De tacco e de punta

Stampa questo copione

 


COMMEDIA BRILLANTE GENOVESE

DUE ATTI

DI

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

PAGGÊU                                         fattûrin d'uffizio

SCIACCALÛGA                             o prinçipà

SERAFIN                                         cappo uffizio

LUIGINN-A                                     dattilografa

PRÜXA                                            ûn poco de bon

LUCREZIA PACE                          avvocatessa

SEGALERBA                                  ûn cliente

MARTA                                           donna de pulizie        

Ditta de Import-Export in Darsena in ti anni sciûscianta

DE TACCO E DE PUNTA

Tipico ufficio d'Import-Export, nei pressi della Darsena, attorno agli anni sessanta. Porta principale sul fondo con vetrata opaca sulla quale appare la scritta (al rovescio vista dall'interno)

"PREMIATA DITTA SCIACCALUGA & C". Accanto alla porta una finestra sotto la quale c'è un etagèr. Alla sinistra una porta conduce all'ufficio del principale; alla destra potrebbe esserci un'altra porta che conduce alla toilette. Scaffali con libri e classificatori d'ufficio. Un attaccapanni a stelo. Un orologio alla parete ed un calendario a blocco (giornaliero). A sinistra una scrivania con telefono, all'angolo della quale c'è un tavolino con macchina da scrivere. Di fronte un'altra scrivania. Quadri marinari alle pareti.

ATTO PRIMO

SCENA I

(Serafin – Paggêu)

All'apertura del sipario, Serafin seduto alla propria scrivania a sinistra, sta telefonando. Di fronte Paggêu, sta scartabellando delle pratiche. Timbra dei fogli con comicità, ritmando col piede che batte sul pavimento)

SERAFIN   :- (di mezza età, tipo un po' untuoso, sta tentando di rispondere al telefono con un interlocutore che non gli lascia spazio) "Ma scì, ho accappio.." (si agita non riuscendo a parlare) "Ma no.. anzi.. ghe diggo che.. scià me scûse.. scì però.."

PAGGÊU   :- (Tipo da topo d'ufficio con mezze maniche nere, barba incolta e spettinato. Un po' ingobbito, sui quarant'anni circa spesi apparentemente male. Indossa un vestito molto più largo della sua taglia. Maniche e pantaloni ripiegati perché troppo lunghi. Di tanto in tanto alza la testa per vedere il suo 'capetto' in difficoltà. Timbra facendo rumore)

SERAFIN   :- (spazientito, si allarga il colletto della camicia) "Ma sciò Benéito, Scià me lasce parlà mi ascì.. ma…ma se Scià parla de longo Voscià.." (pausa) "No no.. Scià l'è in errore.. pronto?.. Pronto?" (guarda sconfortato Paggêu e poi, riponendo il telefono) "Ho l'ha misso zù"

PAGGÊU   :- (con aria da finto innocente) "E chi o l'éa?"

SERAFIN   :- (facendogli il verso) "E chi o l'éa?.. Scià no fasse finta d'ëse ciù nescio de quello che Scià no l'è"

PAGGÊU   :- (sempre sullo stesso tono) "E cös'o voeiva?"

SERAFIN   :- (facendo lo gnorri) "Chi?"

PAGGÊU   :- "O Sciò Segalerba!"

SERAFIN   :- "Ancon da sae che Scià no saveiva chi o l'éa" (pausa) "O voeiva damme da intende che a partïa de caffè che gh'ho arremb.. ehm..vendûo a saveiva de maên.. ch'a l'éa stranscïa.."

PAGGÊU   :- (sempre con aria da finto santerellino) "De votte o parla a stramesci"

SERAFIN   :- (continuando) "Comme se a nostra ditta a no fïsse 'na ditta seria.."

PAGGÊU   :- (annuendo con importanza) "La premiata ditta Sciaccaluga & C" (con sottile ironia) "Ma.. Sciò Serafin.. a no l'éa quella partïa de caffè che scià l'ha accatttòu.. dimmoghe.. de sottobanco.." (gita le dita a ventaglio come indicare che è stata..sottratta) "..da quello frûstaprexoìn do Prüxa?"

SERAFIN   :- (in imbarazzo) "Quae partïa.. no me ricordo.."

PAGGÊU   :- (secco) "Quella che Scià l'ha arrembòu a-o Segalerba!"

SERAFIN   :- (impermalito, andandosi di voce) "Voì parlae abbrettio… mi no arrembo ninte a nisciûn.." (imbarazzato) "O l'aveiva visto o caffè.. o n'ha anche vosciûo ûn campion."

PAGGÊU   :- (salace) "A meno che o campion.. o no fïsse stato de 'n'ätra parrocchia"

SERAFIN   :- (avvicinandosi minaccioso al fattorino) "Comme saieiva a dî?!"

PAGGÊU   :- (con ironia e finta innocenza) "Saieiva a dî che a proveninenza.." (mima ancora con la mano ad una..sottrazione) "..a no saieiva mïga tanto misteriosa…"

SERAFIN   :- (adirato, va su di giri) "Voì.. Voì.."

PAGGÊU   :- "Scherzavo, scherzavo.. divo coscì perché pensavo a quelli sacchi de caffè brasilian ch'àian arroböu meizi fa da o magazin do Canello e che stranamente o Prüxa o l'aveiva sottoman e che Voscià.. eh, eh.. Scià l'ha piggiou pe' quattro palanche" (prevenendo la reazione di Serafin, finge di stare dalla sua parte) "..ma accapiscio.. con quelle quattro palanche che o prinçipà o ne dà..Eh.. Scià l'è proprio 'n bello gancio.. coscì o prinçipà o paghià 'n po' de ciù che quello che scia gh'ha daeto e 'n po' de meno de quello ch'o saieiva costou se l'affare o fisse staeto dimmoghe.. pulito"

SERAFIN   :- (che era già agitato, esplode) "Voscià scià parla troppo.. mi ho faeto fa 'n'affare a-o sciò Sciaccalûga"

PAGGÊU   :- (sempre flemmatico, cerca tra le carte sul proprio tavolo) "M'èa accapittòu.. pe' cäxo s'intende.. a fattûa ancon da pagà e za scheita.."

SERAFIN   :- "E ben? No son ma mi che devo pagäla"

PAGGÊU   :- "Scì ma.. eh, eh.. fra quello che Scià l'ha faeto fattûrà e quello che scià l'ha pagòu.. ghe 'na bella differenza.. all'anima.."

SERAFIN   :- "Ma insomma! Comme scià se permette.. mi ho misso o giûsto"

PAGGÊU   :- "Ma s'accapisce"

SERAFIN   :- "E alloa?.. Perché me o stae de longo a..eh?"

PAGGÊU   :- "Eh, eh.. gaibò Cappo.. ninte male parolle"

SERAFIN   :- (spazientito prende per il colletto Paggêu che seduto segue lo scrollare del capo con comicità) "Voi andae feua de testa pe' o troppo pensà a faeti che no ve riguardan.. ma mì ve fasso dà o via vattene"

PAGGÊU   :- "M'arroinae o vestì.." (Serafin lascia e lui si riassetta il colletto) "Voeivo solo mettilo in guardia in cäxo che o baccan o voesse ëse misso a-o corrente de questo.. affare.. anche perché a ditta pare ch'a segge in difficoltae finanziarie"

SERAFIN   :-"Se v'azzardae a fa de insinuazioni ve cüxo drento a o vostro vestì!"

SCENA II

(Paggêuûo – Serafin – Sciaccalûga)

(Si apre la porta del principale ed appare sull'uscio Sciaccalûga. I due interlocutori si scostano l'uno dall'altro)

SCIACCAL.:- "Se peu savei cos'o l'è 'sto bordello?.. Ciacciarae invece de travaggià?"

SERAFIN   :- (con aria di sottomissione) "Ma Sciò Sciaccaluga.. o Paggêu o me.."

SCACCAL. :- (lo interrompe) "Lasciae perde o Paggêu e riferime ciûttosto con chi parlavi primma a-o telefono"

SERAFIN   :- (imbarazzato) "Ehm.. con.. con o Sciò Segalerba"

PAGGÊU   :- (comico, si frega le mani come a dire <addesso sentiamo cosa spara>)

SCIACCAL.:- "O Commendatò Benéito Segalerba? Perché Scià no me l'ha passou?"

PAGGÊU   :- (fa scena con comicità vedendo l'imbarazzo del suo capo ufficio) "Penso ch'o l'àgge.."

SERAFIN   :- (l'interrompe rapidamente) "VOI' no sei interpellou!" (poi, al principale) "Ehm.. o no m'ha lasciòu manco parlà.. o m'ha investïo dixendo che.. che l'ûrtima partïa de caffè o saveiva de maen.."

SCIACCAL.:- (meravigliato) "De maen?.. E o se n'è accorto òua?.. Ah, ma amïgo o no amïgo, o me sentià… La Premiata ditta Sciaccaluga e.."

PAGGÊU   :- (starnuta) "Eccì!"

SCIACCAL.:- "..& C, a l'è 'na ditta seria.. a no fa de bidoìn"

PAGGÊU   :- (ironico, a Serafin) "Ah ma.. o Sciò Serafin queste cöse o-ei sa.."

SERAFIN   :- (lo fulmina con lo sguardo e poi, al principale)S "Scià me lasce fa a mì..ghe parliòu.. l'è mëgio no piggiälo de pëto manaman o cangià fornitò e.."

SCIACCAL.:- "O bon nomme da ditta sorviatûtto!"

PAGGÊU   :- (come un'esclamazione) "Ben dïto!"

SERAFIN   :- (adirato, a Paggêu) "Ma Scià no ghe fasse de longo a côa"

PAGGÊU   :- (con ..remissione) "Ma voeivo ricordäghe o bon nomme da ditta.."

SERAFIN   :- "VOI' pensae ai vostri papé .. sei solo bon de dì de siottàie" (al principale, untuoso) "Porrieiva anche dässe che ghe fisse staeto quarche sacco de caffè.. arrembòu in te 'n posto ìn po' ûmido in to nostro magazin.."

PAGGÊU   :- (con la solita comicità mima <oua ne conta 'na grossa>)

SERAFIN   :- (lancia occhiataccia a Paggêu) ".. e che o se ne segge accorto doppo ma.. scià stagghe tranquillo.. scistemo tûtto mì.."

PAGGÊU   :- (sottolinea con la mano) "O scistëma tûtto lé"

SCIACCAL.:- "E va ben.. ma.. m' arraccomando"

PAGGÊU   :- (mentre il principale si volta per rientrare nel proprio ufficio, si alza andando verso di luii lui. Cammina in modo strano, non posando a terra prima il tacco e dopo la suola, bensì posa il piede a terra di piatto, contemporaneamente suola e tacco) "Sciò Baccan.. a propoxito de quello caffè.."

SERAFIN   :- (lo interrompe bruscamente) "VOI' andae a o vostro posto! No sei staeto interrogòu!"

PAGGÊU   :- (si ferma. Comico nel suo abito di grossa taglia come già detto) "Va ben, va ben.. parliò solo quande saiò interrogòu.." (salace) "Magara davanti a-o magistrato.." (si volta ed inizia ad andare lentamente verso il proprio tavolino)

SCIACCAL.:.- (vedendo camminare a quel modo lo ferma) "ALT!"

PAGGÊU   :- (si blocca goffamente, leggermente inchinato, con un braccio avanti e l'altro dietro. In tale posizione appare accentuata anche la grossa taglia del suo abito)

SERAFIN   :- (divertito, si gusta la scena con una punta di malignità)

SCIACCAL.:- (si avvicina, gli gira attorno e lo squadra) "Ma comme Scià l'è ingiarmòu?"

PAGGÛU   :- (sempre immobile, scrolla le spalle come a dire: <che ci trova di strano?>)

SCIACCAL.:- (sbottando) "Ma insomma, cöse Scià l'ha?.. E gambe rédene?"

PAGGÊU   :- (si ricompone e al principale) "Scià m'ha dïto ALT comme 'n cantoné quande o dà 'na mülta e mì, ligio al dovere, me son affermòu de botto"

SERAFIN   :- (ironico) "E bella fermata. Se fisci staeto a-o volante de 'na macchina gh'avieivan daeto 'na patta drento"

PAGGÊU   :- "Mi a-o volante de 'na macchina?… E gh'ammanchieiva ätro.. saieivan speize inûtili.. palanche cacciae via.."

SERAFIN   :- (al principale) "Parlàghe de spende l'è comme spellälo vivo"

SCIACCAL.:- (incredulo e scrollando il capo)"Ma scià no l'esagere!"

PAGGÊU   :- "Esagero?.. Ma scià pense a-e speize:" (fa la conta con le dita ed ogni tanto si rifà su le maniche della giacca che gli cadono) "..patente, bollo de circolazion, anzi.. de proprietae.. assegûaziòn.. garage, a meno che scià no a lasce pe'  a stradda cö risc--cio che gh'arrovinan a carrosseria.. senza consciderà che.." (mima la sottrazione, il furto) ".. e gomme.. e. a benzinn-a? Dovve mettemmo a benzinn-a?"

SERAFIN   :- (ironico, gli fa il verso) "..dovve mettemmo a benzinn-a.. In to serbatoio!"

PAGGÊU   :- "Scià m'ha accappïo beniscsimo cöse intendeivo.. E poi l'euio.."

SCIACCAL.:- (tra il serio ed il faceto) ".. e l'axòu.. ghe scommetto che scià no a piggieiva manco s'a fisse a pedali pe' no consûmmà o fondo de braghe o scamoräse e scarpe"

PEGGÊU    :- (proseguendo) ".. e i guasti?… Gh'è son anche quelli.. elettrauto, meccanico, carrossé.. e lì zù palanche.. Morale da fòa Sciò baccan, l'è che mì posso fa tûtte fermate che veuggio sennza corrì o risc-cio d'ëse tamponòu" (fa un passo avanti e riprendendola posizione di prima si blocca) "ZAC!"

SCIACCAL.:- "E Scià me digghe, donde Scià l'ha arrobòu oi vestì?"Scià me pä 'n spaventaggio"

PAGGÊU   :- (riprendendola posizione normale) "Mì arrobbòu?" (guarda sornione Serafin e con voce divertita) "Chì, se gh'è ûn ch'o gratta.. no son proprio mì" (con voce cortese) "Scià vedde sciò Baccàn, Voscià, scià me permette, scià l'è in errore perché questo vestì.." (ne palpa la stoffa) "O l'è ninte de meno,che de l'avvocato PERDICAUSA.. principe del Foro di Genova.." (con importanza) "Emmo stûdiòu insemme a l'Istitûto Arecco.. e sciccomme o l'aveiva smisso, dimostrandome amicizia e ricordandose di tempi de scheua, o me l'ha faeto avéi"

SERAFIN   :- (sfottendo) "E o l'éa da so stessa mezsûa?"

SCIACCAL.:- (tirando il vestito o le maniche) "Ma scià se–o fasse armeno ripiggià.."

SERAFIN   :- "Magara dandoghe 'n taggio a-e redugge"

PAGGÊU   :- (un po' a disagio) "Beh.. accapiscio anche mì che..a primma vista o parrieiva 'n vestì.. ciûttosto comodo.. e che, voendo, se ghe peu attrovà quarche lieve difetto.." (allarga le braccia e fa un giro su sé stesso evidenziando in tal modo, la dismisura della giacca e dei pantaloni)

SCIACCAL.:- "Quarche lieve difetto? Ma scià l'è tûtto astramassòu!"

SERAFIN   :- (gli fa eco) "Scì.. astramassòu!"

PAGGÊU   :- "Ha parlòu l'avvocato conferma!" (perorando la propria tesi) "Ma se vaddo da 'n cûxòu o l'è bon d'e  attrovà ciù difetti de quelli che, in apparenza, ghe son.. me costieiva 'n sacco de palanche.. Tanto valieiva accattäse 'n vestì neuvo"

SERAFIN   :- "Venieiva 'n terremotto"

PAGGÊU   : "..'na stoffa comme questa a costa 'n mûggio de dinae.. "(avvicinandosi ai due e invitandoli a palpare la stoffa) "..sentì.. sentì comm'a l'è morbida.. a pä 'na carezza…e poi.." (come se fosse la cosa più naturale del mondo) "..basta däghe 'na reduggià a-e braghe e a-e maneghe.."

SCIACCAL.:- ".. e a-e miande!"

PAGGÊU   :- "Quelle gh'han a piccagetta e.. basta 'na ligà ciù in sciù.. tanto no se eveddan.."

SCIACCAL.:- (rassegnato) "Va ben.. emmo perso finn-a troppo tempo..Scià vadde a-o so posto e scià se fasse armeno a barba..scià me pä 'n pigoggiöso"

PAGGÊU   :- "Ma se me a fasso tûtti i giorni poi.. a ricresce.. tanto vale alloa fässela 'na votta ä settemenn-a..se risparmia o consûmmo da lametta e do savòn"

SERAFIN   :- "E allòa, scià peu mangià anche 'na votta ä settemann-a, perché tanto,se scia mangia, ghe ven torna famme"

PAGGÊU   :- (con aria di compatimento) "Bella idea! Semmai l'invitto" (si riavvia al proprio tavolo da lavoro camminando come già detto)

SCIACCAL.:- (che stava rientrando al proprio ufficio, lo osserva stupito) "No saveivo che scià l'avesse anche i pë dösci"

PAGGÊU   :- (si ferma e si volta) "Manco mì"

SERAFIN   :- "Mi, da quande o l'ha quelle scarpe, l'ho sempre visto camminà coscì"

SCIACCAL.:- "Ma se son streite scia-e fasse mette in forma, no? O scià preferisce no spende e palanche e arroinäse i pë"

PAGGÊU   :- (ritornando presso il principale) "No so se l'éi notòu.." (indica le scarpe) "..ma anche queste son neuve.. o squaexi.."

SERAFIN   :- (sornione) "Sempre de l'avvocato Perdicausa, immagino"

PAGGÊU   :- "Scià l'ha immaginòu mä, perché invece son nintedemeno che do professò MILZA, illûstre primäio de San Martin.. anche lé o l'ha stûdiò con mì a l'istitûto Arecco"

SCIACCAL.:- "E comme mai ûn comme Voscià, ch'o l'ha studiòu con di illûstri scignori.. o s'è ridûto.. senza offeisa scià me perdonn-e.. a 'sto moddo?"

PAGGÊU   :- (preso da un attimo di tristezza) "E avverscitae da vitta.. I mae, che o Segnô o l'agge in gloria, han sperperòu e palanche in te investimenti sbagliae.. zûgando ä roulotte.. voeivo dì ä rolette, a poker… allo scemino di ferro.."

SCIACCAL.:- "Scià vorrà dï <chemin de fèr>"

PAGGÊU   :- "Scì insomma, quella roba lì e ho dovûo interrompe i stûdi.. ean arrestae senza 'na palanca e con tanti puffi da scistemmà.. e tanta vergheugna .. Me son zûòu che mì no faiòu mai quella fin.." (riprendendo la propria verve) "Ma ritornando a-e scarpe, se mi camminn-o pösando o pë comme fae voiätri.. " (esegue) "Me tocca pösà primma o tacco e doppo a punta.. L'è evidente che consûmmieiva i tacchi pe' ninte.. Alloa ho pensòu: perché no consûmmà adäxo, contemporaneamente tacco e seua.. coscì vedei.." (mostra esageratamente con comicità, facendo alcuni passi) "..pösando tûtto de ciatto, e senza spellinzigà o bordo da seua? Gh'ho meno logorìo e risparmio armeno due votte e speize do caigà, rispetto a voiätri"

SCIACC. e SERAF.:- (si guardano increduli)

PAGGÊU   .- "Me son spiegòu?"

SCIACCAL.:- (ironico) "Scià deve avei faeto 'n stûddio particolare.. E.. quande scià va pe' stradda.. scia và a quella mainéa?" (imita la camminata di Paggêu)

PAGGÊU   :- (che lo segue con lo stesso passo) "Ecco.. veddo che scià m'ha accappio"

SERAFIN   :- (indicandogli il vestito) "E. no ghe fan mai a limöxina?"

PAGGÊU   :- "Macché!"

SCIACCAL.:- (severo) "Ma diggo!"

PAGGÊU   :- "Tûtto fa sciò baccàn.. a vitta a l'è cäa" (va a sedersi al proprio tavolo)

SERAFIN   :- "A Voscià a no ghe costa guaei"

SCIACCAL.:- (allarga le braccia sconsolato) "Se a contesse a quarchedün son segûo che no saieiva credûo" (rientra nel proprio ufficio)

SERAFIN   :- (si avvicina adirato a Paggêu e sottovoce, ma non troppo, lo apostrofa) "Se VOI' ve permettei ancon de fa de volgari insinuazioìn cö prinçipà in ti mae confronti, ve rompo quella biscioeta che gh'éi a-o posto da testa!"

SCIACCAL.:- (riappare in scena) "Se peu savei cöse o l'è 'sto bordello?"

SERAFIN   :- (imbarazzato) "Ghe.. ghe stavo dixendo de assettäse e de travaggià"

SCIACCAL.:- "Paggêu.. scià-o sa che son abbastanza paziente.. aa l'euggio ammiae de filà, sedonca lì gh'è a porta"

PAGGÊU   :- (risentito) "Veramente l'èa o Serafin ch'ò me minacc.."

SERAFIN   :- (lo interrompe bruscamente) "Obbedì e daeve da fa!"

SCIACCAL.:- (a Serafin) "E gh'è bezeugno de crià? No semmo mîga in sce-e caladde.." (notando che dietro la macchina da scrivere non c'è ancora l'impiegata) "E a scignorinn-a a no l'è ancon tornà dä Camera de Commercio?"

SERAFIN   :-(osserva l'orologio)"A dovieiva zà ëse chì..qQuande a vegne  a striggio 'n po'" po'"

PAGGÊU   :- (cerca di giustificare la collega) "Ma a Luiginn-a a saià arrestà intrappolà in mëzo a-o traffego.. sotto e feste, a Zena, no se peu circolà manco a pë"

SCIACCAL.:- "Sciò Serafin, devo andà da o commercialista.." (pensieroso) "..ghe son diproblemi serî.. m'arraccomando che tûtto fillle ben" (guarda i due) "Se semmo accappii?"

SERAFIN   :- (untuoso) "Scià no dûbite"

PAGGÊU   :- (sottile) "Tranquillo.. ghe pensa o Serafin.. scià l'arrestià senza.." (sornione, mima <senza ninte>)

SERAFIN   :- (lo uccide con lo sguardo)

SCIACCAL:- (sospettoso) "Senza cösse?"

SERAFIN   :- "O veu dì senza pensciei, senza aximäse"

PAGGÊU   :- (ironico) "O m'ha letto in to çervello!"

SERAFIN   :- "Scià o sàa che i affari da ditta son comme fissan i affari mae"

PAGGÊU   :- "Esatto! Comme fissan i affari seu!"

SCIACCAL.:- "Bene!" (esce all'esterno)

SCENA III

(Serafin – Paggêu)

SERAFIN   :- (si avvicina minaccioso al tavolo di Paggêu  e gli punta il dito sotto il naso) "VOI' voei proprio andà a remengo a mangià a sûppa dai fratti, ma ghe o mando bell'ammaccòu!"

PAGGÊU   :- (con faccia angelica) "Ma perché? No l'è foscia véa che i affari da ditta son .. comme i affari seu?"

SERAFIN   :- (adirato l'afferra per il colletto e lo scuote. Comicamente Paggêgu, mezzo alzato sulla sedia, accentua il movimento del capo) "Ammiae sätafosci che mì ve rompo o muro"

PAGGÊU   :- (come preso da strangolamento tossisce) "M'arroinae o vestì..!"

SERAFIN   :- (lo lascia e Paggêu cade comicamente sulla sedia) "Cäxo mai ghe l'aggiûsto"

PAGGÊU   .-"E scià no s'arrragge..No gh'ho mïga dïto dapartïa do caffèdo Segalerba"

SERAFIN   :- "Do commendatò Segalerba!"

PAGGÊU   :- "Commendatò o Cavaliere me pä che chi ghe l'ha in to gariccio.."

SERAFIN   :- "Parlae a moddo.. chi no semmo in ti carruggi dovve stae VOI'!"

PAGGÊU   :- "Mi staiòu in ti carruggi ma.. bidonäte mì no ne fasso"

SERAFIN   :- "Oh, ma insomma! A voei smette de fa de longo de insinuazioìn? Manco se mi fesse di sotterfûggi"

PAGGÊU   :- (mima la capacità del suo Capo di mentire)"Però,pä finn-a véa. Comunque intendeivo parlà do Prûxa"

SCENA IV

(Serafin – Paggêu – Prûxa)

(entra Prûxa, un tipo sospetto con berretto blu e giubbotto da marinaio. Barba lunga, pipa in bocca. Con fare mafioso va dritto verso Serafin il qualescappa alla propria scrivania)

PRÜXA      :- "Posso intrà?"

SERAFIN   :- (impermalito) "Oramai o l'è intròu" (in piedi, preoccupato, sbircia di tanto in tanto Paggêu il quale finge di nulla. Parla sottovoce) "Comme mai chi? Eivimo d'accordio che.. se vedeivimo a-o solito posto"

PAGGÊU   :- (tra sé, verso il pubblico) "Lupus in fabula.. Oua sc-ceuppal'abërgo"

PRÜXA      :- (siede strafottente all'angolodella scrivania di Serafin. Si tira su con un dito il berretto) "Son vegnûo.." (mima i soldi) ".. a piggià o mae dovûo!"

SERAFIN   :- (impaurito, si alza di scatto) "Ma.. ma Prüxa."

PRÜXA      :- "Pe' i amïxi Prüxa, pe' Voscià Giöxe, o mae nomme"

SERAFIN   :- (balbetta) "O Co-co commendatò Segalerba o no l'ha ancòn pagòu e.."

PRÜXA      :- (lo sospinge con un dito puntato al petto) "Bell'ommo, son cöse che no me riguardan.. Mi v'ho faeto avei o caffè e veuggio e palanche, se donca.." (accenna con mossa rapida che gli taglia la gola)

SERAFIN   :- (siede pesantemente sospirando e accennadi parlare sottovoce per via di Paggêu)

PAGGÊU   :- (sialza e con ironica cortesia) "Cappo.. Scià veu che vadde dao spedizioné pe' imbarcà o vin in sce-o traghetto?"

SERAFIN   :- (guardando Prüxa) "Proppio oua?.. E vaben..poi sciàmeriferisce"

PAGGÊU   :- (si avvia all'uscio conlasua camminata e poi, salace) "Se vedemmo doppo.. SPERO..ALLEGRI EH?" (esce)

SCENA V

(Serafin – Prüxa)

SERAFIN   :- "Ma cösse gh'è giòu de vegnì chì, in scagno..?"

PRÜXA      :- "Ei 'n po' de faccia tolla scì..No ve sei faeto ciù vedde e mi.."(mima i soldi) "..veuggio e palanche do caffè se donca.."(accenna alla gola tagliata)

SERAFIN   :- "Ma.. ghe l'ho dï-dïto o commendatò Se-Segalerba o no l'ha ancon pa-pagòu o prinçipà..anzi o Baccan o l'ha sacciûo che o caffè o nol'éa dimmoghe..comme se deve e o l'ha vosciûo de spiegazioìn"

PRÜXA      :- (si alza minaccioso) "Ometto, no fae o drïto con mì. Pe' ninte me ciamman <frûstaprexoìn> e alloa o paghae o.. ve levo o mä de testa.. CAPPÎO!?"

SERAFIN   :- (arretra istintivamente e balbetta) "Scià se ca-calme..faiòu o po-poscibile ma…se no intran e palanche.."

PRÜXA      :- "No me interessan. Ghe son e banche che fan di prestiti,ma veuggioquant'emmoconcordòu: INTEIXI?"

SERAFIN   :- "Eh.. ve-vedio.. faiòu.."

PRÜXA      :- "Trei giorni e poi.."(mima la gola)"VE LEVO E TONSILLE!"

SERAFIN   :- (impaurito) "Scì, scì.. Scià stagghe tran-tranquillo.. in te 'n moddo o in te l'ätro.. provvediòu.."

PRÜXA      :- (sulla porta d'uscita e minaccioso) "Bene! TREI GIORNI!" (esce)

SCENA VI

(Serafin – Luiginn-a)

SERAFIN   :- (agitato, si aggiusta la cravatta, si deterge il sudore con un fazzoletto) "Ahimemì..gh'ammancava anche d'ësime impëxòu con quell'avanzo de galéa.. Pàiva tûtto coscì semplice.. 'na partîa de caffè a prëxo strassòu.. vista a provenienza" (mima il furto) "O Baccàn o pagava meno do préixo solito ma.. odoppio rispetto a quello concordòu cö Prüxa e mì.. davo 'na scistemmà a-e mae finanzie.. Poeivodamme da fa con a Luiginn-a.. accattäme a macchina.. mah.."

LUIGINN-A:- (entra in scena. Dattilografa non più giovanissima, ma graziosa ed elegante. Posa la giacchetta del tailleur sull'attaccapanni) "Bongiorno Sciò Serafin"

SERAFIN   :- (atteggiandosi a burbero) "Eh, scì.. bongiorno..A l'è l'öa de arrivà questa?" (guarda l'orologio) "Scià ghe n'ha misso do tempo.."

LUIGINN-A:- (siede al proprio posto e posa sulla scrivania di Serafin dei documenti) "Quande se va pe' uffizi a l'è coscì.. e poi son vegnûa a pë.. con 'sto traffego no arrivava maio tran"

SERAFIN   :- "Ghe son quelle léttie da batte.. fattûe che devan pagà.. bezeugna spedile de sprescia se donca son guai seri.. va a finì no piggemmomanco o stipendio.."

LUIGINN-A:- (accenna ai documenti)"Lì gh'è o rinneuvo de l'iscriziòn ä Camera de Commercio"

SERAFIN   :- (prende i documenti, dà una sbirciata. E' agitato) "Va ben.. poi l'ammîo.. oua.. devo.. devo andà a fa 'na comisciòn" (si avvia all'uscita)

LUIGINN-A:- (che nel frattempo aveva messo un foglio nella macchina da scrivere) "Gh'è quarcösa che no va?.. Scià l'è tûtto agitòu"

SERAFIN   :- (si ferma e si volta) "Mì?"

LUIGINN-A:- "Mì no"

SERAFIN   :-(riflette un attimo e poi va di slancio dalla donna e con fare innamorato le prende la mano) "L'è corpa seu!"

LUIGINN-A:- (sulla difesa) "Mae.. e perché?"

SERAFIN   :- (si porta al cuore la mano di lei) "Scignorinn-a Luiginn-a.. quande l'è che scià se decidde?"

LUIGINN-A:- (lo respinge delicatamente, ma ci prova gusto) "Ma Sciò Serafin.. scià l'è 'ndiäo tentatò.. se intra o prinçipà o ne manda a vende cassarolle a Santagà.. e poi, scià me scûse ma, con quello che scià guagna.. Scià o sa comme a penso"

SERAFIN   :- "Staggo scistemmando 'na faccenda che, s'a va in porto.. poemmo fa 'n belloviägio finn-a.. finn-a - a.." (estasiato)"..Samarcanda!"

LUIGINN-A:- (perplessa) "E perché finn-a a Samarcanda?"

SERAFIN   :- "Perché.. o l'è 'n nomme ch'o pâ 'na fòa: SAMARCANDA…dovve faremo o nostro viägio de nozze"

LUIGINN-A:- "Ma dovv'o s'attreuva 'sto posto?"

SERAFIN   :- "Veramente no so.. ma me informiòu natûralmente.. " (le riprende la mano) "Ma scià ghepensa Luiginn-a..mi e voscià.. a Samarcanda!"

SCENA VII

(Serafin - Luiginn-a - Paggêu)

PAGGÊU   :-(prima della parola<Samarcanda> apre la porta d'ingresso ed entra. Serafin lascia immediatamente la mano delladonna dandosi un atteggiamento. Luiginn-a si mette a battere a macchina) "Me credevo che ghe fïsse o Prûxa!" (guarda severamente Luiginn-a scuotendo il capo)

LUIGINN-A:- (scuote le spalle dimostrando indifferenza)

SERAFIN   :- "Ghe stavo.. ghe stavodettando'na léttia.."

PAGGÊU   :- (sempre ironico) "In sce 'na man?"

SERAFIN   :- "Spiritoso.. Ciûttosto scià l'ha imbarcòu tûtto in sce-o traghetto?"

PAGGÊU   :- "Tûtto.."

SERAFIN   :- (interrompendolo) "Bene"

PAGGÊU   :- (continuando) "Tûtto bloccòu!"

SERAFIN   :- "Comme saieiva a dì?"

PAGGÊU   :- "Sciopero"

SERAFIN   :- "Di portuali?"

PAGGÊU   :- "No.. da Tirrenia, pe' tûtta a giornà"

SERAFIN   :- "Pazienza… imbarchian doman"

PAGGÊU   :- (divertito) "No. Doman scioperan i portuali"

SERAFIN   :- (agitato) "E scià m'ei dïxe a rate 'ste cöse? Imbarchian doppodoman"

PAGGÊU   :- (sempre col viso da santarellino) "No! Manco doppodoman!"

SERAFIN   :- (che sta perdendo la pazienza) "Ma scià me dà e notizie cö contagosse?.. Cösse fan, duì giorni de sciopero?

PAGGÊU   :- (dinoccolandosi) "No, fan solo 'na giornà"

SERAFIN   :- (sbottando) "Ma scià l'accianta lì de parlà apuntate?"

PAGGÊU   :- "Doppodoman fan sciopero i autotrasportatoì.. i camionisti"

SERAFIN   :- "Comme faiemo a imbarcà o vin? Se perdemmo quell'occaxon o l'è 'n belloguaio"

PAGGÊU   :- (con indifferenza) "No perdemmo ninte.. gh'ha pensou o Paggêu"

SERAFIN   :-(guarda Luiginn-a come a dire <che baggianate>) "Ah scì e sentimmo comme"

PRÛXA      :- (sornione, guarda l'uno e l'altra) "Ghe pensa o Prûxa con i seu ommi!"

SERAFIN   :-  (paonazzo) "Ma voei famme vegnì 'n sciûppòn de fòtta? Pestae de longo l'aegua in to mortà? Ammiae, Paggêu, che ve mando a quellopàise séi?"

PAGGÊU   :- (confaccia di bronzo) "E dovve? A SAMARCANDA?"

SERAFIN   :-(agitando i pugni) "Mmm... Segnô tegnïme" (volta i tacchi ed esce con impeto)

SCENAVIII

(Luiginn-a – Paggêu)

LUIGINN-A:- (durante il battibecco, faceva scena, ora scrivendo ora ascoltando. All'uscita di Serafin, toglie il foglio dalla macchina e vi mette unabusta per scrivere l'indirizzo)

PAGGÊU   :- (si avvicina lentamente alla donna) "Luiginn-a.. comme scià l'è graziosa pëttenà coscì"

LUIGINN-A:- "Paggeu.. a-o seu posto.. Scià o sache con mi no gh'è ninte da fa"

PAGGÊU   :- (allarga le braccia e fa per ritornare al suo posto) "Zà.. il Serafino la porta a Samarcanda.. s'a va ben o no sà manco dond'a l'è"

LUIGINN-A:- (con sfottò) "Perché..Voscià scià o sà?.. Scià no me digghe che scià gh'è za staeto, che scià no piggia manco l'autobus pe' no spende e palanche"

PAGGÊU   :-"Anche se no piggiòu l'autobus Samarcanda a l'è in te l'Uzbechistan"

LUIGINN-A:- "E dond'o l'è o… Beccostan?"

PAGGÊU   :- "O Beccostan o l'è appena-a sciortîo. L'Uzbechistan!

LUIGINN-A:- "E ben.. dovv'o s'attreuva 'sto posto?"

PAGGÊU   :- "Dovve gh'è Samarcanda!"

LUIGINN-A:- "Che spirito de patatta..Ho accappio.. scià no-o sa"

PAGGÊU   :- "O so. A geografia, a stöia.. e questiòìn finanziäie.. éi so"

LUIGINN-A:- "Questa poi.. e questioìn finanziäie.. scià nome fasse rïe"

PAGGÊU   :- "Mi lëzo.. me tegno informòu e poi, modestamente, ho anche stûdiòu.. lëzoanche i giornali.. davanti a l'edicola s'intende..de votte me lascian anche o giornale do giorno primma"

LUIGINN-A:- "E me pàiva strano che scià l'accatesse"

PAGGÊU   :- "Saieivan palanche straggiae.. tanto o giorno doppo sciortan quelli neuvi" (si avvicina alla donna che riprende a battere a macchina l'indirizzo sulla busta) "Lëzo di libbri che son o ben de l'intelletto.. ma Voscià.." (come se declamasse)"..scià l'è o ben di euggi, do spirito e via discorrindo.." (prende la mano di Luiginn-a e con un sospiro, la porta al petto)

LUIGINN-A:- (ritira rapidamente la mano) "Ma cöse ch'éi tûtti ancheu?.. Ve sentì spellinzigà dä primmavéja?"

PAGGÊU   :- "Ma Luiginn-a.. scià l'è 'n bignè.. ûn frûto candîo.."

LUIGINN-A:- (salace) "Scì.. 'na pastascìûta cö tocco! Ma scià nome fasse rïe.. proprio o Paggêu.. ghe saieiva cäo eh?.. Paggêu, a o so posto! Scià no l'è o mae tipo! e poi, vestïo coscì"

PAGGÊU   :- (allarga le braccia e fa una semipiroetta) "E perché? Non foscia elegante?"

LUIGINN-A:- "A parte i seu.. travestimenti.. scià l'è anche 'n pigoggioso"

PAGGÊU   : (offeso) "Pigoggioso.. a mi?"

LUIGINN-A:- " L'ätro giorno.. tanto pe' fa 'n'esempio, scià l'è intròu in to bar..e scià se faeto dà 'n gotto d'aegua faxendo finta de no aveime visto…Cösse scià l'aveiva puìa.. depagämel'aperitivo? Se mai ghe l'offrivo mì"

PAGGÊU   :- (comico) "E perché scià no mel'ha dïto?.. Avanzavo de beive quell'aegua ch'a saveivaanche de léppego.." (scuote il capo)"E miche voeiva fäghe 'na proposta seria..L'ho sempre dïto che edonne pensan a l'ommo lezzendoghe primma a cartella detasce.. pensando ai viägi.. a-e macchine e.. ai aperitivi!"

LUIGINN-A:- "Appunto! Quindi, scià nol'è l'elemento pe' mi"

PAGGÊU   :- (innervosito)"Ehi diggo.. EX GIOVINOTTA, a mi <elemento> no mel'ha mai dïto nisciûn"

LUIGINN-A:- (sottilmente ironica) "Perché.. scià l'è 'n'ommo forse?.. Tsè.. n'ommo ch'o caminn-a comme 'n robotte e che o no gh'hamancode macchina"

PAGGÊU   :- "Ecco dovve andaè de longo a piccà.. Se ûn o gh'ha a macchina, s'o l'è vestîo a l'ûrtima modda.. e magara s'o gh'ha anche a televixon e oriscädamento in casa.. palanche straggiae.."

LUIGINN-A:- (si alza e va al centro della scena con lui) "Ma scià se gh'appensa se anche mi, pe' no consûmma i tacchi e-a punta, camminassecomme Voscià, magara a brassetto coscì.." (lo prende a braccetto e comicamente fanno alcuni passi alla..Pagliolo, verso il pubblico)

PAGGÊU   :- (nel suo) "Che cubbia!.. Duì stipendi.. e speize ridûte a l'essenziale.."

LUIGINN-A:- (fermandosi) "Dipende cösse l'è pe' Voscià l'essenziale" (ritorna a posto) "Mi veuggio 'n'ommo ch'ome fasse fadi belli viägi, de croxée, vedde quello che no ho mai visto"

PAGGÊU   :- "Eccome chi"

LUIGINN-A:- "Scià l'è proprio 'na barzelletta"

PAGGÊU   :- "Ma cöse serve andà a vedde ätri posti, ätri panorammi, monumenti.. andà in mëzo a da gente che magara a no parla manco zeneize. Tantovale sta chì, i panorammi gheson, i monumenti anche.. gh'emmo i caruggi pin de stöia,o Righi dovve, in ti giorni de festa gheson i banchetti e se peu beive anche'na bella orzà"

LUIGINN-A:- (con sfottò) " 'N'orzà?..A no saià 'na speiza eccessiva?"

PAGGÊU   :- "Ma quarche votta e palanche bezeugna gödisele!"

LUIGINN-A:- "E te lascio dï!.. Ma cöse scià ne fa de palanche..Scià gh'è solo.. scià sta in te 'n carruggio in te 'na casa de l'Opera Pia e..con due palanche scià paga a pixòn.. De vestì. no ne parlemmo.." (accenna con ironia al suo abito)"..scià gh'è n'ha in abbondanza.. pe' e scarpe, scià l'ha attrovou o scistéma pe' no consûmmale.. fumà scià no fûmma.."

PAGGÊU   :- "L'è risacciûo che o fûmmo o fa mâ ä stacca e ai polmoìn…mi e mae palanche no e straggio per <la bramosia del piacere>"

LUIGINN-A:- "Ah, ah, ah, bramosia del piacere.. questa a l'è bella.."

PAGGÊU   :- "Rïe ben chi rïe a l'ûrtimo.. mi penso a-o futûro e scià se pentià d'aveime refûou!"

LUIGINN-A:- (calma) "No voeivo mïga offendilo.. voeivo dì che mi aspiro a ben ätro"

PAGGÊU   :- (ironico) "Scià continue püre a-aspirà..intanto o tempo o passa"

LUIGINN-A:- "Ma anche pe' voscià o tempo o passa"

PAGGÊU   :- "La vita comincia a quarant'anni, e mì, son ancon 'n foento.. 'n sbarbatello"

LUIGINN-A:- "Ûn barba longa..ätro che sbarbatello"

PAGGÊU   :- (riavvicinandosi alla ragazza, quasi supplicando) "Luiginn-a.. scià ghe pense ancon.."(le prende la mano)

SCENA IX

(Paggêu – Luiginn-a – Sciaccalûga)

SCIACCAL.:- (entra in quell'istante. Meravigliato a Paggêu) "Cöse scià ghe fa lì arrembòu e tûtto inveddròu?!"

PAGGÊU   :- (colto in fallo) "Ghe stavo.. ghe stavo dettando.. "

SCIACC.    :- (interrompendolo) "E memöie..Scià stagghe a-o so posto!… E Voscià, signorinn-a, scià no semenn-e zizzania!"

LUIGINN-A:- (santarellina) "Mì semenà zizzania? Ma Sciò Sciaccalûga, se gh'è ûnn-a ch'a sta a-oso posto, quella son proprio mì.. O Paggêu o me stava.. ecco, o me stava dettando 'na lettia.."

SCIACCAL.:- (si china sulla macchina da scrivere e controlla) "In sciè 'na bûsta?"(a Pagliolo) "Scià vadde in banca a fässe dà o rendiconto aggiornòu, che devo portälo a-o commercialista"

PAGGÊU   :- "Comme scià comanda…Riguardo a primma.." (accenna a Luiginn-a)

SCIACCAL.:- (preoccupato) "Scià l'ammîe.. nogh'ho testa… al'è 'na giornà neigra"(rientra nel suo ufficio)

LUIGINN-A:- (nel frattempo aveva messo un foglio dentro la busta e sigillata e dopo aver riassettato il tavolino, si alza) "Vaddo ä Posta a fa questa raccomandà urgente"

SCIACCAL.:- (dal proprio ufficio chiama ad alta voce) "Scignorinn-a Sc-ciappacasse!"

LUIGINN-A:- "O me pä arraggiòu" (apre l'uscio del principale ed esce di scena)

PAGGÊU   :- (va, col suo incedere, all'apparecchio telefonico posto sulla scrivania di Serafin, si siede e, guardingo , compone un numero. Parla sottovoce)"Pronto?.. Son Paggêu.." (pausa) "Scì, aspëto, ma fïto pe' piaxéi"(ognitanto lancia un'occhiata verso l'ufficio del principale, stando in guardia. DALL'UFFICIO DEL PRINCIPALE SI SENTE UN GRIDOLINO DIDONNA. Paggêu, guarda e accelera il proprio dire) "Procedere come inteso.. scià m'haaccappîo?" (pausa) "Immantinente!" (DALLA PORTA DEL PRINCIPALE, ALTRO GRIDOLINO. IL TONFO DI UNA SEDIA CHE CADE) "Va ben, va ben.. se vedemmoa Banchi" (posa il ricevitore e si dirige rapidamente al suo posto)

SCIACCAL.:- (dall'esterno) "Ma scià no l'àgge puija.. scià stagghe brava.."

LUIGINN-A:- (esce piagnucolando) "Tûtti paegi i ommi!" (prende la busta dal tavolo, la giacchetta del tailleur ed esce seguita dallo sguardo comico di Paggêu)

SCIACCAL.:- (entra precipitosamente in scena. Cravatta storta, spettinato, si avvede del fattorino. Resta un attimo perplesso) "Ma.. ma no gh'aveivo dïto d'andà in Banca?" (adirato) "Quande diggo de fa 'na cösa a se fa!" (con tono un po' imbarazzato) "Ehm.. Scià l'ha pe' cäxo sentïo.. 'n po' de remescio?" (accenna al suo ufficio)

PAGGÊU   :- (sornione) "Scià l'intende dî s'ho sentîo duì cretti da Luiginn-a e 'n tonfo de 'na carèga pe' taera?"

SCIACCAL.:- (riassettandosi)"Scì"

PAGGÊU   :- (comico) "NO! NO HO SENTÏO NINTE!"

SCIACCAL.:- "A scignorinn-a a s'è.. ingambà in te 'na caréga e…"

PAGGÊU   :- (allargando le braccia) "Son cöse ch'accapitan.. comme mi pe' a bûsta" (esce all'esterno mentre entra Serafin trafelato, che evita lo scontro)

SCENA X

(Sciaccalûìga – Serafin - Lucrezia)

SERAFIN   :- (con fiatone) "Sciò Baccàn.. Sciò Baccàn.."

SCIACCAL.:- (innervosito) "Ma cösse sûccede.. l'è torna sc-ciûppòu a guaera?"

SERAFIN   :- (ansimante, si fa aria con una mano. Si siede) "SEMMO ARROINAE!"

SCIACCAL.:- (scattando)  "Comme saieiva a dï <semmo arroinae>?"

SERAFIN   :- "Scià l'ha raxon.. no semmo.. SCIA' L'E'.. ARROINOU!"

SCIACCAL.:- (siede al posto di Serafin e tra sé) "Coscì fïto.. No l'è poscibile"

SERAFIN   :- (tra sé) "Ancon da sae che me son daeto da fa con a ditta concorrente"

SCIACCAL:- (agitato) "Insomma, scià se spieghe ben comme e perché Scià m'asbrîa 'ste notissie a 'sta mainéa"

SERAFIN   :- "Ecco.. ho sacciû dä.. di amïxi.. che arrivià chì 'na.." (suonano alla porta e Serafin va ad aprire)

LUCREZIA :-(giovanile, di bell'aspetto, elegante. Ha una "ventiquattrore" e l'aria professionale)

SERAFIN   :- "Desidera?"

SCIACCAL.:- (intristito)"No ghe son pe' nisciûn"

LUCREZIA :- (avanza al centro della scena) "Credo che levi converrà darmi ascolto"

SERAFIN   :- (che ha intuito) "Sciò Baccanetto.. ghe semmo!"

SCIACCAL.:-(si alza stancamente)"Guardi signorina che affari per oggi..emmo za dae-daeto" (tristemente) "A quanto pare, la Premiata ditta Sciaccaluga & C.."

SERAFIN   :- (con aria funerea) "Chiude i battenti!"

LUCREZIA :- "Sono la dottoressa Pace dello studio legale Guerra"

SERAFIN   ::- "Ogni nomme 'na garanzia.."

SCIACCAL.:- "E mi cose gh'intro? Non sono in guerra con nessuno"

LUCREZIA :- (con aria importante posa la valigetta sul tavolo di Serafin, l'apre e ne trae dei documenti che porge a Sciaccaluga) "Chi gh'è a risposta!"

SCIACCAL.:- (rassegnato) "Alloa saià mëgio che s' assettemmo" (fa segno a Serafin di porgere una sedia alla donna che a sua volta si siede)

LUCREZIA :- (intanto che Sciaccaluga legge) "Le anticipo già che son avete dei grossi capitali per tacitare immediatamente i vostri fornitori, l'attività della ditta dovrà.."

SERAFIN   :- (interrompendo) "Ma ghe son anche i socci"

LUCREZIA :- (accennando al principale) "Ma i soci sono sua moglie e sua figlia, dico bene?"

SCIACCAL.:- "Sì, dice bene.." (continua a leggere)

LUCREZIA :- "Non vi dovrebbero essere grosse difficoltà.. Comunque non vedo altre vie d'uscita se non quello che il nostro Studio le suggerisce"

SCIACCAL.:-"Bello sûggerimento! Chi gh'è scrïto de cede tûtto..e mi dovve vaddo?"

SERAFIN   :- ".. a ditta Stoccafiscio e Affini.."

SCIACCAL.:- (interrompendo) "Da 'n concorrente? MAI!..No, no mollo!"

LUCREZIA :- "Comme scià credde… Scià ghe pense però.. e fïto, anzi PRESTISSIMO, altrimenti si troverà in bancarotta!"

SERAFIN   :- "Scià l'è arroinòu!"

SCIACCAL.:- "Ma scià l'accianta de fa o beccamorto?" (a Lucrezia) "Aspëttavimo de incascià quarche fattûa pe' pagà 'na parte de creditori.."

SERAFIN:- "..e i nostri stipendi.."

SCIACCAL.:- (abbattuto) "Ma scià sa comme van çerte cose in commercio.. se no se gh'ha e spalle coverte.. se no gh'è de fondi…"

SERAFIN   :- (cavernoso) "..se va a fondo.."

SCIACCAL.:- (dopo aver fulminato Serafin con lo sguardo) "Mi avevano promesso delle proroghe.."

LUCREZIA :- "La questione è una sola.. Pagare!" (mima i soldi) "Sono i fatti che contano e non le intenzioni purtroppo"

SERAFIN   :- "Speremmo che scià no vadde a finì in galéa"

SCIACCAL.:- "Ma scià l'accianta lì de famme o corvo?" (a Lucrezia) "Mi scusi sa, ma lei chi rappresenta?.. Chi l'è che ghe tegne a rilevà a mae ditta?"

LUCREZIA :- "O nomme do nostro cliente no ghe o posso dì a-o momento.. però o ghe tegne a sarvà o bon nomme da ditta e o so nomme. Saià o nostro Studdio che sûbentrià, poi se vedià.."

SCIACCAL.:- "Ghe scommetto ch'o l' quello abbiforcòu do Segalerba"

SERAFIN   :- "O Sciò Benéito o l'è o nostro ciù grosso creditò..o ne sta fregando"

SCIACCAL.:- (si alza sempre più nervoso) "Serafin Bottaro! Scià nome rompe..l'anima se donca o mando a vende frigoriferi in Alasca"

LUCREZIA :- (alzandosi) "Scià l'è libero de fa comme scià veu, natûralmente. Ma se non paga sarà citato davanti al Magistrato"

SCIACCAL.:- (accennando ai.. papiri) "Ma coscì tanti milioìn de debito?"

LUCREZIA :- "E tûtti documentae. I vostri creditoì se son consorziae da noiätri e no veddo comme ne porrei sciortì se no i tacitemmo noiätri pagando pe' Voscià"

SERAFIN   :- "O drento, o pagà.. a galéa a vitta"

SCIACCAL.:- (spaventato) "A a galéa a vitta?"

LUCREZIA:- "Ma no esageremmo.. E .. gh'è anche de l'ätro.."

SCIACCAL.:- "De l'ätro? Ma dottoressa Scià me spare tûtta a bordà in te na votta."

LUCREZIA .- "Il Commendator Aristodemo Benedetto Segalerba è fermamente intenzionato a denunciarlo anche per frode"

SCIACCAL.:- ".. per frode?"

SERAFIN   :- (che ha intuito, si alza) "Ahimemì.."

LUCREZIA:- "A quanto ci ha riferito, pare che gli sia stata affibbiata una partita di caffè di provenienza, diciamo, oscura.. ch'a saveiva anche de maen, stranscìo.."

SCIACCAL.:- (a Serafin, adirato) "Ne parlemmo in separata sede de quest'affare che scià l'ha trattou a mae nomme!"

SERAFIN   :- (mimando i polsi ammanettati) "Speremmo che scià segge a piede libero"

SCIACCAL.: (sta per lanciarsi contro il Capo ufficio e viene bloccato dalla donna, mentre Serafin pone davanti a sé, come ostacolo, la sedia)

LUCREZIA :- "Si calmi signor Sciaccaluga.. non peggiori la sua situazione"

SCIACCAL.:- "Scià l'ha 'n bello dì <si calmi>.. Ma era merce regolarmente venduta, ho firmato anche la bolla di consegna e.. predisposto regolarefattura"

LUCREZIA :- "Era merce rubata e ne era stato denunciato il furto.. In più c'è anche l'aggravio della fattura fasulla"

SERAFIN   :- (si avvia di scatto all'uscita) "Vaddo a çercà o Paggêu"

SCIACCAL.:- "Eh, no! Scià no se mescia. Semmai.."(mima le manette) "..scià me faià compagnia"

SERAFIN   :- (cerca di difendersi dall'accusa) "Son tûtte balle.. calûnnie.."

SCIACCAL.:- "E quella a saieiva staeta l'operaziòn ch'a l'aviaieva scistemmòu a cascia? Quae cascia? Quella do Serafin!.. Ûn trûffatò, ecco quello che scià l'è.. Ah ma, a veitae, a vegne a galla comme l'euio. In galéa ..magara con mi. MUOIA SANSONE CON TUTTI I.. I.. FILIBUSTIERI"

SERAFIN   :- "FILISTEI, scià vorrà dï"

LUCREZIA :- "Sciò Sciaccalûga.. malgraddo a situaziòn, son segûa che a personn-a che rilevià a ditta, ritegne voscia 'n'ommo stimmòu e l'è pe' questo che ghe convegne accettà a transaziòn.. scià l'evitià de ammaccià o so  nomme.. potrà salvare il suo buon nome e il cambio della ragione sociale potrà apparire come una normale contrattazione e nessuno ne saprà nulla.." (sbirciando Serafin) ".. se nessuno parlerà.."

SCIACCAL:- "O metto in to tritacarne s'o parla!"

SERAFIN   :-"Tranquillo, no parlo, ma.." (untuoso) ".. 'na man a lava l'ätra.. spero che me tegnan a travaggià perché.. ä mae etae no l'è façile attrovà 'na neuva occupaziòn"

SCIACCAL.:- "..e a Stoccafiscio e Affini?.."

 LUCREZIA:- "No son mi che deciddo" (a Sciaccaluga) "Aspëto fïto a so risposta, ma  scià fasse comme sûggerïo, scià sarvià o salvabile"

SCIACCAL.:- "Alloa.. dovieiva cedde a-o so Stûddio e voiätri.."

LUCREZIA :- "Noi pagheremo tutti i debiti conducendo la ditta fino a che il compratore deciderà diversamente.."

SERAFIN   :- "Alloa..o l'è 'n'ommo"

LUCREZIA :- "No l'è dïto" (presa la valigetta si avvia all'uscita) "Scignorìa" (esce salutata dai due)

SCENA XI

(Sciaccalûga – Serafin – Segalerba)

SCIACCAL.:- (va a sedersi alla scrivania di Serafin e prende un foglio sul tavolo) "A quante pareä, se porrieiva travaggià cö neuvo padron" (suonano alla porta. Serafin va ad aprire ed entra furibondo Segalerba che va ad inveire contro Sciaccalûga)

SEGALERBA:- (brizzolato, sui cinquant'anni) "Giûsto tì, bell'ommo! Ûn po' d' amïgo che t'è.. çercà de imbroggiäme…!"

SCIACCAL.:- "Ma.. ma Benéito..stanni calmo.. mi no saveivo..son stato imbroggiòu mi ascì.. son stato mä conseggiòu" (accenna minacce a Serafin)

SERAFIN   :- (cercando di discolparsi) "A l'è staeta n'operaziòn faeta senza malizia.."

SEGALERBA:- (severo e altero) "O commendatò Aristodemo Segalerba, dïto Benéito, o no te a perdonnià mai.. E l'è inûtile che t'ammìi o teu tiapé.." (accenna Seraifn) "..perché o comandante do vapore o l'è sempre responsabile do seu equipaggio e se pe' corpa di seu collaboratoì a nave a picca de chiggia, va a fondo tûtto e mi a fondo te mando.." (sempre più adirato) "T'ar- trovinn-o.. " (guarda l'ambiente) "..te mangio tûtto.. te denunzio.. in miande te lascio!"

SCIACCAL.:- (abbacchiato e rassegnato) "T'hae raxon Benéito.. t'hae raxon.. Me son fiòu de chi no dovevo.."

SEGALERBA.:- (modera la sua enfasi) "Bello generin de ommo de fidûccia che t'hae" (a Serafin) "In quanto a voì, delinquente.." (gli si avvicina minaccioso, passo passo)

SERAFIN   :- (comicamente impaurito, indietreggia passo passo)"Ma mi, credevo che.."

SEGALERBA: -(prendendolo in giro) "Cösse ti credeivi bezûgo, che o Prûxa o vendesse ciappellette?" (rivolto ai due) "Chi çerca de mincionnà resta minciònnòu e passiei tûtta a vitta a pagà mì e i ätri" (volta le spalle ed esce rapidamente)

SCIACCAL:.- (triste e additando Serafin) "Chi accatta o lardo dai gatti e-a faenna da-o spezià, presto o s'attreuva in bolletta e ghe tocca dimandà" (si avvia al proprio ufficio)

SERAFIN   :- "Ne tocchià fa a fin do Paggêu" (si avvia all'uscita camminando.. alla Pagliolo mentre il sipario si chiude)

FINE DEL PRIMO ATTO

     

ATTO SECONDO

SCENA I

(Serafin – Luiginn-a)

(stessa scena del primo atto)

LUIGINN-A:- (all'apertura del sipario sta battendo a macchina)

SERAFIN   :- (alla sua scrivania) "Luiginn-a.. scià gh'ha pensou ä mae proposta?"

LUIGINN-A:- "Quae proposta?" (pur avendo compreso finge di nulla e continua a lavorare)

SERAFIN   :- (impermalito) "Comme <quae proposta>? Gh'ho domandòu se scià veu.. combinà con mì.. sposäme"

LUIGINN-A:- "Che sprescia"

SERAFIN   :- "Ma ciù tempo passa e meno ghe 'n'arresta pe' fa.. 'na niâ de bagarilli"

LUIGINNA-:- (interrompe un attimo il lavoro) Ghe l'ho dïto cösse veuggio..ûn ommo ch'o gh'agge 'n bon stipendio e ch'o me fassea.."

SERAFIN   :- (interrompendo) ".. viägià.. e mou bellero… m'è andata mä 'na faccenda che se no.. a quest'òa l'éa tûtto faeto."

LUIGINN-A:- (toglie il foglio dalla macchina da scrivere) "..'n po' d'affari scì.. a gh'è andata ben che o viägio scià no l'ha faeto a Marasci, .. se no saieivan zà tre meixi che scià saieiva a vedde o sô a quadretti"(suona il cicalino del principale)

SERAFIN   :- "Ä ciamma a dottoressa"

LUIGINN-A:-(si alza, prende il foglio dattiloscritto)"A vorrà a léttia" (bussa e va da Lucrezia)

SERAFIN   :- (si avvicina cautamente alla porta della dirigente per ascoltare. Un attimo dopo esce Luiginn-a che scontra Serafin)

LUIGINN-A:- "Ben? Cösse scià ghe  fa chì in agguato?"

SERAFIN   :- "Eh.. çercavo de sentì se se saveiva chi l'è o neuvo padron.. Chi l'è tûtto 'n mistero.."

LUIGINN-A:- (sedendosi al proprio posto) "L'importante l'è che ne pagan"

SERAFIN   :- "Cösse a voeiva?

LUIGINN-A:- "A léttia e poi ha m'ha domandòu se o Paggêu o l'éa ritornou dä clinica dovve gh'è ricoveròu o Sciò Sciaccalûga"

SERAFIN   :- (sedendosi al proprio posto) "O Prinçipà.. segûo ch'o s'è piggiòul'ha avûo  'na bella batosta.. O se l'è piggià tanto da fässe vegni 'n'esaurimento nervoso"

SCENA II

(Serafin - Luiginn-a - Paggêu)

PAGGÊU   :- (entra dal centro con la solita camminata e la barba lunga)

LUIGINN-A:- "A dottoressa a l'ha çercòu"

PAGGÊU   :- (avviandosi in direzione) "Vaddo sûbito" (esce alla sinistra)

SERAFIN   :- "Se mi fïsse o neuvo prinçipà, me levieiva sûbito quell'elemento coscì indecoroso"

LUIGINN-A:- "E invece pare ch'a tegne conto di seu sûggerimenti"

SERAFIN   :- "Ma cösse o peu mai sûggerì.. comme risparmià in sce-o mangià ancdando a vedde i ätri mangià a-o ristorante"

PAGGÊU   :- (da fuori) "Senz'altro, dottoressa.. sarà fatto" (rientra e va al proprio posto)

SERAFIN:- (non potendo trattenersi, a Paggêu che stava zitto) "E alloa?"

PAGGÊU   :- "Alloa, cösse?"

SERAFIN   :- (deciso) "Cöss'a voeiva!"

PAGGÊU   :- (ironico) "Perché scià no ghe o domanda?"

SERAFIN   :- "Paggêu!.. Scià peu ringrassiäme che non l'ha cacciòu.. e tûtto perché gh'ho misso 'na bonn-a parola mì!"

LUIGINN-A:- (guarda Serafin reo di tanta sfrontatezza)

PAGGÊU   :- (salace) "Ma no!" (pausa) "A m'ha domandòu se voemmovolemmo fa 'na colletta pe' o Sciò Sciaccaluga"

LUIGINN-A:- (incredula) "E proprio a Voscià 'na domanda scimile?"

SERAFIN   :- "L'è comme domandaghe o sangue"

PAGGÊU   :- (con noncuranza) "No gh'è obbligo.. ognidûn l'è libero de fa comm'o veu"

LUIGIN-A  :- "E comme o solito.. ghe mettian sempre i maeximi"

SERAFIN   :- (salace) "Paggêu.. quante scià gh'ha misso?"

PAGGÊU   :- "Gh'ho dïto che a mae quota ghe l'avieva missa o Serafin"

SERAFIN   :- (avviandosi in direzione con Luiginn-a) "E mi ghe fasso fa a figûa do cioccolatté"

PAGGÊU   :- (con tono) "Andae e no perdei do tempo"

LUIGINN-A:- (bussa alla porta della direzione ed esce di scena)

SERAFIN:- (con comando) "Ehi, diggo! Scià no se daghe de äie che finn-òua son ancon mì o cappo do personale e ghe staiò pe' 'n po' "

PAGGÊU   :- "Ûn po' de personale scì.. trei inpiegae.. duì magaziné e 'na donna de pulizie"

SERAFIN   :- (insinuante) "Mi conoscio o neuvo prinçipà e Voscià scià l'arrestia de longo 'n bezûgo"  (esce di scena e va in direzione)

PAGGÊU   :- (si alza e va alla scrivania di Serafin, apre il cassetto, ne estrae una nota e prende degli appunti. Prima che Serafin rientri, richiude rapidamente il cassetto, intasca gli appunti e va, col suo passo, ma sveltamente, al proprio posto)

SERAFIN   :- (rientra con Luiginn-a e ognuno va al proprio posto. A Paggêu) "Ecco faeto. No ho visto a so firma in ta colletta pe' o Sciaccalûga"

PAGGÊU   :- (sornione) "Ma gh'è l'ho dïto.. scià saià Voscià a damme i dinae pe a colletta"

SERAFIN   :- Ma scià no dighe e solite baggianäte"

SCENA III

(Serafin – Luiginn-a – Paggêu – Marta)

MARTA     :- (donna delle pulizie, entra: fazzoletto in testa, grembiule, scopa o bastone da lavare in terra, secchio. Dà un'indifferente occhiata a tutti e poi con sfottò e malagrazia) "Sei ancòn tûtti chì?" (posa il secchio e guarda l'ora) "De solito, a quest'öa, ve a sei daeta tûtti a gambea"

SERAFIN   :- (autoritario) "Comme ti te permetti?.. Se ghe semmo veu dï ch'emmo da fa, no?"

MARTA     :- (sorniona) "Ssaià.."

PAGGÊU   :- "Femmo 'n po' de straordenäio.. con a neuva gestion veuan vedde tûtto.. neigro in sce-o gianco"

SERAFIN   :- "No gh'è bezeugno de dà tante spiegazioìn ä donna de pulizie"

LUIGINN-A:- "Ma a Marta a l'è 'n'amïga.. a s'è sempre imprestà pe' noiätri"(lavora)

SERAFIN   :- (con severità, a Marta) "Commença a pulì che l'è mëgio"

MARTA     :- (con malagrazia) "Ha parlòu o padròn"

PAGGÊU   :- (prevenendo la reazione di Serafin, si alza) "Ti peu commençà da mì.. tanto devo sciortì"

SERAFIN   :- (indispettito) "E dovve scià va, se l'è lecito?"

PAGGÊU   :- (dirigendosi verso la porta della direzione, fa cenno con la mano come a dire: <adesso sentirai>. Apre l'uscio e parla stando sulla soglia) "Dottoressa, vaddo pe' sviluppà quell'operazion.. intanto che a Marta a commença a fa e pulizie"

LUCREZIA         :- (dall'esterno) "D'accordio.. poi scià me riferisce "

PAGGÊU   :- (con uno inchino) "Ai seu ordini"(soddisfatto, si frega le mani e va al suo posto)

SERAFIN   :- (paonazzo) "SSe peu saveai cöss'a l'è questa OPERAZION? L'è mai poscibile che scia fa quello che ghe pä, senza che mi ne sacce ninte?"

SCENA IV

(Serafin – Paggeu – Lucrezia – Luiginn-a – Marta)

LUCREZIA         :- (entra e porge a Luiginn-a un foglio) "Mibatte per favore a macchina questa lettera?"

LUIGINN-A:- "Sûbito dottoressa" (si accinge all'operazione)

SERAFIN   :- (in piedi) "Scià dottoressa.. scià me scûse l'ardì.. scià sa che mi son sempre staeto l'ommo de fidûccia do Sciò Sciaccalûga…"

LUCREZIA:- (quasi ignorandolo) "E allora?"

SERAFIN   :-(un po' intimidito)"E allòa..con tûtto o rispetto nevvéa..vorrieiva ëse misso a-o corrente di movimenti do nostro fattûrin d'uffizio..dovve o va..cosse o fa.."

PAGGÊU   : (mima soddisfazione mentre prepara una cartella che porterà con se)

LUCREZIA         :- (con calma e seriosa) "Senta signor Bottario, lei non s'intrometta in faccende che non la riguardano; anch'io eseguo degli ordini e pertanto la invito a pensare al suo lavoro finché.. finché m'è consentito di tenerla in servizio!"

SERAFIN   :- (che c'è rimasto male) "Eh?.. Comme?.."

PAGGÊU   :- (sarcastico, a Serafin) "Ma tanto Voscià scià conosce o neuvo padron.."

SERAFIN   :- (si siede sconsolato) "Questo a mì.. doppo tûtto quello ch'ho faeto.."

PAGGÊU   :- (mimando le botte) "Faeto.. e riçevûo"

SERAFIN   :- (adirato) "Con Vvoscià a no l'è finîa chie"

PAGGÊU   :- (a Lucrezia, avviandosi all'uscita con la cartella) "Dottoressa.. allòa vaddo"

LUCREZIA:- (dopo aver accennato un assensto a Paggêu) "Scià Marta, a peu accomodäse de de là a fa e pulizie in to mae stûddio.. tanto mi devo sciortì" (lancia uno sguardo agli impiegati che la osservavano) "Ebben? No se travaggia ciù? L'è za finîo o straordenäio?

LUIGINN-A:- (si mette subito a battere a macchina)

SERAFIN   :- (siede mugugnando) "Appena-a vegnà o neuvo prinçipà.. domandiò spiegazioni de questo trattamento.. Le o no me conosce ma o se rendià conto che se a ditta a veu andà avanti, mi son indispensabile"

LUCREZIA:- (aprendo l'uscio esterno) "Tranquillo.. Scià l'è ben conosciûo" (esce)

SCENA V

(Serafin – Marta – Luiginn-a)

MARTA     :- (rientra in scena dalla porta laterale) "PPosso pulire anche qua, ,signorina Luigina?"

LUIGINN-A:- "Oua ch'a l'èandaeta a spassà in diression, Scià parla italian?"

MARTA     :- (si avvia a pulire con uno straccio la scrivania di Paggêu) "Mi parlo e penso comme me pä" (sottilmente ironica e sibillina) "Sei voiätri che no sò comme porrei parlà con.. i CANGIAMENTI CHE GHE SON IN VISTA"

SERAFIN   :- "Mia Maria che ti vae a fa da püa da 'n'ätra parte sae?"

LUIGINN-A:- (toglie nel frattempo il foglio dalla macchina da scrivere e va a portarla nell'ufficio della direzione)

SERAFIN   :- (brontolando) "Da 'n po' de tempo a 'sta parte, tûtti se permettan de parlà a stramescio..Ah,ma.. a cangià eh? Poscito ëse s'a cangià..!"

MARTA     :- (continuando a pulire, con sottigliezza) "Dipende pe' chi a cangià.. Peu anche däse che mi conosce o nomme do neuvo prinçipà"

SERAFIN   :- (si alza subitamente e si avvicina a Marta, dando prima un'occhiata alla porta del principale) "Scià.. Scià o conosce?.. E chi o l'è?"

MARTA     :- (secca) "No son mïga tegnûa a dïghelo"

SERAFIN   :- (guarda alla porta del principale e pone mano al portafoglio) "Ghe.. ghe daggo quarcösa"

MARTA     :- (apparentemente offesa) "Ma pe' chi Scià m'ha piggiòu? Quelle cöse lì mi no ei fasso"

SERAFIN   :- "Alloa.. comme no dïto" (sta per riporre il portafoglio in tasca)

MARTA     :- "Quante o me dä?"

SERAFIN   :- (riapre il portafoglio e.. a malincuore mostra dei soldi) "Questi van ben?"

MARTA     :- (insoddisfatta, si volta dall'altra parte) "Scià l'è pëzo do Paggêu"

SERAFIN   :- (fruga in altre tasche) "No gh'ho ätro.. Pe' oua scià apiggequesti che poi.. doman, provvediòu"

MARTA     :- (prende con noncuranza i soldi) "Alloa pe' oua piggio questi e doman ghe diggo chi l'è o neuvo titolare da ditta. Ppe' staneutte Scià dorme tranquillo.." (apre l'uscio esterno portando con sé la propria attrezzatura. Poi tira.. una bordata) "..che domani si apre un nuovo capitolo!" (esce)

SERAFIN   :-(scornato)"Quella lì a stà a sentì tûtto e a l'è bonn-a de saveine ciù di ätri"e tûtti" (pensoso) "Ghe scommetto ch'o l'è o Segalerba.. O Prüxa o no l'ha a fedinn-a pulita e o no peu ëse lé"

LUIGINN-A:- (rientra in scena e controlla l'orologio) "L'è tost'òa de sciortì"

SERAFIN   :- "Pare che doman saviemo finalmente o nomme misterioso" (si avvicina alla donna ele prende la mano che porta al petto) "Luiginn-a.. se me mandan via ..Scià vegne con mi.."

LUIGINN-A:- "Scià l'è bello matto.. no son ciù de primmopéi e trovà 'n'ätro posto no l'è guai façile pe' mi"

SERAFIN   :- (accalorato) "Ma perché no se mettemmo insemme?"

LUIGINN-A:- "E dovve..con ûn banco in sce-o mercòu?"

SERAFIN   :- "Ma insemme in ta vitta e poi, cö tempo, porriemo fa anche quarche viägio"

LUGINN-A          :- (salace) "Scì, De Ferrari-Staggen" (pausa) "A proposito de viägi, a dottoressa ha l'ha lasciòu in ta seu scrivania questo biggetto pe' Voscià"

SERAFIN   :- (stupito, prende il biglietto e legge) "Questa poi" (legge mentre Luginn-a dà anch'essa un'occhiata) "Signor Bottaro, prenoti due biglietti aerei per.."

SERAFN-LUIGINN-A:- "SAMARCANDA?"

LUGINN-A:- (come rassegnata) "E se vedde che lé a sà dovv'o l'è 'sto posto!"

SERAFIN   :-(adirato)"Anche e idee m'arröban!"(volta il biglietto)"Ghe o seguito derré" (legge)"Prenotare posto in albergo tramite agenzia viaggi CIT" (a Luiginn-a)  

                        "Ma bezeurrià lasciaghe anche i nommi a l'agenzia e chi no ghe son"

LUIGINN-A:- (prende l'elenco telefonico e cerca il numero) "Ecco chi o nûmero de l'agenzia.. l'è mëgio informäse"

SERAFIN   :- (sconsolato, prende il ricevitore e componte il numero) "Pronto? Parlo con a CIT? Son Serafin Bottaro da Ditta Sciaccalûga & C. Vorriae prenotà duì posti in aereo pe'.."(guarda triste Luiginn-a) "..Samarcanda.." (sospirone) "No no l'è pe' mì… d'accordio.. provvediou.." (le luci si allentano fino all'oscurità. quando si riaccendono troviamo Serafin con Marta)

SCENA VI

(Serafin – Marta – Luiginn-a)

SERAFIN   :- (seduto al proprio posto è agitato) "Stamattin sonvegnûo ciù fïto do solito.. ho battûo fin-a o Paggêu..Veuggio fammevedde in sce-o travaggio quande arriva oneuvo padron.. semmai o fïsse mattiniero.."

MARTA     :- (entra dall'esterno elegantemente vestita)

SERAFIN   :- (sentendo aprire la porta abbassa il capo e finge di lavorare, poi si avvede che è Marta) "Ah! T'è tûtta ti?"

MARTA     :- (pavoneggiandosi) "Buongiorno Sciò Serafin"

SERAFIN   :- "Ma.. t'è guagno a-o totocalcio?"

MARTA     :- "Son affari mae. Ancheu.. veuggio gûstäme a scena"

SERAFIN   :- "E pe'questo ti t'è vestïa a festa?"

MARTA     :- (si avvicina con faccia tosta a Serafin e con rapidità) "Son vegnûa a piggià.. o saldo.. de l'infomazion in sce-o neuvo prinçipà" (mima i soldi)

SERAFIN   :- (si alza, sbuuffa mentre estrae di tasca il portafoglio dando del danaro a Marta) "Ecco chi.. alloa?"

LUIGINN-AMARTA    :- (entra dall'esterno) "Salve!.. Comme mai za chi?"

SERAFIN   :- "Bongiorno" (imbarazzato, con i soldi in mano, a Marta) "Ehm.. ecco chi Marta.. famme o piaxéi.. accattime in rosticceria quella röba" (a Luiginn-a) "Coscì avanzo de perde do tempo"

LUIGINN-A:- (che intanto s'era tolta il soprabito e guardava Marta) "Baccere Marta..emmo guagno a-o totocalcio?" (siede al proprio posto)

SERAFIN   :- (avvicinandosi a Marta, sottovoce) "Alloa.. chi o l'è?" (SI APRE LA PORTA ESTERNA ED ENTRA, ELEGANTEMENTE VESTITO, CAMMINANDO SIGNORILMENTE, PAGLIOLO)

SCENA VII

(Serafin – Marta – Luiginn-a - Paggêu)

PAGGÊU   :- (soddisfatto, aggiustandosi il fazzoletto nel taschino, guarda serio e sornione tutti)

MARTA     :- (con enfasi, indicando Pagliolo) "Ecco o neuvo prinçipà!"

SERAFIN   :- (coome avesse visto uno spettro) "O.. O PAGGÊU?!"(cade pesantemente a sedere)

LUIGINN-A:- (con voce tremula) "Voscià.. o neuvo prinçipà?.. No l'è poscibile"

PAGGÊU   :- "Veddo che sei 'n po' confûsi.. " (a Serafin) "O me sbaglio?"

SERAFIN   :- (frastornato) "No l'è véa.. o l'è.. o l'è 'n scherzo.. Voei famme vegnì 'n'aççidente..no l'è poscibile"

MARTA     :- (a Serafin, con ironia) "E perché no l'è poscibile?"

SERAFIN   :- (sbottando) "Ma s'o l'ha camminòu finn-a véi comme 'n robot pe' no consûmmase e scarpe… dovve o l'ha attrovòu e palanche?"

PAGGÊeU  :- (salace) "De segûo no da-o Pprûxa" (rpausa. Rivolto anche a Luiginn-a) "E cösse ve credeivi che faxesse quella vitta de sacrifici e de rinunce pe' fäve fa de gösciae de rïe?" (accende la pipa che aveva tra le mani) "..çercavo de no straggià i mae dinae e Vosciàa,, egregio signor Serafino, scià ame rïeiva appreuvo quande ghe dïvo che m'intendeivo de questioìn finanziäie, de titoli de borsa.."

SERAFIN   :- (stizzito, avvicinandosi a Marta) "Scià me ridagghe e mae palanche!"

MARTA     :- "No me l'asseunno manco! Quelle palanche e daiòu a mae frae.." (accenna Paggêu) "..perché.."

PAGGÊU   :- (proseguendo) ".. perché son quelle pe' o Sciò Sciaccalûga.. pe' a colletta che scià l'avieiva pagòu a-o mae posto.. ghe l'aveivo dïto, no?""

LUIGINN-A:- (sorpresa) "O Paggêu.. seu frae?"

PAGGÊU   :- (divertito, manda folate di fumo dalla pipa)

MARTA     :- (a Lujiginn-a, con importanza) "Semmai o Prinçipà d'òa in poi!"

SERAFIN   :- (a Marta) "Ma comm'o fa a ëse seu frae se sciàa se ciamma Pagano"

MARTA     :- "Pagan dDa majà,.ma da fantinn-a fasso Pa-glio-lo"

SERAFIN   :- (frastornato e confuso, ride nervosamente, va a scatti) "Eh.. mal'è coscì semplice..Pagliolo da fantinn-a e Pagano da majà..Ma mi divento matto!"  

                         (tra sé.. sottovoce) "E mi che ghe n'ho dïto de tûtti i colori.. ch'o conosce i mae.. sotterfûggi. Son frïto!"

PAGGÊU   :- (ironico e divertito) "Meno male che scià conosceva o neuvo titolare e che scià poeiva decidde se tegnime o licenziame.."

SERAFIN   :- (affranto, si alza, si avvicina a Luiginn-a e allargando le braccia) "Ätro che viägi.." (si avvia mestamente all'uscita)

PAGGÊU   :- (severo) "E oua dovve scià va?"

SERAFIN   :- (come un cane bastonato) "ANo m'arresta ätro che andà a venvemde frigoriferi in Alaska!"

PAGGÊU   :- (con aria di comando, ma benevolmente) "Scià vadde a-o seu posto" (poi cambia idea ed accenna alla scrivania che prima era sua, di Paggêu) "Anzi.. a-o mae posto"

SERAFIN   :- (guarda la sua ex scrivania e poi, adittando quella di Paggêu, titubante) "A.. a-o seu posto?"

PAGGÊU   :- "O mae ex posto.. Se sciàa veu restà ancon chì.." (con severità) "A meno che scià no preferisce incontrà o Prûxa, ch'o no me pä guaei soddisfaeto"

SERAFIN   :- (si affretta ad andare al nuovo posto) "No, no.." (abbacchiato) "..son contento anche de sta a fa o fattûrin.." (a Luiginn-a, come a scusarsi) "..bezeugna anche vive"

LUIGINN-A:- "Pövio Serafin"

PAGGÊU   :- (a Luiginn-a) "Però, pövio Paggêu no l'ho mai sentìa dî"

LUIGINN-A:- (sospirando) "Eh.. savei l'avvegnì"

SERAFIN   :- (a Paggêu) "Scià vedià che scià no l'avià dapentïse de mi"

PAGGÊU   :- (trae di tasca un foglietto) "Chì, ghe son di appunti e me risûlta che quande gh'éan dequarche garea d'appalto, scià l'avvertïva quarche concorrente di prëxi segreti che o Sciò Sciaccalûga o metteva in busta sigillà.."

MARTA     :- (al fratello, mentre si era goduta la scena) "Alloa l'è pe' quello che a dita a perdeva de gare pe' rifornì i bastimenti, eccetera, eccetera.."

LUIGINN-A:- (a Paggêu) "No creddo.. Ma, scià l'è segûo?"

PAGGÊU   :- "Luiginn-a.. se no fisse staeto bon de navegà segondo o vento, no porrieiva portà 'sta barca in sarlvamento"

SERAFIN   :- "Ma.. comme scià l'ha scoverto?"

PAGGÊU   :- "Scià credeva de fa troppoo fûrbo e.. va ben, lascemmo perde.. stando a-o mae posto, comme fattûrin d'uffizio, foscià scià no faià ätri guai"

LUGINN-A:- (speranzosaando un avanzamento, indica la scrivania che era di Serafin) "E.. lì,chi ghevà?"

PAGGÊU   :- "Quarchedûn ghe mettiò. Serafin, scià l'ha provvedûo a l'incarego che gh'ha daeto a dottoressa Lucrezia?"

SERAFIN   :- (ancora frastornato) "Quae incarego?"

PAGGÊU   :- (severo, con aria da manager che non gli si faceva) "Ehi, diggo, scià no l'avià mïga ascordou i biggetti pe' Samarcanda e i posti in albergo?"

SERAFIN   :- "Ah,scì. Tûtto faeto, ma voeivan savei i nommi e doviou riciammà l'agenzia"

SCENA VIII

(Serafin – Luiginn-a - Marta – Paggêu – Lucrezia)

MARTA     :- (al fratello) "Carletto, mi vaddo.. gh'ho i figgeu in casa e fra poco smontià mae màjo da-o tûrno de neutte.."

PAGGÊU   :- "Scì, scì.. vanni pure.. ciao.."

MARTA     :- "Bongiorno a tûtti" (avviandosi trionfante all'uscita, al fratello) "Comme me a son gödûa stamattin.." (esce)

LUCREZIA :- (elegante, pronta per un viaggio, entra in scena. Sorpresa per tutti. Poi a Paggêu) "Caro, ricordati che dobbiamo andare.. la cerimonia in chiesa, l'aereo.. quello non ci aspetta.."

PAGGÊU   :- "Subito cara" (a Serafin, mentre tutti non sanno trattenere la sorpresa) "Alloa, duì biggetti e camera inalbergo pe' Samarcanda a nomme de Pagliolo Carlo e.." (coon grazia, prende la mano di Lucrezia guardandola dolcemente negli occhi)"..la sua signora: Lucrezia Pace Pagliolo.. ma sûbito, eh?"

SERAFIN   :- (imbambolato e incredulo, si avvia al telefono) "Scì.. scì..duì…duì biggetti.. Samarcanda.. per il Pagliolo e la Pagliola.."

LUIGINN-A:- (rimproverandosi) "Che stondaia son staeta!"

SERAFIN   :- (nel frattempo compone il numero al telefono parlando sottovoce)

PAGGÊU   :- (a Luiginn-a) "Comme scià vedde, o futûro o riserva sempre de sorpreize.. e do Sciaccalûga, gh'éi notizie?"

SCENA IX

(Serafin – Luiginn-a – Paggêu – Lucrezia – Sciaccalûga)

                       (SI APRE LA PORTA ED ENTRA, CON LE SPALLE AL PUBBLICO RICHIUDENDO L'USCIO, SCIACCALÛGA. LENTAMENTE SI VOLTA ED APPARE NELLA SUA ATTUALE CONDIZIONE. BARBA INCOLTA, SCIAMANNATO NEGLI ABITI STRETTI TANTO DA AVERE LE MANICHE DELLA GIACCA CORTE ED I PANTALONI CORTISSIMI CHE LASCIANO INTRAVEDERE LE CALZE. STA UN ATTIMO FERMO E TRISTE. GLI ALTRI FANNO SCENA PERPLESSI)

SCIACCALÛGA:- (come un cane bastonato, allarga le braccia) "A vitta a l'è 'na reua"

PAGGÊU   :- (facendogli coraggio) "Da o cattîo passo bezeugna sciortïne comme se peu" (quasi a vendicarsi) "Ma comme scià l'è ingiarmòu? Scià me pä 'n spaventaggio.. Dovve scià l'ha arrobòu 'sto vestì?"

SCIACCAL.:- (mesto) "Scià l'ha raxsone de rinfacciame 'ste parolle.. appreuvo o rïe ven o cianze. Ma mì.."(guardando Serafin) "..malgraddo me sciûscessan tûtti i giorni in te oege, ho sempre çercòu de trattälo ben.."

PAGGÊU   :- (guardando severamente Serafin) "O so.. comme semmo anche che <l'abito non fa il monaco> A propoxsito de vestì.." (con un braccio attorno alle spalle di Sciaccalûga) "..pe' o momento scià porrieiva piggiäse quelloch'aveivo mi.. quello de l'avvocato Perdicausa.." (a Lucrezia) "E' ancora nell'armadio, vero?"

LUCREZIA :- (che ha fretta) "Sì,. ma caro, sbrigati" (va nel suo ufficio)

PAGGÊU   :- (sorridendo) "A mio, francamente, o m'andava ciûttosto comodo"

SCIACCAL:.- "Grassie… da padròn a servo"

PAGGÊU   :- "No l'è dïto.. Sciccommemì e mae moggé andemmo in viagio de nozze.." (guardando Serafin e tirandogli una frecciata) "..a Samarcanda.. d'accor- dio con a Lucrezia ho pensòu che scia s'ìassettià ä mae scrivania, però, in atteiza do nostro rientro, scià s'accomodià de de là" (indica la porta del principale) "Scià l'arrezià e sorti da ditta e davanti ä porta, ghe porriemo mette 'na targa neuva: <Ditta Pagliolo e Sciaccalûga>..Cöse scià ne dixe SOCCIO?!"

LUIGINN-A – SERAFIN:- "Soccio?"

SCIACCAL.:- (incredulo) "A mì.. soccio.. con tûtto o patatracche che l'è sûccesso?"

PAGGÊU   :- (accompagnando lentamente verso il suo ex ufficio) "Ma ghe saiò poi anche mì' e so che o mesté Scià o sa" (frecciata a Serafin) "Solo che scià no deve fässe imbroggià.. Bezeugna fa comme San Tommaxo" (sulla soglia dell'ufficio, quando Serafin è già uscito) "Serafin.. scià vegne a piggià e diposizioin do Sciò Sciaccalûga" (esce di scena)

SERAFIN   :- (si alza dal posto attraversa la scena caminando.. alla Pagliolo)

LUIGINN-A:- (sorpresa) "Ma.. commescià caminn-a?"

SERAFIN   :- (fa altri due passi e siavvede della propria caminata. Gurda la scrivania di Paggêeu ed esclama) "E mi, cösse scià veu che ghe digghe.. SE VEDDE CH'O L'E' O POSTO!" (così camminando escedi scena mentre il sipario si chiude)

F I N E

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno