comunicazione vedimmo…
TERESINA: Aspettate, quanno vedimmo. Io non voglio vedé niente.
FELICE: Ma scusate, voi dovere ragionare, siate più calma. Voi volete sorprendere vostro marito con la sua amante?
TERESINA: Sicuro.
FELICE E avita fà allora chello ca ve dico io. Mò preparo na cosa, e quanno è lo mumento opportuno, voi uscite e li sorprendete.
TERESINA: E comme facimmo a saperlo?
FELICE: A questo ci ho pensato io. Il mezzo eccolo. (Mostra due campanelli a timbro.)
TERESINA: Duje campanielle?
FELICE: Uno lo mettimmo ccà. (Da un lato del letto.) E n’ato dall’altro lato. (Esegue.) E pò nce ne jammo dinto a la cammera nosta. Quann’uno de li duje se va a cuccà, ndelì, sona lo primmo campaniello, nuje non ce muvimmo, quanno sentimmo sunà ll’ato nuje trasimmo.
TERESINA: Benissimo. Avite fatto proprio na bella penzata. E si le campanielle non sonano?
FELICE: Soneno, soneno, non ve ne ncarricate, zitto, sento rummore, sarranno lloro.
TERESINA: L’aggia cecà l’uocchie a tutt’e duje.
FELICE: Priesto, jammuncenne. (Spingendola.) Trasite. (Viano prima a sinistra.)

SCENA SETTIMA

Eugenia, Marietta, poi Ciccillo e Pasquale.

EUGENIA (con borsa di biancheria): Ma scusate, io vi domando la camera n. 39 fissata dal signor Corella, è questa?
MARIETTA (con foderetta di cuscine): Sissignore è questa, ma vi ripeto che io non posso lasciare entrare nessuno nella camera di un forestiero quando egli non c’è, almeno che non ne abbia dato l’ordine.
EUGENIA: Ma se è stato lui che mi ha domandato per mezzo di un fattorino questo biglietto col numero dela camera, leggete. (Le dà un biglietto.)
MARIETTA (legge): «Vostro marito sa tutto, egli ha trovato la vostra lettera nel cestino».
EUGENIA: No, no, questa non è cosa che riguarda a voi, riguarda a me, leggete alla fine dove dice: «Venite all’Albergo Riviera».
MARIETTA: «E vi farete dare la mia camera, e se non ci sono mi aspettate. Corella».
EUGENIA: Siete convinta ora?
MARIETTA: Va bene, allora aspettate pure.
EUGENIA: Grazie. Scusate dove sta il gabinetto di toletta?
MARIETTA: Eccolo qua, signora. (Indica seconda a d.)
EUGENIA: Mi farete il favore di portarmi una tazza di tè. (Via seconda a sinistra.)
MARIETTA: Subito.
CICCILLO: Favorite signore, questa è la vostra stanza.
PASQUALE: Va bene, grazie.
MARIETTA: Ciccì tu che faje? Questa camera è occupata dal signor Corella.
PASQUALE: E Corella sono io.
MARIETTA: Vuje? E chilli duje furastiere ca steveno poco primma?
PASQUALE: Ah! Ho capito! Non ve ne incaricate, è stato uno sbaglio che già si è aggiustato al burò, il direttore l’aveva assegnato il n. 39, così quannd so’ arrivate l’hanno purtate ccà.
MARIETTA: Allora va bene.
PASQUALE (a Ciccillo): Senti, giuvinò, se viene qualcheduno a domandare di me, ditegli il numero della mia stanza e lo fate salire.
CICCILLO: Va bene.
MARIETTA: Scusate voi aspettate una Signora?
PASQUALE: Sicuro.
MARIETTA: E la signora è venuta, sta llà. (Indica.)
PASQUALE: Ah! Già è venuta. (Non ce l’ha perso tiempo).
MARIETTA: Vulite che la chiammo?
PASQUALE: No, no, lassela sta.
MARIETTA: Allora, vado a prendere il tè. (Via.)
PASQUALE: Chi se puteva aspettà chisto guajo, non voglia maje lo cielo muglierema appurasse stu fatto, addò me jarrìa a mettere? No, ma io nce parlo chiaro, essa m’adda fà stà cujeto, io so’ nzurato cu n’angelo de mugliera.

SCENA OTTAVA

Eugenia e detto.

EUGENIA (senza cappello): Ah! Pasqualino mio siete venuto?
PASQUALE (aspro): Sì, sono venuto.
EUGENIA: Ah! Quanto siete buono Corella. (Per abbracciare; Pasquale si allontana.) E abbracciateme.
PASQUALE: No.
EUGENIA: No?
PASQUALE: No, e si so’ venuto ccà, e si v’aggio dato l’appuntamento ncoppa a st’albergo è stato per evitare uno scandalo in casa mia, e per impedire la pazzia di uccidervi, ho ceduto per forza maggiore, ma mò che sto al sicuro, mò ca muglierema non me pò sentì, io ve dico de farve capace na vota e pe sempe: che fra noi due tutto deve finire: io so’ nzurato, lo capite sì o no?
EUGENIA (a denti stretti): Ah! E vuje m’avite fatto venì ccà pe me dicere che fra noi tutto deve finire?
PASQUALE: Precisamente.
EUGENIA: E me lo dite con questa indifferenza, a rischio de me fà venì nu colpo: fra noi tutto deve finire…
PASQUALE: Sicuro, ve lo ripeto, tutto deve finire, io tengo una moglie e voi dovete ricordare che tenete un marito.
EUGENIA: Ma mio marito è un animale, un rozzo, un triviale, e se io amo voi, è perché avete ciò che manca a lui: l’educazione, la bontà, la poesia (le denare).
PASQUALE: Sì, ma fino a nu certo punto, ma quando una persona non vò capì chello ca io le dico, me s’attaccano le nierve, e so’ buono pure a pigliarla a pacchere.
EUGENIA: A pacchere? Vuje pigliate a pacchere a me?
PASQUALE: Sì, sì a voi.
EUGENIA: E provatevi, provatevi, fatemi vedere.
PASQUALE: Sangenè, non metterme al punto ca io lo faccio…
EUGENIA: E allora teh. (Lo bastona e lo prende a schiaffi.)
PASQUALE: Ah! Basta, basta! (Puozze jettà lo sango và).
EUGENIA Andiamo, fatemi vedere come mi schiaffeggiate.
PASQUALE: Va buò, non lo dico cchiù! (Non c’è che dì, è nu guajo c’aggio passato).

SCENA NONA

Marietta e detti.

MARIETTA (con tè): È permesso?
EUGENIA: Avanti.
MARIETTA: Ecco il tè.
EUGENIA: Grazie, andate.
MARIETTA: Signurì scusate, mò ca stevo vicino a porta aggio ntiso nu remmore de schiaffe. Chi ha abbuscato?
EUGENIA: Lui.
PASQUALE: Ma che schiaffe e schiaffe. La mia signora scherza, mi ha dato dei buffettini.
MARIETTA: Buffettine? Chille so’ state buffettone. (Via prima a destra.)
PASQUALE: Questa per esempio pure è stata na bella cosa, dire alla cameriera che m’avite pigliato a schiaffe.
EUGENIA: Vi dispiace? Allora un’altra volta che ve vatto dico ca me l’avete dato voi a me.
PASQUALE: (E brava! Tene l’intenzione e me dà ll’ate). Insomma, Eugenia, questa cosa deve finire, fintanto ché vostro marito non sospettava niente, forse forse avrei secondato i vostri capricci, ma D. Antonio sospetta di voi, perciò dimentichianioci e addio. (Per andare.)
EUGENIA (risoluta): No, vuje a ccà non ve ne jate.
PASQUALE: No, io me ne vaco.
EUGENIA: Badate ca si ve ne jate, m’accido.
PASQUALE: E accideteve, che vulite a me?
EUGENIA: Ricordatevi, signore, che oltre le vostre lettere mandatemi a Roma, ho anche questa che mi avete mandata questa sera, e se voi mi lasciate le manderà subito a vostra moglie oltre quella che ho preparato per mio marito.
PASQUALE: (Chisto è nu ricatto bello e buono).
EUGENIA: Il tè è pronto, non mi resta che prenderlo e poi morire.
PASQUALE: Pigliateve lo tè, e murite che a me non me ne mporta, e facite ampressa perché stanotte non aggio dormuto e tengo suonno.
EUGENIA (versa): Volete accettare un paio di sorsi di tè?
PASQUALE: Come volete.
EUGENIA (mettendo lo zucchero): Un pezzo? Due pezzi?
PASQUALE: Cinque pezzi.
EUGENIA: Ma è troppo dolce.
PASQUALE: E io accussì lo piglio.
EUGENIA (caccia una boccetta): Una goccia, due gocce?
PASQUALE: Fate voi, pure un cucchiarino.
EUGENIA: Nu cucchiarino è troppo.
PASQUALE: Io sono goloso.
EUGENIA: Io lo stesso, tanto morire con due gocce, tanto con un cucchiaino si fa più presto a morire.
PASQUALE (salta): Morire? Ma che nce sta llà dinto?
EUGENIA: La stricnina.
PASQUALE (strappa la boccetta): Ma vuje che site pazza?
EUGENIA: No, voglio morire nelle vostre braccia.
PASQUALE: (Accussì passo nu guajo io). Ma no Eugenia sii ragionevole.
EUGENIA: No, voglio morire.
PASQUALE: E va bene non me ne vaco cchiù, farò tutto chello che vuò tu, sì contenta?
EUGENIA: Veramente?
PASQUALE: Te lo giuro.
EUGENIA: Ah! Pasqualino mio!
PASQUALE: Mò t’accompagno a casa, pò dimane nce vedimmo.
EUGENIA: Alla casa? Ma io non pozzo turnà stasera a casa, maritemo sape ca io dormo addu l’amica mia.
PASQUALE: Allora haje da stà forza ccà?
EUGENIA: E me pare. Io vado un momento nella stanza da toletta, voi permettete?
PASQUALE: Servitevi.
EUGENIA: Subito sarò da voi, Corella mia, che poi vi debbo parlare, vi debbo chiedere un gran favore. (Io aggia avé le 2000 lire si no comme faccio?). Mon rà, mon petit paté, mon scià. (Via seconda a destra.)
PASQUALE: Vuje vedite dinto a che mbruoglio m’ha miso sta cancara de Sangenella; basta, mò me trovo nel ballo e debbo ballare, muglierema sape che sto a Caserta e pozzo stà sicuro. (Piede sul letto. Campanello suona.)

SCENA DECIMA

Teresina, Felice e detto, poi Totonno.

TERESINA (vorrebbe precipitarsi, Felice la ritira facendole segno che non è ancora il momento).
PASQUALE: Chi è lloco neh? (Scende, guarda.) Non ce sta nisciuno. Eppure giurerei d’avé ntiso chiudere a porta. Sarrà stata la fantasia alterata, chella diavola de Sangenella co lo tè e la stricnina m’ha fatto stunà. (Legge vicino al bottone del campanello elettrico la carta dell’albergo:) Per il cameriere un tocco, per la cameriera due tocchi, per il facchino tre tocchi. (Suona due volte. Si bussa alla porta.) Meno male che la cameriera è sollecita dinto a st’albergo. Avanti.
TOTONNO: Buonasera D. Pascà.
PASQUALE: (Mamma mia, Totonno lo marito d’Eugenia). Caro D. Antonio, D. Antò siete voi, oh! Che piacere di vedere il mio caro D. Antonio.
TOTONNO: Grazie tante, ma D. Pascà non alluccate perché me fa male la capa.
PASQUALE: E comme va che state ccà?
TOTONNO: Già, comme va che sto ccà, chesto ve fa meraviglia, non è vero?
PASQUALE: Eh! Me pare… (e ’a mugliera che sta llà dinto).
TOTONNO: Mentre stevo parlanno co lo guardaporta è venuto lo cammariere e ha ditto: Chiunque va truvanno il Signor Corella fatelo salire al n. 39.
PASQUALE: (E quann’io so’ n’animale). E site sagliuto.
TOTONNO: Veramente ero venuto pe truvà na persona cu la quale nce teneva appuntamento, ma essa ha avuta ì add’à mamma che steva malata, e m’ha restato ditto ca nce vedimmo dimane.
PASQUALE: Ho capito, voi tenevate l’appuntamento cu na signorina.
TOTONNO: Già, na certa Clarinet… ma già chiste so’ affare ca nun ve riguardano.
PASQUALE: Anze m’interessano, continuate.
TOTONNO: Allora c’aveva fà? Me n’aveva ì?
PASQUALE: E me pare, pecché non ve ne jate?
TOTONNO: E non me ne pozz’ì, caro D. Pasquale.
PASQUALE: E pecché?
TOTONNO: Pecché sapenno c’aveva passà la nuttata ncoppa a st’albergo, aggio ditto a lo delegato ca fosse venuto ccà cu doje guardie.
PASQUALE (avvilito): Lo delegato? E c’adda venì a fà lo delegato?
TOTONNO: Ched’è? Vuje me parite nu stunato? Non ve ricordate ca stasera aggia fà cogliere a muglierema co lo nnammurato sujo?
PASQUALE: Ma la mugliera vosta non sta ccà.
TOTONNO: Lo saccio. Essa sta a Via Chiatamone n. 40.
PASQUALE: Precisamente. (Forte:) Vostra moglie sta a Via Chiatamone n. 40 (non sape niente, meno male).
TOTONNO: In questo momento lo delegato la sta spianno.
PASQUALE: La sta domandando qualche cosa?
TOTONNO: Nonsignore, la sta spianno, a sta jenno appriesso.
PASQUALE: Ah! La sta pedinando?
TOTONNO: Gnorsì, la sta pettenanno.
PASQUALE: E va buono, bravo!
TOTONNO: Eh! Ma però io so’ stato furbo, da stammatina l’aggio miso na guardia de P.S. travestita appriesso pe vedé addò jeva.
PASQUALE: Veramente?
TOTONNO: Se capisce. Io aggia avé la prova del suo tradimento, pe fà nu carezziello a lo nnammurato sujo e pe me spartere a essa.
PASQUALE: E fate bene! (E comme faccio pe me liberà da stu guajo).
EUGENIA (apre la porta e si presenta con un bel camice, vede il marito e fugge).
PASQUALE (afferra la testa di Antonio e la costringe ad abbassarsi senza farla vedere).
TOTONNO: E che d’è lo fatto neh? D. Pascà?
PASQUALE: Ah! Scusate, D. Antò, mia moglie era uscita un po’ in disordine ed io… capite…
TOTONNO: M’avite acalata la capa pe non farla vedè, avite fatto buono.
PASQUALE: Sicuro, Ah! Ma scusate, vuje ve trattenite assaje ccà?
TOTONNO: Eh! Ve l’aggio ditto, aspetto lo delegato.
PASQUALE: Allora jammece a ffà na partita a lo bigliardo, che nce facimmo ccà?
TOTONNO: Bravo, approvo, nce mettimmo lo sango in movimento.
PASQUALE: Lo primmo che trovo nce lo consegno e me ne vengo.

SCENA UNDICESIMA

Mimì e detti, poi Marietta.

MIMÃŒ (con la valigia di Saverio): Scusate, signori, se…
PASQUALE: (D. Mimì?).
MIMÌ: Che veco? D. Pasquale Corella? E comme ccà?
PASQUALE: Già, io aveva stà a Caserta, aggio sbagliato lo treno, pò ve conto, D. Mimì, jateve a fà na partita a lo bigliardo cu st’amico mio, il signor D. Antonio Cuoccio.
MIMÌ: Mimì Chiappariello ai vostri comandi.
TOTONNO: Patrone mio.
PASQUALE: Jate D. Mimì.
MIMÌ: Ma io non so giocare.
PASQUALE: E che fa, vuje puntate la stecca e menate la palla addò va va.
MIMÃŒ: Non posso. Io aggia truvà la valigia, vaco de pressa. (Io tengo a Lisa ca m’aspetta). Ma vuje c’avite? Ah! Sarrà chesta la valigia… Permettete. (Via con la valigia di Eugenia prima a destra.)
MARIETTA (dal fondo): È permesso?
TOTONNO: Avanti.
MARIETTA: Il signore ha suonato?
PASQUALE: Io? No, ah! Sì, na mezz’ora fa.
MARIETTA: Avete ragione, ma io stavo occupatlssima.
PASQUALE: Portate via quella guantiera.
MARIETTA: Subito. (Esegue e via.)
PASQUALE (spinge Antonio): D. Antò abbiateve.
TOTONNO: Nce vulimmo fà na partita?
PASQUALE: Jammuncenne da ccà, nce truvammo vicino a la sala de lo bigliardo.
TOTONNO: E voi non venite?
PASQUALE: Jate ca io mò vengo. (Via.)

SCENA DODICESIMA

Eugenia e detto, poi Saverio e Rosina.

EUGENIA: Se n’è ghiuto Totonno?
PASQUALE: Addo? Sta aspettanno fora, tu mentr’io non ce sto nun te movere a dint’a chella cammera, chiudete llà dinto e non ascì si non vengo io. (Mostra la seconda a destra.)
TOTONNO (d.d.): D. Pascà vuje venite o no?
PASQUALE: Eccomi, eccomi. (Via.)
EUGENIA: Mamma mia, che paura. (Voce di Saverio d.d.) E chi sarrà mò? (Entra seconda a destra, chiude d.d.)
ROSA (entra tenendosi la pancia): Ah! Ah! Che dulure ncuorpo.
SAVERIO: Rusì, Rusinella mia non te mettere paura ca mò te passarranno. (Vedela valigia.) Ah! M’hanno portato la valigia, meno male. Rusì, siente a me, tu te siente male, pecché non te cucche?
ROSA: Che?
SAVERIO: Pecché nun te cucche? (Grida.)
ROSA: Sì, mò me metto into a lo lietto pe chi sà me passassero, mamma mia che dolore, che dolore. (Si accinge a coricarsi a destra del letto.)
SAVERIO: Cocchete ca mò te dongo nu poco de laudon, dinto a ll’acqua e pò te faccio nu bello cataplasemo e semmenza de lino. (Cerca nella valigia.) Tiè, chiste so’ le papuscie, la scuffia. (Ritorna alla valigia.) Chesto è lo laudon. (Conta le gocce nel bicchiere d’acqua.) Una, doje, tre, 4 e 5. (Rosina si corica e suona il campanello.) Ma chi è chill’animale ca se mette a sunà lo campaniello a chest’ora. (Va alla porta.) Neh, mio signò? Chiunque è che sona lo campaniello ca la fernesse, pecché avimma durmì.
ROSA (alzandosi): Chi è neh Savè. (Campanello cessa.)
SAVERIO: Hanno fernuto, meno male.
ROSA: Savè ch’è stato?
SAVERIO (spingendola verso il letto): Niente, va te cocca, ca mò me cocco pur’io.
ROSA (si corica, il campanello suona).
SAVERIO: Uh! Mannaggia chi v’ha allattato, chille accummenceno n’ata vota; e accussi non se pò durmì. (Si appoggia sul letto a sinistra per togliersi le scarpe, suona l’altro campanello.) Uh, puzzate murì, uno non basta, ne soneno duje, ma che razza d’albergo è chisto?

SCENA TREDICESIMA

Teresina, Felice e detti, poi Nicolino, Ciccillo e Marietta.

TERESINA (seguita da Ciccillo dalla prima a sinistra): E chi so’ chille?
SAVERIO: Chi è lloco?
FELICE: Nun è isso, trasite. (Rientrano e chiudono.)
SAVERIO: E chi so’ chille ca so’ trasute ccà dinto? (Va guardando.)
NICOLINO: (uscendo con Ciccillo e Marietta): Neh, mio signò, e che maniera è questa di suonare?
MARIETTA: Accussì facite scetà tutte li passaggiere. E poi che fate qui? Questa non è la vostra camera.
SAVERIO: Vuje che ne state vuttanno? Chi sta sunanno?
CICCILLO: Proprio vuje e siete pregato di smettere.
SAVERIO: Ma sentite, cheste so’ cose de pazze, diciteme cu che sto sunanno?
NICOLINO: Col campanello, non lo sentite?
SAVERIO: Lo sento, ma non è ccà.
NICOLINO: È proprio dentro a questa camera.
ROSINA: Savè ch’è stato? (Resta nel letto.)
SAVERIO: Ma cheste so’ cose nove, io non tengo nisciuno campaniello, comme vulite che sono, mò veramente me facite ascì pazzo, io me so’ assettato nu momento accussì, o vì. (Siede c.s.)
NICOLINO: Oh! Chesta è bella, nce stanno le campanielle dinto a lo lietto.
TUTTI: Vuje che dicite? (Ridendo.)
SAVERIO: Sangue de Bacco, è overo. (Alza un materasso e tira fuori un campanello, quello di Rosina seguita a suonare.) E bravo! M’hanno fatto lo scherzetto, io vularria sapé chi è stato chill’animale che s’ha voluto divertì cu me.
NICOLINO: È curiosa!
CICCILLO: E seguita ancora.
SAVERIO: Nce ne stà n’ato sotto a muglierema. (Nicolino va ad alzare il materasso dove sta Rosina.)
ROSA: Uh! Mamma mia, mariuole, mariuole.
NICOLINO: Siente a chest’ata, simme mariuole mò, io v’aggia levà lo campaniello a sotto. (Esegue.) Eccolo qua.
SAVERIO: E bravo! Vularria sapé proprio chi me l’ha miso, lo pigliarria a cauce.
MARIETTA: Vurria sapé pur’io a chi l’è pruduta la capa.
SAVERIO: Vì che razza d’albergo sò ghiuto truvanno, me dispiace ca tengo a muglierema cu le delure ncuorpo si no mò proprio me ne jevo.
NICOLINO: Scusate, signore, sono proprio mortificato.
SAVERIO: Va buono, pe mò jatevenne, quanno è dimane parlammo.
NICOLINO: Rinnovo le mie scuse. (Ciccì sì stato tu?).
CICCILLO: Io, no.
NICOLINO: Marié si stata tu?
MAIETTA: Ma che site pazzo?
NICOLINO: Va trova chi è stato. Andiamo. (Viano.)
ROSA: Savè se pò sapé ch’è succiesso?
SAVERIO: Niente, duorme.
ROSA: Ah! Me so’ venute le delure cchiù forte.
SAVERIO: Vuò essere fatto nu cataplasemo?
ROSA: Che?
SAVERIO: Vulisse nu cataplasemo?
ROSA: Sì, e miettece nù poco de laudon ncoppa.
SAVERIO: Ccà nce sta tutte cose, mò vaco dinto a la cucina e te lo faccio. (Prende l’occorrente dalla valigia e via prima a destra.)
ROSA: Ah! Ah! Che dulure! (Scena a piacere e poi si addormenta a concerto.)

SCENA QUATTORDICESIMA

PASQUALE (solo dal fondo): Ma chillo D. Antonio è na vera sanguetta, non saccio comme me ne so’ liberato. Lasseme chiammà a Sangenella. (Si russa.) Ah! Già s’è ghiuta a cuccà, e che bello runfo che tene, me pare nu contrabasso. S’è addurmuta, tanto meglio. Mò me cocco pur’io, chiano, chiano pe non la fà scetà, accussì pozzo durmì nu poco, tengo nu suonno che vaco cadenno. (Si spoglia.) E se capisce, stanotte nun aggio durmuto pe causa della vasca dei pesci, sta jurnata aggio avuto chesta battaglia, mò me sento stanco comme a nu cavallo de notte; mò nun ce metto niente e m’addormo proprio. (Primo segno luce — si mette sul letto e sbadiglia.) Non me fido de tené manco l’uocchie apierte. (Rosina russa.) Ma sta luce me secca. (Secondo segno luce — Pasquale chiude l’interruttore — scena oscura poi dice delle altre parole a soggetto finché s’addormenta.)

SCENA QUINDICESIMA

Saverio e detto, poi Teresina e Felice.

SAVERIO (con cataplasma): E ched’è; haje stutata la luce? (Primo segno luce.) Rusì chisto è lo cataplasma, aggio fatto lesto, lesto; vide comm’è cucente. (Scopre Pasquale e gli applica il cataplasma.)
PASQUALE (gridando): Ah! Mamma mia!
SAVERIO (mette mano vicino all’interruttore cercandolo e la luce ritorna secondo segno luce): Che!! N’ommo dinto a lo lietto cu muglierema! Neh mio signò, vuje chi site? Che facite lloco dinto? (Lo prende per il collo.)
PASQUALE: Lasciatemi, io so’ nu galantuomo. (Scende dal letto.)
TERESINA (fuoriosa): Ah! T’aggio ncucciato! Nfame, assassino!
PASQUALE: Che! Muglierema! (Piglia i suoi abiti e fugge prima a destra.)
SAVERIO (correndogli dietro): Arresta, arresta, steve dinto a lo lietto cu muglierema. (Via prima a d.).
FELICE: Siete convinta mò? Sta prova vi basta?
TERESINA: Sì, mi basta e mi vendicherò, l’aggia accidere.
FELICE: Ricordatevi la vostra promessa.
TERESINA (non badandogli): Che assassino! Che brigante! E io che lo credevo il modello dei mariti; l’aggia rompere l’ossa, l’aggia strafucà. (Via prima a sinistra chiudendo la porta a chiave.)
FELICE (che ha guardato nel letto): Teresì, donna Teresì, e ch’ha fatto? Ha chiusa la porta? E io mò pe dò esco? (Corre alla porta in fondo.)

SCENA SEDICESIMA

Eugenia, poi Totonno, Delegato e guardie, poi Concetta, indi Mimì, Nicola, Ciccillo e Marietta.

EUGENIA: Me ne putesse scappà. Addò sta D. Pascale?
TOTONNO (dal fondo a d.): Addò sta, addò sta stu piezzo de carugnone, la spia m’ha ditto tutto. (D.d.)
EUGENIA: Maritemo!
TOTONNO (fuori con delegato e guardie): Ah! State lloco? (Al Delegato:) Chisto è lo nnammurato de muglierema.
FELICE: Io?!
DELEGATO: Signore, in nome della legge siete in arresto.
FELICE: Mi arrestate e perché?
DELEGATO: Perché state in questa camera con la moglie di questo signore.
FELICE: Io? Signor delegato voi avete preso uno sbaglio, io la moglie di questo signore non la conosco. (Esce Concettina dalla prima a destra.)
DELEGATO: Questo poi si vedrà.
TOTONNO: Mò nun lo può negà, chisto è lo nnammurato tujo.
CONCETTINA: Ah! T’aggio ncucciato finalmente.
FELICE: Muglierema!
CONCETTINA: Chesta è la nnammurata toja.
FELICE: Siente, Cuncettì.
CONCETTINA: Statte buono, sacc’io chello c’aggia fà. (Via.)
DELEGATO: Venite con noi.
TOTONNO: Cammina carogna. (Per inveire col bastone.)
FELICE: Io nun saccio niente, questo è un abuso. (Gridando.)
MIMÌ (uscendo): Chesta non è la valigia de Lisa. (Lascia la sua e prende quella di Saverio. Totonno tira bastonate.)
NICOLINO: Ch’è stato?
CICCILLO: Ch’è succiesso?
MARIETTA: Ched’è stu chiasso?
DELEGATO: Fermatevi tutti! (Le guardie tengono afferrato Felice. Mimì via con la valigia. Il delegato prende Antonio che tira bastonate. Eugenia e Marietta gridano, gli altri si djfendono, tutti a concerto.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La medesima scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Salvatore, poi Teresina vestita di nero.

SALVATORE: Mamma mia che sarrà succiesso into a sta casa, la patrona me pare na diavola, D. Pascale ha passata a nuttata dinto a lo stanzino de lo bagno, addò lo mettette la mugliera chiudendo da dinto e s’ha tenuta essa la chiave. (Ride.) Povero D. Pascale, chillo lo stanzino è accussì umido, chiove acqua. Poco primma m’ha chiammato e m’ha ditto da dinto lo pertuso de la mascatura: Salvatò, dì a muglierema che m’arapesse, si no scasso la porta. Io so’ innocente, me voglio giustificà, porteme na tazza de latte e cafè cu duje crustine. E chi nce lo ddice a la mugliera, chella me pare na cana arraggiata.
TERESINA (dalla seconda a sinistra): Salvatò, lo fioraio ha portato i fiori?
SALVATORE: Nonsignore, ma signurì, scusate, pecché m’avite fatto mettere chella leggenda ncoppa a chella cammera?
TERESINA: Perché mio marito è morto per me, e mò nce metto pure li fiore dinto.
SALVATORE: Signò nun pazziate, chillo lo marito vuoste sta dinto a lo stanzino de lo bagno, lo puveriello sarrà addeventato nu ciuccio, anze ve manne a dicere …signò pozzo parlà o m’avisseva strillà. Se vò giustificà cu vuje pecché è innocente.
TERESINA: Innocente? Innocente? Che piezzo de svergognato. Io ajeressera lo ncucciaje co la nnammurata ncopp’all’albergo… niente, non lo voglio vedé cchiù. Vattenne fora e appena vene lo fioraio, avviseme.
SALVATORE: Va bene. (Via.)
TERESINA: Birbante, assassino, fare questo a me che gli volevo bene overamente; che mi sono sagrificata vicino a isso, rispettannelo sempe. Ma mò tutto è finito, pe tutto dimane mi divido legalmente e me ne vaco dalla mia famiglia a Surriento.

SCENA SECONDA

Mimi, poi Salvatore.

MIMÌ (d.d.): È permesso?
TERESINA: Oh! compariè, avanti.
MIMÌ: Commarella mia, ched’è? Non saccio comme ve veco.
TERESINA: Tengo lo veleno anzi li diente, si dongo nu muorzo a uno l’avveleno.
MIMÌ (scostandosi): E ch’è succiesso? Pecché tutto stu veleno?
TERESINA: Comme, vuje non sapite niente?
MIMÌ: No.
TERESINA: Questa notte, all’albergo Riviera, aggio ncucciato a maritemo cu na femmena.
MIMÌ (con gioia): Veramente? oh! Che piacere, che. consolazione, è venuto lo mumento.
TERESINA: Comme, ve fa piacere che maritemo m’ha tradito?
MIMÌ: E se capisce, io aspettavo stu momento come la manna nel deserto.
TERESINA: E pecché?
MIMÌ: Pecché isso v’ha tradito, e vuje facite lo stesso, e siccome tengo la vostra parola, sarò io quello che farò le vostre vendette.
TERESINA: E va bene, pò ne parlammo de chesto, cumpariè.
SALVATORE: La signora Sciosciammocca.
MIMÌ: La moglie di D. Felice.
TERESINA: E che vene a ffà ccà?
MIMÌ: Forse ve vene a dicere ca lo marito l’ha tradita.
TERESINA: Comme, pur’isso?
MIMÌ: Sissignore, con una donna maritata e lo marito io l’aggio conosciuto ncopp’all’albergo Riviera, me l’ha presentato D. Pascale.
TERESINA: Guè s’hanno data la mano. (A Salvatore:) Fà trasì a signora.
SALVATORE (alla porta): Signò, favorite. (Via.)

SCENA TERZA

Concettina e detti.

CONCETTINA: Grazie! Signora scusate se… oh! D. Mimì state ccà?
MIMÌ: Sì, signora.
CONCETTINA: Sono stata a casa vostra e lo portinaio m’ha ditto ca stiveve ccà. (A Teresina:) Signora mia non sapete, mio marito mi ha tradita con una donna maritata.
TERESINA: E mio marito pure ha fatto lo stesso.
MIMÌ: Ma vuje comme avite saputo ca D. Felice steva ncoppa all’albergo Riviera?
CONCETTINA: Pecché doppo chello ca me dicette a signora ajere, io lo mettetto na spia appriesso. Jerisera la persona ca lo sorvegliava me venette a dicere che l’aveva visto trasì dinto all’albergo Riviera cu na signora. Allora io senza perdere tiempo, currette ncoppa all’albergo e lo ncucciaje co la nnammurata.
TERESINA: Scusate, signò, ma vuje ne site certa ca D. Felice tene na nnammurata?
CONCETTINA: Guè, ne site certa? Si l’aggio ncucciato a tutte e dduje.
MIMÌ: Io pure lo vedette, quanno jette a cagnà la valigia e manco chella era.
TERESINA: Mi fa meraviglia, perché D. Felice venette cu me all’albergo Riviera.
MIMÌ E CONCETTINA: Con Voi?
TERESINA: Sissignore, m’accumpagnaje pe me fà cogliere a maritemo cu la nnammurata; io pò me ne jette e lo lassaje llà, non saccio pò…
CONCETTINA: Ecco, quanno vuje ve ne isteve, isso jette dinto a la cammera de la nnammurata, e la prova è che stanotte non s’è ritirato, è stato con la sua bella.
MIMÌ: No, signora, voi che dite? (Ride.) A D. Felice l’arrestajeno.
CONCETTINA E TERESINA: L’arrestajeno?
MIMÌ: Già, e si nun ce steva lo delegato cu le guardie sapite che paliatone aveva D. Felice da lo marito de la nnammurata soja. Chillo menava mazzate de morte.
CONCETTINA: Benfatto io avarria voluto ca l’avevessero struppiato. Avita dicere Donna Teresina mia ca io non l’avevo creduto, neh vaco a trasì dinto a la cammera e lo trovo cu na figliola.
MIMÌ: Mariti svergognati e porci!
CONCETTINA: Io pe tramente l’aggio restato nu biglietto a lo guardaporta dicennele: «Vado dal mio amante. Non mi vedrete più» per vendicarmi de chello che m’ha fatto. E sapite chi aggio ditto ch’era il mio amante?
MIMÌ: Chi?
CONCETTINA: Voi! D. Mimì Chiappariello!
TERESINA: Oh! Questa è bella! (Ride.)
MIMÌ: No, questa è brutta! Chillo è capace che vene da me per avere una riparazione.
TERESINA: Ma che riparazione! Chillo D. Felice è nu cucuzzone. Signò, venite cu mmico dinto e vedimmo che s’addà fà. Eh! Caro marito, non l’aviva maje fà chesto. Venite vuje pure D. Mimì. (Viano.)

SCENA QUARTA

Felice, poi Teresina.

FELICE (avvilito, avrà una ferita alla fronte coverta da cerotto): È permesso? E ched’è non ce sta nisciuno? Ah! La capa, li rine… E che bello paliatone aggio avuto stanotte. Chillo canucaro le baccalajuolo doppo ca dicette nfaccia a lo delegato: Chisto è lo nnammurato de muglierema aizaje la mazza ppà e me la dette ccà, non saccio comme non me restaje friddo nterra. Eh! Ma io fuje scaltro, dette na vuttata a le guardie, ntela e me ne scappaje. Basta, mò so’ venuto ccà pe sapé da Donna Teresina c’ha fatto stanotte, comme è fernuta fra essa e D. Pasquale, addò starrà? (Guarda a sinistra e retrocede spaventato.) E ched’è llà dinto? Nce stà nu muorto? E chi è muorto? (Legge:) «Questa camera è chiusa per la morte di Pasquale Corella». oh! Povero D. Pascale! E comm’è muorto? Forse lo marito de la nnammurata doppo vattuto a me, l’avette dà quacche peroccolata ncapa e l’ha acciso.
TERESINA: Oh! State ccà?
FELICE: Donna Teresì, fatevi coraggio, segno che così era destinato.
TERESINA: Avite ragione, chi se lo poteva mai credere.
FELICE: E tutto questo è successo per causa mia.
TERESINA: E voi che c’entrate? Per causa di mio marito dovete dire: è stato isso che ha voluto che la cosa finisse così; meglio pe tutte e dduje. Da parte mia, caro D. Felice, non tengo nessun rimorso pecché chello che l’aggio fatto nce l’aveva prevenito.
FELICE: Come, siete stata voi che?…
TERESINA: L’ho punito come si meritava. E stanotte stessa senza perdere tiempo, appena s’è retirato l’aggio combinato lo servizio. (L’aggia fà piglià na bronchite dinto a chillo stanzino da bagno).
FELICE: (Dunque è stata essa che l’ha acciso, non è stato lo marito de la nnammurata? Nce vò nu bello coraggio! E chi nce vò avé che fà cu chesta?).
TERESINA: Ma ched’è? Vuje parlate sulo?
FELICE: No, pensavo a muglierema. Sapete che m’ha combinato? Se n’è scappata co lo nnammurato.
TERESINA: Come?
FELICE: So’ ghiuto a casa e lo guardaporta m’ha dato stu biglietto. (Legge:) «Vado dal mio amante D. Mimì Chiappariello; non mi vedrai più».
TERESINA: (Benissimo, se l’ha creduto). Come, come D. Mimì è l’amante di vostra moglie?
FELICE: Me l’ha scritto essa stessa.
TERESINA: Già, avete ragione, e mò che pensate de fà?
FELICE: Ecco qua, io direi: voi siete libera, mia moglie tiene a Chiappariello, fuimmencenne tutte e duje.
TERESINA: Nce ne fujmmo? E vuje site pazzo?
FELICE: No, ’a pazza siete voi che vulite restà ancora ccà, e che a momenti ve veneno arrestà duje guardie e ve porteno ngalera.
TERESINA: Me porteno ngalera? (È pazzo D. Felice).

SCENA QUINTA

Mimì e detti.

MIMÌ: Signò nce avite lasciate. (D. Felice!).
TERESINA: Avite ragione, jammo dinto. (Ride.) Don Felì che galera me jate accucchianno? Quando i giudici sapranno quello che ho fatto e quello che lui mi ha fatto, mi daranno ragione.
FELICE: (E staje fresca!).
TERESINA: Don Mimì venite. (Via seconda a destra. Mimi per andare.)
FELICE: Un momento, signore, vi debbo parlare.
MIMÌ: Oh! D. Felì, state qua, non vi avevo veduto. Vi hanno messo in libertà?
FELICE: Sicuro, mi hanno messo in libertà. A voi questo non v’ha fatto piacere, non è vero?
MIMÃŒ: A me? E perché? Anzi mi fa piacere che… (Vede la ferita:) Tenite chesta fresella nfronte?
FELICE: Questo non è il momento di parlare della mia fresella, dobbiamo parlare di un’altra fresella. Vi pare c’avite fatto na bella cosa?
MIMÌ: C’aggio fatto?
FELICE: Non fate lo stupido, non fate l’imbecille.
MIMÌ: D. Felì, badate come parlate.
FELICE: Dove l’avete nascosta?
MIMÌ: Che cosa?
FELICE: Mia moglie!
MIMÌ: Ma come, non avete capito ca chesta è na scusa che ha trovato vostra moglie per vendicarsi di voi?
FELICE: Come, come, è una scusa che ha trovato Concettina?
MIMÌ: Sissignore, me l’ha ditto essa stessa mò ca è venuta.
FELICE: Come, mia moglie sta ccà?
MIMÌ: Dinto a chella cammera nzieme cu Donna Teresina.
FELICE: Ah! Bè, bè, bè. Oh! E quanno Donna Teresina steva parlanno cu me ccà ffora, site rimaste tutte e dduje sule?
MIMÌ: Sissignore.
FELICE: E che faciveve?
MIMÌ: Niente: le stevo facenno capì comme aveva fà pe se spartere da vuje.
FELICE: Grazie tante. Comme si avesse ditto: la steva persuadenno pe fà fà pace cu me.
MIMÌ: E che sò stato io? E stata essa che mi ha pregata. Vuje pò tenineve appuntamento all’albergo Riviera co la nnammurata vosta, e ghiate accumpagnà a Donna Teresina pe le fà ncuccià lo marito.
FELICE: Quà nnammurata mia? Quà appuntamento? Quell’era la nnammurata de D. Pascale.
MIMÌ: A sorda? Quella donna di età?
FELICE: No, la giovane. Intanto io mò come faccio con mia moglie? Chi la fa capace ca io so’ nnucente.
MIMÌ: Non ve ne ncarricate, mò vaco io dinto e la faccio fà pace cu vuje.
FELICE: Quanto siete buono, ma voi mi assicurate che con mia moglie…
MIMÃŒ: Ma che… se io a vostra moglie ajere la vedette la primma vota.
FELICE: Va bene, allora jate dinto e cercate di persuaderla.
MIMÌ: Non dubitate, lassate fà a me. (Via.)
FELICE: Dunque, D. Pasquale faceva ammore cu chella donna di età? E quella giovine chi era? Ho capito, mò, quella deve essere la figlia di quella donna di età; sissignore, così dev’essere… E pò faceva ammore co la mamma e la figlia. Io non ne capisco niente cchiù.

SCENA SESTA

Salvatore, Eugenia e detto.

SALVATORE: Ma si ve dico ca mò non ce putite parlà.
EUGENIA: Non mporta aspetto, e si attacca aspetto pure fino a dimane.
SALVATORE: Fate come volete, accomodatevi. (Via.)
FELICE: (Che veco? La figlia di quella donna di età, chella che steva ncopp’all’albergo).
EUGENIA: Ah! Siete voi, signore, state qua?
FELICE: E non mi vedete?
EUGENIA: E bravo! Vularria sapé comme ve venette ncapo de dicere a maritemo ca io ero la vostra amante.
FELICE: Vedite comme se passeno li guaje; io jevo a dicere chesto a lo marito vuosto?
EUGENIA: A vuje che ve conosce?
FELICE: A vuje chi ve sape?
EUGENIA: Intanto pe causa vosta, mio marito ha fatto uno scandalo e se vò dividere pe mezzo de tribunale.
FELICE: Uh! Pe causa mia? Dovete dire per causa vostra, io avette chillo paliatone e mia moglie sta facendo le pratiche per la divisione.
EUGENIA: Vostra moglie?
FELICE: Già, mentre io saccio cu chi stiveve llà ncoppa.
EUGENIA: E cu chi steva?
FELICE: Con D. Pasquale Corella e vostra madre.
EUGENIA: Mia madre?
FELICE: La quale ve la purtasteve per allontanare ogni sospetto su di voi.
EUGENIA: Vuje che state accucchianno?
FELICE: Eh! Che sto accucchianno. Dico che la moglie sa tutto e pe causa vosta nce stanno muorte, ferite.
EUGENIA: Muorte? Ferite? Io non ve capisco, ma dov’è, dov’è Pasqualino? Io lo voglio vedé, ci voglio parlare.
FELICE (tragico): Oh! Basta, signora, vi prego di non profanare più il suo nome.
EUGENIA: Ma dov’è, dov’è Pasqualino mio?
FELICE: Egli è là, miratelo!
EUGENIA: Che! Muorto!
FELICE: Sì! E voi l’avete ucciso!
EUGENIA: Che! Pe causa mia, aiutatemi, è muorto Corella! (Sviene su Felice.)
FELICE: Oh! E chesto nce mancava… Signò, signò, e si esce muglierema… signò?

SCENA SETTIMA

Totonno, Salvatore e detti.

TOTONNO (d.d.): T’aggio ditto che voglio trasì, che voglio parlà cu l’avvocato.
SALVATORE (d.d.): E trasite, che vulite da me?
FELICE: La voce de lo marito! Signò, signò.
TOTONNO: Addò sta D. Pascale? (Vede i due.) Che! Muglierema abbracciata co lo nnammurato.
FELICE: Che abbracciata j chella è svenuta.
TOTONNO: Non sento ragioni, adda murì. (Revolver.)
FELICE: Aspettate! (Mette Eugenia avanti.) Vuje avite pigliato nu sbaglio. Lo nnammurato de la mugliera vosta non so’ io, è n’ato e io lo conosco.
TOTONNO: E n’ato? Lo conusce? E ghiammo, dimme subeto chi è, si non vuò che te sparo, me l’aggia mangià a morze.
FELICE: (Mò nce lo dico ca è D. Pascale, tanto pe tanto è muorto, non se pò magnà nu muorto).
TOTONNO: E quanno parle? Chi è stu carugnone?
FELICE: Chi è? D. Pasquale Corella.
TOTONNO: Che! L’avvocato! E addò sta? Addò stà chillo svergognato. L’aggio accidere, lo voglio fà murì pe le mane mie.
FELICE: È inutile che v’incomodate, guardate!
TOTONNO: Che! È muorto!
FELICE: Pregate per l’anima sua!

SCENA OTTAVA

Teresina, Concettina, Mimì, poi Pasquale e detti.

TERESINA: Neh che so’ sti strille?
CONCETTINA: Che veco? Maritemo abbracciato co la nnammurata!
MIMÌ: Neh D. Felì, embè, io sto facenno tanto.
FELICE: Ma che abbracciato, chella è svenuta, signò susiteve.
EUGENIA (rinviene).
CONCETTINA: E io ch’ero asciuta pe lo perdunà. Niente, non lo voglio vedé cchiù. (Per andare.)
TERESINA: Aspettate, vedimmo primma ched’è stu mbruoglio?
TOTONNO (a Eugenia): Staje ccà, piezza de nfame. (Per inveire.)
MIMÌ: D. Antò che cos’è? (Lo trattiene.)
TOTONNO: Non abbasta ca ve vedisteve ncoppa all’albergo ajeressera: sì venute pure ccà pe vedé lo nnammurato tujo. (Indica Felice.)
FELICE: (E dalle dà).
EUGENIA: Ma quà nnammurato? Io a questo signore non lo conosco.
TERESINA: E io vi posso assicurare che ierisera D. Felice venne con me sopra all’albergo per farmi trovare mio marito assieme alla sua amante.
FELICE: Che sarebbe questa qua.
TERESINA: E datele, l’amante di mio marito è una donna di età.
FELICE: Nonsignore la donna di età è la madre di questa signora. La nnammurata è essa!
TUTTI: Sua madre!
TOTONNO: Tu quà mamma? Chella mamma non ne tene.
FELICE: E sarrà la nonna, vuje che vulite a me?
PASQUALE (si presenta sotto l’uscio di fondo a sinistra in veste da camera e calzonetto, coi capelli irti, pallidissimo, dando dei gridi): Ah! Ah! Aria, aria.
FELICE (retrocede spaventato come pure Eugenia e Totonno): Mamma mia! Lo muorto è risuscitato.
MIMÌ: Lo muorto! Ah! Ah! (Ridendo.)
FELICE: Comme non è muorto?
TERESINA: Ma che muorto e muorto.
PASQUALE: (Sangenella e lo marito).
FELICE: D. Pascà pecché non site muorto?
PASQUALE: E sarria stato meglio si fosse muorto.
FELICE: (E io aggio ditto a chisto ca D. Pascale era lo nnammurato de la mugliera. Mò che succede?).
TERESINA: Chi vi ha fatto uscire, signore. (A Pasquale.)
PASQUALE: Aggio scassato a porta, non me ne fidavo cchiù.
MIMÌ: (Povero D. Pasquale).
TOTONNO: Mbè na vota ca non site muorto, facimmo le cuntarielle nuoste. Stu mio signore m’ha ditto ca vuje site lo nnammurato de muglierema. È overo chesto? Jammo, parlate, si no faccio fuoco pe tre ore.
FELICE: (E chesta è na curazzata).
TOTONNO: Jammo D. Pascà, discolpatevi.
CONCETTINA: Ma che mettite a ffà D. Pasquale mmiezo, lo nnammurato de la mugliera vosta è maritemo.
FELICE: (Ma che bene ca me vò muglierema!).
TOTONNO: Chi è? E l’aggia sapé subito.
MIMÌ: D. Pascà, voi potete provare la vostra innocenza?
PASQUALE: Sicuro.
TUTTI: E sentimmo.
PASQUALE: Ecco qua. Ieri… (Casualmente fissa gli occhi sulla camera ardente.) Doppo ca vuje me venisteve a dicere che vostra moglie vi tradiva (si stropiccia gli occhi), che avessi preparate le carte per la vostra divisione, venette madama Sangenella, (indica Eugenia) che io non conosceva, è vero che io non vi conoscevo? Sissignore. (So’ l’uocchie mie o chella è na lapide) e me dicette: Signor Avvocato, mio marito mi tradisce con una canzonettista, na certa Clarinet, e stasera nce tene appuntamento ncoppa all’albergo Riviera.
TOTONNO: (Sangue de Bacco, e comme l’ha saputo muglierema?). Va buono, aggio capito tutte cose, e stato nu sbaglio, non ne parlammo cchiù.
PASQUALE: Nu momento, io m’aggia giustificà cu muglierema. Jettemo ncoppa all’albergo e non trovajemo nisciuno. Poco doppo venette Don Antonio e nce facetteme na partita a bigliardo. È vero D. Antò? Verissimo! Doppo fatta la partita tornajemo in quella camera pe me piglià a Sangenella e ghircenne, la truvaje durmenno ncoppa a no divano dinto a lo spogliatoio. Allora pe non la scetà, e nu poco pecché tenevo suonno me mettette ncoppa a lo lietto e m’addurmette. Tutto nzieme me sentette na cosa vullente ncoppa a la panza. Pò, allucche, fracasse, e nu pazzo ca pe fforza me vuleva accidere. Preso dallo spavento me pigliaje li panne e me ne scappaje. Il resto lo sapete. Ecco la mia discolpa! Ecco la verità!
FELICE: (All’arma de lo mbruglione). (A Concettina:) Hai visto la verità?
CONCETTINA: Ma tu comme te truvaje llà ncoppa?
FELICE: Pecché accompagnaje a Donna Teresina.
CONCETTINA: Allora sì nnucente?
FELICE: Innocentissimo! (In azione.)
TOTONNO (a Eugenia): E sta lettera che truvaje dinto a lo stracciacarte?
EUGENIA (legge): «Angelo mio, io sto a Napoli, noi potremo amarci ancora. Questa sera mio marito è occupato in affari di baccalà». Ah! Sta lettera io la scrivette pe vedé si tu ire geluso.
TOTONNO: Uh! E allora perdoneme.
PASQUALE: Teresì?
TERESINA: Per questa volta ti perdono.
PASQUALE: Ah! Teresina mia! (Legge:) Questa camera è chiusa per la morte di Pasquale Corella. Chi ha miso chella tabella llà vicino?
FELICE: E chi lo sape.
TERESINA: L’aggio misa io pecché vulevo fà cunto ca tu ire muorto pe me.
PASQUALE: E m’haje fatto lo funerale! (Tutti ridono.)
EUGENIA: D. Pascà perdonate se per causa mia.
PASQUALE: Che me ne mporta de vuje. A me me preme che oggi tutti i giornali porteranno il nostro accaduto. Sentimmo li guagliune c’alluccano: lo fatto de Curella e Sangenella, che figura facimmo co lo pubblico?
MIMÌ: Ma che ghiate penzanno, il pubblico quando leggerà queste cose ne ne farà na risata.
FELICE: Ne siete sicuro?
MIMÌ: Sicurissimo!
FELICE: Allora quando il pubblico di questi fatti se ne farà una risata, è tutto quello che possiamo desiderare.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia