Forse stongo durmenne

Stampa questo copione

Forse stongo durmenne

Forse stongo durmenne

Commedia in tre atti

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 883812A

 

mail: macrisa@libero.it - anno 2008

Personaggi:        Andrea                      U             Amico di Maria

                  Angela                                    D      Moglie di Mimmo

                  Antonio                            U             Tecnico e fattorino

                  Carmine                           U             Amico di Maria

                  Donato                            U             Amico di Mimmo

                  Emilio                              U             Figlio di Mimmo

                  Francesco                         U             Figlio di Mimmo 

                  Lena                                      D      Poliziotta

                  Maria R.                                 D      Figlia di Mimmo

                  Mimmo                            U             Capofamiglia

                  Peppe                              U             Fratello di Angela

                  Roberta                                  D      Moglie di Vittorio

                  Vittorio                            U             Infermiere

Scena:       Ai giorni nostri, a Caserta. Un soggiorno con sei sedie e un divano, in un angolo un punto cottura, con cucina e rubinetto con chiave di arresto, frigo e lavatrice; macchinetta da caffe’, tazzine, alcuni involti di rustici, una mazza di cotone, piattini di plastica verdi e rossi, bottiglie, di cui tre con tappo rosso, bicchieri, tovaglioli e buste di plastica; un mazzo di fiori, bigliettini, penna, cartelline e 20 fogli A5 tipo “post-it” con la scritta “CONGRATULAZIONI LENA!”

                Porta verso l’esterno a destra, interna a sinistra.


atto primo, scena prima: Mimmo, Donato, Angela

Mimmo              (seduto al tavolo)  E chist’ è n’ato! Carenza ‘e sette più uno e ‘e quatto meno uno! (scrive ogni tanto)  Infatti… Ogni diece e durici, ‘e nummere so’ chilli… frequenza otto… fasi ricurrenti, ogni quarantatrè estrazioni… ‘a ruota ‘e Roma pare ‘nu ‘rilogio! Basta sape’ che vuo’ truva’, e… se trova!

(bussano)

Angela               (dall’interno) Mimmo, arapi tu! Chisto è ‘o tecnico lavannaro!

Mimmo              Se dice “…d’ ‘a lavatrice!” Che pacienza!(va ad aprire)

Donato              Ciao, Mimmo, tutto a posto? (entra e si accomoda; rivolto a Mimmo) E allora, comme jammo?

Mimmo              (si siede e parla sottovoce) Zitto! Si ‘o veneno a sape’ troppa gente, simmo fregati! (con voce normale) No, nun ce sta niente ancora! (si smentisce con la mimica) Chilli ‘e nummere esceno comme vonno loro! (si avvicina a Donato) Carenze verificate! Se trova! ‘E truvato chella robba?

Donato              Niente! Primma d’ ‘o quaranta nun ce sta niente! Aggio fatto pilo pilo tutt’a biblioteca…

Mimmo              Pure chesto l’anno fatto a Ferdinando!

Donato              E chi è ‘stu Ferdinando, e che ci azzecca?

Donato              Comme! Ferdinando IV ‘e Borbone, facette ‘nu famoso decreto ‘o 26 marzo 1826, ce scrivette ‘o regolamento pe’ l’estrazione d’ ‘o lotto, l’ "Amministrazione de' Regali Lotti"! E’ mai pussibile ca nisciuno s’ è signato ‘e nummere?

Donato              Po’ essere che si, ma so’ passati quasi duicient’anni! E chi vuo’ ca s’astipava ‘sti nummeri accussi’ viecchi?

Mimmo              Peccato! Duicient’anni ‘e ‘strazioni perze! Tenimmo ‘na statua senza pieri! (si avvicina) Siente, sie’… Te dico sulo chesto… carenza ‘e sette più uno e ‘e quatto meno uno! Me capisci? Regulare, preciso, comme… ‘all’appiccichi cu’ muglierema!

Donato              Siente, io nun ce capisco niente, ma putimmo pruva’? Ancuminciammo, pure pe’ soddisfazione! Jucammo sabato!

Mimmo              E’ fore frequenza! Jucammo pe’ ll’estrazione ‘e gioverì’ prossimo! (prende un bigliettino e scrive)  Ecco… tre, trentotto, sessantatre, quarantanove, nove… e ce mitte ‘ncoppa… diece euro, sulo ruota ‘e Roma!

Donato              (prende il bigliettino) Ma cca’ nun se capisce niente! Damme n’ato fuglietiello… (riscrive i numeri e appallottola il bigliettino precedente; non sapendo dove lasciarlo, mentre Mimmo prende il portafogli, lo mette sotto un cuscino del divano) Ecco qua… Mo’ va buono! Estrazione gioverì’ trenta aprile… Cinche pe’ me e cinche pe’ te… Sganciare!

Mimmo              (prende il portafogli dalla tasca posteriore e porge una banconota a Donato) Ecco qua…

Angela               (dall’interno) Mimmo, allora, che fa ‘stu tecnico lavannaro? ‘A fernuto?

Mimmo              Ailloco…! Dona’, appriparate…! (verso l’interno) Angelina bella… nun era ‘o tecnico… era Donato! (si tappa le orecchie)

Angela               (entra urlando, non completamente vestita, in pantofole, asciugamano sulle spalle ed i capelli cotonati) E nun m’ ‘e ditto? ‘O vi’ che tu nun me curi? E mo’ Donato addo’ sta? Quanne se n’ è ghiuto? E ‘o lavannaro quanno vene? Mimmo, tu nun si buono a niente! ‘E chiammato l’assistenzialismo? Dincelle ca si nun vene primma ‘e mo’… (vede Donato, si da una lisciatina ai capelli e cambia tono)  Oh, Donato…! Ma vuje state ancora ‘ncopp’ ‘a seggia? Comme state? Scusate ‘e capilli… l’abbiglianiente… (indica Mimmo),ma si chillu piecuro me diceva coccosa… ca ce steveve ancora vuje… io me rendevo cchiu’ rappresentabile! Permettete… me vaco a mettere cocche cosa ‘e cchiu’ elecante pure per onoreggiare ‘a visita vosta! (esce facendo moine)  

Donato              Mimmo… Mimmo! Se ne è ghiuta…

Mimmo              (si toglie le mani dalle orecchie)  Vulesse Dio…! Cioè… Chella, cierti vote, ce mette ‘a jonta… Pe’ mo’ pare ca l’ è abbastato…

Donato              Sienti, io vulesse scennere, mo’… tengo che fa’, e vulesse fa’ pure chesta jucatella… (indica la quinta)  Chella… scusa, ‘a mugliera toja… s’ è ghiuta a mettere… rappresentabile…! Nun vulesse offenderla! Si me ne vaco, Angelina se pigliasse collera?

Mimmo              No, si ce ‘o dici tu…

Donato              Aggio capito… è ‘a stessa cosa cu’ muglierema! Mo’ ‘a saluto ‘a cca’… (verso le quinte) Angelina! Angelina…? Io me ne vaco…! Scenco! (incerto) Tengo da fare! Vaco a faticare! Arrivederci! (pausa; rivolto a Mimmo)  Ma… me sente?

Mimmo              Sicuro! Sta penzanne ‘a risposta, nun vo’ sbaglia’ ‘e parole!

Angela               (dall’interno, dopo un’altra pausa) Ciao, Donato!

Donato              (risollevato) Me steva facenne veni’ ‘na cosa!

Mimmo              E chest’ è niente… T’ ‘e scurdato ‘o frato? Va’, ce vedimmo doppo!

Donato              Va buono… arrivederci! (esce)  


atto primo, scena seconda: Mimmo, Angela, Maria

Angela               (rientra con un vestito lungo e cappello, borsetta che posa su una sedia e senza scarpe; assume pose da modella) Eccomi qua! Te piace ‘o vestito? ‘O visaggio? ‘O cappellino?

Mimmo              Che bella… Aro’ te ne vaje? ‘E fa’ ‘a spesa ‘o mercato?

Angela               ‘O mercato ce vai tu, ‘mmiezo a chella gente spuzzolente, ch’ ‘e verdure fraciche! E poi io nun me pozzo spurcare con la spesa! Io songo n’artista! Io ci ‘o la vernissaggia! Stammatina ‘a galera d’arte veneno ‘e criticoni d’ ‘e pitturi, e io nun ce pozzo manca’, si no chi s’ ‘e piglia… (schiocca le dita, per dire che le manca la parola)

Mimmo              … ‘e pummarole?

Angela               (inferocita) ‘E pimmarole t’ ‘e pigli tu, te ce fai ‘na ‘nzalatiera e t’ ‘a magni, ‘e capito! Sulo pecche’ ‘na vota ce simmo spusati, comme te pigli tutta ‘sta circonconferenza? Io ce ’o dico a fratemo, ‘e capito? Io vaco a ritirare ‘o sicondo premio, piecuro! E me piglio pure ‘e… cundimenti d’ ‘o Sinnaco! E a Purcellona nun ce vaco cu’ te… me purteggio chi dico io!

Mimmo              Lassalo pure a me, ‘nu poco ‘e cundimento… ‘aggia cundi’ ‘e pummarole…! E vidi si truovi ‘nu professore d’italiano pe’ ghi’ a Barcellona… se dice Barcellona! Purcellona significa n’ata cosa!

Angela               (con aria di sufficienza, esce) Ciao, ci fediamo nun saccio quanne!

Mimmo              (tra se’)  E invece ce verimmo subbito…

Angela               (rientra inferocita) Tu’ si’ ‘nu piecuro fetente! Nun m’ ‘o putive dicere ca stevo annura senza scarpe?

Mimmo              Chesta parola t’ ‘e ‘mparata bona, ove’? Ma io ero sicuro ca tu turnave subito! Te si’ scurdata pure ‘a burzetta, ‘e chiavi ‘e casa, chelle d’ ‘a machina, ‘o telefonino, ‘e cunfettielli rinfrascanti…

Angela               Magnate ‘a ‘nzalatiera! I’ magno ‘o buffe’ ‘n galera d’arte, ‘nzieme ‘a fratemo, ‘e capito? (infila le scarpe, prende la borsa, butta dentro alla rinfusa telefonino e chiavi, ed esce)

Mimmo              (le urla dietro) Se dice galleria d’arte! Cerca ‘e t’ ‘o ricurda’! (ritorna al tavolo) Ma comme s’adda fa’ cu’ chesta schianculiata? Si ‘a purtassero overo ‘ngalera ‘nzieme ‘o frato, se putessero ‘mpara’ coccosa tutt’ ‘e duje! ‘A grande artista! ‘O sicondo premio! Hi…! Siconda ‘ncopp’ ‘a duje cuncurrenti… e chi sa quant’ è custata ll’iscrizione a ‘stu cuncorso…! Poveri sorde nuoste! Aggia cerca’ proprio ‘e fa’ cocche vincita bona… allora… so’ cinche nummeri, ruota ‘e Roma... si esce ‘a quintina, so’ un milione ‘e vote ‘a posta… ma si esce ‘nu terno? Si jucammo pure chillo, ‘a vincita diminuisce… pero’ fosse nu’ peccato… quasi quasi mo’ m’ ‘o vaco a juca’ i’ sulo… (si china sulle carte e scrive)  Allora cinche nummere, a tre pe’ vota… si nun aggio sbagliato, ce jesceno ‘a bellezza ‘e dieci terni! E’ troppo… nun ‘o vulevo fa’, ma s’adda fa’ pe’ forza ‘a societa’… si no ‘a situazione nun se risolve!

Maria                 (entra sbadigliando, con una cartellina) ‘Ate fernuto ‘e strilla’? Nun se po’ durmi’ ‘nu poco in pace, int’ ‘a sta casa…

Mimmo              Bene alzata…! Songo ‘e diece! ‘E tiempi mieie, ce susevamo primma ca faceva luce!

Maria                 E percio’ site asciuti tutti addurmuti! (sbadiglia)  Nuje, invece… (sbadiglia)

Mimmo              Lassamme perdere…! Nun ce vaje a vede’ ‘a mostra ‘e pittura ‘e mammeta?

Maria                 A chi? Chilli sgorbi? E po’, me vulisse fa’ muri’ d’ ‘o scuorno? Chella sicuro ca fa’ ‘nu discorso… e si doppo me chiamma, io ce moro! No, no… e po’ stammatina veneno ll’amici mmiei… tenimmo ‘na riunione importante! Anzi! Viri ‘nu poco ‘e pulezza’ ‘sta tavula, puortate ‘sti carte, ca a nuje ce serve ‘o spazio! (posa la cartellina sul tavolo e comincia ad impilare le altre carte) Tie’… tie’… puortatelle…

Mimmo              (inorridisce) Fermate! Me stai scumbinanne tutte cose! Scummetto ca si stivi ‘e tiempi ‘e Ferdinando, jettave ‘e carte ch’ ‘e nummeri!

Maria                 E comme ‘a fai longa! Puortatelle, va’… ‘o sturio è libero!

Mimmo              Ah… è libero? ‘E luvato ‘e tele ‘a copp’ ‘o tavulo, ‘e pennielli ‘a dint’ ‘e piante, ‘e scarpe d’ ‘e segge, ‘e maglietelle pe’ terra, ‘o pallone, ‘a chitarra… ‘e jettato tutte chelli buste ‘e patanelle e tarallucci ancumminciate,?

Maria                 No! E chelle nun se toccano! So’ prove che ammo fatto, pe’ stabili’ ‘e dosi… ponno servi’ ancora! Vai, va’… statte  accuorto pure ‘e buttiglie meze vacanti e ‘e bicchieri miezi chini pe’ ‘nterra! E ce sta pure ‘na pedana speciale! Nun mettere ‘e pieri ‘ncoppa a niente!

Mimmo              Aggio capito… percorso a ostacoli! Vaco, vaco… guarda ca mammeta ‘a chiammato ‘o tecnico d’ ‘a lavatrice… ‘a centrifuga nun funziona… nun saccio chi ‘a risposto si ‘a capito coccosa… pienzace tu ‘a porta…

Maria                 Abbasta ca te ne vaje…, po’ te chiammo quanne se tratta ‘e pava’! E chiamma chilli duje… stanno ancora durmenne! (strillando) Vavattenne, va’! Aria! Spazio! Libertà!

Mimmo              Ma te siente bona? (vedendo la sua faccia)  Me ne vaco! (prende le sue carte ed esce)


atto primo, scena terza: Maria, Francesco, Emilio, Antonio

Maria                 Aria! Sempe chisti viecchi pe’ ‘nnanze! (strilla verso l’interno) Ohe’, ve vulesseve sossere?

Francesco           (entra sbadigliando) Neh, ma che è ‘sta pressa, stammatina?

Maria                 Fa’ veni’ chill’addurmuto ‘e fratete… oggi tenimmo ‘a riunione p’ ‘a festa  ‘e Lena!

Francesco           Ma comme, oggi? Ma nun era ‘o vintisei…? Uh, è oggi! (si siede, poi verso l’interno) Emilio! Curri cca’, ‘a riunione… ce stanno tutte quante…

Emilio                (dall’interno) Nun è overo! E ferniscela ‘e fa’ chesti cacciate! (entra, sbadigliando e si siede) Mari’… ce stesse ‘nu poco ‘e cafe’?

Maria                 (dolcemente) Bellillo… va truvanne ‘o cafe’… (rudemente)  ‘A machinetta sta lla’, ‘a vidi? Pulezzatella e fattìllo!

Francesco           Pur’ io ‘o voglio… (sbadiglio)

Maria                 Sentite… me parite criature! Nun perdimmo tiempo, ce stanno ‘nu sacco ‘e cose ‘a fa’!  (prende la cartellina, consulta e spunta di volta in volta) Tu…! (indica Francesco) ‘E miso ‘a sabbia ‘ncopp’ ‘e patanelle e ‘plastica ‘ncopp’ ‘e pizzette c’ ‘a mozzarella?  E tu…! (ad Emilio) ‘e miso ‘o sale int’ ‘o gelato e ‘o puparuolo piccante ‘ncopp’ ‘a torta?

Francesco           Si, ‘a rena l’aggio ‘ncullata pure ‘ncopp’ ‘e tarallucci! ‘E pizzette so’ pronte, teneno pure ‘nu strato ‘e colla ‘ncoppa! Chelli bone stanno dint’ ‘e piattini verdi… pe’ essa sulo piatti russi!

Emilio                Si, pure io aggio ausato ‘e piattielli russi! ‘A ‘ncoppa ‘o gelato ce ‘aggio miso farina e sale fino e pure ‘nu poco e magnesia… Si riuscisse a se magna’ cocche cosa, ce vo’ coccosa ‘e rinfrescante! ‘A torta gelata, ‘a fella soia è asciuta rossa! Si’ ‘a vuo’ vede’, lla’ sta ‘o frigo!

Maria                 Perfetto… Io aggio miso ‘e stuzzicadenti dint’ ‘o pesce c’ ‘a gelatina, mo’ ce serve sulo ‘o vino frizzante c’ ‘o rabarbaro e ll’acite! Chi sa che bella faccia che fa, quanne s’ ‘o beve…  chesto era assegnato a Andrea… e nun s’ è visto ancora!

Francesco           Starra’ faticanne ancora… cu’ tutti chelli buttiglielle ca teneva, ‘e tappi, ‘a carta stagnola…

Emilio                Ah, che bella festa… Ue’! E chi ‘e fa’ ‘e cannele esplosive p’ ‘a torta?

Maria                 Rimbambito! Chesto era stato cancellato! Nuje ce vulimmo diverti’ senza ca se fa’ male nisciuno! E ‘amma fa’ ‘nu papiello, pe’ ricordo… chesta è ‘na festa speciale!

Emilio                Accussi’, quanno le danno ‘o piezzo’ ‘e carta ‘e mette tutt’ ‘e doje avvicino!

Francesco           Veramente vene ‘na festa speciale… ce facimmo ‘nu sacco ‘e risate, e se diverte pur’ essa! Ohe’, fermammola subito, quanne mangia, appena ancummincia a fa’ ‘a faccia strana… nun s’adda fa’ male! Intanto cu’ Carmine e Andrea ce ‘amma parla’ subito…! Carmine ‘eva fa’ o striscione, e penza’ ‘a musica! Mo’ ‘e chiammo! (mentre prende il telefonino, bussano alla porta)

Maria                 Nun currite, vaco io! (esce e fa entrare Antonio, con una borsa di ferri)

Antonio              Scusate, permesso… ma vuje tenite ‘nu problema ‘a lavatrice?

Maria                 Si, saccio che ‘anno chiammato… se vede che nun funziona…

Antonio              (apre la sua borsa e prende un foglio di carta)  Scusate, io tengo chesta segnalazione ‘e guasto… ce ‘aggio penzato pe’ tutt’ ‘a strada e nun me faccio capace…   ma io aggia capi’! (indica sulla carta) Cca’ ce sta ‘o messaggio: è ‘na voce ‘e ‘na signora: “Lavatoia nun funziona pecche’ acciuga bloccata!” Io so’ venuto ‘o stesso… ma si s’ è bloccato ‘nu pesce dinto, me spiegate vuje che ne facite d’ ‘a lavatrice, invece ‘e fa’ lava’ ‘e panni? Po’, io so’ ‘nu tecnico e lavatrici… e’ pesci nun me ne intendo, nun è mestiere mio!

Maria                 “Acciuga bloccata…” No, guardate, adda essere ‘a centrifuga, chella che “asciuga” che nun funziona… io cunosco buono a chi  v’ ‘a chiammato! Chella nun sape parla’ buono ll’italiano… e manco ‘o napulitano… insomma, è già assaje che ‘ate capito!

Antonio              Allora, me dicite addo’ ‘a trovo?

Maria                 (indica la zona cucina) ‘A Cucina, aillanne… stateve accuorto, ce sta ‘nu poco d’acqua pe’ terra… nun sciuliate!

Antonio              Ce so’ abituato, nun ve preoccupate! (va ad armeggiare vicino alla lavatrice)

Maria                 (si siede di nuovo)  Allora cu’ ll’esplosivi, simmo d’accordo! Quanne chella abbia a fa’ ‘o discorso, ‘a facimmo parla’ ‘nu poco, pure pe’ darle soddisfazione…! Po’ azionammo ‘a molla, ‘a pedana ‘a fa’ cari’, e nuje ce precipitammo e le facimmo ‘a festa; comme sta sta, pulita, sporca, nun ce n’adda ìmpurta’, le facimmo ‘e fotografie, prima durante e dopo, e quanne è fernuto tutte cose, mannammo ‘o papiello ‘a casa c’ ‘a posta prioritaria, accussi’ ‘o vereno tutte quanti!

Antonio              (segue prima interessato, poi atterito)

Francesco           (applaude) Bene! Ottimo! Me piglio io ‘o compito e disegna’ ‘e teschi ‘ncopp’ ‘o papiello! Me ce metto cu’ Carmine, e vedimmo a ci ‘e fa’ cchiu’ spaventosi!

Emilio                (applaude insieme a Francesco) E pe’ farle vede’ ‘a faccia che ‘a fatto, ce mannammo pure ‘e fotografie!

Francesco           Ancora meglio; ‘e fotografie c’ ‘e mannammo, ma primma ‘e voglio ritucca’ ‘nu poco… che saccio… ‘nu poco ‘e sangue… accussi’ fanno cchiu’ impressione!

Maria                 Allora, Carmine ‘a purtato ‘a pedana a molla, l’aggio misa dint’ ‘o studio, mo’ ‘a pigliammo e ‘a pruvammo… (si sente un urlo di Mimmo fuori scena, ed il tonfo di un corpo che cade)  Eppure ce l’evo ditto! (si alza ed esce)

Emilio                Jammo a vede’ pure nuje… po’ essere ca s’ è fatto male! (escono)


atto primo, scena quarta: Maria, Francesco, Emilio, Antonio, Mimmo

Antonio              (rimasto solo, prende il telefono)  Lena? Ah, meno male, ‘e risposto subito… io vulevo chiamma’ a Polizia, ma po’ aggio penzato che era meglio parla’ primma cu’ te… ca me po’ da’ ‘na mano, nu’ cunsiglio! Stongo faticanne int‘ ‘a ‘na casa, e aggio sentuto ‘na cosa… stanne priparanne n’attentato…! …Nun ‘o saccio! ‘Na femmena, adda fa’ ‘nu discorso, ce sta ll’esplosivo, ‘a fanno care’, po’ le zompano ‘ncuollo e le fanno ‘a festa! E po’ mannano pure ‘a rivendicazione pe’ posta, ch’ ‘e fotografie d’ ‘o cadavere…! …Nun ‘o saccio, nun ‘anno ritto…! Stanne venenne! Nun chiamma’, ca me ‘nguai! Pareno bravi guagliuni, ma songo delinquenti spietati! Chilli nun se fanno scrupoli, accirono pure a me! No, nun cunosco a nisciuno! Mo’ scengo e te chiammo ‘a vascio!

Maria                 (rientrando) Ma che è? Tu invece ‘e ripara’ ‘a lavatrice, te miette a telefona’?

Antonio              (impaurito)  No chella era ‘na cliente… ma nun m’ate sentuto? Nun aggio perzo tiempo… stevo dicenne che ‘a chiammo io quanne aggio fernuto!

Mimmo              (rientra sorretto da Emilio ed Antonio) Chiano… chiano! (si siede)

Maria                 (continuando con Antonio) Io nun voglio senti’ scemenze! Poco fa ‘e ditto che ‘e segnalazioni t’arrivano scritte… mo’ comm’ è ‘sta telefonata? Ma tu si’ overamente ‘o tecnico che ‘ammo chiammato? O fussi venuto a vede’ comm’ è fatta ‘a casa?

Mimmo              (nel sentire queste parole, si alza improvvisamente senza bisogno di aiuto, e si avvicina ad Antonio) Bello guaglione… ma tu fussi venuto a spia’ ‘e fatte nuoste? (minaccioso, con con voce sibilante)  Mo’ te dico ‘na cosa… tu o accunci ‘a lavatrice, o ‘a cca’ nun te ne vaje cchiu’! E’ chiaro? E pe’ essere ancora cchiu’ chiaro… (mette la mano nella tasca posteriore)

Antonio              (spaventato) No, no! Nun cacciate niente… ve scongiuro! Io so’ overamente ‘o tecnico!… so’ venuto sulo p’ ‘a lavatrice, nun so’ venuto a fa’ ‘a spia! (riprende a lavorare furiosamente, senza perdere una battuta degli altri, facendo scena)

Maria                 (a parte, con Mimmo, mentre tornano al tavolo)  Ma che vulive fa’?

Mimmo              Le vulevo da’ ‘na mancia, p’ ‘o fa’ spiccia’ primma… (ritorna a sedersi con Maria)

Francesco           Allora, papa’, te si’ rimesso?

Mimmo              Si, tutto a posto… Ma chella pedana…

Emilio                Funziona bona… Ma tu nun ce avive sagli’!

Mimmo              E io nun ce vulevo sagliere! Me so’ sulo appuggiato, mentre cercavo ‘e scanza’ chilli sacchetielli ‘e robba ammuffita e putrefatta… chillo sturio, cu’ tutte chelli lenzola ‘ncopp’ ‘a chilli… aborti, e cu’ chella puzza, pare proprio n’obitorio! Quann’ ‘e jettate? Anzi, turnammo a bomba e facimmo accussi’… (guarda con sospetto Antonio, che lavora) … venite cu’ me, eliminammo ‘e fetenzie e pure ‘a robba vecchia mia, che ce manca ‘nu piezzo basilare… è senza pieri! Vuje capite, ‘anno jettato a Ferdinando int’ ‘a munnezza! Facimmo scumpari’ tutte cose, facimmo pezzullo pezzullo, nisciuno adda capi’ niente… eliminammo tutto ‘o corpo del reato! Tanto saccio tutto a memoria, e po’ adda arriva’ sulo gioverì’, e facimmo ‘na festa che s’arricorda tutt’ ‘o palazzo! Scummetto ca ne parlano pure ‘ncopp’ ‘o giurnale! Jammucenne, ‘na mano apperone! (si volge ad Antonio) E tu, arricuordate! O accunci ‘sta cosa, o ‘a cca’ nun te ne facimmo i’ cchiu’! E’ chiaro? (escono)

Antonio              (Assentisce spaventato alle parole di Mimmo; appena solo, prende il telefono)  Lena? So’ Antonio… dopo te dico, ce sta tiempo… ‘A festa a chella femmena ce ‘a fanno gioverì’… Si, doppo… Ma tu abbia a pripara’ rinforzi…! Chesta è proprio ‘na casa ‘e delinquenti…! Se parla pure ‘e bombe! Anno acciso a uno ca se chiamma Ferdinando, forse l’anno tagliato ‘e pieri… E che ne saccio che n’anno fatto…? Ah, po’ ‘anno jettato int’ ‘a munnezza…! Teneno n’obitorio chino ‘e aborti… cu’ piezzi ‘e cadaveri pe’ casa in decomposizione, e mo’ stanno facenne scumpari’ ‘e prove… pure ‘o piano d’azione… Pe’ mo so quatto… o cerviello è ‘nu viecchio ma ‘o capo me pare ‘na femmena! Po’ te chiammo, tienete pronta! (chiude il telefono e si dedica alla lavatrice)

Mimmo              (rientra con un sacchetto) Allora?

Antonio              Fatto! Mo’ ‘a pruvammo… (preme un pulsante e si sente il rumore della centrifuga) Ecco! Tutto a posto! (rimette disordinatamente i ferri a posto e si avvia verso l’uscita)     

Mimmo              Ohe! Fèrmate! E quanto vene ‘a riparazione?

Antonio              Niente… omaggio personale! (esce)

Maria                 (entra) Ue’, chillo tecnico se ne è ghiuto?

Mimmo              E nun ‘a vuluto sorde… ‘a lavatrice funziona… strano!

Maria                 Siente… nun me piace! Mo chiammo a Lena, vedimmo si ne sape niente…

Mimmo              Brava, bona idea… famme sape’, io vaco a ietta’ chesti carte… E’ ‘a primma busta! (esce)

Maria                 (al telefono) Lena? Ue’ cia’, so’ Maria… siente… ce sta ‘nu strano movimento ‘a chesti parti… comme po’ essere? E chi t’ ‘a ditto?… Ah, addirittura quatto!… No, nuje n’ammo visto uno sulo… pure ‘na femmena! Ma tu vidi! …ah… fino a gioverì’ allora stammo tranquilli? … Si, si venisse, ce facisse ‘nu piacere… …’a vicino, certo…! Stasera… verso ‘e ll’otto, ‘a casa mia! Si, va buono! Cia’, ciao!


atto primo, scena quinta: Maria, Francesco, Emilio, Andrea, Carmine

Francesco           (entra) ‘Ammo fernuto…!

Emilio                (entra con una cartellina sotto il braccio, che poi depone sul tavolo) Puzzavano pure ‘e muffa! Meno male ca ce simmo decisi…

(bussano)

Emilio                (apre) Ma che bella cumpagnia! Trasite, trasite, assettateve!

(entrano Andrea e Carmine, che portano una cassetta con delle bottigline)

Andrea              Ue’, nun me dicite niente, ma io aggio avuto ausa’ buttiglie diverse… nun ce stevano tutte uguali! E ‘o rabarbaro nun ‘aggio truvato… ma ce aggio miso ‘nu poco ‘e acite ‘e cchiu’!

Carmine             E comme pesano… addo ‘e mettimmo?

Maria                 Int’ ‘a cucina, lassatele lla’ ‘nterra… dint’ ‘o frigo c’ ‘e metto io quann’ ‘e doppo… ma quale so’ chelle truccate?

Andrea              So’ chelle tre che stanno cchiu’ ‘ncoppa… e che teneno ‘o tappo russo…

Carmine             Chillo ce l’aggio fatto io! A tutt’ ‘e tre! ‘Aggio fatto na’ fatica ‘e cane… (indica Andrea)  Isso ‘a sulo lavato ‘e butteglie, ‘a pigliato ‘o vino, e ‘a jencute ‘e buttiglie bone, e dint’ ‘all’ate ce ‘a miso acito janco e vino, po’ ‘a tappate… e ‘a passate tutte a me!

Francesco           Puveriello… te si’ distrutto, a passa’ ‘o pennarello!

Carmine             E po’ aggio pure mise dint’ ‘a gabbietta! Stongo surato… ce stesse ‘na merendina?

Andrea              E io che m’essa mangia’, pe’ chello che aggio fatto? N’elefante?

Emilio                Pure io tenesse ‘nu poco ‘e languorino…

Maria                 Guagliu’, cca’ nun se mangia! Recuperate stasera all’otto! Aggio telefunato ‘a festeggiata pe’ dicere ca ce steva ‘nu tipo strano… che nun me piaceva… ohe’, chella sapeva già tutte cose!

Francesco           Ma comme, sapeva d’ ‘a festa?

Maria                 No, quale festa… ‘o fatto ‘e chillu scemo che è venuto… ‘o tecnico d’ ‘a lavatrice… dice che è ‘nu tipo pericoloso! Guardateve buono in giro… dice ca ce na stanno ‘ati tre… Pure ‘na femmena…

Andrea              Ma comme, Lena è amica nosta, e nun ce dice cchiu’ niente? E nuje comme facimmo? Sapimmo almeno aro’ stanno?

Emilio                Nun mettimmo in difficoltà a Lena… magari chella vulesse, ma nun ce po’ dicere niente…

Maria                 L’unica cosa ca sapimmo è che ‘ammo visto dint’ ‘a chisto palazzo… mo’ mo’!

Carmine             Io me stongo accuorto… Si veco cocche faccia nova, ve chiammo e ‘o stennimmo!

Francesco           A papà che le dicimmo?

Emilio                Niente! Che le putimmo dicere? Nun sapimmo niente… ce stammo accuorti nuje, e si’ vedimmo cocche cosa ‘e strano, chiammammo a Lena… e po’ ‘o dicimmo pure a isso!

Maria                 So’ d’accordo… ma mo’ parlammo d’ ‘a festa…

Carmine             Ah, io aggio disegnato nu’ striscione, cu’ tutte pupazzielli, ognuno a forma ‘e lettera… Sapite che aggio scritto?

Andrea              E dacce n’idea…! “Auguri per la promozione!”, me pare luongo… “Brava” me pare curto… Quante lettere so’?

Carmine             Tre lettere!

Francesco           Ma te fussi acciso ‘e fatica?

Andrea              Tu’ si’ scemo! Tre lettere…!

Emilio                Ma che ‘e scritto?

Carmine             “BIS”

Maria                 ‘A colpa è ‘a nosta… ‘stu lavoro nun era pe’ te…! C’evema penza’ primma… ma è pronto, almeno?

Carmine             Beh… quasi! L’aggia sulo stampa’, azzecca’ ‘e fogli, mettere ‘nu poco ‘e culore… è che, mentre ‘o stevo facenne, s’ è fatta ora ‘e pranzo… e io tenevo nu’ poco d’appetito! M’ ‘anno chiammato… che facevo, dicevo che no? E po’ me so’ ghiuto a ripusa’ nu’ poco… ue’, chillo ‘o tiempo passa veloce!

Francesco           Insomma nun ‘e fatto niente! E ‘a musica?

Carmine             Tengo pronto amplificatore, mixer, casce, microfoni, tastiera, lettore cd, cientotrenta cd originali ‘e tutt’ ‘e tipi… ah, pure alimentatore, cavi… insomma ce sta tutto pronto… gia’ imballato, ‘o muntammo int’ ‘a duje minuti…

Emilio                Menu male… Se vere ca chello ‘o sai fa’! Sentite, invece ‘e fa’ ‘nu striscione, io aggio già preparato chesti lettere… s’appenneno una ‘a vota ‘ncopp’ ‘o muro c’ ‘o nastro adesivo… guardate, stanno cca’… ve piace chesta frase? Eh? Che ve ne pare?

Tutti                  (fanno girare tra loro i fogli, mischiandoli, mormorando parole di assenso le rimettono nella cartella)

Carmine             Allora è deciso! Io penzo sulo all’impianto! Vengo stasera ‘e sette! 

Andrea              Vengo pur’io e te dongo ‘na mano… mo’ me vaco a fa’ ‘na bella doccia, e po’ m’arriposo, ca stanotte se fa tardi! Ah! ‘O regalo?

Maria                 Sta cca’… pure ‘ncartato, l’impronte digitale e ‘e firme ce stanno tutte quante… Simmo pronti! Ce vedimmo ‘e sette!

Francesco           Pur’ ‘io aggio bisogno ‘e ‘na doccia… sento ancora chella puzza ‘e chella robba che aggio jettato…

Emilio                Spicciate, pero’… pur’io m’agia pulezza’… po’ stammatina m’anno tirato ‘a dint’ ‘o lietto…! (sbadiglia)  Chiammame, quann’ ‘e fernuto… me vaco a repusa’ n’atu ppoco…! Guagliu’ ce verimmo! (esce)

Andrea              (rivolto a Carmine) Ce ne jammo? Tu che fai?

Carmine             Si, si… vengo pure io… voglio vede’ si riesco a arrangia’ coccosa pe’ ‘nu poco ‘e karaoke… ma putimmo tene’ ‘o volume ‘nu poco auto, o dammo fastidio?

Francesco           L’unico problema è chella pazza ‘e màmmema! Si ce sta e sente ‘a musica, chi ‘a ferma? Vene a abballa’ e a canta’ pur’ essa… mo’ verimmo si ‘a putimmo spedi’…

Maria                 E si ‘nventassemo coccosa… che saccio… che a cocche parte ce sta ‘na manifestazione ch’ ‘e cape scarfate… ca se parla ‘e ‘na bomba, n’attentato! Chella parte a razzo!

Carmine             E che va a fa’?

Maria                 Primma ‘e tutto, a sgumbra’ ‘a piazza, po’ cerca ‘e truva’ ‘a bomba, po’ chiamma Carabinieri, Pulizia e Pumpieri… po’…

Francesco           (canzonandola) Te si’ scurdata! Te si’ scurdata! ‘O Pronto soccorso, ll’ambulanze, ‘a Protezione Civile, ‘a Croce Rossa pe’ fa’ munta’ ‘e tende…

Andrea              Ma che state dicenne? A chi vulite piglia’ pe’ sciemi?

Maria                 Allora… pe’ te ricere…, si succere n’incidente cca’ sotto, ‘a sente tutto ‘o palazzo! Blocca a circolazione, s’appicceca c’ ‘a gente, telefona, fa ‘e piantine, chiamma testimoni… se sta magnanne ‘e mani che nun riesce a sape’ niente ‘e ll’Islamici terroristi… e ‘e ll’attentati ’a Spagna! Si sape coccosa ‘e n’attentato in Italia, per di più ‘a chesti parti, e chi ‘a ferma?

Carmine             Mo’ ce penzo ‘ncoppa… penzatece pure vuje…

Andrea              Sicuro… ca chisto mo’ s’addorme! Jammuncenne, ja’! Ce vedimmo stasera! (si alza ed esce con Carmine)  

Francesco           ‘E sette…! Puntuali…!(verso l’interno)  Emilio… sosete! Aggio quasi fernuto ‘e me fa’ ‘a doccia! (esce)  


atto primo, scena sesta: Mimmo, Maria

Mimmo              (entra)  Vi’ uno che adda fa’ pe’ trasi’ ‘a casa soja! Stanno pulezzanne ‘e scale, schifezza pe’ tutte parti…

Maria                 Ah, e tanto tiempo c’ è miso? Bell’esempio ca da’ ‘nu pate! ‘A vuo’ jetta’, mo’ chell’ata robba che ‘ate fatto? ‘A legge ‘e fatta tu: “Chi fa munnezza, la jettasse!”! Jammo… correre, correre, ca te fa pure bene! Ah… a proposito ‘e dieta, oggi nuje nun mangiammo… se ne parla stasera ‘a festa ‘e Lena! Mo’ io me vaco a arripusa’ ‘nu poco, tu si vuo’ mangia’, te fai na’ bella ‘nzalata… e nun tucca’ ‘e purzioni ca stanno dint’ ‘o frigo! E manco ‘e buttiglie ‘e vino! M’ ‘e capito? (esce)

Mimmo              (rassegnato) Io vulesse capi’ primma ‘e tutto pecche’ tutte quante me vonno fa’ mangia’ ‘sta ‘nzalata, ca nun me piace manco! Po’ comme passo, ce sta ‘a scalinata chiena ‘e acqua e sapone! Mah… (si siede)  Quasi quasi nun mangio manco io… stasera sempe coccosa ce jesce! Ma nun me pozzo leva’ d’ ‘a capo ‘sta storia d’ ‘a società… Donato è uno bravo, cu’ isso se po’ raggiuna’… ma chi ce metto, aro’ ‘a trovo, n’ata perzona comm’ ‘a isso? (guardando meglio sul tavolo) Ma chesta… fosse ‘a cartellina d’ ‘o tecnico? Si s’ ‘a scurdata, fernisce che ‘a perzo ll’indirizzi addo’ l’aspettano… (la apre, e rimane sconcertato) No… Ma che so’ ‘sti lettere? (ne mette alcune sul tavolo e comincia a leggere) “LI NO UN TERZO, CANAGLIA!” Oddio! E che è ‘sta robba? ‘E chi è ca manna ‘sti cose, scritta anonima, comme fanno p’ ‘e ricatti? E comme c’ è arrivata, cca’? E comme fanno a sape’ ca vulevo mettere n’ata perzona? Io me sento male! E me minacciano! Me chiammano “Canaglia”! Forse stongo durmenne… (raccoglie i fogli e li mette disordinatamente dentro la cartella)  Si, si, stongo durmenne… mo me vaco a stennere ‘ncopp’ ‘o lietto, accussi’ doppo me sceto, e ‘stu suonno me passa…! Si… si… Aspirina… Sceruppo p’ ‘a tosse…, ‘O termometro… Che aggia fa’? Che me piglio? (uscendo)  Che me piglio?


atto primo, scena settima: Angela, Roberta

Angela               (entrando con Roberta)  Prego, signorina… Accunciatevi ‘ncopp’ ‘a seggia… ve pozzo offri’ cocche cosa…? (si accomodano)

Roberta             (con finto accento francese)  No, crazie… Io ‘o mangiato bene al biuffe’, me sono fatta ‘a pansa tanta! Forse se ci fosse una sciartrosa…

Angela               No, mi dispiace, sciantose nun ne tenimmo, e po’ comme ve la zucaste? Ma… ve so’ overamente appiaciute le mie operette?

Roberta             Overamente gioli’! Siete la meglia pitturatrice della exposision! E quanto è belle kuella statua della vallina a tre sampe! Ma parliamo di quella krande occasion adesso, siamo prive’… riservate…! Nun ce stanno pa’ perzone cuviose cuviose… la sciose è ‘mpurtante, comme ve putite pensa’! Con mon piccolo trucco, voi diventate celebre in tutto mondo! E pensate, nun ve costa neppure tantissimo! Sentite… allora, io faccio grandissimo concorso pittura, affittiamo sale a Niù Yok, Parigi e Rome… pero’ voi pagare affitto, poi biglietti, hotel, mange’ e argiant de posce pe’ vuje e pe’ me, ca ve faccio la press agent! Io a cuncorso faccio scrivere solo vuje cu’ tanti nommi favuzi… po’ facciamo articolo, io canosco giurnalisti… ed è fatta!

Angela               Certaniente! Cioè… cocche parulella nun avere io capito… argiante pesce… pressagente… ma po’ m’ ‘e spifferate meglio quanne facimmo cuntrattiello… Ok? Io adesso piglio foglio carta piccerillo e tu scrivi… ok?

Roberta             Va bian! Nuje facciamo petit scrittura, e subito avviare operazione… Voi dare anticipo, e io partire subito! Garantito che io nun aspetto manco ‘nu minutine… Compri’?

Angela               Ok, ok… pigliare fuglietiello, scrivere, dare soldi e tu…

Roberta             E io scappare!

Angela               Ok, (vede la cartellina) Forse qui essere fogli,… (apre la cartella, ammutolisce, e mette in ordine i fogli, leggendo la frase) Ma che ce sta scritto… e pecche’ tanta carta… ‘na lettera ogni fuglietiello… Poi tenene ‘e doglie pe’ ll’alberi… Maronna!

Roberta             Cosa capitare te?

Angela               Maronna…! E chi ‘a scritto? ‘E chi è ‘sta robba? (sottovoce a Roberta) Intrigazione internaziunale! Attentato! Noi impedire! No, no… prima noi sistema questo… Tu leggiuto?

Roberta             E comme faccio si stongo… pardon… io non sapere leggere molto storto, pure tue mani sopra….

Angela               Codice di terroristi, ma chiaro è! “ALLAGA CENTRO UNZIONI!” Dove si fanno unzioni? Dove gente molto scottata…? Spitale, dove ungono kranti scottati, gente con ustioni! E poi “USTIONI” fa compàgna a “UNZIONI”… prova terminale e decisiva! Significa che vogliono allargare con acva “Centro Kranti Ustionati”…! Attentato ad Ospedale! Ma quale ospedale…? Vieni, cioè… te venire, noi andiamo prima ad ospedale qui, poi altri…ok? Noi fare tutta krante provincia! Tu dare mano… noi chiamare anbulanze…

Roberta             Chiamare le ambulanze… in ospedale?  E chelle già… pardon… quello posto fisso ambulanze, già li’!

Angela               Questo vero… essere dottori, acconciaossa, becchini… che furtuna! Mancare solo Polizia e Vigili Fuoco! Però noi non chiamare, questa volta… altra volta molto inquartati si sono! (prende la cartellina e stinge la mano di Roberta, cercando di trascinarla fuori) Vieni… pardon… te venire, noi insieme fare molto più casino di io da sola… io chiamare pure mio fratello, insuperabile dimostratore…! OK?

Roberta             Ma quale occhei… io non voglio venire!

Angela               Tu supposta è indispensabile! Io neutralizzo Direttore e guardie con poco di karate’, io essere krante esperta di kvesto, Peppe kon sua abilitudine blocca tutte entrate e uscite tutti reparti, tu impossessi centralino, e passi a me linea… ohe’… nun ‘e scippa’ ‘e fili d’ ‘o muro… voglio sulo ‘o macrofono… ‘o cchiu’ gruosso ca ce sta! Bisogna intervenire! Dovere immortale!

Roberta             Ma io non sapere parlare bene…

Angela               Guaglio’, si’ scema? Tu tirare solo pugni e calci a caviglie uomini! Questo molto efficiente è! Tu non dovere parlare, manco canzonare… parlare solo io! Io sapere parlare bene! Io dire a tutti krante perikolo… morte per strafogamento a chilli ca se sono già scopirchiati pellecchie p’ ‘o cavuro, comme fa pignatiello con fasuli sopra fuoco! Kueste parole faranno aperire occhi a tutta la cente! Garantisco! E poi si tu nun venire, se non segui me in operazione utilitaria, questo sarà mutivo di spartenza! Ombre fantasmatiche delle vittime c’ ‘a panza chiena r’ ‘acqua  saranno tra di noi, e non faranno fare a noi krante affare! E vieni, jammuncenne! (la trascina fuori, mentre Roberta strilla)

Roberta             Io non volere più affarare! Chisti ce mettono ‘ngalera! Povera a mme! Ma chi m’aggio truvato…!

fine primo atto

atto secondo, scena prima: Mimmo, Donato, Vittorio

(bussano, due volte)

Mimmo              Mai ca se putesse durmi’, int’ ‘a ‘sta casa… muglierema che fa casino, ‘e vicini dint’ ‘e recchie, bussano ‘a porta e nisciuno risponne… (apre e fa entrare Donato)

Donato              Ue, Mimmo… ’na nuvità!

Mimmo              Trase… assettammoce… ‘e guagliune se stanno arripusanne e nun ce sta manco muglierema… parlammo senza essere disturbati! Mentre stevo ‘ncopp’ ‘o lietto, aggio sentuto ca asceva cu’ coccheruno…

Donato              Ma stivi durmenne pure tu?

Mimmo              E chilli me diceno che aggia da’ ‘o buon esempio! E po’ tenevo ‘nu suonno in sospeso ca ‘evo chiurere…

Donato              Mah… ‘ncopp’ ‘a cierti cose nun te capisco…! Me dispiace che aggio disturbato, ma è urgente! Sienti ‘sta nuvità! So’ ghiuto a giuca’ chilli nummeri, e ce steva uno che ‘a sentuto  mentre facevo ‘a jucata e è quasi asciuto pazzo! M’ ‘a addimannato aro’ l’evo pigliati, che le piacevano, e si me vulevo mettere in società cu’ isso, e senza fa’ storie ‘ncopp’ ‘e ghiucate…! Ce l’aggio ditto ca simmo a duje, e che t’eva addimanna’ primma a te…

Mimmo              (categorico) Nun se po’ fa’! ‘A terza perzona nun po’ trasi’! Chilli m’accirono!

Donato              E pecche’? Manco l’ ‘e visto? Ma chi t’essa accirere?

Mimmo              (sottovoce)  Io aggio avuto ‘na minaccia…! Dice “LI NO UN TERZO, CANAGLIA!”… viri ‘a cartellina… ‘ncopp’ ‘o tavolo!

Donato              (cerca inutilmente) Mimmo… cca’ nun ce sta’ niente… Ma te fussi sunnato?

Mimmo              (sorpreso) Nun ce sta niente? Sicuro? (cerca anche lui, sopra e sotto il tavolo e poi si rialza, sollevato) Overo…! Nun ce sta! Allora era proprio ‘nu suonno…! Ma cumm’era reale!

Donato              Allora, ìo vuo’ cunoscere, a chisto?

Mimmo              Si, si… fallo veni’! Ma chi è?

Donato              Se chiamma Vittorio… sta aspettanne cca’ fore!

Mimmo              E fallo trasi’!

Donato              (esce e rientra con Vittorio)

Vittorio              Buon giorno… piacere! Donato m’ ‘a ditto che site gia’ soci… io aggio avuto l’onore ‘e sape’ ‘e nummere ca ve site ghiucati… e sicondo me, nun so’ nummere ‘mpruvvisati… io stevo cercanne ‘e fa’ ‘nu sistema, nun aggio truvato ‘a via… e chilli so’ assaje vicini a chilli ca stevo sturianne io! Naturalmente, m’aggio vuluti scurda’… pe’ correttezza… ma m’arricordo ca teneno… che saccio… ‘na musicalità familiare, comme si l’esse sentuto chissà addo’…

Mimmo              ‘On Vitto’, diciteme ‘na cosa… tenisseve pe’ caso ‘a serie ‘e Ferdinando?

Vittorio              Chella? E addo’ ‘a truvate cchiu’? I’ me so’ fatto pure ‘a Biblioteca Naziunale… niente!

Donato              Ferdinando… sempe chillo?

Mimmo              Si, isso… Dona’, se po’ fa’! Chi cunosce ‘a serie ‘e Ferdinando è ‘na perzona seria! Vitto’, dammoce ‘o “tu”…sienti… si tu nun ce mitte ‘o naso… se po’ fa’! ‘O sistema ‘o tengo sulo io, ma ghiucammo ‘a pari…

Vittorio              P’ancumincia’, va buono… ma ‘o sistema ce l’esseva dicere pure a nuje… sapite comm’ è… nisciuno è eterno… pure vuje (fa un gesto per dire che sale in cielo) … da nu’ mumento ‘a n’ato…

Mimmo              Si, però pure vuje, si ve dongo ‘o sistema… da nu’ mumento ‘a n’ato… (fa un gesto per dire che se ne scappa)

Donato              Ohe’! Si ce vuo’ sta, ‘o sistema rimmane a Mimmo… e si’ more ‘e subbeto, ce rimmanimmo fregati, che vuo’ fa’?

Mimmo              Ah…, io moro ‘e subbeto, e vuje ce rimmanite fregati?

Donato              E’ modo di dire! Capisce a me… si ‘e cose vanno bone, nuje pregammo che campi pe’ mill’anni! Ma… Vitto’, tu pecche’ vuo’ juca’ cu nuje, te servono sorde?

Vittorio              Io tengo ‘na mugliera che è ‘na strega! Quanne abbia a fa’ capricci, nun ce stanno santi! E m’ ‘o vestitiello, e mo’ ‘e scarpetelle, e mo’ ‘a gitulella, e mo’ ‘a cenulella… ma le voglio bene, nun saccio dicere che no…! Pe’ chella ce vulesse ‘a Banca d’Italia! Nun fatica, va’ facenne affari sballati pe’ tutte parti, ogni tanto sparisce pe’ settimane sane… ‘na vota addirittura tre misi… me telefonaje dicenne che nun m’aveva preoccupa’, che se ne vuleva veni’, ma era trattenuta…!

Donato              Ma che fa, praticamente?

Vittorio              Le pubbliche relazioni! Rappresenta l’artisti, ce fa ‘e campagne d’immagine, organizza mostre e sfilate, matrimoni e cerimonie! Canosce ‘nu sacco ‘e gente, giornalisti, scrittori, pittori… aro’ sta ‘a gente, ce sta essa ‘a reto!

Donato              E nun fa sordi, nun se fa pava’?

Vittorio              Pe’ uno che trase, ne esceno duje! Io stongo ‘nguaiato ‘e diebbiti, fatico comme a cane e nun ce avvinco! I’ so’ infermiere, fatico ‘o Spitale… quanne essa sta fore, faccio pure ‘e sostituzioni notturne! Mo’ si Dio vo’, è asciuto ‘nu pusticiello ‘e centralinista… aggio fatto io ‘a dumanda ‘o posto suojo… e l’ ‘anno accettata! Dimane ‘essa piglia’ servizio, ch’ ‘e stessi orari miei! L’aggia convincere a accetta’… so’ surdarielli, ma almeno se mettesse c’ ‘a capa a fa’ bene… Comme stammo mo’, è ‘nu guaio! Cocche cosa ce vulesse proprio… ma ‘a sulo, che vuo’ fa? Percio’ ce tengo proprio assaje a trasi’ in societa’!

Mimmo              Nuje ce jammo chiano… pe’ gioverì’ ‘ammo miso cince euro apperone… e stammo ‘ncopp’ ‘a chistu livello! Cinche euro a sittimana! A te te va buono?

Vittorio              Io nun pozzo dicere niente… chi tene ‘o sistema decide, ‘o sapite; però si ce mantenimmo accussi’, pe’ me va buono!

Mimmo              Allora simmo d’accordo! Facimmo accussi’, dimane a sera ce ‘ncuntrammo, e ce facimmo ‘na cenulella ‘nzieme, accussi’ ce cunuscimmo meglio… nun ve ‘nquartate si muglierema nun ce stesse… Angelina è n’artista, e nun tene orari, specie si sta fernenne cocche statua, e ‘e guagliuni ‘a sera mangiano spesso fore!

Donato              Me piace l’idea! Vengo io sulo, pecche’ muglierema sta in giro… Ma robba fredda, senza cucena’! Abbasta ca ce sta ‘nu poco ‘e vino janco frizzante e bello ghiacciato! Sìgnate quanto spienni, e dividimmo!

Vittorio              Pure pe’ me va buono… aggia convincere a muglierema, speriamo ca nun le vene cocche piccio! Po’ si ce stesse ‘a signora, chi sa che nun combinassero cocche cosa ‘nzieme!

Donato              Allora ce vedimmo dimane sera! (si alzano)

Mimmo              (mentre li accompagna)  Va buono… dimane sera…! Arrivederci!


atto secondo, scena seconda: Mimmo, Angela

Angela               (entra, trafelata, con la solita cartellina sotto il braccio, che posa sul tavolo; Mimmo rimane fuori per un istante) Hai finito di saluteggiare? Io non conto più niente, per te? Piecuro, ci sei?

Mimmo              (rientra) Cara mugliera, che è succieso? Comme mai stai accussi’ nervosa?

Angela               Io oggi mi sono scarrupata un successo internaziunale! Se so’ arrustuti chella grande criticona, chella ca me faceva vincere ‘nu premio ca nisciuno se lo potesse penzare! ‘Na vota ca nun aggio chiammato ‘a Pulizia, chilli sono venuti assolamente! Io, Peppe e chella guagliona siamo ghiuti all’ospedale, addo’ ll’untori ‘e ll’ustionati, pecche’ ‘e vulevano accirere a tutte quanti menannoce ll’acqua dint’ ‘a panza! Mentre ca ce appriparavamo a piglia’ a cauce ‘e portantini, è asciuta ‘a Pulizia! E ‘anno arrustuto a Roberta pe’ accertanienti! Tu capisce, sicuro n’orrore ‘e perzona…!

Mimmo              Sienti, calmate ‘nu poco… Quanno staje accussi’ nervosa, manco io te capisco cchiu’! Ma chi t’ ‘a ditto che vulevano accirere a chilli puverielli ‘o spitale? E Peppe che fine ‘a fatto? E mo’ chi è chesta Roberta?

Angela               Roberta è ‘a criticona ca me steva cumbinanne ‘o servizio! Peppe sta facenne ‘o girotondo c’ ‘a machina… cerca di trovare il pusteggio! Ma mo’ è tutto spustato! Primma abbisogna  sistema’ chell’attentato che me so’ truvata dentro alle mani! Chello è ‘mpurtante! Io aggio intercettato messaggio segreto di complottatori terroristici internaziunali! M’ ‘anno massaggiata con cartuscelle in questa cartellina! (la indica)

Mimmo              (sconvolto) N’ata vota essa? E addo’ è asciuta? No, io stongo durmenne n’ata vota…! Chello, pare che è overo… ma io me stongo sunnanne! (sogghigna) Forse stongo durmenne… è overo, Angeli’?

Angela               Nun sulo staje durmenne… ma’ si’ n’addurmuto cianotico! Nun ‘e capito, nun m’ ‘e perseguitato…!

Mimmo              Ma si stongo durmenne… pozzo fa’ chello che voglio! Me putesse vutta’ ‘a copp’ abbascio… putesse vula’, pozzo fa’ ‘e cose cchiu’ proibite… tanto, stongo durmenne! Aggio truvato…! (da’ un ceffone ad Angela) ...tanto, quanne dormo, che me po’ fa’?

Angela               (furente, senza parlare, da’ un ceffone a Mimmo)

Mimmo              Aggio capito… manco quanne dormo se po’ fa’… (massaggiandosi la guancia) …però pare proprio overo! Mo’ basta durmi’… me vaco a sceta’! (esce)


atto secondo, scena terza: Angela, Peppe

(bussano; Angela va ad aprire)

Peppe                (entrando) Cara suora, il pusteggio era luntano…

Angela               Vieni, ‘amma fa’ piano pe’ liberare Roberta! (si siedono)  Primma cosa, addo’ l’anno carcerata?

Peppe                Ma l’arrostuta ‘a Pulizia! Sta secretata int’ ‘a caserma… lla’ ce stanno muraglie cu’ fili spennati e guardoni… ammacari teneno pure fucili… ce vularria azione di distruzione…

Angela               Ma nuje bombette nun ne tenimmo…

Peppe                Ma che ‘e capito? Distruzione, comme… spassatiempo!

Angela               Ah… Vulive dicere distrattone!

Peppe                Si, chello… ca ne dici si pigliammo’ a machina e scamazziamo qualche pietone lla’ ‘nnanze?

Angela               No… nun eschino tutti quanti… chilli nun songo sciemi… no… niente fortezza… sveltezza e furbezza! Ecco! Nuje ‘e facimmo sciemi!

Peppe                E comme facessimo?

Angela               Io piglio ‘nu vestito, e le dico ca Roberta s’adda cagna’ pecche’… s’ è ‘nfunnuta… e le vene ‘a freviciattola! Tu m’accumpagni, vestuto ‘a femmena… trasimmo, ‘na vutata d’uocchio, essa esce cu’ me e tu…

Peppe                E io…?      

Angela               Rimane rinto! Tanto, ‘a fore, che ce fai? Me fai ‘nu piacere a suora toja, e chilli po’ quanno ‘o vereno ca tu nun si’ essa, che ponno fa’? Te n’ ‘anna fa’ i’…! E’ sicurezza! Abbasta che parli, po’ se sente che nun si’ femminile, o quanne te fanno ‘e fotografie!

Peppe                (incerto) M’ ‘e fanno accussi’ avascio, ‘sti fotografìe?

Angela               No, che centra… chilli pigliano ‘a faccia, però ‘a me, cocche vota, ‘e fotografi m’ ‘e fanno pure… ‘nu poco cchiu’ abbascio… dice che è pe’ cumpletezzia!

Peppe                E po’ che me succere?

Angela               Niente! Quanne ‘anno visto ca tu nun si’ ‘a chella che vanno truvanne, te licenziano, e tu tuorni ‘a pigione!

Peppe                E’… sicurezza?

Angela               Spicciate, jammo… Aizate, famme vede’… truttuleja! (Peppe si gira su se stesso)  ‘Aggio capito!  (esce e ritorna subito con due vestiti da donna, scarpe, borsa e cappellino)  Jammo, miettete chesta robba… ‘a coppa ‘e vestiti, accussi’ te spicci primma!

Peppe                (esamina gli indumenti) Ma ‘e vestimenti songono duje!

Angela               E uno serve pe’ dicere ca s’adda scagna’, te si’ scurticato?

Peppe                Ah, va buono… (infila vestito, prende la borsetta, mette il cappellino, cerca di infilare le scarpe, ma non ci riesce) Cheste nun c’incentrano!

Angela               Nun fa niente, tu aizate ‘o cazone, muovete cu’ elleganza comm’ ‘a ‘na femmina, aizanne ‘e tacchi, e cammina ‘ncopp’ ‘e valline, accussi’ tieni ‘nu cumportamento rettilineo!

Peppe                ‘Ncopp’ ‘e valline?

Angela               Quanta storie che staje facedole! ‘Ncopp’ ‘all’ova… pe’ fa’ primma, nun aggio aspettato che ‘a vallina ‘e facesse… cca’ jammo ‘e pressa! A chella ‘a torturano, l’appenneno, ‘a fanno spezzatella… e io comme faccio pe’ vincere ‘o cuncorzo? Curri! Velocipede! (lo spinge fuori ed escono entrambi)


atto secondo, scena terza: Emilio, Mimmo

Emilio                (entra sbadigliando)  Ma che casino che ‘a fatto! Nun fa’ mai durmi’ ‘a gente in santa pace… pure chillo percuoco ‘e frateme s’ ‘a arrubbato ‘o cuscino… (vede la sua cartellina) Ma chi ce ‘a miso ‘e mani…? Mah… mo’ ‘e metto, e nun ne parlammo cchiu’… (si gira intorno, e inizia in silenzio a sistemare i fogli sul muro usando se necessario del nastro adesivo, in modo da formare la frase: “CONGRATULAZIONI LENA!”; alla fine ritocca qualche foglio)  E mo’ voglio vede’ si se stanno fermi!

Mimmo              (entra, si siede, e non fa caso alla scritta)  Ue’, Emi’… avissi fatto nu’ poco ‘e cafe’?

Emilio                Io? Nooo.. e chello nun fa durmi’…

Mimmo              Eh, già… tu suoffri d’insonnia, povero guaglione…! (vede la cartellina, e si irrigidisce)  Ma comme, nun me so’ scetato ancora? Emi’… ma tu ‘a viri chesta cartellina? Ma è proprio ‘na cartellina overa?

Emilio                Sicuro, è ‘a mia!

Mimmo              Comme? (lamentoso) Povero a me… tengo a spia dint’ ‘a casa… ‘o sangue d’ ‘o sangue mio che me tradisce… che me ricatta… ca me fa muri’ e vo’ ‘o riscatto…

Emilio                Neh papà, ma te siente buono? Stissi ancora durmenne?

Mimmo              (contiuando, lamentoso) Io, tradito all’interno d’ ‘a famiglia… io, ca cerco ‘e mezzi pe’ nun ve fa’ manca’ niente…

Emilio                E nun ‘a fa’ longa… Stringere…!

Mimmo              Embe’ me sfidi? Vulimmo vede’ che sta scritto cca’ dento?

Emilio                E’ vacante… nun ce sta scritto niente… vuo’ scummettere?

Mimmo              Allora… si! Io te faccio leggere che ce sta scritto… si pierdi… me faje ‘o cafe’!

Emilio                E si vinco?

Mimmo              E t’aumento ‘a paghetta… a duiciento euro ‘o mese…

Emilio                Duiciento a tutti e tre… si no chilli m’accirono… ‘o cafe’ ‘o faje tu… e si perdo, te jetto tutt’ ‘e juorne ‘a spazzatura!

Mimmo              Ce sto! Lieggi! (apre trionfante la cartellina, e la trova vuota) Ma comme…

Emilio                ‘A machinetta sta ìncopp’ ‘a cucina, ma s’adda pulezza’; oggi è vintisei… tra cinche juorni… seiciento euro a nuje tre, e nun me chiamma’ cchiu’ pe’ ghitta’ ‘a spazzatura!

Mimmo              Maronna! E comm’ ‘o dici brutto! Ma cca’ dento ce steva…

Emilio                E mo’ sta lla’! (indica la parete)

Mimmo              Eh? Ma steva scritto… n’ata cosa… Maronna! steveno ammiscate ‘e lettere! Me steva venenne n’infarto…

Emilio                Ma nun t’ è venuto! Mo’ stai buono, e… ‘nu poco ‘e cafe’?

Mimmo              Nun vale! Nun ‘o faccio! Mo’ chiammo ‘o bar!

Emilio                Spergiuro! Tu ‘e scummesso ‘na cosa? E chella ‘e fa’! Nun da’ cattivi esempi, ‘e capito?

Mimmo              E dicite sempe chesto! Quanne ve facite ‘na famiglia… esceno ‘e surdatielli ‘e chiummo…

Emilio                E chi s’ ‘a vo’ fa’? Troppa fatica… guarda tu che fine ‘e fatto! (sbadiglia) ‘Nu poco ‘e cafe’?

Mimmo              E va buono… (va in zona cucina) E che è chest’ acqua pe’ terra? N’ata vota ‘a lavatrice! S’ è scassato ‘o tubo e chillo scemo nun se n’ è accuorto! Mo’ ’o chiammo n’ata vota, accussi’ ‘o pavo pure p’ ‘a centrifuga… (pulisce e carica la macchinetta e poi chiude la chiave di arresto vicino alla lavatrice)  Ecco fatto! Guaglio’ stammo senz’acqua! Aggio chiuso ‘a chiave d’arresto… diccello pure all’ati; si ve serve, arapite e po’ chiurite… (accende il fuoco sotto la caffettiera) E vai! Quann’ ‘o faccio io, esce ‘na crema!

Emilio                E allora fallo cchiu’ spesso…

Mimmo              Aggia chiamma’ l’assistenza… (prende il telefono)  Meno male ca nun aggio cancellato ‘o nummero… oiccanne! Eh…! parlammo buono, si no, nun capiscono… pronto…! (schiaccia un tasto, pausa, poi un altro)  Ecco! “In citta’, Via dei Tigli, 35…, grazie!” (schiaccia un altro tasto) “Causa lesione interna non rilevata, abbiamo interrotto alimentazione, con arresto totale acqua potabile, per evitare perdite di liquido; si attende intervento d’urgenza! Ahhh… e pure chesta è fatta!


atto secondo, scena Quarta: Emilio, Mimmo, Maria, Francesco

Francesco           (entra con Maria) Hmmm… addore ‘e cafe’!

Maria                 Pure a me, pure a me!

Mimmo              Ma steveve aspettanne aret’ ‘o vico? E che manera… facitelo asci’ perlomeno…! Ecco! (serve il caffe’ a tavola)

Emilio                Ottimo! Ah… papà ‘a deciso ‘e aumentarce ‘a paghetta… duiciento patane apperone, d’ ‘o prossimo mese!

Maria                 Grazie del caffe’ e della paghetta! Ce vuleva proprio!

Francesco           Pure da parte mia… po’ io te faccio ‘nu regalo… t’accatto ‘o giurnale gioverì’, quanne ce stanno ll’estrazioni!

Mimmo              Grazie! Ma nun ghi’ pezzenne pe’ causa mia…! Ah! Aggio chiammato n’ata vota ‘o tecnico d’ ‘a lavatrice… s’ è rutto ‘o tubo!

Maria                 (vede i cartelli) Emilio! Che ‘e fatto? Pecche’ ‘e miso ‘a scritta? Si Lena vene primma…

Emilio                Hai ragione… nun ce avevo avevo penzato… (stacca velocemente i cartelli e li rimette nella cartellina) Mo, però, aspettanne che se fanno ‘e sette, scenco ‘nu poco… m’ affaccio in piazza e faccio doje chiacchiere… chi vo’ veni’?

Maria                 No, io no…

Mimmo              Vengo pure io… no, no in piazza, nun te preoccupa’… scenco a jetta’ ‘a spazzatura ‘e stammatina… (entra nelle quinte e prende due sacchetti)  Uno però ‘o putissi purta’ pure tu…

Emilio                Ma tu devi dare l’esempio… e po’ ‘e perzo ‘a scummessa… (esce  con Mimmo)

Maria                 Ma tu issi telefonato a coccheruno? ‘E saputo niente ‘e chella gente?

Francesco           Niente! Vulessemo chiamma’ a Lena?

Maria                 Chiamma tu… io l’aggio fatto poco fa…  ricordale pe’ stasera e viri ‘e trasi’ in argomento…

Francesco           (telefona)  Ok… Lena? Ue’, comme jammo? Ma te veni a affaccia’, stasera? Guarda ca t’aspettammo… vulessemo fa cuntrulla’ ‘a casa… comme… ma che furtuna! …no…! E diccelle che chillo è scemo… stanne ancora ridenne? …Ah… va buo’… ‘a cunuscimmo! Anzi, cunuscimmo a tutti e duje! Comme…? Ma stammo sicuri…? Allora ce verimmo… ciao, pure a te, grazie!

Maria                 Chella schianculiata n’ ‘a fatta n’ata?

Francesco           ‘Anno truvata ‘a femmena! Essa e mamma ‘anno fatto ‘na dimostrazione… ce steva pure Peppe… ‘a Polizia ‘a cunusceva e l’anno pizzicata… ma ‘o bello che zi’ Peppe s’era vestuto ‘a femmena… ‘a Polizia ‘a arrestato pure a isso pecche’ pareva ‘nu travestito! Po’ ‘e ascito a ridere, e isso e mamma’ stanno turnanne… doppo l’accertamenti ‘anno rilasciato pure ‘a femmena…! Però ‘a teneno d’uocchio!

Maria                 Nun capisco… che ce faceva mammà int’ ‘a ‘na dimostrazione cu’ una, cunusciuta d’ ‘a Polizia? Forse s’ è fatta ‘nfinucchia’ n’ata vota…

Francesco           Addimannacello, mo’ stanne venenne… io scenco ‘nu poco… Vulissi veni’ pure tu a farte doje chiacchiere?

Maria                 Io no… m’aggia ferni’ ‘e trucca’, m’aggia vesti’… ce vo tiempo…

Mimmo              (rientra) Ecco qua! Tutto a posto?

Francesco           Quasi… Hanno arrestato zi’ Peppe, l’anno scagnato pe’ travestito… ma mo’ l’anno rilasciato e sta venenne cca’… cu’ mammina!

Mimmo              Io me ne scappo dint’ ‘o sturio, nun fa niente si ce sta ‘o campo minato!

Maria                 Aspetta… stammatina ‘ammo chiammato a Lena pe’ sape’ coccosa ‘e chillu tecnico… ‘ammo saputo ca ce steva ‘na banda in giro, forse ladri, ‘a chesti parti, ma ‘a Polizia ‘a pizzicato ‘o capo… ‘na femmena! L’unica cosa ca nun quadra è che steva facenne ‘na dimostrazione cu mammà e zi’ Peppe… mo’ a essa ‘anno rilasciata, doppo l’accertamenti, pecche’ nun ce stanno denunce ‘e reato!

Mimmo              E quanne vene Lena, ce facimmo spiega’ meglio…

Maria                 Si’ però ‘a banda era ‘e quatto perzone… a chella ‘a cunoscono e ‘a survegliano… ll’ati chi so’? Stammoce accuorti!

Mimmo              Mo’ vaco a piglia’ ‘a mazza! (esce)

Francesco           Allora io me ne scenco ‘nu poco… ce vedimmo! (esce)

Mimmo              Eccola qua! Mo’ l’annasconno cca’ (sotto il divano) e simmo pronti!

Maria                 Va buono, io me vaco a vesti’! (esce)


atto secondo, scena Quinta: Mimmo, Lena, Maria

Mimmo              E m’anno lassato sulo! Miez’ e ladri e l’assassini! (lamentoso)  ‘Nu povero pate ‘e famiglia, che ‘a passato chillo guaio cu’ chella mugliera… abbandonato dai figli, int’ ‘o pericolo cchiu’ totale…! (tende l’orecchio) Niente! Nun s’impietosisce! Ma che sta facenne?

Maria                 (si affaccia dalle quinte e poi rientra) Io me dongo ‘na buttarella ‘a capilli… c’ ‘o phon mio!

Mimmo              Chillo cannone? E pe’ quanto tiempo? Aspetta! Mo’ stacco! (va vicino al quadro elettrico e stacca alcuni interruttori, rimanendo in penombra) Allora dimme quanne fernisci, va buono? (si mette sdraiato sul divano e si rilassa) E mo’ ce arrepusammo nu’ poco… oggi quanti nuvità… chi sa quanne fernisce… nun se sente niente… mo’ aspetto ‘na mez’ora… speranne ca nun arriva nisciuno…! Ahhh! Comme se sta buono… che silenzio… che pace… Facimmo n’oretta… quasi quasi… (si leva a metà dal divano e tende l’orecchio nella direzione della porta)  Ue’…, ma chisto rummore, vene d’ ‘a porta… troppo vicino… e chesta è ‘a serratura che scatta…! Mo’ t’acconcio io… (si nasconde dietro al divano)

Lena                  (entra, con la pistola puntata, volge le spalle al divano e si muove silenziosamente ispezionando la stanza; si ferma al centro)

Mimmo              (emerge con un sorriso diabolico da dietro al divano, con la mazza in mano, e si porta dietro Lena, colpendola sulla testa e facendola cadere a terra, tramortita) T’aggio fatto, disgraziato! (va al quadro e rida’ corrente, facendo reilluminare la scena) Mo’ chiammo a Polizia… Uh, mamma mia, che aggio fatto! E’ Lena! Aiuto, Maria!

Maria                 (accorre e riconosce Lena a terra; guarda la mazza nella mano di Mimmo e strilla) Ahh! Assassino! Guarda che è fatto! Jetta chella cosa…! Povera Lena!Chiamma l’ambulanza! (prende il telefono) France’! Chiamma tutti e venite subito! Lena sta cca’, è… svenuta! Currite!

Mimmo              (parla sovrapponendosi a Maria) Si, subito! … Via dei Tigli, 35… currite!

Maria                 Tu’ si’ ‘nu piecuro overamente! Pe’ poco nun ‘a facive fore!

Mimmo              Ma io che ne sapevo? Chella ‘a aperto ‘a sola ‘a porta… è trasuta zitta zitta, comme fanno ‘e mariuoli ch’ ‘e chiavi favuze… aggio penzato ‘e ladri… (si chinano entrambi su Lena, ancora esanime)


atto secondo, scena sesta: Mimmo, Lena, Maria, Francesco, Andrea, Carmine

Francesco           (entra di corsa) Che è succieso?

Maria                 E’ succieso ca oltre mamma pazza, tenimmo pure ‘nu pate scemo! Guarda cca’ che ‘a fatto…! Lena! Me sienti?

Lena                  (apre gli occhi e si alza, malferma, strofinandosi la testa)  Chi è stato?

Mimmo              Lena, nun saccio che dicere… so’ stato io… ma tu si’ trasuta c’ ‘a chiave favuza… comme a ‘na ladra… io aggio sentuto ca che steva brutta gente ‘a chesti parti… mai a immagina’! Vieni, assettate… vulisse ‘nu poco ‘e cafe’?

(bussano)

Francesco           (apre e fa entrare Adrea e Carmine)

Andrea              Lena… meno male… te si’ ripigliata!

Carmine             Maria ce aveva ditto ca eri svenuta…

Maria                 E che ‘eva dicere, pe’ telefono? Chillo… (punta il dito)  … nun voglio dicere che cosa, l’ ‘a dato ‘na botta ‘ncapo! A n’ato poco l’accideva!

Mimmo              Io l’aggio pigliata pe’ ‘na ladra… oggi m’ate ditto ca ce steva brutta gente in giro, dint’ ‘o palazzo…

Lena                  Basta, ja’! (si siede) Io aggio bussato, ‘o citofono e ‘o campaniello nun funzionavano, ‘a fore ce steva ‘a corrente nun era normale… e allora so’ trasuta ch’ ‘e mezzi miei…! Tutt’ ‘e luci stutate… pensavo proprio che ce steva ‘nu malintenzionato…! Pure io m’ ‘eva sta’ cchiu’ accorta! Ah… comme fa male! Ma ‘a corrente, ‘ata levata vuje?

Mimmo              E chella tene n’asciugacapilli cu’ ‘nu motore atomico… si nun spegnimmo coccosa, zompa ll’impianto…

Lena                  E vai a stacca’ proprio ‘o citofono e ‘o campaniello? Pe’ chello che consumano? Hi!… ‘A prossima vota, telefono primma… o ‘e staccato pure chillo?

Mimmo              No, no… ma tu guarda… che caso sfurtunato… aggi pacienza…

Lena                  Lassa sta ‘a pacienza… damme ‘nu bicchiere d’acqua…! Anzi, no! Accetto ‘o cafe’!

Maria                 ‘Na tazzulella pure a me!

Francesco           Almeno c’ ‘o cafe’, ce sape fa’! Ue’, nun te scurda’ ‘a tazzina pe’ me, eh?

Andrea              Ma ce ne ascesse ‘nu poco pure pe’ me…?

Carmine             …e pe’ me, ca stongo digiuno?

Mimmo              Ah… Va buo’! Grande successo…! Però so’ cuntento ca nun te si’ fatta troppo male…! (avviandosi verso la cucina)  Ma io aggio chiammato pure l’ambulanza! E mo’ che le dicimmo?

Maria                 Niente…! Primma ce pigliammo ‘o cafe’, e quanne veneno, facimmo purta’ Lena in ospedale, pe’ ‘nu controllo… ce vaje pure tu… e po’ turnate cca’… ‘e capito?

Francesco           Si, ma chisti veneno subito! (a Mimmo) Forza, ca nun ce vulimmo perdere ‘o cafe’ tuojo!

Lena                  Ue’, almeno pe’ te fa’ perduna’, te vulisse movere?

Mimmo              Va buono… (si dedica all’operazione, aprendo e chiudendo la chiave d’arresto)

Carmine             Ma cu’ che l’ ‘a colpita?

Francesco           (prende il bastone da terra)  Ecco cca’!

Andrea              Meno male… cu’ chisto le puteva… fa’ assaje cchiu’ male!

Maria                 See! Chillo muscoli nun ne tene! Penza e scrive sulamente, e l’unico esercizio che fa’ è quanne jetta ‘a spazzatura…!

Lena                  Io nun aggio fernuto ‘o controllo… e me stongo sentenne meglio… quasi quasi all’ospedale nun ce vaco…

Carmine             Siente… mo’ chesta mazza m’ ‘a piglio io… e vaco a fa’ ‘nu giro p’ ‘o palazzo… tu fatte fa’ chisto controllo… pe’ scrupolo… se vede che stai meglio, perciò, che ce mitti…? Stai tranquilla che si ce sta cocche malintenzionato ca me vere, chillo se ne fuje!

Francesco           Vengo pure io… doppo che ce simmo pigliati ‘o cafe’!

Andrea              Mi unisco! Vuje l’affrontate e io corro a chiamma’ gente…

Mimmo              (porta il caffe’ in tavola) Primma a Lena!

Tutti                  (sorbiscono il caffe’, approvando con la mimica)

Lena                  Ahhh… Mimmo, si’ perdunato! Guagliu’, io approfitto… ma nun facite fesserie… jate sempe a tre, nun ve separate mai e nun cagnate piano! Cinche minuti, sulo ‘ncopp’ ‘o pianerottolo, e po’ turnate rinto! Si verite cocche cosa che nun va, chiammate ‘a Centrale! Po’ torno io e dongo n’occhiata ‘o riesto! Mo’ scennimmacenne, accussi quanne vene l’ambulanza facimmo ampressa…

Mimmo              Pronto… eccomi!

Maria                 Vengo pure io… Piglio ‘e chiavi! (esegue ed escono tutti)


atto secondo, scena settima: Angela, Peppe

Angela               (entra con Peppe)  Ecco, qui potiamo parlare… Tu si’ ‘nu scempio! Io… io ci divorzio da te! Tu nun sei più fratemo!

Peppe                Ma tu ce l’ ‘ai cu’ mme! E tutte le vute ca me chiammi, io ce vengo, e tutte le dimustrazioni ce vulisse, io ce stongo, e tutte l’appiccicamienti tui, te dongo ‘na mano, ma fare la femmina, nun è cosa mia! E poi nun te l’aggio annegato, me so’ pure miso la vestimenta… e li scarpini! Ma nun sapevo ca duvevo dicere…

Angela               E te stive a vocca ‘nzerrata! Nun se po’ fa’ ca tu vai a dimannanne justo ‘o capo d’ ‘a Pulizia comme se po’ scagna’  ‘o posto cu’ ‘na galiotta!

Peppe                E già t’aggio spiegazzato… chillo nun teneva a divisione, senza buttunera, senza cappiello! Nun pareva manco ‘nu capurale! Io ce stevo addimannanne cunziglio!

Angela               Vocca ‘nzerrata! Sulo chisto ‘iva fa’… e t’iva aiza’ buono ‘o cazone, e ‘nzerra’ ‘a bretella! Quanno è se n’ è sciso e si caruto ‘ncopp’ ‘a scaleggiata, se vedevano ‘e cazuni ’a sotto! N’ato poco chilli murevano d’ ‘e risate… Assassinio!

Peppe                Però ce la simmo fatta! Trasuti a duje, asciuti a tre… comme vulive! Pecche’ nun si’ cantante?

Angela               Pecche’ sempe primmo problema urgentissimo e utilitario ca sta ‘a risolvere, me serve… aiccanne! (prende la cartellina) Io devo fotocupiare! Devo dare a Pulizia! Loro devono aiutare ‘a nosta azione sanitaria! Facimmo cupiatura in stutio…

Peppe                E che ce stace scritto?

Angela               Messaggio terroristico… lieggi!

Peppe                “LAGNANZA TENUI COLORI!” Ma che è?

Angela               (gli strappa i fogli da mano e legge anche lei)  Questa cartellina nun è bona! Questa è cartellina favuza! Questa è d’ ‘a criticona d’ ‘a galera d’arte! Io già aggio sentuto chisto fraseggio… è famigliare! Ecco…! Polizia, solo loro possono avere scagnato ‘e carte…! Jammo ‘a Pulizia a piglia’ ‘e carte juste! Io dimostro con fatti e scrittura la grande intrigazione e la vericità dell’attentato ‘o ‘Spitale! Jammucenne! (rimette la cartellina sul tavolo e lo piglia per il braccio, trascinandolo fuori)

Peppe                Io non voglio jammucennare! Pulizia ce schiaffeja ‘ngalera! Povero a mme! Ma che suora aggio avuta…!


atto secondo, scena ottava:  Emilio, Mimmo, Maria, Francesco, Andrea, Carmine

Emilio                (entrando con Francesco, Mimmo e Maria)  …Beh, comunque s’ è ripresa! (si siedono tutti)

Mimmo              Povera Lena… me dispiace… vo’ dicere che ‘a festa a surpresa ce ‘a facite quanne ripiglia servizio…

Maria                 Tra ‘na settimana almeno… e doppo ca s’ ‘a levato chillo turbante ‘a capo!

Francesco           Beh… a me nun me va ‘e sta’ int’ ‘a casa… vaco a mangia’ fore…

Emilio                Ma comme? E chella robba ca tenimmo? Anzi, va’ a chiamma’ Andrea e Carmine…! Facimmo ‘o stesso ‘na festicciolla… magari invitammo a cocche amico, e perlommeno ce divertimmo, ‘a salute ‘e Lena!

Francesco           E sicondo te, riuscimmo a ferni’ tutta chella robba?

Maria                 Ce sta Carmine…  e po’ nun è detto che ‘amma piglia’ tutte cose…

(bussano)          

Mimmo              (va ad aprire) Uhe’, se steva parlanne proprio ‘e vuje… (entrano Andrea e Carmine)

Andrea              Allora, ce purtate notizie ‘e Lena? Comme sta?

Emilio                Lena sta ‘a casa, cu’ ‘na capa tanta; tutta fasciata… ma sta bona, all’ospedale nun è ascito niente, rire, pazzeja… Vulimmo fa’ ‘o stesso ‘nu poco ‘e mmuina ‘a salute soja? Po’ ‘a festa cu’ essa ‘a facimmo quanne sta bona completamente…

Carmine             Io ce stongo… ma ‘amma munta’ tutte cose…?

Maria                 No, ce mettimmo dint’ ‘o studio… è pulito, e ce porto ‘o stereo piccirillo mio… simmo pochi, nun c’ è bisogno ‘e tanta robba!

Andrea              Allora che aspettammo…? Ancuminciammo!

Carmine             Si, pure pecche’ vulesse duje salatini, tre o quatto pizzette…

Mimmo              Beata gioventù! Tene sempe famme!

Maria                 Allora, ordine e precisione: Emi’, tu pigli piatti, bicchieri tovaglie e tovaglioli di carta e ‘e buste ‘e plastica; France’, tira fore d’ ‘o frigo pizzette, pesce, torta e ‘na buttiglia e vino buono; ‘e puorti ‘nzieme a Andrea, e a Carmine ce facimmo purta’ patanelle, tarallucci e pizzette; pigliate sulo ‘e cartocci ch’ ‘e piattini verdi! Nun pigliate niente ‘e russo! Io vaco, e… faccio strada!

Mimmo              ‘E surdatielli ‘e chiummo…! E po’ criticano a nuje!

(i ragazzi si muovono senza ostacolarsi, ed escono in fila)

Mimmo              Buon appetito! ‘O sapevo che era ‘na festicciolla d’ ‘a loro, ma almeno…  

Francesco           (si affaccia dalla quinta) Ah… papà, mangiate coccosa pure tu… piglia sulo ‘e piattini verdi… ‘e russi so’… ‘nu poco speciali! Buon appetito! E dimane… nun te scurda’ ‘a spazzatura! ‘E buste ‘e facimmo direttamente dint’ ‘o studio! (esce)

Mimmo              E ‘anno sempe ragione loro! Che le vuo’ dicere? E meno male che nun se n’ è asciuto c’ ‘a storia d’ ‘a ‘nzalata!

                       

fine secondo atto


atto terzo, scena prima: Mimmo, Antonio

(bussano)  

Mimmo              Ancumminciammo chest’ata jurnata! (va ad aprire e fa entrare Antonio)

Antonio              Scusate, permesso… io aggio avuto ‘na segnalazione ‘e guasto… (si guarda intorno, guarda bene in faccia a Mimmo, e lo riconosce) Ma io cca’ gia’ ce so’ stato aiere! E’ n’errore! Scusate, arrivederci! (fa per andare via)

Mimmo              Aro’ te ne fuje? (lo prende a forza e lo trascina dentro) Mo’ si’ venuto, e nun te ne vaje! Aiere, era n’ata cosa… mo’ s’adda fa’ n’ata operazione! ‘A tieni ‘a richiesta mia?

Antonio              Si, ma aggio letto sulo l’indirizzo… Aggio sbagliato! (prende la scheda) Chisti appartamenti s’assumigliano tutti quanti! Io nun saccio niente! Cca’ nun ce vulevo veni’! E’ n’errore! Aggiate pietà, songo sulo ‘o tecnico d’ assistenza… 

Mimmo              (minaccioso) T’aggio ditto ca s’adda fa’ n’intervento indispensabile e urgente a chella povera malata…! Lieggi ‘a richiesta!

Antonio              (intimidito) ‘Na malata? (legge la scheda, facendola tremare tra le mani) “Causa lesione interna…”Mamma mia! “…non rilevata, abbiamo interrotto alimentazione,” Chesta è spacciata! “…con arresto totale acqua potabile,”  Ma manco ‘na goccia? “…per evitare perdite di liquido; si attende intervento d’urgenza!”  Ma cca’ ce vo’ ‘nu miereco, o addirittura ‘nu chirurgo! Io nun songo capace ‘e fa’ chest’operazione… ma pecche’ ‘ate chiammato l’assistenza tecnica, pe’ ‘na cosa ‘e cheste?

Mimmo              E chi ‘eva chiamma’? L’Ospedale? ‘O veterinario? Io aggio chiammato l’assistenza! Si’ venuto tu, e tu intervieni!

Antonio              Vuje state pazzianne… io me ne vaco! (vede che Mimmo assume un’espressione torva) …cioè… me ne vaco… doppo che…

Mimmo              ‘E capito eh? (lo prende e lo porta in zona cucina; durante il tragitto Antonio fa scena) Aiccanne! (indica la lavatrice)

Antonio              Si… chesta ‘a cunosco… M’ ‘a presentata aiere ‘na signora… ce steva… (lo guarda, incerto) …’o guasto era… “l’acciuga bloccata!”

Mimmo              Dinto ‘a lavatrice? Steva bloccata? ‘Nu pesce?

Antonio              Nun ‘o saccio si è pesce, mammifero, o che robba è! Io nun saccio niente!

Mimmo              Ma tu ‘e accunciata, e dice che nun saje niente? E’ passata sulo ‘na jurnata! Arricuordate… nun te si’ pigliato manco ‘e sorde! Mo’ ce ‘o vulisse cagna’, ‘stu tubo che perde? Aggio chiuso ‘a chiave d’arresto generale pe’ nun fa’ scennere acqua… e stammo a sicco! Nun ce putimmo lava’, nun putimmo cucina’! Te vulisse spiccia’?

Antonio              Ah… ma è chesta ‘a malata?

Mimmo              E te pare che sta bona, quanne perde accussi’?

Antonio              Scusate… ‘evo capito malamente…! Subito! (apre la borsa e si mette all’opera)

Mimmo              (mentre Antonio lavora, si va a sedere e parla fra se’) Cose ‘e pazzi… quanta fatica ca ce vo’ pe’ farse capi’ d’ a gente… ah, quant’ è bello ave’ a che fa’ cu’ chi te capisce… chillo Donato, e pure chillo Vittorio… ‘a serie perza! ‘O sapeva pure isso! Speriamo ca vanno buone chilli nummere… tre, trentotto…

Antonio              (aprendo la chiave di arresto) Scusate… io aggio fernuto!

Mimmo              Di già?

Antonio              Eh, chella era ‘na fascetta allentata, p’ ‘e vibrazioni… ma mo’ ce n’aggio misa pure n’ata… aggio strignuto bone ‘e viti… è risolto! Guardate… ll’acqua è aperta, e gocce nun ne cadono!

Mimmo              (si china per controllare) Overo! Bravo! Quanto t’aggia da’, pure p’ ‘o servizio ‘e aiere?

Antonio              E che vulite che costa ‘na fascetta? E po’ aiere era ‘nu filo staccato… sempe ‘e vibrazioni… niente! ‘O diritto ‘e chiammata ‘o pagate c’ ‘a bolletta… chiuttosto… si nun dongo fastidio, putesse fa’ ‘na chiammata in ufficio, pe’ sape’ si ce stanno chiammate cca’ vicino? ‘O telefono mio s’ è scaricato…  aggio parlato assaje…

Mimmo              Vuo’ chiamma’ ‘o Centro assistenza?

Antonio              No, no… si chiammate chillo, v’addebitano ‘o costo… no, aggia chiamma’ ‘o capo mio… ‘nu nummero diretto! M’ ‘o facisseve vuje, ‘o nummero, pe’ piacere? Tengo ‘e mani sporche, nun ve vulesse spurca’ l’apparecchio…

Mimmo              (tira fuori il telefono) Dici…

Antonio              Tre, trentotto, sessantatre, quarantanove, nove…

Mimmo              Brutto disgraziato! Chi t’ ‘a dato chisti nummeri?

Antonio              (impaurito) ‘O capo mio… ma pecche’?

Mimmo              Tu si’ overamente ‘na spia… mo’ t’accocio io… (prende velocemente la mazza) Aiere aggio quase acciso a ‘na femmena cu’ chesta… viene cca’! (insegue Antonio, che nel frattempo scappa)    

Antonio              (uscendo) Aiuto, è pazzo, me vo’ accirere…!

Mimmo              (esce inseguendolo con la mazza levata) Ladro ‘e nummere! Spia! Fermati…! Fermatelo…!

atto terzo, scena seconda: Roberta, Mimmo, Angela

Roberta             (si affaccia dall’ingresso) Permesso? C’è chelchen…? Si può…? Si può! (entra e guarda in giro in zona cucina)  Vediamo…  ma manco ‘nu calendario… ‘na fotografia… na’ chiave… nun ce sta niente! (guarda sul tavolo, vede la cartellina e la apre) Ah, ecco… hmm… ce adda sta’ ‘nu poeta, in giro… “IGNORO LUCE INNALZATA!”… che manera strana ‘e scrivere poesie… ‘na lettera pe’ foglio…(alza i cuscini del divano, e trova il bigliettino appallottolato)  Chisto è buono! (lo dispiega e legge) Tre, trentotto, sessantatre, quarantanove, nove… Sta scritto ‘na schifezza, ma se legge… pare ‘nu nummero ‘e telefono… ma ce mancano tre cifre! Astipammacillo! (lo mette in borsetta) E mo’… aria! (esce con le dovute cautele)

Angela               (entra dopo un istante) Ma dico io, oramai si’ stravecchiato… Nun puo’correre appriesso a chi tene vint’anne…

Mimmo              (entra usando la mazza come bastone da un lato, appoggiandosi ad Angela dall’altro e con passo strascicato) Ladro ‘e nummere… ‘nu sacco ‘e gente a guarda’…! Disonesti pure loro! Nisciuno che m’ ‘a autato… io alluccavo, e chilli ridevano…

Angela               (lo porta verso il divano) E chilli te sanno… accunciate ‘ncopp’ ‘o divano…

(bussano; Angela molla improvvisamente Mimmo, che cade seduto, e va ad aprire)

Mimmo              E meno male ca ce steva ‘o divano! (mette la mazza sotto il divano) Chi ‘o sape, chesta putesse servi’ ancora!

Roberta             (entra) Ma cher ami’! Comme stai? 

Angela               Bellissima! (si scambiano effusioni) Benissimo! Vieni, sediamoci! Ci dobbiamo allineare! (si dirigono al tavolo, ignorando Mimmo)

Roberta             Allineare?

Mimmo              (tossisce, cercando di richiamare l’attenzione di Angela)

Angela               Si’ alliniare… tu dici a me cosa successo, e io dico a te fatti miei! Ok?

Roberta             Ok! Ma quel… messie’… è kameriere domestiko? Fakkino?

Angela               Nun ‘o penza’…! Pardon! No, quello è mon cunsorte, disperazione campare con lui’… ma tanto è… non è periculoso!

Roberta             Ah… Compri’!

Mimmo              (ad Angela) Neh, nu’ straccio ‘e presentazione? Chi è chesta signurina?

Angela               Ma che azzecchi tu? Stai sempe ‘mmiezo…! Uffa! Chesta è chella che m’ adda’ fa’ ‘o servizio ca te dicevo! Roberta… Tene ‘o nomme italiano, ma è francese! Invece chisto… (indicandolo e facendo oscillare la mano) è mio marito! Vabbuono?

Mimmo              (ad Angela, con intenzione) E io me chiammo Mimmo! Piacere!

Angela               Mo’ nuje jammo a stutiare nello stutio! Ce abbiamo ‘nu problema di indagine sullo sventagliamento ‘e aieri e uno di tur internazionale mustruoso delle mie operette… si venesse chillo percuoco ‘e fratemo, fallo trasire addo’ nuje!

Mimmo              Pecche’, l’anno rilasciato gia’? Ah… stasera ce sta ‘a cena cu’ ll’amici…! Doppo che ‘ate fernuto di stutiare… venite pure voi a mangia’?

Roberta             (anticipando Angela) Molta gente? Gioli’! A me piace! Poi io  avere panzella vacante!

Angela               Po’ verimmo… pardon! Prima noi stutiare tutto piano azion, ok? Po’ tu ‘inchi tua panzella… jammucenne! (la prende per il braccio ed escono)


atto terzo, scena terza: Mimmo, Donato, Vittorio

Mimmo              (rimasto solo)  Eravamo a tre… ‘e guagliuni stanno sempe a chella festa… mo’ simmo cinche… ma ce stanno pruvviste pe’ tutti quanti? P’ ‘a festa ‘e Lena nun sarranno buone cchiu, c’ ‘e pigliammo nuje! Cuntrullammo! (apre il frigo) Allora… cinche… cinche… cinche… pure cinche buttiglie… pare fatto apposta! Peccato pe’ ‘sti piattini russi…! ‘E purzioni songo ‘nu poco piccerelle, ma Francesco dicette che erano speciali… uh, ce stanno pure tre butteglie c’ ‘o tappo russo! ‘Anna essere proprio speciale pure chelle! Mo’ all’ati dongo ‘a robba dint ‘ ‘e piatti verdi, e ‘e russi m’ ‘e piglio io! Eh, eh…! E che dico, si addimannano…? Dico che so’ cunditi assaje…! Tutti se mettono paura ‘e ‘ngrassa’… e ‘e purzioni speciali m’ ‘e magno tutte io! (si frega le mani) Cca’ nisciuno è fesso!

(suonano)          Ue’, ‘nu mumento! (si reca ad aprire) Oh… venite, venite..

(entrano Donato e Vittorio)

Donato              Ciao, Mimmo… ce simmo ‘ncuntrati pe’ caso sott’ ‘o Spitale, e Vittorio è venuto cu’ me!

Vittorio              Buona sera! (porge dei fiori a Mimmo) Pe’ la tua gentile signora, scummetto che ‘a faticato pe’ prepara’…

Mimmo              Grazie, ‘e sciuri le faranno assaje piacere, ma chella nun ‘a fatto niente! Modestamente, ce aggio penzato a tutto io, e stanno fatte pur’ ‘e purzioni! ‘Amma sulo mangia’ e bevere! Ma ‘a n’atu poco a vedite ‘e veni’… essa e ‘a consulente soja… stanno dint’ ‘o sturio a prepara’ ‘na cosa…

Donato              Va buono…! Mentre aspettammo… n’aperitivo?

Mimmo              Comme no? Subito! (sistema i fiori e dopo prende una bottiglia dal frigo; apre e versa in due bicchieri di plastica) Ecco qua! Scusate ‘a plastica…  ma doppo almeno nun se fa’ ‘o cucinone! (Donato e Vittorio prendono i bicchieri e rimangono in attesa)

Donato              E tu?

Mimmo              Pe’ me… è troppo friddo! Me piglio ‘nu bicchiere ‘a chest’ata butteglia! (apre una di quelle truccate, e si versa da bere)  Ecco qua! Alla salute!

Donato              Alla salute! (beve)

Vittorio              Alla salute! E io ‘e salute me ne intendo! (beve) 

Mimmo              Alla salute! (beve e poi rimane bloccato)

Donato              (gli da’ una pacca sulla spalla, e lo fa deglutire) Bravo! Eccellente! Tene ‘nu prufumo…

Vittorio              …Si, overamente buono… Comme si fosse…

Mimmo              (facendo delle smorfie) Acite…?

Donato              Ma quanne mai? Te sienti buono…? Damme ‘a butteglia, ce ne vo’ n’atu poco… Pigliatillo pure tu!

Vittorio              Pure a me… Chesto, si l’ausassero ‘o Spitale, se ne jessero tutti quanti…

Mimmo              …’O cimitero?

Vittorio              Ma quanne mai? Sanati, ‘a casa!

Donato              Pigliatello pure tu ‘n’atu poco… chesto fa sangue!

Mimmo              (mentre Donato e Vittorio bevono e si vanno a sedere, tra se’) Chesto fa schifo! Chisti chi sa che se bevono!

Donato              Ue’, cca’ ‘ncoppa ce sta ‘na cartellina… Mimmo… fosse ‘o sistema tuojo?

Mimmo              No… ‘o sistema mio oramai ‘e sicuro addo’ sta! (si picchietta sulla testa) Ce stanno in giro pure ‘e ladri ‘e nummere…! Scusate, vaco a vere’ ‘e signore si so’ pronte… (esce)

Vittorio              Scusa Dona’… i’ so curiuso… (apre la cartellina, legge e rimane fermo)

Donato              Ohe…! Che ce sta…?

Vittorio              (pone i fogli di carta in successione) Cca’ ce stanno ‘e spiriti…

Donato              (legge)  “CANAGLIA! OZI NEL TURNO”

Vittorio              Di chi è ‘sta cartellina? Comme ‘anno fatto a sape’…! Io me n’aggia i’ subito… Dona’, scusame cu’ Mimmo… io ce tenevo tanto a chist’incontro, ma nun aggio truvato nisciuno ca me sostituiva… e so’ venuto ‘o stesso! Io so’ di turno ‘o Spitale… e m’anno scuperto! (si alza)

Donato              (serafico)  E chello nun è overo! Tu te stai sunnanne! E’ succiesa ‘a stessa cosa a Mimmo… ‘a cartellina è ‘nu suonno! Vatte a cucca’, te sciti, e chella nun ‘a truovi cchiu’!

Vittorio              Ma te siente buono? Si io stongo durmenne… tu che ce fai int’ ‘o suonno mio? Stongo benevve… (esegue) …sento ‘o friddo d’ ‘o vino … io stongo scetato!


atto terzo, scena quarta: Mimmo, Donato, Vittorio, Roberta, Angela

Mimmo              (entrando con Angela e Roberta) Ue’, ‘anno fernuto… mo’ ce assettammo e mangiammo… Dona’, Vitto’… Angela, ‘a mugliera mia e ‘a consulente…

Vittorio              Forse stongo durmenne! Donato, tieni proprio ragione… Robe’, ma che ce fai, cca’? Signora… pure vuje… v’aggio vista aiere ‘o Spitale… v’anno rilasciata?

Roberta             Ma io t’evo ditto… Pardon! Ti avevo enforme’ ca ce avevo na cher amica e cliente da visiter!

Vittorio              Ma comme parli? Dona’… tu tieni ragione…! Chist’ è suonno! Io stongo durmenne all’erta!

Mimmo              Ma che succere?

Donato              ‘A truvato ‘a cartellina toja!

Mimmo              Ah, e nun te preoccupa’, Vitto’… tu stai durmenne! Appena te sciti, chella sparisce!

Vittorio              Ma io stongo ascenne pazzo… o ‘e pazzi site vuje… Robe’, vieni cca’, famme capi’…

Roberta             Giame’! Io songo ‘a “press agent” ‘e Angela, ‘e capito, scuorteco? Pardon… pezzo di… come si dice in franse’?

Angela               Povera cara…! Ma che ti stanno scocciando, chisti?

Vittorio              E vieni cca’… Famme vede’ si si’ pure tu ‘nu suonno… (la tira per la borsetta, che cade e si apre)

Roberta             (si china a raccogliere, aiutata da Vittorio) Tu… tu sei uno…

Vittorio              …che ‘a passato ‘nu guaio gruosso comme a ‘na casa! E che è chisto…? (legge il bigliettino)  Songo ‘e nummeri asciuti oggi ‘ncopp’ ‘a ruota ‘e Roma… l’aggio sentuti pe’ radio! Me’ so’ trasuti ‘ncapo pecche’ parene quasi ‘nu nummero ‘e telefono!

Mimmo              Fa’ vede’… io nun aggio avuto tiempo… (prende il bigliettino e lo legge) Maronna! Chist’ è ‘o bigliettino che ‘evo scritto io… Dona’…

Donato              E’ isso… ma che dici… so’ asciuti oggi?

Vittorio              E chello oggi è sabato… so’ asciuti in ordine…! Tre, trentotto, sessantatre, quarantanove e nove!

Mimmo              Maronna santa! (cade svenuto sul divano)

Donato              San Giuseppe! (cade anche lui svenuto sul divano)

Vittorio              Me sape ca mo’ se scetano… e le passa tutte cose! (si rivolge a Roberta) Io invece me songo scetato ‘a sulo… addo’ ‘e pigliato, chillo bigliettiello? A chesto, te si’ ridotta? A piglia’ ‘a robba d’ ‘a spazzatura… o ‘e pigliata dint’ ‘a casa?

Angela               Gia’… piccere’… aro’ ‘e pigliato? E pecche’ ‘o tenivi costipato accussi’ buono? M’ ‘o dici roppo… mo’ tengo ‘na cosa ‘a fa’… (da’ un ceffone a Mimmo, che si riscuote) Ohe, scetate!

Donato              (si riscuote al rumore, vede Mimmo risvegliato, con gli occhi sbarrati) Io stongo a posto! Me’ so’ scetato io sulo!

Vittorio              (a Roberta) E allora? Puo’ rispondere pure a me… addirittura si’ addiventata ladra…

Angela               Perciò ‘a Pulizia te accanusceva… aieri, quanne vulevo sventagliare chill’attentato ‘o Spitale, so’ arrivati a direttissimo addo’ te!

Roberta             Si, avite ragione… ‘o fatto che, quanne uno abbia, po’ ce se trova acchiappato…! A me nun me piace sta’ dint’ ‘a casa… me piacesse ‘e asci’, tene’ ‘nu lavoro mio, parla’ c’ ‘a gente…! Vitto’… me dispiace… ‘o sai… quanne so’ stata fore pe’ tre misi… mo’ t’ ‘o pozzo dicere… (si nasconde la faccia tra le mani)

Vittorio              Ca stivi ‘ngalera? ‘O sapevo…! Aggio avuto pure ‘a visita d’ ‘a Pulizia… penzavo a n’errore, n’ingiustizia…! Tu nun m’ ‘e mai ditto niente… e io me so’ stato zitto, continuanne a fatica’! Ma mo’…

Donato              Ma mo’… Vittorio tene ‘na surpresa pe’ te!

Vittorio              Io? Ah… si! Robe’, dimane jammo a fatica’ ‘nzieme! T’anno dato ‘o posto all’Ospedale… ‘o Centralino… e lla’ chi ‘o sape cu’ quanta gente parli…

Roberta             (ancora con la faccia tra le mani, assentisce)

Angela               Viene, Robe’… vienete a lava’ ‘a faccia… e jammo a jetta’ chelli carte che stanno ‘a lla’… ‘e visto ca te si’ impossessata d’ ‘o Centralino ‘e ll’Ospedale? Brava! (vedendo che non si muove) Jammucenne! (la prende come al solito per il braccio e la porta fuori)


atto terzo, scena quinta: Mimmo, Donato, Vittorio

Donato              (si rivolge verso Mimmo, ancora seduto e silenzioso) Mimmo… Mimmo! Scetate…! Simmo rimasti fregati, eh?

Mimmo              (trasognato) Aiere dicietti: “Chilli, ‘e nummere, esceno comme vonno loro!” Nun l’eva dicere chesti parole… me so’ menato ‘o malaugurio…

Vittorio              Tu stai pazzianne? ‘E centrato ‘na quintina ‘ncopp’ ‘a ruota justa! Tu tieni ‘nu sistema che è ‘na bomba! S’adda perfeziona’, ‘e vede’ meglio ‘e frequenze…

Donato              Nuje t’aspettammo! E chi te lassa?

Vittorio              Pure si nun aggio cchiu’ bisogno comm’ ‘a primma… simmo sempe soci!

Mimmo              Ma mo’ Angela… e mugliereta?

Vittorio              Stanno ‘a lla’… Roberta se sta sicuramente sfuganne… puverella…! Chi sape quanti cose vuleva dicere, e nun ‘o puteva fa’!

Mimmo              Allora…, facimmo vede’ che sapimmo fa’ nuje! Ordine e precisione: Vitto’, tu pigli piatti, bicchieri tovaglie e tovaglioli di carta e ‘e buste ‘e plastica dint’ ‘a cucina; Dona’, tira fore d’ ‘o frigo pizzette, pesce, torta e ‘na buttiglia e vino; io porto patanelle, tarallucci e pizzette; abbiammo a pripara’ ‘a tavula!

(i tre si muovono ostacolandosi continuamente, soprattutto per mettere la tovaglia sotto i cartocci, ma alla fine riescono a sistemare i cartocci sulla tavola)

Mimmo              (durante le fasi di preparazione) Ma comme ‘anno fatto chilli, aieri? Erano quant’ ‘a nuje… e pecche’ facimmo st’ammuina?

Donato              Ce l’ammo fatta! Mo’ aspettammo che veneno…


atto terzo, scena sesta: Mimmo, Donato, Vittorio, Angela, Roberta

Angela               (entra con Roberta) ‘Ammo sentuto… Ecchece qua!

Vittorio              Robe’… comme jammo? Te sienti meglio?

Roberta             Si…

Mimmo              Assettammoce!

(tutti si siedono)

Mimmo              Ah, chi tenesse problemi ‘e linea, nun pigliasse ‘e piatielli russi… Ce sta ‘nu poco ‘e cundimento ‘e cchiu’…

Tutti                  “No, grazie”, “E chi ‘o vo’?”, “Vavattinne!”, “Nun pazziammo!”

Donato              Scusate… Tutto assai bello… Ma io me sento ‘na languidezza…

Vittorio              Pure cca’ ce sta chi vulesse coccosa…

Mimmo              E allora, arapimmo…! Patanelle, tarallucci e pizzette! (tutti si servono, prendendo i piattini verdi)

Angela               (gli porge il piattino rosso)  E chisto è pe’ te! Bon petito!

(tutti mangiano, soddisfatti; Mimmo ha delle difficoltà di masticazione)

Mimmo              Certo che chesto sale è… ‘nu poco tuosto!

Angela               E nun fa’ tutto chesto rummore… pari ‘na grattatura!

Donato              (apre una bottiglia)  Allegria! ‘A salute ‘e tutte quanti!

Mimmo              (si serve dalla bottiglia truccata) Certo che ‘stu vino è… ‘nu poco forte!

Vittorio              Robe’, te piace? N’atu pucurillo?

Mimmo              Chesti patanelle so’ ‘nu poco… salate pe’ me… e pure ‘e tarallucci…

Angela               Appizzettati, allora! (gli porge una pizzetta, ma mentre egli sta per prenderla, ritira la mano) Ah, già… Tu vuo’ chelle cu’ cchiu’ cumplimenti… (mangia la pizzetta che prima aveva offerta)  Bona…! Sofficina e cruccante!

Mimmo              (prende una delle sue pizzette e cerca di masticarla) Bona…! Forze però chesta… tene ‘na muzzarella… diversa!

Donato              Aro’ sta ‘a butteglia toja? Vivete ‘nu poco ‘e vino… nun saccio comme fai a dicere che chesto è troppo friddo… scenne che è ‘na delizia!

Roberta             Vitto’… pe’ piacere… ‘nu poco pure a me… però chello friddo…

Vittorio              Subito! (esegue) Angelina, vuje?

Angela               Si’, ‘na goccia…

Mimmo              (prende la sua bottiglia, si versa da bere, e cerca di deglutire, con evidenti sforzi) Ma comme so’ bone…!

Angela               Nun me dicite ca vaco espressamente, ma chesta robba m’ ‘a fatto svicula’ ‘o petito! Mimmo, ‘o vuo’ ‘nu poco e pisciolino? Tie’! (gli da’ il solito piattino rosso)  Cu’ chesta purziuncola, io nun ce fabbricasse niente!

Mimmo              Si, è meglio… nu’ poco ‘e pesce… (mangia) ma… m’ ‘a pugnuto!  (estrae uno stuzzicadenti dalla bocca) Ma che razza ‘e pesce è? Chesta spina me pare ‘na spada ‘e lignamme!

Donato              Eh, so’ asciute puche? ‘A purzione mia è pulitissima…

Angela               Manco io ce ne aggio scuperte… Robe’?

Roberta             Squisito e pulito… proprio buono!

Vittorio              Evviva ‘o cuoco… ‘a cuoca… inzomma chi l’a fatto!

Mimmo              Stasera nun saccio che me sento… Nun ce sta niente che me piace… Voglio pruva’ c’ ‘a torta…

Angela               Ma comme si’ pressante! …Tie’, pigliate ‘sta fella russa!

Donato              Fatte ‘nu bello bicchiere… pure vuje…! Facimmo ‘nu brindisi ‘o lavoro ‘e Roberta, p’ ‘e succesi ‘e Angela e… p’ ‘o sistema ‘e Mimmo!

Tutti                  Auguri, auguri…

Vittorio              Mimmo… si te putesse servi’ ‘na mano pe’ cuntrulla’ ‘o sistema…

Mimmo              (che ha mangiato il dolce, facendo scena) Stasera overamente nun saccio che me sento… me fa male ‘o stommaco… (si alza e va verso il divano) scusate… me vulesse stennere… (si butta a corpo morto)

Angela               Mimmo, sei schiattato? (gli va vicino)

Donato              (corre vicino al divano) Mimmo, che te piglia?

Vittorio              (corre vicino al divano con Roberta) Mimmo, nun te mettere a fa’ ‘sti cose…!

Angela               (corre vicino al divano e lo scuote) Jammo, parla! Che te sentissi?

Mimmo              …schifezza! Vampate ‘e calore… stongo suranne friddo… tengo cavuro e friddo… ‘A vocca ‘na schifezza…!

Angela               (a Donato) ‘O bicchiere! Facimmolo abbeverare!

Donato              (prende il bicchiere e lo fa bere, a forza) Pigliati chesto… nun è chello friddo… te fa’ tanto bene!

Mimmo              (dopo aver bevuto, sputacchiando, si siede sul divano)  Basta! Chesta è ‘na schifezza! Ma comme facite a bevere chesta robba? Mamma mia… tengo n’arsura…

Angela               ‘O gelato! (prende la fetta rossa) Oiccanne… ‘a fella toja!

Vittorio              Angeli’ aspettate… chesto è mestiere mio! (prende un cucchiaino e lo imbocca a forza, strigendogli il naso) Fa cunto che è medicina! Forza!

Mimmo              (si divincola, ma viene trattenuto da Donato e da Angela; alla fine si rilassa completamente) Basta… mo’ me sceto… e me passa… (chiude gli occhi)

Angela               Mimmo, sei schiattato?

Donato              Vitto’… chisto more veramente ‘e subbeto, e rimmanimmo fregati!

Vittorio              ‘E visto? ‘O sistema l’eva caccia’ primma!

Roberta             Povero cristiano! Ma nun se po’ chiamma’ n’ambulanza?

Mimmo              (aprendo un occhio, con voce flebile) Nun ‘a voglio…! Forze stongo durmenne… tanto mo’ me sceto…

Angela               ‘A pallato! Bravo!

Vittorio              Ma che t’ è pigliato? Addo’ te fa male? Mo’ jammo ‘o Spedale… Maronna! Me so’ scurdato che chilli m’anno pizzicato fore ‘o turno mio…! Aggia correre…!

Donato              Ma no, allora stivi durmenne!

Roberta             Ma ‘anno telefonato? Vitto’, nun capisco… comme v’anno truvato? Sapevano ca veniveve cca’?

Angela               Roberta tene raggione! Vitto’, ma comme ‘o sapisse?

Vittorio              ‘A cartellina… ce sta ‘nu messaggio pe’ me…

Mimmo              (si tira un poco su) Vitto’, dammella…

Vittorio              (esegue) Ma che ce vuo’ fa’?

Mimmo              Azzecca ‘e lettere ‘ncopp’ ‘o muro… vieni… abbia ‘a chesta…

Vittorio              (esegue e compone le parole “CONGRATULAZIONI LENA!”) Ma allora s’erano ammiscate ‘e lettere!

Angela               Pure io…! Allora nun ce sta attentamento!

Donato              Mimmo… comme va?

Roberta             ‘On Mimmo… comme ve sentite…?

Mimmo              Comme si m’essi magnato ‘a cedrata ’e cartone piccante c’ ‘o sale, ll’acite… e a rena!

Angela               Povero piecuro mio! Ma quanne t’ ‘e magnato, ‘sta fetenzia?


atto terzo, scena sesta: Mimmo, Donato, Vittorio, Angela, Roberta, Maria, Francesco, Emilio

(entrano Maria, Francesco, Emilio, cantando “tanti auguri a te”)

Maria                 Uhe’, quanta bella gente… buonasera…

Francesco           Papà, comm’ ‘o solito ‘e esagerato a mangia’… o ‘e stato o vino?

Emilio                Bravo! ‘E miso ‘e lettere! Comme sapive che sta venenne Lena?

Mimmo              Lena? ‘A festa… pe’ Lena?

Francesco           Si’, se sente talmente bona che s’ ‘a levato ‘o turbante, e ‘ammo invitata pe’ stasera… insieme all’amici nuosti! Te fa piacere?

Mimmo              Hai voglia… ma ce sta ‘nu problema…

Maria                 Aggio capito! T’ ‘e bevuto tutto ‘o vino?

Emilio                Te si’ magnato tutt’ ‘e dolci?

Francesco           Te fusse magnato tutt’ ‘o gelato?

Angela               Ah, ma allora era robba vosta… nuje ‘ammo fatto ‘na piccola cenuttella…

Maria                 Ma comme s’ ‘adda fa’, cu’ vuje viecchi? Mo’ nun simmo liberi manco ‘e tene’ pruvviste noste? Tu nun fai ‘a spesa, viri ‘o frigo chino, sapive che ce steva ‘na festa ‘a fa’… e che fai?

Francesco           Ve mettite sotto e svacantate tutte cose?

Emilio                Chi rompe, ca pavasse! Pe’ furtuna ce sta ‘nu poco ‘e tiempo… se po’ arrimedia’!

Angela               Io pozzo friggere uova di valline!

Roberta             Si vulite, io so’ brava a fa’ ‘a macedonia!

Donato              Guagliu’, me dispiace, ma stevemo in buona fede… si ordino cocche bella pizza ve va buono?

Vittorio              Io tengo ‘na convenzione cu’ ‘na rosticceria e ‘na gelateria… pozzo chiamma’ pure io…

Mimmo              No, chiammo io…! Quanne vene Lena? Quanti ne site?

Maria                 Beh, doccia, shampo, scelta vestito, accessori… doje ore! E simmo a sei, ma fa’ cunto otto!

Francesco           Stai penzanne a Carmine, overo?

Mimmo              Allora, guagliu’, che ‘amma ordina’?

Francesco           Chello che te si’ magnato… facile, no?

Mimmo              Purtateme ‘nu telefono…

Angela               Io chiamo! Io faccio l’ordinazione!

Maria                 No! Ferma… Faccio io ‘nu messaggio…! ‘A rosticceria centrale ‘a miso pure ‘o servizio a domicilio! Comodo, no? (si china sul telefono ed opera)

Vittorio              Scusate… mo’ dammo spazio ‘e guagliuni… io e Roberta ce ne jammo! Dimane grande jurnata…

Roberta             Si’… Angela… scusa ancora! E grazie a tutti…

Angela               Bellella! (scambio di abbracci ed effusioni)  Però dimane stongo in aspettativa… Fatte vede’ quanne jesci! Rimmango a pigione, quanne vuo’ veni’, cca’ me truvi! Pure cu’ Vittorio… ce facimmo doje chiacchierate!

Roberta             Va buono! Allora ce vedimmo dimane! Arrivederci!

Vittorio              Bonasera a tutti, grazie, Mimmo e… nun te scurda’ ca simmo sempe soci! Arrivederci a dimane!

Emilio                (li accompagna) Prego, prego… arrivederci!

Donato              Mimmo, nun me dicere niente… ve saluto pure io! Che sfurtuna chilli nummeri! Ma stammo ncopp’ ‘a strada justa… sempe soci! Ciao, ciao Angeli’, ciao a tutti!

Maria                 Finito! ‘Aggio chiesto consegna espresso, tanto nun pavo io…! (accompagna Donato) Ciao, Dona’, buonanotte… (ritornando) Il bagno è prenotato! M’aggia mettere ‘nu poco a posto! N’oretta, e po’ putite trasi’! (esce)

Mimmo              Nun appiccia’ ‘o cannone!

Emilio                Peccato p’ ‘e purzioni rosse… Mo’ nun tenimmo ‘o tiempo d’ ‘e fa’ cchiu’! Ma nun fa niente, che dici France’?

Francesco           E chi ce ‘a fa’? Doje ore, eh?  Quasi quasi…

Emilio                So’ d’accordo! Ce jammo a ripusa’ ‘nu poco! ‘A jurnata è stata faticosa!

Francesco           Uhhhh! Assaje! (escono)

Mimmo              E va buo’, ‘amma aspetta’ sulo ‘a cunsegna… Angeli’, s’essa mettere ‘nu poco a posto, sgombra’ ‘a tavula…

Angela               Eh, si? E pecche’ nun ‘o faje tu? Io aggio deciso! Mo’ fernisco tutte ll’operette ancumminciate e po’ io e Roberta c’ è jammo vennenne! Chella canosce assai gentaglia! Ch’ ‘e sorde! Facimmo affarucci!

Mimmo              Si liberi chillo studio scummetto che… no, nun scummetto…

Angela               E po’ ‘a munnezzaglia ce pienze sempe tu! Io mi arritiro con la mia genealogia, e attacco ‘a Carretta!

Mimmo              ‘A carretta? E ‘o cavallo, addo’ ‘o pigli?

Angela               Piecuro ‘gnurante! ‘A Carretta è ‘a tartarugola! Vaco a finite la mia “Carretta ca se magna la propria cora”! Già, ma tu ll’arte nun ‘e mai accanusciuta! Ciavo! (esce)

atto terzo, scena settima: Mimmo, Antonio

Mimmo              (lamentoso) E m’anno lassato sulo n’ata vota! Miez’ ‘a munnezza ‘a leva’! ‘Nu povero pate ‘e famiglia, che ‘a passato chillo guaio cu’ chella mugliera… abbandonato dai figli, tradito d’ ‘e nummere, doppo che s’ ‘a magnato chelli schifezze… int’ ‘o pericolo ‘e ‘na mossa ‘e stommaco…

(bussano)

Mimmo              (va ad aprire e fa entrare un fattorino con scatole sovrapposte che gli coprono anche la faccia) Ah, ecco ‘a cunzegna che stevo aspettanne! Venite acca’…

Antonio              Si, vengo… (si ferma vicino al tavolo ed appoggia la pila di scatole, rimanendo col volto nascosto dietro ad esse)  ‘Ncopp’ ‘a ogni scatola ce sta scritto ‘o contenuto…

Mimmo              Allora, verificammo… (prende le scatole una alla volta, legge, approva, e comincia a formare un’altra pila; a un certo punto sbircia oltre gli involti e vede Antonio, che non si è ancora reso conto della situazione)  Va buono… va buono…va buono… giuvino’, ‘a quanto tiempo facite ‘o fatturino? 

Antonio              Ah, so’ quatto misi…

Mimmo              Che bravo…! Ve site ‘mparato buono! Fino a mo’, niscun errore…! E… guadagnate buono?

Antonio              Beh, si nun ce stessero ‘e mance d’ ‘e clienti… fosse ‘nu poco bruttulella… pe’ chesto io tengo due lavori!

Mimmo              Ah, siiii?  (prende, non visto da Antonio, la mazza da sotto il divano e se la mette vicino) E io scummetto… si scummetto… che saccio andivina’ l’ata fatica che fai… Ce stai?

Antonio              Io fatico pe’ pavarmi ‘a scola… oggi si nun tenite ‘na pezza, fatica seria nun se ne trova, e allora nun faccio scummesse…! ‘E sorde me servono fino all’urdemo centesimo!

Mimmo              E io scummetto ‘o stesso… ca tu fai ‘o ladro ‘e nummere! (sposta di scatto le scatole, e scopre la faccia di Antonio)

Antonio              Forse stongo durmenne! Chest’ è n’incubo! Ma accussi’ brutto nun l’aggio mai avuto! (indietreggia verso la porta) Ma pecche’ s’assumigliano tutte quante, ‘sti porte?

Mimmo              (avanza con la mazza levata) Allora, che dici? Aggio vinto ‘a scummessa?

Antonio              (si precipita fuori) Aiuto! E’ pazzo, me vo’ accirere…!

Mimmo              (esce inseguendolo con la mazza levata) Ladro ‘e nummere! Spia! Fermati…! Fermatelo…!

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno