Il consenso

Stampa questo copione

IL CONSENSO


Commedia in un atto

di

Antonio Sapienza



Personaggi:

Don Calogero Buscemi………………………..vecchio arzillo, quasi filosofo:
Donna Carmela……………………………….. vicina di casa che…non si arrende:
Vitu…………………………………………….colpito nella virilita’;
Una comare…………………………………….vicina di casa di Calogero;
Giovinetta in bianco……………………………che se ne va’;
Donna in nero…………………………………..che viene.



La vicenda si svolge in una borgata di Sicilia negli anni 80.


Sulla scena e’ stato ricostruito un orticello di una casupola di periferia. A sinistra, vicino all’ingresso della casa, vi e’ un piccolo tavolo con sopra degli attrezzi da lavoro. Dalla parte opposta vi e’ un frondoso albero di fichi, con attorno al tronco, delle grosse pietre. Al centro, in fondo, vi e’ uno steccato in legno con un cancelletto pure in legno. All’apertura del sipario, da una radiolina posta sul tavolinetto, viene emesso un brano di musica classica. (possibilmente 1812 di Cijajkoscky). Qualche minuto ed entra in scena un vecchio sui settant’anni, si chiama Calogero Buscemi, veste da popolano e porta in mano un sacchetto di plastica che poggia sul tavolo. Udendo la musica, istintivamente si atteggia a Direttore d’Orchestra. La musica, frattanto si alza e viene emessa da uno stereo, mentre le luci illuminano l’uomo come se fosse un grande direttore sul podio che dirige una grande orchestra. Pochi minuti, poi la musica gradatamente cessa e tutto ritorna ormale, con la radiolina che annuncia la fine del brano nusicale e inizia dei messaggi pubblicitari. Calogero abbassa il volume della radiolina e, intanto prende il contenuto del sacchettino e lo poggia sul tavolino: sono verdure. Intanto dalla radio vengono date alcune notizie:
Radio: - …ed ora vi diamo le ultime notizie sulla nube radioattiva ( Calogero interessato, alza il volume): le rilevazioni effettuate in tutto il territorio nazionale, fanno pensare ad un aumento della soglia di attenzione fissata dal ministro della protezione civile. Pertanto, il ministro della sanita’ raccomanda prudenza nel consumare verdura , ortaggi e latte. (intanto Calogero sta pulendo la verdura, e’ una lattuga.) La verdura a foglia larga e’ sconsigliabile…( Calogero continua a pulire) Ripeto : la verdura a foglia larga e’ sconsigliabile…( Calogero continua a pulire, assorto nei suoi pensieri) Ahu! Vi dissi ca a lattughedda nun si po’ mangiari! ( Calogero accenna alla lattuga) Prpriu chissa. Ittatila! Oh! ( Calogero esegua malinconicamente) Ed e’ pure sconsigliabile consumare carciofi, peperoni e broccoli (calogero che aveva preso dei broccoli, li lascia cadere sconsolato per terra.) Bravo! Per il latte sono vigenti ancora le restrizioni di ieri: cioe’ e’ vietato il consumo del latte fresco ( Calogero aveva preso del formaggio) …e del formaggio! Avete capito? Testone? Formaggio!-
Cal.- Ma questo vale per le gestanti e per i bambini sotto i dieci anni.-
Radio- E macari pe vecchi di sittant’anni, comu a vui! Per quanto riguarda la problematica che suscita l’incidente nucleare…( Calogero, con stizza, spegna la radio).-
Cal.- Na vota, l’unica cosa fastidiusa che n’arruava ‘ncoddu, do cielu, era u sciroccu. Oram ca nova ebbrica, arriva l’asiatica, l’Aids, -a malattia dei – ( fa cenno alle orecchie), i missili di Gheddafi, e ora a nube tossica. ‘Numma, nun ni lassunu cchiu’ p’abbentu. E ora cchi mangiu?-
Voce dalla quinte: E facitivi ‘n piattu di maccherruni!-
Cal.- Grazie.-
Voce:- Prego.-
Intanto entra in scena e giocherella con delle cianfrusaglie, una fanciulla vestita di bianco. Calogero non la scorge e entra in casa per prepararsi da mangiare. Intanto una voce dalla quinte canta, accompagnandosi con la chitarra: “ Vitti na crozza supra a nu cannuni…”, subito dopo entra in scena, dietro la stacciolanta, una popolana che regge in mano un sacchetto di plastica e una sedia sgangherata. Dietro di lei entra il chitarrista che attraversa tutta la scena, cantando e suonando.
Vic.- (ironica, girata di spalle, verso il pubblico, fa cenno con le mani alle corna) Gente allegra, Dio l’aiuta…( il chitarrista, noncurante, esce dalla parte opposta, intanto la vivina apre il cancelletto ed entra nell’orto) C’e’ permesso? (esita) c’e’ permesso? Don Calogero, disturbo? (intanto si avvicina al tavole senza scorgere la fanciulla).-
Ca.- (si affaccia dalla soglie indossando un grembiulino da donna e tenendo in mano un cucchiaio di legno) Buongiorna comari, ca quali disturbu, accomodatevi, accomodatevi ( intanto si toglie il grembiule e poggia sul tavolo il cucchiaio).
Vic.- don Calogero, ma voi stavate cucinando, mi dispiace, vuol dire che ripasso dopo, semmai…-
Cal.- Ma no, ma no. Ormai che ci siete, parlate pure. Di cosa avete bisogno?-
Vic.- Nenti, nenti…quasi nenti. Avevu purtatu sta seggia scavigghiata. Me maritu vuleva abbiarla nto furnu, ma ju dissi: videnu se Don Calogero ci po’ fari cosa, magari ma fa viniri nattra vota nova. Ddu cristianu avi i manu fatati, dissi. Accussi’ v’a purtai.-
Cal.- E avete fatto bene. Lasciatela li’, doppu mangiatu vidu cosa si po’ fari.-
Vic.- (posando la sedia) Grazie, grazie assai. ( sta per andarsene, poi si ferma ) Bedda matri che testa pazza ca ci haiu ( prende dalla borsa di plastica un barottolo e lo mette sul tavolo) Viditi, mu stavu scurdannu…chistu vu manna donna Cuncetta, mi dissi di dirivi ca u furnellinu funziona priffittamenti.-
Cal.- ( prendendo il barattolo ed esaminandolo) Mih, pumarori sicchi. ( apre il barattolo e annusa) Uhmm, cchi ciauru, che buon odore. Si nun mi sbagghiu cca c’e’ agghiu, ogghiu e basilico’…e (riannusa) addauru. Veru?-
Vic.- Veru, veru. Mi ni desi unu macari amia. E donna Cuncetta avi i manu d’oru. Avanti vi salutu…quannu ripassu? (accenna alla sedia mentre si dirige verso il cancelletto)-
Cal.- Magari oggi pomeriggiu, prima di sira e’ pronta. Salutanu cummari, e pi facuri chiuditi u cancellu. Ah, ringraziatimi a donna Cuncetta. ( accenna al barattolo)-
Vic.- (fermandosi e accennando alla radiolina) Chi nutizi ci sunu da nubi tossica?-
Cal.- Ddi malanova n’anguaiarunu. Nun si po’ mangiari cchi nenti, poi, a mia prissunalmenti…( Come a dire: che guaio)-
Vic.- Picchi’, a vui chi cosa?-
Cal.- E cchi vaia a diri, cummari mia. Ju mangiu sulu virdura, latti e fummaggiu, si mi livati ssi cosi… ju sugnu persu.-
Vic.- E nun eagirati, e’ quistioni di pocu, al massimu na chinnicina di jorna.-
Cal.- E vi pari nenti? Ju, parrannu cu vui, si nun mi mangiu un piattu di virdura a sira e nu bicchieri di latti a matina, non riesco a fari i miei bisogni personali. Ora mu diciti comu pozzu stati chinnici jorna senza…senza, ‘nzumma, m’a ta capitu!-
Vic.- Vi capi’, vi capi’. Sintiti, picchi’ nun pruvati ca mammillata? Ntisi diri ca fa miraculi pi certi…casi. ( gesto eloquente)-
Cal.- Ca quali mammillata e mammillata. Ju senza virdura e’ comu si m’avissi mangiatu dieci chila di ficudinia bastarduni: antuppu! Autru ca mammillata, ca ci voli a pompa d’o Municipiu. Statevi beni cummari, vi vogghiu ca saluti.-
Vic.- Allura auguri…e vi salutai…ah e buon appetito.-
Cal.- Salutamu, salutamu . ( si ricorda del pranzo) A pasta! A pasta. ( entra in casa a precipizio).
Entra in scena una vicina di casa, si chiama Carmela, ed e’ una popolana di mezz’eta’, vestita a festa.
Car.- Don Calogero, ah don Calogero! Affacciativi ca va parrari. Ahu, mi sintiti?9 sempre piu’ accalorata)-
Cal.- (affacciandosi) Chi fu? Spaccau a Muntagna? Scuppiau a verrra? Sta sgravannu a scecca?-
Car.- Ca quali! Macari Diu, chissu fussi nenti…-
Cal.- A fini d’o munnu, u capii (ironico e rassegnato).-
Car.- Peggiu, peggiu! Don Calogero amabilissimo, voi avete commesso un assassinio (sentenziosa) Un assassinio a sangue freddo, pinzatu e priparatu diabolicamente. Ma cchi dicu: voi avete fatto di peggio…-
Cal.- …e sintemu…-
Car.- …avete ucciso un uomo morto!.-
Cal.- (segnandosi) Patri, figghiu e spiritu di Diu. Ma cchi siti in sensi?-
Car.- Raggiuni aviti, nun sugnu in sensi, picchi sugnu pazza, pazza furiusa!-
Cal.- Pazza criminali! Ma cchi fu? Dicitimi cchi fu e facitila finita!-
Car.- Ma taliatilu cche friscu! Cchi fu, facitila finita…(ironica) Chi fu? E mu dici a mia? Vui m’ata diri chi cumminastruru, assassinu!-
Cal.- Attorna! Vuliti parrarii chiaru o no?-
Car.- (piagniucolando) M’ata rovinatu, m’avere rovinata, sugnu perso, sono perduta e crocifissa, sugnu Maddalena, Sammastianu martire…-
Cal.- …Sant’Alfiu, Cirinu e filibertu. Avaia, ora sto perdendo la pazienza!-
Car.- Voi perdete la pazienza, iu persi…(vergognandosi) l’onori.-
Cal.- L’onori? Vui, a o finitila donna Carmela.-
Car.- Picchi’ v’a risulta ca nun sugno na fimmina onorata, pri casu?-
Cal.- Lo siete, per carita’, lo siete. Ma siete , come dire? usata. Insomma non siete di primo volo. Insumma: siti ca prova.-
Car.- Don Calogero, accura a comu parrati, picchi’ vi lassu curriri na scarpa nto battisimu.-
Cal.- (allarmato) Per carita’, cosa avete capito? Forse mi sono confuso. Volevo dire che siete matura, ‘nzumma, siete vedova o no?-
Car.- E chi voli diri? Una vedova non si puo’ disonorare?-
Cal.- Ma non nel senso che dite voi…-
Car.- …e mancu nel senso che dite voi, don Calogero sapiintuni. Ora sfurzatevi di capire: io sono stata disonorata nell’inversamente proporzionale, come dire nel contratio di me stessa medesima, nzumma sono stata oltraggiata, umiliata, abbandonata e offesa. (si copre il viso con le mani)-
Cal.- (ironico) Sedotta e abbandanata, a figghia…-
Car.- Sbintati a n’autra, pezzu di vecchiu fausu e ‘nfami. (poi si volge verso la quinta di destra) Vitu, oh Vitu, veni cca’! Vitu, trasi e fatti vidiri da stu (ironica) prifissuri, lampiunariu illustratu.-
Cal.- …illuminato e illustre, ca ora. (riprendendo l’ironia)-
Car.- Appuntu! Chinu diu scienza e di scimenza! Veni Vituzzu miu, veni…(sdolcinata)-
Entra in scena vitu a piccoli passi e a testa bassa. E’ in uomo di mezz’eta’, vestito dimessamente, timido e spaventato che si pone tra Carmela e Calogero)
Car.- V’apprisentu il vostro capolavoro, duttuti papocchiu. Ecco come avete ridotto un uomo che era vinilico e forzato: lo avere arreso imponente!-
Cal.- Chista scattio’ tutta para para para.-
Car.- Aspettiti e vedrete: Vitu, dici a questo individuo comu t’arridducisti pi cuppa so’!-
Vit.- Ju m’affruntu.-
Cal.- Ahu basta! Pe pazzi c’e’ u manicomiu! E com’e’ ca ci aiu a cummattiri ju cu vuattri?-
Car.- E parra Vitu, senno’ parru ju.-
Cal.- cu parra parra, abbasta ca parrati.-
Car.- Allura parru ju...-
Cal.- …Salaratu…-
Car .- …Dunchi a noi…-
Cal.- …alala’…-
Car.-…(assumendo l’aria di un grande avvocato in tribunale) Potete voi forsi negari che aviti dato a qui presente Vitu Ricotta una medicina p’a tirolese? E’ veru o non e’ veru?-
Cal.- Bonu va’…(rassegnato) a tirolese…-
Car.- Rispondete solamente: si o no!-
Vit.- Pa tira.. tira…-
Cal.-…c’allonga. Avanti forse ho capito: volete dire par la tiroide?-
Car.- Propriu pri chissa.-
Cal.- e allora? Non capisco ancora…-
Car.- Vui fati i Nofriu pi nun pavari u daziu. ( riprendendo il tono avvocatesco) Allora palero’ chiaramenti. Da questo istante chiamero’ le cose col loro vero nome…-
Cal.-… allura, vui vi chiamati camurria, iddu cretinu e ju santu pacinziusu.-
Car.- ( a Vitu) U sintisti? Ti dissi cretinu.-
Vit.- U ntisi, u ntisi.-
Car.- E tu nun ci dici nenti?-
Vit.- (affemminato) Cattivone.-
Car.- Ecco la prova! Questa e’ la prova pratica e lampeggiante del vostro delitto! Avete reso questo poverazzo impossidente a seguto della vostra medicina comemalanovasichiama..Cosa avete da dire in vostra discoppanza?-
Cal.- Io non ho niente da discoppammanzi Io a questo specie di…cretinu ci ho dato solo nu poco di tintura di jodio e basta. Pinzai che si fosse ferito e gli ho dato del disinfettante.-
Car.- E u ‘nfittastru! Comunque, vitu e’ veru chiddu ca dici costui?-
Cal.- E’ veru?-
Vit.- E’ veru, viruni. Ma ju ‘ntisi diri da tilivisioni ca cpntru a radiografia s’avanna a fari cappati di tintura di jodio, na tiroicomusichiama. Anzi no, forsi dissiru ca era megghiu sciacquari, ‘nzumma sguazzariari no cannarozzu sta miricina, e ju… e ju..’nzumma…-
Cal.- ‘Nzumma tu?-
Vit.- … m’a vipp e addivintai ipunenti e addiu matrimoniu!-
Cal.- addiu matrimoniu? E cchi c’entra co jodiu?-
Car.- (persuasiva e velatamente minacciosa) C’entra, c’entra. Anzi nun c’entra. Ci ava c’intrari, ma nun c’intro’!-
Cal.- Vitu, spiagati, malanova!-
Vit.- Essa, lei, ella, izumma idda ( indica Carmela con timore) mi aveva chieduto la grande prova d’amore prima del matrimonio, s’abbiau a tramuntana, e ju…m’affruntu, m’affruntu.-
Cal.- E tu nun ci a…’nzumma a vuoto? (gesto eloquente)-
Car.- prprio accussi’: a vuoto, morta!-
Vit.- Matri m’affruntu, m’affruntu…-
Cal.- Aiu capitu: sciroccu completu! Ma sintiti a mia: u jidiu ddocu nun c’entra.-
Car.- Malanova a chiddi: cintrali nucliali, radiocattivita’, nubbe tossica e vilenu amaru, inquietamentu d’o munnu. E a Vitu ci sicco’!-
Cal.- (incredulo) nun po’ essiri, ca comu…avaia, nun diciti fisserii, lu jodiu nul li fa ssi cosi. Piuttosto…(riflette)… aspetta…aspetta: Vitu, senti na cosa, ju ti desi u jodiu e macari a boccettina di miricinali ca ti lasso’ nni mia u farmacista passannaieri, mi sbagghiu?-
Vit.- No, mi dastiru u jodiu e macari a boccettina di mericina pi daraccilla o me sceccu ca e’ sempri in…amuri. M’arrivordu, certu ca m’arrivordu, m’arrivordu benissimu. (soddisfatto)-
Cal.- (insinuante) E senti Vituzzu, quali miricina ci dasti o sceccu: a midicina da buccetta russa, oppuru chidda da boccettina janca?-
Vit.- Chidda da russa, picchi’ a midicina janca m’a pigghiai ju. ( tronfio)-
Cal.- E bravu sceccu! Ca certu picchi’ si’ tu u vero sceccu! Donna Carmela, tutto a posto. Stu pezzu armali servaggiu si pigghiu a dosi di bromuru priparata po so sceccu. Sirviva pi…cammallu nu pocu, mi capite?-
Car.- Ma allura sara’ sempri iddu in calore? (piena di speranze, quasi esultante)-
Cal.- No, ca quali. Iddu sara’ normali…almeno pi certi cosi ( fa allusione alla testa( mentre per altre…-
Car.- Piccatu…-
Cal.- Certu a dosi era pi nu sceccu, ma vedrete, fra qualche giorno…(allude alla virilita’) potra, potra’ fari il suo proprio doveri…insumma, vi dara’…la prova.-
Car.- Pozzu stati tranquilla?-
Cal.- Tranquilla, tranquilla. Avanti va’, ora itravinni ca m’aiu a priparari u mangiari.-
Car.- Semu sicuri, nevveru?-
Cal.- Sicuri, sicuri. Mizzica cchi pene…ca si voli pigghiari (allusivo)-
Car.- Ahu, ognunu si piggia i peni soi. Andiamo Vito!-
Vit.- Avviandosi verso iul cancelletto) Salutamu don Calogero ( a Carmela) mizzica cchi scantu ca mi pigghiai.-
Car.- E figurai ju! Salutamu don varvasapiu. (escono)- 
Cal.- (perplesso) Mah, chissacciu! ( poi ricordandosi ) a salsa, a salsa. ( entra precipitosamente in casa ed esce poi sconsolato) S’abbrucio’, s’abbrucio’! Mortibuttana s’abbrucio’. Pari ca u fannu apposta: appena mi priparu du fila di pastasciutta, s’arrizzoluno nti mia picchi’ hannu qualchi problema urgenti. Certu doppu ca a na mangiatu, si capisce…Sono tutte brave persone, ma spesso sono invadenti. Pero’ io li scuso e li perdono, in fondo mi fanno passare il tempo e non mi fanno sentire solo. E allora pazienza don Calogero Buscemi, vuol dire che mangi asciutto: pani e cipudduzza nova – senza pecorino, contenti?-
S’appresta ad apparecchiare il tavolino.
Con musica appropriata entra in scena una donna vestita di nero che si dirige verso Calogero, ma vede la fanciulla in bianco e s’arresta a guardarla severamente, quindi le fa cenno d’uscire. La fanciulla, che durante tutte le scene precendenti e’ rimasta in sena a gironzolare e a giocherellare, esita, ma la donna in nero insiste, allora la fanciulla raccoglie le sue cinafrusaglie e, malinconicamente, esce di scena dando un’ultima occhiata affettuosa a Calogero. Fine musica.
Calogero a finito d’apparecchiare e si appresta a desinare, quando s’avvede della donna.
Cal.- (impacciato) Buon…buongiorno signora, scusate, non vi avevo sentita entrare. Cosa posso fare per voi? (la donna fa cenno di no col capo) Niente? E allora? Scusate… ( la donna apre il mantello e si mostra) Ma voi chi siete? Io non vi conosco…cosa volete? (intanto, guardandola meglio la riconosce) Ma voi…ma voi siete…sareste…(la donna annuisce) Che stupido! Avrei dovuto riconoscervi subito. ( la donna gli fa cenno di seguirla) Andiamo? (la donna annuisce) dobbiamo andare? (la donna fa cenno di si) Dovremmo, semmai. (la donna fa cenno che e’ ineluttabile) Un momento, un momento. Calma. Ragioniamo (scandisce le parole). Suvvia sedetevi (quasi supplichevole e la donna si siede) Ecco, cosi’ va bene. State comoda? (la donna fa cenno di si) Sono contento. Vuol dire che io mi arrangio con questa. (prende la sedia sgangherata e si siede. Durante il prosequo del monologo, l’attore avra’ la possibilita’ di fare dei movimenti scenici a soggetto) Dunque, a noi! (poi concialiante) Sentite, cara signora, voi dovete aver pazienza, ma la questione e’ da discutere, eccome! Perche’, quando c’e’ in ballo la vita, il parere degli interessati e’ importante, anzi, importantissimo; e voi non potete non tenerne conto. Perche’, se cosi’ fosse, il vostro che mestiere sarebbe? Tutti potremmo dire:” Beh, oggi faccio la Morte, tanto vado, prendo il primo che mi capita e buonanotte!” Evvero? Ma invece la cosa non e’ cosi’ semplice – ca certu . 
Vedete, per me il vecchio detto popolare secondo cui la Morte e’ capricciusa ca lassa a vecchia e pigghia la carusa, e’ bagliato. Sbagliatissimo!
Capricciusa – ca ora …Pi mia vossia e’ di una serieta’, di una compostezza, di una dignita’, direi unica. No! E’ tutto sbagliato. I proverbi non ci azzeccano – ca quali. Fare la Morte…ssi…e cchi ci pare? (accenna a ipotetici ascoltatori) 
Fare la morte…Ma fare la morte e’ assumersi grandi responsabilita’, e’ prendere gravi decisioni – in fondo e’ giustizia! E quasto, parrannu cu vui, non e’ di tutti, nevvero?(pausa e intanto la guarda per vedere un cenno d’assenso) Ed ecco, quindi, perche’ nell’espletamento del vostro gravoso compito, per una questione di correttezza, oserei dire – professionale, voi avete il dovere di sentire gli interessati. Nevvero? (la donna resta impassibile) E allora sentite me!
In primisi in primisi, quando nacqui, ero settimino, quindi avevate tutto il diritto di venirmi a prendere. Invece non lo faceste. Perche’? eh, qui mi dovete una chiara risposta!
Secondo: Ho fatto due guerre, di cui una mondiale: sono stato due anni al fronte, fui ferito, per poco non congelai – laggiu’ in Russia, e voi niente!
Terzo: Riutorno a casa, trovo mia moglie buonanima a letto con l’amante, il quale, per paura mi spara, mancandomi, e voi niente! (la donna resta impassibile) Continuiamo? (la donna fa cenno come per dire: come vuoi).
Quanrto: Ebbi la peritonite, fui nelle vostre mani per vari giorni. Vi attendevo di ora in ora, ma voi niente! “nisba” ! nein! – non c’eravate!
Ora che mi sto godendo la vita con una vecchiaia serena, senza problemi, in pace col mondo e con me stesso, ora venite voi e mi dite: “Calogero Buscemi, andiamo!”
E no, cara signora, mi dispiace, ma non ci siamo. Questo non sono discorsi degni della morte- ca quali! Questi sono ragionamenti da uomini, perche’ noi uomini siamo frivoli, vanitosi, stolti e scunghiuruti: mentre voi siete seria, austera, solenne!
Ma, insomma, abbiate pazienza, mi volete spiegare perche’ dovrei lasciate tutto e venire con voi? Per gli anni? Ma quelli non sono poi tanti. Per la salute? Eh, mia cara, quella e’ ottima. Perche’ e’ giunta la mia ora? Ma quale ora? Chi l’ha detto? Perche’? Abbiate pazienza: dico io, se quest’ora fu segnata fin dalla nascita, che senso avrebbe allora l’istinto di conservazione? Se la pallottola che mi fu sparata non era quella giusta per morire, perche’ me la feci addosso? E mi dite, di grazia, perche’ se un automobile mi sfiora, dall’interno mi salgono milioni di spilli sulla pelle? Infine, perbacco, perche’ gli uomini vi temono? Ecco, se mi dite perche’, fine della discussione, prendo la mia “truscia” e vi seguo. (aspetta pazientemente una risposta che non arriva)
Non mi rispondete? E allora vuol dire che ho ragione io: Ci vuole il consenso degli ionteressati!
E’ naturale – dico io. (breve pausa) Voi venite, si discute la faccenda, si vagliano le situazioni, si danno i pareri, e dopo le necessarie valutazioni, si procede, con prudenza, verso un giudizio decisionale – meglio se non vincolante. (attende una risposta)
Non siete d’accordo? No? Beh, allora che posso dirvi? Mi dispiace, avete fatto un viaggio a vuoto, perche’, cara signora, io non sono, diciamo cisi’, disponibile per il momento. Pazienza, che volete farci? ( sia avvia verso il cancello, per accompagnarla fuori) Vuol dire che ve ne ritorneretesenza di me – da sola. Certo, un giorno o l’altro ci rivedremo – sicuro, sicuro – ma quel momento arrivera’ quando avro’ dato (breve pausa) il mio consenso!
Statevi bene, signora, e…senza rancore. (apre il cancelletto).-
La donna dopo essersi alzata, fa un leggero inchino, e si avvicina al fico. (musica adatta) Quindi si siede sulle pietre poste sotto il tronco, assumendo una posizione d’attesa. Calogero la guarda sottecchi, per controllarne le mosse, poi, quando si assicura che la donna se ne sta tranquillamente seduta, entra in casa, prende un fiasco di vino e dei bicchieri e li dispone sulla tovaglietta del tavolo, apparecchiandosi la mensa. Appena terminata l’operazione, si siede con la faccia verso la donna seduta.
Cal.- Scusatemi signora, ma se non vi dispiace, io vorrei consumare il mio modesto e frugale pasto, qui, all’aperto. Vi do’ fastidio? (la donna fa cenno di no) Grazie, grazie assai, siete veramente gentile. (la donna fa un leggerissimo inchino) Vedete signora, noi uomini abbiamo grossi difetti e tante piccolissime debolezze. Io. Per esempio, con una bella giornata di primavera, come questa, non resisto alla tentazione di pranzare all’aperto. Faccio male a qualcuno? Non evvero? (la donna annuisce, Calogero fa una breve pausa) Volete accomodarvi alla mia modesta tavola? Senza complimenti, favorite. Vi prendo ina sedia anche per voi? Eh, ve la prendo? (la donna fa cenno di no) E a me dispiace. Veramente mi dispiace vedervi seduta su quei sassi. Cosa direbbe la gente di me? Calogero Buscemi quando venne a trovarlo la Morte, non le dette neanche una sedia per sedersi comodamente. Passere per villano! Non accettate? (cenno negativo della donna) proprio no? Come volete voi. Allora buon appetito.-
Calogero inizia a mangiare, mentre la donna si alza e gironzola per l’orto, curiosando qua e la’, sempre tenuta d’occhio da Calogero. Musica adatta. Il vecchio tenta anche di offrirle del vino che la donna rifiuta con un garbato gesto. Quando Calogero avra’ terminato il suo pasto, si alzera’ e si siedera’ sotto il fico, appoggiato al tronco.
Cal.- Col vostro permessi, signora, vorrei distendermi sotto il mio fico. Sapete, i vicini credono che io dorma, invece io medito, penso, rifletto e, perche’ no? anche fantastico.-
La donna gli sorride e si dirige, lentamente, verso il cancelletto. Li’ giunta, fa un gesto di scatto, come se volesse avvolgere nel mantello nero e Calogero, che si stava assopendo, fa uno scatto e urla.
Cal.- Ahi! Botta di sangu! Mi ha punto una vespa! (dimena le gambe) In questa stagione sti “lapuni” sunu veramente ‘ncutti, molesti! Poi questo doveva essere quanto o “ Liotru”; mi e’ sembrato di sentire le sue zanne entrare nella mia carne. Bonu va’, spirdiu di pinzari…finiu di meditari…mi sta clannu un sonnu duci duci…mi sentu l’occhi a pampinedda…e va’ beni, Calogero Buscemi, fatti stta panzata di sonnu e futtatinni!-
Calogero si assopisce, piega la testa e lascia andare le braccia lungo il corpo. La donna resta immobile vicino al cancelletto. Luci che cambiano. Entrano dei vicini.
Primo vicino: Don Calo’, oh don Calo’, alla facci della meditazione, sono sei ore che dormite.-
Secondovic.: Don Calogero, svegliatevi, il sole e’ tramontato, prenderete freddo.-
Terza vicina: A seggia e’ ancara sfasciata, beddu scansafatiche…-
Primo vicino: Don Calo’, vi ho portato questa bottiglia di cerasuolo che e’ la fine del mondo, assaggiatela e ditemi se non e’ vero. (intanto si china sul vecchio e lo scuote) Don Calo’…ma…ma bedda matri…chistu e’ mortu!-
Seconda vic.: Matri santissima, morsi durmennu…-
Terza vicina: Mischinu. Pero’, vulennu, fici a megghiu morti.-
Primo vicino: Carusi chiamati Pattrapparucu. (si segna)-
Secondo vic.: Guardate, chi e’ sta cosa? (indica qualcosa ai piedi del vecchio)-
Primo vicino: Videmu? Ma cos’e’? Sembra nu scussuni…(le donne indietreggiano) no, non vi spaventate, e’ mortu.-
Secondo vic.: (guardando meglio) Ma quali scussuni, chista e; na vipera!-
Terza vicina: Veru e’.Taliati chi purtusu ci fici ne jammi.-
Primo vicino: Pero’ s’a purtau cu iddu. Avete visto ci schiacciavu la testa.-
Seconda vici.- Ma comu ci arrivau cca’ sta vipira?-
Primo vicino: Mah, chissacciu…-
Terza vici.- Chi fa , u purtamu in casa?-
Primo vicino: Ca certu. Pigghiatilu di dda. ( i tre si premurano a portare il corpo di Calogero in casa, simulando uno sforzo, perche’ in effetti non portano nulla, perche’ il vecchio rimane seduto sotto il fico, anzi dopo pochi secondi si alzera’ e, con un sorriso ironico, guardando i tre, si avviera’ verso il cancelletto.
Primo vicino: Mih, e’ beddu pisanti…-
Secondo vic.: Salaratu! Chi ci cunzamu u lettu?-
Primo vicino: Annunca…-
Terza vicina: Ahu, annacamini ca pisa…-
Secondo vic.: penzu ca l’avissimu a vestiri. ( entrano in casa )
Calogero, intanto che i tre mimavano il trasporto del suo corpo, si sara’ divertito a mimare le frasi dei tre. Quando, infine saranno entrati in casa, egli si avvicinera’ alla signora in nero e con un cenno della mano invitera’ la donna a precederlo. La donna fa complimenti, e allora Calogero, minacciandola affettuosamente col gesto della mano, le apre il cancelletto e insiste nel farla passare per prima. La donna accetta divertita, e passa. Calogero, dando un’ultima occhiata all’orto e alla casa, allarga le braccia e seguira’ la donna. Poi i due, gesticolando come se continuassero una conversassione precedente, usciranno lentamente di scena. Musica.
Fine.
Secondo finale ( a discrezione della regia).
Quando Calogero si assopisce sotto l’albero, con cambiamento di luci, entrano in scena dei vicini, uno dei quali e’ il chitarrista, cantando e suonando. Calogero si sveglia intorpidito. I giovani lo invitano alla loro festa. Il vecchio guarda la donna in nero, interrogativamente, ella, vedendo l’affettuosita’ dei giovani verso il vecchio, fa cenno di acconsentire e di fargli sapere che tornera’ dopo. Il vecchio fa cenno, come per dire: dopo, dopo, assai. La donna sorride e se ne va da sola.
Balli e canti e fine.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno