L’acchiappaprievete

Stampa questo copione

L'Acchiappaprievete

L’acchiappaprievete

Commedia in tre atti

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 883814A

 

mail: macrisa@libero.it - anno 2008

Personaggi:        Anna             Moglie di Vincenzo       D

Vincenzo         Rappresentante                   U

Elvira             Moglie di Amedeo        D

Amedeo         Marito di Elvira                    U

Concetta         Vedova piacente          D

Michele          Meccanico                          U               

Fattorino        Garzone di rosticceria           U

               

Attrezzature:

un quadretto votivo, cavi elettrici, giravite, panni sciolti, buste da spesa piene, alcuni bicchieri di vetro tutti uguali, un pezzo di plastica da incastrare in un bicchiere, una rivista colorata, forbici, una 24 ore, un mortaretto a strappo, involti di rosticceria, un mazzo di chiavi, una banconota, una pistola giocattolo, un foglio di carta di giornale.


ATTO PRIMO

Scena:               Un piccolo appartamento, ai giorni nostri, con mobili ordinari: tavolo con quattro sedie coperto da una lunga tovaglia che non deve arrivare fino a terra, divanetto, cavalletto e ferro da stiro alimentato con una ciabatta con interruttore, telefono fisso su mobiletto a parte, un mobiletto a ripiani tipo etagere, con cassetti; due uscite, una verso l’interno dell’appartamento, l’altra è l’ingresso.

ATTO PRIMO, SCENA PRIMA: Anna, Vincenzo

ANNA                (in sottoveste, stirando una camicetta da donna; a lato, su una sedia, dei panni da stirare) Auffa, che scucciatura!

VINCENZO          (entra, sbadigliando) Ahhhh! Carissima buon giorno, comme stai …

ANNA                Neh, ma tu vulissi ‘ncumincia’ n’ata vota? Buon giorno n’accidente! ‘O viri ca stongo cummattenno ch’ ‘e panni? ‘O viri ‘stu fierro? ‘O vulisse senti’, comme pesa? Guardo ca io nun ce metto niente!

VINCENZO          Ue’, i‘ nun aggio ditto niente! (gira per la stanza, e si dirige al divano) Grazie p’ ‘a gentile risposta! Ancumminciammo ‘st’ata jurnata, cu’ l’aiuto ‘e Dio!

ANNA                Ma tu ‘o faje apposta! Aro’ staje jenne? Nun t’accusta’ ‘o divano, ca c’aggia mettere ‘a cammisa mia!

VINCENZO          Va buono, nun ‘o sapevo… Ma ‘na stampella no, eh?

ANNA                Nun te permettere ‘e fa’ ‘o sarcastico, ca te meno ‘o fierro appriesso! Tu si’ scemo! E chella se mappecea! T’aggio ditto ca me serve ‘o divano! E po’ nun te permettere ‘e ‘i giranne cu’ chilli pieri ca tieni…! Ogni vota ca te muove me faje ‘nu sacco ‘e ciampate, ‘o faje apposta! ‘O viri che aggio lavato pure? Nun se capisce, appena ca io lavo ‘nu poco, subbeto accumparisci tu, cu’ tutti chilli pieri pe’ ‘nterra!

VINCENZO          (perplesso, guardandosi) Io ‘e piedi cunfermo ca ne tengo sulo duje… ‘o saccio ca pe’ te è ‘nu difetto ca ‘e tengo, ma me servono, cerco pure d’ ‘e tene’ puliti… nun te voglio fa’ ‘nquarta’, ma nun me n’accorgo quann’ ‘e lavato a frisco… mo’ me pareva ca stivi stiranne… e po’ ‘e pieri addo’ ‘aggia mettere? Cca’ me pare asciutto…

ANNA                Guaglio’, allora è overo, vuo’ ancummincia’ n’ata vota! Int’ ‘a ‘sta casa cu’ te nun se campa cchiu’, io aggia ‘i ‘ncopp’ ‘a ‘nu pizzo ‘e muntagna, ‘mmiez’all’eremiti! Io te lasso, ‘e capito? Accussi’ voglio vede’ comme faje!

VINCENZO          Ah ecco… ma comme faccio a fa’… che cosa? Che prublemi ce stanno? Verimmo… (enumera) ‘E cammise e ‘o riesto m’ ‘e stiro già io, ‘a lavatrice ‘a saccio ausa’, ‘o cafe’ ‘o ssacio fa’, ‘e piatti ‘e lavo io, m’abbasta ‘nu poco ‘e pane, ‘nu piezzo ‘e furmaggio, e stongo a posto pe’ ‘nu mese almeno! E, pe’ chiurere ‘e cunti, cca’ si campa già comme si fossimo eremiti, cu’ ‘na castità perfetta! Voglio vede’ io, invece, comme faje tu! Allora, quanne te ne vaje? T’aggia piglia’ a valigia ‘a copp’ ‘all’armadio? ‘A piccerella o chella cchiu’ grossa?

ANNA                Tu si’ scemo, nun te voglio manco risponnere! (finisce di stirare, depone la camicetta sul divano per un istante, la contempla poi la prende e se la mette, spiegazzandola tutta) Ecco qua! Me so’ ‘ngrassata ‘nu poco… Oggi nun se mangia! (esce)

VINCENZO          E chi ‘o sape si mo’ ‘o divano se po’ ausa’! Po’ oggi nun se mangia… stammo a posto! Stanotte, cu’ tutti chilli rummuri e chilli strilli d’ ‘e vicini, nun aggio durmuto, chi sa che è succieso… Me stennesse proprio ‘nu poco…! (sbadigliando, si mette sul divano; mentre sta per rilassarsi, bussano alla porta)


ATTO PRIMO, SCENA SECONDA: Anna, Vincenzo, Elvira

ANNA                (dall’interno) Vicie’, arape tu, io me stongo guardanne int’ ‘o specchio, percio’ nun pozzo arapi’!

VINCENZO          (mentre va ad aprire) Ma viri che pacienza ca ce vo’… e si chella se ‘nquarta, fa pure peggio! (esce e rientra con Elvira) Signo’, trasite, accomodatevi…

ELVIRA              Grazie, aggiate pacienza, faciteme assetta’ ‘nu poco, ma io ‘a casa mo’ nun ce pozzo proprio sta’… Amedeo sta mettenne ‘o Prevete dint’ ‘a bara… (si siedono)

VINCENZO          Eh? Signo’… ma ca è succieso? Io stanotte aggio ‘ntiso ‘nu sacco ‘e rummore, colpi, strilli…

ELVIRA              (tira fuori il fazzoletto) E chillo è muorto ‘o Prevete! Puveriello, è stato cumpagno mio pe’ quinnici anni, e ‘ammo avuto fa’ ‘a nuttata!

VINCENZO          Signo’, ma io nun sapevo niente… vuje steveve cu’ ‘nu prevete…? E ‘on Amedeo sapeva tutte cose? E pe’ tutto chistu tiempo?

ANNA                (rientra e si siede anche lei) Signora Elvira… ‘aggio saputo ‘a disgrazia…! Condoglianze!

ELVIRA              Grazie, grazie… io ancora nun me so’ miso ‘o lutto… chella è stata ‘na cosa ‘e subbeto! E comm’avite saputo?

ANNA                Stammatina, ‘a signora ‘Ngiulina m’ ‘a ditto ‘o fatto quanne me so’ juta a piglia’ ‘o cafe’ addo’ essa! Sapisseve quanto me dispiace…! Chillo po’ era pure bello chiatto…

VINCENZO          … Scusate, vulesse capi’…

ANNA                Statte zitto tu! Signo’, ‘o stanne mettenne dint’ ‘a cascia, è overo?

ELVIRA              Si, signora Anna… è ‘na scena ca nun pozzo suppurta’… si no nun dormo stanotte! Po’ ‘a pigliammo e jammo a fa’ ‘o funerale a mare!

VINCENZO          Ma comme, ‘nu prevete,… le facite ‘o funerale vuje…? E a mare? Comme a ‘nu militare? E chi ‘abbenerice? E dint’ ‘a chiesa nun ce trase?

ANNA                Statte zitto tu! Cheste so’ cose ca nun se diceno! ‘O vi’ che ‘e fatto!

ELVIRA              (piangendo nel fazzoletto) Povero Prevete mio! Aggio pure telefunato, ma nun ce ‘o vonno ‘a chiesa!

VINCENZO          Pe’ forza, è stato quinnici anne cu’ vuje, vulesse pure vede’! Pero’ io nun ‘aggio mai visto…

ANNA                (anche lei col fazzoletto) Ma comme! Tu si’ scemo, ‘e visto tutt’ ‘e juorne! Facivi sempe ‘e scungiuri, quann’ ‘o vedive! Sulo pecchè teneva ‘a pelliccia tutta nera cu’ chella bella croce bianca ‘ncapo…

VINCENZO          Ma vuje state parlanne d’ ‘a jatta?

ELVIRA              (con sussiego) Prego, “gatto”, e neppure castrato!

VINCENZO          Che ve pozzano abbenericere a tutt’ ‘e doje! E chisti erano ‘e strilli, ‘e lamentazioni pe’ tutta ‘na nuttata, sana sana? Pecchè è muorto ‘o gatto?


ATTO PRIMO, SCENA TERZA: Anna, Vincenzo, Elvira, Amedeo

                        (bussano)

VINCENZO          (prevenendo Anna) ‘O saccio, state a lutto… vaco io! (esce, lasciando le due a singhiozzare; rientra con Amedeo, vestito a lutto, ombrello sotto braccio, occhiali neri, porta una 24 ore)

AMEDEO            (con voce cupa, rimane in piedi) Buongiorno… Elvira stai cca’, è overo…? Elvi’, io aggio fernuto tutto… (indica la valigetta) Vulimmo i‘ a fa’ chest’ esequie, primma ca vene a chiovere?

ELVIRA              (scoppia a piangere) Si… mo’ me passa e jammo…

ANNA                (si alza) Aspettate, vengo pur’io… ammagari me metto pure  coccosa ‘e niro…

VINCENZO          Annare’, scusa ‘nu mumento! (a parte con lei) Va’ buono ca ce so’ affezionati, ma nun te pare ca stanno esageranne ‘nu poco? E pure tu, te mitti a fa’ ‘o corteo appriesso ‘a casciulella? E po’ ‘o ‘mbrello… ce sta ‘nu sole ca spacca ‘e prete!

ANNA                (Tira un calcio in una caviglia a Vincenzo, poi si rivolge ad Elvira ed Amedeo) Scusate, chillo me steva dicenne ca vuleva veni’ pur’isso a fa’ ‘o corteo, ma po’ m’ ‘a ditto ca le fa male ‘o pere! E’ overo, Vicie’?

VINCENZO          (massaggiandosi la caviglia) ‘O sapimmo buono tutt’ ‘e duje quanto me fa male! Sperammo ca nostro Signore oggi fa cagna’ ‘nu poco ‘a jurnata! Si, signo’, aggiate pacienza… tengo ‘sta caviglia… e po’… sta pure pe’ chiovere!

ELVIRA              (piange) Pure ‘o cielo sta a lutto! Povero Prevete mio…

AMEDEO            (con voce cupa) Signor Vincenzo, me dispiace ca nun venite… però po’, si chillo se vendica, nun ve pigliate collera…

VINCENZO          Scusate, ma è muorto? (vede la faccia scandalizzata delle signore) Scusate, volevo dire… è deceduto! Che po’ fa’ cchiu’?

AMEDEO            (con voce profonda) Chisto se chiammava Prevete, ma era ‘nu riavulo! Nuje ce aspettammo ca ce vene a truva’ ancora… comme fantasma!

VINCENZO          Ah, ma io nun ce credo, ‘e fantasmi, specie ‘e ll’animali! E chillo po’, si vene, vene addo’ vuje, nun ve preoccupate!

AMEDEO            Io, si fusse in voi, me preoccupasse, invece… sulo nuje sapimmo chillo ca è stato capace ‘e fa’… ‘e sette vite soje s’ ‘a spese tutte quante, e quanti paure ca ce ‘a fatto piglia’… Elvi’, t’arricuordde ‘a siconda morte?

ELVIRA              No, Amede’, chella proprio no!... (si tappa le orecchie)

AMEDEO            (rivolgendosi a Vincenzo) Puverella… ‘a siconda morte fuje dolorosa assaje… pe’ nuje! ‘O stevemo mettenne int’ ‘a casciulella, ma subbeto, senza fa passa’ ‘a nuttata… eravamo, comme se dice… inesperti! Pe’ nuje era muorto, nun se muveva cchiu’, era friddo, stecchito proprio…! Ue’, appena se sentette ‘e mettere lla’ dinto… chillo se ‘ngrifaje tutto quanto comm’ ‘a ‘nu drago! Zumpaje ‘nfaccia a Elvira e s’abbracciaje cu’ ‘na forza ca nun riuscevo a levarlo, tanto ll’ogne erano trasute… e le muzzecava ‘o naso e ‘e recchie ca pareva che s’ ‘a vuleva magna’…! Nun ve dico che allucchi, che dulore, e quanti guai chella puverella ‘a passato ch’ ‘e cicatrici…! ’Nu mese sano pe’ guari’!  E po’ ‘a quinta…

VINCENZO          Va buono, lasciate sta’… (guardando la valigetta) ma mo’ site sicuri?

AMEDEO            ‘Ammo fatto ‘e prove tutta stanotte… è proprio passato a miglior vita… (alza la valigetta, come per aprirla) Vulite vede’?

TUTTI                No, no, pe’ carita’, fermateve…

ANNA                (voce in falsetto) Allora, jammo! Primma Amedeo… (si schiarisce la voce e lo fa posizionare) mettiteve cca’, e poi Elvira, e po’ io! (escono mestamente in fila).


ATTO PRIMO, SCENA QUARTA: Vincenzo, Concetta

VINCENZO          (rimasto solo) Amen! Ma viri che pacienza ca ce vo’… Mo’ ‘amma penza’ pure ‘o fantasma d’ ‘o gatto…! Allora… oggi è martedì, ‘a festa d’ ‘o Santo protettore, oggi sicuramente si esce, accussi’ accatto duje dolcetti p’Annarella, ca oggi nun se mangia,… po’, s’ ‘esse sistema’ ‘a casa, si vene coccheruno… s’essa scupa’ ‘nu poco… mah, chella dice che ‘a lavato pure… a me nun me pare…! Ce sta ‘o bucato ca s’adda stira’, ‘a cucina pare Casamicciola, s’ ‘essa fa’ ‘o cafè, nun ne parlammo ‘e comme sta ‘o bagno… e chella, invece ‘e fa’ ‘e servizi, va fa’ ll’esequie ‘o gatto! Io intanto ‘esse bisogno ‘e ‘na cammisa pulita p’asci’… mo’ quasi quasi m’ ‘a stiro… (tocca il ferro da stiro e si scotta; dopo staccherà l’interruttore della ciabatta) Ahhh! Ma comm’ ‘aggia fa’, cu’ ‘sta pazza? Lassa ‘o fierro appicciato pe’ niente… e ‘o cuntatore che gira! Mo’, si me metto a stira’, fernisce che s’appiccia ‘a cammisa! Sai che faccio? Aspetto e m’arriposo ‘nu poco! Ahhh! Tengo ‘na nuttata janca ‘ncuollo… (mentre fa per sdraiarsi sul divano, bussano) E sia fatta la volontà di Dio! (va ad aprire e ritorna con Concetta)

CONCETTA         (precedendolo di fretta, con una borsa in mano) Permesso… ah state sulo!

VINCENZO          Si, signo’, mia moglie è asciuta ‘nu poco pe’… ‘nu funerale! Ve serve coccosa?

CONCETTA         Gnorsi’, però nun vulesse disturba’, mo’ state sulo, ammagari arritorno quanne ce sta pure ‘a mugliera vosta…! Vuje capite, ‘o palazzo è piccirillo… I’ songo ‘na femmena (moine) e vuje…

VINCENZO          E io no, almeno credo, signo’… Ma ve serviva coccosa?

CONCETTA         Gnorsi’, ce sta ‘stu quadretto c’ ‘a luce ca nun s’appiccia cchiu’… (lo estrae dalla busta) e vulevo sape’ si ce putite da’ ‘nu sguardo, ammagari cu’ comodo… vuje accunciate tutte cose!

VINCENZO          Signo’, mo’ vedimmo subito, nun ce vo’ niente, e ve ne jate cuntenta primm’ ‘e mo’… (prende cavi e strumenti vari da un cassetto del mobiletto e li depone sul tavolo)  Mo’ verimmo… (armeggia con i fili, e ne collega uno alla ciabatta; poi fruga con il cacciavite dietro al quadro) Signo’, faciteme ‘nu piacere… ‘o vedite chillo tasto lla’ ‘nterra? Mettitece ‘o pere ‘ncoppa e appicciatelo…

CONCETTA         (esegue prontamente) Gnorsi’!

VINCENZO          (prende la scossa, e fa cadere il cacciavite) Ahhh!… Signo’… appicciatelo… quanne v’ ‘o dico io!

CONCETTA         Ah, mo’ no?

VINCENZO          (rassegnato, stacca il quadretto dalla presa) No, mo’ proprio no… Nun è jurnata… Comunque ‘a currente arriva… dubbi nun ce ne stanno…! Allora è ‘a lampadina ca s’adda cagna’; io nun ‘a tengo… jate addo’ l’emporio cca’ abbascio, e le date ‘a lampadina vecchia, cheste so’ chelle a baionetta…  venite cca’, ve faccio vede’; primma ‘a levate (mima l’estrazione), ve facite da’ una uguale e ‘a mettite dinto! (mima l’inserimento più volte)

CONCETTA         Puorco e fetente ca nun site ‘ato! Comme ve permettite ‘e fa’ chesti mosse annanze a ‘na signora comm’ ‘a me? Io ‘o sapevo! Me ne vulevo i‘ subito… e vuje… (tono inquisitorio) vuje m’ata trattenuta cu’ l’inganno! Io… ce ‘o dico ‘a mugliera vosta! Io… ‘o vaco dicenne pe’ tutt’ ‘o palazzo! ’Na femmena comme a me! (moine) Si ce stesse ancora chillo puveriello d’ ‘a bon’anima ‘e mariteme, ve facesse fa’ ‘na faccia tanto! Ma chillo già ‘o sape! V’adda tira’ ‘e pieri appena ca v’addurmite! (prende il quadretto con malagrazia ed esce di corsa, sdegnata)

VINCENZO          (alza gli occhi al Cielo) Vulessemo vede’ si se po’ cagna’ cocche cosa, oggi? Pe’ piacere… (si dirige verso il divano) No! ‘Ncopp’ ‘o divano, no! Fernisce che m’addormo, e mo’ ce ne stanno duje ca m’aspettano… (si siede vicino al tavolo;  dentro le quinte si fa scoppiare un piccolo mortaretto) Eh! E che è succieso…(guarda il ferro) S’ è bruciato! Ma comme s’ è bruciato?… Ah, chella pazza, ‘a appicciato n’ata vota, se sarà surriscaldato…! Mo’ aggia accuncia’ pure ‘o fierro… ma primma s’ ‘adda fa’ friddo…


ATTO PRIMO, SCENA QUINTA: Vincenzo, Michele

                        (bussano)

VINCENZO          (va ad aprire e torna con Michele, che indossa una tuta da meccanico) Bravo, don Miche’, site stato puntuale! Assettateve mentre facimmo ‘e cunti… allora, che ‘ate fatto?

MICHELE            Ecco cca’… regolazione frizione, ganasce freni, olio motore, filtri, eccetera… sta scritto tutto cca’ (porge un foglietto)  Sono 120 euro, comme v’avevo ditto, pecchè site vuje! ‘A machina sta sott’ ‘o palazzo, ‘o solito posto, e cca’ stanno ‘e chiavi…(le fa volutamente tintinnare, poi le depone sul tavolo; Vincenzo le prende e le ripone sul mobiletto, dal quale prende una busta)  Ma ce sta puzza ‘e gomma abbruciata! Tutto a posto?

VINCENZO          (gli porge la busta) Tutto a posto, grazie… stevo facenne ‘na cosa e c’ è stato ‘nu cuntatto… cca’ stanno ‘e sorde! Oggi però è meza festa, nun se fatica, ‘a machina ‘a piglio dimane… Comme vanno ‘e cose? ‘A famiglia?

MICHELE            Tutto a posto, ‘a mugliera cuntenta, ‘e guagliuni cresceno, se fatica, se guaragna, e tirammo a campa’!

VINCENZO          ‘A mugliera è cuntenta, eh? Me fa piacere… ma che fa?

MICHELE            Ah, ‘o poco ‘e volontariato…! Sapisseve che sistema ‘a truvato pe’ risulleva’ ‘o morale d’ ‘a gente! Ce sta pure chi ‘a  vulesse pava’, ma essa nun se vo’ piglia’ mai niente, dice “Facite l’offerta ‘a chiesa!”

VINCENZO          Overamente? E che sistema ausa?

MICHELE            Ohe’, chello funziona pure cu’ me… mo ve dico… Chella arragiona accussi’: ‘e cose nun vanno bone pecche’ ce mettimmo appaura; ognuno ‘e nuje tene ‘na paura! Chella cunvince ‘a gente ca po’ chiurere ‘a paura dinto ‘e buttiglie, dint’ ‘e bicchieri… ‘a gente, sotto sotto, ‘o sape ca nun ‘e overo… ma ce crere, e campano cchiu’ cuntienti! Mo’ ve faccio n’esempio… ‘a guagliuncella mia se metteva paura ‘e durmi’ sola, pecche’ l’avevano ditto ca “ll’Uomo Niro” ‘a jeva a piglia’ ‘e notte. Ogni sera chiagneva e strillava, nun sturiava, nun jeva bona ‘a scola, nun se ne puteva cchiu’! Sapite che ‘a fatto muglierema? ‘A miso ‘na scupella int’ ‘a ‘nu bicchiere, ‘ncopp’ ‘o comodino, e ‘nu surdariello ‘a sotto cu’ ‘nu poco ‘e colla; po’ s’acchiappata ‘a guagliona e ll’ ‘a ditto ca ll’Uomo Niro, quanne veneva, pe’ se piglia’ ‘o sordo, rimmaneva arinto ‘o bicchiere e, primma d’asci’, ‘eva cunta’ tutt’ ‘e fili d’ ‘a scopa, e ce ne vuleva ‘e tiempo, passava lla’ dinto tutt’ ‘a nuttata! Ogne matina, ‘na passata ‘e aspirapovere, e diceva ca ‘o jettava… Ohe’, chello mo’ se addorme senza penzieri, e si coccheruno le dice coccosa, chella se mette a ridere e dice che essa ‘o ‘cchiappa e ‘o jetta tutt’ ‘e juorne! Chella nun è scema, ma pazzianne accussi’, mo’ ce rire ‘ncoppa!

VINCENZO          Me piace… interessante!

MICHELE            Facitelo pure vuje… pe’ pazzia’, beninteso… ma verite ca funziona! Tenite figli, o ‘na suocera ‘nziriosa? Pruvate, e ve faccio vede’…

VINCENZO          Ma sicuro che ce provo… grazie! Salutateme ‘a signora, e date ‘nu bacetto ‘e guagliuni! (si alzano)

MICHELE            Po’ me facite sape’, allora… arrivederci! (esce)

VINCENZO          Interessante veramente… voglio pruva’! (entra in quinta ed esce con due bicchieri; li depone sul tavolo e si siede) Allora, p’ ‘o fantasma ‘e ‘nu gatto ce metto ‘o ritratto ‘e ‘na bella micella sotto (sfoglia delle riviste sul tavolo, e trova quel che vuole) Aiccanne! Ce sta proprio ‘o sfondo ca ce vo’, tutto verde e giallo...! ‘A forbice! (fruga nelle sue cose, la trova e ritaglia un pezzo di carta, mettendolo sotto il bicchiere; siccome non si regge, lo umetta con la lingua e poi lo attacca) E uno è a posto…! Mo’ ‘o marito ‘e ‘onna Cuncetta… E cca’ ce vo’ ‘na bella butteglia ‘e vino, cu’ ll’etichetta ‘e argiento, comm’ ‘o culore d’ ‘e capilli ca teneva! E chesta è ‘na pennellata ‘e maestro! (taglia un altro pezzo e lo mette sotto il secondo bicchiere con la stessa procedura) Mo’ ve sfido! Venite cca’, e po’ vedimmo! Mo’ tengo pure… l’acchiappaprevete! E p’ ‘o marito ‘e Cuncetta…, ‘o dichiaro prevete seduta stante! Accussì ‘o nomme va buono pure p’ ‘e isso…  Acchiappaprievete… Me piace!


ATTO PRIMO, SCENA SESTA: Anna, Vincenzo

                        (bussano)

VINCENZO          (rivolto alla porta) T’aggio fregato! Stavota nun m’ ‘e truvato cuccato! (mette i bicchieri sul mobiletto, va ad aprire e torna con Anna)

ANNA                Tu nun sierve a niente! Nun me putive avvisa’ che ero asciuta senza chiavi? Nun m’ ‘e sentuto ‘e veni’? Aggio pure duvuto bussa’! (si ferma, interdetta) Che canchero t’ ‘e fumato? Ce sta ‘na puzza ‘e cane muorto!

VINCENZO          No, aggio accattate chelle che sanno ‘e baccalà, ll’ate nun ‘e tenevano… ma po’ tanto tu si’ abituata cu’ ll’animali defunti! E’ juto buono, ‘o funerale?

ANNA                (vede i fili sul tavolo, e li esamina) E’ chesta robba toja ca puzza! Guarda… s’ è appicciato ‘o filo… ne’ Vicie’, ‘e lievi tu, o ‘e faccio vula’ d’ ‘o balcone?

VINCENZO          Grazie p’ ‘a risposta d’ ‘o funerale… ce penzo io...! (mentre compie l’operazione, tocca il ferro e si scotta) Ahhh! Ma tu nun t’iri abbrusciato..?

ANNA                Che c’ ‘e? E lassa ‘o fierro appicciato!

VINCENZO          Ma comme? Chillo… sta appicciato…(si porta i suoi fili al naso) Allora site vuje! Curnuti! Anna, io vaco a jetta’ chesta robba, c’ è stato ‘nu corto circuito… se vere ca se so’ fatti viecchi…

ANNA                Scinni? Allora accatta ‘nu poco ‘e pane frisco, ‘nu paro ‘e chili ‘e bistecche, chelli bone, ‘nu tre chili ‘e frutta e ‘o sapone p’ ‘a lavatrice! Io mo’ faccio ‘nu poco ‘e verdura, ‘nu catto’ e ‘o ragu’ p’ ‘a pasta!

VINCENZO          Aggio capito… oggi ca nun s’eva mangia’, tenimmo pure gente a pranzo… chi so’?

ANNA                Po’ viri… (sorride)

VINCENZO          (Rinfrancato dal sorriso) Ah, va buono… sperammo ca sia ‘na bella surpresa… io vaco e torno… (mette rivista, forbicie giravite nel cassetto, prende i fili ed esce)

ANNA                (segue con lo sguardo le manovre di Vincenzo, poi dopo che è uscito si attacca al  telefono) Pronto… si, sono ‘a signora Anna, so’ venuta poco fa… allora quanne cunsignate…? Comme? E allora sugo pronto, tre barattoli… e ‘o catto’…? E chi se ne frega, tanto ‘o faccio scarfa’ io…! Pero’, v’avevo raccumannato…! Sulo puparuoli nun va buono… fenucchi!... Va buono… mannate subito ‘o fattorino…! E faciteve ‘e fatti vuosti, nun voglio cucena’ manc’oggi! (chiude il telefono, va al ferro, stira solo un angolo della camicetta che ha addosso, poi lo spegne) Ecco! accussi’ me piace, quann’ è bello scarfato! Mo’ va bona! (si gira intorno, vede i panni da stirare) E vuje che ce facite? (Li prende, li appallottola e li nasconde sotto il tavolo, tendendo meglio la tovaglia; poi aggiunge il ferro; guarda il cavalletto, lo prende e lo porta fuori quinta e sistema le sedie attorno al tavolo) Ecco fatto! Mo’ stimmo a posto! (ripiglia il telefono)

                        Pronto, Mari’? Comme staje? No, pecche’ io stongo accisa ‘e fatica; aggio levato ‘a miezo ‘nu sacco ‘e panni e figurati, me so’ fatta pure ‘nu funerale, stammatina…! Si, ma ‘a Messa nun c’è stata, ‘ammo appicciato sulo ‘e cannele…! E nun era battezzato! Comme vulive fa’…! Si, era ‘o cumpagno d’ ‘a signora cca’ vicino… siente, siente… quinnici anni! Ma era viecchio e chiatto… no, no, jeva sulo appriesso ‘e micelle, chillu svergugnato! (bussano) Me pare ca ce sta… Vicie’! Arape…! Si, si… (bussano; si rivolge verso l’interno) Vicie’…! (di nuovo al telefono) Aspetta, chillo scemo è asciuto… si, si ce sentimmo doppo… cia’, salutame a Niculina, a Giuvanni, m’arraccumanne… si, si (bussano; rivolta verso la porta) ‘Nu mumento! (al telefono) Sienti ce sta ‘nu scucciante ‘a porta… si, si… po’ ce sentimmo, cia’ cia’! (va ad aprire e rientra col fattorino)  Ue’ giuvino’…


ATTO PRIMO, SCENA SETTIMA: Anna, Fattorino

FATTORINO        Signo’, ca ce sta ll’ordinazione vosta… chisto è ‘o cunto! (le porge un foglio)… Porto in cucina?

ANNA                No! In cucina, no… (confusa) stongo facenne ‘o cafe’, e allora ce fa cavuro… assai cavuro… si uno trase, va a ferni’ ca… le gira ‘a capa!  

FATTORINO        (non si scompone e depone il pacco sul tavolo) Tenite ‘a machinetta pe’ 48 tazze, signo’, ca ce vo’ tanto fuoco, ‘a sotto?

ANNA                Veramente è ‘a machinetta pe’ doje… ma a me me piace… cavuro cavuro!

FATTORINO        Comme vulite vuje, signo’… P’ ‘a nota comme facimmo? Pagate a me, o…

ANNA                Veramente io l’aggio già pagata c’ ‘a carta ‘e credito… cuntrollate ‘o scuntrino… me dispiace… mo’ me pare brutto ‘e ve da’ sorde accussi’, si ce steva ‘o riesto, v’ ‘o teniveve…

FATTORINO        Signo’, nun  ve preoccupate…! Nun me serve niente; ‘o padrone me pava buono, pecchè io so’ preciso! Faccio ampressa senza scuccia’ ‘a gente, e quanne fernisco me ne torno ampressa ‘a casa, addo’ ‘a mugliera mia, e ll’aiuto ch’ ‘e figlie… cinche guagliuncelle e sta arrivanne n’ata… bucato, cucina, fa’ ‘e lietti, rinacci… me so’ ‘mparato pure a cosere a macchina e a accuncia’ ‘e scarpe!

ANNA                (interessata) Overo? Allora si cocche vota ‘esse bisogno…

FATTORINO        Signo’, me dispiace… ma po’ muglierema chi l’aiutasse? Ve ringrazio, ma nun voglio ca ‘a famiglia ne soffre… ce accuntentammo, e campammo cuntienti! Grazie e arrivederci (esce)


ATTO PRIMO, SCENA OTTAVA: Anna, Vincenzo

ANNA                (pensierosa) Overo nun c’evo penzato… chillo fa pure ‘e rinacci! (rivolta verso la porta) Vicie’, nun si’ buono a niente…! Pero’ ‘nu poco ‘e cafe’ ce vulesse…

VINCENZO          (rientra senza bussare, portando delle buste) Anna? Ah, meno male… cca’ ce sta chello ca m’ ‘e ditto… penzavo ca te ne ascive n’ata vota senza chiave, e che rimmanivi fore…! Me so’ spicciato ‘e corza, aggio curzo comm’ ‘a pazzo…! (vedendo che Anna lo fissa in silenzio) Ma che c’ è… te si’ fatta male, ce sta coccosa ca nun va buono? Te si’ ‘mpressiunata p’ ‘o gatto? (si gira intorno) Aggio capito! ‘E stirato tutte cose, e te si’ stancata! Puverella, t’ammieriti…

ANNA                Tu nun si’ buono a niente! ‘E rinacci nun e saje fa’! E nun saie manco cosere a macchina! Perlommeno vulissi pulezza’ ‘a machinetta d’ ‘o cafe’, che a me me fa schifo chella robba nera, ca io stongo spantecanno pe’ ‘nu poco ‘e cafe’ e tu te ne si’ ghiuto a fa’ ‘o shopping?

VINCENZO          Sienti, cu’ calma, neh… io so’ sciso pe’ jetta’ chella munnezza… e tu m’ ‘e chiesto ‘e accatta’ cierti cose… t’arricuorde? E chesto m’ ‘o chiammi shopping? E po’ aro’ so’ asciuti ‘sti rinacci?

ANNA                ‘O vi’ ca nun si’ tu, si nun me cuntraddici sempe? Pecche’, nun si’ ghiuto dint’ ‘e negozi, nun ‘e fatto ‘o scemo ch’ ‘e cummesse micelle, ‘stu viecchio svergugnato chiattone?

VINCENZO          (alzando gli occhi al cielo) Pero’, t’aggia riconoscere ca si’ custante comm’ ‘a ‘na roccia, oggi! Maje ca cagnasse ‘nu poco idea! (ad Anna) Nun te ‘nquarta’… ‘o saccio ca ‘a posa te fa schifo e che si allergica ‘o detersivo… vaco a pulezza’ ‘a machinetta… è meglio ca nun te ‘nguai ‘e mani n’ata vota!

ANNA                (vede i bicchieri) E che ‘e fatto? Duje bicchieri? Chi è venuto? Te si bevuto già ‘o liquore, a chest’ ora? (sbircia all’interno del primo)  Viecchio deprevato chiattone! Comme ‘e bicchieri cinesi ca teneno ‘e femmene annure! Depravato! Puorco! T’ ‘a fai ch’ ‘e micelle overamente? Pervertito! Int’ ‘a ‘sta casa cu’ te nun se campa cchiu’, io aggia ‘i ‘ncopp’ ‘a ‘nu pizzo ‘e muntagna, ‘mmiez’all’eremiti! Io te lasso, ‘e capito?

VINCENZO          Sienti, calmati ‘nu mumento e nun ‘e tucca’… l’aggio… accattati ‘a ‘na zingara! So’ l’Acchiappaprievete! (li prende e li mette sul tavolo centrale)

ANNA                (scandalizzata)  E che so’? Lievele ‘a cca’ ‘ncoppa, io nun ‘e tocco, ‘sti cose schifose!

VINCENZO          Guarda ca songo uguali ‘e nuosti, comunque fai buono ca nun ‘e tuocchi… dint’ ‘o primmo ce sta ‘o fantasma d’ ‘o Prevete… ‘o gatto muorto… e ‘o sicondo è ‘o posto d‘ ‘o fantasma d’ ‘o marito ‘e Cuncetta… sta arrivanne mo’ mo’!

ANNA                Ma tu fussi scemo? (esita un istante) Overamente? E pecche’…? Ma comme…

VINCENZO          Viene cca’…! (solleva delicatamente il primo controluce) Guarda! ‘E viri ‘sti riflessi verde e giallo? ‘O Prevete, ‘e che culore teneva ll’uocchie?

ANNA                Aspetta… verde, e giallo! Maronna! Chillo sta cca’ dento!

VINCENZO          E ‘a cca’ nun se ne va, si nun ce levammo ‘a micella ‘a sotto… te si’ fatta capace? Accussi’ nun ce vene a scuccia’, quanne durmimmo! (posa delicatamente il bicchiere e prende l’altro) Po’ ‘o sicondo… zitta! L’ammo acchiappato pure a isso…! ‘E viri ‘e riflessi argiento, chillo teneva chilli capilli ca jevano pe’ tutte parti?

ANNA                Maronna aiutace… statte accuorto…! Si se rompono ‘e bicchieri, chilli esceno…! Ma lievele ‘a cca’ ‘ncoppa… miettele lla’! (indica il mobiletto)  Ma proprio Luciano, ‘o marito ‘e Cuncetta?

VINCENZO          Proprio isso! Chella, Cuncetta è venuta a farse accuncia’ ‘na cusarella, e s’ è ‘mpressiunata… ‘a ditto ca ‘o vuleva manna cca’, pecche’ accussi’… po’ s’ ‘o porta! Quanne ‘a viri, diccello, che aggio miso ‘o fantasma d’ ‘o marito sotto chiave! Si ‘o vo’, s’ ‘o venesse a piglia’, essa sape ‘o fatto, e viri ca se sta subito zitta! (sposta i bicchieri) Allora, ‘e capito, nun ‘e tucca’!

ANNA                Pe’ me lla’ stanno buoni… nun ce levo manco ‘a povere!

VINCENZO          Ecco, brava… po’, quanne veco n’ ‘ata vota chella zingara, me ne piglio ‘ato paro… nun se sape mai! Mo’ vulessimo fa’ ‘nu bellu cafe’? Io vaco a pulezza’ ‘a machinetta, po’ ‘o miette a fa’ tu, va buono?  (esce)

ANNA                (gli urla dietro) …E visto ca te truove, fa’ pure chilli duje piatti, e fa’ ampressa!

VINCENZO          (si affaccia dalle quinte) Pe’ precisione, oltre ‘a cafettera, songo sirici piatti, otto bicchieri, ‘na quantità smisurata ‘e pusate e otto caccavelle! E s’adda mettere a fa’ pure ‘o ghiaccio! (esce di nuovo)


ATTO PRIMO, SCENA NONA: Anna, Vincenzo

ANNA                (fa spallucce e prende il telefono) Cumma’? Comme jammo…? Nun m’ ‘o dicite… aggio levato ‘a miezo ‘na catasta ‘e panni,… ‘evo pure fernuto ‘o detersivo, so’ corza comm’ ‘a ‘na pazza p’ ‘o piglia’…. eh, si, chilli oggi stanno chiusi, è meza festa… po’ ‘a cucina!... Si, si, chelle… Io? Otto caccavelle! E chello, quanne una se mette a fa’ ‘a verdura, ‘o sapite…! No! No, a nuje nun ce piace…. No, quanne maje! Chillo, Vicienzo, se va sulo jettanne ‘copp’ ‘o divano, e quanne ste all’erta, me fa ‘e ciampate ‘nterra!... Pure isso? E chilli ‘o fanno apposta pe ce fa’ fatica’…! No, no…. aggia ancora cucena’, ma vuje venite, nun ve preoccupate…! No, che aiuto… duje spaghetti c’ ‘o ragù, ‘na fella ‘e carne,…. puparuoli e fenucchi grigliati… l‘aggio fatto già… chillo sta dint’ ‘o furno, è meglio ca se tene ‘o cavuro, si no è ‘nchiummuso…! Oh, grazie…! Ce mettimmo ‘o ghiaccio… po’ si tengo tiempo… si, ‘a macedonia! Allora ce verimmo… cia’ cia’! (chiude e si rivolge verso le quinte) ‘E fernuto? Putimmo fa’ chistu cafe’, o ce vo’ ‘a dumanda c’ ‘a carta bollata? Vicie’?... Vicie’?

VINCENZO          (rientra, barcollando, mani dietro la schiena, senza parlare)

ANNA                (guardando Vincenzo, che cammina reggendosi, gli va vicino e lo osserva mentre lui si sdraia sul divano; poi gli si ferma davanti, mani sui fianchi) Vicie’? Chesta è ll’urdema carugnata toja, è overo? Vicie’! Vicie’… nun pazziammo ‘e capito? Justo mo’ te vulissi senti’ poco buono? ‘E sceuto ‘o mumento migliore pe’ fa’ chesti cummedie! Io aspetto ‘a cummarella e ‘o cumpare a pranzo…

VINCENZO          (molto debole) Annare’, chillo nun ‘a cagnato idea…

ANNA                Ma chi è che ‘eva cagna’ idea? Che te sienti? Che ce fai, comme a ‘nu sacco ‘e patane? Si’ muorto?

VINCENZO          ‘ento…tririci…  diciotto!

ANNA                Finalmente faje coccosa ‘e buono! T’aggio ditto tante ‘e chelli vote e mo’ te si’ deciso! ‘Ncopp’ ‘a quale ruota? E quanto ce aggia mettere? E’ sicuro?

VINCENZO          Male… ‘e rini… ciento…diciotto

ANNA                Aspetta… ‘e rini? Ciento rini… Aggiu capito! Mo’ vaco a addimanna’ a ‘Ngiulina quanto fanno ‘e frattaglie!….Ma… 118! Te fosse venuto n’infarto…? Povero Vicienzo, mo’ ce penzo io! (prende il telefono, chiama e rimane in attesa della risposta; poi mette giu’) Vicie’… me siente… è asciuta ‘na voce ca diceva ca stanne scioperanne…! Aspetta! Mo’ chiammo ‘nu miedeco! (Consulta l’agenda, canterellando, fa tre tentativi e nessuno che risponde) Vicie’, si’ sempe stato sfurtunato… fernisce ca pure ‘e becchini stanne chiusi…! Ambulanze! Pruvamme pure a chisti…! (altri tre tentativi inutili) Vicie’, io nun saccio che fa’… mo’ te porto ‘o Spitale io…

VINCENZO          (molto debole) Nun ce ‘a fai… so’ viecchio e chiatto… l’ ‘e ditto poco fa… famme ripiglia’ ‘nu poco…

ANNA                Ma comme, e nun vuo’ fa’ niente? Aspietta, mo’ te dongo ‘a medicina d’ ‘a cummara, chella ‘e putente assaje!

VINCENZO          …Nun tengo ‘artrite… nun me serve… colica…

ANNA                Ue’, io coccosa t’aggia da’… po’ me vulisse incolpa’ ca  t’aggio fatto muri’ comme a ‘nu cane?

VINCENZO          (molto debole) Annare’, si moro, m’arracumanno ‘o funerale… passate p’ ‘a chiesa… e nun ‘o facite a mare…!

fine primo atto


ATTO SECONDO

Scena:               identica a quella precedente, sul mobiletto i bicchieri sono diventati una diecina.

ATTO SECONDO, SCENA PRIMA: Anna, Elvira, Amedeo

ANNA                (in sottoveste, stirando dei panni; a lato, su una sedia, dei panni da stirare) Auffa, sempe panni, che scucciatura!

(bussano; va ad aprire e rientra con Elvira ed Amedeo, vestiti di scuro)

ELVIRA              Permesso? Ah, state sola? Don Vincenzo è al lavoro?

AMEDEO            Scusate se abbiamo disturbato a chest’ora, ma visto che ci avete chiamati…

ANNA                (continua a stirare) Accomodatevi, prego, pigliateve vuje ‘a seggia, ca io devo continuare… cca’ nun se capisce cchiu’ niente, signora mia…! Ma che lavoro, mio marito sta durmenne…! E‘ ‘na settimana ca sta dint’ ‘o lietto! Dorme, se sosse pe’ mangia’, se piglia ‘e medicine e po’ se ne va n’ata vota! ‘O miedeco l’ ‘a dato nun saccio quanti juorni ‘e riposo, e chillo s’arriposa veramente, chillo disgraziato! ‘A sola cosa che fa, jetta ‘e scatulelle vacanti d’ ‘e medicine! E io a stira’, lava’ ‘e piatti, cucena’… l’unica cosa bona è ca pozzo lava’ ‘nterra senza ca me fa ‘e ciampate!

ELVIRA              Ebbe’, comme mai ‘stu miedeco?

ANNA                ‘Na colica renale! ‘A avuto ‘na colica…

AMEDEO            Puveriello… ma allora ave ragione… e ‘o calcolo esce… o ‘anna fa’ n’intervento?

ANNA                No, dice che è uno sulo, è piccirillo, e che ‘essa asci’ senza niente, nun conviene… sulo che chillu fetente, che ne saccio ca nun fa finta, pe’ nun i’ a fatica’? E si chillo è già asciuto e Vicienzo nun ‘o dice?

ELVIRA              No, signo’, ‘o marito vuosto è sempe stato ‘na brava persona… (prende il fazzoletto)

AMEDEO            Elvi’, guarda ca nun è muorto ancora, nun te mettere a chiagnere…! Nuje mo’ ‘ammo fernuto ‘a poco ‘o lutto stritto…

ANNA                A proposito d’ ‘a bon’anima d’ ‘o Prevete vuosto! Io pe’ chesto v’aggio chiammato…! Vicienzo… ecco… ma vuje nun ‘ate visto niente, nun ate sentuto niente? ‘O Prevete nun s’ è visto…? Vuje penzavate ca chillo, po’, turnava… comme spirito…

ELVIRA              Io so’ ‘a primma ca se meraviglia… tutto a posto, comme si nun ce fosse mai stato… E’ overo, Amede’?

AMEDEO            Signora mia, è impressiunante! Chillo nun era ‘nu gatto, nuje ‘ammo avuto a che fa’ cu’ n’anima dannata! Nun se steva mai fermo, nun putive fa’ niente ca te sentivi chill’uocche ‘ncuollo, pareva ‘nu giudice ‘e ll’Inquisizione! Int’ ‘a casa nosta nun se durmeva cchiu’, c’evama annasconnere pe’ mangia’, e si ce vedeva e nun ‘o devemo pure a isso, chillo pe’ vendetta, me faceva pipi’ int’ ‘e sacche d’ ‘o vestito buono! ‘E notte, bello e buono aizava cierti allucchi ca nun ve dico, ce gelavano ‘a pelle; ‘a scassato ‘e segge; ce sta ‘nu fuosso int’ ‘a meglio pultrona! Quanne coccosa nun le jeva buono, erano duluri… e vendette atroci! ‘Na vota addo’ ‘o veterinario, chillo tante ne facette e dicette ca dettemo ‘o cunsenzo ‘a castrazione… isso senteva, senza perdere ‘na parola; abbiaje a rugnulia’, se ‘ngrifaje comm’ ‘a ‘nu pallone, e quanne ‘o duttore le jette vicino pe’ fa’ l’intervento, nun ve dico… le s’avventaje ‘ncuollo e ‘o mannaje all’ospedale…! E chesto quann’era vivo, e ce stevano perlomeno ‘e muri ca ‘o fermavano…! Mo’ ca tene ‘e mezzi pe’ ghi’ e veni’ quanne e comme vo’, io nun saccio che è succieso… forze ‘anno miso ‘ngalera, all’atu munno!

ANNA                (smette di stirare, spegne il ferro, facendo scena, e si siede vicino a loro)  Sentite… io v’aggia dicere ‘na cosa… Vicienzo ‘a accattato cierti cose… se chiammano Acchiapparievete...

ELVIRA              (si appoggia le mani in faccia) Madonna mia! Aggio capito tutte cose! Addo’ sta?

AMEDEO            Signo’, addo’ ‘o tenite, dicitancello, facitece ‘sta carità…

ANNA                Ah, ma vuje… ce crerite…! (indica i bicchieri; tutti si voltano in quella direzione) Sta lla’…! A me chesto me pare ‘na pazziella! Cierti vote, invece, quanne ce care ‘nu poco ‘e sole, chillo mobile pare ca tene l’allummata d’ ‘a festa! Verde, giallo, argiento, oro, blu…

ELVIRA              Ma chilli so’ ‘nu sacco! Qual’ è chillo d’ ‘o… Prevete?

ANNA                ‘O primmo… (si alza, lo va a prendere e lo pone al centro della tavola; tutti si chinano ad osservare)

AMEDEO            E’ isso, è isso!… Aggio visto ‘a cora spezzata! (indica con agitazione)

ELVIRA              (guarda attentamente, poi afferra il braccio di Amedeo) Amede’!‘A sbadigliato! Amede’, ‘e visto ‘a zanna storta? Sta durmenne! Cumm’ è bellillo! Signora Anna… chisto, don Vicienzo, ce l’adda da’! Mo’ se sta ripusanne, è overo? Nun ce putisseve fa’ ‘nu mumento ‘sta dumanda? Facesse ‘na grossa carità…

AMEDEO            Signora Anna, cca’ nun abbarammo a spese,… mille, cinchemila euro… jate a dimanna’ a ‘on Vicienzo… quanto vo’ vo’… e dicite ca ce ‘o desse… pe’ piacere!

ANNA                Io nun saccio che dicere.. mo’ vaco e addimanno… permettete! (esce)

AMEDEO            Che furtuna! Chi sa addo’ ’a pigliato ‘stu coso…

ELVIRA              Overamente! (sempre sbirciando nel bicchiere e mimando una casetta) Ce putimmo fa’ pure ‘na piccola tomba attuorno! Amede’… comme n’acquario, però! Nun adda passa’ manco ‘nu filo d’aria! Chisto ‘e ‘o gatto ca ce vo’, pe’ nuje! Pulito, nun da’ fastidio, nun se magna ‘o miezo chilo tutt’ ‘e juorne… putimmo pure asci’, mo’! Ce pienzi, Amede’… simmo liberi! Liberi!

ANNA                (rientra)  Eccomi qua… Vicienzo ha ditto ca v’ ‘o putite piglia’, nun levate mai ‘a fotografia ‘a sotto, ‘o bicchiere purtatelo sempe all’erta e si vulite da’ cocche cosa… facite n’offerta a piacere ‘a chiesa vosta!

ELVIRA              Chillo è ‘nu santo! Chiunque se sarebbe approfittato, cu’ ‘na cosa ‘e cheste! Datemillo cca’! (si stringe al petto il bicchiere)  E’ overo, Amede’?

AMEDEO            Signo’, io nun saccio comme ringraziare a vuje e a don Vincenzo… l’offerta ‘a facimmo, e facimmo pure ‘na preghiera ca don Vincenzo campa buono pe’ cient’ anne! (si alza  con Elvira)  Grazie overamente, signo’ scusate, mo’ jammo ‘e pressa…! Che cuntentezza! Simmo liberi! Liberi!(escono)

ANNA                Ma guardate ‘nu poco! Nun ‘aggio mai visti accussi’ alleri…! Va buo’… mo’ aggia fini’ ‘e stira’, po’ s’ ‘adda sistema’ ‘a casa, essa scupa’ ‘nu poco… lava’ pure…, ‘a cucina sta comme a Casamicciola, s’ ‘essa fa’ ‘o cafè, nun ne parlammo ‘e comme sta ‘o bagno, ce sta ‘na catasta ‘e munnezza che abbia pure a puzza’, ‘o lietto ca pare ‘na muntagna ‘e cuperte… ma chillo nun ‘o faccio si nun se sose! Ancuminciammo!


ATTO SECONDO, SCENA SECONDA: Anna, Concetta

                        (bussano; va ad aprire e rientra con Concetta)

CONCETTA         Permesso, ah, state sola? ‘On Vincenzo è juto a fatica’?

ANNA                Assettateve, prego… (si accomodano al tavolo)  No, Vincenzo sta int’ ‘o letto, ‘a avuto ‘na colica e ‘nu periodo ‘e riposo mentre ca se libera ‘e ‘nu calcoletto… avite bisogno ‘e cocche cosa?

CONCETTA         Chesto me dispiace… ma putesse essere pure ‘nu segno d’ ‘a vuluntà divina! Signo’… io v’aggia dicere ‘na cosa! Io ll’atu juorno so’ venuta cca’, vuje nun ce steveve, pe’ via ca nun s’appicciava ‘a lampadina ‘e ‘nu quadretto…

ANNA                ‘O saccio… nun sapevo ‘o fatto d’ ‘a lampadina, ma ‘o riesto si… chillo, Vicienzo m’ ‘a ditto pure che v’ ‘eva di’ ‘na cosa, quanne ve ‘ncuntravo… ma io nun aggio avuto tiempo, ‘o sapite ‘a casa comm’ è, te pare ca fernisce, e sta sempe tutto ‘mmiezo!

CONCETTA         A chi ‘o dicite, signo’! Io aggio truvato ‘nu poco ‘e pace sulo quanno ‘o povero Luciano mio è muorto! Nun ve dico chilli capilli pe’ tutte parti, ‘e ciampate ca me faceva appena lavato, butteglie vacanti e bicchieri spuorchi ‘e vino, birra e liquore ca lassava pe’ tutte parti…

ANNA                A proposito ‘e bicchiere! Ecco… io nun saccio si ce crerite, ma comme m’ ‘a ditto Vincenzo, accussi’ ve dico… signo’, io nun ne saccio niente… ma chillo… ‘a acchiappato ‘o fantasma d’ ‘o marito vuosto ‘na sittimana fa e ‘a chiuso dinto (indica)  a chillu bicchiere!

CONCETTA         (rimane atterrita) Signo’… che me dicite? ‘Na semmana fa? Mo’ me spiego…! Ma comme ‘a fatto? E’ ‘nu miracolo!

ANNA                Ah, io penzavo ca ‘na signora comme a vuje nun ce credeva… chillo,… Vicienzo, ‘a accattato chisti cosi ‘a ‘na zingara, se chiammano... signo’, nun ridite… Acchiappaprievete!... e dice che… (comincia a ridacchiare)

CONCETTA         (molto seria) Signora Anna, nun ve mettite a ridere, pe’ piacere…! Chesta è ‘na benedizione!  ‘A ‘na semmana precisa io stongo durmenne comm’ ‘a ‘na criatura, pecche’ nun me sonno cchiu’ Luciano ‘a notte, doppo ca pe’ cinche anni senza interruzione, senza manca’ manco ‘na vota, nun m’ è venuto cchiu’ a truva’! Chillo veneva ogni notte, so’ sicura ca ‘o faceva apposta pe’ me fa’ dispietto… ogni vota ‘a stess’ora, me rumpeva… ‘o suonno! ‘Na tortura, ‘na disperazione! E po’… comm’ ‘a fatto a sape’ ‘on Vicienzo ca Luciano ‘na vota se vuleva fa’ prevete? Chillo l’ ‘a acchiappato veramente…! Signo’… me vulite fa vede’ chillu bicchiere?

ANNA                (si alza, lo prende con cura, e lo depone al centro tavola; le donne lo osservano come nella scena precedente) Oiccanne…! Ma vuje ce verite coccosa?

CONCETTA         Signo’, nun se po’ sbaglia’! (si rialza) Oillanne ‘o naso, chillu coso tutto russo, chino ‘e puorri… e ‘o culore d’ ‘e capilli… le jesceno pure ‘a dint’ ‘e recchie, mo’… (si concentra e poi, velocemente, sputa nel bicchiere)  Tie’! Fetente! Alcolizzato! E mo’ te stai pure zitto! Mo’ nun puo’ dicere cchiu’ niente!... Signo’… io voglio chisto bicchiere, diciteme quanto v’aggia da’, qualunque prezzo! E contanti, senza assegni, sulo sorde! Dicite, dicite…

ANNA                Signora mia, a me me pare ca stongo sunnanne! Ma pure vuje? Pe’ ‘nu bicchiere… vacante?

CONCETTA         Signo’, chisto nun è vacante…! Io l’aggia fa passa’ ‘e pene ‘e ll’inferno fino a che campo, a ’stu fetente! (sputa di nuovo)  Tie’! E chesto nun è niente, po’ t’acconcio io appena ca stammo ‘a casa…! Pe’ chello ca m’ ‘e fatto, t’ammierete ‘e torture cinesi! Tanto, nun puo’ muri’ cchiu’! Signo’, quanto vulite? Jammo, ca vaco ‘e pressa! Tenitamillo cu’ cura, io scenno ‘a banca, e ve porto subito tutt’ ‘e sorde che vulite… dicite, dicite…

ANNA                (incerta) Signora mia… chillo Vincenzo ‘eva già ditto ca v’ ‘o putevate piglia’… nun vo’ sorde,… facite n’offerta ‘a chiesa vosta e… nun levate ‘a carta ‘a sotto, purtatelo sempe all’erta e… pigliatavillo! (le porge il bicchiere)

CONCETTA         Signo’, ‘o marito vuosto è ‘nu santo! (prende il bicchere con molta precauzione) Nun ce abbastano parole pe’ ringrazia’…! Faccio pure ‘na preghiera pe’ isso e pe’ vuje… pe’ cient’anne! Ah, si nun me’ verite pe’ ‘nu poco, int’ ‘o palazzo, nun ve prioccupate… vaco pe’ cocche juorno in vacanza, ‘nu paese esotico, cu’ isso, (indica il bicchiere) e n’amico mio…! Eh, io songo ancora ‘na bella femmena! (parla rivolta al bicchiere) Lucia’, finalmente songo libera, libera! ‘E capito? Nun t’aggia aspetta’ cchiu’ ‘a notte! Nun ’aggia accatta’ cchiu’ ‘e cannele, nun aggia purta’ cchiu’ ‘e sciuri ‘o campusanto…! Songo libera, e me vaco a diverti’! ‘A faccia toja! E te faccio pure vede’ tutte cose! Tie’ (sputa nuovamente; poi ad Anna) L’aggia schiatta’! Arrivederci! (esce)

ANNA                Cheste so’ cose ‘e pazzi! Ma fosse overo? Io nun aggio mai visto ‘a gente ca se cagna accussi’ pe’ ‘nu bicchiere vacante…! (si volge verso il mobiletto) E mo’, chist’ati nun ‘e saccio… nun m’ ‘a presentati! Si vene coccheruno, quale ce do’?


ATTO SECONDO, SCENA TERZA: Anna, Michele

ANNA                (mentre sta andando verso il cavalletto da stiro, bussano) Oilloco! Chisto n’ è n’ato! (va ad aprire e fa entrare Michele) Don Michele, accomodatevi, come mai…?

MICHELE            Signora Anna, chillo m’ ‘a telefonato stammatina ‘on Vicienzo, m’ ‘a ditto d’ ‘a colica e m’ ‘a ditto pure che ‘a machina è stata ferma tutt’ ‘a semmana, e vuleva fa cuntrulla’ si s’ è scaricata ‘a batteria… mo’ sta int’ ‘o lietto?

ANNA                (categorica) Sempe! Matina, miezjuorno e sera, e dorme pure ‘a notte!

MICHELE            Buono pe’ isso, signo’, o so’ ‘e calmante p’ ‘e duluri o significa ca se sta recuperanne ‘nu poco ‘e suonno arretrato… me vulesseve da’ ‘e chiavi d’ ‘a machina, io vaco a cuntrulla’ e po’ v’ ‘e porto?

ANNA                (dirigendosi verso il mobiletto) Me pare che l’aggio viste cca’… e infatti… (le prende e torna verso Michele, ma si ferma a meta’ strada, meravigliata dalla sua espressione)

MICHELE            (stupito nel vedere i bicchieri) Allora l’ ‘a fatto! Signo’… ‘o sapite ca ce sta dint’ ‘a chisti bicchieri? V’ ‘a ditto?

ANNA                (sbrigativa) Me l’ ‘a ditto, si, ma io non saccio si ce crero o no… chella è ‘na cosa longa ‘a spiega’…

MICHELE            Signo’ nun ve scomodate, saccio tutte cose!

ANNA                (meravigliata) Ah, allora pure vuje ausate l’… Acchiappaprievete?

MICHELE            Ah, accussi’ ‘a chiammati…? Signo’, cu’ chisti se po’ acchiappa’ tutto chello ca vulite… ‘a mugliera mia l’ ‘a fatto pe’ primma, e io aggio ditto tutte cose a don Vicienzo… che pigliano tutt’ ‘e paure, comme s’ausano…

ANNA                Ma vuje nun se site spusato a ‘na zingara! Chillo m’ ‘a ditto ca l’eva accattate ‘a ‘na zingara! Allora m’ ‘a ditto ‘na buscìa! Chillu fetente!

MICHELE            Eh, signo’, si isso ve diceva ca l’eva fatti isso sulo, vuje ce credevate che funzionavano? Sicuro che no! Invece, si vuje penzate che ‘a fatti ‘na zingara… allora po’ essere! Nun ve ‘nquartate, è ‘na sciucchezza!

ANNA                Ma chillo nun m’ ‘a ditto ‘a verità!

MICHELE            E dalli! Signo’, chillo nun puteva fa’ diversamente, ‘o vulite capi’? Nun v’ ‘a annascunnuto niente, v’ ‘a fatto sulo credere a ‘na specie ‘e magia… Ma io ‘e bicchieri ne veco ‘nu sacco… ‘anno funzionato?

ANNA                E comme! Duje poveri viecchi mo’ teneno n’ata vota ‘o gatto che l’ è muorto… e senza cchiu’ fastidi! Nun ‘aggio mai visti cchiu’ alleri! ‘Na vedova s’ è arripigliata, e se va a fa’ ‘na vacanza… cuntenta assaje pur’essa!

MICHELE            (assentisce) Allora è buono, ‘o vedite? E chi ci sta int’ ‘a chisti bicchieri ca stanne cca’?

ANNA                (dirigendosi verso il mobiletto) Io veramente nun ‘o saccio… manco ce levo ‘a povere… (ne prende uno e guarda) …e cca’ ce stongo io! Comm’ ‘e pussibile? Che significa? (guarda un altro, e poi tutti, in successione) Ma songo sempe io… cca’ songo piccerella… chesta è ‘a foto d’ ‘o matrimonio, chesta è ‘a gita a Capri… (guarda Michele)  Ma che significa?

MICHELE            Significa ca ve vo’ bene, signo’! Chillo se vo’ arricurda’ chisti mumenti e, pure si ‘o sape ca nun è overo, vo’ sta’ sempe vicino a vuje… io scummetto ca chillo s’ ‘e vene a cuntempla’ annascuso! E vuje, che aspettate, pe’ fa’ ‘o suojo? ‘A tenite ‘na fotografia d’ ‘a soja? Pigliate n’atu bicchiere, azzeccatacella sotto, e mettitelo cca’ ‘ncoppa, vicino ‘e vuosti… signo’, chillo, appena se n’accorge, se sente ‘mparaviso! Vuje mo’ comme ve sentite, cu’ tutti chisti bicchieri chini d’ammore pe’ vuje?

ANNA                (smarrita) Io nun ‘o saccio… io nun saccio niente ‘e chesti cose… ma nun se po’ fa’… (ancora incerta, ma con tono secco, per terminare la conversazione) Cca’ stann’ ‘e chiavi!

MICHELE            (scuotendo la testa) Comme vulite vuje, signo’… mo’ scenno e po’ ce vedimmo ‘a n’atu poco, quann’aggio fernuto ‘e porto… (esce mestamente)


ATTO SECONDO, SCENA QUARTA: Anna, Fattorino

ANNA                (rimane ferma, come in attesa, poi va al telefono)  Cumma’…? So’ io, Anna… cumma’, io tengo bisogno ‘e parla’ cu’ vuje pe cocche cosa… no, no pe’ telefono, nun putite veni’…? No, isso è meglio ca nun vene, è cosa ‘e femmene… V’aspetto, allora… mangiammo ‘na cusarella ‘nzieme, mo’ chiammo ‘a rosticceria… no, nun me serve niente… ‘o fatto ca nun tengo tiempo pe’ cucena’… chillo, Vicienzo, primma reva ‘na mano, pareva ‘na machinetta…! No! No chella! Che ci azzecca ‘o cafe’…? Pareva ‘nu ciuccio, sempe a fatica’… mo’ nun sta cchiu’ aizato e nun fa’ cchiu’ niente! Pare ca sta meglio… dice ca sta p’ ‘asci’, speriammo ca se spiccia!… V’aspetto, allora… no! Ma pecche’? Facite stacca’ ‘o telefonino, chiammo io, chilli me fanno sparagna’, ca me cunosceno…! E va buo’, ringraziate ‘o cumpare… cia’, cia’… Ohe, io v’aspetto! (chiude il telefono e rimane pensierosa)

                        Ma nun è pussibile… e addo’ ‘a pigliata ‘a fotografia ‘e quann’ero piccerella? E chella cu’ Maria? (riprende il telefono)

                        Pronto, Mari’, so’ Anna… siente, te vulevo dicere che cca’ nun tenevo assai che fa’, e allora aggio miso a posto cierti vecchie fotografie… che cumbinazione! Overamente…? E quanne ce l’ è date? Chillo sta int’ ‘o lietto…! No, ‘na colichetta, ma sta passanne… ‘nu poco e riposo… ah… grazie, si… no, nisciuna d’ ‘e toje… (bussano; rivolta verso la porta) ‘nu mumento! (di nuovo al telefono) Sienti, ce sta ‘nu scucciante ‘a porta… si, si ce sentimmo doppo… cia’, salutame a Niculina, a Giuvanni, m’arraccumanne… si, si si, si… po’ ce sentimmo, cia’ cia’!

FATTORINO        (entra con un involto) Si può? Scusate, ‘a porta era meza aperta… signo’, stateve accorta, oggi nun so’ cose ca se ponno trascura’! (porge il pacco) Ecco la vosta ordinazione… Tutto pagato, nun ve preoccupate (vedendo Anna silenziosa)  Signora Anna… che facite, durmite all’erta…? Appoggio ‘ncopp’ ‘o tavolo, è overo…?

ANNA                Si, si, scusate, ero sovrappensiero… qua, grazie…! (indicando il mobiletto) Eh, oggi poca roba, stammo a dieta!

FATTORINO        Signo’, so’ fatti vostri, pe’ me putite pure bere sulamente! (fa per andare) Arrivederci alla prossima e mettite ‘o caletto ‘a porta!

ANNA                Aspettate… scusate… ll’ata vota m’ate ditto coccosa d’ ‘a famiglia vosta… tutto a posto?

FATTORINO        Tutto a posto, Signo’, grazie, site gentile… è nata n’ata piccerella tre juorne fa… tengo ‘na case chiena ‘e femmene!

ANNA                E ‘a mugliera vosta?

FATTORINO        E’ turnata ‘a casa stammatina, essa cu’ chella birbante ‘e Rosaria… nun tengo ancora nisciuna fotografia, si no ve facevo vede’ quant’ è bellella, cu’ chilli capilli niri niri! E’ ‘o ritratto d’ ‘a mamma… io stevo aspettanne ‘a casa, nun se ponno lassa’ sole tutte chelle femmenelle… sta bona… mo’ però ce ‘amma ferma’ ‘nu poco…! Signo’, ce serve pe’ forza n’ata stanza, n’atu bagno, vuje capite… mo’ so sette femmene! E allora ‘amma cagna’ casa… e so’ belli sorde ca se spenneno…

ANNA                E’ overo! Aspettate! L’ata vota nun tenevo gran che, ma mo’ accettate chistu cafe’… (porge una banconota)

FATTORINO        Signo’, comme site gentile… ma ‘i so’ pagato pe’ chisto servizio!

ANNA                Pigliatavelle ‘o stesso, accattate ‘doje caramelle ‘e piccerelle… e diciteme ‘na cosa… ch’ ‘e figlie che tenite e ‘nu sacco ‘e cose ‘a fa’ ‘a casa… ‘a mugliera vosta nun credo che va a fatica’… comme facite a essere tutti cuntienti…? Nuje simmo sulo a duje… e ce schiattammo ‘ncuorpo d’ ‘a matina ‘a sera…! Ma comm’ è?

FATTORINO        E chesto è tutto, signo’? Io penzavo chi sa ca jeveve truvanne…! Signo’, qual’ è ‘a cosa chiu’ bella ca ‘nu marito e ‘na mugliera se ponno regala’?

ANNA                Mah, l’ammore, ‘e sorde… no… nun ‘o saccio!

FATTORINO        Signo’, se tratta d’ ‘a libertà! Si nun songo libero, pure ‘e sbaglia’, comme cammino, che vita ‘e ‘a mia? Appriesso ‘a libertà ce vene ‘o rispetto, l’ammore… tutte cose!

ANNA                (pensierosa) ‘A libertà…! Oggi già ‘aggio sentuta ‘sta parola… forze avite ragione… ma comme facite, senza fa’ arraggia’ ‘a mugliera vosta, quanne ve pare ca sta… luvanne ‘a libertà a coccheruno? Nun ‘o putite dicere accussi’, si no va a ferni’ ca v’appiccecate!

FATTORINO        Avite ragione, signora Anna! Sapite comme facimmo? Essa si cucina, sbatte ‘a pignatella ‘ncopp’ ‘o mobile, e quanne tocca a me, io, si stongo accuncianne ‘na scarpa, sbatto ‘o curtelluzzo ‘ncopp’ ‘o fierro… una, doje, tre vote! Quanne sentimmo chellu rummore ‘e fierro, chillo è fastidiuso, trase dint’ ‘e recchie comme ‘nu curtiello… se capisce buono ca ce sta coccosa ca nun va! E sapisseve chillu povero curtiello e chella caccavelluccia comme stanno ‘nguaiate…! So’ tutte vote ca nun ce simmo appiccecate, e che ce simmo ditte ca l’ato steva sbaglianne, senza parla’…! Signo’, pecche’ se spezzano tanti famiglie? Pecche’ ce stanno tanti divorzi? Pecche’ s’accirono a curtellate marito e mugliera, mamme e figlie? Chella, basta n’appiccecata bona… s’ancummencia ‘a lla’, e poi…! Chesto è tutto! Almeno, nuje accussi’ facimmo, jammo buono e ce vulimmo sempe cchiu’ bene! Però scusate, mo’ me n’aggia proprio ‘i, si no ce jesce ‘a girata d’ ‘o padrone…! Me so’ spiegato buono?

ANNA                (pensierosa) Aggio capito… grazie, avite ragione… purtate ‘e saluti a tutt’ ‘a famiglia!

FATTORINO        Signora Anna, grazie pure a vuje p‘ ‘e caramelle… (mentre esce) arrivederci ‘a prossima e nun ve scurdate ‘o caletto ‘a porta!

ANNA                (rimane in silenzio, poi riflette ad alta voce) Primma ‘a libertà… po’ l’ammore… ‘a miso ‘o terzo posto… e se vonno bene, e teneno sei figlie! (sospirando) E nuje niente… e po’… è overo, ce sta gente che s’accire a curtellate! (sorride) Si facessemo pure nuje accussi’, chi ‘o sape quanti botte tenesse ‘a caccavella mia!


ATTO SECONDO, SCENA QUINTA: Anna, Michele

(bussano; Anna apre e fa entrare Michele)

MICHELE            Signo’, aggio fernuto. Pe’ piacere ‘o dicite vuje a don Vincenzo che ‘a machina sta a posto? Si vo’, ‘a po’ tene’ ferma pure ‘nu mese, ‘a batteria è …

ANNA                Ma vuje state pazzianne! ‘Nu mese! Chillo adda ‘i a fatica’, s’adda rompere ‘e cosce c’ ‘a fatica, cca’ ce servono ‘e sorde pe’ campa’, ate capito?

MICHELE            Signora Anna, scusate, nun era pe’ cattivo augurio… Pure io vulesse vede’ dimane stesso a don Vicienzo che me saluta,  piglia ‘a machina e se ne va…! Comunque dicitecello ca stesse senza penzieri… ‘o controllo ‘aggio fatto, nun le costa niente, cu’ ll’augurio mio ca s’aiza ampressa…

ANNA                Ecco, bravo!

MICHELE            … e che putesse truva’ ‘a salute, e campa’ comme vo’ isso! Signo’, teccove ‘e chiavi! (le fa tintinnare e poi le sbatte rumorosamente sul tavolo) Arrivederci!

fine secondo atto


ATTO TERZO

Scena:               identica a quella precedente, sul mobiletto non ci sono più i bicchieri.

ATTO TERZO, SCENA PRIMA: Anna, Elvira, Amedeo

ANNA                (al telefono)  …No! Nun ce sta niente ‘a fa’…! Macchè, mo’ nun pozzo veni’ proprio… no, nun v’offendete, manco accussi’ putimmo fa’, sapisseve quanti vote mangiammo pure fore…! Cca’ nun ce sta tiempo ‘e fa’ cchiu’ niente, ce sta ‘na cucina chena ‘e piatti spuorchi e caccavelle ‘nzivate fin’ ‘o suppigno ‘a ‘na parte, e china ‘e munnezza ‘a n’ata…! Tengo panne ‘a stira’ pe’ tutte parte, pure sott’ ‘o lietto…! Pe’ chillu piacere, pero’…  ecco… si, si, me facesse proprio ‘nu piacere… però ‘a machina grossa, si no nun ce cape… no, so’ decisa, decisissima, accussi’ nun po’ continua’! Cumma’, chillo è ‘o corpo del reato, adda scumpari’ a mare…! Mah, tutto quanto, c’ ‘a robba soja ‘a rinto… facite cunto quanto a ‘nu paro ‘e bauli gruossi…

                        (bussano) 

                        Oilloco ‘nata vota…! Nun se respira cchiu’, ogni minuto ce sta gente… (bussano) Si, va buono… ‘o saccio… va be, ce verimmo.. cia’, cia’!

                        (va ad aprire e rientra com Elvira ed Amedeo)

ELVIRA              Signora Anna, scusate, ma ce ne mancano ancora sei…

AMEDEO            …Sette! Te si’ scurdata n’ata vota ‘a bisnonna mia!

ANNA                Sentite… accomodatevi primma… scusate… ma io v’aggio già ditto ca nun ne tengo cchiu’, chilli ca ‘a accattato Vicienzo so’ fernuti… ce ne so’ rimasti sulo duje pe’ ll’emergenze… almeno duje c’ ‘e vulite lassa’ a Vicienzo…? Jatele a accatta’, ‘e tene pure ll’emporio cca’ abbascio…

AMEDEO            ‘A fernute tutti quanti! Chillo è ‘nu disonesto, quanne l’ è arrivato ‘o camion ‘a ditto ca me ll’astipava, e invece…

ELVIRA              ‘O fatto è pure n’ato… Amede’, dicimmo ‘a verità: comm’ è fa’ don Vicienzo nun ‘e sape fa’ nisciuno… ate voglia ‘e pruva’! Si’, cocche cusarella ce jesce… ma è robba ‘a dilettanti! Chillo tene ‘nu dono… comme si fosse ‘nu santo talento ‘e Dio, a truva’ subito chello ca ce vo’! Nun ce sta cunfronto cu’ chello ca putimmo fa’ nuje!

AMEDEO            Signo’, ‘o sapite ca so’ accumparuti pure chilli cinesi? Chilli fetienti copiano subbeto… int’ ‘a tutt’ ‘e tre magazzini cinesi ‘nta via, sta chino ‘e Acchiappaprievete… sulo ca forse loro nun ‘o sanno scrivere… e sanno sulo fa’ ‘e confezioni ‘e sei! ‘Ammo pure accattati, ma nun so’ buoni, se vere subbeto!

ANNA                Signo’, ma vuje site sicura? Nun è ca fossero ‘e bicchieri normali… pure ‘e cinesi ll’ausano!

ELVIRA              E nuje nun simmo sciemi… ce stanno ‘e bicchieri normali, ma ce stanno pure chilli lla’, ca so’ quasi tal’ ‘e quali all’Acchiappaprievete; ma nun so’ buoni… ‘ammo pruvato pure, ma nun se vere niente, nun acchiappano niente, comme chelli schifezze c’ ‘o pere luongo sotto ca ce vo’ ‘a lente d’ingrandimento pe’ vede’… ma chello ca ce serve è ll’aiuto ‘e don Vicienzo!

ANNA                Allora facimmo ‘na cosa... quanne se sceta Vicienzo ve chiammo, e isso v’ ‘e fa’ ch’ ‘e bicchieri cinesi che ‘ate pigliato… va buono?

AMEDEO            Signo’, stammo int’ ‘e mani voste, e int’ ‘a chelle ‘e chillu santo ‘e don Vicienzo!

ELVIRA              Nun ve scurdate, appena isso putesse…! Arrivederci (escono)


ATTO TERZO, SCENA SECONDA: Anna, Vincenzo

VINCENZO          (entra, sbadigliando) Ahhhh! Ah, stai cca’… buon giorno!

ANNA                Buon giorno! Beh, oggi nun se fatica? E nun vene manco nisciuno?

VINCENZO          Nun tengo appuntamenti, stammatina… ‘o giro m’ ‘o faccio oggi pomeriggio, quanne arapeno ‘e magazzini… aggio sentuto ‘a signora Elvira e Amedeo… ‘amma fa’ cuntienti? Comm’ è ‘a jurnata?

ANNA                ‘O solito… e a chilli duje vicchiarielli comme nun ‘e vuo’ accuntenta’? Ce ne stessero ‘e persone comm’ ‘a chelle…! Ma tu fussi passato p’ ‘o bagno? Guarda ca ‘aggio lavato pe’ terra, overamente!

VINCENZO          E io, overamente, ‘aggio aspettato ca s’asciugasse tutte cose primma ‘e trasi’… e mo’ sta pure cchiu’ pulito ‘e primma!

ANNA                E chesto che significa? Io fatico tutta ‘na jurnata, sgobbo comme a ‘na dannata, e tu me vieni a critica’? Me dici che doppo pulezzato, ‘o bagno è ancora spuorca? Ma comme te permitti? Vicie’, vuo’ ancummincia’ n’ata vota? Int’ ‘a ‘sta casa cu’ te nun se campa cchiu’, io aggia ‘i ‘ncopp’ ‘a ‘nu pizzo ‘e muntagna, ‘mmiez’all’eremiti! Io te lasso, ‘e capito?

VINCENZO          (con calma) Aggio capito… (alza per un momento gli occhi al cielo e mormora)  Aggie pacienza…  nun ‘o faccio pe’ dispietto! (ad Anna)  Sai addo’ stanno ‘e chiavi d’ ‘a machina?

ANNA                No! E nun me parla’ manco d’ ‘e chiavi! Chelle me danno ‘nu… fastidio ‘e pazzi…

VINCENZO          Tesoruccio mio, Annarella cara, io nun faccio chello ca te dispiace… addumandavo sulamente… e dimme, comme te siente?

ANNA                Oh io stongo bona,… sulo ‘nu poco stanca…

VINCENZO          Facimmo ‘na cosa… mo’ me so’ aizato io, e te vaje a ripusa’ ‘nu poco tu… famme cuntiento…! Ja’, facimmo a turno…

ANNA                Si’ sicuro? Cca’ pare ‘nu puorto ‘e mare… po’ ce stesse ‘a solita machinetta d’ ‘o cafe’… anzi, ce ne stanno doje!

VINCENZO          Tranquilla… ma nun te penza’ che arrivi a dimane… doie ore, e poi te vengo a chiamma’! Va buono?

ANNA                Va buo’, proprio pecche’ so’ stanca, doje ore vanno proprio bone… ah, po’ ce stessero duje panni…

VINCENZO          Si ‘e annascuso ‘e soliti posti, t’ ‘e faccio… vai, vai…

ANNA                (uscendo) E leva ‘a miezo pure ‘a munnezza!


ATTO TERZO, SCENA TERZA: Vincenzo, Concetta

VINCENZO          Allora… so’ ‘e dieci… mo’ ‘a chiammo stasera, accusi’ s’arriposa ‘nu poco, e po’ mangiammo in santa pace… forse stasera ce jesce pure ‘o poco ‘e televisione!

                        (telefona) Pronto, so’ ‘o marito d’ ‘a signora Anna… no… no, se sta repusanne… vulevo ordina’… si, so’ io… no, nun ne tengo cchu’, mi dispiace… ma vulevo… si’ ce sta ‘a fotocopia cu’ ll’istruzioni all’emporio abbascio ‘a casa mia, vuje seguite ll’istruzioni… ma io, sentite ‘nu mumento, me serve… no, chilli culurati nun vanno buoni… ma a me me serve… nun voglio sordi, è inutile, nun parlate ‘e denari… nun se ne parla proprio! Ma ve pare serio? E po’ addo’ ‘a mettesseve ‘a pubblicità…? Sentite, nun ‘o voglio fa’…! Quanto? State pazzianne…? E addo’ ‘e pigliate tutti chisti sorde, cu’ ‘na rosticceria…? E’ arabo? No, no grazie… sentite, ‘o stongo dicenne a tutte quante: chilli so’ bicchieri comuni e vacanti, è chiaro? Chello ca vulite fa vuje è ‘na truffa…! Ma nun se po’ brevetta’ ‘o bicchiere…! Sentite, a me me serve… anzi, scusate, ce aggio ripenzato! Faccio doje ova, nun me serve cchiu’ niente, grazie, buon giorno! (posa il telefono)

                        E nun è possibile... cca’ fernisce ca nun putimmo manco ordina’ ‘na pizza…(bussano) me l’eva ditto, Annarella… (va ad aprire e torna con Concetta)

VINCENZO          Signo’, accomodatevi, che sorpresa! Prego, prego…

CONCETTA         Buon giorno, signor Vincenzo, state sulo?     

VINCENZO          No,  no, ce sta Anna ‘a lla’, sta… facenne ‘o lietto! Però, s’ ‘i ‘a vulite sape’ tutta quanta… me sape ca c’ è caruta addurmuta ‘ncoppa! Signo’, ma comme state bella abbronzata, nun saccio comme ve veco… cuntenta… appaciata!

CONCETTA         Se vere, eh, so’ stata in Grecia! Me n’aggio visto proprio bene! ‘Na cosa che… nun ve dico! Siccome è pe’ merito vuosto ca me so’ pututa fa passa’ ‘nu sacco ‘e sfizi… v’aggio purtato ‘na cusarella… nun dicite che no, è di poco valore, vulesse però che ve ricurdasse ogni mumento ‘a gratitudine mia…! Gnorsì! Io me so’ talmente divertita, aggio schiattato bell’ ‘e buono a Luciano ‘e tutt’ ‘e manere… e me so’ misa pure d’accordo cu’ n’albergatore; lla’ ‘a vita nun costa assaje, chillo me da’ ‘a stanza indipendente… capiteme buono… “indipendente”! Dormo e mangio cu’ pochi sorde! ‘A pensione che tengo abbasta e sopera! Pozzo accatta’ chello che voglio, parla’ cu’ chi voglio, viaggia’ quanne voglio… e me sape che ‘nu dimane io me trasferisco pe’ sempe…! Eh che vulite fa’, io songo ancora ‘na bella femmena (moine), lla’ ce stanno ‘nu sacco ‘e bell’uommene, lla’ io songo straniera e d’ ‘e malelengue nun me ne ‘mporta… e po’ chi ‘e capisce? Eh… chi ‘o sape comme va a ferni’! (sospiri e moine)

VINCENZO          E chi ‘o sape overamente, signo’… tanti auguri…! Primma ‘e parti’, però, venitece a salutà… ‘o sapite, chella Anna ne sarra’ cuntenta assaje!

CONCETTA         Gnorsi’! E allora teccove ‘o regaluccio…! (porge un pacco che sembra un bicchiere avvolto in carta di giornale) Scusate ‘a confezione, ma lla’ so’ ‘nu poco cafuncielli, cierti putecari… nun sanno manco buono comme se fanno l’imballaggi! Però, nun ‘arapite mo’…! Vulesse ca l’arapisseve ‘na sera, tutt’ ‘e duje ‘nzieme, quanne state ‘nu mumento tranquilli, quann’ è fernuta a jurnata doppo cenato, quanne uno s’appripara pe’ ‘na bella nuttata ‘e suonno, ‘n pace cu’ tutte cose… senza pressa, insomma!

VINCENZO          Va buono, signora Concetta… doppo cenato, magari… ah, sapisseve, a proposito ‘e cena… faciteve ‘na risata…! ’Aggio telefunato ‘o rosticciere pe’ nun fa’ cucina’ Annarella quanne se sceta, embe’… nun so’ stato capace ‘e fa’ ll’ordinazione! Chillo scemo nun capeva cchiu’ niente, era sulo capace ‘e dicere ca vuleva fa’ ‘a pubblicità soja ‘ncopp’all’Acchiappaprievete! Vuleva fa’ l’Acchiappaprievete arabo! Ma se po’ fa’! (ridacchiano, poi Concetta si fa seria)

CONCETTA         Allora chesto ‘o faccio io! E nun me dicite ca no, ca tanto ‘o faccio ‘o stesso! (si alza, imitata da Vincenzo) Mo’, scennenne scennenne, passo addo’ isso, e ve ll’ordino io ‘na bella cenetta, tanto isso ‘o sape sicuramente ‘a signora vosta ca le piace e v’ ‘o faccio purta’! Gnorsì! (prevenendo la risposta di Vincenzo) No, nun dicite niente…! Doppo chello che m’ate rialato, chesto è ‘o minimo e nun esco for’obbligo!

VINCENZO          Signora Concetta, io nun saccio che dire, v’arringrazio… sapite, ‘a cucina nun è arte mia, e chi sa che ‘esse cumbinato…! Grazie overamente!

CONCETTA         E di che? M’arraccumanno, però, doppo mangiato, arapite ‘o regalino mio…! Ce verimmo primma ca parto, arrivederci! (esce facendo passerella, accompagnata da Vincenzo e continuando a parlare fuori scena)


ATTO TERZO, SCENA QUARTA: Vincenzo, Elvira, Amedeo

VINCENZO          (rientra, con Elvira ed Amedeo) Scusate, accomodatevi… prego, prego!

ELVIRA              Scusate vuje, quann’ammo sentito ‘a voce vosta ‘ncopp’ ‘o pianerottolo, ce simmo precipitati …

AMEDEO            Si, chello è urgente… ‘on Vicie’, ce serve ‘na mano, ‘a suli nun simmo capaci!

VINCENZO          Che è succieso? ‘O Prevete se n’ è fiuto n’ata vota? Vulesse n’ata vota ‘a micella janca e ‘a saciccia?

AMEDEO            No, oramai ‘a scatula è saldata e isso sta ‘a rinto… mo’ stammo ‘o sicuro… ‘o fatto è n’ato…! ‘A notte, casa nosta pare ‘a festa ‘e Piedigrotta! Parienti scurdati, zii emigrati, pure ‘a bisnonna mia… nun se dorme cchiu’!

ELVIRA              Nuje ‘evemo penzato ‘e mettere n’Acchiappaprevete pe’ ognuno, ma chilli ‘e bicchieri buoni nun se ne trovano e loro so overamente assaje! ‘Ammo accattato pure ‘e bicchieri cinesi ca s’assumigliano… l’ammo pure pruvati, ma o nun so’ buoni, o nun simmo buone nuje…

VINCENZO          E chisto è ‘o prublema? Nun ve preoccupate…! Ma mo’ scusate, ce vo’ ‘nu poco ‘e tiempo, ce aggia penza’ ‘nu poco ‘ncoppa… putimmo fa’ dimane? Chella Annarella sta durmenne, e io le vulesse fa truva’ ‘a casa a posto, vuje capite… ’a cucina sta peggio ‘e Casamicciola, ce sta ‘o corridoio cu’ tutte ciampate, ce stanno ‘e panni ‘a stira’ dint’ ‘a tutt’ ‘e mobili d’ ‘o corridoio e pure dint’ ‘e cassetti d’ ‘a cucina…

ELVIRA              (si scambia uno sguardo interrogativo con Amedeo, ed assentono tra loro) E chisto è ‘o prublema? ‘On Vicie’, e nuje che ce stammo a fa’? Io ve faccio ‘a cucina ‘nu specchio e Amedeo stira ‘e panni… ‘na mez’ora e state a posto… ‘a casa nosta se fa accussi’, ‘nu poco apperone! Nuje ce aiutammo sempe l’uno cu’ ll’ato, e accussi’ tirammo annanze! Vuje, però, ce mettite a posto l’Acchiappaprievete, va buono?

AMEDEO            ‘E cammise… ‘o tenite l’appretto, o ce aggia mettere ll’amido che auso io?

VINCENZO          Sentite… io nun saccio che dicere… nun ve dico ca no… Ll’aiuto vuosto me servesse proprio, site gentilissimi, me risulvesseve ‘nu sacco ‘e guaje… ma ce stanno pure ‘nu sacco ‘e problemi…

ELVIRA              Aggio capito… ‘a robba ‘e femmena ‘a stiro io, e tu Amede’ (si rivolge a lui per un momento) invece m’asciughi ‘e piatti e ‘e pusate, si no’ chelle esceno malamente…

VINCENZO          Signo’, grazie… ma ce stanno ati cose… pe’ esempio, guai si se sente ‘o rummore d’ ‘e caccavelle… io nun saccio che è succieso a Annarella, appena sente ‘nu rummore ‘e fierro, pure si dorme, chella le vene ‘na crisi ‘e niervi…

ELVIRA              Don Vicie’, v’ ‘o ricurdate ‘o Prevete? Chillo asceva ‘a notte e durmeva tutt’ ‘o juorno dint’ ‘a cucina, ‘ncopp’ ‘a pultrona, vicino ‘o piatto suojo… io me’ so’ ‘mparata a cucena’ e pulezza’ ‘a cucina, piatti, pusate, pur’ ‘e tazze, senza fa’ ‘nu filo ‘e rummore, senza scetarlo, si no ogne vota abbiava a magna’ d’ ‘o capo…! Era ‘na disperazione! Percio’, nun ve preoccupate… Amede’, jammucenne all’opera! E po’ ce ‘o dico pure ‘a signora Anna… ‘a vengo a aiuta’ io, tutt’ ‘e juorne, all’ora ca sta comoda, tanto io nun tengo cchiu’ ‘o tiranno dint’ ‘a casa e senza ca me date niente; ‘e sorde che tenimmo ce abbastano…! Abbasta ca vuje ce date ‘na mano ogni tanto… 

VINCENZO          Signo’, io nun saccio che dicere, v’arringrazio… a Anna le serve proprio ‘na mano, e so’ sicuro ca ‘e vuje se fida…

AMEDEO            Permettete! Pure io me sistemo int’ ‘a cucina, e n’capo a mez’ora, n’oretta massimo, so’ sicuro che ‘ammo fernuto!

VINCENZO          Allora v’accumpagno… ‘o fierro pe’ stira’ sta già dint’ ‘a cucina e ‘e panni v’aggio ditto… abbasta ca arapite ‘nu cassetto qualunque e stateve attiento quanne esceno, nun ve facite male… ‘o detersivo ce sta… (mentre li accompagna alla cucina, bussano)

AMEDEO            Don Vincenzo, jate a risponnere… ‘a casa è comm’ ‘a nosta, ‘a cucina ‘o sapimmo addo’ sta…(escono lui ed Elvira)

VINCENZO          (andando ad aprire) Grazie! Grazie mille! Si serve coccosa, chiammate!...


ATTO TERZO, SCENA QUINTA: Vincenzo, Michele

VINCENZO          (apre la porta e rientra con Michele) Caro Michele… comme jammo? ‘A machina è a posto?

MICHELE            Si, chillu rummore ca se senteva, figurateve, era ‘nu piezzicciullo ‘e fierro chi sa comme c’ è ghiuto, steva ‘ncopp’ ‘o telaio, vicino ‘a rota… so’ stato furtunato a truvarlo subito!

VINCENZO          E faceva tutta chell’ammuina?

MICHELE            E chello dipende d’ ‘a forma… è ‘na staffetella, ca steva a capa sotto, e vatteva vicino ‘a rammera… comme fa ‘o campaniello!

VINCENZO          Ma vuje vedite…! Grazie! Chella, Annarella, nun ce se vuleva manco accustà ‘a machina, cu’ chillu rummore! Chi sa comme l’ è venuta chesta cosa… E’ ‘ncuminciata ‘a paricchio…! V’arricurdate quanne tenevo ‘a colica?

MICHELE            E comme, no? M’arricordo che allora facietti ‘o cuntrollo all’accensione, vuje steveve dint’ ‘o lietto, e ‘e chiavi m’ ‘e dette ‘a signora… e po’… (interdetto, si ferma)…

VINCENZO          Miche’,… Miche’ che c’ è?

MICHELE            (si riprende) …e po’ c’ ‘e turnaie, e… ‘e facette suna’… Vuje capite, ‘o faccio sempe, p’ ‘o fa’ arricurda’ buono! Chella ‘a gente se scorda ca ce l‘aggio date, e po’ ‘e va’ truvanne ‘a me…! E allora pure chella vota faciette ‘nu poco ‘e mmuina, si… ‘nu poco ‘e rummore… ma ‘a signora nun le venette niente… rimmanette ‘nu poco  accussi’, comme penzierosa… ma nun le venettero ‘e niervi!

VINCENZO          Ma allora adda essere succieso coccosa subbito doppo…! Ma che cosa?

MICHELE            Ma comme! N’artista ‘e l’Acchiapparievete comme a vuje! Nun ‘ate fatto ‘o bicchiere?

VINCENZO          Miche’, ‘o sapimmo tutt’ ‘e duje… chillo serve sulo a farse sciemi… a darse ‘a forza ‘e fa’ finta ca ce sta ‘na medicina, e percio’ se guarisce… ma si nun ce sta a volontà ‘e affronta’ ‘a paura, si nun vuo’ dicere qual’ è ‘a paura che tieni, aje voglia! Chella nun ne vo’ manco parla’!

MICHELE            Ma si ‘a vulite aiuta’, io scummetto che putite fa’ coccosa! ‘O sapite qual’ ‘e ‘o rummore ca la da’ cchiu fastidio?

VINCENZO          Ah, ‘o rummore d’ ‘e caccavelle!

MICHELE            E’ comme ‘o rummore ‘e ferraglia, allora!

VINCENZO          Si, ‘nu rummore ‘e fierro… subbito doppo ca vuje  ll’ate date ‘e chiavi… ‘a cca’ s’ è abbiato tutte cose… ‘a chillo juorno… che juorno era? Miche’! Me so’ arricurdato! Era ‘o juorno d’ ‘o svenimento! Chella svenette pe’ famme, chella puverella… S’eva cucena’, ma ce steva ‘a cucina ca era peggio ‘e Pumpei, essa era stanca, s’era misa ‘nu mumento ‘ncopp’o lietto… e io… Miche’, le stevo pulezzanne ‘e piatti, ‘e pentole… ma chesta è ‘na cunfidenza, m’arraccumanno…! Me scappaje ‘a mano ‘a caccavella p’ ‘o latte, e ne facette d’ammuina! Mo’ m’ è venuto a mente…! Mentre cercavo d’ ‘acchiappa’, facette cari’ ‘nterra pure tre o quatto curtielli; io ‘evo pigliato ‘e curtielli ‘a terra… e ‘e tenevo tutte mmano… e stevo jenne addo’ essa, senza fa’ ammuina, le vulevo dicere che nun era succieso niente… guardavo ‘e curtielli, pe’ nun me taglia’ mentre che ‘e fernevo ‘e asciuga’, e verietti ca essa steva svenuta pe’ terra… e po’?...

MICHELE            ‘On Vicie’, cercate ‘e ve ricurda’… ‘O sapite quanto è impurtante!

VINCENZO          ‘O ssacio, aspettate ‘nu poco… faciteme penza’ buono… Miche’…! Chella  Annarella steva ‘nterra, e io l’evo lassata ‘ncopp’ ‘o lietto! Io me l’ero scurdato…! Chelli benerette mmericine…!

MICHELE            Allora ‘o svenimento nun fuje pecche’ nun aveva mangiato!  Allora è chisto è ‘o fatto… ‘a signora ‘a sentuto ‘o rummore, s’ è avvicinata e v’ ‘a visto ch’ ‘e curtielli ‘mmano ca jeveve addo’ essa, senza fa’ rummore…! Chella ‘a penzato che ‘a vuleveve accidere, don Vicie’! E è svenuta p’ ‘a paura…! E mo’ ogni vota ca sente chillo rummore le vene ‘a paura ‘e essere accisa, pure si nun se rende conto…! E comme se fa? Si è accussi’, chella nun ce po’ raggiuna’ ‘ncoppa! Nun se po’ acchiappa’ niente! Però… pero’… ‘nu sistema ce stesse!

VINCENZO          Miche’, nun pazziammo… si ‘o fatto è chisto, cca’ ce vo’ ‘nu miedeco buono… ‘nu psicologo!

MICHELE            E chi ve dice ca no? ‘O miedeco ce vo… però, mentre pigliate ll’appuntamenti e tutte cose, vuje facite ‘na cosa… mettiteve appaura pure vuje!

VINCENZO          Comme sarebbe?

MICHELE            Si’, facite finta… quanne s’appaura ‘a signora, facite finta ‘e v’appaura’ pure vuje, e vedite che, si nun le passa ‘a paura d’ ‘a caccavella, almeno nun le passa pe’ capo che ‘a vulite accidere… o almeno ca nun site vuje… e allora, chiano chiano, po’ essere che parla, e a chisto punto, le putite acchiappa’ ‘a paura!

VINCENZO          Miche’, me piace ‘sta truvata… interessante!

MICHELE            Facitelo, facitelo comm’ate fatto l’Acchiappaprievete, cu’ fiducia… verite ca funziona!

VINCENZO          Ce provo sicuramente…! Grazie overamente! (si alzano) Quanto v’aggia da?

MICHELE            Niente… salutateme ‘a signora, e dicitancello ‘o fatto d’ ‘a staffetella… ah, teccove ‘e chiavi! (le prende con la massma delicatezza e le poggia con cautela sul tavolo) E faciteme sape’ coccosa… arrivederci (esce)


ATTO TERZO, SCENA SESTA: Vincenzo, Elvira, Amedeo

VINCENZO          (riflette ad alta voce) Puverella, allora si è chisto ‘o problema… chi sa comme mai penza che coccheruno… ca io ‘a voglio accidere… eppure nun me pare che ‘aggio trattata accussi’ malamente…! Chesta adda essere ‘a televisione… ma chi ‘a vede? Cocche vota ‘nzieme ‘e cumparielli… chi ‘o sape si stessero liberi, stasera, ce facessimo ‘a cena ‘nzieme…! ‘A cena sta pure fatta…! ‘A signora Cuncetta è stata gentile, nun aggia cucena’… (si dà uno schiaffetto in fronte) ‘A cucina! Chi sa che sta succerenne… (mentre sta andando, escono Elvira e Amedeo)

ELVIRA              Ue’, don Vicie’… nuje ‘ammo fatto…! Ma nun era accussi’ brutto ‘o fatto…

AMEDEO            Overamente… pure nuje simmo a duje, cca’ nun ce steva quasi niente, a paragone a quanne nuje ‘amma mettere a posto ‘a casa nosta! Don Vicie’, si me permettite, ve levo ‘a miezo pure chelli doje buste ‘e munnezza, passo pe’ casa nosta e ‘e jetto d’ ‘a finesta nosta, che affaccia ‘ncopp’ ‘o cestone… sapisseve comm’ ‘e comodo… puzza ‘nu poco quanne fa cavuro, ma vulite mettere… 

VINCENZO          Signor Amedeo, che v’aggia dicere? Grazie è poco… facite, facite…

AMEDEO            Allora io vaco… scusate, ma lascio ‘a porta appannata, si no v’aita sosere ogni minuto… ma io traso e jesco!  (esce)     

ELVIRA              Allora, don Vicie’, ‘a cucina è ‘nu specchio, aggio caricato pure ‘a machinetta d’ ‘o cafe’, lavato ‘o corridoio, stirato ‘a robba d’ ‘a signora, sta ‘ncopp’ ‘o cavalletto; Amedeo v’ ‘a fatto ‘e panni vuostri e chilli d’ ‘a casa, sta tutto sempe ‘ncopp’ ‘o cavalletto, n’ati doje pile, mo’ sta jettanne ‘a munezza! Vuje ate penzato comme se po’ fa’?

VINCENZO          Signo’ io stevo penzanne proprio a chesto… è tanta gente, overo? Tutti amici e parienti… comme se trovano a ‘nu matrimonio?

ELVIRA              Oilloco! Site ‘nu maestro, site ‘nu santo! ‘O dicevo, io, ca ce truvaveve ‘a soluzone!

VINCENZO          (incerto) Ah, pecche’… accussi’… ve piace?

ELVIRA              Ma sicuro? Chi è ca nun va ‘a ‘nu festino ‘e matrimonio…? ‘E ‘cchiappammo tutte quante int’ ‘a ‘nu pizzo sulo! (si volge verso l’esterno) Amede’, ‘e fernuto?


ATTO TERZO, SCENA SETTIMA: Vincenzo, Elvira, Amedeo, Fattorino

AMEDEO            (dalle quinte) Quasi! Sulo n’atu viaggio… (si sporge dalle quinte) Pecche’ nun lavi ‘nu poco ‘o pavimento d’ ‘a cucina aro’ stevano ‘sti buste?… (diventa serio)

ELVIRA              Amede’, ‘on Vicienzo ‘a truvato ‘a soluzione…! Amede’…? Che te piglia?

AMEDEO            (entra lentissimamente, con le mani alzate, seguite dal Fattorino che gli sta puntando una pistola alla nuca)

FATTORINO        Fermi tutti! Chisto è ‘nu ladro! L’aggio visto io ca ve steva svaligianne ‘a casa, ‘a purtato ‘nu sacco ‘e buste ‘a cca’ dint’ ‘a n’ata casa! Chiammate ‘a volante!

AMEDEO            (con un filo di voce) Munnezza…

VINCENZO          Calmateve… tutti fermi… primma pusate ‘a pistola… chisto è n’amico mio, nun ve preoccupate… vuje chi site?

FATTORINO        Io so’ ‘o fattorino d’ ‘a rosticceria… so’ venuto a purta’ n’ordine, ma quanne aggio visto chisto muvimento, aggio pusato tutte cose e so venuto p’acchiappa’ a chisto…! Ma nun è ‘nu ladro? (abbassa la pistola)

ELVIRA              Ma quanne maje… Amede’, dici coccosa!

AMEDEO            (senza abbassare le mani, con voce flebile) Munnezza…

VINCENZO          Nun ve preoccupate.. erano buste di… cose vecchie che aggio regalato a ‘stu vicino mio…

FATTORINO        Vuje site sicuro? E’ autorizzato? Ma sapite quanta robba ‘a purtato? Chillo pareva ca ‘eva arrubbato ‘nu supermercato sano sano!

AMEDEO            (senza abbassare le mani, con voce flebile) Munnezza…

ELVIRA              (gli va vicino) Amede’, comme te siente? Amede’, insomma, avascia ‘sti ‘mmani (lo accompagna nel movimento) Ecco, bravo... dici, comme te siente?

AMEDEO            (con voce flebile) Comme ‘na munnezza…

VINCENZO          Calmatevi… 3e levate ‘a miezo chesta… cosa! Ma comme, ‘nu fattorino, c’ ‘a pistola?

FATTORINO        (rinfoderando l’arma) E io faccio pure servizio incasso… ‘o padrone mio nun vo’ perdere sorde, ‘ate capito? Oggi nun se sape mai cu’ chi se ave a che fa’…! Va buo’, mo’ scengo e ve porto ‘o pacchetto… permettete! (esce)

ELVIRA              Amede’, sienti, ce ‘a faje a cammena’? (guida Amedeo) Pruvammoce almeno… ma comme si’ bravo… ecco… accussi’… ‘o saje, ce sta ‘na nutizia bona… stasera nun t’ ‘e piglia’ ‘o lassativo…! Nun te serve!

AMEDEO            (assentisce debolmente, e camminando a gambe strette e passettini, si lascia guidare verso l’uscita) Dimane ‘a munnezza ‘a jetti tu, pe’ piacere…

ELVIRA              Si, va buono, mentre che te passa, ce penzo io…!  ‘On Vicie’, scusate, ma capite, ce ne ‘amma proprio fuj’ primma ca… se fanno ‘e ciampate pe’ terra! (inizia ad uscire) E grazie ‘e tutte cose, site ‘nu santo…! Amede’… ma oggi che t’ ‘e mangiato? (escono)


ATTO TERZO, SCENA OTTAVA: Vincenzo, Fattorino

FATTORINO        (entra con un involto) Eccomi qua… voi site ‘nu parente d’ ‘a signora Anna, è overo? Scusate, ma ‘i aggia essere sicuro…! Metto qua, o state facenne pure vuje ‘o cafe’?

VINCENZO          Si, mettete qua, grazie… (indica il mobiletto) ma che è ‘sta cosa d’ ‘o cafe?

FATTORINO        E chella ‘a signora nun me fa maje trasi’ int’ ‘a cucina, dice sempe ca lla’ le gira ‘a capa p’ ‘o calore ca sente! Veramente, ‘a signora è gentile assaje… me’ ‘a dato pure cierti sordi, ‘a fore mano, p’ ‘e caramelle…! M’addimanna sempe si io e mia moglie simmo cuntienti…

VINCENZO          (con intenzione) E accussi’ ‘a signora tene cavuro, cu’ vuje, eh…? Ve da’ ‘e sorde p’ ‘e… caramelle, eh? Addimanna si site affiatato cu’ ‘a mugliera vosta, eh? Ma comme ve permettite?

FATTORINO        No, scusate, forze nun me so’ spiegato… nun penzate a male… ma nuje parlammo d’ ‘e figlie mie, e ‘e comme evitammo ‘e ce appicceca’ io e mia moglie, facenne rummore c’ ‘o pignatiello e ‘o curtiello…!

VINCENZO          Brutto fetente disgraziato ca nun site ato! Chella, Anna è mia moglie! Chi ve da’ ‘o permesso ‘e ‘i giranno p’ ‘e case, terrorrizzanne ‘a gente? Chella s’ ‘a pigliato n’attacco ‘e niervi, pe’ chello che l’ate ditto! Io… (stringe i pugni, come se stesse per avventarsi sul fattorino) io t’acciro…! Io… me stongo fermo! (alza le mani, vedendo che il fattorino ha tirato fuori la pistola)

FATTORINO        (sempre impugnando la pistola) Sentite signor Commevichiamate, io e ‘a signora vosta nun ammo fatto nient’ ‘e male… e io nun l’aggio ditto niente ca ‘a puteva fa’ male… calmateve… l’aggio ditto sulamente ca, invece ‘e ce appicceca’, io e ‘a mugliera mia facimmo rummore, essa cu’ ‘nu pignatiello e io c’ ‘o curtiello ‘a solachianiello! Invece ‘e ce appicceca’, facimmo ammuina! Va buono, mo? Ve site fatto capace? (rinfodera l’arma)

VINCENZO          Ma fusseve stato capace? (mimando la pistola)

FATTORINO        E chella è ‘na pazziella, nun è overa! E vuje, fosseve stato capace?

VINCENZO          Ma io ero disarmato… certo ca no!

FATTORINO        E allora, verite ‘e ve calma’ ‘nu poco, e penzate, primma ‘e reagi’ ‘e chesta manera! E che miseria, ve site fatto avvocato, giurice e giustiziere ‘nta ‘na vota sola! Facite campa’ pure all’ati…! Chi sa chella povera mugliera vosta comm’ ‘a trattate… chella puverella, nun teneva manco ‘e sorde pe’ me da’ ‘na mancia ‘na vota, e ‘a vota doppo, m’ ‘a rialato coccosa dicenne ca eva accatta’ ‘e caramelle ‘e figlie mie! Ve pare bella ‘a figura ca l’ate fatta fa’? Vuje le levate ‘a libertà ‘e campa’, cu’ chella lengua ca pare overamente ‘nu curtiello…! Io me ne vaco, è tutto pavato… nun ve disturbate, ‘a mancia ‘a vuje nun ‘a voglio! (esce)

VINCENZO          Cca’ me sape ca ‘o miedeco speciale ce vo pe’ me! Ma almeno…  aggio truvato ‘o curtiello…

 


ATTO TERZO, SCENA NONA: Vincenzo, Anna

VINCENZO          (guarda l’orologio) Beh, ce simmo quasi… (guarda verso il pacco della rosticceria) E ‘o profumo è buono… chi sape si pure esse tene appetito! Mo’ ‘a sceto io… chisto ‘o purtammo int’ ‘a cucina… (prende il pacco della rosticceria e lo porta fuori scena, rientrando subito) Ecco qua! Meno male che ce steva Elvira… cucina cucenata e ‘o cafe’ appicciato! (sistema le sedie intorno al tavolo, prende le chiavi della macchina e le depone sul mobiletto) Chella, appana sente ‘addore d’ ‘o cafe’, se sceta dint’  ‘a ‘nu mumento… po’ s’ ‘o va a piglia’… vede ‘e panni tutti stirati… vede lavato pe’ terra… vede ca è scumparsa ‘a spazzatura… vede ‘a cena pronta… sicuro ca me da’ ‘nu bacetto…! Oilloco! (tende l’orecchio, annusa) Ce simmo, ce simmo…! Che bella cosa…! (tende l’orecchio)

ANNA                (entra con sonnolenza) Ohe’, e tu che ‘e cumbinato?

VINCENZO          Carissima… te si’ arrepusata ‘nu poco?

ANNA                Io? Nun aggio chiuso uocchio!

VINCENZO          (deluso)  Ah, ‘e sentuto tutte cose?

ANNA                Tutto! Sapisse… se so’ pigliati pure a capilli!

VINCENZO          (stupito)  A capilli? Ma chi?

ANNA                Ma tu che faje, duormi? ‘A signora ‘Ngiulina e Pietro, chilli d’ appartamento affianco!

VINCENZO          Ah tu dici loro…?

ANNA                E chi si no? (sbadiglia e si siede)  ‘E fatto ‘o solito guaio… ‘E ammiscato ‘a biancheria d’ ‘o lietto ch’ ‘e tuvaglie… e mo’ io m’aggia mettere a fa’ tutte cose d’ ‘o capo! Po’ ‘o cafe’ è asciuto lento, ‘na schifezza… chello t’ ‘o puo’ piglia’ sulo tu! Po’ ‘e lassato ‘o mazzariello ‘mmiezo ’o corridoio; ‘a  cena è fredda…! Vicie’… nun si’ buono a niente!

VINCENZO          (volge un istante gli occhi verso l’alto e si siede anche lui)   Ma si’ tu ‘a riginetta d’ ‘a casa… io dongo sulo ‘na mano… ‘e cose comm’ ‘e faje tu, nun ‘e po’ fa’ nisciuno…! Ah, siente, è venuta Cuncetta! E’ venuta a dicere che è stata in Grecia, s’ è divertita, e pe’ ricordo, ce ‘a purtato ‘stu regalino… però dice che ‘amma arapi’ doppo mangiato…

ANNA                ‘E ringraziata, almeno? Sarrà ‘nu liquore ca ausano ‘a chelli parti! (si alza, dirigendosi al mobiletto; distrattamente prende le chiavi e le fa tintinnare)

VINCENZO          Ahhhh! Ferma…! Fèrmate… Basta…! ‘O curtiello… ‘o curtiello!

ANNA                (stupita, guarda le chiavi che ha in mano e si ferma) Ma che te piglia? Quale… curtiello? S’ ‘o ‘e chiavi… ‘e chiavi d’ ‘a machina nosta! (le alza, mostrandogliele, e le fa tintinnare ancora)

VINCENZO          (mostrandosi atterrito, con le mani sulla faccia, sbirciando attraverso le dita) Basta… io stongo impazzenne! Fèrmate… ‘o curtiello…! ‘O curtiello!

ANNA                (incerta, chiude la mano sulle chiavi e le depone) Vicie’, me dici ca t’ è succieso? Si addiventato scemo, o scimunito?

VINCENZO          (sbirciandola, ancora con le mani in faccia) Nun ‘o saccio…! Chillo rummore… M’ ‘a fatto veni’ a mente ‘nu curtiello… me so’ miso appaura!

ANNA                (fa spallucce) Vicie’, io me ce metto cu’ ll’impegno, ma quanne faje chesti cacciate, faje proprio cari’ ‘e braccia… mo’ faccio ‘nu saluto ‘a cummara e po’ ce mangiammo coccosa… si no tutta chella robba se perde pure… po’ essere ca te passa!

VINCENZO          (mentre lei compone il numero al telefono) Certo ca ‘nu “grazie” le puteva asci’! Mah…! Nun pozzo jetta’ pur’essa int’ ‘a munnezza!

ANNA                (arrabbiata) Vicie’, si’ pure scustumato! Io stongo facenne ‘o nummero, e tu te mitte a parla’! Me faje sbaglia’ nummero! E che stivi dicenne… ‘a munnezza?

VINCENZO          (alza un momento gli occhi al cielo, e mima il gesto di lasciar cadere qualcosa) Nun se po’ fa’, è overo?  (ad Anna) Niente, che aggio jettato chelli buste ‘e munnezza… (sospira)


ATTO TERZO, SCENA DECIMA: Vincenzo, Anna

ANNA                (al telefono) Cumma’? Oh, comme jammo… cumma’, ‘na nutizia bomba… nun ‘e facite jetta’ a mare chelli casce… me’ so’ misa, e mo’ tutt’ ‘e panni stanno stirati…! Overo, eh…? E chello io songo veloce… si, m’ ‘e vengo a piglia’, ‘nu poco ‘a vota… overo? Comm’ è gentile… eh già… eh, si… ma nun so’ urgenti… si, so’ tutti ‘e Vicienzo… no, nun ce va niente, chillo s’ ‘e fatto chiatto e viecchio… ma mo’ ce sta spazio…. si, ‘e puverielli… no, stasera no, cumma’… stongo veramente stanca… grazie, grazie… saluti ‘o cumpare, e ringraziatelo… si, pure isso… cia’, cia’!

VINCENZO          (dopo aver fatto scena per le frasi della moglie) Ma… essa sape’ coccosa?

ANNA                Vicie’, so’ cose ‘e femmene! Che vuo’ sape’, tu?

VINCENZO          Ma comme, stivi parlanne d’ ‘e panni miei…

ANNA                (inferocita)  Ma comme ti permetti? Te mitte a senti’ chello ca dico io ‘o telefono? Int’ ‘a ‘sta casa cu’ te nun se campa cchiu’, io aggia ‘i ‘ncopp’ ‘a ‘nu pizzo ‘e muntagna, ‘mmiez’all’eremiti! Io te lasso, ‘e capito?

VINCENZO          (rassegnato) Io nun ce ‘a faccio cchiu’! Mo’ te ne vaje overamente a chillu paese tu, ‘e cumpari, ‘e panni, ‘a spazzatura, ‘a cucina…

ANNA                Ahhh! Accussi’ me tratti! Io te… (si gira intorno)  io te abbio coccosa appriesso… (prende il regalo di Concetta)

VINCENZO          Ferma! Chillo è ‘o regalo ‘e Cuncetta… (approfitta della situazione per prendere le chiavi della macchina) Ha, ha… mo’ cheste me le tengo io!

ANNA                (lo prende in giro) E che te pienzi ‘e fa’?

VINCENZO          (facendole tintinnare) ‘O curtiello, ‘o curtiello… 

ANNA                (incerta, posa il regalo) Vicie’, me sape ca nun si’ scimunito…! Chesta è proprio pazzità!

VINCENZO          (sorpreso, fa tintinnare sporadicamente le chiavi) Ma comme…‘o curtiello, nun te mettive paura d’ ‘e curtielli…?

ANNA                Ma tu’ si’ ‘nu scemo… ma, sicondo te, io tengo ‘nu problema ‘e chisto e nun m’ ‘o risolvo? Pe’ caso, te penzassi ca stavo aspettanne a te, ca te ne accurgive? Tu a me nun me guardi ‘nfaccia, te si miso a fa’ chilli Acchiappaprievete come a ‘nu pazzo pe’ tutte quanti, è overo che è aiutato ‘a gente… ma chi è chiu’ importante, pe’ te? ‘A gente, o io? Vicie’, aggio sempe cercato e t’ ‘o fa’ capi’, ma tu niente… invece ‘e dicere “Te veglio bene!”, te mettive a fa’ ‘a cucina! Invece ‘e me fa’ ‘na carezza, te ne ivi a stirà panni o a accuncia’ ‘o fierro! Invece ‘e fa’ l’Acchiappaprievete ch’ ‘e fotografie mie… pecche’ nun m’ ‘e dato ‘nu vaso?      

VINCENZO          Ma io te vedevo sempe a fatica’, penzavo ca tu ‘o capivi… te aiutavo… t’aiuto, pecche’… sulo accussi’ saccio dicere ca te voglio bene! E po’… m’aspettavo ca tu mettive ‘na fotografia mia ‘mmiez’ ‘e toje!

ANNA                Ma che, stammo all’asilo? Io nun ‘e faccio ‘e messaggi in codice! ‘O putive pure dicere, ca avive avuto ‘e fotografie vecchie, ce metteveme ‘nzieme e ce vedavamo tutte quante… nun era meglio? Nun era meglio si nun me sparavi ‘o servizio ‘e bicchieri?

VINCENZO          (rattristato) Aje ragione… io cercavo ‘e fa’ cose bone…

ANNA                E io percio’ t’aggio suppurtato fino a mo’… ma mo’, si nun cagni, te spacco ‘a capo! (ripiglia il regalo di Concetta)

VINCENZO          (sbirciando da dietro le mani) Ferma… ‘o giuro… faccio tutto chello che vuoi… ma dimme ‘na cosa… comme ‘e fatto a te leva’ chella… fissazione?

ANNA                (evasiva)  Vicie’, è stato brutto… sapissi che suonni… e tu runfavi, mentre io, scetata dint’ ‘o lietto, c’ ‘a paura ‘e durmi’…! Po’ nun ce ‘aggio fatta cchiu’… e allora…

VINCENZO          E allora?…

ANNA                E allora… me so’ fatta n’Acchiappaprevete pure io! E ‘a paura è passata!

VINCENZO          Ma allora sta tutto a posto! Tu staje bona…! Po’ te dico comme aggio miso a posto ‘a casa… vulesseme mangia’ cocche cosa, e po’ arapimmo chistu regalo?

ANNA                E si ‘o vedimmo primma, che succere?

VINCENZO          Mah, niente… mo’ ‘ammo pure fatto pace… è overo, si?

ANNA                Si, va buono… pure si ce manca coccosa… E jammo, arapimmo!

(scartocciano insieme; esce un bicchiere con un pezzo da imballo incastrato dentro, che non arriva fino in fondo)

VINCENZO          Ma comme, pure in Grecia l’anno fatto?

ANNA                (lo prende e lo guarda, sollevandolo) Overo! Pare ‘nu bicchiere, ma ce sta chistu coso ‘mmiezo… comme si putessero bere doje persone… uno a cca’ e uno ‘a lla’…

VINCENZO          (lo prende a sua volta) Ma guarda buono… ‘a sotto nun è diviso e ce sta ‘a fotografia ‘e ‘nu criaturo…

ANNA                E forse nun arriva sotto a tutto pe fa ammisca’ ‘o liquore… Vicie’… si fosse overo uno ‘e chilli cosi… tu che dici? A che servesse?

VINCENZO          Mah, si l’esse  fatto io, dicesse ca… ‘a ‘na parte ce trase uno… ‘a ll’ata parte trase… essa… e po’ sotto… s’ammisca tutte cose… (esprime sorpresa) e po’… ce sta ‘o criaturo!

ANNA                Tu overamente dici? (lo prende e guarda dentro)  Ma quanto è bellella!

VINCENZO          (lo prende e guarda meglio dentro)  No, no… chisto è masculillo!

ANNA                (ripiglia il bicchiere) Tu si’ scemo! Chesta è ‘na femmenella!

VINCENZO          (lo prende e guarda dentro ancora più da vicino)  No, no… cunfermo che chisto è ‘nu masculillo!

ANNA                (ripiglia il bicchiere) Tu si’ overamente scemo! Chesta è ‘na femmenella! E po’, ‘a vuo’ sape’ tutta quanta? Nun ne pozzo cchiu’! Mo’ me so’ stufata! I‘ voglio essere libera ‘e capi’, senza Acchiapparievete e senza niente! E ce sta sulo ‘nu sistema pe’ leva’ ‘stu dubbio ‘a miezo! (lo depone sul tavolo) Viene cu’ me… e po’ vedimmo si è masculo o femmena!

(lo piglia per mano, portandolo verso l’uscita interna; poi si ferma improvvisamente e alza il dito)

                        ‘E chiavi d’ ‘a machina, lassale ‘a cca’, m’ ‘e capito buono…? T’ issa senti’ male, proprio mo’, n’ata vota?

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno