Giù la maschera

Stampa questo copione


Giù la maschera

Presuntuoso tentativo di voler etichettare come commedia comicissima un miscuglio di prosa, ballo, canzoni …e scusatemi si me so’ scurdato qualcosa

Due atti arrepezzati di

Umberto Castaldi

PERSONAGGI

GENNARO COCCHIETTA

CARLOTTA                                        (SUA  MOGLIE)

ROMINA                                              (SUA FIGLIA)

ROBERTO                                                   (SUO FIGLIO)

CANDIDA                                            PUPILLA DI SUOR GERTRUDE

ASDRUBALE FIGURELLA               (FRATELLO DI CARLOTTA)

GIORGIO CAIOLA                                     (AMICO DI FAMIGLIA)

MONSIEUR CHANSON                     (PROPRIETARIO NIGHT CLUB)

SUOR GELTRUDE                                      (ZIA DI CARLOTTA)

DON ROMUALDO                              (PRETE)

CALIMBA                                            (AMANTE DI GENNARO)

VELETTA MEZABON                        INTERVISTATRICE

 ATTO      PRIMO

LA  SCENA::SALOTTO DI CASA COCCHIETTA - SUL FONDO UNA GRANDE VETRATA CHE DA SU UN TERRAZZO A PICCO SUL MARE. -  A DESTRA DELLO SPETTATORE  LA COMUNE. – A SINISTRA UNA PORTA.- L’ARREDAMENTO E' RICCO ED ELEGANTE.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(Si apre il sipario in scena vi sono  Gennaro, suor Gertrude e Candida

Scena  I (Gennaro – suor Geltrude - Candida)

Geltrude   Quando ho acconsentito che tu sposassi Carlotta, è stato perché avevo ricevuto sul tuo conto ottime informazioni…

Gennaro   Ero giovane, un lavoratore onesto…..

Geltrude   …E ‘nu muorto ‘e famma! Facevi il panettiere e la paga che prendevi, a mala pena bastava per il caffé e le sigarette!….

Gennaro   E’ vero e solo  grazie al vostro aiuto ho aperto un forno mio che col tempo  è diventato una piccola industria e….

Geltrude   Tornerai a fare il fornaio se continuerai a proporre forme oscene per i panini che mandi ai conventi dove ci sono le novizie…

Gennaro   (Sorpreso) Forme oscene?

Geltrude   Si

Gennaro   Che forme, di grazia?

Geltrude   (In imbarazzo) Delle forme……che rassomigliano molto….Oh il Signore mi perdoni…..

Gennaro   Rassomigliano molto a cosa?

Geltrude                 (Sempre più imbarazzata) A quella cosa……non perché l’abbia mai vista o usata,….a quella cosa che nella cabala napoletana fa ……(Sospira) 29 (si fa il scegno della Croce più volte)

Gennaro   (Stralunato) ‘O pato d’e creature!

Geltrude    (Con un sospiro) Appunto!

Candida     (Innocentemente) Tale e quale!

Romualdo    (Entra, é concitato, quasi non ce la fa a parlare) Anatema, anatema...

Gertrude       Che altro é successo?

Romualdo    I cornettti...i cornetti di stamattina...

Gennaro       Se so' bruciati......

Romualdo    Peggio.....una bomba...una bomba..

Gertrude       Ce steva 'na bomba nei cornetti?

Romualdo    No, una bomba é la notizia che vi devo dare...

Gennaro       E spiegatevi bene, n'atu poco me veniva un infarto!

Rimualdo     (Circospetto            ) I cornetti di stamattina........avevano la stessa forma indecente                         dei panini....

Candida        Oh non é la prima volta....

Geltrude       (Con rammarico)    Ed io non li ho mai visti?

Romua          Quando arrivano subito finiscono, tutte ne prendono più di uno...

Candida        …..Anche perché rassomigliano molto di più all'originale!

Geltrude       (Sobbalza) Tu conosci lo strumento?

Candida   (Imbarazzata) Ma veramente…si!

Geltrude   (Disperata) Lo conosci, quindi lo hai visto?

Romua     (Le fa da eco con lo stesso tono tragico) Quindi lo hai visto?

Candida   (Abbassa gli occhi, ma decisa) Si!

Gennaro   La Candida ha visto l’uccello!

Geltrude   Sta zitto idiota! Dove e quando?

Romual    Dove e quando?

Candida   A Firenze, un bel di di primavera!

Romua     In terra straniera!

Geltrude   A Firenze e dove?

Candida   In piazza della Signoria!

Romu   a                 Mmiez’a via!

Candida   No, nel museo del Bargello!

Geltrude   In un tempio dell’arte! E chi era il proprietario dell’oggetto che ha dato forma ai cornetti.....

Romua     Sicuramente  il custode!

Candida   No, David!

Gennaro   Uno straniero?

Candida   No, David di Donatello!

Geltrude   La statua?

Candida   Si, cosa credevate…Il Davide di Donatello, che scultura….che forme….che….

Gennaro   Cornetto….

Geltrude   Sta zitto idiota! Basta, abbiamo fin troppo tergiversato! (a Candida) E la cosa si ripete spesso?

Candida   No, di tanto in tanto, quando, come vi ho già detto,  le novizie ne prendono più di uno.

Romua     Come stamattina...M'è venuto pure a me 'o sfizio 'e 'nu cornetto, ma non ne ho trovati: ne avevano fatto incetta: Una novizia ne teneva addirittura quattro o cinque nella tasca del grembiule. Gliele  ho chiesto uno, riluttante me l'ha dato, e aggio avuto la sorpresa.

Geltrude   (Perentoria):Gennaro…

Gennaro   (Scatta sugli attenti) Agli ordini

Geltrude   Gennaro ascoltami bene, che non si ripeta mai più, altrimenti con….

Gennaro   30.000 panini e accessori al giorno….

Geltrude   Te può fa’ ‘a zuppa ‘e latte! Ora vado, ma mi raccomando, in questa casa il peccato non deve neanche fare capolino….Innanzi tutto moralità….castità…..santità! Candida Colomba, fanciulla casta e pura, nonché mia pupilla, vigilerà e mi relazionerà! (A Candida) Conto su di te figliola, mi sono spiegata?

Candida   (Non risponde, è come assente)

Geltrude   Candida, te si addurmuta?

Gennaro   Sta pensando al cornetto del David!

Candida   (Si riprende) Moralità….castità…..santità….

Geltrude   (A Gennaro) Cerca e nun sgarrà…Ora vado via, Candida resterà qui e sarà il mio alter ego….

Gennaro   Una spia in casa mia!

Gertrude  E di tanto intanto, senza preavviso, padre Romualdo farà dei controlli incrociati con Candida. (A Romualdo) Ora potete andare e  mi raccomando....

Romua     Farò dei blitz all'improvviso e se qualcosa non va, non mi sfoggirà! (Risata satanica) Ah...ah...ah...(Via)  

 

Gennaro   Ma che 'é 'nu monaco? Pare Satana in persona!

Geltrude   (A Gennaro) E ricorda che anche se per interposta persona, sono sempre presente e vigilo…

Candida   Vigilo……

Gennaro   Perfetto, la mattina potrai dirigere il traffico di andata e ritorno per i bagni!

Gertrude  Fai poco lo spiritoso!  Ti saluto e ti lascio la mia benedizione….(A Candida) Mi  raccomando!

Gennaro   (Rassegnato) Certo madre, non vi preoccupate madre, sarà fatto madre, non capiterà più madre…..

Geltrude   (Rientra) Voglio sperarlo…(Va via per il fondo)

Gennaro   (Continuando con lo stesso tono) Sia lodato Gesù Cristo madre...Arrivederci madre! (Si sincera che è andata via, ma dimentico della presenza di Candida) Pecché nun muore ‘e subbeto, madre!

Candida   (Strillando) Come?

Gennaro   (Sobbalza) All’anema ‘e mammeta! M’ero scurdato dell’occhio vigile! (Cercando di scusarsi) Volevo dire, (Melodrammatico) Che il Signore ci preservi a lungo la cara madre in buona salute!

 Candida  Ah, ‘mbé! Si ricordi: stia attento perché, in qualsiasi momento, sono pronta a relazionare atti non graditi a suor Gertrude! (Via)

Gennaro   Comme aggia fa’, tengo ‘a Gestapo dint’a casa! Quale lunga vita in buona salute! ‘A monaca adda fa’ ‘na morte ‘e subbeto primma ‘e mo’!

SCENA II (Romina – Gennaro)

Romina    (Entrando ha sentito l’ultima battuta del padre e lo rimprovera affettuosamente) Papà, se ti sentisse mamma sai cosa direbbe? (Imiya la madre)  “Gennaro, zia Gertrude è la nostra benefattrice e tu (Simula la voce rotta dal pianto) la ricompensi augurandole ‘e murì e subbeto! Mostro! (Ride)

Gennaro   Spiritosa, ho avuto uno scambio di idee cu’ zi’ moneca ed ho concluso  augurandole una morte all’improvviso senza sofferenze e senza agonia! ‘N’augurio meglio ‘e chisto?

Romina    (Divertita)  Dipende dai punti di vista! Ma è mai possibile che ve appiccecate sempe?

Gennaro   Chella sta sempe arraggiata e sfoga su di noi, anzi su di me le sue frustrazioni!

Romina    E’ sempre stata così?

Gennaro   No, era una ragazza allegra, socievole, piena di vitalità  ed amante degli aspetti goderecci della vita…Figurati che voleva fare l’attrice di cabaret…

Romina    Come mai è cambiata?

Gennaro   Come mai? Era fidanzata con un bel ragazzo, sfaticato e pieni di vizi…fumava come una ciminiera….

Romina    E lei come dimostrazione d'amore gli chiese di non fumare più.

Gennaro   Appunto, per cui lui la lasciò e, poco dopo si seppe che aveva sposato una tabaccaia brutta, secca comme a ’nu spennello e cu ‘a barba che al confronto ‘a figlia ‘e Fantozzi potrebbe essere eletta miss Italia….

Romina    Naturalmente ci rimase male!

Gennaro   Male? Si sentì mortificata per essere stata lasciata pe‘ ‘nu coppo ‘e femmina ma che poteva alimentare il suo grande vizio; allora si ritirò in convento, dove prese  i voti, fece  carriera  ma mutò completamente carattere.

Romina    Capisco…ma ora qual’è  il motivo di contrasto all’ordine del giorno?

      

Gennaro   La solita lamentela: dice che i panini all'olio che forniamo ai conventi del napoletano, specialmente dove oltre alle monache ci sono le novizie, hanno una forma scandalosa!

Romina    Scandalosa?

Gennaro   Si, ha ragione, e naturalmente l'artefice del misfatto é quello svergognato di tuo fratello!

Romina    Roberto? E' vero che è uno sfrocoliatore, ma non capisco proprio quale forma abbia inventato per le care monachelle!

Gennaro   Una forma che ricorda molto da vicino qualcosa che somiglia al…. cornetto del David di Donatello (Fa cenno con la mano al bassoventre!

Romina    (Un attimo di perplessità, poi realizza e ride) Quello svergognato! (Con ammirazione) Però, che fantasia!

Gennaro   Ridi tu ! Si 'a monaca se 'ncazza, mi fa perdere l'appalto per tutta la fornitura d tutti ii prodotti da forno: acussì fernesce ‘a zezenella pe’ tutte quante!

Romina    (Tragica) Dio non voglia!

Gennaro   Poi dulcis in fundo abbiamo la Gestapo in casa!

Romina    Sarebbe?

Gennaro   Candida, novizia pupilla di suor Gertrude, testimonial della moralità della famiglia!

Romina    Ci mancava solo questa! Comunque ti lascio alle tue elucubrazioni e ti saluto.

Gennaro   Dove vai?

Romina    Ad una conferenza! Fra un'ora guarda RAI tre: parteciperò ad una trasmissione: sentirai come parla bene tua figlia!

Gennaro   Davvero? Sono curioso di sentire  quanta stroppole dirai!

Romina    Stroppole? Tratterò vari problemi sociali: dall'amore libero alla maternità programmata, illustrando i vari sistemi contraccetivi per far si' che il rapporto sessuale possa  esprimersi nella più completa esplosione dei sensi!

Gennaro   (Ha ascoltato incredulo quello che ha detto la figlia. Con voce strozzata) Zitta, nun fa sentì a Candida! Una bomba farà esplodere suor Gertrude si ‘o vene a sapé, e va a fernì….

Romina    Che ti rimangono 30.000 panini più gli  annessi e connessi sullo stomaco!

Gennaro   Allora non e il caso che tu…..

Romina    Dimentichi che sono un'assistente sociale: mi é stato chiesto, data la mia esperienza, di illustrare certe cose, e lo farò!

Gennaro   Che soddisfazione! Mia figlia,  esperta in contraccettivi!

 

Romina    Papà comme 'a faje pesante!

Gennaro   (Non riesce a continuare la discussione, suda , si asciuga il sudore) Mamma mia e che caldo….ma non potevi specializzarti in qualcos'altro, per forza in pro......fiterol?

Romina    Mi mettevo a fa la pasticciera......(Lo corregge) Profilattici ……..

Gennaio   Ma Rifletti…

Romina    Basta! Piuttosto me ne vado di casa!

Gennaro   Di bene in meglio: suor Geltrude questo vuol sapere: la figlia signorina di Gennaro Cocchietta  va a vivere da sola!

Romina    Ora vado papà, ma non ti preoccupare; la trasmissione va in onda all'ora del Rosario: suor Geltrude non la vedrà! (Lo bacia) Ciao! (Via dal fondo)

Gennaro   No, non posso correre rischi: ora vado al convento e risolvo: me metto a parlà con zia Geltrude all'ora della trasmissione....Qua si devono stare accorti a Candida: se vede la trasmissione riporta tutto a zia geltrude. (Sta per uscire quando entra Candida )

Scena III  (Gennaro - Candida)

Candida   Dove è andata Romina?

Gennaro   (Preso alla sprovvista) Perché è uscita?

Candida   Si, ed aveva anche molta fretta!

Gennaro   (Cerca di rimediare una risposta plausibile) Romina è un assistente sociale….

Candida   E con questo?

Gennaro   (A disagio) Ah si ora ricordo: (Cerca una spiegazione) il Sudan è un paese ad alto indice di natività e mortalità infantile a causa dell’A.I.D.S…Romina deve tenere una conferenza con una delegazione di donne di quel paese, su come  ridurre le nascite ed avere rapporti protetti!

Candida   E c’era bisogno di na conferenza internazionale? Basta un preservativo e tutto è risolto! (Via)

Gennaro   (Meravigliato) La Candida oltre il cornetto, conosce il preservativo! Cos’e pazze!      

SCENA IV (GENNARO – CARLOTTA)

Carlotta    (Veste in nero, vestito molto accollato: è la classica falsa bigotta) Gennaro cosa fai così imbambolato?

Gennaro   Parlavo con Candida e sono stupito della cultura che hanno queste ragazze che sono in convento a contatto delle religiose!

Carlotta    Stupito? Il convento oltre che un tempio di religione. lo è anche di cultura!

Gennaro   (Affermativamente) Di ogni genere!

Carlotta    Ovvio! Ma non perdiamoci in chiacchiere: sei pronto per andare alla messa Vespertina ?

Gennaro   Carlò, lassame stà, tengo 'na messa Vespertina pe 'a capa!

Carlotta    Cos'è questo modo di parlare? Se suor Geltrude  ti sentisse, se solo potesse immaginare che non vai alla messa vespertina……

Gennaro   Mi rimarrebbero 30.000 panini ecc...ecc..., sullo stomaco! E' inutile che me lo ricordi!

Carlotta    Ti ricordo invece, che se succede fernimmo 'e tessere ……Hai dimenticato quanti  chili di cambiali  hai firmato per rimodernare il panificio?

Gennaro   Senza tralasciare i quintali di assegni post datati per comprati la villa a Posillipo!

Carlotta    Sei sempre il solito morto di fame rinfacciuso! Non dimenticare che se oggi vivi nel benessere, é solo perché mio fratello, ha amicizie in alto loco a Donnareggina!

Gennaro   Venne 'e figurelle 'e San Gennaro a Via Duomo………

Carlotta    Dove ha unimportante  negozio di arredi sacri e abbigliamento clericale!

Gennaro   Tuo fratello, in cambio di qualche favore, riceve vitto, alloggio,nonché lavatura imbiancatura e stiratura in casa mia, senza pagare un centesimo: si ingrossa lui e il suo conto in banca….Ma che ne fa de' denare?

Carlotta    La dote !

Gennaro   La dote ?  E che d'é  'na figliola zetella? Tiene più di  60 anni e……

Carlotta    Non ha perduto la speranza di convolare a nozze!  E lo vuol fare senza preoccupazioni, per dare un avvenire sicuro alla moglie, senza (Con intenzione) dover dipendere dagli altri!

Gennaro   Poi sono io quello che rinfaccia?

Carlotta    Ora basta, finiamola! Va a metterti il vestito nero…..

Gennaro   (Sadico)…Per vestirmi a lutto per la tua immatura ed improvvisa fine?

Carlotta    Ti piacerebbe!

Gennaro   Si!

Carlotta    E invece io campo cento anni! Sciù pe’ a faccia toja! (Decisa) Non voglio ripeterlo più: mettiti il vestito nero e andiamo a messa!

Gennaro   (Rassegnato)…….E andiamo a messa!

SCENA V (CANDIDA – CARLOTTA – GENNARO)

Candida   (Entrando) ‘Ancora qui, non andate alla messa vespertina?

Gennaio   A te cosa importa?

Candida   Forse  dimenticate che sono la pupilla di suor Gertrude…

Gennaio   Embè?

Candida   Ho il dovere di vigilare sulla vostra integrità morale quindi vigilo, controllo, informo…

Gennaio   Tengo a 007 dint’a casa!

Carlotta    Andiamo Gennaro, Candida ha ragione! (A Candida) Non preoccuparti Colombella, andiamo….(AGennaro strattonandolo) E gghiammo!

SCENA VI (CANDIDA – ROBERTO)

Candida   Gente falsa e ipocrita: pensa solo a salvare la faccia con la superiora…ed io devo controllare e relazionare….Che m’importa, facessero quello che vogliono! Se relaziono finisce il mio compito e devo tornare in convento’!…

Roberto    (E’ un giovane moderno, bello e simpatico) Che stai mormorando? Sembri S. Pietro 'o rusecatore!

Candida   Sono i tuoi  genitori  che mi fanno parlare da sola!

Roberto    Siamo alle solite?

Candida   Li conosci no?

Roberto    Come mai sei qua?

Candida   Per vigilare sulla moralità della casa…ma  (Maliziosa) principalmente su di te! (Ride)

Roberto    Dammi un bacio!

Candida   Sei pazzo? Dimentichi che sono una novizia….. per volontà dei genitori, ma (Languida) innamorata! (Gli da un bacio)

Roberto    Questa situazione non potrà durare a lungo!

Candida   Non preoccuparti, ci penserò io! Ma spiegami una cosa: che hai combinato con i panini ed i cornetti delle monache?

Roberto    Tu che ne sai?

Candida   Ero presente alla discussione fra tuo padre e suor Gertrude e poi ho visto un panino ed un cornetto: certo ti sei ispirato al David di Donatello (Sospira) Bello,   molto bello…

Roberto    Nulla in confronto al David di Roberto….(Ride)

Candida   A tempo e a luogo verificherò!. (Ride anche lei) Guarda che anche tua sorella sa tutto!

Roberto    Come l'ha  presa l'assistente sociale?

Candida   S’è divertita tanto!

Roberto    Meno male! Per  lo meno qualcuno ha visto la cosa dal lato comico! (Cambia tono) Ti desidero tanto…

Candida   Cosa dici…..io sono una novizia, dovrei diventare monaca…..sono qui per verificare la mia fede……

Roberto    Incominciamo a verificare il nostro amore (La prende per mano, gliela bacia, l’abbraccia)

Candida   (Ricambia l’abbraccio) No…no…no….

Roberto    (Allenta l’abbraccio) Se proprio non vuoi….

Candida   (Lo attira di nuovo a sé) No…non ti fermare!

SCENA VII (ASDRUBALE – CANDIDA _ ROBERTO)

Asdru                      (Entra dal fondo, inorridisce) San Casimiro vergine e martire

Candida   Da uno schiaffo a Roberto  per svincolarsi e va via)

Roberto    (Cerca di ricomporsi)

Scena VIII (Asdrubale, Roberto )

Asdru                      (E' un tipo ridicolo, veste di scuro; in tutte le tasche ha figurine di santi) Gesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria……Orrore! Mio nipote che vuole trasformare la casa paterna in un luogo di lussuria! Con la pupilla di Suor Geltrude poi!

Roberto    Nessuna  lussuria, zio Asdrubale, Candida ha avuto un capogiro……….

Asdru                      E tu ca si bbuono 'e core, per non farla cadere, l'hai soppontata col chiaro intento di trasformare l'occasione in un voluttuoso contatto carnale!

Roberto    Ma…….!

Asdru                      Non scusarti! leggo nei tuoi occhi ancora lo sguardo libidinoso e pregno di desiderio peccaminoso! Hai  ancora la pupilla offuscata dai sensi!….Saresti capace di abusare finanche di  me!

Roberto    Zio Asdrù, nun me fa avutà 'o stommaco!

Asdru                      Noto con piacere che la mia osservazione ha ridato lucidità al tuo cervello!

Roberto    Ti assicuro che è stato sempre lucido!

Asdru                      Bene, bene! Ora però devi espiare il tentativo di peccato! (Prende dalle tasche diversi santini, li guarda uno alla volta) San Prudenzio no…..Santa Eufemia era signorina e figuriamoci se  può capire certi cose…..Che tte pozzo  da’? Ah, ecco qua! San Genenzio quello era un peccatore come te: faceva il pastore, e se non si ravvedeva in tempo non avremmo mai avuto i maglioni di pura lana(Forte) VERGINE!

Roberto    Perché?

Asdru                                           Perchè insidiava tutte le pecore del suo gregge!

Roberto    (Divertito) Forse non aveva trovato la pecora…(Si riprende) la donna adatta a lui!

Asdru                      No mio caro, questo è il punto:  ne aveva a decine, tanto che in soli tre anni concepì 70 figli con altrettante donne…Una sera dopo il nono rapporto consecutivo fece fetecchia e interpretò questo episodio come un segno del Signore: abbandonò donne e figli, si ritirò su una montagna e dedicò tutta la sua vita all'espiazione e alla mortificazione della carne! (Gli da la figurina)Tieni!

 

Roberto    (Prendendo la figurina) Che  ne  devo  fare?

Asdru                      Tienila sempre con te, dici 70 atti di dolore, 70 gloria padre, 70 ave Maria…

Roberto    (Lo previene)Si tanto scucciante….

Asdru                      (Senza dargli retta) ed ogni volta che il raptus dei sensi ti assale, raccomandati a Lui!

Roberto    Così faccio 70 figli pure io! Zio Asdrubale, mettitelo bene in testa: sono giovane e non intendo fare vita monastica…..'A carne nun 'a voglio mortificà, e il raptus quando mi vorrà onorare, sarà sempre il benvenuto!

Asdru                      Anatema, scomunica e collocazione nel più basso girone degli inferi questo meriti!

Roberto    Zio  Asdrù  tu che hai conoscenze in alto loco (Mostra il cielo)…..fammi mettere nel girone dei lussuriosi, magari vicino a qualche bella pollanchella!

Asdru                      (Si fa il segno della croce) Blasfemo! Ah, se fossi vissuto ai tempi della santa Inquisizione……Eretico, sul rogo saresti finito,….tu e 'a  pullanchella!

Roberto    Saje  che  sfizio….Dopo aver assaporato i piaceri della sua carne cruda, me la arrostivo e me regnevo pure 'a panza !

Asdru                      Basta…..via….via….vade retro Satana, vade retro! (Si fa varie volte il segno della croce)

Roberto    Agli ordini Santità! (Va via ridendo)

Asdru                      Che sfrontatezza! San Procopio vergine e martire miettece a mano tu! (Cambia tono) Veramente 'a mano ce 'a mettesso pure io! (Alludendo ad Candida) ‘A pullanchella overo é bellella!

Scena  IX  (CANDIDA - ASDRUBALE)

Candida   (Entra) Ah, voi state ancora qua? Ho sentito quello che avete detto: io sono la pupilla di suor Geltrude e non vi permetto più di fare certe insinuazioni

 

Asdru                      Quali insinuazioni…. (Candida sta per rispondere, ma la previene) Tu sei una Colomba bianca e immacolata, ma si pure ‘na bella guagliona ca può far girare la testa anche ad un uomo serio e timorato come me! (Tenta di abbracciarla)….Tu però non cedere alle mie lusinghe, non lasciarti trascinare dal vortice del peccato! (L' abbraccia)

Candida   (Tenta di svincolarsi)

Asdru                      E statte 'nu poco ferma!

Candida   (Lo respinge) Ah, sono che m'aggia sta ferma?  Così cedo  alle lusinghe e mi lascio trascinare nel vortice del peccato?…Ma  jatevenne, mò  è tutto chiaro!

Asdru                                           Che cosa?

Candida   Che siete 'nu rattuso!

Asdru                      (Ricomponendosi) Non bestemmiare, piccola  infedele!  Hai frainteso le mie intenzioni: io stavo solo ottemperando ad uno dei Dieci Comandamenti!

Candida   (Con sfottò) Quale ?

Asdru                      Ama il prossimo tuo come se stesso!

                   (Campanello)

Asdru                      Chi sarà? Va ad aprire va e….e, mi raccomando, non una parola di quello che è successo, perché se no, con le amicizie che mi ritrovo, ti faccio cacciare dal convento!

Candida   E voi non vi permettete più se no lo dico a suor Geltrude! Ma vedite che se passa! (Altra scampanellata) Vengo, Vengo.

Asdru                     Sulo chesto 'nce mancasse: una fanciulla voliosa che, respinta ‘a ‘stu piezzo ‘e masculone, possa infangare il mio nome! Nun sia mai po’ ne parla cu’ suor Geltrude! Asdrubale Figurella è un uomo serio, casto e puro e tale deve rimanere!…(Cambia tono) Agli occhi della gente! Ah…Ah! (Via)

Scena X (CANDIDA - GIORGIO)

Candida   (Entrando con Giorgio) I signori sono andati a messa, ma fra poco li vedrete tornare: accomodatevi pure! Con il vostro permesso vado a dire le mie preghiere….

Giorgio     (Interessato) Ah, non c’è nessuno? Allora preghiamo insieme!

 

Candida   La preghiera è un momento di raccoglimento e dialogo con il Signore e non va condiviso con nessun altro!

Giorgio     Allora prega più tardi! Ti ho mai parlato dei pesci tropicali che cambiano colore quando avvertono un pericolo?

Candida   No e non mi interessa…..

Giorgio     Perché? Devi vedere com'é bella la promiscuità dei colori tra le piante ed i pesci….

Candida   Uffà voi e questi pesci, non sapete parlare di altro?

Giorgio     Sono il mio pane quotidiano e poi sono anche membro del centro assistenza  zoofili!

Candida   Ah già, il C.A.Z il centro del  quale è presidentessa la signora, ma di che vi occupate?

Giorgio     Dei problemi di tutti gli animali, in particolare dei  pesci, ma non disdegniamo gli uccelli: ultimamente abbiamo presentato un progetto per una casa di riposo per piccioni viaggiatori zoppi!

Candida   (Ride) Una casa di riposo per piccioni viaggiatori, ma fatemi il piacere! E poi gli uccelli non mi piacciono!

Giorgio     Preferisci i pesci?

Candida   Si ma quelli cotti, specialmente alla brace! (Ride)

Giorgio     (Ride anch'egli) Sei molto simpatica! Qualche giorno vieni giù al negozio, e visto che ti piacciono i pesci, te ne farò vedere di meravigliosi...belli grandi e grossi...

Candida   Mi dispiace, ma i vostri pesci non mi interessano (Fa per andare via)

Giorgio     Aspetta,mettiamo quest'argomento da parte e dimmi una cosa: veramente vuoi farti suora?

Candida   Per ora sono solo al noviziato e sono nel periodo in cui devo vivere fuori del convento per confrontare se la mia è vera fede! Devo osservare, resistere alle tentazioni del peccato e far luce nel mio animo…

Giorgio     Allora vieni qua, cominciamo il confronto: .tieneme ‘nu poco ‘cumpagnia…viene vicino a me…e facciamo luce nel tuo animo….

Candida   (Alza gli occhi al cielo) Chisto n'é n'ato!  Ma é mai possibile che voi  uomini siete tutti gli stessi? Rattusi  e fetiente!

Giorgio                   Come ti permetti?  Nun  'nce sta niente 'a fà: non si può essere democratici, questo è il risultato: va, va a dire le tue preghiere!

Candida                 (Via)

Giorgio                   Questi giovani non hanno il senso della misura! (Cambia tono) E pò si 'o venesse a sapè Carlotta seh…seh….! Quella è pure la pupilla di suor Geltrude! (Sospira) Ah Carlotta, maledetto il giorno in cui è cominciata questa storia! La passione per gli animali ci ha unito facendo nascere il nostro amore! Ma sarà amore? E' pure un po' attempatella, ma tene 'o fuoco 'ncuorpo! Ah si putesse turnà areto!

Scena  XI (Gennaro  Giorgio..Carlotta)

Gennaro   (Entra dal fondo) Carissimo Giorgio, come mai da queste parti?

Giorgio     Oggi è carnevale e non ho voluto aprire il negozio! E la presidentessa?

Gennaro   Viene subito! S'è fermata a parlare cu  'o  parrucchiano, perché vuole convincerlo ad interessarsi del nostro centro

Giorgio     Del C.A.Z?

Gennaro   Appunto, Centro Acquariologico zoofilo! pensa solo a quello…..Pesci o uccelli non fa distinzione:l suo unico interesse ora è solo il piccione viaggiatore zoppo (Entrambi ridono) un goccio di wisky?

Giorgio     Si grazie!

Gennaro   (Si alza, versa il wisky in un bicchierino e mentre lo porta a Giorgio se lo beve dando all’altro solo il bicchiere vuoto) Ti devo chiedere un piacere…

Giorgio     (Deluso) Se posso!

Gennaro   Certo che puoi: tu come me sei diacono, godi della stima di mia moglie…

Giorgio     Sono il vicepresidente del C.A.Z

 

Gennaro   Ma non nominare conttinuamente l'associazione: me fa 'nu poco senso! Dicevo, sei il mio miglior amico!

Giorgio     Ci conosciamo da tanti anni!

SCENA

Carlotta    (Entra e non vista si mette ad ascoltare)

Gennaro   Da quando sei vedovo qui hai trovato il calore di una famiglia che ti manca, ma….forse….no (Si ferma,, lo scruta da inquisitore)  Tu vieni qua  per incontrarla, perché ti piace…

Carlotta    (Entra dal fondo, si ferma ad ascoltare. Controscena. Si sente scoperta e non sa se intervenire o andare via)

Giorgio     (Come un bambino sorpreso a rubare la marmellata) Ti assicuro che Carlotta è per me come una sorella, una santa, e poi  è la presidentessa…..

Gennaro   (Precedendolo) D’o C.A.Z….

Giorgio     Appunto e mai mi sarei permesso…..

Carlotta    (Fa gesti come ad avvalorare le parole di Giorgio)

Gennaro   (Sorpreso ride) Ah…ah…ah…Carlotta? Io non parlavo ‘e chella papera ‘e mia moglie….

Carlotta    (Indispettita indica il marito come a dire: “E’ bello isso!”)

Giorgio     (Sguardo interrogativo)

Gennaro   Ti dovrei tirare le orecchie, mettere gli occhi su una tanto più giovane di te!

Giorgio     (Sorpreso) Che?  (Disorientato)  Romina per me è come una figlia, come puoi pensare…

Gennaro   Ma che hai capito? Romina? Chella mo’ tene ‘o contraccettivo ‘ncapo!

Giorgio     (Sorpreso) ‘Ncapo…? E’ una nuova moda?

Gennaro   E’ un modo di dire…comunque non sto parlando di mia figlia.

Giorgio     Di chi allora?

Carlotta    (Sempre controscena alle spalle dei due. Sprizza gelosia nei confronti di Giorgio)

Gennaro   Di Candida, la novizia!

Carlotta    (Mima nei confronti di Giorgio come a voler dire: “Mo te acconcio io pe’ feste!)

Giorgio     Ah! Non ti nascondo che ‘a piccerella è simpatica, bellella e certo me facesse piacere….ma me po' essere figlia e po' deve farsi monaca!.

Gennaro   Si ‘e Sant’agostino, ddoje cape ‘ncopp’a ‘nu cuscino! Quella non si farà mai monaca, é estimatrice del cornetto di David e po' sta in convento per volere della famiglia!

Giorgio     D’accordo, ma sono troppo maturo per lei…

Gennaro   L’amore non ha età e se è vero che gallina vecchia fa buon brodo, è pur vero che il gallo stagionato tiene il becco più affilato! (Riferendosi al wisky) Un altro goccino?

Giorgio     Grazie no, nun me vulesse ‘mbriacà. Allora al dunque, quale sarebbe questo piacere?

Gennaro   Tu sai  che  'stu fatto di avere rapporti con la Curia mi rende la vita difficile!

Giorgio     Certo,  la tua condotta deve essere, come d'altronde lo é, irreprensibile!

Gennaro   Per forza! Tengo ‘a pupilla ‘e suor Geltrude dint’a casa: ti prego, spusatella e

                    toglimela di torno: questa vita morigerata nun ‘a supporto cchiù!

Giorgio     Ma Carlotta…

Gennaro   Non è più niente per me..…simmo frato e sora, capisce a me!

Giorgio     Questo mi dispiace e ….(Falsamente) Non  lo sapevo.

Gennaro   (Continuando) La  sopporto da 25 anni e mo’ nun ce ‘a faccio cchiù!

Carlotta    (Innervosita va via)

Giorgio     (Ancora falso) Veramente? Sembrate una coppia così bene affiatata  !

Gennaro   Per forza! All’uocchie d’a gente, dobbiamo sembrare una coppia perfetta, se no addio protezione di Donnaregina!

Giorgio     Certo non è bello vivere in queste condizioni, ma da me che vuò?

Gennaro   La tua complicità per una cosetta che un uomo di mondo come te, certamente capirà!

Giorgio     (Realizzando) ‘Na femmena?

Gennaro   E che femmena: so poco o niente di lei perché non è italiana, ma da quando l'ho conosciuta ho ritrovato la gioia di vivere! (Canta) Vivere finché c’è gioventù, perché la vita è bella e la voglio vivere sempre più! (Si lascia cadere su Giorgio)

Giorgio     (Reazione di dolore) ,Ahhh…però m’accide a me !(Lo scosta) Cosa dovrei fare?

Gennaro   Invitarmi per questa sera ad una riunione tra diaconi che si terrà a casa tua fino a notte inoltrata se non addirittura fino a domattina!

Giorgio     Chest’è? Appena arriva tua moglie ti invito e buon divertimento! Mi raccomando però, va’ chiano, tiene ‘n’età e….

Gennaro   Mi  sento ancora un giovanotto! Comunque so bene che i piatti prelibati vanno consumati senza fretta perché più saporiti se gustati lentamente!

Giorgio     Parole sante si vede che sei un intenditore!

Scena XII (Carlotta, Candida (Fuori campo), Giorgio, Gennaro)

Carlotta    (Voce di Carlotta fuori campo) Mio marito é già rientrato ?

Candida   (Sempre da fuori) E' nel salotto col signor Giorgio  !

Gennaro   Shhh, sta venendo….E ricorda, come dice zia Gertrude:”Promissa boni viri est obbligatio!”

Giorgio     Ma tu che obbligazio vuò a me?

Carlotta    (Entra, fa attenzione che il marito non la guardi fa cenni minacciosi a Giorgio che non capisce) Caro caro Giorgio, quale piacere, come mai da queste parti?

Giorgio     Come ho già ho detto a tuo marito…..

Gennaro   Chiedo scusa, ma devo fare una telefonata urgente! (A Giorgio) Scusami qualche minuto d’altronde ti lascio in buona compagnia, certo più gradevole della mia! Come membro del C.A.Z, sei il preferito di mia moglie (Via ridendo)

SCENA XIII (CARLOTTA - GIORGIO)

Carlotta    Quant’è ‘nzipeto! (Lo investe senza dargli il tempo di parlare) Cu te mo’ facimmo ‘e cunte…Pe’ chi viene ccà, pe’ ‘a pullanchella? Il maschio stagionato tiene il becco più affilato? Ah si me capite dint’e mano t‘o spezzo ‘o becco!

Giorgio     (Porta istintivamente le mani al basso ventre ed assume un atteggiamento sofferente) Ahhh!

Carlotta    Avanti parla, discolpati!

Giorgio     Che m’aggia discolpà…a tuo marito le piace ‘e pazzià…io le ho solo parlato qualche volta dei colori dei   pesci tropicali rari…

Carlotta    Pesci vivi e vegeti immagino, non boccheggianti come quelli che fai vedere a me!

Giorgio     Quelli sono da curare e tu sei maestra…a farli rinascere....Ma non é che tuo marito forse ha capito che fra noi……..

Carlotta    Se pure fosse? Io per quieto vivere non sopporto forse le sue corna? Ebbene, per  lo stesso quieto vivere, deve sopportare le mie!

Giorgio     Tu sai?

Carlotta    Certamente! Adesso é perdutamente innamorato di una donna più giovane di lui non so di quanti anni, ma la cosa non mi preoccupa!

Giorgio     E se ti lascia per…..

Carlotta    Non può! Il nostro é un rapporto finito da anni, se no (Micina) mica starei con te! Sarebbe immorale e pò, si 'o sapesse zia Geltrude….

Giorgio     Poveri a tutti voi!

Carlotta    Ma non lo sa! Apparentemente siamo una coppia affiatata, con due figli che ci  amano e ci rispettano: mio fratello, inoltre, é il fiore all'occhiello della nostra famiglia!

Giorgio     Allora, le cose stanno così, io non potrò mai sperare di averti sola per me?

Carlotta    Jamé George, jamé, miettatello bbuono 'ncapa! Tu sarai l'amico di famiglia, il membro preferito del C.A.Z, nonché il miglior amico di mio marito!

Giorgio     E l'amante di sua moglie

Carlotta    Come tutti i miglior amici di famiglia!

Giorgio     Ma é immorale!

Carlotta    Se si viene a sapere! Ma non si saprà! Basta saper fare le cose per bene, basta saper lavar i panni sporchi in famiglia ma se non ti sta bene così….

Giorgio     No per carità, non voglio perderti! (Si abbracciano)

SCENA XIV (CANDIDA- CARLOTTA - GIORGIO)

Candida   (Entra improvvisamente e vede i due abbracciati) Zia Carlotta..

Carlotta    (Si svincola dall'abbraccio e subito risolve) E' inutile che cerchi di consolarmi, caro Giorgio, ormai lo so: il colombo zoppo ha le ore contate...

Giorgio     Ma no, abbi fede, le nostre preghiere sortiranno l'effetto: vedrai che guarirà!

Carlotta    Oh Giorgio, se non avessi te, per me sei come un fratello, il calore del tuo affetto mi conforta (Lo abbraccia)

Candida   (Leggermente sfottente) Com'é bello vedere due che si abbracciano per necessità d'affetto e non per scopI peccaminosI....

Carlotta    Comme potremmo, ci conosciamo da una vita...

Giorgio     Io sono il miglior amico di suo marito!

Candida   Non é il caso che lo sottolineate, io conosco la situazione, ma un occhio superficiale che non sa del colombo zoppo.  potrebbe malignare e trarre conclusioni sbagliate! (Via)

SCENA XV

Giorgio     Abbiamo corso un bel rischio!

Carlotta    Dobbiamo fare attenzione a  Candida e alle eventuali sortite di padre Romualdo..

Giorgio     Ovviamente! A proposito di tuo marito, vuole ca trovo una scusa per permettergli di uscire stasera con la sua bella.

Carlotta    Benissimo, ecco un'occasione da non perdere. Lui alla riunione e casa tua e noi due insieme. Dove mi porti?

Giorgio     Dove vuoi tu, passerottina!

Carlotta    Voglio andare al “Giardino degli aranci”, ho letto sul giornale che oltre lo spettacolo, ci sarà un ballo in maschera….. Voglio ballare, voglio ubriacarmi (Canta e balla) Voglio una vita spericolata….(Gira tutt’intorno a Giorgio)

Giorgio     (Non riesce a seguirla) Carlò fermati, ca me faje girà ‘a capa…

Carlotta    (Continua a cantare) Voglio ballar con te e…..(Riprende a parlare) dopo, voglio andare in un posto, dove sicuramente mio marito non verrà mai!

Giorgio     Dove?

Carlotta    (Maliziosa) A la maison tuà!

Giorgio     (Fraintendendo) A messa?

Carlotta    A casa tua, mio grande ignorante amore!

Giorgio     Benissimo, allora appena Gennaro esce, mi telefoni, andiamo a ballare e dopo a casa mia, come due fringuelli faremo cip e ciop…cip e ciop….

Carlotta    No Giorgio, (Sensuale) faremo solo ciop...ciop….

Giorgio     (Inebetito ripete) Ciop…ciop…ciop…

Carlotta    (Fatale) Oh Giorgio, io a volte mi chiedo: ho diritto a tanta felicità….Dimmi Giorgio e sii sincero: (Canta )”Cos’hai trovato in me di tanto bello non so”)

Giorgio     (Più che mai inebetito non risponde, ha lo sguardo fisso nel vuoto)

Carlotta    No, non dirmelo…..ma cos’hai trovato in me?

Giorgio     (C.s)

Carlotta    No non dirmelo, preferisco indovinarlo…..Cos’hai trovato in me?

Giorgio     (Sempre più inebetito continua a non rispondere)

Giorgio     Giorgio…rispondi , ‘e perso ‘a lengua ch’è passato? Dimmi e sii sincero: (Lo strattona) “Cos’hai trovato in me?”

Giorgio     (Si scuote, elettrico) La pace…la serenità…la tranquillità….i

Gennaro   (Voce fuori campo) Fai il caffé e portalo in salotto!

Carlotta    (Assume insieme a Giorgio un atteggiamento composto ed intavola un dialogo senza senso) Ne riparleremo, caro Giorgio, la contessa si deve rendere conto che la presidentessa sono io….

SCENA XVI Gennaro – Carlotta – Giorgio)

Gennaro   (Entrando) Scusatemi, ma era una telefonata importante!

Giorgio     Figurati! Ora vado, ho a casa mia, una riunione fra diaconi e sicuramente se ne passa tutta ‘a notte,… Vuoi venire anche tu?

Carlotta    (Falsa) Mi lasci sola anche stasera?

Gennaro   Io non vorrei, Carlò, sono stanco, ma (Guarda Giorgio) Posso mai negare qualcosa al nostro miglior amico di famiglia?

Carlotta    (Stizzosa) No, certamente, a Giorgio non possiamo negare niente! Come non possiamo negare niente a tutti i tuoi amici: 'na sera ‘na cosa, ‘na sera n’ata….ed io passo le serate (Quasi piangendo) sempre sola!

Giorgio     Ma io non sapevo…..Gennà, se non puoi, non fa niente!

Gennaro   (Disorientato) E no, ci mancherebbe! (Gli da un calcio)

Giorgio     (Controscena di dolore)

Gennaro   (Alla moglie, implorante) Carlò…..

Giorgio     Non vorrei…

Carlotta    (Asciuga le finte lacrime, e da anche lei un calcio a Giorgio) E va bene, proprio perché é Giorgio. Quando ti ritiri fa piano e cerca di non svegliarmi perché poi va a finire che io resto sveglia tutta la notte, mentre lui russa saporitamente!

Gennaro   Non preoccuparti! Queste riunioni durano tutta la notte, non é vero?

Giorgio     Certamente, i problemi sono tanti e….

Gennaro   Sta’ sicura che non mi ritirerò neanche pe 'a zuppa 'e  latte….Andrò direttamente a lavorare! (Sguardo d'intesa e soddisfazione tra Carlotta e Giorgio)

Giorgio     Benissimo, ti aspetto allora più tardi a casa mia (Bacia la mano a Carlottta) I miei ossequi cara Carlotta, e grazie per la tua comprensione!

Carlotta    Niente, per carità!…..Ti accompagno (Esce dal fondo)

Giorgio     (Segue Carlotta)

SCENA XVII (GENNARO - ROMUALDO)

Gennaro   (Rimasto solo, si frega le mani, canticchia ed esegue qualche passo di danza abbracciando qualche oggetto) La notte é piccola per noi, troppo piccolina….faraffa raffa raffa fa….(Si inginocchia)

Romua     (Entra e si ferma incuriosito) Don Gennaro cosa fa?

Gennaro   (Non sa cosa dire) No niente.. Ecco vede..son contento  e....

Romua     All'ora della preghiera vespertina Si perde nella lussuria della danza pur se da solo? 

Gennaro   Ma no padre Romualdo, esternavo la mia contentezza perché fra poco accompagnerò mia moglie alla messa vespertina...ma ora già mi raccolgo in preghiera (Si inginocchia)

Romua     La pace del Signore sia con te! (Via)

Gennaro   (Rimane in ginocchio per essere certo che Romualdo sia andato via)

SCENA XVIII (GENNARO – CARLOTTA)

Carlotta    (Entra dal fondo, si ferma  e lo guarda meravigliata) Neh Gennà….?

Gennaro   (Imbarazzatocongiunge le mani ) Fa o Signore, che in questa casa regni la pace, la serenità, la tranquillità, oggi come sempre!

Carlotta    AMEN! Che staje  facendo?

Gennaro   Dico le mie preghiere!

Carlotta    E te pare 'o  mumento?

Gennaro   Ogni momento é buono per rivolgersi al Signore!

Carlotta    Questo é vero e……….spero che nei tuoi ringraziamenti ci sia anche quello per averti dato una moglie comprensiva!

Gennaro   Prima di tutto! (Cambia tono) Carlò , ma tu  overo  faje?

Carlotta    Si essere  irriconoscente, ma parliamone più tanto non puoi capirmi, non sei alla mia altezza!!

Gennaro   Tu si’ ‘nu metro e vinte cu ‘tutte ‘e tacche!

Carlotta    (Cambiando tono e discorso) Parlavo di altezza interiore,  Quella che ti difetta, (tendenziosa) insieme a tante altre!

Gennaro   Va buò, levammo mano….Mi devi dire qualche altra cosa?

Carlotta    Visto che anche stasera esci, ho deciso anch'io di fare qualcosa!

Gennaro   Ti metti a telefono con mammà e parli fino a domattina!

Carlotta    Spiritoso! Ho deciso di accettare l'invito della contessa Turacciolo, vado a casa sua: ci saranno anche altre nobili e discuteremo su alcune modifiche al progetto della casa di riposo…..

Gennaro   (Ridendo) Per pesci tropicali anziani soli al mondoi......(ride)

Carlotta    Che tiene ‘a ridere?

Gennaro   Niente per carità….

Carlotta    Sei un essere ignobile, comunque dopo la riunione faremo, un torneo di burraco!

Gennaro   (Sfottente)  Prima il dovere e poi il piacere……!

Carlotta    Sempre se  non ti dispiace!

Gennaro   Certo, non mi va saperti fuori casa di notte, ma se ci tieni ! Chi ti accompagna?

Carlotta    Nessuno! Prenderò un tassì…….

Gennaro   …….E va bene! Vide però 'e nun perdere assaje!

Carlotta    E  te pareva! Solo a quello pensi, ai soldi! (Gennaro fa per replicare, ma è interrotto da Asdrubale che entra cantando)

Scena  XIX   (Asdrubale – Gennaro -  Carlotta)

Asdru                                           (Canta) Fiorin fiorello, l'amore é bello, pensando a te!

Gennaro   (Guarda la moglie) E' asciuto pazzo Asdrubale

Carlotta    (Premurosa) Ti senti male?

Asdru                      (Continua a cantare)…..Ti fa sognare, ti fa cantare, che male c'è? (Finisce di cantare) Mai stato tanto bene!

Gennaro   E allora che ti é successo, non ti ho mai visto così eccitato!

Asdru                                           (Fanciullescamente) E' successo che il pargolo si é ricordato di me!

Gennaro   Noo, chiamo il 113……lo faccio ricoverare …chisto é asciuto pazzo!

Carlotta    Asdrù, bello d' 'a sora, cosa ti é successo?

Asdru                      E' successo che finalmente ha preso la mira ed ha centrato il mio cuore con la punta della  sua più appuntita freccia, intrisa d'amore!

Gennaro   Asdrù, sarai stato punto da una zanzara, mo’ fa caldo ed hai frainteso! Siediti, riposati….chiamo il duttore…

 Carlotta   Statte  zitto e fammi capire bene come stanno  le cose ! Asdrù, cerca di  calmarti e spiegami cosa ti é successo!

Asdru                      (Estasiato) L'ho vista,…. lei mi ha penetrato con il suo sguardo caldo, ed io ho sentito qui, (Mostra il petto) una fitta lancinante al cuore!

Gennaro   Allora é cosa e niente,…..al massimo hai avuto un infarto !

Asdru                      L'infarto l'e avuto tu 'ncapo, perché non riesci a capire che finalmente si é ricordato di me,…..finalmente si è reso conto che anche io avevo diritto, alle sue prestazioni!

Carlotta    (Esasperata) ‘E chi?

Asdru                     Di Cupido, il puttino dell'amore: oggi ha teso il suo arco, ha scoccato la freccina, ha centrato il mio cuoricino, che ha fatto pu….pu….

Gennaro   (Annusa) I’ me n’ero accorto! (Guarda la moglie, poi Asdrubale con commiserazione) Ah, Cupido, il puttino! (Cambia tono) E chi  é  questa pu....l (Si riprende)....lzellache ti ha fatto innamorare?

Asdru                      Non lo so, non la  conosco, so solo che quando mi guarda e mi parla me fa squaglià, anche se non capisco tutto chello ca dice: penso ca è straniera!

Carlotta    Pure, e non sai altro?

Asdru                      So solo che é una dolce e soave fanciulla: é' entrata, con passo felpato nel mio negozio..….Ha comprato un Bambinello, mi ha pagato con cento euro….Allora io ho aperto la cassa per darle il resto ed invece di darle novanta euro gliene ho date novecento……E' stato allora con un occhio all'incasso della giornata, l'altro fisso nei miei ha mormorato languidamente: "Lo sapete che siete un bell'uomo?"

Carlotta    Ah! Quando  hai aperto la cassa, invece di novanta euro gliene hai dato novecento di resto……

Gennaro   Allora lei con un occhio all'incasso ed un altro fisso nei tuoi  ha mormorato…

Carlotta    Ma lo sai che sei un grande idiota ?

Asdru                      No, ha detto bell'uomo….

Gennaro   Quella è straniera, chissà che ha detto e tu é capito ‘o cuoppo ‘e l’aulive pe’ ‘o campanaro ‘o Carmene!

Asddru                   (Ribadisce) Aggio capito buono: ha detto bell’uomo ed é stato in quel momento che io ho visto Cupido scoccare la sua freccia e centrarmi al cuore! (Invasato e con lo stesso ritmo del Pazziariello) Carlò, Filò....genti di tutte le razze e nazio’….

                                 (Tutte le battute seguenti vanno dette come usa il pazzariello)

Carlotta    ….E’ asciuto pazzo ‘o padrò….

Gennaro   Cu ‘sti chiare ‘e luna mo ce vò’…

Asdru                                           M'ha voglio spusà primma ‘e mò’!

Gennaro   E bravo ‘o pazziariello!

Carlotta    Asdrù, sei pazzo ? Così, su due piedi?

Asdru                                           Si te fa piacere me sposo assettato!

Gennaro   Questo é uscito  di senno!  Carlotta, tu quale sorella ed io quale cognato affezionato, dobbiamo vegliare su di lui!

Carlotta    E si capisce!…….(Come un pensiero ad alta voce) Se poi, come probabilmente è, questa…signora  è un’avventuriera, va a finireì ca 'o manna all'elemosina e noi con lui! Noi abbiamo il dovere di tutelare i nostri…..ehm i tuoi interessi!

Gennaro   Proprio così! Ma lieveme 'na curiosità, Dopo i novecento euro te le ha restituiti?

Asdru                                           Venale! In simili frangenti pensi ai soldi?

Carlotta    Ma te li ha restituiti?

Asdru                      No! Ma se avessi visto Carlò, con che grazia, con che eleganza le ha raccolte e le ha poste nella scollatura, tenendo cura di non mostrare più del necessario, quanto la natura sia stata prodiga con lei!

Gennaro   (A Carlotta) Non ha mostrato più del necessario 'e capito?

Carlotta    …..E s'è fumata  novecento euro…...Ah, ma se un giorno avrò il piacere di conoscerla…..

Asdru                                           Alt ! Quel giorno  é venuto!

Gennaro   Che vuoi dire ?

Asdru   ……Che sta di la e ve la presento subito! (Va alla comune) Vieni amore entra.

Scena XVII (Calimba -  Carlotta -  Gennaio -  Asdrubale)

Calimba    (Entra dalla comune. E' una bella donna: ha lo sguardo rivolto verso terra; il suo atteggiamento é rispettoso e compito, veste in modo eccentrico: improvvisamente diventa allegra) Bon dia  tudo bem? Oi Oi…, 

Carlotta    Oi..oi…Neh, ma addò è asciuta chesta?

Gennaro   (Dall'ingresso di Calimba é rimasto interdetto come chi non si aspetta di vedere una determinata persona; riesce a mala pena a dire fra sé) Oi oi‘O vulesso sapé pur’io!

Carlotta    Ma se po’ sapé per lo meno comme se chiamma?

Asdru                      Calimba…comme ‘a canzone…(Accenna qualche nota) Calimba de’ luna…

Carlotta      (Lo interrompe) D’o sole e d’o mare…insomma?

Calimba    Perdonateme se la mia persona puede molestar la pace i la tranquillidade di vostra famiglia bonita! (Senza dare il tempo a Gennaro e Carlotta di intervenire).Ma no es  mi culpa ni de Asdrubale…….

Carlotta    E' d’o litro’e vino che s’ha bevuto a mezzogiorno…….

Calimba    (Senza raccogliere) La culpa é dell'amor che subito ha fatto diventare calienti i nostri corasau: ci siamo conosciuti solo adesso ed è nostra intention de recuperar el tiempo perduto!

Carlotta    ‘Overamente dicite’?

Calimba    Non sierve falar….parlar, io ed Asdrubale somos mucho innamorati e vogliamo accasar muj presto in questa casa…..

Carlotta    (Fraintendendo) Uh ‘sta svergognata, che vo fa dint’a casa mia?

Gennaro   Accasar cioè se vò spusà e vuole vivere in questa casa! La signorina probabilmente è brasiliana…

Calimba    Tu intendido….

Carlotta    (Al marito) Ah, tu intendilo? Da quando sai fare le traduzioni simultanee dal brasiliano?

Gennaro   Te si’ scurdato che ho fatto il militare a Barletta?

Carlotta    Pecché a Barletta si parla brasiliano?

Gennaro   No ma ero l’attendente del capitano che teneva un pappagallo brasiliano, che insegnò ‘o brasiliano a me e io feci lezioni d’italiano a isso!

Carlotta    (Meravigliata) Al capitano?

Gennaro   No, a ‘o pappavallo!

Carlotta    Povera bestia! (Cambia discorso) Quindi la signorina vo’ ncasà muj  presto, non pierde tiempo! E come mai questo amore improvviso?

Calimba    Mi é bastato mirarle los ojos…..

Gennaro   (Finalmente riesce a parlare) E nella cassa!

Calimba    (Marcando) Nell’ojos ed ho sentito il mio corazon bailar la samba (Canta e balla coinvolgendo Asdrubale) La lalalalalalala…..

Gennaro   Basta fermatevi, me state facendo girà ‘a capa…

Carlotta    E avutà ‘o stomaco…..E dopo la samba, il corazon c’ha fatto, la rumba o il cha cha cha??

Calimba    Dopo la samba ho tenido una  na bota al seno (Apre abbondantemente la scollatura)

Gennaro   (Guardando) …..Dint’a casciaforte!…(Con ammirazione) Però…..

Asdru                      (Cerca di accollare il vestito ad Calimba) Copri amore mio, copri! (Guardando Gennaro) Qui, non tutti gli occhi sono casti!

Carlotta    (Riprendendo il discorso) E così avete sentito ‘na botta ‘mpietto?

Calimba    Si! E la colpa sa di chi fu'?

Gennaro   Mah, chissà chi fu, non so! Forse nino, il pargolo…

Carlotta    Il puttino che ha colpito il cuore della….pu….puritana signorina qui presente.

Calimba    (Sorpresa) Muy bien……..Como  tu sabe?

Gennaro   Asdrubale ci ha fatto una cronaca esauriente dell'incontro  !

Calimba    Ah  il  tesorino…ino… ino, mi corason?

Carlotta    Si, il tesorino…..ino….ino che però non é ancora vostro!

Calimba    Todo mio sarà in  poco tiempo!

Gennaro   Non perdiamoci in chiacchiere (Ad Calimba) Permettete che dico una cosa a mi mujer?

Calimba    Ma certamiente! (Va verso Asdru, con il quale scambia affettuosità)

Gennaro   Carlottita, voglio falar da solo cu  ‘sta segnorita e intiender che va truvanno!

Carlotta    Songh’io ca non intiendo..

Gennaro   Portate ad Asdrubbale ‘a via ‘e dinto!

Carlotta    Muy bien, ma mi raccomando non metterti a fare  'o vummecuso come al tuo solito!

Gennaro   Come mi conosci male !

Carlotta    No, ti conosco troppo bene!  Dunque (Rivolgendosi al fratello) senti Asdrubale in qualità di sorella affezionata, ho il diritto di parlarti da sola! vieni di là, mentre Gennaro terrà compagnia alla signora !

Asdru                      (Non convinto) E va bene! (A Gennaro) Gennaro mi raccomando, non fare 'o vummecuso  come al tuo solito!

Gennaro   Pure tu? Come mi conosci male!

Asdru                                           No, te cunosco troppo bbuono !

Carlotta    (Va via dal fondo)

Asdru                      (Segue Carlotta)

Scena XVIII (Gennaro – Calimba)

Gennaro   (Guarda Calimba insistentemente, alza ed abbassa la testa)

Calimba    (Abbassa gli occhi)

Gennaro   (Va sul fondo per sincerarsi che nessuno li ascolti; si rivolge molto confidenzialmente a Calimba.)

Gennaro   Esigo delle spiegazioni!

Calimba    No ay nada  da spiegar: sono una mulher enamorada!

Gennaro   Di  Asdrubale? Ma nun  me fa ridere!

Calimba    Ridi si te gusta, ma la situazion non cambia! (Cambia tono) Bambocio, ma vuoi intender che è stata una scusa para verte?

Gennaro   Non potevi aspettare stasera?

Calimba    No! volevo vederti qui, a casa tua…..para conoscer come sei nella intimità de tu  focolar!

Gennaro   Se se ne accorge Carlotta, dint 'o fuculare ci fa arrosto a tutti e due! E poi come la mettiamo con Asdrubale!

Calimba    Asdrubale è un cretino che si è subito enamorado de  mi e intiende accasar!

Gennaro   Sposarti! Tu veramente faje?

Calimba    Si, e lo farò muy pronto, così verrò ad abitare qui e staremo sempre insieme todo e quattro!

Gennaro   Io cainatemo, muglierema e tu!….Ma tu  'e perzo 'e cervelle? Non pensi alla gente, alla morale?

Calimba    Quale morale? Sarò la segnora Figurella e, quindi, tiengo diritto a vivir in esta casa!

Gennaro   Sempre che Asdrubale voglia rimanere qui!

Calimba    En esto pienso mi!

Gennaro   Ma la gente, el pueblo…….

Calimba    El pueblo non sabe che nosotros ci amiamo! Saremo attenti e nessuno si accorgerà de nada.

Carlotta    (Fuori campo) Non essere frettoloso.

Gennaro   Basta! Ne parleremo stasera. Mò stanno venenno: dove ci vediamo?

Calimba    Portame a bajlar!

Gennaro   Come vuoi Calimbella mia! Andremo al “Giardino degli aranci”:c'è un ballo in maschera. Mi raccomando mettiti un bel costume e mascherati a dovere, così anche se incontriamo qualcuno, non ti riconoscerà! Passo a prenderti fra un paio d'ore !

Scena XIX (Calimba – Gennaro – Carlotta – Asdrubale)

Carlotta    (Entrando) Allora?

Gennaro   Carlò, che ti devo dire ? La signorina dice di essere innamorata di Asdrubale. Per un pò si frequenteranno e se son rose fioriranno.

Asdru                      Sarà  tutto un roseto, nel quale, amore mio tu sarai la rosa più bella!

Calimba    E tu sarai il galante giardinero chi me curerà…..

Asdru                      (Demente) Nun parlà accussì ca me scordo ca 'nce sta gente e pò’ succedere…

Gennaro   Ca te faje sotto….

Calimba    Calma, calma, mi amor.

Gennaro   (Alla moglie) Ma tu vide che avutamiento 'e stommaco!

Asdru                      Parli così perché non sei più in grado di provare certe emozioni!

Gennaro   (A parte) Te cride tu! (Ad Asdrubale) Dumandacello a soreta!

Carlotta    Boccaccia mia statti zitta!

Asdru                      (Cambia discorso) Allora, per festeggiare il nostro fidanzamento, stasera ti porto a cena fuori!

Calimba    Lo vorrai mucio mi amor, pero no sta bien uscire di sera solita con un hombre anche se es el novio! Vado a casa, a letto e, antes de dormir, penserò a ti!

Asdru                      E va bene giglio immacolato! Sarò a casa ad immaginarti, sola nel tuo virgineo letto! Vieni ti accompagno alla porta!

Calimba    (Saluta) Até logo, al più presto! (Ad Asdrubale) Miao miao gatinho mio (Sio avvia verso il fondo)

 

Asdru                                           Miao….miao…. micetta del mio cuore…(Segue Calimba)

Carlotta    Non ti capisco:  perché hai accettato la situazione?

Scena XX (Carlotta – Gennaro)

Gennaro   Carlò, che vuoi da me…. Tuo fratello ha perzo 'a capa e per il momento è meglio assecondarlo. Ora scusami vado a prepararmi per la riunione,  si sta' facendo tardi!

Carlotta    E va bene, aspettiamo gli eventi! Vado a prepararmi anch'io per andare dalla contessa (Via dal fondo)

Scena  XXI (Gennaro - Roberto)

Gennaro   (Rimasto solo) Vai dalla contessa, vai (Canta) Notte di luna calante notte d'amore per me…...

Roberto    (Entra mentre il padre canta e lo guarda incuriosito)

Gennaro   (Vede il figlio) Per me, per me e la mia famiglia, è quanto ti chiedo, o Signore! Amen! (Via)

Roberto    S’è proprio rimbambito!

Scena XXII (Roberto – Romina)

Romina    (Dal fondo) Che fai, parli da solo ?

Roberto    Per forza! La legge ha chiuso i manicomi, ma li ha trasferiti qui!

Romina    Perché?

Roberto    Zio Asdrubale sembra un altro: è allegro e pazziariello; mamma è di la che si prepara e sembra una collegiale che va al primo incontro d'amore; papà balla e canta, cercando però di non farlo notare…..

Romina    Che t ' importa? (Scruta il fratello) Anche tu però, non sei lo stesso (Riflette) A quest'ora non dovresti già essere al tuo posto di lavoro?

Roberto    Al forno?……Si, ma stasera me ne frego, ho altro  a che  pensare!

Romina    Ah! Che novità è questa?

Roberto    La novità è che stasera avrò la mia grande occasione!

Romina    Sarebbe?

Roberto    Sai bene perché lavoro al forno.

Romina    Perché sei candidato, tuo malgrado a subentrare a papà nella conduzione dell’azienda!

Candida   (Fa capolino ed ascolta)

Roberto    Così la pensa papà, ma le mie aspirazioni sono altre: riuscirò a sfondare nel campo dello spettacolo, voglio fare il presentatore, il conduttore di spettacoli  e stasera avrò la mia grande occasione!

Romina    (Interessata) Spiegati meglio!

Roberto    Il mio impresario è riuscito a farmi avere una scrittura! Questa sera, in occasione del carnevale, condurrò uno spettacolo di cabaret, e danza alternandomi con una collega!

Romina    Favoloso, e ci andrai?

Roberto    ‘O vaje dicenno! Stasera é una serata particolare  perché il programma è favoloso ed non intendo perdere l’occasione!

Romina    Al forno come farai?

Roberto    Ho parlato con don Salvatore, e stanotte farà lavorare il nipote.

Romina    Come sono contenta…….Anzi, facciamo una cosa: portami con te!

Roberto    Volentieri, ma non potrò farti da cavaliere!

Romina    Che m’ importa? Lo troverò sul posto! Ma non mi  ha detto dove andremo

Roberto    Al giardino degli aranci ! (Declamando) Grande serata in costume e maschera, con un conduttore eccezionale. Anzi facciamo una cosa: mi aiuterai nelle presentazioni!

Romina    Favoloso, andiamo a prepararci! (Escei)

SCENA XXIII(CANDIDA ROBERTO)

Roberto    (Fa per uscire, ma viene fermato da candida)

Candida   Voglio venire pure io.

Roberto    Dove?

Candida   Al giardino degli aranci…

Roberto    Non posso…..Qui escono tutti e se telefona zia Gertrude, chi risponde?

Candida    Uffà, Ho l’occasione di stare con te una notte intera….
Roberto Non potrei darti retta, devo presentare lo spettacolo; su non fare la  bambina, ti prometto che  al più presto ufficializzeremo il nostro amore..

Candida      A questa condizione rimango e in bocca al lupo!

Roberto      (Via)

Scena  XXIV (Asdrubale, Candida)

Asdru                      (Entra dal fondo, canticchia) Fiorin fiorello  l'amore è bello pensando a te! Ah, come sono felice! Ho voglia di ridere, cantare, ballare divertirmi; no, stasera a casa sulo nun ' nce sto!

Candida   Che c'è, sembrate un grillo c'ha pigliato 'a scossa elettrica!

Asdru                                           Si, mia cara, l'elettricità che sgorga dal cuore!

Candida   Attenzione ca ve pò venì 'na sincope, alla vostra età!

Asdru                                           Ma quà sincope, quale età, ho voglia di divertirmi, ridere ballare…….

Candida   E andate a San Gennaro ‘e povere!

Asdru                      Spiritosa! Sai che faccio? Vado in un night club! (Riflette) E che ce vaco io sulo? (Guarda Candida)

Candida   Fatevi accompagnare da suor Geltrude! (Ride)

(CAMPANELLO)

Asdru                                           E abballammo una lambada gregoriana! Va, va a rapì ‘a porta, vide chi è.

Candida   Sarà suor Geltrude che viene a fare le prove! (Esce ridendo)

SCENA XXV (Asdrubale - Candida - Veletta)

Asdru                      Addò pozzo j’? Voglio trascorrere una serata all’insegna della follia…Voglio inebriarmi, raggiungendo l’oblio ubriacandomi, gustando a piccoli sorsi il nettare dell’amore!

Candida   (Entra con una bella donna) Prego accomodatevi! (Esce)

Veletta      (E’ una bella donna moderna e spigliata: fa l’intervistatrice per la Doxa) E’ permesso?

Asdru                      (Incantato) Mamma del Carmelo! Oggi nun se vo’ proprio fa’ ‘e fatte suoje!

Veletta      Chi?

Asdru                                           Il puttino!

Veletta      (Divertita) Non capisco!

Asdru                      Cupido, il puttino dell’amore: ha scelto il mio cuore per fare il tiro a bersaglio una seconda volta!

Veletta      Come siete simpatico!

Asdru                                           E voi una donna meravigliosa: a che devo l’onore?

Veletta      L’onore è mio! Il signor Figurella?

Asdru                                           In carne, ossa e santini! (Ne caccia diversi)

Veletta      Sicuramente sarà un incontro piacevole! Dunque io sono Veletta Mezabon…

Asdru                      Il suo cognome non le rende merito….

Veletta      (Incuriosita) Perché?

Asdru                      Perché…mi consenta….lei è tutta bon…

Veletta      (Divertita) Birichino…birichino…Dunque sono Veletta Mezabon e faccio l’intervistatrice e sto conducendo, per conto della Doxa, un’inchiesta su come interpretano l’amore i single! Ci risulta che lei è un single, me lo conferma?

Asdru                      Veramente mi pare che la buonanima di papà, prima di morire, m’ha ditto qualcosa…ma nun me ‘o ricordo cchiù!

Veletta      (Ride) Il single è una persona che non divide la sua vita sentimentale con una compagna, diciamo fissa!

Asdru                                           Allora io sono un single che più single non si può!

Veletta      (Gli da un pizzicotto sul viso) Ed un simpaticone senza uguali, nonché un uomo interessante!!

Asdru                                           (Alle stelle) Buongustaia!  Eh..eh..eh..eh!

Veletta      Incominciamo l’intervista.

Asdru                                           Prima sediamoci!

                                 (Eseguono)

Veletta      Grazie! Allora parliamo dei suoi incontri galanti!

Asdru                                           Beh veramente…..

Veletta      Ho capito: ha paura di compromettere le sue amanti, ma non si preoccupi: non le chiederò nomi! Mi dica solo dove da appuntamento alle sue vittime, mandrillo!

Asdru                                           (Sempre più a disagio) Beh veramente….

Veletta      Ho capito: non vuole che la sua privacy venga violentata! Mi dica almeno quanti cuori ha trafitto fino ad oggi!

Asdru                                           Beh veramente….

Veletta      Ho capito: è un uomo discreto e non ama vantarsi: è naturale quando un uomo ha la U maiuscola!

Asdru                      (Mortificato) Veramente la U poi non è tanto maiuscola, anzi si è un po’ arrugnata!

Veletta      Non capisco!

Asdru                      (Con gli occhi a terra) Vede signorina, io fino ad oggi non ho pensato all’amore, ho condotto una vita monastica….

Veletta      Incredibile!

Asdru                                           Eppure è così!

Veletta      E non è stato mai travolto dal raptus dei sensi, dalla voglia di un amplesso?

Asdru                                           In quanto alla voglia, spesso e volentieri!

Veletta      E naturalmente ha risolto mortificando la carne e rifugiandosi nella preghiera!

Asdru                                           Qualche volta!

Veletta      E tutte le altre?

Asdru                      (E’ in notevole imbarazzo e cerca in qualche modo di far capire che ha risolto da solo) Signurì, che v’aggio ‘a dicere? Sono o non sono un single? Mi spiego meglio…

Veletta      (Soffoca una risata) Non c’è bisogno, ho capito!

           

Asdru                      Oggi però il singolato è finito: ho incontrato l’anima gemella, ed il mio cuore, straripante d’amore, ha rotto gli argini, inondandomi di felicità!

Veletta      Sono contenta per lei: deduco che ha incontrato l’anima gemella! Dov’è ora questa fortunata?

Asdru                                           Nel suo vergineo letto a sognare il suo SDRU’ SDRU’…

Veletta      E chi é ‘stu Sdrù?

           

Asdru                                           ‘O SDRU’ songh’io!

Veletta      Fortunata donna! Scommetto che anche lei non vede l’ora di andare a letto per sognare la sua bella!

Asdru                      E’ ovvio, anche se….(Con chiara intenzione) preferirei qualche altra soluzione: perché non continuiamo l’intervista nella mia camera?

Veletta      Volentieri…

Asdru                                           (Invasato) E allora andiamo…

Veletta      (Lo frena) Volentieri avrei accettato, ma il dovere mi attende: stasera presento uno spettacolo di carnevale in un night club ed è ora che vada! Arrivederci simpaticone! (Gli da un bacio in fronte e va via dal fondo)

Asdru                                           (Sospirando) Ma che ci faccio io alle donne!

Scena XXVI (Asdrubale - Candida)

Candida   (Entrando ha sentito l’ultima battuta di Asdru)  ‘O scupettino pe’ ‘a povere!

Asdru                      (Senza ascoltarla) Senti, bellina,ho deciso di ascoltare il tuo consiglio: stasera vado al night club!

Candida   Ah si? Avete telefonato a suor Geltrude per farvi accompagnare?

Asdru                      Sciocchina,  che ci faccio con suor Geltrude?…Magari con una novizia se putesse pure fa’! (La guarda con occhio scrutatore)

Candida   (Intimorita) Che c’è, che volete?

Asdru                      Tu sei una novizia?

Candida   Si!

Asdru                      Cosa fai stasera?

Candida   Cosa posso fare, vado a dormire!

Asdru                                           Non ti andrebbe di trascorrere una serata diversa dalle altre?

Candida   (Sospettosa) Come?

Asdru                                           Mi accompagneresti a ballare?

Candida   Dimenticate che sono una novizia e certe cose non le posso fare?

 

Asdru                      Sbagli, perché proprio in quanto novizia devi assaporare tutti quegli aspetti della vita a cui andrai a rinunciare, per potere meglio valutare la tua scelta!

Candida   Questo é vero: (Riflette) Ma se poi vi vengono strane idee?

Asdru                      Quali idee? Tu sei la pupilla di suor Geltrude e poi io sono un uomo innamorato, il mio cuore appartiene ad una altra persona: voglio solo andare a fare quattro salti!

Candida   Dove mi portereste?

Asdru                                           Dammi il giornale!

Candida   (Glielo porge) Tenete!

Asdru                      (Lo sfoglia) Ecco qua…..spettacoli…. ritrovi: Al gatto rosso, Streap-tease…no; All'inferno e ritorno, spettacolo hard core….nooo. Ah forse ci siamo: Grande serata di cabaret e danza in costume con sorpresa finale……

Candida   Dove?

Asdr                        Al giardino degli aranci!

Candida   (A parte) Dove sta Roberto! (Ad Asdrubale) Andiamo!

B U I O - MU S I C A - S I P A R I O

ATTO      SECONDO

LA SCENA: LA SALA DA BALLO DI UN NIGHT CLUB: PEDANA PER L'ORCHESTRA TAVOLI E SEDIE (SE SI VUOLE EVITARE L’ORCHESTRA POSSONO USARSI DELLE BASI)

 (Gli interventi, sia musicali che di cabaret, sono indicativi, possono essere sostituiti o integrati con altri, a discrezione della regia)

Scena  I  (Romina, Chanson)

(Romina, legge scaletta dello spettacolo, canticchiando e muovendo qualche passo di danza. Dal fondo entra mensieur Chanson)

Chanson: (E'è il proprietario del locale: è un  uomo molto fine, dal quale trapela una                                 sottile ed ostentata femminilità, ha un marcato accento francese e veste con                                 eleganza. Sorride e si accomuna a Romina nel ballare)

Romina    Ma che bravo, se non la guardassi in viso potrei scambiarla  per Sergio Japino!  

Chanson  Orrore, per carità, lasciamolo alla Carrà! (Sorride) Sono solo il proprietario.....piacere.

Romina    (E' inimbarazzo, si ferma)    Ed io Romina, la sorella di Roberto: Il piacere é mio e mi scusi....: collaborerò a condurre lo spettacolo, speriamo  bene !

Chanson  Certamente, sei una ragazza in gamba: oggi ho visto la tua inchiesta televisiva: sei stata bravissima ed hai parlato con grande competenza!

Romina    Sono contenta di esserle piaciuta! (Cambiando discorso, si guarda intorno) Mi chiedevo: come mai continuate a gestire questo locale come un night club e non come discoteca! Pertanto é quasi  ignorato dai giovanissimi!

Chanson  Vedi mia cara, in quest'epoca dove tutto é frenetico, il locale notturno gestito alla vecchia tradizionale maniera è un'oasi di pace!

Romina    E' vero, ma….

Chanson  ...Qui la musica, suonata dal vivo, incoraggia la coppia a stringersi e sognare rendendosi  complice di amori leciti e non!

Romina    Certo posta così la cosa risulta affascinante, ma in discoteca….

Chanson  ….La musica è solo un'accozzaglia assordante di strumenti con le  luci che, con la loro intermittenza altro non fanno che gonfiare e girare (Risatina) Ohhhhhh……qualcosa di prettamente maschile.

Romina    Si, ma i giovani……

Chanson  ….Vanno in discoteca per sfogare la loro frustrazioni……. Si ubriacano,  spesso si dopano e quando escono, causano, con le loro auto, incidenti anche mortali!

Romina    Questo  é vero!

Chanson  Non sopporterei di sapere che un mio cliente é morto, per guida spericolata, causata dall'esaltazione musicale, dal bere o da pasticche particolari!

Romina    Comunque non sarebbe colpa vostra !

Chanson  ….E poi, hai notato come ballano? Si muovono tutti allo stesso modo e, sembrano tutti attaccati da un esercito di pulci kamicaze!

Romina    Credo proprio che debba darvi ragione!

Chanson  Inoltre non li vedi mai abbracciati: stanno per lo meno ad un metro di distanza; …..Non sentono mai il desiderio, consentimi la volgarità, 'e se 'mbruscinà 'nu poco?

Romina    Mah! Forse i giovani d' oggi hanno meno sangue caliente nelle vene, sono più raziocinanti!

Chanson  Diciamo un po’’ freddini!

Romina    Sarà!. Scusatemi ma ora devo vedermi con Roberto e Veletta. Abbiamo preparato un programmino per far sì che i vostri ospiti possano trovare subito l'atmosfera caliente di cui hanno bisogno! (Esce ridendo)

Chanson  Ridi tu!  Sarai pur esperta in contraccettivi, ma in quanto a sentimento, atmosfera, ed a tutto il resto, non capisci un tubo…...(Si interrompe perché ode delle voci provenire dall'esterno) Oh, già arrivano clienti! (Dal fondo entrano Carlotta e  Giorgio).

Chanson  (Va loro  incontro) Buonasera signori, hanno prenotato?

Scena  II (Chanson -  Giorgio -  Carlotta)

Giorgio          (Giorgio ha un costume di Pinocchio e Carlotta da fata Turchina).Si, ho telefonato poco fa…….Caiola!

Chanson  (Controlla la lista) Caiola……Caiola…..Tavolo numero quattro é uno dei migliori! (Li fa sedere. Nel frattempo un altro cameriere accompagna altre persone ai tavoli) Originali i vostri costumi: vestirsi da Pinocchio, egregio signore, potrebbe metterla in difficoltà con la signora!

Giorgio     Davvero?

Chanson  Si, perché non potrà dirle alcuna bugia!

Giorgio                   Si spieghi!

Chanson                Le si allungherebbe seduta stante il naso! (Ridono tutti e tre divertiti) Con permesso (Via)

Carlotta                  Nun 'o sape che il tuo naso é traditore!

Giorgio                   Pecché?

Carlotta                  Pecché é volubile: si allunga quanno vo' isso!

Giorgio                   Ah vigliacca, mo' t'a dico 'na bugia subito subito e vediamo se si                             allunga....(Fa l'atto di abbracciarla)          

Carlotta                  (Lo blocca) Conserva le tue bugie pe' quanno andiamo dopo a casa                      tua...(Tenera)          E se vorrai essere a forza sincero, ti faccio diventare                               bugiardo cu' 'a bacchetta magica....Se no che 'a tengo a fa'! Vedrai                                   come si allunga!

Giorgio                   Dipende dalla bugia!

Entrambi                (Ridono)    

Scena  III (Chanson, Gennaro, Calimba )

(Entrano Gennaro ed Calimba: Gennaro ha un costume da sultano ed Calimba da odalisca. Sono accompagnati da Monsieur Chanson)

Chanson  Benvenuti nel mio modesto locale!

Gennaro   Modesto ? E' il più bel night club di Napoli!

Chanson  E' l'unico! Ha prenotato?

Gennaro   Si, Cocchietta!

Chanson  Cocchietta? Venga, venga, si accomodi. (Li fa sedere) Lo sa che lei ha il cognome del mio fornitore di prodotti da forno?

Gennaro   Si da il caso che Cocchietta, dal forno a casa tua, sono proprio io! (Pavoneggiandosi) Si vede che lei é un uomo di gusto!

Chanson  La ringrazio! I miei gusti d'altronde mi impongono di scegliere il meglio!

Calimba    (A parte) Un altro poco  e questi due se vanno a casar, si fidanzano…..

Gennaro   Questo luogo, questa atmosfera, mi riporta indietro negli anni con l'illusione che il tempo si sia fermato!

Calimba    (A Gennaro) Te quiero scusa, ma vorrei rammentarte che  ci sono anch 'io!

Chanson  Ha ragione madame, mi perdoni,  ma i complimenti del signore mi hanno distolto dai miei doveri!

Calimba    L’ombre aqui presente è como se dice a Napoli, farenella!! (A Gennaro) Esta noche parese un poeta! (Sfottente)

Gennaro   E tu la mia musa ispiratrice!

Chanson  Noto con piacere che é in forma smagliante, signore, quindi mi consenta di ritirarmi e…..buon lavoro!

Gennaro   Simpatico  'stu guaglione!

Calimba    Te gusta? (Sfottente) Dime la verdad: mas de mi, chiù ‘e me?

Gennaro   Calì, a me me piaceno ‘e femmene, e tu ‘o ssaje!

Calimba    Quando te siento vicino se pone  dentro di me un  fuego, ma ‘nu fuoco…….Necessitarla, un pompiere con su pompa…..(A Gennaro) O mi pompier hai portato la pompa?

Gennaro   (Cercando di Contenersi) Me ‘a putevo maje scurdà?, Ora però incominciamo a stutà ‘stu fuoco cu 'na bella butteglia 'e champagne!

Calimba    Così la cabeza  non funziona più…non mi fai capire niente più!

Gennaro   Tu niente ‘e ‘a capì! (Annusa)Uff…uff

Calimba    Cosa fai?

Gennaro   Niente, ma me pare ‘e sentì la stessa puzza del profumo che usa mia moglie!

Scena  IV (Chanson -  Asdrubale - Candida )

(L'azione si sposta sulla comune. Entrano Asdrubale che indossa un costume da diavolo e Candida da Angelo)

Chanson  Prego, prego si accomodi diavoletto; la accompagno subito al suo tavolo: (La fa sedere insieme a Candida) Mi consenta di allontanarmi anche perché penso vorrà rimanere solo con questo fiorellino, vestito da angelo (Via)

Asdru                      Diavoletto a me!!! (Risata satanica) Ma lo sa che io stasera sono satana in carne ossa e (Marcando) forcone! E comme me prore il forcone stasera….l’ aggio appezzà addò coglio coglio!

Candida    Vedete bene dove cogliete e ricordatevi della promessa che mi avete fatto!

Asdru        Raccomandazione inutile! Lo sai che da oggi sono fidanzato e io so' comme 'nu carabiniere: (Urla) "Nei secoli  fedele!"

Tutti           (Incuriositi) Che?

Asdru       No niente, pardon (Cambia tono e rivoltoa Candida) Però so' pure bbuono 'e core e se tu hai qualche esigenza,.qualche volio…..

Candida   Non è possibile perché peccherei due volte : uno per il fatto in sé stesso e due per averlo fatto con un vecchio rattuso come  voi!

Asdru                                           Vecchio? Nenné io nun so viecchio….

Candida   Ma rattuso sì !

Asdru                      Uhè, mo' basta, mo' m' 'e scucciate, ma che aspiette, ca te appizzo 'o furcone n'ganne?

Candida   Come siete antipatico, voi e questo forcone spuntato!

Asdru                      (Fa per replicare ma viene fermato dal cameriere che porta una bottiglia di spumante)

Scena  V (Chanson - Romualdo - Geltrude )

(Entra dal fondo, accompagnata da Nonsieur Chanson una coppia: lei indossa un vestito da monaca e lui da prete)

Chanson  Prego….Simpatico il vostro abbigliamento; certo dopo il diavolo e l'angioletto era d'obbligo la monaca ed il prete. Prego accomodatevi (Li fa sedere e via)

Romu                      Ma suor Geltrude, come vi è venuto in mente…..

Geltrude   Don Romuà è carnevale ed ogni scherzo vale: voglio fare uno scherzo a me stessa…e po’ mi è venuta la frenesia del ballo….Oggi tutti ballano….

 

Romu                                           Ma l’abito che indossiamo non ci consente……

Geltrude   Cosa? Qualche ora di trasgressione ad una vita dedicata a lenire le sofferenze degli altri?

Romu                      Lo sapevamo quando abbiamo intrapreso questa strada

Geltrude   Troppi sciagliute don Romuà….A nu certo punto uno si deve pure fermare, deve riprendere fiato se no non trova la forza di andare avanti!

Romu                      Speriamo che il Signore…           

Geltrude   Il  Signore non ce ne vorrà…Tra qualche ora ritorneremo in convento e tutto apparterrà allo scrigno dei ricordi dove solo noi posiamo accedere.

Romu       Ma questo è un luogo di lussuria e perdizione!

Geltrude   Rientra nei nostri doveri conoscere il peccato per poterlo combattere: se lo conosci lo eviti, se lo conosci non ti uccide, se lo conosci…..

Romu                                           Te pò piacè’!

Geltrude   (Sospirando) Anche! (Si riprende) Ma cosa mi fate dire!

Romu                                           Ci pensate, se qualcuno ci riconosce?

Geltrude   Abbiamo la maschera, e poi i nostri abiti possono essere scambiati per costumi di carnevale!

Romu                                           Che il Signore ci assista!

Geltrude   Cu tutt’e pensiere ca tene? Meglio se chiude un occhio e s’avota  n’ata parte!

Romu                                           Ma…..

Geltrude   …….Stasera nun voglio pensà a niente….me voglio divertì e se capita, voglio anche realizzare un sogno!

Romua     Quale?

           

Geltrude   Quello di esibirmi davanti al pubblico con un monologo di cabaret: è una mia vecchia passione di quando ero non ancora una religiosa!

Romu                      Mi sembra una pazzia, ma so che con voi è inutile discutere quando ve mettite ‘na cosa ‘ncapo!

Geltrude   Appunto!

Scena  V (Romina e tutti )

(Sulle ultime battute l'orchestra avrà preso posto sulla pedana Su AMEN  di Suor Geltrude l’orchestra suona la sigla: alla fine dell’esecuzione entrano Romina da destra, Roberto dal centro e Veletta da sinistra.)

Roberto    Signori e signore buonasera! Anche noi dopo l’orchestra vi diamo il benvenuto in questo splendido locale!

Romina    Il proprietario vi ringrazia per la scelta e vuole esprimervi la sua gratitudine, proponendovi un programma favoloso!

Veletta      L’orchestra eseguirà belle canzoni e ballabili per tutti i gusti…Noti artisti si alterneranno con le loro esibizioni e noi tre condurremo un cotillon con ricchi premi!

Roberto    Sarà infine premiata, ad insindacabile giudizio di una giuria che, in incognito, si trova tra di noi, la coppia con i costumi più belli….

Romina    Esaurita la premessa, , entriamo nel vivo dello spettacolo…

Veletta      E’ giunta l’ora di dare il via a questa favolosa serata….

             (VIENE INTERROTTO DA UNO SPETTATORE)

Attore             (DAL PUBBLICO) Signor presentatore, scusate se vi interrompo, state ma a  me, quando mi chiamate?

Roberto        Chi siete?

                                  

(Le due ragazze vanno via)

Attore                        Come chi sono, sono CARDARELLI!

Roberto        CALDARELLI?

Attore             (RAFFORZANDO LA ERRE)  CARDARELLI con la erre! Se era CALDARELLI con la  Elle dicevo con la  “L” come a dire “ LIEVETE ‘A NANZO”, pecchè mo ‘nce stongo io! (GLI FA CENNO DI ANDARE VIA)

Roberto        Un momento, non andate di fretta, prendiamo la scaletta!

Attore                        E’ proprio necessario?

Roberto         Certamente, devo controllare quando è previsto il vostro intervento e quindi farvi salire!

Attore             E nun pozzo piglià l’ascensore?...Sapete ho avuto una giornata faticosissima!

Roberto         L’ascensore ? Che avete capito ? Dobbiamo prendere la scaletta, cioè l’ordine di entrata degli artisti !

Attore                      (RIDENDO) AH; AH ! Io l’avevo capito...ho solo voluto darvi un saggio del mio umorismo, della mia capacità di improvvisare! Comunque, permettetimi di darvi un consiglio: Cercate ‘e ve spiegà meglio, perchè con tutto il rispetto parlando, vuje ve spiegate comme a ‘nu libbro stracciato !

Roberto        Io ?

Attore :          E se capisce! (SALE SUL PALCO) Comunque  pigliateve ‘a scaletta e gghiatevenne.Ora sono salito quindi (CAMBIA TONO)  Ragazzo ammontonati ‘a via ‘e dinto e...fammi lavorare!

Roberto        (ANDANDO VIA) Ma vedite che se passa!

 (AL PUBBLICO) .... Chi sono? Sono un  grande artista e mi chiamo LORETO CARDARELLI! (AL PUBBLICO)  E no amico, non sta bene ! Hai fatto le corna ,a titolo scaramantico e lo capisco pure...ma quello che non tollero è la volgarità con la quale ti sei grattato le rotondità dei genitali, qui davanti a tutti, senza un poco di ritegno ! E po’ che colpa ne ho io se il mio nome e cognome corrispondono a quello di due noti ospedali napoletanti!  E  cosa avresti fatto se mi fossi chiamato  Nero funerale?  Uh, quello continua ! Nun grattà cchiu’...Corri il rischio ca se cunsuma tutte cose....Quello già è poco!  Dunque dicevo, che mi chiamo.....come ho detto, perchè quando sono nato prematuro, al settimo mese, mi portarono al Loreto dove appena arrivai fui catalogato fra gli indesiderati e  smistato al pronto soccorso del  Caldarelli: messo in una incubatrice, dopo manco tre secondi un corto circuito appicciaje tutto il reparto. Grandezza ‘e Ddio rimasi indenne perché le fiamme per paura di spegnersi, m’avevano schifato! Io non posso ricordarlo ma mi dissero che chiuveva comme cché, nun se vedeva niente….Nel buio si sentì solo la voce del medico di guardia che gridava: “’stu criaturo é disgraziato!” Appena ritornò la luce fui consegnato a mio padre il quale  come mi vide, con grido lacerante rivolto a mia madre dicette: “ Oiné cu chi ll’è fatto, chisto nun è figlio a me!” e voleva disconoscermi seduta stante! La povera mammà ahimè scoperta, gridò: “Totò perdoname” e per la forte emozione  le mancaje ‘o llatte e incominciò così la mia vita di morto di fame! Papà ch’era un sant’uomo la perdonò sapendo che al mio concepimento aveva collaborato il  cumpare di fazzoletto del quale aveva grande stima.  E gli propose anche di farmi da compare  di battesimo: Il giorno dell’evento quest’uomo con grande charme fore a chiesa nel momento di prendermi in braccio sciuliaje pe’ tutte ‘e grare! Manco ‘o tiempo ‘e jastemmà che il prete al momento della benedizione, nell’oscillar ‘o ‘ncenziere, non calcolò bene le distanze e colpì in pieno viso ‘o cumpare. Risultato fu la rottura in più pezzi della dentiera! Dopo la funzione al momento della fotografia un cane randagio affamato ‘o muzzecaje ‘na coscia. Dopo queste peripezie arrivammo al ristorante per il rinfresco e qui l’imponderabile: donna Marianna nonn seppe resistere alla tentazione ‘e ‘nu cannuolo siciliano e per non farsi scorgere ne fece un boccone solo e  se steve affuganno. Fu salvata per miracolo da un idraulico che le levaje ‘o cannuolo ‘a canna con uno sturalavandino! Per fare una cosa elegante il mio compare invece dell’auto aveva affittato una carrozzella e, al  ritorno, ahimé ne fujette ‘o cavallo a sotto;  io cadette cu ‘a capa ‘nterra e così, fernettemo a  pere, ‘ncopp’o  a ‘nu spitale dove fui portato In rianimazione e intubato. Un’infermiere maldestro mi mise l tubo di traverso e fui dimesso senza nessuna speranza con il funereo augurio: “Facitelo murì a casa!” Avvenne invece il miracolo: superai anche quest’avversità  ed oggi io sono qui nell’intento di rallegrarvi la serata. Ora però devo lasciarvi perché ho un altro impegno di lavoro., ma vi prometto che ad una prossima occasione vi racconterò qualche altro spassoso  episodio della mia vita.

Romina    Simpatico il nostro attore, anche se un po’ sfortunato!

Roberto    Sfortunato? Chillo è ‘na peste! E’ peggio di Attila, dove passa non cresce più l’erba!

Veletta      Esagerato!

Roberto    No, mi sono limitato! Pensa che un nostro comune amico mi ha raccontato che vicino casa del nostro attore, c’è un gatto randagio nero…..          

Romina    Un concorrente…

Roberto    Macché un’altra vittima….Una prima volta che ‘a povera bestiella l’ha incrociato, è stato investito da un compressore ed è diventato piatto come una sogliola…

Veletta      Stai scherzando!

Roberto    Macché….Un’altra volta il povero felino, per evitarlo ha tentato la fuga, é inciampato ed ha fatto un volo di trenta metri da sopra un ponte…. 

Veletta      (Accettando lo scherzo) E per fortuna aveva il paracadute!Va bene, ho capito, vuol dire che regaleremo al gatto un bel corno!

Roberto    Non è una cattiva idea…Per il momento il gatto, quando lo incontra, lo guarda, si gratta gli zebetei e se ne scappa!

Romina    Pagliaccio, questa è una vecchia barzelletta….In ogni caso diciamo bravo al nostro attore di cabaret e salutiamolo con un fragoroso applauso! (Aspetta che finisca l’applauso del pubblico) Eccoci ora giunti ad un momento importante: quello di dare ai nostri ospiti un momento di celebrità: (Ai partecipanti) C’è qualcuno di voi che vuole esibirsi?

Geltru                      Io!

Veletta      Incredibile, “Suor orangette”, mi permetta di chiamarla così in onore del nostro locale,vuole stupirci forse con una preghiera rap?

Geltrude   No, con un monologo di cabaret che è anche una ricetta, farina del mio sacco che vi farà leccare le dita.

Veletta      (Via)       

Geltrude       Sono Titina, a detta di tutti cuoca sopraffina. La mia è una nouvelle cousin, anche se qualcuno scherzosamente l’ha ribattezzata:”‘Na schifezz ‘e cousin” per l’eccentricità dei miei manicaretti. Anche se non ho frequentato nessuna scuola, dopo aver maniato carote  e cucuzzielle di ogni forma e grandezza, il Capo dello Stato, per meriti ortofrutticoli, m’ha fatto avére la laurea “Odoris Causa Cucuzziellum”! Ma io nun me so’ fermata! Ho fatto un corso ad Oxforcella e posso lavorare anche in campo internazionale nei ristoranti da Caivano in su e giù!  Le mie ricette possono sembrare pesanti, ma invece sono digeribilissime perché tra gli ingredienti uso con maestria amuchina e bicarbonato. I miei piatti più richiesti sono: Crostata di baccalà alle ciliege, che modestamente fa leccare ‘e ddete fino a consumarle. Zucchino dolce e salato farcito con asiago, scorzette d’arancio, cedro, cioccolato pepe e marmellata! Ed ora voglio farvi un regalo: Una ricetta che solo a sentirla vi farà fare l’acquolina in bocca: LENTICCHIE MARE E MONTI. Con questa ricetta ho vinto il concorso gastronomico internazionale: “IL FORCHETTONE SPUNTATO” Il piatto è “LENTICCHIE MARE E MONTI” dose per quattro persone:  ingredienti: per il sugo:  Dodici chili di pomodorini di San Sebastiano al Vesuvio, al confine con Sant’Anastasia. Dodici litri di olio extra vergine, da ulive che non hanno mai avuti rapporti intimi; dodici spicchi d’aglio gigante, quelli  ca nun fanno puzzà ‘o ciato. Dodici peperoncini forti calabresi oriundi dell’Alto Adige. Dodici rami di prezzemolo con incrocio di menta. Dodici piante di basilico al rosmarino.   Per il ripieno: dodici fette di mozzarella di bufala nordafricana. Dodici funghi a cappella grande, meglio conosciuti da noi napoletani come ‘e ricchiune. Dodici alici salate pescate a San Giovanni a Teduccio, sotto la centrale elettrica: dodici gamberi reali ca camminano annanze e non areto! Preparazione: Fate soffriggere i dodici spicchi d’aglio cu tutt’a scorza nei dodici litri d’olio; quando l’aglio s’è indorato, prendete a mano nuda uno alla volta gli spicchi cercanno e nun ve cocere,  levatece a scorza e rimetteteli nell’olio bollente; quanno pure l’aglio s’è indorato umite i pomodorini, scamazzate cu ‘o martello e fate cuocere per dodici ore. Finita la cottura unite le dodici piante ‘e basilico, dopo averle opportunamente tolte dai vasi; mettete da parte a riposare. A questo punto pigliate una teglia e mettete le dodici lenticchie e tagliatele in dodici fettine, cercanno de fa’ eguale. ‘Mbuttunate le lenticchie ad uno strato alla volta, mettenno primma ‘a mozzarella, po’ ‘a capocchia d’o fungo, po’ l’alice salata, po’ i gamberi. Ad ogni strato ‘nu chilo ‘e pummarurelle. Quindo avremo dodici strati con tre gamberi, tre alice salate, tre ricchiune, tre fette ‘e mozzarelle per ogni lenticchia. Sull’ultimo strato mettete il prezzemolo tagliato fino fino ed infornate. Lasciate cuocere per dodici ore.  Una volta cotte, fate riposare per dodici ore e servite ben calde. Se il tutto è stato di vostro gradimento,  in altra occasione vi darò un’altra ricetta. Arrivederci..

              

 (Dopo gli applausi (si spera) tutti restano immobili le luci scendono di intensità e si sentono alcune voci irradiate)

Gennaro   ‘Sta monaca è tale e quale a Geltrude….le rassomiglia assaje, ma nun po’ essere essa!

Carlotta    Pure a Geltrude le piaceva ‘o cabaret….

Roberto    Zia Geltrude? No, nun po’ essere!

Romina    Zia Geltrude? Sarebbe diabolico!

Candida   Mamma mia e se fosse la madre superiora? Quella è capace di tutto!

Asdruba   Si è Geltrude vaco addu’ Bellumunno a prenotarmi il funerale…

 (Le luci ritornano piene e gli astanti  parlottano fra di loro)

Roberto    Benissimo, dopo aver gustato la splendida ed inaspettata esibizione di suor orangette, è giunta l’ora che anche tutti gli altri (Rivolto al pubblico dei tavolini) diventino protagonisti! Passiamo ai giochi per formare le coppie per il cotillon

 (Brusio dei presenti)

Romina    Non vi ribellate perché non é giusto che in una serata come questa, all'insegna del divertimento vi siano delle coppie fisse! Su pelandroni, muoviamoci!

Roberto    Adesso vi consegnerò dei cartoncini: rosa per le femminucce ed azzurri per i maschietti! Su di ognuno vi è scritto il nome di un animale del quale dovete ripetere il verso. Faccio un esempio: sull’azzurro vi è scritto “Topo”, sul rosa “Topina!” I due che hanno questo cartoncino dovranno imitare il verso del topo, orientativamente: ”SQUICK, SQUICK” e la coppia sarà pertanto formata! Così via per i versi degli altri animali. Mi sono spiegato?

Tutti                        SI!

Roberto    Benissimo, allora proviamo!

(Tutti insieme ripetono il verso dell’animale scritto sul cartoncino e si crea una gran confusione)

Roberto    No, non va, non va…non si capisce nulla. Facciamo così: uno per volta i maschietti faranno il verso dell’animale indicato sul cartoncino e la femminuccia risponderà! Incominciamo da lei (Indica Gennaro)

Gennaro   Miao!

Roberto    Il micione lo abbiamo trovato, dove sarà la gattina?

Carlotta    Miao!

Roberto    La prima coppia è formata: venite alla mia destra, la prossima alla mia sinistra e così via!

Gennaro   (Andando a posizionarsi esprime un pensiero ad alta voce. Così tutti gli altri) Chesta tene un aspetto familiare….Comme se po’ fa’ lo stesso olezzo!

Carlotta    Ih che ciorta. Pure chisto è chiatto e pare Gennaro…!

Calimba    Coccodé!

Asdru                                           Chicchirichì!

Calimba    (Posizionandosi) Pure esto es vecio!

Asdru                                           Pure chesta è bona!

Romu                                           Bau…bau!

Candida   Bau bau!  Meglio il monaco ca ‘o rattuso!

Romu                                           Quasi quasi ‘nu peccatuccio ‘o faccio!

Giorgio     Cip cip!

Geltrude   Ciop ciop!

Giorgio     Il fatto mi sollazza!

Geltrude   Son tutta un brivido! Domani mi faccio il bagno nell’acqua santa!

(Si formano altre coppie. Le nostre, alla fine, risulteranno così composte)

            1) GENNARO E CARLOTTA

            2) CALIMBA E ASDRUBALE

            3) CANDIDA E  DON ROMUALDO

            4) GELTRUDE E GIORGIO

           

            5) ALTRE COPPIE

(Nel ballare quando si formano le coppie come nella vita parlano tra di loro)

Carlotta    (A Gennaro) Lei mi ricorda qualcuno….

Gennaro   (Annusa) Anche il suo profumo…

Carlotta    E’ Eau du mer d’amour…

Gennaro   ‘O dicevo io…

Calimba    (Ballando con Asdrubale) Tu me requerdas grande imbecil napoletano…

Asdru                                           Grazie assale…. e tu ricordare me grande bugiarda brasiliana….

Candida   E comme stringe questo…..

Romua     Comme se ne fuje ‘a dint’e mane, pare ‘nanguilla….

Geltrude   (Si stringe a Giorgio) Sarà la musica ma non capisco niente più….Mo’ me trovo facendo…..(Si stringe a Giorgio) Dimane mi confesso con Romualdo (guarda il monaco che si da da fare) E voglio vedé ca nun me da l’assoluzione,,,,(A Giorgio) Signore e un po’ più di ritmo…..Pare che jate areto a ‘nu funerale!

Giorgio     E comme sta ‘nfucata a monaca, mo n’apprufitto….(La tocca in varie parti del corpo)

Geltrude   (Sembra gradire le effusioni di Giorgio)

Romina    (Comanda il il cotillon poi al ritmo di Samba forma il trenino e scende tra il pubblico coinvolgendolo Dopo aver un pò ballato in sala ritorna sul palco con gli attor, Cessa la musica. Aria festante)

Scena  VI  (Tutti )

Romina  Bravi, tutti bravi!. Ed ora in attesa di conoscere il verdetto della giuria, mi sembra sia arrivato il momento di vedere il volto di tutti questi simpatici signori. Amici, giù la maschera !

(Tutti si tolgono la maschera)

Gennaro   (Riconosce la moglie) Ah!

Carlotta    (C . s. ) Ah!

Asdru   ….“….Ah!

Calimba    ….“….Ah!

Giorgio     ….“….Ah!

Candida   ….“….Ah!

Geltrude   (Insieme a Romualdo a mò di rimprovero) Ah ahahah!

Romina    (Insieme a Roberto come temendo il peggio) Ah ahahah!

Tutti                        (Riconoscendo Suor Geltrude e padre Romualdo) Ah ahahah!

Gennaro   (Con voce strozzata) Suor Geltrude?

Tutti                        (Meravigliati )  Suor  Geltrude!

Eco                          UDE  UDE  UDE  UDE 

Tutti          E che ce facite vuje ccà?

Romu                      (Farfuglia) Niente di male…La passione per il ballo…oggi ballano tutti….e poi bisogna conoscere il peccato per poterlo combattere…..poi domani lo mettiamo nello scrigno dei ricordi…..

Geltrude   (A Romualdo) Ma sta zitto cretino……(Agli altri, cerca di prendere in mano la situazione) E voi come vi permettete di chiedere insinuare, offendere l’abito che indosso…

Tutti          Ma veramente le apparenze….

Geltrude   Le apparenze ingannano…..(Guardando Candida) Non fidandomi del mandato dato ad una fanciulla inesperta

Asdru                      Seh seh, inesperta..

 

Geltrude   Osi parlare, rappresentante del peccato…

Romu                                           Procacciatore di lussuria….

Asdru                      (All’unisono con gli altri) Istigatore alla perdizione…..attentatore delle verginee anime (Fa per continuare ma viene interrotto da suor Geltrude)

Geltrude   Nipote degenere stai zitto!

Asdru                      Sta zitto nipote degenere….(Si rende conto che l'ultima frase era rivolta a lui) Ni…..Ni…..nipote….degenere…..A me?

Geltrude   Si! E bravo, finalmente hai rilevato la tua vera identità indossando questo vestito che rivela la tua origine…..Diavolo da strapazzo!

Asdru                                           Facciamo senza strapazzo!

Geltrude   Da strapazzo e come, perchè il diavolo è importante e invece tu sei un pagliaccio travestito da diavolo!

Chanson  (Entrando dal fondo )Ma insomma, Cosa succede?

Roberto    (Prendendo in mano la situazione) Monsieur Chanson, abbia pazienza, è solo un deplorevole equivoco in cui si trova coinvolta tutta la famiglia….Abbia la compiacenza di lasciarci qualche minuto da soli per darci la possibilità di chiarire. Ne va il buon nome del locale!

Chanson  Va bene, ma mi raccomando (Via insieme alle comparse)

Geltrude   E bravo, anche il figliuol prodigo é qui! Sei stat tu ad organizzare l'orgia?

Roberto    Cara zia Geltrude, non solo hai frainteso, ma stai anche esagerando!

Tutti                        Eheheheheh!

Geltrude   (Sguardo inceneritore rivolto a tutti che si impauriscono )

Romina    Certo, zia Geltrude, Roberto ha ragione!

Geltrude   Ah, stai anche tu qui, Signorina AKUEL ? Che belle cose vai consigliando  per televisione!

Romina    (Abbassa gli occhi) Ma io…..

Geltrude   Ma tu farai buona compagnia alla tua famiglia all’Inferno! Satana farà fatica a trovarvi posto nello stesso girone!

Gennaro   Certo con la crisi degli alloggi che ci ritroviamo!

Geltrude   Ah, fai pure la spiritoso? E allora sai che ti dico '  Da oggi in poi i 30.000 panini al giorno……

Tutti                        Gli rimangono  'ncopp' o stommaco!

Geltrude   Appunto!

Geltrude   (Guarda Candida che cerca di nascondere il viso) Guarda guarda, anche la novizia, domani torni in convento!

Candida   Ma madre, cosa ho fatto di male: devo verificare se la mia fede mi induce a rinunciare a tutti i piacere terreni?

Tutti          Eh!

Geltrude   Questo è vero

Roberto    Come vedi zia Geltrude, sei fuori pista, stai esasperando la situazione (tendenzioso) E poi non ci hai ancora detto cosa fai tu qui…Forse la passione per il ballo…forse per verificare la tua vocazione…forse….

Geltrude   Forse è meglio ca te stai zitto! (Cerca una scusa plausibile) Dunque……siete voi che mi dovete delle spiegazioni: allora (Certa di aver trovata una scusa credibile (Risoluta) mi giunge all’orecchio che il marito di mia nipote folleggia qui questa sera con la sua amante, vengo per sorprenderlo e invece trovo tutta la famiglia che si sollazza in un ' orgia sfrenata!

Roberto    Come scusa è plausibile…(Tendenzioso dimostrando di aver capito che il motivo della  presenza della religiosa è un altro) Ora però confidando nella tua benevolenza….

Geltrude   E sia, ma solo dopo che mi avete spiegato cosa  fa tutta la famiglia qui!

Carlotta    Zia Geltrude siamo tutti qui per…..

Geltrude   Per ?

Carlotta    (Con lo sguardo cerca aiuto agli altri) Per…..

Romina    (Sguardo d’intesa con Roberto ed insieme) Festeggiare il fidanzamento di zio Asdrubale!

Romu                                           Il fidanzamento di Asdrubale?

Tutti                        (Prendendo coraggio) Si, proprio così!

Asdru                                           Ma io…….

Gennaro   Sei l'uomo più felice del mondo, lo sappiamo e noi stiamo qua per condividere la tua gioia, vero Carlotta, amore  mio?

Carlotta    (Gli va incontro ) Certo tesoro e se no per quale altro motivo!

Giorgio     E Gennaro ha invitato anche me che sono il suo migliore amico e come tale condivido tutte le sue gioie!

Gennaro   (Guardando la moglie) Si, noi dividiamo tutto!

Romu                      Allora Suor Geltrude, sic stantibus rebus, non essendovi nell'operato della vostra famiglia alcun indice di peccato, non possiamo far altro che augurare tanta felicità ai fidanzatini  novelli, nonché futuri sposi!

Asdru                                           'Stu fatto 'e novelli num me piace , me ricorda 'a cepolla!

Geltrude   Sta zitto idiota! (Grave) Noi, rispettosi della volontà di Asdrubale,  impartiamo la fraterna benedizione ai novelli….(Si riprende) ai futuri sposi!

Asdru                                           (Più deluso che felice) Io ti ringrazio assai, assai zia Geltrude!

Geltrude   E guai se non sarai un buon marito….. Ricordati che se la sorte ha voluto baciarti in fronte, tu devi……

Asdru                                           (A parte) Scummarla 'e sangue!

Geltrude   Tu devi esserle grato perchè ti ha fatto trovare, anche se in tarda età l'anima  gemella!

Asdru                                           (Sempre a parte ) Ma nun se poteva fa  'e fatte suoie?

Geltrude   Perciò, da buon Cristiano cerca di essere un buon marito!

Tutti                        AMEN!

Asdru                                           Ma…….

Geltrude   Hai forse qualche ripensamento?

Tutti                        (A mo' di rimprovero) Hai forse qualche ripensamento?

Asdru                      Noo ! E come non potrei essere contento per questo bacio in fronte della sorte! (A parte fa le corna)

Tutti                        Evviva gli sposi!

Gennaro   (Ritornando sull’argomento che più gli sta a cuore) Zia Geltrù, mi raccomando la commissione dei panini….domani ti mando in convento un corso di ballo latini americani in DVD….

Geltrude   (Arrabbiata) I panini….i panini….non pensi ad altro! E poi Vuoi forse corrompermi con un misero DVD? Hai oltrepassato tutti i limiti, domani vado dal vescovo e…..

           

Gennaro   …(Risoluto ed arrabbiato) Gli dai una spiegazione credibile della tua presenza in un night club insieme ad un monaco…

Geltrude   (Disorientata) Ma sono qui per controllare te…

Roberto    E si ‘o vescovo nun ce crede? Come scusa fa un po’ difetto!.

Gennaro   Appunto! (Arrabbiato) E ti avverto se continui ad minacciarmi sono io che vado dal vescovo e gli dico che passi le nottate nei night club esibendoti in monologhi  non tanto idonei ad una religiosa, leccandoti i baffi menzionando i cocozzielli grandi e grossi!

Geltrude   (Tenta di riprendere in mano la situazione) Gennaro io ti proibisco….

Gennaro   Cosa? Di sopportare umiliazioni che durano da trenta anni?

Geltrude   Quelle che meriti!

Gennaro   No, la verità e che vuoi vendicarti per un torto subito da una persona che ha preferito ‘e se (Marcando) fumà a nata!

Geltrude   (Con la voce rotta dal pianto) Vigliacco, perché mi ricordi quel triste episodio?

Gennaro   Perché è la causa della tua rabbia verso il mondo intero, verso l’abito che indossi che è sinonimo di fratellanza, amore, benevolenza e disponibilità verso il prossimo e invece con la tua rabbia lo offendi ogni giorno! Ah aggio sfugato!

Geltrude   (Visibilmente toccata e commossa) Hai ragione non sono degna di indossarlo: domani andrò dal vescovo ma non per farti del male, ma per rinunziare ai miei voti.

Tutti          Che?                        

Romu                      Evviva, ci andrò anch’io: rinuncerò ai voti e in tal modo (Geltrude) potrò dichiararti tutto il mio amore!

Tutti          (Brusio di commento)

Geltrude   (Sorpresa) Perché mi ami?

Romu                      Si, da tanto, troppo tempo e sempre in silenzio!

Geltrude   Che gioia! Il destino mi rende ciò che 30 anni fa una sorte avversa…

Gennaro   ‘Na tabaccara!

Geltrude   (Non raccoglie) …Mi aveva rubato: un uomo che mi ama!

Tutti          Puveriello!

Romua     (Guarda con tenerezza Geltrude e le stringe le mani)

Geltrude   (Si ritrae) Non ancora….non possiamo….domani forse, dobbiamo prima spogliarci!

Asdrub                   Certo, è più eccitante…

Geltrude   (Lo guarda con rimprovero)

Tutti          Zio Asrù…

Asdru                      (Mortificato) Ma che ho detto?

Roberto    Benissimo, allora visto che tutto è risolto, viva zia Geltrude e il suo futuro incosciente sposo!

Tutti          (Applaudono)

Geltrude   Grazie a tutti, ora vi lascio, perché una notte di meditazione ed espiazione mi attende! (Tenera a Romualdo) Andiamo!

Romu                      Si croce del mio passato e delizia del mio futuro, ma prima consentimi di fare un ultimo atto che questa veste ancora mi consente: una fraterna benedizione…

Geltru                      (Cenno di assenso)

Romua     Fratelli e sorelle…

Geltru                      (Gli fa cenno di essere sintetico muovendo le dita a mo’ di forbice)

Romu                      (Muove la mano destra prima in senso verticale poi orizzontale a mo di croce,      poi guarda Geltrude come a chiederle se va bene)

Geltru                      (Cenno di assenso come a dire O.K. e gli da la mano a mo’ di complimento e poi insieme al prete esce dal fondo)

(Attimo di imbarazzo per tutti. Nessuno osa parlare. Lo fa Carlotta dopo essersi sincerata che i due religiosi sono effettivamente andati via)

Carlotta    (Al marito) La riunione fra diaconi eh?

Gennaro   (Alla moglie) La canasta dalla contessa Turacciolo eh?

Asdru                      (A Calimba) Non sta bene uscire di sera eh? La moralità innanzi tutto eh?

Calimba    Estaras en tu virgineo letto a pensar al tu blanco, immaculado giglio eh?

(Si scagliano l’uno contro gli altri, si picchiano, si rincorrono e dopo qualche attimo)

BUIO  MUSICA STROBO   E   SIPARIO!!!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno