Il ciarlatano

Stampa questo copione

I L   C I A R L A T A N O

I L   C I A R L A T A N O

Commedia in tre atti

di

Corrado Grasso

P E R S O N A G G I

Nicola Pacelli, astrologo-cartomante-medium

Rita Sorbo, sua moglie

Giulio Cucullo, cugino di Rita

Rosaria Picapa, cameriera

Rosa ì

Gioconda |

Giuseppina íclienti

Orlando |

Achille î

Aldo De Pasquale, amico di Nicola

Salvatore Pace, operatore televisivo

ATTO PRIMO

Studio-soggiorno di casa Pacelli. Sul lato destro una porta che immette nelle camere interne; sulla parete di fondo, quasi al centro, balcone con tendaggi, vicino, vano ingresso che fa angolo con il corridoio che porta all’ingresso; sulla sinistra un tavolo che funge da scrivania con su oggetti che occorrono per la divinazione e che fanno capire la professione del padrone di casa; alle pareti quadri con soggetti astrologici ed esoterici; sulla destra, quasi vicino alla porta, quattro o cinque sedie in fila con un tavolino davanti, grosso specchio sulla parete; al centro, prima del balcone, un separé chiuso. All’aprirsi del sipario le sedie saranno occupate da tre donne e un giovane.

ROSA: - (donna sui quaranta-cinquant’anni) ...e in quel preciso istante mi sono svegliata!

GIUSEPPINA: - (ragazza sui vent’anni) Che peccato! Proprio ‘int’’u meglio! E voi per questo state qua!

ROSA: - Già! Speriamo che don Nicola ci capisce lo stesso!

GIOCONDA: - (donna della stessa età della prima) Su questo ci puoi stare sicura, a don Nicola bastano solamente poche cose ca tu lle dice e subito ti spiega l’arcano.

ROSA: - Questo lo so, pur’i’ so’ cliente... Oddio, nun è ca po’ ci azzecca sempre... cchiù ‘e na vota m’ha detto tutto il contrario di quello che po’ è successo!

GIUSEPPINA: - Va bbuo’ e che vuol dire questo, quelle sono propabilità non sono mai certezze!... Mica pò ‘ngarra’ sempe!

ROSA: - Uèh ne’, ma tu che staie a ddi’? Quando uno fa un mestiere e si fa pagare, ll’hadda sape’ fa’!

ORLANDO: - (giovane sui trent’anni. Nel frattempo, assorto nei suoi pensieri, si è agitato continuamente sulla sedia, senza badare minimamente ai discorsi che si stanno facendo)

GIUSEPPINA: - Scusate ‘onna Ro’, quello è pure un fatto di fiducia, si nun ‘a tenite, allora che ci venite a fare qua?...Eh!

ROSA: - (risentita) Questi sono fatti miei e nun aggi’‘a da’ cunto a nisciuno! Hê capito piccere’?... Ma vedete se uno deve raccontare i fatti suoi alla gente!

GIUSEPPINA: - Nèh, ma chi vi ha chiesto niente! Comme subito ve ‘ngrifate! Io dicevo tanto pe’ ddi’... pe’ parla’!

ROSA: - E parla dei fatti tuoi!

GIOCONDA: - Va bbuo’ Ro’, ‘a guagliona forse nun s’è saputa spiegare!... Quella voleva dire che ci vuole la fiducia come quando si va dal medico, ecco!... È ove’ Giuseppi’?

GIUSEPPINA: - Sì sì, proprio accussì, ma non un medico semplice però... mo’ comme ve pozzo dicere... ‘e sapite chilli duttore addò se ‘nce va pe’ parla’ sulamante... aspe’ comme se chiammano?... ‘o psica... ‘o psico... ‘o psicologico!

ORLANDO: - (alzandosi) Psicologo, si dice psicologo! (e si mette a passaggiare con fare nervoso per la stanza)

GIUSEPPINA: - E sì sì, ‘o psicologo. Grazie tante!

ORLANDO: - Niente! (continua a passeggiare e di tanto in tanto guarda l’orologio)

ROSA: - Ma chi lo sta dicendo ca nun tengo fiducia! È logico che se vengo qua, ‘a tengo ‘a fiducia anzi, io lo dico sempre, che don Nicola, pure quando, (sottolineando) quacche vota, nun ‘ngarra, comunque te dice cose bbone... che t’aiutano!

GIOCONDA: - È proprio accussì!... Quanno te ne scinne ‘a ccà ‘ncoppa, ti senti sempre più meglio, più sollevata!

GIUSEPPINA: - E si capisce, quello don Nicola te sape dicere sempe comme t’hê ’a cumpurta’! Non per niente è mago!

ORLANDO: - (fermandosi) Scusate, ma ‘e carte ‘e sape leggere o no?

GIUSEPPINA: - Sì sì, comme no: ‘e carte, ‘a mano, ‘a palla ‘e vetro!...

GIOCONDA: - (con fare confidenziale) E qualche volta, quando il caso è difficile, parla pure cu ‘e spirete!

ROSA: - Tu overe dice?... Questo non lo sapevo! (Orlando riprende il suo andare avanti e indietro)

GIUSEPPINA: - Ccà ‘ncoppa, ogni giorno, ci dovrebbero stare sempre un montone di gente, e invece, gira e vota, simme quasi semp’ ‘e stesse facce!

GIOCONDA: - Che ci vuoi fa’, è questione solament’ ‘e fortuna!

ROSA: - Non solo Gioco’, nun te scurda’ ‘e mugliere!

GIUSEPPINA: - E che c’entrano le mogli?

ROSA: - C’entrano, c’entrano!... Piccere’ arricuordate che ‘a femmena comme te pò purta’ ‘ncielo, accussì te pò purta’ a casariavule!

ORLANDO: - Scusate, ma sapete don Nicola quando incomincia a ricevere la mattina?

GIOCONDA: - Mo’ che ora so’?

GIUSEPPINA: - (guardando l’orologio) Le dieci quasi e venti!

GIOCONDA: - Allora nun ve preoccupate, tra poco ‘o videte ‘e arriva’! (con fare intrigante) Scusate signo’, non è per sapere i fatti vostri...

ROSA: - (a mezza voce a Giuseppina) ...ma pe’ ce regola’ i nuoste!

GIOCONDA: - (continuando) ...ma vi è successo qualcosa? Voi state così nervoso!

ORLANDO: - Niente, niente! (continua a passeggiare)

ROSA: - (sottovoce alle altre) Io, è la prima volta che ‘o veco ccà ‘ncoppa, forse perciò sta nervoso!

GIUSEPPINA: - (ad Orlando) Non vi dovete preoccupare, quello don Nicola è bravo, ‘e ccose ve le legge ‘int’a ll’uocchie senza manco farve parla’!

ORLANDO: - (senza rispondere continua a passeggiare nervosamente)

GIOCONDA: - (a mezza voce alle donne) Pe’ mme sicuramente se tratta d’‘o core! (si tocca sul petto)

ROSA: - (c.s.) E me pare pure c’‘a cosa è grave!

GIUSEPPINA: - (fraintendendo) Uh, puveriello accussì giovane! (si alza, va vicino ad Orlando) State calmo, non vi agitate che vi può far male! Sedetevi, c’‘o core nun se pazzea!

ORLANDO: - (che non capisce) Sto bene così, grazie!

GIUSEPPINA: - (con insistenza) Ma è meglio se vi sedete! ‘Onna Ro’, Gioco’, dicitencelle pure vuie!

GIOCONDA: - Giuseppi’ lasci’‘o sta’! (a mezza voce) Che hê capito?

GIUSEPPINA: - (sottovoce) Gioco’ tu hai detto ch’è malato ‘e core!

ROSA: - See, chillo è malato ‘e core comm’ a tte!... (sorridendo) Giuseppi’ è innamorato, perciò sta qua, proprio comm’ a tte!

GIUSEPPINA: - (risentita) E quanne buone buone fosse, che fatte songh’‘e vuoste!... Po’ dice che so’ io che me ‘mpiccio d’‘e fatt’ ‘e ll’ate!

ROSA: - (sempre sorridendo) Pecchè nun è overo ca tu viene da don Nicola pe’ mezz’ ‘e Maurizio?

GIUSEPPINA: - (piagnucolando passando al tu) Chiste so’ fatti miei, hê capito?... (con rabbia) E po’, è sempe meglio a veni’ pe’ chesto, (sottolineando) io so’ giovane, pienz’a tte chiuttosto... perchè ti credi ca nun se sape pecchè tu viene ccà da don Nicola?

ROSA: - E allora? Cu chesto che vuo’ dicere?... (minacciosa) Ma tu vuo’ vede’ che te pigli’‘a schiaffi!

GIUSEPPINA: - (alzandosi, provocatoria) Voglio proprio vede’, iàh!

GIOCONDA: - E basta mo’! Finitela! Si arriva don Nicola ce caccia fora a tutti quanti! (le due si risiedono)

ORLANDO: - (che, assorto nei sui pensieri, non ha badato alla quasi lite, guarda ancora l’orologio con impazienza) Uffà e chiste quanne vene!

RITA: - (moglie di Nicola. Bella ragazza sui venticinque anni, indossa un vestitino molto semplice, ciabatte ai piedi. Entra dalla destra e senza salutare, si porta al centro, prende il paravento, lo apre, dividendo così la scena in due, sala d’aspetto e studio, va al tavolo-scrivania mette qualcosa in ordine, sistema meglio la sedia davanti al tavolo poi, com’è entrata, senza dire nemmeno una parola, esce dalla destra)

ORLANDO: - (che ha seguito, con interesse, tutto quanto ha fatto Rita) Chi è?

GIUSEPPINA: - È Rita, ‘a mugliera di don Nicola!

GIOCONDA: - (acida) Nun ha ditto manco buongiorno!

ROSA: - (c.s.) E chella tene sempe ‘a puzza sott’ ‘o naso... Non ha capito che nuie, a essa e a don Nicola, ce purtamm’‘e denare!

GIOCONDA: - Se, e quann’‘o capisce, c’‘a capa ca tene!

GIUSEPPINA: - (cercando di giustificare Rita) Ma quella è distratta, nun ‘o fa apposta!... E po’, è accussì giovane!

ROSA: - Questo succede quando una se sposa troppo giovane e cu n’ommo cchiù viecchio ‘e essa!

GIUSEPPINA: - Quanno uno se vò bbene l’età nun c’entra!

ROSA: - C’entra c’entra, (sorridendo) è ove’ Gioco’?... Tu si’ ancora guagliona, che vuo’ capi’ ‘e sti ccose!

GIUSEPPINA: - (risentita) Io tengo vent’anni!

ROSA: - (ironica) Ciente cu bbona salute!... Gioco’, ma ‘o fatte che se dice ‘e Giulio, è overo?

GIOCONDA: - Oi Ro’, si dice!...

GIUSEPPINA: - Ma chi Giulio? Giulio Cucullo? (al cenno affermativo con la testa di Gioconda) Ma comme po’ essere, chillo è ‘o fratecucine!

GIOCONDA: - E allora?... Pecchè secondo te, i cugini, certe cose non le fanno?... Chille songhe i peggio!

ROSA: - (sorridendo) ’A guagliona nun ‘o sape ‘o fatte d’‘e tre "c"!

GIUSEPPINA: - ‘O fatte d’‘e tre "c"?...

GIOCONDA: - Compari, Cugini e Cognati so’ corna assicurate! (ride)

ORLANDO: - (che aveva seguito la discussione, estasiato) Certo, che però, è na bella guagliona!

GIUSEPPINA: - (irritata) Scusate... comme ve chiammate?!

ORLANDO: - Orlando!

GIUSEPPINA: - Scusate signor Orlando, voi parlate proprio comm’ a tutte ll’uommene. Ma non lo sapete che Rita è sposata e ca tene nu marito?... Nun c’è che ffa’, site tutt’ ‘e stesse, non vi importa se accussì arrovinate na famiglia, (accalorandosi sempre di più) po’ dice ca succedono i guai, e per forza... Vuie uommene, vuie uommene site... site... ‘nfamune... (quasi con le lacrime agli occhi) Ecco quello che siete... ‘nfamune!

ORLANDO: - (meravigliato) Nèh, i’ nu cumplimento aggia fatto!

GIUSEPPINA: - E chello accussì s’accumencia e po’...

ORLANDO: - Ma che state a ddi’?!... Signuri’, io se la vedo un’altra volta, è ‘a primma vota!

GIOCONDA: - Giuseppi’ e statte zitta mo’!

NICOLA: - (entra dalla destra. Uomo sui cinquant’anni, pizzetto e baffi, indossa pantalone e maglione. Porta sul viso i segni di una notte insonne) Buongiorno a tutti! (gli altri rispondono a soggetto alzandosi dalle sedie) Scusate il ritardo ma stanotte ho tenuto una seduta e ho fatto tardi... (nota Giuseppina) Giuseppi’ e tu staie n’ata vota ccà!... Figlia mia bella ma come te lo debbo dire? (si avvia verso il tavolo-scrivania seguito dalla ragazza)

GIUSEPPINA: - ‘On Nico’ ‘on Nico’, ma chill’ è succieso nu fatto nuovo!

NICOLA: - (sedendosi dietro la scrivania) E tutt’ ‘e juorne succedono fatti nuovi!

GIUSEPPINA: - ‘On Nico’ cinque minute, subito faccio. Non vi faccio perdere tempo! (e si siede sulla sedia di fronte a Nicola)

ROSA: - (che ha seguito la scena da dietro il paravento, prontamente interviene) Nèh piccerè, ma che te cride ca ci tengo scritto Gioconda ‘nfronte?...

GIOCONDA: - (offesa, avendo frainteso) E già, pecchè io, secondo te, mi faccio piglia’ pe’ fessa!

ROSA: - Che ci c’entri tu Gioco’? Che hai capito?... (proseguendo) Ie sto’ da stammatina all’otto e chella (indica Giuseppina) mo’ se ne vene fresca fresca!... (minacciosa) Susete fa’ ampressa si no, chello che nun tt’aggia fatto primma, t’ ‘o faccio mo’!... (le va vicino la prende per un braccio e la tira dalla sedia) Hê capito susete!

GIUSEPPINA: - Lascia, lascia che mi fai male!... (liberandosi con uno strattone) E lassa!... (con fare bellicoso) Tu hê capito che mi devi lasciare stare o si no, me scordo ca tiene ‘e capille ianche, e te mann’ ‘o spitale!

ROSA: - (fronteggiando la ragazza) Che fai tu?... Ce vuo’ tu e tutt’ ‘a razza toia! (e si avventa. Lite a soggetto)

NICOLA: - (intervenendo) Ma la volete finire! Che maniere sono queste!... (cerca di dividerle ma non ci riesce. Urlando) Smettetela!... Gioco’! Giovino’!... Comme ve chiammate!?...

ORLANDO: - Orlando, mi chiamo Orlando!

NICOLA: - ...presto, venite a darme na mano! (i due accorrono. Parapiglia generale)

GIOCONDA: - Ro’, Giuseppi’ finitela! (cerca di dividere le due)

La lite dura qualche minuto con battute a soggetto dei cinque

ORLANDO: - Aah, aah! (esce dal groviglio con una gamba in mano) ’A coscia è ‘a mia! (si ributta nella mischia)

GIOCONDA: - (gridando) ’E capille, lascia sta ‘e capille!

NICOLA: - (urlo di dolore) Aaahh! ‘a manooo!... (si fermano tutti) Chi m’ha muzzecato ‘a mano? (si mantiene la mano destra con una smorfia di dolore)

GIUSEPPINA: - Non sono stata io, ‘on Nico’ è stata essa! (indica Rosa)

ROSA: - Io?... Mo’ te faccio ‘o riesto!... (fa per avventarsi di nuovo ma è trattenuta da Orlando) Don Nico’ faciteme vede’ ‘o muzzeco... (gli prende la mano)

NICOLA: - Aaah!... lascia che mi fa male!

ROSA: - (senza lasciare la mano che mette vicino alla sua bocca) No no, guardate guardate!... (gli mostra i denti) So’ stat’ ‘e dienti miei?... Controllate!

NICOLA: - (si libera dalla stretta) Che debbo controllare! Pecchè tiene ‘o marchio ‘e fabbrica?... (si guarda la mano) Ma tu guarda qua che mi hanno combinato!... (arrabbiato) Jatevenne, mo’ ve ne dovete andare tutti quanti!... (va verso la porta e chiama) Rita!... Rita!... Portame nu poco ‘e disinfettante e l’ovatta!

GIOCONDA: - (alle donne) Avete visto, tutto pe’ colpa vostra!

RITA: - (entrando dalla destra) Che è stato?

NICOLA: - M’hanno dato nu muorzo ‘ncopp’ ‘a mano!

RITA: - Nu muorzo?... E chi è stato?

ROSA-GIOCONDA-GIUSEPPINA: - (in coro a soggetto) Io no!... Nun so’ stat’i’!... E i’ manco!... (Rita allora guarda Orlando)

ORLANDO: - (che per guardare estasiato Rita non si è accorto di essere diventato, ai suoi occhi, il colpevole) Ah, che io non c’entro eh!... Io ho solo diviso!... Don Nico’ dicitencelle pure voi!

NICOLA: - Sì sì￾, comunque mo’ ve ne dovete andare, l’esercizio è chiuso per indisponibilità del titolare... (guardandosi la mano) infortunio sul lavoro...

ORLANDO: - Adesso dovete fare la causa di servizio! (sorride)

ROSA: - Don Nico’ ma i’ stongo ‘a stammatina!...

GIUSEPPINA: - A mme è quistione ‘e cinche minute!...

GIOCONDA: - ‘O fatte è urgente!

NICOLA: - Basta!... Stateve zitte, ca m’è schiuppate pure nu bellu mal’ ‘e capa... Dimane, se ne parla domani, anche voi giovino’, come avete detto che vi chiamate?...

ORLANDO: - Orlando Parente!

NICOLA: - Signor Orlando anche con voi, allora, ci vediamo domani. Arrivederci!... Andate! (escono tutti dal fondo, le donne borbottando. Rimasto solo con la moglie) Ri’, per piacere, piglia ‘o disinfettante...

RITA: - Fai vedere che ti sei fatto?... (gli prende la mano osserva il morso) Qua non si vede niente!... (acida) Sei sempre il solito esagerato, miettece nu poco ‘e acqua e vide ca te passe... ‘o disinfettante!...

NICOLA: - (quasi a giustificarsi) Ma prima ci stava il segno e po’, me fa male ancora!...

RITA: - Tutt’ ‘e scuse so’ bbone... Na vota te fa male ‘a capa, n’ata ‘a panza, (indicando la mano) la mano... e intanto, non si lavora... (accalorandosi sempre più)anzi il signore, chilli quatte cliente ca lle so’ rimaste, si prende il lusso di mandarli via...

NICOLA: - Ma Rita...

RITA: - Ma che Rita e Rita! Nun ‘o vide come siamo ridotti, comme sto’ ridotta... (mostra il vestito e ciabatte) Guarda ccà gua’, vaco comm’a na pezzente... (gridando) io tengo vinticinche anne, hai capito, venticinque!... (si siede su una sedia e piange di rabbia)

NICOLA: - (le si avvicina) No, nun fa’ accussì, tu ‘o ssaie ca ie te voglio bene... (cerca di metterle una mano sulla spalla, ma lei si scosta) ie pe’ tte me vennesse pure ‘o core... Chiste so’ tiempe difficili... (a mo’ di giustificazione) nun m’accatte nu vestito nun saccio ‘a quantu tiempe, mi so’ levato tutt’ ‘e vizi, pure quello ‘e me fumma’ na sigaretta ogni tanto... (sconsolato) che altro debbo fare?... (al silenzio di lei) Dimmi tu che debbo fare e ie ‘o faccio!...

RITA: - (sempre arrabbiata) Fa’ chelle ca vuo’ tu: va’ a ‘rrubba’, a spaccia’, a jetta’ ‘o sanghe... abbasta che ‘a fernimme cu sta vita ‘e quatte sorde!... (si alza, gira nervosamente per la stanza) Ma pecchè nun me s’è seccata ‘a lengua quanno t’aggia ditto sì!...

NICOLA: - Pecchè dice accussì, ie te voglio bene...

RITA: - Nun basta Nico’... nun basta cchiù!

NICOLA: - Comme nun basta cchiù? Che significa?...

RITA: - Non dovevi andare a disinfettarti la mano?... E va’ ca è meglio, va’ va’!... (e si mette a riordinare la stanza)

NICOLA: - (con il capo chino si avvia per uscire, ma arrivato alla porta si volta e...) Rita... nun me lassa’! (esce a destra)

RITA: - (rimasta sola, nervosamente, va a richiudere il separè e a rimettere a posto qualche altra cosa)

ORLANDO: - (facendo capolino dal vano dell’ingresso) È permesso?

RITA: - Ah, siete voi! Mi dispiace ma dovete venire domani.

ORLANDO: - Ma io domani non posso, devo andare in ufficio... Non glielo potete dire voi a don Nicola? Quello a voi vi sta a sentire... (con fare galante) come si fa a dire di no ad una bella ragazza!

RITA: - Ma io sono la moglie!

ORLANDO: - E che vuol dire questo? Significa che siete una bella moglie!

RITA: - (sorride contenta del complimento) Ma è la prima volta che venite qua? Non vi ho mai visto... Vi ha mandato qualcuno?

ORLANDO: - A dire la verità è stato un amico, si chiama Giulio Cucullo!

RITA: - E perchè non l’avete detto prima!... Apettate, mo’ vedo che posso fare... (fa per avviarsi, ma si ferma e sorridendo) Ma Santo Iddio, perchè gli avete mozzicato la mano!... (con civetteria) Fosse stato almeno ‘a mano ‘e na femmena!...

ORLANDO: - Ma non sono stato io e po’, (sottolineando, guardandola negli occhi) ’e femmene, non ce ne stavano!

RITA: - Ma come, e donna Rosa, Gioconda, Giuseppina?...

ORLANDO: - See, ddoie vecchie e una ragazzina... (con intenzione) forse, se c’eravate pure voi, ce puteva pure scappa’... ‘o muzzeco... (e continua a guardarla negli occhi)

RITA: - (con malizia) Perchè... voi mozzicate?

ORLANDO: - Solamente quando ne vale la pena!...

NICOLA: - (rientra con una vistosa fasciatura alla mano destra, notando Orlando) Voi state ancora qua?... Vi avevo pregato di venire domani...

RITA: - (si avvicina al marito e dura) Il signore domani non puo’ venire... (a mezza voce) Lo ha mandato Giulio!

NICOLA: - (sottovoce) Ma come faccio?... Non lo vedi ca tengo ‘a mano ferita?

RITA: - (c.s.) Perchè devi parlare con la mano?... Muoviti, nun fa’ ‘o criature. (ad Orlando) Prego accomodatevi! (gli indica la sedia davanti alla scrivania)

ORLANDO: - Signo’, vi ringrazio tanto!

RITA: - Rita, mi chiamo Rita!

ORLANDO: - Ed io Orlando! (le stringe la mano trattenendola più del dovuto) Allora grazie... Rita!

NICOLA: - (che nel frattempo si è seduto dietro la crivania, nota) Forza giovano’, non perdiamo tempo, assettateve!... Rita, per piacere, arrape ‘o separè!... (Rita esegue mentre Orlando si siede) Come avete detto che vi chiamate?

ORLANDO: - Sempre Orlando Parente!

NICOLA: - Ah, già! Signor Orlando allora che dobbiamo fare?

ORLANDO: - (con esitazione) Don Nico’, sono venuto da voi perchè ho un problema, ed io so che voi potete aiutarmi e... (si volta a guardare nuovamente Rita che, con la scusa di mettere a posto oggetti, s’attarda accompagnando quanto sta facendo con movenze provocatorie; questo lo distrae)

NICOLA: - ...e,... dite giovano’! Non ci distraiamo... di che si tratta?

ORLANDO: - (distogliendo per un attimo gli occhi da Rita) ...e che,... don Nico’, io sono convinto di avere una fattura addosso, perciò... vorrei farmi leggere le carte!

NICOLA: - Le carte? (a sè stesso) Ed io lo sapevo!... E mo’ come faccio cu sta mano!... (si guarda la mano fasciata poi, con fare accattivante) Non è che vogliamo leggere la mano o addirittura la sfera di cristallo?...

ORLANDO: - (scuotendo la testa) No no!

NICOLA: - No eh!... Le carte!... (con rassegnazione) E va bene!... Rita vieni nu poco ccà, aiutami a mischia’ ste carte!

RITA: - (va vicino al marito prende le carte le mischia, poi ad Orlando) Prego tagliate!... (nel dire questo si piega mettendo in mostra il seno dalla scollatura del vestito)

ORLANDO: - (distratto dalla piacevole vista) Che debbo fare?... Ah, le carte!... (taglia con la destra)

NICOLA: - No no... come vi chiamate... lo dovete fare con la sinistra!... (Orlando esegue sempre guardando nella scollatura) Ecco, così va bene!... Rita mo’ mettile sulla tavola, da destra a sinistra...

RITA: - (nota il turbamento di Orlando e accentua la provocazione, ma questo la distrae per cui, senza accorgersene, sbaglia a disporre le carte) Va bene così?

NICOLA: - Ma no, che stai facendo?... (si rende conto della scollatura della moglie e dello sguardo di Orlando e a denti stretti) Copriti!... (poi) Forse è meglio se ci lasci soli... io devo lavorare! (riforma faticosamente, con una mano, il mazzo di carte)

RITA: - (risentita) Ma se sei stato tu a dirmi di aiutarti, e poi non pensavo di disturbare!

ORLANDO: - Se è per me, puoi restare. Non mi disturbi affatto!

NICOLA: - Disturba, disturba! (alla moglie) Vai!... Vai!... (Rita esce dalla destra con un’alzata di spalle) Dunque?...

ORLANDO: - (che ha seguito con lo sguardo Rita fino all’uscita) Ah sì, dunque... Dove eravamo rimasti?

NICOLA: - Voi non avete ancora cominciato!... Alzate un’altra volta!... (Orlando esegue. Sempre con una mano ricomincia a disporre le carte sul tavolo) Mi avete accennato a una fattura... (continuando con le carte) ma che cosa vi fa pensare che qualcuno vi ha potuto fare una fattura?...

ORLANDO: - A dire la verità non lo so... Nu fatto è certo: dormo poco, ho poca voglia di lavorare, e perciò litigo coi colleghi e anche con il direttore, mangio quando m’ ‘o ricordo e po’, sto sempre nervoso... ah... la cosa più importante... le donne, ‘on Nico’, le donne... ‘a nu poco ‘e tiempo, mi pare come se non m’interessasero più come una volta e questo, francamente, mi preoccupa!

NICOLA: - (a sè stesso) E meno male ca nun ll’interessano!... (guardando le carte) Sentite signor... signor...

ORLANDO: - Orlando! (scandendo) O-rla-ndo!...

NICOLA: - Ho capito!... Signor Orlando, ma la persona che vi ha mandato da me...

ORLANDO: - (meravigliato) E voi come fate a saperlo?...

NICOLA: - (sorridendo indica le carte) Qua ci sta scritto tutto... bisogna solo saper leggere... dunque, quest’amico che...

ORLANDO: - ...Oddio, più che n’amico è un conoscente, si chiama Giulio Cucullo, l’ho incontrato l’altro giorno e mentre stavamo parlando del più e del meno, a nu certo mumento mi ha detto: "Orla’, che brutta faccia ca tieni, io credo che qualcuno t’ha fatto na fattura, ma non ti devi preoccupare, io conosco la persona che fa per te!..." M’ha dato il nome e l’indirizzo ed eccomi qua!

NICOLA: - Giulio!... Sì, è un cliente... spesso mi consulta... Gli ho risolto parecchi problemi!... Sì... Giulio, Giulio Cucullo come no!... Adesso però, veniamo a voi, al vostro caso, che a quanto vedo (continua a guardare le carte) non sembra nè facile e nè semplice...

ORLANDO: - (un poco preoccupato) Allora ci sta veramente?... (al cenno affermativo alza gli occhi al cielo scuotendo la testa)

NICOLA: - Che faccio?... Vado avanti?...

ORLANDO: - (titubante) Sì però, prima, vorrei conoscere anche il vostro onorario!...

NICOLA: - (facendo la cosa tragica) E voi state a pensa’ ai soldi in momenti come questi!... Guardate, guardate qua... (gli mostra una carta) ma voi avete visto che è uscito?...

ORLANDO: - (più preoccupato) Pecchè che è uscito?...

NICOLA: - (mostrandogli una carta) L’appeso!...

ORLANDO: - (sempre più preoccupato) L’appeso?... Ed è grave?

NICOLA: - Buono non è!... Adesso, però, ci sono io e non vi dovete preoccupare… Certo che, ci vorrà più di una seduta ma, l’importante è togliere la fattura...

ORLANDO: - Certo certo... se è necessario!... (esitante) Ma mi verrà a costare parecchio?

NICOLA: - E questo adesso non ve lo posso dire, si deve prima valutare di che qualità è la fattura!

ORLANDO: - Perchè ci stanno di diverse qualità?

NICOLA: - Hai voglia!... So’ centinaia!... per amore, per lavoro, sfortune varie, per malattie lievi e per malattie gravi... (pausa) per morte!...

ORLANDO: - Ah!... (fa il segno delle corna con le mani)

NICOLA: - Eh, queste (rifà il gesto) in certi casi servono a poco!... Comunque io non voglio insistere, dovete vedere voi... (pausa) Certo che sarebbe un peccato però, non poter aiutare un bravo giovane, intelligente, come voi... ma se per voi i soldi contano di più…

ORLANDO: - Per l’amor di Dio, ‘on Nico’, io non volevo dire questo. Era solamente per regolarmi!

NICOLA: - Io però, dato che mi siete rimasto subito simpatico, un aiuto ve lo voglio dare lo stesso... Vi praticherò uno sconto!... Va bene?...

ORLANDO: - E grazie!

NICOLA: - Avete detto che lavorate?...

ORLANDO: - Alle poste, sono impiegato alle poste!

NICOLA: - (gli guarda la mano sinistra) E... non siete sposato!... Non è vero?

ORLANDO: - (con un po’ di meraviglia) Sì, è così!... Vivo con i miei genitori in un appartamento di proprietà in via Galilei.

NICOLA: - (guardando le carte) Tenete il diploma di... di... ra... (guarda in faccia Orlando che con la testa, senza accorgersene, conferma) ragioniere?!

ORLANDO: - (c.s.) Sì ma... ma chi ve l’ha detto?

NICOLA: - (che ha capito di aver trovato un buon cliente, sorridendo) Eh, chi me lo ha detto!... Vi ripeto... bisogna saper leggere... queste (indica le carte) vi dicono tutto... (cerca di sfruttare la credulità palese del giovane) ecco qua, per esempio, si vede benissimo che vi piacciano le donne ma che questo, però, non è un buon momento... che saccio, incomprensioni... (con intenzione) mariti gelosi...

ORLANDO: - (sempre più meravigliato) È proprio così!

NICOLA: - ...e non è un buon momento nemmeno per il lavoro... i colleghi abusano della vostra bontà e il direttore non vi apprezza... anzi vi rimprovera spesso...

ORLANDO: - (che non si rende conto che quelle cose gliele ha detto lui prima, impressionato) Ma voi sapete veramente tutto!... E, don Nico’, (indicando le carte) ditemi, ci stà scritto pure chi mi ha fatto la fattura?

NICOLA: - Comme curre mo’!... Certo ca ce stà scritto ma, te l’ho detto, ci vuole un po’ di tempo!... Non ti dispiace se ti dò del tu, non è vero?

ORLANDO: - Ma vi pare!... ‘On Nico’ mi raccomando però, io mi metto completamente nelle vostre mani e... nun ve preoccupate dei soldi!

NICOLA: - Bravo!... (alzandosi) Allora continuiamo domani, ‘a mano me fa ancora male e, per quello che dobbiamo fare, bisogna essere al meglio!...

ORLANDO: - (alzandosi a sua volta) Domani riprendo servizio... Sono libero nel pomeriggio! Per voi è lo stesso?

NICOLA: - Nel pomeriggio?... Aspetta!... (fa finta di consultare un’agenda) Nel pomeriggio lo studio è pieno di clienti... facciamo così, vieni verso le 21 22, è meglio, a quell’ora non ci dovrebbe essere più nessuno. Va bene?

ORLANDO: - Sì, per me va benissimo! Allora a domani sera, arrivederci e grazie tante! (gli stringe la mano e fa per andare)

NICOLA: - Aspetta!... (senza lasciargli la mano) Aspe’, comme te chiamme!?...

ORLANDO: - Orlando… Orlando Parente!...

NICOLA: - (sorridendo) Ah già, Orlando!... Me scordo sempe!... (fa qualche colpo di tosse, con esitazione) E che... mi dovresti dare un acconto, non è per sfiducia s’intende, ma sai comm’è?... Ci stanno le spese!... (non lascia la mano)

ORLANDO: - Ma figuratevi!... (fa per prendere il portafogli ma non riesce a liberare la mano) ’On Nico’ ‘a mano, lassateme ‘a mano!...

NICOLA: - (sorridendo) Oh scusa!...

ORLANDO: - (caccia il portafogli) Quanto vi debbo dare?

NICOLA: - Fa’ tu!... Trecentomila vanno bene!

ORLANDO: - (a sè stesso) Meno male che ha ditto fa’ tu!... (prende due biglietti da centomila e due da cinquanta e li dà a Nicola. Entra Giulio dal fondo)

GIULIO: - (giovane sui trent’anni, aria spavalda e sicura, si capisce subito che in quella casa la fa da padrone) Buongiorno Nico’... (notando Orlando) don Nico’!... Orla’, allora ti sei deciso, bravo, hai fatto bene!

ORLANDO: - Ciao Giu’, io ti debbo ringraziare...

GIULIO: - Ma che vuo’ ringrazia’!... (gli mette un braccio sulle spalle) e allora l’amicizia!... (entra Rita) Ciao Ri’!

RITA: - Ciao! T’ho visto arrivare dalla finestra!

GIULIO:- (a Nicola parlandogli con il voi per evitare che Orlando possa sospettare qualcosa) Mi raccomando don Nico’, trattatelo bene (sottolineando) perché è un mio carissimo amico!...

NICOLA: - (ancora con i soldi in mano) Io i miei clienti li tratto tutti bene ma...

GIULIO: - (interrompendolo) ...ma a Orlando lo dovete trattare meglio!... (mettendo l’altro braccio sulle spalle di Nicola e stringendo) Intesi!

NICOLA: - Si capisce. Un trattamento particolare!

ORLANDO: - Grazie assai don Nico’, arrivederci a domani!... (a Giulio) Ciao Giu’ ci vediamo e, ancora grazie!... (a Rita) Ciao!... (fa per andare)

GIULIO: - Aspe’!... Don Nico’ accompagnatelo!... (toglie il danaro dalle mani di Nicola) Ciao Orla’!...

RITA: - A domani!... (Orlando e Nicola escono dal fondo)

GIULIO: - (riferendosi ad Orlando) Siamo già in confidenza eh!... (contando il danaro) Trecentomila!… Si nun fosse pe’ mme! Tie’! (le dà cinquantamila lire)

RITA: - Ma che mi dai solamente cinquantamila lire? E io come faccio?... Ma lo sai, che po’ songh’i’, che debbo fare i salti mortali?...

GIULIO: - E allora?... (le stringe il mento tra le dita di una mano e glielo scuote) I clienti che pagano, ccà ‘ncoppa, ci mann’i’, intesi!... Si aviss’ aspetta’ a Nicola, hai voglia! Ve puzzasseve d’ ‘a famme e tu (con allusione) dovresti fare altri tipi di salti mortali!

RITA: - (abbracciandolo) Giu’ i’ nun ce ‘a faccio cchiù, me so’ stancata!... Io ti voglio bene, voglio sta cu tte sempe e no’ quando capita!

GIULIO: - (allontanandola) Che fai? Statt’attenta che pò trasi’ da un momento all’altro e facimm’ ‘a frittata!...

RITA: - (alzando il tono di voce) E che m’importa? Magari fosse, accussì ‘a finnnimme e non se ne parla più!

GIULIO: - Nun alluccà, cretina!... e po’ ce campamme ‘e aria!... Nicola, stuorte o muorto, ci rifornisce...

RITA: - (abbassando il tono della voce) Io nun ‘o supporto cchiù ‘o capisce o no?... Io so’ giovane e me so’ stancata ‘e fa’ sta vita vicino a n’ommo ca me po’ essere padre e ca, nun voglio bene cchiù!...

GIULIO: - E a questo ci dovevi pensare prima, quanno t’ ‘o si’ spusate...

RITA: - Primma era primma, mo’ è n’ata cosa... e a colpa è pur’ ‘a toia!... (con slancio) Ma pecchè nun ce ne jamme?... Nuie simme giovani, comunque troviamo qualcosa da fare, l’importante è stare insieme... Giu’, così non può continuare!...

GIULIO: - Ma che stai dicendo?

RITA: - (decisa) Ie te voglio bene ma, se non ti decidi, me ne vaco pure senz’‘e te!

GIULIO: - (celiando) E ‘o tenisse ‘o curaggio!... (cercando di smussare la situazione) Rita pur’i’ te voglio bene, ma nun è arrivato ancora ‘o mumento ‘e fa’ quello che dici tu... aspe’!... (va all’ingresso e guarda se viene Nicola, torna da Rita l’abbraccia e la bacia) Io tengo ‘ncapo na cosa che se ci va bene, facimm’‘e signori!... Ma ci serve Nicola!

RITA: - (che subito si è addolcita) In che senso?

GIULIO: - Tu, però, mi devi promettere ‘e nun fa’ pazzie, colpi di testa e ti devi stare attenta cu Nicola pecchè ‘o fatte è gruosso, anzi... tie’ (prende altre cinquantamilalire, gliele dà) pigliati quest’altri soldi e fa’ ‘a brava!... Intesi!

RITA: - (prendendo il danaro) Sì, ma pozzo sape’ ‘e che si tratta?

GIULIO: - (le prende il mento e come prima glielo scuote, ma dolcemente stavolta) Si’ curiosa eh?!... (rientra Nicola)

NICOLA: - Azzò, nun se ne vuleva j’ cchiù, n’atu poco me faceva scennere fino abbasci’ o’ purtone. (sorridendo) ’A paura s’‘a pigliata... Giu’, Ri’ chiste è nu buono cliente!

GIULIO: - (che all’ingresso di Nicola aveva subito lasciato Rita) Io lo sapevo che Orlando era un tipo impressionabile, perciò te l’ho mandato... e po’, (alludendo) pure Rita l’ha impressionato...

RITA: - (subito sulla difensiva) Io?... E che c’entro io?

NICOLA: - Giu’, per piacere, nun pazziamme cu ste ccose!

GIULIO: - Ah già, m’ero scordato che ‘o signore è geloso!...

NICOLA: - No, che c’entra...

GIULIO: - Nico’ là i soldi ci stanno. (riferito ad Orlando) Isso fatica, ‘a mamma e ‘o pate tengono na bella pensione e debbono badare solamente a lui, tu capisci che se Rita entra nel gioco, (marcando) naturalmente senza fare nulla di male, va tutto a nostro favore, no?

RITA: - (quasi risentita) E io che dovrei fare?

GIULIO: - Maronna! Ma tenite ‘a capa tosta tutt’ ‘e dduie. Subito capite una cosa per un’altra... Ri’, a volte basta anche solo un sorriso...

RITA: - Ma prima non mi stavi parlando di...

GIULIO: - Sì ma, i clienti come Orlando, non si possono perdere... Intesi!... (alterandosi) Nèh, comunque, se non ve la sentite, io i clienti li posso portare pure da un’altra parte e nun se ne parla cchiù!

RITA: - No Giu’, ma che dici?... (al marito) Giulio, tutto sommato, ha ragione, in fondo che c’è di male?... Guardare e non toccare…

GIULIO: - Brava!... (sorride) Ah benedetta gelosia! Nico’, ma fa’ ca fusse geluso pure ‘e me!

NICOLA: - Va bbuo’ pazzìa... tu che c’entri, lo sai che io ti considero come uno di famiglia ma...

GIULIO: - (facendo l’offeso) Ho capito Nico’! Lasciamo perdere!... ‘A colpa è ‘a mia che mi preoccupo di questa casa...

NICOLA: - Ma no...

RITA: - ...cosa che, invece, dovresti fare tu!...

GIULIO: - (insinuante) D’altronde, se uno caccia i soldi, qualcosa in cambio la deve pur avere...

NICOLA: - Io...

RITA: - (incalzando) Senza far niente di male, s’intende!...

GIULIO: - (c.s.) Ri’ lascia sta’. Nun ne parlamme cchiù!

NICOLA: - (rassegnato) Va bbuo’ va bbuo’, aggia capito!... (alla moglie) Si si’ d’accordo tu, facciamo come volete voi...

GIULIO: - Oh! Bravo!

NICOLA: - Mi raccomando però, con discrezione...

RITA: - E che so’ scema?... È logico! Non ti devi preoccupare e po’, si va buono nu fatto, questa vita poc’ altro dura... È ove’ Giu’?...

GIULIO: - Certamente! Come no!...

NICOLA: - (con apprensione) Che cosa? Che fatto? Che ato è? Spiegatevi!

GIULIO: - Eh, calma calma!... Nico’, tengo na cosa pe’ mmane e, si tu nun faie ‘o scemo e me faie fa’ a mme, ci sistemiamo tutti quanti!

NICOLA: - (c.s.) ’E che staie a parla’, io nun te capisco?

GIULIO: - (ironicamente) E che mago si’? Mo’ t’avessere vede’ i cliente tuoi, ‘o vvi’!... Ah già, mi ero scordato che tu, senza ‘a palla ‘e vetro, non riesci a vedere niente... (lo prende per una mano, lo conduce al tavolo-scrivania e lo fa sedere davanti alla palla di vetro) Forza, verimme che sai vede’?... Guarda guarda, dimmi cosa vedi?… (sorride, mentre da dietro abbraccia Rita)

NICOLA: - Ma che aggi’‘a vede’?...

GIULIO: - (sempre da dietro, tenendo abbracciata Rita) Allora nun vide (cattivo) proprio niente?... (facendo il segno delle corna con una mano) Manco cu ‘a parabolica? (Rita a segni cerca di farlo smettere)

NICOLA: - Ma tu che vuò vede’! (fa per alzarsi ma Giulio lo tiene giù con una mano)

GIULIO - (continuando nello scherzo) No no aspe’, tu comme fai cu ‘e clienti (imitando la voce di Nicola) io vedo... io vedo...

NICOLA: - See, io vedo... (poi concentrandosi sulla sfera, serio) Aspe’, qualcosa si vede... vedo... (i due prontamente si lasciano) io vedo... (sorridendo si volta facendo il segno con le mani) na palla tanta!... (alla battuta tutti ridono)

CALA LA TELA

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto. La differenza sta nell’arredamento che è diverso, cioè, fermo restante la posizione del tavolo-scrivania e dei quadri alle pareti del primo atto, si nota che c’è stato un cambiamento in positivo della situazione economica: al posto delle sedie un ricco divano con poltrone, tavolino davanti con su portacenere di cristallo e qualche altro ninnolo, tappeto, tende diverse al balcone.

All’aprirsi del sipario è in scena Rosaria, la cameriera, con un piumino per la polvere in mano.

ROSARIA: - (ragazza sui venticinque anni, gira per la stanza spolverando e mettendo a posto qualche oggetto canticchiando una canzone)

RITA: - (entra dalla destra; ben curata nel fisico, è vestita in modo elegante e indossa molti oggetti d’oro: anelli, collane, bracciali, orecchini e tutto ciò 3ha dimostrazione del nuovo stato economico raggiunto) Rosa’ hai finito qua? Tra poco arriva gente e si deve ancora preparare il buffè!

ROSARIA: - Sì ho quasi finito, nun te preoccupa’ Ri’ che tutto sarà pronto pe’ tiempo!

RITA: - (contrariata) No Rosa’, te l’ho detto pure prima, tu non mi devi chiamare per nome, specialmente quando ci sta gente davanti...

ROSARIA: - Ma mo’ non ci sta nessuno!...

RITA: - (c.s.) E pure quando nun ce sta nessuno, se no, poi, ti dimentichi. Questo te l’ho detto pure quando Giulio ti ha portato qua... mi devi chiamare signora, hai capito?

ROSARIA: - Sì sì, Ri’ (subito si corregge) signo’, scusa cioè, scusate ma mi è scappato...

RITA: - (c.s.) E non ti deve scappare! Intesi? Ie nun pozzo fa’ brutte figure... se no Giulio o nun Giulio... (fa il segno con le mani come per dire che la manda via)

ROSARIA: - No no, ie me sto’ attenta... fatico sulamente ie e ‘a famiglia è grossa e nun basta a ve ringrazia’ signo’, a voi, a Giulio, a don Nicola...

RITA: - Ancora! Ma allora non ci simme capite? Rosa’, a don Nicola come ti ho detto che lo dovevi chiamare?...

ROSARIA: - Ah già!... E che stammatina nun ce stongo proprio c’‘a capa... papà nun s’è sentute buone stanotte, e l’abbiamo dovuto portare in ospedale e s’è fatto tardi...

RITA: - (interrompendola, infastidita) Va bbuo’ va bbuo’, aggia capito! Io vado a finire di prepararmi, ti raccomando, appena hai finito, vieni subito in cucina. (esce dalla destra)

ROSARIA: - (appena Rita è uscita le incomincia a fare il verso) "...signora, mi devi chiamare signora!..." M’ero scurdat’ ‘a discendenza!... (continua a spolverare nervosamente parlando da sola) Si manco ‘e fatte nun se sapessero... (poi verso la porta dalla quale è uscita Rita) Che r’è, te si’ scurdate comme stive cumbinata fino a poco tiempo fa?... La signora si è già dimenticata!... E ggià, ‘o grasso arriva subit’ ‘o core!... (si sente il campanello esterno) Ecco qua, accumminciamme... Eccomi! Vengo!... (esce per rientrare subito dopo seguita da Giuseppina) Vieni, trase, si’ ‘a primma!

GIUSEPPINA: - (indossa il vestito della festa) Meno male. Rosa’, Rita addò sta, sta dentro?

ROSARIA: - Giuseppi’, si’ vuo’ dicere ‘a signora Rita, sta ‘a llà si invece vuo’ a Rita nun c’è sta, nun c’è sta cchiù!

GIUSEPPINA: - Ma che stai dicendo, ie nun te capisco.

ROSARIA: - No niente, nun da’ retta, stammatina ‘a capa nun m’accumpagna... Rita? Sta ‘int’a cucina a ferni’ ‘e appripara’, tra poco arrivano nu sacco ‘e gente...

GIUSEPPINA: - Rosa’ io dovrei parlare urgentemente cu don Nicola!

ROSARIA: - (sottolineando) Con il Maestro!... E penso proprio che non sarà possibile, e po’ mo’ basta telefonare!

GIUSEPPINA: - Sì, ma nun è ‘a stessa cosa, ie po’ so’ na vecchia cliente ‘e don Nicola...

ROSARIA: - (c.s.) ...del Maestro!

GIUSEPPINA: - Éh éh, aggia capito del Maestro, ma ie l’ho sempre chiamato don Nicola e allora me ‘mbroglio!

ROSARIA: - (tagliente) ’A quanno ha incominciato a fa’ i consulti pe’ televisione si fa chiamare "Maestro" e se so’ fatte pure un sacco di soldi, e pe’ forza, cu tutte chella gente che telefona... In poco tempo si sono fatta una posizione: don Nicola "’o Maestro", Rita "la signora" e Giulio "il compare!"

GIUSEPPINA: - (con ingenuità) No Rosa’, Giulio nun è ‘u cumpare ma il fratello-cugino di Rita!

ROSARIA: - (spazientita) Uuuh Giuseppi’! Ma tu ce faie o ce si’!? (entra Nicola)

NICOLA: - (entra dalla destra mentre va abbottonandosi la camicia ancora fuori dai pantaloni) Rosa’, se hai finito vai di là, mia moglie ti vuole. (nota Giuseppina) Giuseppi’ tu già stai ccà, brava! Ma che ore songhe?

GIUSEPPINA: - (guardando l’orologio) Le undici quasi e mezza!

NICOLA: - Azzò, comm’è tardi! Rosa’ va’ va’, fernesce doppo ccà. (Rosaria esce dalla destra) E Giulio che nun se vede ancora! Giuseppi’ ma gli altri quando vengono?

GIUSEPPINA: - Gioconda stev’‘aspettanno a ‘onna Rosa, ma erano quasi pronte, nun ve preoccupate che mo’ ‘e vedite ‘e arriva’!

NICOLA: - E pure ‘o giovane... (schioccando le dita) comme se chiamma?...

GIUSEPPINA: - Chi Orlando?

NICOLA: - E sì Orlando! È sempre puntuale invece oggi tarda pur’isso... Che ora è ditto ca songhe?

GIUSEPPINA: - Le undici quasi e mezza!

NICOLA: - Allora è meglio si me vaco a ferni’ ‘e vesti’! Giuseppi’ pecchè nun vaie ‘a llà a da’ na mano pure tu? (fa per andare)

GIUSEPPINA: - Sì mo’ vaco ma... (esitante) ’on Nico’ ie, primma, v’avess’‘a parla’ nu poco.

NICOLA: - No Giuseppi’, mo’ nun è proprio cosa e po’, adesso lo faccio quasi esclusivamente pe’ telefono, perciò, quando sono in trasmissione, telefona ed io (con enfasi) "il Gran Maestro Figlio del Sole" risponno pur’ a tte!

GIUSEPPINA: - (supplicante) Ma ‘on Nico’... Maestro, Maurizio se sposa e io... comme faccio!... (scoppia a piangere)

NICOLA: - Giuseppi’ no, nun fa’ accussì! (le va vicino le mette un braccio sulle spalle) Dai non piangere, forza asciugate ‘e llacreme dopo, semmai dopo, facimme ‘a seduta. Va bbuo’?... (suonano alla porta) Forza ca sta venenne gente, nun te fa’ truva accussì! (Rosaria esce dalla destra e va ad aprire)

ROSARIA: - (entrando) Prego accomodatevi, don Nicola, il Maestro, sta qua! (fa entrare Aldo)

ALDO: - (uomo della stessa età di Nicola, veste bene) Ciao Nico’, come stai?

NICOLA: - (appena lo vede) Aldo! Che piacere, sei venuto! (lo abbraccia) Vieni, vieni, accomodati! Giuseppi’ va’ cu Rosaria nun te preoccupa’, ne parlammo doppo! (rimasti soli, siedono sul divano) Allora?... Si sapisse che piacere che m’hê fatte!

ALDO: - Figurati, mi dispiace solamente che mia moglie nun è putute veni’, tenimme a ll’urdeme cu ‘a rosolia.

NICOLA: - Che peccato! M’avessa fatte piacere ‘e rivede’ Francesca e avesse fatte piacere pure a Rita.

ALDO: - Vi manda tanti saluti e ha detto che, alla prossima occasione, ci dobbiamo fare una bella rimpatriata... Certo che, da quando abbiamo cambiata casa, nun ce simme viste e sentute cchiù e si nun era pe’ Francesca che, scasualmente, ti ha visto per televisione ll’ata sera...

NICOLA: - (sorridendo) ...io me crereve che era per un consulto ma, non appena aggia capito che era Francesca, la telefonata l’ho fatta passare subito in privato, si no si sentiva tutto in diretta...

ALDO: - Sì me lo ha detto!... (guardandosi intorno) Bravo, vedo che le cose, finalmente, ti vanno bene e mi fa veramente piacere, (serioso) solo che stai diventando troppo ricco e famoso e, doppo, pe’ parla’ cu tte, ci vorrà ‘a domanda in carta da bollo! (ride)

NICOLA: - Cu tte?!... Mai!... Aldo, ie so’ ‘u tipo ca nun se scorda... Tutt’ ‘e vvote ca so’ venuto ‘ncopp’ a du te ho trovato sempre un amico, in tutti i sensi, pure quando forse non avresti potuto...

ALDO: - (schermendosi) Ll’aggia fatto sempe cu tutt’ ‘o core, ma mo’ lasciamo perdere, si no me faccio russo... Allora dimmi, perchè quest’invito?... Che si festeggia?

NICOLA: - Comme che si festeggia? (sorridendo si alza) "Il Gran Maestro, Figlio del Sole!... Cartomante, astrologo, medium, sensitivo, eccetera, eccetera, eccetera"...

ALDO: - (sorridendo) Alla faccia! Ci siamo ingranditi!... (facendo finta di non aver capito) E tutta chesta gente: ‘u figlio d’‘o Sole, ‘u sensitive, l’astrologo eccetera eccetera, lavorano cu tte? (continua a sorridere)

NICOLA: - No no, so’ sempe io!... (nota il sorriso sornione) Che fai, sfotti?... (Aldo ride) ’a quanno Giulio, il cugino di mia moglie, mi ha fatto entrare nel giro del 166...

ALDO: - ‘U 166? ‘U telefono erotico?

NICOLA: - Sissignore! No, cioè sì... si telefona pe’ telefona’, ma no’ pe’ chelle schifezze là… Leggo le carte, ‘a palla, insomma faccio il mago per telefono, questo è tutto!

ALDO: - Ah ecco!... Nico’, ma lievame na curiosità, a voi, a tte, chi vi paga?

NICOLA: - Con precisione nun ‘o saccio, pecchè s’‘o vede tutto Giulio e, francamente, nun è ca m’interessa troppo; nu fatte è certo Aldu’, ‘e ccose so’ cagnate da così a così!... (fa il segno con la mano) Stammatina dobbiamo fare uno, comme si dice, "sport televisivo" (accorgendosi \ dell’errore) no no aspe’, comme ha ditto Giulio... (cerca di ricordare) va bbuo’... insomma, mo’ vene uno cu ‘a telecamera a fa’ delle riprese p’ ‘a televisione (ricordandosi) ah, ecco "uno spot pubblicitario" e, dato che, dopo domani fanno sette anni che io e Rita ce simme spusate, coll’occasione ho invitato pure qualche amico per un bicchiere di champagne, e tu non potevi mancare!

ALDO: - Grazie Nico’, ti ringrazio di cuore!... (titubante, serio) Siente Nico’, io ti vorrei... ti dovrei parlare ma... nun ‘o saccio se mi posso permettere...

NICOLA: - Aldo parla, dimme, che ti serve?... Hai bisogno di qualcosa?... Di soldi?...

ALDO: - (sempre titubante) No no, e che...

NICOLA: - Hai fatto discussione con Francesca!... Parla nun te preoccupa’, ricordati che Nicola Pacelli, per te, più che un amico, è un fratello!

ALDO: - (c.s.) E io comme amico... comme a nu frate, t’aggi’‘a di’ na cosa...

NICOLA: - Aldo ma che è succieso?...

ALDO: - Nico’... (sempre titubante) Nico’... ‘a gent’ è cattiva, è invidiosa... ‘a gente vò dicere sempe e sulamente "puveriello" ma basta che tu staie nu poco poco meglio e subito nun è overo cchiù, e te mena a fa’ male Nico’, e il più delle volte te coglie...

NICOLA: - (sulla difensiva) ’A gente si nun parla more!

ALDO: - Sì Nico’, ma nun giusto... e tu ti devi difendere o si no t’arruvinano... (si alza e gira per la stanza cercando di trovare il coraggio per continuare) Nico’ sta casa, ‘a casa toia, è frequentata da troppa gente, parenti e non, e tu tiene na mugliera giovane e bella e...

NICOLA: - (crudo) ...e ‘a gente dice ca me mette ‘e corne!... Lo so!... Aldo ‘o saccio, ma saccio pure ca nun è overo... Può sembrare, pecchè Rita è giovane e io so’ cchiù viecchio ‘e essa... pò pare’ Aldo, pò pare’, ma nun è accussì... (parla come chi cerca di convincere anche sè stesso) Rita me vò bbene, m’ha sempe vulute bene, so’ sette anne... me vò bbene e stà cu mme, tutt’ ‘o riesto nun conta... ‘e vvoce?... Trasen’ ‘a ccà e jescen’ ‘a ccà! (indica le orecchie)

ALDO: - Ma...

NICOLA: - No Aldo, lasciamo perdere e po’... si pure fosse overo, ma nun è, io che c’entro... ‘a malafemmena è essa! (suonano alla porta con più scampanellate)

ROSARIA: - (entra dalla destra borbottando) Piano, piano, arrivo! (dopo poco entrano ridendo e scherzando Giulio ed Orlando, mentre Rosaria riesce dalla destra)

GIULIO: - Buongiorno! Eccoci qua!

ORLANDO: - Maestro?!

NICOLA: - Finalmente siete arrivati! (indicando Aldo) Vi conoscete? (fa le presentazioni) Aldo De Pasquale, un mio carissimo amico, Giulio Cucullo, cugino di Rita...

GIULIO: - (stringendo la mano ad Aldo) Piacere!

ALDO: - Molto lieto!

NICOLA: - (continuando) ...e il ragioniere, signor... signor...

ORLANDO: - (capendo che Nicola non si ricorda il nome) Orlando, Maestro, Orlando Parente! (ad Aldo, stringendogli la mano) Piacere!

GIULIO: - (nota Nicola ancora in maniche di camicia) Ma comme tu staie ancora in maniche di camicia? L’operatore si è fermato a prendere le sigarette, mo’ ‘o vide ‘e sagli’! (suonano alla porta) Eccolo! (va ad aprire. Rientra, invece, con Rosa e Gioconda) Avete visto l’operatore?

GIOCONDA: - Chi quello d’ ‘a televisione? Sta ripigliando ‘o portone d’‘o palazzo!

ROSA: - Primma ci ha pigliato pure a nnuie! È ove’ Gioco’?

GIOCONDA: - Ce vuleva pure fa’ parla’, ma nuie ce simme pigliate scuorne!

GIULIO: - Forza Nico’, vatt’ a prepara’!

NICOLA: - Allora Giu’, fa’ tu gli onori di casa! (a tutti) Scusate! Aldo vengo subito! (fa per uscire mentre entrano Giuseppina e Rosaria ognuno con un vaso di fiori in mano)

ROSARIA: - Don Nico’ (subito correggendosi) Maestro, ‘a signora Rita ha ditto: il buffetto (buffet) lo dobbiamo portare mo’ o cchiù momo’?

NICOLA: - Nun ‘o saccio! Parla cu Giulio (esce)

GIULIO: - (a Rosaria) ‘E che si tratta?

ROSARIA: - Volevo sapere il buffetto quando lo debbo portare!

GIULIO: - Dopo dopo, facciamo prima le riprese. I fiori mettili qua, sul tavolino. (Rosaria esegue. A Giuseppina che, intanto, aveva messo l’altro vaso al centro del tavolo-scrivania) No no, Giuseppi’, quelli li devi mettere di lato.

GIUSEPPINA: - (esegue) Va bene così?

GIULIO: - Sì accussì va bene. Rita è pronta?

GIUSEPPINA: - Comme no!... E quanta è bella, me pare na Madonna!

ROSARIA: - (che si era fermata a parlare con Rosa e Gioconda, a mezza voce) ...éh, ‘a Maronna ‘e ll’Arco!... Cu tutte chell’oro che s’ha mise ‘nguollo!

GIULIO: - Giuseppi’, allora, vance a dicere ca nuie stamme ccà e facesse sbriga’ a Nicola!

GIUSEPPINA: - Subito!... (ma si attarda a parlare con le amiche)

ORLANDO: - Don Nicola è un uomo fortunato! Non è così signor De Pasquale? Voi la conoscete a Rita?

ALDO: - Come non la conosco, io prima, abitavo al piano di sopra.

ORLANDO: - Ah sì... (continuano a parlare tra loro)

ROSARIA: - (continuando)...e nun ve dico tutte chelle ca è venuto d’ ‘a pasticceria ‘e don Peppino!

GIUSEPPINA: - Panini, sanduvicce, babà, sfugliate, cassate, palle ‘e riso, crucché, panzarotte, pizzette, ‘a torta.…

ROSA: - Mannaggi’‘a miseria, ie so’ venuta già mangiata!

GIOCONDA: - E ie t’’o dicevo che nun iva fa’ marenna!

ROSA: - Ma a mme, a na cert’ora, me vene ‘a languidezza ‘e stommeco, e si nun me mangio quacchecosa, moro!

GIOCONDA: - See, ‘a languidezza, chella è famma!

ROSARIA: - (ironica) E va bbuo’ Ro’, significa che oggi fai ‘u sacrificio... te sfuorze nu poco!

RITA: - (entrando, a Rosaria e Giuseppina) Vuie state ccà a parla’?... Cu tutte chello che s’hadda ferni’ ‘e fa’ ‘a llà?

ALDO: - (vedendo Rita le va incontro) Rita!... Come staie?

RITA: - Aldo! (si abbracciano e si baciano) Nicola mi ha detto che Francesca non è potuta venire, mi dispiace. Ma Graziella come sta? Povera piccerella!... Comunque, forse è meglio accussì, ve site levat’ ‘o pensiero! (vedendo che Rosaria e Giuseppina non si sono ancora mosse) Néh, allora io parlo turco?... Ci vogliamo muovere?

ORLANDO: - (si avvicina) Ciao Rita!... Oggi sei più bella d’‘o solito e come siamo eleganti!

RITA: - (con civetteria) Grazie Orla’, sei sempre galante! Pure tu stai bene oggi! (a Giulio) Giu’ siente nu poco, vieni, ti debbo far vedere una cosa in cucina... (lo prende sotto braccio e fa per avviarsi)

ROSARIA: - (con malizia) Signora Rita noi che dobbiamo fare, veniamo adesso o più momo’?

RITA: - Mo’, aggia ditto mo’! Forza muovetevi, venite! (esce con Giulio seguita da Rosaria e Giuseppina)

ORLANDO: - (seguendo con lo sguardo Rita sospira) Aaah!

ROSA: - (sottovoce a Gioconda) Eeh, suspira Cesare!

GIOCONDA: - Hê visto sta sempe ccà, è diventato nu cliente fisso!

ROSA: - Che ci vuoi fare... l’amore!

GIOCONDA: - Lle costa paricchio, però!

ROSA: - E chillo, tra ‘o Maestro e ‘a mugliera, s’‘o stanno spurpanno sano sano...

ORLANDO: - (continuando) ...signor De Pasquale, sapete che per venire stamattina qua, ho dovuto chiedere una giornata di ferie al mio direttore?

ALDO: - (con sufficienza) Ah, davvero!

ORLANDO: - Eh sì, ma non nè potevo fare a meno. Rita e don Nicola, ‘o Maestro, mi hanno pregato tanto; ci tenevano che io fossi presente.

ALDO: - (c.s.) E avete fatto bene a venire!

ROSA: - (intervenendo nel discorso) Pure cu nnuie è stato accussì, hanno inzistito tanto, è ove’ Gioco’?

GIOCONDA: - Comme no! Nnuie po’, simme vecchie clienti. (guardando Aldo) Ma vuie, signo’, tenite na faccia cunusciuta, siete pure voi un cliente o un parente?

ALDO: - Nè l’uno nè l’altro, io abitavo al piano di sopra, forse perciò mi avete visto qualche volta, e allora...

SALVATORE: (chiamando dall’interno) È permesso?... Giulio, Giu’ addò staie?... È permesso?... (giovane sui trent’anni, entra dal fondo seguito da Achille, indossa blu-jeans, camicia fuori dai jeans e gilet, cappellino calzato con visiera al contrario, porta sulla spalla una telecamera) Scusate è questa la casa di don Nicola Pacelli, ‘o mago?

ROSA: - Sì sì, prego trasite!

SALVATORE: - E avete visto per caso Giulio Cucullo?

ORLANDO: - Sta dentro cu Rita, la moglie di don Nicola!

ROSA: - Aspettate, mo’ lo vado a chiamare! (esce)

ORLANDO: - Scusate che televione è?

SALVATORE: - Tele Paradiso! (si guarda attorno con fare professionale, va alla finestra controlla la luce, fa qualche prova con la telecamera)

ORLANDO: - (ad Achile) Anche voi fate parte della televisione?

ACHILLE: - (uomo sui quarantacinque-cinquant’anni, faccia tirata) No! Io debbo parlare con il Maestro, il Figlio del Sole!

ORLANDO: - Ah, siete venuto per un consulto! Ma penso che oggi il Maestro non potrà ricevervi. È ove’ Gioco’?

GIOCONDA: - Vi conviene venire un altro giorno!

ACHILLE: - (sgarbato) Ma ‘e che v’impicciate? Questi sono fatti miei!

GIOCONDA: - Eeh, che maniere! Va’ a fa’ nu piacere, va’! (entra Giulio)

GIULIO: - (vede Salvatore) Salvato’, bravo, stai vedendo già come devi fare le riprese. Nicola è quasi pronto, mo’ viene!

SALVATORE: - Giu’, io stavo pensando di fare una ripresa anche mentre don Nicola sta facendo un consulto, dopo semmai faccio una panoramica della casa, per mostrare la vita quotidiana di un mago. La gente è questo quello che vuole.

GIULIO: - Va bene, ottima idea. (si guarda intorno) Solo che bisogna trovare la persona adatta, magari una faccia nuova... (nota Achille) E chille chi è?

SALVATORE: - Non lo so! È arrivato mentre stavo facendo delle riprese giù al portone, mi ha chiesto a che piano abitava il Figlio del Sole e, quando ho detto che stavo salendo da lui, mi ha seguito. Penso che sta qua per un consulto.

GIULIO: - (avvicinandosi ad Achille) Scusate ma state aspettando il Maestro per un consulto?

ACHILLE: - (sempre in tono sgarbato) E a vuie che ve ne importa? Oh ma ccà nisciuno se fa’ ‘e fatte suoi!

GIULIO: - (con fare da guappo) Amico calma! Calma!... Il mago è mio cugino, cioè il marito di mia cugina, e i consulti li fa quasi esclusivamente pe’ televisione, oggi po’, dobbiamo girare pure uno spot pubblicitario, perciò nun è proprio cosa... (liquidandolo) Telefonate!

ACHILLE: - (visibilmente contrariato, reprimendo l’ira) Ma io gli debbo dire solamente ddoie parole... a quatt’uocchie!

GIULIO: - E allora, dovete venire un altro giorno... (poi come colpito da una idea) Aspettate un momento!... (si avvicina a Salvatore e dopo aver parlottato per qualche attimo, ritorna da Achille) Sentite, se voi tenete proprio l’urgenza di parlare con il Maestro, forse io potrei cercare di favorirvi però voi, mi dovreste fare un piacere.

ACHILLE: - E cioè?

GIULIO: - Se tratta ‘e farve ripiglia’ c’‘a telecamera mentre fate la consultazione, naturalmente senza audio così non si sente quello che vi dite!

ACHILLE: - (alterandosi di nuovo) Ma che state dicendo? Mo’ ce mettimme a fa’ ll’attore!

GIULIO: - (spazientito) Sentite, ccà oggi nun tenimme tiempe ‘a perde, perciò, se vi conviene bene, se no quella è la porta!... (facendo il segno con la mano) Telefonate!

ACHILLE: - E va bbene, abbasta che parlo c’‘u stu Maestro!

RITA: - (entra seguita da Rosa, Giuseppina e Rosaria che portano delle bottiglie di spumante e una guantiera con pasticcini) Poggiate sul tavolino. Giu’, Nicola è pronto, glielo dite voi quando deve entrare!

GIULIO: - Salvato’, (riferendosi ad Achille) allora tutto a posto, lo dici tu quando sei pronto?

SALVATORE: - Sì, aspetta. (dà disposizioni a tutti i presenti come si devono sistemare) Le donne si debbono sedere sul divano e sulle poltrone... (tutte eseguono a soggetto spingendosi l’un l’altra)

ROSA: - Fatte cchiù llà!

GIUSEPPINA - No, ccà me voglio assetta’ ie!

GIOCONDA: - Si’ sempe tu! Spostate!

ROSARIA: - E ie addò me metto?

SALVATORE: - ...calma! Calma! (a Rita che anche lei stava cercando posto) No signo’, voi dovete restare in piedi vicino alla porta... (Rita esegue) Ecco così va bene!... Ah, quando vi faccio un segno con la mano, dovete dire ad alta voce: "ecco a voi il Gran Maestro, il Figlio del Sole!"... Gli uomini, invece, dietro le poltrone, in piedi, tranne il signore lì (indica Achille) voi vi dovete sedere davanti al tavolo in attesa del Maestro per il consulto... (tutti eseguono) Ecco, bravi, non vi muovete... Giu’, avvisa don Nicola che deve entrare dopo che la signora Rita ha detto "ecco il Gran Maestro, il Figlio del Sole"...

GIULIO: - (esce dalla porta e poco dopo rientra) Tutto a posto!

SALVATORE: - (si mette in posizione con la telecamera puntata sulla porta) Siamo pronti!... Non vi muovete!... Via!... (con la mano fa un cenno a Rita)

RITA: - (a voce alta) Ecco a voi il Gran Maestro, il Figlio del Sole! (si spalanca la porta ed entra Nicola)

NICOLA: - (entra bardato con un camice bianco che gli arriva ai piedi, con sul petto e sulla schiena un grosso disco rosso, simbolo del sole. Con le braccia alzate procede lentamente tra gli "oh" di meraviglia delle donne e con una mano, quasi benedice le stesse. Poi, sempre seguito da Salvatore con la telecamera, va a sedersi sulla poltrona dietro il tavolo, di fronte ad Achille che lo guarda con odio represso e schifo)

SALVATORE: - Stop!... Bene così!... L’entrata è venuta magnifica. Passiamo adesso alla consultazione. Mi raccomando, il massimo silenzio!

ACHILLE: - No, aspettate un momento, ce sta troppa gente e io nun pozzo dicer’‘e fatti miei davanti a tutti quanti!

GIULIO: - Ma prima avevamo stabilito...

ACHILLE: - ...’a ripresa c’‘a telecamera, ma no davanti a tutti!

GIULIO: - (quasi aggressivo) Sentite...

SALVATORE: - Giu’, lascia perdere, forza uscite, resto io solo con loro due!... Basta che facimm’ ‘a ripresa! (a tutti) Signori, per piacere, tutti nell’altra stanza!

RITA: - Pure io? (reticente) Ma io sono la moglie, l’assistente...

SALVATORE: - Andate, andate, è questione di minuti, nun ve preoccupate, le altre riprese le facciamo dopo! (escono tutti)

NICOLA: - (a Salvatore) Allora possiamo incominciare?

SALVATORE: - Aspettate! Quando vi dò il via, contate prima fino a quattro e poi incominciate a parlare... (si sistema con la telecamera, dietro ad Achille, poi fa un cenno con la mano)

NICOLA: - (con voce professionale) Dunque, allora... eccoci qua... ditemi cosa vi angustia, cosa vi tormenta, dite e il Gran Maestro, Figlio del Sole risolverà ogni vostro problema... Forza, apritevi, ditemi che cosa dobbiamo leggere: presente, passato, futuro...

ACHILLE: - (duro) ’A bulletta d’‘o telefono!

NICOLA: - (c.s.) Cosa avete detto?... Non ho capito!

ACHILLE: - (duro, alterandosi) ’A bulletta d’‘o telefono!

NICOLA: - (a mezza voce) Ma che state dicendo?

ACHILLE: - (alterandosi sempre di più, mette una mano in tasca e ne caccia una bolletta telefonica, che sventola sotto il naso di Nicola) Chesta!... ‘a bulletta d’‘o telefono! Otto milioni quattrocentosessantacinquemila e settecento!

NICOLA: - Ma questo che c’entra con il consulto?

ACHILLE: - Mia figlia telefonava al Gran Maestro, Figlio del Sole, ogni juorno...

NICOLA: - E allora?...

ACHILLE: - (minaccioso) ...e allora mo’ sti soldi me ddaie tu!

NICOLA: - Io?...

ACHILLE: - (sempre più arrabiato) Sì sì tu!... Vuie nun putite arruvina’ ‘e famiglie accussì, ie tt’accide, hê capito, tt’accide, fetente!... (al colmo dell’esasperazione, si avventa su Nicola)

(colluttazione a soggetto. Nicola è colpito ripetutamente, e, mentre cerca disperatamente di difendersi e di sottrarsi alla furia di Achille, si porta al centro della scena ma viene raggiunto e colpito; spinto violentamente, cade battendo la testa sul bordo del tavolo-scrivania e crolla a terra privo di sensi)

SALVATORE: - (che, colto di sorpresa, durante la colluttazione aveva, più che altro, badato alla propria incolumità e a mettere in salvo la telecamera, vedendo Nicola a terra privo di sensi incomincia ad urlare) Disgraziato, che hê fatte?... Ll’ hê acciso!... Aiuto! Aiuto! Currite! Hann’accis’a don Nicola!... (si spalanca la porta ed entrano tutti gli altri. Achille resosi conto della situazione drammatica, si guarda un attimo intorno poi, mentre gli altri entrano, lui, facendosi largo tra loro, scappa via dal fondo)

RITA: - (vedendo il marito steso a terra) Ah Nico’!... Me ll’hanno acciso!... Nico’! (gli si appressa assieme a tutti gli altri)

ALDO: - No no, accussì nun ‘o facimme manco respira’! Qualcuno portasse nu poco ‘e acqua... (Rosaria fa per avviarsi)

RITA: - Rosa’, puorte pure nu poco ‘e acito!

ROSARIA: - Giuseppi’ viene, damme na mano! (esce con Giuseppina)

ALDO: - (nel frattempo ha poggiato la testa sul petto di Nicola per auscultare il cuore) Batte, batte! Forza mettiamolo sul divano! (aiutato dagli uomini mette Nicola sul divano)

GIULIO: - Salvato’ ma che è succieso?

SALVATORE: - Ma non lo so, è stato tutto così all’improvviso!... Mentre stavamo facenn’ ‘a ripresa, chillu fetente si è alzato ed è zumpate ‘nguoll’ a don Nicola; che saccio ‘o telefono, ‘a figlia, nun aggia capito buono!

ROSARIA: - (entra, seguita da Giuseppina, portando un bacile pieno d’acqua) Ecco qua l’acqua!...

GIUSEPPINA: - (con la bottiglia d’aceto) ...e ccà sta l’aceto!...

RITA: - Forza forza, dammi qua! (toglie dalle mani di Giuseppina la bottiglia dell’aceto e cerca di farlo annusare al marito poi...) Rosa’, viene ccà cu chest’acqua! (porge la bottiglia dell’aceto ad Aldo e incomincia a bagnare il viso di Nicola con un fazzoletto inzuppato d’acqua. Intanto gli altri non impegnati nell’azione recitano a soggetto)

GIOCONDA: - Me pare che si sta ripiglianne!...

ORLANDO: - Sì sì, pure a mme!

ROSA: - Sia ringraziato Iddio! (si fa il segno della croce)

NICOLA: - (lamentandosi) Aah!... Aah!... (apre gli occhi, si guarda intorno) Che è succieso?... (fa per alzarsi)

ALDO: - No Nico’, nun te movere!... (agli altri) Comunque, qua bisogna chiamare un medico!

ROSA: - ‘U palazzo ‘e fronte ce sta ‘u duttore Mastroianni!

RITA: - Giuseppi’ fance na corsa tu e dincelle che ‘u fatte è urgente!

GIUSEPPINA: - (tutta agitata) Che ce aggi’‘a dice?

RITA: - (gridando) Che hadda veni’ subito ccà! (Giuseppina esce di corsa per il fondo)

GIULIO: - Orla’ accumpagnala pure tu, si no chi ‘u sape chella che cumbina! (Orlando fa per avviarsi)

NICOLA: - (gridando) Orla’ attiento... attiento ‘a giapponese... ‘a giapponese gialla... (fa per alzarsi, ma non ce la fa e ricade sul divano richiudendo gli occhi)

RITA: - Va’ Orla’ va’, facite ambressa! (Orlando esce di corsa) Nico’ calmati, calmati, mo’ vene ‘u duttore...

ROSA: - (a Gioconda) Hê visto ha chiammato a Orlando pe’ nomme!

GIOCONDA: - (sottovoce) Significa che ‘a botta ll’ha fatte bene!

NICOLA: - (riapre gli occhi si guarda intorno) Rita... Aldo... ‘a giapponese... Orlando... Orlando... (cerca di alzarsi, grida) Orla’ attiento... ‘a vvi’ lloco... aaah... (si copre gli occhi con le mani poi ricade svenuto sul divano)

RITA: - Nico’! Nico’!...

GIULIO: - Ll’acito, piglia ll’acito!

ALDO: - N’atu poco ‘e acqua!

ROSARIA: - (accorrendo con il bacile dell’acqua, quasi piangendo) È muorto! È muorto!... (Rosa e Gioconda si fanno il segno della croce mormorando qualche giaculatoria)

SALVATORE: - Bisogna chiamare i carabinieri!

GIUSEPPINA: - (rientra gridando e piangendo) Orlando Orlando è ghiuto sott’a na macchina! (continua a piangere tra le braccia di Rosa e Gioconda mentre Salvatore, con in mano la telecamera, e Giulio si precipitano fuori)

ROSARIA: - (a Giuseppina che continua a piangere) Ma comm’è stato?

GIUSEPPINA: - (singhiozzando) Nun ‘o saccio, nun ‘o saccio!

ALDO: - (che non si è mai mosso da vicino a Nicola) Facitele bere nu surzo d’acqua!

ROSARIA: - Gioco’ ‘a butteglia!... (indica la bottiglia d’aceto)

GIOCONDA: - Ma è acito!... (e gliela porge)

ROSARIA: - Che ffa!... (passa la bottiglia a Giuseppina)

GIUSEPPINA: - (ancora frastornata beve, ma poi subito sputa) Puuh, ma che r’è acito?

ROSARIA: - Fa bene, fa bene, nun te preoccupa’!

RITA: - Povero Orlando, comme me dispiace!

GIOCONDA: - Chest’ato proprio nun ce vuleva!

ROSA: - Pe’ mme, cheste so’ jastemme!

SALVATORE: - (rientra con la telecamera in mano) L’hanno portato all’ospedale. Certo che ‘a botta è stata pesante, speriamo bene. Ho fatto pure una ripresa, po’ ‘a porto in redazione.

GIULIO: - (poco dopo rientra anche lui) Cose ‘e pazze!... Povero Orlando!... Dice che ‘a macchina che l’ha menato sotto, nun l’ha proprio visto, ‘u bello è che era pure grossa... na Toyota gialla!...

ALDO: - (guarda Nicola, che è ancora svenuto, Rita, poi tutti gli altri) ...’a giapponese gialla!... (tutti si guardano in faccia mentre si chiude il sipario)

CALA LA TELA

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Stessa scena degli atti precedenti. L’arredamento è quello del secondo atto, mancano solamente tutti gli oggetti di tipo esoterico come la palla di vetro, oggetti vari, i quadri alle pareti ecc. ecc. e il grosso specchio.Il tavolo-scrivania, che nei primi due atti stava sulla sinistra, adesso si trova al centro della scena come un tavolo normale di un soggiorno di una abitazione qualunque; sullo stesso vi sono poggiate diverse riviste e diversi quotidiani.

All’aprirsi del sipario la scena è vuota, pochi attimi e si sente suonare il campanello d’ingresso.

RITA: - (entra dalla destra e si reca ad aprire, rientra poco dopo seguita da Rosa e Gioconda che mantiene per un braccio una Giuseppina reticente) Ma mio marito nun vi può ricevere!

ROSA: - Rita ccà ‘a cosa è grave e urgente, (a bassa voce indicando) si tratta ‘e Giuseppina...

GIOCONDA: - (sempre tenendo la ragazza mantenuta per un braccio) Chisto è nu fatto che sulamente don Nicola può risolvere.

RITA: - Voi lo sapete che Nicola non lo fa più!

ROSA: - Questa è una situazione speciale... (prende Rita per un braccio e la porta a centro scena per non farsi sentire) Rita, Giuseppina stammatina, ha tentato ‘e s’accire!

RITA: - Uh Madonna, che dicite?!

GIUSEPPINA: - Ie nun voglio parla’ cu nisciuno... (cercando di divincolarsi) Ie me ne voglio j’! (piagnucola)

GIOCONDA: - Giuseppi’, tu ‘o sai, don Nicola te vò bbene comm’a na figlia, ‘e che ti miette appaura?

GIUSEPPINA: - No, ie me ne voglio j’!... Lassame Gioco’, voglio j’ a casa! (continua a piagnucolare)

RITA: - (avvicinandosi) Calmati Giuseppi’ si no, po’ te siente malamente!... (l’accarezza) Forza, pecchè nun te sfuoghe, doppo te siente meglio... M’‘o vulisse dicere sulament’a mme?

GIUSEPPINA: - (sgarbata) Comme ve ll’aggi ‘’a di’ che nun voglio parla’ cu nisciuno! So’ fatti miei e basta! (si siede su una sedia e si mette faccia a muro)

GIOCONDA: - (a Rita sottovoce) Sta facenne chest’ ‘a stammatina, qua solo don Nicola pò fa’ qualcosa!

RITA: - Gioco’, Nicola nun vò parla’ cchiù cu nisciuno.

ROSA: - Ma forse si ce ‘o dice tu...

RITA: - È peggio!... Comunque, ie mo’ ce provo, ma non garantisco niente...

ROSA: - Tu fallo veni’ ccà fora, po’ ce pensamme nuie, è ove’ Gioco’?

GIOCONDA: - Sì sì, ce pensamme nuie! (Rita esce dalla destra) Ro’, che cu don Nicola ce parla tu però!

ROSA: - Noo, è meglio si ce parla tu, a mme me fa impressione e po’, me ‘mbroglio!

GIOCONDA: - Ro’ nun pazziamme, ie me metto appaura solo a guardarlo ‘nfaccia...

ROSA: - Che esagerazione, significa ca nun ‘o guarde... ie sicuramente nun ce parle!

GIOCONDA: - Ma tu ‘o sa’ ca si’ veramente forte... (mentre succede la discussione Giuseppina, che era stata lasciata sola, senza farsene accorgere esce dal corridoio e va via, mentre le due continuano ancora a discutere. Entra Nicola)

NICOLA: - (entra dalla destra senza guardare le due che continuano a discutere tra loro, indossa un pantalone e una camicia con colletto aperto; capelli in disordine, volto emaciato e sofferto, porta un paio di occhiali scuri da sole come un non vedente) Perchè siete venute, lo sapete che non voglio parlare con nessuno! (passa loro davanti e va a sedersi vicino al tavolo voltando loro le spalle)

GIOCONDA: - (che intenta a discutere con Rosa non si era accorta della presenza di Nicola quando lo sente parlare ha, con Rosa, un gesto di spavento) Aaah!... (poi) Do... don Nico’, nuie ve avessimma dicere na cosa... Ro’ parla tu!...

ROSA: - (a gesti senza parlare, le fa segno che deve parlare lei e tra le due avviene una discussione fatte di gesti)

NICOLA: - (scocciato) Ma insomma si può sapere che volete?

GIOCONDA: - (cercando di farsi coraggio) Nuie niente... se tratta, se tratta ‘e Giuseppi... (si volta per indicare Giuseppina e solo allora si accorge che non c’è più) ...e addò è gghiut’a ferni’? Oi Ro’?...

ROSA: - (a mezza voce) E i’ che ne saccio, tu ‘a tenive in consegna!...

GIOCONDA: - Vuo’ vede’ che mo’ ‘a colpa è da mia?

ROSA: - E vulisse dicere che è da mia?

NICOLA: - (voltandosi) No, ‘a colpa è di mia moglie, ma mo’ ve ne dovete andare che nun mi fido ‘e ve senti’, e fate presto!

GIOCONDA: - ‘On Nico’...

ROSA: - (sottovoce) Gioco’ jamme jamme, nun ‘o facimme ‘ncazza’... ie me mette appaura! (prende per un braccio l’amica e la trascina fuori)

GIOCONDA: - (c.s.) Ma Giuseppina?...

ROSA: - (c.s.) E chelle se n’è gghiuta!

GIOCONDA: - Don Nico’ allora arrivederci, ci vediamo un’altra volta!...

ROSA: - See, staie fresca tu e isso! (escono frettolosamente)

NICOLA: - (rimasto solo resta per qualche attimo con lo sguardo perso nel vuoto, poi con calma si toglie gli occhiali, prende un quotidiano e incomincia a sfogliarlo. Suonano alla porta, poco dopo Rita esce dalla destra e va ad aprire mentre Nicola rimette gli occhiali)

RITA: - (rientra seguita da Aldo e prima di parlare fa un cenno indicando il marito) Vieni accomodati, Nicola sta ccà!... (poi al marito) Nico’ guarda chi ci sta?

NICOLA: - (senza voltarsi e senza alzare gli occhi dal giornale) Vieni Aldo, assiettete! (indica una sedia alle sue spalle)

ALDO: - (palesamente non a proprio agio, si siede) Ciao Nico’, come stai?

NICOLA: - (senza guardare nè la moglie nè l’amico, abbassa il giornale, e come se stesse continuando un discorso) ...e sei venuto subito, non appena mia moglie ti ha chiamato!

ALDO: - (impacciato) No, e che... ce simme truvate a parla’...

NICOLA: - E avete parlato di Nicola!

RITA: - (quasi piangendo) ’O vvi’ Aldo, ed è sempre così!... Ie nun ce ‘a faccio cchiù!... Da quando è succieso ‘o fatte non lo capisco più, e non solamente io... non vuole vedere nessuno e tranne quelli che sono venuti o vengono a studiare (sottolineando) il fenomeno, nun se vede cchiù nisciuno in questa casa, si mettono tutti paura; senza parla’ po’ d’‘e fissazione... Ma tu ti sei accorto che non ti guarda? Ca nun te guarda ‘nfaccia? S’annasconn’ aret’ ‘e llente!... (al marito provocatoria) Levete sti llente e guardame ‘nfaccia, forza, guardame e, se tieni qualcosa da dirmi, dimmella e facciamola finita!... (istericamente, mentre Aldo le fa cenno di calmarsi) Parla!!!...

NICOLA: - (calmo, sempre senza guardarla) Aggi’‘a parla’? E che aggi’‘a di’!... So’ cose che già sai, che sanno tutti quanti, e allora?...

RITA: - Allora che cosa?... (gridando) E guardame ‘nfaccia!

NICOLA: - (c.s.) E te conviene?... Mi costringeresti poi, a fare quello che non voglio fare, ce stanno cose cchiù serie, più importanti... e po’, nun ‘o voglio fa’, non voglio vedere fino addò si’ arrivata...

RITA: - Addò so’ arrivata?!... Quacche juorno ‘e chiste t’ ‘o faccio vede’ veramente addò so’ capace ‘e arriva’!

NICOLA: - (c.s.) Ecco qua, ci siamo... le minacce. Ma che volete fare?... La gallina dalle uova d’oro sta ccà (si indica) e nun ve conviene a lascia’ sta zizzarella... siete troppo vigliacchi e meschini!

ALDO: - (che sta seguendo con molto impaccio il diverbio tra i due) Nico’ forse stai ingrandendo la cosa, la stai facendo diventare cchiù grave ‘e chella che è!...

RITA: - Aldo chella è ‘a capa che nun ll’accumpagna cchiù, ‘a botta ca pigliaie l’ha scimunito... (gira nervosamente per la stanza) Guarda ccà, gua’, nun ce sta niente cchiù, ha levato tutt’ ‘a miezo; ‘a palla ‘e vetro, ‘e ccarte, non servono più, ha finito di fare il mago, il ciarlatano... ah, ‘e specchie, Aldo in questa casa sono spariti tutti gli specchi, ll’ha fatte leva’ tutti quanti perchè dice che non vuole guardarsi in faccia, ma tu hê capito? E io, ‘a matina, pe’ me pettina’ mi debbo guardare ‘int’ ‘e llaste d’ ‘a finesta!... Nun ne pozzo cchiù!...

ALDO: - Rita, calmati, nun fa’ accussì, è peggio...

RITA: - (in crescendo) ...peggio ‘e che? Isso mo’ è ‘o santo, io, invece, so’ ‘a malamente... p’ ‘a gente so’ addeventata peggi’‘e Giuda che ha tradito (indica il marito) a Cristo!... Nun ce ‘a faccio, nun ce ‘a faccio cchiù... chisà qua’ juorno ‘e chiste...(esce dalla destra sbattendo con rabbia la porta)

ALDO: - Rita, Rita aspetta... siente... (esce anche lui)

NICOLA: - (rimasto solo, stringendo nervosamente le mascelle, colpisce ripetutamente il tavolo con il pugno della mano. Si sente bussare alla porta. Passa qualche attimo si risente bussare, allora si alza e va ad aprire. Rientra seguito da Giuseppina) Giuseppi’, io non so come ve lo debbo dire: (quasi cantando) non voglio vedere più nessuno!

GIUSEPPINA: - (gli occhi gonfi di pianto, implorante) Don Nico’, Maestro, sulamente vuie me putite aiuta’; ero venuta pure prima cu Rosa e Gioconda, ma ‘nnanz’ a lloro nun vulevo parla’!

NICOLA: - (senza guardarla) Ma allora non lo volete proprio capire che il Maestro, il Figlio del Sole, non esiste più!

GIUSEPPINA: - Ie ‘o saccio che nun facite cchiù ‘o mago, mo’ site addiventato accussì importante, state ‘ncopp’ ‘a tutt’ ‘e giurnale... aiutateme, facitele pe’ tutt’ ‘e muorte vuoste, aiutateme... (piange)

NICOLA: - (sempre evitando di guardarla in modo diretto, cerca di confortarla) Giuseppi’, piccere’ embè, e che so’ ste llacre- me?... Forza assiettete (le indica una sedia) e asciugati gli occhi!... (Giuseppina esegue) Ecco, brava, ‘o vvi’ che accussì sei più bella... (la ragazza abbozza un sorriso) Se tratta semp’ ‘e Maurizio, è ove’?...

GIUSEPPINA: - (al nome di Maurizio ridiventa seria e senza parlare abbassa più volte la testa in senso affermativo)

NICOLA: - (prende un’altra sedia, le si siede di fronte, si toglie gli occhiali, le prende le mani tra le sue e la guarda in faccia) Giuseppi’ forza alza gli occhi, guardami...

GIUSEPPINA: - (abbassando la testa e cercando di sfuggire lo sguardo) No no, nun me guardate, vuie liggite ‘nfaccia!... Ie me piglio scuorne!

NICOLA: - Te piglie scuorne pecchè aspiette nu figlie ‘a Maurizio? Pecchè ‘a gente po’ parla?... E a tte che t’ ‘mporta, tu ll’hê fatte cu ll’omme che vuo’ bbene e... (con una mano le alza il mento) guardame buono ‘nfaccia, e che pur’isso vò bbene a tte!...

GIUSEPPINA: - Vuie che dicite?... Don Nico’, Maestro, vuie veramente facite?... Guardate meglio, (mostra meglio il viso) vedite, se legge buono? Ma sì ma sì, vuie nun sbagliate maie, ‘o dicene tutti quanti... grazie, grazie!... (gli prende le mani e gliele bacia mentre ricomincia a piangere, di gioia però)

NICOLA: - (ritraendo le mani) Giuseppi’, e mo’ che fai, te miette a ghiagnere n’ata vota?

GIUSEPPINA: - (ride e piange) No, e che so’ cuntente!

NICOLA: - E allora ride, ride, a’ faccia ‘e chi te vò male!

GIUSEPPINA: - (ridendo) Sì sì, avete ragione! Grazie grazie!... (gli riprende le mani per ribaciargliele)

NICOLA: - Ancora?... Forza, mo’ va a casa e nun te preoccupa’ e, nun penza’ cchiù a chella fessaria che vulive fa’ stammatina, ci siamo capiti?... Va’ mo’, e salutame a papà! (l’accompagna al corridoio)

GIUSEPPINA: - (timorosa) ’On Nico’ e si ‘a gente... e si papà ‘o vene a sape’?...

NICOLA: - Pe’ mo’ nisciuno sape niente e po’, si pure ‘a gente parla, futtitenne, lasci’‘a parla’... compreso papà!

GIUSEPPINA: - (sorridente) Sì sì, faccio comme dicite vuie, arrivederci, arrivederci e ancora grazie... (di sorpresa, gli bacia la mano) Salutateme a Rita! (esce dal fondo)

NICOLA: - (rimasto solo, prima si mette le mani nei capelli poi batte i pugni sul muro, si volta arriva al tavolo dove, con un calcio butta a terra una sedia, prende in mano delle riviste e le sbatte per terra calpestandole. Entra Aldo)

ALDO: - Nico’ ma che stai facendo?

NICOLA: - (senza voltarsi si rimette gli occhiali) E che sto facenne?!... Gioco Aldu’, pazzeo nun ‘o vvi’! (continua a prendere a calci le riviste)

ALDO: - (che fraintende) Nico’, basta nu poco ‘e bona volonta’, da parte di tutti e due, e ‘e ccose se ponno ancora accuncia’... Nun te scurda’, e questo me lo hai sempre detto, che nonostante la differenza di età, ve site spusate perchè vi volevate bene...

NICOLA: - (che segue i suoi pensieri, senza mai guardare Aldo) Sì ma nun è giusto, nun è possibile che a paga’ songhe semp’ ‘e stesse persone!... A’ vvote me pare na persecuzione!

ALDO: - Addirittura! Non mi pare nemmeno il caso di drammatizzare mo’, eh!... Rita mi diceva che, sì è vero ‘o fatte ‘e Giulio, ma che è stata na pazzia, na sbandata, che adesso, è tutto finito... Perciò, si tu vuo’?...

NICOLA: - (mettendo a fuoco le parole di Aldo e senza guardarlo) Ah, Rita!... Già Rita... Giulio... qua non si vede più, ma loro si vedono ancora... Rita continua a dire bugie; Rita nun ha capito ca (prende qualche giornale in mano) chelle che sta scritte ‘ncopp’ ‘e giurnale, è ‘a verità!...

ALDO: - (cerca di mettersi di fronte a Nicola per farsi guardare, ma questi sfugge) Nico’, anche io li ho letti ‘e giurnale ma, sinceramente pur’i’, non è che ci ho creduto troppo... Ho pensato a una trovata pubblicitaria.

NICOLA: - E invece è tutto vero. Aldo tu eri presente quando è successo il fatto, la prima visione l’ho avuta con Orlando, e po’ è stato sempre peggio...

ALDO: - In che senso?

NICOLA: - Io quanno guardo ‘nfaccia a na persona, è comme si guardasse nu prossimamente... veco tutto Aldo, comme a si tenesse n’at’uocchie ‘nfronte!

ALDO: - Scusa, si tu effettivamente vedi tutto, puoi aiutare a nu sacco ‘e ggente!

NICOLA: - Magari!... Ci ho provato in tutti i modi ma, ‘e na manera o ‘e n’ata, si verifica sempre quello che ho visto e allora aggi’‘a ‘nventa’ nu cuofen’‘e fessarie pecchè ‘a verità nun se pò dicere sempe... nun puo’ dicere a uno ca dimane ne more nu figlio, che doppodimane perde ‘a casa, na coscia... ‘a mamma!

ALDO: - Ma perchè, vedi solamente le disgrazie?...

NICOLA: - No, ma ‘e ccose bbone, belle so’ accussì poche e insignificanti che ti scivolano addosso senza lasciare nemmeno il segno.

ALDO: - Ma io dico che, se uno conosce quello che gli può capitare domani, affronta la cosa più preparato, con più coraggio...

NICOLA: - Forse, ma certamente parecchi se sparassero primma d’‘o tiempo... Poco fa, mentre tu eri dentro con Rita, è venuta Giuseppina, t’ ‘a ‘rricurde? (Aldo fa un cenno affermativo) È stata misse incinta ‘a nu fetente e comme si nun bastasse tra poco abbortisce e more, essa e ‘a criatura... (sempre senza guardarlo in faccia, urlando) e io, secondo te, comme ce ll’heva di’ eh, comme?... (si siede, si prende la testa tra le mani, poi...) Pecchè, pecchè proprio a mme?... Pecchè nun se chiure pecchè, pecchè... chiurete, chiurete... (e così dicendo si colpisce ripetutamente con un pugno in mezzo alla fronte)

ALDO: - (dopo un attimo di esitazione, si avventa sull’amico e gli prende le mani con forza) Fermati Nico’ fermati... che fai? Calmati, calmati!... Non fare così! Calmati!...

NICOLA: - (dopo una breve colluttazione, si accascia con la testa sul tavolo e incomincia a piangere) Nun ce ‘a faccio cchiù, nun ce ‘a faccio cchiù!... Aiutame Aldo, aiutame!...

ALDO: - Sì sì, ma calmate mo’!... (entra Rita)

RITA: - Che è succieso? Che so’ st’allucche?...

ALDO: - Rita puorte nu bicchiere ‘e acqua pe’ Nicola! Fai presto! (Rita riesce)

NICOLA: - (che nel sentire la voce della moglie aveva subito rialzato la testa dal tavolo cercando di ricomporsi) È passato, è passato, nun te preoccupa’ è passato tutto!... (rientra Rita con un bicchiere di acqua in mano)

RITA: - Ecco l’acqua, ma si può sapere che è successo?

ALDO: - (prendendo il bicchiere d’acqua e porgendolo a Nicola) Tie’ Nico’ bevi. (Nicola esegue) Rita ccà ‘o fatte è serio e bisogna vedere cosa si deve fare.

NICOLA: - No Aldo, per piacere lascia sta’! Nun te preoccupa’, è cosa ‘e niente!

RITA: - È inutile Aldu’, e quanne te dà soddisfazione, chiuttosto more e po’, da me, sicuramente nun se vò fa’ aiuta’ e allora piensece tu, se ci riesci, ie vaco ‘a llà, è meglio! (si avvia alla porta)

ALDO: - Rita aspetta, Rita!... (Rita esce)

NICOLA: - Lasciala stare, tanto è ‘o stesso, oramai siamo come due estranei.

ALDO: - Nico’, questo adesso è un fatto secondario, qua bisogna pensare a te. Si tu nun vide chelle che hê ’a fa’, tu ‘mpazzisce! Tu t’hê ’a fa’ vede’ a qualcuno!

NICOLA: - Aldo è irreversibile, tutt’ ‘e prufussure che sono venuti qua a studiare il caso, il fenomeno, come dice mia moglie, hanno detto che la situazione è irreversibile, che c’è una probabilità su un milione che io ritorni alla normalità... So’ condannato a vita Aldu’, fino a che nun moro!

ALDO: - Ma nun pò essere, tutto questo è assurdo... Chiste è nu film ‘e ll’orrore!

NICOLA: - Hê ditte buono, e ci vuole ancora tempo pe’ vede’ scritto "fine"!...

ALDO: - Ma si’ proprio sicuro?... Gli specchi! Ecco perchè hê levat’ ‘e specchie!... Nico’ ma è mai possibile che nun se po’ fa’ proprio niente? Tu, secondo me, ti sei lasciato andare e, invece, dovresti reagire, cercare di vedere il lato positivo della situazione... (cercando di sorridere) ie so’ convinto che po’, tutto sommato, a conoscere prima quello che ti succede domani nun è sempe malamente, anzi...

NICOLA: - ‘E nummere è ove’?... Il sogno di tutti: ‘o totocalcio, i cavalli, ‘a lotteria... Pur’i’, quante volte aggia pensato ‘a stessa cosa, primma!... (senza mai guardarlo in faccia) Aldo, ma tu ci pienze che sarebbe la vita nella continua attesa di quello che deve succedere?... Buone o malamente che fosse!... "Il futuro mala sorte è" me dicette na vota nu spirito in una seduta spiritica e io mo’ solamente capisco pecchè...

ALDO: - (cercando sempre di sdrammatizzare) Tu hê pigliate ‘a cosa troppo sul tragico, perchè... perchè non cerchi di vedere solamente le cose buone?... ‘E ccose malamente nun ‘e guarda’!...

NICOLA: - Ancora ‘e ccose bbone!… Ma addò stanne?... ‘O vuo’ capi’ che è sulamente ‘a speranza che dimane cagna quacchecosa che te fa’ suppurta’ tutte le amarezze, ma tu nun ‘o ssai e allora vai avanti, sempre con la speranza... ma ie saccio tutto, veco tutto e allora qua’ speranza... e nun ce ‘a faccio, nun ce ‘a faccio a tenermi tutto dentro, e po’ pecchè io?... Non esco più pecchè nun voglio cchiù guarda’ ‘a gente ‘nfaccia, me so’ stancato ‘e dicere bucie... nun ‘e saccio dicere... sta capa ‘a sbattesse ‘nfacci’‘o muro si sapesse che stu fetent’ ‘e uocchie si chiuresse... e nun è ditto ca nun ‘o faccio... (si alza e fa per scagliarsi contro il muro)

ALDO: - (prontamente interviene bloccandolo, ma nel fare ciò si viene a trovare faccia a faccia con Nicola che, dopo averlo guardato per un lungo istante in volto, abbassa la testa) Nico’ che c’è?... (preoccupato) Hê visto quaccosa? Dimme che hê visto?... Parla!

NICOLA: - (titubante) No no, niente, nun aggia visto niente!...

ALDO: - E pecchè allora hê cagnata faccia?... Nico’ ie te songhe amico o no?… E allora dimme che hê visto? ‘E che se tratta?... Francesca?... ‘E guaglione?... (Nicola non risponde) ’E... ‘e... me?...

NICOLA: - (lentamente alza gli occhi) Aldo ie...

ALDO: - No aspetta! Nun parla’! (gli volta le spalle) Nico’ nun parla’, nun voglio sape’ niente, è meglio ‘a speranza, il dubbio... nun parla’ Nico’ e nun me guarda’!... Ce vedimme Nico’, ie me ne vaco... ce vedimme, no nun ‘o saccio si ce vedimme... m’ ‘a salute tu a Rita... (e senza voltarsi, quasi di corsa esce dal fondo)

NICOLA: - (rimasto solo, sconsolato gira per la scena, raccoglie e mette a posto le riviste e i giornali sul tavolo. Entra Rita)

RITA: - (entra dalla destra vestita con abito a giacca e con in mano una valigia) Nico’, io me ne vado!... È meglio pe’ tte e pe’ mme!... (fa per avviarsi)

NICOLA: - (senza voltarsi) Rita!!!

RITA: - (fermandosi) Nico’!!!

NICOLA: - (c.s., titubante) Rita forse abbiamo sbagliato tutti e due, forse ‘e ccose se ponno ancora accuncia’, pecchè nun cercammo...

RITA: - No, Nico’ al punto in cui siamo arrivati è difficile mo’ a turna’ areto... ci siamo dette troppe cose che ci hanno fatto male e che nun ...

NICOLA: - (voltandosi e andandole vicino) Rita ma so’ cose che si dicono così, in momenti di rabbia, di sconforto... (la guarda direttamente in faccia) Rita, ie te voglio ancora bbene!

RITA: - No, nun me guarda’, nun me guarda’! (timorosa si mette le mani in faccia)

NICOLA: - Ma...

RITA: - Stevo aret’ ‘a porta, aggia ‘ntiso tutto... Nico’ pure si vulesse, nun ce ‘a facesse, è meglio ‘a speranza che ‘a certezza... addio e perdonami! (frettolosamente, senza guardarlo esce dal fondo)

NICOLA: - (correndole dietro) Rita!... Rita, nun me lassa’ pure tu!... Ie te perdono... Rita!!! (torna sconsolato al centro della scena, si siede su una sedia con lo sguardo stralunato, fisso nel vuoto, pochi attimi poi si alza e gira per la scena come un automa, in cerca di qualcosa; tocca vari oggetti, fino a che non si risiede dietro al tavolo sulla sedia di centro, di fronte al pubblico, guarda i giornali, le riviste, ne sfoglia distrattamente qualche pagina poi, all’improvviso, lancia un urlo e incomincia a battere la testa sul tavolo mentre lentamente si chiude il sipario)

CALA LA TELA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno