Hann sequestraa la Giulia

Stampa questo copione

Testo di proprietà degli Autori

Testo di proprietà degli Autori. Tutti i diritti riservati.

Lionello Turrini

Alberto Balzarini

HANN SEQUESTRAA

LA GIULIA

copyright 1998

opera di proprietà degli autori

riservato ogni dirittto

registrata SIAE

HANN SEQUESTRAA

LA GIULIA

Personaggi

MARCO BRONZETTI il padre di Giulia, la ragazza rapita

LIVIA BRONZETTI la madre di Giulia

SANDRO BRONZETTI il fratello di Giulia

ANNA BRONZETTI la sorella di Giulia

PAOLA BIZZARRI giornalista del "Pomeriggio"

DOTTOR SCONCERTI medico - vicino di casa

BARBARA CAVALLI giornalista della "Notte"

FELICITA detta FELY la ragazza del capo dei sequestratori

GIACINTA SCONCERTI moglie del dottor Sconcerti

COMMISSARIO PEROSI

Epoca: giorni nostri

Note di regia

Alla notizia del sequestro, i familiari sono ovviamente preoccupati, ma il padre, per scaricare la tensione e non mostrarsi in ansia, simula il suo stato d’animo dietro l’ironia, che alla fine prende il sopravvento sulla vicenda e diventa - l’ironia - l’elemento che determina il comportamento di tutta la famiglia Bronzetti.

I caratteri dei personaggi sono stati appena delineati per lasciare spazio alla fantasia del regista che può manipolarli come crede, diminuendo o aumentando l’aspetto grottesco, fino a farne - se lo ritiene opportuno - anche una farsa.

Ferme le figure del padre e della madre, gli altri personaggi possono essere - con leggere varianti - anche di sesso diverso, a seconda della disponibilità di attori: due figli maschi, o due figlie femmine, due giornalisti maschi, una dottoressa (la moglie in questo caso diventa una vecchia zia).

Il Commissario può diventare una Ispettrice...

Insomma, un buon regista può divertirsi a creare.

HANN SEQUESTRAA

LA GIULIA

ATTO PRIMO

Scena prima

Soggiorno elegante, modernamente arredato. Due uscite da collocare a piacere. Marito (Marco) e moglie (Livia) soli in casa. Lui è seduto, lei si avvicina.

MAR E allora? Te voeuret andà foeura?

LIV Ma no, dai. Stemm a cà. Risparmiom.

MAR Come te voeuret... però, sincerament... te voeuret risparmià o te ghee minga voeuja de andà foeura? Voraria no che el "risparmià" el fus ona scusa per evità de andà foeura a mangià.

LIV No, l’ è no che... sì, a mangià foeura vegnaria anca volentera... inscì eviti de preparà la cena. Ma l’idea de vestimm, de truccamm... i scarp noeuv che me fann mal... e poeu foeura se spend. Restem a cà, va’. Magari prepari on quajcoss de bon. Adess vedi (esce verso la cucina)

MAR (tra sè) La solita solfa: risparmiem... Va ben: restem a cà... ma me domandi a cossa servirà a risparmià anmò. Emm compraa la nostra casètta, cont el giardin, piscinin, ma semper giardin l’è. Emm compraa el capannon per podè lavorà, semper dì e nott per podè pagal... senza mai andà al ristorant o a fas on quaj viaggett.. Quand emm piantà lì de lavorà, emm compraa l’appartamentin al mar. Ma l’è lontan e l’è minga comod come la cà in città che l’è pussé granda. E inscì l’emm semper sfruttaa domà per i quindes dì d’agost. (a voce leggermente più alta) Me domandi che vita emm faa finn adess. Lavorà e risparmià. Per lassaghi a chi, poeu, i noster danée?

LIV (entrando) Per lassaghi a chi? Ai noster fioeu, no? Pensa che bel bolgiott se spartisseran el Sandro, l’Anna e la Giulia.

MAR Se impienisseran el goss a la faciassa nostra I fioeu, già! Che soddisfazion, i fioeu. Te vegnen a trovà quand par a lor, se te diset on quajcoss de seri par che ti je trattet ancamò de fiolitt e che te voeuret anmò dagh ona man a cress e te disen de pientalla lì che hinn grand. Se te cerchet de dì ona battudina spiritosa, te gelan cont on "basta papà con le tue cazzatine, che non ci fanno più ridere". E mi dovaria rinuncià a tutt, anca a la pizza, stasera, per lor?

LIV Ma dai, mochela; g’hann reson: te diset stupidad. Te voeuren ben, t’el set, anca se... (suona il telefono) Ecco, te vedet? L’è vun de lor, son sicura. (alza il ricevitore) Ciao Anna (gesto significativo verso il marito come a dire: vedi?)... Giulia? No, l’è minga chì. No, l’hoo minga sentida. Dovevate vedervi per andare in pizzeria?

MAR Lor se sacrifichen no a risparmià...

LIV (ripetendo) La gh’era no a l’appuntament... la gh’era nanca a cà. Cosa? La macchina l’era averta e... perché te voeuret che te passa el papà? Va ben, va ben, t’el passi... ma cossa te ghee?... (quasi offesa) Va ben, t’el passi. (fa cenno al marito di alzarsi per rispondere) Eccoti tuo padre.

MAR Ciao, tesor. Cossa l’è che te devet dimm?... (diventa serio) per l’amor del Signor, scherzi pù. E allora? ... Ma dai, sequestrada, figures. La sarà minga la tosa d’on marenghinatt, toa sorella. L’è domà la mia tosa, de conseguenza... o l’hann minga portada via, e perciò gh’è minga de preoccupas, o se incorgen che s’hinn sbagliaa e la lassen tornà a cà con milla scus... Dai preoccupes no.

LIV Portada via? Hann sequestrà la Giulia? O Signor, Marco bisogna fà on quajcoss (si avvicina al ricevitore e vi urla dentro) Bisogna fare qualcosa, bisogna andare alla polizia (si stacca) O mio Dio!

MAR Come "ha ragione la mamma"? Ma che guardi! Spettom, magari tra on poo la vedom rivà trascinandosi dietro i sequestratori... Beh, sent, se capissi nagotta, allora andii vialter, ti e quell’intregh del to fradell Sandro, alla polizia... ecco brava. Ciao (riaggancia).

LIV Possibil che per ti ghe sia mai nient de stremiss? L’hann portada via son sicura. Hann sequestraa la mia Giulia, la mia tosetta. E poeu perché propri lée? Perché la pussee piccola? MAR Ecco, questa la me par ona riflession come se dev. Perché la pussee piccola? Se semm bon de rispond a sta domanda, la troeuvom subit. Perchè i sequestrador g’hann una logica de ferr: de solit la pussee piccola l’è el "caroeu" de cà, de conseguenza mamma e papà hinn dispost a pagà pussee. La prima e el second i lassen morì, mentre per la piscininna hinn pront a tutt (urlando) Ma che stupidad te diset? Perché la piccola? Che domanda l’è questa? Perché la pussee piccola... E poeu la toa pussee piccola la g’ha vintott ann sonaa e ribattuu, la viv foeura cà per cont so...

LIV Cossa gh’entra? L’è semprer la pussee piccola

MAR Va ben: l’è la pussee piccola, anca se l’è alta un meter e votanta, ma ancora non sappiamo se l’hanno rapita davvero. Per adess podum domà aspettà.

LIV Spettà? Senza fà nient? Bisogna fa on quajcoss.

MAR Giusto: fa on quajcoss. Te voeuret andà anca ti a la polizia? Inscì te preghet de trovatela subit, perché lée l’è la pussee piccola.

LIV Pientala con la toa ironia. Quella magari la moeur e ti te ve avanti a scherzà.

MAR Te ghe reson, comincem subit a piang. Anzi guarda cossa foo (si alza, esce, va in camera e rientra con una cravatta nera). Cominci a mett su el lutto.

LIV Te see senza coeur, te sopporti pù. Raggiungo gli altri ragazzi alla polizia (fa per uscire)

MAR Ma almen t’el see in che commissariaa andà. In città ghe n’è on sacch. Cossa te fee, el gir de Milan?

LIV E allora, dimmel ti cossa fà.

MAR Settes giò, resta quietta, guarda la television, legg on liber. Anzi, no... vai a preparare la cena.

LIV La cena (uscendo ripete) la cena. La soa tosa l’è in pericol e lù el pensa domà a mangià.

MAR (solo) Vedem de ragionà. La s’è perduda? La trovarann. L’è una fuga d’amor? La tornarà contenta. L’hann sequestrada? Uhm.... (pausa pensierosa). Bei stupid, chi gh’è poch de sfoià verz e anca quell poch che gh’è voeuri minga daghel.

Suona il telefono.

(Si alza e va a rispondere) Come? Avete mia figlia? Chi ve l’ha data? Se me lo aveste chiesto, ve l’avrei consegnata io personalmente a domicilio, voi invece avete voluto fare tutto da soli. Ignari! Ciusca! Che velocità. De solit i alter sequestrador lassen la famiglia nel dolor, in la disperazion per un po’ de dì. Gh’avì pressa? Vialter no? E dovaria veghen mi? No, no, cari i mè scior, tenetevi per un po’ di giorni la mia piccola Giulia e la ve romperà i scatol a tal punto che me la restituirete gratis. Anzi me pagaree vialter, per riprendermela... Ehi, ehi, ch’el vosa no in sta manera... no, foo minga el smargiass. Ch’el guarda: mi gh’hoo trii fioeu: duu che hinn quell che hinn e voeuna che l’è odiosa, indisponent, pienna de caprizzi fin sura i cavei e... non è per niente affettuosa. L’è egoista: l’ha vorsuu i danee per andà foeura de cà, ma poeu l’è semper chi a fas lavà la biancheria e a scroccà tutt quell che la pò. Sa cossa ghe disi? Mi avete fatto un favore... Cosa?... Hoo minga capì? Ch’el guarda che hoo capì benissim... Sì, bella, questa de falla foeura l’è propri ona bella idea, inscì invece de ciapà vint’anni per sequester de persona vi beccate l’ergastolo per omicidio... Ah, ve cattaran mai, el dis? Cont on mazzament sui spall e senza on franc de riscatt, sarì foeura di strasc e al prossimo colpo non avrete la freddezza necessaria per minga comett error. On sbali piscinin e tac... preson a vitta. Va ben, va ben, ch’el me scusa... cercavi domà de dagh on consili, ok, parli pù e ghe doo atrà, ch’el disa... Tre miliardi... beh, tre miliardi l’è poeu nanca tant. Mi ghi hoo no, ma se trovì on quajvun che vi e dà, mej per vialter... Ancamò? No, ve l’hoo dì: mi la mia tosa la voeuri pù vedè, né viva, né morta. Non la voglio rivedere proprio. Se mi aveste chiesto un riscatto per tenervela avariom anca poduu mettes d’accord, ma pagà per veghela indree... s’en parla nanca, ghe mancaria alter. Grazie de avella portada via e tanti auguri. Ghe n’avì bisogn con la mia tosa nei paraggi ( in questo momento entra la moglie). Ve l’hoo dì: avì sbaglià. (chiude la conversazione, depone il ricevitore).

LIV (da poco entrata) Chi l’era?

MAR Vun che l’ha sbagliaa. T’hee minga sentuu che ghe l’hoo dì?

LIV Eren minga lor? Fa attenzion se ciamen, perché chi lì hinn furb.

MAR Furb? Chi porta via la Giulia el po' minga vess on furb. E’ un malcapitato nato. Come i neonati che si sentono prudere la fronte e sann no de vess nassuu giamò cornuti

Scena seconda

(arrivano trafelati Sandro e Anna)

SAN Ciao mamma, ciao papà.

LIV E allora? Ci sono novità?

ANN Beh, per adesso alla polizia hanno preso nota, ma hanno detto di aspettare che potrebbe anche essere un colpo di testa, magari una fuga d’amore.

LIV Macché fuga d’amor, me l’hann portada via, me l’hann...

MAR E poeu, cossa hann dit ancamò?

SAN Che se telefona qualcuno dobbiamo avvertirli subito. Per prima cosa prepareranno l’ordinanza per mettere sotto sequestro tutti i beni.

MAR E per seconda?

ANN Non lo so. Ci hanno solo detto: "Andate a casa, attendete ed eventualmente fateci sapere".

MAR Ah, semm numm che devom fa savè a lor? Adess sì che son quiett. Avevate ragione: bisogna andà subit a la polizia. E inscì podum spettà tranquillament, basta che le indagini ce le facciamo da soli. Giochiamo al "piccolo investigatore".

SAN E qui? C’è stata qualche novità?

ANN Ha telefonato qualcuno?

LIV Domà vun che l’aveva sbaglià.

MAR Sì, domà vun che... Spetta che pizzi la TV, magari lor sann giàmò on quajcoss.

ANN Ma come fanno a sapere? Sarà successo un’ora fa e per ora lo sappiamo noi e la polizia

MAR La polizia? Eh lì ci sono infiltrate certe talpe che g’hann doppi stipendi: dallo stato come poliziott e da la television... cioé ancamò dallo stato... e apenna sann ona notizia, ciamen subit el so amis giornalista... come i infermer quand ciamen le pompe funebri.

ANN Dai papà, per una volta sii serio.

LIV Ormai, lo conosci. Neanche davanti alla morte rinuncia a scherzare.

SAN Tu mamma, però... dai come fai a parlare di morte, così come se l’avessero già fatta fuori. Prima vogliono ottenere il riscatto

LIV Sì, te ghee reson... sont ona pessimista, ma te devet capì... la mia tosetta

MAR (sfottendo) La mia tosetta... se serov vialter ghe ne fregava on accident.

LIV Marco...

SAN - ANN Papà...

SAN A proposito di riscatto, se telefonassero...

MAR Chiederebbero almen tri miliard.

ANN Perché tre miliardi?

MAR Inscì, a oeucc, se s’ informen sul to stipendi e su quell del to fradell, la cifrà sarà quella.

SAN Il nostro stipendio? Ah, questa è bella, se si sono informati sul nostro stipendio non beccano una lira.

MAR Allora ciapparan informazion su la mia pension de artigian... te see i danee che riussirann a mett insema!

ANN Beh, ma qui c’è una casa che vale un bel po’.

LIV L’è vera, m’hann offert cinqcent milion e poeu gh’è el capannon... altri tresent, la cà al mar centcinquanta.

SAN Beh, insomma un miliardo riusciamo a metterlo assieme.

MAR Se mettum anca i voster monolocai hinn alter centvint per duu: dusentquaranta milion.

ANN I nostri...

SAN Monolocali? Ma che c’entrano i nostri monolocali? E noi dove andiamo a vivere dopo?

ANN Eh, sì, Sandro ha ragione. Dove andiamo a vivere, se anche voi restate senza casa?

LIV I fioeu gh’hann reson. Marco, te set el solit egoista. Come te podet pensà a ona soluzion come questa. Rinuncià a la cà, che hann apenna sistemaa?

MAR Ah, beh... quest l’è vera... l’hanno appena arredata... Nun invece l’emm sistemada tanti anni fa, de conseguenza podum anca andà via. Ma in dove? T’hee pensaa cara la mia mierina?

LIV Te par el moment de fà di progett? Adess devum salvà la nostra tosetta. Questa l’è la robba pussé important.

SAN Scusa papà, non uscire dal seminato: stavamo facendo due conti e abbiamo visto che siamo almeno sui 950 milioni...

MAR Più le 50.000 che abbiamo risparmiato stasera rinunciando alla pizza.

ANN Dai, papà... 50.000 è una miseria.

MAR (verso la moglie) Vergognes, te risparmet i miseri.

SAN In banca, quanto abbiamo?

MAR Nun tri milion. E vialter?

SAN Noi? Eh, sì con tutte le cambiali che ho firmato per la macchina nuova.

ANN Ed io per la cucina...

Scena terza

(suonano alla porta)

LIV Chi l’è che sarà? Sarann lor?

MAR Sì, vegnen chi a portatela a domicili, come ona pizza!.

LIV Uffa, sont agitata, gh’hoo i gamb che fan giacomo giacomo (esce - poi da fuori). Marco, gh’è ona giornalista che la voeur notizi sul sequester.

MAR Falla vegnì avanti che proeuvom a divertiss.

LIV Che la se comoda signorina...

BIZ Bizzarri, sono Paola Bizzarri, giornalista del "Pomeriggio"

MAR La lavora part-time?

BIZ Perché?

MAR L’ha dì giornalista del pomeriggio...

BIZ "Pomeriggio" è la testata per cui lavoro. Ma... non mi sembrate affranti.

MAR Che la me scusa, signorina, ma Pomeriggio par on poo bizzarro come testata.

BIZ No, guardi che Bizzarri sono io, non la testata. Io lavoro...

MAR Al pomeriggio, hoo capì. Podi fagh ona domanda?

BIZ Veramente ero venuta qui io per farle a voi, comunque dica.

MAR Grazie per avermi dato la parola. Che la scusa, lee la gh’ ha on moros in la polizia?

BIZ Beh... moroso... usciamo qualche volta... ma perché questa domanda?

MAR Così, curiosità... el podeva vess anca on infermer...

BIZ Beh, in effetti, una volta...

MAR (verso i figli) Visto? (alla giornalista) E allora, la disa... qual bon vent le porta? A cossa devom la soa gradita presenza? (fa cenno ai figli di stare zitti, di non intervenire)

BIZ Beh, buon vento... forse il vento non è proprio buono, date le circostanze.

MAR Circostanze? Che la se spiega signorina.

BIZ Sono qui per il sequestro di vostra figlia.

LIV Cossa la dis, signorina, la troverem?

MAR Ti tas. La signorina la gh’ha solament on moros attual in la polizia e on ex moros infermer, ma credi minga che ghe n’abbia vun anca in la malavita. (alla giornalista) Lee la gh’ha di moros in la malavita?

BIZ Ma cosa le viene in mente? (rimane un po’ pensierosa)

MAR Beh, in effetti... (quasi invogliandola)

BIZ In effetti, cosa?

MAR Inscì... penser mè... e la me disa: cossa la me voeur cuntà su del sequester?

BIZ Vorrei che mi raccontaste voi.

ANN Ecco, vede, mia sorella...

MAR Anna, ti te cuntet su nagott.

BIZ Perchè, scusi? Potrebbe aiutarmi a scrivere il pezzo se mi raccontasse...

MAR Carina, la signorina Bizzarri. La ciappa on stipendi per scriv articoi e poeu la va a fas cuntà su i fatt dai alter. Se le racconti qualcosa, ti Anna cossa te guadagnet?

ANN Niente.

MAR Ecco, te vedet? Signorina Bizzarri lee la guadagna come giornalista cuntand i noster fatti, ma nun guadagnum nient, come parent de persona sequestrata. Me spieghi? La storia l’è nostra e sura de lee vantiamo il copyright. La voeur cuntalla su? Che la paga i diritt!

BIZ Questa poi, non si era mai sentito...

MAR Perché tutti i alter, preoccupaa per la sort di so familiar, eran minga fregg assee per sfruttà l’occasion. Torni a dighel: la storia l’è de nostra proprietà. Lee la paga e nun ghe disom on quajcoss.

LIV Se devom cattà su i danee per el riscatt, me par giust!

MAR Ehi, mierina, i danee te servissen da svegliarin, eh? Basta tirai a man e se pizza la lampadina

BIZ E... e quanto dovrei pagare?

SAN Bisogna stabilire delle tariffe.

ANN Per esempio, un’intervista...

LIV On milion.

ANN Un milione? (guarda la mamma che conferma con il capo). Un milione, giusto. Notizie sull’infanzia della sequestrata?

SAN Un altro milione.

ANN Foto del soggetto in questione?

LIV Semper on milion.

BIZ (sempre più frastornata) Ma voi vi state approffittando di una povera ragazza sequestrata, in mano ai banditi che chissà cosa le faranno?

MAR Nun? Sii vialter giornalista che vi approfittate e ciappì i danee per cuntà su i fatt di alter. Nun devum domà pensà a cattai su per el riscatt. E ne voeuren on vagon, le sa?

BIZ Quanti?

LIV Eh, sarann...

MAR (taglia la frase) Sarann on monton. L’ammontare della richiesta ghe la podum dì... femm per...

LIV Cinque milioni.

MAR Bene, Livia. Cinqu milion e ghe disarem quanto me domanden, on milion, domà on milion per ona foto de piscinina, disem scola elementar.

LIV No, medie... l’è vegnuda mej in la foto de la prima media.

MAR Per i medi, pensavi de domandà de pù... ma siccome lee, signorina Bizzarri l’è vegnuda per prima, farem on milion anche per la foto delle medie. Va ben?

BIZ Ma io... io personalmente... dovrei parlare con il caporedattore.

MAR E la fa ben, el capp l’è semper el capp. Che la torna cont i danee e nun ghe cuntarem tuttscoss. Anzi se la me dà el numer del fax ghe mandarem el tariffari complet.

SAN E per lei... sconto del 10%

MAR Sandro, te set adree a fagh el moll? Guarda che l’è giamò fidanzada cont on poliziott.

SAN E’ vero, però adesso ne so più io del poliziotto. (avvicina il viso a quello della giornalista) Lo sa che quando Giulia aveva cinque anni...?

BIZ (si fa ancora più vicina) Sì... cinque anni... cosa fece?

SAN (si ritrae) Novecentomila, cioé un milione, sconto 10% e glielo dico.

BIZ (si alza seccata, fa per uscire, poi) Che strana famiglia, siete piuttosto...

TUTTI (assieme) No, Bizzarri sarà lei. Arrivederci.

Scena quarta

MAR Bravi, si staa ona sorpresa per mi. Non immaginavo che sareste stati al gioco.

LIV Gioeugh? Te par on gioegh cattà su i danee necessari a la salvezza de la nostra tosetta?

ANN Di questo passo...

MAR Te dovaret minga vend el to monolocal.

SAN Ma se i giornalisti non pagano?

MAR Nun gavarem el noster caro benedett, silenzi stampa.

ANN E se chiamano i rapitori cosa diremo?

MAR Beh, disarem: quanto siete disposti a pagare per farcela riprendere?... Livia sta storia la m’ha... come dì... un poo... te podariet ciamà el dottor che sta in la villetta arent a la nostra?

LIV (preoccupata) Cossa gh’è Marco, te se sentet minga ben?

MAR Nient, nient de seri, son domà on poo stracch. Ciama el dottor Sconcerti, per piasè. (Livia esce)

ANN Cosa ti senti, papà?

MAR Stoo benone, mai sta mej de incoeu. M’è vegnuda on’idea strana e forse la mamma la saria minga stada d’accord. Invece, inscì, la s’è precipitada a ciamà el dottor.

SAN E in cosa consiste, questa idea?

MAR Non fatemela raccontare due volte: quand riva la mamma cont el dottor la sentiré anche vialter. Intant ti Anna ciappa appunti per domandà doman al to nodar, quello con cui esci... anzi no, la SIAE... quella la tutela tutti i stori.

ANN No, papà non tutte le storie, ma solo le opere dell’ingegno. Ho capito cosa pensi di fare...

SAN Registrare la storia del sequestro per aver diritto...

MAR Per aver diritto... ai diritti. Propi inscì.

ANN Ma forse c’è un inghippo. Se registri la storia come opera del tuo ingegno, ti potrebbero accusare di essere il mandante del rapimento.

Scena quinta

LIV (entrando) Ch’el vegna avanti dottor, no, ch’el se preoccupa no di pattin: el noster paviment l’è minga bell come el so.

SCO (entra pattinando, proprio come se avesse sotto le scarpe le pattine). Buongiorno signor Marco, cosa le succede? Sua moglie mi è parsa preoccupata.

MAR Oh, gh’ hoo nagott dottor Sconcerti, ma grazie per vess vegnuu subit. Ecco... soo minga come comincià...

SAN Mia sorella Giulia...

ANN E’ stata...

MAR L’è ancamò, Anna. Giulia l’è ancamò fidanzada con quell giogador de biliard.

ANN Giocatore...? (Marco le strizza l’occhio) Ah, sì quel... ma è ancora fidanzata con lui?

SAN (adagio) Ma cosa dici, Anna? Giulia è fidanzata con...

ANN (taglia il discorso) Voi uomini sapete sempre tutto in ritardo. Giulia è fidanzata con... Dai, non interrompiamo il papà.

MAR Grazie Anna... Come ghe disevi dottor, la mia Giulia la s’era...sì almen in part i fioeu gh’hann reson a vess sorpres... la s’era fidanzada con vun ch’el giuga al biliard

SCO Per professione?

MAR Inscì el dis lu, ma in verità perchè l’è on canetta de veder, on lazzaron, perché el lavorà ghe pias no. E allora... Giulietta di qua, Giulietta di là el se fa dà on sacch de danee.

LIV Ma cosa te diset Marco? Giulia...

ANN Mamma, certe cose non volevamo dirtele, ma purtroppo...

LIV Oh, cara Madonna... l’è minga assé che la sia stada....

ANN (veloce) ...sia stata fidanzata: lo è ancora. Per favore mamma, lascia parlare il papà

MAR Tutt sti interferenz m’hann... dove serom rimast?

SCO Giulietta di qua, Giulietta di là (intanto si muove come se facesse un balletto, pattinando) sgancia la grana per carità.

TUTTI (applaudono).

LIV Dottor Sconcerti, lu l’è on poetta.

MAR Complimenti dottor. Allora, arriviamo al punto... gh’hoo de fagh ona richiesta che le lasserà...

LIV Sconcertato.

ANN (ridendo assieme agli altri) Mamma, anche tu...

LIV Chi va cont el zopp... cossa vorì a sta insemma a quell lì (indica il marito) ven normal fà i battut.

SAN Normale? Per te? Mah...

SCO Allora, questa richiesta... sconcertante.

MAR Ecco, per fà in manera che quell giogador el ciappa la sua stecca...

LIV E i so ball...

MAR Livia!

LIV Ma el giuga minga a biliard? (verso i figli) Hoo dit on quajcoss de sbagliaa?

MAR Insomma per fà che quel bel tomo el sparissa de la circolazion, gh’hoo bisogn che lu el me compila on refert medich dove se dis che alla signorina Giulia Bronzetti è staa diagnosticaa on tumor malign.

LIV Cosa? On tumor? Basta no che l’abbien...

ANN Mamma, ascolta... (scandendo) è per finta.

MAR E che ghe resten, se la va ben, tri mes de vita.

SCO Capisco che è a fin di bene, per liberare sua figlia da un, da un... come si dice... magnaccia?

SAN No, dottore, magnaccia è un’altra professione. Meglio dire da un approfittatore.

MAR Da ona sanguetta.

SCO Sì, insomma, sarà pure un poco di buono, ma mi chiede un certificato falso, ed io non posso fare una cosa simile. Se lo sapessero...

MAR Le savarà nissun. Gh’el femm vedè, lui el taja la corda e nun strascium el certificà (mima) Zac, zac. Giò la claire. E inscì, anche la soa sciora la sarà contenta.

SCO La mia sciora? Cosa c’entra mia moglie? Non vorrà insinuare che mia moglie ha rapporti anche lei con quello della stecca e delle...

MAR Ma no, dottor. La soa miee la sarà contenta, perché sto favor che lu el me farà sarà ricompensaa con quell noster bel vaso de cameli che la soa sciora ammira da un poo de temp.

SCO E che io non sono riuscito a trovare uguale. Davvero si priverà di quel magnifico vaso?

MAR A gran piasè, gran ricompensa.

SCO Va bene, mi ha convinto. Ma mi raccomando... che non si sappia...(li guarda tutti, girando lo sguardo) .Tutti

TUTTI Promesso!

SCO (è andato al tavolo, compila il referto) Ecco qua. Arrivederci. E grazie per quel magnifico vaso. E... quando me lo dà?

MAR Questa notte, lo metterò davanti all’ingresso. Così quando sua moglie domattina apre la porta...

SCO Perfetto, magnifico, che bello (esce pattinando).

Scena sesta

(suonano alla porta - Sandro va ad aprire - c’è la giornalista Barbara Cavalli, ex di Sandro)

SAN (da fuori) Tu?

BAR (da fuori) Tu? Cosa ci fai qui? Ti sei messo a fare il giornalista anche tu e vuoi rubarmi lo scoop?

SAN (entrando con Barbara) No, io faccio per ora solo il parente, più precisamente il fratello (fa le presentazioni)... mia mamma, mio padre, mia sorella Anna. Lei è Barbara. Barbara Cavilli.

BAR (seccata) Sempre spiritoso, eh? Scusate sono Cavalli, non Cavilli.

SAN Ah, sì Cavalli. Il fatto è che a scuola era una precisina e la chiamavamo cavilli. Scusa, non volevo...

BAR Va bene, scusato. Ecco, io sono...

LIV Barbara Cavalli, vero?

BAR Esatto. Sono una giornalista e lavoro alla "Notte".

MAR (a Livia) Si danno i turni, l’altra la lavora al pomeriggio e questa a la nott.

BAR L’altra, chi?

SAN Una tua collega, la...

BAR Non mi dirai che è la Bizzarri? Quella vipera arriva sempre prima. E cosa le avete detto? A me dovete dire qualcosa di più, che lei non sa ancora.

MAR Tutt quell che la voeur signorina. Non ha che da chiedere. Anzi Livia, te see cossa te disi? Adess mettom lì on scaffal pien de notizi e de fotografii, vun el passa cont el carrell, l’impieniss e poeu el va a la cassa.

BAR Non capisco cosa c’entri il supermercato, con il rapimento...

ANN (non le dà retta) Giusto papà, ma per le interviste? Quelle dobbiamo farle al momento.

MAR No, no, anche quelle preconfezionate. Femm nun i domand e insema demm i rispost. E le confezioniamo sotto vuoto.

SAN E per le notizie intime, sotto vuoto... spinto

MAR Bravo fioeu, vedo che gli insegnamenti de to pader hinn minga finì nel vuoto... spinto.

BAR Scusate, ma non potreste parlare dopo del vostro progetto di supermercato. A parte che non capisco come si possa progettare un supermercato. E con quali soldi lo pagherete, se dovete sborsarli per il riscatto?

LIV Cont i so, signorina. L’è natural.

BAR Con i miei? Ma cosa c’entro io?

SAN E’ evidente (pausa, gioca con la rima) che non hai capito niente. Nel nostro supermercato noi vendiamo notizie e fotografie su mia sorella Giulia, quella rapita, quella per la quale tu ti sei scomodata a venire fin qui (con ironia) Dopo la Bizzarri...!

LIV Se la voeur gh’el spieghi mi inscì alla bonna, da donna de cà. Prim: nun forse devom pagà on riscatt. Second: vialter, giornalista vivì - e si ben pagà - per cuntà su le storie dei rapiti. Terzo, chi danee che ciappìi senza merit voster...

SAN Eh, sì, perché la sorella è nostra...

LIV (lo guarda male perché l’ha interrotta) Li darete a noi e nun i darem a chi l’ha faa el lavoraa.

BAR A chi ha fatto il lavoro... Parlate come se foste voi i mandanti.

MAR Pian barbee che l’acqua la scotta, attenzione alle accuse, signorina. Quest el podaria costà anca de pù.

SAN Non spaventarti, non è una minaccia. Qui parliamo solo di soldi. Senti Barbara, dal momento che noi ci conosciamo da tanti anni... e poi tu mi piacevi... vorrei farti un favore.

BAR Grazie Sandro, anche tu mi...

SAN Ecco, noi abbiamo tra le mani una notizia bomba.

ANN Di cosa stai parlando?

SAN Delle poche speranze che abbiamo: Giulia è destinata a morire.

BAR Perché? Non avete i soldi sufficienti o non volete pagare?

SAN Nessuna delle due, Barbara, nostra sorella... (guarda il padre) Glielo posso dire?

LIV Dipend da quanto l’è disposta a pagà.

SAN Beh, questo è scontato.

LIV Anche questo è scontato? Ma a prezzi pien te vendet nagott? Le sa signorina che anche a quella de prima el gh’ha concess on scont del des per cent?

SAN Mamma, questo "è scontato" significava "questo è evidente": Adesso che lo sa, anche Barbara vuole lo sconto del 10%.

BAR Ci mancherebbe, se l’avete fatto alla Bizzarri (pausa, ci ripensa). Ma non potresti spiegarti meglio?

ANN Sandro le vuole offrire una notizia talmente "bomba", che più bomba non si può. Una notizia che costa. Direi, almeno tre milioni.

LIV Sì, me par giust. Trii milion... per el certificà del dottor, te diset, vera?

SAN Sì, quello.

MAR Fioeu, ma trii milion per ona notizia simil, me par propi on prezzi de amis.

BAR (subito) Ma io sono un’amica.

MAR E poeu, cont el scont, sarann domà duu milion e settcentmila.

SAN Hai ragione papà, ma Barbara una volta mi piaceva e...

BAR Ed ora non più? (cambia) Oh, scusa, parliamo di lavoro. Io dovrei...

LIV L’è on poo dura de comprendoni, me par. Lee la dovaria - magari minga lee, disi, ma el so giornal - sborsà duu milion e settcentmila per ciappà vision d’on certificato medico che riguarda nostra tosa, la Giulia.

SAN (prende dal tavolo il certificato e lo mostra da lontano, Barbara fa per prenderlo, ma Sandro glielo impedisce) Giulia ha un male che non perdona.

ANN Morirà fra sei mesi.

MAR Gastralgite venefica... sés més.

BAR (furba) Ormai me lo avete detto, perché dovrei pagare due milioni e sette? Grazie tante (fa per uscire).

SAN Barbara, meriteresti che ti facessi uscire con questa notizia falsa, che potrebbe costarti anche il posto di lavoro.

BAR Falsa? Mi avete dato una notizia...

ANN Per quel poco che ne so, una giornalista seria cerca sempre di controllare che le notizie di cui viene in possesso corrispondano a verità. E qui l’unica possibilità di vedere cosa dice realmente il certificato medico è di...

MAR L’è de aveghel in di man.

LIV Sborsando duu milion e sett.

BAR Ma, almeno, è in esclusiva?

SAN Garantito.

BAR Allora vado subito a parlare con il direttore responsabile, il quale parlerà con il direttore amministrativo, che dovrà chiedere all’editore... e intanto la Bizzarri...

MAR Domandi scusa signorina, lee la gh’ha el moros?

BAR No, perchè? Pensava che Sandro...?

MAR Vorevi capì come l’ha faa a savè la notizia. La gh’ha minga on moros poliziott, o infermer...

LIV Nanca on balord, vun de la mala...

BAR Beh, il commissario è un vecchio amico di papà. Lui però le notizie non me le fa pagare.

MAR Per forza, el copyright ghe l’emm nun. Adess la vaga, se la voeur minga fass bagnà el nas dalla Bizzarri.

SAN Che comunque non sa niente, almeno per quanto riguarda noi. Anche lei è andata a chiedere soldi al suo capo.

BAR Allora vado. A presto... Ciao Sandro (esce)

Scena settima

MAR Forza, al lavoro: bisogna cercà tutti i fotografii de la Giulia, i so pagei, el ritratt de la prima comunion el va sempre fort. Magari voenna in bikini, al mar...

LIV Quella la var el doppi

MAR Certo, mogliettina, vedi che i danee hinn el to pan... Bisogna trovà anca i so tema di elementar...

ANN, Quelli, sì, quelli. Sei forte, papà. Sai che ridere quando i tuttologi, che sanno tutto anche di psicologia, commenteranno i temi della terza elementare e diranno che la bambina tra le righe faceva capire che un giorno sarebbe stata rapita...

Suona il telefono. Silenzio. Si guardano. Va a rispondere Marco.

MAR Pronto? Ah, è ancora lei? (verso la moglie). L’è quell de prima, quell che l’ha sbagliaa. Sì, mi dica... ha detto che vuole parlare con me? L’è lì? Va ben, me la passi. Ciao Giulia

LIV, ANN, SAN Giulia?

MAR Ssst. No... cerca de capì... beh, in fond on poo rompiscatol lo sei davvero. Ma chi l’è che voeur fatt morì? Nun no de cert. Anzi guarda, semm adree a organizzass... Sì, sì stiamo raccogliendo dei soldi per liberat, sta quietta. Ripassami il capo.

LIV Voeuri saludalla.

MAR Non interrompere. Quand la tornerà a cà te la saluderee... Ch’el senta, voraria fagh ona proposta. Noi stiamo vendendo i diritti ai giornali... Sì... Ghe dispias no? Bella idea, vera? (ai suoi familiari) anca lu el troeuva che l’è ona bella idea. Man a man che riven i danee, glieli accreditiamo su un conto corrente... sì, basta ch’el me disa el numer... Sont adree a dà i numer? Ma cossa ghe vegn in ment? Chi l’è che voeur fa el drittto?... Beh, se ghe va no questa idea, me ne suggerisca un’altra... Certo, capissi che lu el ghe dev pensà su... Va ben... e chi se moeuv? D’accord, a prest... e tanti salud a la banda. Sii in tanti? Cinq’u? Beh, un bell numer. Saluti a tutti e on bason a la mia tosetta... Ma cossa l’ha capì? No, lu el dev no da on basin a la mia Giulia. Il bacio gh’el mandi mi.

LIV Anca mi.

MAR Anca la soa mamma.

ANN - SAN Anche noi.

MAR Anca i so fradei. I parenti tutti. Gh’è pù nissun. Arrivederci e ch’el staga ben. Si riguardi... Come, da coss’è? Dall’umidità, no? E anca da sguardi indiscreti. Saluti (riattacca). Simpatich stoo cap banda.

LIV El te porta via la tosa e te diset che l’è simpatich. Te gira i mezzanitt (cenno di "matto")...?

MAR L’è minga domà simpatich, ma grazie a lu farem un sacch de danee.

LIV - ANN - SAN Cosa?

MAR Vedrete. E ora al lavoro.

Si muovono freneticamente, mentre cala il sipario.

ATTO SECONDO

Scena prima

La scena è la medesima del primo tempo, ma in un angolo della stanza è stato allestito una specie di supermercato, con scaffali che contengono foto e articoli.

MAR (è seduto e sta scrivendo)

LIV (entrando) Come va? Viene bene?

MAR Sì, me par de sì. Sono arrivato alle scene finali. Tra on poo verrà liberata e la tornerà a cà, bella e in bonna salut.

LIV Ma te penset de bon che l’idea di Giulia cabarettista - oh, scusa, nel film te la ciamet Claudia - la poda funzionà?

MAR Beh, per scriv d’on rapiment nei termini normal me par che ghe voeura poca fantasia. Pensa invece a ona sequestrada che per fa passà el temp la se improvvisa cabarettista e la fa morì dal rid i banditi.

LIV Va ben, ma te par minga on poo forzada la scenna del bandito che registra i monologhi per poeu vendii alle Tv private come sò de lu?

MAR Forzata? Ma te set quanti lader di idei gh’è in gir? Ti e troeuvet in giacca e cravatta dedré a ona scrivania, pront a portat via il frutto de la tua fantasia e a fal passà per so e te vorariet no trovai in on quaj nascondili tra i bosch?

LIV E la tosa, la protagonista, la vegnarà a savell?

MAR Certament. Ona volta liberada la starà in cà a vedè la Tv e la se incorgerà che el monologh recitaa - mal - da ona attricetta nanca bella l’è el sò.

LIV E cossa la fa?

MAR El soo no: non sono ancora arrivato a scriv sta scenna. Second ti, come la podaria reagì? La podaria... questa sì, che l’è on’idea: la padaria rapì el bandito per costringel a confessà.

LIV Me par on poo tropp... a la fin risulterà poch credibil. Potrebbe invece... eh, magari hinn testi che lee l’aveva già scritt e depositaa in SIAE e inscì la denuncia la Tv, l’attrice, l’autor. Tucc insomma.

MAR Uhm... poeu bisogna fà el process... e allora diventa on alter film. Comunque teniamo da parte entrambe le idee, magari vegnen bon..

LIV Per el film che vegnarà in seguit. Oramai te see lanciaa.

MAR Già, lanciaa. Resta semper el problema de come finanzià la realizzazion. Dove trovà i danee

LIV Ma te minga di che i banditi podarien contribuì?

MAR L’è on tast delicaa: dovarann fa la soa part, contribuire, ma senza savel.

LIV E in che manerà?

MAR Te vedaret, g’ho in ment on’idea...

Scena seconda

Entrano Sandro e Anna

SAN ANN Ciao mamma, ciao papà.

LIV Buongiorno figlioli.

MAR Ve saludi. Novità, Sandro?

SAN Sì, hanno telefonato ieri sera.

LIV E come l’è andada?

SAN Ho cercato di spiegare la tua idea, ma non riuscivano a capire. Sai sono un po’ ignoranti e poi, secondo me, anche un po’ nervosi. Allora ho chiesto di passarmi Giulia e le ho raccontato tutto.

ANN E lei, con la sua lingua veloce e biforcuta li avrà tramortiti di parole. Se Giulia attacca a raccontare non la ferma più nessuno. E guai se non le dai ragione.

LIV L’è tutta differenta de mi. Mi tremaria come ona foeuia, ma lee l’è de bon on fuin, se la tacca la finiss domà quand te se troeuvet d’accord con lee.

MAR Va ben, sappiamo come l’è la Giulia, ma poeu... t’ hann di che tornaran a ciamà?

SAN Sì, dovrebbero richiamare a momenti. Ho detto di fare questo numero di casa.

Suona il telefono. Si guardano in faccia.

MAR A mominà el ciappin el comparis. Puntuali come ona cambial! Questa sì che l’è gent come se dev. Ben educada.

LIV Dai, rispond.

MAR (alza il ricevitore) Sont chi... Sì, sont el papà... Sì, ha letto bene (a parte) Hanno pubblicato la fotocopia del certificato medico.

ANN Vado subito a comprare il giornale (esce).

MAR Sì, le sono rimasti tre mesi di vita, ma ghe la femm, se vialter si d’accord.. Ona vostra amisa? Come l’è? ... Sì, va ben, se l’è bellina mej anmò, ma la dev vess brava anca a recità... Ah, beh, allora... (a parte) L’ha giamò recità in oratori. Sì, se pò fà...Quand’è così..., ma certo, se l’è la soa morosa ch’el dubita no, la part l’è soa. E quand la vedaroo? ... Sta arrivando? El perd minga temp, lu. Sa ch’el me pias?... anca se per el moment gh’hoo minga el piasè de conossel de personna. Son sicur che farem di robb important insemma. Certo, certo, prima bisogna vedè tutti i particolar... ma ch’el se figura se foo el furb. E’ mio interesse, no? ... E de la mia tosa, naturalment. El saludi. A prest.

LIV Allora?

MAR T’hee minga sentii? Sta per arrivare un loro emissario, che poi è una emissaria, che l’è la morosa del cap e che la voeur fà l’attrice.

ANN (rientra con il giornale) Tutto OK. L’articolo è stato pubblicato esattamente come lo abbiamo scritto noi, il certificato si legge bene, il nome del dottore non figura, altrimenti, poveretto.

LIV E la miee la se dà on monton de ari per ona camelia special che l’ha miss davanti a l’ingress.

SAN A quanto siamo arrivati con la vendita di foto e articoli?

LIV Circa tresentcinquanta milion.

SAN Caspita, è tanto.

LIV Eh, i television paghen ben e senza fiadà. Hoo tirà foeura dal soré on album vecc de fotografii, che hoo venduu a prezzi interessant, ma quell chel’ ha rés de maledett l’è el filmin che to pader ha giraa quando serov al mar. Giulia la gh’aveva quattr’ann. El trasmettaran in la rubrica "otto millimetri".

ANN Mamma, sei forte. E magari li hai venduti in nero?

LIV No, no l’era on bianch. Magari on poo scur... forse l’era on teron. Però l’era bianch.

ANN Dicevo "in nero", senza fattura.

LIV Se capiss, mi g’ho minga la partita IVA.

MAR Per comincià i ripres, pensi che i danee sien assee. E adess spettem la morosa del cap.

SAN E’ carina?

LIV Te see pusse curios del dolor de venter

Scena terza

Suona il campanello. Si guardano.

MAR Questa l’è lee de sicur. Brava gent. Precisa, puntual. Anna, va a dervì..

ANN Subito (esce e rientra con una giovane carina, un po’ vistosa).

FEL Buongiorno, io sono Felìcita, ma il mio ragazzo dice che sono la sua felicità... sposta l’accento... da felìcita a felicità. Carino, vero? Però tutte le amiche mi chiamano Fely, con la ipsilon finale.

MAR Cara Fely (le stringe la mano) e inscì lee la saria la morosa di...

FEL Sì, sono la ragazza di... mi scusi, ma per il momento preferirei non dire il suo nome, lei mi capisce vero?

SAN Fely, di nome e di fatto. Lei si muove come un feli-no. Complimenti. Io sono Sandro, il figlio.

FEL Il figlio? Pensavo fosse il fratello.

SAN Sì, di Giulia sono il fratello. Figlio lo sono (indica) di lui e di lei.

LIV De mi, sì. Mi son la mader, Livia, e lee l’e Anna, l’altra mia tosa.

FEL Vediamo... (riepologa, indicando) Sandro... Livia... Anna e lei (indica Marco) lei non mi ha detto il suo nome.

MAR La gh’ha reson, mi son Marco, el pader... di Giulia.

FEL Oh, adesso vi conosco tutti... e vi ho già mandato a memoria. Io per la memoria... nessun problema, sa? Dopotutto se una fa l’attrice.

MAR Certo, certo. Me congratuli con lee: incoeu trovà on’attrice brava che la sa anca la part a memoria l’è inscì difficil.

FEL Senta, io sarei felice di recitare nel suo film, ma ... (fa per pronunciare il nome del capobanda)... il mio ragazzo vuole saperne di più. Sa com’è, con la vita che fa, lui non può fidarsi molto della gente. Perché c’è gente che...

MAR El soo, el soo. Purtropp gh’è in gir certa gent pronta a imbroiat. Ma de nun la se po' fidà, dopotutto gh’è la Giulia... disem, a garanzia.

FEL Naturalmente... e poi si vede che voi siete gente per bene. Allora mi racconti tutto.

MAR La Giulia la gh’ha trii mes de vita.

ANN Ecco, guardi (le mostra il giornale).

FEL Poveretta... ma dalle foto sembra così piena di vita...

LIV Pienna finché la se svoeuja.

FEL (guarda Livia con tenerezza, quasi si commuove) Finché si svuota... sembra la battuta di un copione teatrale (cambia - verso Marco) Prosegua, la prego.

MAR Disevi: trii mes de vita. Quindi se ne deduce che noi non avremmo nessun interesse a spendere tre miliardi per tre mesi. Danée travia.

LIV On miliard al mes.

FEL Capisco.

MAR E inscì, se noi tergiversiamo, femm passà el temp, i rapitor se troeuven in di pastiss. Perché anca se la mazzen minga lor, Giulia la moeur de malattia. E quand on ostagg el moeur, hinn pù vint’anni, ma l’è la galera a vitta.

FEL L’ergastolo? Mio Dio. Anche se muore di malattia? Ma non la fanno l’autopsia? E’ obbligatoria, no?

MAR Che la scusa, ma a nun cossa me interessa l’autopsia, se se mettom d’accord e la Giulia la torna a cà?

FEL E’ vero. Che paura mi ero presa. Oh, l’accordo è importante. Me ne parli.

MAR El rapiment el gh’è mai staa. De conseguenza el so moros e i alter banditi...

FEL Per favore, non li chiami banditi. Non mi piace che il mio ragazzo...

MAR La gh’ha milla reson. Disevi che s’el rapiment el gh’è no, gh’è nanca i rapinador e de conseguenza nissun el sarà ligaa... arrestato.

FEL Fin qui mi piace. Ma i giornali?

SAN Diremo che è stata una campagna pubblicitaria, ben orchestrata per il lancio del film.

FEL Del film, certo. Me ne parli signor Marco. Posso chiamarla Marco?

MAR Saria content, anca perché l’è el me nom. Se la me ciamass Sandro el risponderia lù.

FEL Che famiglia simpatica (a Marco) Ma perché non va avanti?

MAR Se me le consent senza interromp.

FEL Mi scusi...oh, forse ho interrotto ancora?

MAR Ma ghe par? Disevi che non esiste sequestro vero, ma finto. Quello eseguito l’è domà ona proeuva general, prima che comincen i ripres del film che el cuntarà su la storia del rapimento d’ona tosa de nom...

FEL Ma un film che si intitola "Una ragazza di nome Giulia" c’è già.

MAR Bella osservazion. Ecco perché la tosa la se ciamarà - nel film - Claudia.

ANN O, se vuole, anche Fely.

FEL Sarebbe bello, ma forse è meglio di no. Vero, signor Marco?

LIV Te voeuret andà avanti, scior Marco?

MAR La trovada la sta nel fà interpretà la part di banditi, pardon di sequestrador ai sequestratori veri, cioé al so moros e ai so compagn. In sta manera, con la paga come attor vegnarien rimborsà di spes sostegnuu per el rapiment, e poeu....

LIV E poeu, da cosa nasce cosa, come se dis. E i simpatich rapitor podarien diventà dei divi del cinema, avere offerte importanti dai produttori, guadagnà miliard.

SAN Girare con belle donne al fianco

FEL E io?

SAN Lo dicevo per gli altri: il suo ragazzo ha già una bella donna al fianco.

ANN E la cosa più importante è che il suo ragazzo non si dovrà nascondere per non essere arrestato, ma si mostrerà agli altri, magari su macchine lussuose, in locali famosi.

FEL Ci sono già dei pentiti che lo fanno, anche senza essere divi del cinema.

ANN E’ vero, ma nessuno gli chiede autografi, nessuno si tiene la foto ingrandita nella sua cameretta.

FEL Dio, che brividi. Ma la parte di Claudia la farò io, vero signor Marco?

MAR Saria sta mej Giulia, perché lee l’ha giamò provà cossa voeur dì vèss sequestrada. Lee la gh’ha esperienza in proposit?

FEL Potrei farmi rapire dal mio ragazzo.

MAR L’è minga la stessa robba. Lee la savaria già in anticip de vèss liberada e non proverebbe la sofferenza di chi può temere di essere soppressa... mazada!

SAN Ma una brava attrice, come mi pare di capire che lei sia non dovrebbe avere problemi.

FEL Poi io sono un tipo che si impegna, sa? Ho anche letto il libro di Stanislawskij, tante volte, lo so quasi a memoria e so come si deve recitare.

SAN (guarda Marco, sornione) Papà, se sa tutto su Stanislawskij non c’è dubbio che la parte è sua.

MAR La pensi inscì anca mi, ma... gh’è on ma...

FEL Un ma? (guarda Sandro) C’è un ma?

MAR Eh, sì: e se el so moros el ghe sta no? Se l’è minga d’accord su la proposta, ma el preferiss portà avanti el sequester...

ANN Con il rischio dell’ergastolo...

LIV E senza diventà un divo?

FEL Sarebbe scemo. No, no, lo convinco io. E se non vuole lo lascio.

SAN Questo mi sembra convincente.

FEL Sicuro che è convincente: lui è innamorato di me.

SAN Però rapisce le altre.

FEL Che c’entra? Quello è un lavoro, mica le rapisce per... (guarda gli altri) non è che le rapisce per...?

ANN Mah... Giulia è un peperino che sa far innamorare tutti quelli che la incontrano e, secondo me, prima lei gliela sottrae dalle mani e più è sicura che lui non perda la testa.

LIV E poeu la mia Giulia l’è on fior.

FEL Subito, bisogna decidere subito. Io ho già deciso e lui farà come dico io. E poi si fida di me anche perché tra noi c’è una cultura diversa. Figuratevi che lui ha fatto solo fino alla quinta elementare, io invece ho fatto fino alla terza media. Non so se mi spiego.

TUTTI Si spiega, si spiega.

SAN Con una cultura come la sua, quel giovane è praticamente legato.

ANN Stregato.

LIV Succubo..

MAR Totalment in di so man!

FEL Eh, lo credo bene. Allora affare fatto. La sua approvazione sarà solo una... come si dice, sarà solo una...

MAR Formalità.

FEL Ecco, una formalità. Dio, come sono contenta. Chi l’avrebbe mai detto? Da una situazione rischiosa, a un film vero. E diventerò una diva.

LIV Però si sbrighi.

FEL Ha ragione, vado. Corro (si alza e nell’uscire) Grazie, grazie.

Scena quarta

LIV L’è fada. Però... adesso me dispias che la sia minga la Giulia la protagonista. In fond l’è lee la sequestrada e l’è lee che la merita quella part.

MAR Livia!

SAN Però la mamma ha ragione perché io e Anna faremo la parte dei fratelli, no?

LIV Certament, e mi quella de la mamma e ti Marco...

MAR No, mi faroo el regista. Per ti cercarem on partner magari pussé bèl de mi. Contenta? Inscì, anca ti, te se sentiree pussé diva. Dai, adess basta sognà la celebrità e mettemes a lavorà.

ANN Cosa c’è ancora da fare?

MAR Il comunicato stampa da distribuire ai giornali... "Finalmente svelato il mistero del rapimento (guarda Livia) della piccola Giulia". No, piccola no: la pararia ona tosetta. Dai, fioeu sotta a lavorà e mettii in ciar, nel comunicaa che l’idea del film l’è nassuda l’estaa passada tra le impervie alture...beh, quell che vorì vialter...e lì, tra le numerose grotte il regista - mettii pur el me nom - ipotizzò un rapimento. Quell de la figlia Giulia l’è staa una proeuva general, per podè viv realment i moment d’on sequester, in manera che sia pussé credibil la narrazion. Per la scelta degli attori...

ANN Non vorrai dire, spero, che sono stati ingaggiati banditi veri?

MAR Per la credibilità, dovremmo ammetterlo, ma forse l’è mej che disom che l’è nostra intenzion de cercà tra la gent de la strada... che la gh’abbia la faccia giusta.

LIV Questa, de la faccia giusta, la me pias.

MAR Grazie per l’approvazion. Per quanto riguarda la sequestrada, Giulia...

LIV La saria l’ideal, ma la part, per reson de opportunità, devom affidala...

SAN Ad un’attrice di talento e di grande cultura...

ANN Di cui per ora possiamo dare solo il nome: Fely.

MAR Va ben, avì capì tuttscos, e adess al lavoro. Andì de là nel me studi. Mi voeuri mett on poo in ordin i idei insemma a la mamma.

Scena quinta

Suona il campanello, Anna che stava uscendo va ad aprire

ANN (da fuori) Signora Giacinta, che sorpresa. Venga (la introduce, poi esce)

LIV (le va incontro) Sciora Giacinta, che piasè!

GIA (ha il giornale in mano, si guarda intorno incerta e un po’sorpresa) Non mi sembrate tristi.

LIV Perché? Dovarium?

GIA Eh, altroché. Cont ona tosa sequestrada che la dovarà lassà sta terra per on brut mal

MAR La gh’ha reson, sciora Giacinta. Ma, la ved, semm allegher perché on amis dottor, on vesin de cà...

GIA El me marì?

MAR Podi minga fa nom: segreto profesionale. Beh, disevi, on amis dottor el m’ha confidà che ona quaj volta anche i dottor ciappen di cantonad e forse la nostra tosa, magari...

LIV Sì, forse hann faa ona diagnosi sbagliada e... e non è vero niente!

GIA Volesse il cielo. Gh’avì reson, gh’è certi dottor che sann nanca cossa l’è la coscienza. Fann stremì la gent e poeu fann i gioeugh de prestigio (movimenti comici)... Va su, va giù, la malattia non c’è più.

LIV (ridendo) Propri inscì, sciora Giacinta... va su, va giò...

GIA Hinn minga come me marì, lu l’è coscienzios, la sa? Se scrive un referto, se fa una diagnosi può star sicura che l’è quella. Se quest chi sul giornal l’avesse scritto lui, sicura che Giulia morirebbe fra tre mesi (intanto apre il giornale e guarda la grafia). Sta scrittura l’è molto simil a quella del mè marì.

MAR Ah, sciora Giacinta... i dottor scriven inscì mal che si assomigliano tutti, stessa sciampa de gaina. Par quasi che facciano dei corsi apposta per ottenere quella grafia (ironico) Se te scrivet come se dev, te dann no la laurea.

GIA El gh’ha reson, scior Marco, chiunque potrebbe aver fatto quella diagnosi. (cambia) Beh, cossa vorì che ve disa? Se gh’è la speranza che ghe sia staa on error, mej inscì, no? E per el sequester? Gh’è ona quaj novità? El riscatto... (si blocca) mi scusino, forse la domanda...

LIV Mah, forse si risolve tutto al meglio.

GIA Sa, scior Marco, cossa ho pensaa? Magari le sembro sciocca, ma hoo pensaa che ona storia come questa la meritaria (li guarda, vuol far attendere la sua idea)...

MAR La meritaria?

GIA Meriterebbe un film!

MAR Eh? On film?

LIV Ma come le vengono queste idee?

GIA Inscì, mi soo che lu l’è on autor de commedi.

MAR (si schermisce) Beh, autore... sì, scrivi on quajcoss...

GIA Comunque se volesse portare avanti questa proposta, si ricordi che l’idea l’è mia e lu el dovarà damm i diritti d’autore. Se de no... blocco del film.

LIV Preferirebbe i diritti d’autore o ona part in del film?

GIA Una parte nel film? Io, attrice? Ma vorì scherzà? Mi, attrice... Ma perché ‘sta domanda? De bon vorì fà on film?

MAR Lo stavamo pensando anche noi.

GIA E mi volete come attrice? E cossa dovaria fà?

MAR La dovaria interpretà la parte della vesina de ca che la se interessa delle vicende della povera sequestrada.

LIV E della povera famiglia pienna de angoscia.

GIA Ma me ciami Giacinta anca nel film?

MAR Se lo desidera.

GIA E per el mè marì? Ghe saria ona part anca per lu?

LIV El podaria fa la part del dottor ch’el compila un referto sbagliato.

GIA No, sbagliato, no (illuminata) Magari che ausculta el coeur del pover papà che per el dispiasè el gh’ha avuu on infart.

MAR (fa il gesto delle corna, di nascosto) E perché propi el papà e minga la mamma?

LIV (stesso gesto) Perché la mamma - cioè mi - la gh’ha on coeur san come on corall.

GIA Ma se fà per finta. Nel cinema è tutta finzione.

MAR Eh, Livia, se fà per finta, no? Ma la sa sciora Giacinta che lee la gh’ha di idei favolos. Questa poeu del cinema che l’è tutta finzion...

GIA Beh, sa, mi per el cinema gh’ho ona gran passion e (guarda in alto)... e hoo semper sognà de diventà on dì on’attrice de cartell, una grande attrice..

MAR Giusto, bisogna semper sognà in grand. El sogn l’è no de diventà attrice de cinema, ma grande attrice. In la vitta bisogna vess ambiziosi.

LIV E anca in di sogn.

GIA E te voeret vedè che magari, da on sequester, ven foeura ona possibilità. Va be’, se gh’è bisogn d’on’attrice... mi ghe son. Adess voo e ve disi che son molto contenta de vedev inscì seren. Gh’avì reson, de frequent i dottor ciapen abbali. Anzi, guardate: adesso simbolicamente - il cinema è fatto di simboli - femm a toch el giornal, così è come se avessimo stracciato il

referto sbagliato. E’ come un esorcismo (strappa il giornale a pezzi e li fa volare per la stanza) E voilà! (poi esce) Arrivederci.

Scena sesta

(rientrano Sandro e Anna)

SAN Fatto. Il comunicato stampa è pronto. Vuoi leggerlo?

MAR Se l’avì faa come avevom stabilì prima, l’è minga necessari.

LIV Faghel legg, el conossi mi. El te fa cred ch’el se fida, ma poeu el trova semper on quaj coss che va no.

MAR (punto sul vivo) E mi te dimostri che gh’ho pienna fiducia in di me fioeu. Non voglio leggerlo. Fii una serie de fax ai giornai e aspettem.

SAN Aspettiamo? Cosa?

MAR La risposta del capo banda.

Scena settima

Suonano alla porta

ANN (va ad aprire) Commissario, buongiorno. Novità?

COM (entrando) Buongiorno a tutti. Novità ottime. Abbiamo scoperto il covo.

LIV E anca la mia tosetta?

COM Non ancora, signora, ma sarà per poco.

SAN Vuol dire, commissario, che avete scoperto il covo e tra poco farete irruzione per liberare Giulia?

COM L’irruzione l’abbiamo già fatta, ma in quel momento non c’era nessuno. Solo tracce evidenti. Provole appese al soffitto.

MAR Una sala provole? Adesso è tutto chiaro. E che altro c’era? Tracce evidenti. Di che tipo?

COM Appunti (si guarda intorno) e molto dettagliati anche. Mai vista un’organizzazione così precisa. Pensate che hanno scritto tutto, come fermare la vettura, come far scendere la rapita e adddirittura che tipo di atteggiamento assumere

MAR Atteggiamento?

COM Sì, lei faccia conto di leggere un copione teatrale. Io me ne intendo, perché da giovane recitavo in parrocchia

SAN Anche lei?

COM Beh, che c’è di male? Tanti iniziano all’oratorio. Ma perché diceva anche lei?

SAN Una nostra cugina, proprio l’altro giorno, ci parlava della sua carriera di attrice che è cominciata, guardi che combinazione, proprio all’oratorio.

MAR Sandro, lassa perd... Veronica e non interrompere. Diceva commissario, ch’el pareva on copion?

COM Proprio così. C’era la descrizione di cosa dovevano fare scritta in corsivo e la battuta... scritta normale. Ci pensa? Non solo hanno preparato il colpo minuziosamente, movimento per movimento, ma addiritttura si sono imparati le battute a memoria.

ANN A memoria, sì. E lei ci crede, commissario? Sono pochi quelli che imparano le battute a memoria. Forse solo...

SAN (la interrompe) Forse solo la cugina Veronica.

COM Anch’io alla filodrammatica della parrocchia: ero uno dei primi a imparare tutto a memoria. Volete sentire? Reciterò un pezzo della commedia "Tutto di nero mi voglio vestire"

MAR Chi l’ha scritta?

COM Il parroco naturalmente

LIV Beh, Mi sembra ovvio.

COM Ascoltate. Oggi che il bianco non dona ma danna, la redingote nera già per sé fa paradiso, anche se muove al riso, di azzurro ancora non posso vestire, perché non so come andrà a finire, azzurro è il colore del cielo, anche intravisto tra i rami d’un melo...

MAR Ciumbia! El prevost el scriv anca in versi

COM Sì, è solito dire che ogni cosa va presa per il verso giusto.

ANN Un parroco versatile.

COM Beh, adesso non prendetelo troppo sul serio. Per lui il teatro è solo un diversivo.

MAR Un modo diverso per riportare le pecorelle smarrite all’ovile.

COM Per la verità più che di pecorelle si tratta di asini: ha dei parrocchiani che sono una massa di asini.

SAN Sarebbe stato peggio se fossero stati elefanti.

ANN Gli avrebbero demolito la chiesa.

MAR E sì, non ci sono più quei bei fedeli d’una volta che entravano in chiesa a patteggiare con i santi per le grazie.

COM Adesso i santi... in paradiso, la gente se li sceglie più in basso.

LIV E le è servito il teatro per fare il commissario?

COM Molto (pausa, li guarda) Ma scusate, mi pare che vi interessa di più l’aspetto teatrale, che non quello della vostra congiunta in catene.

LIV In catene? Avete trovato le catene?

COM Altroché... (pensa) catene strane, però. Erano nuove, ma si vedeva che erano state trattate con colpi di martello e con tracce di unto per farle sembrare usate.

MAR Dedré par che ghe sia ona regia molto precisa. Una regia molto intelligente.

COM E’ la stessa cosa che abbiamo pensato anche noi.

ANN Senta, non ci faccia stare sulle spine. Giulia verrà liberata o no? E quando avete intenzione di fare l’irruzione, sperando che questa volta il covo sia anche occupato? Perché un covo vuoto non serve a molto, anzi può far guadagnare tempo ai rapitori.

COM Seguiremo ancora la nostra pista, quella che ci ha condotto al covo.

MAR Ah, avete seguito qualcuno della banda? Lo avete scovato che andava al covo? E come facevate a sapere che era della banda?

COM Intuito. Abbiamo messo la vostra casa sotto osservazione.

LIV Ci spiavate?

COM Eh, signora, dobbiamo fare il nostro lavoro. Anche se all’oratorio si diceva che chi fa spia non è figlio di Maria. E infatti mia madre si chiama Elvira.

SAN Va bene, sotto osservazione. E cosa avete notato?

COM Tutto, abbiamo preso nota di tutto. Le persone che entravano, quelle che uscivano, certe che rimanevano presso il cancello d’ingresso: o erano giornalisti o vicini di casa. Quando uscivano venivano interrogati. Solo una persona non ha saputo darci spiegazioni e così l’abbiamo seguita.

SAN Uomo o donna?

COM Donna.

SAN Vistosa?

COM Sì, un tipo che si fa notare.

SAN (ad Anna a bassa voce) La cugina Veronica (incalzando il commissario) Vada avanti: l’avete seguita e...

COM Ci ha portato al covo.

MAR (tra sé) Addio film.

LIV E la Giulia, se l’era minga lì, dove la podaria vess? L’hann portada in on alter sit, in on’altra località? Come fii a dì che quell l’era el covo? C’erano tracce di avanzi di cucina? Coperte?

COM Se ci fossero state coperte, le avremmo scoperte. Niente di tutto questo. E ciò è molto strano.

MAR Forse era solo la base di partenza: lì hann organizzà el colp e poeu hann cambiaa sit, lasciando gli appunti del sequestro.

COM Altro che appunti. Diciamolo pure: il copione.

ANN E cosa pensate di fare. Quale sarà la prossima mossa?

COM La prossima mossa? Ci muoveremo in massa, come quando si va a messa. Continueremo a seguire la donna (verso Sandro) vistosa. Ormai sono in trappola.

LIV (tra sé) A quest chi l’oratori non deve aver fatto bene (al Commissario) Scior Commissari el ringraziom per tutt quell che l’è adree a fà, anca s’el m’ha fà spià, ma va ben, fa parte del vostro lavoro. El preghi de tegnim informaa, ch’el faga no ulteriori movimenti senza farcelo sapere.

COM Signora, la capisco, ma il nostro lavoro si basa sulla sopresa e sulla tempestività e non possiamo telefonarle prima per avvertirla... "Guardi che stiamo per...". Le pare?

LIV Certo, el gh’ha reson. Ma lu el capiss anca la nostra situazion, vera? Nun semm in penser per la nostra Giulia.

COM Lo credo bene: una figlia è sempre una figlia. E non ha prezzo, vero?

MAR Verissim, l’ha gh’ha minga prezzi. El ringrazi scior commissari per averci dato in anteprima questa notizia. Son sicur che anca i giornai...

COM Per carità. Silenzio assoluto. Anche voi, mi raccomando. Potrebbe saltare

tutto se lasciassimo trapelare la notizia. Ora vi lascio.

MAR (mentre il commissario già si avvia verso l’uscita) Ch’el me scusa scior commissari, ghe parerà strana questa domanda, ma l’è per scaregà un poo la tension. Lu dopo la filodrammatica in parrocchia, l’ha pù recitaa?

COM Purtroppo no. Questo lavoro mi occupa a tempo pieno, anzi pienissimo: giorno e notte. Ma mi piacerebbe, sa? Oh, se mi piacerebbe tornare su un palcoscenico

MAR O denanz a ona cinepresa ...

COM Perchè no? Sogni, sogni (esce)

Scena ottava

SAN Felicita si è fatta seguire.

MAR Già, on bell disaster

ANN Cosa facciamo con i fax ai giornali. Li spediamo?

MAR L’è mej spettà. (cambia) Avete visto cosa avete ottenuto ad avvertire la polizia?

LIV Tell lì, ch’el voeur avè semper reson lu. Avvertire la polizia... si usa.

MAR E si abusa!

SAN Adesso hai ragione, ma chi immaginava...

ANN Bisogna rintracciare Fely

Suona il telefono

ANN (risponde) Pronto? Ciao Fely...

LIV A batt i pagn compar la stria.

MAR Fagh minga capì che sappiamo che l’è stada pedinada

ANN Ci possiamo dare del tu, vero? Nel mondo dello spettacolo tutti si danno del tu e noi ormai siamo colleghe... o no? ... Sììì? Lo dicevo io che il tuo ragazzo, anche se ha fatto solo la quinta elementare, è molto intelligente. Beh, certo, immagino che hai dovuto convincerlo tu, ma si sa, tu sei ad un altro livello.

Cosa? Hai già trovato un locale per le prove? Una cantina proprio qui vicino? Scommetto che hai già pensato ad attrezzarla. Con delle catene? Nuove? Ah, hai fatto in modo che sembrino già usate.

TUTTI (tirano un sospiro di sollievo)

AN Sei forte, Fely. Sei veramente una professionista. Ma forse è meglio non andare per un po’ in quella cantina. Perché, perché... perché papà ha altre idee su come lavorare. Capirai il regista è lui (a bassa voce, fingendo complicità). Sai come sono i registi, sono un po’ gelosi del proprio lavoro. (cambia) Quando si comincia? (a Marco) Papà, quando si comincia?

MAR Il tempo di fare il casting e la location.

SAN Sì, quella capisce subito.

ANN Papà dice che è questione di qualche giorno, il tempo di completare il numero degli attori necessari e di fare il sopralluogo... ecco, brava, proprio come dici tu, il tempo di fare il casting e la location (verso il fratello indica "questa sa tutto"). Mi raccomando, tu che hai già recitato, spiega bene al tuo ragazzo e agli altri come si dovranno comportare sul set... Naturalmente, se lo ritieni opportuno parlagli anche di Stanislawskij, ma non in quella cantina..

LIV E Giulia? Domandegh quando podarem vedè la nostra Giulia.

ANN Ah, Fely... io penso che ormai la mia sorellina Giulia potrebbe anche tornare a casa, non credi? Va bene, se così vuole il capo, aspetteremo l’inizio delle riprese.

MAR Allora cominciom doman.

ANN Domani, andrebbe bene? Presto, dici? Dopodomani... sì, va bene, dopodomani. Dove? (verso Marco) Dove?

MAR Nel stess sit dove l’hann portada via.

ANN Nel luogo stesso in cui l’hanno rapita, cioé fuori di casa sua. Come, sua di chi? Di Giulia, no? Ore? (a Marco) Ore?

MAR Ore 14. Poeu cominciarem a girà vers i desdott..

ANN Ore 14. Pensiamo noi a tutto: elettricisti, macchinisti, permessi per l’occupazione del suolo pubblico... Truccatore, naturalmente. Sì, sì, anche agli abiti e agli oggetti di scena... A dopodomani. Ciao (riaggancia).

MAR Al lavoro. Chi tutti intorna al tavol. (a Livia che si stava allontanando) Anca ti Livia, fa minga la furba. Allora, ti Sandro (mostra il piano di lavoro e spiega, ma le parole sfumano, poi più adagio) Tu Anna (sottovoce, quindi) tu Livia (sfumano le parole e anche la luce, finché diventa...)

BUIO

Epilogo

Quando si riaccendono le luci sono trascorse molte ore. In scena c’è solo Livia.

LIV Chissà che ora farann. Se comincen a girà ai ses or, prima de mezzanott sarann minga a cà. Con quegli attori, poi. Saranno senz’alter bon de fà nagott. Te ghe voeuja a insegnagh come deven fà. Fortunatament giren domà ona scenna. S’el fann de bon, in duu minut porten via ona personna, ma fall per finta. Mah... Cert che mej d’inscì la podeva minga andà. Non solo non abbiamo scucito una lira, ma hemm miss insema ben tresentcinquanta milion che servissen per comincià el film, che magari el me farà anca guadagnà. Marco l’è propi un genio...se de no, minga el toeuvi per marì (ride, ma si interrompe perché sente un brusio esterno) Cossa succed?

Entrano Marco e Anna

LIV Beh, cossa fii chi? Non dovreste essere al lavoro?

MAR L’è finida a barilott. Almen per adess.

LIV Capissi no...

ANN Quell’oca della Fely con il suo Stanislawskij, gli ha riempito la testa, a quei ragazzi, che dovevano seguire il metodo della completa immedesima- zione nella parte. Gliel’avevo detto che la produzione - cioè noi - aveva già pensato a procurare fucili finti, ma loro no. Stanislawskij dice che il coinvolgimento dev’essere totale e loro con i fucili finti si sarebbero sentiti finti a loro volta, capisci?

LIV E così...?

MAR E allora s’hinn portà i fusil veri e la polizia che la doveva sorveglià che lo svolgimento delle riprese avvenisse senza intralci da part di curios, l’ha vorsuu controllà, l’ha domandà el porto d’armi...

ANN Che non avevano...

MAR E i hann menà via. Arrestati!

LIV Nooo. E Sandro?

MAR Sandro l’è andaa in questura a cercà de spiegà la situazion, ma gh’è el pericol ch’el tegnen denter anca lù come complice.

LIV Sperem de no. E quella stupida de la Fely?

ANN Lei si è messa subito in posa per i fotografi, spera di andare sulle prime pagine dei giornali.

LIV Ottima idea. L’è tutta pubblicità a gratis, no? E la Giulia?

MAR La nostra Giulia la me aspetta al ristorant "I briganti" per festeggià la soa liberazion.

LIV Ah, se mangia ben dai "Briganti". Cossa spettom a andà (Prende marito e figlia sottobraccio, si avvia verso l’uscita, si gira verso il pubblico) Doman pensarem al film. Incoeu se fa festa. (Veloce si chiude il sipario)

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno