Che botto col lotto delle otto

Stampa questo copione

Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Che botto col lotto delle otto

Commedia in due atti

di

Santo Capizzi

Santo Capizzi

mob. 347 80 60 577

santocapizzi1@alice.it

www.santocapizzi.it

1


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

A te Adriano,

saldo punto fermo

ed insieme faro che orienta.

s.c.

Un particolare grazie per il suo preziosissimo aiuto a mio figlio, drammaturgo in erba, chea tre anni mi propone battute per le nostre commedie. È la mia ancora al sogno.

2


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Questa storia è semplice frutto della fantasia, pertanto ogni riferimento a persone, fatti e luoghi è del tutto casuale.

Sinossi

Un piccolo imprenditore edile si trova nella paradossale situazione di avere un grosso credito che non riesce ad incassare da parte di un Ministero ed un piccolo debito con un altro Ministero che deve necessariamente saldare, pena la galera. Oramai al collasso, l’imprenditore si convince che l’unica soluzione sia giocare del denaro al lotto, puntandolo su dei numeri avuti in modo rocambolesco e che crede siano la panacea ai suoi mali. Non possedendo quel denaro, accetta un grosso prestito da un uomo di mal’affare che non tarderà a reclamare quanto crede gli sia dovuto. La storia che si svilupperà attraverso movimentate situazioni e turbolenti equivoci, accompagnerà lo spettatore in un viaggio diretto verso uno spaccato della società di oggi.

Nota dell’autore

Nell’Anno Domini 2012, in una delle economie più sviluppate del mondo si lotta ancora, anzi di nuovo, per sopravvivere, e lo si fa letteralmente e non prestando questa espressione ad una logora metafora. Ed é in questo tempo che lo Stato sembra rifuggire in maniera spregiudicata la sua funzione sociale e morale, é in questo tempo che potentati di diversa specie ma medesima finalità, sembrano stringere taciti accordi di reciproco protettorato. Ed é in questo triste tempo che troppa gente scorata lascia la presa, molla il morso, sfiancata da un’impari lotta contro quella bestia che ci hanno insegnato a chiamare crisi, perdendosi in atteggiamenti che normalmente non gli apparterebbero, allentando pericolosamente i freni inibitori nell’illusoria quanto fugace promessa di un facile riscatto assegnato dalla sorte. In una stagione particolarmente difficile si pongono delle domande, una di queste è: gettare la spugna e perdersi o rialzarsi determinati a ripartire? C’é chi scorge la speranza nel domani.

3


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Scena unica

Personaggi


Carlo Raccozzaglia

Gaspare

Letizia

Nello

Cosimo Cornadicervo

Giulia

Felice

Don menza palora

Signora ‘Nsina

Pacifico

Rag. Pitulla


Imprenditore edile

Pescivendolo

Fruttivendola

Barista

Marito geloso

Moglie di Cosimo

Muratore

Usuraio

Avventore

Emissario di don menza palora (stesso attore di Rag. Pitulla)

Perito della banca (stesso attore di Pacifico )


Nota: Se possibile, fare entrare ogni tanto dei clienti nelle attività commerciali.

4


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

ATTO PRIMO

Piazzetta di un quartiere popolare. Ci sono: un bar con i relativi tavolini sulla piazza, una pescheria ed una bottega della frutta.

Scena I

(Gaspare, Letizia)

All’apertura del sipario si vedono il pescivendolo e la fruttivendola che entrando ed uscendo dai loro rispettivi negozi, sistemano la merce.

GASPARE: (mentre sistema la merce canta guardando verso la bottega della fruttivendola).(cantando) E io sono vedivo…

LETIZIA: mischinedda, arrifriscavu!

GASPARE: e un’attra la cecco bedda…

LETIZIA: a cerca bedda sparti, iddu ca è chiù lariu da morti quannu c’havi u tomucu sburbutu.

GASPARE: e se poi è anche frisca,

non ci lassu mancu a resca.

LETIZIA: (risponde usando la stessa melodia senza però guardare Gaspare).

(cantando) E sogno signorina…

GASPARE: (parlando)si sogna sogna, su tu si signurina, ju sugnu Alì c’o babbà.

LETIZIA: (cantando) e sogno macari fresca…

GASPARE: (ironico)e certu comu no! È di primo pilu.

LETIZIA: (cantando)  e a chi mi fa la corte,

io ci dogno tante botte.

GASPARE: e allura stai tranquilla, non c’è bisognu ca ti smanichi, pirchì fudda non ci nn’è.

LETIZIA: quannu a volpe non arriva all’uva, dici ca è fracida.

GASPARE: non m’interessa di ‘sta recina.

LETIZIA: (A voce alta per richiamare la folla)forza signori venghino, ca c’havenu a frutta bella,chidda di marca bona, chidda c’o bullino giallu, c’o francubbullo virdi, e se preferite avevu chidda abbullata direttamenti a posta.

GASPARE: accorrino genti, ca oggi u pisci e chiù friscu d’ajeri…

5


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

LETIZIA: a certu l’appi a canciari pi forza, hava accucchiatu tri simani.

GASPARE: forza, non pirdemu tempu ca spadu ancora sta natannu, prima ca scappa…

LETIZIA: si, si tuffa a panzata intra funtana da chiazza.

GASPARE: su v’ata a fari a pasta co nuvuri spicciativi, ca i sicci sunu talmenti vivuli ca c’o nivurustannu scrivennu ‘n romanzu.

LETIZIA: e tu comu u sai su non sai leggiri?

GASPARE: gente vu staiu dicennu prima accussì non vi lamentati dopu: su vi pighiati u puppuc’aviti a pavari macari u verbali, pirchì è accussì vivu ca mentri circava di turnarasinni a mari, fici scattari l’autovelox. Ju vu staiu dicennu prima.

LETIZIA: arrancate signore, ca oggi oltre a robba bella c’è macari u teatru in piazza.

GASPARE: si sderitimi; intantu su non fussi pi mia ‘sta piazza fussi un mortoriu.

LETIZIA: avanti signore belle, oggi faciticci alliccari i baffi e mariti, preparaticci a pasta mari emonti.

GASPARE: brava, u vidi ca ni putemu mentiri in società.

LETIZIA: i fungi i pighiati ‘ndi mia, e p’o gamberu vi faciti ‘na passiata a piscaria centrali.

GASPARE: grazia ah!

Scena II

(Detti, Cosimo, Giulia, Nello)

GIULIA: (entra dalla comune seguita dal marito. Il suo atteggiamento è di nervosa esasperazione).Ma no, come te lo devo dire? Io non ne ho amanti; la tua è una fissazione che ci sta rovinando l’esistenza. Io nella mia vita ho avuto solo te, lo vuoi capire oppure no?

COSIMO: (convulso)ah sulu a mia! E mu dici cu ‘sta facci di bronzu?

GIULIA: beddu, ju sulu chista c’haiu; voli diri ca a prossima vota mi ni muntu una di ramu. Te lo

ribadisco ‘n’autra vota: tu sei l’unico e solo uomo che ho conosciuto nei secoli seculorum.

COSIMO: tu, tu cu ‘sta facci angelica ca pari chidda ca non ci curpa; tu sei una grandissimabu…bu…bugiardona, ecco che cosa sei. Ma quali solo nei secoli soculorun e requiem eternum; tu mi hai cornificato tanti di quelle volte ca ormai persi macari u cuntu. In conforntu a mia una quarara di vaccareddi modello crastuni, hannu a testa chiù liscia di una balata di marmuru.

6


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

GIULIA: ma chi stai farneticannu Cosimo? Io extra coniugatamente parlando, femmina illibatasono.

COSIMO: si da parti da trinca.

Nel frattempo si sono seduti ad un tavolo.

GIULIA: senti, a tia, ma per chi mi hai prenduta? Non fare illazioni.

COSIMO: ma quali ‘gnizioni e cristeri.

GIULIA: auoh, ma che ti pare che sogno una femmina fedifraga.

COSIMO: esattamente! Una fetentifraga ecco cosa sei. Chi è t’a scrudasti quannu erumu ziti,mentri ju eru a militari, quella scappatella con il mio migliore amico?

GIULIA: e certu vinevi in licenza ogni morti di papa. Ju eru carusa, ‘nda stati c’era caudu…

COSIMO:      e tu attruvasti a chiddu ca ti ciuschiava, veru?

GIULIA: auh chi voi di mia? Io ero giovane ed indifesa… e poi questo tuo migliore amico, su mitirava u filu voli diri ca tantu amicu non era.

NELLO: buongiorno signori. Cosa gradiscono?

COSIMO: (alla moglie)chi è ca voi?

GIULIA: per me una gassosa, che mi sento lo stomaco un poco sguazzariato.

COSIMO: ca certu, pi colazione ti cafuddasti a schiacciata ca tuma fridda di jeri sira.

NELLO: bene; e per lei signore.

GIULIA: (fra se)na badda di vilenu.

COSIMO: un caffè ed un cornetto.

GIULIA: (fra se)u vidi comu ci piaci!

NELLO: ok, torno subito.

COSIMO: (poi pensandoci)anzi no, u cornettu è meghiu di no, mi jetta pisanti. Portami una bellacipollina.

NELLO: vado.

COSIMO: e poi quell’autra scappata c’o juvani do macellaiu! Docu chi avevi macari caudu?

GIULIA: senti amore miu, ti piaceva mangiari ‘na sira filettu, ‘n’autra castratu, appoi a fesa…

7


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

COSIMO: e ju chi sapeva ca erununu frutto della tua corruzione? E certu, intantu dovevo suspittarimacari allora, pirchì ogni vota ca ni mangiavu mi sentivo un amaro in bocca.

GIULIA: no chiddu era pirchì s’appigniava ‘nda pignara.

COSIMO: e pi non parrarri appoi…

GIULIA: senti, chi voi fari tutta a lista ora, cca ni scura.

COSIMO: ah, e sparti mi sfutti? Ti prendi gioco di me?

GIULIA: auh, auh, aaaauh, ora basta! A pighiarisi gioco di te non sugnu sula, suni almenu in 38.

COSIMO: (non credendo a quelle parole).Qua…quanti?

GIULIA: bonu capisti.

COSIMO: sei una strafallaria, una svergognata.

GIULIA: e se lo sono diventata è per colpa tua, pirchì io un vero masculo, uno ca stava attentu allasua fimmina, un uomo con gli attributi al posto giusto, non ce l’ho mai avuto e l’haiu addisidiratu.

COSIMO: a si?

GIULIA: si!

COSIMO: a si? E ora tu fazzu vidiri ju cu è to maritu! Tu fazzu vidiri ju su non haiu i contributi alposto giusto. U prossimu ca vidu ca ti talia, u scannu, u ‘mmazzu, u sdisintegru, u macinu ausi capuliatu di primo taglio.

GIULIA: a unni a jiri jennu cu ‘sti pedi chini di caddi.

COSIMO: e chi fai mi sfidi?

Scena III

(Detti, Carlo )

Dalla comune entra Carlo, Giulia vedendolo si alza lo abbraccia e lo bacia. Ovviamente Carlo non avrà il tempo di capire cosa sta succedendo.

GIULIA: Cosimo, uomo senza pantaloni, questo bel giovane è il mio attuale amante.

COSIMO: bih, cosa fitusa che non sei autro, e chi mi fai crastu di facci e facci?

GIULIA: si! E videmu ora chi fai.

8


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

COSIMO: (va minaccioso verso Carlo)disgraziato, vigliacco e quarataquà…no. Quataratà…no.

Quastalaquà, mancu. (A Carlo con tono gentile) scusi non mi veni a parola.

CARLO: non ci sono problemi, e chi semu a chistu? Mi ni dicissi n’autra di mana parola.

COSIMO: grazie.

CARLO: prego.

COSIMO: dicevamo? A si! Disgraziato, vigliacco, infame ca non si autru. Comu ti permetti difarimi questo affronto! Ma ju ti scannu, ju t‘ammazzu, ti sdisintegru, ti macinu ausi capuliatu di primo taglio senza grassu.

CARLO: chiddu pi fari u sugu?

COSIMO: (gentile)si bonu macari è, anche se io preferisco mintiricci a sasizza a pezzi.(Furioso)ma quali ragù e pasta che mulinciani, chi mi fai diri? Ma ju…ju ti frullu, ti frantumu, io non rispondo più delle mie azioni.

GIULIA: senti, Jack lo squartatore dei poveri becchi, chi fai tutta a jurnata? A tia stamu aspittannu.

COSIMO: (con codardia)a si! E allura vaiu, m’attrezzu e tornu. E si deve perdere il mio nome su achistu non u ‘mmazzu, quantu è veru ca mi chiamu Cosimo…Cornadicervo (esce).

CARLO: ma, ma…ma signora ci sta succidennu. Cu è ddu chistianu ca mi voli capuliari?

GIULIA: (infastidita mentre sono ancora abbracciati)e mi lasci brutto screanzato. Come sipermette di toccarmi?

CARLO: ma ju, veramenti…

GIULIA: approfittarsi di una povera donna indifesa, maialo(gli da’ uno schiaffo).

CARLO: e m‘ammuccai un tumpuluni di capu matina. Ma quali approfittarsi? Ju mi staiu sintennupighiatu de turchi.

GIULIA: tutti così dite. Ora appena torna me maritu, tu fa vidiri iddu comu ti finisci, porcu.(Va peruscire, poi sulla comune) però complimenti baci davvero bene. Esce.

NELLO: (entrando con le bevande)signora, ma dove andate? E ‘sti cosi cu mi pava? Signora,signora…ma vadda chi cosi, di dui s’acchippunu e mia lassuni l’ordinazioni. A cipollina a pozzi riciclari, a gazzusa e possu ‘n tuppari nautra vota, ma ‘stu cafè mi pari persu.

9


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Scena IV

(Carlo, Nello, Gaspare, Signora)

CARLO: dammillu a mia ‘stu cafè Nello(si accomoda ad un tavolino).Ma chi avevuni ddi dupazzi?

NELLO: ma chi sacchi ju? Havi di quannu s’assittanu ca s’acchiappunu, mi parsi di capiri ca sitratta di storia di corna.

CARLO: bih e chiddu chi voli di mia? Non cridu ca ddu cannaruzzuni appiddaveru criduvu ca jueru l’amante?

In scena una signora che entra nella bottega della frutta.

GASPARE: (intervenendo nella conversazione)e si capisce caro Carlo! Ju ‘ntisi tutta adisquisizioni e cridimi, chiddu è pazzu furiusu.

CARLO: appiddaveru? Ma poi cu è chistu, è a prima vota ca u vidu ‘ndo quarteri.

NELLO: veramenti macari ju.

GASPARE: (a Nello)mutu tu di chi t’intrichi? Avanti trasitinni intra a ‘ntuppari gazzusi forza.

(A Carlo), cca a situazioni si è fatta pericolosa.

Nello rientra.

CARLO: (impaurito)ma chi mi stai dicennu Gasparino? Appiddaveru accussì gravida è?

GASPARE: gravida? Gravidissima, praticamenti parturivu! Chiddu è un famoso criminali e ascipparicci i testi e genti, non ci pensa du voti. Ora ca si fici cunvintu ca tu sei l’amante della moglie, non sacciu comu t’a fa finiri.

CARLO: a no sai?

GASPARE: no, anzi si, u sacciu. Chiddu su attrova cincu minuti fra una fracassata di corpa e unascippatina di testa, veni in prima pirsuna e ti scanna; annunca su non attrova tempu liberu, entru 24, 48 uri al massimo, manda un suo emissario e…(mima la testa tagliata) zacchiti.

CARLO: zacchiti?

COSIMO: zacchiti!

10


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: bih, ma talia ouh, senza sapiri né leggiri né scriviri in quali situazioni mi trovu.

GASPARE: la sorte mio caro, la sorte.

CARLO: :comu su già non si fussi abbastanza accanita cu mia ‘sta mala sorti. Ci mancava sulu upazzu furiusu, idda ca non quagghia.

Nello esce a sistemare i tavoli.

CARLO: Nello u principali chi è intra?

NELLO: si alla cassa.

CARLO: quantu chi vaiu a ‘ddumannari un favuri.Esce.

NELLO: auh Gaspare ma pirchì ci ‘ncucchiasti tutti ddi fissarì a Carlo, vidi ca chiddu ci cridivuappiddaveru e si pighiavu un bellu scantu.

GASPARE: ma quali scantu, chi dici? Ju stavu schirzannu, ora appena nesci ci dicu a virità.

La signora esce dal negozio di frutta con delle buste e va in pescheria.

SIGNORA: c’è nessuno? Signor Gaspare.

GASPARE: arrivo signuruzza, arrivo.

SIGNORA:  chi avemu oggi?

GASPARE: signuruzza bedda avemu un pocu di tuttu. Ci sunu masculini, trigghi, spadu…a lei chici sirveva?

SIGNORA:   vulevu pisci pi fari u brodu. U sapi com’è, arristai sgagnulata e possu mangiari sulu cosi moddi.

GASPARE: ma quali brodu! U brodu si duna e malati. Ci dugnu quattru belli calamari morbidi,morbidi.

SIGNORA:  ma sunu teniri appiddaveru?

GASPARE: signora e lei a voghiu beni e ci u possu diri. Oggi all’ingrossu mi ficiunu ‘na truffa.

11


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

SIGNORA:  e pirchì?

GASPARE: ca pirchì! Signuruzza mi vinnenu pi calamari, vaiu a grapiri a cassetta…e attruvaicrema. Signora chisti no c’è bisognu ca si cucina, si pò spalmari ‘ndo pani ausi marmellata.

SIGNORA:  (sorridendo)a quanti ni sapi! Mi ni facissi un chilu.

GASPARE: signura bedda oggi c’è l’offerta spiciali. Ogni du chila di calamari, c’è in omaggio unacascia dintera.

SIGNORA:  ma cumu, non eranu crema?

GASPARE: sicuro. Ma nuautri p’o si e p’o no, ni curamu in saluti. Trasissi ca ci puliziu.(Entranonel negozio).

SIGNORA: e va beni, basta ca non mi fa spenniri assai, pirchì ju campu cu ‘na povira pensionisocialista.

Scena V

(Carlo, Felice, Signora, Letizia, Don)

CARLO: (uscendo)e almenu chista è sistemata.

FELICE: (entrando)oh Carlo, finalmenti t’attruvai.

CARLO: ciao Felice. U vidi unni mi finivu?

FELICE: e chi ci fai cca? Ju ava passatu nell’ufficio pi pighiari i buste paga pi mia e pi tuttil’operai, e attruvai chiusu sigillatu. Mancu Pinella, a segretaria, c’era.

CARLO: non c’è Pinella, non ci sugnu chiù ju, non ci si tu. Felice non c’è chiù nuddu, sugnurovinato.

FELICE: ma chi mi stai dicennu?

CARLO: chiddu ca sintisti.

FELICE: non capisco.

12


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: ca ora vegnu e mi spiegu. Caro Felice, tu si u me capu canteri di quant’havi ca ju mi sonoaperto la ditta edile.

FELICE: veru è. Venti cinque anni di onorato servizio in un’azienda seria, onesta e ca non m’hafattu mai mancari u pani a casa.

CARLO: pirchì è giustu accussì. Cu travaghia deve essere pagato. Già u nostru è un lavorousurante…

FELICE: ‘nda stati.

CARLO: che cosa?

FELICE: suranti ‘nda stati, agghiaccianti ‘ndo mennu.

CARLO: raggiunu hai.

Nel frattempo la signora uscendo dalla pescheria entra nel bar.

SIGNORA: avanti, a spisa m’a fici. Ora mi joci ‘sti cinquanta euro o lottu. 67 e 89, un bell’ambosiccu di nummira ritardatati supra a rota di Palermu. (Passando saluta la fruttivendola) arrivederci signora Letizia, e spiriamu ca chista è a vota bona ca sistemu e me fighi.

LETIZIA: signora, ma su tutti ‘sti gran sordi ca c’appizza c’o lottu si mittissi intra a ‘n caruseddu,dicu ju, a Natali non ci facissi ‘n bellu rigalu e so fighi o postu di daraccilli a mangiari a Statu!

SIGNORA: e chi voli signora Letizia, cu non risica non rusica, e poi io gioco respondabilmente.

LETIZIA: certu, comu no a 50 euru o corpu. ‘Sti governanti n’o voluni capiri ca cu tutti ‘sticammurì di jochi stannu ruvinannu famighi sani. Granni, nichi, masculi, firmini; e chiù morti di fami sunu e chiù soldi c’abbianu ‘ndi ‘sti jochi di diavulu.

CARLO: dicevo, il nostro è un lavoro faticoso, ci mancassi sulu ca un operaio non vinissi pavatu cupuntualità.

FELICE: e tu pi chistu ha statu sempri pricisu e puntuali. Hai dato di travaghiari e tanta genti te neè grata.

CARLO: e ju ne sono contento, ma oggi sono anche arrovinato. Vedi mio caro Felice i crediti mimancianu vivu, mi hanno disossato.

13


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Entra un tipo losco che si va a sedere ad un tavolo vicino a quello di Carlo. Chiede un caffè ed ascolta attento tutta la conversazione.

FELICE: i crediti? Fossi voi diri i debiti?

CARLO: no dissi giustu, i crediti. Vedi una piccola azienda comu a nostra è comu un orologiu,cammina fino a quannu tutti l’ingranaggi sunu al posto giusto. Insomma tanti acchetti pi tanti buttuni. E su i sordi non trasuni, unu pò tirati un pocu a corda, pò fari qualche acrobazia, ma alla fine casca e senza riti. Devi sapere ca a simana scorsa mi chiamavu u commercialista, ca ci avunu arrivatu due lettere pi mia.

FELICE: e chi dicevunu ‘sti littri.

CARLO: una era da parte del Ministero della Pubblica Istruzione.

FELICE: di cui?

CARLO: a scola. Ti rivoddi quella bella ristrutturazione ca ficiumu ‘nda dda scola.

FELICE: certu, e comu mu possu scurdari! Un bel lavorone, un sacco di soldi. Ma tirminamuchiossai di tri anni fa.

CARLO: ecco bravu appuntu. Un lavoro di un sacco di soldi, tirminatu tri anni fa…per il qualeancora non ho vistu un euro.

FELICE: ci possu cridiri?

CARLO: cridimi Felice, cridimi. È di tannu ca accumincianu tutti i me vai. Ah, mannaggia a mia equannu mi misi a travaghiari c’o Statu. Insomma ju m’impignai pisantuliddu chiedendo un prestito alla banca augurannumi ca ‘stu travaghiu mu pavavuni prestu.

FELICE: e va bene, non arrivavu a littra do ministru della pubblica distruzione?

CARLO: certo, sulu ca ‘nda littra c’era scrittu ca a causa della crisi, lo Stato doveva spostare ilpagamento di almeno tre anni.

FELICE: quanti? Tri? E tri di prima, semu a sei.

CARLO: e no finisce qui. La seconda lettera era invece dell’ufficio delle entrate. Do fiscu.

FELICE: ouh chisti sunu comu a motti, non ci scappa nuddu. E chi c’era scritto ‘nda ‘sta littra?

14


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: c’era scritto ca a iddi, ci arrisutta che io ho fatto un lavoro per lo Sato, incassando unacifra molto consistente per la quale non ho pagato le tasse. E ora siccome dicono ca sugnu un evasore, volunu i soldi tutti ‘nda ‘na vota, accussì ‘nda l’unghia, pena il sequestro della casa di abitazione o il carcere. Dicuni che in questi giorni mi mannanu un loro riscossore.

FELICE: ma scusa ah, quali fussi ‘stu travaghiu consistenti per il quale acchiappasti tutti ‘sti soldi?

CARLO: a scola di prima!

FELICE: a scola? Ma comu cu ‘na manu ti dicunu ca i soldi ca t’hannu a dari da tri anni ti dununu,forsi, cu n’autri tri, e cu l’autra t’addumannunu i tassi supra i soldi ca iddi stissi ancora non t’hannu datu!

CARLO: proprio d’accussì.

FELICE: ma non pò essiri, chistu scherzu è.

CARLO: purtroppo no. Sono andato alla banca pi spiegaricci a situazione e addumannari un

prestito pi pavari ‘sti tassi, 50 mila euro in contanti, e anche tutti i fornitori...

FELICE: e iddi? Di sicuru tu desunu ‘stu prestitu, havi vint’anni ca travaghiunu cu tia.

CARLO: mi ficiunu fari i cursi! Ci mancava pocu ca u diritturi mi pighiava a pidati ‘ndo panaru.Insomma pi farla brevi, di ‘n latu oggi avanzu 300 centu mila euro di travaghi fatti, dei quali 200 mila d’o Statu e di l’autru ci n’haiu a dari 50 mila sempri o Statu e ‘nutru tantu e fornitori. Ora, i me debitori soldi non ci n’hannu e a scola di pavarimi non ni voli sentiri, mentri i creditori e sopratuttu il fisco i soldi i voluni di tutta cursa.

FELICE: certo chista è una situazione ingarbugliata. E chi pensi di fari?

CARLO: no sacciu, cridimi ca no sacciu. Ju soldi non ci n’haiu, ddi quattru pidocchi ca m’avunuarristatu i usai pi pavari all’operai e saldare qualche debito. U patruni di casa di l’ufficiu appena ‘ntisi a storia, pi solidarietà m’abbiavu fora…

FELICE: e unni ti metti a travagliari?

CARLO: cca.

FELICE: comu cca?

15


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: ca cca. C’addumannai a Fausto, u proprietario da bar, su possu momentanemanetitrasferiri u me ufficio ‘nda ‘stu tavululinu e iddu mi dissi di si.

FELICE: ma fammi capiri, travaghiu ci n’hai?

CARLO: travaghi novi havi ca non ni trasuni ca macari mu scurdai.

FELICE: e allura chi ci duni a casa?

CARLO: ju nun vulussi, ma comu fazzu? O a casa cu intra mugheri, fighi e soggira, o u carciri.

Pinsannucci bonu ci putissi dari a me soggira p’o carciri…ma non pensu ca accettanu.

FELICE: auh cridimi Carlo, mi sta vugghennu u sangu a sentiri tutti ‘sti cosi storti, ‘sti supirchiarì.

CARLO: basta Felice, non ti preoccupare ca un modo pi nesciri u trovu.

FELICE: cridimi, su avissi soldi di dariti.

CARLO: ma chi dici, ca tu hai sei fighi e ‘na mugheri, si chiù poveru e pazzu di mia. Avanti non cipinsari, vottinni a casa.

FELICE: a va beni va. Prima accattu tannicchiedda di pisci.

CARLO: va bene vai.

Scena VI

(Gaspare, Felice, Don, Carlo )

Gaspare parla con Letizia con fare corteggiatore.

FELICE: Gaspare appena puoi, mu fai quantu un chilu e menzu di staccafissu.

GASPARE: non ci nn’è.

FELICE: ma comu, su u staiu vidennu dda intra.

GASPARE: caro mio, cu ‘sta crisi non c’è chiù nenti di fissu.

FELICE: ma comu? Chiddu ca stiu vidennu, non è staccafissu?

GASPARE: nonosi, chiddu è stoccu precario, part-time.

16


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

FELICE: avaia e ju ca ti dugnu cuntu.

GASPARE: trasi, trasi ca tu abbessu. Entrano in negozio.

DON: (verso Carlo come a schiarirsi la gola )hem, hem hem. (Non avendo attirato l’attenzione diCarlo aumenta il volume e frequenza) hem hem hem…(adesso tossisce) cof, cof (aumenta il volume e frequenza fino a che la tosse diventa vera e sta soffocando). Aiuto, aiuto.

CARLO: (finalmente accorgendosi, si alza per soccorrere il signore )signore, cos’ha? Presto bevaun poco di acqua. (Quando la situazione è rientrata) e chi fu s’affucavu?

DON: si, un poco di salivazione che mi ha antata di trasversale.

CARLO: e menu mali ca ju mi n’accurgì subitissimu?

DON: (ironico)immediatamente, è stato il lampo con il trono.

CARLO: s’arricupighiavu?

DON: si crazie, mi sono arricopreso. Ma zenta, mi scusi se mi prento la liberatoria di dicci quelloche sto per dicci.

CARLO: prego dichi, dichi.

DON: mentre ho stato accoffolato qua ‘ndel tivolino, che mi facevo i fatterelli dei miei, il mioarecchio è sciddicato intra alla discussione che stava fando col il suo mastro.

CARLO: e va beni, non si preoccupi, sunu cosi brutti, ma onesti.

DON: sapemocci intisere ah, non è che io ho assuppato tutta la discussione, ogni tanto quacchepalora sciddicava ammeri qua. Cioè volglio dire, non è ca ho intiso che lei è comminato malino e ci ha debiti che praticamenti è chiù di là banna che di questa banna.

CARLO: e menu mali ca sciddicavu sulu qualche parola.

DON: ma ora lei con il suo prontuario interventistico, forsi che forsi mi ha conservato la vita.

CARLO: no, per così poco.

DON: mi dichi, comu la sanno sentiri ‘ndella sua esistenzazioni?

17


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: Carlo, mi chiamo Carlo Raccozzaglia.

DON: mio caro signor Callifero, non facci il modestico, me lo facessse dicere. E io sono un uomodi quelli dell’antichità, con un cuore accossi’ granne che l’aricchio del liafante a confrontico è una cacata di muschitta.

CARLO: non la seguo.

DON: e se lei non mi insegue, vuole dicere che lo assicuto io. Andiamo al soldo, tagliamo le tette altoro. A lei ci servono soddi liquefatti, di corsa e assai. Jò ci posso impristari trenta mila neuro.

CARLO: ma come, ma su mancu mi canusci? E poi comu fazzu a turnaraccilli?

DON: per mia, il gestico che ha faciuto aiutandomi a stuppari i cannarozza, è cosa grande. Per laritornatina, non ci sono pobblemi. Quannu l’havi, mi tona. Fra noi attri genti pebbene e mi lasciase dicere, di cottura, non ci avessero a stare tutti questi convincevoli.

CARLO: grazie, lei è un santo, ma mi creda non posso, non posso e non me la sento.

DON:basta non ne palliamo più. Se ci spiccia che ci spiccia il cuore, basta che addomanna di me in fondo alla cantunera, sanno come truvarmi. Qua, mi sgaggio di lasciaricci il mio bigliettino per le visite.

CARLO: (legge il bigliettino)don menza palora, professione(piccola pausa)amico.

DON: baciamo le mani signo’ Carlo(esce).

CARLO: bih, varda a chistu, pi ‘na tumpulata ‘nda carina mi sta uffrennu tutti ‘sti gran soldi; e suci davu ‘na pirata ‘nda panza! Chi genti strana.

Felice esce dalla pescheria, saluta Carlo ed esce di scena.

FELICE: avanti ti salutai Gaspare. Ciao Carlo.

CARLO: ciao Felice.

FELICE: bih Gaspare, u jammuru mi stavu scurdannu.

GASPARE: a quali scurdannu, ca potti passari avanti sulu.

18


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

FELICE: ma chi dici? Sempri ca scherzi.

GASPARE: no, dicu seriamenti. Chiddu è accussì friscu ca si siddiava a aspittari ca ti puliziavu itrigghi e accuminciavu a fari strada. Anzi curri prima ca si perdi vaneddi vaneddi.

FELICE: dammi a busta va.

Gaspare gli porge la busta col pesce, Felice esce di scena.

Scena VII

(Carlo, Cosimo)

Mentre Carlo sta guardando dei documenti seduto al tavolino, Cosimo entra quatto in scena indossando un kimono da karateca. Va alle spalle di Carlo e comincia ad urlare accompagnandosi con dei grotteschi gesti di arti marziali.

COSIMO: uatà…kitirisciò…

CARLO: (saldando in aria per lo spavento)aiuto, ni stannu attaccannu i cinisi!

COSIMO: eccomi, grande fetente conrificatore.

CARLO: bih turnavu u pazzu ca mughieri ciabatta.

COSIMO: sono tornato pi capuliariti. Fatti avanti…scicutè.

CARLO: ma quali scicutè e stoccami in tre! Ju a so mugheri non a canusciu, e comu ci l’ahiu a diri.

COSIMO: Vieni qua vigliacco, combatti se hai coraggio.

CARLO: ma caro signore, cca non si tratta di curaggio, ma di cintraggiu. Ju tornu a ripetiri nonc’entru nenti.

COSIMO: non mi fari perdiri a pazienza ca è peggiu. Uatàaaaaaaaaaaa…sturutucà…

CARLO: raggiuni aveva Gaspare, chistu è periculusu, ambrisa ca mi voli scippari a testaappiddaveru. Aiuto, aiuto!

COSIMO: è inutili ca cerchi aiuto, ju sugnu cintura nivura vintisettesimo dannu di tikitintò.

19


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: autru ca vinti setti danni, su chistu mi pighia sutta, dannu mi ni fa uno ma bonu. Masignor corna di crasto…

COSIMO: di cervo, sono Cornadicervo.

CARLO: e va beni, ora non facissi u piliddusu, o di cervu o di crastu sempri corna sunu.

COSIMO: (facendo mosse a vuoto)schialalatè, oooooh…trichitità. Veni ca ti fazzu un katà.

CARLO: ca t’hana ammazari a tia e quannu ti ‘ncuntrai.

COSIMO: e va beni non voli veniri a cumbattiri? E allura staiu vinennu ju, m’aspittassi ddocu.

CARLO: e cu si scugna.

COSIMO: carica botta sugna cca staiu arrivaaaaannu!(Corre verso Carlo).

CARLO: mattri sugnu mortu, sugnu mortu.

Mentre corre, Cosimo perde il suo slancio e comincia a rallentare i movimenti.

COSIMO: ahi, ahiahi…u ficutu, mi sta dulennu u ficutu.

CARLO: chi havi? Chi succidivu?

COSIMO: a cursa, fu ‘sta cursa ca mi fici, mi sta dulennu u ficutu.

CARLO: a comu, quarantasittesimu dannu di stricchitikò, pidati ca pari ca stava acchiappannumuschitti, pugni ca s’ava astruppiari macari l’aria, insomma tuttu ‘stu film e poi havi a panza ciatu pi tri passi di cursa?

COSIMO: e chi voli è l’età.

CARLO: vinissi ca lo aiuto a susirisi.

COSIMO: ahi, no fernu, ca mi s’incravaccavu u nervu sciatalgico.(Resta con un braccio ed unagamba sollevati).

CARLO: e va beni si ripusassi qualche secunnu. Calassi a jamma.

COSIMO: e comu ‘a calu? Arristavu bloccata.

20


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: bonu è cumminatu. Almenu calassi u braccio ca sta parennu un porta ombrelli.

COSIMO: si, ‘na parola. Mi sentu l’ossu omericu comu allippatu con la spadda clavica. Mi dassiuna manu.

CARLO: ju? E comu?

COSIMO: ci ‘u spiegu ju. Accuminciamu da jamma.

CARLO: ma ju non sugnu fisioterapico. Non cridu ca u scucchiu?

COSIMO: tranquillo. Allura, si mittissi a cavallo supra a coscia.

CARLO: mah…(esegue).

COSIMO: ora con un movimento delicato e sussultistico, faccia su e giù.

CARLO: (lasciando la posizione)coso lurdo e porco. Ma pi cu mi pighiavu!

COSIMO: ma chi capivu? A fari finta ca è supra o cavaddu. Cu ‘stu movimentu, a jamma alleggiualleggiu si sblocca e cala.

CARLO: ma talia chi mi tocca fari, comu su non ci n’avissi gia’ a chi pinsari.(Si rimette inposizione). Pronti semu?

COSIMO: si, partemu.

CARLO: e videmu unni arrivamu.

COSIMO: forza, non s’affruntassi.

CARLO: ma ju non attrovu u ritmu.

COSIMO: e s’arrivuddassi quannu era picciriddu. Su rivodda Furia il cavallo del west?

CARLO: certu.

COSIMO: bravu, accuminciassi a cantari ca ci veni mugghiu.

CARLO: allura cantu?

21


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

COSIMO: si, cantamu insemi. Uno, diu e tri.

Insieme: (cantano) je Furia a cavallo del west,che beve solo caffè

per mantenere il suo pelo

il piu' nero che c' è…

COSIMO: forza, forza ca ‘sta calannu, forza. Cantassi forza, ca a mintemu ‘nda stadda…

Carlo canta ancora per il tempo che l’attore riterrà apporuno, poi la gamba si abbassa.

COSIMO: oooh, bravu. Ha visto? Chi ci vuleva!

CARLO: ouh, mi fici ‘na suratuna.

COSIMO: ora abbissamu u bracciu.

CARLO: e docu chi c’haiu a cantari a canzuni di gigghi robbottu d’acciaiu?

COSIMO: no u bracciu è chiù facili. Lei l’ha vunchiatu mai un canottu c’a pompa.

CARLO: si certu.

COSIMO: ecco, ha fari ‘u stissu movimentu ma o cuntrariu.

CARLO: u cavaddu ‘u curcamu, ora sgunfiamu u canottu. E unni semu o villaggiu turisticu?

COSIMO: forza…oooissa…oooissa…

CARLO: forza si ‘sta sdillippando…ecco fatto.

COSIMO: oh, grazie tantissimo.

CARLO: avanti, ora ci cuntrollu a prissioni de roti e si ni po’ iri a casa.

COSIMO: ci devo un favore.

CARLO: allura chi voli diri ca pi oggi nenti corpa? Facemu ca non ha succidutu nenti?

COSIMO: ma quali corpa! Chidda tutta scena era.

22


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: in che senso.

COSIMO: ju u sacciu ca lei non c’entra cu me mughieri; ma su ju non faceva tutta ‘stu tiatru achidda ci pareva ca eru un ominicchiu.

CARLO: e non mu puteva diri prima, ca mi fici pighiari un corpu!

COSIMO: e va beni, ora ci ‘u dissi. Anzi mentri ca ci semu ci addumannu una cortesia.

CARLO:  parrassi.

COSIMO: pi fari a parti chiù realistica, cu ‘na para di jorna, quannu c’è me mugheri in zona, cimannu un attore che farà finta di essere un delinquente assoldato da me pi tumpulialla. Va beni per lei?

CARLO: ca su è sulu ‘na messa in scena!

COSIMO: teatro, puro e semplice teatro.

CARLO: ca va beni, basta ca c’è a paci in famighia.

COSIMO: grazie allura. Ora ju mi ni vaiu a casa a cuntarici a me mugheri ca l’ho sdisintigrato...ementri ci sugnu mi fazzu spalmari tannicchia di pumata per i reumatismi e l’attrosi.

CARLO: allura arrivedecci. Ah m’arraccumannu, non s’a facissi di cursa anfinu a casa.

COSIMO: no, allegiu alleggiu. Arrivederci(esce).

CARLO: ma guarda un po’ chi personaggiu.

Scena VIII

(Gaspare, Letizia, Carlo, Signora, Nello)

GASPARE: (cantando) e questa letizia mia ha preso il cuore,e non vuole lasciarlo andare.

Ma l’amore dovrà trionfare,

prima o dopo dovrà accettar.

LETIZIA: e chi mancavuni scecchi a fera!

(cantando la stessa melodia)

Se mio caro l’amore c’è,

23


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

certo io non lo dico a te.

Se davvero lo vuoi scoprire,

una sera tu fammi uscire.

SIGNORA: (esce dal bar e si siede ad un tavolino, poi chiama il barista)avanti quantu m’arriposucincu minuti e poi m’arricighiu pi cucinari. Signora Letizia ce lo pozzo offrire un cafè.

LETIZIA: signora mia con piacere, almenu ‘stu pisciaru non mi curturia chiù.

SIGNORA: e vinissi cca allura, mi facissi cumpagnia tannicchia, tantu a putia ci pò dari un occhiuda qua.

Letizia si siede al tavolo.

SIGNORA:  signora Letizia, mi fa tantu piaciri ca m’accittasturu ‘stu cafè.

LETIZIA: u piaciri è do me.

SIGNORA:u sapi chi è ca è? Ju oramai sugnu vicchiaredda, me maritu, saluti c’è cca, m’arrifriscavu chinnici anni fa.

LETIZIA: chi voli diri ca a ‘rrifricavu.

SIGNORA: voli diri ca dopu quarantatreanni di matrimonio, finalmente stiravu i palitti. Era bravuchistianu sapemuni sentiri, e ca ‘nda vicchiania ci avuni acchinatu l’alteri arteriosi. Non si puteva sumputtari chiù, armaleddu. Sempri a lamintarisi pi ogni cosa.

LETIZIA: e chi voli, granni, nichi o vecchi, sempri masculi sunu; su non si mummurianu non ciprovunu soddisfazioni.

SIGNORA:   ma d’altro canto u so duviri u fici. Ouh appena ni maritamu, mancu all’annu ci stampamu u primu fighu, dopu 11 misi u secunnu, e comu fu e comu non fu ‘nda 10 anni n‘ accucchimu setti.

LETIZIA: signora ci davuru sutta ah.

SIGNORA:  e chi voli, erumu carusi e a ddi tempi non è ca era comu ora…

LETIZIA: e certu.

SIGNORA:  televisori non ci n’erunu e u tempu in qualche modu l’avumu a passari.

24


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

LETIZIA: e non putevuru jucari e carti?

SIGNORA:  si, jucavumu a scupa.

NELLO: signore cosa vi porto.

LETIZIA: un caffè per me grazie.

SIGNORA:  sicura? Non facissi complimenti ah.

LETIZIA: no no, va benissimo u cafè.

SIGNORA:  come desidera.

NELLO: allura du cafè?

SIGNORA: no pi mia nenti cafè. U sapi signora ci haiu un poco di lucciola, e u dutturi mi dissi dinon esagerari c’o cafè pirchì pò fari sdillassari il portuso intestinifero.

NELLO: ci portu un canarino?

SIGNORA:  si ‘na quaghia e menzu pollo o furnu.

NELLO:  allura chi sacciu, un bicchieri di acqua.

SIGNORA:  ma quali acqua! Cu l’acqua m’arruggianu l’ossa.

NELLO: e allura chi portu?

SIGNORA:  un bellu cognacchi portami.

NELLO: a facci da lucciola. Torno subito.

SIGNORA: comu ci stavu dicennu u so duviri u fici, i fighi mi lassavu, ‘na casuzza macari, unapinsioni discreta ca non mi fa moriri da fami.

LETIZIA: ha vistu signora! Chi pò disidirari di più?

SIGNORA: cumpagnia, un poco di cumpagnia ogni tantu.

LETIZIA: ma comu cu dda zammuliata di fighi e non sacciu quanti niputi, è sula!

25


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

SIGNORA:  come un cane. Si fannu avvidiri sulu quannu ci sunu di pighiari soldi.

LETIZIA: e allura, su lei è una semplici pensionata, non si fannu vidiri mai.

SIGNORA:  giustu. Ma ju u sapi chi mi studiai?

LETIZIA: cosa?

Nello porta le bibite.

SIGNORA:ju mi jocu ogni misi una parte della pinsioni o lottu, sia chiddu anticu ca chisti moderni. Ora per esempiu, mi jucai un ambo sicco ‘ndo lottu chiddu ca nesci ogni cincu minuti. Ci offru ‘stu cafè e intantu aspettu ca nesciunu i numeri.

LETIZIA: e unnu i pighia i soldi?

SIGNORA: pi diri a virità vaiu vincennu. S’avvicinassi ca ci dicu un sigretu.

LETIZIA: parrassi.

SIGNORA: ju mi vaiu ‘nsunnannu a bonammuzza di Calogiru, me maritu, e ogni vota è travistitudi qualche cosa.

LETIZIA: e di che cosa?

SIGNORA: chi sacciu, ‘na vota è un pisci spada c’a testa di Calogiru, na vota ‘n pedi di tavulinic’a so testa, ‘nautra vota u scupinu do c…

LETIZIA: ho capito signora. Ho capito.

SIGNORA: e in basi su ‘ndo sonnu è sira o matina, parra o sta mutu, ju mi sacciu arrivulari comujucari.

LETIZIA: e vinci?

SIGNORA:  ogni corpu. Non ni savuta unu.

LETIZIA: chi bella cosa!

SIGNORA:  ora per esempiu, ‘sta notti m’u ‘nsunnai,era un affio…

26


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

LETIZIA: chi?

SIGNORA: avaia, chiddi curti curti, c’a ricchi a punta, u cappeddu viddi ca travaghiunu stagionalicu babbu natali.

LETIZIA: ah, un elfo.

SIGNORA: e chi dissi ju: un affio. Insomma, mi desi un terno in sicco p’a rota di Venezia pidumani.

LETIZIA: dumani.

SIGNORA: si signora, e fu chiarissimo: ‘Nsina, jocati ‘sti numeri pi Venezia u prosimu sabatu‘ndella estrazioni delle ottu.

Carlo, che prima stava leggendo delle pratiche, si protende incuriosito dal discorso.

SIGNORA: e lei chi talia? Chi è non mi cridi?

CARLO: no, no, e comu su ci cridu! Anzi pinsavu: non m’u putissi ‘nsunnari macari ju qualcunu cami duna ‘na para di nummira!

SIGNORA: senta, ma u sapi ca assumiglia sputatu, sgraccatu a buonanima di me maritu, saluti c’ècca! Lei chi misteri fa?

CARLO: io faccio il geometra e ho una piccola ditta di costruzioni.

SIGNORA:  bih, vadda chi cumminazioni!

CARLO: ‘u stissu travaghiu di so maritu?

SIGNORA: si, illo era custurere che custureva. Ma leri è propriu u tissu, mi sta facennu macariimpressioni. Videmu facissi ‘u pedi do tavulinu?

CARLO: avaia signora, ma che cosa mi chiede!

SIGNORA:  avanti ca a facissi cuntenta a ‘na povira vecchia solitaria.

LETIZIA: avanti signor Carlo, alla fini chi è…sulu un pedi di tavulinu.

CARLO: ouh, oggi tutti a mia mi stannu capitannu. Ma cu mu fici fari a nesciri da casa!

27


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Carlo con fare comico mima il piede di un tavolo.

SIGNORA:  u stissu! Cosa d’arrizzari tutti i pila da carina. E videmu, ora facissi u pisci spada.

CARLO: avai signora…

SIGNORA:  e chi mi voli fari moriri cu ‘stu disideriu!

Carlo con fare comico mima un pesce spada.

GASPARE: (gridando come un pescatore che avvista una grossa preda).

Pighiulu, pighiulu pighiulu acchiappulu. (Prende una tovaglia da tavolo o una rete o simile e la lancia su Carlo come a catturarlo).

CARLO: fermo, fermo.Chi stai facennu!

GASPARE: e quannu mi capita di piscari ‘n tunnu accussì granni.

CARLO: ma lassami, quali piscari e piscari. E poi sono un pisci spada non un tonno.

GASPARE: meghiu, ci guadagnu chiossai.(Rilancia la tovaglia).

CARLO: e lassami.

LETIZIA: unni semu, all’opera dei pupi?

SIGNORA:  ora u scupinu, u scupinu.

CARLO: no, u scupui no. Mi pari ca a me opera bona pi oggi a fici.

SIGNORA:  e chi si cunfunnivu p’o scupinu?

CARLO: si.

SIGNORA:  e va beni.

LETIZIA: signora, mi dicissi ‘na cosa. Ma lei si rivodda a nenti ‘sti numira.

SIGNORA: si cu ‘sta testa ca c’haiu; ca mi scrivu in un pezzu di carta. Tri belli nummiri scrittirussi accussì non c’è periculu ca mi cunfunnu.

28


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

LETIZIA: brava signora, speriamu ca vinci.

SIGNORA: ca spiriamu. Accussì sulu i me fighi e niputi si fannu vidiri chiù o spissu.(A Nello)giovane niscuvu a jucata de cincu minuti?

NELLO: si signora.

SIGNORA:  mi deve scusare quantu vaiu a cuntrullari.

LETIZIA: a ‘stu puntu sugnu curiusa, vegnu cu lei.

SIGNORA:   ‘n minutu, mi facissi asciugari u nasu ca signu influenzata. (Mentre prende un fazzoletto dalla tasca, le cade un pezzo di carta piegato).

LETIZIA: e chisti sunu i corpi di aria.

SIGNORA:  amuninni.

Scena IX

(Carlo, Signora, Letizia, Gaspare)

CARLO: (vede cadere il pezzo di carta)signora aspettassi ci casc…(mentre parla lo apre e leggecapendo che ci sono scritti i numeri del sogno).

Né la signora né Letizia lo sentono.

CARLO: (quasi incredulo)aspetta un minutu. Cca ci sunu scritti dei numeri(non crede ai suoiocchi) e sunu scritti c’a pinna russa. Ma no! Non pò essiri. Perciò, u spirdu ci duna inummiri pi un ternu siccu e idda i s’i porta accussì d’appressu comu su nenti fussi, con il pericolo di pirdilli? E in tantu…di essiri sunu nummira: 1, 60 e 90, cca sunu scritti chiaramenti. A pinna a mia mi pari russa, almenu ca ‘nda vicchiania non addivintai sdittonicu. (Combattuto) Ma pò essi? E intantu dui chiù dui fa quattru, anzi ‘nda ‘stu casu tri comu un ternu siccu. In effetti putissi essiri ‘u destinu…

GASPARE: chi hai ca parri sulu?

CARLO: Gaspare tu ci cridi ‘ndo distinu?

GASPARE: e comu!

CARLO: e secunnu tia è tuttu scrittu oppuri qualche cosa si deve agevolare?

29


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

GASPARE: certe cose sunu scrittu ‘nda petra e non ci poi fari nenti, autri sunu sulu, dicemuappuntati, e tocca a nuautri decidiri chi ni vulemu fari. Per esempiu ju sacciu ca ‘u distinu di dda fruttarola è di essere la mia zita. È una situazioni appuntata…

CARLO: e tu chi stai facennu.

GASPARE: pe accomora a staiu ‘nciumannu, ma fra pocu ci fazzu u ridipuntu.

CARLO: ho capito. E poi comu dissi a signura: chi non risica non arosica. Grazie Gaspare(va peruscire di scena).

GASPARE: e unni ti ni stai jennu?

CARLO: a risicare caru amicu, a risicare.(Verso la comune)don menza palora…amico, staiuarrivannu (esce).

LETIZIA: (uscendo dal bar)bih allura veru è! U sognu funziona, anzittavu i nummira.

SIGNORA: e chi ci pari ca dicevu fissarì! Avanti quantu mi raccolgo bambole e pupi e mi ni tornua casa a telefonaricci e me fighi pi diricci ca oggi ponnu passari. Arrivederci (esce).

LETIZIA: buona giornata.

GASPARE: (con fare ammaliante)Letizia, Letiziedda mia bedda…

LETIZIA: auh ca scugniti, chi è ca m’allisci.

GASPARE: ma ‘u sai ca oggi sei appidavero motto sexuale.

LETIZIA: ahu a tia, ma chi è ca ti mintisti ‘n testa? Chi stai facennu ah!

GASPARE: staiu accuminciannu la fase ridipuntistica.

LETIZIA: ma chi ‘ncucchi, pezzu di babbasunazzu.

GASPARE: e cara mia, dammi tempu ca ti perciu.

(cantando mentre si chiude il sipario) E io sono vedivo…

FINE PRIMO ATTO

30


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

ATTO SECONDO

Stessa piazzetta del primo atto.

Scena I

(Letizia, Nello,Gaspare)

All’apertura del sipario Nello sta sparecchiando i tavolini, Letizia sistema la merce, mentre Gaspare è seduto ad un tavolo con un fazzoletto che tiene la mandibola ed è legato alla fronte.

LETIZIA: oooh, e finalmente un poco di pace ‘nda ‘sta piazza.

NELLO: ce certu Gaspare non po’ parrari.

GASPARE: (dolorante perchè è stato dal dentista)poco. Posso parlare, ma poco e alleggiu, allurasi sdillabbranu i punti.

NELLO: ma quali punti? Si po’ sapiri chi ti succidivu.

LETIZIA: ha fatto un’estrazione il signorino.

NELLO: un’estrazione?(Gaspare annuisce con la testa)e pi quali rota?

GASPARE: p’a rota do scimunitu ca si! Ahi…ahiahi, pezzu di scunchiudutu non mi farti jittari vucica non c’a fazzu.

LETIZIA: ci scippanu una janga. Chidda do giudiziu.

NELLO: e chi aristasti sgagnulatu ora?

GASPARE: cannaruzzuni ca non si autru; pirchi’ chi avemu sulu ‘na mola?

NELLO: e chi sacciu ju? Non l’haiu cuntatu mai.

GASPARE: ah, santa ignuranza. Noi ‘ndella dintatura…

LETIZIA: si ca erumu cavaddi…

GASPARE: muta tu su i cosi n’e sai. Tu a scola non ha studiasti a scientigrafia, ah?

LETIZIA: no, ju studiai sulu a tacchi.

GASPARE: e allura, pezzi di affabbetici ca non siti autru, ascutati le parole del professore Gaspare.Allora ‘ndel fonnico bocchifero, partento della facciata di facci, avemu: dui denti muzzicatori (indica gli incisivi).

31


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

NELLO: comu muzzicatori? Ma si sicuru!

GASPARE: auh, non sulu a scola ci jevi sulu quannu c’eruni i giti e sparti hai la pritisa di metterein dubbito i me paroli! Tu quannu chianti un muzzucuni, comu fai?

Nello mima di addentare qualcosa.

NELLO: bih hai ragiunu, usu ‘sti du.

GASPARE: ‘ u vidisti, infilato! Siccome che sevvono pe ammozzicare, noi scientifici ci abbiamodato il nome di denti muzzicatori.

LETIZIA: e tu fussi scinziatu?

GASPARE: senti, paparella del mio cuore, vidi ca ju pi pighiarimi a licenza pescivendola fici uncorso accelerato, alli voti ti pari ca m’arrialavu qualche amico politicante! Ora muti su vuliti impari qualche cosa ‘nda vita, allura votu bordu e mi ni vaiu.

LETIZIA: macari ‘sti paroli arrivassunu o cielu.

NELLO: a mia m’intaressa continua.

GASPARE: dunque. Doppo dei du denti mozzicatori, appena che forrì a destra oppuri a sinistra,attrovi il dente cagnifero. Appena che ti fai un’altri due passi incontri propriu di facci, ca su non stai attentu ci ‘ntappi, i denti chiamati i po’-mollari.

LETIZIA: ma ‘na vota non si chiamavunu pre-molari?

GASPARE: arrivavu! Addivintamu tutti prufissuri ora! Si chiamaunu i po’-mollari.

NELLO: ma in che sensu?

GASPARE: (improvvisando)ma…nel senszo…che…siccome va…(idea)ah ecco, nel significatoca siccome ca c’hai chiddi d’avanti e appoi chiù ammucciati ci suni le janghe, i cagniferi sunu macari supecchiu…

NELLO:  a si!

GASPARE: ca certu, sono supecchio e dunque su n’e voi i poi muddari.

NELLO: bih e tutti ‘sti cosi sunu intra a me vucca? Allura è china china!

LETIZIA: a vucca è china, è u ciriveddu ca è leggiu.

GASPARE: a certu, Nello tu non hai ‘na testa, ma un porta capelli.

NELLO: chi fazzu arriru?

32


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

GASPARE: no, è fecondativo.

NELLO: chi?

LETIZIA: facoltativo.

NELLO: comu?

LETIZIA: zoccu voi fari fai.

Nello entra nel bar.

Scena II

(Gaspare, Carlo)

Carlo entra sconfortato e si siede al tavolo di Gaspare.

GASPARE: chi hai Carlo?

CARLO: nenti, nenti. Tu chiuttostu, chi ti succidivu ca stai parennu un uovo di pasqua.

GASPARE: nenti, haiu a statu ‘ndo dentista per farmi una pulizia dei denti.

CARLO: e ti cummunavu accussì? Chistu non era un dentista, era un arrotino…venghino signorevenghino è arrivato l’arrotino, ammolu cuteddi, abbessu cucini a gassi, ci mettu a stuppa ‘nde pedi de seggi.

GASPARE: si sfuttimi tu; io ho il senso degli affari.

CARLO: chi voi diri?

GASPARE: ca ju ero lì solo pi ‘na pulizia, a un certo punto u dutturi mi dissi: senta, taliasse che c’èuna janga un poco storta, pi 50 euri tutto compreso ce la sdradico.

CARLO: ma a tia ti purtava disturbu?

GASPARE: no, ma pi 50 euru chi eru scemu ca non accitavvu? Mi purtai avanti.

CARLO: sei un affarista.

GASPARE: modestamente.

CARLO: ma scusami ah, su ti jevi a livari un unghiu incarnatu e u dutturi tu diceva ca ci hai unajamma un pocu storta…chi è t’a facevi scippari?

33


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

GASPARE: su c’era di sgavitari si. Ma tu inveci, mu voi diri chi hai, pari ca ti mossi qualcunucaru!

CARLO: ju, staiu pi moriri ju.

GASPARE: chi voi diri?

CARLO: che sono stato un pazzo. Vedi Gaspare a me situazioni economica t’a cuntai…

GASPARE: si a sacciu, i tassi di pavari, i soldi ca non trasuni, a banca ca chiama carta.

CARLO: ecco bravu. T’a ricordi a discussioni del fato...

GASPARE: si, certu.

CARLO: ecco. L’autru jornu a signura di l’elfu e do pisci spada, ci cascavu da sacchietta ‘n pezzudi carta cu scritti tri nummira russi.

GASPARE: e chi voli diri?

CARLO: a storia è longa, però morale della favola, ju eru sicuru ca niscevunu e mi jucai tuttuchiddu ca avevu, anzi ca non avevu o lottu, nella speranza di una grande vincita e di sistimari tutti cosi.

GASPARE: e quantu pirdisti?

CARLO: trenta mila euru.

GASPARE: quanti?

CARLO: capisti bonu.

GASPARE: e cu ti desi tutti ‘sti soldi.

CARLO: don menza palora…amico.

GASPARE: ddu criminali!

CARLO: si, ma quannu mi fici pristari non ‘u sapevu ca era un cravattaru.

GASPARE: e cu ti pareva ca era babbu natali?

CARLO: insomma, chistu fu u colpu di grazia. Chiddu accuminciavu a dumannari i soldi arreri.

GASPARE: mancu u tempu?

34


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: si. E comu su non fussu già ‘nde vai, a banca dissi ca ha veniri un perito pi circari dicapiri meghiu a me situazioni economica.

GASPARE: e chi c’è di capiri. Si persu!

CARLO: ju capisciu di costruzioni no di cunti. Cca ci vuleva un contro perito.

GASPARE: e su è pi chistu non ci sono porblemi, t’aiutu ju.

CARLO: e comu?

GASPARE: a basta ca mu dici u jornu prima e ju mi mangiu matina, menzu jornu e sira quarari equarari di treiaca. Ci u fazzu avvidiri ju a chistu u contru piritu.

CARLO: ma chi capisti? Un perito, un esperto.

GASPARE: e dopu ca è un piritu espertu! Chi ti pari ca ju scherzu! A mia e tempi belli misapevanu sentire uragano savvaggio, facevu certi ruggiti intestiniferi. Ahi, ahi.

CARLO: chi fu?

GASPARE: a mola. Megghiu ca non parru chiù.

CARLO: arripositi. Ju vaiu ‘n minutu intra a parrarri cu Fausto(entra nel bar).

Scena III

(Gaspare, Cosimo, Carlo)

GASPARE: ahi, ahiahi…

Entra Cosimo e si guarda in giro come se cercasse qualcuno.

COSIMO: (a Gaspare)buongirono.

GASPARE: (a causa del mal di mola non parla ma risponde con gesti e mugugni:buongiorno)um…um..u!

COSIMO: chi havi, addivintavu mutangulu?

GASPARE: no. ‘Nganga.

COSIMO: e comu parra? Mi sta parennu un addrevu. Chi ci succidivu ci vinni un corpu di ixi?

Gaspare fa gli scongiuri.

35


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

COSIMO: bih, ma vadda com’è storta a sorti. Chi lo doveva diri, lei un tipo accussì vivolo,risulenti, con chiacchiera e la parlantina sempri in pizzo alla vucca, comu ci finivu…a parrari pi gemiti ausi un picciriddu.

GASPARE: (borbottando non chiaramente:ma chi dici?) a i ii?

COSIMO: basta, non si sfrurzassi prima ca sta ixi attiventa zeta a ci veni un corpu siccustinnicchievuli.

GASPARE: au iii asoooo.

COSIMO: u fighiu…vadda comu si sta inturciuniannu tuttu paru! U cori mi sta divintannu nicunicu ausi ‘na nucidda americana.

GASPARE: (si fa forza per vincere il dolore)ma chi schifiu sta ‘ncucchiannu!

COSIMO: miracolo, miracolo, parra di novu. Santu Masciddaru, u prutitturi de lingiu longhi ci ficia grazia!

GASPARE: bonu, ju sugnu bonu. Pozzu parrari comu e meghiu di prima. Haiu sulu duluri di molaperché mi fici un piccolo intervento…aah.

COSIMO: e non m’u puteva diri prima, ca mi fici pighiari tutta ‘sta grandi collira.

GASPARE: e stassi attentu alli volti ‘sta sira non mangia.

COSIMO: comunque, ju stavu circannu ddu signori ca c’era l’autru jornu cca, chiddu ca ci ivu‘ndo menzu ‘nda scinata fra mia e me mugheri.

GASPARE: ah, cerca a Carlo, u geomitra.

COSIMO: precisamente.

GASPARE: sta turnannu, manca cincu minuti.

COSIMO: e ju ‘sti cincu minuti non ci l’haiu. Senta c’a possu lassari ditta una cosa p’o giomitra.

GASPARE: parrassi.

COSIMO: vidissi ca è cosa importanti.

GASPARE: auh, su non si fida aspittassi e parra direttamenti cu iddi.

COSIMO: no, tempu non ci n’ahiu. Mi fidu. Allura, ci deve dire ca quella messa in scena…

GASPARE: quali?

36


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

COSIMO: iddu ‘ sapi. Quella mesa in scena non si fa più. Cu me mugheri ficiumu a paci e perciò ètutto a postu.

GASPARE: meghiu d’accussì.

COSIMO: è chiaro veru?

GASPARE: chiarissimo, comu l’acqua da gebbia.

COSIMO: mi raccomando, ci ‘u dicissi subitu ca è cosa importantissima.

GASPARE: e torna. Vidissi ca il qui rappresentato Gaspare detto coccio di mucco, havi unamemoria di fero e su pighia un impegno, u rispetta a costo della vita…(fra sè) di qualche dunu autru.

COSIMO: va bene, allora la ringrazio e la saluto.(Uscendo)comunque ju su fussi in lei ‘ndodutturi del cirivello ci issu u stissu, non havi ‘na bella cira e l’ixi può arrivari da un momento all’autru (esce).

GASPARE: a forza ca ti venia a tia u ixi, a zeta e tuttu l’alfabetico, pezzu di crastu cuntentu.

Scena IV

(Gaspare, Nello, Carlo, Pacifico)

Nello esce per sistemare i tavolini.

GASPARE: ahi, mi scuppiavu un duluri di testa ca ci manca sulu a parola.

NELLO: e chi c’entra ora testa? Tu non avevi duluri e denti?

GASPARE: e bestia senza mirudda ca non si autru, tu i denti unni ci l’hai suttu e custati dellatrinca, allippatti e ‘nginaghi do ginocchiu, arreri o viddicu, ca ti muzzicuni aschiddi…

NELLO: auh chi voi! Chi mi cunti a mia!

CARLO: (uscendo dal bar)mi ha cercato qualcuno.

GASPARE: nessuno, proprio nuddu. Avanti quantu mi vaiu a abbissari un pocu di robba(va nelsuo negozio).

CARLO: meghiu d’accussì(si siede ad un tavolo e comincia a leggere dei documenti).

GASPARE: Ahi!

CARLO: chi fu?

37


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

GASPARE: (non si capisce quello che dice:s’allintanu i punti, non possu parrari chiù)i aaa i ui. Oouu aai iù.

Entra un uomo rozzo, dal fare prepotente.

Nota: l’attore che interpreta il personaggio di Pacifico è lo stesso di Pitulla, per agevolare ilcontrasto fra le due scene, Pitulla sarà elegantemente vestito, mentre Pacifico indossa jeans o pantaloni in pelle, giubbotto chiodato o simile, stivali, occhiali da sole.

PACIFICO: s’abbenedicano lorsignori. Sto ciccanto un certo signore…Calloso…Callifero…Callo.

CARLO: sono io, chi mi cerca?

Gaspare segue l’azione dal suo negozio, è sempre alle spalle di Pacifico.

PACIFICO: non è infommazione che ci deve interessare.

CARLO: bih talia quantu è matelicu chistu.(Dopo una breve riflessione)aspetta, aspetta unminutu, chistu di sicuru è l’attore ca mi mannavu du pazzu di Corna di Crasto. Ca va beni, facemu ‘stu tanicchia di commedia. Avanti vidissi chi ha fari ca ju tempu non ci n’haiu assai.

Gaspare capisce che Carlo ha scambiato Pacifico per l’attore che Cornadicervo gli ha detto non avrebbe più mandato. Comincia allora a fare tutta una serie di gesti per dissuadere Carlo dal comportarsi spavaldamente.

PACIFICO:    tantu pi accominciari, quannu parri cu mia, levaccilla quantu nenzu chilu di matelicheria. Cca su c’è unu ca po’ fari u matelicu, sugnu ju.

CARLO: giusto. Ognuno c’a so parti. Tu fai l’emissario do crastu e ju fazzu chiddu ca pighia corpa.(A Gaspare che fa cenni per farlo desistere) non ti preoccupare Gaspare, tutto sottocontrollo, appoi ti spiego.

PACIFICO: auh tu, cosu ca non cunta e non scunta, comu ti permetti di chiamari crastu o meprincipali!

CARLO: e non t’affenniri, tantu u sannu tutti ‘ndo quarterti.

PACIFICO: ma chi dici?

CARLO: tranquillo, sacciu chiddu ca dicu. È crastu c’a prova.

PACIFICO: ma ju ti rumpu, ti scucchiu, ti…

CARLO: si va beni, tutti sti cosi i sacciu, già mi dissi iddu:(con sufficienza)e ju ti scannu, jut‘ammazzu, ti sdisintegru, ti macinu ausi capuliatu di primo taglio senza grassu. Ora circamu di passari avanti forza.

38


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

PACIFICO: ma chi è non ti scanti?

CARLO: (con sufficienza ed ironia)si mi scantu. M’a staiu facennu sutta, non vidi comu tremu?Talia, brrrr…mi sentu tutti i pila d’a carina arrizzati.

PACIFICO: e chi fai, mi sfutti?

CARLO: ma quali! Stamu ricitannu no? Anzi talia chi facemu: ora ju m’avvicinu e t’ammuttu.(Lospinge)

PACIFICO: ma chi si pazzu? Comu t’arrisicasti a tuccarimi?

CARLO: bravu, accussì ti voghiu. Devi essere arraggiato, calati nella parte.

PACIFICO: ma ju a tia ti fazzu calari…a mascedda cu ‘n tumpuluni.(Lo spinge a sua volta).

CARLO: e chi veni sulu?

PACIFICO: mancu vegnu, mannu sulu a manu.

CARLO: ahahah, a si spiritusu, certu ca poi fari u cabarettistico. Gaspare basta, chi è ca voi ca havimenz’ura ca t’arrimini docu arreri! No vidi ca ni stamu addivittennu!

PACIFICO: a ti stai addivittennu?

CARLO: comu ‘n picciriddu. Talia chista(con dei movimenti veloci avanti ed indietro, tipo pugile,gli dà schiaffetti sul viso e colpetti allo stomaco), auh e cu sugnu Rocky Joe?

PACIFICO: mi staiu siddiannu!

CARLO: a si, marititi.

PACIFICO: mi staiu innervusennu.

CARLO: e allura ora ci pensu ju(gli salta sulla schiena e comincia a fargli il solletico sul collo esul petto).

PACIFICO: (sorridendo istericamente)no, no, u solledico no.

CARLO: e si, si u cartighiamentu si.

PACIFICO: (facendolo cadere)gran pezzu di babbu, forsi tu non hai caputu cu sugnu ju e cu mimannavu!

CARLO: u sacciu, u sacciu. Tu si l’attori ca mannavu Cornadicervu.(Vedendo i vistosi cenni didiniego di Gaspare) a…nooo.

39


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

PACIFICO: nonsi.

CARLO: e…e cu si?

PACIFICO: chiamami Pacifico. Mi manna…(minaccioso)don…menza palora.

CARLO: (terrorizzato)l’a…l’a…l’amico?

PACIFICO: propriamenti…l’amico, e voli i so soldi.

CARLO: ma caro signor Atlantico…

PACIFICO: Pacifico mi chiamu.

CARLO: e va beni, non si surriscaldi. Mio caro commendatore Pacifico, ju i soldi non ci l’haiu. Giàci u dissi al nostro (con enfasi) caro amico comunitario, eravamo accordati.

PACIFICO: a mia non m’intaressa. Voli diri ca i carti in tavula cancianu, su prima si jucava abriscula ora si joca o setti e menzu.

CARLO: e allura ju staju ca matta.

PACIFICO: (prendendo per il bavero)auh pezzu di capra a forma di quagghia…

CARLO: grazie, apprezzo il complimento. Si vidi che lei è pirsona canicapiscia.

PACIFICO: canicapiscia a mia? Ma ju ti smuntu…

CARLO: (riparandosi dietro ad un tavolo)no fermu, ci fu un fraintendimento…

PACIFICO: cca l’unico frammento si tu su t’acchiappu, pezzu di sceccu a forma di muschitta.

CARLO: aiuto Gaspare, fai qualcosa.

GASPARE: (incomprensibile:non pozzu mi doli a janga) u ou i oi a anga.

PACIFICO: senti cunighiu a forma di scarafaggiu, ju tempu di perdiri non ci n’haiu. Ti dugnu un

ultimaitcu: dumani a questa ora tornu e voghiu a mità de soldi.

CARLO: pro…propriu a mità? Decimila non ci abbastunu? Per il resto ci firmu 1925 comde ratedecennali.

PACIFICO: a mità dissi.

CARLO: e mi dica, se puta il caso, auh dico puta sapemunu sentiri, ju non arriniscissi a accucchiari‘sti deci mila (deglutendo come se avesse un nodo alla gola e parlando in falsetto) chi…chi mi succedi?

40


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Pacifico si avvicina con calma, lo prende per il bavero e fa il cenno della gola sgozzata.

PACIFICO: (si metta l’onomatopeico che rende meglio)puà.

CARLO: (come a cercare conferma)puà, puà?

PACIFICO: (asserendo con la testa e lentamente)puà, puà! A tia e a tutta ‘a to famiglia.

CARLO: tutta? Non c’abbasta me soggira!

PACIFICO: tuuutta.

CARLO: ma accussì ci facissi macari un servizio alla società.

PACIFICO: tutta a settima generazioni.(Esce di scena lentamente con la stessa arroganzadell’ingresso).

CARLO: sugnu mortu.(A Nello che esce dal bar)Nello beddu talia chi fai.

NELLO: dicaaa.

CARLO: 180 e 75…coppa larga.

NELLO: e chi haiu a fari cu ‘sti nummira?

CARLO: portaccilli o tabbutaru, e dicci ca pi dumani a quest’ora mi fa attruvari un bel cappotto dimogano…

NELLO: mogano?

CARLO: si. Anzi no ca non mu possu permettiri. Faccillu fari di cumpinsatu.

NELLO: ma prichì avissa a fari ‘sta cascia?

CARLO: ca pi mia, pirchì dumani a questa ora sarò un’anima che va verso il cielo…sempri su dda iaccettuni chiddi protestati a banca.

NELLO: ma chi dici? E ju ca dugnu cuntu(rientra nel bar).

CARLO: e unnu i pighiu i soldi ora? Ju mi jucai o lotti spirannu ‘nde nummiri da signora. Pazzosono stato un folle e chista è a fini ca mi meritu. Mannaggia a mia e quannu accittai ddu travaghiu da scola, ‘stu Statu mi misi ‘nde vai.

41


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

Scena V

(Gaspare, Nello, Carlo, Signora, Letizia)

La signora ‘Nsina entra in scena ascoltando la radio con delle cuffie, mentre balla e canta guarda in giro come se cercasse qualcosa che ha perso.

SIGNORA: (ballando e cantando con un ritmo da discoteca).

e unzi unzi unzi stuppa,

unzi unzi unzi stuppa,

unzi unzi unzi stuppa.

Si avvicina a Letizia e le parla urlando.

SIGNORA:(urlando)signora Letizia bongiorno.

LETIZIA: signora ‘Nsina, buongiorno a lei.

SIGNORA: (non la sente a causa della musica alta e risponde sempre urlando)chi? Non ‘a staiusintennu…(poi preoccupata) bih, ambrisa ca cu ‘sti aricchiolari addivintai sudda!

Letizia le fa cenno di abbassare il volume della radio.

SIGNORA: si, havi raggiuni. Un attimo che mento la radio in menopausa! Oh, ecco fatto.

LETIZIA: signora bella radiu c’havi.

SIGNORA: u sacciu. M’a desi me niputi p’o compleannu. Mi dissi: nanna, ti staju arrialannu unpoddu nanu.

LETIZIA: un ai poddi nanu, voli diri?

SIGNORA: si, si; e chi sacciu cu ‘sti nomi muderni. Comunque mi dissi: nanna azzicchiti iricchiolari ‘nda ricchi e ti senti ‘n bellu discu ca ti ho sdimixato io personalmente.

LETIZIA: e chi è musica rocchiti oppuri di discoteca?

SIGNORA: ma quali rocchi e racchi. È Claudio Villa versioni alla giornata.

LETIZIA: bellu!

SIGNORA: bellissimu. Ju parrannu cu lei, unni è infilatu u discu non l’haiu caputu. Mah, intantum’ascutu a musica, quannu finisci m’arizzettu.

LETIZIA: giustu.

42


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

SIGNORA: ma mi senta. Pi casu chi ha vistu ‘n pezzu di carta unni c’eranu appuntati nummirascritti russi?

LETIZIA: no

CARLO: (fra sé)biiiiih, ‘sta circannu a carta che nummiri. Ma talia chi cosi va, haiu a moriricapiliatu e infamatu…

SIGNORA: no pirchì erunu i nummira da prissioni.

CARLO: (saltando sul posto)di chi?

SIGNORA: della prissioni, mi l’hava scrittu a ‘nfimmera del medico di casa. U sapi jusugnu…troppu tisa…

LETIZIA: chi è lei?

SIGNORA: avaia ca quannu una havi a prissioni javuta. E allura dipenni dei valori di prissioni, jumi pighiu menza pinnula oppuri una sana. Ora l’autru jornu non attruvannu u foghiu, ci sono andata accussì a mimoria e mi ni pighiai una sana. Ora però mi minni u scrupuliu di cuscienza e vulissi capiri quali erunu i valuri veri.

CARLO: e chi nummira erunu chiddi ca si ricorda?

SIGNORA: mi ricordu a massima ca era 160.

CARLO: ce…centu sissanta? No 1 e 60?

SIGNORA: no era 160, a massima.

CARLO: (quasi piangendo)a prissioni, a pirisioni. E ju mi jucai 30 mila euru supra e valuri daprissioni da signora.

SIGNORA: è a minima ca non mi ricordu.

CARLO: 90.

SIGNORA: veru è, era 90. E lei comu u sapi?

CARLO: e va da se, u dicunu tutti i dutturi: su a massima è 160 e minima non po’ essiri ca 90. U 90va c’o 160, è a so morti.

SIGNORA: auh signora Letizia, va vadda ‘stu signori quanti ni sapi.

CARLO: e su u sapevu prima…

SIGNORA: va beni allura ju mi ni vaiu. Signora Letizia tornu chiù tardu p’a spisa.

43


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

LETIZIA: va beni, arrivederci.

La signora indossa le cuffie e ricomincia a ballare e cantare mentre esce.

SIGNORA:(ballando e cantando con un ritmo da discoteca)

unzi unzi unzi stuppa,

unzi unzi unzi stuppa,

unzi unzi unzi stuppa.

CARLO: sugnu un imbecilli. Ma cu mu fici fari? Ju ca non ho mai giocato. A disperazioni mi ficifari cunvintu ca a me sorti puteva canciari cu tri nummira…arrubbati sparti. Sugnu rovinatu, sugnu ruvinatu.

Scena VI

(Pitulla, Gaspare, Letizia, Carlo)

Entra un uomo in giacca e cravatta, i suoi modi sono gentili, quasi affettati.

PITULLA: (a Letizia che si trova davanti al suo negozio)buongiorno buona donna.

LETIZIA: ehilà, a tia…ma comu ti permetti! Ma cu schifiu ti canusci! Comu ti arrisichi a dirimi amia buona donna. Ju ti pighiu e ti smuntu ausi l’alberu di natali doppu a bifana; ju ti scippu i pila a carni viva ausi ceretta; ti fracassu ti pumpulati a dui a dui finu a quannu finusciunu c’o sparu.

PITULLA: signora mi scusi, sono spiacente ma credo che lei abbia leggermente frainteso. Io stavosolo salutandola con il massimo rispetto.

LETIZIA: a si?

GASPARE: ‘a lassassi perdiri, non ci facissi casu ca chista è una sguajata, fimmina zaodda, cosa dizoo.

LETIZIA: e ora chi c’entra Zorru ah!

GASPARE: si D'Artagnan. Mi dica signore che cosa ci aveva di abbisogno.

PITULLA: a dire il vero, cercavo il geometra Carlo Raccozzaglia.

GASPARE: il geomitra e’ dda assittato al tavolino. Ma lei chi avesse rappresentato?

PITULLA: io sono il ragioniere Pitulla, il perito della banca.

GASPARE: ah è u piritu?

LETIZIA: e spruzzicci tannicchia di deodoranti.

44


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

PITULLA: la ringrazio; con permesso(va verso Carlo).

LETIZIA: (a Gaspare)rrrrrrr…tu sgnagnulatu, t’arrisicasti e non t’arrisicari chiù a farimi fari ‘stimali cumparsi, u capisti? (Gli dà un sonoro schiaffo).

GASPARE: i punti, mi facisti scattiari i punti!(Corre dentro il suo negozio a mettere del ghiaccio).

PITULLA: buondì. Il signor geometra Carlo Raccozzaglia?

CARLO: si, mi dica.(Ha l’impressione di conoscerlo ma non ricorda perché).

PITULLA: son il ragioniere Pitulla, il perito della sua banca.

CARLO: ci mancava lei sulu, ora sugnu a postu.

PITULLA: mi seggo?

CARLO: ca si seghi, tantu chiù scuru di menza notti non po’ fari. Ma mi dica, noi attri nicanuscemu?

PITULLA: no, non credo.

CARLO: intantu mi pari ‘na facci canusciuta, non mi ricordu da dove, ma ju a lei a canusciu.

PITULLA: mah, forse mi avra’ visto in giro.

CARLO: (comincia a realizzare che somiglia all’emissario)mi scusi ah, ma per caso chi havi unfratello gemello semantico?

PITULLA: non mi risulta.

CARLO: ma ne è propriu sicuru, chi sacciu magari non siti gemelli e vi sbaghiati di unu, du misi.

PITULLA: non ho fratelli, ho solo una sorella.

CARLO: non è ca so pattri era un tipo libertino, e ni stampavu ‘na para i stissi pedi pedi ausifotocopi!

PITULLA: (assumendo per un attimo i toni di Pacifico)iiiih, zicca a forma di centu pedi, comu tipermetti ah!

CARLO: (saltando sulla sedia)allura non si un gemello, si tu…Pacificu.

PITULLA: (ritornando in sé)no, no stia tranquillo. Non ha nulla da temere, venga qui.

CARLO: no mi scantu.

45


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

PITULLA: ma non ha nulla da temere.

CARLO: ci dissi ca mi scantu.

PITULLA: (alla Pacifico)auh ti dissi assettiti.

CARLO: obbedisco(si siede).

PITULLA: lei non ha nulla di cui spaventarsi, io adesso sono venuto come perito della banca perconcordare un piano di rientro.

CARLO: ma ju non capisco. Prima vinni p’i l’amicu, ora p’a banca…

PITULLA: e sa com’è? Con questa crisi che c’è un povero uomo deve portalo il pane a casa, eallora faccio il doppio lavoro.

CARLO: ma sono due lavori completamenti all’opposto.

PITULLA: (disilluso)lei crede! Comunque veniamo a noi. Vediamo cosa le posso pignorare se nonregolarizza il suo debito.

CARLO: e talia chi u dici cuntentu.

PITULLA: allora, a me risulta che lei possiede un pied-à-terre …

CARLO: ma quali piede-a-ter e piede ‘nda laria, ju c’haiu un piedi ‘nda fossa.

PITULLA: e la casa dove abita con la sua famiglia?

CARLO: ah chidda? Caru raggiunueri è una catapecchia. Sdiroccata, brutta e…umida. Ah, non po’cridiri comu è umidusa! Si deve raffigurare ca è talmenti umida e fridda ca ‘ndo mennu i bratti si venunu a curcari sutta o piumoni cu nuavutri.

PITULLA: e in estate?

CARLO: cauda, ma cauda. Si deve raffigurare ca i suggi p’o forti caudu si inchiunu a vasca dabagnu e fannu finta di essiri a Costa Azzurra.

PITULLA: ma cosa dice se l’ha costruita da appena cinque anni.

CARLO: (piagnucolando in falsetto)non m’a livassi dutturi…

PITULLA: sono ragioniere io.

CARLO: e su è ragioniere allura ragioniamo. Su mi leva a casa ju non sacciu dove andare a stare.

PITULLA: e la casa al mare?

46


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

CARLO: (repentino)‘n purtusu. Chidda è un buco portuso; la cabina di uno stabilimento balneare aconfronto e’ u castellu di versatili, chiddu de re di Francia.

PITULLA: a me risultano tre stanze e garage.

CARLO: no, ci sarà stato un errore nella registrazione.

PITULLA: lei dice un refuso?

CARLO: in effetti ora ca mi ci fa riflettiri un poco di reflusso ‘ndella vucca della l’arma, mu sentu.

PITULLA: ma che dice? Senta non mi faccia perdere altro tempo. Io ho constatato che i beni cisono, dunque o entro tre gironi comincia a pagare oppure inizio la proceduta di pignoramento.

CARLO: (lo supplica)ma per favore…

PITULLA: non sento ragioni.

CARLO: (afferrandolo per un braccio)non mi rovini.

PITULLA: (vedendosi toccato reagisce alla Pacifico)iiiihhh, molla a presa o ti fracassu.

CARLO: auh e chi è double phase? ‘N corpu raggiuneri e n’autru Pacificu. Pari comu a chiddu do

libbru ca si viveva a fialetta e si trasfurmava: u dutturi Jecchilo e misteri Aidi.

PITULLA: io vado. Addio(esce).

CARLO: ci mancava sulu a banca, ora si ca semu completi. Ci volu sulu ca mi casca una di ddistelli asteroestreusi ‘nda testa e accussì a facemu finita.

Scena VII

(Carlo, Nello, Gaspare, Letizia, Signora, Felice )

NELLO: (uscendo dal bar)Fausto mettilu chiù forti u televisori ca ‘sta notizia m’interessa.

CARLO: e a banca voli i soddi, don menza palora…l’amico voli i soldi, e u Fiscu voli i soldi. Matutti soldi volunu di mia? E i me inveci, chiddi ca avanzu, cu m’i duna? Ma ju non ce la faccio chiù; ju butto la spugna, la faccio finita. (Sale con i piedi sulla sedia e sta in piedi).

NELLO: no, fermo chi cosa sta fecennu? Ma chi è pazzu?

CARLO: si pazzu sugnu, mi ficiunu impazziri. Ma non mi firmari, ju mi voghiu abbiari.

47


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

NELLO: ma chi mi sta cuntannu a mia? Si po’ sduvacari di unni voli e comu cridi, abbasta cascinni che pedi da seggia pirchì s’allodda!

Da fuori campo si sente una voce proveniente dal televisore del bar. Durante l’ascolto della notizia, Carlo, capendo che l’estrazione della quale si parla è quella nella quale ha puntato tutto il denaro, cambierà espressione.

VOCE F.C.: bene, adesso passiamo ad una notizia di cronaca. La Guardia di Finanza ha scopertoun imbroglio nell’estrazione del lotto dello scorso sabato. In particolare, alcuni lestofanti hanno truccato l’estrazione della ruota di Venezia, dunque quell’estrazione è stata annullata. Davanti ad un notaio sono stati estratti i nuovi numeri che adesso elencherò: 1, 27, 53, 60 e…

CARLO: e…

VOCE F.C.: e…

CARLO: e…

VOCE F.C.: e…90. Ora le notizie rosa…(la voce sfuma).

NELLO: eh…truffaturi!

CARLO: terno, terno. Nello, fici terno siccu!

Sentendo le urla di gioia di Carlo, accorrono Gaspare e Letizia.

GASPARE: (chi succidivu?) i uiiiu?

LETIZIA: mutu tu ca non si capisci nenti quannu parri. Chi succidivu?

NELLO: fici ternu, u signor Carlo fici ternu siccu.

LETIZIA: (felice)appiddaveru?

CARLO: si, terno secco su Venezia. Cari amici i mei problemi tirminanu, ora haiu i soldi pi pavaria tutti e mi n’arrestunu sparti.

Giubilo generale con urla, balli e “trenini”.

SIGNORA: (vedendo quella festa improvvisata).E chi è oggi s’abballa?

48


Che botto col lotto delle otto – 2 atti di Santo Capizzi

NELLO: si oggi c’è festa granni. U signor Carlo ha fatto il botto col otto delle otto. Un terno siccu aVenezia.

Ancora giubilo.

FELICE: (entra correndo)i attaccanu, i attaccanu a tutti.

LETIZIA: a cui?

FELICE: a don menza parola o so emissariu e macari o diritturi da banca.

CARLO: macari o diritturi?

FELICE: si erunu tutti complici, tutti complici.

CARLO: e allura sugnu riccu e liberu. Nello, porta ‘na buttiglia di champagni ca si devefesteggiare. Anzi talia chi facemu, trasemu tutti ca a voghiu stuppari intra macari cu Faustu.

Tutti entrano nel bar tranne Signora e Nello.

SIGNORA: (un poco delusa)e certu, iddu vincivu e ju arristai all’asciuttu. Eh Calogiru miu ‘stavota fagghiasti. (A Nello) senti giovanotto m’u sai diri quali nummira anzittavu?

NELLO: 1, 60 e 90.(Nello entra nel bar).

SIGNORA: bih i nummira ca crideva essiri da ‘nfimmera? E ju pi sbaghiu mi jucai 1, 20 e 80; 120cu 80. (Pausa) ma allura a prissioni bona l’avevu!

SIPARIO

49

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno