da La Dame de chez Maxim’s, di Feydeau
Commedia in tre atti.
Personaggi:
Dottor Felice Sciosciammocca
D. Cesare, suo zio
Dottor Pasquale Cardarelli
Errico Delfino
D. Fortunato Palella, prete
D. Nicola, sindaco
Gennarino, suo figlio
Eugenio
Luigi
Raffaele
Alfonso
Totonno, cocchiere
Ciccillo, servo di Felice
Salvatore, servo di Carmela
Biase, servo di Carmela
Clementina
Bettina
Giulietta
Carmela
Angiolina
Luisella
Angelica
Due commessi
Due facchini

Atto primo e terzo in Napoli. Atto secondo a Roccarossa. Epoca presente.
ATTO PRIMO

Camera con alcova in fondo a destra, coverta da lunghe tendine. Nel fondo a sinistra un armadio a due porte con abiti. Accanto all’alcova, a vista del pubblico, vi sarà un vestito di seta chiara posato su di una sedia. A dritta dell’alcova vi sarà una toletta con tutto l’occorrente. A sinistra avanti un tavolino a quattro piedi di noce coverto di un tappeto verde lungo. Sul tavolino una bottiglia d’acqua, un bicchiere ed un mazzo di chiavi. Sulla toletta un candeliere di ottone. Nel fondo fra l’alcova e l’armadio un piccolo tappeto su di un tavolino tondo. All’alzarsi della tela la scena è buia, si vede un tavolino tondo rovesciato, come pure due sedie, diversi abiti da uomo, e le scarpe di Felice. Tre sedie. Tre porte laterali e una finestra a prima quinta a sinistra con portiere bianche. La prima porta a dritta è la comune.

SCENA PRIMA

Ciccillo e Pasquale, poi Felice dallo stipone.

CICCILLO (dalla prima porta a destra Pasquale lo segue): Trasite, signurì, ma chiano chiano, ccà sta a lo scuro, putimmo ntuppà nfaccia a quacche parte. (Camminano a tentoni, lazzi.)
PASQUALE: La combinazione non tengo manco nu fiammifero.
CICCILLO: Non serve signurì, basta che trovo la fenesta tutt’è fatto, a me pò mi riesce facile, pecché canosco la tipografia della casa.
PASQUALE: Eh! La stamparia!
CICCILLO: Ah, ecco ccà la finestra. (L’apre, la scena si rischiara.)
PASQUALE: Ah, meno male! Ma comme, a chest’ora, so’ quase l’11 e sta durmenno ancora?
CICCILLO: Forse pecché ogge è festa.
PASQUALE: Ma che festa e festa! Nu dottore comme a isso che fà invenzioni, scoverte, ch’è stato a Parigi, a Londra, almeno pe chello che dice isso, se sta dinto a lo lietto fino a chest’ora? E la mugliera sta pure durmenno?
CICCILLO: Nonsignore, la mugliera è asciuta a primma matina, s’è ghiuta a confessà.
PASQUALE: E ha rimasto la cammera de chesta manera? Segge nterra, panne, tavolino caduto…
CICCILLO: E la mugliera che ne sape, chella dorme dinto a n’ata cammera.
PASQUALE: Ma ched’è st’ammoina, che sarrà succieso dinto a sta cammera?
CICCILLO: E chi lo ssape! (Và trovà stanotte D. Felice ch’ha combinato!). (Accomoda la roba.)
PASQUALE: Ma scetammelo, io l’aggia parlà pe nu consulto che tenimmo ogge nzieme.
CICCILLO: Aspettate signurì, chiano chiano… si no me fà na cancariata… (Va all’alcova.) Signurì… signurì… cca nce sta l’amico vuosto D. Pascalino… signurì.
PASQUALE: Neh, Felì… scetete ch’è tarde…
CICCILLO: Signurì… (Si ode un grugnito sordo uscire non si sa da dove.)
PASQUALE: Chi è, aggio ntiso na voce.
CICCILLO: E da dove vene?
PASQUALE: Me pare da chesta parte.
CICCILLO: Non pò essere, vene da ccà. (Altro grugnito.) È lo patrone che se sta scetanno. Signurì.
FELICE (dall’armadio): Oh! oh! oh!
PASQUALE: Ciccì, ma sì tuosto sa, io la voce la sento da ccà, comme venesse da dinto a lo stipo.
CICCILLO: E vedimmo. (Apre l’armadio e comparisce Felice, coricato sul cassetto, senza soprabito, e i capelli in disordine.) Uh! Chillo D. Felice sta ccà! Signurì… signurì…
FELICE: Chi è, che vuò, voglio durmì, vattenne.
PASQUALE: Ma comme a chest’ora vuò durmì ancora?
FELICE: Guè Pascalì, staje ccà? Bonasera.
PASQUALE: Eh! Bonanotte, mò è ghjuorno, è tarde, te vuò sosere.
FELICE (sbadigliando): Cheste so’ cose che non se fanno… io a te non te so’ venuto mai a scetà da dinto a lo suonno.
PASQUALE: Ma tu non staje cuccato dinto a lo lietto, tu staje dinto a lo stipo.
FELICE: Io stongo dinto a lo stipo? (Si alza e si stropiccia gli occhi.) Ma quale stipo?
CICCILLO: Lo stipo vuosto, li panne l’avite menate nterra.
FELICE: (Sangue de Bacco, stanotte c’aggio combinato?). Mia moglie dove sta?
CICCILLO: È gghiuta a la chiesa. (Ride.)
FELICE: È inutile che ride sà… non c’è da ridere affatto. Io stanotte sentevo troppo friddo dinto a lo lietto, e me so’ chiuso dinto a lo stipo pe stà più caldo.
CICCILLO: Aggio capito. Mò che volite, caffe, o caffè e latte?
FELICE: Non voglio niente, vattenne…
CICCILLO (c.s.): (Io non me faccio capace, uno sente friddo, e se mette dinto a lo stipo). (Via prima porta a destra.)
FELICE: Io non saccio comme diavolo me so’ truvato dinto a lo stipo.
PASQUALE: Ma quanno aissera te ritiraste, te cuccaste dinto a lo lietto?
FELICE: Comme… non me cuccavo dinto a lo lietto… già veramente non me ricordo. (Beve). Che bocca, che bocca!…
PASQUALE: Va trove che pella avista da piglià, facette buono io che te lassaje e me ne jette.
FELICE: Io pure me vulevo ritirà, ma fu impossibile, chella femmena quanno la tiene vicino, te fa fà cose de pazze!
PASQUALE: Chi, la Nanassa?
FELICE: La Nanassa, la Nanassa. Mannaggia l’arma soja! (Beve, lazzi.) Io me stevo ritiranno, quanno fu a Toledo, la ncuntraje a lo puntone de S. Giacomo. Oh! D. Felice, come state?… Tanta cerimonie… e volette essere purtata a cenà a Pusilleco.
PASQUALE: Il locale nuovo?
FELICE: Già quanno fujeme llà. Uh! Io non sapevo che era… ccà me pare nu presebio… M’aviste fatto spennere un palco 13 lire, dicette io. Mò che vulite da me?… io figurete me mettette da dereto a essa accuvato dinto a lo palco pe non essere visto da nisciuno… doppo lo spettacolo dicette: Io sento appetito, vorrei cenare, pigliaje na carrozzella, neh, e chella addò me carreje a Posilleco, a lo «Scoglio de Frisio», accuminciaje a ordinà e non la fernette cchiù. Ostreche, vermicielle a vongole, bistecche, fritto de pesce, e ogne piatto na butteglia de vino diverso… Madera, Frontignano, Capri bianco, Capri rosso, Champagne… non saccio quanto me facette spennere. (Beve.) Pascà che acido! (Lazzi.) Pò venettero li sunature, nce mettetteme a ballà, a cantà, a zumpà… pe coppe a li divane cose de pazze!…
PASQUALE: E pò?
FELICE: E chi ne sape niente… non me ricordo cchiù che succedette, ma pare che essa se vulette ritirà… io tenevo suonno, nu dolore de capa.
PASQUALE: Ma che ora s’era fatta?
FELICE: E chi se lo ricorda, le 2 e meza, le tre… chello ch’è certo ch’era tarde assaje… mannaggia l’arma soja, io non la vedevo da tanto tiempo, da che se mettette a fà la fioraia, l’aveva da scuntrà justo ajere ssera.
PASQUALE: Ma Felì, tu le diciste ca te sì nzurato?
FELICE: Tu sì pazzo! Me mettevo a dicere chesto a chella… e pò io non lo dico a nessuno… te pare, comme m’avesse pigliato sta bella figliola, na vecchia di 58 anni.
PASQUALE: Sì, ma che t’ha portato na dote però!
FELICE: Che dote e dote! Ventimila lire, miserabili!
PASQUALE: Eh, so’ sempe vintemila lire!
FELICE: Io tengo nu zio ricchissimo che a la morte sua, lascia tutto a me.
PASQUALE: Ah! Tu tiene nu zio ricco?
FELICE: Ricco? Milionario! Sta a Foggia, D. Cesare Sciosciammocca, negoziante di grano, nun lo veco da 3 anne, ma io lo scrivo sempe però. Otto mise fa, il bisogno, me facette fà chisto matrimonio! Fortunatamente che muglierema è bizzoca, sta sempe dinto a na chiesa, stamme spartute de lietto.
PASQUALE: Meno male.
FELICE: A primma matina se va a sentì la messa, a mieziuorno se va a sentì la predica, e la sera all’8 se va a piglià la benedizione!
PASQUALE: E tu non l’accompagne maje?
FELICE: Io? E chesto ce mancarrie! Io trovo sempe la scusa ch’aggio che fà, che tengo delle visite importanti, dei consulti, delle operazioni.
PASQUALE: A proposito, sai che stammatina, all’Ospedale ho fatto quell’operazione difficilissima, l’apertura del ventre.
FELICE: Ah, sicuro, tu me ne parlaste, ed è riuscita?
PASQUALE: Magnificamente!
FELICE: E lo malato comme sta?
PASQUALE: No… lo malato è muorto… ma l’operazione è riuscita.
FELICE: Vì che bella cosa, lo malato è muorto, e l’operazione è riuscita… Ma già col sistema del cloroformio… li malate hanno da murì pe forza… Vedrai come si opera l’ammalato… senza cloroformio.

SCENA SECONDA

Clementina e detti.

CLEMENTINA (d.d.): Va bene, va bene, ho capito.
FELICE: La vì ccà muglierema! Nce pare che tengo na brutta faccia?
PASQUALE: Nu poco bianca. (Felice si pizzica la faccia.) Eh, pizzica lloco…
CLEMENTINA (fuori in abito nero con il velo sulle spalle e il libro di preghiere in mano.) Eccomi qua… Ah, finalmente, vi siete svegliato… (A Pasquale.) Buongiorno signore.
FELICE: Il mio amico e collega, dottor Pasquale Cardelli, mia moglie.
PASQUALE: Piacere.
CLEMENTINA: Anche chirurgo?
PASQUALE: Medico e chirurgo, signora.
CLEMENTINA: Bravissimo, accomodatevi. (Posa il velo e seggono.)
FELICE: Mia moglie teneva per marito il celebre dottor Chierchia, che morì 5 anni fa.
PASQUALE: A Chierchia Alonzo?
CLEMENTINA: L’avete conosciuto?
PASQUALE: No, lo sò di nome.
FELICE: Eh, quando si nominava Chierchia non si andava più avanti.
CLEMENTINA: Ah! Nu sant’uomo, na perla! Ed io sposai Felice, perché era della stessa professione, non potete credere che bontà, che moralità. Nelle ore di riposo, andavamo insieme alla chiesa, e pregava con me.
PASQUALE: Quello che non può fare Felice, perché sempre occupato.
CLEMENTINA: Ah, si capisce, nè io lo posso pretendere. Alonzo teneva 60 anni, egli ne tiene appena la metà.
FELICE: Oh, non è per chesto, è che mi manca il tempo.
CLEMENTINA: Lo sò, lo sò.
PASQUALE: Vì amava molto signora, il primo vostro marito?
CLEMENTINA: Oh, sì!
FELICE: E lei pure l’amava… Oh! Sì, sì. (Lazzi.) Figurati, che non ha voluto mai lassà sta casa, pecché ccà spusaje.
CLEMENTINA: No pecché Alonzo ci teneva una grande passione a questo quartinetto, lo rinnovò tutto a spese sue… e lui dormiva llà vedete, dove adesso dorme Felice… e forse mi deciderò a non farlo stare più in quella camera.
PASQUALE: E perché?
CLEMENTINA: Perché Alonzo non vuole, mi comparisce sempre in sogno in tuono minaccioso… Ieri sera, per esempio, ho visto un’ombra in questa stanza… ed era lui, lui certamente.
PASQUALE: Allora, amico mio, mettiti a dormire in un’altra parte, non fà piglià collera a D. Alonzo.
FELICE: Ma io per me sono pronto, anzi per dirti la verità, mi fa impressione… a dormì llà dinto. Me veco sempe a D. Alonzo nnanze.
CLEMENTINA: Non è overo, non lo state a sentì, stammatina durmeva accussì bello…
PASQUALE: Dove signora, in quella camera?
CLEMENTINA: Sissignore, steva tutto cummigliato, pure la capa, l’aggio dato nu bacio ncoppa a la spalla e me ne so’ ghiuta.
FELICE: M’haje baciato, sopra a la spalla? Dinto a chella cammera?
CLEMENTINA: Sicuro.
FELICE: (E chesta a chi ha vasato? Io stevo dinto a lo stipo?). Non me ne so’ accorto… capisce… dinto a lo suonno.
CLEMENTINA: Basta, t’haje pigliato lo caffè?
FELICE: No ancora.
CLEMENTINA: E allora mò vaco io, te lo faccio con le mie mani. (Si alzano.)
FELICE: Grazie tanto, mò nce lo dico a Ciccillo.
CLEMENTINA: No vado io. Alonzo non voleva lo cafè da nisciuno, solo da me. Che uomo… che bontà! (P.a. poi ritorna.) Permettete. (Via.)
FELICE: (Manco se ne va).
CLEMENTINA (a Pasquale): Io lo vedo sempre, tutti i momenti.
PASQUALE: In sogno?
CLEMENTINA: In sogno… mi dà dei consigli, mi ricorda il passato, e poi sparisce… che sant’uomo quello Alonzo… che spirito benedetto… va permettete. (Via seconda a sinistra.)
PASQUALE (ridendo): Fate pure. Io mò moro da le risa!
FELICE: Figurete che bella vita che aggia passà vicino a chesta.
PASQUALE: Hai ragione, haje ragione amico mio. (Dall’alcova si sente un lungo sbadiglio.)
FELICE: Neh, Pascà… non facimmo pazzie.
PASQUALE: Chi ha sbadigliato?
FELICE: Sì stato tu!
PASQUALE: Io? No!
FELICE: E chi è stato?
PASQUALE: E che ne saccio. (Altro sbadiglio.) Vene da llà dinto.
FELICE: Da llà dinto? E chi ce stà dinto a lo lietto mio? È impossibile.
PASQUALE: E vedimmo. (Vanno ad aprire le portiere dell’alcova e si vede Giulietta nel letto.)

SCENA TERZA

Giulietta e detti, poi Clementina.

FELICE: Che! Giulietta la Nanassa dinto a lo lietto mio!
GIULIETTA (dal letto): Signori, buongiorno.
PASQUALE: Bravo! Ti faccio i miei complimenti! Tenive chillo contrabbando e nom me dicive niente?
FELICE: Neh, che t’aveva dicere?… Tu comme te truove dinto a lo lietto mio?
GIULIETTA: Ah, ah, ah! (Ride.) Chesta è bella!… Ma comme chesta non è la casa mia? Chisto non è lo lietto mio?
FELICE: Nonsignore!… Comme t’è venuto ncapo de venì ccà?
GIULIETTA: Io? Io non ne saccio niente. (Scende dal letto, si mette il sottanino.)
FELICE: Uh! Pascà, chella se sosa! Io tengo a muglierema bizzoca.
GIULIETTA (viene avanti): Vuje ajeressera addò me portasteve?
FELICE: Jettemo a lo teatro; pò jetteme a cenà, e pò addo te portaje?
GIULIETTA: Vuje me pare che dicisteve mò t’accompagno a la casa toja.
FELICE: Seh, accussì me pare; e pò, comme veniste ccà?
GIULIETTA: E che ne saccio, me purtasteve vuje. (Pasquale ride.)
FELICE: Pascà non ridere, famme stu piacere.
GIULIETTA: Vuje stiveve mbriaco de chella manera!
FELICE: Io sulo? E tu non stive mbriaca?
GIULIETTA: Io non me ricordo proprio niente, me ricordo soltanto lo ritornello de chella bella canzone che sentette a lo teatro: Viva viva, tra llà rà! (Alza la gamba.)
FELICE: Zitta!… Ca si esce mugherema, io so’ rovinato!
GIULIETTA: Che sento! Vuje site nzurato?… E da quanto tiempo?
FELICE: So’ 8 mise, chillo Pascale lo ssape.
GIULIETTA: Da 8 mise?… E me portate a lo teatro, me portate a cenà, ve imbriacate de chella manera, all’ultimo pò me portate pure dinto a la casa vosta? E pe chi m’aviveve pigliata a me! Io sono una giovine onesta, capite? Giulietta la Nanassa, è conosciuta a Napole, ha fatto la fioraia onestamente!
PASQUALE: D.a Giulié, calmateve…
FELICE: (Vuje vedite che guajo che aggio passato!). Donna Giulié sentite…
GIULIETTA: Che debbo sentire! Non voglio sentir niente!… Viva viva, tra llà rà! (Alza la gamba ridendo.) Ah, ah, ah!… Ma sapete che chesta è stata veramente na cosa curiosa. Io stanotte aggio dormuto dinto a chillo lietto, credenno che era lo lietto mio… e a proposito, vuje addò avite dormuto?
FELICE: Dinto a lo stipo, l’avetta piglià pe na cammera, l’arapette e me cuccaje. (Va a spiare seconda a sinistra.)
PASQUALE: Poco primme l’aggio scetato io.
GIULIETTA: E la mugliera addò è stata stanotte?
PASQUALE: La mogliera dorme dinto a n’ata stanza.
GIULIETTA: Ma è na bella figliola?
PASQUALE: Che figliola, chella tene 58 anne.
GIULIETTA: Scuse! Ve l’avite pigliata piccerella! (Ride.)
FELICE: Pascà stà venenno, sta venenno.
PASQUALE: Scappate D.a Giulié. (L’accompagna all’alcova e la fa entrare.)
CLEMENTINA (con due tazze di cajfe): Ecco ccà lo cafè; ne ho portate due tazze, una anche per voi.
PASQUALE: Grazie, signora.
CLEMENTINA: È dovere. (Giulietta di dentro all’alcova fa uno sternuto.)
FELICE: Salute.
PASQUALE: Salute.
FELICE: Grazie.
PASQUALE: Grazie. D.a
CLEMENTINA: Ched’è sta veste ncoppa a sta seggia, de chi è?
FELICE: Pascà, de chi è chella veste?
PASQUALE: Stava sopra una sedia… questa veste… è una veste.
FELICE: (Ha trovato na bella scusa!).
CLEMENTINA: Ho capito, è l’abito che mi ha mandato la sarta, l’aspettavo da 15 giorni, tanto che ajere le mannaje pure na lettera nu poco risentita; ma perché l’hanno portato qua, vorria sapé? (Lo prende.)
FELICE: Ma come, tu ti hai ordinato un abito così chiaro… tu vesti sempre di nero.
CLEMENTINA: Ma io non sò niente, io sono solita di dire alla sarta: fammi un abito, poi sceglie essa la stoffa e il colore. È un poco troppo chiara, sì, è overo, ma pe sta vota non fa niente, lo metterò il giorno della nascita tua.
FELICE: (La nasceta de mammeta!).
CLEMENTINA: Permettete D. Pascalì, mi vado a conservare quest’abito.
PASQUALE: Fate signora. (Clementina via a sinistra, Pasquale ride.)
FELICE: S’ha portata la vesta de chella, e comme se fa?… Non ridere Pascà, che tu cu sta risa m’indisponi!

SCENA QUARTA

Giulietta e detti, poi Clementina.

GIULIETTA: Neh guè! Neh guè!
FELICE: È asciuto stu guaglione de malavita da llà dinto: Neh guè!
GIULIETTA: Chella s’ha portata la vesta mia e comme faccio, chella è la vesta nova che ajere me consignaje la sarta, io ancora l’aggio pagà, me portaje la nota: 200 lire.
FELICE: Abbiate pazienza D.a Giulié.
GIULIETTA: Che pacienzia e pacienzia, la pagate vuje la sarta, eh me pare che sia regolare.
PASQUALE: È giusto.
FELICE: Va bene, la vado a pagà io, addò abita sta sarta, comme se chiamma?
GIULIETTA: Strada Pace 49. Madama Spinetti.
FELICE: Madama Spinetti? Va bene! Mò aggià avvisà pure la sarta de muglierema. D.a Giulié, jatevenne, facite ambressa.
GIULIETTA: Me ne vaco? E comme me ne vaco? Sulo co lo suttanino?
FELICE: Ah, già. E comme se fa, comme se fa?
GIULIETTA: Mannaggia a lo mumento che venette cu vuje aieressera, me poteva rompere na gamma! (Felice spia alla porta di Clementina.) E tutto pe chi? Pe chill’assassino d’Errico si l’avesse dinto a li mmane, me lo magnarria a morze!
PASQUALE: Chi è quest’Errico, scusate?
GIULIETTA: Nu giovene che faceva ammore cu me, Errico Delfino, ricchissimo, lo quale me prummettette de me spusà, me facette mille promesse, mille giuramenti e pò tutto nzieme non se facette vedé cchiù, mbruglione, assassino!…
FELICE: D.a Giulié, aggio pensato na cosa, mò dico a lo guardaporta che chiamasse na carrozzella e la facesse aspettà abbascio a lo palazzo, vuje scennite, facite aizà lo mantice e ve ne jate.
GIULIETTA: E io ve faccio pazzo, mio caro; me ne scengo pe li grade de chesta manera combinata, e se m’incontra qualcheduno, che figura me facite fà.
FELICE: E già, la Marchesa di Castelpichiochiero!
PASQUALE: E dice bene.
FELICE: Mò vide che punio te siente ccà ncoppa.
GIULIETTA: Ma pecché non trovate na scusa, e ne mannate la mogliera vosta pe nu momento, io me metto na vesta soja e me ne vaco.
FELICE: Ma che scusa trovo, addò la manno, mò s’è ritirata. (Spia alla porta.) Zitto, sta venenno!
PASQUALE: D.a Giulié, nascondetevi.
GIULIETTA (per andare all’alcova.)
FELICE e PASQUALE (vedendo aprire la porta): No, no! (Pasquale la fa nascondere seconda porta a diritta.)
FELICE: Ah! Ah!
CLEMENTINA (uscendo): Felì, ch’è stato?
FELICE: Ah! Ah!… Clementì… Clementì… comme me sento brutto… aiutateme… (Si butta nelle sue braccia.)
CLEMENTINA: Neh, ched’è Felì… che te siente?
FELICE: M’abbaglia la vista, m’avota la capa…
CLEMENTINA: Dottò… Dottò aiutateme, chisto pesa… vedite ched’è… Felì non me fa mettere paura…
PASQUALE: Aspettate, signora… non vi spaventate… mettetevi da questa parte. (Situa Clementina con le spalle alla porta di Giulietta.) Fatelo poggiare. Le crisi di questo genere sono violentissime, ma poi subito passano, non ci vuole niente, un poco d’acqua. (Da un bicchiere spruzza un poco d’acqua in faccia a Felice.) Felì… Felì… passa? (Più forte.) Passa! (Giulietta passa.) Sta passanno? (Giulietta entra nell’alcova.) È passata!
FELICE: È passata… mi sento bene.
CLEMENTINA: Voi vedete che brutta cosa, maje l’era venuta accussì.
FELICE: No, me lo fa spesso, io non te lo dico mai, ma me lo fa spesso.
CLEMENTINA: Che paura, mamma mia!
PASQUALE: Cara signora, lui studia troppo, specialmente vicino ai cadaveri, io ce l’ho detto, amico mio, non lavorare tanto, tu ti rovini.
FELICE: Sì, da oggi in poi, voglio lavorare meno, hai ragione.
CLEMENTINA: E poi, sentite, Dottò, isso s’ha da luvà chillo carattere che tene, che se mette a ridere quanno io dico che ho delle visioni, non m’ha da mettere in caricatura, pecché a lo Cielo le dispiace.
FELICE: Ma che caricatura…
CLEMENTINA: Io per esempio, doje notte fa me sunnaj a mariteme Alonzo, lo quale me dicette: Clementì, statte attiento, quante meno lo cride t’ha da comparì n’angelo della carità, e tu haje da fà tutto chello che te dice isso, perché si tratta di salvare l’Italia!
PASQUALE: Nientemeno!…
FELICE: Salvare l’Italia!…
CLEMENTINA No, non la pigliate a pazzià, pecché me piglio collera!
PASQUALE: Ma che pazzià, io ci credo!
FELICE: E io pure!
CLEMENTINA: Io le dicette: Neh, Alò, e che vò st’angelo da me? Chesto non te lo pozzo dicere, statte bona! Tutto nzieme, sparì, e nun lo vedette cchiù.
FELICE: Te poteva dicere quacch’ata cosa?
PASQUALE: Si poteva spiegare meglio.
GENNARINO (dall’alcova fa un lungo lagno): Ah!!…
FELICE: (Chella afforza me vò fà passà nu guajo!).
CLEMENTINA: Neh, ched’è sta voce?
FELICE: Quale voce? Io non aggio ntiso niente!
PASQUALE: Vi siete ingannata, signora…
GIULIETTA (c.s.): Clementina…
FELICE: (Ma comme chella nisciuno l’accide llà dinto!).
CLEMENTINA: Uh! avite ntiso? Lo nomme mio?… Vene da dinto a sta cammera…
FELICE E PASQUALE: Ma no…
CLEMENTINA: Levateve. (Va nell’alcova.)
FELICE: (Stateve bene!).
PASQUALE: (È fatto lo guajo!).
CLEMENTINA (apre la portiera dell’alcova e comparisce Giulietta all’impiedi sul letto, coperta da un lenzuolo, con il volto scoperto, e con lampadina elettrica accesa sotto il lenzuolo): Che! Che beco!…
FELICE: (Puozze passà nu guajo!).
CLEMENTINA: Neh, vuje vedite chi nce sta llà?… Non vedite niente!
FELICE: No?
PASQUALE: E che c’è signora?
CLEMENTINA: Zitto… zitto… lo veco sul’io… inginocchiatevi. (I due eseguono.)
PASQUALE: Ma perché?
CLEMENTINA: Inginocchiatevi, e zitti… (S’inginocchia anche lei.)
GIULIETTA: Clementina? Io sono venuto per te!
CLEMENTINA: Ah!
FELICE: (E chesta che se recrea!).
GIULIETTA: Questi profani non possono vedermi, tu sola mi vedi…
CLEMENTINA (dando un’esclamazione di gioia): Ah!… Sì, sì, te veco chiaro, te veco buono.
GIULIETTA: Io sono l’angelo che tu aspetti, l’angelo della carità.
FELICE: (È venuto l’angelo de le chianche a la carità!).
CLEMENTINA: Ah! Cielo mio te ringrazio, mò sì che moro contenta!…
FELICE: Ma ch’è stato? Ch’è succieso?
PASQUALE: Con chi state parlando?
CLEMENTINA: Vuje non potite nè vedé, nè sentere niente… Zitto…
GIULIETTA: Sono venuto dal cielo per affidarti un’alta missione. Ascolta bene… Alzati subito, esci, e cammina…
FELICE: (Che galiota!).
GIULIETTA: Và nella Villa Nazionale, fà 12 giri intorno alla statua di Giambattista Vico.
FELICE: (Mò me la vò fà j nterrà a chella… che assassina!).
GIULIETTA: Poi ti fermerai, un uomo ti parlerà, tu lo sentirai attentamente, perché da quello che ti dice, ti nascerà un figlio.
FELICE: (Chella che sta ammaccanno?).
GIULIETTA: Questo tuo figlio, a 40 anni, sarà un grand’uomo, un grande ingegno, lo faranno Presidente dei ministri, leverà tutte le tasse, e salverà l’Italia.
FELICE: (Che te pozzano accidere!).
CLEMENTINA: E nce pozzo credere?
GIULIETTA: Và, e non perdere tempo. Per tuo figlio, per il popolo, per la patria.
CLEMENTINA: Per mio figlio, per il popolo, per la patria! Nella Villa Nazionale?
GIULIETTA: Sì, non perdere tempo, và subito, un uomo ti sta aspettando… Addio Clementina, ricordati tutto, io sparisco… bù, bù, bù! (Spegne illume e si butta a terra dietro il letto.)
FELICE: (L’aggia fà na cauciata comme dico io!).
CLEMENTINA: È sparito, è sparito… non l’avite potuto vedé… non l’avite potuto sentì… Siente Felì! Io non pozzo perdere nu minuto de tiempo. È venuto l’angelo, m’ha ditto chello c’aggia fà.
FELICE: Possibile? Haje parlato cu n’angelo? E che haje da fà?
CLEMENTINA: Aggiaj dinto a la Villa, aggia fà 12 giri attuorno la statua de Giambattista Vico, po’ n’ommo s’accosta e me parla…
FELICE: N’ommo?!
CLEMENTINA: Sì, n’ommo! Da chello che me dice, me nasciarrà nu figlio.
FELICE: Nu figlio?!
CLEMENTINA: Sì, nu figlio, che a 40 anne sarà Presidente de ministri levera tutte le tasse, e salverà l’italia.
FELICE: Ma questo figlio non sarà mio, però?
CLEMENTINA: E che fa? Non sarà lo tujo, ma non è manco de n’ato, pecché chill’ommo dinto a la villa me parlarrà sulamente, non haje da essere geluso, è lo cielo che vò sta cosa per arricchire l’Italia.
PASQUALE: Ma sì, caro Felice, non essere geloso, è nu miracolo, è na cosa che vene da coppa! Jate signò, jate!…
FELICE: Ma comme tu vaje facenno figlie pe dinto a la villa?
CLEMENTINA: Non dubità Felì… io nce parlo solamente… damme nu vaso…
PASQUALE: Lo fa per il figlio.
CLEMENTINA: Per il popolo…
GIULIETTA (da dietro il letto): Per… la… patria!…
CLEMENTINA: Lo siente?
FELICE: Eh! Pare che mò sento qualche cosa…
CLEMENTINA: Meh, non stà accussì… jammo… pozzo j?
FELICE (la bacia): Per tuo figlio!… Per il popolo… Per la patria! Va! Va! Va! (La spinge. Clementina via prima a destra.)
PASQUALE: Mò moro da li risa! (Ridendo.)
FELICE: Cose de pazze, cose che non se credene!

SCENA QUINTA

Giulietta e detti, poi Felice.

GIULIETTA (si fa avanti): Se n’è ghiuta?… Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
FELICE: Mannaggia l’arma de mammeta, che haje combinato?
GIULIETTA: V’è piaciuta la penzata c’aggio fatto?
PASQUALE: Magnifica!…
FELICE: Io vaco a vedé si trovo na vesta, na cosa qualunque. (Via.)
GIULIETTA: Dicite la verità, l’angelo l’aggio fatto buono?
PASQUALE: E comme se puteva fà meglio? E chella vecchia che s’ha creduto tutte cose.
GIULIETTA: Ma chella è proprio na pachiochia vì!
FELICE (fuori): Comme se fa, chella ha chiuso a chiave lo stipo, lo commò, tutte cose.
GIULIETTA: E allora vuol dire che resto ccà! Faciteme fà marenna, però, pecché tengo n’appetito che mò moro!
FELICE: Che marenna, e rimané ccà, vuje site pazza! Chella mò torna muglierema, ve vede… e vò sapé chi site.
GIULIETTA: Me vede? Vò sapé chi songo? E nce lo dico, che fa? Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
PASQUALE: Quanto site graziosa quando fate stu movimento.
FELICE: Mò vide che movimento te siente dinto a li rine!… Fammo lo piacere, scinne, và addo lo barraccaro che sta a lo puntone, accatta na mantella, nu soprabito, nu spolverino qualunque… po’ me faje sapé quant’haje spiso… va…
PASQUALE: Ah! Bellissima idea. D.a Giulié, che volite, na mantella, o nu spolverino?
GIULIETTA: Aspettate… io aggio visto na bella pelliccia da la Rinascente, pigliateme chella.
FELICE: Vuje quà pelliccia, io mò ve metto dinto a nu sacco e ve ne manno, e chella va trovanno la pelliccia.
GIULIETTA: Basta, pigliateme chello che vulite vuje. Viva, viva, tra llà ra. (Cs.)
PASQUALE: Bella, bella, simpaticona!… Vaco e torno subito! Viva, viva, tra llà rà! (Via.)
FELICE: Vedite chill’ato farenella, nu chirurgo conosciuto. Viva, viva, tra llà rà. D.a Giulié, aspettate, voglio vedé si pozzo aprì lo stipo, cu una de sti chiave. (Prende un mazzo di chiavi che sta sul tavolo davanti.) Mò vengo… (Nell’andare.) Vuje m’avite lassà stà, io aggia fà lo miedeco, non pozzo secondare le vostre pazzie! (Entra.)
GIULIETTA (ridendo): Ah! Ah! Io non ce pozzo penzà, chesta è stata proprio na cosa curiosa, io non me ricordo proprio niente. Me ricordo che isso steva mbriaco assaje, sì, chesto me lo ricordo, s’appiccecave cu tutte quante, a tutte quante conosceva, e le deve la mano… pò chiano chiano, bevenno, bevenno, e pazzianno, pazzianno, me so’ mbriacata pur’io. (Ride.) Ma pò comme va che me so’ trovata ccà ncoppa, chesto nun lo ssaccio, meno male che la mogliera dormeva dinto a n’ata cammera, si no facevamo na bella frittata.

SCENA SESTA

D. Cesare, Ciccillo e detta.

CESARE: Trase, trase, non me seccà. (D.d.).
GIULIETTA: Vene gente, scappa scappa! (Entra nell’alcova.)
CICCILLO (uscendo con Cesare): Ma scosate, come vi debbo annonziare?
CESARE: Non c’è bisogno di annunziarmi. Dimme solamente se il Dr. Felice Sciosciammocca nce sta?
CICCILLO: Ma venite pe visita?
CESARE: Chesto non l’aggia dicere a te.
CICCILLO: Vedite signò, chillo le vote, vò fà dicere che non c’è in casa…
CESARE: Con altre persone, ma co me no, io sono suo zio, Cesare Sciosciammocca.
CICCILLO: Ah! Vuje site lo zio?
CESARE: Sà che vuò fà? Vattenne che trase io dinto.
CICCILLO: Facite le fatte vuoste. (Via prima a destra.)
CESARE: Avarrà na grande sorpresa, so’ tre anne che non me vede, aggio saputo che s’ha spusato na certa Clementina, bastantemente bruttulella, e non tanta giovene, perchè l’ha purtato 20.000 lire de dote. E io pe venti mila lire, avarria passato nu guajo de chisto? Manco pe nu milione! Io da che murette Lucrezia, non aggio fatto ammore cchiù cu nisciuna femmena, pecché nisciuna femmena aggio trovato bella e bona, comme a chella. (Cade una sedia dentro l’alcova.) Nu rummore llà dinto, sarrà isso. (Va ad aprire le portiere e guarda.) Oh, scusate.
GIULIETTA: Oh, niente, niente!
CESARE: Perdonate il disturbo… io non sapevo… me dispiace tanto…
GIULIETTA: Oh, nessun disturbo, anzi s’accomodi.
CESARE: (Chesta ha da essere la mugliera). Io sono Cesare Sciosciammocca, zio di vostro marito.
GIULIETTA: Tanto piacere.
CESARE: Non vi ha parlato mai di me?
GIULIETTA: Chi?
CESARE: Felice.
GIULIETTA: No… cioe… sì… qualche volta…
CESARE: Io me trovo stabilito a Foggia da 3 anni, e intanto m’avevano detto che Felice aveva sposata una donna brutta, e di una certa età, ma vedo che non è così, vedo che sono state bugie, tutte calunnie.
GIULIETTA: Neh, mi vorrei alzare la verità.
CESARE: Ma no, statevi comoda, per carità… voi forse state poco bene?
GIULIETTA: No, sto aspettanno nu vestito che mi debbono portare.
CESARE: Se tutte le donne brutte e di età, fossero come voi, sarebbe una fortuna per gli uomini.
GIULIETTA: Oh, siete troppo buono, caro zio.
CESARE: Voi già sapete perché sono venuto?
GIULIETTA: No, non sò niente.
CESARE: Non sapete niente? E come va? Avete ricevuta la mia lettera?
GIULIETTA: Non me lo ricordo, mi avete scritta una lettera?
CESARE: Sicuro.
GIULIETTA: E non l’ho ricevuta ancora.
CESARE: Mi fa meraviglia. L’ho impostata io stesso, vuol dire che la riceverete più tardi, ma ora è inutile. Ora vi dirò io di che si tratta. Conoscete mia nipote Angiolina?
GIULIETTA: No.
CESARE: Una bella ragazza! orfana, poveretta, di madre e di padre mia sorella non quando lei teneva appena un mese, e rimase in mano della sua nutrice a Roccarossa un paisiello vicino Casoria. Quatto anne fa, io le comprai un casinotto, con terreno, e ce lo mobigliaje con molto lusso, perché io sono ricco, molto ricco.
GIULIETTA: Ricco? Ma che uomo simpatico!… (Lazzi.)
CESARE: Ci feci mettere anche la luce elettrica.
GIULIETTA: Pure la luce elettrica?
CESARE: Figurateve, chille cafune, quando vedettene la luce elettrica… Lo diavolo!… Lo diavolo!…
GIULIETTA: Uh! Lo diavolo… (Ridendo.)
CESARE: E mò sta llà assieme ad una sorella sua vedova. Questa Angiolina, che io voglio bene comme a na figlia, l’aggio proposto nu buono matrimonio, nu bravissimo giovine che io conosco da tanto tiempo… un certo Errico Delfino…
GIULIETTA: Eh! Errico Delfino! (Siede in mezzo al letto con sorpresa.)
CESARE: Che… lo conoscete?
GIULIETTA: Sicuro… lo cunosco!
CESARE: Ah! Bravo! Forse è amico di Felice?
GIULIETTA: Così credo, non sò.
CESARE: Ma voi forse lo conoscete prima di maritarvi?
GIULIETTA: Sì, era amico di papà e di mammà.
CESARE: Amico di famiglia?
GIULIETTA: Perfettamente! Ci fa l’amore da molto tempo con vostra nipote?
CESARE: No, non si sono ancora visti, stasera si conosceranno, sono stato io che ho combinato l’affare.
GIULIETTA: (E bravo!).
CESARE: Perché vi assicuro che questo Errico, è veramente un bravissimo giovine, figlio di un mio socio negli affari, perciò ho cercato di affrettare la cosa. La ragazza sta bene, porta più di 200 mila lire di dote, fra proprietà e contanti, non è tanto istruita., questo sì…
GIULIETTA: È nu poco ciucciarella?
CESARE: Pecché, capite, è stata sempe in paese, miezo a cafune, a campagnuole, ma che fa, i denari, la bellezza e la gioventù, coprono questo piccolo neo, non è così?
GIULIETTA: Ah, sicuro!
CESARE: Io so’ venuto a Napoli, appositamente pe stu fatto. Stasera è l’anniversario della nascita di Carmela, l’altra mia nipote vedova, danno na festa scicca, sempe co li denare miei però. Chilli cafune, figurateve, stanno tutte ammuinate, lo sinneco, lo consigliere municipale, lo parrocchiano…
GIULIETTA: Pure lo parrocchiano?
CESARE: Già… non hanno cchiù che fà. In questa occasione, io ho combinato l’incontro dei due giovani, e quella lettera che vi ho mandata, è appunto l’invito per voi e vostro marito.
GIULIETTA: Oh, grazie, troppo buono.
CESARE: E sapete perché voglio che venite voi e mio nipote? Pe fà vedé nella festa una signora distinta, aristocratica, una parente che possa fare gli onori di casa, che possa dare un tuono alla festa, che pò fa fà insomma na bona figura allo sposo. E dove trovarla meglio di voi. Ci venite con piacere?
GIULIETTA: Oh, grazie, per carità, mi volete confondere.
CESARE: Voi cercherete di dare una lezioncella a mia nipote, farle capire tante cose che non sa; per esempio, di levarle chillo carattere scurnuso, antipatico, cercare di farla essere gentile, educata, farle capire come si deve comportare quando vede quel giovine, insomma dirozzarla un poco.
GIULIETTA: Ho capito, ho capito.
CESARE: Sarà una seccatura per voi, lo sò, ma dovete farmi questo favore.
GIULIETTA: Ma che favore, vi pare, sarà un dovere!…
CESARE: Grazie, signora, grazie. (Bacia la mano.)
GIULIETTA: Solamente, vedete, io non sò se mio marito questa sera potrà venire.
CESARE: Oh, per questo non ci pensate, deve venire per forza, quando ce lo dico io, deve acconsentire, vorrei vedere che si rifiutasse ad un invito che gli faccio io. A me mi preme solo di sapere se voi acconsentite di venirci?
GIULIETTA: Ma vi pare? Con tutto il piacere! (Tanto pe vedé che faccia fa chill’assassino d’Errico!)
CESARE: Si tratta poi di una vostra cugina, larga sì, ma è sempre una vostra parente. Voi starete là come in casa vostra. (Le bacia la mano.)
GIULIETTA: Quanto siete buono, ma no, sono io che debbo baciarvi la mano. (Bacia la mano, e l’abbraccia.)

SCENA SETTIMA

Felice e detti, poi Ciccillo.

FELICE (vede Giulietta abbracciata con Cesare, con molta sorpresa): Che veco?!… Giulietta abbracciata… e chi è chillo?
CESARE (si volta): Oh, signor dottore, finalmente!…
FELICE: (Zi zio, stateve bene!). Oh, zio caro caro! (L’abbraccia.) Ma comme accussì tutto nzieme, non ce vedimmo da 3 anne… assettateve, assettateve.
CESARE: T’ha fatto piacere vederme?
FELICE: Uh! Avite voglia!
CESARE: Comme me truove?
FELICE: State meglio de primma.
CESARE: E tu, te mantiene sempe lo stesso. Io avevo scritto na lettera a mogliereta… facennole sapé la ragione pecché venevo a Napule ma non l’ha ricevuta ancora… so’ arrivato primma io.
FELICE: E bravo! E bravo! E bravo!… E ve trattenite assaje a Napule?
CESARE: Vulesse lo cielo… Non posso, dimane matina, co lo primmo treno, me ne torno n’ata vota a Foggia… so’ venuto nu mumento pe combinà lo matrimonio de Ngiulina.
FELICE: Chi Ngiulina?
CESARE: Guè, chi Ngiulina?… Nepoteme tua cugina.
FELICE: Ah, già, Ngiulina mia cugina, sposa?
CESARE: Almeno lo spero.
FELICE: E bravo! E bravo! E bravo!
CESARE: Ogge è stata la nasceta de Carmela…
FELICE: Chi, la guardaporta?
CESARE: Come! L’altra tua cugina, Carmela la vedova?
FELICE: Ah, sicuro, Carmela… E bravo!
CESARE: Tu comme staje stunato neh?
FELICE: E bravo… Penso alle visite, agli ammalati…
CESARE: Dunque stasera danno na gran festa a lo paese. Tu non mancherai certo.
FELICE: E che vulite che vengo pur’io?
CESARE: E se capisce… la tua presenza è necessaria.
FELICE: Ma io… zi zi…
CESARE: Non voglio sentì chiacchiere, haje da venì.
FELICE: Va bene, come volete voi.
CESARE: Beninteso che devi portare pure tua moglie?
FELICE: Pure mia moglie?
CESARE: E che, la vuò rimané ccà?
FELICE: Vedete zi zi, quella è una donna…
CESARE: Io ce l’ho detto, ed ha accettato subito l’invito…
FELICE: Ce l’avete detto?… A chi ce l’avete detto?
CESARE: A tua moglie… Eccola là… È vero, signora, che ve l’ho detto ed avete accettato l’invito? (Va da lei.)
GIULIETTA: Sicuro! Non mi potevo negare certamente!
FELICE: (Puozze passà nu guajo! E io comme la combino?).
CESARE: (Io ti faccio i miei complimenti, sai che mugliereta è un vero zuccariello!).
FELICE: (Ve piace?).
CESARE: (Assaj!… Bravo! Intanto m’avevano ditto che t’avive spusata na femmena brutta, e di una certa età).
FELICE: (E io pò me la spusavo?).
CESARE: (Figurete la sorpresa, quanno l’aggio vista… aggio ntiso nu rummore llà dinto, so’ ghiuto pe vedé, me credevo che ire tu, e so’ rimasto ncantato).
FELICE (fra sé): (Voi vedete la combinazione!).
CICCILLO (con abito di donna avvolto in un panno bianco): La sarta ha mannato lo vestito nuovo a la signora.
FELICE: Ah, damme ccà. (Lo prende.) (Iusto mò l’aviva purtà ovè?).
CICCILLO: (E io sapevo chesto!). (Via.)
CESARE: Damme ccà mò ce lo dò io. (Lo prende.) Ecco ccà l’abito, nipote mia. (Lo dà a Giulietta.)
GIULIETTA: Grazie caro zio, mi vesto subito subito. Permettete? (Chiude le porte.)
FELICE: (Chella è la veste de muglierema!).
CESARE: Che grazia, che spirito!… Chella stasera fa restà ncantate a tutte quante!

SCENA OTTAVA

Pasquale e detti, poi Clementina.

PASQUALE: Tutt’è fatto, lo spolver… (Con involto con spolverino.)
FELICE: (Statte zitto!). Zi zi vi presento il mio amico e collega, Dr. Pasquale Cardelli — mio zio Cesare Sciosciammocca.
PASQUALE: Tanto piacere. (Mettendosi l’involto dietro.)
CESARE: Fortunatissimo! Sono arrivato questa mattina da Foggia.
PASQUALE: E vi trattennete molto a Napoli?
FELICE: No parte dimane matina co lo primmo treno.
PASQUALE: Oh, così presto?
FELICE: Bella cosa, doppo 3 anni che non lo vedevo, vene a Napule pe se stà meza jornata… E se n’ha da j… se n’ha da j… (Si no, nce lo faccio j io!) (Pasquale di dietro Felice fà lazzi con l’involto.)
CESARE: Tengo tanti affari a Foggia, che non posso trascurare. So’ venuto per combinare un matrimonio fra mia nipote e un giovine…
FELICE (a Pasquale): (Leva stu coso da reto!).
CESARE: Un certo Errico Delfino, tu lo canusce.
FELICE: Errico Delfino?… No!
CESARE: Comme mogliereta m’ha ditto che lo canosce, e tu no?
FELICE: Ah, muglierema lo canosce?… Forse lo canosco pur’io… non me lo ricordo.
PASQUALE: Ma comme tua moglie sta qua?
FELICE: Sì… sì… (Gli fà dei segni.)
CESARE: Si sta vestendo.
PASQUALE (a Felice): Se sta vestenno? (Mò non ne capisco niente cchiù. Ma comme mugliereta è tornata?).
FELICE: (No è Giulietta… zi zio l’ha trovata dinto a lo lietto).
PASQUALE (ridendo): (Oh, chesta è bella!).
CLEMENTINA (d.d.): Va bene, va bene, ho capito!
FELICE: (Moglierema!).
CLEMENTINA (fuori): Tutto è fatto! (Felice fà lazzi con Cesare, abbracciandolo e gridando per non far sentire ciò che dice Clementina.)
FELICE: Dimane se ne va, me ne voglio vedé bene… Mio zio Cesare Sciosciammocca. (A Clementina.)
CESARE: Signora.
CLEMENTINA: Piacere!… Sì, ho inteso parlare spesso di voi.
CESARE: E la signora chi è? (Soggetto.)
PASQUALE: Signora, siete stata nella villa?
CLEMENTINA: Aggio fatto tutto cose. Doppo fatte 12 giri attuorno a la statua de Giambattista Vico, m’avotava nu poco la capa a la verità; e me so’ fermata. Tutto nzieme s’è accostata na guardia municipale. Nu bell’ommo, alto, chiatto…
FELICE: (Il padre del Presidente dei ministri!).
CLEMENTINA: E m’ha ditto: Signora, vi sentite male? — No, mi gira nu poco la testa. — Mi dispiace. accomodatevi… m’ha fatto assettà, m’ha guardato nu poco, pò m’ha dato la mano, e se n’è ghiuto… Mò me sento stanca… me fà male la capa… ho bisogno di riposo, e di raccoglimento.
FELICE: (Clementì, vattenne dinto, che io aggia parlà d’affari d’interesse cu ziemo, vattenne senza parlà).
CLEMENTINA: Permettete signore… vi lascio con mio marito. (Via a sinistra.)
CESARE: Lo marito?… (A Pasquale.) Siete voi il marito di quella signora?
FELICE: Sissignore zi-zì…
PASQUALE: (Che stai dicenno?).
FELICE: Appunto sua moglie. (A Pasquale:) È vero? (Gli fa un cenno.)
PASQUALE: Sissignore.
CESARE: Mi congratulo con voi, è una bella donna. (A Felice:) (E nu bello cuofene de patane!).

SCENA NONA

Giulietta e detti, poi Ciccillo, 2 commessi, e 2 facchini.

GIULIETTA: Eccomi qua, mi sono vestita… (Con l’abito di Clementina che le va un po’ largo.)
FELICE: (Michelina lo guardio!).
CESARE: Bravissimo! Bravissimo!
GIULIETTA: Come mi sono sciupata da un mese a questa parte, vedete quest’abito come mi sta largo?
CESARE: Ma no, state benissimo.
GIULIETTA: Ma che fa? Viva, viva, tra llà rà. (c.s.).
CESARE: Uh! Quant’è cara! Viva viva, tra llà rà. (Imita il movimento, e sta per cadere.)
FELICE: (E chisto si va nterra chi lo sose?).
CESARE: Sapite che aggio pensato, invece de partì stasera, partimmo mò, mangiammo a lo paese, llà stà na bella trattoria, stamme allegramente tutta la jurnata, e stasera pò jammo a la festa.
FELICE: Zi-zi… io aggio che fà…
CESARE: Zitto… voglio così! Mò arrivo fino a la posta, fatevi trovare pronti; verrò subito. Mò vengo, mò vengo. (Via prima a diritta.)
FELICE: D.a Giulié, vuje ch’avite combinato?… Dinto a quà mbruoglio m’avite mise… comme v’è venuto ncapo de dicere a zi-zi che io era lo marito vuosto?
GIULIETTA: Che aveva dicere? Chillo ha araputo lo portiere, e m’ha trovata llà dinto.
PASQUALE: Che aveva fà, puverella.
FELICE: Basta jatevenne… pe carità…
GIULIETTA: Io me ne vaco a casa, me vaco a mettere nu bell’abito, e ve vaco ad aspettà a la stazione… nce volimmo spassà…
FELICE: Che spassà, che stazione… vuje state pazzianno? Vaco io sulo, trovo la scusa che muglierema non s’è fidata.
GIULIETTA: No… nun pò essere… io sono stata invitata e aggia venì!
FELICE: Pascà, dincello tu, famme stu piacere.
PASQUALE: D.a Giulié, ve ne prego io, non ce jate.
GIULIETTA: È impossibile, nce aggia j pe forza, debbo conoscere lo sposo della cara cugina. Dunque io v’aspetto a la stazione. Badate, che si non venite, me metto dinto a lo treno, e vaco io sola, arrivata dinto a lo paese, addimanno, e subeto appuro la casa qual è, avite capito mò? A rivederci… ciao neh!
FELICE: Ciarea teh! (Giulietta via prima a destra, sorte Ciccillo e la vede.)
CICCILLO: (E chesta addò è asciuta?). Signò, hanno portata na poltrona, cu n’aparecchio elettrico.
FELICE: Ah, sicuro, l’avevano porta da 3 giorni, basta, falla trasì ccà. (Ciccillo via.) Pascà, mò nce distraimmo nu poco, vedrai una bella cosa, la famosa poltrona estatica, inventata dal professore… Heiveld, tedesco, la vedette ultimamente a Parigi, all’esposizione, e me la facette venì.
PASQUALE: E ched’è sta poltrona?
FELICE: Eh, mò vide. Questa è una cosa necessarissima, quanno s’ha da fà n’operazione difficile, l’ammalato s’addorme senza la borsa, senza cloroformio; s’assetta ncoppa a chella poltrona e per mezzo dei raggi x s’addormenta.
PASQUALE: E il contatto non te fa addurmì pure a tte?
FELICE: No, perché il chirurgo mette i guanti isolatori, e opera magnificamente.
CICCILLO (tornando con 2 facchini e i 2 commessi; i 2 commessi portano l’apparecchio elettrico, e i due facchini la poltrona:) Trasite; signò, addò la volite mettere?
FELICE: L’apparecchio su questo tavolino, e la poltrona qua vicino al tavolino. (A destra del pubblico, dopo situato, da la corrente elettrica.)
I COMMESSO (dà la fattura): Questa è la fattura.
FELICE (la prende): Grazie. (Regala ai facchini.) Andate a bere.
I FACCHINO: Grazie eccellenza. (I 4 viano con Ciccillo.)
PASQUALE: Ma famme capì, lo malato s’assetta ncoppa a sta poltrona e che fa?
FELICE: S’addorme, perde i sensi, vuò vedé? E assettate!
PASQUALE: A me? Sarraie pazzo! Justo cu me, vuò fà la prova?
FELICE: E che fa, io subito te sceto, llà nce stanno 2 bottoni, uno pe fà addurmì, e l’ato pe fà scetà; jammo assettate.
PASQUALE: Felì, non facimmo pazzie, sà.
FELICE: (Me pare na criatura). Sì chirurgo e te miette paura? Io l’aggio provata pur’io a Parigi, t’adduorme doce, doce. (Pasquale siede. Felice accomoda il poggia testa, facendo rumore, Pasquale si alza spaventato.)
PASQUALE: Ched’è?
FELICE: Niente, accomodo il poggia testa.
PASQUALE: Non sapevo che era. (Siede.)
FELICE: Chesta è na cosa che fa rimané ncantato. Non te movere, fermo. (Tocca il bottone.)
PASQUALE: Che bellezza, uno s’addorme doce doce. (Si addormenta dicendo altre parole.)
FELICE: Non hanno più che inventare!… Pascà… Pascà?… S’è addormuto Pascale… (Chiamando:) Clementina?… Clementina?…

SCENA DECIMA

Clementina e detti, poi Ciccillo, indi Eugenio e Luigi, poi Ciccillo ed Errico.

CLEMENTINA: Che vuò Felì?
FELICE: Guarda l’amico mio.
CLEMENTINA: Uh, e che fa?
FELICE: L’aggio addormuto.
CLEMENTINA: Ah, la poltrona che me diciste?… (Fa per toccarlo.)
FELICE: Eh. (Gridando.) Nun lo tuccà, si no t’adduorme tu pure.
CLEMENTINA: E chi lo tocca.
FELICE: Llà nce sta la spiegazione, tu non l’hai letta? Chiunque tocca questo individuo s’addormenta, fossero pure 10 persone. Basta io aggia j a Caserta per un’operazione, starraggio llà fino a dimane, va me fà le valigie.
CLEMENTINA: Subito. E sceta a chillo pover’ommo… (Via a sinistra.)
FELICE: Pascà?… Pascà… Eh, mò fa notte… (Tocca il bottone. Pasquale si sveglia.)
PASQUALE: Addò stongo?
FELICE: Dinto a la casa mia.
PASQUALE: Che aggio fatto?
FELICE: Hai dormito magnificamente.
PASQUALE (alzandosi): E pecché m’haje scetato, io me stevo sunnanno che ghievo ncarrozza cu na bella figliola.
CICCILLO (con 2 biglietti da visita): Signurì, fore nce stanno duje signure che ve vonno parlà, chisti so’ li bigliette de visita lloro.
FELICE (legge): E io nun li conosco? Bah… fallo trasì.
CICCILLO: Favorite signori. (Introduce e via.)
EUGENIO: Grazie.
LUIGI: Buongiorno signore.
FELICE: Buongiorno.
PASQUALE: Felì, io me ne vaco, ce vedimmo, dimane. (Statte attiento… Giulietta t’avessa da fà cchiù guaje…).
FELICE: (Mannaggia l’arma de la mamma!).
PASQUALE: Signori. (I 2 s’inchinano, via.)
FELICE: Con chi ho l’onore di parlare?
EUGENIO: Eugenio Roselli, architetto…
LUIGI: Cav. Luigi Cotognetti, avvocato.
FELICE: Accomodatevi, prego.
EUGENIO: Grazie. (Siede, Luigi siede sulla poltrona estatica.) Noi veniamo per il fatto avvenuto stanotte sulla trattoria a Posillipo.
FELICE: E che fatto?… Io non me ricordo.
LUIGI (nervoso, parla forte): È inutile che negate, perché ci sono cento testimoni! Voi stavate ubbriaco… ma non al punto di dimenticare i fatti!
FELICE: Un po’ di calma. Discutiamo.
LUIGI: Ma che discutere. Io non discuto, io vengo a fare il mio dovere! Non ammetto chiacchiere! Scegliete due amici, e fateci mettere d’accordo.
FELICE: (Ma perché grida stu signore?).
EUGENIO: (È un po’ nervoso, capite?).
FELICE (a Luigi): Avete detto, due amici? Ma dunque si tratta di un duello?
LUIGI: Proprio! Un duello!
FELICE: Ma scusate, con chi mi debbo battere?
EUGENIO: Ecco qua, signore, voi stanotte avete detto delle parole ingiuriose ad un nostro amico…
LUIGI: Cioè, vostro, perché io non lo cunosco, io stavo là cenando, sono stato presente agl’insulti, e il vostro amico mi ha pregato di fargli da secondo. Ho assistito a 7 duelli, tutti consumati, io non ammetto accomodamenti, non posso fare una cattiva figura, ho accettato il mandato, e il signore si deve battere, e si batterà!
EUGENIO: Cavaliè, vi prego, siate più calmo.
FELICE: Ma scusate, che ho detto a st’amico vostro?
LUIGI: Un sacco di villanie, e in ultimo gli avete detto: mò te mengo na butteglia nfaccia. Questo è stato un grande insulto.
FELICE: Cavaliè calmateve. Voi dovete sapere, signori, che io stanotte aggio passato nu sacco de guaje, e vi posso assicurare che questo fatto dell’amico vostro io non me lo ricordo proprio, mi ricordo che ho avuto una quistione con un tale, ma non saprei dirvi che è questo tale, e perché nce simme appiccecate.
LUIGI: Queste sono scuse che io non posso ammettere!
FELICE: Cavaliè, scusate…
EUGENIO: L’amico mio è irritatissimo… voi vi siete troppo spinto.
FELICE: Ma non sono stato io, è stato il vino.
LUIGI: Ma che vino, e vino! (Gridando.) Anche nel vino bisogna essere educato! La prima cosa per l’uomo, è l’educazione. Voi ve ne venite, nfaccia a chillo: mò te mengo na butteglia nfaccia. Questo il galantuomo non lo dice, non lo pensa, non lo fa. (Altre parole a soggetto. Felice tocca il bottone.)
FELICE: Ah! Me l’aggio luvato da tuorno!
EUGENIO: Che è successo?
FELICE: L’aggio addormuto.
EUGENIO: Oh, questa sì ch’è graziosa!
FELICE: Eh, chillo non ce faceva dicere na parola… Prima di tutto, fatemi sapere chi è quest’amico vostro.
EUGENIO: Il signor Errico Delfino.
FELICE: Errico Delfino? È un giovine che gli è stato proposto un matrimonio?
EUGENIO: Sì, un matrimonio d’interesse, no di passione.
FELICE: Perfettamente, e la sposa è mia cugina, vi pare, noi dobbiamo essere parenti… e pecché s’è appiccecato cu me stanotte?
EUGENIO: Ecco qua. Lui pure ha confessato di aver bevuto un po’ troppo.
FELICE: Steva pur’isso mbriaco?
EUGENIO: Ubbriaco no, un po’ allegro. Vi ha visto insieme ad una donna che è stata la sua amante… si è indisposto (voi ve ne siete accorto, egli si è infuriato, voi più di lui), e così è nata la quistione.
FELICE: Vi posso assicurare, che non ricordo niente.
CICCILLO (annunziando): Il signor Errico Delfino. (Via.)
FELICE: Ah, bravo, a tempo a tempo, avanti.
ERRICO: Il Dottor Felice Sciosciammocca?
FELICE: Sono io a servimvi.
ERRICO: Nipote di D. Cesare Sciosciammocca?
FELICE: Perfettamente!
ERRICO: Scusate allora, conosco tanto vostro zio, se avessi potuto supporre… capirete, vedendovi unito con una donna, che un giorno mi apparteneva, e avendo bevuto un pochino…
FELICE: Capisco, capisco, non se ne parlà più. Voi dovete sposare una mia cugina?
ERRICO: Forse. (A Eugenio:) Grazie, amico mio. Chi è quel signore?
EUGENIO: L’avvocato Cotognetti, l’altro tuo secondo.
ERRICO: Ah, già.
FELICE: (Vì comme steva chisto, che non se ricorda manco lo secondo sujo!).
ERRICO: E perché sta così?
FELICE: L’aggio addormuto pecché non ce faceva parlà.
ERRICO: E non sente niente?
FELICE: È insensibile! Vedete, io ne faccio quello che voglio. (Strappa i capelli a Luigi, lazzi.) Mò lo sveglio! (Tocca il bottone. Luigi si sveglia e si gratta la testa.) Mò se lo sente.
LUIGI: Chi è?… Dove sto?… Ah! Dunque si fa questo duello?
FELICE: (Mò l’assetto n’ata vota!).
ERRICO: Sig. Avvocato, vi ringrazio, tutto è chiarito, tutto è finito.
LUIGI: Il duello non si fa più? Tanto piacere! Ma vi prego un’altra volta di non incomodare la gente, queste sono figure che io non l’ho fatte mai, capite mai! (Via a destra.)
FELICE: (No, me aggio pigliato meza lira de capille!). Insomma chillo me voleva fà accidere afforza! (I due ridono.)
ERRICO: Basta, perdonate se vi lascio, ho tante cose da sbrigare. Arrivederci dunque.
FELICE: A rivederci. (Errico via.)
EUGENIO: A rivederci, signore. (Dà la mano.)
FELICE: A rivederci, signor Rosina.
EUGENIO: Roselli, non Rosina.
FELICE: Ah! Già Roselli. (Eugenio via.) Vuje vedite chello cancaro de vino che m’ha fatto combinà stanotte! Meno male ch’è stato chisto, si era n’ato me puteva nquità buono.

SCENA UNDICESIMA

Clementina e detto, poi Cesare, poi Ciccillo e Totonno, indi Ciccillo.

CLEMENTINA (con valigie e lettera aperta in mano): Ecco ccà le valigie.
FELICE: Lasseme piglià lo cappiello… già aggio fatto tarde… (Via a sinistra.)
CLEMENTINA (legge la lettera fra sé): Oh, chesta è bella, D. Cesare Sciosciammocca m’invita per questa sera alla festa che si darà a Roccarossa in casa della nipote, e pecché non me l’ha ditto poco primma? Intanto vedite la combinazione, justo ogge Felice adda j a Caserta, basta ce vaco io sola.
FELICE (con cappello): Dunque Clementì, io vaco.
CLEMENTINA: Aspetta andivina chi mi scrive?
FELICE: Mò vaco de pressa, non me fà perdere tiempo.
CLEMENTINA: Ma un momento.
FELICE: Me faje sbaglià lo treno?…
CESARE (d.d.): Fa venì na carrozzella, e falle aspettà abbascio a lo palazzo.
FELICE: (Zi-zio, sangue de Bacco, e comme faccio?) Viene ccà. (La tira per un braccio.) Primme de partì te voglio da nu bacio.
CLEMENTINA Aspetta nun me tirà…
FELICE: Tu me fai mancà lo treno. (L’abbraccia e la fa sedere sulla poltrona.)
CLEMENTINA: Quanno maje m’haje vuttata accussì… pienze sempe a na cosa…
FELICE (tocca il bottone e l’addormenta): Tutte le combinazioni! (Prende il tappeto dal tavolo e la copre.)
CESARE (fuori): Neh, Felì, jammuncenne.
FELICE: Andiamo zi-zi.
CESARE: E mugliereta?
FELICE: S’è abbiata a la stazione.
CESARE (indica la poltrona): E ched’è llà?
FELICE: È un preparato anatomico, m’aggia piglià la coratella.
CESARE: Eh! (Via poi torna.)
CICCILLO: Signò, st’ommo dice che ha da parlà cu vuje. (Esce Totonno con frusta. Ciccillo via.)
FELICE: Chi è?
TOTONNO: Bongiomno oscellenza. Signò, io songo Totonno, lo cocchiere affitto, che stanotte v’aggio portato dinto a la carrozzella fino a ccà.
FELICE: E che vuò?
TOTONNO: Comme che voglio? Vuje quanno site scise, avite ditto: sì nu cocchiere overo simpatico, dimane viene a magnà cu mico, e io so’ benuto.
FELICE: Io t’aggio ditto viene a magnà cu mmico?
TOTONNO: Sissignore, non ve ricordate? Anze, avite ditto: Si nun viene me faje piglià collera, nun me faccio servì cchiù da te.
FELICE: Ah, già, me ricordo… (Vì che pella tenevo io stanotte!). Ma io aggio pazziato te pare, venive a mangià a casa mia? Del resto, mò rimedio io… Tiene cheste so’ doje lire, te le vaje a magnà a na parte de chesta. (Le dà.)
TOTONNO: Grazie oscellenza…
FELICE: Però, m’haje da fà nu piacere?
TOTONNO: Comannate.
FELICE: Mò che me ne vaco, tocca stu bottone che sta ccà vicino, lo vì. (Indicandolo.) Ccà nce sta uno a diritta, e uno a sinistra, tu tuocche chillo a sinistra, premilo haje capito?
TOTONNO: Va bene.
CESARE (uscendo): Guè Felì, ce ne vulimmo j?
FELICE: Jammuncenne. (Totò te raccomando. Chillo a sinistra… premilo).
TOTONNO: (Nun ce penzate). (Via Felice e Cesare.) Ma pecché aggia fà chesto? Basta accussì m’ha ditto, e accussì faccio, m’ha dato doje lire. (Tocca il bottone.)
CLEMENTINA (si sveglia, si alza, ed afferra il braccio di Totonno): Felì, marito mio, pecché me faje sti cose?… Pecché m’haje cummigliata cu stu panno?
TOTONNO: Chi è?… Lasse!…
CLEMENTINA (che si è scoverta): Che veco? E chi sì tu? (Gridando.) Mariuole, mariuole…
TOTONNO: Quà mariuole, io so’ nu galantuomo! (Fugge.)
CICCILLO (uscendo corre dietro a Totonno, gridando con Clementina.)
A DUE: Mariuole! Mariuole! (Clementina fugge a sinistra e Ciccillo corre dietro a Totonno prendendolo a calci fino a prima porta a destra gridando sempre.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo
ATTO SECONDO

Giardino con 4 porte laterali e due in fondo; le porte illuminate a luce elettrica, in fondo, in mezzo, un puttino con globo in mano, con lampadina accesa. La porta in fondo a destra è la comune. A sinistra un pianoforte. Sedie e tavolini di giardino. Lampadaro a luce elettrica al centro.

SCENA PRIMA

All’alzarsi della tela la banda suona di do. Tutti gl’invitati escono dalla destra a braccetto passeggiando, poi nel terminare il pezzo di musica, viano per la porta in fondo a sinistra; esce dalla destra Biase con guantiera di dolci e Salvatore dalla sinistra correndo, si urtano, indi Carmela e Luisella.

SALVATORE (che si è urtato con Biase): Ma che sì cecato?
BIASE: Io so’ cecato? Tu te mine comme a nu ciuccio.
SALVATORE: Vallà vatté, và fà lo craparo!
BIASE: Salvatò pe tutto stasera te sciacco! (Via.)
SALVATORE: Mò vedimmo chi fa cchiù ampressa!
CARMELA: Salvatò che faje lloco? T’aggio ditto statte fore pe ricevere l’ati invitate che hanna venì.
SALVATORE: Va bene. (Via fondo a destra.)
CARMELA: Ah, chella sora mia, me fa proprio avutà lo stommaco, s’è miso a uno pizzo tutta mpupazzata, e non dice na parola.
LUISELLA: Va bene ch’è piccerella, e se mette scuorno, ma me pare troppo, la verità.
CARMELA: Ma che piccerella, che scuorno, io quanno tenevo l’età soja, ascevo da dinto a lo fuoco, me prudeva la capa de na mala manera.
LUISELLA: Che c’entra, tu pò sì n’ata cosa.
CARMELA: Che saccio, chella non me pare maje sora… ma ched’è stu scuorno. Uh! Io non aveva nascere dinto a stu paisiello, miezo a sti turze, scuse sà, io non parlo de te parlo de l’ate. Mamma mia, nisciuno sape accucchià quatti parole pulite, nisciuno sape leggere, sulo lo Sinneco e 3 consigliere sanno leggere e scrivere nu poco, ma appena appena quacche cosarella. Ah, me parene mille anne che chella stupeta de sorema se mmarita, ne voglio fà zumpe.
LUISELLA: Comme! Te ne vaje da ccà?
CARMELA: Se capisce, che voglio murì Luisella mia, me ne vaco a Napule, voglio vedé facce belle, allegre… ccà stasera l’invitate pe fà troppo li signure, me parene tanta mazze de scope!
LUISELLA: Haje ragione.

SCENA SECONDA

Salvatore e dette, poi Errico, indi Luisella.

SALVATORE: Il signor Errico Del… fico.
CARMELA: Siente a chill’ato animale! Errico Delfino!
SALVATORE: Ah! Gnorsì… Delfino.
CARMELA: Fallo trasì.
SALVATORE: Subito. (Via.)
CARMELA: Chisto è lo sposo de Ngiulina, proposto da zi zì. Seh, e trova sta bella conversazione! Luisè agge pacienza, và chiamme a chella scema, dincelle che venesse, e non se mettesse scuorno, dincello pure a zì prevete che la facesse venì, cercammo de non fà macra figura.
LUISELLA: Non te n’incammicà, mò la faccio venì. (Via a sinistra.)
CARMELA: Zi zio ave voglia de fà, ma io so’ sicura che a chella nun la marita.
SALVATORE (uscendo): Favoresca. (Via.)
ERRICO: È permesso?… La signora Carmela Piretti?
CARMELA: Sono io a servirla.
ERRICO: Il signor Cesare vostro zio?
CARMELA: Non è venuto ancora, ma poco potrà tardare. Zi zio m’ha parlato tanto bene di voi, ed io sono certa che sposandovi mia sorella, sarete più che contento.
ERRICO: Lo spero. Mio padre è amico intimo di vostro zio e sono stati loro che hanno combinato tutto.
CARMELA: Tutto, scusate, non se pò dicere ancora, perché voi non avete vista ancora la ragazza, e non sappiamo se vi piacerebbe o no. Essa, so’ sicura che appena ve vede, zumparrà pe la priezza, perché vuje site veramente nu simpatico giovene.
ERRICO: Bontà vostra pe carità.
CARMELA: Mò che la vedite, nce parlate, ve dicite quacche parolella azzeccosa, e allora se pò dicere che s’accommencia a combinà quacche cosa. Dico bene, o no?
ERRICO: Benissimo.
CARMELA: Quello che ve prevenisco però, non ve credete de trovà na figliola svelta, spiritosa. Oh, no, tutt’altro. Mia sorella, non faccio per dire, è una bella giovine, simpatica, però è stata cresciuta dinto a la stu paese, mmiezo a li cafune, gente che non sa neanche quant’è nata, e per conseguenza è nu poco scurnosa, nun sape parlà, non se sape presentà, insomma è nu poco inceppata, vuje chiano chiano, l’avita da fà sciogliere, la dovete scozzoniare, capite?
ERRICO: Ho capito, ho capito. (Scozzoniare! E che significa?).
CARMELA: Noi abbiamo dato questa piccola festa, primma pecché ogge è stato l’anno anniversario della mia nascita.
ERRICO: Oh, auguri per questo anniversario. (Dà la mano.)
CARMELA: Grazie, e poi perché venivate lei per la prima volta in casa nostra. Dovete però compatire se gl’invitati non sono persone nobile, aristocratichi, sono tutti buoni amichi, abitanti di questo paeso.
ERRICO: Oh, sarò fortunatissimo di trovarmi in sì bella compagnia.
SALVATORE (uscendo): Mò vene, mò vene, la sta portanno zì prevete.
CARMELA: Ah, bravo! Ecco qua mia sorella.

SCENA TERZA

D. Fortunato, Angiolina e detti.

FORTUNATO (da prete): Andiamo Ngiulì, e che significa stu scuorno, me pare na criatura, aiza la capa.
ANGIOLINA (veste da festa caricata, con la testa bassa, guanti bianchi, alquanto larghi, e ventaglio con lungo laccio, segue Fortunato.)
FORTUNATO: Ecco qua D.a Ngiolina, non ci voleva venire, ha ceduto alle mie preghiere.
CARMELA: Ma allora tu a stu giovene non lo vedive maje? Questo è il nostro parrocchiano.
FORTUNATO: Fortunato Palella, ai vostri comandi.
ERRICO: Preghiere. Errico Delfino.
FORTUNATO: Piacere. Dovete compatire è una ragazza piena di soggezione, non ha contrattato mai con nessuno, sempre in casa, sempre dinto a lo paese. Angiolì, questo è quel giovine, che dovrà essere tuo marito… ti piace?… Parla, dì qualche parola…
ANGIOLINA: Io non aggia dicere niente, pecché non saccio dicere niente. Si stu giovene me vò spusà, si le so’ simpatica… che serve a parlà, se caccene le carte, damme parola, pò jammo a lo municipio, jammo a la chiesa… e stateve bene.
FORTUNATO: Ma ecco qua, questo giovine vorrebbe sapere se lo trovi di tuo gusto, se ti piace?
ANGIOLINA: Sì me piace? E che me l’aggia mangià forse?… (Ride.)
CARMELA: Capite, non è na giovine esperta, è genova.
ERRICO: (No,è Milano!).
FORTUNATO: È carta bianca.
ERRICO: Troppo bianca, veramente.
FORTUNATO: Non te l’haje mangià, chesto se sape, vulimmo sapé, si te lo spuse cu piacere?
ANGIOLINA: Io mò che ne saccio… non saccio che aggia dicere.
CARMELA: Uh! Sora mia! E parle, parle, fatt’ascì lo spirito… Io quanno vedette a maritemo la primma vota, tanta de la priezza, me mettetto a chiacchierà e non la fernette cchiù, e tu pe t’ascì na parola da la vocca nce vonno de spuntunate. Ah, che brutto carattere neh? Basta D. Errì, io vaco ad annunzià dinto che site venuto. Che v’aggia dicere, chesta è la figliola, si ve piace, si lo carattere sujo ve conviene, se combina lesto lesto tutto cose, e si no avimmo pazziato, che s’ha da fà. Jammo, Luisé, jammo dinto… Ah! Non me fido cchiù de resistere… Uh! Scusate… me fà scurdà pure de parlà pulito. (Via a sinistra.)
LUISELLA: Have ragione proprio… che brutto carattere. (Via appresso.)
ERRICO (a Fortunato): (Una sorella tutto fuoco, e l’altra tutto ghiaccio).
FORTUNATO: (Caro signore, dovete capire, che quello è un fuoco che è stato già appicciato, questo non ancora? E perciò…).
ERRICO: (Lo sò, ma fino ad un certo punto però). Signorina, se continuerete ad agire così, mi fate comprendere chiaramente che non vi sono simpatico affatto, e che non avete piacere di sposarmi. Che ne dite?
ANGIOLINA: Addimannatelo a zi prevete.
ERRICO: Lo domando a voi.
FORTUNATO: E io che ne saccio? (Lasciatela stà mò, a n’ato poco nce parlo a sulo a sulo, e vedimmo che me dice).
ERRICO: (Va bene, ma me pare troppo fredda la verità).
FORTUNATO: (È una ragazza ritirata, che volete!).
ANGIOLINA: (D. Fortunà, che v’ha ditto?).
FORTUNATO: (Niente, che m’aveva dicere, sta dispiaciuto, che tu non lo rispunne a dovere).
ANGIOLINA: (Ch’aggia fà: io me metto scuorno… ma me piace, è simpatico assaje).
FORTUNATO: (E dincello, che nce aspiette?).

SCENA QUARTA

Salvatore, poi Nicola, Bettina e Gennarino, indi Carmela.

SALVATORE: È arrivato D. Nicola lo Sinneco, col famiglio. (Via.)
FORTUNATO: Ah, bravo. Favoriscano, favoriscano.
NICOLA (grossa giacca, gilè bianco, camicia con collo basso, guanti a piacere, nastro rosso alla giacca, insegne di Cav., porta sotto il braccio Bettina vestita caricata da festa. Gennarino li segue vestito come Nicola): D. Fortunato bello. Avita scusà si avimmo tricato nu poconiello, pecché moglierema, ha avuta fà nu poco de toletta, dico a voi. (Gennanno bacia la mano a Fortunato.)
BETTINA: Embè che diavolo, simme state invitate a na festa, e certamente nce avevamo presentà a dovere.
ERRICO: (Veri figurini di moda).
CARMELA (uscendo): Oh, ben venuti. Signor Sindaco, signora Sindachessa.
BETTINA: Mille auguri con prosperità e salute.
CARMELA Grazie.
NICOLA: E denare assaje. Dico a voi.
CARMELA: Grazie, grazie.
BETTINA: E tu comme staje Ngiulì, staje bona?… Brava cu stu vestito, staje proprio aggraziata! Stasera dice che faje conoscenza co lo sposo, è overo?
CARMELA: Sissignore, eccolo là, ve lo presento. Il signor Errico Delfino.
NICOLA Ah, voi siete lo sposo? Bravo, tanto piacere.
ERRICO: Fortunato.
NICOLA: Nicola Pagliuchella, Cavaliere sindaco di questo paese. Mia moglie Bettina, e mio figlio Gennanino!… Questo ragazzo l’aggio tenuto dinto a lo culleggio 5 anne, lo vulevo mparà la museca, ma non ha voluto proprio ncuorpo, e che facevo tenevo un spesato inutilmente, ne l’aggio levato, e aggio ditto, fà chello che buò tu.
ERRICO: Avete fatto bene.
NICOLA: L’aggio mannato paricchie vote a Napule, pe le fà piglià idee, conoscenze, pe non lo fà venì nu turzo. Dico a voi.
ERRICO: E vi piace Napoli?
GENNARINO: Oh, molto! Io starei sempre in Napoli. Che cielo! Che città! Che vita! Che allegria! Tutte le volte che ritorno da Napoli; questo paese mi sembra una tomba, ci sto, perché ci debbo stare, perché ci sta papà e mammà, ma per me non ci starei nemmeno un minuto! Che monotonia, che silenzio, che tristezza, che noia, che seccatura. Viva Napoli! Viva la gran città! Llà si vive! Qua si muore.
ERRICO: (Vì che bello tipo ch’è chisto!).
NICOLA: (Che ne dicite? Che spirito! Che sveltezza!).
ERRICO: (Ah, sicuro).
CARMELA: Neh, vulite trasì dinto?
BETTINA: Come credete.
ANGIOLINA: Sì, sì, jammo, permettete?
ERRICO: Accomodatevi.
BETTINA: Nicola, viene. (Via con Carmela e Angiolina a sinistra.)
NICOLA: Ti perseguito.
FORTUNATO: Veniteve a piglià primma nu bicchierino e quacche cosa ccà, dinto a lo buffè.
NICOLA: Sì, dicite buono, a me faciteme stà lontano de la folla.
FORTUNATO: D. Errì, onorateci anche voi.
ERRICO: No, grazie, io attendo D. Cesare in giardino. (In fondo a sinistra.)
FORTUNATO: D. Nicò, favorite.
NICOLA: Senza cerimonie. (Lazzi e viano seconda a diritta.)
GENNARINO: Io pe me, non voglio niente, voglio una cosa, voglio stà miezo le figliole… so’ venuto p’abballà, pe zumpà… e spezzulià! (Via prima a sinistra.)

SCENA QUINTA

Cesare, Giulietta e Felice.
Di dentro si sente una forte risata di Giulietta.

CESARE (portando a braccetto Giulietta, con abito da festa di gran lusso. Felice li segue portando sul braccio la mantella di Giulietta. Cesare ha in mano delle carte di musica): Haje ragione de ridere, la gente de stu paese, è accussì curiosa, che uno a guardarla ha da ridere afforza.
GIULIETTA: Specialmente chillu servitore che avimmo trovato fora la sala. (Ridendo.)
CESARE: Salvatore, Salvatore. (Ride.)
GIULIETTA: Me l’accattarria proprio! (Ridendo.) E pò avite viste, tutte quante pe la strada me guardavano ncantata, comme fosse stata na cosa nova pe lloro.
CESARE: E pe lloro na cosa nova è, quanto mai hanno viste na signora tanto bella, e vestuta de chesta manera?
GIULIETTA (seria): Felì, che hai marito mio, perché stai tanto di cattivo umore?
FELICE: Io no, anzi sto allegnissimo.
CESARE: Sì, pur’io me so’ accorto che stai nu poco nervoso, seccato… pecché?
FELICE: Eh, penzo a le malate, puverielle, m’aspettavano, e io non ce so’ ghiuto.
CESARE: Ma te pare che putimmo penzà le malate mò, che nce ne preme… pensiamo a noi, pensiamo a divertirci.
GIULIETTA: Viva, viva, tra lla rà. (Movimento.)
FELICE: (D.a Giulié, ccà v’avita da stà sodo co la gamma!).
CESARE: Aspettate, vado ad avvisare le altre mie nipoti, mò vide quante te vedono che succede ccà, bella, simpaticona mia! Io si tenesse na mugliera accussì, zumparria pe la priezza… e chillo pare ch’ha passato l’ultimo guajo!… Teh!… Guardannola sulamente te fa friccecà lo sango dinto a li vene. Viva, viva, tra llà rà. (Fa il movimento, lazzi, entra a sinistra, Giulietta ride.)
FELICE: D. Giulié, non redite che me facite attaccà li nierve.
GIULIETTA: Non potite credere comme me sto divertendo.
FELICE: E vuje non potite credere, comme me sto ntussecanno… vuje m’avite miso dinto a nu brutto guajo!… Io aggio rimasto muglierema a casa durmenno, non saccio si lo cocchiere l’ha scetata o no. E si appura che io so’ venuto ccà cu buje, e v’aggio passata pe essa… addò me vaco a mettere?
GIULIETTA: Ma che deve fare, che deve dire. Alla fine io non ho preso il suo posto per sempre, appena appena fino a domani mattina. Se poi vogliamo seguitare…
FELICE: A chi? Site pazza? Io aggio passato chilli guaje stanotte, e chi sa quante n’aggia passà… Lo ssapite che stevo facenno pure nu duello?
GIULIETTA: E cu chi?
FELICE: Col vostro antico amante, il Sig. Errico Delfino, che fortunatamente, sapenno che io ero nipote a D. Cesare, amico di suo padre, ha mpattate le carte, e non ha parlato cchiù.
GIULIETTA: E pecché aveva fà stu duello cu vuje?
FELICE: Pecché stanotte, a la trattoria a Posillipo, v’ha visto nzieme cu me, s’ha attaccato li nierve, e che saccio che m’ha ditto, io l’aggio risposto, nce simme appiccecate, e all’ultimo io le vulevo menà na butteglia nfaccia.
GIULIETTA Uh! E io non me ricordo niente.
FELICE: E che vulite ricurdà, chillo l’appicceco è stato quanno nuje teneveme lo vino fino a ccà. (Indica la gola.)
GIULIETTA: Guardate che combinazione! Me dispiace che m’ha visto mbriaca…
FELICE: No, chillo pur’isso steva miezo fatto.
GIULIETTA: E stasera, sapite, isso sta ccà.
FELICE: Lo ssaccio, è venuto a conoscere a mia cugina che se l’ha da spusà.
GIULIETTA: E io pirciò aggio voluto venì, voglio vedé che faccia fa, quanno me vede.
FELICE: E si chillo dice a zi zio che non me site mugliera io comme la combino?
GIULIETTA: E che vulite da me, ch’aggia fà?
FELICE: Appena lo veco le conte tutto lo fatto, e m’aggia fà promettere che non dice niente. D.a Giulié, non facimmo pazzie, sapete? Vuje quanno lo vedite nun lo date retta, ricordatevi che siete mia moglie, non me facite scumparì.
GIULIETTA: Oh, vuje pe chi m’avite pigliata? Io la moglie la so’ fare, capite?
FELICE: Me ne so’ addunato, quanno è venuto zi zio a la casa mia… E chello che ve raccumanno non bevite vino, liquore… si no ccà stasera facimmo n’ato guajo, vuje ve jate a cuccà sotto a nu pagliato e io ncoppa a n’albero de pigne!…
GIULIETTA: Oh, non ce penzate.
FELICE: Già… io non ve lasso li pede… Zitto… venene tutte quante… nu poco de cuntegne D.a Giulié, un poco d’importanza… pensate che siete una signora.
GIULIETTA: Lassate fà a me. (Si soffia col ventaglio, con gran sussiego.)

SCENA SESTA

Cesare, Carmela, Luisella, Angiolina, Bettina, Angelica, Gennarino, Alfonso, Peppino, Raffaele poi Nicola, Fortunato e detti.

CESARE: Venite, venite a vedere chi vi presento. (Tutti s’inchinano.) Mia nipote la signora Sciosciammocca, napoletana.
CARMELA: Signora.
GIULIETTA: Tanto piacere.
CARMELA: Caro Felice… non ci vediamo da tanto tempo.
FELICE: Che vuoi gli affari, la professione…
CESARE: Questa è l’altra mia nipote Angiolina.
ANGIOLINA: Serva vostra.
GIULIETTA: Questa è quella bella ragazza che si deve maritare?
CARMELA: Perfettamente, e si prende un bellissimo giovine; ma è tanto spruceta che non potete immaginare.
GIULIETTA: Spruceta? E che significa spruceta?
FELICE: Vuol dire, un poco schizzignosa, ritrosa.
CESARE: Che volete, povera ragazza, è stata sempre in questo paese, ma adesso ci penserà mia nipote qua presente, se mettarrà vicino a essa… e le darrà na leziuncella.
FELICE: (E sta fresca!)
GIULIETTA: Sì, sì, penserò io, penserò io a… rinsanguarla…
CARMELA: Sarà un onore per noi… Questi sono tutti amici del paese. (Inchini di tutti.)
BETTINA: Io sono la consorta del Cavaliere Nicolo Pagliuchella, Sindico di questo comuno.
GIULIETTA: Ah, bravissimo, per conseguenza siete la sindachessa.
GENNARINO: E io sono l’unico loro figlio Gennaro Pagliuchella, ai vostri pregiatissimi comandi.
GIULIETTA: Oh, grazie, per carità.
CESARE: Questo giovanotto poi è l’opposto di Angiolina, è svelto, intelligente, spiritoso, va sempre a Napoli.
GIULIETTA: Ve piace Napule?
GENNARINO: Oh, molto, io starei sempre in Napoli. Che cielo! Che città! Che vita! Che allegria! Tutte le volte che ritorno da Napoli, questo paese mi sembra una tomba. Ci sto perché ci debbo stare, perché ci sta papà e mammà, ma per me non ci starei nemmeno un minuto. Che monotonia, che silenzio, che tristezza, che noia, che seccatura. Viva Napoli! Viva la gran città! Llà si vive! Qua si muore!
GIULIETTA: (Neh, quant’è bello chisto!).
FELICE: (No, a chisto m’accatto!).
CESARE: Questo è ricchissimo, sai, il padre è milionanio, a quell’età già tiene sei o settecentomila lire de le sue, è vero?
GENNARINO: Già, mi furono lasciate da mia nonna, poi tengo 300 lire al mese che mi passa papà, e 200 me ne passa mammà e sono 500… non c’è male, vivo discretamente.
GIULIETTA: Ah, bravo! (A Felice:) (D. Felì, chisto putarria accuncià li fatti miei nu poco!).
FELICE: (Puozze sculà, statte zitta!).
GENNARINO: Ah, ecco appunto papà il sindaco.
NICOLA (esce seguito da Fortunato): Signori rispettabili.
CESARE: D. Nicò… (Lazzi.) Vi presento la signora Sciosciammocca, moglie di mio nipote Felice.
NICOLA: Piacere. Nicola Pagliuchella Cav. sindaco di Roccarossa… Il nostro parrocchiano Fortunato Palella.
FORTUNATO: Ai vostri comandi.
GIULIETTA: Signor sindaco, stavamo parlando di vostro figlio, è davvero un giovine distinto ed intelligente.
NICOLA: Bontà vostra per carità. Sulo chillo aggio fatto, e m’è riuscito.
FELICE: (Ha fatto lo tortano co la nzogna!).
NICOLA: No pecché m’è figlio, ma è nu giovinotto che fa onore al paese. Che ne facite sti turze, sti sciaddeje, che non so’ buone a niente. Io ogne parte de mise lo faccio stà na settimana a Napule, e s’è mparate cose che non le sape nisciune dinto a lo paese. Lo mettite a tavolino a fà cunte? Non ce sta chi l’appasse, legge e scrive meglio de nu prufessore. Dinto a fà na festa de ballo pò, meglio non ce pò stà… abballa, sona, canta, zompa, li gioche…
GIULIETTA: Bravissimo.
FELICE: (Ma ch’è na scigna?).
GENNARINO Ma no, papà esagera.
GIULIETTA: Insomma sa vivere, conosce il bonton! Ma così bisogna essere per farsi apprezzare in società. Un giovine che sia bello, simpatico, ricco, non vuol dir nulla, deve tener dello spirito e deve essere chic, per farsi amare e ben volere da tutti… e specialmente poi dalle donne. Oh, la donna non si attacca mica alla ricchezza o alla bellezza, la donna si attacca allo chic, ed infatti, che cosa vediamo oggi nell’alta aristocrazia? Delle donne di alto bordo, amiche mie, sapete? Che perdono la testa, non pensano più ai titoli, ai blasoni, al sangue blù che tengono nelle vene, e s’innamorano facilmente di un giovine, povero forse, ma che sia chic, e spiritoso! (Ad Angiolina:) E così devi essere anche tu, carina!
NICOLA: (Come parla bene, com’è distinta).
FORTUNATO: (La signora, è sempre signora).
ANGELICA: (Comme è bella chella vesta).
LUISELLA: (Cheste so’ tolette, ati che chiacchiere).
BETTINA: (Pe causa toja aggia fà chesti figure, haje ditto: llà non ce sta nisciuno, miettete na veste qualunque, io si lo ssapevo, me mettevo l’abito celeste coi pallottolini ricamati).
NICOLA: (Io sapevo chesto, n’ata vota te miette la veste co li palluottele!).
LUISELLA: (Si stato tanta vote a Napule, m’avisse mai accattato nu ventaglio comme a chillo).
ALFONSO: (E già, chillo comme stesse nu paro de lire chelle so’ tutte penne de gallottole, non le vide?).
PEPPINO: (Ma è proprio na sciasciona!).
RAFFAELE: (Tene duje uocchie, che fanno perdere la capa!).
GENNARINO: (Forse pigliarraggio nu sbaglio, ma chella me pare tale e quale Giulietta la fioraia che steva a Napule, abbascio a lo Salone Margherita, pe soprannome la chiammavano la Nanassa, ha da tené nu nievo addereto a la spalla). (Va a parlare con Giulietta.)
CESARE: Neh, facciamo qualche cosa, un poco di canto. Carmela, chi canta?
CARMELA: Zì zì che v’aggia dicere, qua in paese… voi lo sapete… non c’è nessuno che canta.
CESARE: Lo sò, lo sò, chisto è stato un. paese sempre nemico della musica.
CARMELA (Che figura! Che figura!).
CESARE: Felì, fà cantare qualche cosa alla tua signora, qualche bella romanza.
FELICE: Ma io non sò… Che ne dici moglie mia?… Moglie mia?… (La vede che parla con Gennarino.) (Se sta combinanno lo figlio de lo Sinneco!). Moglie mia?
GIULIETTA: Che buò Felì?
FELICE: Questi signori ti vogliono far cantare, che ne dici?
GIULIETTA: Io ho portato con me qualche romanza, ma non mi sento tanto bene di voce.
CESARE: Oh, noi ci contenteremo di tutto.
GIULIETTA: Ma non posso, credetemi.
FORTUNATO: Ve ne prego, signora…
NICOLA: Ve ne preghiamo tutti.
GENNARINO: Ve ne prego caldamente anch’io. (Cesare prende le carte di musica.)
GIULIETTA (guarda le carte di musica): Allora canterò, come posso questa qui. (Mostrandola.)
GENNARINO: A me, a me! (Legge iltitolo:) A San Francisco!
TUTTI: Brava, brava!
FORTUNATO: Sarà un’aria religiosa.
NICOLA: Qualche cosa dedicata a San Francisco.
FELICE: (Chella è la canzona de li carcerate!).
NICOLA: Sentiamo, sentiamo.
GIULIETTA (canta):

I.
Femmene belle che da ccà passate
Fermateve nu poco e nce guardate
Pe causa vosta nuje passammo li guaje
Chiuse ccà dinto se patisce assaje
Fermateve nu poco si potite
Menatece nu vaso si vulite
E quanno pò ce danno la libertà
Uh, mare chi ve tocca, lo pavarrà
A San Francisco
Se sona lo risveglio
Chi dorme e chi veglia
Chi fa nfamità!

TUTTI (applaudiscono).

II.
Me trovo dinto ccà, dinto a sti pene,
pe na guagliona che vulevo bene.
Che me dicette cu na faccia tosta
Non faje pe me nennì, tienete la posta
A Tore Guerra chisto tradimento
Non ce vedette cchiù a chillu momento
Ah, scellerata! Embè, chesto se fa?
Io l’addurmetto!… E mò… me trove ccà.
A San Francisco
Tu siente nu fisco (Si sente un fischio.)
Lo paniello cchiù fnisco
Nce fanno magnà!

TUTTI: Brava! Brava!
CESARE: Ballo, signori, ballo. (Si suona e si balla la quadriglia, meno Giulietta.) «Complimant vu dam. Tour de me. Anavà le premier, anariè. Le premier chancè dam. Le second anavà, anariè, chance dam, grand rond a druat, a chass, formè mulinè cavaliè donnè men druat a vo dam e forme gran scene a druat». (Giulietta balla il can-can.)
TUTTI: Brava! Brava!
FELICE: (Vì che m’ha combinata chesta!).
CESARE: Questo si chiamma ballo!… A proposito, chillo giovinotto D. Errico è venuto?…
CARMELA: Sì, poco prima stava qua.
FORTUNATO: Ah, è in giardino che v’aspetta.
CESARE: Bravissimo! (Ad Angiolina.) Che impressione t’ha fatto, dì la verità?
ANGIOLINA: Me piace assai, assai, ma non l’aggio ditto niente, pecché me metto scuorno de ce parlà!
CARMELA: Mi ha fatto fare una tristissima figura!
CESARE: Clementì famme lo piacere, portatella tu, dalle na bona lezione.
GIULIETTA: Ma sì con piacere. Vieni cuginetta mia.
CESARE: Fà tutto chello che dice essa, esattamente. Eh, si tutte le femmene de stu paese, imitassero questa giovine, sarebbe una fortuna per loro.
FELICE: (Povero paese!).
CESARE: Non è la bellezza che ci fa innamorare, come giustamente diceva lei, è il parlare corretto, la grazia, lo spirito.
FORTUNATO: Oh, ma certamente…
GIULIETTA (ad Angiolina): Tu, cuginetta mia, ti devi specchiare in questo giovanotto, egli col suo spirito, con la sua sveltezza, guadagna subito la simpatia di tutti, e specialmente, ripeto… la simpatia delle donne.
GENNARINO: Ma grazie, ella mi vuol mortificare, ella è la gentilezza personificata.
GIULIETTA: Ah, non c’è di che! (Ad Angiolina.) Andiamo, vieni, ti dirò tante belle cose, ti farò sembrare più bella agli occhi del tuo fidanzato. Ma su, allegra, alza la testa, fisonomia vivace, eleganza, decachè, e sopratutto brio, movimento nella persona. Viva, viva, tra llà rà. (Alza la gamba, via con Angiolina a sinistra. Felice le segue.)
FELICE: (Vedite che le va a mparà!). (Via.)
CARMELA: Cheste so’ femmene… Scusate zi zi, ma pecché ha aizato la gamma?
CESARE: E che ne saccio, addà essere nu movimento dell’alta aristocrazia. Lassatela stà nu poco sola cu Ngiulina, chella soltanto la po fà cambià de carattere. Io vaco a piglià lo sposo dinto a lo giardino. (Via pel giardino.)
CARMELA: Che bella cosa, che schiccheria.
LUISELLA: Tu che me strille sempe quanno parlo pulito.
ALFONSO: Che c’entra, tu sì n’ata cosa.
PEPPINO: E nuje vicino a chella che simmo dinto a stu paese?
RAFFAELE: Che avimma da essere? Tanta pulice!
GENNARINO: (Quant’è bbona, comme me guardava, si putesse…).
BETTINA (a Nicola): T’aggio ditto tanta vote jammoce a stabilì a Napule, nonsignore, avimma da stà dinto a stu presepio… Ma si me vene ncape, me ne vaco io sola.
NICOLA: Ma vedite che pensiero. Me ne vaco da ccà? Io songo lo sinneco, e chesto ce mancarria.
FORTUNATO: Vuje pazziate, e senza vuje, nuje che facimmo?
NICOLA: Chella veramente fa venì lo gulio de stà a Napule, mmiezo a la nobiltà, in mezzo ai signori… è n’ata cosa, è altro agire… nuje per esempio, chell’aizata de gamma non la tenimmo. Viva, viva, tra lla rà! (Alza la gamba.)
FORTUNATO: È un movimento scich di nobiltà!
NICOLA: Chesta n’atu poco che sta, nuje sà quanta cose ce mparammo.
FORTUNATO: Uh! Avite voglia.

SCENA SETTIMA

Cesare, Errico e detti, poi Clementina e Salvatore.

CESARE: Ma viene ccà dimme francamente, Ngiulina te piace?
ERRICO: Sì, me piace, ma è fredda… inceppata… figuratevi che non è stata bona a dirmi nemmeno na parola.
CESARE: Se sape, la primma vota che t’ha visto, che vulive? Piano piano, piglianno confidenza, vedrai che ti parlerà con più coraggio. Chella sta ricca sà, tene 200 mila lire di dote, e stu palazzo è rrobba soja. Si pò non te piace, io non te voglio forzà, dicimmo a pateto che non è cosa, e non ne parlammo cchiù; ma io sono sicuro che il matrimonio si farà e sarai contento.
ERRICO: Speriamo,
CESARE: D. Gennanino voi che siete tanto svelto, offrite qualche cosa al Sig. Errico… qualche bicchierino di cognac, fate voi gli onori di casa.
GENNARINO: Con piacere, favorisca signore.
ERRICO: Grazie. (Viano a destra seconda porta.)
SALVATORE: Favorite, favorite.
CLEMENTINA: Signori, buona sera a tutti.
CARMELA: Buonasera.
CESARE: Oh, avanti. (E a chesta chi l’ha invitata?… Neh, Carmè l’haje invitata tu a chesta?).
CARMELA: (No).
CESARE: (E ch’è venuta a fà ccà?)
CLEMENTINA: Signor Cesare, dovete scusare se mio marito non ha potuto venite, perché ha dovuto andare a Caserta per un’operazione, sono venuta io sola, non credo che vi dispiace?
CESARE: No, anzi ci fa piacere. (Agli altri.) (Questa è una signora napoletana, moglie di un chirurgo, amico e collega di mio nipote Felice).
CARMELA: Presentateci.
CESARE: Mia nipote Carmela.
CLEMENTINA: Tanto piacere.
CARMELA: Signore… Viva, viva, tra lla rà. (Alza la gamba.)
CESARE: Questo è il sindaco del paese, Cavaliere Nicola Pagliuchella.
NICOLA: Servo vostro. Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
CLEMENTINA: Bravissimo!
CESARE: Sua moglie Bettina.
BETTINA: Fortunatissima. Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
ALFONSO: Alfonso Canario, consigliere municipale. Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
LUIGI: Ed io sono Luisa, sua moglie. Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
CESARE: Bravissimo! Bravissimo!
CLEMENTINA (Ma chiste che so’, pazze!).
FORTUNATO: E io sono il parroco, Fortunato Palella. Viva, viva, tra llà rà. (Lazzi.)
TUTTI (gl’invitati inchinandosi): Signora… Viva, viva, tra llà rà. (C.s.)
CLEMENTINA: (Aggio capito, ha da essere n’usanza de stu paese!). Sig. Cesare, senza cerimonie, se volete che faccio qualche cosa, ditemelo francamente, voi non mi dovete trattare come un’invitata, ma come una parente.
CESARE: Oh, siete troppo buona.
CLEMENTINA: E dovere! Vostra nipote, per esempio, mi deve trattare come una sorella.
CESARE: Ah, sicuro, sicuro… (Ma chesta pecché s’ammuina tanto, vorria sapé).
CLEMENTINA: Dove debbo andare per aggiustarmi un poco, pulirmi alla meglio, dalla stazione fino a qua non ho trovata una carrozzella, me l’ho dovuta fare a piedi, sono tutta impolverata.
CESARE: Salvatore, accompagna la signora nella stanza da toletta.
SALVATORE: Subeto. Trasete. (Entra con Clementina prima a destra.)
CESARE: È bastantemente seccante la signora.
CARMELA: Neh, jammo nu poco fore a lo giardino. Venite. (Viano tutti gl’invitati con lei pel giardino.)
NICOLA: Jammo D. Fortunà.
FORTUNATO: Sono con voi. (A soggetto viano pel giardino.)
CESARE: Io non capisco a chella chi l’ha fatto venì ccà?… Ah, aggio capito, sarrà stato Felice e la mugliera che l’hanno invitata.

SCENA OTTAVA

Felice e detto, poi Pasquale.

FELICE: Ma che bella lezione che sta avenno sorema cucina… è nu piacere!
CESARE: Felì, dinime na cosa, chella signora, la mogliera de chillo amico tujo e collega, non me ricordo comme se chiamma,,.
FELICE: Ah, Pasquale Cardelli.
CESARE: Seh, la moghiera, chella chiatta chiatta, l’haje fatta venì tu ccà!
FELICE: No, pecché sta ccà? (Sorpreso.)
CESARE: Mò proprio è venuta, s’è presentata accussì senza che nisciuno l’ha ditto niente, m’è parsa na cosa curiosa.
FELICE: Ma comme, chella chiatta chiatta che avite viste a casa mia?
CESARE: Seh, la moghiera de chillo amico tujo.
FELICE: E sta ccà?
CESARE: Sta ccà, sì! Mò s’è ghiuta a pulezzà, a levà nu poco de polvere… io me credevo che l’avive invitata tu.
FELICE: Io? No!… Io mò me ne vaco.
CESARE: Te ne vaje?
FELICE: Zi zi, io dimane m’aggia sosere priesto per le visite ai malati.
CESARE: Mò stamme a lo meglio, e tu te ne vuò j… Io volarria sapé proprio a chella chi l’ha fatta venì ccà?
FELICE: Forse muglierema.
CESARE: Mogliereta? Ha fatto buono! Chello che fa, fa tutte cose buone!
FELICE: (Chella fa tutte guaje!).
CESARE: Jamme nuje pure fore a lo giardino.
FELICE: No zi zi, io aggia stà vicino a muglierema, chella è gelosa…
CESARE: È gelosa?… È gelosa?… Viate a te!… (Lazzi, vie pel giardino.)
FELICE: Muglierema ccà! E comme è venuta? Chi l’ha fatta venì? E chisto è nu guajo! Comme la combino?
PASQUALE: Guè, Felì staje ccà? Meno male che t’aggio trovato.
FELICE: Guè… è stato lo cielo che t’ha mannato… ch’è succieso?
PASQUALE: Nu guajo!… Io ogge so’ tornato a la casa toja, e aggio trovata a mogliereta che se steva vestenno pe venì ccà, allora senza perdere tiempo m’aggio pigliata na carrozzella e so’ corruto a la stazione, me so’ mise dinto a lo treno e te so’ venuto ad avvisà, aggio fatto buono?
FELICE: Haje fatto buono, ma chella è arrivata primme de te.
PASQUALE: Già sta ccà?… Aggio capito, sarrà partita co lo diretto, io so’ partito co lo misto.
FELICE: E avimmo fatto stu fritto misto! Comme faccio, comme arreparo? Compagno, aiutame tu. Ccà si s’appura sta cosa io passo nu guajo cu muglierema, cu zi zio, cu tutte quante. Ccà non voglia maje lo cielo, stasera se revota la casa, nce sta pure lo sinneco, li consigliere municipale, addò me vaco a mettere?
PASQUALE: E zitto, calmete, mò vedimmo de truvà nu mezzo. Essa addò sta?
FELICE: Nun lo ssaccio, dice che se sta pulezzanno, se sta levanno la polvere. Nuje avimma stà sempe nzieme, appena la vedimmo, nce la pigliammo, e nce la portammo dinto a na cammera, e llà vedimmo comme la putimmo mbruglià, che scusa putimmo trovà? Chella sape che io stongo a Caserta.
PASQUALE: Trovammo na scusa qualunque.
FELICE: Uh! Mamma mia, ccà nce sta pure lo parrocchiano!
PASQUALE: Pure lo parrucchiano?
FELICE: Io so’ rovinato. Compagno, non me lassà.
PASQUALE: Compagno, non te lasso. (Viano pel giardino.)

SCENA NONA

Giulietta, poi Gennarino.

GIULIETTA (esce ridendo): Ah, ah, chesta è bella, la guagliona se sta passanno essa sola a lezione che l’aggio data, comme me sto spassanno. Ma Errico però non lo veco, forse non sarà venuto ancora.
GENNARINO (uscendo, parla internamente): Ma servitevi, servitevi, senza complimenti. (Vede Giulietta.) (Eccola qua, quanto è bella!). Signora…
GIULIETTA: Oh, carissimo!
GENNARINO: (Carissimo!). Che ve ne pare di questo paese infelice, di questi curiosi abitanti?
GIULIETTA: Eppure, io ci sto bene, mi diverto assai! Non c’è la vita di Napoli, si sa, ma gli abitanti però sono tutte persone simpatiche.
GENNARINO: Veramente?
GIULIETTA: Veramente!
GENNARINO: Allora è una fortuna per noi. (Comme avarria fà pe vedé si tene lo nievo?…). Che bell’abito che avete, che bella stoffa, veramente di gusto.
GIULIETTA: Vi piace?
GENNARINO: Oh, molto! La vostra sarta forse è Parigina?
GIULIETTA: Sì… Madama Avanz.
GENNARINO: Madama Avanz? È un brutto cognome la verità.
GIULIETTA: E perché?
GENNARINO: Pare comme dicesse: Madama avanze denare.
GIULIETTA (ride): Ah, ah, sicuro, io non ce avevo badato… Eppure guardate la combinazione, cosi è, debbo pagare 3 note.
GENNARINO: 3 note?
GIULIETTA: Sicuro, saranno un paio di migliaia di lire, voi vi credete sette, ottomila lire? No, sono 2 mila lire.
GENNARINO: Eh, aggio capito. (No, io me credevo niente). Eccome, vostro marito vi fà tenere debiti con la sarta.
GIULIETTA: Oh, mio marito non si occupa della mia sarta. Ogni 2 o 3 mesi, mi dà una somma, e io pago tutto quello che bisogna. Alle volte si dimentica, e succede che si attrassano le note.
GENNARINO: Oh, vedete, vedete. Ma quest’abito vi stà proprio a pennello, come è tagliato bene la vita, le spalle. (Gira intorno e guarda le spalle.) (Lo vì ccà lo nievo, lo vì, è essa, sangue de Bacco; è la Nanassa!). Eppure, signora, voi somigliate perfettamente ad una giovine fioraia, che io vidi a Napoli l’anno scorso, tale a quale, sembrate proprio due sorelle.
GIULIETTA: Veramente?
GENNARINO: Parola d’onore, ma nella persona però, non già nel carattere, spiegamoci bene. Voi siete una signora, e quella era una feminuccia di strada, ineducata, civetta, attaccata all’interesse, senza amor proprio, scenza scuorno! E pe soprannome la chiammavano…
GIULIETTA: La Nanassa!… La Nanassa!
GENNARINO: La Nanassa… bravo!…
GIULIETTA: Che songh’io!… Io proprio!… E non te piglio a pacchere, peché sì nu guaglione imbecille, e me faje compassione, haje capito?!
GENNARINO: M’avite consolato!… Io l’aggio fatto apposta…
GIULIETTA: E quanto sì bellillo… (Comme simme belle tutt’e duje!).
GENNARINO: Io ho fatto questo per sapere se eravate voi. Ma voi non sapete quello che ho fatto a Napoli, per voi a vostra insaputa, io ve so’ venuto appresso le ore intere, ma me metteva sempe scuorno de ve fermà, me metteva a nu pizzo abbascio a lo Salone Margherita, e ve guardava ncantato.
GIULIETTA: Aspettate, vuje forse site chillo giovine che ve pigliaveve sempe un garofano e me diveve nu 5 franche argiento?
GENNARINO: Perfettamente, nu 5 franche argiento… e pe scuorno ve lo mettevo dinto a lo panaro.
GIULIETTA: Sicuro, mò me ricordo, acalaveve sempe da coppa pe non ve fà guardà. (Ride.)
GENNARINO: Perfettamente! Avevo una soggezione di voi che non potete credere. Allora però, ma mò no, mò me faccio guardà, mò ve dico che site bella, simpatica, che vaco pazzo pe vuje!… Ve site mmaretata? Che fa, io ve voglio sempe bene.
GIULIETTA: Veramente? E nce pozzo credere?
GENNARINO: Nce haje la credere… Nanassella, Nanassè…
GIULIETTA: Zitto, venene gente. Venite a Napole, a casa mia e parlammo.
GENNARINO: La casa? Va bene!… (Mò vaco a dicere a papà che dimane vogl’j a Napule). Permettete? (Via pel giardino.)

SCENA DECIMA

Angiolina e detta, poi Errico, poi Clementina e Salvatore.

ANGIOLINA: Signò, m’avite rimasta sola, addò site juta?
GIULIETTA: Sono venuta a cercare mio marito.
ANGIOLINA: Uh, signò, chillo giovene che me vò spusà. D. Errico vene da chesta parte.
GIULIETTA: Isso?… Allora ti raccomando la lezione, mò nce vedimmo. (Si nasconde a sinistra in fondo, e fa capolino, Angiolina passeggia con gran sussiego, facendosi vento col ventaglio.)
ERRICO (uscendo): Oh, signorina.
ANGIOLINA: Oh, buonasera, viva, viva, tra llà rà. (Alza la gamba.)
ERRICO: Bravissima.
ANGIOLINA: Sù, via, datemi questa mano… (La prende.) Stringetela, così, forte, comme se dice assanguato!…
ERRICO: (E ched’è neh?).
ANGIOLINA: Me parene mill’anne che spusammo, non me fido aspettà cchiù, quanno na figliola se fa de na certa età, lo marito è necessario come lo ppane, e io lo voglio, lo voglio, lo voglio!
ERRICO: (Guè, vì che nce teneva ncuorpo chesta!).
ANGIOLINA: Specialmente pò quanno nu marito è svelto, e pazzariello, quanno nu marito le fricceca lo sango dinto a li vene. Ah! na figliola se consola. Jamme dimme quacche cosa, cercheme nu vasillo, n’abbraccio, che non simme spusate? E che fa!… Pizziche, e vase non fanno pertose!… Erricuccio mio, volimmo campà cient’anne, volimmo stà sempe allegramente. Viva, viva, tra llà rà. (Alza la gamba. Giulietta dalla sinistra passa seconda a diritta, porta in mano un mazzetto di garofani.)
ERRICO: (Ma songh’io, o non songh’io chesta fosse asciuta pazza!).
ANGIOLINA: Dunque io me ne vaco, te raccomanno, spusammo ambresse, e non perdimmo tiempo!
ERRICO: Sì, sì, al più presto possibile. (E staje fresca!).
ANGIOLINA: Maretiello mio aggraziato!… Zuccariello mio teh… (Gli mena dei baci e via pel giardino.)
ERRICO: All’arma de la carta bianca!… E chi se la piglia? Manco si tenesse nu milione!
CLEMENTINA: Eccomi qua. (Salvatore la segue.) Dove sta D. Cesare?
SALVATORE: Jamme a vedé fore lo giardino.
CLEMENTINA (a Errico): Signore, buonasera.
ERRICO: Buonasera.
CLEMENTINA: Viva, viva tra llà rà! (Alza la gamba e via pel giardino con Salvatore.)
ERRICO: E chesta addà essere n’ata pazza!

SCENA UNDICESIMA

Giulietta e detto, poi Felice, Clementina e Pasquale.

GIULIETTA: Signor Delfino, vi saluto.
ERRICO: Che!… Giulietta!… Tu ccà?…
GIULIETTA: Eh, mio caro amico, se dice, montagne e montagne non se confrontene maje. Io m’aveva miso l’anema npace, e non ce penzavo cchiù a te, e la combinazione stasera nce ncuntrammo ccà ncoppa, ho conosciuta la vostra futura, e ve ne faccio i miei sinceri complimenti, avete saputo scegliere.
ERRICO: Ma che scegliere, scegliere, io non spusarraggio maje chella fìgliola. E tu cu chi sì venuta?
GIULIETTA: E che ve ne mporta a vuje? Oh, chesta è bella, sono venuto col mio amante.
ERRICO: Giulié… non me trattà accussì, pecché si no me faje fà cose de pazze.
GIULIETTA: Faje cose de pazze? Sì stato tu, che doppo tanta promesse, tanta giuramenti, sei mise fa spariste, senza nisciuna ragione. E te cride che io me pigliaie collera? Niente affatto! Dicette: Bravo; ha fatto na bella cosa, na bell’azione! Io volevo essere na fìgliola onesta, me vulevo mmaretà, volevo essere na mogliera affezionata, non ha potuto succedere, lo cielo non ha voluto, e non ne parlammo cchiù. Fortunatamente io non era scema, e non ce perdette niente; ma tu però nce perdiste assai, pecché na femmena comme a me, t’assicuro che non la truove.
ERRICO: Sì, è overo, hai ragione, ma non so’ stato io. Giulié, crideme, so’ state li pariente miei che non me facevano sta maje qujeto pe stu fatto; ma io ti giuro che a te voglio bene… si, te voglio bene cchiù de primme. Stanotte aunito a chill’ommo, m’è sagliuto lo sango ncape, e stevo facenno nu guajo. Perdoname Giuliè, facimmo pace.
GIULIETTA: E la sposa, pò?
ERRICO: Ma che sposa e sposa! Io ero forzato a fà stu matrimmonio, ma… non ce steva nisciuna intenzione… pensavo sempe a tte.
GIULIETTA: Allora ne voglio na prova.
ERRICO: Che prova?
GIULIETTA: Lasse sta casa mò proprio, e vienetenne a Napule cu me.
ERRICO: Jammuncenne, anze aspetteme fore a lo canciello, quanto scrivo doje parole a D. Cesare, e vengo.
GIULIETTA: So’ necessarie sti parole?
ERRICO: Me dispiace de lassarlo accussì, senza manco duje righe.
GIULIETTA: Allora io t’aspetto fore. (Prende la mantella e se la mette.)
ERRICO: Sì, tesoro mio. (Le bacia la mano.)
GIULIETTA (arriva alla comune e si volta): Errì, io vaco, vide de venì, pecché sta vota si non viene, te sciacco! (Via.)
ERRICO: Che sciasciona! Che zucchero!… È impossibile, non me la pozzo scurdà! Mò scrivo a D. Cesare che non me voglio nzurà cchiù, nce aggio pensato meglio. (Tira fuori un taccuino e scrive.)
CLEMENTINA (seguendo Felice, e Pasquale appresso a lei): Felice mio, chi se puteva credere che te pigliave tanta collera.
FELICE: Non sento ragioni.
CLEMENTINA: Alla fine io non so’ venuta in casa di estranei.
FELICE: Qualunque fosse stata a casa, tu non aviva venì mai senza di me, è segno che nc’è avuta essere na ragione pe venì sola!
CLEMENTINA: Nisciuna ragione…
PASQUALE: Ma cara signora, vuje a Felice pe chi l’avite pigliato, chillo tene 3 dete de cervelle, chillo ha ditto che ghieva a Caserta per fare un’operazione, l’ha fatto apposta pe vedé vuje che faciveve quanno isso non nce steva. Infatti, voi leggermente Felì, scuse che dico sta parola, ma tua moglie è leggera.
FELICE: Sicuro na vota. (Mò pesa 2 quintali!)
PASQUALE: Dunque voi leggermente, appena isso è partito, site venuta ccà, io che lo ssapevo, ce lo so’ ghiuto a dicere, e v’ha ncucciata!
FELICE: E che ero scemo io. Vergogna! Doppo lo fatto che va facenno figli pe dinto a la Villa.
CLEMENTINA: Ma io tanto so’ venuta pecché era a casa de lo zio, a n’ata parte non ce jevo certo.
PASQUALE: Va buono! Felì; se vede che non l’ha fatto pe male.
CLEMENTINA: N’ata vota chiudeme da dinto, è fatto… Meh, facimmo pace.
FELICE: Non facimmo avutà lo stommaco la gente. Pascà, miettatello sotto a lo vraccio… non la lassà cchiù… te l’affido a tte.
PASQUALE: Non dubità, non la faccio parlà manco cu li femmene venite signò.
FELICE: Llà sta lo buffè… falle vevere Pascà…
PASQUALE: Ah, sicuro… venite, venite. (Se la mette a braccetto.)
CLEMENTINA: Vì che birbantiello, vi comme ha fatto la parte naturale; famme le valigie, pecché aggia j a Caserta per un’operazione, e mò te credo cchiù, stai frisco!
FELICE: Eh, doppo a lo fatto de la statua de Giambattista Vico me sto attiento… Pascà falle vevere… falle vevere.
PASQUALE: Non dubità. (Via con Clementina seconda destra.)
FELICE: Non saccio comme me so’ salvato. Ma che amico chillo Pascale, và nu regno.
ERRICO: Scusate, faciteme lo piacere, date stu biglietto a D. Cesare, ma subito però. (Lo dà.)
FELICE: Va bene, vi servo.
ERRICO: Grazie, grazie, a rivederci. (Via per la comune.)

SCENA DODICESIMA

Gennarino e detto, poi Cesare, indi Salvatore.

GENNARINO: (Papà ha ditto che sì. Mò vaco a casa, me faccio la balice, e dimane a primma matina vaco a Napule, ma l’indirizzo non lo saccio… Ah, ccà sta lo marito!…). Che bella serata, è vero?… Come ci stiamo divertendo.
FELICE: Ah, sicuro, specialmente io me sto divertenno assai.
GENNARINO: La signora dove sta?
FELICE: Non lo so, forse in giardino.
GENNARINO: No, nel giardino non c’è… A proposito, io quando mi sono presentato a voi, non ho data la mia carta da visita, scusate, eccola qua. (La dà.)
FELICE: Grazie. (Legge:) «Gennaro Pagliuchella».
GENNARINO: Posso avere l’onore di tenere la vostra?
FELICE: Sicuro. Eccola. (La prende, e la dà.)
GENNARINO (legge): «Professor Felice Sciosciammocca, medico e chirurgo. Ascensione a Chiaia 44». Grazie. (P.a.)
FELICE: Spero che non abbiate mai bisogno di me.
GENNARINO: E perché? Anzi… Ah, ho capito, come medico, già… dite bene. Ah! Ah! (Ride.) Ma non… eh, va buono sì… (Via per la comune.)
FELICE: Eh, va buono… che bello tipo!
CESARE (dal giardino): Felì, mogliereta ha fatto perdere la capa a tutte quante, tutte vonno fà lo movimento co la gamma… comme so curiuse! (Ride.)
FELICE: A proposito, zi zi, D. Errico Delfino, m’ha dato stu biglietto pe vuje…
CESARE: Nu biglietto pe me? E che bò? (Legge:) «Carissimo signor D. Cesare. Scusate se vado via da questa casa senza salutare nessuno. Ho riflettuto che questo matrimonio, mi avrebbe reso infelice e ho creduto fuggire per evitare il vostro giusto risentimento. Io amo un’altra donna, che mi è stato impossibile dimenticare. Perdonatemi. Errico». Comme?… E che significa chesto? E pecché non me l’ha ditto primme, che figura me fa fà, pe chi m’ha pigliato? Da quanto tiempo se n’è ghiuto?
FELICE: Poco primma.
CESARE (chiamando): Salvatò… Salvatò…?
SALVATORE: Comannate?
CESARE: Arriva a D. Errico lo sposo, fallo venì subeto ccà.
SALVATORE: E comme l’arrivo signò, chillo s’è miso dinto a na carrozzella, e la signora ha ditto nfaccia a lo cocchiere: curre, portece subeto a la stazione… a chest’ora saranno pure partite.
CESARE: Comme, steva na signora cu isso? E chi era?
SALVATORE: Lo pozzo dicere?
CESARE: Chi era?
SALVATORE: La mogliera de D. Felice, la nepota vosta…
FELICE: Che?!!… (M’ha fatto l’ultimo guajo!)
CESARE: Possibile… haje visto buono?
SALVATORE: Era essa, proprio essa!
CESARE: Va buono vattenne. (Salvatore via.) Neh, Felì… tu non dici niente?… Non te muove?
FELICE: E ch’aggia fà zi-zi?
CESARE: Comme ch’haje da fà? Mugliereta se ne fuje cu nu giuvinotto, e tu te ne staje accussì, friddo, friddo.
FELICE: E mò corro…
CESARE: E me consigne tu stesso lo biglietto de lo nnammurato, tu che ommo sì! Tu che puorco sì!
FELICE: Zi-zì, badate come parlate, sapete, io non sapevo che nce steve scritto dinto a lo biglietto!
CESARE: Jesce mò proprio da dinto a sta casa, non te voglio vede cchiù! (Gridando.)

SCENA TREDICESIMA

Carmela, tutti gli invitati e detti, poi Clementina, poi Pasquale.

CARMELA Ch’è stato, ch’è succieso? (La banda suona di do piano.)
CESARE: L’aggio cu stu bello galantomo de nepoteme che me fa fà chesti figure, ed io in pubblico, voglio svergognare tutto! Avita da sapé che chillo giovene che io vulevo fà spusà a Ngiulina, faceva ammore co la mogliera, e poco primma se n’è fujuto cu essa!
TUTTI: Che!!
CESARE: Sì, ma io le trovo però. (Esce Clementina in ascolto.)
FORTUNATO: Come! La signora Sciosciammocca?
CESARE: Che signora, e signora! La signora Sciosciammocca è na femmena senza scuorno nfaccia, è na sgualdrina qualunque!
CLEMENTINA: A chi! (Gridando.) La signora Sciosciammocca, è una donna onesta!
CESARE (gridando): È na zantraglia!…
CLEMENTINA: Zantraglia! E teh! (Gli dà un forte schiaffo e via pel fondo a destra seguita da Felice. Esce Pasquale.)
CESARE: Che! A me nu schiaffo? Lassateme!
CARMELA ED ALTRI: Fermateve pe carità… calmateve!
CESARE: Hai ragione che sì femmena! (Vedendo Pasquale.) Ah ccà sta lo marito!… Sai che aggio avuto nu schiaffo?
PASQUALE: Vuje?… E ch’aggia fà?
CESARE: Ah, ch’haje da fà? Essa l’ha dato a me, io lo dongo atte! (Gli da un forte schiaffo.) Jesce fore! (Mettendo mano dietro.)
PASQUALE: All’arma de mammeta! (La banda suona più forte di dentro fino che cala la tela.)
TUTTI (gridando): Fermateve!
CESARE: Lassateme, sangue de Bacco!
NICOLA: Rispettate il Sindaco! (Salendo su di una sedia.)
FORTUNATO: Pace! Pace! Calmate furorem!… (Tutti gridano.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

 

ATTO TERZO

La stessa scena delprimo atto. La poltrona estatica, è al medesimo posto.

SCENA PRIMA

Clementina, poi Ciccillo, poi Cesare ed Errico, indi Ciccillo.

CLEMENTINA (dalla sinistra): Ciccillo, Ciccillo?
CICCILLO (dalla destra): Comandate?
CLEMENTINA: Felice s’è ritirato?
CICCILLO: No ancora, signò.
CLEMENTINA: Va bene. (Ciccillo via.) Che nottata, che nottata, non aggio potuto chiudere uocchie, chelli parole de D. Cesare, non me l’aggio potuto levà da le recchie: Senza scuorna nfaccia, sgualdrina!… Sgualdrina a me? Non ce vedette cchiù a la verità, e co tutte ch’era lo zio de Felice, le sunaje nu buono pacchero, me pare che nce voleva! Fortunatamente, trovaje lo treno pronto, e me ne venette a Napule. Ma non aggio potuto appurà pecché me chiammaje sgualdrina!… Felice è arrivato stanotte all’una e meza, e non m’ha voluto dì niente, ha ditto: mò tengo suonno, dimane se ne parla, invece pò stammatina è asciuto mentre io stevo durmenno. Ma mò che vene voglio sapé tutto! Tutto!… E pò voglia sapé pecché m’addormette ncoppa a sta poltrona, ccà nce ha da stà quacche cosa che quanno se tocca… (Tocca il bottone.) Uh! S’è appicciato chillo tubo?… E mò come faccio?… Basta quanno vene Felice, se lo vede isso… (Via.)
CICCILLO (uscendo): Va trova a D. Felice che l’è succieso, appena fatte juorne è asciuto. Quanno maje, chillo la matina si non songo le diece non se sceta.
CESARE (seguito da Errico): Lo patrone tujo ce sta?
CICCILLO: Nonsignore eccellenza.
CESARE: E a che ora se retira?
CICCILLO: A n’ata poco lo vedite de venì, pecché chesta è l’ora de la colazione, si lo vulite aspettà?
CESARE: Se capisce che l’aspettammo. Vattenne.
CICCILLO: Si caso maje vulite quacche cosa…
CESARE: Vattenne, t’aggio ditto, lassece parlà.
CICCILLO: Va bene. (Via a destra.)
ERRICO: D. Cè, scusate, ma pecché m’avite purtate ccà, senza dirmi ancora la ragione. Me site venuto a piglià a casa con tanta premura. V’aggio cercato scuse, io aggio fatto na bestialità, sì, lo capisco, ma non so’ stato io, è stato lo core! Mò che vulite da me? Che m’avite da dicere? Pecché m’avite portato ccà?
CESARE: Pecché t’aggio portato ccà? Che t’aggia dicere?… T’aggia dicere che haje fatto nu guajo, un precipizio!… E io come amico stretto di tuo padre, debbo cercare tutti i mezzi per salvarti.
ERRICO Per salvarmi?
CESARE: Sì, per salvarti!… Che non te vulive piglià a Ngiulina, non me sarria mportato niente, chella è guagliona, è bella, sta ricca, e nu buono matrimonio non le mancarrà; ma scappà cu chella femmena, significa rovinarsi.
ERRICO: Ma pecché tanto ch’è malamente chella figliola?
CESARE: No, anzi, pecché è troppo bona, pecché e na signora te si mise dinto a nu guajo.
ERRICO: Ma che guajo, scusate…
CESARE: Guè, che guajo? Ma te cride che sia na cosa de niente a scappà cu na femmena mmaretata?
ERRICO: Mmaretata?
CESARE: Mmaretata, sì!… Capisce che lo marito te po’ fà na querela, e te l’ha da fà, sarò io che ce l’impongo, ha da fà l’ommo si no che figura fa!
ERRICO: Ma vuje lo ssapite certo ch’è mmaretata?
CESARE: Certissimo! Si non era certo non te lo dicevo, e non me pigliavo tanta collera… è mmaretata!
ERRICO: (Possibile! E m’avarria potuto ngannà de chesta manera!).
CESARE: E lo marito sai chi è?
ERRICO: Chi è?
CESARE: Ma però, rifliette chello che faje sà, pecché tu mò nce staje da sotto, chillo te pò fà j ngalera! È mio nipote Felice.
ERRICO: Lo nepote vuosto?
CESARE: Già… lo quale ne so’ certo, mò sarrà juto a la quistura, pe se mettere in regola, ma io cercherò di calmarlo.
ERRICO: (Perciò l’ata notte stevene dinto a la tratturia tutte e duje). Ah! Nfama scellerata, m’ha fatto chesto pe se vendicà, pe me fà truvà dinto a nu mbruoglio.
CESARE: Ma se capisce, mio caro Errico, la femmena è terribile.
ERRICO: E da quanto tiempo s’ha spusato… lo nepote vuoste?
CESARE: So’ otto mise.
ERRICO: Da otto mise? Appena nce lassajeme.
CESARE: Tu mò, si vuò fà na cosa veramente da ommo, e te vuò levà la preta da dinto a la scarpa, va la piglia e portela ccà. Si non nce vò venì, portala afforza, quanno l’haje portata ccà, la consigne a lo marito e le dice: Restate qua, questo è il vostro posto! Faje na bella figura, e sparagne nu guajo!
ERRICO: Sì dicite buono, vaco e torno subeto, non ve movite da ccà. (P.a.).
CESARE: Se capisce.
ERRICO (torna): Avite da dicere che io ajere mannaie a sfidà pure lo marito, lo truvaje troppo buono, si era n’ato, m’avarrie pigliate a cauce!… Mò vengo, mò vengo. (Via a destra.)
CESARE: Ma che cos’è la donna!… Guè, a proposito de donne, io vorria sapé pecché chella vecchia aissera me consignaje chillo sorte de schiaffe, se pigliaje collera che io chammaje sgualdrina la mogliera de Felice… e che le mportava a essa? Ma però io sfucaje co lo marito, le dette chillo panesiglio, me credevo che stammatina me jeva trovanno per avere soddisfazione, e invece non s’è visto, ha da essere nu carugnone qualunque. (A Ciccillo che esce.) Io aspetto dinto a stu salotto, quanno se retira Felice me chiamme.
CICCILLO: Va bene. (Cesare via seconda a destra.) Favorite… favorite… (A Gennarino) (Quant’è bello chisto!).

SCENA SECONDA

Gennarino e detto, poi Ciccillo e Clementina.

GENNARINO (elegantemente vestito in caricatura con buchè e bastone, esce): Grazie!
CICCILLO: (Eh, niente va chisto ncoppa a na cunzola!). Chi siete?… Chi volete?
GENNARINO: Desidero parlare con la signora Sciosciammocca le debbo dare una preghiera.
CICCILLO: Ma adesso non sò se vi può ricevere?
GENNARINO: Oh, mi riceverà. Ditele che io sono Gennanino Pagliuchella, la persona delle 5 lire nel paniere.
CICCILLO: La persona delle 5 lire nel paniere?
GENNARINO: Perfettamente! Quella subito capisce…
CICCILLO: Va bene.
GENNARINO: Tieni, te voglio dà na lira. (Prende la lira e la mostra.)
CICCILLO: Non serve, non c’è bisogno. (Si prende la lira e via a sinistra.)
GENNARINO: Non serve, non c’è bisogno, e me la scippa de chella manera da mano… comme me sta sbattenno mpietto, me parene mill anne che la veco! Quant’è bona!… Si vene lo marito a tiempo, io dico che tengo un forte dolore dinto a sta gamma, e non saccio ched’è. Eh, io non me perdo de curaggio. Quanno se tratta de femmene belle, me metto a qualunque rischio, e pò… tengo na fujarella ch’è na bellezza, appena succede quacche cosa, me metto a correre, e nisciuno me pò arrivà… Mò se presentarrà cu nu camice ricamato, tutta scollata, tutto profumata… Uh, che piacere!… Eh, ma io pure sto bene… io pure sto galante!
CICCILLO: Ecco ccà la signora. (Via a destra.)
GENNARINO (si accomoda la cravatta): Coraggio.
CLEMENTINA (uscendo): Buongiorno.
GENNARINO: (E chi è chesta? Sarrà la mamma, e già, io aggio ditto la signora Sciosciammocca, e chill’animale ha capito la mamma!). Tanto piacere, signora.
CLEMENTINA: Il servo mi ha detto che voi siete il signor Gennanino Pagliuchella.
GENNARINO: Perfettamente, signora.
CLEMENTINA: E poi, mi ha detto che siete la persona delle 5 lire nel paniere.
GENNARINO Già, per farmi conoscere meglio.
CLEMENTINA: Ma io, caro signore, non vi conosco affatto, e non sò che cosa sono queste 5 lire nel paniere?
GENNARINO Eh, lo capisco, voi non sapete niente, ma c’è chi lo sa, c’è chi capisce tutto, il servo ha preso uno sbaglio, vi ha fatto incomodare inutilmente.
CLEMENTINA: No, io credo che voi avete sbagliato.
GENNARINO: No, io non ho sbagliato. Questa è la casa del Dottor Felice Sciosciammocca?
CLEMENTINA Sissignore.
GENNARINO: E dunque non ho sbagliato. Io non ho da fare, attenderò se non vi dispiace. (Siede sulla poltrona estatica, e si addormenta.)
CLEMENTINA: La quistione, caro signore, che attenderete molto… (Lo guarda.) Uh! Chillo s’è assettato ncoppa a la poltrona e s’è addormuto? E comme se fa mò?… Signore… (Passa a sinistra.) Signor Pagliucchella… (Lo tocca e resta ferma.)

SCENA TERZA

Cesare, poi Errico, poi Ciccillo, indi Felice.

CESARE (uscendo): Va trova sì Felice s’è ritirato… che veco? D. Gennanino Pagliuchella… e che sta facenno cu chella… (Avvicinandosi.) Signora, io conosco questo giovine e vi prego… signora… D. Gennarì. (Lo tocca e resta fermo.)
ERRICO (uscendo): D. Cè, diciteme na cosa… e ched’è neh… D. Cè… (Lo tocca e resta fermo.)
CICCILLO (uscendo): Neh signori miei… Uh! Quante so’ belle chiste!… Statue al naturale signori. (Suona la lanterna magica colla bocca, poi ad Errico.) Neh, sapete? Guè chillo non risponne… Neh, sapite… (Lo tocca e resta fermo.)
FELICE (d.d.): Ciccillo? Ciccillo? Addò sta chella bestia non se trova maje. (Fuori.) Uh! Che hanno combinato chiste? Lo sepolcro? E chi ha toccato lo bottone? Io assolutamente aggia levà sta poltrona da ccà. (Tocca il bottone, i cinque si svegliano.)
CESARE: Oh, che bellezza!
GENNARINO: Che gioia!
ERRICO: Che delizia!
CICCILLO: Oh, dolce voluttà!
FELICE (gli tira un calcio): Lete da lloco, voluttà! (Ciccillo via.)
CESARE: Ma ch’è stato, che avimmo fatto?
FELICE (a Gennarino): Vuje pecché ve site assettato llà ncoppe? Questa è la poltrona estatica.
GENNARINO: E io che ne sapevo, scusate. Oh, che cosa graziosa.
FELICE: Ma che vulite da ccà? Pecché site venuto?
GENNARINO: Ah… io che so’ venuto a fare?… Ecco, vi ero venuto a fare una visita… ma mò s’è fatte tarde verrò un’altra volta. A rivederci. (Via di fretta.)
ERRICO: D. Cè, io so’ tornato pe ve dicere che io la porto ccà, ma badate che lo marito non m’ha da dì manco na parola, si no lo piglio a pacchere!
CESARE: Non ci pensate, sto io qua, và, fà ambressa.
ERRICO: D. Cè, ma scusate, nuje nce simme addurmute allerta allerta?
CESARE: E io che ne saccio?
ERRICO: Mò vengo. (Via.)
CESARE (a Clementina): Signora vi saluto.
CLEMENTINA: Caro signore.
FELICE: (Mò vide che passo n’ato guajo!).
CESARE: E brava, fusteve capace aieressera de darme nu pacchero, non aggio avuto mai nu paccaro in vita mia, chi me l’aveva dicere che a 58 anni, l’aveva avé da na femmena.
CLEMENTINA: Ma ve lo meretaveve, scusate, chelle non so’ parole che se dicene.
CESARE: Ma pecché ve pigliasteve collera?…
CLEMENTINA: Oh, chest’è bella, pecché me pigliaje collera? M’aveva piglià collera, afforza, scusate.
CESARE: Voi siete donna, e alle donne si perdona tutte cose. Però lo schiaffo che me disteve, io lo dette a lo marito vuosto, voglio vedé comme se regola.
CLEMENTINA: (Povero Felice, avette nu schiaffo pe causa mia).
FELICE: (Guè, Pasquale avette nu buffo).
CESARE: Felì, a me m’haje da dicere la verità, tu sì stato a la questura?
FELICE: Io? Nonsignore.
CESARE: Tu sì stato a la questura pe fà querela, ma io voglio che sta querela… te l’haje ritirà!
FELICE: Ma io…
CESARE (gridando): Te l’haje retirà… voglio accussì!
FELICE: E io me la retiro!
CLEMENTINA: (Avarrà fatto querela pe lo schiaffo che avette). Ma se capisce che se l’ha da retirà, che c’entra sta querela.
CESARE: Bravo, signora… Io ajeressera te trapazzaje nu poco, te dicette parole che non t’aveva dicere, feci male, ma che buò, lo carattere mio accussì è. Quanno m’attacchene li nierve, se chiudene l’uocchie, e non capisco niente cchiù. Tu certamente non sapive niente che nce steva scritto dinto a chillo biglietto, se no non me l’avisse dato, è vero?
FELICE: E se capisce.
CESARE: Tu lo ssaccio, non te putive maje aspettà chillo dispiacere. Ma che ce vò fà, lo munno accussì cammina, che te cride che sì sulo? Haje voglia quante ce ne stanno comme a te. Mogliereta pò in fondo, è na bona femmena, e comme l’aggio perdonata io, l’haje perdonà pure tu.
CLEMENTINA: (Ah, parla de lo schiaffo che l’aggio dato).
CESARE: Se capisce, t’è piaciuto de te piglià la mogliera bella. (Clementina si pavoneggia.) E qualche dispiacere l’haje d’avé pe forza.
FELICE: (Zi zì, stateve zitto nnanze a chesta, io non voglio fà sapé sti cose).
CESARE: (E me promiette de perdonà a mogliereta?).
FELICE: (Sissignore, la perdono).
CESARE: (Bravo! Io aggia accuncià tutte cose e pò parto, và te retira la querela).
FELICE: (Sissignore, mò vaco. Aspettateme dinto a lo salotto).
CESARE: (Fà ambressa, chella mò vene).
FELICE: (Chi?).
CESARE: (Mogliereta). (Sorpresa di Felice.)
FELICE: (Vene ccà?).
CESARE: (Sì, la porta isso stesso, D. Errico).
FELICE (fra sé): (E stongo frisco!). Sentite zi zì, mò s’ha pigliata e se la tenesse!
CESARE: (Eh, isso t’ha da cerca scuse… se capisce, sta soddisfazione te la faccio avé!). Che cosa, statte zitto… Io t’aspetto dinto a lo salotto. (Via.)
FELICE: (Va bene trasite). (Cesare via seconda a destra.) (E comme faccio, comme arreparo cchiù!).
CLEMENTINA: Ma comme, Felì, tu sì ghiuto a fà querela, pe lo schiaffo che hai avuto?
FELICE: Chillo se l’ha creduto isso, ma te pare, io facevo querela a ziemo?

SCENA QUARTA

Ciccillo e detti.

CICCILLO (con lettera): Signò, chillo giuvinotto de poco primma è tornato, e m’ha dato sta lettera pe vuje.
CLEMENTINA: Pe me? (La prende.)
FELICE: Chillo giovinotto de poco primma? E chi è?
CLEMENTINA: E nu pazzo! Teh, vide tu stesso.
FELICE (prende la lettera e legge sulla busta): «Alla gentilissima signora Sciosciammocca, e per non sbagliare la moglie del Professore». Vì che auto indirizzo curiuso! (Apre la lettera e legge:) «Tesoro mio!» te chiamma tesoro?
CLEMENTINA: A me?
FELICE: (E chi è stu cecato?). (Legge:) «Sono venuto secondo l’appuntamento che mi deste ierisera, ma non ho avuto la fortuna di potervi parlare. Ditemi, per carità, quando potrò vedervi, io non ho paura di vostro marito, sono troppo risoluto, se voi mi amate, sono pronto a portarvi anche in America, e là sposare…». Ma è overo, o non è overo! E chi è, st’abbandunato da tutte de femmene, che se vò purtà a chesta in America? Uh, e io non ce la faccio purtà. (Legge:) «…Attendo una risposta che spero sia favorevole. Tutto vostro, Gennarino, la persona delle cinque lire nel paniere». (A Ciccillo.) Stu giovinotto sta fore?
CICCILLO: Nonsignone, ha ditto che a n’ato poco torna pe la risposta.
FELICE: Quanno torna, dincello: La signora v’aspetta, favorite.
CICCILLO: E lo faccio trasì?
FELICE: Lo faje trasì!
CICCILLO: Va bene. (Via.)
FELICE: Brava, brava, la signora Clementina, la signora onesta, la moglie fedele!
CLEMENTINA: Ma io ti giuro…
FELICE: Zitto, non parlate, non mi potevo mai credere una cosa simile! Chi è questo Gennanino, al quale ieri sera, avete dato un appuntamento. Parlate, chi è?
CLEMENTINA: Chi lo sape. Io non lo conosco.
FELICE: Non lo conoscete? E vi scrive questa lettera?… Vergogna! L’avete conosciuto ieri sera alla festa perciò andaste voi sola senza di me, e mio zio s’avette accorgere de qualche cosa, perciò dicette: La signora Sciosciammocca, non tene scuorno nfaccia, perciò vi chiamò sgualdrina!… (Quant’è ghiuta bella sta lettera!).
CLEMENTINA: Ma no, Felice mio, io te giuro che so’ innocente.
FELICE: Innocente! Innocente! Con questa prova, con questo documento!… E poi voglio sapere che cosa sono sti cinche lire dinto a lo panaro? Lo voglio essere spiegato, e poi uscite di casa mia!
CLEMENTINA: Che t’aggìa piegà si non saccio niente. Forse stu giovinotto aissera s’avette nnammurà de me senza che me n’addunaje, sarà un amore platonico!
FELICE: (Levete da lloco!).
CLEMENTINA: Tu haje ditto a Ciccillo che mò che torna, lo facesse trasì? Embè quanne trase, te faccio vedé comme lo tratto. Io so’ innocente, crideme?
FELICE: Questo lo vedremo!… Per ora allontanatevi da me.
CLEMENTINA: No, no, Felicié, io non te lasso. (L’abbraccia.)
FELICE: Lasciatemi! Vi ho detto allontanatevi da me! (La spinge e lei siede sulla poltrona estatica.)

SCENA QUINTA

Pasquale e detti, poi Cesare, poi Errico e Giulietta.

PASQUALE: Felì, tu m’haje da dicere assolutamente chillo pazzo de zieto addò sta? (Cesare esce in ascolto.) Io ajessera avette nu paccano e non me lo pozzo tenè.
FELICE: (Statte zitto Pascà).
PASQUALE: Che m’aggia sta zitto; Felì agge pacienzia, chillo lo schiaffo fuje forte, me fa male ancora la faccia, pe chi m’ha pigliato zieto pe quacche servitore forse? Io so’ na persona conosciuta a Napule, che figura faccio quanno s’appura stu fatto?
CESARE (avvicinandosi): Vuje è inutile che facite lo ferlocco pecché cu me nce stanno poche chiacchiere da fà! Primme di tutto vuje non v’aviveve da presentà dinto a na festa, senza essere invitato da nisciuno. E poi quando non volete avere quelle mortificazioni, dovete insegnare la creanza a vostra moglie.
PASQUALE Mia moglie! Quà moglie? (Felice tocca il bottone, e Clementina s’addormenta.)
CESARE: Ah, quale moglie? Mò facite vedé che non sapite niente, facite vedé che cadite da li nuvole; ma è inutile, mio caro amico, il fatto è noto a tutti. Vostra moglie, la vedite llà, aissera me dette nu schiaffo senza ragione, io me lo tenette, pecché se trattava de na femmena, ma però ve lo turnaje a vuje. Jamme, che m’avite dicere.
PASQUALE: Ah, ho capito, mia moglie che è quella là, ajeressera senza ragione ve dette nu schiaffo, e vuje non potenno sfucà cu essa, pecché era femmena me lo disteve a me ch’ero lo marito?
CESARE: Perfettamente!
FELICE: E tu non l’avive capito ancora?
PASQUALE: Aggio capito, aggio capito… (Haje da murì de subbeto tu e mugliereta!).
FELICE: (Tu e essa!).
CESARE: Se credete che ho fatto male, sono a vostra disposizione.
PASQUALE: Nonsignore, avete fatto bene vi siete regolato benissimo!
ERRICO (esce portando per mano Giulietta che esce ridendo): Trase, trase, e non ridere.
GIULIETTA: Ma cheste so’ cose veramente curiose! Ah! Ah! (Ride.)
CESARE: Signora, questa vostra risata, è indegna di una donna onesta! Voi chiedete scusa a mio nipote. (A Felice.) E tu, perdona a mogliereta!
GIULIETTA: Ma quà mogliereta?… Vuje che dicite? D. Felice non è stato maje marito mio!… Vuje aiere, me truvasteve ccà, me pigliasteve pe la mogliera, e io non avenno che dì, facette cammenà l’equivoco.
CESARE: Possibile! Neh, Felì?
FELICE: Sissignore zi zì, questa giovine, ajere pe na combinazione, se truvaje dinto a la casa mia, pe non ve fà piglià collera, e pe non avé na mortificazione, facette seguità la finzione, ma moglierema è chesta ccà, la vedite. (Indica Clementina.)
CESARE: Lo cuofene de patane?
FELICE: Sissignore.
PASQUALE: E siccome vuje me pigliasteve pe lo marito, nuje pe fà una pazzia dicetteme che sì.
ERRICO E GIULIETTA: (Ridono.) Ah! Ah! Ah!
CESARE: Mannaggia l’arma vosta! E bravo, m’avite mbrugliato de chesta manera!… Allora, Errì, agge pacienza.
ERRICO: Ma niente, per carità.
GIULIETTA: Haje fernuto de dì: Vieni, ti porto io stesso da tuo marito. (Errico ride.)
CESARE (a Felice): Vuoi dire che lo schiaffo l’avive avé tu?
FELICE: Se capisce.
PASQUALE: E l’aggio avuto io, non fa niente.
CESARE: Ma comme, mogliereta sente tutte sti cose, e se sta zitta?
FELICE: Che ha da sentere, chella sta assettata sulla poltrona elettrica che mi serve per le operazioni vuje parlaveve de mugliere e non mugliere, io pe non la fà sentere, l’aggio addormuta. (Tutti ridono.)
CESARE: E scetela chesto cos’è.
SCENA ULTIMA

Ciccillo, poi Gennarino e detti.

CICCILLO: Il signor Gennaro Pagliuchella.
FELICE: Fallo entrare.
CICCILLO (a parte): (D. Felì, ma ccà nce sta nu sbaglio, chillo la signora Sciosciammocca, se crede che è chella llà). (Indica Giulietta.)
FELICE: (E tu comme lo ssaje?).
CESARE: (Me l’ha ditto isso, che poco primme l’ha visto mpezzà dinto a stu palazzo).
FELICE: (Zitto, va buono, fallo trasì).
CICCILLO (alla porta): A voi, favorite.
GENNARINO (entrando col buchè): (Che beco! Lo marito!).
FELICE (tocca il bottone della poltrona, Clementina si sveglia): A voi, signora, alzatevi, vedete questo giovine che vuole da voi?
CLEMENTINA (si alza): Chi? (Vedendo Gennarino.) Voi?! Signore, uscite di casa mia, e non ci mettete più il piede, io non vi conosco, io sono una donna onesta, sono maritata e non posso corrispondere al vostro amore, uscite…
GENNARINO: Ma scusate, io parlavo…
FELICE: D. Gennarì jatevenne, si no ve faccio ruculià pe li grade!
GENNARINO: Nonsignore, me ne vado. (Ma chella che bò, chi l’ha ditto niente!). (Via di fretta.)
CESARE: Ma ch’è stato, neh?
FELICE: Niente, è il figlio del sindaco di Roccarossa, che ha tentato di sedurre mia moglie!
CLEMENTINA: E io pò me faceva sedurre? Oh, mai!…
FELICE: Basta! Basta, non me parlammo cchiù, zi-zì vuje partite stammatina, e buon viaggio! (A Errico e Giulietta.) Signori, voi mi volete a casa vostra per una visita? Va bene, oggi verrò. Se si tratta di operazione però, dovete favorire qui da me, a sedere su questa poltrona.
CESARE: Ma comme, sta poltrona overo fa addurmì la gente?
FELICE: Appena si tocca il bottone, quello che non farò mai con questo rispettabile pubblico!!!!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia