Chista è a virità

Stampa questo copione

                                                         CHISTA  E’  A VIRITA’

                                                        ( sintiti a mia) 

                             Commedia dialettale brillante in un atto e mezzo

                                                                    Di

                                                    

                                                       Antonio  Sapienza

Personaggi:

Salvo Schembri………………………………………..…..Maresciallo dei CC:

Vitu Spiciali..………………………………………………. Cuntaturi di cunta e “parcheggiatore”;

Pippinu………………………………………………………. Compare di Vitu;

Cicciu…………………………………………………………. Gestore di trattoria:

Cettina………………………………………………………..Moglie di Cicciu;

Mariu Matania…………………………………………… Carabiniere semplice.

Agosto 2015

Questa commedia è l’ideale continuazione della precedente commedia sui contatori di cunti,  intitolata Due tonache e un puparo, e tratta le disavventure di due “posteggiatori” e poeti, per sbarcare il lunario.

Sulla scena è stata ricostruita la stanza del maresciallo dei carabinieri: piccola scrivania, poltroncina, tavolino con macchina per scrivere e relativa sedia, un piccolo archivio. Poi bandiera italiana, ritratto presidente della Repubblica ecc.

All’apertura del sipario in scena c’è il maresciallo Schembri che esamina una pratica.

Entra Mariu, giovane, alto, magrissimo, emotivo.

Mariu – Maresciallo, comandi, ho provveduto al fermo di due marioli, li faccio entrare?-

Salvo – (guardandolo di traverso, con aria inquisitoria) Che hai fatto?-

Mariu – (annichilito, pensando d’aver sbagliato) Ho…ho fre…fre…mmato… anzi arre… arre…-

Salvo- Hai frenato? (Mariu fa non col capo) Arrenato? (idem) e allora che cavolo hai fatto! Si può sapere?-

Mariu – (facendosi piccolo piccolo) Ho fremmato due ma…laca … rni.-

Salvo- E allora?-

Mariu – Hanno commesso re… reato.-

Salvo- E tu come lo sai?-

Mariu – Mu dissi Cicciu u tavinneri.-

Salvo- E dov’è la denuncia?-

Mariu – Fu verbali. Sissignori, denunziatu verbalamenti.-

Salvo.- E tu arresti due persone solo perché te lo dice Cicciu u tavinneri?-

Mariu – Ssi, nonzi, ‘nzumma sunu ccà. I fazzu trasiri?-

Salvo- Ma ti rendi conto, bestia che non sei altro, ca con la leggi nun si scherza? E appoi che oggi è ferragosto? E ca i prissuni s’arriposanu e fannu festa? E macari si fanu n’arrustuta di na rota di sasizza pi mangiarasilla in santa paci, e arrivi tu: zac: ho arristatu due malacarni pricchì mu dissi Cicciu u tavinneri? Avanti, a frittata a facisti già, falli trasiri. E videmu se si po’ rimediari.-

Mariu – Maresciallo, comandi, occhio all’allampanatu, è un tipo pericoloso assaiumu.-

Salvo – Chissarà mai, forsi un terrorista, oppuru un killer della mafia, oppuru chissacciu nu scassapagghiari – secunnu tia?-

Mariu- Peggiu, signor maresciallo comandi. È un tipo viscido, infido e mascalzone.-

Salvo.- E tu cchinnisai?-

Mariu – Ho i miei informatori, signor maresciallo, comandi.-

Salvo- O vo cuccati ai pedi, Sherlock Holmes. Falli trasiri sti brutti ceffi.-

Mariu- (esitante) Chi dissi? Cessi?-

Salvo- (insofferente) Dissi ceffi. Comu diri ceffoni ca ti dassi nta sa faccia di jaddina. Avanti, falli strasiri e spiramu ca sta facenna sia cosa di nenti, sennò addiu firraustu.- 

Mariu- Eseguo subordinatamente e immediatamente, osia a tappu!-

Salvo – E annacati…-

Il maresciallo si mette in posa autoritaria, intanto entrano Vitu, Pippinu, Cicciu e Cettina. Saluti a soggetto.

Mariu- I malacarni sunu sti dui. (indica Vitu e particolarmente Pippinu, facendo cenni e occhialini per attirare l’attenzione del maresciallo).-

Salvo- Ma va’… ( come dire evidente, no?) Uffa! ( non capisce cosa voglia dire ancora Mariu) Uffa! Macari i tic ci vinnuru. N’antra bella notizia. Ma cchi ci ai? (poi sospira, si aggiusta il cinturone) E Voi Cicciu, volere sporre denuncia?

Cicciu – Salvo, mi duni del voi? –

Salvo – Sono in servizio.-

Cicciu – E sta beni, si ‘n serviziu. A dinunzia? Ca, se s’affari pri forza…-

Salvo- Certamente! Insomma cosa hanno fatto questi individui…-

Vitu – Se ci primmetti, maresciallu, individui ci lu dici a sso soru!-

Salvo- Come vi permettete? Insolente!-

Pippino – …e chissu ci u dici a sso frati.-

Salvo – (contrariato e confuso dalla reazione dei due) State al vostro posto! Siete da questo momento indagati. (poi mellifluo) E appoi, pozzu pozzui, forsi vi ho offesi?-

Vitu – Ci ha discriminati, osia, disprezzati; quindi, in tantu ca ci semu vi denunziu pi mobbing. Ecco fattu!-

Mariu – ( alzando il capo ) Chi dissi? Bobbi? U so cani?-

Salvo- Dissi ca se nun ti stai nutu, ti staiu abbiannu manu.-

Mariu – A mia?-

Salvo- A tia e ai biati paoli. (sottovoce) Accussì t’impari a frimmari i prissuni a firraustu. (poi a Vitu, cerimonioso) A lei, signore, e al suo mobbing, penserò dopo. Allora Cicciu, cosa hanno fatto questi due galantuomini (ironicamente). E tu Carabiniere Mariu Matania, mettiti alla macchina per scrivere e scrivi il virbali.-

Mariu – Comandi Comandanti.-

Cicciu – Salvo, vulevu diri Comannanti… chisti galantomini, come vossia li chiama, ammentri facevu nu riposinu, in mia assenza, hanno mangiato  nta me tratturia e sinni scapparunu senza pavari u cuntu.-

Vitu – Prego, si sono allontanati per un bisogno urgente.-

Salvo- ( A Cicciu) E’ vero?-

Cicciu – S’alluntanarunu? Sinni fujenu comu du saittuni. E comu ci la facevanu u sapi sulu Diu, picchì datu ca s’avanu ammuccatu na cona senza funnu…-

Salvo- … va beni, specificheremo dopo. E chi li ha serviti a tavola?-

Cicciu – Dda lesa di me muggheri, cca prisenti.-

Salvo- Siete sicuri che siano essi i manigoldi?-

Cicciu . (perplesso) Mani lordi? E chissaiu ju.-

Salvo- Insomma sono loro i colpevoli, li riconoscete sicuramente?-    

Cicciu – A si. (a Cettina) Taliali bboni, …sunu iddi?-

Cettina – (guardandoli bene, particolarmente Pippinu, con occhi languidi) Iddi, a mia mi paruni iddi…-

Cicciu – Comu ti parunu? Sunu! Sunu!-

Vitu – Comannanti, questo signore qui presente, co mandali e ca scoppola janca, sta influenzando la teste.-

Salvo – Questo lo devo dire io, se il signore ci primmetti…-

Vitu – Ci primmettu, ci primmettu; ma occhiu vivu e lestu, cca si rovina l’onorabilità di dui prissuni pi bbeni.-

Salvo – (ironico) Varda cchi cosi. Allora signora Cettina, sono questi coloro che si sono approfittati?-

Pippinu – Se vossia ci primmetti, cumannanti, per la nostra dignità, affittati mai, pozzu pozzu casumai ingaggiati. Poi, tantu pi essiri precisi, Il pasto ci fu regolarmente offerto.-

Salvo – ( tra se) A san precisu ci mancava un ditu.-

Cicciu- Munzignari! ( si porta la mano tra di denti)-

Salvo- Cicciu, mutu! E voi due stativi accorti e zitti, e senza fari spiritu di patati, sennò vi sbattu  in camera di sicurezza.-

Mariu- Cumannanti, araciu, sennò nun ci a fazzu a virbalizzari.-

Salvo.- (guardandolo con sufficienza e poi rivolgendosi a Cettina) Dunque signora, (irinico) i suoi ospiti erano i qui presenti… ( ai due inquisiti) Ahu comu vi chiamati?-

Vitu – Vitu, cavaliere, Speciale, posteggiatore pi campari e artista pi viviri, pri servilla.-

Salvo –Comu, comu? Artista? –

Vitu – E cchiffa ci dispiaci?-

Salvo – A quali. Vulissi sapiri: Artista di cchi cosa?-

Vitu – Se nun fussi ca nun vi vogghiu mancari di rispettu, v’arrispunnissi: di vostra soru! Ma siccomu sugnu arrucatu, vi dico: Sugnu un pueta. Scrivu cunti e li cuntu, scusate il bisticcio di parole, con tantu di Siae ca mi proteggi.-

Salvo – E si buscati picciuli, picchì volevate mangiare a sbafu, nta tratturia di Cicciu?

Vitu –Maresciallu, maresciallu, mancu vui mi pariti. Comu dicevanu gli antichi: “Carmine nun da pane”. Ca puisia nun si mangia, è leggi antica, comu la fami di tutti i pueti.-

Cicciu – (che ascoltava a bocca aperta) Salvo, cchi futtenu puru a Carmini?-

Salvo – Cicciu carmina è latinu e significa poesie. Comunque basta divagare. Accuzzamu e cacciamu! E voi (a Pippinu) come vi chiamate?-

Pippinu – Si ju sugnu un voi, allura iddu è u beccu! (indica Cicciu)-

Cicciu – Ahu e chi mi voi fari cumprumettiri?-

Vitu – Cui tu? (guardandolo con aria di sufficienza), a vo’ cuccati beddu.-

Cicciu – Cosi di pazzi! Uno è truffato e puru ‘nsurtatu. Salvo, attaccali, mettici i catinelli a sti… a sti…-

Pippinu- Attento a chiddu ca ti nesci di ssa vucca di lattrina.-

Cicciu – Lattri e lattrini siti vuiattri!-

Salvo – ( che seguiva lo scrivere di Mariu) Ora basta, accuzzamu. Allura, comu vi chiamati?-

Pippinu -  Giuseppe Ennienni di n.n., professione vice posteggiatore.-

Salvo – ( a Mariu) Scrivisti?-

Mariu – Scriviu.-

Salvo- E cosa scivisti? Leggimi tuttu.-

Mariu- Nell’anno 2015, mesi di austu, ferraustu…

Vitu -… austu e riustu e capu d’invernu…-

Salvo- Basta! Ahu cca c’è a liggi in mezzu. Muti tutti! Leggi Mariu.-

Mariu- Allura: nell’anno…-

Salvo – Chistu u dicisti.-

Mariu – Allura (guarda il superiore con apprensione) … ehm ferraustu, due mani lordi sono stati fremmati per bobbin osia, forsi, po cani do maresciallu, cappoi nunzacchiuchischifiusignifica, che fanno di nome Vitu Cavaleri, spiciale ca scrivi cunti pi cunto da Siae, e Giuseppe Enneenne di Enneenne, vice taccheggiatore.-

Peppino –(intanto che Salvo si mette le mani ai capelli per disperazione) C’o primmessu de presenti, sbagghiu ci fu, iu nun haiu arrubbatu mai: Chista è calunnia a mezzo stampa, picchi c’è scrittu ddocu, nto virbali. Ora v’addinunziu. Maresciallu, scriviti: Ju Pippinu Ennienni, denunziu i qui presenti…-

Vitu –… E io sono testimonio oculatu…-

Salvo- E ju staiu addivintannu ‘n’assassinu! ( dando uno scappellotto a Mariu). Varda cchi fai, po mumentu nun scriviri nenti, assettai nta dda seggia e statti soru e mutu, Capisti? Po virbali ci pinzamo dopo.-

Mariu- ( sedendosi mogio mogio) Ju nun sacciu scriviri vilucementi, ju sugnu nnuccenti. Maresciallu, nun mi trattati mali….pozzu cuntinuavi a fari u me duviri?-

Salvo- Va beni, cuntinua, ma accura a chiddu ca scrivi. -

Vitu -… cappoi ju lu leggiu prima di firmari…-

Salvo – Lo farete a tempo e luogo, e ora quannu ci la finiti cu sta farsa, m’u fati sapiri. Oppuru vi sbattu in camera  di sicurezza…

Vitu – …attorna…-

Salvo - (facendo finta di non aver sentito, poi a Cettina) Dunque signora ci facci sapiri, se furono loro, vorrei capiri ( quasi declamando)-

Vitu – (piano a Pippinu, andando in prima) Sta declamannu, u senti?-

Pippinu- E ca avemu ‘n maresciallu pueta?-

Vitu – Ci scummettu: chistu scrivi puisii.-

Pippinu- Nonzi, nun po essiri: arrivodditi ca è carrabbineri.-

Vitu – E cchi c’entra? Salvatore Quasimodo, n’era tecnicu comunali? E u ficinu premiu Nobbel.-

Pippinu – Quasimodo… era Quasimodo, chistu è carrabbineri.-

Vitu – E tu si sceccu cu tantu di tistera. (ritornano alloro posto)-

Cicciu –(andando verso Salvo) Chi dicisti? Chisti anu a  facci d’oru? Salvo, ma quali oru, sunu faccia di bronzu stagiunatu.-

Salvo.- Cicciu, nun è megghiu si macari tu stai zittu, mutu e soru? ( a Cettina) Signora, allora?- 

Cettina – Mi parissinu iddi… ma talinnuli bbonu… (tutti pendono dalle labbra di Cettina) mi parunu… (Cicciu le da un pizzicotto, lei sobbalza)… si, sunu iddi medesimi.-

Ciccio – (soddisfatto) Ecco i colpevoli, arrestali Salvo!-

Salvo - Ma ci fu violenza, annunca dolu, oppuru chissacciu colpo di reato? (dandosi arie d’investigatore)–

Cicciu – Salvo, c’ancucchi? Mangianu a sbafu, nun t’abbasta?-

Salvo- Manteniamo le distanze. Allora se ci fu violenza il reato s’aggrava…-

Vitu – Vardassi ca u riatu, si nun ci dispiaci, si sgrava, pricchì nun ci fu violenza. Oh!-

Cettina – ( a Salvo) Chi nicchi nacchi a vilanza e u rialu. Sti dui cristiani vinniru sori sori… c’appoi stu picciutteddo (indica Pippino) palliru comu ‘n rotulu di carta igienica…pareva ca salava…-

Vitu - … anciovi…

Pippinu- … alivi…

Salvo - … jappiri?-

Cettina- (ispirata) …  l’urtimu rispiru.-

Cicciu – Vu dissi ca era lesa? Allura, cchi facemu? L’attacchi?-

Vitu – Boni, boni e c’attacchi e tacchi! Cca nun ci fu riatu picchì nun ci fu dolu, osia, ‘ntinzioni di nuocere…-

Mariu –(smettendo di scrivere) Ata vistu? Hanno confessato: Avevanu intenzione di cuocere…-

Salvo- Bestia! Nuocere, ovvero far del male.-

Vitu – Bravu maresciallu! Allora, si ci primmette, ci espongo i fatti: Noi due, dopo una lunga giornata passata in piazza cuntari e ricuntari e a sunari nte tratturie-  quannu accapita, pi ‘n piattu di maccarruni- verso le quattordici, quattordici e trenta, circa, o quasi, ossia, su per giù, ci vinni fami e allura siamo trasuti nta la tratturia della signora qui presenti…-

Cicciu- …e ca divintai fimmina?-

Salvo – ( a Vitu) La licenza è intestata a Cicciu…-

Vitu – Comu dici vossia. Dunque trasemu nta tratturia di stu (guarda con disprezzo Cicciu) di stu…cosu ccà, (controscena di Ciccio) pi mangiarini un piattuzzu di pasta co pumaroru, pi bivirini un bicchiuruzzu di vinu, e fari, s’era u casu, na sonatina pi pagamentu. Ma, ma, la qui presente signora (fa un inchino) ci apprisintò il menù scrittu chinu di ben di Diu, e allura, na cosa tira l’autra, tra una paruledda e l’autra, la qui presente signora ni fici manciari da pascià. E volete che doppu sta manciata non arrivava la… la rima… come dire l’evacuata? E noi evacuammo…-

Mariu- (a bocca aperta, sillabando) …Noi cuvammu…-

Pippinu – Cova to soru! Varda ca acca nun semu iadduffi.-

Mariu – Maresciallu sti imputati mi mancanu di rispettu.-

Salvo- E si tu trasenti: cuvannu…signuri mei… e nun sulu manchi di rispetto a iddi ma macari all’italianu scrittu e orali.  Evacuare è come dire…-

Pippinu -… cacari…-

Salvo – (occhiataccia a Peppinu)… vuol dire andare di corpo. Capisti? E voi continuate (a Vitu).-

Mariu – (c.s.)… mandarunu ‘n corpu…-

Vitu - …’na scupittata!- (si accompagna col gesto) Bum!-

Salvo – ( a Mariu, sconsolato) Bedda mattri, ma cu ti fici trasiri nell’Arma? (a Vitu) Avanti voi continuate.-

Vitu – Grazzi assai. Dicevu: e noi evacuammo…-   

Cicciu – Assemi?-

Pippinu- Noi facciamo tutto assemi, fiurativi ca ‘n jornu…( Vito lo sgomita per farlo tacere)-

Vitu - …  Pi cui ci semu allontanati, pi poi arriturnari, vu giuru: beddamatrisant’alfiu, pi fari u nostro doveri… e a sonatina, se era il caso.-

Pippinu – E l’abbiamo fattu!-

Salvo – Chi cosa?-

Pippinu – A sunatina.-

Vitu – Chissa a facisti tu!-

Cicciu – A quali sunatina! Nun pavarunu! Autro ca doveri e sonatina di sorita…-

Salvo- Ma chi facisturu allura?-

Vitu – Ju nenti… casumai iddu… (accenna a Pippinu)-

Pippinu- (malizioso) Avemu datu… Inzumma, si fa quel che si può… (guarda sottecchi a Cettina).-

Cicciu – A me nun nun trasiu nenti. (alzando le braccia)-

Salvo – E a lei, signora?-

Cettina – Trasiri? A mia? E chi m’a v’o trasiri… ju sugnu na fimmina onesta( fa la timida, impacciata).

Cicciu – Ahu, e chi capisti? Trasiri significa pigghiari picciuli, soldi, quattrini, chi ti mittisti in  testa?.-

Pippinu- Cu rispettu parrannu, chissi in testa a vui, sunu  corna.(fa le corna con la mano)-

Cicciu – ( guardando storto Peppino, poi a Cettina) E tu chi dici?-

Cettina – Ju? E c’a diri? ju chinni sacciu…-

Cicciu –( vedendo che Pippinu indugia nel gesto) Corna? ( guardandosi intorno con occhi torvo, poi a Cettina) Comu: chinni sacciu. E se a mia arrivanu i corna, a tia chi cosa t’arrivò?-

Vitu – … nu stummu…-

Pippinu - … n’aceddu…-

Mariu – (battendo le mani, come se fosse un giuoco) …’ n citrolu…-

Salvo … e na cucuzzedda! (riprendendosi) Basta! Siamo seri!-  

Cettina – Ahu a finisturu di sbintari?-

Salvo- Va beni, va beni. Sintiti, lassamu stati i corna ca nun interessano alla giustizia. Cà, nel prisenti, nun ci fu Intinzioni di frodo, di dolo, semmai qualche piccola colpa, allora, sapete cosa vi dico? Trovate un accordo tra di voi e facciamola finita, picchì u ferraustu arrivau e a sasizza aspetta  a mia.-

Vitu – ( a Cicciu) Messeri, moneta spicciola non ne tengo. E tu? (rivolto a Peppino)-

Peppino – (svuotando le tasche) Ju? Mancu nu sordu fausu.-

Salvo- Potreste pagare in natura.-

Vitu – Bell’idea! Pippinu, cchi dici? T’a senti… di pavari… in natura…-

Pippinu – Cui ju? A iddu? (accenna a Cicciu, schifato) semmai a ella, ad essa, a idda, ‘nsumma.-

Cettina – Che cavaliere…- (fecendo la leziosa)-

Cicciu – Salvo, cca ci appizzu u sceccu cu tutti i carrubbi, mi pari.-

Cettina – Ho un’idea!!!-

Cicciu – Tu? Ma vo cucchiti.-

Vitu – E facitila parrari, malarucatu. (poi a Cettina) Pontificate pure madama. Tutti zitti e sori, annunca ccà finisci a schifiu. (assumendo l’aria malandrina)

Cettina – Cicciu, t’arrivordi quannu in viaggiu di nozzi a Taormina, nto ristoranti unnu manciavumu trasero i sunaturi ca chitarra e c’o friscaletto?-

Ciccio- M’arrivordu, e allura?-

Cettina – Comu allura? E nun u vidisti i clienti comu erunu cuntenti?-

Cicciu – Eranu cuntenti, e allura?-

Cettina – E allura mangiavanu cchiù assai e pavavunu u cuntu senza taliari. Ora se na nostra tratturia, (sottolineandolo e guardando languidamente Pippinu) …inveci di mannulinu e friscaletto, ci facissimu trasiri sti… sti…-

Cicciu -… sti cuntaminchiati… cuntinua…-

Vitu – Semu posteggiaturi patintati.-

Cicciu – Nta me tratturia nun c’è posteggiu, signor coso.-

Salvo – Cicciu, posteggiaturi po’ significari ca sti signori sonano nei locali pi buscarisi a juarnata. C’appoi sunu macari pueti. (a Mariu) Mariu nun scriviri cchiù nenti, pi faureddu)-

Mariu – (asciugandosi il sudore) Comandi maresciallu…Menu mali ca finiu sta turtura. (si rilassa sulla sedia)-

Salvo – (rivolto a tutti) Allora, cosa facciamo?-

Vitu – Facciamo che possiamo accordarci, macari a priccintuali. -

Cettina- (a Cicciu) A vistu? Nun sborsi na lira, c’appoi, macari putissunu cuntari i cunti, comu e pupari…-

Cicciu – Chiccosa? I storii de palatini di Francia?

Vitu - … na vota, ora ci siamo aggiornati.-

Salvo – (interessato) In che senso?-

Vitu – Nel senso che scrivemu storii muderni e puemi antichi.-

Salvo- I vulissi sentiri sti storii… (con una punta d’ironia).

Vitu – (prendendo la palla al balzo) … E magari, possibilmenti, ca scasciuni, ci  niscissi na mangiata gratis…-

Cicciu – No, no, a quali musica…-

Cettina – E tu si sempri testa di chiuppuru! Nun afferri le novità.-

Peppino – Lei si che afferra! Bene, brava…-

Vitu – …Bis!-

Pippinu –… A tempo e luogo. (maliziosamente)-

Cettina - … ca certu…(abbassando gli occhi)-

Salvo -  C’appoi, accussì, aiutati l’Arti, a Puisia…-

Cicciu- E cu sissantamilioni ca semu, proprio ju l’aia iutari?-

Cettina –Avaja Cicciu e pruvamici.-

Cicciu- E va beni, nun sugnu cunvintu, ma m’arrennu: sunati e cuntati.-

Vitu- … E manciati.-

Cettina – Ca certu… manciari, cuntari, e…sunari.-

Cicciu- ( a Cettina) Calma calma: E chi sunati? ( a Vitu)-

Salvo - A Traviata! Cicciu e chi ponu sunari i posteggiaturi? O sole miu…-

Vitu – Macari, macari, ma Pippinu avi nu repertoriu… (allusione al sesso di Peppino)-

Cettina- Davveru. (maliziosamente entusiasta)-

Mariu – A sapiti calabrisella? Je adatta pri Cettina… volevo dire, pi donna Cettina, scusati…-

Pippinu – Chissa e autri… ho un grosso repertorio (allusivo). Vitu, ci lu fazzu vidiri?-

Vito – Po mumento no… ma forsi in privato…-

Cettina – Macari, macari (battendo le mani) e i sirinati? Li sapiti fari (leziosa)-

Pippinu- Sirinati e… macari nuttati.-

Vitu – Avenu nu repertorio riccu assaiuni…-

Cicciu –  A esempiu?-

Vitu – (allusivo) E vui durmiti ancora, Mi votu e m’arrivotu suspirannu…-

Mariu – Bravu! E propriu chiddu ca fazzu ju. (tutti lo guardano ammutolendo) Scusati, scusati.-

Vitu- Poi na sera e maggiu…-

Pippinu – (anche lui allusivo)… Dicitancillu vui.-

Cicciu –(che si sente bersaglio di sfottò) A tagghiatina i facci.  T’a dugnu ju a sirinata.(sottovoce)-

Pippinu – ( Che ha sentito) Statti bbonu e soru! (minaccioso)-

Mariu – (a Pippinu) Ata dittu: sirinati e nuttati… Ma bravo (ironico) E chi sintiti diri cu “nuttati”?-

Pippinu – A tia nun ti interessa, mi pari.-

Mariu – U dici tu! (minaccioso)-

Salvo – ( per cambiare discorso) E chi strumenti sunati?-

Vitu – Ju a chitarra e iddu… (indica Pippinu)

Pippinu –… U marranzanu!  Gniursì (serioso).

Cicciu –E comu u soni u marranzanu?-

Cettina – (con aria sognante) Bonu, bonu.-

Cicciu – E tu comu u sai?.

Cettina – (imbarazzata) Intuito fimmininu.-

Cicciu – (Rotolandosi le maniche della camicia) A ora t’u dugnu ju l’intuitu fimmininu.-

Cettina – Statti soru cche manu.-

Mariu – ( balzando in piedi) Violentatore, t’a fai che fimmini?-

Salvo- ( intervenendo d’autorità) Calmati Cicciu…-

Pippinu – ( a Vitu) Ma nun si si chiama Niculinu? ( fa cenno con le dita alle corna in fronte)-

Vitu – ( a parte) E a tia cu t’u dissi?-

Pippinu –S’o muggheri, quannu mi purtò dda banna, a vidiri u prisepi…-

Vitu – U prisepi? A firraustu?-

Pippinu – (incrociando le mani e guardando in cielo) Ognunu s’u vidi quannu voli.  E ora mutu.-

Salvo –  ( i due continuano ad inseguirsi attorno al tavolo) Fremmi, fremmi, mi gira a testa. (cercando di fermare i due coniugi) Avanti finitila, dativi, a manu e jtavinni a casa.-

Pippinu- Allura u sunamu stu marranzanu oppuru no?-

Salvo – Vi dissiru a priccentuali, si nun sbagghiu quistioni.-

Vitu – Se lo dice l’autorità costruita, affari fattu! E cu iddi chi facemu ( accenna ai due che se ne stanno imbronciati)-

Salvo – Nenti, nenti, cchi vuliti fari, sunu affariceddi di famigghia… e …d’altro. (Sistemandosi il berretto e facendo cenno con le dita alle corna, poi guardando significativamente Pippinu che civetta con Cettina)-

Vitu – Allora, beddi valenti, ora si và a cuntari, a cantaria e a sbafari, a comu veni veni.-

Peppino –  … e a sunari … sempri c’o…marranzanu.-

Cicciu … e dalle.-

Salvo- Allura Mariu ju m’assentu pri (guarda l’orologio) na para d’uri, u tempo di mangiari mmossu di pani…-

Vitu - … (sottovoce) Cu na rota di sasizza, senza offrirla all’amici…-

Salvo – Mariu, assumi il comando della stazione e, mi raccomando, niente arresti, fermi e cuntrolli. Fai finta ca un c’è nuddu, anzi, nun arrispunniri mancu o telefunu. Capisti?-

Mariu- Nonzi.-

Tutti stanno per uscire, ma si bloccano sbalorditi.

Salvo – Chi dicisti?-

Mariu- Dissi: nonzi.-

Salvo- Nonzi pi diri no?-

Mariu – Annunca!-

Salvo- Mariu, ju sugnu patri di famigghia e ora fazzu finta di nun aver sentito.-

Mariu- E ju ripetu: nonzi!-

Vitu – Avaja Mariuzzu, chi ti voi mettiri nei vai?-

Pippinu- Ma cchi ti passa pa testa, Mariu?-

Mariu- Mi passa pa testa di sparariti nta panza, porcu e tradituri!-

Pippinu- A cui? A mia?-

Mariu- No, a me nanna!-

Pippinu- (guardando gli altri) Ma cchi nisciu foddi?-

Mariu – Si, foddi, pazzu, mattu e fora di sennu, e cu ancora ci n’avi ci ni metti!-

Salvo- (smarrito) Amici, avete visto tutti? E ora cchi fazzu, u ruvinu a stu carusu?-

Cicciu- Mariu, pi carità di Dio, chiedi scusa a Salvo e finemula.-

Mariu- Tu la po’ finiri, cunnutu e beccu cunzenzienti. Ma ju no! Ju sugnu n’omu ca è stato ferito nella sua parte più delicata…-

Vitu – Ti castranu? Dimiscanzi!-

Mariu- Castranu a vui e a vostra soru!-

Pippinu- Vitu, lassa perdiri, jamuninni, nuatri cu sta storia nun ci trasemu.-

Mariu- No, pezzu di vastasi, tu ci trasi eccomu! Ma viditulu a stu danerino comu si fa beddu cu Cettina, come la cinconcisce. Ci fici, pri sicuru, na mavaria… Iddu s’addiverti, e quannu si stanca sparisci… mentri ju moru!-

Vitu – ( facendo Cavaradossi) Muoio disperatoooo.-

Salvo – Mutu vui. ( a Mariu) Ma pri casu…( fa cennu a Cettina)-

Mariu- No pi casu. Ma pi amuri, ecco u dissi. E ora Comannanti arristatimi pi insurbordinazioni e pi pinzatu di tintatu adulteriu.-

Salvo- Viramenti… ( si guarda attorno cercando aiuto dai presenti)-

Vitu – Varda cchi cosi… Un amore tradito, deluso e dichiaratu nta na caserma di carrabbineri, cu tantu di autodinunzia di tentativo di corna.-

Cicciu- Mariu? Mariu? Ma dici pi davveru? Si innammuratu di me muggheri?-

Mariu- E non da ora. Dal momento ca mi trasfirenu ccà. (guardando Cettina, che è rimasta impassibile) Mi furminò! M’arrubbau u cori! M’ammaliò!-

Salvo- T’arrimbambiu.-

Vitu – Di fronti all’amori cessa l’insubordinazione, Veru maresciallu?-

Salvo – E facemu finta ca nun successi nenti. Avanti Mariu, varda cchi fai, votinni a casa, cca ci restu ju, voli diri ca a sasizza ma fazzu purtari ccà.-

Mariu – (scoppiando a piangere) A vogghiu beni, a vogghiu beni assai…-

Vitu - … dicitancillu vui can nun m’a scordu mai…-

Cettina- Mariu, o frati, mi dispiaci tantu tantu, ma ju vogghiu beni a Cicciu, ca è me maritu pi ora e pi sempri… e se fici tutta sta farsa cu Pippinu, fu pi farlo ingelosire, pi farici dispettu! Si, a Cicciu, a ssu pezzu di bistiuni ca penza sulu a fari picciuli e a cuntarli.-

Cicciu- Cettina, Ju… ju pinzavu di fariti cuntenta buscannu sordi pi fariti riali, pi fariti stari di principessa…-

Cettina – Chiamannimi lesa?-

Cicciu- Cui ju? (guardandosi attorno) E quannu mai!-

Vitu – Mezzura fa, minutu cchiù, minutu menu.-

Cicciu – Ma chi capisti? E se lu dissi fu pi scherzu. Vabbè eru incazzatu cu vuattri dui, cosi tinti.-

Vitu – Nuattri cosi tinti? A noi, ca ta ma fattu nu gran favuri?

Cicciu- Quali favuri?-

Vitu – Comu quali favuri, ma se t’a m’a fattu scupriri, proprio ora, ca to muggheri ti voli beni? Ma varda a stu sceccu vistutu pulitu comu arraggiuna. Ma, beddu, ora sai cchi cosa a fari?-

Cicciu- C’aia a fari?-

Vitu – N’anvitari a tutti nto to tratturia pi fistiggiari  a tia e a to muggheri, cu na bella manciata e na bella cuntata e cantata.-

Salvo- Bella idea… priccato ca ju nun ci pozzu essiri…poi m’apetta a sasizza…-

Vito – E pricchì nun ci putiti essiri? Purtatala, ci facemu onore assemi. Sintiti, chi faciti: vui ci viniti in trattoria  pri n’urata, appoi tornati cca e faciti venire a Mariu, e accussì ci facemu passari a collira a ssu carusu.-

Salvo – Si po’ fari, mi piaci sintiri nu cuntu, specie s’è moderno. Tu Mariu, chi dici?-

Mariu- Dicu ca pi mia va beni. A nisciuta di funnucu ca aiu avutu fu pricchì pinzavu ca Cettina s’a facissi cu Pippinu, ma ora, ca sacciu a virità, soffrirò in  silenzio le pene d’amore… -

Vitu - … veramenti,  di giustu, sarà il suo pene a soffrire in silenziu… (verso il pubblico, ponendosi la mano in bocca)-

Cettina – T’aspittamu, Mariu, davveru. (comprensiva, poi con tono tragico portandosi il pugno sulla fronte) Oh gilusia, gilusia, cchi “peni” duri che dai, “fallo” vigoroso, e tuo “ membro ” forte e puro. (indicando Mariu)-

Salvo- (sbalordito) ‘azzo!-

 Vitu – Minchia!-

Pippinu – (piano)… al secolo: Marranzanu!-

Cicciu – ( confuso senza aver capito bene, a Cettina) Cchi dicisti, morti buttana!

Vitu- Leva la morti, basta buttana. (serafico)-

Salvo – Ma di unni ti vinnuru sti paroli? U sai cchi significanu?-

Cettina – E cchi nni sacciu, ju i leggiju nta ‘n libbru d’amuri. (con tono di compassione) U dissi pi cunsularlu, poviru carusu. (indicando Mariu)-

Cicciu – Ah, mi pareva. Ciau Mariuzzu… mi dispiaci. (indica Cettina)-

Salvo- A più tardi Mariu.-

Con musica allegra di marranzano, Vitu prende Cicciu a braccetto ed escono dalla comune parlando a soggetto. Li segue il maresciallo, che saluta Mariu con un gesto della mano; poi fa per uscire Cettina, che prima ha voluto consolare con una carezza Mariu, il quale se ne sta in piede davanti all’archivio, come a guardare i dossier per nascondere la sua commozione. La segue Pippinu, che la raggiunge sull’uscio - quindi si accerta che Mariu stia ancora guardando le pratiche- poi fa una furtiva carezza nel fondo schiena di Cettina, la quale si volta e sorridendo, civettuola, lo minaccia con la mano, ed escono ridendo.

Rimasto solo Mariu, sconsolato, si siede presso la macchina per scrivere, quindi, teatralmente, afferra il verbale dal rullo, lo lacera in mille pezzi e lo getta nel cestino.

La musica del marranzano commenterà tutta la scena anzidetta.

Sipario.

                                                                Atto  II

                                                          ( se è il caso)

Stessa scenografia del precedente atto. In scena c’è Mariu, seduto nella poltroncina di Salvo, con le braccia sulla scrivania e col capo appoggiato sopra.

Entrano in scena Vitu, Salvo e Cicciu.

Salvo- (appendendo il berretto nell’attaccapanni) Mariu, semu cca, se voi tinni po iri a manciari. (Mariu non si muove)-

Vitu – Ahu beddu e cchi fai dommi? (Mariu idem)-

Cicciu - Salvo (avvicinandosi) nun è ca s’ammazzau?-

Vitu – Ma si sta runfannu comu ‘n trenu ‘n chianata.-

Salvo – (scuotendo Mariu) Mariu, Mariu, arruspigghiati.-

Mariu – (borbotta qualcosa, poi lentamente alza la testa, si stiracchia e, di colpo si alza) Scusi cumannanti, m’assittai… pi cuntrullari… na cosa.. e m’addummiscii.-

Salvo – Fa nenti. Novità?-

Mariu – (scattando sull’attenti) Novità n.n. signor maresciallo comandi.-

Salvo- Riposo.-

Cicciu – ( rivolto a Vitu) Picchì nun ci abbastò u sonnu ca si fici.-

Vitu – E cchissacciu (alzando le spalle).-

Salvo- Mariu, vai a manciari.-

Mariu- Comannanti se ci primmetti non ci vulissi iri…-

Salvo – E perché? Di grazia?-

Mariu – Pricchi mi passau u pittitu: fici ‘n ‘nzunnu orribili, un incubu.-

Vitu – (interessato) E chi ti ‘nzunnasti, ca cascau u guvernu? (Mariu fa cenno di no col capo)-

Cicciu -  Ca morsi u Papa? (Mariu idem).

Vitu – U capii:  Catania è finalmenti pulita. (Mariu idem ancora)-

Salvo -  E allura?  Parra.-

Mariu – M’a ‘nazunnai ca l’Arma Benemerita mi congedava pi tentatu adulteriu pinzatu, nei confronti di Cicciu cca prisenti. E ju m’ammazzava ittannimi a mmari.-

Vitu – E nun sai natari…-

Mariu – Gnursì!-

Cicciu – ‘Mbari, nun ci pinzari cchiù, tranquillu. Macari ju sugnu tranquillu, u vidi? a Cittina a lassai sula cu Pippinu, e ti sta aspittannu, comu na soru, picchì me muggheri è na santa. -

Vitu – Ca comu…-

Salvo – Mariu, varda cchi fai, vattinni a manciariti a sasizza. Cu l’Arma, po mumentu non c’è ssu piriculu; cappoi u pinzeru nun è riatu, nun ti prioccupari. Inveci t’a prioccupari di nun farimi girari i cosi… insomma i … cosi…(è imbarazzato)-

Vitu- … i baddi! E finemula ccà.-

Mariu – (velocissimo) Vado, maresciallo comandi. (prende il berretto ed esce)-

Vitu – E accussì finì una storia d’amuri e di cuteddu.-

Cicciu – Picca ci mancava…-

Salvo- Ahu, nun lu diciti mancu pi schezzu.-

Vitu – Ma dai, Salvo, u sai ca sugnu cuntaturi di cunti e di ballate popolari.-

Salvo – Ah, si? E allura in tratturia, inveci di sunari, picchì nun nni cuntasti una?-

Vitu – Dda erumu nto sbaddu…-

Salvo – E cca semu tra amici. Dai cuntani una.-

Vitu - Chiffà, mi provochi? Varda ca ti mangiu. (rifà la famosa battuta di Alberto Sordi)-

Salvo – Ca ora…-

Cicciu – Avanti sintemu ssu cuntu. (si siede comodamente)-

Vitu – Va beni, sentiti chista: Vi cuntu lu cuntu di quannu l’Alliati sbarcarunu in Sicilia.-

Cicciu – Ma nun sbarcanu i clandestini in Sicilia?-

Salvo – Mutu, Cicciu, fu u sbarcu a tempu di guerra.-     

Cicciu – Ma priccì ci fu na guerra e ju nun ni sacciu nenti?-

Salvo – Minchia, ma si scemunitu tutto. A guerra mondiali, chidda di sitt’antanni fa. E ora mutu. Attacca Vitu.-

Vitu –( che aveva ascoltato pazientemente) Grazzi assai. Dunque:

                         LU  SBARCU  IN  SICILIA  DI  L’ALLIATI.

Quannu nta l’annu ’43 a verra

pi l’Itali’addivintò ‘n pocu fitusa,

na nu certu postu di l’Inghilterra,

l’Alliati s’assittarunu a tavulinu

cu ‘n mazz’i carti e ‘n quart’i vinu,

pi decidiri si passari da Sarausa,

p’accuminzari na bella invasiuni,

o fari nu sbarcu a Lampedusa

“Fremmi tutti!”- diss’u Yankye’e so’ cuscini -

“E si ci scangiunu pi clandestini?”

“Cchi minchi dici!” - ci dissi l’Albiuni-

e parra picca annunca tinni vai!”

Ma u tinenti ci dissi: minchiuni,

a mia abbastunu du’ o tri corazzati,

pi rumpiri l’ossa a ssi sfissati!”

Alfin, tutti bedd’e prufumati,

‘mbaccarunu supr’i turpidineri,

facennu rotta, tutti arruffati,

versu la Sicilia, terra civili,

ca l’aspittava cu surdat’e fucili;

Appena sbarcanu nta l’Imperu,

cu ddu gran caudu ca si squagghiava,

si ficiuru u bagnu, po’ si suseru

e conquistaru na garitta, di gettu,

unni tri surdati jucavan’o mazzettu.

I surdati svignaru all’indiana;

co’ grandi cannoni finiu a fetu;

l’ Alliati già passanu nta chiana.

Ammentri c’era unu ca vanniava:

“Jittatili a mari!” e s’ancazzava.

“A cui? Eccellenza, dici a mia?”

- rispusi l’Esercitu talianu -

“picch’annunca sta fagghiannu vossia”.

E ddu papavuru, a gran vuci:

“Ve lo comando, io sono il duci!”

“A cchi cumanni, santu cristianu,

‘n vidi ca semu comu lazzaruni,

cche pedi scausi e ca cavetta ‘n manu,

ammentri ca cercamu travestimenti,

ammucciannici macari nte conventi?”

“U capii” ci rispunnì “siti filluni,

aoura ci mannu i germanisi,

ca jiettunu a mari a ssi cugghiuni!”

“Bravu!” - Ci dissi u Re, so’ majistà –

“e t’elogiu pi la to’ capacità!” 

E ‘ntantu passau cchiu di ‘n misi,

e l’arma sigreta nun ci arrivò,

o duci ci giravanu i pampanisi;

nto mentri lu gran Re si la svignava

e l’Italia, puvurazza singhiuzzava!

A stu punto l’invasioni arrisultò

n’affari di picciriddi juculani,

l’Alliatu, lestu, u strittu passò;

poi ni luvanu cimici, pirocchi,

e, macar’a tistera e paraocchi.

Gran finale:

Alla Sicilia, pi sunsulazione,

pi meritu d’amici di l’amici,

n’arrialanu – mentidimenu - che la… Reggione,

unni ci sunu i quaranta lattruni

ca s’ammuccun’i sord’a vaguni.

E ora ca vi lu cuntai di bottu,

n’applausu m’ata fari, pi cunottu.

Nel frattempo sono rientrati anche gli altri attori, si sono posti in semicerchio, e applaudono calorosamente.

Vitu – Grazzie, grazzie assai amici, anche a nome di tutti i pueti...

Salvo -… e da puisia…-

Vitu – Salvo, nenti nenti si macari tu pueta?-

Salvo – Ju? Ma quannu mai. Mi piaci a puisia, chissu è veru…m’arrivurdu – ero ancora ‘n carusu - na vota ni ‘ntisi una ca mi fici arrizzari li carni… finiva accussì:

“… A ‘n vecchiu ca un ci videva attunnu,

e ca limosinava ‘n menzu a via,

a cu ci spiava: com’è lu munnu?

Beddu – arrispunneva – si c’è puisia.”

Vitu– Chista è a virità, sintiti a mia.

 

Con musica allegra di marranzano, il sipario si chiude.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno