A’ formula da felicità

Stampa questo copione

Settembre 2016

N° SIAE. 217857

A’ FORMULA DA FELICITA’ ….

Commedia comica brillante in due atti di

Raffaele Caianiello

GIOACCHINO          Pellecchia     padrona di casa 

LUISELLA                                          moglie di Gioacchino

ALONSO                                           fratello di Luisella

RINUCCIA                                         figlia di Luisella

GEGE’                                                           innamorato di Rinuccia

DAGOBERTO                                  pretendente di Rinuccia

MATALENA                                     cameriera

LINELLA                                            amante di Gioacchino

DON LUCIO                                     Prete                                    

VIOLA                                                           psicoterapeuta

FELICIA                                             amica di famiglia

SAVERIO                                          amico di Gioacchino

COSIMO                                           ladro

Una commedia dalle battute frizzanti e situazioni intriganti. Non c'è una parte che potrebbe annoiare il lettore e quindi lo spettatore , anzi ad ogni scena si susseguono altre scene tutte frizzanti che portano il lettore e lo spettatore a voler andare avanti per vedere altri colpi di scena, fino alla conclusione. ‘Tutti ridono’ è la battuta finale di questa commedia che, a ragione, è da definire brillante. Due atti di comicità pura, di battute che portano inevitabilmente come conseguenza la risata. Una comicità tout court, che non da’ spazio a pause. Come per le scene, solo apparentemente scontate perché quando tutto sembra delineato la situazione viene rigirata da una battuta o da un’entrata in scena  che, sebbene intuita, determina una variazione di continuità offrendo nuovi spunti per ulteriori risate.  Al centro della vicenda una formula, “A’ formula da felicità”, cui il protagonista sta lavorando ma oltre ad essere scienziato è anche medico e quindi il suo studio è facilmente accessibile per assistiti ‘particolari’, come l’incalzante amante (da cui è talmente preso da cercare addirittura di mettere in atto degli ‘incidenti’ per poter tenere fuori gioco la moglie per qualche giorno e che poi vanno a scapito di altri personaggi) che altri non è se non una spia di una casa farmaceutica avversari il cui scopo è quello di sottrarre la formula. La presenza di un’amante porta ad intuire le traversie che in famiglia possono esserci tra i protagonista e tra i due una serie di botta e risposta a giustificare gli atteggiamenti ‘freddi’ durante il corso del matrimonio che alla fine, grazie al risultato finale della formula vengono dimenticati. E su questa falsariga si muove anche la storia tra altri due personaggi vicini alla coppia, il cognato dello scienziato ed un’amica di famiglia, divorziata, che spiega in modo chiarissimo il motivo della separazione: Felicella: Nu juorne nun ne putiette chiù e le dicette Tatò ma tu ca me te spusate a fa? LUISELLA: embè …ca te dicette. FELICIA: ca me dicette? Felicè je sto cu te pecchè m’accuntente! E je le rispunniette ah si e je invece nun m’accuntente e me trove a n’ate! E accussì avimme divorziate! Ma sia dall’amica che dal sacerdote che è vicino alla famiglia, giungono i richiami affettuosi a quelle che sono le esigenti richieste della protagonista, Luisella, madre di una figlia innamorata di un bravo giovine, che però non risponde alle ‘qualità’ che lei si attende di trovare nel futuro giovine, perché, come entrambi le dicono:  l’omme perfette  intelligente, bellissimo e ricche , affettuoso e  rispettuse, tene sule nu piccule difette: nun ancore è state nventate. Il consiglio è: lasciate perdere  ormai vostra figlia ne ha rifiutati gia sette… sentite a me… facite fa o destine! Je ve l’agge ditte …. Vuje le putite fa coperte e ore e liette e argiente ma  si tene n’ammore dinte o core nun  cio  putite  levà …. Donna Luisè sentite a me… a felicità nun s’accatte!….   o meglie sapite qual è? Nun è a ricchezza ne a bellezza ne tantomeno a nubiltà! O meglie è  chelle ca une  se sente dinte o core  pe llate! Parole sagge ma necessarie per come si svolge la storia poiché proprio tramite il prete giunge in famiglia un giovane che si finge giardiniere, e gay, Gegè, che sotto mentite spoglie si intrufola in casa per poter stare accanto all’amata Rinuccia. Alla fine è proprio Gegè a sventare il furto della formula ed a scoprire i ladri, così come proprio lui rimetterà equilibrio nella vita dei suoceri, utilizzando il prototipo del farmaco e stanco di nascondere se stesso ed i suoi sentimenti svela la sua identità ed i suoi sentimenti per Rinuccia dimostrando quanto fossero vere le parole del prete a proposito di cosa occorra per essere felici.

Salotto studio di casa Pellecchia. Una comune, due porte laterali. Poltrone ,quadri alla pareti. Un trespolo con sopra una gabbia con pappagallo. Una scrivania  con sedie.In scena Matalena che va e viene sistemando dei fiori sul tavolo

MATALENA: (sulla quarantina piacente e fedele a Rinuccia )  oh e chiste pure stanne a poste!  Mo  na bella racquata e avimme accuntentate pure a Donna Luisella. ( si  sente chiamare Matalena..Matalena... Si affaccia all comune ) chi è … chi me vo? ( nessuno risponde. Si volta e va vicino al pappagallo) guagliò tu le fernì e capite? Si no  chiamme a jatte e te ce votte mmocche!

RINUCCIA: ( entra Rinuccia bella ragazza.  Ancora in vestaglia. con in mano una foto  e vede Matalena  che fa dei gesti di minaccia al pappagallo)  Matalè lasse perdere a Carminucce! Si no Mammà  te ne fa fuj! ! quanti vote te l’aggia dicere! ( Guarda la foto e si incanta)

MATALENA:  chiste me fa ascì sceme! ( il pappagallo… scema ..scema) avite viste! ( guarda Rinuccia) ahe chelle se ncantate nata vota! Signurì!! Nun m’avite sentute? Carminucce ma chiammate nata vote scema!

RINUCCIA.: nun o da rette  chiuttoste  fà nu poche e latte caure e me prepare pure nu cornette ca marmellate?

MATALENA:  ve site scetate ca famme stammatine?  Comme va?

RINUCCIA: jere sera doppe appicicate cu mammà jette a liette senza mangià. A verità vuleve fa o sciopere da famme ma po ci ho pensato su e …. Nun ne vale a pena … mo jate a priparà? E marraccumanne cu zucchere assaie!

MATALENA:  vache subbete però  nun a facite ncazza sempe a sta mamma voste si no sta case addeventa  nu manicomie!

RINUCCIA: ah aspette primme  damme o telefonine tuoje O saje ca mammà ma sequestrate o telefone che aspiette?

MATALENA: ( tira fuori un cellulare ) ecco qua ma.. accuorte  a doppe cancellate tutte cose pecchè a signora me cuntrolle pure a me

RINUCCIA: ah e nun te preoccupà…. E aspiette fore a porta e   fa a spie ca nun vene nisciune ( Matalena si porta vicino alla comune e scimmiotta alle movenze di Rinuccia) pronto Geggè si tu? Ah meno male ca e rispuoste … no no nun è o telefene mie …. O mie sa pigliate mammà ….. e a mise o lucchette  pure a chille e case! E allore che facimme ce vedimme primme e miezejuorne? No? E pecchè? Viene ccà ?.. uh maronna mia e si se n’accorgene e qualcosa? Tenche a paure! Ah si? viene Cu   Don Lucio ? e … ah magari …  e Don Lucio  ha ditte ca sì?   .. ah si? Che prevete e ore l’hanne fa sante!  Azze! Te faje passà pe gay .oh povere ammore mie ca si custrette a fa pe me vedè! ….  ah e speramme allore .. je quanne viene nun me facce vedè si no va a fernì ca me tradische… ah ammore mie! Je quanne te veche me ncante ….. allore a dopo .. ciao … ciao .. ( rimane con il telefono in mano incantata)

MATALENA : (non la sente più parlare , si gira, la guarda e fa gesti con le mani) e te pareve  se ncantata…. Rinuccia… signurì… ( la scuote  e Rinucca si sveglia come da un sogno)

RINUCCIA: ah … ah … comme è belle! ( fa per andare)

MATALENA: signurì o telefene ( Rinuccia si gira e e fa cadere il telefono che Matalena  prende al volo.Poi va via come in trance) ma accussì scieme s’addeventa quanne se fa ammore? Mah ( canta )ah l’ammore ca ffa fa….

 GIOACCHINO: ( entrando  sulla cinquantina, succube della mogli, entra con la testa fasciata )  fa scemunì a gente! (  vede Matalena china sui fiori e ..la guarda con desiderio poi Matalena si gira) Ahia ahhia comme me pese sta capa …. L’hanne accidere !  ma stu cafè quanne arrive? Ohe!   ah tu staje ccà! ( si guarda in giro con sguardo malandrino ( si avvicina a Matalena , sempre guardingo  ) Matalè … e dammille nu vasille .. tu me faje mpazzì … ( cerca di toccarla e Matalena si scosta)

MATALENA: Don Giacchì stateve cuiet … nun è cose! Chiuttoste fernitele ca si ve ncoccie Donna Luisella so dulure!

GIOACCHINO: ( si tocca la testa  poi ancora più insistente cerca ancora di stringerla )   e chiù dulure e chiste? e iamme … nun te fa pregà …. ( si sente Luisella che chiama a Matalena e che sta arrivando e alzando la voce cambia argomento.) Vi volete  muovere cu stu cafè? Quanne ve do nu cumanne avite lassà tutte chelle ca state facenne!

MATALENA: a signora ha ditte ca primme aveveme  sistemà e sciure e po llati cose!

GIOACCHINO:  ah si?   E allore è stata a signora che ha decise e fa addeventà stu studie  o sante sepolcre? Leve sti sciure a mieze!

MATALENA: ma cumannate a signore!

GIOACCHINO:  E je allore che ce sto a fa ? chi cumanne dinta a sta casa eh?? ( entra Luisella)

LUISELLA: (sulla cinquantina. Donna ancora piacente ma  autoritaria  e un po ignorante)   tu sicuramente no! 

GIOACCHINO: ( con imbarazzo)  appunte diceve  chi cumanne dinta a sta casa…. Decide!

LUISELLA: a mbè! Vuoi qualcose?

GIOACCHINO: e si se putesse …… ( guarda Matalena)  avè nu poche e cafè…

LUISELLA: ( si accorge dello sguardo malandrino di Gioacchino )e tutto ccà? Mo te lo faccio io

GIOACCHINO: no .. no … lassa perdere ..ce penze je!

LUISELLA:  ah no! Nun sia mai detto!  Matalè .. saglie ncoppe  e accumince a sistemà…  a cammera  e Rinuccce  ( esce Matalena sempre seguita dallo sguardo di Gioacchino e Luisella prendendo la scopa vicino alla porta  con tono minaccioso ) allore? Stu cafè comme o vuoie? amare..o doce, curte o luonghe, caure o fridde

GIOACCHINO: no … lassa stà me passate a voglie … nun o voglie chiù

LUISELLA: uh .. te passate?  Che peccate! Ta vuleve fa passà bone ..a voglie! Guardate llà guardate…. Se fatte viecchie e o vizie nun so leve! Te crire  ca nun  t’agge viste?  

 GIOACCHINO: ma e che e viste?

LUISELLA:  c’agge viste? Parive nu piecure allupate…. Ohe stamme a sentere si m’accorge ca te piglie quarche passagge cu Matalena …. Te facce vede je e che so capace! si tu si miereche chirurghe  je facce a macellaie e te taglie tutte cose …stu rattuse!

GIOACCHINO: ma qua rattuse…. Je..  guarda tante  pe guardà

LUISELLA: cheste è vere a te  sule l’uocchie te so rimaste! E quindi   penza a sistemà  a figliete  

GIOACCHINO:  a riguarde a figliete me ne sto occupanne! Piu tardi vene Don Lucio  

LUISELLA:  e prievete  nun se sposene

GIOACCHINO: no ma sposane all’ate! Ma ditte ca ha truvate nu bellu giovane  disposte a  a ce pruvà

 LUISELLA:   ma tene e qualità?

GIOACCHINO: tu te si fissate! Na rifiutate  gia sette! Ma quanne o trove che qualità ca vuo tu?

LUISELLA:  E  pecchè so  accussi assaie? Adda essere nu  bellu giovane, essere nu prufessioniste, adda tene e sorde e adda essere figlie uniche  …

GIOACCHINO: niente chiù?!

LUISELLA: si  nun tene a mamma è meglie!

GIOACCHINO: a veche difficile!  speramme!

LUISELLA : pecche è difficile ? Je diche ca chelle tene gia a noce dinto o sacche  e nun se ne fa accorgere! Sarrà sicuramente  nu disperate a cacce e dote!  E no! Nun cio permette l’adda truvà comme dich’je! A te nun tagge truvate accussì ?

GiOACCHINO: me truvate fesse me truvate!

LUISELLA:  ( si avvicina con garbo) fesse? Ma si ire accussì nnamurate!

GIOACCHINO:   e chelle ma futtute! L’ammore! Chille   fa  fà cose e  pazze e ca ce sta prova! !  Me so sposato! Ma si turnasse arete…

LUISELLA:   ah si? e ca facisse?

GIOACCHINO: me ne fujesse)

LUISELLA: va va …. Chiacchiere…. Je quanne voglie sacce comme t’aggia piglià… (si avvicina ancora  e cerca di accarezzarlo ( Gioacchino però si scosta ) ah …. Faje pure  o scuntruse  è vere ca  nun te funzione chiu niente ma na carezza ma putive fa!  Beh! Je vache ncoppe ….. ( girandosi  colpisce con con la scopa le parti nobili  di Gioacchino che si lamenta mettendosi una ,mano in testa e una in mezzo alle gambe e accorte! ( esce a destra)

 GIOACCHINO: ahia!! chelle m’avvelena  Pure co cafè! Fa nu miscuglie ca appena to bbive curre dinte o cesse  e ci rimmane abbracciate pe na jurnata sana!  ( si avvicina alla scrivania e preme il comando del citofono) Buongiorno, Dite a Saverio che lo aspetto nelle studio,ma è mai possibile che io  Gioacchino Pellecchia   devo essere succube di una moglie arrogante e petulante cu nu cainate strunz! ( va verso il pappagallo e lo accarezza ) E già tu gia o saje!)  ( entra Saverio)

SAVERIO: ( sui cinquant’anni  ha in mano una cartella zeppa di documenti ) buongiorno commendatò, stamattina grandi notizie! Ma  ma ca ve succiese?

GIOACCHINO: e nun o vide?  Me so rutte a cape!

SAVERIO :veramente aveve essere tutte o cuntrarie. A cape se l’aveva rompere a signora Luisella

GIOACCHINO: e invece me l’agge rutte je .. ahia ca dulure..

SAVERIO: ma comme avite fatte? Je v’aveve ditte comme avive fa . Nun po essere che avite sbagliate!

GIOACCHINO:  Savè …  je agge fatte comme me ditte . Agge pusiziunate  o fierre pe stirà ncoppe e lenzole dinta  a porte e coppe  e l’armadie in modo che quanne e l’arapeve  o fierre le cadeve ncape

SAVERIO: e allore ?

GIOACCHINO: e allore mentre steve scennenne nun truvave a cravatte ce l’agge chieste a Luisella  . Essa ma ditte sta dinte o cassette e  sotte  je o tirave e chille nun s’arapeve … je o tirave  chiu forte e chille nun sarapeve … .agge tirate chiu forte ancore   e me carute o fierre ncape! ( Si porta le mani al capo) e chiste è o risultate! natu cunsiglie sbagliate e te ne cacce! Je t’agge chiammate pe me levà a tuorne a mugliereme almene pe nu mese  e tu invece ….

SAVERIO: je e cunsiglie ve do buone! Site vuje  che li eseguite male! Je po diche na cose,vuje site miereche pecchè nun le date ma medicina ca l’ammoscie pe nu mese sane?

GIOACCHINO: nun o pozz fa! O frate facesse succedere na guerra! A purtasse subbete o pronte soccorse  e se scuperchiasse o cupierchie !  Invece tutte adda sembrà casuale  e capite mo?

 SAVERIO : agge capite! E Vabbè pruvamme cu nata cosa. Ecco qua queste  sono tre palline di vetro. Stasera dopo  che la signora  si è addormentata … vuje  pigliate e  tre palline e vetre e mittetile o poste arò scenne  e state sicure ca chelle appene ce mette o pere ncoppe  /sarravoglie e se rompe e coscie!

GIOACCHINO: tu si sicure? ( Saverio annuisce con gesti e Lui prende le pallline) Tu non sei solo il mio segretario ma sei anche un genio !e va Buò! Mo turnamme a nuje. Come sono andato gli esperimenti?

SAVERIO: na bomba! Commendatò questa volta farete i soldi a palate! Il nostro nuovo farmaco è na grande scoperta! lo abbiamo testato  insieme ai tedeschi  su cento persone,  cinquanta uomini e cinquanta donne  e tutti hanno reagito positivamente!

GIOACCHINO: ah! Perfetto! So tre anni che io e i miei ricercatori ci lavoriamo! Ora dobbiamo solo convincere il nostro potenziale socio a finanziare il progetto per la messa in vendita del prodotto!

SAVERIO: sono certo che approverà! Noi  Abbiamo scoperto un grande farmaco! Altro che Viagra  e similari. Questo farmaco non solo da potenza ma stimola mentalmente  tutti gli appetiti sessuali sia maschili che femminili, sarà una rivoluzione!  Noi produrremo  il Vigorvit e Il gruppo Frosbiter lancerà la campagna pubblicitaria e lo metterà in commercio!

GIOACCHINO: allora telefono subito al commendatore Frosbiter ( prende il telefono e compone il numero) pronto e la Frosbiter? Sono il commendatore Pellecchia… può passarmi il direttore? Bene…. Pronto.oh caro direttore…finalmente e con grande soddisfazione posso annunciarvi che il nostro farmaco è pronto! Ah si! bene, allora aspetto vi aspetto  … si .si ..va bene … arrivederci…. Arrivederci.( si frega le mani)  domani arriverà qui il signor FROSBITER in persona  e  se tutto va bene , firmeremo l’accordo!

SAVERIO: bene. .io allora vado di là a sistemare le carte e i campioni   e mi raccomando tenete la formula sottochiave, non si può mai sapere!

GIOACCHINO: si si vai  vai.. la formula è al sicuro e tu  attiente   e acqua in bocca .    mugliereme nun adda sapè e sti farmaco almeno fino a quando non lo mettano in commercio

SAVERIO: ma certamente!! !( Saverio  esce)

GIOACCHINO: ( si avvicina alla comune e chiama Matalena che subito accorre)

MATALENA: dite commendatò..

GIOACCHINO:  senti una cosa Matelè… domani mattina  abbiamo un ospite  e resterà qui per qualche giorno. Tu sistemi per bene  la camera degli ospiti

MATALENA : è gia sistemata!

 GIOACCHINO: ah si bene !ah e fammi un piacere portami qualcosa di dolce e un the  e  mi raccomando quando viene il nostro ospite , servilo a dovere  e ..niente azioni sconvenevoli .. me capite? A Luisella appare sulla soglia non vista)

MATALENA :  agge capite .. ma a signora o sape?

GIOACCHINO: o sape o nun o sape … è o stesse

LUISELLA: ( entrando) dipende!   Cos’è che devo sapere eh?  Cher’è ?

GIOACCHINO: no niente, ho detto a Matalena di preparare la camera degli ospiti per una persona di riguardo  che viene da Berlino

LUISELLA: e allore dincelle ca se ne turnasse a casa o se ne jess in albergo!

GIOACCHINO: ma cara…. Questa persona  lo dobbiamo trattare bene. E’ l’amministratore delegato della casa farmaceutica tedesca  Frasboter e  se tutto va bene firmerà l’accordo fra la nostra azienda  per lanciare il nostro nuovo farmaco!

LUISELLA: ma non capisco perché dobbiamo ospitarlo noi

GIOACCHINO: ma ti pare che con una casa così grande e con un giardino bellissimo lo mandiamo a dormire in albergo. Dobbiamo essere gentili e premurosi  poi vedrai … diventeremo i più ricchi d’Italia!

 LUISELLA: e va bene…. Pe chesta  vota  t’accontente, vado camera a cambiarmi che piu tardi devo andare dal parrucchiere.  Matalena tu fa chelle ca ta ditte  (esce)

GIOACCHINO. Ma fatte a grazie!( la segue con lo sguardo poi come colpito da un’idea)  e si sti palline ce mette fore a porta mo ca jesce da cammere e liette? Si  si .. e chelle comme jesce s’arravoglie!!! Ahhhh  ( esce con sguardo malefico)

MATALENA: ( porta con se un vassoio con dolce e del the) e arò e ghiute mo? (Bussano, sistema il vassoio,  apre la porta ed  entra Linella ) signò trasite e aspettate  ca mo vedite comme vene)

LINELLA: (Linella,bella sui trent’anni entra e si siede su una sedia)  ma è in casa?

MATALENA: e come no … sarà andato …comunque mo lo avverto che ha visite ( esce)

LINELLA: ( si guarda in giro e comincia a rovistare nella scrivania e dietro i quadri e sotto le poltrone) ma  dove l’ha nascosta quella maledetta formula! ! Niente.. forse l’avrà addosso! (Sente dei passi e si ferma)

GIOACCHINO: (  entra , chiude la porta e l’abbraccia) ah bellezza mia uh e comme si prufumate! Ah … a cape!

LINELLA:(. lo abbraccia e furtivamente gli mette le mani in tasca )  ma cosa  ti è successo?

GIOACCHINO: me carute nu fierre pe stirà ncape!

LINELLA: u puverielle famme vede ( gli tocca la testa e continua a rovistare nelle sue tasche )niente! ..nun è niente

GIOACCHINO: no  no .. lassa sta…. Me fa male! Siente Linè …. Ma tu nun e venì spesse ccà si no  si te vede chelle subbete fa mali penziere! Avimme pazientà natu poche ma … o viaggette nzieme nun scapparrà! Te lagge prummise e accusì sarà … specie mo che le cose stanno andando benissimo

LINELLA: e ma quanne .. so tre mise che le ditte! Quanne dice ca si pronte  na vote t’abbruce a mane , na vote te  scasse o braccce ..mo te rutte a cape!

GIOACCHINO: nun te preoccupà so… sfurtune ma…. Sempe  vene o mumente!

LINELLA: ma invece e priparà attentati a tua moglie pecchè nun dice ca tiene nu convegne fore città?

GIOACCHINO: e no ..chelle vene sempe appriesse! Te pare ca se facessse scappà l’occasione? No l’agge immobilizzà e po le diche do cunvegne e poi…. Una settimana insieme non ce la toglie nessuna! Domani verrà qui il socio tedesco e…. se tutto va bene sarò riccchissimo

LINELLA: ah si! quindi domani hai molto da fare?

GIOACCHINO: si verrà un notaio per la sottoscrizione  e gli consegnerò una formula che rivoluzionerà il mondo della medicina!

LINELLA: oh come mi piacerebbe sapere di che si tratta… la formula è ben nascosta ovviamente  perché se te la rubano….

GIOACCHINO: ben nascosta! Non preoccuparti

 LINELLA: scommetto che la tieni nella cassaforte della tua camera da letto

GIOACCHINO: non posso dirlo

LINELLA: (lo accarezza) neanche a me ? alla tua piccioncina

GIOACCHINO: beh … adesso   ( sente dei passi si allontana velocemente e si siede dietro la scrivania) Dunque ( scrive una ricetta) queste le prendete ( si apre la porta e si affaccia Cosimo) per favore … sto facendo visite ( Cosimo chiude )

LINELLA: marooò .. pure ccà!

GIOACCHINO: ma chi è?

LINELLA: e che ne sacce!E a nu poche e tiempe ca me segue dappertutto!

GIOACCHINO:  Mo o sisteme pe feste … va mo … te telefene … Va ( Un bacio e via) Venite avanti ..il prossimo… ( entra Cosimo) siete voi ad entrare?

COSIMO: ce sto sul’je

GIOACCHINO: e venite avanti.. Dunque..?  accomodatevi,che vi sentite , ditemi tutto

COSIMO: (sullla trentina , si porta le mani alla testa) a capa duttò … me fa male a capa

GIOACCHINO: sapisse a me!  E ditemi questo male di testa lo avete sempre?

COSIMO: no duttò … sule quanne veche a chella bella femmina ca mo    è asciuta!

GIOACCHINO: e vuje facite in modo e nun a vedè e o male e cape nun o tenite chhiù

COSIMO: e allore je ca so venute a fa addò vuje?

GIOACCHINO: pa vedè?

COSIMO: si ma non solo!  Pe cercà  da vedè e nun me fa venì o male e cape!

GIOACCHINO: ahh sentite …. Nun me facite perdere tiempe! Facite accussì… (scrive qualcosa su un foglio di carta e poi glielo consegna)   voi dovete andare da un psicologo … li c’è scritto l’indirizzo. E’ un mio amico ..ditegli che vi ho mandato io

 ( bussano forte ) chi è .. ( si apre la porta ed entra Matalena ) ca è succiese!

GIGGINO: Duttò currite …. A Signora Luisella …. Na disgrazia!

GIOACCHINO: assa fa a Maronne .. ehmmm ah Maronne mie!!! … ( al paziente) aspettate vengo subito  ( esce)

COSIMO: ( si guarda intorno)  uhmm    chesta è a terza vota ca  Linella alias mano veloce  vene cca inta a tre juorne  e si ce vene vuol dire che sa che il dottore la formula ce l’ha in casa eh ma io la fregherò!La formula la venderò a caro prezzo ( comincia ad aprire i cassetti della scrivania come a cercare qualcosa ) uhmmm niente … ( guarda il telefonino) ah .. sa scurdate ccà! ( lo prende e comincia a guardare )uhmm niente !( sente delle voci  e dei lamenti, mette tutto a posto e si siede proprio mentre entra Gioacchino)

GIOACCHINO: (da fuori) piano ..fate piano forse se rutte na coscie… ( entrano sorreggendo Alonso che si lamenta; Matalena e Rinuccia  che gli mantiene il bastone) ( Gioacchino a Cosimo)  voi potete andare facite come vi ho detto e poi al limite ci rivediamo..jate ..( Cosimo annuisce ed esce)

ALONSO:  (   sulla sessantina ,non vede bene. Porta degli occhiali molto spessi e ha con se sempre un cappello e  un bastone   ahia  ahia  facite chiane…. Ahh ca dulore!! Ahhh

LUISELLA: ( entra Luisella) ma comme e fatte ?

ALONSO: hanna accidere a chi a mise e palline ncoppe e scale!

LUISELLA:   je vulesse sapè arò so asciute sti palline!

GIOACCHINO: beh mo nun ce perdimme in chiacchiere ( si avvicina ad Alonso che ,sistemato sulla poltrona vicino al pappagallo) fammi vedè …. ( comincia a tastargli la gamba) ca te fa male? ( segue grido di dolore di Alonso ad ogni tocco) ah va buone, ti è andata bene. Sule na forte contusione…. ( grido di Alonso) Però …forse è meglie ca jamme o spitale

ALONSO: ( muovendo la gamba) no …o spitale no… me passate .. ovvì me passate ( si alza e con dolore e va verso il pappagallo) è passate…è passate  ( la voce del pappagallo ripete strunz ..strunz..--- Facite sta zitte a  chille o l’accide!

LUISELLA: ( si avvicina al pappagallo e gli fa segno di stare zitto) shhhh! Zitto! Matalè… ,Rinù… aiutatele e purtatele nu poche dinta a stanza soja ca sarrepose

LUISELLA:  ( Matalena E Rinuccia eseguono ed escono con Alonso che si lamenta ancora) è nu poche e tiempe ca dinta a sta casa succedene cose strane!

GIOACCHINO: ma che cose strane.. coincidenze!( fa per prendere i dolci dal vassoio ,suonano alla porta e desiste indispettito)

LUISELLA: eh ma so troppe sti  coincidenze! (. Va ad aprire ed entrano Don Lucio e Gegè) Oh patre … trasite accomodatevi …. ( guarda Gegè) ca bellu giovane .. prego accomodatevi pure voi

DON LUCIO:( non molto anziano..un po goffo nelle movenze e  molto goloso) grazie ….  Pace e bene! Siediti Gegè  ( Gegè esegue ) Cara Signora Luisella… Caro Dottore, Dunque  come potete immaginare io sono qui dietro la vostra richiesta

 GIOACCHINO: ah ..si ? bene!

LUISELLA: ah .. ca bellu giovane !

 DON LUCIO: vi piace eh? Ha tutte le qualità che cercate. ( vede i dolci ) posso? ( senza aspettare  comincia a divorarli seguito dalla faccia sconfortata di Gioacchino)

LUISELLA:  ah si? ah che bello ( si avvicina a Gegè) Salve ( con enfasi) io sono Luisella  la mamma di Rinuccia e… ( con tono pacato) e quello è mio marito!

GEGE’: ( ha i capelli biondi e il pizzetto, si   si alza con movenze delicate ) io sono  Gennaro Armeno  ma voi mi potete chiamare Gegè!

GIOACCHINO: ( a parte) chiste me pare mieze femminielle!

LUISELLA: allore chiamma a Rinucce  così fanno conoscenza e po essere che è la volta buona! e….

DON LUCIO: ehmm  ( finendo i dolci poi beve il the)…Donna Luisella, questo giovane non fa per Rinuccia….

LUISELLA: ma comme avite ditte  ca tene tutte e qualità!

DON LUCIO: pe fa o giardiniere! Vuje m’avite chieste si canusceve qualcuno in gamba e onesto e je ve l’agge purtate

LUISELLA: ah … je me credeve ca… era nu pretendente   ( guarda Gegè) no .. e no! è giovane … è belle… e po essere pericolose pe Rinucce… vuje me capite?

DON LUCIO: vi capisco … appunto perché vi capisco v’agge purtate a Gegè

LUISELLA: ( non capisce) uh…. E nun agge capite! Vuje me purtate nu sciorte e giovene dinta a casa  e dicite ca nun è pericoloso

GIOACCHINO: ( alla moglie ) nun e capite! Je si!

DON LUCIO: vedete a Gegè le donne non interessano….. ( si volta verso Gegè ) è vero Gegè?

 GEGE’: (   si alza con movenze aggraziate e con la voce imita i Gay) è vero  ( guarda Gioacchino con interesse) con le donne solo sincere amicizie e nulla più!

GIOACCHINO: ( a parte) azze m’agge st’accuorte je!

DON LUCIO: mo avete capito? Vedete questo giovane  è venuto da Benevento in cerca di lavoro  e mi è stato raccomandato da un mio caro amico e vi assicuro che è un bravissimo giardiniere. Allora che ne dite?

LUISELLA: si è accussi ( Guarda Gioacchino) tu che ne  dice Giacchì lo assumiamo?

GIOACCHINO: beh veramente ….. je.. nun vulesse  ca..

LUISELLA:( risoluta)allora lo assumiamo! ( Va verso Gegè) da oggi sei il nostro giardiniere

GEGE’:  ( sempre con tono di voce diverso) oh grazie …curerò tutti i vostri fiori compreso ( Guarda Gioacchino) quello più bello!

GIOACCHINO: stai frische tu!

LUISELLA: ah bravo ..bravo! e.. Don Lucio e per quell’altro…. Giovane

DON LUCIO. Cara Luisella.. lasciate perdere  ormai vostra figlia ne ha rifiutati gia sette… sentite a me… facite fa o destine! Je ve l’agge ditte …. Vuje le putite fa coperte e ore e liette e argiente ma  si tene n’ammore dinte o core nun  cio  putite  levà …. Donna Luisè sentite a me… a felicità nun s’accatte!….  Comunque  verso stasera arriverà un altro giovane .Po essere che finalmente piaccia a Rinuccia . ma vi ripeto “ A felicità nun s’accatte”Ora vado eh ( a Gegè) mi raccomando… Beh  pace e bene  ( esce)

LUISELLA: Nun s’accatte? E po vedimme! ( si affaccia alla comune e chiama Matalena) Matalè ….Matalenaaa

MATALENA: ( entrando) cumannate signò

LUISELLA: Matalè.. chiste bellu guagliole è  Gegè o giardiniere  falle vedè a casa e po o giardine ..ah e falle vedè pure addò stanne tutte le attrezzature

MATALENA: ( va verso Gegè ) piacere io sono Matalena  ..venite con me

GEGE’: ( sempre con movenze ) piacere io sono Gegè allora permettete io vado … ( escono)

LUISELLA: però che bellu giovane, si fosse state buone e avesse tenute sorde e prufessione…

GIOACCHINO: e invece nun è buone! Pe Rinucce ce vo n’omme che l’adda dà soddisfazione!

LUISELLA: comme le date tu a me?

GIOACCHINO: pecchè no? Nun te l’agge date?

LUISELLA: e primme anne  e matrimonie! Po … ( segno con la mano ) te si ammusciate e tutte è fernute

GIOACCHINO: je me so ammusciate?  A colpa è a toje   a quanne è nate figliete  si addeventate e ghiacce! Tante ca agge decise ca quanne muore ncoppa tomba toje , ce mette na lapide cu scritte “qui giace mia moglie Luisella fredda come in vita".

LUISELLA: e je ncoppe a toje ce mette "Qui giace  mio marito Gioacchino finalmente rigido! Tieh!  ( esce)

GIOACCHINO: e si? ahh ahh rigido ahhh ahh te facce vedè je si so rigido!  

( entra Alonso con in mano il suo bastone) ahe! Ovilloche ovvì sta nata vota ccà

ALONSO:   ( si avvicina a Gioacchino,lo osserva bene) ahh ahh   tu stai ccà ? e Soreme addo stà?

GIOACHINO: a purtave mmocche nu cane! Addò po sta … sempe ccà! Putroppo!

ALONSO: ( si gira intorno) e je nun a veche …

GIOACCHINO: ( indicando il pappagallo  tiene il braccio a mo di indicazione ) sta llà

GIOACCHINO: ( va verso il pappagallo, si ferma ,poi ) ah .. staje lloche? E pecchè nun rispunne? Ma che te si ammutate? .. so Alonse

IL PAPPAGALLLO: strunz .. strunz…

ALONSO: ma … ( si avvicina meglio e guarda ) ahhhh je te torce o cuolle ( alza il bastone per colpire e Gioacchino lo ferma )

GIOACCHINO: Alò … nun fa o strunz!

IL PAPPAGALLO: strunz ..strunz…( entra Luisella)

ALONSO:  ma tu o sient?  Je vulesse sapè chi l’ha mparate! Lassame …. Lassame ca l’accide!

LUISELLA:  a chi accide tu eh? O pappavalle nun se tocch!

ALONSO: ma nun o siente? Ogni vote ca me vede me chiamme strunz e pure quanne ce sta Felicella

LUISELLA: e che fa chella già o sape!

ALONSO: ohe nun sfottere sa! Ca è pure colpa toja si Felicella nun se decide e me spusà!

LUISELLA: mia? Fosse a Maronna ca te si pigliasse! Me levasse natu catambraseme a tuorne!Giacchì,o cafè te le pigliate?

GIOACCHINO: ah .. no … no  a chiù tarde mo ..falle Alonse accussì s’addecreie… addo sta a borsa Ah sta ncoppe a scrivania ..

GiOACCHINO: ( prende la borsa)  io vengo fra poco, vado in laboratorio ( esce, accarezzando il pappagallo)

LUISELLA: ( lo guarda andare via)  eh e chest’è ogni juorne…ogni notte e ogni matina!

ALONSO: A vaje cu me?

LUISELLA: no tu si sule nu scassambrelle! È mariteme o guaje!

ALONSO:    (si siede  sulla poltrona e mette il cappello sullla sedia vicino ) sempre in bianco?

LUISELLA: e si! dice ca tene na malatia…. Simme jute pure addò nu specialiste amiche suoje e la ditte ca sono problemi transitori ma ca po passene ,la date na cura … ma intante so sei mise … e nun le funzione chiu niente!

ALONSO: ( malizioso) forse nun funzione cu te ma cu qualcun’ate..

LUISELLA: ca vuo dicere? Niente niente me vuo fa penzà che o fa apposta pecchè tene a n’ata?

ALONSO: je nun o sacce ma….. quanne n’omme trascure a mugliere è pecchè molte volte  sotto sotto …. Tene chi o rifresche …oppure è bloccate psicologicamente e allora saddà sbluccà!

LUISELLA: ah … e chistu fatte si è overe saddà scuprì ..ma comme

ALONSO: si  cunvince a Felicella a me spusà… ce penze je!

LUISELLA: ah si? e allora è fatte.  ( si siede sulla sedia e non vedendo il cappello di Alonso  lo schiaccia) Dimme comme faje

ALONSO: telefono ad un mio amico e le chiede si me fa venì ca na duttoressa  nu poche speciale e senza freni inibitori

LUISELLA: na zoccule insomme!

ALONSO: non proprio diciamo che è una psicoterapeuta del sesso  però … capace do   fa scemunì e quanne cio truvamme ncoppe ….o  svergognamme  o  u sistemamme

LUISELLA: me pare nu poche ….azzardate però si funzione…. ( pensa) e va buone, falla venì e dicimme ca è n’amica mia  ospite e passagge!( si alza e Alonso vede il cappello schiacciato)

ALONSO: ( prende il cappello con disappunto facendo delle smorfie  ) e che caspite me le ammaccate!

LUISELLA: e tu o mitte a tutte parte…. Va va a telefonà a chiste amiche

ALONSO:  vado subito a telefonarlo e staie sicure ca massime pe dimane sta cca!…. Ma…. Arrecuordete e Felicella…. ( esce)

LUISELLA: e si! e mo vedimme si è nu blocche o è na cornificazione!( entra Gioacchino ) ah stai ccà  e chi aspetti stammatina?

GIOACCHINO:   te serve qualcose..te vuo fa fa na visita?

LUISELLA:pe  chelle ca me serve nun si capace chiù! A visita falle e malate tuoje! Je a faccia toje sto meglie e te!

 GIOACCHINO: ( si tocca la testa ) e ce crede e ca vuò?

LUISELLA: hai da fare ?

GIOACCHINO: Io ho sempre da fare! Dirigo un laboratorio di ricerca e faccio anche il medico lo hai scordato?

LUISELLA: agge capite. Ma sbrigate che dobbiamo uscire per commissioni ( esce)

GIOACCHINO: e va bene… appena posso usciamo ( entra Gegè)

GEGE’ : scusate ,avete visto Matalena?

GIOACCHINO: perché non stava con te?

GEGE’: si ma poi ha chiammate a signora  e lagge perze

GIOACCHINO:   e allore cercatele … je mo venghe  ( esce)

GEGE’:  ah e chissà Rinucce addo stà ( entra Rinuccia ) oh ammore mie!

RINUCCIA: sto ccà te veneve appriesse appriesse aspettanne l’occasione ( lo abbraccia)

GEGE’: ( si guarda intorno)ma ce ponne vedè  ..po venì qualcune

MATALENA: ( affacciandosi ) we we…. facite ambresse si no me ciaccane! ( rientra )

GEGE’:  ma comme … te fide?

RINUCCE: comme me stesse! ( lo abbraccia ancora) e comme te venute in mente e venì cca … a fatte passà pe femminielle…. Si  se n’accorgene ca nun  è overe  so dulure e passe e guaje pure Don Lucio

GEGE? : no Don Lucio no … ce l’agge fatte credere pure a isse ! Un carissimo amico mio che  mi ha raccomandato,gli ha mandato una foto così come sto combinato

RINUCCIA: ahe …. Saie doppe ca casine ca ne esce

GEGE’:  e ca m’mporta… nu minute  ca stai mbracce me fa scurdà tutte e pene

RINUCCIA: si … e pure io mbracce a te me pare e sta mparavise ( si riabbracciano)

MATALENA: ( affacciandosi ) e si nun ve staccate ambresse precipitate all’inferne! Sta venenne o duttore!( si staccano subito  Gegè va via a sinistra, Rinuccia a destra  e Matalena scompare)

GIOACCHINO: ( si siede sconsolato) e manche stavote ha funzionate ( prende il telefono, fa un numero ,si guarda intorno e poco dopo entra Saverio) Savè.. niente da fare …

SAVERIO: non ha funzionato’

GIOACCHINO:  si ha funziunate ma nun pe mugliereme!

SAVERIO: ci siete cascato voi?

GIOACCHINO : No pe furtuna no.. ce jute pe sotte cainateme… nun me firave e aspettà stanotte e lagge mise ncoppe e scale fore a porta soije  e mo…

SAVERIO: voi dovevate fare come vi ho detto e non di testa vostra ! E va bene , facite na cosa. Prendete una chiave e svitate braccio della doccia così non appena viene aperta l’acqua gli cade in testa e tre jorne e male e cape nun ce leve nisciune!

GIOACCHINO:ah si? sicure …  e va buò… pruvamme  chestate .. Mo vaje ..te facce sapè … (Saverio esce ) uhmmm me serve na chiave  ah si… sta nel box.. ehhh mo jamme dinte a doccie e svitamme e vite e mo vedimme si  nun le care ncape tutta a cipolla. Certe ca Saverie  e sape tutte quante ( sente la voce di  Luisella ed esce)

LUISELLA: ( entra e guarda intorno) ma dove è andato? ( chiama Matalena) Matalena… Matalè—( entra Matalena)

MATALENA:   eccomi signò

LUISELLA: Matalè stamme a senti, da na sistemate a  stu salotte ca chiu tarde agge invitate l’amica mia Felicia. Po pripare a stanze e gli ospiti ca dimane addda venì cca n’amica mia e scole e se ntrattene pe nu paje e juorne!

MATALENA. ( sistema il salone) Signò je doppe avesse ascì pe fa nu poche e spese manche parecchie cose

 LUISELLA: e dimme quale ca fra poche aggia asc’ je cu mariteme e facimme tutte cose

MATALENA: allore avite piglià o tè.. e biscotte e merendine e a nutella pe Rinuccia

LUISELLA: e va buò… ( entra Gioacchino) tu già si pronte?

GIOACCHINO: je si! tu nun ancore?

LUISELLA: m’avesse fa na docce… sto tutta sudate

GIOACCHINO:  (come a constatare) eh si direi proprio di si!

LUISELLA: Matalè fa na cosa , vamme  a pulizzà  o piatte docce ca sta tutte a revuote ca mo venghe e ma facce

MATALENA: vache subbete ( fa per uscire e Gioacchino … )

GIOACCHINO: No no Matalè lascia sta   se fa tarde ..je po tenche cheffà… lassa sta  a docce se fa quanne turnamme ca po… ( si riavvicina a Luisella) nun se sente nisciuna puzza e surore

LUISELLA: Matalè vaje!  Ah primme e pulizzà a docce vaje primme in cucina e pripara nu cafè ca sto senza forza

GIOACCHINO: ma… no …

LUISELLA: vaje! ( esce Matalena)

GIOACCHINO: (stringe i denti e i pugni) e allore scenne abbasce.. quanne si pronte jamme ( esce)

LUISELLA: ( si sente bussare  va ad aprire ed rientra  seguita da Felicella) Viene Felicè… trase ca mariteme tene sempe a dicere je o facce parlà  …jsse parle..parle  e je decide!

FELICIA: e faje buone !A me succedeve o cuntrarie e   me so divorziate proprie peccheste! Je parlave e issse decideve

LUISELLA: ma almene t’accuntentave?

FELICIA. Ma che … erene sempe toccate e fuga!  Nu juorne nun ne putiette chiù e le dicette Tatò ma tu ca me te spusate a fa? ( si siede su una sedia  e Luisella in poltrona )

LUISELLA: embè …ca te dicette

FELICIA: ca me dicette? Felicè je sto cu te pecchè m’accuntente! E je le rispunniette ah si e je invece nun m’accuntente e me trove a n’ate! E accussì avimme divorziate!

LUISELLA: però mo te putisse spusà nata vota

FELICIA: a cinquantacinche anne? E chi mo fa fa! Si me voglie fa na rifriscate l’uommene nun me mancane… na casa e proprietà a tenche  e sorde e tenche…

LUISELLA: e ma na cumpagnia è sempe bona

FELICIA: e tenche o cane!

LUISELLA: ma chille nun parle! Ah Felicè je  vulesse truvà nu marite a Rinucce cu tutte e qualità e stu munne!

FELICIA Luisè, l’omme perfette  intelligente, bellissimo e ricche , affettuoso e  rispettuse .Disponibile,simpatico  e premuroso . Tene sule nu piccule difette: nun ancore è state nventate. 

LUISELLA: tu dice allore ca nun o trove?

FELICIA:  je diche ca Rinucce l’addà truvà comme piace a essa e nun a te! ! ( si sente Alonso che canticchia una canzone napoletana)eh sta arrivanne o tenore

LUISELLA: chille è pazze pe te e tu o saje….. pecchè nun o faje cuntiente?

FELICIA: a isse? Luisè ….? ( entra Alonso )

ALONSO: ( come sorpreso ) oh , Felicella cara ( si avvicina) siete un fiore sempre fresco e profumato

 FELICIA:   e voi siete sempre ( il pappagallo--- Strunz) ohhh ohhh io volevo dire galante ma lui..ahh ahhh

ALONSO: ( molto nervoso ma… si controlla muovendo il labbro in continuazione) è ..un pappagallo scostumato ( si avvicina al pappagallo come ad accarezzarlo poi sottovoce…. Te strozze! E il pappagallo --- strunz! ( si alza Luisella,prende un panno e lo copre ) poverino per così poco lo ha messo in castigo…

FELICIA: come siete buono …

ALONSO: bontà vostra … ( entra Gioacchino)

GIOACCHINO: oh che bella sorpresa! ( si avvicina e gli da la mano) come mai  qui… era parecchio che non ci facevate visita

LUISELLA: l’ho invitata io a prendere un the insieme

ALONSO: ah che piacere avervi qui! permettete se mi siedo accanto a voi,( si toglie il cappello e lo sistema sulla sedia vicino)

GIOACCHINO: mo accumince a fa o lapone ( si siede sul cappello d Alonso)

FELICIA: prego … ( Alonso si siede e nello stesso istante entra Gegè)

GEGE’: Duttò..signò currite è carute Matalena!

LUISELLA:  uh maronne   …viene Giacchì jamme a vedè

GIOACCHINO: ( si alza e a parte) ‘o sapeve natu fallimente! ( segue la moglie e Gegè)

FELICIA: Luisè je vache ce vedimme a doppe. (Fa per alzarsi) speriame ca nun se fatte niente!

ALONSO: Felicè aspettate…. ( si alza e si mette di fronte a Felicia) Felicè …. Je ve vulesse dicere na cosa e… me manche o curagge … je … vuie..

FELICIA: ( si alza anche Lei ) agge capite  niente niente me vulite fa na dichiarazione? E facitamella” je o sacce ca cu me ce tenite o debbule

ALONSO: ah … o sapite? E allora?

FELICIA: e allore che… jamme dicite

ALONSO: ( si fa piu ardito ) Felicè .vuje me facite squaglià o sanghe dinte e vene! Je appene ve veche nun capiche chiù niente! Felicè….me vulite spusà?

FELICIA: ( lo guarda come a fargli un’ispezione e Alonso rimane fermo seguendola con lo sguardo) c’aggia penzà! Mo vache  case e ce penze! ( arriva all’uscita si volta e guardando ancora Alonso,muove la testa come a fare pari e dispari )  c’aggia penzà…..ciao!

GIOACCHINO:( entra e  vede Alonso   ancora fermo come un baccalà e in posizione di preghiera) eh a statua da disperazione! Ohe…. Te fa st’effetto Felicella?

ALONSO: ( si scuote) ah si … si … ca femmene! E che se fatte Matalena?

GIOACCHINO: pe nu poche e tiempe nun te po servì…. Se slogate na cosce e se rutte ncape ( si siede sul cappello di di Alonso che da un grido, Gioacchino si alza spaventato)   ca succede o terremote?

ALONSO: o cappielle …. O cappielle ( Alonso, prende il cappello e cerca di sistemarlo) ) me pare ca o facite apposte mo stanne distruggenne ( lo sistema sulla poltrona ) senza cuntà ca è  nu poche e tiempe  Ca sta casa è addeventate  nu spitale! secondo me avimme chiammà a Don Lucio

GIOACCHINO: pe fa che

ALONSO: pa fa benedicere!!!

GIOACCHINO: ( toglie il capuccio al pappagallo) ma che dice…  famme je in cucina a pigliarme nu thè  va! ( esce)

ALONSO: uhmm troppi incidenti!  e pure sente ca  ce sta qualcosa ca nun quadra… secondo me …. ( bussano) e jamme arapì ( entra Don Lucio) ah giusto voi

DON LUCIO: ( fa il solito segno della benedizione) Pace e bene fratello

ALONSO: speramme! Don Lù…. Avite purtate l’acqua santa?

DON LUCIO: nun è mica a settimana e Pasqua! Pecchè po ( si siede sulla poltrona e non vede il cappello)

ALONSO: ( grida di nuovo) ahhha !!( e fa smorfie arrabbiate)

DON LUCIO:( Don Lucio spaventato si alza in piedi e si fa il segno della croce) che è state

 ALONSO: ( quasi piagnucolando cerca di aggiustarlo )  o cappielle … o cappielle !Don Lù sta casa e nfestate do diavule! Ca ogni juorne succede n’incidente ! guardate cca  o cappielle mie e guardate tenche ancora a gambe ca ne fa male! Mo è tuccate  pure a Matalena! Se slogate na caviglia e se rutte ncape! O diavule..ca ce sta o diavule!

DON LUCIO: ma nun dicite sciuccchezza!so cose ca succedene! A signora nun ce stà?

ALONSO: mo vedite ca scenne sta vicine a Matalena

DON LUCIO: a… e allora aspette ( toccandosi la pancia) anze .. approfitto pe je nu poche dinte o bagne ( entra a lato )

ALONSO:  azz! Sa stipate pa venì a fa ccà ( bussano) e mo chi ate è!  ( apre ed entra Linella, si avvicina e la guarda con attenzione ) uhmmm ca bella femmina!!! Desiderate?

LINELLA sono qui per il dottore

ALONSO: ah ma certo … ho capito…  per il dottore… ( chesta adda essere a cura pe Giacchine) mi raccomando … una bella visita…..

LINELLA: certo sono qui per questo…. ( che tipo curioso) ma  il dottore dov’è?

ALONSO: ( come incantato) quasi quasi ma facce fa je … ehhh si  mo viene  ..mo viene… ( entra Gioacchino,vede Linella e fa finta di non conoscerla) Giacchì a signora è venute pe te….( fa mosse)

GIOACCHINO: buongiorno signora….. si accomodi ( Guarda Alonso ) embè che fai ancora qui..vai ….

ALONSO: si  si vache! ( uscendo) …. E mo to siente!

GIOACCHINO: Linè… tagge ditte ca nun è venì chiù ccà! Specialmente mo ca tiene chi te segue!

LINELLA:  e  raggione ma so venute pecchè stanotte nun puteve durmì

 GIOACCHINO: uh e pecchè?

LINELLA: ( lo accarezza ) ho pensato a noi….. e alla poca fiducia che hai in me

GIOACCHINO. Ma no piccioncina mia.. che dici… io ho tanta fiducia in te

LINELLA:  non è vero! Non hai voluto mostrarmi la tua formula

GIOACCHINO: ma cara ma non l’ho con me? È in una cassetta  di sicurezza  della mia banca . Andrò a prelevarla oggi

LINELLA: ( si avvicina e lo abbraccia )   allora… vengo con te?

 GIOACCHINO: e va bene quando è oggi pomeriggio ti chiamo , andiamo insieme e te la faccio vedere. Contenta?

LINELLA: oh si amoruccio si  ( entra  Don Lucio   li guarda abbracciati e  intenti a farsi le coccole, alza le braccia al cielo poi  si fa l segno della croce e rientra nel bagno) amò je mo vache ..aggia je

GIOACCHINO. Si … vaje ….…ciao … ciao ( Linella  esce) e mo vache pur’je…. Famme je a mangià qualcosa in cucina ca me venute nu vuote e stommeche  ( esce a sinistra mentre entra Rinuccia che guardandosi intorno)

RINUCCIA: ( si avvicina alla comune ) viene nun ce sta nisciune ( entra Gegè e si abbracciano) o Gegè…. Ammore mio ( entra Don Lucio, guarda i due e rimane perplesso poi alza la mani al cielo si fa il segno della croce e rientra)

GEGE’: Rinù…. Mo tenche chiù tiempe e te vedè… Tua madre ma ditte se pozze fa o cameriere in attesa ca Matalena si ristabilisce … e pienze ..pozze ascì e venì da ccà quanne voglie!

 RINUCCIA: a che bello ( sentono delle voci )sta venenne qualchedune! È mammà! ( si dividono)

LUISELLA: ( seguita da Alonso  entrando, vede Rinuccia e Gegè)  e addo stanne?

RINUCCIA:  ciao mamma, stavo chiedendo a Gegè di portarmi un succo di frutta

LUISELLA: e vista a patete

RINUCCIA : no! Quanne so entrate nun ce steve nisciune!po è venute Gegè..

LUISELLA: e addò se so nascoste  ( sente rumore nel bagno) uhmm ) si avvicina alla porta del bagno ) esci fuori o sacce ca staje llà! ( bussa e dopo un po esce Don Lucio) ma … Don Lucio!

ALONSO: azz chiste me l’ere scurdate!

DON LUCIO:  nun sacce niente … nun agge viste niente….( fa il segno della benedizione) pace e bene…

LUISELLA: ( chiude il bagno otturandosi il naso) maròò! Don Lù…!

DON LUCIO .. bisogno corporale anche i preti…svuotano

LUISELLA:  si va buò… avite viste a mariteme?

DON LUCIO: no ..no…

LUISELLA:   e manche na femmen ca è venuta cca

DON LUCIO. No ..no ..a nisciune!

ALONSO:  eppure…. Ca stevene (   entra Gioacchino con in mano una merendina) ah stai ccà?

 GIOACCHINO: pecchè addo aveve stà?

ALONSO: ma nun stive facenne visite a na signora?

GIOACCHINO: visita? Ma che visita, è venute pe se fa vedè l’analese e sanghe e se ne jute!

ALONSO: ma allora ..nun era..

GIOACCHINO: nun era chi?

ALONSO: niente …niente..

LUISELLA: va buò… agge capite … Gegè… fai una cosa vai su e sistemi tu la seconda  camera degli ospiti

GEGE’:   e ..qual’è la seconda  camera degli ospiti signò?

LUISELLA: ah già nun a sai.. Rinù ,accumpagnele tu e fancelle vedè

RINUCCIA: si mammà…Gegè ..viene cu mme!

DON LUCIO: ma… no …Gegè…  Gegè.. ( Gegè si gira e Don Lucio  non visto gli fa segno stringendo  una mano tra denti)

LUISELLA: che c’è  Don Lucio?

DON LUCIO:No niente .dicevo che brave Gegè

GEGE:  bontà vostra Don Lucio.. allora( guardando Rinuccia)noi  andiamo  Signurì?

LUISELLA: andate ..andate.. e fai con calma e fai bene

GEGE’:   potete stare sicuro ..( fa un inchino a Luisella e Gioacchino poi si volta e lo fa a Don Lucio )

DON LUCIO: ( apre le braccia come a benedire e poi non visto fa segno a Gegè con le mani che dopo lo strozza . (Gegè esce )

GIOACCHINO: ( porta le mani sotto il mento ) mah nun è che c’agge capite tante!

LUISELLA :  e mica è a primma vota (bussano,Luisella  va ad aprire ed entra Dagoberto) prego accomodatevi .. uh ca bellu giovene e comme è elegante!

DON LUCIO. Ero venuto appunto per dirvi della venuta di questo giovane che mi hanno raccomandato, mi hanno detto che ha tutte le qualità

DAGOBERTO:( bel giovane, vestito in modo originale e molto garbato ,si rivolge ad Alonso) boggiorno! Io essere Dagoberto…. Voi essere Perlecchia?

ALONSO: a Perlecchia e sorete!  io no… ( indicando Gioacchino) isse !

LUISELLA: (   gli tende la mano e lui la fa baciamani ) Pellecchia …. Piacere… venite, questo è Don Lucio il nostro prete  questo è mio  fratello e chiste è mariteme ( saluti)

DAGOBERTO: piacere! e  und wo ist fraulen?LUISELLA: (  a Don Lucio) va truvanne e fraulelle?DON LUCIO: no vedete è  italotedesco,  cioè chiu tedesche che Italo.Ha chiesto dov’è la signorinaALONSO’ : (guarda Dagoberto come è vestito)  ma chiste ca vo,pare   o frate e chille de sorcini! LUISELLA: ah mia figlia? Ahah e subito la faccio venire.  Alò fammi un piacere chiama Rinuccia e falla venire qui e poi  di a  a Gegè di portarci qualcosa di fresco a tutti ma certo cara ..( esce facendo un inchino e passando vicino al pappagallo non visto gli sussurra qualcosa) la fravolella subito scende GIOACCHINO: (Guarda i gesti che fa Dagoberto ) secondo me chiste è mieze femminielle!  Anze.. è pegge e Gegè .E dite  signor Dagoberto , come mai avete scelto di conoscere proprio mia figliaDAGOBERTO: ah essere stato  vostro prevoto che ha parlato con mio Vater LUISELLA:  ha parlate co cesse? Ma ca dice?DON LUCIO: no Vater in tedesco significa Padre…LUISELLA: e chi o capisce a chiste!  E o Water vuoste  comme stàDAGOBERTO: ah … mio Vater  Gut Gut!LUISELLA:  gut gut… e cher’è?DON LUCIO:  vuole dire che sta beneDAGOBERTO: bene ..bene!ALONSO: eccoci qui ( entrano Rinuccia e Gegè e Dagoberto  guarda incantato Gegè )  LUISELLA:   vi piace eh?  Dagoberto… quella è RinucciaDAGOBERTO :Rinuccio .. ( si avvicina  a Gegè ) ah gut gut Rinuccio GIOACCHINO: l’agge ditte je!LUISELLA: che cose?GIOACCHINO: chiste è mieze femminielle! LUISELLA: è comme a Gegè?DON LUCIO: no ..no nun è  comme a GegèALONSO. A me pare nu poche pegge!RINUCCIA: mammà …. Facimme subbete a prova .. Gegè viene vicine a me ( Gegè esegue e si avvicina a Rinuccia) oh caro Dagoberto me lo dai  un bacio?DAGOBERTO: si fraulen  ( si avvicina e gli da un bacetto sul viso ) RINUCCIA:   e a Lui non glielo dai ?DAGOBERTO: o ja ja ( gli si avvicina e lo  abbraccia con passione baciandolo in continuazione! ( Gege si divincola) oh gut gutGEGE’:  uh  e comme è passionevole !DON LUCIO.( si alza in piedi , allarga le braccia e fa il segno della croce) Madonna benedetta! Il padre non me lo ha dettoGIOACCHINO:  e con il figlio e lo spirito santo lo caccio fuori ! vai …vai via da questa casaLUISELLA: ( fa segno di andare via ) va.. va addò o Water! DAGOBERTO: io molto sorpreso … voi cacciare me?( si avvicina a Gegè ) E perché? a me piacere RinuccioALONSO: quello non è Rinuccia è Gegè il cameriere!DAGOBERTO: essere  Gegè cameriere ? ( tira fuori una foto e la guarda) no ..no essere  Rinuccio io avere foto guardate LUISELLA (  si avvicina, prende la foto e la guarda ) ma chesta è a fotografia e Gegè!DON LUCIO: possibile? (guarda la foto)  azze me so sbagliate! Agge scambiate e foto e l’agge mannate chelle e GegèGIOACCHINO: avite fatte stu gujae! Beh ormai è fatto, sentite Signor Dagoberto ,c’è stato un equivoco …. Mia figlia è femmina … invece quello lì non è mio figlio, è il nostro cameriere e quindi …. Non fate per mia figlie e potete andareDAGOBERTO: io dire a mio padre che voi essere stati  malamenti avere fatto scherzo a me! ( si porta vicina a Gegè i ) allora  …. Venire tu  con me Gegè? GEGE:  a chi? Vaie vaje  a me i tedeschi nun me piacene…DAGOBERTO: peccato…. Io vado ma  voi essere tutti idioten! ( passa vicino al pappagallo ) compreso pappagallo!( IL PAPPAGALLO—strunz..strunzALONSO: ah finalmente  na vota ca nun sa piglie cu me! ( alza  il bastone e  Dagoberto  per la  paura fugge via)

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

La scena è quella del primo atto. In scena Gioacchino , Luisella e Gegè che entra ed esce  per sistemare il salone

GIOACCHINO: ( è seduto alla scrivania  e consulta dei documenti mentre Luisella da indicacazioni a Gegè) e questo pure è fatto! E’ tutto pronto!  Ah finalmente oggi se tutto va bene sarà una giornata da ricordare per tutta la vita

LUISELLA: lo spero! Oggi è a jurnata da verità!

GIOACCHINO: Da verità? No oggi sarrà a jurnata da felicità pe tutti quanti!

GEGE’:  fosse a Maronna! (bussano , Gegè va ad aprire ed entra Saverio)

SAVERIO: ( ha in mano una borsa ) dottò scusate , ci siamo! Ha telefonato il dottor Frosbiter, atterrerà a Capodichino alle 12 precise!

GIOACCHINO: ah benissimo!( guarda l’orologio)  ora sono le nove. Mi raccomando, vai a prenderlo tu all’aereoporto

SAVERIO: ma certamente! dottò .. ( apre la borsa e tira fuori un quaderno di appunti e un boccettino di vetro) tenete questo è il campione di pillole da dare a Frosbiter e qui ci sono le istruzioni . Ah dovrebbe passare per il laboratorio per delle firme

GIOACCHINO: va bene ( prende il boccettino e lo mette sulla scrivania  accanto alle istruzioni ) ora vai e oggi sei anche tu mio  ospite a pranzo!

SAVERIO: grazie dotto vado subito ( esce)

LUISELLA: (si avvicina alla scrivania e guarda il boccettino ) almeno posso sapere a che servono queste pillole?

GIOACCHINO:( gli toglie il boccettino dalle mani e lo rimette a posto ) è una sorpresa cara ….. fino a che non viene il dottor Frosbiter non sveliamo niente diciamo che servono a liberare la mente

LUISELLA: mah…. E chissà!

GIOACCHINO:  vedrai sarà una sorpresa per tutti! Ah mi raccomando il pranzo

LUISELLA: Ho già provveduto. Per fortuna Matalena si sente meglio e già si è dedicata alla cucina e sta aiutando il cuoco.

GIOACCHINO: meno male…  Io arrivo in laboratorio  a piu tardi ( esce)

LUISELLA: Gegè,  vai a sistemare le camere e poi scendi

GEGE’: va bene Signò!( esce)

LUISELLA: ( si guarda intorno) beh pare che tutto è a posto ( bussano ,va ad aprire ed entra Felicia) oh Felicia  entra.   Le fatte e presse stammatina

FELICIA.  è che io quanne tenche nu penzier ncape subbete me lagge levà! Ma tenche a cape accussì in confusione ca nun sacce che fà

LUISELLA:  uh e che se tratte?

FELICIA: siente je ad Alonze le vulesse dicere e si però….

LUISELLA: però….

FELICIA: però nun vulesse ca …facesse a stesse fine do primme marite

LUISELLA: ma no, tu o canusce ad Alonso.. è nu buone omme

FELICIA: si d’accorde è nu buon’omme ma….. adda tenè pure a sustanza si no… ( fa segni espliciti  riguardanti il sesso) a che me serve?

LUISELLA:  ah ..embè tiene raggione… e comme se fa … eh  l’avisse pruvà?

FELICIA: e che è fatte nu melone! ( si mette le mani in testa )Ah  sto accussì nfrascate  ca nun sacce che fa…. Ce vulesse qualcose ca me liberasse e penziere

LUISELLA:( guarda il boccettino .poi lo prende ,lo apre e tira fuori una pillola) siente fa na cosa,piglite sta pillole e vide ca te se libbera a mente

FELICIA: ah si e mo ma piglie( prende la pillola con un po di acqua) ah ! e speriame ca fa effetto ( entra Alonso ) ahe tombola!

ALONSO: ( sorpreso dalla presenza di Felicia) Oh carissima Felicia.. che piacere… ( gli si avvicina speranzoso)  ci … hai pensato?

FELICIA: si ma …. Vedi ( guarda Luisella)

LUISELLA: sentite.. io vado a fare un the  ..voi fate con calma eh ( esce)

ALONSO: e allora bellezza mia! Che dici?

FELICIA:( comincia ad avere una smania crescente ) si io… ci ho pensato ma… tu…oh che mi succede io…

ALONSO: ho capito fai la  timida ….. su e dimmelo

FELICIA: si … io… ah che calore.. ( si apre la camicetta) che smania! ( gli si avvicina ) si.. io voglio prema vedere se sei un uomo che mi sa accontentare… a me mi piace….. io voglio…. Sapere se tu sei….Uomo!! ( comincia a toccarlo )

ALONSO( incoraggiato comincia toccarla anche Lui) ma io sono un vulcano mia cara! Io...io…. ti sfinisco ( il pappagallo---- strunz…strunz.. - Alonso si gira ) statte zitte tu!!

FELICIA: ah si’ e allora dimostramelo ( gli toglie il cappello e  la cravatta  e li butta sul divano .Poi gli si butta tra le braccia come una invasata e se  lo tira addosso schiacciando il cappello ) si …. Amami…  baciami …. Straziami!

ALONSO: si …ma … non qui. .andiamo nella mia camera, vieni… la tiene con la mano ( guarda il cappello con dolore ) o cappiello nuove!

FELICIA: si andiamo….  Ahhhh ahhhh ( entrano nella porta a sinistra)

LUISELLA: ( entra con il vassoio del the e dei dolci, si guarda intorno) ma dove sono andati? Boh forse sono usciti. (bussano,va ad aprire ed entra Don Lucio) ah  Don Lucio… venite venite..

DON LUCIO: ( guardando la teiera) buongiorno e pace e bene ,quello è te?

LUISELLA: eh è te ( lo serve) Don Lucio se siete venuto a scusarvi per ieri non serve!

DON LUCIO: ecco ..è stato davvero uno spiacevole equivoco …. ( mangia i dolci) come sono buoni ah davvero non ne posso fare a meno…  e comunque… mi dispiace

LUISELLA: sapisseve a me! Comunque … è andata  e intanto Rinuccia …chissà.  Allora mi dovete dire qualche altra  qualcosa?

DON LUCIO: no veramente sono venuto per ..parlare un poco con Gegè…  sapete la sua famiglia mi ha chiesto delle cose e se voi permettete

LUISELLA: ma certo! È urgente?

DON LUCIO: no … però…

 LUISELLA: agge capite ve lo faccio venire subito ( esce)

DON LUCIO:  e si certe cose vanno chiarite subito!  ( entra Gegè ) ah vieni Gegè

GEGE’: buongiorno padre…. Mi volete ..parlare

DON LUCIO: ( gli si avvicina e lo prende per l’orecchio) si… e ora tu mi spiegherai tutto vero?

GEGE’:  ma padre.. che dite …

DON LUCIO: che dico? Ti ho visto sai…. Ti ho scoperto ..su  confessa

GEGE’:  ma… che dite io…

DON LUCIO: ti ho visto abbracciato con Rinuccia e  ho sentito tutto…su confessa

GEGE’:   e va bene ..dirò tutto ma … confesso in confessione

DON LUCIO: e va bene, siediti. ( si fa il segno della croce )parla

GEGE’: vedete Don Lucio, io e Rinuccia ci amiamo tantissimo e per stargli vicino vi ho imbrogliato fingendomi gay..  ecco qua  ( si toglie la parrucca bionda e il pizzettoo ) mi sono combinato così per essere credibile ..il resto lo sapete.

DON LUCIO: ah pure travestito !

GEGE’:  e per forza se no !

DON LUCIO :  solo per questo mi hai imbrogliato?

GEGE’:  solo per questo!

DON LUCIO: uhmmm…. Il Signore per queste cose perdona sempre ma io…. ti rendi conto che figura mi fai fare oltre quella che già ho fatto se si scopre il tuo inganno?

GEGE’:  Avete ragione … io…. non so che fare…. Aiutatemi voi.. Io e Rinuccia ci amiamo tanto …. E

DON LUCIO: ma non potevi proporti? Ti avrei aiutato ( si cominciano a sentire dei rumori dalla stanza )

GEGE’:   io non ho tutte quelle qualità che desidera la signora Luisella per sua figlia . sono solo laureato in medicina e.. sono un bravo giovane

DON LUCIO:  bravo eh? Mica tante ,  me fatte fesse! Va buo… io ti assolvo .. per penintenza dieci ave Maria  e dieci Pater noster !Ma mo…. Avimme truvà o sisteme pe salvà capre e cavoli! Mo va… aggia penzà comme se po fa ..va

GEGE’: Grazie Don Lucio….. site a speranza e a salvezza  nostra ( Gegè, si rimette la parrucca e i baffi e va via)

DON LUCIO: eh … ca ce bisogne e salvà a paricchie !( si apre la porta di destra ed esce Alonso… stravolto con addosso una camicia aperta e in  mutande , seguita da Felicia anch’essa mezza svestita che lo rincorre e nessuno dei due vede Don Lucio ) oh Mio Dio ( si fa il segno della croce)

ALONSO. Basta… basta nun cia facce cchiù… ( scappa verso la porta di destra e si chiude dentro )

FELICIA: ( come una invasata e assetata di sesso, bussa) no ancora ..ancora  apri..apri ( vedendo che non apre si volta, vede Don Lucio e come illuminata da un’idea gli va incontro) si .. Don Lucio… ma si…

DON LUCIO: ( capendo le intenzioni si fa il segno della croce e si tira indietro) no..ferma  peccatrice..ferma!io sono un prete!

FELICIA: e che fa …siete un prete uomo  ( gli corre dietro e Don lucio grida aiuto scappando e girando dietro la scrivania con felicia che lo rincorre) ferme … addo vai? Viene cca..  entra Luisella insieme a Gegè)

LUISELLA:  (prima rimane di stucco) poi prende la caraffa dell’acqua e la butta addosso a Felicia che subito si blocca e cher’è? Felicia…. Don Lucio!

DON LUCIO: (con affanno ) maronne do Carmine! ( aiutato da Gegè si siede sul divano e guarda Felicia che lentamente comincia a scrollarsi l’acqua da dosso) mi ha aggredito … voleva…

LUISELLA: eh ,ho visto che voleva! ( va verso Felicia) Felicia ma che fai? sembri una pazza assatanata e poi con Don Lucio?

FELICIA: ( come uscita da un sogno) ma  no so .. non so che me succiese…. Me ne vache … me ne vache… (esce)

LUISELLA: cheste so cose e pazze!je l’aveve lasciate cu Alonze e a trove ca ve se vuleve menà ncuolle!

DON LUCIO: a proposito e Alonso…. ( indicando la porta a destra) se chiuse là dinte!

LUISELLA: dinte o bagne? ( va verso Il bagno e bussa)  Alò,, Alò sta lloche?

ALONSO: se ne jute?

LUISELLA: ma chi?

ALONSO: Felicia!

LUISELLA: si se jute ma pecche?

ALONSO: ( apre un poco e caccia fuori la testa ) se ne jute o viramente!

LUISELLA: ma si jesce 

ALONSO: (esce vestito come è entrato ) me vache a vestì… maronne Luisè… che tigre ….. ( va verso la stanza di sinistra)  che tigre…

 DON LUCIO: forse Alonso ha ragione,ca ce stanne e diavule! Succedene tanti cose strane!

 LUISELLA: forse tenite ragione   a nu poche e tiempe succedene cose ca nun se spiegane!

DON LUCIO: a prossima vota ca venghe aggia purtà l’acqua santa … che spavente … mo vache in chiesa a pregà! Gegè accumpagneme… all’uscita ca me sente e coscie ammusciate

GEGE’:( lo aiuta ad alzarsi) andiamo Don lucio.. Signò si avite bisogne  torno subito

LUISELLA: no no accumpagne a Don Lucio e po vai a da na mane a Matalena

 DON LUCIO: Stateve bbone  e…. che o signore ve prutegge ( esce)

LUISELLA:  ( si avvicina alla porta di sinistra )Alò.. te si vestute? Viene nu poche a ccà!

ALONSO: ( uscendo ) Don Lucio se ne jute eh?

LUISELLA: ma me vuo dicere che è succiese?

ALONSO: uh sora mia! E che t’aggia dicere .. Felicia.. chelle nun è na femmena! È na tigre da malesia! Ha ditte ca primme e me dicere e si,,me vuleve pruvà … Luisè … ma fatte nuove nuove … e si nun me ne scappave me se feneve!( guarda il cappello) e ma rutte pure o cappielle nuove ( lo prende e cerca di raddrizzarlo)

LUISELLA: possibile? È vero so che gli piacciono gli uomini ma non fino a questo Punto! E po pure cu nu prevete!  Mah! Viene cun me … ca te facce na camomilla

ALONSO: no  a camomilla no ..ca ce vo  nu doppie  zabaglione !!! ( escono)

 GIOACCHINO: ( entrando ) ah finalmente! Sono andato anche a ritirare la formula così quando viene il signor Frosbiter ho tutto quello che serve! ( prende la formula e la mette vicino alla bottiglina poi si accosta alla comune e chiama a Gegè che subito accorre) Gegè fammi un favore …..( squilla il telefono) un momento ( risponde ) si ma no… non ho potuto portarti con me perché avevo compagnia … si la formula l’ho qui con me… ma…stai gia sotto casa mia?  e va bene vieni ma…. Una cosa veloce! ( chiude il telefono) dunque Gegè, stavo dicendo.. ah si … me lo fai un bel caffè?

GEGE’:  subito dottore … lo faccio immediatamente

GIOACCHINO :  grazie e marraccumanne nun ce fa mettere e mmane a Mugliereme e… portami un paio di cornetti caldi!

GEGE’:  Vi servo io ( esce)

GIOACCHINO: le donne come sono curiose!( bussano, va  ad aprire ed entra Linella)

cara sei già qui? Entra fai presto….

LINELLA: sei un cattivone …. ( gli fa una carezza) ci tenevo tanto a venire con te

GIOACCHINO:  ( Linella continua ad accarezzarlo)te l’ho detto , ero con il mio

segretario. ( Gegè fa per entrare ma poi vede la scena e si blocca sull’uscio)

LINELLA: Allora questa formula?

GIOACCHINO: si si te la faccio vedere ( la prende insieme al boccettino)  vedi cara queste pillole?  Sono una scoperta portentosa! Una volta in commercio faranno felici uomini e donne e questa è la famosa  formula di cui ti ho parlato. La formula della felicità!

LINELLA: oh si! che bello! Sarai ricco e potrai anche divorziare…. E saremo felice anche noi!  Non è vero?

GIOACCHINO: si ..penso di si

LINELLA: oh caro… ho una gran sete… me lo prendi un  bicchiere d’acqua?

GIOACCHINO: ma certo ,(va verso la caraffa e la trova vuota) neanche un goccio ( si guarda intorno ) ah si c’e l’ho nello studio, arrivo subito . ( appena esce Linella prende il cellulare e fotografa la formula con Gegè che la guarda di nascosta)

 LINELLA: ah questa formula  vale una fortuna! E come se la pagheranno bene! ( entra Gioacchino e per la fretta posa il cellulare sulla scrivania) oh caro Gioacchino gli da l’acqua e beve) ah ora posso pure andare

GIOACCHINO: senza neanche un bacio?

LINELLA. Ma caro può venire qualcuno….

GIOACCHINO: si si … ma  vieni entra nello studio..solo un bacio…

LINELLA: e va bene ma….. solo uno ( entra nello studio e contemporaneamente entra Gegè, prende il cellulare di Linella, armeggia e  poi esce)

 GIOACCHINO: ora cara vai…. Ti chiamerò io

LINELLA :  si caro…  aspetto tue notizie..( prende non vista  il cellulare sulla scrivania ) ciao…. Ciao..( esce)

GIOACCHINO: che donna .. ( entra Gegè con il caffè e i cornetti ) ah vieni un bel caffè…e due cornetti!  Sperando che nun arrive o prevete

GEGE’ ( fa per posare il vassoio e fa cadere il boccettino sul tavolo e la formula a terra ) oh scusate, ho fatto dei  danni?

GIOACCHINO: oh no tranquillo…. ( prende il boccettino) le vedi queste pillole? Sono portentose e  farebbero bene anche a te! Gia ma tu… .la formula  dov’è la formula’ ( Gegè la prende da terra e gliela dà) oh meno male  questa vale una fortuna!

 GEGE’: se vale una fortuna perché le tenete a vista? Qualche malintenzionato la può rubare

GIOACCHINO: hai ragione ma sai in casa mia! Sai che faccio?   la metto in cassaforte nella mia a camera da letto  ( prende la formula ed esce)

GEGE:  e meno male che ho cancellato le foto che ha fatto Linella altrimenti addio fortuna!( entra Rinuccia, si guarda intorno e lo abbraccia) … attenta Rinù che già ci ha scoperto Don Lucio

RINUCCIA: Don Lucio ci ha scoperto?

GEGE’:  si e ho dovuto confessargli tutto

RINUCCIA: allora siamo perduti?

GEGE’: no, per fortuna Don Lucio ha capito la situazione e ci aiuterà a venirne fuori

RINUCCIA: è nu prevete e ore! E che penze e fa?

GEGE’: non lo so… e forse neanche Lui.. ma vedrai che qualche idea verrà fuori, mo però vai..a momenti torna tuo padre

RINUCCIA: vado..  vado ..ci vediamo dopo ( un bacio ed  esce)

GEGE’:  ( si avvicina alla scrivania , guarda il boccettino  e legge le istruzioni! Azz!mo se capisce  a Felicia che le succiese! (bussano alla va ad aprire ed entra Cosimo ) prego

COSIMO: buongiorno… il dottore non c’è ?

GEGE’: si viene subito

COSIMO: e non lo potete chiamare … è urgente (  si guarda intorno come a cercare qualcosa e mette gli occhi sul boccettino con Gegè che non lo perde di vista )

GEGE’: non posso ….accomodatevi, verrà subito

COSIMO: ma io ho una certa fretta  non posso aspettare tanto..

GEGE’:  ( con le spalle alla scrivania ,mette le mani dietro e non visto, prende il boccettino)  e va bene ..lo vado a chiamare  ( esce)

COSIMO: (  si alza e si precipita verso la scrivania ) ma dov’è? Era lì…. forse lo avrà fatto cadere il cameriere ( guarda per terra, guarda sotto la scrivania) niente maledizione … (poi guarda il foglietto delle istruzioni) si era proprio il boccettino con le pillole ma dov’è? Ah forse la formula è nella scrivania ( comincia a rovistare nella  scrivania mentre Gioacchino e Gegè si godono la scena non visti e poi irrompono nella sala cogliendolo con le mani nel sacco)

GIOACCHINO: ( ha in mano una pistola e la punta su Cosimo) fermo ladro! Gegè chiama i carabinieri( Gegè apre il cellulare e chiama) chi ti paga parla!

COSIMO: ( Cosimo, sorpreso cerca di reagire ) no … non chiamate … vi dirò tutto

GIOACCHINO:fermo Gegè, avanti parla!

COSIMO: dovevo rubare il boccettino e la formula per conto di una casa farmaceutica ..mi avrebbero pagato profumatamente

GIOACCHINO: quale?

COSIMO: la Trimalgan

GIOACCHINO: ah e come ha fatto a sapere di questa nostra scoperta?

COSIMO: un vostro analista….. ha passato l’informazione  e non ha potuto passare altro perché non è a conoscenza della formula

GIOACCHINO: per forza,la formula era a conoscenza solo di solo tre persone, io Saverio e il nostro capo laboratorio

COSIMO: ora mi lasciate andare?

GIOACCHINO: ora ti consegno ai carabinieri

COSIMO: no .. non vi conviene

GIOACCHINO: a no? E perché?

COSIMO: non vi conviene….potrei raccontare anche della vostra relazione con Linella

GIOACCHINO: Linella?

GEGE’:  sta parlando della signora che è venuta a trovarvi

GIOACCHINO: lo so…  tu sai….

COSIMO: io so e ho anche alcune foto che vi ritraggono con Lei che non farebbero piacere alla vostra signora.. perché la seguivo

GIOACCHINO: ah già perché ti piaceva

COSIMO: no perché era una mia rivale …. È una ladra anche lei

GIOACCHINO: ma che dici? Non può essere Linella  una ladra?

GEGE’:  dice  il vero…. Quando è venuta ,ricordate che vi ha chiesto dell’acqua?

GIOACCHINO: si ricordo

GEGE’:   bene, quando voi siete entrato nello studio lei con il telefonino ha scattato  le  foto fotografando la  formula!

GIOACCHINO: per la  miseria! sono rovinato!

GEGE’: tranquillo, gliele ho cancellate!

GIOACCHINO: come?

GEGE’: quando l’avete portato nello studio, ho preso il suo telefonino e ho cancellato tutto!

GIOACCHINO: Dio ti ringrazio! E’ stato il Signore che ti ha mandato!

GEGE:  no è stato l’amore?

Gioacchino: come?

GEGE’:   no dicevo … che vi conviene farvi consegnare le foto che vi riprendono con Linella da questo farabutto e poi mandarlo via

COSIMO: (prende una busta dalla tasca) si sono qui, le avevo portato per ricattarvi nel caso non mi davate la formula.. ecco prendete ci sono anche i negativi …. ( si ferma) io ve le do a condizione che mi lasciate andare

GEGE’:  fatelo dottò.. vi conviene

GIOACCHINO:  e va bene… dammi qui e vattene e…. neanche una parola con nessuno altrimenti…. Vai in prigione

COSIMO: (consegna la busta e Gioacchino controlla il contenuto) posso andare?

GIOACCHINO( abbassa la pistola) vai via! Esci! ( Cosimo fugge via)

GEGE’: dotto’ questo è il boccettino ( glielo consegna) mi raccomando,  conservatelo bene altrimenti qualcuno lo può scambiare per un altro ..medicinale.

GIOACCHINO: si .. si hai ragione ora lo metto in cassaforte insieme alla formula . Grazie Gegè,mi hai reso un servizio di cui te ne sarò grato per la vita….Ah Gegè io arrivo in laboratorio tanto sono appena le dieci e mezzo, se viene qualcuno mi fai chiamare  ( esce)

GEGE’: eh  (mette le mani in tasca e tira fuori una pillola) per  questa qui ho un’idea e chissà potrebbe pure funzionare… ( entra Luisella)

LUISELLA:  Gegè hai visto Gioacchino?

GEGE’: è salito su in camera da letto e poi va in laboratorio

LUISELLA: ah questo quando è in casa compare e scompare come un fantasma ( Bussano. Gegè va ad aprire ed entra Viola)

VIOLA: (sui trent’anni, molto bella, veste elegante) buongiorno… ( Va verso Luisella) la signora Luisella?

LUISELLA: si prego  si accomodi

VIOLA: grazie. Io sono Viola Zoncoletti … mi manda un amico di vostro fratelllo.

LUISELLA: ah si… la dottoressa.. zoccoletta vero?

VIOLA: Zoncoletti signora!

 LUISELLA. Va buò fa o stesse!Vi aspettavo.Gegè ( a Gegè ) Gegè puoi andare

GEGE’: si signora ( Gegè, va verso l’uscita ma poi si ferma ad origliare)

VIOLA: mi hanno in parte spiegato il vostro problema e state certa che lo risolverò

LUISELLA: ah bene bene. Sapete … io e mio marito non facciamo all’amore da sei mesi

VIOLA: sei mesi? Un po troppo direi

LUISELLA: infatti…. Lu dice che non gli riesce…perché qualche malattia lo ha bloccato però io sospetto che ha un’amante. Lei dovrà scoprire qual è la verità

VIOLA: sono qui per questo ma l’avverto; per farlo sarò costretto a sedurlo e… non vorrei che se  Lui cedesse Lei si lasciasse andare a inutili scene di gelosia

LUISELLA: non vi preoccupate! Sarò fredda!.Però mi dovete fare un piacere… qui tutti devono sapere che siete una mia amica venuta a trovarmi di passaggio e quindi da adesso in poi diamoci del tu come vecchie amiche

VIOLA: perfetto .ora raccontami un po di te così non mi tradisco e poi mi presenti a tuo marito. ( si ferma come a pensare ) no, forse è meglio che faccio la sua conoscenza per caso… è più facile… presentarmelo prima potrebbe avere timore e rispetto… fai in modo che lo trovi qui nel suo studio per caso… vedrò subito se  è uno che cede facilmente

LUISELLA: hai ragione  ed è meglio che io non mi faccia vedere per non insospettirlo. Chiamo  Gegè e mi faccio dire quando scende.. si andiamo …ah aspetta ( si avvicina alla comune e chiama Matalena ) Matalena…Matalena..   puoi venire? ( si sente il “ si “ di Matalena ) Ti faccio accompagnare in camera da Matalena e poi ti raggiungo.. ( entra Matalena)

MATALENA: ( ancora un po zoppicante) comandate signò

LUISELLA: Matalè questa è la signora Viola Zoncoletti .. quell’amica che stavo aspettando. Conducila nella sua stanza

MATALENA: ( guarda Viola) si ..andiamo signora ( escono)

LUISELLA:  ah è venuto il momento di scoprire la verità! ( chiama Gegè che subito arriva)

GEGE: dite signora

LUISELLA: Gegè mi devi fare un favore, appena mio marito torna, e vedi che è nello studio, vienimi ad avvisare

GEGE’: va bene signora

LUISELLA:  vado su…. ( esce)

GEGE’: ( prende la pillola) lo sapevo io che questa mi sarebbe potuta servire! ( entra Rinuccia)

RINUCCIA:(  si guarda intorno e poi corre ad abbracciarlo)  e papà?

GEGE’: è uscito , e andato in laboratorio, tua madre e su?

RINUCCIA: si, è venuta  su con Matalena e con una certa Viola. .una sua amica.

GEGE’: già ..un’amica un po speciale

RINUCCIA: che vuoi dire?

GEGE’: non l’hai vista?

RINUCCIA: beh si è una bella donna…..

GEGE’: per essere una bella donna lo è e come ma ho l’impressione che stia qui per uno scopo

RINUCCIA: ah si ? e quale

GEGE’: Tu ti serviresti di un’altra donna per scoprire se ti tradisco?

RINUCCIA: no! io so che non lo faresti mai

GEGE’: invece tua madre pare che voglia farlo

RINUCCIA:  tu.. mi stai dicendo che quella  Viola è qui per… oh no!

GEGE: purtroppo si!

RINUCCIA:  che disastro! Dobbiamo fare qualcosa, dobbiamo impedire questa stupida cosa! Avverto papà

GEGE’: no…. Succederebbe comunque una lite e mi immagino le conseguenze

RINUCCIA:  e allora che fare?

GEGE’:  abbi fiducia in me! ho un piano.  Mentre tua madre è sopra, tu esci e vai nel negozio di abbigliamento dove ti servi abitualmente, poi chiami tuo padre e gli dici che sei a piedi e ti fai venire a prendere e mi raccomando fagli perdere  tempo e  quando ti telefono venite di corsa e ..non dire nulla. Capito!

RINUCCIA:  capito amore  ..( lo abbraccia)  e tu ?

GEGE’: io farò in modo  che Viola lasci questa casa …. Vai….

RINUCCIA: ( lo bacia) mi raccomando amore sii prudente! ( esce)

GEGE: beh ..ora mettiamoci all’opera…..( si avvicina alla stanza di sinistra  e chiama Alonso) signor Alonso potete venire un po?

ALONSO:( si affaccia con una tazza in mano) che c’è?

GEGE’: signor Alonso … me lo fareste un piacere?

ALONSO: di che genere? ( Gegè  gesticola da Gay) e no.. ci mancherebbe!

GEGE? :  ma signor Alonso che avete capito?

ALONSO: ho capito che… beh che vuoi?

GEGE’: vede.. il dottore mi ha chiesto di stare nello studio per qualche telefonata in arrivo .. solo che devo assentarmi una decina di minuti per fare una commissione

ALONSO: ho capito… va bene… vai … tanto devo riposare un po ( prende il giornale e si mette a leggere) ah dopo portami una cioccolata calda…. ah …copri il pappagallo  ( il pappagallo—strunz!) ahhhh!  ! coprilo e vai ( Gegè esegue e va via ) a meno male.. ( si porta le mani al capo) mamma mia mi sento ancora svuotato! Ahhh che tigre Felicia e quella se la sposo mi manda al creatore! ( bussano, va ad aprire ed entra Viola che si ferma sull’uscio e fa finta di guardare lo studio mentre Alonso la fissa con attenzione) Maròò! Che Femmina!

VIOLA: ( bella, provocante e professionale,indossa uno scialle a piumino e) salve… posso?

ALONSO: ( gli va incontro ) ma certo si accomodi ,cosa posso fare Lei

VIOLA: tutto se lo desidera ( gli strofina sul viso lo scialle e Alonso che soffre si solletico comincia a ridacchiare)

ALONSO: ohh ohhh , si fermi … soffro il solletico. Ditemi chi siete?

VIOLA:  Sono Viola Zoncoletta.. sono venuto per conoscerla

ALONSO: ah si? e come mai?

VIOLA: un bell’uomo come te… fa subito notizia tra noi donne

ALONSO: ( fra se---- fosse n’amica e Felicia ? ) ah si … certo fa piacere  ma ditemi forse conoscete Felicia?

VIOLA: Felicia.. ah si certo una vostra amica  .. di famiglia!

ALONSO: o  sapeve! E nutizie correne!( Viola si avvicina)

VIOLA: che caldo ..permettete?( si apre la camicetta e si siede scoprendo le gambe)

ALONSO.: si ..si .. come no  ( al pubblico) ma cheste pecchè nun è venute primme! ( comincia a sudare e si asciuga la fronte)

VIOLA:  avete caldo pure voi  eh?

ALONSO: ( si avvicina)  si .. abbastanza …. Mi sento un fuoco dentro!

VIOLA: (   si alza e comincia a toccarlo) e allora spegniamolo questo fuoco!

ALONSO: e comme se fa! ( al pubblico ) o fuoco se po pure stutà ma a cannela se cunsumate!

 VIOLA: dove possiamo stare un po più  tranquilli?

ALONSO: ( indicando la stanza di sinistra ) di la  ma….non credo che…. mannagge !

VIOLA: ( lo afferra per la cravatta e  lo tira ) e allora andiamo..( escono)

GEGE’: (  uscendo ) e pe stavote avimme salvate o duttore! ( entra Matalena  )

MATALENA: Gegè … hai visto il dottore?

GEGE’: si… purtroppo

MATALENA: uh e pecchè purtroppe

GEGE’: pecchè è venute na bella signora  e se so chiuse dinta a stanze!

MATALENA: ah e nun fa niente chelle è na dutturessa!

GEGE’:  no chelle è na zoccule!

MATALENA: ma comme ma ditte  ca è na dutturessa

GEGE’: è na dutturessa zoccule! Si ma ca vuoie?

MATALENA:  a signore Luisella!  ma mannate pe vedè si o steve a curà!

GEGE’: e tu dincelle …. Ca o sta curà!

MATALENA:  va buone…. Ce lo dico ( esce)

GEGE’:uh a mannate a spia ! ma tante esse nun vene a vede pe nun fa scuprì o tranelle! ( sente dei rumori ed esce sistemandosi dietro la comune)

VIOLA: ( uscendo con Alonso che gli va dietro) che delusione! Non me lo sarei mai aspettato!

ALONSO: ma io ve lo avevo detto ….  Che  non era il caso … che ero un po'.. ammosciato ( che figure e cacca)

VIOLA: nu poche? J ca pastafrolle! ....... però un uomo come voi….. voi dovete curarvi! Dovete rinforzarvi …. ( esce)

ALONSO: e me so pigliate duie zabaglione!  Che figura…. Che figura… cheste mo me va sputtananne pe mieze Napule. Mo è meglie ca me corche e m’arrepose! ( esce)

GEGE’: ( entra e apre il cellulare) pronto  Rinù.. potete tornare… tutto a posto! ( toglie il cappuccio al pappagallo) meglie ca nun è viste niente!( entra Matalena) beh che c’è?

MATALENA:  a signora ma na mannate.. sta a parlà ca dottoressa zoccoletta …pare ca a cure  po duttore nun funzione!

GEGE’:  ah si .. mi dispiace! Ma che malatia tene?

MATALENA:  e je ca ne sacce? Ma a proposito mo addo sta?

GEGE’: ma chi?

MATALENA: o duttore?

GEGE’: ah.. dinte o bagne…. Ma o pranze pe l’ospite è pronte?

MATALENA: quasi … anzi  vado a controllare…. ( esce)

GEGE’: ( guarda l’orologio) e mo quanne vene? ( entra Luisella e Viola) azz!

LUISELLA: Gegè dov’è mio marito?

GEGE’: vostro marito?.. Ah si è uscito con la signorina Rinuccia ma vengono subito… ( Luisella gli fa segno di ritirarsi ed esce)

LUISELLA: ( apre la borsa  tira fuori il portafoglio,prende dei soldi e li da  a Viola) ecco questo è il suo compenso. In fondo sono contenta!

VIOLA:  che suo marito ..non  … ( fa segno che non è buono)

LUISELLA:  che mio marito non mi tradisce e poi …. Non è vero che non è buono ….. sono certa che  prima o poi con una buona cura tornerà ad essere un cavallo di razza!

VIOLA: bene.. alllora auguri e arrivederci ( esce)

LUISELLA: poverino… ed io che credevo che mi mettesse le corna!  ( entrano Rinuccia e Gioacchino ) oh caro sei qui?

GIOACCHINO: (meravigliato) caro? Agge sentute buone? Si sono qui

LUISELLA: ah meno male….

GIOACCHINO: è successo qualcosa?

LUISELLA:  oh no… niente dicevo meno male sei in orario prima che arriva il tuo ospite

GIOACCHINO: mi  ha chiamato Saverio, non abbiamo più un ospite

RINUCCIA: mamma io vado in camera…. (Esce)

LUISELLA: ma come.. tutta questa fretta … tutto preparato  e.. il tuo affare sarà mica saltato tutto?

GIOACCHINO: no tranquilla, Il signor Frosbiter , è venuto con tutta la sua equipe e ha preso alloggio all’hotel marina,piu tardi andrò con Saverio a chiudere l’accordo

LUISELLA: e il pranzo? Tutto questo ben di Dio ?

GIOACCHINO.  Invita i nostri amici che appena torno faremo una gran festa ( guarda il caffè e i cornetti e si avvicina al vassoio) ed io finalmente uhm il caffè è freddo ma i cornetti ( fa per prenderli e bussano, posa i cornetti)

LUISELLA: ( va ad aprire ed entra Don Lucio) caro Don Lucio…. Favorite

DON LUCIO: ( guarda i cornetti ) ma con piacere ( comincia a mangiarli)

GIOACCHINO: ( con quasi rabbia ) addio ai cornetti

DON LUCIO: ( gustandoli) sono alla nutella! che buoni      

GIOACCHINO: te pozze venì o diabete galuppante

DON LUCIO: che avete detto?

LUISELLA: ha ditte ca ve vo bene

GIOACCHINO: azz me difende pure… uhmmm strano! Dov’è Gegè?

LUISELLA: è di la perché?

GIOACCHINO: gli devo parlare …. Ho scoperto che Gegè….

DON LUCIO: ecco io ero venuto proprio per questo ….

GIOACCHINO: per cosa padre?....

DON LUCIO: per Gegè… io…volevo parlargli, parlarvi  e…

GIOACCHINO: beh  dopo … ( si affaccia alla comune e lo chiama ) Gegè… vieni su

GEGE’: ( entra un po titubante) dite dottore

GIOACCHINO: Gegè …. Tu mi hai reso un gran servizio e te ne sono molto grato ma ora …. È venuto il momento della verità

DON LUCIO: ed io per questo sono venuto

LUISELLA: per la verità nun agge capite niente

GIOACCHINO: voi non siete in causa  ( Guarda Gegè ) Lui si!

GEGE’: ( sconsolato) dottore io … sono a vostra disposizione

GIOACCHINO:ah si?  bene…. Io vado su a prendere boccettino e formula. Stammi a sentire . Non vorrei che durante il tragitto per recarmi all’hotel  qualche malintenzionato…. Tu mi capisci eh….. So che di te posso fidarmi  E allora io mi avvio   e  poi ti aspetto li. Sarai tu a portare la formula e il boccettino. D’accordo?

GEGE: ( rassicurato )D’accordo!

GIOACCHINO:   e allora  vieni  con me. Luisè, invita   anche Don Lucio che  se tutto va bene oggi sarà un giorno di festa.. a più tardi vieni Gegè ( escono)

LUISELLA: ah ora ho capito! Mo telefono a Felicia pa nvità ( prende il tel. E chiama in disparte )

DON LUCIO: io invece no ( prende il dispensario con l’acqua santa ) permettete? ( comincia a benedire la casa nel girarsi spruzza l’acqua addosso ad Alonso che stava uscendo dalla porta)

ALONSO: Uh maronne! ( si asciuga) ma…. Ah Don Lucio … ve site decise però je v’aveve ditte a casa e nun nfacce a me ( il pappagallo--- strunz –strunz--) ahhh io o strozze!

DON LUCIO: è acqua santa… te fa bene ( spruzza il pappagallo che zittisce) e pure a isse!

LUISELLA: (chiude il tel )  Alò ..ma  si state a ripose tutte stu tiempe?

ALONSO: eh…. Nun me dicere niente …. Me sente … svuotato…. Tenche famme .. è pronte o pranze?

LUISELLA: è tutte pronte

ALONSO: e allora  a che aspettamme

LUISELLA: a Gioacchino che torna, oggi sarrà na festa in famiglia,  Don Lucio voi restate qui è vero?

DON LUCIO: E come si fa a rifiutare un vosto invito

LUISELLA: appunto!  agge nvitate pure a Felicia

ALONSO: a tigre?

LUISELLA: uh Alò e comme a fai pesante… pe na prova d’amore

ALONSO: na prova d’amore? Chelle a mumente m’arravugliave! Pareve n’invasata, domanda a Don Lucio

DON LUCIO: beh effettivamente….. meno male che siete arrivata

LUISELLA: strane… Felicia nun è o tipe e sti cose… a canosche a na vita … mah ( bussano, va ad aprire ed entra Felicia) oh vieni Felicia! Accomodati

FELICIA: Buongiorno!

DON LUCIO: pace e bene

ALONSO.speriamo!

FELICIA: (  si siede accanto ad Alonso che si scosta come ad aver paura ) che c’è mica ti mangio

ALONSO: no , no è che…stai bene si?

FELICIA:  benissimo! Anzi mi voglio scusare per prima…pure con voi Don Lucio ..ma non so che mi è preso…non riuscivo a controllarmi

DON LUCIO: succede… a volte succede

LUISELLA: Felicè…. Non ne parliamo più…. Oggi è un giorno di festa

FELICIA: si ma… io volevo spiegarmi con Alonso. Specialmente ora che ho preso la mia decisione

ALONSO: ah ..ah… la decisione …  quella decisione?  ah ahh io…a proposito  volevo..

LUISELLA: ( interrompendolo) Don Lucio noi andiamo a vedere in cucina cosa hanno preparato,lasciamoli soli eh

DON LUCIO:  ah .. ah si  si… è meglio ..andiamo  ( escono)

FELICIA: ah ora che siamo soli .. ( si avvicina ad Alonso che spaventato si sposta ad ogni suo avvicinamento poi rimane bloccato)voglio…

ALONSO: vulisse pe case accumincià do cape?

FELICIA: ma no….. chelle ca è succiese nun mo spieghe manche je! E pensare che quando sono venuta teneve a cape in confusione  ..me senteve comme na mbriache

ALONSO: azz…. E meno male!

FELICIA: poi Luisella ma date na pillola ,ha ditte ca servive a libberà a mente. Oh je appena me lagge pigliate …. Me so sentite accussì bona ma accussi bona che ….me venute na voglie ma na voglie….

ALONSO:  e me ne so accorte! Ma aspiette nu poche   a pillola ca ta date arò a pigliate?

FELICIA:  a dinte a nu boccettino ncoppe o tavule ( indicando la scrivania) steve llà

ALONSO:  agge capite! Chille Mio cognato mi aveva accennato ad una sua scoperta   …. E sicuramente pe sbaglie e fatte l’esperimento

FELICIA: tu dice ca è state o pinnule?

ALONSO: sicuramente, non si spiega altrimenti

FELICIA:  ah che bello però….

ALONSO: si è? Allora che mi volevi dire

FELICIA: ecco je te voglie dicere che me so decise! ….. te spose

ALONSO: si? oh ca bella nutizia.. comme so cuntiente!

FELICIA:   e po vide ca pure …. senza o pinnulille( comicia ad abbracciarlo)

ALONSO: ( si alza )  vieni ..andiamo in giardino…..  ca accumince a fa caure.. ( escono)

DON LUCIO:  ( entra seguito da Rinuccia) vieni qui siediti e stammi a sentire

RINUCCIO: ( si siede accanto a Don Lucio) che mi volete dire

DON LUCIO: e che t’aggia dicere,,tu e Gegè l’avite fatta grossa! A parte a figure ca ce facce si se venesse a sapè

RINUCCIA:  avite ragione ma mo comme se po rimedià?

DON LUCIO: ci ho pensato! Gegè,è venuta ca travestito e quindi….

RINUCCIA:  si è accussi! E allora?

DON LUCIO: allora mo che vene le dice ca se ne jesse…. Mene na scusa ca nun po restà chiù e deve tornare a casa

RINUCCIA:   e po nun o pozze vedè chiù?

DON LUCIO: nossignore ! Po in secondo momento lo porto come tuo pretendente non prima di aver fatto il lavaggio di cervello a tua madre!

RINUCCIA:  ma Gegè tene sule na laurea..nun tene sorde…è solo un bravo ragazzo ed io.. lo amo da morire

DON LUCIO: appunto! Questo è quello che conta! Ora vai….. ah quando lo porto qui nun o chiammà chiù Gegè! Luigi… e capite? Luigi! Mo vai ca sta venenne mammete!( Rinuccia esce)

DON LUCIO: e mo vedimme e salvà capre e cavule ! Altrimenti so uccelli  per diabetici!( entra Luisella)

LUISELLA: Don Lucio, siete solo?e  Alonso e Felicia?

DON LUCIO: Stanne in giardino a coccolarsi  eh…  so felice tutte e due!

LUISELLA: beati  a loro!

DON LUCIO: beati chi si sceglie e si vuole bene!

LUISELLA:   eh … je vulesse ca pure Rinucce scegliesse nu marite ca vo bene!  Ma fine a mo… nun l’avimme truvate

DON LUCIO:  pecchè nun sta sceglienne esse! State sceglienne vuje!

LUISELLA:  che vulite dicere? Vuje n’avite purtate otto e uno ere pure  femmeniellle

DON LUCIO: è vero! Però vuje site troppe esigente! O vulite professioniste, ricche, belle e cumpagnia e pure   senza mamma!

LUISELLA: je pe figlieme voglie o meglie!

DON LUCIO: e o meglie sapite qual è? Nun è a ricchezza ne a bellezza ne tantomeno a nubiltà! O meglie è  chelle ca une  se sente dinte o core  pe llate!

LUISELLA: ah si l’amore! Oggi solo l’amore non basta!

DON LUCIO: quanne  è  ammore vero  si! Pecchè  nasce dinte o core  in maniera spontanea senza nisciune  calcolo o penziero meccanico ne tantomeno vincoli o aspettative. Perciò sentite a me lasciate che sia il cuore di Rinuccia a parlare e rinunciate ai vostri propositi

LUISELLA: mi state dicendo forse che Rinuccia ha già scelto?

DON LUCIO: ebbene si! Rinuccia ama ed è riamata da un bravo ragazzo.. un giovane dottore

LUISELLA:  da un giovane dottore? Si è confessata con voi eh? Ah lo sapevo che dietro quei rifiuti c’era qualcosa! Beh  avete detto che è dottore?

DON LUCIO:  si ma non è ricco come pensate.Però è un bravissimo e bel giovane!

LUISELLA:e  già….nun è ricche!   Te pare che figlieme guardave sti cose!

DON LUCIO: ha guardato con l’anima non con gli occhi! E l’anima nun se sbaglie maie!

LUISELLA:   e va bene! Mi avete convinto! Fatemi conoscere questo giovane. Però na sunata e vuline a Rinuccia ce l’agge fa! E senza dice che ci ho piacere! Voglie vedè si me dice chi è! Mo venghe (esce)

DON LUCIO: assa fa a Maronne! Pare ca se cunvinte ( entrano Gioacchino ,Saverio e Gegè)

GIOACCHINO: venite accomodatevi oggi è una giornata da ricordare per la vita! Oh Don Lucio, dove sono gli altri?

DON LUCIO: in giro per casa…

GIOACCHINO: e vi hanno lasciato solo?

DON LUCIO: no ..no… Luisella  era qui un momento fa e… Alonso e  Felicia sono in giardino

GIOACCHINO: bene! Vieni  Saverio e tu  Gegè chiama tutti ,pure a Matalena e  porta champagne e bicchieri! Si brinda alla nuova vita! ( Gegè fa un inchino ed esce)  che

ragazzo in gamba! Mi ha salvato!

SAVERIO: effettivamente si! Se non era per Lui il contratto con i tedeschi andava a farsi benedire. Senza contare che se sarebbero riusciti a rubare la formula avreste perso tutto!

DON LUCIO: Il signore propone e dispone! Quel ragazzo è stata una benedizione!

GIOACCHINO: gia! Devo a Lui la mia salvezza e quella della mia famiglia!   ( entrano Luisella  ) oh Luisella…. ( l’ abbraccia ) siamo ricchi… ricchi per sempre!

LUISELLA: oh… Giacchino mio!!

GIOACCHINO: e Rinuccia ..dov’è Rinuccia?

LUISELLA:   viene subito….

DON LUCIO: va ditte qualcosa?

LUISELLA: che capa tosta!   Niente nun ma vulute dicere niente!

DON LUCIO:   e pe forze ! l’avite fatte sicuramente na lavate e cape! ( fra se--- meno male) ( entra Gegè con  spumante e Matalena con  vassoio e bicchieri) oh si brinda , si brinda! ( entrano Alonso e Felicia) venite venite….. è festa per tutti!

GIOACHINO: ah venite..venite.. prendete i bicchieri.. si brinda ( si guarda in giro ) ma Rinuccia?  ( la chiama ) Rinuccia… Rinuccia… ( entra Rinuccia )

RINUCCIA: ( aria dimessa e  sguardo triste ) eccomi papà….

GIOACCHINO: ma che hai? Non stai bene?

RINUCCIA:     si.. sto bene … sto un po dispiaciuta che va via Gegè

GIOACCHINO: Gegè va via?

RINUCCIA: si, deve andare via…..

GIOACCHINO: è vero Gegè?

GEGE’:   vedete  dottò… ( Gegè fa per parlare ma interviene Don Lucio)

DON LUCIO: eh si deve andare a casa ..i suoi hanno bisogno di Lui….è vero Gegè

GEGE’: ( si guarda intorno e incrocia gli occhi di Rinuccia che gli da assenso ) ecco io… Ebbene no!  Non posso continuare a dire bugie!

RINUCCIA:  ma Gegè…

DON LUCIO: Gegè ma che dici?

GEGE’:  la Verità! ( si toglie la parrucca e il pizzetto ) ecco! Perdontemi tutti! Pure voi caro Don Lucio, perdonatemi se vi ho ingannato… se ho ingannati tutti voi!

GIOACCHINO: ma….  Che succede? 

GEGE’:    succede che sono entrato nella vostra casa con l’inganno…. Un inganno dettato solo dall’amore.. dall’amore per vostra figlia!

LUISELLA: ah mo mi spiego!

GIOACCHINO. Ma allora non sei gay? E tu … oh ma Don Lucio!

DON LUCIO: vi prego di credermi… non ne sapevo niente…. fino a poco fa!

GEGE: è vero! Non sapeva niente ! Potevo andar via via e non avreste saputo niente anche voi ma, la mia coscienza non me lo avrebbe mai perdonato! Se potete perdonatemi

RINUCCI: ( si fa avanti ) perdonate anche me!  Anche io vi ho ingannati! Ma amo Luigi con tutto me stessa!

GIOACCHINO: ma non capisco perché lo avete fatto? Non potevate  dircelo semplicemente

RINUCCIA: non avreste mai approvato! Mamma non sarebbe mai stata d’accordo

GEGE’:  io non sono ricco…. Non ho tutte quelle qualità che cerca vostra moglie..sono solo un neo laureato in medicina in cerca di lavoro e ..basta!

GIOACCHINO: Io ti devo molto….dottorino!  E capisco che  se ci hai ingannato ( guarda la figlia)se ci avete ingannato ,lo avete fatto per amore!E…. oggi non intendo guastare questa giornata  così importante per la mia famiglia e se tu Luisella sei d’accordo…. Che dici? Li perdoniamo?

LUISELLA: ( li guarda entrambi poi guarda Don Lucio che  fa segni  di approvazione) Si perdoniamoli!  Venite qui abbracciatemi! Anzi Giacchi vieni pure tu! Abbracciamoci! ( si abbracciano )

 DON LUCIO: ( si fa il segno della croce ) assa fa a Maronna!

GIOACCHINO: Matalè, porta lo sciampagne  e brindiamo la festa oggi è doppia…. Don Lucio benedite questa unione!

DON LUCIO: con vero piacere! ( li benedice )

ALONSO: padre e benedite anche a noi perché ..ci sposiamo ed andiamo a vivere da soli!

GIOACCHINO:   assa fa Die! Allora a festa e tripla!!! Luisè l’ospite tedesche nun o tenimme chiù brindamme e po jamme a levarce   sti vestite a quolle e po  se mange!mesci Gegè!

GEGE’ :  subito dottò!

GIOACCHINO: ma qualu dottò? Papà ..chiamani papà. 

GEGE: si papà ( non visto spezza la pillola in due e la mette una nel bicchiere di   Luisella e una in quello di  Gioacchino e poi glieli porge) ecco qua ( dispensa lo champagne per tutti e tutti bevono)

GIOACCHINO: ( alzando il calice) brindiamo alla nostra famiglia e cio che ci ha fatto diventare ricchi…. La formula della felicità!

LUISELLA:   formula da felicità? E cher’è?

SAVERIO: comme cher’è signò! La formula che abbiamo scoperto e venduta …. Nu pinnule capace e libberà a mente e rinforzare il corpo e lo spirito!

FELICIA:   e ve pozze garantì ca accussì è! Vero Alò?

ALONSO: e comme no .. tigrotta mia!

GIOACCHINO: ma allora …

LUISELLA:  allora ce lagge date je pe sbaglie ! ecche pecche pareva strane ca Felicia ma… lasciamme perdere!( comincia a sentirsi calda)  uh stu champagne me sta mettenne calore!

GIOACCHINO: e vero.. pure a me ( si toglie la giacca )

ALONSO. Sarrà pa cuntentezza   pe essere addeventate ricche grazie a formula da felicità!

DON LUCIO: a formula da felicità nun se nventa! Nasce da sola ! guardate llà!( Rinuccia e Gegè che si abbracciano e  ostentano felicità!) Chella è a vera felicità!

LISELLA: si! avite ragione Chella è vera felicità pe loro e pe l’uocchie nuoste!  Giacchì e vulimme je ncoppe?stu  calore me sta jenne ncape!

GIOACCHINO: si Luisè… jamme ..jamme ca pur’je me sente accussì ! Nuje mo scennimme!

LUISELLA:   Giacchì … ma stu champagne l’avessene fatte ca formula toje? Je me sente e fuoche!

GIOACCHINO: lagge viste te se sta sciuglienne o ghiacce! Jamme ca sto pegge e te! ( escono comicamente)

GEGE?  Papà … mammà…  facite cu commode! Tante nuje putimme aspettà!

LUISELLA: ( da fuori)si… si… e si nun ce vedite e turnà subbete….. accuminciate a mangià!

GEGE’:   hanne truvate a formula  da felicità pure llore!  ( Tutti ridono !)

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 9 volte nell' ultima settimana
  • 12 volte nell' ultimo mese
  • 124 volte nell' arco di un'anno