I miracoli di una pastiera

Stampa questo copione

I

MIRACOLI

   DI   UNA

PASTIERA

COMMEDIA   COMICA in 2 tempi

DI

    

    S A L V A T O R E    P A O L I L L O

NAPOLI, 21 giugno ’05                                    Codice opera 903654A

Personaggi   e   tipi

1.         RAFELE   CROCE           Pittore di nudi

2.         ROSA                                 Moglie di Rafele

3.         SOFIA                                Suocera di Rafele

4.        AZZURRA                          Figlia di Rafele

5.        ANGELA                             Sorella di Rafele

6.        ADA FANALOF                 Nobile decaduta

7.        PEPPINO VESPASIANO  Figlio di Agnese

8.       ARTURO MALACQUA     Iettatore - sensitivo

9.       AGNESE DELIZIA                    Abitante del palazzo

10.    VINCENZO SIFONE           Idraulico

11.    ALFONSO MANDRILLO  Amico di Rafele

P E R S O N A G G I

RAFELE   CROCE

UOMO DI MEZZA ETA’, CON OCCHIALI E BARBA. ARTISTA NON AFFERMATO CHE SBARCA IL LUNARIO DIPINGENDO NUDI FEMMINILI E NATURE MORTE. VIVE UN RAPPORTO CON LA MOGLIE, COSTERNATO DA CONTINUI LITIGI, A CAUSA DI MANCANZA DI DISPONIBILITA’ ECONOMICHE. ANIMO SENSIBILE E CARATTERE ACCOMODANTE, MA NON INGENUO. TIC ( METTE IL DITO MIGNOLO DX NELL’ORECCHIO ).

                                               ROSA  

CASALINGA, MOGLIE E MADRE DI MEZZA ETA’, ANCORA PIACENTE, MA SCIATTA NELL’ABBIGLIAMENTO E NEI MODI. ADDOSSA TUTTE LE COLPE DI UN MENAGE FAMILIARE SCADENTE AL MARITO, POICHE NON HA UN LAVORO TRADIZIONALE, E NON RICONOSCE ALLO STESSO ALCUN TALENTO ARTISTICO. SCULETTA QUANDO SI ARRABBIA.

                                  AZZURRA  

STUDENTESSA DELLA FACOLTA’ DI MEDICINA. GELOSA DEL SUO ABBIGLIAMENTO, LITIGA SEMPRE CON LA MAMMA. AIUTA NELLE FACCENDE DOMESTICHE, MA E’ INCAPACE DI LAVARSI IL PROPRIO VESTIARIO, PERCUI E’ COSTRETTA A RICORRERE ALL’AIUTO DELLA MADRE E DELLA NONNA, CON SEGUITI A VOLTE PARADOSSALI. DIFENDE IL PADRE, NEI FREQUENTI LITIGI CON LA MADRE.

                           VINCENZO  SIFONE

IDRAULICO SUI GENERIS. TUTA E SCARPE DA LAVORO, CASSETTA DEGLI ATTREZZI A TRACOLLO. COPPOLA IN TESTA E MOZZICONE DI SIGARETTA IN BOCCA. TIC ( SI STROFINA LE MANI E SI GRATTA SUL COLLO ).

SOFIA  

SUOCERA DI RAFELE, ATTEMPATA CON PROBLEMI DI ARTROSI.

VIVE IN CASA CON LA FIGLIA, E FA FRONTE COMUNE CON LA STESSA CONTRO IL GENERO. MANGIA SPESSO E CERCA ANCHE DI FREGARE IL CIBO DEGLI ALTRI. ASSUME FARMACI PER VARIE PATOLOGIE FACENDO CONFUSIONE CON PRODOTTI ED ORARI, A VOLTE ANCHE SCADUTE, CON LE DOVUTE CONSEGUENZE.

                                     ADA   FANALOF

DONNA DI NOBILE ORIGINE. ABITA NEL PALAZZO DELLA FAMIGLIA CROCE. SPENDACCIONA E DEDITA ALLO SFARZO. APPREZZA MOLTO LE DOTI ARTISTICHE, E NON SOLO, DI RAFELE, FINO A CERCARE DI CIRCUIRLO SENTIMENTALMENTE. VUOLE PER FORZA ESSERE DIPINTA NUDA, PER OVVI MOTIVI, MA ROSA MANDA ALL’ARIA QUESTO DESIDERIO. VESTE IN MODO ECCENTRICO, ED HA ALCUNI TIC ( SBATTE IL PIDE DX A TERRA E ALZA VELOCEMENTE LA SPALLA SX ).

PEPPINO   VESPASIANO

DETTO PIPI’. FIGLIO DI AGNESE DELIZIA. NON E’ MAI RIUSCITO AD AVERE ALCUN RAPPORTO CON LE DONNE. GOFFO NEL PORTAMENTO. SPILLUCCA DOLCI E CARAMELLE CONTINUAMENTE. HA SEMPRE IN MANO UN OROLOGIO DA TASCHINO, GUASTO, PERCHE TROPPO SPORCO DI GRASSO, EREDITATO DAL PADRE FERROVIERE. TIC  ( SI TOCCA LA PANCIA E PIANGE ).

                                     ARTURO   MALACQUA

INQUILINO DEL PIANO DI SOPRA DI RAFELE. HA FAMA DI JETTATORE E SENSITIVO. VESTE SEMPRE DI NERO, CON OCCHIALI SCURI, BOMBETTA E GUANTI NERI. VEDOVO DI FRESCA DATA. HA UNA VENERAZIONE DEL TUTTO PERSONALE PER LA BUONA ANIMA. UN PO’ SPILORCIO E FICCANASO DI TUTTO QUELLO CHE SUCCEDE NEL PALAZZO, ED IN PARTICOLAR MODO NELLA FAMIGLIA CROCE.  TIC ( RESPIRO LUNGO ACCOMPAGNATO DA MOVIMENTO DEL COLLO ).

AGNESE   DELIZIA

SIGNORA ATTEMPATA, ABITANTE DEL PALAZZO, VESTE ALLA BUONA, VEDOVA CON UN FIGLIO MOLTO COMPLESSATO, CHE GLI CREA MOLTI DISAGI, A CAUSA  DELLE CONTINUE RICHIESTE DI DOLCIUMI. SBARCA IL LUNARIO FACENDO LAVORI DOMESTICI AD ORE. RIPONE IN RAFELE CROCE UNA GRANDE STIMA, FINO A CHIEDERGLI UN RIMEDIO PER LA SITUAZIONE DEL FIGLIO.

            

ALFONSO   MANDRILLO

AMICO DELLA FAMIGLIA CROCE. EX MARESCIALLO DELL’ESERCITO IN CONGEDO. OSSESSIONATO DA UNA DISFUNZIONE ERETTILE

( IMPOTENZA ), CHE GLI CONDIZIONA L’ESISTENZA, SIA FAMILIARE CHE DI RELAZIONE, A CAUSA DELLA CONOSCENZA DI AMICI E PARENTI DEL SUO PROBLEMA FISICO. CHIEDE, CONTINUAMENTE, AIUTO A RAFELE, AFFINCHE ESCOGITI UN RIMEDIO PER IL SUO PROBLEMA.

TIC  ( SI TOCCA LE PARTI INTIME, METTENDO LE MANI IN TASCA, E PIANGE ).

ANGELA

SORELLA DI RAFELE. ZITELLA ATTEMPATA. VESTE ECCENTRICAMENTE E VIVE CON IL FRATELLO. HA SEMPRE FAME QUINDI E’ CONTINUAMENTE ALLA RICERCA DI CIBO. VIVE UN RAPPORTO CON IL RESTO DELLA FAMIGLIA MOLTO MARGINALE. NON APPENA SI PRESENTA L’OCCASIONE CERCA DI AMMALIARE TUTTI I MASCHI CHE GLI CAPITANO, CON L’OBIETTIVO DI MARITARSI.

                                      

PRIMO   ATTO

(Appena si apre il sipario, è in scena Angela, appena svegliata. Sta ancora in pigiama, e prima che si svegliano altri membri della famiglia, fruga tutto intorno in cerca di qualcosa da mangiare).

ANGELA            Tengo ‘na fame ca me mangiasse nu ciuccio ‘a brodo. Famme

vedè si coccheduno s’ha scurdate coccosa ‘a magnà, ( fruga intorno, ma non trova niente ), niente…niente… e quando mai ccà se scordono ‘na tozzola ‘e pane. Dinto ‘a cucina stà cainatema, è inutile ca vaco a vedè. ( al pubblico ) Figurammece… chella è ‘na carabiniera, ‘a sera nun fa manco furnì ‘e strafucà ca subbeto leva tutto cosa ‘a miezo e… ( entra in scena Sofia )

SOFIA                 Uhee tu già te si sesuta… buongiorno Angelì!

ANGELA            Buongiorno ‘Onna Sofì!

SOFIA                 Comme mai già sveglia?

ANGELA            Noo, sapite comm’è ‘Onna Sofì, stammatina tengo ‘na certa

liquidezza ‘e stomaco ca nun m’ha dato pace tutt’ ‘a nuttata, e allora me songhe svegliata presto!

SOFIA                 Overo, e tu magnate coccosa! ( rivolta al pubblico ) Mica solo stammatina chesta tene fame!

ANGELA            E che me magno? Cà nun ce sta mai niente… dinto ‘a cucina pare

ca è passato nu tornado e s’ha purtato tutte cosa! Uffa, io se nun magno divento brutta!

SOFIA                 ( canzonandola ) Se è pe’ chesta pure si magne fai nu pucurillo

schifo! Nun te disperà và dinto ‘a stanza toje, ca mo te porto nu poco ‘e trippa d’ajere sera… uhee però nun piglià ‘o vizio… e soprattutto nun dicere niente a nisciuno… si no furnimme e fa!

( escono, rispettivamente da dove sono entrate, dalla cucina si odono delle voci )

ROSA                 (dd) Si ‘o bbuò t’‘o piglie ca si no t’‘o dongho ‘nfaccia…

RAFELE            (dd) Tu dai ‘o thè ‘nfaccia a mme? Hai ragione ca songhe nu

 signore, e nun me sporche ‘e mmane cu te! Vaiassa!

ROSA                 (in scena) M’ero scurdata… ca m’aggio spusato ‘o figlio ‘e Navarra a Tuledo! Ma famme ‘o piacere… nuje nun tenimmo ‘e che magnà, e chillo vò  fa colazione ca ‘a ciuccolata! Pecchè la sua mammina così l’ha abituato! Ohi nè ma vide addò e ‘a  ì a rubbà! Ma fance ‘o piacere!

RAFELE             (entrando) ‘Na lavannara… ‘na lavannara… ecco a chi m’aggio spusato! Io me meritavo ‘n’ata mugliera… no a te! Ma vedite si nu signore comme me adda fa sentì ‘sti chiassate dinto ‘o palazzo a primma matina! E pe’ checcosa po’? Per una volgare tazza di cioccolata!        

 ROSA                          E si nun bbuò fa sentì ‘e chiassate, comme dice tu, va a faticà e

puorteme e denare pe’ fa ‘a spesa e io te compro ‘a ciuccolata!

RAFELE             E c’è bisogna ca fai tutta ‘sta tiritera… ‘na mugliera comme si

deve… già ma tu… ‘na popolana… che bbuò capì… dunque dicevo ‘na mugliera che si rispetta, ma soprattutto, ‘na mugliera ca rispetta ‘o marito, p’‘a pace e p’‘a quietudine, risponde: amore, dolce amore mio la cioccolata che a te piace tanto è finita. Adesso vado subito a comprarla. E la pace della famiglia continua. Ma tu no… dunque… ‘a pozzo avè ‘na tazza ‘e ciucculata cavera pè fa colazione?

ROSA                 ( ironizzando ) Amore la cioccolata è finita… c’è il thè di ieri che ha rimasto mammà, quello ascarfato è molto bbuono… ohi nè si nun te ne vai te mengo ‘a tazza ‘nfaccia… cà Dio ‘o sape si oggi magnamme… e chillo vò ‘a ciucculata… ma fammo ‘o piacere!

RAFELE            ( uscendo ) Niente nun c’è verso da civilizzà nu poco… vaiassa!

( destata dalle voci, entra in scena Donna Sofia, claudicante, e rosicchiando una scorza di formaggio )

SOFIA                 Nheee ma che stato? Chedè ‘sta zazuela a primma matina?

( vede Rosa e la saluta ) Buongiorno Rusì!

ROSA                 Buongiorno mammà! Aggio fatto ‘n’ata vota storia cu

mariteme! Comme te siente oggi mammà?

SOFIA                 E comme m’aggia sentì figlia mia…? ‘Sta artrosi me sta

accidenno…oggi po, sarà ‘o tiempo… ma ‘e denocchie nun ‘e pozzo proprio movere!

ROSA                 Assettate ‘ncoppa ‘o divano mammà… nun t’affaticà… ‘a vuò

                            ‘na tazza ‘e thè?

SOFIA                 Si bella e mamma toje, e puorteme pure duje biscotti! Anzi e

                   biscotti puortamenne quatte… ma pure otto!

ROSA                 No te ne porto quarantotto… mammà ma addo stanne ‘sti biscotti?

SOFIA                 Ma comme ‘a scatola ‘e biscotti, c’aggio regalato a Azzurrina

‘o compleanno suoje è già furnuta?

ROSA                 Mammà ‘o compleanno d’Azzurrina è venuto nu mese e

miezo fa! E po’ cà quanno mai ‘na cosa e magnà è durata chiù e ‘n’ora? ( si odono delle voci, Azzurra entra in scena, arrabbiata, con una maglia in mano, insieme ad Angela )

ANGELA            ( al centro della scena ) Cà stà mammeta ohì, vedatella cu essa!

AZZURRA                  E’ succieso ‘n’ata vota! Mammà, ma comme l’aggio dicero ca ‘a

robba mia ‘a voglio essere lavato aspartato! ( vede la nonna e la saluta ) Buongiorno a nò!

SOFIA                 Buongiorno… buongiorno! Pecchè staje alluccanno Azzurrì?

AZZURRA         E nun se vede pecchè stongo alluccanno? ( mostrandogli la maglia che ha in mano ) Vedite ccà comme è ridotta ‘sta maglia? Tutta scagnata… ‘o verde de’ maniche è ghiuto ‘mpietto… ‘o russo dò culletto è divintato paonazzo… e po’ ce sta ‘na macchia ‘e niro, ca sicuramento sarà de’ cazettielli e papà! ( la mamma arrabbiata risponde )

ROSA                  Uheeeeè, uheeeè… si nun te piace comme te lavo io e panni, mannali ‘a lavanderia…  si no lavatelli tu! Io abbastantemente chello ca faccio! Azzooò… ( esce di scena sculettando)

ANGELA            Famme ì a ricettà ‘a stanza mia và primma ca se fa l’ora ‘e magnà… a proposito ‘Onna Sofì io stonghe ancora aspettanno chella ammasciata! ( esce )

SOFIA                 ( appena si è accertata che Angela è uscita, con albagia ) E hai voglia d’aspettà, bella mia!

AZZURRA                  ( incollerita ) A nò, avite visto comme me tratta?

SOFIA                 Avita passà nu guaio tutte e ddoje! Ma vedite ‘o cielo io che

aggio passà… cu ‘n’artrosi ca tengo… avessa stà dinto a ‘na campana… chelle danne certi allucchi…io tengo pure ‘o stommaco vacante!

AZZURRA         ( ironizzando ) Ma pecchè cara nonnina, l’artrosi ‘a tiene dinto ‘e recchie, e ‘o stommaco? ( esce )

SOFIA                 Scustumata… puorteme rispetto e capì… si no ciò dico a

                            patete… e viva a essa! ( entra Rafele )

RAFELE             Aaah ‘a vaiassa madre stà ccà… ( marcato ) buongiorno mammà!

SOFIA                 ( arrabbiata ) Ma quale mammà e mammà! Tu me chiammà Donna Sofia, comme te l’aggio dicere! Tu si fusse stato figlio a mme, io t’avesso sciuoveto ‘o vellicolo!

RAFELE             Uuuh scusate, madame chichierchia… io se ve chiammo

                            mammà e pe’ rispetto, e per educazione ecco… anche pecchè se

proprio ‘o vulite sapè… si vuje fusseve state mamma a me io… io…v’avesse mise doje dete ‘nganne, mamma e bbona… ma famme stà zitto và…! Io songhe ‘n’animo sensibile… ‘n’anima nobile… nu signore insomma!

SOFIA                 ( alzandosi a fatica si avvia verso la sua camera ) O vero…

signò… anima nobile vide ‘e fà coccosa ‘e sorde pecchè ccà avimma fa ‘a spesa pe’ cucinà… si no ( ironica e atteggiosa ) anima sensibile, oggi nun se magna! ( Si ferma sulla porta della sua camera )

RAFELE             E chesto è tutto l’interesse ca teneno dinto a ‘sta famiglia! Ma

dico io comme se fa di fronte alla bellezza… alla poesia… al talento che da questi pennelli viene fuori, pensare al volgare cibo… ( gridando ) io so’ nato pe’ tenè ‘o penniello ‘nmano!

SOFIA                 ‘O vero! Si nato pe’ tenè ‘o penniello ‘nmano? Allora miettete a fa ‘o barbiere, accussì magnammo tutti quanti! ( esce )

RAFELE             Pensare al volgare cibo… certo però ca nu poco ‘e liquidezza ‘a tengo pure io… e certo nun  aggio fatto manco colazione! E pe’ forza… chella ‘a vaiassa me vuleva dà ‘o thè… chella bustina e thè sta jenno a ‘nanze e a ‘reta a ‘na semmana… ( al pubblico ) figurateve ca pure l’acqua quanno ‘a vera dice, staje ‘n’ata vota ccà… e datte pace, arrepuosate ‘nu poco! ( Azzurra entrando ha sentito solo le ultime parole ).

AZZURRA                  Papà buongiorno… chi è ca s’add’arrepusà?

RAFELE             Nisciuno bella e papà… nisciuno, ma pecchè primma stive alluccanne cu mammete? Che succieso?

AZZURRA                  Comme ‘o solito m’arruvinato e panni! E vuje ‘o sapite ca io

tengo tutte robbe griffate ‘nguolle! ( gesticolando ) E mo me scagne ‘na maglietta… mo nu jeans… mo ‘na camicetta… ma mammà che se crede ca io vaco a mettere ‘a fune ‘a notte… ‘o vizio ‘e mettere tutte cose dinto ‘a lavatrice, a 90 gradi, nun so vò levà sa… ce l’aggio ditto ciento vote ca e panni mieje s’hanno lavà a mano e aspartate!

RAFELE             ( accomodante ) Va bbuò bella ‘e papà, tiene ‘nu poca ‘e pacienza… sai comm’è… chella pe’ fa a ‘mbressa… ( suonana alla porta ) Và a vedè chi è c’ha suonato? ( Azzurra và ad aprire la porta )

AZZURRA                  (dd) Buongiorno, accomodatevi… ( rientrando in scena ) papà

è Don Arturo Malacqua… vò a te! ( con uno strofinaccio incomincia a spolverare )

RAFELE             ( gli casca tutto quello che ha in mano ) Madonna ‘o jettatore...

MALACQUA     Buongiorno ‘on Rafè… vi ho sentito… e nun stà bene… vuje

‘o sapite ca io ve voglio bene… e invece pure voi… ‘sta voce ca io porto jella… songhe nu malaurio… nun stà bene… nun stà bene!

RAFELE             Ma vedite ‘on Artù… chillo ogni vote ca se pronuncia ‘o

nomme vuoste… succede coccosa… e allora…

MALACQUA     ( prontamente ) E allora niente… niente don Rafè… ma insomma ca s’adda furnì cu ‘sti male lengue ‘nguolle a me!

RAFELE             Va bbuò ‘on Artù comme vulite vuje… ma pecchè site venuto, che vulite? ( suonano alla porta ) Uffà ‘stà casa pare ‘nu supermercato, arriva sempe gente… (entra Alfonso )

ALFONSO          E’ permesso… buongiorno Rafè, ( vede Malacqua e inciampa e cade, urtando la testa ), madonna ‘o jettatore… ( da terra ) aaah che dolore… m’aggio spaccata ‘a capa, ( dalla tasca tira fuori un fazzoletto, e si tampona la testa ), pure ‘a capa ‘e coppa ce mancava…nun abbastava chella ‘e sotto… ( il rumore attira Rosa e Angela )

ROSA                  ( entrando ) Né ma che è stato? Uuuh Alfò che è succieso?

ALFONSO          Aggio caduto e me songhe rutto ‘a capa…

ANGELA            ( soccorrendolo ) E chillo ‘o cane a chi mozzeca… ‘o stracciato!

ROSA                  Fammi ì dinto và… permettete… ( rivolta ad Azzurra ) Azzurrì quanno è furnuto ‘e levà ‘a povere, vieneme a dà ‘na mano dinto ‘a cucina!

AZZURRA         Và bbuò mammà! ( Rosa uscendo canzona Alfonso, facendo un segno con le mani )

ROSA                  Alfò… chillo fatto chiù chiù… chiù chiù!

RAFELE             E vide si chella ‘a furnesce! Alfò và dinto và… vatte a mettere  nu poco ‘e spireto! ( Alfonso si avvia verso la cucina ) Dunque dicevamo... ‘on Artù pecchè site venuto? ( interviene Angela )

ANGELA            ( facendo scena ) Scusate io mi ritiro… voi dovete parlare di cose di uomini… e nun stà bene ca ‘na figliola zitella stà presente… permettete…

MALACQUA     ( fa alcuni passi per accompagnarla ) Prego… prego… buona giornata simpaticona! ( tira fuori dalla tasca una foto ) Don Rafè m’avite fa nu ritratto da’ buon anima ‘e Nunziatina, ce l’aggio mettere ‘ncoppa ‘o fuosso, cu ‘na bella curnice e 24 lumini!

RAFELE             Vedo ca c’è un certo trasporto verso mia sorella… me fa piacere… ( pigliando la foto in mano, con tono dubbioso ) E nun ce putite mettere ‘sta fotografia… ‘o ritratto me pare ‘n’esagerazione…

MALACQUA     ( sorpreso ) Vuje vulite pazzià don Rafè… Nunziatina mia adda essere ‘a chiù bella pure dinto ‘o campusanto! Aggia fa cose ‘e pazze… non bado a spese… quanto costa costa… qualunque cifra…

RAFELE             E va bbuò… ( convinto ) comme ‘o vulite… a olio, a cera, a mezzo busto oppure… ‘o vulisseve a…

MALACQUA     ( subito ) Avite fa ‘na cosa grandiosa, v’aggio ditto ca non bado a spese!

RAFELE             Allora ‘o facimme a olio, 60 x 60, e ce mettimmo ‘na curnicia ‘e

legno pregiato ‘ncoppa a nu fondo ‘e velluto con lamine d’oro! E ma chesta ve costa 4500 € ‘on Artù!

MALACQUA     Don Rafè, ma vulite pazzià… e chi me dà ‘sti sorde!

RAFELE             Eccolo là… ( gesticolando ) non bado a spese… ‘na cosa grandiosa… qualunque cifra… va bbuò, aggio capito, allora ‘o facimme 40 x 40 e ce mettimmo ‘a cornice d’ottone e ‘a tela ca pittura dorata, accussì spendete solo 2500 €, site cuntento?

MALACQUA     Nooo, chella a muglierema nun ce piaceva ‘a cornice attone…

                            facimme ‘na cosa chiù economica don Rafè!

RAFELE             ( spazientito ) Allora ‘o vulesseme fa 15 x 15, ‘ncoppe a ‘na tavoletta e cu nu crocco a ‘reta… accussì ve n’ascite cu solo 150 €? Che dicite don Artù?

MALACQUA     Nooo… io dicesso se me putite fa ‘na fotocopia ‘e chesta

fotografia… accussì ce mettimmo ‘na cosa naif ‘ncoppa ‘o fuosso… ve pare… e avite pazienza don Rafè… p’‘a fotocopia… nun tengo ‘e spicce, se putite anticipà vuje! Io po’ ve ne manno tutte benedizioni! ( Azzurra interviene prontamente )

AZZURRA         ( sottovoce al pubblico ) Mo ‘o sputo ‘nfaccia a chisto… ( alzando il tono ) Famme ì a via dinto va… primma ca don Arturo manda qualche benedizione pure a me… (esce di scena facendo le corna)

RAFELE             ‘On Artù, in questo momento si sapisseve che ve vulesse dicere… ma nun trovo ‘e parole… e allora…( esce Rosa dalla cucina, con un piatto in mano, contenendo una mezza fresella e mezza mela )

ROSA                 Madonna ‘o jettatore stà ancora cca… ( inciampa e casca a terra)

MALACQUA     ( atteggiato ) Ma che passano ‘e femmene quando me vedono?

ROSA                  ( da terra ) nu guaio, passano nu guaio… chella che avite passà vuje… puzzate jettà ‘o sanghe… ( inveisce ancora, e piano piano si rialza aiutata da Rafele )

MALACQUA     ( allontanandosi ) Vuje cu mme tenite ‘a fortuna dinto ‘a casa ‘onna Rosa e nun ‘o sapite! Anzi a proposito vi posso solo dire che grazie a una mia preveggenza, fra poco in questa casa entrerà ‘na fortuna che vi cambierà ‘a vita. Statevi bene donna Rò… stateve buono ‘on Rafè… e m’arraccumanno ‘a fotocopia! ( esce )

ROSA                  Chisto me fa paura! Ma c’ha vulute dicere Rafè cu ‘sta storia da’ preveggenza?

RAFELE             ( allontanandosi ) Ma ca da’ dicere! Chillo sape solo menà ‘e

jastemme… figurammece se dinto ‘a casa nosta trase ‘a fortuna… ( scherzando ) tu comunque tieni sempe ‘a porta aperta, nun si po’ mai sapè, chella ‘a fortuna avesse venì  veramente!

( marcato ) Ma nun ‘o dà retta a chillo strunzo! (esce)

ROSA                 ( con tono deciso ) Mammà… mammà…

SOFIA                 ( dd ) Ched’è Rusinè… ( esce )

ROSA                  ‘O posto do’ thè t’aggio purtate ‘sta meza fresella, ca è rimasta da’ cena d’ajere sera, ci aggio levata ‘a pummarola che s’era fatta ‘na chiavica, ma t’aggio rimasto l’alice salata, chella è ancora bona, e ‘sta meza mela!

SOFIA                 ( con tono marcato ed ironico ) Mmmmm vedite che delicatezza… ma purtate e savoiardi e ‘a crema chantilly… uffà ma te pare, bella ‘e mammà, ca pozzo fa colazione cu ‘sta schifezza! E dicere ca io tengo pure ‘o stommaco delicato!

ROSA                  ( marcata ) Mammà tu co stommaco tuoje alleggerisce pure ‘e prete… perciò… e po’ chesta ce stà… si ‘a vuò t’‘a magne, si no fa cunte ca già e fatte colazione! Allora a vuò o ce ‘a conservo a Rafele per oggi a pranzo?

SOFIA                 ( subito l’afferra ) Mietto ccà… io ma spogne chiano chiano dinto a nu poco ‘e vino… e speriamo ca nun me fa male all’artrosi!

ROSA                  Ma pecchè l’artrosi a tiene dinto ‘o stommaco?

SOFIA                 Che c’entra… no pe’ l’alice salata e ‘a fresella… ma ‘a meza mela è pesante! Comunque meglio chesta ca niente…io po’ doppo me piglio ‘na pillola a dinto a chillo scatulino ca teneva ‘a buon’anima e patete!

ROSA                  E che pillole songhe mammà?

SOFIA                 A verità nun ‘o saccio… però patete quando s’‘a pigliava, doppo ‘na mez’ora se senteva nu leone… figurate ca addiventava pure friccicariello… e vuleva fa certe cose… e io jevo a ’mpazzia… pecchè me faceva arricurdà e quanno ero figliola! Capiscimi figlia mia… e se faceva bene a patete… farà bene pure a me!

ROSA                  Mammà ma famme vedè che pillole songhe!

SOFIA                 ( tirando fuori dalla tasca una scatola ) Ebbiccanno… songhe cheste…

ROSA                  ( non sa leggere tanto bene ) Viraga, Viagra comme caspita stà scritto… ( estrae il foglietto illustrativo ) pinnole per l’imprudenza… haaa e capì sarà ‘na medicina pe’ nun fa addurmi… pa’ prudenza inzomma… perciò papà addivennava friccicariello quanno se pigliava… mammà dammelle a me ca ce ne donghe una pure a Rafele accussi veco do fa scetà nu poco… e magare chillo trova qualche posto e fatica!

SOFIA                 Comme… pigliatelle… anzi fa ‘na cosa, miettele dinto ‘o mangià… chelle fanno chiù effetto. Io a patete là ce mettevo quanno me sentevo ‘o prurito!

ROSA                  E ditto bbuono! ( suonano alla porta ) E chi sarà… famme i a vedè… ( va ad aprire la porta, Sofia entra in camera sua, dd ) Ah site vuje, vulite a mariteme? ( entrando in scena ) Accomodatevi… mo chiammo a Rafele… ( con voce grossa ) Rafè… Rafè… vieni ca che è venuta ‘a baronessa Fanalof! Fà ‘mbressa, si no si sfasteria Fanalof!

RAFELE             ( dd non ha capito bene, gli è arrivato solo il cognome Fanalof ) Ma sii proprio ‘na vaiassa. ( uscendo ) io po’ si aggia fa ‘na loffa ‘a faccio annanze a te! ( vede la Fanalof ) Uh scusate signora… chella mia moglie… mannaggia… ( rivolta alla moglie ) e visto che figura ‘e merda che me fatto fa?

ROSA                  Ma tu che bbuò… ( rivolto a Fanalof ) prego signora mio marito è a vostra disposizione… ( si gira verso il marito ) e tu fa l’ommo serio cu ‘stà sischettina si no primma arapa ‘a capa a te e po’ a essa… ( esce sculettando )

RAFELE             ( imbarazzato ) Scusate ancora signora… siete venuta per continuare il ritratto è vero?

FANALOF          Certamente… ma quando è volgare vostra moglie… ( con fare languido e accarezzandolo ) voi un artista, cosi sensibile… meritavate di più, non so proprio come avete fatto a sposare una donna cosi!

RAFELE             Nun ‘o saccio manch’io!

FANALOF          Non ci pensate più! ( maliziosamente, quasi come se lo volesse baciare ) Mi posso spogliare?

RAFELE             ( indietreggiando ) Ma certamente… si però no tutta quanta… ca si se trova a trasì muglierema facimme l’opera, e ‘o ritratto ciò fa fa ospitale a tutti e duje!

FANALOF          ( iniziando a spogliarsi, molto provocantemente ) E se non mi spoglio tutta, come fate a farmi il ritratto nuda?

RAFELE             Non vi preoccupate, io lavoro molto di fantasia… con i ricordi…

FANALOF          Ma allora mi fate un ritratto sui generis?

RAFELE             Noooo… v’‘o faccio ‘ncoppa ‘a tela, co’ ‘o penniello! ( entra Azzurra con un cesto in mano )

AZZURRA         Papà… ( vede Fanalof e la saluta ), oh, buongiorno signora baronessa!

FANALOF          Ciao Azzurrina… come sei bella… ma quanti anni hai?

AZZURRA         ( accennando un inchino ) Sono belli gli occhi vostri! Anche voi siete una bella donna. Ho 20 anni. Vedrete che papà vi farà un bel ritratto… ( rivolgendosi al padre ) papà è venuta la signora Agnese, sta fuori parlando con mamma, ha portato questa roba, dicendo che tu già sai che fare, ( appoggiandolo sul tavolo, tira fuori dal cesto lentamente, della ricotta, 1 kg. di farina, 1 di zucchero, 1 barattolo di grano per pastiera, della frutta candita, 1 bottiglina piccolina, e delle uova in una confezione ).

RAFELE             ( dando alcune pennellate velocemente alla tela ) Aaah si,si… è ‘a robba che serve pe’ priparà ‘a pastiera! ( imbarazzato ) sapite chella ce piace tanto comme ‘a faccio io… e allora ‘a vò essere fatta, ( rivolgendosi a Fanalof ), signò per oggi basta, mò tengo che fa… vestiteve ce vedimmo dimane… e tu và Azzurrì, e non appena esce ‘a Baronessa, fa trasì ‘a signora Agnese!

AZZURRA         Và bbuò… arrivederci Baronessa! ( esce lentamente )

FANALOF          ( quasi vestita ) Ciao carina, e quando sei libera vieni a trovarmi.

( verso Rafele, con sguardo languido ) Arrivederci… non vedo l’ora che viene domani per ricominciare il ritratto… tutta nuda, solo per voi don Rafele!  ( esce e si dimentica il fazzoletto sul tavolo )

RAFELE             Si, si va bbuò… ma mo jatevenne ca si no… ‘o ritratto v’‘o fa muglierema! ( Fanalof esce, e subito dopo entra Rosa con la signora Agnese Delizia )

ROSA                  Rafè ca stà Agnese ca t’adda fa ‘na masciata!

RAFELE             Buongiorno donn’Agnè… comme state?

AGNESE            Buongiorno don Rafè… stò bona… songhe venuta pe’ chella preghiera da pastiera… po’ figliulillo mio!

RAFELE             Accomodateve prego… ( verso la moglie ) Rusè, ma nun tiene niente ‘a fa?

ROSA                  Aggio capito… tolgo ‘o disturbo… i signori devono parlare… permettete, permettete! ( esce sculettando )

RAFELE             Donna Agnè, io ‘o voglio bene a Pipì e conosco ‘o vizio ca tene pe’ dolci, peccheste v’aggio ditto ca va facevo io ‘a pastiera, visto ca vuje nun ‘a sapite fa!

AGNESE            ( grata e commossa accenna a baciargli la mano ) Grazie, grazie don Rafè, io pa’ creatura mia facesse tutte cose…

RAFELE             E che so’ ‘sti cose! Io nun voglio ca ve umiliate!

AGNESE            Vuje site nu santo ‘on Rafè… grazie e se avite bisogno e me non mi risparmiate… a qualunque ora io ve pozzo essere utile, chiammateme, stonghe ai vostri ordini…

RAFELE             Va bbuò, va bbuò… mo jate, jate, stateve bona, appena è pronta v’avverto, ( Agnese uscendo saluta, mentre Raffaele chiama la moglie e la sorella ), Rosa, Angela, Rosa, Angela… e vide se cheste doje venene…

ROSA                  Che d‘è… che d‘è… e dammo ‘o tiempo d’arrivà… che bbuò?

ANGELA            Che stato Rafè… tiene qualche nuvità e chillo giovane… sai se me vò spusà? Dimme nun me fa sta ‘ncoppe ‘e spine!

RAFELE             Ma quale giovane e giovane… chillo nun me piace, nun fa pe’ te... tu sii nu fiore! ( verso la moglie ) Tiè, porta ‘sta robba dinto ‘a cucina, e statte accorta a mammeta, ca chella se magna tutte cose! ( Angela delusa )

ANGELA            Uffà, mai ‘na notizia bbona…  allora io nun me sposo mai Rafè, a te nun te piace mai nisciuno… io tengo 38 anni, e ‘o tiempo passa... cà avimma vedè chello ca avimma fa bella da’ sora toja!

( esce borbottando )

ROSA                  ( incuriosita ) Nè e pecchè Agnese t’ha purtate ‘sta robba… ce ‘a fa nu quadro pura a essa?

RAFELE             Si proprio nu quadro… ‘o quadro da’ disperazione… uffa ci aggia fa ‘na pastiera p’ ‘o figlio, pecche essa nun ‘a sapa fa! Tu ossaje ca chillo Pipì è cannaruto ‘e robba doce, e a chiesta ‘a pastiera a chella puverella da’ mamma…

ROSA                  ( approfittando ) Aaah… Rafè e vide ‘e ne fa una bella grossa… accussì ce ne magnammo ‘na felluccella pure nuje… anzi fa ‘na cosa… dinto ‘o ‘mpasto miettece ‘sti pinnole, cheste fanno bene!

( gli porge la scatola di Viagra )

RAFELE             Ma cheste è Viagra, chi te l’ha dato?

ROSA                  Me l’ha dato mammà… songhe ‘e pillole pe’ l’imprudenzia ca se pigliava papà quanno se senteve stanco… saranna vitamine sicuramente!

RAFELE             Ah… mo aggio capite pecchè improvvisamente sfruculiave a mammate… e capì ‘a bon’anima…io l’aggio sempe ditto ca a patete ce feteva ‘o naso!

ROSA                  ( con candore ) Ce feteva ‘o naso… pecchè Rafè ce feteva ‘o naso a papà?

RAFELE             ‘O saccio io ‘o saccio… va, va porte ‘a robba dinto ca mo vengo a priparà… ( Rosa esce, Rafele rivolto al pubblico ), mo sapite che faccio, dinto ‘o ‘mpasto ce metto nun solo ‘o Viagra ma pure nu poco ‘e chella medicina pe’ l’artrosi ca se piglia ‘a ‘gnora mia, accussì quando s’ ‘a magnano, Pipì ca è goloso s’accuntenta, e a donna Sofia ce passano e dulure, e ce ne donghe pure ‘na fella ad Alfonso che è impotente, accussi co ‘o viagra… ( fa un segno con la mano ) capite a me… e doppo dico ca ‘a pastiera ca faccio io fa e miracoli. Aggio avuto proprio ‘na bella penzata. ( esce di scena mentre entra donna Sofia, con un cappellino in testa che gli copre le orecchie per il freddo )

SOFIA                 ( vede il fazzoletto e le 50 € di Fanalof e se lo prende ) Uh 50 € … che bello fazzoletto… e chisto è ‘e seta… mietto ca, mietto…

( lamentandosi ) Aaah che dolore… chillo l’ossa me danno ‘o turmiente… e comme pozzo combattere cu ‘na malatia ‘e chesta, se nun me fanno manco magnà… io me stongo addebbulenno… stongo a stammatina solo cu meza palatella ‘e pane e nu piattello ‘e trippa rimasto ajere sera, ca pe’ nun cio fa vedè a nisciuno me l’aggio avuto magnà pure freddo… e che ‘ato… ah chella meza fresella c’alice salata e ‘a meza mela. Mo però me sento nu poco ‘e pesantezza ‘ncoppo ‘o stommaco, sicuramente sarà stata ‘a meza mela… e si capisce chella a primma matina ‘a mela è pesante pe’ ‘na persona anziana comme me! ( suonano alla porta, entra Azzurra che accompagna Fanalof, perché prima si è dimenticato il fazzoletto )

AZZURRA         Venite, venite… ‘a nò tu staje cca?

SOFIA                 Azzurrì chi è ‘a porta?

AZZURRA         Ada Fanalof!

SOFIA                 No bella da nonna, aggio jute già dinto ‘o cesso!

AZZURRA         Uffa ma che avite capite… ‘a porta è ‘a signora Ada Fanalof, ‘a Baronessa Ada Fanalof!

SOFIA                 E l’adda venì a fa ca, nun ‘a sape fa a casa soja?

AZZURRA         ( arrabbiata ) A nò levateve ‘stu cappiello ‘a ‘ncoppe ‘e recchie, si no nun capite niente… aggio ditto ca è venuta ‘a signora baronessa!

SOFIA                 Aaah ( la vede e la saluta ), buongiorno barunè… comme state… accomodateve!

FANALOF          Grazie donna Sofia, sto bene, e voi con i dolori come andate?

SOFIA                 Male, male… chiste nun  me fanno magnà… vuje nun e ca tenisseve coccosa ‘a magnà dinto ‘a sacca? Che saccio nu poco ‘e pane, ‘na sasiccia, doje purpette, nu poco ‘e provolone…

FANALOF          Ma che dite donna Sofia… ma vi pare che io vado in giro con le salsicce e le polpette in tasca… ho solo queste mentine…

SOFIA                 ( velocemente le afferra ) E dateme ca, cheste pure so’ bbone! Vedite, scavate meglio po’ essere ca truvate coccata cosa! ( subito interviene Azzurra )

AZZURRA         A nò ‘a vulite furnì… pare ca ce facite capì ca  nun ve dessemo a magnà! Baronè scusatela chella è ‘na fissazione c’ha pigliato po’ magnà… sapite l’artesclerosi avanzata… ecco… si ma mò nun me pozzo mettere a spiegà anni e anni ‘e studio in medicina pe’ ‘na cusarella ‘e niente!

FANALOF          Ah già tu sei studentessa in medicina, vero?

SOFIA                 Avite voglia… ‘a nipota mia è ‘na grande dottoressa… specialista dei calli e durezze!

AZZURRA         E vide se ‘a nonna ‘a furnesce… ( Azzurra tira fuori dalla tasca della nonna il fazzoletto ) Baronessa è questo il fazzoletto che vi siete dimenticato?

SOFIA                 ( imbarazzata ) Io l’aggio truvato… me credevo che era do nuosto, e me l’aggio miso dinto ‘a sacca!

FANALOF          E’ proprio questo… sapete è del corredo! ( saluta e và via ) Arrivederci, arrivederci!

AZZURRA         ( rivolta alla nonna con disappunto ) A nò, ma che figura ce facite fa, e pe’ che cosa, ‘nu schifo ‘e fazzoletto…

SOFIA                 Ma chillo era bello… ‘e seta… puteva fa sempe comodo… e po’ c’aggio fatto ‘e male?

AZZURRA         ( allontanandosi perché suonano alla porta ) Vuje facite sempe chesta… pare che è ‘a primma vota!

SOFIA                 Nennè a purtà ‘a casa a ‘nnanto  nun è ‘na pazziella… e pure nu fazzoletto, po’ fa comodo! ( entra l’idraulico )

VINCENZO        Buongiorno signora… don Rafele non c’è?

SOFIA                 In questo momento è impegnato! Se volete dire a me!

VINCENZO        Donna Sofia, songhe venuto pe’ chilli sorde do lavoretto c’aggio fatto 3 mesi fa!

SOFIA                 Al momento non c’è disponibilità, passate tra qualche mese! Anzi visto ca ve truvate cà, siccome ‘o rubinetto dinto ‘a cucina scorre… ecco se ci potete dare un’occhiata… po’ facimme tutto nu cunto!

VINCENZO        ( arrabbiandosi, grida ) Pure! Nun solo, ancora m’avita pavà ‘o vecchio… e vulite pure ca faccio ‘n’ata fatica! Ma faciteme ‘o piacere donna Sofì! ( si siede sul divano ) Mo m’assetto cà e tanto me ne vaco quando me pavate!

SOFIA                 Accomodateve… accomodateve pure, tanto avite voglia ‘e sta lloco, ca  nun ce sta nu fetente ‘e centesimo! ( il frastuono attira l’attenzione di Rosa )

ROSA                  Neeeh ma chi è ca stà alluccanno? ( vede Vincenzo ) Uhee Viciè si venuto… e che ce vò pe’ te fa venì… va dinto ‘a cucina va, ca scorre ‘o rubinetto a ‘na semmana, e dà ‘n’uocchio pure a..

                            ( Vincenzo insorge )

VINCENZO        Signò, vuje m’avita pavà ‘o lavoro che ve facette 3 mesi fa…

ROSA                  Uh Giesù e Rafiluccio nun t’ha pavato già?

VINCENZO        Io nun aggio visto ‘a croce ‘e ‘nu centesimo…(entra Malacqua )

MALACQUA     Permesso… la porta era aperta, e sono entrato… buona giornata a tutti ( tutti vedendolo esclamano )

TUTTI                Madonna ‘o jettatore ( succede un po’ di confusione )

MALACQUA     E dalle cu ‘sta nomea… io vesto scuro, ma nun porto jella… anzi sono venuto a dirvi che tra poco in questa casa succederà qualcosa di divino… ( entra anche Fanalof)

FANALOF          Scusate, la porta era aperta… donna Sofia volevo chiedervi se dentro al fazzoletto per caso …siccome avevo conservato 50 €… non è che l’avete trovate voi?

SOFIA                 ( arrossendo, fruga in tasca ) Po’ essere… è capace ca… io nun ‘o saccio… aaah ebbiccanno… me saranno scivolate dinto ‘a sacca… sapite comm’è…

FANALOF          Ne ero sicura… ladra… ( interviene Rosa )

ROSA                  Scusate baronè… vedite chella mammà è anziana… e nun ce vede tanto bene… ( rivolta alla madre ) Tu nun putive dicere ca nun ‘e tenevi… scema! ( entra Azzurra, con un’asciugamano intorno alla testa ed un phon in mano )

AZZURRA         Chi ‘a rutto l’asciugacapelli… mannaggia io aggia ì alla università… chello oggi ce stà ‘a lezione ‘ncoppa ‘a ghiandola surrenale… e se, io po’ me metto a spiegà ‘sti cose a loro… e si, voglio jetta ‘na vita ‘e studio in medicina!

ROSA                  ( incuriosita ) Piccerè, bella ‘e mammà, ma si tu vai all’università solo a duje mise… quanno le fatto ‘sta vita ‘e studio in medicina?

AZZURRA         ( imbarazzata ) Ma che c’entra… io ‘o faccio concentrato… strinto, strinto… che saccio ‘n’anno ‘o faccio dinto a ‘na semmana!

ROSA                  Aaah  io po’ nun ‘e saccio ‘sti cose! ( dal fondo si odono le voci di Agnese Delizia  e Peppino Vespasiano )

AGNESE            Si può… ‘stà ‘a porta aperta donna Rosa…

PEPPINO            Buongiorno… ‘a fatta ‘a pastiera don Rafele… ( piangendo ) io me moro ‘e famme! ( fa il tic )

AGNESE            Aspetta nu poco gioia ‘e mamma toja… mo vide ca don Rafele te porta ‘na bella pastiera!

ROSA                  ( infastidita ) Rafè… Rafè, che fatto cu ‘sta pastiera… a che staje?

RAFELE             ( dd ) E’ quasi pronta… ‘a stong’ levanno ‘a dinto ‘o furno… eccomi, arrivo… ( entra in scena, accompagnato da Alfonso,  con la pastiera in mano )… ecco qua… ( tutti applaudono ) sentite che profumo.. e ‘na vera squisitezza… facimmela fa nu poco fredda e po’ ce ‘a magnammo… ( inavvertitamente tocca il tegame senza la protezione alla mani e si scotta ) Aaaaaaaah… aaaah… aaah….

ALFONSO          Rafele è ‘n’artista pure dinto ‘a cucina, ha fatto nu capolavoro!

                            ( Rafele continua ad urlare per il dolore )

ROSA                  E Rafè avimmo capito che fatto ‘na pastiera… e che sarà mai?

SOFIA                 Jammo scè… nun a tirà tanto a luongo… pe’ nu dolce ca fatto!

AGNESE            Và bbuò jammo … ‘on Rafè…

MALACQUA     Miracolo… miracolo… io l’avevo previsto… guardategli le mani… ha i segni della passione… don Rafele è stato segnato dal Signore… ( tutti guardano le mani di Rafele, e scambiano le bruciature per stimmate )

TUTTI                Miracolo!

RAFELE             Ma che cacchio state dicenno… io m’aggio… m’aggio bruc…. ( gli balena l’idea di sfruttare a suo vantaggio la cosa ) m’aggio raccomandato tanto al Signore… e jsso m’ha mandato ‘stu segno! Andate tra la gente e diffondete l’avvenuto miracolo. ( nel frattempo Sofia, furtivamente, si avvicina alla pastiera ) Ferma… fermi tutti… nun tuccate ‘a pastiera, pecchè chesta è ‘na reliquia…

                            ( tra lo stupore di tutti si chiude il sipario )

                                            FINE     PRIMO     ATTO

       SECONDO   ATTO

                   ( in scena Sofia e Rosa, sedute sul divano che commentano )

SOFIA                 Mò bella ‘e mammà avimmo cagnà tutto ’a mubbiglia… pe’ primma ‘a camera mia ca s’è fatta troppa vecchia, po’ è accattà nu bello frigorifero grosso, ma grosso assai!

ROSA                  E si capisce mammà! Mò ca avimmo pigliato Agnese a faticà, e pure Rafele ca se fa aiutà ‘a Alfonso e ‘on Arturo, avimmo fa ‘a vita de’ signuri. Però stò penzanno ca cu tutti ‘sti sorde ca Rafele stà guadagnanno che miracoli ca fa, io me metto paura de tenè dinto ‘a casa!

SOFIA                 E tu portali ‘a posta! Te fai arapì ‘na bella libretta intestata a te, e una a me, pa’ vicchiaia mia! Che ne pienze?

ROSA                  Ma che sii scema! Accussì Rafele m’arapa ‘a capa. E po’ chillo e tene ‘nmano jsso e sorde!

SOFIA                 E te pareva. Comunque ‘o figorifero l’ ‘e accattà… bello gruosso, a 4/5 piani… ce mettimmo nu sacco ‘e robba e mangià dinto, accussi io nun corro ‘o pericolo e stà dijuna!

ROSA                  Nooo ‘o accatto a 15/20 piani… ma che dici mammà, chillo ‘o frigorifero chill’è… ‘o piezzo ‘e sotto e chillo ‘e coppa… addò fa ‘o ghiaccio e addò se mettene ‘e verdure…

SOFIA                 ( sorpresa ) Oooh e io po’ nun ‘e saccio ‘sti cose… e allora sai che bbuò fa… accattene duje…uno ‘o mettimmo dinto ‘a camera mia!

ROSA                  Va bè, va bè… ( Rosa chiama Agnese Delizia che nel contempo visto l’arricchimento della famiglia Croce è stata assunta come collaboratrice domestica ) Famme ordinà ‘o pranzo pe’oggi. Agnese… Agnese… Gnesella… e vide si vene… ( Agnese accorrendo )

AGNESE            Eccomi ‘onna Rò, comandate!

ROSA                  Agnè oggi mi devi priparare duje cocozzielli alla scapece, con una fettina di guallerino ben cotta… mammà tu che te vuò mangià?

SOFIA                 Io aggio stà liggera ha ditto ‘o medico… perciò, Agnè famme solo ‘na pasta e ciceri bella azzeccatella, azzeccatela, cu 2 o 3 sasicce arrustute e nu poco ‘e salame e formaggio… ah… chello baccalà d’ajere sera è furnuto? Se ce ne stà ancora ascarfammello nu pezzullo, e per contorno me fai ‘na bella ‘nzalatina… ma poca però pecchè tengo paura ca ‘a verdura me po’ appesantì!

AGNESE            ( rivolta al pubblico ) Madonna… e meno male ca adda stà liggera! ( verso Rosa ) E per don Rafele c’aggia priparà?

ROSA                  ( languida ) A Filucciello mio faccio solo ‘na ‘nzalatella ‘e patate e pomodoro!

AGNESE            Va bene sarete servite! ( va verso l’uscita, poi si ferma e si gira verso Rosa) Signò nun aggio capito ma ched’è ‘o guallerino?

ROSA                  Uuuh madonna! Mammà chesta nun sape ched’è ‘o guallerino.

                            ( con sicurezza ) ‘Gnoranta il guallerino è ‘o tacchino… l’ho detto in taliano… va, va… ciuccia! ( Agnese esce perplessa e borbotta ).

AGNESE           Aaah denare, denare che fanno fa! ‘Onna Rosa ha miso ‘a lengua dinto ‘o pulito, mo parla pure taliano… ‘na vaiassa… e io co’ ‘o leggere e scrivere dinto ‘e mane pe’ campà aggia fa ‘a serva! (Agnese esce, e dalle quinte si odono le voci di Malacqua e Mandrillo che collaborano con Rafele, come segretari personali ).

ALFONSO e MALACQUA  ( entrando ) Buongiorno signore!

SOFIA                 ( con nobiltà ) Buongiorno guagliuni… ( porge la mano, in attesa del baciamano, ma i due non si muovono e Sofia si spazientisce) Né aggio aspettà chiù?

MALACQUA     ( deciso ) ‘Onna Sofì nun ce facite avutà ‘o stommaco, cu ‘sta mano!

ROSA                  Neeh scostumato… porta rispetto a mammà… chella è sempre ‘a ‘gnora ‘e nu santo, e po’ è ‘a vedova do’ cavaliere Rossa… impiegato do’ ministero!

ALFONSO          Avite ragione ‘onna Rò, chillo Arturo cierte cose nun ‘e capisce!

                            ( cambiando discorso ) ‘O maestro s’è susuto?

ROSA                  ( acida ) Nun ‘o saccio! ‘O maestro… mò è addiventato pure maestro… shù p’ ‘a faccia soje… pe’ quattro miracoli ca fa… ‘o maestro! Pe’ doje stimmate c’avuto… manco si fosse Padre Pio, San Francesco… ‘o maestro… ( esce di scena )

SOFIA                 Fammene ì pure a me và… ( borbottando verso i due) Spia quando ne caccia Rafele a chisti duje magnafranchi a tradimento… sciù e segretari… duje po’, mò ‘e piglia a cavice! ( esce )

ALFONSO          Artù tu nun e fa ‘o ‘nzipeto cu ‘onna Sofia. Chella è sempe ‘a ‘gnora ‘e Rafele. Nuje ca avimmma magnà, e si Rafele ce ne caccia addò jammo a mettere tende?

MALACQUA     Hai ragione. Però chella me fa tucca ‘e niervi, cu chella aria ‘e nobiltà che se dà. Ma s’hanno scurdate ca fino a tre mesi fa dinto a ‘sta casa facevano ‘a famma, ‘a famma nera! Famme sta zitto va ca si se trova a trasì Rafele facimme l’opera!

ALFONSO          Ma po’ a nuje che ce ne fotte? Basta ca ce pavano! ( si sentono dei rumori provenire dalle quinte. Entra in scena Rafele con un abito bianco e le mani fasciate per proteggere le bruciature, finte stimmate. Ha un passo cadenzato ed un aria di santità ).

RAFELE             Pace e bene miei cari discepoli. C’è stà qualche nuvità?

ALFONSO          Si Rafè ‘a signora Pappalardo vò sapè… ( Rafele lo interrompe )

RAFELE             Ma quanta vote t’aggia dicere ca me chiammà maestro?

ALFONSO          Hai ragione! Scusame Rafè… cioè maestro… io me scordo!

MALACQUA     E nun t’ ‘e scurdà, ‘mbecillo!

RAFELE             Dunque… che stavi dicenno da’ signora Pappalardo?

ALFONSO          ( tirando fuori dalla tasca delle banconote ) Vò sapè si ‘o marito, ‘o prufessore ‘e scola, ‘a fa ‘e corne che ‘e guaglione ‘e dinto ‘a classe? Tiè, t’ha mannato ‘a semmana!

RAFELE             E io saccio ‘sti caz.. cioè, volevo dire… pe’ ‘stà miseria ca me dà ‘a semmana… io m’avesse spumpà in trance, pe’ vedè ‘sti fesserie de corne. Ma po’ se guardata dinto ‘o specchio ‘a signora Pappalardo? Chella fa schifo. Quindi ‘o marito tene  l’obbligo e ce fa ‘e corne!

MALACQUA     ( ironico ) Allora come dici tu, visto ca tene chillo difettuccio ca sapimmo, pure ‘a mugliera ‘e Alfonso tene ‘st’obbligo e ce fa ‘e corna?

ALFONSO          ( offeso ) Nè strunzo, statte ‘o posto tuoje ca te spacco ‘a capa. E po’ io songhe quasi guarito grazie ‘a pastiera do’ maestro!

MALACQUA     ( incalzando ) Allora hai voglia e te fa chiatto, pecchè te l’ ‘e magnà sempe, ogni vota ca e sparà ‘o cannone!

ALFONSO          Mò primma te sputo ‘nfaccia, e po’ te piglio a pacchere si nun a furnisce! ( interviene Rafele )

RAFELE             Basta… ma inzomma… ‘a vulite furnì… me parite cane e gatto… ca avimmo fa ‘o speziale e vuje penzate a v’appiccicà. Jate a fa chella ca avite fa dinto ‘o quartiere, invece e fa e strunze cà. Jate, jate…

ALFONSO          ( rivolto a Rafele ) Hai ragione! Però Rafè primma ca me ne vaco, me vuò tuccà nu poco ‘sti chiavi dà macchina?

MALACQUA     ( curioso ) E pecchè Alfò t’adda tucca ‘e chiave da macchina?

ALFONSO          Sai comm’è… chelle songhe ‘e chiave da 127 mia, che è vecchia, tene chiù e 30 anni, po’ essere ca nu miracolo dò maestro, ma fa trasfurmà che saccio dinto a ‘na fiat Tipo, oppure ‘na Brava, magari si Rafele stà in forma pure dinto a nu modello ‘e Ferrari ultimo tipo! Rossa però!

RAFELE             ( sconfortato ) Ma allora oltre ca impotente, si pure scemo. Ma te pare ca io pozzo fa ‘na cosa ‘e chesta, accussì… ( riprendendosi  ) senza illuminazione…

MALACQUA     Se è solo pe’ chesto Rafè, pozzo appiccià ‘a luce…

RAFELE             Chisto è ‘n’ato strunzo… ma jate a vedè addo avite a ì a rubà… jate a faticà, jate… ( arrabbiandosi ) jate…

ALFONSO         ( uscendo insieme a Malacqua ) E io ‘o sapeve… ma che t’aggio chiesto… ‘na cusarella ‘e niente… che te costa a te farmi ‘stù piacere… io ‘na Ferrari vulevo… e dicere ca simme amici a chiù ‘e 30 anni… all’ate perzone però ce fai e miracoli e… e a me nò… pecchè songo nu povero madonno! ( escono )

RAFELE             ( rassegnato ) Nooo io aggio a vedè chello c’aggia fa… ‘sta storia de’ miracoli nun po’ durà… coccheduno me fa ‘na diece e mazziata… ( entra Azzurra molto agitata )

AZZURRA         ( preoccupata ) Papà ca s’adda furnì cu ‘sta zazuela… nu sacco e perzone hanno telefonato pe’ prenotà ‘a fotografia toja e i fazzuletti sporchi ‘e sanghe… e vonno comme reliquie!

RAFELE             Hai ragione bella ‘e papà… tu si l’unica c’ha capito ‘a situazione, mò vedimmo ‘e fa l’ultimo miracolo… ( entra Agnese con il figlio Peppino. I due hanno in mano, Agnese un pezzo di formaggio, Peppino l’orologio da taschino del fu genitore )

AGNESE            Santità ve voglio dicere… ( Rafele subito la interrompe )

RAFELE             E siii… ma pigliato pe’ Ratzingher… uffà io nun songhe ‘o Papa… almeno non ancora… me chiammà ‘on Rafele comme me sempe chiammato!

AGNESE            ‘On Rafè vuje pe’ me site chiù do’ Papa… site nu Santo. ( rivolta al figlio Peppino ) Uhee, a te saluta a ‘on Rafele, scostumato!

PEPPINO            ( facendo roteare l’orologio attorno al dito indice della mano destra ) Buongiorno San Rafè!

RAFELE             Salute Pipì… e statte fermo cu ‘sta catenella… me fai girà ‘e palle ‘e  l’uocchie… ( gli toglie l’orologio dalle mani, e se lo mette in tasca ) Ma dich’io si ‘stu riloggio nun funziona, pecchè nun ‘o iette?

AGNESE            ( prontamente ) ‘On Rafè vuje vulite pazzià… chillo è l’unico ricordo da’ bon’anima do’ pate!

PEPPINO            ( piangendo ) ‘O riloggio ‘e papà… San Rafè facite ‘o miracolo… facitelo funzionà… ‘o riloggio ‘e papà… ( interviene Azzurra )

AZZURRA         ( ironica ) Nun chiagnere Pipì chillo mo San Rafele ci appoia ‘a mana soja ‘ncoppa e vide ca t’ occoncia. Mo vieni cu me.. Jammo, jà, vienite a mangià ‘na fetta ‘e pastiera! ( escono )

RAFELE             ‘Onna Agnè che vuliveve?

AGNESE            ‘On Santità, comme aggia fa ca ‘gnora vosta? Guardate cà ( gli mostra il formaggio ) s’ha pigliato ‘o furmaggio scaduto c’aggio iettato dinto ‘a munnezza ! ‘O teneva ‘nascunnuto dinto ‘a camera soja, sotto ‘o cuscino!

RAFELE             Chella è nu guaio, essa e ‘o magnà! ( toglie  il pezzo di formaggio  dalle mani di Agnese, con gesto meccanico, e l’odora ) Tiè, tiè ietta ‘sta robba dinto ‘a munezza! Embè io cio facesse magnà scaduto e bbuono stà schifezza! ( lo porge  nuovamente nelle mani di Agnese )

AGNESE            ( con naturalezza odora il pezzo di formaggio) Ma dico io nun ‘o sente comme fete… ( meravigliata ) ‘On Rafè, ‘on Rafè miracolo…

RAFELE             Che succieso, che stato?

AGNESE            Santità, e po’ dicete ca nun v’aggia chiammà Santità… appena avite tuccato ‘o formaggio, chello è divintato ‘n’ata vota frisco…

                            ( odora nuovamente ), madonna è ‘na squisitezza… dinto a ‘sti mani tenite ‘na putenza celeste… ( Rafele incredulo )

RAFELE             Ma tu che cacchio dici? ( si scambiano nuovamente il formaggio )

AGNESE            ( uscendo ) Miracolo, miracolo… ‘onna Rò ‘o marito vuosto è nu Santo… ha fatto ‘n’ato miracolo!

RAFELE             ( perplesso, guardandosi le mani ) Madonna chello overo addurava ‘o formaggio… ma vuò vedè ca… ma nun è possibile… me stongo suggestionanno pur’io! Famme ì a menà nu poca d’acqua ‘nfaccia và! ( esce di scena, mentre entrano Rosa e Fanalof  )

ROSA                  Neee e che sarà mai… pare che è ‘a primma vota! Avite viste baronè, cà ‘e miracoli songhe all’ordine del giorno!

FANALOF          Ho visto, ho visto… ed io per questo ero venuta, perché volevo chiedere al maestro se poteva fare qualcosa per me!

ROSA                  Pecchè vuje che problema tenite?

FANALOF          Ma come signora Rosa non lo avete ancora capito? Io vorrei essere amata dall’uomo che ho sempre desiderato, ma purtroppo egli è sposata con una ( guardando Rosa con disprezzo ) volgaraccia, che non lo merita!

ROSA                  ( ingenuamente ) Veramente, e chi è ‘sta piezza ‘e stronza… ehm ‘stà signora?

FANALOF          ( guardandola con gelosia ) Voi proprio non lo immaginate?

ROSA                  Baronè chillo Rafele fa e miracoli no io… che ne pozzo sapè! Comunque parlatene cu isso e vedite ca certamente v’accuntenta!

FANALOF          E così farò. E se mi esaudisce, voglio giacere, teneramente, con il mio amore, e dargli un figlio ed una vita serena, come merita, non come quella che ha con quella scellerata della moglie!

ROSA                  Facite bbuono baronè… chella ‘a mugliera sarà proprio ‘na zucculona. Ma diciteme chi è, ca io ve dongo ‘na mano a sputarla ‘nfaccia!

FANALOF          Questo è un segreto che mi porterò nella tomba insieme al mio amore per lui!

ROSA                  ( contrariata ) Baronè allora jate a fa ‘nculo! Io mò tengo che fa… assettateve lloco,( indica il divano ) e aspettate ‘o maestro quanno ve po’ ricevere! ( suonano alla porta, Rosa esce sculettando vistosamente )

FANALOF          ( al pubblico ) Quanto è antipatica quella donna, e non ha nemmeno capito che ce l’avevo con lei. E’ proprio vero che il Padreterno manda il pane a chi non ha i denti!  ( entra Vincenzo l’idraulico )

VINCENZO        Permesso… buongiorno signora…

FANALOF          ( sottovoce, senza rispondere al saluto ) Madonna che orrore, il mio amore riceve in casa sua anche un volgare plebeo! ( gli dà le spalle, e Vincenzo s’impunta )

VINCENZO        Signò, io avesso ditto buongiorno… ‘a creanza ‘e risponnere ‘a putisseve pure tenè!

FANALOF          Come ti permetti miserabile, parlare di creanza a me. Ma lo sai chi sono io, straccione?

VINCENZO        ( per nulla offeso ) Signò site sicuramente ‘na scostumata. ‘O saluto è dell’angelo. E’ ‘n’obbligo a cui tutti hanno sottostà. Ma facitemi sentì chi fusseve vuje?

FANALOF          ( offesissima ) Scostumata a me, disgraziato io ti prendo a schiaffi se non te ne vai. Ma non l’hai ancora capito che di fronte a te hai una nobile. Io sono… ( viene prontamente interrotta da Vincenzo )

VINCENZO        ‘Na mappina… e ricordatevi ca nun state dinto ‘a casa vosta, pecchè io dinto ‘a stà casa vengo a piccerillo, quindi ‘sta famiglia ‘a cunosco ‘a tant’anni… e vuje nun site da casa, quindi nun me ne putite caccià… site ‘n’ospite comme me, e avisseve tenè nu poco chiù d’educazione pure si site ‘na nobile comme dicete vuje!

FANALOF          ( inveisce ) Sciagurato, miserabile. Fare la morale a me… a me che sono… ( entra Sofia, destata dalle urla )

SOFIA                 (severamente ) ‘Na screanzata… aggio ‘ntiso tutte cose, baronè… e Vicienzo ave ragione! Ascite da ‘sta casa… e soprattutto e ritratti iatevelle a fa a de’ pittori ca nun songhe spusati. Si figliema nun ha capite niente, nun tene colpe, pecchè è bonacciona, ma io c’aggio smerzato ‘o munno dinto e foro, aggio annasiato ‘o desiderio vuosto. Ascite… ascite… ( gesticola con la mano, e Fanalof mortificata, nell’orgoglio, accenna ad una riconciliazione )

FANALOF          Ma vedete donna Sofia al cuore non si comanda ed io vorrei…

SOFIA                 ( fermamente ) Ascite, v’aggio ditto ascite, e chiedete scusa a Vicienzo! ( si siede sul divano )

FANALOF          ( sommessamente, china la testa in segno di approvazione ) Ho capito, ho imparato la lezione. ( rivolta a Vincenzo ) Avevi ragione tu, i titoli, le condizioni sociali, la ricchezza non sono niente, l’unica cosa che conta a questo mondo è l’amore ed il rispetto tra noi, perciò ti chiedo scusa.

                            ( verso Sofia ) Perdonatemi anche voi donna Sofia, per il male che volevo fare a vostra figlia. ( al pubblico ) Oggi, dopo questa lezione sono  diventata veramente nobile. No nel titolo, ma nell’animo. Ed ho capito che siamo personalmente artefici delle nostre  fortune, anche in amore! ( esce )

VINCENZO        Grazie ‘onna Sofì! E dicere ca io me credevo ca vuje fusseve nu poca scema, invece… ( Sofia prontamente )

SOFIA                 Strunzo, statte ‘o posto tuoje, si no te donghe ‘na cosa ‘nfaccia!

                            ( entra Azzurra canticchiando un motivetto allegro )

AZZURRA         Uhee Viciè tu stai cà? ‘O rubinetto dinto ‘a cucina scorre ancora!

VINCENZO        Ma chillo s’adda cagnà. Si no piccerè fallo tucca nu poco a patete, jsso cu chelli mmane po’ fa chello che vò!

AZZURRA         Ma quanto sii cretino Viciè… papà avesse sprecà ‘o tiempo pe’ nu rubinetto. Va, va, va a vedè chello che e fa, va ‘a cagnà ‘o rubinetto ‘ncoppa ‘o lavello!

VINCENZO        Io mo ‘o cagno, però ‘o nuovo costa 100 €!

SOFIA e AZZURRA     Quanto?

SOFIA                 Neeè, ma tu vulisse abbuscà ‘a mesata tutta ‘nzieme?

AZZURRA         ( uscendo insieme a Vincenzo ) Mò jammo a du papà, accussì to vide cu jsso!

SOFIA                 ( rivolta al pubblico ) E songhe tutte ‘e ‘na manera sa! Appena vedono ca uno tene coccosa ‘e sorde, subbeto vonno apprufittà, ‘sti mariuoli! ( entra Peppino )

PEPPINO            ‘Onna Sufiella buongiorno. Ma vulite dà ‘a bella cosa?

SOFIA                 ( tira fuori dalla tasca un pezzo di pane ) Tiè Pipì… ( Pipì inizia a piangere )

PEPPINO            Nun ‘o voglio ‘o pane, voglio ‘a fella ‘e pastiera ca fa San Rafele!

SOFIA                 ( spazientita chiama Rosa ) Rosa… Rosa… Rusè..

ROSA                  Che d’è mammà, che stato?

SOFIA                 Acquieta a chisto, va truvanno ‘na fella ‘e pastiera!

ROSA                  Agnese… Agnè…

AGNESE            ( entrando ) Comandate signò!

ROSA                  ( indicando Pipì ) Dà ‘na fella ‘e pastiera ‘o guaglione!

AGNESE            Ma comme bello ‘e mammà, io già te n’aggio dato una stammatina!

PEPPINO            Ne voglia ‘n’ata. Chella me piace comme ‘a fa San Rafele! ( le voci destano Rafele e Azzurra, che entrano in scena  )

AZZURRA         Pipì ma chiagne sempe?

RAFELE             ( ha in mano uno strofinaccio e sta pulendo l’orologio di Pipì ) Mannaggia, me caduto ‘o riloggio do’ guaglione dinto ‘a trielina, mentre pulezzavo e pennielli! ( Pipì vede l’orologio )

PEPPINO            ‘O riloggio ‘e papà. San Rafè mo state pulezzanno? Me l’avite accunciato? Avite fatto ‘o miracolo?

RAFELE             ‘O miracolo ‘e soreta! ( verso Agnese ) Tiè Agnè!

AGNESE            ( apre l’orologio e si accorge che funziona ) Madonna gente, sua Santità ha fatto ‘n’ato miracolo. Appena ha tuccato ‘o riloggio ‘e Pipì, ca nun funzionava a chiù e 20 anni, l’ha accunciato!

                            ( mostrandolo a tutti ) Guardate funziona, stà cammenanno! Miracolo, miracolo…

AZZURRA         Lassate vedè ‘onna Agnè… ( vede l’orologio funzionare, e si rivolge al padre silenziosamente ) Ma allora papà ca o vero…

RAFELE             ( silenziosamente ) Ma cheee bella ‘e papà, chillo me caduto dinto ’a trielina… chella è acido e l’ha pulezzato, e ‘o meccanismo ha ripreso a funzionà! ( entra l’idraulico )

VINCENZO        Io aggio fernuto ‘e muntà ‘o rubinetto! ‘On Rafè v’aggia dicere ‘na cosa, quanto primma m’avite salutato danneme ‘na pacca ‘ncoppa ‘a spalla… io tenevo nu dolore… mo s’he levato… ‘a mano vosta m’ha guarito!

AGNESE            ‘N’ato miraculo!

SOFIA                 ‘O jennaro mio è proprio nu Santo. Mo pe’ ringraziamento ce vaco appiccià ‘n’atu lumino vicino ‘a fotografia soje ca tengo dinto ‘a camera mia! ( esce )

ROSA                  Mo vengo pur’io! ( esce )

AGNESE            Peppì bella ‘e mammà, bacia ‘a mano a San Rafele!

PEPPINO            ( invece di baciargli la mano gli morde un dito, in quanto Rafele gli stava porgendo una caramella appena tirata fuori dalla tasca ) ‘A caramella, ‘a caramella… ( Rafele grida )

RAFELE             Aaah… Madonna, chisto mozzeca… ( interviene Agnese )

AGNESE            E pe’ forza ‘on Rafè… vuje ‘o provocate cà ‘a caramella… vuje ‘o sapite chillo è cannaruto ‘e robba doce… Chillo quanno ‘o vede, mozzeca, comme a nu cane ‘e presa! ( prende Peppino per la mano e lo porta fuori )

RAFELE             ( rivolto a Vincenzo ) Viciè che t’aggia dà p’‘o ‘o rubinetto?

VINCENZO        ‘On Rafè fossero… ( interviene prontamente Azzurra )

AZZURRA         Niente. Niente Viciè… papà t’ha fatto levà ‘o dolore ‘a dinto ‘a spalla? Allora state pace!

VINCENZO        Ma comme… io aggio speso… hai ragione Azzurrì… bè mo me ne vaco! Comunque ‘on Rafè si avite bisogno ‘e me, chiammateme! ( esce )

RAFELE             Statte bbuono Viciè. E si te fa male quacc’ata cosa vieni a du me…! ( suonano alla porta, Azzurra và ad aprire, sono  Alfonso e Malacqua, che entrano in scena )

ALFONSO e MALACQUA   ‘Ngiorno… nuje simme turnati, tutto a posto!

RAFELE             C’avite fatto?

MALACQUA     ‘O solito giro, maestro!

ALFONSO          Rafè, ma tu ossaje ca primma, pa’ ‘a strada m’era venuto nu dolore dinto ‘o ginocchio ( si tocca un ginocchio ) è bastato ca io penzavo ca tu m’ ‘o tuccave, e nun ce può credere… ‘o dolore è scomparso!

RAFELE             E pe’ forza! Io tengo ‘o dono e l’obliquità!

ALFONSO          E ched’è Rafè ‘st’obliquità?

MALACQUA     ( ingarbugliandosi ) Scè è quanno uno vede ca … per esempio… tu l’he chiamato a Rafele, e jsso è venuto, senza venì, ma venendo però… pure senza venì… ma venendo…’e capìto ?

ALFONSO          Siiii tutto cosa aggio capito… Artù ma statte zitto ca tu si chiù strunzo e me! ( si sente bussare alla porta )

RAFELE             ( con aria di professore ) Uffà, l’obliquità è chella cosa quanno uno stà a doje parte dinto ‘o stesso mumento… si ma io che ve spiego a vuje… Jate a via dinto ...mo.. và! ( Alfonso e Malacqua escono. Entra Fanalof, con Rosa e Azzurra )

ROSA                  Rafè ‘a baronessa vò a te!

FANALOF          Maestro buongiorno, sono venuta a dirvi che il quadro non lo facciamo più, perché ho capito che siete molto impegnato!

                            ( interviene Rosa )

ROSA                  (ironica) Uuuuh comme me dispiace baronè… ( seria ) ma forse è meglio accussì… vedete signora baronessa io avevo capito tutto… l’intenzione voste… aggio fatto ‘a scema, comme se dice pe’ nun ghì ‘a guerra ( abbracciando Rafele ), pecchè vulevo vedè fino a che punto Rafele era sincero cu mmè. E a verità aggio constatato ca pure si io m’appiccicavo cu jsso… m’ha sempe rispettato… pecchè Filuccio mio è n’ommo serio… e è do mio… ( porge una mano ad Azzurra in segno d’incontro. Azzurra và ad abbracciare la mamma ed il papà, in segno di approvazione )

AZZURRA         ( rivolta al padre ) Papà, pur’io avevo capito tutto. E stevo aspettanno ‘stu miracolo… l’unico miracolo ca putive fa…

                            ( in proscenio, rivolta al pubblico ) chillo ‘e fa capì a ‘sta gente ca l’ammore pa’ famiglia è ‘na cosa seria, e manco pe’ pazzià se pò ‘ntaccà!

FANALOF          Don Rafele, donna Rosa e pure a te Azzurra un grazie per avermi messa sulla retta via. E un grazie anche a donna Sofia… ( Sofia che origliava da dietro la porta prontamente interviene )

SOFIA                 ( entrando ) Stonghe ccà…stonghe ccà… ( rivolta a Rafele ) Ma comme, dico io,  Rafè, tu si sempe stato ‘n’ommo serio, e po’ te miette a fa e miracoli? Ma dimmo ‘na cosa overo te pensavi ca nuje credevemo a ‘sti fesserie… ? ( Rafele spazientito )

RAFELE             E che colpa tengo io, si ‘a gente vò essere fatta fessa. Ma nun vedite chello ca succede? ‘O 2000 e… terzo millennio… Era supertecnologica…ce stanno tanti creduloni… tanti fessacchioni… chiamano e maghi pe’ dinto ‘a televisione, squagliano ‘o sale dinto a miezo bicchiere d’acqua, vonn’e nummero a lotto… vonne guarì do’ cancro telefonando ai sensitivi, ai Santoni, ossia chillo ca fanne ‘e carte, senza ì ospitale… vonn’e miracoli… ma purtroppo e miracoli nun e fanno l’uommene comme mè… e fanno solo e Santi, chillo overo, e pure lloro s’arraccumannano ‘o Pateterno…

                            ( in proscenio ) inzomma io facendo l’ommo serio, ‘o pittore ‘e quadri onestamente, me puzzavo ‘e famme, e perfino ‘a famiglia mia, mia moglie, mia suocera, nun me rispettavano. Aggio avuta fa ‘o buffone pe’ vedè nu poco ‘e miglioria, pe’ essere coccuno. E’ proprio overo ‘a mamma de’ fessi ‘stà sempe prena !. ( indicando il pubblico) E vuje site sicuri ‘e tutto chello ca ve succede?  (filastrocca del momento) ..............................................................

                              E mò, caro pubblico,  jatevenne a casa e riflettete… pecchè ‘stà commedia in fondo in fondo assumiglia a’ realtà, è quasi verità.

                            E primma ca faccio il mio ultimo miracolo ossia chillo ‘e fa chiudere ‘stu sipario, vulesse sentì nu rummore, sapite quale?

                              ( avanzano gli attori in scena ) Quello dei vostri applausi!

                              Se ce lo siamo meritato !!!!!

CALA IL SIPARIO

F   I   N   E

 

 

                                  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno