’na matassa ’mbrugliata

Commedia in tre atti

Personaggi
Felice
Alfredo
D.Crescenzo
D. Alfonso
D. Giulio
Ludovico
Federico
Giovanni
Peppino
Rachele
Concetta
Errichetta
Teresina
Matilde
Emma
Francesca

La scena nei primi due atti è in Napoli nel terzo Montecorvino.
ATTO PRIMO
Uno studio di pittore piuttosto elegante. Quadri di varie dimensioni, modelli in gesso. Cavalletto, cassetta con colori e pennelli, ecc. In fondo a destra a due da chiudersi che dà su d’un’anticamera. A sinistra: un piccolo palchetto per i modelli da potersi nascondere mediante un paravento che vi sarà innanzi. Due porte, una a destra da potersi celare mediante una portiera che vi sarà innanzi, ed una a sinistra. Molti schizzi e vecchie tappezzerie. Console. Sedie.

SCENA PRIMA

Rachele, Matilde.

RACHELE (terminando d’aggiustare la stanza): Tutto è fatto; pare che pò restà contento D. Felice quanno vene. Va mò figlia mia, famme sentì nu poco la lezione c’haje da purtà stammatina lo maestro de declamazione.
MATILDE: Mammà comme ve vene ncapo?
RACHELE: Meh famme contenta; siente saglie llà ncoppa… là D. Felice nce fa saglì li modelle… tu fà cunte invece che chillo fosse lo palcoscenico…
MATILDE (fra sé): Eppure mammà esce a mpazzia co la declamazione. (Sale sul palchetto e caricatamente declama:)
«E se spergiura m’hai, eccoti il petto,
Trapassa questo cor che credi infido…
E se macchiar non vuoi tuo nobil ferro
Altro ne cerca e fa di me vendetta…
Corri… corri… corri…». (Discendendo.)
Me so’ scurdata addò ha da correre.
RACHELE: Comme dinto a 8 juorne chesto è tutto chello che t’haje mparato?… figlia mia, have ragione lo maestro, tu nun ne tiene voglia… So’ 3 anne che faje lezione… tu avarrisse già stà recitanno.
MATILDE Mammà io nun tengo ntenzione de me mettere ncoppa a lo teatro.
RACHELE: Dunque vò di, che tu me vuò vedè sempe guardaporta.
MATILDE: Ma vuje ve site posta ncapo co lo teatro nc’arricchese?… Vuje sapite che cu chello che se guadagna forze si e forze no, na femmena arriva a vestirse.
RACHELE: Già comme si li vestite l’avissa pagà tu…
MATILDE: E chi l’adda pagà.
RACHELE: Eh!… se vede… tu penza a mpararte… cierti cose io nun te li pozzo spiegà… Va vattenne abbascio, avessa venì lo padrone de casa e chillo allucca quanno nun nce sta nisciuno… io dongo n’ata mano ccà, pare che si vene D. Felice cu chillo amico sujo, a lo quale cede sta casa…
MATILDE (meravigliata): Comme D. Felice cede la casa?
RACHELE: Sicuro, chillo dimane sposa, e sta casa l’ha subbaffittata cu tutte li mobile, meno i quadri, a nu giovene amico sujo paglietta… ma che d’è pare che n’haje dispiacere.
MATILDE: Sicuro, quanno uno s’è abituato cu n’inquilino…
RACHELE: S’abitua cu n’ato… e si tu accummience a metterte nsentimento fernisce de la fà recitante.
MATILDE: (Dalle, dà, sbarea).
RACHELE: Io p’avè fatto una vota la sentimentale… Io vide che so’… guardaporta… e tu…
MATILDE: Ma papà aveva essere nu bell’ommo, non è overo… (Con gioia.) Dicite la verità me somigliava?
RACHELE (sospirando): Nun saccio…
MATILDE: Comme nun saje… mammà jatevenne… pozzo credere che nun avite cunusciuto a papà…
RACHELE: Chill’assassino steva vestuto da scigna… la prima vota ca lo vedette dinto a nu festino a lo Politeama.
MATILDE: Mbè la primma vota… ma po’…
RACHELE: Po’… quanno te marite te conto tutta la storia.

SCENA SECONDA

Felice, Alfredo e dette.

FELICE (di d.): Va buono saglie… quanno nun stanno lloco, certo stanno ncoppa addò me… Alfrè… Alfrè… e cammina cattera… Ah! No… e statte lloco. (Fuori.)
RACHELE (gli va incontro): D. Felì, cu chi l’avite?
FELICE: Cu Alfredo l’amico mio a cui aggio subbaffittato sta casa cu tutte li mobili… siccome l’aggio ditto che nce steva na guardaporta bona ed ancora suscettibile… e na figlia cchiù bona de la mamma, nun vò saglì si nun ve vede. (Poi in fondo.) Alfrè… Alfrè… stanno ccà… saglie.
ALFREDO (di d.): Vengo, vengo.
FELICE: Mò corre… quanno sente femmene nun nce vede cchiù.
ALFREDO (fuori): Io sto ccà.
FELICE: Teh, te presento mamma Rachele e Matilde sua figlia, distinte guardaporte… vide che nun t’aggio ditto che la verità.
ALFREDO: Infatti esse superano la mia aspettativa! Bravissirno… sono contento allora caro Felice de venì de casa ccà… che vuò, pe me la guardaporta forma prezzo del pigione… e ti primo augurio della tua casa pe me… aggio sempe preferito la donna, all’uomo, (la giovane alla vecchia…)
FELICE (sotto voce): (Statte zitto… te ricuorde che nce sta lo fatto de chella guardaporta toja cecata che teneva 73 anne).
ALFREDO (c.s.): Prove di coraggio civile… Felice mio… (Forte:) Oh! Ma giacché tu m’haje presentato queste amabili signore bisogna che le stringessi la mano. (Esegue.)
FELICE: Oh! Mò si vuò visità la casa…
ALFREDO: Ma che visità… lo buongiorno nce pare la matina… e cu chesta matenata la giornata non può essere che bellissima.
FELICE: No, io te voleva dà delle delucidazioni… stu studio ne può fà nu salotto.
RACHELE: Chesta è la camera da pranzo. (Apre la porta a sin.)
MATILDE: (Apre la seconda a destra). E chesta chella de letto.
FELICE: Con il gabinetto da toletta… (e… tutto all’inglese, già).
ALFREDO: (Capisco… capisco).
RACHELE: Un inconveniente tene stu quartino… nun affaccia alla strada.
ALFREDO: Chesto è brutto… si uno vò vedé che se fa.
RACHELE (amabilissima): Uh! Cosa de niente… qualunque fatto vulite sapé de lo quartiere trasite nu mumento dint’addò me.
FELICE: E saje tutte cose nun dubità. (Piano ad Alrtedo:) Po’ dice pure li fatte tuoje all’ate.
ALFREDO (piano): Uh! Ma io tengo lo mezzo pe farla sta zitta!
FELICE (c.s.): Capisco!… la vecchia de 73 anne.
ALFREDO: No… senti… (Forte.) No, no, Rachele… io non vi domanderò mai i fatti degli altri… ma nun voglio che manco li miei se sapessero.
RACHELE Oh! Io non parlo maje.
MATILDE: (è simpatico stu D. Alfredo).
RACHELE: Si nun v’occorre niente pe mò… nce ne jammo. A proposito, vulite essere fatte li servizie comme le facevano a D. Felice?
ALFREDO: Ma si capisce.
RACHELE: Allora na voce e vulammo. Vostra serva.
MATILDE: (è simpatico!) (Viano.)
FELICE (ad Alfredo che dopo aver salutato le 2 donne va in fondo a guardarle): Alfrè… Alfrè… Eh! è partito! Ma sì nu fatto serio sà.
ALFREDO: Che vuò?
FELICE: E viene ccà, almeno famme sentì la casa comme te pare?
ALFREDO: No, bella… una sola difficoltà è che qui non posso ricevere che soli uomini… si no la guardaporta capisce…
FELICE: è naturale… ma tu che vuò fà sempe lo discolo…
ALFREDO: Ma io tengo ancora lo deritto de farlo… tu no pecché dimane te nzure.
FELICE (con sospiro): Haje ragione.
ALFREDO: Ma che tu suspire? che fusse scuntento… tu ancora haje da accumincià…
FELICE: Scontento? No… (ma saje capisco che chello c’aggio fatto pe lo passato nun lo pozzo fa cchiù… nuje n’avimmo fatto assaje…) Giulietta è na bona peccerella… ma…
ALFREDO: Forse li pariente…
FELICE: No, pecché lo patre pure è nu buonommo, so’ 2 anne che nun ha voluto sapé cchiù de lo negozio e s’è ritirato… faceva lo droghiere, nu miezo miedeco, s’ha fatta na discreta fortuna, la mugliera po’ è n’ata stupeta…
ALFREDO: Pure!…
FELICE: Forse nu poco meno, ma…
ALFREDO: Aggio capito so’ de razza.
FELICE: Proprio… sà che tene la mamma, ch’è sensibile assaje… da che s’è cumbinato stu matrimonio cu me, nun fa ato che chiagnere de la matina a la sera… addevina che s’ha puosto ncapo… che io mparo a la figlia tutto chello che lo marito ha mparato a essa.
ALFREDO: E tu mparele ati cose.
FELICE: Stupeto!… no so’ buona gente… hanno fatto na bella figlia, e le danno pure 80 mila franche de dote.
ALFREDO: Evviva! E allora pecché haje suspirato?
FELICE: Basta che zi zio nun me vene a nguità.
ALFREDO: Zieto?
FELICE: Nu viecchio che faceva l’erbaiuolo, lo segretista, insomma,. s’è arrangiato e ha fatto fortuna pur’isso, mò è quacche tiempo che s’è ritirato a Montecorvino ch’è lo paese sujo, l’hanno fatto consigliere comunale.
ALFREDO: Embè che te po’ fà, chillo sta a lo paese.
FELICE: Seh che me fà, è sulo nun tene nisciuno… e nun me scrive ato che se me nzoro isso nun me lassa niente.
ALFREDO: Forse nun s’ha vuluto maje nzurà.
FELICE: Ha avuto tre mugliere.
ALFREDO: Allora tu tiene tutto lo deritto d’averne una almeno.
FELICE: No, pecché dice c’aggia piglià esempio da isso e de li guaje c’ha passato.
ALFREDO: Capisco…
FELICE: Nun fa ato che ripetere che la primma lo facette felice, ma lo tradette, la seconda nun lo tradette ma l’infelicitaje e la terza lo nfelicitaje e lo tradette.
ALFREDO: E tu cu stu poco de rroba ncuorpo te nzure dimane.
FELICE: Ma nun l’aggio fatto sapé niente.
ALFREDO: (Na vota fatto lo po’ sapé sempe). E chillo non l’appura na vota?
FELICE: No, pecché si vene a Napole ch’è difficile, io manno a muglierema a la casa de la mamma, si me manna a chiamma a Montecorvino nce vaco sulo…
ALFREDO: E i parenti di tua moglie sanno che tiene stu zio?
FELICE: Sanno ca lo tengo, ch’è ricco e lassa tutte a me, ma nun sanno che nun me vò fà nzurà… io nun nce l’aggio ditto.
ALFREDO Eh! Capisco… ma (Felice mio tu te miette in un laberinto… comme faje per esempio) dimane lo patre e la mamma de la sposa, che dicene che nun lo vedono?
FELICE: No, aggio arremmediato, aggio ditto che tene la podagra, e nun se po’ movere.
ALFREDO: Eh! L’uomo ha sempre quello che non vuole… (si io avesse tenuto nu zio accussì… ma lo mio è tutto lo contrario). Zi zio la pensa diversamente.
FELICE: Comme, comme, zieto?…
ALFREDO: Si nun me nzoro non me vò lassà niente… chillo so’ cchiù de 20 anne che se ne jette in America, poi passò al Canada e da là nun fa ato che scriverme che si nun le manno la fede de matrimmonio, isso nun fa lo testamiento.
FELICE: Ma è vecchio?
ALFREDO: Nun tanto… potrà tené 54, 55 anne.
FELICE: è brutto!… po’ essere pure che si chillo vede che tu sì tuosto, nu juorno de chisto se nzora isso.
ALFREDO: Chesto no… ma che me capita ncuollo e me fa spusà subeto, subeto non è difficile… siente è stata na gran brutta invenzione chella de lo matrimmonio.
FELICE: Basta, io te lascio, vaco a fà cierti servizielle. (Io nun nce voglio ragionà, tanto cchiù c’aggia j da lo secondo testimonio mio che m’ha mannato a dì che sta malato…) po’ m’aggia accattà nu pare de guante.
ALFREDO: E và, t’aspetto ccà.
FELICE: Oh! Ma spiegammoce… tu dimane piglie totalmente possesso.
ALFREDO: Se capisce.
FELICE: Mbè, io vaco. (Via per poco.)
ALFREDO: Povero Felice, isso se trova mbrugliato de na manera e io de n’ata.
FELICE (entra precipitosamente): Alfrè…
ALFREDO (saltando): Ch’è stato?
FELICE: Sta saglienno Teresina la modista!
ALFREDO: Chella che tu l’avive prommiso de te la spusà.
FELICE: Si… vide tu chello c’haje da fà… chella è na vipera… vide de capacitarla.
ALFREDO: Va bene: le dico che dimane spuse…
FELICE: E chella m’accide, chella m’accide.
ALFREDO: Ma che vuò che le dico?
FELICE: Prumiettele quacche cosa… fà tu… la vì ccà. (Si nasconde seconda a d.)

SCENA TERZA

Teresina e detti.

TERESINA: Oh! D. Alfredo! State ccà. (Stringendogli la mano.) Comme jammo?… E D. Felice nun nce sta?
ALFREDO: No, è uscito.
TERESINA: Meglio accussì.
ALFREDO: Comme meglio.
TERESINA: Si, pecché pe ve dicere la verità D. Alfrè, io l’era venuta a dà na brutta notizia, ma giacché nun ce sta me facite lo piacere nce lo dicite vuje; io d’isso nun ne voglio cchiù sapé.
ALFREDO: Lo lasciate?
TERESINA: E che n’appuro… io m’aggio fatto li cunte mieje… ve pare che se po’ tirà nnanze accussì… de spusà nun se ne parla maje… è cchiù friddo de la neve… insomma Felice nun è ommo… io po’ sapite so’ bona bona, ma quanno me sagliene… so’ capace che nu juorno de chisto me lo schiaffo sotto. (Felice che faceva capolino, a queste parole fugge in camera.)
FELICE: Mamma mia!
TERESINA (ad Alfredo): Ch’è stato?
ALFREDO (ripigliando): No, aggio ditto mamma mia… che figura nce facite… fate le cose con quiete.
TERESINA: E chesto aggio pensato… io non so’ tanta brutta… quacche cusarella la tengo, tengo n’arte… neh, io pecché aggia j a mpazzia cu isso… io credo che chiunque se vò nzurà, non potesse truvà meglio.
ALFREDO: Sicuro.
TERESINA: D. Alfrè, nun dico pe vuje, pecché site na capa stramba peggio de chillo mbiso, ma quacche amico… vuje tenite tant’amice… proponetemi.
FELICE: (Ha avuto n’impiego Alfredo!)
ALFREDO: Capitando l’occasione.
TERESINA: Bravo! e io ve prometto de farve li cappielle franche pe chi vulite vuje… Dunque nun ve scurdate de fà la mmasciata a Felice.
FELICE (tragico facendosi avanti): Felice ha inteso tutto… Bravo, ecco che cosa sono le donne.
TERESINA: Nun me fà lo tragico… tu sì pronto de spusarme fra 15 juorne?
FELICE (tradendosi): A chi, io dimane me nzoro.
TERESINA: Ah! Svergognato. (Avventandosi.)
FELICE (c.s.): Teresa non mi metter sotto… Ahi dal labbro mi uscì l’ampia parola!
TERESINA: Assassino! Io me l’aveva immaginato… Ah! (Quasi svenendo.)
ALFREDO: Teresina, siate ragionevole… alle volte sapete che malgrado suo, un uomo fa chello che nun vularria fà.
FELICE: Bella mia… (io nun te l’aggio ditto primma pecché te voglio troppo bene… ma sai) ragioni di famiglia… del resto io poi t’amerò sempre, e se tu…
TERESINA: Te voglio sunà nu punio, te voglio schiattà n’uocchio.
ALFREDO: Calmatevi, chillo nun sape chello che dice. (A Felice.) Tu hai invece l’obbligo di trovare un buon marito alla Teresina.
FELICE: E che faccio lo sensale de matrimmonio.
ALFREDO: Questo è un dovere sacro per te… t’aiuterò anch’io… (Statte zitto! Vedimmo de ne la fà j mò).
TERESINA: Sì, ma che non sia nu chiachiello cumme a isso… un uomo in tutta l’estenzione della parola… nun già uno che tene sulo lo cazone.
FELICE (ad Alfredo): (Po’ dice statte zitto! chella m’insulta in questo modo… comm’è io tengo sulo lo cazone?)
ALFREDO: (Zitto!) (Forte:) Va bene, vi accontenteremo Teresina.
FELICE: Ve lo troveremo con qualche cosa al di là del calzone…

SCENA QUARTA

Giulio e detti.

GIULIO (di d.): Va bene, va bene, aggio capito! Avite ditto la porta a sinistra! grazie.
FELICE (saltando): Mio suocero, e chillo mò te trova cca… io comme faccio.
TERESINA: Che nce sta de male… anze lo voglio cunoscere.
FELICE: (Statte mall’arma de pateto…) chillo si te vede, addio matrimmonio… annascunnete…
TERESINA: C’aggia annasconnere, io non appartengo a chelli femmene che s’annasconneno. (Si bussa.)
FELICE: Fallo pe carità… (Alfrè và apre… fà priesto…) Teresina dopo mettimi anche sotto, ma annascunnete.
TERESINA: Vile! Io l’aggio ditto, che d’ommo tu nun tiene co lo calzone.
FELICE: Ragioneremo dopo di questo… va mò, va. (La fa montare sul palchetto ed apre il paramento.) Alfrè, apre.
GIULIO: Buongiorno Feliciè… presenteme all’amico tuo…
FELICE: Ah! si… Alfredo Bonetti avvocato, che domani ci farà l’onore d’essere il nostro primo testimone. (Presentando.) Mio suocero!
GIULIO (ad Alfredo): Piacere. (Stringendogli il polso.) Bella salute!
ALFREDO: Eh! Non nce male… tengo sulo un po’ di catarro.
GIULIO: Questo è brutto… attiento sà, bisogna curarlo… n’amico mio così principiò e po’ doppo duje mise murette… pecché il catarro amico mio po’ sviluppà na bronchite… immediatamente viene l’alveolite, quindi l’emottisi… e capite l’emottisi è brutta, se pazzea co lo russo… e questo manco è niente, viene la degenerazione cassosa… il bacillo di Koch… e quindi la tisi… quando si è arrivato a questo o priesto o tarde se crepa… perché la tisi…
ALFREDO (sotto voce a Felice): (Ma…)
FELICE: (c.s.): E l’haje da fa fà… chisto è lo debole sujo quanne parla de medecina l’haje da fà dicere sempe a isso…
GIULIO: Dunque me so’ spiegato?
ALFREDO: Anche troppo.
GIULIO: Volete sapé de quanta specie è la tisi?
FELICE: No… no… m’affliggo, capite.
GIULIO: Allora basta! Neh, ma nun veco a muglierema.
FELICE: Comme mammà.
GIULIO: è asciuta co la figlia e ha ditto che veneva cca.
FELICE: Comme Errichetta vene pure ccà?
GIULIO: Capisco, tu mò me vuò dicere che nun le convenarria, ma è nu capriccio… che nce vuò fà… dice che primma de se mmaretà vò vedé na casa de nu sultiero e specialmente lo studio de nu pittore… io e muglierema avimmo ditto stu gulio facimmecillo passà meglio co lo nnammurato che cu n’ato.
ALFREDO: è giusto.
FELICE: (Vì che gulio le vene a chella!).
GIULIO: Sì, ma m’avita dì, qua nce fosse quacche cosa che na figliola nun putesse vedé… attiento sà… anze io ve vuleva pregà che doppo spusato cierti tale quadre nun l’avita pittà cchiù.
FELICE: E che quadri?
GIULIO: Capite, il genere nudo… pe me in confidenza, è un genere che me piace assaje… ma a muglierema no… V’avita spassà nfaccia agli alberi, ai fiori…
ALFREDO Frutti, legumi…
GIULIO: Animali.
ALFREDO: Fa lo ritratto dell’amico.
GIULIO: Chillo de muglierema.
FELICE: No pecchesto state sicuro, il nudo non è il mio genere.
GIULIO (guardando un quadro): Benissimo!… ma intanto là veco uno che me pare poco vestuto.
FELICE (imbarazzato): Ah! Ecco ccà… quello…
GIULIO: è ommo, o femmena?
ALFREDO (subito): No, quello nun è né ommo né femmena.
FELICE: è un neutro.
ALFREDO: Ma no… (e scherza sempe tu… scherza sa…) quello è un santo.
GIULIO: Nu santo… ma ncapo nun tene niente… le putive fa na curona, na cosa…
FELICE: Impossibile… chillo è stato nu poverommo.
GIULIO (vedendo un altro quadro più lontano): E chillo è n’atu santo?
FELICE: No…
GIULIO: Eppure me pare cchiù spugliato de l’ato.
FELICE: Ma se capisce… si nun faccio primma lo cuorpo, comme lo pozzo vesti… primma lo cuorpo, e po’ lle faccio li vestite.
GIULIO: Haje ragione, so’ na bestia.
ALFREDO: (Io lo sapeva).
GIULIO (andando): E arreto a stu paravento che nce tiene?
ALFREDO: (Uh! Fuss’acciso!)
FELICE (imbarazzato): Ma…
GIULIO (apre il paravento e vede Teresina): Na femmena?
FELICE: (Na femmena!… e sfido io… chella è na femmena… parola mia papà quella è na femmena).
TERESINA: Buongiorno, signore, state buono? (Salta a terra.)
GIULIO: Felì. (Con sospetto:) Chi è sta femmena?
FELICE: Chi è sta femmena?…
GIULIO: Giusto… chi è?
FELICE: Questa femmena?
GIULIO: Sine, sine, ma parla cancaro…
FELICE (colpito da un’idea, ad Alfredo): E tu nun parlà sà, vide che papà vò sapé… e dincello… presentancella… papà è la moglie!
ALFREDO (furioso): Che dice?
FELICE (a bassa voce): Zitto, nun me scumbinà.
GIULIO (a Felice): (E pecché ne fa nu mistero?)
FELICE (c.s.): (è un matrimonio segreto).
GIULIO: (Capisco tutto). (A Teresina:) Signora, non temete, io nun saccio niente!
TERESINA: (E a me che me mporta!)
GIULIO: Ma io spero che st’affare nun ve mpedarrà d’essere de li nuoste dimane? Ci onorate?
FELICE (ad Alfredo): (Come! L’invita!)
ALFREDO: (L’invita… si tu l’haje ditto che mm’è mugliera).
TERESINA (a Giulio): Ma signore mio…
GIULIO (risalendo la scena): Badate che nce conto. (A Felice:) Felì, io me ne vaco… si vene muglierema dincello c’aspettasse, io vaco lo bagno e torno. (Ritornando.) A proposito, chill’amico tuo c’aveva fà l’ato testimone comme sta?
FELICE: Nun saccio, mò le vaco a fà na viseta.
GIULIO: Ma che tene?
FELICE: L’asma.
GIULIO: Brutto… l’asma… e nervosa… oppure catarrale…
FELICE: (Mamma mia! Che l’aggio ditto a chisto).
GIULIO: Quindi enfisema pulmonale e poi congestione… la congestione, l’affanno, la paralisi pulmonale, quindi la morte.
FELICE: (N’è muorto n’ato!). Bè, ma quanno è muorto è fenuto tutte cose.
GIULIO: Ma la scienza vò che non s’arriva alla morte… pecché prima di morire…
FELICE: è inutile pecché nuje simme arrivate a la morte… quindi non c’è niente cchiù…
GIULIO: Sicuro… ma ditegli che se curasse… me so’ spiegato. A rivederce. (Via.)
TERESINA: Haje visto! se io mò nun me truvava ccà, me perdeva st’invito… e non poteva vedé quanno tu spusave… già pe me sta che haje da essere ridicolo assaje.
FELICE: Ma tu sarraje pazza… chesto nce vurria che dimane tu te presentasse.
TERESINA: No, io mi presento.
ALFREDO: Che?
FELICE: Comme?
TERESINA: So’ stata invitata, aggio accettato e vengo.
FELICE: Ma…
TERESINA: Che ma e ma… dimme la verità t’avessa fà scuorno?
FELICE: Nun dico chesto, ma…
TERESINA: Io me mbroghio miezo all’ate nun te mettere paura… dimme na cosa, se balla?
FELICE: No… là appena, appena nc’è na colazione…
TERESINA: Faccio colazione cu l’ate.
FELICE: Ma no, Teresina mia… siente a me, è impossibile.
TERESINA: No, io vengo.
FELICE: Ma t’aggio ditto che no…
TERESINA: E io dico che sì.
FELICE: No, cattera!
TERESINA: Sì, caspita! Alla fine tu nun cunte cchiù ncuolbo a me. A rivederce dimane… D. Alfrè, nun ve scordate de me. (Via.)
FELICE (adAlfredo): No, io lie vaco appriesso… voglio vedé de farla capace… chella è capace che vedenno la sposa me fa quacche scena.
ALFREDO: Non credo.
FELICE: Eh! nun credo! chella lo ffà, e nun le pozzo dicere manco niente… pecché tu l’haje ntiso… mi mette sotto, mi mette sotto! (Via.)

SCENA QUINTA

Matilde e detto.

ALFREDO: Seh, curre tu che me cacce assaje… chella nce vene senza dubbio… ed io so’ addeventato lo marito… meno male ch’è na scena che dura 24 ore… e che essa non l’ha capita… e si no coll’idee che tene de matrimonio… chi se la leva cchiù da cuollo. (Si bussa.) Chi è?
MATILDE: So’ io… v’aggio purtato stu dispaccio che v’avevano purtato a la casa vecchia. (Lo dà.)
ALFREDO (apre e legge): Stasera arrivo e sarò da te. Tuo zio Alfonso. Chesto sulo nce mancava. Uh! Che te pozza purtà lo diavolo!
MATILDE (risalendo la scena): Stateve bene.
ALFREDO: Già ve ne jate?
MATILDE (scendendo): Pecché, m’avita dì quacche cosa?
ALFREDO (la fa sedere): Se capisce, nc’e sempe da dicere quacche cosa a na bella figliola comme site vuje… pecché vuje site na sciasciona.
MATILDE (abbassando gli occhi): E che fa? Quanno nun se tene furtuna… chesto me dice sempe mamma.
ALFREDO: (Brava femmena!). Dunque siete voi che saglite le lettere…
MATILDE: Io e mammà, ma io più spesso veramente… scusate, pecché me l’avite addimannato?
ALFREDO: No, pe niente. (La prende per mano.) Bella manella… fusa… bianca… (La bacia.)
MATILDE: Eh! che facite? Si vedesse mammà.
ALFREDO: Che fa? Io mò so’ de casa.
MATILDE (s’alza): è overo… ma è sempe lo stesso.
ALFREDO: V’è dispiaciuto?… state ncollera?
MATILDE: No, e pecché? (Salendo.) A rivederce… Oh! A proposito io aggia sistemà le valigie de D. Felice, permettete. (Via a destra prima quinta.)
ALFREDO: Fate.
MATILDE: (è proprio nu buono giovane). (Via.)
ALFREDO: Overo è carella ed io… che d’è stu rummore? fosse la nnammurata de Felice. (Andando alla porta.) No, è ziemo.

SCENA SESTA

Alfonso, Ludovico, Emma e detto.

ALFONSO: Ma dico te pare buono, cagne casa e nun me lo faje manco sape…
ALFREDO: Ma io non sapeva…
ALFONSO: Va bene, va bene, pe mò abbracciame… che de chesto se ne parla doppo… (S’abbracciano.) Tu staje bellone… sé benedica… e a me comme me truove?
ALFREDO: State benissimo!
ALFONSO: Nu poco cchiù niro, nun è overo?… Oh! A proposito, te presento l’amico mio, anze cchiù che amico frate, Ludovico co la figlia Emmuccia… Una cosa t’aggio d’avvisà io patre nun dice manco na parola d’italiano, ma lo capisce, la figlia po’ parla coppa coppa l’italiano, ma difficilmente lo capisce.
ALFREDO (saluta Ludovico che gli stringe forte la mano): Signore… Signorina…
EMMA (accento inglese molto pronunziato): Buongiorno signore… state bene…
ALFREDO: A servirla… un poco reumatizzato.
EMMA: Reumatizzato. (Và in un angolo a cercare in un dizionario che porta con sé, la parola.)
ALFONSO: Ludovico è uno dei primi piantatori… sta ricchissimo.
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO: Me ne compiaccio!
ALFONSO: Io a isso aggio obbligazione de la furtuna mia… fuj isso che me facette coltivà patate, grano, granone, cottone, tabacco ecc. ecc… insomma quello che sono oggi lo debbo a lui…
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO: Ne so’ obbligato anch’io pe zi zio! (Gli stringe la mano.)
EMMA: Avete detto reum…
ALFREDO: Ah! Reumatizzato!
ALFONSO: Ma nun te credere che me l’avesse passato sempe a fatica… nce simme pure spassato, Ludovico è nu cacciatore de primma forza…
LUDOVICO: Oh! Yes!
ALFONSO: N’avimmo accise pantere, tigre, sierpe…
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO: (A me che me ne mporta).
EMMA: Ho trovato
ALFREDO: Che cosa?
EMMA: Guardate. (Mostrando il libro.)
ALFREDO: Ho capito! (Io nun sapeva ch’aveva trovato).
EMMA (leggendo): «Irritazione bronchi…» (Bronchi.) (Corre di nuovo in fondo e cerca nel libro.)
ALFREDO: (Mò va truvanno quacc’ata cosa!).
ALFONSO: Dunquè, Alfrè, tu haje da capì…
MATILDE (ch’è nascosta dietro la portiera, apre): (Nce stanno gente).
ALFONSO: Chi è?
ALFREDO: Nisciuno…
ALFONSO: No, me pareva… Dunque, tu haje da sapé che se io e Ludovico avimmo lassato fatiche e divertimente e avimmo fatto nu viaggio accussì luongo, nun è stato certo pe venì a perdere tiempo.
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO: E de che se tratta?
ALFONSO: Se tratta de matrimonio…
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO: (Comm’è afflettivo chisto… mò accummencia lo mbruoglio!).
ALFONSO: Tu mò (a Ludovico:) vattenne con Emma là dinto. (Accompagna le parole col gesto.)
ALFREDO: Ma no zi zi, è inutile, vuje putite parlà francamente, tanto cchiù che poco capiscono.
ALFONSO: No, sà, dalle mosse potrebbero…
ALFREDO: Allora… per di qui signori. (Indica a sinistra.)
LUDOVICO: Yes!
EMMA: Bronchi… (Nell’entrare sempre cercando nel libro.)
ALFREDO: (L’haje da perdere tu e chi te nc’ha portato). (Alfonso siede e fa segno ad Alfredo di sedere.)
ALFONSO: Dunque, tu haje da capì che se io e Ludovico avimmo lassate fatiche e divertimenti e avimmo fatto nu viaggio accussì luongo nun è stato certo pe venì a perdere lo tiempo. (Arrestandosi.) Uh! Io chesto te l’aveva ditto.
ALFREDO (rassegnato): Nun fa niente!
ALFONSO: Venimmo a nuje: Emma comme te pare?
ALFREDO: (Ahi, ahi… fingimmo). La verità, non mi ha fatto na bella impressione.
ALFONSO: Me dispiace, ma nun t’aggio che te fa… saje che ti deve essere moglie…
MATILDE (c.s.): (Lo nzorano! Che peccato!)
ALFREDO (s’alza): A me… ma zio…
ALFONSO: Alfrè nun c’è zio né nipote… io l’aggio fatto venì apposta, comme vuò che le dico, che se ne tornasse addietro… e po’ addò può truvà meglio… è bella, è ricca, è femmena c’ato vaje truvanno?
ALFREDO: Vaco truvanno… che nun la voglio bene.
ALFONSO: Manc’io la verità… ma però si tenesse l’età tua la spusarria. Dunque, nce simme spiegate?
ALFREDO (risoluto): è impossibile zi zio…
MATILDE: (Nun la vò).
ALFONSO: E pecché?
ALFREDO: Pecché… (Vedendo Matilde.) (Che bello pensiero!) Pecché io sono ammogliato.
ALFONSO: Tu…
ALFREDO (a voce bassa): Da 15 giorni!
ALFONSO: Ma nun m’haje fatto sapé niente?
ALFREDO: Ve pare nun ve lo faceva sapé… la lettera si è incontrata con voi… vuje venivene e chella jeva.
MATILDE: (Nun sento niente).
ALFONSO: E mugliereta addò stà?
ALFREDO: Zitto! Nun alluccate.
ALFONSO: Pecché sta malata?
ALFREDO: No… no…
ALFONSO: E allora fammella vedé.
ALFREDO: Una cosa nun facite vedé che m’è moglie.
ALFONSO: Pecché?
ALFREDO (tradendosi): Pecché?… non la è…
ALFONSO: Comme?
ALFREDO: (Uh! diavolo!).
ALFONSO: Ma parla chiaro, cattera!
ALFREDO: è na cosa tanto semplice… e mò ve ne convincete vuje stesso… essa nun vò che se sapesse che m’è mugliera pe causa… pe causa…
ALFONSO: Pe quà causa neh Alfrè?…
ALFREDO (macchinalmente): Pe causa…
ALFONSO: E che io la causa voglio sapé.
ALFREDO: Già… ed io questo vi debbo dire.
ALFONSO: Ma nun l’haje ditto ancora.
ALFREDO: Ebbene… essa nun lo fa sapé pe causa de…
ALFONSO: De…
ALFREDO (sempe sotto voce): Pe causa de lo patre…
MATILDE: (Ma che stanno dicendo?)
ALFONSO: Nun capisco.
ALFREDO: (E manch’io). Ecco se tratta… no, mò, zio mio scusate, ma nun pozzo parlà cchiù pe causa…
ALFONSO: De lo patre.
ALFREDO: Sicuro… sempre del padre… io la vaco a chiammà, ve raccumanno. (Mò crepo!)
ALFONSO (avanti): La verità, io nun aggio capito niente… lo fatto però me pare mbruglioso.
ALFREDO (prende Matilde per mano): Viene ccà Matilde, te voglio presentà a mio zio.
MATILDE (salutando): Signore…
ALFONSO: No, no, rassicuratevi signora mia.
MATILDE: Signorina, pecché nun so’ maritata… (Alfonso guarda meravigliato Alfredo che s’impazienta e gli fa segno che ha commesso un’imprudenza.)
ALFREDO (fra sé): (Già… mò have ragione isso… io nun aggia sapé ch’è maretata). Voi avete ragione pecché nce sta l’affare… ma nun ve mettite paura… io so’ n’ommo… pe parte mia non nascerà nisciuno mbruoglio… Io sò, che aggia fà vedé de non sapé… quello che so’… pecché…
MATILDE (attonita): Pecché?
ALFONSO (all’orecchio): Pecché nce sta papà…
MATILDE: Ah! Bravo… vuje sapite l’affare de lo festino… la testa de scigna.
ALFONSO E ALFREDO: La testa de scigna?
MATILDE: Quanto ne sarrà cuntenta mammà.
ALFONSO: Ah! mammà ne avrà piacere. (Fra sé e guardando Alfredo.) (Io nun capisco).
ALFREDO (facendogli segno di parlar poco,fra sé): (Aggio paura che fenesce male).

SCENA SETTIMA

Rachele e detti.

RACHELE: Ma dico, staje commoda de scennere o no?
ALFREDO: (Meglio! La mamma).
MATILDE (confusa): Ma mammà…
RACHELE: Io nun voglio che te trattiene assaje cu giovinotte sule.
ALFONSO (piano ad Alfredo): (Giovinotte sule).
ALFREDO (Lo dice pe politica).
ALFONSO: Allora presenteme… miette la politica da parte… è società finalmente.
ALFREDO (fra sé): (Io me mbroglio, me mbroglio… e ccà la cosa va a fernì a nu vero labirinto). Mammà Rachele nun ve pigliate collera, stava con noi… questo signore è mio zio…
RACHELE: Ah! tanto piacere… io so’ la mamma de Matilde… scusate si me so’ bagnata, ma nun voglio che tricasse… capite me metto paura.
ALFONSO: No, non dubitate, niente m’ha ditto… ma doppo che l’avesse fatto… io so’ segreto…
RACHELE (ad Alfredo): Che ha voluto dì?
ALFREDO (a bassa voce): Nun nce facite caso, la capo nun troppo l’aiuta.
RACHELE: Allora jammo figlia mia… sta lo casotto sulo.
ALFONSO (ad Alfredo) Quà casotto?
ALFREDO (fra sé): Dalle, ncasa la mano! (Ad Alfonso:) Avite capito male. (A Rachele:) Ma no, che nun nce date nisciuno fastidio… mettiteve llà… guardate nce stanno figure… disegne…
RACHELE (sorpresa): Ma…
ALFREDO: Non facite cerimonie.
RACHELE: Quanno po’ vulite. (Siede.)
MATILDE (fra sé): Che se fosse nammurato de me. (Siede vicino a Rachele.)
ALFREDO: (Io quanto cchiù sto, cchiù me mbroglio).

SCENA OTTAVA

Ludovico, Emma e detti.

EMMA (sulla porta): è permesso?
ALFONSO: Favorite, favorite.
EMMA (ad Alfonso): Canali dei polmoni…
ALFREDO: Come avete detto?
EMMA (mostrando il libro): Bronchi… guardate…
ALFREDO: Ah! Già… (Comm’è afflettiva chesta!)
EMMA: Polmoni. (Cerca nel dizionario.)
ALFONSO (a Ludovico): Sì… l’avimmo fatta tarde, s’è ammogliato.
LUDOVICO: Yes!
ALFONSO: Ma nun te piglià collera… ne troveremo un altro.
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO (che avrà sentito): (Meno male! Pe stu fatto so’ salvo!)
MATILDE: Oh! D. Felice…
ALFREDO: (Basta che mò nun me fa quacche bestialità…).

SCENA NONA

Felice e detti.

FELICE (in fondo): E che fanno tutte chiste ccà! (Salutando.) Signori…
ALFREDO (a Felice): (Nun parlà troppo).
FELICE: (Che?)
ALFREDO: (Chillo è zio Alfonso). Zio ve presento Felice Sciosciammocca il migliore dei miei amici, giovine pittore di gran talento.
ALFONSO: Piacere di conoscere un giovine che ha tanta abilità.
FELICE: Oh! Piccola cosa… l’amico mio esagera… io non so’ che un piccolo pittore.
ALFONSO: Bravo! Modesto. (A Lodovico:) Nun è brutto!
LUDOVICO: Yes! (Senza guardarlo.)
ALFREDO (continuando la presentazione): Zio Alfonso, l’amico suo mastro Ludovico e la signorina Emma sua figlia, so’ arrivate poco primma dal Canadà.
FELICE: (E chesto se vede). (Fra sé.)
ALFONSO: E si avimmo fatto chisto viaggio non è stato pe perdere tiempo.
LUDOVICO: Yes!
FELICE: Ma…
ALFONSO: Mò me spiego. (Mostrandogli Emma seduta sul palchetto che cerca nel dizionario.) Comme ve pare chella fìgliola?
FELICE: Simpaticona!
ALFONSO: Ve la vulite spusà?
ALFREDO (subito): è impossibile zi zio.
ALFONSO: Site nzurato?
FELICE: No, ma sposo dimane,… anze giacché ve truvate, fatemi il favore de rimpiazzà uno dei testimoni…
ALFREDO: (Bravo! mò l’invita mò!).
ALFONSO: Onore, ma io non posso lascià l’amice…
FELICE: No, portatele.
ALFREDO: (fra sé) (Festa completa!)
ALFONSO: Quando è accussì accetto.
FELICE: Il matrimonio se fa dimane a la casa de mio suocero. Strada de Chiaia 49 ultimo piano all’11.
ALFONSO (segnandolo nel portafogli) : Strada de Chiaia 49 ultimo piano.
FELICE: Po’ se scenne e se va a Chiesa.
ALFONSO: Ma comme lo Municipio se fa in casa.
FELICE: Sissignore… mio suocero è amico de lo Vice sindaco… s’ha fatto fà na fede de lo miedeco ca la sposa sta malata.
ALFONSO: Ah! Va bene… nce vulimmo spassà.
ALFREDO (a Felice): (Imbecille, stupido, bestia…)
ALFONSO (a Ludovico): Manco è cosa, sposa dimane.
LUDOVICO: Yes!
ALFONSO: Ma nuje trovammo.
LUDOVICO: Yes!
ALFONSO (ad Alfredo): Dunque Alfrè nce vedimmo dimane. (A bassa voce.) Tu la mugliereta la puorte?
ALFREDO: Sicuro!… ve pare… (Fra sé.) (Co la mudista so’ doje mugliere).
ALFONSO (a Matilde): Vuje già venite me l’ha ditto pur’isso.
MATILDE (non capendo): Addò?
ALFONSO (a Rachele) E vuje pure mamma Rachè…
RACHELE: Ma…
ALFONSO (a mezza voce): Nun avite paura, nisciuno diciarrà niente.
RACHELE: De che?
ALFONSO (c.s.) De la testa de scigna.
RACHELE: Vuje sapite?
ALFONSO: Tutto. Alfrè dimane… nuje stammo all’albergo dell’Allegria. (Va verso il fondo.) Ludovì…
LUDOVICO (seguendolo): Emma…
EMMA (s’alza e saluta): Buongiorno. (Poi torna ad Alfredo.) Organo essenziale della respirazione.
ALFREDO: Chi…
EMMA: Polmone… adesso cercare organo. (Via.)
ALFREDO: Haje da j a la parrocchia.
RACHELE (fra sé): (Sape tutto!)
FELICE (fra sé): (Pecché m’ha chiammato bestia!)
ALFREDO (a Racheleche s’alza con Matilde): Aspettate, Felice v’ha da dì qualche cosa.
FELICE: Io…
ALFREDO (a voce bassa): Invitala pe lo sposalizio!
FELICE: Pe lo sposalizio!
ALFREDO: Nvitala, nvitala ca tu me salve!
RACHELE: (Ma chiste che teneno).
FELICE (fra sé): (Io nun capisco niente). Mamma Rachè, vuje dimane avita venì lo spusalizio e avita purtà pure a Matilde.
RACHELE: Sicuro, venimmo a vedé la Chiesa.
ALFREDO (a Felice): (No, li capitole e lo municipio).
FELICE: No, li capitole e lo municipio.
MATILDE: Pure! Oh! Che piacere.
FELICE (piano): L’aggia mmità a nisciuna parte cchiù?
ALFREDO: No.
RACHELE: D. Felì, la verità st’invito m’ha commossa, nun m’aspettava.
FELICE: (E manc’io me mmaginava de nvità la guardaporta). E che vò dì… io manco supponeva.
ALFREDO (subito): Dunque venite?
MATILDE: Si capisce.
RACHELE: Voi sapete che io me sacrifico per gli amici. (Stringe la mano a Felice.)
FELICE (fra sé): (Mò me fa nu piacere). Oh! Voi mi confondete!
MATILDE (fra sé guardando Alfredo): (è stato isso che m’ha fatto nvità. Dunque me vò bene).
RACHELE (risale saltellando): Jammo, muvimmece figlia mia, aggia vedé quà vestito m’aggia mettere, nce vonno le stecchette a lo cursè. (A Felice:) A proposito… io tengo na lettera vosta. (Gliela dà.) Jammo Matì…
MATILDE: Sto ccà. (Viano correndo.)
FELICE: Ma io credo che me farraje capì.
ALFREDO: Pecché t’aggio fatto nvità la guardaporta co la figlia?… pecché aggio ditto a ziemo che me vuleva fa spusà la figlia dell’amico sujo, che Matilde era mia moglie… na vota che t’è produto de nvita a zi zio, io nun puteva venì senza muglierema.
FELICE: Nuje overo nce stammo menanno dinto a nu labirinto.
ALFREDO: Eh! Ma n’avimma ascì.
FELICE (dopo scorso con l’occhio la lettera, avvilito): Che vuò ascì… teh, vide ccà… ziemo sta a Napole… io comme faccio…
ALFREDO: Tu pazzie?
FELICE: Seh pazzeo. (Stordito.) No, io me ne vaco… io me ne vaco… e comme sposo cchiù… no, io me ne fujo. (Voce di d. di Crescenzo.) Felicissima notte.
ALFREDO: Lui!
FELICE: Colui!

SCENA DECIMA

Crescenzo e detti.

CRESCENZO (carico di fardelli, sulla soglia): Guè, Feliciè… e che diavolo nun me viene manco abbraccià, nun me daje nu vaso.
FELICE (abbracciandolo): Ma si, ve pare… l’amico mio Alfredo. (Presentando.)
ALFREDO: (Oggi pe me è giornata de presentazione).
CRESCENZO: Feliciè io nun saccio comme te vedo. La verità pare ca la visita mia nun t’avesse fatto piacere.
FELICE: Vuje che dicite?… anze…
CRESCENZO: Te veco tutto mbrugliato.
FELICE (più confuso): è lo tiempo!… capite lo scerocco me fa male.
ALFREDO: Sicuro, egli è un poco sofferente.
FELICE: Già… nu poco, pecché soffro… nu poco pecché vedendovi, la gioia…
ALFREDO: E stammatina questo mi diceva: zi zio nun vene zi zi nun vene… ma si venesse nun putarria parlà cchiù.
CRESCENZO (commosso): Bravo figlio!… vò dicere che tu pensave a me… era il cuore che parlava…
FELICE: Sicuro… e io nun faccio che pensà sempe a vuje. (E quanno criepe!)
CRESCENZO: Io vuleva venì a la refrescata.
FELICE (distratto): Sarria stato meglio.
ALFREDO: Sicuro!
CRESCENZO: Pecché?
FELICE: Pecché l’aria è cchiù fresca.
ALFREDO: Si sà, fa meno caldo.
CRESCENZO: Già l’aria è cchiù… e fa meno… ma primma che vene vierno…
FELICE: (Pe me è venuto.. io sto tremanno già!).
CRESCENZO: C’haje ditto?
FELICE: C’avite fatto buono.
CRESCENZO: Voglio vennerme chillo palazzotto che tengo.
FELICE: Che vulite lassà lo paese?
CRESCENZO: Montecorvino?… No… là so nato e là voglio murì.
FELICE: Facite buono.
CRESCENZO: De murì?
FELICE (distratto): Si. (Riprendendosi.) No, de nun lassà lo paese.
CRESCENZO: Mò va buono! Voglio vennerme chella casa… è umida… niente allegra, e po’ chillo giardino è nu fatto serio Felice mio, dinto a 2 anne nun aggio fatto che cinco patate e quatte mela austegne… tutto lo riesto perduto… io m’aggio ncaparrata n’ata proprietà ch’è na bellezza, ma si nun vengo chella.
FELICE (presto): Eh! Ma mò è na brutta epoca.
ALFREDO: Ccà l’affare vanno male assaje.
CRESCENZO: è giusto, pecchesto la voglio vennere. A Montecorvino nisciuno la vò pecché la sanno tutte quante… perciò spero che a Napole truvarraggio quaccheduno.
FELICE: Difficile, nce faticarrate assaje.
ALFREDO: Avrete bisogno di molto tempo.
CRESCENZO: è chesta è la difficoltà, che io dimane a sera me n’aggia j… doppo dimane nce sta consiglio alla comune.
FELICE: Vuje site ancora cunsigliere?
CRESCENZO: Si, e chi me smonta.
ALFREDO: Allora nun putite mancà… se tratta della patria.
FELICE: Io farria cose de pazzo… comme vuje mò v’avita miscà sempe… mannaggia il diavolo… ecco ccà, appena venuto ve n’avita turnà a ghì… va bene Alfrè stasera l’accumpagnammo a la stazione…
CRESCENZO: Felì… tu pecché t’ammuine… io aggia partì dimane a sera… tu pare comme si me ne vulisse mannà.
FELICE: Voi che dite?… neh Alfrè, tu mò che saje tutto… dice che io lo voglio manna… sò io che piaga tengo al cuore… uno zio tengo e addà sta lontano… ma si fosse pe me vuje avarisseve murì dinto a le braccie meje. (Fra sé.) (Mò proprio!)
CRESCENZO (piano ad Alfredo): Me vò bene?
ALFREDO (piano): Voi che dite… quello stammatina mi diceva: io si vedesse a ziemo Crescenzo sarria capace de mangiarmelo.
CRESCENZO: Nientemeno.
ALFREDO: (c.s.) Di baci.
CRESCENZO: (Buono figlio!). Felì, dunque io me ne vaco dimane.
FELICE: Dimane matina?
CRESCENZO: No, dimane a sera.
FELICE: Oh! Che felicità! (Ad Alfredo.) Vide de n’abbià.
ALFREDO: Mò nce penz’io!… ch’è stu rummore?
FELICE (che sarà andato alla porta): La famiglia de mio suocero.
CRESCENZO: La famiglia de tuo suocero… ch’haje ditto…
FELICE (confuso e tramante): Già…
ALFREDO (piano): Tu haje da murì acciso. (Mettendosi in mezzo.) E rispondi pure già… vedi che tuo zio ha preso un equivoco… chi sà cosa crede… è la famiglia Miosuocero… del Commendatore Miosuocero, un signore che lo protegge e conduce la famiglia ccà pe farle vedé li quadre de Feliciello.
CRESCENZO: Sicuro… isso è pittore…
FELICE: E il commendatore mi protegge.
ALFREDO: Nun haje ditto a zi zio che sei stato premiato dall’Associazione.
FELICE: Dei malfattori.
ALFREDO: Benefattori delle arti incoerenti…
CRESCENZO: E nun me dicive niente… vuoi dire che te staje facenno strada.
ALFREDO: Sicuro… lasciate che muoia.
CRESCENZO: Pecché?
ALFREDO: E vedete che monumento gl’innalzeranno…

SCENA UNDICESIMA

Giulio, Concetta, Errichetta e detti.

GIULIO: L’aggio truvate… stevano a li bagne…
CONCETTA (in tono di rimprovero): Giulio… e un poco di pudore.
ERRICHETTA: è giusto papà. (Parla con suo padre che volta i 2 quadri di cui s’è parlato alla scena antecedente.)
CONCETTA (abbracciando Felice): Figlio mio! (Piangendo.) Nun può credere che dolore è pe na mamma che nun tene che una figlia, una sola e… (Singhiozza.)
ALFREDO (fra sé): Le darrìa nu muorzo nfaccia.
CRESCENZO (a Felice): Chella signora pecché t’ha abbracciato?
FELICE: Soffre coi nervi… ogne tanto le vene nu tic nervoso.
GIULIO (a Felice): Stu signore è l’ato testimone. (Indica Crescenzo.)
FELICE: No, chillo è mio suocero… (Ripigliandosi.) Già, è il secondo. (Fra sé.) (Certo io moro co la palpitazione!).
GIULIO (a Crescenzo): Jate meglio coll’asma?
CRESCENZO (sbalordito): Che?
GIULIO: Curatevi, pecché la cosa non è tanto liscia. Dimane nun ve scurdate Strada di Chiaia… alle 10 e 1/2.
ALFREDO (fra sé): Nce simmo.
CRESCENZO (sorpreso): E pe fà che?
GIULIO: Uh! E chesto che significa, pel matrimonio.
CRESCENZO: Matrimonio… ma scusate quà matrimonio?
GIULIO: Vuje pare che durmite… capisco che state malato ma… comme vuje avita fà lo testimone e me domandate, quello di mia figlia.
CRESCENZO (fra sé): (Mò sta malato isso co la capa!). Dunque, io so’ testimone?
GIULIO: Quanta vote se parla. (Raggiunge la moglie e la figlia.)
CRESCENZO (ad Alfredo): Ma, scusate, chi se sposa la figlia?
FELICE (entra in mezzo, a bassa voce): Zi Crescè, ma overo vuje avite perzo la capo… nun avite manco capito che se sposa Alfredo.
ALFREDO (fra sé): (Uh! Assassino… e io mò tengo tre mugliere!).
CRESCENZO (ad Alfredo): E pecché nun me l’avite ditto chiaramente, allora accetto.
ALFREDO (c.s.): Meglio!
CRESCENZO (a Felice): Ma allora la mamma pecché ha abbracciato a te e no a isso?
FELICE: Dalle dà, vuje vulite ragiunà cu li nierve. (Ad Alfredo:) Abbraccia a mia suocera.
ALFREDO (piano): Io nfaccia te dò nu muorzo.
FELICE: Abbracciala, salvammece.
ALFREDO (abbracciando Concetta): Voi mi date il permesso?
CONCETTA: Che? (A Felice:) Pecché l’amico vuosto m’ha abbracciata?
FELICE: Soffre di tic nervoso.
CONCETTA: Io non vorrei che se n’addunasse Giulio, chillo se mette paura,., io sono ancora suscettibile.
FELICE: (A crepà!).
GIULIO: Dunque Emichè comme te pareno li quadre di D. Felice?
ERRICHETTA: Caspita! Belli assaje… e io so’ felicissima…
CRESCENZO (ad Alfredo): Pecché è felicissima?
FELICE: Pecché la pittura le piace.
ALFREDO: E poi la protegge.
GIULIO: Si, ma mò c’haje visto chello che vulive vedé… pecché saje che la sera prima del matrimonio… na sposa s’ha da cuccà priesto. (A Crescenzo:) Dunque, nun ve scurdate io conto su voi.
CRESCENZO: State sicuro.
CONCETTA (a Felice piangendo): Figlio mio… figlio mio…
CRESCENZO (ad Alfredo): N’ata vota… lo chiamma figlio mio.
ALFREDO: Per modo di dire… siccome Felice è amico mio stretto… nel dispiacere che la figlia si marita, gli dice figlio mio.
GIULIO: Dunque, signori. (Salutando.)
ERRICHETTA: Nce vedimmo dimane.
CONCETTA: Nce vedimmo dimane. (Sempre piangendo.)
FELICE: Dimane… (Me sta piccianno chille che so’ mmuorte e chille che m’ànna murì).
CONCETTA: Figlio mio… dimane. (Via con Errichetta e Giulio.)
CRESCENZO (ad Alfredo): Dunque, dimane nce nzurammo?
ALFREDO (annientato): Accussì se dice.
FELICE: è stato nu matrimonio che nun s’aspettava… l’è venuto ncuollo tutto nzieme.
ALFREDO: Sicuro, chi se l’immaginava.
CRESCENZO: Io so’ stato nzurato tre vote… la primma me fece felice, ma mi tradì… la seconda non mi tradì, ma me nfelicitaje… la terza po’ me tradì comme la primma e me nfelicitaje comme la seconna… nun ve dico chesto pecché vulesse che nun date stu passo… certo nun tengo stu deritto… ma si lo facesse nepoteme nun me vedarria cchiù, né le lassarria niente.
FELICE (fra sé): (E apparecchiate). (Forte.) Ma zi Crescè…
CRESCENZO: E cristo! Voi non siete mio zio… cioe mio nipote… e questo affare non me riguarda… io v’aggia fa solo lo testimone.
ALFREDO (gradatamente incalzando con Felice): Oh! Ma se chesto v ‘incomoda…
FELICE: Zi Crescè non c’è offesa, dicitelo francamente.
CRESCENZO: Ma che incomodo… Io nc’aggio sfizio…
ALFREDO: Capisco! Voi lo dite per cerimonia…
FELICE: Alfredo po’ truvà n’ato.
ALFREDO: Senza sacrificarve.
FELICE: Lassanno li fatte vuoste.
ALFREDO: Non abusando della vostra compiacenza.
CRESCENZO: Nossignore, io…
FELICE: Non capisco pecché avita fà stu sacrificio… dicitelo francamente. Alfredo capisce…
ALFREDO: Ma si perfettamente.
FELICE: Quanno uno nun po, nun po’…
ALFREDO: Nun se po’ pretennere…
FELICE: Chello che nun se po
ALFREDO: Sarebbe bella, obbligarvi.
FELICE: A fà na cosa contro genio.
ALFREDO: Perdendo il proprio tempo.
FELICE: E soffrenno…
CRESCENZO: Giovinò, si parlate sempe vuje, avimme fenuto. Io v’aggio ditto e ve ripeto che col più gran piacere de stu munno ve rendo questo servizio.
FELICE: Ma…
ALFREDO: Si…
CRESCENZO (seguito da Felice ed Alfredo che cercano di dissuaderlo): Mò vaco pe cierti affarucce… a proposito stasera ve porto a mangià cu me… voglio che chiudete cu me la vita da giovinotto… A rivederce, a rivederce. (Con forza.) A rivederce. (Via.)
ALFREDO: Che labirinto! Che labirinto!
FELICE: Comme se n’esce, comme se n’esce!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo
ATTO SECONDO
Salone ricco. Comune in fondo e 4 laterali. Finestra a destra. Camino con lastra di lamiera a sin. Cordone di campanello vicino al camino. Pianoforte. Orologio. Tavolo con tappeto. Mobili diversi. Canapè a sin. Alla finestra gabbia con uccello.

SCENA PRIMA

Francesca, Peppino, Giulio, poi Concetta.

GIULIO (in abito nero, calzone molto stretto, frak molto largo, orologio. A Francesca): E famme sta nocca a sta scolla che nun me trovo, cancaro è tardi.
FRANCESCA: Eccome ccà.
GIULIO: Ah! Che tu m’affoche.
FRANCESCA: Nun l’aggio fatto apposta.
CONCETTA (dalla prima a d. in accappatoio): Ah! Giulio mio, Giulio mio!
FRANCESCA: (Chesta comm’è afflettiva!).
GIULIO: Che d’è neh Concè?
CONCETTA (singhiozzando): Dunque ogge?
GIULIO (commosso): Già, ogge…
CONCETTA: Povera figlia mia!
GIULIO (prima la guarda, poi piangendo anche lui): Povera figlia nosta!
FRANCESCA: (Chiste che guaje so’!).
CONCETTA (cambia tono): Ma stu cazone te sta stritto…
GIULIO: Nu poco, ma nun fa niente.
CONCETTA: Faje che la farrà felice?
GIULIO: Oh! Ne so’ quase certo.
CONCETTA (piangendo): Ah! Io fernarraggio de chiagnere sulo co la morte!
FRANCESCA: (Allora dimane me ne vaco).
GIULIO: (E io faccio na vicchiaia allegra si le dura stu pensiero).
FRANCESCA: Ma, scusate signò, se risponno: nun v’affliggite tanto, certamente vuje pure ve site mmaretata e nun site morta.
GIULIO: E dice buono, tu nun sì morta.
CONCETTA: Che nc’aveva che fà, io sono stata una donna forte… (C.s.) Nun te calà troppo pecché è proprio stritto.
GIULIO (sbalordito): Che cosa?… Ah! Lo cazone… no, no… quanno aggia salutà, saluto co la capa… mò vatte a vestì… asciuttete l’uocchie…
CONCETTA: No, le voglio parlà apprimmo… le voglio dà gli ultimi miei consigli.
GIULIO: è giusto… l’avimma dà gli ultimi nostri consigli. (A Peppino:) Dì ad Errichetta che venesse ccà.
PEPPINO: Vaco. (Via prima a d.)
CONCETTA: Tu t’haje preparato quacche cosa?
GIULIO: No, ma l’aggio accattato nu libro che m’ha proposto n’amico mio; che ne po’ fà profitto. Fisiologia del matrimonio. (Cacciandolo.)
CONCETTA: Si, ma nun tene tiempo de se lo studià primma.
GIULIO: Primma de quanno?
CONCETTA: Primma de stasera.
GIULIO: Zitto, eccola ccà.

SCENA SECONDA

Errichetta e detti.

CONCETTA: (La vì ccà la vittima!).
GIULIO: Viene ccà figlia mia, abbraccia papà. (Errichetta è uscita in toletta da sposa, l’abbraccia.) Abbraccia mammà. (Errichetta esegue.)
CONCETTA (siede sul canapè): Mò figlia mia sienteme buono.
ERRICHETTA (siedendo): Sì mammà.
GIULIO: Siente buono a mammà.
ERRICHETTA: Sì papà!
CONCETTA: Tu mò te marite?
ERRICHETTA (allegra): Sì, mammà!
CONCETTA: Tu puverella nun saje che d’è lo marito?
ERRICHETTA (abbassa gli occhi): Me lo figuro…
GIULIO: Quanno se lo figura va buono.
CONCETTA: Nun se ne po’fa maje n’idea esatta… nu marito, nun è na mamma figlia mia.
GIULIO: E nun è manco nu padre.
ERRICHETTA: Certo che no.
CONCETTA: Lo marito è… marito… è nu padrone c’haje obbedì. (Sempre con imbarazzo crescente.) Feliciello per esempio vularrà. (Cambia tono.) Trasenno dinta a la casa tu avascia l’uocchie. (Ripigliando.) Feliciello vularrà forse… (Cangiando.) Saluta tutte quante cu nu pizzo a riso. (Ripigliando.) Felice vò… (Cangiando e sorridendo.) Accussì… (Ripigliando:) Felice vularrà… cierti cose che tutto sommato… è in diritto di volere… tu figlia mia… nzerra l’uocchie e fà la volontà de lo Cielo… e si quacche cosa nun lo vuò fà pe isso… fallo pe me…
ERRICHETTA: Sì, mammà.
CONCETTA (intenerendosi): Amalo quanto cchiù può… nun lo fà troppo fumà… e cura i suoi figli…
ERRICHETTA (subito): Che! Felice tene li figli.
CONCETTA: No, ma si faje chello che vò isso… Siente a pateto mò…
GIULIO: Figlia mia, io nun parlo mai troppo… ma… troppo stritto…
CONCETTA: Allora la fibbia…
GIULIO: Chesto voglio fà… (Ad Errichetta:) Aiuteme nu poco…
CONCETTA: Nonsignore, mò faccio io. (Piano:) So’ cose che chella nnucentella nun l’ha da fà.
GIULIO: (Cuncè, chella a n’ata ora è pure maretata. Va buono). (Ad Errichetta:) Errichè, quanno io me spusaje a mammeta, essa…
CONCETTA: Chiuveva…
GIULIO: Chiuveva… che me faje dicere? Essa me mparaje tanta cose che io nun sapeva.
CONCETTA (saltando) Che?
GIULIO (ripigliandosi): Cioè, io le imparaje a essa… fà tu pure accussi… mparete priesto chello che dice mariteto e sarraje felice, e si pe combinazione nun la sarraje me lo faje sapé… (Aggio sudato!)
ERRICHETTA (abbracciandolo): Sì, papà.
GIULIO E CONCETTA (abbracciandola e singhiozzando): Nce lo farraje sapé.

SCENA TERZA

Felice e detti.

FELICE (nell’uscire): Embè, la purzione mia?
CONCETTA: (Ecco il carnefice!).
FELICE: Almeno credo che m’attocca nu bacio su quella mano. (Esegue.)
CONCETTA: Ma vuje le spurcate lo guanto.
FELICE: Mammà si vuje vulite penzà che se sporca…
GIULIO: Eppoi, quando i baci sono puri, non macchiano.
FELICE: Comme staje bella Errichetta mia, me pare na rosa annascosta fra la neve.
CONCETTA (entusiasta): Bravo! Che bella parola! (A Giulio:) Tu per esempio chesto a me nun me lo diciste.
GIULIO: No, pecché nun me parive na rosa dinta a la neve.
CONCETTA: Sciù, nun era pur’io bella e fresca.
GIULIO: Nun me n’addunaje.
CONCETTA (scoppiando in pianto): Assassino… vile… m’insulta il giorno che sposa mia figlia.
FELICE E ERRICHETTA: Ch’è stato?
CONCETTA (sempre piangendo): Pateto m’ha ditto che quann’io spusaje nun era fresca.
FELICE (in tono di rimprovero): Oh! Papà… papà… che andate ricordando.
GIULIO (trasportandosi): Ma io vuleva dì che non era na bellezza straordinaria, per esempio… comme che saccio… na Messalina, na Frine…
CONCETTA: (Messalina e Frine…).
ERRICHETTA: Va bene allora… va mammà vatte a vestì.
FELICE: Sì, facite priesto pecché è tarde.
CONCETTA: Avite ragione.
GIULIO: Vuò a me?
CONCETTA: No… (Ripigliandosi:) Si, si no chi me mette li stivalette?
GIULIO: Li stivalette?
CONCETTA: Saje che io sola nun me li pozzo mettere. Errichè viene t’apponto lo velò.
ERRICHETTA: Mammà e lasseme nu poco cu Felice.
FELICE: Eh! Sicuro nc’avimma dì tanta cose… pare ch’è regolare…
CONCETTA: Ma nun te’ sciupà lo vestito… (A Felice:) Facitela felice.
FELICE: Nun dubitate, contenterò voi e lei.
CONCETTA (a Giulio): Viene.
GIULIO: Eccome ccà.
CONCETTA (nell’uscire, fra sé): Messalina e Frine… so’ doje… Oh! E troppo! (Via prima a sinistra poi di dentro.)
FELICE (a Giulio): A proposito, sapite che è arrivato zi Crescenzo.
GIULIO: Chi, chillo che s’è nzurato tre vote.
FELICE: Sicuro… è chillo signore che aiere…
CONCETTA (di d.): Giulio…
GIULIO: Va bene, presentatemmillo subito. (Via.)
ERRICHETTA: Oh! Finalmente m’hanno lassate sola. D. Felì, nuje avimma parlà nu poco.
FELICE: Me pare, è chesto che vaco truvanno, parlà cu te a solo a solo.
ERRICHETTA (d’un colpo): Vuje mò, doppo che simme spusate che vulite da me.
FELICE: Eh! (Pausa.) Non ho capito bene.
ERRICHETTA: Doppo che simme spusate che vulite?… che pretennite?
FELICE: Ma…
ERRICHETTA: No, no, parlate chiaro… mammà m’ha ditto: che il marito è nu padrone che s’adda obbedì. Dunque, io voglio sapé subito, subito chello che mi comanderete.
FELICE: Ma accussì priesto…
ERRICHETTA: Se capisce… perché si se tratta de fatiche leggiere, va bene… ma si sò pesante…
FELICE: Ma che pesante, so’ cose leggiere.
ERRICHETTA: Francamente, si è accussì bene, si no scumbinammo.
FELICE: Ma Errichetta mia…
ERRICHETTA: N’ommo quanno se sposa na figliola sta coll’idea che chella sapesse quanto ha da sapé na mugliera, e questo è io sbaglio. Mettite una comme a me ch’è stata 5 anne ncolleggio, addò se mpara tutto, fuorché chesto, esce riguardo al matrimonio cchiù ciuccia de chello ch’è trasuta.
FELICE: E ve mpar’io, non temete… vuje per esempio ve credite che chesta sia na colpa e pe me invece è na virtù.

SCENA QUARTA

Alfredo, poi Giulio e detti, poi Concetta di dentro.

ALFREDO (in fondo): è permesso?
FELICE: Trase, trase Alfrè.
ERRICHETTA (saluta Alfredo): Oh! Signore…
ALFREDO: Ho voluto essere il primo a presentarvi i miei auguri.
ERRICHETTA: Voi mi mortificate.
ALFREDO: Mi dispiace se vi ho disturbato.
FELICE: Tu nun disturbe maje.
ERRICHETTA: Nuje stevano chiarenno cierti cose.
GIULIO: Errichè, mammà t’aspetta. (Ad Alfredo:) Ah! Voi state qua?
ERRICHETTA: Io vado. Signori. (Saluta e via a destra.)
GIULIO (asciugandosi la fronte): Ouffa! E che caudo… sto tutto sudato…
ALFREDO: C’avite curruto?
GIULIO: No, aggio posto li stivalette a muglierema… è n’affare serio amici miei.
ALFREDO (meravigliato): Comme vuje?
FELICE: Eh, papà è il modello dei mariti.
GIULIO: E poi non ve meravigliate, chiste so’ servizie che io a muglierema li faccio sulo nelle grandi occasioni.
ALFREDO: I giorni de festa? (Ridendo.)
GIULIO: Già, i giorni di… ma a proposito… e vostra moglie?
FELICE (fra sé): Lo bì… mò accumminciammo.
ALFREDO (dimenticandosi): Quale?
GIULIO: Comme quale?
ALFREDO (si riprende): Uh! Scusate… (Fra sé.) (Simmo da capo.) Volete parlà di Teresina… non era pronta… aggio ditto mò m’avvio, tu viene doppo.
GIULIO: Bona figlia! Muglierema na cosa de chesta nun la permettarria.
ALFREDO: Chello che ve prego, nun le dicite che m’è moglie, pecché chella ve dice: che nun è overo.
GIULIO: Oh! Ve pare… ma vurria sapé comme stu matrimonio segreto…
FELICE (subito): Uh! E chesta è na storia longa…
ALFREDO: Molto longa!… subito che nce sta nu poco de tiempo ve la conto.
CONCETTA: Giulio…
FELICE: Mammà ve vo…
CONCETTA (d.d.): Giulio, Giulio, Giulio…
ALFREDO: Va di fretta…
GIULIO (forte): Mò… Mò… (Ad Alfredo:) Doppo lo spusalizio se ne parla. (Via.)
FELICE (dopo osservato che nessuno li sente): Dunque! Haje pensato a quacche cosa?
ALFREDO: Si, ma il forte sta a nun mbrugliarce… sienteme buono e nun fa bestialità: Primma de tutto, tuo suocero me crede marito a Teresina; zio Alfonso me crede marito de Matilde la figlia de la guardaporta, D. Crescenzo zieto po’, sta coll’idea che io sposo ogge a Errichetta… insomma io tengo tre mugliere senza tenerne nisciuna.
FELICE: No, una te l’aggio levata da tuorno… pecché stammatina aggio scritto a Teresina ca lo matremmonio se faceva ogge a otto.
ALFREDO: Tu che m’haje cumbinato… io aggio ditto a tuo suocero che chella mò, veneva.
FELICE: E vedimmo d’accuncià. Pe mò chello che preme è de nun fà addunà a ziemo che songo io che sposo ogge.
ALFREDO: A chesto nc’aggio pensato io… nun nce vene manco.
FELICE: Comme si mò se steva vestenno pe venì?
ALFREDO: Zitto! Stupido, nun nce venarrà… Quanno so’ venuto n’ora fa a casa vosta che ve stiveve pigliannno…
FELICE: Lo latte.
ALFREDO: E me n’haje offerto pure nu bicchiere…
FELICE: Sicuro…
ALFREDO Embè, io a uocchio a uocchio dinto a nu bicchiere nc’aggio posto na bella cartuscella d’oppio e po’ l’aggio presentato a zieto.
FELICE: Tu vaje nu puzzo de doppie… Oh! ma nun s’avessa scetà cchiù?
ALFREDO: Che… al massimo po’ durmì fino alle 9, alle 10 di stasera; a chell’ora sarrà finito tutto e nuje simme salve… nun avimmo…
FELICE: Da fà ato, che accompagnarlo a la stazione. Tu te meratarrisse na statua.
ALFREDO: Chello che me premeva era chesto…. pe l’ate cu nu poco d’attenzione li tenimmo pede.

SCENA QUINTA

Teresina e detti.

TERESINA (in gran toletta): Guè, vuje state ccà?
FELICE: Teresina… (Ad Alfredo:) Dunque la lettera nun l’avuta.
ALFREDO: Ma pe chì nce l’haje mannata?
FELICE: Pe la posta… la mpustaje ajersera… Napole pe Napole.
ALFREDO: Napole pe Napole… si nun passano tre ghjuorne nun l’have.
TERESINA: Neh, giovinò, che d’è nun me dicite niente? L’aggio fatto tarde?
ALFREDO: No, anze.
FELICE: (La vularria affugà).
TERESINA: No, pecché nun voglio perdere la colezione.
FELICE: Ma nc’è tiempo.
TERESINA: Meglio, veco pure lo matrimmonio. (Ad Alfredo:) Nun aggio visto ancora nisciuno.
FELICE (ad Alfredo): Vide de ne la fà j.
ALFREDO: Mò veco. (Voce di Giulio di d.)
FELICE: Mio suocero!

SCENA SESTA

Giulio e detti.

GIULIO: Guè Felì, io mò vengo. (Affarato, vede Teresina.) Come, signora, vuje state ccà. (Ai 2.) E nun m’avite ditto niente.
TERESINA: No, so’ stata io che nun v’aggio vuluto fà disturbà.
GIULIO: Ma che! Vuje nun facite che piacere… ma scusate io calo nu mumento aggia j a comprà cierti guante a muglierema, s’è ghiuto a mettere li suoje e l’ha stracciate.
FELICE: Allora mò nce vaco io.
GIULIO: Me farrisse piacere, bianche, lunghe, de pelle de capretto, a 6 bottoni… numero 8
TERESINA (fra sé): (Chisto è pede nun è mano).
FELICE: 8 … Va bene. (Via pel fondo.)
GIULIO: Pigliate na carruzzella faje cchiù priesto.
ALFREDO: (Mò m’ha lassato sulo!). Francamente, se io pure pozzo farve quacche cosa.
GIULIO: Sicuro! Vuje m’avita fà lo piacere de scrivere li nomme de l’invitate ncoppa a sti piezze de carta, pe metterle dinto a li salviette.
TERESINA: Bravo! Nun ve scurdate lo mio. (Sottovoce ad Alfredo.)
GIULIO (dandogli un’altra carta): Chesta è la nota. (Mostrando la porta a sin.). Jatevenne dinto a lo gabinetto mio, là state quieto, quieto… la signora l’accompagno io dinto a lo salotto e fernesco de preparà.
ALFREDO: (Mò vò restà sulo cu Teresina… e si a chella le scappa quacche parola da la vocca). (Fa dei segni a Teresina di tacere e via prima a sin.)
GIULIO (andando verso la seconda a d.): Vuje, signò, trasite ccà… mo ve manno a muglierema. (A mezza voce:) Nun avite paura… nun sape niente… io nun l’aggio ditto manco na parola.
TERESINA: De lo matrimmonio mio? (Alfredo apre piano la porta ed ascolta.)
GIULIO: (Chesta m’apre lo discorso essa stessa… putesse appurà).
TERESINA: Dunque voi sapete?
GIULIO: Saccio tutte cose.
TERESINA: E che me dicete?
GIULIO: Io non ho il diritto di giudicare.
TERESINA: Allora io conto pure su voi… se sentite de parlà de quacche cosa… vuje tenite tanta conoscenze…
GIULIO: Ve pare, subito v’avviso.
TERESINA: Io ve ringrazio assaje.
GIULIO: Non c’è di che.
TERESINA: (Meno male… spero che priesto me pozzo maretà pur’io). (Via seconda a d.).
ALFREDO: (Meno male!). (Ed entra.)

SCENA SETTIMA

Peppino, Alfonso, Ludovico, Emma e detti.

GIULIO: Stu matrimmonio certo è nu mistero.
PEPPINO (dalfondo): Signò, nce sta gente fora.
GIULIO: E falle trasì.
PEPPINO: Va bene. (Fa passare Alfonso, Ludovico e Errichetta, indi via.)
GIULIO (salutando): Signori… (Chi saranno chiste?)
ALFONSO: Il signor Giulio site vuje?
GIULIO: A servirvi.
ALFONSO: Me dispiace che nun nce sta nepoteme pe me presentà.
GIULIO: (Ah! Chisto è lo zio Crescenzo). Nun ve pigliate collera, quantunque nun v’aggio maje visto, vi conosco da molto, lo nepote vuosto me parla sempe de vuje. Ma sedete.
LUDOVICO: Yes! (Ludovico ed Errichetta seduti vicino restano immobili fino alla fine della scena.)
EMMA: (Sedere). (Cerca nel dizionario.)
GIULIO: (N’inglese!).
ALFONSO: Vuje po’ avita capì che si avimmo lassato fatiche e divertimenti ed avimmo fatto nu viaggio accussì luongo, nun è stato pe perdere lo tiempo…
GIULIO: Già vostro nipote m’aveva ditto che nun sarrisseve venuto.
ALFONSO: Già, pecché io teneva da paricchio la ntenzione de nzurarlo ed era venuto pecchesto… ma arrivando aggio saputo ch’era troppo tarde…
GIULIO: Sicuro.
ALFONSO: La verità me so’ pigliato nu poco collera… non pecché avessa dicere quacche cosa sul conto de la sposa, ma chello che nun me pare chiaro è l’affare de la testa de scigna.
GIULIO: (Che parlasse de me?).
ALFONSO: Diciteme na cosa… fra nuje uomini di mondo, se po’ parlà chiaro… in confidenza de la mamma che se ne dice…
GIULIO: Ma…
ALFONSO: Vuje che la cunuscite putite dirme quacche cosa.
GIULIO: Ma è na brava persona… terrà quacche difettuccio, comme all’ate… ma non c’è nulla de serio. (Io nun capisco… chisto è abbastanza indelicato… per non dire ineducato).
ALFONSO: Neh, scusate la mia curiosità… ma capite che il matrimonio è una cosa seria.
GIULIO: Sicuro… e po’ quann’uno s’è nzurato tre vote ne capisce quacche cosa.
ALFONSO: (Tre vote nzurato! Caspita!).
GIULIO: Specialmente quanno po’ la primma v’ha ingannato, la seconda vi ha infelicitato, e la terza ha fatto l’uno e l’ato.
ALFONSO (gli stringe la mano): è brutto per un uomo, è brutto!
GIULIO: Sicuro, è brutto. Ma per fortuna non tutte li femmene la pensano de na manera, e io posso assicurarve che mia figlia…
ALFONSO: Ah! Già la sposa!… ma a chi è figlia?
GIULIO: (Ma chisto m’insulta!). (Un po’ marcato.) è figlia a me.
ALFONSO: Ma alla prima… pecché capite con le altre due…
GIULIO: Io non capisco.
ALFONSO: A quali delle tre mogli voglio dire.
GIULIO: Io una mugliera aggio avuto.
ALFONSO: Una alla volta, se sà… ma vuje stesso poco fa avite ditto che n’avite avuto tre.
GIULIO: Io… scusate vuje ve site nzurato tre vote.
ALFONSO: Io… ma io nun so’ stato maje nzurato.
GIULIO: Ma vuje site lo zio de Felice?
ALFONSO: Gnernò… io appena songo lo testimone.
GIULIO: Il secondo testimone?
ALFONSO: Il secondo testimone.
EMMA (s’alza in mezzo ai due): Sedere… riposare posando le natiche su qualche cosa.
GIULIO: Comme avite ditto?
ALFONSO: No, chella capite quanno sente na parola che non capisce, va a vedé dinto a lo dizionario.
EMMA: Sicuro… vedere… natiche. (Corre a sedere e cerca c.s.).
GIULIO: Io v’aveva pigliato pe lo zio Crescenzo… scusate… e… (Cambia tono.) Comme jate coll’asma?
ALFONSO (stordito): L’asma… io nun l’aggio maje sofferto.
GIULIO: Come non avite… e vuje site… io non capisco cchiù, mò perdo la capa. ( Vede Alfonso.) Oh! Venite ccà D. Alfrè aiutateme, pecché io nun me trovo cchiù.

SCENA OTTAVA

Alfredo e detti.

ALFREDO: (Ahi, ahi, zi zio!) (A Giulio.) Ch’è stato? (Ad Alfonso.) Buongiorno zi zì… signori. (A Ludovico ed Emma.)
GIULIO: Comme stu signore v’è zio.
ALFREDO: Sicuro!
LUDOVICO: Yes!
ALFONSO: Arrivato dal Canadà col suo amico Ludovico ed Emma sua figlia.
GIULIO: Tanto piacere dell’onore che volete darmi.
EMMA (entrando in mezzo e mostrando nel dizionario): Natiche… prominenze.. non capire bene.
ALFREDO (ad Emma): Ve lo spiegherò domani. (Mannaggia pateto!)
EMMA: Vedere da me… prominenze… (Cerca.)
ALFREDO: Zi zio, arrivò ieri, giusto quanno Felice sapette che il suo secondo testimone nun puteva venì.
GIULIO: Ah! Dunque a isso venette l’asma.
ALFREDO: Sicuro, a lui sopravvenne.
ALFONSO: E D. Felice me dette i comandi di rimpiazzarlo.
GIULIO: Rimpiazzà a isso.
ALFONSO: No, lo testimone che manca.
GIULIO (salendo la scena): Mò aggio capito.
ALFONSO (ad Alfredo): Addò sta Matilde? (Alzando la voce:) Mugliereta addò sta?
GIULIO (scendendo): Sta llà, vulite ca la chiammo?
ALFREDO (dimenticandosi): No, nun è chella. (Ripigliandosi.) Ma non vale la pena che ve disturbate… chella mò vene. (Vide si veneno Rachele e la figlia!).
EMMA (con un grido): Trovato!… prominenza… parte più elevata.
ALFREDO: Sicuro… (Saltando.) (Io abbruscio a essa e lo dizionario!)

SCENA NONA

Rachele, Matilde, poi Teresina e detti.

RACHELE (in fondo): Da ccà, da ccà Matì.
GIULIO (fra sé: La guardàporta… (Basso ad Alfredo.) Felice ha invitato la guardaporta?
ALFREDO: Sicuramente! Voi sapete che la figlia minaccia di diventare una gran tragica… doppo la colazione reciterà una mia debolezza.
GIULIO: Una cosa vostra?… bravo!
RACHELE (in toletta ridicola): Salute a tutta la società!
GIULIO: Io so’ contento che mio genero ha avuto la bella idea d’invitarve.
RACHELE: E io pure.
ALFONSO (a Matilde): Vuje overo site cara, e Alfredo nepoteme overo sarrà felice.
MATILDE (inchinandosi): Voi mi mortificate… (Pecché m’ha ditto chesto).
RACHELE (ad Alfonso a mezza voce): Quanno ne vulimmo parlà?
ALFONSO (c.s.): De che?
RACHELE: De la capa de scigna.
ALFONSO: Cchiù tarde; mò nnanze a la gente…
GIULIO (guardando l’orologio): Nce simmo… io aggia preparà?
TERESINA: Scusate, D. Giù, io me secco sola.
GIULIO: Comme, sola… D. Alfrè… accompagnate sti signore dinto a lo salotto fanno nu poco compagnia alla vostra.
ALFREDO (interrompendo): Va bene, va bene… da qua… da qua… (Le donne si dirigono a d.)
GIULIO (interrompendo): E voi signori da qua, jatevenne dinta a la stanza de pranzo, là nce stanno pure li sigare. (Indica seconda a sinistra.)
LUDOVICO: Yes! (Gli uomini si dirigono a quella parte.)
RACHELE (innanzi, mostrando Alfonso a sua figlia): Matì… tu lo vide chillo?… io credo che l’aggio truvato.
MATILDE: Che cosa?
RACHELE: La capa de scigna.
MATILDE: Papà.
ALFREDO (che aspetta con Emma e Teresina): Mamma Rachè…
RACHELE: Vengo, vengo. (Correndo.)
ALFREDO (a Matilde mentre passa): Vuje site na stella.
MATILDE (entrando): (Me vò bene, me vò bene!). (Alfredo la segue.)
GIULIO (che avrà parlato sulla porta con Ludovico ed Alfonso): Nun dubitate ve ne faccio avvisà. (I 2 viano.)

SCENA DECIMA

Concetta e detto.

CONCETTA (esce dalla prima a d. in gran toletta): E accussì sti guante?
GIULIO: è ghiuto Feliciello accattarle…
CONCETTA: Benissimo! Allora mentre vene, dimme addò haje cunnusciuto sti doje femmene.
GIULIO: Io! Quà femmene…
CONCETTA: Nun accumincià a stunarte, nun te mbruglià abbi almeno il coraggio della colpa. (Tragica.)
GIULIO: Uh! Mamma mia… Concè… tu avissa ascì pazza.
CONCETTA: No, non so’ pazza… non obbligare o vecchio licenzioso le pudiche labbra della tua Concettella, della leggittima tua sposa a pronunziare i nomi delle tue innammorate…
GIULIO: Quà nnammurate?
CONCETTA: Ah! Tu fingi di non capire… vile… ebbene te le nominerò io!… Messalina e Frine.
GIULIO (scoppiando dal ridere e gettandosi sulla poltrona contorcendosi): Uh!… uh…
CONCETTA: Non ridere, sciagurato!
GIULIO: Io nun sto redenno, sto crepanno… ah, ah, ah… ma comme tu hai creduto… ah, ah, ah!
CONCETTA: Mena vide e si attocca dì che t’erano sore.
GIULIO: No, quà sore… nun saria certo na gloria pe me… chell’erano…. Ah… ah!…
CONCETTA: Chi erano per Bacco! (Tremenda.)
GIULIO: Una era romana e l’altra greca, due donne che sono già passate alla storia da secoli.
CONCETTA: Da secoli… dunque non esistono.
GIULIO: Manco la cennere credo che nce sta.
CONCETTA (mortificata): Scusami Giulietto mio… mi pareva impossibile che tu avessi potuto tradire la tua Concettina.
GIULIO: (Mò accummencia n’ata storia!). Ma ti pare, e non ti bastano tanti anni di fedeltà.
CONCETTA: Haje ragione, tesoro mio… ma che vuò, io po’ de storia nun ne saccio troppo.
GIULIO: E liegge bella mia… liegge… se no tu puoi pigliare spesso asso pe fìura.
CONCETTA: Ma poi basta che parli tu io subito mi rassicuro… abbraccia dunque la tua sposina.
GIULIO: Io mò nun t’avarria abbraccià.
CONCETTA: Abbracciami mostricino.
GIULIO: (Certo vene nu ciclone). Ecco qua.

SCENA UNDICESIMA

Crescenzo, poi Alfredo e detti.

CRESCENZO (entra nel momento che s’abbracciano) Salute.
GIULIO: Grazie. (Ah! Il secondo testimone.) Comme site vuje?… mi fa piacere, ma noi non ce contavemo proprio cchiù.
CRESCENZO: Aggio tardato nu poco.
GIULIO: No, ma siccome site stato attaccato n’ata vota, avimmo ditto nun ce venarrà cchiù a v’abbiamo rimpiazzato. Eh! Vuje v’avita cura.
CRESCENZO (sbalordito): So’ stato attaccato… m’aggia curà…
GIULIO: Sicuro, pecché chesta è na malattia curiosa, fa sempe lo lassa e piglia.
CRESCENZO: Ma chi sta malato?
GIULIO: Vuje! Caspita, l’asma la pigliate pe na pazzia?
CONCETTA: è na brutta cosa, se soffre assaje.
GIULIO: Io perdette n’amico proprio giovine.
CRESCENZO: Scusate, ma io grazie al Cielo, nun soffro d’asma.
GIULIO: (Mò accuminciammo n’ata vota). Site vuje che ieri stavate da Feliciello e aviveva fà lo secondo testimone.
CRESCENZO: Precisamente.
GIULIO: E ve chiammate?
CRESCENZO: Crescenzo.
GIULIO (saltando): Voi dunque siete lo zio!
CRESCENZO: Io songo lo zio!
GIULIO: Allora, scusate… assettateve… ma Felice pecché nun me ve presentaje.
CRESCENZO: L’avita perdonà… io arrivaje all’improvviso, isso proprio nun m’aspettava…
CONCETTA: è stata proprio na sorpresa che nc’ha fatto piacere.
CRESCENZO: Siccome me voglio vendere una proprietà a Montecorvino, so’ venuto pe farlo annunzià dai giornali.
GIULIO: Uh! Guardate la combinazione… Concè, comme te pare?
CONCETTA: Pe me so’ indifferente.
GIULIO: Io tengo ntenzione na volta maritata mia figlia de ritirarmi in paese.
CRESCENZO: E quale più bella occasione allora, cornpratevella vuje… prezzo dolce… 30 mila lire… un piano matto 4 camere, primo piano 5 camere, cantina, stalla e rimessa, giardino fruttifero, fontana, 10 minuti lontano dalla stazione… paese allegro, nun nce manca niente… fino a lo campusanto è na bellezza, nel suo piccolo è bello assaje… fa venì lo gulio li murì… là aggio atterrato de tre mugliere mieje… aspettate ve voglio descrivervi la posizione.
ALFREDO (dalla seconda a d.): D. Crescenzo! (Rientra.)
CRESCENZO (accompagna le parole con le azioni): Chesta è la porta d’entrata, che occorrendo serve pure p’ascì… ma ce ne sta n’ata addietro.

SCENA DODICESIMA

Felice e detti.

FELICE (in fondo): Zi zio!
CRESCENZO: Ah! Staje ccà!
CONCETTA: E sti guante?
FELICE: Già… i guanti… eccole ccà! (Li dà.)
CONCETTA: Grazie!
CRESCENZO: Ma che d’è… staje affuscato?… ch’haje!
FELICE: No… e… ve site scetato?
CRESCENZO: Me so’ scetato… caspita, io me so’ susuto quanno te sì susuto tu.
GIULIO: Ma vuje overo che saccio comme ve veco.
CONCETTA Nun sta comme a lo ssoleto.
CRESCENZO: Io l’aggio ditto…
FELICE: Che cosa curiosa… a me me pare che vuje zi Crescè nun state comme a lo solito… già state russo… l’uocchie se chiudano.
CRESCENZO (spalancando gli occhi): L’uocchie se chiudano.
FELICE: Sicuro… vuje tenite suonno… jateve a cuccà.
CRESCENZO: Comme mò.
FELICE (subito): No, nun ve forzo… ma io dico che quanno uno nun è avvezzato a la vita de Napole… (Io sta jurnata moro!).
GIULIO: Certo quacche cosa v’è succieso D. Felì.
FELICE: No, che succedere… sto nu poco sudato… pe truvà chilli guante aggio curruto… 18 nisciuno li teneva.
CONCETTA: C’avite fatto?
GIULIO: Io v’aggio ditto 8
FELICE: Sicuro 8… e quanto ho detto?… Ho sbagliato… e po’ la gioia de vedé a zi Crescenzo… Parliamo d’altro…
CONCETTA (a Crescenzo): Quanto ve vò bene.
CRESCENZO: Nun me n’ha voluto maje tanto.
FELICE: Oh!
CRESCENZO: Chisto è stato nu cattivo soggetto.
GIULIO: Se sà è giovine.
CONCETTA: Ma po’ se capisce che pigliando moglie…
CRESCENZO: E chi vulite che l’affida na figlia… parola d’onore è tanto capace de fà lo marito chisto, quanto io l’imperatore della Cina.
FELICE: Zio, voi offendete le mie qualità fisiche e morali.
CRESCENZO: Io te saccio.
FELICE: Ah, ah, ma comme sempe pazzariello… nun lo date retta, me lo fa sempe… mannaggia l’arma del diavolo… chillo mò guardate comme sape fingere… e spassate sà vicchiariè… spassate.. abballammo là ra la ra. (Ballando e cantando fra sé.) Facite venì lo carrettone.
CONCETTA (imitandolo): La ra la ra.
FELICE: La ra la ra…
FELICE: Ma a proposito, vuje sapite ch’è tarde… mò vene lo vice sindaco e nun cunvene de farlo aspettà, doppo che s’è fatto na mbroglia. (Fragandosi le mani.) Jammo ohp là ohp là.
CONCETTA: Io voglio sape…
FELICE (la spinge a d.): Jate mò, nun perdite cchiù tiempo… vuje v’avita mettere ancora li guante e p’appuntà 12 bottoni nce vò tiempo… jate, iate.
GIULIO: Mò nce l’appont’io.
FELICE (sempre spingendoli): E nun perdite tiempo… jate, jate.
CONCETTA: Ma giurate…
GIULIO: Sicuro giurate…
FELICE: Tutto quello che volete, ma nun perdite tiempo… fate priesto… jate… jate… (Io mò crepo, io mò crepo). (I 2 viano prima a d.). Zì Crescè trasite ccà… putite durmì nu poco. (Ripigliandosi.) Si no ve fumate nu sigàrio.
CRESCENZO: Ma no… saje che aggio vennuto a la casa.
FELICE (indjfferente): Me fa piacere.
CRESCENZO: Se l’accatta D. Giulio.
FELICE (saltando): D. Giulio!
CRESCENZO: Si… ma pare che te dispiace?
FELICE: No… io aggio ditto che me fa piacere. (Chesto sulo nce mancava.)
CRESCENZO: A proposito, che te ne faje doppo a lo spusalizio.
FELICE: Niente!… proprio niente.
CRESCENZO Embè aggio pensato de purtarte cu me a Montecorvino… siccome nce và quacche arrepiezzo a cchiù de na cammera, me faje lo piacere de farlo tu.
FELICE (saltando): Io!
CRESCENZO: Si, tu… capisco che pe nu pittore comme a te, sarebbe n’offesa, ma simme fra de nuje… va buono, stasera nce ne jammo.
FELICE: Ma…
CRESCENZO: Ma che.. se io me sacrifico pe te… tu quacche sacrifizio l’haje da fà… sino ognuno se tira li ponte. (Via seconda a sinistra.)

SCENA TREDICESIMA

Alfredo e detto.

FELICE: Mò nun me pozzo salvà cchiù… addio eredità. (Vedendo Alfredo gli si gitta fra le braccia.) Son morto!
ALFREDO: Ch’è stato?
FELICE: Tu che m’haje cumbinato?… tu che rovina m’haje fatto… zi zio sta cca.
ALFREDO (freddo): Lo saccio!
FELICE: E tu dice che l’avive dato lo sonnifero?
ALFREDO: Che vuò da me, aveva essere sfiatato.
FELICE: Comme se fa?… chillo me vò purtà cu isso a Montecorvino.
ALFREDO (sempre freddo) : Vacce.
FELICE: E comme faccio cu muglierema… la lasso sola la prima notte del matrimonio… io che figura nce faccio.
ALFREDO: Seh, nun sta. (Pausa.) Statte… oh! che idea! zieto se crede che Errichetta me la sposo io… tu spingilo che m’invitasse a passà li primme 8 giorni del matrimonio a lo paese.
FELICE: Ma D. Giulio e D.a Concetta diciarranno de no…
ALFREDO: Fa nvità pure a loro.
FELICE: Seh, nun me dispiace, tanto più che stanno in contratto pe s’accattà lo palazzo de zi Crescenzo.
ALFREDO: Benissimo.
FELICE: Mbè, ma si chiste se stregnano cchiù in amicizia, ziemo saparrà sempe che io m’aggio spusato la figlia.
ALFREDO: E nuje discrediteremo tanto la casa che D. Giulio nun s’accatta cchiù… và llà, và chiamme a zieto.
FELICE: Vaco… Alfrè parola mia nun me ne fido chiù… tengo la capa che me pesa un cantaro.
ALFREDO: A proposito, s’addà nvità pure a Teresina.
FELICE (stupefatto): Pure Teresina.
ALFREDO: E si no, tuo suocero vedenneme venì senza muglierema, pecché chillo sape che m’è mugliera, m’addimmanna.
FELICE (annientato): Già… chillo t’addimmanna… faccio nvità pure a Teresina… Mamma mia, noi stiamo in un vero laberinto. (Via seconda a sinistra.)
ALFREDO: Si, non c’è da lusingarsi… stammo proprio dinto a lo laberinto.

SCENA QUATTORDICESIMA

Emma e detto.

EMMA (esce furtivamente): Stare solo, signore…
ALFREDO: Yes…
EMMA: Saputo adesso perché mio padre condotta Napoli, vuole maritarmi con uomo qualunque. Volete maritarvi con me signore Alfredo.
ALFREDO: (Chesta me crede scapolo… no, io poi di fatto lo sono).
EMMA: Tacere vostra bocca?
ALFREDO (imbarazzato) Chesto mò è curiosa.
EMMA: Come trovate voi mia figura?
ALFREDO (prendendole il dizionario): La trovo… amabilissima. (Mostrandogli la parola nel libro.)
EMMA (senza guardare): Già capito… quanto riguardare amore donne capire in qualunque lingua… pnma cosa fatte spiegarmi mio professore state parole amorose. (Sciogliendosi i capelli.) Come trovare miei capelli?… tastare, tastare.
ALFREDO (tastandoli): Belli… lunghi… una seta…
EMMA: Tutti miei… non di parrucchiere… e miei denti… guardate.
ALFREDO: Bianchissimi.
EMMA: Non mancare nessuno… nessuno finto…
ALFREDO: Li veggo.
EMMA: Come sembrare mio petto?
ALFREDO (avanzando la mano che Emma scosta subito): Ma…
EMMA: Non sorprendere… ma contentare, non è vero.
ALFREDO: Ma si, proprio confortante!
EMMA: 18 anni, montare cavallo, ballare, pattinare, correre velocipede, schermire, nuotare, suonare, cantare, sparare… voi simpatico a me.. se io simpatica voi… sposiamo.
ALFREDO: Sicuro spos… (L’inghilterra è compromettente.)
EMMA: Lasciare tempo riflettere fino domani… se domani io non convenire… cercare altro.
ALFREDO: No, io rifletterò…
EMMA: Detto tutto… non convenire… cercare altro. (Via seconda a d.)

SCENA QUINDICESIMA

Felice e detto.

ALFREDO: La verità me verrebbe lo golio, di decidermi pe chesta. (A Felice:) Haje fatto?
FELICE (mezzo ebetito): Sì… nun saccio si ziemo ha capito buono… ma ha ditto nvita a chi vuò… appena so’ trasuto steva nvitanno a zieto e all’inglese a ghì a Montecorvino… pecché me pare che zieto se vò accattà na casa.
ALFREDO: Ha nvitato a ziemo?… Mo non c’è cchiù che fà?
FELICE: Pecché?
ALFREDO: Pecché… pecché mò s’ha da fà nvità Rachele e la figlia; tu saje che nfaccia a ziemo, Matilde passa pe muglierema… curre falle nvità.
FELICE: Lo vi ccà… io nun saccio… che me sento…
ALFREDO: Che te siènte?
FELICE: L’uocchie se vonno chiudere afforza… voglio… durmì… io dormo. (Cade sul canapè.)
ALFREDO (disperato): Maledetto il diavolo… io certo aggio sbagliato bicchiere.
FELICE (saltando): Comme io aggio bevuto chillo de ziemo…
ALFREDO: Sicuro… nun te movere, mò vado io da Peppino lo servitore… Ah! Sin’esco da tanta guaje so’ fortunato. ( Via fondo a d. poi torna.)
FELICE: No, io so’ rovinato… mo se scummoglia tutto… e io comme faccio… e si la sposa me vede durmì… e chella me ne caccia.
ALFREDO (ritorna con bottiglia): A te vive… vive… aggio dato 5 lire a Peppino e m’aggio fatto dà tutto lo cafè che teneva fatto… vive e lo riesto miettatello dinta a la sacca e ogne vota che t’avvence lo suonno vive… curre mò addò zieto fa chello che t’aggio ditto… fa moto nun t’assettà che sì muorto…
FELICE: Muorto!
ALFREDO: Suje, vide chi tene tabacco… pizzeca, pizzeca…
FELICE: Mamma mia, mamma mia! (Via.)

SCENA SEDICESIMA

Teresina, Rachele, Matilde, Emma e detto.

ALFREDO: Che laberinto! (Guardando l’orologio.) E ora! Lasseme raccumannà mò a cheste. (A seconda a d.) Signore e signorine se non vi dispiace. (Escono Teresina, Matilde, Rachele ed Emma.) Vuje avite tutto capito chello c’avita fà… per carità esattezza e segretezza.
RACHELE: Ma almeno spiegateve.
TERESINA: Dicitece.
ALFREDO: Nun ve pozzo dì niente… facite sulo chello che v’aggio ditto… (Ad Emma:) voi… qua… ed ogni volta che il…
EMMA (mettendogli la mano sulle labbra): Capito tutto.
ALFREDO: Vuje ccà. (A Matilde:) E quanno è ora…
MATILDE: Nun parlate cchiù.
ALFREDO (a Teresina): Vuje…
TERESINA: Nun nce pensate a me… basta che pensate…
ALFREDO: A trovarve marito, va bene… facite chello che v’ho detto e si nun trovo a nisciuno ve sposo. (A Rachele:) Vuje po’…
RACHELE: Io dipendo da sta signora. (Indica Teresina.)
ALFREDO: Guardate tutto a me e quanno ve faccio segno…
TUTTI: Si, si, si.

SCENA DICIASSETTESIMA

Peppino, poi Federico e detti.

PEPPINO (in fondo): Lo Vicesinneco.
ALFREDO: Peppino pure po’ fà quacche cosa… anze… Viene cca… (Gli parla a bassa voce.)
FEDERICO: Signori, vi saluto. Prego qualcuno d’avvisare le persone di famiglia, acciò subito compiremo la cerimonia del matrimonio.
PEPPINO: Vuje che dicite.
ALFREDO: (Fa la parte bona e nce stanno 5 franche pe te). Peppino avvisa dentro che qui c’è il signore.
PEPPINO: Va bene. (Entra prima a d., poi a sinistra, poi via pel fondo.)
FEDERICO: Il tavolo dovrebbe stare nel mezzo.
ALFREDO: Subito. (Piazza il tavolo nel mezzo e situa le sedie intorno. Federico mette la fascia ed il codice sul tavolo.) Va bene così?
FEDERICO: Benissimo, e grazie. (Siede.)

SCENA DICIOTTESIMA

Giulio, Concetta, Errichetta, Felice, Alfonso, Ludovico, Crescenzo e detti.

CONCETTA (piangendo): Povera figlia mia! povera figlia mia. (Abbraccia Errichetta.)
GIULIO: State buono ccà? (A Federico.)
FEDERICO: Benissimo!
CONCETTA (guardandosi i guanti): Che brutte guante, nce vaco natanno.
FELICE (ad Alfredo): (Comme facimmo mò?).
ALFREDO: (Zitto! Si la cena va comme aggio immaginato io, zieto nun saparrà chi è de nuje duje che sposa).
FEDERICO: Silenzio!
TUTTI (forte): Zitto!
FEDERICO: D. Giulio, prima di cominciare vedete se i nomi dei testimoni vanno bene, siccome l’hammo fatto cambiare più d’una volta, e…
CRESCENZO (ad Alfonso): Nce stanno tanta frutte che aggia fà puntellà i rami, si no se spezzano.
GIULIO (che avrà esaminato i nomi): Vanno bene.
FEDERICO: Aprite tutte le porte.
GIULIO: Nun ve pare che faccia troppo viento.
FEDERICO: Sono formalità. (Rachele Teresina Matilde Emma e Peppino aprono le porte.)
FELICE: (Mò vene lo mbruoglio!)
CONCETTA: Figlia mia! (Piangendo.)
FEDERICO: Silenzio!
TUTTI: Zitto!
FEDERICO: Alzatevi! (Tutti s’alzano.) Sentite gli articoli che riguardano i doveri ed i diritti dei coniugi.
GIULIO (a sua figlia): Siente buono.
CONCETTA: Povera figlia mia!
FEDERICO: Silenzio!
TUTTI: Zitto!
FEDERICO: Sedete. (Tutti seggono.)
CRESCENZO: (Chisto pare che cumanna li sercizie… susiteve, assettateve).
FEDERICO: Art. etc.: (leggendo:) «Gli sposi si devono fedeltà, soccorso ed assistenza reciproca».
CRESCENZO: Chesto lo ssaccio, me so’ nzurato tre vote. La prima mia moglie…
FEDERICO: Silenzio!
TUTTI: Zitto!
FEDERICO: «Il marito deve difendere la moglie e questa deve obbedirlo».
GIULIO (a Errichetta): Siente.
FEDERICO: «La moglie è obbligata di convivere col marito e di seguirlo nel luogo che sceglie a residenza. Il marito è obbligato darle quanto le occorre per i bisogni della vita, secondo le sue facoltà e stato. Art. 215, la moglie non può intentare giudizi senza l’autorizzazione del marito… 216 la moglie può testare senza l’autorizzazione del marito».
ALFONSO: Neh scusate, se la moglie non può intentà giudizi comme poi po’ testà.
FEDERICO: Leggo non discuto.
CRESCENZO: Serviva per sapere.
FEDERICO: Silenzio!
TUTTI: Zitto! (Crescenzo siede.)
FEDERICO: Alzatevi!
CRESCENZO: N’ata vota.
ALFREDO (fa dei segni): Uhm! uhm! (Appena Federico fa perpronunziare il nome di Felice, Emma che si sarà seduta al pianoforte dà dei colpi di forte e tutte le donne intuonano una specie d’inno. Vivano gli sposi, ma con grida assordanti.)
FEDERICO: Signor Francesco, Nicola, Felice Sciosciammocca consentite voi. (Crescenzo Alfonso Giulio e Concetta dicono quasi a caso le parole seguenti.)
CRESCENZO: Ma è priesto ancora.
ALFONSO: Ccà nun se sente niente!
GIULIO: Nun è tiempo ancora de cantà.
CONCETTA: Mamma mia chisto è n’inferno.
LUDOVICO: Yes!… yes!… yes!…
FEDERICO (continuando): A prendere per legittima moglie, la signorina Luisa, Giulia, Erichetta Franchini.
ALFREDO (spinge Felice avanti): Sì, sì… nun durmì.
FELICE: Sì, sì… (Alfredo fa segno c.s. e mentre Felice risponde le donne ripetono c.s.)
CRESCENZO, ALFREDO, GIULIO, CONCETTA: Silenzio! Silenzio!
LUDOVICO: Yes!
FEDERICO: Lo sposo ha risposto?
ALFREDO (dopo di aver fatto segno a Peppino che esce dal fondo, risponde subito): Sì, sì (a Felice), nun durmì, vive cafè… (Felice caccia la bottiglia e beve.)
FEDERICO: Abbiamo detto… Errichetta Franchini… consentite di prendere per marito e legittimo marito il Signor Francesco, Nicola, Felice Sciosciammocca…
ALFREDO (appena Felice dice: il signor fa segno d.d. Peppino getta degli urli, e Rachele Matilde Teresina Emma Con cetta gridando anch’esse: Ch’è stato? vanno incontro a Peppino): Ch’è succieso?
PEPPINO: Mamma mia! Nu sorece… comm’era gruosso… comm’era gruosso.
GIULIO: E faje sti quatte allucche pe nu sorece?
CRESCENZO: Nun sapeva ch’era succieso?
ALFONSO: Me credeva che se dava a fuoco la casa.
CONCETTA: Meno male che non c’è niente, Giulio mio, si no certo me sarria aburtita.
GIULIO: (Pazza fernesce chesta).
FEDERICO: Ma a dire il vero non ho mai assistito ad un inferno simile.
CRESCENZO: E manco io, quantunque aggio pigliato 3 mugliere… La primma…
FEDERICO: Aspetto la risposta della fidanzata.
CONCETTA: Mia figlia dice de si, si.
ERRICHETTA: Si, mammà.
FEDERICO: Dovete dire solamente si.
ERRICHETTA: Solamente si.
FEDERICO: Io dunque in nome della legge dichiaro… (Tossisce.) Se si potrebbe avere un po’ d’acqua?
GIULIO: Sicuro… Peppino.
FEDERICO: In nome della legge. (Al cenno d’Alfredo Teresina con una bacchettina non vista fa cadere la gabbia dell’uccello che fugge per la scena canticchiando, le donne l’inseguono con gran rumore, nel mentre che Emma suona forte al pianoforte ed Alfredo tira fortissimo il campanello gridando.)
ALFREDO: Acqua al signore… Peppino… acqua, acqua, acqua.
FEDERICO: Francesco, Nicola, Felice Sciosciammocca e Luisa, Giulia, Errichetta Franchini uniti in matrimonio. (Queste parole vanno dette da Federico come sempre durante la confusione.) Silenzio! Non ne posso più… Potete chiudere le porte. (Le donne che hanno aperto chiudono, meno qualla di fondo.)
ALFREDO (a Felice): (Haje visto che tutto è fatto e zieto nun ha ntiso niente).
FEDERICO: Non resta che a firmare. (Tutti corrono a firmare.)
ALFREDO: Priesto na firma. (A Felice ch’è quasi per addomentarsi:) Scetete! (Gettandogli negli occhi dell’acqua che ha portato Peppino.)
CONCETTA: (ad Alfredo): Nun saccio comme lo vedo a Felice.
ALFREDO: è commosso. (A Felice:) Và firma! Chi t’è nato!
PEPPINO (esce): Le carrozze stanno abbascio!
CONCETTA: Bravo!
CRESCENZO (ad Alfredo): Mò pare che site cuntento… site marito.
GIULIO: Jammo a la Parrocchia mò.
FEDERICO: Io vado via. (Tutti con Giulio l’accompagnano complimentandolo, gran movimento, dopo accompagnato Federico ogni uomo dà il braccio ad una donna e viano.)
ALFREDO: Cancaro! E chi aveva pensato a chesta. (In modo da essere sentito solo da Crescenzo.) Felì dà tu braccio a mia moglie per le scale… io accompagno tuo zio. (Spinge Felice e si mette al braccio Crescenzo quando tutti sono usciti, lo lascia di botto.) Un momento! Un momento! (Corre al fondo e chiude la porta a chiave, poi d.d.). Venite D. Crescè, venite.
CRESCENZO (corre e vede la porta chiusa): E comme vengo si avite chiusa la porta… Eh! Chillo se n’è ghiuto!… Pare impossibile! Nun so 5 minute ch’è spusato… già è asciuto pazzo.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo
ATTO TERZO
Cortile. A destra casa di campagna con gradini. Nel mezzo della casa di faccia una finestra praticabile difaccia al pubblico, sotto la finestra un banco, attorno alla finestra un ceppo di vite con pochissime foglie. A sin. tettoia chiusa e da ogni lato di questa, una via che conduce all’orto. In fondo muro bianco, in mezzo una griglia che dà alla campagna; sulla parte sin. del muro un pomo con spalliera. In scena presso la casa scala a due. E poco dopo l’alba.
N.B. I personaggi che entrano in questo atto sono in abito da campagna.

SCENA PRIMA

Alfonso, Ludovico e Emma.

ALFONSO (osservando): Io nun saccio, D. Crescenzo m’ha vantato tanto sta casa, ha ditto ca lo giardino se ne cadeva de frutte… io nun ne veco.
LUDOVICO: No…
EMMA: Niente bello, questo giardino, anzi brutto.
ALFONSO: Chesto invece de turreno pare cenere… e addò sta la fertilità?
EMMA: Non pensare… andiamo campagna cogliere papaveri, prendere farfalle.
LUDOVICO: Yes!
ALFONSO: Jammo… io non capisco… manco nu frutto… na pigna d’uva… Uhm! (Viano pel fondo.)

SCENA SECONDA

Crescenzo con Facchino, poi Giovanni.

CRESCENZO (dal fondo con le braccia cariche di vasi difiori e trascinando dei rami d’alberi, seguito da un facchino con grosso cesto d’uva bianca e nera e mele, pere e foglie): Posa lloco e vattenne. (Il facchino esegue e via.) Nun me fido cchiù, sto jettanno sudore. So’ aciuto primma de juorno, chi se puteva credere nvitanno tutta la compagnia che steva lo matrimonio veneva ccà… vì che bello servizio che m’ha fatto nepoteme… e lo chiù bello che stette chiù de n’ora chiuso e si nun veneva la cammarera steva ancora chiuso… appena ascette currette a la parrocchia, ma che vuò truvà… li truvaje a la stazione aieressera… almeno spero che fra tanta guaje… cu tanta gente quaccheduno s’accattarrà sta casa… Giuvanne.
GIOVANNI (dalla parte della tettoia): Signò, avite chiammato?
CRESCENZO: Porta chillo panariello cu chelli matasselle de file e fierro c’aggio purtato aissera da Napule.
GIOVANNI: Subito. (Via.)
CRESCENZO: Io aggio ditto a D. Giulio e a tutte quante co lo giardino era chino de frutte, meno male che nun m’ha visto ascì nisciuno, stanno durmenno ancora tutti quante.
GIOVANNI (con paniere): Ccà sta tutte cose.
CRESCENZO (dandogli un cestino che caccia dal paniere): Pigliate su canestiello, saglie e attacca st’uva a chella vita bada de metterla che pare overa, capisce.
GIOVANNI (montando sulla scala): (Tene ciert’idee stu signore).
CRESCENZO: Fa priesto e buono, mentre io vaco a mettere sti pere e mele.
GIOVANNI: Signò, ma scusate… pecché…
CRESCENZO: Pecché faccio chesto?… la curiosità, la vi… pecché aggio visto che nce stanno tant’aucielle che veneno dinto e povere bestie moreno de famma.
GIOVANNI: E vuje mettite li frutte pe li fà mangià ve lo dico nfaccia, vuje tenite nu bello core.
CRESCENZO: Amo lo prossimo mio!

SCENA TERZA

Felice e detti.

FELICE (sulla soglia della casa): Guè, zì Crescè che state facenno?
CRESCENZO (facendogli dei segni): Zitto! (Cambia tuono.) E accussì, comme hai durmuto?
FELICE: Seh durmì! Ve pare che se dorme la primma notte e…
CRESCENZO: De che?
FELICE: (E la primma!). La primma notte che uno cambia paese, aria… ma che state facenno?
CRESCENZO: T’aggio ditto: zitto. Sto preparanno la merconzia.
FELICE: Comme?
CRESCENZO: Nun bide che nun nce sta manco nu filo d’erba na fronna… si D. Giulio la vede accussì addio, perciò primma che se soseno… Va faticà nu poco tu pure… miette chilli rami… sta testolella…
FELICE: Seh, io tengo gusto pe sti cose. (Aiuta Crescenzo a disporre lungo la tettoia i vasi e i rami.)
CRESCENZO: Lo sposo nun s’è ancora scetato?
FELICE: Lo sposo?
CRESCENZO: Alfredo.
FELICE (rimettendosi): Ah! Si… nun saccio… si vulite vaco a vedé.
CRESCENZO: No… anze meglio che stammo sule pecché io t’aggia parlà.
GIOVANNI (sulla scala): Signò, tutta quanta l’aggia mettere?
CRESCENZO: Tutta, tutta. (A Felice:) Felì che me diciarisse se io te desse na bella notizia… na gioia insomma.
FELICE (naturalmente): Diciarria che sarria la primma.
CRESCENZO: E forse nun haje tuorto. Io aggio pensato che so’ anne che tu me scrive sempe che te vuò nzurà, io nun l’aggio maje voluto, ma la verità veco che la mia negativa te fa infelice… d’altronde io aggio avuto 3 mugliere… la primma me… lassammo sta chesto… dunque aggio ditto: infelice senza mugliera, infelice co la mugliera.. te voglio fà nzurà… Damme chella testa.
FELICE: Eccola ccà. Comme vuje vulite… (Con gioia.)
CRESCENZO: Si, pecché io po’ nun tengo il diritto… dalla tua parte nce sta quella gran ragione del crescete e moltiplicate… una sola cosa nun voglio che te spuse na smorfiosa comme la mugliera dell’amico tuo.
FELICE: (Me ne vò fà spusà n’ata)! Zi zio, Errichetta po’ nun è na smorfiosa.
GIOVANNI (mangiando dell’uva): Chesta è secca e acra!
CRESCENZO: Vattenne… pe te nce qualche cosa de scicco… una forestiera carreca de solde… lo patre è milionario.
FELICE: Chi Emma…
CRESCENZO: Sì, Emma…
FELICE: Ecco ccà, zi zio… io non… (Mò overo accummencia nu laberinto!)
CRESCENZO: Comme non… Felì dì la verità me vulisse fà ascì pazzo, fino a mò m’haje seccato pe la mugliera mò che io te la voglio dà, nun la vuò chiù… guè poche chiacchiere, fatte vulè bene e sposatella, si no nun me vide chiù.
FELICE: Ma scusate, la colpa è vostra non è mia, io me so’ abituato alla zitellanza… e voglio restà zitello.
CRESCENZO: Nun me seccà… ho detto… ho detto… ho detto…
FELICE: E va bene! (No, io mò me piglio a Erichetta e me ne fujo… chiste a chi vonno fà crepà… io nun me ne fido chiù.) (Via.)

SCENA QUARTA

Teresina e detti.

GIOVANNI (scende dalla scala): Io aggio fenuto!
CRESCENZO: Vide che dinto a chillo panaro nce sta nu bucale và a chiantà chello che nce sta dinto.
GIOVANNI (in ginocchio innanzi al paniere): E chesto so’ cetrolelle in aceto.
CRESCENZO: E che fa, chelle nterra fanno la loro figura e pare nu frutto contra tiempo.
GIOVANNI: E si quaccheduno ne piglia uno e se lo mangia nun se n’addona.
CRESCENZO: Io dico che quello è un sistema de coltivazione tutto mio. Và, fà priesto.
GIOVANNI: Aspettate… nce sta ancora quacche pignetella d’uva ch’è caduta da lo canisto.
CRESCENZO: E miettela! Quanto cchiù nce ne sta meglio è. (Giovanni risale sulla scala e Crescenzo trascina il paniere alla spalliera in fondo.) Nun saccio si chesta è de mela o de pera… mò nce metto le pere, è sempre nu frutto cchiù delicato. (Attacca le pere alla spalliera.)
TERESINA (dalla casa senza vedere i due): Nun aggio pututo ancora capì, lo zio de Felice pecché m’ha invitata… io nun lo conoscevo… che me vulesse spusà… D. Giulio quanno aiere le parlaje de lo matrimonio mio, che saccio ne facette nu mistero… pe me lo zio de Felice veramente nun me dispiace… tanto tanto viecchio po’ manco se po’ dì e… (Vedendo Crescenzo.) Lo vì ccà! Buongiorno signore!
CRESCENZO (s’alza subito): Comme, vi siete già alzata doppo ha giornata di ieri accussì faticata.
TERESINA: No capite, me piace de respirà l’aria de matina: dicono ch’è imbalsamata.
CRESCENZO: E dopo che non lo fosse… ha presenza vostra ha mbalsammarria.
TERESINA (graziosa): Oh! Chesto po …
GIOVANNI (sulla scala mangiando uva): è secca, è secca!
TERESINA: Uh! E chillo servitore che fa? Mette l’uva…
CRESCENZO: No, la leva… sta cuglienno chella pe la colazione Giuvanne scinne, piglia chillo panaro e va a fernì chello che t’aggio ditto.
GIOVANNI: Va bene. (Scende.)
CRESCENZO (a bassa voce): Nun te scurdà de li cetrole! (Giovanni via seconda a sinistra portando il paniere.)
TERESINA: (N’ha mannato lo giardiniere pe restà sulo cu me). Eppure quanto chiù rifletto, veco che vuje tenite na bella proprietà.
CRESCENZO (modesto): Oh! Na cusarella!
TERESINA: No, veramente bella, io nce restarria sempe.
CRESCENZO: Ve piace la campagna?
TERESINA: Nce vaco pazza… la verdura, l’alberi, i fiori, gli uccelli…
CRESCENZO: Ah! Si, la natura in tutta la sua bellezza.
TERESINA (con enfasi): In tutto lo splendore e semplicità.
CRESCENZO: Dunque Montecorvino ve piace.
TERESINA: Altro!
CRESCENZO: E sta proprietà?
TERESINA: Uh! Nce restarria sempe.
CRESCENZO: E chesto nun sta che a vuje.
TERESINA: (Mò se ne vene).
CRESCENZO: Accattatevella.
TERESINA: Che?
CRESCENZO: La vengo? 35 mila franche. (5 mila franche de chiù). Parlatene a lo marito vuosto si…
TERESINA (subito e secco): Nun tengo marito.
CRESCENZO: Site vedova?
TERESINA: Nun so’ vedova… (Ma nun è isso allora… e chi sarrà!) (Sale verso il fondo.)
CRESCENZO: (Mò so’ 3 i compratori… la venco certo).

SCENA QUINTA

Giulio e Concetta, poi Teresina.

CRESCENZO (a Giulio che esce con Concetta): Oh! Rispettabilissimo D. Giulio… e accussì avete passata na bona nottata?
GIULIO: Magnifica!
CRESCENZO: E vuje signò?
CONCETTA: Nun me ne parlate! (Piangendo:) Nun aggio potuto chiudere uocchio pensanno a mia figlia.
CRESCENZO: (Ah!). (A Giulio:) E accussì avite dato n’occhiata all’interno… ve persuade?
GIULIO: Sì. Solamente dicevamo con Concetta ch’era nu poco caruccia.
CRESCENZO: 40 mila lire la trovate cara?
GIULIO: No, scusate, vuje aiere me dicisteve 30 mila.
CRESCENZO: Scusate, io ve dicette 40… vuje avite guardata la costruzione… eh! Mò nun se fraveca chiù accussì… e poi fornita di tutte le comodità… divisa, bella, ariosa… e lo giardino… è impossibile, solamente sta pergola se po’ dì vale 40 mila lire.
GIULIO (esaminandola): Seh, nun c’è male.
CONCETTA: Uh! Chesta è na cosa curiosa… comme nfaccia lo stesso ramo nce sta l’uva bianca e l’uva nera.
CRESCENZO: (Uh! cancaro!). Chesta è na specialità de stu giardino… la terra è miscata.
GIULIO: E la fontana cu li piscietielle addò sta?
CONCETTA: Sì, sì, voi ci diceste che nc’era na funtana piena di pesciohini rossi.
CRESCENZO (Im barazzato): Eh!… ecco ccà al momento nun ve pozzo servì… pecché siccome l’ultima mia moglie, chella che compendiava la prima e la seconda, se nce jeva sempe assettà ncoppa… l’aggio fatto seccà.
CONCETTA: E i pesci?
CRESCENZO: So mmuorte!… Si vulite vedé addò sta?
GIULIO: Sicuro.
CRESCENZO: (Basta che Giuvanne ha fernuto de accuncià). (A Concetta.) Da ccà signò. (L’offre il braccio.)
CONCETTA: Grazie. ( Viano prima a sinistra, mentre Giulio è per seguirli Teresina lo ferma.)
TERESINA: Scusate, na parola.
GIULIO: Oh! Signora…
TERESINA: Vuje ve ricordate quel discorso che facemmo ieri?
GIULIO: Su vostro marito?… sicuro… sicuro…
TERESINA: Bè… e addò stà?
GIULIO: Eccolo, presente ed accettante. (Mostrando Alfredo che esce dalla casa e via.)
TERESINA: Ah! Era Alfredo.

SCENA SESTA

Alfredo e detta.

TERESINA (teneramente): Comme site vuje… sì tu… e io non lo voleva credere.
ALFREDO (sbalordito): Che!… comm’avite ditto?
TERESINA: Dico che io aveva indovinato che tu me vulive bene, ma nun nce vuleva credere.
ALFREDO: Che ve volevo bene?
TERESINA: Mena mò, nun ne facite chiù nu mistero… D. Giulio me l’ha confessato, e mò che v’ha visto venì, m’ha ditto: ecco vostro marito. Dunque me pare che chesto vò dicere che me spusate.
ALFREDO: (Se mò le parlo chiaro chesta fa nu scandalo!). Va bene, io mò ve sposo… ma Teresina mia, st’ammore nuosto si deve mantenere ancora segreto… pecché si zi zio ho sa da altri e non da me…
TERESINA: No, io nun dico niente… abbracceme.
ALFREDO (abbracciandola): Con tutto il cuore! (Nu vero laberinto!)

SCENA SETTIMA

Alfonso, Ludovico e detti.

ALFONSO (esce dal fondo): Oh! Alfrè buongiorno… e la tua sposina addò sta?
ALFREDO (imbarazzato): Mò, mò, la vedrete.
TERESINA (fra sé): Dunque sape tutto! (Sottovoce ad Alfredo:) Pecché nun me presiente?
ALFREDO (piano): No, cchiù tarde, cchiù tarde.. va dinto a lo giardino io mò vengo.
TERESINA (piano): Vaco… aggraziatone mio! (Via seconda a sinistra.)
ALFONSO (che avrà girato lo sguardo intorno): Ma è na cosa che non se crede.
LUDOVICO: Yes…
ALFREDO: Che cosa?
ALFONSO: Nuje all’alba simme passate da ccà… e nun nce steva né na foglia, né nu fiore… mò stanno fiore, frutte…
ALFREDO: Uh! Nun avite avuta vedé buono.
ALFONSO: Uh! Nuje avimmo guardato!
LUDOVICO: Yes!
ALFONSO: Guarda ccà, pera… (Salendo.)
ALFREDO: E nc’avevano stà, ve pare…

SCENA OTTAVA

Rachele, Matilde e detti.

RACHELE (dalla prima a sinistra mangiando un cetriolo): Sapurito!
MATILDE: Apre ho spirito…
ALFREDO: Che c’è, da dò venite?
RACHELE: Simme scese poco doppo all’alba, e nce simmo fatte quatte passe… tornanno nc’avimmo cuoveto nu cetrulo… Provatelo… è na bellezza…
ALFONSO (gustandolo e facendo una smorfia): è vero.
ALFREDO: Seh.
LUDOVICO: Yes!
ALFREDO: Io credo che adacquanno lo tureno cu acqua e aceto.
ALFONSO: Na vegetazione simile nun l’aggio visto manco a lo Canadà.
RACHELE (ad Alfonso): (Venite nu poco cu me dinto a lo giardino avimma parlà d’isso).
ALFONSO: (Isso… chi isso?).
RACHELE: (L’ommo de la capa de scigna).
ALFONSO (forte e mostrando a Matilde): Va bene! Ma lassateme primma abbraccià a figliema.
RACHELE (fra sé): (La, chiamma figlia!… benedetta capa!).
ALFONSO (abbracciando Matilde): O piuttosto nepote mia.
MATILDE (fra sé): (Me chiamma nepote).
ALFONSO (offre il braccio a Rachele): Jammo! (A Ludovico.) Viene.
LUDOVICO: Yes! (I 3 viano seconda a sinistra.)

SCENA NONA

Giovanni e detti.

MATILDE: Dunque io non m’era ingannata, vuje me vulite bene?
ALFREDO: (Che! comme! ancora?).
MATILDE: Mena mò, nun me l’asconnite chiù… lo zio vuosto mò m’ha chiammata nepote… dunque voi l’avita avuta dì che me vulite bene e me vulite spusà.
ALFREDO (imbarazzato fra sé): (Chesta si le dico che no… me combina nu guaio). Ecco ccà… e overo… io ve voglio bene, vi sposero… ma uno piacere m’avita fà… stu fatto pe quacche tiempo ancora nun l’ha da sapé nisciuno, pecché…
MATILDE (interrompendo): Nce sta la testa de scigna…
ALFREDO: Proprio! (Io nun aggio capito ch’ha vuluto dì, ma è lo stesso.)
MATILDE: Me sto zitta! Ma intanto abbracciateme.
ALFREDO: Volentieri! (Che situazione, mamma mia, che orribile situazione!)
GIOVANNI (dalla seconda a sinistra): Scusate… no, nun aggio visto niente. (Rientra, Matilde fugge prima a sinistra.)
ALFREDO: No, chisto è nu fatto che nun po’j nnanze accussì… pe me credo ca la meglia cosa è de scappà… Felice lassa lo zio ccà, lo mio l’abbio da dò è venuto, e si no, io certo crepo… (Guardando in fondo.) Oh! Emma che va currenno pe la campagna… mò l’arrivo… po’ essere che mi si sveglieranno le idee. (Via.)

SCENA DECIMA

Felice ed Errichetta alla finestra poi Crescenzo.

ERRICHETTA: Ma pecché nce n’avimma j, ccà se sta tanto bello.
FELICE (imbarazzato): E che io… vurria stà sulo… sulo cu te Errichetta mia pe dirte quanto te voglio bene.
ERRICHETTA: E ccà nisciuno nce sta… parla e dimme che me vuò bene, e che me ne vularrie sempre.
FELICE (abbracciandola): Ma te pare, sempre, sempre.
CRESCENZO (dalla prima a sinistra): Si nun curreva io, chillo animale de Giuvanne ancora avarria fernì… eh! Dice bene il proverbio: chi vò, va. (Vedendo i due.) Statte, sta. (Felice ed Errichetta spariscono dando un grido.) Nepoteme Felice, co la moglie del suo amico… steveno abbracciate! Comme nun so’ manco 24 ore spusate… oh! Che mondo!… oh! Che epoca… meno male che tre mogli aggio avuto e so’ morte tutte e 3. (Sale sul banco innanzi alla finestra, mentre Felice e Errichetta escono dalla casa.)
FELICE (tirandola e facendola passare dietro la casa, sottovoce): Da ccà, da ccà e zitto!
ERRICHETTA: Ma…
FELICE: Zitto, zitto, vene. ( Viano seconda a d.).

SCENA UNDICESIMA

Alfonso e detto.

ALFONSO (dal giardino): Io nun pozzo intendere che vò dì la capa de scigna. (Vede Crescenzo.) Oh! Che facite lloco?
CRESCENZO (con gran mistero): Zitto!… ho scoperto un delitto!… Nepoterne, quel brigante… steva abbracciato con ha moglie del vostro nipote a questa finestra. (Scende.)
ALFONSO: La moglie d’Alfredo?
CRESCENZO: La moglie d’Alfredo!
ALFONSO: Comme aiere so’ spusate?
CRESCENZO: E che vò dì, io aggio visto ato che chesto… aggio avuto 3 mogli., la primma…
ALFONSO: Io nun parlo de le mugliere voste… parlo di vostro nipote…
CRESCENZO: Oh! Nun nce pensate che l’acconcio io! Mò proprio chiammo la sposa e ne la facimmo partì co lo marito… Vedimmo… certo mentr’io saglieva a fà la spia pe la fenesta, loro so’ asciute pe la casa. (Girando lo sguardo in fondo ed a sinistra.) Da ccà nun c’è nisciuno… da ccà manco… mò le ncoccio io… nun ve muvite da lloco. (Via a d.).

SCENA DODICESIMA

Giulio e detto.

ALFONSO: No, nun va male Matildella… Povero Alfredo si ho sapesse, chillo la vò tanto bene… Ah! Matilde… Matilde…
GIULIO (dal giardino): Scusate, avete visto mio genero?
ALFONSO: No, bello mobile, vostro genero… poco primma D. Crescenzo l’ha sorpreso c’abbracciava la mugliera de nepoteme.
GIULIO: Ah! Assassino! Nun so’ manco 24 ore che l’aggio dato a figliema.
ALFONSO: Nun facimmo chiacchiere… Troviamo la moglie colpevole… vedimmo che s’ha da fà. (Andando seconda a sinistra.) Io vaco da ccà! (Mostrando la prima a sinistra.) Vuje jate da llà. (Oh! Matilde! Matilde! Matilde!). (Via.)
GIULIO: Tutto me puteva credere fuorché Teresina avesse ingannato il marito, e poi con Felice… Bravo Felice… all’indomani del matrimonio… Oh! Teresina! Teresina! Teresina! (Via prima a sinistra. Dietro la griglia di fronte attraverso si vedono Alfredo ed Emma che si tengono stretti. Emma ha dei fiori nei capelli, nella vita ed un fascio in braccia. Alfredo ha gli stessi fiori alla bottoniera ed al cappello.)

SCENA TREDICESIMA

Alfredo ed Emma.

EMMA: Dunque dire davvero?
ALFREDO: Davvero…
EMMA: Amarmi voi?
ALFREDO: Oh! Si vi adoro!
EMMA: Amerete tutta eternità?
ALFREDO (cadendo ai suoi ginocchi): Si, sempre lo giuro.
EMMA: Nun giurate… mio paese usare così per vedere amore. (Caccia un piccolo strumento e glielo mette al cuore.) Questo strumento contare battiti e giudicare intensità amore.
ALFREDO (inquieto): Na siete certo della sua precisione?
EMMA: Tacere quella bocca! (Contando:) 100, 110, 120 battiti.. 10 dozzine… Voi amarmi.
ALFREDO: Ma si vi amo! (Baciandole la mano. In questo momento Crescenzo esce con Errichetta dalla seconda a d. Giulio con Teresina dalla prima a sinistra ed Alfonso con Matilde dalla seconda a sinistra.)

SCENA QUATTORDICESIMA

Crescenzo, Alfonso, Giulio, Errichetta, Matilde, Teresina poi Concetta.

CRESCENZO, ALFONSO, GIULIO: Che!! (Vedendo Alfredo ai piedi d’Emma.)
CRESCENZO: Bravo!
ALFONSO: Dunque pur’isso.
GIULIO: Inganna la moglie!
TERESINA E MATILDE: Assassino
ALFREDO E CRESCENZO (alzandosi): (Tutte le tre mugliere meje… Prosit!).
ALFONSO: Mò proprio bisogna partì, mò proprio cu vostra moglie!
GIULIO (a Crescenzo): Ma che site pazzo, stu signore nun è lo marito di mia figlia… sua moglie è questa. (Mostrando Teresina.)
ALFONSO: No, nu mumento, la mugliera è questa! (Mostra Matilde.)
ALFREDO: (Nce stammo guastanno!).
GIULIO: Chisto che mbruoghio è? Signori miei nu mumento. (Ad Alfredo.) Io spero che vuje sapite di chi site marito.
ALFONSO: Questo è un delitto di poligamia!
CRESCENZO: Parlate!
ALFREDO: La verità… io non sono ammogliato! (Guardando Emma.) Ancora.
TERESINA: Ma comme tu m’avive dato parola?
MATILDE: Nonsignore l’aveva dato a me.
ALFONSO: Non capisco.
GIULIO: Io me so’ mbrugliato…
CONCETTA (uscendo): Neh, ched’è?
CRESCENZO: E chi ne capisce niente… almeno venesse chillo assassino de nepoteme pe spiegarme.

SCENA QUINDICESIMA

Felice e detti.

FELICE (abbattuto): C’è poco da spiegà… vedete la robba vosta a chi l’avita lassà… io me so’ nzurato. (Presentando Errichetta allo zio.)
CRESCENZO: Quanno è chesta mugliereta, te perdono. (Abbraccia Errichetta.)
ALFONSO: E tu non si…
ALFREDO: Ammogliato… non ancora… ma vorrei esserlo… (Presenta Emma.)
EMMA: 12 dozzine.
ALFONSO: Pe me ogge e non dimane.
TERESINA E MATILDE: E nuje. (Guardandosi.)
ALFONSO: Pe tiempo non se perdono cause. (Con intenzione.)

SCENA ULTIMA

Rachele, poi Giovanni, poi Ludovico e detti.

RACHELE (dalla tettoia con testa di scimmia sulle braccia): Oh! L’aggio truvata.
TUTTI: Che cosa?
CRESCENZO: Ah! Si ve serve pigliatevella… chesta l’accattaje cchiù de 10 anne fa miezo a ciert’arti mbroglie.
RACHELE: Non era la vostra? (Accasciata a Matilde:) Figlia mia, di tuo padre non mi restà che chesta.
GIOVANNI: La colazione è pronta.
TUTTI: Jammo a mangià.
LUDOVICO (esce dal fondo): Yes!
CRESCENZO: A me nepota mia, a me… (Offrendole il braccio.)
FELICE: Zi zio… voi siete vedovo… non fate il vizioso.
CRESCENZO: Và te fà squartà!
ALFREDO: Felì in confidenza, io nun saccio comme nun avimmo abbuscato… simme asciute da stu laberinto e nun saccio comme…
FELICE: Io n’era certo, pecché tengo na stella che me protegge.. e la vuò vedé?… Eccola! (Indicando il pubblico.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA