I fantaximi? Ma no existan

Stampa questo copione

“I FANTAXIMI? MA NO EXISTAN”

Cod. SIAE 922222)

TRE ATTI IN GENOVESE

                                                                                             

DI

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi in ordine di entrata:

CECILIA                                  caméa

MICHELE                               factotum

ANGELICA                                 moggé do Federico

NICOLLA                                    giardiné

FEDERICO                                  proprietäio do castello

ASDRUBALE                              imprenditô

CAMILLA                                    moggé do Asdrubale

MARIA                                         contadinn-a

LO BUE                                        marasciallo di carabiné 

FANNY                                         appuntata di carabiné

GIORGIO DEL CARRETTO      marcheize de Finale     

In to castello Gambaro in te l’entrotæra ligure

I fantaximi? Ma no existan!

Atto primo

(Quadro primo)

La vicenda si svolge ai giorni nostri in un antico castello. Il maniero è stato ereditato, nel corso del tempo, dall’ingegnere Federico Rossi di Manesseno. Il tutto si svolge in una sala che ha un caminetto alla parete destra, una porta a sinistra che conduce alla cucina ed alla sala da pranzo, mentre la porta a destra conduce alla biblioteca e alle camere site al piano di sopra. L’arredamento consiste in un tavolo con sedie, una vetrinetta con bottiglie, bicchieri, ecc. Attaccapanni a stelo accanto all’ingresso. Un divano e tavolino con televisore. Alcuni quadri fra i quali spicca il ritratto di un antenato in abito del 1300 con gorgera. Sul tavolo un vassoio con frutta.

SCENA I

(Cecilia – Michele)

Cecilia        :-(vestita da cameriera, sta sistemando il salotto. Si rivolge a Michele che sta controllando le etichette su due bottiglie di vino) “Miché, tegnite in chêu che o padron o t’ha dïto de piggià do schiacchetrà e do vermentin in cantinn-a”

Michele       :-(sui 35-40 anni, indossa un panciotto sopra una camicia bianca con papillon) “Quande vaddo in cantinn-a in ti sotterranei, me pä d’intrà in te catacombe, mentre tûtte e bottigge diventan cräni e osse”

Cecilia        :-“Ghe son stæta con a padronn-a pe’ pulî di quaddri antïghi, in te’n locale dovve gh’ea ‘n pertûso a-o posto do barconetto… Pare ch’a fïse a cella de quarche prexonné”

Michele       :- “L’inzegné Federico o m’ha contòu che molto probabilmente in te quello locale gh’è stæto incadenòu, fra ätri meschinetti, anche o balestriere zeneize Battista Marsan de Pedemonte, ch’o s’ea invexendôu de ’na bella castellann-a. O mâio de questa, giöso matto, o l’ha fæto imprexonnâ e serrà in te quellì sotterranei e o gh’è arrestòu finn-a ä sêu morte”

Cecilia        :- “Me pä che in quanto a gelosia anche ä giornä d’anchêu xêuan cötellæ, bolacchæ d’àcido e gh’è anche quarche meschinetta ch’a vegne brûxâ viva… Zù de sotta eivimo a lûmme de candéia e me pàiva finn-a de sentï i lamenti de quelli meschinetti””

Michele       :-“Sûperstizioìn… I fantaximi, o spiriti, no existan; se-i creemmo con a nostra fantaxia… L’inzegné o l’aveiva intenziòn de mette a lûxe elettrica e ‘n generatò de corremte, ma poi nose n’è fæto ciù ninte”

Cecilia        :- “Dïto tra noiätri, o l’è anche spilorcio”

Michele       :- “Attenta a quello che ti dïxi, che anche e mûage han e oëge”

Cecilia        :- “Son mûage coscì spesse che no se sente manco se ûn o se mette a criâ… Però, solo che a pensäghe me sento zeà e venn-e”

Michele       :- “E mûage no sillan e i morti meno ancòn”

Cecilia        :- “Allòa ti pêu andà tranquillo in cantinn-a”

Michele       :- “Piggio a pilla e vaddo” (apre un cassetto della vetrinetta, prende una torci elettrica ed esce a sinistra.)

SCENA II

(Cecilia – Angelica)

Angelica     :- (entra dall’esterno. Indossa un mantello sopra un tailleur elegante, cappellino. Ha con se una borsa di stoffa che posa sul tavolo

Cecilia        :-(le va incontro premurosa)“Ben tornà sià Angelica… scià vêu favorime o mantello?”

Angelica     :-(volta le spalle per farsi togliere ill mantello)“Mæ marïo?”

Cecilia        :- “O no l’è ancon vegnûo

Angelica     :- “O m’ha telefonòu ch’éo dä perrûcchea pe’ avvisäme che vegnan i Ballestrero”

Cecilia        :-(che non dimostra contentezza) “Cöse devo preparà coscì d’amblé?”

Angelica     :-(indica la borsa di stoffa sul tavolo) “Ho accattôu raiêu de magro e  o tocco zù fæto. In ti frigidaire dovieiva ësighe da çimma e do rosbeaf. So che i gradiscian”

Cecilia        :- “Se me domandessan, comme a votta passà, se i raiêu l’emmo fæti in casa o se l’emmo acattæ, cöse devo dï?”

Angelica     :- “Se son sodduisfæti ti che rispondi che son stæti fæti in casa,. In cäxo conträio, son stæti accattæ pe’ mancanza de tempo. Ah, addêuvia o servissio de porçellann-a giapponeise e metti in tòa e posäte d’argento. Quande rientriemo chi in salotto, conta se e posäte ghe son tûtte… maniman…”

Cecilia        :- “Comme scià comanda” Vaddo a preparà”

Angelica     :_ “E o Michele?”

Cecilia        :- “O l’è andæto in cantinn-a a piggià o vin che gh’ha ordinòu l’inzegné”

Angelica     :- “Brrr… Ciûttosto che andà zù in ti sotterranei divento astemia. A gh’è vosciûa tûtta che semmo andæte in to locale di quaddri…”

Cecilia        :- “Se posso permettime son da mæxima… Ghe confesso che quande semmo andæte zù pe’ i quaddri, me pâiva finn-a de sentïme osservâ, comme se quarchedûn me tegnisse d’êuggio”

Angelica     :- “E-o giardiné o fa quarcösa o quande o gatto o no gh’è i ratti ballan?”

Cecilia        :- “O Nicolla o sta sappando derré a-o castello pe’ ricavà ‘n’orto , segondo e disposizioìn de l’inzegné”

Angelica     :- “Coscì porriemo chêuggo da verdûa fresca comme ‘na votta; natûrale”

Cecilia        :- “Cöse scià ne dixe scignòa, vaddo a preparà, cäxo mai i scignori Ballestrero se fermessan…”

Angelica     :- “Scì, vanni pûre”

Cecilia        :- “Compermisso” (esce a sinistra)

SCENA III

(Nicolla – Cecilia – Michele)

Nicolla        :-(sulla trentina, entra dall’esterno. Indossa una camicia a quadrettoni e porta in testa un cappello di paglia) “Cecilia… O Cecilia donde t’è?”

Cecilia        :-(appare sulla soglia) “Cöse t’hæ da criâ?”

Nicolla        :- “O Miché?”

Cecilia        :- “L’è zà ‘n po’ ch’o l’è andæto in cantinn-a…”

Nicolla        :- “Va ben… Se fa scûo e no l’aspëto. Se vedemmo doman. Ciao”

Cecilia        :- “Ciao” (ritorna in cucina)

Nicolla        :-(si guarda attorno+, prende una mela, la lucida frettandola sulla manica della camicia e quatto, quatto cerca di guadagnare l’uscita. Quando la voce schioppettante di Michele lo inchioda)

Michele       :-“Pösa l’òsso!”

Nicolla        :-(sobbalza spaventato) “Chi…chi l’è?”

Michele       :-“O fantaxima do castello!” (posa due bottiglie sul tavolo)

Nicolla        :-(protestando) “Ciù ‘n po’ di me fæ piggià ‘n corpo”

Michele       :- “Pösa l’osso!”

Nicolla        :- “E t’accappiæ… pe’ ‘na meja…” (ripone la mela)

Michele       :- “A settemann-a passà l’è sparïo’na bottiggia de Tokaj e stavan pe’ dà a corpa a mi che son mëzo astemio”

Nicolla        :- “E mi cöse gh’intro?... Ciao..<astemio>” (esce)

Cecilia        :- (appare sulla soglia) “T’è arrivôu finalmente… Damme ‘na man a spostà a pignatta pinn-a d’ægoa pe’ piaxei” (vanno in cucina)

Nicolla        :-(spunta guardingo dalla porta d’uscita, si prende una bottiglia dal tavolo ed esce)

Michele       :-(dalla cucina) “Ma a l’è ‘na mania questa di spiriti… Gh’ho misso do tempo perché no riûscivo a fa intrà a ciave in to lûcchetto, comme se quarchedûn o l’avesse tentòu di arvì.I spiriti no han bezêugnoda ciave pe’ intrà… Porto de de là e due bottigge” (rientra e rimane di stucco vedendo che c’è una bottiglia solo) “Cecilia!”

Cecilia        :-(entra) “Cöse gh’è ancon?”

Michele       :- “E bottigge… N’ho misso due in sce-a tòa…ghe n’è solo ûnn-a!”

Cecilia        :- “Comme l’è poscibile?... T’è segûo d’avei portòu due bottigge?”

Michele       :- “Son segûo d’ëse segûo… Gh’éa anche o Nicolla quande…Ma no… o l’èa sciortïo quando l’hopösæ… “

Cecilia        :- “Miché… gh’ho puia…”

Michele       :- “I fantaximi no beivan vin… L’ûnico <spirito> so mi chi pêu êse…”

SCENA IV

(Federico – Asdrubale – Camilla – Angelica)

Federico      :-(entra dall’esterno e dà il passo a Camilla e ad Asdrubale. Chiama la moglie) “Angelica!”

Angelica     :-(entra da sinistra) “Signori Ballestrero, benvegnûi… Metteive in libertæ, intanto se piggemmo ‘n’aperitivo” (i due uomini si appartano a chiacchierare intanto che Angelica prepara quattro aperitivi che porge ai presenti) “Me despiä-xe, ma semmo arrestæ senza patatinn-e”

Asdrubale   :- “Mëgio coscì, armeno me resta l’appetitto”

Angelica     :- “Saieiva stæto ‘n peccòu perché a Cecilia  a sta peparando i raiêu cö tocco de funzi che spero gûstiei”

Camilla       :- “La signora Angelica si è desturbatama se avessimo rifiutato saresse magara rimasta male”

Angelica     :- “Sarà una cena morigerata, tanto per stare un po’ in compagnia e scangiäse  due parolle; cöse scià ne dïxe scia Ballestrero?”

Camilla       :- “Sià me ciamme pûre Camilla. No son ûnn-a de quelle…”

Angelica     :-(interrompendola)    “Ma scià nö digghe manco…”

Camilla       :- “…ûnn-a de quelle ca se dà de äie e me fa piaxei da çenn-a mori… mori…”

Angelica     :- “…gerata”

Camilla       :- “L’è quello che stavo pe’ dï… ‘Na çenn-a scimile l’emmo fæta in te ‘ ristorante a Saint Moritz” (con aria da saputella) “L’è in Svizzera”

Angelica     :_ “Allòa ei fæto o Passo Maloja”

Camilla       :- “No, ninte passi a pë, tûtto in macchina”

Asdrubale   :- “Camilla… lascia perde…”

Camilla       :- “Ma se fa tanto pe’ parlà.. Comme ti dïxi ti de votte quande ti parli in françeize…pur parlère”

Cecilia        :- (entra dalla cucina) “Scià Angelica, fra çinque menûti l’è pronto”

Angelica     :- “Va ben” (agli ospiti) “Scignori, voemmo accomodäse in salla a man-gé?.... Sarà una cena frugale”

Camilla       :- “A no l’è ciù moringessata?”

Federico     :-(ad Asdrubale) “Spiritosa a têu scignòa”

Asdrubale   : “Ti dîxi?”

SCENA V

                                                  (Cecilia – Michele - voci fuori campo)       

Michele       :-(appare poco dopo in scena col tovagliolo al petto) “Me pä d’avei mangiòu cö tortajêu pe’ fa fïto”

Cecilia        :-(si f vedere e sollecita Michele) “Dai, levite quello toaggêu e damme ‘na che portemmo de la o mangiâ”

Michele       :- “Agli ordini” (cammina dimostrando di avere delle fitte ai piedi)

Cecilia        :- “Ma comme ti caminn-i?”

Michele       :-(accennando alle fitte) “O mæ servissio meteorologico o me segnala brût-to tempo in arrïo”

Cecilia        :-“Porta de là a fiammenghilla co i rajêu che mi porto l’ægoa minerale”(escono. Fuori scena si sentono le voci dei commensali)

Federico       : “Oh, arrïan i rajêu…che profûmmo de tocco”

Angelica     :- “Vanni pûre Michele, anche ti Cecilia, se servimmo da soli”

Cecilia           :-(rientra in scena con Michele e sentono le voci commentare)

Angelica     :- “Bon appetitto” (risposte libere)

Camilla       :- “Ottimi… se vedde che son fæti in casa, mi me ‘n’accapiscio”

Cecilia        :-(ironica, a Michele) “Le a se n’accapisce…”(esce)

Michele       :- “A l’è ‘n’ërbo de brûtte figûe”

Camilla       :- “Senti che silensio Asdrubale…Non c’è il <bordello> della città”

                        (si sente il brontolio del maltempo in arrivo)

Michele       :-(accenna al cielo)“O mæ servissio meteorologico o fonxionn-a”

                   (scoppia un fulmine nei dintorni e subito il tuono)

Camilla       :-(spaventata) “Asdrubale!”

Asdrubale   :- “Ma no son mïga stæto mi!”

Michele       :- “E gh’ammanchieiva ancòn”   (esce)

Federico     :- “Vedemmo se o mæ parafûrmine o fonzionn-a”

Camilla       :- “M’è andæto vial’appetitto”

Asdrubale   :_ “Anche a mi”

Angelica     :- “Comme voei…Se v’affermæ a segonda portà a tegnimmo pe’ staseia”

Asdrubale   :- “Cöse ti ne dïxi Camilla?”

Camilla       :- “Se no destûrbemmo”

Angelica     :- “Allòa a staseia. Voemmo accomodase de là?”(rientra in scena col marito e gli ospiti) “Fede, tronn-a… O  parafûrmine o funzionn-a?”

Federico      :- “Tranquilla,… o scarega i fûrmini a tæra”

                        (i sentono forti scrosci di pioggia e rumoreggiare di tuoni lontani.. Tra il sibilar del vento, si odono lamenti… dei <noooo>… <aaiutooo>… <bastaaaa>

Camilla       :-(spaventata) “Ooohimemi… Asdrubaleeee… Accompagnime in bagnooo”

Angelica     :-(ad Asdrubale) “Comodo.. l’accompagno mi” (escono a sinistra)

Federico      :- “Devo decidime de installà ûn generatò in ti sotterranei into cäxo vegnisse a mancà a lûxe segge chì, segge in ti fondi”

Asdrubale   .- “A me pä ‘na bonn-a idea”

Federico      :- “Ne parliòu cö Michele”

Camilla       :-(rientra mogia seguita da Angelica) “Ei sentïo anche voiätri quei lamenti?”

Federico      :- “L’è o vento co passa in te fessûe e azzunzemmoghe anche ‘n po’ de immaginaziòn…e ne pä de sentì di lamenti”

                   (un fragoroso saettar di un lampo e l’immediato fragore del tuono induce Camilla a fare un balzo fra le braccia di… Federico, che barcolla)

Angelica     :-(scocciata) “E brava Camilla… con a scûsa do resäto a l’ha sbagliòu ommo!”

                   (scompare la luce e un lenzuolo bianco, che spicca illuminato dalla lampada di  wood posizionata sul proscenio, attraversa la scena di fretta, sibilando sottovoce un <Uhhhh>…”

Camilla       :- “O…o fantaxima… Asdrubale… acciappilo”

Asdrubale   :-(con voce tremante) “Mì?... Per-perché mì e no ti l’agguanti ti?

(al riapparire della luce si vede Camilla sguaiatamentesdraiata su una sedia e Asdrubale con in testa il cappellino della moglie)

FINE DEL PRIMO QUADRO

(RIMANE BUIO IN SALA)

--

QUADRO SECONDO

SCENA VI

(Nicolla – Cecilia – Michele)

Cecilia        :-(mentre parla con Nicola riassetta il salotto) “Mai sûccessa ‘na cösa scimile”

Nicolla        :- “Me pâ imposcibile che ä giornâ d’anchêu se posse credde ancon ai fantaximi, a-e vöxi lamentose…”

Cecilia        :- “Mi stavo scistemando a sala da pranzo quande l’è mancòu a lûxe… Ho sentïo crià e son andæta a serräme a ciave in ta mæ stanzia. Poi m’han contòu…”

Nicolla        :- “Però quande a gente a parla de stranezze sûccesse in to castello, quarcösa de veo gh’è sempre sotta”

Michele       :-(entra dall’esterno) “Salve  gente, bella giornà anchêu… Il sereno dopo la tempesta… Tûtto ben?”

Nicolla        :- “Mi scì… voiätri ciûttosto che sei stæti vixitæ da-o fantaxima”

Michele       :- “A parte l’interrûsiòn da corrente, me son finn-a demuòu”

Cecilia        :- “Questa a l’è pëzo de ‘n tron. Ma se tè andæto a serräte in dispensa!”

Michele       :- “Oua… andæto a serräme… L’è che cö scûo ho sbagliòu porta. Ma bezêugna vedde o lato divertente. A scià Camilla a pàiva na bamboccia de pessa appennn-a sciortia dä toilette… sêu màjo o s’è attrovòu cö cappellin da Camilla in testa ch’o pàiva pronto de piggià posto ai baraccoin dove se ghe tia e balle in sciò muro. Conclusion: Gente ch’a l’è pinn-a de dinæ ma che a deve avei a cosciensa sporca s’a l’ha puia di spiriti”

Cecilia        :- “O Nicco o a sa lunga in sce a stöia do castello, visto co l’ha fæto da Ciceròn…”

Nicolla        :- “Beh, allòa o proprietäio o l’ea o baron Altamura e pe’ fa de palanche o l’aveuva misso a disposizion do pûbblico l’ala destra do castello. M’eo documentòu. Posso dï che intorno a-o 1339 o l’e da famiggia Gambaro e quande o marcheize Giorgio del Carretto, doppo ‘n fallîo tentativo de corpo de Statocontro Scimon Boccanegra, o lè stæto in te ‘n primmo  momento in ta prexòn de Mura di Malapaga a Zena. Pare che segge andæto mä ûn tentativo d’evaxon e che l’aggian serròu in te segrete do castello. I abitanti da zona de l’epoca, dixeivan che pe’ tanti anni se sonsentïi i sêu lamenti. Sciccomme ätrii prexonné han fæto a fin do ratto, no se sa de chi ean quelli lamenti”

Cecilia        :- “Cangemmo descorso che me ven a pelle d’öca. Magara o fantaxima o saià stæto ptroppio quello do marcheize”

Michele       :- “E bravo Nicolla. Oua però saià ben dasse da fa”

Nicolla        :- “Vaddo in te l’orto” (esce all’esterno)

Michele       :- “E mi vaddo de sotta. Se me çercan ti sæ donde son. Ciao” (esce)

Cecilia        :- “Ciao”

SCENA VIII

(Cecilia - Angelica)

Angelica     :-(entra con addosso un accappatoio, un asciugamano in testa a mo’ di turbante)

Cecilia        :- “Scignorïa scià Angelica, dormïo ben?”

Angelica     :- “Dormïo?... Di incubi, ätro che dormì… Me pâiva finn-a che o fantaxima o me corrisse apprêuvo… Pe’ ripiggiäme me son fæta a doccia. Comm’orrieiva ritornamene a Zena. Ma mæ màjo o no vêu. O dïxe che pe’a sêu posizion o castello ghe dà prestiggio, notorietæ e che e ditte forestel’han contattòu pe’ di progetti… Va ben mia… preparime a colasiòn comme o solito che intanto vaddo a vestïme”

Cecilia        :- “Sûbito scignoa”

Angelica     :-(squilla il telefono e Angelica, che stava uscendo, si ferma e risponde)”Pronto?.. Sì, sono io Angelica Rossi, la moglie dell’ingegnere… Ma miscusi: chi parla?... La stazione dei carabinieri della zona? Oh, Dio mio, è successo qualcosa a mio marito?.... Un sopralluogo?..Non capisco…e va bene, vi aspetto” (perplessa posa il ricevitore) “Ma cöse çercan?... Saià ben che telefone a mæ mâjo in canté”  (apre la rubrica, cerca e compone il numero) “Pronto? Cantiere edile <La frana>?... Ah, è lei geometra Mattone? Sono la moglie dell’ingegner Rossi e avrei necessità di parlargli… Grazie, attendo”

Cecilia        :-(sulla soglia)  “Scignoa a colasiòn a l’è pronta”

Angelica     (le fa cenno che ha capito e prosegue al telefono) “Fede… scûsa se t’ho ciammòu; han telefonòu i carabiné che vegnan chi a fa ûn <sopralluogo> o perchè no so… Va ben, t’aspëto, Ciao”(chiude la telefonata e va in cucina)

SCENA VII

(Maria – Cecilia – Michele)

(suonano alla porta)

Cecilia        :-(entra e va ad aprire. È Maria) “Ciao Maria”

Maria          :-(giovane contadina del luogo. Scarponi, fazzoletto in testa, maglione o scialle. Ha con se un cestino coperto da un telo) “Ciao Cecilia. Ho portòu ’na dozzenn-a d’êuve appenn-a levæ da o pané de mæ galinn-e, e ‘na formaggetta fæta cö læte de cräva: produzione casareccia” (consegna il cestino) “Vuoto a rendere”

Cecilia        :-“Aspëta che fasso vedde o çestin  ä scignoa…Quante ti vêu?”

Maria          :- “Eh, armeno…”

Cecilia        :- “Cosci tanto?”

Maria          :- “Se mai ti ghe dïxi che il trasporto è agrati”

Cecilia        :- “Ûn momento” (va in cucina col cestino)

Michele       :-(entra dall’estero e posa i guanti da lavoro sul tavolo)“Ciao Maria …L’è za ‘n po’ che no se vedemmo”

Maria          :- “Da l’ûrtima votta”

Michele       :- “Cosci tanto?. Me pàiva de meno”

Maria          :- “A l’incirca semmo lì”

Michele       :- “Contime ‘npo’; anche da ti l’è mancòu a lûxe cö temporale?”

Maria          :- “Stavo andando a serrâ a stalla quande a commençòu a vegnì ‘na gragnêua che no te diggo, anzi che te diggo; ghe voeiva ‘n’elmetto in testa”

Cecilia        :- (rientra, consegna il cestino vuoto)“Stesso prëxo da settemann-a passà”

Maria          :- “Che spilorcia. Digghe che doman, s’a no l’ha cangiòu idea, ghe portiòu o polastro…E oua vaddo a dà da mangià ä Bianca e ä Celeste”

Cecilia        :- “Parenti?”

Maria          :- “L’è mëgio de no”

Michele       :- “Perché?”

Maria                  :- “Perché son e mæ due vacche”

Michele       :- “Sciorto mi ascî”

SCENA IX

(Federico – Angelica – Lo Bue – Fanny)

Federico     :-(entra dall’esterno e chiama la moglie) “Angelica!

Angelica     :- (entra da destra vestita con eleganza) “Ciao… t’hæ fæto fïto”

Federico     :- “Son vegnûo via sûbito… ‘No capiscio cöse vegnan a fa i carabiné”

Angelica     :-“T’hæ investïo quarchedûn?”

Federico     :- “Ma te pä?... T’han dïto a che öa vegnivan?”

Angelica     :- “Han dïto in mattinâ” (suonano alla porta e va ad aprire. Sono il maresciallo                  Lo Bue e l’appuntata Fanny)

Lo Bue       :- “La signora Rossi?”

Angelica     :- “Il maresciallo Lo Bue, suppongo…Prego, accomodatevi”

Lo Bue       :-(entra e additando a Fanny) ) ”Le presento l’appuntata Fanny Casareto” Angelica         :- “Questoè mio marito” (scambio di cortesie)”Gradite un caffè?”

Lo Bue       :- “No, grazie” (indicando la sedia) “Posso sedermi?”

Federico     :- “Prego”

Angelica     :- (a Fanny) “Lei non siede?”

Fanny                  :- “Preferiscio sta in pe, grassie”

Angelica     :- “Me fa piaxei che scià parla zeneize… L’è ræo sentïlo parlà in in ta             Polizia”…” (a Lo Bue) “Diggo ben sciò marasciallo… Voscià invece…”

Lo Bue        :- “Non credo che un cognome come il mio:<Lo Bue> possa passare per genovese; anche se sono da anni in servizio a Genova e lo capisco abbastanza”

Federico      :- “A che debbo questa inaspettata visita?”

Lo Bue        :- “Ci è pervenuta un’ennesima segnalazione che ruota sempre attorno a questo castello, segnalazione che riguarderebbe ciò che sarebbe accaduto durante l’ultimo temporale” (a Fanny) “Appuntata Casareto, leggi gli appunti che hai trascritto” (a coniugi Rossi) “Abbiamo mantenuto gli errori ortografici e grammaticali che possono essere utili  per l’individuazione dell’ignoto informatore. Vai Casareto”

Fanny         :- “Vado a leggere: <Sembrerebbe che nel castello Gambaro, dove ci abita un ingegnere che fa le case, con sua moglie e gli addomestici, circoli della droga… ma non quella che vendono in drogheria”

Lo Bue        :- “Che ne dice ingegnere…”

Federico      :- “Come italiano è tutto da ridere… A meno che non sia stata una mossa… e come notizia… a l’è ‘na balla ciù grossa do castello… Ghe son ätre siottâie do genere?”

Lo Bue        :-(guarda Fanny per avere precisazioni) “Siottàie… sta per sciocchezze”

Lo Bue        :- “Ah… Vai avanti”

Fanny         :-(fa un passo avanti)

Lo Bue        :- “Ma che fai?”

Fanny         :- “Mi ha detto lei di andare avanti”

Lo Bue        :- “Avanti… di procedere nella lettura”

Fanny         :- “Mi scusi… proseguo nella lettura del biglietto: <Dicono anche che adesciano i fantaximi che si incazz..  Perché non ci fate un salto e ci andate a vedere personalmente di persona?>”

Angelica     :- “Che fantaxia”

Lo Bue        :- “La nostra è solo una visita informale, per acquisire informazioni da verificare naturalmente”

Federico      :- “È buffo però pensare che siamo noi a disturbare i fantasmi, ammesso che esistano, e non loro a disturbare noi”

Angelica     :- “T’hæ raxòn”

Lo Bue        :- “Si spieghi meglio signora”

Angelica     :- “Durante il temporale à scoppiato fragorosamente un fulmine che pè stato captato dal parafulmine installato da mio marito sulla torre” (al marito) “Parla ti Fede, che solo a contäla me ven a pelle d’öca”

Federico      :- “Non so se si tratta di una suggestione collettiva. Ma a quanto pare un fantasma avvolto in un lenzuolo, avrebbe attraversato il salotto quando è mancata la luce, ululando”

Angelica     :- “… O pâiva ‘n lû”

Lo Bue        :-(guardando Fanny) “Che sembrava… un lui?”

Fanny         :- “Un lupo, maresciallo”

Lo Bue        :- “Chi altri c’era con voi?”

Federico      :- “Un amico; l’impresario Asdrubale Ballestrero e sua moglie”

Lo Bue        :- “Non è la prima lettera anonima che riceviamo. Molte le abbiamo archiviate perché ci apparivano assurde come quella di un anno fa che ci diceva dell’apparizione di un antenato… che ne dice lei?”

Federico      :- “Non so che dirle” (alla moglie) “Quante l’è che semmo vegnûi a sta chì?”

Angelica     :- “A stæ passà”

Federico      :- “Maresciallo, all’incirca sei mesi fa, contro il parere di alcune persone che cercavano di ostacolaci dicendoci che c’erano i fantasmi. Essendo però scettico a questa ipotesi, sto cercando di capire come e se possono accadere questi avvenimenti, se è suggestione, o se è opera di qualcuno che vuole spaventarci e se sì, per quale motivo”

Lo Bue        :- “Io un idea ce l’avrei”

Federico      :- “Dica”

Lo Bue        :- “Con la vostra collaborazione però”

Angelica     :- “Cosa dobbiamio fare?”

Fanny         :- “Scià se fïe scignòa… a l’è ‘na bella idea”

Federico      :- “Sciò marasciallo, son a sêu disposiziòn”

SCENA X

(Federico – Angelica – Lo Bue – Fanny – Michele)

Michele       :-(entra da sinistra e si blocca al vedere gente)“Oh… pardòn… No saveivo che ghe fïse gente”

Federico      :- “Michele, za che t’è chì… cöse n’è do generatô?”

Michele       :- “Stan scistemando a localisaziòn e poi ne mostriàn comme addêuviälo anche se gh’è o libretto con e istrûzioìn”

Federico      :-(a Lo Bue) “Michele Cabona è il mio tuttofare, il mio bravo factotum. Con l’installazione di un generatore di corrente, l’apparecchio entra immediatamente in funzione nel caso di interruzione di corrente dalla linea principale. D’accordo con la Soprintendenza ai Monumenti della Liguria e delle Belle Arti, non apporterò modifiche al castello. Il piano abitativo rimarrà questo e non appena saranno dati inizio ai lavori ed alla messa in sicurezza dell’ala destra, si procederà, così com’è stato alcuni anni fa, alle visite guidate di quel lato”

Angelica     :- “Michele, t’hæ visto a Cecilia?”

Michele       :-“No scignòa… Mi eo in ti sotterranei…Primma a l’éa in cûxinn-a”

Lo Bue        :- “A proposito dei sotterranei, che ne dice ingegnere se andiamo a fare un sopralluogo”

Federico      :- “Anche subito” (a Michele) “Vanni zù e intanto ti stæ apprêuvo a-o generatô”

Michele       :- “Vaddo sûbito” (esce passando dalla cucina)

Federico      :- “Voemmo annâ?”

Lo Bue        :- “Andiamo e intanto le espongo la mia idea” (si avviano)

Fanny         :- “A scignòa a no vegne?”

Federica      :- “Staggo ben anche chi”

Fanny         :- “Compermisso” (si accoda ai due)

Federica      :-(esce a destra)      

SCENA XI

(Nicolla – Cecilia – Michele – Maria – Angelica)

(suonano alla porta)

Cecilia      :-(va ad aprire ed entra Nicolla, mostrando preoccupazione) “Ciao Nicolla.. Cöse t’hæ?... Ti paggi ‘n can legnòu”

Nicolla      :- “Me vegnûo a göa secca dä sæ, ti me daiesci ‘n gotto de vin?”

Cecilia      :- “A sæ a se leva con l’ægoa e no cö vin” (va in cucina)

Nicolla      :- “Ma o l’è sempre ‘n liquido”

Cecilia      :-(rientra con un bicchiere d’acqua e lo dà a Michele) “Anche l’ægoa. Tè”

Nicolla      :-(beve) “Beh…” (mostra il viso schifato) “Gh’è ‘na macchina di carabiné in to slargo… Son mïga chi?”

Cecilia      :- “Foscia son de sotta” (prendendolo un po’ in giro, facendo il viso serio) “Me pä d’avei sentïo dï che çercavan ûn certo Nicola Benvenuto…”

Nicolla      :- (che stava sorseggiano, sbruffa l’acqua) “Da… davvei çercavan mì?”          

Cecilia      :- “Ti te ciammi ben Nicola Benvenuto, no?”

Nicolla      :-(sulle spine, allontanandosi da Cecilia parlando tra se) “Ma comme han fæto a savei che…L’è mëgio che me vadde a asconde in te’na stansia de däto” (esce andando alle camere sempre parlando tra se)

Cecilia      :-(perplessa) ”Cöse gh’è piggiòu? Mi schersavo e le o s’è agitòu comme s’o l’avesse combinòu quarcösa…Mah; andemmo a preparà da mangià che chi o pä diventòu ‘n’albergo… vegne de longo gente”

Michele     :-(indossa una tuta. Rientra dai fondi pulendosi le mani con un cencio) “Ciao… ho lasciòu zû i carabiné con l’inzegné. A carabinea a l’ea interessà ä stöia do castello… ghe voeiva o Nicolla pe’ spiegä. Ghe l’ho anche dïto”

Cecilia      :- “O l’è appenn-a sciortïo…Gh’ho dïto, tanto pe’ piggiälo ’n po’ in gïo, che i carabine ò çercavan e o l’è sciortïo preoccupòu… o l’avià mïga combinòu quarche siottaîa?”

Michele     :- “Pensa che quande l’è piccòu o fûrmine, proppio a redosso do torrion, me parsciûo d’avei visto, in ta lûxe do lampo, proppio o Nicolla. Poi ho pensòu che aveivo visto mä, consciderando anche cöse a ghe stava a fa ‘na figûa sotto i lampi e i troin a insûppäse e cörri o riscc-io de piggiäse ‘na pormonite” (suonano e Camilla va ad aprire. Entra Maria con un involucro)

Cecilia      :- “Oh, Maria, vegni, vegni”

Maria        :- “Ho portòu o polastro pe’ a scià Angelica… O l’è za pulïo”

Michele     :- “Ciao Mariëta, sempre indaffarà eh?”

Maria        :- “Maria e no Mariëta”

Michele     :- ”Eh… no l‘è mïga ‘n’offeisa”

Maria        :-(a Cecilia) “Pe’ e palanche passiòu doman”

Angelica   :-(entra dalle stanze, spettinata, impaurita.. parla come un automa)

Michele     :_ “Scignòa, cöse gh’è sûccesso?... Scià l’aviâ mïga visto o fantaxima?... Scià o sa che no existan”

Angelica   :- “A-allòa chi o.. o l’è quello ch’o s’è in.. Infiòu in to mæ letto?”

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA I

(Angelica – Federico – Asdrubale – Camilla)

                        (Camilla e Angelica, sedute e stanno chiacchierando. Federico in piedi e                          Asdrubale seduto, stanno commentando gli accadimenti con il fantasma)

Asdrubale   :- “Fïsse stæto pe’mi, avieiva fæto fagotto e aviæ lasciòu o castello”

Federico     :- “Ma no l’ea mai sûcesso primma d’ôa”

Asdrubale   :- “Manco quarche indissio?… No so… ‘n’oggetto sparïo…”

Federico      :- “Me pä che manche quarche bottiggia preziosa de vin dä mæ enoteca. Però porrieiva anche sbagliäme…N’ho mai fæto ûn inventäio”

Camilla       :-(ad Angelica, mentre si guarda in giro sospettosa) “Me son tanto spaventà che ä seia, primma de andà a dormî, diggo a mæ màio de dä ‘n’êuggiâ sotto a-o letto, maniman… “ (sibillina) “Ti armeno, ti l’è visto de däto a-o têu letto”

Angelica     :- “Visto in faccia no. Quande son ritornà de däto con mæ màio o no gh’ea ciù”

Camilla       :- “E o creddo ben… Ti gh’è lasciòu o tempo de andäsene”

Angelica     :-(restituendo la frecciata) “O saià andæto in to têu armuar, co l’è bello grande”

Camilla       :- “Ma ‘ste cöse sûccedan in ti castelli, mïga in te case moderne…Ohh, se me vegne in chêu quello spettro ch’o n’è passòu sotto ai êuggi… Che resäto…”

Angelica     :-(rincara la dose) “Ti porriesci vegnì in di sotterranei con mi…Magara quande gh’è ûn temporale… chissâ che…” (cercando di fare la voce cavernosa) “.. o no te mette e moen in sciò collo e… ZAC!  “

Camilla       :-(salta in piedi spaventata) “Ahh!”

Asdrubale   :- “Ah!” (si alza subito dopo, facendo eco allo spavento della moglie) “Ma cöse

                   t’ha punzeggiòu…ûn puntajêu?”

Angelica     :- “Stavo parlando do spettro de l’ätra seja… Ghe daggo ‘n cicchettin coscì a se repiggia” (prende la bottiglia e bicchierino; versa)

Camilla       :-(nel frattempo) “ Ma no son vià…no me faià mä?”

Asdrubale   :- “Basta che no ti te scôi a bottiggia…”

Camilla       :- (beve e tossisce) “Comm’o l’è forte!” (sorseggia ancora un poco) “Però devo riconosce co me dà coraggio… Posso versamene ancon ûn pittìn?”

Asdrubale   :- “Camilla… dagghe cianin se no te ven troppo coraggio”

Camilla       :-(scrolla le spalle)

Angelica     :- (guarda il livello della bottiglia controluce) “Ancon da sé ca no l’è <vià>”

Asdrubale   :- (continua a parlare con Federico) “Comme  dixeivo, de cantieri ghe n’e sempre meno; o personale o costa troppo de tasce; i fanziamenti, e fideiussioìn da e banche, sempre ciù difficoltose”

Camilla       :- (ad Angelica) “Che cädo che m’è vegnûo. N’accappiscio comme mai”

Angelica     :- “Comme mai?... Mì n’a mëza idea ghe l’aviæ” (mette via la bottiglia prende un ventaglio dal cassetto della vetrinetta e lo dà a Camilla)

Camilla       :- “Oh… o ghe voeiva proppio, grassie” (subito l’apre e si fa vento. Farà controscena ai due uomini agitando il ventaglio)

Federico      :- “Mì, pe’ o momento, no gh’ho difficoltæ avendo di travaggi a l’estero”

Asdrubale   :- “Ti m’aveivi promisso de famme vedde i sotterranei do castello… quande l’è che…”

Federico      :- “Anche sûbito… Intanto che se sta faxendo scûo, n’approfitto pe’ met-te in moto o generatô e vedde comme a l’è distribuïa a lûxe” (alle donne) ”Donne, noätri andemmo de sotta… se voei vegnî…”

Angelica     :- “Cöse ti ne dïxi Camilla? Gh’emmo i nostri baldi ommi e poi ti, cö cicchettin, t’è piggiòu coraggio”

Camilla       :- “O timö o gh’è, e o coraggio a m’è andæto in ti scapin…Magara con ‘n’ätro cicchettin…”

Asdrubale   :- “Cecilia, ti stæ mïga piggiando o vissio do beive?”

Angelica     :- (versa da bere e Camilla tracanna) ”Son pronta.. Ich...”

Asdrubale   :- “Te vegnûo o crescentin a beie i alcoolici”

Federico      :- “A s’è fæta coraggio…” (ironico) “…con a mæ grappa de Bassano!”

Camilla       :- “Allòa ommi, fæne stradda e andemmo in te catacombe” (escono tutti)

SCENA II

(Cecilia – Maria – Nicolla)

(suonano alla porta, Cecilia entra e va ad aprire. È Maria)

Cecilia        :- “Ciao Maria… Comme mai a quest’öa?”

Maria          :-(indossa pantaloni, scarponi, un berretto di lana in testa, un maglione) “Son vegnûa a piggià e palanche do polastro”

Cecilia        :- “A l’è andæta de sotta con o Sciò Federico e…” (suonano alla porta, allarga sconsolata le braccia e va ad aprire) “Torna?... E chi gh’è oua?” 

Nicolla        :-  “Oh, belle foente, sei in atteisa del maschio latino?...  Eccome chì!”

Maria          :-(cercando di essere civettuola) “Ciao Nicco. Ti me paggi ‘n po’ abbacciuccòu…ti t’è fæto a galante e t’ha zà fæto becco?”

Nicolla        :- “A galante chi in te ‘sto pàise dove ghe son solo quattro galinn-e sperunsïe?”

Cecilia        :- “Grassie pe’ o complimento”

Nicolla        :- “Ma no… voeiva dï…”

Maria          :- “T’hæ dïto anche troppo” (a Cecilia) “Oua, perché o l’ha fæto a guidda turistica do castello, doppo che l’han imbottïo de informazioìn ch’o l’ha stûddiòu da pappagallo, no savendo ben quello ch’o dixeiva, o se sente sciù. Si sente il Rodolfo Valentino della valle”

Nicolla        :- “Bonn-a questa!”(ostenta lo sguardo all’abbigliamento di Maria) “Descc-iullite e vestite ‘n po’ da donna…Va ben che, l’arbitro non fa il monaco, ma t’è sempre ingiarmà comme ‘n spaventaggio”

Maria          :-(offesa) “Che ti t’ammïi ti, primma de parlâ a vanvera de ‘na figgia che da sola a cûra o sêu travaggio con onestæ e impegno! Arregordite, cäo

semenaleittûghe se ti dovesci fa torna a guidda do castello, de no dï beli..

de siòttaie come quella <dell’arbitro> che se mai l’è che <l’abito non fa il monaco>”

Cecilia        :-(sorride divertita) “Ve comportæ comme se fisci màïo e moggé. Scûsæ ma devo andâ a preparâ da mangiâ”

Nicolla        :- “E mi, visto che bæxinn-na, metto via i arneizi de l’orto e vaddo a casa mæ primma che se mette a cêuve forte”

Cecilia        :- “Ti vêu ‘n pægoa?”

Nicolla        :- “E brava! Coscì se cêuve a sguassòn o se bagna tûtto” (esce)

Cecilia        :-(scrolla la testa) “Questa a l’è da pettenâ co-i sasci”

Maria          :-(con improvvisa premura) “Ciao, vaddo mi ascì” (esce)

Cecilia        :- “Che scatto!... A l’è stæta lesta comme ‘na sciornia”[1](esce a destra)

SCENA III

(Angelica – Camilla – Asdrubale – Federico)

Angelica     :-(rientra seguita da Camilla, Asdrubale e Federico) “Beh, oua che gh’è a lûxe zû de sotta, m’ha fæto meno impresciòn”

Camilla       :- “Mi no. Saià pe’ o spavento ch’ho piggiòu durante o temporale con a vixita do fantaxima, ma me sento ancòn genâ” (vanno a sedersi) “Mæ màio o dïxe che pe’ leväse quest’impresciòn, se dovieiva andâ ciù votte de sot-ta, in moddo de piggiä confidenza cö locale. Ma mi me ‘n’avvardo ben!”

Asdrubale   :- “Cäo inzegné, i mæ complimenti pe’ a têu enoteca, veramente ben fornïa e chissà che valore a l’ha, con e raritæ pregiæ”

Federico      :- “Ghe n’ho ‘n pä che son stæte imbottiggiæ in ta Grande Guæra… chissà se poessan mai parlà cös’avieivan da contà..”

Camilla       :-(ad Angelica) “Cös’o l’ha dïto?... Bottigge che parlan?”

(si sente lo scoppio di un tuono)

Angelica     :- “Saià mëgio che v’affermæ intanto che calla o temporale. A Cecilia a sta preparando pasta co-i funzi e ‘n polastro arrosto”

Camilla       :- “Mah… Asdrubale cöse ti ne dïxi?”

Asdrubale   :- “Ma torna a destûrbâ…”

Federico      :- “Ma che destûrbo. No vorriei mïga andà a piggiäve ‘na barcâ d’ægoa”

Asdrubale   :- “Allòa cöse dovemmo dï… Grassie e a bon rende”

Angelica     :- “Scûsæ, vaddo a vedde in cûxinn-a” (esce)

Federico      :- “Ghe vêu ‘na bella bottiggia de Bardolin…No gh’ho pensòu a piggiäla intanto ch’eivimo zû….Asdrubale, ti m’accompagni?... Intanto controllo

                   se o Michele o l’ha serròu e porte e o cancello”

Asdrubale   :- “Va ben” (mentre escono dalla cucina, le due donne entrano in scena)

Angelica      :- “Piggite ‘na pilla che no se sa mai…”

Federico      :- “Tranquilla.. gh’è o generatô!” (escono)

                                                                        

                                                        SCENA IV

(Angelica – Camilla - Cecilia - Marcheize)

Camilla       :- “Intanto parlemmo un po’ tra noiätre” (siede) “No ti t’assetti?”

Angelica     :- “Çerco ‘na rivista intanto che a Cecilia a prepara e i nostri ommi son de sotta” (guarda fra dei giornali)

                   (si vede il lampo di un fulmine seguito immediatamente da un fragoroso scoppio, cui fa eco il grido delle due donne. La luce sfarfalla e Camilla, impaurita, che invoca il nome di <Asdrubale>)

Cecilia        :-(entra. Indossa una cappa nera o blù scura in modo che si veda solo il viso spettrale, che sembra fluttuare, avendo la torcia elettrica accesa sotto il mento, tanto che viene scambiata per un fantasma. Grida di aiuto delle due donne che corrono a vuoto per la scena con frasi a soggetto)

Angelica     :- (mette un mano sulla spalla di Camilla)

Camilla       :- “O fan.. o fan.. tasma… o m’ha misso ‘na man… in sci spa-palla”

Angelica     :- “Ma no, a man a l’è a mæ”

Cecilia        :-(sposta la luce sulle due donne che si bloccano) “Ma calmæve pe’ piaxei.. Son a Cecilia”

Angelica     :- “Ti… a fantaxima?”

Cecilia        :- “Quande ho visto che a lûxe a se n’andava, ho piggiòu a pilla pe’ vegnive a fa ciæo. No ghè nisciûn fantaxima”(spegne la pila)

Camilla       :- “Devo andâ ä toilette…”

                   (illuminato dalla lampada di wood e da un debole <occhio di bue>, simuove l’uomocon gorgeradipinto nel quadro)

Angelica     :- “Ceci… Cecilia…  o ritræto…o fanta-tasma o gh’è… pe’n da-davvei”

Marchese    :- “Dolcissima pulcherrìma pulzella”

Camilla       :-(impaurita) “Ange-gelica…o l’ha dïto ‘n sguaroïn”

Marchese    :- “Affè mia, vi chiedo che ci fate in questo luogo di sventura e di peni-tenti”

Cecilia        :-“In questo castello ci abita…”

Marchese    :- “So! Un tale Ferdinando Rossi, che usurpa il mio luogo di comando e di supplizio”

Angelica     :-  “Questa è casa nostra”

Marchese    :- “Vostra?... Lasciate che vi illustri. Io sono… anzi <ero>,il Marchese  Giorgio del Carretto di Finale. Dopo il fallito tentativo di detronizzare il Doge Simon Boccanegra, fui dapprima imprigionato a Genova nelle carceri di Malapaga, dalle quali riuscìi ad evadere. Catturato, fui condotto qui nel 1339 e da allora il mio spirito vaga senza pace nei sotterranei di questo maniero e dò voce al mio ritratto che avete trovato appeso quando siete venuti ad usurpare il castello” (minaccioso) “Dovete andarvene prima che si vada alle pugna…” (con voce cavernosa) “…prima che sia troppo tardi!” (si sentono brontolìi di tuoni lontano)

Angelica     :- (siede affranta ed a Cecilia) “Doman ti levi quello quaddro e ti o porti in ta stanzia di quaddri”

Marchese    :- “No!... Non lo faccia… Ora mi sovviene…L’ho riconosciuta, ella è la Baronessa Del Ponte. Le porgo i miei omaggi”

Camilla       :- “Oh, bello Segnô cäo… o l’è scappòu da-o manicomio”

Marchese    :-(apostrofando Camilla) “Chiuda il becco mentre sto dialogando con la Baronessa Del Ponte”

Camilla       :-(offesa) “Ammïa bezûgo, che mi no l’ho o becco e ti t’è tûtto luccu”

Marchese    :- “Chiedo venia baronessa, ma prudenza vuolsi ch’io m’abbia. Forse primieramente, v’è giunta notizia del mio fallito tentativo di detronizzare il Doge Simon Boccanegra…”

Cecilia        :- “Ma cös’o dixe, tûtto questo l’è sûccesso, segondo a stöia, in to 1339, ai tempi di Guelfi e Ghibellini”

Marchese    :- “Noto con stupore, che la gentil pulzella è edotta degli accadimenti…e che parla in un idioma similmente a quello genovese”

Camilla       :- “Puzzella?... ‘n’ätro sguaròn!”

Angelica     :- “Senta, buon uomo, vuole essere così cortese di andar via da casa mia?”

Marchese    :- “Mi duole constatare che lei, Baronessa Del Ponte, sibben l’abbia ospitata nei miei possedimenti di Finale, non rammenti che proprio  per  suo interessamento ottenni gli archibugi e le armature necessarie per i miei armigeri, con notevoli spese in genovini, quartaroli e ottavini… ed ora la ritrovo qui, mentre il mio corpo giace fra codeste mura…accanto alla caverna dell’impiccato. Nell’attesa che ve ne andiate, vi do un avvertmen-to:Non dovete mai oltrepassare le mura della caverna dell’impiccato perché rischiereste di prendere il suo posto. Alla buonora Baronessa,  il mio corpo mi richiama…ricordate: Andatevene da queste mura cariche di dolore” (un attimo di buio in scena. Al ritorno della luce appare il ritratto su tela del Marchese del Carretto)

Camilla       :- “Scûsæ… con tûtto ‘sto remescio… me remescia…”

Cecilia        :- “No l’è poscibile. O quaddro co parla…Gh’e sotta quarche mastrûzzo”

Angelica     :- “O fæto l’è che, anche se no ghe credemmo, drento de noiätri o dûbbio o resta”

Cecilia        :- “Visto l’emmo visto…”

Angelica     :- “E mi vêuggio ritornà in çittæ…”

Camilla       :-(avviandosi in bagno) “E mi invece in bagno” (esce)

Cecilia        :- “ Vaddo a vedde se l’ægoa in sciò féugo a bogge”

Angelica     :- “E chi l’è che gh’ha cuæ de çennâ doppo ‘sto baillamme?... Sentimmo

                   cöse ne dixan i ommi…. Se o sciò Asdrubale o decidesse de andâ via, pe’ noiätri porrieiva bastâ ‘na menestrinn-a, magara con ‘n éuvo sbattûo drento… Tsè…< O generatô o risolve tûtto>… dixe mæ màio… Saian restæ a-o scûo loiätri ascì… Me sento a tremaxòn addosso, e me doman- do se ä giornà d’anchêu se lascemmo invexendâ da stöie pægie… e me n’avvardo ben de contäle… me piggieivanpiggieivan pe’ ‘na vixonäia”

SCENA V

(Angelica – Cecilia – Federico – Asdrubale – Camilla)

Federico      :- (entra con Asdrubale pulendosi le maniche) “Tûtto ben donne?”

Asdrubale   :- “Mæ moggé?”

Cecilia        :-(mentre rientra in scena) “A l’è… in seduta”

Asdrubale   :- “Torna?”

Angelica     :- ”Ben pe’n bello ninte!...’Na cösa inimmaginabile… Appenn-a sparïa a lûxe o personaggio do quaddro o s’è mesciòu e o l’a parlòu”

Asdrubale   :- “Mai sentïo de ‘n ritræto ch’o parla”

Angelica     :- “Se l’è pe’ quello l’è a primma votta anche pe’ mi”

Federico      :-(scettico)“E cöse o l’ha dïto?”

Angelica     :- “Ch’o l’è o Marcheize del Carretto”

Asdrubale   :- “E comm’o l’ha fæto a finì in to quaddro?  E-o carretto?”

Camilla       :-(rientra e si avvicina ancora impaurita, al marito) “Oh… t’è arrivòu… che spavento!”

Federico      :-(si avvicina al quadro per esaminarlo) “Mah!.. Vedde l’ommo in to quaddro ch’o se mescia… a me pä grossa…”

Angelica     :- “Quella figûa, ch’a l’è sempre stæta solo che ‘n ritræto, appenn-a s’e bloccòu a lûxe a s’è illûminâ e a l’ha dïto de <non oltrepassare le mura della caverna dell’impiccato> se no riscc-emmo de restâ a-o sêu posto”

Federico      :- “Marchese del Carretto… Ma o l’è ‘n personaggio do 1300!”

Camilla       :-(al marito) “Portime a casa e de sprescia… questo castello o l’è stregòu. Quell’individuo o l’ha dïto che o sêu corpo o l’è chì e ch’o parlava pe’ via do so spirito… andemmo via…”

Angelica     :- “No v’affermæ a tòa?

Asdrubale   :- “Ve ringrassio ma saiâ pe’ ‘n’ätra votta… spiriti permettendo. Federico oua te o diggo, ma de sotta me son sentïo ‘na man zeà in to collo e, ammia o cäxo, anche o generatò o no l’ha funsionnòu… Damme a mente, cangia casa se ti vêu quëtà”

Federico      :- “Ghe pensiòu”

Asdrubale   :- “Visto che no che no cêuve ve demmo a bonn-a seia e ve augûremmo bonn-a nêutte”

Camilla       :- “Salûti e grassie comunque”

Tutti           :- (salutano a soggetto)

Angelica     :- “Cecilia, prepara ‘na menestrinn-a che s’ascådemo ‘n po’ ”

Cecilia        :- “Comme scià comanda” (esce)        

SCENA VI

(Federico - Angelica – Cecilia – Michele)

Federico      :-(siede riflettendo) “ ‘N’ arriescio a capï… Ûn generatô nêuvo ch’o doveiva partî appenn-a ammanchesse a lûxe, o fa cilecca, o Michele, che credeivo o fïsse de sotta… sparïo. L’Asdrubale ch’o s’è sentïo ‘na man in to collo e mì… anche se no n’ho dïto ninte, che me pàiva de senti di lamenti… De segûo a l’è sûggestiòn. In to frattempo se mette a parlâ o ritræto, ch’o dï­

                   dïxe ëse o Marcheize do Carretto. Gh’è da fäghe ‘n romanzo… Quarcösa no quaddra. Ne parliòu cö marasciallo Lo Bue”

(suonano alla porta)

Cecilia        :-(va ad aprire. È Michele) “Oh, Miché, da dovve tu spunti?”

Michele       :- “Då porta”

Cecilia        :- “Spiritoso”

Michele       :- “Bonn-a seja scignori”

Federico     :- “Ma dovve ti t’è cacciòu quande l’è mancòu a lûxe e o generatô o no           l’ha funzionnòu?”

Michele       :- “Stavo  telefonando con a ditta do generatò perché no han portòu a benzinn-a pe’ fa partì l’apparechiatûa”

Federico      :- “E ti me-o dïxi òua?”

Michele       :- “Pensavo che assemme a-o generatò, scià l’avesse ordinòu anche a benzinn-a”

Federico      :- “Assidoro… e in to mæximo tempo sciù de dåto o ritræto do nobile Marcheize do Carretto o parlava…”

Michele       :- “Che strano che l’è mancòu a lûxe solo in to castello perché in scie a stradda a lûxe a gh’ea”

Federico      :- “L’è strano anche pe’ mi”

Angelica     :- “Ne vorrian scorrï de chì…. Ma perché?” (esce)

Federico      :- “Vedemmo se riûscimmo a capì o mistero…”

Michele       :- “Compermisso… L’è öa che vadde a casa… Scignoria” (esce mentre gli altri salutano a soggetto)

 Federico     :- (telefona ai carabinieri, dopo aver controllato la propria rubrica telefonica) “Pronto?... Lo Bue?” (pausa) “Come?... Famiglia Vacca?... Scusi, ho sbagliato stalla” (ricompone il numero) “Pronto? Ah, è lei maresciallo Lo Bue? ... Sono Federico Rossi… avrei bisogno di parlarle… Ah, anche lei voleva parlarmi? Bene, se sta arrivando la sua appuntata, l’aspetto!” (suonano alla porta)  “Hanno suonato alla porta. Sarà l’appuntata Fanny… A risentirci”

SCENA VII

(Federico - Cecilia – Nicolla – Fanny)

Cecilia        :- “Buonasera… Ah, è lei… Prego”

Fanny         :-(entra con una borsa chiusa de cerniera) “Scusæ l’öa… Bonn-a seia inzegnè”

Federico      :- “Ho appenn-a finïo de parlà cö sêu marasciallo… Scià s’accomode”

Fanny         :- (siede) “Grassie”

Federico      :- “Che combinazion… Comme mai scià l’è vegnûa?... Telepatïa?”

Fanny         :-(apre la borsa e legge degli appunti) “Doppo ch’emmo installòu e telecamere a circuito serròu, a raggi infrarosci, pe’ a quale nisciûn ätro, all’infêua de Voscià doveiva saveilo, l’è sûccesso quarcös’ätro?”

Federico      :- “De tûtto e de ciù. Intanto che ghe conto andemmo de sotta”

Fanny         :- “…coscìpiggio appunti e porto via e registraziòn di video. Ho portòu quelli nêuvi da sostituî”

Federico      :- “Andemmo” (sulla soglia della cucina a Cecilia) “Cecilia, avverti mæ moggé che vaddo de sotta con a carabinea”

Cecilia        :- “Scì, sciò inzegné”

Federico      :-(esce con Fanny. Suonano alla porta)

Cecilia        :-(apre)

Nicolla        :-(entra Nicolla a passo lesto e va a sedersi accigliato)

Cecilia        :-(ironica) “Intra pûre eh?” (notandolo agitato) “Cöse t’hæ? Ti me paggi abötïo”

Nicolla        :- “Chi,  mì?”

Cecilia        :- “No ne veddo ätri”

Nicolla        :- “Ho visto arrivà ‘na carabinea… Cöse a l’è vegnûa a fa?”

Cecilia        :- “No so. A l’è andæta de sotta con l’inzegné. Forse a l’è vegnûa a piggià quarche bottiggia pe’ o marasciallo.  Ma ti perché t’interessa tanto?”

Nicolla        :- “Son frïto!”

Cecilia        :- “Ehi, diggo… Cöse t’hæ combinòu?”

Nicolla        :- “L’ätra votta ti m’hæ dïto che çercaavan mi…”

Cecilia        :- “Ma l’ho dïto tanto pe’ rïe”

Nicolla        :- “Te pittesse l’orso…Son stæto in pensceo tûtto ‘sto tempo pe’….”

Cecilia        :- “Pe’…”

Nicolla        :- “Perché no so spiegäme comme, anche se l’ho fæto a fin de ben, fra e moen, me… me ne son attrovæ ‘n pä in te bottigge”

Cecilia        :- “A fin de ben pe’ chi?”

Nicolla        :- “Ma pe’ o Nicolla, no?”

Cecilia        :- “Che faccia de tolla!... Vanni… vanni tranquillo… Magara o no se n’è manco accorto…Ma no fallo ciù però”

Nicolla        :- “Speremmo che no veddan a mæ carta d’identitæ, ch’a m’è cheita in mëzo a-e bottigge…”

Cecilia        :- “Che stondäio che tè. Parline cö Miché s’o l’arriesce a recûperäla” (prende la scopa e pulisce)

Nicolla        :- “Ghe proviò… Ciao” (esce all’esterno)

SCENA VIII

(Cecilia – Angelica – Federico – Fanny)

Angelica     :-(rientra vestita per uscire) “Cecilia, t’hæ visto mæ maio?”

Cecilia        :- “O l’e andæto in ti fondi con quella carabinea a dä ‘n’êuggiâ”

Angelica     :- “Quande o vegne riferiscighe che son andæta in çittæ a vedde o nostro scïto…. Se l’è o cäxo de dà ‘na rinfrescâ a-e mûage, sperando che doppo ‘sti avvenimenti o se decidde de portâ via a santiscima de de chì” (si avvia all’uscita accompagnata da Cecilia)

Cecilia        :- “Riferiô” (chiusa la porta, va in cucina)

Federico      :- (rientra con Fanny la quale ha nella borsa le registrazioni delle telecamere) “Bene. Emmo cangiòu i DVD e son convinto che in te quelle che scià l’ha arretiòu, no ghe saià ninte”

Fanny         :-“L’è stæto ben registrà, anche se no gh’è ninte, in moddo da mette a verbale anche questa parte de indagini. Doppo che l’emmo vixonnæ, penso che o marasciallo a piggiâ contatto con voscià. Scignorïa”

Federico      :-(accompagnandola all’uscita)”Ariveise

Cecilia        :-(entra) ”Inzegné, a scià Angelica a m’ha dïto de riferighe che a l’andava in çittæ per riscistemmâ o scïto in to cäxo che…”

Federico      :-….in to cäxo che se a descimo a gambe pe’ puia di fantaximi… Le ascì a se lascia sûggestionâ da cöse de fantasciensa”

                   (si ode all’improvviso il fragore di uno scoppio. Presa da spavento Cecilia si getta tra le braccia dell’ingegnere. In quell’istante entra, barcollante, Angelica)

Angelica     :-(seppur presa dal panico, salace, sbotta) “Ma bravi… Appenn-a sciorto ve mettei a limonà!?”

Federico      :- “Ma… no t’èi andæta in çittæ?”

Angelica     :- “Perché?... v’ho interrotto o menäxe?”

Federico      :-“Ma cöse ti væ a pensà. A Cecilia a l’ha sentïo ‘sto botto improvviso, a s’e spaventà e…”

Angelica     :- “..e meno male che ti gh’ei ti!... Son tornâ inderré perché a stradda a l’è serrâ… Gh’ean i artificeri che faxeivan scc-iûppä ‘na bomba de l’ûrtima guæra… Ecco o botto”

                   (si ode un secondo scoppio, seguito dal sibilar del vento, che spaventa i presenti. Angelica, con spavento misto a ironia, si getta fra le braccia del marito e a Cecilia)

                   “E no eh?  Oua tocca a mì!!”

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

SCENA I

(Cecilia  – Michele)

(Cecilia sta sistemando la sala, mentre Michele entra con due bottiglieed un sacchetto)

Michele       :- ”Salûtto a ciù bella figgia do castello”

Cecilia        :- “No so s’o l’è ‘n complimento cosciderando che chi semmo solo due figge. Comunque grassie… T’hæ attrovòu a carta d’identitæ de quello patatûcco do Nicolla?”

Michele       :- (posa le bottiglie, poi con aria da detective) “Ho attrovòu o sêu documento fra e bottigge ch’o portòu. A gh’è andæta ben ch’ean propprio lì, se dunca chissâ quande a s’attrovava. Dagghela ti”

Cecilia        :- “Cöse ti gh’hæ in to sacchetto?”

Michele       :-(compiacendosi) “Cara Cecilia…c’è chi lascia e c’è chi piglia”

Cecilia        :-“Allòa?”

Michele       :-(con atteggiamento trionfante, imitando le prime note di una celeberrima sinfonia di Beethowen, apre il sacchetto) “Ta-ta-ta tan…!” (estrae l’abito con gorgera, che come appare nel quadro)

Cecilia        :- (stupita) “Ma quello o l’assomeggia a-o vestì dell’ommo do quaddro… Comme l’e poscibile?”

Michele       :- “Cova ci gatta… Ehm… voeivo dï <gatta ci cova>. Se no l’ea pe’ a carta d’identitæ do Nicolla ch’a s’ea infiâ in mëzo…”

Cecilia        :-(interrompendo, sospettosa) “…a-e bottigge assemme a quello vestì…No              porrieiva ëse che le…”

Michele       :- “No creddo proppio…o no parla ben manco l’italian figûremmose a parlâ de fin, specialmente cö linguaggio de quell’epoca… E poi ghe son anche indagini di carabiné…Saià ben che ne parle con l’inzegné”

Cecilia        :- “Çerca de lasciâ fêua o Nicolla”

Michele       :- “Ti dagghe o sêu documento senza dï do vestî e mi ou mostriòu a-o sciò Federico” (si mette a ridere) “Ah, ah, ah… Ma ti ghe pensi che s’a fïsse tûtta ‘na sceneggiata e voesan fa torna parlà o ritræto e no attrêuvan ciù o costûmme..?” (esce portando con se la borsa ed il costume)

SCENA II

(Cecilia – Nicolla - Maria).

Cecilia        :- “Però, anche se gh’ea o costûmme ascöso… o quaddro o parlava…” (suonano alla porta e va ad aprire. Entra Nicolla)

Nicolla        :- (entra mogio)

Cecilia        :-  “Che faccia da fünerale… T’hæ perso a-e carte… a biscambiggia?”[2]

Nicolla        :- “Son preoccupòu se no sciorte a mæ carta d’identitæ… se o padron o l’attrêuva in cantinn-a e o me denunzia… per <aver sottratto>, senza volere, <alcune bottiglie dall’enoteca>”

Cecilia        :- “Ma quante bottigge t’hæ grattòu?  Ti m’aveivi dito due…”

Nicolla        :- “Scì, due…due pe’ votta”

Cecilia        :- “Brûtto pelandron che not’è ätro…” (giocando come il gatto col topo, senza dir nulla del ritrovato documento)  “Ma s’attrêuvan o têu documento te mandan a vedde o sô a quadretti a Marasci!”

Nicolla        :- “Vorrieiva restituine armeno ‘na dëxenna ma se me veddan con e bottigge son boìn de piggiäme pe’ n laddro”

Cecilia        :-(ironica) “Ma no!!...T’hæ raxòn… Uno restituisce il maltolto e poi pensan mä de le”

Nicolla        :- “Veddo che ti m’hæ accappïo”

Cecilia        :- “Ma ammia ‘n po’ che ghe ne vegne ancon a le…” (dà il documento) “Tegni bertoelo o têu papelitto”

Nicolla        :- “Evvivaaa!... Dovve ti l’hæ attrovòu?”

Cecilia        :- “L’ha attrovâ o Miché…”(sibillina) “sul luogo del delitto.. insemme anvestî… ti ghe l’hæ lasciòu ti?”

Nicolla        :- “ ‘A’n vestï? E saiæ sciortïo in miande?” (accennando al suo documento) Grassie Cecilia… Ringrassiòu anche o Miché” (si avvia all’uscita)

Cecilia        :- ”Ciao. Stanni attento de no lascià torna impronte da <gianfrotte>”

Nicolla        :- “No so cöse vêu dï, ma staiòu attento”

Cecilia        :- “Vêu dï de no fa o malandrin…”

Nicolla        :- “Mì o malandrin? E quande mai…” (esce)

SCENA III

(Angelica – Cecilia)

Angelica     :- (entra dalle camere, pronta per uscire)

Cecilia        :- “Bongiorno Scià Angelica; dormïo ben?”

Angelica     :- “A butti: Ogni tanto m’assêunnavo ch’eo serrà in ta caverna de l’impiccòu… Ti pêu accappï comm’ho dormïo… Vanni pûre a fa e stanzie”

Cecilia        :- “Vaddo sûbito” (esce)

Angelica     :-(si avvia all’uscita quando suona il telefono. Risponde) “Sì?” (pausa) “Oh, buongiorno signor maresciallo…” (pausa) “Mio marito? È in cantiere” (pausa) “Si, è andato presto perché dovevano fare la gettata per erigere i plinti” (pausa) “Una svolta nelle indagini?...Me fa piäxei… Va bene cercherò di avvertirlo e di tenersi libero nel pomeriggio” (pausa) ”Devo invitare i signori Ballestrero?... E va ben… ghe diôu che vegnan anche i carabiné” (pausa) “Ah, non devo dire dei carabinieri…Si figuri, nessun disturbo. Arrivederci” (posa perplessa la cornetta del telefono. Tra se) “Nessun disturbo… Balle. Speremmo che finiscian fïto se donca me tocchiâ fermäli a çenn-a e magari s’afferman” (riprende la cornetta del telefono, controlla la rubrica e chiama il cantiere) “Pronto, parlo col geometra Mattone? ... Sono la moglie dell’ingegner Rossi, avrei bisogno di parlargli… La ringrazio, attendo la sua chiamata” (chiude la telefonata e chiama Camilla)”Ciao Camilla, scûsa l’öa… voeivo invitate, puidisnà, a piggià ‘n the” (pausa..senza entusiasmo)

                   “Ah, ti vegni… Allòa t’aspëto. Ciao”(chiude la telefonata e chiama Cecilia)

                   ”Cecilia, ti n’hæ ancòn pe’ guæi?”

Cecilia        :-(fuori scena) “ Staggo chinando” (entra con un lenzuolo) “Ho cangiòu i lenzêu e metto questi in lavatrice”

Angelica     :_ “Anchêu vegnan i Ballestrero”

Cecilia        :-(affatto entusiasta) “Ah.. e ‘s’afferman a çenn-a?”

Angelica     :- “Veddo che t’è entûsiasta ti ascï… Speremmo che no s’afferman, comunque t’ho avvertïo”

Cecilia        :- “Cöse devo fa?”

Angelica     :- “Vedemmo comme a s’innandia e poi decidiemo”

Cecilia        :- “Gh’emmo do pesto e de trofiette de Recco”

Angelica     :- “Se dovessan fermäse, a scià Camilla a l’è bonn-a de domandate se son stæte accattæ o se son stæte fæte in casa… Se l’appressan ti ghe dïxi che l’emmo fæte in casa, in cäxo conträio son stæte accattæ pe’ mancanza de tempo. Intanto a no se n’intende de arte culinaria”(apre la borsetta ed estrae le chiavi dell’auto) “E ciavi da macchina. Se vedemmo” (esce)

Cecilia        :- “Scignorïa” (si appresta ad andare in cucina, quando suonano alla porta)

SCENA IV

(Cecilia – Maria)

(bussano alla porta)

Cecilia        :-(sbuffa) “Ma no se quëta mai… E oua chi gh’è?” (apre)

Maria          :- (entra con un cesto dal quale, sotto il tovagliolo, spuntano le zampe di un cappone, una bottiglia di latte)

Cecilia        :- “Ah, t’è tì?... Ma no t’hæ da sta apprêuvo ä Bianchinn-a e-a Celeste?”

Maria          :- “L’ho appenn-a laitæ[3] e te n’ho portôu ‘na bottiggia pe tì”

Cecilia        :- “Pe’ mì?...Oh, grassie Maria… no l’ea o cäxo”

Maria          :- “Ho visto o Nicolla tûtto regaggïo… O m’ha salûòu dixendome:<Spirito vagante t’hæ attrovôu o galante?>

Cecilia        :- “Se vedde ch’o l’ha ritrovòu o sæximo co no l’ha mai avûo”

Maria          :- “Ho sacciûo quello che l’è sûccesso durante o temporale. Finn-a e mæ due vacche tremavan dä puïja, coscì gh’ho fæto compagnia e se son aquetæ… Dimme ‘n po’, o Nicolla, segondo ti, che tipo o l’è?”

Cecilia        :- “No saviæ… O te piäxe eh?”

Maria          :- “No so manco mì… No gh’è tanta scelta in to pàise”

Cecilia        :- “Passa davanti a l’orto ch’o sta preparando, coscì ti o salûtti e ti te regoli. E poi datte da fa”

Maria          :- “E in che moddo?”

Cecilia        :- “Maria… addescite che son e donne che fan in moddo che l’ommo  o se pronunzie!”

Maria          :- “Ciao, vaddo… poi te conto..” (esce)

Cecilia        :- “Oh, ûn po’ de quete finalmente”

SCENA V

(Federico  – Michele)

Federico      :-(entra con Michele il quale ha con sé un sacchetto) “Cöse ti me voeivi dï?”

Michele       :. “Stamatinn-a, segondo e sêu disposizioìn, son andæto in cantinn-a a prelevâ ‘na bottiggia de Grignolin e ûnn-a de Bardolin e ascôso sotto o bancale ho attrovòu questo” (consegna il sacchetto)

Federico      :-(estrae quell’abito con gorgera ed ha uno scatto) “Ma questo o l’è… o l’è pægio a quello do quaddro! Come l’è poscibile?... O vestï do spirito do Marcheize do Carretto!”

Michele       :- “Coscì parrieiva”

Federico      :- “E comme o gh’è intròu in to sotterraneo?”

Michele       :- ”No saviæ… Questo ho attrovòu e a-o de fêua da Cecilia, ch’ha m’ha conseggiòu de parläne con voscià, nö sa nisciûn  ätro”

Federico      :- “Chissà perché gh’ho anche l’impresciòn che m’ammanche de bottigge. Appen-a poscibile faiemo l’inventäio”

Michele       :- “Comme scia comanda”

Federico      :- “Deve vegnï o marasciallo Lo Bue, se l‘è o cäxo te fasso ciammâ e ti ghe contiæ quello che ti m’è contòu a mi. Oa vanni a controllâ o generatô, o carburante e-a dà ‘n’êuggià. Chi sa che no t’attrêuvi quarcösa d’ätro”

Michele       :- “Vaddo, compermisso” (esce)

SCENA VI

(Federico – Angelica – Asdrubale – Camilla)

Angelica     :-(entra dall’esterno) “Ciao Fede… t’hæ fæto fïto” (vede quel costumesullasedia ed ha un sussulto) “Segnô beneito… ma quello o l’è…”

Federico      :- “A quanto parrieia o l’assomiggia a quello do spirito …dimmoghe, do marcheize”

Angelica     :- “E comme mai ti l’hæ tì?”

Federico      :- “L’ha attrovôu o Michele sotto a’n bancale da cantinn-a”

Angelica     :- “N’accapiscio o motivo”

Federico      :- “Quarchedûn o sta tramando a-e nostre spalle, ma o so o perché. So solo che se l’attrêuvo l’infio in to sêu vesti e-o særo in ta stansia de l’impiccòu!”

Angelica     :- “T’hæ parlòu cö marasciallo?”

Federico      :- “Scì. Arrivià primma l’Asdrubale e poi, con nonchalanche, ti m’avvertiæ che passa pe’ cäxo de chi o marasciallo pe’ salûäne”

Angelica     :- “Va ben, ma oua metti via quello vestì co me mette in anscietæ”

Federico      :- (nasconde il sacchetto dietro una poltrona)

(suonano alla porta e Angelica va ad aprire. Sono i Ballestrero)

Angelica     :-“Bongiorno… accomodæve”

Asdrubale   :- “Grassie pe’ l’invito… sei sempre gentili”

Camilla       :-“Spero che no ghe saian ciù fantaximi”

Federico      :- “A-o momento no, ma..” (sibillino) “..no se sa mai che i spiriti piggian corpo”

29

Camilla       ;. “Se penso a-o spaghiccio che m’è acciappòu quande l’è spuntòu quello do caretto…”

Angelica     :- “…o marcheize Del Carretto?”

Camilla       :- “Scì, quello lì, vestïo in te quello moddo strano…”

Federico      :- “Strano ai tempi d’anchêu ma allòa coscì vestivan i nobili….Diggo ben Asdrubale?”

Asdrubale   :-“Diæ de scì… in allòa… ma apparì vivo da ‘n quaddro, vestïo da sêu epoca..gh’è da tiäne fêua ‘na sola conclûsion. Che in te questo castello vagan di fantaximi e che mi…se fisse in ti, me a telieiva de brûtto”

Angelica     :- “Ah, m’ascordävo; Fede, ha telefonôu o marasciallo Lo Bue ch’o passava da ‘ste parti e o saieiva vegnûoa salûäne”

Federico      :-“E o l’arriva con quella… Fanny?”

Asdrubale   :-(scherzando) “Sempre amante de cöse belle o nostro inzegné”

Federico      :- “Anche l’occhio vuole la sua parte”

Angelica     :- “Fin che ti t’accontenti de ammiâ…”

SCENA VII

(Federico- Angelica – Asdrubale – Camilla – Lo Bue – Fanny)

(suonano alla porta e Angelica va ad aprire. Sono il maresciallo Lo Bue e Fanny)

Angelica     :- “Buongiorno signor maresciallo… Appuntata Fanny, benvenuta…Accomodatevi, prego” (scambio di saluti a soggetto) “Federico…piggia de careghe se no bastan”

Fanny         :- “Pe’ mì no l’è o cäxo; preferiscio sta in pé” (si piazza davanti alla porta che va all’esterno, mentre il maresciallo si siede)

Federico     :- “Sciò Marasciallo, zà che scià l’è chi vorriæ mosträghe ‘na cösa…”

Lo Bue       :-(tentando un impossibile genovese) ”Scià mi digghe”

Federico      :- “Scià lasce perde o zeneize… ch’o le bon de offendise… Scià se arregorda de l’apparizion durante quello temporale do..dimmoghe do spirito do Marcheize del Carretto?”

Lo Bue       :- “Certo che ricordo. È stato messo anche a verbale… Appuntata, non è                 che per caso hai il verbale…”

Fanny                  :- “No maresciallo; non era prevista la sosta qui dai signori Rossi”

Lo Bue       :-(all’ingegnere che nel frattempo aveva preso il sacchetto da dietro la poltrona)              “Allora? Mi voleva far vedere qualcosa?”

Federico     :-(estrae di colpo il vestito dal sacchetto e lo dà al maresciallo) “Questo!”

Asdrubale   :-(s’alza di scatto, guarda la moglie che riesce ad essere impassibile)

Lo Bue       :- “Ho visto il ritratto incriminato e questo è un abito che…”

Fanny           :-(interrompendo, allunga il braccio per avere il costume. Avutolo, guardia dietro il colletto e vede che vi è cucito il nome della ditta che affitta costumi teatrali) “Se permette maresciallo questo è un costume teatrale preso in affitto dalla ditta …“ (legge l’etichetta) “<Sipario aperto>”

Lo Bue       :- “Scopriremo chi ha richiesto il costume e procederemo in merito”

Asdrubale   :-(agitatissimo,  si slaccia il colletto, si deterge il sudore col fazzoletto)

Camilla       :- “Cöse t’hæ.. Ti t’è emozionòu a vedde quello vestï pensandoä puia

                     che me son piggia?... Tranquillo… Ti vediæ che o marasciallo o scistemmiâ tûtto”

Asdrubale     :-(imbarazzato) “Ma no te vegne mai ‘n’abbassamento de vöxe?”

Lo Bue         :- “Signori, un po’ di attenzione, prego. Signora Rossi, può ospitare i signori in altra stanza per darmi modo di ascoltare uno alla volta i presenti?”

Angelica       :- “Scià vêu interrogäne tûtti?”

Lo Bue         :- “Interrogare…che parola grossa…Intendo sentire le opinioni, i fatti per farmi un quadro della situazione e procedere, se del caso, a indagini mirate… Un’eventuale interrogatorio, se necessario, lo si farà presso di noi, supportati da un vostro avvocato di fiducia”

Angelica       :-(a Lo Bue) “C’è la biblioteca o la sala da pranzo”

Lo Bue         :- “Veda lei”

Angelica       :- “Biblioteca”

Lo Bue         :-(i presenti si alzano. Federico viene bloccato dal maresciallo) “Ingegnere, lei no. L’ascolterò per primo assieme a sua moglie. L’appuntata Fanny prenderà alcuni appunti”

Angelica       :- “Signor maresciallo, li accompagno in biblioteca?”

Lo Bue         :- “Sì” (alla carabiniera)

Angelica       :.- (ai Ballestrero) “Se voei accomodave a biblioteca savei dond’a l’è“

Lo Bue         :- “Appuntata…” (mima ti tenere d’occhi i Ballestrero)

Fanny           :-(cerca e trova la posizione adatta per osservare la porta della biblioteca)

Lo Bue         :- “Se è possibile sentirò anche la donna di servizio, e chi frequenta, o lavora presso di voi”.

SCENA VIII

(Federico – Angelica – Lo Bue – Fanny)

Lo Bue         :-“Ingegner Rossi, abbiamo visionato i filmati delle telecamere che, col vostro assenso, abbiamo installato nei sotterranei”

Angelica     :- “Cösa s’è visto?”

Lo Bue         :-“Innanzitutto che qualcuno ha pensato di bere alla vostra salute”

Federico       :- “Scià se spieghe mëgio”

Lo Bue         :-(sorridendo) “Qualcuno ha prelevato qualche bottiglia… Non so se per vostro ordine o per suo piacere”

Federico       :- “Se è Michele ha prelevato per mio ordine. Nessun altro è autorizzato”

Lo Bue         :- “E ‘sto Michele addò sta?”

Federico       :- “Dovrebbe essere in cantina per un censimento particolareggiato dei vini, che registrerò a computer tenendo carico e scarico dell’enoteca.

                     Tra l’altro Michele è il mio <tuttofare> ed è quello che ha trovato il costume del 1300 sotto un bancale”

Lo Bue         :- “Chi altri frequentano il castello?”

Angelica       :- “Cecilia, la donna di servizio e Nicola che fa il giardiniere e prepara un  orto alle spalle del castello”

Lo Bue         :- “Nessun altro oltre i signori Ballestrero?”

Fanny           :-(prende appunti scrivendo su un taccuino)

Angelica       :- “Ci sarebbe Maria, una contadina che mi porta i prodotti del suo orto, pollame e frutta”

Lo Bue         :- “Siamo riusciti a vedere, con l’aiuto dei nostri esperti, che dal filmato a raggi infrarossi, appare, come entrato dal nulla, una persona. Si pensa ad un’entrata e uscita segreta, che avverrebbe con lo spostamento di un tratto di muro del castello. Ne sapeva nulla lei?”

Federico       :- “Una parete che si sposta? Ma maresciallo le pare che se l’avessi saputo non avrei provveduto a bloccare l’intrusione di ladri in casa mia?”

Lo Bue         :- “Potremo localizzare la parete interessata con un sopralluogo. Ho già inviato la sequenza alla scientifica perché ottimizzi le immagini”

Angelica       :- “…‘na mûagia ca se sposta?...”

Lo Bue         :- “In attesa del risultato della scientifica farò esaminare questo costu-me… chissà che si possa trovare il DNA del...fantasma. Al momento non fate parola con nessuno di quanto abbiamo detto”

Federico       :- “Tranquillo, vêuggiovedde in to muro chi o l’è questo bell’agibbo”

Lo Bue         ;- “Sarà difficile che veda sul muro chi è l’intruso”

Fanny           :- “Maresciallo<muro> sta per <faccia>”

Lo Bue         :- “Ihh… Chisto ostrogoto è… mi faccia venire il giardiniere… Nicola mi pare e poi Michele”

Angelica       :- “Glieli mando io. Vegni Fede” (esce con Federico)

SCENA IX

(Lo Bue – Fanny – Nicolla – Michele – Asdrubale)

Fanny           :- “Ho preso gli appunti signor maresciallo. I signori Ballestrero sono sempre in biblioteca”

Lo Bue         :- “Teniamoli  nu poco sulla brace”

Nicolla          :- “Posso intrà?”

Fanny           :- “Scià vegne avanti”

Nicolla          :-(entra e si sente sulle spine) “Bo…bongiorno”

Lo Bue         :- “Buongiorno” (indicando la sedia) ”Si accomodi”

Nicolla          :-(siede, ma agitato com’è prende male le misure e scivola a terra)

Fanny           :-(interviene e l’aiuta a sedersi)

Lo Bue         :- “Ma che mi combina?... Di che ha paura… deve solo rispondere a qualche domanda”

Nicolla          :- “È che mi sono assettato in bilico…(si rigira il berretto tra le dita)

Lo Bue         :- “Se è assetato poi berrà. Allora lei è?”

Nicolla          :- “Nicolla”

Lo Bue         :- “Con dueelle?”

Nicolla          :- “O pe’ mi l’è o mæximo…”

Lo Bue         :- “Nicola e poi?”

Nicolla          :- “Benvenuto”

Lo Bue         :- “Grazie del benvenuto… Com’è di cognome!”

Nicolla          :- “Benvenuto: Benvenuto Nicolla”

Fanny           :-(prende appunti)

Lo Bue         :- “Quale mansione svolge nel castello?”

Nicolla          :- “Zappo”

Lo Bue         :- “Sia più preciso”

Nicolla          :- “Zappo dietro il castello per farci un orto e qualche volta dò anche una mano a Maria che cià le vacche”

Lo Bue         ;. “In che senso dà una mano a Maria”

Nicolla          :- “Ma no… i sensi no gh’intran…”

Lo Bue         :- “Va bbuò. Andiamo avanti. Mi dica, lei ha accesso ai fondi del castello?”

Nicolla          :- “Ancora no. L’ingegnere ha comperato il water il bidé ma il cesso ancora non c’è”

Lo Bue         :- “Lasciamo perdere…Ci risulta che almeno una persona ha preso delle bottiglie dalla cantina… ne sa nulla lei?”

Nicolla          :- “Ci vado giù di sotto se me lo ordina l’ingegnere per fare un po’ di <polizia>”

Fanny           :- “Vorrà dire <pulizia>”

Nicolla          :- “Si, a nettezzare insomma”

Lo Bue         :- “Non ha mai sottratto qualche bottiglia da l’enoteca?”

Nicolla          :- “Da l’enoché? Mai, da quel posto li mai..ce lo giuro sulla sua testa”

Lo Bue         :- “Non dica sciocchezze. Ha mai visto cose strane, specialmente quella famosa sera del temporale?”

Nicolla          :- “Ci dico. Quella sera che dicono di aver visto il fantasma, veniva già un’acqua che non ci dico… anzi ci dico: ho visto un’ombra arrembata al muro mentre andavo a casa mia”

Lo Bue         :-(a Fanny) “… <muro> che sarebbe la faccia. Dico bene Fanny?”

Fanny           :- “No maresciallo , in questo caso, in italiano, è muro”

Lo Bue         :- “Capito. Così signor Nicola lei ha visto un ombra vicino al muro?”

Nicola           :- “Si, al muro di quella torre che chiamano <torrone> o torrione…E me son dïto: <ma cöse o ghe fa quello lì con quest’ægoa che derrûa?> Ho pensòu a ‘na necessitæ urgente. Poi o l’è sparïo, o foscia con quell’ægoa che vegniva aviòu visto mä”

Fanny           :- “Scià no l’ha dïto a l’inzegne?”

Nicolla          :- “No.. No me pàiva o cäxo”

Lo Bue         :- “Interessante. Può andare per adesso signor Benvenuto”

Nicolla          :- “Grassie” (si alza ed esce lestamente scontrandosi con Michele che entrava)

Michele         :- “Ma ammia dovve ti væ”(ai carabinieri) “Buongiorno”

Lo Bue         :- “Si accomodi… Lei è?”

Michele         :-(siede) “Pesce Michele”

Lo Bue         :-(mostra il costume ) “Èlei che ha trovato questo costume?”

Michele         :- “Scì e l’ho consegnôu sûbito a l’inzegne”

Lo Bue         :- “Le risulta che ci sia un eventuale passaggio segreto che dai sotterranei conduca all’esterno?”

Michele         :- “Questo nö so, ma l’è noto che in ti vëgi castelli existeivan de vie

                     de fuga a eventuali assedi. A di a veitæ, che mi sacce, a nisciûn gh’è vegnûo in mente de fa de ricerche in questo senso“

Lo Bue         :- “Ha mai visto qualche estraneo ad aggirarsi attorno al castello, specialmente la famosa sera del temporale?”

Michele         :- “No vorriæ mette in ti guai quarchedûn co no gh’intra. Ho visto ‘na sagoma ca l’assomeggiava a quella do Nicolla, arente a-o torrion”

Lo Bue         :- “Il signor Nicola me l’ha riferito, aggiungendo che gli è parso di vedere un’ombra che improvvisamente è sparita. Questo mi induce a pensare che esiste un passaggio occulto alle basi del torrione”

Michele         :- “Saià ben fä di accertamenti perché mi no creddo ai fantaximi”

Lo Bue         :- “Grazie signor Pesce. Può andare”

Michele         :-(si alza e si avvia all’uscita salutando) “Scignoria”

Lo Bue         :- “Appuntata, mi faccia vedere gli appunti”

Fanny           :- “Spero siano comprensibili. Ma glieli trascrivo poi in modo chiaro”

Lo Bue         :- “Chiama tutti coloro che hanno a che fare col castello”

Fanny           :- “Agli ordini. Intanto chiamo i Ballestrero” (esce)

SCENA X

(Lo Bue - Fanny - Camilla - Asdrubale - Angelica - Federico - Michele -Nicolla - Cecilia - Maria)

Lo Bue         :-(dà una scorsa agli appunti presi da Fanny, quando, alla chetichella, entrano Camilla e Asdrubale)

Asdrubale     :-(accenna ad una protesta)  “Scià n’ha fætoaspëttà ben ben… Ma noiätri cöse gh’intremo con i carabiné?”

Lo Bue         :-“Siccome la sua signora ha visto il fantasma del quadro ci è utile la sua testimonianza e vi accomodate là…”(accenna due posti a sedere)

Camilla         :- “Vegni, assettemmose Asdrubale” (siedono)

                          (entrano Michele, Nicolla e Cecilia che si appartano. Le donne potrebbero anche sedersi)

Fanny           :-“Maresciallo, devo far entrare anche la signorina Maria?”

Lo Bue         :- “Ma si, così faremo anche la sua conoscenza”

Fanny           :-(fa cenno a Maria di entrare e questa si avvicina a Nicolla)

Angelica       :-(entra con Federico e siede). Si sente del brusïo, del parlottare a ruota libera)

Lo Bue         :- “Un po’ di silenzio per favore, così ci sbrighiamo presto. È solo un preliminare delle nostre indagini, dopo di che sarà compito della Magistratura qualora sia il caso procedere. Una prima cosa appare certa; ossia che in tutta questa faccenda di rumori, di lamenti notturni, apparizioni di fantasmi, il burattinaio è fra di voi”

Tutti             :-(parlano, si crea confusione, protestano dicendo: <Mi no son de segûo>..<mi manco><no l’è poscibile> Asdrubale che si lamenta e che vuole un avvocato…”

Federico       :- “Maresciallo… scià l’è segûo?”

Asdrubale     :-(al maresciallo) “Voscià scià no l’ha nisciûn diritto de fa de accûse contro nisciûn di presenti e mi… io, parlerò con chi di dovere e lei non la passerà liscia perché ha fatto un vero e proprio sequestro di persona!”

Camilla         :-(impaurita) “Stanni calmo Asdrubale”

Lo Bue         :- “Ma lei, dopo che avrò tratto le mie conclusioni, sarà libero, come tutti, di tornare a casa propria, perché non c’è alcun sequestro di persona. Solo che, se sarà sottoposto alle indagini della Magistratura, dovrà mettersi a disposizione della legge, ed è compito mio presentare l’antefatto affinché intervenga la legge. Chiaro?”

Federico       :- “Maresciallo, mi dica: qual è il motivo?”

Lo Bue         :- “Ingegnere… volevano indurlo a cedere il castello, con la scusa dei fantasmi, dei lamenti, per un prezzo stracciato e trasformarlo in un albergo il quale, propagandando la sua storia in parte vera,avrebbe attratto clientela facoltosa”

Nicolla          :- “Tranquilli amïxi, no semmo de segûo noiätri a accattà o castello”

Tutti             :-(al di fuori dei Ballestrero, tutti puntano lo sguardo su Asdrubale)

Angelica       :-(amareggiata) “No l’è poscibile”

Cecilia          :- “Tombola!”

Federico       :- “Asdrubale?! “

Lo Bue         :-”Non solo, masua moglie ha attivamente partecipato alla messa in scena”

Camilla         :-(rivelando la sua vera natura in contrasto con la finta mitezza) “Balle!... Ei visto tûtti che me son spaventà quando ho visto o fantaxima e tûtto o resto… tanto l’e vea che me vegniva d’andà sempre in toilette”

Fanny           :- “Scià l’ha recitòu ben… scià l’ea za pratica pe’…”

Lo Bue         :- “… per un altro raggiro simile ai danni dell’impresa edile Càroli”

Maria           :-“Son contenta che o Nicolla o no gh’intra”

Michele         :- “Cöse ti ne dïxi Nicolla con due elle…”

Nicolla          :- “Diggo che chi no vêu avei di crûzi, se ne stagghe in ti sêu panni”

Federico       :-(ad Asdrubale) “Oua accappiscio quande ti me dixeivi de lascià o castello e ritornà in çittæ… E mi che me fiävo de ti”

Asdrubale     :_ “A l’è tûtta ‘na macchinaziòn…”

Federico       :- “… che t’hæ organizòu tì”

Lo Bue         :- “Abbiamo arrestato il sedicente marchese del Carretto… È      un guitto, discreto e spiantato attore, che risponde al nome di Ettore Gallo.  Un nostro carabiniere ha pedinato la signora Ballestrero e l’ha ripresa col telefonino mentre passava un foglio che Gallo ha messo in tasca. Caso ha voluto che nell’estrarre il fazzoletto dalla tasca gli sia caduto il foglio che il mio incaricato ha raccolto”

Federico       :- “… e cöse gh’ea scrïto?”

Lo Bue         :- “La parte storica del marchese del Carretto, che Gallo ha recitato al

                   posto del quadro. Certamente la signora Ballestrero ne ha fatto copia”

Asdrubale     :-(inviperito) “Le prove, mancano le prove!”

Lo Bue         :- “Presenteremo la denuncia e le prove al magistrato che procederà”

Angelica       :- “E brava Camilla… mi te invitavo a pranzo a casa mæ e ti t’ei pronta a däme ‘na cotellà in ta schenn-a…”

Camilla         :-(col pianto in gola) “Asdrubale… coss’emmo fæto..”

Asdrubale     :- “Täxi stondâia”

Federico       :- “Sciò maresciallo… Mi no me sento de presentà denunzia contra de loiätri, anche se voeivam famme svende o castello”

Angelica       :- “Bravo Fede.. son con ti”

Lo Bue         :- “Io però devo presentare in un rapporto il fatto accaduto. Penso che se manca la vostra denuncia tutto vada per il meglio, anche se si tratta di una tentata truffa”

Camilla         :- “Davei faiesci questo pe’ noiätri?”

Angelica       :- “Sci.. ma çerchæ de no fälo ciù”

Michele         :- “Però, me domando comme o l’ha fæto a intrà in ti sotterranei”

Asdrubale     :- “Visto che l’inzegne Federico o s’è dimostròu magnanimo in ti nostri confronti… ve diòu mì dovve gh’è opassaggio segreto”

Lo Bue         :- “Allora esiste davvero… E come l’ha scoperto?”

Asdrubale     :-“In un vecchio baule di un rigattiere ho trovato antichi disegni e map-pe ed era segnato questo passaggio segreto che solo dopo ho scoperto fosse di questo castello. Federico, te o mostriòu mi coscì ti pêu mette in atto e precauzioin necessäe”

Cecilia          :- “Meno male che i fantaximi no ghe son”

Michele         :- “Se i creemmo con a nostra fantaxia, o comme oua, tûtta ‘na finta”

Federico       :-“Gh’è vêu ‘n brindisi pe’ a fin da stöia… Marasciallo posso mandà in cantinn-a o Michele a piggiâ ‘n pâ de bottigge de quello bon?”

Lo Bue         :- “Faccia pure”

Cecilia          :- “Scià Angelica, preparo intanto i gotti”

Angelica       ;. “Ammia in ta vedrinetta, se n’ammanca ti i piggi in cûxinn-a”

Michele         : (si sente un botto, come lo scoppio di un petardo ed appare Michele con i capelli dritti il viso bianco. Trema e tiene due bottiglie inmano,  spaventatissimo tartaglia e verso il pubblico conclude)

”Ifan-fantaximi?... ma… no exi- existan!

Si chiude il sipario

FINE

                                           -


[1] Sciornia – scoiattolo

[2] Biscambiggia – gioco della briscola

[3] Alleitæ - munte

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno