Boia chi molla

Stampa questo copione

BOIA CHI MOLLA

BOIA CHI MOLLA

Spettacolo Teatrale dedicato alla Pena di Morte

de

Gli operai del cuore

Personaggi:

Ergastolano: Parte maschile

Condannato: Parte maschile

Willy, Boia 5, Avvocato 5, Giornalista: Parte maschile

Boia 1, Avvocato 4, Accusa: Parte femminile

Boia 2, Giudice, Avvocato 2, Guida: Parte femminile

Boia 3, Avvocato 1: Parte maschile

Boia 4, Avvocato 3: Parte femminile

Quando il pubblico arriva il condannato è già in scena, in divisa da carcerato, seduto su una sedia nella zona destra del palco davanti al sipario. Guarda il pubblico e non fa niente se non accennare un po’ di imbarazzo, noia e l’intenzione di fare o dire qualcosa. Resta lì per tutto il tempo fino all’inizio dello spettacolo. A sinistra seduto anche lui su una sedia, un altro carcerato (l’ergastolano).

Entra Willy cantando Figaro (da destra). Ha una giacchina bianca da barbiere ed un telo bianco sulla spalla:

Condannato: "Willy…"

Willy: "Condannato…?"

Willy gli lega intorno al collo il telo a coprirgli il corpo, quindi tira fuori dalla tasca pettine e forbici e comincia a tagliarli i capelli… Mentre si abbassano le luci si sente solo il rumore delle forbici… (Willy esce a Ds)

In scena c’è anche un tavolo coperto fino ai piedi da un telo nero. Da sotto il telo si sentono delle voci in crescendo. D’improvviso

Accusa: "Shhhhh, shhhh.......",

pausa, quindi sempre da sotto il telo:

Accusa: "Signori in piedi… entra la corte!"

Musica: Aubry N°3

Salgono le luci e spunta lentamente la testa di Boia 2 da un buco al centro del tavolo con sopra una sedia.

Giudice: "Lo stato contro Condannato Colombo… La parola all’accusa!"

Per tutta la durata del processo il Condannato gioca con uno Jo-Jo per passare il tempo.

Spunta lentamente Boia 1 da sotto in mezzo al tavolo, usando il telo come foulard. Dopo che inizia a parlare spuntano Boia 3 da un lato solo il volto avvolto dal telo, e Boia 4 dall’altro nello stesso modo quando vengono chiamati a testimoniare.

Accusa: "Signore e Signori della giuria… ("nome dell’attore")… Chi è veramente ("nome dell’attore")…? ("nome dell’attore")… ("nome dell’attore") ("nome dell’attore")…? …("nome dell’attore")…, eh… ("nome dell’attore")… ah ah ah… ("nome dell’attore")… ("nome dell’attore")!!! ("nome dell’attore")… Ecco chi è veramente ("nome dell’attore")…"

Il nome dell’attore che fa il Condannato viene detto in vari modi e con varie intonazioni ed intenzioni…

Giudice: "Bene… L’imputato come si dichiara a questo proposito…?"

Condannato: "Beh… io…"

Giudice: "Bene…!!! La parola ora alla difesa…???"

Pausa… silenzio…

Giudice: "Difesa…!!! Capisco…, neanche i soldi per un avvocato…"

Il Condannato accenna una risposta…

Giudice: "Bene…!!! L’accusa vuole procedere…?"

Accusa: "Chiamo a deporre ("nome dell’attore")… Prego, si accomodi al banco dei testimoni…?"

Spunta Boia 3 da sotto il tavolo:

Accusa: "Giura di dire la verità, tutta la verità, e nient’altro che la verità, dì lo giuro…???"

Boia 3: "…"

Giudice: "Bene…!!!"

Accusa: "("nome dell’attore"), lei è in grado di riconoscere fra le persone in piedi alla sua sinistra l’imputato ("nome dell’attore che fa il condannato")…?"

Boia 3: "Certamente… è quello in piedi alla mia sinistra…"

Accusa e Giudice insieme: "Bene!!!"

Commenti di consenso borbottati dagli altri:

Accusa: "Può dirci dove ha conosciuto l’imputato…?"

Boia 3: "Durante un viaggio in Cina… era appena stato condannato a morte per evasione fiscale, appropriazione indebita, aggressione a pubblico ufficiale, frode, tentato omicidio, gioco d’azzardo, bigamia, furto abituale, gestione di un bordello, protezione di un assassino, furto con scasso, teppismo, uccisione di una tigre, intralcio all’ordine pubblico, contrabbando di macchine, avvelenamento di bestiame, pubblicazione di materiale pornografico, vendita di false fatture, vendita di pelli di panda gigante, furto di mucche, cavalli, cammelli, vendita di falsi certificati di controllo delle nascite, vendita di falsi certificati di sterilità, vendita di denaro contraffatto…"

Accusa: "Si, si… abbiamo capito…, e dopo la Cina…?"

Boia 3: "Lo ritrovai in Arabia Saudita dove aveva aperto uno spaccio di alcolici e per questo condannato alla crocifissione e alla successiva fucilazione… in seguito seppi che era ricercato in Iran e negli emirati Arabi per adulterio ed omosessualità mentre in Palestina doveva subire la pena capitale per aver venduto terre agli Ebrei… Partito per l’America Latina…"

Accusa: "Va bene, va bene… basta così… Nessun’altra domanda… Chiamo ora al banco dei testimoni ("nome dell’attore")…"

Nel frattempo il Condannato si è spostato sopra il tavolo seduto sulla sedia…

Boia 4 spunta da sotto al tavolo dal lato opposto di Boia 3 mentre il Condannato scende dal lato destro del tavolo a fianco di Boia 4:

Accusa: " Giura di dire la verità, tutta la verità, e nient’altro che la verità dì lo giuro…???"

Boia 4: "..."

Giudice: "Bene…!!!"

Accusa: "("nome dell’attore"), lei è in grado di riconoscere fra le persone in piedi alla sua sinistra l’imputato ("nome dell’attore che fa il condannato")…?"

Guardano a sinistra dove il Condannato non c’è più… pausa… guardano a destra… Spavento…

Accusa: "("nome dell’attore"), lei è in grado di riconoscere fra le persone in piedi alla sua destra l’imputato ("nome dell’attore che fa il condannato")…?"

Boia 4: "… Ma, mi sembra…"

Accusa: "Bene… e ci vuol dire in quale occasione ha conosciuto l’imputato…?"

Boia 4: "Ma… l’ho conosciuto all’asilo…"

Accusa: "Pedofilo…"

Boia 4: "Ma no… Frequentavamo la stessa classe… Ricordo che giocavamo in cortile… cacciavamo le formiche, le lucertole…"

Accusa: "Torture e crudeltà a danno di animali…"

Boia 4: "Erano semplici giochi da bambini… Comunque poi ci siamo persi di vista per un po’…"

Accusa: "Latitanza…!"

Boia 4: "Ma no… è che gli piace viaggiare…"

Accusa: "Si, si… lo sappiamo…, e poi…?"

Boia 4: "Poi l’ho rincontrato l’anno scorso ad un bar…"

Accusa: "Alcolismo…"

Boia 4: "Ma no, un bicchierino…"

Accusa: "Perché continua a difenderlo… L’ha forse minacciata…?"

Boia 4: "Ma no…"

Accusa: "L’ha circuita… L’ha ricattata…"

Boia 4: "Ma no… non è vero…"

Accusa: "Cosa è successo all’asilo…"

Boia 4: "Ma niente… glielo assicuro…"

Accusa: "Le ricordo che è sotto giuramento…"

Boia 4: "Ma io… io… non ricordo…"

Accusa: "Non ricorda o non vuole ricordare…???"

Boia 4: "Non so…"

Accusa: "Ci pensi bene…"

Boia 4: "Io…"

Accusa: " Le ricordo che è sotto giuramento…"

Boia 4: "No… io… basta… vi prego…"

Accusa: " E’ sotto giuramento…"

Boia 4: "Bastaaa… vi prego, basta.. si, è vero… è stato lui… ma io non volevo… io non c’entro… è stato luiiii…"

Accusa: "Va bene… basta così… adesso si calmi… Per me nessun’altra domanda"

Commenti di consenso borbottati dagli altri.

Giudice: "La corte e la giuria si ritirano…"

Spariscono sotto il tavolo… voci e bisbigli e poi:

Accusa: "Signori in piedi… entra la corte!"

Spuntando da dietro lentamente:

Tutti: "Bauuuucettete…."

Piccola pausa di imbarazzo e poi salgono faticosamente Boia 3 e Boia 4 insieme sul tavolo e si allargano facendo contrappeso l'uno con l'altra tenendosi alla spalliera della sedia e formando una figura simile alla bilancia della giustizia, Boia 2 sale scavalcando la sedia e vi si siede sopra mentre Boia 1 sale spuntando dietro Boia 2 a farle l'aureola e diventa una sorta di fulcro della bilancia.

Giudice: "La giuria ha raggiunto un verdetto al di là di ogni ragionevole dubbio…???"

Giudice: "Bene…"

Giudice: "Sulla base delle prove e delle testimonianze addotte…. il qui presente imputato ("nome dell’attore che fa il condannato") è stato giudicato colpevole dei reati a lui addebitati… e per questi condannato alla pena capitale…!!!"

Musica a tutto volume dei Tamburi del Bronx (N°4):

La sentenza viene recitata rallentando fino all’eccesso.

L'areola fatta da Boia 1 cambia diventando il gesto "Ti faccio un......" mentre lentamente cominciano la discesa dal tavolo. Risate sataniche. Il Condannato indietreggia sul fondo.

Cominciano a correre nello spazio, con continui cambi di direzione e di ritmo, energia negativa e risate… Durante i movimenti in scena sistemano le sedie giù e vicine al tavolo… All’attacco dei violini raccolgono la corda e si mettono in posizione.

Usando la corda realizzano quattro immagini relative alla pena di morte: croce, impiccagione, ghigliottina e sedia elettrica. Condannato grida fortissimo

Condannato: "Filippine 1994, reintroduzione della pena capitale.

Nigeria 1995, nove ambientalisti condannati a morte.

Cina 1996, oltre 4300 esecuzioni.

Texas, I° semestre 1997, 25 esecuzioni…"

Dopo la scarica si chiudono tutti di scatto accovacciati in terra…

Si alzano decisi e si mettono il cappuccio in testa. Condannato li vede, torna al suo posto, accenna un po’ di sorpresa, pausa, quindi si mette anche lui il cappuccio in testa. I boia lo guardano, pausa, si tolgono i cappucci e scoppiano a ridere:

Giudice: "Ti concediamo un processo d’appello e trenta giorni per dimostrare la tua innocenza… poi…"

Gesto di Giudice a tagliare la testa…

Pausa: Condannato solo…

Entra Boia 5 (Da Ds), sistema la sedia giù dal tavolo e si ferma dietro alla ds del tavolo.

Boia 5: "("nome dell’attore che fa il condannato")… il suo avvocato!"

Comincia la visita degli avvocati: si incontrano nell’entrare ed uscire. (Entrate ed uscite sempre a Sn)

Entra Avvocato 1, autistico, deciso, si siede, non guarda mai ne il Condannato ne il pubblico. Piegato in avanti, ondeggia di continuo, si gira distorcendosi verso Boia 5 (guardia dietro di lui), cambia di continuo la gamba accavallata e sfoglia freneticamente i suoi appunti.Il Condannato va a sedersi al tavolo e rimane indifferente per tutto il tempo.

Avvocato 1: "Buongiorno… sono il suo avvocato d’ufficio… hanno accettato il suo ricorso…Dunque… lei è Joe Cannon… omicidio…, lei era minorenne… non è negro… convertito al cristianesimo… ah ah… qui ci scappa pure la lettera del Papa… Non si preoccupi, è tutto a posto…, non si giustiziano i minorenni bianchi… vediamo un po’… a no, Joe Cannon lo hanno già fatto fuori…, ma se era minorenne…, va beh… forse era negro… bah… non importa… uno di meno… Ah, ecco qui…, lei è ("nome dell’attore che fa il condannato")…, si, si, si…, vediamo un po’…, ci serve un alibi…, beh, lei quel pomeriggio non c’era…, ah no…, è stato di sera…, beh quella sera non c’era…, lei porta i soldi io porto i testimoni che non l’hanno vista…, si, si…, tutto chiaro, va bene…, ci vediamo in tribunale…"

Entra Boia 2, timida ed inesperta… Si ferma, pausa…, si avvicina, gira la sedia…

Boia 5: "("nome dell’attore che fa il condannato")… il suo avvocato!"

Avvocato 2: "Buongiorno… io sono il suo avvocato d’ufficio… Hanno accolto la sua richiesta di appello…"

Condannato vede Avvocato 2 e gira la sedia verso di lei e comincia a fissarla, allungando lentamente la mano sul tavolo. Lei comincia a parlare velocissima, quasi ansimando, interrompendosi sempre più spesso a guardare la mano di il Condannato.

Avvocato 2: " … dunque… in base alla… etc. etc, avvocato d’uffi… etc. etc… condanna a mor… sta bene…??? Io… ecco… eeeeh…, allora… insomma… vedrà che… allora… in tribunale

Ogni volta che si interrompe il Condannato ferma la mano. Alla fine non si interrompe più mentre il Condannato sale e si stende sul tavolo e lei, lontana fa cadere la sedia e grida… Il Condannato infila la testa nel tavolo.

Avvocato 2: "… ci vediamo in tribunale… Si metta… un bel vestito…, ecco… se vuole… io… gliene porto uno io… Buongiorno… arrivederci… Ecco…"

Entra Avvocato 3, quasi si scontra con Avvocato 2 che grida terrorizzata a poi saluta: "Buon giorno…" passionale e schizofrenica.

Boia 5: "("nome dell’attore che fa il condannato")… ("nome dell’attore che fa il condannato")… il suo avvocato!"

Passa davanti al tavolo ponendosi alla sinistra di Condannato…, piccola pausa… poi improvvisa ed energica la mano ds sulla sua spalla, pausa e Condannato la guarda.

Avvocato 3: " ("nome dell’attore che fa il condannato"). ("nome dell’attore che fa il condannato")… Oh, ("nome dell’attore che fa il condannato")!!!" Ad ogni ("nome dell’attore che fa il condannato") la guardia risponde "Il suo avvocato"

Boia 5 va a prenderla per trascinarla via mentre si dimena…

Avvocato 3: "Sono il tuo avvocato… Ti amooooooooooooo…sono il tuo avvocato…. Credimi… ti amooooooooooo…"

Boia 5: "("nome dell’attore che fa il condannato")… il suo avvocato!"

Entra Avvocato 4 (Cappello), sgamata…, si ferma, pausa, poi, mentre parla, si avvicina alla sedia…:

Avvocato 4: "Allora, ragazzo, come va… Ma su, dai… che la vita è bella, i prati verdeggiano, gli uccelli gorgheggiano, i campi campeggiano, i fiori fioreggiano… i parchi parcheggiano… e non fare quella faccia… che non è morto nessuno… almeno per ora… ah ah ah… Allora… come avrai capito sono il tuo avvocato d’ufficio… Vediamo un po’… tu sei ("nome dell’attore che fa il condannato")… ecco qui… si si si si… vediamo che cosa hai combinato… dunque… Bricconcello… Noo…" pausa…: "Oh… oh … no. Ohhh… No… Bricconcello…"

girando le pagine del quaderno di appunti e guardando ogni volta il Condannato in modo sempre più preoccupato. Piano piano si posiziona sul bordo della sedia, per poi alzarsi lentamente ed uscire cercando di non farsi notare.

Il Condannato è intimidito e non capisce…

Entra Avvocato 5 (valigetta), all’inizio quasi clericale…

Avvocato 5: "("nome dell’attore che fa il condannato")… il suo avvocato!"

Sposta la sedia, ed in piedi, appoggiato al tavolo, guarda il Condannato teneramente, e quasi sussurrando, annuendo con il viso…:

Avvocato 5: "Salve, sono il suo avvocato, non si preoccupi, vedrà, andrà tutto bene…, stia tranquillo… sono il suo avvocato… Ne ho avuti tanti di casi come il suo…. Quaranta… se ne sono salvati due…"

da qui il tono cresce in rabbia e alla fine in isteria…:

"Gli altri trentotto si sono fatti ammazzare, quei bastardi… e la mia carriera…. a puttane… Bastardi… come te… Assassini…. Stupratori… Vanno in giro, ammazzano, stuprano… e un alibi…??? uno straccio di alibi….??? Niente… e tu…, tu ce l’hai un alibi, una prova, un testimone… un cazzo di testimone… ce l’hai…??? Ce l’hai si o no….???"

E d’improvviso di nuovo tono pacatissimo:

"Comunque non ti preoccupare, vedrai, ce la faremo, sono il tuo avvocato, andrà tutto bene…. Ho deciso che giocheremo la carta della demenza… d’altronde, visto la faccia… Ciao, bastardo…."

Quest’ultima parte annuisce e nega con la testa in contrappunto… Lentamente va verso l’uscita. Il Condannato spaventato si è allontanato un po’ dal tavolo ed è tornato alla sua sedia.

Le luci si abbassano… Entrano gli avvocati… Incontrano Avvocato 5… Hanno già le carte in mano e sigarette. Boia 3 da le carte a Willy… Accendono la sigaretta e si siedono intorno al tavolo. Fumo… Guardano le carte in modo molto sospettoso. (Entrata da sn)

Avvocato 5: "La perizia psichiatrica del dottor Snaier…"

Avvocato 3: "Alibi e testimoni…"

Avvocato 2: "Rilancio con un giudice corrotto…"

Avvocato 4: "Due false testimonianze… "

Avvocato 1: "Test DNA e macchina della verità…"

Avvocato 5: "Vedo…!!!"

Mettono giù le carte… Lentamente si mettono in posizione per il processo d’appello… Neutri…

Giudice sul tavolo seduta sulla sedia, Condannato in piedi nel suo angolino:

Giudice,: "L’imputato ha scelto il suo avvocato difensore…?"

Spunta Avvocato 5 dal buco sotto la sedia… guarda Condannato:

Avvocato 5: "Ciao bastardo… vedrai… andrà tutto bene…"

Inizia a parlare in modo molto recitato e quasi cantato Musica festosa, quasi circense… Da qui in poi tutto in Play Back:

Avvocato 5: "Signori eccoci qui… un caso interessante… nessun alibi ne prove, alcun che di eclatante…

Ma ascoltiamo i suoi parenti, i suoi amici e conoscenti, i dottori e gli esperti, tutti quanti sono certi…

Quest’uomo è innocente, e fors’anche un po’ demente, ed ora aprite i vostri cuori e ascoltate i professori…"

Da sotto il tavolo spuntano Boia 1, Boia 4 e Boia 3…:

Dottori: "Parlo io…" "No parlo io…" "No parlo io…" "Voglio parlare io…" "Uno, due, tre tocca propriamente a me…"

Giudice: "Signori… per favore… d’innanzi a Vostro Onore… mantenete quel contegno di cui Io mi sento degno…"

Boia 1: "Il problema sua eccellenza…"

Boia 4: "E’ stabilir la sua demenza…"

Boia 3: "E se è in grado di capire che da qui si va a morire…"

Boia 1: "Certo… perché se non lo capisce… vuol dir che è matto…"

Boia 4: "Non dire matto se non l’hai nel sacco…"

Boia 3: "E in tal caso, sua eccellenza, non vorrà la sua clemenza…"

Avvocato 5: "Un uomo disperato, un uomo un po’ malato, volete forse dire che anche questo è un reato…?"

Boia 1: "Se non chiede la clemenza, la giuria in sua coscienza, il problema non si pone nel dar via all’esecuzione"

Boia 4: "E se per caso l’imputato non vuol esser giustiziato, questo certo vuole dire che lui è in grado di capire…"

Boia 3: "E se quindi è consapevole non può esser che colpevole e qual pena più esemplare se non quella capitale…"

Avvocato 5 nel frattempo si è addormentato mentre la musica ed il cantato proseguono senza di lui…:

Avvocato 5: "Professori eminenti, siete stati esaurienti, ma ascoltiamo parimenti i suoi amici e conoscenti…"

Boia 1: "Quello li…? No, non lo conosco…"

Boia 4: "Chi, lui…? No, non l’ho mai visto…"

Boia 3: "Scusi…? Sa che ore sono…?"

Avvocato 5: "Ai giurati, al cui cospetto, tutto quanto è stato detto, ora chiedo con rispetto, quale dunque il verdetto…?"

I Boia: "Ma visto…"

"Ma visto il comportamento…"

"Visto il comportamento deplorevole… senza dubbio…"

(Tutti) "E’ COLPEVOLE"

Tutti: "Colpevole, colpevole, colpevole, colpevole…"

Giudice: "Or non resta a questa Corte che decider la tua sorte, che sia pena…"

Tutti: "Pena di morte…"

Giudice: "Prima dell’esecuzione ha forse qualche obiezione…???"

Condannato: "Mah… io… io pensavo… io pensavo di chiedere la grazia…"

Stop musica…

Tutti: "Cosa…????"

Silenzio… pausa… velocissimi si posizionano per le scimmiette…

Sale lentamente la musica con risate di sottofondo…

Tre scimmiette sul tavolo ("Non vedo", "Non sento" "Non parlo") e due che gironzolano per il palco… Le tre scimmie hanno tre fasce: Giudice, Governatore, Presidente.

Boia 4: "Ecco, lo sapevo…"

Boia 1: "Ha chiesto la grazia…"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 4: "E adesso cosa facciamo…"

Boia 1: "Non possiamo certo concederla…"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 4: "L’opinione pubblica non capirebbe…"

Boia 1: "Penserebbero ad un atto di debolezza…"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 4: "Perderemmo la fiducia dei nostri elettori…"

Boia 1: "E se non la concediamo…?"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 4: "Le manifestazioni degli abolizionisti…"

Boia 1: "Noi come mostri…"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 4: "La lettera del Papa…"

Boia 1: "Non sopporto più queste responsabilità…"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 4: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 1: "Mmmm… mmm… mmm…"

Boia 2: "Mmmm… mmm… mmm…"

Continuando all’infinito a sfumare luce… resta la musica con le risate e i versi delle scimmie…(Escono a Ds)

Sul finire della musica entrano dei turisti (Entrano da Ds): Boia 2 davanti fa da guida, a seguire tutti gli altri.

Guida: "Eccoci ora nel Braccio della Morte… Come potete vedere le celle sono singole, dotate di prese d'aria ma non di finestre. Le celle misurano 2 metri x 2,50, sono dotate di tavolino fisso, lavabo e w.c. e sono separate con sbarre dal ballatoio in cui sono posti dei ricevitori TV. Per piacere, è assolutamente proibito toccare i detenuti, grazie. Prego da questa parte, signori… " Uscendo (a Sn)

Uscendo Boia 4 lancia noccioline al condannato.

Passaggio Willy cantando Freedom… (Willy da Ds a Sn)

Inizia una serie di suoni e rumori tipici della prigione… (Serrature, cancellate che si chiudono, passi nei corridoi…)

(Entrate da Sn sfruttando le due porte…) (vestiti da carcerati)

Luce… carcerati… nelle celle… escono… cortile

Movimenti (in continuo, la pausa è movimento, disequilibrio): prese da dietro, ad arrampicarsi, cadute stesi insieme e sfasate con gli altri a raggiungere, rotolamenti, schiaffi (agli altri, a se stessi) e sputi, mossi dagli altri (Mano su testa a far girare, dietro corpo, dietro testa per far risalire da posizione stesa…), prese "casuali" su tensioni (mano, piede…), scrivere nel vuoto, movimenti frenetici, cadute sospese sugli altri a sostenere (sbarre, abbracci, svenimenti…):

"SI PUO' GIUDICARE L'UMANITA' DI UNA SOCIETA' SUPERANDO I CANCELLI DELLE SUE PRIGIONI.

SONO LA PRIGIONE."

(Escono a Sn, prima Boia 3 e Boia 1, poi gli altri)

Visita parenti: (Entrano tutti da Sn)

Condannato è solo… Il tavolo è su, in verticale, a causa dei movimenti della scena precedente…

Chitarrista, scende dal pubblico… si siede sulla sedia di Condannato e comincia a suonare…

Entra Boia 3 (padre, non parla, cappello) appoggiato a lato e spalle basse. Condannato lo vede e ride, quasi impazzito:

Condannato: "Papà… Anche tu qui… ah ah ah…"

Boia 3 lo guarda sconsolato e si ferma li nell’angolo.

Entra Boia 1 (madre, non parla, scialle) volto inclinato e mano a sostenerlo (Madonna addolorata,)

Condannato: "Mamma… perché sei venuta… chi ti ha portato…? Lo sai che poi ti metti a piangere… ed io soffro perché tu soffri perché io soffro… E poi soffriamo tutti…"

Entra Boia 5, non parla. Condannato lo vede….

Condannato: "Eh tu cosa ci fai qui…. vattene, vattene via… Va fan culo"

Boia 5 si gira con un impeto di rabbia e resta fermo, alla destra del palco, di spalle…

Arriva Boia 2, sguardo basso, non guarda: si avvicina, racconta banalità…

Boia 2: "Ciao… ma lo sai che hanno aperto un nuovo centro commerciale, in via della Speranza… Dovresti proprio vederlo… C’è anche un negozio di dischi… Sai chi ho incontrato la… Il tuo amico Boia 3… E Giovanna… Giovanna sta proprio bene, è grossissima… per me è in cinta… per me sono due gemelli E la nonna… La nonna sta proprio bene la nonna … fa il corso di nuoto, di Juda… va in bicicletta…"

Condannato: "E tu come stai…?"

Boia 2: "Bene grazie…"

Pausa di imbarazzo… poi si gira di scatto…

Condannato: "Anch’io"

Entra Boia 4… Boia 5 si sposta. Boia 4, sguardo basso, non guarda: si avvicina, mani quasi a toccarsi, esita… Si carezzano, si cercano, si allontanano… insieme ed in contrappunto… alla fine Boia 4 se ne va e con lei gli altri… (Escono a Sn) Condannato resta solo.

Condannato: "Andate… andate via… lasciatemi solo… via… via…"

La musica finisce rallentando, quasi sfumando… Condannato guarda la Chitarrista…

Condannato: "Grazie…"

Chitarrista: "Figurati…" e torna al suo posto…

Condannato solo… si siede…

Passaggio Willy (Willy) fischiettando Freedom (da Sn a Ds)

Condannato: "Willy…!!!"

Prime operazioni di preparazione all’esecuzione: (Entrano da Sn)

Entrano in quattro (vestiti di nero)… Boia 2 e Boia 1 vanno da Condannato mentre Boia 3 e Boia 4 si fermano al tavolo e lo sistemano per le operazioni burocratiche…

Boia 2: "In piedi…"

Boia 1: "Su le mani…"

Lo perquisiscono velocemente… trovano lo Jo-jo, sorridono in modo ironico e glielo restituiscono…

Boia 1: "Giù le mani…"

Boia 2: "Avanti… seguici…"

Arrivano al tavolo, Boia 4 è seduta al centro del tavolo con dei moduli da compilare e firmare mentre Boia 3 dirige le operazioni di misura e annota i dati su un fogliettino… Inizialmente parlano in modo disordinato…

Boia 4: "Nome, Cognome, Data di nascita, Stato sociale, Nazionalità, Residenza, Padre, Madre, Fratelli, segni particolari, segno zodiacale, occhi… invitati all’esecuzione, tipo di condanna, di esecuzione scelta…"

Boia 3: "Altezza, Spalle, Torace, Vita, Fianchi, Piedi, Braccio, Avambraccio, Gamba, Peso…"

Condannato: "Sedia elettrica…"

Boia 4: "Non faccia lo spiritoso… Esecuzione scelta?"

Boia 3: "Sedia elettrica…"

Boia 4: "Va beh… prego signori… dunque… supponiamo di dover friggere… Giustiziare… il signor Condannato Colombo… egli pesa Kg 76,5 e misura 179 Cm d’altezza… Calcolate il tipo di scarica, l’intensità…"

Boia 2 e Boia 1 misurano e rispondono alle domande di Boia 3… Piano piano si tramuta in una sorta di nenia con botta e risposta… il ritmo cresce e così anche il volume e la tensione… parlano tutti contemporaneamente… ripetono sempre le stesse cose… Condannato firma, risponde, viene misurato e fatto sedere ed alzare dalla sedia a sn davanti al tavolo… Condannato prende lo Jo-jo, tenta di strangolarsi e crolla al suolo… Pausa di sbigottimento e poi subito agitazione a mille:

Boia 1: "Cristo, si è ammazzato…"

Boia 2: "Il cuore, il cuore…"

Boia 4: "Non respira più…"

Boia 3: "In infermeria… presto… in infermeria… Non deve morire, non deve morire…"

Condannato viene portato fuori (Escono a Sn)… in scena, da solo, resta l’ergastolano…

Pausa lunga… Ergastolano da solo.

Passaggio turisti…, entrano (Da Sn)… si fermano a fianco dell’ergastolano seduto solo di fronte al pubblico… Lo guardano per un po’… guardano il pubblico… poi di nuovo l’ergastolano in modo interrogativo… non capiscono… Boia 2 li raggiunge…

Boia 2: "Ah… eccovi qui… vi avevo pregato di restare con il gruppo… Oh… ecco… questo è il nostro serial killer… e quelli sono i parenti delle vittime… assistono alla condanna…, ergastolo…, avevano chiesto di assistere perché pensavano a una condanna a morte… invece… un buon avvocato… mah… eh… beh… mah… va beh… proseguiamo la visita… Da questa parte prego…" (Escono a Ds) Boia 4 resta dentro. Lunga pausa su ergastolano.

Musica: Aubry N°5

Prova innocenza, sportello chiuso. Entra Boia 5 (da Ds), va sotto il tavolo con la testa che spunta da sotto. Boia 4 (a Sn) che corre sul posto con la prova. Metronomo. La testa piano piano sparisce nel buco. Passaggio turisti (da Ds a Sn)

Boia 4: "Ho la prova… ho la prova… aspettate… Noooooooo…!!!"

Boia 5: "Mi dispiace… troppo tardi…"

Condannato viene riportato dentro dalle guardie (Boia 1, Boia 2, Boia 3) (vestiti neri). Boia 4 è già in scena. Condannato viene fatto sedere sulla sedia e mentre viene bendato Boia 4 comincia a parlare. (Entrano da Sn)

Musica: Aubry N°10

Crisi di coscienza:

Boia 4: "Mi chiedo se sia giusto quello che stiamo facendo…?"

Boia 3: "Come se è giusto…? Mi sembrava che ne avessimo già parlato…"

Boia 4: "Lo so… è che…"

Boia 2: "Che cosa… Temi che sia troppo crudele…?"

Boia 4: "Ma no… non è questo…"

Boia 1: "E non pensi a quello che ha fatto lui…"

Boia 4: "Si… è che vedi…"

Boia 3: "E i parenti delle vittime… a loro non ci pensi…?"

Boia 4: "Certo… ma il problema…"

Boia 2: "Che cosa…? Pensi forse che non sia la soluzione giusta?"

Boia 4: "Si… ma non so…"

Boia 1: "E quelli come lui…? Così creiamo un forte deterrente…"

Boia 4: "Ma non è questo… è che…"

Boia 3: "Cosa…?"

Boia 4: "E’ che questo spettacolo è troppo drammatico…"

Tutti: "Ma vaffan…"

Uscendo dal palco alquanto scocciati… Boia 4 li segue:

Boia 4: "Ma non vi ricordate lo spettacolo dell’anno scorso? Era più divertente… Questo mi sembra così…"

(Boia 4 e Boia 3 escono a Sn, Boia 2 e Boia 1 a Ds)

Ultima cena: corpo.

Musica: Tamburi del Bronx

Condannato bendato seduto sulla sedia al centro del palco. Lumini accesi sul tavolo, vicino alla sedia ed uno in mano a Condannato. Entrano i quattro (Boia 4 e Boia 3 da Sn, Boia 2 e Boia 1 da Ds), dapprima portano dei lumini che posizionano sul tavolo e davanti a Condannato, poi nelle successive entrate un piatto (Boia 1), un pane (Boia 3) e sfruttando sequenze su disequilibrio portano gli oggetti sul tavolo. Boia 3 con piccolo stimolo fa alzare Condannato che con movimento particolare arriva al tavolo. I quattro fuori per poi tornare dentro di corsa. Tutti intorno a Condannato vicini al tavolo. Boia 2 gli toglie la benda, pausa di Condannato che poi prende il pane, lo spezza e lo distribuisce a tutti. Lo prendono, piccola pausa, e poi tutti insieme pucciano nel piatto di Condannato. Pausa fra loro, pausa su pubblico e fuga precipitosa verso le quinte. Condannato resta al centro solo. Pubblico. Inizio gioco ultima cena. (Uscita: Boia 3 e Boia 1 a Sn, Boia 4 e Boia 2 a Ds)

Ultima cena: entrano Boia 3 (da Sn), Boia 4 (da Ds)…

Musica: Aubry N°4

Proseguimento scena precedente........ Entra Boia 3, lo guarda, si avvicina alla sedia rimasta al centro del palco e la porta dietro Condannato per farlo accomodare (Gioco di sguardi). Entra Boia 4 con le posate mentre Boia 3 esce e torna dentro con una bottiglia ed un bicchiere. Lo servono in modo molto distaccato e professionale.

Condannato vive il tutto con la sacra ritualità di chi sa che sta per fare una cosa per l’ultima volta, sistemando più volte gli oggetti sul tavolo…

Boia 4 e Boia 3 accennano ad imboccarlo… si vedono… si innamorano. Entrano Boia 1 e Boia 2… coretto.

Ad un certo punto escono portando via posate, bottiglia e bicchiere… (a Sn). Boia 1 e Boia 2 continuano a fare il coretto mentre passa Willy (Willy da Ds a Sn) spegne i lumini, li sistema sul piatto e li porta fuori.

Boia 2 e Boia 1 restano in scena come guardie.

Angolo stupidità: corpo e testo… (Entrano Boia 3 Boia 4 da Sn)

Si sistemano intorno a Condannato… Sono le guardie… Pausa… imbarazzo di Condannato…

Condannato: "Eh… mah… e se giocassimo a qualcosa…?"

Condannato: "Potremmo giocare ai quattro cantoni…"

Condannato: "O forse a palla prigioniera… no…"

Condannato: "E se facessimo una partita a carte...?" Condannato: "A cosa si può giocare in cinque?"

Condannato: "Briscola col morto...!!!"

Pausa... sguardo fra di loro... pubblico, sguardo su Condannato... risata... Condannato inizialmente subisce come fosse un loro giocattolo, per poi lasciarsi andare alle loro battute…

Tutti: "Ah ah ah ah... Briscola col morto… Ah ah ah… bella questa…"

Boia 1: "Perché non giochiamo ad assassino.....?????"

Boia 2: "Oppure a Boia chi molla...... ah ah ah........."

Boia 4: "Hei hei.... ho un'idea......... giochiamo a fare un rogo....."

Boia 3: "Si dai, dai.... al rogo....." Prendono Condannato ed inscenano un rogo.

Boia 1: "Vuoi bere qualcosa, prima....??? Che so.... un Whisky"

Condannato: "Oh, no, grazie.... non vorrei che mi venissero i bruciori......."

Tutti: "Ah ah ah......."

Boia 2: "Impicchiamolo....."

Boia 4: "Vuoi mangiare qualcosa.... che so.... una caramella....????"

Condannato: "Oh no grazie.... non vorrei mi strozzasse....."

Tutti: "Ah ah ah......"

Boia 1: "Ghigliottiniamolo......"

Infilano la testa di Condannato nel buco del…

Boia 3: "Hey.... la vedi questa qui…? Ti farà perdere la testa...!!!"

Boia 2: "Fuciliamolo.....!!!!!"

Boia 4: "Una sigaretta???"

Condannato: "Oh, no, grazie.... sto cercando di smettere......"

Tutti: "Ah ah ah....."

Boia 4: "Il veleno........!!!!!!!"

Condannato: "No no.... la puntura no...... non mi sento molto in vena......"

Tutti: "Ah ah ah ah........"

Fanno scendere Condannato alzando il tavolo e lasciandolo su di traverso in verticale…

Boia 3: "La sedia elettrica.....!!!!!"

Boia 1: "Prego, vuoi sederti......?????"

Condannato: "Oh grazie......."

Boia 2: "Vedrai.... sarà un'esperienza elettrizzante...... ah ah ah........"

Boia 3: "Oh..... adesso basta con queste stronzate.... andate a prendere due assi di legno così ci mettiamo una croce sopra... ah ah ah ah...!!!!!!!"

Boia 1: "Allora lapidiamolo...... Così ci mettiamo anche una pietra sopra...... ah ah ah............"

Condannato: "Ah ah... mi fate morire... mi fate morire… mi fate morire…"

Silenzio, pausa, pubblico, i quattro fuori decisi, arrabbiati con lui portando via le quattro sedie... lui resta solo in scena, seduto sulla sedia al centro del palco, triste ed imbarazzato. Ha rovinato tutto... (Escono a Sn) Pausa

Provino per i Mass Media: (Profilo, foto, espressioni varie, gestaccio…, "Prova a dire ‘Sono innocente’") (da Sn)

Giornalista: "Eccolo qua il nostro condannato… Come va…? Ci presentiamo… lavoriamo per una nota società di Casting e stiamo facendo una selezione fra tutti i condannati a morte per una nuova campagna contro la pena capitale… Come puoi immaginare ci serve un personaggio particolare, un personaggio forte ma in grado di commuovere, capace di sfondare lo schermo, di entrare nelle case… un volto in cui la gente possa riconoscersi… deve essere simpatico, saper rassicurare e al contempo essere inquietante… ‘Colpevole o innocente?’ Talk Show, dibattiti, la tua foto sulle prime pagine di tutti i giornali… l’audience alle stelle… contratti miliardari, il premio pulitzer…. Potrebbe essere la tua grande occasione… Manifestazioni, richieste di grazia che piovono da tutto il mondo… Quindi mi raccomando… devi dare il meglio di te... Ora ti faremo qualche foto e qualche ripresa… Okay… cominciamo… guarda qui, bene… ora di profilo, ora sorridi, si… sei contento… la gioia di vivere… Ecco… ora una pensieroso… sei in meditazione… si… come se pregassi… ecco, prega… questo fa sempre effetto… conversione, pentimento…, intervento del Papa… Okay… ora mentre leggi un libro… bene, perfetto… sai, storie tipo che in prigione hai imparato a leggere e scrivere hanno un effetto devastante sull’opinione pubblica… ‘La prigione educa, la pena di morte distrugge…!!!’ Bene, ora una breve intervista… ‘Sei a favore o contro la pena di morte…?’ Ah, ah, ah… Scusa, va beh…, seriamente… Guarda in macchina… ‘Signori, Condannato Colombo…’ Okay… ora di qualcosa tipo ‘Sono innocente…’"

Condannato: "Sono innocente…"

Giornalista: "Ecco… più sentimento… quasi piangendo…"

Condannato: "Sono innocente…!"

Giornalista: "Bene… Ora ‘Sono colpevole ma ma mi sono pentito…’"

Condannato: "Ma io non sono colpevole…"

Giornalista: "Senti… non me ne frega un cazzo … ricorda che fa più colpo un colpevole pentito di un presunto innocente… Allora?"

Condannato: " Colpevole pentito…"

Giornalista: "Okay… un ultima cosa… nel caso non dovessi avere la grazia, sai… dovresti farmi un gestaccio qui nella camera… Okay… più cattiveria… Ecco, ti stanno portando all’esecuzione… bene così… A posto… ti faremo sapere… Ciao…, stammi bene… Dai, andiamo… di là dovrebbe esserci lo squartatore… vedrai che personaggio…" (a Sn)

Monologo Condannato: con condannato che si suicida…

Entrano Boia 3 e Boia 4 (da Sn) portando lenzuola e cuscini e posandoli a terra ai due lati del tavolo… (Escono a Sn)

L’ergastolano e Condannato si alzano e vanno a recuperare le lenzuola…

Il tavolo è su di traverso a fare da separazione. Condannato lo prepara come se fosse il letto anche se è su di traverso (gioco con il cuscino che non sta su) mentre l’ergastolano ascolta il monologo. Alla fine, in modo deciso, prepara un cappio con il lenzuolo e fa per impiccarsi.

Condannato comincia a parlare all’ergastolano dall’altra parte del tavolo…(Varia fra serietà, ironia e cattiveria):

"Oggi… oggi sono venuti a prendermi le misure…, pensavo fosse per la cassa… invece è per scegliere gli uomini che mi accompagneranno al patibolo… e poi per il vestito… la vestina bianca…

Pensa che mi hanno chiesto se ho qualche preferenza sul tipo di esecuzione… loro consigliano l’iniezione… dicono che è più umana… niente dolore, niente rischio di prendere fuoco sulla sedia, sai, come il vecchio Santo…, o di restare decapitati dalla corda… o di sopravvivere al plotone… e poi bang… un colpo in testa…, una cosa più pulita, insomma… ma io…, io ho scelto la sedia elettrica… perché…, perché se mi devono uccidere voglio che sia il più chiaro possibile per tutti quelli che vi assisteranno.

Si, perché ci sarà anche il pubblico, sai…? Mi hanno detto che se voglio posso invitare qualcuno… Sto pensando a che cosa potrei scrivere sull’invito… "Caro amico, sono lieto di invitarti…" lieto… "Caro amico…" Pensa che alla fine ho dovuto anche firmare l’autorizzazione a procedere… "E se non firmo…?", "Se non firmi ti ammazziamo…"

Ho anche tentato il suicidio… ma mi hanno salvato…

Domani ci sarà anche la televisione… i fotografi… i giornalisti… Sarà una giornata faticosa…

Sai… stavo pensando che… no… va beh… non importa…"

Sistema il letto, tira fuori un carillon e si mette giù a dormire… L’ergastolano guarda il pubblico, gira il tavolo, prende una sedia e si nasconde dietro… Si vede e si sente cadere la sedia… Luce solo dei lumini…

Da dietro le quinte:

Boia 3: "Sentite… perché non lo facciamo alla giapponese…"

Boia 1: "Come alla giapponese…? Con la scimitarra…?"

Boia 4: "No, no… con la scimitarra mi fa impressione…"

Boia 3: "Ma cosa avete capito…? Alla giapponese… lo giustiziamo all’improvviso… senza avvisare nessuno…"

Boia 2: "Dai… è una buona idea… facciamolo subito…"

Boia 4: "E come lo facciamo…?"

Boia 3: "Con il veleno…"

Tutti: "Okay…"

Entrano le guardie (da Sn) per fare l’iniezione di veleno a Condannato. Boia 2 e Boia 3 due lumini a testa, Boia 4 il cero e Boia 1 la siringa. Trovano l’ergastolano morto…

I Boia: "Hanno ammazzato il killer…" "Non vedi che si è suicidato…" "Willy…!!!"

Willy porta fuori il cadavere (a Ds) e poi torna indietro, gli altri sistemano Condannato che dorme legandolo al tavolo in piedi al centro del palco… Boia 1 porge la siringa agli altri boia… nessuno vuole giustiziarlo ("No, no… io no…"). Conta per chi lo giustizia…

Boia 4: "Ho un’idea: quattro siringhe, una con il veleno, le altre sonnifero, così non sapremo mai chi lo ha ucciso…"

Esce (a Sn) e torna dentro con le siringhe. Lo siringano tutti e quattro, pausa a guardare la siringa, quindi le buttano terrorizzati…

Non si muove più. Diventa una sorta di funerale. Lo fanno scendere dal tavolo tirandolo su in verticale. Abbracci in piedi, poi alla fine lo posano steso per terra al centro, posizione cadavere per poi porsi due a due stesi al suo fianco. Condannato tira su la testa, guarda e si ridistende. Loro su la testa, lo guardano e si ridistendono..... in contrattempo..... pausa, poi stesi di scatto a fingere di dormire…

Boia 3: "E' vivo......"

Boia 1: "Ho visto…"

Boia 2: "Ma com’è possibile…?"

Boia 4: "Eh… il veleno era finito… ma pensavo che con quattro punture di sonnifero…"

Boia 3: "Sei una stupida…!"

Boia 2: "Cretina…"

Boia 4: "Eh… ma io…"

Boia 1: "Adesso cosa facciamo?"

Continuano a litigare in crescendo finche Boia 3 non li zittisce tutti:

Boia 3: "Shhhhhhhhhh…"

Si buttano giù a dormire e Condannato si tira su svegliato dal rumore… pausa…

Tutti dormono, tranne Condannato che è su seduto… Pausa di silenzio… Buio. Lumini. Testo isolamento. Recitato in modo lineare, senza energia. Attenzione su lumino. Movimenti in tensione e disequilibrio.

"E' il silenzio che amo, quelle lunghe ore che si succedono le une alle altre. Il silenzio, un tempo per scrivere e leggere. Nel silenzio penso e rifletto, è il momento dei fremiti, del ribollire, a volte dell'agonia. Il silenzio del confinamento solitario, posso sentire i miei capelli crescere fin quando uno degli uomini intorno a me soccombe alla noia nella propria mente e parla per affermare la sua esistenza. Per l'ora seguente discutono, sfogando la frustrazione, diventando ognuno negri, gay, punk, topi, cani, baby-killer e molestatori di bambini. Poi torna di nuovo il silenzio quando ogni energia è spesa, il silenzio in cui il ribollire delle frustrazioni e dell'ansietà ricomincia. Sono qui da 60 giorni e come ho detto prima, mi piace. Mi piace essere fuori dalla folla, dal blocco di celle dove ogni giorno è uguale a se stesso, la TV con i talk-show, i giochini, le soap-opera e i western, ogni giorno per tutti i giorni. Le stesse persone, gli stessi discorsi, le stesse domande e risposte, niente cambia mai. Dopo 13 anni di tutto questo sono ora in vacanza, messo in punizione in questo silenzio dal nostro nuovo direttore. Il direttore Parker, e' arrivato qui con la sua maglia immacolata da yuppie e mi ha chiesto "che fai?" "SPUTO! Porta il culo lontano da me, ecco cosa sto facendo!". Non posso fargli sapere che sono in vacanza, che ho trovato la pace e la quiete che il resto delle persone nel mondo libero pagano migliaia di dollari per andare in spiaggia da qualche parte. Qui ho liberato la mia mente e programmato la mia agenda, ho ritrovato energia e chiarezza, qui posso volare e parlare…. Tornerò presto… nella folla e nell'ombra… Quando e dove capiterà non lo so… ma tornerò…

Compleanno.

Si passa a compleanno: lumicini… candeline… lo portano via… preludio alla camminata…

Condannato: "Hey Willy… Che giorno è oggi…"

Entra Willy (Willy da Sn) e si ferma a lato del palco… con il lenzuolo…

Willy: "E’ il 25 Dicembre…"

Condannato: "… lo sai che è il mio compleanno…???"

Nel frattempo Boia 3, Boia 1, Boia 4 e Boia 2 si avvicinano con i lumicini, sottovoce:

I Boia: "Tanti auguri a te…, tanti auguri a te…"

Condannato soffia, luce piena. Inizia la procedura di preparazione e partenza verso la Casa della morte…

Camminata:

I ragazzi diventano la "squadra di scorta del braccio della morte" Tavolo come parete della cella.

Boia 2: "E' l’ora…".

Lo sbattono contro il tavolo, lo perquisiscono, lo riportano in dietro spalle al pubblico e cominciano a camminare…

Reazione di Willy compagno cella vicina quando Condannato viene portato via

Willy: "No…. Bastardi… Non farti fregare, non farti fregareeee…."

Condannato: "Hey Willy… non ti preoccupare… va tutto bene…"

Willy si gira di scatto e comincia a fare flessioni in modo frenetico con lamenti forzati, quasi piangendo… poi di scatto si accovacciai in silenzio per poi uscire (a Sn).

Inizia la camminata. Musica.

Nello sforzo di fargli accelerare il passo lento che ha preso per incontrare tutti gli occhi durante il percorso, le guardie cominciano a camminare più veloci. Condannato mantiene il suo passo.

Flash personaggi e situazioni già vissute (parenti, processi, avvocati, mass media…)

Boia a scortarlo: variazioni velocità e passo…

Effetti luce, rumori…

Flash di testo… (sono la prigione…, perché sedia elettrica…, isolamento…)

La musica continua… Condannato seduto sulla sedia, bendato…

I boia: a coppie. Uno di fronte e l’altro dietro di schiena. Movimenti e tensioni…

Testo registrato sulla musica.

"666, 665, 664… Omicidio, stupro, violenza… terrorismo, droga… non importa quale il tuo crimine… avevo un figlio, una figlia, una moglie, un marito, un padre, una madre… ed ora non c’è più… chi me lo restituirà… Nessuna colpa, se non essere nel posto sbagliato al momento sbagliato… Questo il certificato di morte… non vecchiaia, non malattia ne incidente… omicidio… Occhio per occhio, dente per dente… questa lunga infinita attesa per sapere che un giorno non ci sarai più… io sono qui ed aspetto… tu sei li ed aspetti… 222, 221, 220…"

Di scatto le coppie di fronte, di profilo, poi lentamente posizione inversa alla precedente:

"122, 121, 120… Ho un figlio, una figlia, una moglie, un marito, un padre, una madre… e fra un po’ non ci sarà più… chi me lo restituirà… Una colpa, una grave colpa… omicidio, stupro, violenza… terrorismo, droga… adesso la pagherà… Il certificato di morte…??? Non vecchiaia, non malattia ne incidente… omicidio… Occhio per occhio, dente per dente… ma chi pagherà per la sua morte… Chi l’assassino…? 99, 98, 97…"

Si staccano gli uni dagli altri e si dispongono in formazione…. Sono i boia… Continua il ticchettio…

Telefoni: Due telefoni rossi in linea diretta con il governatore e il giudice della corte suprema… Improvvisamente durante il conto alla rovescia uno squillo…

Boia 3 e Boia 1: "Il governatore…"

I boia si lanciano sui telefoni a rispondere, Condannato alza la testa in ascolto…

Boia 3: "Ciao amore… No, adesso non posso… sto lavorando… Ti richiamo quando ho finito… Si, ciao, ciao… "

I Boia: "("Nome del Condannato")… Non capisco…"

Condannato, seduto su una sedia, bendato: entra Boia 3, poi Boia 4 ed infine Boia 2, con movimenti coreografici giocati su disequilibrio mentre il Condannato si muove seduto sulla sedia.

Condannato alla fine (Mani che corrono…):

"Ho il collo sulla ghigliottina la lama scende

la mia testa va da questa parte il resto dall'altra

da quale parte starò io?"

Ultimo sguardo bendato…, ultimo respiro… Buio.

Willy… (Willy da Sn)

Si accende un fiammifero: è Willy... Si accende una sigaretta... fa una tirata, poi la butta per terra, la spegne…

Va verso Condannato… Con gli stessi movimenti dell’inizio lo copre con il telo bianco e poi esce…

Il Condannato resta in scena.

Alla fine il Condannato viene portato via dagli attori.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno